Sei sulla pagina 1di 581

GRANDE LESSICO

DELL’
ANTICO TESTAMENTO

igÉs

VOLUME V . 'v;:

kg- ‘l a s a fe s a a M -r
BIS - Hi
.-V • r -"•.T.s;gr^ itv--
’ls-“ ' —*i - .Yr -* . - i 2 *i
S
4V
rifc*:
3J 1Ì-- ' • --, ..

jiìtBÉè! imigi
l -''ffTT. t :;ry c •
I3g(,v

J:;‘-; :'{pj J ^
'«gag*
.
M

Plij^iÈ^-g^p^iLc'
-' ■(—'■ --- :'•
ri - •.:). .- : **-—
—t-?1’^ ^ m ^ ì i
j j;>
: :. • i: r:'ìì'8HitMWitfaàdfei i.i»sMgiiS-!i
^fe^sa3E.?ysaa^^K’
._^ . . . y ..;. ;;: i ; ; . :
-S.~?:s'k z& t ; i v T k r - ;tJ v ;.i^ ^ ^ §1FfeiVi
GRANDE LESSICO
' DELL’
ANTICO TESTAMENTO

A cura di
G . JOHLANNES B o TTERWECK f
H e l m e r R in g g r e n e H e in z -J o sef F abry

In collaborazione con
G eo rge W . A n d er so n , H enri C a ze lle s,
D a v id N . F r e e d m a n ,
Sh e m a r ja h u T a l m o n e G e r h a r d W a l l is

Edizione italiana a cura di


P ie r G i o r g i o B o r b o n e

Volume V

DVD - H V l

iV
i\ t\
V— è — ! '
1 fro *

PAIDEIA
Titolo originale dell'opera
Theologisches Worterbuch zum Alten Testament
In Verbindung mit
G eo rg e W. A n d e rs o n , H e n ri C a z e lle s , D a vid N. Freedm an,
Sh em a rja h u T a lm o n und G e r h a r d W a llis
herausgegeben von
G. Jo h a n n e s B o tte r w e c k f
H e lm e r R in g g re n
H ein z-Jo see F a b ry

All'edizione italiana del quinto volume


hanno collaborato come traduttori:
LIBO RIO ASCIUTTO
FRANCESCO BIANCHI
FRANCO RO NCH I

ISB N 8 8 . 3 9 4 .O7 1 2 .X

Tutti i diritti sono riservati


© Verlag W. Kohlhammer, Stuttgart 1984, 1986
© Paideia Editrice, Brescia 2005
AVVERTENZA
ALL’EDIZIONE ITALIANA

Il quinto volume del Grande Lessico dell'Antico Testamento è la traduzio­


ne integrale delle colonne 843-1140 del voi. iv e delle colonne 1-689 del
volume v dell’edizione originale in lingua tedesca.
AUTORI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL VOL. V

Direttori
Botterweck, G.J., prof. dr. dr. f Fabry, H.-J., prof, dr.,
Ringgren, H., prof, dr., Turmfalkenweg 15, 5300 Bonn
Cellovàgen 22,
75250 Uppsala, Svezia

Collaboratori
Anderson, G.W., prof., Gross, H., prof, dr.,
51 Fountainhall Road, Agnesstr. 13, 8400 Regensburg
Edinburgh EH9 2 l h , Scozia Gross, W., prof, dr.,
André, G., dr., Mallestr. 24, 7400 Tùbingen
Cellovàgen 22, 75250 Uppsala, Svezia Harper, L.,
Barth, Ch., prof. dr. | 2793 Rut-Avenue,
Beauchamp, P., Pinole, Cai., 94564, u s a
35, rue de Sèvres, 75006 Paris, Francia Hasel, G.F., prof, dr.,
Beyse, K.-M., dr., Andrews University,
Wielandstr. 9, 402 Halle/Saale, d d r Berrien Springs, Mich. 49104, u s a
Cazelles, H., prof., Hausmann, J., dr.,
21, rue d’Assas, 75270 Paris vi, Francia Kreuzlach 20C, 8806 Neuendettelsau
Clements, R.E., rev., Helfmeyer, F.J., dr.
Fitzwilliam College, Venloer Str. 601-603, A 1604, 5000 Kòln
Cambridge, CB3 7PT, Inghilterra Hossfeld, F.L., prof, dr.,
Conrad, J., prof, dr., Weimarerstr. 34, 5300 Bonn 1
Menckestr. 26, 7022 Leipzig, d d r Johnson, B., docente dr.,
Dohmen, Ch., dr., Skolràdsvàgen 17, 22367 Lund, Svezia
Limpericherstr. 166, 5300 Bonn 3 Kaddari, M.Z., dr.,
Eising, H., prof. dr. f Bar Ilan University, Ramat Gan, Israele
Freedman, D.N., prof, dr., Kaiser, O., prof, dr.,
1520 Broadway, Auf dem Wiisten 10,
Ann Arbor, Mich. 48104, u s a 3550 Marburg-Cappel
Fuhs, H.F., prof, dr., Kalthoff, B.,
Zehnthofstr. 10, 8700 Wiirzburg Gierather Str. 156,
Gamberoni, J., prof, dr., 5060 Bergisch-Gladbach 2
Kamp 6, 4790 Paderborn Kapelrud, A.S., prof, dr.,
Garcfa Lopez, F., prof, dr., Rektorhaugen 15, Oslo 8, Norvegia
Universidad Pontificia, Compama 1, Kedar-Kopfstein, B., prof, dr.,
37008 Salamanca, Spagna Oren 23, Romema, Haifa, Israele
X AUTORI DEI.LE VOCI

Kellermann, D., dr., Preuss, H.D., prof, dr.,


Melanchthonstr. 33, 7400Tubingen Kreuzlach 20C, 8806 Neuendettelsau
Koch, K., prof, dr., Reindl, J., prof. dr. f
Diekbarg 133, 2000 Hamburg 65 Reiterer, F., dr.,
Kronholm, T., prof, dr., Zeisigstr. 1,5023 Salzburg, Austria
Madlastokken 29, 4040 Madia, Norvegia Reuter, E.,
Lamberty-Zielinski, H., Kiidinghofener Str. 149, 5300 Bonn 3
Breite Str. 40, 5300 Bonn 1 Ruppert, L., prof, dr.,
Lang, B., prof, dr., Erwinstr. 46, 7800 Freiburg i.Br.
Universitat Paderborn FB 1, Scharbert, J., prof, dr.,
Warburger Str. 100,4790 Paderborn Pahlstr. 7, 8000 Munchen 70
Levine, B., prof, dr., Schmid, R.,
Adligenswilerstr. 15,
110 Bleecker St.,
6006 Luzern, Svizzera
New York, N.Y. 10 0 1 2 , u s a
Schunck, K.-D., prof, dr.,
Levy, D. f» Berkeley
Kassebohmer Weg j, 25 Rostock, d d r
Lipiriski, E., prof, dr.,
Schwienhorst, L.,
Departement Oriéntalistiek,
Isolde-Kurz-Str. 19, 4400 Mùnster
Blijde Inkomststraat zi,
Seebass, H., prof, dr.,
3000 Leuven, Belgio
Universitat Mainz, FB Evang. Theologie,
Lundbom, J., dr.,
Saarstr. 21, 6500 Mainz
84 Grove St.,
Seybold, K., prof, dr.,
Thomaston, Conn. 06787, u s a
Bruderholzrain 62,
Madl, H., dr.,
4102 Binningen/Basel, Svizzera
Flurerweg 7, 8042 Graz, Austria
Simian-Yofre, H., prof.,
Maiberger, P., Privatdozent dr. dr., Pontifìcio Istituto Biblico,
Borngasse 1,6500 Mainz 21 Via della Pilotta 25, 00187 Roma, Italia
Marbòck, J., Universitàtsprofessor dr., Snijders, L.A., dr.,
Biirgergasse 2, 8010 Graz, Austria Paalsteen 3, 6852 Huissen, Olanda
Mayer, G., prof, dr., Wagner, S., prof, dr.,
Rulanderstr. 10,6501 Zornheim Meusdorfer Str. j, 703 Leipzig, d d r
Meyers, C., prof, dr., Warmuth, G., dr.,
Departement of Religion, Duke University, Niebuhrstr. 12, 2300 Kiel
Durham, N.C. 27706, u s a Weinfeld, M., prof.,
Milgrom, J., prof, dr., Hebrew University, Jerusalem, Israele
1042, Sierra St., Berkeley, Cai. 94707, u s a Willoughby, B.E.,
Mulder, M.J., prof, dr., Program on Studies in Religion,
Ampèrestraat 48, University of Michigan,
117 1 BV Badhoevedorp, Olanda Ann Arbor, Mich. 48104, usa
Miiller, H.-P., prof, dr., Wright, D.P., dr.,
Rockbusch 36, 4400 Mùnster 4052 JKHB Brigham Young University
Niehr, H., dr., Trovo, Utah, 84602, usa
Institut fùr biblische Theologie, Zobel, H.-J., prof, dr.,
Sanderring 2, 8700 Wiirzburg Wilhelm-Pieck-Allce 95,
North S.J., R., prof, dr., 22 Greifswald, d d r
Pontifìcio Istituto Biblico,
Via della Pilotta 25, 00187 Roma, Italia
INDICE DEL VOLUME V

A vvertenza alPedizione ita lia n a .................................................................................. v ii


A utori delle voci contenute nel voi. v ...................................................................... ix

D 'D majim (Clem ents, F a b r y ) ............................................................................ i

PP min (Beauchamp) .......................................................................................... 28

“"DD m kr (L ip irisk i)................................................................................................. 31

tó n m ale\ m elo \ militi*a, m illu ìm , m illó* (Snijders, F a b r y ) .................. 38

m al'ak (Freedman, W illoughby, Fab ry) ............................................... 51

P O tÒ p m 'ià ’kà (M ilgrom , W r ig h t ) ........ ............................................................... 71

melah (E is in g ).................................................................................................. 78

n o n 1? » milbamd , laham ( P r e u s s ) ............................................................................ 82

melek, mdlak , m elùkà , malkùt , mamldkà , mamldkut


(Ringgren, Seybold, F a b r y ) ......................................................................... 97

*I| m ó l e k (H .-P. M ù l le r ) .................................................................................... 13 2

JD mari (M aib erg er)............................................................................................ 146

mand, m enat, m 'n ì ( C o n r a d ) ...................................................................... 154

m uD m 'nòrà (M e y e rs)............................................................................................ 160

n n iD minhd (Fabry, W e in fe ld ) ............................................................................ 167

P 3D maria1 ( F a b r y ) ................................................................................................. 184

DD mas, sebel (N orth) ........................................................................................ 19 1

J"QDD massèkà (D o h m e n )....................................................................................... 195

DDD mssy msh (R in g g r e n )..................................................................................... 202


XII INDICE DEL VOL. V

ma (ad (R in g g re n )........................................................................................... 205

TÌJJI3 m à'óz ( Z o b e l) .................................................................................................. 206

p P D m d'ón, m e‘dnà ( P r e u s s ) ................................................................................ 2 15

m a‘atj m e,at (Zobel) .................................................................................... 219

m è‘im (R in g g re n )........................................................................................... 226

m a‘al, m a‘al (R in g g re n )................................................................................ 228

Y t mós (R in g g re n )................................................................................................ 233

musa' (W agn er)................................................................................................ 234

P Q #B massébà (G am b ero n i).................................................................................... 257

rat© massa, massòt (D . Kellermann) .................................................................. 270

r n ì¥ D m'sHda , *mdsòdf m'sódà, m esdd (Schunck) .......................................... 278

rm p miswd ( L e v in e ) ................................................................................................ 283

m esula, m'sóla, sulà n , salai 11 (Fabry) .................................................... 294

DyW D misrajim (Ringgren, F a b r y ) ......................................................................... 299

maqqebet , pattis, mappes (K ap elru d )........................................................ 3 13

DIpD m d qó m (G amberoni) .................................................................................... 315

TìpD mdqòr (R in g g re n )........................................................................................... 329

m aqqel (A n d ré )................................................................................................ 333

D ^J?p miqlat (Schm id)................................................................................................ 337

-1D mòr (H au sm an n ).............................................................................................. 343

tp màrad, m ered , mardut (S ch w ien h o rst)................................................... 346

m a marày m er ì (Sch w ien h o rst)........................................................................... 352

nnp marzèah ( F a b r y ) .............................................................................................. 358

T )D w rr, mòra, mar òr, m 'rirùt, m 'rerà , m 'ròrà, memer ,


mamrdrim, tamrurìm (Ringgren, F a b ry )................................................. 364
INDICE DEL VOL. V XIII

massa \ massò \ massa*à> mas'òt, mas*et, * missè't, s'e>ét, *sT


(H.-P. Miiller)........................................................................... 369

misbarìm (Kedar-Kopfstein)................................................... 375


mòseb (Cazelles)....................................................................... 37 »
mdsaìp 1, mdsìdh (Seyboid)....................................................... 398

mdsak (Ringgren)..................................................................... 413

miskdn (D. Kellermann)........................................................... 4i6

màsal 1, mdsdl (Beyse) ............................................................. 424


màsal 11, mdsely mimsdl, memsàla (H . G ross)......................... 428

mismeret (Milgrom, H arper)................................................... 433


mispàhà (Zobel) ....................................................................... 442

mispdt, sefet, sefót (B. Johnson)............................................... 450

mt (Beyse)................................................................................ 466

màtaj (Ringgren)....................................................................... 469

mdtaq, màtóq, mdteq, meteq, mamtaqqim (Kedar-Kopfstein) 472

n1/?, nà’weh (Beyse)................................................................. 477


neìum (Eising)........................................................................... 479
naaf (Freedman, Willoughby) ............................................... 484

nà'as, ne’àsà} ne’àsà (Ruppert) ............................................... 490

nbt (Ringgren)........................................................................... 500

ndbV ,nb’ nif. e hitp., nebi’à, n'buà (H.-P. Miiller)................ 5°3


nàbèl 1, n'béla, nòbelet (Fabry)............................................... 530

ndbdl, n'bàla (Marbòck) ......................................................... 539


nèbel (Seyboid)......................................................................... 556

ngd (Garcia Lopez)................................................................... 559


XIV INDICE DEL VOL. V

rttl ndgdh, ndgab , n'góhòt (Eising) ................................................................. 574

T JG ndgid (H a se l).................................................................................................... 575

ndga\ nega1 (Schw ienhorst)........................................................................ 594

nagaf, negef, maggefa (P reu ss).................................................................... 603

nagas (L ip in sk i)................................................................................................ 607

tw i nagas (Ringgren) ■............................................................................................. 609

2*13 n d b ,n ed à b à ,n à d ìb ,n edibà (Conrad) ..................................................... 615

1*13 nàdad (W. G r o s s ) .......................................................................................... 6 24

Ì"n 3 niddà (M ilgrom , W right, F a b r y ) .............................................................. 6 31

n*1Ì nàdah, maddùhim (K r o n h o lm )................................................................ 634

*111 nudar, neder (K aiser)...................................................................................... 642

ndhag (W. G r o s s ) ........................................................................................... 659

nahal (K a p e lru d ).............................................................................................. 665

"1112 nahar , nahar (Sn ijd ers)................................................................................. 666

TD nud ( R in g g r e n )............................................................................................... 678

H I! ndweh (R in g g re n ).......................................................................................... 680

m nùdh, m 'nuhà (P re u ss)................................................................................. 685

nus, manós, m'nùsà (Reindl) ...................................................................... 697

una* (R in ggren )................................................................................................ 707

nwp, t'ntìfà (R in g g re n ).................................................................................. 709

Piti ndzà (M ilgrom , W right, F a b r y ) ................................................................ 7 14

nazal (M a ib e rg e r)........................................................................................... 719

in nzr , nezer, ndzìr (G . M ayer) ..................................................................... 722

nni nahà (Barth) ................................................................................................... 728


INDICE DEL VOL. V XV

nàhal, nahdld (L ip irisk i)................................................................................ 737


nahal, ’ètdn (S n ijd ers).................................................................................... 758

nbm (S im ia n -Y o fre )....................................................................................... ?6 4

ndhds , nhsy ’ef'eky zdhal, ‘aksub, peten, sef a ', sifo n i, qippdz, seftfàn
( F a b r y ) ................................................................................................................ 784

n ehdset, n ehusà, n'hustdn (Fabry) ............................................................. 799


nàta (R in g g ren )................................................................................................ 8 13

ndta\ matta *, neta\ n 'ti'ìm , sdtal (Reindl, R in g g r e n ) ........................ 821

nàta/, ndtdf, netef, n etifòt, netofd, n etófdti (M a d l)................................. 831

ndtar, mattdrà (M a d l).................................................................................... 840

ndtaSy n etisà (L u n d b o m )................................................................................ 845


nihòàh ( K o c h ) ...................................................................... ........................... 852

nkh, makkà, ndkeh, nk ’ (C o n ra d )............................................................. 856

nkr> nékdr , nokrì (Lang, R in g g r e n )........................................................... U6

ndmér (M u ld er)................................................................................................ 876

nés, nss 11 (Fabry) ........................................................................................... 882

nissay massòty massa (H e lfm e y e r)............................................................... 888

ndsaky neseky ndsik , massèkà 11, masseket, suk n, ’dsuk (Dohm en). . 9° 4
ndsa\ massa*, massd( (K a d d a r i) .................................................................. 9 11

n a 'a l (R in g g re n ).............................................................................................. 916

n à ‘am, nd'ìm , nd'am , man'ammimy na'àmànim (Kronholm ) . . . . 9*9


n a'a r , na(drày n^urìm , n e<uròty n ó ‘ar ( F u h s ) ........................................ 926

ndfab (M aib erger)........................................................................................... 940

ndfal, nèfely n 'filìm (S e e b a ss)...................................................................... 943


nefes (Seeb ass).................................................................................................. 955
XVI INDICE DEL VOL. V

a w / a r nsb/jsb , nìssab, n esib, massab, mi/massabd, mussab ( R e in d l) ............ 983

nesah, lam enassèah ( A n d e r s o n ).................................................................. 995

«5/, bussala (H ossfeld, K althoff) ............................................................... 1000

nasar (W a g n e r)................................................................................................ 1009

T P «èser (Wagner) ................................................................................................ 1020

a» naqab, neqeb , n eqebà , m aqqebet (S ch a rb ert)........................................ 1022

n j ?3 nàqày nàqi> niqqàjòn (yjzrm\ix.\i)............................................................... 1025

DJ?3 nàqam , nàqàm> n'qàm à (Lipinski) ........................................................... 1037

* 1 0 n aqaf (R eiterer)................................................................................................ 1049

raer, m r (D. K ellerm an n )................................................................................ 1053


~ /- > /) “ . //-»//-) A“ /A)//»)-./A)//-)
PwJ masso , massaa, nasi n , s et, « , massa
(Freedman, W illoughby, Fab ry) ............................................................... 1065

nas'ag (Hausmann) ......................................................................................... 1084

N’ U 'l « a « ' ( N ie h r ) ..................................................................................................... 1089

KtM « 5 ’ i (R in g g ren )........................................................................................... .... 1 100

nasa1 II, nsh, massa’, massa'ót, n 's i (H ossfeld, R e u t e r ) ..................... n o i

n t f i nasà, n'sijjà (R in g g re n ).................................................................................. 110 7

nàsaky nesek (K a p e lru d )................................................................................ 110 8

n esàm à{ L am b e rty -Z ie lin sk i)...................................................................... 1 1 1 3

« e ìe /(K e d a r-K o p fste in )................................................................................ 1 1 1 8

pt^3 nàsaq, n esiqà (Beyse) .................................................................................... 1121

in neser (K r o n h o im )........................................................................................... 1 1 2 6
i ( iv,843) majim (H.-J. Fabry) (iy ,8 4 4 ) 2

M.FI. Pope, El in thè Ugaritic Texts (VTS 2, 1955). - R.


majim Press, Das Ordal im alten Israel: ZAW 51 (1933) 1 2 1 ­
140. 227-255. - P. Reymond, L'eati, sa vie et sa signifi-
x.i. Significato. —2. Etimologia. —3. Campo lessicale. — cation dans l’A.T. (VTS 6, 1958). - Id., Un tesson par
4. Toponimi. - 5. I L X X . —6. Il mondo dell’Oriente an­ «ramasser» de l'eau à la mare: V T 7 (1957) 203-207. -
tico. —11. Uso profano. —1. Elemento naturale. - 2. C a­ J.M . Sasson, Nu j and thè «Waters of Judgment»: BZ
ratteristiche. - 3. La cosmologia di Israele. - 4. La con­ 16 (1972) 249-251. - W. Schmidt, Kònigtum Gottes in
servazione della vita. - 5. Purificazione. - 6. Nella culi­ Ugarit und Israel (BZAW 80, 1961). - R.B.Y. Scott,
naria. —7. Uso metaforico. —ni. Uso religioso. - 1. Po­ meteorological Phenomena and Terminology in thè
tenza mitologica del Caos. - 2. Sacralità dell’acqua. - O.T.: ZAW 64 (1952) 11-25. - E.A. Speiser, 'ED in thè
3. Uso rituale. - 4. L ’acqua nella legge. - 5. Simbolismo Story of Creation'. BA SO R 140 (1955) 9 - 11. - E.F. Sut-
religioso. - iv .i. Qumran. - 2 . 1 mandei. cliffe, The Clouds as Waler-carriers in Hebrew Thought:
3 (1953) 99-103. - H. Torczyner, The Firmament
Bibl.: T. Canaan, Haunted Springs and Water Demoni and thè Clouds: StTh 1 (1948) 188-196. - B. Vawter, A
in Palestine: JP O S 1 (1920) 153-170. - Id., Water and Note on «thè Waters Beneath thè Earth»: C B Q 22
«thè Water of Life» in Palestinian Superstition: JPO S 9 (i960) 71 s. - M.K. Wakeman, God’s Battle with thè
(1929) 57-69. - U. Cassuto, Baal and Mot in thè Monster, Leiden 1973. - A .J. Wensinck, The Ocean in
Ugaritic Texts: IE J 12 (1962) 77-86. - A, Causse, Le thè Literature of thè Western Semites, Amsterdam 1918.
jardin d’Elohim et la source de vie: R H R 81 (1920) - R.A. Wild, Water in thè Cultic Worship of Isis and
289-315. - B.S. Childs, Myth and Reality in thè O.T. Sarapis, 1981. - H. Zimmern, Lebensbrot und Lebens-
(SBT 27, i960). - F.M. Cross Jr., Canaanite Myth and wasser im Babylonischen und in der Bibel (ARW 2,
Hebrew Epic, Cambridge 1973. - F.M. Cross Jr. - D .N . 1899, 165-177). - E. Zolli, ‘Eyn ’adàm (Zach. ix, 1): VT
Freedman, A Royal Song of Thanksgiving - II Samuel 5 (1955) 90-92. -> mbwl (mabbul).
22 = Psalm i8a: JB L 72 («953) 15-34. - N .A . Dahl, The
Origin of Baptism (Fs. Mowinckel, Oslo 1955, 36-51). **■i.i. Il sost. ebraico majim viene riferito a una
- M. Douglas, Purity and Danger, N ew York 1966. -
base biconsonantica di terza j (Joùon, Grammai-
O. Eissfeldt, Baal Zaphon, Zeus Kasios und der Durch-
zug der Israeliten durchs Meeri, 1932. - Id., Gott und re § 98e) o di terza w (Brockelmann, VG 1 § 85).
das Meer in der Bibel (Kl. Schr. n i, 1966, 256-264). - I. Il termine, ampiamente diffuso nelPambito lingui­
Engnell, Planled by Slreams uf Water (Fs. J. Pedersen stico camito-semitico (cfr. Fronzaroli, A A N L R
1953, 85-96). - L.R. Fisher, Creation at Ugarit and in Ex. 140. 146, 150; Bergstràsser 185; K B L 2 546),
thè O.T.-. V T 15 (1965) 313-324. - H. Frankfort, King- nella sua forma ebraica va considerato non un (ap­
ship and thè Gods, Chicago 1948. - H. e H .A. Frank­ parente) duale (BLe § 78q; G K § 88d), ma con Joù-
fort, Before Philosophy, Harmondsworth 1949. — B. on (§§ 90 s.91 s.) un plurale tantum. Si trova più
Gemser, Be'èber hajjardèn: In Jordan’s Borderland: VT di 500 volte nell’A.T. e indica Inacqua’ in un am­
2 (1952) 348-355. - J.C .L . Gibson, Canaanite Myths
pio quadro di riferimenti cosmici, rituali e profa­
and Legends, Edinburgh 1978. - N. Glueck, The River
Jordan, London 1946. - L. Goppelt, u3top (G L N T xiv ni. La distribuzione delle ricorrenze non offre al­
53-104). - C.H . Gordon, Leviathan: Symbol of Evil (in cuna singolarità. Le ricorrenze più numerose di
A . Altmann, Biblical Motifs, Cambridge 1966, 1-9). - majim si hanno nel Pentateuco (oltre 200 volte,
H. Gunkel, Schòpfung und Chaos in Urzeit und End- con particolare concentrazione in Gen. 7-9 [il di­
zeit, 1895, - J. Gray, The Legacy of Canaan (VTS 5, luvio]; Ex. 14 s. [intervento salvifico divino al Ma­
1 1965). - R. Hillmann, Wasser und Berg. Kosmische Ver- re dei Giunchi]; Lev. 1 1 [norme sugli animali pu­
bindungslinien zwischen dem kanaanaischen Wetter- ri e impuri]; Num. 19 [rituale dell’acqua di purifi­
gott und Jahwe> Halle-Saale 1965. - J.J. Jackson, The cazione] e Num. zo s. [la marcia nel deserto da Me-
Deep (IDB 18 13 s.). - O. Kaiser, Die mythische Bedeu-
riba alla Transgiordania]); nell’opera storiografi­
tung des Meeres in Àgypten, Ugarit und Israel (BZAW
78, '1962). - A.S. Kapelrud, King and Fertility. A Dis-
ca deuteronomistica si hanno circa 100 ricorren­
cussion of 2 Sam 21:1-14 (Fs. Mowinckel, Oslo 1955, ze, con particolare concentrazione in Iud. 7 [la
113 -12 2 ). - R. Kratz, Rettungswunder. Motiv-, tradi- prova dell’acqua di Gedeone a (èn hardd] e in /
tions- und formkritische Aufarbeitung einer biblischen Reg. 13 c 18; seguono poi i Salmi (53 volte), Eze­
Gattung (EHS xxm /123, 1979). - W.G. Lambert, A chiele (46, di cui 13 in Ezech. 47 [la sorgente del
New Look at thè Babylonian Background of Genesis: tempio]), Isaia (Protoisaia 33, Deuteroisaia 18,
JThS N.S. 16 (1965) 154-179. - R. Luyster, Wind and Tritoisaia j), Geremia (29) e Giobbe (25).
Water: Cosmogonie Symbolism in thè O.T.: ZAW 93
(1981) 1-10 . - H .G . May, Some Cosmic Connotations
* 2. La base si trova in aramaico e siriaco come
of Mayim Rabbìm, «Many Waters»: JB L 74 (1955) majjà\ majjin (Lex. Syr. 383; aqua, semen virile),
9.21. - M. Ninck, Die Bedeutung der Wasser in Kult ug. mj, pi. mjm (WUS n. 1559; U T n. 1469). Se­
und Leben der Alten, 1921. - S.I.L. Norin, Er spaltete condo R.E. Whitaker (ConcordLxnce 417) si han­
das Meer (Coniectanea Biblica O.T. 9, Lund 1977). - no per l’ugaritico 21 attestazioni. In accadico si
3 (iv,8 45) majim (H.-J. Fabry) (iv ,8 4 6 ) 4

incontrano mu (AHw 664; C A D M/2 149-156; munita di volontà e intelligenza (cfr. H. Gunkel
G A G § 61 h) e la forma poetica medio e neobabi­ 103 s.; O. Eissfeldt, Kl. Schr. in 256 ss.).
lonese màm/wù (6oia; C A D M/i 202b). Nelle 4. L ’ubicazione presso l’acqua di una località si
glosse in cananaico della corrispondenza di Amar­ rifletteva spesso nella toponomastica: luoghi pres­
na si incontra me/ima ‘acqua’ (J.A. Knudtzon, so un pozzo, ad es. be,ér seba'; presso un fiume,
VAB 11/2 1547 e EA 148,12.31; 155,10). In ara- ad es. ’àram naharajim; presso sorgenti, ad es. ‘èn
maico antico è documentato lo st. cs. pi. mj a Se- haród, 'èn rdgél, 'èn dd’r, 'èn semes; presso l’ac­
fire (KAI 222 B 33.34) unito con bir. ‘acqua di qua in generale, ad es. me dimòn (Is. 15,9), mè j e-
pozzo>. L'iscrizione di Siloe (700 a.C. circa) ri­ rìhó (Ios. 16,1), mè megiddó (Iud. 5,19), mè
corda come «le acque (hmjm) scorsero» quando merìbà (Num. 20,13), nimrin (Is. 15,6), me
fu abbattuto l’ultimo diaframma di roccia apren­ neptódh (Ios. 15,9), mè zàhàb (Gen. 36,39; K B L 3
do la galleria (KAI 189,5). Lifine la radice ricorre 545) e mè hajjarqón (Ios. 19,46). La «città delle
anche in aramaico d’impero, in aramaico egizia­ acque» ('ir hammajim, 2 Sam. 12,26 s.) indica la
no, nabateno e palmireno. Lo st. enfatico m j’ si città bassa di Rabbat-Ammon.
trova anche nella lettera in aramaico gnostico pub­ 5. 1 L X X traducono majim quasi costantemen­
blicata da A. Dupont-Sommer («WAW», DISO te con uSojp (cfr. L. Goppelt, G L N T xiv 53 ss.).
149). Il mandaico legge mai e mia (MdD 242. 265). Le locuzioni ebraiche vengono rese con i>8p090-
Anche in semitico meridionale la radice è copio­ poq, ùSpaYtOY<k> ùypotata, u8poizoXE.lv e avuSpo<;. Ta­
samente attestata: sudarab. mu (mineo mh; Conti lora i L X X traducono in base al contesto: tzotoc,
Rossini 175), ar. ma’ ‘acqua, liquido, succo’ (Wehr ‘bevanda’, ^r^r, ‘fonte’, ‘pioggia’ e oupov
830), et., tigrè màj (Wb. Tigre 138). Anche in egi­ ‘urina’ . In Num. 24,7 leggono gójim (e&voz) e in
ziano la base compare come plurale tantum: mw Ps. 73,10 jóm (rjfxépa).
(mjw) ‘acqua’ (WbÀS n 50 ss.); mwj ‘urina, sper­ R.E. Clements
ma’, metaforico per ‘figlio’; mwj.t ‘umidità’
(WbÀS 1153). 6.a) In Mesopotamia l’acqua assume nella vita
(H.-J. Fabry) quotidiana un’importanza difficilmente trascura­
bile, riguardo alla purificazione e alla preparazio­
ne dei cibi (cfr. Meissner, BuA 1 421 ss.), come
3. Nel regno della natura l’elemento acqua s’in­ nella mantica, nella magia (BuA 11 207 ss.) e nella
contra dappertutto: nel mare (-> jm [jàm]), nei medicina (BuA 11 309). Fin dalle età più remote si
corsi d’acqua (-» nhr [nàhàr]), nei wadi (-» nhl vide nell’acqua una potenza e ciò ne facilitò la di­
[nahal]), in sorgenti (-» ‘jn \fajin]) e in pozzi (-» vinizzazione. Enki è il dio dell’acqua degli abissi
b 'r [be'er]). Sotto l’aspetto cosmico, tutte queste che si manifesta nelle sorgenti e rende la terra
acque hanno le loro sorgenti nell’Oceano primor­ fertile. Nell’immaginario mesopotamico esisteva­
diale (-> thwm \tehóm\ acc. ti'àmtum [tàmtu], no anche mostri delle acque (-» Iwjtn [liwjàtàn]),
ug. thm). legati soprattutto al nome Tiamat. Anche nella co­
In senso generico majim si riferisce al liquido smogonia si attribuiva all’acqua una grande im­
incolore e di solito anche insapore che è presen­ portanza. La teogonia mesopotamica faceva na­
te come sostanza naturale in tutti questi ambiti. scere gli dei da una miscelazione dell’acqua primi­
Inoltre majim può anche significare genericamen­ genia Apsu con Tiamat (rispettivamente l’acqua
te ‘liquido’ ed essere un eufemismo per ‘urina’ dolce e l’acqua salata; En. El. 1,1-10). Quest’idea
(cfr. Ezech. 7,17; 2 1,12 e mèmè regdlim in 2 Reg. dell’acqua primordiale bisessuata proviene proba­
18,27 = I s- 36,12 Q); in Is. 48,1 indica, come in si­ bilmente da Eridu, nel sud della Mesopotamia,
riaco e in egiziano, il semen virile (cfr. P. Wern- dove si sperimentava la mescolanza d’acqua dolce
berg-Maller, VT 3 [1953] 201 e gli altri esempi e salata nel delta dello Shatt al-Arab. In antitesi)
dalla letteratura rabbinica e dal Corano ivi citati); con questa si ha un’altra versione teogonica, ori­
tuttavia qui si deve probabilmente leggere, con ginaria di Nippur, che contempla una sola dea pri­
iQ Isa, ùmimme'è invece di umimmè (cfr. BHS). migenia, Nammu, madre di Enki c di Engur (Ap­
In Israele l’acqua è considerata la base della su) (cfr. W.G. Lambert, Kosmogonie, R L A vi 220­
vita. Partendo da questo assioma, l’acqua assunse 221).
presto un ruolo importante per la cosm ologia di b) In Egitto si concede primaria importanza al­
Israele. In quanto componente dell’Oceano pri­ l’abluzione con acqua e liscivia nel quadro dei riti
mordiale (tehóm) ricopriva una funzione mitolo­ di purificazione. I sacerdoti deputati ai sacrifici,
gica che le conferì l’aspetto di forza primigenia, gli oggetti e i doni sacrificali venivano ulterior­
5 (rv,847) majim (R.E. Clements) (iv ,848) 6

mente purificati versandovi sopra acqua. A que­ nelle fonti e nei pozzi. Al riguardo l’A.T. non pre­
sto proposito si crede che l’acqua sia carica di senta alcuna chiara differenza tra l’acqua salata del
energie divine (RAR 634) e la rappresentazione mare e quella dolce delle acque interne. Questo
grafica è costituita dalla sequenza dei geroglifici aspetto sta in singolare contrasto con la chiara di­
'anh ‘vita* e dd ‘durata’, vicino a getti d’acqua (cfr.stinzione tra i due tipi d’acqua rilevata nella mi­
la purificazione di Amenophi in eseguita da Ho- tologia mesopotamica (cfr. W.F. Albright, AJSL
ro e Seth, R À R 397). Il bagno del re ha una rile­ 35 [1918-19] 190 ss.). Proprio il mare con le sue
vanza mitologica e simboleggia la purificazione potenti masse d’acqua fu valutato differentemen­
mattutina del dio del sole nelle acque dell’oceano te: il radunarsi dell’acqua nel mare era considera­
celeste. Nel contesto dei lavacri funebri e delle li­ ta un segno distintivo dell’ordine della creazione
bagioni si attribuiva all’acqua una virtù vivifican­ (Gen. 1,10; Abac. 3,15), il che implicava l’attribu­
te, in base all’identificazione dell’acqua con gli zione all’acqua di un aspetto sovramondano. In
umori corporali che conservavano in vita. Per l’ef­ quanto majim rabbim (v. sotto, 11.3 e ni. 1) l’ac­
ficacia purificatrice e vivificante del battesimo nei qua aveva l’energia per conferire la vita, ma nello
misteri di Iside cfr. R À R 636. stesso tempo era considerata una potenza minac­
Secondo la cosmogonia egiziana l’acqua pri­ ciosa del Caos che poteva arrecare morte. Addi­
mordiale da cui emerge il dio creatore si chiama­ rittura la si considerò come una minaccia all’or­
va Nuu o Nun. Nella cosmogonia ermopolitana dine della creazione stabilito da Dio nel mondo
Nun e Naunet (dio e dea) sono due degli dèi pri­ (cfr. Ps. 104,5-9). Si attribuivano alle acque del­
migeni dell’Ogdoade, da cui proviene il sole. An­ l’Oceano primigenio voce e volontà, che poteva­
che in questo sistema, dunque, l’acqua costituisce no sfidare lo scopo e l’ordine nel mondo fissati
l’elemento primordiale, e in quanto materia pri­ da Dio (cfr. Ps. 93,3 s.). Da questa concezione al
migenia eterna precede la creazione del mondo in considerare questi elementi fondamentali dell’or­
senso stretto (cfr. P. Derchain, Kosmogonie, Lex. dine naturale come forze cosmiche di carattere
Àg. HI, 1980, 747-756, spec. 749) ma è nello stes­ mitologico il passo era abbastanza breve.
so tempo anche l’elemento nel quale, alla fine dei Nelle tradizioni degli inizi d’ Israele, il passag­
tempi, il mondo affonda come un’isola del Nilo. gio attraverso il Mare dei Giunchi (-» jm [jàm \ -*
c) Nei testi di Ugarit mj compare 21 volte (UT swp [sAf]) ha un’importanza centrale. La traversa­
n. 1469; WUS n. 1559). I riferimenti cosmici e ta del mare compiuta dagli Israeliti in fuga guida­
teomachici sono trattati sotto la voce «mare» (-> ti da Mosè è considerata l’atto salvifico divino per
jm [jàm]). Nel suo aspetto di elemento profano antonomasia, che dimostra in maniera unica il po­
l’acqua non viene praticamente menzionata: le tere di Jhwh persino sull’ordine naturale, per pro­
donne attingono acqua alle fonti e ai pozzi (KTU teggere il suo popolo dalla minaccia dell’insegui­
1.14, ni 9 s.). La figlia di Danel, Pughat, ha per tore egiziano (Ex. 14,28; 15,1). Furono proprio
soprannome «colei che porta l’acqua sulle spalle» gli aspetti mitologici delle acque primordiali ad
(KTU 1.19 ,11 1.6; iv 28.37). La ricchezza d’acqua assumere rilevanza nell’azione. Da un lato l’acqua
di una città poteva diventarne il nome sotto for­ si trasforma in schermo protettivo per gli Ebrei,
ma di epiteto, cfr. Qor-Majim «Fonte d’acqua» dall’altra in elemento di distruzione e morte per
(KTU 1.19, iv 45 s.). L ’acqua è considerata stret­ gli Egiziani (cfr. anche Is. 51,9 s.). Non è più pos­
tamente correlata con la fertilità (KTU i . i , iv 9; sibile individuare con certezza l’itinerario dell’at­
1.19, 11 1.6). Nella struttura cosmologica l’acqua traversamento dello jam sAf da parte di Israele,
rappresenta i limiti del mondo (KTU 1.5, vi 24; ma i tentativi di localizzare il guado a est di Suez
1.6 ,1 6 s., testo dubbio). Mediante suffissi l’acqua sulla costa del Mediterraneo, specialmente nella
viene collegata con la dea Anat (KTU 1.3, 11 38; zona della laguna Sirbonica, sono molto verosi­
iv 42.86). Controversa è infine l’interpretazione mili (cfr. M. Noth, A B L A K 1 102-110; O. Eiss-
di KTU 1.16, 1 34, dove si ha un parallelismo tra fcldt, Baal Zaphon, passim).
«il versamento delle sue acque» (lacrime?) e la La tradizione israelitica successiva non tardò a
«emanazione della sua nefes». Gordon presuppo­ esaltare questo evento come dimostrazione della
ne che qui per «acqua» s’intenda una sostanza vi­ potenza unica di Jhwh e del suo rapporto parti­
tale al pari del sangue. colare con Israele (Ex. 15,10.19; Deut. 11,4; Ios.
H.-J. Fabry 2,10; Ps. 78,13; 106,11; Is. 63,12). Prescindendo
da questo episodio, le acque del mare vengono
11.1. Il sost. majim ricorre in molti testi per de­ menzionate in contesti teologicamente neutri. In
scrivere l’elemento naturale nei mari, nei fiumi, Am. 5,8; 9,6 la violenza dell’acquazzone viene de­
7 (rv,848) majim (R.E. Clements) (iv,849) 8

scritta come se le acque del mare si rovesciassero re sulla terra asciutta acqua del Nilo che si tra­
sulla faccia della terra (cfr. anche Is. 28,2 e H. sforma in sangue (Ex. 4,9). La seconda è la tra­
Gese, Fs. Galling 1970, 127-134). Tuttavia le ac­ sformazione in sangue di tutta l’acqua del Nilo
que del mare possono essere descritte anche sen­ (Ex. 7,14-24). Insieme con la complessa e compli­
za una tale carica emotiva: sono l’elemento attra­ cata narrazione delle piaghe (cfr. J.L. Ska, Bibl 60
versato dalle navi (Ps. 107,23; cfr. Ezech. 27,26. [1979] 23-35- I9I_2I5) questi racconti hanno su­
34; Ps. 18,16). L ’incessante movimento dell’acqua bito una lunga evoluzione teologica (cfr. S. Stein-
del mare è oggetto della descrizione di Is. 57,20; grimsson, Vom Zeichen zur Geschichte 50 ss.).
nello stesso tempo il movimento delle onde solle­ Tuttavia dietro a quelle storie c’è la conoscenza
va melma e limo. del singolare fenomeno che al tempo delle piene
L ’A.T. menziona anche le acque dei fiumi. Gli l’acqua del Nilo assume una colorazione bruno­
abitanti di Babilonia abitano presso le «molte ac­ rossiccia a causa dei detriti organici e dei sali mi­
que» (majim rabbim), sinonimo di nàhàr (Ier. 51, nerali, trascinati in abbondanza dall’inondazione
13 Q). Le valli ricche d’acqua dell’Eufrate e dei che si precipitava dall’Alto Nilo verso nord (cfr.
suoi affluenti che scorrono attraverso la depres­ G. Hort, ZAW 69 [1957] 89-103; 70 [1958] 48-59).
sione mesopotamica erano molto importanti per 2 Reg. 5,12 menziona due fiumi della Siria,
la vita dei Babilonesi, a differenza delle strette e l’Arbana e il Parpat. Nella terra di Moab l’acqua
ripide valli dei pochi corsi d’acqua d’Israele. Per potabile veniva attinta dal Nimrim (Is. 15,6; Ier.
gli abitanti di Ninive le acque del Tigri erano di 48,34) e dal Dibon (Is. 15,9).
importanza vitale e divennero un elemento carat­ Per Gerusalemme si ricorda la piccola sorgente
teristico della potenza assira (Is. 8,7). Quanto a di Gihon (-» gihón, r Reg. 1,38; 2 Chron. 32,30).
Israele, solo il Giordano aveva una dimensione L ’approvvigionamento idrico ebbe una particola­
significativa, ma anche questo fiume aveva molti re importanza per la città di Gerusalemme sin dai
guadi transitabili tutto l’anno (cfr. N. Glueck, The tempi più antichi. Questo aspetto veniva tanto
River Jordan, New York 1968). Un guado im­ più sottolineato in quanto si era consapevoli della
portante si trovava a Gaigaia (Ios. 3,1-4,24; cfr. J. scarsità delle acque di Siloe, soprattutto in con­
Muilenburg, BASO R 140 [1955] u -2 7 ; IIJB 11 fronto con la portata del Tigri (Is. 8,6). 2 Chron.
398 s.), non lontano da Gerico (Hirbet Mefji?). 32,3 s. racconta gli sforzi di Ezechia per interrare
Per la sua posizione, il Giordano (-> jrdn) co­ i corsi d’acqua delle sorgenti fuori di Gerusalem­
stituì una frontiera politica naturale durante la me e impedirne così l’uso agli Assiri. Is. 22,9 men­
maggior parte della storia d’Israele (Ios. 13). Po­ ziona le acque del «bacino inferiore» allo sbocco
teva essere facilmente controllato, come fece Ge­ più basso della valle del Qidron. La «porta del­
deone per bloccare la via di fuga dei predoni di l’acqua» (sa‘ar hammajim) viene menzionata in
Madian (lud. 7,24). Il Giordano - secondo Ios. Nehem. },z6; 8,1.3.16; 12,37.
16,1 «le acque di Gerico» - è lo scenario di una Dan. 12,6 s. si riferisce all’acqua di un fiume vi­
particolare manifestazione di potenza di Jhwh me­ sto in visione, e corsi d’acqua anonimi compaio­
diante Elia in 2 Reg. 2,6 ss. Servendosi del man­ no in Ps. 42,2; Iob 12,15. Ier. 18,14 contrappone
tello il profeta separò le acque del fiume, così che al corso perenne dei fiumi montani i rigagnoli
egli stesso ed Eliseo poterono passare il fiume a stagionali e limitati dei wadi (nahal), che portano
piede asciutto. acqua solo nella stagione delle piogge. Tuttavia in
Per gli Israeliti il più imponente di tutti i fiumi questi periodi anche i wadi potevano trasformarsi
fu senz’altro il Nilo (-* j 'r ’or]). L ’A.T. ricono­ improvvisamente in impetuosi torrenti di monta­
sce la grande importanza del Nilo per la vita, la gna (lud. 5,4; 2 Sam. 21,10; 2 Reg. 3,20; Ioel
civiltà e l’economia dell’Egitto (cfr. Nah. 3,8; Ier. 4,18). Tali letti di fiumi furono importanti per la
46,7 s.). Di particolare rilevanza per la fertilità del tattica militare (lud. 5,19; 2 Sam. 17,20), quando il
paese erano le piene regolari della valle del Nilo; loro attraversamento diventava difficile o impos­
se non si avvenivano ci si doveva aspettare una sibile. L ’acqua appariva allora un elemento minac­
carestia. Così l’assenza della piena del Nilo potè cioso non solo nei mari, dove le tempeste poteva­
essere interpretata da un profeta giudaita come no renderla pericolosa, ma anche in laghi e torren­
effetto di una tremenda maledizione sul popolo ti molto più piccoli (cfr. Abac. 3,10; Ps. 66,12; Is.
egiziano (cfr. Is. 19,5). Due azioni simboliche nel 43»2)-
contesto dei «segni e miracoli» nel ciclo della sal­ L ’esistenza di sorgenti d’acqua (-» *jn \?ajin\) in
vezza dall’Egitto vengono attribuite a Mosè dalla regioni aride (cfr. Gen. 24,13; Is. 49,10) ha contri­
tradizione israelitica. La prima consiste nel versa­ buito allo sviluppo di particolari tradizioni reli­
c, ( tv , 8 so ) majim (R.E. Clements) ( iv ,8 j i ) io

giose legate a quelle sorgenti (cfr. le acque di Me- del pozzo in Num. 21,16 s.). 2 Sam. 23,15 ss. te­
rom, Ios. 11,5.7; ‘è*1 semes, Ios. 15,7; le acque di stimonia dell’esistenza di un pozzo a Betlemme,
NeftoaH, Ios. 15,9; 18,15 e hajjarqòn, Ios. 19, quando i soldati di David entrarono nell’accam­
46). Secondo Ios. 15,19 la figlia di Caleb pretese pamento dei Filistei per prendere acqua per Da­
una porzione di territorio con sorgenti d’acqua vid. L ’insolito sprigionarsi dell’acqua da un’arida
(gullòt). 2 Sam. 12,27 ricorda la città ammonita di roccia veniva considerato un segno della provvi­
Rabba, che viene chiamata «città delle acque». In­ denza divina (cfr. Ps. 78,16; Nehem. 9,15 e Is. 48,
fine le sorgenti d’acqua servivano da riferimento 21). L ’acqua sorgiva veniva raccolta in bacini o ci­
topografico per segnare geograficamente i territo­ sterne. Un grosso invaso si trovava a Gabaon (Ier.
ri (Ind. 1,15 ; 1 Reg. 18,5; 2 Reg. 3,19 s.22.25; Ps. 41,12); altri bacini di raccolta sono menzionati in
io 7»33-3 5)- Is. 14,23 e Eccl. 2,6.
Due oasi nel deserto del Sinai hanno avuto un Naturalmente l’acqua s’incontra in forma di
ruolo di primo piano nella tradizione d’Israele: pioggia (-> mtr [mdtàr]). Ciò fornì lo spunto per
Meriba (= Meribat-Qadesh, Ezech. 47,19) e Ma­ riflessioni di carattere mitologico religioso. Le co­
ra. Il nome della prima oasi (merìbà ‘ procedimen­ smologie dell’Oriente antico ritenevano che le
to giudiziario, confronto’) suggerisce che avesse sorgenti della pioggia fossero grandi serbatoi di
funzione di luogo nel quale si amministrava la giu­ riserva posti sopra la terra (cfr. sotto, II.3). La for­
stizia. La tradizione israelitica ha ulteriormente ma primordiale della terra nel suo stato informe,
elaborato questo nome, elaborando diverse spie­ dalla quale derivò poi la terra creata, era conside­
gazioni eziologiche, fino a ricavarne una serie di rata una massa ancora priva di pioggia (Gen. 2,5).
tradizioni circa le mormorazioni di Israele contro Prov. 8,24 dichiara che non c’erano fonti d’acqua
la guida di Mosè, e quindi contro l’autorità di prima che Dio creasse la terra. Ma a parte questo,
Jhwh (cfr. Ch. Barth, VTS 15, 1966, 14-23; G.W. il nesso tra la pioggia e le nuvole sue dispensatrici
Coats, Rebellion in thè Wildemess, Nashville era saldamente ancorato, in maniera niente affat­
1968, 47 ss.; Num. 20,8.10.13.24; 27,14; Deut. 32, to mitica, nella consapevolezza degli uomini del­
51; 33,8; Ps. 81,8; 106,32). Ps. 106,32 collega i no­ l’epoca (Ps. 77,18; Iob 26,8). La dipendenza della
mi di queste due oasi, così che il nome «Mara» al­ terra dalla pioggia viene interpretata in Deut. 11,
lude ora, come un aggettivo qualificativo, al gusto 11 come un segno della particolare attenzione che
«amaro» dell’acqua. Tale gusto, certamente do­ Dio dedica a questo paese. In Iob 5,10 Dio fa ca­
vuto ai sali minerali presenti nell’acqua, era tal­ dere la pioggia, e questo è un segno della sua po­
mente forte che si era restii a berla. A proposito tenza che nessuno può imitare (cfr. Iob 38,34). In
di tale caratteristica sorse la tradizione della verga Israele la pioggia cade di solito con violenti ac­
di Mosè immersa in questa sorgente per rendere quazzoni che si riversano da pesanti nuvole tem­
l’acqua potabile (Ex. 15,23 ss. J), una tradizione poralesche, «raccolte d’acqua» (2 Sam. 22,12; cfr.
che fu poi ampliata con una promessa divina del­ Is. 28,2). Poiché si accompagnano spesso a tem­
la liberazione d’Israele dalle «malattie» dell’Egit­ pesta e temporale, queste nuvole fanno parte del­
to (Ex. 15,26; cfr. H.F. Fuhs, Qàdes - Materialien l’abituale contorno della teofania nella tempesta
zu den WUstentraditionen Israeli'. BN 9 [r 979] (cfr. 18,10 ss.; 29,3; 77,16-19 Q).
54-70, spec. 60). Per la potabilizzazione di acque Queste violente piogge torrenziali provocava­
avvelenate cfr. 2 Reg. 2.19 ss. In Iud. 15,19 si ha no drammatici cambiamenti nell’aspetto del pae­
una tradizione nella quale viene collegato con la saggio, soprattutto quando le colline sembravano
sorgente di lèn haqqórè’ un motivo popolare ri­ sciogliersi e le montagne si trasformavano in fiu­
guardante Sansone. mi per la grande acqua (cfr. Ps. 104,13). La vio­
Grande significato aveva, oltre all’acqua sorgi­ lenza dei piovaschi costituisce la base per l’imma­
va, anche l’acqua dei pozzi (-» b ’r [be'èr\) (cfr. gine profetica dell’assalto delle potenze nemiche
Gen. 21,19.25; 24 ,11.13; 1 Sam. 9,11). Tutti questi (Is. 28,17). Dopo la pioggia si alza una sottile neb­
passi si riferiscono all’uso comune di mandare bia (Iob 36,27; cfr. Gen. 2,6; per ’èd cfr. C. We-
giovani donne ad attingere l’acqua al pozzo. I stermann, BK 1/1 273 ss.; E. Speiser, BASO R 140
pozzi in territori aridi erano particolarmente im­ [1955] 9-11).
portanti per i viandanti. Attorno ai pozzi si svi­ Oltre che come pioggia e nebbia, l’acqua com­
lupparono ben presto centri sociali e religiosi ove pare anche sotto forma di rugiada (-* tl [tal]). La
risiedere e incontrarsi (cfr. Gen. 26,18-22 e i vari tradizione della vocazione di Gedeone a liberato­
nomi dati ai pozzi, ad es. ‘èseq ‘litigio’, sitnà ‘lite’, re d’Israele dai Madianiti era a conoscenza di par­
rchóbót ‘slargo’ bc>ér-seba\ Gen. 26,32 e il canto ticolari fenomeni legati alla rugiada, e li giudicò
u (rv,8jz) majim (R.E. Clements) (1^853) 12

segni della potenza di Jhwh e della genuinità della nonostante risulta difficile distinguere con preci­
vocazione di Gedeone (Iud. 6,36-40). sione tra l’uso mitologico e quello cosmologico
Infine l’acqua si manifesta anche sotto forma dell’acqua. Vi sono indizi che alcuni degli aspetti
di neve (-» slg [seleg], Ps. 147,16; Iob 9,30 Q ecc.). evidentemente mitologici dell’acqua come poten­
L ’esame dell’estensione dell’uso di majim nel- za cosmica, personificata in figura di mostro o
l’A.T. si completa considerando che anche le lacri­ drago (-> Iwjtn [liwjàtàn]), siano stati modificati
me dell’uomo sono fatte d’acqua; «gli occhi che per liberarli in larga misura dall’associazione con
traboccano d’acqua» (Lam. 1,16; cfr. 3,48) è una idee religiose mitologiche (cfr. Ps. 104,26; B.S.
immagine espressiva ed efficace di una grande tri­ Childs, Myth and Reality in thè O.T., SBT 27,
stezza. i960, 36 ss.).
2. Nell’A.T. la necessità dell’acqua per quasi Nella storia jahvista della creazione (Gen. 2,4b-
tutti gli ambiti di vita viene riconosciuta ovun­ 3,24) la creazione dell’acqua non viene menziona­
que. Questa grande importanza dell'acqua ha por­ ta come atto specifico. Per l’autore è assiomatico
tato poi naturalmente al suo ampio uso in questio­ che nel mondo originariamente informe la terra
ni inerenti il culto (v. sotto, rii.2.3). La fruttuosità sia divenuta fertile non mediante la creazione del­
degli alberi e di ogni forma di vita vegetale viene la pioggia, ma per la presenza di una nuvola di va­
collegata direttamente con l’acqua (Ps. 1,3; Ezech. pore, di una coltre di nebbia (’èd) (Gen. 2,6). La
17,5.8; 19,10 [bis]; 31,5.7.14.16). Dove non c’è ac­ storia sacerdotale della creazione attribuisce all’ac­
qua non può crescere neanche una canna (Iob 8, qua un ruolo di gran lunga più importante, giac­
11) e la terra ha continuamente sete d’acqua (Prov. ché in essa l’acqua è una delle sostanze primor­
30,16). Basta l’odore dell’acqua a far germogliare diali. Essa è raccolta nell’oceano primordiale (te-
un albero, persino se è stato già tagliato (Iob 14,9). hóm), senza per questo aver perso tutti i conno­
L ’acqua poteva cadere sotto forma di neve sul­ tati mitologici di potenza del Caos. Tuttavia non
la terra (v. sopra), ma sotto i raggi del sole si fon­ è più dotata di personalità e intelligenza, come la
deva rapidamente tornando a essere acqua che poi babilonese Tiamat (cfr. A. Heidel, The Babylon-
evaporava e quindi poteva facilmente evocare ian Genesis, Chicago 1951, 100 ss.). La t'hòm
l’aspetto della rapida caducità (cfr. Inh 24,19). Ma ebraica continua certo a mostrare chiaramente i
l’acqua poteva anche gelare e diventare dura come tratti di una potenza cosmica che sicuramente
pietra (Iob 38,30). Anche il congelamento dell’ac­ può ancora essere pericolosa per l’ordine divino
qua veniva fatto risalire a Dio, se Iob 37,10 ne at­ della creazione (cfr. Ps. 104,7-9), sebbene le acque
tribuisce la responsabilità all’alito divino. non possano sopraffare Dio. Dio dimostrò con­
Infine l’acqua può anche bollire (Is. 64,1) ed cretamente il proprio potere sulle acque alla crea­
essere quindi usata per la preparazione dei cibi. zione quando separò le acque superiori da quelle
Gli alimenti diventano commestibili e digeribili inferiori (Gen. 1,6 ss.). Di conseguenza, i limiti in­
con la cottura; si associava alla bollitura anche valicabili imposti alle acque nelle regioni immu­
una funzione purificatrice (v. sotto). tabili loro assegnate indicano la loro definitiva
Una serie di sentenze didascaliche si occupa emarginazione (cfr. Pi. 104,9; Prov. 8,29). La spar­
della navigazione sull’acqua del mare, chiedendo­ tizione delle acque va quindi considerata un ele­
si meravigliata come facciano le navi a trovare la mento fondamentale della cosmologia israelitica
giusta via (Prov. 30,19). Anche l’uomo può impa­ (cfr. Gen. 1,6; Ex. 20,4; Deut. 5,8; Ps. 104,3; 136,6;
rare a nuotare, ma ciò nonostante, se non sta at­ 148,4; cfr. O. Kaiser 48 ss.). Nello sviluppo della
tento alla corrente, viene trascinato via e annega tradizione religiosa mitologica d’Israele, la dimen­
(Iob 22,11; 24,18; Ps. 69,3). sione cosmica attribuita al mare fu per un certo
È destino naturale di fiumi e mare di essere pie­ tempo strettamente congiunta con l’idea del Le-
ni di pesci e di ogni genere di animali, perché Dio viatan, drago dell’età primordiale (cfr. Ps. 104,26;
li ha fatti per farveli crescere (Gen. 1,20 ss.; Lev. Is. 27,1). Le acque sotterranee arrivavano fino al­
1 1,9 ss.; Deut. 4,18; 5,8; 14,9 s.). lo sheol (Ezech. 31,15; Ion. 2,5 s.) e facevano par­
3. L ’importanza dell’acqua per la vita degli uo­ te dell’oceano che circondava la terra, majim rab-
mini e di tutto il resto della creazione, unita alla bìm (Ezech. 26,19). In questa visione la morte
fenomenologia di temporali, piovaschi e alla po­ stessa fu considerata un viaggio verso lo sheol at­
tenza dei marosi, diede all’acqua un significato co­ traversando majim rabbim (Lam. 3,54). Si creò in
smico riccamente articolato. Questo significato si tale maniera una stretta associazione tra la minac­
riflette in gran parte in una larga gamma di temi, ciosa potenza delle acque nel loro aspetto di ma­
immagini e titoli mitologici (cfr. sotto, m .i). Ciò jim rabbìm e il fatto concreto della morte (cfr. Ps.
i 3 (rv,854) majim (R.E. Clements) (IV»855) 14

124,5; 144,7; anche Is. 43,2; Ps. 18,17; 69,3.15 s 0 - tre V. Fritz, Kades Barnea - Topographie und
Ps. 33,7 parla del potere di Jhwh, che può fis­ Siedlungsgeschichte im Bereich der Quellen von
sare limiti invalicabili alle acque c stiparle tutte in­ Kadescb und die KultstàUen des Ntgeb wàhrend
sieme come «in un otre». Secondo Is. 40,12 e lob der Kònigszeit: B N 9 [1979] 45-50). L ’esistenza
28,25 Jhwh ha il potere di misurare le acque. Il li­ di fonti e di riserve idriche proprio nei territori
mite cosmico ddl’acqua primordiale è al contem­ più aridi rendeva tali luoghi importanti per bedui­
po il limite tra il regno della luce e il regno della ni, viaggiatori e commercianti. Molte delle carat­
tenebra (lob 26,10). teristiche particolarità della vita in queste regioni,
La potenza cosmica e la violenza minacciosa con la netta separazione tra stagione secca e sta­
dell’acqua si manifestano nella maniera più chiara gione della pioggia, risalgono alla ricerca d’acqua.
nella storia del diluvio (Gen. 6,5-8,22; cfr. O. Kai­ Quando in Israele la popolazione rurale divenne
ser 120 ss.). Una serie di particolari mette in luce via via sempre più numerosa la necessità di ap­
un nesso storico-tradizionale della storia del di­ provvigionamento idrico, di riserve d’acqua e di
luvio con i racconti dell’epica babilonese di Gil- condotte idriche divenne di capitale importanza.
gamesh (cfr. A. Heidel, The Gilgamesh Epic and L ’A.T. contiene una gran quantità di riferimen­
O.T. Parallels, Chicago 41963, 224 ss.; E. Fisher, ti alla necessità dell’approvvigionamento idrico:
Gilgamesh and Genesis: The Flood Story in Con- cfr. lud. 4,19; 5,25 (Sisera); 7,4 s. (Gedeone); 1
text: C BQ 32 [1970] 392-402; per la questione in Sam. 30,11; 2 Sam. 23,16 s. (David); 1 Chron. 11,
generale cfr. ora anche R. Oberforcher, Die Flut- 17; 1 Reg. 17,10 (Elia); 18,4 (Abdia); 18,13; Ne­
prologe als KompositionsschlUssel der biblischen hem. 13,2; Hos. 2,7; Ezech. 12,18 s.;Dan. 1,12. La
Urgeschichte, Innsbruck 1981) e con il poema ba­ necessità vitale dell’acqua si riflette in una pro­
bilonese di Atra-Hasis (cfr. W.G. Lambert - A.R. messa di Dio al suo popolo: «Benedirò il tuo pa­
Millard, Atra-Hasis. The Babylonian Story o f thè ne e la tua acqua!» (Ex. 23,25). Il tratto essenziale
Flood, Oxford 1969; L. Matous, Die Urgeschichte dell’autentica ospitalità consisteva nel porgere al­
der Menschheit im Atrafjasis-Epos und in der Ge­ l’ospite un bicchiere d’acqua (2 Reg. 6,22; Is. 21,
nesis: ArOr 37 [1969J 1-7). L ’irruzione del dilu­ 14; Ps. 23,5). «Mangiare pane e bere acqua» in ca­
vio (-» mbwl [mabbùl]) viene presentata nella tra­ sa di un altro significava accettazione dell’ospita­
dizione israelitica come l’uscita violenta e improv­ lità. E accettare l’ospitalità significava partecipa­
visa delle acque abissali (Gen. 7 ,11) e una forte re della benedizione (b'ràkà) o della maledizione
pioggia torrenziale (gesem, v. 12). I tratti mitolo­ ('àia, q elàla) che stava sopra la casa in questione
gici della storia sono chiaramente evidenti in più (1 Reg. 13,8 s . t 6 ss.22). Il rifiuto di concedere a
punti, sebbene la narrazione stessa sia stata tra­ chi era esausto cibo e acqua era considerato un
sposta in forma storica riprendendo molte asso­ atto riprovevole di dichiarata ostilità (Nabal nei
ciazioni culturali. Le acque sulla terra (Gen. 7,10. confronti di David, / Sam. 25,11). Così in Israele
17 ss. 24) sterminarono tutte le creature viventi ci si ricordava del rifiuto deliberato degli Edomi-
(Gen. 7,18 ss.), a eccezione di Noè e di quanti ti, che non avevano voluto concedere acqua agli
erano con lui nell’arca. Dopo che la terra venne Israeliti che pure si erano offerti di pagarla (Num.
di nuovo resa asciutta da un vento (Gen. 8,1), Dio 20,17.19; Deut. 2,6.28). Israele espresse un desi­
s’impegnò con un giuramento di non far mai più derio simile a Sihon, re degli Amorrei, ricevendo
piombare una catastrofe del genere sull’umanità anche in questo caso un netto rifiuto (Num. 21,23;
(Gen. 9,15). Per la tradizione delle «acque di Noè» cfr. Deut. 23,5). Essere costretti a comprare l’ac­
cfr. Is. 54,9. qua con denaro è indice di una condizione di
4. Per l’uomo l’importanza maggiore dell’acqua estremo bisogno (Lam. 5,4).
è data dal suo impiego come bevanda che ristora In molte tradizioni dell’A.T. si manifesta l’espe­
e dà vita. Di conseguenza le tradizioni bibliche rienza della debolezza e della spossatezza fisica
prendono in considerazione i pericoli della sic­ dovuta alla mancanza d’acqua (cfr., ad es., 1 Sam.
cità, della sete e della debolezza provocate dalla 30,12; Ps. 107,4 S-X Persino i fabbri, tradizional­
mancanza d’acqua. Proprio le condizioni climati­ mente considerati particolarmente robusti, pote­
che e geografiche di Israele, una regione in gran vano infiacchirsi per mancanza d’acqua (Is. 44,12).
parte semidesertica, ebbero il potere di indirizza­ A causa delle precipitazioni ad andamento sta­
re la riflessione in questa direzione. Si sviluppò gionale in Israele si avevano sempre sei mesi l’an­
così anche una tradizione israelitica incentrata no di siccità. Se venivano a mancare le piogge in­
sulle oasi sinaitiche di Massa e Meriba legate alla vernali la situazione per uomini, animali e piante
sorgente di Qadesh (cfr. Nehem. 9,15.20; v. inol­ si faceva veramente critica. Così vi erano periodi­
M (iv,856) majim (R.E. Clements) (rv,856) 16

camente anni di siccità, nei quali le campagne si cocci (Is. 30,14) o il cavo delle mani, oppure ci si
tramutavano in steppe e le sorgenti si esaurivano. inchinava per leccare l’acqua come i cani (Iud. 7,5
Anni di estrema siccità sono menzionati in Am. ss.). Per attingere l’acqua del pozzo si usava il sec­
4,8; ler. 14,1-6; 38,6. Per queste ragioni si rende­ chio (d'li,Num . 24,7) o una giara (Gen. 24,14-17).
va indispensabile la creazione di riserve idriche Per la mansione di acquaiolo cfr. Deut. 29,10; Ios.
(cfr. Ier. 14,3 Q; 15,18). Alla scarsità d’acqua in 9,21.23.27.
seguito a un assedio che impediva l’accesso ai poz­ Per motivi igienici rutto ciò che veniva in con­
zi e alle sorgenti fuori città si poteva supplire al­ tatto con l’acqua da bere, contenitori e suppellet­
meno per qualche tempo con un attento e rigido tili, doveva essere pulito (Lev. 11,34.36.38). Se
razionamento dell’acqua (Ezech. 4 ,11-16 s.). Pro­ questa regola igienica fondamentale non veniva
babilmente l’ «acqua della tribolazione» (majim osservata, bisognava dichiarare impura l’acqua
sdr, testo dubbio, Is. 30,20) si riferisce a una situa­ (Lev. 11,38). Infine l’acqua poteva essere mesco­
zione di questo genere. Provvedere a un sufficien­ lata al vino per renderlo più gradevole al palato e
te approvvigionamento idrico per tali periodi cri­ più sopportabile (per l’interpretazione metaforica
tici costituiva perciò un aspetto importante della cfr. Is. 1,22 e v. sotto, 7).
difesa delle città, ad es. di Gerusalemme (Is. 22,11; 2 Reg. 8,15 mostra come l’acqua potesse essere
2 Chron. 32,3 s.; cfr. anche Is. 3,1; 2 Reg. 20,20). usata per un omicidio: Cazael stese una coperta
La carcerazione era caratterizzata, tra l’altro, dal­ bagnata, che quindi non faceva passare l’aria, sul
la mancanza di razioni d’acqua (1 Reg. 22,27; 2 volto del malato re Ben-Hadad per soffocarlo.
Chron. 18,26). Inoltre ci si poteva astenere dal be­ 5. Nell’impiego dell’acqua per lavare, gli usi
re quando si osservava il digiuno (Ex. 34,28; Deut. profani e religiosi sono molto vicini, giacché le
9,9.18; Esdr. 10,6; Ion. 3,7), ma la rinuncia all’ac­ idee di santità e di pulizia collimavano in larga mi­
qua non era prassi corrente. sura. Per questa ragione, quando si tratta di ablu­
Era considerato segno di benessere e sicurezza zioni e lavacri è spesso estremamente difficile di­
il poter contare sempre su un sufficiente riforni­ stinguere l’aspetto rituale da quello profano (cfr.
mento d’acqua (Num. 24,6 s.; Is. 33,16). Il furto M. Douglas 7 ss.). L ’abluzione di Aronne e dei fi­
d’acqua era tabù e solo la Stoltezza personifica­ gli per la consacrazione sacerdotale contiene en­
ta può vantare il dolce sapore dell’acqua rubata trambi gli aspetti (Ex. 29,4; 30,20; cfr. sotto, m .3).
(Prov. 9,17). Igiene e lavacro rituale non erano distinti in caso
L ’essenziale importanza del rifornimento idri­ di polluzione, di rapporti sessuali, di mestruazio­
co richiedeva necessariamente anche misure per­ ne e di eruzione cutanea, di contatto con lebbrosi
ché l’acqua restasse potabile e incontaminata. Ve­ o con cadaveri. Anche lavare un bambino era un
niva perciò considerato indegno di un essere uma­ atto che oltre all’aspetto della pulizia e dell’elimi­
no che dopo aver bevuto acqua pura si sporcasse nazione dello sporco conteneva un elemento ri­
quella che restava, come fanno le bestie prive di tuale di purificazione. C ’erano comunque anche
ragione (Ezech. 34,18; cfr. 26,12); qui si descrivo­ occasioni in cui si trattava di un atto diretto, sem­
no soldati che saccheggiano e sporcano le cister­ plicemente profano, di eliminazione di polvere e
ne della città conquistata. Tuttavia l’acqua poteva sporco, come, ad es., lavarsi i piedi dopo un viag­
infine essere contaminata o avvelenata anche per gio (Gen. 18,4; 24,32; 43,24). Il rapporto tra servo
cause naturali, il che poteva essere interpretato co­ e padrone poteva essere espresso con la perifrasi
me un segno del castigo divino (ler. 8,14; 9,14; «versare acqua nelle sue mani» (cfr. il rapporto tra
23,15). Anche l’acqua contaminata poteva però es­ Eliseo ed Elia in 2 Reg. 3 ,1 1). Di solito si lavava­
sere resa nuovamente potabile con opportuni ac­ no anche le vesti nuove prima di indossarle per la
corgimenti. Secondo 2 Reg. 2,19-22 Eliseo «gua­ prima volta: quest’abitudine fa da sfondo all’azio­
rì» (rippé’ ) le riserve d’acqua di Gerico. Questo ne simbolica della cintura di lino di ler. 13 ,1- 11 e
potere profetico sulle acque si manifestò con Mo- spiega il divieto fatto a Geremia di lavare l’acces­
sè, quando rese imbevibili le acque del Nilo tra­ sorio prima di usarlo.
sformate in sangue (Ex. 7,14-24). Senza dubbio il vasellame e tutto il necessario
In Israele si usavano diversi recipienti per l’ac­ alla preparazione e alla consumazione del cibo ve­
qua: brocche (kadt Gen. 24,15.17.43; 1 Sam. 26, niva lavato. Si può solo presumere che ai lavaggi
11 s.16; / Reg. 19,6), abbeveratoi per le pecore (se- quotidiani (ad es. 2 Sam. 11,2) non si attribuisse
qety rahat, Gen. 30,38), otri (hemet) per ii viaggio alcuna rilevanza rituale.
(Gen. 21,14 s.19) e coppe o calici (kós) per bere. 6. Per quanto riguarda l’aspetto culinario, l’ac­
Se tali recipienti non erano disponibili si usavano qua veniva usata per cuocere, in alcuni casi anche
l 7 (IV, 8 57) majim (R.E. Clements) (rv,8j8) 18

nella prassi sacrificale. Per quanto le porzioni di d) L ’uomo è anche consapevole della forza e
carne dei sacrifici destinate a essere mangiate ve­ dell’indomabile potenza dell’acqua, come della
nissero di solito arrostite (sàia, 1 Sam. 2,1 j; Is. difficoltà di controllarla o di trattenerla in un po­
44,16.19; hàrak, Prov. 12,27), la carne poteva es­ sto determinato. A ciò pensa probabilmente Amos
sere anche bollita (basai. Lev. 8,31; 1 Reg. 19,21; quando pretende che la giustizia sociale sia come
2 Reg. 6,1% Ezecb. 46,20.24) per renderla più di­ un torrente impetuoso e travolgente (Am. 5,24).
geribile e per non farla rovinare. Anche il sacrifi­ Mich. 1,4 descrive la teofania di Jhwh per il giu­
cio di Pasqua, di regola arrostito (Ex. 12,8 s.), po­ dizio servendosi dell’immagine del temporale: la
teva essere bollito (Deut. 16,7; cfr. 2 Chron. 35, presenza di Dio fa sciogliere i monti «che si ri­
13). Con una «bollitura» più lunga (ràtah, Ezech. versano come acqua giù per il pendio». L ’imma­
24,5; Iob 30,27; 41,23) si potevano cuocere insie­ gine dell’onda di piena che tutto distrugge sta die­
me verdure e legumi di vario genere (cfr. anche tro anche a Iob 27,20 (paura e panico sommergo­
Ezech. 24,5 e Iob 41,23). no l’empio), 1 Chron. 14 ,11 (Jhwh sommerge i ne­
7. majim viene usato copiosamente anche in mici), Is. 8,7; 17,12 s. e ler. 47,2. Infine, come la
metafore e come componente di gesti simbolici. goccia costante scava la roccia così Dio riesce a
a) In molti passi l’acqua, nel suo aspetto di ele­ poco a poco a sgretolare le speranze umane (Iob
mento liquido, è usata come immagine della debo­ 14,19).
lezza. Dopo la sconfitta e la perdita di 36 uomini e) L ’aspetto liquido e la mancanza di forma del­
sotto le mura di Ai gli Israeliti si persero d’ani­ l’acqua quando viene versata servono anche da
mo, cioè «il lèb della gente si sciolse e divenne co­ metafora per l’eccesso di una generosità illimita­
me acqua» (Ios. 7,1-5). Anche la nefes viene ver­ ta. I nemici di Gerusalemme hanno versato il san­
sata come acqua, un’immagine della debolezza e gue dei suoi abitanti come acqua (Ps. 79,3; cfr. an­
della malattia fino alla paura della morte (Ps. 22, che Deut. 12,24; 1 5,23). Secondo Hos. 5,10 Jhwh
15). L ’espressione «le ginocchia colavano d’ac­ verserà sui principi di Giuda la propria ira come
qua» (Ezech. 7,17; 21,12) ha di certo uno sfondo acqua. Anche il misero Giobbe ha versato urla e
crudamente realistico; cfr. W. Zimmerli (BK xm /i lamenti come acqua (Iob 3,24); qui la metafora
177): «L’uomo non è più in grado di osservare le vuole indicare che il suo lamento è immenso e va
più elementari regole di controllo: come il lattan­ oltre ogni dire (cfr. anche Lam. 2,19).
te o il moribondo lascia che la sua acqua gli scen­ f) L ’acqua viene usata anche per descrivere il
da giù per le ginocchia». La saggia donna di Te- cordoglio, riferendosi all’umore delle lacrime. Gli
qoa allude alla debolezza dell’uomo che prelude occhi di colui che ha trasgredito la torà s’inonda­
alla morte quando dice a David: «Tutti dobbiamo no d’acqua (Ps. 119,136; cfr. Ier. 8,23; 9,17).
morire, siamo come acqua che viene versata in ter­ g) La profondità delle cisterne e la loro alimen­
ra» (2 Sam. 14,14). tazione mediante sorgenti sotterranee offrono ma­
b) La mancanza di forma e la volatilità dell’ac­ teria per altre metafore. Il maestro di sapienza esi­
qua inducono alla metafora. Il salmista prega che ge che le parole dell’uomo siano come acque pro­
i suoi nemici «possano sparire come l’acqua che fonde (Prov. 18,4); come acque profonde sono i
cola via» (Ps. 58,8). Iob 4 1,11 paragona l’uomo al­ pensieri nel cuore (Prov. 20,5). La profondità del­
l’acqua di un lago che si secca e quindi svanisce. l’acqua nasconde le cose. Come si possono affon­
In Iob 11,16 Sofar usa quest’immagine per dire dare pietre nelle acque profonde, così gli Egiziani
che secondo lui i peccati dell’uomo riconciliato affondarono nel Mare dei Giunchi (Ex. 15,1; Ne-
con Dio spariscono «come acqua che passa via» hem. 9,11).
(kemajim ‘dberu). Secondo Nah. 2,9 Ninive di­ h) Ps. 109,18 contiene un’immagine molto chia­
strutta è simile a un invaso «le cui acque (si legga ra per illustrare il nesso tra atto e conseguenza:
mèmèkd con BHS) si sono disperse». Mediante la come l’acqua può essere assorbita da un oggetto,
negazione si ottiene l’immagine opposta della sta­ così colui che ama la maledizione subirà le conse­
bilità: i giusti d’Israele saranno «come un giardi­ guenze del proprio atto, come se la maledizione
no irrigato, come una sorgente le cui acque non si fosse assorbita dal suo corpo.
asciugano» (Is. 58,11; cfr. Is. 1,30). i) L ’acqua che circonda qualcuno viene sentita
c) Il poeta sapienziale adotta l’idea dell’acqua come minacciosa (Ps. 88,18). L ’ira di Dio colpisce
con il suo costante movimento per descrivere il l’uomo come se fosse circondato da acque tutt’in-
dominio di Dio sul re: «Il cuore del re è nelle ma­ torno (Ps. 69,1; cfr., con altra terminologia, il v. 3
ni di Jhwh come un corso d’acqua: egli lo dirige sibbólet), finché gli arrivano alla gola. In simili me­
dovunque gli piace» (Prov. 21,1). tafore che riprendono la potenza dell’acqua non è
i 9 ( iv ,8 j 9 ) majim (R.E. Clements) (iv,86o) 20

difficile scorgere ancora residui di tratti mitologi­ 1) L ’acqua è importante per la fertilità e per un
ci: l’acqua comc potenza del Caos che minaccia il copioso raccolto. La buona salute di un giusto è
regno della creazione. Ma questo pericolo è supe­ come quella di un albero piantato presso un ru­
rato a priori dalla potenza di Jhwh (cfr. Is. 43,2). scello (cfr. Ps. 1,3; lob 29,19). Il faraone egiziano
j) La superficie riflettente dell’acqua ricorre in è simile a un cedro che ha acqua in abbondanza
una massima di Prov. 27,19: «Come il volto si ri­ (Ezech. 31,4) e secondo Is. 12,3 l’Israele futuro,
specchia nell’acqua, così il cuore si rispecchia nel­ rinnovata la conquista del paese, «attingerà con
l’uomo». Eccl. n , i presenta notevoli difficoltà di giubilo acqua alla sorgente della salvezza». Infine
interpretazione: «Getta il tuo pane sulla superfi­ l’effusione dello spirito di Dio (-» rwh [rùah]) sul­
cie dell’acqua e lo ritroverai dopo molti giorni!». la discendenza d’Israele viene paragonata al ver­
samento dell’acqua su un suolo inaridito (Is. 44,3;
* A lungo si è pensato che dietro a tale massima ci
cfr. 32,2544,4; 55,1; 58,11; Ier. 17,8 ;Ezech. 17,5.8;
fosse un riferimento sessuale collegato col culto di
Adone (cfr. O.S. Rankin, Ecclesiastes, IB 5, New 19,10; 31,5.7).
York 1956, 81). Per contro già W. Staerk (ZAW 59 Ps. 73,10 allude probabilmente al sistema di ap­
[1942] 216 s.) suggerì di cogliere nella sentenza una provvigionamento idrico: l’opera dell’empio viene
esortazione a fare il bene senza calcoli di sorta, per­ descritta come «un sorso preso da acque abbon­
ché a suo tempo la ricompensa arriverà. La singolare danti». Vari commentatori hanno suggerito di
formulazione sallah lahm'kà continuò tuttavia a far emendare il testo per evitare la menzione di majim
pensare a un incoraggiamento alla navigazione (cfr. (BHS, cfr. Kraus, BK xv/2, *1978, 664) sebbene il
R. Gordis, Koheleth, New York *195 5, 320) e que­ T.M. abbia un suo senso, secondo il quale si ha qui
sto - inteso in maniera non unanime - nel senso di
un confronto tra l’opera deleteria dell’empio e lo
un’esortazione a rischiare, ad affrontare anche l’in­
certo assoluto (cfr. W. Zimmerli, ATD 16, 21967, spreco inutile di una ricca risorsa idrica (cfr. tut­
240). Secondo W. Hertzberg (KAT xiv/4 174) e O. tavia l’enunciato simile a proposito degli «dèi» de­
Loretz, Qohelet und der Alte Orient, 1964, 88 la moniaci in KTU 1,23,62 s.; v. H. Ringgren, V T 3
massima si riferisce quindi a un’azione che, contro [1953] 269).
ogni attesa, arriverà comunque a buon fine (diversa­ Dio è considerato una sorgente d’acqua viva,
mente A. Lauha, BK ad /.). (ff J m etafora trasparente della potenza vivificatrice di
Jhwh, colui che dona fertilità, salvezza e giustizia
k) L ’acqua in quanto bevanda ed elemento fon­ (Ier. 17,13). Jhwh è fonte di vita e di benedizione
damentale necessario per la vita e la forza ricorre per il suo popolo. Perciò quando gli Israeliti lo
parimenti in numerose metafore. Così l’immagi­ tradiscono per Ba'al la loro apostasia può essere
ne di bere acqua (sàtà) è usata spesso per indicare definita come un «abbandono della sorgente d’ac­
l’assunzione di determinati comportamenti: lo qua viva e di scavo di cisterne screpolate che non
scellerato «beve malvagità come acqua» (lob 15, possono tenere l’acqua» (Ier. 2,13).
16). La salda convinzione di Giobbe davanti ai Una metafora ancor più ricca di piani di signi­
rimproveri e alle esortazioni dei suoi amici dimo­ ficato si trova nella visione di Ezechiele relativa al
stra che lui è «uno che beve la derisione come tempio ricostruito, in particolare nella visione del­
acqua» (lob 34,7). Bere acqua dalla cisterna offre la sorgente del tempio (Ezech. 47,1 ss.). Qui con­
materia per la metafora didascalica: «Bevi l’acqua cezioni mitologiche e idee metaforiche tradizio­
della tua cisterna!» (Prov. 5,15), inequivocabile nali riguardanti l’acqua diventano una immagine
esortazione alla fedeltà verso la propria moglie. della benedizione che verrà a Israele dal rinnova­
Con i medesimi sottintesi in Cant. 4,15 l’amata è mento del culto. Le idee di fertilità, salvezza, ab­
detta «sorgente d’acqua viva» (= sorgente nel giar­ bondanza e benedizione cultuale sono riunite a
dino) e «fiume che scorre giù dal Libano». Di comporre un quadro che raffigura l’adempirsi
nuovo, con un riferimento linguistico mitologico, dell’inimmaginabile: le acque del Mar Morto ven­
Cant. 8,7 afferma la stabilità del vero amore, che gono sanate (w . 8 s.). Per la sorgente del tempio
nemmeno «le potenti acque (majim rabbim: allu­ dispensatrice di benedizione cfr. anche Zach. 14,8.
sione all’acqua del Caos? cfr. sotto, iii.i, e H. -> gjhwn (gihón).
Ringgren, ATD 16, ad l.) possono spegnere». Nel linguaggio figurato apocalittico l’acqua
Prov. 25,21 allude all’ospitalità con la sua usanza compare in Zach. 9 ,11: i redenti d’ Israele vengo­
di offrire acqua all’ospite, ed esorta a dare al ne­ no rilasciati dalla fossa nella quale - secondo una
mico pane e acqua per farlo vergognare della sua aggiunta al testo - non c’è acqua.
ostilità. Infine l’attesa di notizie può essere para­ m) A causa dell’ampiezza incalcolabile del ma­
gonata alla sete d’acqua (Prov. 25,25). re, l’acqua è una frequente metafora per l’infinità
2 i ( iv ,8 6 i ) majim (R.E. Clements) (rv,8é2) 22

e la perfezione. Nell’eone futuro la terra sarà pie­ altezza il Mare» (KTU 1.2 passim; v. sopra, i.6.c e
na della conoscenza di Jhwh, «come le acque ri­ J. Gray, The Legacy o f Canaany VTS 5, *1965, 23
empiono il mare» (Is. 11,9 = Abac. 2,14). In IIos. ss.; Schmidt, Kónigtum 10 ss.; -> voi. ni 756 s.).
10,7 si contrappone l’infinita distesa della super­ Questo mito era ben noto all’A.T. (cfr. Ps. 74,13;
ficie delle acque all’estrema piccolezza di un fu­ Is. 51,9 s.; Ps. 89). La personificazione della po­
scello che vi galleggia. Il versetto vuole descrivere tenza acquatica primordiale fu chiamata nell’A.T.
quali saranno le conseguenze del giudizio di Dio con diversi nomi: Rahab (Is. 30,7), Leviatan (Is.
sul re di Samaria. Il testo è tuttavia incerto (cfr. 27,1) ecc. Ps. 104,26 parla del Leviatan privato del­
H.W. Wolff, BK x i v / i , 2i 965, 221 s.); F.I. Ander­ la sua potenza, che si limita a giocare nelle acque
sen - D.N. Freedman, AB 24 548. 538 intendono del mare senza rappresentare più una minaccia.
qesef come «ira» (divina). Tali residui mostrano quale grande importanza
n) Infine majim s’incontra in diverse immagini. abbia avuto questo mito nell’Israele antico. Ma si
In Ier. 6,7 Gerusalemme viene accusata perché tratta soltanto di frammenti di vari motivi mito­
tiene sempre in fresco la sua malvagità «come un logici. La grande somiglianza di queste tracce mi­
pozzo mantiene fresca la sua acqua». Geremia usa tologiche con i miti della regione siro-mesopota-
l’immagine del bere l’acqua per biasimare pubbli­ mica esclude che Israele ne abbia mai avuto una
camente la ricerca di alleanze militari e politiche versione propria: i frammenti dimostrano che gli
con l’Egitto e con l’Assiria (Ier. 2,18). Ezechiele Israeliti hanno adattato e variato svariati elementi
dipinge il giudizio di Dio sull’Egitto per mezzo di questa diffusissima mitologia.
di una singolare metafora della purificazione: Echi del mito del conflitto tra Dio e il Mare
Jhwh renderà le acque del Nilo limpide e farà (l’Acqua) s’incontrano ripetutamente in Israele,
scorrere i fiumi dell’Egitto come olio (Ezech. 32, ad es. nella ferma e netta negazione di una parteci­
14). Il paragone della tribù di Ruben con «le ac­ pazione dell’acqua alla creazione e nell’imposizio­
que che traboccano schiumeggianti» (Gen. 49,4) ne a questo elemento di limiti invalicabili (cfr. Ps.
vuole caratterizzare l’irrequietezza e labilità (l’esu­ 104,5-9; cfr. anche Ps. 46,4; 65,10 dove le acque
beranza o l’arroganza?) di questa tribù d’Israele. del Caos minacciano la sfera di sovranità di Jhwh).
Infine in Ezech. 32,2 si ha una tarda elaborazione
iii.i. In tutto l’Oriente antico l’acqua fu consi­ di questo mito.
derata un elemento primordiale della creazione e Anche l’idea dell’oceano primordiale come «ac­
della nascita della vita. La sua mancanza portava que potenti» (majim rabbim) è ampiamente dif­
morte e distruzione, la sua presenza vita e fertili­ fusa nell’A.T. Alcuni passi hanno conservato an­
tà. Associata con tempeste e temporali, ben pre­ cora una chiara reminiscenza di una potenza co­
sto le furono attribuite natura e potenza divine. smica del Caos dal carattere distruttivo (cfr. Ps.
Così la si ritenne non solo un elemento presente 93,4; May 9 - 2 1 ) . Per unire l’antica mitologia della
nella creazione, bensì una potenza cosmica. Oltre creazione con la tradizione dell’esodo, in Ex. 15,
alle potenzialità positive per la vita e la fertilità, 10 le acque dello jàm sùf che inghiottono gli Egi­
erano insite nell’acqua anche le forze negative per ziani vengono chiamate majim rabbim (cfr. Is. 43,
distruggere l’ordine e opporsi alla signoria di 16 e Norin 77 ss.). Di più difficile determinazio­
Jhwh. Tale caratterizzazione collima con quella ne risultano i passi relativi alla sfida dei majim
del drago mesopotamico Tiamat (cfr. Wakeman rabbim alla signoria di Jhwh (2 Sam. 2 2 , 1 7 ; ^s■
16 ss.; Norin 42 ss.). La presenza nel mare, la pe­ 1 7 , 1 2 s.; P j . 29,3; 32,6; Ier. 51,55). L ’ultimo passo
netrazione nel terreno che lo rende umido e ferti­ paragona la minaccia di Babilonia per Israele al­
le, la funzione purificatrice e vivificante dell’acqua la minacciosa opposizione dei majim rabbim nei
le attribuirono nell’Israele antico un ruolo speci­ confronti di Jhwh (cfr. anche Ier. 1 0 , 1 3 ;
fico di energia cosmica che poteva essere addirit­ Ezech. 1,24). In Is. 17,12 s. ed Ezech. 43,2 il mug­
tura affiancata a Dio (cfr. Kaiser 1 ss.; W.H. ghiare dei popoli nemici viene paragonato al mug­
Schmidt, Alttestamentliche Glaube und seine Um- gito delle acque primordiali. Altrimenti l’espres­
welt 152 ss.). Nella regione siro-cananea questo sione majim rabbim ricorre solo in testi poetici
ruolo dell’acqua s’incontra in diverse manifesta­ che descrivono il mare (Is. 23,3; Ps. 18,17; anche
zioni e forme (cfr. Kaiser 40 ss.; H. Gese, Die Re- qui la dimensione mitologica cosmica non è del
ligionen Altsyriens 59 ss. 134 ss.). La mitologia tutto sublimata). Con una variazione terminolo­
ugaritica narra di una lotta tra Ba'al e il potere gica Ps. 124,4 chiama le indefinite potenze ostili
cosmico del mare (-> jm \jdm\) personificato hammajim e nahlà ‘torrente’.
nella figura di tpt nhr zbl jm «Giudice fiume, sua 2. Dall’idea di una virtù divina nell’acqua, che
2 3 ( i v , 8 6 3) majim (R.E. Clements) ( i v ,864) 24

dona vita e apporta fertilità, scaturisce la venera­ preferire acqua corrente (Lev. 14,5 s.50 ss.; Num.
zione delle sorgenti d’acqua come luoghi sacri. 19,17 ss.). Il rituale della purificazione di un
Per questa ragione presso sorgenti e pozzi si tro­ lebbroso richiedeva lo sgozzamcnto di un uccello
vano spesso templi, ma le sorgenti erano conside­ su un paiolo con acqua fresca (Lev. 14,5 s. 50 ss.).
rate di per sé sacre. La sorgente di Bersheba go­ Anche per altri tipi di sacrifici bisognava lavare in
dette di una particolare dignità sacra, essendo il acqua alcune parti della vittima (zampe e interio­
luogo in cui era stato concluso il patto ma anche ra; Lev. 1,9.13; 8,21). Gli stessi addetti al culto do­
in quanto sorgente (cfr. Gen. 21,30 s.; 26,23 ss.). vevano sottoporsi a lavacri prima di iniziare la ce­
La sacralità dei pozzi era il tema del canto del poz­ lebrazione dei riti. Anche i candidati aronidi alla
zo (cfr. Num. 21,17 s-)- La credenza nella sacrali­ cerimonia della consacrazione dovevano sotto­
tà dell’acqua dei fiumi fa da sfondo alla storia del­ porsi ad abluzioni prima dell’ordinazione sacer­
la guarigione di Naaman dalla lebbra, operata da dotale (Lev. 8,6). A differenza di questa normati­
Eliseo (2 Reg. 5,1-14). In questo caso è l’acqua va, Num. 8,7 prescrive per i leviti che dovevano
del Giordano (-» jrdn [jardèn]) che purifica dalla essere consacrati al servizio levitico una purifica­
lebbra (2 Reg. 5,10.12.14); la settuplice immersio­ zione mediante aspersione con «acqua di purifica­
ne richiama alla mente il rito della purificazione in zione dal peccato» (me batta’t) (cfr. anche Num.
acqua corrente (v. sotto, 3). Con questo non si at­ 19,21; Ezech. 36,25). Ciò permette di concludere
tribuiva all’acqua uno specifico potere di purifi­ che tali abluzioni rappresentavano atti simbolici e
cazione e rinnovamento vitale, ma la si vedeva co­ al contempo sostituivano lavande totali. Tuttavia,
me il tramite di un atto efficace divino. secondo Lev. 16,4.24 un bagno totale era obbliga­
3. Con l’antica concezione della purità (-» thr torio per il sommo sacerdote prima di poter entra­
[tàhar]) erano strettamente congiunte quelle di re nel santissimo il giorno dell’espiazione, e ugual­
santità (-» qds) e perfezione (-» tmm) (cfr. Doug­ mente dopo aver celebrato qualunque rito. Per i
las 73 ss.). I campi semantici si sovrapponevano e lavacri dopo il rito dell’uccisione della vacca ros­
si assimilavano reciprocamente: «I nostri rituali sa e dopo la suddivisione del bottino di guerra cfr.
creano un gran numero di piccoli mondi seconda­ Num. 19,9 e 31,24.
ri irrelati. I loro rituali creano un singolo univer­ In relazione alla purificazione dei lebbrosi era­
so simbolicamente coeso» (Douglas 69). Risulta no prescritte lavande per tutto il corpo. Quando
quindi impossibile intendere adeguatamente l’uso veniva riscontrata la purità di un lebbroso guarito
rituale dell’acqua nell’abluzione e nella purifica­ egli doveva lavarsi completamente, radersi tutti i
zione, senza tener conto della labile distinzione peli e lavare le vesti (Lev. 14,8 ss.). La stessa pras­
tra lavacro sacro e profano, rituale e quotidiano. si andava seguita da persone affette da gonorrea
L ’eliminazione dello sporco, di influenze nega­ (Lev. 15,5 s.8 ss. 18,21 s.27). In questo caso era ri­
tive e malattie, come l’eliminazione dell’impurità chiesto che si lavassero anche le coltri. Senza dub­
rituale erano tanto strettamente correlate che è bio queste regole levitiche intendevano raggiun­
impossibile interpretare uno di questi aspetti di­ gere un alto grado d’igiene e impedire altre infe­
sgiunto dagli altri. zioni; ma questo intento non può essere separato
Tra le suppellettili usate per il culto e destinate dalle idee di purità e impurità rituali. Perciò an­
alle abluzioni rituali spiccava il «mare di bronzo» che l’atto di lavare e di lavarsi aveva un carattere
(jam mùsdq, 1 Reg. 7,23 ss.). Si trattava di un con­ quasi rituale. Dopo aver toccato una carogna la
tenitore per l’acqua sovradimensionato, del quale persona contaminata doveva lavare con acqua sé
non si sa niente di preciso: né per quali riti venis­ e le proprie cose (in particolare i suoi indumenti;
se usato, né se fosse veramente impiegato per una Lev. 11,32.36). Il contatto con un cadavere richie­
occasione rituale; è quindi rilevante ai nostri fini deva una meticolosa purificazione con acqua,
solo la sua presenza nella dotazione del tempio. compresi anche gli abiti e soprattutto la tenda
La sua designazione come «mare» fa pensare a un nella quale si era verificato il decesso (Num. 19,
simbolismo cosmico e religioso (cfr. W.F. Alb- 13 ss.). Il bottino di guerra che non poteva venire
right, Die Religion Israels im Lichte der archaolo- bruciato doveva essere lavato con acqua a moti­
gischen Ausgrabungen, 1959,166 ss.). Oltre a que­ vo della sua appartenenza a una sfera numinosa
sto grande catino il tempio di Gerusalemme era (Num. 31,23).
fornito anche di dieci bacini (kijjòrót, 1 Reg. 7,38 Nell’episodio della disputa tra Elia e i profeti
s.43) che forse contenevano anch’cssi acqua (cfr. di Ba'al sul Carmelo (/ Reg. 18,20 ss.) Elia versa
Ex. 30,18; 40,7.30). quattro secchi d’acqua attorno all’altare (vv. 33
Per le necessità del culto si doveva senz’altro ss.38). Non si tratta qui assolutamente di un uso
25 (iv,864) majim (H.-J. Fabry) ( iv ,8 6 5 ) 2 6

rituale dell’acqua, ma solo di un modo per dimo­ La trasmissione della maledizione attraverso
strare che il fuoco che consuma il sacrificio viene l’acqua viene rafforzata dall’imposizione di un
direttamente da Jhwh. solenne giuramento di maledizione, che con un
4. Solo una volta s’incontra l’acqua in un con­ duplice «amen» la donna riconosceva come vin­
testo di rilevanza giuridica (Num. 5,11-31). Si trat­ colante per sé (w . 19-22). Se la donna è colpevo­
ta di un’ordalia prevista per il caso in cui un ma­ le, la maledizione la colpisce con tutta la sua for­
rito sospetti la moglie di infedeltà coniugale. Seb­ za provocando danni fisici (-» btn [beten\ -» voi.
bene molte forme di ordalia siano note dalla Me­ 1 1255 s.: «Riporterà lesioni agli organi sessuali o
sopotamia (cfr. R. Press, ZAW 51 [1933] 121-140. perdita del frutto dell’amore»). L ’efficacia del­
227-255; P.J. Budd, VT 23 [1973] 1-14), finora l’acqua di maledizione viene potenziata anche in
non si è trovato ancora alcun vero parallelo di un’altra maniera: il sacerdote scrive con l’inchio­
Num. 5,11 ss. Per un confronto di Num. 5,11 con stro le parole della maledizione, lavando poi lo
C H §§ 131 s. cfr. M. Fishbane, Accusations o f scritto nell’acqua della pozione. Il complesso sfon­
Adultery: A Study o f Law and Scribal Practice in do magico è reso palese anche dal gesto del sacer­
Numbers y u - 3 1 : H U C A 45 (1975) 25-45, spec. dote, che scioglie i capelli della donna (w . 17 s.;
36-39 e G. Giesen, Die Wurzel sb‘ «schwbren». cfr. R. de Vaux, LO 1254). (Fabry)
Eine semasiologische Untersuchung zum Eid im
A.T. (BBB 5 6 ,19 8 1,12 4 ss.). La caratteristica più Anche in Ex. 32, l’episodio del vitello d’oro, c’è
importante di questa prova legale è la creazione una frammentaria reminiscenza dell’uso dell’ac­
di una situazione tale da obbligare a interpretare qua in un’ordalia (v. 20). Probabilmente la prassi
il giudizio conclusivo come giudizio divino (cfr. dell’ordalia nell’Israele antico era più diffusa, ma
E. Kutsch, RGG * 11 1808). Num. 5 presuppone non si hanno altre testimonianze oltre a quelle qui
che l’acqua possa provocare il giudizio divino in esaminate.
due modi: in primo luogo perché è «acqua santa» 5. La promessa di Ezech. 36,25, secondo la qua­
(majim q'dósim, v. 17), un’espressione che s’ in­ le Jhwh avrebbe versato sul nuovo Israele «acqua
contra soltanto qui; poi perché ha il potere di tra­ pura» per eliminare la sua impurità, riflette una
smettere una maledizione. Il marito che sospetta­ complessa mescolanza di aspetti cultuali, rituali,
va la moglie d’infedeltà coniugale la conduceva al mitologici ma anche metaforici. Proprio in un sif­
tempio, dove veniva eseguita l’ordalia. Il marito fatto linguaggio simbolico e in simili riti affonda­
doveva offrire un «sacrificio di gelosia» (v. 15). no le radici che condurranno più tardi al battesi­
Spettava alla donna bere l’«acqua santa» mescola­ mo cristiano. Fin dagli inizi dell’epoca dell’A.T.
ta con particelle di polvere del pavimento del tem­ venne attribuito all’acqua un simbolismo religio­
pio. Così l’acqua diventava «acqua amara, veico­ so di larga portata, mentre nel corso del tempo
lo di maledizione» (mè hammàrìm hame 'àrìm, v. l’aspetto mitologico cosmico venne a poco a po­
19)- co sbiadendosi. Un simbolismo a più livelli si tro­
va infine nell’immagine del fiume che scaturisce
J.M. Sasson, Nu 5 and thè «Waters of Judgment»: dalla soglia del tempio (Ezech. 47,1 ss.): questa
BZ N.F. 16 (1972) 249-251 classifica màrìm sotto immagine profetica simboleggia la benedizione e
mrr in ‘benedire’ (cfr. successivamente M. Dietrich il benessere del nuovo Israele.
- O. Loretz - J. Sanmartm, UF 5 [1973] 119-122) e In questo modo dunque diversi tratti fondamen­
vede nella denominazione dell’acqua una coppia, tali, provenienti dall’eredità mitologica e rituale,
«consistente di ‘acque che benedicono’ e ‘acque che
si sono fusi insieme per formare un tipo di sim­
maledicono’, quindi ‘acque di giudizio’». TI fine del­
l’ordalia sarebbe così fondamentalmente aperto a bolismo religioso radicalmente nuovo che, par­
una dimostrazione di innocenza della donna. Per tendo dall’A.T., fu notevolmente sviluppato nel
contro Giesen 127 n. 270 fa notare la sinonimia di giudaismo tardo (soprattutto a Qumran, v. sotto,
’rr e mr (w. 22 s.) e considera, contro Sasson, che il iv) e nel cristianesimo (cfr. Io. 7,37 ss.).
fine dell’ordalia sia la dimostrazione della colpevo­
lezza della donna. A favore di tale lettura si può far R.E. Clements
valere la natura di maledizione, decisamente negati­
va, del procedimento. G.R. Driver (Syr 33 [1956] 73­
iv. Non sorprende affatto, in conformità con i
77) ha collegato màrìm con mrh ‘essere riottoso’,
interpretando mè hammàrìm nel senso di «acque di reperti archeologici, che a Qumran anche il ter­
controversia, disputa»; H.C. Brichto (HUCA 46 mine majim sia frequentemente documentato (ol­
[ 1:975] 61) riferisce invece màrìm a jrh in ‘insegnare’ tre 110 volte, di cui solo in iQ H 27, C D 1 1, iQ S
interpretando «acqua dell’oracolo». 7 e in 1 iQ T 13). La parola manca in iQ M . L ’uso
2 7 (iv,866) min (P. Beauchamp) ( i v ,8 6 7 ) 28

dell’acqua per le abluzioni sacre è chiaramente mondo della luce. L ’acqua può essere personifi­
dominante, come mostrano le ricorrenze in iQ S cata e assume, in quanto «Giordano» (-> jrdn [jar-
(tutte nello strato redazionale più recente): l’ac­ dén]), funzione messianica. Come l’acqua stessa è
qua della purificazione (niddà> iQ S 3,4.9; 4,21; unita, in quanto elemento cosmico, con il mondo
cfr. C D 10,10-13; IT>4 ed Ezech. 36,25) è per i della luce, così il battesimo terreno diventa «im­
membri della comunità come lo spirito della veri­ magine del battesimo celeste e insieme simbolo
tà; gli estranei e coloro che non vogliono conver­ dell’appartenenza dell’anima al mondo della luce.
tirsi non possono quindi avvicinarsi a quest’ac­ Il battesimo garantisce e conferisce la reale unione
qua (ho’; cfr. iQ S 3,4.5; 5,13). Il termine specifi­ deiranima divina caduta con l’acqua che è pari­
co mostra che si tratta probabilmente di un ba­ menti di origine ultramondana» (cfr. K. Rudolph,
gno rituale di ammissione (cfr. O. Betz, RQu 1 Die Mandaer 11, F R L A N T 75, 1961, 61 ss. 93).
[i 958~59] 216-220; J. Gnilka, RQu 3 [1961] 185­
207; J. Pryke, RQu 5 [1964-65] 543-55:1; H. H.-J. Fabry
Thyen, Studien zur SUndenvergebung im N.T.
und seine alttestamentlichen und jiidischen Vor-
aussetzungen, F R L A N T 96, 1970, c A.T. Abra­
ham, The Baptismal Initiation o f thè Qumran P P min
Community, Princeton 1973). Ma da sola la puri­
ficazione d’acqua è insufficiente; deve essere com­ 1.1. Etimologia. - 2. Semantica. - 3 . 1 L X X . - ir. La sto­
pletata dalla conversione (cfr. H.J. Fabry, BBB ria della creazione. - ni. Il Siracide. - iv. Qumran.
46, 1975, 297 ss.), e vale anche il contrario (cfr. H.
Bibl.: J. Barr, Bibelexegese und moderne Semantik,
Braun, BHTh 24 [1957] 29). L ’acqua della purifi­ 1965, 81 s. 108. - P. Beauchamp, Création et séparation,
cazione diventa ben presto, come il pozzo dal­ Paris 1969, 240-247. - H. Cazellcs, «MYN - espèce,
l’acqua abbondante in quanto metafora per la to­ race o h ressemblance*> (Mémorial du Cinquantetiaire
rà, una componente della mistica esoterica esse- [1914-1964], École des Langues Orientales Anciennes
nica della comunità (iQ H 16, 13-19). Mentre il de l Institut Catholique de Paris [Coll. Trav. de l’Inst.
Rotolo del Tempio parla dell’acqua quasi esclusi­ Cath. de Paris 10], Paris 1969) 105-108. -W.H. Schmidt,
vamente nel contesto delle leggi di purità (11Q T Die Scbòpfungsgeschichte der Priesterschrift (W M ANT
45,16; 49,12-18; 50,2.14; 51,3 ss.) e delle norme re­ 17, '1967). - O.H. Steck, Der Schòpfungsbericht der
Priesterschrift, "1981. - Cl. Westermann, Genesis 1-11
lative ai sacrifici (20,1; 32,14; 52,12; 53,5), iQ H
(BK 1 / 1 / 1 9 7 5 , 174 s.).
collega majim a contesti antropologici: l’uomo
come prodotto di argilla e acqua (1Q H 9,21; 11, 1.1. L ’etimologia di min non è stata ancora chia­
24; 5,15); i nemici sono paragonabili a majim rab- rita. Oltre a tentativi di far derivare la radice da
bim irrompenti (iQ H 10,16.27); l’acqua come im­ un etimo arabo mjn nel senso di ‘creare, fertilità,
magine del pericolo (iQ H 11,13-16 .26 ; 14,24; CD far nascere esseri viventi del medesimo genere’
19,16); il cuore (-» Ib [lèb]) del giusto si scioglie (Cazelles, con riferimento anche all’aram. cristia­
come acqua (iQ H 10,28; 16,32). L ’immagine del no palestinese; altrimenti in ar. màna(i) significa
giusto piantato come un albero presso «ruscelli ‘mentire’ ma anche ‘dividere, arare’ [cfr. i lessici e
d’acqua» (Ps. 1,3) viene recepita in iQ H 16,4-9 e A.M. Honeyman, VT 5 (1955) 220]; cfr. l’et. mé­
18,25. Degna di nota è, infine, l’interpretazione na ‘ mentire’ [Dillmann, Lex. Ling. Aeth. 213; cfr.
rigoristica del comandamento del sabato, quando anche Barr]), si è fatto riferimento anche all’acc.
CD t i , i 6 stabilisce che di sabato non è lecito ti­ minu ‘porzione, numero’ e minùtu ‘conteggio,
rare fuori da «un buco d’acqua» una persona viva conto’ (AHw 11 656 s.; C A D M/2 96 s., «numero,
che vi sia caduta dentro. Cfr. inoltre J. Neusner, importo, contabilità, forma, figura»; probabil­
The Idea o f Purity in Ancient Judaism (Studies in mente da manu ‘contare’). La citazione di Alb-
Judaism in Late Antiquity 1, Leiden 1973) e J.M. right in K B L 3 547 è sbagliata. Il significato dell’ug.
Baumgarten, Studies in Qumran Law (Studies in mnm (KTU 1.4, 1 39) è parimenti incerto (cfr. A.
Judaism in Late Antiquity 24, Leiden 1977), 46­ Caquot - M. Sznycer - A. Herdner, Textes Ou-
51.88-97. garitiques 1, Paris 1974, 196; cfr. anche la contro­
2 .1 mandei osservavano un proprio culto del­ versia tra M. Dahood, Sacra Pagina 1 [1959] 270
l’acqua, i cui elementi principali erano il battesi­ s. e C. Rabin, Script Hieros 8 [1961] 392 s.). Di
mo e le abluzioni. Per tali riti era necessaria «ac­ fatto incontestata è solo l’affinità etimologica con
qua viva» (in antitesi con «acqua torbida» o «ac­ t'mùnà (cfr. M. Dietrich - O. Loretz, UF 10
qua scura»), cioè acqua corrente che era unita al [1978] 62: «forma, genere»).
29 (iv,868) min (P. Beauchamp) (iv,869) 30

2. min ‘genere’ o ‘specie’ è un termine relativo canza di min quando il discorso verte sull’uomo.
alla classificazione che viene usato in generale nel­ Se dunque min riguardasse la capacità di un esse­
l’ambito delle piante o degli animali. Da tale uso re vivente di riprodursi in maniera simile in una
l’uomo non è affatto escluso (cfr. Ecclus I3,i6b; successione ininterrotta di generazioni (Cazelles),
diversamente iQ S 3,14: Ikl mjnj rwhwtm con potrebbe essere benissimo usato anche per l’uo­
twldwt nel contesto). C D 4,16 ha min nel signifi­ mo. Ma le cose non stanno così, e allora si deve
cato astratto di ‘categoria’. Con l e assume il valo­ prestare maggiore attenzione allo sfondo del te­
re distributivo di ‘specie per specie’ o «secondo la sto: qui si manifesta l’opposizione tra mondo
differenza delle specie», oppure al sing. «secondo umano e mondo animale, con le sue conseguenze
le sue specie» (Elliger; Lev. 11,14.19); cfr. CD morali e religiose. Ma anche il contenuto di que­
4,16 bmjnjhm «di qualunque specie siano», e Ec­ sta distinzione è significativo: l’uomo non è di per
clus 43,25b, greco TtoixiXi'a. sé una specie, né la molteplicità degli uomini, del­
3. 1 L X X rendono min con opoioc; (20 volte), le razze e delle nazioni è una molteplicità di spe­
YÉvck; ( ii volte), (i volta) e TtoixtXta (1 cie. Tuttavia l’umanità è chiamata a moltiplicarsi
volta). in un ambiente che è già riempito dal mondo ani­
male (Gen. 1,26-28). L ’ «unità» umana dovrà quin­
II. La diversità delle specie ha la sua base nel di dominare la molteplicità animale delle specie.
piano della creazione. Come le opere imperiture Anche la tradizione del diluvio (7 ricorrenze di
sono sottoposte al principio della separazione min in Gen. 6,20; 7,14) e numerosi testi profetici
(bibdil), così le opere caduche lo sono al princi­ (Is. 11,1-9 ) confermano che l’uomo ha essenzial­
pio della differenziazione (min, io ricorrenze in mente una missione politica nei confronti del
Gen. 1 ,1 1 s.21.24 s.). mondo animale. A causa del rapporto temunà/min
Separazione e differenziazione stanno a loro (Cazelles) è possibile intendere ancor meglio tale
volta in stretto rapporto con la legge: la legge di­ missione dell’uomo, in quanto basata sulla somi­
vina che pone termine al Caos, e la legge mosaica glianza dcll’«unità» umana e divina e in confor­
che impedisce che si mescolino le specie (kil'aj- mità della differenza tra uomo e animale.
im) (Lev. 19,19; Deut. 22,9-11). Tuttavia il con­ La tradizione del diluvio conosce un capovol­
cetto di kiVajim non comporta l’uso del termine gimento di tale rapporto, in quanto ora l’uomo di­
min, diversamente dall’elenco degli animali puri e vora l’uomo come l’animale divora l’animale, con­
impuri (Lev. 11,14-16.19.22.29; Deut. 14,13-15. traddicendo così palesemente il suo destino origi­
18). Perciò non si può dire con certezza che le ri­ nario (Gen. 1,29 s.). Questo viene comunque pre­
correnze di min nella storia della creazione di P supposto dalla legge noachica (Gen. 9,1-7 Pg). Da
comportino un riferimento diretto alle norme qui è così possibile rilevare anche lo stato prece­
della torà (diverso è il giudizio di W.H. Schmidt). dente della conoscenza, in quanto le allusioni di
La presenza di min è piuttosto un indizio del Gen. i,i-2,4a diventano comprensibili e vengono
retroterra sapienziale di Gen. i,i-2 ,4a: «Nel caso confermate dalla tradizione del diluvio, come più
della meticolosa separazione delle specie vegetali tardi anche dal Siracide.
e animali dovuta a P si può parlare di interesse
‘scientifico’, ma si deve subito far notare la diffe­ in. Ecclus 13,15 s. (ebr.) commenta Gen. 1,1-
renza con nostro concetto di ‘scienza’» (Wester- 2,4a e forse anche Lev. 19,19 s. (cfr. Ecclus 25,8):
mann 175). come nel mondo animale gli uomini si divorano a
Come mostrano già gli antichi proverbi di Sa­ vicenda o si raggruppano in base al loro min (il
lomone con la loro differenziazione tra vegetale e Siracide applica qui il termine all’uomo, alluden­
animale (1 Reg. 5,13), il pensiero sapienziale si in­ do così al suo stato dopo il diluvio). La sequenza
teressò da sempre alla classificazione, alla «tasso­ dei due comandamenti in Lev. 19,18 s. viene for­
nomia». Per quel che riguarda gli animali si può, se ripresa in Ecclus 13,15 s.: amare i propri simili,
sulla base delle affermazioni dei testi, ricavare una ma non mischiarsi con altri. In questo modo, dun­
importante indicazione per l’interpretazione. que, l’uso di min in Gen. 1,1-2,43 sarebbe stato
La molteplicità delle specie è un tratto domi­ avvicinato dal Siracide a quello di k il’ajim nella
nante della realtà animale. Nel sistema dello «sche­ legge.
ma dei sette giorni» l’anim ale sta m opposizion e
all’uomo: la molteplicità della fauna viene con­ * iv. A Qumran min ricorre solo 3 volte in te­
trapposta all’ «unità» dell’uomo. Questa opposi­ sti appartenenti a uno stadio relativamente antico
zione viene segnalata anche dalla sistematica man­ della setta. Mentre CD 12,14, riprendendo palese-
3 i ( i v ,8 7 o) mkr (E. Lipinski) (rv,8 7 1 ) 3 2

mente il significato di min in Gen. i,i-2,4a, for­ 32; 13,15 s.20; Prov. 31,24), ed è documentato più
mula ora le sue leggi sui cibi (hdgdbim beminè- tardi nei contratti di wadi Murabba'at databili al
hem «le cavallette conform em ente alle lo ro spe­ 134 e 135 d.C. (Mur. 29,1.10; 30,1.4.10.20). Con­
cie» vengono dichiarate non commestibili), CD trollando le attestazioni più antiche di mkr si sco­
4,16 applica min all'ambito giuridico: Belial fa pre tuttavia che non si può classificare questo ver­
apparire fraudolentemente quali mine hassedeq, bo specificamente nel campo lessicale «compra­
tre «specie di giustizia», la fornicazione, la ric­ re/vendere», perché indica piuttosto l’alienazione
chezza e la contaminazione del tempio. Un pe- di beni, di solito barattandoli con oggetti di valo­
sher a Is. 24,17 spiega chiaramente come in ulti­ re, anche indipendentemente da un cambio di pro­
ma analisi non ci si possa sottrarre a questa pre­ prietà. Ancora in età talmudica mkr viene usato
sunta «giustizia», diventando quindi irrimediabil­ per indicare un trasferimento di diritti e di riven­
mente colpevoli. Nella legge del mas'kil, che è pro­ dicazioni per un determinato lasso di tempo, sen­
babilmente antica (iQ S 3,13 ss.; cfr. J.L . Duhai- za che intervenga un reale cambiamento di pro­
me, RB 84 [1977] 566-594) si applica min all’uo­ prietà. Così bB.M. 79a-b dibatte il caso di un uo­
mo in sintonia con lo sviluppo biblico tardo. E mo che «mwkr il suo campo per 60 anni», scaduti
compito del mas'kil (cfr. H.-J. Fabry in Der Dia- i quali la terra ritorna a far parte delle sue pro­
kon, Fs. A. Frotz,21981, 15-26, spec. 16 s.) giudi­ prietà. Non si tratta quindi di una vendita in sen­
care i singoli membri della setta, ammaestrandoli so proprio, bensì del trasferimento di un diritto
in maniera adatta ai mine rùhòtdm «generi dei di usufrutto, mkr denota quindi un cambiamento
loro spiriti» (iQ S 3,14). Le più antiche norme ri­ di proprietà che può, ma non necessariamente de­
guardanti il mas'kil parlano solo di k erùhò «se­ ve, essere frutto di una vendita.
condo il suo spirito» (iQ S 9,14). _ Questo aspetto appare chiaramente nelle atte­
(H.-J. Fabry) stazioni della prima metà del 1 millennio a.C. Seb­
P. Beauchamp bene in molti casi (ad es. in Lev. 27,28; Deut. 14,
21; 24,7; 32,30; Prov. 23,23) non si possa cogliere
il significato esatto, si ha una serie di esempi ca­
n 3 D mkr ratteristici in altri testi biblici. In caso di gravi
difficoltà finanziarie «ci si consegna a qualcun al­
tro», oppure «qualcuno viene consegnato» (jim-
1. Il verbo mkr. - 1 . 1 nomi mókèr e makkàr. - 3 .1 no­
mi meker, mimkar, mimkeret. - 4. Conclusioni. - 5. I
mdkér) al creditore per 6 anni (Deut. 15,12; ler.
LX X . 34,14) oppure fino al successivo anno giubilare
(Lev. 25,39-42.47-54). Una parcella di terra che
Bibl.: Z.W. Falk, Hebrew Legai Terms 11: JSS 12 (1967) appartiene all’asse ereditario può «essere conse­
241-244. - B. Landsberger, Akkadisch-Hebriiische
gnata» (timmàkèr) al creditore ipotecario o a un
Wortgleichungen (Hebrdische Wortforschung, Fs. W.
Baumgartner, VTS 16, 1967, 176-204, spec. 176 ss. 187
usufruttuario fino al successivo anno giubilare
s. 204). - E. Lipinski, Le mariage de Ruth: V T 2 6 (Lev. 25,23-28; 27,20 s.24), ma di vendita non si
(1976) 124-127. - Id., Sale, Transfer\ and Delivery in può neanche parlare.
Ancient Semitic Terminology (Gesellschaft und Kultur Jhwh consegna (jimk'rém) gli Israeliti ai loro
im Alten Vorderasien = Schriften zur Geschichte und nemici per un periodo di 8 (Iud. 3,8), 20 (Iud. 4,2
Kultur des Alten Orients 15,19 8 2, 17 3 - 18 5 ) .- A .L. O p­ s.) o 18 anni (Iud. 10,7 s.). In nessuno di questi
penheim, Old Assyrian magàru or makàruf (Anatolian passi la traduzione «vendere» è pertinente, giac­
Studies Presented to H .G . Giiterbock, Istanbul-Leiden ché «vendere» implica un passaggio definitivo di
1974, 229-237). - W. Plautz, Die Form der Eheschlies-
proprietà, non una consegna ad uso temporaneo.
sung im A.T.: ZAW 76 (1964) 298-318, spec. 312 ss.
Ciò risulta chiaramente anche da Lev. 25,13­
1. Il verbo mkr è presente nell’A.T. 56 volte al 16, dove non si tratta affatto, come si traduce di
qal con una chiara concentrazione nel Pentateuco solito, di acquisto e vendita di terreni agricoli,
(storia di Giuseppe, Gen. 37-50 [7 volte]; legge bensì dell’acquisizione dei diritti di sfruttamento
sugli schiavi nel libro del patto, Ex. 21 [5 volte]; e usufrutto sulla proprietà di un’altra persona
norme sull’anno giubilare, Lev. 25 [7 volte]) e in fino al successivo anno giubilare (cfr. spec. il v.
Ioel 4 (5 volte); il resto della distribuzione è 16). mkr (2 volte ai w . 14 s.) indica chiaramente il
insignificante; 19 volte al hif. (7 nel solo Lev. 25); trasferimento del diritto di usufrutto che viene
il hitp. 4 volte. La traduzione usuale del verbo concesso a un determinato prezzo per un certo
ebraico mkr è ‘vendere’. Si può seguire questo si­ numero di anni. Lo stesso vale in Lev. 25,29 ss.
gnificato a ritroso fino al v sec. a.C. (Nehem. 10, per il diritto di usufrutto di una casa, fatta ecce­
33 ( 1V>872) mkr (E. Lipiriski) ( 1 7 ,8 7 2 ) 3 4

zione per quella che sia ubicata in una città forti­ di» (cfr. anche Gen. 37,28; Lev. 27,27; Deut. 21,
ficata, che dopo un anno (termine di pagamento) 14; Is. 50,t; Ioel 4,3; Am. 2,6; Nah. 3,4; 1Q 27 1, n
diventa per usucapione (prescrizione) di proprie­ 6; 1 iQ T 43,14). Perciò la frase in questione va tra­
tà dell'usufruttuario e non deve essere restituita dotta: «Se non ha nulla, sarà consegnato al posto
nell’anno giubilare. Così anche in un testo come dei beni rubati». Il medesimo significato si ha in
Ezech. 7,12 s. il mókér non può essere un «vendi­ Is. 50,ia e 52,3 ss., dove si dovrà pertanto rifiuta­
tore», giacché dal v. 13 si evince che il giudizio è re la traduzione «sarai venduto gratis» (cfr. 1Q 27
imminente ed egli - il mókér - non sarà più in con­ 1, il 6). In Am. 2,6 mkr significa chiaramente «ce­
dizione di rientrare in possesso della proprietà che dere», in un testo che condanna l’ingiusta riduzio­
ha ceduto. Ciò significa di fatto che egli agirebbe ne in schiavitù in seguito a pretese disoneste e al­
così in tempi normali: quindi non avrebbe «ven­ la corruzione dei giudici. Si deve anche tenere pre­
duto» la proprietà ma l’avrebbe ceduta in usufrut­ sente la locuzione mdkar b eja d (lud. 2,14; 3,8; 4,
to o a titolo di pegno ipotecario. Ciò viene confer­ 2.9; 10,7; 1 Sam. 12,9; Ezech. 30,12; Ioel 4,8), che
mato anche da Ruth 4,3 ss.; secondo questo pas­ non compare mai a proposito della determinazio­
so, Noemi avrebbe avuto l’intenzione di «aliena­ ne di un prezzo. La traduzione comune con «ven­
re» il terreno di proprietà di Elimelek, il marito dere» è pertanto semplicemente sbagliata. L ’asso­
defunto. L ’uso di mkr si limita a dire che la don­ ciazione di mkr con l’ indicazione di un luogo nel
na pensava di «concedere» lo sfruttamento di quale qualcuno sarà «consegnato» (Gen. 45,4 s.;
quella parcella di terreno per un periodo di tem­ Ioel 4,7; cfr. anche in ugaritico KTU 3.8,16; 2.48,
po che era limitato per legge alla durata della sua 5), oppure mkr costruito con ’el e un nome di lo­
vedovanza. Noemi non poteva «vendere» il ter­ calità (Gen. 37,36), mostra che in origine questo
reno, che sarebbe spettato al parente più prossi­ verbo non aveva nulla a che fare con le compra­
mo (cfr. Num. 27,8-11) o a un figlio postumo di vendite, sebbene tale significato debba essere non
Elimelek che Rut avrebbe potuto partorire in ba­ di rado connotato.
se alla legge sul levirato (Ruth 4,5). Proprio que­ mkr è usato anche per la consegna di una figlia
sta era la ragione per cui il parente più prossimo in sposa (Gen. 31,15) o come concubina (Ex. 11,7
rinunciava al diritto di sposare Rut: se avesse ge­ s.) e del fratello come schiavo (Gen. 37,27 s.; Deut.
nerato un discendente maschio al defunto, egli 28,68; Ps. 105,17). Nel primo caso mkr non ha
avrebbe perso immediatamente ogni diritto eredi­ proprio assolutamente nulla che fare con una ven­
tario alla proprietà di Elimelek. In epoca talmudi­ dita, dato che il cosiddetto «matrimonio di acqui­
ca la prassi del levirato era effettivamente con­ sto» non è documentato per i semiti occidentali
giunta al diritto all’eredità (hjeh. 4oa; bKet. 8ib, negli ultimi due millenni a.C. (-» mhr [mòhar]).
82a); ma più anticamente le cose non stavano af­ Persino la «consegna» in schiavitù non signifi­
fatto così, se si può postulare che il racconto di ca necessariamente «vendita», poiché un debitore
Rut rifletta un’antica situazione giuridica. In Ruth poteva consegnare in pegno al creditore un mem­
4,3 non si può quindi tradurre mkr con «vendere». bro della propria famiglia o poteva anche impe­
Anche i testi biblici che si riferiscono a perso­ gnare se stesso (cfr. Deut. 28,68). Soltanto perso­
ne come oggetto di pegno e alla riduzione in ne o cose che vengono consegnate bekesef (Gen..
schiavitù dei debitori (per l'argomento cfr. ora I. 37,28; Deut. 21,14; Am. 2,6; 11Q T 43,14) o b e'é-
Cardellini, Die bihlischen «Sklaven»-Gesetze im rek (Lev. 27,27) sono sicuramente vendute. Solo
Lichte des keilschriftlichen Sklavenrechts, BBB in tali casi mkr ha la vera connotazione della ven­
55,1981, spec. 339) mostrano ugualmente che mkr dita, ma il verbo in sé continua a significare, co­
significa effettivamente all’incirca «trasferire, con­ me sempre, 'consegnare, alienare*. Ci sono anche
segnare». Ex. 22,2 parla del ladro che deve resti­ testi (Ioel 4,3; Nah. 3,4) nei quali mdkar b a si ri­
tuire la refurtiva, stabilendo - secondo le tradu­ ferisce a una sorta di baratto. Data l’ampia esten­
zioni correnti - che «se non ha niente, sarà ven­ sione semantica di mdkar non stupisce che in
duto per il suo furto». Flavio Giuseppe (Ant. 4,8, Esth. 7,4 il verbo possa essere usato nel senso di
27, § 272) conosce invece ancora una tradizione ‘ tradurre, consegnare’ al patibolo, alla morte e al­
secondo la quale il ladro sarebbe stato «consegna­ lo sterminio.
to» alla parte lesa, se non fosse stato in grado di Anche in Ex. 21,37, dove si contempla il caso
risarcire il valore di un capo di bestiame rubato. di un ladro che ruba un bue o una pecora, l’uc­
Ciò risulta anche dalla stessa terminologia di Ex. cide o l’aliena, la traduzione con «vendere» non è
22,2, dove si parla di g enébà «beni rubati» (non opportuna, considerando l’ampia interpretazione
di «furto») e si usa mkr bc «consegnato in cambio casistica elencata in tB.Q. 7,14: «Se l’ha rubato e
35 (iv,873 ) mkr (E. Lipiriski) ( iv ,8 7 4 ) 3 6

scambiato; se l’ha rubato e sacrificato o se l’ha ru­ Il nome makkir s’incontra nei documenti di Mu-
bato e regalato; se l’ha rubato e ceduto per appia­ rabba'at 30,3.16 ed è il ptc. hif. di nkr. Questo deri­
nare un debito; se l’ha rubato e inviato alla casa vato ricorre anche nel Talmud e nel Midrash e indi­
del suocero come dono di fidanzamento: deve pa­ ca il «cessionario» al quale si trasferisce una proprie­
tà e non il «venditore», mókèr, come suggeriscono
garne quattro o cinque volte il valore». le traduzioni di Mur. 30. Il nome di clan màktr do­
Un argomento supplementare è fornito dall’uso vrebbe invece avere un’origine geografica, ed essere
idiomatico del riflessivo bitp. di mdkar in i Reg. formato dal prefisso locale m- e dalla radice kjr/kwr
21,20.25 e 2 R eg. T7>r7> dove hitmakkerkd La'àsòt nel senso all’incirca di «circoscrizione, comprenso­
hàra‘ va tradotto «ti sei fatto indurre a compiere rio» (cfr. l’ar. kùra).
un’ingiustizia» (cfr. anche Ecclus 47,24). Una con­ * Per il NP mdkir «Makir» cfr. la diversa spiega­
notazione «comprare» è del tutto fuori luogo (cfr. zione proposta da E. Taubler, Biblische Studien: Die
D.W. Thomas, JThS 37 [1936] 288 s. e jThS N.S. Epoche der Richter, 1958, 190 ss. e K BL3 549; en­
3 l>9p ] 21 4)- _ _
trambi fanno derivare il nome da mkr. Non essendo
certa la geminazione della k in Mur. 30, potrebbe
Prima di concludere si deve anche ricordare
sussistere un nesso tra i due formativi nominali.
l’acc. makdru, che ricorre principalmente in testi
(H.-J. Fabry)
assiri dove non significa mai «vendere» (cfr. CAD
Non si sa se il nome ug. mkr, copiosamente do­
M/i, 126 ss., «fare affari, usare [argento ecc.] in cumentato, e il nome pun. mkr debbano essere col­
transazioni commerciali») ma si riferisce invece, legati col ptc. mdkiru o col nome di professione mak-
nella maggior parte dei casi, a un importo in ar­ kdru, perché la vocalizzazione è totalmente scono­
gento od oro che deve (o non deve) essere pagato sciuta (cfr. anche L. de Meyer, L'étymologie de ma-
per acquistare beni che possono essere rivenduti cellum «marché»'. AC 31 [1962] 148-152).
traendone un profitto. Lo stesso vale per il prestito cananaico in egizia­
2. Il participio ebr. mókèr non viene usato sol­ mkr (cfr. W. Helck, Die Beziehungen Agyptens
no
tanto come forma verbale (Lev. 25,16; Nah. 3,4; zu Vorderasien, 1962, 563 n. 128): la grafia non per­
mette di decidere quale fosse la pronuncia, se mdki­
Nehem. 13,16), ma è considerato anche alla stre­
ru o makkàru. Anche il nome Màxr,pi<; (cfr. Paus. io,
gua di un nome derivato (Is. 24,2; Ezech. 7,12 s.; 17) lascia aperte entrambe le possibilità, posto che
Zach. 11,5 ; Nehem. 13,20). La sua traduzione co­ Maxepu; non sia una deformazione del nome divino
mune è «commerciante», «venditore». Questo de­ Melqart, come ritengono generalmente i commenti
rivato nominale s’incontra soltanto in testi relati­ sulla base della sua identificazione con Eracle, bensì
vamente recenti, a cominciare da Ezech. 7,12 s. un epiteto «mercante», simile a Hercules ponderum
Anche qui la traduzione corrente non rende il (CIL vi 336). In effetti il culto di Melqart era parti­
giusto senso giacché non ci si aspetta che un ven­ colarmente diffuso tra i commercianti. Una risposta
ditore ritorni in possesso di ciò che ha venduto. alla nostra domanda sarebbe possibile se Makar, il
leggendario primo colonizzatore di Lesbo (Etym.
mókèr denota quindi un «cedente» che consegna
Magna s.v. fiptcraìo;), fosse un «mercante» fenicio e
la propria proprietà per un determinato periodo a non invece un «beato», greco Màxap.
un «cessionario». Il significato di «venditore» co­
pre quindi solo un settore limitato dello spettro In ogni caso i mkrm ugaritici e punici hanno a
semantico di mókèr. che fare col commercio e mkr è qui senza dubbio
Il sost. makkàr s’incontra in 2 Reg. 12,6.8. Nel­ il nome di una professione. Alcuni dei mkrm di
le traduzioni è stato reso prevalentemente con Ugarit erano persone influenti e godevano di
«conoscente, amico», riferendolo cioè a nkr no­ grande autonomia nelle loro attività commerciali,
nostante l’equivalente greco ~pólgic, ‘vendita’ . Ma mentre la condizione ufficiale di altri mkrm è
i L X X hanno indubbiamente ragione nel riferire chiaramente indicata dal fatto di ricevere vitto e
il termine a mkr (cfr. K B L 3 551). La forma mak­ paga dalla reggia (KTU 4.38,3; 4.263,1; PRU in
kàr (formata sul modello qattàl) è il nome di una 200, A 11 12-46). Erano sottoposti al re nella loro
professione. Secondo il contesto di 2 Reg. 12 i qualità di ‘fornitori’ e potevano fungere anche da
makkàrìm sono commercianti che si occupano di messaggeri o accompagnare ambasciatori che por­
affari riguardanti il tempio. In testi talmudici più tavano doni e tributi ad altre corti (cfr. A.F. Rai-
recenti s’incontra makkdrìm probabilmente nel ney, IE J 13 [1963] 315). Per questa funzione era­
medesimo significato (jGitt. 3,45a; bGitt. 3oa; no paragonabili al tamkdru mesopotamico, che
bHull. 1333). Anche se non è possibile ricavare dai era parimenti un rappresentante di commercio
testi notizie più precise circa la funzione dei mak­ (cfr. AH w 1314 s.: «commerciante, negoziante,
kdrìm, sembra tuttavia certo che il termine rientri finanziere»). Tuttavia non si deve trascurare la
nel campo semantico di mkr (e non di nkr). differenza di luogo e di tempo.
37 (rv>8 75 ) male' (L.A. Snijders) (iv,876) 38

Il nome mkr è attestato anche in sudarabico al tenore e alla forma giuridica del contratto. In
(RES 3951,2), dove indica forse una persona co­ fonti ebraiche più antiche mkr si riferisce tuttavia
involta in attività commerciali. A giudicare dalla al semplice trasferimento del possesso, mentre ntn
più tarda radice ar. mkr, la regola generale caveat viene usato in clausole che vogliono sottolineare
emptor era particolarmente opportuna nell’Arabia che la cessione di un terreno comporta un’aliena­
antica. Di fatto makara significa in arabo classico zione definitiva (Gen. 13,15; 17,8; 48,4; cfr. S.E.
‘imbrogliare’; makr, che corrisponde alPebr. me- Loewenstamm, IEJ 6 [1956] 222; R. Yaron, IL R
ker, viene usato nel significato di ‘inganno, truffa’ 3 [1968] 481). D ’altra parte l’uso parallelo dei due
e un makkdr o un mdkir è un ‘ truffatore’ (cfr. H. verbi (ad es. in Gen. 25,33 s. [cfr. v. 31]; Deut. 14,
Wehr, Arabisches Wb. fiir die Schriftsprache der 21; lud. 2,14; Ezech. 30,12; Ioel 4,3; Ps. 44,12 s.;
Gegenwart, 41968, 817). Per indicare un commer­ Prov. 31,24) esclude un giudizio definitivo sul
ciante l’arabo si serve del prestito tdgir (< aram. loro significato differente e sul loro impiego dif­
taggdrà’, < acc. tamkdru). ferenziato. mkr significa quindi una cessione di
3. Il sost. meker (Num. 20,19 e Prov. 31,10) si­ possesso o un’alienazione della proprietà, con un
gnifica ‘valore, prezzo’ , ma in Nehem. 13,16 indi­ graduale passaggio semantico dal primo al secon­
ca merci e ‘terreno ipotecato’ o ‘venduto’ in Mur. do significato: caratterizza dunque la forma della
22,1-9,12; 30,4.7.16.17.22.24.28, e così anche nella transazione, ma non ne specifica la sostanza.
Mishna (Ket. 11,4) e nel Talmud (bQidd. 6b e 5. Per tradurre il verbo al qal i L X X preferi­
47a), dove si dovrebbe correggere la resa tradizio­ scono àTioSiSóvac (39 volte) e rauXelv (8 volte); al
nale «vendita di terreni» in conformità dei docu­ nif. e hitp. TUTrpàtfxeiv (19 volte in totale). I nomi
menti di Murabba'at. Questi tre significati di vengono resi quasi sempre con Ttpàmc;.
meker non possono essere derivati uno dall’altro;
devono perciò esser nati indipendentemente, in E. Lipirìski
luoghi o in tempi diversi. La connotazione di me­
ker nel senso di «terreno venduto» ha evidente­
mente sostituito il termine più antico mimkdr, il
cui significato era andato cambiando col trascor­ frÓfà
•• T
m a le *
rere del tempo.
mimkdr significava dapprima ‘proprietà fon­ t ó o m clo \ m illu'à , m illu’im ,
diaria ceduta in usufrutto’ o ‘ipotecata’ (Lev. 25, Ni U m i l i o ’ '
14.25.27.28.29.33.50; Deut. 18,8; Ezech. 7,13;
11Q T 60,15) ed eccezionalmente ‘venduta’ (Ne­ I. Ricorrenze. - 1. Nell’ambiente d’ Israele. - 2. Nel-
hem. 13,20; Ecclus 37,11). In effetti la forma no­ l’A.T. - 11. Significato. —in. Diversi modi di dire. —1.
minale ebraica costruita sul modello miqtal/miq- male’ k'bód jhwh. - 2. male' hajjàmim. - 3. mille’
tdl indica cose che vengono usate per eseguire ’aharè jhwh. - 4. mille' 'et-hadd’bàrìm. - 5. mille' ’et-
un’azione, nel caso specifico per «consegnare» e jàd. - IV. Derivati. - 1. m'io . - 2. millu’im. - 3. millò’.
«alienare» (mkr). Il sost. mimkdr che più tardi, in —V. Qumran.
CD 13,15 e nella letteratura talmudica, compare Bibl.: R. Borger, Die Waffentràger des Kònigs Darius:
nel significato di «vendita» (bB.M. 79b; bB.B. VT 22 (1972) 385-398. - M. Delcor, mi’, voli sein, ftil-
155b) è per contro un nome verbale costruito sul len (TH AT 11 897-900). - C.F.D . Moule, Fulfilment
modello dell’infinito aramaizzante miqtal. Lo Words in thè N.T., Use and A buse: N TS 14 (1967) 293­
stesso vale per il nome mimkeret in Lev. 25,42 e 320. - M. Noth, Amt und Berufung im A.T. (ThB 6,
4Q159 2-4,3, che significa «vendita» o, più in ge­ 1966, 309-333). - A. Rupprecht, Quisquilien zu der
nerale, «alienazione». Wendung «jemandem die Hand fullen» und zum Ter-
Nella letteratura talmudica, infine, si incontra minus millu’ìm (Fs. R. Rendtorff, 1975, 73-93). - D.
Winton Thomas, ml'w in Jeremiah 4,5: a Military Term:
ancora il nome mekìrà ‘vendita’ formato sul mo­
JJSt 3 (1952) 47-52­
dello q etild, molto diffuso in ebraico postbiblico.
4. La radice mkr fu quella più usata, insieme 1 .1. La radice m i' e semitica comune. L ’accadi-
con ntn, per denotare transazioni che compren­ co ha il verbo malu ‘essere/diventare pieno’
devano la cessione o l’alienazione di beni mobili ( A H w 597 ss.), il sost. milu ‘alta marea’ (A H w
e immobili. Il suo campo semantico abbraccia ‘da­ 652 s.) e lamlu ‘ terrapieno, argine, terrazzam ento/
re, cedere, consegnare, rimettere, trasferire, forni­ terrazzo’ (A H w 1316). Nell’arabo settentriona­
re’. Il risultato di una tale transazione era di nor­ le e meridionale (Conti Rossini 17 7 ) e anche in
ma un legittimo possesso o una proprietà, in base etiopico si ha un m i' ‘essere pieno’ e ‘riempire’
39 Ov,877) male’ (L.A. Snijders) ( iv ,87 8) 40

(Lex. Ling. Aeth. 148 s.; Wb. Tigre 108). Paralleli Kraus, B K xv 927). Il contrario di ‘essere pieno’ è
si hanno anche in fenicio e aramaico (DISO 151). la landa, il deserto, il paese disabitato (Ezech. 26,
In aram. biblico abbiamo di male’ unp e ‘al (Dan. 2: «Io, la landa desolata, mi riempirò»; anche se si
2,3 5) e un hitp. ‘essere riempito’ (Dan. 3,19). traducesse con Zimmerli [BK xm 614] «quella
I. Del verbo m i’ si registrano 246 ricorrenze [che un tempo fu] piena è [ora] desolata» il con­
nell’A.T., di cui 100 al qal, 108 al pi., 36 al nif., t trasto resterebbe identico); così le città ora deso­
al pu. (Cant. 5,14) e 1 al hitp. (Iob 16,10). late saranno piene di frotte di uomini» (Ezech.
36,38). Noemi si lamenta: «Piena (cioè con una
Il sost. m'iò* o m‘ ló’ viene scritto 1 volta (Ezech. famiglia completa) sono partita, vuota (rèqàm) il
41,8) e il verbo 2 volte senza N: màlù (Ezech. 28,16) Signore mi ha fatto ritornare» (Ruth 1,21).
e màlèti (Iob 32,18). Sempre 2 volte si scrive H inve­ 11 verbo è però usato anche nel senso di 'riem­
ce di K (Iob 8,21; Ezech. 16,30; cfr. anche 3Q15 11 1;
ni 8.11). Il nome jimlà (1 Reg. 22,8) «egli riempirà», pire completamente, completare’: «Rendi piena la
o «sarà pieno», è scritto jimlà’ in 2 Chron. 18,7. Is. settimana di questa (sposa)» (Gen. 29,27). In Ba­
23,2 andrebbe letto con iQIs* mal’àkékà «i tuoi mes­ bilonia si avvicina il momento la schiavitù d’Israe­
saggeri» invece di mil’uk «ti hanno riempito» (?). le sarà completa, cioè sarà colma la misura delle
In due passi l'agg. màlé’ si trova in un contesto sofferenze (Is. 40,2). Il Giordano era gonfio fin
oscuro. È incerto se si tratti di forme del verbo o del- sopra gli argini, «era pieno fino all’orlo» (Ios. 3,15;
l’agg. màlé’. Quando non si avanzano correzioni del cfr. 1 Chron. 12,16). David consegnò la quantità
testo si interpreta il termine in senso avverbiale: si richiesta di prepuzi «e inoltre la completò», cioè
chiamerà «a piena voce» (a squarciagola, Ier. 12,6), ne consegnò il numero esatto (1 Sam. 18,27; 2
verranno divorati «totalmente» (Nah. 1,10). Ma è Reg. 9,24: «Jehu riempì la mano (= la sua forza)
dubbio se, in mancanza di paralleli, si possa sceglie­
re questa soluzione, ler. 12,6 viene spesso paragona­ con l’arco» (v. sotto).
to a Ier. 4,6, anche se la cosa è impossibile (per Ier. Non si riempie solo con cose concrete, ma an­
4,5 v. sotto). Forse qui si deve vocalizzare meld’ in­ che con cose immateriali. In senso traslato qual­
vece di màlé*: ‘abbondanza, totalità, quantità’ (Gen. cuno viene riempito di sapienza (Deut. 34,9; 1
48,19; Is. 31,4). La traduzione sarebbe quindi: «An- Reg. 7,14; cfr. inoltre V. Sasson, BASO R 232
ch’essi radunano una folla dietro a te» (per perse­ [ 1978] 57-63), di lodi (Abac. 3,3) o d’ira (Ier. 15,
guitarti, inseguirti); cfr. Is. 31,4: «Tutta la folla dei 17). Sion viene riempita di giustizia (Is. 33,5), la
pastori è stata radunata contro di lui». bocca di riso (Iob 8,21; Ps. 126,2) e i fianchi di
crampi (Is. 21,3).
II. màlé’ qal ha significato transitivo o intran­ L ’avidità è come una voragine, saziarla signifi­
sitivo: ‘riempire’ o ‘essere pieno, riempirsi’. Si ca riempirla (Iob 38,39; Ps. 107,9). Le persone
legge, ad es., «lei riempi la sua brocca» (Gen. 24, possono essere riempite di ebbrezza (sikkàrón)
16)e «le case saranno piene di insetti nocivi» (Ex. come «brocche» di vino (Ier. 13,12 s.).
8,17). Non sempre si dice con che cosa si riempia, Il significato ‘essere riempito’, ‘essere pieno’
e il più delle volte l’aiuto viene dal contesto: «La può essere rafforzato in determinati contesti me­
brocca (d’acqua)» (Gen. 24,16) o «riempite l’ac­ diante il verbo sinonimo sàba' ‘saziarsi’ (Deut. 33,
qua dei mari» (cioè con voi stessi, gli animali ma­ 23; Ezech. 7,19; Ps. 17,14; 107,9). Il medesimo
rini creati, Gen. 1,22), o ancora «i suoi lembi (del concetto si ritrova nel modo di dire zàqèn ùmelé’
mantello) riempivano tutto il tempio» (con se jàmim e zàqèn useba ‘ jàmim «vecchio e pieno/sa­
stessi, Is. 6,1); cfr. anche Is. 2,6: «Sono pieni (di zio di giorni» (Ier. 6 ,11; Gen. 35,29; cfr. Gen.
gente, cose, pratiche) dell’Oriente». 25,8; Iob 42,17). Completare un tempo, giungere
La sostanza con cui si riempie un oggetto com­ alla fine di un termine, non viene espresso soltan­
pare grammaticalmente come secondo accusati­ to con màlé’ ma anche col verbo tàmam ‘essere
vo, come accusativo di materia, talora con ’et completo, finito’ (Lev. 25,29 s.). Nell’espressione
(GKa § H7a): wattemallè’ ’et hahémet majim «la parola andò a compimento» male’ può essere
«riempì l’otre d’acqua» (Gen. 21,19) e ul'm al’àm sostituito da kàlà (2 Chron. 36,21 s.) e hèkin (Ier.
’et pigre hà’àdàm «per riempirle (= le case) di 33,2). S’incontra kàlà anche quando si dice che
cadaveri» (Ier. 33,5). un determinato tempo è scaduto, compiuto, fini­
Di solito si riempie qualcosa che è vuoto: un to (Ezech. 4,8; 5,2). Lo stesso si può esprimere col
sacco con grano (Gen. 42,25), un corno con olio verbo sàlèm ‘essere pronto, compiuto’ (Is. 60,20).
(7 Sam. 16,1), una casa di fumo (Is. 6,4), le cister­ L ’agg. màlé’ ‘pieno’ (= ptc. qal fem., melé’à) si
ne o la valle con caduti in battaglia (Ier. 41,9; trova nell’A.T. 60 volte. I magazzini sono pieni
Ezech. 32,5 s.; Ps. 110,6? si legga g é ’àjòt, cfr. (Ps. 144,13), così anche le ciotole e le scodelle
4i (1^879) male* (L.A. Snijders) (iv,879) 42

{Num. 7 passim) ecc. Ciò che serve per riempire sacrazione del tempio (o di una sua sconsacrazio­
generalmente segue il rispettivo soggetto; più ne), ma il profeta vive l’esperienza della presenza
rara è la costruzione inversa: t'su'ót m elè'à 'ir «la di Dio come in una simile circostanza: egli vede
città e piena di frastuono» (Is. 22,2). Per l’espres­ «Jhwh seduto su un alto trono e i lembi del suo
sione b'kesef male’ nel senso di «pagare l’intero mantello riempivano il tempio» (Is. 6,1). Ps. 104,2
controvalore» (Gen. 23,9) cfr. G.M. Tucker, The fa pensare a un fenomeno luminoso: la veste del
Legai Background o f Gen 23: JB L 85 [1966] 77­ Signore è luce. Si pensa forse allo splendore del­
84). l’oro e dell’argento che ricorda questa presenza
luminosa del Signore, quando si dice che i tesori
t u . Il verbo male’ (con i suoi derivati) è salda­ dei popoli riempiranno la sacra casa come di «glo­
mente inserito in una serie di modi di dire teolo­ ria» (/lg. 2,7)?
gicamente rilevanti. Ci sono anche testi che ricordano la presenza
1. Con l’espressione male’ hajjdmìm ‘comple­ di Dio nel paese, nel mondo, al di fuori del tem­
tare i giorni’ si vuole indicare un determinato ter­ pio. Ma in questi casi si usa per lo più un linguag­
mine, un periodo di tempo che in un certo senso gio diverso da quello che riguarda la presenza di
è vuoto. Si contano i giorni finché il lasso di tem­ Dio nel santuario. In Abac. 2,14 si legge che la
po è riempito, i giorni sono completati, ad esempio conoscenza (da'at) del kàbód riempirà la terra, e
della gravidanza (Gen. 25,24), di un rapporto di Abac. 3,3 dice che la lode (tehillà) del nome di
lavoro (Gen. 29,21.27.28), dell’imbalsamazione Jhwh riempirà la terra; la venuta del Signore pro­
(Gen. 50,3), della durata del voto di consacrazio­ vocherà questa adorazione. La terra può anche
ne (Num. 6,5), del periodo della consacrazione di «essere piena» del hesed di Jhwh (Ps. 33,5; 119,
un sacerdote (Lev. 8,33) o del trattamento di bel­ 64), della bontà divina che si dimostra nella storia
lezza nell’harem (Esth. 2,12). Si parla anche di una d’Israele e nei grandiosi fenomeni naturali (-» voi.
durata della servitù: 70 anni (Ier. 25,12; 2 Chron. in 71; Ps. 136). L ’unico passo che attesta diretta­
36,21) che diventano ‘completi’ (cfr. Ier. 29,10; mente che Dio in persona è onnipresente nel
Dan. 9,2). L ’uomo vive per un determinato tem­ mondo è Ier. 23,24: «Non sono forse io colui che
po. Per ciascuno arriva l’istante in cui «i suoi gior­ riempie il cielo e la terra?». A Dio l’uomo non
ni sono completi» (2 Sam. 7,12; 1 Chron. 17 ,11; può nascondersi, perché egli non è soltanto un
Ex. 23,26). Se i nostri giorni sono ‘completi’ o Dio che sta vicino ma anche un Dio che risiede
‘scaduti’ la fine è «vicina» o «è giunta» (Lam. 4, lontano. Le cose stanno diversamente in Is. 6,3
18). Completare i propri giorni significa morire. dove, contro le traduzioni antiche che presuppon­
È invece una maledizione se qualcuno muore pri­ gono la lezione màle’à, si deve mantenere il T.M.:
ma del «suo giorno» (&e/5 ’ jómó, Iob 15,32) o se «Pienezza di tutta la terra è il suo kàbód». Se mè­
il vecchio non completa i suoi giorni (Is. 65,20; cfr. lo' (v. sotto) è soggetto, ciò significa che tutto quel
il modo di dire «vecchio e completo di giorni» che riempie la terra, uomini e creature, torna a
(Ier. 6,11) o il più frequente «vecchio e sazio di onore di Dio e annuncia la sua gloria (come in Ps.
giorni» (Gen. 25,8; 35,29; Iob 42,17; v. sopra). 19,1; cfr. Wildberger, BK ad /.). Certo continua a
2. Si dice spesso che il k ebód jhwh riempie la esser vero che la terra è piena di violenze (Gen.
casa o il paese (-» kbivd [kàbód|). Durante la con­ 6,11), di idoli (Is. 2,8) e di omicidi (Ezech. 7,23).
sacrazione del tempio una nuvola riempie il san­ Ma ciò non offusca Io sguardo del credente, che
tuario di Gerusalemme (1 Reg. 8 ,11; 2 Chron. 7, vede il mondo pieno «dei grandi atti di Dio».
1.2). Questa nuvola indica la presenza di Dio. Es­
sa copre la tenda della rivelazione e il k ebód jhwh Dubbi sono Ps. 72,19 e Num. 14 ,2 1, dove il T.M.
riempie il miskàn, la dimora (con se stesso, Ex. 40, ha una forma nif. che di solito viene emendata in una
34 s.). 2 Chron. 5,13 s. ha una variazione: la casa è forma attiva. Se si mantiene il T.M. si deve interpre­
tare che il kàbód di Jhwh sarà completato (sarà pie­
riempita da una nuvola e dal k ebòd jhwh. Affer­
no, totale) con tutta la terra: l’essenza della gloria di
mazioni di egual tenore si hanno in Ezech. 43,5; Jhwh consiste non solo nel dimorare nel tempio, ma
44,4; Ag. 2,7. In Ezech. 10 si racconta come Jhwh anche nelle opere in tutta la terra con le quali Jhwh
abbandoni il tempio: la nuvola esce dall’interno ‘riempie’ il proprio kàbód.
del santuario e «riempie» l’atrio, poi il k ebód jhwh
si innalza. Il tempio era «riempito» (nif.) dalla 3. L ’espressione mille* 'aharè jhwh viene gene­
nuvola e l’atrio «era pieno» (qal) dello splendore ralmente tradotta «prestare completa ubbidienza,
della gloria di Jhwh (v. 4). seguire con tutto il cuore» o simili. Questa lettu­
Nella visione di Isaia non si parla di una con­ ra concorda con la lezione dei L X X (ÈKaxoXou-
43 (iv,88o) male' (L.A. Snijders) (iv,88 x) 44

#eiv) e si adatta bene al contesto. Resta tuttavia il diato tra annuncio e adempimento cfr. anche 1
dubbio di come si debba completare l’espressione Reg. 2,27.
concisa, làlekel ‘ per camminare’ o lihjót ‘per es­ Infine in / Reg. 1,14 Natan dice che sarebbe
sere’ non soddisfano appieno. Poiché in diversi entrato dal re subito dopo Betsabea e mentre lei
punti del contesto si parla di léb ‘cuore, animo’ sta ancora parlando col re «compirà le sue paro­
questo termine offre una terza possibilità. In Ios. le». Natan non ha un messaggio diverso da quello
14, ad es., si loda Caleb per la sua fedeltà. I suoi di Betsabea, deve raccontare le stesse cose. Pro­
fratelli avevano fatto vacillare il cuore (l’animo) prio per questa ragione egli conferisce forza e va­
del popolo, mentre Caleb «ha riempito (il suo lidità alle parole di lei, perché due o tre testimoni
cuore) dietro al Signore» (v. 8). Va ricordato an­ danno «sostanza certa» a una parola o a una cosa
che 1 Reg. 11,4.6, dove si dice che il cuore di Sa­ (jàqùm dàbàr, Deut. 19,15). Perciò è indebito
lomone non era sàlèm «intero» con Jhwh: egli negare il significato di «conferma, confermare»,
fece ciò che non era gradito al Signore, «non ri­ come fa Moule che traduce: «Io racconterò tutta
empì completamente (il proprio cuore) dietro a la storia», come se ci fossero lacune da completa­
Jhwh», adorando anche Ashtoret e Milkom. Il re (C.F.D. Moule, Fulfilment Words in thè N.T.:
cuore dell’uomo può anche ‘essere pieno’ per fa­ NTS 14 [1967] 308).
re il male (Eccl. 8,11), «essere pieno di bottino» I L X X traducono l’espressione per lo più con
(Ex. 15,9) o essere riempito dello spirito di sa­ 7:?,Tr)pó(u tÒv Xóyov e una volta con auvTe?*eito
pienza (Deut. 34,9). Si capisce così il modo di di­ ‘completare’, ‘terminare’ (Dan. 4,30).
re abbreviato «riempire dietro a Jhwh»: nel cuore 5.a) L ’espressione mille' jad hakkóhén «riem­
non c’è niente di contrario a Jhwh, è compieta- pire la mano del sacerdote» (-» jd [jàd], -» voi. ili
mente o perfettamente per, o dietro, il Signore. 507, khn, voi. iv 243) s’incontra 16 volte con
Come già si è accennato, l’espressione viene usata riferimento alla consacrazione dei sacerdoti: Ex.
più volte per Caleb (Num. 14,24; 32 ,11 s.; Deut. 28,41; 29,9.29.33.35; 32,29; Lev. 4,5 (LXX); 8,33
1,36; Ios. 14,8.14). (bis); 16,32; 21,10; Num. 3,3; Iud. 17,5.12; 1 Reg.
4. Particolare attenzione meritano anche i testi 13,33; 2 Chron. 13,9; 29,31. I LX X indirizzano
chc parlano di ‘adempire le parole’ (mille ' 'et had- l’attenzione in una determinata direzione, tradu­
d'bàrìm). Si dice spesso che con la mano si adem­ cendo mille' in questo caso non con 7u'p.7iÀY)|J.i
pie ciò che è stato detto con la bocca (/ Reg. 8,15. (76 volte) o 7tXT)pów (71 volte), ma con TEXeióto
24; Ier. 44,25; 2 Chron. 6,4.15; 36,21). La parola ‘perfezionare, completare’. L ’oggetto è al plurale:
(profezia, voto, testimonianza) viene confermata T<x^ x£‘Pa^- 1° un caso * L X X rendono l’espres­
e messa in pratica da un evento (che può di nuo­ sione omettendo la menzione delle mani (Lev. 21,
vo èssere costituito da parole). La ‘mano’ (-» jd to ); questo passo ci induce a pensare a un rito con

[jàd]) è potere o forza, e con essa le parole ven­ il quale il sacerdote viene reso idoneo a esercitare
gono riempire di energia. In questa locuzione mà­ il suo ufficio. Delling, G L N T xm 1043 ss., inten­
lé ’ è sostituibile con héqim ‘innalzare, costituire’ de il termine nel senso di ‘rendere irreprensibile,
e slm ‘compiere, completare’: «Colui che costitui­ immacolato*. Da Lev. 2r,io si capisce chiaramen­
sce (attua, méqim) la parola del suo servo e com­ te che con ‘mani’ s’intende, pars prò toto, l’intera
pie (maslim) il decreto annunciato dal suo invia­ persona del sacerdote. Si tratta della purità cul­
to» (Is. 44,26; cfr. Num. 23,19; 1 Sam. 3,12). Nel­ tuale dell’intera persona. La Vg. traduce con con-
l’adempimento non accade nulla di nuovo, ma secrare. Per interpretare l’espressione si fa spesso
una parola non resta vuota, viene riempita, con­ riferimento all’acc. mullù qàtà ‘conferire un inca­
fermata. Essa assume una validità ineluttabile e si rico a qualcuno, conferire a qualcuno l’autorità
adempirà. Anche Noth intende la locuzione non sacerdotale’ (AHw 598: ana qlat X mullù; Dill-
nel senso di «integrazione del suo contenuto», di man, HAT Lev. 7,37; cfr. A. Malamat, Biblical Es-
«completamento», bensì di «far entrare piena­ says, Pretoria 1966, 48 il quale si richiama all’acc.
mente in vigore» (BK i x / i 20). ana mil qàtisunu che egli intende nel senso di «una
Quanto stiano vicine tra di loro predizione e certa sfumatura rituale che si riferisce alla specifi­
attuazione risulta chiaramente da Dan. 4,30: «Nel ca destinazione di tali oggetti»). De Vaux (LO 11
medesimo istante (in cui) la voce risuonò dal cie­ 178 s.) e Noth (Amt und Berufung 313) citano un
lo la parola si adempì per Nabucodonosor». La testo di Mari (ARM 11 13) dove si tratta del riem­
parola è entrata in vigore; non è «vuota», ma pimento della mano di alcuni ufficiali, precisa­
compie ciò che Jhwh ha voluto e realizza ciò per mente con una parte del bottino. Mutatis mutan-
cui fu mandata (Is. 55,11). Per il rapporto imme­ dis nell’A.T. si potrebbe quindi pensare alle en-
4j (iv,882) male' (L.A. Snijdcrs) (1^883)46

trate dei sacerdoti. Il passo più antico in cui ri­ suma diverse operazioni: l’abluzione con acqua,
corra l’espressione mille* ’et jàdó (lud. 17,5,12) la vestizione con i paramenti sacri, la sistemazio­
menziona gli emolumenti annuali del levita diven­ ne del diadema, l’unzione con olio (w . 4.9). An­
tato sacerdote nella casa di Mica: 10 pezzi d’ar­ che al v. 35 tutta la consacrazione (che dura sette
gento, abiti, vitto e alloggio (v. 10). Nella più tar­ giorni) è nominata con la nostra espressione. Lo
da minuziosa descrizione della consacrazione sa­ stesso significato riepilogativo hanno anche Ex.
cerdotale (Ex. 29 e Lev. 8) si fa riferimento alla 32,29; Num. 3,3; 1 Reg. i 3»33 i ^ Chron. 13,9; 29,
parte dei sacrifici di spettanza del sacerdote (Ex. 31. In altri passi l’unzione e il riempimento della
29,28). È quindi possibile che dietro l’espressione mano appaiono come due diverse denotazioni
ci sia la consegna diretta di porzioni dei sacrifici. consecutive della consacrazione sacerdotale: Ex.
Noth ha collegato il suddetto riferimento con gli 29,29; 28,41; Lev. 16,32 menzionano il «sacerdote
esempi dei testi di Mari, sostenendo che il riem­ unto e con la mano riempita» (cfr. Lev. 2 1,10 e
pimento della mano del sacerdote si riferirebbe Lev. 4,5 secondo i LXX). Ecclus 45,15 legge inve­
all’assegnazione di quote dei sacrifici offerti nel ce, in ordine inverso, con la mano riempita e un­
tempio (così anche F. Michaeli, CAT 11 257). K. to. Questa distinzione tra unzione e mille ’ ’et jà ­
Rupprecht ha contestato con successo tale tesi. dó porta a concludere che si tratti di due momen­
Sebbene nei passi in questione si faccia parola ti importanti della consacrazione sacerdotale, cia­
della parte di sacrifici di spettanza del sacerdote e scuno dei quali può essere usato da solo per indi­
questo aspetto fosse indubbiamente molto impor­ care la consacrazione, ma che nella cerimonia stes­
tante per l’interessato, non si trova mai il minimo sa vengono distinti (Ex. 29,9b menziona per con­
indizio che l’assicurazione di certe entrate o una tro solo il ‘riempimento della mano’ che sottin­
simbolica consegna brevi manti di carne o altro tende anche l’unzione).
dei sacrifici abbia costituito un momento solenne Per l’interpretazione dell’espressione «riempi­
del rito di consacrazione. Nella maggior parte dei mento della mano» è importante ciò che si ap­
casi il termine è una denotazione generica della prende dai testi circa il cosiddetto montone dei
consacrazione sacerdotale e, laddove questa viene millu’im (Ex. 29,19-35). Il pi. millu’im ‘riempi­
descritta nei particolari (Ex. 28; Lev. 8), viene mento, iniziazione, consacrazione’ abbraccia
unita con altri riti. Non ci si deve far fuorviare diverse parti del rituale (GKa § 124^. Il termine
pensando che il «riempimento della mano» signi­ compare raramente da solo; per lo più sta insieme
fichi letteralmente «mettere in mano». Diversi con ’ajil ‘montone* (Ex. 29,22.2627.31; Lev. 8,
esegeti cercano l’origine della locuzione in questa 22.29), basar ‘carne’ (Ex. 29,34), 'olà ‘sacrificio’
direzione (U. Cassuto, J.H . Hertz, de Vaux, Dill- (Lev. 8,28), sai ‘cesta’ (Lev. 8,31) e jàmìm ‘giorni
mann); essi fanno notare che la consacrazione si del riempimento di mano’ (Lev. 8,31.33). Da solo
compiva quando il sacerdote officiava per la pri­ il termine ricorre 1 volta in un elenco di tipi di
ma volta il servizio all’altare e a tale scopo riceve­ sacrifici (Lev. 7,37). Non è immediatamente chia­
va parti del sacrificio. Ma contro tale visione si de­ ro a quale dei sacrifici menzionati in precedenza
ve ricordare che i testi distinguono esplicitamente si riferisca (cfr. Elliger, HAT 1/4, 103. 119). Lev.
tra consacrazione (Lev. 8) ed entrata in servizio 6,12-23 ha il pregio di menzionare, a proposito
(Lev. 9). Si deve inoltre considerare che la parola delle oblazioni, 1/10 di efa di fior di farina come
jàd è usata al singolare e che per l’espressione oblazione del sacerdote «il giorno in cui uno di
'mettere, dare in mano’ l’ebraico non usa jàd ben­ loro viene unto». Ora, in Ex. 29 e in Lev. 8, cioè
sì k a f o hófen. Proprio quando il sacerdote inizia nei capitoli dedicati alla consacrazione sacerdota­
a esercitare la sua funzione e riempie letteralmen­ le, si parla del fior di farina con il quale si fanno
te la propria mano il testo recita: w ajemallè' kap- le focacce (Ex. 29,2.23; Lev. 8,3.26). Queste fo­
pó, Lev. 9,17 (cfr. Ex. 29,24; Ps. 129,7; Ezech. 10, cacce venivano bruciate insieme col secondo mon­
2 ecc.). Delling (G LN T x i i i 1043 ss.) ha messo tone - il montone dei millu’im - come sacrificio
giustamente in evidenza la differenza nei L X X tra dei millu’im (Lev. 8,28). Le focacce venivano mes­
7Tt(j.7tXT][Ai XE‘Pa<^ (Lev. 9,17; 16,12) e TeXeióco se in un paniere e portate all’altare. In un passo
t àc, (Ex. 29,9.29.33.35; Lev. 8,33): la secon­ (Lev. 8,31) questo paniere viene chiamato «pa­
da frase non ha niente che fare con la prima. Il niere del riempimento di mano». Nei brani citati
traduttore ha deliberatamente cambiato verbo. l’espressione millu'im è dunque sempre unita al
Nelle regole relative alla consacrazione sacer­ rituale della consacrazione sacerdotale, in partico­
dotale in Ex. 29 e Lev. 8 risalta come nella prima lare col sacrificio del secondo montone.
parte di Ex. 29 il ‘riempimento della mano’ rias­ Per quel che riguarda il riempimento della ma­
47 (rv,884) male’ (L.A. Snijders) (rv,884) 48

no del sacerdote, dunque, è in questione partico­ no’ dell’altare viene riempita (Ezech. 43,26). An­
larmente il sacrificio del secondo montone. Esso che il tempio, e specialmente l’altare, ha un’«ani-
viene distinto dall’unzione, dalla cerimonia del sa­ ma» che può spegnersi e quindi va di continuo
crificio del toro e dal montone dell’olocausto (w. ‘ ricaricata’. Essa trae forza dal sangue asperso e
10-18). Il sangue di questo secondo montone, do­ da altri riti espiatori (i L X X non capiscono bene
po che Aronne e i suoi figli hanno appoggiato la cosa e quindi traducono in modo che perfezio­
(smk [sàmak]) le mani sul capo dell’animale, vie­ nate siano «le mani del sacerdote» e non «la ma­
ne spalmato su orecchio, pollice e alluce del can­ no dell’altare»).
didato (v. 20). Sangue mischiato con olio viene Si capisce così perché in Ex. 32,29 i leviti che si
spruzzato sui sacerdoti e sulle loro vesti (v. 21). sono contaminati con un cadavere vengano esor­
Parti di questo sacrificio vengono messe con del tati a rinnovare la loro investitura, a riempire la
pane nelle mani, agitate in qua e in là, e bruciate mano per ricevere forza e benedizione per il loro
sull’altare (w . 22 ss.). Petto e cosce vengono spin­ ufficio.
te verso di loro ed essi ne mangiano come sacrifi­ b) L ’espressione m ille' ’et jàdó viene usata an­
cio pacifico (w . 26 ss.). Queste parti del sacrificio che in un altro contesto. In 1 Chron. 29,5 David
sono un tributo eterno da parte degli Israeliti per invita la gente a portare oro e argento per costru­
i sacerdoti (Lev. 7,34). In Ex. 29,33 si legge il ire la casa di Dio. Il re chiede: «Chi è ora dispo­
commento esplicativo che questo cibo «riempie sto a riempire la sua mano per Jhwh?». Lo stesso
loro la mano». Per tale aspetto essi vengono chia­ David ha contribuito secondo le proprie forze
ramente distinti dalle altre persone, cui non è le­ (kóàh, v. 2), donando molte cose preziose e ag­
cito mangiarne (v. 33). Infine si apprende che la giungendovi un altro sacrificio, migliaia di talenti
cerimonia del riempimento della mano dura in d’oro e d’argento. Chi vuole ora aumentare la
questa maniera sette giorni (v. 35). In quest’ulti­ propria ‘forza’ per diventare idoneo al servizio di
mo versetto non si spiega se tutto il rituale viene Jhwh? Chi vuole «rendere intero» (sàlém) il pro­
distribuito nell’arco di una settimana oppure se prio cuore per Dio (v. 9)? Leggendo così, anche
viene ripetuto tutto per sette volte, ogni giorno di in 1 Chron. 29,5 si parla di una sorta di «consacra­
nuovo. Lev. 8 descrive la consacrazione sacerdo­ zione».
tale nello stesso modo. Un ragionamento simile può risultare utile per
Si deve concludere che millè> 'et jàd è una desi­ spiegare l’espressione mille ’ jàd a proposito del
gnazione generica di tutta la consacrazione sacer­ servizio militare. I guerrieri sono consacrati e «sa­
dotale o una parte importante di essa, cioè l’ap­ cri» al Signore in maniera particolare. In 2 Reg.
plicazione del sangue, la distribuzione della carne 9,24 si narra non che Jehu «prese in mano l’arco»,
del sacrificio e il pasto. Il rito del riempimento bensì che la «riempì con l’arco» e colpì Joram.
della mano è, pars prò toto, la consacrazione sa­ Ciò significa certo che Jehu ha riempito, integra­
cerdotale. Così anche l’unzione del sacerdote è to con un’arma la sua jàd, cioè la propria forza.
un momento della cerimonia (ad es. distinto dal ri­ Adesso è sottratto alla vita normale ed è ‘consa­
empimento della mano in Lev. 16,32 e Num. 3,3), crato’ a un compito sovrumano (cfr. 2 Sam. 23,7:
e più volte vale anche come designazione della gli indegni sono come rovi che non si afferrano
consacrazione o dell’essere consacrati in senso as­ con la mano, ma ci si ‘riempie’ [sottinteso la jàd,
soluto (Ex. 40,15; Lev. 4,3; 6,22; Num. 35,25). Il la sua mano] col ferro). L ’arma gli dà forza e ca­
significato del rito del riempimento della mano è pacità, lo riempie di potenza. Anche Ier. 4,5 va in­
il rafforzamento dell’energia sacerdotale, il con­ teso in questa maniera: q ir’ù m il'u significa «gri­
ferimento del pieno potere, il completamento del- date tutti assieme, riempitevi (di forza)». È l’ora
l’«anima» che rende possibile il servizio all’altare. della decisione, il popolo deve abbandonare casa
Il termine jàd va quindi inteso nel senso di ‘pote­ e campi e radunarsi nelle città fortificate per op­
re, forza, energia’ (cfr. A.S. van der Woude, porre resistenza al nemico. Questo richiede for­
TH AT 1 667 ss., sotto c; ad es. Lev. 25,35; Deut. za. Sebbene questa interpretazione abbia la pre­
32,27; lud. 7 ,11; 9,24; 1 Chron. 29,24). G. te cedenza, sarebbe anche possibile aggiungere il
Stroete, Exodus, BvO T 207 traduce bene Ex. sost. qól ‘voce, grido’. È questa, infatti, la tradu­
29,9: «Li ungerai» (cioè li doterai della forza per zione più comune: «Gridate (tutti insieme), riem­
compiere il loro ufficio), «dare forza e consacra­ pite (la voce)», cioè gridate a piena voce, a squar­
re». In Deut. 33,11 si parla della ‘forza’ (hajil) del ciagola.
sacerdote. Per lo più s’interpreta anche ler. 12,6 in questo
Non ci si meraviglia quando si dice che ‘la ma­ modo. Anche in questo passo si ha il nesso tra ‘chia­
49 (lV ,88j) male’ (L.A. Snijders) (iv,886) 50

mare’ e ‘ riempire’. Il versetto presenta tuttavia una 8,16; Ezech. 12,19; I 9 »7)• Da De ut. 33,16; Is. 34,1;
struttura diversa, perché il soggetto cambia di nume­ Mich. i,z si desume che con ciò si allude a quel che
ro (pi. e sing.) e l’espressione qare’u male’ è separa­ cresce e vive sulla terra (Dillmann, K EH 13 426),
ta dalla preposizione 'ahàrèkà. Per questo la tradu­ in particolare a uomini e popoli (cfr. Ier. 8,16; 47,
zione «chiamare a squarciagola» non è soddisfacen­
te. Si propone di leggere così: «Poiché persino i tuoi 2). Am. 6,8 parla della città e della sua pienezza,
parenti e la casa di tuo padre non sono fedeli nei cioè di ciò che contiene, degli abitanti. L ’antitesi
tuoi riguardi, ti gridano dietro: Riempiti (di forza, del paese con la sua pienezza è la landa, la desola­
malie' pi. imp., cioè sii forte)!, ma non fidarti di lo­ zione della terra (Ezech. 12,19; 3°>I2J 3 2>I 5> 3^»
ro, anche se ti parlano da amici». I fratelli si com­ 38). In Ps. 14 si ha nel primo versetto un parallelo
portano quindi da sostenitori del profeta e lo inco­ tra la pienezza della terra e gli abitanti del mondo
raggiano a continuare la sua battaglia, ma mirano a (cfr. Ps. 50,12; 89,12; 98,7). E un compito affidato
rovinarlo. D. Winton Thomas, JJSt 3 (1952) 47 ss. da Dio agli uomini quello di moltiplicarsi e di ri­
sostiene che qui male' abbia un altro significato, cioè empire la terra (Gen. 1,28; 9,7). Si loda Dio per­
‘ radunarsi’, ‘mobilitarsi’. In ler, 12,6 egli vocalizza
m'/ó’ ‘folla, massa’ (cfr. Gen. 48,19; Is. 31,4) o mal­ ché ha riempito il paese con la vite, cioè con il po­
ie' (inf. ass. pi.) ‘ammassare, radunare’ e traduce: polo d’Israele (Ps. 80,10). Dice Ezech. 36,38: «Co­
«Essi gridano dietro a te, così da creare un assem­ sì le città ora disabitate saranno piene di folle di
bramento». Sulla stessa linea si pone anche G.R. uomini» (m'iè’ót só'n ’àdàm; cfr. Is. 26,15). Il sal­
Driver, JJSt 5 (1954) 177 s., «aiuto, accorrete tutti!», mista non pensa però soltanto agli uomini, ma a
vedendo concretizzato nella radice m i’ l’elemento tutto ciò che vive: «Tu li hai creati tutti con sa­
del «tutti assieme». In Ier. 4,5 Driver, sulla base, tra pienza, la terra è piena delle tue creature» (Ps. 104,
l’altro, dei LXX (auvr^TFav), sceglie l’interpreta­ 24). Simile è la formula hajjàm ùmelò'ò. Il mare
zione ‘radunarsi, mobilitarsi’: «l’espressione qir’u
ospita i pesci, le sue acque brulicano di creature
mal’ù significa letteralmente proclamare, radunare
un meló‘, cioè convocare un’assemblea, un’espres­ viventi: «Dio ha fatto il mare e tutto ciò che vi è
sione che vale come ‘proclamare la mobilitazione dentro» (Ex. 20,11; Is. 42,10; Ps. 96,11). Gen. 48,
generale’ » (50 s.). E però strano che si parli due vol­ 19 si avvicina a questo significato; si tratta della
te di seguito di ‘radunare’ (cfr. hè'às'fu). Inoltre promessa che Efraim diventerà «una pienezza di
Winton Thomas pensa di aggiungere melò’ (come al­ popoli», cioè una molteplicità di tribù che abite­
tri aggiungono qól). Tanto vale mantenere il signifi­ ranno il paese. (In Rom. 11,12 si legge con i L X X
cato usuale di male’ ‘riempire, essere pieno’ anche 7iX-?j'So^, non 7t}vf,pa>(jia). Paragonabile è Is. 31,4,
in Ier. 4,5 e, come in molti altri passi, aggiungere jàd «pienezza di pastori», tutta la quantità, la totalità
‘forza’ (cfr. i testi con mille’ ’et jàd ed Ezech. 43,26;
dei pastori. E quando nella nostra lingua si dice,
1 Chron. 29,5; 2 Chron. 23,752 Reg. 9,24).
«tutta la lunghezza» o «tutta la larghezza», l’ebrai­
co ha «la pienezza della sua lunghezza», «la pie­
Borger (Die Waffentràger des Kònigs Darius:
nezza della sua larghezza» (ad es. del paese: / Sam.
VT 22 [1972] 385-398) ha risolto il problema del­
28,20; Is. 8,8). Cfr. anche L. Prijs, ZD M G 120
l’interpretazione del grido «riempite gli scudi!»
(1970) 19.
(Ier. 5 1,11) facendo notare che il termine selàtim,
2. Per millu’im v. sopra, in .5. milluim viene
che viene quasi sempre tradotto ‘scudi’, nei L X X
usato anche, come millu’d, per tutta l’incastona­
è giustamente reso con 9<xpéTpa ‘faretra’. In tutti i
tura (con pietre preziose) del pettorale per gli
passi biblici selet significa ‘faretra’ e l’unica incer­
oracoli destinato al sommo sacerdote (Ex. 25,7;
tezza è sul tipo, semplice (soltanto per le frecce) o
35,9.27; 1 Chron. 19,2 e Ex. 28,17.20; 39,13). Ci si
combinata, con lo scomparto per l’arco (Borger
può chiedere se con la ‘guarnizione* del pettorale
397 s.). Anche qui, dunque, mil’u ha il significato
si sia intesa semplicemente un’operazione tecnica
normale e concreto: riempire qualcosa che è vuo­
o non, in aggiunta, anche un rafforzamento spiri­
to. Le frecce riempiranno tutta la faretra.
tuale e una sorta di ‘consacrazione’.
3. Con millò’ ‘riempimento, argine, terrazza’
IV. 1. Il sost. meló ’ ‘pienezza, abbondanza’ indi­ (acc. lamlu) s’intende in lud. 9,6.20; 2 Sam. 5,9; r
ca ciò che riempie o completa qualcosa, ad es. me­ Reg. 9,15.24; 11,27; 1 Chron. 11,8; 2 Chron. 32,5
lò’ kaf ‘una manciata, un pugno’ (/ Reg. 17,12; una costruzione o una zona di Sichem o Gerusa­
Eccl. 4,6). Particolarmente frequente è l’espressio­ lemme. La cosa migliore sarebbe non tradurre il
ne hà'àres ùmeló’à «la terra e ciò che la riempie» termine e renderlo con «Millo»: si tratta dell’acro­
(Deul. 33,16; Is. 34,1; Ier. 8,16; 47,2; Ezech. 19,7; poli dell’antica città di David al tempo di Salomo­
30,12; Ps. 24,1; 50,12; cfr. Ps. 89,12). Può anche ne, coincidente con l’area del tempio e della reg­
significare «il paese e tutta la sua ricchezza» (Ier. gia (BRL 300 s.). Qui è consigliabile lasciare che
SI (IV, 887) mal’àk (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (iv,888) 52

il nome parli da solo e che si riferisca a un’altura 3. Sacerdoti. - 4. mal’ak jhwh / mal'ak 'élohim. - vi.
naturale o artificiale (riempitura di un terreno). Uso metaforico. - vii. Qumran.
Di regola si preferisce pensare a un’altura natura­
le, ma anche questa richiede un intervento con Bibl.: W. Baumgartner, Zum A.T. und seiner Umwelt,
Leiden 1959, 240-246. - V. Calvianu, Sesul expresiei
opere di riempimento e consolidamento per esse­
«trimisul luiDumnezeu» (Malak-Jahve) in V.T.: STBuc
re edificabilc (Galling, BR L s.v. «Akropolis»). 27 (1975) 226-231. - J.L . Cunchillos, Citando los ange­
Circa la precisa ubicazione del Millo di Gerusa­ les eran dioses (Bibliotheca Salmanticensis xiv, Estudios
lemme regna molta incertezza. K. Kenyon pro­ 12, Salamanca 1976). - Id., Étude philologique de mal­
pende per l’idea che il Millo fosse un terrapieno 'àk. Perspectives sur le mal’ àk de la divinité dans la Bi-
terrazzato sul versante orientale del colle del- ble hébraìque (VTS 32, 1981, 30-52). - R. Ficker, ml'k,
l’Ofel (cfr. la rassegna di K.R. Veenhof, Phoenix mal’àk, Bote (T H A T 1 900-908). - B. Graham, Angelo:
1 1 [19653 214-221). M. Gòrg (GòttMiszÀg 20 God’s Secret Agents, London 1976. - S.M. Grill, Syn-
[1976] 29 s.) pensa a «una struttura simile a un onyme Engelnamen im A.T.: ThZ 18 (1962) 241-246. -
H. Gross, Der Engel im A.T. (Archiv fùr Liturgiewis-
parco... a sud dell’area del tempio salomonico» e
senschaft vi, 1959, 28-42). - F. Guggisberg, Die Gestalt
cita a sostegno i «giardini di Aton» ad Amarna. des Mal'ak Jahwe im A.T. (diss. Neuenburg 1979). -
G. Heidt, Angelology of thè O.T., Washington 1949. -
L.A. Snijders
V. Hirt, Gottes Boten im A. T. Die at.licbe Mal'ak-Vor-
stellung unter besonderer Beriicksichtigung des Mal'ak-
v. Negli scritti di Qumran le ricorrenze di m i’ Jahwe-Problems (diss. Leipzig 1971). - D.M. Irwin,
sono molto numerose. Il verbo male’ s’incontra The Comparison of Tales from thè O. T. and thè An-
circa 40 volte, l’agg. male’ 6 volte (in 11Q T scrit­ cient Near East (diss. Tùbingen 1977). - A. Kniazcf -
to costantemente con h), il sost. m 'iò ’ 5 volte (le­ V. Moustakis, ’'AyyeXo? (Thresk Eth Enk 1, Athen
zione incerta in 4Q49} 1,5). millù’ìm è presente 1962, 172-196). - J. Michl, Engel 11 (R A C v 60-97). ~
R. North, Separated Spiritual Substances in thè O.T.:
solo in 1 iQ T 15 (4 volte), dove si narra di una fe­
C B Q 29 (1967) 419-449. - M. Paulas, Ursprung und
sta di consacrazione di cui le fonti rabbiniche con­ Geschichte der kircblichen Engelverehrung (diss. Wien
tengono ancora tracce appena riconoscibili (cfr. 1971). - H. Ròttger, Mal'ak Jahwe - Bote von Gott.
Y. Yadin, 1 75 ss. 110 ss.) e il cui rituale fa riferi­ Die Vorstellung von Gottes Boten im hebràischen A.T.
mento a Lev. 8,14 ss. ed Ex. 29,1 ss. Anche a (RgStTh 13, 1978). - A. Rofe, Israelite Belief in Angels
Qumran si ha il «riempimento della mano» nel in thè Pre-Exilic Period as Evidenced by Biblical
quadro della consacrazione sacerdotale (iQ Sb 5, Traditions (diss. Jerusalem 1969). - H. Seebass, Engel
17); esso è considerato un presupposto necessario (TRE ix 583-586). - J. Urquiza ,Jahweh und sein Mal-
per l’ordinazione a sacerdote (11Q T 35,6). Per il ‘akh (diss. Wien 1972). - M. Vallogia, Recherche sur les
«messagers» (wpwtyw) dans les sourees égyptiennes
resto s’incontra m i’ oltre che nei significati con­
profanes (Centre de Recherches d'Histoire et de Philo-
creti di «riempire completamente» (cisterne, 3 Q 15 logie de la ivc Section de l’École Pratique des Hautes
11 1; pentole, 3 Q 15 iv 8), «completo (di numero)» Etudes 2,6, Genève-Paris 1976). - A.S. van der Woudc,
(esercito, iQ M 5,3); in senso traslato «gravido» «ml’ k» De Mal'ak Jahweh: een Godsbode: N edThT 18
(bestiame, 11Q T 52,5), «di fiato lungo, resistenti» (1963) 1- 1 3 .
(cavalli, iQ M 6,12); anche nell’ambito semantico
del «completamento di un certo spazio di tempo, I. Il termine m al’àk è presente nell’A.T. 213
dell’età ecc.» (iQ S 7,20.22; iQSa 1,10 .12; 1QM volte e si riferisce a ‘messaggeri’ umani o divini.
17,9; C D 10,1) e anche nel contesto di affermazio­ Il significato di ‘messaggero’ viene confermato dai
ni teologiche sul tema della creazione (iQ H 8,3; verbi cui è associato m al’àk'. slh ‘mandare, invia­
iQ S 3,16; iQ M 12,12; 19,4; C D 2 ,11; 4QEnc 5). re’ (56 volte); b w ’ ‘venire’ (16); ’mr ‘dire’ (29); dbr
‘parlare’ (11); hlk ‘andare’ (9); swb ‘ritornare’ (6);
H.-J. Fabry poi anche qr’ ‘chiamare’; js ‘uscire’; jrd ‘scende­
re’ e ngd h if ‘portare notizie’ . In queste costru­
zioni m al’àk si riferisce a un essere individuale in­
‘JJhÒD mal'àk viato presso qualcuno per comunicargli un mes­
saggio o per compiere una missione. Egli parla,
riceve una risposta e se ne ritorna infine da colui
I. Diffusione. - n . Etimologia. - ni. Vicino Oriente an­
che lo ha inviato.
tico. - 1. Ugarit. - 2. Gli Aramei. - 3, La Mesopotamia.
4. La Fenicia. - iv. Messaggeri umani. - 1. Messi perso­ Tali messaggeri s’incontrano nell’ambito uma­
nali. - 2. Legati politici. - a) ml’k (sing.). - b) mi k (pi.). no come in quello divino, con una distinzione che
- v. Messaggeri di Dio. - 1. In generale. - 2. Profeti. - va intesa più in termini spaziali che metafisici:
5 j ( iv ,889) mal’ak (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (rv,89o) 54

messaggeri divini sono quelli che sono stati invia­ tra due persone o gruppi, avvicina tra di loro due par­
ti da Dio dalla sua dimora celeste, mentre i mes­ ti che sono lontane una dall’altra. Le sue funzioni spe­
saggeri umani sono inviati da sovrani terreni. Il cifiche sono molteplici, da quelle del messo fino a
mal'ak non proclama un proprio messaggio; quelle di ambasciatore plenipotenziario. Egli non si
identifica mai col mandante se non nel momento in
funzione e messaggio dipendono piuttosto dalla
cui adempie la propria missione. In questa situazio­
volontà del mandante, vale a dire si definiscono ne egli parla «a nome di» senza tuttavia identificarsi
non in base a chi sia il messo, ma in base a chi è metafisicamente col mandante. L’identificazione è
colui che lo manda. La distinzione spaziale è par­ semplicemente funzionale, e solo in questo senso il
ticolarmente evidente nel caso del profeta: un uo­ m l’k rende presente colui che gli ha conferito l’inca­
mo come messaggero di Dio. Il profeta è testimo­ rico.
ne di ciò che accade nel consiglio (-» swd [sód]) È interessante notare che l’acc. màr sipri (lett. ‘fi­
celeste: egli deve portare il messaggio di Dio, ma glio del messaggio’, cioè messaggero) sta in rappor­
resta sulla terra. to con sipru con il doppio significato di ‘messaggio’
e ‘lavoro’, proprio come mal’àk sta in rapporto con
I L X X traducono mal'àk indistintamente con melà’kà ‘lavoro’, ma occasionalmente ‘incarico, mes­
aYYe^0<i> conformemente all’uso linguistico greco
saggio’ (-♦ ml'kh). (H. Ringgren)
classico, mentre la Vg. distingue tra nuntius (mes­
so delPuomo) e angelus (messo di Dio). 2. Nella letteratura aramaica il termine m l’k si
incontra 5 volte: 2 nelle iscrizioni in aramaico an­
il. Il sost. mal'àk deriva, come il nome astratto tico di Sefire dell’vin sec. a.C. (KAI 224,8); 2 nel­
mal'àkùt (.Ag. 1 ,1 3 ) e -» m l'kh (melà'kà)> dal la sezione aramaica del libro di Daniele e una in
tema verbale Vk ‘delegare, inviare’ (K B L 3 554) che un’iscrizione in aramaico giudaico (DISO 151).
non è attestato né in ebraico ne in accadico, ma è Entrambi gli esempi di Sefire (m l'kj «mio invia­
ben documentato in ugaritico e nelle lingue semi­ to» e ml'kh «suo inviato») costruiscono il sostan­
tiche meridionali (K B L 3 488). hlk è di probabil­ tivo col verbo slh ‘inviare’ e trattano di un legato
mente affine sul piano etimologico. Per l’etimolo­ mandato da un re a un altro re per condurre trat­
gia cfr. E.L. Greenstein, UF 11 (1979) 329 ss. tative di pace o per comunicare importanti deci­
sioni di governo. Si tratta di un funzionario di cor­
iti. 1. Le testimonianze in ugaritico (WUS n. te, la cui responsabilità consisteva nel portare in­
1432; UT n. 1344) sono rilevanti per due ragioni: formazioni da parte del re e al re.
1) contengono le uniche attestazioni del verbo In aramaico biblico m al’àk compare in Dan.
l ’k; 2) mVk viene usato al duale, cioè si mandano 3,28 e 6,23, dove indica un angelo che libera gli in­
sempre due messi; e 3) m l’k viene usato per i le­ nocenti dalle insidie del malvagio. Anche qui s’in­
gati politici e per i messaggeri divini. Il verbo vie­ contra di nuovo il verbo slh: Dio mandò l’angelo
ne usato per indicare l’invio di messi (KTU 1.14, a liberare Sadrac, Mesac e Abed-Nego dal fuoco
in 19 s.; 1.4, v 42; 1.2, 1 22; 1.24,16; in lettere, ad (3,28) e Daniele dalla fossa dei leoni (6,23). In ara­
es. 2.10,10: 2.30,17; rientra probabilmente qui an­ maico giudaico si ha il pi. in st. cs. m l’kj con lo
che KTU 1.4, v ii 45 dove dii non significa ‘tribu­ stesso significato (JK F 1 203,4).
to’ ma ‘mediatore’ o simili: cfr. J. Sanmartm, U F 3. In accadico la presenza della radice è del tut­
12 [1980] 347) o la consegna di un messaggio (spr to incerta. Nel testo antico-babilonese C T 29,21:
d bkt, KTU 2.14,7). l yk andrebbe quindi parago­ 19 s’incontra un màlaku. Il testo N P màlaki at-
nato all’ebr. sàlah. tardakku sipàtim mala tisu... turdam si deve forse
II sost. m l'k si trova nel poema di Keret, quan­ tradurre «ti mando NP, mio messaggero: manda­
do le trattative tra Keret e il re Pabil vengono con­ mi tutta la lana che hai!». Se màlaku significa qui
dotte sempre per il tramite di messaggeri (KTU ‘ messaggero’, si tratta di un messo personale.
1.14, 111 19 s.; iv 32 s.; vi 35). Dal contesto si de­ 4. Infine m l'k si trova in un’iscrizione fenicia
duce che la terminazione -m va intesa come desi­ di Ma'sub del 222 a.C. (KAI 19). Il testo menzio­
nenza del duale. I messaggeri di questa storia so­ na (1. 2) il m l’k mlk'strt «inviato di Milk-Astart»
no legati politici che trasmettono messaggi. Nel (una divinità del pantheon fenicio). Dal contesto
ciclo di Ba‘al e Anat compare la figura di un m l'k si capisce che m l’k si riferisce a un sacerdote o a
al seguito di un dio, soprattutto di lam (KTU 1.2, un cittadino importante, che mantiene le relazio­
1 22.26.28.30.44). ni tra la collettività e la divinità.
* Secondo Cunchillos l'k non significa semplice­
mente ‘mandare’ ma più precisamente ‘inviare un iv. 1. Nell’A.T. si hanno solo 4 casi di un mes­
messaggero/messaggio’. Il ml'k funziona da tramite saggero personale (2 sing., 2 pi.). Di questi, 2 si
5 5 (rv,89 i) mal’ak (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (17,891) 56

trovano nella letteratura sapienziale. In Prov. 13, a) Sebbene si usasse, quindi, inviare più messag­
17 m al’àk rasa‘ jippól berà‘ w 'sir ’émunim mar- geri, accompagnati ove possibile anche da inter­
p c ’ per ragioni di parallelismo si deve probabil­ preti oltre che dal normale seguito, si presentava­
mente leggere jappil e tradurre: «Un cattivo mes­ no situazioni nelle quali era consigliabile manda­
saggero porta inimicizia, un fedele inviato porta re un solo inviato. Un messo arrivò da Saul rife­
guarigione». Questo passo di per sé non dice nul­ rendogli che i Filistei avevano invaso il paese (1
la circa il contenuto del messaggio, ma è chiaro Sam. 22,37). Forse si trattava dell’unico sopravvis­
quanto alla natura del messaggero. Probabilmente suto all’attacco, o forse viaggiava da solo per me­
l’autore pensa alle tremende conseguenze di una glio sfuggire al pericolo di un’intercettazione (cfr.
falsa comunicazione o all’incapacità di un inviato EA 112,40-50). Inoltre era indispensabile la rapi­
di eseguire la missione affidatagli. dità (EA 7,51-60; lob 1,14).
Essendo l’autorità del mandante strettamente Si mandava ugualmente un unico messaggero
legata all’inviato, il proverbio lascia aperto l’inter­ quando il mittente voleva evitare che troppi fos­
rogativo di come un messaggio sfavorevole - co­ sero a conoscenza di una questione. Joab inviò
municato da un messo fedele - possa portare gua­ un messaggio orale a David per mezzo di un uni­
rigione. I termini sir e mal’àk stanno in paralleli­ co messo (2 Sam. 11,19.22.23,25) perché poteva
smo sinonimico (cfr. Is. 18,2 pi.). Tuttavia sir ‘mes­ affidare solo a un’unica persona il messaggio
so, inviato’ viene usato raramente in questo signi­ esplosivo della morte di Uria. I messaggeri del re
ficato. potevano quindi occupare posizioni di grande fi­
L’altro esempio (lob 1,14) raffigura un messag­ ducia e di governo (cfr. EA 24). Lo stesso brano
gero in una scena realistica e delinea il suo tipico narra in precedenza che David comunicò a Joab
ruolo fondamentale: portare un messaggio dal mit­ con un messaggio scritto minuziose istruzioni su
tente al destinatario. come portare a termine il piano omicida. La dram­
Inviati personali (pi.) s’incontrano in Gen. 32, maticità del passo viene intensificata dall’ironia
4.7, quando Giacobbe manda mal'àkim a Esaù che sia proprio Uria, mentre rientra tra le truppe
per annunciare il proprio ritorno a casa e infor­ di prima linea, il latore del messaggio e insieme
marlo che le sue intenzioni sono pacifiche ed egli della sua condanna a morte. Non era una prassi
desidera la riconciliazione. Questa mossa era indi­ insolita ricorrere a messaggeri occasionali (cfr.
spensabile e dovuta dopo la sottrazione della be­ EA 112,40-50). Un messaggio così inviato poteva
nedizione di primogenitura, con la conseguente dunque essere scritto (w . 14 s.) oppure orale (v.
tensione tra i due fratelli (cfr. D. Thompson, The 19) (cfr. EA 26,10-18; 32,1-6.10-15; Is. 37,14 = 2
Genesis Messenger Stories and Their Theological Reg. 19 ,14 ;/er. 27,3).
Significance, diss. Tiibingen 1972). Quando Jehu venne unto re d’Israele mentre
Il basso numero di casi di messaggeri personali Joram era ancora reggente, questi gli inviò un
nell’A.T. è evidentemente dovuto al tentativo de­ messaggio per conoscerne le vere intenzioni (2
gli agiografi di presentare Israele come unità po­ Reg. 9,18). Il passo indica che un messaggero po­
litica e sociale dall’esodo in poi, nella quale il mal­ teva essere inviato più volte perché il mittente
’àk compare come inviato ufficiale del governo aspettava una conferma del suo messaggio (per il
locale o nazionale. Poiché gli avvenimenti comu­ m al’àk a cavallo cfr. anche EA 7,51-60). Jehu fe­
ni e quotidiani del cittadino comune non interes­ ce assassinare Joram e tutti i discendenti di Acab,
sano minimamente gli autori, non rimane alcuno e la loro morte gli venne di nuovo comunicata da
spazio per il messo privato. un messaggero (2 Reg. 10,8).
2. m al’àk è usato al sing. 16 volte, al pi. 72 per Oltre alla consegna di un messaggio, il mal'àk
indicare l’inviato del governo la cui funzione prin­ aveva talvolta anche altri compiti, ad es. la cattura
cipale consisteva nel passare/riferire messaggi al­ e la traduzione di prigionieri. Prov. 17 ,11 descri­
l’interno del paese o all’estero, da paese a paese. ve un inviato autorizzato a catturare una persona
La prevalenza delle forme plurali dimostra la pras­ sospetta e a portarla in carcere, o addirittura a in­
si, seguita a fini di sicurezza politica, di inviare al­ fliggere la pena che egli pronuncia in nome di
lo stesso tempo più legati per far giungere con si­ un’autorità superiore. Questo versetto è pratica­
curezza la notizia al destinatario, anche nel caso mente un commentario a 1 Sam. 19,14: Saul man­
che il gruppo degli ambasciatori dovesse venir de­ dò messi ad arrestare il ribelle David (cfr. 2 Reg.
cimato, per ottenere una maggiore esattezza nel 6,}z dove il m al’àk è autorizzato a catturare un
riferire il messaggio e per sottolineare il proprio oppositore e tradurlo al re). La stessa funzione
rango. aveva il màr sipri in EA 54 e 162.
57 ( i v ,8 9 2) mal’ak (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (iv,893) 58

L ’impiego di un solo inviato può dipendere an­ kim al re di Eqron e a Sihon, re degli Amorrei,
che dal rango del destinatario: Acab ordinò a Mi­ per ottenere il libero transito del popolo attraver­
chea di profetizzare circa una possibile guerra con so il loro paese (Num. 20,14; 21,21; Deut. 2,26).
la Siria (/ Reg. 22,13; 2 Chron. i8,i2);Joram man­ Balak si servì di inviati (Num. 24,12) per imporre
dò un messo al profeta Eliseo (2 Reg. 6,32 [bis\. a Balaam di maledire Israele (Num. 22,5). In tutti
33); Gezabele mandò un messaggero a Elia (/ Reg. e 5 i passi i mal’àkim sono evidentemente messi
19,2); Eliseo mandò un messo a Naaman (2 Reg. politici.
5,10). Namaan è dapprima offeso perché Eliseo Nella letteratura profetica si parla di m al’àkim,
non ha portato il messaggio di persona; presume­ funzionari governativi che venivano mandati per
va che una persona del suo rango avesse il diritto avviare alleanze politiche. Nell’anno in cui morì
di ottenere un’udienza privata col profeta. Ciò in­ il re Ahaz (715 a.C.) Isaia pronunciò un oracolo
dica che si poteva mandare un solo messo a una (Is. 14,28-32) contro i prematuri festeggiamenti
persona di rango inferiore per chiedere che si pre­ dei Filistei che volevano ribellarsi agli Assiri guar­
sentasse o per richiedere determinati atti (in 2 Reg. dando alla ritrovata forza dell’Egitto sotto l’ener­
18 e 19 il re di Assiria manda il gran coppiere a gico faraone etiopico Piankhi (la rivolta scoppiò
esigere la capitolazione di Gerusalemme), ma vi­ effettivamente l’anno successivo, guidata da Ash-
ceversa una persona di rango superiore si aspetta­ dod, ma venne soffocata da Sargon). Il messaggio
va che un inferiore si presentasse di persona e non di Isaia è chiaro: l’Assiria schiaccerà la rivolta.
che mandasse un messaggero. Perciò egli conclude l’oracolo con le parole umah-
Infine, secondo Ezech. 23,40 era prassi norma­ ja'àneh mal’àkè-gòj k i jhwh jissad sijjón uba je-
le mandare ambasciatori in altre nazioni per invi­ hésù 'anijè ‘ammó «che si dovrà rispondere agli
tare i dignitari e per concludere alleanze (cfr. Is. inviati di questa nazione? Jhwh ha fondato Sion e
14,32; 18,2; 30,4; 33,7; Ezech. 17,15; 23,16). in essa gli afflitti del suo popolo troveranno rifu­
b) Il pi. m al’àkim compare 89 volte nell’A.T.; gio», oppure «che possono rispondere gli inviati
in 72 di esse si tratta di ambasciatori ufficiali. della nazione, poiché Jhwh ha fondato Sion e in
Queste missioni diplomatiche avvenivano su sca­ essa gli afflitti del suo popolo troveranno rifugio»».
la nazionale (Ios. 7,22; / Sam. 6,21) e internazio­ Secondo la prima traduzione (quella tradizionale),
nale (Iud. 11,17 ; 2 Sam. 5,n ; / Reg. 20,2; 2 Reg. Isaia sostiene che i legati dei Filistei che insistono
1 6,7; 17,4; 19,9). Inviati svolgevano le loro fun­ perché Giuda si ribelli all’Assiria riceverebbero
zioni tra cittadini (7 Sam. 6,21), re (2 Sam. 5,11), questa risposta: Jhwh stesso è la garanzia di sicu­
generali (2 Sam. 3,26) e altro personale ammini­ rezza per Gerusalemme e per i suoi abitanti. Il v.
strativo e militare. Sebbene di fatto chiunque fos­ 32b è la risposta, formulata come discorso indi­
se inviato con un messaggio da recapitare fosse un retto (ki) alla domanda del v. 32a. Proprio l’ora­
m al’àk, l’uso frequente del termine in testi politi­ colo che precede fornisce gli argomenti per que­
ci (dall’epoca della lega delle tribù in poi) porta a sta lettura. Secondo tale analisi m al’akè viene con­
concludere che il termine m al’àk potesse denota­ siderato l’oggetto diretto di ja'àneh, che a sua vol­
re anche un funzionario governativo, un «legato*. ta non ha un soggetto esplicito (cfr. H. Wildber-
Oltre che recapitare messaggi, i m al’àkim ave­ ger, B K x/i, 1978, 573 ss.). Nella seconda tradu­
vano talora il compito di raccogliere informazio­ zione m al’àkè gòj è una forma collettiva per indi­
ni e di arrestare criminali. Così anche gli esplora­ care gli inviati dei Filistei. L ’espressione diventa
tori (’ànàsim meraggelim) che si erano infiltrati a ora il soggetto di ja'àmeh, e k i introduce una su­
Gerico vengono chiamati mal’àkim (Ios. 6,17.25). bordinata causale. Il risultato di questa analisi è
Entrambi i termini rispecchiano le funzioni di che i messaggeri dei Filistei non sono in grado di
questi uomini: «attraversare a piedi» il paese e dare una risposta che confuti l’oracolo.
tornare a riferire (cfr. EA 162). Secondo Ios. 7,22 Lo stesso contesto storico costituisce lo sfondo
vengono inviati da Giosuè m al’àkim per ritrova­ di Is. 18,1-7: inviati (sirim) kushiti vogliono inci­
re gli oggetti sottratti dal bottino e arrestare i col­ tare Giuda a partecipare alla ribellione. Isaia am­
pevoli (cfr. sopra, Prov. 17 ,11 ed EA 54; 2 Reg. monisce questi «veloci messaggeri» (mal’àkim
6,32; 1 Sam. 19,14). qallim) a mettersi in marcia per l’Egitto per avver­
Come mostra Ios. 6-7, il numero dei m al’àkim tire la loro gente che Israele è pronto ad aspettare
dipendeva dal compito affidato loro di volta in Jhwh. sirìm e mal’akim sono qui funzionalmente
volta e dalla relativa responsabilità. identici (cfr. Prov. 13,17). Anche Ezech. 17,15; 23,
Nel Pentateuco si parla di messi politici solo 5 16; Ier. iy ,i documentano l’esistenza di m al’à­
volte (di cui 4 in Numeri). Mosè manda m al’à­ kim operanti su scala politica internazionale.
59 (™>894 ) mal'ak (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (iv,895) 60

Nah. 2,11-14 solleva alcuni problemi. Il profeta ballat fu una «lettera aperta» ('iggeret p etuhàì v.
descrive i crimini di Ninive, che ne provocarono la 5) consegnata da un suo «servitore» (na'ar). Men­
caduta. Parlando per metafore, egli chiama Ninive la tre na'ar si riferisce evidentemente alla condizio­
«tana» (me<àràt il T.M. ha mir‘eh ‘pascolo’) dalla ne della persona in parola, rruil'àk ne segnala la
quale il leone (l’esercito assiro) esce per andare in
funzione.
cerca di prede per la leonessa e i leoncini. L ’immagi­
ne del leone per una nazione aggressiva o un sovra­ Dei 48 esempi di pi. indeterminato ben 46 si ri­
no predatore non è insolita (cfr. Prov. 28,15; Ier. 50, feriscono a inviati politici, a «legati». Incontran­
17), ma ciò nonostante il v. 14 sembra fuori posto. Il dosi 45 volte il verbo slh, si può dire che l’espres­
testo dice: hineni ’élajik ne’um jhwh sebà'ót | w'hib- sione slh mal'àk sia la locuzione idiomatica tipi­
‘arti be'àsari rikbà uk'firajik tó’kal hàreb | w'hik- ca. I mal'àkìm sono dunque funzionari governa­
rattì mè’eres tarpèk w eló’ jissàma' ‘ód qòl mal'àké­ tivi con una preparazione specifica che curavano
kèh «Eccomi a te, oracolo di Jhwh Sabaot: Brucerò le comunicazioni tra capi di stato in questioni ri­
col fuoco i tuoi (T.M.: i loro) carri e la spada divorerà
guardanti la guerra, le alleanze politiche e altre
i tuoi leoncini, li sterminerò dal paese cfella tua preda
e non si sentirà più la voce dei tuoi messaggeri». importanti faccende di competenza dei governi.
Ci sono tre punti dell’esegesi che possono chiari­
re la pericope e l’interpretazione di qòl mal’àkékèh. v.i. Messaggero di Dio è qualcuno il cui mes­
Il singolare suffisso si spiega, secondo GKa § 911, saggio proviene da Dio e che viene inviato da par­
come un errore di scrittura per dittografia della h te di Dio. Questa categoria include i profeti e i
successiva (3,1). Un emendamento del testo secondo sacerdoti. Nelle 120 ricorrenze di mal'àk in cui si
i LXX (così KBLJ, Elliger, ATD e altri) non è più tratta di un messo di Dio domina chiaramente la
opportuno dopo il ritrovamento di 4QpNah fr. 3-4 forma singolare (si hanno solo 15 plurali). Dio (a
11 1 . Per prima cosa la traduzione tradizionale di hik-
differenza di quanto usa tra gli uomini, v. sopra,
ratti... «e io sterminerò la tua preda dalla terra» non
è esatta. L ’espressione sta in parallelismo con uk'fì- iv. 1) invia individualmente i propri messi celesti e
rajik tó'kal hàreb. Proprio quando i leoncini si ap­ terreni: una molteplicità di inviati non serve, per­
prestano a divorare la loro preda la situazione si ca­ ché Dio stesso protegge messaggio e messaggero
povolge, perché ora è la spada di Jhwh che divorerà (cfr. Ier. 1,7 s.).
i cuccioli separandoli dalla loro preda. Jhwh non di­ 2. mal'àk sta in parallelo con nàbV ‘profeta’ (1
struggerà la preda ma i predatori, i leoni (= l’armata volta al sing., 4 al pi.). Aggeo viene detto «profe­
assira). La spada di Jhwn divora e uccide. L ’oggetto ta» (Ag. 1,3) e mal'àk jhwh (1,13). Il passo mo­
di questi atti è in entrambi i casi il medesimo: i leon­ stra due idee fondamentali circa i profeti: essi so­
cini. Quindi kefirajik è l’oggetto di tó'kal e di wehik-
no in primo luogo messaggeri inviati da Jhwh. So­
ratti. Jhwh «taglia via» con la sua spada che «divora».
mè'eres tarfék è un nesso genitivale. no mandati ad annunciare il messaggio del loro
In secondo luogo, Nah. 2,14 è tematicamente ri­ mandante (Jhwh), non il proprio. Lo mostra il
ferito a 3,5 che suona: sam tó'kelék 'ès takritèk he- racconto della vocazione di Geremia (ler. 1,4-10):
reb tó'kelék kajjàleq «là t’ ingoieranno le fiamme, la «Poiché andrai a tutti coloro ai quali ti manderò e
spada ti eliminerà, ti divorerà come le cavallette». dirai qualunque cosa ti incaricherò di dire» (v. 7).
Anche qui «te» è l’oggetto del verbo, quindi l’eserci­ Le parole di Dio vengono messe in bocca al pro­
to assiro e non la preda. feta (v. 9). Profeta e messaggero hanno quindi la
In terzo luogo il versetto presenta un chiasmo te­ medesima funzione: sono inviati da Uno di rango
matico: la metafora dell’inizio dell’oracolo viene ri­
superiore per proclamare le sue parole.
presa nelle espressioni tìkefirajik... hereb e w ehikrat-
ti... tarpèk. Questa coppia chiastica viene racchiusa Il pi. mal'àkim è usato in 2 Chron. 36,15 s.;
tra w ehib'artì... rikbà e w elo’... mal'àkékèh. Median­ Ezech. 30,9; Is. 44,26 per indicare profeti. In 2
te i termini rikbà «carri da guerra» e mal'àkékèh Chron. 36,15 s. il Cronista riassume le ragioni
«araldi» la metafora viene saldata alla realtà. Nella della caduta di Giuda: Jhwh inviò continuamente
metafora non si tratta quindi della distruzione totale al popolo la propria parola per mezzo dei «suoi
dell’Assiria in generale, ma invece dell’annientamen­ messaggeri» (mal'àkàjw, v. 15), ma il popolo de­
to di alcune unità militari, mal'àkékèh sono quindi rise i «messaggeri di Dio» (mal'akè hà’élóhim, v.
gli araldi militari che con i loro segnali suonavano la 16), disprezzo le sue parole, si fece beffe dei «suoi
carica per la battaglia e davano il via alle diverse ma­
novre tattiche. profeti» (nebi'àjw , v. 16). Il mal'àk pronuncia
quindi, in quanto nabi\ la parola di Dio e non la
L ’impiego di messaggeri politici con identica propria, e nabi' è un titolo per indicare colui che
funzione è documentato anche per l’età persiana funge da mal'àk di Dio proclamandone la parola.
nelle comunicazioni tra Neemia e Samballat (N e­ In Is. 44,24-28 il profeta annuncia che Dio ha
hem. 6,3-9). L ’ultimo dei vari messaggi di Sam­ deciso di ricostruire Gerusalemme mediante C i­
61 (rv,896) mal’àk (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (17,897) 62

ro. Al v. 26a, in una pericope circa il (-> kbwd) kà- befihu... bisfàtàjw... siftè... mippihù, accentuazio­
bód di Jhwh, Jhwh si rivela come mèqìm d ebar ne della trasmissione orale della torà), il suo inse­
*àbàdàjw (T.M. ‘abdó) wa'àsat mal'akajw jaslìm gnamento non è tanto parola profetica quanto la
«colui che conferma la parola dei suoi servi (pi. conoscenza tradizionale, da'at (-* jd ' [jàda'J), di
con i LX X) e manda a compimento il consiglio cui gli uomini vivono. In quanto sacerdote è mol­
dei suoi messaggeri». In contrasto con ’òtòt bad- to vicino a Dio (v. 6b), il suo insegnamento con­
dim «segni di chi pratica la divinazione», qòVmìm duce molti alla conversione. Oltre a questo aspet­
«indovini» e hàkàmim «sapienti» (v. 25), i termi­ to sacerdotale, la sua attività viene descritta in ter­
ni 'àbàdàjw e mal'àkàjw indicano i profeti. Jhwh mini di svolgimento della mansione di m al'àk,
conferma il messaggio dei profeti, perché il pro­ cioè di latore di messaggi di un essere superiore,
feta dice ciò che Dio lo ha incaricato di dire. Se non dei propri. In quanto mal'àk egli porta tale
dunque dei mal'àkim dicono che Jhwh ricostrui­ messaggio, in quanto kóhèn lo custodisce e lo
rà Gerusalemme e il tempio, ciò accadrà perché il trasmette.
messaggio viene da Jhwh. ‘àbàdàjw e mal'àkàjw L ’autore del libro dell’Ecclesiaste ammonisce i
sono termini intercambiabili: il primo si riferisce suoi ascoltatori a non partecipare con leggerezza
alla condizione, il secondo alla funzione. ad atti di culto, soprattutto a non pronunciare
In Ezech. 30,9 s’incontrano profeti che agisco­ sconsideratamente voti entrando nella casa di Dio
no da mal'àkim politici (per la situazione, v. so­ (Eccl. 4,17-5,6). In tale contesto egli avverte:
pra, a Is. 18). Essi vengono inviati per annunciare «Non permettere che la tua bocca ti seduca al pec­
la rovina dell’Egitto e dei suoi simpatizzanti. cato e non dire (dopo) al messaggero di Dio: mi
sono sbagliato!». Qohelet vuole sottolineare il
Il termine mcd'àkì in Mal. 1,1 può essere un no­
dovere di osservare il voto fatto e definisce pec­
me proprio formato da mal'àk + suff. i a sing., «mio
messaggero» = «mio profeta» (cfr. Mal. 3,1), una for­ cato il non far fronte agli impegni presi o, peggio
ma abbreviata di mal'àk jhwh «messaggero di Jhwh» ancora, lo scusarsi con leggerezza. Il mal'àk è un
(cfr. Ag. 1,13) oppure, in accordo con le recensioni sacerdote o un incaricato del tempio che ha la man­
dei L)OC (Aq., Sim., Teod.), MaXa^iac, un nome sione di raccogliere i beni votati.
composto mali'idkijà «il mio messaggero è Jhwh» 4. m al’ak jhwh / mal'ak'èlóhim sono costrutti
(cfr. G.J. Botterweck, BiLe 1, i960, 28), o meglio «il genitivali che ricorrono rispettivamente 56 e 10
mio angelo (custode) è Jhwh» (H. Junker, HSAT), volte. Si hanno inoltre 3 volte mal'àkè ’élóhim e
oppure «mandato da Jhwh» (W. Rudolph, KAT). Il 1 volta ciascuno mal'ak habberit (Mal. 3,1) e mal-
dibattito sulla migliore spiegazione non è ancora
'ak pànàjw (Is. 63,9). Sebbene mal'àk con riferi­
concluso.
Se si trattasse di un nome comune riferito a un mento a un angelo non appaia sempre in st. cs. se­
profeta, ci si aspetterebbe il suffisso di 3* m. sing.: guito dal nome divino, questo significato viene
«Oracolo della parola di Jhwh a Israele mediante il suggerito dal contesto. Inoltre questa associazio­
suo messaggero». Si tratta infatti di una soprascritta, ne ricorre almeno concettualmente in altri 11 pas­
di una nota redazionale dell’editore nella quale ci si si. Altre 13 volte mal'àk è messo in relazione col
doveva aspettare una assoluta chiarezza grammatica­ nome di Dio da suffissi e altre 24 volte, infine, la
le. m al'àkicome forma abbreviata e sospetta in man­ determinazione rivela che il mal'àk è «/'angelo
canza di esempi paralleli. Restano dunque in piedi (di Dio)» (testi in Ròttger 8 s.). È possibile indi­
solo le possibilità di un nome composto o di un no­
viduare alcuni punti di maggiore concentrazione
me proprio, «Mio messaggero», sviluppatosi dall’ap­
pellativo. delle ricorrenze: Gen. 16 e 22; Num. 22; lud. 6 e
13; 2 Sam. 24 (// 1 Chron. 21); 1 Reg. 19; 2 Reg. 1
3. Due volte mal'àk indica un sacerdote. In e 19 (J/ Is. 37 fi 2 Chron. 32); Zach. 1-6 e 12; Mal.
Mal. 2,6 s. si legge: «torà verace era nella sua boc­ 2 e 3. Gli angeli vengono menzionati frequente­
ca e sulle sue labbra non fu trovata falsità. Cam­ mente anche nelle tradizioni dell’esodo e della
minava con me in pace e giustizia e distolse molti conquista (ad es. Ex. 21; 32; 33; lud. 2). Per ulte­
dal peccato. Poiché le labbra del sacerdote (kóhèn) riori particolari cfr. Ròttger 6 s.
badano alla conoscenza e cercano la torà dalla sua L ’uso di mal'àk in Zach. 1,9-6,5 segnala come
bocca. Infatti egli è un messaggero (m al'àk) di compito precipuo dell’angelo la consegna del mes­
Jhwh Sabaot». saggio di Dio, soprattutto ai profeti che sono a lo­
Questa pericope non solo mostra l’uso di mal­ ro volta messaggeri nei confronti degli uomini
'àk per un kóhèn, ma descrive anche nei partico­ (cfr. 1 Reg. 13,18). L ’angelo appare diverse volte
lari il ruolo del sacerdote come messaggero di come interlocutore di Zaccaria (1,1 r.12; 3,1.6; cfr.
Jhwh. Egli insegna la torà (si osservi il chiasmo: Gen. 16,7.9.11).
63 (iv,898) mal'àk (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (^,899) 64

Tuttavia la funzione dell’angelo di Jhwh non è ge contro Israele è offerto da 2 Sam. 24 = / Chron.
limitata alla trasmissione del messaggio di Dio. 21. In questo episodio l’angelo esegue la punizio­
Egli non è solo il messo che recapita la parola di ne divina su David a motivo del censimento. Jhwh
Dio, ma anche il servitore, legato, delegato ad at­ mandò una pestilenza (deber) su Israele (2 Sam.
tuare quella parola. L ’angelo è inviato da Dio per 24,15 = / Chron. 21,14); ma quando l’angelo stese
precedere A bramo (Gen. 24,7.40), per fare da bat­ il braccio per distruggere Gerusalemme, Jhwh
tistrada a Israele (Ex. 23,20.23; 32,2.34), per libe­ ordinò all’angelo «devastatore» (mal'ak hammas-
rarlo (Num. 20,16) e condurlo nel paese di Ca­ hit, mal'ak hammakkeh) di fermarsi.
naan (Ex. 23,20; cfr. Mal. 3,1 dove l’angelo gli Il parallelo in 1 Chron. 21 è importante anche
spiana la strada provvedendo a punire i peccatori, per un’altra ragione: mostra un’idea più antica
una ripresa in chiave etica del suddetto tema del­ dell’angelo di Jhwh, visto come un essere di gran­
l’esodo). L ’angelo protegge gli Israeliti al Mare dei dezza e forza sovrumane. Secondo il v. 16 David
Giunchi (Ex. 14,19), si oppone a Balaam (Num. potè vedere l’angelo devastatore «in piedi tra ter­
22,22), aiuta Elia (1 Reg. 19,7) e colpisce i nemici ra e cielo con in mano la spada stesa sopra Geru­
d’Israele (2 Reg. 19,35 = ^5* 37,36). Questi esempi salemme».
mostrano che nel pensiero religioso d’Israele l’an­ In brani più antichi gli angeli parlano all’uomo
gelo di Jhwh era considerato l’agente del suo aiu­ dal cielo (Gen. 2 1,17; 22.11.15), dal fuoco (Ex.
to per Israele. Mentre l’idea dell’angelo era altro­ 3,2) o in sogno (Gen. 28,12; 3 1,11) . Essi appaiono
ve unita sempre con la paura, l’angelo di Jhwh non tanto ad animali quanto ad uomini (Num. 22),
fu mai considerato un nemico d’Israele bensì il spariscono spesso dalla vista (Iud. 6,21; 13,21) e
suo benefattore, mandato per la liberazione. La spesso non vengono riconosciuti come angeli da
loro apparizione viene salutata (/ Sam. 29,9), la coloro ai quali sono inviati (Iud. 13). Ascendono
loro sapienza celebrata (2 Sam. 14,17.20; 19,28). al cielo nel fuoco (Iud. 13,20), salgono e scendo­
Da 2 Sam. 14 risulta evidente che per il re era un no per una scala (Gen. 28,12). Questi testi mostra­
altissimo onore essere paragonato all’angelo di no come spesso gli angeli siano dotati di capacità
Jhwh. In Zach. 12,8 al momento della restaurazio­ sovrumane.
ne d’Israele la casa di David è paragonata all’an­ In alcuni esempi non è più possibile distingue­
gelo di Jhwh. Questa valutazione fondamental­ re se l’azione di cui l’uomo è oggetto sia compiu­
mente positiva dell’angelo di Jhwh non fu affatto ta da Dio o dal suo mal'àk. G. von Rad ha indi­
intaccata dal ruolo di mashit ‘devastatore’ che po­ viduato uno schema in questo alternarsi apparen­
teva facilmente assumere (v. sotto). temente indiscriminato: «Quando si parla di una
Un’altra concezione dell’angelo di Jhwh si può azione di Dio che prescinde dall’uomo, allora il
vedere nella benedizione di Giacobbe per Giusep­ soggetto agente è Jhwh; ma non appena Dio en­
pe (Gen. 48,15 s.): «Il Dio al cui cospetto cammi­ tra nel campo percettivo dell’uomo, subentra il
narono i miei padri, Abramo e Isacco, il Dio che m(l'k) j(hwh)» (G L N T 1 205). Alcuni esempi pos­
mi ha pascolato per tutta la vita fino a questo sono illustrare questo sistema. In Gen. 16,7-14
giorno, l’angelo che mi ha liberato da ogni male». (J) Jhwh, udito il grido di Agar, manda il mal'ak
Il mal'àk è il gò'èl (-> g'I [gà‘al]), libera gli eletti jhwh che le parli direttamente. Dopo che l’angelo
da ogni male (Is. 63,9), vendica il sangue dei perse­ le ha parlato, Agar invoca il nome di Jhwh: «Tu
guitati (Ps. 35,4 ss.). Questa idea impronta anche sei il Dio che mi vede!» e poi esclama: «Ho vera­
l’immagine del mal'àk nel racconto dell’esodo. mente visto Dio!» (contro T.M. hàlóm si deve
Nella storia dell’assedio di Gerusalemme da leggere 'éldhìm). L ’interlocutore vero di Agar era
parte di Scnnacherib (2 Reg. 19,35 = 2 ^ eS- 32>21 stato però l’angelo di Jhwh, non lo stesso Jhwh.
= Is. 37,36) chi ha il mandato di annientare l’ar­ Il commento di Agar che afferma di aver visto un
mata assira viene chiamato mal'ak jhw h, colui 'élòhim può riferirsi alla sua chiara consapevolez­
che «esce» (js') e «colpisce» (nkh h if), che Jhwh za di non aver visto Jhwh, ma un «essere divino».
«invia» (slh) e che «distrugge» (khd). L ’angelo di Nel parallelo E l’episodio si svolge in maniera del
Jhwh è il suo strumento per attuare concretamen­ tutto simile: secondo Gen. 21,15 -2 1 Dio ode il
te la sua dimostrazione di grazia verso Israele li­ grido di Ismaele, l’angelo di Dio chiama Agar dal
berando, proteggendo, difendendo. Quando il cielo e Dio stesso le apre gli occhi.
Cronista sottolinea particolarmente l’invio (slh), Dio mise alla prova Abramo e gli diede l’inca­
può essere che lo faccia per impedire che l’angelo rico di sacrificare Isacco (Gen. 22,1-19). Ma fu
sia identificato con Jhwh. poi l’angelo di Jhwh che parlò dal cielo ad Abra­
L ’unico esempio dell'angelo di Jhwh che si vol­ mo (w . 11.15 ). Tuttavia, secondo il v. 1 l’ordine
65 (iv,9oo) mal'àk (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (tv , 900) 66

originario è provenuto da 'èlóhim. Poiché in Gen. rivelazione del nome di Dio non permettevano
22,1-19 non si può rilevare con certezza la presen­ che nel racconto un mal'àk fosse il protagonista:
za della fonte E (cfr. C. Westermann, BK 1/2, l’intervento diretto di Dio era richiesto dall’im­
1979,43 5), ’élóhim può benissimo essere usato qui portanza della narrazione.
come termine generale per «essere divino». C o ­ 3) Jhwh stesso ha parlato a Mosè, ma non aven­
munque sia, l’autore non ha distinto tra chi mette dogli consentito di vederlo, l’interposizione del
alla prova, Dio, e chi comanda, l’angelo. Ciò non m al’àk era necessaria.
implica però un’identificazione. Pare che, almeno
in Gen. 22, non si possa risolvere il problema ri­ * Nell’esegesi contemporanea Ex. 3 viene tuttavia
ritenuto per lo più una composizione letteraria non
correndo alla distinzione delle fonti (cfr. Kilian, unitaria (al riguardo cfr. la netta posizione di W.H.
Ròttger e il parere diverso di Westermann). Schmidt, BK 11 106-110). L ’individuazione delle fon­
Secondo Gen. 3 1,1-16 Jhwh ordinò a Giacob­ ti dovrebbe quindi contribuire notevolmente a chia­
be di lasciare Labano e ritornare in patria (v. 1). rire la confusione in Ex. 3. Schmidt dimostra che sen­
Secondo l’opinione di Giacobbe, tuttavia, l’ordi­ za l’argomento dei nomi divini la divisione delle fon­
ne gli venne dal mal'ak ’èlóhim (v. 13). ti chiarisce in maniera convincente che le menzioni
Secondo Iud. 2,1.4 ^ mal'ak jhwh parla al po­ del nome di Jhwh vanno effettivamente attribuite a
polo denunciando l’inosservanza dello statuto del J, quelle con ’èlóhim a E. La problematica si concen­
tra quindi sul v. 2a, che Schmidt assegna a J. Ma Ròtt­
patto. La stessa figura appare alla moglie di Ma-
ger vede in mal’ak jhwh un’interpolazione seconda­
noah (Iud. 13,2-25), la quale tuttavia dopo l’appa­ ria che sarebbe derivata interamente dall’orienta­
rizione afferma di aver visto un «uomo di Dio» mento di E: «Il redattore elohista crea con questa ag­
(’is 'èlóhim), paragonabile a un angelo di Dio (v. giunta un elemento di continuità tra l’era dei patri­
6). Manoah implorò Jhwh di mandare di nuovo archi e l’era del popolo d’Israele. Nello stesso tem­
V’is ’élóhim (v. 8); Dio lo esaudì e il mal'ak ’éló- po prepara il ruolo del mal’àk nell’avvenimento del­
hlm apparve una seconda volta (v. 9). Dopo ripe­ l’esodo» (Ròttger 89). Un ragionamento impostato
tute apparizioni e colloqui con Manoah e la mo­ a così vasto raggio non è tuttavia cogente dal punto
glie, il mal'ak jhwh salì in cielo nella fiamma del­ di vista della critica letteraria, così che la compresen­
za di mal’ak jhwh e di ’èlóhim resta inspiegata. P.
l’altare e non apparve più (v. 20). La conclusione
Weimar, Die Berufung des Mose (OBO 32, 1981) ha
di Manoah fu: «Dobbiamo morire perché abbia­ perfezionato la critica letteraria impostata da Schmidt
mo visto ’èlóhim]». Manoah aveva preso un abba­ e suggerito di vedere nel v. 2a la mano di J che prepa­
glio (non essendo morti non avevano visto Dio), ra allusivamente già qui la seconda parte della scena
oppure egli aveva visto «soltanto» un essere divi­ del pruno ardente come apparizione di Jhwh (Wei­
no (’élóhim). Iud. 13 mostra con tutta l’auspicabi­ mar 233). W. Fuss (BZAW 126, 1972, 26) opera una
le chiarezza la nebulosità della terminologia. Al­ divisione delle fonti dello stesso tipo, ma vede nella
tri esempi sono offerti da Gen. 32,22-32; Hos. menzione del messaggero un’accentuazione redazio­
12,5; 2 Sam. 24,17; Zach. 1,9-6,5. Il problema del nale della trascendenza di Jhwh. Questa lettura va
nella giusta direzione, e non è in contraddizione con
rapporto tra Jhwh e il suo angelo non è inquadra­ la chiara affermazione di Westermann (BK 1/2 excur­
to completamente senza che si studi Ex. 3. Il mal­ sus «Der Bote Gottes», 289 ss.) che l’alternarsi di
'ak jhwh apparve a Mosè in una fiamma di fuoco Jhwh e mal’ak jhwh non sia dovuto a una riflessio­
che si alzava dal rovo (v. 2; cfr. Iud. 13,20). Ma ne teologica, trattandosi piuttosto della «riproduzio­
durante il dialogo seguente la voce che proviene ne narrativa di una reale e molteplice esperienza,
dal rovo è di Jhwh (w. 4.7) o di ’élóhim (w . 11. quella di un incontro in una situazione di estrema
13.15). Mosè si nasconde il volto davanti a ’éló­ emergenza».
(H.-J.
him (v. 6). Il m al’àk compare dunque solo all’ini­
zio della storia. Ex. 23 e 33 gettano ulteriore luce sulla manife­
Sono tre le possibili spiegazioni dell’uso alter­ stazione divina in Ex. 3. In Ex. 23,20-223 si legge:
no dei termini: «Invio davanti a te un angelo per proteggerti...
1) Jhwh ha comunicato il suo messaggio a M o­ ubbidisci alla sua voce... perché il mio nome è in
sè mediante il suo mal'àk, ma l’autore parla di lui, ma se tu gli ubbidisci completamente e fai tut­
Jhwh e ’èlóhim perché a suo parere il messaggio to ciò che io ti dico...». Per l’interpretazione di Ex.
proveniva direttamente da Dio: la menzione del 3 il passo appena citato è doppiamente importan­
mal’àk all’inizio serve a qualificare il successivo te. Il mal’ak jhwh è talmente unito a Jhwh che il
uso di Jhwh e ’élóhim. nome di Dio è in lui. Quando Mosè parla con Dio
2) Il significato della vocazione di Mosè, l’ini­ dà ascolto alla voce del m al’àk. Il m al’ak jhwh è
zio del rapporto personale di Dio con Israele e la quindi il mediatore tra Dio e uomo. Quando lui
6y ( iv ,9 o i) mal'àk (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (iv , 902) 68

parla, Dio parla attraverso l’angelo che porta il Stein, Bibl 19 [1938] 286-307), la teoria delle iposta­
suo nome. Quando l’uomo apprende i comanda­ si, che vede nel mal'àk un’ipostasi di Jhwh (cfr. G.
menti di Dio mediante tale mediatore deve ese­ van der Leeuw; A. Lods, Fs. Wellhausen 1914, 263­
278), modificata nella teoria del logos (sostenuta già
guirli in tutto, giacché il messaggio del mal'àk è il
dai Padri della chiesa). Tutte queste teorie vanno mi­
messaggio di Jhwh. Il mal'àk «non è un perso­ surate col metro della loro rispondenza alla funzio­
naggio, né un rappresentante o una forma feno­ ne del messaggero, giacché «Dio è presente non nel
menica di Dio... è solo colui che viene incontro» messaggero, ma nel messaggio» (Westermann, BK
(Schmidt 290 citato da Zimmerli). Egli è colui che
viene incontro con l’autorità, il potere delegato di 1/2 291)1 (H.-J. Fabry)
Jhwh e nel suo nome. In contesti di coloritura mitica l’espressione
Si deve infine considerare brevemente Ex. 33. mal'ak jhw h/’élóbim denota il seguito di Dio. Si
Sebbene il racconto affermi che Jhwh parlava «fac­ tratta di esseri celesti che accompagnano Dio, lo
cia a faccia» con Mosè (v. 11), il contesto mostra lodano, costituiscono lo stato maggiore della sua
chiaramente che la manifestazione della presenza corte. Sono le schiere del suo esercito (-» sb'l [je-
divina era affidata alla «colonna di nuvole» (w . b à '5t]\ Ps. 103,20; 148,2), i suoi servitori (‘ebed,
9.10). Tutta la narrazione dà gran peso all’affer­ -» *bd [‘àbad]} lob 4,18 - il termine descrive la
mazione che un’esperienza immediata di Dio sa­ condizione, non la loro funzione), coloro che pro­
rebbe fatale per l’uomo, persino per Mosè, e tale teggono i giusti (Ps. 34,8; 91,1 r) e puniscono i mal­
esperienza deve essere invece trasmessa mediante vagi (Ps. 78,49; Prov. 16,14). Di questo gruppo di
un’interruzione dell’immediatezza. In Ex. 33 que­ stretti collaboratori fanno parte anche i cherubini
sti «filtri» sono il fuoco, le nuvole e il mal'àk. (-» krwb) e i serafini (-» srp). Sostanzialmente più
Da questi testi risulta che il mal'ak jhwh è pa­ difficile è il problema dei benè ’élohim (’élim):
lesemente unito col nome di Jhwh, con la sua au­ per la questione cfr. F. Dexinger, Sturz der Gót-
torità e col suo messaggio; che il mal'àk rappre­ tersòhne oder Engel vor der Sintflut (WBTh 13,
senta Jhwh nella sfera degli uomini, mentre l’im­ 1966). Le funzioni di questo gruppo della corte
mediatezza stessa di Jhwh si realizza in dimensio­ celeste vengono illustrate in diversi salmi. Ps. 103,
ni fuori dell’ambito della percezione umana. 20 s.: «Lodate Jhwh, voi, suoi messaggeri, voi for­
ti guerrieri, voi che eseguite la sua parola. Lodate
* Nell’alternanza di Jhwh e mal'ak jhwh non c’è, Jhwh, voi, tutti i suoi eserciti, i suoi servitori, che
dunque, in primo luogo la sostituzione di una descri­ fate la sua volontà!». U n’altra prospettiva emerge
zione antropomorfica di Dio con una speculazione da Ps. 104,4: «Colui che nomina i venti suoi mes­
teologica, come sosteneva la teoria dell’interpolazio-
saggeri (mal'àkàjw) e rende suoi servitori (mesà-
ne (J.M. Lagrange), bensì la descrizione vivida di un
incontro con Dio che fu sempre e da sempre inteso r'tàjw) il fuoco ardente». L ’interpretazione tradi­
come mediato, a motivo dei pericoli insiti in una teo­ zionale (cfr. H.-J. Kraus, BK) considera messag­
fania diretta. L’identificazione tra mandante e invia­ geri e servitori metafore per i venti e il fuoco, met­
to è pertanto abituale, tanto per il mal'àk quanto nel­ tendone così in risalto la natura di elementi sog­
l’ambito profano (cfr. Ficker 907). Questa è, sostan­ getti a Dio. Tale traduzione è però incomprensi­
zialmente, l’ipotesi della rivelazione, come formula­ bile, considerando che il nostro versetto è inseri­
ta già da H. Junker, EB 1, 1955, 76 s., la quale dice to nella reminiscenza di un mito dell’attraversa­
che «manifestandosi visibilmente Vangelo di Jhwh mento del cielo (cfr. il v. 3). Si deve quindi tra­
rivela all’uomo, essendo l’accompagnatore e il porta­
durre: «Colui che insieme col suo seguito fa di­
tore della gloria di Jhwh, la presenza dello stesso
Jhwh che rimane comunque invisibile nel suo miste­ stendere col suo ardore i venti». I messaggeri e i
ro» (cfr. anche H. Gross 35). Si avvicina molto a tale servitori mettono dunque in moto, insieme con
spiegazione anche la teoria della rappresentanza, ela­ Dio, l’attività del vento; essi, scorta del dio del
borata già da Girolamo e Agostino (cfr. J. Rybinski, Sole, che col suo carro attraversa nell’aspetto so­
Der Mal'akh Jahwe 193), secondo la quale l’angelo lare il firmamento, accendono i venti. Anche nel
in quanto creatura di Jhwh si presenta, in virtù di un v. 2 ci si deve immaginare i messaggeri di Dio oc­
particolare mandato e munito di autorità divina, co­ cupati nel distendere il cielo, analogamente al te­
me rappresentante di Jhwh. Questa teoria fu modi­ sto di Is. 42,5: «Colui che ha fatto il cielo e coloro
ficata da F. Stier, ATA 12,2, 1934, nella «teoria del
che lo stendono» (cfr. tuttavia la posizione con­
visir». Queste teorie, che partono dalla funzione,
rendono sicuramente maggior giustizia al dato bibli­ traria di K. Elliger, BK x i / i , 1978, 222. 231 s.).
co di quanto non facciano quelle altre che speculano Per l’interpretazione qui proposta del v. 4 si deve
circa la natura del mal'àk. Vanno ricordate la teoria notare la singolare accumulazione di participi nei
dell’identità (il mal'àk e Jhwh sono identici; cfr. B. w . 2-4 (‘óteh-'ór, nòteh sàmajìm, 'òs'eh... ruhót),
69 (iv,903) mal'ak (D.N. Freedman - B.E. Willoughby) (iv,904) 70

cui fa riscontro strutturale c grammaticale ’és lò- che dovrà purificare e affinare i figli di Levi, te­
hét (v. 4b). Jhwh è dunque soggetto di lohét, e ciò stimoniare contro maghi, adùlteri, spergiuri e co­
significa che lòhèt non è il predicato di ’ds (perché lo ro che voglion o approfittarsi dei poveri. Qui il
altrimenti dovrebbe essere un ptc. fem.). I venti mal'àk funge (come Satana) da accusatore che pe­
vengono quindi incendiati col fuoco che si spri­ rora la colpevolezza di coloro che violano il patto.
giona dal carro di Jhwh quando egli - accompa­ Prov. 16,14 mostra una funzione estranea del
gnato dai suoi angeli - attraversa il cielo. mal'àk'. «L’ira del re è come un angelo della mor­
te, ma un uomo saggio la placherà». L ’idea del
* La nuova interpretazione qui proposta presup­ mal'ak màwet deriva da un tema noto nel mito,
pone che soggiaccia al testo di Ps. 104 un ampio la citazione in giudizio dell’uomo per la comuni­
spettro di motivi mitologici. Ciò non contraddice
cazione del destino. Anche Mot, il dio infernale,
necessariamente il chiaro orientamento del salmo,
ispirato alla teologia della creazione. Ma l’interpre­ manda messaggeri perché gli portino vittime. Il
tazione non spiega sintatticamente l’inversione in 'ès nesso con l’ira del re è evidente, perché il furore
lóhèt e trascura che per il significato «accende» ci si del sovrano equivale a una condanna a morte (cfr.
dovrebbe in realtà aspettare un ptc. pi. (cfr. Iob 41, Prov. 19,12; 20,2). Come l’angelo della morte, an­
13). Si è probabilmente in presenza di una corruzio­ che i «messaggeri di sventure» (mal'àkè rà‘ìm) so­
ne del testo, come suggeriscono già i LX X e Qum­ no gli esecutori dell’ira e dello sdegno di Jhwh
ran (iQ H 9,1 t ). (cfr. Ps. 78,49).
[ri, -J,
Per l’interpretazione del ruolo e della funzione vi. Il «servo» del Deuteroisaia rappresenta più
del mal'ak jhwh si devono ancora considerare verosimilmente Israele che un profeta o un altro
due testi, che sono importanti perché scelgono personaggio individuale. In Is. 42,19 ‘abdi, mal'à-
dallo stato maggiore della corte di Jhwh un sin­ k i e mesullàm sono termini paralleli e denotano il
golo angelo. Nel suo primo discorso Elihu dice servo cieco, Israele. «Servo» e «inviato» sono in­
(Iob 33,22 ss.): «Allora l’anima sua si avvicina alla tercambiabili: il primo indica la condizione, il se­
tomba e la sua vita ai messaggeri della morte, a condo la funzione. Il ruolo d’Israele come mal'àk
meno che non ci sia per lui un angelo, un difenso­ va inteso in senso più lato della semplice funzio­
re («intercessore» -> Ijs ni), uno delle migliaia, ne di messaggero. Israele è lo strumento di Jhwh,
che renda noti all’uomo i suoi doveri (i suoi dirit­ un popolo che esegue la sua parola e rappresenta
ti). Ed egli è benevolo verso di lui e dice: lascialo il suo amore divino e il suo legame con gli uomini.
libero affinché non scenda nella fossa. Ho trova­
to un riscatto per lui. Fa’ che la sua carne sia pie­ D.N. Freedman - B.E. Willoughby
na di gioventù, fallo ritornare ai giorni della sua
giovinezza!». Il mal'àk rappresenta qui il difen­ v i i . Nei testi di Qumran il mal'àk è presente
sore celeste presso la corte di Jhwh: egli si prende circa 50 volte, ma la letteratura qumranica ricorre
cura dell’uomo accusato e ne perora l’assoluzio­ a una quantità considerevole di sinonimi che pos­
ne, elencando i diritti dell’uomo rispetto alla giu­ sono realmente essere considerati termini alterna­
stizia in generale e a un equo procedimento in par­ tivi (’èlim, benè sàmajim, melàkim, qedòsim, rù-
ticolare, e lo libera mediante il pagamento di un hòt, gibbórim, k erùbim, sirim, nesi'ìm, rà'sim, kò-
riscatto. Jhwh accetta la sua perorazione. Il mal­ hànim e mesàretim), oltre che alla menzione per
'àk viene caratterizzato con mélìs, termine non nome di alcuni angeli (cfr. J. Strugnell, VTS 7,
privo di ambiguità. In Gen. 42,23 significa «inter­ i960, 318-345, spec. 331 ss.). Questa nutrita ter­
prete», così che Iob 33,22 s. potrebbe avere in minologia denota quanto spiccata fosse l’angelo­
mente l’«angelo interprete» (angelus interpres), fi­ logia degli esseni di Qumran (per l’argomento
gura ben nota dalla letteratura apocalittica e rabbi­ cfr. F. Nòtscher, Geist und Geister in den Texten
nica (cfr. già 7.ach. 1-6; cfr. C. Westermann, Got- von Qumran, BBB 17, 1962, 175-187; J.A . Fitz-
tes Engel brauchen keine Fliigel, 2i 98o, 115 -12 4 e myer, NTSt 4 [1957-58] 45-58; M. Delcor, DBS
P. Schàfer, Rivalitàt zwischen Engeln und Men- ix 970 ss.). Tale aspetto viene ulteriormente sot­
schenyStudia Judaica v i i , 1975, 10-18). Nel nostro tolineato dall’esistenza di una cosiddetta «liturgia
passo mèlis denota il difensore celeste, l’avvocato, angelica» (4QS siròt ‘ólat hassabbat). L ’angelolo­
che espone a Jhwh un caso (contro Satana). gia è una componente essenziale dell’ecclesiologia
In Mal. 3,1-5 s’incontra invece il mal'àk con la essenica di Qumran, in quanto la comunità intese
funzione opposta: Jhwh vuole inviare il suo mes­ se stessa, per molti aspetti, come un gruppo in co­
saggero, il «messo del patto» (mal'ak habberìt), munione con questi angeli (cfr. P. Schàfer, Riva-
7 1 (iv,9o5) m 'iakà (J. Milgrom - D.P. Wright) (iv,9o6) 72

litdt zwischen Engeln und Menschen 33-40). Que­ kah) in thè O.T. (diss. South East Asia Graduate School
sto aspetto riguardava, in primo luogo, Pauto- ofTheology, Singapur 1974).
comprensione della comunità che si considerava 1. La radice di melà'kà è l ’kt nella forma verba­
una compagnia militare escatologica: non solo le non attestata in ebraico ma in altre lingue semi­
l’accampamento dell’esercito viene santificato dal­ tiche, ad es. nell’ug. h k ‘mandare’ (KTU 1.4 , v 4 1 .
la presenza degli angeli (iQ M 7 ,1-17 ; rispetto a 42; vii 45; 1 .5 , iv 2 3 .2 4 ; 1 . 1 3 , 2 7 ; 1 . 1 4 , ni 19 .20 ;
Deut. 23,1 s la presenza di Dio è sostituita da quel­ 1 . 2 4 , 1 6 ; 2 . 1 0 , 1 0 ; 2 . 1 4 , 7 ; 2-26,4; 2 . 3 1 , 4 3 ; 2 .4 2 ,1 2 ;
la angelica), ma gli angeli stessi sono considerati 2 . 6 3 , 7 .1 0 . 1 3 ) , ar. la’aka e ’alaka ‘ mandare’ ed et.
commilitoni e compagni di battaglia (iQ M 12,4. la'aka ‘inviare (un messaggio)’ . Le forme nomi­
8; cfr. 4Q491-495 ecc.). Inoltre la comunità sape­ nali in queste lingue rimandano al campo seman­
va di essere in comunione liturgica con gli angeli tico del ‘mandare’: ug. mVk ‘ messaggero’ (ad es.
(iQSa 2,8; iQSb 4,22-26, qui con un’interessan­ KTU 1 . 1 4 , 1 1 1 2 0 .3 3; VI 35)> m l’kt ‘incarico, mes­
te equiparazione del sacerdote della comunità al- saggio’ (KTU 2 . 1 7 , 7 ; 2 .2 3 ,3 ; 3 M 9! 2-33>35); ar-
l’ «angelo del volto» (iQ H 14,13; 4Q5H 35,4) nel­ mal'ak ‘angelo, messaggero, inviato’ ed et. mal­
la comune adorazione di Dio nella comunità, il 'ak ‘angelo, messaggero’. I derivati in ebraico
Nuovo Tempio. sono, oltre a mtla'kà, anche -» mal'àk ‘ messagge­
Conformemente al dualismo della visione del ro, angelo’ e mal'àkut ‘incarico, ordine, messag­
mondo degli esseni di Qumran, si immaginava gio’ (Ag. 1,13). Inoltre si trova in fen.-pun. m l'kt
anche il mondo angelico scisso in due regioni: la e mlkt ‘lavoro’ (DISO 151).
sfera di Belial, l’«angelo dell’inimicizia» (mal'ak Del termine melà'kà si hanno nell’A.T. 166 ri­
mastèmà, iQ M 13 ,11), dal quale l’uomo si può correnze in forme diverse. Già la distribuzione
difendere efficacemente solo ubbidendo alla torà nei testi mostra che la parola è strettamente legata
(CD 16,5), con il suo seguito di «angeli della per­ a lavori compiuti nel tempio o a suppellettili e
dizione» (m. hebel, iQ M 1,15; 13,12; C D 2,6; arredi sacri (Pentateuco 62 volte, di cui 33 in Ex.
4Q 510 1,5 par. Lilit) e di «angeli della tenebra» 331 ss.; 13 in Lev. 23 e 7 in Num. 8). L ’opera
(m. hòsek, iQ S 3,20), e la sfera di Dio con gli storiografica deuteronomistica impiega il termine
«angeli della santità» (m. qódes, iQSa 2,8; iQSb 19 volte (soprattutto nel racconto della costru­
3,6; iQ M 7,6), gli «angeli della sua verità» (m. zione del tempio, 1 Reg. 6 s.) mentre l’opera pa­
’àmittó, iQ S 3,24) e gli «angeli della luce della sua rallela del Cronista lo usa 63 volte (prevalente­
gloria» (m. m'wrwt kbwdw , 4 Q 511 2, 1 8; 20, 1 mente a proposito della costruzione e del restau­
2). Essi fungono da soccorritori e salvatori (1QM ro del tempio, 1 Chron. 22 ss. e 2 Chron. 24 e 34).
13,14; 17,6). Sono ritenuti esseri preesistenti, con­ Nella letteratura profetica e in quella sapienziale
siderato che furono presenti al momento della la parola compare solo sporadicamente.
creazione (n Q tgjob 30,5). Partecipano ai disegni I suoi significati possono essere divisi in quat­
di Dio (iQ M 10 ,11) e lodano il suo nome (iQ M tro gruppi o settori: 1. lavoro specializzato; arti
12,1; 4QDibHam 7,6). manuali, artigianato; 2. lavoro comune (incluso
H.-J. Fabry quello fisico); 3. risultato del lavoro, oggetto fab­
bricato, bene mobile; 4. invio, incarico, ambasce­
ria o affari.
II nesso tra il verbo ‘ mandare’ e il sost. ‘lavoro’
rDT fÒT DS m’ià’k i è possibile se si postula un *ml'kt jd in analogia
con mislah jàd (ad es. Deut. 12,7.18) ‘lavoro ma­
1. Radice e termini affini. - 11. Definizione di m'ià’kà. -
nuale’, lett. «invio della mano» (Ben Hayyim),
1. Lavoro di abilità. - 2. Progetto. - 3. Opera manuale.
equivalente semantico dell’acc. sipir idim/qàti(m)
- 4. Mansione o faccenda. - in. Riepilogo. - iv. Qum­
ran. ‘lavoro manuale’ (ad es. C H § 188; OIP 2, 133;
79-80) (Greenstein).
Bibl.: W.F. Albright, Specimens of Late Ugaritic Prose-. Il Siracide usa meld'kd 6 volte, generalmente
BA SO R 150(1958) 3 6 -3 8 .-2 . Ben-Hayyim, WordStu- nel significato di ‘lavoro, opera’ (Ecclus 3,17; 4,29
dies li (H. Yalon Memorial Volume, ed. E.Y. Kutscher s.), ‘affari’ (37,11) o con la connotazione esplicita
et al., Jerusalem 1974, 46). - E.L. Grecnstein, Trans-
di ‘lavoro e fatica’, par. lavoro nei campi (7,15). I
Semitic Idiomatic Equivalency and thè Derivation of
Hebrew ml’ kh: U F n (1979) 329-336. - J. Milgrom, L X X traducono quasi costantemente con èpyov
Stadies in Levitical Terminology, 1. The Encroacher (127 volte) o simili, ma talora interpretano con
and thè Levile. The Term ‘Abodah (Los Angeles 1970). XaTpfUTÓ<; o XetToupyta, ècprjixepia o xaTaaxeu-rj (1
- A. Silitonga, The Comprehension of Work (Mela'- volta ciascuno).
73 0 V>9°6) rn'lakà (J. Milgrom - D.P. Wright) (iv,907) 74

11.1. Con meld ’kd nell’A.T. si indica per lo più crificali, i leviti collaborarono finché non fu ter­
il lavoro qualificato, il «lavoro che richiede una minato «il lavoro richiesto dal culto», hammcld>-
abilità», in antitesi con il lavoro fisico (‘abódà) kà. Di queste attività connesse al culto fanno par­
(cfr. Milgrom, Studies 60-87). te la musica e il canto (Nehem. 13,10; 1 Chron. 9,
a) Rientrano nella categoria dei lavori specia­ 33; 25,1), la guardia ai portali del tempio (/ Chron.
lizzati (m 'id'kd) le seguenti attività: il lavoro con 9,19) e il servizio nel santissimo (/ Chron. 6,34).
materiali preziosi (Ex. 38,24) e con pietre prezio­ L ’espressione mele’ket (àbódd (1 Chron. 9,13.
se (Ezech. 28,13); la perizia nei lavori agricoli 19) significa «servizio liturgico»; questo in base
(Prov. 24,27; 1 Chron. 27,26); l’arte del vasaio all’uso linguistico del Cronista, che estende il si­
(Ier. 18,3); la navigazione (Ps. 107,23); lavori di gnificato di 'ahódd ‘lavoro fisico’ fino a ‘servizio
tessitura e ricamo (lud. 16,11); lavori al servizio liturgico, culto’. In tale ottica mele’ket ‘ahódd si­
del sovrano (Gen. 39,11; Esth. 3,9; 9,3; Dan. 8,27); gnifica letteralmente P«esecuzione a regola d’arte
il servizio religioso (Ier. 48,10); la manipolazione del servizio cultuale» (cfr. Milgrom, Studies § 72).
degli oggetti sacri (Num. 4,3); l’attività di giudice Solo i libri delle Cronache usano la locuzione in
e di funzionario pubblico (/ Chron. 26,29); l’ese­ questo senso, che si distingue da quello originario
cuzione di un lavoro destinato a Dio (/ Chron. 29, di ‘progetto edilizio’ (cfr. sotto, 11.2.a) o ‘lavoro
1); gli affari (Ion. 1,8, v. sotto, 4); la progettazione professionale’ (cfr. sotto, il.2.b).
e l’esecuzione (Esdr. 10,13; T Chron. 28,19); il va­ 2. m 'id’kà in senso generale abbraccia l’intero
lore militare (1 Reg. 1,28). spettro semantico di «lavoro», dalle attività intel­
Le opere di Dio sono tutte opere qualificate: la lettuali della progettazione fino all’esecuzione,
creazione (in quanto pianificazione ed esecuzio­ col ricorso a manodopera specializzata e generica.
ne, Gen. 2,2-3; PS' 73j2^) e ^ punizione dei po­ a) I racconti della preparazione del tabernacolo
poli (Ier. 50,25). e delle successive migliorie offrono esempi del­
b) Le connotazioni semantiche di m 'ià ’kà risal­ l’uso di m 'id’kd in questo significato. Anche qui
tano con la massima chiarezza nei racconti del­ il senso viene precisato mediante l’associazione di
la costruzione del tabernacolo del deserto e della m 'id ’kà con ‘ahódd ‘lavoro fisico’ o ‘esecuzione’ .
edificazione del tempio, oltre che nei resoconti L ’espressione ‘dhodat m eld ’kd denota ora P‘ese-
dei lavori di restauro del tempio e nelle migliorie cuzionedel lavoro’ (Ex. 35,21.24; 36,1.3; / Chron.
apportatevi: Besaleel era pieno di «sapienza, inge­ 28,13.20; 2 Chron. 24,12). La costruzione del ta­
gno, conoscenza e capacità tecnica» e di «destrez­ bernacolo è considerata come se fosse l’esecuzio­
za» (Ex. 31,3; 35,21.31). Hiram sapeva eseguire ne di un progetto (Ex. 36,2.5.7; 40,33), al pari del­
lavori fini in metallo (/ Reg. 7,14). Le maestranze la costruzione del tempio di Salomone (/ Reg. 5,
impiegate per la costruzione del tabernacolo so­ 30; 9,23; 1 Chron. 28,19.21; 29,1; 2 Chron. 8,16),
no composte da uomini «con conoscenza» (Ex. della ricostruzione al tempo di Esdra (Esdr. 2,69;
36,4.8). Altre specializzazioni menzionate a que­ cfr. Nehem. 7,70 s.; Esdr. 3,8 s.; 6,22), del restau­
sto proposito sono l’abilità nel lavorare la pietra, ro delle mura sotto la guida di Neemia (Nehem.
il legno e il metallo (Ex. 31,4.5; 35,33; 38,24; 1 2,16; 4,5.9.10.11.13.15.16; 5,16; 6,3.9.16) e delle
Reg. 7,14.22; 1 Chron. 22,15.16; 29,5), i lavori di migliorie apportate al tempio (2 Chron. 24,12 s.;
tessitura (Ex. 35,35) e la fabbricazione del vasel­ 34,10.12.13.17).
lame per il tempio (/ Reg. 7,40). Anche i lavori di Il significato di ‘progetto’ si trova anche in 2
riparazione e di manutenzione richiedevano par­ Chron. 16,5, dove Baasa desiste dal progetto di
ticolare perizia (2 Reg. 12,12.15.16; 22,5.9; Ag. 1, costruire Rama. Prov. 24,27 comunica parimenti
14; Esdr. 3,8.9; 2 Chron. 24,13; 34,10.12.13.17). l’idea di progettazione ed esecuzione, e si riferisce
L ’attività edilizia in generale viene considerata un quindi a un progetto generale di lavori. / Sam. 8,
lavoro qualificato (Ex. 39,43; 1 Reg. 7,51; Nehem. 16 indica con meld’kd «i piani del re» o le «attivi­
2,16; 2 Chron. 4 ,11; 5,1; 8,16). tà ufficiali» (cfr. 1 Reg. 9,23, anche se qui [e poi an­
c)U n aspetto di m 'id ’ka come lavoro specia­ cora solo in 1 Reg. 5,30] il «piano del re [Salomo­
lizzato è costituito dalle mansioni del culto, do­ ne]» potrebbe riferirsi a mas ‘prestazione di lavo­
cumentate con particolare dovizia nell’opera sto­ ro forzato’, cfr. l’equivalente acc. sipar sarri [Mal.
riografica del Cronista (Nehem. 10,34; 11,12 .16 . §§ 18.19.14] [Greenstein]). Anche il lavoro creati­
22; 13,10.30; / Chron. 9,13-19-33; 23»4-245 *6,3052 vo può essere definito «progetto» (Gen. 2,2.3).
Chron. 13,10). melà'kd come attività legata al Nelle fonti più antiche meld,kd denota quindi
culto si trova in 2 Chron. 29,34: data la scarsità di l’attività o la progettazione in generale, inclusi gli
personale sacerdotale per scuoiare le vittime sa­ aspetti del lavoro qualificato, della pianificazione
7 5 (rv,9o8) m cl à ’k à (J. Milgrom - D.P. Wright) (iv>9o9) 76

e del lavoro non specializzato, esecuzione compre­ di kol-mcle’ket 'àbódà. melà'kà è pertanto il ter­
sa, mentre 'àbódà indica il puro e semplice lavoro mine onnicomprensivo per indicare il lavoro. Il
fisico. In testi postesilici 'àbódà assume il signifi­ divieto di kol melà ’kà dà l’idea che di sabato e nel
cato di «servizio di culto», «culto» (ad es. 1 Chron. giorno dell’espiazione debba regnare «riposo as­
6,17; 23,28-32; 2 Chron. 8,14). Di conseguenza soluto», che «ogni specie immaginabile di fatica,
viene a crearsi una lacuna semantica, non esisten­ qualificata o meno, pesante o leggera (fisica o in­
do più un termine per indicare il lavoro fisico. La tellettuale), sia proibita» (cfr. Milgrom, Studies
letteratura rabbinica antica mostra come si sia ov­ § 69 e n. 297). ‘àbódà nell’espressione mele'ket
viato: melà’kà assume, oltre a tutti gli altri, anche 'àbódà modifica il significato generico di melà'kà
il significato di lavoro fisico, di manovalanza pu­ nello stesso modo in cui zajit determina con mag­
ra (ad es. mShahb. 7,1,2; tShabb. 7,8; 9,5; Para 2, gior precisione come ‘ulivo’ il generico *és ‘albe­
6). Ma negli scritti più tardi delPA.T. melà'kà non ro’. Quindi il divieto non riguarda ogni genere di
ha ancora assunto questo specifico ulteriore signi­ melà'kà ma solo il lavoro pesante, fisico (nel sen­
ficato. In effetti i casi che si sarebbe tentati di tra­ so di attività professionale). Ne consegue che nei
durre a prima vista con «lavoro fisico» tendono giorni festivi (eccetto il sabato e il giorno dell’e­
piuttosto verso il significato di 'progetto*. 2 spiazione) vigeva un divieto di lavorare meno se­
Chron. 8,9 racconta che Salomone non rese gli vero, ed erano quindi consentiti leggeri lavori fi­
Israeliti schiavi limla'kto «per i suoi progetti». sici, ad es. la pulizia della casa o lo studio intenso.
Quest’uso è peculiare del Cronista, dato che il In occasione della festa di Pasqua, P dà una de­
par. in 1 Reg. 9,22 non ha melà'kà. Parimenti 2 finizione del significato di mele'ket 'àbódà (Lev.
Chron. 16,5 usa mela'któ per i progetti di Baasa 23,7; Num. 28,25): «Non si svolga alcuna attività
(ma melà’kà manca nel par. 1 Reg. 15,21). (Un (kol-melà'kà lóy) in quei giorni; solo (’ak) ciò che
precedente passo affine di DtrN che rientra nella ciascuno ha bisogno di mangiare, che dev’essere
critica alla monarchia [/ Sam. 8,16] dice, a propo­ preparato soltanto per voi» (Ex. 12,16). Questo
sito del re, che egli recluterà schiavi dal popolo significa che l’unica differenza riconoscibile tra il
limla'kto «per i propri progetti»). In questi esem­ divieto di mele'ket ‘àbódà e quello di kol-melà'kà
pi i suffissi di melà’kà valgono come genitivo sog­ è la preparazione del cibo. Si pone comunque l’in­
gettivo, «opera del re», non un genitivo oggetti­ terrogativo, se le fonti letterarie (Ex. 12 rispetto a
vo, «opera per il re» (cfr. Gen. 2,2 s.; Ex. 20,9; / Lev. 23 e Num. 28) condividano la medesima ideo­
Chron. 29,652 Chron. 8,16). Per quel che riguarda logia, cioè se ritengano che ogni lavoro fisico sia
i 'òse melà'kà (cfr. BHS, 2 Chron. 34,13), si tratta vietato, oppure se effettivamente la Pasqua fosse
di lavoratori cui si può affidare qualsiasi specie di osservata più rigorosamente di altre feste, col di­
lavoro (la'àbòdà wa'àbódà). Nelle Cronache, vieto di ogni lavoro eccetto quello di cucinare, per
quindi, melà'kà non significa ‘lavoro fisico’ ma in evitare contaminazioni mediante il pane azzimo.
generale ‘progetto, opera’. 3. melà‘kà non significa soltanto lavoro quali­
b) L ’uso del termine nel senso lato di lavoro fi­ ficato specializzato, ma denota anche il «prodot­
sico e intellettuale si trova nel divieto di compiere to finito, frutto del lavoro qualificato specializza­
una qualunque sorta di melà'kà di sabato e nei to» (cfr. Milgrom, Studies § 67).
giorni festivi (Ex. 12,16; 20,9 s.; 31,14 s.; 35,2; a) Il significato di ‘prodotto’ (artigianale) è evi­
Lev. 16,29; ^3,3-7 s.21.25.28.30 s.35 s.; Num. 28, dente in Lev. 13,48, dove si parla della lebbra vi­
18.25 s-i 29,1.7.12.35; Deut. 5,13 s.; 16,8; Ier. 17, sibile su un «oggetto fatto di pelle». Secondo Ex.
22.24). Di questi casi relativi alla meld'kà nei gior­ 36,6 il popolo non dovrebbe più consegnare ‘pro­
ni di festa, 12 presentano il costrutto kol-mele'ket dotti finiti’ per il tabernacolo. In Ex. 39,43 Mosè
‘àbódà (Lev. 23,7.8.21.25.35.36; Num. 28,18.25. osserva ogni mclà'kà della tenda sacra, cioè il pro­
26; 29,1.12.35), mentre i divieti che si riferiscono dotto finito. Nella similitudine della vite (Ezech.
al sabato e al giorno dell’espiazione usano la for­ 15,3-5) s' pone la domanda se il legno della vite
ma kol-melà'kà (Lev. 23,3.28; Num. 29,7; cfr. Ex. possa essere impiegato per fare un qualche ‘pro­
31,14 s.). La stessa distinzione tra giorni festivi dotto’ lavorato (cfr. Lev. 7,24; 11,32; 13,51).
compare anche nell’uso della locuzione sabbat In 2 Chron. 17,13 melà'kà presenta un’esten­
sabbàtón «riposo assoluto» (par. kol-melà'kà), sione semantica, dato che denota le consistenti
che si riferisce unicamente al sabato e al giorno ‘scorte’ o gli ‘approvvigionamenti’ di Giosafat
dell’espiazione (Lev. 23,3.32; Ex. 16,23; 31,15; nelle città di Giuda. Ma già in Ex. 36,7 melà'kà è
35,2; per i giorni festivi cfr. Lev. 23,24.29). kol- usato in modo simile, per indicare il materiale ac­
melà’kà si rivela quindi un’espressione più ampia cumulato necessario per costruire la tenda sacra.
77 (iv,9 io) melah (H. Eising) (iv,9i i) 78

b) Un significato specifico di melà'kd riguarda maniera specifica per il lavoro fisico, ma invece
i ‘beni mobili*. Ex. 22,7.10 usa meld’kd, in questa descriva sempre un’attività caratterizzata da capa­
accezione parlando del giuramento di non mette­ cità e abdità specifiche e qualificate. meld>ka ‘la­
re le mani sulla proprietà (mobile, o sulle merci) voro’ include certamente l’aspetto del lavoro fisi­
del prossimo. In due casi mclà,ka significa addi­ co, ma solo in epoca rabbinica il termine viene usa­
rittura ‘gregge, bestiame’. Saul risparmiò gli ani­ to in questo preciso significato. Questo sviluppo
mali adatti come vittime da offrire a Dio e uccise semantico deriva naturalmente dall’etimologia di
kol-hammeld'kd n'mibzà w cndmès «tutto il be­ meld’kà, poiché la radice Vk ‘mandare’ e i suoi de­
stiame senza valore e inutilizzabile» (/ Sam. 15,9. rivati nominali tendono a esprimere un lavoro non
15). Esaù segue lentamente la melà ’kà ‘gregge’ fisico. Derivano da qui semplici estensioni seman­
(Gen. 33,14). Il significato ‘bestiame, gregge’ di tiche, ‘incarico’ o ‘affare’, che portarono poi, per
melà ’kà rimanda alla concezione del gregge come astrazione, a ‘lavoro commissionato, lavoro spe­
risultato di un ben riuscito lavoro di allevamento cializzato, progetto, piano*. Questo sviluppo dal
e nutrimento. semplice all’astratto non dice però nulla sull’epo­
4. In molti esempi si coglie ancora il nesso se­ ca dei vari passaggi; le varie sfaccettature seman­
mantico con il significato originario del verbo l ’k tiche di meld’ka potrebbero essere esistite già an­
‘mandare*. Da un significato base ‘invio* derivano ticamente. Dal testo dell’A.T. non emerge alcun
come semplice estensione ‘compito, missione’ e percepibile sviluppo diacronico della semantica di
infine ‘faccenda, affare/affari’. meldykà.
a) L ’idea della missione o dell’incarico si trova
in Gen. 39 ,11, quando Giuseppe arriva per sbri­ * IV. Negli scritti di Qumran meld’kà significa
gare «l’incarico / gli affari» di Potifar. I marinai in primo luogo semplicemente ‘lavoro’ in genere
chiedono a Giona quale fosse il suo «incarico», (11Q T 47,9). Nelle disposizioni relative alla pro­
ovvero di che «affari» si trattasse (Ion. 1,8). In prietà della comunità significa ‘manodopera’ (par.
Prov. 18,9 chi è negligente nel disbrigo dei propri mdmón, iQ S 6,3; par. hón, iQ S 6,19). A questo
«doveri» o delle proprie «mansioni» è detto fra­ proposito sembra che il suo significato si sviluppi
tello del distruttore. Secondo Prov. 22,29 qualcu­ anche nel senso di ‘entrate per lavoro fatto’ (cfr.
no può essere abile (mdhìr) nei propri «affari» e iQ S 6,20). Il Rotolo del Tempio usa il termine co­
Ps. 107,23 parla di coloro che esercitano il «com­ stantemente quando si tratta di divieti di lavora­
mercio» sui mari (forse nel senso che «commer­ re. Si deve dunque prestare attenzione (cfr. sopra,
ciavano con l’estero», cfr. Albright, BASO R 150 11.2.b) a una distinzione terminologica: proibita è
[ t 9 5 8J 3 8) - ................ la mele’ket ‘abódà all’inizio del mese ( n Q T 14,
Significati simili si hanno in Esth. 3,9 e 9,3, do­ 10), alla festa degli azzimi (per tutta la festa, 17,
ve i ‘ose hammelà,kd sono coloro che eseguono 1 1, ma in particolare nel settimo giorno della festa,
l’incarico del re, cioè servitori o funzionari reali 17,16), alla festa delle settimane (19,8), il primo
di basso livello (cfr. Gen. 39,11). Così si potrebbe giorno del settimo mese (25,9) e alla festa delle ca­
interpretare anche Dan. 8,27. panne (29,10). Il sabato (CD 10,15) e ne^ giorno
Quando si riferisce a un re, meld’kà può quin­ dell’espiazione (11Q T 27,6.7.10) è invece vietata
di significare ‘progetto, piano’, soprattutto a pro­ kol-meld’ka. Secondo CD 10,19 il sabato non è
posito di progetti edilizi (v. sopra). Ma in riferi­ consentito neanche parlare «di cose che riguarda­
mento a un sovrano m 'ià'kà significa anche ‘ser­ no il lavoro» (dibrè hammelà'kà). 1 iQ T 27,7 mi­
vizio’ o ‘incombenza’. Così 1 Chron. 4,23 dice che naccia i trasgressori di «espulsione (lett. estirpa­
i vasai abitanti in Netaim e Gedera dimoravano zione) dalla comunità». , , .
insieme con il re bimelak’tó «al suo servizio / per (H.-J. Fabry)
suo incarico»; cfr. anche 1 Chron. 29,6; Dan. 8, J. Milgrom - D.P. Wright
27; Esth. 3,9; 9,3 e la lista di funzionari affine in /
Chron. 27,1.25. Qui meld’kà potrebbe indicare un
servizio pubblico di responsabilità. melalo

in. meld’ka abbraccia dunque l’intero spettro 1. Ricorrenze. - 11. Condimento. - ni. Simbolo di sven­
semantico dal ‘lavoro* in generale fino a varie at­ tura. —iv. 1. Il sale salutare. —2. TI sale nel culto. —3. Il
patto di sale.
tività specifiche: ‘arte manuale, oggetti fabbricati,
affari, incarico’ ecc. Risulta tuttavia singolare che Bibl.: BH HW 111 1653 s. - D B v 1568-1572. - K B L 3
nell’A.T. il termine non venga mai impiegato in 556 s. - PW 2 ,11 2075-2099. - R G G J v 1347 s. - St.-B. i
79 ( tv >9i i) melah (H. Eising) (17,9 13) 80

232-236. - G L N T 1 613 ss. - G. Dalman, AuS iv 49-58. posizione tra il benedetto, che è simile all’albero
- E.P. Deatrick, Salt, Soil, Savior. BA 25 (1962) 41-48. verdeggiante piantato presso rivi d’acqua, e il ma­
- F.C . Fensham, Salt as Cune in thè O.T. and thè ledetto, piantato nell’arido suolo del deserto, «nel­
Ancient Near East: BA 25 (1962) 48-50. V. HcHn, Das l’inospitale terra salata». Anche in altri passi Dio
Salz, *1901. - A.M. Honeyman, The Salting of She-
trasforma «i fiumi in deserto, la terra fertile in
chem: V T 3 (1953) 192-195. - A. Jirku, Materialien zur
Volksregion Israels, 1914. - B. Meissner, BuA 1 415. steppa salata» (Ps. 107,33 s>5 c^r- anche Ecclus 39,
425; 11 87. 240. 228 s. 309. 23), Potrebbe quindi trattarsi di una trasforma­
zione simile quando Abimelek, con gesto simbo­
1. L ’uso del sale appartiene alla più remota cul­ lico, semina il sale su Sichem distrutta affinché di­
tura dell’umanità. La sua denominazione con mlh venti sterile e inabitabile come un deserto di sale
accomuna Israele e tutte le lingue semitiche (KBL* (Iud. 9,45). Tuttavia la successiva storia della città
556 s.). Il sost. melah compare nell’ A.T. 22 volte, sarà del tutto diversa da quanto augurato con que­
7 delle quali in nomi geografici. Ricorre inoltre 3 sto incantesimo, tanto che Honeyman (194) pen­
volte l’aram. melah e 4 volte il verbo màlah. sa che il gesto di Abimelek non fosse una maledi­
Vanno considerati anche 7 passi dei L X X in cui zione bensì un atto apotropaico, per proteggersi
compare il sale, più le 4 ricorrenze di meléhà ‘ter­ dalla vendetta degli spiriti dei Sichemiti uccisi. -
ra salata’. Si adatta tuttavia al sale come simbolo negativo il
nome di «Mar Salato» o «Mare di Sale» con cui si
il. II sale è molto apprezzato come condimen­ indica il Mar Morto (Gen. 14,3; Ios. 3,16; 12,3;
to. Ecclus 39,26 lo include tra «le cose più neces­ 18,19), e c^e nelle vicinanze vi fosse ubicata una
sarie nella vita dell’uomo». Senza sale i cibi non «Città del Sale» (Ios. 15,62) e vi si trovasse una
hanno sapore (Iob 6,6). Le medesime idee s’incon­ «valle del sale» (2 Sam. 8,13; / Chron. 18,12; 2
trano frequentemente nel Vicino Oriente e nel Chron. 25,11; Am. 8,13; Ps. 60,2). Quanto il de­
resto dell’antichità (cfr. Hehn 6 s.; Meissner, BuA solato paesaggio del deserto di Giuda fosse senti­
I 4 1 5 ) . Bianco e granulare, il sale serve da parago­ to come nefasto e carico di negatività si evince da
ne per la brina (Ecclus 2 2 ,15 ) . Secondo Ecclus 22, Ezech. 47, con la visione dell’effetto salutare (rp’)
15 il sale è difficile da portare e quindi veniva pro­ della sorgente del tempio che trasforma il deserto
babilmente trasportato in sacchi o in blocchi. Es­ in un paradiso fertile.
sendo una merce così indispensabile e preziosa, il
commercio del sale serviva allo stato da cespite iv. 1. Eppure da quest’opera di bonifica restano
fiscale (/ Mach. 10 ,29 ; 1 1 , 3 5 ; cfr. anche PW 2, 11 escluse le paludi e le lagune (Ezech. 47,11): da do­
2096 ss.). ve si trarrebbe altrimenti il sale salutare, che nelle
mani di Eliseo serve addirittura a «guarire» (rp’ )
in. Data la considerazione in cui era tenuto, è la sorgente di Gerico (2 Reg. 2,20 s.)? L ’uso tera­
singolare che il sale venga associato alla sventura peutico del sale sta probabilmente dietro all’usan­
e alla distruzione, con una concezione che Jirku za di sfregare col sale il neonato (Ezech. 16,4). A
ritiene fosse quella originaria (13. 15): il «simbolo tale prassi fa riscontro l’opinione diffusa in tutta
di ciò che è morto, atrofizzato» sarebbe a poco a l’antichità circa le virtù medicamentose del sale,
poco diventato «una cosa davanti alla quale si che veniva usato non solo in medicina (PW 2,11
cominciò a provare un timore sacro» (19 s.). Da­ 2090) ma anche nel rito religioso della guarigione
to il netto prevalere delle valutazioni positive del (Meissner, BuA 11 228 s. 240. 309). Il sale viene
sale, altri fattori dovrebbero essere stati determi­ addirittura invocato in preghiere perché liberi
nanti per il significato di sventura connesso col l’orante da una fattura: se ciò accadrà l’orante, li­
sale, ad es. la regione desertica e sterile attorno al bero dal maleficio, adorerà il sale come suo dio
Mar Morto e il racconto della sua origine (Gen. creatore (Meissner 228 s.). Cfr. Iliade 9,214, dove
19). La distruzione di Sodoma e Gomorra viene il sale è detto «divino». In Ex. 30,35 la miscela de­
espressamente menzionata come punizione divi­ gli aromi per la fumigazione, cui è stato aggiunto
na in De ut. 29,22 e Soph. 2,9. Il paesaggio salato anche un po’ di sale, viene detta «pura e santa».
attorno al Mar Morto e le colonne di sale che vi 2. Il sale rientra quindi anche nella sfera del cul­
si scorgono (Gen. 19,26) secondo Sap. 10,7 sono to. Ad Assur si coinvolgono anche gli dei nel suo
testimonianze della malvagità umana e della sua consumo, con l’invocazione: «Tu sei il sale che è
punizione. Lì vivo n o solo gli onagri (Iob 39,6) e generato in luogo puro. Ellil ti ha destinato al ci­
come cibo si trova al massimo l’atreplice salsa (Iob bo dei grandi dei. Senza di te non si organizza al­
30,4). In Ier. 17,6-8 si ha la caratteristica contrap­ cun pranzo nel tempio. Senza di te re, signore e
8 i (iv,9i3) milhàmà (H.D. Preuss) (iv,914) 82

principe non sentono il profumo del sacrificio» 5 Abia fa valere contro Geroboamo che Jhwh
(Meissner, BuA 11 228 s.). Nell’A.T. si menziona avrebbe concesso a David e ai suoi figli il regno
9 volte il sale in occasione di sacrifici; Lev. 2 ,13 in Israele in eterno con un «patto di sale».
10 prescrive per le oblazioni, e il v. 2 ,13b («su tut­ La locuzione «patto di sale» applica al patto di
te le tue offerte offrirai del sale») va inteso limita­ Dio l’idea dell’ospitalità del pasto comune, che
tamente a tali sacrifici di cibo. Infatti per gli altri obbliga alla fedeltà e all’assistenza, così che Israe­
sacrifici descritti in Lev. 3-7 non si parla mai di le deve osservare gli obblighi del patto e anche
sale. Tuttavia secondo Ezech. 43,24 la vittima per Dio, da parte sua, deve garantire l’elezione e i di­
l’olocausto va cosparsa di sale. Si tratta probabil­ ritti degli organi del patto. .
mente della retrodatazione dell’usanza testimo­ H. Eismg
niata in Giuseppe (Ant. 3,9,1) e in Iub. 2 1,11. An­
che in Test. Levi 9 si legge: «Salerai ogni sacrifi­
cio». Mentre secondo Ex. 24,7 tra i pani di presen­ m ilh• a m à
t t : •
tazione si sparge sicuramente un po’ d’incenso
ma non sale; i L X X lo aggiungono. (Cfr. inoltre il
u r- b1 laham

sale insieme con l’incenso in Ecclus 49,1). Anche
in questo caso è probabile che ci si trovi davanti a
1. Il nome. — 1. Radice, significato, distribuzione, cam­
un ampliamento tardo. Ad ogni modo l’uso di sa­ po lessicale. —2. L ’ambiente dell’A.T. —3. Aspetti sto­
le nel tempio dev’essere stato notevole, poiché in rici e teologici fondamentali. - 4. Jhwh e la guerra. - 5.
Esdr. 6,9; 7,22 si parla di disposizioni relative alla Superamento della guerra; guerra e pace. - il. Il verbo.
fornitura di sale e in 7,22 si aggiunge addirittura
«il sale, invece, senza limiti». Fuori di Israele non Bibl.: R. Bach, Die Aufforderungen zurFlucbt und zum
è documentato, né in Egitto né in Assiria, l’uso di Kampf im alttestamentlichen Prophetenspruch (WM
A N T 9, 1962). - Id.( «... der Bogen zerbricht, Spiesse zer-
aggiungere sale ai sacrifici, mentre questo sembra schldgt und Wagen mit Feuer verbrennt» (Fs. G. von
che sia stato, più tardi, l’uso in Grecia e a Roma Rad, 1971, 13-26). - R. Bartelmus, Heroentum in Israel
(DB v 1569; PW 2,11 2093 s.: la vittima sacrificale und seiner Umwelt (A ThA N T 65, 1979). - O. Bauern-
viene sparsa di mola salsa). feind, 7tÓXc[/.o^ (G L N T x 1 2 J 1 - 1 265), —Id., o-TpocTeuo-
3. Nelle disposizioni relative all’uso di sale per (jwci (G L N T xii 1322-1328). - M.J. Bencdict, The God
le oblazioni in Lev. 2,13 il sale viene chiamato, con of thè O.T. in Relation to War, New York 1927 (rist.
una forte sottolineatura, «sale del patto del tuo 1972). - A. Bertholet, Religion und Krieg, 1915. - C.M .
Dio». Come si è visto, fuori di Israele il sale viene Carmichael, A Time for War and a Time for Peace: The
addirittura considerato un condimento per gli dei, lnfluence of thè Distinction upon some Legai and Lit-
erary Material: JJS 25 (1974) 50-64. - W. Caspari, Was
perciò questo «sale del patto» non può essere in­ stand im Buch der Kriege Jahwes?: ZWTh 54 (1912)
teso, come sostiene Jirku (18 s.), come una for­ 110 -15 8 . — D.L. Christensen, Transformations of thè
mula di maledizione per il caso di una violazione War Oracle in O.T. Prophecy, Missoula, Mont. 1975. -
del patto. Poiché in ogni pasto consumato tra J.J. Collins, The Mythology of Holy War in Daniel and
persone si usa il sale, e poiché il suo uso nel culto thè Qumran War Scroll: V T 25 (1975) 596-612. - P.C.
riguarda primariamente le oblazioni, cioè le offer­ Craigie, Yahweh is a Man ofWar. SJTh 22 (1969) 183­
te di cibo, l’uso linguistico in esame sarà piutto­ 188. - Id., The Problem of War in thè O.T., Grand
Rapids, Mich. 1978. - F.M. Cross, The Divine War-
sto relativo al sacrificio e al banchetto sacrificale.
rior in Israel's Early Cult (A. Altmann [ed.], Biblical
L ’aspetto fondamentale è che «il consumo comu­
Motifs, Cambridge, Mass. 1966, 11-30). - Ph.R. Davies,
nitario di sale è un segno di amicizia e un simbo­ Dualism and Eschatology in thè Qumran War Scroll:
lo di unione» (Rudolph, HAT 1/20, 43). Lo stesso V T 28 (1978) 28-36; inoltre anche V T 30 (1980) 93-97.
vale per Greci e Romani (PW 2,11 1570); cfr. an­ - J. Ebach, Das Erbe der Gewalt, 1980. - O. Eissfeldt,
che cruvaX(^op.ai in A et. 1,4. Krieg und Bibel, 1915. - E T R 56, 1981, n. 1 (qui 5-71:
Dall’ospitalità della comunione conviviale deri­ diversi contributi sul tema della «guerra santa nell’A.T.»
vano obblighi vincolanti. Così gli autori delle let­ con bibl. e riferimento all’ambiente dell’A.T.). — G.
tere riferiscono ad Artaserse di essere tenuti a tu­ Fohrer, Glaube und Welt im A.T., 1948, 230-258. - H.
Fredriksson, Jakwe als Krieger, Lund 1945. - R. Gale,
telare i suoi interessi perché «mangiano il sale del­
Biblische Schlachten, 1973. - N .K . Gottwald, «Holy
la reggia» (Esdr. 4,14). Come in Ex. 24,11 si con­
War» in Deuteronomy: Analysis and Critique: RExp 61
clude il patto mangiando e bevendo al cospetto di (1964) 296-310. - H. Gunkel, Israelitisches Heldentum
Dio e insieme con Dio, così Dio ha assegnato ai und Kriegsfròmmigkeit im A.T., 1916. - K.-J. Illman,
sacerdoti la loro porzione dei sacrifici «con un O. T. Formulas about Death, Àbo 1979, 88 ss. - W. Jan-
eterno patto di sale» (Num. 18,19). In 2 Chron. 13, zen, War in thè O.T.: MennQR 46 (1972) 155-166. - Id.,
83 (rv ,9 ij) milhàmà (H.D. Preuss) (rv,9i6) 84

Gos as Warrior and Lord: B A S O R 220 (1975) 73 *75- “ 1.1. Il sost. milhàmà (come segolato milhemet
G.H . Jones, «Holy War» or "Yahweh War»?: V T 25 solo in / Sam. 13,22) è una forma di schema miq-
(1975) 642-658. - O. Keel, Die Welt der altorientali- tal(at) dalla radice Ihm 1. Le forme di questo tipo
schen Bildsymbolik und das A.T., 1972, 198-204. - J. significano spesso il luogo, il mezzo o il risultato
Kegler, Politisches Geschehen und tbeologisches Verste-
dell’azione indicata dalla corrispondente radice
ben, 1977, 1 1 3 ss. 253 ss. - R. Kittei, Das A.T. und un-
ser Krieg, 1916. - H.-J. Kraus, Vom Kampf des Glau- verbale (al riguardo v. sotto, 11) (cfr. E. Jenni,
bens. Eine biblisch-theologische Studie (Fs. W. Zimmer- Lehrbuch der hebr. Sprache des A.T., 1978, 182).
li, 1977, 239-256). - W. Liencmann, Gewalt und Ge- Tanto la radice quanto il nome sono documentati
waltlosigkeit, 1982, 36-48. - M .C. Lind, Yahweh is a anche in altre lingue semitiche (cfr. K B L 1 500.
Warrior, Scottdale, Penn. + Kitchener, Ont. 1980. - N. 557; DISO 137. 152; KAI 1 181 iscrizione di Me-
Lohfìnk, Die Schichten des Pentateuch und der Krieg, sha; KAI 1 24,6 Zincirli; poi J.J. Gliick, OTWSA
in Gewalt und Gewaltlosigkeit Im A.T. (Q D 96), 1983, 19 [1976] 41-43), precisamente in arabo, aramaico
5 1-110 . - A. Malamat, Early Israelite Warfare and thè
cristiano palestinese, siriaco, mandaico, etiopico
Conquest of Canaan, Oxford 1978. - Id., Israelite Con-
(tigrè), ugaritico (cfr. qui mlhmt in U T n. 1367) e
duct of War in thè Conquest of Canaan According to
thè Biblical Tradition, in Symposia (ed. F.H . Cross), per il medio ebraico anche le numerose ricorren­
Cambridge, Mass. 1979, 35-55. - P.D. Miller Jr., «God ze nei testi di Qumran.
thè Warrior»-. Int 19 (1965) 39-46. - Id., El thè Warrior: L ’estensione semantica della radice e del suo
HThR 60 (1967) 4 11- 4 3 1. - Id., The Divine Council derivato va dalla ressa alla rissa, alla lite, all’ostili­
and thè Prophetic Cali to War. VT 18 (1968) 100-107. - tà (Ps. 120,7; 71 ! 44 >3J Mich. 3,5) fino al combatti­
Id., The Divine Warrior in Early Israel (Harvard Sem. mento (2 Sam. 10,9), alla battaglia e alla guerra.
Monographs 5, 1973). - L. Perlitt, Israel und die Vól- In Ps. 76,4 e Hos. 2,20 (meno anche in Hos. 1,7;
ker: Studien zur Friedensforschung 9 (1972) 17-64. -
Ier. 30,3 2b) sembra che con milhàmà si possa for­
H.D. Preuss, Alttestamentliche Aspekte zu Macht und
Gewalt, in Macht und Gewalt (ed. H. Greifenstein), se indicare persino una determinata arma (lancia
1978, 113 -13 4 . - G. von Rad, Der heilige Krieg im al- o clava? cfr. K B L J 557 $.).
ten Israel, 1951 (e molte rist.). - W. Richter, traditions- Per la traduzione nei L X X (che presenta un
geschichtliche Untersuchungen zum Richterbuch (BBB ventaglio relativamente ampio) e per l’uso negli
18, '1966, 177-186 + 338). - M. Rose, «Entmilitarisie- apocrifi cfr. Hatch-Redpath 11 1172 s.; Bauern-
rung des Kriegs?»: B Z N .F. 20 (1976) 19 7 -2 11. — Id., feind e inoltre G L N T ili 1305 ss.; vi 1427 s.; x
Deuteronomist und Jahwist (A ThA N T 67, 1981). - L. 1260 ss.; x i i 1322 ss.
Ruppert, Der leidende Gerechte und seine Feinde, Ricorrenze testualmente incerte sono Ps. 27,3
1973, 22 s. 104 s. 156 s. 159 ss. 177. 221. - F. Schwally,
(cfr. M. Dahood, Bibl 47 [1966] 419: «truppe»);
Semitische Kriegsalterlumer, fase. 1: Der heilige Krieg
im alten Israel, 1901. - M.S. Sealc, The Desert Bible, Is. 27,4; 30,22 (il verbo?); 2 Chron. 35,21 e di cer­
London 1974, 24-52. - R. Smend, Jahwekrieg und to anche / Sam. 13,22; 2 Sam. 1,27.
Stàmmebund (F R L A N T 84, *1966). - J.A . Soggin, Der In totale si hanno circa 320 ricorrenze del so­
prophetische Gedanke tiber den heiligen Krieg als Ge- stantivo, distribuite in tutti i testi dell’A.T., dai
richt gegen Israel: V T io (i960) 79-83 = O.T. and più antichi ai più recenti. La distribuzione (cfr.
Orientai Studies, Roma 1975, 67 ss. - F. Stolz, Jahwes TH AT 11 502) mostra punti di concentrazione ( 1­
und Israels Kriege (AThAN T 60, 1972). - M.E. Tate, 2 Samuele, 1-2 Cronache, 1-2 Re, Geremia, Giu­
War and Peacemaking in thè O.T.: RExp 79 (1982) dici, Deuteronomio, Giosuè, Isaia, Numeri), evi­
587-596. - R. de Vaux, LO 11, 1962, 13-32. 48-81. - S.J.
denti nei libri in cui si narrano guerre o in cui si
de Vries, Temporal Terms as Strutturai Elements in thè
Holy-War Tradition: V T 25 (1975) 80-105. - Warfare dà uno spazio particolare al tema della guerra co­
m thè Ancient Near East (Iraq xxv/2, 1963). - P. Wei­ me strumento di Dio per plasmare la storia (v.
mar, Die Jahwekriegserzàhlungen in Exodus 14, Josua sotto, 1.3). L ’assenza del termine in Genesi (dove
10, Richter 4 und 1 Samuel 7: Bibl 57 (1976) 38-73. - P. si hanno 2 sole ricorrenze, Gen. 14,2.8) probabil­
Weimar - E. Zenger, Exodus. Geschichten und Ge- mente si spiega (cfr. Lind 3 5 ss. contro Rose, BZ
schichte der Befreiung Israels (SBS 75,1975). - M. Weip- N.F. 20 [1976] 197 ss.) più per motivi sociologici
pert, «Heiliger Krieg» in Israel und Assyrien: ZAW 84 e storici che redazionali. Inoltre non si hanno
(1972) 460-493; qui 463 s. ulteriore bibl. - P. Welten,
(tipicamente) ricorrenze in Levitico, Tritoisaia,
Geschichte und Geschichtsdarstellung in den Chronik-
Giona, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Malachia,
biichem (W M ANT 42, 1973, 79 ss. 115 ss. 201 ss.). -
A.S. van der Woude, sb’ sdbà\ Heer (TH AT 11 498­ Rut, Lamentazioni, Ester, Esdra, Neemia - ma
507: 502 s.). - Y. Yadin, The Art of Warfare in Biblical nell’A.T. veramente alieni dalla guerra sono sol­
I^ands, Jerusalem-London 1963. - W. Zimmerli, Die tanto il libro di Rut e il Cantico dei Cantici.
Weltlichkeit des A.T., 1971, 58-71 (cfr. W. Zimmerli, Nell’A.T. il tema della guerra (qualunque ne sia
Grundriss der all. Theologie, 1 1978,49-53). il contenuto e comunque lo si voglia giudicare)
85 (rv,9i7) milhàmà (H.D. Preuss) (iv,9i8) 86

ha un ruolo importante, come risulta chiaramen­ litisches Geschehen und theologisches Verstehen,
te, non solo dalla distribuzione delle ricorrenze, 1 977)-
ma anche dall’ampiezza del campo lessicale nel 3.a)Dopo il breve accenno di Ex. 13 ,17 (per
quale sono inseriti Ihm e milhàmà. In tale campo Gen. 14 v. sopra, 1.1), secondo il quale Dio non
rientrano, oltre ai verbi -» bw* (bò’ ) e -» js‘ (spes­ condusse il popolo attraverso la Filistea affinché
so uniti con Ihm e milhàmà, ad es. Iud. 9,38 s.; 1 non vedesse battaglie (E?), si arriva al primo bloc­
Sam. 8,20; 28,1; 2 Sam. 11,17 ; 2 Reg. 19,9; Is. 37, co consistente del discorso dell’A.T. su battaglia
9; Ier. 32,29; Zach. 14,3; Nehem. 4,2; Dan. 1 1 , 1 1 ; e guerra con i racconti dell’attraversamento del
2 Chron. 26,6), le radici e i termini seguenti: *spt deserto, e soprattutto con quelli subito seguenti
’ójéb, ’àrón, gibbór, grh, dbq (1 Sam. 14,22), hlk della conquista del paese (Num. 31,14.21.27.28.
(Iud. 8,1), hmm, hajil, /;/*, hrb, hrm, jr \ jrd , 49; 32,6.20; cfr. 32,27.29; si tenga conto fin d’ora
mahàneh, /77«r (morire in guerra, per es. del campo lessicale coinvolto; v. sopra, 1.1.; su
De#/. 20,5-7), n“ s> ntn (bejad o ///«è), questo punto v. spec. Lind 65 ss.; Lohfink; Mala-
‘£r, ‘zr, 7 /?, V&, ‘s/>, phd, pus, qbs, mat; Seale; Stolz 69 ss.; Yadin). Ciò che inizia in
(/er. 49,14; 1; ft. 27,3), sàlòm e f e­ Num. 31 s. continua nel libro di Giosuè (Ios. 4,
Di fronte a un campo lessicale cosi vasto I3I 6,3; 8,1.3.11.14; 10,7.24; 11,19 s-)> Per mezzo
appare ovvio che non si possa definire l’atteggia­ di informazioni isolate o con sommari (ad es. Ios.
mento dell’A.T. riguardo alla guerra limitando la 11,18.23; 14,15; poi 14 ,11; 17 ,1; cfr. J. Sanmartm
ricerca ai soli lemmi Ihm e milhàmà, e in questo Ascaso, Las guerras de Josué, Valencia 1982). Se­
articolo ci si comporterà di conseguenza. Le ope­ condo Ecclus 46,3 in questa fase Giosuè condusse
re dedicate a questo tema, inoltre, spesso non so­ le «guerre di Jhwh» (cfr. Ecclus 46,6). In questo
no esenti da scopi reconditi (apologetici o addi­ periodo antico della storia d’Israele, con la con­
rittura «patriottici») e risultano quindi problema­ quista non certo esclusivamente pacifica del paese
tiche (ad es. Gunkel, R. Kittei; di carattere apolo­ fu importante, quindi, l’esperienza della capacità
getico: Benedict e in parte anche Craigie; proble­ bellica di Jhwh (cfr. sotto, 4), e ciò non soltanto
matico per il metodo: Gale). Per i termini contra­ per la teologia deuteronomico-deuteronomistica
ri cfr. sotto, 1.5. (cfr. Deut. 2,9; 3,1; 29,6; anche 2,24; v. anche -»
2. L ’A.T. parla di battaglie e guerre, argomen­ jrs e sull’argomento von Rad 68 ss.; Lind 145 ss.;
to nel quale l’uso di Ihm e di milhàmà ha un ruo­ Perlitt 50 ss.; Rose, DeuteronomisV, Stolz 17 ss.;
lo non esclusivo ma naturalmente essenziale, co­ per una più puntuale differenziazione all’interno
me in generale ne tratta l’ideologia militare del­ del Pentateuco e dei racconti della conquista cfr.
l’Oriente antico, o meglio dell’antichità tutta, e Lohfink). Di scontri per mantenere il controllo
da questa viene influenzato (Weippert 485; cfr. del territorio narrano poi Iud. 3,10; 8,13 e Iud. 20
491). Tra gli autori meno recenti che hanno colto (cfr. de Vries 89 ss.; cfr. Iud. 21,22), che con le
questa situazione abbiamo Bertholet e (in manie­ sue 12 attestazioni è un brano particolarmente im­
ra lievemente differenziata, soprattutto per quel portante, anche se qui si tratta di una battaglia/
che riguarda gli usi e i riti legati a operazioni mi­ guerra tra «Israele» e Beniamino. I seguenti verbi
litari) Schwally (cfr. anche BL*, R G G 3, BHHW compaiono nel contesto di milhàmà: -> bw ' (bó’),
s.v. «Krieg»). Tra le opere più recenti vanno men­ -> ngs, -» hlk, -» ‘rk, -» 's'h, -» ‘Ih, -» js\ Dell’aspet­
zionate quelle di Craigie, Problem... 115 ss. con to «santo» di una guerra si parla soltanto in Ier.
ulteriore bibl.; Keel; Stolz e Weippert; poi S. Cur- 6,4; 51,27 s.; Ios. 4,9; Mich. 3,5; -* qds (cfr. Bach,
to, Lex. Ag. ih 765-786 per l’Egitto e H. Klengel, Aufforderungen).
R L A vi 241-243 per la Mesopotamia. Vanno b) Fin dalla nascita della monarchia israelitico-
inoltre segnalati i saggi in ETR 56, 1981, n. 1. Per giudaita si narra spesso di guerre e battaglie di
la prassi e l’ideologia della guerra degli Assiri, in­ questi re e dei loro nemici. Israele e Giuda com­
fine, va menzionato H. Spieckermann,/«*A* unter battono tra di loro e contro i regni limitrofi, o
Assur in der Sargonidenzeit (FR L A N T 129, 1982, contro altri aggressori (talora congiuntamente, di
344 ss.). Questi studi mostrano chiaramente che solito separatamente). Secondo il voto del popolo
concezione della guerra, e in particolare nella sin­ il re dovrà condurre le «nostre» guerre (1 Sam.
tesi di azione bellica e opera divina, l’Israele anti­ 8,20), primo luogo quelle contro i Filistei (spesso
co si considerasse unito al mondo del suo tempo, definite «pesanti», -* kbd, -* hzq): 1 Sam. 4,2; 13,
ma insieme anche diverso da esso (al riguardo cfr. 22 (testo oscuro); 14,20.22.23.52; 17,1.2.20.28.33;
ancora L. Schmidt, Menschlicher Erfolg und Jah- 2 Sam. 21,15.18.20; 23,9 (cfr. / Chron. 10,3; 1 1,1 3 ;
wes Initiative, W M ANT 38, 1970; J. Kegler, Po- 20,4-6), poi anche quelle contro gli Amaleciti (2
87 ( iv ,9 i 8) milhamà (H.D. Preuss) (1^9 19)8 8

Sam. 1,4). I sostenitori di Saul combattono con­ «da Dio», così che le perdite del nemico sono mol­
tro quelli di David (2 Sam. 2,6.30; cfr. 20,9 s. e to alte. In combattimento si grida a Dio (-* z'q) e
inoltre soprattutto 1 Reg. 2,5). Si parla di altre Dio stesso marcia in battaglia, mentre i leviti so­
guerre di David in 2 Sam. 8,10 (/ Chron. 18,10); no preposti al bottino, lo custodiscono e lo ammi­
io,8; 11,15 .18 s. (cfr. 1 Chron. 19,7.9.10.14) chia­ nistrano (1 Chron. 5,18-20.22; 7,4.11.40; 12,1.9.
mandole guerre contro gli Aramei (cfr. 1 Chron. 20.34.36-39; 14,15; 26,27; cfr. 2 Chron. 13,14 s.).
19,17; cfr. anche Ecclus 47,5 s. e iQ M 11,2-4 Per Che le Cronache riprendano notizie analoghe dai
la concezione del David bellicoso; per il carattere libri dei Re è evidente (2 Chron. 6,34 s.; 8,9; 11,1;
dei testi in 1-2 Samuele cfr. Kegler 113 ss. e Stolz 18,3.5.14.29; 22,5), ma molto più importanti sono
139 ss.). Per il catalogo delle virtù di David (von le affermazioni e le valutazioni che il Cronista ag­
Rad: kalokagathia) in / Sam. 16,18 e per 1 Sam. giunge rispetto alle sue fonti riguardo alle guerre
17 cfr. anche Bartelmus ed Ebach 15 ss. La breve di determinati re (2 Chron. 13,3; 14,9; 17,13; 20,1;
nota in / Reg. 5,17, teologicamente interessante, cfr. tutto 2 Chron. 20 con le disposizioni per la
secondo la quale David non potè costruire il tem­ guerra; poi 25,8.13; 26 ,11.13; 27,7; 32,2.6.8; 35,21
pio a causa della guerra in corso tutt’intorno a lui e anche 14,5; 15,19; 16,9). Welten ha analizzato a
(-» shh; non è chiaro se sia da intendere in senso fondo questi testi cercando di individuare, sul pia­
causale o temporale) contraddice, con la valuta­ no teologico e storico, gii interessi e lo sfondo del­
zione implicita, con la consueta visione positiva le notizie riguardanti l’ordinamento dell’esercito
delle guerre di Jhwh di 1-2 Samuele. Poiché tale e i «bollettini di guerra» (soprattutto quando si
giudizio viene ribadito in 1 Chron. 22,8 (cfr. 28,3) trattava di re importanti e giudicati positivamen­
e con forza ancor maggiore (Jhwh stesso parla, ri­ te), oltre a quelli dei discorsi di guerra (a imitazio­
ferimento aggiuntivo a -» dm [dàm]), sembra che ne del modello degli eserciti greci di mercenari
la nota di 1 Reg. 5,17 sia molto probabilmente una dell’epoca del Cronista; problemi nella definizio­
motivazione inserita più tardi nel testo. ne dei confini e aspirazioni espansionistiche di
Nella successiva età monarchica Israele e Giuda quest’epoca). Per i discorsi di guerra cfr. anche
combattono poi tra di loro, oppure si hanno scon­ Weimar-Zenger 57 ss.; cfr. Ex. 14,13 s.; Deut. 20,
tri intestini in Israele (2 Sam. 2,17; 3,1; 18,6.8; / 1-20; iQ M 10-13; in io,8b ss. compare una lunga
Reg. 14,30; 15,6.7.16.32; 2 Chron. 12,15; 1 3>2)* preghiera.
Giosafat e Acab guerreggiano contro gli Aramei e) Con la visione della guerra (il giorno di Jhwh
(/ Reg. 29; cfr. 2 Chron. 18), Ben-Hadad contro visto come guerra e come guerra escatologica?) in
Israele (/ Reg. 20,26; cfr. v. 39), Israele contro gli Daniele (9,26; 11,20.25) vanno paragonate le guer­
Aramei (/ Reg. 20,29; 22,1.35; 2 Chron. 18, 34) o re di religione dei Maccabei, in particolare le bat­
i Moabiti e il loro re Mesha (2 Reg. 3,7.26). taglie di Giuda Maccabeo come sono descritte in
c) Dunque c'è in Israele, come nel mondo (Eccl. 1 Maccabei (cfr. Kraus 246 ss.; Collins e infine
3,8), un tempo di -> slwm (sàlóm) e un tempo di E. Janssen, Das Gottesvolk und seine Geschichte,
milhdma, e la guerra andrebbe condotta usando 1971, 36 ss.).
la ragione e la ponderazione (Prov. 20,18; cfr. 24, f) Le oltre 100 ricorrenze (tra cui 14 forme ver­
6). Naturalmente è inopportuno parlare di guerra bali) mostrano l’importanza dell’idea di guerra
con un prigioniero (Ecclus 37,11). Che in quanto nella comunità di Qumran, il favore di cui godeva
uomini non si possa vincere in battaglia il -» Iwjtn (per Qumran, come anche per Daniele: Collins;
(liwjàtàn) (Iob 40,32) è un’affermazione certo più Davies; Kraus 247 s.). Considerandosi una mili­
unica che rara, ma del tutto conseguente. Che in zia chiamata a combattere, la comunità di Qum­
guerra non solo molto si rapini (Mich. 2,8) ma ran era articolata militarmente e presenta un elen­
soprattutto molto si muoia, è una realtà (.2 Sam. co preciso delle sue armi. A Qumran c’erano bat­
I,25; 3,30; 11,25; Deut. 20,5-7; anche 2 Sam. taglie intestine e battaglie esterne (con forti con­
II,15 ; 19 ,11; 21,17; Is. 22,2; 1 Chron. 22,8; 28,3 e notati dualistici), contro i nemici della comunità e
per la questione Illman 88 ss.; -» mwt [mùt\). Si contro le nazioni in generale e nel loro comples­
narra di guerre anche in 2 Reg. 8,28; 13,25; 14,7: so; tali guerre hanno carattere sia storico sia esca­
16,5; cfr. Is. 7,1). tologico, e avvengono con l’aiuto di potenze cele­
d) L ’accumulazione delle ricorrenze e insieme sti che si scontrano tra di loro e istruiscono i com­
il loro contenuto segnalano chc in 1-2 Cronache battenti. La battaglia dei Figli della Luce contro i
ci si trova davanti a una particolare ideologia del­ Figli della Tenebra è, nella concezione e nell’ese­
la guerra. In questi libri i validi guerrieri sono ci­ cuzione, una «battaglia di Dio» ovvero la «sua
tati e annoverati specificamente e la guerra viene guerra» (cfr. inoltre sotto, 4).
89 (iv,9 2 °) milhàmà (H.D. Preuss) (iv,92i) 90

g) Sono infine numerosissimi i nessi genitivali un «Libro delle guerre di Jhwh» (Num. 21,14).
con milhàmà, mediante i quali il campo lessicale «La guerra appartiene a Jhwh», si dice in 1 Sam.
si estende ulteriormente (v. sopra, 1.1). Si ha così il 17,47 e *n Ex. 17,16 (il «canto del vessillo»?).
cavallo da battaglia (Ier. 8,6; Iob 39,25) e il grido Jhwh è un «guerriero» (Ex. 15,3; cfr. Is. 42,13),
di guerra (Ex. 32,17; Ier. 50,22) o il fragore di un eroe nella battaglia (Ps. 24,8; cfr. Is. 42,13; Iud.
guerra (Ier. 4,19; 49,2). Si menziona l’arco da 5,23). In passi importanti si sottolinea che egli so­
guerra (Zach. 9,10) e tutto l’armamento completo lo combatte, non il popolo (v. sotto, 11), come Dio
(cfr. voi. iv 366 s.; Deut. 1,41; Iud. 18 ,11.16 s.; / d’ Israele a vantaggio d’Israele (Ios. 10,42). L ’opi­
Sam. 8,12; 2 Sam. 1,27 [testo dubbio]; Ier. 21,4; nione generalmente diffusa è che il popolo parte­
51,20; Ezech. 32,27; 1 Chron. 12,34.38). Si nomi­ cipi attivamente alla guerra di Jhwh. Prima della
nano spesso singoli guerrieri o le truppe, la «gen­ battaglia si consulta l’oracolo di Dio (-» s 7 , Iud.
te di guerra», non intendendo con questo termine 1,1; 20,18.23.28; / Reg. 22,6.15; cfr- 1 Reg- 20,14)
solo i combattenti in particolare ma anche i sol­ domandando se si debba, e chi debba, prepararsi
dati in generale (ad es. Num. 31,28.49; Deut. 2,14. alla battaglia. Ci si arma per la guerra (-> hls) da­
16; Ios. 5,4.6; 6,3; 17,1; Iud. 20,17; 1 $am- 16,18; vanti a Jhwh (Num. 32,20.27.29) e Jhwh arma il
17,33; 2 Sam- x7>8; I s- 4 1.12; Ier. 6,23; 38,4; 39,4; suo popolo per la battaglia (Zach. 10,3-5: forse uno
41,3; 48,14; 49,26; 50,30.42; 51,32; 52,7.25; Ezech. spostamento intenzionale d’accento, cfr. Crona­
27,10.27; loel 2,7; cfr. anche / Chron. 5,18; 2 che). Egli concede la vittoria (Prov. 21,31) ai ca­
Chron. 13,3: si tratta evidentemente di un’espres­ valli che vengono bardati per il giorno della bat­
sione favorita particolarmente dalla letteratura taglia (cfr. Ps. 20,8; 2 Chron. 25,8). Jhwh istruisce
che risente dell’influenza deuteronomistica). Con per la guerra e dà la forza per farla (2 Sam. 22,
-» ‘m ('am) spesso si parla di «popolo di guerra» 35.40 = Ps. 18,35.40; poi Is. 28,6; Ps. 144,1); se­
(Num. 21,33; Deut. 2,32; Ios. 8 ,1.3.11; 10,7.24; 1 condo Iud. 3,1 s. ha fatto rimanere i Cananei nel
Sam. 23,8; inoltre 'am può indicare il popolo in paese per mettere alla prova anche in seguito que­
armi anche senza che appaia milhàmà, per es. in gli Israeliti che non avevano sperimentato le guer­
Deut. 3,1; Ios. 6,5; 8,14; Iud. 4,13; 2 Sam. 1,4; 10, re per Canaan. Jhwh aiuta nella guerra (1 Sam.
13; 19,4; forse anche 1 Reg. 8,44). Il popolo in 14,23; cfr. però Etcì. 9 ,11) e protegge dalle sue
guerra viene piuttosto spesso ulteriormente spe­ conseguenze negative (Ps. 27,3). Jhwh il generale
cificato con «forza, potenza» (-» hjl [hajil]) o e Jhwh il guerriero sono la stessa persona (cfr.
«eroe» (gibbór, -* gbr), ad es. in 1 Sam. 16,18; Is. Fredriksson), perché secondo la teologia deute­
3,2; Ier. 41,16; 48,14; loel 2,7; 4,9; 2 Chron. 17,13 ronomistica, che Ex. 14-15 espone chiaramente,
(per l’ordine di successione di questi attributi cfr. Jhwh si è conquistato il proprio popolo con la
Elliger, BK xi/i 249 s.; per il pi. cfr. 2 Sam. 8,10; guerra (Deut. 4,34; Iqh) e fa giustizia (-> mspt [mis-
1 Chron. 18,10; 28,3; per la combinazione cfr. an­ pàt]) per il proprio popolo in battaglia e mediante
che Welten 119 n. 20). Arricchiscono la termino­ la battaglia (y Reg. 8,44 s. come preghiera deute­
logia anche il «sangue di guerra» (1 Reg. 2,5: dàm) ronomistica; cfr. 2 Chron. 6,34). Jhwh conduce
e coloro che prestano il servizio militare (/ Chron. «le nostre guerre» (2 Chron. 32,8) e quindi è «con
12,1: ‘zr) in quanto vassalli (cfr. RSP 11 74 s. 105); noi» (-» ’f [’èf]); molti cadono perché la guerra vie­
persino nel corteo festoso (forse nuziale) compa­ ne da Dio (/ Chron. 5,22) e anche Dio esce in bat­
iono i veterani, «esperti di battaglie» (Cant. 3,8: taglia insieme col suo popolo (/ Chron. 14,15).
-> Imd). Tutto ciò riguarda quel che capita in guer­ Di conseguenza la credenza religiosa nella
ra (2 Sam. 1 r,i8 s.: -> dbr [dàbàr]), ma le pure pa­ guerra di Jhwh è antica e risale almeno all’età di
role non sono ancora la forza per combattere (2 David. Jhwh legittima queste guerre, viene in aiu­
Reg. 18,20; Is. 36,5). to, vi partecipa direttamente (cfr. Ecclus 4,28: il
4. Già da quanto si è fin qui discusso emerge verbo). Lo sviluppo di una «teoria» più o meno
che tanto la battaglia e la guerra in generale, quan­ organica della guerra di Jhwh è quindi dovuto al­
to milhàmà (e Ihm) in particolare hanno che fare la letteratura deuteronomistica (per questa teoria
con Jhwh, con il suo modo di essere e di agire. A cfr. Jones; Miller 15 5 ss.; Perlitt; von Rad; Smend;
questo punto occorre raccogliere le affermazioni Stolz; Weippert; anche Zimmerli), e questa teoria
che associano in maniera netta Jhwh e milhàmà. culmina nell’opera storiografica del Cronista. Tut­
a) In primo luogo ci sono «guerre di Jhwh» (/ tavia non è possibile considerarla recente nel suo
Sam. 18,17; 25,28; David le deve condurre: così complesso, perché ciò significherebbe non tener
nell’antica storia dell’ascesa di David; cfr. Ecclus conto dei testi anche antichi e dei paralleli prove­
46,3; 1 Chron. 5,22; 2 Chron. 20,15), ed esisteva nienti dal Vicino Oriente antico (cfr. sopra, 1.2 e
91 (i V .922) milhàmà (H.D. Preuss) (1V»923) 92

la bibl. ivi indicata). Si credeva che Jhwh fosse sa. Non si esalta la guerra ma, anche abbastanza
attivo, vivo c padrone della storia e in questa fede spesso c anzitutto, l’esperienza di Jhwh come Dio
rientrava, o da essa conseguiva, anche l’associa­ che soccorre combattendo (cfr. la famosa cita­
zione di Jhwh con la guerra (secondo Smend si zione di J. Wellhausen, Israelitische und jiidische
tratterebbe di un elemento della fede delle tribù Geschichte, *1958, 23 s.: «Jhwh era il grido di
di Rachele radicato nell’esperienza dell’esodo). battaglia di questa confederazione... L ’accampa­
Che si potesse creare tale associazione anche sen­ mento militare, la culla della nazione, fu anche il
za la combinazione di Jhwh con Ihm/milhàmà è santuario più antico. Là stava Israele e là c’era
dimostrato dalla presenza di narrazioni della Jhwh»). Così dicendo non si vuole affermare che
guerra di Jhwh dove questi termini non hanno la guerra fosse un atto di culto e che sia esistita una
alcun ruolo determinante. attualizzazione nel culto delle battaglie di Jhwh. I
b) Ma lo stesso Jhwh che combatte per il pro­ testi non contengono traccia di una cosa simile, e
prio popolo può talvolta volgersi bellicoso contro il quadro che le Cronache dipingono è un ideale,
di esso. Egli non sostiene più il re in battaglia (Ps. l’espressione di un’utopia. Alcune espressioni (ad
89,44; Per la classificazione teologica e storica cfr. es. Jhwh chiamato gibbòr [cfr. Is. 9,6; 10,21] o
T. Veijola, Verheissung in derKrise, Helsinki 1982) melek) sono sicuramente uguali a quelle usate an­
e l’invito alla fuga non è più diretto ai nemici di che per El (-> 7 [’é/]), ma ciò non significa affatto
Israele, ma a Israele stesso, mentre sono i nemici che anche le battaglie di Jhwh (in Is. 13; Ioel 4;
a essere incitati alla battaglia e non Israele (per la Ps. 18; Ex. 15 e altrove: così Miller) siano state in
questione cfr. Bach); anche questi inviti alla bat­ origine battaglie cosmiche. Israele era il popolo
taglia non sempre riportano, nc lo dovrebbero, il di Jhwh e la comunità di Jhwh - questo fu il pre­
termine milhàmà. È il castigo di Jhwh sul suo supposto della teologia politica bellica dell’A.T.
popolo, che secondo il messaggio dei profeti si Ma con ciò si è ben lontani dal dare un alto valo­
compie ora con la guerra (Is. 3,25; 13,4; 2 1,15 ; 22, re etico alla guerra, anzi la si mette a nudo anche
2; 3° , 3 2; 42,25; ler- 4>19; 6,4-23; lg,2i; 21,4 s.; 28, per quello che è (vedi David; la monarchia): uno
8 (!); 46,3; 49,2.14; Ezech. 27,27; 39,20; Hos. 10, strumento della politica umana di forza. La guer­
9.14: cfr. qui B K xiv/i i4 }s.;A b d . \\Io e l2,y,Am. ra non viene glorificata ma neanche minimizzata.
1,14; Zach. 14,2; cfr. lob 38,22 s.; Ps. 144,3; spes­ In guerra si sperimenta l’aiuto di Jhwh, e ciò con­
so insieme con -» ’s [’« ] , -» Ihb [lahab)t -> Iht [la- sente non di rado di sottolineare che in ultima
hat]; per Ier. 21,4 s. cfr. W. Thiel, Die dtr. Re- analisi la guerra è la guerra di Jhwh e non degli
daktion von Jerernia i- 2 } t W M ANT 41, 1973, uomini (basti vedere Deut. 1,41 s.). Bollare que­
233 s. con bibl.). Il giudizio eseguito mediante la sta concezione come semplice ideologia teologica
guerra colpisce Israele quanto i popoli stranieri non è possibile, considerando la documentazione
superbi; tuttavia nel castigo questi popoli e le lo­ dell’A.T. nel suo insieme - e tanto meno lo si può
ro azioni belliche possono anche servire di stru­ fare se si pensa alla guerra come giudizio e puni­
mento (per la questione cfr. ancora Christensen e zione di Israele.
Soggin). Il giorno di Jhwh (-> jwm [/óra]) sarà una Un fattore importante per capire la concezione
guerra contro Israele, come già è stato (Ezech. 7, e la prassi della guerra è rappresentato dall’attri­
14; 13,5; 17,17; cfr. Deut. 28,25 s- ecc.). Jhwh por­ buzione a Jhwh di particolari leggi di guerra
terà via (Is. 3,2) anche la gente di guerra (cfr. so­ (Num. 10,9; Deut. 20,1-7.20 dove compaiono i
pra, i.3.g) e davanti a simili avvenimenti non re­ lemmi Ihm/milhàmà; 21,10; cfr. 7,20-29; 2 Chron.
sterebbe che fuggire (Ier. 42,14), se anche la fuga 20; 1 Mach. 3,56; poi iQM 7,1-7; 10,2-4; per que­
non fosse senza speranza (nonostante Mich. 3,5). sti testi cfr. spec. Stolz 25 ss.; problematico Car-
Israele dovette quindi conciliare l’azione punitiva michael).
di Jhwh contro il proprio popolo con la fede in 5. Per l’israelita antico non era affatto indiffe­
Jhwh guerriero, e si trovò in condizione di farlo: rente che ci fosse la guerra o la pace. L ’A.T. non
la guerra è dunque vista anche come giudizio e fa parola della guerra come palestra per lo svilup­
castigo, non solo come un’esperienza positiva del po di virtù virili. In guerra avvengono anche
popolo di Dio. violenze (basta leggere Deut. 20) che P non è né il
Forse l’esperienza della potenza bellica di Jhwh primo né il solo a giudicare negativamente (Gen.
fu il fattore che spinse le tribù d’Israele a riunirsi 6,12 s. -» hms [hàmàsJ). Il miglior antidoto per la
e il collante chc le unificò. La guerra non era di guerra è dunque la pace e di conseguenza il con­
per sé particolarmente «santa», ma nell’A.T. si trario semantico per eccellenza di milhàmà è sà-
tratta ovviamente anche di una questione religio­ lòm (Ps. 120,7; 1 Reg. 20,18; Mich. 3,5; Zach. 9,
93 (iv,923) milhamà (H.D. Preuss) (IV »924) 94

io; Eccl 3,8; cfr. anche Ios. 11,19 ; Deut. 20,12; Is. mente anche Deut. 32,24 ma non Iud. 5,8). Per la
27,4 s.;2 Sam. 8,10; 11,7; / Reg. 2,5;adì. cfr. Noth, distribuzione delle ricorrenze cfr. TH AT 11 502:
B K ix/i; 1 Chron. 18,10; cfr. anche RSP 1 262 per il verbo compare principalmente in Esodo, N u­
l’ugaritico). Ma che sàlóm non significhi affatto meri fino a 2 Re, Neemia, Cronache e Geremia; è
sempre una condizione di «non guerra» è dimo­ assente in Genesi, Levitico, Deuteroisaia, Eze­
strato da 2 Sam. 11,7 e anche da Iud. 8,9; 1 Reg. chiele; nei Dodici profeti è presente solo nel Deu­
2,5. -» slwm (sàlóm). terozaccaria; non si trova nella letteratura sapien­
Sono soprattutto certi testi postesilici (o ag­ ziale. Il verbo significa ‘combattere, lottare’, rara­
giunte che risalgono a tale epoca) che parlano mente anche ‘assediare’ (una città: Ier. 32,24.29;
della distruzione delle armi a opera di Jhwh e ad 34,1.22); è costruito spesso con le preposizioni
essa guardano con speranza (esprimendosi spesso ’ét/'im, ’el o 'al quando si intende combattere
in forma di promesse escatologiche) (Hos. 1,5; 2, «contro»; con l e quando si combatte «per, a favo­
20; Zach. 9,10; Ier. 49,35; Mich. 5,9 s.; per la que­ re di». Verbo e nome si trovano spesso insieme
stione cfr. Bach, Fs. von Rad). Probabilmente in nel contesto, sottolineando così di nuovo la loro
origine tale concezione voleva dire soltanto che coordinazione (1 Sam. 8,20; 2 Sam. 11,17,20; 1
Jhwh compiva ciò combattendo per Israele, ma Reg. 12,21; 2 Reg. i6,$;Zach. 10,552 Chron. 11,1;
questa affermazione della guerra di Jhwh (!) si è 32,8). Soggetto del verbo sono singole persone
però trasformata positivamente e ampliata in una combattenti in guerra (ad es. David contro G o­
speranza generale, a partire forse da Ps. 46,10 (cfr. lia), poi i re, che naturalmente rappresentano in
Ps. 76,4). Secondo Is. 4 1,12 le armate babilonesi si ambito bellico anche il proprio popolo (Saul, e
dissolveranno e la promessa di Is. 28,5 s. (aggiun­ per analogia anche Gedeone o Jefte), inoltre il po­
ta) si riferiva in origine probabilmente a un nemi­ polo d’Israele, un popolo straniero, altri popoli
co ben individuato, prima che fosse interpretata (generalmente si tratta di nemici d’ Israele). Un
estensivamente. Secondo Hos. 1,7 (aggiunta) Jhwh gruppo particolare di testi è formato dagli enun­
non aiuterà più con la guerra, ma a Zach. 4,6 si ciati dell’orante dei Salmi circa i nemici che lo
affiancano più tardi Zach. 10,3 ss. o Zach. 14 (per combattono (Ps. 35,1; 56,2 s.; 109,3; cfr* Ruppert):
il Deuterozaccaria cfr. ETR 56, 1981, 55 ss.), e anche qui, in fondo, s’invoca Jhwh nella sua figu­
anche la bella affermazione di speranza di Is. 2,4 ra di guerriero (Ps. 35,3). '
(Mich. 4,3) non ha la sua antitesi prestabilita solo Si narra, senza particolare risalto, del combat­
in Ps. 18,35.40 par., ma anche il suo riscontro ne­ tere come di un’attività umana (soprattutto del
gativo in Ioel 4,10 anche se, secondo il contesto re) (1 Sam. 4,10; 13,5; 2 Sam. 8,io; 2 Reg. 3,21;
di quest’ultimo passo, coloro che parlano così sa­ 6,8; 8,29; 9,15; 16,5 [cfr. Is. 7,1]; Is. 20,1; Ier. 33,5;
ranno annientati. L ’idea di una pace tra tutti i po­ 34,7; 4 1,12; 2 Chron. 26,6; 27,5; cfr. inoltre i
poli non è primariamente né unicamente di Israe­ sommari relativi ai re di Israele o di Giuda in 1
le, e anche nell’ A.T. questa speranza non è riusci­ Reg. 14,19; 22,46; 2 Reg. 13,12; 14,15.28; in alcuni
ta ad affermarsi come unica e dominante, a quan­ di questi passi ricorre anche il nome, per es. 2
to risulta dal libro di Daniele e da altri testi della Chron. 1.7,7).
prima apocalittica giudaica (cfr. Preuss 132 ss. per Un piccolo gruppo è formati dai testi che nar­
il problema della violenza escatologica di Jhwh). rano la migrazione nel deserto: qui i nemici com­
Su questo punto non si dovranno tentare armo­ battono Israele nella sua marcia verso Canaan. In
nizzazioni troppo frettolose, né leggere l’A.T. in questi racconti l’interesse non è limitato affatto al
maniera troppo uniforme nella sua testimonianza tema della protezione del creatore verso le sue
circa la guerra e la pace. Iob 5,20 è un’affermazio­ creature, ma si estende anche a quello del soccor­
ne di fiducia che ha una posizione importante nel so e della salvezza in guerra (Ex. 17,8; Num. 21,1.
suo contesto, ma subito la risposta diretta di Eccl. 23; 22,ri).
8,8 la corregge e la contesta. Con un uso analogo a quello del sostantivo, an­
che il verbo viene poi impiegato nei racconti della
n. Già nella parte dedicata all’esame del nome conquista del paese da parte di Israele e del con­
si è fatto ripetutamente riferimento al verbo. Che solidamento della conquista contro le ostili po­
venisse impiegato insieme col sostantivo è dovu­ polazioni limitrofe (Ios. 9,2; 10,5.29.31.34.36; 11,
to alla grande estensione semantica di quest’ulti­ 5; 24,8.9.11; Iud. 1,1.3.5.8.9; 5,19 s.;/o5. 19,47 cir­
mo, con la conseguente ampia gamma d’uso alla ca Dan. e la zona del suo insediamento). In que­
quale si affianca quella del verbo (solo 4 ricorren­ sta fase i combattimenti riguardano soprattutto
ze al qal, 164 al nif.\ si deve includere probabil­ gli Ammoniti che attaccano Israele, e viceversa:
95 (rv,9*5) milhàmà (H.D. Preuss) ( i v ,9 26) 96

lud. 10,9.18; 11,4 s.6.8.9; 11,20.25.27.32; cfr. 11, logia della guerra dei libri delle Cronache cfr.
12; 12,1.3.4: in totale 15 attestazioni nel racconto Welten; per il «terrore di Jhwh» ivi, 97.
della lotta di Jefte contro gli Ammoniti e nei rife­ Anche Jhwh pcrsonalmeute combatte (14 esem­
rimenti retrospettivi a questi eventi, dove il verbo pi; per lo più in promesse di salvezza: Ex. 14,14.
è usato come termine tematico pregnante (cfr. J. 25 J; Deut. 1,30; 3,22; 20,4; Ios. 10,14.42; 23,3; cfr.
A. Soggin, Judges, O TL, London 1981, 201-222; v. 10; Ier. 21,5: addirittura nella persona di Na
W. Richter, Bibl 47 [1966] 485-556; Stolz 123 ss.; bucodonosor contro Israele; Zach. 14,3; Nehem.
R. Polzin, Moses and thè Deuteronomist, New 4,8.14; ma cfr. anche 2 Chron. 13,12). Secondo
York 1980, 176-181). lud. 5,20 gli astri combattono dal cielo per Israe­
Il verbo viene inoltre usato, come il nome, nei le (in tutte le ricorrenze si ha generalmente il nif.y
racconti delle battaglie di Saul e David contro i senza che si noti praticamente alcuna differenza
Filistei (1 Sam. 4,9 s.; 13,5; 3 1,1; 1 Chron. 10,1) e di significato tra questa forma e il qal, cfr. Ex.
contro gli Aramei (2 Sam. 10,17; 1 Chron. 19,17). 14,14 + 14,25). Si deve inoltre aggiungere anche la
Israele vuole che un re scenda in battaglia con preghiera di Ps. 35,1 ed è naturale fare riferimen­
esso e per esso (/ Sam. 8,20). Saul dovrà anche to a Is. 7,1-9; 30,15 s.; 31,1.3 (cfr. inoltre anche Is.
combattere contro gli Amaleciti e applicare loro 60,10; 30,32). Come in Deut. 20,4 le affermazioni
l'interdetto (-> hrm, 1 Sam. 15,18: citazione del relative agli atti guerreschi di Jhwh sono molto
discorso di Dio). Il verbo compare poi ovviamen­ spesso correlate alla promessa della sua guida o
te nell’episodio del combattimento tra David e della sua attiva partecipazione al fianco dei suoi
Golia (/ Sam. 17,9 s.32 s., precisamente 4 volte; (-> ’t ['et); Ier. 1,19; 15,20; Zach. 10,5); Jhwh de­
cfr. il sost. al v. 47). v’essere «in mezzo a Israele» se questo vuole com­
Geremia riceve la promessa di salvezza con la battere e vincere (Deut. 1,41 s.; cfr. 20,4: «Egli
formula di assistenza (Beistandsformel): se «essi marcia con voi»). L ’attività bellica di Jhwh è però
ti combatteranno, non ti domeranno» (Ier. 1,19; spesso strettamente unita alle battaglie d’Israele e
15,20; per la discussione circa il rapporto tra s’intreccia con esse; si legge infatti nelle Crona­
questi due testi cfr. N. Ittmann, Die Konfessionen che (2 Chron. 13,12; 20,17; 32,8) che Jhwh con­
Jeremias, W M ANT 54, 1981, 182 ss.). Per Ier. duce le guerre di Giuda (lo stesso già in j Sam.
21,4 (cfr. 34,7; 37,8 ecc.) cfr. sopra, i.4.b e oltre a 18,17; 25,28; poi in Zach. 10,5; cfr. anche Ios. 10,
W. Thiel, Die dtr. Redaktion von Jeremia 1-2 j 25.29 insieme con v. 42; Deut. 20,4.10.19; 1 Sam.
233 s. cfr. per l’assegnazione degli strati e per il 17,47 vicino ai vv. 9 s.32 s.). Questa concezione è
linguaggio anche H. Weippert, Die Prosareden particolarmente caratteristica del Deuteronomio
des Jeremiabuches, BZAW 132, 1977, 67-68. In e dell’opera storiografica deuteronomistica (cfr.
Ier. 21,5 compare persino l’uso linguistico deute- Preuss, Deuteronomium 188 s.), ma proprio in
ronomico-deuteronomistico «con forte mano e questi testi il verbo Ihm è usato solo di rado. Si
con braccio disteso» (per la questione cfr. H.D. deve quindi porre nuovamente la domanda, se
Preuss, Deuteronomium, EdF 164, 1982, 187). parlare di Jhwh che combatte e delle sue battaglie
La particolare ideologia della guerra dei libri davvero sempre rimandi a un’influenza deutero-
delle Cronache, già messa in evidenza a proposi­ nomico-deuteronomistica (cfr. Rose, Deuterono­
to del sostantivo (v. sopra, i.3.d), ricompare pale­ mist). L ’affermazione di 1 Sam. 12,9 (dtr.), secon­
semente anche nell’uso del verbo in quei libri (9 do la quale Jhwh ha consegnato Israele nelle ma­
ricorrenze in più rispetto al materiale precedente ni dei suoi nemici, così che questi lo combattano,
utilizzato e ai paralleli in Samuele e Re). 2 Chron. è una diversa categoria ermeneutica (chiaramente
26,6 e 27,5 usano il verbo semplicemente per nar­ deuteronomistica), dato che anche in testi profe­
rare ciò che Uzzia fece; in 2 Chron. 35,20.22 si ha tici si hanno idee simili (Ier. 21,2.5; 32,24.29; cfr.
già una maggiore accentuazione dell’azione belli­ 34,22; 37,8.10: anche qui spesso elaborazioni deu-
ca; infine in 2 Chron. 13,12; 20,17 e 32,8 il verbo teronomistiche; poi Is. 63,10) e che Jhwh muova
è usato nel discorso prima della battaglia. In ulti­ guerra è spesso il contenuto di minacce di casti­
ma analisi Jhwh combatte sempre con e per Giu­ go, pronunciate dai profeti contro Israele e Giu­
da, e tanto basta per far cadere sui nemici (2 Chron. da (Is. 19,2; 30,32: il testo è forse da correggere;
17,10; 20,29) il «terrore di Jhwh» (-» phd). Per le Ier. 21,1-7; 34,22; 37,8.10; 51,30: per lo più con il
lotte fratricide tra Giuda e Israele menzionate nel­ perfetto o con il perfetto cons.). Con il loro uso
le Cronache, che danno loro un’importanza par­ tanto il verbo quanto il sostantivo documentano
ticolarmente grande, cfr. inoltre / Reg. 12,24; 2 quindi come Jhwh fosse conosciuto come Dio
Chron. 11,4; Zach. 14,14 con il verbo. Per l’ideo­ bellicoso e battagliero, e come sempre ci si aspet­
97 (™ > 927) melek (H. Ringgren) ( iv ,928) 98

tasse che egli si manifestasse in quanto tale; tutta­ 136). - Id., De l'idéologie royale (JA N E S 5 = Fs. Gas-
via i fatti e le parole dimostravano che l’interven­ ter, 1973, 59-73). - G. Cooke, The Israelite King as Son
to guerriero di Jhwh poteva anche essere rivolto of God: ZAW 73 (1961) 202 - 225 . ~ J- Coppens, Le mes-
contro il suo proprio popolo. sianisme royale (Lectio Divina 54, 1968). - F.M. Cross,
Kings and Prophets (in Canaanite Myth and Hebrew
H.D. Preuss
Epic, Cambridge, Mass. 1973, 217-289). - F. Criise-
mann, Der Widcrstand gegen das Kònigtum. Die anti-
kòniglichen Texte des A. T. und der Kampf um den frii-
hen israelitischen Staat (W M A N T 49, 1978). - I. Eng-
m lt -» izbbplt
ncll, Studies in Divine Kingship in thè Andent Near
East (Uppsala 1943). - J. de Fraine, L'aspect religieux
de la royauté israelite (AnBibl 3, 1954). - H. Frankfort,
Kingship and thè Gods, Chicago ^1958. - E. Galbiati, Il
m e le k carattere sacro della regalità nell'antico Israele: BibOr
l9 (*977) 89-100. - A. Gelston, Kingship in thè Book of
m a la k Hosea: OTS 19 (1974) 71-85. - E.R. Goodenough,
Kingship in Early Israel: JB L 48 (1929) 169-205. - M.
Gòrg, Gott-Kònig-Reden in Israel und Àgypten (BW
r\ybft m 'iu k à ,1 m alkut,’
T I I “ A N T 105, 1975). - H. Grcssmann, Der Messuts (F R L
m am làkà, rYD^DO m am làkùt A N T 43) I929)- - J H. Grenbaek, Kongens kultiske
funktion i det forexilske Israel: D T T 20 (1957) 1-16. -
1. Terminologia c concezioni monarchiche nel Vicino S. Herrmann, Die Kòmgsnovelle in Àgypten und Israel
Oriente antico. - 1. Egitto. - 2. Mesopotamia. - 3. Se­ (WZ Leipzig 3, 1953-54, 32-44. 87-91). - H.R. Hòlzel,
miti occidentali. - n. Il gruppo lessicale mlk. - 1. O ri­ Die Rolle des Stammes ‘mlk’ und seiner Ableitungen
gine e diffusione. 2. Derivati. - 3. Traduzioni nei LX X . fiir die Herrschaftsvorstellungen der vorexdischen Zeit
- in. Uso generale del gruppo lessicale mlk. - 1. Ricor­ (diss. Hamburg 1971). - S.H. Hooke (ed.), The
renze e diffusione nell’A.T. - 2. Rapporti tra termini al­ Labyrinth, London 1935. - W. Huss, Der «Kònig der
l’interno del campo lessicale. - 3. Uso del verbo. - 4. C o ­ Kònige» und der «Herr der Kònige»: Z D P V 93 (1977)
strutti tipizzati. - j. Forme astratte. - 6. La concezione 131-14 0 . - T. Ishida, nàgid: A Term for Legitimation of
del re ncll’ A.T. - 7. Il gruppo lessicale mlk nella critica thè Kingship: A JBI 3 (1977) 35-51. - Id., The Royal
profetica della monarchia. - 8. La problematica della co­ Dinasties in Andent Israel. A Study on thè Formation
siddetta ideologia regale nell’ A.T. - rv. Uso linguisti­ and Development of Royal-Dynastic Ideology (BZAW
co teologico: Jhwh re - Jhwh mlk. - 1. Attestazioni. - 142, 1977). - A.R. Johnson, Sacrai Kingship in Andent
2. Origine dell’epiteto di re riferito a Jhwh. - 3. Uso nei Israel, London '1967. - E. Kutsch, Salbung als Rechts-
nomi propri teofori. - 4. N ell’ambito della tradizione akt im A.T. und im alten Orient (BZAW 87, 1963). -
preesilica di Sion. - 5. Altre divinità con l’epiteto di re M. Liverani, La royauté syrienne de l'àge du bronze ré-
ncll’ A.T. - 6. Gli enunciati con mlk nella profezia. - cent (P. Garelli [ed.], Le palais et la royauté, xixc Ren-
7. L ’espressione jhwh màlak. - 8. La cosiddetta festa contre Ass. Int. 1971, 1974, 329-356). - N. Lohfink,
dell‘intronizzazione di Jhwh. - 9. Gli inni a Jhwh re. - melek, sallìt und mòsel bei Kohelet: Bibl 62 (1981) 535­
10. Riflessi nei Salmi. - 11. Testi profetici tardi e testi 543. - D. Lys, De l'onction à l ’intronnation royale:
apocalittici. - v. Qumran. E T r 29 (1954/3) I_54- ~ Chr. Macholz, Die Stellung
des Kònigs in der israelitischen Gerichtsverfassung:
Bibl.: G.W. Ahlstròm, Psalm 89. Eine Liturgie aus dem ZAW 84(1972) 15 7 -18 2 .- I d ., Nagid - der Stadthalter,
Ritual des leidenden Kònigs, Uppsala 195 9. - A . Alt, «praefectus» (K. Ruprecht [ed.], Sefer Rendtorff Diel-
Das Kònigtum in den Reichen Israel und Juda: V T 1, heimer Blàtter, suppl. 1, 1975, 59-72). - R. Martin-
19 5 1, 2-22 = Kl. Schr. il, 3i964, 116 -13 4 . - A. Alt - H. Achard, L'institution de la royauté en Israel. Quelques
Donner, Kònigtum in Israel (R G G J ili, 1959, 1709­ remarqes sur 1 Sam 8: B C P E 2 (1977) 45-50. - A .D .H .
17 13 ). - S . Amsler, David, Roi et Messie (CTh 49, Neu- Mayes, The Rise of thè Israelite Monarchy: ZAW 90
chatel 1963). - A. Bentzen, Det sakrale Kongedemme, (1978) 1-19 . - T.N .D . Mettinger, King and Messiah.
K0benhavn 194J. - Id., King and Messiah, London The Civil and Sacrai Legitimation of thè Israelite Kings
1955. - K.H. Bernhardt, Das Problem der altorientali- (CB 8, 1976). - D. Michel, Studien zu den sogenannten
schen Kònigsideologie im A.T. (VTS 8, 1961). - H.J. Thronbesteigungspsalmen: VT 6 (1956) 40-68. - S. Mo-
Boecker, Die Beurteilung der Anfànge des Kònigtums renz, Àgyptische und davidische Kònigstitulatur: ZÀ S
in den deuteronomistischen Abschnitten des 1. Samuel- 79 (*954) 73"74- ~ S. Mowinckel, He That Cometh
buches (W M ANT 31, 1969). - P.A.H. de Boer, «Vive (2*9S9)- ~ L.M. Muntingh, Some Aspects of West-Sem-
le roi!»: V T 5 (1955) 225-231. - G. Buccellati, Cities itic Kingship in thè Period of thè Hebrew Patriarchs
and Nations of Andent Syria. An Essay on Politicai In- (Biblical Essays, Potchcfstroom 1966, 106 -115). ~ C.R.
stitutions with Special Reference to thè Israelite King- North, The Religious Aspects of thè Hebrew Kingship:
doms (SS 26, 1967). - H. Cazelles, La titulature du roi ZAW 50 (1932) 8-38. - M. Noth, Gott, Kònig, Volk im
David ( Mélanges bibliques A. Robert, Paris 1957, 1 3 1 - A.T.: ZThK 47 (1950) 157-19 1 = T h B 6, *1960, 188-229.
99 (iv,928) melek (H. Ringgren) (IV»9*9) 100

- N. Poulssen, Kónig und Tempel im Glaubenszeugnis 1973, 216-221). - I. Engnell, The Cali of Isaiah, Upp­
des A.T. (SBM 3, 1967). - G. von Rad, PaatXeu; x-rX. sala 1949. - J. de Fraine, La royauté de Yahvé dans les
(G L N T 11 137-152, suppl. bibl. ThW N T x/2 1008­ textes concemant VArche (VTS 15, 1966, 134-149). —J.
1014). - Id., Das judàische Kónigsritual: T h L Z 72 (1947) Gray, The Hebrew Conception of thè Kingship of God:
2 1 1-216 = ThB 8, *1971, 205-213. - H. Ringgren, Kònig Its Origin and Development: VT 6 (1956) 268-285. ~
und Messias: ZAW 64 (1952) 120-147. - id., The Mes- Id., The Kingship of God in thè Prophets and Psalms:
siah in thè O.T. (SBT 18, 1956). - E.I.J. Rosenthal, V T 1 1 (1961) 1-29. - Id., The Biblical Doctrine of thè
Some Aspects of Hebrew Monarchy: JJS 9 (1958) 1-18. Reign of God, 1979. - H. Gross, Weltherrschaft als re­
- L. Schmidt, Menschlicher Erfolg und Jahwes Iniziati­ ligióse Idee im A.T. (BBB 6, 1953, 113-129 ). - J. Hem-
ve (W M ANT 38, 1970). - W.H. Schmidt, Kritik am Kò- pel, Kónigtum Gottes im A.T. (R G G 3 in, 1959, 1706-
nigtum (H.W. Wolff [cd.], Prohleme biblischer Theolo- i 7°9). - H.-J. Kraus, Die Kónigsherrschaft Gottes im
gie, Fs. G. von Rad 19 7 1, 440-461). - K. Seyboid, Das A.T. (BHTh 13, 1951). - A .A . Koolhaas, Theocratie en
davidische Kónigtum im Zeugnis der Propheten (F R L monarchie in Israel (diss. Utrecht 1957). - W. Kiippers,
A N T 107, 1972). - J.A . Soggin, Zur Entwicklung des Gottesherrschaft und Kónigtum in Israel: IK Z 25 ( 193 5)
alttestamentlichen Kònigtums: ThZ 15 (1959) 401-418. 148-160. - J. Lindblom, The Idea of thè Kingdom of
- Id., Das Kónigtum in Israel (BZAW 104, 1967). - Id., God\ ExpT 51 (1939-40) 91-96. - V. Maag, Malkiìt
mlk, melek (TH AT 1 908-920). - T .C .G . Thornton, JHWH (VTS 7, i960, 129-153 = Kultur, Kulturkontakt
Charismatic Kingship in Israel and Judah: JThS 14 und Religion, Gesammelte Studien, 1980, 145-169). -
(1963) 1-1 i . - R . de Vaux, Le roi d'Israèl, vassalde Yah- H.-P. Miiller, Die himmlische Ratsversammlung. Mo-
vé (Fs. E. Tisserant 1, Studi e Testi 231, 1964, 119 -13 3 = tivgeschichtliches zu Ape ZN W 54 (1963) 254­
Bible et Orient, 1967, 287-301). - T . Veijola, Die ewige 267. - L. Rost, Kónigsherrschaft Jahwes in vorkónigli-
Dynastie. David und die Entstehung seiner Dynastie cher Zeiti: T h L Z 85 (i960) 721-724. - H. Schmidt, Jah­
nach der deuteronomistischen Darstellung (A A SF 193, we und die Kulttraditionen von Jerusalem: ZAW 67
Helsinki 1975). - Id., Das Kónigtum in der Beurteilung (1955) 168-197. - W.H. Schmidt, Kónigtum Gottes in
der deuteronomistischen Historiographie (A A SF 198, Ugarit und Israel (BZAW 80, 1961, *1966). - J. Schrei-
Helsinki 1977). - A. Weiser, Die Legitimation des Kó- ner, Sion-Jerusalem. Jahwes Kónigssitz (StA N T 7,
nigs David. Zur Eigenart und Entstehung der sog. Ge- 1963). - F. Stolz, Strukturen und Figuren im Kult von
schichte von Davids Aufstieg: V T 16 (1966) 325-354. - Jerusalem (BZAW 118 ,19 70 ). - P. Welten, Die Vemich-
G. Widengren, Sakrales Kónigtum im A. T. und im Ju- tung des Todes und die Kónigsherrschaft Gottes: ThZ
dentum, 1955. - Id., King and Covenant: JSS 2 (1957) 38 (1982) 129-146. - H.W. Wolff, Herrschaft Jahwes
1-32. - H. Wildberger, Die Thronnamen des Messias, und Messiasgestalt im A.T.: ZAW 54 (1936) 168-202.
Jes 9,}b: ThZ 16 (i960) 314-332. Per iv.7-10. A. Bentzen, King Ideology - •Urmensch»
Per t. W. Barta, Untersuchungen zur Gòttlichkeit des - «Thronbestijgingsfeest»: STTH 3 (1949) 1 4 3 - 1 5 7 . - F .
regierenden Kónigs (MÀSt 32, 1975). - H. Frankfort, M.Th de Liagre Bòhl, Nieuwjaarsfeest en Koningsdag
Kingship and thè Gods, Chicago 1948. - E. Labat, Le in Babylon en in Israel (1927 = Opera Minora, 1953,
caractère religieux de la royauté assyrobabylonienne, 263-281). - A. Caquot, Le Psaume 47 et la royauté de
Paris 1939. - A. Lemaire, Note sur le titre bn mlk dans Yahwé: RH PhR 39 (1959) 3 11 - 3 3 7 . - H. Cazelles, Le
Vancien Israel. Sem 29 (1979) 59-65. - A. Moret, Du Nouvel An en Israel (DBS 6, 1060, 620-645). - J. Cop-
caractère religieux de la royauté pharaonique, Paris pens, Les Psaumes de l'intronisation de Yahvé: EThL
1902. - E. Posener, De la divinità du Pharaon, Paris 42 (1966) 225-231. - ld., La date des Psaumes de l'in­
1960. - H. Ringgren, Die Religionen des Alten Orients tronisation de Yahvé: ET hL 43 (1967) 192-197. - A.
(suppl. ATD), 1979, 46-50. 100-105. 160-168. 240-243. Feuillet, Les Psaumes eschalologiques du règne de Jah-
- W.O.P. Ròmer, Sumerische Kónigshymnen der Isin- weh: NRTh 73 (19 5 1) 244-260. 352-363. - A. Gelston,
zeit, Leiden 1965. - B. Schmitz, Untersuchungen zum A Note owjhwh mlk: V T 16(1966) 5 0 7 -5 12 . - H . Gross,
Titel s i - njswt «Kónigssohn» (Habelts Diss. Àgyptolo- Lassi sich in den Psalmen ein «Thronbesteigungsfest
gie 2, Bonn 1976). - M.J. Seux, Epithètes royales sumé- Gottes» nachweisen?: TT hZ 65 (1956) 24-40. - A.S. Ka-
riennes et accadiennes, Paris 1967. pelrud ,Jahves tronstigningsfest og funnene i Ras Sjam-
Per iv. A. Alt, Gedanken iiber das Kónigtum Jahwes ra: N oT T 41 (1940) 38-58. - Id., Nochmals Jahwa mà-
(1945 = Kl. Schr. 1, *1963, 345-357). - J. Bonsirven, Le lak: VT 13 (1963) 229-231. - L. Kòhler ,Jahwdh mdlàk:
règne de Dieu suivant l’A.T. (Mélanges Bibliques A. V T 3 (1953) 188 s. - E. Lipinski, Yàhweh màlàk: Bibl
Robert, 1957, 295-302), - M. Buber, Kónigtum Gottes 44 (1963) 405-460. - Id., Les Psaumes du Règne. L'in­
(J 1956). - F.M. Cross, Canaanite Myth and Hebrew tronisation royale de Dieu: Assemblées du Seigneur 9
Epic. Essays in thè History of thè Religion of Israel, (1964) 7-22. - Id., Les Psaumes de la royauté de Yahvé
Cambridge, Mass. 1973. - W. Dietrich, Gott als Kónig. dans l'exégèse moderne (R. de Langhe [ed.], Le Psau-
Zur Frage nach der theologischen und politischen Legi- tier, 1962, 133-272). - Id., La royauté de Yahvé dans la
timitdt religióser Begriffsbildung: ZThK 77 (1980) 2 5 1­ poésie et le eulte de Pancien Israel (Bruxelles 21968). -
268. - O. Eissfcldt, Jahwe als Kónig-. ZAW 46 (1928) W.S. McCullough, The «Enthronement of Yahweh»
81-105 = Kl. Schr. 1, 1962, 172-193. - Id ., Jahwes Kó- Psalms (Fs. Irwin, 1956, 53-61). - D. Michel, Studien
nigspràdizierung als Verklarung nationalpolitischer An- zu den sogenannten Thronbesteigungspsalmen: V T 6
spriiche Israels (Fs. J. Ziegler, 1972, 51-55 = Kl. Schr. v, (1956) 40-68. - J. Morgenstern, The Cultic Setting of
ioi (iv,93o) melek (H. Ringgren) (iv,93i) 102

thè «Enthronement Psalms»: H U C A 35 (1964) 1-42. - destinato a essere un sovrano; si dice persino che
S. Mowinckel, Tronstigningssalmeme og Jahves trons- «già nell’uovo egli regna».
tigningsfest: N o T T 18 (1917) 13-79. - Id., Psalmenstn- Il re è quindi dio e figlio di un dio, ma solo
dien, 11. Das Thronbesteigungsfest Jahwàs und der Ur- quando è in carica; altrimenti è un uomo con qua­
sprung der Eschatologie (1922; , i 966). - J. Muilenburg,
Psalm 47: JB L 63 (1944) 235-256. - L.J. Pap, Das israe-lità umane.
litische Neujahrsfest, 1933. - E. Peterson, Ef<; 0 eó; Compito del re è «far prosperare il paese come
(1926, 14 1 ss.). - J. Ridderbos, Jahwàh malak: V T 4 nell’età primordiale mediante i piani di Maat».
(1954) 87-89.- R .A . Rosenberg, Yahweh BecomesKing: Per questo aspetto il re incarna il dio creatore.
JB L 85 (1966) 297-307. - H. Schmidt, Die Thronfahrt Come questi ha creato il mondo e la ma‘at che è
Jahves am Fest der Jahreswende im alten Israel (1927). in esso mediante Hu (la parola efficace, l’ordine)
- N .H . Snaith, The Jewisb New Year Festival (1947). - e Sia (l’intelligenza, la sapienza), così si dice del
J.H . Ulrichsen, JHWH mdlàk: einige sprachliche Beo- re: «Hu è nella tua bocca, Sia è nel tuo cuore, le
bachtungen: VT 27 (1977) 361-374. - P. Volz, Das Neu­
tue parole sono il grido di Maat». Come al prin­
jahrsfest Jahwes (1912). -J.D .W . Watts, Yahweh Malak
cipio il creatore era solo, così il re vince i nemici
Psalms-. ThZ 21 (1965) 341-348. - P . Welten, Kònigsherr-
schaft und Thronbesteigung: VT 32 (1982) 297-302. da solo (ad esempio Ramses li nella battaglia di
Qadesh).
1.1. Il termine egiziano usuale per «re» è nsw, Il re è il pastore del proprio popolo. Deve pren­
nella forma completa nsw bjtj ‘re dell’Alto e del dersene cura come il pastore fa con il proprio
Basso Egitto’; altri termini sono itj 'sovrano’, nb gregge. Il buon governo del re favorisce anche la
‘signore’ e nb tl w j ‘signore delle due Terre’. Una fertilità della natura: l’inondazione del Nilo, la
denominazione frequente è h m .f Sua Maestà’. Il crescita dei cereali e così via. I nuovi re vengono
termine veterotestamentario par'oh ‘faraone’ cor­ dunque salutati come apportatori di una nuova
risponde a pt 'J «grande casa», che nell’A.R. de­ età di prosperità, con abbondanti raccolti, fortu­
nota la reggia, a partire dalla x ii dinastia indica in na e gioia nel paese (inno a Merenptah, Erman,
determinate formule il re e dalla xix dinastia in Literatur 346 s.; a Ramses iv [347]; cfr. i testi rea­
avanti viene usato come titolo regale. li RTAT 53-56).
Ascendendo al trono il re riceve il cosiddetto Akhenaton rivendica una posizione particolare
protocollo reale (nhb.t) con i cinque titoli regali come rivelatore: «Non c’è nessun altro che ti co­
che lo definiscono Horo, il protetto delle due dee nosca se non tuo figlio [Akhenaton]» (RTAT 46).
della corona (nb.tj), «Horo d’oro», re dell’Alto e In quanto sovrano il re è responsabile della fon­
del Basso Egitto (nsw bjtj) e figlio di Ra. In quan­ dazione e del mantenimento di templi. L ’avveni­
to Horo egli è il legittimo erede al trono che se­ mento che porta alla fondazione di un tempio per
gue al padre morto, diventato un Osiride. In quan­ ordine divino viene talvolta narrato da una cosid­
to re dell’Alto e del Basso Egitto egli incarna nel­ detta novella reale (cfr. sotto, 111.6).
la propria persona l’unità delle due parti del re­ 2.a) Il re sumerico si chiama lù.gal «grande uo­
gno. In quanto figlio di Ra egli rappresenta il dio mo». La monarchia «è discesa dal cielo» e quindi
solare e creatore che ha creato l’ordine del mon­ è un’istituzione divina. I singoli re ricevono la
do e continua a mantenerlo. Quest’ultimo aspet­ propria dignità dagli dei. Il sovrano è considerato
to è presente anche nell’uso del verbo fplj ‘appari­ figlio di un dio e/o di una dea. Sulgi fu portato
re’: come il dio primordiale è apparso e ha creato «nel sacro grembo della dea Ninsuna». Gudea
il mondo, e come Ra appare ogni mattina, così il chiama madre e padre la dea Gatumdug e dice:
re appare sul suo trono e fa ordine nel paese. L ’or­ «Accogliesti il seme di mio padre nel tuo grembo.
dine cosmico e sociale si chiama m J'.t (spesso Mi partoristi nel tempio». Alcune espressioni sem­
tradotto «verità») e Maat è, da un lato, figlia del brano alludere a una procreazione fisica, altri in­
dio solare, dall’altra il sacrificio che il re offre al dizi fanno capire che l’incoronazione veniva con­
dio. Mediante l’atto di culto del re la m J‘.t viene siderata una nuova nascita simbolica (A. Sjòberg,
così mantenuta. Or 35 [1966] 288 s.; RoB 20 [1961] 20. 25). Talo­
Della procreazione e della nascita divina del re ra il re viene detto «dio del paese» o simili, e in
si hanno raffigurazioni con didascalie (a Deir el- certi periodi il suo nome viene scritto con il de­
Bahri per Hatshepsut, a Luxor per Amenophi in). terminativo divino. È stata avanzata l’ipotesi che
Amon assume le sembianze del re in carica e ge­ la divinità del re dipendesse dal suo ruolo nella fe­
nera con la regina il bimbo regale. Si chiama per sta delle nozze sacre (Ròmer 57). - Cfr. inoltre
nome il bambino e si annuncia il futuro del nuo­ Seux, R L A vi 140-170.
vo sovrano (cfr. Is. 7,14-16). Il re è dunque pre­ Il re è considerato eccezionalmente saggio, egli
i°3 (xv,932) melek (K. Seybold) (iv,933) 104

«ama il diritto c disprezza il male»; mantiene la Helsinki 1938, 232 ss.). Enlil è «re delle terre», Ea
legge e l’ordine; protegge vedove c orfani; è il pa­ «re degli abissi marini» (sar apsi); Anu, Enlil, As-
store del proprio popolo; per il popolo è «come sur, Marduk e altri sono «re degli dèi» (sar ilàtii).
padre e madre». È responsabile della continuità Soprattutto Shamash è «re del cielo e della terra»
del culto e appare spesso nelle vesti di fondatore (sar samè u erseti).
di templi. Gudea, ad esempio, costruisce un tem­ Nell’epica babilonese della creazione, prima di
pio su modello celeste (testo in SA H G 137 ss.). affrontare Tiamat Marduk viene proclamato re
b) Il termine accadico per re è sarru, collegato dagli dei. con le parole Marduk sar. Una formula
etimologicamente con l’ebr. -» ir (sar). Inoltre è simile viene usata per Assur nel cosiddetto rituale
attestato anche malku. regale assiro (che forse rappresenta un rinnova­
Con Hammurabi l’ideologia regale cambia, da­ mento della carica di re).
to che il nome del re non è più scritto col deter­ 3. Nel pantheon ugaritico E 1 è in linea di prin­
minativo divino. Per contro sussistono gli obbli­ cipio il re (mlk), «è considerato il re per antono­
ghi e le funzioni sacre del sovrano. Come nel pas­ masia, anzi può essere definito il ‘re dell’eternità’
sato, la monarchia è «discesa dal cielo», il re è stato (mlk 'Im) (Gese, RdM 10,2 97). Ma oltre a lui
scelto dagli dei per il suo incarico già prima che anche Ba'al conquista il titolo di re, grazie alla sua
nascesse; essi hanno determinato il suo destino; vittoria su Iam: «Nostro re è Ba'al, nostro sovra­
egli è stato «inviato» da loro. Viene definito figlio no; nessuno gli è superiore» (KTU 1.3. V 32). Nel­
di un dio o di una dea, una posizione che qui si ri­ la sua veste di re egli riceve anche una dimora,
ferisce soprattutto alla protezione divina - infatti cioè una reggia o un tempio.
ogni persona è (metaforicamente) figlio o figlia Nonostante la loro coloritura mitologica, i testi
del suo dio. Il re può essere detto ombra o imma­ di Keret e Aqhat riflettono probabilmente con­
gine (itamsilu) del dio. Si racconta spesso, special­ cezioni che si collegano con la monarchia terrena.
mente a proposito dei re assiri, che essi vengono Keret è considerato figlio di El e suo figlio ha per
avvolti da uno splendore divino (melammu) che balia la dea Athirat. Egli è tramite di energia divi­
incute terrore nei nemici. La natura divina della na e di benedizioni divine per la società, e quan­
monarchia risulta da numerosi epiteti comuni a do si ammala rutto il paese soffre: non cade nean­
re e dei (Engnell 178 ss.). Ciò non esclude che da­ che una goccia di pioggia e la fertilità svanisce.
vanti agli dei il re non sia che un uomo. Anche se non si dice esplicitamente che il
Nei titoli di cui si fregia, il re pretende di esse­ Dan’ il del testo di Aqhat sia un re, egli è un
re il sovrano mondiale: sar kissati «re della totali­ giudice giusto ed esercita anche per altri aspetti
tà»; sar kibrat(im) arba'i(m) | erbetti «re dei quat­ funzioni regali. Tra l’altro, come Keret egli tutela
tro punti cardinali» (Seux 305 s. 308 ss.). Egli re­ il diritto dei poveri, delle vedove e degli orfani.
gna «dal mare superiore fino al mare inferiore» Quando suo figlio Aqhat muore la fertilità cessa.
(ossia dal Mediterraneo al Golfo Persico). Altro­ Le iscrizioni semitiche occidentali documenta­
ve viene detto sarru dannu «potente re»; sarru ra- no nell’insieme una concezione sacrale della mo­
bu «gran re» ecc. (Seux 292 ss.). narchia. Il re viene insediato nella sua carica dagli
Davanti ai sudditi il re rappresenta il mondo di­ dei (KAI 10,2; 202 A 3; 214,2 s.), è responsabile
vino. Egli è Yissakku, più o meno il ‘governatore’ della costruzione del tempio (KAI 14,15 ss.), de­
del dio. Con la forza del dio combatte i nemici. E v’essere giusto (KAI 4,6 s.; 10,8 s.). Per il suo po­
il pastore del proprio popolo, deve far regnare nel polo Kilamuwa fu come padre e madre, e si prese
paese diritto e giustizia (mèsaru, kettu); mantene­ cura di tutti quanti (KAI 24,10-13).
re la vita nel paese; promuovere crescita, fertilità H. Ringgren
e benessere, una funzione che talora viene espres­
sa con affermazioni dai toni «messianici». 11.1. L ’ebr. melek-màlak appartiene a un grup­
D ’altra parte il re è responsabile davanti agli po lessicale semitico nordoccidentale della radice
dei. Nel Capodanno babilonese il re deve fare pe­ mlk dal significato generale di ‘ re’, ‘essere re’.
nitenza per rinnovare la propria dignità regale. Questa radice è già documentata nel ili millennio
Quando incombe una sventura per colpa del re, a Ebla, nella Siria settentrionale, precisamente in
questi può mettere sul trono un re vicario (sarpu­ diverse forme onomastiche teofore, come per es.
bi) che prende su di se la punizione divina. A-bù-ma-lik, Eb-du-ma-lik, Gibil-ma-lik ecc.
c) «Re» era però anche un epiteto divino, per (G. Pettinato, Catalogo dei testi cuneiformi di Teli
dire che il dio cui si riferiva era signore o padrone Mardikh-Ebla, Napoli 1979, v. l’indice; H.-P.
di qualcosa (K. Tallqvist, Akk. Gòtterepitheta, Muller, ZDPV 96 [1980] 11 ss.), nel nome astrat­
105 (rv>934 ) melek (K. Seybold) ( iv,9 3 5 ) i o 6

to ma-li-ku-um ‘regno’ (cfr. G. Garbini, La lin­ 2. Il verbo intr. malak deriva evidentemente
gua di Ebla: La parola del passato 33 [1978] 254) dal nome primario mlk e rimane semanticamente
e nella forma fem. ma-lik-tum ‘regina’ che fre­ nella medesima sfera. All’ebr. melek si affiancano
quentemente fa da riscontro a un nome proprio la forma fem. malkà ‘regina’ con lo specifico de­
sumerico (G. Pettinato, Culto ufficiale ad Ebla rivato meleket (hassdmajim) ‘regina (del cielo)’ e i
durante il regno di Ibbi-sipis, Roma 1979, passim, nomi o epiteti divini radicati nel semitico occi­
v. l’indice), mentre la forma masc. ma-lik fino ad dentale -> mólek (T.M.), milkòm. Forme derivate
ora non sembra sia documentata in forma auto­ astratte femminili, in parte per influenza aramai-
noma. L ’etimologia è sconosciuta. Sono prive di ca, sono melukà ‘monarchia’, malkùt ‘regno’ (ara-
fondamento le derivazioni da (1) ma làka (escla­ maico biblico malku) e i nomi verbali mamlàkà e
mazione: che cosa [appartiene] a te?) (W. Eilers, mamlàkùt ‘sovranità regale, regno’. Sempre radi­
WO 3 [1949] 142 s.) o da (2) hlk (ptc. mòlìk). In cati nel semitico occidentale sono i NP composti
accadico il nome e il verbo sono considerati pre­ con mlk che s’incontrano frequentemente fin
stiti, entrambi sotto il predominio di sarru e deri­ dall’età di Mari e sono poi documentati anche in
vati, dato che indicano soprattutto sovrani stra­ ebraico: melek, móleket, milkà, malkàm, jamlék,
nieri e sono concorrenti del gruppo lessicale omo­ m alki'èl, malkijà(u), malkisedeq, malkirdm, mal-
nimo malàku ‘consigliare’, màliku ‘consigliere’, kisua , ’abìmelek, ’ahimelek, ’elimelek, malluk,
malku ‘consiglio’ (AHw 593 ss.; C A D M/i 154 ‘anammelek, ’adrammelek, ‘ébedmelek, netan-
ss.). La comparsa di questo significato particolare melek (tutti nell’A.T.) ecc. (cfr. ‘Allamelek ‘ tere­
proprio nel semitico nordoccidentale sembra va­ binto del re’).
da considerata come una retroazione (cfr. K B L 3 3 . 1 L X X traducono di regola le forme mlk con
559 s.: mlk n): ebr. Nehem. 5,7 mlk n if ‘consi­ equivalenti formati col tema (3aaiX-. Le eccezioni
gliarsi tra sé’ (Hos. 8,4 cong.; lob 12,17), aram. sono per lo più condizionate dal contesto, ma in
rrflak* ‘consiglio’ (Dan. 4,24 subito accanto a ogni caso spiegabili, confermando così la regola.
malkà'\); mlk ‘chiedere consiglio’; mlkh ‘consi­ 13 volte melek è tradotto con apyfov. Per i passi
glio’ (J. Hoftijzer - G. van der Koij, Aramaic nel Pentateuco (Gen. 49,20; Num. 23,21; Deut. 17,
Texts from Deir ‘Alla, Leiden 1976, n 9). Nome e 14.1 j [bis]', 28,36) tale scelta è chiaram ente dettata
verbo sono anche testimoniati nel semitico meri­ dalla supposizione (cfr. Deut. 17; 28) che nell’età
dionale, anche qui - per quanto si può capire - «mosaica» Israele non avesse ancora un re (v. sot­
con differenze di significato: sudarabico, arabo to, àpyr]> ma cfr. ad es. Gen. 14; 36 LXX). Una
‘re’; arabo, etiopico ‘possesso’, ‘possedere’ ecc. considerazione simile vale anche per la traduzio­
(cfr. L. Kopf, VT 9 [1959] 261 s.; Wehr, Wb. s.v.). ne di mólek (T.M.) con apyiov in Lev. 18,21;
Si deve presumere che un’antica radice semitica 20,2.3.4.5 (diversamente negli altri passi fuori dal
occidentale mlk, forse protosemitica (P. Fronza- Pentateuco, 1 Reg. 11,752 Reg. 23,10; Ier. 32,35).
roli, A A N L R 8/20, 1965, 246-269), abbia avuto I traduttori dei L X X considerano giustamente un
in ciascuno dei tre rami linguistici semitici uno fenomeno postmosaico l’esistenza in Israele del
sviluppo semantico autonomo, in accadico condi­ re e del MoÀoy.. I passi di Isaia sono condizionati
zionato dalla concorrenza semantica (allontana­ dal contesto (più frequente è l’uso di apyvajv in 1,
mento e limitazione semantica a opera di sarru), 10 ss.), e così in Ezech. 28,12 (ap'/tov di Tiro, do­
in arabo a causa di particolari situazioni politiche po nàgìd in 28,2) ed Ezech. 37,22.24 (adeguamen­
e culturali (modifica del significato), di tanto in to a ndsT in 34,24; 37,25 che generalmente viene
tanto secondariamente influenzato della storia del tradotto con apycuv). Dan. 10,13 è un caso parti­
gruppo lessicale in semitico occidentale (effetto colare (cfr. i LX X : cjTpaTYjyó^, Teod.: apyaiv p<x-
prestito). cnXetaq nspcràjv). - 3 volte compare nel passo del­
Per il nome sono documentate le seguenti for­ le tombe dei re (Ezech. 43,7.9) la singolare tradu­
me fonetiche: *ma-lik eblaita; milk amorreo; malk zione T)Youp.evot - probabilmente nel senso di una
ugaritico (linguaggio letterario, cfr. J. Nougayrol, attualizzazione in un’epoca senza re. - melek è re­
Ug v, 234 s. 244); milk ugaritico (linguaggio cor­ so 2 volte con aTpaTTjyóq e 1 volta con (3ouXy). In
rente), cananaico meridionale (EA); malk(u), mà- lob 15,24 la prima resa è chiaramente dovuta a un
hk(u) accadico; match-, melch (|J-eX[e]x, (jteÀex) adattamento della similitudine; non è il re, ma il
greco (trascrizione di nomi nei LXX ); malek man- generale ad andare in battaglia; per Dan. 10,13 v.
daico (Macuch 384); melek, st. cs. malk- ebraico sopra. In Dan. 4,24 (Teod.) pouXrj è l’equivalente
(T.M.); malachei/chem (per forma con suffisso e dell’aram. melak ‘consiglio’, che i L X X hanno
pi., Epifanio cfr. ZAW 71 [1959] 115 ss.). forse letto anche in Eccl. 2,12 (T.M. melek).
107 (iv,9 36) melek (K. Seyboid) (jy,937 ) 108

Il quadro non cambia quando si passa ai deri­ che Gen. 37,7 ss.: nel sogno di Giuseppe i covoni
vati. Il verbo viene variamente tradotto secondo che s’inchinano davanti al covone che, solo, si
le sue varie coniugazioni. Nonostante ciò ci si al­ alza e sta eretto costituiscono un modello di tipo
lontana raramente da forme di tema [3aaiXeu-, ad mlk). Questo significato generale viene associato
es. in Esth. i , i (xpaxeiv) e naturalmente Nehem. a determinate situazioni storiche e politiche me­
5,7 (mlk nif. (fouXeuciv). Anche nel caso delle for­ diante più precise specificazioni, per lo più in
me astratte non si registrano eccezioni degne di forma di costrutti genitivali che delimitano l’am­
nota (cfr. Esth. 1,2; Dan. 4,23.34: perifrasi con bito di sovranità (cfr. gli elenchi in Ios. 12 o Gen.
-3 póv<*;). Interessante è la traduzione di mamlàkà 14,1 ss.), senza che questo implichi l’affermare
con àpxh *n Deut. 17,18.20; Is. 10,10; Ezech. 29, qualcosa di più preciso circa la natura della signo­
14 (con riferimento all’ Egitto, v. sopra, àp^uiv) o ria. L ’estensione e l’indeterminatezza del termine
con vópo^ ‘distretto, provincia’ in Is. 19,2 (adatta­ lasciano spazio a concezioni che provengono dal
mento alla suddivisione territoriale dello stato mondo del testo e di coloro che in esso parlano.
egiziano: «città» e «distretti, province», non [più] L ’uso estremamente frequente del termine, co­
«regni»). mune a ogni strato linguistico, fa capire che me­
lek è un sostantivo elementare, sia quando indica
m .i. Esatti dati statistici si trovano in TH AT 1 concretamente una figura di sovrano sia quando
910. Il gruppo lessicale della radice mlk registra è termine generale per una forma di sovranità,
nell’A.T. oltre 3000 ricorrenze. Dopo jhw h, ’èló- una parola fondamentale che ha svolto un ruolo
hìm e ben melek è il quarto nome più frequente enorme nella vita dell’uomo dell’A.T.
nell’A.T., più di jisrd’él (2500 volte), un chiaro A differenza di melek, per il suo significato spe­
segnale dell’importanza storica e religiosa del ter­ cifico ró’s è un termine funzionale che indica la
mine per la tematica biblica. La distribuzione tra posizione di vertice e di guida in sé che una per­
opere letterarie, raccolte e libri corrisponde ai te­ sona riceve o detiene in virtù di attitudine e ma­
mi ricorrend di volta in volta in ciascun tipo di nifesta capacità, più precisamente a livello dell’or­
scritto. Nel Pentateuco (solo circa 120 volte), dinamento tribale e di clan, come capo di forma­
fatte poche eccezioni (Jhwh: Cen. 48,16 [Samar.]; zioni militari e presidente di consessi che ammi­
Ex. 15,18; Num. 23,21; Deut. 33,5; inoltre Gen. nistrano la giustizia. I componenti significativi
17,6.16; 3 5,11; Num. 24,7; Deut. 17,14 s.; 28,36), ‘capo e vertice’ (aspetto figurato), ‘carica e ido­
il gruppo lessicale si riferisce a re non israelitici. neità’ (aspetto funzionale), ‘guida e presidenza’ in
L ’opera storiografica deuteronomistica è quella un raggruppamento sociale omogeneo (aspetto
col massimo numero di ricorrenze (oltre 1400), terminologico) si sono conservati (H.-P. Mùller,
un po’ meno della metà del totale, un dato stati­ TH AT 11 701-715) nella terminologia e nei titoli
stico che rivela il particolare interesse di questa (cfr. J.R. Barlett, The Use o f thè Word r’s as a
opera per la relativa tematica. Singolare è l’alto Title in thè O.T., VT 19 [1969] 1-10). Istruttivi so­
numero di esempi in Ester (oltre 250 in 10 capp.). no i contatti diretti tra ró’s e melek, dove l’accen­
Si hanno accumulazioni in elenchi, enumerazioni tuazione dell’aspetto funzionale di ró’s porta a
ad es. in Gen. 14536; Ios. 10; 12. una consapevole riduzione del predicato melek.
2. Il vario uso di melek per indicare ogni sorta Iud. ro,i8; 11,8 ss. narrano che Jefte fu reso ró’s
di potere monarchico, dalla monarchia della città- (e qdsin) «di tutti gli abitanti di Galaad». A que­
stato della tarda età del bronzo alla monarchia di sta situazione si contrappone l’apologo di Jotam
una nazione, fino alla monarchia imperiale, den­ in Iud. 9,7 ss. che vuole illustrare la situazione di
tro e fuori dell’ambito d’Israele, fa intendere che città-regno di Abimelek (cfr. 9,2: la definizione
il termine ha un orizzonte semantico molto gene­ funzionale è legata all’espressione msl be). L ’isti­
rale e ampio, e serve da cornice per un contenuto tuzione cananea del regno, così come viene de­
preciso che può essere delineato solo attraverso i scritta in 1 Sam. 8,11 ss., sta per confinare al gra­
dati contestuali. Il nucleo semantico di melek po­ dino più basso l’antica tradizione del capo triba­
trà essere descritto nei termini di Iud. 9,2: melek le, e gii echi del conflitto si sentono ancora in 1
indica quell’«unico uomo» (’ts’ehàd) che domina Sam. 15,17 (dtr.?), quando Saul viene criticato
(msl be) da solo su un determinato gruppo (nu­ contemporaneamente come «capo delle tribù di
meroso), ad esempio sui cittadini di una «città» Israele» e come «re unto su Israele». Questo con­
(badie ‘ir), con la conseguente subordinazione flitto è stato poi ripreso soprattutto dai profeti.
(‘a l) dei molti all’uno, un sistema che l’apologo di Hos. 2,2 annuncia la riunione dei due regni di
Jotam illustra efficacemente (Iud. 9,7 ss.; cfr. an­ Giuda e Israele sotto un solo capo (ró’s ’ehàd)
109 (iv , 937 ) melek (K. Seybold) (iv, 938 ) h o

evitando il titolo di re e in aperta critica alla co­ pubblico ufficiale e il funzionario reale (Gen. 12,
stituzione politica attuale. In maniera simile Is. 7, 15; 1 Reg. 4,2; 5,30 ecc.). In tutte le circostanze in
8.9 riduce gli ordinamenti politici vigenti (impli­ cui melek e sar compaiono insiem e si ha l’imma­
citamente anche quello di Giuda, oltre a quelli di gine di una struttura di corte e di un apparato di
Aram ed Efraim) alla loro nuda struttura di siste­ potere monarchico nel quale è data per scontata
ma piramidale di ordinamento del mondo, criti­ la subordinazione del sar (Iud. 4,2; Hos. 3,4; Ier.
cando la presunta assolutezza delle monarchie 1,18; 4,9; Lachish iv 4). L ’accostamento conferma
(cfr. Seybold 66 ss. e sotto, 111.7). Anche in Ps. il significato di autocrate e despota costitutivo di
18,44 nelle parole di lode per il re, costituito melek, colui che esercita il potere per proprio di­
«capo dei popoli», riecheggia l’ammonimento a ritto, l’autorità pienamente indipendente che per
ricordare gli obblighi connessi con tale posizione esercitare il proprio potere si serve di un appara­
(18,45). In tal senso possono apparire contigua­ to di funzionari subordinati. Tanto più sorpren­
mente - come in Iob 29,25 - entrambe le «funzio­ dente è il caso di un ‘re’ al quale si rifiuti il titolo
ni di guida»: colui che presiede un consesso pub­ di melek e si attribuisca un titolo formato con
blico della città e il re sul suo trono in mezzo ai sar, come avviene in Is. 9,5 dove il futuro sovrano
guerrieri; dall’accostamento risulta ancora una davidico viene chiamato sar sdlóm (cfr. inoltre Is.
volta chiaramente la differenza tra i due ordini di io,8; 23,8).
grandezze. Per l’uso nel Cronista cfr. Muller. Il titolo di -» ngjd (nàgid\ che in base agli stu­
Anche -> sar ha una propria storia e una pro­ di più recenti (E. Lipinski, VT 24 [1974] 497 ss.;
pria sfera semantica che, in linea di massima, si li­ Mettinger 151 ss.) denota il successore designato
mita costantemente a situazioni minori e a forme del re, quindi il principe ereditario (secondo /
organizzative di tipo subordinato (J.A. Soggin, Reg. 1,35, cfr. v. 20), e che di certo non ha radici
TH AT 1 932). In uno stadio più antico sar usato nella storia tribale (così W. Richter, Die nàgìd-
da solo (per lo più al pi.) denota una posizione Formel, BZ 9 [1965] 71 ss.; L. Schmidt 141 ss.),
direttiva, di capo, nel sistema del clan e della tri­ non apporta alcun contributo sostanziale per la
bù (e spesso è tradotto, in modo inadeguato, con determinazione del significato di melek. I due ter­
«principe»), ad cs. nel canto del pozzo in Num. mini non si toccano affatto. Solo all’interno della
21,18 («pozzo che i nobili scavarono», par. con concezione teologica della monarchia l’uso tra­
nedìbè hd'dm, cfr. il bastone del m'hòqéq). Que­ slato di nàgid - designazione del re come sovrano
sta struttura vale per gli «Israeliti», ma vale al­ del popolo di Jhwh, sia di quello di Israele a nord
trettanto per i Moabiti (Num. 22,8 ss.) e per i sia di quello di Giuda al sud - conferisce dignità
Madianiti (Iud. 7,25; altri passi: Iud. 5,15.29; Ps. sacra a chi porti tale titolo, un carattere che tutta­
68,28; Iud. 8,6.14 insieme con gli «anziani»). In via non ha un effetto visibile sull’uso di melek
seguito, soprattutto nel quadro dell’ordinamento (cfr. J. Flanagan, Chiefs in Israel: JSO T 20 [1981]
urbano e dell’organizzazione militare, sar denota 47 -73 )- . . . . .
un uomo dotato del potere di comando e della fa­ Considerazioni analoghe valgono per il titolo
coltà d’impartire disposizioni per delega di una mdsìah (-» msh) ‘unto’, che, salvo due eccezioni
istanza superiore. Nel costrutto genitivale il no- tarde (Dan. 9,25.26), a differenza di melek, non
mem rectum mostra di volta in volta la specifica appare mai usato da solo ma sempre in nessi sin­
autorità conferita, determinando l’ambito del suo tagmatici con Jhwh, e manifesta così la propria
esercizio: capo di una banda, comandante di un funzione teologica.
distaccamento di carri, ufficiale a capo di una cen­ sófét (-> spt, cfr. G. Liedke, TH AT 11 1003 s.)
turia o di una squadra di 50 soldati, capo del­ denota probabilmente una determinata carica del­
l’esercito, comandante delle truppe, sovrinten­ l’epoca premonarchica (ad es. Iud. 4,4). Come ti­
dente ai lavori forzati, ispettore, presidente ecc. tolo ufficiale «giudice» compare solo verso la me­
«Chi ti ha nominato ’is sar e giudice?», chiede tà del periodo monarchico insieme con altri fun­
l’ebreo prepotente a Mosè (Ex. 2,14). Quale com­ zionari, ad es. sartm,jó‘dsim ecc. Occasionalmen­
petenza potesse avere un simile sar (più o meno il te viene a contatto con meldkim (solo al pi.), forse
nostro «capo, maestro») risulta in maniera esem­ per mettere in evidenza il lato giurisdizionale del
plare da un ostracon (KAI 200) ritrovato a Yab- potere regale (e probabilmente inteso solo come
ne-Yam (minet rubin), chc contiene una supplica termine parallelo: «reggenti» accanto a «re») (Hos.
rivolta al sar (forse «governatore»), e dal titolo 7,7; Ps. 2,10). Una volta il titolo di sófét viene ap­
sar sebd' di Ios. 5,14 che denota il comandante su­ plicato al re di Giuda in carica (Mich. 4,14: sófét
premo dell’esercito. Infine sar passa a denotare il d’Israele - un teologumeno profetico; cfr. K.D.
i n (IV,939) melek (K. Seybold) (iv,94o) ira

Schunk, VTS 15, 1965, 252-262; M. Weinfeld, gioranza delle attestazioni nei libri di Samuele e
Judge and Officer in Ancient Israel and in thè dei Re deriva dall’ambito dell’annalistica. Per l’uso
Ancient Near East: TOS 7 [1977] 65-88; J.A. Soe- teologico del verbo v. sotto, rv.7.
gin, VT 30 [1980] 245-248). 4. NelFA.T. il soggetto umano per antonoma­
In termini analoghi si presenta il rapporto tra sia, in tutti i costrutti sintattici immaginabili, è na­
melek e nàsT. Questo titolo ufficiale israelitico turalmente il melek. Vanno notati alcuni costrutti
antico che risale forse airordinamento tribale (M. particolarmente significativi.
Noth) trova un impiego crescente verso la fine a) In alcuni costrutti col verbo mlk al qal emer­
dell’età monarchica per indicare i re davidici e i ge particolarmente il significato nominale (Ier.
re stranieri. Il ricorso a nasi' è particolarmente fre­ 23,5: «Regnare come [giustoj re»; t Sam. 8,9.11:
quente in Ezechiele e in parallelo nel documento «Il re che regnerà [sottinteso: come voi volete] su
sacerdotale per denotare i «principi della tribù*. di voi»). Al hif., la forma che esprime l’insedia­
In entrambi risalta l’atteggiamento critico nei con­ mento come re (lud. 9,6; Is. 7,6; 1 Sam. 15 ,11
fronti del melek, dovuto a considerazioni teolo­ ecc.), il costrutto corrisponde a formulazioni con
giche, che comporta l’emarginazione del termine sim, qum, kun, msh.
(cfr. O. Calderini, BibOr 20 [1978] 123-133; 21 b) Per meglio precisare la sfera di esercizio del­
[1979] 273-281). la regalità si usano il genitivo (re dei Filistei, di
Per la distinzione tra melek, salili e mosél in Babilonia, di Edom) o nessi preposizionali (su
epoca ellenistica cfr. N. Lohfink, Melek, sallit Israele, a Gerusalemme). Viceversa melek in po­
und mósel bei Kohelet: Bibl 62 (1981) 535-543. sizione di nomen rectum qualifica persone c cose
3. Per il verbo mlk si registrano i significati ‘di­ come regali: ben melek ‘figlio di re’; mistèh melek
ventare/essere re’, ‘dominare da re, regnare, agire ‘pranzo regale’; miqdas melek ‘santuario della co­
da re’. Il verbo è usato soprattutto nelle forme rona’ (Am. 7,13); ’eben hammelek ‘peso (ufficia­
qal e hif., inoltre 1 volta al hof. (Dan. 9,1) e 1 vol­ le) regale’ 2 Sam. 14,26); derek hammelek ‘via re­
ta al nif. (Nehem. 5,7). In quest’uso prevalente­ gale’ (Num. 20,17; 21,22). Rientra in quest’uso an­
mente nominale trova conferma la derivazione del che la stampigliatura su vasi, sigilli ecc. con la di­
verbo dal nome. Predominano le forme nominali citura Imlk, che esprime le due idee collegate con
e le forme col soggetto alla 3* sing. S’incontrano melek: quella soggettiva, legata alla sua persona, e
frequentemente combinazioni con melek/malkut quella ufficiale, con riferimento istituzionale.
(ad es. mlk melek ‘regnare da re’), a riprova della c) Oltre che in determinati costrutti e denomi­
scarsa autonomia del significato verbale. Nei pas­ nazioni ufficiali melek ricorre anche in forme
si col verbo nella forma qal il soggetto è, con po­ d’indirizzo, titolature e attribuzione di predicati.
chissime eccezioni, sempre alla 3* sing., che vale In questo gruppo rientra il modo di rivolgersi al
per un sottinteso melek. Su circa 300 ricorrenze re tipico della corte: 'adóni hammelek «il re, mio
del verbo solo 7 hanno una 2* pers. per soggetto signore» (2 Sam. 3,21; 15,21; cfr. Gen. 40,1 - per
(Gen. 37,8; 1 Sam. 23,17; 24,21; 2 Sam. 3,21; 16,8; ’àdón come titolo regale cfr. Ps. 110 ,1; Ier. 22,18;
1 Reg. 11,37; Ier. 22,15) e 2 la i a pers. (/ Reg. 1,5: 34,5). Tutto un arsenale di apostrofi cerimoniose
Adonia; Ezech. 20,33: Jhwh); 4 una 3* pers. pi. si trova raccolto ad es. in 2 Sam. 14,1 ss. e r Reg.
(Gen. 36,31; 1 Reg. 11,24; Prov. 8,15; 1 Chron. 1, 1,11 ss. A questo proposito va ricordata l’acclama­
43). Questi passi sono senz’altro molto significa­ zione, usata come formula di saluto, j ehi hamme­
tivi. Nei brani con il hif. (con soggetto principale lek «viva il re!» (1 Sam. 10,24; 2 Sam. 16.16; /
e secondario) è particolarmente interessante nota­ Reg. 1,34 -» hjh [hàjà] 111.6); «lunga/eterna vita al
re quali siano le istanze che insediano il re: Jhwh re!» (/ Reg. 1,31; Nehem. 2,3; Dan. 2,30; 4,14.31;
- 6 volte (detto di Saul: 1 Sam. 15,11.35 e di Saio- 6,21.27 aram.). Sono di adozione esotica il titolo
mone: ì Reg. 3,7; 2 Chron. 1,8 ss.), Samuele, Da­ regale assiro «gran re» (Is. 36,4.13 // 2 Reg. 18,19.
vid, il «popolo del paese», il re di Babilonia ecc.; 28 sarru rabù - cfr. Ps. 47,3; M al 1,14 - e il corri­
anche qui il pi. è peculiarmente raro (ad es. lud. spondente titolo babilonese «re dei re» (Ezech.
9,6; / Sam. 11,15 ; 1 P-eZ- I2>2°5 16,16; Hos. 8,4 26,7; Dan. 2,37; Esdr. 7,12 ecc., sar sarrdni).
ecc.). L ’uso tipizzato del verbo nelle costruzioni d) Istruttivo per il significato di melek è l’uso
con le preposizioni ‘al, be, l e, tahat e nelle formu­ metaforico: re degli alberi (lud. 9,8 ss.), re di tutti
lazioni stereotipe con la 3* pers. e l’infinito (ad es. i grandi animali (= il Lcviatan, lob 41,26), re delle
bemolkó ecc.) rimanda allo stile burocratico can­ locuste (Prov. 30,27; cfr. i paragoni con gli ani­
celleresco. A tale constatazione di tipo letterario mali ai w . 29 ss. testo emendato), re degli spa­
corrisponde il dato statistico che la grande mag­ venti (= la morte, lob 18,14).
U 3 (iv. 9 4 1 ) melek (K. Seyboid) (iv,942) 114

e) Nell’A.T. la forma fem. malkà compare al utilizzato, in quanto tale è adatto a esprimere il si­
sing. solo per denotare regine straniere: la regina stema funzionale «monarchia» secondo gli aspetti
di Saba (/ Reg. 10 // 2 Chron. 9) c la regina Ester di sovranità, residenza e governo, apparato di po­
(25 volte nel libro di Ester), e al pi. poeticamente: tere: in breve la monarchia come istituzione. Di
le sessanta mogli del re (Cani. 6,8 s.). Evidente­ fatto il termine è (insieme con malkut) l’espressio­
mente la forma non era di uso corrente (cfr. per ne più comune per denotare il regime monarchi­
contro gebirà). Si nega tale titolo persino ad Ata­ co («regno»). È inutile citare esempi di quest’uso,
lia, per quanto l’unica forma fem. del verbo mlk soprattutto preesilico, del termine (cfr. K B L 3);
qal si riferisca al suo regno (ptc. in 2 Reg. 11,3; 2 significative sono le espressioni che si potrebbero
Chron. 22,12). definire ufficiali: bèt mamlàkà ‘tempio regio’ nel
5. L ’analisi delle 4 forme astratte di mlk prende senso di tempio ufficiale, di stato (Am. 7,13); bè-
le mosse dalle caratteristiche della loro formazio­ tckà ùmamlaktekà ‘la tua casa e il tuo regno’ (2
ne e dei loro specifici impieghi. Emergono quindi Sam. 7,16; cfr. 12,13; 1s■ 9>6); 'i due regni’ (Ezech.
delle delimitazioni, che contraddicono l’opinione 37,22; cfr. la concentrazione in 1 Reg. 1 1); l’asso­
di un uso indiscriminato dei termini. ciazione con gòj ‘nazione’ (1 Reg. 18,10; Is. 60,12;
a) melukà, aggettivo deverbale di schema qàtul Ps. 46,7). Unica è l’espressione d’impronta teolo­
(fem.), resta correlato al verbo in tutti i diversi usi gica mamleket kòhànìm ‘ regno di sacerdoti’ (Ex.
in quanto si riferisce alla funzione di mlk, cioè 19,6), che in parallelo con gòj qàdós ‘un popolo
alla carica di re, alla dignità regale, alla «posizione santo’ (-> voi. 1 1979 ss.) intende caratterizzare la
di re» (K B L i 556), all’essere re, all’azione regale, posizione particolare di Israele nel contesto dei
al governare e reggere in generale (per lo più con regni e dei popoli, a partire dalla sua condizione
articolo; le eccezioni sono condizionate dal con­ sacerdotale in quanto sacra teocrazia. Sebbene il
testo: / Reg. 21,7; Ezech. 16,13; ^5- 34 »i2 i 62,3). termine non manchi in scritti più tardi, per es.
Saul assume (Ikd) la carica di re (/ Sam. 14.47; nelle Cronache e nei Salmi, in età (tardo-)post-
cfr. 10,16; 11,14 ; 18,8). Secondo j Sam. 10,25 per esilica esso sembra essere stato spinto nell’ombra
tale ufficio esiste un diritto particolare (mispàt). da malkut.
La carica passerà a David (2 Sani. 16,8; 1 Reg. c) malkut, forma denominale derivata da melek
2,15.22) e poi anche a Geroboamo (/ Reg. 11,35; per influenza dcll’aramaico (analogamente a quan­
12,21). Un nuovo regno viene proclamato (Is. 34, to avvenuto per l’accadico) e diffusa in medio
12). Gezabele rimprovera ad Acab di non esercita­ ebraico, negli scritti tardi dell’A.T. sostituisce
re il potere regale (‘s'h, 1 Reg. 21,7: lett. «fa’ qual­ quasi del tutto mamlàkà. Evidentemente per la
cosa da re!»). Secondo Ezech. 16,13 Gerusalem­ sua netta e accentuata fonetica il termine aramai­
me raggiunse dignità regia, alla quale competono co era più adatto a denotare un’istituzione che
il trono (1 Reg. 1,46), una residenza di corte (2 era di gran lunga dominata dall’estero. Il termine
Sam. 12,26) e anche varie insegne (cfr. Is. 62,3). sembra però soprattutto corrispondere all’uso lin­
Nelle metafore teologiche la dignità regia può es­ guistico dclParamaico d’impero (cfr. Esdr. 4,5 s.;
sere riconosciuta anche a Jhwh (Abd. 21; Ps. 22,29). 4,24; 6,15 ecc.). Non mancano ricorrenze più an­
L ’aspetto aggettivale viene alla luce nella espres­ tiche (Num. 24,7; Ps. 45,7; 1 Sam. 20,31; 1 Reg. 2,
sione saltuaria «di stirpe reale» (mizzera‘ hamme- 12; Ier. 10,7; 49,34; 52,31), che si possono spiega­
likà, ad es. 2 Reg. 25,25; Ezech. 17,13; Dan. 1,3). re con una precoce influenza aramaica (Num. 24,
L ’uso limitato del termine, che probabilmente è 7: Balaam), come forma dialettale regionale (Ps.
radicato nel linguaggio di corte della prima età 45,7?) o correzione masoretica. Il significato co­
monarchica, fa capire che evidentemente esso non incide con quello di mamlakà: ‘regno’ (come con­
è maturato fino ad avere un profilo netto, e in ef­ cezione generale).
fetti - come dimostra l’uso obbligatorio dell’arti­ d) mamlàkut* (9 volte, di cui 5 in Ios. 13, sem­
colo - lo si sente come piuttosto indeterminato o pre e solo in st. cs. sing.) sembrerebbe una forma
vago (ciò che riguarda il re, la regalità); d’altra par­ mista degli ultimi due termini esaminati; proba­
te, proprio per questo risulta particolarmente bilmente è una creazione dei masoreti, anche se
adatto a esprimere concetti generici («la faccenda non si può escludere che alla base ci sia un errore
della regalità di Saul», 1 Sam. 10,16 ecc.; cfr. il di lettura di una forma piena k etìb o un errore
rimprovero di Gezabele in 1 Reg. 21,7). grafico. Non si nota alcuna differenza di signifi­
b) mamlàkà, una forma di base mlk con m- pre­ cato rispetto a mamlàkà e malkut (cfr. Ier. 26,1
fisso che può esprimere un’azione e il suo esito, con Ier. 4 9 ,3 4 ; / Sam. 15,28 con / Reg. 11,11) .
luogo e modalità del fatto, o anche lo strumento 6. Il repertorio concettuale del gruppo lessicale
iij (iv ,9 4 3 ) melek (K. Seybold) ( i v ,9 4 3 ) 1 1 6

incentrato su melek, saturato dall’uso e dall’espe­ msh]), nell’opinione degli alberi pregiati e utili si­
rienza, in determinati contesti si cristallizzò in gnifica un improponibile «volteggiare e ondeg­
concezioni del re, idee di sovranità, autopresenta­ giare» (nùa‘) «sopra gli a lb e ri» , la rinuncia a ogni
zioni della monarchia, sistemi di valore politici attività sensata. Soltanto il rovo al quale gli alberi
fissi e tipizzati, in breve in forme rigide di conce­ sono costretti a rivolgersi, la sterpaglia secca che
zioni monarchiche e di idee di stato, che a loro incendiandosi diventa pericolosa (aggiunta v. 1 5b)
volta ebbero un effetto formativo sulla coscienza, persino per i cedri, accetta di assumere il ruolo di
sullo stile e sulla tradizione. L ’uso del gruppo me­ re, e con una grottesca sopravvalutazione delle
lek nel corso del tempo, attraverso tutta la storia proprie capacità di parlare a nome di tutti (v. 15;
d’Israele, mostra che la semplice idea basilare del­ cfr. Lam. 4,20; Ezech. 17,23). In origine l’apologo
l’esercizio del potere da parte di un solo indivi­ non ha di mira l’istituzione monarchica in sé, ma
duo potè prendere piede a diffondersi anche in piuttosto la valutazione negativa che ne danno i
Israele a scapito di altre, nonostante tutte le com­ capaci e il loro conseguente rifiuto.
plicazioni che un siffatto sistema sociale doveva 1 Sam. 8 ,11-17: in origine neanche qui, stando
necessariamente comportare per la fede religiosa al contesto, il diritto regio (mispàt hammelek «il
tradizionale. Il sistema di sovranità del melek, la privilegio del re») proclamato da Samuele ha evi­
cui efficacia si manifestava empiricamente nel mo­ dentemente un accento negativo in linea di prin­
dello dell’ordinamento delle città-stato della tar­ cipio (v. 17 dtr.). Va da sé che accordi di questo
da età del bronzo, le cui radici affondavano fin genere sono stabiliti bilanciando gli interessi e i
nella prima età del bronzo, era al contempo sem­ costi dell’operazione. Da un lato si deve cedere al
plice ed efficace, dato che poneva molte forze sot­ governo centrale una serie di diritti, prestare vari
to un’unica volontà che le dirigeva e creava così servizi non retribuiti, pagare imposte e tasse (la
rapporti di forza ordinati. Alcune osservazioni decima); sull’altro piatto della bilancia ci sono i
dell’A.T. sono caratteristiche per capire come in vantaggi che la nuova istituzione è in grado di ap­
Israele si valutasse il sistema del melek; esse portare. Perciò il discorso riguarda maggiormen­
provengono dalla letteratura sapienziale. te i cambiamenti sociali che ne conseguono: la
Prov. 30,27: «Le cavallette non hanno u n me­ creazione di un apparato di potere (v. 11), il man­
lek, eppure procedono tutte con ordine (LXX: eù- tenimento della corte (v. 13), un esercito stabile
TaxTax;)». Il re garantisce la guida ordinata della (v. I2a), l’economia demaniale e la fabbricazione
massa, del grande gruppo che non è più possibile di armi (v. i2b), l’introduzione del sistema feuda­
mantenere in ordine e governare con altri sistemi le e dell’imposizione fiscale (w . 14 s.), il servizio
sociali (per es. l’ordinamento della famiglia, del (militare o civile) obbligatorio per le necessità
clan, dell’esercito) e sostituisce la «sapienza» del­ dello stato (v. 16). Si parla meno degli effetti inti­
l’istinto comunitario congenito nei «piccoli ani­ midatori (come nei w . 17 ss. dtr.), mentre coloro
mali». Secondo la formula di Iud. 17,6; 18,1; 19,1; che rientrano in tale sistema hanno, di caso in ca­
21,25: «Allora in Israele non c’era ancora un me­ so, anche le loro opportunità, una volta diventati
lek», l’età monarchica pose cioè fine a un’epoca ufficiali, funzionari di corte, feudatari. È contro­
di anarchia. verso se il diritto regale esposto nel nostro testo
Gen. 37,8: la reazione dei fratelli al sogno di abbia il suo concreto fondamento nella monar­
Giuseppe, di un unico covone che stava dritto e chia feudale urbana di Canaan nella tarda età del
tutti quelli intorno che gli s’inchinavano, è sinto­ bronzo (I. Mendelsohn, Samuel’s Denunciation
matica: «Tu vuoi certamente diventare re su di o f Kingship in thè Light o f thè Akkadian Docu-
noi (mlk 'al) o addirittura dominarci (msl be)}». ments from Ugarit: BASO R 143 [19 56J 17-22) o
Nella reazione le due domande esprimono una derivi da esperienze avute con l’impero di Saio-
gradazione: già è perverso applicare il principio mone (R.E. Clemcnts, The Deuteronomistic In-
del melek nell’ambito della famiglia e del clan, ma terpretation o f thè Founding o f thè Monarchy in I
assolutamente inaccettabile appare la sottomissio­ Sam V ili: VT 24 [1974] 398-410), oppure risalga
ne espressa con msl. Si coglie l’eco degli effetti e a concreti accordi stipulati in occasione della na­
dei limiti del principio del melek. scita della monarchia di Saul.
Iud. 9,8 ss.: il cosiddetto apologo di Jotam ri­ La concezione del re più diffusa c teologica­
vela quanto approfonditamente la questione fosse mente più efficace che si abbia nell’A.T. è costi­
affrontata. Un tipo di governo (mlk 'al) che evi­ tuita dall’ideologia monarchica giudaita-gerosoli-
dentemente per le piante nel loro insieme è indi­ mitana, così come si è consolidata soprattutto nei
spensabile (e viene istituito mediante unzione [-* cosiddetti salmi regali (per es. Ps. 2; 18; 20; 21;
1J7 (IV >944) melek (K. Seybold) (iv ,9 4 5 ) i r 8

45?; 72; 89; 101; 132; 144?) e in testi affini (ad es. Concezioni teologiche della fede tradizionale di
in 2 Sam. 23; 7; nelle cosiddette profezie messia­ Jhwh fecero sentire la loro influenza sull’idea del­
niche). Questa concezione, fondata teologicamen­ lo stato, creando così un contrappeso per bilancia­
te e ancorata nel culto, sulla quale poterono evi­ re la «magia del regno» (V. Maag) e le tentazioni
dentemente convergere, nel corso del tempo, le di modellare la monarchia secondo linee ideolo­
istanze normative, fu elaborata e coltivata nel tem­ giche sacrali. Anche l’opposizione profetica con­
pio di Sion a Gerusalemme, e probabilmente co­ tro alcuni re di Giuda e di Israele è diretta contro
stituiva la dottrina ufficiale di stalo durante tutta simili tendenze allo sviluppo autonomo del siste­
la monarchia giudaita. Era funzionale alla legitti­ ma monarchico.
mazione e alla rappresentazione del sistema mo­ Una quarta componente che ebbe un’impor­
narchico dinastico che i Davididi riuscirono a tanza sostanziale per la durevole esistenza e la
mantenere a Gerusalemme - certo anche grazie a diffusione dell’ideologia regale giudaita-gerosoli-
questa concezione - per oltre quattro secoli. mitana è il cosiddetto «rituale regale giudaita»
Una componente di questa concezione regale è (G. von Rad). Anche se non è possibile ricostrui­
rappresentata probabilmente dalla tradizione pre­ re tutte le parti del cerimoniale di intronizzazio­
davidica, patrimonio dell’antica città gebusea, di ne, dal materiale disponibile si evince chiaramen­
una monarchia urbana sacra «alla maniera di te come esso abbia avuto un’ importanza fonda­
Melchisedec» (Ps. 110,4; Gen. 14) che i Davididi mentale per la monarchia davidica.
hanno evidentemente ereditato (2 Sam. 5,6 ss.). Tra gli elementi più importanti ci sono l’un­
Accettando questa eredità, essi hanno nello stes­ zione (msh) con la connessa concezione della ca­
so tempo adottato almeno alcuni aspetti dell’idea rica, probabilmente di impronta egiziana (sommo
di sovranità di stampo cananeo (monarchia sacer­ funzionario, vassallo della massima istanza regia);
dotale, tempio di stato ecc.) con le corrispondenti l’adozione a figlio di Dio nel senso di Ps. 2; il con­
implicazioni sacre; ciò doveva portare necessaria­ ferimento di nomi onorifici e di titolature (ana­
mente al conflitto con le tradizioni della fede in loghe ai titoli regali del faraone, cfr. 2 Sam. 23; Is.
Jhwh (2 Sam. 7). Già al tempo di David, ma an­ 9,6); la consegna del cosiddetto protocollo regio
cora di più nell’era di Salomone, si fecero poi sen­ con il testo scritto dei diritti del re (Ps. 2,7; 2 Reg.
ti re le influenze egiziane. Il giovane impero sem­ 11,12 ); l’intronizzazione come sovrano «per gra­
bra essersi orientato sul modello egiziano. Solo zia di Dio» e l’insediamento nella residenza del
verso la metà dell’epoca monarchica e nel perio­ «Signore del mondo» (Ps. 110 ,1; 18,44; I 32)i
do più tardo l’influenza assiro-babilonese si fece la consegna delle insegne regali (al riguardo cfr.
sentire a Gerusalemme in maniera più rilevante. G. von Rad, Das judaische Kònigsritual).
Una seconda componente determinante della Si deve supporre che anche il regno del nord,
concezione regale giudaita è l’impronta data alla Israele, avesse sviluppato una concezione di stato
monarchia dai due fondatori del regno, David e (cfr. 1 Reg, 12) che tuttavia non è più possibile
Salomone. David fornì il modello tipizzato del­ cogliere nel suo complesso (per il problema cfr.
l’ immagine ufficiale del re, che andò consolidan­ Alt, Mettinger).
dosi sempre più in un’ immagine ideale. Salomone 7. La critica profetica alla monarchia e all’idea­
creò le premesse per la cura e la propaganda del­ le monarchico in Israele - che prosegue, nei modi
l’ ideale regale (costruzione del tempio e della reg­ propri, l’opposizione al sistema monarchico mai
gia, istituzioni e usanze di corte). Va probabil­ del tutto ridotta al silenzio - è qui da esaminare
mente attribuito alla sua epoca anche quel docu­ solo nella misura in cui si riferisce al gruppo les­
mento ufficiale, chiamato Kònigsnovelle, «novella sicale mlk o se ne serve come termine (per la que­
del re» (S. Herrmann), sviluppato con la collabo­ stione in generale cfr. W.H. Schmidt, Kntik am
razione di profeti (Natan) per servire da base Kònigtum). Al riguardo, è notevole non tanto che
ideale del regno e legittimare l’idea di sovranità i profeti riprendano la terminologia ormai popo­
dinastica. Questo documento è stato poi recepito lare e i suoi contenuti semantici consolidati (ad
in 2 Sam. 7, con l’innesto di elementi della cosid­ es. nelFindicazione della data: « L ’anno della mor­
detta profezia di Natan (w , 11.16 ). L ’idea di re­ te del re...» [Is. 6,1], in enunciati del tipo «70 an­
galità rappresentata in questa novella regale ha ac­ ni, la durata della vita di uti re» [/s. 23,15], con
compagnato e sostenuto la monarchia davidica. espressioni come «il giorno di festa del nostro re»
In questa idea di sovranità si fa ben presto no­ [Hos. 7,5]), bensì che essi, nel quadro della loro
tale anche la terza componente, che proviene dal­ proclamazione critica e nell’altrettanto critica pre­
le tradizioni premonarchiche di Israele (M. Noth). dizione del futuro, ricuperino dalle parole del
U 9 (iv, 946 ) melek (K. Seyboid) (IV,947 ) 120

gruppo mlk o vi immettano un loro specifico si­ d) La critica fondamentale di Ezechiele alla mo­
gnificato. Citeremo qui di seguito soltanto alcu­ narchia davidica, esposta in grandiose parabole in
ni esempi significativi. Ezech. 17 e 19 (cfr. anche 34; 37; 43,7-9), è carat­
a) La tradizione narrativa profetica fa pensare terizzata dalla contrapposizione tra il titolo tradi­
che i profeti, in particolare la cerchia attorno a zionale -» ns'j’ (nàsV) e il termine melek, esprimen­
Elia/Eliseo, abbiano esercitato una loro influen­ do con il recupero di quel termine la sua tenden­
za, soprattutto nel regno del nord, sulla nomina za verso uno stato di tipo teocratico.
del re procedendo a una designazione mediante f) La profezia postesilica sviluppa nuovamente
unzione rituale (cfr. i Reg. 19,15 s.). A questa tra­ un quadro del futuro a tinte messianiche monar­
dizione si riferisce con il suo giudizio Osea, certo chiche. Tuttavia molto spesso non si usa per il so­
l’acerrimo critico (insieme con Amos, cfr. Am. 7, vrano a venire il termine melek (ma cfr. comun­
10 ss.; 9,11 s.?) della monarchia settentrionale di que Is. 32,1; Zach. 9,9) - un ulteriore segnale che
Israele: «Hanno insediato re (mlk hi/), ma senza la fede in Jhwh continua a trovare ostico il termi­
la mia (= di Jhwh) volontà» (Hos. 8,4). Di conse­ ne e l’ idea di sovranità che esso comporta.
guenza sono sovrani privi di qualsiasi legittima­
zione, che Jhwh lascia sul trono solo per conse­ 8. Il problema della natura delle componenti reli­
guenze negative: «Ti do un re con ira e te lo tolgo giose dell'ideologia regale ha provocato, nei decenni
con furore» (Hos. 13,11). Il trono di Samaria vie­ passati, un vivace dibattito che è stato ripreso e ri­
ne trattato con arbitrio dispotico - certo la rea­ percorso diverse volte (C.M. Edsmann in La regali­
zione, nello spirito della legge del taglione, al di­ tà sacra, Leiden 1959, 3 ss.; K.-H. Bernhardt, Das
spotismo dei reggenti in questione - finché «il re Problem der altorientalischen Kònigsideologie im
d’Israele» non verrà definitivamente strappato via A.T., VTS 8, 1961; H.-J. Kraus, Geschichte der hi-
storisch-kritischen Erforschung des A.Ts, *1969, 460
«all’alba» (Hos. 10,15 ?) e sparirà «come una scheg­
ss.). Esso fu suscitato soprattutto dalla tesi di studio­
gia di legno sull’acqua» (Hos. 10,7, testo incerto). si anglosassoni, riuniti sotto l’egida di S.H. Hooke, i
Per Osea la monarchia appartiene, in ogni caso, quali sostenevano che, in linea ai principio, l’ideolo­
alle istituzioni diventate troppo dannose per Israe­ gia monarchica fosse improntata in tutto l’Oriente
le e vanno quindi eliminate, insieme con tutto antico a un medesimo e unico modello, la cui strut­
l’apparato amministrativo (s'ar), il culto sacrificale tura andava ricondotta al radicamento nel mito e nel
e tutto il sistema sacrale. Solo una cura disintossi­ culto. La concezione regale, strutturata secondo uno
cante potrà portare aiuto (Hos. 3,3 s.; cfr. 10,1-8). schema fisso e costante (myth and ritual pattern),
b) La critica di Isaia alla monarchia è documen­ vedeva il re al centro di un dramma cultuale mitico
che aveva la funzione di garantire la stabilità dell’or­
tata nelle cosiddette profezie messianiche (nella
dine del mondo. Al re spettavano così la sacralità,
misura in cui sono di Isaia) nei capp. 7; 9 e 11. anzi la divinità (sacrai, divine kingship). Il dibattito
Solo in due casi (Is. 7,6 e 9,6) l’accento cade su si articolò su piani molto diversi. Il suo apporto per
parole del gruppo mlk: in 7,6 citando le parole la determinazione del significato semantico teologi­
degli alleati nella guerra siro-efraimita, i quali si co del gruppo lessicale mlk (ciò che interessa in que­
propongono di «insediare come re (Ben Tabeel)» sta sede) è principalmente di carattere metodologico
in Giuda - disprezzando quello che nella convin­ e consiste, secondo noi, nell’esigenza di una differen­
zione di Isaia è l’ordine politico mondiale stabili­ ziazione contestuale. Tale differenziazione deve es­
to da Jhwh, in base al quale a «capo» di Gerusa­ sere stabilita (a) secondo le aree culturali e le epoche
storiche in cui si è formata l’ideologia regale in que­
lemme ci dev’essere un Davidide e non un melek
stione (ad es. cultura urbana siro-cananea dell’età di
qualsiasi. Is. 9,6 parla della costituzione futura di Amarna, o l’epoca persiana); (b) in base all’evoluzio­
un regno, che sarà di nuovo davidico nel senso ne storica politica, che fa emergere modelli locali di
originario del termine. sistemi di potere (ad es. la monarchia a Gerusalem­
c) L ’atteggiamento critico di Geremia si mani­ me, o nel regno del nord, o nel regno del sud); (c) se­
festa nella domanda rivolta al re Jojaqim, suo con­ condo i diversi portatori e rappresentanti della con­
temporaneo, se essere melek, cioè essere il primo, cezione regale nelle varie situazioni (ad es. l’autopre-
possa esaurirsi nella corsa sfrenata alla bella vita e sentazione imperiale, la legittimazione religiosa mi­
al lusso (Ier. 22,15; c^r* 2 1,11 ss.). Il re futuro che tica, l’idea di stato); (d) in base ai livelli di linguaggio,
cioè al Sitz im Leben delle varie concezioni di ideo­
egli aspetta sarà, al contrario di Sedecia, «un ger­
logia regale (concetti guida: stile di corte [H. Grcss-
moglio legittimo». Egli sarà anche ciò che ci si at­ mann], numinosità della regalità [V. Maag]; mitopo-
tende da un melek: mdlak melek, governare con iesi); (e) in base alla legittimazione «civile» e «reli­
saggezza, stabilire giustizia e ordine nel paese (Ier. giosa» (cfr. Mcttinger); (f) secondo l’orizzonte em­
23,5 s.). pirico e la patria spirituale (ad es. inni regali, critica
i 2 i (rv, 948 ) melek (K. Seybold) (rv.949) 1 2 2

profetica). La questione delle connotazioni religiose vento dell’età monarchica (così Eissfeldt, von Rad
immanenti del gruppo lessicale mlk può trovare una e altri), ma fosse già presente in precedenza (Alt,
risposta - se possibile - solo partendo dal contesto Maag, W.H. Schmidt e altri). In questo senso non
contingente, letterario, socio-culturale. vanno solo passi come Deut. 33,5 e Num. 23,21
che - sebbene non senza qualche contestazione -
iv.i.Jh w h è 13 volte soggetto di mlk (Ex. 15, probabilmente non vanno messi in rapporto con
18; 1 Sam. 8,7; Is. 24,23; 52,7; Ezech. 20,33; Mich. la monarchia politica, ma presuppongono l’idea
4,7; Ps. 47,9; 93,1; 96,10 [= / Chron. 16,31]; 97,1; della regalità di Jhwh «a Jeshurun, quando si ra­
99,1; 146,10). Salta all’occhio che solo un passo è dunavano i capi del popolo, le tribù d’Israele in­
in prosa (1 Sam. 8,7), che prevale il genere innico sieme» (Deut. 33,5), su Giacobbe-Israele: «Jhwh,
(8 volte con Is. 52,7 e / Chron. 16,31; 7 volte nel suo Dio, è con lui e giubilo regale in lui» (Num.
cosiddetti inni regali di Jhwh), che il costrutto 23,21). In base a questi testi Jhwh sarebbe quindi
jhwh mlk appare spesso in netta evidenza (3 volte «re» quanto meno «sul popolo, le tribù d’Israele,
a inizio e 2 a chiusura di salmo), infine che esiste Giacobbe», che lo celebrano come Jhwh del Si­
un’affinità con il tema Jhwh-Sion (esplicitamente nai, di Seir (Deut. 33,2), «El di Jeshurun» (Deut.
in Ex. 15,18; Is. 24,23; 52,7; Mich. 4,7; Ps. 146,10; 33,26 T.M.). Evidentemente sono stati i contatti
implicitamente in quasi tutti i passi). 41 volte con la concezione del dio sovrano della religione
Jhwh riceve l’epiteto di melek (Num. 23,21; Deut. sedentaria di Canaan (Maag), specialmente con
33,5; 1 Sam. 12,12; Is. 6,5; 33,22; 4 1,21; 43,15; 44, l’idea della regalità del dio supremo El (W.H.
6; Ier. 8,19; 10,7.10; 46,18; 48,15; 51,57; Mich. 2, Schmidt), a portare a tale sviluppo della fede in
13; Soph. 3,15 (cfr. LXX); Zach. 14,9.16.17; Mal. Jhwh, che fino ad allora non aveva una simile fi­
1,14; Ps. 5,3; 10,16; 24,7.8.9.10; 29,10; 44,5; 47,3.7. sionomia. Tracce di questa applicazione si trova­
8; 48,3; 68,25; 74.12; 84,4; 95,3; 98,6; 99,4; 145,1; no soprattutto nei testi dei Salmi dell’età monar­
149,2; Dan. 4,34). Di nuovo si ha un solo vero chica, in particolare ai suoi inizi (Ps. 24,7-10; 29,
passo in prosa (/ Sam. 12,12); colpisce anche il 10; 68,25; 82), ma sono ancora rilevabili nei resi­
gran numero di ricorrenze nei Salmi (20) e le men­ dui della concezione di una corte divina che tra­
zioni quasi occasionali nella tradizione profetica spaiono nel materiale narrativo degli strati più an­
(oltre Is. 6,5; Ier. 8,19 e per es. Mal. 1,14; Zach. tichi del Pentateuco (Gen. 3,22; 6,1 ss.; 11,7; 18,1
14,9) con formulazioni fisse, simili a titoli: in pri­ ss.). È difficile valutare fino a che punto l’arca co­
mo piano c'è chiaramente il riferimento a Sion e me simbolo del trono (-» ’rwn [’àròn]) abbia in­
ancora una volta gli inni a Jhwh re formano un fluito sulla formazione della fede in Jhwh re. Che
gruppo a sé (Ps. 29; 47; 95; 98; 99). Gli astratti l’idea sia nata nel santuario di Silo (secondo Ps.
derivati da mlk sono riferiti a Jhwh 9 volte (Abd. 24,7 ss.) è solo un’ipotesi. Stando alle scarse testi­
2 1 ;Ps. 22,29; 103,19; 14 5 ,11.12 .13 ; / Chron. 29,11; monianze, sembra che la concezione della regali­
Dan. 3,33; 4,31), prevalentemente in testi recenti. tà di Jhwh non abbia avuto un ruolo dominante
Se si cerca di ordinare cronologicamente i passi, nell’Israele premonarchico (diversa la posizione
ai quali si devono poi aggiungere anche idee di Buber, che probabilmente forza l’interpreta­
relative al trono e altre simili (Is. 6,1; 66,1; Ier. 3, zione di Iud. 6,22 s.; / Sam. 8,7 e 12,12 sono piut­
17; 17,12; Ezech. 1,26; Ps. 9,5.8; 47,9; 89,15; 93,2; tosto pertinenti al più tardo dibattito teologico
103,19 ecc., -» ks’ [&issé’]), risulta, dopo uno spa­ circa l’ordinamento monarchico). La situazione
ruto gruppetto di incerti esempi premonarchici cambia soltanto quando Israele diventa uno stato,
(Num. 23,21; Deut. 33,5; Ps. 24), un numero mag­ acquistando una coscienza politicamente diversa,
giore di ricorrenze di età monarchica (Is. 6,5; Ier. quando si invischia nelle forme religiose del mon­
8,19; Michea?; Sofonia? e inoltre alcuni salmi da­ do di Canaan e si trova costretto, nel confronto e
tabili: Ps. 29; 48; 68; 89; Ex. 15) e di età esilica nel conflitto, a un aggiornamento e a una nuova
(Deuteroisaia); ma siccome il numero più grande interpretazione delle proprie concezioni religiose
di attestazioni è di età postesilica, si deve ritenere tradizionali.
che l’impiego abbia avuto inizio relativamente tar­ 3. Questo viene confermato dai nomi propri
di e si sia incrementato costantemente fino alla delPA.T. composti con mlk. Infatti, sebbene con
tarda età dell’A.T. (apocalisse di Isaia; Deutero- ’bjmlk, ’hjmlky 'Ijmlk (non sembra che milkà sia
zaccaria; Daniele). 11 dato statistico riflette la sto­ un nome teoforo) l’A.T. attesti diverse forme ono­
ria di questo teologumeno. mastiche che documentano l’idea di Dio re - co­
2. Ci sono fondati motivi per ritenere che l’idea munque venga interpretato in questi casi l’ele­
della regalità di Jhwh non sia sorta solo con l’av­ mento mlk, soggetto (nome di Dio: per es. Eiss-
123 ( 1^ 949) melek (K. Seybold) (iv,9so) 124

feldt) o predicato («padre-[Dio-Jè-re» o simili, ad (ad es. nel v. ioa), che si deve supporre sia servito
es. M. Noth) - tale conio onomastico sembra che da canovaccio per Ps. 29 con la sua celebrazione
fosse originariamente pre- ed cxtraisraelitico (cfr. di Ba‘al-Hadad: «Jhwh s’inscdiò sull’Oceano pri­
i testimoni in EA): ’bjmlk - re di Gerar (Gen. 20, mordiale» (v. ioa) seguito dal commento (v. iob):
2-26,26); ’hjmlk - sacerdote di Nob (/ Sam. 21,2­ «Jhwh si sedette come re in eterno». Quale storia
23,6); Hjmlk di Betlemme di Giuda (Ruth 1,2 ss.). precedente questa concezione abbia è dimostrato
Esso fa supporre che la provenienza dell’idea (in dai testi di Ugarit.
parallelo con *db, ’dh, ’él) vada cercata nell’area b) La relazione semantica di superiorità stabili­
della religione cananea di El. Anche il nome del ta con mlk: il primo dei primi, il potentissimo, l’al­
re sacerdote di Salem, malkisedeq (Gen. 14,18; Ps. tissimo; essa si manifesta nella confessione del­
110,4; iQapGen 22,14), va ne^a medesima dire­ l’unicità e incomparabilità di Jhwh. Ciò che in Ps.
zione: «(dio) re è sdq». Il nome del figlio di Saul 24,8.10 ed Ex. 15 ,11 è formulato in forma inter­
malkisùd' («Mio-re-è-aiuto» o viceversa, 1 Sam. rogativa (chi...?) e compare in Ps. 29,10 in forma
14,49; 3 r>2) è il primo a offrire la possibilità di col­ drammatica come lotta e conflitto (Jhwh tra i «fi­
locare cronologicamente un nome teoforo con gli di dio», benè ’èlim, v. 1), diviene confessione
mlk in Israele, per quanto, naturalmente, le ricor­ tetica nei predicati innici di Is. 6,3 e soprattutto
renze di singoli nomi lascino molte questioni di Ex. 15 ,11.18 : Jhwh è il Santo; la sua potenza si
aperte; cfr. malkVél (Gen. 46,17 P; Num. 26,45; 1 estende su tutta la terra; egli è il Signore e il Re in
Chron. 7,31). La maggior diffusione di nomi pro­ assoluto (hammelek jhw h, Is. 6,5; cfr. 6,1.8; «il
pri di questo genere si ha, analogamente a quanto gran re», Ps. 48,3; cfr. 47,3). L ’idea di Jhwh mlk
riscontrato per le altre attestazioni, solo verso la nasce sotto il segno della polemica e dell’apologià.
fine dell’età monarchica. I nomi che contengono c) Per le motivazioni legate al suo sostrato sim­
l’elemento jhwh sono del v i i / v i secolo: malkijjd- bolico cultuale, e per le possibilità offerte proprio
h(u) (Ier. 2 1,1; sigillo di Arad, EI 9 [1969] 11), dai diversi piani di associazione in essa inerenti,
jhwmlk (sigillo del v i i sec. circa, PEQ 77 [1945] la concezione acquista un potere di attrazione per
5; Bibl 50 [1969] 367 ss. n. 162), malkirdm (figlio teologumeni affini e prossimi. Si crea così una
del re Jekonja, / Chron. 3,18). Difficilmente clas­ struttura concettuale organica capace di ampliar­
sificabili sono le forme brevi melek (discendente si, cristallizzatasi in una terminologia stereotipata
di Saul, 1 Chron. 8,35; 9,41), malkdm (1 Chron. (cfr. Ps. 24; 29; Is. 6 e anche gli inni a Jhwh re, v.
%,9),jamlék (/ Chron. 4,34), mallùk (Esdra, Nee- sotto, JV.7-9). Ad es. in Ps. 29 l’idea di mlk reca
mia 1 Cronache). l’ impronta del topos ‘ teofania nella tempesta e lot­
4. In un gruppo di attestazioni preesiliche chia­ ta con il dragone’ legato a Ba‘al-Hadad; in Is. 6
ramente più antiche l’idea di Jhwh mlk si trova quella dei giudeo-egizianismi tipici di Isaia (Sera-
nel contesto della tradizione di Sion (Ps. 24; 29; firn); in Ps. 89,15 s.19 quella dell’idea del trono
Is. 6; Ex. 15), dove aveva evidentemente la sua regale del faraone e della sua base (ma'at). A que­
collocazione primaria. Punto di aggancio e di par­ sti modelli si uniscono poi, di volta in volta, im­
tenza sembra che siano stati - secondo Ps. 24 e Is. plicazioni ed estensioni teologiche che danno al
6 - l’arca e il trono dei cherubini del tempio di G e­ testo in questione il suo specifico significato. Nel­
rusalemme, con il loro simbolismo cultuale. Da lo stesso tempo questa apertura comportò però il
qui possibili tracce rimandano al tempio di Silo pericolo dell’assimilazione di concezioni della re­
(Ps. 24) e al santuario gebuseo della Gerusalem­ galità divina compatibili con Jhwh, ma anche a
me predavidica (Ps. 29). Per l’impiego del teolo- esso estranee (v. sotto, iv.5). Le tre situazioni so­
gumeno in questo contesto di storia delle tradi­ pra delineate valgono parimenti anche per gli inni
zioni risultano caratteristici i seguenti aspetti: di Jhwh re, almeno nelle loro sezioni più antiche
a) ancora si vede che il predicato melek è adot­ (v. sotto, iv.7-9).
tato, ad es. per come lo si trova in forma interro­ 5. Nell’A.T. compaiono nomi divini composti
gativa in Ps. 24: «Chi è questo (grande e) potente con mlk analoghi, ad es., a quello fenicio Melkart
re?» (mi zeh melek hakkàbód, w . 8.10). Da solo (< Milk-qart «re della città»), il Ba'al di Tiro (cfr.
il titolo melek hakkdbód non contiene ancora, H. Gese 194 s.; 193 n. 109; G. Wallis, BHHW 11
evidentemente, la risposta definitiva. La possibi­ 1186 s.).
lità di equivoci viene esclusa solo con la precisa a) Milkóm (< mlk-m, forma con determinativo
identificazione: Jhwh s'b d’ót. A quanto sembra, m suffisso, attestato anche al di fuori dell’ A.T.
erano possibili anche altre identificazioni. Si trat­ dove è vocalizzato anche Malkdm: 2 Sam. 12,30;
ta dunque della ripresa di un modello cananeo Soph. 1,5; Ier. 49,1-3, ‘ il [dio] re’), il dio principa­
I 2 J (IV .9 JI) melek (K. Seyboid) (iv>952) 126

le e nazionale degli Ammoniti, costituì, dopo che credenza relativa a Sion: «Jhwh non è quindi sul
Salomone ebbe aperto la porta alla sua adorazio­ Sion? Il re (?) di Sion non sta più là?». II teologu-
ne (/ Reg. 11,5.7.33), una tentazione religiosa di m cno ha un ruolo significativo in Is. 40-55. Con
natura sincretistica evidentemente solo verso la la rappresentazione della corte Is. 40,1 ss. presup­
fine dell’età monarchica (cfr. il parallelo ‘adorare pone l’idea del re, come fanno anche i predicati
Jhwh’ e ‘giurare per Milkom’, Soph. 1,5 cong.; 2 regali in Is. 42,1 ss. Il teologumeno del melek vie­
Reg. 23,13). ne usato in senso pienamente tradizionale nella
b) Molok, -» molek (< mlk, T.M. Molek, con polemica religiosa del Deuteroisaia, come dimo­
puntazione cacofonica; L X X MoXox; in origine stra la sua presenza nelle cosiddette scene di giu­
probabilmente Melek, per lo più con art., ad es. dizio: «re di Giacobbe» (Is. 41,21); «creatore di
Lev. 20,5; 1 Reg. 1 1,7 come Milkom, probabilmen­ Israele, vostro re» (43,15); «re d’Israele» (44,6).
te usato con valore appellativo come titolo: ‘ il L ’uso antitetico del teologumeno nel contesto
[dio] re’), che compare all’incirca nello stesso pe­ della tradizione di Sion non può quindi sorpren­
riodo (preesilico tardo), non e chiaramente iden­ dere: mdlak ’élóhdjik «il tuo Dio governa da re»
tificabile (cfr. K.H. Bernhardt, BHHW 11 1232; (52,7). Tuttavia nel Deuteroisaia il predicato tra­
W. Kornfeld, B L 1163 s. con bibl.). Secondo Lev. dizionale «re» riveste una nuova attualità. Il «re»
18,21; 20,2-5 sembra effettivamente che si tratti della corte celeste dispone circa questioni plane­
di una divinità, non di un sacrificio (così Eiss- tarie (la strada regia nel deserto, Is. 40,3; «ogni
feldt), legata al Tofet nella valle di Hinnon presso carne» - gli uomini sono suoi sudditi, Is. 40,5.6­
Gerusalemme, al quale in Israele venivano proba­ 8; teofania mondiale, Is. 40,5). Egli si contrappo­
bilmente dedicati, non arsi, bambini, come si è ne esplicitamente come melek alle nazioni e ai lo­
dedotto dalla formula «far passare per il fuoco» ro dei, e si dimostra nel processo agli dei come il
(.2 Reg. 23,10; Ier. 32,35; per questo rito cfr. D. Dio superiore, solo e unico. La titolatura ha evi­
Plataroti, Zum Gebrauch des Wortes M LK im dentemente anche la funzione di riassumere nel­
A.T.: VT 28 [1978] 286-300). l’idea di Jhwh re in Sion concezioni politiche ere­
c) Adrammèlék e Anammèlék (probabilmente ditate dall’epoca monarchica e dalla storia dei re
< ‘Adad-re’, ‘Anat-re’, cfr. Cese n o ) sono se­ di Israele. Con questo intento il Deuteroisaia vie­
condo 2 Reg. 17,31 divinità adorate (oltre Jhwh) ne a trovarsi in compagnia della storiografia deu-
dagli Aramei di Sefarwaim deportati a Samaria. teronomistica (/ Sam. 8 e 12) e dell’ideologia teo­
d) «La regina del cielo» (meleket [< malkat], cratica del Cronista (cfr. l’idea del «trono di Dio»
hassdmajim, cfr. Gese 191 n. 90), che secondo Ier. dei Davididi in 1 Chron. 28,5; 29,23; cfr. W. Diet­
7,18; 44,17-19.25 fu adorata in Israele già prima rich 265 s.; -> voi. iv 457). La teofania del re uni­
dell’esilio, forse per influenza assiro-babilonese versale serve a ristabilire l’antica residenza in Sion;
(cfr. M. Weinfeld, The Worship o f Molech and thè perciò si deve proclamare il messaggio che su Sion
Queen ofHeaven and its Background'. U F 4 [1972] regnerà di nuovo come re il suo Dio, e nessun al­
139; M. Delcor, Le culte de la «Reine du Ciel» tro (Is. 52,7; aspetto perfettivo in prospettiva vi­
selon Je r 7,18; 44,17-19.25 et ses survivances [Fs. sionaria). Il Deuteroisaia, prolungando in direzio­
J.P.M. van derPloeg, A O A T 21, 1982] 101-122). ne metaforica correnti di idee già tracciate ed ac­
6 .1 profeti non usano molto spesso il teologu- quisite, accentua certi aspetti del teologumeno di
meno della regalità, ma questo non significa ne­ Jhwh re: (1) quello universale e al contempo par­
cessariamente che lo rifiutino, come dimostra Is. ticolare; (2) quello superlativo; (3) quello escato­
6. Si riferiscono piuttosto ai dati concreti della tra­ logico. In questo senso il Deuteroisaia «ha (riabi­
dizione di Sion, sviluppano i loro schemi di voca­ litato), grazie al modo in cui lo usa, il nome di re
zione con l’ausilio del modello della corte (/ Reg. per Jhwh» (W. Eichrodt, ThAT 1 124).
22; Is. 6; Ezech. 1-3; Is. 40,1-8) ma soltanto in po­ Vari oracoli profetici anonimi, probabilmente
chi testi, sia pure significativi, ricorrono alla ter­ del primo periodo postesilico, cercano di rinno­
minologia di mlk. La visione di jhwh s'bà'òt di vare l’idea di Jhwh re riprendendo la tradizione
Is. 6,1 ss., nella quale il re Jhwh è simile al farao­ di Sion. Sono tutti oracoli che guardano al futuro:
ne assiso sul suo trono, ha un parallelo nella visio­ Mich. 2,13; 4,7; Abd. 21; Soph. },\y ,le r. 3,17; 10,
ne del carro del trono di Ezechiele (Ezech. 1,15 7.10; 17,12; 51,5 7 (46,18; 48, if)\M aL 1,14.
ss.). Entrambe le visioni sono sature di motivi tra­ 7. L ’espressione tipizzata molto discussa jhwh
dizionali. Notevole, ma non del tutto chiara, è màlak sembra che sia stata finalmente in una cer­
l’«invocazione di soccorso» del popolo traman­ ta misura chiarita. I seguenti fattori sono impor­
data in Ier. 8,19 (8,18-22), che pone in dubbio la tanti per capirla:
1^7 (™>953 ) melek (K. Seybold) (iv,954) 128

(1)L a formulazione x-qàtal (frase verbale in­ ne. Riferita al presente del culto, la formula non si­
vertita o frase nominale composta) pone l’accen­ gnifica «Jahvé è re, ma Jahvé c diventato (adesso)
to su x, cioè su Jhwh, il che comporta —soprat­ re». Con la formula si rende omaggio a Jhwh re du­
rante l’intronizzazione (cfr. sopra, rv.6 per gli esem-
tutto all’inizio di un salmo - il forte risalto dato
al nome divino: è Jhwh colui che... Jhwh - egli.... f»i). Nello svolgimento complessivo dei «drammi del­
a festa», durante i quali venivano presentati tutti i
(2) La formulazione x-qàtal va distinta da tutte singoli elementi e temi dell’inno cultuale di Gerusa­
le analogie qàtal-x. In prosa ha un’esatta analogia lemme (creazione e lotta con il dragone, teomachia,
sintattica e formale solo con 1 Reg. 1,18: «Ora, ec­ esodo, lotta dei popoli, punizione e rinnovamento,
co: Adonia màlak!», a esplicita conferma del pun­ epifania salvifica ecc.), hanno la loro collocazione e il
to (1). In sé l’affermazione implica una negazione: loro senso quali riflessi dei vari momenti del culto an­
x e non y , e in taluni casi questo è detto espressa­ che i cosiddetti salmi d’intronizzazione in senso stret­
to (secondo Mowinckel Ps. 47; 93, 95-100) e in sen­
mente (/ Reg. 1,18; Ps. 93; 96; 97; 99). so lato (in totale oltre 40 salmi). Per l’interpretazio­
(3) Il significato del verbo (cfr. sopra, n i.3) ne storica ed escatologica di questi salmi la vera alter­
non varia anche nel perfetto e con Jhwh per sog­ nativa è rappresentata dall’interpretazione funzio­
getto, ed equivale a ‘essere re, diventare re, domi­ nale nel quadro del culto.
nare da re, regnare’ senza che un aspetto parziale Questa ipotesi, che era stata già avanzata a grandi
(ad es. ‘diventare re’) abbia una percepibile prio­ linee, indipendentemente da Mowinckel, da P. Volz,
rità o venga conservato in contesti particolari. Das Neujahrsfest Jahwes, nel 1912, incontrò consen­
Prescindendo dall’aspetto perfettivo del verbo di so nella ricezione immediata (cfr. H. Schmidt, Die
Thronfahrt Jahves) e nell’evoluzione creativa che
azione mlk con una componente semantica dura­
portò al cultic pattern (Engnell e altri), ma anche
tiva, non c’è alcun riferimento temporale, che va correzioni critiche da parte di altre teorie della festa
invece ricavato dal contesto (diversa è la situazio­ (H.-J. Kraus: festa regale di Sion; A. Weiser: culto
ne per le forme di imperfetto con o senza waw della festa del patto). Il dibattito in merito è rimasto
cons., ad es. / Reg. 1,18, c per gli enunciati con in­ in sospeso, senza giungere a una conclusione. In ge­
dicazione temporale, ad es. Ex. 15,18). nerale si ammette che il gruppo più ristretto dei sal­
(4) Dal punto di vista della critica delle forme, mi di intronizzazione abbia un rapporto con il cul­
l’espressione non può essere caratterizzata come to, senza tuttavia ritenere dimostrata l’esistenza di
una festa centrale di qualsiasi genere.
«grido d’intronizzazione» (Mowinckel) o simili,
perché è piuttosto un «grido di acclamazione o
9 .1 cosiddetti salmi d’intronizzazione, o me­
proclamazione» (Michel), come i citatissimi paral­
glio gli inni a Jhwh re (definiti così in base al pre­
leli dei rituali di Marduk o di Horo. Questa for­
dicato mlk come elemento centrale), cioè Ps. 47;
mula non permette alcuna automatica, frettolosa
conclusione circa l’esistenza di un rito o di una fe­ 93; 95-99, sono opere dalla struttura letteraria
complessa. E opinione diffusa che si tratti di sal­
sta d’intronizzazione.
mi postesilici. Per questi salmi è caratteristica la
(5) Dalla natura di formula e dalla posizione
posizione dominante di jhwh mlk all’interno di
esposta nei testi dei Salmi si deve concludere che
una struttura fortemente antologica del testo. I
i vari contesti consistano in «esplicitazioni della
singoli elementi, in parte citazioni tradizionali e
espressione jhwh màlak» (Michel), che sviluppa­
frasi fatte giustapposte (cfr. spec. Ps. 96), hanno
no ora nell’inno ora nella formulazione teologica
come collante l’idea della regalità di Jhwh. La fun­
i contenuti della breve formula, divenuta chiara­
zione di cornice spetta evidentemente alla formu­
mente un dogma.
la jhwh mlk, l’affermazione teologica centrale che
8. Nel tentativo di determinare il Sitz im Lehen cerca di far confluire nel termine la tradizione ge­
cultuale della formula jhwh màlak Mowinckel, par­ rosolimitana di Sion. Gli enunciati del salmo svi­
tendo da diversi indizi, arrivò a una sintesi già nel luppano e motivano poi questa confessione, il cui
1917 e poi nella sua opera del 1922, divenuta un clas­ riconoscimento doveva evidentemente essere pri­
sico, Das Thronbesteigungsfest Jahwàs und der Ur- ma consolidato.
sprung der Eschatologie, con la ricostruzione di una A mo’ di tesi, Ps. 93 si apre con l’affermazione
antica festa israelitica d’intronizzazione di Jhwh che («Jhwh governa da re»), sostenendola (1) con una
- unita prima dell’esilio alla festa d’autunno e a quel­
sezione innica ternaria sul tema della vittoria di
la di Capodanno - rappresentava, secondo il modello
terreno, l’intronizzazione di Jhwh con un dramma Jhwh sulle acque del Caos (w . iaap-^.3.4, forse
liturgico simbolico, ripetendola ogni anno e attualiz­ preesilici); (2) con un riferimento alla creazione,
zandola in maniera creativa. In questa cornice litur­ formulato stilisticamente come preghiera (l’orbe
gica la formula jhwh màlak svolge la sua vera funzio­ come stabile seggio del trono di Jhwh, vv. ib.2
i i 9 (iv,95 4) melek (K. Seybold) (rv,95S) '3 °

[v. ib come elemento scenico mobile, cfr. Ps. 96, la nostra salvezza» (v. 1). - Anche Ps. 98 esorta a
io]) e (3) con una lode del suo modo di governare unire le voci al giubilo festoso di tutta la terra «da­
mediante la parola (‘èdót) e la sua presenza (il sa­ vanti al volto del re Jhwh» (v. 6). Qui «re» è or­
cro tempio) (v. 5). Si sono dunque ripresi diversi mai il titolo che riassume in sé una quantità di idee
aspetti del governo divino (creazione, ordinamen­ religiose. - Infine Ps. 47 costruisce le sue afferma­
to del mondo, rivelazione) e li si è aggiunti, in fun­ zioni nello stile dell’ inno imperativo, servendosi
zione di aspetti concreti, alla confessione, permet­ di elementi dell’idea tradizionale di Jhwh re; il ter­
tendo così al fondamentale carattere polemico del­ mine melek che compare 2 volte nell’inno (w . 3.
la formula di esprimersi efficacemente. - Anche 9) e 2 volte nella confessione (w. 7 s.). Il contesto
Ps. 97 va inteso fondamentalmente nella stessa immediato mostra quali aspetti il salmo voglia
maniera. La formula della regalità di Jhwh in po­ ricavarne per metterli in luce: (1) il predicato me­
sizione di punta viene esplicitata mediante diversi lek gàdól evoca, riecheggiando le titolature regali,
elementi del salmo, tra cui varie citazioni dai Sal­ un orizzonte universale e le categorie del potere
mi (v. 2b = Ps. 89,15; v. 4a = Ps. 77,19b; v. 6a = Ps. mondiale («tutti i popoli», «su tutta la terra»). (2)
50,6a; v. 8 = Ps. 48,12; v. 9a = Ps. 83,19; v. i2b = Ricorrente in diverse varianti, la preposizione
Ps. 30,5b) che elencano aspetti della sovranità di «verticale» 'al (3 volte; 'àia, 2 volte; 'eljón insieme
Jhwh: la teofania del Signore di tutto il mondo, la con tahat, 2 volte) aggiunge l’aspetto superlativo:
reazione degli elementi del mondo, la sottomissio­ Jhwh è il sommo in assoluto, l’altissimo per anto­
ne di tutti gli dei giacché Jhwh si dimostra «l’A l­ nomasia (cfr. Ps. 95,3; 96,4 ecc.). (3) L ’associazio­
tissimo su tutto il mondo, al di sopra di tutti gli ne di trono e giubilo per il re (terù‘à) rimanda al­
dei» (w . 1.23.3-6.7^9); diritto e giustizia sono i le concezioni tradizionali di Sion. Forse si ha ad­
segni del suo trono faraonico (v. 2b); al suo co­ dirittura in mente una processione religiosa (v. 6).
spetto i presunti dei sono solo «deucoli» (’èlilim, (4) Tenendo presente il tono insistente e pressan­
v. 7a); Sion e le figlie di Giuda possono gioire per te della quadruplice esortazione al canto, la for­
le sue decisioni (mispàtèkà, v. 8), perché sotto il ma «nostro re» (v. 7) può far esplodere sentimen­
suo dominio «la luce splende (con le versioni) sul ti particolarmente forti se coloro che vengono
giusto» (w . 10 ss.). —Ps. 99 proclama la sovranità sollecitati si abbandonano alla suggestione entu­
regale di Jhwh sotto l’aspetto particolare della sua siastica del salmo e si fanno coinvolgere, facendo­
presenza in Sion. A «colui che troneggia sui che­ la propria con la confessione (v. 8a), nella procla­
rubini» (v. 1) spettano i predicati di «grande», mazione di Jhwh re (w . 3.6.9).
«sublime su tutti gli dei» (T.M.: i popoli)» (v. 2) e 10. Dall’uso del teologumeno di Jhwh melek ne­
«santo» (w . 3.5.9); lui al quale ci si può avvicina­ gli altri salmi emergono rapporti con le idee degli
re solo in sottomissione, ma che - come insegna­ inni a Jhwh re. Il teologumeno si rispecchia in ma­
no gli esempi di Mosè, Aronne e Samuele (w . 6 niera caratteristica (1) in alcune affermazioni per­
ss.) - resta sempre accessibile nell’udienza del cul­ sonali di fiducia (suffisso di i a pers. sing.): «Mio
to. La locuzione 'óz melek del v. 4 è una crux: in re e mio Dio» (Ps. 5,3; probabilmente come ag­
ogni caso il versetto sottolinea la fedeltà al diritto giunta in Ps. 84,4); «il mio Dio, il re» (Ps. 145,1;
c l’amore per l’ordine di questo re d’Israele. cfr. vv. 11 ss.); sorprendentemente anche nei sal­
Ps. 96; 95, 98 e 47 non hanno la formula pro- mi collettivi: «Tu sei il mio re, o Dio (Jhwh)» (Ps.
clamatoria jhwh màlak all’ inizio, tuttavia anche 44,5) e parallelamente «e Dio è il mio re sin dai
essi vivono per il teologumeno di Jhwh re che tie­ tempi antichi» (Ps. 74,12 T.M.). Probabilmente in
ne insieme, come un mosaico, le varie parti. Ps. 96 queste affermazioni traspare anche il sentimento
invita a un «nuovo canto» per i popoli (w . 1 ss.), di un rapporto personale come ‘ebed (cfr. anche
che dovranno cantare la gloria di Jhwh e le sue Ps. 149,2: «I figli di Sion giubileranno per il loro
opere salvifiche, fornendo anche un esempio di re»; Is. 33,22: «Jhwh, nostro re»; per l’onomastica
tale lode nei w . 4 ss. (composti con citazioni, in cfr. sopra, iv.3); (2) negli enunciati omologici che
parte da Ps. 29; 93; 98). I w . 10 ss. ricapitolano il dilatano la signoria regale di Jhwh - «re degli dèi»
messaggio da mandare ai popoli: Jhwh è re del secondo il predicato arcaico (Ps. 95,3 e l’amplia­
mondo e giudice delle nazioni. - In Ps. 95 la for­ mento a Ps. 135,6 in 1 iQ Psa: mlk *lwhjm) - nella
mula ricorre nella funzione tradizionale: «Il (so­ sua dimensione temporale (con 'ólàmy Ps. 29,iob;
lo) grande Dio (’él) è Jhwh e il (solo) grande re F.x. 15,18; Ps. 9,5; 146,10; 145,13 pi.; Ier. 10,10;
sopra tutti gli dei (’èlóhim)» (v. 3). Il salmo chie­ con qedem, Ps. 74,12) e spaziale (ad es. Ps. 9,8; 10,
de a coloro che possono chiamarsi «il popolo del 16; Ier. 10,7); (3) nei predicati innici con gli astrat­
suo pascolo» (v. 7) di celebrarlo come «roccia del­ ti malkùt/melùkà che parimenti sono funzionali
T3 T (tv,956 ) mólek (H.-P. Mùller) (iv.957 )

all’espansione verso la dimensione universale: Ps. re» (4QMa 1 13 = iQ M 14,16). I «re dei popoli»
22,29 (cfr- vv- 28.30 ss.), Ps. 103,19 (bakkól) e Ps. dovranno servirlo (iQ M 12,14; r9>6). CD 8,10;
14 5,11 ss. Nella sfera di queste affermazioni inni- 19,23 s. descrive 1 «re dei p opoli» addirittura co­
che rientrano anche le dossologie di 1 Chron. 29, me dragoni che sprizzano veleno. Il loro capo è il
11 («tuo è il regno») e di Abd. 21 alla fine del libro re di Jawan (Ionia) (CD 8 ,11; cfr. 4QpNah 1,2 s.).
(«a te appartiene il regno»). L ’avversario terreno della comunità di Qumran
1 x. Si hanno riflessi anche nelle sezioni tarde di nella battaglia escatologica decisiva sono il re dei
alcuni libri profetici e nella letteratura apocalitti­ Kittim (xQM 15,2) e i re del nord (iQ M 1,4 =
ca. Zach. 14,16 s. predice che anche «il residuo dei 4Q496 3,3). Alcuni esempi contengono confuse
popoli» salirà a Sion per la festa dei tabernacoli, allusioni storiche (4QpNah 2,9; 4,2), C D 3,9 ad­
«per rendere omaggio al re jhwh sebd'ót» e per dirittura un evidente anacronismo quando parla
implorare (secondo il v. 17) la pioggia. Secondo dell’annientamento «dei re» degli Israeliti, quan­
Is. 24,21 ss. in futuro («quel giorno») jhwh scbd- do questi mormorarono durante la peregrinazio­
’ót tradurrà insieme gli eserciti del cielo e i re del­ ne nel deserto dopo l’esodo. Gli oscuri riferimen­
la terra nel carcere sotterraneo e li condannerà, ed ti nel testo del «canto di Michele» sembrano sug­
egli smesso assumerà il regno sul monte Sion (ma­ gerire che Michele vada considerato facente parte
lak jhwh), così che persino il sole e la luna impal­ della cerchia degli dèi, alla quale non possono ac­
lidiranno (cfr. Welten). Le idee richiamano Dan. cedere neanche i «potenti re dell’oriente» (4QMa
2 e 7. Infine Dan. 3,33; 4,31.34 fanno pronunciare 11 I 12.18). Una sorpresa ecclesiologica è offerta
a Nabucodonosor una lode «al re del cielo», evi­ da CD 7,16 s.: la capanna di David che va ricostru­
dentemente tratta (stando a Abd. 21; Ps. 145,13; J ita (Am. 9,11) viene ora, nel quadro dell’escatolo­
Chron. 29,11) dal repertorio liturgico: «Il suo re­ gia attuata, interpretata con riferimento ai libri
gno è un regno eterno e il suo dominio dura di ge­ della torà, mentre la comunità vede se stessa nella
nerazione in generazione» (3,33; cfr. 4,31). figura di questo re (hammelek hu’ haqqdhàl «il
Per la letteratura successiva all’A.T. si veda H. re è la comunità!»). Poiché in 4QFlor 12 s. Am. 9,
Kleinknecht; G. v. Rad; K.G. Kuhn; K.L. Schmidt, 11 viene interpretato messianicamente non si po­
PaatXetii; xtX. (G LN T il 133-212; suppl. bibl. in trà escludere nell’ equazione melek —qdbdl u n ’an­
ThW NT x/2 1008-1014); J. Gray, The Biblical notazione messianica.
Doctrine o f thè R e ig n o f God (1979); J. Coppens La legge regale (Deut. 17,14-20) è posta alla ba­
- J. Carmignac, Règne de Dieu (DBS 54, 1-252). se delle disposizioni riguardanti il re del Rotolo
del Tempio (56-59). In 11Q T la legge deuterono-
K. Seybold mica è stata tuttavia notevolmente ampliata, e tali
aggiunte vanno forse spiegate con un atteggiamen­
v. Negli scritti di Qumran la radice mlk ricorre to negativo verso gli Asmonei. Sembra che la fun­
oltre 50. Sorprende comunque l’esiguo numero di zione del re sia per molti aspetti parallela a quella
ricorrenze nei grandi rotoli: 1QS: nessuna (per del sommo sacerdote. In caso di aggressione mili­
contro CD: 8); iQ H : 2; iQ M : 9 (+ 4 da frammen­ tare il re è tenuto a osservare gli ordini del som­
ti paralleli di 4QM fr.); nei testi di 3Q, 5Q, 6Q si mo sacerdote, dopo che questi avrà consultato per
ha 1 presenza in ciascun gruppo, ma di nessuna lui l’oracolo.
utilità data la lacunosità dei testi stessi. 4QpNah H.-J.
ha 4 ricorrenze e 1 iQ T 7.
Passando alla valutazione delle attestazioni, si
deve per prima cosa constatare che per la comu­ ^ i b mólek
nità di Qumran l’istituzione della monarchia ha
un ruolo nella storia (cfr. iQ M 11,3) ma non cer­ 1. mlk in fenicio-punico. - 1. mlk/molcb-lmlkt ‘offerta’.
to ai suoi tempi. Nell’intensissima attesa escato­ —2. Il campo lessicale di mlk. —a) molcbomor ecc. e mlk
logica (cfr. CD i,6) non c’era più alcun posto per ’mr. - b) mlk 'dm. - c) mlk b'I. - d) nsb mlk(t) (b'I). -
un re terreno (CD 20,16; cfr. Hos. 3,4; iQ M 12,7). e) mlk bsr ecc. - f) 'zrm (bys/’st. - 3. Funzione del sa­
crifìcio mlk. - a) Cerimonia di ringraziamento. - b) Ce­
Non inatteso è invece il dato contrario che viene
rimonia di lamento e implorazione. - 11. Forme affini nel
dal Rotolo del Tempio (v. sotto). Dio è il «re della mondo del tempo di Israele al di fuori dell’ambito feni­
gloria» (4Q519 1,1; 4Q 511 52“ 59> 111 45 4QFlor cio-punico? —ni. mólek in ebraico. —1. Questioni lin­
3) che è «con» la sua comunità (iQ M 12,3.8; 19, guistiche. —a) Forma e significato. —b) Il campo lessi­
1); egli è il dominatore su ogni creatura (iQ H 18, cale di mólek. —2. Ricorrenze e datazione. —3. La fun­
8) e ha il titolo di «gran re» (5Q10 1,3) e di «re dei zione e il destinatario del sacrifìcio mólek.
133 Ov,9 j 8) molek (H.-P. Miiller) (IV>959 ) x34

Bibl.: A. Alt, Zur Talionsformel: ZAW 52 (1934) 303­ fer im A.T. (Denkender Glaube, Fs. C .H . Ratschow,
305. - A. Bea, Kinderopfer fiir Moloch oder fiir fahwet: 1976, 24-48). - D . Plataroti, Zum Gebrauch des Wortes
Bibl 18 (1937) 95-107. - H. Cazelles, Molok (DBS 5, mlk im A.T.-. V T 28 (1978) 286-300. - R. de Vaux, Les
1957, 1337-1346). - K. Dronkert, De Molochdienst in sacrifices de l ’A.T.: C R B i, 1964, 67-81.
het O.T., Leiden 1953. - J. Ebach - U . Riiterswòrden, Abbreviazione supplementare: Costa = Inschriften
ADRMLK, «Moloch» un BA'AL ADR: U F 1 1 (1979) der Sammlung Costa: cfr. J.-B . Chabot, J A xi/io, 50-72.
219-226. - O. Eissfeldt, Molk als Opferbegriff im Puni-
schen und Hebrdischen und das Ende des Gottes Mo­ 1.1. In fenicio mlk è attestato solo in RES 367,
loch (Beitr. zur Rcligionsgcsch. d. Altertums, fase. 3, un’iscrizione votiva del m/il sec. a.C. da Nebi
1935). —J.-G . Févricr, Les rites sacrificiels chez les Hé- Yunis che, ritenuta falsa ancora da LidzEph 1 285­
breux et à Carthage: R E J 123 (1964) 7-18. - W. Korn- 287, può ora, dopo gli studi di Delavault e Lemai­
feld, Der Moloch. Eine Untersuchung zur Theorie O. re, essere considerata autentica. Con questo re­
Eissfeldts: W ZKM 51 (1948-52) 287-313. - M.J. Mulder, perto per la prima e unica volta una lastra sacrifi­
Kanadnitische Goden in het O.T., Den Haag 1965, 57­
cale del tipo frequentemente documentato in am­
64. - W. Ròllig, Moloch (WbMyth 1, 1965, 299 s.). - M.
Weinfeld, The Worship of Molech and of thè Queen of bito punico viene esplicitamente messa in relazio­
Heaven and its Background: U F 4 (1972) 133-154. ne dalla sua iscrizione col sacrificio mlk (Picard).
Per t. J. e P. Alquier, Stèles votives a Satume décou- In punico mlk è abbondantemente attestato su
vertes près de N ’gaous [Algérie] (C R A I 19 31, 21-26), stele votive dall’inizio del vi sec. a.C. fino all’epo­
con un’ appendice di J.-B. Chabot, 26 s. - J. Carcopino, ca successiva alla conquista romana di Cartagine
Survivancespar substitution des sacrifices d'enfants dans (DISO s.v. mlk v; R.S. Tomback, A Comparative
l'Afrique romaine: R H R 106 (1932) 592-599. - J.-B. Lexicon o f thè Phoenician and Punic Languages
Chabot, Punica, xi. Les inscriplions néopuniques de [SBL Diss. Ser. 32, 1978] s.v. mlk iv); inoltre per
Guelma: JA s xi/8 (1916) 483-520. - Id., Punica, xvm .
il ii/iii sec. d.C. sono attestate su altre 4 stele le
Stèlespuniques de Constantine: JA s xi/10 (19 17) 38-79.
- G. Charlcs-Picard, Les religions de l’Afrique antique,
trascrizioni latine morch-, moch-, molch- e more-,
Paris 1954,42-52.- R . Charlier, La nouvelle sèrie de stè­ delle quali molch- è probabilmente quella che più
les puniques de Constantine et la question des sacrifices si avvicina alla pronuncia contemporanea (testi in
dits «molchomor», en relation avec l ’expression «bsrm Alquier). - Invece di mlk CIS I 198,4: 5684,1 usa
btrn»: Karthago 4 (1953) 3-49. —P. Cintas, Le sancLuaire la forma fem. (pi. ?) mlkt.
punique de Sousse: Revue Africaine 91 (1947) 1-80. - B. Probabilmente la forma fenicio-punica mlk(t)j
Delavault - A. Lemaire, Une stèle «molk» de Palestine molch- va spiegata come forma nominale causati­
dédiée a Eshmoun? RES 367 reconsidéré: R B 83 (1976) va di schema maqtil(at) da jlk (< wlk), mentre fo­
569-583. - R. Dussaud, Précisions épigraphiques tou-
nicamente si deve pensare a una pronuncia mòlék
chants les sacrifices puniques d'enfants (C R A I 1946,
371-387). - J .- G . Février, Molchomor: R H R 143 (1953)
(< mawlik). La scriptio defectiva della sillaba pre­
8-18. - Id., Le vocabulaire sacrificiel punique: JA s 243 formativa ricorre frequentemente in derivati da
(J 955) 49-63. - Id., Essai de reconstruction du sacrifice nomi con preformativo /m-/ da radici di prima
molek: JA 248 (i960) 167-187. - Id., Le rite de substitu­ w/j; cfr. ad esempio ms ‘uscita’ o mtnt ‘offerta’ (J.
tion dans les textes de N'gaous: JA 250 (1962) 1-10 . - Friedrich - W. Ròllig, Phón.-pun. Grammatik,
G. Garbini , L'iscrizione cartaginese C I S I 10 e il sacri­ 1970 § 202b). Ma la scriptio defectiva della vocale
ficio «molk»: RSO 42 (1967) 8-13. - Id., mlk b‘l e mlk tematica che corrisponde al fonema /o/ tra /// o
’mr. A proposito di CIS 1 123B: RSO 43 (1968) 5 -11. — fri e /c/ o /ch/ nelle trascrizioni latine risale chia­
Id., Il sacrificio dei bambini nel mondo punico (Atti della
ramente alla /Ì/ nella sillaba tematica del causativo
Settimana di Studio «Sangue e Antropologia Biblica»,
Roma 10-15 marzo 1980, 1, Roma 1981) 127-134. - St. fenicio-punico. La vocale è inoltre attestata nella
Gsell, Histoire ancienne de l’Afrique du nord, voi. 4 grafia m l’k in A. Berthier - R. Charlier, Le sanc-
(rist. 1972), 404-410. - J. Guey, «Moloch» et «Molcho­ tuaire punique d ’el-Hofra a Constantine, Paris
mor». A propos des stèles votives (Mélanges d’archéolo- I955> 54,2, dove /’/ sta per /è/. Per la successione
gie et d’ histoire de l’école fran^aise de Rome 54, 1934) vocalica /ó/ - /è/ nella radice hlk cfr. thuulek ‘ospi­
83-102. - J. Hoftijzer, Eine Notiz zum pun. Kinderop­ te’ (Plauto, Poenulus 934). La mancanza della vo­
fer: V T 8 (1958) 288-292. - C. Picard, Le monument de cale nelle trascrizioni latine potrebbe essere do­
Nebi Yunis: RB 83 (1976) 584-589. vuta a una trascuratezza recente del linguaggio, che
Per in. E. Dhorme, L ’évolution religieuse d’Israèl, 1.
pare si rifletta anche nella variabilità delle grafie.
La religion des Hébreux nomades, Paris 1937, 201-219.
- Id., Le dieu Baal et le dieu Moloch dans la tradition
Poiché il causativo (j i f ‘il) di jlk significa ‘offri­
biblique: Anatolian Studies 6 (1956) 57-61. - A. Jirku, re’ (cfr. il fcn. wjlk zbh «ed essi offriranno un sa­
Cab es im A.T. einen Gott Molok (Melek)?: ARW 35 crificio cruento», K A I 26 11 19), il nome maqtil
(1938) 178 s. - O. Kaiser, Den Erstgeborenen deiner denota il risultato dell’azione in questione (‘ciò
Sóhne sollst du mir geben. Erwdgungen zum Kinderop­ che è offerto’) o l’azione stessa (‘presentazione,
13 S (iv,96o) molek (H.-P. Miiller) ( i v , s>6i ) 1 3 6

l’offrire’, ‘il sacrificare’); a quest’ultimo uso, più tanto più che all’interpretazione di molch- con ‘re’
astratto, si riferisce la forma fem. mlkt. si opporrebbe anche il fatto che in fenicio-punico
La funzione di mlk(t) come termine relativo al mlk ‘re’ presenta la vocale tematica /// o lai (Fried-
rich-Ròllig § i93b). - La frequenza di forme semiti­
sacrificio (Eissfeldt, Dussaud, Février, Hoftijzcr che causative di verbi di moto nella terminologia sa­
e altri) è confermata anche dai riferimenti conte­ crificale sconsiglia anche di collegare mlk al senso di
stuali. mlk è frequentemente usato come oggetto ‘sacrificio regio’ (W.F. Albright, Yahweh and thè
di ndr ‘giurare, promettere solennemente’ (RES Gods of Canaan, London 1968, 210; lo stesso autore
367 1 12; CIS 1 307,3 s.; Berthier-Charlier 42,1-3; suggerisce poi un altro significato in Die Religion Is-
54,2 s.; 55,1 s.; K A I 105,2 s.). Già questo esclude raels im Lichte der archàologischen Ausgrabungen,
per mlk il significato proposto da Eissfeldt, ‘voto, 1956, 180) oppure di ‘potenza (coattiva)’ (Dussaud,
promessa’. Ma mlk ‘offerta’ e l’oggetto preposi­ Syr 34 [1957] 394; cfr. già CRAI 1946, 372) con una
radice mlk ‘ re’.
zionale bmlk ’zrm (h)’s/’st «in, come offerta...»,
vengono usati soprattutto con verbi come jtn ‘da­ 2. Poiché mlk compare soltanto in RES 367 1 1;
re’ (RES 367 1 2; CIS 1 5685,2), zbh ecc. ‘sacrifi­ Berthier-Charlier 42,4; 43,4; iscrizione neopuni­
care’ (iscrizioni neopuniche [cfr. l’elenco in KAI ca 30,2; KAI 159 (= iscrizione neopunica 124X9
in 74-77] iy ,i; 18,t; 19,1; 20,1/2; 74,1; 75,1/2; 77, senza più precise determinazioni attributive, un
2; 85,1 e inoltre JA s xi/8 509) e ns’ ‘offrire’ (iscri­ giudizio esatto circa il suo significato può essere
zione neopunica 2T [= KA I 1671,1.3); per zbh b espresso solo dopo un’analisi del campo lessicale
‘sacrificare come’ cfr. Friedrich-Ròllig § 283,10. di appartenenza.
Infine mlk b'I in K A I 99,2 compare come predi­ a) La forma molchomor delle iscrizioni di Ngaus
cativo di mtnt’ Me sue offerte (dedicate alla divi­ corrisponde, secondo Chabot (C RAI 19 31, 26 s.)
nità)’ . - Le iscrizioni di Ngaus identificano analo­ e altri, all’espressione mlk ’mr presente già nelle
gamente i termim composti con molch- ecc. come più antiche stele votive di Cartagine e Costantina
sacrum magnum noctumum (1,4/5; 3>J/2) 0 sa~ (KAI 61 B 1/2; CIS 1 307, 4/5; JA xi/10 49 s;
crum (2,5/6; 4,4/5). Berthier-Charlier 54,2/3; 55 [= KAI 109],1/2). La
Termini relativi al sacrificio vengono costruiti spiegazione del pun. ’mr con l’ebr. ’immèr ‘agnel­
anchc in altre lingue semitiche come forme cau­ lo’ (DISO 18, altri paralleli in Tomback 24) è con
sative di verbi di movimento: l’ebr. ‘Ih hif. in Gen. fortata - nonostante la /o/ della trascrizione latina
8,20; 22,2 ecc. (cfr. il pun. h‘l \ K A I 159,8); l’ebr. che induce E. Lipinski (RTAT 252) a pensare a
‘br hif. c l’aram. nsq/slq af. (entrambi ‘offrire’); da un ptc. qal attivo da ’mr ‘di un promettente’ - dal­
quest’ultimo verbo aramaico derivano poi il sost. l’espressione agnum prò vikario (Ngaus 3,6; 4,4)
tardo babilonese massaqtu ‘olocausto’ e il sost. e le raffigurazioni sulle stele di Ngaus di un Sa­
mandaico masiqtd che indica il pasto sacramenta­ turno barbuto con il coltello per i sacrifici davan­
le (cfr. W. von Soden, WZ Halle 17, 1968 G, fase. ti al quale è distesa una pecora. Si hanno indica­
2/3, 175-184). zioni dello stesso genere dai reperti archeologici
che sui tofet dei santuari punici che contengono,
La proposta avanzata ultimamente da Charlier oltre a ossa infantili, in misura crescente ossa di
(15-19) di identificare il pun. mlk v (DISO) con mlk animali (di vitelli, pecore, agnelli, capretti e anche
11 ‘re’ come una sorta di epiteto del destinatario di uccelli) (bibl. in Kaiser 29/30 n. 15). - mlk ’mr
divino del sacrificio menzionato nell’iscrizione, non è evidentemente sempre privo di determinazioni
è accettabile già per il fatto che in CIS 1 307,4; Ber­
attributive. Il mlk ’tr (Berthier-Charlier 56 [=
thier-Charlier 36,2; 42,3; iscrizione neopunica 30,2
manca prima di mlk un nome divino al quale l’epite­ K AI n o j,i) del tutto isolato è evidentemente un
to potrebbe riferirsi. Anche nell’espressione mtnt' errore di scrittura; lo stesso dicasi di mlk ’sr (CIS
mlk b'I in KAI 99,2 il mlk b ‘l usato come predicati­ 1 123 B 1/2).
vo non avrebbe, se fosse un nome divino, un nesso b) La migliore spiegazione dell’espressione mlk
sintattico. Ma nella maggior parte dei casi un epiteto ’dm> documentata a Costantina e Altiburos (passi
mlk entrerebbe in concorrenza con altri epiteti che in DISO s.v. mlk v i ) con la frequente aggiunta
accompagnano il nome del dio onorato col sacrifi­ bsrm... (v. sotto, i.2.e), è dal punto di vista filo­
cio. Inoltre la forma fem. mlkt di CIS 1 5684,1 sa­ logico ‘sacrificio umano’ (Eissfeldt 16; Hoftijzer
rebbe in disaccordo di genere con b‘l hmn delle 11.
289; Ròllig, KAI n 114 ecc.). ’dm come gen. auc-
3/4; viceversa il masc. mlk (Berthier-Charlier 37,2)
si riferirebbe al nome divino fem. tnt. Infine, se fos­ toris nel senso di ‘laico’ (possibilità esaminata da
se valida l’ipotesi della funzione di epiteto di mlk, Eissfeldt e similmente da Lipinski, RTAT 252) non
nella trascrizione latina molch- andrebbe separato dal può essere preso in considerazione, per la sempli­
mlk fenicio-punico (così correntemente Weinfeld), ce ragione che l’offerente di un mlk ’dm bs’rm
i3 7 (iv ,9 6 i) m o le k (H.-P. Mùllcr) (1^962) 138

btm (Berthier-Charlier 143,10 s.) si definisce ‘sa­ e) L ’espressione mlk bsr va interpretata alla lu­
cerdote’ (Février, RH R 143, 186 n. 17); ma anche ce del testo cartaginese ’s ndr knmj... bsrj «ciò che
la derivazione da dm ‘sangue’ + N prostetico (così K N M J promise... invece della sua carne» (KAI
Février ancora in JA 243, 54) non è foneticamen­ 79,3-6; cfr. CIS 1 296,2; 3822,2-5; 5688,2-5; N.
te avvalorata (per edom in Agostino cfr. Hoftij- Slouszch, 'Osar hakketùbót happeniqijjòt, Tel
zer 289 n. 2 e inoltre Février, JA 148, j 86 n. 17). Aviv 1942, 471, 3-6); per mlk bsr come oggetto di
Anche quando (come in Berthier-Charlier 39,1; ndr ‘giurare, promettere’ cfr. CIS 1 306,5. - bsrj,
40,3; 41,3; K A I 103,1/2; Altiburos 2 [LidzEph 1 bsrj' e bsrm sono composti da b ‘in vece di’ + sr
42 n. 1]) l’espressione è priva di determinazioni ‘carne’ (DISO 288; Tomback 3 11) + suff. 3* masc./
attributive, mlk ’dm può in realtà indicare per me­ fem. sing. (Février, RH R 143,12 ss. ecc.). Fanno
tonimia un sacrificio vicario: la terminologia non apparire ragionevole pensare a un lessema sr an­
sarebbe allora andata di pari passo con la prassi che le grafie composte elencate in Charlier (32) e
effettiva; tuttavia mlk 'dm non compare mai in Hoftijzer (290 n. 1): la frequente presenza di una
combinazione con 'mr ‘agnello’ o b ‘l ‘invece di un vocale tra \s\ e /r/ fa capire che si deve supporre
lattante’, espressioni che indicano con maggiore un equivalente dell’ebr. se,ér ‘carne’ (di diversa
sicurezza una sostituzione. opinione Cazelles 1342). La combinazione di per
c) Che mlk b'I significhi effettivamente «offer­ sé possibile bsr + suffisso (Hoftijzer 292; DISO
ta in luogo di un lattante» (Février, RH R 143, 16; 45) o desinenza plurale (Dussaud 380) sembra
JA 243, 53; 249, 177; Ròllig, KA I 11 76 s.) lo indi­ tuttavia meno probabile, considerato che b-s'rm
ca in KA I 61 A 1/2 la formulazione parallela mlk «invece della sua carne» (KAI 162,2) compare pa­
'mr «l’offerta di un agnello», KA I 61 B 1/2 (altri rallelamente dopo tf-smh «invece di un discen­
testimoni per mlk b'I in DISO s.v. mlk v 4; inol­ dente» (cfr. 1. 4 e bknj «invece del suo discenden­
tre mlkt b ‘l in CIS 1 5684,1 e anche b ‘l da solo in te [?]», CIS 1 5688,4/5). Inoltre l’uso eufemistico
Berthier-Charlier 114,4). Il parallelismo tra mlk di sr per ‘ bambino’ è reso certo dal parallelo bsmh
b ‘l e mlk 'mr in K A I 61 A e B impedisce anche di H bs’rm in K A I 162,2. Significato analogo sembra
considerare b'I un gen. auct. (ad es. un ‘cittadino’ avere Bsmh s'rm in KAI 163,3: «Invece di un ger­
[Cazelles 1342] o ‘offerente’ [Lipinski], oppure moglio della di lei (?) carne» (cfr. l’uso dell’ebr. se-
anche il nome del dio Ba‘al [Weinfeld 139]); inol­ ’ér ‘carne’ in Lev. 18,3; 20,19 e del P u n - 5 >r [Tom­
tre contro l’ultima spiegazione si deve far notare back 310] per il ‘parente’).
la mancanza della preposizione / prima di b (l, la
presenza della relativa indicazione del destinatario bsrm s’incontra ancora nelle combinazioni bsrm
btm (JA xi/10 76,3; KAI 104,2-6; Slouszch 228,2);
del sacrificio con lb (l hmn (KAI 61 A 4/5 ecc.) e
bsrm bntm (CIS 1 3746, 6/7; similmente 4929,3; 5741,
il disaccordo di genere in mlkt b'I (CIS I 5684,1). 8; Berthier-Charlier 38, 3/4; 45,3/4); mlk 'dm bs^)rm
La sostituzione del neonato con un agnello è con­ btm (KAI 105,3; 106 [= Berthier-Charlier 28],1;
fermata, oltre che da agnum prò vikario (Ngaus Berthier-Charlier 29,1/2; 30,1/2; 32,2; 34,3/4; 36,3);
3,6; 4,4) anche dalla sequenza anima prò anima, mlk 'dm bsrm bn‘ tm (KAI 107 [= Berthier-Charlier
sanguis prò sanguine, vita prò vita che evidente­ 35], 4) e mlk 'dm ’zrm ’s... bsrh btn (Berthier-Char­
mente apparteneva al corpo della formula (2,3/4; lier 37,2/3)-
3,3/4 e con ordine diverso in 4,2/3). A questo proposito risulta problematico il rappor­
d) Le combinazioni nsb mlk (RES 367 1 1 ) , nsb to tra bntm e btm (> btn). Eissfeldt (20) risolve btm
in prep. b + sost. tm (‘in perfezione’); tm verrebbe
mlk b'I [’zrm] (testimonianze in DISO s.v. mlk v
quindi ad assumere un significato analogo all’agg.
4, inoltre K A I 98,2; CIS 1 2613,1; 5685,1), nsb ebr. tàmìm in Ex. 12,5; Lev. 1,3.10; 3,1: la perfezio­
mlkt b ‘l (CIS 1 5684,1), nsb mlk ’s/rhr (CIS 123B ne rituale come requisito abilitante all’attività sacri­
1/2) e nsb mlkt bmsrm (CIS 1 198 4/5) mostrano ficale (Hoftijzer 291 n. 1). In iscrizioni su edifici
che il luogo del sacrificio mlk era indicato da una (KAI 72 B 4 ecc.) btm significa in verità ‘a proprie
stele (nsb). Spesso si trovano resti di sacrifici ai spese’, analogamente al latino de pecunia sua (KAI
piedi di siffatte stele; talora - ma non sempre (con­ 124; 125; 126), un significato che è applicabile a mlk
tro Weinfeld 135) - l’erezione della stele stessa come sacrificio vicario e che Février (JAs 248, 172)
sembra che sia stata considerata sostitutiva: bsrj reclama anche per bntm scomposto in b + tmm nif.
A sostegno di tale opinione si può ricordare che RES
«invece di una carne» (v. sotto, e) del sacrificio
367 consiste in un elenco delle persone che hanno
(KAI 79, 5/6; cfr. 163,2 e le scarse iscrizioni sulle dato un contributo finanziario (‘rkt) per un sacrifi­
stele di Nora: v. S. Moscati, Le stele puniche di cio mlk. Sembra tuttavia più logico leggere bsrm bn­
Nora nel Museo Nazionale di Cagliari, Roma tm e bsrm btm alla luce di bsrm bn tm «invece della
1970). sua carne, di suo figlio immacolato» (KAI 107,4), ^ °-
139 (iv, 963) mólek (H.-P. Miiller) (iv,964) 140

ve non ha alcuna importanza che in due parole sus- bile che nell’area fenicio-punica il mlk avesse in
seguentisi il suffisso di 3* masc. sing. sia realizzato origine il carattere di un sacrificio di bambini e
mediante i’allomorfema /-m/ e /-'/; cfr. l’analoga con­ successivamente di sacrificio sostitutivo di questi,
tiguità tra /-‘/ e /-’/ in Berthier-Charlier 4,4; 104,2/3 mediante un agnello o altro animale (cfr. anche K.
(a Ròllig, KAI 11 115). btm è derivato quindi da bn-
Jaros, O BO 4, 1974, 296 ss.). Ora ci si deve porre
tm per assimilazione di jn ja/f/; bntm e btm non com­
paiono mai contigui. la domanda di quale fosse la funzione di tale sa­
f) ’zrm (b)’s ecc. e ’zrm ’st ecc. mettono invece lo crificio.
studioso davanti a serie difficoltà. Le espressioni a) Per quel che riguarda i dati circa il suo moti­
compaiono da sole in CIS 1 3781,2; 3783,2; 5550,2; vo , le stele del mlk non si distinguono affatto, in
5702,2/3; 5741,6/7; Berthier-Charlier 162,1/2; iscri­ verità, da tutte le altre pietre votive recanti una
zione neopunica 11,2; per lo più compaiono invece scritta: nominano una preghiera esaudita (ad es.
in costrutti: come gen. con mlk (testimoni in DISO ksm* qV «allora egli udì la sua voce», KAI 110 ,4 )
s.v. mlk v 3), con mlk ’dm (ibid.) e con [ns]b mlk b'I e fanno riferimento a una benedizione ricevuta
(KAI 98,2). Specialmente l’espressione bmlk ’zrm
(brk’ «egli lo benedisse», ibid.). Entro tali limiti,
(h)'s / ’st sembra caratteristica di Guelma (Calama)
(iscr. neopun. 15,2; 18,2/3; 21 [= KAI 167], 2/3). Che il sacrificio mlk rappresenta una cerimonia di rin­
’zrm rappresenti la denominazione di un sacrificio graziamento, come la maggior parte dei sacrifici
si ricava dai verbi di cui il termine funge da oggetto: votivi. Analogamente lo scopo del sacrificio mlk
ns’ ‘offrire, presentare’ (CIS 1 3781; 3783; 5550);/>g‘ sta nella speranza di una futura benedizione (tbrk’
‘riscattare’ (iscr. neopun. 11) e probabilmente anche «che lei [la dea] lo benedica», KAI 79,6). Oltre a
ndr ‘promettere’ (CIS 5702; 5741); cfr. ora [lns]‘.'zr, ciò la maggior parte delle iscrizioni fa capire che
Deir ‘Alla 1 14 (12). il sacrificio e l’erezione della stele avvennero per
Poiché in Berthier-Charlier 37,2 e CIS 1 5741,6-8 adempiere un voto pronunciato in una situazione
’zrm ’s/’st è preceduto da un bsrnl/m che ha eviden­ di emergenza; a questo proposito con i passi cita­
temente la medesima funzione, l’affermativo /-m/
potrebbe essere un suffisso di 3* masc. sing.; tutta­ ti in cui appariva ndr ‘promettere solennemente’
via, per quanto si sappia, non si trova mai una forma va confrontata l’espressione ex voto di Ngaus 1,5
masc. senza suffisso per ’zrm. Non può essere, inve­ e altre simili.
ce, che j-tnj sia una desinenza pi. perché la sua pre­ Il testo in verità molto frammentario di KAI
sunta apposizione ’s ha carattere di sing., mentre al­ 162 giustifica l’ipotesi che l’esaudimento consi­
l’ipotesi che si tratti di una desinenza avverbiale si stesse nel dono di una gravidanza. Specialmente
deve obiettare che nel materiale fenicio-punico fin perché i sacrificanti aggiungono solo raramente
qui noto non c’è traccia alcuna di un tale morfema. un titolo al loro nome (così Berthier-Charlier 29,
Data la sua insicurezza morfologica, continuano a
3; 41,2; 42,2), si deve supporre che il sacrificio mlk
essere dubbie le spiegazioni del semantema che si
appoggiano all’ug. Jzr (un tipo di sacrificio; R. de riguardasse l’ambito familiare, il che corrisponde
Vaux, RB 46 [1937I 442) o al pun. ’zrt ‘famiglia, di­ forse al suo carattere atavico. Col sacrifico vica­
scendenza’ (J.-G. Février, JA 239 [1951] 9 s.; cfr. rio viene allora restituito alla divinità, come dono
Bulletin archéologique 1946/9, 1953, 168). Se invece simbolico, il bambino che le era stato prima im­
/-m/ non fosse un afformativo, sarebbe impossibile plorato di concedere. - Sacrifici non sostitutivi sa­
correlare la nostra espressione al fen. ’zrm (KAI 14, ranno stati invece offerti tutt’al più quando il dio
3.13) già per la semplice ragione che qui si ha una for­ - come nel caso di Iud. 11,30-40 - aveva liberato
ma verbale (i* sing. PK zrm nif. ‘fui strappato via’ da una grave situazione di difficoltà e pericolo, di
analogamente a ngzlt, i a sing. AK gzl nif. col mede­
genere diverso.
simo significato, 11. 2.12, contro Février, JA 243, 57­
63) che non si adatta alle attestazioni puniche. La benedizione futura era probabilmente desti­
L ” i (appositivo?) e ’st è, còme in Gen. 7,2 ’is w e- nata, nella maggior parte dei casi, all’offerente
'istóy l’opposizione «maschile»-«femminile», eviden­ stesso. Inoltre questi avrebbe potuto pensare al
temente rispetto alla materia del sacrificio (per la bambino riscattato mediante la vittima vicaria: è
menzione appositiva di materiale cfr. Friedrich-Ròl- forse a tale aspetto che si riferiscono le espressio­
lig § 309): la sequenza ’zrm ’s w ’zrm ’st (CIS 1 5702, ni prò salute Concess[e] (Ngaus 2,4/5), Pro Gon-
2/3) indica l’accostamento di una vittima maschile e [ces^se salute(m) (3,4) e prò salut[e] Donati (4,3) se
una femminile, mentre un’interpretazione pronomi­ Concessa e Donato sono i nomi dei bambini in
nale di ’sf’st (così ultimamente Tomback 9) non fa­ questione (Carcopino).
rebbe in questo passo alcun senso: soggetto della pro­
messa e del sacrificio sono qui proprio, e certo non a b) Per contro mlkt bmsrm di CIS 1 198,4/5 rap­
caso, padre e figlia (11. 3-5). presenta, o rappresentano, evidentemente una ce­
rimonia di lamento e di supplica, se cioè bmsrm
3. Con tutto ciò dovrebbe essere quindi proba­ va spiegato con Eissfeldt (28-30; cfr. la bibl. in
i 4 i (iv,9 6 j) molek (H.-P. Muller) (iv,965) 142

DISO s.v. mlk v 5) come prep. b + nome msrm LIK.MES = mlkm (Ugaritica v 45,35) con il malikù
‘in casi di necessità’, secondo l’ebr. mesdrim di o mdlikù di Mari (testimoni in CAD M/i 168; cfr.
Lam. 1,3 e minhammèsdr di Ps. 118,5. Nel caso J.F. Healy, UF 10 \1979] 89-91 e M. Dietrich - O.
di CIS I 198 si tratta delle difficoltà in cui si trova Loretz, UF 13 [1981] 69-74).
una persona diversa dal sacrificante per la quale malik (NP) (J.J.M. Roberts, The Earliest Semitic
il/i sacrificio/i mlk viene/vengono offerto/i. Solo Pantheon, Baltimore-London 1972, 42 s. ecc.) o mal-
ku(m) (testimoni in CAD M/i 168 s. con bibl.), at­
il/i sacrificio/i mlk bmsrm ‘in casi di necessità’ va/
testato in Mesopotamia già per l’età presargonica, è
vanno paragonato/i a quei sacrifici fenici e punici documentato anche da NP di Ugarit (Ugaritica v 60;
di bambini in caso di catastrofe che sono testimo­ PNU 79. 157 s.) e ora anche di Ebla (G. Pettinato,
niati da Filone di Biblo (in Eus., Praep. Ev. i,io, Or 44 [1975I 370 s.; BA 39 [1976] 50; RSO 50 [1976]
44; cfr. Porfirio, op. cit. 4,16,6) e da altri scrittori 1-14 ecc.). Questo malik e anche i maliku/mdliku di
antichi - una prassi che, è bene precisare, non Mari non hanno nulla che fare con il mlk fenicio-pu­
appartiene alla sfera privata ma, come mostra an­ nico o ebraico, a causa del loro legame con il mondo
che l’episodio di 2 Reg. 3,27, alla sfera pubblica e infernale (con W.F. Albright, Die Religion Israels im
Lichte der archàologischen Ausgrabungen, 1956,180.
politica.
247; Cazelles 1344 s.; de Vaux 80 e vari altri). Per
In ogni caso, che si sia trattato di una cerimo­ quanto riguarda il nome divino muluk, che compare
nia di ringraziamento o di supplica, il sacrificio nel toponimo ilum-muluk (testimoni in ARM xvi/i,
mlk fenicio-punico è occasionale, legato alle cir­ 1979, 17), nel nome di persona semitico settentrio­
costanze, e non è mai stato un’ istituzione funzio­ nale i-tar-mu-luk (CT 33,29,15) e in NP ugaritici
nante con regolarità. (PRU rv 215,27; RS 17,242), si tratta evidentemente
solo di una variante fonetica di malik che rientra nel
più ampio contesto della tendenza «cananaica» al
il. Al di fuori dell’area fenicio-punica non sem­ passaggio vocalico /**/ > /o/; il toponimo ilum-muluk
brano esserci corrispondenze per l’ebr. mólek. compare infatti anche nella forma i-lu-ma-li-ka-wik‘
(G. Dossin, RA 35 [1938] 178 n. 1). malik/malku(m)/
Già per il suo uso non religioso, il neoegiziano maluk e i malikù/mdlikù di Mari saranno invece, in
mrk ‘dono’ ecc. (per un re), Unamon 11 12, Chester ultima analisi, identici al melek di Is. 57,9.
Beatty i r s B 31 (WbAS 11 113.3), pur essendo chia­
ramente un esotismo cananaico (M. Burchardt, Die
altkanaan. Fremdworte und Eigennamen im Àg., m .i. Che l’ebr. l emólek (per l e- cfr. Eissfeldt
1909 s., n. 481), non può essere in alcun modo colle­ 36) sia correlato con il fenicio-punico mlkjmolch-
gato con il fenicio-punico e con l’ebr. mlk, attestati (così, dopo Eissfeldt, soprattutto Dussaud, Guey,
ben più tardi. Forse, se non si deve pensare a una de­ Carcopino, Charles-Picard, Cazelles) pare, a no­
rivazione da mlk ‘re’ (W.F. Albright, JAOS 71 [1951]
stro avviso, tanto più probabile in quanto Inanel­
261), mrk può essere spiegato con una radice dal si­
gnificato ‘dote’ attestata in accadico (mulùgu/muli- lo mancante» tra l’ebraico e il punico è presente
gu, AHw 67ib; CAD M/2 193 s.), in ugaritico (mlg, ora chiaramente nei calchi epigrafici in RES 367
UT n. 1480) e in cbr. rabbinico (melùg) (con Cazel­ di Nebi Junis, sebbene anche questa iscrizione
les 1343). fenicia sia più recente delle ricorrenze nell’A.T.
I nomi mlk e mlkt che ancora in UM n. 1119 ven­ a) NelFebr. l emólek ‘come offerta’ la prep. le
gono assegnati da C.H. Gordon a un ug. mlk 11 («un non segnala un dativo (nel senso di «per Mólek»),
tipo di sacrificio»), in UT n. 1483 sono classificati ma ha la stessa funzione del punico b- essentiae in
sotto mlk 1 ‘re’. Anche in [slm.mlk.slm\mlkt (KTU
bmlk ’zrm (hys/’st (cfr. sopra, i.i.2.f). Già Eiss­
1.23,7) s* tratta dell’opposizione ‘re’-‘regina’, perché
anche gli attributi genitivali di slm che seguono rap­ feldt (38 s.) ha provveduto a confrontare con l e-
presentano denotazioni relative al rango (contro Ca- mólek le forme l e‘ólà «come olocausto» (Gen.
zclles 1345). 22,2) e l e,dsdm «come sacrificio per la colpa» (Lev.
II dbh.mlk // dbh.spn (KTU 1.91,2/3) rappresenta 5,18). In Ezech. 23,37 si ha accanto al l e essentiae
un sacrificio per II, che qui come in KTU 1.47,1 vie­ di l e,okld «come cibo» anche il l e dativo per indi­
ne messo in relazione con il Safon (cfr. KTU 1.148: care i destinatari divini del sacrificio (Idhem), per­
1): mlk è in questo caso un epiteto diventato auto­ ciò è possibile distinguere chiaramente le due fun­
nomo - come l’acc. màliku(m) ‘consigliere’ o mal(i)~ zioni di l e. Solo in Lev. 20,5 (zana ’ahàrè ham-
ku(m) ‘re’, che in mesopotamico viene usato come
mólek «prostituirsi dietro a Mólek») il termine sa­
epiteto per tutta una serie di divinità (contro O. Eiss-
feldt, Neue keilalphabetische Texte aus Ras Scbamra crificale dovrebbe esser stato scambiato, equivo­
- Ugarit, 1965, 14 e vari altri autori; cfr. K.L. Tall- cando, con un nome divino, come mostra l’uso
qvist, Akkadische Gótterepitheta, Helsinki 1938, 128 parallelo di zana al v. 6. L ’equivoco di l cmólek
s.). Analogamente si potrebbe confrontare dMA. scambiato per nome divino ha avuto poi la sua
i 43 (iv ,966) rrtolek (H.-P. Miiller) (1^967) 144

ricaduta nella puntazione masoretica, che innesta / Reg. 11,7 è preferibile leggere l emilkóm in luo­
nella componente consonantica le vocali di hab- go di l emólek. Tutti gli esempi rientrano quindi
bóset, nella traduzione con ó MóXo^ in nel codice di santità o nella letteratura deuterono­
1 Reg. 11,7 e àp^oav in Lev. 18,21; 20,2-5) ne^Pas' mistica.
si più recenti dei L X X (2 Reg. 23,10; Ier. 32,35; Sebbene le formulazioni di Lev. 20,2-4 conten­
Am. 5,26), in Aquila, Simmaco e Teodozione e gano elementi linguistici più antichi, nella forma
anche nella forma Moloch della Vg. attuale presentano segni di una retorica di stile
Voler vedere in mdlek (con Bea, Kornfeld, più tardo trasferita a livello letterario. Il v. 5b{3 con
Dronkert, Weinfeld, Plataroti e vari altri studio­ zana ’ahàrè hammólek potrebbe per intero risali­
si) un nome divino originario non è opportuno, re a un glossatore (cfr. M. Noth, ATD 6, 1962,
per il semplice motivo che nell’A.T. mdlek non 128 s.; tuttavia anche W. Thiel, ZAW 81 [1969] 53
compare mai al di fuori delle menzioni di sacrifi­ ss.). Ma il raddoppio dei verbi nàtan z l e + 'br hif.
ci. - La giusta pronuncia dell’ebr. mlk dovrebbe + l rmólek in Lev. 18,21, dove inoltre la posizione
essere analoga a quella dedotta per il fenicio-pu­ anteposta dell’oggetto va spiegata come imitazio­
nico, mólèk, tanto più che è facile immaginare il ne letteraria dei w . 7 ss., non suscita minimamen­
passaggio da tale forma al mólek dei masoreti. te l’impressione di una maggiore originalità ri­
b) Al fen.-pun. jlk in forma jifil ‘offrire, pre­ spetto a Lev. 20,2 ss., tanto più che nel contesto
sentare’ (KAI 26 11 19) corrisponde dal punto di Lev. 18,21 è isolato (cfr. Kaiser 43). Così Lev. 18,
vista morfologico e semantico l’ebr. ‘br hif. ‘ of­ 4 e 20,2-5 contribuiscono alla datazione del sacri­
frire’, così che l'ha'àbir di Lev. 18,21; Ier. 32,35 ficio mlk in Israele solo in quanto lo strato se­
risulta correlato tautologicamente con l emòlek. condario del codice di santità, da essi rappresen­
La combinazione *br hif. con l ejhwh in Ex. 13,12 tato, venne messo per iscritto non prima dell’esi­
rende plausibile l’equivoco per il quale si è potu­ lio, ma più verosimilmente soltanto in età post-
to intendere anche l emdlek come dativo di un no­ esilica.
me divino. L ’espressione nàtan l emólek in Lev. L ’espressione sovrabbondante he'ébir (bà'ès)
20,2-4 (cfr. nàtan + ogg. b'kór in Ex. 22,28 s.; l rmólek (2 Reg. 23,10; Ier. 32,35) è stata spiegata
Mich. 6,7) è evidentemente un’antica componente da Kaiser (34. 39. 43) come un’intensificazione
del linguaggio sacrificale cananaico (contro Kaiser letteraria secondaria di sàraf bà ’ès (Ier. 7,31). A
42): cfr. jtn con offerte sacrificali e simili per og­ maggior ragione allora la notizia (post-deutero-
getto (KAI 43,9; 68,18; 137,6; 163,1 ),jtn con mlk nomistica?) della profanazione del tofet compiuta
(b‘1) per oggetto (RES 367 1 1/2; CIS 1 5685,2) e da Giosia (2 Reg. 23,10) potrebbe essere dovuta
l’uso del nome mtnt’ ‘offerta’ con mlk b ‘l predi­ più all'immagine ideale deuteronomistica di que­
cativo in K A I 99,2 (v. sopra, 1.1). Ma allora si de­ sto re che alla realtà storica (Kaiser 33 s.;E. Wùrth-
ve prendere sicuramente alla lettera anche bà’ès wein, ZThK 73 [1976] 395-423, spec. 415; H. Hol-
(lemólek) «con fuoco (come sacrificio mlk)» co­ lenstein, VT 27 [1977] 334). La terminologia rien­
struito con ‘br hif. (Deut. 18,10; 2 Reg. 16,3; 17, tra nell’ambito della critica deuteronomico-deu-
17; 21,6; 23,10; Ezech. 20,3152 Chron. 33,6) come teronomistica del culto, col sacrificio dei bambini
si fa quando è in combinazione con srp ‘bruciare’ che appare associato alla magia e alla necroman­
(Deut. I2,3i;/er. 7,31; 19,5; 2 Reg. 17,31 [con Kai­ zia anche in 2 Reg. 17,17; 21,6; Lev. 20,5 s.; 2
ser 33 s. contro Weinfeld 141 e Plataroti 292 s.]). Chron. 33,6 sulla base di una combinazione (se­
Anche 2 Chron. 28,3 (wajjab'èr bà’ès) vuole in­ condaria?) in Deut. 18,10. L ’offerta di sacrificare
dicare un vero olocausto, il concreto bruciare del il primogenito come rito di espiazione in Mich.
sacrificio mlk. Inoltre, a differenza di quanto ri­ 6.7 va quindi assegnata all’età esilica, al pari della
levato per la prassi fenicio-punica, per l’ebr. mó­ svalutazione (Ezech. 20,25 s-) 0 di una contesta­
lek l’idea di una sostituzione della vittima è esclu­ zione (Ier. 7,31 > 19,5; 32,35 dtr.) di un analogo
sa, dalla menzione del «seme» (Lev. 18,21; 20,2­ comandamento di Jhwh (per la datazione di Mich.
4) e soprattutto dalla menzione di figli e figlie (2 6.7 cfr. G. Fohrer, Einleitung in das A.T., 1965,
Reg. 23,10; Ier. 32,35; cfr. Deut. 12,31; Ier. 7,31; 490; O. Kaiser, Einleitung in das A.T. , 4 1978, 210).
19,552 Reg. 17,31). Appaiono per contro di età postesilica i testi rela­
2. l emolek è attestato con sicurezza in Lev. 18, tivi al sacrificio dei bambini nei passi secondari di
21; 20,2.3.4; 2 Reg. 23,10; Ier. 32,35; si deve poi Ezech. 16,20 s.; 20,31; 23,33.39, oltre che Is. 57,5
aggiungere hammólek in Lev. 20,5. Anche nel ca­ ePs. 106,37.
so della glossa lammelek di Is. 30,33 si deve pro­ La presenza relativamente tarda ed episodica
babilmente pensare a un sacrificio mlk, mentre in dei sacrifici mlk ebbe come causa in Israele non
145 (iv, 968) man (P. Maiberger) (iv,9 6 9 ) 1 4 6

solo un surriscaldamento religioso dovuto a situa­ no entrambi che il sacrificio mlk fu riconosciuto
zioni di crisi ma, al contempo, anche un’infiltra­ non congruo con la natura di Jhwh, il che corri­
zione fenicia in Giuda durante il periodo esilico e sponde perfettamente alla sua comparsa sporadi­
postesilico, che si manifesta anche da altri indizi ca e accidentale per influenza fenicia. Deve ugual­
(per la questione cfr. H.-P. Miiller, WO 6 [1971J mente essere lasciata in sospeso la questione se la
189-204). Un’influenza concomitante della ma­ punizione di Jhwh, considerato che a stornarla
drepatria fenicia potrebbe aver poi dato impulso non servì il sacrificio mlk, fosse la specifica con­
ai numerosi sacrifici mlk punici, dove non li si seguenza di quel sacrificio (così, guardando alla
può considerare autoctoni a causa di RES 367 e scuola deuteronomistica, Kaiser 40).
delle attestazioni in ebraico. Quando sacrifici pa­
ragonabili avvengono in età più antica (Gen. 22; Il valore storico della notizia sui sacrifici offerti
dai Sefarviti a ’adrammelek e 'ànammelek in 2 Reg.
Iud. 11,30-40; 2 Reg. 3,27) si tratta di atti rari e
17,31 viene a ragione contestato da Kaiser (35 s.). -
senza una specificità riflessa nella terminologia. Mentre per ’adrammelek si può pensare al dio
3. Quanto alla funzione del sacrificio mlk in assiro Adadmilki (O. Eissfeldt, Kl. Schr. Ili, 1966,
Israele, Mich. 6,7 fornisce se non altro un’allusio­ 335-339 e passim), il nome divino 'ànammelek è
ne. Secondo Mich. 6,7 questo sacrificio avrebbe, composto dal fem. ‘ànat + masc. melek analogamen­
al pari dell’episodio di 2 Reg. 3,27 ma diversamen­ te al nome fenicio-punico mlk'strt (KAI 19,3/3; 7X>2>
te dalla maggior parte dei sacrifici mlk punici, il 119,1; altri esempi in Ròllig, KAI 11 28), cosa che
carattere di una cerimonia esasperata al massimo rende probabile il modello di una divinità fenicia
(per ‘nt nell’ambito fenicio cfr. KAI 42,1 e i testimo­
di lamento e supplica, di un atto di espiazione: si
ni in Ròllig, KAI il 59). Che l’autore (post-dtr.?) di
spiega così anche la rinuncia a una sostituzione. 2 Reg. 17,31 abbia pensato anche a una connessione
L ’associazione del sacrificio mlk con il tofet non con hammòlèk è piuttosto improbabile, considerata
comporta necessariamente che si sia trattato di la diversa vocalizzazione dell’elemento -mlk.
una pratica abituale o di una regolare istituzione
(contro Wcinfeld 133 s.): da un lato i sacrifici di H.-P. Muller
bambini non erano legati al tofet (Is. 57,5); dal­
l’altro, secondo Is. 30,33, il tofet serviva evidente­
mente anche per i sacrifici dei prigionieri che qui
una glossa definisce, probabilmente in modo im­ jfò man
proprio, mlk. In conseguenza di tutto ciò il sacri­
ficio mlk va quindi distinto dalle consacrazioni re­ 1. Ricorrenze. - n. Etimologia. - in. La manna di tama­
golari dei primogeniti (Ex. 34,19 ss. ecc.); nondi­ risco. - rv. Aspetti letterari e teologici.
meno può essere stato considerato, quando com­ Bibl.: W. Baumgartner - M. Eglin, Ein Gegenstiick zum
porta, come ad es. nel caso di Mich. 6,7, l’uccisio­ biblischen Manna: ThZ 4 (1948) 235-237. - F.S. Bo-
ne del primogenito, una esasperazione ecceziona­ denheimer, The Manna of Sinai: BA 10 (1947) 2-6. —
le della consacrazione del primo nato. F.S. Bodenheimer - O. Theodor, edd., Ergebnisse der Si-
Che il sacrificio mlk fosse destinato a Jhwh ri­ nai-Expcdition 1927 der Hebràischen Universitàt Jeru­
sulta probabilmente dalle riflessioni esiliche su un salem, Leipzig 1929, - J. Buxtorf jr, Historia Mannae,
comandamento di Jhwh a questo proposito (Mich. in Exercitationes Ad Historiam..., Basilae 1659, 336-390
= rist. in B. Ugolinus, Thesaurus Antiquitatum Sacra-
6,7; Ezech. 20,25; Ier- 7 >3 1 dtr.). Non era certo
rum y i i i , Venetiis 1747, 587-640. - J. Coppens, Les tra-
necessario, a lume di logica, mettere in dubbio con
ditions relatives à la Manne dans Exode, XVI (Fs. A.
i recenti testi redazionali di Ier. 19,5; 32,35 che Fernàndez, Madrid 1961, 169-185). - A. de Guglielmo,
Jhwh non avesse comandato di offrire a Ba'al sa­ What was thè Manna?: CBQ 2 (1940) 112-129. - P-
crifici analoghi. Ma se il sacrificio mlk dovesse ri­ Haupt, The Etymology of Manna: AJP 43 (1922) 247­
salire all’influenza fenicia dell’età csilica e post- 249. - Id., Manna, Nectar, and Ambrosia: PAPS 61
esilica, allora la glossa a Ps. 106,38 non avrebbe (1922) 227-236. - A. Kaiser, Der heutige Stand der
torto a collegarlo con «l’idolo di Canaan». Anche Mannafrage, Arbon 1924. - Id., Neue wissenschaftliche
Deut. 12,31 dtr.; Ezech. 16,21; 20,31; 23,37 (secon­ Forschungen auf der Sinai-FIalbinsel (besonders zur
dario) e 2 Reg. 17,31 intendono il rito come un sa­ Mannafrage): ZDPV 53 (1930) 63-75. _ ^ Kenney,
Ante-Nicene Greek and Latin Patristic Uses of thè Bib-
crificio agli idoli. lical Manna Motif (diss. Yale 1968). - L. Kòhlcr, Pli-
Qui si può lasciare aperta la questione della nius weiss, was Manna bedeutet: Ncue Zurcher Zei-
priorità cronologica tra il divieto del sacrificio tung und schweizerisches Handelsblatt, 1943 n. 822. -
mlk in Lev. 18,21; 20,2-5 e sua condanna in 2 P. Maiberger, Das Manna. Eine literarische, etymologi-
Reg. 23,10; Ier. 32,3 5. Divieto e condanna mostra­ sche und naturkundliche Untersuchung (Àgypten und
i 4 7 (*v,97 °) màn (P. Maiberger) ( tv ,970) 148

A.T. 6, Wiesbaden 1983). - B.J. Malina, The Palestin- xaì èTri rax(7Y)<; «Su)peà<;» r,v ò Seòe; «SatpeÌTai». Que­
ian Manna Tradition. The Manna Tradition in thè Pal- sta spiegazione del termine fu sostenuta nel Medio­
estinian Targums and its Relatioship to thè N.T. Writ- evo anche da Rashi, Ibn Esra, Qimhi, Bahja e ‘Ara­
ings (AGSU 7, Leiden i968).-R. Meyer, Màvva(GLNT ma (cfr. Buxtorf 1659, 338 s. = 1747, 590) e arrivò
vi 1239-1250).-^ Peters, Zu Man hu, Ex 16,1 y. ZKTh attraverso Nicola di Lira (postilla a Ex. 16,15) ^no a
23 (1899) 371. - E. Rupprecht, Stellung und Bedeutung Lutero, che in una glossa marginale della sua tradu­
der Erzàhlung vom Mannawunder (Ex 16) im Aufbau zione dell’A.T. (1523) di Ex. 16,15 (dove egli rende
der Priesterschrift: ZAW 86 (1974) 269-307. - H. màn hù' come proposizione nominale con «questo
Schult, Man hi*' und mah-hù’ in Exodus 16,1y. DBAT è man», das ist Man) scrive: «In ebraico significa un
1, 1972, 1-9. - A. Tschirch, Handbuch der Pharmakog- dono o una parte». A partire da qui, questa deriva­
nosie, voi. 11/1, Leipzig 1912 (103-114. 131-136. 147 e zione fu sostenuta da quasi tutti i teologi cristiani e
151 s.: diversi tipi di manna). - M. Walther, Tractatus rimase dominante fino al xix secolo. Per contro F.R.
plenus & planus de Manna..., Lugduni Batavorum 1633 Fay, The Book of Joshua, Edinburgh 1871, 66 riferì
(dapprima Rostock 1631). - J.K. Zenner, mn hw'. Ex màn alla radice mnn non usata in ebraico (cfr. la gra­
16,1 y. ZKTh 23 (1899) 164-166. fia mann‘ kà), cui annette il significato di ‘dividere,
spartire, misurare’, confrontando con questo il deri­
I. màn ‘manna’ compare 13 volte nell’A.T.: 5 vato men ‘parte’ (che nell’A.T. compare 1 sola volta
senza art. (Ex. 16,31.33; Deut. 8,16; Ios. 5,i2aP; [Ps. 68,24] e con suffisso, minnèhù), che a parer suo
Ps. 78 24 e secondo alcuni anche in Ex. 15,15); 7 sarebbe stato sinonimo di màn. J.G . Murphy, A
Criticai and Exegetical Commentary on thè Book of
volte con art. (Ex. i6,35a.b; Num. 11,6.7.9; Deut.
Exodus, Edinburgh 1866, 156 accostò la parola alla
8,3; Ios. 5,i2aa) e 1 volta con suffisso, manekà radice mjn ‘dividere, spaccare’, intendendo màn nel
(Nehem. 9,20). I LX X la trascrivono solo in Ex. senso di «secrezione», precisamente la manna secre­
16 secondo l’ebraico, pav, altrove secondo l’ara- ta, come lui credeva, dal tamarisco. Al medesimo ri­
maico (cfr. lo stato enfatico dei Targum, mn’ ) sultato arrivò P. Haupt (AJP 43 [1922] 248; PAPS
con pavva (in Bar. 1,10 errore di scrittura per pa- 61 [1922] 235) passando per la prep. min, in origine
vaa = minhà, oblazione). Anche il N.T. usa la for­ un sost. con il significato di ‘separazione’, alla quale
ma pavva (Io. 6,31.49; Hehr. 9,4; Apoc. 2,17). La egli accosta min ‘specie, genere’, cioè ciò per cui
Vg. scrive in Ex. 16 come i L X X , man (anche in qualcosa si «di-stacca» da un’altra, e min ‘eretico,
settario’. Questa etimologia cozza comunque con­
Num. 11), altrove manna. Tanto in greco (dove ha
tro il fatto che solo la scienza naturale moderna ha
sempre l’art., meno che in Ex. 16,31; Ios. 5,12b e riconosciuto che la manna è una secrezione vegetale
Ps. 77,24) quanto in latino il termine è un neutro o animale.
indeclinabile (cfr. Ex. 16,35: to pav; Nehem. 9,20: Non sono mancati neanche i tentativi di spiegare
manna tuum = L X X 2 Esdr. 19,20: to pavva croù la parola ricorrendo ad altre lingue, semitiche e non.
e Apoc. 2,17). La parola greca non viene mai de­ Così già J.H. Hottinger, Etymologicum Orientale,
clinata, quella latina solo da alcuni Padri. Francofurti 1661, 248 aveva chiamato in causa il no­
me arabo mann ‘graziosa concessione, favore, opera
buona’, spiegando poi màn come quasi beneficium,
II. L ’etimologia di màn è controversa perché a donum, munus Dei. Un’affinità tra i due termini fu
causa delle ridotte dimensioni del campo lessicale ritenuta possibile anche da W. Gesenius a partire
c difficile decidere con certezza quale sia la terza dalla 2a ed. del suo lessico ebraico (1823) 427 (cfr.
radicale, necessaria per raggiungere il significato Thesaurus 11, 1840, 799) e da F.E. Kònig nel suo
base. Teoricamente vanno considerate le radici lessico (1936) 228. Nel Corano 2,57 (54); 7,160 (160)
mnh, mnn, mwn e mjn. Gli Ebrei (Amorrei) face­ e 20,80 s. (82) dicendo «mangiate delle buone cose
vano derivare la parola, almeno dal v secolo, da che vi abbiamo riservato» Maometto sembra avere
mnh ‘contare, distribuire’, vedendo quindi nel ter­ collegato mediante un’etimologia popolare il presti­
to aramaico (cfr. Horovitz, HUCA 2 [1925] 222 e
mine màn una forma abbreviata di màneh col si­
2x0 s.) al-mannu ‘manna’ con il verbo arabo manna
gnificato di ‘dono’, ‘ razione’, ‘cibo pronto’. Così ‘dimostrare grazia, favore, carità; riservare, donare,
nel Talmud babilonese, nella gemara al trattato concedere benevolmente’, che egli usa prevalente­
Sukk. 39b (Goldschmidt in 108) si legge: «Da mente per Allah (cfr. sura 3,164 [158]; 4,94 [96]; 6,53;
dove si sa che mn significa cibo? Dal passo (Dan. 12,90 ecc.). Così si trova nel Muhtàr as-sihàh di Mu-
1,5): Il re glielo fece distribuire». hammad ar-Ràzi, Cairo 319 11, 662 la (già più antica)
definizione: «al-mannu è ogni opera di bene che vie­
Probabilmente questa derivazione risale già al 1 ne concessa da Allah, egli è eccelso, per la quale non
sec. a.C., come fa supporre la descrizione della man­ si è né sofferto né faticato».
na come «cTot|Aov» àptov in Sap. 16,20 e potrebbe G. Ebers, Durch Gosen zum Sinai, Leipzig *1881,
anche aver suggerito nel 1 sec. d.C. a Filone (All. 3, 226 s. sostenne invece una derivazione dalla vita quo­
166) la sua figura etimologica: xaì è~l toù pavva oùv tidiana. Tra i doni sacrificali destinati al tempio di
149 (iv ,9 7 i) man (P. Maiberger) (1^972)150

Horo a Edfu (in sec. a.C.) viene menzionata con le marisco, oltre che la melata su querce, albicocchi
consonanti mnn una sostanza simile ai semi di co­ e peschi. Si tratta di sostanze di natura molto
riandolo, che egli decise di vocalizzare mannu e di diversa, ma che in ogni caso formano una patina
ritenere la manna biblica. V. Loret (RTPE 16 [1894]
sottile e fine sulle piante; ignorandone l’origine,
159 s.) legge invece mennen, spiegando chc si tratte­
vegetale o animale, si credeva che fossero discese
rebbe di asfalto, bitume o pece. Inoltre GesB consi­
dera questo termine, che compare soltanto in egizia­ dal cielo. Per il termine arabo mann risulta così il
no tardo come mn(n?), sinonimo di manna solo in significato base ‘strato sottile, patina leggera, fi­
quanto è un prestito semitico. ne; qualcosa di sottile, di fine’, con insita l’idea
Ancora meno convincente risulta la proposta di J. della «caduta dal cielo». Ciò significa anche che il
Furst, Concordantiae Hebraicae, Lipsiae 1840, 648 termine classico (Aavva/manna, la polvere d’incen­
il quale dal sanscrito mani ‘perla, gioiello, pietra pre­ so, dovrebbe essere un prestito semitico che giun­
ziosa’ ricava per màn il significato gutta, resina con se ai Greci e ai Romani come termine tecnico in­
il quale (a causa del paragone con il bdellio in Num. sieme con l’incenso. In verità non ha niente a che
11,7) si sarebbe alluso all’essudato resinoso della
fare con l’omofona parola biblica greco-latina -
manna (di tamarisco).
come mostra del resto anche il suo genere, un
L. Kòhler (1943, cfr. KBL2 534 e W. Baumgartner,
femminile declinabile -, ma le è etimologicamen­
ThZ 4 [1948] 235) ritiene che il significato origina­
rio di màn sia tramandato da Plinio, che nella Natu­ te affine.
raliIs historia (12,32) dice a proposito dell’incenso: In ebraico la radice mnn ‘essere sottile, fine’ è at­
micas concussu elisas mannam vocamus, che Kòhler testata solo in minnim (Ps. 105,4) e minni (Ps. 45,9)
traduce: «Chiamiamo manna le briciole che si sono ‘strumenti a corda’ (prestito?); cfr. il sir. mennà,
staccate scuotendo» e da questa definizione ricava il
menntà’ ‘pelo, pelliccia; corda (di strumento musi­
significato di ‘cosa fine, granulare, briciola’ che ben cale)’.
si adatterebbe a Ex. 16,14 dove, secondo lui, si do­
vrebbe tradurre: «Ed ecco, sulla superficie del deser­ Anche nella Bibbia si parla quindi della manna
to c’era qualcosa di minuto, di granulare». A causa conformemente al significato base delPar. mann:
di questi minuti granelli il nome semitico sarebbe
stato dato all’incenso e anche alla manna di tamari­ la manna cade dal cielo con la rugiada, come si
sco. Questa spiegazione è comunque molto antica, deve indubbiamente dedurre con Num. 11,9 dallo
trovandosi già in Claude Saumaise (Salmasius), strato di rugiada che secondo Ex. 16,13 ^ copri­
1664. Tuttavia nel latino manna non è affatto conte­ va, e ricopre il suolo con uno strato sottile, «fine
nuta l’idea del ‘granulare’, come ripetono molti les­ come la brina» (Ex. 16,14). Questo «strato sotti­
sici (anche GLN T vi 1239 s.). Il termine, di origine le» viene chiamato in ebraico daq, un termine che
greca, usato per la prima volta da Ippocrate, nella sorprendentemente viene usato esattamente nel
letteratura classica appare principalmente in scritti di medesimo senso dell’ar. mann. Anche daq ha il
medicina dove indica sempre l’incenso pestato sotti­
significato base ‘essere sottile, fine’ e indica l’in­
le nel mortaio fino a ottenerne la «polvere d’incen­
so» che nella medicina antica veniva usato come censo pestato fine (Lev. 16,12), la polvere (Is. 29,
astringente. 5; 40,15), il pelo sottile (Lev. 13,30), l’uomo steri­
le (Lev. 21,20; detto di vacche: Gen. 41,3.4; delle
Ora la manna del tamarisco della penisola si­ spighe: Gen. 41,6.7.23 s.) e un suono flebile (/
naitica viene chiamata dalla popolazione locale Reg. 19,12).
mann, un nome che indubbiamente è collegato
con l’ebr. màn. Poiché deve trattarsi, dato il suo in. Con daq si spiega dunque màn in maniera
uso, di una parola araba originale e non di un etimologicamente esatta. Da ciò si evince chc l’au­
prestito dall’ebraico, può ben servire a chiarire il tore di Ex. 16,14 probabilmente sapeva benissimo
termine biblico, ammesso che in Ex. 16 si tratti quali concezioni stavano dietro a questo termine.
proprio di questo prodotto naturale. Ma gli Ara­ Quando egli poi fa «cadere dal cielo» la manna
bi non hanno chiamato così soltanto la manna del insieme con la rugiada, ciò significa che ha in men­
tamarisco. Già il poligrafo Nuwayrì (1279-1332) te proprio il prodotto naturale. Indubbiamente
elenca tredici diversi tipi di manna. Gli Arabi, sta pensando alla manna del tamarisco del Sinai,
stando a tale elenco, indicano con mann tra l’altro giacché nelle regioni toccate da Israele durante la
anche il miele, la lacca, il làdano, la patina polve­ peregrinazione nel deserto - qualunque sia l’itine­
rosa delle foglie di alcune piante (wars e qinbil), rario immaginato - solo questa pianta si trova nel­
il bisso, lo strato ceroso sulle foglie di palma, il ta- la parte meridionale del Sinai: un indizio indiret­
rangubin persiano o la manna di alhagi, alla quale to che l’autore del racconto della manna vuole for­
lo storico accosta anche la manna che cade dal ta­ se fornirci, per far capire che egli colloca il Sinai
1 JI (IV,973 ) man (P. Maiberger) (iv.974 ) IJ*

tra i monti di quella regione. Ma a favore della raggiunta in inverni con poca pioggia, la produzione
manna di tamarisco c’è anche la precisa descrizio­ di manna può venire a mancare per anni e per que­
ne di Ex. 16,31, secondo la quale la manna è com­ sto è impossibile in zone (ad es. Qadesh) che stanno
posta di granelli bianchi, dolci come il miele, del­ continuamente sotto il livello minimo (contro H.
Gressmann, Mose und seine Zeit, FRLANT 18,
la grandezza di semi di coriandolo. Poiché questi
N.F. 1,19 13 ,13 7 ; A. de Guglielmo, CBQ 2 [1940] 12
frutti globulari sono bruno-giallognoli, il termine ed E. Auerbach, Moses, Amsterdam 1953, 94-96).
di paragone è solo la forma e non il colore, come L’identificazione della manna biblica con la man­
risulta anche da Num. 11,7. na (naturale) di tamarisco risale già a Flavio Giusep­
Gli studiosi arabi ritenevano la manna «una pe (Ant. 3,1,6).
sorta di rugiada»; anche secondo Num. 11,7 la
dolce manna cade con la rugiada dal cielo. La man­ iv. Il racconto della manna di Ex. 16 rientra tra
na del tamarisco della penisola del Sinai non è, di i più difficili e più controversi capitoli dell’A.T.
fatto, altro che una melata che anche in Europa dal punto di vista della critica letteraria. Si è con­
viene prodotta su determinate latifoglie (per es. cordi solo sulla sua mancanza di unità e di omo­
querce, tigli, salici, aceri, ciliegi e prugni) e su co­ geneità.
nifere (abeti, pini, larici), oltre che su altre piante,
soprattutto nel pieno dell’estate, da alcuni tipi di La sconcertante molteplicità delle opinioni può
essere ridotta, in larga misura, a tre posizioni fonda­
insetti (afidi, cocciniglie ecc.). Poiché queste linfe
mentali - con divergenze più o meno forti: 1. La teo­
vegetali sono poco nutrienti, gli insetti hanno bi­ ria dominante assegna la parte principale di Ex. 16 a
sogno, per ricoprire il loro fabbisogno alimenta­ P ma vi riscontra (soprattutto nei vv. 4+5.13-15.27­
re, di notevoli quantità di linfa che poi trasforma­ 31.35) frammenti di una tradizione proveniente da J
no in composti preziosi ed eliminano sotto forma (così, seguendo Wellhausen, G. von Rad, G.W.
di secrezioni zuccherine, la cosiddetta melata, che Coats, Rebellion in thè Wildemess, New York 1968,
si posa sui rami come migliaia di goccioline di 83-87; M. Noth, ATD 5, *1978, 103-109; N. Negret-
pioggia o gocce di rugiada oppure cade anche al ti, II settimo giorno, AnBibl 55, Roma 1973, 173­
suolo. Nella notte fresca o la mattina presto sono 224; B.S. Childs, The Book of Exodus, OTL, 1974,
271-304). - 2. Meno sostenitori conta l’opinione op­
ancora solide, ma col calore del sole si sciolgono
posta che la narrazione di fondo vada assegnata a J e
rapidamente per la loro facile fusibilità (cfr. Ex. sia stata ampliata da aggiunte redazionali, per la pre­
16,21), ricoprendo foglie e rami con uno strato cisione di P (soprattutto nei w . 1+2.6-133.32-36) (R.
sottile, come una vernice. A questa patina si rife­ Smend, Die Erzàhlung des Hexateuch, 1912, 148­
risce il significato base del nome mànlmann. Poi­ 151. 158; O. Eissfeldt, Hexateuch-Synopse, Leipzig
ché risulta difficile raccogliere questa manna che 1922, 37-39; W. Rudolph, Der Elohist von Exodus
aderisce all’albero, la mattina presto si raccolgo­ bis Josua, BZAW 68, 1938, 34-37. 275). - 3. Secondo
no le palline di manna ancora dure. A temperatu­ alcuni critici letterari J è invece del tutto fuori di­
re basse si cristallizzano nel giro di pochi giorni e scussione, mentre si tratterebbe solo di una narrazio­
ne di P con interventi redazionali più o meno forti
allo stato puro assumono un colore lattiginoso. (in parte dtr.) (E. Ruprecht, 1974). Per contro J.
Quando in Ex. 16 si parla da un lato di «uno stra­ Coppens (i960) e B.J. Malina (1968) vedono una di­
to sottile come squame» (v. 14) e dall’altro di «gra­ versa stratificazione.
nelli», non si tratta di una contraddizione. Il v. 14
descrive, spiegandola dal punto di vista etimolo­ Più recenti analisi di critica letteraria (Maiber­
gico, la caratteristica essenziale del nome man, ger, 1983) portano a concludere che la parte fon­
mentre il v. 31 descrive, spiegandolo dal punto di damentale di Ex. 16 risalga a un unico autore sa­
vista botanico, l’elemento caratteristico di una cerdotale e che dal suo racconto, più volte am­
determinata specie, cioè la manna di tamarisco. pliato, dipendano tutti gli altri passi che parlano
della manna. La narrazione soggiacente dovuta a
Nella penisola sinaitica la manna di tamarisco è P (Ex. 16,1-3.6+7.9-i4aba.i 5.21.31.353) appartie­
stata riscontrata solo in alcune valli dell’alto com­ ne al genere letterario delle «storie della mormo­
plesso montuoso meridionale e sulla costa sudocci­ razione» (cfr. Num. 14,1-38; 16,1-35; T7>6-28; 20,
dentale (presso at-Tùr). Questo fenomeno caratteri­ 1-13) e vuole mostrare che nel deserto sterile e
stico dipende da fattori climatici. Solo nel massiccio
centrale, infatti, si hanno sufficienti precipitazioni inospitale Dio ha procurato al suo popolo ribelle
(fino a 200 mm all’anno) che come vene perenni sot­ e privo di fiducia, contro ogni merito e ogni aspet­
terranee fanno arrivare la necessaria umidità anche tativa, il nutrimento. La grande distanza di tempo
ai tamerischi dei territori più aridi (la costa del golfo di P dagli eventi e anche la mancanza di tradizio­
di Suez). Se la quantità necessaria d’acqua non viene ni più antiche rendono ben difficile che si possa
I 5 3 (™>975 ) mànà (J. Conrad) ( rv,9 7 6 ) 1 5 4

fondare un’interpretazione storica e naturalistica misura dal suono simile, il hòmer, pari a dieci ’èfà,
del dono della manna su questa riflessione teolo­ per alludere a ’òmer «parola di Dio» (Ps. 68,12;
gica. Di certo con la manna (come con le quaglie, 77,9; cfr. anche Ps. 19,3 s.).
v. 13) l’autore si richiama a un fenomeno caratte­ L ’unità ampliata D (16,4+5.27-30) pone il do­
ristico della penisola del Sinai, ma lo sublima nel no della manna, che B aveva collegato al coman­
meraviglioso facendo sì che per 40 anni il popolo damento del sabato, sotto il tema della «tentazio­
sia provvisto ogni giorno di manna. ne», concretizzando con l’esempio della norma
sabbatica i termini astratti «tentazione» e «legi­
Poiché più tardi (v. 31) gli Israeliti danno a quel­ slazione» del racconto di Ex. 15,2 5^ 26 che la pre­
l’alimento a loro sconosciuto il nome di màn, sareb­
cede. La manna, che fin dal racconto base è chia­
be una contraddizione se essi già prima, in occasio­
ne del primo incontro si fossero serviti di questo no­ mata «pane» (v. 15), proviene già, in quanto «pa­
me esclamando màn hù’ (v. 15) e avessero detto: ne dal cielo» (v. 4), dalla sfera ultraterrena.
«Questa è màn(na)». Perciò questa traduzione, re­ Num. 11,6-9 è una glossa interpolata che dipen­
centemente riproposta da Schult (1972), è gramma­ de dal racconto base e dall’unità ampliata B (cu­
ticalmente plausibile ma resta sostanzialmente im­ cinare sul fuoco e nel forno), mentre Deut. 8,2­
possibile. Tuttavia è stata proposta molto spesso già 4.16, dove la manna ha il compito di ricordare la
secoli addietro. La traduzione oggi generalmente necessità vitale della parola di Dio al popolo pro­
corrente (che segue i LXX e la Vg.), «cne cos’è que­ vato dalla fame, si basa sulle unità ampliate C e
sto?», rende ragione più alla sostanza che alla gram­
D. Ios. 5,12 guarda indietro a Ex. 16,35. L ’espres­
matica, perché non esiste in ebraico né in nessun’al-
tra lingua semitica un pronome interrogativo imper­ sione «pane dal cielo» di Nehem. 9,15 e Ps. 105,
sonale màn. Si deve pertanto supporre che l’autore 40 si basa di nuovo sull’unità D, mentre in Nehem.
abbia trasformato la particella interrogativa ma «che 9,20 il contesto rimanda a Deut. 8,3+4. Parimenti
cosa?» in un pronome interrogativo màn (spiegato Ps. 78,23-25 ha ripreso l’idea dell’unità D, che in­
con il mah-hù’ che segue subito dopo) per alludere dirizza verso la trascendenza, idealizzando la
alla successiva imposizione del nome (la trasforma­ manna a «grano celeste» e a «pane dei forti o de­
zione potrebbe essere stata anche influenzata dal­ gli angeli».
l’omofono pronome interrogativo personale dell’ara- La manna viene chiamata «cibo angelico» an­
maico).
che nel libro della Sapienza (16,20). Divenuta
Al racconto base (unità A) si agganciò con «e quintessenza del buon sapore, la manna simbo­
avvenne il sesto giorno», che si ricollega al «mat­ leggia la dolcezza (YXuxuxYjTa, v. 21) di Dio ver­
tino dopo mattino» del v. 2 1, l’unità ampliata B so i suoi figli. Anche qui, come nell’unità amplia­
(i6,22aa.b.23-24aa.25-26) che lega al dono della ta C e in Deut. 8,3, la manna viene spiritualizzata
manna l’introduzione del sabato. A questo scopo come cibo dell’anima in quanto, essendo cibo
la manna viene ancora più spinta verso la sfera «adatto a nutrire tutti» e «adatto a ogni gusto» (v.
del meraviglioso, perché il sesto giorno ne cadde 25), ricorderà la parola di Dio dispensatrice di
una quantità doppia ma il sabato non ne cadde vita (v. 26). L ’affermazione che «i giusti di nutro­
affatto e, sebbene si fondesse al sole, potè essere no» di essa (v. 23), che va intesa su tale sfondo, e
cotta e infornata a piacimento, sostituendo così l’aggettivo «ambrosico» (19,21), che mette ancora
tutti gli altri alimenti. una volta in evidenza la celeste deliziosità della
manna, hanno probabilmente contribuito all’idea
L ’unità ampliata C (16,16-20.32-34) si ricollega tardo-giudaica della manna come nutrimento del
invece al sapore mieloso della manna (v. 31), mondo a venire (‘ólàm habbà*) (cfr. Apoc. 2,17).
scoprendo in essa un simbolo della parola di Dio
P. Maiberger
«dolce come il miele», che nutre l’anima (cfr. Ps.
19 ,11; 119,103; Ezech. 2,8; 3,1-3; Prov. 24,13 s.;
Ecclus 24,20) ed è disponibile a ciascuno in egual
«misura» (v. 18). Per richiamare l’attenzione sulla
parola di Dio viene conservato un lòmer di man­ PUÒmaria
T T
na davanti al documento ufficiale del patto (!) (v.
34). Probabilmente la misura di capacità *òmer, njlp m 'nàt, '30 m enì
un decimo di un ’èfà (v. 36), attestato solo in que­
sta unità e in nessun altro passo, dentro o fuori I.1. Etimologia, ricorrenze. - 2. Traduzione nei L X X . -
dell’A.T., è un nome carico di valore simbolico II. Il verbo mnh. - 1 . qal e nif. (p‘ ‘il). - 2. pi. (pa'e^epu.
che l’autore ha inventato ad hoc sul modello della - in. manà, menàt, m'nì.
155 (iv,97 ^) manà (J. Conrad) (iv, 977 ) 1 56

Bibl.: W. Borée, Die alten Ortsnamen Palàstinas, '1968. clus 40,29; n i f i iQSb 4,2 [cfr. D JD 1 125 s.], mnh
- O. Eissfeldt, Eine Einschmelzstelle am Tempel zu Je- [mdnd] Ecclus 26,3 [v. sotto, in]; 41,21; mnt [me-
rusalem = Kl. Schr. li, 1963, 107-109. - Id., Die Mene- ndt\ iQ S 10,8; 11Q T 22,io; per la letteratura
tekel-Imchrift und ihre Deutung = Kl. Schr. in, 1966, ebraica posteriore cfr. WTM ili 149 s. 154-156.
210-217. ~ J-A. Fitzmycr - D.J. Harrington, A Manual
157 s. 161 s.).
of Palestinian Aramaic Texts (BietOr 34, 1978). - H.
Gese - M. Hòfner - K. Rudolph, Die Religionen Altsy- Probabilmente deriva da mnh (Borée 41. 74) anche
riens, Altarabiens und der Mandàer (RdM 10,2, 1970). il toponimo timnà (Gen. 38,12: Ios. 15,10 ecc., an­
- E. Jenni, Das hebràische Pi'el, Zùrich 1968, - K. Rupp- che in nomi composti [/oj. 19,50; 24,30; Iud. 2,9]; cfr.
recht, Der Tempel von Jerusalem (BZAW 144, 1977). - timni[Iud. 15,6]). È incerto se lo stesso valga anche
T. Veijola, Die ewige Dynastie (AnAcScFen ser. B 193, per il NP jimnà (Gen. 46,17; Num. 26,44 tnel se‘
1975). - M. Wagner, Die lexikalischen und grammati- condo passo forse si deve leggere jimni, v. BHK,
kalischen Aramaismen (BZAW 96, 1966). - H.W. BHS]; t Chron. 7,3052 Chron. 31,14). Secondo KBL3
Wolff, Studien zum Jonabuch, '1975. 397 si tratta di un nome teoforo (che [Dio] gli asse­
1.1. La radice mnwfj con il significato base di gni / Egli gli assegnò [mnh pi.]), per Noth (IPN 224)
di un derivato da jmn (‘[figlio della] fortuna’, -» jmjn
‘contare’ e semitica comune (v. K B L } 567; P. [jàmin]).
Fronzaroli, A A N L R 20 [1965] 260. 266. 269;
manca in etiopico). Numerose attestazioni si tro­ 2. mnh qal (anche aram.) e nif. vengono tra­
vano in accadico (manù ‘contare, calcolare’, an­ dotti nei L X X prevalentemente con àpi-3 p.éaj (ver­
che ‘recitare [una formula magica, uno scongiu­ bi diversi in 1 Reg. 20,25; I5• 53>12 [^°Y ^<0> cfr>
ro]’ [CAD M/i 221-227; AH w 603 s.]; inoltre di­ ?.oyicr(JLÓ;, Ecclus 40,29]; 65,12; Dan. 5,26 Teod., il
versi derivati, tra cui minu ‘numero’). A ll’interno p e'il in Dan. 5,25 non ha un corrispondente nei
del semitico nordoccidentale il gruppo lessicale è L X X [v. sotto, Ii.i]). Per il pi. (pa'el) e il pu. i
rappresentato soprattutto in aramaico (mnj ‘con­ L X X hanno xa-5ic7TT)(j.i o un composto di Tctaatu
tare’ [basti cfr. DISO 159; Lex. Syr.1 394; WTM (Siaxàaaci), èxTajcjaj, 7rpoCTtàcrcra)); (altri verbi in
111 156 s.; MdD 2743; per i testi aramaici di Qum­ Iob 7,3; Dan. 1,5 L X X ; 1,11 LXX). Per i nomi
ran e del deserto di Giuda v. Fitzmyer-Harring- mdnà e mendt si ha sempre pepi<;. Il nome divino
ton 328]; i derivati più importanti sono mnh/mnt meni viene reso con
‘parte, porzione’ e mnjn ‘numero’). Anche in ara­
maico biblico è relativamente ben attestata (6 vol­ 11.1. Per tutte le forme qal e nif. (anche pe. del-
te il verbo mnh, di cui 1 volta il qal e i volta il p e- l’aram. biblico) si deve presupporre il significato
‘il [Dan. 5,25, v. sotto, 11.1], 4 volte il pa'el; 1 vol­ base ‘contare’. Non si tratta però di un contare
ta minjdn). Negli altri ambiti del semitico nord­ per contare, ma di un contare in vista di un fine,
occidentale la radice è attestata molto meno. In nel senso di ‘fare i conti, disporre’. Si conta dun­
ugaritico si trova solo sporadicamente il nome que l’argento che entra in cassa per poter poi es­
mnt ‘conteggio, parte’ (WUS n. 1600; U T n. 1502). sere sborsato per la paga degli operai e artigiani
Anche in ebraico biblico si ha solo un numero (2 Reg. 12 ,11 s.; per il sistema di conteggio cfr.
limitato di ricorrenze (cfr. per contro spr, sotto, Eissfeldt, Kl. Schr. n 107-109); il pastore conta i
11.1). Il verbo è attestato 28 volte (12 al qal, 6 al capi del gregge per controllare la consistenza del
nif., 8 al pi. [senza Ps. 61,8: mn è un errore testua­ suo gregge (Ier. 33,13). Il re degli Aramei deve
le o non deriva da mnh, cfr. BHS, K B L 3 565. 567], «contare» un nuovo esercito per poter disporre
1 voltapu.). I derivati sono mdnà (12 volte) e me- di nuovo di uno strumento potente per combat­
nat (9 volte, più la cong. in Nehem. 13,5 [invece tere contro Israele (/ Reg. 20,25). David esegue
di mswt, cfr. BHS, HAT 1/20, 204]) e il nome di­ un censimento per sapere esattamente di quanti
vino menì (hap. leg., inoltre si ha 2 volte *móneh uomini atti alle armi può disporre (2 Sam. 24,1; 1
nel senso di volta’). Poiché tali attestazioni pro­ Chron. 2 1,1; cfr. 2 Sam. 24,9; v. anche sotto). Il
vengono prevalentemente dall’età postesilica, si servo di Dio fu «annoverato» tra i póse'im (-»
deve tener conto anche dell’influenza aramaica ps') e quindi abbandonato alla morte (Is. 53,12).
(mendt dovrebbe comunque essere un prestito Viceversa l’innumerabilità implica che ogni con­
aramaico [Wagner 78 s.]; anche il pi. di mnh, le teggio e ogni potere discrezionale sono esclusi.
cui attestazioni sono tutte tarde, potrebbe essere Dove non c’è niente di esistente, di presente non
una forma imitata dal pa'el aramaico [Wagner 78 si può contare e quindi non si può disporre di nul­
s.]). Il gruppo lessicale è presente solo sporadica­ la (Eccl. 1,15), e lo stesso vale per cifre inconcepi­
mente nelle parti in ebraico conservate del Siraci­ bilmente alte. Così Israele può essere caratteriz­
de e nei testi in ebraico di Qumran (mnh qal, Ec­ zato come popolo grandemente numeroso per far
157 (rv,97 8) mànà (J. Con rad) (iv , 979 ) 158

capire che è inattaccabile dall’esterno (Num. 23, mamente da David (2 Sam. 24; 1 Chron. 21; per il
10), o che un re inesperto non è in grado di go­ censimento v. sopra) è considerato una grave col­
vernarlo (/ Reg. 3,8). Talora nelle promesse di una pa che comporta una pena proporzionata (j Sam.
discendenza fatte ai patriarchi si sottolinea l’ in­ 24,1; 1 Chron. 2 1,1.17 ; 27>24> cfr.-2 Sam. 24,10; 1
numerabilità dei discendenti e a tal proposito il Chron. 21,3; -» dbr [deber]). La colpa dovrebbe
verbo mnh compare 2 volte in Gen. 13,16 (qal e consistere proprio nella possibilità data dal censi­
nif.). Anche in questo caso si vuole esprimere con mento di sottoporre a un illecito controllo uma­
i numeri che le generazioni future, cioè gli Israe­ no l’attività di Dio in Israele (per quest’idea dif­
liti, acquisteranno un’importanza non trascurabi­ fusa anche fuori di Israele -» pqd; cfr. anche THAT
le e che nessuna forza al mondo li potrà mai met­ 11 472 s.; G. André, Delermining thè Destiny [CB
tere in discussione. Quando, infine, in occasione OTS 16, 1980]. Il cap. di 2 Sam. 24, dal quale di­
della consacrazione del tempio si menzionano le pende 1 Chron. 21, non è tuttavia omogeneo. Il v.
innumerevoli vittime destinate ai sacrifici (1 Reg. 1 potrebbe derivare da un intervento più recente,
8,5; 2 Chron. 5,6; cfr. 1 Reg. 8,62-64), con questo che interpreta teologicamente [Veijola 108-117;
dato si vuole far capire chiaramente che si tratta Rupprecht 6] il testo originario del censimento
di un evento le cui dimensioni sfuggono alla nor­ [w . 2.4^9]. Ma se mnh compare proprio nel ver­
male immaginazione e al controllo dell’uomo. setto redazionale [mentre nel testo originario si
Limitazioni di questo tipo non esistono per usa pqd], è allora decisamente palese che con que­
Jhwh. Quando egli compare come soggetto di for­ sto verbo è strettamente collegata l’idea del con­
me di mnh si vuole esprimere la sua illimitata so­ teggio e del controllo. Probabilmente il v. 10, nel
vranità. Jhwh decide circa il numero delle stelle e quale si usa spr, è opera di un’altra mano ancora
dà a ciascuna un nome (Ps. 147,4), cioè esercita su [Veijola, ibid.; per spr v. più avanti]). D ’altra par­
di loro il suo potere discrezionale (-» q r’ [qàrà'], te Jhwh può indurre a un esame di sé che va oltre
-» sm [sém]). Egli «conta» gli apostati per la spa­ le capacità umane: secondo Ps. 90 (postesilico) egli
da, abbandonandoli così allo sterminio (Is. 65,12, può insegnare a coloro che confidano in lui a
-» hrb [hereb]). Egli ha «contato» il regno di Bal- «contare» i propri giorni (v. I2a), cioè a fare cru­
dassar (Dan. 5,26), cioè l’ha defalcato, come si fa damente il conto della propria vita, con la sua nul­
con una somma di denaro, e ora tira le somme. lità e la sua caducità (vv. 9 -11), per diventare ve­
Anche Dan. 5,25b va probabilmente interpretato ramente saggio (v. i2b). Qui sono riprese e riela­
come un conteggio. Il primo menè’ (nei L X X borate idee sapienziali (-» hkm [hàkam] v). Fare i
[Teod.] omesso secondariamente, cfr. anche il rie­ conti nudi e crudi è il presupposto di una sapien­
pilogo prima di 5,1 LXX) dovrebbe essere un ptc. za conforme a Dio, che a sua volta sfocia nella
p e‘il e precede i tre valori successivi, di peso o fiducia nella misericordia e nell’aiuto di Jhwh (vv.
monetari, «come una sorta di annotazione di con­ 1.13-17)-
trollo o di certificazione, nel senso di ‘contato’»
In ebraico il qal e il nif. di mnh sono in larga misu­
(Eissfeldt, Kl. Schr. ni 213 s.; il soggetto logico
ra sinonimi con i gradi corrispondenti di spr (-» spr).
del ptc. è di nuovo Jhwh. È tuttavia dubbio se il I due verbi possono quindi apparire anche consecu­
v. 25b si riferisca al solo Baldassar; in origine si tivamente come sinonimi (/ Reg. 3,8; 8,5; cfr. anche
tratta forse di un enunciato circa il decrescente 1 Sam. 24,1.10 [v. sopra]). Tuttavia spr ha un nume­
valore dei re babilonesi, che nel contesto attuale ro di ricorrenze al qal decisamente superiore. Da spr
ha assunto un nuovo significato soprattutto me­ deriva anche il sost. ‘numero’ (mispàr, cfr. per con­
diante i w . 26-28; cfr. Eissfeldt, op. cit. 210-217 e tro Param. minjdn), Punico che in ebraico sia di uso
i commentari). Anche le affermazioni considerate corrente; abbiamo in questo probabilmente un’influ­
precedentemente circa la grandezza incommensu­ enza cananaica (cfr. in ug. spr [WUS n. 1947; UT n.
1793], in fen.-pun. mspr [D 1SO 161]). - In Ecclus 40,
rabile di Israele (Gen. 13,16; Num. 23,10; 1 Reg.
29mnh qal ha un significato paragonabile al verbo
3,8) servono, in fondo, a dimostrare l’illimitata so­ hsb (‘considerare’ -) hsb [hdsab]).
vranità di Jhwh: infatti tutti quei passi presuppon­
gono che questo popolo sia opera sua e che egli 2. Il pi. o pa'el di mnh significa ‘assegnare, in­
non perda il controllo su di esso. Il che significa caricare, insediare in una carica’ (risultativo, cfr.
che il suo potere discrezionale supera le possibili­ Jenni 213). Di conseguenza il ptc. pu. (/ Chron.
tà umane di calcolo e di decisione. 9,29) significa ‘incaricato, insediato’. Di tutte le
A dire il vero c’è l’eventualità di un’appropria­ attestazioni di pi. o pa'el è caratteristico che sem­
zione indebita da parte dell’uomo del potere di­ pre esprimano il potere decisionale di una massi­
screzionale divino. Il censimento deciso autono­ ma autorità. Nei testi biblici in aramaico e in Dan.
159 (Iv»9 ^°) m'nòrà (C. Meyers) ( iv ,9 8 i ) 16 0

i si tratta del potere decisionale delPimperatore candole al destino individuale (-» gwrl [góràl]; -»
babilonese o persiano, la massima autorità umana hbl 1; nhlh [nahàlà], e inoltre anche l’idea del ca­
(Dan. 1,5.10; 2,24.49; 3>I2)> oppure di un potere lice, -» kws [&<5s]): l’annientamento è il destino as­
o di un’autorità che ne discende (Dan. 1 ,1 1 [di­ segnato agli empi (partecipazione al calice, kós, Ps.
versamente i LXX]; Esdr. 7,25). I restanti passi si 11,6), mentre la lussuriosa Gerusalemme dovrà pa­
riferiscono al potere decisionale di Jhwh, che su­ tire il destino di una profanazione vergognosa (Ier.
pera ogni possibilità e comprensione umana. Se­ 13,25; menàt middajik va probabilmente tradotto
condo il libro di Giona Jhwh può affidare incari­ «la parte della tua misura» = «la parte che ti è sta­
chi alle forze della natura come se fossero funzio­ ta assegnata» [la lezione dei L X X dovrebbe esse­
nari al suo servizio (lon. 2,1; 4,6-8). La sua sovra­ re secondaria; cfr. BH K , BHS]; in parallelo c’è qui
nità viene efficacemente sottolineata dal quadru­ góràl). Il medesimo significato traslato sta proba­
plice uso della forma waj'man (cfr. Wolff 38). bilmente alla base del nome divino meni attestato
Anche in lob 7,3 è Jhwh il soggetto logico, come in Is. 65,11. Si tratta di un dio del destino o della
mostra il seguito del capitolo (cfr. vv. 12 ss.). Per fortuna (i L X X lo hanno tradotto conformemen­
Giobbe è quindi Jhwh che assegna all’uomo il suo te con tu'/t]), che evidentemente fa coppia con l’al­
destino e in questo modo lo conduce, per vie in­ tro dio menzionato nel passo, Gad (per questa di­
comprensibili, nelle difficoltà e nella miseria. Pro­ vinità e per gli dei del destino in generale -> gd
babilmente va inteso in questo senso anche il no­ [gàd] ni. 1). Probabilmente il dio mem va collega­
me proprio jimnà (v. sopra, 1.1). Per Ps. 61,8 v. so­ to con la divinità del destino manàt, ampiamente
pra, 1.1. diffusa in età preislamica in ambito arabo e atte­
stata anche per i Nabatei (mnwtw) (v. K B L } 569;
in. I sost. mànà e menàt caratterizzano una de­ cfr. anche Gese-Hòfner-Rudolph 205. 361 s. 370.
terminata parte o porzione, che viene assegnata o 3 77)’
spetta a una persona o a un gruppo (in Ps. 63,11
In Ecclus 26,3 anche mnh (mànà) ricorre in senso
anche agli animali). In senso non traslato si trat­ traslato (la lezione attestata nel Talmud, mtnh [cfr.
ta sempre di prodotti naturali, e in quest’uso en­ R. Smend, Die Weisheit des Jesus Sirach, testo ebr.
trambi i sostantivi sono prevalentemente riferiti con trad. tedesca, 1906, 44] dovrebbe essere secon­
alla sfera cultuale. Nei testi di P mànà denota la daria, v. Tarbiz 29 [1960J 133; cfr. anche (Ji£pi'<; nei
parte del sacrificio (cruento) che spetta ai sacer­ LXX [v. sopra, 1.2]). - In 2 Chron. 31,3 menàt indi­
doti (Ex. 29,26; Lev. 7,33 [per la differenza del ter­ ca non la parte ricevuta ma quella data (contributo
mine rispetto a hóq e t'rùmà in Lev. 7,33 cfr. R. del re ai sacrifici pubblici). Ncll’A.T. quest’uso com­
Hentschke, Satzung und Setzender, BW ANT 83, pare soltanto qui, ma si trova tuttavia anche in iQS
1963, 34 s.]; 8,29; 11Q T 22,10); nei testi del C ro­ 10,8 («contributo delle mie labbra», inteso come of­
ferta sacrificale; cfr. trwmt sptjm in 10,6) e nella let­
nista m'nàt indica la percentuale delle tasse per il teratura giudaica più tarda (cfr. WTM 111 161 [aram.
tempio che spetta a sacerdoti e leviti (Nehem. 12, 162]. Non è pertanto necessario modificare il testo.
44.47; 13,1052 Chron. 31,4\Nehem. 13,5 cong. [v.
sopra, 1.1]; anche mànà in 2 Chron. 31,19). In due J. Conrad
testi più antichi mànà è la porzione che spetta ai
partecipanti al banchetto sacrificale (1 Sam. 1,4 s.;
9,23). Anche l’uso di inviare porzioni di cibo in
occasione di una grande festa a persone che non
rniJD menòrà
T S

vi partecipano, un gesto con evidenti finalità cari­


tative, si è probabilmente sviluppato dall’idea del­ 1. Significato, ricorrenze. -11. Usi nel culto. - 1. Il taber­
nacolo. - a) Struttura. —b) Simbolismo. - 2. Il tempio di
la partecipazione al pasto sacro (mànà in Nehem.
Salomone. - 3. Il secondo tempio. - 4. 1 LXX, Qumran.
8,10.12; Esth. 9,19.22 [festa dei Purim]; rientra
forse in questo contesto anche Ecclus 4i,2ib). Un Bibl. P.R. Ackroyd, The Tempie Vessels a Continuily
impiego puramente profano si ha solo in Esth. 2,9 Theme (VTS 23, 1972, 166-181). - R.J. Clifford, The
(mànà) e Ps. 63,11 (menàt). In senso traslato me- Cosmic Mountain in Canaan and thè O.T. (Harvard
nàt indica la parte o porzione di vita, cioè il desti­ Semitic Monographs 4, Cambridge 1972). - F.M. Cross,
The Priestly Tabernacle: BA 10 (1947) 45-68. - M.
no assegnato da Jhwh a un individuo o a una col­
Gòrg, Zur Dekoration des Leucbters: BN 15 (1981) 21­
lettività. Secondo Ps. 16,5 s. Jhwh stesso è la parte 29. —E.R. Goodenough, Jewish Symbols in thè Greco-
di proprietà, cioè il fondamento vitale dell’indivi­ Roman Period, 13 voli., New York 1953-68. - M.
duo (-» hlq [hàlaq] 11). Qui vengono riprese idee Haran, The Complex of Ritual Acts Performed inside
relative soprattutto a proprietà fondiarie, appli­ The Tabernacle: Scripta Hierosolymitana 8 (1961) 272-
161 (r/,982) m'nórà (C. Meyers) (^,982) 162

302. - Id., The Divine Presence in thè Israelite Cult (Ex. 30,27; 31,8; 35,14; 39,37; 40,4.24; Lev. 24,4;
and thè Cultic Institutions: Bibl 50 (1959) 251-26 7. -Num. 3,31; 4,9; 8,2.3.4). Il candelabro del tempio
ld„ The Nature of thè «’OHEL MO'EDH» in Pen- di Salomone viene menzionato 12 volte: nella bre­
tateuchal Sources: JSS 5 (i960) 50-65. - Z. Ilan, Jewish
ve descrizione di 1 Reg. 7,49, poi in 1 Chron. 28,
Menorot from thè Golan: Qadmoniot 13 (1980) 1 1 7 ­
119 . - C . Meyers, The Tabemacle Menorah, Missoula,
15; 2 Chron. 4,7.20; 13 ,11 e nella descrizione in
Montana 1975. - Id., Was There a Seven-Branched Geremia del saccheggio babilonese del tempio di
Lampstand in Solomon’s Tempie?: B A R 5/5 (1979) 46­ Gerusalemme (Ier. 52,19). In una visione di Zac­
caria si parla di un candelabro. Forse si conserva
57. - A . de Nicola, Im lucerna cultuale in Israele’. BietOr
14 (1972) 79-91. - J. Nougayrol, Cylindres-sceaux et qui il ricordo degli oggetti artistici del primo tem­
empreintes de cylindres trouvés en Palestine, Paris 1939.
pio, giacché questa visione (Zach. 4) va datata pri­
- R. North, Zechariah’s Seven-Spout Lampstand. Bibl ma della ricostruzione del tempio postesilico. So­
51 (1970) 183-206. - N. Perrot, Les représentations de lo una volta si menziona un candelabro in un con­
l'arbre sacre sur les monuments de Mésopotamie et testo estraneo al culto: nella camera da letto pre­
d'Elam (Babylonica 17, Paris 1937). - L .Y . Rahmani,
Depictions of Menorot on Ossuaries: Qadmoniot 13 parata a Sunem per Eliseo c’era una lucerna (2
Reg. 4,10). Ritrovamenti archeologici di candela­
(1980) 1 1 4 - 1 x 7 . - R.H . Smith, The Household Lamps
bri o lucerne in case private sono rari (cfr. Smith
of Palestine in O.T. Times:HA 27(19 6 4 ) 1 - 3 1 . - V . Suss-
mann, Astragal Menorah on Clay Lamps: Qadmoniot 23), ma il particolare che la donna che ospitava
13 (1980) 119 - 12 1. - L .E . Toombs, «Lampstand» (IDBEliseo fosse «ricca» potrebbe spiegare la presenza
ili, 1962, 64-66). - L .H . Vincent, La peinture cérami-
di questo specifico oggetto di arredamento. Que­
que Palestinienne: Syr 5 (1924) 8 1-10 7 . - L. Yarden, The
sto candelabro è l’unico di cui non si dica esplici­
Tree of Light. A Study of thè Menorah, Uppsala 1972. tamente che fosse di metallo (oro o argento). Po­
trebbe quindi essere stato di ceramica, come ri­
I. Il termine menórà viene tradotto, nella mag­ sulta da alcuni reperti archeologici, o di legno.
gior parte dei casi, con ‘candelabro*. menòrà è una
forma nominale della diffusa radice njr (nwr), da ii.i. La meticolosa descrizione della fattura del­
cui è derivato parimenti il nome nér ‘lampada, lu­ la mcnòrà nei testi di Esodo fu considerata a lun­
cerna’ . Probabilmente la radice ebraica significa in go una sorta di proiezione all’indietro, ai primor­
origine ‘illuminare’, cfr. ug. njr ‘ illuminare’ (WUS di di Israele, della situazione del culto all’epoca
n. 1850) e acc. nùru ‘luce’ (AHw 805); con en­ del secondo tempio. Gli studi condotti dopo la
trambi i termini sono associate idee riguardanti il seconda guerra mondiale (ad es. da Cross) hanno
cielo o fonti luminose. Termini affini in arabo e in ora dimostrato la notevole antichità di molte tra­
aramaico hanno significati simili. Poiché con il dizioni sacerdotali legate al tabernacolo, anche se
preformativo m- vengono formati sostantivi che si si deve ammettere che l’ultima stesura scritta cer­
riferiscono al luogo o allo strumento dell’azione tamente non avvenne prima dell’esilio. Una minu­
espressa dal verbo, menòrà è un termine generico ziosa analisi filologica, archeologica e di storia del­
per indicare il supporto o la base di una lampada, l’arte della descrizione particolareggiata del can­
di un oggetto che «fa luce». delabro del tabernacolo consente una datazione
L ’unico sinonimo è nebrastà’ (Dan. 5,5). Que­ verso la fine della tarda età del bronzo o di poco
sto termine corrisponde al mishnico nibreset, la posteriore, cioè entro i limiti dell’età mosaica (cfr.
cui origine è ignota; forse deriva da una radice Meyers, Tabemacle Menorah 182 ss. ecc.). Gli
persiana col significato di ‘splendere, illuminare’ aspetti tecnici e artistici della fabbricazione si
(F. Rosenthal, A Grammar o f Biblical Aramaic, trovano anche nell’area delle civiltà storiche del
1969, § 190). Vicino Oriente e dell’Egeo (egiziana, siro-palesti-
Nella Bibbia ebraica menòrà s’incontra 41 vol­ nese, minoica e micenea) della tarda seconda età
te, prevalentemente in P (26 volte). Nel documen­ del bronzo. Tutto ciò è importante per valutare il
to sacerdotale con rrfnórà s’intende l’unico can­ contenuto simbolico del candelabro del taberna­
delabro d’oro del tabernacolo (-» mskn [miskàn]), colo.
fabbricato sotto la guida di Mosè durante la pere­ a) In alcuni testi P (per es. Ex. 26,35; 40>4*24;
grinazione nel deserto. Particolari circa la fattura Num. 8,2-3) il termine menòrà si riferisce all’in­
della menòrà si trovano nella sezione con le istru­ tero oggetto a più bracci - tre bracci tubolari da
zioni (Ex. 25,31-40) e in quella descrittiva dell’ese­ ogni lato del fusto centrale - mentre in altri passi
cuzione dei lavori (Ex. $7,17-24) del testo relati­ (Ex. 25,31-35; 37,17-21) s’intende solo la parte
vo al tabernacolo. Si hanno inoltre riferimenti a centrale, che forma il piede per la lampada, o le
questo candelabro dispersi in altre pericopi di P lampade. Quanto alle sette lampade, esse non so­
163 (tv , 983) m'nòrà (C. Meyers) ( 17, 984) 164

no parte del candelabro e non è neanche specifi­ in Egitto nell’arte della xvni dinastia. Si manife­
cato esplicitamente a quale punto del lucerniere si sta qui uno sviluppo della tarda età del bronzo che
trovassero. Non è detto che si trovassero alla fine si può osservare anche su lucerne e lucernieri raf­
di ogni braccio, anche se questa è l’opinione che figurati sulle pitture murali, su sigilli o sui sup­
s’incontra già nelle prime fonti extrabibliche, ma porti cilindrici della fine della tarda età del bron­
comunque non nell’A.T. È molto probabile che zo, venuti alla luce durante scavi archeologici in
le lampade si trovassero tutte sullo stelo centrale, Palestina. Il qdneh botanico rimanda anch’esso
come forse potrebbe confermare Lev. 24,4 quan­ all’Egitto: è un termine generico per ‘canna, giun­
do afferma che le lampade vengono disposte «so­ co’ e indica di solito la «canna di Persia» (arundo
pra» (‘al) la menórà. Una disposizione simile sem­ donax), particolarmente diffusa sulle rive e nel
bra quella indicata dalla formulazione di Num. 8, delta del Nilo. Analogamente, nell’A.T. qdneh si
2.3 (’el-m ùlpenè hamm'nórà), che dice dove deb­ incontra quasi sempre in contesti che hanno che
ba cadere la luce delle lampade. Mediante l’uso di fare con l’Egitto, oppure è usato come simbolo
mul ‘davanti’ o ‘di fronte’, insieme con p enè, que­ dell’Egitto stesso (cfr. Is. 36,6 = 2 Reg. 18,21).
st’ultimo termine assume il valore di specificazio­ È notevolmente più difficile stabilire che cosa
ne architettonica di una parte dell’intero candela­ fossero i gebi'im (coppe o ciotole) del candelabro.
bro, cioè la sua «facciata» o «fronte», ovvero la Riferendosi alla menòrd il termine denota forse
parte centrale del fusto, quella che sostiene le fon­ una rara lucerna cultuale a doppio guscio compo­
ti di luce, e non, come si traduce spesso, «il lato sta di una coppa di ceramica esterna che contiene
anteriore» o «sul davanti». una seconda coppa più piccola (cfr. Smith 14-17;
In due casi (Ex. 27,20; Lev. 24,2 s. e forse an­ B R L 22). Questa lampada palestinese a guscio del­
che in Ex. 25,37) il testo parla di una sola lampa­ la tarda età del bronzo o della prima età del ferro,
da che arde e illumina. Entrambi i passi sono cor­ ritrovata negli scavi, ebbe precursori in Egitto e
relati al ’òhel mó'èd, rappresentano quindi una nell’area dell'Egeo. Deriva forse dalla tradizione
fusione della tradizione della tenda sacra con la della tenda sacra, che prevede una sola lampada
tradizione del santuario di P (cfr. Haran). ma che poi si sarebbe fusa con la tradizione più
Il fusto centrale, ossia il vero candelabro por- tarda di sette lucerne separate. In alternativa, si
talampade, è composto da jdrèk w eqdneh. Questa sarebbe potuto trattare di una coppa di larghe di­
coppia è un’endiadi e indica uno stelo che serve mensioni nella quale erano inserite le diverse lu­
da supporto, con la parte inferiore allargata così cerne, un equivalente della gulld di Zaccaria. Il ter­
da garantire stabilità e restare dritto senza biso­ mine ebraico gullà è affine dcll’acc. gullatu, men­
gno di altri sostegni. Simili portalampade usati nel tre gèbi'à è forse un prestito egiziano.
culto sono noti grazie ai reperti archeologici del­ Materiale e fattura del candelabro del santuario
l’Oriente antico (cfr. Meyers, Tabernacle Meno- (cfr. le espressioni «oro puro», Ex. 25,31.38; 37,
rah, cap. in e taw. 1-19). Questi supporti consi­ 17.22; e «lavoro fatto di un solo pezzo / tutto di
stono di un fusto cilindrico con il piede di diame­ un pezzo solo», Ex. 25,36; 37,22) denotano anti­
tro maggiore della testa e sono fatti di metallo, che tradizioni metallurgiche. La prima espressio­
pietra o terracotta. ne, zdhdb tdhòr, che si distingue dagli altri termi­
Le denominazioni dei bracci del candelabro c ni per «oro» usati nell’A.T., riflette una tradizio­
delle decorazioni provengono da un antico voca­ ne orafa legata a tecniche egiziane. La seconda,
bolario architettonico, certamente già arcaico al kulld... ’ahat «di un solo pezzo», sembra riferirsi
tempo dei L X X e delle altre versioni antiche, che all’impiego di lamina o foglia d’oro, e implicare
non capirono più le sfumature tecniche e nel tra­ che per la fabbricazione del candelabro si fosse
durre si fecero influenzare da un candelabro del usato un modello di legno, miqsà è un termine
secondo tempio piuttosto diverso. Forse la parti­ oscuro. La radice indica uno strofinio o un movi­
colarità più notevole di questa terminologia (qd- mento in avanti e indietro, un significato che po­
nehyperah, kaftòr, mesuqqàdìm) è che essa indica trebbe andare bene per indicare lo strofinamento
l’ingresso di motivi botanici nell’architettura (cfr. con cui si applica una foglia d’oro su un’anima di
l’arte egiziana). legno.
Anche kaftòr ùferah formano un’endiadi che b) Lo scopo funzionale della mcnòrà veniva
denota un «capitello con motivi floreali» inserito svolto dal sostegno centrale. Quindi gli altri sei
tre volte nei bracci e quattro nel fusto centrale. La bracci e gli artistici capitelli floreali influenzati
ripetizione come motivo artistico comunica l’idea dalla botanica non hanno una funzione propria.
di continuità e durata, e trova ampia espressione L ’aspetto del candelabro intero con le tre coppie
16j (rv, 985) menórà (C. Meyers) (iv ,986) 166

di bracci e uno stelo centrale è identico, per for­ significato simbolico della costante accessibilità
ma, a un tipo frequentemente documentato nel­ della presenza e della potenza divina nel santua­
l’iconografia del Vicino Oriente antico. Questo rio mobile (cfr. Haran, Divine Presence). Secon­
esemplare è la raffigurazione stilizzata di un albe­ do P la menòrà era oggetto delle quotidiane atten­
ro, e simboleggia quindi la fertilità della natura e/o zioni dei sacerdoti, con un insieme di riti che ri­
la conservazione della vita. La versione vicino­ entra nella concezione vicino-orientale del servi­
orientale di questo modello, che fornisce il paral­ zio del tempio come manifestazione di premura
lelo più prossimo del candelabro a bracci del li­ per una divinità (cfr. Haran, Complex...).
bro dell’Esodo, è testimoniata per la tarda età del 2 . 1 dieci candelabri nel tempio di Salomone,
bronzo nei paesi del Mediterraneo orientale. Pro­ sistemati cinque sul lato nord e cinque sul lato
prio in Palestina, esattamente in questo periodo, sud davanti al santissimo, sono descritti breve­
riproduzioni dell’albero stilizzato compaiono nel­ mente in 1 Reg. 7,49 // 2 Chron. 4,7. Non si parla
la glittica e su suppellettili di terracotta dipinte di bracci ma solo di un «fiore». Sulla base di te­
che, da un lato, non hanno precedenti nella civiltà stimonianze archeologiche deH’inizio della secon­
autoctona e, dall’altro, non vanno oltre l’inizio da età del ferro, ciò starebbe a significare che si
della successiva età del ferro. impiegavano supporti cilindrici (dello stesso ge­
La maggior parte di tutti i sigilli palestinesi è del nere del fusto centrale del candelabro del santua­
tipo mitannico e s’incontra nella seconda tarda età rio) forniti di uno o più capitelli floreali. Le lam­
del bronzo: il motivo raffigurato più di frequente pade poste su questi dieci supporti avevano pro­
è il «candelabro a sette bracci» (cioè sei + l’asse babilmente ciascuna sette becchi, come quelle che
centrale), che spesso è messo in cima a una mon­ sono state trovate in Palestina negli scavi di siti
tagna stilizzata (cfr. Nougayrol) oppure su un sup­ legati al culto dell’età del ferro (cfr. North 183­
porto. Sempre nella tarda età del bronzo 11 s’in­ 206; Meyers, B A R 5). Se si può considerare la vi­
contrano oggetti di terracotta con raffigurazioni sione di Zaccaria una testimonianza del primo
primitive dell’albero stilizzato (cfr. Vincent). tempio, essa documenta la presenza di questo ge­
Questo «candeliere a sette bracci» (sei bracci + nere di supporti con lucerne a più stoppini. Tut­
fusto) era un simbolo efficace della potenza ferti­ tavia i candelieri fabbricati sotto Salomone da ar­
lizzante e vivificante di varie divinità (cfr. Parrot, tigiani di Tiro usando zàhàb sàgiìr non dovreb­
passim e Meyers, Tabernacle Menorah, cap. rv). bero esser sopravvissuti alla conquista babilonese
Questo tipo di oggetto con i suoi particolari bo­ di Gerusalemme (587 a.C.). In ogni caso il valore
tanici adotta dunque un simbolo pregnante per simbolico dell’unica m'nòrà ramificata a forma di
dare l’idea della presenza di Dio nell’ambito, pri­ albero del tabernacolo fu oscurato dal valore fun­
vo di immagini, del tempio di Jhwh. L ’aspetto zionale (cioè di mezzo d’illuminazione) dei por-
esteriore della menórà può essere chiaramente talampade senza bracci del tempio di Salomone.
messo in rapporto con il simbolo dell’ albero (fer­ Non è neppure esclusa una concorrenza tra il
tilità e vita), ma non ci si può aspettare che nel­ simbolismo della menòrà e quello dei due pilastri
l’Israele antico questo valore simbolico fosse pre­ del tempio, Jakin e Boaz, se questi avessero avuto
sente, perché la migrazione di un simbolo da una effettivamente la funzione di candelabri o lucer­
civiltà a un’altra solo raramente si porta appresso nieri (W.F. Albright; cfr. tuttavia 1 Reg. 7,41 ss. e
i relativi significati e miti (per una discussione ge­ M. Noth, BK ix/i 154). Il tempio di Gerusalem­
nerale sui simboli cfr. Goodenough iv 25-62 e xn me aveva il proprio simbolismo cosmico all’inter­
64-77). Un’indagine circa i motivi tematici legati no di Israele, e manteneva anche un suo simboli­
all’albero nell’Israele antico (cfr. Meyers, Taber­ smo dell’albero nelle sculture in legno di cedro (/
nacle Menorah 133-156) dimostra che i temi della Reg. 6,15.18.29), nei battenti delle porte in legno
fertilità e dell'immortalità sono ora sostituiti in di cipresso (1 Reg. 6,34.35)e forse anche in un bo­
larga misura da altre concezioni: l’albero demito- schetto (cfr. Ps. 52,10), in aggiunta al candelabro
logizzato denota uno hieros topos, paragonabile a bracci.
al centro sacro come luogo d’incontro tra dio e 3. L ’A.T. non contiene indizi circa l’esistenza
uomo. Proprio nell’ambito di un santuario porta­ di un candelabro nel tempio postesilico, con l’ec­
tile, la cui stabile collocazione su un monte è cezione, forse, della visione di Zaccaria che è tut­
esclusa (cfr. Clifford), esso raffigura il centro co­ tavia precedente al restauro del tempio. Questa
smico come luogo d’incontro tra Dio e uomo. visione di un unico candelabro potrebbe comun­
Scomparso l’aspetto della fertilità caratteristico que rappresentare l’attenzione postesilica per le
del simbolo dell’ albero, il candelabro conservò il questioni riguardanti i sacerdoti, compreso anche
167 (rv,987) minhà (H.-J. Fabry) ( i v ,988) 16 8

lo sforzo di restaurare il tempio in conformità Bibl.: P.A.H. de Boer, An Aspect of Sacrifice (VTS 23,
con il progetto di P e di rimpiazzare gli arredi sa­ 1972, 27-47). ~ J B- Brown, Tempie and Sacrifice in
cri. L ’aspirazione alla continuità della presenza Rabbinic Judaism (The Winslow Lectures), Evanston,
divina comporta un ritorno alle antiche tradizioni 111. 1963. - A. Charbel, Offerta di prodotti vegetali nei
sacrifici selamim: Euntes Docete 26 (1973) 398-403. -
(cfr. Ackroyd 66-81) e, di conseguenza, la fabbri­
G.B. Gray, Sacrifice in thè O.T. Its Theory and Practice,
cazione di una m'nórà con le tecniche in uso nel New York 1981. - D.R. Hecht, Sacrifice. Comparative
vi/v secolo, tenendo conto delle indicazioni del Study and Interpretation (diss. Los Angeles 1976). -
Pentateuco risalenti all’epoca di Mosè. Qui, tut­ W. Herrmann, Gòtterspeise und Góttertrank in Ugarit
tavia, sembra che il simbolismo dell’albero della und Israel: ZAW 72 (i960) 205-216. - J. Hoftijzer, Das
m'nórà sia passato in secondo piano, dopo secoli sogenannte Feueropfer (VTS 16, 1967, 114-134). - B.A.
in qui la scena era stata dominata dall’aspetto del­ Levine, In thè Presence of thè Lord. A Study of Cult
l’illuminazione prodotta dai candelabri di Saio- and Some Cultic Terms in Ancient Israel (StJLA 6,
1974). - B.A. Levine - W.W. Hallo, Offerings to thè
mone. Nel tempio postesilico fu il motivo della
Tempie Gates at Ur: HUCA 38 (1967) 17-58. - A.F.
luce a simboleggiare la presenza di Dio. Infine, Rainey, The Order of Sacrifice on O.T. Ritual Texts:
nonostante l’asportazione della m'nórà del san­ Bibl 51 (1970) 485-498. - M. Rehm, Das Opfer der Vòl-
tuario, l’idea di m'nórà sopravvisse alla distruzio­ ker nach Mal. 1,11 (Fs. H. Junker, 1961, 193-208). - R.
ne del tempio di Gerusalemme nel 70 d.C., tanto Rendtorff, Studien zur Geschichte des Opfers im A.T.
che essa divenne il simbolo del giudaismo postbi­ (WMANT 24, 1967). - H. Ringgren, Israelitische Reli­
blico nelle sinagoghe e sulle tombe, su lampade a gion, *1982, 151 ss. - L. Rost, Studien zum Opfer im
olio e vasi di vetro, su sigilli e monete (cfr. Good- Alten Israel (BWANT 113, 1981). - H.H. Rowley, The
enough iv 77-92; x t i 79-83). Queste tarde raffigu­ Meaning of Sacrifice in thè O.T. (BJRL 1950/51, 74-110
= From Moses to Qumran 67-107). - R.J. Thompson,
razioni della m'nórà dimostrano un legame diret­
Penilence and Sacrifice in Early Israel Outside thè Le-
to con le più antiche tradizioni del santuario, pur vitical Law. An Examination of thè Fellowship Theory
con forme nuove e con l’attribuzione di nuovi si­ of Early Israelite Sacrifice, Leiden 1963. - R. de Vaux,
gnificati. Studies in O.T. Sacrifice, Cardiff 1964 (cfr. CahRB 1,
* 4. 1 LX X traducono m'nórà con Xu^vta (31 1964).
volte). Nella traduzione del racconto P della sua -» zbh (zàhah), -» Ibnh (l'hónà), -4 ‘w lh (‘olà), -> qtr
fabbricazione i LX X alternano Xir/via (Ex. 37,17 (qittèr).
[= 38,13]) e ÀapTOtSiov (Ex. 37,19 [= 38,16]). Se­
condo il v. 16 (LXX) Xa(j.7tàSia può indicare an­ 1.1. Il problema dell’etimologia di minhà riceve
che una componente del candelabro, se questo ter­ soluzioni opposte nella ricerca: si tratta di un no­
mine denomina le singole lampade. me primario o di una forma nominale deverbale?
A Qumran le ricorrenze di m'nórà sono vera­ Per K B L 3 minhà è un nome primario, ma alla vo­
mente rare. Il passo di 11Q T 3,13 in cui il termi­ ce mnh si introduce nella discussione un possibile
ne ricorre ci è giunto in pessime condizioni e si rapporto con minhà (568), per quanto in ebraico
trova nel contesto di istruzioni relative ai mate­ non sia attestato un verbo mnh. Le attestazioni
riali da usare per la costruzione e l’arredamento fin qui note di questa radice vanno datate note­
del tempio. Nella descrizione del candelabro in volmente più tardi (ar. manaha ‘dare, prestare’;
1 iQ T 9 il termine stesso non si è più conservato. cfr. anche il tigrè e il ge‘cz ‘cedere in affitto una
vacca’; cfr. Leslau, Or 37 [1968] 358 e Contribu-
(H.-J. Fabry) tions 31), tanto che oggi si ritiene con ragione che
C. Meyers mnh sia un verbo denominale.
Tuttavia nel testo ugaritico R§ 1957.701 (pubbli­
cato da M. Dahood in Claremont Ras-Shamra Texts,
AnOr 48, 1971) si ha un’importante attestazione che
nnJD minhà
t : • • potrebbe segnalare l’esistenza di un verbo mnh già
nella letteratura di Ugarit. La 1. 5, ’lp.tmn mt kbd
1.1. Etimologia. - 2. Attestazioni extrabibliche. - 11.1. d.mnht, che Dahood traduce «1800 pesanti (giare)
Campo lessicale. - 2. Rapporti sintattici. - 3. I LXX. - di cereali», presuppone un sost. fem. sing. o plurale.
111. Distribuzione e modello linguistico. - 1. Nel M. Heltzer (1EJ 22 [1972] 254) vorrebbe individuare
Pentateuco. - 2. N ell’opera storiografica deuteronomi- in mnht un termine sacrificale, ‘dono, offerta’, seb­
stica e in quella del Cronista. - 3. Nei profeti. - iv. Uso bene il testo sia un documento mercantile. O. Lo-
profano. - 1. minhà come dono. - 2. minhà come tri­ retz e altri, riprendendo M. Liverani (OrAnt n
buto. - v. Uso teologico. - 1. minhà come sacrificio. - [1972] 193-199), fanno notare con buone ragioni che
2. minhà come indicazione di tempo. - vi. Qumran. la forma mnht può essere spiegata come ptc. pass, di
1 69 (p/,989) minhà (H.-J. Fabry) (17,989) 170

mnh ‘consegnare a mano’. Se questa spiegazione do­ ligiosa (cfr. J.M. Tarragon, Le culte de Ugarit, Cah
vesse rispondere al vero, allora non si potrebbe esclu­ RB 1980, 71). Lo stesso vale allora anche per la 1. 4
dere un’origine deverbale di minhà. Se minhà deri­ se il testo smn nb («olio in otri», cfr. O. Loretz e al­
vasse da mnh (cfr. GesB 437; WTM i t i 153; J.C. de tri, UF 5 [1973] 113) va ricostruito con Sukenik co­
Moor, AOAT 16 [1971J 132) si tratterebbe di un me smn mnh «olio del sacrificio» (Tarbiz 18 [1946­
nome di schema qatl- o qitl- (a favore della prima 47] 126). Per l’eventualità dell’attestazione di una
sono le antiche lezioni citate in KBL3 568: mànà radice verbale mnh a Ugarit nel testo R$ 1957.701
[Sam.], (jiavaa [LXX, Girolamo]). A questo propo­ cfr. sopra. Infine la radice è probabilmente presente
sito si deve notare che la forma pi. medio ebraica anche nel testo accadico PRU 293,2 e 5 di Ugarit, do­
m'nàhòt (mZeb. 9,5) rimanda a un mnh, giacché ve la parola manafyati è stata interpretata da J. Nou-
una m- prefissa dovrebbe produrre piuttosto *min- gayrol come il pi. dell’acc. mànahtu ‘lavoro’ (cfr.
hót (cfr. J. Blau - S.E. Loewenstamm, UF 2 [1970] AHw 602). W.F. Albright ha voluto ritrovare in que­
28 n. 57). Un simile pi. è attestato peraltro tre volte sta parola l’ebr. minhà', tuttavia in accadico questa
in ebraico biblico. radice non è attestata (cfr. inoltre J.L. Boyd in, Or
Ciò induce a supporre che alla base del nome vi 46 [1977] 229).
sia una diversa radice verbale. Si propone ntoj/w, In tardo egiziano è attestata la parola mnht nel
nhh 1 (nàhà) ‘condurre, guidare’ (cfr. già Perles, senso di ‘dono in segno di omaggio’, ma dovrebbe
Hommel, Lidzbarski; poi di nuovo M. Dahood, Bibl trattarsi di un prestito dall’ebraico (cfr. WbAS IT
49 [1968] 35; H.L. Ginsberg, AN ET3 120), che nel- 84)‘ , . . . . . .

l’A.T. è ben attestata, mentre le sue testimonianze Nell’epigrafia ebraica, aramaica e fenicio-punica
extrabibliche rimandano chiaramente all’area semi­ ricorrono mnhh i-ra. mnhh 1 va escluso in quanto
tica meridionale (cfr. E. Jenni, THAT n 53 ss.). Una prestito egiziano (DISO 158) e neanche mnhh ni
deverbalizzazione da nhjfw non è difficile, poiché ‘fossa’ (IEJ 7 [1957] 239) appartiene al nostro etimo
minhà sarebbe un nome di schema maqtal/miqtal (-» nwh). mnhh n (DISO 159) ‘sacrificio’ in forma
con desinenza femminile, in sé pienamente regolare. di una stele, di un tempio o di un’offerta di alimenti
Risulterebbe però insuperabile il problema causato vegetali s’incontra ripetutamente nei papiri aramaici
della determinazione semantica del verbo. di Elefantina del v sec. a.C. (cfr. AP 30,21.25; 31,21;
32,9; 33,11; cfr. anche E. Vogt 107) oltre che in iscri­
La conclusione che si può trarre da tutte que­ zioni fenicio-puniche e neopuniche. In un’iscrizione
ste considerazioni è che sembra ragionevole con­ votiva fenicia dedicata a Melqart (Lapethos) mnhh
siderare minhà un nome primario dal quale è de­ ricorre in senso generico (KAI 43,13). Nel tariffario
rivato un verbo mnh. Con ogni probabilità que­ punico dei sacrifici di Marsiglia (KÀI 69; cfr. la co­
sto avvenne già nella seconda metà del 11 millen­ pia di Cartagine, KAI 74) si riprende chiaramente la
nio a.C. terminologia sacrificale dell’ A.T. quando s’incontra
minhà - unito con bll come spesso in P - accanto a
2. Al di fuori della Bibbia minhà non è attesta­ zebah (1. 14). Il significato «oblazione» sembra però
to frequentemente. Le testimonianze fin qui più alquanto impreciso, perché l’offerta di cibo è già
antiche rimandano a Ugarit, dove s’incontra mnh menzionata alla 1. 12 con zbh sd. Il contenuto di
nel senso generico di ‘dono, tributo’ (WUS n. minhà resta altrettanto vago: focacce, latte, grasso e
1579), mentre il significato ‘sacrificio’ indicato da kl zbh potrebbero esservi inclusi.
Gordon (UT n. 1500) non si può evincere dai po­ Anche al di fuori dell’A.T. il significato di minhà
chi testimoni. è quindi piuttosto ampio; cfr. anche l’iscrizione neo­
punica di Mactar (KAI 145,13) dove minhà è un ter­
In KTU 1.2,1 38 il mnhjk con suffisso (masc. pi.) mine sommario per le offerte votive di un’associa­
sta in parallelo con ’rgmnk «il tuo tributo» e signifi­ zione di culto (-> mrzh \marzèàb~\). In un’appendice
ca «i tuoi doni»; è possibile che in questo caso i suf­ all’iscrizione neopunica di Altiburus (KAI 159,8)
fissi abbiano valore di dativo (cfr. J. Blau - S.E, Loe­ minhà e il parallelo ‘olà indicano le offerte sacrificali
wenstamm, UF 2 [1970] 28 n. 58): nella contesa di­ a Ba'al Hammon (per la terminologia punica dei sa­
vina tra Ba'al e il dio del mare Iam, Ba‘al dovrebbe crifici in genere cfr. J.G. Février, JA 243 [1955] 49­
riconoscere la propria inferiorità mediante il paga­ 63). '
mento di tributi a Iam. 11 parallelo ’rgmn ‘tributo’ Infine la radice è attestata ancora in arabo (mana-
rende improbabile la connotazione di ‘sacrificio’ per ha ‘dare, prestare’ e minhat ‘dono’) e in altri dialetti
mnh. Il concomitante verbo jbl ricorre anche nel­ semitici meridionali (v. sopra).
l’A.T. nelle vicinanze di minhà (Hos. 10,6; Soph. 3, Nella letteratura rabbinica s’incontra solo il sost.
10; cfr. L. Sabottka, BietOr 25 [1972] 121 s.). I pa­ minhà, nel Targum minhàtà' con i significati ‘dono,
ralleli tra jb l e nhh (Ps. 60,11; 108,11) segnalati da offerta sacrificale, in particolare oblazione’; in senso
RSP 1,11 210 portano probabilmente fuori strada e il traslato, ‘l’ora del sacrificio pomeridiano’ (cfr. 1 Reg.
riferimento a lob 29,25 non è pertinente. 18,29,36; 2 Reg. 3,20; 16,13.15; Is. 43,23; Mal. 1,10.
In KTU 4.91,1 mnb.bd.jbnn vuol dire «tributo 11; Esdr. 9,4 s.) e ‘preghiera del sacrificio pomeridia­
dalla mano di NN» e non ha alcuna componente re­ no’ (cfr. WTM in 15 3).
i 7 i (rv,99 °) minhà (H.-J. Fabry) (rv,99i) 172

i l i . Il campo lessicale di minhà si manifesta nei con Sitala. Ma la grande prossimità tra i due ter­
molti paralleli e nelle enumerazioni di termini re­ mini si manifesta quando anche minhà viene tra­
lativi ai sacrifìci: Ex. 30,9; Lev. 7,37; 9,4; 23,13. dotto (30 volte) con Sfìjpov; tuttavia questa tradu­
18.3-7, Num. 4,16; 6,1557,87; 15,24; 29,39. zione ricorre prevalentemente al di fuori di con­
La relazione reciproca dei singoli termini del testi sacrificali. I L X X tracciano invece chiare de­
vocabolario sacrificale è complicata, e molto pro­ limitazioni rispetto a 'olà (óÀoxauxojpa, óXoxau-
babilmente è cambiata nel corso del tempo. Nei Toiat!;, solo 6 volte dilata), batta’t (àpapxia),
testi primitivi minhà equivale a 'olà, batta’t, ’àsàm ’àsàm (7vXr||A[AÉXeia), q ctóret (Su\xiao{xa) e nesek
e zebah mentre in Ps e R 1’, al pari di nesek, viene (c tt:o v 8 y)).
degradata mediante suffissi a sacrificio subordi­
Singolare e la frequente traduzione con pava (1
nato a questi sacrifici principali. Mai minhà è un
volta, Dan. 2,46), pavaa (16 volte), pava^ (1 volta, 2
termine generico come qorbàn, kàlil e ’isseh. Poi­ Reg. 17,3), pavva (12 volte; altrimenti pavva rende
ché se ne spiega spesso il contenuto concreto, si 10 volte -> mn [màn]) e 1 volta pavvaeip (Nehem. 13,
deve ritenere che entro certi limiti esso sia stato 9). Queste diverse forme correlate, che hanno ben
variabile. poche differenze di contenuto, rappresentano piut­
2. Sintatticamente minhà è goffo: nella metà tosto varianti linguistiche nelle versioni e recensioni
delle attestazioni il termine compare indeclinato dei LXX. Si presenta però l’interrogativo inevitabile
allo stato assoluto sing., con articolo (40 volte) o di come pavva possa essere usato per minhà. Osser­
senza (73 volte). In quest’uso minhà compare nei vando bene si nota che tale traduzione riguarda solo
passi al di fuori del Pentateuco, soprattutto in Gere­
seguenti costrutti: qorbàn minhà (Lev. 2,1), tórat
mia, Necmia, Daniele e infine costantemente Ezech.
hamminhà (Lev. 6,7), sólet hamminhà (Lev. 6,8) 45 ss. (nel codice Alessandrino). Da un lato potreb­
e nòse’è minhà (Iud. 3,18). Nel Pentateuco min­ be trattarsi sempre di un errore di scrittura per pa-
hà compare 23 volte allo st. cs. sing.: minhà bik- vaa, come nota Maiberger a Bar. 1,10 (cfr. R. Mey-
kùrìm (Lev. 2,14), minhà pittim (Lev. 6,14), min­ er, GLN T vi 1239 s.), e come viene confermato dal­
hà kóhén (Lev. 6,16), minhà hattàmìd (Num. 4, le varianti tra i codd. A e B. Tuttavia il numero dei
16), minhà qenà'5t (Num. 5,15) e minhà zikkaròn casi è vistoso. Non si tratta dunque di un errore dei
(Num. 5,15); inoltre, al di fuori del Pentateuco: copisti; una traduzione del genere ha i suoi motivi
nella storia del testo dei LXX: 1) il significato di màn
minhà hà'àreb (2 Reg. 16,15; Ps• M 1 »2)? minhà
= pavva è rimasto a lungo indefinito, perché màn ve­
sàw’ (Is. 1,13), minhà j'hù dà (Mal. 3,4), minhà
niva inteso in senso generico di ‘offerta, dono’ (cfr.
jisrà’èl (1 Sam. 2,29) e solo una volta minhà jhwh Maiberger); 2) il greco pavva ‘incenso, polvere d’in­
(1 Sam. 2,17). Quest’ultimo costrutto equivale censo, materia granulare per i sacrifici’ (cfr. Liddell-
probabilmente alla formulazione abituale minhà Scott 1079) si presta - anche se parzialmente - come
l ejhwh (Num. 28,26; Is. 66,20; loel 2,14; Mal. 2, traduzione perché la minhà è associata spesso all’in­
12; 3,3), che designa il destinatario mediante la censo; 3) si deve supporre che il morfema minhà non
particella del dativo (cfr. anche il gran re in Hos. riproduca il valore fonetico genuino, giacché in ori­
10,6; Giosafat in 2 Chron. 17,5; Uzzia in 2 Chron. gine la prima sillaba conteneva probabilmente un
26,8). suono «a» (cfr. sopra); 4) attestazioni rabbiniche in­
dicano che un’identificazione tra minhà e manna era
minhà è raramente unito ad aggettivi. Si hanno pensabile: in che altro modo si potrebbe spiegare che
solo i seguenti esempi: minhà hadàsà (Num. 4, 11 sapore della manna fosse ritenuto simile a quello
16), minhà hdrébà (Lev. 7,10) e minhà t'hórà «del fior di farina e olio» (e miele)? (testimonianze
(Mal. 1,11). in St.-B. 11 481; per l’argomento cfr. inoltre B.J. Ma­
3. Nei L X X minhà viene reso 142 volte con Sib­ lina, The Palestinian Manna Tradition, Leiden 1968,
eria, 2 con S\j<jlaay.a e 1 volta ciascuno con óXo- 66 e R. Le Déaut, Bibl 51, 1970, 80-83).
xaÙTtupa e 7tpo<j<popà. Nell’ambito del linguaggio
sacrificale i L X X non fanno quindi differenza tra III. Il sost. minhà compare nell’A.T. ebraico
minhà e zebab, visto che rendono entrambi con 2 11 volte + 2 nelle parti in aramaico (Esdr. 7,17;
Svaia. Anche la distinzione tra minhà e ’isseh non Dan. 2,46) + altre 2 volte nel Siracide (45,14; 50,9).
è netta, essendo quest’ultimo tradotto, oltre che Alle 113 ricorrenze nel Pentateuco si contrap­
con xapTioipa, 8 volte anche con Suola. Evidente­ pongono le 44 nei profeti, le 33 nell’opera storio­
mente anche gli spostamenti semantici tra minhà grafica deuteronomistica, le 16 nell’opera storio­
e qorbàn all’interno delle tradizioni sacerdotali grafica del Cronista e le sole 6 nei Salmi. Questa
vengono registrati dai LX X , dato che qorbàn - distribuzione, non casuale, è dovuta essenzial­
tradotto col termine generico di 5<I>pov - viene di­ mente alle due principali specificazioni semanti­
stinto dall’uso di rendere minhà specificamente che «sacrificio» e «dono». Considerato l’ampio
173 (IV>99 2) minhà (H.-J. Fabry) (™, 993 ) l 74

arco cronologico delle attestazioni non è suffi­ cabolario profano e riservato alla terminologia sa­
ciente, specialmente nel Pentateuco, che ci si li­ crificale, nel quale esso passa poi a indicare, dal sa­
miti a una menzione sommaria. crificio individuale, quello ecclesiologico della co­
i. minhà è presente in tutte le fasi cronologi­ munità di Israele. In tale fase PG opera anche una
che della formazione del Pentateuco, ma ancora specificazione, perché ora qorhàn (-> qrhn) diven­
si può assegnare ai singoli stadi modelli linguistici ta il nome dell'offerta sacrificale’ non specifica, e
caratteristici in relazione all’uso di minhà. il termine minhà viene ad essa accostato o subor­
a) Solo pochi passi con minhà possono essere dinato in quanto specificazione, oppure incluso
attribuiti alla fase letteraria prejahvista/jahvista. come parte del sacrificio. Un uso linguistico spe­
Gen. 4,34.5 risalgono a un testo pre-redazionale cifico della fonte emerge particolarmente nella le­
kenita: tanto la minhà di Caino quanto quella di gislazione relativa ai sacrifici di Lev. 2. Qui PG
Abele vengono riferite al rispettivo offerente me­ parla di un qorhàn minhà l ejhwh (Lev. 2,1.4),
diante suffissi. Ugualmente con suffisso è la ri­ mentre aggiunte successive si limitano a minhà
correnza di minhà nell’episodio (pre)jahvistico di (2,3.7.10.11) o parlano di nóteret min-hamminhà
Datam e Abiram (Num. 16,15). Caratteristica di (vv. 3.10). Come verbo per la presentazione del
questa fase è la scarsa specificazione semantica sacrificio PG usa quasi costantemente qàrab hif.
del termine, minhà indica un’cofferta sacrificale’ PG fornisce anche informazioni su quali prodotti
in senso generico, e non è ancora del tutto dimo­ possono essere usati per una minhà'. la base è il
strabile nemmeno che si tratti di un termine fisso fior di farina (sólet) mischiato (hll) con olio (se-
del vocabolario sacrificale. A questo livello min­ men) (Lev. 2,1; 9,4); può inoltre comprendere an­
hà indica piuttosto unKofferta a un superiore’, co­ che incenso (Lev. 2,1) e pane non lievitato (Lev.
me sembrano suggerire gli esempi contemporanei 2,4 s.). Gli ingredienti sono così ben stabiliti che
della storia di Giuseppe (Gen. 43,11.15.25.26). In in genere PG può parlare semplicemente di minhà
questa fase primitiva minhà può essere inserito senza aggiungere altro (ad es. Lev. 9,4), mentre
nel tessuto della frase solo come oggetto, vale a aggiunte posteriori manifestano di nuovo la ne­
dire che quando si menziona il termine si pensa al cessità di fornire maggiori precisazioni (cfr. Lev.
contempo al potere discrezionale di un soggetto. 7,9.io con 9,4).
b) Il linguaggio dell’Elohista si differenzia no­ d) Le aggiunte di Ps con l’interesse puntato sul­
tevolmente dal precedente. Nella controversia tra la «parte dei sacrifici spettante ai sacerdoti» (Lev.
Giacobbe ed Esaù (E) minhà compare come sog­ 2,3.10; 6,7.8; 7,9.10; 10,12) non vedono più alcuna
getto logico di costrutti participiali (Gen. 32,21 correlazione tra qorhàn e minhà, classificando ora
s.). Nello stesso tempo questa variazione linguisti­ quest’ultima tra i sacrifìci fatti mediante il fuoco
ca segnala un aspetto contenutistico, in quanto (’isseh, Lev. 2,3.10; 10,12). Il verbo per la presen­
minhà comprende ora bestiame, greggi e altri be­ tazione del sacrificio è qàrab hif. Secondo questa
ni mobili (cfr. Gen. 32,14). Con minhà hu’ (Gen. tradizione, la minhà può essere anche «asciutta»
32,19) E già crea una formula che più tardi verrà (hàrèbà), cioè preparata senz’olio (Lev. 7,10; cfr.
usata nelle aggiunte al documento sacerdotale, co­ 6,13).
me formula declaratoria relativa al sacrificio (cfr. Altre aggiunte di Ps sembrano di nuovo con­
Lev. 2,6.15). ^ non sembra conoscere l’uso di fondere minhà e qorbàn (Lev. 2,5.7). Una tradi­
minhà con suffisso. zione particolare sulla «primizia del grano» con­
Né J né E accompagnano minhà con verbi spe­ servata in Lev. 2,13-16 parla del qorban minhà-
cifici: ho’ hif. e làqah saranno anche più tardi di tekà (Lev. 2,13), che dev’essere preparata col sale.
uso comune e generale, ma kun hif. (cfr. Ps. 141, Nel medesimo versetto questa stessa tradizione
2) e jàrad hif. sono esempi unici. Un uso specifi­ addirittura sostituisce minhà con qorbàn. La tra­
co non si è ancora consolidato. dizione particolare sul «sacrificio tamid» (Lev. 6,
c) Il documento sacerdotale con i connessi pro­ 12-16) classifica la minhà sotto i termini generici
cessi redazionali nel Pentateuco comprende da qorbàn (v. 13) e kàlU (v. 16), cosa che si può os­
solo oltre 100 ricorrenze di minhà. In questa fase, servare anche nelle aggiunte più recenti di Ps (cfr.,
sembra che PG abbia ancora maneggiato il termi­ ad es., Num. 5,15). Qui qorbàn vale in senso ge­
ne con grande cautela, giacché a questo strato di nerico da nome per qualsiasi tipo di offerta, an­
base possono essere attribuiti solo io esempi (Ex. che di oggetti materiali che andranno messi nel te­
29,41; 30,9; Lev. 2,1.4.8.9; 5,13?; 7,37; 9,4.17). soro del tempio, mentre la definizione di minhà
minhà compare costantemente senza suffisso, da­ resta limitata a un sacrificio nel quadro di un atto
to che il termine è ormai del tutto sottratto al vo­ di culto. Queste tradizioni più tarde testimonia­
175 0 V.993 ) minhà (H.-J. Fabry) (iv, 994 ) 1 7 6

no anche di un ampliamento degli ingredienti (gra­ zione della minhà alla 'olà è incostante (cfr. Num.
no arrostito e tritello, Lev. 2,14.15) e dei modi di 28,12.31; 29,6). La caratterizzazione del contenu­
preparazione (in padella, v. 5; in tegame, v. 7). Il to specifico della minhà non avviene più secondo
verbo è ancora qàrab hif. un modello unitario (cfr. Ps in Num. 15,6.9: min­
Altre tradizioni isolate di Ps emergono nelle hà sólet [quantità] bàlùl bassemen [quantità] e la
leggi relative ai sacrifici in caso di lebbra {Lev. varietà di formulazioni di Rp in Num. 28,5.9.123.
14) o di gelosia {Num. 5) e per il nazireato (Num. b.T3.26 e 28,20.28; 29,3.9.14 ecc.). La minhà viene
6). Singole tradizioni molto tarde si hanno anche costantemente legata mediante suffissi a un sacri­
nelle norme che regolano le offerte votive dei ficio principale, ed e stabilmente assocÌ3t3 con ne­
prìncipi delle tribù {Num. 7) e l’ordinazione dei sek. Come verbo per I3 presentszione 'àsà st3
leviti {Num. 8). L ’uso linguistico non è appari­ prendendo il sopravvento. Nella formulszione
scente: minhà è un termine tecnico per l’oblazio­ conclusivs di Num. 29,39 si ha l’unica forma pi.
ne, di cui si menzionano gli ingredienti soltanto di minhà in tutto il Pentateuco: minhótèkem.
quando devono variare per occasioni particolari 2. Nell’opera storiografics deuteronomistica
(cfr. Lev. 14,10.21; Num. 15,4.6.9). Un ruolo par­ minhà compare 32 volte, e 16 nell’opera storio­
ticolare ha il sacrificio per la gelosia, che eviden­ grafia del Cronista. La percentuale dei casi in cui
temente rispecchia una tradizione particolare. minhà significa ‘offerta, dono, tributo* (rispettiva­
minhà compare qui solo allo st. cs.: minhat q'nà- mente 14 e 6 volte) è superiore in maniers signifi­
*òt {Num. 5,15.25), minhat zikkàrón mazkeret cativa a quella del Pentateuco. Il numero delle
‘àwón (vv. 15.18) (oltre che qui minhà compare enumerazioni parallele di termini per i sacrifici di­
ancora allo st. cs. soltanto in Ex. 29,41; Lev. 2,14; minuisce rspidsmente, com’è nsturale che sia (cfr.
6,7.16; Num. 4,16: tutti Ps). La singolarità si ma­ Ios. 22,23.29; 1 Reg. 8,64; 2 Reg. 16,15; 2 Chron.
nifesta ancora in Num. 5,15, dove si deve prepa­ 7,7). Salvo poche eccezioni, minhà compare in st.
rare una minhà per la gelosia che a differenza di assoluto e le forme con suffisso sono rare (/ Sam.
tutte le altre dev’essere preparata non con sólet ma 2,29; 1 Reg. 10,2552 Reg. 16,13.1552 Chron. 9,24).
con qemah se'òrìm senza olio né incenso. In que­ Così anche 3! di fuori del Pentateuco non è possi­
ste tradizioni più tarde la minhà viene solo occa­ bile constatare un’eventuale chiara disparità nel­
sionalmente unita con una libagione (nesek) (Num. l’uso linguistico. Non si hanno informszioni re-
6,15.17; 15,24). Si nota di nuovo l’uso di minhà Istive al contenuto: la minhà è uno dei sacrifici
con un suffisso, che nella maggior parte dei casi classici e in quanto tale è fissats rituslmente ed è
collega il sacrificio con l’offerente (ad es. Num. 6, ben not3 (eccezioni: Iud. 6,18 s. [capretto e azzi­
17); nello stesso tempo si nota un incipiente rilas­ mi]; 1 Chron. 21,23 [frumento]; / Chron. 23,29
samento del linguaggio, in quanto i suffissi servo­ [fior di farins]). Neanche per quel che rigusrds il
no ora anche a correlare la minhà (e nesek) con senso di ‘tributo’ si danno imggiori clmrimenti
un sacrificio primario, degradandola quindi a sa­ (eccezioni: / Reg. 10,25 II2 Chron. 9,24 [vssi d’sr-
crificio accompagnatorio (cfr. Num. 8,8). Come gento e d’oro, stoffe, 3rmi, profumi, cavalli e mu­
verbo, a qàrab hif. viene ora ad aggiungersi anche li]; 2 Reg. 8,9 [oggetti preziosi]), così che anche
làqah. qui si deve constatare uno stadio già svanzsto di
e) Vanno considerate qui, dal punto di vista del tecnicizzazione dells terminologis.
linguaggio, le 4 attestazioni nel codice di santità Nell’opera storiografics deuteronomistics min­
(Lev. 23,13.16.18.37). H considera la minhà sem­ hà compare qussi esclusivsmente come oggetto
pre unita ad altri tipi di sacrifici: 'olà, zebah e so­ dei verbi 'àlà hif., qàrab h if, sàlah; ssltusrismen-
prattutto nesek, cioè sacrifici accompagnatori del­ te s’incontrano i verbi bóy h if, nàsà\ br' 11 h if,
la ’isseh l ejhwh. H bada a fissare la materia della b't, qtr h if e altri. Nell’opera storiografica del
minhà (Lev. 3,13) e introduce una minhà hàdàsà Cronista l’uso linguistico è chiaramente diverso,
(v. 16; cfr. Num. 28,26) per la festa del raccolto. poiché i verbi usati sono nàtan e bóy h if, solo 3
A qàrab hif. si affianca ora 'àsà. volte nàsa’ e 1 volts sub hif.
f) L ’ultima fase è rappresentata probabilmente 3. In Issia minhà compsre 8 volte (3 nel Proto-
dal calendario dei sacrifici (Num. 28,1-30,1), con issia, 1 nel Deuteroisaia, 4 nel Tritoisais), in Ge­
le sue 32 ricorrenze di minhà, considerato «una remia 4 (non prima del secondo periodo di predi­
delle parti più recenti del Pentateuco» (M. Noth, cazione), in Ezechiele 15 (esclusivamente nel
ATD ad, /.). Ciò che veniva fissato nelle preceden­ progetto del tempio), in Amos 2 (5,22 originario;
ti leggi sui sacrifici qui viene dato per scontato, 5,25 secondario); in Osca 1; in Gioele 3; in Sofo-
come un ordinamento ormai vigente. L ’associa­ nia 1 e in Mslschis 7. Nei Salmi si hsnno 6 ricor­
177 (rv,995) minhà (H.-J. Fabry) (n/,996) 178

renze di minhà e in Daniele 2. Nonostante l’am­ 15.25.26 J). Una minhà del genere è consueta
pio arco cronologico coperto da questi scritti, quando si vuole assicurarsi il favore del capo di un
risulta subito evidente che minhà non è quasi mai paese (cfr. 2 Reg. 20,12 = Is. 39,1; Ps. 45,13), an­
intesa nel senso di ‘tributo’ o di ‘dono’ (eccezio­ che se a questo proposito non è del tutto chiaro
ni: Hos. 10,6 [dono al gran re]; Is. 39,1 [dono a se tale minhà non sia già di fatto il pagamento di
Ezechia]). In tutti gli altri casi il destinatario della
un tributo (cfr. Ps. 72,10: minhà par. con ’eskàr
minhà è, esplicitamente o implicitamente, Jhwh. I «tributo»). Anche il re appena eletto viene conse­
profeti non solo usano raramente il termine (le ri­ gnata una minhà come segno di omaggio (cfr. 2
correnze in Ezechiele non appartengono allo stra­ Chron. 17,5; 32,23 migdànót). Non portare un
to fondamentale del progetto del tempio, ma allo dono in quest’occasione equivale a negare lealtà al
strato tardo-esilico del nàsV e dei sadociti; cfr. nuovo re (cfr. 1 Sam. 10,27). Prima dell’incontro
Zimmerli, BK ad /.); lo usano anche, fatte poche con Esaù, Giacobbe si fa precedere da una sostan­
eccezioni, in costrutti paralleli con altri termini ziosa minhà di bestiame, per rendere omaggio al
relativi ai sacrifìci. Ciò significa che fondamental­ fratello come sovrano di quel territorio e preve­
mente essi prendono in considerazione la minhà nire possibili comportamenti ostili (Gen. 32,14.
solo nel contesto di altri sacrifici, ma anche che 19.21,22 E). Secondo J questa minhà e la sua ac­
né la minhà né qualche altro sacrificio attira spe­ cettazione da parte di Esaù hanno una funzione
cificamente la loro attenzione, e che invece le lo­ «diplomatica», in quanto segnalano «benevolen­
ro parole profetiche riguardano e considerano za» (ben) e «benevola accettazione» (ràsà) tra i
l’apparato del culto sacrificale nel suo insieme. Di due fratelli diventati nemici. In maniera mirata, J
nuovo minhà viene usato allo st. assoluto (ecce­ mostra il significato di questa minhà per la sfera
zioni: minhat ‘àreb, Ps. 141,2; Dan. 9,21; minhat dei rapporti sociali usando la nostra parola come
j ehùdà, Mal. 3,4); la forma con suffisso è insolita termine sacrificale: «Se ho incontrato il tuo favo­
(eccezioni: Ps. 20,4; Am. 5,22; Soph. 3,10). I verbi re, accetta dalla mia mano il dono! Infatti per que­
utilizzati non permettono di riconoscere eventua­ sto ho visto il tuo volto come si vede il volto di
li strutture linguistiche consolidate: il Tritoisaia Dio» (Gen. 33,10). Persino quando si usa minhà
usa ‘àia hif. e ho ’ hif. mentre nel progetto del tem­ in senso profano si può quindi alludere abilmen­
pio di Ezechiele domina ‘às'à e Malachia ricorre a te alla sua connotazione cultuale e sacrale. Que­
nàgas h if, che fino a questo momento è attestato st’uso presuppone che si attribuisse al sacrifico
solo 2 volte come verbo per la presentazione dei minhà una grande efficacia per placare la divinità
sacrifici con minhà (Am. 5,25 [secondario]; Lev. (v. sotto), e di conseguenza la si supponesse pari­
2,8 PG; per minhà nel senso di ‘tassa’ in 1 Reg. 5, menti efficace in ambito profano.
1; con termini indicanti altri sacrifici: cfr. Ex. 32, Come minimo nel linguaggio del Cronista sem­
6; Lev. 8,14). Infine la singolarità in Gioele è data bra che si possa vedere la minhà data a Jhwh pri­
dal nesso fondamentale di minhà e nesek. mariamente sotto l’aspetto del dono, e meno sot­
to quello di sacrificio; cfr. i paralleli minhà l cjhwh
iv. Nell’ambito profano minhà compare nei si­ e migdànót lihizqìjàhu (2 Chron. 32,23; cfr. anco­
gnificati di ‘tributo’ e di ‘dono’. Al riguardo, in ra / Chron. 16,29; Ps. 96,8). Particolarmente inte­
alcuni passi si può già osservare una progressione ressante è Soph. 3,10 con la sua interpretazione
semantica nella direzione di «sacrificio». giudaica: «Dalle terre oltre i fiumi di Kush i miei
1. minhà ‘dono’ si trova in una molteplicità di adoratori mi porteranno la minhà» (W. Rudolph,
situazioni, e il contenuto di una tale minhà varia KAT x in /3,1975,291). In quest’affermazione uni­
quindi in conformità dei vari rapporti. Non è mai versalistica un «giudeo particolarista» ha interpo­
un dono del tutto disinteressato; sempre conse­ lato un bat pusaj «figlia della mia dispersione».
gnando un dono si vuole raggiungere, in maniera Nonostante le difficoltà del testo, quest’inserzio­
più o meno scoperta, un determinato scopo. In ne sembra voler indicare la materia della minhà.
primo luogo, rendere il destinatario del dono ben La minhà è «la comunità della mia dispersione»
disposto verso il mittente (2 Reg. 8,8 s.). I figli di (così la Einheitsubersetzung), la diaspora stessa.
Giacobbe cercano di conquistarsi il favore di Giu­ 2. Una minhà come ‘dono’ viene sempre con­
seppe ed evitare qualsiasi tipo di pretesa da parte segnata - per quel che riguarda dimensione e de­
sua nei riguardi del fratello più giovane, Beniami­ stinatario - sua sponte. È perciò sorprendente che
no, portandogli - indipendentemente dal kesef per nella ricerca non si analizzi mai a fondo (cfr. de
il grano - una ricca minhà di profumi, micie, adra­ Vaux, LO 11 65 ss.) perché questo termine denoti
gante, laudano, pistacchi e mandorle (Gen. 43,11. anche un ‘tributo’, qualcosa che si dà ma che cer­
*79 0 v,997 ) minhà (M. Weinfeld) (17,998) 180

to non ha niente in comune con un dono. Nel ca­ offerto alla divinità «come profumo gradevole»
so del tributo si tratta di un’esazione forzata, di (rèàh nihóàh) e ne placa l’animo. Così David dice
qualcosa che chi è sottomesso dà, costretto dalla a Saul: «Se è Jhwh che ti ha messo contro di me,
violenza delle armi, a chi gli è superiore. Poiché allora fagli sentire il profumo (rwh hif.) di una
ogni irregolarità nel pagamento dei tributi (cfr. la minhà» (/ Sam. 26,19). Odorare con piacere il
sospensione della minhà del re Osea a Salmanas- profumo del sacrificio è sottinteso anche quando
sar in 2 Reg. 17,3 s. e le sue conseguenze) metteva non viene esplicitamente menzionato il termine
in pericolo lo status quo e comportava una dichia­ minhà. Avviene così anche quando, passato il di­
razione di guerra che finiva con lo sterminio del luvio, Noè offre un sacrificio: Jhwh odora il pro­
più debole, si deve vedere in ciò una componente fumo gradito (wajjàrah jhwh 'et-rèàh hannihóàh)
significativa per la semantica del termine minhà. e promette allora di non maledire una seconda vol­
L ’ebraico biblico non conosce un altro termine ta la terra (Gen. 8,21); cfr. la forma negativa in Lev.
per ‘tributo’. Il termine già ricordato, ’eskàr, ri­ 26,31: «Non sentirò più l’effluvio dei vostri sacri-
corre solo in Ezech. 2 7 ,15 e Ps. 72,10 e in entram­ fici!»;/4 m. 5,21: «Non mi piace sentire l’odore del­
bi i passi non è certo che abbia tale significato. le vostre assemblee!».
Anche il middà 11 proposto da GesB indica piut­ La minhà costituisce la parte del rituale che
tosto un carico fiscale dovuto a ragioni politiche concretamente fornisce il profumo: grano, farina,
interne (Nehem. 5,4). Nel suo significato di ‘ tri­ pane sfornato o focacce condite con olio e incen­
buto’ minhà è dunque usato eufemisticamente, so offerte al cospetto di Jhwh (Lev. 2,14 s.). È il
oppure nella prospettiva semantica ‘dono’, ‘tri­ culmine del rituale sacrificale, in quanto provve­
buto’ e ‘oblazione’ è presente un aspetto di fondo de a far sì che Dio senta il buon profumo del sa­
comune. Ciò non sembra però del tutto anomalo crificio.
in quanto, soprattutto ma non solo nell’uso teo­ Il termine minhà ricorre spesso in unione o in
logico (v. sotto), è evidente dappertutto l’effetto parallelo con zebah e ‘olà (v. sopra), ma di solito
placante della minhà. Ci si potrebbe domandare forma un rituale fisso insieme con la qetóret e il
se non vi sia un nesso etimologico con la radice -» sacrificio dell’incenso (lebònà)%cfr. Is. 1,13: «È
nwh ‘stabilirsi, riposare’. Il pagamento di tributi inutile portarmi una minhà, il sacrificio dei pro­
da parte di popoli stranieri rispecchia la grandez­ fumi (qetóret) è per me un abominio». Is. 43,23:
za del proprio regno, così che dietro alle cifre, «Non ti ho gravato con minhà e non ho preteso
frutto di fantasia, dei tributi pagati dal re Mesha da te incenso (l'bónà)» (cfr. anche 66,3; Ier. 17,
ad Acab (2 Reg. 3,4) e dai Filistei a Giosafat (2 26; 41,5; Nehem. 13,5-9). La coppia minhà e l cbó-
Chron. 17 ,11) si deve supporre una relazione ten­ nà ricorre anche nei papiri di Elefantina, ed esclu­
denziosa del cronista di corte. David sottopose a sivamente in questa combinazione (cfr. AP 30,21.
tributo gli Aramei (2 Sam. 8,6 // 1 Chron. 18,6) e 25; 31,21; 32,9; 33,10 s.).
i Moabiti (2 Sam. 8,2 // / Chron. 18,2), mentre Sa­ Significativo per il nesso della minhà (special­
lomone portò sotto il proprio controllo tutte le mente la minhà serale) col sacrificio dell’incenso
regioni dall’Eufrate fino alla Filistea e alla fron­ è Ps. 141,2: «La mia preghiera sale a te come l’in­
tiera egiziana (/ Reg. 5,1). Ciò che gli versano o gli censo, le mie mani si alzano a te come la minhà
portano sono tributi, giacché venivano versati «an­ della sera» (cfr. sotto).
nualmente», sànà besànà (1 Reg. 10,25; 2 Chron. La minhà, mescolata con l’olio e l’incenso, ve­
9,24). Infine Uzzia rese tributari anche gli Ammo­ niva composta con farina o semola e poteva esser
niti (2 Chron. 26,8). offerta da chiunque indipendentemente dal sacri­
In antitesi con quanto visto, il versamento dei ficio di una vittima animale (cfr. Lev. 2). Di fatto
propri tributi è raramente indicato con minhà'. la minhà e il sacrificio dell’incenso (q etóret, lcbó-
lud. 3,15.17.18 parla di un tributo pagato dagli nà) sono considerati una sorta di rituale univer­
Israeliti ai Moabiti; 2 Reg. 17,3 s. del tributo pa­ sale; cfr., ad es., Mal. 1 ,11: «Poiché da est fino a
gato dal regno del nord agli Assiri e Hos. 10,6 («Il ovest il mio nome è grande tra le nazioni e in ogni
vitello stesso sarà portato in Assiria come minhà luogo vengono offerti al mio nome un sacrificio
per il gran re») dimostra il fallimento della politi­ fumigante (muqtar) e una minhà pura».
ca di 2 Reg. 17,3 s. Si deve ricordare anche l’episodio degli ottanta
H.-J. Fahry uomini che vanno a Gerusalemme portando con
sé minhà e l'bónà (Ier, 41,5).
v.i. Il termine minhà ‘offerta, dono’ assume già Offerte sacrificali del tipo della minhà sono at­
in età antica il significato specifico di un sacrificio testate in tutto il Vicino Oriente antico. Su un’epi­
1 8 1 (iv,999) minha (M. Weinfeld) (iv,999) 182

grafe votiva cassita si legge infatti: «Per Adad... cfr. M. Heltzer), che in Israele era la dose che do­
egli sacrificò di grano... sementi e fece salire sacri­ veva accompagnare il sacrificio di un agnello.
ficio di profumo (ina SE.N U M U N u jgìrsati qut- 2. Poiché la minhà insiem e col sacrifico dell'in­
rinam usaqtir)» (BM 92699; E. Sollberger, JA O S censo rappresentava il culmine del rituale sacrifi­
88 [1968] 21-24). Anche in Mesopotamia si tro­ cale, l’offerta dell’«odore soave» (rèàh mhóàh),
vano sacrifici di profumi il cui effluvio era desti­ l’ora di questo sacrificio prese a essere considera­
nato alla divinità: «Senza di te (Shamash) i grandi ta quella più favorevole del giorno. Così Elia in­
dei del cielo e della terra non sono in grado di sen­ nalza la sua preghiera a Dio all’ora del sacrificio
tire il profumo dei sacrifici odorosi (ul issinu qut- minhà (ba'àlót hamminhà, / Reg. 18,36) e la sua
rinna) (RA 65 [1971J 162,3). preghiera è esaudita (vv. 38 s.). Anche Ps. 141,2 te­
Tuttavia nel culto ufficiale la minhà era di soli­ stimonia che l’ora della minhà e del sacrificio del­
to combinata con sacrifici di animali, come testi­ l’incenso è considerata l’ora propizia del giorno:
moniano già le fonti israelitiche antiche. Per il suo «La mia preghiera sale al tuo cospetto come il sa­
sacrificio Gedeone prende un capretto e pane az­ crificio profumato, le mie mani alzate come la min­
zimo impastato con un efa di farina (Iud. 6,19); hà della sera». L ’espressione «ora/tempo propi­
Manoah, il padre di Sansone, prende un capretto zio» è effettivamente nota nei Salmi: «Ma io ti
e una minhà (Iud. 13,19; cfr. v. 23); Anna, la ma­ prego, Jhwh, nell’ora della grazia (‘èt ràsón). O
dre di Samuele, prepara come sacrificio di ringra­ Dio, ascoltami nella tua grande misericordia, nel
ziamento tre tori (L X X e 4QSam: «Un toro di tuo aiuto fedele!» (Ps. 69,14). Nella sinagoga que­
tre anni»), un efa di farina e una brocca di vino (1 sto versetto viene recitato il sabato nella preghie­
Sam. 1,24). Nel documento sacerdotale vengono ra della minhà (cfr. I. Elbogen, Der judische Got-
impartite istruzioni precise circa quanto grano o tesdienst, Leipzig 1913, 118), una tradizione che
quanta farina utilizzare in questi sacrifici. La min­ sembra abbia radici remote. L ’orante usa anche
hà è fatta con un decimo di efa di semola (sólet) qui la formula ‘anéni «rispondimi!», che risale al­
per il sacrificio di un agnello, di due decimi per il la preghiera della sera di Elia. È inoltre importan­
sacrificio di un montone e di tre decimi per il sa­ te che la preghiera «‘ànènì» dei giorni di digiuno
crificio di un toro (cfr. Num. 15 ,1-15 ; 28; 29). venga recitata soltanto nel contesto della preghie­
Si deve notare che qui sólet non significa «fior ra della minhà (Elbogen 55). L ’uso di sacrifici di
di farina», contrariamente alla spiegazione comu­ profumi nell’ambito della liturgia si rispecchia
ne, ma «semola», cioè grano macinato, frantuma­ anche nella visione inaugurale di Isaia (Is. 6). Il
to in un mortaio (cfr. Pace. siltu e hShabh. 74b: slt Trisagion dell’angelo è accompagnato dal fumo
sltj ‘tagliare a pezzetti, tagliare alla meglio'; cfr. che riempie tutto il tempio; ciò richiama diretta­
acc. salàtu) che - così almeno si supponeva - si po­ mente alla memoria la colonna di fumo odoroso
teva meglio setacciare in modo che non contenes­ che si alza dall’altare dei profumi (v. 6). Si dovrà
se più alcun genere di pula. probabilmente interpretare in relazione a uno
Nella sua visione del tempio Ezechiele menzio­ sfondo simile anche la preghiera di Salomone al
na altre quantità per la minhà\ «Un efa per un momento della consacrazione del tempio (/ Reg.
montone, un efa per un toro e per un agnello 8,12 ss.; cfr. la descrizione della nuvola nel tem­
quanto si ha a portata di mano» (Ezech. 46,5; cfr. pio ai vv. 10 s.), come un’invocazione unita a un
45,24). Anche in Mesopotamia le regole per la sacrificio di profumi (cfr. Lev. 16,2.13).
preparazione di sacrifici rituali sono fissate con L ’ora della minhà come tempo adatto alla pre­
precisione: «Tre pecore... tre (misure) simid (= se- ghiera è ampiamente testimoniata nella letteratura
'ìm) di grano» (T.G. Pinches, The Babylonian dell’epoca del secondo tempio, oltre che in quella
Tablets o f thè Berens Collection, London 1915, rabbinica. Di Esdra si dice che abbia pronunciato
xio,8). Il rapporto grano/farina per ogni sacrifi­ la sua preghiera penitenziale a proposito della que­
cio animale affonda le radici negli usi correnti a stione dei matrimoni misti all’ora della minhà se­
corte o presso il popolo per la preparazione dei rale (Esdr. 9,5); sempre a quest’ora l’angelo Ga­
pasti e dei banchetti solenni. Analogamente Abra­ briele si manifesta a Daniele (Dan. 9,21) o al sa­
mo preparò come pasto per i suoi ospiti un vitel­ cerdote Zaccaria (Le. 1,9 s.). Il popolo soleva pre­
lo e tre misure (se'im) di semola (sólet) (Gen. 18,6 gare «fuori della casa di Dio» mentre i sacerdoti
s.). Similmente troviamo in Ugarit un elenco di offrivano il sacrificio dei profumi. Quest’abitudi­
forniture a soldati: «Un agnello e un Ith di farina» ne viene ripresa in una disposizione della Mishna
(KTU 4,751). Un Ith (cfr. l’ebr. lètek, Hos. 3,2) (Tarn. 6,3; Kel. 1,9), secondo la quale lo spazio tra
corrisponde all’incirca a un decimo di efa (2,21; Patrio e l’altare (bjn b ’wlm wlmzbh) non poteva
183 (iv, iooo) maria' (H.-J. Fabry) (iv.iooi) 184

essere calpestato dal popolo mentre il sacerdote pare solo 4 volte (iQ S e CD : 2 volte in ciascuno)
offriva il sacrifìcio dei profumi. Il popolo si riu­ e alcuni frammenti di 4Q riprendono il termine
niva nell’atrio ('àzàrà) per la preghiera. Infine Giu­ con palese riferimento alla terminologia sacrifica­
ditta prega nella casa di Dio all’ora della minhà le delFA.T. (cfr. 4QDibHam 4,10; 4QOrd 12,2;
(Judith 9,1). 4QPrFètesb 9,1; cfr. anche iiQ Ps* 18,8), nel Ro­
Si racconta a proposito del sommo sacerdote tolo del Tempio si hanno più di 40 ricorrenze.
asmoneo Giovanni Ircano che avesse ricevuto la L ’aramaico iQapGen ha 2 ricorrenze (21,2.20)
sua rivelazione mentre offriva il sacrifìcio di pro­ che si riferiscono al sacrificio di Abramo. Le atte­
fumi (Giuseppe, Ant. 13,2825.). stazioni che si trovano nelle regole sono tipiche
I numerosi riferimenti all’incenso e al profumo della concezione che gli esseni di Qumran aveva­
del sacrifìcio in Cant. 4 ,11-16 furono intesi dal no dei sacrifici. iQ S 9,5 parla del sacrificio innal­
Targum come se si riferissero al sacrifico dei pro­ zato dalle labbra (= preghiera) interpretato come
fumi nel tempio, quando sacerdoti e popolo pre­ nidbat minhat ràsón «sacrificio volontario gradi­
gano: «Possa Dio, il mio amato, entrare nel tem­ to». La spiritualizzazione del culto che qui si ma­
pio e accogliere benevolmente il sacrificio del suo nifesta (cfr. G. Klinzing, SU N T 7 [1971] 64 ss.)
popolo!» (Targum a Cant. 4,11.16). In maniera viene ugualmente documentata in C D 11,2 1: il sa­
simile viene interpretata come se si riferisse all’of­ crifico cruento degli empi è un’abominazione, ma
ferta di profumi nel tempio la benedizione di Isac­ la preghiera dei giusti è una minhà gradita. In
co in Gen. 27,27 s.: «Sì, mio figlio profuma come 1 iQ T s’incontra quasi esclusivamente un uso lin­
il campo che il Signore ha benedetto» (cfr. inoltre guistico di P mutuato senza alterazioni: minhà è
l’apocrifo Vit. Ad. 29; Test. Lev. 3,5 s.; -> Ihwnh regolarmente riferito mediante suffissi a sacrifici
[l'bóna]). maggiori. Qumran conosce la minhà «del matti­
L ’abbondanza di queste attestazioni spiega per­ no» (11Q T 13,15) e «della sera» (17,7). Colpisce
ché i rabbi chiamassero «preghiera della minhà» la costante combinazione di minhà con la liba­
(tefillat minhà) la preghiera pomeridiana. Sebbe­ gione (cfr. 11Q T 15,9; 16,r8; 17,14; 20,8 s.; 22,3.7;
ne la minhà come oblazione venisse offerta anche 23,5.17; 24,5.8; 25,6.14; 28,11). Anche i contenuti
la mattina, l’ora della preghiera fu legata con la concreti corrispondono a P ( t t Q T T i,r r; 34,12:
minhà della sera per la quale il popolo si raduna­ farina di grano; 20,12: mischiata con incenso).
va. Questo culto della minhà avveniva all’ora no­
H.-J. Fabry
na (le 15), quando venivano offerti il sacrifìcio del­
la sera, l’oblazione e il sacrificio dei profumi (cfr.
la Mishna, Pes. 5,1; Act. 3,1; 10,3.30).
La preghiera penitenziale di Esdra (Esdr. 9,5) itti? mctna
dimostra che l’ora della minhà era anche l’ora adat­
ta per la confessione, un’usanza che venne poi
1. Etimologia e diffusione. — 11.1. Distribuzione nel­
continuata nelle epoche successive. Nel giorno l’A.T. - 2. Significato, sinonimi, contrari. - 3. Il Siraci­
dell’espiazione si pronunciava la confessione dei de. - 4. 1 L X X . - 5. Qumran. - in . Uso nelPA.T. - 1. La
peccati alla sera, poco prima dell’imbrunire (‘m sfera profana. - 2. La sfera religiosa. 3 . 1 contesti teolo­
hskh, tjoma 4,14). Una confessione simile circa il gici.
pagamento della decima veniva pronunciata al
momento del sacrifico della minhà durante la fe­ 1. Risalta con chiarezza che la radice è diffusa
sta di Pasqua (Mishna, M.Sh. 5,10; cfr. Lev. 2). nell’area del semitico occidentale (DISO 159) e
Anche per il Talmud la minhà è il momento meridionale. Compare una volta in una formula
adatto per la preghiera (h 'j rhmj) (cfr. hTa'an.di maledizione yaudica (KAI 214,24): il dio Ha-
dad deve ‘ tenere lontano’ (Imn', la particella pre-
i2b ecc.): Il Midrash Tehillim considera addirit­
cativa / è un cananaismo) dal nemico il sonno.
tura la confessione di peccato e la preghiera della
minhà la continuazione dell’offerta dell’olocau­ L ’unica attestazione in aramaico d’impero si tro­
sto in un’epoca senza tempio e senza sacerdoti va nei Proverbi di Abiqar 136: «Non rifiutare la
(cfr. A. Jellinek, Bet ha-Midrasch iv, 104 ss.). tua sorte né bramare qualcosa di grande che non
ti è stato dato» (zj jm n ‘ mnk) (cfr. Ps. 131,1); qui
M. Weinfeld mn' è usato al pe'al fattitivo, che secondo J.M.
Lindenberger (The Aramaic Proverbi o f Ahiqar,
vi. A Qumran minhà ricorre molto frequente­ diss. John Hopkins University, Baltimore 1974,
mente, Mentre nelle varie regole il termine com­ 300) va tradotto come un passivo interno e sareb­
18 5 (iV, 10 0 2 ) maria' (H.-J. Fabry) (iv,io o 3) 186

be un precursore del passivum divinum dell’ebrai­ con 'et, il dativo incommodi viene indicato me­
co tardo. diante suffisso o prevalentemente con min oppu­
Probabilmente la radice è già attestata in cana­ re l e (Ps. 84,12; cfr. K B L 3 483).
naico: cfr. G. Wilhelm, Ein B rief der Amarna Zeit 2. La gamma semantica del verbo va da ‘tratte­
am Kàmid el-L5z\ ZA 63 (1973) 75. In questa let­ nere’ a ‘privare qualcuno di qualcosa, sottacere o
tera si annota sul margine superiore a-na minim negare qualcosa a qualcuno’ fino a ‘distogliere da,
[t]a-me-na u-nu-tu «perché ti tieni i nostri at­ tenere lontano da’ (K B LJ 570). Come significato
trezzi?». Il significato della radice mn' è assicura­ base si potrebbe supporre un ‘privare, non dare’
to dall’antitesi a tu-ud-da-nu-n[a] «devono esse­ nel senso del rifiuto di un possesso.
re consegnati» (1. 21).
Con lo stesso significato si hanno il mandaico La miglior corrispondenza di mn' è con kdld', poi
mna 11 ‘stare lontano, trattenere’ (MdD 274^ e anche con ’àsar, -> hdsak e ’dsal. Collimano con que­
sta o quella parte della gamma semantica di mn' an­
l’aramaico talmudico mn ‘impedire, trattenere, che sdfan ‘nascondere’, con una sfumatura insidiosa
ostacolare’ (WTM iti 159), mentre il sir. mcna' (‘stare in agguato’); ‘dbar hif., sur min hif. e rdhaq
«pervenire, devenire» (Lex. Syr. 395) si è allonta­ hif. ‘tener lontano, allontanare’ (primariamente in
nato semanticamente. senso spaziale); nw’ hif. ‘impedire’; sub hif. e altri,
Le lingue semitiche meridionali hanno invece ‘trattenere, frenare’ (-> swb [sub]) e nzr nif., tuttavia
conservato il significato base, così in sudarabico solo nel settore semantico parziale di ‘astenersi, trat­
il sabeo mn' «defendere (militarmente), prohibe- tenersi’ (cfr. l’uso linguistico rabbinico di mdna'). I
re» (Conti Rossini 1793; par. a d ‘ ‘abbassare’, tbr contrari di mdna' provengono da un lato dal campo
‘rompere’ e 'fpm ‘eliminare’ [CIH 573,5 = Ja 853 lessicale di ‘avvicinare’ (qdrab hif., bd' hif), poi da
quelli di ‘dare’ (ndtan, sa’al hif.,pwq hif), ‘prestare,
A/5.B/5.C/5.D/4.E/5.F/5; cfr. A. Jamme, Sabaean conferire, concedere’ (sìm hif, sdfat), ‘offrire’ (nàsak
Inscriptions from Mahram Bilqis (Màrib), Balti­ hif., rum hif), ‘indurre, istigare’ (t'h hif., swt hif,
more 1962, 269 ss.]; ma cfr. l’agg. semanticamen­ ndh h if, ni', pth pi., sub pii) e dibber ‘parlare vo­
te progressivo mani «potens, nobilis, excelsus»). lentieri’, 'and ‘rispondere’ come contrario di ‘sotta­
In N P sabei, safaitici e lihyanitici la radice s’in­ cere, non dire’ (Ier. 42,4).
contra evidentemente nel significato di ‘protegge­
re’ (RNP 1,128 s.). In arabo si ha mana'a ‘tratte­ 3. Nell’Ecclesiastico si registrano 9 ricorrenze
nere, impedire, negare’ (Wehr, Arab. Wb. 825; di mn', tutte al qal. Soggetto è sempre l’uomo. La
Lane 3024 s.) anche in molte forme nominali: ma- versione greca varia notevolmente.
n'a ‘resistenza’; m anaa ‘inaccessibilità’; mumd- 4. 1 L X X traducono ricorrendo a ben 23 diver­
na'a ‘opposizione’ ecc. si verbi. I più frequenti sono àTtoxcoXuetv (5 vol­
Nell’ambito etiopico la radice si trova ancora te), àit/àv/ÈTzéytiv (5 volte), àcp/è^atpetv (3 volte) e
solo nel tigrè mane'a ‘trattenere, negare’ e mane- àtpuCTxepeìv (2 volte); poi anche xpuTrceiv, oxveiv
'd jet ‘ciò che è negato’ (Wb. Tigre 129). Nella ecc.
letteratura rabbinica mdna' si avvicina ai termini 5. Finora si sono rinvenute a Qumran solo 2
relativi all’astinenza, specialmente a proposito dei ricorrenze di mn'. nQ tgJob 18,9 (testo dubbio)
voti di astinenza del nazireo (citazioni di testi in cita lob 31,16; in iiQ Ps* 24 (versione ebraica di
WTM ni 159). un salmo apocrifo noto già da tempo nella ver­
sione siriaca; cfr. M. Noth, ZAW 48 [1930] 1-23)
11.1. mn' ricorre nell’A.T. 29 volte (25 al qal, 4 un lamento individuale - il salmista prega: «In­

al nif). Le attestazioni più antiche derivano dal­ clina i tuoi orecchi e concedimi ciò che imploro e
l’epoca monarchica antica (Num. 22,16; 24,11 J ciò che richiedo, deh, non volermelo negare!» (v.
[Gross: I]; Prov. 11,26; Gen. 30,2 E); altre sono 5: wbqstj 7 tmrì mnmj; cfr. J.A . Sanders, D JD iv
d’età preesilica indefinita (Amos 1 volta; Geremia 70 s.), Il testo siriaco sostituisce mn' con il sino­
6; Proverbi 4; Salmi 2), il resto d’età esilica e post- nimo k l' (cfr. Ps. 84,12 e lob 31,16).
esilica (opera storiografica deuteronomistica 4;
Giobbe 4; 1 volta ciascuno Ezechiele, Gioele, Ec­ iii.i. In ambito profano mdna‘ significa in pri­
clesiaste e Neemia). Dio è il soggetto 13 volte (in­ mo luogo ‘tenere qualcuno lontano da qualco­
cluso il passivo divino in Ier. 3,3; Ioel 1,13: lob sa’ oppure ‘negare qualcosa a qualcuno’, ‘privare
38,15), il re 2 volte, un uomo 13 volte, 1 volta il qualcuno di qualcosa’. In queste accezioni si co­
peccato umano (Ier. 5,25). glie ancora perfettamente l’aspetto semantico del­
La struttura della frase non presenta particola­ l’etimo: negare significa in prevalenza non conce­
rità di rilievo: l’oggetto è costruito per asindeto o dere qualcosa su cui la persona in questione non
187 (rv,ioo4) màna' (H.-J. Fabry) (rv,ioo4) 188

può accampare alcun valido diritto. Il re può con­ vante. La reazione degli ascoltatori (vv. 5 s.) dimo­
cedere la figlia a un pretendente oppure negar­ stra che essi sono pronti a tutto.
gliela (2 Sam. 13,13). Il vassallo può tener lontana Inoltre màna‘ significa ‘trattenere, distogliere
da sé e dal proprio paese una grande sventura se (sé o altri) da una determinata azione’: dall’intra-
non rifiuta il tributo al potente (/ Reg. 20,7). L ’an­ prendere un viaggio (Num. 22,16), dal correre a
tica sapienza dei proverbi esprime il fenomeno piedi nudi (ler. 2,25), dal piangere (Ier. 31,16).
dell’ingratitudine nei confronti del lungimirante Proprio in quanto espressione di un’autolimita-
in questioni politiche o economiche: «Chi razio­ zione (o del suo rifiuto) màna1 ricorre spesso in
na (trattiene, m ri) il grano, la gente lo maledice; sentenze di tono edonistico: «Di tutto quello che
ma chi lo vende, benedizione sul suo capo!» (Prov. i miei occhi desiderarono, non rifiutai Casal) loro
11,26; diversamente interpreta Ringgren, ATD 16, nulla; non negai al mio cuore alcun tipo di gioia
ad l. che vede lodate nel proverbio le virtù della (lo* màna'ti)» (Eccl. 2,10). Prendendo criticamen­
generosità e della misericordia; contro tale lettura te le distanze dalle soluzioni tradizionali della sa­
si deve però far valere la presenza del verbo mer­ pienza, Qohelet vede nella gioia la migliore parte
cantile sàbar nel v. i6b). In ambito pedagogico si della vita che possa toccare all’uomo (cfr. O. Lo-
mette in risalto il principio di non tener lontano retz, Qohelet und der Alte Orient, 1964, 244 s.).
la disciplina (musar, -» jsr [jàsar]) dal ragazzo Così egli ritiene del tutto insensata l’astensione
(Prov. 23,13), un chiaro riferimento alla punizio­ ascetica dal godimento, pur sapendo che in fondo
ne corporale, come risulta palese dal v. 1 3b (per il anche la gioia non è che un alito di vento (-» hbl
problema della correzione fisica e verbale cfr. L. [,hebel], Eccl. 2,1 s.n ). In Ecclus 14,14 risuona la
Dùrr, Das Erziehungswesen im A.T. und im Al­ formulazione classica dell’imperativo edonistico
ten Orient, MVÀG 36/2, 1931, spec. 114 ss.; M. di Aristippo: «Non negarti la felicità di oggi e
Saeb0, TH AT 1 738-742; R.D. Branson, -> voi. 111 non passare accanto alla tua parte di piacere!».
808 s.). T. Penar (44) ritiene a torto che qui si parli del­
la morale economica relativa ai pagamenti («non
Un’esortazione simile potrebbe essere presente in decurtare [trattenere alcuna parte de] la paga!»)
Ecclus 4,23 (ms. A), se fosse corretta la puntazione
perché non si può forzare il significato di tóbà
proposta da T. Penar (Northwest Semitic Philology
and thè Hebrew Fragments of Ben Sira\ BietOr 28 fino a ‘paga, salario’. Tutte le fatiche e tutte le pri­
[1975] 16 s.) che nel testo 7 tmn' dbr blwlm legge vazioni alla fine vanno a vantaggio di altri (Ecclus
beiùlìm: «Non rifiutare la tua massima ai bambini e 14,4.15; cfr. Ecclus 11,18 s.; Prov. 11,24; anche
non nascondere la tua sapienza». Tuttavia secondo il Omero, Od. 1,248.375 ecc.). Non è chiaro se si
ms. C l’intenzione del testo sembra mirare altrove: il debba collocare in una prospettiva edonistica an­
suo b'jtw «a suo tempo» (cfr. H.P. Ruger, BZAW che Ecclus 35,3 (ms. B): «Parla, età, perché a te si
112, 1970, 34) fa presumere per il ms. A un be<ólàm, addice, con giudizio misurato; ma non impedire
così che nel testo si deve leggere un’esortazione ge­ il canto (’/ tmn* sjr)\».
nerica alla disponibilità ad aiutare: «Non trattenere
la tua parola nel momento (in cui può salvare [La 2. In contesto religioso màna' compare spesso
Sainte Bible; J.G. Snaith, CBC])». nella tematica sociale. Elifaz ritiene che una delle
cause delle disgrazie di Giobbe risieda nel suo
Di solito «trattenere/negare una parola» impli­ presunto comportamento asociale: non avrebbe
ca la reticenza nel riferire il messaggio nella sua porto acqua all’assetato e avrebbe «rifiutato» (mà­
pienezza e una violazione del dovere di dire la ve­ na') il pane all’affamato (Iob 22,7). Con un elo­
rità; ma il contrario, «non negare una parola», non quente giuramento di purificazione (per l’analoga
si riferisce semplicemente alla completezza del «confessione negativa» del Libro dei morti egi­
messaggio e al dovere della verità, bensì - proprio ziano cfr. R. Kilian, BZ N.F. 7 [1963] 185-202)
in bocca al profeta - può costituire un’intensifi­ Giobbe respinge tale accusa: non ha mai rifiutato
cazione radicale, una franchezza che non rispar­ ai poveri (-» di [dal]) ciò che essi chiedevano (Iob
mia niente e nessuno. Così Geremia non tratterrà 31,16), e la scelta di questa espressione (-> hps
per sé alcuna parola nella situazione che precede [hàfés]) indica un atto che con si è limitato al mi­
immediatamente la caduta di Gerusalemme (Ier. nimo indispensabile (-» s 7 [sà'al]\ cfr. Ecclus 4,3;
42,4), compiendo il proprio dovere nei riguardi 41,19) ma è andato oltre: Giobbe ha dunque os­
della parola di Dio - che non ha bisogno di alcu­ servato i suoi obblighi sociali anche più del dovu­
na giustificazione particolare - , ma soprattutto to. Questo dovere sociale viene generalizzato dal­
non cercando in alcun modo di rendere il messag­ la sapienza proverbiale: si deve esser disponibili
gio più accettabile con una formulazione accatti­ ad aiutare non solo i poveri, ma chiunque abbia
189 ( i v . i o o j ) mana (H.-J. Fabry) (lV ,io o 6) 19 0

bisogno di qualcosa (Prov. 3,27). Anche il Siraci­ direttamente trattenere la benedizione, se l’uomo
de riflette su questo principio, presentandolo in ha eretto col suo peccato una barriera divisoria tra
numerose variazioni; ad es., «dona la tua offerta a sé e Dio (Ier. 5,25).
ogni vivente, non negare hesed nemmeno ai mor­ Tuttavia il pio confida sempre nella benevola
ti» (Ecclus 7,33; ma cfr. 12,1-6); oppure: «Da’ al attenzione di Jhwh. Già la liturgia preesilica della
buono, ma nega al cattivo!» (Ecclus 12,4.7). porta del tempio (H. Schmid) è consapevole che
Lo sfondo giuridico di Ecclus 7,21 è alquanto Dio non negherà alcun bene a coloro che cammi­
complesso: «Non negargli (= allo schiavo) l’af­ nano nell’innocenza (Ps. 84,12; cfr. iiQ P s 2 24).
francamento (bwps)». Da un lato questa esorta­ Anche il re aveva davanti a Dio una particolare
zione si riferisce alla liberazione degli schiavi pre­ certezza di essere esaudito, perché Jhwh «non gli
vista dalla legge per l’anno sabbatico e l’anno giu­ avrebbe negato ciò che le sue labbra gli chiedeva­
bilare (cfr. North, -» voi. 11 306 ss.; Ex. 21,2 [-> no pregando» (Ps. 21,3). In6ne nella liturgia post-
hpsj (bofsi)]; Deut. 15,12), ma insieme si è davanti esilica dell’espiazione si confessa che nonostante
a un’estensione della legge agli schiavi non ebrei la disubbidienza del popolo in occasione dell’eso­
(cfr. J.G . Snaith 45); d’altra parte la prima metà do Jhwh non gli negò la manna, ma anzi lo cibò
del versetto, «ama lo schiavo intelligente come te in sovrabbondanza (Nehem. 9,20). Il pio Agur raf­
stesso», afferma, facendone un principio umanita­ forza la sua preghiera di avere onestà e sobrietà in
rio generale, la liberazione degli schiavi indipen­ vita incitando Jhwh con le parole ’al-timna‘ mim-
dentemente da ogni dettato giuridico. mennì b eterem ’àmut (Prov. 30,7), «non negar­
màna‘ ricorre solo due volte in contesti etici. mele prima che io muoia!».
Prov. 1,15 esorta a tenere il piede lontano dal cam­ Dio guida sovrano i progetti e le azioni degli
mino dei peccatori, par. a non percorrere insieme uomini. Lo fa non soltanto indicando positiva­
la loro strada (v. i5a) e a non cedere alle loro lu­ mente la via, ma anche - come dimostra la storia
singhe (v. 10). Nel suo secondo discorso Sofar de­ di David e Nabal - tenendo abilmente l’uomo lon­
scrive con un’immagine viva ed efficace (Iob 20, tano dal male (màna\ / Sam. 25,26.34) e rispar­
12-14) l’empio (rdsà‘) e perverso (hànéf) che trat­ miandogli la colpa (-» hàsak, v. 39; cfr. Clements,
tiene in bocca il male, come un dolce che fa scio­ -» voi. Ili 283). Per m ostrare questo comporta­
gliere godendone sulla lingua, ma mentre lo gusta mento divino in maniera paradigmatica, DtrH
si trasforma in veleno. amplia in 1 Sam. 25 il testo base che gli serve da
3 . 1 passi dell’A.T. dicono che anche Jhwh spes­ canovaccio: mentre lo strato originario si propo­
so nasconde qualcosa agli uomini. L ’esempio più ne di esporre l’origine e il carattere della regina
antico è in Gen. 30,2. Questo versetto, che fa par­ Abigail (cfr. J.H . Granbcek, Die Geschichte von
te della narrazione essenzialmente jahvista della Davids Aufstieg: Acta Theol. Danica 10 [1971]
nascita e dell’imposizione del nome dei figli di 170-175), DtrH trasforma la storia nel paradigma
Giacobbe, viene frequentemente assegnato a E (ad di come Dio si sia servito di Abigail come stru­
es. Gunkel, Eissfeldt e altri) a causa del nome di mento per preservare l’unto dal macchiarsi di una
Dio («sto forse al posto di 'èlóhim che ti nega il colpa di sangue (-» dm [dàm]) (cfr. H.U. Nubel,
frutto del corpo?»), tuttavia Westermann (BK 1/2, Davids Aufstieg in der friìhen israelitischen Ge-
1981, 576) vede con buone ragioni anche qui la schichtsschreihung, diss. Bonn 1959, 51 ss.). Anche
mano di J. Ora, «negando» Jhwh il frutto del se si volessero discutere con gli argomenti della
corpo, Rachele vede nell’adozione («partorire sui storia della tradizione, come fa Stoebe (KAT vili/1
ginocchi») il solo modo di avere figli «propri». 454), le distinzioni di critica letteraria introdotte
La natura che trattiene o elargisce i propri frut­ da Nubel (e anche da Veijola), ciò non tocchereb­
ti secondo la volontà di Jhwh è una componente be minimamente l’intenzione autentica della sto­
dell’annuncio profetico del castigo divino. Jhwh ria: professare la cura attenta di Jhwh per il suo
nega la pioggia (Am. 4,7; Ier. 3,3) per castigare il unto e idealizzare la figura di David (cfr. inoltre
proprio popolo. Egli trattiene i fiumi gettando il K.H. Bernhardt, Das Problem der altorientali-
cosmo nel lutto (Ezech. 31,15). Nega anche (pas­ seben Kónigsideologie im A.T., VTS 8, 19 61,120).
sivo divino) al proprio tempio oblazioni e liba­
H.-J. Fabry
gioni per condurre il popolo al ravvedimento sin­
cero (loel 1,13). Secondo Iob 38,15 nega agli em­
pi la luce del mattino, un’espressione che per G.
Fohrer (KAT xvi 504) significa un esito positivo
del dibattimento giudiziario. Infine Jhwh può in­
191 (rv,xoo7 ) mas (R. North) ( i v ,io o 8 ) 192

nimo del neobabilonese pilku ‘obbligo feudale’


Dfà mas (AHw 863) e dell’antico babilonese ilku ‘presta­
zione obbligatoria per l’assegnazione di terre’
sébel (AHw 371 s.), si usa Jn t (WUS n. 325; prestito
hurrita? = acc. unussu, AH w 1422; cfr. J. Nougay-
1. Etimologia; espressioni affini nel Vicino Oriente an­ rol, PRU 1 226; diversamente I. Diakonoff, Fs. B.
tico. - 11.1. La schiavitù in Egitto. - 2. mas ‘óbéd. - hi. Landsbergcr, Chicago 1965, 345). R. Yaron, VT
Presenza e valutazione di mas nell’A.T. - rv. L’epoca 10 (i960) 88 invece associa Jnt a ’àhuzzà, Ios.
postesilica e quella postbiblica. - v. Riepilogo. 22,4.
Bibl.: P. Artzi, sbl (EMiqr 5, 995 s.). - P. Artzi, sbl-
sablum: Yediot 18 (1954) 66-70. - A. Bakir, Slavery in 11.1. mas significa ‘corvè’, un tipo di lavoro cui
Pharaonic Egypt (ASAE, suppl. 18, Cairo 1952, 14-40). si è ‘obbligati’, senza che si tratti formalmente di
-A . Biram, ms ‘wbd Corvée: Tarbiz 23 (1952) 137-142. «schiavitù». L ’unica parola ebraica per indicare il
- G. Evans, The Incidence of Labour-Service in thè lavoro degli schiavi è tuttavia usata anche per in­
Old Babylonian Period: JAOS 83 (1963) 20-26. - Z. dicare il lavoro normale, libero (Sauer): solo la
Falk, Hebrew Law in Biblical Times, Jerusalem 1964, combinazione bét ‘àbàdim significa la schiavitù
1 1 7-122. - M. Haran, The Gibeonites, The Nethinim senza possibilità di equivoci (Ex. 20,2 = Deut. j,6
and thè Sons of Solomon’s Servants: VT 11 (1961) 1 59­
e altri 11 passi), e denota la corvè degli Israeliti in
161. - M. Held, The Root zbl/sbl in Akkadian, Ugar-
itic, and Biblical Hebrew: JAOS 88 (1968) 90-96. - D. Egitto, che solitamente viene chiamata siblót (Ex.
Kunstlinger, Ims ’bd ‘dj ’bd: OLZ 34 (1931) 609-612. -1 ,11; 2 ,11; 5,4 s.; 6,6 s.). Soltanto una volta, e in­
B. Levine, The Netinim: JBL 82 (1963) 207-212. - I. direttamente, si parla di missim «sorveglianti»
Mendelsohn, State Slavery in Ancient Palestine: BA (Ex. 1,11).
SOR 85 (1942) 14-17. - Id., On Corvée Labor in An­ 2. L ’espressione m-as ‘óbéd compare 3 volte: no­
cient Canaan and Israel: BASOR 167 (1962) 31-3 j. -T .nostante i tentativi di interpretarla come locuzio­
Mettinger, Solomonic State Officiate, Lund 1971, 128­ ne che indica una corvè particolarmente pesante
139. - A. Rainey, ms ‘bd (EMiqr j, 55 s.). - Id., Com-imposta a non Israeliti (Haran 163; Mettinger
pulsory Labour Gangs in Ancient Israel: 1EJ 20 (1970)
129), si tratta di un semplice sinonimo di mas (per
191-202. - G. Sauer, Fronarbeit (BHHW 1 502). - M.
Weber, Ancient Judaism, New York 1952, 55. 59. 256. Rainey è un termine cananaico con una glossa
ebraica; cfr. Biram 138), giacché lud. 1,30 (come
1.1. Il termine mas è di origine sconosciuta. Se­ sostanzialmente Ios. 16,io) con mas 'óbéd è iden­
condo M. Noth (BK ix / i 212) deriva «forse» tico a Ios. 17,13 = lud. 1,28 (.33.35) che ha solo
dall’egiziano ms ‘portare’. J. Montgomery lo ac­ mas e si riferisce al destino alquanto immaginario
costa al sudarab. mns1 ‘dono’ (Conti Rossini 191; delle popolazioni i cui territori erano stati conqui­
cfr. et. mensa’ ‘imposta’). La corvée era comune­ stati da Israele, ma che non erano state stermina­
mente praticata in Egitto, ma non può essere col­ te (-» hrm [herem]). Si tratta quindi di gruppi di
legata con una parola precisa (Bakir). popolazione cananea che dopo la conquista dei
In acc. massu ‘obbligato a un servizio’ (AHw loro territori erano stati sottoposti a prestazione
619) si trova soprattutto come prestito ad Alalakh d’opera obbligatoria (corvè). Secondo Mettinger
intorno al 1700 a.C. (Mettinger 130). Una testi­ 133 i presupposti per una circostanza del genere
monianza più tarda trovata ad Alalakh (verso il non si ebbero prima dell’epoca di David. Secon­
1500 a.C.) menziona due L U mas ali tra i habi- do il diritto bellico deuteronomico (Deut. 20,11;
ru. Inoltre il termine ricorre una volta ad Amarna cfr. 11Q T 62,8) questo sistema andava adottato
(EA n. 365, F. Thureau-Dangin, RA 19 [1922] 97 nelle località che si erano arrese senza combatte­
s.; A. Rainey, AO AT 8 ,21978, 81) con riferimen­ re, mentre si sarebbe dovuto procedere in manie­
to a lavoratori che ricevono la «paga» (o piutto­ ra diversa con le «città lontane», dove l’espressio­
sto le loro «razioni», ma solo quattro mesi l’an­ ne «lontane» (v. 15) non si riferisce probabilmen­
no) come altri dipendenti; per questa lettera cfr. te a conquiste espansionistiche fuori di Canaan,
anche A. Alt, Kl. Schr. ni 169-174. In antico babi­ ma allude all’astuzia dei Gabaoniti in Ios. 9,6 (cfr.
lonese si deve confrontare massu con muskénum A. Rofé, The Laws ofW ar in Deuteronomy: Zion
(Evans 23, che distingue la classificazione anagra­ 39 Ci974 ] i 43 - I 5<5). ^ ^
fica per età gurus). Il «lavoro obbligatorio» per Poiché in 1 Reg. 9,21 l’espressione mas ‘óbed è
l’irrigazione dei campi era l’unica maniera per ren­ seguita dalla locuzione prepositiva «fino al gior­
dere possibile l’agricoltura. no d’oggi», potrebbe implicare una durata mag­
A Ugarit ms non è documentato. Come sino­ giore della corvè ma non certo rappresentare, co­
193 ( iv , i <x >9) mas (R. North) (iv, 1009) 194

me sostiene Kiinstlinger con riferimento a Num. bligatorio e gratuito imposto da Salomone va con­
24,20.24, una variante di 'bd = ar. ’abadan ‘per siderata anche la lapidazione del sorvegliante del
sempre’. Il passo parallelo (2 Chron. 8,8) ha il so­ mas, Ado( ni)ram (2 Sam. 20,24; 7 ^ €S- i 2,r8; per
lo mas e così anche il passo affine di / Reg. 9,15. il nome v. Mettinger 133). A questo proposito si
‘ebed è a sua volta la parola chiave nella sopravvi­ deve però riconoscere che la severa condanna del
venza postesilica dell’istituzione (v. sotto, rv.i). «peccato di Geroboamo» (/ Reg. 15,30 ecc.; 20
volte) lascia nell’ombra il fatto che egli abbia lot­
iii.i. Gli Israeliti detestavano il loro mas in tato contro ogni abuso del mas (1 Reg. 11,28 do­
Egitto e consideravano la liberazione da esso ve però si usa il termine sèbel, secondo Mettinger
l’opera più grande di Jhwh nella storia. Il fatto che un sinonimo nordisraelitico di mas; cfr. a Mari
un tempo Israele fosse stato uno schiavo (‘ebed) sablum, v. Artzi). L ’ultimo esempio di corvè di
viene addotto nel Deuteronomio come ragione cui si parli riguarda il regno di Asa ( j Reg. 15,22;
che giustifica il trattamento umano del gér (-> gwr) anche qui si usa sèbel).
(Deut. 15,15; 16,12; 24,18.22). Questo atteggia­ 2. Si devono ancora ricordare alcune ricorren­
mento è in contraddizione con l’approvazione ze di mas. Secondo Gen. 49,15 la tribù israelitica
della corvè nei libri di Giosuè e dei Giudici. Nes­ di Issacar è stata soggetta a corvè in Canaan, una
suna approvazione simile s’incontra invece per umiliazione che è considerata il risultato della sua
l’effettiva corvè sotto David (2 Sam. 20,24; 1 indolenza (von Rad, ATD 2-4, ad /.). Il mas viene
Chron. 22,2) e Salomone (/ Reg. 9,20 s. //2 Chron. presentato, con una generalizzazione, come con­
8,8 dove, stranamente, tra i popoli obbligati alla seguenza di una sconfitta militare (Is. 31,8; Lam.
corvè non compaiono i «Cananei»), Questo mas 1,1). Secondo Prov. 12,24 ^ P*gro deve assogget­
viene però presentato come necessario per la rea­ tarsi a corvè per potersi guadagnare di che vivere.
lizzazione della costruzione del tempio.
L ’organizzazione del mas messa in opera da IV. 1 . 1 «figli degli schiavi (‘bd) di Salomone» in
Salomone viene biasimata anticipatamente in 1 Nehem. 11,3; cfr. 7,57.60 = Esdr. 2,55.58 vengono
Sam. 8,11 (nonostante il tentativo di Mendelsohn menzionati insieme con i netìnim. L ’espressione
[BASO R 85, 15] di scoprire qui un feudalesimo «mas ‘óbèd fino al giorno d’oggi» (/ Reg. 9,21)
dell’età di Samuele - il riferimento all’ug. msm si serve da motivazione eziologica della loro presen­
basa su una lettura errata [msm invece di mdm]). za (J. Liver, JSS 8 [1963] 233). I nctintm rappresen­
La valutazione negativa di Salomone si basa in­ tano nel Talmud il mas del tempio, mentre i «Ga-
dubbiamente in gran parte sull’utilizzo del lavoro baoniti» indicano il mas dello stato.
forzato, di manodopera non rimunerata, per la 2. Nei L X X mas viene costantemente tradotto
costruzione della sua reggia (Ier. 22,13 v * allude). con cpópoc;, che qui non significa, come nel N.T.,
Nessun autore biblico condanna però il mas per ‘imposta’ (K. Weiss, G L N T xiv 1040 s.). Tuttavia
scopi buoni e necessari. Per questa ragione J.A. anche mas assume nel Talmud e in neoebraico
Wainwright, Zoser’s Pyramid and Solomon’s tale significato, a motivo, si suppone, di Esth. 10,
Tempie-. ExpT 91 (1979-80) 137-140, erede di do­ 1 (D. Daube, JQ R 37 [1947] 40; Rainey, EMiqr);
ver negare a mas la natura di «lavoro forzato», e ma in Ester si tratta probabilmente di un malinte­
pensa piuttosto al lavoro di operai generici etica­ so relativo a un decreto sulla corvè (H. Bardtke,
mente neutro. KAT XVIl/5 402; cfr. il parere diverso di G. Ger-
Ma probabilmente il mas di Salomone è con­ leman, BK xxi 143 s.).
trario al volere di Dio in quanto coinvolgeva 3. Da tutto ciò risulta una visione biblica gene­
anche - o forse soprattutto - manodopera israeli­ rale che il lavoro è in sé buono e necessario anche
tica (/ Reg. 5,13 = L X X 5,27 con «popoc,, v. sotto, quando viene «mobilitato con la forza» per scopi
iv.2). Non si può considerare una confutazione degni che non possono essere realizzati privata­
di tale sospetto il commento che Salomone non mente; ma sussiste tuttavia la possibilità di abusi,
abbia mai utilizzato come schiavi (‘ebed) gli Israe­ che devono essere combattuti.
liti (/ Reg. 9,22), a meno di inserire qui mas con R. North
B H K 3 - non BHS - , né che possa esserlo 2 Chron.
8,9, a meno di espungere con B H K 3 e BHS ’dser.
Probabilmente gli Israeliti erano esentati dal mas
solo nei desideri del Deuteronomista (de Vaux,
LO 11 3 5 ss.).
Una disapprovazione del sistema di lavoro ob­
195 (rv>ioio) massekà (Ch. Dohmen) (r v ,io u ) 196

sékà in relazione con nesek ‘ libagione’ oppure


rDDfò
T -
massekà con swk 11 ‘ungere’, deducendone l’ idea di un si­
mulacro concreto, non ha alcuna forza probante.
I. La terminologia delle immagini divine; delimitazio­ La radice nsk che s’incontra in numerose lingue
ne, etimologia e significato. - 1. massekà. - 2. nesek. -
semitiche non può essere associata ad alcun cam­
3. 'àsabbìm. - 4. pesel. - 5. selem. - 6. semel. - 11. Tipi di
fabbricazione. - ili. L'A .T. - 1. Ricorrenze e distribu­
po semantico omogeneo. Tuttavia ci sono due
zione. - 2. Fraseologia. - 3. Significato teologico. - 4. 1 aspetti semantici che emergono sugli altri in ma­
LXX. niera particolare: da un lato il sacrificio (libagio­
ne), dall’altro la lavorazione di metalli. Il nsk se­
Bibl.: K.-H. Bernhardt, Gott und tìild. Ein Beitrag zur
mitico occidentale può essere ricondotto all’acc.
Begriindung und Deutung des Bilderverbotes im A.T.
nasàku ‘gettare in piano’ (AHw 752 s.; CAD
(Theol. Arbeiten 2, Berlin 1956). - J. Boese - U. Rùss,
Goldschmiedetechniken (R LA m , 1957-71, 519-531). - N/2,15-20). Le attestazioni semitiche occidentali
O. Eissfeldt, Gott und Gòtzen im A .T : ThStKr 103 di nsk mostrano che per la tecnica di lavorazione
(1931) 15 1-16 0 = Kl. Schr. 1, 1962, 266-273.- E . Fcucht, del metallo che qui si deve considerare c’è in pri­
Goldschmiedearbeiten (Lex. Àg. n, 1977, 751-754)- - mo piano l’idea di ‘ mettere su un piano’ (per i par­
K, Galling, Gótterbild, weibliches (BRL* m - 1 1 9 ) . - ticolari cfr. -> nsk). Poiché gli unici materiali as­
W. Helck, Kultstatue (Lex. Àg. 111, 1980, 859-863). - sociati a massékà sono l’oro e l’argento, probabil­
H.-D. Hoffmann, Reform und Reformen (A ThA N T mente si deve pensare in primo luogo all’aspetto
66, Ziirich 1980). - C.R. North, The Essence of Idol-
di una loro specifica tecnica di lavorazione, la
atry (Fs. O. Eissfeldt, BZAW 77, *1961, 151-160 ). -
cesellatura o la placcatura (cfr. R L A ili 519-531),
H .D. Preuss, Verspottung fremder Religionen im A. T.
(BW ANT 92, Stuttgart 1971). - J. Renger - U. Seidl, tanto più che per indicare la fusione dei metalli
Kultbild (RLA vi, 1981, 307-319). - M. Weippert, Gott l'ebraico possiede la radice -» jsq (cfr. anche le te­
und Stier. Z D PV 77 (1961) 9 3 -117 . - P. Welten, Gòt- stimonianze in ugaritico, KTU 1.4, 1 23-43; cfr.
terbild, mànnliches (B R L ’ 9 9 -111). - P. Welten, Gòtter- Dietrich-Loretz, U F 10 [1978] 57-63 e Heyer,
gruppe (B R L ' 119-122). - W. Zimmerli, Das Bilderver- U F 10 [1978] 93-109). massékà può quindi deno­
bot in der Geschichte des alten Israel. Goldenes Kalb, tare un lavoro - in argento o oro - eseguito col
Eherne Schlange, Mazzeben und Lade (Fs. Jepsen 19 71, cesello o una placcatura in metallo prezioso, an­
86-96 = ThB 51 [1974] 247-260). - -> nsk, -> psl, -> slm
che se, probabilmente, per quest’ultima tecnica si
(selem).
deve guardare piuttosto a sph 11, e rq‘ pi. indica
1.1. Il nome massékà viene generalmente consi­ forse in origine la preparazione delle lamine di
derato una forma di schema maqtil dal verbo nsk metallo prezioso necessarie per tale tipo di lavo­
‘fondere’ (BLe 492t) (oppure in Is. 25,7; 28,20 razione (v. sotto, 11). Nel caso di massékà, quindi,
massekà 11 ‘coperta* da nsk 11 ‘intrecciare’ [K B L 3 in primo piano si pongono questi tipi di lavora­
573]) col significato di ‘immagine fusa (di un dio)’ zione applicati o eseguiti su una base o anima
(GesB 440) o ‘immagine fusa’ (K B L 3 572 s.). Que­ lignea o metallica. In Is. 40,19; Ier. 10,3 s. ecc. si
sta derivazione implica per il verbo di provenien­ parla proprio di questi lavori di oreficeria. La to­
za, nsk, il significato di ‘fondere metallo’, che pe­ tale assenza del termine nella sfera profana si
rò nell’A.T. non è attestato con certezza; nei pas­ spiega col suo uso nei testi polemici contro gli
si pertinenti (Is. 40,19; 44,10) l’espressione gene­ idoli, un ambito al quale sono parimenti limitati
rica nsk pesel può anche indicare un’altra tecnica anche altri termini, come pesel e ‘asabbim, che
di lavorazione dei metalli. Inoltre la traduzione derivano tutti da verbi esprimenti attività artigia­
con i significati suddetti del nostro termine mas­ nali. Dipende da questo anche l’assenza di massé­
sékà, che compare prevalentemente in frasi fatte kà in tale significato in lingue indipendenti dal­
(v. sotto, n i.2), presenta frequentemente gravi dif­ l’ebraico (la lettura e l’interpretazione delle uni­
ficoltà che non possono essere risolte del tutto che due attestazioni in K A I 26 A in i.C iv 3 so­
nemmeno col significato supplementare ‘fusione no incerte; cfr. DISO 160 s.v.).
di metallo’ indicato da K B L 3. Che massékà vada 2. Il termine nesek, che deriva dalla stessa radi­
collocata nel campo della metallurgia è evidente ce di massékà e nell’ A.T. è solitamente usato nel
dai contesti che nominano i materiali usati e le significato di ‘ libagione’, viene impiegato in quat­
tecniche di lavorazione (cfr. ad es. Ex. 32,2; Is. 30, tro passi esilici o postesilici come sinonimo di
22; 49,19; 44,9-17; Hos. 13,2) e da formulazioni massékà (Is. 41,29; 48,5; Ier. 10,14 = 51 >1 7 [cfr- A.
parallele come ’èlóhè massékà (Ex. 34,17) - ’élàhè Weiser, ATD 20, 7i 976, 87]); per contro in questi
zàhàb (Ex. 32,31), così che l’ipotesi di J. Faur testi manca massékà (Deuteroisaia e Geremia [per
(JQ R 69 [1978] x-15) che vorrebbe mettere mas­ Is. 42,17 cfr. K. Elliger, BK x i / i ad /.]). La carat­
• 97 ( iv ,io i2 ) massekà (Ch. Dohmen) (rv ,io i3 ) 198

terizzazione e la valutazione della perdurante ido­ (cfr. H.W. Wolff, BK x rv /i,31976, 283 s. 291; di­
latria, suggerite col gioco di parole di Is. 30,1 (v. versamente H. Motzki, VT 25 [1975] 470-485,
sotto, in. 1), ven gon o espresse ancor più esplicita­ che pensa a una glossa).
mente nei testi che usano nesek invece di massé-
kà. L ’affermarsi del parallelo è confermato anche H.W. Wolff (BK xiv/i, 3i976, 292) pensa che mas-
dalle formulazioni con nesek che corrispondono sékà sia un’immagine fusa di metallo, dato che in Ex.
32,4.8 si usa massékà per indicare l’immagine del to­
esattamente alle consuete frasi fatte con massékà,
rello; ma in Hos. 13,2 si tratterebbe di immagini «sul
ad es. pisli w'niski (Is. 48,5; cfr. pesel umassékà), modello di statuette di bronzo che venivano placca­
oppure dalla frase scissa, i cui componenti sono te in argento (cfr. 8,4b [2,iobpj, sopra, pp. 178 s.)».
contrapposti in Ier. 10,14 = 51,17- In Dan. 11,8
nàsik, derivato dalla radice nsk, viene usato nel In testi più recenti la sfumatura semantica del
senso di massékà forse per evocare un’associazio­ termine si è in parte affievolita (Zach. 13,2; 2
ne supplementare con nàsik ‘principe’ nella locu­ Chron. 24,18) per andare poi persa del tutto in
zione ’élóhèbem ‘im-nesikéhem. brani polemici resi più aspri mediante l’accumu­
3. Rispetto agli altri termini usati per gli idoli, lazione di termini del suo campo lessicale (Is. 10,
che non si riferiscono a un determinato gruppo 10 s.; 48,5; Mich. 1,7). In due passi che presentano
di immagini, il p i tantum ‘àsabbim (-> 'sb) funge notevoli difficoltà testuali (Is. 48,5; Ps. 139,24; cfr.
da termine generale per le immagini degli idoli E. Wurthwein, VT 7 [1957] 173 s.) è attestata la
delle religioni non israelitiche, come si dice espli­ forma particolare ‘òseb, con lo stesso significato.
citamente in 9 passi (1 Sam. 31,9; 2 Sam. 5,21; Is. 4. Le forme nominali di psl che i masoreti han­
46,1; Ier. 50,2; Ps. 106,36.38; 115,4; 135,15; / no distinto in due lessemi (pesel + *pàsil\ per il
Chron. 10,9) sui 17 in cui ricorre il termine. Il ca­ nesso cfr. C. Dohmen, BN 16 [1981] 11 s.) costi­
rattere particolare del nome 'àsabbim è dovuto tuiscono insieme il termine più frequente dell’A.
alla radice omonima ‘sb 1 ‘plasmare, fare, model­ T. per indicare le immagini degli idoli (54 volte).
lare’ e ‘sb il ‘offendere, affliggere’. Le sue attesta­ 11 termine indica, senza alcuna differenza specifi­
zioni più antiche risalgono a Osea. ca, qualsiasi specie di immagine usata nel culto, le
A causa di contraddizioni di contenuto col v. 10 immagini degli dei di religioni straniere (2 Reg.
in 31,8-13, 1 Sam. 31,9 si rivela un brano seconda­ 21,7; Ier. 51,47 ecc.) e quelle vietate a Israele col
rio, una palese interpolazione redazionale formulata relativo comandamento (Ex. 20,4; Deut. 5,8). pe­
con riferimento a 1 Sam. 17,51.54 che articola la sto­ sel non resta poi limitato al significato inerente al­
ria dell’ascesa di David. Con T. Veijola (Die ewige la radice, ‘scolpire, scolpire ad arte’, ma compren­
Dynastie, Helsinki 1975, 97 ss.) si deve parimenti de anche immagini divine prodotte in maniera di­
ammettere il carattere secondario di 2 Sam. 5,21; qui versa (Is. 44,10; -» 'sh [‘òsa]; -» jsr [jàsar]; -> nà-
il v. 21 è collegato con la perdita dell’arca di 1 Sam. sak). Il termine viene ulteriormente specificato in
4 ,1-11. numerose espressioni come pesel umassékà (Deut.
Nell’insieme dei peccati contro cui Osea tuona 27,15; Iud. 17,3.4 ecc.); p esilé ’èlòhim (Deut. 12,
s’incontra come motivo ricorrente - ma riferito 3); pesel hà'àsérà (2 Reg. 21,7). Per tutto questo
soltanto a Efraim - il legame con popoli stranieri psl.
e quindi anche con i loro dei e culti (Hos. 4,17; 5, 5. Il significato proprio di selem nell’A.T. è ‘raf­
8 .11.13 ; 7,8.11; 8 ,11; 12,2). Considerato che anche figurazione plastica’, poi anche ‘riproduzione, fi­
le 4 ricorrenze di ‘àsabbim in Osea (4,17; 8,4; gura’ ecc. Il senso di ‘immagine divina’ viene as­
13,2; 14,9) si riferiscono a Efraim, si deve pensare sunto da selem solo in espressioni come salme
che anche in questi casi si tratti esclusivamente di massékótàm (Num. 33,52), salme to'àbòtàm
immagini di dèi stranieri (cfr. anche J.P. Floss, (Ezech. 7,20) o mediante riferimenti al contenuto,
Jahw e dienen - Gdttem dienen, BBB 45, 1975, come in 2 Reg. 11,18 = 2 Chron. 23,17. Per l’eti­
161 s.), cui si riferisce anche l’unica presenza di mologia e la diffusione del termine -» slm (selem)
massékà in questo profeta (13,2). In questo passo e anche H. Wildberger, TH AT 11 556-563.
il termine massékà viene spiegato con il termine 6. Nell’ambito della terminologia artistica il no­
‘àsabbim, usato solitamente in Osea per denotare me semel, che compare solo in fenicio-punico e 5
gli idoli, con una formulazione che suona: massé­ volte nell’A.T. (Deut. 4,16; Ezech. 8,3.552 Chron.
kà fatte sul modello degli dèi stranieri (ketabnit 33» 7-I j)> ® un termine funzionale che definisce
‘àsabbim, cong. BHS). Forse quest’uso linguisti­ un oggetto relativo a un altro partendo da esso
co e l’equazione esplicativa tra massékà e ‘àsab­ (per etimologia e significato cfr. C. Dohmen, ZAW
bim dipende dal campo di interesse del profeta 96, 1984).
199 (rv,ioi 4 > massékà (Ch. Dohmen) (lV,IOI4) 200

11. In tutto l’Oriente antico si trovano raffigu­ Sostituendo nesek con massékà, un termine deri­
razioni di divinità dei tipi più disparati (a tutto vato dalla medesima radice, l’autore stabilisce una
tondo e a rilievo, nella pittura e nella glittica; cfr. ulteriore associazione con la fabbricazione di un
RLV iv 412-416). Per quanto riguarda i lavori di simulacro divino. Anche la parte precedente del
oreficeria la fusione piena si limita, per ragioni versetto contiene un gioco di parole affine, come
tecniche (BRL2 222 s.) e per il costo del materiale, mostra il quadro delle diverse interpretazioni di
a figure di dimensioni ridotte. 'sh 'sh di M. Dahood (Bibl 50, 1969, 57 s.) e H.
Un’importanza maggiore assunsero però ben Wildberger (BK x/3 115 1 s.).
presto altre tecniche orafe (cfr. J. Boese - U. Ross, Per quanto riguarda la distribuzione di massé-
R L A in 519-531; E. Feucht, Lex. Àg. n 751-754), kà non si nota nulla di particolare, giacché accu­
con le quali si riusciva ad applicare sottili lamine mulazioni minori, come in lud. 17 e 18, dipendo­
di metallo prezioso su oggetti in legno, bronzo o no dal tenore narrativo del testo. Ma se si tiene
anche argento (cfr. EA 14 1 68; 14 n 11 ss.; per il conto del fatto che nella collocazione attuale mas­
rapporto di valore oro-argento nell’Oriente anti­ sékà ricorre in aggiunte secondarie (ad es. Num.
co -> voi. 11 572 ss. e anche R L A i t i 512 s.). Una 33,52; Is. 30,22 ecc.) si può notare una concentra­
base lavorata plasticamente poteva essere «rive­ zione dell’uso in brani dcuteronomico-deutero-
stita» con lamine di metallo prezioso martellate e nomistici. Più significativa è l’osservazione che il
fissate con chiodi e ribattini (placcatura, cfr. R LA nome compare prevalentemente nella forma inva­
i t i 522). Soprattutto quando l’oggetto da impre­ riata massékà - il pi. compare solo 4 volte (massé-
ziosire era cavo o presentava rilievi, si martellava kót, Num. 33,52; 1 Reg. 14,9; 2 Chron. 34,3.4) e
la lamina di metallo prezioso su un corpo elastico lo st. cs. soltanto 1 volta (massékat, Is. 30,22 - e in
(bitume, argilla, legno morbido) fino a ottenere la frasi fatte).
forma corrispondente (cesellatura, cfr. R LA in 2. Oltre che nella frequente coppia lessicale pe-
523). Poiché il lavoro cesellato veniva spesso ri­ sel ùmassékà s’incontra massékà come nomen rec-
empito o fissato a un’anima per renderlo solido, tum in alcuni nessi genitivali: 'égel massékà (Ex.
non è sempre facile determinare con precisione 32,4.8; Deut. 9,12 [?, cfr. BHS].i6; Nehem. 9,18);
quale tecnica sia stata impiegata. Oltre alle imma­ ’èlòhè massékà (Ex. 34,17; Lev. 19,4); salme mas-
gini divine fabbricate in questa maniera si trova­ sékòtàm (Num. 33,52). L ’espressione 'éldhim ’àhé-
no in Siria e Palestina anche piastrine di metallo rìm umassékót (solo in 1 Reg. 14,9) sembra corri­
prezioso lavorate che servivano da ciondolo (cfr. spondere formalmente a pesel ùmassékà. Entram­
B R L 2 n 6 ; per la discussione dei reperti archeo­ bi i tipi di costrutto, lo st. cs. e la coordinazione
logici rilevanti, oltre i lessici citati cfr. anche K. El- con w-, possono essere scissi nello stesso modo e
liger, BK xi/i spec. 76 s.). le due componenti farsi da riscontro ciascuna in
uno dei membri di un parallelismo (Is. 30,22;
in .i. Nel T.M. dell’A.T. il nome massékà è at­ 42,17; Abac. 2,18 [?]; Ps. 106,19). massékà si trova
testato 28 volte, ma solo 25 ricorrenze riguarda­ da solo esclusivamente in 2 Reg. 17,16 e Hos. 13,
no la terminologia delle immagini divine poiché 2. In entrambi i passi, tuttavia, il senso di massé­
in Is. 25,7; 28,20 si ha una forma derivata da nsk kà viene ulteriormente chiarito: in 2 Reg. 17,16
11 ‘ tessere’ e in 2 Chron. 28,2 S legge mdbh’ = miz- con senè(m) 'agàlìm\ per Hos. 13,2 v. sopra, 1.3.
b'hót invece di massékót. A favore di questa le­ Ricorrono anche alcune formulazioni parallele
zione c’è l’espressione seguente, labbe‘àlìm, men­ alle locuzioni ora menzionate, da cui risulta chia­
tre quando si tratta di immagini di idoli si usa co­ ramente che massékà è il prodotto dell’arte orafa.
stantemente la forma l e + suffisso della persona Invece di ‘ékel massékà in Ex. 32,31 s’incontra la
agente; inoltre anche il contenuto del contesto formulazione ’élóhè zàhàb e in / Reg. 12,28; 2
(w. 1-4) conforta la lezione di S. In Is. 30,1, dove Reg. 10,29; 2 Chron. 13,8 le immagini taurine di
massékà viene frequentemente tradotto con ‘alle­ Geroboamo vengono dette ‘eglè (haz)zàhàb.
anza’ o simili, nella figura etimologica nsk massé- 3. Il termine massékà indica in origine, come la
kàyche viene spiegata nei modi più diversi (cfr. H. maggior parte dei termini appartenenti ai voca­
Wildberger, B K x/3 1147 s.), allude a due atti che bolario delle effigi divine dell’A.T., il prodotto di
caratterizzano il rapporto con dei stranieri, atte­ un’attività artigianale manuale. Guardando il qua­
stati in età preesilica. La forma linguistica nsk mas­ dro complessivo risultante dall’etimologia e dal­
sékà richiama infatti nsk nesek ‘offrire una liba­ l’uso dell’A.T., si può concludere che massékà de­
gione’, come segno dell’adorazione di divinità nota il lavoro compiuto con le tecniche dell’arte
straniere (cfr. Ier. 7,18; 19,13; 32,29; 44,17 ecc.). orafa su una effigie divina, e non primariamente
201 ( iV .I O lj) mss (H. Ringgren) ( i v , i o i 6 ) 202

l’effigie stessa. Che questa componente del simu­ 19,4 (cfr. J. Halbc, Das Privilegrecht Jahwes Ex
lacro venga particolarmente o espressamente ac­ 34, F R L A N T 114 , 216 ss.) del divieto di ’èlóhè
centuata, ovvero che la polemica si appunti pro­ massékà (solo qui) non attacchino in maniera così
prio su di essa, è comprensibile alla luce delle con­ esplicita come nella teologia deuteronomistica le
cezioni magiche e mitiche legate all’oro (-> voi. li concezioni legate alle preziose effigi divine, pure
568-579; art. «Gold» in Lex. À g., R LA ; E. Hor- vanno nella medesima direzione.
nung, Der Eine und die Vielen, *1971, 122 ss.) 4. Per tradurre massékà i L X X usano 7rtoveu-óq
che nell’Oriente antico erano diffuse in maniera (17 volte), %ó)VEU(xa (2 volte) e yX'jTzróz (2 volte).
particolare in relazione alle immagini divine. Ciò La traduzione più frequente per ciascuno degli
risulta chiaramente anche da Hos. 10,5, dove la altri termini denotanti immagini divine chiarisce
magnificenza dorata dell’effìgie del torello viene le varie differenze di significato: così i LX X
definita il suo kàbód ed è oggetto dell’entusiasmo rendono pesel, *pàsil prevalentemente con y^utc-
cultuale dei sacerdoti (cfr. H.W. Wolff, B K x i v / i tÓ^, * 'asab con ctStoXov e selem, semel con eìxcuv.
228).
Ch. Dohmen
Anche se, comprensibilmente, le prove archeo­
logiche disponibili sono numericamente limitate
(B R L 2 110 ; ma cfr. anche le attestazioni ittite in DDE mss
M. Weippert, ZDPV 77 [1961] 100), la quantità e
l’importanza dei preziosi lavori di oreficeria lega­
HDO msh
ti alle immagini divine in tutto l’Oriente antico
non vanno assolutamente sottovalutate. Un esem­
1. Etimologia. - 2. Attestazioni, i L X X . - 3. Uso ncl­
pio particolarmente bello del conflitto con queste
l’ A.T. - 4. Derivati, forme secondarie. - j. Qumran.
concezioni è offerto da Is. 30,22 (cfr. L. Laberge,
Is 30,19-26: A Deuteronomic Text?: Église et Bibl.: G . Gerleman, Der Sinnbereich «fest - los(e)» im
Théologie 2 [1971] 35-54). Nel parallelismo del v. Hebràischen: ZAW 92 (1980) 405 s. - D.J. McCarthy,
22a c’è in primo piano l’idea di respingere (tm>) Some Holy War Vocabulary in Jos 2: C B Q 33 (1971)
in quanto inutilizzabili per il culto sippuj e ’cfód 228-230. - R. Lauha, Psychophysischer Sprachgebrauch
im Alten Testament (AnAnScFen, diss. Hum. Litt. 35,
dell’immagine divina; per quanto riguarda la for­
Helsinki 1983).
mulazione, invece, resta aperta la questione se si
sia in presenza di un parallelismo sinonimico («im­ 1. La radice mss è documentata solo in ebraico
magini di dei placcate d’argento - statue fuse ri­ e in aramaico giudaico (etp. ‘fallire’; palpel ‘far
coperte d’oro») o sintetico («il rivestimento delle sciogliere’); in arabo massa ‘sciogliere in acqua’
effigi divine d’argento - Y’éfód della placcatura non è un perfetto corrispondente fonetico. Per le
d’oro»). Nel primo caso sarebbe scissa l’espres­ 4 ricorrenze della forma secondaria msh esistono
sione pesel umassékà (paragonabile a Ps. 109,19) e paralleli in arabo, aramaico giudaico, siriaco e
anche i restanti membri del parallelismo si corri­ mandaico (cfr. A. Guillaume, Abr Nahrain 2
sponderebbero (così, più o meno, anche H. Wild- [1960-61] 22); ci sono inoltre un paio di forme che
berger, BK x/3 ad /.); nel secondo caso, invece, si nel T.M. si presentano come m ’s, ma che per il si­
dovrebbe pensare a un corpo d’argento placcato gnificato sembrano coincidere con mss (v. sotto).
in oro avvolto in una veste ('éfód) preziosa (cfr. 2. Nel T.M. mss compare 1 volta al qal (3 se si
E. Unger, RLV iv 414 s.). contano insieme anche le due forme mcsòs, v. sot­
Prescindendo da queste difficoltà, l’intento del to), 18 al nif. e 1 al hif. Il derivato massà s’incon­
versetto emerge chiaramente: si vogliono criticare tra 1 volta, come anche l’altro derivato temes. Il
le concezioni legate ai metalli preziosi, ponendo campo lessicale è descritto in Gerleman.
in primo piano la loro accumulazione. Resta da Nella maggior parte dei casi i L X X traducono
osservare che le immagini divine di cui si parla con xyjxo), ma compaiono anche traduzioni come
nel passo con massékà non si riferiscono esclusi­ ppéx«o (Ier. 34,3; Ps. 6,7), Tzxoéd) (Ios. 7,5), 5 iaXurù
vamente a immagini ufficiali di culto come i sim­ (Iud. 15 ,11) ,裻'cxTY]|j.i (Ios. 2 ,n ;P s. 39,12), Apatica,
boli taurini di Geroboamo, bensì anche alle raffi­ dpau(i(jió<; (Ezech. 21,12; Nah. 2,11), SeiXiaiva)
gurazioni più piccole, come gli amuleti destinati (Deut. 20,8) e perifrasi.
all’uso privato, ai quali si riferiscono anche il bra­ 3.3) mss significa in primo luogo ‘scorrere’,
no contenente la serie di ’àrùr in Deut. 27 e il rac­ ‘sciogliere’, ‘fondere’: la cera fonde al fuoco (Ps.
conto di Iud. 17,18 e Nah. 1,14. 68,3); 97,5; Mich. 1,4; cfr. Ps. 22,15); la manna si
Sebbene le due attestazioni di Ex. 34,17 e Lev. scioglie al sole (Ex. 16,21); cfr. anche «divenne
203 (IV>IOI7) mss (H. Ringgren) (rv,ioi8) 204

come acqua» (Ios. 7,5) e le associazioni con l’ac­ ne dell’empio per lo scoraggiamento dell’innocen­
qua in Ezech. 21,12 (cfr. tuttavia Zimmerli, BK te (cfr. E. Dhorme, A Commentary on thè Book
x i i i ad /.); Ps. 22,15. I monti scorrono di sangue o f Job, London-Leiden 1967, ad /.). Anche il de­
(Is. 34,3). In lud. 15,14 si ha un significato trasla­ rivato temes è usato 1 sola volta, nel canto di ese­
to: le corde che stringono le braccia di Sansone di­ crazione di Ps. 58 dove la scia di schiuma della lu­
ventano deboli, si sciolgono. maca illustra l’annientamento dei maledetti.
La cera che si fonde serve da immagine per l’an­ b) Quando, nel suo primo discorso, Bildad par­
nientamento dei nemici di Dio nella teofania (Ps. la del destino dell’empio, dice tra l’altro: Dio lo
68,3) o per lo sciogliersi dei monti al suo apparire annienta (lob 8,18 e prosegue: «Ecco, questo è me-
(Mich. 1,4; Ps. 97,5). sòs darkó» che, secondo la grafia con s, potrebbe
b) Un gruppo di otto testi collega mss nif. col significare «questo è il godimento (ironicamente!)
cuore scoraggiato dell’uomo. La semplice espres­ del suo comportamento». Ma i più riferiscono
sione viene usata 3 volte in Giosuè, 2 con riferi­ l’infinito a mss: «Ecco, a questo dissolvimento lo
mento ai nemici d’Israele (i Cananei) e con l’ag­ porterà la sua condotta», che dà un buon senso.
giunta che essi non avevano più coraggio (rudh) Si pone allora la questione se si debba interpreta­
(Ios. 2 ,11; 5,1), e 1 volta con riferimento agli Israe­ re nella medesima maniera anche un altro mesós,
liti dopo la sconfitta sotto le mura di Ai, seguita quello in Is. 8,6. Gli abitanti di Giuda disprezza­
dal commento che il loro cuore divenne «come no l’acqua di Siloe umcsós 'et resìn uben-remaljà-
acqua» (Ios. 7,5). L ’immagine dell’acqua s’incon­ hù. O s’interpreta qui mesòs come «gioia» e s’in­
tra anche in Ezech. 21,12, dove si descrive l’attesa tende che i Gerosolimitani sarebbero pronti a sa­
reazione del popolo alla catastrofe imminente: i lutare con gioia regale i principi ostili (che ci fos­
cuori si scoraggiano (mss), le mani diventano fiac­ se un partito pronto a farlo non è però noto da
che (rdfa), gli «spiriti» diventano sgomenti e le altre fonti), oppure si fa derivare mesòs da mss e si
ginocchia «gocciolano d’acqua». L ’accumulazio­ traduce: «Soccomberà certamente (inf. ass.) con
ne di espressioni offre un quadro tangibile dello Resin e il figlio di Remalia» (cfr. i commentari).
«scoramento sbalordito» (Zimmerli, B K x i i i ad l.) c) Ci sono un paio di passi che suggeriscono
degli uomini. Le mani fiacche si ritrovano in Is. l’esistenza di una forma secondaria di mss, m's.
13,7: le mani diventano molli e i cuori si scorag­ In lob 7,5 si dice: «La mia pelle si raggrinza (rd-
giano quando giunge il giorno di Jhwh; il v. 8 ag­ ga‘) e jimm d’és». Qui ci si aspetterebbe «si dis­
giunge altri sinonimi: ‘essere sconvolto’ (bhl nif), solve» o qualcosa del genere, perciò i casi sono
essere presi da crampi e dolori (sirìm, hàbàlim) due: si deve leggere una forma di mss, oppure m's
«contorcersi (hit) come una partoriente». Nah. 2, è una forma secondaria di mss. Dhorme, A Com­
1 1 contiene altri sinonimi ancora; cuori scorag­ mentary on thè Book o f Jo b 107 s., suppone che
giati, ginocchia tremolanti, lombi tremanti; cfr. ci sia il medesimo verbo al v. 16: ma'asti lo’ l e-
anche Is. 19,1: gli dei di Egitto barcollano (nùd‘), ‘óldm ’ehjeh «mi dissolvo, non vivrò / non voglio
il cuore dell’Egitto si scoraggia (si scioglie). Infi­ vivere in eterno».
ne in Ps. 22,15 il cuore si scioglie come cera per i d) In mdsà prevale il significato concreto. La
dolori del salmista (sull’argomento in generale cfr. parola di Dio fonde il ghiaccio (Ps. 147,18); l’oran­
Lauha 149 s.). te di un lamento bagna il giaciglio sciogliendosi
Anche senza lèb, mss nif. si riferisce al corag­ in lacrime (Ps. 6,7); Dio fa dissolvere la magnifi­
gio che vien meno in una persona. Dopo la scon­ cenza (hàmùd) dell’uomo come le tarme (Ps. 39,
fitta di Assalonne anche il più valoroso perderà il 12). Solo in Ios. 14,8 viene collegato con lèb: i fra­
coraggio (si scoraggerà, mss n if; 2 Sam. 17,10). Il telli (gli esploratori) fecero vacillare il coraggio
guerriero può essere indotto a scoraggiarsi dal del popolo (cfr. Deut. 1,28 e BHS).
fratello meno valoroso di lui (Deut. 20,8; si deve 5. Finora si sono accertate 18 ricorrenze di mss
forse leggere il hif); cfr. anche De ut. 1,28: «I no­ a Qumran, con una evidente concentrazione in
stri fratelli (cioè gli esploratori) ci hanno reso il iQ M dove si riprende, in maniera stereotipata,
cuore pavido» (hif). In Ps. 112 ,10 si parla invece l’uso linguistico dell’A.T. Quasi senza eccezioni
di uno struggimento in generale: «L’empio vede si parla di lèb ndmès, del cuore dei nemici degli
(la felicità del giusto) e si adira, digrigna i denti e esseni di Qumran che si scioglie (iQ M 1,14; 8,10;
si strugge». Similmente Is. 10,18: «Come un ma­ 9 ,11; 4QpIs* 8-10,4) oppure del credente che è
lato che langue». incostante (iQ M 10,6 [cfr. 11Q T 62,4]; 11,9) (per
4.a) Il nome massa compare 1 sola volta, preci­ questo aspetto cfr. spec. H. Bardtke, Acedia in
samente in lob 19,23, dove si tratta della derisio­ Qumran, in Qumranprobleme, Berlin 1963, 29-
2oj (rv,ioi9) ma'óz (H.-J. Zobel) (rv,io2o) 206

51). La chiamata alle armi per la decisione defini­ s., cerca di dare una traduzione abbastanza ade­
tiva dovrà infondere coraggio (iQ M 14,6; 4Q491 rente al T.M.: «Per la sventura (pid), disprezzo! -
1 1 , 1 1 15). Le attestazioni in iQ H potrebbero es­ così pensa chi non ha preoccupazioni - un colpo
sere state prese dai Salmi dell’A.T. (cfr. iQ H io, (ndkón, da nkh) per coloro i cui piedi vacillano».
28; 12,33; *6,32; fr. 4,14 con Ps. 22,15). Chi non ha problemi parla con scherno di coloro
che non possono reggersi in piedi e quindi finisco­
H. Ringgren no tra i guai.
In Prov. 25,19 si deve leggere mó‘àdet invece
di mù'àdet (pu.) e tradurre: «Un dente cariato e
un piede che vacilla si rivela nel giorno del biso­
nyp ma'ad gno la fiducia riposta in chi è inaffidabile». Con
un dente marcio non si può mordere e con un pie­
1. Etimologia, attestazioni. - 2. Uso. - 3. 1 LXX. de malfermo non si può camminare: entrambi so­
Bibl.: H. A. Brongers, Darum, wer fest zu stehen meint, no inaffidabili. Tanto meno si può fare affidamen­
der sehe zu, dass er nicht falle (1 Kor X 12) (Fs. F.M.T. to nel momento del bisogno su una persona in­
de Liagre Bòhl, Leiden 1973,56-70, spec. 61). gannevole (Ringgren, ATD 161, 101).
Anche in Ecclus 16,18 si deve probabilmente
1. L ’ebr. mà'ad ‘vacillare’ corrisponde al sir. leggere un participio di m‘d: i cieli, l’oceano co­
mr'ad con il medesimo significato e forse anche smico e la terra vacillano quando Dio li colpisce.
all’ar. ma'ada ‘attraversare velocemente un terri­ In Ps. 69,24 s’incontra, in una preghiera esecra­
torio’, ‘estrarre la spada’, pass, ‘essere debole, ma­ toria contro i nemici, la forma h if con l’augurio
lato di stomaco’. - Nel T.M. dell’A.T. del verbo che Dio «renda bui» i loro occhi e faccia vacillare
si hanno 7 ricorrenze (5 qal, 1 pu. e 1 hif). A i loro lombi - anche qui, dunque, camminare con
Qumran non è attestato. passo fermo significa di nuovo una vita felice e si­
2. Il verbo ha a che fare col camminare barcol­ cura.
lando o con lo stare in piedi vacillando, e denota Anche in Ezech. 29,7 si ha m ‘d (da leggersi in­
una mancanza di equilibrio, di stabilità. vece di ‘md) insieme con mutnajim: coloro che si
Ps. 18,35 ss- (// 2 Sam. 22) descrive una situa­ appoggiano sull’Egitto finiranno per barcollare.
zione di guerra nella quale il salmista ottiene la KJBL3 suggerisce anche per Abac. 3,6 la lezione
vittoria grazie all’assistenza divina. Qui si dice al m ‘d hif. invece di w ajemóded: la manifestazione
v. 17: «Tu facesti spazio al mio passo, dove cam­ di Jhwh nella teofania fa vacillare la terra (v. so­
minavo, affinché i miei malleoli non vacillasse­ pra, Ecclus 16,18).
ro», cioè Dio gli procurò libertà di movimento 3 . 1 L X X traducono 2 volte con àa^evéto, 1 vol­
(cfr. v. 20) in modo che non venisse circondato e ta con ura3<7xeXt£o|J.ai, 1 volta con craXeuofJ-ai. Iob
fatto cadere: i suoi piedi e i suoi passi sono resi 12,5 e Prov. 25,19 vengono intesi diversamente.
fermi, non vacillano.
Ps. 26 è la preghiera di un innocente, che si apre H. Ringgren
affermando che l’orante ha camminato con inte­
grità confidando in Jhwh senza vacillare (v. 1). Si
tratta quindi della fermezza di una condotta sta­
bile.
tiJJJD ma(òz
In Ps. 37, un salmo di stampo sapienziale, si di­
I. Etimologia. - 11.1. Attestazioni, - 2. Significato. -
ce (v. 31) che il giusto ha in cuore la legge di Dio
3. Corrispondenti nei L X X . - m. Uso linguistico pro­
e quindi i suoi passi non vacillano. Il vacillare può
fano. - iv. Uso linguistico religioso. - 1. Jhwh, fortez­
significare qui tanto la sventura (cfr. Ps. 38,17 con za e potente aiuto. - 2. Jhwh, rifugio e asilo protetto. -
mwt) quanto un passo falso. Il contesto propende 3. Associazione dei due concetti. - 4. Il tempio di Jhwh.
forse più verso la prima alternativa. - 5. «Il Dio delle fortezze». -6. R iepilogo.-v. Qumran.
Rispondendo al primo discorso di Sofar, Giob­
Bibl.: D. Eichhorn, Gott als Fels, Burg und Zuflucht. Ei-
be dice (Iob 12,5): lappid buz l e<astut sa'andn
nc Untersuchung zum Gebet des Mittlers in den Psal-
ndkón l cmó<ddè rdgel. Il versetto è difficile e non men (EHS xxn i/4 ,1972, 114-120).
è stato capito dalle versioni antiche; la maggior
parte dei commentatori interviene sul testo cor­ I. Il nome ma'óz è attestato in ebraico e, come
reggendolo. E. Dhorme, A Commentary on thè ma'ad, anche in arabo. Forse gli si deve accostare
Book o f Job, tr. H.H. Rowley, London 1967, 169 anche l’ug. ‘d iv ‘protezione’ (WUS n. 2000; di
207 (rv,io2o) ma'òz (H.-J. Zobel) (lV ,I0 2 l) 208

parere diverso Gordon, UT n. 1814; cfr. questa 2. Questi dati trovano spiegazione nel conte­
diversità di opinioni anche nell’interpretazione nuto semantico di md'óz. Una derivazione dalla
del N P in WIJS e PN U 106 s.). KTU 1.65, una li­ radice 'zz ‘essere forte’ darebbe il significato
turgia (Eissfeldt, Kl. Schr. 11 346), contiene alle 11. ‘forza’, ‘ baluardo’ (GKa § 8 5k); la derivazione da
9-10 la preghiera a El di affrettarsi a venire «per 'wz ‘cercare rifugio’ potrebbe risultare nel signi­
la protezione del Safon, per la protezione di Uga­ ficato ‘ luogo di rifugio’, ‘aiuto’.
rit» (b 'd spn b ‘d Jgrt). La seconda attestazione in Ciò consente di riconoscere l’effettiva vicinan­
KTU 4,17,16 (h'd b'ikm «per la protezione dei za delle due sfere semantiche e ne spiega la con­
Ba'al [?]») non è purtroppo di facile comprensio­ fluenza. Infatti GesB indica: «1) fortilizio o cima
ne, a causa del contesto lacunoso. di montagna... ; baluardo, rocca, fortezza... 2) pro­
È fuor di discussione che il primo elemento del tezione», mentre K B L 3 registra i significati: «1.
nostro sostantivo sia un prefisso m-. Più difficile fortilizio di montagna, luogo di rifugio... 2. Dio
è invece individuare l’origine del secondo elemen­ come md'óz».
to. Come i’ug. 'd deriva dalla radice 'w d e l’ar. 3. Le espressioni greche nei L X X corrispondo­
ma'ad dalla radice ‘wd, così sembrerebbe natura­ no a questa sommaria divisione in due accezioni,
le che md'óz derivasse da una radice 'wz, in quan­ e si possono raggruppare così: da un lato ‘forza’,
to anche nomi affini derivano da radici biconso- ‘baluardo’; dall’altro ‘protezione’, ‘assistenza’,
nantiche. Tuttavia la puntazione masoretica con­ ‘aiuto’ . Nel primo gruppo rientrano iayóz, (8 vol­
traddice una simile derivazione: infatti essa con­ te) insieme con éviayjjco (1) e xaTia^óco (1), ò^u-
serva immutata la d come prima vocale (cfr. BLe pcopa (3), xpaTatwcji^ (r) e xpaxaiótu (1) e anche
§ 26t’; Grether § 57Ì; Jenni ir .3.4; v. anche Brok- 6-ocrtTjpiYp.a (1). Nel secondo Ù7repa<T7U<j'nr); (6
kelmann, VG 1 375 s.) e la seconda radicale viene volte), por(-étój; (4), con por($c<i> (3) e Porcela (1),
geminata. Di conseguenza md'óz deriverebbe da xa~a<puyr) (3), axerir} (2) con axc^aaTT]^ (1), àvxi-
una radice 'zz (BLe § 6idr)), come il nome affine Xt)p4i<; (1) e forse ancora uTtop-évcu (1), azàme; (1)
mdgén deriva da gnn. e at èyxaTaXeXE'.p.(jLÉvai (1). Con i L X X si deve
I lessici e le grammatiche più recenti concorda­ correggere 2 Sam. 22,33, secondo Ps. 18,33, in
P) P — A
no quindi neH’impostare la questione in questi m azz rem.
termini: md'óz risale tanto alla radice ‘zz quan­
to alla radice 'wz, «che formalmente coincidono in. Nell’uso profano dell’A.T. md'óz indica
e semanticamente sono difficilmente separabili» una ‘rocca’, un ‘castello’, una ‘fortezza’, un ‘ba­
(K B L3; anche GesB e GKa § 85k). luardo’ militare. Il nemico penetra «nella fortezza
Per quanto riguarda md'òzen in Is. 23,11, è diffi­ del re del nord» (Dan. 11,7), avanza fino alla for­
cile decidere se si tratti di una forma secondaria del tificazione delPawersario (Dan. 11,10), si volge
nostro nome allungata con un n afformativo (KBL3) contro «i castelli del suo paese» (Dan. 11,19 ) 0
0 di un errore di scrittura (GesB; cfr. iQIsa). contro le «rocche fortificate» (mibserè md'uzzim,
Dan. 11,39). L ’oracolo contro Tiro contiene l’or­
li. 1. md'óz è presente 36 volte ncll’A.T., e inol­ dine di Jhwh di abbattere le fortificazioni di Ca­
tre 1 volta nel Siracide. Nella letteratura di Qum­ naan (Is. 2 3,1i), volendo così significare la distru­
ran si registrano 6-7 ricorrenze. Altri 3 esempi zione delle fortezze fenicie presso il mare, Sidone
risultano dalla probabile congettura da -» m'wn e Tiro incluse, ad opera dei Persiani (-» kn'n [ke-
(md'ón) a md'óz in Ps. 71,3; 90,1; 91,9 (diversa­ na'an], -» voi. iv 425), come la glossa di Is. 23,4
mente Eissfeldt, Kl. Schr. 111 445; v 46 che rigetta che chiama Sidone direttamente «la fortezza del
la congettura per Ps. 91,9). mare» (ma'òz hajjdm). Anche Is. 23,14 si riferisce
Una panoramica della distribuzione porta ai se­ alla distruzione di Sidone, del baluardo delle navi
guenti risultati: Protoisaia 10 ricorrenze (3 nei di Tarsis, che nel v. 1 viene chiamata «casa» (baj-
capitoli 24-27); Salmi 9; Daniele 7; Ezechiele 2; it). Similmente in Ezech. 30,15 la città di Sin (la
Naum 2; 1 ciascuno in Giudici, Samuele, Gere­ Vg. menziona al suo posto la città portuale di Pe~
mia, Gioele, Proverbi e Neemia. A Qumran si lusium) può essere chiamata «la fortezza d’Egit­
registrano 6 ricorrenze in iQ H . Se si aggiungono to» e nei w . 13-19 il crollo dell’Egitto è descritto,
1 3 esempi ottenuti per via di congetture, le ricor­ in maniera paradigmatica, con la distruzione delle
renze nei Salmi diventano 12. Si hanno quindi sue fortezze più famose.
chiaramente due poli di aggregazione: da un lato Il termine ‘fortezza’ equivale sempre a ‘città
il materiale innico di Israele e dall’altro la lettera­ fortificata’, e lo conferma l’espressione 'drè md-
tura apocalittica. 'uzzó «le sue città fortificate» (Is. 17,9). Nello
209 (IV.I022) ma'óz (H.-J. Zobel) (rv,io23) 210

stesso tempo in questo costrutto si coglie anche ne così a esprimere l’idea di una forza invincibile
l’aspetto della protezione che queste città sono in e, per l’associazione con sur e seia1., anche quella
grado di offrire a chi cerca rifugio. Ninive è accentuata di saldezza incrollabile. Si capisce co­
minacciata dicendo che dovrà cercarsi un md'óz sì come il nostro termine sia stato riferito a Jhwh
dal nemico (Nah. 3,11), così come definire Sido­ nel discorso figurato, m aòz viene a caratterizza­
ne baluardo delle navi di Tarsis implica che le po­ re la fiducia rocciosa, incrollabile del fedele nel­
tesse proteggere e fosse, in un certo senso, il loro l’onnipotenza di Dio.
porto di rifugio (Is. 23,14). Nello stesso tempo, però, questa consapevolez­
za della somma potenza e della forza invincibile
Non è chiaro che cosa lud. 6,26 presupponga. Ge­ di Dio è il fondamento della preghiera del pio a
deone riceve l’ordine di costruire un altare per Jhwh
Jhwh perché lo aiuti e lo salvi. Così nel contesto
«sulla cima di questa fortificazione» ('al rò’s barn-
md'óz hazzeh). Alcuni mss. semplificano il testo leg­ immediato di entrambe le citazioni dei Salmi s’in­
gendo md'ón (cfr. BHS). I LXX capiscono la paro­ contra la radice jV hif. ‘salvare’ (Ps. 31,3 ; 71,3) e
la come nome proprio, Mau>£ (LXX Maouex). Ber- in Ps. 31,3 ricorre inoltre anche nsl hif. ‘aiutare’ .
theau (KeHAT v i 139) traduce: «Sulla cima di que­ Questo ci porta ad altri passi, nei quali s’incontra
sta fortezza, qui»; Eissfeldt (Die Quellen des Rich- ugualmente la tematica dell’ «aiuto divino» con la
terbuches, 1925, 41) «sulla cima di quest’altura»; metafora della «fortezza». Is. 17 ,10 rimprovera al
Hertzberg (ATD 9, 183) «su in alto, sulla fortezza regno del nord, Israele, di non essersi ricordato
di montagna» e Nótscher (EB 12,29) «sull’altura for­ di Dio, di non essersi appoggiato a lui con fiducia
tificata». Già Keil (BCAT 11/2 271) spiegava questa
ma di essersi rivolto a un altro dio che non può
espressione «probabilmente sulla cima della monta­
gna, sulla quale si trovava la rocca di Ofra». Più re­ assisterlo (cfr. Schottroff, «Gedenken» im alten
centemente Soggin (Judges, London 1981, 123 s.) è Orient und im A.T., 1964, 171). Nel contesto
andato ancora oltre su questa linea, collegando md- s’incontrano le espressioni «il Dio del tuo aiuto»
‘óz con il tempio e interpretando tutta la costruzio­ (’èlóhè jis'ék) e «la roccia del tuo baluardo» (sur
ne come «una versione del tempio cananeo fortifica­ md'uzzék) in parallelismo reciproco, che richia­
to». Per quanto tutto ciò sia affascinante, resta pur mano l’affidabilità dell’aiuto di Jhwh. Con una
sempre difficile immaginare un altare costruito in ci­ formulazione in tono di confessione, il lamento
ma a un siffatto ma'óz. Partendo dall’uso di ró's in individuale di Ps. 28,8 afferma che Jhwh è forza
descrizioni geografiche si è più propensi a immagi­
nare che si tratti della cima di un monte di difficile (‘óz) per il suo popolo e un «baluardo di soccor­
accesso o di una zona rocciosa che è, per così dire, so» (md'óz j esii'ót) per il suo unto. Va accostata a
inespugnabile al pari di una rocca. Questa interpre­ questi passi anche l’espressione di Ps. 27,1 (e Ec­
tazione potrebbe forse trovare conforto nel paralle- clus 51,2): Jhwh, «rocca della mia vita» (md'óz
lismus membrorum tra md'óz e sur/sela' ‘ roccia’ ne­ hajjaj), perché è parimenti inserita in una confes­
gli inni religiosi d’Israele. sione e contiene nello sdeo parallelo l’afferma­
zione che Jhwh è «mia luce Cori) e mia salvezza
iv. md'óz ricorre molto più frequentemente in (jis'i)».
contesti religiosi. Al primo posto vengono le af­
A titolo di paragone, K BL3 richiama la bilingue
fermazioni che si riferiscono a Jhwh. greco-fenicia ai Larnax Lapethos nella quale la dea
i.In una serie di attestazioni attinenti a que­ Anat viene chiamata m'z hjm e la divinità greca cor­
st’uso s’ incontra in parallelo con md'óz o nel suo rispondente, Atena, Sfiixetpa Ntxf) (KAI 42,1). Bau-
contesto immediato una terminologia costante dai dissin (Adonis und Esmun, 19 12 , 18. 457) rende
contorni ben definiti. Nel lamento individuale di questa espressione «forza della vita», o meglio «for­
Ps. 31,3 all’invocazione a Jhwh «Sii per me una za dei viventi», il chc significa che la forza di Anat
roccia di baluardo» (lesur md'òz) fa da riscontro interviene a favore dei viventi, li assiste e aiuta po­
tentemente (diversamente intende Donner, KAI n
parallelo l’espressione «una rocca sul monte» (le-
59: «rifugio dei viventi»).
bèt mesudót), e nel lamento individuale di Ps. 71,3
la medesima invocazione, «Sii per me una roccia Si possono infine considerare in questa sezione
del ‘baluardo’» sfocia nella confessione traboccan­ altre due attestazioni, perché collegano anch’esse
te di fiducia: «Sì, tu sei per me mia roccia (sal'i) e md'óz con le idee di assistenza, aiuto e sicurezza
mia rocca sul monte (mesùdàti)». In Ps. 31,5 la per il pio, In Dan. 1 1 ,1 Gabriele confida a Danie­
confessione dell’orante è breve: «Sì, tu sei la mia le di essere assistito dall’arcangelo Michele che gli
rocca». Mediante la correlazione con mesùdà (-» sta al fianco «per essergli un aiuto» (lemahdziq) e
mswdh) la nostra parola viene definita chiaramen­ «un asilo» (lemd‘óz). Prov. 10,29 formula l’espe­
te come ‘rocca’, ‘fortezza’, ‘baluardo’ , md'óz vie­ rienza che colui che cammina integro sulla via di
211 (lV ,I0 2 4 ) md'óz (H.-J. Zobel) (lV ,I 025) 212

Jhwh possiede un md'óz, espressione che il ver­ di conversione. Un devoto che in precedenza ha spe­
setto 9 parafrasa dicendo che egli può vivere «si­ rimentato la protezione di Eljon/Shaddai confessa
curo» (betah). adesso che Jhwh sarà, d’ora in poi, il suo rifugio e la
sua rocca (vv. 1-2). Una terza persona incoraggia il
In Ps. 60,9 = 108,9 ’m à'oz sarà ugualmente da pio in questa sua decisione e sottolinea, riprendendo
intendersi nel senso di un potere di cui Jhwh fa espressamente nel v. 9 le parole «il mio rifugio» del
beneficiare i suoi. Con i toni di un oracolo di sal­ v. 2, «che solo la professione di fede in Jhwh rende
vezza il versetto dice: «A me appartiene Galaad, a possibile la partecipazione a tutta la grande potenza
me Manasse, ed Efraim è il md'óz del mio capo, di Eljon; soltanto Jhwh, quindi, rappresenterebbe la
Giuda il mio scettro». Jhwh viene raffigurato nel­ piena rivelazione di Eljon» (445).
le vesti di un sovrano guerriero che tiene in mano
lo scettro del comando e in testa l’elmo. Così l’el­ Riprendendo espressioni note del linguaggio
mo potrebbe ben essere chiamato, con espressio­ dei salmi, Isaia critica il comportamento innatu­
ne figurata, «la fortezza del capo», esprimendo in rale del proprio popolo: poiché scende in Egitto
questo modo l’appartenenza incrollabile di Efraim «per rifugiarsi nel rifugio del faraone (Id'óz be-
a Jhwh, che per il regno del nord è fonte di spe­ md'óz par'óh) e ripararsi all’ombra dell’Egitto
ranza e di fiducia nell’assistenza di Jhwh. (lahsót b esél misrdjim)», il rifugio gli si trasforme­
rà in vergogna e il riparo in infamia (Is. 30,2).
Questo è anche il significato del nome proprio
maschile ma'azjdhu (1 Chron. 24,18), ma'azjd Come Duhm nota giustamente (Jesaja, 51968,
(Nehem. 10,9) e m‘wzjh} m 'wzj e m'zjh (AP 22, 215), l’inf. cs. unito a md'óz non deriva dalla ra­
70.109). Si tratta di un N P composto da md'óz + dice ‘zz, ma da 'wz. Questa seconda radice s’in­
l’elemento teoforo jhwh e significa «Jhwh è la mia contra ancora in Ps. 52,9, dove md'óz viene inte­
rocca, il mio aiuto, il mio rifugio» (cfr. Noth, so nel senso del rifugio che Dio è per il pio, ma
serve qui a esprimere proprio il contrario, in
IPN 157).
quanto è tipico dell’empio di trovare il proprio
2. In un altro gruppo di testi compare, come
rifugio non presso Dio, bensì nella propria ric­
espressione parallela al nostro lemma, mahdseh
chezza.
‘ luogo di rifugio’, ‘asilo’ (-» hsh [hàsa\). Tale pa­
rallelismo sta a indicare che in questi testi md'óz In Ier. 16,19 per spiegare md'óz si usa ancora
un altro termine, mdnós (-* nws) ‘ rifugio’. Ancora
denota Dio come asilo per il pio in ambasce, co­
una volta le parole sono formulate nel tono della
me protezione e riparo sicuro. Così s’incontrano
le espressioni «un rifugio per il suo popolo» e confessione: «Jhwh è la mia forza ('uzzi) e la mia
protezione (mà'uzzì) e il mio rifugio nel giorno
«una protezione per gli Israeliti», usate come ap­
della distretta». Nell’inno acrostico di Nah. 1,7 si
posizioni parallele di Jhwh (Ioel 4,16). Nel «can­
to profetico di ringraziamento» (Kaiser, ATD 18, ha un’affermazione simile: «Jhwh e buono, un
1 59) le due affermazioni, che Jhwh si dimostrò rifugio il giorno della distretta», e Ps. 90,1 confes­
sa con riconoscenza: «Jhwh, un ‘rifugio’ fosti ‘per
nell’ora del pericolo «un rifugio per il debole» e
me’, di età in età».
«un asilo per il povero», vengono abbellite con le
immagini del «riparo dall’acquazzone» (mahseh 3. Per quanto in molti passi si possa distingue­
mizzerem) e dell’«ombra nella canicola» (sei mè- re con chiarezza i due possibili usi di md'óz, non
hóreb) (Is. 25,4), qualificando in questo modo la mancano indizi che rivelano come ci sia stata una
protezione esistenziale di Jhwh come il vero rifu­ mescolanza in forma di accumulazione di tutte le
gio per il pio nell’ora della difficoltà. idee associate con il termine md'óz. Un passo
dove tale fenomeno è particolarmente palese è Ps.
Il T.M. di Ps. 91,9 («poiché con il tuo ‘Jhwh, mio 37,39: il giusto sperimenta l’aiuto (t'sù'd) di Jhwh,
rifugio’ ti sei scelto Eljon per dimora [rocca, me'ò- egli è il suo rifugio (md'óz) nell’ora della difficol­
nekd]», trad. di Eissfeldt, Kl. Schr. v 47) viene quasi tà. Mentre l’attesa e l’assicurazione di aiuto da
sempre corretto in «poiché tu - Jhwh è ‘il tuo’ rifu­ parte di Jhwh corrispondono al primo contenuto
gio, rendesti Eljon tuo ‘baluardo’ (ma'iìzzekd)» (cfr., semantico di md'óz, baluardo e forza, il secondo
ad es., Kraus, BK xv/25 802). Prescindendo dal fatto stico, con il suo riferimento al tempo della distret­
che nQ Psb legge mhmdk «la tua delizia» invece di ta, si colloca nel campo che si è appena conside­
m'wnk «la tua dimora», l’interpretazione del salmo
rato di md'óz nell’accezione di rifugio. Questa
nel suo complesso non è unanime. Mentre general­
mente viene considerato un salmo didascalico, una unione delle due possibilità semantiche si fa an­
composizione di didattica con istruzioni pratiche, cora più evidente nel successivo v. 40, dove ven­
oppure un salmo di fiducia, Eissfeldt (Kl. Schr. 111 gono usati, uno dopo l’altro, i verbi 'zr h if,p lt pi.
441-447) propone di interpretare Ps. 91 come salmo (2 volte), js ' hif. e infine hsh, per esprimere la mo­
213 (lV,I026) md'óz (H.-J. Zobel) (iv,1026) 214

tivazione. Dio è aiuto, salvatore e liberatore: per­ md'óz si riferisce a Jhwh si trova nei lamenti dei
ciò il salmista ha fiducia nella protezione offerta Salmi. Si tratta di confessioni, o di affermazioni
dal suo rifugio. Va interpretato in maniera simile formulate come implorazioni che esprimono la fi­
anche Ps. 43,2, giacché la confessione «tu sei il Dio ducia dell’orante. In queste formulazioni si espri­
del mio rifugio» costituisce il fondamento della me la convinzione religiosa di Israele circa l’in­
richiesta del v. 1: «Fammi giustizia (spt), tratta la vincibile forza e l’inesauribile potenza di Jhwh,
mia causa (rìh), liberami (plt pi.)». che il popolo e ogni singolo israelita ha avuto oc­
casione di conoscere nell’aiuto, nella liberazione
In Nehem. 8,10 non è possibile una distinzione e nell’assistenza di Dio e di cui ciascuno, popolo
netta. L ’esortazione alla comunità a essere serena e e individui, spera di poter sempre ancora godere.
lieta viene motivata ricordando che «la gioia in Jhwh
Sebbene nelle manifestazioni di fede in esame non
è la vostra md'óz», che può significare «è la vostra
forza» (Galling, ATD 12, 323) ma può anche essere ci siano riferimenti né allusioni, si può ragione­
inteso nel senso che la gioia è il miglior aiuto contro volmente presupporre che lo sfondo di tale fidu­
la paura dell’ira di Dio (Rudolph, HAT 1/20, 149). ciosa certezza sia costituito dalle grandi opere
salvifiche di Jhwh, che stanno alla base della fede
4. In alcuni, pochi passi con md'óz si vuole in­ d’Israele in lui: l’esodo, la concessione della terra
dicare il santuario di Jhwh, il tempio di Gerusa­ promessa o anche la ripresa dopo l’esilio. Si deve
lemme. Ezech. 24,25 annuncia la distruzione di inoltre tener conto di un processo di trasposizio­
Gerusalemme e del tempio. In questa occasione ne o trasformazione dal collettivo all’individuale,
«si descrive con una triplice predizione... il tem­ dalle affermazioni che riguardavano l’intero po­
pio di Dio col suo significato per Israele» (Zim- polo alla religiosità personale del singolo israelita.
merli, B K xi i i / i 575): il tempio è il loro baluardo, Che Jhwh sia il rifugio per il pio che si trova in
variando così nel v. 25 le parole divine del v. 21 difficoltà, che egli sia in grado di fornirgli riparo
(«il mio santuario, il vostro orgoglioso rifugio», e protezione, è certamente espressione dell’im­
miqdàsìge,ón 'hzzekem) e usando md'óz nel sen­ mensa bontà di Dio, e nello stesso tempo riman­
so di rocca inespugnabile; il tempio è anche la lo­ da alla concretizzazione che avviene identifican­
ro magnifica gioia e, infine, «il desiderio ultimo do Dio col tempio; quest’ultimo con la sua fun­
dei loro occhi e la nostalgia struggente dell’anima zione di luogo di asilo è infatti probabilmente lo
loro». Anche in Dan. 11,3 1, la predizione della sfondo di tutta una serie di enunciati che ricorro­
profanazione del tempio da parte di Antioco Epi- no nei salmi, quando si afferma che Jhwh è il ri­
fane, si ha l’accostamento appositivo di hammd- fugio del salmista. Tuttavia anche questa conce­
'óz e hammiqdds, che non si riferisce al santuario zione subisce a sua volta un processo di trasfor­
e alla cittadella (Porteous, ATD 233, 122) bensì al mazione, e il luogo di rifugio e asilo spiritualizza­
tempio come baluardo e rifugio degli Ebrei per­ to diventa metafora della protezione e della sal­
seguitati. vezza del Signore celeste.
Anche Is. 27,5 tratta del tempio come luogo di Per riassumere si possono usare le parole di
asilo. L ’oracolo profetico dice che è possibile «af­ Eichhorn (120): «L’orizzonte della raffigurazione
ferrarsi con tutte le forze» (hzq pi.) all’asilo di di Jhwh come m'wz è la potente teofania di Jhwh
Jhwh e fare la pace con lui. Come tutti i commen­ nel suo duplice aspetto di salvezza per coloro ‘che
ti più recenti spiegano, queste espressioni presup­ sperano in lui’ e di annientamento per coloro ‘che
pongono la funzione di luogo di asilo del tempio insorgono contro di lui’ . Chi prega chiamando o
di Gerusalemme (cfr. L. Delekat, Asylie und invocando Jhwh m 'w zj affinché si dimostri una
Schutzorakel am Zionsheiligtum, Leiden 1967). m'wz per loro, sono persone la cui esistenza
Adonia «si tiene stretto con forza» (hzq pi.) ai dipende esclusivamente dalla reale manifestazio­
corni dell’altare (1 Reg. 1,50); la stessa cosa si ne di Jhwh come m'wz per la comunità nella di­
narra in 1 Reg. 2,28 a proposito di Joab. vina rivelazione attuale in Sion». Queste persone
5. Descrivendo ulteriormente il comportamen­ sono in primo luogo il profeta (Ps. 28), poi il levi­
to idolatrico di Antioco, si dice che invece degli ta che nel tempio è cantore e predicatore (Ps. 31),
dèi dei padri avrebbe onorato il «dio delle fortez­ infine il maestro di sapienza fedele a Jhwh (Ps.
ze» (’elóàh md'uzzim) (Dan. 11,38). L X X e Vg. 37). Non ci sono tracce di un’ulteriore «democra­
vedono un nome proprio in questa espressione, tizzazione».
che probabilmente si riferisce a Zeù^ ’ O X u (j . t u o <;,
lo lupiter Capitolinus (Bentzen, H A T 1/192, 83). v. I pochi passi di Qumran in cui md'óz ricor­
6. La maggior parte degli enunciati nei quali re sono più o meno in linea con gli enunciati bi­
215 (1V.I027 ) md'ón (H.D. Preuss) (rv, 1028) 216

blici. Anche in questi testi md'óz significa ‘forza’. simo Pace, md'unnu ‘abitazione’ (EA 116 ,11; ma
L ’orante lamenta che la forza del suo corpo si è cfr. AH w 11 637) e forse anche un equivalente pu­
indebolita e quella dei suoi lombi è venuta meno nico (DISO 161: testo incerto; meno prudente è
(iQ H 16,32.33). In iQ H 16,23-24 si parla proba­ R.S. Tomback, A Comparative Semitic Lexicon
bilmente di un albero o di qualcosa di simile, che o f thè Phoenician and Punic Language, Missoula,
anche nella stagione calda mantiene la sua forza. Mont. 1978, 190). Nell’A.T. 5 passi usano m aón
Altrettanto spesso m 'wz significa ‘rifugio’. Il nel significato di ‘dimora, abitazione covo di ani­
poeta di iQ H lamenta di essere stato abbandona­ mali (selvatici)’ (Ier. 9,10; 10,22; 49,33; 51,37;
to e di non avere più alcun rifugio (iQ H 16,27), Nah. 2,12; per l’ultimo passo cfr. iQ H 13,13).
oppure confessa con gratitudine che Dio non gli Nei restanti passi md'ón denota il tempio o il cic­
ha offerto come rifugio «un’opera della carne» lo, rispettivamente come dimora terrena o celeste
(iQ H 18,23), dato che il suo sostegno «è in un di Dio (per la distinzione e il contesto, v. sotto,
rifugio elevato» (bm'wz mrwm), corrispondente 11.2): Deut. 26,15; ter. 25,30; Zach. 2,17; Ps. 26,8;
nel parallelismo con lo stico precedente a «una 68,6; 2 Chron. 30,27; 36,15. Passi controversi so­
fonte eterna» (iQ H 18,32.31). no, in primo luogo, / Sam. 2,29.32 (cfr. A. Guil­
Il frammento 1Q35 1,1 contiene semplicemen­ laume, Abr Nahrain 2 [i960 s.] 9); lud. 6,26; Soph.
te un Im'wz (lettura incerta) che non rende possi­ 3,7 (cfr. LXX). Hugger (154) congettura m aón
bile un’interpretazione. anche in Ps. 86,7 e 87,7. Inoltre controversi sono
H.-J. Zobel anche Ps. 71,3; 90,1; 9 1,1. Questo spiega perché i
dati sul numero di ricorrenze di md'ón nell’A.T.
siano molto diversi ( 1 5 - 0 solo 12/13 - fino a 18/
19; cfr. anche TH AT 11 243. 547. 639. 909).
|Ì}Mp ma'ón Anche il nome me'ónà mostra una simile am­
piezza semantica (dimora di animali selvatici: Am.
3,4; Ps. 104,22; lob 37,8; 38,40; Cant. 4,8; Nah. 2,
13; dimora di Dio: Ps. 76,3; luogo di asilo: Deut.
1. Attestazioni, significato, campo lessicale. —u. Uso. — 33,27). Il fatto che il tempio, e quindi in ultima
x. Dimora delle fiere. - 2. Dimora di Dio. - 3. Dio co­ analisi Dio stesso, possa essere un «rifugio», ren­
me rifugio. —4. Toponimo. de se non altro possibile rinunciare a una conget­
tura per Ps. 71,3; 90,1 (in proposito ancora, so­
Bibl.: R.E. Clements, God and Tempie, Oxford 1965. - prattutto, Goitein e Kopf) e 91,9 anche per quel
L. Delekat, Asylie und Schutzorakel am Zionsheiligtum,
che riguarda md'ón (cfr. sotto, 11.3).
Leiden 1967. - D. Eichhorn, Gott als Fels, Burg und Zu-
flucht (EHS xxui/4, 1972). - S.D. Goitein, «Mà'òn» - Poiché md'ón e me'ónà possono denotare il
A Reminder of Sin: JSS 10 (1965) 52 s. - P. Hugger, tempio e il cielo, rispettivamente come dimora e
Jahwe meine Zuflucbt. Gestalt und Theologie des 9/. residenza di Jhwh (cfr. sotto, 11.2), il campo lessi­
Psalms (Miinsterschwarzacher Studien 13, 19 71, 152­ cale si dimostra proporzionalmente ampio (-* jsb\
1 5j). - O. Keel, Die Welt der altorientalischen Bildsym -» mqwm [maqóm\ miqdds; miskdn; mdkón\ -»
bolik und das A.T., 19 7 2 ,10 0 -17 7 .- O . Keel * M. Kiich- qds [qódes]\ -» skn; cfr. anche -» sjwn [sijjón] e ->
ler, Orte und Landschaften der Bibel n, 1982. - M. jrwslm [j'rùsdlém]).
Metzger, Himmlische und irdische Wohnstatt Jahwes:
U F 2 (1970) 139-158. - F. Stolz, Strukturen und Figu- Di conseguenza i LX X interpretano e differenzia­
ren im Kult von Jerusalem (BZAW 118, 1970, 213). - no in maniera alquanto netta. S’incontra così àyia.-
G. Westphal, Jahwes Wohnstrdtten nach den Anschau- (2 Chron. 36,15) accanto a xaTa^uy^) (Ps. 90,1;
ungen der alten Hebrder (BZAW 15,19 08). 91,9), e StaTptpY] (Ier. 49,33 = 30,33) accanto a xotTr]
(Ier. 10,22); inoltre eÙTcpéireta (Ps. 26,8 = 25,8), tó-o<;
L II nome md'ón è costruito secondo lo sche­ (Ps. 68,8; 71,3), oixo? (Deut. 26,15), xaTotxTf)Tr,ptov
ma maqtal (con preformativo m-) dalla radice (2 Chron. 30,27; Nah. 2,12; Ier. 9,10) e (jlo’jojv ( t Sam.
(ricostruita ma non attestata) 'ùn/'in (cfr. anche 2,32 [?J).
W. Borée, Die alten Ortsnamen Palàstinas, 1930,
21968,72; v. anche Aharoni, Land 98; cfr. L. Kopf, Nei testi di Qumran si hanno 11 ricorrenze di
VT 8 [1958] 187 s.: ar. 'wn ‘aiutare’). A questa md'ón: tana dei leoni (iQ H 13,13; cfr. Nah. 2,
radice W. von Soden, U F 13 [1981] 159 s. accosta 12); cielo = dimora di Dio: iQ S 10,3; iQM 12,2;
anche ’ónà ‘abitazione’ (non l’abitare insieme!), iQSb 4,25; anche iQ H 20,2 [che vale forse per
Ex. 20,10. Oltre al verbo arabo gjn (cfr. KBL* tempio]; cielo come luogo della luce [e della tene­
577) è attestabile nel campo linguistico più pros­ bra: così con me‘ónà: iQ H 20,5+7] ! QS IO>I J
217 (iv,1029) mà'ón (H.D. Preuss) (iv, io 3o) 218

iQ H 20,5; in iQ H 20,2 il testo è incerto; cfr. an­ condo 2 Chron. 30,27 vengono indirizzate le pre­
che 1Q36. Sorprende che il termine venga appli­ ghiere. L ’aggiunta liturgica a Zach. 2,17 (cfr. v. 14)
cato a Qumran anche alla comunità intesa come e anche Ps. 68,6 (cfr. il contesto e i rapporti con
tempio/dimora di Dio (iQ S 8,8), andando così Iud. 5,4 s.) possono riferirsi tanto alla dimora ce­
oltre l'uso dell’A.T. (cfr. B. Gàrtner, The Tempie leste quanto a quella terrena di Jhwh. Se si parla
and thè Community in Qumran and in thè N.T., così della dimora di Jhwh nel cielo o nel tempio,
Cambridge 1965). nella maggior parte dei casi (ma non in Ps. 26,8; 2
Chron. 36,15) si aggiunge qds per una determina­
11.1. Quando mà'ón indica la dimora delle fiere zione più precisa.
o il luogo in cui gli animali selvatici fanno la pro­ Il fatto che si possa dibattere la questione se in
pria tana, non si tratta mai di un uso semplice­ questo o quel caso si tratti della dimora celeste o
mente descrittivo: il contesto è sempre un oraco­ terrena di Jhwh (il tempio) è dovuto a una ragio­
lo di giudizio, cioè si predice a una località (Ge­ ne più profonda, cioè all’impossibilità, e alla illi­
rusalemme, le città di Giuda, Hazor, Ninive o ceità anche teologica di distinguere nettamente
Babilonia) che gli animali selvatici vi cercheranno una dimora dall’altra (per i rapporti tra le due di­
e troveranno dimora. Accade così, in primo luo­ more cfr. Clements, Keel, Metzger, che strana­
go, nel lamento ironico (così intende Elliger, ATD mente non prende in considerazione mà'ón). N el­
25, ad l.) di Naum (Nah. 2,12; cfr. il riferimento l’ambito del tempio, infatti, i confini tra sfera ce­
in iQ S 5,13) per la distruzione di Ninive, predet­ leste e sfera terrena sono cancellati (Metzger), e in
ta e avvenuta, che diventa una tana per i leoni (’ari, esso la regione celeste si confonde con quella ter­
-» voi. 1 834 s.). Il legame tra annuncio del giudi­ rena e viceversa (cfr. Keel). Il mondo circostante
zio e lamento (questa volta sincero) compare an­ di Israele conosce dunque l’appellativo divino «ca­
che in Ier. 9,10, che vede Gerusalemme trasfor­ sa, abitazione» (a proposito di Nergal: Hugger
mata in una dimora degli sciacalli (tan). La cosa 154 n. 107) e nel Vicino Oriente antico si parlava
viene addirittura presentata in forma di lamento della dimora degli dèi guardando al cielo e al tem­
pronunciato in prima persona da Dio (forse dopo pio sulla terra in termini simili a quelli usati nel­
il discorso del profeta; ma cfr. L X X al v. 9). Per l’A.T. (sull’argom ento cfr. Keel; Metzger e inoltre
l’associazione dell’annuncio del castigo e del la­ WbMyth 1, indice s.v. «Wohnsitz der Gòtter»),
mento cfr. F. Ahuis, Der klagende Gerichtspro- 3. Da tutto ciò si evince infine che nel tempio
phety 1982. Le predizioni simili in Ier. 10,22; 49, non si viveva soltanto la presenza di Jhwh, ma si
33 e 51 »37 (per le città di Giuda, per Hazor e per sapeva concretamente che lì Jhwh stesso era, in
Babilonia) sono tutte testi secondari e più recenti, ultima analisi, la dimora e quindi il rifugio per
formulati analogamente a Ier. 9,10. l’orante. Per questa ragione è indispensabile con­
2. Secondo Ps. 26,8 il tempio è la dimora di siderare con una prudenza maggiore di quella
Jhwh, che l’orante ama. Secondo 2 Chron. 36,16 consueta la presunta necessità di una correzione
Dio stesso provava pietà per il tempio, sua dimo­ del testo (generalmente in favore di -> m 'wz [md­
ra (cfr. T R E 5, 222 s.). In questo tipo di discorso 'óz]) nei passi controversi dei Salmi (Ps. 71,3; 90,
rientrano inoltre a buon diritto anche Ecclus 50,1 1; 91,9). Qui non solo il nome della dimora può
(2) e Iud. 6,26. Qui mà'ón non illumina rispettoessere già un epiteto (Stolz 213 n. 178), ma mà'ón
alla questione se il tempio di Jhwh venisse inteso è interpretabile come una metafora reticente per
principalmente come dimora o come luogo d’in­ Jhwh, di denotazione sostitutiva di Dio (Hugger
contro. Per rispondere a tale interrogativo si do­ 155); cfr. Ps. 76,3; Deut. 33,27. Se poi si debba
vrebbe analizzare a fondo tutto il campo lessicale pensare a una figura di intermediario nel culto,
(v. sopra, 1). che in origine effettivamente fungeva da portavo­
Nonostante l’impegno teologico del Deutero­ ce (Eichhorn 121 ss.), non è una questione essen­
nomio nel mettere in evidenza il tempio (di Ge­ ziale, considerato il chiaro processo di democra­
rusalemme?), anche e proprio in esso è chiaro che tizzazione che si coglie nei testi riguardo a que­
la dimora di Jhwh è in cielo, anzi è il ciclo (Deut. st’affermazione di fiducia. Tanto il tempio quan­
26,15; Per questione cfr. H.D. Preuss, Deute- to Jhwh stesso sono il «luogo» nel quale l’orante
ronomium, EdF 164, 1982, 49; cfr. Deut. 4,36; 1 si rifugia e nel quale trova asilo e protezione.
Reg. 8,30-39 dtr.). Secondo Ier. 25,30 Jhwh fa sen­
tire la propria voce dalla sua dimora celeste, men­ 4. In Ios. 15,55; 1 Sam. 25,2 (cfr. 1 Sam. 23,24 s. e
tre per Am. 1,2 questa stessa voce risuona da Sion. cong. in 1 Sam. 25,1; forse anche in Iud. 10,12) si no­
La dimora celeste di Jhwh è il luogo al quale se­ mina la località di mà'ón, 13 km a sud-ovest di He-
2 i 9 (1V>I0 3 T) mà'at (H.-J. Zobel) (iV .IO J l) 2 2 0

bron, nelle vicinanze della città di Carmel. Per que­ (2 Reg. 10,18; Ier. 42,2; Ag. 1,6.9; Eccl. 5,11). In
sta città di Mahon si può ora consultare (oltre ai dati Ps. 37,16 il parallelo è col nome hàmòn ‘abbon­
in K BL5 577 s.v. mà'ón iv) l’esauriente trattazio­ danza’. Si coglie perciò chiaramente il significato
ne sul nome, l'ubicazione, la storia, l'importanza e base di m 't: ‘poco’, il contrario di ‘molto’, come
l’esplorazione archeologica in Keel-Kiichler (756 s.
fa capire anche il modo di dire, evidentemente ste­
e indice; cfr. inoltre GTTOT 15. 22. 149. 320 s.; Aha-
roni, Land 27. 98. 183. 257. 300 e Hugger 153; oggi reotipo, usato da Gionata: «Per Jhwh è uno scher­
è khirbet mà'in). La città di mà'ón a sud-ovest di zo aiutare, con molto o con poco» (1 Sam. 14,6;
Hebron è ora menzionata anche su un ostracon di cfr. anche Eccl. 5,11).
Arad (25:4; cfr. Y. Aharoni, Arad Inscriptions, Jeru- Il nome può essere usato assoluto, come in
salem 1981, 50 s.). Inoltre esisteva anche la località De ut. 28,38 («raccoglierai poco») oppure collega­
di (bèt) ba'al mà'ón in Transgiordania, menzionata to con un altro nome, come in / Sam. 14,29.43
oltre che in Ier. 48,23 (e forse in Num. 32,3) anche («un po’ di miele»). Il costrutto tipico di Isaia, me-
neH’iscrizione di Mesha (KAI 181,9.30). 'at miz'àr «proprio poco», esprime un’intensifi­
cazione: pochissimo tempo, un attimo (Is. 10,25;
H.D. Preuss
16,14; 29,17).
Il nome viene costruito con be ‘per mezzo’ (1
Sam. 14,6) o l e ‘per’ (Ag. 1,9; 2 Chron. 29,34), ma
ma'at nella maggior parte delle ricorrenze con k e ‘co­
me’. Qui si manifestano le diverse sfumature di
significato di me'at, giacché tale costruzione può
m e<at avere valore temporale, «presto, quasi, in breve,
tra poco» (Ezech. 16,47; P$- 2>12» 73>2 [qu* *n Pa_
1.1. Attestazioni. - 2. Significato. - U. Uso linguistico rallelo con ke,ajin]; 81,15; 94>l 7‘> TI9>87; lob 32,
profano. - 1 . Modi di dire. - 2. Nel linguaggio sapienzia­ 22; Prov. 5,14; Cant. 3,4; 2 Chron. 12,7); pleofo-
le. - in. Gli enunciati esprimenti pochezza nel linguag­ rico, kim'at rega' «un breve istante» (Is. 26,20;
gio religioso. - 1. Aspetto temporale. - 2. Aspetto quan­
Esdr. 9,8); quantitativo, «poco» (Is. 1,9; forse an­
titativo. —3. Tanto o poco nel significato di «sufficien­
te». - 4. Nelle preghiere. - j. In discorsi accusatori. - che Gen. 26,10;^ Sam. 19,37; P*- io 5»12 = 1 Chron.
6. Ps. 8,6. - 7. Ezech. 11,16. 16,19) e anche qualitativo, «da poco, di scarso va­
lore» (Prov. 10,20).
i.i. Nell’A.T. il nome me'at è attestato 101 vol­ Il verbo ha per significato base ‘essere poco,
te, e il verbo che ne deriva (qal, pi., hif.) altre 22 scarso, piccolo’.
volte (23 includendo Ecclus 3,18). Forme di que­
sta radice sono presenti in arabo (ma'ita ‘diventa­ 11.1. In ebraico esistevano evidentemente parec­
re di meno, scemare’; ma'ata ‘sottrarre’), accadi- chi modi di dire con me'at, e sono sempre inseriti
co (matu ‘diventare, essere piccolo’), in etiopico e nel discorso diretto. La richiesta dell’ospite poco
anche in tigrè. Per quel che riguarda la distribu­ dopo il suo arrivo è attestata 4 volte: «Dammi da
zione del nome nelFA.T. si hanno i seguenti dati: bere un po’ d’acqua» (Gen. 24,17.43; Iud. 4,19; /
Genesi 11 ricorrenze; Salmi 10; Proverbi 10; Nu­ Reg. 17,10). Anche le parole di Abramo, che si
meri 7; Protoisaia 7; Deuteronomio 6; Ezechiele porti un po’ d’acqua così che gli ospiti possano
5; Giobbe 5; Ecclesiaste 4; 1 Samuele 4; Esodo 3; lavarsi i piedi (Gen. 18,4), rientrano probabilmen­
2 Samuele 3; Aggeo 3; 2 ciascuno in Giosuè, 1 Re, te nelle formule di saluto.
Geremia, Osea, Esdra, Neemia, Daniele e 2 C ro­ Un’altra espressione ugualmente stereotipa pa­
nache; 1 ciascuno in Levitico, Giudici, 2 Re, Zac­ re quella relativa alla brevità della vita. Giuseppe
caria, Cantico dei Cantici, Rut e 1 Cronache. afferma davanti al faraone: «Pochi e sfortunati fu­
2. Il significato base di me'at si chiarisce me­ rono i giorni degli anni della mia vita» (Gen. 47,
diante il parallelismo di significato in / Reg. 17, 9) e Giobbe chiede: «Non sono pochi i miei gior­
12: kaf-qemah e me'at semen «una manciata di ni?» (Iob 10,20), e inoltre si augura all’empio che
farina / un po’ d’olio», e per via antitetica. L ’anti­ «i suoi giorni siano pochi» (Ps. 109,8).
tesi viene più volte marcata con forme di radice Infine si deve ricordare ancora un modo di di­
rbh: rbh (Ex. 16,17 s.; 30,15; Lev. 25,16; Num. 26, re evidentemente popolare: hame'at min + suff./
545 33.54; 35.8; Ier- z9& 3°>i9; Ps. 107,38; Prov. nome: «È troppo poco per te (voi) / non ti (vi)
13 ,11); rab (Num. 13,18; 26,54.56; 33,54; 35,8; basta (la tua fornicazione)» (Num. 16,9; Is. 7,13;
Deut. 26,5; 28,38; 1 Sam. 14,6; Prov. 15,16); rób Ezech. 16,20; 34,18; Iob 15 ,11; senza min: Gen.
(Lev. 25,16; Deut. 7,7; 28,62; Prov. 16,8); harbéh 30,15; Num. 16,13; con le + suff.: Ios. 22,17).
221 (lV ,1032) m d'at( H.-J. Zobel) ( i v , i o 3 3 ) 2 2 2

2. Da quest’uso all’impiego di me'at nel lin­inizio stico in Ier. 51,33; Hos. 1,4; Ag. 2,6: essa
guaggio sapienziale il passo è breve. In Prov. 15, «stabilisce il termine... dell’arrivo del giudizio»
16; 16,8 si ha la forma stilistica del paragone tób (Wolff, BK x i v / i 18); ancora un po’ e poi arriverà
min «meglio... che/di» in associazione con me'at per Babilonia il momento della mietitura, punirò
ed espressioni antitetiche conformi: «Poco col ti­ il crimine cruento di Iezreel, scuoterò il mondo
more di Jhwh è meglio di un grande tesoro con intero. Ma con gli stessi termini si può annuncia­
inquietudine» (Prov. 1 5,16); «meglio poco con re l’arrivo della salvezza: «Ancora un attimo ap­
giustizia che grandi entrate senza equità» (Prov. pena e poi il Libano si trasformerà in frutteto?»
16,8). In Ps. 37,16 un tale paragone è inserito nel­ (Is. 29,17). Il semplice me'at o kim'at esprimono
l’antitesi «giusto-empio». Parlano della fine del­ lo stesso concetto. Alludendo alTormai «immi­
l’empio anche Ps. 37,10 («Ancora un po’ e l’em­ nente occupazione di Gerusalemme» (Rudolph,
pio non ci sarà più») e Iob 24,24 («Si alzano un HAT 1/21, 233) si predice la pronta liberazione
po’ e non sono più»). Al contrario della preziosa della città (2 Chron. 12,7). Se Israele desse ascolto
lingua del giusto, il cuore dell’empio vale poco al suo Dio, questi umilierebbe prontamente i suoi
(Prov. 10,20). nemici (Ps. 81,15). Per proteggere il popolo dal
Prov. 6,10; 24,33 caratterizzano l’indolente che proprio furore Jhwh lo esorta a nascondersi per
dice: «Un po’ dormire, un po’ sonnecchiare, un un momento (Is. 26,20), e in vista dell’ormai pros­
po’ incrociare le braccia a letto» (così Ringgren, sima conquista del paese Jhwh promette di scac­
ATD 16/1). Prov. 13 ,11 afferma che i beni guada­ ciare «a poco a poco» (me'at me'at) i popoli di
gnati in fretta «scemano», ma il lavoro costante Canaan (Ex. 23,30; Deut. 7,22).
«aumenta» il patrimonio. Al contrario del ricco,
cui l’abbondanza impedisce di dormire, il lavora­ Hos. 8,10 va inteso in senso temporale e riferito
tore gode di un dolce riposo, che abbia poco o all’arrivo ormai molto prossimo del giudizio (così
che abbia molto (Eccl. 5,11). Riprendendo Prov. Wolff, BK xrv/i 185). - In Ps. 105,12 = 1 Chron. 16,
19 non si può decidere con certezza se kim'at abbia
10,19, Eccl. 5,1 esorta a usare poche parole nel
valore temporale (così la Bibbia di Zurigo) o quanti­
pregare Dio; Eccl. 10,1 contiene quella che per i tativo (così Kraus, BK xv/2 716; Rudolph, HAT 1/21,
L X X è «la massima scandalosa»: «Un po’ di follia 122). Nell’affermazione che Jhwh non avrebbe per­
pesa più della sapienza, più dell’onore» (così Zim- messo che l’Israele dei patriarchi venisse oppresso,
merli, ATD 16/1, 225). Tra i disagi legati all’età perché gli Israeliti erano «un numero limitato, kim­
c’è anche, per Eccl. 12,3, che «le macine (i denti) 'at e stranieri nel paese», ci si domanda come si deb­
sono diventate poche». E in Eccl. 9,14 un raccon­ ba interpretare kim'at (‘solo da poco nel paese’ o
to didascalico sapienziale inizia con le parole: ‘solo pochi, una minoranza nel paese’). Facendo un
«C’è una piccola città e in essa abitano solo pochi confronto con enunciati simili, che motivano pari­
menti la misericordia e la protezione divina con la po­
uomini». chezza e piccolezza di Israele (v. sopra, 11.2), l’op­
zione quantitativa sembra più probabile: «Non era­
ili. Anche nel linguaggio religioso di Israele si no che un piccolo numero, solo una piccola mino­
presentano le diverse sfumature semantiche di ranza nel paese e stranieri in esso».
me'at nei riferimenti più diversi.
1 .m e'at nell’accezione temporale esprime un Si devono infine considerare, sia pur brevemen­
breve lasso di tempo che può riferirsi all’azione te, Ps. 2,12 e Iob 32,22, dove la convinzione reli­
salvifica o a quella punitiva di Jhwh. Si deve inol­ giosa che l’ira di Dio divampi improvvisa o facil­
tre distinguere ulteriormente se tale azione è vista mente, ovvero che il Dio creatore potrebbe por­
come già avvenuta nel passato oppure se viene tare via rapidamente Elihu determina il giusto
predetta per il futuro. comportamento.
Che un residuo salvato possa vivere di nuovo a 2. me'at nell’accezione quantitativa si incontra
Gerusalemme nel luogo sacro viene considerato nel passo finale del Deuteronomio. Una delle con­
in Esdr. 9,8 un segno che «per un breve istante si seguenze della maledizione per la trasgressione
è avuta pietà di noi». In maniera simile si parla dei comandamenti consiste nella larga semina e
della cattività babilonese o dell’oppressione assira nello scarso raccolto di Israele (Deut. 28,38). La
come del breve tempo dell’ira di Jhwh (Zach. 1, medesima concatenazione negativa è notata da
15; Is. 10,25). Ag. r,6, che esorta quindi a costruire il tempio. Ag.
Nei passi che seguono si tratta della predizione 1,9 mostra inoltre la discrepanza tra una grande
del futuro intervento di Jhwh. Colpisce, a questo attesa del popolo e lo scarso risultato. La scarsità
proposito, l’espressione dominante ‘od me'at a viene dunque interpretata in generale come con­
223 (iv,io34) mà'at (H.-J. Zobel) (ìv, 1035) 224

seguenza della maledizione, e all’inverso la cresci­ appello alla compassione del profeta (Weiser, ATD
ta e la popolosità sono ritenute conseguenze della 20/21, 368) o di Jhwh.
benedizione (Ps. 107,38 s.). Infine il concello della piccolezza è legata an­
Questa tematica della crescita o della diminu­ che a idee relative al resto. In questa scarsezza può
zione numerica di un popolo come effetto della riflettersi il castigo divino. Quando in Is. 16,14 si
benedizione o della maledizione divina s’incontra dice a proposito del resto di Moab che esso sarà
con relativa frequenza. La compassione di Jhwh «poca, piccola cosa», questa parola indica al con­
per gli esuli si manifesta nel loro numero, chc egli tempo la totale debolezza e la consegna al disprez­
non lascia diminuire (Ier. 30,19; cfr. 29,6). L ’ «ar- zo. Anche la predizione che i giorni della gloria di
ticolo» del piccolo credo storico, che ricorda co­ Kedar sono finiti viene spiegata con il commento
me il patriarca che soggiornò da straniero in Egit­ che «il resto del numero degli arcieri sarà piccolo»
to con poca gente sia divenuto un popolo nume­ (Is. 21,16 s.). Nonostante che contenga comunque
roso (Deut. 26,5), non menziona di fatto Jhwh anch’essa la realtà del giudizio e del castigo, nella
expressis verbis, ma sicuramente si riferisce a lui. concezione del piccolo resto d’Israele si coglie
Viceversa la punizione divina consiste nel ridurre tuttavia un aspetto di volontà di preservazione e
a pochi sopravvissuti quell’Israele che era nume­ indulgenza, l’eco della perdurante fedeltà di Jhwh
roso come le stelle del cielo (Deut. 28,62; simil­ verso il suo popolo, la possibilità di iniziare una
mente Lev. 26,22). Anche il castigo di Jhwh che nuova storia che questa fedeltà permette e pro­
si abbatte su un popolo straniero comporta, co­ mette. Considerato che Jhwh ha lasciato in vita al­
me nel caso dell’Egitto, una diminuzione nume­ cuni sopravvissuti del suo popolo, a Israele è an­
rica della popolazione (Ezech. 29,15). In tutti gli data molto meglio che a Sodoma e Gomorra (Is.
enunciati, tuttavia, sussiste una correlazione di­ 1,9). Eseguendo l’azione simbolica ordinatagli da
retta tra quantità e qualità. Un popolo numeroso Dio Ezechiele, rasatisi e divisi in tre parti capel­
è «forte» (‘àsùm, Deut. 26,5); un popolo piccolo è li e barba, toglie dall’ultimo terzo pochi capelli e
così debole da non essere più in grado di domina­ peli e li mette da parte legati nel lembo della veste
re altri popoli (Ezech. 29,15; anche Num. 13,18). (Ezech. 5,3), simboleggiando in questo modo la
Dan. 11,23 predice un evento inaudito: qualcuno preservazione di un piccolo resto del popolo che
«con poca gente» diventerà potente. rimarrà in vita. Geremia prega che Jhwh voglia sì
Per quel che riguarda la grandezza d’Israele in correggerlo ma non nell’ira, bensì nella sua divina
relazione alPatteggiamento di Jhwh nei suoi con­ benevolenza, per non «ridurlo» (Ier. 10,24): pre­
fronti ci sono altre due importanti considerazioni ga cioè chc Dio lo protegga e lo mantenga in vita.
da fare. Anche se non viene usata la nostra radice, E lo stesso concetto che vuole esprimere Esdr.
il concetto è comunque presente, ad es., in lud. 7, 9,8 col termine mihjà me,at «un po’ di vitalità»,
1-8: Gedeone deve ridurre drasticamente il nume­ anche questo un gesto di misericordia di Dio.
ro dei combattenti affinché Israele non possa van­ 3. Quando uno raccoglie molta manna e l’altro
tarsi a scapito di Jhwh di essersi aiutato da solo. poca, eppure il primo non ne ha in sovrappiù e il
Questa concezione trova poi una più precisa for­ secondo non ne ha penuria (Ex. 16,17 s*)> c*° è un
mulazione teologica in Deut. 7,7 s.: Jhwh non ha effetto della grazia e della misericordia di Jhwh
eletto Israele perché era il popolo più numeroso per il popolo che marcia nel deserto. «Poco o mol­
- in effetti è il più piccolo (hamme'at) di tutti i po­ to» è quindi un modo per dire che ciascuno rice­
poli - ma perché lo amava. L ’elezione misericor­ ve da Jhwh il bastante: ognuno riceve ciò che gli
diosa di Jhwh non trova quindi alcuna motiva­ serve. La medesima idea sta dietro a / Sam. 14,6:
zione, di nessun genere, nello stesso Israele. Qui Gionata è convinto che per Jhwh sia un gioco da
si estremizza un concetto che è insito, ad es., nel­ ragazzi soccorrere «con molto o con poco». 2
la preghiera di Amos perché Israele sia risparmia­ Sam. 12,8 ricorda come Jhwh sia stato generoso
to: «Eppure Giacobbe è così piccolo» (Am. 7,2.5): di doni anche con David: se quanto hai ricevuto
un popolo piccolo suscita, come un neonato indi­ finora fosse troppo poco, Jhwh avrebbe ancora
feso, l’indulgente tenerezza e la cura amorevole aggiunto questo o quel dono.
del suo Dio. Decisioni simili sono espresse anche 4. L ’idea della pochezza e piccolezza ha un suo
nella supplica rivolta a Geremia dalla schiera de­ posto anche nelle preghiere, nel lamento e nell’ac­
cimata che aveva partecipato all’uccisione di Go- cusa. Così Mosè grida a Jhwh: «Mi hanno quasi
dolia affinché il profeta pregasse Jhwh per loro, (kim'at) lapidato!» (Ex. 17,4). Formulazioni si­
rimasti «pochi di molti» (Ier. 42,2). Con questa mili si hanno in Ps. 73,2; 119,87; Prov. 5,14: i miei
piccola nota dei sopravvissuti si ha di nuovo un piedi hanno quasi incespicato; mi hanno quasi eli­
22 j (rv,ic>36) mè'im (H. Ringgren) ( iv,io 3Ó ) 2 2 6

minato; mi sono trovato quasi in mezzo ai guai. carattere di motivo di speranza. Certo Israele do­
In questi «quasi» e «per poco» si esprime costan­ vette andare lontano, in esilio; ma la lontananza
temente la convinzione, alimentata dalla fede, che non è «lo spazio del puro abbandono da parte di
Dio sia giunto in tempo in soccorso dell’orante Dio» (Zimmerli, BK x iii / i 250), perché anche là
(Ps. 94,17). Nella grande preghiera penitenziale la Jhwh divenne per loro un tempio, continuò dun­
comunità supplica Dio di non considerare poca que a concedere loro la propria vicinanza. La po­
cosa tutta la sua tribolazione (Nehem. 9,32). Infi­ chezza del tempio significa probabilmente che il
ne Giobbe, consapevole della brevità della propria culto celebrato nel lontano paese straniero non
vita, desidera che essa possa almeno essere serena era che una pallida ombra di quello celebrato nel
(Iob 10,20). tempio di Gerusalemme. Così in questa espres­
5. Il ham'at interrogativo rappresenta una tipi­ sione si manifesta la volontà di salvezza di Jhwh
ca formulazione che esprime accusa e sdegno. Dà nel mezzo della punizione del proprio popolo, ed
voce al mormorio d’Israele nel deserto (Num. 16, egli garantisce la propria fedeltà chc disegnerà il
13); è rivolta in tono accusatorio contro la banda futuro.
di Core (Num. 16,9), contro i costruttori dell’al­ H.-J. Zobel
tare sulle rive del Giordano (Ios. 22,17), contro
Giobbe (Iob 15,11). Questo modo di dire è stato
ripreso anche da Isaia (7,13) e da Ezechiele (16,
20; 34,18) per accusare la casa di David di ribel­ o r o m e‘im
lione contro Dio, la «moglie infedele» di adulte­
rio e del sacrifici di bambini, gli animali del greg­ 1. Etimologia, attestazioni. - 2. Uso. - 3 . 1 L X X .
ge di reciproca mancanza di riguardo. In tale tipo
Bibl.: H. Holma, Die Namen der Kòrperleile im Assy-
di discorso, con la domanda dubbiosa «non è for­ risch-Babylonischen, Helsinki 19 11. - H.W. Wolff, An-
se abbastanza» o «non vi basta forse» si mette in thropologie des Alten Testaments, 19 73,102-106 .
cruda evidenza il crescendo inaudito dell’azione
peccaminosa: non solo ribellione contro gli uomi­ 1. L ’ebr. *mVìm ‘viscere’ (nell’A.T. non è atte­
ni, ma anche aperta rivolta contro Dio; non solo stata una forma assoluta, in neoebraico si trova
prostituzione, ma anche sacrifici di bambini; non anche il duale mè'ajim) corrisponde etimologica­
solo pascolare in abbondanza, ma anche calpesta­ mente all’aram. m€'d\ me'ajjd> (sir. ma'jd*); ar.
re ciò che resta. L ’accusa è quindi così pesante che ma\j, m i‘d; et. 'amd'ùt col medesimo significato.
non può sussistere alcun dubbio circa la senten­ Un po’ più incerto è l’acc. amutu ‘fegato di peco­
za. La formulazione interrogativa sfida e costrin­ ra, presagio epatico’ (AHw 46; cfr. Holma 88 e
ge l’interpellato a rispondere, e la risposta servirà per la questione in generale Rundgren, OrSuec 11
a confermare ed aggravare l’accusa. [19 6 1] 1 2 1 - 1 2 7 ) .
6. Ps. 8,6 contiene un’affermazione originale. Secondo il T.M. nell’A.T. si registrano 30 ricor­
La dignità dell’uomo come creatura particolare di renze del termine, più 1 nel Siracide. La distribu­
Dio viene inserita in un verso di preghiera: «Tu zione delle ricorrenze non è significativa.
gli hai fatto mancare poco da Dio» (hsr [/>/.] me- 2. Il alcuni casi il nome indica concretamente i
‘at min). Se con ciò si voglia dire che l’uomo ha ‘visceri’. Joab infilò la spada nel basso ventre di
«la sua collocazione immediatamente sotto gli Amasa, e i suoi visceri si sparsero sul suolo (2
esseri divini» (Kraus, BK xv/i 70) o se si debba Sam. 20,10). Joram fu colpito da una malattia che
invece interpretare con Wolff (Anthropologie des provocò la fuoriuscita dei visceri (2 Chron. 2 1 ,1 5 .
A.T.y 2I974, 328: «Tu gli hai fatto mancare poco 18 s.). In un poema descrittivo (Cant. 5,14 ) il ter­
di divino») nel presente contesto non è tanto de­ mine indica addirittura la parte esterna del corpo.
terminante, perché anche qui me'at esprime di In un senso un po’ più ampio mè'im indica ciò
nuovo qualcosa di minimo, di scarso, di infinita­ che viene riempito mangiando, cioè lo ‘stomaco’ .
mente piccolo (-> hsr [hasèrj, -» voi. 111 114). I Ezechiele si riempie lo stomaco con il rotolo scrit­
L X X intendono l’espressione in senso temporale: to, cioè lo mangia (Ezech. 3,3). Il giorno dell’ira
(Bpayjj ti (cfr. Hebr. 2,7.9). di Jhwh il popolo non può placare la fame né
7. Per completezza resta infine da considerare riempirsi lo stomaco (Ezech. 7 ,19 ). Sofar dice che
Ezech. 11,16 . Jhwh dice: «Li ho portati lontano l’empio trasforma nel mè'im il cibo in veleno (Iob
tra le nazioni e nei paesi nei quali essi sono arri­ 2 0 ,14 ; par. qereb). Paragonabile è Ion. 2 ,1 s.: Gio­
vati sono diventato per loro un po’ come un tem­ na si trova nei mè'im del pesce. Secondo Num.
pio (lemiqdas me‘at)». Qui mc‘at ha di nuovo il 5,22 l’acqua di maledizione agisce nei mè'im della
227(1^10 37) ma'al (H. Ringgren) ( i v , i o 3 8) 2 2 8

donna (-» voi. I 1254 s.; cfr. G. Giescn, BBB 56, parallelo: si tratta dell’esclamazione altamente
1981, 124-132). In Ps. 22,15 mé'ìm denota l’inter­ emotiva, esagitata di Ier. 4,19: «Mie viscere, mie
no del corpo in generale: «Il mio cuore si scioglie viscere! Mi devo contorcere! Le pareti del mio
dentro il mio corpo». cuore! Il mio cuore (o: la mia anima, v. BHS) è in
Inoltre mé'ìm designa il corpo o il suo interno subbuglio (hàma), non posso tacere!». Il versetto
come luogo in cui si forma l’essere umano, «gli esprime la profonda emozione di Geremia per
organi sessuali interni» (Wolff 102). In questo l’imminente catastrofe.
senso il termine è usato spesso in parallelo con In due passi delle Lamentazioni il verbo è inve­
beten, ad es. in Gen. 25,23: «Due popoli sono nel ce homarmar (-» hmr) e i versetti contengono di­
tuo (= di Rebecca) corpo (beten) e due tribù la­ versi sinonimi: «Ho paura (sar li), le viscere scot­
sceranno il tuo grembo (mé'ìm)»; Is. 49,1: «Jhwh tano, il mio cuore (léb) mi si rigira dentro (beqir-
mi ha chiamato fin dal beten, ha fatto il mio nome bi)» (Lam. 1,20); «i miei occhi si consumano (kà-
fin dal seno (mé'ìm) materno» (il servo di Jhwh è lu) in lacrime, le viscere sono un fuoco, il fegato
destinato al suo compito prima della nascita, cfr. (kàbéd) si spande in terra per la caduta della figlia
Ier. 1,5; L. Schmidt,Theologia Viatorum 13 [ 1 975­ del mio popolo» (Lam. 2,11). In entrambi i casi si
77] 189-209, spec. 205 s., suppone che dietro a tratta del cordoglio per la grande catastrofe del
questa formulazione ci sia l’ideologia regale giu- 586 a.C. In Iob 30,27 si ricorre a un’altra immagi­
daita; cfr. già O. Kaiser, Der kònigliche Knecht, ne: le viscere bollono (rth) e non hanno pace. - È
F R L A N T 70, 1959, 57); Ps. 71,6: «Ho confidato quindi evidente come mé'ìm possa essere unito
in te fin dal beten, fin dal grembo di mia madre alle emozioni più diverse: amore, pietà, sgomen­
(me'è 'immi) sei la mia protezione» (cfr. Ps. 22,10 to, cordoglio. - Infine va considerato a questo pro­
s. con altre parole). Piuttosto spesso si parla di un posito anche Ps. 40,9 dove il salmista dice: «La tua
figlio o di un erede che esce dai mé'ìm del padre legge è nei miei m é'ìm » (cfr. Ps. 37,31 con léh).
(Gen. 15,4; 2 Sam. 7,12; 16 ,11; forse anche 2 Reg. 3. Nei L X X mé'im viene tradotto per lo più
20,18; Is. 39,7 [cong. K B L 3]; Is. 39,7 dove iQ Isa con xoiXta; talora s’incontrano anche eXeo<; (Is.
legge mimme'è invece di mimmi). In 2 Chron. 32, 63,15) e (Iob 20,14). In Gen. 15,4 i L X X
21 si mette in risalto come Ezechia sia stato ucci­ hanno soltanto ex aoù, mentre in Ier. 31,20 ricor­
so dai «propri figli naturali (usciti dai suoi visce­ rono a una perifrasi.
ri, j 's ì ’è mé'àjw)». In Is. 48,19 stanno in parallelo H. Ringgren
zera' ‘posterità’ e se’ésà'è mé'èkd. Rientra in que­
sto gruppo, infine, anche Ruth 1 ,1 1 : «Ho ancora
figli nei miei m é'ìm ?».
In senso traslato mé'im significa la parte inte­ b ì ì ù m d 'a l
riore dell’uomo come sede delle emozioni. In que­
st’uso mé'ìm è associato in 5 casi su 8 con hàmà ma al
‘ ribollire, bollire, eccitarsi, irritarsi’ (o con hà-
món). Può trattarsi di amore, come in Cant. 5,4:
1. Etimologia. - 11. Attestazioni, - ni. I L X X . - iv. Uso
la sposa si sente agitata dentro dalFamorc per lo nell’ A.T. - 1. Slealtà verso gli uomini. - 2. Slealtà verso
sposo. In Ecclus 51,21 il rapporto con la sapienza Dio. - 3. Casi particolari. - v. Qumran.-
viene descritto con la terminologia amorosa (v. H.
Ringgren, Word and Wisdom, Lund 1947, 113 ; il 1. Seguendo J. Barth, Etymologische Studien,
testo ebraico ha «jehému mé'aj come un forno», 1893, 62 s., K B L 3 accosta l’ebr. ma'al all’ar. ma­
il che porta alla lezione testimoniata da S, jehé- glia ‘essere vizioso’ e magàlat ‘tradimento, ingan­
mu. I L X X presuppongono il testo ebraico, ma no’. Ma il verbo arabo significa piuttosto ‘essere
senza «forno»). In altri casi si tratta della com­ rovinato, corrotto’ ed è usato soltanto per gli oc­
passione divina. Così in Is. 63,15 si prega Dio di chi. Esiste tuttavia anche un magala ‘denigrare, ca­
guardare giù dal cielo domandandogli: «Dov’è il lunniare’ da cui deriva magàlat ‘calunnia’. Inoltre
fremito delle tue viscere, dove la tua pietà (rahà- magàlat può essere derivato da gàla(i) vili ‘ingan­
mim)?». In Ier. 31,20 Dio chiama Efraim figlio nare, truffare’. Il significato non si adatta dunque
prediletto e dice: «Le mie viscere fremono, devo perfettamente all’ebraico ‘agire in maniera con­
provare pietà (rhm)». Is. 16 ,11 dice: «Perciò le mie traria al proprio dovere; essere sleale, infedele’.
viscere si lamentano (o ribollono, hàma) per Se si considera, inoltre, che il verbo ebraico assu­
Moab, il mio qereb per Kir Herez». Una volta hà- me spesso la connotazione di ‘sottrarre, negare a
mà non viene unito con mé'im ma con un léh qualcuno qualcosa che gli spetta’ si dovrebbe pen­
229 (iv,1039) ma'al (H. Ringgren) (iv ,io 4 o ) 230

sare anche alPar. ma'ala ‘strappare, danneggiare, minarsi’ e di mà'al ma'al. Si tratta dunque di in­
calunniare’. Per il resto, il verbo è presente in fedeltà coniugale; da un altro punto di vista il ver­
m edio ebraico e in aram aico giudaico col signifi­ bo potrebbe essere parafrasato con «sottrarre a
cato di ‘sottrarre, appropriarsi indebitamente, qualcuno qualcosa su cui egli ha un diritto».
usare qualcosa di sacro in maniera inadatta, im­ Nelle leggi relative ai sacrifici di Lev. 5 è pre­
propria’, che risente evidentemente dell’influenza visto un sacrificio di ’àsàm per il caso che qualcu­
biblica. no pecchi (hàta’ ) e compia un ma'al negando
J.L . Palache, Semantic Notes on thè Hebrew qualcosa che gli era stata affidata (v. 21). Da un
Lexicon, Leiden 1959, 45 fa notare che mà'al sta lato costui sottrae a qualcuno qualcosa che gli ap­
a me,ìl ‘sopravveste’ come bàgad ‘ingannare’ sta partiene, dall’altro si mostra infedele. Un caso si­
a beged ‘veste’: una veste «copre» il corpo; «co­ mile sembra quello contemplato da Num. 5,6: se
prire i fatti reali» significa ‘ingannare’. Questa os­ qualcuno commette un peccato (batta't), un mà­
servazione presuppone tuttavia un significato ba­ 'al contro Jhwh, e si rende colpevole ('àsam) deve
se della radice del tutto differente da quello sug­ restituire l’oggetto di cui è debitore. A rigor di
gerito dall’etimologia. termini l’infedeltà è diretta verso un uomo, ma il
fatto viene giudicato nello stesso tempo un’infe­
11. mà'al compare con sorprendente frequenza deltà verso Dio. Per contro il ma'al riguarda
nella combinazione paronomastica m à'al e ma'al espressamente Dio in Lev. 5,15, dove si prevede
(20 volte); il verbo da solo ricorre 15 volte, il un sacrificio di ’àsàm nel caso che qualcuno abbia
nome da solo 9 volte. Le attestazioni sono tutte per sbaglio (bisgàgà) peccato (bàtà’ ) per quel che
tarde: Ezechiele, opera storiografica deuterono­ riguarda le offerte consacrate a Jhwh (qodsè jhwh):
mistica, H, P, opera storiografica del Cronista, anche se si è trattato di un errore, è stato sottrat­
Daniele (Prov. 16,10 e lob 21,34 sono di difficile to a Jhwh qualcosa che gli spetta.
datazione). 2. Si è così passati all’infedeltà nei confronti di
Insieme con mà'al si hanno termini come ht’, Dio. Un esempio concreto è offerto da Ios. 7,1:
‘àwón, ’àsam, màrad, màrà e rs \ Akan si appropria di beni destinati al herem,
sottraendo così a Dio cose che gli appartengono.
in. I L X X non offrono una traduzione costan­ A questo episodio si farà poi riferimento in Ios.
te di mà'al e la loro resa si adatta al contesto. Per 22,16.20.22 (qui + màrad) e in / Chron. 2,7 (solo
mà'al ma'al si hanno quindi le seguenti associa­ il verbo).
zioni paronomastiche: Xav$àvaj - ÀT)$r] (Lev. 5, Ezechiele usa mà'al nel senso generale di infe­
15; Num. 5,27); 7TXT}|A(Ae^éa> - 7cXr)|x(j.ÉX£ia (Ios. 7, deltà religiosa contro Dio. Ezech. 14,13-20 è re­
1; 22,16.20.31; Dan. 9,7); 7tapa7:i7iT<ij - 7rapaTrito­ datto nello stile giuridico casistico della legisla­
l a (Ezech. 14,13; 15,8; 18,24; 20,17); àSixétu - zione religiosa. Il v. 13 contempla il caso che un
àbixia (Ezech. 39,26); àvo(jiéa) - àvo^ia (1 Chron. paese pecchi (bàtà’ ) e compia un ma'al, così che
10,13); àqH<TTY]|ju - àTOaTa<ji<; (2 Chron. 28,19); Jhwh deve punirlo - allora gli uomini giusti, Noè
à-QexédJ - à'SÉTrjjJwc (2 Chron. 36,14); Tiapopàw col Daniele e Giobbe, potranno certamente salvare
ptc. (Lev. 5,21; Num. 5,6; in Num. 5,12 si ha ad­ se stessi, ma non il paese. In che consista il pecca­
dirittura èàv TtapiSf] aùxòv Ò7«:piSoù<ya). àSixÉa), to, cioè l’infedeltà, non viene meglio specificato.
àvopéfo, dtcpt(TTT](j.i e à-Setéu» vengono usati anche In un contesto parimenti casistico si afferma
per il solo mà'al e inoltre à^ei^éo), e (Ezech. 18,24) che un giusto che abbandona la
àfjLapxàvto (Esdr. 10,2; 2 Chron. 12,2). Per il no­ propria giustizia e compie un’ingiustizia ('àwel)
me si usa più volte àvo(xca, sporadicamente ìtio- alla stregua degli empi (rasa') morirà per il suo
<j-aaia e gcttootgkxì^, oltre che perifrasi come in ma'al e per il suo peccato. Ingiustizia, empietà e
Num. 31,16 e Ios. 22,22. peccato vengono quindi equiparati a ma'al, o
meglio ma'al abbraccia tutta la natura empia che
iv. L ’azione indicata con ma'al può essere di­ non riconosce Dio come Dio.
retta contro uomini o contro Dio. In Ezech. 20,27 ma'al viene associato con l’ol­
1. Nella legge del cosiddetto sacrificio per la ge­ traggio contro Dio o con la bestemmia (gdp pi.);
losia (Num. 5 ,11-31) il caso ipotizzato viene così il versetto seguente spiega che si tratta del culto
descritto: se una donna abbandona il marito (s'à- celebrato sulle alture. Di conseguenza ma 'al si­
tà) e perpetra così un ma'al e ha rapporti sessuali gnifica rifiutare a Jhwh l’adorazione che gli spet­
con un altro uomo... (v. 12). Il medesimo caso vie­ ta. Poiché i w . 27-29 devono essere chiaramente
ne descritto al v. 27 in termini di nitmà’ ‘conta­ ritenuti un’esegesi a posteriori dei versetti prece­
231 (iv,i04i) ma'al (H. Ringgren) (iv,1042) 232

denti (Zimmerli, BK xin ad /.), ma'al e giddéf si commesso un ma' at contro Jhwh e Dio li ha ab­
riferiscono al v. 24, dove si precisa che il peccato bandonati alla desolazione. Il contesto mostra al
consiste nel disprezzo (m d’as) dei comandamenti v. 8 ebe la richiesta positiva riguarda la venuta al
e nella profanazione (hll pi.) del sabato, ma'al de­ tempio che egli ha santificato (qds hif.) e il servi­
nota quindi una violazione di ciò che è sacro. zio da rendergli ('bd): ma'al consiste dunque nel-
I restanti passi di Ezechiele restano più sulle l’aver trascurato queste richieste.
generali. Ezech. 15,8 afferma che Jhwh devasterà 2 Chron. 29,19 menziona la risistemazione e
il paese perché il popolo ha commesso un ma'at. purificazione di tutti gli arredi che nel suo ma'al
Ezech. 17,20 che Sedecia sarà condannato per la Acaz aveva tolto di torno. 2 Chron. 33,19 specifi­
medesima ragione. Ezech. 39.23 dice che gli Israe­ ca i peccati e il ma'al di Manasse: si tratta della
liti sono stati condotti in esilio perché hanno pra­ costruzione di altari per i sacrifici sulle alture e
ticato 'àwón e ma'al; il v. 24 menziona in aggiun­ l’erezione di ashere e p esìlim. 2 Chron. 36,14 si
ta impurità (1tum’à) e pesa'. Ma secondo Ezech. occupa ancora della santità del tempio: i sacerdoti
39,26 dopo la restaurazione gli Israeliti dimenti­ commisero ma'al alla stregua di tutte le abomina­
cheranno la loro vergogna e il loro ma'al. zioni dei pagani e contaminarono (tm' pi.) la casa
Altrettanto generico è Lev. 26,40 (H): se gli di Jhwh che egli aveva santificata (qds hif).
Israeliti proveranno la punizione di Dio dovran­ Nel libro di Esdra i matrimoni con donne stra­
no confessare la propria colpa ('àu>ón), che consi­ niere vengono spesso bollati come ma'al: rappre­
stette nell’aver compiuto ma'al e nell’essersi op­ sentano un’infedeltà nei riguardi di Jhwh (Esdr.
posti (hàlak baqqeri) a Jhwh. Allora Jhwh si ri­ 9,2.4; 10,2.6.10; cfr. Nehem. 13,27).
corderà di nuovo del proprio patto (v. 42). Num. 31,16 menziona molto brevemente il cul­
Deut. 32,51 (P) stabilisce invece una chiara cor­ to di Ba'al come m a'al - quindi ancora una volta
relazione con la santità offesa: «Avete commesso l’idolatria è vista come tradimento. Per contro
un ma'al a Meriba perché non mi avete santifica­ Nehem. 1,8 e Dan. 9,7 restano sulle generali.
to (qds p i )». Il parallelo di Num. 27,12-14 non usa 3. Un caso particolare è costituito da Iob 21,
ma'al ma màrà e «non santificare». 34. Giobbe dice agli amici: «Come pretendete di
I .e attestazioni nell’opera storiografica del C ro­ consolarmi con queste nullità (hebel)ì Le vostre
nista offrono alcuni esempi del contenuto con­ risposte restano un ma'al». Evidentemente qui
creto di ma'al. Secondo / Chron. 5,25 le tribù di non si parla di infedeltà nei confronti di Dio, ma
Ruben, Gad e Manasse perpetrarono un ma'al di una ingannevole spiegazione dei fatti che non
contro il Dio dei loro padri prostituendosi dietro corrisponde alla realtà. In Prov. 16,10 ma'al de­
(zana 'ahàré) agli dei del paese. Secondo / Chron. nota un errore nell’amministrazione della giusti­
10,13 Saul compì un ma'al quando interrogò lo zia: il re pronuncia il giusto giudizio e non ingan­
spirito di un morto (invece di Jhwh). Uzzia com­ na, perché esercita il proprio ufficio per autorità
pie un ma'al entrando nel tempio per offrire un divina (cfr. i L X X TtÀavàoj ‘sbagliarsi’).
sacrificio di profumi - un atto di arroganza (gd-
bah lèb) e nello stesso tempo una profanazione v. A Qumran ma'al è diventato semplicemente
della santità del tempio (2 Chron. 26,16.18). L ’in­ uno dei tanti termini per ‘peccato’. Oggetto di
formazione circa Acaz (2 Chron. 28,19) che avreb­ m a'al può essere la torà (CD 9,16 s.) - o il pros­
be agito sfrenatamente (hifrtd') e commesso un simo (lett. «carne», come in Is. 58,7: CD 7,1). Ab­
ma'at contro Jhwh è generica, ma il v. 22 precisa bandonare Dio (‘dzab) è ma'al (CD 1,3; cfr. Ezech.
che avrebbe sacrificato alle divinità di Damasco. 39,23 e Lev. 26,40). Spesso s’incontrano associa­
In 2 Chron. 19,6 Ezechia dice: «I nostri padri zioni come «colpa di peccato e peccato d’infedel­
hanno commesso ma'al'» e aggiunge come spie­ tà» ('asmat pesa' ùma'al battà’t, iQ S 9,4); «abo­
gazione che essi fecero ciò che è male (ra‘) agli oc­ minio dell’impurità (niddà) e colpa dell’infedeltà»
chi di jhwh, lo abbandonarono ('àzab), si allon­ ('asmat ma'al, iQ H 19,11). ma'al e pesa' si tro­
tanarono dalla dimora (miskàn) di Jhwh e gli vol­ vano insieme in iQ S 10,23; ma'al e ’asmà in iQ H
tarono le spalle (ndtan *òref ). Il versetto serve a 12,30.34. Evidentemente non si coglie alcuna dif­
giustificare l’ordine dato ai leviti di eliminare l’im­ ferenza essenziale tra i vari termini per peccato.
purità (niddà) dalla casa di Jhwh e di consacrare
nuovamente (qdspi.) il tempio. La santità del tem­ H. Ringgren
pio è stata dunque offesa e deve essere reintegra­
ta. Le cose stanno così anche in 2 Chron. 30,7, do­
ve Ezechia dice genericamente che i padri hanno
233 ( t v , i o 4 3 > màsa (S. Wagner) (iv,1044) 234

(a meno che «nuvola del mattino» e «rugiada» sia­


ma ‘alai bbv 'Il
no glosse ispirate a 6,4; cfr. Weiser, ATD 24, ad /.).
In Soph. 2,2 forse il testo non è in ordine. Il
termine di paragone è comunque la rapidità con
ma‘àseh -» ‘<*62 la quale la pula sparisce. G. Gerleman, Zephanja,
Lund 1942, 26 traduce il T.M.: «Viene un giorno
che passa come pula» - altrimenti si modifica il
{''D mós testo, come fa ad cs. Elliger, ATD 25, ad «Pri­
ma che spariate come pula che vola», una propo­
1. Etimologia, attestazioni. - 2. Uso. sta che naturalmente si adatta meglio all’uso abi­
tuale dell’immagine.
1. mós ‘pula’ è un nome primario che ha il suo Ps. 1,4 è chiaro: gli empi sono come la pula che
corrispondente etimologico nell’ar. maus ‘paglia’. il vento porta via (cfr. AuS ni 126-139) “ non
Nell’A.T. mós compare 8 volte, sempre in testi hanno alcuna stabilità, ma passano rapidamente.
poetici e nell’uso figurato. — I L X X traducono È il destino che Ps. 35,5 augura ai nemici del sal­
generalmente con xvoùc, più raramente con zv&oc, mista: «Che siano come pula al vento, l’àngolo di
e xoviopxóc; (polvere). Jhwh li spinga via» (cfr. v. 6: «Che il loro sentiero
2. L ’immagine si basa sul procedimento della sia buio e scivoloso, l’angelo di Jhwh li scacci») -
ventilazione nell’ambito della trebbiatura. Dopo devono ricevere la loro giusta punizione.
essere stato trebbiato con la trebbia a slitta (-> dùs) Il medesimo principio ispira Iob 21,18, dove si
il grano veniva ventilato sull’aia: il vento portava mette in questione se esso sia effettivamente vero:
via la pula mentre il grano ricadeva in terra (cfr. «(Quante volte) essi (= gli empi) vengono soffiati
AuS in 126-139). via come polvere dal vento, come pula dalla tem­
L ’impiego minuzioso dell’immagine si ha nel pesta?». La risposta che si aspetta è che ciò avvie­
Deuteroisaia (Is. 41,15 s.): «Ecco, ti rendo una ne ben di rado.
trebbia... Trebbierai e frantumerai i monti e
renderai le colline pula: se le ventilerai il vento le
porterà via, le raffiche impetuose le cacceranno
via». Gli oggetti «monti» e «colline» non si adat­ T T
masa

5
tano alPimmagine, che viene solitamente usata per
indicare l’annientamento dei nemici. Probabil­ i. Derivazione, significato e ricorrenze. - il. Trovare co­
mente i monti e i colli sono gli stessi di Is. 40,4, me risultato del cercare. - in. «Trovare grazia agli oc­
vale a dire gli ostacoli che gli esuli incontrano sul chi di una persona». —iv. Trovare nel senso di ‘ imbat­
cammino che li riporta in patria: essi spariranno tersi in qualcuno o qualcosa, incontrare qualcuno’ . -
v. ms' (nif.) ‘venire trovato, sorpreso, preso’ . - vi. ms'
come pula al vento.
(qal c nif) ‘essere presente, esserci’, ‘ trovarsi’ , - vii. ms’
Parlano invece delPannientamento dei nemici ‘ ritenere, giudicare’ . - vili. Trovare come ‘incontrare’
Is. 17,13 e 29,5. Nel primo passo si descrive l’as­ in senso non personale. - ix. Cercare Dio e trovarlo. -
salto delle nazioni contro Sion, che si frantuma x. L ’ elezione di Israele come «trovamento» di Dio. -
non appena Dio interviene: «Egli inveisce contro xi. Jhwh come soggetto di ms'. - xii. ms hif. - xm . ms’
di loro ed esse fuggono lontano, come la pula dei in diversi modi di dire. —xiv. Questioni varie. - xv. A p­
monti dal vento, come palle di spini dalla tempe­ pendice. - i. Il verbo aramaico biblico mt' in Daniele.
sta». Anche nel secondo passo si parla dell’assalto - 2. ms' nei testi di Qumran.
dei nemici contro Sion e di come venga rintuzza­ Bibl.: A.R. Ceresko, The Function of Antanaclesis (ms*
to: «Allora il nugolo degli stranieri diventerà co­ «to fnd» // ms’ «lo reach, overtake, grasp») in Hebrew
me un pulviscolo, lo sciame dei tiranni come pula Poetry, especially in thè Book of Qoheleth: C B Q 44
che vola». Qualsiasi attacco a Sion fallirà, i nemi­ (1982) 5 51-568. - J. Eaton, Some Misunderstood Heb­
ci si disperderanno come pula sull’aia quando rew Words for God's Self-Revelation\ The Bible Trans-
Jhwh interverrà a proteggere la sua città santa. lator (1974) 331-338. - G. Gerleman, ms', finden
(TH AT 1 922-925). - M.Z. Kaddari, Syntactic Presen-
Hos. 13,3 mischia l’immagine delia pula con al­
tation of a Biblical Hebrew Verb (ms ) (in G. Sarfatti,
tre per descrivere il castigo che colpirà Israele: Studies in Hebrew and Semitic Languages, Ramat-Gan
«Perciò saranno come la nuvola mattutina e come 1980, 18-25 e LVI)- _ -K" K-umpel, Die Berufung Israels.
la rugiada che presto svanisce, come pula soffiata Ein Beitrag zur Theologie Hoseas (diss. datt. Bonn
via dall’aia, come fumo che esce dalla finestra». I 973), spec. 18-32. - H. Preisker, eupujxto (G L N T 111
Tutte le immagini illustrano la rapida scomparsa 1189 ss.).
235 (iv,io 45 ) màsa (S. Wagner) (rv,1045) 236

1. La concettualità dell’A.T. che si articola in iono in quasi tutti i libri dell’A.T. (meno che in
forme di ms’ si serve di una radice semitica co­ Gioele, Abdia, Naum e Aggeo). ms' è presente
mune presente, come tale o in fo rm e a ffin i, in qua­ anche nella parte ebraica di Daniele (4 volte),
si tutte le lingue semitiche, dalle più antiche alle mentre in quella aramaica si ha 8 volte la forma
più recenti. NelPug. mgj, ms', m z' (WUSJ n. 1627. dell’aram. biblico mt'. Si può osservare una certa
1634. 1649; U T n. 1520, 1524; cfr. M. Dahood, concentrazione delle ricorrenze nelle sezioni nar­
Fs. Gruenthaner, New York 1962, 57 spec. per rative (ad es. Genesi 56 volte; 1-2 Samuele 38; 1-2
lob n,7ab) ‘venire, venire da qualcuno, giungere Re 41; 1-2 Cronache 38) e anche nella letteratura
o pervenire a qualcosa, arrivare a qualcosa’; sud- sapienziale (Proverbi 25; Ecclesiaste 17; Giobbe
arab. m t\m z ’ ‘arrivare, giungere’; ar. msj ‘andare 19; Cantico 9). Sono invece sorprendentemente
via’; aram. e aram. biblico mt', mtj ‘venire, incon­ poche le ricorrenze nella letteratura profetica (il
trare, giungere, arrivare fino a’ funziona un ele­ numero maggiore, 26, si registra in Geremia, che
mento di moto insito anche nell’ebr. ms . Lo stes­ ha tuttavia ampie sezioni narrative), ms' è un ter­
so vale per il medio ebraico, Paramaico giudaico, mine d’uso generale impiegato in contesti tanto
l’aramaico egiziano (DISO 164; cfr. J. Blau, Israel teologici quanto profani. Non si individua alcun
OrSt 2 [1972] 67-72), il palmireno, il mandaico, carattere specifico del suo uso. Sulla base dei di­
l’etiopico, il tigrè e l’amarico. L ’acc. ma.su ‘basta­ versi contesti in cui ms' viene di volta in volta
re, essere sufficiente’ (AHw 62ib) in quanto usato è possibile ricavare un’ampia scala semanti­
verbo di stato probabilmente non è in rapporto ca, dalla quale si può risalire, generalmente senza
con il verbo trans, ebraico màsd'. Un significato alcuna particolare difficoltà, all’equivalente ‘tro­
che s’incontra ovunque tranne che in accadico è vare’. A questo corrisponde Posservazione che
‘trovare’ (K B LJ 585). nella grande maggioranza dei casi i L X X tradu­
La traduzione ‘trovare’ rappresenta il significa­ cono ms' con eùptcrxeiv, per quanto certamente
to principale dell’ebraico biblico ms', da cui deri­ oltre a questo verbo vi siano anche numerosi altri
vano facilmente le numerose estensioni semanti­ equivalenti greci (cfr. Preisker). Anche nei testi di
che che s’incontrano nell’A.T. Il summenzionato Qumran ms' è presente e a tutt’oggi ne sono state
elemento di moto precede l’aspetto del ritrova­ registrate circa 35 ricorrenze (qal e nif).
mento ed è pertanto sempre implicitamente pre­
sente e sottinteso. Che l’elemento di moto venga il. La connessione tra l’aspetto dello smarri­
talora particolarmente accentuato è un fatto se­ mento o dello smarrirsi, l’avvio delle ricerche e il
condario, dal quale si può piuttosto spesso risali­ ritrovamento (o il mancato ritrovamento) è effi­
re al significato originario. Trovare è il risultato cacemente illustrata dalla storia che porta Saul al
di uno sforzo mirato o di una precisa intenzione, trono in 1 Sam. 9,1-10,16. Alcune asine apparte­
in moltissimi casi di una ricerca, oppure anche il nenti al padre di Saul, Qish, si perdono (9,3: wat-
frutto di un incontro casuale, inatteso, del ritro­ tó'-badnà). Qish ordina perciò al figlio di andare
vamento fortuito di una cosa smarrita o nascosta a cercarle insieme con un servo (w equm lek baq-
e dell’incontro imprevisto con una persona in un qès, v. 3). A questo scopo i due partono e percor­
dato luogo o in un certo stato. ‘Cercare’, atto per rono in su e in giù grandi zone, senza trovare ciò
il quale in relazione a ms* si usa perlopiù -» bqs che cercano (w elò ’ màsaù, v. 4). L ’elemento di
pi. e più raramente drs (talora anche un verbo moto che precede il ritrovamento è indicato espli­
esprimente speranza o attesa, qwh pi.), non do­ citamente con i relativi verbi. Questa storia illu­
vrebbe essere considerato un contrario ma piut­ stra come Saul si sia ‘imbattuto’ (ancora ms’; v.
tosto un termine analogo o complementare. I con­ sotto, iv) in Samuele, il «facitore di re». Nel cor­
trari sono se mai ‘perdere’, ‘essere smarrito’, ‘na­ so della storia si sottolinea più volte che le asine
scondere’, ‘essere celato*. Anche il secondo cam­ vennero poi effettivamente ritrovate (/ Sam. 9,20:
po semantico di ‘trovare’ menzionato prima, quel­ k i nimsà'ù, cfr. 10,2.16), un motivo tematico che
lo della casualità e della non intenzionalità, pre­ viene mantenuto e seguito in tutto l’intreccio del­
suppone un elemento di azione e di moto. la storia come un filo rosso. Secondo un’altra ver­
Di ms’ si hanno nell’A.T. 449 ricorrenze (secon­ sione del racconto dell’elezione di Saul a re, il de­
do Lisowsky, Konkordanz; 462 secondo K B L i, signato al trono viene individuato a Mizpa me­
454 secondo TH AT r, 455 secondo Even-Sho- diante l’oracolo delle sorti, cercato, ma non trova­
shan). L ’A.T. presenta solo forme verbali qal (302 to (/ Sam. 10,21: ms’ nif). Anche altrove nell’A.T.
volte), nif. (140) e hif. (7). La distribuzione delle persone vengono spesso cercate da altre e trovate
ricorrenze nell’A.T. è ampia, e le forme compa­ oppure no, come ad es. gli esploratori di Giosuè
2 3 7 (iv, 1046) masa ’ (S. Wagner) (1^10 47)238

dai loro inseguitori (Ios. 2,22), i figli dei due sa­ vate riposo per voi stessi!», Ier. 6,16). Nell’ora­
cerdoti di David dagli sgherri di Assalonne (2 colo di consolazione per Baruc si riprendono le
Sam. 17,20), la fanciulla per David, Abishag di sue parole, quando si lamentava di non riuscire a
Shunem (/ Reg. 1,3: qui e anche prima sempre trovare requie (menuhà) nell’afflizione presente
con bqs pi. e ms' qal), Elia da Abdia (per ordine (Ier. 45,3). Ciò che Baruc ha lamentato individual­
di Acab, 1 Reg. 18,10.12), Elia rapito in cielo dai mente per sé, il libro delle Lamentazioni lamenta
componenti della corporazione di profeti (2 Reg. per i deportati di Giuda (Lam. 1,3). ‘Riposo’ vie­
2,17), l’amata dall’amante (Cant. 3,1.24; 5,6: la ne talvolta inteso concretamente come il ‘luogo
ricerca è qui descritta in termini di chiamare [<?r’] del riposo’, che viene trovato o no: la colomba che
e il ritrovamento di rispondere [‘nh)). Ovviamen­ vola fuori dell’arca non trova per sé alcun mà-
te non solo persone, ma anche cose possono esse­ nóah (Gen. 8,9 J). Al contrario, nella punizione
re cercate e trovate, ad es. nella storia di Giusep­ di Edom il demone notturno femminile Lilit tro­
pe il calice nascosto nel ‘bagaglio’ del fratello verà (potrà trovare) un mànóàh nelle rocche e nei
(Gen. 44,12: per ‘cercare’ si usa hps pi., cfr. il con­ palazzi distrutti (Is. 34,14; cfr. O. Kaiser, ATD
testo) e nel ciclo di leggende delle storie di Gia­ 18, ad /.).
cobbe i t'ràfim sottratti da Rachele a Labano e Nella letteratura sapienziale si tessono con va­
nascosti (Gen. 31,32-35; al v. 35 di nuovo hps pi. rie figure retoriche le lodi della sapienza (hokmà)
per ‘cercare’). La prostituta cerca e trova il suo e dell’intelligenza (tebunà), desiderate e trovate
amante e anche la via che porta a lui, se Jhwh non (Prov. 3,13: 'aìre 'àdàm màsà’ hokmà). Si deve
impedisce l’una e l’altra cosa, come nel caso del­ prestare attenzione ai discorsi della Sapienza e
l’adulterio d’Israele (Hos. 2,8 s.). In tutti questi dare ascolto alle sue parole, perché ciò significa vi­
esempi (ma se ne potrebbero elencare molti altri) ta per tutti coloro che la trovano (Prov. 4,22; cfr.
ms* è un termine universale che può essere riferi­ v. 21). A chi trova la Sapienza vengono promesse
to a molti oggetti. verità e giustizia (Prov. 8,9; cfr. il contesto; in 8,
La metafora del cercare e non trovare può di­ 35 la Sapienza dice: ki móse,i màsà’ hajjim [se­
ventare un’espressione proverbiale per la scom­ condo Q, v. BHS]; v. anche vv. 12 + 17). La Sa­
parsa di un pericolo incombente o per la sua eli­ pienza dischiude un futuro (’ahàrit) e il benesse­
minazione, grazie a Dio. Questa è la concezione re, ma ci si deve affaticare per essa (Prov. 8,17: shr
della salvezza del Deuteroisaia (Is. 41,12), secon­ pi.) e la si deve ‘trovare’ (Prov. 24,14). A giudizio
do il quale i nemici e gli oppositori del popolo di Elihu gli amici di Giobbe non l’hanno eviden­
eletto di Dio verranno annientati (bós) e saranno temente trovata, per quanto riguarda il suo caso
un nulla (ke,ajin), tebaqqesèm w eló' timsà'ém (cfr. (Iob 32,13).
il contesto) «andrai a cercarli senza (potere) tro­ Tra gli altri astratti che nell’A.T. ricorrono
varli (più)». Nella letteratura sapienziale il rasa , come oggetto di ms' ci sono la soluzione di un
nonostante il suo apparente benessere, viene con­ indovinello (Iud. 14,12.18, hidà), la risposta a una
siderato fondamentalmente instabile e caduco, de­ data domanda (Iob 32,3: ma'aneh; v. anche il v.
stinato a scomparire - «non lo si potrà trovare 13 dove la ‘risposta’ equivale a hokmà', cfr. N e­
più» (Iob 20,8; cfr. Ps. 1,5). hem. 5,8: màsà' dàbàr «rispondere»). Ancora più
Una quantità di cose astratte diversissime tra generico è l’oggetto tób che può essere trovato o
loro può costituire ciò che si cerca e poi si trova, perso. Solo l’intelligente, colui che bada alla co­
come ad es. la menùhà che le due nuore vedove di noscenza (sómèr tcbunà, Prov. 19,8), lo trova; il
Noemi dovrebbero cercare e trovare in casa degli ‘iqqés-lèb no, e cade preda del male (Prov. 17,20).
uomini che sposeranno (Ruth 1,9; secondo 3,1 la Più concreti sono gli oggetti che trova colui che
suocera aiuta a cercare). Probabilmente Cant. 8,10 inscgue (rdp) giustizia e misericordia: vita (haj­
vuole esprimere la stessa idea quando, descriven­ jim), giustizia e onore (sedàqà w ekàbód, Prov. 21,
do il momento in cui gli amanti alla fine si unisco­ 21). L ’importantissimo 'èzer k enegdó (Gen. 2,18.
no, fa dire alla sposa che ha «trovato sàlóm». In 20 J), espressione con cui si descrive la compagna
senso teologico pieno «trovano riposo» (Ier. 6,16) dell’uomo, la donna, è oggetto di ricerca e di
coloro che si chiedono quale sia la via che porta al selezione del giudizio maschile nell’ambito delle
bene (lintibót ‘ólàm 'è-zeh derek hattób) e la per­ creature esistenti, ma tra gli animali l’uomo non
corrono. Chiedendo, cercando la buona strada, trova «alcun aiuto confacente a lui»: la possibilità
camminando su di essa i destinatari delle parole di trovare un simile ‘èzer è offerta solo dal diretto
di Geremia troveranno margóà‘ l enafsekem (mis- atto creativo di Jhwh (Gen. 2,20 [+ 2 1 ss.] J). L ’in­
’ù è l’ultimo di una serie di imperativi, lett. «e tro­ chiesta su una congiura (bqs pu.) appura il fatto
2 3 9 ( 1^ 10 4 8 ) màsa' (S. Wagner) ( i v , i o 49) 24 0

(dàbàr) (Esth. 2,23: ms’ nif.). Il raggiungimento esempio si può ricordare il rapporto tra Giacob­
del risultato in un’indagine, una ricerca o una be ed Esaù quando, in occasione del loro incon­
perizia viene spesso espresso con ms’ (v. sotto). Il tro, Giacobbe (per i ben noti motivi contenuti nel
procedimento accusatorio conosce evidentemen­ racconto) fa atto di sottomissione a Esaù (Gen. 32,
te l’espressione tecnica «trovare una prova ogget­ 6; 33,8.10.15). Poi la locuzione è andata sbiaden­
tiva (dàbàr) contro qualcuno (be)» (Iob 19,28). dosi fino a diventare una formula di cortesia co­
Data la grande immaginosità del modo di pensare me accade, per es., quando un richiedente sta di
e parlare dell’A.T., fatti e situazioni astratte ven­ fronte a colui dal quale implora qualcosa (Labano
gono espresse mediante la descrizione di attività davanti a Giacobbe, Gen. 30,27; Sichem davanti a
concrete. Così la circostanza concreta di non tro­ Giacobbe e ai figli di questi, i fratelli di Dina, la
vare la strada o un luogo di dimora rappresenta la donna che desidera, Gen. 34 ,11; Giacobbe davan­
situazione del girovagare disorientati (Ps. 107,4). ti a Giuseppe, Gen. 47,29; i seguaci di David di
Un cervo che non trova un pascolo e ciò nono­ fronte a Nabal, 1 Sam. 25,8). Appare come un
stante continua a spostarsi è una realtà che illu­ aspetto primario della situazione prefigurata dal­
stra la spossatezza e la miseria (Lam. 1,6). La mi­ la locuzione che la richiesta sia rivolta a un supe­
seria (Elend, che in antico tedesco è sinonimo di riore - tale perché potenzialmente in grado di sod­
«terra straniera») della catastrofe babilonese con­ disfare la richiesta - per «trovar grazia» agli occhi
siste per Gerusalemme nella deportazione del re di una persona stabilmente od occasionalmente
e dei suoi funzionari là dove la legge non può es­ in posizione più elevata. Ci sono tuttavia anche
sere osservata e dove i profeti non ottengono al­ casi in cui la dimostrazione di favore del «supe­
cun hdzón (Lam. 2,9). riore» è fondata semplicemente dalla constatazio­
ne che il favorito ha «trovato grazia» agli occhi di
III. Nell’A.T. il modo di dire «trovare grazia o chi elargisce il favore, senza che il primo abbia
favore (màsà' hèn) agli occhi di una persona (b e,è- avanzato alcuna richiesta al secondo (1 Sam. 16,
nè NN)» ricorre 43 volte. Compare con particola­ 22; David viene accolto alla corte di Saul; cfr. /
re frequenza soprattutto in contesti narrativi; fat­ Reg. 11,19). Questo insieme di idee trova impiego
ta eccezione per Ier. 31,2 non lo si trova nelle tra­ an ch e nel rapporto dell’uomo c o n Dio, che non è
dizioni dei libri profetici e tra l’altro neanche nei mai reversibile: è l’uomo che ottiene, desidera o
Salmi, in Giobbe e nella letteratura sapienziale. riceve favore agli occhi di Dio. In appendice alla
Evidentemente questo modo di dire deriva dal lin­ decisione di Jhwh di mandare il diluvio si comu­
guaggio di corte, come indicano le sue ricorrenze nica che Noè ha trovato grazia agli occhi di Jhwh
nel libro di Ester (Esth. 5,8; 7,3; 8,5; cfr. le formu­ (Gen. 6,8 J). L ’esaudimento della richiesta di Abra­
lazioni parallele con ns’ hèn bc'ènè in 5,2), nella mo di non passar oltre significa che questi ha tro­
storia di Giuseppe (Gen. 39,4; 50,4) e in quelle vato grazia agli occhi di Jhwh (Gen. 18,3 J). An­
dell’ ascesa di David e della successione al trono che nel caso di Lot questa locuzione è collegata
davidico (v. il rapporto di David con Saul e Gio- con una richiesta (Gen. 19,19 J). La formula ri­
nata in / Sam. 16,22; 20,3.29; con il re filisteo di corre con particolare frequenza nelPintercessione
Gat, Akish, in 1 Sam. 27,5; il rapporto di Joab con di Mosè per il popolo peccatore al Sinai (Ex. 33,
David in 2 Sam. 14,22; cfr. 2 Sam. 16,4) ecc. La lo­ 12 .13.16 .17 J). In una intercessione compare an­
cuzione è applicata anche al rapporto tra marito e che il popolo (in quanto persona corporativa), e
moglie nel quale, secondo i condizionamenti so­ non solo l’individuo, come interlocutore di Dio
ciologici dell’antichità vicino-orientale, la donna che deve ricevere questo beneficio (v. 16). Qui si
deve «trovare grazia o favore agli occhi» dell’uo­ incontra anche una riflessione su come si possa
mo (Ruth 2,2.10.13 nel matrimonio leviratico; riconoscere (bammeh jiivwàda') che tanto Mosè
Deut. 24,1 nella procedura di divorzio, dato che quanto il popolo abbiano trovato grazia. La rispo­
si può scrivere la lettera di ripudio e consegnarla sta contenuta nella domanda retorica suona: «Se
anche solo se la moglie lo’ timsà’ hèn b e<ènàjw). tu, Signore, verrai con noi così che noi ci distin­
È chiaro che questo modo di dire trova impiego gueremo (per questo) da tutti gli altri popoli della
nell’incontro tra due persone di livello diverso: chi terra» (Ex. 33,16). Il peso del popolo che mormo­
sta al gradino sociale più basso deve «trovare» fa­ ra nel deserto, insopportabile per Mosè, è per lui
vore agli occhi di colui che sta più in alto, del su­ una prova che non ha «trovato grazia» agli occhi
periore. Un tale rapporto tra disuguali può aversi di Jhwh (Num. 1 1 ,1 1 .1 5 J). tnàsà’ hèn presso Dio
anche solo temporaneamente, oppure può essere non è un’esperienza astratta di favore, ma ha un
il frutto di umiliazione o di sottomissione. Come contenuto concreto mediante l’azione salvifica di
2 4 1 ( iv , i o 5o) masa (S. Wagner) ( r v ,i o ji ) 242

Dio per l’uomo o il gruppo di uomini in questio­ lotta di Jehu contro collaborazionisti giudaiti di
ne (v. la speranza di David di essere riportato a Acab (2 Chron. 22,8; la versione deuteronomisti­
Gerusalemme da Jhwh dopo la rivolta di Assalon­ ca in 2 Reg. 10,13 s' limita a dire che Jehu incon­
ne e di vedere l’arca di Dio, 2 Sam. 15,25). Il po­ trò fortuitamente i Giudaiti). Saul è stupito per­
polo sfuggito alla spada nel deserto trova, secon­ ché il suo nemico, David, gli arriva vicino eppu­
do la concezione della salvezza di ler. 31,2, il hén re lo risparmia (1 Sam. 24,20: w ek i jimsà’ ’is ’et-
della requie. Anche l’uso teologico della formula ’ój'bó w esillehó b'derek tòbà). Certamente anche
può essere facilmente ricondotto allo sfondo cor­ l’incontro casuale con una persona può essere tra­
tese della locuzione. Risalta come màsd’ hén ap­ dotto, in fin dei conti, con «trovare», ma forse nel­
paia frequentemente nello strato jahvista del Pen­ la nostra lingua è più preciso usare «incontrare»,
tateuco. Nei pochi esempi presenti nella letteratu­ come, ad es., nell’episodio dei servi di Giacobbe
ra sapienziale, il gruppo lessicale viene usato in che conducono le singole greggi da donare a Esaù
maniera generica e scolorita. Una determinata i quali ricevono precise istruzioni su che fare e di­
buona condotta suggerita dalla sapienza consente re nel caso «incontrino» Esaù (Gen. 32,20), o nel­
di ottenere più facilmente il favore di Dio e degli l’episodio dell’uomo che di sabato raccoglie legna
uomini (Prov. 3,4; 28,23). -> hnn. nel deserto e gli Israeliti lo incontrano e arresta­
no (Num. 15,32.33) o, infine, nell’episodio dello
ìv. Naturalmente questo specifico valore si in­ schiavo egiziano di un amalecita, che i mercenari
tende molto bene partendo dall’equivalente ap­ di David scovano e fanno prigioniero nel Negeb
propriato, ‘trovare’, ma circostanze e significati dopo l’attacco amalecita a Siqlag (/ Sam. 30,11).
suggeriti dai vari contesti delle attestazioni del È difficile dire se l’incontro di Jehu con Jonadab
nostro verbo rendono talora opportuno usare una ben Rekab sia avvenuto per caso o meno: la for­
più precisa traduzione di ms\ Trovare intenzio­ mulazione di 2 Reg. 10,15 consente certo anche
nalmente una persona può essere anche reso con questa lettura. Si ha la medesima incertezza nel
«recarsi da», «andare a trovare» ecc., ad es., forse, racconto della designazione di Geroboamo da
in Gen. i6ty (E) nella scena dell’incontro dell’an­ parte di Ahia di Silo, che lo incontra per strada,
gelo con Agar nel deserto, presso il pozzo. Lo fuori città (per caso?) e compie per lui l’azione
stesso si direbbe per l’incontro non certo fortuito simbolica (/ Reg. 11,29). Si può però anche sup­
di Elia con Eliseo (/ Reg. 19,19), dove si potreb­ porre che Ahia abbia atteso Geroboamo al varco
be anche ricorrere al nostro «incontrare». Elia vie­ e lo abbia sorpreso (wajjimsà’ ’ótó... badderek).
ne inviato da Dio ad Acab e il profeta «si reca» al­ Questo esempio permette di passare a considera­
la vigna di Nabot e «vi trova» il re (1 Reg. 21, 20). re un gruppo di testi nel quale ms’ è usato nel sen­
Si può cercare d’incontrare una persona anche con so di un incontro intenzionale, positivo o neutro,
intenzioni ostili. Caino, scacciato dal suo campo, con un’altra persona. Quando Saul e il servo, an­
si lamenta perché la sua esistenza sarebbe ora sta­ dando in cerca del veggente Samuele che dovreb­
ta messa in pericolo da chiunque l’incontrasse o be rivelare loro dove siano finite le asine smarrite,
s’imbattesse in lui (Gen. 4,14.15 J, kol-móse>i ja- s’imbattono per caso nelle ragazze che sono appe­
hargéni). Ciò si riferisce in primo luogo al previ­ na uscite dalla città per andare ad attingere acqua,
sto vendicatore del sangue appartenente alla fa­ queste rispondendo alla loro domanda d’informa­
miglia dell’ucciso, ma qui l’espressione è voluta­ zioni consigliano i due di andare presto su in cit­
mente vaga per segnalare l’assoluta mancanza di tà, se vogliono incontrare il ró’eh (1 Sam. 9 ,11.13).
protezione dell’espulso, indifeso davanti a qual­ Tra i segni che devono confermare la designazio­
siasi potenziale nemico. La stessa espressione è ne di Saul da parte di Samuele ci sono anche di­
stata usata ancora una volta con riferimento re­ versi incontri. Una volta sarà lo stesso Saul a im­
trospettivo al popolo di Dio colpito e disperso co­ battersi in due uomini presso la tomba di Rache­
me pecore smarrite ai tempi di Nabucodonosor: le, un’altra saranno tre uomini che, diretti a Betel
«Tutti coloro che s’imbattevano in loro (ostilmen­ per offrire un sacrificio, gli si faranno incontro al­
te) le divoravano» (Ier. 50,7: kol-móse’èhem ’akà- la quercia di Tabor (1 Sam. 10,2.3). Joram d’Israe­
lum). Durante la conquista del paese condotta dal­ le e Acazia di Giuda vanno incontro a Jehu per in­
la tribù unita di Giuda i «Giudaiti» si imbattono contrarlo e sapere che cosa significhi la sua venu­
in Adoni-Bezeq (w a jjim f’ù) e lo combattono ta (2 Reg. 9,21).
(lud. 1,5). Il racconto cronistico di una battaglia
del re Giosafat contro gli Ammoniti usa ms' in v. Nel diritto casistico ms’ nif. viene usato nel
senso ostile (2 Chron. 20,16); lo stesso vale per la senso di essere sorpreso o colto sul fatto, arresta­
243 ( r v .io jz ) màsà' (S. Wagner) (17,1052) 244

pochissimi. Non è certo che Ios. 2,23 rientri in


to in flagrante. Nel libro del patto il nif. viene usa­
to per descrivere il caso di un ladro sorpreso in questo gruppo. Gli esploratori inviati da Giosuè
ritornano e fanno rapporto su tutto ciò che c’era
flagrante, preso e arrestato (Ex. 22,1.6.7; nella le­
gislazione deuteronomica sul rapimento si usa ms' ('et kol-hammóse'ót ’ótdm, ma qui ms' ha ancora
un forte valore verbale e kol è il soggetto, quindi
n if per l’arresto del rapitore; nella recensione del
libro del patto per il ritrovamento del rapito pres­alla lettera «tutto ciò che era loro capitato», «tut­
so il rapitore: Deut. 24,7; Ex. 21,16). In uno dei to ciò che gli era successo»). Più chiaro è l’ordine
suoi oracoli di minaccia e sventura Geremia fa ri­ di Jhwh al profeta in Ezech. 3,1: «Mangia ciò che
ferimento alla vergogna del ladro preso e sma­ trovi!» (’et 'àser timsa 'èkól). Gli esempi di qal
scherato (Ier. 2,26; cfr. 48,27). Secondo Prov. aumentano quando si considera il modo di dire
nel quale «la tua mano» (jàd'kà) è il soggetto di
6,31 l’adulterio è peggiore del furto: il ladro colto
sul fatto può sempre riparare al furto (restituen­ una forma di ms*. Questa espressione figurata in­
dica il permesso di compiere un’azione (che va de­
do sette volte il valore della refurtiva), l’adultero
invece no. Il diritto matrimoniale deuteronomi- cisa liberamente). Abimelek deve attaccare alle
co prevede regole molto minuziose. Anche qui si spalle la città ribelle di Sichem e fare con i nemici
parte dall’adultero «colto in flagrante» (arrestato,che escono dalla città «come la tua mano ritiene
preso: sempre ms' n if, Deut. 22,22). L ’uomo il cui(meglio)» (Iud. 9,33). Lo stesso viene detto da Sa­
rapporto carnale con una ragazza non fidanzata è muele al designato re Saul: quando tutti i segni di
diventato «noto» (cioè è stato scoperto, v. 28; an­ conferma si saranno compiuti, allora egli dovrà
che il rapporto stesso con la ragazza viene descrit­decidere da solo di fare 'àser timsà' jàdekà (1 Sam.
to con ms' qal) deve pagare l’abituale prezzo del­ 10,7). Secondo la sapienza di Qohelet (Eccl. 9,10
la sposa, sposare la ragazza e non divorziare da e cfr. v. 9) si deve sfruttare il tempo di vita che ci
lei per tutta la vita. La locuzione «essere scoper­ è concesso per agire operosamente e con frutto,
to», «essere trovato» si trova anche fuori da con­ perché nella morte ciò non sarà più possibile. Una
generosità in un senso che si avvicina a questa
testi giuridici, ad es. nel racconto dei cinque re di
Canaan che si erano nascosti nella caverna di locuzione è richiesta da David a Nabal con paro­
Makkeda per sfuggire al vittorioso Giosuè e alle le in cui traspare ancora il senso originario del­
sue truppe israelitiche, venendo alla fine scoperti l’espressione (t Sam. 25,8 tradotto a senso: «Dà
(Ios. 10,17: nimse'u). Così in un oracolo di Gere­ liberamente quanto vuoi», ovvero «ciò che la tua
mia con cui si motiva la sventura, anche Jhwh ha mano trova (giudica giusto, sufficiente ecc.)».
scoperto nel proprio popolo dei r'sà'im (Ier. 5, Molto più frequente, ma altrettanto generico, è
26); secondo un altro oracolo che vuole esprime­ invece l’uso di ms' nif. nel senso di ‘trovarsi’: per­
re il comportamento delittuoso degli stessi con­ sone si trovano in una città o presso un generale
nazionali del profeta, Jhwh ha scoperto il sangue (o il re), cioè sono presenti nel tal luogo o presso
di gente povera e innocente fin sulle mani (Ier. tale persona. Così, ad es., la moglie e le figlie di
2,34; leggendo con i L X X e S bekappajik invece Lot si trovano in casa con Lot (Gen. 19,15 J: han-
di biknàfajik, v. BHS). Inoltre Jhwh scopre anche nimsà'òt) e Saul passa in rassegna le truppe che
un qeser tra gli uomini di Giuda e gli abitanti di stavano con lui (‘immó); egli, Gionata w 'hà'àm
Gerusalemme (Ier. 11,9). Questo versetto appar­ hannimsà' ‘immàm rimasero a Gabaa di Benia­
tiene alla parenesi deuteronomistica che tuttavia, mino (1 Sam. 13,15.16). Nel corso della rivolta di
riallacciandosi alla predicazione di Geremia e ri­ Ismaele contro Godolia, 10 degli 80 pellegrini
prendendo stili profetici, motiva con i w . 9 + 10 provenienti dal nord e presenti a Mizpa vengono
la sventura predetta subito dopo (v. 1 r). Nel gran­risparmiati perché sono in grado di fornire prov­
de oracolo contro Babilonia, un passo molto am­ viste (Ier. 41,8). Nel castello di Susa al banchetto
pio e variamente articolato, si trova un versetto indel re persiano si trova gente di ogni tipo (Esth.
cui si afferma che anche la grande potenza mon­ 1,5). Mardocheo deve riunire per la preghiera e il
diale verrà «catturata», anch’essa verrà un giorno digiuno per Ester tutti i Giudei presenti a Susa,
affinché lei possa adempiere la sua missione a lo­
«presa» e distrutta (Ier. 50,24; cfr. al v. 23 nimsè't
col termine parallelo tpé nif). ro favore presso il re di Persia (Esth. 4,16). Si po­
trebbe continuare a citare un gran numero di pas­
vi. Si usa spesso ms' nif. per esprimere la pre­ si nei quali la presenza o la compresenza di per­
senza, il trovarsi di una persona, di una cosa o di sone in una determinata occasione concreta viene
un’astrazione in un determinato posto o in una segnalata con ms' nif. (2 Chron. 29,29; 30,21: la
data situazione. Gli esempi con il qal sono invece Pasqua al tempo di Ezechia con i pellegrini, gli
24 5 (iv, 1 0 5 3 ) masa (S. Wagner) (iv,io54) 246

Israeliti, venuti per la festa, presenti a Gerusalem­ portava ciò che si trovava in casa (Ex. 35,22.23;
me; 2 Chron. 34,32 s.: il patto di Giosia, cui il re cfr. 1 Chron. 29,8; ms' con 'et con suffisso). Fug­
fece aderire quanti fossero presenti in Gerusalem­ gendo inseguito da Saul, David pretende dal sa­
me e in Beniamino, kol-hannimsd'; 2 Chron. 35, cerdote Ahimelek di Nob i pani sacri oppure
7.17.18: la partecipazione alla Pasqua di Giosia; «quanto altro c’è a disposizione» che possa ser­
Esdr. 8,25). Soprattutto in caso di guerra e di ca­ virgli da viatico (/ Sam. 21,4: ’ó hannimsd'). Eze­
lamità (Ex. 9,19) si parla di coloro che trovandosi chia portò i Babilonesi nella stanza del tesoro e
nella regione e in quella situazione ne sono vitti­ nell’arsenale, mostrando loro «tutto ciò che vi si
me (Deut. 20,11 ;/s. 13,15; 22,3; 37,452 Reg. 25,19; trovava» (2 Reg. 20,13; r• 39 >2)- A causa del
1 Chron. 4,41). Spesso subiscono le conseguenze monopolio del ferro esercitato dai Filistei, al tem­
di tali eventi non solo gli uomini ma anche gli ani­ po di Saul in tutto Israele non erano disponibili
mali che si trovano nella città assediata e persino i spade e lance e non c’erano neanche fabbri (/ Sam.
beni materiali, così che si può riassumere la situa­ 13,19.23).
zione generale con ‘adkol-hannimsd' «fino a tutto Infine sono oggetto di ms’ nif. anche nomi
ciò che vi si trovava» (Iud. 20,48; fino alle città che astratti. Jhwh appura che tra i Giudaiti e i Gero­
si trovavano in tutta una regione, v. 48b). Gli Egi­ solimitani c’è ribellione (Ier. 11,9: nimsd’ qeser
ziani dovranno essere avvertiti della piaga della be...) e ciò lo obbliga a intervenire. Il tempo della
tempesta di grandine per poter salvare e mettere salvezza sarà caratterizzato dalla consolazione di
al riparo uomini e bestie che si trovano nei campi Sion per opera di Jhwh, dalle sue desolazioni che
(Ex. 9,19). Anche il linguaggio legale si serve del­ diventeranno come il giardino d’Eden e dalla pre­
la formulazione con jimmase' b e + suffisso, ad es. senza di giubilo, gioia, lode e ringraziamento (Is.
nelle norme di legge su come si debba procedere 51,3). Persino le fiere feroci e aggressive non mo­
quando un malfattore sia trovato nell’ambito di lesteranno nessuno, non vi (sam) saranno neppu­
giurisdizione della comunità legale (cioè sia rag­ re presenti (Is. 35,9).
giungibile, Deut. 17,2), oppure nelle disposizioni
relative ai provvedimenti da prendere perché un v ii. Nell’A.T. in una serie di passi ms' (qal = at­
dato tipo di malfattore non abbia a trovarsi in tivo; n if = passivo) viene usato per caratterizzare
mezzo a Israele (Deut. 18,10). I profeti parlano di l’esito di un’indagine o di un controllo. In questo
come Jhwh sappia che nel suo stesso popolo ci uso il verbo assume tratti declaratori. Nella mag­
siano (si trovino, siano presenti) resd‘ìm, dei quali gior parte dei casi si tratta del giudizio di situa­
si può descrivere Fopera nefasta (Ier. 5,28). Nelle zioni, caratteristiche o qualità etiche di persone;
sue norme il libro del patto include anche oggetti in alcuni l’uso del verbo può estendersi anche a
presenti presso una persona come corpi del reato, oggetti. Così ai tempi del re Joaz si «rileva» la
che devono essere addotti come prove a carico per condizione fatiscente (bedeq) del tempio, che ren­
corroborare le accuse contro l’imputato (Ex. 22,3: derà poi necessari interventi di restauro (2 Reg.
l’animale rubato, bue, asino o pecora che fosse, 12,6: ms' nif). Venuto in possesso della corona del
ritrovato in casa del ladro; oppure, in caso di ra­ re ammonita dopo la vittoriosa spedizione di Joab,
pimento, la persona ritrovata presso il sequestra­ David ne controlla fattura, peso dell’oro e qualità
tore, evidentemente in attesa di essere venduta a delle pietre preziose incastonatevi prima di indos­
terzi, Ex. 21,16). Nel diritto ereditario la massa sarla egli stesso. Il risultato della perizia sancisce:
ereditaria, della quale il primogenito deve riceve­ «E quanto al peso egli appurò che era di un talen­
re una quota doppia (anche se non è figlio della to d’oro...» (r Chron. 20,2: ms* qal, secondo i
moglie preferita), è definita kòl 'àser jimmdsè' lo L X X probabilmente n if con riferimento al peso:
(Deut. 21,17). «Il suo peso fu calcolato...»). Si indaga a fondo in
Altrettanto frequenti, generali e differenziati merito a una questione e la si trova corrisponden­
sono i dati circa la presenza di cose. Il denaro ne­ te ai fatti, come avviene per la congiura scoperta
cessario per pagare il veggente «si trova» nelle ma­ da Mardocheo e portata a conoscenza del re di
ni del servo di Saul (/ Sam. 9,8). Giuseppe incassa Persia mediante Ester (Esth. 2,23: w ajebuqqas
il denaro disponibile in Egitto e in Canaan per hadddbdr wajjimmdsé').
comprare durante la carestia il grano che egli ha Come già accennato, oggetto d’indagine, di esa­
immagazzinato (Gen. 47,14). Secondo P per l’ar­ me, di controllo è il comportamento personale
redamento del tabernacolo e il suo culto vennero verso altre persone, verso una comunità e infine
riscosse imposte volontarie in natura (terùmat anche verso Dio. L ’innocente perseguitato sa che
jhwh). A questo proposito si narra che la gente Dio non troverà niente se gli scruta cuore e reni
247 (iv.xojj) màsd' (S. Wagner) (rv,i056) 248

(Ps. 17,3: insieme con bhn, pqd e srp c’è bai tim- il figlioletto morente di Geroboamo, per bocca di
sd'). Rientra nell’ideale e nel desiderio del pio chc Ahia di Silo: dàbàr tòb 'el-jhwh ’élóhè jisrd'èl, cfr.
non si accerti in lui nulla di male ([rd'd, 1 Sam. 25, 2 Chron. 19,3: in Giosafat [<immeka] vengono ri­
28: ms' nif. con be), ma che il suo cuore venga da levate debàrim tòbìm perché ha cercato Dio e bru­
Dio trovato fedele, come quello di Abramo nella ciato le immagini delle ashere). Elihu ha attribui­
versione di Nehem. 9,8 nel sommario storico dei to falsamente a Giobbe l’affermazione di essere
vv. 6 ss. Più concrete sono le idee che rendono senza peccato (lob 33,9) c la convinzione che Dio
oggetto d’indagine e di verifica la lealtà di una per­ lo stia incolpando (ingiustamente; v. 10: hén tenu-
sona verso un’altra o verso un intero gruppo. La ’ót *dlaj jimsd'). Il diretto contrario dell’ innocen­
lealtà di David verso il re filisteo di Gat, Akish, za che deve essere constatata o attestata è la dia­
viene confermata da quest’ultimo davanti ai so­ gnosi di peccaminosità, che nella motivazione
spetti e alle critiche mosse alla partecipazione di profetica della sventura viene poi specificata con
David a una campagna contro Saul (1 Sam. 29,3. precisione (Mich. 1,13: con riferimento a Lachish
6: ms’ con be con suffisso = «rilevare in lui», l’og­ perché in questa città si trovavano [oppure essa
getto è nel v. 3 ló’ me'uma, nel v. 6 rd'à e nel v. 8 stessa era] i pis'è-jisrd'èl, ms’ nif. con be). - Le
è rappresentato soltanto dal pronome interrogati­ norme particolari del diritto matrimoniale di Deut.
vo mah[-mdsd’td be‘abdeka] che introduce la do­ 22,13 ss- prendono in considerazione complica­
manda di David sul perché lo si voglia escludere zioni nel matrimonio che potrebbero aversi se la
dal partecipare alla spedizione). Parimenti Saio- ragazza sposata non fosse stata più vergine. Per
mone pretende da Adonia la lealtà convenuta: w e- questo caso vengono definite procedure di con­
’imrd'à timmdsé'-bó wdmét, se si comporta sleal­ trollo, che a seconda dell’esito delle indagini con­
mente dovrà morire (/ Reg. 1,52). Questa lealtà dotte sulla ragazza avranno conseguenze tanto per
viene mantenuta anche da parte di Dio nei con­ l’uomo quanto per la donna (ms’ con l e con suf­
fronti della controparte umana (del patto), ad es. fisso e come oggetto betùlim, Deut. 22,14.17.20;
nella domanda di Dio (di formulazione deutero­ per ms’ in Deut. 22,13-29 cfr. M. Fishbane, CBQ
nomistica) al proprio popolo (casa di Giacobbe e 42 [1980] 438-449). In questo caso vengono indi­
famiglie della casa d’Israele), su che cosa i padri cati con ms' i risultati (medici) oggettivi dei con­
potrebbero mai aver rilevato d’ingiusto (‘àw el) in trolli.
lui (bó) per essersi da lui allontanati e correre
dietro al hebel (Ier. 2,5; cfr. vv. 4-9, predicazione vili, ms' non viene usato soltanto nel senso per­
deuteronomistica). L ’intero passo serve a dimo­ sonale di un incontro, ma anche in senso materia­
strare la lealtà di Jhwh verso il proprio popolo. le. La testa di una scure si stacca dal manico men­
Nel canto funebre per la caduta del re di Tiro, tre il proprietario sta spaccando la legna e colpi­
questi viene raffigurato come l’uomo primordiale sce fortuitamente una persona causandone la mor­
nella sua magnificenza e bellezza paradisiaca, che te (Deut. 19,5 ms' qal). Lo sfortunato che ha pro­
viene cacciato dal paradiso quando viene riscon­ vocato involontariamente questo incidente deve
trata in lui una 'awld(td)h (un torto) (Ezech. 28, fuggire in una delle tre città di asilo per poter re­
15). Una parte del corpo, per es. la bocca, è usata stare in vita. Gli arcieri filistei colpiscono Saul in
pars prò loto: non gli si trova un torto sulle (o nel­ battaglia con la loro arma (qeset) ferendolo grave­
le) labbra (Mal. 2,6, dove si contrappone il sacer­ mente (/ Sam. 31,3). Come «arma che colpisce»,
dote ideale a quello infedele e riprovevole, vv. 4­ che «trova» (= centra, prende, coglie) l’avversario
7), oppure con riferimento al popolo dell’età del­ si menziona talora la mano, ad es. la mano di Saul
la salvezza: «Nella loro bocca non si troverà una che vuole colpire David (/ Sam. 23,17). Al re (in
lingua ingannevole» (Soph. 3,13 nel complesso di occasione dell’intronizzazione) viene applicato
altri comportamenti positivi). È parimenti nel l’augurio (in un oracolo di salvezza) che la sua ma­
tempo della salvezza che si constata l’assenza di no (la sua destra) «trovi» tutti i suoi nemici e co­
peccato in Israele (Ier. 50,20), perché Jhwh l’avrà loro che lo odiano, cioè li colpisca (Ps. 21,9). Il
perdonato; una cosa del genere non può tutta­ modo di dire figurato può essere anche applicato
via esser oggetto di autocertificazione (Hos. 12,9: a Jhwh: come ha colpito i popoli (con la mano),
«Efraim dice [mentendo]: in tutte le mie imprese così Jhwh colpirà anche Gerusalemme a causa
non si riscontrerà alcun ‘dwón», 3* pi. imperf. dell’idolatria che vi viene praticata (Is. 10,10; i vv.
qal, ma il testo è incerto, v. BHS), ma deve essere 10-12 sono una interpolazione deuteronomistica
appurata dall’esterno (da Dio, ad es. mediante un che interrompe il nesso tra i w . 5-9 + 13-15 e ca­
profeta, 1 Reg. 14,13: qui si tratta di un individuo, povolge anche la sequenza logica del discorso, v.
249 (iv,io 57) màsà' (S. Wagner) (iv , io 58) 250

H. Wildbergcr, BK x/i ad /.). L ’immagine cambia Aman (Esth. 8,6). Un termine sommario che com­
in Is. 10,14, dove per dimostrare la colpa di Assur prende in sé le fatiche, i disagi dell’esodo e della
si paragona la politica assira verso le nazioni con peregrinazione nel deserto, e in generale della sto­
l’attività di un saccheggiatore di nidi. La mano ria gravosa con tutti i suoi alti e bassi, è la tclà'à
dunque colpisce tanto gli uccellini quanto le uova chc ha colpito il popolo (Ex. 18,8; Num. 20,14;
e li distrugge, per così dire, in questa maniera. Ma Nehem. 9,32 sempre con ms' per predicato e un
la sostanza dell’immagine è un’altra: il saccheggia­ oggetto costituito da un suffisso legato al verbo).
tore di nidi vuota il nido. Colui che è stato liberato dalla paura e dal peri­
La «mano» non è soltanto soggetto di un atto colo intona il suo inno di ringraziamento, descri­
di ms' di Dio o di un uomo, ma anche oggetto. Il vendo ancora una volta la sua situazione catastro­
modo di dire «trovare la propria mano», certo per fica. In Ps. 116,3 lo «trovarono» i «lacci della mor­
poter colpire poi con essa velocemente o di sor­ te» e i tormenti dello se’ól. Peraltro in Ps. 119,143
presa, funziona come un idiomatismo per parafra­ contro lo sgomento per sar-umàsóq si ricorre al
sare «acquistare forza o coraggio» (Ps. 76,6). Tut­ diletto nelle istruzioni di Dio. Infine Prov. 6,33
ta una serie di astratti negativi (sing. + pi.) può mette in guardia dall’adulterio, che consegna l’a­
essere il soggetto di una forma di ms'. Ciò vale dultero a nega!-weqàlón (tormento e infamia lo
nella sfera profana e in quella sacra (teologica). colpiscono). Benché racchiusa in un termine
Tra questi soggetti abbiamo peccato, mancanza, astratto negativo, la disgrazia è sempre concreta,
malefatta, sventura, sciagura, sfortuna, distretta, come, ad es., in / Reg. 13,24; 20,36 nella forma di
tribolazione, afflizione, infamia, paura ecc. I quat­ un leone che «incontra» lo sventurato e l’uccide.
tro lebbrosi che dopo la miracolosa fuga dei Siri
davanti agli Israeliti arraffano a piene mani i loro IX. Il semplice processo del cercare e trovare è
beni e si arricchiscono sono convinti che questo applicabile al rapporto uomo-Dio, e non pochi
'àwón li troverà se non informeranno il re d’Israe­ passi lo mettono in atto dal punto di vista dell’uo­
le di come stanno le cose (2 Reg. 7,9). *àwón non mo che cerca Dio. Questa espressione è caratteri­
è soltanto una mancanza, ma è anche la conse­ stica della parenesi deuteronomistica di Deut. 4,
guenza della mancanza che ricade su chi l’ha com­ la quale promette che troverà Jhwh colui che lo
messa. Le cose stanno più o meno così anche nel cerca con tutto il cuore (bqs pi. e drs, v. 29). Nel
caso della hattà’t delle tribù transgiordane che le contesto si parla di idolatria, ma Jhwh non ab­
colpirà se esse, una volta occupata la loro parte bandona chi si ravvede (v. 30). Anche l’annuncio
del paese, non parteciperanno (per solidarietà con della salvezza in ler. 29 è influenzato dalla pare­
le altre) anche alla «conquista» dei territori previ­ nesi deuteronomistica. Si tratta di una aggiunta
sti per le altre tribù (Num. 32,23). Il discorso deu- alla lettera inviata da Geremia alla comunità degli
teronomistico di Dio in Deut. 31 si aspetta l’apo­ esuli, e assicura parimenti che Jhwh sarà trovato
stasia del popolo di Dio, qualora metta piede in se lo si cerca con tutto il cuore (ler. 29,13 s.: dap­
un territorio abitato. Da questa apostasia nasce­ prima ms’ qal, poi al nif. in senso tollerativo, w e-
ranno rà(ót rabbót e sàrót che «troveranno» il po­ nimsé’ti làkem «mi farò trovare da voi»; cfr. W.
polo (lo colpiranno, affliggeranno, vv. 17.21; cfr. Thiel, W M ANT 52, 15-17). Anche la predicazio­
Deut. 4,30: le opere punitive di Dio kol-haddebà- ne del Cronista esorta a cercare seriamente Jhwh
rim hà'èlleh). Queste conseguenze negative sono e promette (ovvero afferma) che allora Jhwh si
poi oppressioni e diffìcili situazioni storiche, co­ farà trovare (/ Chron. 28,9; 2 Chron. 15,2.4.15),
me quelle che Gedeone deplora rispondendo al­ ma minaccia il ripudio (là'ad «per sempre») a
l’angelo di Jhwh che lo chiama (Iud. 6,13: w elàm- colui che abbandona Jhwh (1 Chron. 28,9: ‘àzab).
mà mesà'atnu kol-zó't). Naturalmente può trat­ Negli scritti più antichi, più precisamente nella
tarsi anche di una disgrazia che colpisce un indi­ proclamazione profetica, in tutte le predizioni di
viduo, come avvenne, ad es., a Giacobbe quando catastrofi storiche e naturali la sventura (tra l’al­
il figlio prediletto, Beniamino, non ritornò insie­ tro vista anche come aggravante) consiste nel fat­
me con i fratelli dall’Egitto perché Giuseppe lo to che gli Israeliti cercheranno e andranno a visi­
aveva trattenuto in ostaggio (Gen. 44,34: rà'). tare Jhwh (presso i santuari con offerte sacrifica­
Nel suo discorso di sfida Giobbe fa notare di non li), ma non potranno trovarlo (Am. 8,12; Hos. 5,6).
essersi mai rallegrato quando una disgrazia (rà') In Amos al posto di Jhwh si ha d ebar jhwh come
aveva colpito chi lo odiava (Iob 31,29). Ester si oggetto cercato e non trovato (in entrambi i casi
adopera con il re di Persia per il proprio popolo per ‘cercare’ si usa bqs pi.; secondo Ier. 15,16 le
che è stato colpito da rà'à a causa del pogrom di parole di Jhwh sono presenti, disponibili [si tro­
2 5 1 (IV .I0 5» ) masd’ (S. Wagner) (iv,io59) 252

vano, ms’ nif.] per la gioia e la consolazione, anzi Dio nella natura, nel mondo e nella storia; una
per rinvigorire e nutrire). Questa ricerca poten­ azione che avviene senza sollecitazioni e limitazio­
zialmente vana di Jhwh è ancora presente nella ni, secondo un suo disegno e con un suo signifi­
tradizione del Deuteroisaia, nclPesortazione a cer­ cato, senza chc l’uomo, per quanto possa essere
care Jhwh finché ancora si può trovarlo (Is. 55,6). saggio, riesca a sondarla e a comprenderla (ms’,
Lo stico parallelo precisa l’idea, invitando a invo­ Eccl. 3 .11; 8,17 dove si ha ben tre volte lo’ mdsd’
care Jhwh finché è vicino (5 5,6: qdrób; dirsu jhwh o là’ jùkal limsó’ ).
behimmdse’ó). Per il Tritoisaia nel tempo della fi­
ne Jhwh verrà «trovato» da coloro che non lo han­ x. Un piccolo gruppo di attestazioni nelPA.T.,
no cercato, cioè non soltanto dal suo popolo ma poche di numero ma dal contenuto importante e
anche dalle nazioni (Is. 65,1: mmsè’ti leló’ biq'su- niente affatto trascurabile, parla dell’elezione di­
ni). Fondamentalmente Jhwh è considerato un vina di Israele nel deserto usando il verbo ms’
aiuto, rifugio e forza «di provata affidabilità» nel­ («tradizione del ritrovamento» [Fundtradition\
le difficoltà (Ps. 46,2 in una sentenza del credo pre­ R. Bach, ThLZ 78 [1953] 687; «tradizione di
posta a un inno del tempio: ’èlóhim Idnù... besa- ms’», Kùmpel 18 ss.). Il testo più antico con ms’
rót nimsd’ me’ód). cui si possa risalire si trova in Osea (9,10; non per
Nella tarda letteratura sapienziale si riflette sul­ Kùmpel, v. sotto). In questo passo si contrappone
la possibilità e suirimpossibilità di trovare Dio. l’antica scoperta e la Ubera scelta di Jhwh (Jhwh
Sofar rinfaccia a Giobbe di non essere in grado, colse, per così dire, l’uva trovata [inaspettatamen­
nonostante tutti gli sforzi, di trovare il héqer di te] nel deserto e i fichi primaticci maturati sull’al­
Dio e di arrivare fino alla taklìt saddaj (Iob 1 1,7). bero, perché evidentemente «erano di suo gusto»,
In quest’uso ms’ assume il significato di sforzo in­ H.W. Wolff, BK x i v / t ad /.) al successivo com­
tellettuale per venire a capo di un problema e do­ portamento di Israele, e si usa l’apostasia dimo­
minarlo. Giobbe lo conferma in uno dei suoi di­ strata in questa seconda fase per motivare la sven­
scorsi (Iob 23,3): la sua situazione di difficoltà tura che si preannuncia a Israele. Questa conce­
esistenziale consiste nell’irraggiungibilità di Dio. zione viene ripresa nel canto di Mosè, che sotto­
Infine Elihu ritorna sull’argomento, col tipico sti­ linea in maniera particolare la cura amorevole di
le delle domande retoriche già utilizzato da Sofar Jhwh dopo il «rinvenimento nel deserto» (Deut.
(Iob 37,23). L ’immagine dell’impossibilità di in­ 32,10; cfr. i w . 1 1 ss.; solo dal v. 1 jb si nomina
tendere Dio ricorrendo alle capacità umane è un l’allontanamento di Israele da Jhwh; cfr. G. von
elemento della predicazione innica dell’incompa­ Rad, ATD 8, ad /.). Anche in Ier. 31,2 si ricorre al
rabile grandezza di Dio rispetto all’uomo acqui­ tema della benevola cura di Jhwh sperimentata nel
sito dalla riflessione sapienziale. deserto per caratterizzare la salvezza futura. Tut­
Nei proverbi di Salomone la sapienza come do­ tavia la «tradizione del ritrovamento» si ricava
no divino e compito dell’uomo si sostituisce sin­ qui dall’immagine dell’esperienza del popolo: il
tatticamente a Dio. Si tratta di cercare la Sapien­ versetto usa la formula fissa mdsd’ hèn bammid-
za, cioè di sforzarsi di ottenerla, di aspirare a es­ bdr (W. Rudolph vorrebbe leggere kammidbàr,
sa, e si tratta di trovarla. Se la si disprezza, non la HAT 1/12, ad /.), perciò esso è solo una testimo­
si potrà trovare quando la si cercherà (shr, Prov. nianza indiretta dell’uso di ms’ in questo filone
1,28). La Sapienza ha diversi nomi e definizioni della tradizione. Indizi di questa tradizione (ma
funzionali: hokmd, tebùnà, da‘at, jir ’at jhw h, tó- senza l’uso di ms’ ) si hanno ancora in Hos. 13,5;
kahat ecc. Essa procura anche beni materiali e spi­ Ier. 2,2. Per contro l’elezione divina di David in
rituali essenziali, come ad es. trovare la da‘at ’èló­ Ps. 89,21 è descritta con ms’ (mdsa’ti dàwid 'ab-
him (Prov. 2,5) o la da‘at-mezimmót (Prov. 8,12), di), messo in parallelo con msh (unzione con «il
persino la vita e il gradimento di Jhwh (Prov. 8,35: mio» sacro olio) dallo stico parallelo. Si può ac­
k i m ó f ’i masd’ hajjim). Alla Sapienza che dev’es­ costare per il contenuto a questo passo anche Hos.
sere trovata sono legati anche beni «escatologici»: 12,5, dove si parla di Giacobbe «trovato» a Betel,
futuro e speranza indistruttibile (Prov. 24,14: l’ini­ certamente allo scopo di parlare ed esortare il pa­
zio del versetto è incerto, v. BHS e B H K 3; cfr. an­ triarca che piangeva e implorava (il passo è diffi­
che H. Ringgren, A TD 16/1, ad /.). A detta di cile da interpretare perché impiega come materia­
Qohelet l’imperscrutabilità divina si riflette nel- le comparativo elementi specifici delle storie di
l’«opera di Dio» (ma'aseh hd’èlóhim) che non è Giacobbe, ma variandoli e attualizzandoli, come
possibile (ri)trovare, rintracciare. «Opera» va in­ ad es. lo strano 'immdnù [invece di ‘immó], cfr.
teso in senso assolutamente generale di azione di H.W. Wolff, BK xiv/i ad /.). Il «ritrovamento di
2 j 3 (iv,io 6o) masà’ (S. Wagner) (rv,io6i) 254

Jhwh» a Betel può essere inteso come topos del­ e situazione di partenza siano diverse. Jhwh cerca
l’attenzione salvifica di Jhwh per il suo popolo un «mediatore» che sulla breccia possa stare al
e come conferma dell’elezione, quando Israele, suo cospetto a intercedere per il paese dominato
Efraim, Giacobbe vengono lì esortati alla peniten­ dalla violenza e dall’ingiustizia, affinché Jhwh non
za e al ravvedimento dalle opere peccaminose (cfr. sia costretto a distruggerlo, ma non trova nessu­
il v. 7). no. Solo una volta di afferma esplicitamente quan­
* Nella sua dissertazione (Bonn 1973) R. Kiimpel to è sottinteso nei passi precedenti: Jhwh non tro­
ha individuato in Hos. 9,10 l’uso di una tradizione re­ va che mancanza (‘àwón) dove sperava di trovare
lativa a ms’ derivata da una tradizione tribale e cul­ lealtà. Tuttavia il passo suona come un proverbio
tuale israelitica nata e custodita a Beer-Lachai-Roi (Gen. 44,16): descrive l’onniscienza di Dio, da­
(lo strato più antico di Gen. 16,7-14), «secondo la vanti al quale sono palesi (si trovano) anche le
quale l’ava tribale Agar, in fuga e in pericolo morta­ mancanze nascoste e segrete. Oltre a ciò, in questo
le, ha l’esperienza di un incontro con Dio» (cioè Dio passo con ms’ è insito, secondo il contesto, anche
la trova), «e riceve un ordine divino e una promessa
un elemento di giudizio divino. I fratelli di Giu­
per il figlio, insieme con una conferma della sua li­
bertà. Mediante la teofania Agar viene liberata an­ seppe sono sinceramente convinti che nel loro
che dal pericolo mortale... Questa... tradizione ismae- bagaglio non ci sia il calice di Giuseppe che man­
litica... era nota nell’Israele del nord (Hos. 9 e 12; ca. Ma Giuseppe lo aveva fatto mettere di nasco­
Ier. 3 1;/ Reg. 19), ma entrò anche a far parte del com­ sto, senza che loro lo sapessero, tra le cose di Be­
plesso di idee della festa regale di Gerusalemme (Ps. niamino, ordinando poi una perquisizione. I «rei
89; 1 Reg. 11)» (Kiimpel 30). Per la possibilità che palesi», la cui colpa è stata dimostrata, dicono:
dietro all’espressione ms’ bammidbàr vi sia una tra­ Dio ha trovato il ‘àwòn ‘dbddèkà.
dizione dell’elezione cfr. S. Talmon, ~> mdbr (mid-
bdr\ -» voi. iv 949.
xii. Per intendere i pochi casi di màsd’ hif. nel-
Osea riprende aspetti di questa tradizione, cioè
per ms’ il «significato salvifico e l’esigenza dell’in­ PA.T. (in totale solo 7 volte) si può partire dal si­
contro con Dio per la sua (dell’uomo) vita» (Kiim- gnificato causativo ‘far trovare’. Tale significato
pel 31). Così, mediante la formula ms’, l’incontro di viene precisato a seconda dell’impiego, come av­
Jhwh con Israele viene visto da un lato come libera­ viene, ad es., nel racconto dei vari gesti del ceri­
zione da un grave pericolo, dall’altro come promes­ moniale sacrificale che secondo Lev. 9 Aronne e i
sa ed esortazione imperiosa. , figli compiono. Due volte si racconta che dopo
(H.-J. Fabry)
l’uccisione della vittima sacrificale eseguita da
xi. Alla preghiera di Abramo di risparmiare i Aronne i figli gli portano («passano») il sangue,
giusti (saddiqìm) di Sodoma e Gomorra dall’im­ che evidentemente hanno provveduto a raccoglie­
minente catastrofe che le coglierà, Jhwh risponde re, affinché egli lo asperga poi intorno (sdbib) al­
ogni volta di essere disposto a risparmiare città e l’altare (in Lev. 9,12 per la 'olà, in 9,18 per il ze-
abitanti se trovasse davvero tanti giusti quanti ne bah hasseldmim). Come secondo atto si ha la con­
indica Abramo nella sua supplica (Gen. 18,26.28. segna della ‘olà preparata (sezionata) per il sacri­
30: 'im ’emsa sam o bisedóm). Nella ripetuta im­ ficio, che Aronne fa poi bruciare sull’altare (v.
plorazione Abramo usa l’espressione ’ùlaj jimmà- 13). In tale contesto il termine parallelo è qrb hif.
se’ù sam cui segue il numero a mano a mano più ms’ hif. viene poi usato costruito con b ejad +
piccolo di giusti (Gen. 18,29.30.31.32: «forse vi si persona nel racconto del diverbio tra Abner e Ish-
trovano»). Il castigo sarebbe sospeso per un atto Boshet. Abner allude alle sue dimostrazioni di le­
di clemenza di Jhwh (ns’ ) per amore dei giusti altà verso il figlio di Saul, facendogli notare di non
(ba‘dbùrdm). G. von Rad dirà giustamente che averlo «fatto cadere in mano di David» (2 Sam.
questa pericope (Gen. 18,20-33) non appartiene a 3,8). Questo modo di dire viene usato anche dal
un’antica tradizione, ma è frutto della riflessione Deuterozaccaria (Zach. 11,6) in una interpola­
teologica di J (ATD 2-4, ad /.). Non è possibile zione nella visione del pastore, per caratterizzare
dire se l’indicazione divina a Geremia (Ier. 5,1) di l’azione punitiva di Jhwh estesa a tutta la terra:
setacciare Gerusalemme per riuscire a trovare (’im Jhwh farà cadere ciascuno nella mano del suo
t im f’u) anche un solo ’ìs ‘ós'eh mispdt mebaqqès prossimo (e del re), dalla quale non ci sarà scam­
’émùnà e consentire così a Jhwh di risparmiare la po (cfr. W. Rudolph, KAT xm/4 ad /.). Nei di­
città sia stata preceduta da un’intercessione del scorsi di Elihu ms’ hif. viene usato una volta co­
profeta. In ogni caso il passo ricorda molto Gen. me termine per indicare la retribuzione, accanto a
18. Nello stesso ambito concettuale sembra che slm pi. nel senso del principio stretto del legame
rientri anche Ezech. 22,30, sebbene formulazione tra atto e conseguenza (lob 34,11: uke’5rah ’ìs
2 J J (lV ,I0 6 2 ) màsà' (S. Wagner) (iv , io63) 256

jamsì' ennu), e un’altra per indicare l’esecuzione serie di diversi atti successivi relativi all'azione
della volontà divina («egli, Dio, fa succedere», complessiva che viene sottintesa. Nell’episodio
«lo compie», Iob 37,13) in una descrizione del li­ del segnale che Gionata darà scagliando le frecce
bero potere discrezionale di Dio sui fenomeni me­ a David, suo alleato che il padre Saul però perse­
teorologici, che egli impiega sulla sua terra come guita, la direzione in cui si cercherà la freccia da
strumento di castigo o di grazia. ricuperare ha un ruolo concordato. Il servo di
Gionata dovrà andare a cercare la freccia in una
xiii. L ’Ecclesiaste usa ms' come termine per in­ data direzione, trovarla e riportarla al padrone,
dicare la ricerca e l’annotazione scritta del sapere ma si dice solo: lek mesà' (o rus mesà>nà', / Sam.
empirico («ho trovato...» ecc., Eccl. 7,14.26,29). 20,21.36; cfr. 1 Chron. 10,3.8).
«Trovare una parola» significa praticamente «ri­
spondere» (Nehem. 5,8). Pregare Dio al momen­ xiv. Non solo il cercare ma anche lo sperare e
to giusto è prassi del pio, che dopo la propria con­ l’attendere mirano a trovare (Ps. 69,21: qwh pi.).
fessione di colpa ha provato il perdono divino (Ps. Il seminatore aspetta il raccolto. Isacco semina
32,6: l e'ét mesó’, tuttavia il versetto è difficile per­ wajjimsà' bassànà haht' mè'à V'àrlm (Gen. 26,12
ché dopo l’infinito segue la parola raq; cfr. H.-J. J). Giacobbe va a caccia e prende, cattura (ms') la
Kraus, BK xv/i ad /.). ms' può anche significare selvaggina (Gen. 27,20 JE ; cfr. vv. 3.7) come Isac­
‘accorgersi, notare, scoprire’ qualcosa (2 Reg. 17, co si aspetta che faccia Esaù e desidera che gli ven­
4: il re assiro «trova», cioè osserva la defezione di ga apparecchiata. Il fuoco divampa e brucia tutto
Osca, l’ultimo re di Israele; ms' be: Ier. 10,18: ciò che incontra (Ex. 22,5: ms' insieme con 'kl).
Jhwh vuole che ci si accorga della sua opera casti- In occasione della ribellione di Seba, David si pre­
gatrice). «Trovare il proprio cuore» significa occupa che il ribelle possa raggiungere (ms') una
«prendere, acquistare coraggio», «farsi coraggio», delle città fortificate e sfugga all’inseguitore (2
«trovare il coraggio» (2 Sam. 7,27). Il parallelo / Sam. io,6). I nemici deridono la città di Gerusa­
Chron. 17,25 usa invece solo ms' senza léb. Un lemme espugnata e dicono: «Cc l’abbiamo fatta!»
modo di dire simile usa ms' + ‘mano’ = «avere il (Lam. 2,16: oltre a ms' si hanno qwh pi., b l' pi. c
coraggio»; con la negazione = «perdersi di corag­ r'h). La persona determinata raggiunge il suo sco­
gio» (Ps. 76,6). ms' + l e con suffisso viene usato in po e chi conta il suo risultato, la somma (2 Chron.
una locuzione evidentemente raccorciata per in­ 2,16: ms' n if «furono contati 153600 nemici»).
dicare una sufficiente quantità di beni, di animali
da macello o di terra («se ne trova per l’interessa­ xv. 1. In Daniele si incontrano 6 ricorrenze del-
to», «basta», «è sufficiente»). Probabilmente in l’aram. biblico mt' che hanno diversi significati.
origine si menzionava concretamente ciò che si A proposito del sogno di Nabucodonosor dell’al­
considerava bastante, come avviene ancora in Hos. bero cosmico si narra che la sua altezza raggiun­
12,9: «Efraim dice: Sono diventato ricco, trovo gesse il cielo (Dan. 4,8.17: m t' con l e). Nell’inter­
presso di me 'ón», cioè «ho abbastanza». In Num. pretazione questo particolare viene applicato al­
11,22 e anche in Ios. 17,16 (nif.) si trova solo la l’estensione del dominio del re (Dan. 4,19). Con­
suddetta forma breve. tinuando si comunica il decreto divino contenuto
Ciò che «la mano (di una persona) trova» signi­ nel sogno e si dice che il decreto dell’Altissimo sa­
fica quel che possiede o meno (con la negazione rà eseguito sul re (4,21: mt' con 'al). Più avanti
lo'). Questa locuzione ricorre in Lev. 12,8; 25,28 (v. 25, con la stessa formulazione del v. 21) si ri­
(cfr. i vv. 26-28); 1 Sam. 25,8; Job 31,25. Trovare capitola il tutto con l’affermazione: «Tutto questo
bottino significa fare bottino (Num. 31.50; / Sam. avvenne al re Nabucodonosor». Negli altri passi,
14,30; 2 Chron. 20,25), la conclusione in sé gioio­ con mt' si esprime un elemento di moto esterno:
sa di una spedizione militare, così che in Ps. 119, ‘giungere, arrivare’ (6,25; 7,13.22). La destinazio­
162 si può paragonare la gioia per la parola di Dio ne è riferita al verbo con l e, la persona che s’in­
con la gioia di colui che ha fatto un ricco bottino. contra con 'ad. Anche nomi astratti, ad es. tempo
Nelle norme deuteronomiche circa la violenza fat­ e ora, possono essere soggetto di mt'. Il tempo e
ta a una ragazza fidanzata ms' è un eufemismo per l’ora giungono, sono presenti per un dato avveni­
l’atto con cui l’uomo s’impadronisce della ragaz­ mento (7,22; cfr. O. Plòger, KAT xvm ad /.). I
za (Deut. 22,23.25.27). Lo stesso vale nelle norme campi semantici di mt' in aramaico biblico pos­
relative a una ragazza non fidanzata (Deut. 22,28). sono essere ridotti a due: da un lato il verbo de­
Talora ms' ‘trovare’ può assumere il significato nota un’estensione che viene indicata (un ogget­
di ‘cercare’; naturalmente l’uso riassume tutta una to, un regno che esso simboleggia si estendono fi­
257(^,1064) massebà (J. Gamberoni) ( i v , i o 6 5) 258

no a un determinato punto che viene precisato, Tempie B A 31 (1968) 2-32. - W.F. Albright, The High
arrivano, ‘trovano’ quel punto); dall’altro serve a Place in Andent Palestine (VTS 4, 1957, 242-258). - G.
descrivere un moto (‘venire’), collimando per que­ Beer, Steinverehrung bei den Israeliten (Schriften der
sto aspetto col campo lessicale della radice ebrai­ Strassburger Wissenschaftlichen Gesellschaft, N .F. 4,
1921). - W.B. Barrick, The Funerary Character of
ca ms’.
«High Places» in Andent Palestine: A Reassessment:
2. Nessun nuovo aspetto che contribuisca alla VT 25 (1975) 565-595. - Id., What Do we Really Know
comprensione della radice si può rilevare nelle cir­ about «High Places»?: SEÀ 45 (1980) 50-57. - K.
ca 35 ricorrenze di ms’ nei testi di Qumran. An­ Budde, Zur Bedeutung der Mazzeben: O L Z 15 (1912)
che qui la radice ms’ compare solo come verbo, 248-252. - J.V . Canby, The Stelenreihen at Assur, Teli
con i significati ricorrenti nell’A.T. ms’ indica che Halaf and Massèbòt: Iraq 38 (1976) 113 -13 2 . - E.
una persona o una cosa trova o è trovata (CD 9, Cothenet, Onction (DBS 6, 701-732). - W .G. Dcver,
14-16; iQ M 15 ,11; 11Q T 55,15; 60,17; 62,7); nel Chronique archéologique: Gezer. RB 76 (1969) 563-567.
- Id., Further Excavations at Gezer, 1967-1971; B A 34
caso specifico le «cose» sono per lo più realtà
(19 7 1) 94-132. - H. Donner, Zu Gen 28,22: ZAW 74
astratte: una questione indagata e appurata (iQ S (1962) 68-70. - K . Elliger, Chammanim - Masseben?\
8,ri dàbàr); il sekel, il sapere (iQ S 9,13); tutto ZAW 57 (1939) 256-265. - J.P . Fokkelmann, Narrative
ciò che si trova da fare nella legge di Mosè (CD Art in Genesis, Assen 1975. - V. Fritz, Tempel und Zelt
15,19) o, in assoluto, tutto ciò che c’è da fare (iQ S (W M A N T 47, 1977). - K . Galling, Erwàgungen zum
9,20); inganno, torto, simulazione, oscenità non Stelenheiligtum in Hazor: Z D P V 75 (1959) 1- 13 . -
devono «trovarsi», stare sulla lingua, invece della C .F . Graesser, Standing Stones in Andent Palestine B A
lode dei giusti atti di Dio che dovrebbe stare sulle 35 (1972) 34-63. - Id., Studies in Massèbòt (diss. H ar­
labbra (1Q S 10,22.23). I test;i documentano per vard 1969). - R .J. Griffeth, Massébdh (diss. Yale 1938,
non accessibile). - J. Halbe, Das Privilegrecht Jahwes,
ms’ anche il significato di ‘trovarsi’ nell’indica­
Ex J4 ,10-26 (F R L A N T 114 , 1975). - Z . H erzog, On
zione generica che alcune persone «si trovano» in
thè Meaning of Bama in thè Light of Archaeological
un dato posto (iQ S 6,2). Le cose non stanno di­ Data: BM iqr 73 (1978) 17 7 -18 3 [in ebr.; sommario in
versamente nell’uso giuridico del termine, quan­ inglese 254]. - K. Jaros, Die Stellung des Elohisten zur
do nei regolamenti si prevedono determinate kanaandischen Religion (O B O 4, 1974). - C .A . Keller,
punizioni per chi mente circa il proprio patrimo­ Ober einige alttestamentliche Heiìigtumslegenden:
nio e viene scoperto (trovato) (iQ S 6,24; cfr. la ZAW 67 (1955) 14 1-16 8 ; 68 (1956) 85-97. ~ K .M . Ken-
norma relativa al reato di violenza carnale ripresa yon ,Jerusalem. Die heilige Stadt von David bis zu den
da Deut. 22 in 11Q T 65,9.12; 66,4.7.10; cfr. anche Kreuzzugen. Ausgrabungen 1961-1967, Bergisch G lad-
bach 1968. - A . Lemaire, Les inscriptions de Khirbet el
11Q T 60,17 con Deut. 18,9-13). 11 castigo di Dio
Qom et l’Ashérah de YHWH: R B 84 (1977) 595-608. -
farà sì che «gli uomini dell’inganno» e «i veggenti J. L ’H our, L ’alliance de Sichem: R B 69 (1962) 5-36.
dell’errore» non siano più in circolazione (cioè 16 1-18 4 . 3 50-368. - I d ., Les interdits to'eba dans le Deu-
non saranno più trovati) (iQ H 12,20). Il mede­ téronome: R B 7 1 (1964) 481-503. - G . Lilliu, Belilo (En ­
simo destino di annientamento attende gli empi ciclopedia dell’arte antica, classica e orientale 2, 72-76).
(4QpPs 37,2.7; cfr. Ps. 37,10). - V. Maag, Zum Hieros Logos von Beth-El: Asiatische
ò. wagner Studien 5 (1951) 12 -133 = Id., Kultur, Kulturkontakt
und Religion, Gòttingen 1980, 29-37. - Z. Meshel, Did
Yahweh Have a Consort?: Biblica! Archacology Re-
T *" "
massebà
*-
view 5 (1979) 24-35. “ T. Mettinger, The Veto on Im-
ages and thè Aniconic God in Andent Israel (Religious
1. Il termine e l’oggetto. - n. L ’Oriente antico. - 1. D if­ Symbols and their Functions, Scripta Instituti Donne-
fusione. - 2. nsbljsb. - 3. Significato base. - 111. L ’A.T. riani Aboensis 10, 1979, 15-29). - D. Neiman, PGR: A
—1. Il contributo deH’archeologia. —2. Testimonianze Caananite Cult-Object in thè O.T.: JB L 67 (1948) 55­
letterarie. - 3. Termini affini e sostitutivi. —4. I verbi. — 60. - M. Ottosson, Temples and Cult Places in Pales­
5. Topografia e ambiente. - iv. Sfondi teologici. - 1. A c­ tine (Acta Universitatis Upsaliensis; Boreas, Uppsala
cettazione disinvolta. - 2. Perplessità teologiche. - a) Studies in Ancient Mediterranean and Near Eastern
Gen. 28,18.22 e testi che vi si riferiscono. - b) La conqui­ Civilizations 12, Uppsala 1980). - J. Pirenne, Sud-Ara­
sta del paese e la nascita d’ Israele. - 3. La fase di rifiuto. be: QYFQF/MQF. De la lexicographie a la spiritualité
- a) Distruzione delle massebe preisraclitiche. - b) Il des «idolatres»: Sem 30 (1950) 93-124. —A. de Pury,
divieto. - 4. La prassi alla luce della letteratura deutero­ Promesse divine et légende cultuelle dans le cycle de Ja­
nomistica e di quelle più tarde. —v. L ’aspetto pastorale cob. Gen 28 et les traditions patriarcales 1 e 2 (EtBibl
del primo comandamento. 1975)-—A. Rcichcrt, Massebe (B R L 2 206-209). ~ M. R o­
se, Der Ausschliesslichkeitsanspruch Jahwes (BW ANT
Bibl.: A. Aharoni, Chronique archéologique: Lakish: 106, 1975). - G . Schmitt, Du sollst keinen Frieden
RB 76 (1969) 576-579. - Id., Arad: Its Inscriptions and schliessen mit den Bewohnem des Landes (BW ANT 91,
2 J 9 ( tv, i o 66) massèbà (J. Gamberoni) (iv,io66) 260

1970). - Y. Shiloh, Iron Age Sanctuaries and Cult Ele­ significato che possa interessare in questa sede
menti in Palestine (F.M. Cross [ed.], Symposia Celeb- (cfr. AHw 755. 756 s.; Tomback 219 s.). Le forme
rating thè Seventy-Fifth Anniversary of thè Founding nom inali (con o senza preformativo) hanno il si­
of thè American Schools of Orientai Research [1900­ gnificato di erezione (fisica) o di posizione eretta:
197)], I979> v°l- 2» r47-IJ 7)* - E. Stockton, Sacred nsb in sudarabico, punico e aramaico; nsjb in na­
Piìlars in thè Bible: ABR 20 (1972) 16-32. - Id., Stones
at Worship; AJBA 1 (1970) 58-61. - Id., Phoenician bateo; msb in nabateo, palmireno e anche ugariti­
Cult Stones: AJBA 2/3 (1974/75) 1-27. - S. Swiderski, co ma nel senso di supporto (cfr. WUS n. 1831;
Megalithische und kultische Objekte Paldstinas (diss. KTU 1.65; K B L J 586); msbt e mnsbt in fenicio e
Wien i960). - S. du Toit, Aspects of thè Second Com- punico; nsbt in ugaritico e arabo (cfr. Tomback 193
andment (Die Ou Testamentiese Werkgemeeskap in s. 219 s.; DISO 164. 184; Broshi, EMiqr 5, 2 2 1­
Suid-Afrika. Department of Semitic Languages 12, 223). Il senso traslato non sembra documentato.
1969, ed. 1971, 101-110). - P.H. Vaughan, The Mean- 3. Le immagini e le iscrizioni, quindi le stele, di
ing of «bàmà» in thè O.T. (Society for thè O.T. Study. per sé offrono spunti quanto mai illuminanti per
Monograph Series 3, Cambridge 1974). - R. de Vaux,
quel che riguarda la loro funzione e il loro signi­
Cronique archéologique: Jérusalem: RB 71 (1964) 253­
258. - O. Welten, Stele (BRL* 321-325). - Id., Kulthó- ficato concreto. Ma, prescindendo dalla frequen­
he und Jahwetempel: ZDPV 88 (1972) 19-37. “ G.E. te incertezza dell’interpretazione, non si deve pre­
Wright, Samaria: BA 22 (1959) 67-78. - W. Zimmerli, sumere che in quell’ambito siano formulate tutte
Das Bilderuerbot in der Geschichte des alten Israel le possibilità, perciò le domande rivolte alle pietre
(Schalom. Fs. A. Jepsen, 1971, 86-96 = ThB 51, 1974, mute non ammutoliscono. - Per quel che riguar­
247-260). - Id., Das zweite Gebot (Fs. A. Bertholet, da le massebe di pietra dell’A.T., prive di imma­
1950, 550-563 = ThB 19, *1969, 234-248). - G. Zuntz, gini e di scritte, l’Oriente antico permette di sta­
Rai'xuXoc and Bethel: Classica et Mediaevalia. Revue bilire più o meno tre punti: a) il significato concre­
Danoise de philologie et d’histoire 8 (1947) 169-219.
to di una specifica massèbà risale alla volontà del­
l’istitutore (un funzionario, un privato, una comu­
1. NclPA.T. massèbà indica una pietra eretta nità). L ’intenzione originaria non è però necessa­
dalla mano dell’uomo non a scopo architettonico riamente compresa e tramandata invariata, quin­
funzionale. Non essendo descritte esplicitamente, di è plausibile chc avvengano reinterpretazioni e
la forma e la funzione vanno ricavate per quanto nuove dediche, deliberate o fortuite. - b) L ’inten­
possibile dai testi; per praticità il termine non zione di base, il comun denominatore di tutte le
viene tradotto («masseba», pi. «massebe»). funzioni concrete, dovrebbe essere di eternare vi­
Per massèbà i L X X impiegano in effetti 32 vol­ sibilmente, in molte dimensioni, non ultime quel­
te su 34 (che solo in 4 casi rende bàmà), la religiosa e cultuale, l’aspetto imperituro di una
ma gli studiosi preferiscono riservare il termine azione o di un avvenimento transitorio. In questo
«stele» a pilastri o colonne lavorati «artisticamen­ senso una massèbà può raffigurare o rappresenta­
te» o a lastre di pietra erette recanti iscrizioni e/o re l’adoratore, non sempre (solo) la divinità ado­
figure (cfr. Welten, B R L 2 322, Reichert). rata (de Pury 2,415). - c) Similmente a quanto av­
viene per la scrittura e le parole, le molte possibi­
n. 1. Nell’Oriente antico pietre di foggia e fun­ lità semantiche sono concretizzate in contesti di
zione differente in ambito religioso e cultuale (cfr. diversa natura, che tuttavia possono essere tanto
Eliade, Traité d ’histoire des religions, 1970, 1 88­ più enigmatici quanto più sono complessi e ben
207; PRE ni A ,2 2307-2325. 2295-2305), erette conservati dal punto di vista archeologico: ad es.
appositamente, sono molto più diffuse dell’etimo a partire dalla media età del bronzo, si hanno pie­
di massèbà (cfr. Ringgren, Die Religionen des A. tre senza scritte e aniconiche raggruppate con una
O., 1979, 190. 229). - Nonostante la grande varie­ che reca un’immagine, con una statua o con en­
tà, queste pietre presentano diversi aspetti comu­ trambe (ad es. a Hazor, B R L 2 208, tav. 49,4), con
ni: si trovano sempre collocate in piena evidenza, una lastra di pietra distesa (Hazor, ibid.) o con un
a opera dell’uomo; possono essere grezze e non cubo di pietra (ad es. a Gezer, B R L 2 207, tav. 49,
squadrate oppure più o meno lavorate, di forma e 2); si hanno accumulazioni di molte massebe in
altezza variabile, con o senza iscrizioni e figure. un unico luogo (ad es. a Biblo, Assur; cfr. Stock­
2. La radice verbale nsb (in ebraico con la va­ ton, A JBA 1 [1970] 58-81; Graesser, Studies in
riante j s b y cfr. K B L 3 408) è largamente attestata Massèbót e BA 35 [1972] 34-63; Canby. —Per la
nell’area semitica occidentale (incluso Amarna, difficoltà della «dogmatica cananea» cfr. Ottos-
come forestierismo), ma per il resto non è docu­ son 40). Gli studiosi non si sono affatto occupati
mentata in accadico, neanche nei derivati, con un della forma esteriore delle singole massebe.
2 6 1 ( i v , i o 6 7) massebà (J. Gamberoni) (iv , io 68) 262

in. 1. Nella regione dell’A.T. l’archeologia ha forse, di Ezech. 26,11) e per formazioni naturali
portato alla luce solo massebe senza iscrizioni (per si utilizzano altre forme, ad es. in Gen. 19,26 (ns-
l’unico piccolo frammento di una stele scritta pro­ jb). - Tentativi di spiegare alcuni termini (miktàb,
veniente da Samaria cfr. B R L 2 322; Wright, BA peger, hammànim) come indicanti massebe meri­
22 [1959] 77). Queste massebe erano comuni pres­ tano di essere citati solo in quanto falliti.
so la primitiva popolazione cananea della Pale­
stina (cfr. B R L 2 206-209). Alcune irradiavano ef­ 4. Verbi col significato di 'erigere, innalzare’ allu­
dono principalmente alla posizione eretta provocata
fettivamente un’aura sacra, che sopravvisse al
dall’uomo, prima ancora di ogni forma concreta,
cambiamento delle concezioni e dei sentimenti. naturale o artificiale, magari occasione artistica. Co­
Così a Lachish, a quanto sembra verso la fine del- sì soprattutto la figura etymologica con j(n)sb hif
l’vin sec. a.C., alcune massebe che forse doveva­ (Gen. 35,14.20; 2 Reg. 17,10; cfr. 2 Sam. 18,18); poi
no essere sottratte all’uso cultuale essendo dive­ rwm hif (Gen. 31,45); qwm hif (Deut. 16,22; Lev.
nute illegittime in seguito a una riforma vennero 26,1; cfr. Ios. 4,9). Meno caratteristici sono s'jm (Gen.
rispettosamente «seppellite» (cfr. Fritz, Tempel 28,18.22), 's'h (2 Reg. 3,2), bnh (Ex. 24,4 evidente­
und Zelt 84). Ad Arad, nel santissimo del tempio mente solo per lo zeugma [secondario?] con mizbè-
di età israelitica, è stata trovata in situ una masse- àh; cfr. r Reg. 14,23 con la terna stereotipata bàmót
ùmassébót wa'àsérìm),twb hif. si riferisce a una crea­
ba con residui di colori, insieme con altre sposta­
zione artistica (Hos. 10,1; cfr. Mich. 5,12). I verbi ne­
te dalla posizione originaria (BR L2 11 s.). L ’inter­ gativi si riferiscono alla frantumazione di un mate­
pretazione cultuale di due monoliti affiancati tro­ riale duro e di difficile lavorazione: sbrpi. (Ex. 23.24;
vati da K.M. Kenyon a nord-ovest di Gerusalem­ 34,13; Deut. 7,5; 12,352 Reg. 18,4; 23,14,2 Chron. 14,
me, sul versante dell’Ofel e risalenti all’età mo­ 2; 31,1; Ier. 43,13); nts (2 Reg. 10,27); krt h if (Mich.
narchica (Kenyon 82 s., taw. 33-35) è controver­ 5,12); jrd (Ezech. 26,11: cadere terra, non stare in
sa (cfr. Ottosson 105; Encyclopedia o f Archaeolo- piedi); deturpamento: sdd polel (Hos. 10,2), o più in
gical Excavations in thè Holy Land n, Jerusalem, generale eliminazione: js' hif. (2 Reg. 10,26); swr hif.
589; Graesser, BA 35 [1972J 54 s.; de Vaux, RB (2 Reg. 3,2). (Per srp in 2 Reg. 10,26 cfr. J. Gray, I &
l i Kings, London *1970, 558 P1977]). Qualsiasi pie­
71 [19641253 s.).
tra può fornire il materiale: 'eben (Gen. 28,18.22; 31,
1. N ell’A.T. il nome è chiaramente presente 45; cfr. 35,14; Ier. 2,2753,9).
nella forma massebà 34 volte; si ha inoltre 1 volta
la variante massebet allo st. ass. (2 Sam. 18,18). 5. Se non si tratta, come accade eccezionalmen­
In Is. 6,13 massebet e massabtà hanno apparente­ te, di un segno squisitamente profano (come la
mente ben poco che fare con le massebe (cfr. i com­ personale lapide commemorativa di Assalonne
mentari; inoltre G.W. Ahlstròm, JSS 19 [1974] 169­ nella «valle dei re», 2 Sam. 18,18; cfr. 1 Sam. 15,
172; non sono d’accordo invece F. Hvidberg, The 12; la tomba di Rachele, Gen. 35,20), in narrazio­
Masseba and thè Holy Seed in Interpretationes ad ni e resoconti le massebe sono ubicate in santuari
V.T. pertinentes [Fs. S. Mowinckel], Oslo 1955, 97­ già esistenti, certo non come fondamento o espres­
99 e Iwry, JB L 76 [1957] 225-232), proprio come al­ sione della sua santità costitutiva ma piuttosto co­
cune rare forme nominali derivate dalla stessa radice me documentazione di una più concreta dedica
(massàb, mussàb, massabà, missàbà).
supplementare. Così è, ad es., a Betel nelle storie
3. Affini appaiono invece sijjùn ‘ lapide, pietra di Giacobbe (Gen. 28,18.22 e riferimenti, cfr. v.
tombale’ (2 Reg. 23,17), una non meglio precisa­ 11); nel tempio di Samaria (2 Reg. 10,26; cfr. 3,2);
bile indicazione stradale (Ier. 31,21) oppure il se­ nei dintorni di Gerusalemme (2 Reg. 23,14). Ta­
gnale di una tomba o di un cimitero (Ezech. 39, lora le massebe sono menzionate dopo gli altari
15); jàd ‘ monumento’ (2 Sam. 18,18; / Sam. 15, (Hos. 10,1 s.; Ex. 24,4; Is. 19,19; cfr. Deut. 16,22)
12; cfr. 1 Chron. 18,3; Is. 56,5). - Presto, a quanto oppure - dtr. - in trinomi con alla fine aggiunte
sembra forse già con J (cfr. de Pury 2, 557 ecc.; v. le ashere (Ex. 34,13; Deut. 7,5; 12,3). Probabil­
anche Deut. 27,2.4), una certa reticenza prima e mente considerando il dato inquietante che in
infine il netto rifiuto fanno sì che il termine mas- Israele gli altari continuarono a essere legittimi e
sébà venga evitato e talora sostituito con altri, so­ non erano quindi condannati in blocco (cfr. r Reg.
prattutto con -> ’bn ('eben) (Deut. 27,2.4; Ios. 4, 19,10.14), essi furono sostituiti da bàmót, forman­
9-20; 24,26-27; cfr. Gen. 31,45), -» mjzbh (miz- do un trinomio non del tutto logico bàmót umas-
béàh) (Gen. 33,20; 35,1), gal (Gen. 31,46.48.51 s.), sebót wa'àsèrìm (1 Reg. 14,23; 2 Reg. 18,4; cfr. 23,
mispà (Gen. 31,49), forse per errore di lettura nel 13 s.; -> bmh [bàmà], -» voi. I 1351 s.). Trattando­
ptc. mussàb (Iud. 9,6b; cfr. Gen. 28,12). Per indi­ si quindi di locuzioni stereotipe, non è detto che
care le colonne architettoniche (con l’eccezione, bàmót indichi senz’altro l’ubicazione delle mas-
263 (rv,io69) massèbà (J. Gamberoni) ( iv , io 7 o) 264

sebe (cfr. 2 Chron. 14,2; 31,1 e l’altra frase fatta zioni di Giacobbe, Gen. 28,18.22 (E?), per la mas-
«su [ogni] monte / [alta] collina e sotto [ogni] al­ sébà si usa il verbo generico sjm qal, come nel v.
bero verdeggiante»: 1 Reg. 14,2352 Reg. 17 ,10 ;cfr. 11 (E) e nel v. 18, in senso non cultuale per mera-
Deut. 12,2). Il binomio massèbót w a ’asérim s’in­ 'àsótàjw. Il v. 11 sottolinea inoltre gli elementi
contra 1 sola volta (2 Reg. 17,10). Particolarmen­ della casualità e della spontaneità irriflessa: mè-
te in testi recenti, l’abiezione religiosa viene sot­ 'abnè hammàqóm (di solito si dice Iqh ’eben: Gen.
tolineata con la vicinanza a simboli di culto mal­ 31,45; Ios. 24,26; cfr. Ios. 4,3.5; 1 Reg. 18,31; 2
visti da sempre: peself*pàsìl {Mich. 5,12; Deut. 7, Sam. 18,18). Possibili concezioni sacre (incubazio­
5; 12,3), 'èlìlìm e 'eben maskit {Lev. 26,1). ne) sono dunque piuttosto affievolite e allontana­
te. Questa tendenza è solo apparentemente con­
iv. Il cambiamento dell’uso e della teologia del­ traddetta subito dopo: wajjisóq semen 'al-ró’sàh
le massebe che si palesa in questi testi resta nebu­ (28,18b). Questo è, in verità, l’unico gesto del ge­
loso c incerto. Non si può contare affatto su una nere compiuto su un oggetto al di fuori dell’am­
netta e chiara successione di fasi; il diverso può bito della tenda, ma a differenza di P {msh\ Ex.
coesistere con l’incompatibile. 30,26-33; Lev. 8,10 s,; Num. 7,1; cfr. Dan. 9,24^
1. Nelle tradizioni più antiche le massebe non l’atto non è inteso come unzione (-» voi. in 966
suscitano discussione. Giacobbe segnala e onora s.), come invece avviene in Gen. 3 1,13 (seconda­
la tomba di Rachele con una masseba {Gen. 35,20 rio) senza giri di parole (cfr. Westermann, BK 1/2
E; cfr. 2 Sam. 18,18). La masseba eretta da Gia­ 599 s.). Le interpretazioni che probabilmente si
cobbe segna per l’eternità il luogo reso memora­ sono via via sviluppate e sovrapposte lasciano
bile dall’incontro con Jhwh {Gen. 28,11-22), così tracce in diverse formulazioni, bèt 'élóhim non è
ricco di conseguenze e ricordato a lungo (cfr. Gen. affatto un tempio, bensì, come si sa dalle stele di
3 1,13; 35,24), un annuncio costante del rapporto Sefirc (KAI 223 C 2/3,7,9/10; cfr. Donner, ZAW
del luogo con Dio (cfr. Westermann, B K 1/2 560 74 [1962] 68-70), piuttosto la masseba stessa, vi­
s.). Persino uno jahvista ardente come Osea cita sta per così dire come il simbolo indiretto della di­
le massebe tra i simboli cultuali la cui temporanea vinità o, più esattamente, come la sua dimora ter­
privazione spingerà il popolo al ravvedimento rena. Se la «casa di 'élóhim», com’è ben possibile,
{Hos. 3,4; per 10,1 s. v. sotto). Più tardi, in pro­ appartiene ancora alla protasi, alle «condizioni»
spettiva escatologica, la concezione delle massebe del voto, e l’apodosi comincia quindi soltanto al
verrà talora rinverdita in senso positivo: «Quel v. 22b, ne segue che la masseba si rivelerà quello
giorno ci sarà un altare per Jhwh in mezzo al pae­ che deve essere, cioè nel suo vero significato, solo
se d’Egitto e una massèbà per Jhwh presso il suo se la salvezza implorata verrà concessa, come nel
confine. Ciò (del tutto generico, il soggetto non è v. 21 b Giacobbe si attende che Jhwh si dimostri
chiaro - probabilmente masseba e altare) servirà ’élóhim (cfr. Gen. 17,7; Fokkelmann 67-70; Kel­
da segno (’óf) e da testimonianza {’éd) per Jhwh... ler, ZAW 67 [1955] x66). - In Gen. 35,14 l’espres­
egli manderà un liberatore {mòsia') ...» {Is. 19,19 sione sintatticamente zoppicante massebet 'eben
s.). Leggendo queste parole tornano in mente gli suona come una messa in guardia dalle ashere e
altari che i patriarchi costruivano in occasione del­ dalle immagini in legno {lud. 6,26; Is. 45,20) e
le teofanie, non certo a scopo sacrificale ma pro­ richiama l’idea di un altare fatto di pietre {Ex. 20,
babilmente come segno perenne (cfr. Wildberger, 25; Deut. 27,5 s.; / Reg. 18,31), al quale rimanda
BK x/2 727-746. Viceversa la sconfitta degli Egi­ anche la menzione supplementare della libagione:
ziani sarà accompagnata dalla distruzione delle wajjassék 'àléhà nesek. Sicuramente la libagione
loro strutture di culto, comprese le loro «masse­ non è un vero e proprio rito di consacrazione, ma
be», gli obelischi di Bet-Shemesh: Is. 43,13; cfr. altare e conclusione del «patto» sono le situazioni
Rudolph, HAT 1/12, 258 s.). Forse dove non si in cui compare con la maggior frequenza (cfr.
presentavano problemi di fede jsb hif. è stato con­ Michel, G L N T xn 864-868; Wildberger, BK x/3
servato invariato e non commentato {Gen. 35,20 114 7 s. 1152. - Per l’altare invece della masseba
E; 2 Sam. 18,18; cfr. 1 Sam. 15,12; 2 Sam. 18,17; cfr. Gen. 33,20; 35,1.7; Ios. 22,10-34). In un certo
ostile a priori 2 Reg. 17,19). senso in contrasto col contesto, la masseba non
2. Tradizioni in sé assolutamente prive di pre­ ha un nome ma è indicata semplicemente con «il
giudizi nei riguardi delle massebe rivelano che i lo­ luogo» {Gen. 28,19; 35,15; cfr. 7). Così la redazio­
ro redattori tardi avevano remore e posizioni lo­ ne finale spinge al centro dell’attenzione il santua­
ro proprie. rio in quanto tale, probabilmente come correttivo
a) Nel passo più particolareggiato delle tradi­ di una temuta sopravvalutazione della masseba.
2é j (lV ,I0 7 0 ) massebà (J. Gamberoni) (iv,i07i) 266

b) Alle massebe è riservata una funzione, insie­ solo qui in tutto l’A.T.) ... affinché non rinne­
me con lo scrivere e l’altare, in adempimenti di ca­ ghiate il vostro ’elòhìm» (v. 27; cfr. Klopfenstein,
rattere cultuale nei quali si rappresenta o si affer­ THAT 1 825-828). La m en zion e po sitiva del san­
ma il rapporto particolare di Israele con Dio. - tuario è pre-deuteronomica, la spiegazione della
Ciò avviene esplicitamente solo al Sinai: «E Mosè pietra potrebbe esserlo. Nelle stele di Sefire si leg­
scrisse tutte le parole di Jhwh... e costruì (wajji- ge: «Nessuna parola di questa iscrizione (spr’ ) ta­
ben) un altare... e dodici massebe per (l e) le dodi­ cerà» (KAI 222 B 8). La pietra come testimone
ci tribù d’Israele». Le massebe non si adattano al «auricolare» adempie a una funzione analoga alla
verbo e nel resto del racconto non sono più men­ regolare lettura pubblica della torà (Deut. 31,9­
zionate; sono dunque probabilmente un dotto re­ 13; cfr. McCarthy, Treaty and Covenant, AnBibl
quisito, pietre in numero tale da rispecchiare il nu­ 21 A, 1978, 98-105, qui 103). Il testimone aurico­
mero sacro della costituzione d’Israele (Ex. 24,4 lare muto certo non proclama nei particolari quel­
[E?J; cfr. 1 Reg. 18,31). Nella struttura molto ela­ le «parole», ma contribuisce a rendere costante­
borata di Ios. 3,7-5,1 si parla di 12 pietre «erette» mente presente e a manifestare pubblicamente il
(4,9.20: qwm hif.) in mezzo al Giordano (4,3.9) e particolare rapporto del popolo con Dio. - In
poi a Gaigaia (4,20), spiegate ogni volta, in ri­ Gen. 31,44-45 si mette in atto la stessa concezio­
ferimento alle dodici tribù, come «segno» (‘ót, 4, ne della massebà (v. 51: jrh qal), con la sua di­
6) e «a memoria» (lezikkdrón, 4,7) dell’attraver­ chiarata funzione di documento del contratto tra
samento del fiume e dell’entrata nel paese con­ Giacobbe e Labano e di cippo. L ’aggiunta di gal
cessa da Dio (cfr. la rituale «domanda dei figli»: (vv. 51.52; cfr. vv. 46.47.48) riflette lo scrupolo di
Ios. 4,6-7.21-22; anche Deut. 6,20-25; 12,26 una redazione che vuole evitare associazioni cul­
s.; 13,14-16). Probabilmente un gruppo di idoli tuali e teologiche indesiderate.
(pesiltm) già anticamente situati «presso Gaigaia» 3. Le massebe vengono così non soltanto rein­
(Iud. 3,19.26) è stato reinterpretato a tutela della terpretate, neutralizzate o assimilate con espe­
successiva centralizzazione del culto. - Nel con­ dienti linguistici teologici, ed è documentato an­
testo della conquista di Canaan in Deut. 27,1-8 che il loro netto rifiuto (già pre-deuteronomico).
un numero im precisato di «pietre» da erigersi (w . a) La distruzione delle massebe degli abitanti
2.4 qwm hif.; doppioni) fa da cornice all’altare (w . precedenti viene ingiunta, in vista della conquista
5-7, pre-dtr.; cfr. ad es. Ex. 20,25). Si tratta di ste­ del paese, già in numerosi testi relativamente an­
le, che infatti recano scritte - su un intonaco di tichi del Pentateuco: Ex. 23,24; 34,13; Deut. 7,5;
calce (vv. 2.4 )- «tutte le parole di questa torà» (vv. 12,3. - Ex. 34,13 (forse dtr.) viene considerato
3.8): questa loro descrizione è un prova evidente ora l’attestazione più antica: k ì ’et-mizbehdtàm
del loro carattere letterario e redazionale, senza tittósùn w e,et-massèbótàm tesabbérun w e,et-’dsè-
relazione con ipotetici presupposti materiali di rdjw (sic!) tikrdtun (cfr. Halbe 116 -118 ; di parere
carattere archeologico. - In Ios. 8,30-32, che di­ diverso ad es. Jaros 28). La nuda formula trina è
pendono tra l’altro da Deut. 27,2.4.8, gli aspetti motivata pragmaticamente con la proibizione ge­
tecnici vengono totalmente ignorati. Sembra che nerale di contatti sociali (berit) perché, a motivo
Giosuè scriva direttamente sulle pietre (grezze) della seduzione esercitata, questi costituirebbero
dell’altare (cfr. Soggin, Le livre de Josuè, Neu- un pericolo per l’adorazione esclusiva di Jhwh
chàtel 1970, 179) «la copia della torà di Mosè» (Ex. 34,12.14-16; cfr. Schmitt 24-30). Bisogna di­
(cfr. Deut. 17,18). Così le contraddizioni tra il struggere le massebe in quanto sarebbero un ele­
materiale più antico della tradizione e le abitudini mento del culto di Canaan, al pari degli altari e
più recenti (deuteronomiche e deuteronomisti- delle ashere. La proibizione di «dèi fusi» (Ex. 34,
che) vengono neutralizzate e impiegate teologica­ 17; cfr. Lev. 19,4) sta per conto suo, e non può
mente (cfr. L ’Hour, RB 69 [1962] 29-36). Nel valere come argomento per sostenere un’interpre­
quadro della cerimonia della bcrìt che conclude la tazione iconica delle massebe; in Ex. 34,13 non
conquista di Canaan «(Giosuè) prese una grande c’è alcun elemento specifico per tale assunto. - Per
pietra e la eresse (qwm hif.) là, sotto il terebinto, contro Ex. 23,243 applica i termini con cui Ex.
che si trova nel santuario di Jhwh» (Ios. 24,26b; 20,5a vieta l’adorazione delle immagini proibite
cfr. Gen. 35,4; B R L 2 207 tav. 49,1). La pietra vie­ (20,4) riferendoli direttamente ai «loro (= dei
ne eletta a «testimone» (cfr. van Leeuwen, THAT precedenti abitanti) dèi» (histahdwà e 'bd hof. nel
11 212. 214-216) non in quanto reca su di sé un te­ medesimo ordine) e riduce quindi allo stesso de­
sto scritto, come nel caso precedente, bensì «per­ nominatore, all’atto pratico, le «altre» divinità
ché ha sentito tutte le parole di Jhwh (’imré jhw h, straniere e le immagini (cfr. Welten, T R E 6, 520
267 (iv, 10 72) massèbà (J. Gamberoni) (iv , io 73) 268

s.). Nella sua intenzionale ambiguità di significa­ nei testi più antichi sono nella finzione letteraria
to, il paragone lo’ ta'às'eh k'ma'às'èhem riferen­ orientati verso la futura conquista del paese, insi­
dosi alle pratiche di culto (Ex. 23,243(3) avrà sicu­ stono in realtà sulla separazione cultuale dai Ca­
ramente presenti in maniera particolare le imma­ nanei. Nella misura in cui le masse