Sei sulla pagina 1di 794

GRANDE LESSICO

DEL
N UOVO TESTAMENTO

Fondato da GERllARO KnTEL

Conti nu~ to chi GERHARD FRIEOR I CH

Edizione italiana a cura cli


F. MONTAGNINI • G. SCllRPAT · O. SOFFRITTI

VOL. X I I

PAID E CA
Tirolo originale dell'opera

Thcologisches \'(/ (irterbuch :r.um Neuen Tcstame111


in VcrbinJung mit zohlreichcn Fachgenos.'<en
lx:grundet von GutlARD KITTEL
herausgegeben '"'n GERllARD FRIEDRICll

llll'l·dizio1t<' i1alia11ct di quest<> dodicesimo vo/111Ju•


banno cotlaborat1> come traduttori:
nr., >JEOF..ITINF. OEI. MONASTERO DI S. SCOLAST ICA
Gt'10 CcCCllI
Cl,\ ~FRA~CO i'ORZA

Tutti i dirit:i sono risavati. i; rigorosamente 11ietula, a termini


di legf,t:. lo riproduzione anche parziale delle i·oci o il riassunto
delle stesse.

@ W. " c)ll!.lfAMMER VliRLAG, STUTi-t;ART 196~

\(;) PAlllEIA, J)RESCIA r979


AVVERTENZA AL DODICESIMO VOLUME ITALIANO

Il dodicesimo volume italiano comprende le pp. 195-798 del settimo


volume tedesco.
AO'I'ORI
DELLE VOCI CONTENUTE NEL DODICESIMO VOLUME

Direttore
GERJIARD FRIEDRICH, professore ordinario di N.T., Erlangc11 .

Collaboratori
Orro BAUERNFElND, professore ordinar·io d i N.T., emerito, Tlibingen.
GEo.RG BERTRAM, gi~ professore ordinario di N.T., Giessen, inrnricmo di A.T. cd cb:-ai<:o,
Franltfurt.
Ono BETZ, docence di N.T., Tlibingcn .
\\1ERNER B1EoER, professore s1raordinario di N.T. e di scienza delle mission i, Base!.
GiiNTHER BoRNKAMM, professore ordina1·io d i N.T., I foidclbcrg.
liANS CoNZELMANN, professore ordinario di N .T., Goccingen.
GERHAlD DELLING, professore con catte.dra Ji N.T., !falle.
GoTTFRll\D fITZER, professore ordinario di N.T., Wirn.
GEORG FOliRER, professore ordinario di A.T., Erlangcn.
F.:RNST fUCHS, professore ordi.nario di N.T., 'tvfarburg.
WA LTER GRUNDMANN, già professore di N.T., Jena.
GON'fll.ER llARDEn, professore d i N.T ., !krlin - Zeblen<lorl.
C LAUS-lJUNNO HUNZINGElt, professore straordinario di N.T ., lhunhmg .
WIUIELM KASC11, docente di reologia sistcm:1tica, Kic l.
HELMU'J' KosTER, professor of New Tes1 amenr Srudies, lhtrvard Uni,·er:•i1v, USA.
FRÌi'.Dn1CH L.1.NG, professoremdinario di N.T., Tiibingen.
EDUARD LoHSE, professore ordinario di N .T., (ìi.ittingcn.
CHRI STIAN MAURER, professore d i N.T., J3e1hd .
W!U!ELM MICHAELIS, professore ordinario di N.T., Bern.
Ono M1cHEL, professore ordinario di N.T., Tiibingen.
GonFRIED Q uELL, professore con «atte<lra d i A.T., Bcrlin.
KARL HEINR ICll R ENGSTORF, professore ordinario di N.T., Mu11s1er.

Jot1ANNES So~~E1or.1t, professore con cauedra di N.T., emerito, flerlin.


SlEGFR!EO Sc11u1.z, professore ordinario di N.T., Zi.irich.
Gus'fAv STi\HUN, professore ordinru-io di N.T., Maiin.
KONRAD Wr.1ss , professore con cauedrn di N.T., Rostock.
U 1.RICH W11.cKF:>:s, profess<lrc <li N.T ., Ilcr!in . ZehknJorf.
INDICE DELLE VOCI

cnlw, c;nc;µ.Oç . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . ... ... . :;


Ci'T)µe~ov,!TT}µal vw, C"Tìµw)i.,, aaTJ1 Loç, Èr-iCTT)f.LOç, EVCiT)l l~<;. c;uaTl)1l!:.V 17
<ri)µe.pov ........... .............. . .... ........... . ... . ..... . 19 1
o-irnw ~ xt , col1. 125; s~.
criJc;, Oil'TO~PW•Jç . . ...........•... . .... . ...... • ... ... ..... ... . 2 07
cnxcipLoç .. . ...... ..•..•...• . . . . .. .. . ..••.... . ..•.. . • .. • .. •.. 2 15
LL véi. .. ...... . . . . . • . . . . .. . .. . ......... . .... •. ... ... . . . . . .... 225
O'lva:m ............... . .. . . ........... ........ . . . .. ... ... • .. 237
O'lVLd:.SW .......... . ...... . ... ... . · . .. · · · · · · · · · · · · · · · · · • · · · · · 241)
l:1wv, 'IEpoviraÀl]µ.. 'lepoc;oÀ'.JfLa, ' Iepoc;oÀ.vµl-rTJ; .............• .. • ... 25}
O'Xocv&aÀ.ov, uxav&a>.ii;w ........... .. .. .. ............. . ..... . . . }73
u xtvoc; ........ .. . ... ...... . ...................... .... ...... . .;25
O'XTJVYJ, ux'ijvoç, O'XYJ'"-"flfl, O"XTJVOW, ÈT.L'7XTJWW, xa-.aO"XTJVOtJ, O'XTJVOT.Tt·
yla, tJX'T)VOT.OLOç • • • • . • . . . . . . . . . . . . . .••.•.•.••• .. . . • . • · · • · • · H9
t L , ' '"/
O'XLfl, t.<ltOO"XLflO"f~ U., E-;";LO'XLU.._,1.oJ ... • ...•. . •..• .. ...• . .•..• .. .• . . · · 'i 2 l
O'xLpi:aw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ······· 53 7
axÀT)poxapoin. .... v. coli . 2 1 5 •·
O'XÀT)p6ç .... IX, coli. llH sç,
O'KÀT)pO'TT)ç --> IX , l'OlJ. J ~4) S.
<ryÀT)poi:prixriì..c<; .... 1x. c1•ll. 1147 s.
O'XÀTJPVVtJ .... IX , coli. J }48 ss.
O'XoÀl.<ic; .................... ... . ........ .... . ........ .. ..... . 5.p
ux6Ào\jl .... . . .... .... . .... .... .. . .. ............ ... • . .... .•.. 555
vxonéc; , axo1";ÉW , i<.a:to.a;co-:tÉw, xa-;6:.ax~i:oc; ...•..•....... ... . . .. . .. 567
oxopitli;w, &i~xopnls'."· axopit.Lc;µ6c; . .... ; ...... • . .•. . • ... • .. .. . . . 57'>
uxbi:oc;, c;xoi:La, uxoi:o1..i, ux·n1l;w. crxoi:~w::ic; . .. ... . ....... .. •. ..... 59 1
c;xvf3a À.ov . . . . . . ... ..... .. . .. ........ .. .. •... .. . . .. ... . ..•... 645
:Exvlh1c; . ..... . .. . .. ............. .... .. . .. .... . ... .......•... (i 5 I
axvDpwit6c; ....... . ... . .. ...•.... ........ • .. ... ....... ....... 659
~À.TJ~, ax.wÀ.?Jxéf3p..,r:oç ...........•.....•.....•..••.. · . · · · · · 661
cµvp'Ja, aµvpv11;,•..J . . . . . . ..... . .............. . . .... .. ....•.. • . 6H
:ro>..?µwv . : ..... : . .......... .. . ...... . . ...... .. .. ... ........ . 679
O'OlpLCl, crcq>oç, O'O(j)LS!J . . . • . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . .... . .... . . (19 5
aitE(pw .... coli . 877 ss.
0'7tÉv001,,tcx.t. . .... ... .. . .... . .. ..... . ... . .. ....... .. .. .. . ...... .
0'1tÉpµa, O'TtElf)<», O"ltOptt, 0'1t6poc;. O"ltOp1µoc; . . . . . . . . . . . ..... ...... .
crnÀ.a rxvov, 0'7tÀ.ayxvll;o1.1.aL, Eva-r.: ).<t. yxvoç. no}..uC"ltÀ.a.yxvo;. èi.<:7ot }.a:yxvoç
O'l'topci, a1t6pi.µoç, 0"1t6poç -+ coli. 877 ss.
oitov&cil;w, U1tov&Ti, unovlìo.~oç . ......... .. . ...........•.. •......
O'-cO.utc, . .. ..........................• .. .......... .... ..... . .
O'-raup6c;, c;-co.up6w, àva.O'-caupéw . .. .. • ..... ... • .......... ..... . . .
"tÈyw . . . . . • . . . . . . . . . . . • . . . . • . . . . • . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1001
"tÉÀÀ.w, ow.cr"tÉÀÀ-w, Otacr"toÀTj, Èma"tÉÀÀw, É1M"'toÀl), xo."to.cnÉÀ.Àw, xo.-
"tO.cr"toÀl}, crucr"tÉÀÀ-w, ÙTICXT"tÉÀÀW, ùnocr"toÀi) . .................... i oo9
"ttvcisw. cr"ttvo.yµ6c,, crucr"ttvcisw . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 3 9
'tE\IOC,, O'"tEVOXWPLa, O'"\'EVOXWPÉW .....•..•..•..... • .. • · . . . . • . . • . . l 049
"tEpEéç, O''tEpEOW, O'"tEpÉwµot . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . • . . • . . . . . . . . . 1061
"l'É<pavoç, O'"tEc:pav6w . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . • . . • . . • . . . . . . . . • . . ro77
"ti)XW, W"tl)µt . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . • . . . . . • . . • . . 33
I I
O'"t'l)plsw, tmcr"tTJPlsw, cr>tT)ptyµOc,, ci.cr'tT)ptx"toç . . . . • . . . . . • . . • . . . . . • . . u8 t
i:iyµa. . . •. . ........ ......................... ... • ... . . . .. •. . 1193
...o. ~w ................ . ... . .. . .. . ..... . .......... . . .... . ... 12 1 3
'tOtXÉbl, cruG''tOtXÉW, O''tOtXEi:oV . . . . • . . • . • . . . • . . • . . • . . • . . • . . • . . • . . 12 I 7
'tOÀTJ ..•.. . . .. . ... . . .........•.... . . .. • ..... • . . • . . .. . • .. • .. 1275
'tOµCt . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I 287
't pa'tEVOJ,LO:t, cr'tpo:-rdo:, G''tpo:"\' tti, O'"\' ptinuµo:, O'"\' po:'t u:rtriç, crucr•po:"t'tW-
"t'T)C,, O'"tpet"tT)y6c,, O'"t'pO:"t'O'itEOO\I, cr-tpO:'tOÀoyÉw ............... . .. .. 1301
"t'pÉc:pw, ci.vacr"tpÉc:pw, ci.vetcr"t"poqrii, xa"\'o:cr-tpéc:pw, xo."tacri:poq>i'J, Sto:cr-rpÉq>w,
CÌ.TIOO'"tpÉc:pw, tmcr'tpocpi), µE'tQ:O""tpÉq>W . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I 34 3
"t'pOU~O\I • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . • . . . . . • . . • . . . . . • . . . 1 38 3
'tVÀOC, . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . • . • • . . . . . • . . • . . . . . • . . • . . . . . • . . . . . l 38 9
yyEvi)c;, o-uyyÉvttot . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . • . . . . . . . . • . . . . . . . . r 399
auyy\IÙJµTJ -+ 11, coll. 535 s.
auyxaW;w -+ col. 1533
auyxax01taotw ~ 1x, coli. rn8r ss.
avyxa),éw-+ iv, coll .1478ss.
yxcxÀvrc•w . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . . . . . . . . r 4 I 7
yxÀEiw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . • . . • . 1419
auyxk()povoµo<; -+ v. coli. 611 ss.
auyxowwvtw -+ v, coli. 693 ss.
auyxowwv6c; -+ v, coli. 693 ss .
avyxpivw -+ v, coli. 1 107 ss.
<1vt;aw -+ col. 15.31
S1)"tÉW, cusl)'t1)crt.ç, O'VS1)"r1)'tl)ç . . • . . . . . . . . . . . . . . • . . • . . • . . • . . • . . q29
'suyoç . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .• .. . i 431
aut;wonoi.éw -+ col. 1 ;;P
uxij, crtixov, oÀuviloç, crux6.µwoç, crvxoµopfo, cruxoc:po:v•Éw . . ..... r43 7
U.0:1..L'3civw ....... . .. . .... ...... · · . · · · · · · · · · · · · · · · · · · • · • · · · r457
O'VÀ),1.11:foµcu. -+ VI, coli. 873 s.
avµ~acr<ÀEliw --> 11, col. 206; -+Xli , eol. 1532
µ'3t'3&.si...1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1467
auµµ.aih)"<YJc; -+ vi, coli. u35 s.
O'uµµc>:p'tvptw -+ VI, coli. r 374 ss.
O'VµflÉ'tOXOc;-+ lll, coli. 1,358 ss.
O"Vµµt.µTJ't'l'ic;-+ vu, coli. 253 ss.
au(.J.llOp<p{t;w -+ col. r 5 32
<1V(.J.ll0pcpoc;-+ col. 1532
auµµopq>étd -+ col. i n 2 n. 99
O"Vµttai>tw -+ Ix, coli. 1077 ss.
O'Vµnai>1)c; -+ IX, C(>ll. 1077 ss.
INDICE DELLE VOCI XIII

O"\lµnaaxw - 1x, coli. 1046 ss.; - xn, col. 1532


auµn).11p6w - x, coli. 703 ss.
avµ1tvlyw - x, coli . 1107 ss.
av1,1,1ti;ta'f)unpoç --+ xr, coli. 81 ss.
O"\lµtpÉpw - q>Epw
O'Uµq>opoc; - q>Épw
O'U11q>V"toç --" coli. i no s.
O'V!~<J>WVÉW - q>wvi)
auµq>wVl)O'c.ç --+ <i>WvTi
O'VfJJJ>WVla - <pwvi)
O'Uµ<J)Wvo ç -+ q>wvi)
aVv·µe•<i col genirivo, cruv:i.itow-fiaxw, crua-.a.vp6w, avvM.it-i:w, aiJ1.1.q>u•oc;,
<TVVEy€LjlW, O\lsaw, O'VSWO'TtO~~!JJ, VVµT:<icr)(W, cruvbo!;asw, O'uyXÀ.T!pOv6-
µoç, a,Jµµopq>oc;, cruµµopcpl~w, O'IJµ(3a.aùww, cruyx1,d)lsw . . . . . . . . . . . 147 5
ABBREVIAZIONI DEI LI BRI BIBLICI

ANTICO TEST AMENTO

Gen. Genesis $11p. Sapientia Salomonis


Ex. Exodus E.:clus Eccksiasticu• (LX X S ir.i
Lev. Leviticus ls. Isa:as
Num. Numeri lcr. leremias
Dcu c. Deuteronomium flar. Baruch
Jos. Tosue Lam . Lam<.'ntationes
Jud. ludices l!.p. lcr. Episwla le1-emiac (Vg. Bar. e 6)
Ruth Ruth Daniei ( Vg. c. 1 ~ ~ Susan :la; 14
1· 2 Sam . ( =LXX t -2 Rq:norum; Vg. 1- 2 = lkl et Drac-o)
Rcgu m) Ez. Ez~(hicl
1-2 Reg. (= LXX 3-4 Regnorum; Vg. 3-4 Dan. D.rn iel
Rcg~1 m) Mal. Malad1ias
1 -2 Chron. Vulg. 1 -2 l'arai. Us. O:;;:a~
1 -2 Par. 1 » Par al i pome non Ao1. Amos
1-3 Esdr. 1-1 Esdrae ( '"" Vu lr:. 3 Es<lr. M ich. Mirhacas
[ apocr.]. EsJr. I + 11 [ = T. Mns. locl !od
fadr., c. 1-ro; Necm. c. 11·13 ]) J\bd. ;\bdia~
Toh. Tobias !on . Ionas
lud i1h ludith Nah . Nahum
Esih. Esthcr /\bac. Aba( ttc
Joh !oh Soph. Sophonias
Ps. !'salmi Ag . t\f..gaeus
Prov. Proverbi a /.'. ;ich. Zarhari:is
Ecd. Ecclcsiastes (hebr. Q(>helct) 1-.1 Mach. 1 ·.:. /\fochabacvrulll ( J·4 'lpucr.}
Cant. Conticu;n Canticorum

NUOVO TESTAMENTO

Mt. Evangelium Matthaei 1 , 2 Thess. Epis t. ad Thc~sal<>nice.nscs 1,i


Mc. E vangclium Marci ·r .21.'itn . Episculac ad Thimotcum 1 , 2
Le. Ev•ngeuum Luc•e T it. Epistul.a ~d Ti ntn1
lo. E vaogdiu m Ioa:inis Philm. Episrula aJ Ph ilc;noncm
Act. Actus Apostolorum J iebr. Epistula ad Hcbr:1e<.> s
Rom. F.pis tu!a ad Romanos Iac. Epistola lacobi
1,> Cor. E pisculae ad Corinthios 1 ,2 I·3 Jo. Epistulae loannìs 1-3
Gal. Episcula ad Galata:: J , 2 Pctr. F.pistulae Pcrri 1 ,>
Eph. Epistula ad Ephesios Iud11c Epistula Iudac
Phi.l. Epistula ad Philippcnscs /\poç. Apocalypsis foannis
Col. E pistula ad Colossenscs
ABBREVIAZIONI IN CARATTERI GRECI

Quando un libro biblico è citato con abbreviazioni greche, il rimando è fa1to alla
versione dei LXX in quanto si distacchi dal T.M. Per es.:
lji Psalmi, nel testo dei LXX Aw-r. Deuteronomium, r.el testo dci LXX
t lla<T. 1 Re.~., nel testo dei LXX 'f).:;, Oseas, nel t~to dci LXX

TRASCRIZIONE DELLE PAROLE SEMIT ICHE

Le parole ebraiche sono trascritte in cara tteri latini nel sistema semitico corrente,
indicato dalla seguente tabella:

a pala!J
b (con e sen~a dageI lene; e così con ii qames

bh
t111te le begadke/at, eccetto p, f)
(dageJ forte; e così in ogni caso di
•-à
!;atei · pa!ah
qiimes con ·h finale
dageJ forte) - iih qOn!eS con -h e mappik
g (vedi b) e segol
d (vedi b) e séré
h <: !;arei · sego/
w Ì: seré e ugòl con j
z l;trcq
l:i ~i!rf e segol con j
o !Jo/cm
i o qiirncf l;a(u/
k (vedi b) o 1Jt1.fef qames
o con w
I
m
n
"u
u qibbuJ
u con \V
s s~wiP pronunciato

p.f Una parola ebraica Ira i due apici ' ' è le-
~ zione delle versioni antiche.
q
r
,; Le parole non vocalizzate nel testo tedesco
s (specialmente radici verbali) sono riferite
t (vedi b) di norma senza vocali.
LESSICO
(continuazione)

t O'ElW, t O'EL7µoç
I. Il verbo udw risale probabilmente ticolare vcnernzione anche in quelle re::.
aUa radice indoeuropea tweis- / twis· gioni dell'interno che sono frequente-
ecc., conservata nell'antico indiano tvis-, mente scosse da terremoti. Col suo in-
che indica un movimento o sommovi- cedere o coi colpi del suo tridente egli
mento impetuoso (anche il lampo) 1• Ol- provoca gli scotimenti. Anche quando
tre che nel significato generale di scuo· non si fa espressamente il suo nome
tere, squassare, per es. la lancia (Horn., (per es. Aristoph., Lys. u42; Xenoph.,
Il . .3,345; 13,135), la porta (Hom., Il. hist. Graec. 4,7,4), s'intende che sia lui
9,583ì, le redini (Soph., Et. 713), la cri- a scuotere la terra 3 • Poiché questi ter-
niera (Anacr. 47 [Diehl' I 4 ,176)), il remoti, al pari di altre catastrofi natura-
capo (Soph., Ant. 291 ), e nel senso tra- li, venivano considerati eventi infausti e
slato di sconvolgere, per es. il cuore manifestazioni della divinità adirata (~
(Philostr., vit. Soph. 2,1.11: foduih1 òpyi) vm, coll. 1094 ss.), in essi si ve-
'tÌ'jv xaplì,av), uno stato (Pind., Pyth. 4, devano presagi di imminenti sventure
272; Soph., Ant. 163), esso viene usato (Soph., Oed. Col. 94 s.: CTT]µEi:ct lì"i)!;Ew
5pecialmente per indicare sconvolgimen- 'tWVÒÉ µo~ 7tctPTJ'Y"(Vct, fi O'E~crµòv, i'}
ti cosmici: /ar tremare la terra 2• Il so- ~ponl)v 'tW ', fi .ii~òç crÉÀ.aç, «queste
stantivo CTE~uµOç è attestato a partire da cose mi saranno significate o da un ter-
Erodot< 1>. es. 4,28, e da Sofocle, p. es. remoto, o da un tuono, o da un fulmi-
Oed. Cot. 95, ed è usato per lo più nel ne di Giove»; dr. Hdt. 6,98) e talvolta
senso di terremoto. Fino a tarda età que- ammonimenti a non dar seguito a certe
sto fenomeno naturale viene attribuito iniziative, per es. ad azioni militari
all'intervento irato di Posidone; p. es.: (Thuc. 3,89,1 ). Secondo Aristot., 111e·
oo-·nç voµlsn IlocmoÉwva -.i}v yljv crd- teor. 2,8 (p. 368 a 25) gli oracoli traggo-
Etv, «chi crede che Posidone scuote la no da essi le loro predizioni. A partire
terra» (Hdt. 7 ,129 ). Corrispondente è dai Presocratici fino a Posidonio, si han-
l'interpretazione che si dà del nome di no numerosi ten tativi di spiegare i ter-
Posidone : rcrwç OÈ aitò 'tOV <TdEw ò <Td· remoti come fenomeni naturali. La co-
wv W\IOµGtO''tCl.L, «forse da <TdEtv (scote- noscenza che abbh1mo delle varie teorie
rc) è detto ò crdwv (lo scotitore)» (Plat., enunciate in proposito si basa quasi e-
Crat. 403a). Perciò egli è oggetto di par- sclusivamente su Aristot., meteor. 2,7.8

o-elw, cm.oµ6';
1 Cfr. WALDE· POK. 1 748; HoFMANN 308. ciarc falsamente (sostantivo: 'denuncia'). Do-
iQui non è il caso di prendere in conside- cumentazione in L1ooe:1.L·ScOTT, s.v.
razione un altro significato di cn.lw, che so- 3 Cfr. W. (ArELLE, art. 'Erdbeb~nforn:hung',
stanzialmente è attestato soltanto in actico e in PAULY·W., Suppi. 4 (1924) 34·074, spe·
presso scritt0ri d'età tarda: accusare, de11u11- cialm. 359.
7 (vn,195) crtkv xi:>... r-l (G. Bornbmm) (v 11,r96) 8

(p. 364 :t 14 ss.) e Scn., quaest. nat. 6 4 • divinità, soprartutto salvifiche, come
Secondo An:ixim., Jr. A 21 (Diels I 94, l'apparizione di Apollo in Collim., Ap.
30-3 4), Anaximand., /r. A 28 (Diels 1 3
I s. , quella di Esculapio in Ovid., l!IC·
88,22-28), Aristot., meteor. 2,7.8 (p. tam. 15,671 s., o anche <li Marte in Sta·
364 a J 4 ss.) e la maggior parte dei fi. tiu s, Thebais 7,65 9 • Anche nella cosid-
sici antichi, la causa dei terremmi è di deua Liturgia di Mitra l'apparizione del-
natura pneumatica (blocco di con·emi la di\linitiì è accompagnata da un terre-
d 'aria); in pochi casi viene indicata una moto (Mithr. Liturg. 14,ro). In ral mo-
causa nettunica (movimenti di masse do il terremoto diviene un fenomeno che
d'11cqua specialmente sotterranee) (così, preannuncia o accompagna una salutife-
in particolare, Democr., /r. A 97 s. [Diels ra mutatio rerum 10• Una novità di sal-
11 107,8-Fll o \lulamica (così specialm. vezz:i è signi6cata dalla liberazione di
Amiphon, /r. n 31 [Diels' Il 3H,I8 Dioniso (Eur., Ba. 585) e dalla n:iscita
s.) ) 5 . In epoca ellenistica, con lo s\li- di dèi e scmidèi, accompagnate da s:o-
luppo della mantica, si giunse ad una si- timenti u.
stemazione cosmologico-teologica dei
prodigi. Furono cosl compilati anche li- 2. Nell'A.T. l'equivalente di a~lw è
bri sui terremoti, nei quali s'indicava soprnttucto ra'a! (sosrumivo ra'aI ). In
come si fosse preannunciato il terremo- lob 9,6; Prov. 30,21 abbiamo riigaz; in
to sotto un determinato segno dello zo. ls. 24,20 n1id; in ls. r9,1 ntW'; in ls.
di:ico 6 . Si cercò anche di stabilire qualì 33,20 ~ii'a11; in ls. 28,7 tild; in Abac.
presagi si poressero trarre allorché si so- 3,q sà'ar . li sostantivo s"iira solo in
gnava un terremoto. Nella storia delle Ier. 2),J9 viene tradotro çon crt:icrµ6<;;
religioni è imporranre notare che il ter· altro ve, per es. in 2 Reg. 2 , I .1 r con GUG·
remoto compare spesso in antiche de- awrµéç, in Zach. 9, I4 con aci'koç, in Jr.
scrizioni di teofanie come fenomeno che 40,24; 41 ,16; in lji 106,25.29; 148,8
preannuncia o accompagna l'apparizione con xcnmylç,in lob 38,1 con ),o:n,o:ljie
della divinità 7, e non soltanto quando in lob 40,6 addiritturn con vÉcpoç (nem-
si tratra di Posidone, ma anche di altre bo tempestoso ). Singolare è Prov. 30,

• Cft. CArELLE, op. cii. (-> n. 3) 362-373, do· 171; X 6o-6, . 132· 1 .n.140-J42 . 1H· l~8.203·2n;
ve è pos.~ibile riscomrarc i singoli p3ssi cd an . Orph. Fr. (KERN) 28, (283-18,).
che rinvii ad alrri (in parte fisici anonimi) di 7 Cfr. E. PFISTER, ari. 'Epiphanie ', in PAULY-
cui non facciamo menzione. w., Suppi. 4 (H)l~ ) 319 ; M. B. 0GLE, 'Tbe
5 Va ricordato che una spiegazione poerico ·mi- housedoor in religion ar.J /olHorc: American
tologico dei Pitagorici ved~ nel <TEL0'µ6ç una Journal of Phi!oloizy p (1 9 11) 270 n. 2.
aW060<; TE°'1tW1'W": fr. C 2 (01ELS I .j63,6
s WEtNREtCH, op. ci1 (-> n. 5) 22?-236.
s.). In questa concezione dell'nlfollarsi dei
morti, non ancor01 purificati, alle porte dell'A- 9 ed. A . KLOTZ (1908).

de, che li respinj!e con rimbombi che fanno lO Or. a questo proposito, dall'ambito della
tremare la terrn, rientrano probabilmente an- m'mrica, Plut., Cic. p (1 817b) e CAPLl.LE,
che Aristot., meteor. z,8 (p. 368 a II·JJ); an. op. rii. (-> n. 3) 36r.
pori. 2,11 (p. 94 b p); Plat., resp. 10,615e; li CTr. E. PFtSTElt, op. cii. (-> n. 7) 319 sui
Plut., gen. Socr. 22 (II J9rc). Cfr. a 4uesto fonomcni natu.rali verificatisi alla nascita di
proposito O. WEINREICH, Gebel und Wunder, dèi e scmidèi come Alessandro e Apolloniu.
Gcnethliakon Wilhelm Schmid, Tiibingen Bei. Cfr. inoltre la nascita del prodigioso bambino
triige i. Ahenum~wissenschaft , ( 1929) 169- in Verg., ecl. 4. dove. ai vv. 50 s., si fa esprcs·
464, spcci2lm. 220. » menzione di un terremoto. P~r Eur., Ba.
6 Catai. Cod. Astr. Gracc. lll 48 s.; VII 167- 58.> dr. WEINREICll, op. cii. <~ n. ') 282-290.
~ (vn,19(1) c;;iw x-r)•. 1-4 (G. Born k"mm )

21: qui la terra è personificata. Essa è scatologico dcl giorno di Jahvé presso i
scossa da fatti che sovvertono l'ordine. profeti (/s. 1 3,1-22; 34,r-17; fa:. 7,1·
Considerato che la Palestina è andata 27; 30,1-9; loel 2,1-II; Am. 2,r3-16).
~oggetta a frequenti scotimenti tettonici Scuotendo t:e rdbilmcnte il cielo e la ter-
(fossa de l Giordano!), non stupisce che ra egli provoca panico e distruzione nei
nell'J\.T. si trovino sl vive descrizioni nemici e salvc--aa per Israele . Quesra i.
di terremoti (Ps. r8,8; 46,3 s.; 97.4 s. e t!e:i però viene rivolta anche contro f.
passim). Ma come riferimento storico è sraele, d:tpprima in Am. 2,13-16; 5,18-
menzio nato soltanto il terribile terremo- 20; 8,9 s., e abbastanza spesso in segui-
to che avvenne durante il regno di Ozi:t to: Is. 2,6-2r; 7,1 7-25; Ei. 7,1-27;
(11111. r ,r; Zach. 14,5). In compenso ab- Soph. r ,14-18. Al significato di queste
biamo frequenti descrizioni di terremoti ultime teofanie corrisponde anche, in al-
quando si tratta di teofanie. Cosl ncll.1 tri passi, l'aspetto drammatico delle cir-
teofania di Jahvé al Sinai (Ex. r9,18) e costanze concomitanti; cfr. ancora Js.
all'Horeb (r Reg. 19, II s.: una bufera 13,1-22; 24,17-20; Ez. 38,19-22; Nah.
da schiantare i monti e spc-.i:zare le roc- 1,2-6; Ioel 4,q-16 11 •
ce, terre moto , fuoco e brezza leggera 12 ) .
Questo motivo rientra soprattutto nella 3. Anche le scene di teofanie e di giu-
topica delle descrizioni del «giorno di dizio d c!J'apocalittica tardogiudaica con-
Jahvé,;, la cu i origine v:i p robabilmente tengono il motivo dello scotimenro dcl
collocatn nella concezione vcrcroisraeli- cielo e della temi : dr. le apparizioni di
tica (dapprincipio nicnt 'affatto escgto. Dio in Ht•11. acth. i,3·9; ass. M.os. 10,3-
15
logi<:n) della guerra santa, alla quale Jah. 7 e l'enumerazione delle catastrofi an·
vé stesso partecipa come comandante su- nicncatrici dell 'èra escatologica in Bar.
premo in lotta per la vittoria sui nemi- syr. 70,8: «E chi si salva dalla gucrr.i
ci u_ Già dal canto di Debora (!ud. 5.2- morir:ì nel terremoto, e chi si salva dal
3r ) la raffigurazione della teofonia al Si- fuoco morirà di fame» 16• In 4 Esdr. 6,
JI - 17 il veggente viene prepara to <l~l
nai si .. muta nella 'avanzata' guerriera
di Jahvé da Edom, anche se in questo rimbombare <li una voce che fa tremare
caso il suo agire non è fano oggetto di il luogo in cu i egli si trova. Tuttavia gli
più precisa descrizione. Del tutto chiaro ulcimi segni gli annunciano non soltan-
tuttavia è il collegamento della teofania to sciagure, ma anche b salvifica trasmu·
al Sinai col motivo della guerra san ta in tazione <lei mondo e l'ini zio dell'eone
Ps. 68,8-24. La descrizione di entrambi nuovo 11 •
i passi (I ud. 5,4 s.; Ps. 68,9) comprende 4. Nel N.T. il verbo aElw in senso trn·
lo scotimento del cielo e della tcrr:i. Con
l'acceuazione di questa antica tradizio- slato (al passivo) indica il tremore inte-
ne prende forma appunto 1\m nuncio e- riore (Alt. 28,4) e l'agitazione tumulruo-
12 Cfr. Ps. Ir4 ,3-8; ls. 64, 1 s.; J Sam 22,8; I'\ ass. i\101. 10,-f s.: ,., tren1ebit '''""'' lll' flllt '
Ps. •8,8; 68,9; 77,19; .99,1; io4,p e pauim. ad fin es s11as co11mt iel ur... sol 11011 ti11bil !11111<·11
11 G. V. RAI>, The Origin o/ lhe Co11cept o/ et i11 tenebris co11uertent se comua ltin11c.
the Day of Yabweb: Journal of Scmitic Stu- 16 Spesso cene vivaci descrizioni <li terremoti

dies 4 (1959) 97·J08. sono congiunce allo sconvolgin1en10 e 21l'oscu.


14 nllllcnto ucgli astri e ad altre calltstrofi terre·
CCr. inoltre Am. 9,1; ls. 29,6; ler. 8,16; 5 t,
29; Ez. 26,10.15 a proposito di rerremoti co- stri, ad es. Sib. 3,81 s. Altre indicazioni in
me fc.nomeoi ~he accompagnano il giu<li2io VoLZ, Escb. 147· 163, speci•lm. ,,,. , ,s.
d'ira. 17 Similmente H1•n. ac·th. 45 ,+
1 1 {\'11, I!)/) C"Eiw X'tÀ. -1 (G. Bornbmm) ( vn ,19!1) 12

sa d 'una intera città (Mt. 21,10). Simil- mondo (6,12; 81 5; I I 1 13.x9; 16,18)
mente anche il composto àva:uElw (usa- nell'ambito di una tradizione che si ri-
to in senso transitivo) indica il sommo- collega a concezioni apocalittiche del tar-
vimento d 'una folla (Mc. 15,II ; Le. 23 , do giudaismo(---. col. 10)20• In quest'am-
5). Invece negli Atti degli Apostoli il bito rientra anche Hebr. 12 1 26, dove pe·
motivo del tumulto, cosl frequente, non rò lo scrittore-esegeta al solo scotimento
viene mai espresso con uclw o i suoi de- della terra, di cui parla il patto antico
rivati 18. Benché raramente, O'Elw serve (cfr. Iud. 5,4), contrappone la promessa,
poi o descrivere scotimenti della terra o che s'adempirà alla fine, dello scotimen-
del cosmo (Mt. 27,51eHebr.12,26 [ ~ to di cielo e terra insieme (Ag. 2,6 LXX),
coll. u.13 ss.). In Apoc. 6,13 l'albero con l'abbattimento delle cose fatte e la
di fico, scosso dalla bufera, serve da permanenza di quelle incrollabili (~IXO'L­
termine di confronto col cosmo colpi- )..tla; àO'àÀEv'toç): Hebr. 12,27 s. 21 .
to dalla catastrofe escatologica, dopo Sulla base di questa apocalittica con-
che nel v. I2 si ern parlato direttamen- cezione protocristiana del O'ELaµoc; quale
te di terremoto. Il sostantivo O'El.O'µ(\ç, affiizionc escatologica trova Ia sua spie-
qu i usato, nel N .T. indica soltanto lo gazione un tratto caratteristico dell'epi-
scotimento cosmico. sodio della tempesta sedata in Mt. 8,23-
Non è raro che si parli di terremoto 27. Mentre Mc. 4,37 parla di una vio-
anche altrove, in resti apocalittici, ad es. lenta bufera (Àa;i:)..a;lji µEyd.Àl] civlµ.ov,
insieme con altri segni che preannun- Le. 8,23: ),a;i:).,o.ljl d.vɵov). Mt . 8,24 di-
ciano la fine (falsi profeti, guerre, insur- ce che avvenne un a-naµòç µtya;c; èv -.ji
rezioni di nazioni contro nazioni, care- i}a;).ciCTO"Jl. È improbabile che colg3 nel
stie) nell'apocalisse sinottica (Mc. 13,8; segno chi fa consistere la differenza nel-
Mt. 24.7; Le. 21,rx 19). Altrertanto di- la rappresentazione di un 'maremoto'
casi dell'Apocalisse giovannea, in molti provocllto dalla tempesta u. È molto più
passi della guair i OELO'IJ.Cl sono menzio- probabile che l'espressione sia stata scel-
nati e descritti come orrori della fine del ta dall'cvnngelisrn con intenzionale rife-

'~ xa'tttO'Ei.t~ ricorre in Act. 12,1 ;; n ,16; 19. Die Mille dcr 7.dt ' (196<>) 116-1:4,. spccialm.
13; 2<,-10 e indica il movimcnio Jclla mano
d1c chiede silenzio . N Si osservi come i tcrrenloli siano graven1cn ..
te menzionoti per lo piì1 alla fine di un rac-
19 In Mt ./Mc. questi segni 1>rcmonitori vcn-
conto o prim~ della cesura d 'una pericope.
i;ono espressamente designati come ~xii woi- ?IC&. E. K XSEMANN, Das wmdernde Go1tcs-
vwv, anche se [enuti ancora dis[inti dalla fine
>tessa (Q.},,)..'ovr.w "to "ttÀoc;: Mc. i3.7; dr. volk' (19,7) 29s.
Mt. 24 ,6). Le., fedele alla sua roncezione del- 21 Così PR1'USCHEN·BAUJ;R ' . r.v. crwrµ6ç . An-
lo storia, in 21 19 introduce una variazione che i passi qui addotti (sebo/. a Plat ., Tim.
( à.).;>._'oùx tùaéwc; 'tÒ 'tÉÀoc;) e toglie l'espres- 2,c, ed. G. C. GREF.NE [ 1938 I 288; Artemi<l.,
sione &.px'ÌJ wolvwv. Cfr. H. CONZlll.MANN, uneirocr. 2 138; D iod. S. 26,8: Mox. Tyr. 9,6a:
CTtLw x-rL 4 (G . Bomk•mm)

rimento al valore apocalitùco di un- compagnano la morte e la resurrezione


uµO~, per conferire a tutto l'episodio un di Ge~ù {.Mt. 27 ,51.54; 28,2). Queste
significato paradigmatico e simbolico. ampl iGcazioni leggendar ie derivano si·
curamente dal morivo che ci è noto da
Con questa interpretazion:: conco rda-
numerosi altri testi della letteratura g iu-
no le altre caratteristiche della redazione
matteana: anzitutto la struttura del con- daica e sopr:ittulto ellenistica, e che con-
testo (costituito da narrazioni di mira- siste nell a descrizione di .:lpa-ra che ac-
coli liberamente raggruppate), nel quale compagnano la mo rte di una divinità o
all'episodio della tempesta sedata ven·
gono premesse - con procedimento per di un ~E~oç <ivi)p 1' . Del resto, più tardi,
nulla ovvio - le due scene che pongono anche nelle descrizioni apocrife della
il problema della sequela, il cu i te rmi- morte e resu rrezione di Gesù ques ti trat-
ne-chiave cixoÀ.ouilEi:v è ripreso solta11-
ti vengono <lnCOra notevolmente in gran-
to in Mt . 8,23; po i l'el im inmdonc dei
tratti puramente novellistic-i della rcda- diti 25 • Ma con ciò non sono ancora ade-
zione marciana (la barca che sta per guatamente spiegati il terremoto d escrit·
riempirsi d 'acqua; G esù t:he sta a pop- to in Ml. 27,51-53, il fendersi delle roc-
pa, addormentato su un j!uanciale). il
grido d'aiuto dei discepoli che si trasfor- ce e la resurrezione dei mo lti corpi di
ma in preghiera, il rimprovero :ii disce- santi, che dopo la resurrezione di Gesù
poli per la loro mancanza di fede pre- vengono nella città santa e appa io no a
messo all'ordine che placa il vento e il
molti. Indu bbiamente questa pnticolii-
mare, e infine la redazione caratteristica
che la «chiusa corale» ha assunto in ritìì d el r:1cconto vuole indic<1 re iI signi.
Matteo (8,27). Tutto ciò conferisce sen- cato escatologico della morte d i Gesti:
z'altro al racconto di Matteo il car:mere con essa ha inizio il tempo d el Messia,
di un paradigma della sequela ::.•.
che nell':1pocaliuica tardogiud:iica com-
Un'altr:i particolarità dcl Vangelo di prende anche la resurrezione dei morti.
Matteo è cos titui ta dai terre mo ti che ne- Ma con ogni probabilità in cit> è impli-

11,7n ) non apporiano nulln all'i<lc• di un por- rientra nei motivi prediletti da Mt . Cfr. G . D.
ticolarc ' m•rcmoto' (nel smw intc>O dalle:" K1LPATRtr.K, The Ori~ins o/ tbr <.;ospt'I oc-
scienze naturali). Lo scoùmento an<:hc dcl ma· cording tn \1 Mauhew ( HJ.;6J 1!1 s. Soltanto
re non è cerco una rosa inaudjtn e :i;\ trov:i già Mt. 24 ,7 lu il suo parallelo in Mc/ le. (.erto
nelle prc<lizioni profetiche. ar. AJ!,. 2,6: t-rt non ruui i r>assi indicano un fenomeno natu·
ébt0t~ tyw "'"""w -rèv ovpu.\lòv xu.t -r·~·, yij·, raJt;:. In Aft. 21 , 10; 2 8 4 VE~]V('l.L è uS.'lto
x0tl "t+iv MÀ.«CT<Y«v xu.t -rr1v ~"l)pcl'J. per indicare un"agitazione <li persone. provo-
21 Cfr. G. BoRNKAMM, Die St11rm.<1il/1111J!, im c~t" per(> Jalln comrarso dd Messi:• (-+ coli .
M1.-E11., in Uberliefertmg 1111d A11slex11nx im lo s.).
Mt.·Ev., Wissenschaftliche Monogrnphicn zum ~· Cfr. Kl,OSTERM ANN, il!I . 11d /.; llUL.TMANN,
Altcn und Neuen Testament r ( 196o) 48-5}: "frad. J OJ n. 3 e fosc. aggiunti,·o 42 ; C APELl.E,
Il> .. J.indcrwarltmg und Ktrcb<' im M1 .. fa• .. op.cii.(-+ n.3) 36 1.
ibid. 27; H . J. Hnn, 1\11. als fntt'rprd J,.,
W1111dergncb1chten, ibid. 191 s. Anche altrove z1 ev. l'ctr 6.2 1. dr. ei: . .'va::.. Jr. 21 (I ho::-i-
,; vede che il gruppo lessicale crdw/<Yt~~6; NEOrn' 122.97 ).
aEiw x-rl. 4 (G. Bornkaonm) (vn ,199) r 6

ita anche la specifica idea che Ccrusa· teso soltanto nel senso generico di se-
emme è il luogo provvidenziale della gno della fine del mondo, ma anche in
esurrezione del popolo di Dio2i>. Ed è quello specifico di irruzione del vincilo·
nche da presumere che Ja connessione re divino nel mondo dei morti.
ella morte di Gesù con la resunezione In un contesto diverso si colloca il
ei santi presupponga già la discesa aJ. Lerremoto prodigioso che avviene du-
'Ade e la vittoria sulla morte, la quale rame la prigionia di Paolo e Sila a Fi-
costretta a liberare i suoi prigionieri. lippi (Act. 16,26), per effetto del quale
munque, questa è l 'interpretazione trabalzano le fondamenta dcl carcere, si
che una più tarda esegesi cristiana ha spalancano le porte e si sciolgono le ca-
dato al passo. E con ogni probabilità ta- tene dei prigionieri. ~ la risposta divina
le idea è effettivamente contenuta in al canto dei due carcerati , come già alla
questa scena, anche se in forma rudi- preghiera della comunità in Act. 4,31 e-
mentale e non ancora adeguatamente ra segui to lo scotimen to (cra.Àw~va.~ )
svolta n. Quanto all'uso del motivo, ciò del luogo, ad indicare che la preghiera
signiiica che il terremoto qui non è in- era stata esaudita 28 .
G.BoRNKAMM

lo Cfr. H. RtESENFELl>, The Resurrection in liberazione delle .Baccanti e di Dioniso in


Ezekiel XXXVll and in 1he Dura-Europos Eur. , B<l. 441-448.184-603; espress11mente cira.
Paintings, Uppsala Univcrsitets Arsskrift to è il v. 498) . Cfr. anche W EtNRlllCH, op. dt.
( 1948, II) spcciaJm. 3'·38. (-+ n. 1> 328-341, specia.lm. 332.336.339 s. Pr-
n ]. ICROLL, Got und HO/le. Der Mythos vom rahro, il motivo è usato da Le. in modo li·
Desccnsuskamp/c, Studien d<r Bibliotbek bero e nuovo. Cfr. in prop05i10 HA.ENCllEN ,
Warburg 20 (1932) 6-10 e passim. W. BrEDER, Apg. 11 a i 6,1r-.10 (440 s. 442), che rimand:1
Die Vorstell1mg von der Hollcnfabrl Cbrisli anche a paralleli classici: Ovid ., metam. r5,
( 1949) 49·}1 contesta che in Mt. 27,,1-n si 669-672 e Verg., Aen. 12,88-91. Per altre indi-
abbia il motivo della disccs~. ma non riesce cazioni sull'elemento rerarologico nd romaruo
persuasivo. ellenisùco e negli Atti degli Ap051oli apocrifi
u Che la liberazione prodigiosa di Paolo ab- cfr. R. SonER, Die <1pokryphen Apostelge.
bia paralleli nello stesso mondo classico è ri- schichten und die roma11ba/tc Uteratur der
cordato già in Orig., Cels. 2,H (la prodigiosa Antikc (1932) 103-11 2.
T7 (Vll,l99) <Tl')µ<Lov (K. IL Rengstorf) (Vll,200) 18

-
O"T}µELOV, O"T}µaww,' '
CTT)µELOW,
èLO"T}µoc;, É7tlcr11µoc;, Ev17T)µoc;,
O"Vl70'1)µo\I

50MMl\~10: 1. aspctci generali;


A. <T'l')µ,i:ov nel mondo greco: 2. sirnJn = contrassegno, nota JisUntiva ~
I. Dati lingu1stid ed etimolrig1ci. 3. u~o rabbinico particolare <li slmilli.
11. L'uso greco comune: 0.<T'l')iui:ov nd N .T .:
i. afv,a. nell'epica antica : I. Da1i gcner11Ii:
2. crii.L«/011i.u:iov nel resto della lettera- 1. ricorrenze dcl termine;
tura greca: 2. termine e concetti paralleli;
a) l'uso letterale; }·premesse circa l'uso linguistico neotc·
b) l'uso trasfato; stan1cnrnrio;
e) <T'l')µEtoc XClL -tfpCli:Cl; II. <T'l'll ~E~ov presso i sinottici e 11cgli Arti:
lll. <T'l')µti:ov nella gnosi. 1. <rruui:ov = segno, contrassegno;
B. <T'l')µ.tLov 11el giudaismo: 2. ìl 'segno' di Giona;
l. L'A.T. greco: 3. il <T'l')µti:ov richiesto a Gesù;
1. dati generali ci1c-.i il substrato pregre· 4. il 'sejtllo del Figlio dell'uomo";
ro: gli equivalenti ebraici; 5. 01}1.U:ÌOV ttV'l:<f..E)'OJ.U'JOV (l..c. 2,34).
2 . '61 ncll'A.T.: 6. <T"lliJ.Ùov negli Atti; ·
a) dati etimologici e storico-linguisti«i; 7. 01}J.uÌCl xat i:ilpa:ta.
b) '(w)I negli omaka di Lachis; Il(. ~i:ov negli scrilli gio11a11nei:
cl osservazioni generali circa la prcsén· 1 . aspetti comuni in Giovanni, nei sinot·
,. di '61 nell'A.T.; tici e negli Arti;
d) '6t in quanto oggetto della percezio· 2. <lati generali circa l'uso linguistico pc·
ne sensoriale; culiarc di Giovanni;
e) '01 in quanro mezzo di \'erifico; 3. <T'l')µti:ov ed ~pyov:
f ) 'segni' e prodigi di Dio; a) dati generali:
g) 02ioni.'segno' profetichr; h) il <"arottere di 'segno' degli ~P'YIJ. di
h) l'aramotico 'at, 'olà nel Libro di Da- Gesù in quanto E?"'fCl suoi propri:
niele e nei T:irgumin; <") i 01}~tEi:a di Gesù in quanto tcS1i-
i) riepilogo; monianza rivelatrice di Dio in favort
3. <T'l')µ.tLov in relazione a '61 nei LXX: di Gesù quale Figl io suo;
a) <T'l')µEi:ov come traduzione di '6t nd 4. <Tl'Jj,1.eiov e 7t/qi:•c,;
suo carattere formale; '· O"T}IM~ov e >.byoç;
b) <Tl'llJ.ELoV come: strumento di inter- 6. C'l')~u<ov e lì6E,Cl;
pretazione; 7. <TTJl.tti:a dd Risono?;
e) <TlliuUl xaì. i:€pa:tCl. 8. peculiarità e origine <lell"u>0 s11CCifico
II. li giudaimro greco •xlrabiblico: giovanneo di <T'l')JM<ov:
1. Filone; 3) l'au tonomia dell'uso <li l11)1tt\.ov nel
2 . Flavio Giuseppe; Vangelo di Giovanni;
}· l'apocaliuica. b) la mAtricc vctcrotcstamcnrnria;
C. 'ot/ 'iitfi'/sìmiin nel giudaismo postbiblico: e) cornnere tipologico dei O"YJJJtia p;i<~
\'Annci.
I. I testi del Mar Morto :
•.continuità dell'uso lingui~tico biblico ; IV .o-Y)µ€i:ov nel resto del N.T.:
i. Paolo:
2. un nuovo significato?
li. 'ot ecc. nella le1teratur11 rabbinica: a) aspetti generali;
r. 'cStscrontrasscgno; ; b) aspetti s~fici;
2 . la Lettera agli Ebrei.
2 . '61= le11cra dell'alfabeto;
III. simin nell'uso linguistico rabbinico: E. <T'l')µciov prcno i Padri apostolin.
I!) (Vll,200) crriµtiov A Hl ra (K. H. Rengstorf) (vu ,zooJ 20

. OTJµ€ÌOV NEL MONDO GRECO cessario prendere le mosse dal più an-
tico oijµa, suo sinonimo, il quale di
I. Dati linguistici ed etimologici tale epica è patrimonio stabile. Per
<T1')µEtov è derivato da afjµcx. (dorico quanto riguarda l'uso di afjµa è im-
créiµix) attraverso lo ionico CTY)µi)~ov / portante notare che presso Omero è
clorico c;éiµi)~ov e affini t. A differenza ancora possibile cogliervi la fissazio·
di afjµcx./c;éiµa esso non si trova nell'e- ne di impressioni ottiche che sugge-
pica antica, mentre afjµa./uéiµa non riscono o consentono d eterminate cono·
scompare in età più tarda, ma resta a scenze. In Horn., Il. 2,J'J il fulmine di
lungo anche in età cristiana 2 • CT1')µ€Ì- Zeus che tutti videro quando si iniziò la
ov è divenuto comune spccialm. nel- navigi12ione verso Troia ~ Èvcxlo-tµcx ui)-
la prosa. C.Ome afjµa/uéiµ .a , ha il signi- µa-ra , seg110 fa ridico; in Horn., Il. 9,2 36
ficato di segno, segnale, contrassegno, s. è il segno propizio da cui si riconosce
indizio, con tutte le sfumature semanti- il favore della divinità; Zt:vc; &l crqn
che che questi vocaboli comportano. Sul Kpovl&riç Èvol!;ta. cri}µcx-ra cpalvwv à-
~ignificato originario del termine nulla <7Tpà~E~, «Giove Cronidc manda loro
di sicuro possiamo attenderci dalla ri- lampi manifest3ndo segni propizi» . Ac·
cerca etimologica. Oggi generalmente 3 canto a questi che annunciano felicità vi
ci si rfollaccia all'indoeuropeo dhifz-m,1 , sono altri segni premonitori di sventu·
sanscrito dhyiima 4·5, pensiero. Ma con ra: 1ta.palu~a oi')µa'ta, segni infausti
ciò non si va né si può andare molto (Horn., li. 4,381). In tutti questi casi,
in là. nei qual i tra l'altro si usa sempre il
plurale, la capacità, presente in o-ijµcx,
di fondare una conoscenza, è sottolinea.
II. L' mo greco con11111e
ra ancora dal collegamento del vocabolo
i. c;·(jµa nell'epica antica con l'attivo di cpcxlvw 6 : si 1ra1t:i di un:i
specie di epifania, anche se in senso
a) Poiché nell'antica epica greca man- molto generico e puramente antropolo-
ca il termine <T1')µ<ìov ( ~ sopra) è ne- gico, non teologico. Ta lvolta a q>cxt'.vw

O"l']µ[to\I .148.
Per A: t Cfr. ilprospetto in LIDD!;LL-ScoTT, s.11.
Thes. Steph., s.v.; PAssow, s.v.; L1DDl!l.L· 2Cfr. P . Masp. 11 67 t63.36 (sec. VI J.C.).
ScoTT, s.v.; PREUSCHEN·BAUEll •, s.v.; P. Cfr . inolt re Cl'11.J.t~V ibiJ. 67 156,34; 67 164.
Sre1N, TEPAt, Philologische Dissertation 12; ~ n. 26.
Marburg (1909 ); H. STOCKINGER, Die Vorzei- 1 Cfr. BoisACQ 861 ; HoFMANN 310 s.; SCJ-IWY·
cbe11 im homerischen Epos. Ihre Typik 1111J 7.ER I 323 .
ihre Brde11t1mg (1959). • J\ cominciare Ja K . BJUGMANN, Crundriss
Per B: der vergleicbe11den Grammatik der indogl'Y·
C. A. IULLER, Das \Vorl OTH als •Ofl~ub11· manischen Sprachen 1' (1897) 275.
mngsuichen Goues,., Theologische Disserta· ~ E. LEUMANN, "S11pplt:1ivwr:scn» im Nordari·
tion Basd (1946). schen: ZvglSpr n (1930) 1!)4; Io., Dos nord-
Per D: arische (sakischc) Lebrgedit·bt J,•s B11ddbis-
TRENCH 218-22}; D. M ou.AT, Le umeio11 i<>- 111us: Abhandlungen fiir dic Kunde des Mor·
hanniq11c: Bibliotheca Ephcmeridum Theolo- genlandes 20 (1933-36) 96 ha accostato al gre-
gicarum Lovanicnsium 13 ( 1959) 209·218; J. co uéiµo. l'iranico orientale (sacio) Uàma, vi·
P. ÙiA"UER, La no/io11 de sigm (Sém~ion) siont:, se1.no (tuttavia il greco opp<>ne diJ!icol·
dans le IV• évangile: Revue des Scieoces Phi· tà fonetiche, Knscu).
losophiques et Théologiques 43 ( 1959) 4H· 6 Dodici passi in-+ SrocKtNGt::R 157.
::1 (vu.200 Ci'llµLtov A 11 ia-b ( K. H. Rrogs1orf J (vn ,201 ) 22

può e~«ere preferito il verbo lìdxvuµ~ to. Del resto sotto il profilo linguistico
(Horn., Il. 13,243 s.) 7 • Non meno signi- CTTJ14Efov sra a criiµ cx come µV11µEfov a
fìc:ttivo è che la letteratura epic:t stessa µvfiµa.
talvolta sottolinea esplicitamente il ca-
rattere prodigioso di ciò che provoca la b) Il primo passo verso un senso più
conoscenza, interpretandolo come un generico di a-iiµa. v:t visto nel fatto che
dpm; 8 • il termine , già in Omero, indica anche
impressioni acustiche. Un cesco parti·
Due sono i passi d i Omero partico- colarmente istru ttivo sotl'o questo pro-
l:1rmcn te orti a confermare e precis:t re filo è Horn., Od. 20,91 ss. 9• Odisseo, già
u lcc rionnence questo sig nificato di a-ii- t~1rnato ad ltnc11, o ttiene da Zeus I 'invo-
µa: Il . 23,326ss. e Od. 8,192ss. Nel cato presagio . Esso consiste anziru tro in
primo caso cri)µa: è uno l;u\ov sporgen- una manifestazione di buon auspicio
1c ai due !ali di blocchi di marmo bian- (qniµTJ) 10, cioè nella «preghier:1 di male-
co. Nella n;1rruzione serve; solo da meta dizionei> 11 della schiava addetta alla m<l·
di una corsa di cocchi, e il poeta non cina, in secondo luogo in un t.~ò<; -rÉpa.<;
precisa se in origine fosse il mo1111me11to aÀ>..o p roveniente dall'esterno ed è un
f 1111ebre (crj\µcx ) di un uomo da lungo ruono che rimbomba dall'Olimpo. A
tempo ddunco (3 31) t1 la mNa (vvcrcrcx) ques to pmposito è impo rtan te osservar.:
:1 forma di s tele di un p ìt1 antico srndio come il tuono induca la d o nna a rivo l-
( 332). I due aspeai dello sporgere e ger~i a Zeus; infatci, poiché in cielo non
dell'essere visibile da lontano, che evi- v i sono nuvole. essa può in tendere il
dentemente sono caratte ristici del crfi1..La. tuono solo nel senso che Zeus con esso
ritornano nuovamen te nel secondo dei vo~lia dare un -cÉpcx<; a «qualcu no» . Co-
due passi citati. In questo caso, infa tt i, sl la preghiera della donna diventa per
il <rijµo:, che è posto come •Épµa: (r93), l"éivcxl; Odisseo il <rijµcr. , il presagio pro-
è ta le per cui anche un cieco può indivi- pi lio che egli :iuendeva in vista del suc-
duarlo a tentoni; consiste quindi prob::i- cessivo giorno della vendeno u. Tutto il
bilmente in un bastone piantato per rer· b ra no, a prescindere dall'atto delb
ra. In tal modo si prova che crlj~lcx non schiava che scruta il cielo, parla di fc.
è tanto un segno quanto un segnale, un nomeni auditivi. Tuttavia a nche in quC·
111d1:zio. fl vocabolo possiede qui11di per sto caso l'influsso del carattere visivo di
sé un aspe i 10 attivo, e può essere che la cri)µcx è ancora forte, come prova la d u-
succ<..>ssiva sostituzione con 0'1')µ•~~" sia p lice connessione n d i •tpcx<; con cpcxlvw,
siata determinata dalla necessità di avere un verbo che per sé attiene alle per-
un termine più astratto che non fosse cezioni di ordine visivo . .t p robabilme n-
però del nato svuota to del suo contenu- te in conscgu enzn di questo dato di fat-
1 Perciò oE!xvvµ• pl!Ò essere usato anche in cpiiµm S(lnO espressioni dic vengono
tJ • ...
nssoluto nel senso di Srlxvvµ< O"Tjµo:. per es. uJi1c casualmen h: e riferite, da chi k sente.
IIom., Od. 1,173 s .. dove si fa specifico iiferi - a ciò che ha in mente. pur scrw.a che abbiane>
mento a un -ctpa.ç. cvn ciò la minimu conra:ssionc» (NtLSSO:< 1'
~ Acconto u H<>m., Od. 3·'i3 dr. un esempio 166). Circa il concetto di cptìµ11 cfr. anche -+
particolarmente persuasivo in Od. lt.4 13 ss.: STOCK INGt-:1\ l .j.j· '-16.
Zcùç liÈ ~yci.>..'i'x-cvn~ cr/n.14-ccr. q>o.(vwv· yr.,. Il -+ S TOCKINGF:R 137.146.1)5·
~'!)O'ÉV -c'èlp'lr.t<-CO. 1!0),vi:À.C1<; O~O<; '00V0'!1t,jç,
o-c·n ~ci. ol -cipfl4 fixE Kpovov ;-:1h; '*rxvÀo· 1z Horn., Od. 20, 11 i: i) Po. 1.1vÀ11v a-ci)aa.au.
µ+rm>). tT.o; q>ti"to, cii!.lCl livaxTi..
o Cfr. -+ SrocKt NCER n s. u Hom , OJ. 20.101; ... dpa;... cpa.virrw.
2} (Vll,>01) a-riµc~ov A 11 ib.d (K. H. Rcngstor{) (vn,202) 24

to che aijµo: - e quindi anche il più re- 7,175) ••. In questo caso è chiaro che
cente <TT)µEfov - nella vasta gamma dei aijµoc è, in senso del tutto generale, i/
suoi usi si riferisce a un'affermazione o segno da cui si riconosce una persona o
constatazione chiara, valida per se stes- un oggetto. In considerazione di ciò si
sa, indipendentemente da delucidazioni. richiede per principio che il aijµa. sia
Tale chiarezza distingue aijp.o: anche da molto chiaro (µ6.)...'c't.p~pa.Sfc;: Horn.,
~ "t'Épcxç, per quanto da molti punti di Il. 23,326; o"r)µ.a-r'àpL<ppaSioc: Horn.,
vista l'uso dei due vocaboli sia affine"- Od. 23,225; cfr. 24,329), anzi palese:
Ed è significativo che anche presso Esio- o~À.ov (Horn., Il. 10,466). Soddisfau,1
do riscontriamo un analogo uso lingui- questa esigenza, il vocabolo, analoga-
stico. In op. 450 si parla del verso della mente al nostro termine segno, può as-
gru che in autunno annuncia il tempo sumere svariate accezioni. Può indicare
dell'aratura: ii-t'àp6-roL6 "t'E aijµo: q>ÉPEL, un'avvisaglia di guerra (cri')µo: itoÀ.ɵo~o:
xo:l )(Elµa.-roç wpT)v Smtvim 6µf3pTJpOv, Hes., sculum 385}, ma anche un mo-
«reca il segnale dell'aratura e indica la numento /unebre, che per la sua form.1
stagione dell 'inverno piovoso». Tra l'al- e per determinate caratteristiche si dà
tro in questo passo(~ coli. 20 s.} si ac- a conoscere come ultima dimora di un
costa aijµo: al verbo oElxvvµ~. il quale certo personaggio importante (Horn., I!.
a sua volta indica per sé una percezione 7,84 ss.; cfr. 6>419; Od. x,29r e par-
visiva. sim }. Ovviamente nel caso di competi-
zioni può indicare ciò che è stabilito co-
c} Le caratteristiche fondamentali di me meta (Horn., Il. 2 3,;3 26), ed anche
aijµoc che abbiamo illustrato sono tipi- il segno che indica la prova fornita dal
che dell'uso del termine in questa epo- singolo (Hom., Il. 23,843; Od. 8,192.
ca antica. Così per es. nella scena in cui 195). Ma anche una cicatrice caratted-
si sceglie a sorte un guerriero nel campo stica sul corpo, che attesti l'identità
degli Achei per affrontare lo sfidante Et- personale di un individuo, è un aijµo:
tore, il poeta può dire di Aiace: y'1W oÈ (Horn., Od. 24,329}. Persino uno scrit-
xÀ.i)pou aijµo: towv ... , «riconobbe alla to, insieme identificante e denunciante,
vista il segno della sorte» (H orn., li. 7, che destina o morte il latore (Horn., Il.
t 89). Per comprendere la frase è neces- 6,168ss.) 17, rientra nella categoria di
sario rener presente quanto precede, cioè afjµcr..
che ogni eroe partecipante al sorteggio
aveva fotto un segno caratteristico sulla d) Riepilogando, si possono stabilire
propria sorte 15 prima che tulle fossero
deposte nell'elmo di Agamennone (ot OÈ tre dati fondamentali. Anzitut'l'o, se si
xÀ.ijpov tO"l)µTJVC1.V'tO (xaa'toc;: Hom., Il. tiene presente il significato principale

ibid. 114: -.tpaA; w 'tfl{J -.6oE cpa(vu.ç. -.tpa.c, «dall'ambitu Jel'3 mantic:i e delln ma-
gia» (lH).
H Omero distingue con perfetta chiarezza i
" Per il passo in questione dr. C. F. ''ON
due vocaboli(-+ col. 21) in qunnlo per lui un
NiiGEJ.SBACH, Homerische Tbeoloxic ' ( 188~)
-rtpai; può, ma non necessariamente deve, es-
182.
sere un ofiµ<x. (dr. -+ coll. 33 ss.). In ogni ca-
16 Si tratta probabilmente di semplici contras-
so a una più a11cnra analisi risulra inacccttabi·
l~ l'acrostamento, senza ulteriore spiegai.ione, segni.
dei due termini in N1LSSON 11 166. -+ SroK- 11 Per aTJf,14'TCl Àvyp«. dr. anche U. voN Wr-
KINCElt J H definisce ai'jµ« •vocabolo più neu- LMvtow1rz - Mou.LENOOKFF, D'" Iltas 1md Ho-
tro• rispetto a -.tpa.i;, e \'Orrebbc far derivare ml.'T (r9r6) 304 n. 2.
25 ( Vll ,20 2) O''T)µt'i:ov A 11 rd-2~ (K. H . Rengs1orf) (vu,203) 26

del termine, l'uso linguistico d i aijµa caboli congiumamente, poiché O"TJµtt-


nel greco antico risulta del tutto unita- ov è sempre caratterizzato d a aijµo:.
D'ulrro canto per comprendere l'intcrn
rio, anche quando a prima vis ta se mbra
gamma degli usi linguistici non è neces-
Jiffe renziato. Jn secondo luogo, il voca. sario segllirc una v isuale diacron ica del
bolo si riferisce sempre a un oggetto o a suo significato centrale, anzi d e te rmina-
una circosranza che perme tte, o dovreb- te peculiarità di aijµo: risaltano partico-
hrmeme bene aUa luce di un:i panora-
be pe rmetrere, una conoscenza o u n giu- mica globale. In generale osse rviamo
Jizio ben precisi 18 • Infine, pe r sé aijµo: che crijµ.o: si va diradando, benché sia
n on è connesso a un ambito religioso, usaro anche nel greco mod erno.
ma acquis ra una coloritura reli giosa so- a} Quale segno visivo da cui ricono·
lo quando il contesto in cui viene usato sccre 11110 persona o un oggetto, ossia in
un significaw tanto originario quanro
è religioso 19 • In definitiva ba un c:1r<itte·
molto v:1ri:1bile , troviamo soprattutto
re tecnico- funzionale che non viene me- VT)µe~ov, cd anche ai'jµo:, ricorre nti nel-
no n eppure quando ha per oggetto ve- le più svariare co rrelazioni e in conresti
ritiì religiose o morali. Infatti anche in molto djvc rs i. Per es. è il smtomo di
una malau ia o anche d ella guarigione
questo caso non ha che fare con la presso i medici 10 greci, o ltre che in
rivelazione in senso religioso, ma si ri- Diog. L. 8 ,3 2 : ""tÒ. VT)µEfo: vbaov xat
ferisce u un.1 n otificazione che i: la pre- ÙyL<la.:;, « i sintomi cli malattia e di sa-
messa indispensabile di qualsiasi co-
lute» , In qu ;lllto indizio che un animale
(., pus:,:110 in un cer to luogo dove ha fat-
noscenza. to qualcosa , s ignifica traccia : O"TJIU:~a
s· cii-.E DTJpò.:; oii-.e -.ou xvvwv n.ilb'J·
2. aijµet/ O"TJµtwv nel resto della frtt e- •oç... t~Ecpalvt'"to, « non app:irìvano trnc-
rall/ra greca cc d i presenza d i b elva né di alcun cane
in arrivo» (So ph., Ani. 2 57 s. 21 ) . In
Una vo lta chiarita la nalu r:i d i aijp.et, Hdc. 2 , 38 si n:irra che i sacerdo ti egizia-
possiamo ora esporre le nume rosissime ni e saminano (ooxLµ<i:souaL) le vittime
sfumatme d i aijµo:/ aT)µEi:ov in età più sacrificali per controllare se presen-
recente. Nel fare ciò, niente c i impe- tano k: camttcrisliche (7-poxdµ.t vo: 0"'1)·
disce di prendere in esame i due vo- p,T)La) sruhi litc p er la lorn ìd1.1neirìi,
. e,
1
~ Or. ~ coil. 20 ss. Q uanto abbiamo deuo Pc-rt:1nto ~ri hcne distinguc:re ncuume nrc in
a 1 rrispondc <lei re.sto abbasu1na csanarnentc Omero il mctlio <;wh r--i.= in rignarJo all"ap-
a!L~ definizione di CTT]!.l!fov fornito sii:ninca- i" ' rizione di divinità (testi in F. f>FIST~R . art.
tivomentc da Suid., s.v.: O"TlJ•ti:ov· 01'oV 't<Ì ' Epiphamc' in PAULY-\VJ .• Suppi. 4 [ 19 , 4 ]
llOTJÌ..<t Xc:t't<tÌ..C11-•f3ci.vt-rCL\ mx,pà. 'toic; I:xm-:1- ~ 79) <lall"a11ivo q>a(•,w in rigu:mlo a o-i)11a-r11.
x<ic;. 8 ci.v!Xl.po\ivt lìtci. cruì..).oy1ai u:;)v ,
1'1 ~J Testi in LrnotoLl.-ScoTT. s,u.
Perciò sarà meglio non tc::ologiz2arc, come
fa ~ S TOCt<INGER 157, l'accostamento non in- ?I Analogamente G""J]µ~i:ov è anche In /racàa
frequente in Omero (~ n , 8) di <pctlvw a crii· 1:1.Sciata d a una persona, ma non tanto come
llct e non s upporre come sfondo «una attenua· çon, totazionc della sua presenz.i - in questo
ta epifania di dèi». Un 'ipotesi del genere, se coso ovremmo Cxv~ - quanto nel senso d i
cogliesse nel segno, dovrebbe trovare più chia- p rova tgn111bilc che era esatta la notizia d ella
ra conferma nel modo d 'esprimersi d i Omero. sua pr('scnza .
cnu,iei:ov A 11 2a ( K. H. Rengstorf) {Vll,>OJi 28

qualora l'esame risulti posmvo, impri- cippo confi11ario o pietra miliare (He-
mono sulla vittima un contrassegno (CTTJ- rodian., hist. 2,13,9 [comando alle trup-
µo:lvw) specifico col loro anello (--> v. pe dell'imperatore Severo]: sotto pend
sotto) e ordinano che ogni sacerdote che di morte si stabilisce che i militari im-
sacrifica un toro non marchiato (&.crii- plicati nell'assassinio di Pertinace non si
µav-ro.;) sia condannato a morte. Lena- facciano sorprendere tv-ròç Éxa'toO"-rou
vi si distinguono dai diversi emblemi di CTTJµElou à.7tò 'Pwµl}ç, «entro cento mi-
ciascuna: CTTJµEi:ov tv -ra~<; vauaìv ... €v- glia da Roma» ) è possibile e significati-
EYÉYP<l1t'tO (Aristoph., ran. 933) 22, e vo a motivo della sua accezione princi-
ovviamente nella flotta da guerra la na- pale, cosl come nel senso di targa della
ve ammiraglia è contraddistinta in quan- mummia che indica di chi è il cadavere
to tale da un particolare segnacolo: i:ò così contrassegnato (Preisigke, Sammel·
CTTJµiJ~ov towv i:Tj<; CTpai:'l)yloo<;, «veden- buch 4387: 1Iav1crxtu't'oç xoupÉw<; [bar-
do il segnacolo dell'ammiraglia» (Hdt. biere] crijµa), o di segno celeste ( = CO·
8,92). Sempre nel linguaggio militare stellazione ), poiché le stelle dànno im·
CTTJµELov indica l'insegna, soprattutto portanti indicazioni di luogo e di tem-
quella del re: 'tÒ (3aql).1%ov CTTjµ€fov ( Xe- po: Eur., Rhes. 528 ss.; lon n56 s.;
noph., an . x,10,12), e poiché le insegne cfr. Arat., phaen. 10: au'tòç yàp i:a yE
indicano il luogo dove sono radunati i cn)µa't'€'J OVpG.V~ ÈtTTIJpLçEV, «egli SteS·
soldati, il termine tecnico i:à Ci''l)µEia in- so infatti fissò le costellazioni in cielo»
dica anche l'accampamento: Èçw 'tWV ecc. 25 ; oppure di semplice seg110 sul cor-
CTTjµtlwv (Xenoph., Cyrop. 8,J,19) 23 • Il po sia natural.e sia causato da ferita ( ~
diadema è CTTJµEtov perché indica il col. 24), ma anche della circoncisione
membro della famiglia reale che, a diffe- (Preisigke, Samme/buch 15,26 [155/
renza degli altri, ha il diritto di portar- r 56 d.C.; si tratta di figli di sacerdo-
lo (Xenoph., Cyrop. 8,J, I 3). Lo scudo ti ]), o di lettera dell'alfabeto, segno gra-
del guerriero ha il suo CTTJµE~ov nell'or- fico o stenografico: P. Oxy. IV 724, 3
nato artistico che individua la persona (sec. m d.C.): uno schiavo viene affida-
di chi lo possiede (Aesch., sept. c. Theb. to a un maestro di stenografia ( CTTJ~Lo­
387. 432; Eur., El. 256 ecc.: crijµa, yp<iq>o<;) perché ne apprenda l'arte (EL<;
Hdt. 1,171: CTTjµrwx). Analogamente µaal}crw CTTJµElwv). Particolarmente si-
CTTjµ€fov è il segno impresso sull'a11ello gnificativo è che in epoca molto tarda
che serve sia a indicare il suo possessore (sec. vr d.C.) un analfabeta sottoscriv:i
sia ad attestarne il volere (Aristoph., eq. un documento con tre croci e lo scriva-
952; cfr. Plat., Theaet. 191d: oa1mi- no convalidi questa firma rudimentale
),lwv O'l)fJ.E~a); inoltre significa tutto ciò scrivendo il nome (Ilé<tpov) del suo
che, in quanto ;igillo o suggello (BGU cliente analfabeta sotto le ere croci,
rv 1064,18, sec. II d.C.) e persino mar- mentre il termine crijµa anteposto al no-
chio di fuoco nel caso di an.imali (BGU me proprio può significare soltanto che
II 427,30, sec. n d.C.), permette di de- il Pietro in questione ha di suo pugno
durre determinati rapporti di proprie- scritto le tre crocette con le quali inten-
tà 2'. L'uso del vocabolo nel senso di de sottoscrivere il documento (P. Masp.
u Cfr., ad es., anche Eur., Iph. Aul. 253 ss.; 2• Altri testi in PREISIGKE, Wort., s.v.
Thuc. 6,3r,3 . 25 Secondo la tradizione, un'opera di Teofra-
2J Nell 'ao:ampamento ogni &pxwv ha il suo sto andata perduta aveva per titolo: n<pL O'r)-
O'T}µEiov sulla propria tenda: Xcnoph., Cyrop. µt!wv &oa:twv xa.l ?tvtvµcl:twv xa.l XEl.!lÙ>-
8,5,13. vwv XClL Evlì..Wv.
29 (Vll,>OJ) cr111u~ov A 11 ZJ·b ( K. 11. Rengstutf)

11 671r->,37) 2J. In matematica O"TJ~~ov la Èmypa.qri1 caratterizza il -.ci:q>oç, so-


è il pu11to (Aristot., an. post. 10 [ p. 76 prattutto nel caso di sepolcri costosi. Jl
b 5) ecc.). Questi sono alcuni dei signi- passo spiega inoltre anche il motivo per
ficati, ma gli esempi si potrebbero mo!- cui O"i'jµa poté diventare la designa-
iiplicare 27 • zione specifica della stele funeraria (~
col. 24) 29; infine ci permette di osser-
In tutti i testi ci rati si tra tra sempre vare che ancora in questa epoca tarda
della visione di qualcuno o di qualcosa, aijµa è connesso a ciò che colpisce b
• l-0
che permette di cogliere una circostanza v1sra .
o un dato per elaborarlo ::onccttualmen- b) Anche nella significazione ulteriore
te e inquadrarlo in modo appropriato 2!. O'T]µi;fov, svolgendo caratteristicamente
Che in tale processo l'attenzione sia po- antiche predisposizioni, è giunto ad un
uso più vastO. Presso Erodoto ha acqui-
sta solo ed esclusivamente sull'esattezza
stato il signi6caro di ingiunzione, nel
della determinazione, è provato dall'in- senso specifico di «ordine d'attacco,.,
consueta molteplicità di usi. Di qui si quale elemento costitutivo della lingu.1
spiega anche perché, almeno nel linguag- militare: à.vtlìEl;.E O'T]µiJLov xat -ro~ctt
a>-.À.OLO'L ci:vayecrOO'.L, «diede anche agli
gio letterario, CTT)µEfov abbia sostituito altri l'ordine di attaccare» (7 ,128 ). Que-
quasi del tutto crijµa. ~ta accezione è molto significativa perché
fin dall'antichità nel linguaggio milita-
Un'eccezione a questo riguardo costi- re 31 il concetto di comando implicava
tuisce il fatto che per indicare la tom- aspetti visivi e acustici. Ma ancor più
ba ecc. si è sempre usato il termine cri'j- essenziale è che in questo modo O"'l)µtt-
µa (Aristoph., Thesm. 886.888; Hdt. I, ov diventa termine specifico per indi-
93 ccc.; Plat., Phaedr. 264d; Gorg. 493a care la significazione di volontà intesa a
in un gioco di parole: awµa/O"i'j µa, cfr. de terminare l'altrui volere e a plasma-
Cral. 4oob.c e passim; Apoll. Rhod. 1, re la valutazione altrui. Un O"T]µt:fov di
io6t s. ecc.). Plutarco permette di in- questo genere sra fondamentalmente sul-
dividuare molto bene il significato spe· lo stesso piano della parola parlata, trat-
dole che al suo tempo nella lingua dotta tisi nel singolo caso di spiegazione, i-
si attribuiva all'antica parola e che la s1ruzione, <lireniva, o di comando.
distingueva dai sinonimi. Egli l'usa in
Otho l8, r (r 1074e/ 1075a) accanto a Ovviamente tutto ciò vale particolar-
-r<iqioç e µvi'jµa in guisa che il crijp.a ap- mente nel caso in cui il soggetto del 0'7]·
pare lo forma esteriore che insieme con 1iE~v è una persona divina che per mc::-
2J In testi analoghi dell'epoca (P. Masp. IJ 67 CTT)l.u:<ov sono collegati vc::rbi di ronosc"<:m.1.
,,6,34; 67 i64,12 ) si legge non aijµa., bensl l9 Altri testi in PREJSIGKE, Worl., s.v.
<TT)J,ULoV. ~ n . l.
21 Lu lingua popolare ll Numerosi altri passi in cui 1·icorre cr'fiµ<L/
seriore offre alcune ulte-
riori varianti. I presupposti di questi usi sono crciµa, in pane sinonimo di µvfjµa/µv iiµa ,
dati dlii carattere formale-tecnico che il voca- si tro\·ano in W. PEEK, Griechisclu Grabge.
bolo possiede per sua natura e che a priori cl1rh1c (196o), passim.
pcrmcnc una cerra ampiezza di applicazione. li li vocabolo è importante anche alrrove nella
Cfr. i vocabolari. 1erminologia militare. Cfr. a questo riguardo
2' A questo proposito non si <leve dimenticare i vocabolari e in porte anche la trattazione che
che in numerosi passi citati e~ coll. 20 ss.) a segue.
O'l)IJStOV A II 2b (K. H. Rengstorf) (vn,io5) 3l

zo di esso intende informare o portare dallo stesso Plutarco. D'altro canto,


un individuo a una conoscenza che gli proprio sotto questo aspetto l'uso del
è indispensabile. In questi casi O'T)µtfov vocabolo è vicinissimo a quello che si
ha un significato più ampio rispetto alla ha nelle deduzioni logiche e in analoghe
sentenza oracolare o al sogno, ma ap· operazioni mentali.
punto per questo esso abbisogna, in o- A questo riguardo, sia nel dialogo fi.
gni caso, della spiegazione adeguata cd losofico sia in ogni appello alla sana ra-
esperta che ne consenta una retta com- gione umana, crnµriov acquista il signi-
prensione ·'2 • Una spiegazione del genere ficato di argomento o anche prova, nel
ebbe Alessandro Magno in occasione di senso di affermazione sicura; oppure
un fatto misterioso accadutogli durante anche di esempio, nella misura in cui
l'assedio di Gaza e che in questo caso questo ha la funzione di chiarire, far u·
richiedeva assolutamente un'interpreta· scire dall'incertezza e dal dubbio. In
zionc in quanto il O'T)µefov era ambi- quanto argomento, O'T)µfi:ov attiene an·
guo: un volatile lasciò cadere sul re una zitutto al pensiero logico e richiede
zolla di terra che lo ferì, ma subito dopo quindi l'eventuale confutazione forma-
l'uccello andò a sfracellarsi contro una le; cfr. per es. Plat., resp. 2 ,368b: ooxw
macchina d 'assedio. La spiegazione, che ycip µoL à:ovvo:;oç ervm, CM]µEi:ov OÉ µoL
poi si avverò, preannunziava al re che ($-.~... , ovx Ò:1tEOÉ!;o:a1}é µov, «mi pare
sarebbe stato ferito, ma che avrebbe an- infatti d'esserne incapace; e me lo prova
che felicemente condotto a termine l'as· il fatto che ... non accettaste le mie ar-
sedio della città (Plut., Alex. 2 5 [ I 679 gomentazioni» 34 . Nel senso di esempio,
b] ). Solo se si comprende quanto inten- O'T)µEi:ov serve in primo luogo come il-
samente per l'uomo antico in casi di lustrazione, solo in un secondo momen-
questo genere il vocabolo O'T)µEi:ov atten- to mira alla certificazione; cfr. per es.
ga alla penetrazione nelle misteriose vie Ael. Arist., or. 29,5 : O'T)µttoV oÉ· o&Odç
del destino 33 , esso perde da un canto yo\iv ouç Ò:y0:1tq XCXL o{ç ciycd)ov \L
quella che comunque è soltanto una par· vvµPou).e;cn, \OV\OL<; xa.xwç axovov·
venza a lui imposta, di indicare cioè, a ow È<p'l)oE-ra.t, «per esempio: non si
ceree condizioni, con particolare rilievo prova piacere della cattiva fama di colo-
una manifestazione divina intesa come ro che si amano e coi quali si progetta
un fa1to religioso. Inoltre, che questo si- qualcosa di buono». Nel senso di prova
gnificato non meriti alcuna seria consi- o in altre accezioni simili un O"l'}µEfov
derazione è provato già dal fatto che, tranquillizza o rende certi. Una caratte·
specialmente nella tarda antichità, anche riscica di questo uso è che le di verse sfu-
un O'T)µE~ov di ampia portata non è af. mature possono intrecciarsi, per es., in
fatto, di necessi1à, un O'T)µdov divino, una formulazione quale: tyw... ;oiho
come si deduce abbastanza facilmente <.OLoii1.M);L CM]µtfov V1tÈp •wv yvvo:Lxwv,

Jl Cfr. per es. Plat., Pbaedr. 244cd con la di· sponùere agli stessi requisiti rkhiesti alla pa·
stinzione rra o!ovoi:<r'ttxi} e otwvt<T'tLXTJ .,,t. rnla del 61osofo (cfr. Platone).
XVTJ. 3' L'addentrarci nei particolari dell'uso lin-
guistico di l1TJµEtoV in Platone porterebbe
33 Perciò in un ceno senso un cniµtLov pre· troppo lontano. Circa l'uso in Aristotele dr.
su ppone che si tratti di un data au.q>t~, cioè H. Bomrz, Index Aristotelicus' (19n), s.v.
intelligibile e interpretabile; cfr. gi~ Soph., Un ruolo speciale svolge iJ termine nella lo-
El. 23 s. 885 s. Io questo contesto non si do- gica ellenistka. Cfr. Philodemus, de signis, ed.
vrebbe dimenticare cbe il vocabolo deve ri· P.H. e E.A.DELACY (1941) [DlHLE].
33 (vn,205) CTl)J~Eiov A Il 2b.c (K. H. Rengs1orf)

«io... cc- sidero questa prova a favore zione dei Romani e non cli sottolinearne
delle donne• (Plut., amai.' [ ll 7' 1 c] ). la religiosità. Analogo è il tono delle pa-
role di Plutuco quando narra che verso
Anche nell'uso traslato di CTTJµ.Ei:ov il la fine della sua vita Alessandro Magno
significato grava esclusivamente sulla s'era dato completamente alla supersti·
zione (tvÉOWXE 7tpòc; i:à. iMa) ed era di-
conoscenza e sulla decisione e precisa-
ventato inquieco e timoroso e che perciò
mente in una forma che s'appunta sul ouoÈv Tiv µLxpòv oihw i:wv à:fi&wv xoct
singolo e da lui non può prescindere. à.i:67tWV a µ'i} •Épcu; E7tOLEi:-.O xat <T1')-
Persino quando la tipica evoluzione del 1.ui:ov, à.U.à. l>voµÉvwv xcxl xa.l>cupov-
-rwv xa.L µ(tV1:EVOV1:WV µtcr-.òv ~V 'TÒ
senso di ITT)µti:ov porta a un uso forte- ~acrl'>..E1ov, «non c'era fatto per quanto
mente differenziato, il vocabolo ha con- piccolo, stravagante e strano che egli
servato il suo carattere originario per non ritenesse prodigio e segno, e la reg-
gia era piena di sacrificatori, purificato-
così dire tecnico. Q uesto dat0 di fatto
ri , vaticinatori» (Plut., Alex. 75, 1 [I
fa sl che esso non possa mal essere con- 706a .b )). Di vera e propria superstizio-
siderato un termine specificamente reli- ne popolare si occupano anche due passi
gioso in comesti nei quali ha che fare analoghi presso Appiano. Il primo ri-
guarda l'acmosfera che regnava nel sena-
con un effettivo o presunto intervento to romano dopo che Cesare ebbe passa-
di persone o forze divine. Anche nel to il Rubicone (Appian., beli. civ. 2,
caso in cui un a"l')µEi:ov serve a comuni- 144), il secondo descrive lo stato d'ani-
mo della popolazione romana nel mo-
care conoscenze religiose, il suo riferi-
mento culminante della lotta fra Otta-
mento rimane (~ col. 20) antropologi- viano e Antonio (bell. civ. 4,14). In am-
co, non diventa mai teologico 35. bedue i casi si tratta cli stranezze ra-
dicate nella credema popolare, quali
c) L'espressione <T1')µ.Ei:et xett i:ipa:ta., ad es. piogge di sangue e di pietre, im-
in cui si accostano due termini per na- magini di divinità che trasudano, fulmi-
tura tipicamente diversi (~ n . l4 e ~ ni che si abbactono su templi cd effigi di
i:ipcu;), ricorre, a quanto pare, a partire dèi , inspiegabili rumori d'armi e di ca.
da Polyb. 3,r 12,18. Il passo in questio- valli, abnormità della natura e altri fe-
ne parla della popolazione di Roma as- nomeni ancora. Nel primo caso questi
sillata dal pericolo incombente rappre- strani fenomeni vengono catalogati sot-
sentato da Annibale dopo la battaglia di to la definizione di -.Épa.i:o: ... r.o>..ì..à. xoct
Canne e dice con cono ironico: <TT}l.ltlwv <TTJµ.Eto: oùpavlet, nel secondo caso ci si
OÈ xa.t i:Epét-.wv 'lt<iv µ.èv lcpév, 7t<'icra. limita a chiamarli i:Épo;i:o: xaL CTT)µ.EUx,
o"~v olxlet 7tÀTJPTK. <ragni tempio e ogni e I 'oupavlet si dovrà attribuire esclus i-
casa era piena di segai e prodigi». È evi- vamente al fatto che determinati feno·
dente che l'affermazione ha lo scopo di meni, ad es. le piogge di sangue e i
sferzare il timore e l'ingenua supersti- fulmini, provengono dal cielo. In que-
33 In questo uso linguistico si inserisce anche può dedurre, a prescindere da tes1i in cui ab-
il retore e aretalogo Elio Aristide, che meri- biamo un uso puramente tecnico dcl vocabo·
ta un particolare interesse in quanto micro- lo, ad es. do or . Jacr. :.,73, dove si parla di un
siatico dcl scc. 11 d.C. Egli non conosce un uso µtyl.o''tOV CTl')µitoll 'tOU hou i:iic; llvvOµtwç.
specificamente religioso di CTl)J.ILÌOll, rome si
35 (vu.205) OTJ1.u:fov A I 2c · 111 (K. H. Rcngscorfi (vn,206) 36

sto caso i passi considerati dànno a in. quanto abbiamo già esposto in questo
tendere che la relazione da essi instau· brano.
rata non è un fatto per sé ovvio, ma co·
stituisce una specie di formula addizio· Riepilogando 37: converd essere estre-
nale che unisce due cose per sé dissimili, mamente cauti quando in ambiente gre-
-rÉpa.c, e Oì]µEfov, a motivo del significa- co si tratta di interpretare in senso reli-
to che hanno per l'uomo sprovveduto.
gioso epressioni in cui compaiono O'l)·
Perciò nel secondo caso non si manca
di menzionare i µctv'tELç, che il sena· f..lEWV e 'tÉpa.c,.
to fa venire dall'Etruria 34 • In questo
quadro c'è da tener presente, come pro· Ilf. Ol]µEi:ov nella gnosi
va il citato passo di Plutarco, che i due
termini -rÉpa.c, e Oì)µEi:ov possono es· Benché, per la mancanza di indici
sere collegati in senso alternativo (~ completi, sia difficile avere un soddisfa-
col. 23 ). L'affermazione è suffragata da
Plut., sept. sap. conv. 3 (n r49c), dove cente quadro complessivo, si può tutta-
alla nascita di un centauro da una Ca· via tener per certo che nella gnosi O'l)-
valla si esorta a ÈmuxÉljia.al}a.t ... 7tO'tE- 1.tEi:ov non ha un ruolo a sé stante. Stan-
pov éi.).).<»c, yÉyovEv ì) 'tL Oì]µEi:6v Èv'tt
do ai risultati di alcuni studi condotti
xa.t i:Épa.c,, «indagare se si trattasse di
un parto abnorme o di un qualche segno su questo argomento, si può sostenere
o pwdigio», e il narratore fa terminare che il vocabolo è raro, non offre un'ac-
tutto in una risata, poiché, a suo avviso, cezione particolare e soprattutto è pri-
in questa situazione Talete seppe solo
dare questo consiglio: o non mandare vo di una qualificazione specificamente
mai pastori giovani a pascolare cavalle, religiosa.
o permetter anche a loro di prender mo-
glie. Solo Ad., var. hist. 12,5 7 sembra Nella cosiddetta Liturgia di Mitra
uscire in un certo senso da questo oriz- manca completamente il termine Oì]µE~­
zonte quando, in un racconto sull'asse· ov. Gli scritti ermetici ne contengono
dio di Gaza da parte di Alessandro, par- pochi esempi: in Corp. Herm. 3,2
la di bEol che inviarono Oì]µEtet xa.t ":É· (Nock-Fest. l 44,r 5) Oì)µdov indicà la
pet'ta. per preannunciare eventi futuri. costelta:zione (cfr. ~ col. 28); in Corp.
Ma è evidente che anche in questo ca- Herm., jr. 24 (Nock-Fest. IV 56,9) vuol
so parla la credenza popolare e non un dire prova, dimostrazione ( xat 'tOV·
più profondo giudizio teologico o anche ":O Oì]µEi:6v fo·n ... ), e così anche in
soltanto religioso; pertanto anche in Corp. Herm., fr. 26 (Nock-Fest. IV 84,
questo passo l'espressione, peraltro mol- r 5 [ "tijc, 7ta.À.wopoµla.c, Èva.py~c, i:ov"to
to rara, sostanzialmente non va oltre Oì]µEi:ov .• ., «questa prova evidente del

36 Analogamente, secondo Epineto, quando e- terna che distingue il bene dal male. Cfr. difs.
siste, o sembra esistere, un 0'11!.U:Lov - in quan- 2,7: nwc; µcxvnu<tfo•J;
to tale normalmente ambiguo - , è necessaria
un 'interpretazione. Tuttavia, pienamente coe· 37 Purcropp0 non siam<.> riusd ti a consultare
rcnte col suo sistema filosofico, rifiuta il µav- un testo citato da LrooELL.SCOTr, s.v. GTJ!M\·
-ct.;, che secondo lui è un cedimento alla pi- ov, cioè I PE 1' 352,25 (Chcrsoneso, sec. 11
grizia umana, e al suo posto pone la voce in- a.C.).
37 (vu,zo6 ) <TTJllE<ov A "' - fl 1 ' ( K . H. Rcngscorf) (vu ,207 ) 3M

movimento di ritorno ...»]), con cui va è dcl rutto unitario all 'interno dcl ceri-
confrontato quanto s'è detto alla --+col. mo niale sacramentale'", ma rigua rda cer-
24. Una preghiera magica di P. Lond. to in particolare la solenne segnatura
1 r 2 r (sec. 111 d.C.) alla dea Luna 38 usa del catecumeno durante la recita dello
o-l]µEi:ov nel senso di figura in cui si formula battesimale dopo l 'immersio-
esprime la natura di un oggetto deter- ne 45 • Talvolta il vocabolo appare persi-
minato. In un altro testo (Scott IV 146, no sinonimo di m'sbwt', battesimo, in
9 s. ) si dice che un angelo porta sul ca- quanto appunto q u~st'ultimo è collegato
po il suo <TT)IUÌ:OV, cioè un contrasse- a una segna1ura (dr. Lidzb:uski, Lit11rg.
gno w che ne permette l 'individuazio- x52,8) .., ma proprio in questo caso fini-
ne (-+ col. 27 ). In tutti q uesti pas- sce per tradire il suo carattere :mcon1
si •1 l'uso di <TT)µEl:ov rimane nel con- una volta formale.
testo trodizionale, per cui non apporta
alcun tratto nuovo al quadro già traccia- B. Cf'l'Jl.lELO\I NEL GJUDAl SMO
to, actencndosi al ci1rattcre tecnico del
voc:1bolo. I. L'Antico "/'cstt1mento grt•co
1. Dati generali circa iJ subst rato pre-
Per la letteratura gnostica dei Man- greco: gli equivalenti ebraici
J ei a riguardo di rwi(w)m', segno, vale
quanto s'è detto per <TT)µE~ov nei test i Nd l'A.T. greco <TT)µE~ov si t rova r 25
gnostici greci. Più frequente di q uest 'ul- volte, di cui (i ncluso Ecclus) 80 come
timo, nell'ampiezza del suo uso nel sen- traduzione di un termine ebraico. La
so di segno, contrassegno, mo1111mento, sua presenza si constata sopr:ltllltto nel
non ha a sua volta alcun valore specifico Pentateuco e negli scritti profetici, men-
o contenuto religioso autonomo. Soprat- tre nei libri storici e nella letteratura sa-
tutto non si riferisce mai al miracolo in pienzale ha un ruolo relativamente se-
quanto tale. Derivato dal verbo rim, se- condario, per influsso Jegli :.criui nun
gnare, conlrasseg11are, fomirl.' di seJ!.na- c:inonici. In qualche ra ro p:isso <TT)-
le, rwI(w)m' in certo modo sta in luo- µ dov non traduce un eq uivalente spe-
go di 't' che compare solo raramente cifico, ma se rve per interp rerure il te·
(-+ coll 6 1 ss.) ". Il valore centraie del sto ebraico . È il caso per es. di fa.
termine si trova nel conteslo del batte- 9,4 .6, dove si narra che una cena par-
simo che avviene nel 'Giordano' (--+ x, te del popolo sarà segnata sulla fron-
co!J. r560 ss.) 42 ed è detto segno puro: te con un tau, 1'ulti1T1a lem: r•t dell \1lfa-
rwJwm ' d'kj' (Lidzbarski, Uturg. 49,5; beto ebraico, che in origine aveva b for-
5 r ,9 e passim) o segno della vita: ru:· ma di croce. In q uesto passo il nome
Iwm' dhii' (Lidzbarski, Lit11rg. 27 ,6; della lettera, di cui il lettore greco non
40,3 e passim ) 0 . L'uso lingu istico non si poteva fare alcu na idea, è sostitu ito

l8 REITZP.NSTEIN, Poim. 262 s. 41 Cfr. l'espressione ndm' Ji'rJu' (LrozoAR-


l? A questo proposito dr. anche A.]. FESl'U· SKI, Liturg. 274,2 e passim) indicante il b at-
GJÈRE, La révé/ation d'Hermès T'rismégij/t 11 tesimo.
(t9,o) 2'7 n. 2. 4J E. S. DROWE• . \Va/a ù1to \Vine ( 1 9~6) 16 c
40 Corp. Hcrm. 3,3 (NOCK-FEsT. 1 4 5,r4) ha
n. I.
l'espressione O"T)µEi<x a:yai>Wv. Ma il testo è
'" Cfr. SEGELBElC, op. cit . (--+ n . .p ) JH· f40.
incerto (cfr. l'~pparato critico).
45 Cfr. SEGELBP.RG, op. cit. (--+ n. 4 1 ) H s.
" Or. E. SECE LBERG, Alafbtìtil (1 9,s ) 135
n. 5. 46 Cfr. SE.GELBEKG, op. d r. (-4 n. 41 l H ·
39 (vn,>07) cr11µsi:ov B 1 t->b (K. H. Rengstorf) (v11,208) 40

a CTT)µti:ov, di modo che il lettore si 2. '61 nell'A.T.


uò figurare ciò che gli è noto dal suo a) Dati etimologici e storico-linguistici
mbientc (~ col. 28; ~ acppay~). A-
alogamente avviene in Ier. 6,1, dove Sotto il profilo etimologico non si
mai'et, tradotto con CTT)µti:ov, probabil- può dire nulla di cerco a proposito del
mente intende un dispositivo di segna- vocabolo. Benché sia molto diffuso nel
azione •1 . In alcuni passi CTT)µEi:ov tra- semitico occidentale, anche solo i ten-
duce l'ebraico nés, che a sua volta indi- tativi di coglierne e definirne la radice
a qualcosa di emergente e perciò ben che ne sca alla base non sono approdati
·isibilc: in Num. 21,8.9 è un lungo pa- finora a risultai i soddisfacenti 51 • C'è poi
o; in Is. 11,12; 13,2; 18,3; ltp. 28 da aggiungere che, per quanto riguarda
[p],12.27 è un vessillo di combatti- la storia dcl termine, praticamente non
mento, in parte accanto al corno che si serve accostarlo all'accadico ittu, che
suona per dare il segnale di battaglia; in secondo l'opinione corrente è affine a
ls. 33,23 è una bandiera navale o sim. 48 , 'ot. illu 52 talvolta è il segno oracolare,
ma può anche essere un segno premo- ma ha anche altri e non pertinenti signi-
nitore da non trascurare (Num. 26, cati. Il tentativo di determinarne I si-
10)"'. Tn 2 Chron. 32,24 crT)µEi:ov sta gnifìc:ito fondamentale nel senso di av-
;mchc per mofét (cfr. Ex. 7,9; II,9 s.), viso facendolo risalire al linguaggio com-
he è sempre in rapporto con un fatto merciale 5J, è stato nel frattempo ritrat-
prodigioso e normalmente nei LXX è tato dal suo stesso autore S<. D 'altro can-
tradotto con ~ 'tipa<; , senza che si rie- to si è accostato ittu a 'ét invece che a
sca a comprendere perché in questi pas- 'ot e si è ritenuto di poterne d efinire il
si sia stato preferito O"l)µErov 50 . Comun- significato fondamentale in a period o/
que nei circa quattro quinti dei casi in time determined in advance, cioè 1111 pe-
cui si presenta nell'A.T. canonico O"l)µE~­ riodo di tempo determinato in antici-
ov traduce 'ot. Poiché a sua volta '61, po 55. Quindi, anche partendo dal semi-
a prescindere da alcune eccezioni rela- tico comune, per il momento non è pos-
tivamente rare, è sempre tradotto dai sibile fare passi avanti.
LXX con rniµei:ov, per comprendere ret-
tamente il termine greco è indispensa- b) '( w)t negli oslraka di Lachis
bile che esaminiamo prima il significato
della parola ebraica. Un testo non veterotestamentario ma

" I commentari pensano ad un palo collocato bi/ire, indicare (?). Cfr. i vocabolari cbraid
in allo o od un segnai~ di fuoco o di fumo. e la relati va bibliogrofia alla voce '61.
m/'t ricorre anche nel quarm 0$1lOkon <li La. S? Cfr. The Assyrian Dictionary, c:d. I. J.
chis (--. col. 41) come concetto sovraordina- GELB e altri (r96o) 304·310 (ivi altra biblio-
to a 'u.•t . grafia).
•s Cfr. i commentari ad I. e--. col. 27. -'J B. LANDSBE'.RGER , Die Serie ana illiiu, Ma-
•Y ni!s è staro tradotto e interpretaro in modo terialien zum Sumerischen Lexikon 1 (1937)
ubbostonza vario. Così in Ex. 17,r1 il motto 109.
ihwb 11is1I è srato rradotto a senso Kvpi.éç s• B. LANDSBERGER, Jabreszeiten im Sumcrircb-
µou xa'talj)uy-1), «il Signore è il mio rifugio.. Akkadischen: Journal of Near Eastern S1udies
~ Chiaro è invece perché lud. 10,38 nei LXX 8 (1949) 294 n. 146.
(cod. BJ presenti O'T)µtiov per m6't'd, intera : s; M . B. RowTON, .,TUPPU» and thf D11tt o/
occorre una chiarificazione. Hammurabt: )ournal of Near Eastern Studies
SI Si deve pensare in primo lu<>so a 'wh, 1ta· IO (1951) 184-204.
41 (VJl,208) OTJJ.lltov B 1 2b (K . H. Rengstorf) (Vll,>08) 42

contemporaneo aU'A.T., in cui abbiamo vano a difendere l'accesso alla regione


il termine 'Ot, è il quarto ostrakon di La- montana della Giudea, e quindi a Geru-
chis 56 , probabilmente in due passi 51 , se salemme, contro un'invasione egiziana
dalla riga 10 il testo, con buoni motivi, dalla pianura filistea. Questi presuppo-
va tradotto così: «egli ha stabilito 58 che sti storici rendono certo il significato di
noi badiamo al posto di segnalazione 't in questo ostrakon nel senso di un
(mS't - n.47) di Lachis, seguendo tut· segnale per trasmettere una notizia, qual
ti i segnali ('tt == 'wtwt) 59 che il mio si- è quello che può essere stabilito in un
gnore ha dato((); infatti non s'è visto sistema di segnalazioni, sia mediante
alcun segnale ('t) da Aseka» 61 . L'ostra- fuochi sia mediante fumate . Se tutto ciò
kon contiene un'informazione militare è vero, '( w )tè qui un termine che acqui-
risalente alla penultima fase della guerra sta il suo significato specifico solo nel
fra le tnippe di Nabucodonosor e l'eser- contesto in cui è usato. Già per questo
cito del re giudeo Sedecia, nell'attimo di motivo si deve ritenere fuori strada l'i-
respiro dovuto al momentaneo ritiro del. potesi recente, secondo cui il quarco
le truppe assedianti nell'estate del 588 ostrakon di Lach.is sarebbe indirizzato al
Uer. 37 ,5 ss.) 62 • Evidentemente si rife- profeta Geremia e 'tt si riferirebbe a
risce ali 'organizzazione, o meglio riorga- prodigi divini (miraculous proofs ), CO·
nizzazione, del sistema di informazioni me quelli che, secondo Deut. 13,2, de-
tra i vari avamposti giudaici che servi- vono legittimare il profeta •3 (anche a

56 Lachis 1 <Teli ed-Duweir): The Lachish 56), oltre che da U. CASSUTO, Die Ostraka
Letters by H. ToRCZYNER e altri (1938) 75- vo11 Lakisch: MGWJ 83 ( 1939) 88 e J. B.
87. Riproduzione fotogra6ca: E. WiiRTHWEIN, PRlTCHAllD, Ancie11t Near EtJstern 1'exts'
Der Text des A.T. (1952 ) fig. 3; trascrizione (1955) 322. Ora però sembra che nel contesto
ebraica del tcs10: K. GALLING, Textbutb wr ci si riferiscll proprio alla ricezione di notizie,
Geschicbte Israels (1950) 64 s.; traduzione te- e la frase in qu(-s!ione potrebbe senz'altro vo-
desca: J. HEMPEL, Die Os1raka von Laki.f: ler dire che Azeka - menzionata da Ier. 34,7
ZAW 56 (1938) r32s. (con ti-ascrizione ); K. come piazzaforte par ticolarmente salda accan-
EL!.IGER, Die Ostraka von Lachis: PJB 34 to a Lachis - per mocivi che qui non possono
(1938) 30.58, specialm. 44. essere approfonditi (dr. comunque ELLICER,
57 Cfr. innanzitutto ELLIGER, op. cit. (-+ n. op. cii. e~ 11. 56] 54} viene a cadere. Del
J6) J0-58 speci:ùm. 54; ID., Zu Text wtd res to I' nr'h (ni'fal ) è ebraico veterotestamen-
Scbri/t der Ostraka vo11 Lachis: ZDPV 62 tario (lud. 19,30; I Reg. l0,!2). Traduzioni co-
(1939 ì 70-72 . me quella propos1a da F. M. CRoss. l..<1cish
50 Per la giustificazione d i questa traduzione UllN IV: Bullctin of che Amcrican Schoo ls
vedi ELLIGER, op. cit. (-+ n. J6) H n. 1; lo., of Oriental Research 144 (I 9 56 l 2 5 (we 110
op. cit. (-+ n. 57) ì0·7l. longer con see 1he signals o/ /lzekah, «non
siamo più in grado di vedere le segnalazioni
59 Per la grnfia cfr. Cen. 1,r.1; Ex. 4,17.28 e di Azeka») dànno un 'immagine erronea del
passim.
contenuto del testo, perché presumono che vi
(() Si intende il superiore dello scrivano. sia 'ti e non 't, che per sé è ambiguo.
61 TORCZYNE.R, op. cii. (-> n. 56) 84 ritenne
11r'h prima persona dell'imperfetto qal, e '1 62 E1.1.1NGER, op. cit. (-+ n . 56) 30 s.
particella dell'accusativo. Invece G. R. DRIVER 63 H. TUR·SINAI (TORCZYNER), Lachish Letter
(in TORCZYNER, ibid.} aveva subito proposto IV: JQR, N.S. 39 (1948/49) 36J-377· -+ KEL·
di intendere nr'h come ni' fal e quindi 't nel 1.ER J, nonosran1e )a sua convi nzione che 'wt
senso cli 'òt, s<>nza però riscuotere l'approva· provengo <lall.1 sfera sacrale, ammette esplici·
zione di Torczyner. La traduzione del Torc· tomente l'uso profano del termine nel q uarto
zyner è accettata da HEMPEL, op. cii. (-> n. ostr'1kOn di Lachis.
4.3 (Vll,208) cnuui:cv B 1 2b·d (K. H. Rengstori ) ( V11 ,209) H

prescindere da altri motivi che depon- più occorre tener presen te che l'abbina-
gono contro un'interpretazione del ge- mento di '61 e mòfet ricorre soprattutto
nere). nel Deuteronomio (9 volte) e che il suo
impiego nel resto dell'A.T. sembra mo-
e) Osservazioni generali circa la presenza dellato sull'uso linguistico del Deutero·
di 'òt ne/I'A.T. nomio 41 • Ovviamente 4uando si cerca di
determinare il senso <li 'ot nell'A.T. tut-
Nel testo ebraico dell 'A .T. che oggi to ciò è importante, e 4uindi va tenuto
possediamo '6t ricorre 79 volte, di cui presente, tanto più che i LXX per ren-
6 dere questo abbinamento di regola si
2 in Ex. 4 ,8 e 2 in Ps. 74A '. Circa la
metà del numero complessivo dei passi servono dell'espressione a'T)µf:~a xat 'tÉ·
si trova nel Pentateuco (39), e circa un pa'ta (~ coli . .56 ss.; dr. coli. 33 ss.).
altro quarto ( 19) in Isaia, Geremia ed
Ezechiele. Pertanto nei cosiddetti li- d) ut in quanlo 011,gello della percezione
bri narrativi il termine compare con mi- sensoriale
nor frequenza. Vedremo in seguito (~
col. 64) che da questa osservazione non Da tutta una serie di passi in cui ri-
è lecito dedurre alcuna conseguenza per corre '6t si può dedurre con certezza che
l'interpretazione del vocabolo, soprat- quanto viene indicato da questo voca-
tutto sotto il profilo teologico.
bolo può, e spesso deve, essere perce-
Anzitutto è necessario tener presente pito dai sensi. Si tratta regolarmente di
che 'òt in una serie di casi (cioè non percezioni visive.
meno di r 8 volte 65 ) sta in rapporto
stretto con mòfet. L'osservazione acqui- In Ps. 86,17 il salmista prega Dio di
sta ancor pit1 importanza se si aggiunge dargli una 'ot di benevolenza affinché
che m6fet ricorre 36 volte in tutto l'A. coloro che lo odiano la vedano e si ver-
T. ebraico. In particolare nell'accosta- gognino, perché Dio stesso aiuta e con-
mento dei due vocaboli '61 di regola sola il suo servo. In Is. 66,19 esiste un
precede, e l'espressione costituita dai rapporto diretto fra una 'ot data da Dio
due termini nella stragrande maggioran- e la manifesta~ione visibile della sua so-
za dei casi è usata al plurale. Ora, in vranità fra i popoli, poiché la prima ma·
base alle nostre conoscenze, mo/et vie- nifesta la seconda. Gen. 9,12 ss. defìni-
ne in uso relativamen te tardi nell'ebrai- sce esplicitamente l'arcobaleno 'ot del-
co biblico, e precisamenre negli scritti l'alleanza ('ot habb'rit; ~ col. 52) tra
esilici o postesilici <». Non è questo il Dio e i discendenti di Noè, e Dio dice
momento di approfondire il suo signifi- espressamente che lo guarda sotto que-
cato(~ nn.105 -106; ~ 'tÉpa<;). Tanto sta luce e che esso ha la funzione di ri·

~' In Ps. 74.4 alcuni commentari più recenti con:ilgliabile mantenere il testo tramandato, e
propongono di cancellare 'i5t6t del secondo presupposto anche <fai LXX , con il secondo
caso (per es. H. ScnMIDT, Die Psalmen, '0161.
Handbuch A.I. 1 15 [ 1934] adl.: <liplografia; 65 Ex. 7,3; Deut. 4,H; 6,22; 7,19; r3,i s .; 26,
~ KELLER 151 n. 9 è d'accordo) oppure di 8; 28,46; 29,2; 34,11 ; Is. 8,18; 20,3; ler. p ,
cambiare il testo (seguendo H. GVNKEL, Die 20 s.; Ps. 78A3 ; 105,27; 135,9; Neem. 9,10.
Psalmen. l fondkornm. A.I. 14' [1926 ] ad f.
per es. F. NoTSCHER, Die Psalmen • [ 19J3] 66 fanno eccezione Ex. 4,21; Deu:. 13,2 s.
ad I.: b(tok6?). Tuttavia alla luce del v. 9 è 61 ~ KELL.ER 60.
aT)11tiov B 1 2J (K. H . Rengstorf )

cordare a lui - come agli uomini - il 51 ). Secondo Num. 2 ,2 ogni tribù dcl
suo patto. Anche Num. 14,22 e Ps. 74,9 popolo ha la sua '6t atto rno a cui si
p:irlano espressamente d'un vedere che raduna e che yuindi d eve essere visibile
ha per oggeuo '6t6t. Nel primo caso si da lontano per poter assolvere questa
tratta delle azioni prodigiose compiute s ua funzione; si dov rà pensare a un par-
da Dio in Egitto d avanti agli occhi di ticobre emblema vi. Ovviamente, quan-
tu tti (dr. anche Num. 14,rr; Deul. 4 , d o la verga di Aronne (Num . x7,25} o
}4; 7,19; 26,8 e passim), nel secondo le lamine applicate all'altare (Num. 17,
('aso non tanto di simboli militari o na- 3) o le dodici pietre fatte ammucchiare
zionali, quanto di un corredo specifica- da Giosué sulla riva del Giordano dopo
mente religioso che o apparteneva all'ar- il passaggio dcl fiume e in seguito por-
redamen to dell'antico tempio di Geru- tate a Ga lgal (los. 4 ,6 ss.) son dette '6t,
salemme o poteva presentarsi in derer. si fo un implicito riierimento alla loro
minate consuetudini cultuali tipiche dcl- caratteristica di oggetti visibili, soprat-
)3 religione di Jshvé (cfr. in Ex. 31,33. tu uo se poi si soggiunge che esse dove-
l/ il sabato considerato 'òt). vano restare a perenne ricordo (l'zikka·
rò11 ... ·ad-'6liim; cfr. v. 7 e vv. 2r ss.) 10.
Non meno istruttivi sono numerosi Anche lob 21,i9 rientra in questo con-
passi che, pur senza dire che oggetto del testo, anche se qui 'òt, come sempre del
vedere è sempre una '6t, presuppon- resto, serve a uno scopo be n preciso(~
gono tu ttavia che con 4uesto vocabolo coli. 50 s.) 71 •
s'intenda qualcosa di visibile. Ad es. la
circoncisione:: è una '61, e quindi in quan- l n riferimento a 'ot l 'udire ha solo
to tale anche visibile, senza che sia ne. una funzione secondaria rispetto al ve-
ccssario dirlo esplicitame nte (Ge11. 17,
10 ss.); cosl pure il sangue con cui gli
dere. Un rapporto di retto di questo ge·
Israeliti dovettero bagnare, la notte del- nere non è indicaro dal vocabolo.
la fug Jall'Egitto, gli architravi d elle
loro case per renderlt t"Ìconoscibili (Ex. Abbiamo un unico caso in cui '6t è
t2,7 ss.) 66 • Ier. 10,2 parla del timore di usato in connessione col verbo udire
'otot haHamajim, ossia di fenomeni (Iama' ); ma anche in q uesto caso ciò av-
straordinari in cielo. Questo presuppone viene in modo da ottenere indirell'a-
che tali fenomeni siuno visibili, e ciò mente un rilievo del carattere visivo di
vale anche quando in Gen. I ,14 i «lu- ciò che è d esignato con 'òt. Jnfotti in
minari nel firmamento del cielo» , che Ex. 4,8 Dio spiega a Mosè che cosa do-
«dividono giorno e notte,., sono de rei vrà fare nel caso che gli Israeli ti, ai 4ua-
'<itot. In l s. 19,19 s. un altare (mizbeìib} li egli l'invia mediante 'iit6t, «non gli
e un cippo (ma!!éba) in Egitto sono 'ot 1:re<lano e non lo ascoltino», l' qol hJ'iit
e 'i!d per Jahvé, nel senso di un richi<I· hiiri'Um, cioè sul I.i b:ise della p rima 'òt.
mo non trascurabile al legame che lo Tu11avia alla luce dell'i ntero contesto
unisce al suo popolo ele tto (~ col. (Ex. 3 ,13 ss.; d r. 4,1oss.) qucs rtl '6t e
•< Cfr. sopratlulto lix. u.1~: <<. •• una 'ili a 7" Ur. anche l'espressione '61 'Oliùn in h 51,
vost rn difoso ... quando vedrò il sangue ...... In 13. Comunqu~. questo passo solleva ahri pro-
questo c;ontcsto non ci <.X'CUpiamo dell'antro- blemi che non è qui possibile affrontare (dr .
pomornsmo della frase messa i11 bocco " Din. i COYnn1cntari ttd l.).
fil '61 in questo passo è distinto da degcl, che 11 Cfr. F. Srm•, Das B11cb Jiiob (r954) JO'
serve da vessillo a tre tribù. ,,./I
47 (vu,110) C7T)J,uttov B 1 2d (K. H . Rcngs1orO (vn,211) 48

e altre '6161 che Mosè dovrà compiere piu ti da Dio in Egitto, narrati in conte·
anno lo scopo di legittimarlo, affinché sti completamente diversi (Ex. 10,1 s.;
li Israeliti ascoltino ciò che egli ha da ler. 32,20; Ps. 78,43; 105,27). Ma in
ire loro per mandato divino e quindi questi stessi termini si può anche par-
in definitiva ascoltino Dio s1csso. L'a· lare di una 'ét futura (l s. 66,19). Anche
scolto che ci si attende non è rivolto del 'segno' di Caino si parla in questo
ropriamente alle '6161, ma alle parole modo (Ge11. 4,1 5). L'idea di cosa è ri·
i Mosè che le '6t6t convalidano. Solo chiamata dai nessi con 'aia, fare 13, Ià-
osì si comprende perché Ex. 4,30 s. di- lap, inviare (Ps. 135,9) e b6', venire 1'.
e esplicitamente che le 'otot sono state Tra questi il nesso più antico sembro
ompiute «davanti agli occhi del popo- essere quello con 'àsii e ho' ". Si dovrà
O» e hanno raggiunto lo scopo di far invece riportare a un modo tipicamente
ttenere la fiducia a Mosè. Allo stesso deuteronomistico di considerare Dio e
odo Num . 14,22 distingue fra il vede· il mondo il fatto che in Deut. 4,34; 6,
re le '6161 di Dio (- col. 45) e l'ascol- 21 s.; 7,19; 26,8; 34,11 ss.; ler. 32,20
tare la sua voce. Nell'A.T . non trovia· s. le '6t6t compiute in Egitto son attri-
omni che le 'ot6t parlino 72 • Esse sono buite, in forma che suona stereotipa, al-
ensì collegate a qualche forma di di- la mano di Dio 76 • Comunque, in ciò si
rso, ma lo scopo che perseguono sta riprende certamente una concezione più
u un piano completamente diverso<- antica, secondo la quale l'agire di Dio
o!. 49). mediante la sua 'mano' è un aspetto fon·
damentnle della sua rivelazione, con la
Probabilmente il carattere visivo del conseguenza che la rivelazione mediante
vocabolo si esprime anche nei verbi che le opere accan to, se non addirittura an·
teriormente, alla rivelazione mediante le
riguardano l'attuarsi di una '6t . Tutta·
parole è costitutiva per la rivelazione
ia essi sottolineano parimente l'aspetto divina in genere 71 . Può darsi che sia
i realtà effettiva che naturalmente ine- connesso al ruolo che ha la mano in que-
isce al suo contenuto. All'uno e all'al· sto contesto il fatto che si parli spesso
di dare (nàtan ) '6t6t (los. 2 ,12; Deut.
ro aspetto rimanda infine il ruolo che 6,u; Neem. 9,ro), in un caso anche in
in vario modo assume la ' mano' rispet· riguardo a un 'segno' umano (los. 2,l2).
to a '6t.
Le svariate possibilità d'impiego di
I passi più istruttivi sono quelli che '6t e i caratteristici nessi verbali in cui
on Jlm e Iit descrivono l'attuarsi di esso compare acccrcano che per la sua
na '61, in un certo senso parlandone
ome di un monumento che viene eret· natura e per la sua origine 'ot è un con-
o. Si tratta soprattutto dei prodigi com- cetto formale che trae il suo sign ificato

2 Secondo .... KELLER :;7 . 70 Questo modo d i usare la parola 'mo110' sot·
1 -+ KtLLER 8: otto volte (Ex. 4,17; Num. rintendc l'idea che Dio abbia poccrc sulla sto·
14,n.22; Deut. II,3; 34,II. !or. 24,17; lud. ria, idea comprovata da determinate esperie117.c
,17; Ps. 80,17). dell'in1crvcnto di Dio.
71 Sui problemi che sono cosl prospmati dr.
4 -+ KELU!ll 11: quattro volte (D1m1. 13,3; la tesi di abilirazione di U. LucK, H1111d und
Sam. >,34; 10,7.9). Ha11d Gol/es, rccememenre prescnrat• all'u·
Cosl -+ K ELLU II. niversiti di Muns1er.
49 (Vll,211) uru~i:ov B 1 2c.l-ecx (K. H. Rengstorf) (vu,212 ) 50

ultimo dal preciso contesto in cui è im- e) 'òt in quanto mer.1.0 di verifica
piegato. Quindi il vocabolo può indicare
Accanto ai nessi e ai contesti che per·
sia oggetti sia avvenimenti, indifferente-
mettono di determinare la natura di 'ot,
mente nell'ambito sia profano sia sacra-
ve ne sono altri che consentono di de-
le. Pertanto per il suo uso non è nem-
durre lo scopo di ciò che è così definito,
meno determinante che ciò che esso de-
anche al di là di quanto s'è già potuto
signa abbia o possa avere aspetti reli-
specificare del tutto genericamente co-
giosi, ma che il vocabolo stesso sia atto
me indicazione (~ coli. 48 s.) 79 • Essi
a indicare o garantire il rilievo di de-
senza eccezione finiscono col chiarire che
terminati oggetti o fatti e a suscitare
una 'ot contiene delle forze che agisco-
giudizi rispondenti. In quanto '6t, la co-
no sullo spirito dell'interessato, di modo
sa o la persona non è mai fine a se stes·
che questi perviene a una certezza che
sa, ma in funzione di qualcosa d'altro.
prima non possedeva in tal grado. L'am·
Tuttavia sotto questo profilo il vocabo-
piezza dcl termine si manifesta nuova-
lo richiede un'indagine particolare (~
mente in ciò che la certezza può essere
colL 50 ss.). Nel suo aspetto formale è
di tipo religioso o non religioso, secon-
appropriatamente reso col vocabolo neu-
do la problematica alla quale la '6t si
tro segno. Anche quando in contesti re-
riferisce o con la quale è messa in rela·
ligiosi si parla di 'segni' di Dio, il ter-
zione da chi la dispone.
nùne per se stesso non ha nulla a che
vedere con la rivelazione, ma funge uni- a ) La miglior prova di queste asser·
cament« ;a indicazione, in quanto rinvia zioni è offerta da lob 2 I ,2 9, dove il VO·
cabolo '6t è usato senza alcun dubbio in
alla rivelazione che avviene o è già av- senso profano: chi ha viaggiato sa co-
venuta 78 • me vanno le cose di questo mondo e
possiede numerose prove ('otot) che
il dogma della giusta rinumerazione
non regge. Dal contesto risulta evidente

" Si respinge <'OSÌ la cesi e.li -> KELLER 144, in concesti religiosi. D'àltro canco non si può
1erondo cui nell'A.T. 'ot equivale «originmin- accettare nemmeno la tesi di N. H. TuR-StNAJ
mentc» a «Segno rivelatore e.li Dio» e include (H. ToRClYNeR) secondo cui '6t è in tbe Bi-
csplicirnmcntc il segno orncolisrico. -> KF.L· blc... t:·1iracu!o11s 1cstimony, «nella Bibbia ... te-
LEI\ If5 ritiene inoltre che, col passa r ,Jcl stimoni~nza miracolos"» (The Book CJ/ ]ob
•t:mpo, la parola da termine rel igioso divcnis- f 19s7 l 333). Pumoppo ci è rimasta inacces-
•c anche elemento costitutivo e.lei linguaggio >ibilc la trattazione in ebraic'O <li N. H. TlfR-
profano, e ciò relativamcnce presto, come pro· S INAl in h/fom wbspr lii (1955) 121-r3r, su
vcrcbbe la presenza di '6t rol significato di 'wt nella Bibbia e nelle iscrizioni di Lachis.
regnale nella quarta le11era di Lachis (-> KEL·
LER 5; -> col. 4x). t vero invece il concra· ;~ Per quanco segue cfr. -> KELLllR 56 ss.:
rio: '61 è per sua natura un ter1nioc pura· Der Zt1Jc«k und dic Folge der othoth. Ci limi-
mente formale, che per questo motivo viene tiamo a utilizzare i testi da lui trattati sen-
usato con grande naturalezza d a sempre anche za accectarne le deduzioni
51 (v u ,2 12) u11:u:~ov BI 2cet-O (K. H. Rengsiorf) (v11,2 12) ,2
che si tratta di qualcosa che balza agli passaggio del Giordano da pane del po-
occhi. I commentari in particolare pen- polo (los. 4 ,1 ss.), dove i dodici cippi in
sano a edifici, mausolei e iscrizioni 80, un primo momento son detti 'ot (v. 61.
rnonumen ti trionfali gi ecc. Il contesto ma più avanti il facco viene interpretato
potrebbe anche far pensare li tombe fa. mediante l'aggiunta l' zikkarl'm (v. 7). In
stose. In ogni caso si tratta di esempi Ex. 13,9; Nwn. 17,3.5 'ot e zikkar611
che nel contesto delle narrazioni in cui sono usati oddiritcura come sinonimi.
sono inseriti dimostrano 82 che la storia Invece nel nostro caso, oltre che in Gen.
non rispecchia la vittoria della giustizia, 9,15 s. e Deut. 7,18 s., dove '61 è lo
ma il trionfo della violenza e rendono spunto e l'aggaacio per rammentare (:z:a·
~ssibile una cosl imporrante valu1a- kar) dccerminati fatti, si trntta di una
z1one. reale attualizza2ione del fauo passato
~)Nell'antico racconto della prosti· (secondo il significato della radice :z:kr •s)
tma Ra hab (~ rv, coli. 14x ss.) e degli per mezzo di ciò che è definito '8t . tn
esploratori inviaci da Giosuè a Gerico Gen. 9, 15 s. l'arcobaleno è 'ot e in que-
(Io1. 2 ,1 ss.) troviamo un:i '61 {v. 12) sta sua catatteristica rammenta a Dio il
collegata a un solenne giuramento, per patto da lui concluso con la gencraziont:
garantire a Rahab che essa, coi suoi fa. del diluvio. Secondo Deut. 7,18 s. le
miliari , può contare sulla s..1Ivezza. Ciò 'otot dell'Egitto, quale fondamento dcl
ricorda Is. 19,19 s., dove sono accostati loro ricordo, sono per gli Israeliti mo-
'lit e 'ed (~ col. 49). Anche il testimo- tivo di fiducia nel presente. Va notato
ne serve a rendere certi. Il segno rassi- che nel .Deuteronomio mancano :z:ikkii-
curante nell'episodio di Rahab non è fa ron e zéker, mentre appunw 'ot vi ha
fune con la quale i visitatori furono ca- un ruolo significativo. Se ne può dedur.
lati dalla finestra (v. 15), ma l'amuleto re che nel Deuteronomio si usa voluta-
costitui to da una cordicella scarlatta di mente 'ot anche in luogo di questi due
uno di loro (dr. Gen.38,18) 81 • Non è vocaboli e che il motivo di questo uso
certo invece che si possa pensare anche sia nel carattere significativo e dimostra-
al colore del sangue di Ex. r 2 , 1 3 ". tivo che il term ine ha per se stesso'°.

y) In qual misura una valutazione di o) Il 'segno' di Caino (Ge11. 4,1,)"


'6t comporti appunto anche l'idea di for- implica una conoscenza e un vincolo per
ze consolidanti risulta dal racconto del :1ltre persone, in quanto attesta che Cai -
s:i Cosl A. W E I SER, Dos lJurh Hiob, t\ .T. LXX. che non h:umo un cruit•c·J «01rispoa·
Deuisch 13' ( 1956) 168 s. <lcmc a '1111. Per flavio Giu,...,ppc -+ ooll. 74
" G. H6LSCHER, Dar 8;1cb 1-linb, Handl>~ch ss. Aquila. Simmaco e Teodozionc prcscm2no
A.T. 17' (r9,l } J6s. b stcs5J lezione dd T.M.
si Or. S.R.DRIVER - G.B.GIAY, 1'hr: Boe.I.:
" 11. \V/. I lr.R17.UF.RG, Vie Biich.-r )osu~. R1ch-
o/ Job, lCC' ( 1950) 189; typit·a/ illurtTtl!iom :a, Ruth. A.T. Deutsch 9 ( 1953) 21 n. 1 u
draw11 ... /rom their expericnce o/ men anJ
los .:z,t s.s.
li/e.... •tipiche illustrazioni trnuc ... dalln loro
esperienza dell'uomo e della "iia... ». s.< Cfr. a qucslo riguardo P. A. H. nF. Boi::R,
u Cosl H. HOL.ZINGER in KAUTZSCM, ad I. M. Gedo11ken t11ul Gediichtnis in der Welt des
NOTll, Das Buch ]osuo, H11ndbuch A.T. 1 i A .T .: Die \V11rzel zkr; Franz-Dclirisch-Vorle-
(19n) 25 a 2 , 1 ss .. in luogo dcll'auualc 11lJjt111
sungcn t96o (196t).
... f?st! wnum li 'wt 'mt propone come testo il<> Invece il verbo ;.kr ricorre in 14 passi del
originario semplicemente ul Jjtm... f?sJ w'mt e solo Dcureronomio.
per questa sua congettura si può appellare ai a; -+ K ELLtl 69-78.
)} ( vu ,2 12) <M)l.U:fov B 1 2e0-l; (K. H . Rengstorf) (vu,213) 5+

no t: sotto la protezione di J ahvé e deve che esso debba in senso streuo ogget1i·
essere rispettato da chi gli sta dattorno. vare una rivelazione. Come sarebbe po-
Chi vede questo segno deve sapere che co sensato limi tarsi a constatare diverse
non può fare ciò che vuole. Secondo possibilir'n d'interpretazione, così dal
Ge11. 4,15 il «segno di Caino» non è af- contesto è possibile dedurre con sicu-
fatto un segno di vergogna o d'infamia, re7-za che il segno di Caino ha come line
ma di protezione. Sia che lo si consideri unn conoscenza riguardante non tanto
un antichissimo simbolo della tribù (dei Dio yunnto Caino. Perranto è p iù op-
Chenlti?). che indica come adoratore di portuno rinunciare a combinnzioni ed
Jahvé chi lo porta 13, sia che si preferi- evitar di parlare di un «segno rivelativo
scano a ltre spiegazioni 19, l'intero con- di prote.:tionc,. 91 •
testo fa necessariamente supporre che si
tratti di u n segno visibile e di significa- e) AJ un processo di riconoscimento,
to inequ ivocabile per chi l'osserva 90 • effe tto e fine di una '6t, rinvia l'espres-
Perrnnto sembra improbabile che l 'an- sione hiiid /•'ut, che in testi recenti 9 1
tico narratore abbia pensato alla ci rcon- non è rara 95 e che per la su11 st rutturn
cisione 91 • L'ipotesi probabilmen te è che finale può essere tradotta con servire da
s i tratti di uno stigma in una par te ben segno 90 , se non addirittura agire da se-
visibi le del corpo, per es. sulla fronte gno. l n tutti questi casi 'ot s'avvicina al
(cfr. Ex. r 3,9, dove pero
si garla di un significato di contrassegno.
xikkiiron «fra i tuo i occhi» , e r Reg.
20,35 ss.) oppure ai capelli della fronte l; ) Il riconoscere è sicuramente lo sco-
(dr. Lcv. 19,27 accanto :i Ier. 9,25; 25, po esplicito di 'ot in quei passi in cui
23; 49,32). Sicuramente all'origine del ciò che il verbo jiida' indica è presenta·
'segno' sta una manifestazione della vo- to come fine o conseguenza della '6t 'TI.
lon tà di Jahvé. Ciò tuttavia non significa Va notato che non è necessario ricorrere

,.; Fondamentale rimane sempre B. Sn DE. Bei- prest.'11z.1 di Caino per accertarlo della prote·
trJge zur Pcnta1euchkr;1ik: 1. Das Kains:zei· 7.ione promess• da Oio, benché tale teoria t ro-
chen: ZAW i4 (1894) 250-318, spccialm. 299 vi continuamente dei sosreniiori .
s. Circa I• forma del segno , inoltre, con STAD~ 91Cosl H. Zr.YoNP-R, K,zitm:eicbt•11, Keniler
301 si pensa ad una noce impressa quale se- und Descbneid1111g: ZAW 18 ( t898) llO·J25.
gno di Jahvé (Ez. 9A ss.). T uttuvia Ira gli alt ri 9l C irca il rapporto fra '61 e :ikkàron - >
J. l-JllMPllL, Gebet und Fromm;gkeit im A.T. coli. 51 s.
( 1912) ' ' ha contestato l 'esistenza d i una re- 9l -. Kt1.ci:R 7'· 13. jACOB, Das errte Bucb
lazione tra il nome di J ahvé e il segno di da Tora: Cmesis ( 193-1) q6. li Jacob vede
Ciinu. -+ ui:a•Jp6~. nel «Scgno di C.aino• un oracolo, m•
non aJ.
u A. Mt!NF.S, Die Soiialpcli1ische Analyu der duce u1oti\~Uioni C:Ofl\IÌnccnti.
Urgcschichtc: ZAW 43 ( 1921) J>·62 qualifica 9: f;c•preç<i1>nc più antica è J>robahilmentc
bcnsl il segno di Caino anche come segno di hJiJ 'ot , >C!l<a il lamed (Ex. 8.19; los. 4,6).
protezione, ma propone di vederlo innanùtut·
-1J Gt111. 9, 13; lj ,11; E:<. 13,9.J6 ; 1\111111. 1 7.l~
10 come una sorca di placet divino al ritorno
<li Caino dalla condizione di civilt~ nllo stato Ez. 20,12 .20.
% ('.Qsl C. l 1. RATSC:!IOW, \'(/ercl«11 11111/ Wir·
J i natura . Tutwvia, poiché secondo il Menc>s il
culto di Jahvé ha inizio con la concessione del kcri. E,,,e U111crsuch11ng des Wortes haiah,
segno Q Caino, sarebbe meglio parlare in que- Bcih. Z:\\V/ 70 (194<) ro.
sto senso di un segno di annessione. $; -... Kr.1.LER ~Il: Ex. 7.3-5; 8.18 s.; 10,1 s.;
9J Non è quindi il caso di penS2re a una ma· 31,q; De111 4.j.js.; u,is.; ler. 44,>9; Ez.
ni(cstazionc della potenza divina a'•vcnuUI in 1-1.8; 20, 11.20.
55 (v11,213) cnµti:o'll B t 2cl;-f (K. H . Rengstorf)

in ogni caso all'uso formale del termine quanto illustra molto bene Num. 14,1 x:
'6t, quando è senz'altro chiaro che si Dio si meraviglia che, nonostante tutti i
tratta di una '6t che mira al riconosci- 'segoi' compiuti in mezzo al suo popolo,
mento, come, ad es., in Jos. 3,10 ss. questi non creda, cioè non abbia fiducia
(b'zi5't téd'6n ... ) o in I Sam. 6,9 (t2r'item (he'emin ), in lui; evidentemente in que-
... w"im-lo w'jada'nu ... ). Dove '6t è sto caso è stato inutile vedere e non è
connesso al verbo jiida', ciò che cosl vie- servito l'essere stati avviati a riconosce-
ne designato acquista il valore di fon- re Dio. Per il secondo passo (Ex. 4,8)
damento di conoscenza, sia o non sia, -+ coli. 46 s. A questo proposito va ri-
l'oggetto di riconoscimento, di natura badito ancora una volta che '61 può
religiosa. Iscrunivo a questo proposito essere occasione e stimolo al ricordo
è soprattutto Ex. 8,18 s.: Dio colpisce (Ge11. 9,x5s.; Deut. 7,18 [-+coli. 51
tutto l'Egitto con una grave piaga (le s.J ). Nel ricordo, di cui si parla in que-
mosche canine), che però non tocca la sti passi, si conferma appunto quel le-
terra di Gosen dove si trovano i figli game con Dio che l'A.T . chiama fede.
d'Israde; ed è questa una '6t perché il
faraone riconosca con chi ha a che fare Da questa rassegna risulta che '61
quando tratta con Mosè. In questo caso è in effetti «sempre un segno apparte-
il 'segno' è inequivocabilmente una di- nente alla realtà esteriore, il quale rinvia
mostrazione della potenza di Dio evi-
dente per se stessa. Ma anche qui è me- a qualcosa d'altro» 101 • Ma si è ormai di-
glio non parlare di rivelazione 1111, perché mostrato che essa coinvolge anche la
da un canto il 'segno' non è rivolto ai storia. Anche sotto il profilo storico, in
figli d'Israele e, dall'altro, nel faraone,
a cui dovrebbe comunicare o permettere quanto 'segno' posto in una determina-
un riconoscimento, produce un 'induri- ta situazione storica, si rivolge di norma
mento' (v. 28). Ciò che vale per questo a testimoni oculari per causare, attraver-
passo vale anche, in linea di principio,
so la loro comprensione e volontà, de-
per runi quelli in cui lo scopo del 'se-
gno' appare il riconoscimento. Anche terminati effetti storici. In questo senso
quando si tratta di riconoscere «che io essa nel suo esito va assai oltre la pura
sono Jahvé» (Ex. 10 , 1 s.), la '6t che può e semplice verifica, a cui in un primo
servire a questo scopo trae la sua pecu-
liarità da ragioni di metodo, non cli con- tempo deve mirare, e rivendica od eser-
tenuto o di teologia. cita un influsso indiretto su quelle de-
cisioni personali che hanno in ciascun
TJ) Almeno in due casi scopo di '6t ì:
anche la fede 99 • Ciò non stupisce, se si caso conseguenze storiche.
pensa che nell'A.T. non solo il ricono-
scimento, ma anche la conoscenza di Dio f) Segni e prodigi di Dio
è strettamente legata alla fede: può cre-
dere in Dio solo chi lo conosce 100• È Quando l'A.T. parla di segni e pro-

~ -4 KELLEI\ ,a. nosce Dio da se stesso; perciò, perché si giun·


ga aUa fede in lui, è necess:irio che egli stes-
-4 KELLU ,7.
so si dia a conoscere per colui che è.
oo Perciò ncll'A .T . la fede esiste solo sulla IDI A. 8EkTHOLET, Heukiel, Handbuch A.T.
dcll'autorivelazione di Dio. Nessuno co- 13 (1936) 17.
57 (v11,214) <11J~Ì<)" B 1 2{ (K. H. Rengstorf) (Vll,21,) 58

<ligi di Dio, lo stile assume carattere in- sto orizzonte l'essenziale è che gli eventi
nico. Ciò dipende dal fatto che, quando in sé sono 'muti' e che, per parte sua,
si incontrano queste espressioni 101, qua- Israele è innanzitutto - non si dimentl·
si sempre 103 ci si riferisce alla liberazio- chi - l'oggetto muto di tale evento 107 •
ne del popolo dall'Egitto per opera di Quindi nell'espressione «segni e prodi-
Mosè e alle particolari circostanze in gi» tlltta l'importanza sta, per sua na-
cui, fino all'attraversamento del Mare tura, nell'evento in quanto tale, nella sua
delle Canne, essa avvenne e nelle quali peculiarità di opera divina.
Dio dimostrò che egli era onnipotente e
L'uso deUa formula in ls. 8,r8 do-
che Israele era il popolo da lui eletto. vrebbe essere anteriore al Deuterono-
Non sappiamo chi abbia introdotto o mio, in rispondenza al fatto che la frase
fissato in questo senso l'espressione 'o- probabilmente rientra in una serie di o-
racoli del primo Isaia 106 • Comunque, an-
tot umof'tim. Certo è soltanto che essa
che in questo caso il substrato è costi-
affonda le sue radici nella visione deu te- tuito da concezioni nelle quali la certez-
ronomistica della storia e che quanto za dell'intervento di Dio nella storia va
essa dice è il nucleo attorno al quale, congiunta all'idea che tale in tervento è
di natura sconvolgente, e presuppone
nella professione di fede di Deut. 26,5 ovviamente che Jahvé è il Dio d'Israele
ss., si raccolgono gli altri fondamentali e questi è il suo popolo. Se cosl è, l'e-
eventi storici che riguardano Israele 1 °'. spressione era idonea a sintetizzare, in
una condizione d'Israele analoga a quel.
Autore di questi eventi è Dio, e può
la vissuta in Egitto, i dati storici ai qua·
darsi che l'espressione destinata a carat- li da lungo tempo si era orientata la cer·
terizza;,, sinteticamente cerchi di farlo tezza dc;ll'elezionc del popolo. Così pare
sotto due riguardi: gli avvenimenti si sia giudicata in Gerusalemme la con-
dizione israelitica nel contesto poli tico
straordinari a cui ci si riferisce riman- mondiale all'epoca di Giosia; nel Deu.
dano a Dio, e sono inoltre di taI genere teronomio infatti, come nei provvedi·
da annunciare imminente un sovverti- menti emanati da Giosia, sono uniti in
maniera caratteristica motivi religiosi e
mento 105 (dr. soprattutto 1 Reg. r 3,3. politici 100 •
5; loel 3,3; 2 Chron. 32,24) 106 • In que-

102Cfr. il prospetto -+ n. 65. non si può usare il termine nel senso recnico
m Fanno eccezione Deu1. r3,2 s.; 28.46 (in in cui lo usiamo noi oggi, per il fatto stesso
entrambi i casi l'espressione è al singolare); çhe esso non indica affatto (e nemme110 'par·
h 8,18. ticolari') fenomeni celesti; dr. G. FoHRER,
°'
1 G. VON RAD, Theologie des A.T. 1 (19n) Die symbolischen flandlungen der Prophelen
178. (I9.5 3) ,9 n. I.
105 Non è il caso di esaminare io questo con· 107 VON RAD, op. cit. (-+ n. 104).
testo se e fino a che punto ciò si esprima an· 108 Cfr. i commentari al contes10 di fs. 8,18.
che in mofèl (per l'etimologia -+ -cép(l<;). 100 Cfr. A. C. WELCH, Thc Dealb o/ Josia:
100 In questo seoso mofet implica realmente
ZAW 43 (t925) 255-260; li. W . ROBINSON,
un aspetto apocalittico (-> KELLER 61). Qui Tbe Hislory o/ lsrael' (195 4) 120-12}; M.
)9 (Vll,21}) CTT)µEfov B 1 2f-g (K. H . Rcngs torf) (vn , 216) (,o

In questo modo si dimoscra che l'e- bilmcnte rivolte a un fine 11 ~. Se inolcre


spressione «segni e prodigi» non solo è sono azioni simboliche, dal fatto che
una interpretazione deu teronomistica,
ma anche che a sua volta richiede un 'in- possono essere definite '6t 10 si d educe
terpretazione 110• Forse è per questo mo- con sufficiente chiarezza che si tratta di
tivo che in epoca posteriore al Deutero- atti autonomi affini ai 'segni' divini e
nomio l'espressione va sorprendente-
che quindi già per se stesse comportano
mente scomparendo. È stata sostituita
sostanzialmente dalla menzione di ciò l'aspe1to di annuncio e non possono es-
che, nell'uso del Deuteronomio, essa im- sere considerate semplicemente sussidi
plicava. Testimonianza classica di que- me1odici pe r la comunicazione di un
sto fatto è la haggada pasquale col suo
midrash su Deul. 26,5-8 e la sua cosid- messaggio divino 116•
detta «litania di prodigi» scandita dal Si potrà affermare che queste azioni
ricornello da;;enu, «sa rebbe basta!O per dei profeti servivano a sottolineare e a
nou>. convalidare l'annuncio in parole 111 solo
se si inseriscono nel complesso della pre·
~) Azio11i-'scf!.110' profetiche dicazione e dell'attivirà profetica. Ma
ciò comporterebbe una forza tura sia in
Presso i profeci occupano uno spazio
rigua rdo alla loro molteplicità e al loro
non indifferente le azio ni che pretendo- s tre n o rapporto con la situazione, sia
no di essere 'segno' i u Caratteristica del anche rispetto alla diversità dei destina-
loro aspet~o - riella forma in çui sono tari. A questo proposito basta ricordare
i tre racconti di siffatti 'segni' che per
presentate dalla tradizione - è che av- ogni riguardo sono definiti 'ot: l'impo-
vengono per una specifica disposizione sizione dei nomi ad opera di Isaia (ls. 8,
divina che esige obbedienza, e che sono I ss. r8), il suo andar nudo (ls. 20,3) e
la descrizione che Ezechiele fa di Geru-
collegate a un'interpretazione m. Per la salemme assediata servendosi di una ta·
loro interpretazione è importante il fat- voletta d'argilla e di altre cose a guisa
to che, in relazione ad esse, quasi sem- di gioco infantile (Ez. 4,1-3). P ertanto
non si dovrebbero nemmeno definire
pre vengono espressamente menzionati
«segni oracolari» 118, nonostante l 'inne-
o tacitamente presupposci dei cescimoni gabile rapporto che esteriormen te li le-
oculari 113 e che esse sono inconcroverti- ga allo mantica dell'antico Oriente. In

Nom, Geschirhte lsraels' (1954 250-253. (-+ 11.11 1 ) rors.


no ....... K ELl.E R r 10 ricollegandosi a passi del llJ FoHREK. op.cii .(-+ n.111) 115s.
Salterio parla giustamente del carattere forma- 114 FOllRER, op. cii. <-
n. ro6) 64-"9.
le del conceHo. 115 Possono nnche essere chiamate m6/i1 : f.r.
rn B ibliografia (tra gli altri): G. foHR.ER, Die 20,3; fa. 12,6.11; ;z.p+27; -+ l<E;LLH }8.
Gallung dtr Bcrichle iiber symbolische Hand- 116 Fo11aER, op. ci1. (-+ n. ur ) to3 n. r.
lungen der Propheten: ZAW 64 (1952) 101- 117 Formula ra in questi termini come opinio-
120; lo., op. d i. (-+ n. Jo6); G. VON RAD, ne: diffusa e giustamente ricusala d a ForntEft,
Theologie des A.T. 11 (r96ol 1o8·1u; -+ Kn- op. cii. (-+ n. to6) 67.
LEll 94·113. 111 Cosl è dcfini ra anche in questo passo '61
11z Più precise indicazioni in Folil\EK, op. cit. da -+ K ELLER 103 .
61 (vn,216) OTJi-l<'LO\I B 1 2g-h (K. H Rengsrorf) ( Vll, 2Jì Ì Òl

quanto 'segni' essi sono simboli 11?, non trcttantO vale per Da11. 6,28, nell'edit·
atti magico-mantici, e s'inquadrano non to di Dario 122• In tal modo anche 'iit,
in un tentativo di decifrare il futuro, 'iitii' in Daniele risulta un concetto for-
ma nell'incarico divino di dedurre il fu- male 1 ~1 •
turo dal presente, sia grazie alla parola
ispirata, sia mediante l'azionc-'segno' li Targuni Onkelos è il solo che in
che parla per sé 120• tutti i passi del Pentateuco citati alla--+
n. 65 riporta anche in aramaico l'espres-
h) L'aramaico 'iit, 'àta' nel Libro di Da- sione '6tot umòf'tìm; essa quindi al più
niele e 11ei Targumin tardi verso la metà del sec. v d.C. è an-
cora riservata ai prodigi compiuti in E-
'iit, equivalente aramaico <li 'òt, ri- gitto (--+ çoll. 56 ss.) 124• È bene tener
corre tre volte nel Libro di Daniele presente quest0 particolare già fin d'ora
(Dan. 3,32 s.; 6,28) e tutti e tre i passi (anche se il Tg. O. s'inquadra nell'am-
confermano a loro modo l'immagine del bito del rabbinismo), poiché è possibile
biblico '6t fin qui illustrata. Si tratta o- che i.o esso sia documentata una tradi -
gni volta di una espressione analoga a l zione molto antica. Il T g. Ps., molto
deuteronomico '6tòt um6f'tlm (--+ col. più recente del Tg. O. 125, in Ps. 78,43
5i ), solo che il secondo vocabolo non definisce i prodigi compiuti da Dio in
è m6/ét ma t'maf? . Purtroppo non è pos- Egitto 'atohì w'timhOj e procede in ri -
sibile stabilire se l'autore di Dan. cono- spondenza a Ps. 105,27; x35,9; perciò
scesse mo/et, poiché non lo usa mai. dal punto <li vista linguistico si adegua
Sorgono invece alcuni dubbi dal fatto a D.m. Invece Tg . prof. in Is. 8 ,r8; 20 ,
che nel Tg. O. mo/ét sembra ricorrere 3 si compQrta come T g. O. nei passi del
solo quando ha rispondenza nel testo Pentateuco citati alla --+ n . 6 5 116• Al-
ebraico m_ Comunque, ciò potrebbe in - trettanto vale per Tg. prof. a ler. 32,
dicare che il vocabolo era comune all:i 20 s. L'immagine che ne deriva non i:
tradizione come termine tecnico per i quindi omogenea; anzi è evidente che
miracoli compiuti in Egitto e in tal mo- nell'accogliere e tramandare il testo si
do era sottratto all'uso arbitrario. C'è hanno due tendenze parallele. Ma ap-
<la aggiungere che in Dan. 3,32 s. si par· punto per questO mette conto rilevare
la di «Segni e prodigi» di cui Nabucodo- che i targumin finora esaminati tradu -
nosor è personalmente messo a parte e cono sempre con l'aramaico 'at oppure
çhe si tratta di fatti non tanto prodigio- 'àtà' l 'ebraico '6t quando è da solo m
si quanto sorprendenti e terrificanti. Al· Infatti sotto un certo punto di vista ciò

119 Cosl Fo1tRER, op. cit. (-+ n. J06) 68. nesc, p tobabi.lmcntc è legato alla scuola di l{.
120 Cfr. inoltre VON RAD, op. cii. (- n. 111 ) Akiba cd I: stato redatto non prima del tèr.to
no s. sec d.C. a Babi lonia. Si tratta con grande pro-
m In Ex. 7/;) Tg. O. ha '1' invece di mwpt, E. b•.bilità di un'opera dotta .
BREDERY..K, Konkortla11z zum Tg. O., Beih. 125 Si ritiene redatto, almeno per alcune sue
ZAW 9 (r96) io. poeti, prima <.1cl 476 a.C., poiché in Ps. 108,5
112 Per lesame dei due testi nei LXX -+ coli. menziona ancora Roma.
7os. 12° J. F. STENNl:-.C. Thc T,1rgu111 of Jr.1i11h
l!3 La p rova è che il tem1ine può essere eol· ( r949) 31.65.
legato ad a Ieri vocaboli, che, con sfumature m Per quanto mi consta, fa eccezione solo
diverse, indicano qualcosa di straordinario. lob 2r 29, dove ahbiamo sl111~111 in luogo di
1
12
• Tg. O. ha origine dalla tradizione palesti- '6t. Per Jimiin ~ colL 88 ss.
63 (vu,217) aTJl.l.(LOV B 1 2h·i (K. H . Rengstorf) (v11,217) 64

conferma che il carattere formale di '6t, una datazione molto alta del Tg. pal. m,
dimostrato per i testi più antichi, vale per cui è probabile che la sua lingua sia
ancora per l'epoca o l'ambiente lingui- assai prossima, se non addiri1rura a di-
stico di questi targumin. retto contatto con l'aramaico parlato ai
Una trattazione a parte richiede il co- tempi di Gesù Il<.
siddetto Targum palestinese del Penta·
teuco. Noto finora solo da pochi fram- i) Riepilogo
menri della Geniza m, ora lo possediamo
per intero in un manoscritto della bi- Se si considera l'uso di 'òt in tutto
blioteca Vaticana (cod. Neofiti 1) 129• È l'A.T . e si aggiunge il modo in cui il
significativo che qui l'espressione 'otòt termine è s tato accolto e tradotto, o in-
um6f'tim non sia conservata in alcun
caso. Tuttavia, di norma, dei due voca- terpretato, nei targumin ( ~ coll. 62 ss.)
boli che la compongono no solo mo/et è e soprattutto nell'antico Targum pale-
sraco sostit uito da un 'alrra parola, men- stinese del Penta1euco (~ coli. 63 s.),
tre s'è conservato '6t. In una parte dei
si dovrebbe ritenere assodato il carat-
passi (Deul. 4,34; 7,19; 26,8 ; 29 ,2; 34,
1 r ) ricorre p'riiii', prodigio, nel senso tere formale del termine che i LXX tra-
di fatto straordinario; tra questi in un ducono prevalentemente con rrri1.u:i:ov.
caso (34,1 r) abbiamo njsj prj1th per Inoltre la rassegna fa pensare che il ter-
mwptjm; altri passi (Deul . 6,22; 13,2
s.; 28,46) hanno invece simàn/simiinà', mine, almeno in età postesilica, abbia
segno, co11lrassegno, indizio, probabil- perso una parte del suo originario valo.
mente un esotismo proveniente dal gre· re semantico ( 4 coll. 44 ss.). Una prova
co (~ coll. 88 ss.). Ma ancor più signifi-
ca rivo è che in quasi tutti i passi in cui di dò potrebbe scorgersi senz'altro, da
nel Pentateuco abbiamo 'ot fuori della un canto, nella nocevole diminuzione
menzionata espressione, la t raduzione è della presenza dd termine e, dall'altro,
simàn/rrri~fov m. In questo caso un
nella sua limitazione a una cer111 formu-
inconfondibile vocabolo di natura for-
male ha sostituito '6t lll, e già questo la fissa con precipuo riferimenco stodco
fatto, anche dal punto di vista puramen- nel Targum palestinese dcl Pentateuco
t e linguistico, costituisce una prova del (~coli . 63 s .) .
s uo carattere formale. Essa acquista an·
cor più peso se si accettano come validi
alcuni motivi che depongo no a favore di
llS Cimi il Tt,. pitl. dr. P. K AHLE, Mitsoretm iJO Fa eccezione Ex. 7 ,} (j! nsw; wjt pr;Itj in
des Wesw1s 11, BWANT IV I.I (1930) r*-13* . luogo di '1.·11; w't-mwfli).
Ibid. 1-6' si trovano tutti i frAmmcnti allora Ili Fanno ccrczionc Num. 2 ,2 ('ot = emblcma;
L'Onosciut i. -+ col. 46 con la n.69 e-+ col. 83 ); Ex. 13,
1!9 Ho potuto utili:r:zare una fo1ocopia Jei mss. 9 ( r3,16 ha simn).
in possesso di P. Kahle. A questo riguardo dr.
lll Per l'uso di '61 nell'ebraico del periodo im-
A. DfEZ MACHO, Una copia completa del Tar- mediatamente un1criorc a Cristo -+ coli 8 1 ss.
gum palcstine11sc al Pentaltuco, m la Bibliole-
ca Valicana: Sefarad 17 (1957) fl!)-121 (con l.\J A. Dftz MACHO, En torno a la d.1acion
illusrraz.ioni ); P. KAHLE, DM paliistiniscbc del T argum «Palcslinense»: Sefanid 20 ( 1960)
Pcnt.·Targum u1Ui das :wr Ztit }csu gespro- l·I6: S«. n d.C. o ancor prima.
chme Aram.: ZNW 49 ( 19~8) uo-116. Il< Cfr. KAHLE, op. cii. (-+ n. 129).
O'!]µEÌov B 1 3a (K. H. Rengsrori) (VII,218) 66

3. O'T]µttov in relazione a 'òt nei LXX T 8), per un qualsivogl ia emblema come
simbolo <li una determi nata religiosità ( ljJ
a) cn)µtfov come traduzione di 'or nel 734.9 m e - col. 45), per monumen-
suo carattere formale ti che stimola no ricordi e riflessioni (lob
2 l ,29 [--->coli. 50 s. ] e Jos. 4,6 [ - coli.
O'T]µti:ov, già col suo significato mar· 51 s.] ), la circoncisione (Gen. 17,u) o
catamente formale ( - col. 29) ed inol· il snbato (Ex 31,13.17), oppure anche
tre con la sua funzione di colpire i sensi l'arcobaleno (Gen. 9,12 ss.) in quanto
allo scopo di. comunicare determinate segno del patto stretto fra Dio e i suoi,
cenoscenze o giudizi (- col. 33), per i I sangue degli agnelli pasquali quale se-
sua na tura senza rapporto diretto con b gno distintivo delle case in cui dimorano
realtà religiosa (- coll. 2 5. 33), per gli Israeliti (Ex. 12,13), oppure per
i traduttori g reci dell'A.T. costituiva un'az ione simbolica con cui un profeta
evidentemente il naturale equivalente richiama l'attenzione sul foturo minac-
di '61, che a sua volta, avendo anch'esso cioso (fa. 4,3, - col. 60 ). La domanda
carattere formale, tende a chiarire il -cl -rò vl)f!ti.'ov (2 Reg. 20,8) e la richie-
concetto medi:ime l'impressione sui scn· sta OO"t"E fnti:v O'T]µti:ov (Ex. 7 ,9; cfr. pe-
si. Nei LXX 'ot è tradotto di regola (---> rò - col. 67) risultano pertanto col-
col. 39) con O'T]µEi:ov, per cui risult•l locate in situazioni della vi ta quotidiana
sufficientemente chiaro quanto stretta- in cui si ritiene che motivi oggettivi o
mente i due termini per loro natu ra si soggettivi non consentano di giungere a
corrispondano. O'l)µEfov condivide ap- una sicurcua assoluta su qualcuno o su
pieno la caratteristica di 'o/ consis ten te qunlcosa; la s tessa cosa vale per la ri-
nel mirare più all'aspeno tecnico di un sposta positiva -roih6 o-o~ -cò <Jl]µEfov o
fotto che al suo risultato, senza però sim. (Ex. 3,n; I Sa1n. 2,3 4 ; io,1; 2
trascurare quest'ultimo, ma ciò solo in neg. 19,29; ls. 37,30; cfr. I Sam. 14,
quanto ai due momenti si collega, in for- rn; 'IEp. 51,29) . Un siffatto O'l)µE~ov
ma determinata di volta in volta, uno può quindi venire dall'uomo, ma ovvia·
scopo ben preciso, che può essere o non mente anche 7t<lpà xvplov (2 Reg. 20,9;
essere esplicitamente menzionato <- .T s. 38,7 ). Perciò, quando ha un riferi-
coli. 49. 59 ss.). mento religioso, può anche essere un
miracolo. Ma non è 'miracolo' pe r il fat-
En tro q uesto quadro così configurato to s tesso che viene designato come 0'1)-
O'l)µEi:ov s'incontra nei LXX - a partire µEi:ov, ma pe rché in questo caso Dio ;;
<lai significato generico di segno o co11- l'au tore del O'T]µti.'ov, come, negli altri
lrassegno che identifica un individuo o casi che avvengono entro rapporti esclu-
1111 oggetto e in tal modo lo rende rico- sivamente interuma ni, gli autori sono
:1oscihifr· o comtatabile, e sempre in re- uomini. Pertan to l'uso linguistico dci
lazione a '<it - per es. a indicare una ci- LXX impone di riconoscere incon<lizio-
cat rice o quakosc~ di simile come segno 11,1rnmen te a O'l)µEi.'ov nell' A .T. greco
di protezione (Ge11. 1i,r5 : Caino- coli. (anche quando indica un'azione diretta o
5 2 ss. ), o ppure quale espressione di un indiretta di Dio) quel carattere formale
legame che non può essere alla leggera che gli è proprio per natur<l e che è sta·
infranto (Ex. 13,9.16; cfr.Deu/. 6,8; u, to ulteriormente rafforzato dal vocab<)lo

rn ><ÒC O"r)µtèa. 1)µ.Wv per 'ototémi i11dka con Jigioso, divino) per noi» (cioè a ' nostra conso-
cerrezza che i traduttori greci non hanno in - l11zione' ), ma hanno preso '61 come al v. 4.
teso questo vocabolo nel senso di «Segno (pro-
67 (v11,218} OO)µt<ov B r 3,1.b (K. H . Rcngstorf} (vn,219) 6'J

semi tico 'ot che gli soggiace. Per influs- racolo in quanto tale, ma a qualcosa che
so di '6t, l'uso di O'T]µEfov nel suo aspet- è straordinario, sì, ma al tempo stesso,
to formale è divenuto addirittura ancor per la sua particolare natura, dà cercez.
più rigido nel giudaismo greco. Ciò da za. In alcuni casi O"T]µELCV sta per nés,
un lato ne ha ridotto l'uso 136, dall'altro segnale, vessillo, per indicare - ancora
ne ha notevolmente aumentata la capa· una volta come appropriata precisazio-
cità di divenire strumento di interprc. ne del significato e del contenuto dcl
tazione 137 • testo - che nella presenza o assenza di
un nès si dimostra la presenza o l'assen-
b) CTT]µEi:ov come strumento di interpre- za di una forza (ls. 11,12; 13,2; 18,3;
tazione 33,23; 'lsp. 28,12.27) m_ Anche in
Num. 2 r ,8 s.; 26,10 O'TJ1ufov interpreta
L'aspetto formale del termine O"T]µEi:- il nl's dell'originale ebraico (in 21,8 col-
cv s'impone in una serie di passi in cui legato a 'ot), solo che in questo caso in-
clude in particolar modo l'idea della vi·
non ricorre '61, ma che per il loro con te-
sibilità (~coli. 44 ss.) o della comunica-
nuto mirano a un senso che si collega a zione di una cerca conoscenza (~ coli.
'6t. In tutti questi casi CTT]µEi:o'J serve a 50 ss.). In fa. 9,4.6 il tiitt (~ coli. 38
precisare un concetto. s.) che serve da contrassegno viene tra·
dotto con CTT]µEfov e in tal modo vie-
In Ex. 7 ,9 Mosè e Aronne devono ne appropriatamente interpretato per il
provare al faraone che la loro rivendi- lett0re greco, a cui era ignoto l'alfabeto
cazione è giusta. I LXX fanno pensare ebraico e quindi il ttiu non poteva di-
che il faraone esiga la prova mediante re nulla 139 • Lo stesso vale per fa. 39,
CTT]µEi:ov -i) -rÉpaç, mentre il T.M. ha so· I 5, dove O'T)µi;i:ov traduce la parola ~ii­
lo m6/èt, che corrisponde a ~ -rÉpaç e ifin, il monumento che richiama l'atten-
non possiede in sé la forza di indicazio- zione sulle ossa di cadaveri sparse attor-
ne e di prova richiesta dal contesto. In no e che probabilmente aveva la forma
simil guisa il vocabolo viene poi usato di un cippo marmoreo. In lud. 20,38n
nella continuazione dell'episodio (Ex. O"l)µEi:ov sta per mo' ed' che Aquila tra·
1 r ,9 s.). Un altro passo del genere, che duce con cruv'tayl), accordo; quindi ,1n·
presenta un caso cli contrapposizione tra che in questo caso è un termine che ser-
mofèt e O'TJµEi:ov, è 2 Chron. 32,24: i vea precisare. Infine in Ios. 2,18 nella
LXX interpretano di nuovo il miracolo traduzione è stato aggiunto a-rr.u:~cv per
(divino) narrato dal T.M. usando CTT]µEi:- illust rare lo scopo per il qual;-: Rahab di:.
ov, e con assoluta proprietà poiché l'in- ve esporre la cordicella che le è sta(:t
teresse del contesto non è rivolto al mi· consegnata. In nessuno di questi passi il
no 1vlanc3no, rer es., completamente i signifi. non traducono n,;s con CTYJ~ltiov (bisogn,i qu in·
c&ti tomba, traguardo (segno di arrivo, della di correggere HATCH·HEoP. u62); in questo
meta) ccc., che ~vevn nel greco antico (~ passo. in cui i LXX hanno l!Sato V"llJla<~. iit·
col. 21). s~g11a milil11re , Aquifo e Tcodo>.ionc usono
131 Del resto già '61 talvolra svolge il tipico O"W<1T)f.LOV, che in Aquila tradu~'<:: sempre ni!s,
ruolo di dato interpretativo. Per es . in Num. cfr. J. Zll!GLER, Texlkritische Notizm w de11
r4,>2 il kab6d di Dio si rende conoscibile nei jii11gcre11 griechischen Obersetw11ge11 des Bu·
'segni' che egli 'compie'. Analogamente l'e- tbes ]csaias: NGG, N.f. I.4 (1939) 40.
spressione '6t 'oliim di Is. 55,13 interpreta la
grandezza del Sém divino. 139 Cfr. invece la traduzione di Aquila e Teo·
138 Invece in Is. 30,17 Aquila e Teodozionc dozione, che per tiiu hanno frau.
69 (vu ,> 19I uiiµ:i o·1 13 1 ~h-c (K . 11. R~ngstorfl (Vll,H0) 70

termine ha un suo valore specifico, e mis tico sia stata riservatn ai prodigi da
tanto meno religioso. Dio compiuti al tempo di Mosè.
Una conferma è d ata da alcuni passi Senza alcun dubbio la formula di Ba;.
in cui si usano composti di OTl!J.Efov. Per 2,n si riferisce ai 'segni' divini compiu -
es. in Deut. i8,20 e Mich . 5,n, il po'd ti in Egitto. Lo stesso di<.:asi d i Ecdus
di 'n11 1"°, che ha che fare con la d ivina· 36,5, perché i 'segni', che si chiede si:1-
T.ione. è da Simmaco tradotto con CTT)· no rinnovati, e i ·prodigi', che si prcg:1
µt~OO'X01tt~O"i)a:~, mentre i LXX in Mich. siano ripetuti, non possono esse re che i
J , Il hanno a1toq>1)Éyytcrl)cu, annunziare «segni e i prodi~i» compiuti in Egir-
in 111odo enfatico o in estasi (- I , coli. to 143• Dei d ue passi dcl Libro della Sa-
r 195 s.) 141 • Inoltre in A)).. I Bet.cr. 28, pienza, uno ( 10,16), a motivo del conte·
3 .6 C'T)µt~oO"xo;i;oç traduce jidd" lini, in· sto, non può riferirsi che ai 'segni' dd
dividuo fomite di spirito divinatorio; i tempo di Mosè, benché qui si parli di
LXX hanno yv1licr-t'l]<;. In entrambi i ca- [3acnÀ.E~ç q>o(3tpo( 1*, «re terribili» "i.
si si tiene in considerazione solo il pro- Ciò fa supporre che anche in Sap. 8,8
cedimento in quanto t:ile. l'espressione vado intesa in quesco sen-
so, tanto pii1 che vi si dice che la croqila
O''lJl.t.Eia: xa.t -.Épcx,-ra: -;:poywt:io-xtt, «CO·
nosce in anticipo segni e prodigi». Il
I l teologumeno dcuterono rnistico 'Q.
signìficato profondo dell 'espressione po·
tòt ùm6j'tim e- coll. 56 ss.) nei LXX è crebbe essere l'affermazione che quan-
diventato O"T)ll.t~a xat -tÉpci:::a.. Questa to è iJccadmo in Egitto finora è qualcosa
espress ione s'incontr:i in tutti i passi in di singolnre, è vero, ma non è d et to che
in futuro sarà sempre così, cfr. Ecclm
cui l'altra rico rre nel T .M. 1• 2• Inoltre in 36,:; (-> qui sopra).
tutti i passi in cui ricorre nella Bibbia
greca, compresi gli apocrili, l'espressio ne Queste osservazioni probabilmente
apportano una certa luce anche su
è sempre collegata al ricordo della libe· Theod. Aav ..p; 6 ,28 (- col. 61 ).
razione d' Israele d all'Egitto. Quindi pa· Pare che in ambedue i casi i trnduttori
re che n~l giudaismo di lingua greca, al· nbbiano colto nell'antica formu lazione
una pregna nza s to rica e perciò abbiano
meno nella misura in cui si t!Sprime nel-
omesso ruim il conresco di Da11. 3,32
la letteratura dei LXX, la fo rmula CTT)· {T.M. ), in cui Nabucodonosor b riferi·
1.ie~a: xa.t -tépa:'ta d i s tampo <leuterono- sce a se s tesso l'<I, men tre nd secondo

1-0 Si t"1tt'1 di una radice di significato inC<:r- Salomos. llandbud1 A.T. Il 6 ( 1938) 39 ad I.
to, dr. GESENIUS-Bu1t1., KOHLl::R· BAUMGART· (dr. Bc..-DrnR. S 1.p ). oppure l'autore com·
NE.I, s .v . 'nn. prende col for11onc tutti gli ahri mon:uchi coi
141 Aquila ha x"h'l)lìov(!;oµcn in Mich. 5,11 . qu~li i li1,;li d'Israele dovettero lottare nel 1em·
po che intNcorse frn la li bcraiione dall'Egitto
1<2 Anche Num. 9,10 (B).
e la conquisLa del paese.
m Il testo ebraico ha '<it e mofét, cfr. M. Z.
SF.GAL, spr bn sjr' hi/111 (19n) 22.~. probabil· us In qt:csi:1 t<:sto l'espressione è i:tp11:t11. 'l.etl
mente in senso collettivo. v11Jl!:~C..
1... In questo passo o abbiamo il plurale in 10> li primo passo s i rrova solo in TeodcY~iu·
luogo del singolare, cfr. J. F1CHTN~R, lff eisbeit ne. Manca ancl>c nel P. Chcster Bcatty 967
/I (Vll,220) crnµsiov B I 3c . Il I (K. H. Rengsrorf) (Vll,220) 72

passo la poterono tralasciare poiché CO· Abr. 60; vit. Mos. l,rr8; som. x,197,
stituisce una confessione di fede nella che si ricollega a Gen. 3r,12 con &.va-
~À.Éljlnç ) , e risulta anche dal fatco che
119
sovranità del Dio d 'lstaele su tutta la
storia ed è posta in bocca nientemeno si può parlare per es. di <pavÉv-ra O"IJ·
che a Dado. Rimane tuttavia da chie- ~La (som. r , r97) o viene sottolineato
dersi se la presenza della formula nelle dalla constatazione di un insegnamento
pawle di Nabucodonosor nel testo ori- (àvao~oaxiJf)va~) mediante tre Cl)µE~
ginario non costituisse per l'autore uno che consistono in fatti straordinari che
dei sintomi dj quella temerarietà per la devono essere vis ti e<l effettivamente so-
quale il re venne tosto terribilmente u- no visti (vit. Mos. r ,76) tso_ Ciò permet-
miliaco. te a Filone di giustapporre talvolta Oì)·
µtfov come sintomo in senso medico,
II. lt giudaismo greco extrabiblico a.lori.a. come causa della malattia, e i)E-
pamla come terapia (det. poi. ins. 4 3).
I. Filone Con assoluta prevalenza però in F ilone
CT)µefov, nel senso di indicazione, argo-
In alcuni casi sporadici Filone ripe- mento, prova, si riferisce a operazioni
te semplicemente l'uso linguistico dei intellettuali. Nelle deduzioni si trova
LXX, quando per es. chiama crl)µEfov continuamente l'espressione Oì)µELOV
il «segno di Caino»(~ coli. 52 ss.) con- ÒÉ 151 per introdurre una prova, che può
formemente a Gen. 4,15 (praem. poen. anche essere una citazione scritturistica,
72; det. pot. ins. 177 s.), oppure, unifor- o per iniz.iare un'argomentazione (cfr.
mandosi a Gen. 1.14, chiama Oì)!Ui:a per es. /ug. 204, dr. Gen . i 6, II; congr.
gli astri (op. mund. 55). Alla luce di tut- 92, dr. Cen. 14,r ss.; vit. Mos. 2,18, in
ti i passi in cui appare, presso Filone il cui si accen na alla diversità della legi-
vocabolo conserva il suo significato fon- slazione secondo i diversi paesi). Un ar-
damentale, per cui indica oggetti e fatti gomento che porta necessariamente a
che, mediante l'appercezione, portano a una conclusione è un OT)µE~O\I ivap·rÉ<;
umi determinata comprensione o cono- (vit. Mos. 2,263; dr. spec. leg. r,90) .
scenza (~ col. 29). Cosl t47 il r iso (yÉ- Nell'allegoresi in cui spesso cade l'inter-
À.w<;) è un Oì)~~ov -rf)<; xocpii<; (praem. pretazione scritturis tica di Filone, O'l]-
poen. 31) 148 • Tuttavia quest'uso concre- 1u:fov col genitivo signilìca indica, ... va
to del termine è raro, se si prescinde dal- inteso nel senso di .. ., cfr. per es. det.
l'impiego nel senso matematico di ptm- pot. ins. l: il -r.€oiov di Gen . 4,8 è Oì)-
to (vit. Mos. 2,115; congr. r 46 s.; op. J..l!i:ov àµlÀ.À.l)<; xat s~ap.cixl)c;, cioè «in
mund. 49.98 ecc.), che Filone ha in co- un senso più profondo indica la sfida e
mune con la matematica greca ( ~ col. la lite (imminente)». Ovviamente anche
29). Il riferimento a un fatto visibile da Dio possono venire 'segni', in varia
è sempre a portata di mano (cfr. per es. forma, per es. clangore <li trombe, quan-
(prima metà del sec. Ili d.C.) cd. f . G . KE· purificazione consiste nel fatto che la sostanza
NYON, The Chestcr Beatty Biblical Papyri VII ir. questione si è di nuovo solidificata, come
1 (t937) ad I. 20. nd caso della raffinatura dell'oro: -coii ... ~s~o:­
1'7 l passi seguenti costituiscono solo una co:'Jinlkt.t XO:L otooxr.µacri}ru. O'l)µEfov 'CÒ m-
scelta fra quelli riportati <la LEISF.GANG , s.v. r.rryÉVO:t.
143 Cfr. Acistor., nn. pr. 36 (p. 48 b 32 s.). 150 Si riatta dei 'segni' d i Ex. 4 , 1 ss.

l '9 Cfr. anche sacr. A.C. 80, dove si ricorda tsi La migliore traduzione è: «Ciò deriva con
che il <Tljµàov di un'avvenuta prova e di una certezza da quanto segue».
n ( v11,22 r l crr111Ei:ov B n 1-2 (K. H. Rengstorf)

do fu da• 1 la legge sul Sinai (spec /eg. Filone quando talvolta definisce il pro-
2,188 s.), o i 'segni' dell'Egi1Co (vii. digio al Mar delle Canne come OT}µE~ov
Mos. r ,210: -rèt xci:t'Atyv1t"tov CTT)µtr- -rEpGt'TWOÉO''ta-rov _ Ma proprio questa
o.); essi ser vono a far conoscere la sua formulazione indica anche che, per Fi-
volontà (cfr. ìl CTT)µEi:ov &ploT}À.ov di vii. lone, un o-ri1~erov in quanto tale ha poco
Mos. r ,296). Sostanzialmente per Filo- cfa spartire con un miracolo, tanto che,
ne l'incera Scrittura non è che un'inesau- se effettivamente di un miracolo si trat-
ribile riserva di CTT]µEi:a, e quando egli t:i, va detto esplicitamente.
la cita ha davanti a sé O'TJ~l.E~a divini ,
anche se non lo dice esplicitamente. i.. Flavio Giuseppe
È importante far notare in questo Flavio G iuseppe, come Filone (--+
contes to che per Filone il miracolo in col. 7 1 ), ha preso dalla sacra Scrittura
quanto tale non ha mai un ruolo rile- CTTJl~Ei:ov (a11t. 1,59) come indicazione
vante. Come la preghiera non è stata per del «segno di Caino» (~ col. 7 t ) . Tut·
lui occasione di riflessione critica, così tavia non l'ha fatto senw unirvi un'in-
anche il prodigio non costituisce pro- terpretazione : ~ yvwp~µoç liv dTJ (i-
blema m. Completamente diversa è quin- bid.). Se ne può dedurre che anche per
di la sua posizione rispetto al rabbini- Flavio Giuseppe ciò che può essere chia-
smo (--+ col. 85) e a Flavio Giuseppe ma to CTTJ~~v si offre all'osservazione
(--+ coli. 74 ss. )_Sotto il profilo linguisti- ed è atto, anzi destinato, a determinare
co ciò e merge tra l'altro dal carattere una comprensione o un riconoscimento.
formale che ha CTT)µ.Erov anch e quando In questo caso il CTTJµEi:ov s ta a indicare
l'a11tote, per es. in vii. Mos. 1,210 lll, che chi lo porta non può essere toccato
usa il termine per indicare un 'segno· dalle fiere.
divino (--+ qui sopra) U4_ Per Filone O'TJ·
µEi:ov n on è mai miracolo in senso re- La stessa accezione di O'T]µt~ov ritor-
ligioso. na quando, nel descrivere i principi del-
Non fa quindi meraviglia che la for- l'addestramento milirarc romano (be!/_
mula CTTJl.Lda xo:t -:Épcno: sia rara. Nei 3,70 ~s. ), egli afferma che la preparaziti-
due p assi in cui va attribuita a Filone m, ne militare d eve far sì che tutta l'atten-
è desunta dalla tradizione ed è usata co- zione dell'udito sia rivolta ai comandi ,
me indicazione riassuntiva dei 'segni' que lla della vista ai o--11µei:a , mentre le
compiuti da Dio in Egitto (uit. Mos . 1, mani si devono concentrare su ciò che
95; spec. /eg. 2,218 156,--+ coli. ;s6 ss.). I- deve essere compi uto: 6~EL0-L o'cixo~(
noltre riecheggia nella lingua propria di 1Lkv 'ltctpayyÉÀ.µacrw, ol)iEt<; OÈ O'T)µEL·

m Cfr. I. liEINEM.V.:N, Pbilons griechische t» Un 1erzo p~sso si trova in ntl. 111u11d. 2 :


und jìidische Bildung (1932) po. OL'ovnpci'Twv n oih. XP1JOµ(;j\Ii\ OLèt <M)µEiwv
lll A quanto pare, esiste solo qu•'SIO passo in iì 'tEpa:tt.N, che per la sua distinzione con ii
Filone. prende una lX>siziont: autonon1a ( ricuc ra in
q uella «domina ellenistica» che probabilmen-
154 <M)µe~v è termine tecnico dell'astrologia
te filone «ho conservato in tutti i par1icofori»
in spec. leg. 1,92; op. mund. 58 s. a Ge11. 1 ,14.
ir. aet.1111md., W . BoussET, ]iid.·chr ..kbulbc-
Comunque per Filone l'influsso delle stelle è
trieb ùt Aluandrio 1111d Ram ( r9 15) 136.
limitato alla natura. Cfr. A. MtYER, Vorse-
hungsgjaube tmd Schicksalsidte in ibrem Ver- 116 Dio u lvb i suoi in Egitto ~Lc14 xet<
hJltnis bri Pbi/o von Alexandria, Oiss. Tiibin- 'tll)<lln xat ~?1J.CtUI. xett 'tOi:ç l!),,),,01.<; IS<ret
gen ( t939) 63-67. XCt't°tXLiVO'll 'tÒV Xf.6VO'J t~CtVVCt'tOVpyEi'tO.
75 (Vll,221) a'T)µtLov B Il 2 (K. H . Rengstorf)

ou;, iipyou; oè XEi:pEç (beli. 3,105 ). Poi- del termine ~i dimostra l'acquisizione di
ché normalmente Flavio Giuseppe non una conoscenza mediante un'appercezio-
chiama l'insegna militare 157 a'l)~Lov, ne, anche se nel passo in questione non
ma, secondo l'usanza greca, aT]µala 118 , si ha una percezione visiva. È chiaro eh~
si deve ritenere che nel nostro contesto determinante ai fini del significato del
distingua 'ltapayyeÀ.µa in quanto segna- termine è il fatto in tal modo accenna·
le dato a voce da a'l)µEfov quale coman- w, il fatto in quanto tale, non i suoi
do impartito mediante un segnale per- particolari. Questo carattere formale che
cepibile solo con la vista 159 . A confer- O'T]f.tefov ha dunque inequivocabilmente
ma d i questa interpretazione troviamo anche presso Flavio Giuseppe, è quello
in lui tutta una serie di passi in cui a71- che gli permette, nel linguaggio tecnico
µEi:ov equivale a cenno o segnale prima militare, di indicare naturalmente anch~
convenuto, come quelli prestabiliti, per la parola d'ordine o il motto (bell. 2,
es., per dar luogo a un'improvvisa cattu- 579; 3,88) da cui si riconosce l'appar·
ra ( ant. 12 ,404) o per effottu~re una ma- tenenza al medesimo esercito 161 . Pare
novra tatticJ (ant. 5,46) o un'azione po- che questo uso di a'l)µEfov presso Flavio
liziesca(11nt. 18,6r; cfr. ant. 2,r72). Tut- Giuseppe sottintend;1 una certa sistema·
tavia l'autore usa chiamare cosl anche il cicità, poiché l'amore, per indicare il
segnale di tromba che comanda l'assalto cenno col capo o con gli occhi, usa anche
(~ x r, coll. 1205 s.) " 0 • Comunque, an- veuµa (beli. 2,498) e per un 'segno' con-
che lo squillo di tromba può essere chia- venzionale ricorre anche al termine o-vv-
mato a71~i:ov quando fa sapere a chi l'a- ~p.a (ani. 18 ,58; beli. 2,326) 162 •
scolta che è avvenutO qualcosa o che si è
raggiunto uno scopo, senza che prima vi T uttavia, per il suo canittere formale
fosse la certezza di raggiunge rlo: ... -.G.i v-qµefov in Flavio Giuseppe può essere
aaì..mx-.fi V'T]j1aLVEW hfì,Euaav ... Kai:· usato anche yuando si tratta soltanto
oap oÈ -.oli a'l)µelou xo:.-.axovaaç .. ., «CO· di indicare, in quanto tale, un fenomeno
mandarono al trombettiere di dare il se- che dà luogo a conoscenza, senza pren-
gnale... e Cesare, udito il segnale ... » derne in considerazione la peculiarità.
(bell. 6,68 ss.). Pertanto anche in questo Poiché per Plavio Giuseppe Dio regge
caso elemento costitutivo dcll'acce·z ione la storia dei popoli e dell'individuo, è

157 (~nne avvjene rcgolarmt:nte in gr<:co. l ·cen no'; d r. anche .r. B. On neUa sua tradu·
I.XX in I s. 30,1; iraducon<) '"'s
con G't1iaW.. zionc (l736l : <<... il segno ... che si deve dare
loro ... »-.
1
Cfr. ad es . b<'il. 2,169: -tòc; Ko.lo-apo; d-
~~
x6w~ç, ai: G'lJWÙa• xa).ovno.i. Alni esempi. 1:-0 Così b<•ll. 6,69. Cfr. anche per es .: squi[(j
tra l'altro, in bel/. 6.316; ;.1 4; t1t1t. 18, 121.. di tromba indicano ai soldati romani (cra"ì.my·
L'alfiere Jet vessillo militare in Flav . los., y aç itPO:S-1)!.leti \IOVVl'v ) quando è ora di smon·
beli. 6,68 è chiamato Vl)!.tata<;>6poç , come, ad rn re o mon"re la guardia, o <li •17.arsi (belt.
es ., in Polyb. 6,24,6. 3,86/. Queste GaÀr.Lyyec; sono ordini, così
corneo gli e,ientuali 'cenni' in bauaglia o nel
15'J Nella loro eruz ione d i Fhw. Ios., be/I. I corso dell'addestrame:110.
(1959) .3lf con traduzione 1cdesç;1 a fianco O. 16 1 Nel corso della battaglia notturna lungo k
M1c1JEL. 0.13AUERNFEJND traducono Feldzei-
chcn, «insegna mili tare». A. Fn. GrRORER, strade la f3oi) àc'l'Jµav-.o.; rende impos bile
Flavius Josepbus' Gescbicblc dcs iudfrcbet1 distinguere amici da nemici (bel/. 6,7_5).
K.rieges I ( 1836) ho 'segno'; H. C LEMENTZ, li~ Di conseguenza per Flav. Ios. l'aquila ro·
Flavius Josepbus' Cesthichte des jiidischc11 roana è un -tii.; iJy<µovla<; n xµi)po.ov, non il
Kriegcs ( l900) 318 ad I. m1d1?ce rettamente suo Vl)!llto'Y (beli. 3,123).
7ì (vu,222) CM'J1ui:ov B 11 2 (K. H. Rcngs torf) (vu,223) 78

inevitabile che il vocabolo, quando si festa (CTT)~t.<:tlvt~) come colui che nella
riferisce a dererminati comportamenti, storia rivela ciò che vuole e fa'"'.
si avvicini alla sfera religiosa, senza pe- Di conseguenza Flavio Giuseppe di·
rò p er questo diventare un termine tec- stingue accurntamen te vytµEi:>v e -ripac;,
nico specificamen te religioso. Non si che è un avvenimento straordinario die-
può affermare che in Flavio Giuseppe tro cui si cela u na forza superiore. Per
<Tl]µtfov sia una denominazione fissa del es., secondo beli. r,33 r s. durante le lot-
miracolo m. Semplicemente il termine, te per la conquista del potere, a Gerico,
per il suo canmere formale, ha la possi- Erode il Grande fa l'esperienza di un
bilità, anche sul piano religioso, di com - "tÉpa.c;, in quanto, poco dopo l'uscita de-
prendere in sé dati e fenomeni che han- gli ospiti illustd dalla casa in cui egl i
no provocsLO una ceriezza o una cono- aveva offerto un banchetto . l'edificio
scenza grazie a determinate impressioni. crolla improvvisamente. Egli però in
Alcuni esempi potranno illustrare come q uesto fatto riconosce un presagio (Oìl·
s wnn o realmente le cose. Flavio Giusep- 1.1.Efov) di un pericolo grave che lo sovra-
pe n:ma che p roprio il giorno in cui an- sta, e che g li capita effettivamente il
dò a fuoco il tempio, :1 Gerusalemme giorno successivo, quando :i stento rie·
molù giudei, ingannati da falsi profcri, sce ad e\'i t:ire il peggio 161• Analogamen-
a\•rebbero iirreso di vedere "tÒ. crn~W. te, R'Condo navio Giuseppe, ad Isaia,
-rijc; O'W't'l}pia.c;, cioè oggetti palesanti che per incarico divino gli promette la
l'avvento della salvezza e d ello scam- guarigione, i1ltri quindici anni di regno
po (be/I. 6,285). Di Tibcdo s i narra e una dbcendenza , Ezechi:! chiede un
che prima della morte gli sa re bhe s ta- ariµE~ov -r~ xett -:Epaa-.~ov che serva dt1
to comunicato opportuname nte un o-ri- acccrta111c1110 (ant. 10,28 s., cfr. J Re.!(.
µ.Etév •L 7tpéqietv-.ov riguardante il suo 20,1 ss.). Quindi presso Fl:tvio Giusep·
successore, cioè, nella sua situazione, pc un CTT)µEfov può, ma non necessari.i·
una comunicazione della volontà divina mente d eve, essere anche un "t~pCLc; 1••.
a tal riguardo (ani. 18,211). A Vespasia- Sotto quesw "spetto è molto vicino rnn ·
no già impcrnrore alcuni episodi della IO a '61 del tesro ebraico quanto a CTT)-
sun vita precedente apparvero in retro- µE~OV dell:i 13ibbia greca <- coll..18 s.
'Pet1iva come preavvisi (o-11µr;fov) della 65 ss.). Non sorprende quindi che in ri-
$ UO dignirè1 attuale, ad es. quando lo guardo alla distruzione Ji Geru sa lemme,
stesso Flavio Giuseppe , prigion iero, lo che sa rebbe avvenuta e ntro poco rempl>.
:ivevn salutato come futuro imperatore egli eviti il Lcrmine Oì)µEfov e qualifichi
(&cl!. 4,622 s.: dr. 3,399 ss. 404). In un :mo arbitrar io da parte J(Ìudaic:i CO·
questo caso il termine non è che un'in- me un r.poo~µLOV aÀbJUEl.ùC, .., per Gcru·
dicazione dei mezzi con cui Dio si mani- salemme (beli 2rf54) •u.

lti Sc1·H-ATl'cR , lot. 52; quosi olio stc•S-O mo· e >lii O"'IJJJf.tCX che Saul ricevellc do S1l!nuclc
<lo SCHLA"r'll.K. Thcol. d. ]11d1. 69. dopo runzionc a re (0111. 6,53 ss. nccan10 a 1
1
'~ Cosl, giust~mcnte., SCllLATTER, Th,·ol. d. Baa. 10 ,1 ss.).
].lt. 28. 166 Cfr. inoltre bel/. 6,288 ss. e soprat tutto
"' Qui Flavio Giuseppe rimane dcl t utto fe- 288.195 con 2!)H1,.
dele all'uso <li O'TJµELOV nei LXX . Cfr. il suo 107 npoo(µtov è preludio, antefatto.

racconto su Rahab e gli esploratori <li Giosué. 1o11 bdl. 1 rl'


presenra <-ome x'ì..nlìwv, prua1.io,
dove usa l'espressione a1J!,1Elotç -.oi:ç tx -:où una =na d1 battaglia che sotto 1111 certo pun.
i>c~v li<ocxxDci:<rcr. (ant. ,,u, dr. - rol. '1). 10 di vis1a è sintomatica.
79 (vu,223) (vu,223) 80

L 'uso di O'T)µt:Lov presso Flavio Giu- te di Dio, l'evento non è importante per
seppe è più limitato che in Filone. Egli se stesso, ma in quanto, per la sua na-
non ricorre all'allegoria, né porta esem- tura di O'T)µei:ov, annuncia la presenza
pi presi dalla matematica (""' col. 71), divina e rimanda a Dio 170• Quando in
perciò non ha bisogno di una termino- ant. 20,r68 Flavio Giuseppe narra che
logia adeguata. Invece presenta esempi g.ià sotto Nerone a Gerusalemme ciarla.
presi dalla vita militare. Tuttavia, ri- tani e imbroglioni avevano convinto
guardo al significato fondamentale dcl molti a recarsi nel deserto dove avreb-
termine non esiste alcuna difEerell.7.a fra i bero mostrato loro Èva.pyij -rtpa.•ct xat
due autori. Questa affermazione va an- O'T)µEL<X. Xct•èt '\''Ì)V 'tOV l>t:ov 1tpOVOLctV
cor più decisamente ribadita in quanto ywoµivct, «prodigi e segni evidenti rea-
Flavio Giuseppe non usa mai l'espres- lizzarsi secondo la provvidenza di Dio»,
sione O'T)µt:i:a: xGtt •tPGt•Gt, diventata or- questa formulazione da un laro fa risal-
mai classica per indicare i ' segni' com- tare il riferimento ai tempi dell'esodo
piuti da Dio durante l'esodo dall'Egitto, (dr. a11t. 2 ,286) m, dall'altro mette in
parlando dei quali invece egli usa sol- rilievo la critica di Fla vio Giuseppe
tanto l'espressione (•à) O'T)µt:~a. (a11t. 2, alla fiducia erronea nei •Épct'tct, e ciò
274.276.280 e passim). Il suo scopo è tradisce il suo atteggiamento critico ver-
chiaramente di evi tare che siano visti so il miracolo in genere. Accanto a ciò
sotto la luce di presunta o effettiva ma- la menzione sommaria dei O'T)µt:Ì:ct xa.l.
gia. A questo scopo contrappone esplici- •Épct't<X. che precedettero la caduta deUa
tamente Mosè al sospetto di •EP«•ovp· città di Gerusalemme e del tempio (beli.
yl«t xGti µ«yELGtt (ant. 2,284) e inol- r,28) ha carattere puramente descritti·
tre presenta lo stesso Mosè esclusiva- vo in funzione del successivo racconto
mente come un i>Ea.'\''Ì)c; '\'EpcX•wv (ant. dettagliato (beli. 6 288 ss.), tanto pii:1
1

4.4J ). I CTTJµEi:a. compiuti in Egitto sono che qui i O'T)µELct precedono e quindi ,
opera di D io (ÈY. ikov, ant. 2,327) e pog· secondo Flavio Giuseppe, sono superio-
gi:mo in definitiva sulla sua 7tp0votct xat ri ai '\'tl)Gt'tct. Comunque, il problema che
oi.ivaµtc; (dr. ani. 2,286). Secondo Fla- si prospetta non riguarda in ultima ana-
vio Giuseppe essi riguardano in modo lisi l'idea di miracolo, ma piuttos to
determinante la fede, servono a destarla queUa di fede. Ed anche per questo mo·
e ad approfondirla (a11t. 2,274.276.283 tivo Flavio Giuseppe si distingue dagli
e pasiim) 1"'. Quando Dio si serve del evangelisti, per quanto egli sia ad essi
O'T)µEi:ov indica che egli è l'dc; l>t:òc; xctt molto vicino nell 'atteggiamento fonda-
µÉyr.<noc; xat aÀ.T)l}'Ì)c; µovoc; (ant. 8, mentale verso il miracolo in .
34 3). Quando avviene un •Épctc; da par-

1.., Anche il U"TJl.Lf'°V che &cchia chiese cd "' Cfr . inolt re be/I. ,,.,s-26o txn "tov
(~
oucnne, secondo Flavio Giuseppe aveva lo ìltov liE'1;a.v"tO~ a.Ù'tO~ cniiu:ra
l>..EuCEp(a..ç).
scopo di consolidare la fede del re (ani. IO, Il <'Ommino nel deserto avrebbe segnato l'ini·
28). Cosl pure ai crT)µ&ta. di Elia avviene une zio della nuova epoca di salvezza, indicata so·
decisione tra fede e incredulità, cfr. ani. 8 ,347 (ltot!UltO dnl te rmine specifico t:\.EU&Ep(cr. ( cfr.
con 327.343.}50. ani. >,327).
m Cfr. ScttLATlU, Tbeol. d. ]udt. 104 s.;
llO Cosl ScH!.ATTU , Theol. d. ]udi. 69. ScHLATTER , j OS. 1 7 S.
Sr (vn,223) O"lJ~i:o" B 11 3 · C 1 r CK. H. Rengsrorf)

3. L'apocalittica e gli anni. È importante notare come a


questa reminiscenza si collegh i non un
~ coli. 70 s. 98 s. pensiero astrologico, ma la coscienza
dell'orante di essere - mediante la pre-
C. '6t I 'ata' I siman NEL GIUDAISMO ghiera quotidiana ordinata da Dio in
POSTBIBL!CO ore precise - inserito nel grande ordina-
mento della creazione e direttamente
I. I testi del Mar Morto posto in relazione con Dio. Nelle 'wtwt,
r. Continuità dell'uso linguistico biblico che sono le luci del cielo, Dio in un cer-
to modo richiama costantemente l'oran-
La continuità dell'uso linguistico bi- te a se stesso come a colui che è il solo a
blico è attestata dal cosiddetto «Libw rendere possibile il suo culto quale ser-
dei misteri» (r Q 27, fr. 1, col. r ,5 [ DJD vizio d iv ino ordinato e ordinatore deUa
I 103]) quando, riguardo a colui che vita 174• Ciò tuttavia non significa ancor.i
verrà, si dice: w•zeh liikem hii'ot kL che 'wt qui sia un «Segno rivelativo»
(~coli. .50 ss.). In questo rnso il termi- in senso tecnico.
ne assomma ancora in sé l'aspetto d i og-
getto percepibile ai sensi e quello di ac- r QS 3, 14 stabilisce che dovere della
certamento, che evidentemente rientra- persona esperta (mikil) è di istruire ed
no nell'accezione originaria del vocabo- erudire tutti i figli della luce 175 lkwl mi-
lo, esattamente come era avvenuto in ni rw!Jtvtm b'wtwtm lm'fihm bdwrwtm
precedenza 173• wlpqwdt ngi'jhm. L'intero passo è mol-
il profilo sintattico 116 •
to diffici le sotto
In r QH 12,8 si parla di 'wtwt in un Nonostante alcuni dubbi è consigliabile
contesto che riguarda l'alternarsi del intendere le parole lm'ijhm ... ngj'ihm
giorno e della notte e l'avvicendamento come spiegazione di quanto precede e in
delle stagioni, e se ne parla in modo questo caso soprattut to di b'wtwtm 111 .
che emerge chiaramente il riferimento Allora 'wtwt designa tutto ciò da cui
alla designazione della funzione delle lu- si riconosce di quale spirito si tratt,1 ,
ci nel cielo quali 'tt astronomiche che precisamente nel senso che ciò che i b11i
stabiliscono le feste, come pure i giorni 'js compiono per loro influsso è tanto

m Circa il contenu to di 'or cir. O. A. P1rER, luce» devono svolgere la loro m1ss1one nel-
The «Book o/ Mys1cries» (Qumran [ 27 ): l'ambiente in cu i si trovano e inoltre perché è
The Jownal of Rcligion 38 (19,8) 95-1 06. raro il collegamento di lmd con b (ls. 40 ,14 ).
specialm. 96 s. In 1 QSa 1 ,7 pare che limmed b equivalga al-
'" Pertanto non è bene considerare il conte· l'«insegnare per mezzo di ...» che troviamo ad
sto come un documento della «mistica della es. in Pes. b. u 2b.
sena di Qumran», come fa A. DuroNT-SOM· 116 Cfr. le vade traduzioni e i diversi com-
MER, Die essenischen Scbri/1e11 vom Tote11 mentari ad I.
Meer ( r96o) 260 n . t. Il c\llto che emerge m WeRNBERG · MoELLER, op. dt. ( ~ n . 175!
non ba nulla a che vedere con la mistica. 67 n. 44 rinvia giustamente all'accostamento
l7S Le parole che seguono, da I wùi wt fino a di 'wl e m'sh in Deul. 11,3, tuttavia vorrebbe
'ii, vanno unite a quanto precede e non d ipen- distinguere l'uso di 'wt nei due passi (là: sig11 ,
dono da lhbin wllmd (così intendono P. 111iraclc, qui: characteristic), ma non convince
WE.RNBE.RG· Mor.r LER, The Manual o/ Discipli· molto. lnohre i traduttori considerano sem-
11e ( 1957] 25 con la n. 42; DUPONT-SOMMER, pre parallele le tre espressioni che comincian<'
op. cii. e ~ n. 174 ] 85), perché i ·figli della con I.
Ul)µMY C I r-2 (K. H. Rengstorf) (VIl,.225) 84

mportante quanto ciò che ad essi acca- L'espressione wt wmw lpt] sembr:i
e come visita di Dio 178• In questo sen- usata nel passo molto frammentario 1
o l'enunciato si accosta a Mt. 7,16ss. QH 15,20 181 • Se in 13,16 3bbiamo solo
I Le. 6,43 ss.; Mt. 12,43 ss. I Le. 11, mwpt, può essere che nell 'altro passo a
'1vt wmwpt vada congiunto un parti-
colare riferime nto, ed è naturale pensa-
Nei testi finora pubblicati quasi sem- re che si tratti di un ricordo dcll'inrcr-
re 'wt ha il significato di insegna mili- ven10 di Dio in Egitto. Può essere che
tare, vessillo. i QM offre un vero e pro- tra le righe vi sia effettivamente questv
prio srk 'wtwt kwl h'dh (3,12 ss.) con ricordo (cfr. il v. 19 dopo il v. 18); co-
disposizioni particolari per confe-.iiona- munque il co ntesto rimane piuttosto
re sia h' wt hgd wlh che si trova alla te- vago e non permette u n'3ffermazione si-
sta di rutto il popolo presentato come c;ir:i in ques to senso.
reparto armato di Dio ne lla lotca fm lu -
·c e tenebre ( 3 ,1 2 ), sia tu tti gli altri ves- 2. U11 nuovo significato.'
si lli necessari all'assetto e alla conduzio-
ne dell'armat:J in guerra. Con ciò l'l'l si Un difficile problema è legato 11 1 QS
ripropone un occasionale uso vetero te- 10,4: w'wt 11seguito da un intervallo e
stamentario (Num. 2,2, ~ col. 46). poi da lmptt. In questo passo 'wl, in ri-
Ma anche i Ki ttei (hktj'im)hanno 'wtwt spondenza all'uso linguistico rabbinicQ
( 1 QpHab 6, 1.4), e quando si dice che (~ coll. 87 s.), è forse la lettera dell'al-
immolano vittime ai vessilli (zbp, ibid. fabeto? (in questo modo si avrebbe
6,4), abbiamo uno dei motivi che stan- un'afferm azione misteriosa sul significa-
182
no a favore d ell'identificazione d ei Kit- to del segno mm) • Oppure si deve di-
tei coi Romani , poiché nell'esercito di re che il testo è corrotto, per cui è im-
Homa era praticato un culto formale con possibile decifrarne il senso 183? Consi-
le insegne militari 180 • Considerando ciò derazioni di cara ttere paleografico fan -
s i deve ritenere che, nonostante l'inne- no pensare che il nun iniziasse una pa-
gabile riferimento a Num. 2 , 2 , questo rola che però non fu completata dall 'a.
uso di 'wt nei testi di Qumran sia in- manuense. Qu aie che essn fosse nel te-
( uenzato da l latino signum, termine tec- sto o riginale '"'. allo stato attuale delle
nico per indicare le insegne militari . cose non sembra improbabile che 'wt

tlt Non è qui il momcmo di discu1erc come veri près de la Mer Morte ( 1957) 92 n. 9; J.
ciò vada in1cSt1 in quesco p:isso. LtCllT, The ThanJ:sgiving Scroll ( 1957) 198.
119 Per i panicolari che non possono essere Ile 0UPONT.SOMM r-R, op. cii. (-> Il . 174) 107
nnoliz:1.ati nella nostra t rotrnz ionc dr. soptat· n. 2 ipotizza in questo passo l'influenza di
1u 1to Y . YADI N, 'fbe Scrolt u/ the \\7ar o/ t/1e una elucubra2ione sui numeri non meglio pre-
So11s o/ I.iP.ht against the Sons o/ Darkncss cisata, analoga a 4uella dei Pi1agorici sul nu·
(cbr.) (19n) 36-59 e 274-28, ; OuPONT-SoM· mero ,o e collcga1a al calendario esseno.
MER , op. cii. (-> n . t74) 192·194. '"-' Cosl K. G. KuttN, Konkorilanz zu den
lllO Cfr. K. EtJ..tGER, St11dim wm Habacuc - Q11mrantexten (-1960) 139 n. t.
l~<Jmmentar vom Toten Meer ( 1953) 187 s.; •~i A. M. HABERMANN, Megilloth midbar )'•'·
W . KUBITSCHEK, art. 'Si3n1' in PAULY-W. 2a b uda ( 1959) 68 propone di compleiare con
(1923) 2342-2345. ne[ 'lman l; J. VAN OER PLOEC, Le •Manuel de
•31 ~ la cong~uura che, con rin\'ÌO a 1 QH Discipline»: Bibliotheca Orienia lis 8 {1951 )
1 J .r6, viene proposta, tra gli altri , da Du- 1 24 n. 100 propone n[ora'] secondo Ecc/11,-
roNT-SoMMER, Le Livre tles l-/ymnes décou- 43 ,2.8.
o-riµe\ov C 1 2 • 11 r ( K. 11. Rengstorf J (vu,226) 86

possa cs ··hre inteso nello stesso senso che unu caratte1·istica ('wt) oppure deve in·
ha in Gen.1,14 (~ col. 45) e quindi Jicarne il peso, per dimostrare di esser-
nel significato di segno •11.S. Allora anche ne il legittimo proprietario Il!& . Tal volta
in questo caso 'wt ricalchereb be l'uso nella controversia sui t''filll111 viene chia-
finora riscontraro •u. ma to in caus:1 il r'6t di Ex. I 3 ,9 (Men.
h. 37b bar.). Nel contesto di un'inter-
II . 'òt ecc. nella letteratura rabbinica pretazione di 1 Re?,. 20,35 ss. troviamo
che nella natura di un profeta rientra
Nella letteratura rabbinica 'wt rive-
che egli si dimostri tale «dando un se-
~te un ruolo relativamente modesto. Pur
g,110» (ihb 'wt.: San h. b. 89b; purtroppo
conservando il suo carnttcre formale di
d al contesto non risulta chiaro di che
contrassegno, s'incontra da un laco nel
cosa si tratti). Quando in Shab. b. t 37b
senso di segno col cui ausilio qualcosa
bar., in un'antica preghiera per la cir-
diventa riconoscibile o è rico11osciuto,
concisione, quest~ viene defin ita 'wt brit
d'altro lato nel senso di lettera dell'alfa-
beto. I due signifìc<1ti vengono anche qwds, abbiamo u n arcai:imo liturgico.
Significativa in Sanh. b. 98a/b "~ è 11-
d istinti sotto il µrofìlo grammaticale, in
na tradizione 190 riguardante un d ialogo
quanto il plmale ncl primo caso è 'o tot,
fra R. Jose ben Qi$ma 1" 1 e i suoi disce-
mentre nel secondo norma lmente (però
poli, dialogo da collocare '111 'epoca della
~ n. i 96l è 'otiiiot.
insu rrezione di Bar Kochba contro i
J. 'òt= contrassegno 187 Romani, nel quale R. Jose consiglia leal-
tà nei riguardi di costoro. Alla domanda
In Kit. 9 ,10 (dr. I'. B. Q. u ,l2) '6t riguarda nte il tempo della venuta del
significa il contrassegno (apposta all'og- Figlio di David, cioè del Messia, R. Jose
getto) con l'ausilio del quale tessitori e cerca in un primo momento <li non ri -
guakh iera i distinguono gli oggetti dei ~pondere, notificando un prodigio; tut-
singoli clienti . Accanto a questo passo, tavia d eve poi cedere alla rkhiesta di
che è l'unico del genere nella Mishna dare un segno (ntn 'wt) 191 e di dimo-
e nella Tosefta, 'wt è, per esempio strare la propria competenza profetica
in B. Q. b. u9 bar., una prova d i tin. mediante un miracolo: alle sue parole
teggiatura della stoffa che in certe circo- l'acqua della gro tta di n,111ias presso Ce-
stanze si può richiedere alle tintorie. B. sarea di Filippo si tramuta in sangue 193•
M. b. 23b stabilisce che chi ha smarrico È essenziale che i111che in questo caso si
un oggetto d i metallo deve descriverne >ia conservato il senso originari.o di 'wt

1ss Cosl WERr-IBERG-MOEl.LER, op. cit. (--+ n. ( 19 t2} 67 n. 3·


175) q2 s., n. 12. 191 (Jr . B:\CUER, 'f a1111ailen 1? _397 .. 100.
18é Diversamente avremmo il più antico tcsro
m Il testo ebraico suona biqqes 'ot mùr.
in cui 'wt significa lei/era dell'alfabeto.
m SCHLATTER, op. cii. (-> n. 190) 6 7 pensa
l87 KASSOVSKY I 46a defin isce 'wt in questi
che forse il mirawlo era già stato narrato al -
tcrminj: rwJm wsmn h'twi bdbr lhkjrw. l'epoca della Mishna. M~ c'è du chiedersi se
188 nln 'wt co1ne tenninologia tecnica rientra
la tudiziooe non abbia dato luol(O a una cre-
nell'ebraico biblico (--+ col. 48). sci ta dcl racconto, nel scn.so ch1.: quanto era
•89 P arallelo: Tanhuma w;Jlh 8 (8\ b BuBER). prima narrato come profezia sia poi staro mo-
190 Circa la sua importania per lo determinn- dificato in miracolo effettivamente avvenuto.
zione <li partie<:ilari proprietò stilistiche di rac- Va tuttavia ricordato che la profezia noo s'è
conti sinottici di miracoli cfr. A. ScHU.TT!èR. realizzata. n meno che non si sia visto il figlio
Das \Vm1der in der S)'Jlagoge, Rr:Th t6 ,5 di l"}•vid nella 1><:rsona d i Rar Ktx:hba .
87 ( vn ,226) '71')µriov e Il T . lii 2 (K. H . Rengstorf) (Vll,227) 88

(°"'coli. 44 ss.). Perciò nel testo in que- wtrtj11 'wtwn). Può essere che tale uso
stione è meglio non parlare di 'miraco- linguistico derivi dal fatto che le lettere
lo' per il fatto stesso che il miraco- permettono di conoscere la manifestata
lo non si 'dà' ma viene compiuto. Sotto volontà di Dio. In ogni caso le lettere
questo profilo è istruttivo anche S. ebraiche possiedono un senso sacrale 195 •
Deut. 83 a 13,2, in cui 'ot e mo/et sono Con particolare rispetto si parla talvof.
distinti nd senso che 'ot viene collegato ta delle lettere con cui si scrive il san-
al cielo, mo/et alla terra. Secondo il mi- tissimo nome di Dio (T. ]ad. 2,12; Sah11.
drash infatti il 'segno' da solo non basta 12,9) 196.
a generare la fede, ma, a questo fine, ri- Abbiamo invece esclusivamente un
chiede sempre d'essere interpretato (Ex. senso traslato quando 'wt jwt indica an-
r. 5,13 a 4,31). Sulla stessa linea è l'o- che documenli, come titoli di credito,
pera haggadica l'qa~ tob ad Ex. 3, per es. B. B. b . 75b/76a: di 'wtjwt si
12 1w, scritta bensl verso il uoo d.C., prende possesso tramite consegna, ossia
ma contenente molto materiale di assai con la trasmissione di una obbligazione.
antica tradizione; essa distingue '6t da
mo/et in questi termini: 'ot si riferisce III. siman nell'uso linguistico rabbinico
a un certo tempo (non ancora presente),
m6/ét invece all'attimo presente (l''al- 1. Aspetti generali
tar). simàn, che nell'uso linguistico rabbi-
Ciò che più sorprende a proposiw nico ha sostituito quasi completamente
dell'uso rabbinico di 'ot nel senso di se- '6t nel senso di contrassegno, caratteri·
gno, co11trassegno, è quanto esso sia ra - stica 191 , è probabilmente 198 in origine 1~
ro. Ciò deriva dal fatto che il termine il greco O'l)µe~ov assunto come barbari-
nella sua accezione piì:1 vasta è stato so- smo 2:XI. Comunque, è significativo che in
stituito da s'imàn (coli. 88 ss.), serrz:a che quanto tale non abbia conservato tutta
di ciò si possa dare una spiegazione com· la vasta area semantica del termine gre-
pleta (tuttavia°"' coli. 105 s.). co, ma sembri essere determinato so-
stanzialmente da '6t. Ciò vale anche per
2. 'ot =lei/era dell'alfabeto un uso tipicamente rabbinico, che va
trattato a parte(--+ col. 90).
Molto pii1 spesso, non solo nella
Mishna e nella Toseftà, ma in genere in 2. si man== contrassegno, indice
tutta la letteratura rabbinica, 'ot indica
la singola lettera dell'alfabeto ebraico, Il vocabolo, abbastanza frequente, in-
per es. Shab. 7,2: ktb Jtj 'wtjwt; cfr. dica per es. i sintomi di malattia di co-
inoltre 12,3.4.6; T.Shab. u,rx.12.13 e lui che è in sospetto d'una affezione cu-
passim. L'alfabeto ha 22 lettere, come tanea che rende impuri (Neg. ~.3 e pas-
si precisa talvolta (Tg. Cant. IA: 'srj11 sim), oppure gli indizi di proprietà di

194 Ed. $. BUBER (188o) 9b. rabbinico.


l9S La torà originaria è ritenuta scritta da Dio 198 Cfr. K. H. R.ENGSTORF, Jebamot, Die
stesso, cfr. STRACK·BILLERBECK IV 442 SOltO .Mircbna 111 t (1929) 202 s.; W. W1NDFUHR,
b; cfr. Flav. los., ani. 3,101. Der Terminus sjmn bei Jen Rabbinen: OLZ
196 Nei lesti tannaitici il plurale in ambedue i 29 (1926) 791 s.
casi è (ancora ?) '6t6t e non '6tiij6t (~ col. 19'> Ciò vale nonostante il nisman di I s. 28,2 5.
85). 11>• Per la pronuncia cfr. per es. bima rispeno
191 Altrettanto vale per simiinii' nell'aramaico a ~i)µri.
O"l')!lELOV e 111 2 • D I 1 (K H. Rengstorf) (Vll,227) 90

un oggetto ritrovato (B. M. 2,7 ), oppu- 3. Uso rabbinico particolare di simàn


re le qualità da cui si riconosce un cane
idrofobo (Jwfh) (]om. j. 8,5 (45 b 12 Dal significato generico di slmà11 il
s.); Jom. b. 83b) 201 ; oppure contrasse- rabbinismo ha sviluppato un termine
gni che permettono 1'ide11tificazione di tecnico particolare del linguaggio scola-
una persona (]eb. r6,3), oppure le ma· stico, la cui migliore traduzione è paro·
nifestazioni caratteristiche della maturi- la-indice e rientra nel sistema mnemo-
tà sessu~le deUa donna (Nid. 5,8) ecc. Il tecnico dei rabbini ll>I . Si trat~1 di parole
d!sr~ars1 ~el pregare è, per chi prega, un che abbracciano tutto un complesso di
s1ma11 ra , nel senso che bisogna atten- argomenti, o che si riferiscono a mo' di
dersi qualcosa di nocivo (Ben. 5,5). La indice, in ordine siscem;Hico, a de termi-
pioggia durante la festa delle capanne nati casi giuridici, oppure sono sempli-
era ritenuta da R. Eliczer un segno del cemente parole-indici costituite a mo' di
corruccio divino (simiin q'làlli, Taan. 1, a_crostico 205 • Poiché in questi casi si
r) 202 • L'immagine che si ricava trova la flssano alcune basi di riconoscimenco,
sua riepilogativa conferma aUorché Tg. con quesro uso di sìmim il rabbinismo
pal. (secondo il cod. Neofiti 1) in Ex. 3. in definitiva non va olrre il significato
formale comune sia all'ebraico '6t (~
l 2 in luogo di hi16t presenta un s;m'n,
o quando l'espressione biqf 'wt mn <~ col. 64) sia al greco Ol)fiefov ( ~ col.
col. 86 con n. r92) viene modificata in 33 ). Ciò vale onche quando talvolta un
bjqs sjmn (Ex. r . 9,i a 7 ,9). Di conse- termine scritturistico è presentato quale
guenza slmàn ha in comune con '6t l'a- siman nel senso di dictum probans o
spetto tecnico-neutro. Ciò avviene an- dictum adiuvans (A. Z. b. 8a), oppure
che nel linguaggio astronomico, quando t]uando le lettere mm, talvolta inserì·
serve per determinare sicure indicazioni te nel testo masoretico 21X>, vengono det-
di calendario, per es. A. Z . b. 8a in rifc. te s'ùnci11iji6t - forse in riferimento al -
rimento a Ps. l 39,5. Se si riflette su UH· l'usanza greca dei segni critici che si tro-
ro ciò, rientra anche in questo contesto vano in testi tramandati lll7 .
la designazione di s1mànim data alla tra-
chea e alle fauci dell'animale dcslinato
D. O"l')µELOV NEI. N.T.

al macello, poiché dal giusto raglio di I. Aspetti generali


queste _p.1rti del corpo si può dedu rre se
la macellazione è stata compiuta secon. i:. Ricorrenze del termine
do la legge l03.
<T'l)(..lEfov ricorre nel N.T. certamente
7 3 volcc, senza calcolare il passo secon.
dario di lvft. 16,3 21)8. Di queste, ro so-
2 1
~ Anche lo veterinaria grc'C'•I in un caso del :"~; L'addcntrard in questo c 1mpo ci porterch·
genere parla di VT)IU'LO:, dr. S. LIEBERM~N b~ ll'Oppo lontano, a prescindere dal fatto che
Hellenism in fewish Palestinc (r950) 189 n: con rrilmi rebbc poco alla rnmprcnsionc dcl t~r­
68. mi.ne Ol)µttov nel N.T. Perciò ci limitiamo a
Cfr. le espressioni corrispondenti sim11 iph
lll2 rimandare sinteticamente allo schizzo tracciato
(Ber. b. 34b), sjmu brkb (Taan. b. 3ob) ecc. da WtNDl'UllR, op. cit. ("' n. 198).
m Cfr. B. LAUFF, Scbechitah tmd Bedikab 2=<> Num. 10 ,3 , .36.
(Sch'.achtrmg und Untersuchung) usw, Diss.
:;;:er~mhche Hochschuie Berlin ( 1922) 15 s.
2' ; Cfr. Lmoi::RMANN, op. cii. e ~ 11. 201 ) 38-
Cfr. W!NDFUHR, op. cii. (-+ n. 198) 792· ~1-).

794. 2':>l Mt. r6,2b-3 mancano in S B syr' syr' Orig.


91 (v11,227) C"rl-IE<ov D 1 1-3 (K.H. Rengstorf) (v11,228) 92

no in Mt., 7 in Mc., 23 in Luca (Le.: b) Di verso è il caso di lìvvaµLç, che


10; Aci.: 13). 24 in Giovanni (Io.: talvolta viene aggiunto all'espressione
17; Apoc.: 6), 8 in Paolo e una volta O'T)!lEÌ:a xat 't'Épa-ra (Act. 2,22; 2 Thess.
in Hebr. Pertanto l'autore che più usa 2,9; cfr. Rom. 15,19), ma nelln maggior
il termine è Giovanni. Circa la sua pre· parte dei casi si presenta a sé stante (i l
senza negli Atti va ricordato che essa plurale lìvvci1.mç nel N.T. è addirittura
si limi ta ai capp. 1-15. In Paolo ha u- un termine tecnico per indicare i miraco-
n 'importanza limitatissima e manca li [ - 11, coll. x516 ss. ]). A questo ri-
completamente in Gal., Eph., Phil., guardo va tenuto presente innanzitutto
Col., 1 Thess. e Philm. e nelle lettere che lìvvaµLç in quesco senso si tro va so-
pastorali. Manca anche nelle lettere cat· prattutto in Matteo, mentre manca com-
toliche. Da notnre che negli Atti O'T)µti:· p letamente nel Vangelo di Giovanni. Se
ov si trova nella maggior parte dei casi talvolta il verbo lìvva :;&aL può sostitui-
al plurale e inoltre 9 volte su r 3 collega- re qualche significato proprio del sos tan-
to a 't'Épcxç <- coli. 120 ss.). Ciò ancor tivo ovva1.uç (~ Il, col. lj2[ ), rima11c
più sorprende in quanto Luca nel suo tuttavia sorprendente che il nome man-
vangelo non usa nemmeno una volta l'e. chi nel Vangelo di Giovanni e che an-
spressione O'T)µti:tt xttt 't'Éptt-ra o -:tpa-ra che ovvau&CIL vi compaia solo due volt.:
xat O'T)µti:a, che anche in Mt. e Mc. riferito al n:ot.li:v G'T}µtÌ:CI di Gesù (lo.
(Mt. 24,24 = Mc. 13 ,22; - col. u9 ) 3,2; 9 , r 6). Si dovrà essere molto cauti
e lo. (4,48; - col. 127) si tiova una a questo riguardo, evitando il tentativo
sola volrn. Paolo la usa in Rom. 15,19; di armonizzare troppo affrettatamente
2 Cor. r 2, r z e 2 Thess. z,9, sempre in G iovanni e i sinottki 21)') .
contesti molto tipici, e altrettanto vale
per Hebr. 2,4. Poiché nell'A.T. l'espres· c) Infine si deve tener conio che in
sione richiama un contenuto ben preci- Io. accanto a CTTJµti'.ov abbiamo il ter-
so (- coll. 56 ss.), è consigliabile ana- mine - lpyov che dà luogo a una spe-
lizza re insieme tutti i passi in cui ricor· cie di rapporto triangolare con O'T)µti:ov
re questa espressione ( - coli. u8 ss.). e ovvacri)m 2IO. Pertanto per comprende-
re il senso di O'T)µt:~ov presso Giovanni
2. Termini e concetti paralleli sarà molto importante stabilire il rap-
porto tra O'T)µEi:oV e epyov ( - coll.
a) - -r~paç, che è frequente in gre- r 36 ss.).
co e non raro nei LXX ( - col. 39), nel
N.T. si presenta solo accanto a O'T)µtfov 3. Premesse circa l'uso li11guistico 11eo-
e solo in Paolo: C"lliu:ia xal -répa-ra o tc11amc11tario
't'Épa•a X«L O'T)l.L!i:tt <-
coli. u8 ss.),
ossia non ha un suo ruolo autonomo ac- Nell'uso di O'T);.tEfov nel N .T., qualortt
canto a O'T)µEfov. si voglia cercare un o rdine sistematico,

Hier. Probabilmente si trattA di un'antica glos- definiti senz'a ltro «opere uniche e incompa-
sa, «a quanro pare, liberamente formulata su rabi li~, perché in essi si esprimerebbe «Un:t
J,,;, 12,54.56» (KLOSTERMANN. ì\11., ad I.); se- particolare ovvcxµL<; del Cristo•. ln sostanza
condo Z ABN, Mt., ad I. potrebbe essere un'in· qui si rìflc11e l'immagine del Cristo malte io.
tctpola1.ione proveniente da Papia.
Y11 In -+ tt , coli. 1521 s. non è stata chiarita ~•JGò non è stato preso in considerazione né
con sufficiente esatcezz.i. la situazione esistente in ~ 11, coll. 1,20 s., s.v. 0\rJaµ\4 ecc. né in
in lo., in quanto i 1111;u<o; di Gesù vengono - m, coli. 849 S., $ .V. ~Pì'OV.
93 (vu,228) C'l]µtlOV D 1 3 - li 1 (K. H. RcngstorfJ (vu,229) 94

esiste una dialettica che non è semplice so linguistico neotestamentario è possi-


da spiegare. Da una parre abbiamo un bile dedurre una sorta di sigmficato fon-
uso nel quale il termine è posto come
damentale, pare che esso consista nel
oggetto di un intero gruppo di verbi che
mettono in rilievo ogni attività umana, fatto che con O"l)µEi:ov si stabilisce o si
per es. 1tOLEtv (lo. 4,54 e passim), oLoé- accenna - in ogni singola situazione de-
va.~ (Ml. 26,48), oHxvvva.L (Io. 2,18) o
terminata e irripetibile - una possibilità,
XCl.'t'Epy<isEoi>O'.L (2 Coi·. 12,12 ), che O?,-
gettivizzano il significato di O"T}µEi:ov , dì un intendimento, oppure la necessità di
modo che è possibile cercarlo o richie- un determinato rapporto umano. Perciò
derlo: tr.epw-tav (Mt. 16,1 ); [lm)sTJ- quando nel N.T. abbiamo a'Y)µEfov, tro-
-tEi:v ([Mt. 12,39] Le. rr,r6); a.l-tE~v (I
Cor. r,22); vederlo: ~À.É1mv (Aet. 8,6), viamo sempre anche l'accenno alla re-
loet:v (Io. 6,26), e persino prendere po- sponsabilità della persona o delle per-
sizione nei confronti del 'segno': ò.vi:L- sone che sono coinvolte in quella situ<\·
ÀÉyELV (Le. 2,34). D'altro canto O"TJ~!Efov zione. Quindi, considerando i partico-
si trova nel senso di qualcosa che non
è soggetto all'uomo: viene «dal cielo» lari , abbiamo una gamma di variazioni
(Mc. 8,1 l) o è «nel cielo» (Apoe. 12,1 e così ampia, che è necessario precisare di
passim) o «nel sole» (Le. 21,25), e ha volta in volca come stanno di fatto le
per autore Dio (Mt . 12,39): oo~i}ln't'a.~;
cose.
per questo motivo implica una maggio-
re responsabilità dell'uomo che ne vie-
ne a conoscenza. Vi sono però anche II. O"T}µEfov presso i sinottici e negli At-
passi in cui il vocabolo occupa una po- ti degli Apostoli
sizione per così dire intermedia, per es.
quando si parla di un O"l)µEfov tjc; tt:X.- e_anµefov :=:;segno, contrassegno
O'EWç (Aet. 4 ,22) oppure di un O"T}µ.dov
i:ov vtov 't'ov &.v~(>W1tov (Mt. 24,30); Con le parole xa.i 'tOV'tO vµt:v 't'Ò 211
qui infatti l'argomento in questione è la 21
O"l)~tefov \ con cui il redattore usa una
guarigione o il Figlio dell'uomo, en-
trambi fuori della portata dell'uomo, formulazione veterotestamentaria m, in
ma evidentemente visti come quakos:1 Le. 2, l 2 langelo introduce il suo mes-
che per mezzo del 0'1)µ.Ei:ov entra nel - saggio in cui fa menzione dcl contrass,'-
1'ambito delle sue capacità percettive.
gno, ossia della prova della verità del
Nei limiti in cui dalla plmalità dell'u- suo annuncio che è nato il Messia: il

211 L'anic0!0 m:lilra nei ~·o<ld. 13 pc. Tu1tav;a, 1J Sl\llLtN, D<'t 1\lcssias muJ ""' Go1tesvolk:
cont•O il NF.STLE e cnn In nl:tggior parte dt: i .\cr~> Scrnin~nii Nco testamenti<..:i lJpsalicnsis
ce dici. va co:1sjdcrato parte elci testo, perché 12 (r9.+5) 220.
le espressioni parallele <lella Bibbia ebraka e 112 Per il significato <li 'segno' nd vangelo lu-
greca(-+ n. 213) hanno sempre l'anicolo, che c~no deJl 'infoniit1, anche quando non se ne
tra l'altro si trova anche in r Q 2i,r 1 5 (wzb parla cspliciramence, dr. SAHLIN, op. cit. (-+
/km b'wt). Ciò dipende dal fauo che ndla n. 2rr J 335·339·
con<:czionc vctct"0:cstan1entario~giudaica il ;se~ 2l3 Ex. 3 12 ; 1 Sa111. 2,34~ 14,ro; 2 Reg. 19129;
1

gno' è sempre qualcosa <li ben preciso. 3nche w .9; ls. 37.)0; 38,i; ed anche i Bao-. 10,1 s.:
se prima non s'è detto nulla al riguardo; dr. xo:t •ov•o o-o• i:ò C'lJµé'O'"·- xcd. tòpficrw; ...
o-riµrL<>v D 11 1 (K. H . Rengstorf) ( Vll ,2}0) 96

conato trova il suo primo rifugio in Matteo (26,48) narra che Giuda ave-
na mangiatoia m. li passo attesta be- va dato un aTJµ.Efov a coloro che erano
ne il carattere formale di o"r)µEfov, poi- stati incaricati di catturare Gesù: 8 /lv
·hé viene illustrato esplicitamente da q>LÀTJO"W avi: oc; Èa"tW , «CO lui che bacerò
una situazione singolare per tutti coloro è lui». In questo caso un bacio cpl- (°"'
che vi partecipano. Sotto questo aspetto ÀT}µa) serve a individuare il ricercato.
in tutti coloro ai quali è rivolto esso Ancora una volta in O"l)µELov sono riu-
presuppone la percezione di certi dati nit i i momenti della percezione senso-
( 2,15 ), e a sua volta tale acquisizione è riale visiva e dell'accertamento; ancora
in funzione di una verifica (2,16.20). una volta ciò che è ind icato con O"'l)J..u:fov
si riferi sce a una situazione irripetibile
Il 'segno' dato ai pastori è la condi-
ione s traordinaria del neonato, che però e non va oltre 216 ( °"'
col. 3 3; per quan-
in definitiva è quella straordinaria del- to riguarda cniµttov nel se nso di segnale
la madre sua m. All'interno della peri- convenuto °"'
col. 7.5 219 . ) In Mt. 24,
cope (Le. 2, 1-20) aT)µtfov ha la funzio- 3 discepoli chiedo no q uale sarà il O"T)-
ne di me ttere in movimento i pastori, di
modo che a loro volta possano diventa- µefov i:i)c; oiic; 'lto;povcn'.ac; xat cruvn-
re 'segno' per Maria, senza che tuno ciò ÀEiac; i:ov atwvoc;, «segno della tua ve-
debba essere enunciato esplicitamente nuta e della fine d ell 'cone,. . In questo
da questo genere di narrazione 216 • Co-
munque, la mangiatoia in quanto aTJ~L­ passo, come in Mc. I 3,4 e Le. 21,7 120, si
ov no n ha affa tto la funzione di indi- intende ciò da cui è possibile rico nosce-
care che il bimbo in essa deposto è un re l'imminenza dell'evento specificamen-
«bambino miracoloso» m; ciò infatti
te indicato. In Mnrco e Luca l'idea e
non deriva dalla natura del aT)µtfov in
sé, né si può dedurre dal modo in cui la formulazione sembrano rispecchiare
qui la mangiatoia appare come 'segno'. l'attesa apocalittica. In vece l'espressione
?U Così od es. M. D1sa.1us. / ur.g/rdu<·111ob11 Giuseppe -> col. ;s e n. 21 9
und Krippmkùul, in Botsrba/t u11d Gesch1cbte m a r. STRACK-BI LLE RBECK I \)\) ' s; I\. M.
I (1953) 60. HoFMANN, Pbilemr1 bagion ( 19;8) 42 circa l'u ·
m Cfr. K. H. RENGSTORF, Die \Veihnacb1Jc:- ~-=1nza di salutare con un b~•cio, occ:cnn:u~• in
du E11a11gelislen Lk., in 5/dl cmx
ziiblu111: /,c.;4 5. Un buon parallelo che include tuui
dum volvittlT orbis, Fes1sd1r. H. Liljc (,9 ,91 r,li d emonti della scena di C iuJ:i, compreso il
I }-}O. CTTJ!i;fov, è offerto da Flav. Ios., 0111. u ,404:
21• ar. R ENGSTORr , op. CLI . (-> n . , ,, ) l6-2 S . (Demetrio) Ò:V1tacT<iJtEVo; ...-òv 'Iouliav µE·
Pertanto in SAHLIN , op. cii. (-> n. 211 ) 336 s. ...-aE,ù rtpoo-oµ•)..Wv liLliWO"'.. -.oi<; o(xtioi.; "tL Cl"l)·
l'elenco delle persone che nciranrefatto lurn- i.itiov. &rt:wç crv),),,ci~wcn ...-òv 'Ioulia.v. Cfr.
no sono esse stesse 'segno· va compie rato con SCHLATTllR, Komm. Ml., ad I.
I 'asgiunta d ei pasto ri. llll Non è necessario determinare - come ver-
217 DIBELtus, op. cit. <-
n. 2 14 ) 6 r. rebbe da chiedersi dato l'accos tamento d ei d ue
218 Dal confronto fro Ml. 26.48 e Mc. 1444 termini - se Mt. 24,3 spieghi il parallelo Mc.
rts ulta inoltre che Mòwxt" (Aft. ) va inceso nel 134 ( -> 1x, col.861 11 . 42 e BlltTMANN, TraJ.
senso di p iuccheperfetto, in rispondenza a liE· 7 1) , o se. vi~ersa, in questo caso Mc. inter-
owxt• (Mc.) . Quanto a otoov1u <rl\l.lELoV - preci Ml. (così intende SCMLATTEI , Komm.
coli. s,s.; per paralleli linguistici in Flavio Mt., ad I.).
97 (v11,i30) <Tl)f.U!tov D n r ( K. H. Rcngstorf)

"ò O'l)µti:ov "ijc; mxpovoù.tc; (Mt. 24,3) unicamente dal fatto che in essi si mani-
non ha un rapporto diretto e necessario festa che comincia a dissolversi l'ordina-
con l'apocalittica, cosl come non l'ha mento del creato (-:> x1, col. I 196 ).
il parallelo formale -rii O"l)µdcx. "t'TJ<; <7W-
"t'T)plcx.c; che Flav. los., beli. 6,285 usa Nell'apocalittica tardo-giud;;1ica è opi·
nione corrente che la venuta della fine è
per caratterizzare il contenuto dell'atte- preceduta da sconvolgimenti di natura
sa degli abitanti di Gerusalemme ingan- cosmica, che non potranno passare inos-
nevolmente provocata da falsi profeti il servati e che a chi è avveduto annunce-
ranno ciò che è imminente. In 4 Esdr.
giorno dell'incendio dd tempio (~col. tra la multitudo signomm quae incipies
77). Né in Matteo né in Flavio Giusep- facere in novissimis, Domi11e (8,63) vi è
pe a CTT]µdov è collegata per sé l'idea anche la radicale alterazione nelle fun-
del miracolo. Il termine si riferisce solo zioni del sole, della luna e delle stelle
(54; cfr. 7,39). In questo contesto, co-
a realtà percepibili che permettono a chi me pure in tutta una serie di altri passi
k osserva deduzioni certe ( ~ IX, col. (4,51 s.; 5,r.13; 6,12.20; 7,26; 9,1.6),
862). sig11um corrisponde al greco CTT)(J.Ei:ov,
ben distinto dal mirabile che è l'atto
Il parallelo formale più vicino a Mt. prodigioso di Dio (r,14; 2,48; 7 ,27 e
24,3 è Diod.S. 3,66,3. Lo storico paga- passim). Corrispondentemente i Sibìlli·
no parla dei -.oii Dtoii cr11µda... "t'fjç ni si servono del termine arcaico (~
19 ss.) crfjp.« (2,154; 3,796.804).
loi.a.ç... itapou11laç, «segni di Dio ... del- coll.
Hen. gr. 8,3 sos ti tuisce 'r1strologia' del
hi sua ... venuta»; in questo caso, come testo etiopico con CTT)!J.Etvn~xii, cioè «ciò
in M t., CTT)µEfov indica ciò che rende che si <leve sapere se si vogliono speri-
perfettamente individuabile, in quanto mentare rettamente i O"l')µE~«». Il cro-
nista bizantino Giorgio Sincello (fine
raie, qualcosa di ben preciso, che nel ca- del sec. Vili~ n. 22I) nei suoi excerpta
~o di Diodoro è l'epifania della divinità. da Hen_ gr., <li cui è debitore a Giulio
I O"l')~lEi:a. nel sole, nella luna e nelle stel- Africano, nel passo in questione ha "t'à
CTl]µtLCX. -rfjç yfjc;, "t'à O'T)µti:cx. "t'OV i)À.iov,
le (Le. n ,2 5), come provano i paralleli
'tà CTT)µEi:a 'tijç O'EÀ.i)vT)ç, seguendo così
Jvft. 24,29; Mc. 13,24 s. che si richiama- certamente un antico uso linguistico del-
no a passi apocalittici (ls. 13,ro; 34>4). l'apocalittica , a prescindere dal fotto
non sono che avvenimenti astronomici che la sua fonte, a sua volta, con estre-
ma probabilità non ha attinto diretta·
che permettono di riconoscere che sta mente a Hen. gr., ma vi è pervenuta at-
per iniziare l'era escatologica. Anche in traverso la mediazione del cronista ales·
guesto caso O'T)µtfov è indicazione senza sandrino Panodoro (verso il 400 d.
C.) 121 • Del resto 4 Esdr. ha in comune
alcun altro senso secondario. Che si trat- con l'antico uso di CTT]µEfov ( ~ coli. 67
ti di fenomeni 'straordinari' si deduce ss.) il facto che anche qni (14,7 s.) ac-

~~· H. GELZclt , Sexllls ltilius A/ricanus 1111d 2-19»76; ScHORER nr' 286.
die hyiantinische Cbronogrnphie 1t r ( r88 5)
99 (v11,23r) O'TJ~i:ov D I l-2 (K. H. Rengs101f) (Vll,2 32 ) 100

canto ai sig11a e ai somnia vengono col- come 'segno'. A motivo del contesto ed
locate le interpretationes dj cui i signa anche del significato di CTTJl-l€i:ov, con o·
e i somnia non possono fare a meno.
gni probabilità la sentenza indica in Gio-
na colui nel quale Dio m accenna a se
2. Il 'segno' di Giona (rv, coli. 1242 ss. )
stesso in quanto presente col profeta
In Mt. ri,39 s.; 16,4 / Le. u,29 s. cd operante per mezzo di lui. Pertanto
abbiamo un logion in cui Gesù si attri· la parola ha che fare :mche con la legit-
buiscc -rò 01']µ.sfov 'Iwvéi (Mt. 12,39: timazione di Giona, ma in riguardo non
+ -roii 7tpoq>l)-rov) in riguardo alla pro- tanro alla sua persona quan to alla vicen-
pria attività 212 • Tra i molti tentativi di da da lui rappresentata 218 •
spiegare la parola, oscura non tanto per-
L'applicazione del log ion su Giona al-
ché così ha voluto chi l'ha pronuncia- la figura storica del profeta è convalida-
ta 221 ma a causa del suo oggetto 224 (-7 ta da un canto dalla formula'l.ione di Lu·
iv, col. I 242), probabilmente il più vi- ca che fa di Giona stesso il crriµEi:ov e
in tal modo s'adegua al senso letterale
cino al vero è quello che prende 'Iwvéi di 01')~l1'Lov meglio di quanto avvenga, o
<.:Ome genitivo di apposizione 225 e in TÒ sembri avvenire, presso Matteo, dall'al·
CTl]µtfov 'Iwvéi vede il segno che è Gio- tro dall'immagine che il tardo g iudai-
na stesso nella sua realtà storica m. Con smo si era fa tto di Giona. S'è già accen-
nato ;1 quesù d11e aspetti (--7 1v, çoll.
ciò non s 'è ancora risposto all'interroga- r 2 44 ss.), ma senza tener conto del sen-
tivo circa il senso in cui Giona è visto >O preçfao di 01']µEi:ov 229 • Ma che se ne

l li Il detto, che generaLnemc i: omibu i 10 alla stra semenza i.· t111 detto enigmatico». Simil·
fonte sinottiça dei logia e çhe nell~ Slla for- m~nte H. E. Ti.io·r, Der Mcnschemohn i11 d,.,
mulazione mattcana viene fatto risalire all'in- .ry11optischc11 Oberlic/errmg (l959) 159·
flusso di una redazione (secondaria?), çrca no· 125 Riguardo alle varie possibilicà di intendere
1cvoli d ifficoltà all'interpretazione. Queste SO· il genitivo -> 1v, çol. 1242.
no ulteriormente acç.resciu te dal con testo in 21• In tal modo viene esclusa, d 'accordo con ->
mi è inserito e che è a sua volta enigmatico, 1v, coli . J243 s., l'applicazione d i <1TJi~Ei:ov alla
poiché collega la richiesta di un segno eia par· predicaz.ionc penitenziale <lei profeta, lu ltavia
te degli avversari ad una asserzione sul Fi· con una motivazione d iversa. Cfr. inoltre ->
glio dell'uomo e sulla sua sorte. Cfr. BULT· col. 1ot.
~·tAN~, Trad. 124 ; A . ViXTLE, Der Spmch
i;om joJ1aszt'iche11. in Sy11optische Swdien, m Cfr. i l passivo 1ìoi)fia<-ro:L,
che è una pa.
rafrasi Jdl 'azionc di Dio, in J\11. 12.39 ; u:.
Femchr. A. W11<ENllAUSER (1 953) 230-275;
\ J ,29 .
W. GRUNDMA1'N, Die Geschichte Jes11 Christi
228 Naturalmente in questo si ha al tempo
v,·,.hcim111g
( 1957) 150 n . 1; W.G.Ki.iMMEL,
tmd Erfiillimg ' ( 1956) 61. s tesso l'idea della legitrimazionc di Giona, an-
che se con una linaliù d iversa da quella indi·
1\ questo riguardo è necessario essere cau tj ,
:"!ll cata in -> IV, col. 1245, sia per il significa to
perché non sappiamo quale immagine di G io- originario del sesno di Giona, sia per i. suo
na la sentenza presupponga presso i suoi de- riferimento a Gesì1.
stinatati.
m Quando ScMLATTJ:n. Komm. Mt. 416, ad
m J. ScHNrnWIND, Das Eva11gelium mich Mat· l ., ripreso da -> IV, col. 1244, in a'l)µEi:ov scor-
thii11s, N.T. Deutsch 2' (1960) od l.: « .. la no- ge in ogni caso> e quindi anche qui, un rinvio
1.01 (v11,232) <Tl]µttov D 11 2 ( K. H . Rengstorf) (v11,232) 102

tenga conto è suggerito dal fatto che il razione cristiana d i un 'an tica tradizione
midrash ?.JO parla delle ' wtwt wb11pl'wt apocalittica giudaica rn, abbiamo u n bra-
bgdwlwt, «che il santo, sia egli bene- no del kcrygma protocristiano che in-
d etto, aveva fatto in Giona ('m ;wnh)», terpreta la parola di Gesù alla luce delb
perciò distingue 'wt da npl'b 231 • Inoltre sua storia, soprattutto della sua morte e
ti stessa tradizione protocristiana ha in- risurrezione, e così ritrova l'uni tà di pa-
dividuato nella persona di Giona il nu- rola e storia di Gesi1 nella s ua persona-
cle o centrale del detto, come prova la lità messianica l.13. Tuttavia questo ge-
sentenza che conclude la serie dei logia nere di premessa non è affatto cogente,
(Mt. I 2AI /Le. t l ,32 ), dove si fa no- se si prende in considerazione anche Le.
t.:i rc che qui vi è «ben più che Giona», I I,30 e si riwnosce che non si parla d el
quindi a sua volca accentra l'attenzione Figlio dell'uomo presente, ma di q uello
sulla persona di G esù e ne sottolinea i I venturo ZH Rimane quindi la possibilità
carattere di ' segno'. L'idea soggiacen- di intendere, alla luce di q uesto logion
te, che u n uomo può essere 'segno' d i vi~to come u n'autent irn minaccia d i Ge-
Dio, neJl'A.T. è collegata a personaggi sù rn, il logion di Mt. I2,4T /Le. I 1.)2
profetici (basti vedere ls. 8,18; 20, 3; come una testimonia nza <li Gesù, che
Ez. 12,6 e ptissim), ma è frequente pu- per presentf,lre se s tesso ricorre bensì n
re nel N .T. e anche in questo caso è categorie profetiche i:w., ma non si lascia
legata a fatti profetici. Quando in Mt. racchiudere in esse. La conferma è data
12,39, diversamente da Le. rr .29 (~ da quell 'i ncomparabile autori tà eserci ta-
col. 99), Giona è definito profeta, già ta da GcsLt 2.11 che si esprime nella c hia-
su I piano delle concC?..ioni ve tcrotesrn- mata dei discepoli ( ~ VI , coli. 1 r9 4 ss.)
men tario-giudaiche si dà un'indicazione o anche nel suo comportamento duran-
di come egli pos~a e debba essere 'se- te l'ulti ma cena e che in de finitiva, per
gno'. la trndizione pro tocri stiana e per il kc-
rygma che su q uella si fonda, 110 11 rien-
L'interpretazione dcl riferimento cld tra in nessuna categoria. A questo pu n-
logion del ' segno' d i Giona a Gesù, pre- to è suflìcic nte ricordare cerri logi:1
sentt: non solo in Aft. 1 2,40 m::t anche in che esprimono inequivocabi lmente l JUC·
Mt. I2,4I / Le. rr,3 2, d ipende ovv ia- sti aspetti, per es., oltre a Mt. r i ,42 /
mente dalla vnlutazione che si dà a que- Le. tr,3 1 ~, parnlleli a Mt. 12,41 /Le.
s ti versetti. Se in essi si vede un'elabo- u ,31, .111chc .Mt. r i,6 (-.:ov 1.tpov ~l~~~6'J
all'«intcrvento dell'onnipotenza divina nel m r- a Mt. J >.40: « .. . Matte'(> nella sua tipo logia
so degl i avvenimenti» e quando JoACH. )ERE- c<l ifi<.11ntc ...» .
MlAS ( -) iv, col. l243) da quesca incerpre ra- Zll Cfr. ad es . BuLTMANN, Tr;1d. 16 2 s.; \l(j(;T·
i ione di a'TJµEO:ov 'lwvO. vorrebbe dedurre la 1 E, op. cii.(- > n. 222) 273 .
predi(·azione penitenziale dcl profe.1a, si tram. 231 Cfr. Tòn1·, op. di. (--'> n . 124 ) -!9 rnll n.
licano i limiti di un 'analisi semantica di a-ri- 5 1.
1.~i:ov. Cfr. inoltre quanto segue. 235 Cfr. Too-r. op. cii. (-4 n . 224) 48-50 con
230 J>.R .El. rn verso la fine; J.fidra1b )ona o n. 6o (<<. .. la forma diff1.:rcnziatl'ice degli au-
z, H (A . ] ELl.INEK, Bet ha-Midr. 1 [ 1938) 99, teniici logia di Gesit.. .»).
22 s.: testo poco chiaro). 236 Cosl giustamente BHL 1'MANN, Trt1d. 163 .
2
m TooT. op. cit. (~ n. 224) 265.
3 t Circa la formazione e il sign.ilìcato di 11pl'h
m Può do rsi che in origine fosse a sé stan·
(solo al plurale), prodigio stTaordi11ario. cfr.
i diiionari s.11. pi'. te ~ .sol~> per_un aw:anci~ verbale (attraverso
:X!H Uìov 'lt),tt~V . .. WOt) S IU e ntrata nel COn tC•
232 BuLTMANN, Trad. 133; KtOS1'E~MANN, Mt., s10 a ttuale.
103 (vu,232) CT"l)µELoV D u 2·3 (K. H . Rengstor{) (vu,233) 104

to..t~v WOE) e Mt. u,9 / Le. 7,26 (r.E- M c. 7 ,24 ss.); cioè la richiesta o l'attesa
p!.O"achtpov r.poq>1ytov) m. Si noti che ha che fare con la persona di Gesù in
tutti questi logia hanno il comparativo
neutro e quindi comportano un aspetto una certa situazione (dr. inoltre Le. 23,
enigmatico tutto proprio. 8 con 9,7 ss.). La domanda di un 'se-
gno' suppone che l'autore sia Dio (Mt.
3. 1l O"T)µ.Ei:ov richiesto a Gesù 16,r /Mc. 8,u: OT)µti:ov Èx o à-r;Ò -rov
Il logion su Giona(~ coli. 99 ss), se· oùpa.voi'i, cfr. Mt. 12,39 / Le. 11,29:
ondo Ml. r2,38 ss. e Le. xr,29 ss., è la O"T)~LOV oÙ Ooih]at-ra-~ ( ~ n. 22 7)). In
risposta di Gesù alla richiesta di un air questo senso la r ichiesta o attesa di un
1ufov (dr. inoltre Le. u,16). Della stes· 'segno' chiama in causa da un canto il
sa richiesta si parla in Mt. 16,1 /Mc. 8, rapporto di Gesù con Dio o di Dio con
1 I . Infine Luca dalla sua tradizione pe· lui, dall'altro il rapporto (nel senso reli-
culiare attinge la notizia che Erode An· gioso di -r;ltrnç) con Gesù di coloro che
tipa aveva sperato di vedere un 011µ.ei:ov sono interessati al OT)J.l.ELov. Ne risulta
di G esù quando Pilato glielo aveva in- quindi che la richiesta cli un 'segno' ri-
viato (Le. 23,8 ) prigioniero a motivo volta a Gesù ha quesco significato: egli
della sua competenza a giudicarlo (Le. deve onenere da Dio, in nome del qua-
23,6). Per comprendere il significato di le opera, l'inequivocabile dimostrazione
tale richiesta o attesa è importante te- che è da lui autorizzato. Pertanto la ri-
ner presenti i seguenti momenti: si par- chiesta avviene in modo che, per Gesù,
la sempre di un (qualche) O"T)µti:ov (al Dio compia o faccia accadere qualco-
singolare), mai di OT)µEi:a.. Se si prescin- sa che dimostri ingiustificato qualsiasi
de da Le. 23,8, la richiesta è avanzata dubbio sul suo mandato divino. UT)µ.EL·
!a persone vicine all'ambiente degli seri· ov acqui sta in questo caso una signifi-
'°.
bi 2 I precedenti sono i miracoli di Ge- cazione molto ampia che, qualora venga
Sll che ne manifestano l'autorità (Mt. soddisfatta l'aspettativa, dovrà concre-
12,22 ss. /Le. 11,16ss.; Mt. 15 ,2r ss. / tizzarsi in modo da corrispondere alla

9 Non si dovrebbe escludere l'ipotesi che il è nel contesto della sua polemica col forisei·
ogion per sua natura abbi~ presente non il smo (u,r4-54 ). Le. 23,S presuppone che il re
attista. ma, in riferimento a Le. 7 ,16, Gesù sia stato influenzato da ambienti vicini agli
stesso. Tn q<1esto modo si spiegherebbero me· scribi o dalla loro condanna di Gesù (se il
lio le difficoltà dcl testo di I.e. cd anche il presupposto ave•Se un fondamento; non è qui
ollegamento fra Le. 7 ,31 ss. con quanto pre- il caso di discutere, poiché ci occupiamo solo
c~de. della cornice in cui si collocano i relativi brani
della tradizione). Per la presenza dci Sadducc-i
40 Mc. 8 ,ll: farisei; Mt. 12,38: scribi e fa. in Mt. r6,1 -. Xt, col. u50. Nel valutare il
risei; Mt. 16,i: farisei e sadducci. Le. 11,29 passo non si deve però dimenticare che Mt.
on specifica chi sono gli avversari di Gesù, 16,r·-1 non permette più di decifrare il conte-
ma anche io questo caso J'aurodifesA di Gesù sto da cui Matteo l'ha preso.
ro5 (vn,233) O'T)l~tfov D Il 3 (K. H. Rengstorf) ( v11,234) ro6

rispecciva situazione, se si vuole otte- O'T}µEtov ( ~ col. 87 ), perché fondava


nere lo scopo desiderato. Ed ecco rie- la propria autorità esclusivamente sulla
Scrittura e sulla tradizione che serviva
mergere il caranere formale del termine a interpretarla rettamente, e inoltre per-
(~coli. 24 s.), per il quale appunto nei ché nel miracolo scorgeva un tipico sin-
vangeli sinottici, anche quando viene ri- tomo di eresia quando in ambiente giu-
daico avveniva come atto umano 241 . «Il
volta a Gesù la richiesta di un crT}µEfov,
segno ha validità assoluta solo quando
non si precisa mai il contenuto del vo- all'uomo viene conferita una missione
cabolo. divina specifica e quando convalida ...
una profezia» 24&, cioè il 'segno' è una
Presso i sinottici il termine usuale peculiarità del profeta o di colui che ri-
per indicare i miracoli compiuti da Gesù vendica di esser tale. Qualsiasi persona
è ovvct.µ~ç (~ 11, coli. 1516 ss.), mai O'TJ· pia può chiedere un miracolo, ma quan-
µtfov. La tradizione tiene ancora memo. do questo accade non ne è lui l'aucore,
ria che le òvvcip. w; di Gesù non sono ma Dio 249 •
considerate O'TJl.t.Era nel senso inteso da.I-
la «richiesta d'un segno», anzi. provoca- Con ciò la richiesta di un 'segno' ri-
no proprio questa richiesta (cfr. l'in tero volta a Gesù tocca con sorprendente
contesto di Le. r1,14 ss. con II,16) ' 41 • precisione il suo modo di presentarsi e
Per i contemporanei pagani di Gesù le
ovvci1m,ç non sono nulla di straordina- di comportarsi quale risulta dalla tradi-
rio 242 ; ma esse implicavano qualcosa che zione sinottica. Infatti coinvolge sia le
toccava anche il mondo biblico, che le sue O\JVaµElç, che dimostrano tutti i ca-
considerava magia (basti vedere Act. 8, ratteri di OUVC1.(.llç divina, ma che da lui
9 ss. 243 ; 19,18 s.). La vittoria di Gesù
sui demoni, fa sl che i pii, che si vede- vengono compiute come lìvv<iµELç sue
vano continuamente minacciati da de- proprie ottenute non solamente median-
moni 244 , si chiedano chi sia in definitiva te la preghiera, sia la sua libertà nei con-
colui che opera qui, se Dio o soltanto
fronti della tradizione e la sua autono-
il ca po della gerarchia demoniaca che di
quando in quando si può permettere di mia nell 'usa re (per es . .Mc. r2,26 s. par.)
dare spettacolo (cfr. Mc. 3,22 par.). La e nel.l'interpretare la Scrittura (per es.
demonologia del tardo giudaismo 245 na- Mc. r,2r s.; Mt. 7,29 : wç
t!;ovcr[av €-
sconde un profondo ribrezzo per il mon-
do dei demoni w.. Il rabbinismo ha avu- xwv lSO). Infine la domanda di un segno
to un vero e proprio timore per '6t / toccn la legittimità o illegi ttimità di un

241 Cfr. anche Mt. 12,22.38, dove però la si· m Cfr. Scm.ATTER, op. cit. (-> n. r90) :;7 con
tuazione non è chiara come in Luca. tl-,,ti deUa Tosefr~ e dcl Talmud ge(osolimi ·
24~ ~ 11, coll. J485 s. circa l'antico teurgo e le t:ino.
sue ovv6.µ<tç. 2.:$ SCHLATl'ER, op. cit. (--.. o. 190} 69.
243 Cfr. HAE.NCHEN, Apg., ad I.; E. HAENCHEN, 1A9 ScHl.ATTlill, op. cii. (-+ n. 190) 73-83.
Gab es eine vorcbristliche G11osis?: ZThK 49 2..<(I Il senso dell'espressione è che Gesì1 stabi·
(1952) 316.349. lisce delle nuove halakot senza esservi auto-
2.... SrnACK·BlLLERllECK 1v 515-521. rizzato dall'accettazione nella c~tena della ll'a·
245 STRACK·BlllERBllCK IV 509·51+ <li7.fone. Cfr. D. D.wn~ . The New Testament
246 Cfr. SCHLATTER, Komm. Mt. a 12,z3. and Rt1bbi11ic ]lldaism ( 1956) 205-216.
C7Tll u:<ov D 11 3-4 ( K. H. R~ngsiorf)

diri110 a un rapporto diretto con Dio. ti escatologici, la parusia del Figlio del-
F.ssa non cvntesta b libertà di Gesù, an· l'uomo, acquista una pbsticità e una
che se gli chiede di renderne conto. Nel- drammaticità più vive rispetto agli altri
la prospc:Ltiva del kerygma tocca piut· sinonici. Ora, infatti, l'avvenimento si
costo la libertà di Dio, in quanto vor- svolge, per così dire, in tre scene: l'ap-
rtbbc imporgli i propri principì riguar- parizione del 'segno' del Figlio dell'uo-
do a ciò che può o non può essere. Ed mo, la venuta imponente della sua per-
è ciò che in ultima analisi fa di coloro sona «con grande potenza e gloria» e il
che chiedono un 'segno' una ycvtò:. no- raduno dei suoi eleni ad opera dei suoi
VT)pci (Le. II,29) o una YEVEÒ:. -nov11pò:. .ingeli, ossia la raccolta della comunità
xo:L ~ioixcù.lc, z;i (Mt. ri,39), una comu- definitiva e universale 2s2 . Purtroppo an-
ni 1ì1 che si allontana da Dio per il fatto che entro questa chiara suddivisione di
che ne l suo giudizio e nel suo agire si Mt. 24,30 s. l'enunciato riguardante il
em:inci pa da lui. «segno dcl Figlio dell'uomoi1 rimane per
sé misterioso ?Si. Dal contesto si può de-
4. li •segno del Figlio dell'uomo» durre soltanto che si tratta di un fatto
Solamente nella redazione matteana inequivocabilmente terrificante, poiché
dell'apocalisse sinottica Gesù, nel con- induce tu tte le generazioni della terra a
testo delle parole sullo sconvolgimen· intonare il lamen to funebre su se stesse
to cosmico che precede la fine (~ col. nella situazione ultima di tribolazione
97), annuncia esplicitamente l'appa· senza speranza (~ V, coli. 830 SS.}. In
1izione (q>avi)ar-.m} del UT)µt:~ov -roù altri termini: il «segno del Figlio d el-
vloù -rou ò:vi)pWr.ou come un fatto par- l'uomo» è tale da comportare inesorabil-
ticolare (24,30 ). È cosl che per il primo mente la fìne dell'attuale esistenza terre-
evangelista l'atto conclusivo degli even- na. Esso annuncia incondizionatamente

231 --. v11 , coll. 458 ss.; tuttavia è necess~rio consolatorio che questo evento h3 l>Cr la cri-
disringucrc ancor più nettamente ira i due ag- Hianità (2t ,28). A questo riguardo si trovano
gettivi per individuare tutto il senso del loro importami osservazioni in WELt.HAUS!jN, U:.
nesso. Per Tt yE'lltd aiin) dr. dA ultimo M . a 21,25. Quando runavia Tè>oT, op cli. (-4
MeINenz, «Dieu• Gnchlecht4 im N.T.: BZ, n. ;z24) 91 ..)3 ritiene di dover vedere nel Fi-
N.F. 1 (t957) 283-289, che lo riferisce ancora glio dell'uomo solo l'avvocato e il g3ranre del-
- aiemporalmente - al popolo giudaico in la salvcz:r..o dei cri:sti:ini <lavanri a Dio, non
quanco tale. !'esecu1orc dcli• condanna, senza dubbio si
li? Marco riporta solo le due ultime scen~: spinge rroppo in là, in quanl<l Le. 21 ,36, di.
Luca si è addirittura limitato a trarre dal suo cendo, Cl)O riferimento ai tenori: cr...-abijvat
modello (Aie. 13,24 ss.) solo il deuo riguardan- lµnpocrlttv ...-ov vlov "TOV 6:vbpwitcu, in lµ-
te la venuta del Figlio dell'uomo ( I.e. 21,27 ). 7t;i!>cr&tv implica chiaramente l'idea dcl Figlio
concentrando così l'attenzione dell2 parusia dell'uomo come giudice dei suoi.
sulla venuta del Figlio dell'uomo in quMto
tale e sottolineando notc,•olmentc il c-~ratterc ~l SCHLATTER, Komm . Mt., ad/.
aiiµE<ov D 11 4 (K. H. Rcngsmrf) (vn,2;5) 110

questa l...e ed ha in ciò il suo significato 19.~ 7. J o,e pure viene utilizzato Zach.
peculiare. 12,12 .14 "'°- nel suo accostamento delle
<lm: cirnzioni non accenna a colui che t:
L'accos tamento delle due citazioni s1a10 trafitto. Inoltre è imposs ibile di-
Zach. 12,12.q e Dan. 7,r3 s. in Mt . 24, mostrare la dipendenza di Ml . da una
30 co llega to all'accenno al «segno del tradizione an teriore per quanto riguar-
Figlio dell'uomo» è stato interpretato in da b forma testuale 261 . Si d ov rà perta n-
\'ari modi. Poiché i due passi si presen- iO ri1cncre che la disposi:.donc sia opera
tnno insieme anche in Apoc. 1 ,7, si è di Matteo, che le ha arcribuiro un suo
rnluro ipoti.zi:ire che un:i raccolta di te- significaro :ti>2.
stimonia™ sia stata utilizzata in en- Egli ha riportato il passo di Zaccaria
trambi i passi 255 • Tuttavia di norma si per illustrare fino a che punto già l'ap·
ritiene che i due passi si limitino a ri- parizione del «segno del Figlio dcll 'uo-
farsi a una trad izione comune 25'\ la qua- mm> colpi sce l'umanit~ nell:i sua co-
le poi s i cerca di specificare u lterior- scienza di sé. TuttO ciò induce a pt:nsa-
mente ammettendo una forma giu<laica re che in Ml. 24,30 - e in certe parole
:interiore m o supponendo un 'origine 'ucccssive - giunga a parlare l'evange.
cristiana™, recentemente tenendo con- lista stesso, utilizzim<lo materiale tradi-
to, com 'è ovvio, anche <lei risultati ai zionale. Questo non esclude che l'e-
quali i: approdata l'attività esegetica ~pressionc -rò CTT)µt~ov 'toii utoii 'tOii b.v-
contemporanea 259 • Però nella dhcussio- l)pw7tov rirrenda una formula fissa ta
ne su questo problema non s i considera precedentemente 26J.
<lebitamente che la sequenza delle due
cira7.ioni scrittu ristiche abb inate non è Quindi l'espressione -rò CTT)µei:ov 1'0ii
i<lentica in Mt . 24,30 e in Apoc. 1,7, in utcv •o\i <lvilpwitou risulta compless:i in
quanto nel secondo caso il pnsso di Da-
niele viene prima, mentre Matteo dà [;1 quanto si rife risce non canro nlla perso·
prece<lenzaaZach. 12,12.14,c inquanto na del Figlio dell'uomo, quanto alla sua
1\larrco - a differenza di Apoc. e di Io. funzione apocalittica™. Nel contesto di

H• R. HARRtS, Testim(mies 1-11 ( 1916- 1920). paraenenza allJ «Jomina cris10Jop.ica fonda·
~;3 Per es. secondo H. B. Swi-:n.. Tbc Apix·,.. 111cnrn lc della chiesa». o prcse111.:1 di un cosid·
lyp.re nf St. fohn 1 ( 1907; ad I. de110 V•'rb11111 Christi analogo a r Thcss. 4.1~
i;• Cfr .. aù es., C. G. MoNTE:FIUR~. lbc Syn. s,., e si dicl1i111·:1 (an>rcvolc alla seronda ir>O·
op11r Gospels 11' (1927) a Mt. z4.30 : «una 1.-si (214 con n . 3).
Ionie comune»; KtOSTERMANN, Mt., d 24.30 : :-:e C. li. 0 0011. Accordmx t o tb.: Scriptur<r
« ... forse utiliuazione di una fonte comune». ( 1952) 65 preferisce vedere in questo testo
m R. H. C1uxu:s, A C"tica/ and E :ug<ti<·al. un3 1radiztonc specificamente cf~inà o +cgio-
Cn11:111e111.,ry 011 tlu: Revd111io11 o/ St. Job11, vannca~ più che ~(jualcosa d i srrc11:im~ntc t-v-
ICC t ( 1920) a t.~. 1nunc.: alb traJizione cristiao:l».
l'>I l\d es., \Y/. C. J\tLF.N, Critù:ul '""' Bx<'gc- 2° 1 Cfr. :inchc: :;nNoAll L , op. àt. (..... 11. •)~l
tirn/ Co111111cnlary 011 tbe Cospt>f 11ccordi11g to 21 3 s.; forse per questo motivo Dooo. op. cit.
St. Mallb<w, ICC' (1912) n 24.~o riti<'nc che (--> n. 160) non ha approfondito il rapporto
neua ci tazione combinaca sia prescn1c «Un luo- fra llpuc. 1.7 e Mt. 24,30.
go comune dello studio dell'apocoli1ti.ca cri- 2•! Seconùo TooT. op. cit. (..... n 224 l 74 s.
stiana•. t"On n. 108.
259
K . STENDAHL, The Scb-Ool o/ St. Mallbew, Jl;3 Cosl ad es. JoH. \VF.1ss , Scbrifle11 N.T. 11 ,
Acta Seminarii Neotestamentici Upsaliensis 20 a lift. 24,30.
( 1954) 212-u4 soppesa due possibilità: ap- ™ Poiché il contesto dell'espressione non al-
O"l'JIJ.l;:ov D a 4-5 (K. H. Rengstorf) (v11,136) 112

Mt. 24,29 ss. l'enunciato signi6ca che la luminoso, ma non si può escludere che
parusia noo giungerà improvvisa, ma sa- si parli in senso allegorico. Inoltre, né
qui né là abbiamo un rapporto con l'at-
rà preannunziata da segni. Può darsi che
tesa del Figlio dell'uomo. Nella chiesa
~ullo sfondo vi sia la certezza che l'atto è chiaro che ben presto si vide nella
conclusivo della storia s'inizierà con U· croce il «segno del Figlio cieli 'uomo»
26
n'ultima possibilità di convertirsi e di (apoc. Petr. I; dr. ev. Petr. 39 7; an-
cor più esplicitamente ep. apostolorum
credere: sarebbe una presa di posizione 16, dove la croce 268 precede colui che
rispetto all'attesa apocalittica, che bene ritorna 2'>9). Il contesto per sé non suf-
si inserirebbe nel quadro globale del fraga tale interpretazione ( ~ n . 264 );
e non permette di identi6ca1·e il 'se·
primo evangelista con il suo atteggia- gno' col Figlio dell'uomo stesso 270, co-
mento etico di fondo. In questa pro- me generalmente si ritiene giusto fa.
771
spettiva diventa secondario dete1·minare re • Circa il rapporto fra Did. i6,6 e
Mt. 24,30 ~ coll. 171 s.
come ci si debba figurare concretamente
il «segno del Figlio dell'uomo». A que- 5. O"T}µELo\I rNtÙ.tyéµEVO\I (Le. 2 1 34)
sro riguardo non si può affermare nulla Rivolgendosi alla madre di Gesù, Si-
di certo. meone, descritio come profeta in Le. 2.
25 ss., dice che il bambino 'presentato'
Nella sinagoga palestinese si è appli- al tempio è destinato ad essere O"T}µE~ov
cato in parre al Messia il lamento fune- «iv•~À.tyoµevov (2,34) m. La pericope
bre di cui parla Zach. 12,u-14 (Sukka 2,21-40 solleva numerosi problemi ri-
j. 5,2 [ 55 b 40 ]): spdh ... zh hsp;dw Il guardanti la storia delle reli1.1ioni, della
ms;f,J... 265; ma ciò non è che una con- tradizione e della redazione173• Basterà
ferma del riferimento cristologico del ricordare che anche da parte dei critici
passo, che è attestato anche altrove (lo. viene riconosc iuto il carattere giudeo-
l9,37; Apoc. r,7). Un passo rabbinico cristiano dell 'intero contesto e nei vv .
isolato e tardivo (Pesikt. r. 36 206 ) colle- 34·35, pur supponendo alcune aggiunte
ga alla venuta del Messia un fenomeno successive m, si scorge una parte del te-

!ude alla croce di Gesù né alla sua risurrezio- BouSSET, Der Antichrist in der Obcrliefcrun.~
ne cd csalrazione, non c'è morivo per non attri- des ]udenwms, der N.T. tmd der a/te11 Kirche
buire Ml. 24,30• a Gesù; infmi , dato il suo (r895} 154-159.
aspetto enigmatico, difficilmcnrc potrebbe es- m Cosi, ad es., ScHNIEWI!>ID, op. rii. (-+ n.
sere spiegato come creazione della comunità o 224) ad I.
di un redattore. 211 Oltre a-+ roll . 1 tos. cfr. soprattutto Z.urN.
26S ScHLATTER, Komm. Mt. n 24,30. Mt., ad I.; J. SCHMID, Das Evangelimn n.JdJ
2166 STJtACK·Bl LLERBECK I 9 H S. Mauhiim '. Rcgcnsburger N.T. (19,9) ad I.
'11>1 HENNllC.:KE J I 123. 212 Per la 'pres~nrnzione' di Gesù ul tempio
268 HENN~CKt; J I I 34· Il tt:SIO copto, dove dr. STRACK·BtLLF.RBECK n 110-rz3.
quello etiopico legge: ~la mia croce», dice: 213 Per rali prublemi cfr., oltre ai commenwri ,
•<il segno della croce»; dr. C. SCHMIDT, Gc- BuLTMANN, Trad. 326 s. 329-335, e per il ca-
spriiche Jesu mit seinen Ju11gem 11ach dtr Auf· ranere linguistico dell'intero brano SAtiLIN.
crstehung, TU 43 ( 1919) 6*.J6 s. op. cii. (-+ n. 211 ) 2)9-2+2·
1:lll Altri testi che documentano l'interpreta· n• Tra queste sono computate al v. H cl.;
zione nella chiesa Mtica si trovano in W. àv<i<T-raaw e al v. 3J il detto della spada che
113 (vn,>36) ITl}~i:ov D l i .~ (K. H . Rengstorf)

sto ori;·inario del passo 21S. Viene inol- do cercare un equivalente semirico di
tre riconosciuto che il brano presenta O'T)µ.Eiov m, l'unico vocabolo che entra in
una coloritura giudaica o veterotesta-
mentaria rn . Questo fatto è importante, questione è '6t 119 e la conferma viene,
perché comporta un atteggiamento con- tra l'altro, da ciò che il v. 3 5b dice a
corde anche su certe premesse di natura proposito degli effetti che verranno da
linguistica che servono all'interpretazio-
ne di O'T}µEi:ov !Xv·nhyoµEvov. chi è chiamato O'T)µE~ov: in lui verranno
svelati i pensieri di molti cuori. Poiché
L'interpretazione dell 'espressione de- ciò può avvenire sotto un duplice riguar-
ve prendere le mosse dal parallelismo do, sarà più giusto intendere qui cXV'tL-
con Etç wtwow xat !Xvci.<n<XO"w TtoÀ.Àwv À.ÉyecrilaL nel senso di trovare obiezioni,
Év •iii 'Iupai}À., «a caduta e risorgimen- essere discusso, più che semplicemente
to di molti in Isrnele», in d ipendenza essere combattuto, rifiutalo. Ciò cbe è
dal xfrraL che abbraccia e moriva en- male, secondo Simeone, è che appunto
trambe le espressioni e indica Dio come il 'segno' non è visto nella sua realtà di
aurore 177 • Pertanto il <rl)µitov, di cui si segno di Dio, con tutte le conseguenze
parla, sia nella sua esistenza sia nella che ciò comporta. Nemmeno la madre
sua specificità poggia sulla deliberazione di Gesù sfugge al conflitto che egli pro-
diretta di Dio. Che poi prenda figura voca in quanto ' segno' obiettivo di
concreta in un uomo, non è nuovo per Dio uo. Poiché il segno posto da Dio ri-
il pensiero biblico (~ col. 9 5). Volen- guarda l'orientamento della vita, dall'at-

amavcrser~ l'anima di Maria (dr. Sib. 3.316), impronta nel suo Vangelo. Ne deriva quel ca·
quindi tulio il v. 3). rattere linguistico di Le. che si dice ' lucano' e
21S Si ritiene che esso fosse costituito, per es., che, rome tale, sembra presenre io modo par·
da 2,20 28'.34 e 35', cfr. BULTMANN, Trad. ticolare in Le. 2,24 s.
326. m SA1tLlN, op. cir. (-+ n. 2rt) 271 , seguendo
Zl6 Bu1.1'MANN, Trad. 329. l'esempio di L . 13RUN, Lu.kas-Evangcliet (r9nl
m Circa qu1:sco significato di xti:i:cxi dr. Mt. 90 e rkhiuman<losi a l s. (8,I4 s. e rc,10 ss.),
3.to/ Le. Hl· sostiene d>c l'equivalente è nès, vessillo, che
27R SAllLJN, op. dt. (-> n. 21 t) 269·272 ha 1<.:n· anche i LXX IO!volta traducono ('(>O cr111~rov
tuo una ri<omuzionc dell 'archc1 ipo ebraico {-+ col. 39). Tuttavia l'immagine del vessillo
(«proroluc:tno•) dei due vcrseui, da lui pre- pian1a10 non si inserisce bene nel contesto di
suppQSIO, ma ha preteso 1ropp0 non solo d:i Le. >,34 • ., puiché in questo passo il O"l)µt\ov
sé, ma anche dal testo greco. I paralleli a L:. serve alla divisione. non alla raccoh:i, n>mc
rac:colti d.i Scui.At'Tn, Ko111n1. Llc:., non reg- avvic:nc in Is. It,to s. e altrove.
gono, e non a caso, per Le. 2,34 s., quando '°
2 li contesto fa pensare che la pro1'l()sizione
si tra i ta di parn.lleli del rabbinismo palesti · incid~nrnlc dd v. 3)' v>Jn intdo in lJUCsto
nesc o di Flavio G iuseppe. Nemmeno il T. ~(:nso, pit1tlos10 che 1.;on1e p remess" Jcll'cvan·
M. e i LXX soccorrono <lecisivamcnrc. A giu- i:clista alla çarut1eriz.zaiiooc d i 1\ilaria QtJRle
dizio dello Schlatter (Komm. Lk. 202 a Le. J\f•ter dolorosa (Se>•LATTER, Komm. U:.. ad I.
r-2). Luro, ancbc quando, com'eitli pensa. u1i- [ 196 ]), -> xt, coli. 994 ss. Cfr. fra glì altri G.
lizza il vangelo ormai perduto di un palesti- ERD~IANN, 01~ Vorgeschich1e11 dcs Lk- 1urd
nese della prima generazione (ad es. nella sto- .lft·Ev (1932 ) 4$ s. La frase non può in alcun
ria dell'infanzia), lascia in definitiva la propria modo essere interpret3t.a in senso psicologico.
tn)µt<o'1 I) 11 ,.6 (K.11. Rcngstod)

teggiamento assunto nei suoi confronti coli. 94 ss.) e della regione in cui sono
si perviene al cadere (-7 x, col. 318) e al sorti (-7 coli. 8 I ss.).
levarsi (-7 I, coli. 998 s.) in Israele (-7 La distinzione tra crT)~1Ei:o. e òuvciµEtç
x, coli. 1343 s.). Quest'ultimo fatto com· in 8,13 confrontata con quanto emerge
prova cbe il vocabolo cniµEfov si collo- da 19,11 dà per certo che anche negli
ca in prospettiva messianica e che, aven· Atti <11)µEi:ov non è semplicemente 'mi-
do anche in quesro caso carattere for· rncolo'. Quando in 8,6 si parla del com-
male, riceve la pienezza del suo conte· piere e vedere i crl')µEi:a di Filippo, e
nuto dalla determinazione di colui che quando in 4,r6 persino i componenti
tale è nella sua persona, cioè nella sua del sinedrio dicono che nella guarigione
caratteristica di àvi)p 1tpOq>TJ'!1)ç owix· del paralitico è avvenuto un yvwcr'tÒV 281
-.òç Év Epyi~ xat Àoy~, «profeta poten- CM)µEi:ov ad opera dei discepoli di Gesù,
te in opere e in parole» (Le. 24,19). abbiamo un ulteriore accostamento all'u·
so linguistico sinoctico (-7 coli. 94 ss.}.
6. Oì]µEfov negli Atti degli Apostoli
Qui yv1.M-c6ç sottolinea il carattere di
A prescindere dai 9 passi in cui tro- 'segno' della guarigione quale miraco-
viamo l'espressione cr1)(J.Efo. xat -.Épa-.ix
lo (cfr. 4,7: €v -rtolq. lìuvciµEL.} tan-
o -.ipix:ta. xat O"T)fJ.E~i:x. (-7 n. 286), il vo-
cabolo CM)ILEi:ov ricorre negli Atti quat· ee più espressamence, in quanco può
tro volte. Di queste, due (4,16 .22 i ri· essere qualificato come noto a tutti m.
guardano Pietro in occasione della gua· Ed è solo per questo motivo che in 4i4
rigione di un paralitico dalla nascita,
cioè da ormai più di quarant'anni, nel la guarigione operata da Pietro e Gio-
cortile del tempio; le altre due (8,6.13} vanni, interpretata come O'TJµE~v, porta
riguardano Filippo, uno dei sette (6,5 ). alla fede. Identico è il presupposto di
Due volte (4,16; 8,6) il vocabolo è sen·
5 ,12 ss. (cfr. anche 14,3 s.). Quindi CM)-
za aggiunte, mentre in 8, t 3 incontriamo
l'espressione CM)µEÌ:CL xat Òuv&.1.tELç. In- µzi:ov 'tijç l&.crcwç (4 ,2 2) intende la gua-
fine in 4,22, retrospettivamente la gua- rigione del paralitico in quanto è se-
rigione del paralitico è detta -.ò <rT)µEfo'J gno 284, poiché al di là del fatto indica
'tOU'tO w -.ijç t&.o-cwç. L'uso di <1TJiJ.E~·
ov in questa forma è limitato ad Act. I · colui nella cui ovva.µLç e nel cui ovoµa.
t 2. Analoga è la situazione per cr1)µELC/. (4,7) essa avvenne quale EÒEpyecria à.v·
xa.t -cÉpa-ci:x. (-7 coli. II8 ss.). Se ne può 1)p0,~:;v &.o-l>cvoùç, «beneficio fatto a un
trarre intanto la conclusione che <11)JJ.EL·
infermo» (4,9). In tal modo qui ed al-
cv negli Atti s' inquadra piì1 o meno nel·
Io stesso ambito dei vangeli sinottid (-7 trove OìJ[iti:ov stabilisce negli Atti il ri·

281 -toii-to manca in D gjg. Quindi -ti).; i<icrEwç è genitivo appositivo.


28-1
In ebraico potrebbe corrispondervi 'ol hàr'/l!'O.
ID yvwo--t6ç gui significa palese e quindi (v. (FR. DELITZSCH, Hebr. N.T." (1937] ad I.).
16') anche innegabile. r'/ti'a è un antico vocabolo ebraico (Ez. 30,21)
m Per cpu.vEpOV dr. cpu.v-t1crt-tl7.~ (Mt. 24,30). molro usato in età tanoaitica.
I 17 ( v11,238 ) U'lJ!lELov D 11 6-; (K. Il. Rengstori) (vu ,219) u8

fcrimeuto cdstologico-kerygmatico del trnscurare. Qllesti Oì')µei:a. hanno in co-


miracolo compiuto con autorità, nel nrnne col O"TJ!J.Etov che devono essere in-
quale il Gesù respinto dal suo popolo, terpretati, e in derc rminatc circostanze
oltre che attraverso la predic<tLione che possono anche essere interp retati in mo-
giunge al cuore attraverso l'udito ( 2,37 ), do c.liverso. Ciò t: stato non solo consa·
dimos tra anche ad oculos, ne i suoi in- pevolmcntc, ma anche chiaramente e-
via1i, di essere il vivente, colui che è nunciato da Luca (d r. anche Aci. 14,3 );
legitti mato da Dio. Per mettere in evi- ma non wcca l'essenza Jel O"l]µEi:ov,
denza tutto ciò, anche negli Atti crru.u:~­ b.:n,ì l'cssenz;1 della fede, che non vive
ov dovrebbe essere trac.lotto in linea di del miracolo, ma della parola (cfr. 4 ,
principio con segno. 16"), alla qua le peraltro il miracolo in
Comunque, l'uso di Oì}µt:i:ov negli At- quanto cn-iµ<fov è coordinato e subordi-
ei presenta un aspetto nuovo rispe110 ai nato. Conseguencemente negli Atti la
vangeli sinottici, in quanto ora sono i definizione di O"TJl.l.E~a attribuita alle ov-
discepoli di Gesù che compiono Oì}µ€~a vaµn<; umane incluc.le anche un atto di
nel suo nome, mentre nei sinottici si cosciente modestia teologicamente fon-
trattava sempre e solo di un OìJIU:~ov di dala. In essi non s i hanno prodigi spet-
Gesù in una determin;lta situazione e tacolari, ma soltanto un agire obbedien-
solo dopo che gli era stato richiesto ("' te e c.lisinte rcssato nella forza di Gesù
coll. 103 ss.). Negli Atti l'uso del plurale per amore suo 21' .
riferito ai discepoli di Gesù r ispecchia
anche la nuova situazione determinatasi
attraverso la morte, risurrezione ed e- L'espressione nei vangeli sinott1c1 ri-
corre solo in Mt. 24,24 = Mc. 13,22,
saltazione di Gesù. In essa infatti tutto manca in Le., ma si trova nove volte in
ciò d, avviene in ovvcip.m; o -rÉpa-ra Act. zu_ Anche nel resto del N .T. è ra-
compiuti nel suo nome diventa necessa- ra: Paolo la usa tre volte (--:> coli. 162
ss. ). Infine ricorre in lo. 4>48. La pre-
riamente 0"7JµEi:ov , riferimento, allusio-
senza negli Atti si limita sostanzialmen-
ne a lui e per mezzo di lui a Dio quale te i1i capp. 1-8, cioè a 4L:ella parie del
Dio suo (dr. per es. 2,22 ss.}, di modo libro in cui Luca certamen te ha riebbo-
che ora avviene tutta una serie di O"TJ· rato materiale antico, già ben caraueriz-
zato. Probabilmente c:iò avviene anche
µti:a nel senso di una continua succes- nei due passi che non rien1 rano in quc-
sione di riferiment i che non si possono $I Ì capitoli ( 14,3; I 5, r 2 )2'" . Comunque si

2!lS Nel valutare i singoli 'segni' degli Ani nCJn ·tipa-ra (4 .30; 5,12; 14,3; i 5,.12 ) e .;{.pena
si dimentichi che i nostri criteri non sempre xaì O"'l"]µE.i:a ( 2. l9.2243; 6,8; 7.36).
coincidono perfettamente ron quell i dei primi 2S7 P~r quanto riguarda il conrcsto di 14 ~3 è
crisciani, e civ per morivi non tanto ecologici necessario tener presence 1;1 J esignazione iso-
quanco culrurali e storico-religiosi. b t3 <li Barnaba e Poolo quali 6.~6i:r,o).o, (v.
:186 È usata in due formulazioni: cn1µeca xal 4 ) e il singolare. xa.i:a'!'Evyew dcl v . <-. Pt•r
rr9 (v11 ,z39) aT1µt~o.., D 11 7a-b (K . H. Rcngstorf) ( v11,239) l lO

può dire che l'espressione evidentemen- citamente, e con ciò l'espressione assu-
te non appartiene alla terminologia spe- me qui un carattere quasi pseudomes-
cificamente lucana. Anzi, il suo chiaro
sianico, anche se è possibile che non
carattere biblico(~ coli. 56 ss.) tradisce
un substrato palestinese. In ques to sen- fosse questa l'intenzione.
so rientra fra le caratteristiche che ri-
velano l'origine della tradizione che, in La cauteln di Aft./Mc., che qui $'av-
rutto o in parte, soggiace a Act . 14,1 ss. verte, può avere un duplice motivo. An.
o 15,1 ss. zirutto dipende dal fatto che, secondo
una tradizione unanime, Gesù ha rifiuta-
Nell'uso di CTT)µt~a xcxL -rÉpa-.a gli to di legittimarsi, o farsi legittimare, per
Atti presentano alcune di fferenze carat- mezzo di un CTT]µtLov <-
coll. 203 ss.);
teristiche rispetto ai sinottici. in secondo luogo può dipendere dalla vi-
suale degli evangelisti, ma anche dalla
a) In Mt. 24,24 =Mc. 13,22, con ri- condizione prepasquale di Gesù, in cui
chiamo a Deut. 13,2, anche l'avvento di egli non è ancora apparso come èi~xwv
xa.i Àv-rpw-rTiç, cfr. Act. 7,35 (-+ col.
GTJµEia xcd. -.Épcz-.a è proie ttato nel fu- I 2 r) . Diversamente pare stiano le cose
turo e incorporaro nell'attesa messiani· per Luca. Se egli infatti usa con relativ.i
ca, per cui va a formare l'immagine degli frequenza l 'espressione in Aci. (peraltro
probabilme n:e in base a modelli prece·
pseudomessia apocalittici: tutto in con-
denti), mentre la evita nel Vangelo, ciò
seguenza della contemporanea interpre- dipende ev identemente da una visuale
tazione messianica di Deut. 18,15 .18 288 • tipologica della situazione postpasquale,
Peraltro la premessa ovvia di tutto ciò che emerge in lui con particolare vigore
(~ coll.121 ss.)m.
è che il Messia, quale profeta promesso,
è accompagnato da OTJ!J.E~ xczL -.Épcncz; b ) Secondo l'autore degli Ani la nuo-
solo che essa non viene enunciata espti- va èra mosaica della redenzione escato-

Act. 1 5 è ()Qrticolarmente impo rr•nte il rap- caso Aci. J ~ non tocca propriamenie Pnolo.
porto con Gal. 2 ,1 ss. Anche O"IJµti:cx xcxt -.t. ment re in C:al. 2 , t s;. egli si esprime oppassio-
ça.i:cx rientra in questo concesco. Comunque in natamcntc da persona ùiretcamcntc ln1crcssarn.
entrambi i cosi non si tratta di 'fon ti' nel sen· .188Il tes to pit1 imporiante è Io. r .21. I n Pe·
so corrente dd termine. Lo esclude il fano
sikt. I} ( I 120), cfr. S TRACK·BILLER8ECK Il 626
stesso che tipici lucanismi, quali aJ es. ò lb-
s., abbiamo una polemica an1icrìs1ìana circa
yoç Tiic; xt\:pc::o; (14,3 accanto a Le. 4 ,22 ; l'interprernzione di Deut. 18.18 collegat a 2 u -
Act . 20,32; per il cap. 15 dr. HAENCHEN, Apg.,
n'applic~ione rabbinica a Geremia. Cfr. inol-
passim) attt-scano che la forma è Jovuta a Lu-
tre SCllLATTFR, Komm. Mt., a 24,24; STRACK·
ca stesso . Circa Act. 15 , il rapporto con Gal.
BtLLEftBECK et 479 s.
2,1 ss. si può stabilire nel senso di un aut·trut,
se ci s i chiede esdusivamente d1~ cosa sia W1 Ncll'clcnc-..re le tribohuioni che precedono
accaduw. L'aspetto dd proble ma '11mbia com· i I Messia Le. 2 1, 1t ha anche q>6{3'T)i:p<X. 'TE xu.i
p lctamente se si tien conto che dello s1esso ch:'oùpa.vou O"l]l.u:<a. µeyt\:).a. con p robnbifo ri-
awenimen ro si possono dare rclnioni com· ferimento a certi pro<ligi che precede rteto la
plct:ur.cntc diverse, se: i \'ari rcll!tOri vedono e disrruzionc cli Gerusalemme , dr. SClllATTER .
giudicano da differenù punci di vista; trullo Komm. Lk. 41} ad I. Il modo di esprimersi
più poi se quakuno di essi è dire namentc e scmb!'!I palestine5c. cfr. SctttATTElt, K.omm.
personalmente coinvolm nel fatto. ln quc>to Lk. 21 7 a J ,23·38.
).H {Vll,2}9) 01')J.l.fi:ov D Il 7ba (K. 11. Rcngstorf)

logica si presenta negli attuali O'l]µE~a dello Spirito e nei suoi effetti, sia anche
:xat 't'Épa'ta che la caratterizzano, cosi in certi fenomen i astronomici avvenuti
alla morte di Gesù, come sono narrat i
come il giudaismo aveva collegato a que- anche da Le. 23.44 s. Quindi, pur con
sra espressione il ricordo della libera- diversità d'altro genere, Act. 2,19 e 7,
zione dall'Egitto(~ coli. 56 ss. 69 ss). I 36 concordano nell'interpretazione tipo-
logica dell'espressione <T'll!.lda. xa.t 't'É-
<T'l1µ€~a xa.t 't'Épa.'ta., che ora si rinnova-
pa.'ta.
no in analogia con l'uscita dall'Egitto
J n complesso negli Atei si possono
avvenu ta tra prodigiosi fenomeni, costi-
d istingue re due diversi usi cherigmatici
tuiscono addirittura un pegno per la
dell'espressione <T'llµE~!1. xa.t -rÉpa-ra ti-
certezza dell'evento escatologico. In
1:>0logicamentc interpretata. Nel primo,
q uesto modo di considerare si esprime
esaurendo completamente rune le pos-
in forma quanto mai significaùva, e su
sibilità tipologiche, s'inquadrano i I re
un punto di estrema importanza, una
diversi soggetti interessati: Mosè, Ge-
concezione tipologica con cui i primi cri-
sù e gli invi~1ti di Gesi1; nel secondo in-
~tiani guardavano la Scrittura e se stessi.
vece si considerano solranro gli ultimi.
Per la valutazione della situazione ne-
g li Acri è es~cnziale tener presente che a.) Nel discorso di P ietro del giorno
dei 9 passi in cui l'espressione ricorre di Pentecos te l'autore ai -rtpa."ta. (mo/'·
(°' n. 286), 2 fanno parte di una cita·
zio ne o di una re miniscenza ( 2, r 9 si rifà t im ) di foci 3,3 (~ col. 121) ha ag-
a !od 3,3 e 7.36 a Ex. 7,3). Da entram- giunto tra l'altro un O'T)µE~a., per cui
291

bi i passi emerge che l'autore degli Atti risulta la formula 't'Épa."ta ;i:a.t O''l1µE~C1.
conosceva il rapporto c he lega l'espres-
(2,r9), che in seguito egli utilizza altre
sione al tempo dell'esodo. Questo per
sua natura è inteso come il tempo clas- due volte, e precisamente una volta in
sico èclla redenzione, come tipo dell.1 bocca a Pietro in riferimento a Gesù (2,
salvezza hic et ntmc mediante Gesù, poi- 22) e un'altra nella continuazione del
ché in lui s'è escatologicameoce adem-
piuta (7,37) In promessa di un profeta proprio racconto in riguardo a ot èm6-
come Mosè (De1't. x8,r5.r8), mentre lo 0'"tOÀ.oL (2,43). Da 2,22 si deduce che
stesso Mosè, cosl vergognosamente trat- per lui l'esp ressione è un'interpretazione
rn to dal suo popolo (7,35: <ltpvE~<Ti)a.1 ,
1·ipologica; infat ti egli parla qui di ouv6.-
cfr. 3,13 s.; 7,27.39: a:itwik~v) , appa re
come prototipo{~ vn, coll. 8 r7 ss.; XI, 1iw; xa.t -rÉpa.'ta. xa.t O'l]µri:a e quindi
610ss.) di Gesti (7,35: Mosè quale li.p- riprende la designazione dei miracoli di
xwv xa.l À.v-rpw-.i]ç) 200 • Alla luce di que- Gesù data in Le. ro,l3; r9,37 e al tem.
sta visione tipologica si spiega anche l'u-
so di Joel 3,3 in Act. 2,r9: la profezia a- po stesso la in!>erisce in un quadro tipo-
pocalittica s'è compiuta sia nell'effusione logico. Sostanzialmente identic:i è la si-

290 Cfr. L . GoPPELT, Typos ( •9>9) 145 s.; ~1 Qui non occorre che ci curiamo degli ahri
1IAF.NCHf.N , Apg., ad/. •mpliamcnti.
123 (Vll,2.fO) a111.1ti:o,, D n 7b(l.-~ ( K. H. Rengstorf)

tuazione nell'episodio <li Stefano. Vi si come Paolo in 2 Cor. 12,12 ha parlato


parla dei i:Ép<x:t<X x<J.t O"r)f.lEL<X di Mosè di -r:à o-l)µEi:<X -coù à.1too-i:o),ov 29;.
descritto come prototipo di Gesù (--') Pare dunque che, in un certo senso,
col. 121, Act. 7,36), presupponendo negli Atti si parli di «segni e prodigi»
çon ciò che essi vadano ovviamente ri- su due piani diversi , qui sul piano di
feriti anche a Gesù. Accanto a questo , u na considerazione tipologica, là su
e nel nostro caso poco prima (6,8), Lrn- quello di una consapevolezz:1 ed espe-
tore conside ra anche i ·dp<Xi:<X xat OT)- rienza apostolica. Ciò che sorprende è
1..1-tfo del testimone, ossia di Stefano. che alle due prospettive si collega anche
Poiché, in ulcima anul i$i, Dio stesso agi - una diversa forma dell'espressione: nel
sce nei -.ép<Xi:o: xo:t O-Ttf-IEL<X anche quan- primo caso -cépai:o: X<XL VT}µti:a, nel se·
do essi vengono ,1ttribuili ai testimoni condo O"r)µELIX xo:L -r:épo:-;<X. La p rima
di Gesù, 1'0:7toOEOEi:Xi)<XL m, che in 2,22 comprende l'episodio di Stefano e 1ucl·
era riferito a Gesù, or,1 riguarda anche lo della P entecoste con tutti i fatti con-
i suoi testimoni . comitanti; Ja seconda si trova in passi
eterogenei, che però sembrano essere u-
0) Nell'altra 'cric di passi non si tro- niti da un comune interesse all'aposw-
va alcun riferiment0 a Mosè. In essi la laro e alla sua natura. Luca non ha ten -
luce è proiettata esclusivamente sugli taro di armonizzare i due aspetti, nem-
àn6,no).oL 293 , anche se proviene da Ge- meno sotco il profilo formale , unifican-
~ù: è la sua mano che agisce nei loro do la terminologia dell'espressione «se-
OT)µEi:a x<XÌ. i:Ép<Xi:o: (ciò è detto esplici- gni e prodigi». LJ sua cautela è forse
tamente in 4,30; 14,3), e ancora una dovurn ad alcuni principi che regolano
volta in definitiva è Di.o srcsso che com- il modo di utilizzare il materiale che h~
pie la sua opera (15,r2; cfr. 4,24 ss.; 5, a sua disposizione e che si possono ri·
12 ss. 29 '). I o-l]µEi:a. x<XÌ. i:Ép<Xi:<X degli levare continuamente nella libertà con
:iposrol i sembrano avere la funzione cui procede nelle singole formulazioni?
particolare di rappresentare un momen- Si è forse imposto il mateciale della tra-
to essenziale e indispensabile della lcgit- dizione? O si devono supporre altre
1imt1ziooe d ivina per gli apostoli, così cause 29!>?

m In questo, come in molci altri casi, il pas- nano solo i a1111~t:a, coo'e jn 2 Cor. 1.:, 12, 1n;l
sivo descrive l'agire di Dio. in guisa tale d,1 sottintendere la romplessa e-
2 '! Vale anche per 4,;o, come nd contesto è spressione O-·YJ1tti:o. xaL -i:Épa:-ra.
provato da 4,33. :?->6 L'espressione si rrova hllvoha anche ne.gli
2'H Si osservino nuovamente i passivi che de- Aui degli apostoli apocrifi sia nella forma O'l)·
scrivono l'agire <li Dio. 1~e(tt xttì 'tÉptt'ta. (acl. Phil. 14-1 [Gesù quale
:m Si ricordi anche la finale apocrifa di Marco oe&t..ixw~ fiµ;;v O'T)f.LEia. xa.t 'tiptt'ta.]; m<1rly·
( t6,17 e soprattutto 16,20), in cui si menzio- riwn !lf!dreae prius 1 [riporta Act. 2,20 1.Ji:
125 (v11,24 1) 0'1}1 lE~ov D 111 1a-c (K. I I. Rc11gs1orf)

lI I. OT)µEi:ov negli scritti gio11a1111ei m oaxvutw ). di un Ul)!U:i:ov si può <lire


che esso si mostra (lo. 2,r8: OELY.WELV ).
1. Aspetti comu11i ù1 Giovanni, nei si· Il parallC'lismo con l'uso dei sinottici
11ot1ici e negli Atti (~ coli. 94 ss.) e di Aci. (~ coli. r 15
ss.) consiste però anche nel fatto che
a ) Giovanni conosce e utilizz;1 CTl)Jlt~­ in G iovanni ciù che è detto <TY}JJ.E~ov per-
ov nel senso di segno, i11dicazio11e, con me tte di ind ividuare q ualcosn di deter-
minato (cfr. l'intero contes to di lo. 10,
trasregno, di modo che anch'egli tien 32 ss. 2i19). Comunque, nel V11n1\e l<> di
conto del carattere formale dcl termine Giovanni >i tr,uta praticamente soha11w
(-+ coli. 33. 67 ss.). dell:11>er~onn di Gesù: i O'T)µti:a spinJ.tO·
no a chiedersi chi egli s ia (lo. 6,1.\), su·
È quanto attesta l'ampicu.a dell\1s1J no un mC7."-0 che r ivelano il sun veni
di CTT)µEi:ov nel quar to evangelista . fas;1 essere (ò6~a. To 2,u). permettono <li
va da indizio, presagio, r iferi to 11 fatt i riconoscere in lu i il. Figlio di D io che
,1stronomici con carauc re di prod i?,i t: venu to d:tl P,1d re e a lui ri torn:l {dr.
(llpoc. 12,r.3; 15,t 298 ), a prova con lo fo. 1-{,\)S,.; 16,28), SCfVQlltl :1 )tÌLt> tifÌ·
scopo di legittimare se stesso (Io. 2,18 ), care l:i 7.~o..n.; in lui (lo. 6,30 e passim).
fino a indicare azioni prodigiose si..1 - e Tuuada ~i tratta in sostanza soltant••
soprattuno - di Gesù, sia anche di po- di 11n p.mit·olure modo di 111ilizz.-m: il
tenze ostili a Dio e a Cristo (Apoc. 13. vocabolo. non dr un'accczkinc eh::- ~i di-
13 s.; 16, 14; 19,20 [-+ col. 156 oltre a ~costi da l ~cns<) consueto.
~ col. 131 ]).
e) Giovanni conosce :mch~ la rradizio·
b) Anche in G iovanni s'i mpone ehia-
ne sinotl ica sc:condo cu i :i Gcs(1 \·iene
ramrn tc la tendenza fondamentale di
richiesi.o u n <tl)fLEi:ov (--:> coll.1o;ss.).
~l)I ~i:ov, in quanto il termine - a pre-
scindere dal significato par ticolare che In due occ.1~ioni Io. narra che fu ri-
'olta a G.:sl• una ri:~hiesta dc:I gcncr~'.
acquista nel contesto - indica csseniial-
un:i volca in occasio ne Jdb purific:1ziL1-
meme la percezione visiva e l'accer ta· nc dd tl'!Tlpio con esplicito riferimento
me nto che ne risulta (-+coli. 26 ss ). n questo ntto Uo. 2,r8) e un:1 scCLmth•
vnlta d<•po la moltipk aziont: tlei pani
Il CT'l]lidov giovanneo è qualcosa cht: per i cinquemila (fo. 6,1 ss.) e yuindi
~• può e, in linea di principio, si deve adJirittur.1 in connessione cnn un im-
\Cdere (lo. 2,23 : ÌlEwpELv; Io. 6.2: porcantc vTJ11ti.cv (6 .30). Comu114uc, :1
·5 piiv; Io. 6,14.30; Apoc. 15 ,t ccc.: differenza dei sinottici, Gic,-.:mni si li-
i.oti:v, dr. Le. 23,S; Apoc. 12.1.3: Wti>· mita a parlare di un VT]µEi:ov, nun parla
ìl11). Perciò qui, come in .llt. 16,r (È-rtL· Jcl!n richiesta di un vY}JIZ~~·, &;;; -re;;
sia nella fonn,1 -rl.~"-w. xa' O'l'U<t<a (si ki;:gc ~.,~N,nur.dn1<.·n u: in ciò ~· pri..":1i'--'nh: un \1so Jin·
in act. lo. 82, dr. 106 ). Per la nrcsenza dtlrc- ~uistic.:onpoi:·alitt!cc'. Per l't1~t) di a'r)}ltr~v in
•pressione presso i Padri apostolici -> ml. 17 1. fo. e 1lptJC. -> t·<>JI. 131 " ·
-m Finora al riguafdo esistono molte osser\'a- ~·n 11 iathl non \~1 uasc:u:·atll, :1'h.hl· se J.1 pa-
1.ioni panioolari ma nessuna rkcm1 monografì- r<ll.t chi:t\l' in questo contcsro i: C;;yov e 00:1
rn. perciò il nostro non è dic un primo ti:n· !rl)!lt~·:. C 1rc.1 il rnpporto fra Ol)J ~iov t>I i';;·
t:irivo sistcrna1iro. Y:J"'J ~ culi 1 36 ss.
01ll!E~ov D l1l tc-d (K. H. Rengstorf)

ùpavoii (- col. 104 ). Più importante gico <- coli. 120 ss.) sia in riferimento
· questa differenza, che si spiega con all'apostolato (- coli. 123 s.), nessun
la particolare immagine di Cristo offer- aggancio risulta dal contesto; il quale fa
ta dal Vangelo di Giovanni, è che in piuttosco pensare che al ri6uto di Ge.
o. , come nei sinottici, resta rimesso e- sù di riconoscere nei crriµefo: xat "tépa-
sclusivamente a Gesù in che modo sod· -ra adeguati fondamenti della fede s'ac-
disfare alla richiesta 300 • In ciò è ancora compagni una polemica dell'evangelista
una volta riconoscibile, anche in Io., il contro concezioni d'ambienti ecclesiasti-
carattere formale del termine. A questo ci che o a mi bui vano ai O'T}µEi:a xcd "tÉ·
riguardo il Vangelo di Giovanni è colle- pa"ta un'importanza fondamentale, o al-
gato ai sinottici, anche se in esso il vo- meno concedevano loro spazio. Per l'e-
cabolo, come parte costitutiva della sua vangelista essi sono evidentemente qual-
terminologia kerygmatica, è essenzial- cosa di sorpassa to, <la quando è presente
mente più pregnante che nei sinottici e Gesù , che nella sua persona è l'unico,
negli Atti. ma pienamence sufficiente, fondamento
della fede.
d) Per amor di completezza dobbia-
mo ricordare che anche l'espressione O'TJ· Di solito i com mentari non si s0lfer·
mano ad analizzare questo passo; quan·
µda xat "tépa"ta, proveniente dalla tra-
do lo fanno, normalmente si comporra-
izione veterotestamentario-giudaica (- no come se avessimo soltanco O'T}µEfo: 301 .
coll. 56 ss.), si trova, in Giovanni, una Troppo spinto sarebbe invece chiedersi
mia volta (4,48). Probabilmente qui co- se qui non affiori una polemica contro
una prassi missionaria cristiana che cer-
me altrove (- coli. 69 ss.) essa accenna casse <li diffondere la fede sulla base d i
al motivo della liberazione al tempo di O'T}µEi:a xat "tépa"ta, e se in questo at-
Mosè coi prodigi che l'accompagnarono. teggiamento polemico non si ccli anche
un correttivo di un'i ngenua fede nei mi-
Pare tuttavia che il suo uso vada inqua- racoli qual è quella espressa dalla tradi·
drato non nel kerygma, come negli Atti zione sinottica. Tuttavia è necessario ap-
(- col!. 120 ss.), bensì nella polemica. profondire ulteriormente la ricerca. Può
darsi che il termine 302 si trovi ancora
L'espressione sorprende per il fatto agganciato alla tematica riguardante la
che nei vangeli più antichi ricorre solo fes ta della pasqua, considerata la festa
nella profezia di Gesù <-coli. r 19 s.) e del ricordo del passaggio alla libertà.
non, come nel nostro caso, nella discus- Gesù prende posizione contro un aneg·
sione circa la fede e la sua fondazione giamento dcl proprio popolo assomi-
(- coll. 143 ss.). Del pari, rispetto all'u· gliante a quello assunto dalla generazio-
so degli Atti, sia sorto il profilo tipolo- ne dell'esodo, in quanto in entrambi i

300 Ciò non è considerato per es. da P. GAR.O· 4,35 respinge l'ipotesi di SCH LATTER, Komm.
Ne&·SMlTH, St. ]obn ami tbc Synoptic Cospels ]oh. a 4,35 che Giovanni abbia colloca10 il
( 1938) 15. viaggio di Gcsìl verso la Galilea c:vcntualmen·
.lOI Cosl anche ScHLATTER, Komm. ]oh., ad I.; 1c in dicembre a motivo di lo. 4,35. Nello
A. SCHLATTER, Der Glaube im N .T . ' (1927) schema del quarto Vangelo ciò che è narrato
197 s. Per quanto segue cfr. Bu1.1'MANN, Job. nei capp. 3-4 si trova tra la pasqua e la festa
a 4,48. delle capanne del medesimo anno (cfr. lo.
](I! Giustamente BuLTMANN, ]oh. 145 n. 1 a 5,1: lop"ti)).
u9 (vu,243) CJ1)µtfov D n1 rd·2a (K. H . Rengstorf) (vu,243) r30

casi si faceva dipendere da «segni e mi- <11)µEi:ov è che il termine, sia nel Van-
racoli,. m la disponibilità a credere, at· gdo sia nell'Apocalisse, in quanto desi-
tendendo da Gesù, quale promesso nuo- gnazione esclusiva di determinati fatti
vo profeta come Mosè (~ xt, coll. 610
ss.) - soprattutto in lo. 4,19 e lo. 4,
prodigiosi, ha assunto il ruolo che al-
25 .10< - come un tempo da Mosè stes- trove nel N.T. e soprattutto nei sinotti-
so, «segni e prodigi». Oppure la pole- ci 306 è tipico di liuv((µi.ç (-+ col. 9 2).
mica è rivolta contro una concezione in
cui il cristianesimo si identificava con Ciò che presso Giovanni viene indi-
l'I sraele dell'epoca di Mosè e pertanto cato con questo termine, come prova il
riteneva «segni e prodigi» elementi ine- costante accostamento di GìlµEiov a un
renti al suo essere. Può darsi che Gio- verbo di azione, normalmente 7tO~Eiv
vanni si riferisse ad ambienti entusia- (anche in Apoc. 13,13 ; 16,14; 19,20),
stici, che nelle loro concezioni tipologi- è l'efieuo di un'azione personale. Non
che fossero portati a vedere nel cristia- si possono separare i O'TJµEict giovannei
nesimo solo un nuovo I sraele e così ri- dalla persona che li compie. Perciò in
schiassero di dimenticare la loro essen- qualche modo i O'TJµE~ implicano l'esse-
ziale indipendenza da cominue esperien- re di chi agisce in essi. Dei O"Tliuict
ze prodigiose ottenuta con la risurrezio- di Gesù, Nicodemo dice che nessuno
ne del loro Signore dai morti. C:Omun- li può compiere se Dio non è con lui
que lo. 4,48 mira a un giudizio sulla na- (lo. 3,2). A questo corrisponde un altro
tura della fede e delle comunità cristia- enunciato d'ambienti farisaici che, dopo
ne ~al è quello formulato da Io. 2 0, la guarigione in giorno di sabato del cie-
29b , nel senso di un'autonomia da co nato (lo. 9,x6), dichiara impossibile
qualsiasi dimostrazione. che un uomo peccatore 307 possa com-
piere •o~o.iftct Gìlµtt(( . Non la quantità
2. Dati p,enerali circa l'uso linguistico dei UTJµELGt o la grandezza del singolo
peculiare di Giovanni cniµt:fov è determinante, ma la qualità,
a) Singolarità dell 'uso giovanneo di che dipende dalla qualità dell'autore. La

J,J Il figlio dcl f3Cla~À.~1'é<;, di cui in Io. 4,47 simo a lo. 446 ss. risulta forse Io. 4,44. TI
s. s i chiede • Gesù la salvezza dalla mor- pro\'erbio dcl profeta che non gode stima a
te, non è prcscmaro come suo prirnogcnito o ~asa sua potrebbe essere stato inteso du G io-
figlio unico. Tuttavia questa rossibi li tll è pitr vanni nel senso che nella designazione di Ge·
:.ortin tcsa che negata, poiché egli è detto o stt come profero egli vedeva quakosll Jd rutto
V:.éc;. Conseguentcmèntc la preghiera rivolta a non appropriato.
G<'SÙ potrebbe contenere un'allusione olla pre- JOS BuLTMAN'I, ]oh., ad I.
scl'\·azione dci primogeniti d 'Israele ndla not- 300 Mt. 1 3,,8 ha 11 plurale Svvciµrn; , corrispon-
te della pasqua in Egitto, tanto più che dati~
dente a O'T))ULCl. li parallelismo fra O'T)!Uiov in
l'ispO>ta Ji Gesù si Je<lu<:e inequivocabilmen·
lo. e lìvvaµ•<; nei sinottici è attestato dalla cor-
te che il padre del fanciullo moribondo era
rispondenza tra /o. 10,41: 'Jwavvl]<; µèv O'Yt
•brco \$CHLATTER, Komm. Job .. ad I.; BuLT· µi:i:~v Èr.o(l]atv oùoÉv e Mc. 6,5: (Ges11 ) oùx
MANN, ]o. I52 n. 3, ad l.).
totNCl-:O ... rcoti'jaor.t ovlieµ(Clv ovvor.1~w.
l)l Pare che l'attesa messianicn dei Samarita·
n i (-+ xr, col i. 1243 s.) fosse ca.niucrizzata dal· 307 Con li.v&pw-r;o<; ciµo:p-twÀ.é<; viene proba-

l'aspctcazione di un Mosè profetico redivivo, bilmente ripresa un'espressione tipica (-+ I,


secondo Deut. 18,1;; cfr. W. BoWMAN, Sama· coli. 891 s.). In sostanza si tra tta del problemA
1itan Studies: B]RL 40 (1958) 299 n. 5. Nel della legittimoziooe di Gesù (dr. BuLTMANN,
quadro dell'interpretazione data qui, più pros. ]oh., ad/.).
131 (vn,213 ) C7"1Jiu•ov D 111 2a (K. H . Rcogstorf) ( v11,:i..44) 132

bestia proveniente dagli abissi della ter- / Le. 7,22) m. A prescindere dal modo
ra, in cui l'autore dell'Apocalisse raffi. in cui si elencano i O'T}~u:ra di Gesù par-
ura il falso profeta dello pseudo Cri-
sto, compie O"T)µEi:tt µiycHa (Apoc. 1 3, ticolarmente importanti per l'evangeli-
I 3 ). Ovviamente, per la natura che gli sta 310, quelli che egli racconta diffusa-
è propria si tratta di segni che seduco- mente, in quanto miracoli di Gesù ma.
no gli uomini ( 13, 14), di modo che essi nifestano tratri messianici, sono quindi
si dànno all'idolatria ( i 3, 14 ss.). ln que·
sto contesto si manifesta ancora una in certa misura miracoli messianici d 'e-
volta esplicitamente il carattere formale pifania. Sono detti esplicitamente O"T)·
di O"T)µtfov sia in I o. sia in Apoc. µt~tt il miracolo delle nozze di Cann
L'uso di O"T)µEi:ov in questa accezione (lo. 2 ,u ) , il secondo miracolo compiu-
in Giovanni si limita a Gesù nel Van· to a Cana per il figlio del (3a0'1.À.~xoç (Io.
gelo 301 , alle potestà avverse a Dio nel- 4,54), la moltiplicazione dei pani (lo.
I 'Apocalisse , per cui implica un dato so· 6,14), la risurrezione di Lazzaro (lo. 12 ,
vrumano ed espressamente prodigioso. 18). In 9,16, in primo piano rispetto ai
In Io. si parla dei O'T}µtta di Gesù in O'l)µEra che abbiamo menzionato, si tro·
forma del tutto generica (2,2 3; 3,2; 6, va la guarigione del cieco nato (Io. 9 ,
2.26; 9,16), e talvolta si allude addirit· r ss.), mentre in Io. 6,2 la guarigione
tura in termini riepilogativi al gran nu- dcl paralitico di sabato (Io. 5,1 ss.) vie-
mero di essi (II,47; 12,37; 20,20), ma ne presentata piuttosto a mo' di esem-
alcuni sono esplicitamente messi in ri- pio rn . La risurrezione dei morti e le
salto. In complesso si presentano col guarigioni sono miracoli tipici delJ'epoca
carattere del miracolo atteso per l'ini- messianica. La moltiplicazione dei pani
zio dell'èra messianica, in riferimento e il miracolo di Cana si inseriscono in
a un passo come Is. 3.5..5 (cfr. Mt. II ,5 questo spazio in quanto rispondono al·

:u Ciò è confermato da Io. I0,41, dove si Jice Io. ìn cui il Bauista stesso Jcfiniscc subordi·
che il Battista non ha compiuto alcun O'TJl.Lt~· naro il suo ruolo nei confronti di Gesù. Cfr.
ov, a differenza di ~ù. W. BALDeNSPU.CEK , anche: lo. 3,27.
Der Prolog dts 4. Ev. (1898) 89 n. ;s è srato »I Documentazioni dell'attesa : S ntACK·B11 ..
il primo a ritenere Io. 10,.p una notizia indi· LER!léCK I 593·596.
rena su un miracolo aurìbuito a Giovanni
Battista o nartato a proposito di lui, e si è m La protesta di BuLTMANN (job. a 2,1-u, p .
ichiamato ìnol ue a Mt. 14,2. Questa imerprc· 78 n. 2 ) contro il tentativo d i E. LottMEY&ll,
tazio ne del passo è stata poi accolta da alcun i Ober Au/bau 1111d G /iederung des 4. Ev.:
commentari (anche da BuLTMANN, ]oh., ad/., ZNW 27 ( 1928) 12 ecc. d i fissare a tutti ì
300 n. 4). Si tratta però, nella migliore delle costi s~tte O"l')µtÌ:a (>,1 ss.; 4,.17 ss.; 5,1 ss.; 6,
ipotesi, di una supposizione senza alcun lon- 1 ss .. 6,r6 ss.; 9,t ss.; 11, r ss.) è ccrtamc:nte

damento esegetico. C'è poi da aggiungere che giusrificata, a prescindere dall'argomentazione


lo. 10...t1 non dà alcuna valutazione. ma si li- che egli o altri portano. lo. ccr10mcnte ha in-
mita a constatare e, in tal modo, si d istingue teresse a certi crru.ui:<l, ma non a un nume ro
sosranz.ìalmentc da altri giudizi polemici quali ben 1>reciso, come si vede in lo. 20,30.
lo. 1 ,7 s.; ;,3;; ciò a prescindere da passi di Jll Clr. Bu LTMA"'N, ]oh. , ad I.
a-t)µtlOV D 111 ia-b ( K. H . Reng~tor() (v ll ,2.!J) I H

l'attesa che l'epoca messianica segnerà sattamcntc alla finalità dell'autore del
la line della fame e della sete. quarto Vangelo, se il -raiha di Io. 2 0,
31 riprende il r.oÀ.À.à. xat aÀ.À.a 0"T1µti17:
Tuttavia in Io. manca la guarigione di Io. 20,30 313 ; infatti il suo libro s1
di lebbrosi, mentre i sinottici metto- presenta ai lenori come una raccolta di
no addirittura in rilievo questo genere O"l'lµei:cx 314 allo scopo di ctmvincerc che
di miracoli (Mc. 1,4 1 ss. par.; Le. 17,rr Gesù è il Messia 31>.
ss.; dr. Mt. II,5 /Le. 7,22; Mt. ro,8).
Più darsi che questa lacuna dipenda b ) Nell'uso giovanneo di O'T)µti:ov v;1
dal fatto che, da quanto possiamo ap- inoltre notato che esso si applica so-
prendere dalla tradizione rartlogiudai- lo ad azioni di Gesù (~ col. 136) e nel
ca, l'eliminazione della lebbra per sé
nel senso più ampio del termine, t)Oiché
non era ritenuta un segno tipico dell'e-
poca messianica 312 • Giovanni poi non l'evangelista, per es., pare computare fra
narra nemmeno un esorcismo di Gesù i <T!'}l..U:i:a (cfr. Io. 20,30 s.) anche l'ap-
contro i demoni. Un quadro delle azio- parizione del Risorto ai discepoli, com-
ni prodigiose di Gesù definite <T!'}µtfa
nel quarto Vangelo fa capire che Gio- preso Tommaso (lo. 20,2 4 ss.). Tutta-
vanni non era tanro interessato ai mira- via è evidente che egli ha intenzional-
coli di natura tipicamente messianica, mente evitato di dare a aT)µt'Lov anche
quanto a quelli che per la loro gran-
una valenza di apertura al futuro, ben.
dezza sollevavano l'interrogativo sulla
natura di colui che in essi agiva (~ ché l'uso linguistico del suo ambiente
coli. 14r ss.). Così talvolta Giovanni gliene desse la possibilità. lnfotti in lo.
stesso mette in rilievo una fondamentale non avviene mai che una parola di Gesù
valenza messianica dei <T!'}µE'ia (cfr. per
es. lo. 6,r5 con 6,1 s.s.; 12,13.18 con sia detta a"l)µtfov 316•
11, 1 ~ .. ,. Del resto, ciò corrisponde e-

lU Si afknna volentieri il contrario, rinvian· (1959) 37 n. 3·


d o o STR.<CK·BILLERJIECK 1 593-,96 (dnche -+ l!S Se Giovanni abbia preso i O"T]µtL<l <la lui
v1, col. 638), ma ivi si cercano invano le prove, narrati da una fonte particolare è un prohle·
a me no che non si ritenga sonintcsa b lebbra ma che può essere sorvolato dalla nost n1 trat·
quando si dice çhc per l'epoca messianica si tazione, «he analizza solo il senso dcl te1·minc
attende la scomparsa di ognj malattia. Inoluc <M']µti:ov in lo.; dr. A. FAURI>, Die 11//lnta-
non si deve scordare ché in Is. 3,,5 non si fa mentlicben Zi1a1e im 4. Evangelium 1111d die
menzione né dei lebbrosi né dci morti. Circa Quellemcbeid1111grhypothese: ZN\V/ 21 ( 1922)
il problema della storia della tradizione di Mt. 109: clihro di miracoli»; I u: «fonte di mi·
11,5, che risente ancora di influssi mandci, racoli•; l.!ULTMANN, Job. 3 2 ,l·l 2 e 1mJice s.v.
d r. R. REITZI:NSTEIN, D4S ma11daische Buch <Tl']µEi:ct.-Quclle. Ovviamente per i foutori di
dcs Hcrm der GroISe und die Ev.· Ober/11:· quesui t<!Oria lo. 2 0 ,30 s. è per natura la <."011·
ferU11g: SAH 19 19, 12 (1919) 60-63; cfr. Lmz. elusione della fonte giovannea dei miracoli .
susK1 , Cinz11 xu; cfr. K L.OSTliRMANN, Mt., Jl6 Tre volte in Io. si dice che Gesù ha indi·
ad I. cato realtà fu1urc in modo non de l tutto com·
JO fortemente sottolineato da J. H. BER- prensibile e quind i bisognoso di interpreta·
NARD, Il Criticai and Exeget1cal Commenrary zione: due volte nel parlare dcl suo tipo di
011 the Gospel accordmg lo St. ]ob11, ICC l i morte (lo 1 >,23; 18,32) e la terza ciguardo alla
(1928) ad I. morte che aucndeva Pietro (lo. 21,1 9). In tut·
.11• M. DIB!!LllJS, Dic Formgcrcbichle dcs Ev.' ri quest i casi si evitti l:i voce C'TJ,1Ci:ov e si in·
cniµi.•ov D 111 2c.3a (K. H . Reng:Horf)

ci Infine non va dimenticato che !TT}- Ciò che nel primo passo il popolo dice
con l'espressione n>..tlovcx. <MJµEi:cx. 7tOL·
ti:ov ricorre soprattutto sulla bocca del-
Ei:v riferendosi a Gesù, in Io. 5 ,20 è
l'ev:ingelista stesso (Io. 2,u .23; 4,54; detto con µEl?;ova. OELX\IVVCX.L lpyor.. In
6,2.14; 12,18.37; 20,30) e inoltre in questo caso crqµEfov serve esplicitamen-
frasi che egli, nel preparare una succes· te a interpretare il significato degli ~prcx.
di Gesù.
siva esposizione, fa pronunciare a fa.
risei (lo. 9,16; XI.47 ), a Nicodemo (lo.
3,2) o anche alla folla anonima impres·
sionatada Gesù (7,31 ; xo,41). Se si pre· a) Dali generali
scinde dalla presenza del termine nell'e- La maggior parte dei 27 passi di Io.
in cui abbiamo il termine ~pyov si rife-
spressione <rl]µEfo. xcx.t i:épcx.i:or. (lo. 4 ,
48; -+ col. 127), Gesù usa <Tl]µEi:ov U ·
risce chiaramente ai <M]µEi:or. di Gesù
n'unica volta (Io. 6,26). In questo caso(lo. 5,20.36; 6,29; 7,3.2 1; 9,3 s. ; io,
però il testo fa pensare che l'evangelista
25.32.37 s.; c4,ro ss.; 15 ,24; 17,4). In
metta in bocca a Gesù il proprio lin- essi non solo si stabilisce uno stretto
guaggio per sonolineare chiaramente lo rapporto fra gli ~prcx. di Gesù in quanto
317
scopo centrale del suo Vangelo • In !TT}µ.tLtX e l'opera di Dio che a sua volta
tal modo però nell'uso linguistico gio· $i esprime in tpya. ( 4 111, coll. 840 ss.
vanneo !TTJµELo\I risulta essere un termi·
849 s.; --> XElp), ma non si può e non
ne interpretacivo, quindi si distingue so·
si vuol dire nu Ila circa gli [pya. di Ge-
stanzialmente dall'uso fattone non solo sù quali !TT}µti:or. senza per ciò stesso
dai sinotcici (-+coli. 94 ss.) e dagli Atri
richiamare gli tpya. di Dio (Io. 4,34; 5,
(coli. u5 ss.), ma anche dal suo ambien- 36; 9,3 s.; io,p; 14, 10; J7,4). In que-
te, sia che ci si riferisca a a'T}µti:ov (-+
sto senso si comprende perché <M]µEi:ov
ed ~pyov in Giovanni possono essere
coli. 24 s.) oppure a '6t e ai suoi equiva·
lenti(-+ coli. 43 ss.). accostati : anche l 'tpyov deve essere
spiegato perché ne risulti chiaro il
Una delle prove più istruttive è data
dall'accostamento di Io. 7,3r e 5 ,20. senso. Il Gesù di Giovanni usa sem-

dica l'atteuiamento di Gesù ricorrendo al ver- vangtlium nach ]oba1111es, N.T. Dcu1sch 4'
bo cniµo:'vfw <~roll. 179 ss.): H>..tytv o tl1ttv (19n) lo mette addirittura in evidem.a este·
cnui.a(vwv 1tO~ 011v6."ttp ••. riormente ponendo ndla sua traduzione il 1cr-
l17 Tutti i commentari che studiano piò da vi· m.ine 'segno'. Ma in questo caso non ci si do-
cino questo ~ov posto sulla bocca di Gesù vrebbe a1tendcre anche nel teslo greco il sin-
in lo. procedono , richiamandosi al tipico equi· golare a;u.u~ov come rinvio al miracolo della
voco della samaritana (Io. 4,1J), sul presuppo- moltiplicazione dei pani? Inoltre il termine
sto dell'ambiguità del termine in lo.; cosl non compare nell'episodio della samaritana .
fanno, aro gli alui, anche C. K . BARll.ETT, TM
Go1ptl according 10 St. ]ohn ( 19n) :1 4,<18 e: JIS P er quanto segue cfr. ira gli 2ltri H. H.
BuLTMANN, /oh., ad I. H. SnATltMANN, Das E· HUBER, Dtr Begriff der Offenborung i111 ]oh.·
CTl'JJU~ov D Hl ~a-bcx (K. H . Rcngstorl)

pre Jl9 il vocabolo epyov per parlare di \'a in un contesto che definisce fa co-
ciò che Giovanni altrimenti chfama OIJ· munione di Gesù con Dio, al di là del-
l'essen1Jale sua appartenenza a lui quale
1.1.ti:ov. In ciò, come nell'impiego di 0'1)·
Padre (lo. 3.3 .5; ,,20; 8,19; 12'4.5; 14,
i..u;i:ov da parte dell'evangelista, sta un 9 ss.; J7,1 ss.J, come piena comunione
aspeuo specifico dell'uso linguistico gio- anche nell 'agire. Per la fede b iblica, Dio
vanneo l:io_ si rivela soprattutto attraverso le sue
opere. Pertanto Gesù, anche nell'agire,
b) Il carallere di 'segno' degli EPY« di nelle opere che compie, partecipa con
G esù itz quanto lpya suoi propri piena responsabilità all'autorivelazione
di Dio. Ciò emerge dal fotto che egli
oc ) Il Gesù giovanneo non parla mai non compie EPY« in qualsiasi momento,
dei suoi [py« chiamandoli opere pro- ma solo quando è giunta la sua wpa (lo.
prie ('tà itpy« µou). Un'unica v olta l'e- 2.4 ). Egli conosce questa 'o ra' (ad es.
vangelista fa dire ai suoi fratelli: "tà Io. 13,1) perché conosce il Padre, così
Epya c;ou 321 (lo. 7 ,3), e immediatamen- come è da lui conosciuto (J o. 10,1 5 e
te Gesù li corregge facendo notare che, passim). Per questa comunione egli sa
a differenza di loro, per lui non è an- sempre 'tl µÉÀÀt• 1tCLtL'I (dr. lo. 6,6) .121.
cora giunto il xaLpéç per agire (lo. 7, Ma nella sua condizione di F iglio, che si
6.8). I suoi t'pya, quindi , non dipen- esprime in ogni cosa ru, non si ha l'an-
dono esclusivamente da lui; purtutta- nullamento o :inchc solo l'atrenuazione
via essi sono e rimangono suoi ì!pya_ della di scinzione personale di Gc~ù d"
Non meno di tre volte egli usa l'e- Dio. Eppu re egli agisce come Dio quan -
spressione -rà [pyoc èi éyw 1tOLW (fo _ do trasforma l'acqua in vino (lo. 2,r
5,36; 10,25; 14,12). Come è certo che ss.), sfa ma migliaia di persone con un•l
l'tyw, posto qui in evidenz:i, è una ca- minima quantità di pani e d i pesci (fo.
ratceristica stilistica dei discorsi rivda- 6,r ss.), guarisce un moribondo ({o _4,
tivi del Gesù giovanneo <-
111 , coli. 47 ss.) e richiama in vita un morto che
59 s.), è altrettanto certo che, collegato presenta già i segni della decomposizio-
n not.W, su questo sfondo Rcquista addi- ne (lo. 1 r ,1 ss.); inoltre egli compie ciò
rittura un'importanza straordinaria. In- che secondo la convinzione farisaica so-
fatti in tutti e tre i casi la frase si tro- lo Dio può fare 324 , quando di sabato

Ev. (1934) 96-101: Das Wcrk als OJknha- Jing,uiM jro l'ri~tia no. cfr. J\1.0S'l't::K!\1ANN, 1\11 .•
rungsmittd; L. CERFAUX , Les mirader, siJUteS od l .
me1sianiqucs Jc ]ésus et oc11vrcs dc Dieu se· -'2 1 Il tlr:N di lo. ì.3 va consideralo originaril.l.
/on l'Evangile de saint jean, in Rccueil Lucien benché manchi nei codd. S* O G U »~ sah e
Cerfa11x 11 ( 1954) 4l-50; H. VAN DER Bussou:, arm, anche perché rientra nell'incomprensione
L'Ifoangile de ]ean. t.1udes et Problèmes degli ipyo; di Gesù da parte dci suoi fratelli
(1958) 79 s.; BERNARD, op. cii. (-4 n. 313) ' · (dr. BuLTMANN, /oh. a 7,3-, ).
Cl-'<XVI·CLJCXXVI: T he Johannint! M iradcs.
"21 fo. 6.6 probabi lmente è una tipica ossc1·-
319 Fa eccezione lo. 6,i6 (--. col. ' } 5). vazione incidentale dell'evangelista .
l20 L'espressione ~pyo. -rov XP•O..tov è presen- m Cfr. SmLATl"Ek, Theol. d. Ap. r5;-16 1.
te, andlc se isolata, nd sinonici ( Mt. 11,2 ). 32• Secondo la visuale farisaico-rabbinica, Dio
Probabilmcn1e questo uso dcl gruppo lpyov stesso, in quanto datore della toril. si attiene
è radicato in terreno Iioguistico semitico. Cfr. con meticolosa pn.'Cisione alle norme che que·
ScHLATTER, Komm. Mt. a 11 ,>; lo .. Komm. sta contiene, cfr. Rabban Gamliel n e rompa·
]oh. 8,39.41. Probabilmente è presente un uso gni (prima dd 100 d.C.); Ex. r. 30.9 a 22,r.
39 (vu.~7) CTTJ11uov D lii 3bo:·f3 (K. H. Rengstorf)

uarisce un individuo paralizzato da va· è possibile riconoscere chi egli è llll. Si


i decenni (lo. 5,1 ss.) e dona la vista dimostra cosi per quale via lo specifico
un cieco nato (Io. 9,1 ss.) m. Perciò si
attira l'accusa di volersi fare Dio (lo. USO giovanneo di CT'l)µE~OV 00 Epyov si
to ,33), e ciò può voler dire soltanto che radichi nell'uso linguistico delle tradi.
egli non tiene conto di Dio, anzi a lui si zioni israelitiche dell'esodo. Inoltre è
ostitui.sce .!lii_ Ma questa accusa non lo chiaro che il CTlJµELov giovanneo non
tocca, perché egli non agisce di sua ini·
ziativa, ma in obbedienza alla missio- qualifica gli tpyCI di Gesù come 'pto·
ne 327 affidatagli dal Padre (Io. 3,17; 5, digi' m, ma come 'segni', che permet-
36.38; 6,29.57; 7,29 e passim). Perciò tono una certa conoscenza in quanto
è il Padre che gli ha 'dato' anche gli
rendono palese un certo fatto JJO. Que-
[pya. che egli compie (lo. 5,36; 17,4).
sto consiste in ciò: Gesù reca una nuo-
~)Pertanto gli Epya. di Gesù nel Van- va immagine di Dio. Essa è caratteriz-
gelo di Giovanni si dimostrano CT'l)µE~a., zata dal facco che Dio può essere co-
perché, in quanto suoi ~pya., servono al- nosciuto quale Padre solo in Gesù quale
1'autorivelazione di Dio. Ne deriva che Figlio (Io. 8,19.54 s.; 14,7; 17,25 s.).
Dio col suo agire si è rivelato per colui Pertanto non c'è al1ra via che conduca
che è: il Padre di Gesù(~ coli. 141 ss.). a Dio tranne quella che passa attraverso
In quanto i!pya àitb "TOU 1ta."Tp0ç, essi Gesù (lo. 14,6.9 ss.). Ma vi è anche u-
sono semplicemente i!pya. xa.À.ci (lo. IO, n'altra conseguenza: il carattere di CT'I)·
3 2), ossia opere dello stesso tipo di µELov degli €pya. di Gesù comporta che
quelle fatte da Dio, di modo che da esse all'infuori di Gesù nessuno abbia la

Ciò •ignilìca che egli osserva anche le norme 326 Circa questo senso del parallelo rabbinico
dcl sabato(-+ Xl , coU . 108, ss.). In reahlt ciò cfr. S CHt.ATTEI<, Komm. ]oh., ad l.; STRACK·
corrisponde a una tradizione molto antica, ~. Bll. LERBECK Il }.p.
in base alla lqigc dcl sabato di Ex. t6,22 ss .. :m Per cinocr-cfl..4w in lo. cfr. -4 t,coll. to81
si ritiene che Dio abbia benedetto e santificato ss. e R. BULTMANN, Die Bedeutung der 11euer-
il ~abato con la manna, avendo egli alln vigi· $Ch/osseJ11!tl mandàiscbm u11d manicbaiscben
lia del sabato fauo cadere una doppia quan- Quellen /iir da; V erstiindnis des ]oh.-Ev.:
tità di cibo dol cielo, per riposare poi al sabato ZNW 24 (I92j) 105-109. ma sopratturro E.
(cfr. R. Jishma'cl, M. Ex. b~wdJ 7 [231] a GAUCLER, Dos Chrislusieug11is des Joh.-Ev.,
:io,n). lndirc1tomente ciò rimira anche dalla in Jesus Christus im Zeugnis der Htili11en
t''Oria di Sanb. b. 65b, secondo cui di sabato Schri/1 und der Kirchc (1936) ''·5J.
vi è una uegua anche per il fuoco dcl Gchin- .IliQuindi sono in un certo senso «opere d i
nom; infatri se nel Gehinnom si rispetta in Dio• ( -4 v, coli. 41 s. ) e in quanto tali vanno
questo modo il sabato, è ovvio che alrretranto nemmente distinti dai xa).à. lpya che Gesù
avvenga in ciclo. esige nel disrorso della montagna (Ml. ,,r6;
lll Entrambi sono quindi malari cronici che
v, coli. 32 ss.: «Opere d'amore•).
non si trovano in imminente pericolo di vita R9 Questa è la definizione che; molti commen·
( Xl, col. 1055). ln tali casi l'interpretazione rab- tari dànno di CTJµELov in G iovanni, anche se,
binica della legge del sabato non ammette al· in parte, con una ccrtu riscrv<l .
cun soccorso; dr. STRACK· BtLLERllECK 1 623· llll Importanti considerazioni in BUL'fMANN,
629; n .533 s. /oh. 79 n . I a 2 , r ss. e specialm. 161 a 6,26.
competenza di dare quell'interpretazione vezza escatologica (ls. 40,10 e passim).
che essi esigono come qualsiasi O'l)µti:ov Pertanto lo. 12,37b ss. può essere inte-
(~ coli. 30 ss. 59 ss.). In Io. si tiene so solo nel senso che i O'l)µti:a indicano
conto anche di ciò nei cosiddetti discorsi in Gesù colui nel quale si decide la sorte
di rivelazione che spesso Gesù fa segui· di tutti gli uomini secondo la volontà
re ai suoi OìJµEta (~ coll.148ss.). di Dio 332, e non in un futuro lontano,
ma qui e ora 3ll, cioè esattamente dove
e) I O'l)µ!i:a di Gesù in quanto testimo- ci si confronta con lui. Ciò viene dall'e-
niam:a rivelatrice di Dio in favore di vangelista sottolineato in quanto, in ri-
Gesù quale Figlio suo guardo a Gesù, si fa una scelta, si arriva
alla divisione, circa i suoi i'pya. Essi
Il passo del Vangelo di Giovanni in
possiedono una forza discriminante e
cui più che in ogni altro i <1T}µEi:a di
perciò stesso rivelatrice, e appunto ir.
Gesù chiamano in causa Dio è lo. u,
ciò sono O'T}µEi:a. Giovanni può arrivare
37b ss., poiché, adducendo come moti·
a dire a Gesù che proprio a motivo
vazione Is. 53,1, il rapporto di Dio ri·
dei suoi itpya i suoi avversari ora «han-
spetto alla comparsa di Gesù è legato
no peccato» (lo. 15,24) 33 '.
ai O'l)µti:a. Tutta l'attività di Gesù è de·
scritta con la formula Oì]µEfo: 7tO~Ei:v, Se dunque gli Epya di Gesù da un
quasi che non fosse stata accompagnata lato sono O'T}µfi:a in quanto provano
da discorsi rivelativi in cui Gesù, rifa· che egli è il rivelatore e perciò servono
cendosi ai suoi O'l)µEi:a, aveva parlato di anche alla rivelazione di Dio (~ col.
sé come rivelatore m. I <1T}µE°i:a, quale 138), d'altro canto essi sono tali perché
autentica caratteristica di tutta l'opera dimostrano che Gesù è il Figlio, o pi\1
di Gesù, vengono attribuiti al braccio esattamente, il Figlio di quel Padre che
di Dio (ls. 53,1). In ciò non si deve è Dio. Essi hanno un riferimento teo-
scordare che il braccio di Dio ( ~ u, coli. logico e, mediante questo, anche cristo-
327 ss.) nell'A.T., e soprattutto nelle logico. Giovanni, usando il vocabolo
tradizioni dell'esodo, rammenta le pro- O'l)µti:ov per intendere e far compren·
digiose prove di forza di Dio che ser- dere le prodigiose opere di Gesù anche
vono soprattutto all'elezione, redenzio· come espressione del suo rapporto con
ne e salvezza del suo popolo (Ex. 6,6 e Dio, presenta per ciò sresso i suoi tpya
passim), ma anche influiscono sulla sai- come specchio del suo essere 335.

lll BuLTMANN, Job. a 12,37. 'imile a l5,24 ma con al)µEio: invece di ~pyo:.
312 ar. GAUGtU, op. cii. (--+ n. J27) 40.
m Cfr. CERFAUX, op. cit. (-+ n. 318) 47: «Si
m Cfr. GAUCLER, op. cit. (--+ n. 327) ~r. capisce che Cristo solo si serva della formula
JJ.I Cfr. inoltre lo. 3,:>• con una formulazione (scii. «Oper~»); essa è il veicolo che gli per-
CT'l)IULov D 111 3c.4 (K. I!. Rengs1or()

Quanto s'è detto esclude pertanto di i O'T}µt:i:a. di Gesù hanno valore costi-
qualsiasi tentativo di attribuire al CTr}- tutivo per la fede in quanto tale. In
~fov di Giovanni un signi6cnto simbo-
lico, di qualunque genere esso sia, an· quanto tpy« di Gesù <- coli. 137 ss.)
che prendendo 1o spunto dal concetto di essi sono sempre anche atti coi qual i
simbolo in Filone e nella s11a tradizione Dio quale Padre riconosce Gesù quale
filosofica o dalle azioni simboliche dei
profeti veterotestamentari <-
coli. 59
Figlio suo <- col. 142), il quale a sua
ss.) ll6. È necessario essere cauti già per volta, in quanto rivelatore, rivela Dio
il fatto che ogni simbolismo mira al- col renderne noto il nome (17,6. 26);.1•
la conoscenza, mentre Giovanni cerca Quindi i CTl)µEi:a di Gesù, in quanto cau-
di dare fondamento alla fede secondo un
processo nel quale la capacità di quel co. sano fa fede in lui (Io. 2,1r.23; 4 ,53 s.;
noscere, che gli appare indispensabile, è r r,45) J.U, servono anche a fondare 111
subordinata e inserita nella fede 337 • fede in Dio.

4 . <TT]µdov e it ~O"'t i.ç l.18 L'importanza del richiamo conclu-


sivo, rivolto dall'evangelista ai lettori al
Stando a lo. 20,3 r, la presentazione fine di concentrarne l'attenzione sui CTr}-
giovannea di Gesù mira «alla fede che µt:i:« di Gesù ( lo. 20,30 s.), non può es-
sere obliterata dal fatto che in questo
Gesù il Cristo è il Figlio di Dio» m. Per
passo si vuol vedere la conclusione della
fare questo, Giovanni richiama l'atten- cosi'.!detta fonte di <TT]µEi:a. (-+ n. p5),
zione sui <TT]µE~« di Gesù in modo da che Giovanni avrebbe riportata tale e
dare l'impressione che essi siano deter- quale nel s uo libro; per conseguenza egli
avrebbe anche tralasciato di menzionare
minami per fondare la fede in Gesù espressamenie i Pilµ«'ta di Gesù accan·
quale Messia <- coll. 141 s.) e quasi che to ai <TT]!lEL«, né, in de6niriva, avrebbe
si interessasse solo di questo contenuto dovuto fare altrimenti poiché, si dice,
per lui i 'segni' di Gesù e le sue parole
delle fede, non di Dio. Per Giovanni la
rivelatrici costituivano un 'ovvia unità,
fede in Gesù è sempre e anche fede in con preponderanza di queste ultime 343 •
Dio Padre (Io. 12.44 s.)1~. Per lui quin- Che .in Giovanni i O'l)~1Ei:a di Gesi1 siano

mette di esprimere il suo pensiero prolondo: i;ruppc> di vocaboli in Io. --. X, coli. 471 s.;
la suo unità col Padre•. Sc11uTTEK, G/aube }95-6oo.
JJ9 SaiLATTU, Clau~ (--. n. 301) 176 s.
ll6 C. H. Dooo, Tbe lnterputation o/ the
W Or. anche Io. 14,1 ron una singolare: for·
Fourth Gospel (19n} i33-143; S. H. Hooto:,
Alpha and Omega ( 1961) 270-282. J. LEAL, mulazione mediante manuELV Etç in riferi-
Et simbolismo bist6rico del JV Evangelio: mento sia a Gesù sia a Dio, «per esprimere
Estudios Biblicos, 2 época 19 (1960) 32?-348 l'uniuì di Gesù con Dio> (-+ x. coli. 437 s..
non porta mkun contributo alla soluzione del n. 269).
~l Or. BARRl!TT, op. cit. (-+ n. 317) 4u e
problema.
BULTMANN , /oh.• 17,6 SS.
337 Clr. ScHLATTER, Theol. d. Ap. rn-r~6; 3'2 ~ importante anche lo. 12,17" poiché qui,
BuLTMANN, Theol. 41?-421. in un 'osservazione dell'evangelista, la fede in
l38 -+ li, coli. J24 ss.; x, coli. 483 ss.; ScuLAT· Gesù ~ l'atteggiamento su cui deve inRufre il
TER, Glaube (-+ n. 301} 176-221; OoDD, op. signiJicaro dci CT'l)IULa di Gesù.
Cii. (-+ n. :n 6) 179-186. Qrca la presenza del )I.I BuLTMANN, fo. a 20,30 S.
l-15 ( v11,249) O"Y)µELOV D lll 4 ( K. 1-1. Kengstorf)

suborclinari ai discorsi .... è smentito dal potuto dire che ìl funzionario regio ere·
fatto stesso che cerù racconti giovannei dette (4,50: lnw·mJO"tv) alla parola di
di O'T)~~o; non sono accompagnati da
Gesù. In un certo senso rientra in que-
nessun discorso, per es. i due O"T\~l.Ei:a
compiuti a Cana, che dànno l'avvio ali.i sto contes10 anche Io. 9,38 con la con-
serie dci O"TjµEi:a giovannei (/o. 2, 1 ss.; fessione di fede del cieco nato al suo
·1.47 ss.). Viceversa, i discorsi servono a incontro con Gesù dopo l'avvenuta gua-
interpretare i I relativo O'T)µti:o'J, in
quanto da esso traggono luce per chiari· rigione. Egli ha ohhedito a Gesù e col
re chi è veramente Gesù (-+ col. 142) e <.T)À.6ç (-+ x, coli. r77 s.) sugli occhi s'è
per dimostrare come sia necessario S<..'f:· recato a lavarsi ; ma per Giovanni quc·
gliere trn la fede e l'incredulità nei suoi
confronti. sta obbediente fiducia cvidertcrnentç
non è ancora ciò che egli intende per
Poiché i due episodi di Ca na non so· fede, quando, dopo il racconto di un
no accompagnati da discorsi di rivclazio· vT)µtiov , parla della fede ora acquisita.
ne, essi ci permettono di cogliere qual è , Per lui tale fede: è anzi indis:;olubilrnente
secondo Giovanni, il rapporto fra ' se· unira a un'impressione diretta prodotta
gno' e fede (lo. 2,1 ss.; 4,47 ss.). In en· dalla persona di Gesù in concomitanza
trambi i casi il sorgere della fede 31' - dell'azione che ne rivela la natura. In
nel primo episodio la fede dei discepoli quest0 caso si natta del vedere (lo. 2,
di Gesù (:i,u), nel secondo dcl (3cx1nÀ.~· 1
1 i; 9.)7; dr. r,503' ), o della conoscen-

xoç e di tutta la sua otxlcx (4,5 3) - è za che ne deriva (lo . 4,53 ; dr. II,42
posto espressamente in connessione di ss.). li significato dei vT)µti:a di Gesù
cau.. col O'T)µEi:ov di Ge$Ù. A questo ri- trascende di gran lunga la singola circo-
guardo da parte dei discepoli era già av- stanza e coloro che vi parteeipano come
venura un'esplicita confessione di fede $pcrtatori. Facendo sì che Gesù stesso
nella messianità di Gesù (IAI.45-49), e colleghi parole di rivelazione sulla sua
Io stesso Gesù con la parola mO"'tEVE~ç persona ad una serie di aT)µEi:cx (lo. 6,
aveva riconosciuto la fede di Natanaelc: pss.; 9,39; rr,25, cfr. 5,17), Giov~nni
a moùvo di tale confessione (r,50) 346 • mette in luce ciò che in essi ha il po·
Analogamente. nell'episodio del eo:a~),~­ rere di fondare permanentemente. la fe.
Y.61; il 'segno' di Gesù che desta la fede de, perché Gesù rimane colui che è.
è stato preceduto da una preghiera fidu- Poiché In fede non può essere esrorta
ciosa che chiedeva la guarigione del fì. nemmeno col VT)!ltfov, accanto a quelb
glio moribondo (4.47 ), e l'evangelista ha forza che fonda la fede esso svolge in

.IM BVLTMANN, lo. a 12,37-43. t;atti di un'affermativa o di un'interrogativa .


lll µ<i.i;w 'tOV"l:WV é<!rn (lo. J ,JO) si dovrà ri·
)4; Si noti l'aoristo.
ferire •i O"T\µli'.11 che verranno narrati; cosi in·
346 Non è questa 111 sede per s t.a bilirc se si tende onche BuLT M ANN, /oh., ad I.
pari tempo anche una funzione critica~. sieme colui che rivela e colui che deve
Ma, mentre questa è limitata ai contem· essere rivelato. Quindi nella comparsa
poranei di G esù (lo. r 2,3 1 >09), esso è del Gesù giovanneo i CTJlf.ltLCI prevalgono
destinato a rimanere nella conoscenza sulla sua pa.rola finché egli è ancora tv
cristologica che gli lpyct in quanto cm· aapxl (r Io. 4,2; cfr. Io. r,r4}u1 e non
µEi:'ct trasmettono, per cui questi posso- è ancora ' glorificato' (Io. 7,39 e passim).
no diventare parte imperitura del mes- Nonostante tutte le argomentazioni )!2
saggio di Dio (cfr. 1 Io. 1 , 1 ss.; -4 1, portate per la tesi contraria, è questo il
col. I 76, S.1.1. a1tct"(yÉ)..À.w) perfino nella motivo per cui anche secondo Giovanni
forma del f3~(3À.lov apostolico (Io. 20, !J comunità postpasquale di Gesù non
30; cfr. 21,25 ; i lo. 1,4). In questo sen- hu più bisogno di nuovi CTT)µEi:CI; essa ha
so l'importanz:i che Giovanni atuibuisce b parola dei restimoni. In questo senso,
ai crnµt~ct di Gesù per la fede attesta nel suo cammino verso la fede e nella
non solo la caratteristica della sua im· sua condizione di fede essa si trov.1 al
magine di Cristo, ma anche l'interesse di sopra degli apostoli, che potevano
che nella sua veste di evangelista egli ha credere solo dopo aver ricevuto le di-
per il Gesù 'storico' e per un perenne mostrazioni divine 151•
legame di fede con lui.
5. CTT)µdov e À.6yoc;
I miracoli di Gesù non riguardano ti·
na rivendicazione profeùca, né sono I 'ef- Se in Giovanni i CTT)µE~ct
di Gesù in-
fetto della sua misericordia in decenni- dicano indirettamente chi egli elfettiva·
nate situazioni penose, ma sono esclu- mente è (~ coli. 14 I ss.), i suoi À.6yo~
sivamente segni della realtà cristologica sono la risposta diretta alla domanda: crV
di Gesù :llO. Pertanto la loro autentica •14 d(;; {8,25). La pienezza dei predi-
motivazione sta nel fatto che Gesù è in- cati di sé JS< rispecchia !:i libertà di Ge-

.1411 Quando W.:1.L11AUSEN, ]oh.. ad I. sostiene l'!• La frase rientra ancora nel contesto del
che Io. l l ,2} s. in bocca a Gesù •rende del <Tl)µEi:ov d i Lazzaro, cfr. 12,9.37•.
lutto superflua la risurrezione di Lazzaro. e llO E. So!WEIZlll, EGO EIMI... (1939) 139.
«toglie complct3mcnte significato all'insieme», .IliJn lo. a~ significa csemplicemence la
dimostra che non ha compreso ciò che Io. in- cr~aturalità in tuua l'ampiezza delle sue pos-
tende per cniiu•ov e ciò che a •uo avviso lo sibilità»: E. Ki\SEMANN, Aufbau und Anliegen
rende indispensabile. BULTMANN, ]oh. 301 n . 3, dl's joh. Prologs, in Liberl as Christiana, Fest·
ad I. ribatte facendo presente che non è lecito schr. F. Delekat (1957) 93. Cfr. aoche BAR-
sorvolare sul punto di vista proprio dell'evan- RETT, op. cii. (-> n. J 17) a I ,r4: «O'<Ìp~ ... rap-
gclist1, che s'impone in questo passo. Egli lo presenta fa natura umana in quanto distinta
trova nella dupli~ possibilità di porsi davan1i da Dio..
al O"l')IJ.ii:ov, espressa dal diverso am:ggiarncn· 352 Cfr. specialm. BuLTMANN, Job. ~ 20,>9s .
to di Maria e di Marta. In tal modo però si JS• Oltre a ScHLATTEl, Komm. ]oh., dr. BAR·
tiene conto solo della funzione critica dcl O"I')· RET , op. cit. (-+ n. 317) a 10,29 ss.
iui:ov, t.rasrurando la sua fondamentale funzio- JH - cpWç (Io. 8, u); - U&wp (4,7 ss.); éip.
ne cristologica che di quella è il presupposto. 'toç (6,3}, -+ 1, coli. 1267 ss.): no1µt)" ( . 0,11
149 (v11,i,1) '"l!J"~Ov D m ,-6 (K. H. Reogstorf)

sù, cosl come questa è il contrassegno pie (dr. Io. J , 17 e ~ coli. 141 ss.).
dei suoi ~pya. designati come CTT)µtLa. e
quindi con l'accento dell'agire rivelati- 6. <TT]µtLOV e ool;cx
vo <-coli. i37 ss.). C7Tliu:~ov e À.oyoc; si Io. collega la rivelazione della oé-
2,11
trovano qui in un rapporto di interrela· !;a d i Gesù col suo primo C7T}µti:ov, il pri.
~ione. Se il Myoc; interpreta il <7TJIM:fov, mo miracolo di Cana <-
11, coli. 372 s.;
il <1T]~fov legittima il À.Oyoc;, nel senso, vin, 46oss.)ll7,e lo presenta come il mo-
però, che entrambi trovano la loro unità 1ivo per cui i discepoli giungono a cre-
nella persona di colui che è l'unico a po- dere che Gesù è il Figlio di Dio. Anche
ter dire di sé: Éyw dµL. Se in ciò il ri- dd CTT)µti:ov della risurrezione di Lazza-
velatore si presenta anzitutto co111e colui ro si dice che rivela la oo!;a. (lo. Il ,+
che agisce (lo. 2 ,1 ss.) e se sarà un suo 40), solo che in questo caso si parla e·
[pyov/crriµEi:ov (Io. 11 ,r ss.) che indur· splicitamenle della o6!;cx <OV i)Eov, la cui
rà gli avversari a deciderne la morte (lo. manifestazione nel tJTJiu:bv di Gesù
11,45 ss.), la sua figura di «Figlio di comporta il oo!;a.o-&ijvm s~·a.v-.i)c; del
Dio» m è caratterizzata dalla figura stes- Figlio (v. 4 ). Infine in Io. 12,37 ss. si
sa di Dio che si rende percepibile ama- d ichiara che i CTTJµE~a di Gesù e la 06-
verso le sue opere >-'6 e nei CTT11ie~cx com· l;o: di Dio sono srrettamence connessi e
piuti in Egitto ha crearo i presupposti si sottolinea che è riservato al credent<:
perché il popolo eletto fosse a lui lega- comprenderne il significato. Ne segue
co nella fede (- coll. 56 ss.). Ma mentre che secondo Giovanni <TTJµti:ov, oél;a. e
Dio si serve dell'interprete umano che nia--r~ç (~ n. 338) hanno tra loro un
per disposizione e mandato suo dice rapporto ben preciso: dal CTT)~Lo\I nasce
chi è e che cosa egli vuole, il Gesù gio- 1:17tlcr·nc;, se si «vede» la oo!;o: che in
vanneo interpreta da sé ciò che compie esso risplende (/o. l ,14).
sia rispetto a lla p ropria persona sia ri- Il rapporto tra 0-ru.1.Efov e oo~cx in
spetto al 'Pad re', la cui comunione con Giovanni lSll va <leterminato nel senso
lui si dimostra negli Epycx che egli com- che Gesù si rende, per così dire. trasp:i-

v. 9, --> 1v, coll. 1216ss.); ilVpct f 10.7 ss. v. 9, --. Vangelo, come provano 1.19 ss.; 1 • .14 o.: 20 •.11.
rv, coU. 619 ss.); &µnr).oç ( r,,, ss. --> 1, (-Oli. ma in gui~a do trovarsi in pierut armonia col
925 ss.); òS6ç ( c4,6, --> v111, coll. 221 ss.). Il nome di Cristo.
Gesù giovanneo si serve di essi utilizzando la l56 Ciò ovvienc :rnchc in Paolo; cfr. Rom. 1 ,20.
formulo iyw elµ• quale «formuln di riconosci- J57 R. SCHNACKl:NllURG, Das erstt· \'(!u11tler /«·
mento•. Più precise indicazioni a proposito di SII (r95r).
essa, la cui caratteristica è l'uso predicativo di J5ll Cfr. H. K1nEL, Die Herrlichkeit Golles,
tyw, si rrovano in ButTMANN, ]oh. 167 o. 2; Bei h. ZN\'(f 16 ( 1934) 24 r-2H.26o s. e -4 11,
Sc1rwE1Z111, op. cit. (--> o. no) n6 s. 138} s. 1387 s.. Tuuavia non è ncttss3rio al·
Jl.' QuC$ta designazione predomina nell'imma· frontarc qui il problema c.kll'ambiguità di oo·
gioe di Cristo dall'inizio alfa fine dcl quano E,ct in fo.
151 (v11,i52) V'T)µ.ti.'ov D 111 6-7 (K. H. Rengstorf) ( Vll,>53) !J2

rente nei suoi O"l)~fo. 359 e nella sua òb- La stretta connessione di O"l)µet:ov e
!;a. manifesta la sua peculiarità, la sua o6!;a. impedisce anch'essa, decisamente
natura di Figlio. Questa sua o6!;a. (I o. e definì tivamente, qualsiasi tentativo 362
2,u) è per Giovanni la premessa degli di considerare simbolico l'uso di O"l)µe~ov
Ì:pya. di Gesù in quanto O"T)µt~a. nei qua- nel Vangelo di Giovanni. Si tratta in-
li egli agisce in modo creativo come Dio vece di un termine teologico fondamen-
(~ col. 138); essa è quindi segno del- tale, perché serve all'evangelista per in-
la sua preesistenza mai venuta meno terpretare Gesù in senso non solo cri-
(lo. 17>_5; cfr. l,14), sulla quale poggia stologico ma anche teologico. Di conse-
la sua stessa autocoscienza (Io. 8,58). guenza presso Giovanni il termine, SOt·
Invece, per coloro che Gesù ha eletto to il profilo antropologico, sta in rap·
(6,70; 13,18; 15,16.19) o che comun- porto non con la logica, bensì con l'e-
que sono toccati dalla sua autotestimo- rica. Gesù è colui al quale è riservato il
nianza, la ò6!;a. assomma e concentra in O"l)µei:ov, e come tale a lui compete di
sé tutte le impressioni ricevute tramite i decidere e discriminare rispetto alla vo-
suoi O"l)~~a. (cfr. 9,3 J(;) accanto a 11,4). lontà di Dio, sicché il peccato si dimo·
La 'gloria' che si manifesta nell'agire stra peccato (lo. 9Al; dr. lo. i5,24 ss.).
di Gesù e l'impressione della grandezza In tal modo coi 111)µti:a. di Gesù anche
personale o 'maestà' di Gesù 361 sui di- la xpluLç escatologica (cfr. lo. u,37
scepoli, entrambe sulla base dei suoi O"l)· ss.), che egli apporta con la sua perso-
µe~a., fanno emergere quella caratteristi- na 363, comincia a farsi tale da non poter
ca specifica di Gest'.1 che Giovanni h,1 essere né trascurata né evitata.
presente quando, alla fine del suo Van-
gelo, con accenno esplicito e riepiloga-
7. O"l)µe i:a. del Risorto?
tivo ai suoi O"l)µEfa, definisce Gesti b Io. 20,30 s. conclude il racconto pa·
Xp~c;-.òç ò utòç -.oii ~eoii (lo. 20,31 ). squale di Giovanni, oltre che l'intero

;s~ L'espressione è dovuta a \YJ. HElTMiiLLER, 361 Questa è la formulazione di ScHNACKEN·


Schr. N.T. a Io. Z,J t, il quale in ques10 modo BURG, op. cii. (-> n . 357) '}. KITTEL, op. cit.
cercava di provare che iI O'T)µE~ov giovanneo (-+ n. 358) 260 parla di una forma propria
serve a illustrare determinate «verità superio- dell'idea di poten.za, che in Io. si colleghereb-
ri». Secondo lui la verità che traspare dal mi· be a 06!;0..
racolo di Cana consiste nel fatto che Gesù 361 Quale quello intrapreso da Dooo, op. cii.
supera e abroga la legge mosaica rappresen- (-+ n. 136) 133-143 e da HooKE, op. cit. (-+
tata dalle anfore ricolme d'acqua. Alrre inter- n. 336).
pretazioni simboliche(-> vm, col. 462) anche ;;.• Perciò in Jo .. a differenza di quanto acca-
in BAUER, ]oh., excursus dopo 2 , 12. Abbiamo de presso i sinottici, gli ~pya/vlJµE\a. di Gesù
usato l'espressione di Heitmiillcr ma in un
sono un elemento centrale del suo tentativo di
rapporto diverso dal suo. conversione del suo popolo, la quale in In.
360 In questo passo l'.pyo. -cov &toii richiama il prende l'aspetto di conversione dalle tenebre
O"T)µ.tÌ:ov che precede. alla luce.
cni11tfov D Ili 7 ( K. H. Rcngstorf)

Vangelo (poiché Io. 21 è certamente u- mostra la sua identità col Gesù terreno
n'aggiunta) rammentando itoÀ.À.à. xa.t (cfr. Io. 20,17.20 .27) . Tutto ciò sconsi-
iH.À.a O'T)µda. Ci si chiede perciò se glia di pensare che coi O'T)µeta di Io.
questa espressione non si riferisca anche 20, 30 si alluda alla risurrezione di Gesù
alie apparizioni del Risorto (Io. 20 ), se o alle sue apparizioni ai discepoli 365 •
non addirittura al m iracolo della risur·
rezione di Gesù in quanto tale. Ma non A ltrettanto vale per la cwc ifìssione
d i Gesù: né questa né la c roce di Gesì.1
è cosl. Infatti nel Vangelo di Giovanni
in quanto tale sono mai designate come
la risurrezione di Gesù dai morti - co- 0111..1,Ei:ov da Giovanni 366 • D 'altro canto
me nel resto del N .T. - non è opera di le cose non potrebbero s tare diversa-
Gesù, ma azione vivificatrice d i Dio in mente, dato il carattere che il term ine
ha nel Vangelo di Giovanni. Nel caso
lui (cfr. Io. 2,22; 21,14). E nulla cam- della crocifissione Gesì.1 non agisce, ma
bia il fatto che, a proposito dell'evento lascia che altri agiscano su di lui, men-
pasquale, si parli una volta dell'à.va.- tre è lui che 'fo' i O'l)µEfo. È del tutto
escluso che si possa parlare di quell 'au-
O"'tfiva.L di Gesti (20,9) ~-Quindi un ri- tori velazione, nel caso della sua crocifis-
ferimento intenzionale di O"TJl.lEÌ:Ov in lo. sione, che è altrove connessa con i suoi
20,30 alla risurrezione di Gesù non ri- O'l)µEi:a. Non si può obiettare che in
Io. b crocifissione è strettamente con-
sponderebbe al consueto uso lioguisrico nessa con la sua 'glorificazione'. Nel oo-
di Giovan ni. Inoltre non va dimentica- SetO'bfjvcn, che secondo I o. viene parte-
to che la prospettiva di Io. 20 non è più cipa IO a C':rt:sLt con la croce e nella noce
( - 11 , col i. r 388 s.), agisce «il Padre»
4uella della precedente parte del Van-
e Gesù è solo cd esclusivamente colui
gelo. Se infatti prima l'attenzione era che riceve 367 .
rivolta alla rivelazione della 561.;a del
Gesù terreno per opera di Gesù stesso Si dovrà quindi confermare che in Io.
(cfr. si:; ~ialm. Io. 2,II e ~ coli. 137 20,30 Giovanni intende veramente solo
ss.), ora l'interesse è rivolto a un'auto- quel la 'antologia' 368 raccolta da un nu -
testimonianza dcl Risorto in cui egli di- mero maggiore di O'TJµ.E~o. di GesL1 , che

3"" Circa il rapporto fra ÈYEP6-ii'"'' e O.vu;u-rr1- JJ.S Cfr. R. H. L 1G1l1'FOOT, St. John's Gorpel
vci. nel messaggio pasquale del prococristia- ( 195i) ad/.; «la crocifissione fu senza d ubbio
ncsi mo dr. K . H . RENCSTORP, Die Au/erstc- per S. Giov:inni il segno più grande di tucti
bw1g Jesu' (1960) 27-30. (dr. 12, 33; 18,32 ): ma il termine 'segno' non
30$ tvwmov ricorre in Io. solo in questo pas- è applicaco in modo anuale al fatto». I n base
so, come comprova esplicitamente l3ARJ\ETT, a lo. 2,19 HOOKE, op. cit. (-+ n. 336) 286 di-
op. cit. (-+ n. 3l7) a 20,30. Inoltte Ul)µEi:a chiara , ma senza motivazione, che 1uua la pas-
1tOLELv tvwntov ... si trova anche in Apoc. 13, sione narrata da Io., inclusa la risurrezione
14; 19,zo. Un parallelo aramako è costitt1ito (fo. 18·20), è il «settimo segno».
da Hag. ; . 2,2 {77d 57 ss.) in SCHLA'TTER,
-" '' Il passivo òol;u;uOijvu;L indica l'agire csdu-
Komm. ]oh., a 20,30 s. WELUlAUSEN, /oh.,
si\·;unentc Jivino.
ad I. definisce tvwmov sbrigacivamemc «non
giovanneo» . Jt.~ BuLTMANN, )oh. a 20,30 s.
O"fl.ltLO\I D m 7-&a (K . H. Rengstorf)

egli ha narrato in antecedenr.a, ossia pri- 8. Peculiarità e origine dell'uso specifico


ma dell 'inizio della sua passione e risur- giovanneo di O'T)µtto'v
rezione. Inoltre pare che per il quarto a) L'autonomia dell'uso di CT!lµEi:ov nel
evangelista dopo la cattura di Gesù sia Vangelo di Giovanni
impossibile pensare ad altri suoi O"T}- L'uso di CT!lµti:ov nel quarto Vangelo
µEi:ix; infatti solo Giovanni non riporta col suo orientamento all'aut0rivelazione
i vari inviti rivolti a Gesù crocifisso cli di Gesù negli lpyc:.t (~ co!J.137ss.) de-
scendere dalla croce, cioè di liberarsi \''essere considerato proprio dell'evan-
con un miracolo (Mc. 15,29 ss. par.; cfr. gelista o della tradizione da lui utiliz.
anche Le. 23,8 con C"1}µEi:ov). Quindi Io. zata. Lo stesso principio vale anche per
20,30 s. sottolinea, ancora una volta e gli altri scritti giovannei. Nell 'Apocalis-
sommariamente, il messaggio che pro- se l'espressione n:ou:i:v <TT)µti:ix, frequen-
viene dai <TT}µti:ix, così come sono nar- t.e nel Vangelo, ricorre due volte (13,
rati (e interpretati); messaggio tanto ef. 14; J9, 20) e precisamente a mo' di ne-
ficace, che la quantità numerica non ha gativa antitesi all'uso della medesima
un ruolo determinante: Gesù di Naza- espressione nel Vangelo di Giovanni.
ret (Io. 1.45) è il Figlio di Dio e in Infatti si riferisce ai prodigi compiuti
quanco cale il Messia; perciò chi crede dal profeta dell'Anticristo nella sua qua-
«in lui» compie la volontà di Dio. Con li tà di pseudoprofeta per oscurare la ve-
ciò però va congiunto un determinato rità e confondere gli uomini e orientarli
aspetto cristologico, dato cbe per Gio- falsamente nel loro impegno interiore.
vanni passione, croce e risurrezione di Come non si può contestare la presenza
Gesù non hanno un rapporto diretto coi di un parallelo formale, cosl si dovrà
ariµti:ix (~ coll. r6o ss.). ammettere anche una dipendenza dall'u-
Che Io. 20,30 non si riferisca alla so linguistico atcestato nel Vangelo di
croce e risurrezione di Gesù è confer- Giovanni.
mato anche da Io. 2I ,25, dove si ripete
il noÀ.À.Ò. t'lÀÀ.ix (in t'lÀ.À.a. itoÀ.À.ci), ma Questo parallelo quindi non toglie
non il O'TJµEi:ix. Ciò è tanto più impor· valore alfa tesi dell'aut0nomia de!J'uso
portante in quanto l'espressione usata giovanneo di CT11~1Efov nel senso di ' se-
qui (con 1tOLEi:v) secondo l'autore po- gno'. Del resto il -:i:otti:v CTTJµEtov oppure
trebbe benissimo includere anche quan- O"T)f.J.Ei:a. corrisponde anche all'aramaico
to è narrato in lo. 21,r ss. 'bd s;nm' (l-Jag. ;. 2,2 (77d. ,17ss.);
Sa11h. ;. 13,9 [23c 44s.])~, che però
è a sua volta solo un para!Jelo formale,
poiché ha il significato di produrre la
prova della giustezza di qualcosa allo
scopo di ottenere fiducia (hjmn). Nel

Cfr. SCliLATTER , Komm. ]oh. a l O,JO s.; Io., op. cii . (-4 n . 190) 69.
<1'T)µt~v D 111 8a·b ( K. I I. Rengstorl)

caso considerato si tratta di est rarre e tratta di un uso non solo chiaramenie
reintrodurre un occhio: un tema che secondario, bcnsl anche notevolmence
evidentemente ha il suo modello in Ex. sbiadito rispetto al modello giovanneo
4,6 310 • e alla sua caratteristica colorazione {~
coll. 137 ss.). Per l'età più antica poi non
b) La matrice ci si deve lasciare ingannare du determ i-
nati paralleli puramente formali . Per es.
Anzitutto come matrice dell'uso gio· il retore microasiatieo Ael. Arisrid.
vanneo di GT!l.LE~ov non va sicuramente ( 129-189 d.C.) in or. sacr. 2,73 parla di
presa in considerazione la gnosi elleni- un µiy1crTov GTjµti:ov -.oii lltoii ~Tic; &u-
stica, qualunque sia il rapporto esisten- vci:µEwç, «massimo segno della potenza
te tra questa e il quarto Vangelo J7t. Al- del dio,. 376• In questo testo non ci si ri -
trettanto dicasi per il mandeismo (~ ferisce a un segno nel senso giovanneo
coli. 37 s.). Molto probabilmente non de- del termine, ma a un indizio da cui si
riva nemmeno dall'antica aretalogia, la può dedurre con certezza la &uva~1~c; del.
quale, quando parla di azioni prodigiose la divinità. Né qui né altrove 377 l'autore
con carattere di 'segno', usa sempre altri si discosta dal consueto uso greco di GTj·
vocaboli, come à.pnl) mo lla.iiµa. m, che µti:ov. Ma soprattutto non presenta affi-
in latino hanno i loro equivalenti in nità con l'uso giovanneo dcl vocaboJol18 .
virtus e miraculum su. L'uso specifica-
mente giovanneo di GTjµti:ov in luogo Nei LXX (~ coli. 65 ss.) GTjµ.t~ov ha
per es. di [pyov (~ n. 377) si trova so- ar.similato l'ebraico '6t rispetto sia al
lo nelle aretalogie cristiane, sorte per suo carattere formale sia alla sua pro-
eredità dcl mondo antico col nascere di prietà interpretativa. Conseguentemente
un culto ecclesiastico dei santi m. Ma si nei LXX il vocabolo ha la possibilità di

310 SCHLATTEl, op. cit. (-+ n. 190) 69 n. 1 . J7J Qr. per es. Philostr., vit. Ap. -IA' •ccanto
nt C. H. Dooo, The Bible and 1be Greeks' a r .39. Circa i problemi di cronologi a: H ER·
(1954) no-234 nel trattare dell'imporranza del ZOG, op. ci1. (-+ n. 372 ) 50 s. Asclepio come
giudai$mO ellenistico e dell'ermetica per lo &t:tvµ«-:01toi.6c;: Ael. Arist., or. 39,14.
comprensione del Vangelo di Giovanni ha l74 HERZOG, op. cii. (-+ n. 372) ' I n. 9; per
bensl chiamato in causa Corp. llerm. j,2 (-> mirac11/u111 dr. per es. Apul ., mer. 2,28,,; u,
coli. 36 s.), dove compa re CTlJIU~Ov, ma solo per 14,2; per virtus R. REITZENSTEIN, Hellenisti·
poter stabilire un rapporto con Gen. I ss. sche \'(/1u1dererziih/11ngen (19o6) 9.
(speciolm. 1,14). Comunque, per l'uso di O"fl" m E. Luc1us, D1e Anfiìn;.e des /leiligenk11/ts
µi~v il quarto evangelista, secondo Dodd, in der christ/i<·hm Kirche (r904) 4'' n. 5.
non ~ certo un ellenista. Benché nei 'segni' 3lò li dio in questione t: Asclepio di Pergamo.
giovannei ritenga di poter individuare, cin m <Tl}µtÌov è raro in Ael. Arist. e non indica
prima isunza., accenni a realtà fuori del tem-
mai ciò che vien fatto, ma ciò <'hc è dato con
po• {-+ fotcrpretation [-+ n . 336) 1.p), in l'oggetto e che permette un giudizio o una
considerazione di Filone egli deve ammettere
clc<luzionc (-+ n. 3~). Cfr. per es. or. p,18
clic «il crr,µtiov giovanneo è più vicino o quel.
(1uya).01lNxlcx~ <Tllt1ti/.>v); 36.60 (àµ~o-:tpwv
lo pro[etico•. Cfr. inoltre -+ <.'Oll. 160 ss. <Tl}µt~ov); or. sacr. 4,ror (<Tl}µEi:a t~ òv e•p6:-
m Cfr. DEISSMANN, B. 90"93; o. WEINREim. i:wv). Questo aspetto è ancor più degno di no-
Neue Urkrmdcn wm SarapiJ-R~/igion ( r9r9) ta in quanto in Ael. Arist. non è raro che si
paHim; E. PETERS0:-1, E l l: 9EO:E ( 1926) 216- parli degli ~PYGt di una divinità, per es. or.
221; R. Huzoc, Die Wunderheilun1.en von .. , (inno a Scrapide) r6 ss.
Epidauros ( 1931) 49 s. Come concetto apt:· m Cosl in or. 36Ao <Tl}µEUt notL~v equivale a
-ri) è affine a OWCX~ (PETUSON 198 n. 2). recare prou, testimonianze. Cfr. - t col. 32.
159 ( VII,2J5 ) o"r)µi:iov D 111 8b-c (K. H . Rengstorf) (vu ,256) i6o

indicare, in connessione con l 'immagi- gli è Dio. A prescindere dal senso origi-
ne veterotestamentaria di Dio, l'esisten· nario di kiib6d e cli 06~a. 379 e quali che
7a di un'au tomanifestazio ne d ell'unico fossero i motivi che hanno indotto i
Dio quale Dio d'I sraele. In ciò esso è LXX a tradurre l'un termine con l'al tro
caratterizzato da due relazioni , delle (-+ n, coll. 1J73 ss. ), secondo loro e siste
quali l'una riguarda la fede in Dio e certa men te uno stretto rapporto tra i
l'altra la sua gloria (oo~cx.), la sua re altà ·~egni'cli Dio('ot6t/<TTJµEi:o. ) e
il suoka-
di essere divino manifesta in quanto ta- b6d o la sua 06!;a.. La prova più impor-
le. Queste due relazioni caratterizzano tante è offerta dall'intero b rano di Num.
anche il <TT}µEfov giovanneo, ma solo in 1 4 ,10 ss. e soprattutto dal v. 22, ùove,
riguardo a Gesù. Certo, ciò avviene in in u na frase di Dio rivolta a Mosè, 06·
modo assai signilicativo in quanto, se- ça. e CTT)µEi:a sono strettamente congiun-
condo Giovanni, Gesù u nisce a Dio co- ti iao: nO:v·nc; oL iivop<c; oL òpwv~r ..-Yiv
loro che accettano di unirsi a lui. È que· 06ço.v µov xa.t -:ò. O'Tl!J.Ei:a, ii tTtolTJO'C1. .. .,
s ta la caratteristica missione, che egli «tutti gli uomini che vedono la mia glo-
ùcve compiere in opere e in parole in ria e i segni che feci ... ». Inoltre va qui
quanto rivelat0re inviato da Dio nd ricordato il canto di locle d i Mosè :il
mondo (cfr . Io. i7,3 ss. e passim). Poi· M ar Rosso (Ex. t 5,r ss.), che attesta 111
ché in Giovanni all'adempimento di tale 06!;0. di D io a motivo dei prodigi eia lui
missione servono appunto glj [pya. di compiuti contro i persecutori d'lsrac·
Gesù in quanto <TT}µE~a., essi sotto l'a· le lit. In ambedue i casi si tratta di 'se-
speuo teologico sono per natura iden- gni' compiuti da Dio in Egitto . Da essi
tici ai classici O'l]µEtcx. dell'A.T., i 'segni' (--+ coli. 56 ss. 69 ss.) non è dunque pos-
compiuti in Egitto ai te mpi di Mosè (--+ sibile separare la rivelazione di Dio qua·
oli . 56 ss.). In altri te rmini: utilizzando le Dio che si rivela nel suo kàb6d o nel-
i <TT}µE~o. di Gesù per il suo fine k cryg· la sua 06!;0..
matico, che consiste nel riconoscere e ac-
cogliere Gesù quale Figlio di Dio (Io.
2oa1i, l'autore del quarto Vangelo si e) Carattere tipologico dei cniµEt<X gio-
imostra teologo di quella stessa rivela- uannei
ione <li Dio, che è il rema unico cli
tutto l'A.T. Null'altro che questo emer· Il quarto evangelista non si è limita·
e con e~trema chiarezza sia da Io. 1,18 to ad applicare a Gesù l'uso di aT)µEfov
s ia da p:1role di Gesù quali quelle di To. tipico del Pen tateuco greco(~ coll. r.:; 8
12.45 e i4,9. ~s.), facendo cosi di crnµcfov un fattore
Come per Gesù (lo. 2,11 e-+ coli.
x 50 ss. ), nell' A.T. la o6!;a. di Dio è fon- fondamentale della di lui autorivelazio-
a ta sulle sue opere che rivelano che e- ne, ma gli ha a nche conferito un tim-

" Si devono prendere le mosSI! [come ci co- 6oxt\v diventato, tramite no;çà. ob!;cr.v (da
1unica H . SCHRECKENBERG J dalla for1m1la 0- Tcoi;nide in poi), femminile , contrasta con la
rica à'l'tò oo!;'T]o; (Il. i o,32.J , Od. 11 ,}44; pa- priorità cronologica e contenutistic-a dci passi
·alleli sono IH.~oç e rispcuivamente cinò uxo- omerici e, con E. F MENIG:L (recensione a Leu-
où). In quesio contesto 06!;0: è )'a/Usa \'Olta mann: G nomon 23 [ 1951] 37i l. va respinro.
un determinato scopo, m~ di solitO non con- ~IO O r. CJ:RFAUX, op. cit. (-+ n. 318) 4}·
ermata. La derivazione protXlsta da M. LF.U·
MANN, Homerische Worler (1950) 17 }"t78, se- Jll Cfr. inoltre il v. 11: Do:v11cr.<ri:Òç tv lì6-
ondo cui lì6!;o: sarebbe participio aoristo di !;cr.c.<;, 'ltOtwv i:tpo:i:cr..
161 (VII,256) GY)µti:ov D m Se · IV ia ( K. H . Rcngs1orf) (Vll,2}7) 162

bro tipologico nel contesto della sua im- zione dalla schiavitù egizia (~ coll. 56
magine di Cristo, sottolineando partico- ss.). Tuttavia i OTJ~ta. che Gesù com-
colarmente il rapporto con la fede o l'in· pie fanno comprendere che in lui non si
credulità di coloro ai quali Gesù si ri- ripete semplicemente il tempc di Mosè,
volge in veste di rivelatore .m. A questo ma che in lui questo tempo è superato,
proposito 30 due sono gli aspetti che gli wme egli nella sua persona e nelle a-
sembrano patticolarmcnte importanti: fa zioni che compie supera infinitamente
definizione di Gesù come 'profeta' (lo. Mosè (lo. 1 , 1 7 ). Ne viene che presso
..p9; 6,14; 7AO; 9,17) <la un laco (~ Giovanni i aT)µ.Ei:a di Gesù nella loro
coli. 128 s.; x1, c.-oll. 610 ss.) e, dall'altro, accentuazione tipologica )8-1 acquistano u-
!:1 sua divim1 destinazione ad agnello pa- na ancor maggiore pcrtata cristologica e
squale della n.'tlcnzione escntologica (~ quindi teologica. Infatti sullo sfondo
1x, coll. 974 ss.). I due aspetti sono con- dell 'epcca di Mosè fanno risaltare che
nessi in quanto in entrambi l'epoca di in Gesù effettivamente è presente assai
Mosè con b liberazione dalla schiavitL1 più che un nuovo Mosè, poiché egli
d'Egitto assume valore tipologico. In agisce come Dio e in questo dimostra
questo quadro anche i O"T)µEia di Gesù di essere «Figlio di Dio».
acquistano un significato tipologico. D o-
po che il Battisrn ha annunciato I 'immi- .l V. O"r(µti:ov nd resto del N.T.
nenza del secondo e definitivo tempo pa- 1. Paolo
squale e salvifico (cfr. Jo. r,29.36), essi
Aspetti generali
:i)
costituiscono il preludio a quesco perio-
ctT)Jtti:ov ricorre 8 volte in Paolo, e
tlo, così come i ' segni' compillti in E- precisamente in Rom., in r e 2 Cor. e
gitto costituiscono l'inizio della libern- in .:i Thess. (-+ col. i67) . Quasi metà

IS! li Vangelo ùi Giovanni è collegato in mo- •H·•}8, una tesi suscenuta andic Ja t\. Gu11.-
ùo singolare ul Pentateuco i;recu o krc che da 01NG, The Fo11rtb Gospel 011d Jc·wirb Wonhip
O"l'Jll~tov anche <lui fotto che in entrambi - a (1960) 66: •Il miracolo <lei camminare sulle
p n:scinùerc da Dc111. 32,20 (ùove però 1tta"ttç acque sembra rilletiere il p3S)31?l!io del Mar
è fedeltà) - si parla cli fede solo mediante il Rosso (Ex. 15)•. In -+ \<li, coli. 802 ss., dr .
verbo i'Z\#'ttUu.v. -+ vn, coli. 827 ss., giustamente la t ipologia
J&lPer la tipologia in Io. dr. L. GoPr>ELT, Ty- giovannea l\1osè.Cris10 viene ri>trctta a Io.
pos (1939) 2•,5·2 38; H. SAHLIN, Z11r Typologic 6. q s. 30 ss .
des foh. -Ev.: Uppsala Universicc1s Amkrift .1~• GOPl'ELT, op. dt. (-+ n. 183) nr n . 2 ha
1950, 4 ( 19}0) 8. 73. Secondo il SrnLJN in lo. ragione a non riconoscere una collocazione ti-
abbiamo una continua cipolOjJia di Ex. . mo pok>gica specific-J per ogni a'TJ!tÌ:Ov giovanneo.
l'autore fa dire ai testi molto pii1 d i quanto La situazione, invcce cambia completamente
1

essi offrano senza u!l'incerprctazione forzata. quando si esaminano globalmente i cniµtia.


Altrc1tanto vale 1x:r il tentativo di vedere in che Giovanni stesso ha defin ito tali. Non si
lo. 6,16·21 una riprésa tipologica di Ex. r.po deve però dimenticare, come fo spesso anche
•s. (il pass:1uio del Mar Rosso), proposto da GOPPELT, op. cit., che per lo. crru.u~ov e mi-
H. LUDJN·]ANStN, Typologien i Joh.-Evange- racolo non sono semplicemente identici. Cfr.
liet: Norsk Tcologisk T i<lssk.rifi 49 ( 1948) --. coli. i25 ss.
al]µt>ov D IV ra.b (K. H. Rengstorf)

dei passi contiene la formulazione U'l)- Per quanto sia certo che l'ambito
µEfo: xa.t 'tÉpcna. (Rom. 15,19; 2Cor. concettuale di questo passo è di stam-
12,u; 2 Thess. 2,9). po giudeo-rabbinico, non esiste, a quan·
to pare, alcun parallelo rabbinico al-
Non c'è un solo passo in cui l'uso lin- l'espressione Oì]µti:ov itEpL"toµijc;. L' A.
guistico si allontani dal tradizionale in T. usa per la circoncisione l'espressione
cui resta inquadrato. Solo in qualche ca· 'ot b<rlt o U'l)µei:ov lìLa.ltl)xT)c; (Ge11. 17,
r r; ~ col. 45). In quelle trattazioni
so tiene conto del fatto che ora esiste
rabbiniche in cui è possibile veder chia·
un apostolato cristiano. Poiché l'aposto- ro che cosa s'intende, per indicare Li
lo è eguale a colui che lo ha inviato e ac- circoncisione talvolta si può anche tro-
creditato(~ I, coll. r109ss. 1r35 ss.),
vare solo 'ot Jt<>. Pertanto varrebbe la pe·
na esaminare attentamente se non sia
per l'apostolo torna a riproporsi il pro- il caso di ammettere un corrispondente
blema del U'l)µEfov connesso a Gesi:1 uso di O"T)µti:o'.I anche per Rom. 4,1 r; i;1
(~coli. ro3 ss.). Ciò tuttavia non deter- questo modo il vocabolo equivarrebbe
di fotto a crl}µtfov éìLaill)x1)c;. Ma allora
mina un nuovo modo di usare Oì]fUtcv,
si dovrebbe leggere non itepvtoµijc;, ben-
ma solo l'inserimento dell'uso preceden- sl rcEpL'toµTiv, che andrebbe inteso come
te nella nuova situazione (~ coli. 120 predicativo e sarebbe a sua volta inter-
ss.). Soprattutto non esiste nesso d'al- pretalO eia aq>payi:/ìa. ecc. Cfr. a questo
proposito la designazione della circonci·
cun genere tra l'uso specificamente gio- sione come «il segno che uno appartiene
vanneo del termine (~ coll. I25 ss.) e a Dio» e in questo senso come «segno
l'uso di Paolo. dell'alleanza», in Iub. 15,26.28.
In 2 Cor. 12,12 i aT)µEi:a 'tov é.rco~"t6-
b) Aspetli specifici
À.ov sono un dato visibile che permette
In Rom. 4,1 I O"YJµEi:ov ha il significa- di individuare un apostolo in qua11to ta·
to puramente tecnico di segno, contras- le, quindi non solo, per es., Paolo ncl!a
segno, e non importa se si legge cn11iei:- sua caratteristica di apostolo 387 • A che
ov n.. a.~ev 'ltEPL'tOµij<; oppure, con A si riferisca concretamente Paolo è <let-
C* pc sy, mpL'toµl)v. In ogni caso la to da lui stesso quando, subito dopo,
circoncisione è interpretata come ~ parla di U'l)µei:a xa.L i:Épa'ta xa.L lìuvci·
a«ppa.yl<;, cioè si tratta di immagini giu- µEL<;: sono i «segni e prodigi» dell'epo·
ridiche attinenti al contesto della con- ca della salvezza che, compiuti da lui, lo
clusione di un contratto o della legit- dimostrano apostolo di Cristo .lS8 . Al me-
timazione :18.'_ desimo contesto concettuale conduce I

Cfr. i commentari ad l. come tpya. i:o\i XPLai:ov di Mt. 11,2 siano tc1:·
Cfr. STRACK-B ILLl!ttBECK IV 32, excursus mini tecnici ormai fissi, for:se dlevanti anche
«Das Beschneidungsgebot~ sotto e ('wt). f nella polemica antipaolina di Corinto. Co·
.O'T)µo.v-ti}ptov come esotismo). munque Paolo ne parla solo per legittima <li-
coli. Il$9 s.
-... 1, fcsa e quando lo fa è solo per ragioni ogget·
Può essere che ~i:o. -tov Ò.1toai:6>..ov tive, non per imporre la sua persona (-+ 1.
CTJi~tÌov n IV 1b (K. H. Rms;s tor()

Cor. 1,22 in cui Paolo apostrofa ci Giu- guistico dell'epoca ("' col. 32; n. 378),
dei» perché :;TJJ..l.ELa a.hoÙO'L'll, «richie- 0'1')µeio'\I significa prorn di autenticità.
dono segni». L'espressione ricorda la ri- Favoriscono questo significato i due fat-
chiesta rivolta a Gesù perché desse pro- t0ri che dererminano il se nso di O"T]µE~­
va di sé con un «segno dal cielo» ("' ov, cioè fa visività e l'ac<:enamento d;1
col. 103) e tende probabilmen te a stabi- parte dcUa comuni tà. Nel nostro caso si
lire qualcosa che è caratteristico per «i riferiscono al saluto autografo (à a>tet-
Giudei» 309 • Il contesto non lasci:i dub- <r11éc;J del mittente ("' I, col!. 1 334 ss.).
bi che Paolo, come Gesù, respinge la Quali fosse ro i motivi specifici che
richiesta di dimostrare per mezzo di 'se- diedero a Paolo l'occasionc <li ùefini r.:
Ol]~fo\I il suo saluto autografo "' è Llllil
gni' la sua rivendicazione di agite e par-
questione che possiamo qui trascurar.:,
lare in nome di Dio, e in tal guisa prova t•mto p iL1 che, attualmente, nelln discus·
che il suo è un apostolato di Cristo J~J. sione circa l'autenticità della lettera essa
In r Cor. q , 22 Paolo definisce la glos- per sé non ha alcun ruolo determinuntc .
ma viene tr:lt tata con argomcnt :1zioni
solalia (al y ÀGla:raL) un C1TJIJ.EÌ:OV per reologiche l'l'I. Nel nostrn passo crr11ui:~v
gli éir.w..to~ e si richiama a I s. 28, rT s. corrisponde a crvµ(3obv (~vµ(3o).o'll) cioè
Egli vuol dire che la glossolal ia n on so- a un richiamo 11d un'aggiunta autografa
in lettere dell'antichità 396 • Può essere
lo no n dischiude, ma addirittura blocc11
d1e Paolo :1 questo termi!1c preferisca
l'accesso ai misteri di Dio all'lim- VT)f.ttfov per influsso dclht li11g11a pupo·
o..roc; ·191• Essa è un cr1')µEì:ov per gli èf:r:L- lare del suo ccmpo 391 .
cJ'l:OL in quanto p rova che essi sono in- Paolo usa !'espressione O"l]µ~i:et ~C/.t
creduli, quindi lontani da Dio e perciò 't(pa'l:a., proveniente dalla tradi%ionc
si pone in un certo senso come argo- dell'esodo, anzitutto in riguardo a se
111e11to o motivazione della loro incredu- stesso ncll:i sua pcculiaritlì di npos colo
lità m. Andare oltre significa allontanar- ( Rom. 15,19; 2 Cor. 12 , 12), e prcc.:isn-
si dal testo.193. In 2 Thcss. ).I7, proba- mcntc nel senso che in lui agisce Cri·
bilmen te in rispondenza ad un uso lin- sto di cu i egli dimostra cli essere le-

1179). dr. \X'1No1sc11. 2 Kor.. 11d I. Die Briefe 011 Jie Korù:th,.,. N .T . L>cu1sch
Jll9 )011.Wr.1ss , 1 Kor., ad I. ì' ( t 9H ) ad I.
m Scl1LATTU, Kor., ad l. .!91 Cfr. i rom 1ncntari , uJ I., Spé('i•lrn . Drn1:-
.l?I ScHLATTER, Kor., ad I. 1.1us, Tbess., 11d I.
m Lu»rZMANN, Kor., ad I. pensa ch e si i ratti
395 Cfr. I(. BRA UN, lur 11achpJ111i11iscben fl cr-
di scandalo per gli ii.7wr -rot, «il che poi s:ireh·
be loro imputnto a colpa '>, ma diffiçi lmcntc k1111/t dr.1 2. Tbess.: ZNW 44 (19 52/53) 152·
l 16; inoltre \'iJ. M1C11Ai.:1..1s. Ei11/ei11111g i11 Jas
coglie nel segno.
.193 Per es. JoH. Wi:tss, i J.:or.. ad I. parla ,':.l. ' (1961) 231.
della glossolalia, in riferimento a Le. l.34 (-+ Cf'r. i prusi in
)i)ò D.EtSSMANN, nH Z s .. lo .•
mli. r 12 ss.), come di un a:nouo di induri. LO.• 132 s.. n. 6.
mro10» cd è s1u10 seguito Ja H . D . W ENDUND, m r testi non ncotcswment:tri ><>00 tardi\•Ì.
O"!)µEiov DIV 11>2 (K. H. Rcngstorf) (v11,260) 168

gittimo delegato; in entrambi i passi ri· mo in Mt. 2.h24; Mc. I J.22 (--. col.
corre, nell'immediato contesto, !ivvcr.µ-..;. 119). Lasciando impregiudicata la que-
In Rom. I 5, 19 pare che CTTJµEtCl xat i:É· stione se il brano di 2 T hess. 2 ,I ss. pro-
pa:ta illustri che cosa intende Paolo venga o non provenga da Paolo, per
quando parla del suo Epyov apostolico, l'aspetto che stiamo rilevando esso af.
mentre fonda il suo ),6yoc:; sul '!tVEÙ· fonda le sue radici nella tradizione giu-
µa divino m, ammesso che l'espressione deo-apocalittica e si accomuna quindi ai
Àoy<t> xat i'.pycp possa essere scomposta citati passi dei vangeli sinottici. Esso co-
a questo modo m_ Comunque mediante munque conferma l'impressione che qui
Év !ivvciµEL 1tVEvµcr.i:oc:; Paolo sottolinea si rifletta l'influsso della tipologia del-
che i CTTJp.Efo. xcr.t i:Épcr.i:a hanno impor- l'esodo.
tanza fondamentale non solo per Juj stes-
so, come risulta anche dal fatto che li ca- 2. La Lettera agli Ebrei
ratterizza come Cl'T)µ.ti:a i:ou cl'Tl:ocri:6À.ov Hebr. 2,4 definisce <TTJl.l.ELGt xat i:Épa-
(2 Cor. 12,12; - col. 164)«0, ma anche -ra xal 'Tl:OLXLÀ.CXL OWcXt~r_c:; xcr.t 'Tl:VEvµa-
in funzione del tempo ru Cristo, dimo- 'tOt; ciy(ov IJ.EpLCTµol, «segni e prodigi e
strato tale dall'azione del 'TtVEuµa. Usan- portenti di vario genere e distribuzioni
do a questo modo l'espressione Paolo dello Spirito santo», ciò che Dio fece
s'avvicina all'autore degli Ani (- coli. per accreditare la predicazione avviata
120 ss.). D'altro canto in 2 Thess. 2,9 con l'annuncio del Signore ( - x, col.
la parusia dell'Anticristo è descritta con 1084 ). L'antica formula, intesa ancora
i colori della parusia ru Cristo mediante una volta in senso tipologico, viene qui
l'espressione lv 'itcXU'TJ ovvci1J.n xat CTTJ· usata, in una forma più ampia cd evi·
1.~ELoLç xat i:Épacrw, «con tulla la poten- dentemcnte sulla base di una più vasta
za e i segni e i prodigi», alla quale si ag- esperienza, per sottolineare "°1 la supe-
giunge il genitivo l)iEvOovc:; che dà all'e- riorità del vangelo sulla torà ccl anche
spressione un valore peggiorativo; qual· l'importanza della scelta fra l'uno e l'al-
cosa di analogo quindi a ciò che trovia- rra 402 • Anche in questo caso Ex. 4,1 ss.

.m Cfr. M101Et, Rom., ad I. menre solo in ri!crimcnco alle sue soltc:rcnu


m Forse il migliore spunto intcrprcr2Ù\'Q del- per Cristo (62 s.). Basta però r Cor. 24 con le
la complessa pericope è dato dalla chiusa apo· parole .irc6Stt.l;1.<; 7tvtuµa"t'oc; xaL Suv«µcwc; a
crifa di Mc. con M c. 16,20. garantire che i CTf)µ&ia xoi 'tÉ;iai:a. per Paolo
400 Ciò è forse ingiustamente attenuato da E. non hanno •SOio un'importanza marginale~
KiiSEMANN. Dic Legitimitiit des Aportcls: ( KiiSEMANN 63 d'accordo con LTETZMANN,
ZN\V 41 (19~2) 33-71. Egli motiva la sua po- Kor. , ad l. appendice 213).
sizione sostenendo che in CTflµE~a 'tOii cb1ocrt6·
«>1 Cfr. H. STRATHMANN, Der Brie/ a11 die He-
lou Paolo usa un'espre~io"" ttenica con cui i
bdier, N.T. Dcutsch 9' ( r9.Hl ad I.
suoi avversari a\'rebbcro ct:raro di imporre la
loro superiorità nei suoi confronti e precisa· <.» WlNDISCll, Hebr.. ad l.
Ul)µELov D 1v i - E (K. H. Rengs1orfl ( v11 ,26o) r ìO

costi11 1isce lo sfondo biblico e Mc. 16, pistola u Diogneto né nel Martirio di
20 il punto di partenza dell'interpre- Policarpo né in Ignazio. Quest'ultimo
autore non ha dunque ripreso l'uso gio-
tazione 4Cll. vanneo del vocabolo, benché per molti
La questione se si tratti di quattro altri aspetti si ricolleghi a Giovanni. I
termini coordinati 404 si dovrà risolvere passi relativamente scarsi degli altri
nel senso che CTT)µEfo; xat -rÉpa-ra va scritti in cui il termine ricorre non si
considerata un'espressione unica. Per- allontanano generalmente dal! 'uso lin-
tanto i due vocaboli che la costituisco- guistico comune. Per es. in I Clem. r r,
2 la moglie di Lot diventata s1111ua di
no non vanno interpretati ciascuno per
sé«IS, ma insieme. È del tutto incontro- sale è detta O'T)µEi:ov •10 ••• Etç -rò rvw-
vertibile che in questo passo abbiamo <T-ròv dvo:t 7tiiinv, o-rt... , «segno ... per-
una terminologia tipica della comunità ché sia noto a tutti che ...». In 1 Clem.
cristiana. A questo riguardo è importan- 12 ,7 O'T)µEfov è preso <la Ios. 2, 18 per

te notare che - come nell'immagine di indicare il segno di riconoscimento espO·


Gesù dei sinottici (~ coli. n8 ss.) e sto alla casa di Rahab (~ col. .P ) 411 •
nell'immagine dell'apostolo tratteggiata <TT)µti:ov è indizio in 2Clem. r, ,4, dove
da Paolo (~ coll. 164 ss.) - i O'T)µEi:a: un passo scriuuristico (ls. 58,9) è detto
xa:t -rÉpaw. s'inquadrano nella credibi- CTT]µE~ov h:o:rrd.la.ç; invece significa
lità del predicatore «l6. Se poi da questo prova in Did. 16,6 412, dove i fenomeni
testO si possa dedurre che per l'autore che annunciano la parusia del Signore
di Hebr. le forze taumaturgiche dell'e- sono deni O"T)µEi:o: -rijç àÀ.TJì)daç, a dif,
poca apostolica non si sono ancora spen· ferenza dei O'T)µEi:a. xo:t 'tépa-ra del XG'
te ol07, è quanto mai incerto~. A mag· <Tµo7tÀavoç (Did. 164; ~col. 131). Di
gior ragione si deve rammenrnre quanto queste prove de.Ila verità - tre in tutto
saldamente la funzione di sostegno dei - vengono espressamente menzionati il
O'T)µEi:a: xa:t -rÉpa:-ra. ecc. sia ancorata al- <TT)µELoV ÉX7tE~clcEW<; Èv ovpa.vcj'i (~coli,
la ~ÉÀ.T)O'L<; di Dio 409 • Evidentemente 171 s. ) e il O'T)µEfov q>Wv1'jç O"<iÀ.mryoç,
l'autore non ha ancora un rapporto re- il segno che consiste nello squillo della
ligioso col miracolo in quanto mie. <TaÀ.7t~rl; (cfr. I Thess. 4,16). Tn 1
Clem. 25,1 il mito della fenice, se lo si.
E. O'T)µE~OV PRESSO I PADRI APOSTOLICI
interpreta rettamente come fa l'autore,
è un CTT\1.tdov che contiene in sé la pro-
Degno di nota innanzitutto è che <TTJ· messa della risurrezione della carne (cfr.
µt:i:ov non si trova né in Erma né nell'E· ibid. 26,1 ss.).
4Ql Cfr. WrNDtSCH, Hebr., atl I. be riferire le parole solo aU'ultimo membro
<04 Cfr. MtCHEL, Hebr., 11,/ I. d ella serie.
<OS MtCHEL, Hebr., ad l. Giustamen1e parten· •n Sap. 10,; in sua vece usa in modo inter,
do da Ex. 7 ,3 : fRAN'.Z DELIT'.ZSCH, Commmtar prcta1ivo µvriµrtov .
ium Drie/c an di< Hcbriier (18, 7) ad I. 4111l co lor rosso della cordicella è inrcrpre·
«16 MICHF!t., Hebr., ad l.; R1GGENRAC11, Komm. loto in sciioo tipologico rome s"lll)UC dcl Si-
Hebr., ad I. gnore che dà redenzione. Rahab (-+ 1v, coli.
m RICC.EllBACH, Komm. Hebr., 11d I. t.16 s.) non è rrcsentaia come -r.òpVT), né ro-
«lii Non è questa la sede per <liscuterc a fon· mc albcrg•trice (-+ X, rol. 147tl, ma scrnp li-
do sugli ahri el•meoti dell'espressione . ccmcotc come cptMl;tvo~ in / Clem. 12,3.
471 Con MtCHEL, Hebr., ad I., contro Di;. m 1H.~tl4 q ui sta io anti1csi a n>.ciVT), cfr.
LITZSCll, op. cii. (--> n. 40 ' ) ad I .. che vo rrei> 2 T bess. 2,1 1 ; / lo. 4,6.
171 (v11,26o) cn1µ"'fo'J E · Vl)µ~(vw A (K. H. Rengsturf) (v11,261) q2

Anche per quanto concerne l'uso di l'esistenza cli una credenza nell'esaltazio-
O-l)µEi:a x at 'TÉpo:'tc.t i Padri apostolici ne della croce al cielo ecl esistono an-
restano nel quadro della tradizione. L'e. che varie testimonianze seriori d'una
spressione indici! in 1 Clem. 5 I ,5 i «se- attesa del ritorno di Gesù suUa croce
gni e prodigi» compiuti in Egitto ( ~ trasfigurata • 1$.
coll. 69 ss.), in Barn. 4,14 tutti i prodigi
di Dio che accompagna1·ono Israele nel t CT'l)µal \IW
suo cammino come esorcazione alla fe-
de; in Barn. 5,8, dove è ripresa la conce- A. O"l)µalvw IN AMl!IENTE GRECO
zione tipologica che fa del tempo di Ge-
sù l'epoca del Mosè escatologico e della O"l)µalvw, dor. c;aµw'.vw, è un nor-
liberazione finale (~ col!. 122 s.), essi male derivato di uijµa (~ coU. 19 ss. ),
sono i «segni e prodigi» propri di Gesù. attestato fin da Omero. La sua accezione
fondamentale è determi nata <lai signifi-
L'uso di O"l)µEfov in Barn. i 2,5, che cato di uijµa, come si può notare già
in un primo momento sembra fuori d i nell'antica epica greca (~ coli. 19 ss.).
questo orizzonte perché nel contesto d i Pertanto anche O"l'Jl.lalvw originari<• nen-
un'interpretazione tipologica applica a te si riferisce a impressioni ottiche (~
Gesù l 'immagi ne dcl serpente di bronzo col. 20 ), solo che di esse non ci si li-
innalzato da Mosè, si spiega senza d if- mita più a osservare la presenza o even-
ficoltà col fatto che in Num. 21,8 s. Dio tualmente a interpretarle, come avveni-
ordina a Mosè di collocare il serpente va con uijµa; ora si provocano di pro-
E7tt O"l)µElov (~ col. 68 ). Invece l'e· posito. Inoltre nel verbo si esprime l'in-
spressione O"l)µEfov Ex7te:-tcicre:wç Év ov· tenzione di (eone ras )segnare qualcosa o
pav~ in Did. 16,6 (~col. r70) compor- qualcuno in quanto determinato o desti·
ta una difficoltà effettiva, perché non è nato a qualcosa. Per es. Horn., Il. 23,
chiaro che significhi qui Éxl':É'TaCTtç. Si 358 s. dice che o-i}µl)v<: oè 'TZpp.cn"A·
vuol dire lapertura del cielo nel senso XLÀ.À.>Ùç 'Tl)À.6~€v Èv À.El<i> 7tEoi.~, «A·
<li uno squarcio che vi si produce al mo- chille segnò la meta lontano nella piana
mento della parusia 413 ? Ma a ciò non sgombra», e in Horn., Od. 12,25 s. tro·
s'adatta il complemento di luogo Èv ov· viamo 1fXO.O"t<X O"l)µttVÉW accanto a OEL·
pavcì). Forse è più opportuno supporre l;w òoév, quindi intende ciò che permet-
qui la presenza di un'allusione, voluta- te di riconoscere la retta via 1• P oiché se·
mente oscura, al Figlio dell'uomo che, gno e comando sono molto affini, in sen-
al suo ritorno, apparirà appeso alla croce so assoluto O'Y)µc.tlvw può voler dire in
con le braccia allargate (h11€'Tc.to-Lç) 414, Omero semplicemente indicare, signifi·
tanto più che già ev. Petr . .39 tradisce care, nel senso di invitare, comandare,

413 Cosi KNOPI', Did. a 16,6, non senzo esclu- Quartolschr;ft 48 (1953) 2 1-.42; J. A. f1sc1mR,
dere un'altra possibilità di interpretazione; si· rcçensione a J..P. Audec (-> n.41;>): ThLZ
milmente HENNECKE 2 565, molto accentuato 85 (r960) 525.
H. LILJE, Die Lehre der zwiil/ Apostel ( 1938), m Cfr. W. Boussi;-r, Der Anticbrist (1895)
ad I.: «Prima il segno consistente nel cielo che 15-1-158.
si apre ...•; abbiamo poi J .-P. AunET, La Dida- O"TJµ«lvw
cbè (1958) 473: «È 'l'apertura del ciclo', pri· Thes. Steph.; L100ELL . Scon; PREllSCHEN·
mo momento della !ìne... ». BAlJ ER', s.v.
414 KNOl'l',Did., od I. Cfr. anche E. $TOMMEL, I Per y,)..:ijpov O'T)µa:lvt<l"il«• di Hom ., li. 7,
l:T)µifov txm:'ta:n:wç (Didacbe 16,6): Rom. li5 ~ col. 23 .
I7J (vu,261) '"Jll7.L'llW A-B 1 (K. H . Rengstorfl

fìrdinare, per es. detto degli l'}ytµ6vEç de qualcos,i, ma designa o indica, per
che sopra una nave da guerra sono pre- cui è necessaria u n'interpre tazione ade-
posti alla ciurma dei rematori (Hom., guata 6 ; oppure quando, per es., della
Il. 16,172). oppure di Odisseo che fa sonnolenza diurna ('Ì]~1Epf}atoL U1t\IOL) si
purilìcare il palazzo dopo la strage dei dice che indica (<TT)µalvovaL) un distur·
proci (Hom., Od. 22,450). In questo bo fisico o qualche altra anomalia (De-
caso, a differenza cli xpa<tÉw e &:v<iaaw, mocr ., jr. 212 [Diels' 11 r88,8 ss.); o
ariµa.lvw si riferisce inequivocabilmente ancora quando a parole o frasi \•iene at-
a ordini singoli, concreti e precis i, in tri buita la possibilità di 0"1}µal VEW
perfetta rispondenza alla sua origine d,1 (Plat., Cral. 393a e passim). Da que-
ai'jµa 2 (H om ., Il. r ,288 s.; 16,172) 3• st'u ltimo significato è derivato -.ò 0"1}·
µawoµEvo•J nel senso di accezione del
L 'uso linguistico dell'intero periodo termine, significalo della parola (Ari -
c.lassico e posrclassico poggia su tali pre- stlll ., rhet. 3,2 [p. J405 b 8) e passim).
messe. Benché susciti certe perplessità ] I qua<lro globale dei testi è quindi uni-
il tentativo di stabilire una distinzione tario e indica che il verbo derivato da
sis tematica•, può essere utile proporre <fiit.L« ne condivide il carattere formale.
le seguenti d ifferenze: a) dare (t111) se- A c iò corrisponde il fatto che 011µ.a lvw
gno in senso letterale, per es. sotw for- può essere usato nel quadro di enuncia-
ma di una fumata con valore di segnale: ti religiosi, ma non attua alcuna premes-
xcu:v~ 1tvp6<; (Aesch., Ag. 497) oppure sa per un uso autenticamente religioso
- con ripresa d ell 'uso ome rico (....+ col. né è pervenuto a un tale uso.
172) - in luogo di (o per chiarire) un or·
dine militare come segnale di attacco B. C"l]µa;'JW NE L GIUDAISMO DI LINGUA
(Thuc. 2,84, r 3) o di ritirata (Thuc. _5,
GRECA
i 0,3 ), e in questo caso può entrare in
::tzione anche la a<iÀmy!; (- >- x1, coli. t. L'ampiezza scmantic:1 del termine
z205 s.; cfr. Andoc. r,45) 5, oppure an- risulta dal fallo che in ambiente giudai-
che come 'aiuto' del cavaliere per il suo co i LXX lo hanno potuto usare per tra-
cavallo (Xenoph., eq. 7, 10; 94 ccc.); b) durre numerose radici ebraiche o ar:l-
designare, annunciare, notificare, quindi maiche tra loro notevolmente d iverse.
in senso più ampio o traslato, quando ad Tra l'altro, come a'T)µe:i:ov , si dimostra
es. dell'Apollo di Delfo si dice ou"tE ÀÉ- un mezzo di in terpretazio ne. Per es. tii·
yn oii-rE xpur.-.n &.U.à. ariµalvEL (Hc· qa' (ba)Ho/tir (-+ xr, coU. i2r 5 s. ), sof-
rad., /r. 93 [Diels' I 172,6 s.] ), cioè es· fiare nella tromba, talvolta è rradono
so non dice apertamente che cosa st:1 con O""l)l.10:lv~w (-.fl ) aci:ÀmyyL (ler. ..i,5;
per accadere o è imminente, né m1scon- 6 , 1; Ez. 33,6 ) '. senza che s ia sempre

! CorrispQndentememc in Omero colui che è • P oiché partendo dal significato fondamcn·


ou1uriz"1lto ed ~ in grado di dare scgm1li o di- 1.1lc l"accezione specioc:i si può (e si do"rebbc)
sposiiioni o comandi è un a-ruiav-twp . s ia egli d~>durre dal con testo .
un princip<: (Hom., Il. -lo4 }t) o l'auriga che ·' Quind i cn1.Lal~w in cpoc-.1 tardiva ha in co-
guida i cavalli dcl cocchio da guerra (Hom .. mune con aijµ11/ a'l)µÙOv il riferimento a im-
li. 8 , 127 ) oppure solo un pastore di buoi o pressioni acusriche.
di pecore (Hom., Il. r,,32,).
3 Cfr. anche Hom., Il. 10,58 e 14,85; Od. 22, 6 Cfr. anche Xcnoph., an. 6,r,2~ e ~ ai'jµa/

427. In Il. io,485 aa-fiµav-toc; significa privo O"'T]µefov coli. 2, ss.


di gt1ida, senw pastore. 7 Cfr. anche LXX, Ios. 6,8.
CTT)µa(\IW B 1-3 (K. H. Rcngstorf)

chiaro perché si adotti questa traduzio- indicare, spiegare (poster. C. 155), de-
ne 1 . Più frequentemente O'l}µalvw tra· notare, designare (plani. 151 s.; leg. al/.
duce heriif.' (°' XI, col. 1216). con o 2,15) e nell'interpretazione della Scrit-
senza la menzione di <7<H.my!; / 16/iir tura in quanto intendere, significare (nel
quale strumento che produce 'strepito' senso più profondo) si riferisce al senso
(Num. 10,9; !ud. 7,21; 2 Chro11. 13,12; scrircuristico recondito, non riconoscibi-
2 Ecrop. 3,11) 9. In tutti i casi si intende le immediatamente (congr. 155 a Gcn.
mettere in evidenza il carattere di se- 16,6: «nelle tue mani») 11 • Abbiamo un
gnale del suono. Inoltre O'l)µalvw tra- testo in cui le leggi di Mosè (voµ1µa)
duce l'ebraico Mdiii' (Ex. 18,20) o l'a. nella loro saldezza e incrollabilità ([3€-
ramaico h6da' (Dan. 2,15 .23.30.45) in [3a~a. Ò:O'tiÀ.EV"t'a) sono definite <7<ppetyi:-
signific!IÙ contenutisticamente ben di- 1:n q>UO'EW<; avtjç ceO'l)µaap.lva , cioè
versi, che vanno dal semplice comuni- «concrassegnate dalla loro origine» (vit.
care (Datt. 2,15) a indicare (la via, Ex. Mos. 2, 14). Quindi in complesso in Fi-
18,20) fino a annunciare, far sapere (per lone O'T}µalvw rimane sul piano concet·
mezzo di un sogno, Dan. 2,45). Con ciò tuale.
i LXX si ricollegano all'uso linguistico
greco corrente, mentre non hanno alcun 3. Diverso è il caso di Flavio Giu-
rapporto con '61/0'l)µtfov. seppe. In lui O'l}µetlvw significa narrare,
comunicare (vii. 206), annunciare (ani .
2 . Filone talvolta distingue espressa- 1,198) 12, far conoscere (ant. 6so) Il, si·
mente fra suono della parola (q><.ùvi}) e gnificare, intu1dere (Ap. 1 ,82 s.) 14 e può
significato del vocabolo ("t'Ò O'l}µawoµt· anche voler dire sigillare, poiché un si-
vov) derivante dal senso recondito di un gillo regale prova che una missiva è uno
termine (congr. 172 ). Questo uso di -i:ò scritto del re (ant. u,271). Poiché Giu-
0'1}(..l.<XLVoµEvov, tipico della filosofia, seppe usa il vocabolo anche per dichia-
che egli ha in comune con Aristotele razioni divine 15, sembrerebbe logico
(°' col. I 7 4), svolge una funzione pre- supporre che lo usi in particolar modo
cisa presso il nostro autore (som. r,63. riferito a rivdazioni annunciami la vo-
85.87; leg. al/. 3,188 e parsim 10 ). Nel- lontà di Dio in parole ed opere 16• In ef.
l'uso verbale O'l)µalvw equivale in lui a fetti, nemmeno in questo caso 17 abbia·

8 In E:. JJ,3 <MJiui"n "<~ ),,a~ traduce hhhir 12 Un angelo invioto (r.~~iq>i'ltt~) e.la Dio ad
'el-hii'am, «ammonisce il popolo», dopo che Abramo è wç 011!.J.GtVWV r.rpt "t'OÙ 7.aL66ç ( 1.
aveva parlato, come il T M ., del suono di sacco).
tromba; al v. 6 si ha la stessa sequenza di con· Il Dio fa sapere (<MJµaivti ) a Samuele die
cctti, ma la traduzione greca è diversa. Nor- Saul è destinato a dhrentare re.
malmente i LXX traducono lq' con O'a),,r.ii;uv. 14 Ap. 1,8>: -rò yàp vx "a&'llçàv yl.C:.!f!fav
9 Secondo Num. 10,7 pare che hlrlil' si distin- flacn.lta O'IJl.ia!vn. Si rraua dcl significato
gua da liiqa' perché il primo significa il suono della parola hyk(sos) in egiziano.
di tromba violento e prolungato, mentre il se- is Cfr. anche e $0prattutto a'lt. 2,276: Dio CT'lJ·
condo indica squilli brevi e precisi (-> xr, col. µa!\lu a Mosè 't'Ì]v aù'tov npocnryop(av (il
1222). suo nome); inoltre ani. 10,.238.
10 "t'Ò O'T)µ(l.W6~vo\I è anche la definizione !6 Cosl S<:HLA'n'EK, ]or. 52. ar. anche H. H.
stabilita in geometria e in logica (vii. Alos. Husu , Der Begrilf der O/fenharung im ]o·
2 .39). haflnesevangeli11m ( 193~) 78 n. i: O''l'}).L(lbw
11 Altri cesti per questo uso di O'TllUllvw in cpcr )ui è UD termine di rivelazione».
Filone: C. H. Dono, The lnlerprelalion o/ the 11 Presso Giuseppe l'uso di O"l}µa{vw corri-
Fourth Gospel ( 19~3) 141 s. sponde a quello di Ul]µr«iv (-> coll. 7 : ss.).
CTl]µo.lvw B 3 • C 2 ( K. l l. R<ngstorf)

mo un uso specificamente religioso dcl ... ». L'aggiunta OLÒ: -coii 11vt\.µa-roç si·
termine; avviene semplicemente che il gnifica con certezza che per l'autore: CTTJ·
verbo è impiegato io enunciaci cli conte-
nuto religioso, ciò che è possibile, tra µ.alvw non era per se stesso un termine
l'altro, perché ad esso inerisce un carat· tecnico che indicasse un discorso speci-
tere più tecnico. A questo riguardo è es· ficamente profetico. Come è certo che
senziale la distinzione netta che Giusep.
Agabo profetizza, cosi è certo che crn-
pc fa tra a'T}µcx.l vw e itpoq>l)-cEvw (ani. 7,
214): il primo può, ma non necessaria· µa.lvw indica solo segnalare, indicare, e
mente deve, includere il secondo. .in questo caso è necessario lo Spiri-
to, perché soltanto lui è in grado di
C. a'T}J.UX'VW NEL NUOVO TESTAMENTO scorgere anche il futuro 20 • Anal\,gO è il
Dei sei passi in cui ricorre nel N.T., caso di Apoc. 1 , 1, dove si menziona la
tre sono in lo. (12,33; 18,32; 21,19), &:7toxciÀ.vtJllç 'IT)croii XpLcr-toii, i)v ~lìw­
uno in Apoc. r, r e due in Aci. (rr,28;
25,27). Tra di essi, i tre passi in lo. oc· xtv a.vT4°J 6 i>toç, ot~~a.L -ro~ç oov°M>lç
cupano un posto particolare e richiedo· a.v-roii a OE~ ytvÉ<TDCl.l tv •ci.)(EL, xa.t w-ri-
no una trattazione a parte. J.UXVEV ii:1tocr-tdÀ.aç OLà i:oii ii:yyO.ov
I. In Act. 25,27, riguardo alla prose·
a.u"tou 'tQ oovÀ.4J a.u'tov 'Iwciwn .. ., «ri-
cuzionc del processo a carico di Paolo, il velazione di Gesù Cristo, che Dio ha
procuracore Pesto sostiene il principio dato a lt1i per mostrare ai suoi servi
che egli, nella sua veste di attuale giu- quanto dovrà accadere tra breve, e che
dice, non può rimettere i.I carcerato fece conoscere inviando(la) per mezzo
all'im·•eratore se, dopo un accurato in- del suo angelo al suo servo Giovanni ... » .
terrog.itorio, non è in grado di -rò.ç In questo testo EOWXEV e ÈcriJµa.vtv,
xa-r'a\rtoii at-rlaç crnµ<ivcx.t, «notificare quanto alla forma, sono paralleli. Tutta-
le accuse mosse contro di lui» 16• via si deve ritenere che il soggetto del
primo verbo sia Dio e del secondo sia
2. In Aci. I 1,28 si narra che il profe· Gesù, poiché solo così abbiamo quella
ta protocristinno Agabo di Antiochia concatenazione di rivelazione che è evi-
ÈcriJµcx.wi:v 19 oux -roii 11vi:vµcx.-coç À.l~lòv dentemente importante per il veggen·
µty6'À.l)v µiÀ.À.Ew ~crt<TDa.L., «annun· te 21 ; di fotto però, OE~SCl.L cd kl)p.a.vev
ziava, sotto l'azione dello Spirito, che corrnno naturalmente paralleli. Non (:
ci sarebbe stata una grande carestia facile dire in quale rapporto reciproco

IS Il r:1cconto luc:ano rispecchia fedelmen :e le Il Alire leziuni (S A ecc.): foi)11a.vrv.


norme del codice romano di procedur:i pena· X> Anche I IAENCHEN, Apg.•: 317 n. :» 11d I, in
le : dopo la provoca/io ad Caeurem il procura- hasc ~I contesto prende posizione contro l'ipo.
tore non può più giudicare e nemmeno assol· resi dic il termine indichi qui il modo aUu-
vere, ma solo trasmettere la propria relazi1me si,·o di parlare degli oracoli. Cfr. --. coli. 176 s.
all'imperatore (T11.MoMMSEN, Rom. S1rafrcch1 con Flav . los., ani. ì,lI4.
[ 1899] 243). 2 1 Cosl, tra gli altri, 'fhDORN, Apk., ad t.
G'l')µalvw C 2-3 (K. H. Rengstorf)

stiano i due vocaboli nel loro enunciato. ce di Gesù e dal giudizio che egli ne dà.
Tuttavia può essere che il secondo ri- Tralasciamo anche di discutere se e in
che misura To. 2 r ,19 contenga una ter-
prenda e interpreti il primo nel senso
minologia martirologica 25 •
<l'una connessione dei due momenti del-
la visione e dell'accertamento 22 , che so- Circa la valutazione di 011µa,vw m
no costitutivi anche per <Ti)µct e <T'Tl~Ì­ tutti e tre i passi in questione, si deve
ov, e tutto ciò in considerazione delle partire dal presupposto che, secondo il
visioni rivelatrici che sono fondamenta li giudaismo, l'uomo per natura ignora il
26
per tutto il libro. Se questa ipotesi è va- giorno della propria morte • Nemmeno
lida, anche in questo caso O'T)µalvw si- Mosè, il mediatore della rive.lazi<'ne di
gnifica indicare qualcosa, notificare 21 e Dio, sfugge a questa regola (Deut. r. 9 a
rimane quindi escluso da un uso vera- 31, 14). Naturalmente poi nessuno, nem-
mente religioso. meno Mosè, sa esattamente di che mor te
morrà un altro uomo, a meno che non
3. lo. 12,33; 18,3 2 e 21,19 sono col- gli sia reso noto <l>1 Dio 11• Se si tiene
lega ti tra di loro non solo perché in presente ru u o ciò, si deduce che l'evan-
tu!li e tre i passi ricorre il verbo OT)· gelista in tu tti e tre i passi, con eviden-
µaivw, ma anche perché coll'usare Ci'YJ· te intenzione, pone Gesù accanto a Dio,
11alvw Gesù accenna al genere del- poiché dice che egli conosce il tipo di
la morte: nei primi due casi, alla pro- morte che lo attende e anche quale sarà
pria; nel terzo, a quella del suo disce- la line del suo discepolo . In tal modo,
polo Pietro: <T1)µ.aivwv r.ol~ i)ava'\'~ :.tnoora unu volra l'evangelista colloca
i\1ii},ì.,~v CÌitoihrflc;xEw o liol;i:ic;EL -ròv GesL1 molto al di sopra d 'ogni realtà u-
itEòv. In tutti e tre i casi abbiamo una mana. Per contenuto i tre passi sono
osservazione incidentale in cui parla dì- q uindi stre ttamente connessi a Io. 2,19
re t ramente l'evangelista. ss., tanto più che in lo. 2, l 8 si chiede
con insistenza a Gesù un UTJµEfov. Pe(·
No n è nec::ssario soffermarci ulterior- tnnto nell'uso dd <Juarto evangelista CTT)·
ment e a discutere il rapporto fra Io. 1 2,
3 3 e 18,32 21 né chiarire lo sfondo del- µa.L'JW non ha propriamente una sua ac-
l'espressione, che è costituito dalfo cm- cezione specifica, b<:nsì accenna alla di·

:i ,\ questo momento allude sen..a dubbio 1tiii ~· Cfr. sopl"JllUllO B U LTMANN, Jo/J., • lo. 1 2,
a
Ì 'espressione OCL ytvfo&aL. 33 e 18,32.
:U Le osservazioni di Sc111.ATTEK , Eri., ad /., .?J Per l'uso monirologico di lìo!;dtl;tw dr.
secondo cui in Apoc. r , r il veggente riceve so- H o LTMANN , ] ob., ad/., 553 n. 3.
lo un •Segno allusivo• poiché «la prof.zia i. Secondo M ek. Ex. wis' 6 (171) a x6,32
non è una conoscenza perfetta~. non trovano {STRACK-BILLERBECK Il 4u) nessuno conosce
siustificazione nel contesto né si possono ar- il giorno de lla propria morte.
monizzare col senso che OTJµ«!V<.J ha anche 17 S. Num. 11 4 a l j .34; cfr. ScliLATI'Ea,
in questo passo. Komm. Job., a 11,33.
(l"l']jta.(V(o) e 3 . O'"l)j.~COCJ 2 (K. H. Rcngstorf)

gnità di GesL1, per la quale egli è in


grado di indicare qualcosa là dove altri
r. Deriva to da (TT]µefov (~ col. J9),
non possono vedere alcunché. dorico aiiµeL6w da criip,dov, attestato a
È quindi inutile cercare di vedere in p;irtire da Hippocr., praenotationes coa-
O'T)µalvw un termine tecnico indicante c.:ic 2,20 (Lictré v 672) '.ma usato in
il linguaggio oracolistico che si esprime modo regolare, per quanto limitato, SO·
solo allusivamente 2~, interpretando così lo in epoca ellenistica, CTT)µELOW ha alcu-
il vocabolo alb luce della storia delle re- ni signilìcati in comur.:: con 0'1)~10.lvw,
ligioni. Del resto tali tentativi falliscono per es. segnare (~ col. J73) (Polyb. 3,
perché i passi addotci per dimostrare un 39,8), sigillare (.Dion. Ifal., a11t. Rom. 4,
siffatto uso antico del termine non pro- 47; - col. 176ì oppure segnalare (Aen.
vano affatto tale uso 29 • Nell'impiego del Tact. 22,23; -) col. 173) 2• Al medio,
vocabolo, lo. non si distingue sostanzi,11- pi\r frequente, il verbo ha una tenden-
mcnte da Flavio Giuseppe (~ coll . i76 :w soggettiva: annotare per sé f Polyb.
s.). Anche nell'evangelista resrn inneg.1· 2 I ,2~:9 ), O COgl~<:TC rua!cosa CO me 1111
bile il suo carattere formale. GY)µ!:Lov o u;1 "tspca, (Strabo 9,2,1 r ),
oppure, derivato d~ quest0 significato,
D. 0'1)µalvw PRESSO l PADH( APOSTO- nella lingua <lella medicina: diagnosti·
LICI care qualcosa in base ai sintomi / 0'1)·
µti'.a. (~ col. 26; Gal. l 8[ 2 ],8 51) '. In
Il vocabolo ricorre presso i Padri a· documenti il voc:ibolo significa apporre
po~tolici soltanto in Bam. 1 5 i4 - e an· lt1 fimw autografa, corrispondencemenre
che qui solo in una parte dell:t tradizione all 'uso cli C'Y)p.sfov nel senso appunto ,)i
testuale lO - in un 'inrerpreraàone <li firma. A questo riguardo O'EVlJ!lEl<>l!l.at
G('n. 2,2 riguardante il termine i}µlpcx.: può vokr dire anche ho apposto il mio
i} yàp i}µipcx.1tap'a.u't~ CTT)µalvc:~ X\Àla sigillo, ho impresso il mio suggello, cio·:'.:
iti:TJ , «presso di lui un giorno signifìc.1 ho attestato, ho autorizzato ecc. 5 •
mille anni» , cfr. Ps. 89,4; 2 Petr. 3,8. B
chi.aro che, quanto alla forma, ci trovia- 2. Nei LXX il verbo si nova solo in
mo sullo stesso piano del metodo inter· Ps . .1, 7 : tV!)1.1.w.:.i~11 il<:>'rnW.; -rò q>W;
pretacivo usato da Filone, che ricorre al -r·JÙ r.po7w;.;ov vov, ;lVfll<, che può essere
verbo O"llf~alvEL per dire ciò significa (i11 intc~o ~olo in quc~Jto senso: «quale Ci'I)·
senso più profondo) ... (-> coli. r 7.5 s. i: ftE\cv pe r noi /11 f,1/ta (cinè tu hai facto)
quanto al contenuto, abbiamo la stessa b luce dcl tm> volto, Signor.::». In con·
tradizione che trovia mo .in 2 Petr. 3,8, e nessione a ciò che precede immed iat;1-
çhe è attestata anche in rnolci altri r:1cnre l'espressio ne !:ignifica che ncll'ar-
scritti 31 • 1.enzionc di Dio per l'omnte si ha il ' $!:·

~ ll.1 t1ER,}oh., '' 1 0 , 33, ripreso <la BuLTMA1'N, n.>.UL'.R~, i .V.


]vb., ad I., 33t n. 4· ' Sc:cn<lo P1u,usq1r,:~·BAvER', s.v.
l9 Per Democrito cfr. -> col. 174; per Flavio ~ l pas~; soao Òt•ti stgumdo L10uiz1.1..Sc;o-rr,
Giuseppe -> coli. i76 s. S.l'.
>J Cfr. le edizioni critiche. 3 Cioè cogliere qtu1!cos11 n«t suo c111uttere di
.ll Tcsci di Giuscino, Ireneo, Ippolito e al tri: '.'fr:,~r.o'.
dr. già lub . .J.30 in WINDISCH, Bam. 382. • C li u ltimi passi sono d i.ii s~guen<lo Lco-
vriµ••éw flELh)C OTT, S.V.
T/;es. Steph. ; L rDDELL. Scorr ; PREUSCllEN • ~ Cfr. PHF.ISIGKE, FachwiJrter t56.
O'T]IJ.UQW 2-4 (K. H . Rengstorf)

gno' 6 che presso di lui sta preparato il ammonimento: «Se qualcuno non obbe-
bene ('tà ayaitci) per i suoi fedeli 7 • In· disce a ciò che diciamo in questa lette-
fine c'è da ricordare che le altre versioni
ra>,, 'tOV>OV G'l}µtLovlTite µi} crvvavaµl-
greche di Ez. 9.4 traducono hitwita taw
(~ col. 38) con 011µELWl1E1.<; -.ò itav yvvçi)o;L O:V'tci'> tva Évrpa1tj), «notatelo
(Theod. e Aq. [Aq.: itavµa]) o con O"l'J· perché non abbiate alcuna relazione con
µrn7'11aL O"l)µtfov (Sym.). lui a sua vergogna». Il significato di 011·
3. In Filone abbiamo solo O"l)µELOv· µe:tova-itaL in questo caso è analogo a
a-itaL (medio) 8 col signilìcato di contrad-
distinguere (spec. leg. 4,uo): Dio di-
quello di Giuseppe <- col. 183), ma
stingue gli animali aquatici che è lecito in senso traslato: ogni membro della CO·
mangiare contrassegnandoli (011µ.uwcrci· munità, che è unito all'Apost0lo, deve
µevo.;) mediante due caratteristiche, pin- in certo modo prendersi nota personal-
ne e squame 9 ; mostrare: 11EOTllJ.ELWl1itaL mente del dissenziente. Resta comunque
-.i]v OLa<popciv (spec. leg. 2,178); ottene·
re una prova: µap'tvplaL<; G'l}µELwcrciµe:· dubbio, nonostante che il provvedimen·
voc; (Ios. 2 3 5); oppure indicare: Éx 'tWV to costituisca un atto di disciplina ec·
oupav(wv (spcc. /eg. I ,92 ), cioè grazie al. clesiastica, se si possa pensare a una no·
l'osservazione dei aT)µEi:a in cielo indi-
tificazione formale della persona sfaccen-
canti (G'l)µe:Lwcrci1.J.EvoL) il tempo buono
o cattivo, la siccità, un cattivo raccolto, data 10 a tutta la comunità, nell'ipotesi
fertilità ecc. che la disposizione, oltre all'esclusione
Flavio Giuseppe in ant. r r ,208 narra dal culto, includa anche la proibizione di
che Artaserse ordinò ai suoi cronisti di qualsiasi rapporto ". Ciò che si sconsi-
annotare (0TlµELWl1aa-itaq il nome di glia non è tanto un generico rapporto,
Haman che gli aveva salvata la vita, il
che comporta una nota di merito. An- quanto una relazione specificamente cri-
che in questo caso il termine non si di - stiana e spirituale 12, oppure solo la CO·
scosta molto dalla sua accezione fonda- munione di mensa 13•
mentale.
5. In I Ctem. 43,1 O"l)µtLOVullat è, CO·
4. In 2 Thess. 3,14 abbiamo questO mc in Flavio Giuseppe(~ col. r 83), an·

Non è questa la sede per aJdencrarci nello s'slì, che naturalmente può ~sere vocalizza.
1udio del rapporto cra i LXX e il T.M. in co anche diversamente. Ad Aq., Ps. 60,6 qui
s. 4,7. Pare tuttavia che il traduttore nel sin- possiamo solo accennare.
olarc n'sd-'alb1ù abbia sentito l'influsso di s Cfr. inoltre <TTJ~<f\ovoi>a~ accamo a Ev<nppa-
1eJ., imegna, che talvolta è tradotto con UTI· yl~i:olla~ in det. po:. ins. 38 accanto a T11r.ou'J
~ov (->col. 68) (cfr. Sym.: É1t(O''T)µov ,.,(·e.· in plani. 18; mut. 110111. IU.
ov); oppure può darsi che in nsh abbia crc- 9 In Filooe si può sempre cogliere nel termi-
uto di poter vedere una forma nif'al di un ne l'aspetto soggettivo, come in questo caso.
crbo nss dn cui deriva l'hitpo'el di Ps. 60,6; IJ Soprattutto il contesto fa capire che si trat·
ach. 9,16 (? cfr. i commeotari ad I.). Di nor- ta di un individuo di questo gene1·e.
a questi equiparano il singolare n<sa a ncsa e
11 DlllELtt:s, Thess., ad I.
piegano la frase alla luce di Num. 6,26 (be-
11 Cfr. }OH. WEJSS, 1 Kor. a 5,11.
edizionc sacerdotale).
u LtETZMANN, Kor. a 1 Cor. 5,Il e appendice
In ls. 59,19 Aquila ha io'T)µtl.W&'T) per no· pp. 174 s.
185 ( v11 ,266J O'l)!J.ELOW 4 - dO"l)µoç 4 (K. H. Rengstor() (vn ,267) i86

notare, cd è detto di Mosè a proposito da una famiglia senza prestigio oppure


delle iEpa.t !3lf3ÀoL da lui scritte. insignificante (virt. 222) o che parli di
ii<Tl)µoç él.ytÀ1') (som . 1 ,255) o semplice-
t iivriµoç men te d i ii<Tl)~ in senso assoluto: l'in-
forme (111igr. Abr. 79 )_
1. Per sé il termine significa senza Flavio G iuseppe usa l'aggettivo di
Cliµa, cioè senza segno o contrassegno, preferenza per indicare la discendenza
e indica sia persone sia oggetti privi di dell'uomo e defi nisce iiCTY)µo t le perso-
ciò che possa conferire loro una carat- ne di origine poco chiara e quindi di
teristica. Per es. xpucrlov èivTJµov xa.t dubbia provenienza (ant. 16,301; bell.
à.pyvpLov Cfhuc. 2, 13-4) è J'orn o l'ar- 1,241; 2,469; Ap. 1,75) e, secondo l'u·
gento non coniato, non ancora moneta ; so corrente, applica l'aggettivo anche ai
iiaT)µa llitÀa. (Eur., Phoen. r r 12) armi metall i: èi<J1')µov à.p·yvpLov, argento non
senza emblema cbe ne designi il padro- coniato (vit. 295 s. ).
ne (~ col. 27); furT}µa f3oijç (Soph.,
Ant. rio9) grida inarticolate; liCTY)µoL 4. Luca usa u n'espress ione evidente-
XP'Tl<JIJ.Ol (Aesch., Prom. 662) oracoli o· mente corrente, la quale vuole essere
scuri; un avl)p ii<JT)µoç ( Eur. , Herc. fur.
\in'accentuazione, sia pure attenuata, co-
849) un uomo insignificante oppu re an-
che non degno di co11siderazione, e una me si conviene a persona colta 5 , quando
ti.cr1')µoç -r.oÀLç (Strabo 8,6,r5) una cit- in r1ct. 21 ,39 fa dire a Paolo che la sua
tà priva di importanza. In altri contesti città natale, Tarso, è una oux furT}µoç
può anche significare senza macchia o
di/etto' e; nelle descriiion i dei tratti so· r.:oÀLç ed egli ne è cittadino. P uò essere
matici di una persona, senza particolari che tale espressione per lui sia impor-
segni distintivi 2 • tan te, specialmente in presenza di un X L·
2 . I LXX si mantengono dcl tutto en- ),la.pxoç romano, perché pone Paolo sul-
tro questo quadro: itp6~a.-ra.. lia11µoc, lo stesso piano delle persone colre del-
«pecore di poco valore, deboli» 3 (Gen.
30,42); -rE-.paÒpaxµoç xpu<Joiiç ii<Jri- ! 'epoca, che amavano simile modo di e·
1ioç (1ob42, TI ) 4 ; èi<Tl)µoç -rLç, «un tizio sprimersi, detto litote 6 , tanto più che
del tutto imig11ifì.cante» (3 Mach. r ,3). Luca ci tiene particolarmente a des ta rt:
3 . Lo stesso d icasi per Filone, sia che l'i n teresse d elle persone colte per ciò
parli di ifvoprç èiaTJ~lOL accanto a <Joqiol che dice (dr. Act. 1, 1 oltre a L,-_ 1,1 ss.)
(mt1t. nom. qo); di cpwvi} èiCT1')1.1.oc, (vit.
Mos. 2 ,164); d i una <!)uÀi} ifCTYJ1.1.oç (vit. ed anche altrove ama esprimersi lingu i-
Mos. 2,234), sia che con &a111iot inten- s ticamente a ques to modo 7 •

&o..r1110ç • Doll'aggiunrn di iivl]J.<O~ al T.~l. si può ò~


Cfr. i lessici. s. v. durre: la corrett:1 visione tcokigica dcl tr~òut­
1 Cfr. R. REnZ ENSTEIN, l.wei Religionsv:· torc: n1onetc che portassero effigi <li volti o
schichtliche fr,1ge11 ( 1901) t n. 2 (li~l)µoç. simboli religios i non giudaici erano ronside-
11011 deturpato da circoncisione). n1 tc denaro profano.
2 Esempi in Mrrrms-W 1tCKEN .>32 n. 1; J. s Cfr. llAENCflf.N, !lpg.'' i O (§ 5,>) e ad I.
HASEBltOcC~. D.1S Si,~nalement in dm Pop ..
Urku11dm (192!) 79 n. )·
6 J. PAl.M , Ober Sprache 1111d Stil d<·s Diodor
J Non possiamo q ui d iscu1ere il rapporto col vor: Shi/ien ( :9_;_5) 153-156.
1esto ebr:tico . ; HAENCllf.N, ilpi;." 67 s. (§ 5,>h).
l-::(a1)11°'> 1-4 ( K. H . Rcngstorf) (vn,i.6;) 188

'f i-rt(O"TjµOç in bonam partem, per es. i}µÉpcx i7tlC'l')-


µo;, giorno festivo (Esth. 5,4; 2 Mach.
1. btla-i)µo::;, a diffe ren2a di ~ èiO'T)-
r ' ,36) e per indicare un uomo ragg11ar·
µoç, qualifica la persona o l'oggetto c~e devo/e (3 Mach. 6, 1 ). L'espressione -TÒ-
possiede un aijµet o O'T)µEi:ov che lo in- no<; Ènl<TJ']µoc, indica che una determi·
dividua o lo contraddistingue, cfr. &vet~ nata lomlità è visibile a tutti ( r Mach .
... i'.x.wv O"'Yll~~ov tv µfo~ O'ci:xtt, «Si!(nO- u,37; 14.48). Pe r Gen. 3042 ~ col.
n:... con un emblema nel mezzo dello 185 .
scudo» (Eur., Phocn. 1IL3 s.). Perciò
spesso È-rtLO"'Yll.10ç è usato accanto ad ii· 3. Filone usa il te rmine quasi sempre
<TTJ110::; per distinguere a<l es. il metal!o in contrapposizione ad èiOT111oç, nel sen-
prezioso coniato da quello senza conio so di ricouoscibi!e (migr. Abr. 79}. i:11·
(Hdt. 9,4 r ,3). Analogamente à.va.~µ.a..­ presso (rer. div. ber. r 86), oppure di
-ret ovx È-rtlO'TJJJ.Ct (Hdt. t,51,5) sono do- stinto, vigoroso, ma in un passo d cfini·
ni votivi senza iscriziu11e che per111em1 sce -rb o~aO'T]l.10\1 come 1.u:yciÀ.wc, b:l~TJ·
di individuarne l'offerente o iì motivo µov, del tutto chiaro (som . 1 ,20l ).
dell'offerta. 11 malato è: detco bt,O'T)µ~::; Flavio Giu seppe, come i LXX, dice
4uando i sintomi (~ col. 26) della su,1 È;;lC'l')µOL i}µÉpa.L per ind icare giorni /e·
malattia sono cbiara111e11tc percettibili stivi (cmt. 3, 1 28), usa il vocabolo pe r
(I lippocr., morb. sacr. 8 [Littré vr designare meta.lii preziosi coniati (ant.
376]). Il termine ha un significato mol- 3 ,57; I 7 ,l 89) e definisce l-rtia'l)µot gli
to vario, condizionato d i volta in volta uomini eminenti per nascita (vii. 7 ; bcll.
dnl contesto, esattameme come èiO'T)µo::; 6,38) e persino uno storico importante
("' col. i85), dnl qunlc si distingue. se- (Ap. 1,163). Conosce però anche l'uso
condo l'accenlllazione che gli è propri:.i, in malam partem (ani. 5,233: famigaa-
u nicamente perché può essere us:ito i11 lo, malfamato). titW'lJµwc; à yovll;Eai>ett
bonam e i11 malam partem, quest'ultima signilicn comba1tere in modo eccellenh•
però :ibbastan?.a rara, come per es. quan- (belt. 6,92.148).
do si qualifica Terenzio Varronc come::
persona à.r.ò yévovc, à.<n)µov, ~lov oì: 4. Nel N .T. Ér.la-i)µoç ricorre una vol-
faà &1u10xor.la.'J itat r.p::11tÉ-rE1.etV É-rttoi'r ta i11 bonam e una in malam parum.
~lov, «di vili natali e <li vita fomige-
nta per In sua adulazione verso il pof:'.Olo Rom. 16,7 definisce Giuni:i e Andronico
e per la sua impudenza» (Plur .. hzb. f.r.l0'1']1.1ot Èv 'toi:ç 6:.i toa•OÀ.otç. A pre-
Max. 14 (1 x82a] ; dr. Eur., Or. 249). scindere dai problemi inerenti ai d ue
In considerazione della storia semantica
nomi e alb presenza d el termine Ò.7Co-
di crijµet /O'TJµELoV è interessante osser-
vare che talvolra si parla di un -rci:q>oc, O'-TOÀ.oç ( ~ 1, col. u30), l'espressione
Ém<TJ']µ.O'ta.-roç (Thuc. 2,43 ,:? ; ~ col. può indicare i due personaggi 1 come im-
24 ). portanti nel gruppo degli apostoli od
2. Nei LXX il vocabolo Ì! usato solo anche come stimati tra di loro~.

tiMl)µo;
.fr. i lessici, J.v. Rom., ad l., ~hcHeL. Riim., ad I., }4> n. S pre-
1 Pc.r le due possibilità dr. ZAHN, Rèim., ad I., feriscono la prima. Probabilmen te è da prefc.
il quale sta per la seconda interpreiazione, rire la prima, poiché se avesse in teso la se·
entre L1 ETZMANN, Rom., ad/.; $ç11LATTE1t, conda, Paolo m·rcbbc dovuto e potuto farlo
Èr.unnw; 4 · crUc-01µov 3 (K. 11. Rcngstorf) lv11.2G8) 190

In Mt . 27,16 Barabba è qualificato t EÌl<fT)µ0<;-4 m, coli. 1193 ss.


come un lìfoµ.~oç btWr)µ.oç. In questo t aVCi<fTJllO\I
caso l'aggettivo va preso certamente in
I.-;/, CTVCT<fTJl.tov compare relativamen-
malam partem ed è <la tradurre con fa· te tardi nell'uso letterario, cioè nell 'llU·
migerato, malfamato. Ciò è confermato tore comico Menandro (peric. 362) 1,
soprattmto dal parallelo Mc. ,7, se- r' evidentem<!nte con lo stesso significalo
di O"T)µ.Ei:ov, tenendo tuttavia presente
condo cui Barabba era IJ.E'tà. 'tWV <Ha.· che, in quanto 'segno', poggia sop ra un~
<tl.04<wv lieoeµÉvo:;, oh~veç tjj tv o-ta· convenzione o si riferisce ad un vin-
<fE~ cpovcv 7ttno~Tjxt~<tav, «imprigionato colo collettivo indipendente dall'indivi·
duo. Quindi il termine può significare il
coi sediziosi che durante la dvoha ave·
segnale di ballaglia (Diod. S. 20,5 J ), op·
vano com messo omicidio». Questo si· pure il segno di punzonatura su misure
gtiificato dcl vocabolo, che porta a con- e pesi (S trabo r5,1,51 ), o anche, al plu-
~tatare una convengenza nell'uso tra rale, le ime,~11e di un'6:px1) (Diod. S. r,
70).
Matteo e Flavio Giuseppe 3 , va comun-
2. Corrispondentemente i LXX lo 11·
que preferiro al tentativo• di vedere in
sano per tradurre mai'èt, impianto di
i7tlCTTJ~ un termine tecnico indicante
seg11alazione (lud. 20,38.+o 13 [ ~ col.
un capobanda zelota (-4 v 1, col. 7 r o). 39 )), e 11es, vessillo (ls. 5,26; 49,22;
62,ro), che al1rove sono tradotti anche
5. Presso i Padri apostolici il termine con <fTJIJ.ELOV. Aquila per nès ha sempre
ricorre solo in mart. Polyc. 3,1 (com<.: c;vaCTT]µov (-4 col. 68 n. r38) in l s.
avverb io); q,1; 19,r (come aggettivo) u,12; 13,2; 30,17; 33,23; 59, 19) 2, mn
e solo in bonam partem. In r9,1 sotto- lo usa .inchc in Ps. 60,6 (LXX: CTT]µElw-
linea la qualità di Policarpo quale lì~Sci­ vt.<;), Js. 11,10 (con Sym.) 1, mentre lo
crx«}..oç, memre pare rispecchi un'inci- si trova in Sym. Theod. ls. 33,23 e in
piente terminologia martirologica in 14, Sym. Jer. 6,t (LXX e Aq.: O'TJ!J.éi:ov; T.
1, dove riprende l'immagine del Y.p~òç M.: maS'ét). Il termine non compare in
É7ti<tT]µoç destinato :ùl'olocuusro, e in Filone e in Flavio Giuseppe.
3, 1 nell'esp ressione Èma-iJ!.L<.ù<; llrip\op.a.-
xei:v, dr. mart. Ignatii 2 (MPG 5 .3. Mc. •4.44 non si allont<llla da quc·
b894] 98rC). sto uso linguistico, allorché il segnali:
convenuto del bacio che Giuda dà a Ge-
sù per identificare colui che gli sgherri

capire più chiaramcme. ficiente fondamento in Flavio Giuseppe, da J.


2 Dalla formulazione non dcl lllllO chiara non
P1cKL, Mesriar)Jo11ig ]es11s in der A11/jast11JJJ1.
è lecito trarre argomento per unu discussione seiner Zeitgenosscn (1935) 247.
di fondo sul genere e l'nmpiczza dcll'nposto· u~jO"O"T\µOV
lato protocristiano. Il passo non ho un valore Cir. i lessici, s.v.
autonomo in questo contesto. I Cfr. anche Hcdylus presso Athcn . 8,3.ob.
J Or. le considcrnioni di Sc11LATTER, Komnr. 1 Le indiC:lZioni di HATCH·REDP . 1313b vanno
Mt., ad I . corrette.
• Il tentativo è staro compiuto, sc022 una suf· l Cfr. Bibl. Hebr., K1TT., ad!.
I9I (Vll,>68) MC7'1J~l0v 3 (K. H. Rengsrorf) · Gfu.U:pov A (E. Fuchs)

cercavano, è detto aVO"CTY)µov 4 • In cal in una reminiscenza veterotestamentaria


modo ciò che Mt. 26,48 presenta sem- (1 s. 5 ,z6) e nel suo riferimento cristolo-
gico: mediante la sua risurrezione Gesìt
plicemente come CTY)µtfov 5 viene inter- ha innalzato pe r tempi eterni un a\Jr;crT)-
pretato come un segnale che Giuda a- µov, per i suoi santi e credenti di qual-
veva concordato in precedenza nei mini- siasi provenienza, nell'unico corpo della
sua ÉxxÀTJCTla., perché tutti si raccolga-
mi particolari 6 .
no attorno a questo vessillo (Tgn., Sm.
4. Presso i Padri apostolici il termine J ,2 ).
ricorre una sola volta, pcrnltro soltanto K. H. R ENCSTORF

-+ fiµipa 1v, coli. 105 ss.;-+ viiv v!l, rire»: e Socrnte ibid. 6rc dice: ti1mµL
coli. 14.57 ss. OÉ, Wc; loLXE, "t"l)~.pov. xEÀ.(vovuL yàp
'Aih}va.~oL, «io devo partire oggi, a
A. PREMESSE NELLA CULTURA CR!::C.:A
quanto pare; cosi ordinano gli Atenie·
si». Q uest'ultimo giorno viene occupato
Il termine in ionico è <riJµ.Epov, in do- da un intensivo 0LCJ.O'X07tE;'.v "tE xat µv-
rico r;&.µtpov e in attico "t"YJµEpov. È con· ~oÀ.oye~v ltEpt i:·~c; Ò:1100T)µlac; i:Tjc; lx~::.
trazione da *xiiiµtpov (*xi- + aplpo.) 1 • r.lllo.v "t"Lvà aù"t"Tiv ot611Ei)a. dvaL, cioè
È nttestatO a partire da Omero e da Pin- a «discutere e narrare circa la trasmigra·
daro (Horn., li. 7,29 s.; inoltre, ad es. zione ndl'aldilà, come riteni.'lmo sia».
8,142; Od. 17,185 s.; Pind., Olymp. 6, 6 re: "t'l yàp Civ ·ne; xo.t 7tOLO~ iiì..).o lv
28 oppure Pyth. 4,1 ). L'oggi si riferisce •i!> piY.PL l}Àfov Ovcrµ.wv xpov~;. «Che
a un tratto di attività esistenziale uma- cosa si porrebbe fare altrimenti fino ai
na che abbraccia un giorno fino alla se- tramonto dcl sole?». Questo è rimasto
ra, attualmente ancora a disposizione, l'uso linguistico greco. Per la commedia
ma che forse è l'ultimo. Per es. trovia- cfr. Aristopb., i:q. 68.106 t. r 162 e pas-
mo in Plat., Phaed. .59e: Move"L yci.p, sim; inoltre Eur., Rbes. 683; Plat., Cri·
~Q>TJ, ot t'vOExa l:wxpci"t"TJ xo.t 110.pay- 10 43d; symp. 176e. L'oggi, ovviamen·
yÉÀ.À.ou:nv 15nwç &v -tjj&t "t"fj -1)µ.Ép~ 'tE· te, può essere contrapposto o collegato
ÀEV"t"q, «Eh già!, continuò, gli undici a un ieri e a un domani, per es.: xi>f:ç
stanno sciogliendo Socrate e gli com1J- yàp <XÌl"t'OV liLÉq>uyov ..., WµOÀ.6YT)O"a
nicano come in questo giorno deve mo- S't:lç -rl)µ.tpov 7tapÉO'tGÌ)aL, «ieri arrivai
• Cfr. inoltre i commentari ad I. trii1upov
s Di qui è parzialmente entrato anche nel te- LrnDELL-SCOTT; PREUSCllEN-BAUER', s.v.
sro di Mc.; cfr. T1scH., N.T., ad I. 1 Su ul)µtpov/ti'l!upov si è formato o'fi-tt<;
6 <7VuC7'1)µov si presenta come presrito nella (aéi.-:-e<;). attico tj-rt<; da xi<i·ntc;, q11cst'11nno.
forma slt'mà' usata dai rabb ini (Kuuss, Lo stesso prefisso •/:i- sta alla base dell'anrko
Lehnw. l i 390b). Tuttavia i pochi passi non 3lto rcdesco hiulu (da *hiu Jagu), ogfi, e hiu
bastano per tr:irre deduzioni circa la su3 pre- iiiru, q11est'J11tro. Cfr. Bo1SACQ, s.11. ; SatwY·
senza in J\fc. 1444. zEJt 1 319 con n. 2.
afiµ(pov A-B t (E. Fuchs) (vu,270) 194

a sfuggirgli .. ., gli ho promesso che sarei s ione sovrabbondante Ti a1]~pov -i}µÉpa,


andato oggi» ( Plat., symp. 174a); -rò spccialm. in narrazioni sacre: rwc;
(<tijç)
!Ù'J 'tTJµ€pOv ELVCU. . ., auptov SL., «per aT)µipov (l)µipaç) (Ge11. 19,37 s.; 26,
oggi. ..,domani invece»(Crat. 396e); cfr. 33; 35,20 (cod. A) ecc.; Ios. 4,9 ecc.;
Epict., dirs. 4,!2,20 s.; Plut., de cohi- Ez. 2,3; 20,29.31, dr. 24 12 ). ai)µ€pov
benda ira 1 I (II 459e): d cri)J..t.Epov 'tÉ· può trovarsi accanto ad avpLov (4 Bao-.
WTJXE, xett aìipLOV Ecr~O'.L x:xì dc; -.pl-.riv 6,28; Ex. 19,10; Ecclus 10,10; 20,15)
'tEl)v11xWç, «Se è morto oggi, sarà mor- cd essere distinto da ixi)lc; (2 Ba<r. 15,
to anche domani e dopodomani». Inve- 20; Ecdus 38,:u; r Mach. 9,44). Il nes-
ce di a1)µEpov o "tl)µEpov Soph ., Oed. s:i con È:<!)Èç (o etilpLov) xat -.pl•TJV (i)-
Tyr. 1283 ha 'tft8E M1µÉp~. Come già in 1,1Épav) spesso esp rime un 'esperienza la
Demosth., or. 4,40: µÉXPL •ile; 'tTJJ.LEpov r.:ui vttlidità travalica il giorno presente,
i)µipac;, «lino al giorno d'oggi», e sim., pe r es. Ex. 5.7.r4; 19,II; 1 Ba.a.4,7; 2
si trova anche ncll'cllcnisrno l'espressio- Ba<r. 11 ,12; senza xat -rpl"t"1)V per es.
ne pleroforica che usa l'avverbio in sen. r Bet~. w,27. A ciò corrispondono for-
so attributivo: tv tjj a-l'JµEpov i}µipq. , mulazioni quali ai'uu:pov 'tpL"t"afoc; ( r
per es. Ditt., Syl/.'m u8r,11 (sec.11 a . Bo.a. 9, 20; 30,13); nell'uso liturgico:
C.); dr. anche Plut., Fab. Max. i3,; (1 CotÒ 'ti)<; al'Jµtpov Y..«Ì. ftç 'tÒV alwva,
181c) . In turti questi casi si intende il «da oggi e per sempre» (Tob. 7,t2
tempo presente nel! 'oggi, nel quale l'un. [co<l. SJ. dr. I Mach. 10,30). In6ne
mo si muov<'. l'oggi è distinio dall'idea di «da lungo
tempo» (ch'apxfic; i)µEp(:iv <rov, <cdal-
l'inizio dci ruoi giorni») in [udith 8,29;
B. l'RCMl" SSE NELLA CULTURA VETERO·
alquanto diverso è i 2,18.
TESTAME:NTAR lO-GIUDAICA
In complesso nell'oggi il rempo non
1. Secondo la concezione giudaica il
giorno comincia con la sera. Natural- viene rnisura to ma aperro, donde l'e·
mente essa conosce anche l'arco della ~pressione pregnante Éyw Év'tÉÀÀ.oµal
giornata che si estende fino alla sera, ma <TOL a1)µEpov (cosi frequente nel Deute-
nelrogg1 non esprime innanzitutto il
ronomio; specialmente, con valore riepi-
tempo che sta oggi a disposizione, m'.I
un accadimento fra Dio e il suo popolo, log.nivo, in 30,15-20) ' . Ciò che accade
accettato o rifiutato oggi col tempo. Il o vale ancor 'oggi', proviene da Dio, sia
significata di jom, che si trova in circa souo fornl<l di comandamento, promes-
i8oo passi dell'Antico Testamento sa-
rà ora illustrato con l'esame dell'uso sa o benedizione 3 , si:.1 sotto forma di
linguis tico dei LXX (cìrca 286 volte). condanna o maledizione 4. D i consegucn-
Nei LXX ~oli tmneme vTJµtpov corri- zn. l'isrnclita, per es. di sab,1to, si sen te
sponde all'espressione fissa hajjom, e, co-
legato all'o11gi 5 • Se è esplici tamente ri-
me a-TJµtpov può tradurre l'espressione
pii1 piena hajj6m hazzeh (per es. in Ier. ferito ad azione o incontri intrnmonda-
1,10), cosl, viceversa, si crova l'espres- n i •, sovente esso indica anche il parti-

2 Deut. ~ .2 e passim; cfr. G. VON RAD, Tlxo· ' Dcul. 4 ,25 s.; 8,19; 9>3 ss.; • 1,26; lor. 7,19.
logie des A.T. 1 (1957) 80. 2 , ; 1 Btxu. 1,,28.
3 Ex. 14,13; )2,29; Deut. 1,ro; 6,24; u,26 ; s Gen. 3f,43 s.; 40,7; 41,9; Ex. 16,25; Lev.
l ll«<T. 10,2. 10,19.
195 (Vll,2/0) afiµtpov B 1-2 (E. Fuchs) (v11,270) 196

colare 1, propriamente nel senso di ciò venta appello, parola (o/ 94,7; 2,7 ). Per-
che è buono o cattivo davanti a Dio o tanto l'oggi guarda sia verso il passato
agli uomini 8 • Nell'oggi si attua 9 , si ma- sia verso il futuro e così svela la sua ve-
nifesta 10 ciò che è determinante: oggi ritiì come rivendicazione di obbedienza,
in quanto salvezza o perdizione è rea- estesa fino alla realtà escatologica, da
lizzazione 11 , rivelazione 12• Pertanto ciò parte <lei Signore della storia che insegna
che è detto oggi, se è la parola che do- al suo popolo che cosa deve fare (Deut.
veva essere detta oggi - per es. un giu- 4,1) 18 • L'oggi è il tempo perennemente
ramento o un 'patto' (--'.> s~oc!h'pn] Il, attuale della decisione tra Dio e il suo
coll. 1017 ss. 1029 ss.) - , ha valore d'i- popolo (Deut. 26,cì-19).
nizio di rutro ciò che determina l'essere
o il non essere dcl popolo di Dio, la sua 2. In leg. all.3,25 Filone può dire:
é'.wc; 'tfjç o-i}p.epov ii1.1.Époc~ (Gen. 35,4),
esis tenza n . Se si sciupa l'oggi, si mette 'tov'tfo-cw ih[ · ò yàp octwv &.7taç '>(i'>
in gravissimo pericolo, o addirittura si O"{Jµepov 'ltCl.PCl.!J.E-cpfrtocL, µi'tpov yàp
rovina 14, l'esistenza stessa. Perciò l'oggi 'tOV 'ltG(V'tÒ<; XpOVOU Ò TJIJ.ffYl1r.noç xu-
xÀ.oç, «lino al giorno d'oggi (Gen. 35,
può essere tanto il centro 15 quanto il
4), cioè sempre; infatti la <lurata di tut-
contenuto della rivelazione 16• Nell'oggi to il mondo si commisura al giorno pre-
viene dirnmata la parola di Dio ed anche sente, perché ciò che misura tutto iJ
la risposta ad essa, nella richiesta e nella tempo è il corso di un giorno». Ma a ri-
guardo di Deut. 4A: (ù~tsi:c; oÈ) cl 1tpoa-
preghiera (lode) 17 • La parola di Dio e xel1.tEvot xvpl~ -c0 ~E0 vµwv, SfJ'tE -r.av-
ciò che oggi accade vogliono e devono -rec; Év "TI o-ii1~epov, «(voi invece) che
essere commisurati reciprocamente; ciò si::tc attaccati al Signore, vostro D io,
vivete tutti ancor oggi>>, in fttg. 56 s.
significa che tutto quel che avviene vuo-
spiega: 'toùc; yàp 'r-pocrq>vyaç xat bd-
le e deve essere espresso e deciso davan- 'taç -r?v ~eoii µ6vouc; !;wv'tocç otl:ie, VE-
ti a Dio e da Dio. Nell'oggi la storia di- xpoùc; OÈ -coùc; lH.À.ovc;· hElvoLç o', wc;
·.-;, 'I . . .
. ;V • . . '
6 Gen. 30,32; 42,1J.32; 1 Bacr. 4,x6; 9,12; ,3 2,j .5; luditb 6,2; J Mach. 6,13.
B::t~.
llacr. 1 ,25. LI Gen. 25,33; 3r,43 s. 46; 47,23; Ex. 13.3 s.;
7 Gen. 21,26; 30,r 6; Dcut. 31,>; 1 Bacr. 9,19 t4,13 s.; Deut. 1,39; 4,1 s. 4; 8,18; 9,3 ss.; r 1,
s.; 2 Bacr. 16,3; 3 Bacr. 1,25. 2 ss.
a Deut. 31,26 s.; 32,46; Jos. 14,10 s.; Rutb. 2, 14 Gen. 4,14 ; ~),J I ss.; Deut. I>,8; 31,21;
x9; 3,18; 4,9 s. 14; 1 Bacr. 9 .27 ccc.; inohre Ios. 22,r6 ss.; I Bmr. 26,8.19; Bar. 3,8; ludith
lud. 9,18; r Bacr. 26,2r.23; 2 BcxO'. 6,20; Il, 7,28; 8,u.18.
12. 1s Ex. 2,18; I Bacr. 12,5.17; 14,28 ss. ecc.; Is.
9 Gen. 24,12.42; Ex. r4,13 s.; Num. zz,30 s.; 38,19; 'Itp. 41,15.
Deut. 4,39; 9,1; l Baa. 4,16. 16 1 Bacr. 12,17 s.; 14,24.28; 3 Bacr. 18,36;
•~ Gen. 50,>o; Ex. 14,13; Deut. 9,3; l Bacr.
Tuditb J3,II; ls. 37,3.
12,5; 24,n s.; 2 Bacr. x9,6 ss. 17 i BaO'. 25,,32 ss.; 3 BaO'. I,4~ ; J.21; 8,15.
11 De11t. 2,18; 4,36-40; 5,3; 26,3; 1 Bo.cr. 4,16;
28. 56; 22,5; t Cbrott. 29,5; 2 Chro11. 6 ,19; t8,
2 Chron. 10,7.
' 2 Gen. 22,14; 40,7; 4x,41; Ex. 14,13 s.; 19, 4; ludith 13,r7; Prov. 7,14.
lei s.; Lev. 9,4; Deut. n,2 ss.; 26,16-18; 4 1s Cfr. G . voN RAo, op. cit. <~o. 2) r 228-230.
197 (vu,1;0) u+uu:po,, B 2-3 (E. Fuchs)

roLXE, XCXL Ò.q>Ìl<Xpa(av µap-tupEL faà_ -to:J mente o negativamente aggiudicata al-
itpocroE~VCXL «si)-i:E ÈV -t'[i <ri)µEpOV». <riJ- i 'uomo.
p.EpOV lì' to--i:tV ò Ò.1tÉpcx:roc; xa.t b.lìLE~t­
-i:ri-i:oc; a.i.Wv· (U]\IWV yàp xcxt ÈVL(UJ"t:WV 3. Come Filone anche Flavio Giusep-
xat o-vv6Àwc; xpévwv 7tEp(oOOL Ooyµa-i:a pe usn O"i)µEpov (e c irca 7 volte -i:i)µE-
àv/)pw7twv Elcrtv à.pLÌl(.LÒV ÈX"tE"tL(.lTJXO· pov) quasi solo in rapporto a citaziotù
o
-i:wv· -i:I> 'à.ljlwlìì:c; ovoµa a.l.Givoc; 1i O"TJ- dei LXX e, a prescindere da beli. r,79,
(lEpcv. -i)À.Loc; yàp oùx à.ÀÀa·t..tOµEVC<; ò a quanto pare solo in ant. Per es. in
a\l't'éc; ÈO"-i:Lv &.El, r.o-i:È µlv v»È:> yij; 0111. 7,256 (cfr. 2 Bao-. i9,8) <ri)µepov
7t~È lit Ù7tÒ yijv ì.Wv, 7tap '!lv i)µipa prende il significato di «oggi stesso» o
xat w~, -i:à alwvoç µi-rpa, om<pl~­ «subitO»: Wç tyw 'tTJ!lEpOv, lJ.v b:tµ.É -
o-cxv, «poiché (Mosè) riconosce wmc vi- '>TI<; -i:o~c; ap'tL 7'pa-.-.oµÉvo•.ç, à'V0.7tEl-
venti solo coloro che si rifugiano in Dio cra.c; à.itocr-rf}va.l vcu -ròv Àa.ov, «oggi
e lo pregano, e considera tutti gli :iltri stesso persuaderò il popolo a ribellarsi a
come morti; ai primi ascrive l'immor- te, se pcrma rrai ncll'arceggiamento fino-
talità aggiungendo: 'voi vivete oggi'. ra assunto)>. In a11t. 6,305 a -c-y)µt pov
Om, l'oggi è la durata illimi tata, in- segue come antitesi it É7tEpxoµivri 'ÌlµÉ-
terminabile; infatti i periodi di mesi, pa. 4 volte Flavio Giuseppe usa criiµE·
anni e, in genere, di tempo, sono nozio- pov o •Yi11tpov nel senso di ancor oggi:
ni di uomini che concedono soverchia f.i.xpt i:iic; cri]µEpov Yt!..LÉpa.c;. «fino a i no-
stima al numero; ma il vero nome di stri giorni» (ant. j,366); UXPL >iic; -.;1)-
questa durata infmita è 'oggi'. Infatti il µtpov senz~ TJ! tÉpa-; ( 8 , 5 5); ~LÉXPL -i:i)c;
sole che non mura è sempre identico a 0"1iµepov 1}µÉpa.; ( 10,265); senza ru.Lipcx.;
se stesso, sia che scorra soprn o sotto la in a11t. 9,28 . Fotse è lega to alla formula
terra; e su di lui si è fondata la distin- del rituale regale giudaico" l'cnunciatO
zione fra giorno e notte, che sono la di a11t. 7,353 che unisce 3 Bcx:r. 1,30 con
misurn del tempo». A questo proposito 48: xat -coiho fo-ro.L -.i)µEPO'J , cfr. 351:
la i)µépa è più della vu~, come i)À.~c; ... tl -n'uupo'V (X..:oodçm -.òv 'Alìovla.v f3cx-
o-xé-rouc; x<1.L.. \ICvç, é -rijc; OÀ.TJc; IJNxiJc; crtÀÉa., «se in quel giorno avesse desi-
f,yEµW\I, ò<l)lla.Àµwv crw1.1a•oc;, il «sole ... gnaco re Adonia» (3 Bacr. 1 ,13); lo Sh!S·
più delle tenebre e ... l'intelletto, che go- so dicasi di m:t. 7,266: o-i:L O"'l)µEpov ii.p-
verna tulta l'anima , pi ù degli occhi del XOllf~L -rf)c; f,a.in).Elac;, «Oggi comincio a
corpo» (op. mund. 30 ). Infatti la iiµÉpa: r<.:gnartr1 (z Bu.o-. i9.23 ); inoltre ant.
fu da Dio chiamata ovxl npw-i:riv, à.ÀÀà I 3,.j5: Y.CLl:ìO'tCWlUjLi:V ÒÉ O"E O"YJlttpov ap-
~~LO.V, i\ ÀÉÀEX'ta~ O~Ò: "CTJV 'tOV \IOl]'tOU XL~~fa ... , «oggi ti eleggiamo sommo sa-
xécrµov µovwcn.v µovalìL xTJv EX0\1-roc; cerdote per alzata di mano ... »; I Mach.
<;>vow, «non primo giorno, ma {,>Ìorno 10,20 dice: xat viiv Y.a..ìlEO"ttixa1.it'J cn
uno, così detto a motivo dclrunidtà o-1}µr9ov à.pxtEpÉa >ov itllvouc; crou x-tÀ.
in sé dcl mondo intell igibile con la sua (dr. Ili 2,6). Si può aggiungere Gen.
na tura monaJica» (ibid. 35; cfr. Deus 4 r A t: dr.tv oi: <I>etpu.w 't({j lw<n)q> 'Ioov
imm. 32). Filone rimane fedele al postu - xcxì)ir;..-:-111 ll vE a-i}1.t~po·J bL r.6.o-ric; yijc;
lato, già tracciato nell'A.T., dell'unità Aìyvr.-rou. «il faraone disse a Giuseppe:
trn la parola (non solo la volontà) di - Ecco oggi ti conferisco potere su tutto
Dio e la conseguente realtà positiv.1- il pa~sc d'Egitto». La formula rituale si

n G. VON R11n, Das juJiiiJche Kiinigsritual: 2) 1 -f9.jt8, W. SuuK, Soter 11 (:9 38 ) 218 s.
ThLZ 72 (r947) 2u-2r6; In., op. cit. (--. n.
199 (v11,z71) cri)µcpov B 3 · C u (E. Fuchs)

trova probabilmente in lji 2,7: XVpLO<; El· r. L'uso linguistico privo di rilevanza
7ttv 7tp6.; µe Yl6.; µou EL a-V, Èyw cnjµc- teologica
pov ytyiwrixa az ('àmar 'éta; b•11i 'atta
'ani ha;;om j<lidtikii), «il Signore mi ha a) In Mt. 27,19 la moglie di Pilato
detto: - Tu sei mio figlio; oggi io t'ho
dice: ... 1toÀÀà: yà:p E1ta.l)ov cnjµrpov
generato». Anche questo rapporto stret-
tissimo tra Dio e il 'figlio' suo, di indole XCl.'t'5va.p oi'a.1'.nov, « ... poiché molto
niente affatto fisica, abbisogna della pa- ho sofferto oggi in sogno a motivo di
rola divina per non essere dimenticato costui». Si tra tta ovviamente di un cat-
(Deul. 32,18) o stravolto (ler. 2,27),
ma riconosciuto per sempre. Come pro- tivo presagio per il giorno carico di gra·
va l)i 94,7-II, le parole di Dio si riferi· vi decisioni, come mostra il v. 24 (Deut.
scono sempre all'opera di Dio, v. 9: xa.t 2 r ,6-8 ), no n meno importante dei sogni
EtOO<Ta.V 't'Ò: epya. µou ( tCSlO ebraico:
di Giuseppe o dci Magi (Mt. 1,20; 2,I2
gam-ra'u po'oli). Dall'A.T. cnjµepov ha
tratto un tono nuovo, perché nel voca- s. 19). Ma cni1.u:pov in primo luogo non
bolo si volle esprimere la rivelazione di significa altro che questa no/le.
Dio in quanto scoria d'Israele, di modo
che si doveva dire 'oggi' ciò che rima- Ahreuanto dicafil della quarta do-
ne (e non solo è) volontà di Dio; con manda del Pater noster (-7 111 , coli. 709
ciò non si esclude la compresenza di un ss.), com'è tramandata da Mt. 6, t 1 : 'tÒv
uso non teologico di questa indicazione lip'tov i}µwv -.òv foLov.,.~ov obc; i}µ~v
di tempo, che peraltro può senz'altro ri- cnit.tEpov. ~ noto che Le. r 1 ,3, rispetto
flettersi anche nell 'uso linguistico teo- alla lezione dei codici D it ccc. che co-
logico. me Mt. leggono cnit..tEpov, rincara la fra-
se dicendo: 't'o xa.l)''l)µÉpa.v. La for-
C. L'uso LINGUISTICO NEL NUOVO TI:> mula2ione più piana di Mt. corrisponde
STAMENTO :tlfantico stile del pregare giudaico (-7
n. r 7 ). In Mt. s'intende parlare dell'og-
Anche nel N.T. per cnjµtpov si può gi. cnjµepov si concilia con l'attributo
distinguere un uso linguistico non teo- 'tov Émov<Ttov (Vg.: superrnbstantialcm
[Mt. 6,u); quotidianum [Le. 11,3)) di
logico da un uso teologicamente rilevan- 'tÒV ap'tO\I 'l)µWv (Marcione: O'OU ) , pur-
te. Ma la distinzione diventa difficile ché a tmovO'LO<; si dia il senso Ji crasti-
quando la rivelazione mette in risalto nus ; ma questa interpretazione è in con-
trasto con le consuetudini giudaiche llJ.
non più scadenze storiche, ma solo un Poiché una preghiera di questo tipo non
'oggi', q uando cioè il carattere di appel- po teva essere disturbata da elaborate ri-
lo della rivelazione stessa è o comporta Jlessioni, EmovaLo<; doveva significare
qualcosa di ovvio 21 • Ma per Gesù e la
l'avvenimento determinante .
sua comunità era ovvio che Dio desse
loro il pane. Perciò chiedere OJ,gi corri-
sponde perfettamente a questo senso.
Pertanto no n si dovrà spiegare e l}µ!pov
l>I Fatta oo:eziooe per il sabato (Ex. 16,5); dr. 11 E . LoHMl:YER, DaJ Vtlter11nur (1 946) 101
SnACK· BILLERBECK 1 420 s .; inoltre -+ m , accenna questo punto di vista, ma S<!1lU far-
coli. 720 ss. lo proprio.
201 (Vll,>72) a1}µtpov C ra-c (E. Fuchs) (vn,272) 202

coo ÉT:Lovcnov, ma viceversa t·mov<nov giorno in cui parla un oratore. Se già in


con <r'i)µfpov , ossia quale variante di a-'li- Mt. 6,30 par. Le. si accennava a
12,28
p.Epov e quindi non in senso apocalittico.
un uso traslato, nell'enunciato intenzio-
Esattamente come nella preghiera, g li nalmente profano di Iac. 4,13: a-'liµEpov
uomin i che facilmente hanno poca fede ll avp~ov 7t0pEVO'OJAEl}<J. Etç -r'i)voE -i:l}v
devono orientarsi con semplicità all'og- néÀ.w xat no~TicroµEv b1e~ ÈvLetu1:bv
gi quando sono preoccupati. Infatti --còv x;À., «ogg i o domani ci recheremo
xop--cov 'tOii àypoii a-'liµEpov OV't'<J. xett nella tal città e là lavoreremo per un
<J.VpLOV Elç XÀ.L~<J.VOV f3<J.À.À.6µEVOV Ò l)EÒç anno ecc.», si è visrn la tipica espres-
oìh:wç àµcpt.lvvvow, «cosl Dio riveste sione della stoltezza con cui si program-
l'erba del campo che oggi è e domani è ma il proprio tempo ll. Invece l'apofteg-
genata nel forno» CMt. 6,30 par. Le. ma biografico di Le. e3,3 1-33 2 ·1, che pre·
12,28). Ogni agricoltore sa prevedere il so per sé non ha alcuna intenzionale va-
tempo quando di buon mattino dice: lenza teologica, pare che con la frase
a-'i)µEpov XELµWv, nvppàsn yàp a---cu- llìoù tx(3à),À.w lìcuµ6vta xat l6-crw; à ·
yv<iswv ò ovpavoç, «oggi tempesta, per- T!O't'EÀ.W a-'lilJ.fPOV xci.t ClVPLOV, a motivo
ché il cielo è rosso cupo» (Mt . 16,3). della continuazion e xat -rii -i:pl-i:n 'tE-
Nella parabola il padre dice: -rÉxvov, À.noliJ.LO:L, passi sul piano allegorico. Al
V7tC1YE <ri}µfpov Épy<i<:;ov Èv i:iìJ ilµm:- v. 3 3 l'espressione di tempo 't'TI Éxoµivn
À.wvt, .«figlio, va oggi a lavorare nella (tpxoµÉvu) contrasta forse con (o--i}1.1E-
vigna» (Mt. n,28). In Mc. 14,30 ti~t'Ì]v pov xat) ailptov, come sembra indicare
Àiyw crot o·n <lv a-'liµEpov --cav--cn --cfl Act. IJ,44 (?)e 2r,26. Luca deve avere
vux-rt. .. , «amen ti dico che oggi, io que- inteso r3,33 in modo analogo ad Act.
sta notte ... », a-'liµEpov cozza in ogni caso 20,15. Quanto precede, acqu,ista rilevan-

contro 'tGtV 'tTI --cii vux1:l, poiché gli E- za ecologica solo mediante la proposizio-
brei con la sera fanno iniziare, non fini- ne con ì:l·n del v. 3 3 .
re il giorno. Mt. 26,34 omette il a-'liµE-
pov, mentre Le. 22,34 rinuncia n -rav-ru c) Sca a sé la frase del Croci fisso in
--cii vux-i:l e al tera il costrutto della fra- Le. 23,34: a-'liµEpov µi-i:'lµoii €<1'f) Èv
se 21 • -i:Q 7t<J.{)C10tt<1(;) (~ rx, coll. 592 ss.), la
quale costi tuisce un 'antitesi, sottolinea-
b) I passi di Act. 4,9 ; 19,40; 20,26; ta dall'introduzione àµ'i)v <lOL À.Éyw, ri-
22,3; 24,21; 26,2.29; 27,33 usano tutti spetto alla si tuazione dei crocifissi (il
a-'liµEpov nel senso di indicazione del ladrone pent ito e il suo Signore). Sono

22 In Le. 24,21 il cod. D ha "Tphl)v ÌJ!l·t~v rt·uamcncc offre cntran1be le lezioni.


O"l]µtpov li.yE~ invece di "tpl't'IJV "talr-t11v -i)µf. - 2J DIBELJUS , ].k., a 4,13.
pav &yn senza a1J1.u pov. Il cod. A meno coi·- ?I B U LTMANN, Trnd. }5·
203 (vn,272) crlu.1.Epo'll C rc-2a (E. Fuchs)

le parole di uno che abbandona il pre- 't'ijc; O'i)µEpOv T)µipac; '!Ò aÒ'tÒ xaÀ.vµ-
sente. Ma il presente stesso viene illu- µa ... µÉvEt .. ., «fino ad oggi quel mede-
minato da un tale abbandono. simo velo ... rimane ...», e ripetendo al v.
15: à:À.À.~ÉWc; cri)µEpov Tivlxa 8.v civayL-
2. L'uso linguistico teologico vWa-x1'}'TaL MwOOf)ç xciÀ.vµµa Ént "TTJv
a) L'espressione ('l'T}O'oiic; XplO''t'Òc;) xapolav a1hwv XEhaL, «ma fino ad
ÈX~Èc; xal O'i)µEpov Ò av-ròc; xocl d.c; -tovc; oggi quando viene letto Mosè rima-
oclwvcx.c;, «è il medesimo ieri e oggi e ne un velo sul loro cuore». Lo stile-
per tutti i secoli», riferita a Cristo, ri- ma (wc; O"l)µEpov (LXX) illumina la
specchia uno stile liturgico (Hehr. I 3, successiva cica2ione positiva di rx. 34,
8) 2J. L'espressione [wc; 't'ijc; cri)µEpov Ti· 34, spiegando come dal compimemo del-
µi.~, frequente nei LXX, si trova in la promessa si debb:i dedurre la com-
Rom. n,8 (Deut. 29,3 ) e, abbreviata , prensione della condanna: 0..L (scii. "TÒ
nell'osservazione ewc; 't'ijc; O'i}µEpov di xciÀ.vµµ<X) Èv XpLO"tct'> xa'tapyE~-rat (v.
Mt. 27 1 81 che però mediante la riflessio- 14). Lo stesso punto di vista del com-
ne contenuta nella citazione del v . 9 pimento della promessa 26 è infine som-
(Zach. II ,12 s. ecc.) è a sua volta posta mariamente sottolineato dalla frase che
in rilievo quale compimento della pro- Luca mette in bocca a Gesù dopo la let-
fezia. La diceria di un furto dcl cada- tura del brano profetico nella sinagoga
vere di Gesù, che circola µÉxpt •iic; crii· di Nazaret: (O'tL) cn)µEpov nrnÀTjpw•at
µEpov (i)µipac; ), in Mt. 28,15 viene, me- 'I') yp<Xq>'Ì} av'Tl} tv 'tO~ !Mlv vµwv, «Og·
diante l'indicazione di tempo, bollata gi si è compiuta questa Scrittura che a-
come autocondanna. Come giudizio di vete udita con le vostre orecchie» (Le.
condanna va inteso anche il logion su 4,21; ~ v, coli. 469s.). Chi vuole a-
Cafarnao, che in Mt. II , 2 3b continua scoltare la Scrittura deve avere oggi Cri-
cosl: ii"TL d hl :too6µoi,c; ÈyEvi)l)l}aav al sto sotto gli occhi, per cui dall'incontro
OV'\lcXµE!,<; al ')'EVOµEVCXL ÈV O'Ol, ~l.l.ELVEV con Gesù si dividono e si decidono de-
liv l.lÉXPL -rijc; cri)µEpov, «che se a So- finitivamente salvezza e dannazione.
doma fossero stati compiuci i miracoli Questo 'oggi ' di comunione con Gesù si
fatti in te, esisterebbe ancor oggi» (cfr. è manifestato in tutta chiarezza: etoo-
v. 24). Paolo sottolinea l'alternativa fra µtv 'ltapciool;a. cri)µEpov, «oggi abbiamo
condanna e compimento della promessa visto cose meravigliose» (Le. 5,26). Nel-
ini2iando in 2 Cor. 3,14 (-H, coU. 12 rr l'episodio della nascita di Gesù Le. 2,II
s.; v, coU.73ss.) con le parole : li.xpL yà.p pone sulla bocca dell'angelo l 'tùayyÉ-

lJ li cod. D aggiunge àµi}v. 26 Cfr. H. CoNZl!LMANN, Die Mille der Zeir'


( r960) 30-32 e passim.
criiµtpO'J C za-b (E. Fuchs) (v11,274) 206

À.~ov: (o·n) É'tÉX~lJ vµi:v a-i}µEpov <JW- no quanto s'è detto come una sorta di
..-fip, &; È<J'tLV Xpwtòç xvp~oç, ÈV 'ltOÀ.E~ norma per la comprensione dell'evan-
Ao:vl8, «Oggi vi è stato generato un gdo n _ Inquadrata dalla citazione di <li
Salvatore, che è Cristo Signore, nella 2,ì in Hebr. i,5 e 5,5 (~ u, col!. 410
città di David». Il messaggio di Natale ss.) dopo l'esegesi dell'intronizzazione
trascende e illustra coi suoi miracoli la (Hebr. 1·2) abbiamo in Hebr. 3 s. una
formula giudaica d'intronizzazione del parenesi cmiletica incentrata su ljJ 94,7-
re citata da Le. 3,22 nel codice D in ri- 1 r, che ripete alcre due volte l'inizio

ferimento a ljl2,7 (~ 11, coU. 4ross.): del passo, cioè i vv. 7 s. (3,15 e 4,7). I-
vL6ç µou d uv, tyw a-i}µEpov yE-yÉvvrt- noltre Hebr. 3,r3 e 4 ,7 offrono un com-
X<i <JE. Questo passo viene riferito al mento di <n]µEpov, che è la parola chia-
Gesù risorro nel contesto kcrygmatico ve che apre l'intero brano e che Hebr.
più antico di Act. 13,33 che lo presenta 1 ,5 determina in senso cristologico me-

come citazione dal «secondo salmo» diante ljJ 2,7. Tuttavia, poiché il compi-
(cod. D: 'ti!> 1tPW•(fl), ma anche in que- mento della promessa non s'è oncora
sto passo di Luca ha il valore di profe- concluso (.p ), vale ancora l'antico À.6-
zia realizzata (vv. 32 s.). L'evangelo an- roç Tijç àxoijç (4,2 ). Quindi: m1po:xo:-
nuncia non singoli eventi isolabili, ma hi:"CE È<XV"COÙç XO'.l'}'b<a<J"Cl}V i}µÉpa.v, ii.-
la persona storica di Gesi1. Col suo an- XPLc; ov -tò iri}µrpov :.<<'.t.À~~"C(l~, tvtt ~l'Ì\
nuncio esso prova la validitil dell:i Scrit- crxÀ.l)puvi}ii 't~ç Él; ùµwv èmciTf) -rii.;
tura. L'evangelo non ammette che ci si àµap-rlaç , «esortatevi a vicenda ogni
fermi ali 'esperienza visiva, esige soprat- giorno, finché si parla dell'oggi, af-
tutto che vi si presti ascolto. Chi ascol- finché nessuno di voi s'indurisca per
ta comprende che Dio mediante Gesù l'inganno del peccato» (3,13; dr. ro,
include tutto nella sua rivelazione. Per- i9ss.). E cosl dice 4,6: Èl'crt ovv àrco-
ciò il termine o1)p.Epov può scomparire À.Elrce-r<x.~ 'twàç d.a-ùae~v Elç a.u-r'Ì]v
e cedere il passo, per es. negli scritti (l'Cil. dc, 't'Ì]v xo:'tcirco:u<Jlv µou, v. ,),
giovannei, ad altre indicazioni di tem- «poiché ad alcuni è ancora riservato di
po, per es. al vvv che ha un carattere di entrare in esso (cioè, nel mio riposo),, ,
maggior riflessione; dr. anche 2 Cor. 6, xa.t ol 'ltpb-tcpov cùo:y-yÙ~c;i)Év'tEç ovx
2 (~ vn, coli. 1492 s.). Etcrij)..Oov s~'àrcel~t~0'.'11, «mentre quelli
ai quali fu annunziato per primi l'cvan· .
b) I passi per cosl dire classici, sotto gelo non vi entrarono per incredulità»
il profilo teologico, di Hebr. conferma- (cfr. 3,l6-I7), 7: itaÀ.L'll 't'LVCÌ Òpl~EL TJ·

17 E. ICASEMANN, Das wandunde Gottesvolk' MICHEL, Htbr. e C. SP1CQ, L'ipltre aur Hé-
( 1917). L'autore ""amina le premesse storico- bremt 11 ( 19n) ad U.
religiosc dcll'cseg~i che segue; dr. inoltre
207 (vn,274) Gf}µEpov e 2b (E. Fuchs) - (l/iç xi:).. I (0. Bauernfeind) (v11,274) 2o8

µipav aiuJ.tpov, Év .:lauto 'A.iywv µE-cci. santo (3,7) l'unigenito Figlio di Dio
"COO'OU"COV XP6VOV, xai)Wç itpotlpE"CClt, vuole unirsi 'oggi' più che regalmente
«fissa di nuovo un giorno, oggi, dicendo con noi, figli, sulla base della promessa
in David dopo tanto tempo, come è det- del regno o del potere, realizzatasi nel-
to sopra>) (segue t!i 94,7 s.). Chi ascolta la sua persona con la sua opera, e così
oggi rimarrà fedele alla pro[essione di dimostrare, ormai definitivamente, la
fede in Gesù, figlio di Dio, quale som- verità delle comunicazioni trasmesse da
mo sacerdote eterno (4,14-16). Con le Dio un giorno mediante tanti testimo-
sue parole questa professione tiene a- ni . La genuina obbedienza di fede per·
perta la via percorsa per noi dal -.ùttw- mette di riconoscere !"oggi' alla luce
i}E~ (5 ,9 ): come la fede dei figli, quale delle nuove possibilità teologich.; acqui-
obbedienza, deve dimostrarsi nella bat- site dalla lingua e in tol modo oltrepassa
taglia contro il peccato fino all'ultimo tutta la precedente esegesi scritturistica,
sangue ( 12,4), cosl essa, quale interpre- che risulta quindi antiquata.
tazione della Scrittura profondamente il-
luminante, vede nella persona di Gesù il D. I PADRI APOSTOLICI

Figlio di Dio intronizzato, perché riesce L'uso linguistico dei Padri apostolici
unificare la sua dignità celeste c.-on l'ob- non apre nuove prospettive: ai)µEpov si
bediente sacrificio dell'incomparabile trova solo 7 od 8 volte, di solito in ci-
tazioni, per es. di .jJ 2,7 . Un tono solen-
sommo sacerdote (12,1 s.). In queste pa- ne ha il vocabolo nella preghiera sacrifi-
role di professione di fede dello Spirito cale di mart. Polyc. 14,2.
E.Furns
ai)1tW - x1, coli. 1255 ss.

l. Il sostantivo (il genitivo plurale in in poi abbiamo le forme O'T}"COc;, oij"tEc;,


Aristoph., Lys. 730 è aiwv, da Aristot. <Jfi-.wv 1) è attestato a partire da Pinda-

(l/iç, ~1:0~ptù1:Q<;
O. KELLER, Die antike Tie1welt I ( 1909); Il Sli to semmro connesso a sàs (-+ col. 210):
(1920); J.GosSEN, art. 'Schmetterlinge', in I I. LEWY, Dic semitischen Fremdw0r1er im
PAVLY-W. 2a ( 1923) spedalm. 584 s.; H. TUR· Griesch. ( 1895) 16 s.; WALDE·POKORNY I 7oz.
SINAI (H. ToRCZYNER), The Book o/ ]ob Secondo ScHEFTELOWIT'l, Zur a//armeniscben
(1957) specialm. 158-161. La111gcscbichte: Beitriige zur Kunde der indo-
I Cfr. KiiHNER-BLASS I 510 s.; SCHWYZER I germanischen Sprachen 28 ( 1904) 289, questa
578 'I). Si tratta probabilmente di un impre- parola semitica a sua volta risal irebbe a una
109 (v 11,274) a-fK X'tÀ. I ·2 (0. B<tuernfcind) (VU,2ì6) 210

ro, l'aggettivo, molto r aro, si trova solo proprietÌI misteriose di questo anima-
dai LXX in poi. Come l'italiano tignola, letto 6 •
(ò) cn).:; indica varie specie di microlepi- 2.Nell'A.T. sàs (~ n. i) ricorre solo
dotteri 2• Di solito si intendono le tar- in ls. 51,8: w<ka~1emer ;o'kiem siis,
me, dr. Aristot., hist. an. 5,32 [ p . 5.57 b «come lana la tarma li constimerà». Nel·
3); Aristoph., Lys. 730, inserti nocivi l'emistichio precedente strntturato in
abbastanza difficili da vedere e perciò forma perfettamente parallela si dice:
particolarmente temuti. Na turalmente e- kabbt!ged iò'klem 'iis, «come una veste
ra noto che, oltre ai vestiti e simili, an- 'àI li consumerà». 'iis non si distingue
che altri beni sono minacciati da peri- da siis più che beged da Femer; si tratta
coli altret tanto poco appariscenti. Per quindi di un altro animaletto (-+ col.
dare plasticità all'idea di continuo peri- 209), che però appartiene ad una delle
colo che incombe stii beni dell'uomo. specie di tignole prese i.n consider~zio­
insieme con le tarme si nominavano al- ne 7. Anche in ls. 50 ,9 si rammenta che
tri insetti nocivi 3 oppure la ruggine 4 le vest i sono consumate da 'tiJ e in lob
( -7 iv, coli. 1046 ss. ); tuttavia proprio l:i 13,28 da 'iis e riiqab , putrefazio11e, tar-
tignola o tarma costrinse a tina partico- latura (-+ col. 209; -+ XI , col. 1 261
lare attenzione 5 e forse anche alla tacita s., n. 2 1 ). Anche in questi casi si può
conservazione di alcuni resti <li antichis- ritenere sicuramente valida la traduzione
sime concezioni popolari su presunte tignola•. rIl tutri questi passi l'anima-
radice indoeuropea. Per allre possibilità (affi- ~ .. KO€nE).
nità col !•tino 1i11ea) "ecli Bois•CO, s.v. (--> ~ Giù Th<-oph ., bi,-t. pla11t. 9, 1 1 ,, l parla di
n. 8). :1 lcuni rimedi prn1ici contro In tignola.
2 --> CossEN 585. I O"ij'tt<; costiluisc(lno unn ° Che non ne siano mancate, è provato dalb
specie delle --> <!Nxa.l (Aristo!., bìrt. a11. 5.19 cred enza, non ceno fondata su osscrv:v.ioni
[ p . '5 1 • t 4] ). Con questo nome, che forse in sperimentali, che un ''estito indossato " un
origine $Ì estendeva a tu11i i lcpido11cri not· funerale non è intaccato dalle tarme: ... q11i
turni. la scienza fondata sull'osserva2ione na- tcial 1.:e1ttn1 a 1i11c1s 11011 allingi, qui /11eril i11
tumle classificò tutti gli animali forniri di ali, f1111cre (Plin., bist. n~t. 28,33).
che nascono da larve apparememente inani· 1 Poiché 'iiJ va fono deri,·are da 'Ji, pare che
ma1e: dr. il tedesco Geirtrbm. Tuttavia i il termine indichi raspelto debole e fragile
afj ..t<; acquistarono una tale importanza, che dell'inseuo, mentre s i ritiene che sin (come
dal terna al}..· si formò un term ine colletti· altri nomi di animali) sia da considerare voce
vo pe r indicare .Jivxo:t fj rc-i:'l]vèi. !;(i>«: crri-i:o- onoroa1orx:irn riproducente il ronzio (G. foH·
li6x~licc; (Hesych., s.v.). E da ritenere che alla Rrut] . In questo cMo vi sarebbe una notevole
formazione di questo termine, d i non focile differenza tra sas e la tarma. che non si può
interprewzione e riportato da L 100ELt-Scorr, certo ritenere un insetto ronzame. Secondo
r.v. senza traduzione. abbia contribuito una K011u:a-BAUl\tGAJtTNER, s.v., en1rambi i voca·
fantasia travalicante il dato puramente zoolo- boli sono da trodurrc con tarma. DAt.M., N,
gico. [L'ipotesi, considerata da H. HOMMEI.• Arbeit v ' ' s., dr. 7.212, sostiene che sJs in·
d i un rapporto con lioxic;, meteora, h• buoni diai il bruro e 'as la farfalla. Cfr. anche F S.
fondamenti, ma in questo caso la parola do· Booe:N1 IEIME R, Prodromus Fa1111aa Pa/,zcsliJ1J<
'. '
vrcbbc essere parossitona: CTT}'tcooxlliec;]. Mémoircs présencés il l'Institut d 'f:gypté H
J Per mcucre in evidenza la resistenza dell'o· ( r937) 1o6.
ro Pind., /r. 222 dice: xti:vov ov ai}c; ovoÈ • Nei cinque passi in cui si porla J i '41, ma
xiç 06.rc'tn, «quello non lo corrode né tignola oon in relazione a beged, il signiliaito del vo-
né tarlo». cabolo non è dcl tutto sicuro. fRo .DIU.tTZSCH,
o
• •.. otov µiv tòç -i:òv aililJllOV, 6.v ax=TI<;, Das Bucb Jiiob neu iibersetzt und kur: t rku rt
..ò o'4ui.,,.,,v o! O"ij'ttc; ... (Mcnand., /r. 538,4 ( 1902) 23.71 riteneva che lob ·V9; 27,18 s i
211 (vn,276) afiç >t'tÀ. 2-3 (0. Bauernfeind) (vu,276) 212

letto che distrugge i beni dell'uomo è seconda immagine (~ coll. 209 s.) del-
simbolo del pericolo che incombe su la caducità e l'àpocxVTJ, il ragno, e in
di lui. Prov. 25,20 (ed Ecclus 19,3 var.) un
3. I LXX in complesso non offrono secondo insetto nocivo è lo~ O'xWÀ.T]!;.
un quadro diverso dal testo ebraico. La Che Prov. 14,Jo abbia tradotto raqab
tignola è in primo luogo la devastatri- con cri)i; non fa meraviglia, se si può
ce. In Ecclus 4 2, I 3 serve a illustrare la supporre che la connessione di 'as e rii·
perversità femminile e in lob 27,18 (~ qiib fosse consueta 10 (~col. 210; n. 8l;
n. 8) la caducità 9 • In questo passo una né può sorprendere che in lob 9 ,9 (e
riferisse a una cnpanna di canne molto fragile; stata ben presto esautorata e relegata nel padi-
a partire da A. EHRLICH, Randg/ossen tur he- glione celeste. E owio che anche questa ipo-
briiischen Bi bel v1 ( 1918) r95 e pasrim si pro- tesi crea difficoltà d'interpretazione. In Ps.
pone per questo passo e per Ps. 39,12 il sen- 39,12 e lob 4,19 non la casa del 'as né la
so di nido di uccelli o di tarme (contro ~ materia rovinata dall'insetto è simbolo di ca-
TuR-SINAJ 86 n. 2 ). D'altro canto lob 9,9 de- ducità, ma In stessa farfalla 'a1. Infatti l'espe-
ve riferirsi ad astri; infine in Os. 5,12 si de- rienza insegna che, dopo la sua morte, di essa
ve prendere in considerazione il senso di pia- non rimane praticamente nulla.
ga putrescente, cfr. KOHLER- BAUMGARTNER, 9
s.v. Poiché tuttavia nell'ultimo passo citato, Cosl anche I QH 9,J: 'jnj k'1 b.l,bfn, «il
analogamcme a lob 13,28, 'iis è connesso a mio occhio è come una tarma nel forno del
fonditore (?)».
roqiib (~ coli. 209 s. ), nonostante la note-
vole distanza di tempo tra i due passi è scon- IO Ancor più sorprendente è il fatto che, an-
sigliabile dnc a questa connessione, probabil· che a prescindere da ciò, la traduzione hg
mente stereotipata, significati tra loro diversi seguito il suo corso. Il testo ebraico dice:
( ~ Xl, col. 1261 n. 2 1 ). Quando lob 27,18 pa· urqab 'iiriimot qir:'d, «ma una tarlatura nelle
ragona la costruzione di una casa. che sia espo- ossa è I~ passione».' La traduzione greca in-
sta a rapida distruzione, alla dimora di una tat· vere suona: <ri)ç oè Òa"ttwv xa.polct ai.a~'tL­
ma (band ka'as béto), c'è da chiedersi se una xi}, «tarme nelle ossa porta un cuore condi·
spon tanea osservazione naturale non si sia da zionato solo dalla percezione sensoriale (e non
se stessa risolta in tale immagine, cfr. A. SocIN, da altre di ordine superiore)». Questa formu·
art. 'Motte', B. W. 4 50 s. Una migliore rispon- !azione singolare per sé potrebbe derivare sem.
òcnza a ciò si avrebbe se. sulla scorta di tradu- plicemcote da difficoltà testuali o di trnduzio·
zioni me.no recenti (Bibl. Hebr., KITTEL), si ne. E la propensione di Filone per l'inter·
Leggesse, come fa per es. G. HòLSCHER, Das pretazionc allegorica dei nomi potrebbe per
B11ch Hio!J, Handbuch A.T. 17' ( r952) ad I., sé spiegare a suflicienza le elucubrazioni sul-
ka'akkiib!J, «come un ragno», invece di kii'iis. la città di Ramses <Ex. 1, 11) esposte in .rom.
Tuttavia nel resto dcll'A.T. 'akkabls si trova l ,77 (dr. poster. C. ;6): ... XCJ.l 'Paµtaafi,
solo in Is. 59,5, e lob 8.14 , per cui una cosl -riJv ai:o'6l]ow, Uq.'Ti<; WTT.EP c;lwv [ var.
semplice eliminazione della dif!icoltil risulta un aaiwv e a"f)-twv) ii <!ivxii oLtO'&it'ttt'- - tpµ't)·
rischio, tamo più che non si sa se in questo VEUE'tm yàp ow:rµòç a"f)'t6ç ..., « ... e 'Ram-
p,1sso e ffettivamente solo l'osservazione natura- ses ', la sensazione, <la cuj, come da t~lrn1c, è
le fosse determinante. Chi ritiene che per •aJ corrosa l'anima - significa infatti 'terremoto
valessero concezioni recondite(~ n. 6) può in di tarma ...'» (traduzione secondo I. l-IEINE·
questo caso supporre con-> TUlt-SINAI 86.392- MANN e M. ADLER, Die Werke Phi/os von
394 · - ardita alcernativa all'arrischiata conget· Alexandrien VI (1938 ) 189). Ma poiché le
tura di cui s'è derto - che l'omonimia dell'in- due frasi, indipendentemente l'una dall'altra,
se110 nocivo 'as e dell'astro 'iis di lob 9,9 (o concordano oel porre in correlazio e t:uma e
'ajii di lob 38,32) non sia un puro caso: l'edi- afoih}c;Lç (-+ I, coli. 503 s.), è più 1ogico pen-
1cazionc della casa (lob 27,18)sarebbe stata ef. sare a una concezione popolare della tarma in·
fettuata da una potenza primordiale ribelle, tesa come animale malefico (-+ n. 6; -> n. 8),
non ancora del tutto dimenticata, che sarebbe concezione qui assunta in senso spirituale: l'a.
c1ie, X'tÀ.. 3·4 (0. Baucrofeind) (vu,277) 214

in lob 38,32) ricorrano soltanto termini ci sottratti '1 tali danneggiamenti e alle
astronomici tratti dalla lingua greca o conseguenze che ne derivano (Mt. 6 ,2I;
che in lob r 3 ,2 8 si usi l'aggettivo O'T)-
Le. 12,34) per il cuore(~ v, col. 211).
"t"O~pw-coc;, corroso dalle tignole (~ col.
210). In Is. 50,9; lob 4,19; 27,18 <rii; Invece la minaccia di Iac. 5,2 Il col suo
traduce, com'è logico attendersi, 'as, in perfetto profetico prospetta la fine pros-
Is. 51,8 sàs". sima ed ineluttabile della ricchezza ter-
4. Gesù esige (Mt. 6,19 s.; Le. i 2,33) rena con un'immagine che non è irrea-
il deciso abbandono di tutti i tesori pa- le ma piuttosto animata da realismo
lesemente caduchi (~ IV, col. 5r2). apocalittico(~ nn. 6.8.10 ): "tà lµri-cta.
Non c'è nulla che non sia messo in pe- uµ.Wv O'T)"t"0(3pr»"t"a. yÉyovEv 1\ «le vostre
ricolo da tignole, j3pwcnc; 11 o furto. Tut- vesti divennero pasto delle tignole», e -
tavia l'accenno realistico a questa minac· si può completare - non e'<! mezzo di
eia non è che lo sfondo oscmo che dà difesa valido contro <li esse, come l'oro
risalto alla promessa dei tesori autenti- e l'argento non sono immuni dalla rug-

nimaletto tanto temuto può Cllusarc danni so- l'ients z ( r9.H·59l 504.508. «In Ir. 33,1 4 il tra-
lo materiali; chi inv~e è dominato dnll'11t:r~­ duttore ha probabilmente letto i vocaboli kin-
O'r.<; abbandona vera mc me la sua anima (le sue n1i11t , 'zanzara', e beged, •veste', e. così ha conM
ossa) alle '1arme'. servato l'immagine della tatma nelln veste»
11 In questo passo i LXX non traducono 'as [Bcl\TRAM ] . Per lob 27,00 var. cfr. gli errori
con un sinonimo di 11fiç, ma introducono l'im · di trascrizione ai quali r ichiama F. Wu TZ,
magine del 'dente del tempo' (lµa't1ov f3pw- Die Transcriptio11e11 vo11 dcr Sep1uagi11ta bis
Di)o-r"T11~ in:ò xp6vov), pur senza sostanziale w Hiero11ymus (1933 ) 240 s.; pcx errata lcr.
mutamento di significato. I nvece in Or. ~.12 tura maiim potrebbe essersi trasformato in
- per il testo dr. J. ZIEGLER, l3eitriige zum siis e allo stesso modo in lob 3>,22 'oséni in
f.,ricchischcn Dodekaprophcton: NGG (1943) 'Jim o 'i CBERTRAM] . Cfr. inoltre Ecc/us 19,
381 - la riflessione teologica [BERTRAM) por- 3 var.: af)"TE<, x11l 11x&JÀ.1)>m; XÀ.'Y]pcvoµfi11ov-
tò a un cambiamento più rilevante, allioeaio ow 11v't6v (~ Xl, col. 126c o. 2r ); in questo
a Os. 5,1 4, dell'immagine percepita forse co- passo e in lob 3>,22 troviamo l'idea, altrove
me inadeg\laia: Dio non è 'JJ o riiqob, bensl non attestata nel mondo greco, che l'\lorno
w .p11x:fi o xtnpov <~ v, col. 342). ·mp11xf\ può diventare vittima delle tarme. Per un':t·
rammentn il terrore determinato dall'interven- naloga concezione tedesca cfr. R. Rmc;tER, art.
10 di Dio ( ~ x, col. ri52 n. 44; ~ XI , coli. 'Moue' in lia11dwi5rterbucb der deutschen
l 185 ss.). Il verbo 't11paacmm11t è usato io Volksku11de, r\btcilung 1 : Aberglaube VI
senso analogo nella condusionc di Ili 38,12, (19,34/3,5) .5~3·.59.5· Discostandosi dal testo e·
dove prima 'iis è tradotto con ciplixv11, ragno; braico i LXX presentano c1iç anche in Mi:h.
cfr. anche <V 38,7•. Talvolta trfie, compare in 7,4; Prov. 25,20'' .
passi in cui il testo ebraico non parla di tar- 1? Or. 5 ,1 2 e lob r3,28 (--+ col. 210) suggeri ·
me. Per ls. 33,t dr. J. ZrECLER, Untersuch1111- scono di cr~durl'e con tarlatura; cfr. PR~U·
gen :;;ur Septuagi111a des Buches Isaias, Alcte· SCIJEN·l3AUER', s.v.
starncntliche Abhandlungen 12,3 ( 1934) ro2
s.; F. Wun, Systematische Wege vo11 dcr Scp· u Cfr. Vae divìtibus
THEOPHILUS Al) 0RBISO,
tuagi11ta zum hebriiischen Urtext (1937) 861; malis (lac. J,I·5): Verbum Domini 26 (1948)
G. BERTRAM, Zur Pragung der biblirchen Gol· ì7·
1esvorste/11mg in der griechischen Vbersct::1111g H In Sib., /r. 3,26 l'aggettivo a1)"T613pw'toç
des A.T., die Wiedergabe von schadad und viene del pari usato io un'allusione ai ragni
schaddai in1 Gricchischm: Dic Wclt dcs O- (~col. 212; n. 8 n. u).
11 .s (v u,277) ai)<; X'tÀ. 4 (0. n~uernfeind ) . atxO:p•oç ) (0 . Betz) (v11,278) 2r6

gine (lac. 5,3}, pur essendo metalli pre- questo è l'unico che non p uò essere ri-
ziosi (--+ 1v, coll. 1046 s.). sanato. Dato che si tratta di inscui che
intaccano il legno, sarebbe più esano
5. Tra i rami intaccati da vari gua- parlare di xk tarlo (--+ n. 3); turrnvia
sti e che in Herm., sim. 8, 1 servono a <ri}ç (nel nostro passo in senso generi-
illustrare la condizione di vita di vari co: a11imale1to) mette meglio in rilievo
gruppi d i cristiani deboli, alcuni sono il simbolismo di perdizione (--+ nn. 8.
divorati (wc;) ùr.ò 0'1)-r6c; (Herm., sim. ro). In c itazioni bibliche crTJ<; si legge in
8,1 .6 s.; 4,5). In Herm., sim. 8,6,4 si r Clem. 39,5 (lob 4,r9) e Bom. 6,2 ( /s.
dice eh~, tra tutti i guasti menzionati, }0,9).
O. BAUERNFEIND

Il termine O'Lxcip1.<>ç, da sicarius, ar- indicare non solo l'assassino a tradimen-


mato di 'sica' (pugnale). sicario, assassi- to in senso s rretto, ma anche l'om icida 1;
no a tradi111e11to, si trova, oltre che in
Act. 21,38, soprattutto in rlavio Giu- l'arma era la prova dell' intenzione di uc·
seppe (4 coli. 217 ss.), in un passo di cidere 2 .
I ppolito(--+ col. 224 ) e in uno di Orige-
ne (--+ col. u4), sempre al plurale. An- La /ex Cornelia colpiva inoltre i ban-
che i rabbini parlano talvoJra di siqiiri111 diti arm:Jti (latro11es) che si univano in
/in (~ coU. 220 s. ). L'uso tardogiudai- masnade. Tra questi erano computati,
co-cristiano dell'imprestito l:uino ha co- secondo la concezione romana , anche i
me presupposto l'uso giuridico romano. franchi tiratori, che, in Italia e soprat-
tutto nelle province, a d ifferenza degli
1. I sicari 11i:l diritto romano hostes si ribellavano all'autorità senza
Dall'emanazione della /ex Cornelia aver ufficialmente dichiarmo guerra n
Roma 3 • Nel periodo dell'impero la pe·
sotto Silla, sicarius è diventato termine na previs1a contro i sicarii e i latrones ,
tecnico della lingua giuridica romana per soprattutto se si trattava di schiavi o <li

C't.XCÌptOç
Pimuscttl!N·B.•utK', LIDDELL·SCOTT, 1.v.; ]A· 1 Quiat., insl. ora/. to,1 ,12 : Per abusionem si-
STROW, LEVY. s.v. sìqarìn; M . HEr>:GCL, Vie le· carior eliam omnes vocamus, qui caedem telo
Otefl (1961); J.KLAUSNER,Hisloriab scbJI bah· quocumqm: commiserint. Cfr. Tu. M OMMSEN,
ba)'il barchscbeniy v' (r954); R. MEYEK, Der Ro111iscbes Stra/rechi (1899) 629.
Propbet aus Goliliia (r940) 8i-88; O . MICHEL, ? Solo l'•lt<> premeditato cadeva sotto lo /ex
piiljudisches Prophetenlum, in Netttestamenl· Comdia; MOMMStN, op. cii. e- n . ) 626.
fiche Studien /iir R. Bu//ma11n' ( r9,4) 60-66; J Pomponio in Iustinianus, digesto ~o,16,t18
ScHLAnu, Gesch. lsr. 259-264 .322-327. UJ- (ed. Tn. MoMMSEN [ 18 ;0]): Hostes bi sunl,
tericlrc: bibliografia alle voci l;T)M..l-ti)ç -+ 111, qui nobis out quibus nos pub/ice be//1w1 de-
Il. 1505 ss., n. 7 e Àll~-> VT, col. 700. crevi111u1 celeri 'latroner' aut 'pratdonet' sunt.
<nxocpLoç r -2 (0. Ber~) (vn,278) 218

cittadini delle province, era la crocifis- scio i ribelli si divisero in vari gruppi,
sione 4• Flavio Giuseppe usa il nome di sicari
per i seguaci d i Menahem, che dopo
2. I sicari nelle opere di Flavio Giuseppe l' uccisione del loro capo si ritirarono
nella fortezza di Masada (be!l. 4,399-
Anche Flavio Giuseppe fa sua la con-
405. 516; 7,253.275.297.3 II), poi per i
cezione giuridica romana quando agli o- partigiani rifugiatisi in Egitto (bell. 7,
diati partigiani della prima insune7ione 409-4 19) e infine per i Giudei insorti a
giudaica (-4 m, coli. 1507 s.) dà il no- Cirene (bel!. 7>437·446). Tuttavia que-
sto particolare uso d el termine 7 non è
me di briganti (-4 VI, coli. 702 s) e as- rig idamente rispemito 8• La presentazio-
sassini (<nxa pbuc;). Egli spiega il nome ne dei sicari in F lavio Giuseppe è laCL1·
di sicario raccomando che sotto i man - nosa e non del !lltto coere nte, perciò
non permette di individuarne chiar~­
telli celavano pugnali coi quali uccide- mente le caratteris tiche.
vano proditoriamente i loro avversari in
mezzo alla folla in occasione dei pelle- Con ogni probabil ità i sicari non CO·
grinaggi 5

stituivano u n partito a utonomo 9 né l'ala
di sinistra radicale degli insort i 10, quan-
La prima comparsa dei sicad viene se- to piuttosto gruppi di combattenti lega-
gnalata sotto il procuratore Felice, e in ti fra loro da giuramento, guerriglieri al-
questa circostanza sono presentati come 1'interno del movimen to zelota 11 • Ciò
un «nuovo genere J i briganti», la cui che li contrnJdistingueva non era la dot·
prima vittima sarebbe staro Gionata, i! tri na - chC'. essi avevano ì11 comune con
sommo sacerdote allora in carica 6 • In Giu&1, il fon<lawce del partito zelota ' 2
seguito, q uando, dopo la vittoria su Ce. -, ma il loro tipo di impegno temerario
4 PauJus, se11ten1iae 5.23 ,1 (ed. P.E.HuscHKE. ' 65 designa c()n À1J7i:ocç veri e propri assas-
in }urisprudentiac r111teiustinia11ac quae su- s ~n i.
persuntS ( 1886] 55 r): ... humi/iores vero aut 9 JACKSON-l AKE 1 4 i2 s.; ZAHN, Ag., o 2r ,38.
ù1 crut~?n1 tolluntur aut bestiis obiiciuntur .
10 Cosi -'> KLAUSNER r 34.228-230. Secondo il
5 beli. 2,254 s.; secondo ani. 20,186 l'arma era
Klausner i sicari, a diffe renza degli Zelot i che
grande come l'akinakes dei Persiani ma e ra costitcivano un m0vimenco Ji carattere reli-
curva e assomigliava alla sica romana. Invece gioso-naz:o nalistico, sarebbero stati i sosteni-
la spad,1 ricu rva (kjdn ) menzionata in r QM to ri di un comuoisn10 di origine essenica. che
, ,u-14 probabilmente era troppo grande per mirav,ino a un riasscuo violento della società e
l'assassinio pro<lirorio. ddla proprietà ed a\'evano per capo Simone
6 be//. 2,>52 .256; sc:condo al//. 20 ,185 s. i si- b ar G iora.
cari svolsero la loro attività criminal~ soprat· Il Cfr. bel!. 4,408: crvva·i)p?•~oµEvol 'Tt xal
tutto mentre eta procuratore f esto; secondo crovo11vupEvo• xa-r&. i,6xooç. In 11111. 1 5 ,28 2·
a111. 20,w4 molti furono stermioati da Albino. 2 9 1 si narra che dieci uomini ave vano o rdi-
7 Riguarda anche la designazione d i Zeloti to una congiura per assassinare il re E rode col - ,
che in seguito Flavio Giuse ppe riserva quasi pendolo con pugnali tenu ti nascosti.
esclusivamente al gruppo sacerdotale che com· I ! Cfr. beli. 2,n8 con ì ,418 s. In beli. 7,254
batté nel tempio (beli. 5,,.105). Flavio Giuseppe pone i sicari anche in rappor-
8 Flavio Giuseppe ral volra usa ind istintamen- to cronologico con Giuda. Poiché i loro capi
te il conceuo di brigante (la designazione più l\k nahem ed Elea1.ar ben Ari erano parenti
comune degli iosorti ) e quello di sicorio (beli. d i questo Giuda (beli. >,43); 7,>53), il legame
2,653; ani. 20,185 s. 208-210). In a11t. 20,163- dd sicari c:on Giuda era anche di natura dina-
219 ( vn,2ì8) cnxtLpLoç 2-.~ (0. Betz) (vn,279) 220

e sprezzante della vita propria ed altrui la politica di compromesso della casta


('"toÀ.µéiv: a11t. 20,r65) 13 • La tattica del- sacerdotale dirigente era dai sicari con-
l':issassinio fu usata soprattutto quando siderata un pervertimento all 'idolatria,
il procuratore Felice condusse una cam- e ciò che Flavio Giuseppe attribuiva al-
pagn:i spietata e indiscriminata contro le l'istinto della crudeltà (be/I. 7 ,2 56) in
bande che dimoravano lontano dai cen- effetti non era che cieca obbedienza alla
tri abitati (beli. 2,253). Ma solo negli legge di Dio, che comandava di stermi-
anni che precedettero lo scoppio della nare i singoli apos tati o anche di deva-
guerra aperta divenne una pratica moi- stare col ferro e col fuoco intere loca-
re< diffus:i, ed ern rivolta contro giu- lità idola triche (Deut. 13,7-19). Con
dei filoroman i e non dire ttamente con- questa azione di purifirnzione si voleva
tro i Romani. Ma l'appellativo di sicari preparare la venuta di Dio e impedire
probabilmente fu loro affibbiato dai Ro- che il paese fosse colpito dall'interdettv
mani. dell'ira divina {cfr. Afal. 3,24). Anche i
furti e gli ince ndi dei patrimoni dei ric-
I motivi che indussero i sicari all':i - chi (be/I. 4,402-405.516; 7,254; ant. 20,
zioae non furono un cieco nazionalism<) 185-187), la distru-.:ione dei palazzi e
o una sfrenata ambizione ": questa opi- dell'arch ivio dove erano registrati i de-
nione corrente è dovu ta soprnttu t:o alla biti (beli. 2,426-~.32), non sono da attri-
pr~sentazione faziosa di Flavio Giusep- buire alla cupidigia (bel!. 7 ,256), ma a-
pe. I sicari non erano spinti da empietà, vevano lo scopo di eliminare l'ingiusto
ingiustizia e follia (bell. 7,260-437 ), ma mammona e preparare un eterno anno
da zelo ardente e da un impegno fatti- sabbatico di libertà e uguaglianza.
vo per Ja gloria di Dio e la torà. Essi
portarono alle conseguenze estreme il .3- I sicari negli scritti rabbinici
prbcipio che solo Dio va considerato
Signore. Anche Flavio Giuseppe deve Anche negli scritti rabbinici il nome
ammettere che i sicari preferirono il sui- 'sicario' ( siqàrim/i11) è affibbiato agli
cidio o il martirio al giogo di Roma Zeloti (qa1111J'im) e serve probabilmen-
bell. 7 ,386-4ox -41.0-418 s.). Secondo lo- te a mettere in risalto l'atteggiamento e
ro, la maestà di Dio era s tarn lesa non il comportamento violento dei promoto-
solo dai Romani che imponevano di ri- rì della prima ribellione, anch'essi con-
conoscere l'imperatore come sovrano as- clan!rnti durnmente; manca tuttavia il ri-
soluto (beli. 7AI8 s.) e avevano conta- ferimento agli assassini.
minato il paese con censo, tasse, monete Secondo Maksh. 1,6 la popolazione
cd effigi, ma a nche dai Giudei liloroma- di Gerusalrmmc resistette grazie alle fo.
i, i quali pertanco, quali apostati, erano cacce di lìcbi nascoste dai sicari nell 'ac-
C<Juipnrati ai pagani (beli. 7,255). Anzi, qua; secondo Eka r. a 4,4, invece, essi

stica e organii.zativa (-> 1-IENGEL 50). Infine l'uso dd b violenza e confidavano in un p ro ·


lo stesso Giuda, come in seguito suo figlio digio çhe Dio avrebbe compiu to per mezzo
Menahcm (bc!l. 2,433 s.), era riuscito, con la loro e che doveva preannunciare l'inizio dell'e-
violenza, ad armare i suoi seguaci (belt. 2,56; ra sal-Jifìca.
ani. 17,251 s .). " L0 zelo per la pu rc;.z a d 'Israele n viamcnte
Il In beli. 2,2:;4-260 Flavio Giuseppe contrap- era uno stimolo a combattere anche . Romani.
pone i sicari ai «fanatici~ e agli ~ingannato­ I noltre, soprattu tto negli ultimi anni della
ri», le cui «mani» sarebbero state «più pure•; guerra, si ebbero numerosi fenomeni di dege-
cioè i capi carismatici del popolo evitavnno ncraiione.
221 ( \'li ,279)
(v11,28o) 222

avrebbero distrutto l'acquedotto che stanza nell'Antonia di essere quell'Egi-


portava acqua da Etam a Gerusalem· ziano che «poco tempo prima ha sobil-
me is e secondo Ab. R. Nat. 7 avrebbe-
lato e condotto nel deserto quattromi-
ro incendiato le grandi scorte di cereali
accumulate da una persona facoltosa di la sicari».
Gemsalemmc per l'eventualità di un as- Dcll'imprcs:i di un 'Egiziano' fa pa-
sedio 16• Questi atti di violenza sono con· rola Flavio Giuseppe in due racconti di·
fermati da Flavio Giuseppe: requisizio- vergenti nei particolari. S::.:ondo beli. 2 ,
ne coatta e clistruzione delle scorte di 261-263 coscui, che si attribuiv:i l 'auto-
viveri a vvenivano soprattutto nelle lotte ritil di profeta (~ xr, coll. 56r ss.), ,,.
fra i sìngoli gruppi di insorti (bell. 5,H· vcva radunato attorno :i sé una folla <li
26; c&. Tac., hisl. J,12 ). Secondo Qoh. 30.000 uomini che per vie traverse ave-
r. a 7,12 il «capo dei sicari» (ro'J siqJ. va condotto dal deserto al Monte degli
rim) 17 Ben Battiah, genero <li R. Joha· Ulivi, donde intendeva p~ncrra re di for-
n:rn ben Zaccai, aveva ordinato la distru- za nella città, sopraffare il presidio ro·
zione delle granaglie. Questo zelota, eh~ mano e governare come sovrano asso lu-
fu equiparato a Simone ber Giora 11, nel to con l'appoggio dei suoi satelliti arma-
passo parntlclo Git. b. 56;.1 è chiamato ti. Sembra invece inverosimile quanto è
'abbii' slqara', papà assassino. narrato in ant. 20,r69, cioè che lo pseu-
doprofera proveniente daU'Egitco predi-
Inoltre gli scritti mbbirùci rammen- casse in Gerusalemme srcssa l'insurre-
tano una legge sicaria (rlqoriqr'Jn): Bik. zione e conducesse poi gli abirnmi ddla
1,2; Git. 6,5; S. Deut. 297 a 26,2 ccc.) città sul Monte degli Ul ivi. Più veros i-
riguardante le proprietà, spcci:ilmente mile. tuttavia , appare la notizia del nu·
fondiarie, requisite dall'autorità romana mero più ridono dei suoi seguaci (in
durante e dopo la prima insurrezione. ani. 20, t7 t si parla di 400 morti e 200
Questa legge ha a che vedere con i si- prigionieri) ed anche la sua promessa,
cari giudei probabilincntc solo in quanto ivi ripo rtata, che a un suo comando le
nella maggior parte dei casi si sequestra- mura di Gerusalemme sarebbero crolla·
vano le proprietà degli Zeloti fuggiti nel te, permettendo così l'ingresso in città
deserto 19• (ar.t. 20,170). L'autore di llct. concor·
da con Flavio Giuseppe solo iu quanto
4. I sicari nel Nuovo Tes/amento parla ddl"EHiziano' e dice che il suo
tentativo :!\·viene sotto il procuratore
a) Secondo Act. 2 r ,38, Paolo è accu- Felice n cd è c:ollegato al deserto. Anche
sato dal tribu no della coorte romana d i il nurnew dci segt1:ici indicaro nei due

1> Con S. Bunr"', mdri 'ikb rbh {1899) in que· H Cfr. rc.wursus 'D:u SikarikoGg~sctz' .....
sto passo si deve leggere missU/iirim e mè'è- I!r:n;LL ~z-54 : J .\STROW. s V. ri.7/zriq011 sriega
tam. Probabilmente si trolt3 di un aucnra to q-...:c~to rennine come una corru2i():1c da xtx.r.·
·terroristico cancro l'acquedotto costruito d3 CHJ.çiX~O'I. '
Pilato col denno del tempio, dr. beli. ~.175; =~ L'i:idicazio ne di tempo npò -rov-rw~ -rG>v
..... HENGI:).. 't.
16 Ed. S. So<F.CHTEJt (1887) 20, second3 ver-
ii~u:çWv è si pluristratifirnta, ma, consider:uo
tutto il com~10, l'episodio non può essere
sione. Stando alla prima versione (6,8) aU10ri troppo loncano nel cempo; d'altro canto nl
furono i qa1111a'im. momento della cattura di Poolo, Felice rico·
11 t!. questa la lezione giusta e non q'sarln. prc la sua carica da diverso tempo (dall'anno
18 ..... KLA\ISNElt 230. ,2).
223 ( v11 ,28o) <mtapi.oç 43·5 (0. Betz) { VU,>8 I) 224

autori forse era originariamente identi· rnva sicari anche gli inermi partecipanti
co ii. Perciò non si può dubitare che
a questi movimenti di liberazione.
entrambi si riferiscano allo stesso episo-
dio; da Act. 21,38 si può dedurre che il b) Merita poi di essere presa in con-
popolo attendeva il ritorno dell'Egizia- siderazione l'ipotesi che la congiura dei
no 22 • Tuttavia Lllca segue una propriu 40 giudei mirante ad uccidere Paolo
tradizione; infatti secondo Flavio Giu- (Act. 23-12,-15) rappresenti un esempio
seppe il movimento di liberazione non di tipica azione di sicari. L'ipotesi tro-
procedette verso il deserto, ma dal de- verebbe conferma nel tempo, neU'ese-
~ettO al Monte degli Ulivi, che in base a cuzione e nello scopo della congiura: av·
testi biblici, quali E:i:. 11,23 e soprattut· venne infatti mentre era procuratore Fe-
to Zach. r4r4 . aveva importanza escato- lice, quando la mala pianca dei sicari era
logica. Inoltre in entrambi i brani di in pieno rigoglio. La banda era unita da
Flavio Giuseppe riguardanti l'Egiziano giuramento e il complotto mirava a far
non si fa parola dei 'sicari', benché sia- sparire un eretico che aveva profanato
no menzionati nell'uno e nell'altro con- il tempio e che per giunta era staro preso
testo (beli. 2,254-257 ; ant. 20,163· in ,custodia dai pagani.
r65 ). lnohre in ant. 20, 185-188, in con-
.5· I sicari presso i Padri della chiesa
nessione srretta con la iUustrazione dei
sicari, si fa menzione dello sterminio di In una notizia sugli Esseni, attinta da
un 'goeto', la cui impresa potrebbe es· Flavio Giuseppe, Ippolito menziona i si-
se re parallela a quella dell'Egiziano; in- cari, che egli equipara agli Zeloti, ma
fine Flavio Giuseppe annovera fra i si- che erroneamen1e considera una classe
cari i seguaci disarmati di Giona1 a, che <li Esseni 11 • Ciò che li contraddistingue
co ndusse nel deserto gli Ebrei di Ci rene è il dogma dell'assoluta sovranità di
(beli. 7'437·446). Dio, che essi professano anche a prezzo
del mnttirio, e una rigorosa ostilità alle
Si comprende quindi perché Luca usi immagini. Quali vittime dei loro assas-
la designazione di sicari, tanto più che sinl sono menzionate persone che parla-
no di Dio e della sua legge, ma rifiutano
la mette sulla bocca di un ufficiale ro- <li farsi circoncidere 24 • Origcne parla dei
mano che, come i procuratori, conside- sicari in un altro con testo u.
O.BETZ

11 Se--ondo )ACKSON·LAKE 1v 2;7 il numero s i in realtà sono tutte p ro prie d egli Zeloti. -+
eccessivo di 30.000 di Flavio G iuseppe in beli. I-iENGEL 74 S.
dipenderebbe dal fatto che per errore Il == 2' A giustificazione veniv• probabilrncn1c ad·
4(000) sarebbe stato leito A = 3o(ooo).
doico Ps. 50,16: Dio dice all'empio: «Perché
~! -> x1 , coli . }6i s. Che il popolo ebraico ab·
p rod•mi i miei statuti e hai sempre in boreo
bia coniribuiio a far fallire questo impresa il mio patto?» .
messianic-~ (bel/. 2,263) non corrisponde cer·
tamcnte al vero. Questa notizia va invece at· 13Cels. 2,13 (GCS 2, 142 righe 10-22). Egl i
tribuita al principio, sviluppato in bel!., se- narro che i Samariuini erano scali giustiziati
condo cui gli unici colpevoli di tutti i mi- sollo l'accusa di esse sicari, perché erano ri-
sfatti sono gli Zdoti, mentre la popol12ione masti fcddi alfa circoncisione. L'imp ratorc A·
non avrebbe accettato la rivolta (--+ H ENGEL driano equiparava la circoncisione alla castra-
237). zione, che dal tempo di Domiziano era proi-
21 rt/. 9,26,>, cfr. Flav. Ios., beli. 2, 119-•6r. birn e posta sollo le sanzioni della /ex Cor·
Le note caraucristkhe ripartite tra varie clas· nelia.
125 (Vli,281) l:w<i A 1 (E. Lohsc) (vn,282) 226

t Lwii

A. IwciNELLA TRADIZlONE VETEROTE· tavole della legge, per concludersi con


STAMENTARIA E GIUDAICA una seconda comunicazione di comanda-
menti. L'esposi7.ione sacerdotale invece
:r. In tutte le fonti scritte del Penta· narra con dovizia di particolari che fu.
ceuco la tradizione della teofania al Sinai rono impartite norme precise per la co-
è strettamente collegata a quella dcli 'e. struzione della tenda dell'alleanza, l'isti-
sodo d.'l sraele dall'Egitto. Tuttavi:i in o- tuzione dei sacerdoti e l'espletamento
rigine il racconto dell'episodio del Sinai del culto. Nonosta nte le notevoli diffe-
costituiva probabilmente un complesso renze fra le due esposizioni , vi è una so-
autonomo di tradizioni riguardante la stanziale convergenza di fondo nell'idea
comunicazione dei comandamenti di Dio che al Sinai, per rivelazione di Dio, I-
al suo popolo e poi, secondariamente, fu sraele ha ricevuto gli ordinamenti che
inserito nel contesto della peregrinazio- determinano radicalmente tutta la sua
ne nel deserto 1• La pericope del Sinai vita 3•
(Ex. 19 • N1m1. 10) si suddivide in una
parte jahvistico-elohistica più ttntic;,1 t impossibile ormai illustrare con si·
(Ex. 19-24; 3i-34) e in una sacerdotali:! curezza quali evenri storici stiano dietro
più recente (Ex. 25-31; 35 - Num. 10, questo ampio r::1cconto collegato al Si-
10). La prima narra la preparazione del nai. Il nome srcsso del monte santo di
popolo alla manifestazione di Dio, hl Dio è tramandato in vario modo: men-
teofania che avviene il terzo giorno, l:i tre nello strato più antico della tradizio-
proclamazione della volontà di Dio e ne si parla del Sinai e questo nome di
l'impegno del popolo a rispettare que- solito rimane anche in seguito •, nel
st'ultima 2 • A ciò si collegano i racconti Deuteronomio si parla sempre del mon·
dei capp . .32-34, che descrivono il pec- te Horeb s. Dove fosse questo monte 6
cato del popolo e la frantumazione delle è oggi impossibile derermin~re con cer-

Iwci
S. RIVA, Il Sinai eg1i10 e cr1st1ano: Ricerche 1 r.18.20.23; ,34,2 .4: anche nei passi più nnti·
Religiose 9 (1933) 12-31; P. AvAN STEMP· chi: Ex. 16,1; 24,16; 34,29.32 e nella peril"ope
VOORT, De Allegorie in Ca/ 4,u-Jr als herme- dd Sinai di tradi?.ionc sacerdorale: Ex. 31,18;
11eutiscb problrm ( 19n); F. MuSSNElt, Hagar, Lev. 7,38; 25 .1; 26,.i6 ; 27,34; Nunt. r ,1.19; 3,
Sinai, Jerusalmt · zum Tcxt l/011 Cl 4.25a: 1+14; 9,r.5: inoltre: Num. 10,12; 26,6.j; >8,
lbeol Quart 135 (19") '6·60; W. Sc11MAUc11, 6; 33,15 s.; Jutf. J,J; Ps. 68,9; Neem. 9,13.
Orte der O/fenbaru11g u11d der Offe11bart111gs- s De11t. 1,2.6.t9; 4,10.1~; ,,:.ti 9,8; i8,16; l8,
ort im N.T. ( 1956) 51-,4; PREUSCllEN-8AuEa', 69; inoltre si trova già nei documenti jahvista
s.v. ed elobista: E;. 3,1; 17,6; 33,6 ; inoltre: r Rtg.
I Cfr. M. NoTH, Geuh. I sraels' ( 1959) 120- 8,9; 19,8; Ps. 106,19; Mal. 3,22. Nel Deut.
1 ~0; G.voNRAD, Theol. des A.T. 1 (195ì) il Sinai è menzionato solo nella bencdi:cione '
t88-230 con ulteriore bibliografia. di Mosè (33,2). Si deve ritenere che b prc·
2 Probabilmente questo ordine non risale ad senza del nome Horeb in alcuni passi della
eventi storici, ma alla clcggcnda festiva• del- tl"1Klizione del Pentateuco sia secondaria. Or.
l'antica celebrazione dd rinnovamento dcl pat· M . NOTH, Obt rlie/erungsgeschichtli«be Stu·
10. Cfr. G. vo11 RAD, op. cit. (-> n. 1) 190. dim t ( 1943) 29.
J ar. G. VON RAD, op. cii. (-> n. t) 190. 6 I LXX in aderenza al resto ebraico leggono
4 Tradizione jahvista cd clohista: Ex. 19,1 s. !wet in Ex. 16,t; Iud. ' ·' e pau-im, -.ò op<><;
Iwci A 1-2 (E. Lohsc) (vn,;zh) 228

tezza, anche se si deve ritenere estrema- tradizione veterotest.amenta.ria, tuttavia


mente probabile che il Sinai sia da cer- se ne fa una presentazione molto più so-
care nella parte meridion:ilc di quella lenne. Mosè ricevette la sua chiamata
che oggi da lui ha preso il nome di pe- presso il monte Sinai (Iub. 48,2). Dio
nisola sinaitica 7 • È da supporre che in scordò tutti i monti e le colline e posò
questo luogo sia avvenuta la teofania :i la su:i shekinà sul monte Sinai (Sota b.
quei clan che poi, insieme con altri, en- 5a). In questo luogo rivelò a Mosè i
trarono a far parte delle tribù d'Israe- suoi statuti (lub. 50,1) e gli diede dal
le 1 • Nell'antica tradizione il nome di cielo la sua legge (or . Sib. 3,256) 10• Mo-
Jahvé viene, in vario modo, sempre col- sè ricevette l'ordine di trasmettere ai fi-
legato saldamente al Sinai, sicché que- gli d'Israele, quale norma vincolante, le
st\ùtimo, fin dall'antichità, dev'essere parole della torà che Dio gli aveva con-
stato considerato il suo monte, dr. Iud. segnato sul Sinai (I Q .2.2 4 s. [DJD r
5.4 s.; Deut. 33,2; Abac. 3,3. Qui egli 92 )). Con la conclusione del patto sul
rese noto il proprio nome (Ex. 3,r4 Sinai Dio si è «eletto un popolo per il
[E); 6,2 s. [PJJ, di modo che il com- tempo del suo beneplacito» (r Q 34 bis
plesso di tradizioni sul Sinai narra non 3,II,5 [DJD I 154]) 11 • Segni dell'elezio-
solo la consegna della legge, ma anche ne divina furono gli eventi che, secondo
l'autorivela2ione di Dio. L'intero I srae- la tradizione giudaica, accompagnarono
le l'accetta e la professa come un'espe- la consegna della legge presso il Sinai.
rienza fondamentale per la storia del po. Risuonarono tuoni fragorosi, guizzaro-
polo di Dio. Perciò, per i racconti più no lampi e dal cielo cadde fuoco che av-
recenti, la tradizione dell'esodo e quella volse di fumo ogni cosa. Il rimbombo
del Sinai rappresentano un complesso della voce di Dio che usciva dalle fiam·
unico in cui si narra come Dio ha chia- me riempl tutti di terrore (Philo, decal.
mato e guidato il suo popolo, e come gli 44-49). Mentre gli Israeliti soggiornava-
ha dato la legge. no al Sinai furono meravigliosamente
trasferiti in una condizione paradisiaca:
2. Nel giudaismo si parla spesso del- erano liberi da ogni malattia e da qual-
l'evento del Sinai 9 , in riferimento alla siasi sofferenza 12, persino l'ange.lo dell:l

-rò Iwa in Ex. 19,1 1.18.20.23; 24,16, {-tò) a


'Apa~laç 3po.;, XOtMi"r(l.I. Il\laLO\I. In Ecc/us
5poc; Iwa in Ex. 19,16; Leu. 7,38; :i,,1; 2 48,7 si dice che Elia al Sinai udl le ommoni-
Esdr. 19,13 e passim . Aquila, Simmaco e Teo- :tioni e all'Horcb le parole della vendetta. Co-
dozione si servono ddla forma I~\1(1.1., che ren· me indica il parallelùmus membrorum, Sin1i e
dc meglio il suono dd termine ebraico (Ex. Horeb sono usati qui con lo stesso sisnificu o.
19,11; lj/67[68],9). K> In uno scritto apocrifo tardivo, relativo a
7 ar. la valutazione critica delle varie ipotesi Mosè e di matrice giudeo-cristiana, è riportato
in Noni, op. cit. (-+ n. 1) 121-12,.
a Cfr. Nom, op. cit. (-+ n. i) u,.
9 Filone e Flavio Giuseppe nominano il Sinai
ampiamente il dialogo di Mosè con Dio sul
monte Sinai innalzato al ciclo. Clr. H. DuE.N-
SJNG, Ein Mousapokryphon: ZNW 49 ( 19,8)
solo quando seguono un testo dell'A.T.: Phi· 2Jl•2,8.
lo, rer. div. her. 2,1 in una dtl1ZÌonc di Ex.
ll F. N6TSCHER, Zur theologischen '·uminolo-
19,18 (cfr . XwpT)~ solo in som. 2,221: citazio-
ne di Ex. 17,6); Flav. Ios., ani. 2,264 s. (invc. gie der Qu111ran1exte: Banner Bib.1schc Bci-
trage lO (r9,6) i74.
cc di Horcb (Ex. p]), inoltre ont. 3,62.n s.
(consegna dcU. legge al Sinai); ani. 8,349 (in-
vece di Horeb [I &g. 19,8]); Ap. 2,2': Mosè
I?
1
M. Ex. 20,18 (78b); Lev. r. 18 ( 118a) a 1,.
s.; A .Z.b. 5a bar.; altri testi in SnACK-BIL-
giunse ctç -rt. µmt;ù Tiic; Al'(IÌ1t'tou lU1t Ti)ç LERBl!CK I ,94·'96; III 232 S.; IV 94J·
I:wli A 2 (0 . Becz) ( VU.;183) 230

morte non aveva più alcun potere su la tradizione giudaica, al Sinai la volon-
loro u. Infatti Israele doveva ricevere la tà di Dio risuonò in tutte le lingue, e
torà al Sinai come un popolo cli puri, in ogni parola che usciva dalla sua bocca si
cui non c'è macchia alcuna. Ma non ap- divideva in settanta lingue 11• I popoli
pena ebbero commesso l'atto di adorare pagani però rifiutarono obbedienza alla
il vitello d 'oro, «ritornarono nella loro legge notificata. Perciò, nell'interpreta-
imperfezione» 14• Secondo la tradizione zione midrashica, il nome Sinai fu va-
rabbinica tardiva, anche l'istinto cattivo riamente spiegato nel senso che su que-
era stato annientato mentre gli Israeliti sto monte i popoli del mondo si attira-
dimoravano al Sinai e Mosè annunciava rono l'odio di Dio (gioco di parole sino;
che Dio voleva donare loro la torà 15 • Es- / niitann..u ) ed egli li condannò 19• Solo
si potevano contemplare Dio, e lo splen- Israele riconobbe i prodigi di Dio e ac-
dore di luce che un tempo era stato con- colse la legge, per cui sotto un altro
cesso ad Adamo nel paradiso terrestre, punto di vista il Sinai andava interpre-
ma poi gli era stato tolto dopo il pctca- tato come monte dei prodigi (nissim) o
to originale, fu loro nuovamente conces- monte del segno (sémiiniz' = OìJ~tov),
so al Sinai(~ u,coll. I38 r s.). Peraltro, perché era diventato un segno propizio
esso venne poi loro ritolto quando pec- per gli Israeliti 20 •
carono adorando il vitello d'oro, e solo
in epoca messianica lo splendore della Poiché al Sinai si è manifestata la vo-
shekinà tornerà stabilmente 16 • lontà di Dio al suo popolo, questo mon-
La torà, che Mosè ricevette tra que- te per il pio giudeo è il più elevato e il
sti fenomeni, fu da lui trasmessa n Gio- più santo cl.i tutta la regione (Philo,
suè, da ques~i agli anziani e dagli anzia- spec. leg. 3,125, dr. vit. M os. 2 ,70: opo<;
ni ai profeti, e cosl via fino agli uomini ù"'1JÀO<C1.'tOV xat tEpÙ>-.Cl.'tOV 'tWV 'ltEpl
della grande sinagoga (all'epoca dì E- -ròv <01tOV), ma è anche il luogo della
sdra) e agli scribi (Ab. 1 ,1 ). Essa conte- presenza di Dio 21 • Quattro sono i luo-
neva tutta la volontà di Dio, che venne ghi della terra che, secondo I ub. 4 ,26,
esposta non solo nella legge scritta, ma appartengono a Dio: il giardino dell'E-
anche nella tradizione trasmessa oral- den e il monte d'oriente, il monte Sinai
mente 17• Israele accolse questa legge e il monte Sion 22 • In Iub. 8,l9 il giar·
del suo Dio per adeguare ad essa la pro- dino dell'Eden è detto il più santo dei
pria vita. In origine però la torà era de- santuari e la dimora di Dio, il monte
stinata anche ai pagani; perciò, secondo Sinai iJ centro del deserto e il monte
13 M. Ex. 20,19 (79a); altri testi in STIACI<· 19 1'anh. bmdbr ( BuBER) 7 a Nrmt. 1 ,1; Gltri
DtLLERBECK Ili 232 s . testi in STRACK· BILLERBECK 111 571 s.
u R. Jchuda b. Simon (ve1'$0 il 320 d.C.): 2'l Ex. r. 51 ( 104a ) a 38,21 ; dr. STJtAc K-BtL-
Num. r. 7 a 1 ,2; dr. STRACK-BtLLER.BECK t 595. LEllBECK lii 572.
15 Pes. f. 41 ( 174a); cfr. STAACK·BILLE.JtBECK
21 Cfr. Fbv. los., ant. 2,265: li6i;0tv rxe•v tv.
IV 939· O•OlTp{~ELV OlÒ'tcji 'tÒV bt6v, 3,76: TÒV &EÒV ÌV
ti Pes. r. 37a ; d r. StAACK-DILLERBECK IV 940. (lU"=~ OL(XTpl(!ELV.
17 Perciò quei dotti che conoscevano bene la 2l 11 Sinai viene cosl prcscntoto come monte
halaka talvolca erano chiamati anche Sinai; di Dio -+ vm, roll. 1342 ss. e VoLz, Esch.
Hor. b. r4a; d r. StAACK-BlLl-EIUIECK 1 719· 415. Ahri esempi desunti dalla storia delle
te Cosl già 111 bar. della scuola <li R. Jislunael religioni che provano l'idea che gli dèi dimo-
(t verso il IH d.C.), Shab. b. 88b; altri testi rassero sui momi si trovano nell'art. 8!"'c; -+
in StRACK-BILLUMCK n 6o4 s. v J1J, coli. 132 9 55.
231 (v11,283) l:wci A 2 • B 1 (E. Lohsc)

Sion il centro dell'ombelico della terra. B. l:wéi NEL NUOVO TESTAMENTO


Come il Sinai un tempo era stato il luo-
go deUa rivelazione di Dio 23 e la sede Nel N .T. il Sinai è nomin:ito solo due
del paradiso ripristinato, cosl, secondo
la visuale apocalittica, alla fine dei gior- volte in Act . e due volte in Gal.
ni Dio «tornerà nuovamente sul monte
Sinai, si manifesterà con le sue schiere e 1 . Nel
sommario della stoda d'Israe-
apparirà dal cielo nella forza della sua le tracciato da Stefano nel discorso di
pote112a» (Hen. aeth. 1,4). Secondo que-
sta attesa il Sinai diventa per antono-
Act . 7 la vocazione di Mosè è narrata
masia la sede della rivelazione, dove un sulla traccia di Ex. 3. Mentre però in
giorno Dio pronunciò la sua parola e LXX Ex. 3,1 s. si diceva che Mosè
<love tornerà a pronunciarla nell'escha- i)ya:yE\/ -CtX 'ltpO~CJ.-Ca. Ù1tÒ 'tTJ\/ epT)µO\/
ton. Questo monte tocca il cielo e rag-
giunge le profondità degl'inferi 24, unisce xa.L iiMtv ti.<; -rò i:lpoc; Xwrm~, dove
cielo e terra 2S. II monte dì Dio, che è incontrò Dio nel roveto ardente, in
più alto di tutti gli altri (Hen. aeth. 24, Act. 7.JO si legge: wq>&T) a.\m-;> È\/ Tfi
2 s.; 87,3), nell'ultimo giorno costituir-:i
ÉpTJµlfl -COU Cipovc:; :E~va ii"()'EÀoc; È\/ q>Ào-
il soglio di Dio, porterà l'albero della
vita e sarà trapiantaco «nel santo luogo, yt 7tviiC<; {3<i-cov, «nel deserto del monte
presso la casa di Dio, re dell 'eternità» Sinai un angelo gli apparve nel fiamman-
(He11. aeth. 25,3.5)"'. Cosl, nel tempo te fuoco di un roveto» 28 • Dopo aver li-
escatologico, monte di Dio e monte del
p:va<liso saranno riuniti in un unico luo- berato il popolo dall'Egitto e averlo gui-
go. Perciò nella tradizione rabbinica si dato attraverso il Mar Rosso, sullo stes-
dice che nell'epoca messianica Dio ra- so monte Sinai Mosè ricevette 'Miy~a:
dunerà insieme il Sinai, il Tabor e il
Carmelo e sulla loro cima edificherà il !;wvTc.t (--+ v1, col. 385), cioè la legge
santuario 27 • Se nella storia d'Israele il (--+ coli. 227 ss., dr. Deut. 32147), par-
Sinai e il Sion erano stati luoghi dell'e- lando con l'angelo {--+ vm, col. 8n
lezione divina, alla fine dei giorni sul n 209) 29 e fungendo da intermediario
monte santo d i Dio sarà visibile e palese
agli occhi di tutti la su:i sovranità sul fra questi e il popolo (Act. 7 ,38). Israe-
suo popolo e sul mondo intero. le invece nei confronti delle parole di
2J Cfr. anche He11. aetb. 89,>9.32 s. ?:o(µv~et. AUn domanda perché Dio parli a
24 Circo le concezioni dtl giud2ismo connesse Mosè proprio da un roveto, i rubbini hanno
alla roccia socra cfr. J. }EREMIA S, Golgotha, risposto: «Per insegnare che non v'~ luogo
Angelos-Beih . 1 ( 1926) 51.58. deserto senza la shekinà, nemmeno un rove·
25 Cfr. /est. L. 2,J· 5 e a questo riguardo J. 10" (Ex.' · 2 [68cJ). Cfr. STRAcr-Brr..1.uue:c.K
T. M1L1K, Le Teua111e11t de Uvi en Arantée11. Il 68o.
29 Il fauo che Dio non parli dircuamen tc ma
Fragment de la Grolle 4 de Qumrafl: RB 62
comunichi lo sua parola per mezzo di un an-
(19u) 398-406.
gelo SAlvli;uatda !JI maestà divina con un lin-
:?6 Cfr. } EREMlAS, op. cù. (-+ n. 24) ' "
guaggio rÌ\'cte nre, senza che la parola comuni-
n R. Rubcn (verso il JOO d.C.): Puik. 44b; ca1a perda di imporr:inza. CCr. anche Flav.
cfr. STltACK·BILLERBECK IV 930 s. Ios .. ani. 15,136: l)µWv lit 'tà. Jtd:},,k1.o"t a TW'V
21 Anche in Flav. Ios., ant. 2,i6 4 di Mosè si a
ooni<i"<W\I xaL .... ò<nWTa't(l TW\I tv "CO~~ \IO•
dice: t!d 'tÒ l:waEov xa)..ouµtvO'J éSpo.; éiyfL µou; liL'<iyytkwv 7tapèt. 'tOU &toiJ µa&6v-twv.
!wii B <·i (E. Lohse)

Dio mantenne un atteggiamento di osti- yap dO'LV ÒÙO ÒLa.l)i'pta.L, 11la. µÈv OC>tÒ
nata disobbedienza (Act. 7,39). In que- òpovç Ewéi., dç òovÀ.detv yevvwO'a., i'i-
sti termini di predicazione profetica, fat- 'tLçfo-rtv 'Ayci.p, «esse infatti (le due
ta per mezzo della storia, alla grandezza donne: Agar e Sara) sono due alleanze:
della rivelazione divina si contrappone l'una al mome Sinai, genera degli schia-
la terribile colpa del popolo disobbe- vi, ed è Agar» (v. 24). L'equiparazione
diente. Con questo modo di presentare allegorica di Agar con la OLath'pt.TJ del
l'evemo del Sinai in cui sono state co- Sinai (~ 11, col. 1082) è motivata con
municate le parole di vita della legge, il una breve frase incidentale: -.ò oÈ: 'A-
discorso di Stefano si ricollega molto da yap I:wéi. opcç fo·-rtv ÉV 'tTI •ApetBlq. (V.
vicino al tipo di predicazione storica giu- 2 5). È una spiegazione che crea gravi

daica. Probabilmente esso è stato de- difficoltà d'interpretazione, tanto che


sunto dalla tradizione giudaica e solo già nei codici antichi il testo è stato ab-
leggermente modificato dall'autore di breviato con ]'eliminazione del nome
Act. 30 • proprio 'Ayap per ricavarne un enun-
ciato più semplice 31 • In questo caso il
2. Paolo invece non avrebbe mai po- v. 25• si limiterebbe all 'indicazione geo·
tuto affermare che al Sinai sono state grafica che il Sinai è un monte dell'Ara-
pronunciate e affidate a Israele ÀoyLa. bia. Ma alla luce dell'intero contesto è
1;.wv-ra. (col. 232). Anzi, nell'allegoria difficile dedurre un senso soddisfacente
dei due figli di Abramo (Gal. 4,2r-31) da una notizia di questo genere 31 • Si do-
mette in relazione il Sinai con la schiava vrebbe completare l'incidentale nel sen-
Agar che concepì e partorì il figlio suo so che la collocazione geografica del
non OL!X -rijç btayy<Àla.ç, ma xa-riX monte Sinai - fuori della terra santa,
O'tXpxa. (v. 23---'> x,coll. ro36s.). L'im- fra po1x>lazioni assoggettate, di scendenti
magine allegorica è poi spiegata: a.v-.a.t da Agar" ·· proverebbe che Agar e il

JO Cfr. M. DlllEI.IUs, Die Rede11 der Apostel- Gerusalemme attuale». Nell'amico codice lati-
geschichte rmd die 11111i.~e Geschicbtsschrei- no d, !:wii è omesso, per cui la frase risul-
bung, in Aufsiitze wr Aposte!geschichte, FRL terebbe: «Ag:1r sig1)i fic3 monte in Arabia>>.
60' (1957) 145 s.; H. THYEN, Der Stil der iiid.- Turrnvi3 quesra varfonte, che 13-0ussET, Schr.
be/I. Homitie, FRL 65 (r9u) 19 s.; HAEN- N.T. I!, 11d l. preferisce, non può essere rite-
a-!EN, Apg., a 7,2·'3· nuta originaria pc~ché troppo debolmente at-
3
' P" S C F G 33 lat Or sah e altri hanno la testata.
lezione 'tÒ li~ (oppure yàp) favù. opoç ÈO''tt\I
12 Cfr. OEPKE, Gal.', ad l.: «La breve frase è
iv -tji 'Apa.~lq.. Cfr. ~ MussNER 56-6o, che assolmamente inaccettabi le come puro dato
si attiene a questa variante da lui considerat3
geogufico». Tuttavia vedi sopra (-> n.31) la
originaria: «11 v. 25 .. va ritenuto una osserva-
spiegazione tentata dal MussNER.
zione geografi~a incidentale, che però è ne-
cessaria se dev'essere possibile la linea alle- l3 Cfr. Ps. RJ,6 s.; r Chron. 5,19. Alrri tesri in
gorica che da Agar, tramite il Sinai, arriva alla cui si fa derivare !'Arabia dalla schiava Agar
I:w« B 2 • C (E. Lohsc)

Sinai sono in rapporto tra loro><. Tutta- non ha più valore nella Gerusalemme
ia tale correlazione logica non è accen- superiore, nella quale vivono i figli della
nata da Paolo e a stento potrebbe essere donna libera e in cui regna la libe rtà
suggerita dal testo abbreviato. Invece è (vv. 26- 3 r). 1; cosl portata a compimen-
meglio lasciare il nome 'Ayap al v. 2 .5" to la frattura con la tradizione giudaica
e tradurre: «il nome Agar invece signi- ed è abrogata la legge del Sinai; Cristo
fica il monte Sinai in Arabia». Con que- infatti è la fine della legge (Rom. xo,
sta frase si spiega quindi l'equiparazio- 4)11.
ne allegorica premessa», che poi è am-
pliata con un terzo elemento: crucri:o~xt~ C. l:wii PRESSO I PADRI APOSTOLICI
òè i:fi vuv 'fapovcraÀ.1}µ, òovÀ.Evt~ yàp
Tra gli scritti dei Padri apostolici so-
p.E't"à. 't"WV i:Éxvwv av'tijc;, «Corrisponde lo la Lettera cli Barnaba menziona il Si-
alla Gerusalemme attuale, che è schiava nai. Due volte il nome ricorre in cita-
coi suoi figli» (v. 25b), cli modo che si zioni veterotestamentarie. Bam. u,3 in
una serie di testimonia cita Is. I 6,1, ma
ha Agar = Sinai = Gerusalemme attua-
presenta un testo leggermente diverso
le 36 • Questi elementi sono collegati e dai LXX: µiJ 1tÉ1:pa. ~P1Jµ.6c; lCT'ttv -rò
posti in reciproca correlazione dal fatto opo<; ..ò étyc.Ov µov l:wéi.;) «è forse una
che di tulti si può predicare la condizio- roccia deserta il Sinai, mio monte san-
to?»; in Bam. 14,1 si polemizza çontro
ne di schiavitù. L'alleanza del Sinai co- il patto concluso con Israele e si affer-
munica cosl una legge cli servitù che ma çhe Dio ha bensl concesso il patto al

sono stati raccolti da H.]. ScHOEPS, Aur friih- oscuri». Chiaro è peraltro che il v. 2J" dovreb-
hristlirhcr Zeil (1950) 26 s. be offrire una motiv:ttione dcll'idenii6cuione
Cfr. ScHLIElt, Gal., ad l. allegorica di Agar col Sinai, motivazione che
s Per spiegare questa mmivazione non più per noi non è più pienamente afferrabile.
·hiara si è detto che lv 't'fi 'Apa~!q. potrebbe 36 L'ar><>ealittica giudaica conosce una connes-
sse1·c inteso nel senso di U.pa.~tn'tl e che la sione tra Sinai e Sion e~ coli. 230 s.). Mentre
parola ara ha }Jadiar ( piet1a, roccia) riecheggia però ncll'apocnlinica tale connessione esprime
agar (-+ I, coli. 147 ss.; cfr. Ol!PKE, Gal. e la s3nti tà Jel monte di Dio, per Paolo il Sinai
iSCHLIER, Gal., ad I.). i': senz'altro possibile che non è la sede della rivelazione di Dio, e l'e-
vi possa essere alla base un'etimologia popo- quip3razione Sinai = Gerusalemme accuale in-
are filologicamcnce indiscutibile. Si è penino dica che la legge r~nde schiavi.
tentato di risolvere l'enigma ricotrendo alfa 11 Senzl citarne il nome, nella Lcncra agli
cmatria: NYN IBPOYL\AHM ( = 1364) - Ebrei ci si riferisce :altre due volte al Sinai:
AP l:lNA (:: 1365); dr. LIETZMANN, Gai., Hebr. 8,5 si ricollega a Ex. 2JAO per presen-
d l. Tuttavia finora non è suto possibile tro- rnre il com3ndo divino a Mosè: itoL'i}O'E<c; itciv-
vare una spiegazione veramente soddisfacenle 'tGt xa"èt. 'tÒv 'tVr.ov 'tÒV lìt<x»i!v'ta. O'OL tv
e non si può non acconsentire a ScHLIER, 't~ 5pt~. In Hebr. 12,18-20 ci si riferisce ai
Gal., ad I. quando dice: «Pcrcìò, a mio avvi- terribili fenomeni che accompagn.~rono la con-
so, non si può evitare cbc il senso esatto della segna della legge per conuapporrc il passato
breve fr:sc e quindi la motivazione e l'occa- :ù presente: ltp~O'EÀ.1)).u~(l'tE Mv apu x.a.t
sione che permettevano a Paolo di collegare '!:éÀ.n D1oii !;wv'toç, 'IEpouO'a).:1'1v faoupa~
Agar con la dùuheke del Sinai, rimangono ( v. 22).
237 (vu,z85) :Ewii. C (E. Lohsc) - cnvcx1tL 1 (C .-H. Hunzingcr) (vn,>86) 238

popolo, ma questi a motivo del suo pec- che s'infransero. Quindi Mwi.iaiiç µ.Èv
cato non era degno di riceverlo (~ col. O..a:(3ev, (.(u-.ot oÈ oux È'(ÉVOV'tO lil;LOL,
229). A dimostrazione di questa tesi «Mosè (lo) ricevette, ma essi non (ne)
vengono riportate altre citazioni vetero- furono degni» (v. 4). Infine l'ampia po-
testamentarie che s'iniziano con un ri- lemica a proposito del sabato giudaico
chiamo a Ex. 24,18 : w:xt ijv Mwvoijç si apre con la constatazione preliminare
VT]O"WJWV Èv ope~ :Ewa, 'tOV À.a:{Mv che il comandamento del giorno di ri-
'tTJV 0La:M1xriv xvplov rcpòç -.òv À.a:ov, poso era una delle r o parole che Dio
'ijµÉpa:ç 'tE<raepaxov't"a: xa:t vux'ta:ç 'tE<T- personalmente diede a Mosè sul monte
vEpaxov-.a., «Mosè per quaranta giorni Sinai (Bam. 15,1). Mentre, però, i Giu-
e quaranta notti digiunava sul monte dei hanno compreso in modo errato il
Sinai per ricevere il testamento del Si- comandamento del Sinai, esso è giunto
gnore per il popolo» (Bar11. 14,2) 38 . al suo vero compimento nel riposo esca-
Quando, però, nello scendere dal monte, tologico che la comunità riceve nella ce-
Mosè vide l'empietà del popolo, scagliò lebrazione domenicale (Barn. 15,1-9).
via dalle sue mani le tavole della legge, E . LoHs~

t crlvam

~ xéxxoç v, coll. 725 ss. di incerta derivazione, è stato accolto in


greco sotto varie forme 1• In età classica
J. -.ò alviim, la senapa, barbarismo è attestata solo la forma -rò véi.rcv (Hip-
Cfr. anche I Clem. 53,2 e Barn. 4 ,7, dove,
.l8 grafia generale riguardante le parabole di Ge·
senza menzionare il nome Sinai, si ricorda che sù : K. W.CLARK, Tbe Mustard Plant: Clossi-
Mosè stette 40 giorni e 40 notti sul monte. cal Weekly 37 (1943/44) 81-83; c. MASSON,
c(vcxm Les paraboles de Mare IV ( 1945) 45 s.; N. A.
Per r : DAill., Tbe Parab/es o/ Growth: Studia Theo-
A. STEIEI\, art.'Scnf', in PAULY-W., S u ppi. 6 logica 5 ( 195 1) 132-166, spedalm . 147 s.; O.
( 1935) 812-8 17; W. JAEGER, Diokles von Ka- Kuss, Zur Se11fkomparabel: Thcol. und Glau-
rystos (1938) 96-100. bc 41 ( r9_i1) 40-46; fo., Z"m Sinngcbalt des
Per 2 : Doppclgleichnisses vom Senfkorn 1md Sauu-
STMCK·BILLER.BECK r 668 s.; I. Li:\\v, Die flo- leig: Biblka 40 (1959) 641 -653; C. E. B. CRAN-
l'!ELD, Message o/ Hope: Interpretation 9
ra der ]t4den I (1928} 5c6-~27; DALMA.'4, Ar-
beit 11 ( 1932) 293 s. ; H. N. MoLDENKE - A. L. (1955) r50-r64, specialm. 162 ss.; W. G. KUM -
MoLDENKE, Planls of the Bib/e (1952} '9-62; MEL, Verheissung "nd Er/iillung, Abh'fllANT
K. E. WtLKEN, Bib/. Erleben im Heiligen Land 6' ( 1956) 122-124; R. SCHNACKENBURG, Gol/es
I ( 1953) ro8 s. Herrscha/t tmd Reich ( 1959} 98-109, spedalm.
Per 3a: 106 s.; E. FucHS, ZtJr Frage nacb dem bislo-
A. SCHLATTER, Der Glaube im N.T.' (x927} rischen Jesus, Gesammehe Aufsauc II (196o)
1 05-125; G. EBELING, Jesus und Glaube: 287-29r.341-_348; F. MussNER, r QH und das
ZThK n ( 1958) 64-uo, soprattutto 90-93. Gleichnis vom Senfkorn: BZ, N.F. 4 (196o)
Per 3b: 128-130.
oltre ai vari oommentari ad l. e alla biblio- 1 L'elemento mobile <n· (vii.nv/o-lvcxm), romc
239 (VII,286) u(va.m 1 (C.-H. Huminger)

pocr., morb. 3,r5 [Littrévn 142]; mul. .533) ed ii cri.vo.m.ç (Herodotus Medicus
r, r 3 (Littré vm 52]); vict. 2,54 [Lit- [sec. 1/n d.C. )) 7. Non è raro che pres-
tré VI 558]; Aristoph., eq. 63r; Eubu- so un medesimo autore si trovino l'una
lus (sec. IV a.C.), fr . 19,1 (C.A.F. II accanto all 'altra varie forme 8 • I noltre
r7 r ); Theophr., hist. plant. r,12,r); si da O"L\IC7.1tt è derivato awanll;w (Xenar-
riscontra però anche in autori meno an- chus [sec. rv a.C.], fr. 12,2 [ C.A.F. II
tichi, soprattutto presso gli atticisti 2, 472]) probabilmente nel significato bur-
per es. Antillo (sec. 11 d.C.) in Oriba- lesco di far viso brusco, agro 9 , più tardi
sius, collectiones medicae 10,13 (CMG attestato come termine medico nel sen-
VI 1,2 PP- 55-58) (13 volte); Pseud.- so di fare impiastri di senapa ("tt, sopra
Luc., as in. 4 7; inoltre in casi sporadici una parte ammalata) [ ~ col. 241] in
abbiamo la forma secondaria "tÒva1tEt.0v Antillo(~ col. 239) (9 volte]; O"t\lct·
(Nicand., alexipharm. 430) 3 • Tuttavia moµoç, impiastro di senapa (Antillo,
anche "tÒ cri.vam è attestato fin dal tardo ibid. [5 volte]; Soranus [sec. u d.C.],
sec. IV a.C. (cfr. ~col. 240) in Anaxip- gynaecia 3,28,6; 44,5 [CMG IV II 1,
pus, fr. I,45 (C.A.F. m 297); P. Mich. 29; 123,26]). Presso Theophr., hist.
1 72,9 (sec. lii a.C.); P. Tebt. III 1093, plani. 7,1, 1 s. la senapa è classificata fra
9 (sec. II a.C. ); I 9, 13 .18; 11 ,9 (entram- i Mix;ava (7 ,1,r: 1tEpt "tOV À.ax;avW-
bi del 119 a.C.); inoltre "tÒ 11lv11.1tu in ocuç) e precisamente tra quelli che ven-
Diocles (sec. IV/III a.C.) 120,3 •; Ze- gono coltivati (~µEpa, distinti da quel-
non-Pap. Cairo 5 ,59608,31; 59703,12 li selvatici = 8.yp•a) e si fanno cre-
(entrambi del sec. m a.C.); "tÒ 11ivnm scere negli orti (XTJ1tEVOµEva ). Anche
in Diodes 141 6; Diosc., mat. med. 2, secondo Plin., hist. nat. 20,236 la sena-
154,1; più recentemente anche 'l'Ò alvn- pa va annoverata tra le piante coltivate
nu in Nicand., Jr. 70,16; 84; talvolta (in sativis ), ma non abbisogna di nulla
anche ò cri.\IT]'ltU<; (Nicand., alexipharm. cultura, quoniam semen cadens proti-

nel caso di <Tap~/ulnapov e uiì4<Ti<TEÀt.e,, sem- 5 Ed. C. C. EocAR, Zenon Papyri IV, in Cata·
bra indicare una derivazione egiziana; manca logue Général des A11tiq11i1és f.gyplienn es d11
~rò la prova di un'equivalente termine io egi- Musc!e du Ct1ire 90 (1931) 59.l 33.
ziano. Recentemente si è supposta un'origine ~ Ed. \XIELLMANN, op. cit. (-> n. 4 ) 184,1 _1:
austroasiatica. Cfr. WALDE-HOFMANN' Il 142 s., inoltre Diodcs, ep. prophylactica i.3 (cd. ->
s.v. napus; 11 J4I, s.v. sinapis [E. R1scHJ. } AEG(R i 6,12.3 1).
Circa la presenza simultanea delle varie forme 1 Ed. R. Fucrrs, A us Thcmisons W crk iiber
cfr. ~ }AEGER. Jie acute11 und cbronische11 Kra11kheite11:
2 Phryo., ed. 2,55: ulva.n• ov ì.ex-rfov, vii.nv Rhein. Mus., N. F. 58 ( 1903) 88 (p. 30 ree·
Si. Cfr. Athen. 9,2 (p. 367a): OVOEÌ.<; o"A-r·n- I<' 2); ident ificato çon Erodoto Medico do
XW\I O'lvo:nv ~<l>'Tl (bensl vii.mi); Plin. (che M . WELLMANN. Herodols \'Verk IIEpÌ -rwv
scrive sempre sinapi), hist. nat. i9,l 71: Atbe- él;Éwv xat xpovlwv voo"r1µa-rwv: Hermes 40
11ienses napy appellaverunt. ( l905 J 58o-6o4; Io., Z11 Herodots Schrift Ilt-
J Cfr. ora anche va[ n)lov (genitivo): P. Oxy. pt -rwv Ò~Éwv xal xpovlwv voO"l)J.ld'twv:
xxiv 2423 recto (sec. 11/m d.C.).
Il 2 Hermes 48 ( 1913) r41-143.
4 Ed. M. WELLMANN, Die Fragmente der sike- 8 Diocle -> col. 239; Nicand . -> coli. 239 s.
lischen Art.te Akron, Philistion und des Dio- inoltre -rò <TlVl)m io Nicand .. theriaca 878;
klcs von Karystos (1901) 167; ma ~ }AEGER An1jllo -> col. 239; ma '!Ò ulv'l)m (var. <Tl-
a questo riguardo ritiene trattarsi di un errore va.r.<) ibid. 10,13,18.
della tradizione (per un originario <TlV'l)m) ; 9 Cfr. Aristoph., eq. 63 r : xlif3M<!iE •1iinu, xa.l
tuttavia cfr. -> col. 240 e n. 8; cfr. inoltre -rò. µi-rwr.'~vÉ(T'lt(lqEv, «ed egli guardò aspro
Athen. -> n. 2. e corrugò la fronte».
2.p (vH,287) aivant l · 3 (C..H. Huminger)

nus viret (ibid. l9, I70). Oltre ai semi, il cesto sia pieno di semi di senapa: in
che erano utilizzati per aromatizzare e questo caso sarà nazireo per tutta la vi·
condire 10, si mangiavano anche le foglie hl» (Naz:ir. 1,5). Ancor oggi un prover-
bollite 11 , come verdura. Infine la sena- bio ::ir::ibo dice: «Dalle mani dell'avaro
pa era considerata un valido medicinale non cade un solo granello di senapa» 15 •
per le più svariate applicazioni 12• I testi dcl tardogiudaismo in genere non
fanno notare che la pianta di senapa di
2. Nell'A.T. non si fa menzione della norma raggiunge una grandezza ragguar-
senapa, benché dalla letteratura tardo- devole. Non sono da prendere sul serio
giudaica si possa dedurre che essa (in e- - come prova il contesto - alcune iper-
braico hardal, in aramaico l;ard'la', in boli che intendono dimostrare la ferti·
arabo chardal) era molto nota in Pale- lità della terra di Palestina e descrivono
stina ( - n. 10). Secondo la Mishna non anche piante di senapa straordinaria-
era considerata solo una pianta da orto mente grandi, per es. Pea j. 7,4 ( 2ob
(diversamente - coll. 240 s.), ma ve- I 3 s.); «R. Shimon b. Halafta (verso
niva coltivata anche nei campi (Kit. il 190 d.C.) disse: 'Possedevo una pian-
3,2; dr. 2,9) 13• Era coltivata sia per i ta di senapa nella mia proprietà e mi
semi (T. Maas. 3,7(84)) sia come ver- sono arrampicato su quella come si sa-
dura (ibid.; T.KiJ.2,8(75)). Non ab- le in cima ad un albero di fico'» 16•
biamo invece prove di un uso farmaceu- Tuttavia ancor oggi nei pressi del lago
tico 14 • La piccolezza del seme di senapa di Genezaret la pianta di senapa rag·
è proverbiale. Alcune norme di purifi- giunge dai due metri e mezzo ai tre me-
cazione, per illustrare come anche una tri di altezza 17 •
minima quantità di un oggetto abbia ef-
fetto contaminatore, usano il paragone: 3. Nel N.T. crivci,m ricorre solo in
«anche se è grande come un granello di
senapa» (Nid. 5,2; cfr. Ber. b. 3ra). Un due brani della tradizione sinottica: nel-
altro esempio: se qualcuno ha fatto la parabola del seme di senapa (Mc. 4,
voto di nazireato (di 30 giorni) «a cesto 30-32; Mt. 13,3r s.; Le. 13,r8 s.) e nel
pieno» - cioè di osservare il nazireato
logion della «fede come un granello di
tante volte quanti sono gli oggetti che
un cesto può contenere - , «si consideri senapa» (Mt. r7 ,20; Le. 17,6). In am-
allora (quale possibilità più rigorosa)~~ bedue i casi l'accento sta sulla pochezza

'° Nicand., fr. i 0,16: CT'lt~,:>µcr:w. 't'ÉVoi:lxvo\I· 239).


crwi)nvoç. Cfr. -~ n. 9. 01.tr<:: alla senapa
't"<I ·~ Alt. f),31 (à.yp6ç) rispecdiia quindi una si-
egiziana talvoha si ricorda <x>me p arckolar· ta:1zio~c palestinese; Le. r>, 19 (xi)r.o<;) invece
mente acre quella sil'iaca, dr. Antillo in Ori- una non palestinese.
basius, collec1io11es medicae 10,13,12 (CMG " Mu ~ DALMAN ne conosce l'uso nella Pa-
VI l ,2 (pp. 57 ,I S. ]). lestina moderna.
11 Plin ., hist. 11a1. r 9,171: cow11111r et foli<1,
' 5 Secondo ~ Low 522.
sicut reliquorum olemm. 10
Riportato con l'intero contesto in STRACK·
IZ Già in Hippocr. , morb. 3,15 (LI'TTRÉ vn l31LJ.F.IIBECK 1 6,6 s.: cfr. inoltre Ket. b. u1b
142); mul. r,13 (LITTRÉ VIII 52) . Dettagliate ( in STRACK· BILl.ERBECK l 669).
indicazioni in Plin., hist. llt/.t. 20,236-240 e J1 .... DALMAN ; cfr. - WILKEN che afferma
passim; Diosc., mat. med. 2,154; in panico· di aver osservato volatili cercare l'ombra delle
lare sulla ptepara-tione e applicazione di un {;randi foglie. Comunque gli uccelli sono ghiot-
crwam.<l"µòç vedi Antyllus, op. cit. (-.. col. t i di semi di senapa, cfr.-.. MOLDENKE 6r .
al\ICl.TtL 3a (C.-H. Hunzinger) (vu,288) 244

del seme di senapa, proverbiale in Pale- d'albero» (J A): 'tWV 'TE..• À<X)(<XVWOWV
&tina (~ coll. 241 s.). In Mc. 4,30 ss. EVLct ••. OLo\I oÉvopou <pvaw E)(O\l't(l yivE-
't<l~, «Certi erbacei. .. crescono come se
par., inoltre, per contrasto con la parvi-
avessero natura d'albero» (ibid. ), donde
tìi dcl seme di senapa si descrive la gran- il concetto <li lìtvlìpo>...6.xava, «erbaggi
dezza della pianta. arborei» (ibid.) 21 • La definizione s'adat-
ta perfettamente alla pianta di senapa
La descrizione della vigorosa crescita (~ col. 242) 22 • Il confronto rimane
sembra, ad alcuni interpreti, non conso- dunque nell'ambito del reale"· Pi ù esat-
na alla pianta di senapa. Perciò si è par- tamente pare ci si riferisca aUa senapa
lato della salvodora Persica ( L .) 11 che si =
nera (sinapis nigra [ L.] brassica nigra
trova sporadicamente anche in Palesti- [Koch)), alla quale si adatta molto be-
na e in arabo è chiamata anch'essa char- ne la caratteristica di avere semi straor-
dal. Non si può tuttavia provare che in dinariamente piccoH, anche se non i più
aram:1ico il termine ~ard'/o' potesse in- piccoli in assoluto: ne occorrono 725-
dicare entrambe le piante, ciò che è sicu- 760 per fare un grammo 24 •
ramente escluso per crlvam. Inoltre tale a) Il detto della fede che compie mi-
pianta è di grandezza comune 1' e perciò
non è termine adatto al confronto 20 • cr(. racoli è rramandato dai sinouici in tre
va:m in Mc. 4,30 s. è espressamente clas. formulazioni diverse: Mc. u,23 (par.
silicato tra i À.axava. Che l'arbusto alla .M1. 21,21); M1. 17,20; Le. 17,6.
fine cresca fino a diventare un oÉvopov
(Ml. 13,32; Le. 13,19) non è formula- Il contesto è diverso per ciascun au-
zione erronea. Anche Thcophr., hist. tore ed è evidentemente secondario: in o-
plani. 1,3-14 nel classificare le piante os- rigine si trattava di un logion trasmesso
serva che alcune assumono proprietà isolatamcnte 25 • La seconda parte in Mt.
non loro e, per es., alcuni :>..cixttva cre- 17,20 parla della montagna che si spo-
scono tv axli11a·n otvopwlìn, «in forma sta 26, in Mc. u,23 della montagna che si

" Il primo fu ) . F. RonE, O" the Id1:n1ifica- fica albero, anche la pianta della senapa. Si
tion of the M11slard Tree of Scripture: Jour- tenga presente che di solito in Palestina gli
nol of the Royal Asia tic Socie1y 8 ( 1846) IJ 3· alberi non crescono molto alti.
137; recentemente (almeno per la redazione 2l Del rcsro il termine otvopov non sembra
lucana) LOHMEYER, Mk., ad I. Decisamente rientrare nel materiale originario della parabo-
contra.r io invece }iiLICHER, Gi. ]esu n '75 s. la, infaui manca non soltanto in Marco ma
N Inoltre i suoi semi non sono affartO piccoli; and1e nel V::tngelo copto di Tommaso (-+
quanto afferma Lc>HMEYEll, Mt., ad I. non cor· n . u).
ri~ponde o realtà, dr. -+ MOU>ENKE 6o. i• Secondo -> Uiw ,2r.
lO L SZJMO.'llDESZ, Eir.e Rekomtruktion de1 25 In Le. 17,6, benché sia ora introdotto dal
er.fkorngle1chnisses: Nieu"' Theol. Tijtlschriii v. 5, •i trova isolato dal conresto. In Mt. 17,20
26 (r9.J7) r28-r55, pertanto sostiene - del tut- è stato inserito solo da Matteo nella pericope
10 arbitrariamente - l'ipotesi dcl fico indiano del fanciullo epilettico, come prova l'origina-
(ficus Bengalensis) che in effetti raggiunge no- rio Mc. 9,14-29. Mc. rr,23, già collegato ai vv.
tevoli proporzioni: <avremmo cosl messo in 24 s. dalla tradizione orale (il v. 25 esce com-
luce un altro rapporto fondamentale tli Gesù plctamcnlc dalla presente cornice), potrebbe
col buddismo• (ibid. I5.J)! essere stato accostato appunto da Marco alla
li Cfr. -+ CLAu. maledizione dcl fico.
22 Secondo DALMAN, Arbeìt r 2 (1928) 369 s. 26
Pare che a questa redazione si riferisca an.
gli Aubi chiamano sbadiara, che per sé signi. che I Cor. 13,2: x!v lxw nfufcr.v -d)v 11!crnv
245 (vn,288) <Tlvcxm 3n·b (C.-H. Hunzinger)

getta ;11 mare, in Le. r7,6 del gelso che fede srraordinariamente grande, già la
si trapianta in mare. Tra queste, l'incon- fede più povera gode della massima pro-
sueta formulazione di Le. r7,6, di cui è
difficile spiegate l'origine secondaria, è messa. La problematica circa un diverso
quella che più delle altre ha probabilità grado di fede è trascurata a favore della
di essere originaria; Mt. 17 ,20 potrebbe questione radicale riguardamc la fede o
essere un adattamento, molto antico, a
l'incredulità JJ. Dove vermncnte esiste,
un modo cli dire comune 21 , oltre che
una gradazione (albero/monte}. e Mc. la fede non s'interessa della propria
r r ,23 potrebbe rappresentare una com- grandezia. La fede si dimostra raie pro-
binazione delle altre due redazioni; tut- prio perché non guarda se stessa, m:1
tavia il giudizio a questo riguardo non
può essere definitivo 23 • Invece la descri- sohanto Dio: poiché lascia che sia Dio
zione della 7tl<T·rn; in Mc. n ,2 3: oc; liv ad agire, le diventa possibile anche ciò
... µ1} &axpd)ii Èv TD xapolq. airrou ò.À.- che è impossibile. Sotto questo nspetto
o
>..à 'l'M"tEVTI 0-n Àa°M:i: ylvf"t"<XL, «Se il collegamento prcmarciano (-> n. 25)
uno ... non dubiterà in cuor suo, ma cre-
derà che quanto dice avvenga», è evi- <lei nostro logion in .Mc. II ,23 con lo.;ia
dentemente una variante, un'interpreta- riguardan ti la preghiera (vv. 2-1 s.) è giu-
zione secondaria della formulazione mol- stificato dall'argomento ·11 ; anche Ml . xi,
to più audace di Le. 17,6 e Ml. 17,20:
20 corrisponde all'accenno alla preghie-
tàv €xnn (Le.: st tXE•E} 7tLO'"'t'L\I wc;
xoxxov <Twar:Ew:;, «Se aveste (Le.: se ra di Mc. 9,29. L:! fede <li cui parlu il
nvete) fede quanto un granello di se- nostro logi<in trova b sua espressione
napa».
nella preghiera che affida ogni cosa a Dio
«Granello di senapa» in questo con- (~ x, col. 425).
testo serve unicamente a indicare la più
piccola quantità 29 : non si richiede una b} La parabola del granello di senapa,

WO"tt opT) µelhcri:ava~. Cfr. inoltre la tradi- 28 Qunsi osni commenrario propone una solu-
2ionc autonoma nel Vangelo copto di Tomma· :ionc divcn;a. -+ EllEL.INC 92 ricicne Mt. 17,
so, logio11 49 (numerazione e veuionc secondo 20 re<bzione originaria; ma come ne sarebbe
J. Lr.11•0LOT, Ein neues El'a11geli11m: 111LZ 83 derivato Le. 1 ì.6?
[ 1958] 4S7: testo copto in P. LABJD, Coptic =~ L'interprcta7ion~ delrcspres~ione proposta
G11mt1c P11pyri i11 tbe Copric M uscum at Old <l> Lo11~11:vr.Jt, Mr., ad I. è inserita nel nom-o
Cairo t ( 1956) plate 89,24-27): «Quando due logion p•rtendo da.Ila parabola del granello di
fanno pClC'C tra loro nello ste<sa cosa, diran- sen~ptt .

no ali• montagna: 'Volgiti '', ed essa si volge· ;J 6Àq•oT:LO'"t"(et di Mt. l7,2d' (solo qui nel
r?i». Un'alt ro v•ri~zione si trova nello stesso N.T.) dovrebbe essere un'attenuazione dell'o.
Vangelo ol logio11 103. rigin;uin var. à:rtt.a"tla e ciò per rispetto dcl
11 Testi in STRACK-B ILLF.RnECK 1 759; cfr. an- d iscepol i. Annlogumeme, per es .. :mene il <lu •
che l s. H,10. Potrebbe essere che 1 Cor. 13,2 ro intcrror,otivo ai discepoli r.w; oùx fxt-i:t
ed eu. Thom. 49.103 (~ n. 26) abbiano fatto 1tl~i:w; (Ak 4.40) - variamente correuo nel·
proprio questo uso proverbiale indipcndcnrc· la stessa tradizione testuale del 1»sso m•rcia·
memc dalla tradizione sinottica. Cer10, fuori no - in MI. 8,:6 è staio ancnual<> ndl'allocu·
del N.T. «5pos1are le mont•gnc• non è mai tivo o).~yoma-:01..
messo in relnione con la fede. li Cfr. -+ ScHLATTElt. 117 s .
a-lvam. 3b (C..H. Hunzinger)

che nelJa tradizione di Mt. 13,31 s. e sto contrasto 36 è il tratto determinante


Le. 13,18 s. è collegata a quella del lie- della parabola n. L'attenzione non va
vito e fa coppia con essa, fu in origine al processo di crescita, quasi per descri-
tramandata isolatamente, come è prova- vere la progressi va diffusione del regno
to da Mc. 4,30-32 e confermato dal di Dio o della chiesa 31 ; sono invece po-
Vangelo copto di Tommaso 32 • La forma sti in contrnscante confronto b piccolez-
della parabola è variamente tramanda- za e la grandezza. Non si può però nem-
ta 33 : Marco descrive un dato d i fatto, meno d ire che l'interesse sia rivolto an-
Luca narra un processo 34 , Matteo com- ziturro allo stad io finale d ella grandezza,
bina le due forme; il Vangelo d i Tom- quasi si volesse descrivere la grande-an
maso appoggia la forma marciana e co- sbalorditiva della ~acn).c(a futura 39 :
me Mc. sottolinea il contrasto fra la pic- sotto questo aspetto è difficile che gli
colezza del granello di senapa e l'impo- ascoltatori di Gesù avessero bisogno di
nenza della pianta che ne deriva 35 • Que- un insegnamento 40• L 'interesse della pa·

n Nel Vangelo copto di Tommaso (-> n. 26) tbe Kingdom' (1936) 190.
fa parabola del granello di senapa ricorre co- J7 JUEMIAS, Cl.' (1958) 127-130; dr. gi~ ].
me logion 20, quella dcl lievito come logion Werss, Die Predigt Jesu vom Reicbe Go11u'
93. (1900) 83; inohre per es. -> KiiMMEL, -+
11Cfr. ÙJMMEVER, .M1., ad I. SCHNACKENBURO, .... FuCHS )42 ; bibliogrofin
3'I Nella redazione urilizzata da Luca nbbinmo rncno recenre in-+ KOMMEL 123 n. 94.
forse un adauamento secondario alla formu- 34 Fautori di quesra ipotes i un tempo molto
lazione dello parabola del lievito? I vv. 19' e diffusa, che risulta inadeguata (-+ 11, co!J. 181
2 l• si corrispondono perfeuamenrc. ss.) pcrc.h é considera la f3cx<rtMla una enritù
3S ev. Thom., logion 20 (secondo LEIPOU>T, che si sviluppa a poco a poco, sono dencati
op. di. [-+ n. 26) 485; testo copto in LABIB, da -+ KOMMEL II9 n. 79; 123 n . 93; cfr.
op. cii. [-> n. 26) 84,.26-33): cI discepoli chie- inoltre -+ Kuss, Si1111gebal1 653: «Il regno di
sero a ~ù: 'Insegnaci a che cosa è simile: il Dio quindi 'cresce', c'è una specie di 'progres-
regno dei cicli'. Egli disse loro: 'E simile a so'. uno 'sviluppo' fino a uno stadio finale,
un granello di senapa. (Esso è) più piccolo di che si distingue notevolmente dall'inizio poco
rutti i semi. Ma quando cade sulla terra che appariscente ...,., «visibile anche nella storia
si coltiva, fa spunure un gran virgulto e di- cleUa chiesa». Come esempio panicolarmente
venta riparo agli uccdli del ciclo'•. t impos· drastico citiamo F. }EHLE, Senfk.orn und Sau-
sibilc dimostrare una dipendenza del Vangelo erte1g 111 dcr /ieiligen Schrift: NkZ 34 ( 1923)
di Tommaso da uno o p iù sinottici; abbiamo 7 1 1·7 19, il quale vede nella racco ha di para-
invece una tradi7.ione auronoma, cfr. C. H . i X> le di Mt. r3 un «sommario della storia del·
UNZINGEK, A11ssersy11op1iJches Traditionsg11t la ch iesa di Gc~ì1 Cristo» (716) e daUa nostro
im Thomas-Ev.: ThLZ s, (1960) 843·846; in- parabolo dt'llu~e: «11 grane!Jo di senapa ha bi·
vece secondo L. Cl!RFAUX, Les paraboles du sor,:io di tempo per diventare un grande al-
Rqyat1me dans l'«Evangile de Thomas•: Le bero» (7r7). Ma è proprio ciò che la parabola
uséon 70 (19n) JII s. qui si ha una di~n­ non vuole dire.
denza da Mc. !9 La descrizione della grande pianta rammcn-
Anche se Luca non souolinca il contrasto, ra El. 17,22 s.; J t ,>·4; Dan. 4,17·r9; cfr.
a scelta del seme di senapa come termine di Dooo, op. cii. (-+ n. ,36) 19(>; ora dr. anche
rsgone della par~bo.la indica in modo con- i QH 6,14-16 e-+ MussNF.R.
incente che questo contrasto è voluto fin dal- 40 Giustamente rilevato da .... FucHs 288 s.;
l'inizio, contro C. H. Dooo, The Parables o/ cfr. -+ 11, coli. 287 s.
249 (vn,290) <T!'llam 3b (C.·H. Hunzinger) - cw~~w (E. Fuchs) (vu,290) 250

raboli. invece è evidentemente rivolto far sl che questa presenza non appari-
al momento iniziale che per la sua sor- scente non diventi scandalo, ma pegno
prendente pochezza è completamente di- di certezza. Nel nascondimcnto delle at-
verso dal risultaro finale che ci si aspet- tuali prove della potenza di Dio è data
terebbe, ma al tempo stesso ne è ne- la promessa dell'imminente vittoriosa
cessaria premessa e pegno vincolante, attuazione della sua sovunità. Dio ha
nel caso sia della pianta di senapa, sia già gettato le basi, e questa è la garan-
della '3aci.kEla. La parabola presuppone zia che egli porterà a compimento il suo
evidentemente l'istanza per cui nell'at- progetto". f: questa la certezza che vuol
tività :mualc di Gesù è già presente il suscitnrc la parabola del granello di se-
segno dell.a Ba(nlEla, anche se nascosta napa.
e non appariscente. La parabola mira a C.-H. H UNZINGER

Il verbo 1 va fatto derivare <l.i cwlo11 Signore (cfr. v. 33): E-yw oÈ toti}i)nv
(cnwlov, P. Ryl. n I 39,9). vaglio, e si- 1ttpL o-oii Cva µTj ÉxÀ.L1tU Ti nlO"'"t"Lç C"OV,
Jl"OiJìca vagliare ( Vulg.: cribrare, <la cri- «ma io ho pregato per te, perché la tua
brum) 2 • F. ::mestato la prima volta in fede non venga meno» (v. 32"). Col v.
Le. 22,3 t. Il verbo reggente in Le. 22, 32b ha inizio un'applicazione indipen-
JI É~TI'tTJO"a'to (~ I, coli. 523 s.) espri- dentemente motivata: xat rro 1tO'tE Ém-
me una esplicita (e legittima?) pretesa O"t"pÉ\j!ac; O"'t'Ì}p~o-ov 'tovç ~OEÀ.q>ouc; aov.
d el <l"CX'"t"av&ç di vµ&ç ( =
Simone e i Nei vv.33 s. ci si ricollega a Mc. r4 ,29
suoi compagni) "tOU C7WL6.CaL W<; -rÒv s., ma subito dopo (Le. 22,)5-38) abbia-
O"l'"t"ov, «vagliarvi come il grano~. A qllc- mo un 'altra aggiunta tipicamente luca-
sta pretesa si oppone b preghiera del na. li passo di Le. 22,3 r s. dà ragione
41
Lo stesso concetto, oltre che dalle parabole v.; Bt.-0€.BK. 5 Jo8.3; KLOSTERMANN, LJ:., ad
che aocostano tra loro realtà contrastanti, è e- /. ; ButTMANN, J'rad. 28; s. e fascicolo inte-
spresso sotto altrn forma anche da quelle ri- gra1ivo (19,8) 39; A. Fl!IDRICHSEN, !>t·holia in
r,uardanli la costruzione dello torre e la con- N.T., I. Lk. 21, p: Svensk Exesetisk Arsbok
duzione delhi guerra (Le. 14,28-32), ed a11che 12 (1947) 124s.; W.FoERSTER, L11kas 22,;~
dalla parabola dell'attentatore in ev. Thom. 95 /: ZNW 46 ( 1955) l29·l33; GALl.tNG, Bibl.
(-+ n. 26); cfr. C. H . HUN'ZINGER, Unbeka11n/e Reali, s.v. 'Sieb'.
Gleichnisse ]esu aus dem Th<Jmas-Ev., Fest- 2 FRIDRICHSEN, op. rii. (... n. I ) lo paragon:l
schr. J. Jcremias, lkih. ZNW 26 ( 1!)60) 209-
a À\xµQ.w (->\'!,col!. 755 ss.) in Am. 9.9. dove
220.
Aquila e Simmaco usano xoa-xLvll;w; in Ecdus
cwl.dl;w 27,4 troviamo: b ~iaµa·n xo<l"x(vov 61.CXµi-
1 Cfr. PREUSCllEN-BAUf.R. LIDDELL·Sco"!T, s. vt~ x01tpla,
owui?;w (E. Fuchs) (vn,291) 2J2

de facto alla «Confessione petrina» di mc di Colui che è stato esaltato presup-


Mc. 14,29: Simone 1 non si confuse nei pone l 'evento narrato in 1 Cor. 15,5. In
riguardi di Gesù! L'intervento di Gesù quanto parola del Gesù storico, il detto
a suo favore ebbe successo; il satana è rimarrebbe motivato solo dal presunto
sconfitto cosl come sarà sconfino anche rinnegamento di Pietro nel corso degli
in futuro (Le. 22,35-38). Ciò significa: eventi della passione, che però lo con-
1. v.li;·nç al v. 32• significa fedeltà alla traddice. La frase del v. 32b appiana O·
confessione 4; 2. al v. 3 2b non solo il gni cosa.
participio tipicamente lucano È'lM"'tllÉ·
l)iac; 5, ma l'intera breve proposizione è È superfluo chiedersi a questo punto
dovuta all'evangelista e completa il pen- se Le. 22,3 r si riferisce a un vaglio daUu
siero nd senso dei vv. 35-38; 3. invece i
vv. 31 e 32• possono risalire a una tra- trama più larga per corpi estranei più
dizione palestinese (?) antecedente, che grandi, oppure ad un setaccio più stret-
non parlava di un rinnegamento di Pie- to per il grano stesso, perché il lertium
tro, anzi ne metteva in rilievo la fedeltà.
comparationis dovrebbe essere in ogni
Poiché più tardi la figura di Pietro sol-
levò gravi polemiche (Gal. 2,r 1-r4), la caso l'idea di una cernita o di una prova
solenne parola rivolta a Simone fu in- da cui solo una cosa si salva, in questo
tesa nel modo più spontaneo come un caso la nlo"nc; (dr. lob r s. ~ x1, coll.
oracolo profetico protocristiano che a
suo modo conforma il titolo onorifico i41 r ss. ). A priori quindi si parla di va-

di Cefa. La sentenza pronunciata in no- gliare il grano in senso ttgutato 6.


E.FVCHS

J L'iterazione .Simone, Simone• non costitui- (2 Tim. 4,7; Apoc. 2,13). Li sola fedclta alla
sce una prova della storicità della frase, Che profC$5ionc di fede: non esaurisce tutta la pro-
si sapesse distinguere fra il nome Simone e il fonditi\ della fede stessa.
titolo onorifico di Ccfa o Pietro, è attestato
da lo. 21 ,11 ccc. Invece è chiaro il 'ministero'
5 Cosl BULTMANN, Tr11d. 288.

e1 Glorioso: Rom. 8,34 ccc.; z Io. 2,1. E il 6 JOUOIU, GI. Juu I j7 dichiara giustamcn·
atto che Pietro e Paolo sono in contrasto fra te: •Quale sia il senso di cnvtda'!u in Le. 22,
· loro (Gal. 2,r 1-14) indica che il Gesù sto- 3 1 si deduce senza dizionario dal paragone che
ico non s'ero presentato come Messia, dT. gli SII accanto: .:..; cnn"·· Circa il problcm•
Cl, 2,36. logico dr. E. FucHs, Hemteneu1ik' ( 19s8)
Per mcr't<~ -+ X, coli. 337 ss., spccialm. 430 211· 2t9.
I:twv x't)•. (G. Fohrer · E . Lohse) (v11,291) 254

r~wv, 'lEpoucrcù:i)µ, 'Iepocr6À.uµa


'!EpocroÀ.vµl-cT)c;

$oMMARIO: II(. Aspe/li e valori dà conce/ti Sio11-Geru-


salr111"11::
A. Sion-Gerusalemme nell'Antico T es/amento: i. residenia dcl sovrano e capitale;
I. ricorrenze del termine, etimologia, signifi· 2. aspetti aulico-sacrali;
cato; 3- simbolo <lei popolo o dello comunità;
x. Sion e conceui affini; 4. sede e città di Dio, luogo di culto e
2 . Gerusalemme e conceni affini; città del tempio;
3. concetti rari; 5. città dcl peccato e del giudizio;
4. l'uso dci nomi Sion e Gerusalemme. (i. città dell'èra salvifica escatologica;
II. Il divenire storico dell'importanza di 7. aspetti mitici;
Sion-Gerusalemme: 8. città della teocrazia;
r. epoca pre- e protoisraelitica; 9. riepilogo.
2. la monarchia davidica fino a Giosia; B. Sion-Gerusalemme nel giudaismo pos1b1-
3. gli ultimi re di Giuda e l'esilio; b/ico:
4. epoca postesilica. I. uso linguistico .

l:twv x-tÀ. wl'igdJ01.11od (senza data).


Bibliografia riguardante: l'archeologia, la topo- Per B:
grafia e la storia di Gerusalemme in J. SrMONS, H. VINCENT - F. M. A6(1... Jérusalem I ( 1912 ),
/erusalem in the Old Tcstamcnl ( 1952) JOJ· 11 (1914-i6); D. H. McQuENN. The new Jem-
507. sa/em and town planning: Exp 9,2 ( 1924)
Per A: 210.226; F. DJJKEM~. Het bemelscb Jeruza-
H. VINCENT, Lcs noms de Jérusalem : Mem- lem : N ieuw Theologisch Tijdschrift 15 ( 1926)
non 6 (r9r3) 88· n4; A. ÙUSSE, Le mythe ~5·43: S TRACK-BlLLERSECK, indice s.v. 'Jeru-
de la nouvelle }érusalem du Deutéro-Esale à solem'; G. DALMAN, ]cmsalem und sein Ge·
la III' Sibylle: RevHPhR 18 (1938) 377-414; lande (1930); Vou, Esch. 371-)76; A. (AUs -
N. AVIGAD, Alte Denkmiiler im K.idrontal si;, Dc la Jér11slllem terrestre A la Jérusalen:
( 1954) (ebr.); J. KLAUSNER, Geschichte des céleste: RevHPhR 27 (1942) 12-36; K. L .
zweiten Tempefs• (1954) (ebr.); H. V1NCENT, ScJL'\.11DT, ]crusalem als Urbild und Abbild:
Jérusa.' ..,, de l'Ancicn Teslament 1-!ll (1954- Eranos Jahrbuch 18 (1950) 207-248; H. B1E-
56); H. S<:HMlD, fahwe und die Kulltraditio- HNHARD, Die himmliscbc Welt im Urchristen-
nen von Jerusalem: ZAW 67 (19 55) 168-r97; tum und Spiitiudenlum, Untersuchungcn zurn
M. Avr-YONAH, Sepher Jeruschalajim 1 (1956) N.T. 2 (1951) 192.204; T. MAEKTENS, Jérusa-
(ebr.); A . PARROT, Der Tempel von ]er11salem, /cm cité de Dieu ( 1954); E. STAUFfER, ]eru-
in Bibel und Arcbaologie Il ( 19,6) 7-89; Judah salem :md Rom im Zeitalter Jesu Christi
and ]er11salem, The Twelfth Archacological (19.57); ]OACtl. Jf..l<f.MJAS, Jerusalem zur Zeit
Convention (1956) (ebraico con riassunto in. Jesu' (r958).
glese); O. E1sSfELDT, Silo und Jerusalem, Per C:
Supplements to VT 4 (19,7) 138-147; M. A. VON HARNACK, Die Apostelgeschichte
NOTH, Jerusalem und die israelitische T radi- ( 1908) 7»76; R. ScHOTZ, lEpovaaÀ.1\f..l und lt-
tio11, in Gesammelte Stuàien zum A.T. ( 1957) poaoÀvµa im N.T.: ZNW u (1910) 169-187;'
171-187; M. ]OIN·LAMBERT, Jérusalem israé/i. DALMAN, Orle 286-402; E. LoHMEYER, Galiliia
le, chrttienne, musulmane ( 19'7); J. S. 1111d Jemsalem. FRL 52 ( 1936) ; A. PARROT,
WRIGHT, The Building of the Second Tempie Golgotha und das Heilige Grab, in Bibel und
(1958); S.ZIMMEll, Zion als Tochter, Frau Arcbaologie Il ( 1956) 9 J.I 99; W. ScHMAUCH,
und Mutter. Personifikation von Land, Stadi Orte der Offenbarung und der O/fenbarungs-
und Volk in weiblicher Gestalt, Diss. Miin- ort im N .T. (19,6) 81·121; C. KOPP, Die hei-
chcn (r959); A. VAN DEuRSEN, Jeruz;alem is ligen Stalle der Evangelien (1959) 339-465.
~55 (vu,291) It.Wv x-cì•. A r ia (G. Fohrer) (Vll,293) 256

Il.. Gerus11lt·mme dall'epoca dei Maccabei fi· che in 20 casi è il termine geografico-to-
no alla distruzione ad opera dei Romani. pografico har, monte. In questo genere
111. Gerusalemme ai tempo di Gesù. di apposizioni rientra anche il plurale
IV. Gerusalemme, metropoli santa dei Gitt·
dei.
har're, monti (Ps. r 33,3, ma è testual-
V. La nuova Gemsalemme. mente incerto) e l'espressione combi-
. Sion·Gerusalemme nel Nuovo Testamento: nar a har bat, monte della figlia (Is. 10,
I. ricorrenze e 11so linguistico. 32, congettura; 16,1). Anche m•~udJ
II. I del/i di Gesù rig11ardanti Gerusa/emmt•. (2 Sam. 5,7; 1 Chron. II,5) sembra de-
III. Ger11salemme nei q11a1tro vangeli: signare Sion pit1 come luogo inacces-
1. Marco; sibile che come fortificazione. Numero-
2. Matteo; se altre aggiunte si riferiscono agli abi-
3. Luca; tanti: bat, figlia (23 volte), oppure b' t1i-
4. Giovanni. lat bat, vergine figlia (2 Reg. 19,21;
IV. Il significato di Gerusalemme per il cri-
stianesimo più antico: Lam. 2,13) 2, più esplicittimente iofobet,
l. la primitiva comunità di Gerusalemme; 11bitanti (ls. 12,6; Ier. 51 ,35) e b'né op-
2. Gerusalemme in Paolo; pure b'not siji611, figli o figlie di Sion
3. Gerusalemme negli Atti; (Is. 3,16 s.; 4,4 e passim). Inoltre si tro-
4 . Sion-Gerusalemme nell'Apocalisse. vano le espressioni porte di Sion (Ps.
V. La nuova Gerusa/t>mmc: 87,2), Sion dei San/o d'Israele (ls. 60,
I. Paolo; q), canto di Sion (Ps. 137,3).
2. La Lettera agli Ebrei;
3. l'Apocalisse. Una serie di espressioni sta in paral-
. Sion-Gerusalemme nella chiesa antica. lelo con Sion e ne pone in evidenza sin-
goli signifìcati. Solo raramente la desi-
. SlON-GERUSALEMME NELL ' A.T.
gnazione ci/là di David la identifica con
la parte davidica della città (2 Sam. 5,7 ;
rReg.8,r ; 1Chron. rr,5; 2Chron.5,
. Ricorrenze del termine', etimologia, si- 2), invece è molto frequente l'identifì-
gnificato cazione con Gerusalemme (più di 40
r . Sion e concetti affini volte) e una volta con Salem (Ps. 76,3).
Altre espressioni parallele ne indicano
a) Nell'A.T. ~iiion ricorre z54 volte, la funzione religiosa e cultuale: è la cit -
eraltro distribuite in modo molt0 irre- tà di Jahvé (ls. 60,14), alla quale ci si
'Obre 1• Inoltre, in quasi un terzo dei reca (1 er. 3 r ,6 ), la città del nostro Dio
)assi in questione il nome non presenta (Ps. 48,2), il suo monte santo (loel 2, r;
ilcuna aggiunta o espressione parallela, Ps. 48,2) e il suo santuario (Ps. 20,3).
0prattutto in ls., Ier. e Ps. Più spesso Sostanzialmente equivalenti sono l'ap-
tuttavia è accompagnato da un'aggiunta posizione mio santo monte (loel 4,17;
Le ricorrenze. più frequenti sono da segna- 5z,1; <li 72,z8 D,zn. 9 ,19; per fraintendimento
are nei seguenti libri: Is. (47), Ier. (17), Ioel di nomi ed espressioni ebraiche in Js. 9,10;
7), Mich. (9), Zach. x-8 (6), Ps. (38), Lam. 22,r.5; 25,5; 32, 2; IEp 38(31),11; inoltre nel
l_:!). In 2 Sam., 1 -2 Reg., Allt., Abd., Soph., cod. B: Ios. 13,21; r9,26; in S*: ls. 23..i e in
ani., 1-2 Chron. il nome ricorre una volta o altri codici: Ir. 2 3,12; in vari codici è un evi-
ue. In tutti gli altri libri non si trova affatto. dente errore del resto grew: B: los. q ,19 e
LXX banno Sion in altri passi ancora: in 2 Chron. 32,20; S*: 2 E<rop 23..i .
uogo di ;rwJ/m in 3 Btt11. 8,1 e di qodJeka
n Dan. 9,24; quale aggiunra esplicativa senza 2 Per il diverso significato nci LXX -+ .1x,
uivalenre ebraico in 3 Bacr. 3.1.5; Is. r,21; coli. 768 s.
257 (VJ1,i93) :i;.,;.,v x'tÀ. A 1 rn ·b (G. Fohrcr)

Ps. 2,6) e il parallelo monte del tempio pensato ad un'origine non palestinese:
accanto a Gerusalemme (Mich . 3,12; al vocabolo elamitico Cijiim, tempio,
dr. ler. 26,18). Infine Sion è parallelo a spiegato sulla base di un imprestito su-
I sraele (ls. 46,r 3; Soph. 3,14 s.; Ps. merico •, o all'urri tico sef, acqua, fiu-
149,2 ), a Gerusalemme e Giacobbe me, per cui mftit ~jwn significherebbe
( Lam . r,r7), a coloro che si convertono fortezza dell'acqua, cioè la rocca che as-
dal peccato in Giacobbe (ls. 59,20 ) e sicurava l'acqua a Gerusalemme 1• Pare
alla comunità dei pii (Ps. 149,2). Altret· tuttavia più fondato cercarne una radice
tanto isuuctivo è l'accostamento sinte- palestinese-semitica 8 • Ci si richiama
tico. Accanto a Sion troviamo Giuda quindi a ''~jn, difendere ( = fortezza) 9 ,
(ler. 14,19), il paese (h 66,8), le città oppure a ~wh, porre, con la forma inter-
di Giuda (Ps. 69,36; Lam. 5,rr) e figlie media siwwon '0 , in cui si è vista un'affi-
di Giuda (Ps. 48,u; 97,8). Accanto ai nità con siijun, colonna, di modo che il
figli di Sion si trovano Giuda ed Efraim nome indicherebbe un ripido massiccio
(Zach. 9, I 3 ), accanto al monte di Sion montuoso 11 • Analogamente da un paral-
abbiamo la tribù di Giuda (Ps. 78,68) ·1• lelo arabo si è voluto dedurre il signifi-
cato di cima di un'altura, e qui ndi di
b) Lo studio etimologico del nome fortezza, cittadella 12. Inoltre sulla base
Sion finora non ha dato .risultati certi'. del siriaco si è fatto derivare il vocabolo
In quanto nome proprio, è trasmesso da "shh = *sjh, essere arido, secco, e lo
senza articolo e risale sicuramente ad e- si è inteso come contrazione di seba;tm
poca preisraelitica. A prescindere da in- nel senso di collina calva, arida u Op-
terpretazioni più antiche s, talvolta si è pure si è creduto di poterlo derivare da

·' Dalle espressioni citate risulia che ci s.i 1·ifc- 7 S. YEIVtN, The Sepulcbres o/ 1he Ki11gs o/
risce a Sion anche quando si usano altre de- 1/;e Houre o/ Dllvid: Journal of Near Eastetn
signazioni. Quale detcrminozionc politica s i Studies 7 (1948) 41, in riferimento a E. A .
trova città di David a ind icare la Gerusalem- SPRISER, fnlrod 11clio11 IO Hurria11: 'Ibe An·
me d i David (2 StJm. 6,1oss.) oppure la parte nuals of thc American Schools of Orientai Re.
antica della ciuà (1 Reg. 3,1 e passim), soprat· s~atch 20 ( 1940-41) .
tll tto quando si parb delle antiche tombe dei s La <lcri"azione dall'aramaico biblico {ijjiin,
re (r Reg. 2, 10 e passim). Ne&li alt ri casi le co111raddiS1inguere (le sepolture) si può scar·
cspress :ii sostitutive si riferiscono a Sion in rare, cosl come non s i può accettare quella d"
quanto luogo del tempio o del rnlto, soprat- {l, gallo selvatico, proposta da A. SANDA, Die
tuno quando si usano tr.Olli<' (Ex. 15,1 7; ls. llilcher d,,,. K<;nige 1 (t911) 212.
25,6 s.; 2;,1); 30,29 ; Ez. 17,22; 20,40; Za.cb. 9 J. G. W ETzSTEIN, in FR. DllLITZSCH, Com-
<~,>; Ps . .1.;; 68,17), mio sa11tuario (E:!:. 24,21) 111t•n1ar iiber die Gcnesis' ( 18;2 ) 578. Cfr. P.
e città di Dio (l's. 46 ,5). !IAUPT, Criticai Notes on ;\fi(·ab: American
' Cfr. H. V 1NCE:<T. Jàusale111 tmtique. Topo- Journal of Semitk l.anb'U<1gcs and Litera1ures
gwphi<' (1912) q5 s. --> Io., Jérust1lem 111 26 (1909-10) 219 : [Jro1ezio11e, luogo protcllo.
6 p; -> SIMONS 6r -64. 10 FK. DELITZSC:H. Commentar iiber dit• Ps,if·
1
.i l'. og LAGA ROE, Onomastica"'"'" (187oi 39. l!JCll 1 ( r873) 70 .
-0.198; f'. WuT;:, Onu111as1ica sacra, TU 41 11 B . l !UPl'EW, Dic topo[!.raphùcbe St1ei1fr,1·,
( 191 4 s.) 8t.96 s. i 20. 193 s. 3 12 .409. ge iiber }erusalem, namentlich die "Axpo:
6 G. t His 1Nç , Zur Ophir-l'rage: OLZ 6 (1903) 11nd den Lau/ der zzveite11 Ma11cr des ]os. vom
370; lo., Nachtriigliches zur Ophir/rage: OLZ AT. ous bcleuch1e1: ZDMG 15 (1861 l 224 s.
1~ G. A. SM1T11, Jerusale111 I (i907) 145-
7 (1904) 80; Io., Semilische Lebnwor/er im
Elamiscben, BPitrlige zur Assyriologie s (1\)06) 1.\ W . GESENIUS, Thesaurus lùrguae hebraicae
410; cfr. anche Io., Elmniscbes: ZDMG 56 ,., chaldaicae (18}.5 ss.) s. v.; P. DE LACARDE,
(1902) 79i s. . Obersicbt iiber die im Aram. Arab. und Hebr.
259 (vn,293) I\Wv x•}.. A I tb-ia {G. Fohrc:r) (v11,294) i6o

!iija, paesaggio arido. o da !iii6n, terra antica della c1tta. Invece Sion qua·
um:'acqua, e intenderlo nel senso di re· le indicazione topografica, e in un pri-
gione arida 14 • Tutcavia per il momento
non è possibile dare una spiegazione u· mo momento persino come nome, scom-
nivoca e convincente. Si può soltanto pare completamente nell'epoca succes-
dire che il nome Sion ha origini prei· siva, per tornare solo in tarda età mo·
sraelitiche e doveva riferirsi a caratteri-
stiche del territorio cosl chiamato (per narchica, ma con un significato più am-
'o/cl -+ n. 15). pio o diverso. Il nome viene esteso ora
a 1u110 il colle orientale o a tutta b
e) In origine Sion sembra essere la
città, oppure è passato a indicare il col-
designazione topografica del colle sud·
le nordorientale quale monte del tem-
orientale di quella che in seguito sareb-
pio.
be stata la superficie occupata dalla cit·
tà e sulla quale si trovava w1 insedia· In un passo Sion ha un senso trasla.
to. Am. 6,1 accosta gli spensierati in
mento cananeo. Ad essa corrisponde:, più Sion a quelli che si ritengono sicu ·1 sul
a nord, il nome: Ofel dato alla cima monte di Samaria. Ad essi, che appar-
del colle nordorientale su cui Salomone tengono alla casa d'Israele, è rivolto tut·
to l'oracolo di rimprovero e di minaccia.
eresse la sua residenza (cfr. ls. 3 2,1 4 ;
Di conseguenza in questo caso Sion è
Mich. 4,8) 15 • L'insediamento stesso che un termine tecnico per indicare la po-
si trovava sul colle di Sian fin dall'an· sizione della c11pi tale, che nel regno set-
tichirà portava il nome di Gerusalemme. tentrionale d'Israele si trova sul suo
'Sion', il monte di Samaria.
Durante il regno di David ricevette in
sua vece il nome di città di David, ma 2. Gerusalemme e co11celli affini
da Salomone in poi per l'ampliato ter- a) A differenza del più raro !iwn, il
ritorio della città ritorna il nome di nome jrr1Jllm, Gemsalemme, ricorre
660 volte nell'A.T. In alcuni libri è u-
Gerusalemme, mentre città di David sato frequentemente 16, in altri è pre-
rimase a denominare l'attuale parte sente molto meno 17 • Assai spesso Geru-

ublicbe Bildung der Nomina: AGG 35,5 mioe medico dr. Deut. 28,27 ; 1 Sam. 5,6 ss.;
( 1889) 198. 6,-1 s.); -+ S1MO!'IS 64-67; A. Sc11wARZENBACM,
1' G. 0ALMAN, Jerusalem u11d uù1 Geiiinde Die geograpbircbe T erminologil' im Hebr. des
( 1930) 126. 11.T. ( 1914 ) 2r.
u 'o/el sra a indicare il colle nordorientale in 16 Frequenti ricorrenze in i Sam. ( 30); r -i
fr. 32,14 e Mich. 4,8 (ecà dell'esilio) Io wa Reg. (90 ); l s. C.19); ler. (102 ); fa. ( 26); Z ach.
senza orticolo come nome proprio, invece nel (39}; Esdr. (48); Nee111.(38); r.2Cbron.( 1~1).
Cronista porta l'arcicolo (2 Cbron. 27 ,3; ,33,14; 17 Ricorrenze meno frequenci in los. ( 9 ); !ud.
Neem. 3,26 s.; n,21) e soscituisce il nome (5); 1 Sam. (1) decenninace dalla sicuazione
Sion che di solito è usato per indicare il monte storica; loel (6); Am. (2, profetizzo nel regno
d cl tempio e solo io I Chron. u ,5 e 2 Cbron. elci Nord); Abd. (z); Mich. (8); Sopb. (.1);
5,2 sm ~r !2 città dei Gebusci . Il nome è do- Mal. ( 2 ); Pr. , 1-147 (17}; Cani. (8 ); Ecci. (,) ;
vuto alla conligurazionc del terreno e indie'.> Lam. (7 ); E.stbet ( t ); Dan. (Io). Nci libri no n
un rit.onftaml'nlo, una gibbosità dcl suolo , dc. menzionati nelle on. 16-1 7 il nome no n ricorre
.> Rtg. 5,24 e l'lscriz. di Mesa 22 (come tcr- affatto. I LXX nominaoo Gerusalemme anche
I:.Wv x'tÀ. A 1 2a (G. Fohrcr}

sa/emme si trova senza aggiunte o e· passi più recenti: 2 Reg. 19,31; Is. 10,
sprcssioni parallele. Il nome indica la 12 e passim), figlia di Sion (in passi più
città-stato cli origine cananea (los. 10,1 recenti: l s. 52,2; Soph. 3,14) e ci!ladi·
e passim}. la capitale del regno davidi· nam.11 di Sio11 (ler. 51,35); questi paral-
co-salomonico (2 Sam. 5,5 - I Reg. 11, leli si trovano però quasi esclusivamen·
42 e par. in 1-2 Chron .), o del regno te in età esilica o postesilica. Paralleli
mcri<lionale di Giuda (1 Reg. 12,18 - 1 inoltre sono: porta del mio popolo
Reg. 14,18 e par. in 2 Chron. e passim), (Micb. 1,9), questo popolo (ler. 4,II) e
la ciccà elecca da Jahvé (1Reg.11,36 e il mio popolo (ls. 65,19), ma anche il
passim ) quale centro cultuale ( 1 Reg. monte di Jahvé fbii'6t (Zach. 8, ~) e iJ
12,27 e passim). oppure ricorre in sem- tempio (/er. 26,6.9 . 12) 18 , di modo che
plici indicazioni cronologiche (ler. 1 ,3 e gli atri della casa di Jahvé sono il centro
passim). Inoltre a Gerusalemme sono di Gerusalemme (Ps. u6,19).
aggiunte varie indicazioni che si riferì·
scono al territorio dell'antica città-sta· Si trovano varie forme di accosra-
to: dintorni di Gerusalemme (I er. 17, mento sintetico. L'organizzazione stata·
26; 32,44), oppure hanno carattere to· le o territoriale è evidente nelle espres·
pogra6co: colle (Is. 10,32), mura (Ps. sioni cit:11e alle ~ coli. 290 s. Piutto-
51,20), porte (ler. 1,15 e passim), vi- stO 11n:1 contrapposizione è l'accostamen-
coli (solo ler. 5,1 e passim ), piazze tO <li Samaria e Gerusalemme in flz . 23;
(Zach. 8,4) e centro di Gerusalemme Mich. r ,5. Troviamo poi una sola voltu
(ler. 6,1; Zach. 8,8). Altre aggiunte Gemsalemme e tutte le sue dttà (ler.
prendono in considerazione gli abitanti i9,15) e Gerusalemme accanto n tempio
della città: bat, figlia (2 Reg. 19,21; e pt1/11zw (ler. 2 7 ,18). Di vario genere
Mich. 4,8 e passim); ioseb (ls. 5,3; 3, sono gli accostamenti che indicano gli
14) oppure ioibé, abitanti, soprattutto abir:mti della città. Solo in poche for.
in ler., fa., 2 Chron.; b'11e, figli (loel 4, mule Gerusalemme sta al primo posto
6); b'116t, figlie solo in Cant.; b' tul6t, (ls. 5,3; 22,21; 'Lach. 8 ,15 ; 2 Chro11.
vergini (Lam. 2 ,10) e profeti di Gerusa- 21 ,11 ); di solito si antepone Giuda (ler.

lemme (ler. 23,14s.) . Al destino della 17,20; Soph.1,4; 2Chro11. 20, 15 e pas·
città è collegata la menzione dcl resto sim). Piìt tardi i ck1c nomi ralvolta sono
(ler. 24,8) e della galut, la massa dei de- collegati piLt strettamente (Esdr. 4,6; :i.
portati di Gernsalemme (Abd. 10). Chro11. 10 127 ). Infine si parla della casa
di David e degli abitanti di (;emsalem-
Alcune espressioni sono parallele a me (Zach. 12 ,10; 13,1). Signifìcarivc,
Gerusalemme: dorsale dei Gebusei (los. poi, per la comprensione dcl valore at-
15,8), citlà dei Gebusei (los. 18,28; tribuito a Gnusalcmme, sono le appo-
lud. 19,n ), e Jebus (lud. 19,10 s.). più sizioni: t'ttlà santa (ls. 52,1; Neem. rr,
spesso Sion (oltre che in Mich. 3,10.12 1) 1 monte sall/o (ls.27,13) e trono di
in passi più recenti), monte di Sio11 (in Jahv.~ (fcr. :»•7; LJ,2I; 17,12); Certi-

in altri passi: in luogo <li jiirii'~I (Gen. 36,31 Orig. tranne Sym.; 4 Bct<T. 8,26 codd. BA e '
rod. A; Is. t,2.4 cod. A e passim); b;njiimin passim), aavLO (2 Chro11. 28,27) e :ELW\I (3
(2 Cbron. 2,,,); 'iiri'èl (ls. 29,7 cod. B) e iii- B(l<T. 8 ,1).
IOm (4 BaO'. 22,20). senza equivalente nel te·
sto •brairo, talora a motivo <lei testo amplifi. '' An:iloganicntc in E:. u ,7 si <leve probabil·
caro dci LXX. Viceversa i LXX hanno tal•oha mente lcru;erc: Gerusalemme e il suo suntud·
sostiruito inl.'llm: con Iupa11). (} Bac-. • J.4 rio (non san/1111r;).
I:..Wv x'tÀ.. A 1 2a-b (G. Fohrcr)

s11/e1111ne è la tu11 città, il tuo 111011/e s1111- ra cui tu al e. È invece giusta I'interpre-
to (D11n. 9,16). Va no1aco che questo u- tazione tradizionale, secondo cui si trat·
so si avverte solo durante e dopo l'e- ta di una desinenza duale artefatta, che
silio 19• intendeva esprimere la duplicità della
b) Quale forma nominale, nel testo e- città, alca e bassa, o collocaca sul colle
braico si trova quasi senza eccezioni il orientale e su quello occidentale. La pro-
testo consonantico jrwllm, che è stato nuncia più antica e corretta è senza club·
vocalizzato quale qere perpetuum in f · bio quella del ketib: j'rtilòlem. Essa ri-
ru fàlaim (per frusàlajim) e pertanto va sulta dalle consonanti del vocabolo ed è
leuo frliiòlajim 211. Solo in cinque passi confermata dalla menzione del filosofo
recenti, elencati da una glossa masoreti- aristotelico Clearco di Soli , che ha lE·
ca a ler. 26,18, abbiamo la forma con· povcraÀT}µT} i., dalla trascrizione lEpou-
sonantica jrwsljm corrispondente alla cra.À.T)µ nei LXX e nel N.T. (da cui de-
lettura del qere (ler. 26,18; Estb. 2,6; rivano goi la versione copta e quella ar-
1
1 Chro11. 3,5; 2 Chron. 25,1; 32,9)l • La
mena) e dalla forma ì'ruJ'lem ddl'a·
ritroviamo poi accanto alla consueta for- rarnaico biblico (oltre a lriWlem) 26 •
ma consonantica anche su monete giu- Abbiamo poi una forma apparente·
daiche del tempo di Simone ( 142-135 a. mente diversa del nome con una sua
C.) o della prima ribellione contro Ro- lunga tradizione che s'inizia forse nella
ma (66-70 d.C_JZ2 e talvolta anche nella più antica citazione finora esistente di
lecceracura rabbinica 23 • L'I desinenza in Gerusalemme nei testi di proscrizione
-ajim ivi accolta non deriva da un anti- egiziani dell'ini.z io del secondo millen-
co nome né serviva alla solenne lettu- nio 27 ('wS'mm ;;;;; Urialem oppure f{uJ-
19 In rispondenza alle espressioni e fonnula- 21 Per es. T. Kel. 4; normalmcncc viene scrit·
zioni citate. si intende Gerusalemme anche 10 irwJ/m , per es. Sebahùn q ,8; Me11. 20,2.
quando si usano altri termini: la semplice de- j; Ar. 9.6.
signazione la cillà (frequenie in Cl.), oppure, 2• Clcarco (ira i secc. 1v e 111 ), cimo da Flav.
con disprezzo, code11a cillà (spesso in Baruc, los., Ap. 1,179 s., aggiunge al nome la finale
in Ier. 19,11.1,j; 21,1-10 e pusslm~ )i.ri1iltncnte greca T), menue, da parte sua, Giuseppe usa
Ez. n ,2.6), la citJà del rea/o di simgue (Ez. 'IEl)0<roÀu1.ta.
21,2; 24,6°), la dttà che vena sangue (Ez. 22,
25 Cfr. -+ V1Nc~N1", 11oms 91.
3), questa grande ci/là (ler. 22,8), la ci/là gaia
( ls. 22,2; 3>,1}1; la cillÌI ranta ( ls. 48,2) e cit· 26 26 volle nell'A .T.: Da11. 5,2 s.; 6,11; Esdr.
là di Jahvé (Ps. 101,8). 4,8.12.>o.23 s.; ;s,1 s. q-17; 6,3.5.9.12.18; 7,
20 In pausa frusalàiim (forma iden1ica ma sen- 13-17.19. Cfr. inoltre A. UNGNAD, Arom. Pap.
za pausa in Ps. j9.3; 137.,) col suffisso di aut Elepha111ine ( t9II) r ,18.
luogo b: f riiiizla-md (con l'indicazione dello 27 K. StniE, Die iichtung feindlicher F1ir1u11,
I'wa', dove deve supporsi un i che sta per V Olkn und Dinge a:t/ altiigyptisrhen To11ge-
(rllJala;mJ in I Reg, 10,2; ~ Reg. 9,28; ls. 36, jiilJC/urben des Mi11/cre11 Reiches ( 1926); G.
2; Ez. 8,3; in I Reg. 10,2 27 codici riportano PoSE.NER. Prmces et pays d'Asie e/ de Nubie
la forma ;'ruJalaimi1). (1940). Nei tcs1i dd Scthe, che possono risa-
21 In 1 Chron. 3,5 in pane si trova anche ;nv- lire al scc. xx, Gerusalemme è meniion:ira in
Jlm, in 2 Chron. 32,9 ricorre la forma piena e 27-28; f t8; in quelli del Posencr (del sec.
col suffisso di luogo h. Nella lencratura qum- xix) in E 45. Cfr. inoltre R. DusSAVD, Nou·
ranica r QpHah ha tre volte jrwI/m, invece veaux renseignemc111r sur la Palestine et la
1 QM cinque volte jrwilim. Syrie vers 2000 avant ne/re ère: Syria 8
22M . UDZBARSKI, Handbuch der nordiemiti- ( 1928) ?16·233; W. F. ALBRIGllT, The fgyp-
schcn Epigrapbik (1898) 290; G. A. SMIW, 11on Emptre m AJia in 1he twenty-/ir11 Cenl11-
op. cit. (-> n. 12) 251. ry B. C.: JPOS 8 (1928) 223-2,6; I ., The
l:t.Wv x-tÀ. A e 2b-c (G . Fohrer)

lem-Ruialem 23 ). Chiaramente si rrorn le forme mesopotamiche rappresentano


nella forma ideogra mmatica sumerica l'esano equivale nte di ;rwI/111.
"'DI-ma= Urusilimma in un elenco di
divinjtà che probabilmente risale al sec. c) L'e1imologia del nome ( r fisiilem,
xv111 29, nella forma babilo nese V -ru-sa- alla cui determinazione l'A .T. no n offre
t im o Uru -sa-lim) nelle letcere di Amar- alcun contributo, fin quas i ai nostri
na del sec. xrv 30 e nella forma assi ra che giorni era u n terreno aperto a quab iasi
rico rre sul prisma di Sennacherib (U r-sa- ipotesi "· Nuovi seri ten tativi di spicg:i-
li-im -mu ) dell'inizio del sec. vm "· Il zione che interpretavano al meno la pri·
nome ritorna nel siriaco U riilem ( t ra- ma parte del nome nel senso di j'"rus,
scrizione ebraica: 'wrilm) ii. La iliffe- possessio (pacir) 14 , o / ru (da jrh) , fu11-
renza tra b forma ketib e queste for- d<Jt11111, /rmdatio (pacis) ;;, dopo l a sc.:i-
me principalmente mesopotamiche deri- pcrta delle lettere di Amarna con la for.
va dalla modificazione determina ta dalla ma bnbilonc~c U rusalim f urono sostituì ·
trasposizione in accadico, <li modo che ti dall'ipo lcsi che Gerusalemm<: non si;t

Land o/ D.m:ascus be1t11ee11 1810 aud 1750 B. Prisma di Taylor; D. D . LuCK~Nll1u , Thc Ari·
C.: Bulletin of thc American Schools of 0- nals o/ !)e11nacherib: Orientai l nstiturc Publi-
riental Resc:irch 83 (194 1) Jo-36; A ALT, Her- cations 11 ( 1924): Prisma dclrls1i1u10 Oricn·
rm unJ f-lerrensirze Palastinas im An/ang des raie di Chicago. -+ V1NCENT, Noms 91 n. 4 ri·
zweiten Jahrtausends v. Cbr.: ZDPV 64 chi,tm• la v3riontc Ur sa-li-im 111a di nltra o-
0 0

(1941) 21-}9; Il. V 1NCENT, Les pays bibliques rigin<'.


e/ l'Egypte à la /in de la XII' dynastie éRYP· 32 Per 1.111 \.erto p\. . dOdt> di tc1npo ~i t.'rcdettc
1ie1111e: RB 51 (r942) 187-212. Le considora - di aver scoperto 'wrS/m anche in un'iscrizione
zioni <li /\. JcRK U, Bemerk1111ge11 w de11 iig.yp. nf!batea (Ca,.pur rnsr riptin11111n Se111itican1111 1
titcbtrt sogena1111te11 «iichtt111sstextc110: Ar- [ 1881) 294 nr. po B e tavoh1 41) mmc :;o-
<:hiv Oricn talni w ( 19}2) 167-169 roncro il sccngono ancor:i SMJTll, op. cii. (--> n. 1 2 ) 252
rfferim ' O a Gerusalemme, non possono es- e ~ Sc11iiT<: 169 n. 2. Tunavia dJllu ricerca
sere con-1Jera1e vaHde. di A. )AUSSf-' - R. Swu;,;,\c, M iuw11 arcb;,,.
23 --> VINC!:NT, Jérusalem 111 6 12 n. 4 . lot,ic111e cn Arnbte: Médàin ~·alc!J ( ••><>i>l 245
l9O. Sc1rnfiDER, Kei/scbri/llextc a11s Asrnr e ta\I . ..z:9 nr. 1 R,, risuht) lhe ,j e.leve.· legger-.:
vcrsrhirdc11e11 lnhalts {1920) n r. 14 5 Rs 6 'dr s/111.
(conforme al frammento nr. 73, un duplicato ll J. G Kl !.L , lki1r,;~,, :::ur bebr,/1S1"be11 \\101'1·
più comple10. in C1111ei/orm T1•xts /rom Baby- 111td Na111e1wrkl.im11g, '· Obcr E111s1t-h1111~
lonia11 Tab/e/S in the British Museum 24 umi B1·dc111111111. dcs N11m ens f cr11safr111 : 7.A \VJ
l 1908] 20-46) col nome della dea Brar appli· 4 ( t884) r 34-ql!: .J. i\1ARQUAR T, sibbQfet =
cato a vnri paesi e ciuà. Cosl pensa F. M . Tu . epbr,1i1mtirrb >ibb<J/eJ =
Jibbolet: ZA\'Il 8
DE LIAGKP. ll011L, ;iJteste ke1/schr1/1/i<be Er- (188~) 1p; P . IIAlil'T, in T.K .C.:11t:\'NL. l 1t1·
uiithn11ngen dcr Stadt Jerunlem tmd ihrer iah (1 899) rw11rsus a 19,1: F. PniiTORlllS. V.
Gouin?: Acta O ricntalia 1 ( 1922 ) 76°80, mc:n- ba ehugc Artm bebr. Higc:1111ar1u11: ZOMG
tre Il. Sc11M OKEL, Hl. Hocbzeit tmd Hoh~s· 57 ( 1903) i ll2: G. A . SMJTll, Tbe Namc ]<:m·
/ied (19j6) 98 ritiene impossibi le lei:gere Un o- salem and oth"r Names : Exp VI 7 ( 19u3) 1 02-
silimma l'ideogram ma •'DI-ma. 135; E. N ESTI.E, Zwn Na111e11 .fa 11sa/e111: ,
30 J. A. K NUDT20N, Die El-Amarna-T a/cln Il ZDPV 27 ( 1904) 153.156: J. A. M ONTGOM RRY,
( ' 908) nr. 285- 290; traduzione in K . G AU.ING. Paro1101111was 011 tbe Nume Jerust1/c111 : JBL
T cxtburh wr Gnchichte Tsrae/s (1950 ) 23-29. -19 (1930) 277-282; --> V 1NCEr<r , Noms 87-124;
Le let tere d el re dd la città di Gerusalemme Io., }b11salem 111 6u-61J.
sono fatte risali re al 136o circa. ~ /\ . RELAND, Pa/aesri11a <'X n101111111c111ir ve·
31 H . C. R AWLINSON, The Cu11tiform lnrrip- terib11s i/lustrata ( 17141.
tions o/ \Y/estern Asia t (1861 ): il cosiddetto 35 GESENIUS , op. rii, (--> n . 13).
>67 (Vll,196) I..Wv n>... A 1 lC (G. Fohrer) (v11,297) 268

un nome palestinese o cananeo, rna ba- te il «compimento del giorno») ~. I ge·


bilonese 36• Tra le possibili spiegazioni mclii Spr e Slm, figli di El, rappre-
del nome irwilm con elementi palestine- sentano verosimilmente, quale stella
si-cananei vengono meno per vari mo- mattutina e stella vespertina, due ipo-
tivi quelle di città di Satem (ìrwilm = stasi o aspetti di 'A!tar, stella (ma·
'ir.Usàlèm='ir[w]Iàlem) e di luce di Sa- schile) del mattino e della sera 44 • Lo
lem i 1• Piuttosto il primo elemento del stesso dio Slm sta probabilmente alla
nome è la parola fru*, fondazione (rad. base del nome teoforico Sal-majati nel.
jrh ), che probabilmente non va intesa le lettere di Amarmi di Abimilki di
come perfetto 33 né come imperfetto ius- Tiro 45 • Si è persino ritenuto di coglie·
sivo 39, ma come nome allo stato costrut- re nelle lettere di Amarna provenienti
tO 4<1. II secondo elemento è il nome del da Gerusalemme un'allusione a un tem-
io Stm, che nella Sirfa-Palestina eviden- pio di Gerusalemme dedicato a lm ...
temente ha avuto una certa importan- Inoltre un elenco assiro cli divinità col
za". Egli è menzionato nei testi ugaritici nome della dea IStar in vari paesi e cit·
17,12; 52,12 s.; 107,8 41 e in alcuni casi tà 47 contiene verosimilmente la notizia
è accostato al dio Spr, «albore mattuti- che la Htar di Urusilimma porta il no-
no», di modo che egli rappresenta il me di Sul-ma.ni-t(u). Questa dea Sulmi·
«crepuscolo vespertino» (più esattamen- tu o (in forma ampliata) Sulmanitu, che

)) Soprattutto HAUi>T, op cit. (-+ n. J)) dife. 41 Cfr. anche LBwY, op. cit. (-+ o. 40); N.:-
se questa ipotesi; altre noti2ie al riguardo in DF.ttc, op. rit. (-+ n . .p ) 352 s. S~r si uova nei
SM 1T11, op. cii.(-+ n. 12) 2,8; V1NCENT, Noms nomi teofori Kl~r'ib'i dei tcsd di proscrizio·
97"99· ne egiziani (dr. POSENER, op. cii. [-+ n. l7)
l7 Per i parrirolari dr. -+ VtNCENT, Noms 99- 74), Slm ricorre nel nome del re moabitic'O
105. Sa/amanu del sec. vm ( K.A.T. 47}) e nel no-
li W. F. ALBRtCllT, The Egyptia11 Empire in me 'apllm di un ostrakon di Tcll cl-chlefi ( E.
Asia fo the lwenly·fim Century B. C.: JPOS zion· Gelx:1) dd s.:c. v /iv; N. GLUECK, Ostra-
8 (1928) 248. ca /rom E/dth; Bulletin of American Schoob
l~ W. F. A1.sn1GH'f , Palcsti11c in tbe Earliest of Orientai Rescarch 82 (1941) }·Il.
44 CCr. J. GlAY, The Desert God 'A[tr in the
1-lis:oriclil Puiod: JPOS 15 ( 1935) 218 n. 78.
•l J. LEwv, Ln textes paléo.assyriem et l'An- Uterature and Rtligion o/ Canaan : Journsl of
cie11 Testament: RHR r ro ( 1943) 61 s. Near Eastern Studies 8 (1949) 73-83.
4s Cfr. J. A. KNUl>TZON, op. cit. (~ n. 30)
" A questo rigt13fdO dr. in età pi(1 antica
K.A.T. 22•H74·477· A. )EREM.IAS, Das A.T. I 2'-!•12j6; c. LlNDHAGEN, rhe Serva111 Moti/
ùn Ucbte des Alten OriMts' ( 1916) 291426; i11 tbe Old Ttstamtnl (1950) 8-xo.
H. S. NvBERC, Swdien wm Religionskamp/ im 40 J. LEWY, The Sulmiin Tempie in ]eruralcm :
A.T.: ARW }5 ( 1938) 3,z.364 riporta tutti i JBL '9 ( 1940) ''9·'22 traduce nel seguente
nomi composti con Slm dci testi di Kiihcpc e modo le righe 14·17 della lettera nr. 290: «La
di ambiente (enicio che ricorrono nei testi u- capitale del urritorio di Gerusalemme, il cui
garitici, oltre alle fomie normali e anomuli nome è Bit SulmanL s'è ribellata~. Si può
dcl nome della diviniuì, per lr•rne importanti scnz'altt0 dare questa interpretazione del lo-
riflessioni storico-feligiose pcf l'A.T. Cfr. inol· cale Bit Ninib, poiché il dio Salminu o Sul-
tre S. YE1v1N, The Beginnings o/ the Davi- minu è evidentemente una designazione de.I
1/ids (cbr.): Zion 9 ( •944) n nn. 30.33 con bi- dio Ninurta = Ninib e quindi l'identificazio-
bliografia. Tuuavia, contro l'opinione di U:- ne è comprcnsibilc. C'è tunavia da chiedersi
WY, op. cit. (-+ o. 40) 61 s ., Slm non è affat- se non si intenda una località del tcrrirorio
to identico a 'èl 'el;6n. di Gerusalemme piuttosto che la capitale del-
42 Secondo la numerazione di GORDON, Ma- lo scriba regio.
11114/_ 47 SCHlODEl , op. cit. (-+ n. 29 ) nr. 145 Rs 6.
I:i.Wv X~À. A I 2C·}~ (G.Fohrer) (vu,298) 270

viene spesso menzionata in trascrizioni to dai toponomi paruali Sion o città di


ideografiche.,, evidentemente era rite- David (1 Reg.3,1; 8,1; u,27).
nuta il.cordspondente femminile del dio
Salmanu o Sulmanu 49 , che nella forma
cananea Slm occupa nel pantheon una 3. Concetti rari
posizione inferiore~. Senza voler deter- a) Solo due volte incontriamo il no-
minare se a Gerusalemme accanto a Slm me siilèm. In Ps. 76,3 esso, in paral-
{e acc.Qnto a 'él 'e/j6t1 che va distinto da lelo a Sion, designa inequivocabilmen-
Slm ed è unn forma locale del dio ca- te Gerusalemme e in consonanza con ti
naneo El) si venerasse anche l 'equiva- co rrispondente oggettivo indico che la
lente divinità femminile, nel dare il no- città è illesa, pacifica. Perciò i LXX
me ali 'insediamento s i segul comunque hanno tradotto in Salern con tv Elpiiv11.
il diffuso concetto di far risalire l'origi- Discussa è la menzione nell'episodio di
ne d ella località all'espressa volontà o Mclchisedec (Gen . 14,18; LXX: l:a:·
alla particolare presenza di una divinità ),l)µ). P oiché Salem non viene meglio
e di trarne di qui il nome. Gerusalem- precisato, se si prescinde dalla vicinanza
me è la fondazione (o città) del (dio) della valle Jaweh - cioè la valle del re 52
Slm (Salim, Salem) 51 • - , si è voluto riferire il nome a luoghi
diversi da Gerusalemme si. Tuuavia, ol·
d) La porcaca del significato del voca- tre a Ps. 76,3 e all'etimologia di Geru-
bolo Gerusalemme è ben determinata salemme, il collegamento di Mekhise-
ed è sempre rimasta identica. Diversa- dec con la dinastia davidica in Ps. u o,
4 depone a favore del riferimento a Ge-
mente da Sio11 essa non è mai mutata, rusalemme , che tra l'altro è attestato fre-
ma fin dall'inizio si riferiva a tutto quan- quentemente :M. In questo caso S11lem è
to l'insediamcmo. Ad esso è rimasta le- ev identemente uno pseudonimo. Si è vo-
lutamente evitato il nome co;npleto del-
gata anche quando l'insediamento s'al· la città perché, quando il racconto di
largò, sicché il nome globale Gerusalem- Gen. r 4 assunse la forma attuale, mie
me talvolta viene espressamente disrin- nome aveva già un suo valore teologico.

•3 Sc11RODER,op. cii. (-+ "· 29) nr. 42 col. 11 località posta a sud di Stitopoli (Bcisan), lo-
20; 72 Vs 10 e Rs 19; 78 Vs 12. e11lità pctaluo dcl tutto priw di importanu .
In pane ci si riface\'a 2 Eus., 011omar11con
" Su questo argomento cfr. DE LI AGRE BOH L,
(GCS u, pp. 150,1 ss.) 190,55 ss . per una i·
op. cii. (-. n. 29). dentificazione con una Satem ad oriente di Si-
;o Questa forma si uova nel nome del re as- chcro. Per i particolari dr. P. WIN"fU, «Na111-
siro Salmanassar = Sulmiinu-afarid11, Su/manu retb» and «]erusalcnr» in L11ke chs I and li:
è il primo per dignità (rra gli dèì). NTSt 3 ( 1957) 136-142.
s1 Un parallelo è da10 dal nome di località ' ' Per ca. l'Apocrifo di Ccn. alla col. u,13 con
f..U'él (2 Chron. 20,16 [cfr. anche fri'él in r l'osservazione bi' jrwilm identifica esplicita·
Cbron. 7,2)). mt.'nte Salem con Gerusalemme. Non convinc'c
S! Scoondo Flav. Ios., ani. 7,243 s. si trovava ~hi vuol vedere in quesia nota un'intcrpol12io-
nei preisi di Gerusalemme. nc, come fa P. W1NTEI, Note on Salem-Jerusa-
Il In parte si segul la soluzione proposrn di frm: NovTest 2 (19,7) r,1 s. Anche il Targum
Hicr., cp. 73.7 (MPL 22 [184,J 68o), che per e Flav. los., ani. r,18o (-tTtv µlv"to~ l:o)..vµii
un certo periodo di tempo, riallacciando<i a Ua-npov lxaÀccriv 'IcpM6Àuµcr.) le idenùfi-
I:a.A.(µ di lo. 3,23, ritenne trattarsi di questa cano.
b) Solo inIs. 29,1 s. 7 troviamo il ter- di Sion (in parte in parallelo con Geru-
mine 'arl'el (LXX: Ap~11>..) 55 • In Ez. 43, salemme) per indicare i vari aspeni con-
1 ;i s. indica l'ara sacrificale nd santua-
cettuali (-> coll. 290 ss.). Per lo più sta
rio, sulla quale viene alimentato il fuo-
co che serve agli olocausti S6, memre in a indicare la città dell'epoca salvifica
2Sam. 23,20; I Chron. u,22 il vocabo- escatologica, soprattutto negli oracoli
lo significa guerriero, eroe (contro LXX profetici esilici e postesilici (come le ag-
in 2 Sam. e LXX cod. L in i Cro11., che
l'hanno inteso come nome proprio)" e giunte in Is. 1-39, in Geremia, nel Deu-
in Esdr. 8,16 è un nome proprio. Isaia rero e Trito-Isaia, in Gioele, Mich. 4 e
ha inteso senza dubbio Gerusalemme, la Zach. 1-9). Molto spesso indica anche la
città dove Dauid pose l'acca1npa111cnto
sede e la città di Dio, soprattut ·o nei
(29,1). L'ara sacrificale sta per b parte
salomonica della città col quartiere della Salmi oltre che in alcuni oracoli p1ofeti-
reggia e del tempio, e a sua volta questo ci. Un secondo gruppo con un minor nu-
quartiere sta per rutta la cirtà 58 • mero di frequenze è costituire dai se-
c) Infine in Iud. 19,10 s.; I Chron. guenti aspetti: residenza del J'C e capi-
1r ,4 la città è chiamata f bfJs (LXX: lE- tale, simbolo del popolo o della comu-
Bovç, idem in Ios. 18,28 per hafbusi),
nità (soprattutto nel Dcutero-lsaia, in
benché non abbia mai portato questo
nome. L'erronea opinione che si sia chia- Ps. e in Lam.), luogo di culto e città dcl
mata Jebus è dovuta al fatto che era abi- tempio (soprattutto in Ps. e Lam .). An·
tata dalla popolazione cnnanea dci Ge- cor più rar~mente Sion presenta l'aspet-
busei.
to di ciuà del peccato e del giudizio (so-
4. L'uso dei nomi Sio11 e Gemralemmt: prattutto da Geremia in poi), u aspetti
Sorprende che i termini Sio11 e Ge- aulico-sacrali (Salmi) e mitici . Del tutto
ruralemme non siano usati con uguale sporadico è il suo uso in significati se-
frequenza (~ nn. 1.16.17). Rispetto :i condari, mentre non viene mai impiega-
Gemsalemme, Sion scompare completa-
menre in Ez., Mal., Erdr., Neem. e pra- to per indicare la città della teocrazia,
ticamente in 2 Sam., 1 Reg. e 1 e 2 forse per la sua netta impronta escato-
Chron., poiché in questi libri Sion ricor- logic3.
re solo quattro volte e indica la città
Negli o racoli profetici anteriori all'e-
cananca dei Gebusei. Relativamente raro
o molto sporadico è in 2 Reg., ler., silio Sio11, esattamente come Guusalem-
Zach. e Cani. Viceversa prevale su Ge- me, designa quasi sempre la residenza
rusalemme in Ps. e Lam. del re e la capitale, che è al tempo stes-
Questa situazione si spiega con l 'uso so la cirtà del peccato e del giudizio.

s; I nohrc forse nel postcsiliro ls. 33,7 in luo- 51 Per i particolari dr. W. RuDOLF, Chronik-
go del rorrorto 'er'e/lam si deve leggere 'ari'el biicher, Ha.ndbud1 A.T. 1 21 (19,,) 98 s.
o 'ìirl'èllm, gente di Ariel.
56 Derivazione e altri particolari in K. GA1.- ss Sul rclarivo dibauiro vedi i parricolari in
u11c, in G. FOHIER - K. GALLJNC, Eucbiel, --. VINCENT, noms 1u-11,; Io., Jérusalem m
Handbuch A.T. 1 13 (19nl 239s. 613 s.
273 {Vll,299) :i:~wv K'l"À. A 1 4 - 11 1 (G. fohrer) (vn,300) 274

Negli altri passi dei libri profecici in cui potuto favorire altre città ad assumere
ricorre, il vocabolo rientra prevalente- il ruolo di capitale della Palestina, più
che Gerusalemme, la quale né si trova
mente nella prospettiva escatologica e- in un punto chiave del paese né è fa.
silica e postesilica; in qualche testo dcl cilmente accessibile nella sua posi2ione
Deutero-Isaia Sion è usato come sim- sui monti della Giudea. Nemmeno dcl
suo territorio più ristretto, che è la Giu·
bolo della comunità. Nei Salmi il nome
Jea, costituisce il centro. Non alla natu-
indica soprattutto la residenza e città di ra, quindi, ma alla storia Gerusalemme
Dio, inoltre il popolo o la comunità e deve 1u sua imporranza. Tale ascesa du-
il luogo del culto o del tempio; talvolta rò vari secoli e non in continua progres-
sione, ma passando attraverso i numero·
accenna ad aspetti aulico-sacrali, mitici si e lunghi periodi di recessione.
cd escatologici. In Lam., Sian sta anco-
ra per popolo o comunità e luogo di 1 . Epoca pre- e protoisraetitica
culto o del tempio, raramente designa
In epoca preisraelitica Gerusalemme,
Gerusalemme quale città del peccato e come le numerose altre città, cos1i1uiva
del giudizio. Viceversa l'uso del nome insieme col suo territorio una tipica cit-
Gemsolemme non si concentra su speci- tà-s tato della Palestina dell'età del bron·
zo 60 . l suoi abitanti - almeno in tempi
fici aspetti di significato, ma li abbraccia pili recenti - sono i Gebusci 61 e la sua
tutli abbastanza uniformemente. form::t di governo è monarchica. Per
qu:inco ci è dato di sapere, ha avuto solo
II. Il divenire storico dell'importanza di un'importanza locale e non è mai stata
Sian-Gerusalemme capitale di uno stato più vasto o dell'in-
tera Palestina. Di essa come centro di
Gerusalemme non deve la sua impor- porere si possono rinvenire le tracce fin
tanza alle condizioni naturali della sua verso l'inizio del secondo millennio (-+
posizione. Anzi, queste agirono in sen- n. 27 ), grazie ai testi di proscrizione egi-
so conrrario e avrebbero potuto condan· ziani del sec. x1x/xvm. Tuttavia i re·
nare la città ad una esistenza meschina perti archeologici degli scavi condotti in
pit1 che aiutarla ad emergere e svilup- vari punti della città dei Gebusei o di
parsi so. La posizione naturale avrebbe David 61 indicano che i primi insedia-

,., Per quanto segue cJr. A. tUT, Jerusalems 1 Rcg. 9 ,io; 2 Chron. 8,7 e passim; al pcnuhi -
llufstieg: ZDMG 79 ( 1925 J I-19. rno in Ios. 11,3; tra gli a ltri in Nmn. 13,29;
..1 Questo territorio certamente non era molto l:istlr. 9,1; Neem. 9,8. Le varie fonti dell'csa·
vasto; per alcune cittil-stato consisteva solo nel teurn cvklentemenie nei loro elenchi adotta-
loro territorio agricolo. Il territorio agricolo no uno schema usuale. 1 Gebusei sono chia-
di Gerusalemme è costituito da una superli· mati discendenti di Canaan in Gcn. 10,16; 1
cie di circa 3 km. di diametro a ridosso dci Chron. 1 ,1 4; abitanti dell'amica Gerusalemme
monti, lra la CD.tena collinare quasi semicir· in los. 15,63; Iriti. t,lI; secondo 2 Sam. 5,6$
colare dello spartiacque, rivolta verso oriente, essi abitano non solo la città, ma anche i di11·
~ la catena del Monte degli Ulivi, anch'essa 1orni ('erer). Anche negli elenchi di città di
sem.icirrolarc, situata a oriente. los. 15,8; .18,16.28 è chiaro che essi ne sono
61 Nell'elenco delle popolazioni palestinesi di abit~nti.
solito si trovnno all'ultimo posto in Ge11. tj. 6l R. WEILL, La cité de David, 1 Campagnt dc
21; F.x. 3,8.17; Deut. 7,1; Ios. 3,10; !ud. 3,5; 191; 1914 (1920); Il Campagne dc 1923-1914
0
zn (vn,300) Mv X'tÀ.. A Il 1-za (G. Fohrer)

menti risalgono ad un'epoca molto più indipendente, che divideva i Giudei e i


antica 6J. Le sei lettere di Amarna, che gruppi loro affini, stanziatisi nel sud, da
Abdi-Ijepa, re della città 6', inviò al fa. tutti gli altri Israeliti insediatisi a nord,
raone verso il 1360 (~ n. 30), si occu- tanto nettamente che, a quanto pare,
pano degli stessi problemi tratcati dalle essi non si assoggettarono alla monar-
altre lettere e non offrono molte notizie chia di Saul ed ebbero uno sviluppo pro·
per la storia specifica di Gerusalemme. prio. Più tardi il costituirsi degli stati
Un altro re della città, che incontriamo autonomi e tra loro divisi di Giuda e
nella tradizione veterotestamentaria, è Israele si basa principalmente sull'esi-
Melchisedec (Gen. 14,18; Ps. uo,4), stenza della Gerusalemme cananea.
daJJa cui figura si deduce che il re svol-
geva anche funzioni sacerdotali 65 • 2. LA monarchia davidica fino a Giosia
Secondo la presentazione dello jahvi-
sta, prima della fondazione dello stato a) David, dopo che ebbe ottenuto la
d'Israele Gerusalemme rientrava nella corona di Giuda (2 Sam. 2,4) e di Israe-
sfera d'interesse della tribù di Beniami- le (2 Sam. 5,3), si vide costretto ad eli-
no: lo scritto sacerdotale fa sua questa minare la barriera cananea che divideva
visuale in los. 15,8; 18,16. Più perti- i due stati e a scegliersi una residenza
nente di questa indicazione teoretica è che risultasse gradita ad entrambi. Egli
l'esplicita constatazione che la città in risolse il duplice problema conquistando
un primo momento non poté essere con- Gerusalemme con un colpo di mano.
quistata, per cui i Gebusei continuarono Peraltro il breve racconto che narra l'e-
a vivere accanto ai Beniamini ti (Iud. l, pisodio (2 Sam. ~,6-8) presenta gravi
21) o ai Giudei (los. 15,63). Gerusalem· difficoltà testuali e contenutistiche, per
me era considerata una città straniera in cui restano incertezze sui particolari del-
cui un israelita non pernottava perché l'impresa 66 • Importante è che David con
non vi si trovava alcun conna7jonale un'azione personale fece conquistare la
(!ud. 19,rr s.). Cosl, dopo la conquista città dai suoi mercenari. La conseguenza
deJ paese da parte d'I sraele, Gerusalem- fu che egli non la incorporò in nessuno
me continuò a rimanere una città-stato dei due stati israelitici , ma insieme col

( 1947 ); R. A. S. MACALISTER • ]. G. DuNCAN, 65 La fonte E in Ios. 10,1.3 rammenta un re


Excavatiotts on the lii/I o/ Ophe/, Jerusa/em di Gerusalemme chiamato Adonisedek; l'am·
1923-1925 : Palcstine Exploration Fund An- pliamento de11teronomico di questa notizia in
nua! 4 (1926); }. \V. C1toWFOOT · G. M . Frn- 10,3 .~.23 non ha valore storico, cosl come è
.ERALD, Excavatio11s in the Tyropoeon Valley, privo di valore l'elenco deuteronomico dci re
Terusalem 1927: Palcstinc Exploration Fund sconfitti in los. 12,10, tra i quali appare il re
Annua! 5 (1929). di Gerusalemme. Poiché il personaggio di no-
me Adonibesek di cui parla lud. i ,6 s. (J) non
Gi.à alcuni decenni fa gli scavi hanno por- è designato come re, non è chiaro il suo rap-
tato alla luce ceramiche particolarmente alltÌ· porto con Adonisedek. La tardiva aggiunta di
he; dr. H. VINCENT, /érusalem sous terre: /ud. 1,8, secondo cui i Giudei hanno conqui·
es récentes fouilles d'Ophel ( 1911 ) 30-3>, stato e distnitto col fuoco Gerusalemme, deri-
tavv. 7-12. va forse da un'errata interpretazione della oon·
II re della città porca il nome ittita o bur- elusione di 1 ,7 e non cortisponde ai fatt
ita di ARAD-!Jepa, che viene risolto in Ahdi- t6 ar. per i particolari la minuziosa tratta·
ljepa o Puti-ljepa. Pare che in Ei:. 16,3 rie- 1jonc di H .]. STOEBE, Die Einnahme Jerusa-
heggi il ricordo della protostoria amorrea-it· lcms und der $inn6r: ZDPV 73 ( 19'7) 73-99.•
ita. dove vengono discusse le varie ipotesi.
277 (vu,300) 1:1.W" x-c>... A 11 2a (G. Fohrcr ) (vn,3or) 278

suo territorio la rese sua proprietà pri- la maggior:mz:t <lei casi, E l 67 , e che il fi-
vata, come dice il nuovo n ome «città di glio di David Jedidjah ("prediletto di
David». Da allora per tutta la durato J ahvé») riceve o assume il nome di Sa-
della dinastia davidica Gerusalemme è lomone (Sefomòh), che, a prescindere
rimasta proprietà privata dei suoi di- dalla consonanzn con ial6m, ha anch 'es·
scendenti e in una posizione giuridica so, al pari del nome Gerusalemme, a che
par ticolare accanto o Giuda e Isrnele. vedere col nome divino 1(111, come il no-
Su ciò poggia in parte la sempre mag- me dell'altro figlio Assalonne. Un in-
giore importanza che Gerusalemme va dizio non trascurnbile sta nel fatto che
conquistlllldo; il prestigio e la stim:i che la famiglia sacerdotale cananea di 'èl
la dinastia davidica godeva in Giuda fu- ·etj6n, di cui era allora capo Sadoc , d'o-
rono trasferiti in ugual misura sulla cit- ra in poi - prima insieme con Abiatar,
tà regale. Pare che David non abbia ap- s acerdote di Jahvé, poi da sola - s volse
portato alcuna modifica alla città con- le funzioni del sacerdozio di Jahvé 64 • Ma
quistata, limitandosi n costrui re una soprattutto questa fusione, dalla quale
nuova reggia per sé e la sua corte co n alla fine emerse vittorio~o Jahvé, s piega
l'ausilio d i costruttori e materiali feni- !'anribuzion e a Jahvé dei principali ele-
ci e ad includere nella cinta della città menti della religione gerosolimitana di
una piccola parte del territorio sotto le El 09 .
mura nella parte settentrionale (2 Sam.
5,9-II). Tuttavia c'era il grave pericolo che
Poiché la sov ranità di David su Ge- tali influssi cananei a lungo W1darc oscu-
rusalemme poggiava sul diritto di con- rassero comple tamente le caratteristiche
quista, egli non fece che continuate J.1 e l'eredità d'Isrncle. David rcagl tm-
serie dei precedenti re della città-stat0 sportando a Gerusalemme l'arca santa,
cananca, ne assunse diritti e d overi e, che in precedenza aveva la sua dimora
trn gli al tri, anche le funzioni sacerdo- in Silo, dopo averla riconquistata ai Fi-
tali radicate nella tradizione cananea listei (2 Sam. 6). In tal modo il re tra·
(dr. Ps. 110,4). Pare che ciò abbia com- sferl le sacre tradizioni del tempo di
portato addirittura una fusione del cul- Mosè a Gerusalemme portand o\!i i va-
to di 'él 'eli6n con la fede in Jahvé. For- lori nazionali e religiosi d'Israele rappre·
se una conferma viene dal fatto stesso sentati concret11mcntc da Silo (amplio-
che, rispetto ai nomi dei figli nati a Da- mento e sviluppo della fede in Jahvé e-
vid in Hebron, quelli degli 1 i o 1 2 nat i spresso dalle nuove apposizioni d i «f·
n Gerusalemme non presentano mai co- ba'6t, colui che troneggia sui cheru-
me elemento teoforico Jahvé, bensì, nel - bini» 70 ).

•I E quanto sottolinea H. s.NYBERG, op. Cli. pretazioni a proposito di fbJ'ot . Eissnlf,J>T,


(-+ n . .p ) 373 s. op. cii. r J5·I'o intende il termine come plu-
"' A questo riguardo cfr. soprattutto H . H. rale astratto: «potestà, potente~, che sembra
Rowu1v, Zadok and Nebushtan: JBL 58 interpretazìonc mir,liore rispcno a Eic11RODT,
(1939) J1 }·141 ; Io., Mekhi::edek and Zadok Theo/ A.T. 1' ( r9J9) 94 s.: totalità o essenz:i
(Gen. 14 ami Ps. 110). in Femchr. A. Bertho· di tutti gli esseri terrestri e celesti; dr. •nd1-0
Jet ( r9;so) 461 -471 . A. L. W1tLIAMS. The Lord of Hosts: JThSt
"' Per i particolari-+ Sc11M10 197· }8 (1 937) '6; W. F. ALBRlGllT, Von der Stei11-
70 Al riguardo dr. anche O. EtsSFELDT, ]abwe zeit xum Chns1e111um ( 1949) 286: gli eserciti
l.ebaotb : Miscellanea Acadcmica Berolinemia d 'l sroelc; V. MAAG, Johwàs Herrscharen :
11 2 ( 1950) 128-1;so. Mentre l'idea del trono Schwcizcris~hc TI1co1. Umschau 20,3·-1 ( 1950)-
dei cherubini è cananea, varie sono le inter- 17-' l: le mitiche potestà nAturali dì Canaan
279 (vn,30 r) l:c.Wv xi:>... A Il 2a·b (G. fohrer) (v11,302) 280

L'importanza cli Gerusalemme derivò gno ed eliminare, almeno in gran parte,


quindi dall'elevazione a residenza dei di- la carenza di spazio, poiché accanto agli
edili.ci di corte rimaneva ancora terreno
scendenti di David, dal trasferimento
a disposizione della popolazione in au·
della presenza di Jahvé (ba '6t, di colui mento. Per l'importanza storica di Ge-
che troneggin sui cherubini, e dall'inse- rusalemme massimo rilievo spetta alla
rimento nella fede in Jahvé di un patri- reggia salomonica. In un unico comples-
so edilizio, simile a quello che era il
monio concettuale cananeo. Non è il ca- tempio-residenza del nuovo regno egi-
so invece di prendere in considerazione ziano, furono insieme edificati il palaz-
un effetto di concezioni anlìzioniche 71 • zo regale e il tempio. Il tuuo, a motivo
della mancanza di una tradizione archi-
Jn ogni modo David avviò uno svilup- te!tonica israelitica, fu costruito, come
po che trovò una sua prima realizzazio- già il palazzo di David, con l'ausilio di
ne con la costruzione del tempio di Sa- maestranze fenicie e su modelli cananei.
lomone. La costruzione del tempio si dimostrò
in seguito cli importanza capitale per
b) Salomone ideò e portò a termine il Gerusalemme n. Poiché palazzo e tem·
progetto di un notevole ampliamento di pio erano situati nella medesima città ed
Gerusalemme, ora chiamata «città di erano cinti da un unico muro, era chia-
David». A ridosso della precedente cit- ro che il tempio era proprietà dell a di-
tà c con essa congiunto da un'unica cin- nastia dominante 73 e santuario dello sta-
ta mutaria, egli costruì, a nord di essa, to e che in esso si offrivano i sacrifici
un nuovo quartiere. L'allargamento del- privati del re e si praticava il culto uffi-
la città perseguiva un duplice scopo: ciale cli stato. In tal modo Jahvé fu pro-
permettere la costruzione di una nuova clamato divinità di stato e Gerusalem-
residenza adeguata alle esige0.2C cli rap- me il più alto e ragguardevole luogo di
presentanza del sovrano cli un grande re- culto. Poiché inoltre l'edificio fu costrui-

Jcpot~nziate e subordinate a Jahvt!. di quasi turto il precedente stato di Israele.


71 Vi si oppone anzitutto il fauo che ai tem. Sulla base di questo rapporto, nel ,a6 pelle-
pi di Saul pare non ci si curasse dell'arca (1 grini dì varie località dei monti dì Efrrum si
Chro11. i 3,3) e che dopo il trasferimento nel recano al tempio, al QUJlle per la riforma deu-
tempio salomonico essa non ba più un n1olo teronomica era stato riconosciuto un valore as~
esscmiale, quindi non ha più contribuito ad soluto. Donde si deduce che la distinzione tra
aettesccre l'importanza cli Gerusalemme. Do- l'importan2:1 culruale e quella politico di Ge-
po la divisione dcl regno, il ùmore di Gero-
rusalemme era ormai un fatto compiuto.
boamo che i suoi sudditi del regno dcl nord l'l Circa l'importanza attribuita all'edificio cfr.
(Israele) potessero conùouare a recarsi al tem- le precise indicazioni di K. M<lHLE.NBRlNK, Der
pio di Gerusalemme (1 &g. u,26 ss.) è un Tempel Salomos (1932); C. WATZINCER, Denk·
punto di vista deuteronomlco e non dimostra miiler Paliistinas t ( 1933) 88-95; BR 't6·5t8;
né un riconoscimento di Gerusalemme dn par- W. F. ALBRtGHT, Die Religion lsratls im Lich-
te deg.li Israeliti né una distinzione fra signj. te der archiiologische11 Ausgrabu11gC11 (19,6)
ficato politico e cultuale della ciuà che sia IJ9-I7J; G. E. WRIGHT, Biblische Archiiolo; 'e
avvenuta nel sec. x . Cosl pule l~r. 41.~ non (1958) r 33·'43·
presuppone il perenne riconoscimento del tem· n Cfr. K. GAtLING, Koniglicbe 1111d 11ich1lto-
.pio di Gerusalemme, ma si 1>1.sa sulla tempo- 11igliche S1t/ler beim Tempel von /uusdltm:
ranea annessione a Giuda, compiuta da Giosia, ZDPV 68 (1951) 134-142.
z81 (vu,302) tc.Wv X't)•. A T 21>-c (G. Fohrcr)

to secondo il modello dcl tempio cana- momento egli è legato al tempio, poi
neo e con la sua erezione s'impose il anche al monte su cui esso sorge (ls. 8,
costume, dominante in quella civiltà, di 18: che abita sul monte Sio11).
avere luoghi di culto fissi, il santuario
stesso diventò un luogo sacro in senso c) Già sotto Salomone alcunj territori
stretto, che, come tale, acquistò un'im- periforici del grande regno s'erano stac-
portanza tutta propria ed olferse una cati; d opo la sua morte si spezzò anche
possibilità d 'accesso ad altre concezioni l'unione personale fra Israele e Giuda,
e usanze cananee. Di conseguenza ben sicché si costituirono due stati separati.
presto l'arca perse l'importanza che ave- Gerusalemme anraversò un momento di
va avuto in passato, mentre viceversa il grave crisi, poiché la città era in una
culto del tempio fu organizzato sempre posizione infelice ai confini dello stato
più sul modello cananeo. S'iniziò cosi - di Giuda e c'era il pericolo che i discen·
a partire da Gerusalemme - una tra- denti di David rinunciassero ad es~a co-
sformazione della fede in Jahvé che si me loro residenza. Tuttavia la sncra au-
espresse soprattutto in un indirizzo cul- reola di Gerusalemme e l'apparato go-
tuale e nazional-religioso. vernativo ben organizzato riuscirono a
prevalere sopra tutte le difficoltiì. 14 • I di-
L'edificnzione del tempio e il trasfe- scendenti di David e gli abitanti s tessi
rimento dcl culto della città di David al della Giu<lCll rimasero spontaneamente
nuovo santuario costituirono un rivolu- attaccati a Gerusalemme. È improbabile
che nel corso dell'epoca monarchica la
zionario rinnovamento e approfondi- città di Gerusalemme si sia notevolmen-
mento dei principi posti da David. Sa- te allargata, poiché le condizioni ge ne-
ranno sopra11utto queste le basi del fu. rali del paese non lo consentivano. Co-
munque spesso si ricordano lavori com-
turo ruolo storico di Gerusalemme. La
piuti alle mura della città (2 Cbro11. 26,
presenza di Jahvé, che in quanto 're' ora 9; 27,3; 3 2,5; 33,14) 75 e si citano i no-
disponeva di una 'casa', fu trasferita al mi di nuovi quartieri della città ( 2 Reg.
22,14; Sopb. 1,10 s.) 76 . Pare invece che
tempio. Nelle parole di consacrazione
prima dell'esilio il colle orientale pii•
del tempio pronunciate da Salomone (1 vasto e più elevato non fosse ancora rac·
Reg. 8,12 s.) troviamo l'idea che Jahvé chiuso entro le mura del la città 77 • Par-
'abita' in Gerusalemme. In un primo ticolarmente importan te fu il migliorn-

14 Per eliminare gli inconvenienti della posi- 1.1.13 ).


zione di confine, i discendcnù di Oa,·id cerca- 1• I piit imponanti pare fossero fa ~Citll nuo-
rono con1inuameme di spostare verso nord la va» che il nome stesso indica come qunnier~
frontiera e di occupare quanto più possibile più 'rcccnrc, e il ~Mortaio», dove scmbni risie-
dcl 1erri1orio di Beniamino. .Almeno in ceni dessero di prcfe"enza i commercianti. Talvolta
periodi storici il confine passò a quasi una l'uno viene idcn1ifìcato con l'•liro, d r. BR
giornata di cammino da Gerusalemme, in mo· 303
do da offrire u na cena sicurezza contro attaC· T1 wntro - > SIMONS 227-281 e -+ VINCENT,
chi improvvisi. ]érusdltm t 90-u 3. Completamente errata è
~ I lavori menzionaù in 2 Chron. l6,9 dove· l'opinione di DALMAN, op. cit. I-+ n . 14) che
vano servi re a riparare i danni causati dallo Gerusalemme, 3( più tardi al tempo di David,
smantellamen10 della parte seucntrionale del· fosse giil una doppia ciuà, dislOC>Jta sul colle
le mura ad opera di Joas, re d'Israele (2 Reg. orientale e su quello occidentale, e che venis-
283 (v11,302) I:i.ùiv X'tÀ. A 11 2c (G. Fohrer) (VIl,303) 284

mento della rete idrica da parte di Eze- insieme con le presunte parole del pro-
chia, che fece pervenire in città, attra- feta in esse contenute mostrano che l'e-
verso la galleria di Siloe, l'acqua della sperimentata salvezza ben presto con-
fome di Gihon nella valle del Cedron, dusse alla convinzione, alla fine assurta
rendendo cosl la città capace di resistere al rango di dogma, che Gerusalemme
a lunghi assedi (2 Reg. 20,20; 2 Chron. fosse intoccabile e imprendibile (1er.
32,30) 78 . Quanto fosse indispensabile 7,4).
questa opera è provato dall'ispezione
personale che il re Acaz compl ali'acque- Il secondo evento decisivo fu la rifor-
dotto all'inizio della guerra siroefraimi- ma politico-religiosa del re Giosia negli
tica (ls. 7,3) . Il tempio continuò a svol- anni in cui ebbe inizio il crollo dell 'im-
gere il ruolo assegnatogli da Salomone. pero Assiro (verso il 626). Oltre che alla
In quanto santuario di stato apparte- purificazione del tempio e del culto di
nente ai discendenti di David, diventò Gerusalemme essa fu rivolta soprattut-
quasi naturalmente il più importante to alJ'eliminazione di tutti gli altri san-
luogo sacro dello stato di Giuda. tuari del paese. Rimase l'unico santuario
di Gerusalemme, che Jahvé aveva eletto
Di tutti gli eventi accaduti nel perio- per farvi abitare il suo nome. Questo
do della monarchia lì.no alla morte di concetto della 'elezione' di Gerusalem-
Giosia (609), solo due hanno toccato me e del suo tempio venne introdotto
Gerusalemme in modo sostanziale 79 • dalla teologia deuteronomica e collegato
Nel 701 Sennacherib tentò invano di a quello di 'abitazione'; esso è stretta·
impadronirsi delJa città, ma contro o- mente connesso all'esclusività di Geru·
gni aspettativa questa fu salvata dal- salemme quale luogo di culto ' 1• La teo-
l'improvvisa partenza dell'assediante (2 logia deuteronomica, sostenendo questa
Reg. r8 s.; cfr. ls. 36 s.). Benché i parti- particolare posizione della città eletta
colari storici non siano più canto chiari, come luogo di culto, raggiunse un risul-
poiché vengono dati, o accennati, vari tato in precedenza mai sperato: Geru-
motivi della partenza 80, il fatto servi ad salemme diventa per ogni israelita cre-
aumentare notevolmente l'importanza dente il centro cultuale e il luogo più
di Gerusalemme col suo tempio: davan- importante di ogni altro. Tutto ciò fu
ti ad essa il quasi onnipotente Assiro sostenuto dai sorprendenti successi po-
s'era fermato e aveva dovuto ritirarsi litici di Giosia, che riuscì a liberare am-
precipitosamente. Le leggende di Isaia pi territori dell'eredità palestinese dal
se racchiusa da un'unica cinta muraria sotto dovrebbe aver toccato la ciuà, di\'ersamentc
Salomone. da quanto si pensava. All'origine della noti·
'8 Cfr. -+ StMONS 178-188.222-225; -+ VIN· ria potrebbe essere il ricordo di incidenti di
Cll.NT, Jérusalem I 269-279; per l'iscrizione di frontiera.
Siloe cfr. GALLJNC, op. cii. (-> n. 30) ;59 (con 00 Notizie giunte dall'Assiria (2 Reg. 19,7),
bibliografia). J"appres.~arsi di un eserc.ito egiziano accorso in
19 Possiamo tralasciare il saccheggio compiuto aiuto di Ezechia (19,8 s.) e un'epidemia nel
dal faraone Sisak (I Reg. 14,25 s.), la demolì· C'1mpo assiro (19,}5).
zione delle mura settentrionali (2 Reg. 14,13) SI -+ vr, coli. 403-466; cfr. inoltre TH. C.
e la guerra sirodraimitica ( 2 Reg. z6,5 ), ol· VRtEZEN, Die Eru1iihlung lsracls nach dem A.
tre che i vari tentativi falliti di deporre la T. (1953) spedalm. 46 s.; in parte div· rS3-
Jinastin davidica (2 Reg. n,x; 2x,23; Is. 7,6). mentc K. KocH, Zur Geschichte der Erwiih-
L'attacco dì Filìstei e Arabi contro Gerusa- lungsi'Orstellung in Israet: ZAW 67 ( 1955)
lemme menzionato da 2 Chron. 2r,16 s. non 20~·l26.
l:uliv xù. A 11 ic·3 (G. Fohrer)

giogo del decadente impero assiro, sl da vilica permisero di superare tutto ciò.
giungere in.6.ne a farsi signore almeno
dei territori dei due regni divisi di Giu- In complesso, durante l'esilio l'im-
da e I sraele. In tal modo, dopo David portanza di Gerusalemme, almeno per
e Salomone, Gerusalemme fu ancora per vasti gruppi di deportati, crebbe ulte-
alcuni anni la capitale di gran parte del-
riormente, determinando in essi un'ar-
la Palestina.
dente nostalgia (dr. Ps. 137) e ardite
3. Gli 11/timi re di Giuda e l'esilio attese (Deutero-Isaia e altri oracoli pro-
fetici dell'esilio) li_ L'accrescimento del-
Lo stato di Giuda cadde sot to gli as-
salti dei Babilonesi ripetutisi per due de-
la stima per Gerusalemme, caratterizza.
cenni. Mentre il territorio cli Giuda fu ta in senso escatologico, fu favorito dal
aggregato alle province di Eclom e As- fatto che, dopo che il tempio subentrò
dod, diversa fu la sorte di Gerusalem- all'arca quale luogo della presenza di
me 82 . La città sopravvisse, ma eostitul
».' lo la periferia di una minuscola enti- Jahvé, anche l'edilicio del tempio poté
tà territoriale che in pratica costituiva essere sostituito dalla città sacra di Ge-
una città-stato allargata, ma per il resto rusalemme intesa quale permanente e
era un'appendice amministrativamente
autonoma della con.6.nante provincia di unico legiuimo luogo di culto, di mo-
Samaria. Contro ogni previsione Geru- do che essa, col suo «monte santo»,
salemme sopravvisse a questo colpo poté diventare il centro religioso degli
111ortale. fi. vero che l'eletta stirpe davi-
Israeliti credenti sia della Palestina sia
dica era stata deposta, ma la 'elezione'
di Gerusalemme da parte di Jahvé, qua- della diaspora. Nel periodo che segue,
le unico luogo di culto, in breve tempo più che il tempio postesilico ricostruito,
si era cosl saldamente ancorata al patri- determinante è Gerusalemme stessa col
monio di fede, che, anche dopo la su.i.
distruzione, dai territori israelitici an- suo monte del tempio. Rispetto al pe-
nessi da Giosia continuarono a venire riodo monarchico ora la situazione si ca·
pellegrini con le loro offerte sacrificali povolge: il prestigio di Gerusalemme
(ler. 41,5). I Babilonesi avevano bensì
non poggia più in primo luogo sulla sua
distrulto il tempio quale simbolo sacro
dell'indipendenza del popolo e inferto magnificenza esteriore di città regale (-4
un grave colpo alla convinzione che la coll. 2 76 ss. ), che fa valere la sua impor-
città fosse imprendibile {-+ col. 283), tama spirituale quale sede del tempio,
ma l'interpretazione di questi fatti co-
me castigo di Jahvé per i peccaci di Giu- ma sulla sua interiore rilevanza di fede,
da e le prime avvisaglie di una speran- che dà lustro alla sua posizione esterio-
za esauologica in una futura epoca sai- re. Ebbe cosi termine la trasformazione

81 Per quanto segue cfr. A. ALT, Die Rolle !\IL• situazione in Palestina è stato studiata
Samarias bei der Entrtehung des ]udtntums, da E. ]ANSSEN, ]ud4 in der Exilsuit (19,6);
in Kleine Sch•iften iur Gescb. Jer Vo/ker tuttavia nei particolari vi sono da fare nu·
lsruls 11 (19.n) 316-337. merosi rilievi, dr. la reccnsiooe di F . MAAs in
ThLZ 82 (19,7) 63; s.
!..Wv l«tÀ . A li 3-4b (G. Fohrer)

i Gerusalemme da centro prevalente- nel 515. In seguito, poi, dato che non
ente politico a capitale religiooo-spi- era più p~rietà del re, ma proprierà
del popolo , il tempio acquistò grandis-
itunle.
sima importanza. Non solo costitul il
. Epoca postesilica punto di cristallizzazione della comuni-
a) Subit0 dopo l'esilio, l'importan- tà gerosolimitana, ma divenne sempre
a religioso-spirituale di Gerusalemme più centro religioso del nascente giudai·
rcbbe ancor più 84 • L'amministrazione smo della diaspora.
rsiana aveva bensì eredirato l'ordina-
ento provvisorio che i Babilonesi ave- b) L'isti tuzione progressiva e in lun·
vano adottato nei riguardi di Giuda; ghi intervalli di una provincia autono-
ma col ritorno delle da.~si superiori ma di Giuda si concluse con l'opera di
ei deportati gerosolimitano-giudaici fu Neernia appoggiato dai Giudei della dia-
unsi ripristinata la precedente situazio- spora babilonese 86 • Egli si definisce go-
ne della popolazione, fatta eccezione per vernatore imposto dal gran re «sulla ter-
la monarchia. Furono inoltre concessi a ra di Giuda» (Neem. 5,x4); per l'anno
Gerusalemme i diritti di culto; in tal 408 i papiri di Elefantina ateescr no l'e·
modo, la città, per tutta la popolru:ione sistenza di un governatore di Giuda ac-
el resto di Giuda, di Samaria e d i G,1- canto a quello di Samaria 17 • Queste mi-
lilea, fu dotata di tali privilegi. Due fu- sure furono accompagnate dalla ricostru-
rono le conseguenze. Da un lato, a fron- zione delle mura della città oltre che
te della perdita completa della sovrani- della rocca del tempio, evidentemente
tà e dei diritti politici si formò in Geru- già ricostru ita subito dopo l'esilio
salemme e dintorni una comunità che (Neem. 2,8, dr. 3 ,1 ; 7 ,2) sa. Benché ora
era sostanzialmente una comunità di b provincia comprendesse solo una par-
culto e più tardi una comuni tà del tem- te del territorio di G iuda 89 , Gerusalem·
pio. D 'altro canto la concessione dei di- me ancora una volta fu elevata al rango
ini di culto portò alla ricostruzione del cli capitale, anche se di grado inferiore.
tempio in Gerusalemme, anche se la Rispeuo alla situazione ameriore all 'e-
consacrazione poté avvenire solo dopo silio, quando i suoi abitanti erano in
l'intervento dei profeti Aggeo e Zaccaria prevalenza cananei, ora la sua popola-
8< Per lo trauazione che segue cfr. soprauutto A1amaic Papyri o/ the fi/lh Century B. C.
A. A~T, op. cii. <~ n. 82 ); W. Ruoo1.vH, Erra ( 1923 ) nr. 30·33·
1md Nehemia, Handbuch A .T . 1 20 ( 1949) U Di soliro si pensa che su di e5$a Ircuno ab-
XXVI s.; diversamente è valutato il primo pe- bia cosiruiro la sua fortezza, sulla quale in se-
riodo postesilico da K. GALLING. Dù E xils- guilo Erode cr~sse l'Antonia, menirc G . DAL-
wende in der Sichl des Propheten Sacharia: MAN, Op. cii. (-+ n. 14) Jislingue J°una d• l-
VT 2 (19,2) 18-36; Io., Von Naboned tu Da· ]'aJrra.
ri11.r: ZDPV 69 ( 1953) 42-64; 70 (19,4) 4·3 2. "' Della provincia cli Giuda foceva p•rtc il
ss Cfr. G ALLINC, op. cii. (~ n. 73). territorio tra Betlemme ed Ebron n nord e le
M C irca il di.llicilc problema del rc<:iproco rup· 7.0ne orienrnli delle colline ~ttorno o l<egila,
pono ira Neemia ed Esdra. oltre che della ossia i pre,eclenri clistrc1ti, esclusa Gerusalem-
loro collocazione cronologica, cfr. la rassegna me: Gerico, &rsabea. Bct-Sur, Betlemme e
di H. H. ROWLEY, Nehemiuh's Misrion and ils Kcgila. I dimeni meridionali di Dcbir, Ebron
Background: BJRL 37 (1954-55) ,28-,61. e Maon costhuivano la provincia di Arabia
11 E. SACHAV, Ara111. Pap. und Os1raka aus I più lardi ldumea), i disttelti occidentali di
àner 1iidiscbtn Militii.rkolonie ZII Elephantine Ekron, Adullam e Lachis appartenevano alla
(19 11) nr. 1/2, dr . nr. 3 e 4; A. E. Cowuv, provincia di Asdod.
:Ei.wv x't).. A 11 4b - 111 1b (G. Fohrcr)

zione era quasi esclusivamente israeliti- abitato(-+ n. 77 ), fu incluso nella città


ca. Anche questa evoluzione, inc.-omincia- e difeso da un prolungamento delle mu-
ta dopo l'esilio, si concluse sorto Neemia. ra cittadine. Son queste le cosiddette se-
Al riassetto politico, che comportava conde mura 90 •
una certa segregazione, tenne dietro l'i-
stituzione d i un ordinamento comuni- III. Aspetti e valori dei concetti Sian·
tario cost itutivo, che includeva la se- Gerusalemme 91
gregazione religiosa già propugnata da i . Residenza del sovrano e capitale
Ag. 2,10-14. Ciò fu opera di Esdra. Con
l'istitwione di una comunità di Dio rac- :i) P er gron parre dei passi in cui ri-
colta attorno al tempio so tto la guida corre, il nome di Gerusalemme (più ra-
della gerarchia sacerdotale egli fondò il ramente que llo di Sion) riguarda la cit-
vero giudaismo e insieme diede a Geru- t.l in senso politico: città-stato canane:i
salemme la consacrazione definitiva. Per- (los. 10,1 ss. e passim), capitale e resi-
ciò, nonostante il permanel'C d i alcune denza di DaviJ (2 Sam. 5,5 ss. e passim)
differenze, qualche tempo dopo il nar- o del grande regno davidico-salomonico
r:1tore cronista può vedere realizzato l'i- ( .iSam.8,7 - 1Reg.11,.p), in seguito
deale della teocrazia nella concreta co- spesso nel senso di capitale e residenza
munità giudaica. <lel sovr:i no dcl regno di Giuda ( 1 Reg.
12 ,18 - 2 Reg. 24, r8 e passim ). In que-
Infine si deve alle disposizioni per- sto contes to rientra anche la formula-
siane emanate fino al tempo di Neemia zione ufficia le persiana: Gcmsalemme
se Gerusalemme poté conservare sosrnn- in Giuda (Esd;·, r ,2 s.), cioè Gerusalem -
zialmentc il suo carattere soito il domi· •ne che sta in Giuda. Corrispondente-
nio dei Tolomei (dal 301 in poi) e dei mente Neemi11 prende provvedimenti
Sdeucidi (dal 198 in poi). Infatti Giuda per fortificare la capitale della nuova
insieme con Gerusalemme non fu con- p rovinci a d i G iuda (Neem. 7,1-3 ) e per
siderato paese del re, ma del popolo, ter- accn.-sccrne la popolazio ne (Ncem. 7,4-
rito rio unita rio in cui dimorava l'lilvoc 7 2")-
"tWV 'Ioulialwv, che di no rm:i no n er;
più amministrato da un gove rnatOre del b ) Spesso Gerusalemme è menz ionata
re , ma dalla nobiltà locale nella forma in testi più o meno lunghi di diritto sta-
di una gerusia che rappresentava il po- tale, nei quali 3Ccanto alla capitale viene
polo davanti al re. Solo Antioco 1v Epi- menàonato il resto del territorio statale
fane osò tentare di trasformare Gerusa- o altri te rritori . Per es. Is. 8,r4 me nzio.
le mme in una 7t6Ài.; ellenistica. Al più na Gcrnsalemmr:, che era proprie tà del
tardi in età ellenistica, il colle più vasto monarca, acc:rnro a Giuda e I s raele, det-
e più alto a occidente di Gerusalemme, ti le due case d 'Israele. In Ier. 17, 26;
che prima dell'esilio non era mai srnto 32,H; 33,1 J si descrive lo stato di Giu -
·JJ Cfr. H. Gunm. Dic :zwei!e M<111cr Jemsa- fico (ler. u,8 s.; 3ì, u ; Ez. 7,>3 ; 9 ,9; Zncl>. q .
lems u11d die Bautcn Co11sla11lim 11111 hei/igen 4 s.; Ps. 12,,2 1}3,3); 2. topografico: ci1tà di
Grab~: ZDPV 8 (1885) 245-287; H. VINC~NT, Oavid e Olei, riedificazione escatologica (Ler.
La deuxiòme e11ceinte de Jérusa/em: RB r r } t.)8-40 ; Zacl>. 14,10); singole notizie topogra·
li 902) 3 1-57; ~Io., ]émsalem r 90-113; -) firhe \[er., Eulr.-Neem. e 1 -2 Chron. ccc.); 3.
SJMO:-IS 28 ~·H3 · soc:iologico (Cnnt. 1,5; 2,7 e passim ); 4 . stori-
co (Ecci. 1,1 e paHim; Es1h. 2,6); ,. cronolo-
91Po>siamo tralasciare signifiaui secondari e gico (Zach. 7.7: Ps. 137.7; Es1b. 2 ,6; Dan. 1, 1 ;
non frcquenri di Sion-Gerusalcmmc: J. geogra- dr. E:. 40,1).
:l:i.Wv x-t)... A lii ib-2 (G. Fohrcr) (vu,306) 292

a secondo la sua ripar1i2ione geogra6- me (1 Sam . 4·6; 2 Sam. 6). li legame fra
a 91 e politico-giuridica. Oltre alle città monarchia e funzioni sacerdotali fu de-
· Giuda e al paese di Beniamino lo sta- dotto daLI a tradi2ione di Mclchisc<lec,
o comprende anche la città di Gerusa- che la teologia di corte riconobbe espli-
emme col suo territorio presentato co- citamente per la dinastia davidica (Ps.
e s'btb6t o s'biblm, circoscrizio11e. Di I 10,4). Accanto a questo si trovano ,
oli10 s i trova la formulazione più brc- quali elementi essenziali dell'intronizza-
e, che presenta la citt.à-sta Lo Gerusa- zione di un re, la sua adozione da parte
emmc (ler. 14,19: Sion 93 ) e lo stato di Jahvé in Sio11, sul monte sacro di
ella, o delle, tribù di Giuda ( l s. 3,r.8; Jahvé (Ps. 2 ,6) e la consegna sacralc-
er. 2,28 e passim) - le due componenti simbolica dello sce ttro indicante I 'assun-
iù importanti del regno - accan to alle zione dcl potere concesso da Jah\·é (Pr.
uali si trascura il piccolo territorio bc- 110,2). La motivazione e lcgitt im zion.:
iamin ita . Anche l'espressio ne Gerusa· rardosalomonica o postsalomo nica della
emme e tutte le sue città (ler. 34,1) dinastia davidica nel suo complesso in
nella sua seconda parte si riferisce alle 2 Sam. 7,8-16. 18-29 conferisce una par-
ittà sparse sul territorio di Giuda (dr. ticolare consacrazione alla monarchia in
lcr. 19, 1,). Questa distinzione giuridica Gerusalemme. Questa teologia aulico-s:i-
i fa sentire anche nelle condizioni ben crale trova la sua estrema espressione ai
iverse del periodo esilico o postesilico, t empi della monarchia nella definizione
e! qua le troviamo ancora accostati Ge- deute ronomica della divina elezione d ei
·11sale111111e e Giuda o le città di Giuda davididi e di Gcn:salemme ( r Reg. 1 i,
Zach. 1, 1 2; Esdr. 4,6 e passim) , oppu- J3 .32), che descrive e potenzia in modo
re Sion e le città di Giuda (Ps. 69,J6; nuovo la concezione uffici:ile 9'. Cosl pu-
Lam. _5,u). re Ps. 1)2 collega il giuramento divino
a David (vv. I I s.) con l'elezione di Sion
. Aspetti aulico-sacrali a dimorn e luogo di riposo dì J:ihvé ( vv .
13 s.); la teologia ullicìale se ne atte nde
Nel contesto dell'importanza di Ge- ricchi vantaggi materiali (v. 1, ), fe-
salemme quale residen2a del re e ca- ]ici t~ spirituale per la comunità dei giu-
pitale, troviamo spunti di una teologia sti (v. 16), oltre che potenza e ciurma
aulico-sacrale in cui ha un certo ruolo della mo narchia (v. 17). Anche il più re-
anche la città. Di questa teologia fan- cente Ps. 78 con tiene gli enunciati del-
10 parte sia il racconto dell 'erezione l'elezio ne di Sion quale luogo di culw
el primo altare in onore di J ahvé a e di David quale re pio e saggio (vv. 68-
erusalemme (2 Sam. 24), che costi- 72). In complesso non si può sopravva-
uisce una specie di ~pòi; À.Oye<; gero- lutare l'importanza di questa teologia di
olimitano, sia il racconto che narra le corte che collegò Jahvé , monarchia e Ge-
icende ddl'arca, dalla guerra contro i rusalemme.
ilistei alla traslazione in Ge rusalem-

l Ln ripartizione geografica comprende basso· 91 Anche Chrun. parla di un'elezione d i i}Jvid


piano, monti e Ncgcb. In Ier. }3,J 3 c~a prc· ( r Chro11. 28 ,4; 2 Chro11. 6 ,6). di Snlomonc ( r
edc la ripartizione politica. Chron. 28,,5 s.; 29,r) e della città di Gerus:i-
lcmme ( 2 Chron. 6,6.}4.38; 12,13; )3,7), ma
1 Analogamente Ier. 4,31 dis1inguc Sion, che anche di una elezione dci sacerdoti e dci le·
trami con ironia, dal paese, al quale va la sua viti (2 Cbron. 29,rr ) e dell'edificio del tempio
mpassione. di Gerusalemme (2 Cbron. 7,16).
:i::v.:iv x-:k. A m 3a-4a (G. Fohrcr) (vu,307) 294
293 (v11,306)

3. Simbolo del popolo o della comunità sl pure in Lam. il conce tto di Sion im-
persona io parte il popolo nel suo aspet-
a) Talvolta il concetto Sion-Gerusa- to di entità prevalentemente politica, e
lemme sta a metà fra la designazione in questo caso è! lecito pensare a tutto
della città e il simbolo dei suoi abitanti. Israele (Lam. 1, 1 7: Sion-Giacobbe-Ge-
È la città del tempio e dei servi di Jah- rusalernrnc ). L'c:spressione figlia di Sio11
vé, la comunità (Ps. 79,2), che, in quan· oscilla fra l:i personificaiione della città
to Sion, insieme con le città della Giu- e il popolo che vi dimora (La111. 2, 1 }.
dea acclama Jahvé (P.r. 97,8). Puù an- Il vero splendore di Sion sono i suoi
che essere personificata e in quanto mie giovani (Lam . 4,2 ). Per il Deutcro- Isaia
parlare (Mich. 7 ,8-20), soffrire (ls. 51, Gerusalemme non è solo la città palesti-
17-23) oppme essere salvata (Is. 46, nese, ma è anche sirnholo del mio popo-
i 3), poiché in essa dimora la comunità lo (Is. 40, 1 s.), cioè di turn\ la comuni tà
di Dio (Ps. 147,12). SoprattuttO nell'o· israelitica diffusa in tutto il mondo e in
pera cronistica, che spesso nomina e- ogni tempo. sicché può essere chiamata
spressamente gli abitanti <li Gerusalem- col nome della cit tà (ls. 48,2) e Sio11
me (per es. 2 Chro11 . 32,26.33), l'acco- può essere detta il mio popolo (Js. 51.
stamento di Giuda e Gerusalemme non 16). Il p<Lrallclismo fra Gerusalemme e
deriva soltanto dalla struttura giuridica il mio popolo nell'attesa della promessa
del regno, ma sta a indicare il paese e escatologica ritorna anche in ls. 65,19-
la città che sono 11bitati da I srncl.:, 2), mentre in ls. 59 ,20 troviamo acco·
comunità teocratica ( r Chron. 5 .4 1; 2 stati Sio11 e coloro che in Giacobbe si
Cbro11. 2,6 e passim). In tutti questi co11vcrto110 dal ma!c. Infine, in questo
casi si può notare come la città diventi ('On testo w 11•10 mcnzion:Hi nlcuni pas;i
quasi espressione dcl popolo o della co- <lei Salmi. In Ps . 78,6l:l tribù cli Giuda e
munità stessa. monte Sio11 sono paralleli, in J26,t in
b) Oltre a indicare gli ubirnmi di luogo di sorte di Sion si porrebbe dire
Sion-Gerusalemme (~ coli. 256. 26 1) «la nostr:l ,;orte». in x28,5 s. Sio11-Geru ·
da Geremia in poi il nome della ciu:ì Jalcmme è in qu:ilche mo<lo simbolo d'I-
diventa anche simbolo del popolo o del- sraele, in c.+9 .z i figli di Sian cquiv.11·
la comunità. La deportazio11e di Geni· gono a hr:iclc . Pertanto Gerusalemme ~·
sa/emme (I cr. I ,3 ) significa lo deporta· esclusivamente littà dci Giudei, in cui
zione dei suoi ahit::inti. Troviamo acco- nef.sun alcro ha p~rtc, diri tw <; ricor<lu
stati Gerusalemme e questo popolo 1Nee111. 2,20; dr. A g. 2.10-14); pcrciC:)
(l er. 4, r I; 8,5 ); Giud11, G erusaleml/I<! e avviene hl pnrilìc:izione dcl t=mpio
questo popolo malvagio (Jer. I \ ,9 s.l; (Neem. 13,4-9).
Giuda e Sion (ler. q.r9) ; Gernsal.·11:·
Il!<! e ?.li abital!ti di Sion (Ier. 51.~5);
+·Sede e ciuù di Dio, luogo di mito ,.
oppure si parb del resto di Cerus.711:111· città tic/ tempio
me nel s::nso di un determinato gruppo a) È ancora possibile ricostruire, <11·
cli persone (ler. 24,8). La glossa lc!r. 4,
14 invitu a lllvarsi dal male, con Gcm - meno nelle linee fond:uncnrnli, l'o rigiryc
salemme indica però i suoi abitanti (dr. storica dcl principio d i fede che Sian ·
4,3 s.). In fa. 5,5 i capelli usati per l'a- Gemsalemme è il vero luogo della pre-
zione simbolica indicano alla leuera Ge- senza di Jahvé (~ coli. 276 ss.). An -
rusalemme (questa ì: Gerusalemme), in
effetti rapprc~!'ntano i suoi ahirnmi. Co- 1.itutto col simbolo dell'arca è stata mi-
Mv X't X.. A lii 4a (G. Fohrcr)

sferita a Gerusalemme la presenza di di Jahvé-rc e Gerusalemme è la sua


Jahvé fbà'6t, di colui che troneggia sui città regale. fa:. 43,7 collega la regale
cherubini; forse lo shemel dei moi pie- sovranità di Jahvé con la sua presenza
di (La111. 2,1) allude ancora all'arca. Do- nel tempio; secondo Ps. 9,12 egli tro·
po la costruzione del tempio salomoni- 11t:ggia su Sio11. Le due concezioni sono
co troviamo l'espressione 'dimora' di state fuse nel più recente canto di Mosè
Jahvé, che dichiara sede di Dio anzitut· al Mar Rosso: Jahvé s'è preparato in
to il tempio (1 Reg. 8,12 s.), poi il colle Gerusalemme un:i dimora, il tempio, per
della città e la città stessa 95 • Significa- poter dominare per sempre in veste di
tivo per l'ampliamento e la trasposizione re (Ex. 15,17 s.). Parimenti il colle del-
dell'espressione 'abitare', è Ps. 43,3, che la città è <lello 111onle della sua proprie-
po ne in parallelo il tempio come dimora tà e, in conm.-ssione col dimorare e il
di Jahvé e il monte santo. Se qui è evi- regnare di Jalwé, è dichiarato monte di
dente il collegamento tra abitare e mon- Dio. La ceologi.1 deuteronomica Jeter-
te, già al tempo di Isaia il concetto è mina con maggiore esanezza il rai.>porto
collegato al monte Sion (lr. 8 ,18; Ps. di Jahvé con la città santa precisando
74,2) e più tardi è esteso fino a com- che Dio vi fa abitare il suo nome, e in
prendere tutta Gerusalemme, che nel questo modo riferisce univocamente la
suo complesso costituisce la dimora di precedente concezione della dimora di
Jahvé (loel 4,21; Ps. 76,3 e passim). Jahvé in Gerusalemme alla sua presenza
L'idea è collegata anche alla teologia rivelatrice{~ VIII, coli. 7:20 SS . 14 17) 96 .
deuteronomica dell'elezione (Ps. 132,13 A ciò la teologia deuteronomica aggiun-
s .). Una co ncezione opposta si trova in ge poi l'idea dell'elezione (-+ col. 284)
1 Reg. 8,27; Is. 66, r s. Inoltre, poiché che il Deut. limi ta ai luoghi <li cu lto,
il tempio rappresenra una specie di pa· mentre i redattori deuteronomici dci Li-
lazzo teneno çhe corrisponde alla reg- bri dei Re l'hanno estcs:1 all:i città di
gia celeste di Jahvé, Gerusalemme di- Gerusalemme (1 Reg. rr , 13.32 .36; q,
venta la città del re Jahvé. In Ier. 8 ,19 ; 21; 2Reg 21 ,4 .7 ) . Anche le Cronache

q , 19 trova espressione almeno la fede parlano di un'elezione sia dell'edificio


dcl popolo che il tempio è il palazzo del tempio ge rosolimitano ( 2 Chron. 7,

9; Ri spc110 nll'al tra espressio ne jlb si è voluto Biblicn l Archm.-ologis t 10 ( r947) 6}·68; G . E.
intendere il verbo ikn nel senso di porsi a se· WRfGllT, Bibl. Arcbiiologie ( 1958) 143. Tutta·
dcre o di abitare, come un «attendarsi•, nel via 1k11 deriva dall'accadico Jakà1111, porre, e·
significa to .:hc il termine ha presso i nomadi, quivalentc all'ugaritico Jkn, abitare, e non d~
di modo che Dio «abita» in ciclo, ma il miste· un termine nomadirn, mentre iib derivo dal·
ro della su• presenza è noto anche in terra, l'ugaricico j{b, porsi a sederr (-> crxl)ll6w).
roi<hé egli «è attendato» in ma?.o al $ UO po. 9; Per la traduzione tfo·ergent~ dci LXX ->
polo; cfr. F. M. CROSS jr., Tbe Tobm1acle: The x. col. 129s.
297 (vu,308) :!:~wv x~À.. :\ 111 4a-c (G. Fohrer)

I 6) sia della città di Gerusalemme ( 2 di culto, l'ha fondata egli stesso sui
Chron. 6,6; 12,13; 33,7). In questo mo- monti santi quale città di Dio: in que-
do il tempio di Gerusalemme, il monte 5ti termini Ps. 87 riepiloga tutte le con-
Sion e la città stessa diventano non solo ce-Lioni. Pertanto Gerusalemme è in de·
l'unico luogo legittimo di culto, ma an- finitiva la città di Dio (Ps. 46,5), la città
che il segno della presenza rivelatrice del nostro Dio, del grande re (Ps. 48,2
di Dio. s.) e quindi la città santa (Is. 48,2; 52 ,
I; Neem. 1 r,1 ). Verso Sion vuol dire
b) Determinante per iJ crescente pre-
verso ]ahvé (ler. 31,6), da Sion vuol di-
stigio di Gerusalemme quale città di Dio
re da Jahvé (Ps. T 4,7 ).
fu il continuo allargamento e trasferi-
mento della santità (~ 1, coli. 238 s.) c) Così è f.ede comune che Jahvé, che
del suo luogo di rivelazione: dall'arca al abita in Gerusalemme, è Dio in Sion
tempio - al monte del tempio - a tutta (Ps. 65,2; 99,2; r35,21).
la città. L'equiparazione di tempio e Quando Ezechiele nella sua v1s1one
monte del tempio è chiaramente com- vede Jahvé incenerire e abbandonare la
piuta in Ps. 15,1; 24,3. Il tempio è pa- città (E:i:. 9,_3•; io,2.7.18s.; u,22s.)
presuppone come ovvia la sua presenza
rallelo al monte di Jahvé o al monte rivelatrice per soccorrere o per giudica-
santo. Poiché questo porta il nome di re. E il governo persiano dichiara uffi·
Sian, Sion è il monte santo di Jahvé cialmente: questo è il Dio che è i11 Ge-
rusalemme (Esdr. 1,3); in Esdr. 7,15 si
(ls. 31,4; Iod 2,1) e tempio e Sion pos- parla invece della sua dimora in Ger11-
sono essere anche paralleli. Come in Ps. salemme. Conseguenza della presenza
78,68 s. la costruzione del santuario è di Jahvé in Gerusalemme, dimora e cit-
paragonata alla creazione del mondo, tà di Dio, è che la teofania proviene d,~
essa quale nuovo Sinai (Ps. 68;18). Tale
così in Ps. 68,18 si ha il collegamento è la visione che Ezechiele ne ha in J3a-
del tempio col Sinai, monte di Dio e bilonia, allorché scorge Jahvé che s'ap-
simbolo della presenza rivelatrice. Inol- pressa da settentrione, seguendo la Cii·
rovaniera (fa:. r ,4). Il suo splendore si
tre il monte santo di Jahvé è posto in riflette su Sion, ideale di bellezza (Ps.
parallelo con Gerusalemme, sua città ;;0,2) 91 • In epoca successiva inoltre Jah-
(ls. 45,13; Dan. 9,16 s.). Poiché Dio a- vé viene da Sion per giudicare. L'oraco-
ma Sion-Gerusalemme pili di ogni altro lo di Geremia, secondo cui Dio ruggisce
dal cielo sul suo 'bel prato', Gerusalem-
luogo d'Israele, in quanto è la città del me (Jer. 25,30), in Ioel 4,16 viene mo-
tempio, e quindi non vuole altri luoghj dificato ne! senso che ora l'ira diviha

97 Viceversa in Is. 6 (racconto dell'esperienza espresso opinioni diverse I. P. SEIERSTAD, Die


vocazionale del profeta) ptobabilmeme non si Offe11baru11gserleb11isse der Propbeten Am., Js.
peasa al tempio di Gerusalemme come l11ogo 1md Jer. ( 1946) 65 s .; ]. STEINMANN, Le pro-
della teofanio, ma al p•l=o celeste di Jahvé pl.d·ii: [;aie' (1955) 34·40. Contro G. Fo1·IRER,
contemplato in visione; recenccmeme hanno Das Buch fesa;a I ( r96o) 22.
(Yll,)10) }00

viene da Sion-Gerusalemme, vera sede di preghiera per lutti i popoli (- m,


deUa rivelazione di Jahvé, e qu indi, in col. i255), centro spirituale del mon-
11111. 1 , 2, viene premesso come program-
ma al libro del profeta : da Sion-Geru- do (ls. 56,7). È vero che si distingue
salemme, città di Dio, il giudizio s'ab- Gcmsnlemrne dal tempio (Ps. 68,30), al
batte sul regno del Nord, I sraele (Am. quale si applicano le immagini della ten-
l ,2), e sulle nazioni (loet 4,16). Ma mon-
da (Lam. 2,4) o della capanna (Lam . .2,
te Sion e Gerusalemme sono anche sim-
bolo della protezione di J ahvé; come es- 6), ma normalmente, per l'equi parazione
si è perenne l'aiuto di Dio a coloro che di Sion e santuaric (Ps. 20,3), tutta la
confidano in lui (Ps. 125,T s.). Da ciò città di Ge rusalemme è .::-nsidcrata cit-
può nascere una nuova formula di be-
nedizione: Jahvé ti benedica da Sion tà del tempio (Ps. 48; Esdr. 1,15 ss. e
(Ps. 128,5; 134,3), che assicura a chi la passim), poiché ne è la custode (Ps.
riceve le forze del luogo sacro. 116,19). Contemplare D io in Sion (Ps.
d) Benché Michca non veda più alcun 84,8) è ritenuto il momento culminan-
futuro per Gerusalemme quale luogo di te, che il pellegrino vive nel culto. In
culto (Mich. 3,12) e odia relazione di questo contesto Sion indica sia il luogo
Baruc sul discorso di Geremia nel tem- di culto sia il culto che vi si svolge (-
pio (ler. 7,1-15) la minaccia contro il II, col.17; m, coll. 916s.).
tempio sia estesa a Gerusalemme quale
città del tempio (ler. 26,6-12), si affer- 5. Ci11à del peccato e del giudizio
ma la convinzione che la città sopravvi-
vrà, poiché Sio11 - anzituno il tempio, a) Contro la valutazione positiva di
e poi, in senso più vasto, la città di Ge- Gerusalemme troviamo la critica profe-
rusalemme - si considera opera di Jahvé tica che non solo non concede alla città
(ls. 14,32; Ps. 125,1; 132,13 s.) e tutta una posizione di privilegio, ma la ritie-
l'altura con gli edifici del tempio è ri- ne la città del peccato in mezzo al po-
tenuta sacra a lui, cioè sua proprietà polo peccatore. Di solito le invettive
(fa. 43,1-9). Benché per la grande dia- profetiche sono rivolte in ugual misura
spora postesilica, che vive dispersa ma a Giuda e a Gerusalemme, di modo che
è sempre più importante, sia impossi- non è la cinà in quanto tale che appare
bile partecipare al culto nel tempio - se riprovevole rispetto alla campagna. Mi-
non talvolta in pellegrinaggio -, non so- chea redarguisce e minaccia in panico-
lo si resta fedeli all'indissolubile unione bre Gerusalemme e Samaria perché nel-
di tempio e comunità e al decisivo va- le capitali, punto focale di rutto il pae-
lore salvifico dell'appartenenza alla CO· se, vivono i veri responsabili, sui quali
munità del tempio, alla quale si posso- grava la maggior colpa del peccato di
no unire persino eunuchi e srr:mieri (Is. tutto il popolo (Mich. l ,5). La capitale
56,1 -8 ), ma si considera il tempio casa rappresenta per il paese ciò che è la
JOI (VII,) IO) Ii.Wv x'<>.. A 111 50 (G. Fohrer) {Vll,)IO) }02

'porta ' - dove si svolge la vita pubblica senza della città, che fa sgorgare il male
- per il villaggio (Mich. r,9). come acqua (/cr. 6,6 s. ). Accanto ai pec-
Il vero peccato di Gerusalemme o d ei cmi religiosi e cultuali, che riassume col
suoi abitanti, come sempre nella teolo- termine di ' idolatria', Ezechide consi-
gia profetica, consiste nell'abbandono dera le trasgressioni etico-sociali cosl
d i Dio e nella ribellione contro di lui gravi, che chiama Gerusalemme sem-
(ls. 3,8.16 s.; 22,1-14; 28 ,14). Nell'im- plicemente città sanguinaria (fa:. 22,2 s.
magine dell'infedeltà di Gerusalemme, i9; 24,6). A questi peccati sono da ag·
decaduta al rango di prostituta, si de- giungere le colpe politiche: la ricerca del
scrive in termini drastici questo pecca- favore delle grandi potenze (fa. 16,23-
to religioso <- x, col. 1466). L'imma- 2'; nei vv. 26-29 si fa riferimento alla
gine evoca inoltre l'abbando no di Dio poli tica degli ultimi anni del re Sede-
per falli cultuali e per l'idolatria, che cia ); infatti anche le alleanze politiche
la critica profetica accerta sia in Ge- comportavano d overi di natura religio-
rusalemme sia nel pae.s e di Giuda e in so-culrualc 100•
Israele (Is. 10,11; 6>,11; Ier. 1,16; 2, Alla luce della critica profetica è com-
28; II,r3) 98 . Altrettanto grave è il pec- prensibile che da Baruc sempre, e talvol-
cato eLico e sociale che Michea scorge ta anche da Ezechiele, Gerusalemme sia
nella speculazione ed ilizia privata d el spre1.znntemente e sdegnosamente de tta
suo tempo, fondata sull'iniquità e sul codcst11 città (ler. 21, r-10 e passim; Ez.
sangue (Mich. 3,10) 99 . Geremia conosce 10
1 t ,2 .6) ' , oppure che Ezechiele metta
un antico periodo di amore per Jahvé, in risa lto come realtà determinan te l'o-
che egli paragona al tempo del fidanza- rigine pagana amorrea e ittita d i Ge ru-
mento (ler. 2,2 ss. ; - I, coli. 86 s.), ma sale mme e che, a differenza di I s. 1,21,
al p resente egli ritiene impossibile tro- ritengo questo fatto determinante per
vare in Gerusalemme un solo uomo ret- tutta la sua storia, anzi, in antitesi con
to (Jer. 5, 1) e vede nell'oppressione l'cs- la teo logia dcuteronomica dell'epoca, :is-

w. Per In rritica dei profeti contro il tempio C c:u:m lcmmc ,. " tutta b tasa d'braclc d 1c
_,. 111 , culi . 790 s. 1 i d imor:1. Erroneamente 1:2.19 riferisce solo a
n l\·r l.1 crit ic.t dci profeti contro la ricchez· c:crus.1lc·mme b mina~x:ia di C2,ri· 20 rirnlta u
z,1 -> r. , col i. 7·U s. tutto il pac.s~. In Ez. 5,w s. s i narrunu >e<:On·
dariuin~nte particolari dcl giudizio, in 5.3-4' si
t~ P.-rciò E<. 16,r6·2c in un'appendice può p1-csuppone un resto e un giudizio di purifica ·
nuo\-amcnte cs1cnder~ al culto l'immagine del- zionc . A questo riguudo fa. 24,25 collega •fa
l'infedeltà. fine òell'ammutolimento col giorno della con-
101 Conseguentemente si ha la stessa esprcs· quis1a di Gerusalemme, 33,21 invece con l'ar-
sione nelle :iggiun1c posteriori di I er. 32,3.28 rivo della notizia del fauo. La glossa 2.p 6
s.; 33.-1 s. lirca l'immagine del C2lice dell'ira <:ere:1 di appianare la divergmza ponendo l'u·
per il giudizio -+ x , coli. 167 ss. La glossa E-.c. rivo dcl messaggero il giorno stesso della con-
12,Ioa~-b applica la minaccia ai principi di quisra.
303 (Vll,310) l:twv xù. A lii ;a-6a (G. Fohrcr)

segni Gerusalemme al mondo pagano (Ez. 12,1-n). Il castigo sarà spietato


(fa:. 16,1-3). Per natura la gente di Ge- (ler. r5 ,5). Certo, vi sarebbe la possibi-
lità di salvarsi, ma l'unica condizione sa·
rusalemme è buona a nulla (fa;. 15,6). rebbe una conversione radicale, una tra-
Se dal castigo se ne salva una parte è sformazione totale (ler. 4,3 s.) alle quali
solo perché serva da monito ai deportati Gerusalemme non era idonea o non era
che in essa devono riconoscere la legit· disposta. Il giudizio eseguito è visto in
retrospettiva da Ier. 42,18; 44,I 3, dallo
timità del castigo (Ez. 14,22). Essa è storico deuteronornistico (2 Reg. 24,13 .
più disobbediente di tutti gli altri po· 20) e da Lam. 1·5· Se per Geremia è
poli (fa. 5,6; dr. ler. 2,10 s. su Giuda chiaro che l'ira e il furore <li Dio si so-
no riversati sopra Gerusalemme (Ier.
in genere), peggiore di Samaria e di So- 42,18), in Lam. 1-5 la sventura pare
doma (Lam. 4,6; aggiunta in fa. 16,44- una catastrofe inactesa e incommensu-
58). Nello spirito deuteronomico l'ac- rabile, benché si colga una traccia del-
l'idea che il giorno di Gerusalemme (Ps
cusa è alquanto diversa ed è di aver ab-
137,7) era stato minacciato ormai da
bandonato la legge, di seguire l'idola- lungo tempo quale punizione dei pecca-
tria (Am . 2>4 s.) o di essersi lasciata an- ti. Come il peccato <li Gerusalemme, co-
dare all'abominio pagano dei matrimoni sl anche il giudizio non ha nulla di egua-
le (Dan. 9 ,12).
con donne straniere (Mal. 2 ,II).
b) Poiché Gerusalemme è la città del 6. Città dell'èra salvifica escatologica
peccato, diverrà in futuro la città del
giudizio, secondo la minaccia dei profe- a) La speranza di una restaurazione di
ti. Quella che un giorno fu assediata e Gerusalemme s'incontra quasi senza ec-
conquistata da David, a compimento del
giudizio divino sarà nuovamente asse- cezioni quale attesa escatologica immi-
diata (Is. 29,1-7), con la conseguenza nente non appena, durante l'esilio, l'an-
che la città godereccia sarà devastata nuncio profetico dell'alternativa di giu-
(ls. 32,13 s.). Jahvé la esaminerà atten-
dizio sulla cictà peccatrice o di salvezza
tamente per regolare i conti con tutti i
colpevoli (Soph. 1,1 2 ). L'appressarsi di condizionata da una radicale conversione
Nabucodonosor significa l'avvicinarsi viene interpretato nel senso di due mo-
dell'esecutore del giudizio (Ez. 21,2 5- menti successivi : al giudizio tiene die-
27). Per questo Jahvé raduna i Giudei
in Gerusalemme come in una fornace, tro la salvezza. Poiché le cadute di Giu-
non per eliminare le scorie (secondo Is. da e di Gerusalemme seguite dall'esilio
1,:n.25; Ier. 6,27-29), ma per distrug- babilonese costituivano senza dubbio il
gere tutti col fuoco (Ez. 22,19). Non
giudizio minacciato dai profeti, ora non
serve a nulla che Gerusalemme, come u·
na cortigiana, tenti di adescare i nemi- poteva che subentrare l 'èra salvifica che,
ci; non si ode che il rantolo di morte dopo il compimento del giudizio, sareb-
dei condannati (ler. 4,30 s.). Spesso nei be stata definitiva e perenne e avrebbe
profeti il giudizio consiste in una guerra
con i suoi orrori (ler. 6,23) e nella con- significato l'attuazione del regno di Dio.
seguente deportazione degli abitanti Allora Sian-Gerusalemme diventa e ri-
305 (v11,311) E..Wv xù. J\ Hl 6a·b (G. Fohrer)

mane la città di questa èra di salvezza madre non dimentica il figlio suo (1 s.
escatologica. 49,r4 s.). Nell'attuale situazione di scon-
forto risuona l'annuncio del grande cam-
Il primo spunto per questa interpre-
tazione escatologica si può individuare biamento (Soph. 3,16). Anzi, in antitesi
in Lam. 4,22: il giudizio su Sion si è con le precedenti minacce profetiche,
concluso, ma non si annuncia ancora un ora l'esilio appare solo un'occasione per-
cambiamento o un tempo di salvezza; ci
si limita a minacciare il castigo contro ché Jahvé dimostri la sua potenza a Sio11
gli &fomiti, gli odiati avversari di sem- e possa salvare e liberare i suoi abitanti
pre. Invece presso il Deutero·Isaia In deportaci (Mich. 4,10) '°3 • L'imminente
constatazione della fine del castigo è ac-
svolta escatologica è annunciata in età
compagnata dalla consolazione di Geru-
salemme per l'imminente cambiamento pcstesilica dall'anonimo profeta di I s.
(ls. 40,r s.), dall'annuncio della epifania 60 per Gerusalemme, che sta al centro
di Jahvé (ls. 40,3-5) e dal grido <li ri- di tutta la sua riflessione: la futura sal-
sveglio rivolto a Gerusalemme (ls. 5 r,
17). Qualche tempo dopo Zaccaria con- vezza di Gerusalemme, la sua 'luce', sarà
trappone esplicitamente al tempo dell'i- l'irradiazione del luminoso splendore di
ra, già concluso, l'imminente inizio dei Jahvé (v. r ), quale nuova creazione del
tempi con la promessa della futura epo-
mondo ( v. 2 ) , per cui la fine del mondo
ca di salvezza per Giuda e Gerusalem-
me (Zach. 8,r J), per cui in Zach. r ,12 ci corrisponde al suo inizio.
si chiederà con dolore quando mai que-
sto tempo di salvezza sorgerà per Ge- Nel mondo tenebroso Gerusalemme
rusalemme, allorché saranno trascorsi i brillerà come una rocca di luce emanan-
settant'anni dell'ira 102 annunciaci da Ier. te un'irresistibile forza d'attrazione (Is.
25,xr (oltre che in 29,10). 60,2 s.). Nonostance le apparenze con-
trarie, Dio «SÌ appassiona» per Sion-Ge-
b) La compassione di Jahvé per Geru - rusalemme, cioè nel suo sollecito amore
rivendica i suoi diritti su di essa (Zach.
salemme segna l'inizio del tempo esca-
r,q; 8,2). Egli tornerà ad eleggerla
tologiw (Zach. l , r 2 ). Egli per primo ha (Za.ch. 1,17 11.14; 2,i6), al punto che l'e-
annunciato la prossima liberazione di spressione Jahl'é che elegge Gerusalem·
Gerusalemme (ls. 4 1,27) e le dona la me viene usata addirittura come epite-
to (Zach. 3 ,2 ) . Aggeo e Zaccaria si at·
salvezza ormai imminente (ls. 46,13) , tendono che tale promessa si compia con
poiché non dimentica Sion, come una l'edificazione dcl secondo tempio. L'èra

l<:Z Per In trasformaiione nei LXX -> v111, 1cn~ di Giuda: «le mie città trabocchino di
coli. r 158 s. gioia» . Diversa è l'i.nterpreiazione di T11. H.
103 Mich. 4,10 (un'aggiunta a 4,9.n-12) nel ilo s1NsoN - F. HORST, Die Zwol/ Klefoen Pio·
suo testo letterale preannuncia l'esilio, benché pheten, Handbuch A.T. I 14' (t9H) 220: «So-
in re.altà esso sia già presupposto. Secondo no dttà infelici nella dispersione»; tuttavia
l'autore la via attraverso le sofferenze porta questa spiegazione postula la congettura 'iirim
alla gloria . e un particolare significato del verbo pwf, cioè
(disperdersi ) essere nella dispersione invece d i
1111 L'attesa è al tempo stesso allargata alla traboccare.
307(v11,312) !1.C:w x'TÀ. A Hl 6b (C. Fohrcr) (vu,313) 308

salvifica ha inizio con la nuova posa del- tornano altri concetti antichi: Jahvé 'a-
la prima pietra (Ag. 2,19) o con la mes- bit!l' di nuO\'O in Sion (Zach. 2,14; 8,3;
s~ in opera dell'ultima pietra dcl tempio
(Zach. 4,6a~-roa). !od ,p7), Sion è il luogo del suo 'no-
me' (ls. 18,7).
Si attende il ritorno di Jahvé in Sion I vi Jahvé assumerà In regale sovra-
che già Ezechiele aveva prcconiuato in nità escatologica (Is. 24,23; 52,7; Abd.
visione (Ez. 43,1-9); il suo arrivo sarà 21; Mich. 4 ,7; Soph. 3,15; Zach. i4,9;
iinnun:dato da messaggeri di gioia e di Ps. 146,1 0; 149,2 ~ II, coli. 144 ss.;
vittoria (Is. 52,7 ss.; ~ rn, coli. 1027 rx, coll. 851 s.). Significativamente a Ge-
s.), o potrà far pensare ad un'invasione rusalemme viene collegata di solito solo
di cavallette (Ioel 2,1 ). Come nel caso questa idea della sovranità esercitata da
della liberazione dall'Egitto egli scende- Jahvé stesso e i nomi Sion-Gerusalem-
rà (ls. 4 ,5) dopo aver sconfitto i suoi me sono menzionati in promesse messia·
nemici celesti (Is. 24,23). In quel gior- niche soltanto in Zacb. 9,9 s., dove si
no è presente in modo visibile in Gem- parla dell'ingresso del dominarore mes-
salemme (ls . 4,5; 30,20); la sua mano sianico 105•106• Certo, Aggeo e Zacc-aria
si posa sul monte (Is. 25,co) e i geroso- presuppongono semplicemente che il
limitani dimorano alla sua presenza (Is. messia Zorobabele (Ag. 2,20-23) o i due
23,18). Jnhvé, roccia d'Israele, è nuo- messia Zorobabcle e Giosué (Zach. 4,r-
vamente sul suo monte (ls. 30,29). Ed 6aa.10b-14; 3,8 s.; 6,9-15 107 ) vivano a
è così che Gerusalemme ritorna ad es- Gerusalemme; e cosl può essere anche
sere definitivamente citt:ì di Dio, città in altri testi u•. Tutravia è troppo forte
di Jahvé (ls. 60,14), città santa (ls. 52, l'idea che Gerusalemme sia la città stes·
l} e santua rio (Ioel 4,17). Oltre al con- sa di J ahvé perché la si possa dichiarare
cetto di elezione, in questo contesto ri- solo residenza del messia quale suo luo-

t.'I F11vorcvoli nll'origine preesilieo sono Ro- riJ avrebbe dovuto compiere come acro sim·
3INS0.'1-HORST, op. cit. (~ n. 104) 247 s. Pa- b"lico; p~r il lesto dr. RosJNSON-HORST, op.
.illcli 000>dici wno indicati da S. I. FE!GIN, ci!. (-+ n. t04 ) 231>; K. ELLIGER, DaJ Duch
&bylo11iu11 P.ira!k!s 10 th~ Hcbreu• Phrgse 1!e, w·ul/ Klei11en Propbeter. 11 , A.T. Deutsch
•Lo:vly, and rtdmt. 11pon an ass,., in St11die5 ~5' (1'.)51) 11 9. L"cquivalen:e sentenza per il
i11 Memory o/ Moses Schorr ( 1944) 127.240. so111mo s.irt:rdot<> Giosuè visto come sccomlu
106 Si l>Otrehhe forse mcn:ionnre Zach. i i,9- n1c!>sia si trova in 3,8 s.
13,1; n111avia è poco probabi le che con la lll'> Così frr. _13, 17 s., che attende unn serie di
«Casa di Oa\'id» s'intenda una dinastia mes- dis~cndenti messianici di David e un saccrdo-
sianica. iiu leviti•'<> perenne un abbin.men1.o ano!ogo •
o; Il lt'StO di Zach. 6.9.r5èstato1l()tevolmentc quello di Zach., ma inteso come siabilc is•i·
rimanci;giato e ampliato. Le parole originarie, mzionc), oon l'allusione al trono della casa
per la cui ricostruzione vanno utilizzati solo 6, d 'lsr.iele probabilroen1e intende Gerusalem-
.1ob.111-bll.12a.13.15aa, rigu3rdavano l'ordì· me come sua sede; ma non viene mai fatto
ne di incoronare Zorobabdc, ciò che Zacca- il nome della città.
ì<>9 (v11,313) rv.;,v wù. A 111 61><' ({;. fohrcrl (Vi1,3q) ìlO

gotenente l'erreno. L 'escato logia non dizioni e Dio stesso proteggerà Gerusa-
messianica, moho più diffusa di quella lemme. Con la ricostruzione della città
ovvbmeme sarà ried ificato anche il tem-
messianica, che attendeva come prossi- pio (1 s. 44,28; Zacb. x, 16), come solle-
mo il regno di Dio, conne ttendosi a pre- citano Aggeo e Zaccaria, ailìnché il nuo-
cedenti concezioni che ved evano in Ge- vo tempio possa simboleggiare l'inizio
dell'èra escatologica. Esso sarà o rn ato
rusalemme In sede e la città d i D io ave-
con fasto sontuosissimo (ls. 60,13; AJ!.
va già sviluppato l'idea che la ci ttà sa. 2,7-9). Gcrusalel!lme poi sarà nuova-
sarebbe diventata la residenza escatolo- mente abit:.na (Is. 44,26) e per sem pre
g ica di D io stesso. Egli vi isti tuirà un (I oel 4 , 20 J, e il s uo territorio sarà benc-
d c n o da u na grande fertili tà (ls . .i.,2;
governo a lui gradito (Icr. 3,15 1•>'\ inol- 30,23 ss.; cfr. Ioel 4 ,18). Edom le paga
tre -+ nt, col. 204), oppure con la su,1 il tributo (ls. 16,1 ), T iro le invia in do-
presenza offrirà protezione e aiuto (ls. no il ricavato <lei suoi traffici (fs. 23,
18), le toccano in sone i prodoni del-
4 ,5 s.; /oel 4,16 s.; Ps. 46), poiché egli
l'Egitto e di Kush (ls. 4 5,14), 1ut1i i
consegue la vittoria come un e roe (Soph. beni e le ricchezze di tutte le nazioni af-
3,q) oppure cinge, come un muro d i fluiranno a Gerusalemme ininterrotta-
fuoco, la città all'esterno e nel suo in- mente (/ s. 60.5 -1 r) in seguiro :il capo-
volgime11to esc:nologico (A g. 2,7 s.}. Al-
r.erno d ispiega la sua gloria (Zach. 2,9). lora in elietù Sion dive rrà paradiso e
Aiardino d i Jahvé, <li modo che in ccà
e) La gloria escatologica di Gerusa- escatologica tornerà il mirabile tempo
lemme si fonda solo ed esclusivamente delle origini (Jr. ,5 l,3 ; - > 1x, coli. 58:!
su ll 'inrcn·C'nto salvifico d i Dio (ls. 6 2; ss.).
66,10- 15). La promessa ricostruzione
Gerusalemme diverrà b. capitale esca-
d ella città distrutta (l s. 49,16 s.; Zach.
r ,16) avverrà con uno sfarzo e uno tologica (/s. r6,r) e il centro religioso
splendore inimmaginabili, tra pietre pre- (ls. 45 ,14), perciò nessun nemico la po-
ziose, come una ci età di fiaba (/s. ,54, 11- rr:i toccare (ls. ,52,1; loel 3,5; 4 ,r7 e
17). Si descrivono anche le misure della
n uova città secondo le precedenti carat- passim). Per b sua dignità avrà un nuo-
teris tiche lOpogrnfiche (icr. 31,38-40; vo nome (Ts. 62,2) che - in quanto con -
Ez. 48,30-35; Zach. 14,10). D i solito è ferilolc <l.i J ahvé - esprimerà i suo i di -
rapprc~~nrnta racchiusa d;t mu ra (ls. 60,
riui di ~ovrani tà (~ vm, coli. 7n ss.)
10; 62,6; Mich. 7,1 x) necessarie aJl,1 d i-
fesa ( ls. 26,r) 110, a nche se le po rte s ta- e inJicl u:rà la nuo va nacura dcllil ci ttil
ranno ape rte giorno e notte a causa del- (circa il n uovo nome d i Gerusalemme
le numerose carovane (1s. 60, TI). Inve- ~ vm, coll. 715; x, col. 1297). Il nuo-
ce Zach. 2 ,6.8 s. esclude la costrnzionc
di nuovi baluardi perché le mura segna. vo nome sarà: mio co111piad111e1110 in
no un limite all'abbondanza d elle bene- essa (ls. 62,.f), ricercata e città mai ab-

'"1 ler. 3,14-18 è un brano postesilico non f!. 110 J. Die ]J.-11po.~alyp1c (1938)
[.1NDllLO:O.I,
s:tlenrc a Cc,emia; diversa è l'opinione di W. X~"><> non interpreta l s. 26,1-q in senso CSCll·
RuooLPll, ]eremia, Handbuch A.T. I u' rolo:tico, ma lo riferisce rt un fatto storico.
( 1958) ad I.
:E!Mv x~À. A 111 6c-d (G. Fohrer)

bandonata (ls. 62,12 ), trono di Jahvé in Gerusalemme sarete consolati, cioè


(ler. 3,17 secondo 14,u; 17,u; _.IV, dal suo fasto e splendore e non da Dio
(_.IX, col. 647). Secondo Mich. 4,8 nel-
col. 579), Jahvé nostra giustizia (ler.
l'èra escatologica Sion, che nella cata-
33,16), ivi è Jahvé (Ez. 48,35), oppure strofe del 586 era stata ridotta a una
la città fedele (Zach. 8,3 secondo ls. 1, minuscola e impotente torre di sorve-
2i.26) 111 , mentre il monte del tempio glianza delle greggi, questa stessa Sion
- e non Jahvé - eserciterà un potere
sarà chiamato espressamente monte san· molto ampio. Viceversa Zach. J2,7 an-
lo (Zach. 8,3 e loel 4,17). Questi termi- nuncia che Jahvé soccorrerà prima Giu-
ni, confrontati con i rimproveri e le mi- da e poi Gerusalemme, affinché gli abi·
tanti della città non divengano arro-
naC(;e dei profeti, esprimono l'attesa di
ganti.
una Gerusalemme nuova e migliore, che
d) Altri passi riguardano gli abicanti
solo l'azione salvifica e redentrice di Dio
della nuova Gerusalemme escatologica.
potrà creare. Questa attesa costituisce
La loro esistenza poggia sulla remissbne
l'aggancio per la successiva concezione
e sulla grazia di Dio, il quale cancella il
della Gerusalemme superiore o celeste
reato di sangue di Gerusalemme biasi-
(~ coll. 339 ss. 368 ss. 372 ss.) che non
mato da Ezechiele, lava la sozzura del
si trova ancora nell'A.T. Tutti i pas-
peccato (ls. 44) e attende di donare
si veterotestamentari si riferiscono alla
grazia al suo popolo (Is. 30,18 s.). Per-
Gernsalemme terrena, la quale sola è
ciò i redenti torneranno a Sion (ls. 35,
considerata la città nuova, futura, del-
ro; 51,n). Essi sono il santo resto (2
l'èra salvifica escatologica. Su questa
concezione hanno influito più antiche
Rcg. 19,31; ls.4,3; _.VI, coll.564s.),
col quale poi in Aggeo e Zaccaria si iden-
idee di vario genere.
tificano i deportati effettivamente rim-
Peraltro nelle attese escatologiche ri- patriati. In età postesilica si diffonde
guardanti Gerusalemme si colgono an- l'attesa che anche la diaspora ritornerà:
che aspetti perfino esageratamente u-
mani. Se da un lato essi mostrano che anzitutto quella di Babilonia (Zach. 6,8 .
l'escatologia tien conto di dati storici 15°), poi, in termini universalistici, an-
concreti e non sublima e spiritualizza in- che quella che vive in tutto il mondo
condizionatamente (_. 1x, coll. 8 1 r s.,
n. 3 3), d 'al era parre già col Deu tero-Isa- (.Ts. 27,13; 62,II e passim).
ia e con Aggeo s'inizia, entro questo Lo scopo del ritorno a Gerusalemme
quadro, un genere di descrizione spesso è l'instaurazione di un giusto ed eterno
grevementc materiale dell'epoca salvifi-
rapporto di alleanza (I er. 50,5 ), in fe.
ca. Mentre I s. 66,1 3 in un primo mo-
men to promette consolazione da parte deità e giustizia, che Dio comunica ai
di Dio, più tardi una glossa aggiunge: st!oi affinché rimangano fedeli alla co-

111 A questo riguardo la fedeltà caratterizza la


dea di Gerusalemme torna ad essere quasi un
comunità di Dio nella cittii, di modo che l'i- simbolo della comunità.
313 (v11,314) !t.Wv xi;).., A m 6d.e !G. Fohrcr)

munione (Zach. 8,8). In tal modo as- e passim). C'è però una corrente della
sistiamo alla nascita di un nuovo popolo profezia escatologica che attende avve-
nimenti terribili (~ x, coli. 1 2)3 s.).
in Sion (ls. 66,8), che è retto e fedele Nell'ha escatologica i popoli pagani in-
Us. 26,2) e irreprensibile (Abd. 17), per traprenderanno una spedizione e lance-
cui i giusti di Sio11-Gerusalemme saran- ranno un attacco contro Gcrrisal!!mme
per conquistarla; peraltro senza succes-
no sempre preservati da ogni tribolazio-
so (ls. 29,8 ; Micb. 4,n ), poiché i popo-
ne (loel 3,5). Ciò comporta un incre- li che scenderanno in campo contro la
mt'nto della popolmdone (ler. 3,16; città, davanti a Gerusalemme saranno
Z11ch. 2,8; 8,5) tale che la superficie del- annientnti (ls. 1 7 ,12-14) 112; Zach. r 2,~-
6 e passim). A questa concezione cor-
l:J città sarà insufficiente (Is. 4 9,20 s.). rente allude anche Is. ro, 12 113 , mentre
soprattutto perché l'età individuale, ri- loel 4,9-12 . t 3- 17 descrive più dettaglia-
dotta in conseguenza del peccato (cfr. tamente l'appressarsi e l'adunarsi dei po·
poli, sui quali da Sio11-Ger11satemme
Gen. 5; 6,r-4}, tornerà ad elevarsi (/s. Jahvé tiene il giudizio finale 111 • Tu tta Li
65,20; Zach. 8,4). All'ideale di una vita terra è resa un deserrn, quando Gcn1s;1-
che lluiscc duratura s'aggiunge quello di lemme trionfa (1Uich. 7,13). Soph. 3,q
s. invece fa pensare ad un:i potenza osti-
un vigore eroico (Zach. 12 ,8) e di un be-
le che presentemente s'accampa sul pac·
nessere economico :anche sema la ric- se o comunque opprime il popolo in età
chezza di altri popoli (ls. 62,8 s.; Zach . postesilica, più che a n:izioni radunate
2,8). Perciò in Gerusalemme rcgncl'Ù davanti a Gerusalemme per la d cdsione
finale. Se in tutti questi passi di solito i::
una schietta gioia per il nuovo stato di Jahvé che tiene il giudizio escatologico
felici tà (Is.61 ,3 ; Ier. 33,11; Zacb . 2, sui popoli, in aku1ù casi emergono in-
14), accompagnata dal ringraziamento e vece idee n:17.ionalisricbe. Molto spesso
la felicità degli abitanti dì Gerusalemme
Jalla lode (ls. I2,4·6; 6r,3; ler. 33,1 e).
corrisponde alla vendetta contro i ncmi·
ci (dr. lvfich . .p3; Ps. i49,6ss.). So-
e) Inu.1c sorgono di\'crsi tipi di n1p· prattutto rispetto a questi eccessi è si.
porti tra le nazioni e Sion.Gcrusalemme gnifìcativa l'altra corrente dcl profetismo
4uaJe cinà della salvezza escarologic,i. escatologico, che stabilisce un rapporro
In concreto si tratta dei Babilonesi e d e- positivo rr:i le n:izioni e Gerusalemme
gli Edomiti, contro i quali, a causa del!a (cfr. Is. 18,7 ; 45,14), poiché in qucsr.1
ca tastrofe provocat:i a Giud:1 e a Geru- prospettiva Dio p repara il suo solenne
sale mme, si nutre un odio particolare: e banchetto per w ne le gemi e toglie il
si mir.accia la vendetta divina per il gior· velo o la benda che impedisce loro <li
no del rivolgimento escatoiogico (fcr. vedere, ed esse lo riconosceranno (I s.
5 1,24; Abd. 17s. 21; Zuch. 1,qs.; 2 ,.:: 2J,6S.).

111 ls. 17,12.14 dipende palescrnen1e da I!:. cht si trovo in frr. 25 . 30 è <lppl ica1J da foci .i .
38 s. Perdollo cosl valore i tentativi di ami· J.6 a Sion.Gcrusnlcmme. Perciò non deriva d :l
buire il detto a I saia . /lm. r ,2 (ROlllNSON·HORST, op. CÌI. ( - > n. 104 )
ll l Per «re di Assur» va inteso l'erede della u loel 4,16), né si riferisce alla teofania (A.
potenza :issira al tempo dell'au1ore della frase. WmSllR, Das Bue/, der ~wol/ J:./1•111m Propbe-
"' L·immaginc di .hhvé che rugi,oiscc dal cielo, 1, A.T. Dcutsch 2~' [ 1956 I a foci .p6l.
ten
:El.Wv x-rÀ.. J\ lll e · 7a (G.Fohrcr) (vu,316) 316

Ci sarà quindi un grande pellegrinag- 25,8; 60,3 s. 10 ss.; ler. 33,9; Zach. 8,
gio al tempio sul monte Sion, dove i po- 3; r 4,16-19).
poli accetteranno l'insegnamento di Jah-
vé per vivere secondo la sua volomà 7. Aspetti mitici
111
(ls. 2,2-4, dr. Mich. 4,1·3 ), lo visite·
a) Dall'inizio dell'esilio, alcune con·
ranno e lo placheranno (Zach. 8,22). Es- cezioni originariamente mitiche - pri1•a·
si si radunano concordemence nel tempio te del loro carattere mitico - sono ser-
per convertirsi (ler. 3,17) e servire J:ih- vite da immagini e simboli per descri-
vere il ruolo di Sio11-Gerusa/e111111e. La
vé (Ps. 102,23). In ca1 modo ogni uo· più frequente è quella del mon1c :iltis-
mo troverà in Gerusalemme la sua pa- simo e dell'acqua cli benedizione o di
tria spirituale, qualunque sia h terra vira. Si trova per es. spesso l'idea che
Gerusalemme è edificata sul monte J it1
in cui è n:ito (Ps. 87,5). Col riconosci -
alro (ls. 2,2; Mich. 4,1; E:i:. i 7 ,22; 40,
mento di Jahvé gli altri popoli diver- 2; Zach. r4,ro; Ps. 48,3) 116 • In esso rie-
ranno membri del popolo di Dio. Il con- cheggia sia un moci1·0 mesopotamico,
trassegno di questa appartenenza sarà la poiché il monte Eridu nella Babilonia
meridionale era considerato giardino di-
professione di fede nell'unico vero vino e copia del cosmico monte degli dèi
Dio (Zach. 2,15). Allora avrà fine ogni a causa del dio Ea che troneggiava 5ul-
guerra (ls. 2,4 = .Mìch. 4,3; Ps. 46,ro; l'Eric.lu cosmico " 1; sia un motivo cana-
neo, poiché il dio El dimora sopra un
~ x, coli. 1259 s.). Peraltro, anche que- monte divino 118 che, almeno da alcuni,
~ta escatologia universalistica talvolta è è stato identificato col monte Zaphon
percorsa da idee nazionalistiche (dr. Js. nel nord della Siria (mom Casius) m T

115 11 detto trJsmesso due volte (con leggere El. Serondo il più antico, E l dimora sul mvn-
varianti) tradisce troppo chiaramente lo spi- te di Dio. secondo il più recente è Sf3tO rele-
rito dcll"cscQtologia universule postesilica per- garo dnl ginvnnc dio Baa! nesli inferi, dove
ché f>OSS3 essere amihuiro a ls. o a Mich.; vive sopr.1 u11 monte sot1crranco vicino alle
diversamente hanno inteso recentemente G. fonti di acque sottcr!·anee, cosmiche. A ;ne·
VON RAD, Die Sta.li au/ dem Berge: EvThool scindere dul fotto che anche in questo secondi>
8 (1948·49) 439.447; H . WILDBl?RGER, Dii: caso resta collegato a monti e fonti d 'acqua,
Volke1wall/ahr1 :r1m Zion, ]es. II i -5: VT 7 va considcro1u che da ques10 <leclass.qmcnto <ii
(1957) 62-!Sr. El risconmhilc in una parte dei tcSti ugari-
!16 11 sigoi ricalo simbolico della roccia, o sua iici non si deve dedurre necessariamente un
volta preso dal linguaggio metaforico dclla atteggiamento analogo in tutto il r~to dd
mitologia ( -> x, coli. 1 lI ss.), non si trova an- territorio in cui la divinità era adorai.. ,_,,.
cora nelrJ\.T .. dr. H. W. HERTlBl!Rc;, Det pra!!utto a motivo Jd ruolo popolare che •ve·
heifige Fels 1md das A.T.: JPOS 11 (1931 ) va secondo il Pop1.: nel suo saniuario ccntrnlc
32·.p. nell'auu:ile Hirbet 1\.fqa (circa n mct~ s1rad.1
111 Cfr. J F,R(;MIAS, op. àt. (-+ n . .p) 66 s. 77,
fra Byblos e l3:10lbek).
inolrre--. vm, coli. tpl)-1339. 119 Cfr. O. EtSSFEJ.DT, J3at!L lapbo11, Ze:is Ka·
11i -> v111, coli. 1 >JS s. e cfr. i testi usaritici sios unii du D11rcbzug der l sraeliten d11rrhr
in GORDON, Manual 51 IV 1oss.; 137,13 ss.; Meer ( 1932). Perciò il monte Sion in Ps. 48.;
'nt 111 21 ss. M. H. P OPE, El in the Ugaritic è «la parte più remota del nord (Zaphon)»:
Texlf (J9Ul suppone due gr~di della fede in per i LXX -+ vm, coU. 13-18 s., n. 86.
3'7 (\'Jl,316) ~i.Wv :it'<L A 111 7a·b (G . f'Ohrerl (vrr ,317) 311>

due 111otivi sono uniti o accostati all'i- «(due) torren ti » in e dal giardino del pa-
dea di paradiso, sicché Guusalemme,
radiso rrofluiscono il fiume di benedi-
posta sul monte pi\1 alto, sul monte di
Dio, rappresenta al tempo stesso il pa- %ione o i quattro fiumi 121.
radiso e~ VIII, coU. r344.1347 n. 81.
r 348 ss. 1413; IX, coli. 582 ss.). b) Altre immagini mitiche sono più
Da questo monte, oppure dal tempio, rare . Gerusalemme sta in rne~zo alle na-
zioni (fa. 5,5). poicht! la Palestina ria-
sgorga un fiume d'acqua di benedizione bit:ua è l'ombelico della terra (Ez. 38 1
o di vita (fa. 47,r -12; loel 4,18; Zach. 125
12) • Le poten:tt: che la minacciano so-
i4,8; Ps. 46,5); in l s. 33,21 l'immagine no rapprcscnrn1e con le immagini dell:i
lo ttn cao lica in cui la ci ttiì permane st.I·
si fa più grossolana (corsi d'acqua con
bile e incrollabile (Ps. 46.2-4.6; 125 , r).
ampie sponde) 110• Quesca concezione Li ca1:1s trofc della città sembra parago-
potrebbe certo agganciarsi all'effettiva n:ibile alla c:tdurn di un essere celeste o
siruazione di Gerusalemme e riferirsi al- pa radisiaco, forse a quella dell'uomo pri·
mordiale , suUa tcrro (La111. 2, r ; cfr. ls.
le fonti di Gihon e Rogel 111 , dalle quali 14,12-15; E.:. 28,17) 116, mentre in età
sgorgava l'acqua della vena sotterra- successiva il Messia a Gerusalemme vie-
nea •u. Tutrnvia determinanti sono an- ne rai!Ìgurlto co n l'imm3ginc del grnn-
de albero cosmico (dr. E::. 3r,1 ss.), alla
cora i motivi mitici: dal monte di Dio cui ombra trovano pos to tut ti i popoli
in Canaan sgorgano i «(due) fiumi» e i (fa. 17,22-24).

1:11) Di qui ha origine il raragonc di Js. &., 12, u na sor::cntc o cor<o d'acqua sul Sion.
secondo cui Jahvé comunichcr3 alla Gcrusa· •U GoKDON, Ma11uul 'I IV 21 s.
lemme escatolc1gic:r «la puce come un fiume"
e «lo splendore dei popo li come un torrcnrc ..; Il~ G. Hi.iLSCHP.R, Drei Erdkar/e11 ( r949) 35·
inoltre -+ x, coli. 1491 s. +l·
121 L'acqua della sorgente d i Gihon, che fae. 115 In I ud. 9,37 Goal chiama il Gari1im om.
chia Cece arri\••rc aJJa piscina superiore di Si - hclico dd la terra; secondo ls. r9,24 lsrnek
loe amaverso u n tunnel sca\•a10 nella roccia rnsrituisce il cenrro del mondo. Per l'epoca
( 2 Rcg. 20,20) e che in ls. 8,6 s. è presentata succcssi• J dr. llm acth. 26, t s.; lub. 8.12
come simbolo dd porcre di Jahvé, forse in 19; Joma b. 54b; Sanh. b. 37a. Anche M•o·
epoca più antica ebbe valore cu huale {dr. I metto considerava Gerusalemme il centro, fin.
Reg. r,33-1, ). Necm. 2,11 fo menzione d ella <·hé piÌI tardi qul·s1J posizione fu assunta dalla
fonte di Rogcl o <lei dr:igo. Flav. Ios .. beli. 5, Mecca e in sc1tui10 <l:t &ud.od. Corre 11eogrn·
410, che pada <li «Siloc e di 1u ttc le ahre sor· fiche mc..:lioevali d ispo ngont1 i paesi della ter·
genti fuori della ciuh , S<.mbra awr conosciu- ra mtomo a Gerusalemme " nella chiesa dcl
to solo la prima . L'ip0rcsi dell'esistenza di Santo Sepolcro indicano l'ombelico delle terra
un'ahra fonte all'i nterno dcl muro del tempio sotto forma di una coppa. Com ezioni anaJo.
(ep. Ar. 89; T:tc., bisl. ~ .12) e improb3bik. ghc sono f rcqucmi: Ddfi è «onsider.110 1'61~·
CTr. -+ Sr)'.:ONS 47 s. 15;·1 94. lj)aÌ.~<;. Roma è: l'umbi/icus orbis, la Cina è
12? Invece A. R. ]ll!INSON , Sacrul K.ingship i11 l'impero dcl ce1Hr<l, Cfr. W. H. RosCITER, Der
llntient lsrae! (19 55) 47·i7 vede lo sfondo di 0111phal0Iged"'zkc bei v<•rscbwdenrn \!i:Jfk<•m,
numerosi salmi nella fcs tu di autunno o d cli'! besonders de11 se111itiscben ( 19 18).
capanne. Essa avrebbe avuw come oggetto non •:!o Per i pariiccbri dr. Fo11Ka, Ez. (-+ n .
solo la sovronitil di Jahvé sulla no1ura e sulla 56) a 28,1;; di 011inio11e diversa è J. Dus.
s1oria, ma anche l'aucsn delle piogi;e aurnn· Mclek Sòr·Me!qart?: Ard1iv Orien1,ilnl 26
nali . Con ciò egli colleg,1 anche l'allusione ,, ( 1958) {7?-1 85 .
3r9 (vu,317) I:~wv xù. A 111 8-9 (G. Fohrer) ( v11,317) 320

8 . Città della teocrazia Chron. 114) e vi trasferisce l'arca ( r


Chron. 15 s.), che ivi David, davanti a
In altri, più vasti ambienti dell'epo- tutti gli anziani d'Israele raccolti in as-
ca postesilica l'attesa escatologica spar) semblea, nomina suo successore Salo-
quasi completamente per lasciare il po- mone, eletto da Jahvé (I Chron. 28,1);
sto a un atteggiamento cultuale-legali- e si ripete che la città è il luogo dove si
stico. Ad essi risale la corrente dalla radunano gli Israeliti soggetti ai discen -
quale è derivata l'opera cronistica 117• denti di David (2Chron. 15,ro e pas·
Suo scopo principale è di dimostrare che sim) o i loro anziani (2 Chron. 34,29).
soltanto Giuda, e in esso la sua capitale Scopo primario del culto è quindi loda-
Gerusalemme, è la sede della teocrazia, re e ringraziare Jahvé perché ha eletto
perché accoglie la legittima dinastia da- Gerusalemme a città della teocrazia.
vidica ed il luogo del legittimo culto a
Jahvé. La teocrazia si fonda sulla segre-
gazione d'Israele dal mondo delle na- Poiché in questi termini l'opera crv-
zioni, ossia sull'elezione di Giuda e di rtistica ha insegnato alla comunità poste-
Gerusalemme, dove David possiede il silica che è essa il vero Israele, Gerusa·
suo trono e Jahvé il suo tempio.
lemme acquis ta il suo massimo grado di
In questo orizzonte Gerusalemme dignità: non in un'imprecisata epoca e-
viene a trovarsi molto più decisamente scatologica, ma nel presente in essa e at-
al centro dell'attenzione che non in r-2
Reg., poiché, come 2 Chron. 6,6 enun- torno ad essa si realizza la sovranità di
cia in forma di principio, Jahvé ha eletto Dio.
Gerusalemme affinché ivi dimori il suo
nome, e ha eletto David perché governi 9. Riepilogo
Israele. Egli è il Dio di Gerusalemme (2
Chro11. 32,r9), che in essa ha preso di - La posizione peculiare di Gerusalem-
mora per sempre (2 Chron. 23,25) e ha me nelle espressioni cultuali, legislative
creato un luogo eterno per il suo nome
(2 Chron. 33.4-7 ). Quindi davan ti al e nazionalistiche della teologia veterote-
mondo intero egli ha riconosciuto i1 stamentaria e nelle intense attese esca-
tempio di Gerusalemme quale luogo di tologiche è stata espressione di umile
rivelazione e di sacrificio inviando dal
cielo il fuoco (2 Chron. 7,r ss.). Il tem- obbedienza di fede alla sovranità di Dio
pio è l 'unico luogo di culto (2 Chron. sperata o accertata, mn anche segno di
30,5), ed è accessibile anche ai pagani empia ostinazione e di frivola sicurezza.
( 2 Chron. 6,32 s.); ad esso vengono i ve-
La convinzione dell'intangibilità della
ri adoratori di Jahvé - non molti in
realtà - abbandonando il regno d'Israe- città sacra difesa in modo singolarissimo
le caduto nell'idolatria (2 Chron. r r ,q. da Dio diventò pericolosa. Purtroppo,
i6; 30,n ). Corrispondentemente si di- assai presto si passò dalla certezza di
ce. senza tener conto del reale corso
degli eventi, che tutto Israele partecipa fede a un'arroganza religioso-policica.
alla conquista di Gerusalemme (r Con l'esclamazione: «Tempio di Jahvé,

in Per quanto segue dr. RuDOLPH, Esr. umi 57) XVll·XVIH.


Cbron. e ~ n.
Neb. { ~ 84) XXVII·XX"X; lo.,
j2t (Vll,317) Ltwv x-rÀ.. A 111 9 · B 1 (G. Ftihrcr ·E. Lohse) (Vll,3 r8) 322

tempio di Jahvé, tempio di Jahvé è que- ma può incontrare l'uomo ed essergli


sto!», troppo facilmente si eludevano vicino anche in terra straniera. Rivela-
l 'ammonizione e la condizionata promes- zione e salvezza non sono indissolubil-
sa: «Correggete la vostra condotta e le mente legate a Sion-G crusalemme; anzi
vos tre azioni; allora abiterò in questo il creden te può avvertire che il suo Dio
luogo e presso di voi» (ler. 7.3 s.). Vi- gli è vicino in ogni luogo, senza essere
ceversa le grandi figure di profeti non da lui sep:irato da situazioni terrene di
hanno inseguito un dogma cultuale-na- spazio o di tempo. G. FOHRER
zionalistico né un'illusione teocratica né
una elucubrazione escatologica. In defi- B. SlON·CERUSALE~'lilli NEL GIUDAISMO
POS'rlllllLICO
nitiva per loro Gerusalemme non valeva
più delle altre città d 'Israele, poiché ciò I. L'uso linguistico
che conta non è il luogo della rivelazio- !iiiòn è 1radotto in greco con l:Hwv
ne, ma il Dio che si rivela. Essi conside- o l:~wv 128. Per frUiàlaiim in etò elleni-
ravano gli abitanti di Gerusalemme sog- stica si trovano le due forme 'lEpovaa-
ÀiJµ e 'lepouoÀuµi;L w. I LXX usano di
getti alle stesse isianze, minacce e pro-
solito 'lcpovo-ocÀi}µ e solo negli apocrifi
messe a cui sottostavano tutti g.li altri troviamo anche 'IEpouoÀvµa (I Mach.
uomini, israeliti o non isrneliti. E non 10,43; 11,34 l.lll; 2 Mach. 1,1.10; 3,6.9 .
ebbero pnura di aonunciare alla città e 37 e passim; 3 Mach. 1,9; 3,16; 4 Mach.
4,J; r8 ,5). Poiché in gr eco si avvertiva
ai suoi abitanti il giudizio divino con l'assonanza col termine tfpoi; u•.
alcuni
cui Dio dimostra di non essere legato a scrittori giudeo-ellenistici usano di pre-
Gerusalemme e di essere superiore ad ferenza 'Ifpoo-6Àuµa: raie è l'uso ca-
scante di Flavio Giuseppe e di Filone in
essa. Che in tal modo la storia della ri-
leg. Gai. 156.278. 288 . 3 1 2 s. 315 112•
\'Cln?Jone non abbia fine, è stato speri- Spesso il nome è usato senza articolo;
mentato da Ezechiele. Lo stesso episo- quando lo porta, quasi sempre nei LXX
dio dello sua vocazione (Ez. r,1-3,1;;) e nei Test. XII Patr. abbiamo Ti ' IEpou-
o-aÀ,jµ. 'fapouoÀuJ.1.a '"talvolta viene u-
gli fece comprendere che Dio non è le- sa to come femminile singolare (Tob.
gato u Gerusalemme e al suo tempio, q ,4 cod. A 13), ma quasi sempre come

118 Per )3 grafia dr. BL.·DEBR. S 38•; 56,3. vr.b o! -rwv 'E'),)..i}vwv qitpwvv~IW; 'lcpocr6À.u-
·~ Per conservar. le consonanti fmali semiti-
µa À.iycaila1.
che si aggiunge il suffisso -«. Cfr. BL.-DEBR. m Solo Philo, so111. 2 ,250 usa 'Irpovo-ciÀ.i}µ.
s 38*. L'ccc."<.-zione v~ :ourihuita al fatto che in que-
1l0 i Mnch. però in altri passi ha anche 'Ie-
sto posso olla forma del nome 'Iepouarx\i')µ
viene collcgarn u n' interpre tazione allesoric11-+
povO'a.À1]µ: l Mach. r,20.29.3, .38.44; l,t.6.18. col. 3l5.
31 e passim. m Sini;obre i: la formula magica òpx(l:;w ( <rE)
u1 Lo spirito aspro di 'ltpoa6À.u~111 va impu- i:òv f.•J ~ xa.Oap<i '!Epocr.~Mµ~ in PREISEN-
tato all'assonanza con ~p6.;, BL.-DEB1t. 39,1; Zaub. 1 4.3"69. Cfr. inoltre PREtSEN·
DAr-'Z.
56 ,1. Cfr. Eus., praep. ~v. 9,3.p3: TI)v n6'Mv oANZ, Zaub. Il 13,l33: tv i:c!i itpcf> -r<ii tv
Ò.7.Ò -roù tfpoù ' IEPO\J'111.À.'Ì)µ òvo1ur.~V(ll., 'Irpwco>..v1~.
323 (vu,318) Mv Y.'tÀ. B I (E. Lohse)

neu tro plurale 1.H: cosi di regola in Giu- vanzano contro G::rusalemme attaccano
seppe oltre che in Philo, leg. Gai. 278 e la G iudea e il monte Sion (J Mach. 6,
passim; Polyb. 16,39,4; Strabo 16,2.34. 48 ). La sapienz:i aflemia di avere fissa to
36.40; Dio C. 3_7,15-17; Pseud.-HeCil- la dimora in Israele: «Nel sacro taber-
taeus in Flav. los., Ap. I ,197; Agathar- nacolo al suo ( = di Dio) cospetto ho
chides, ibid. 1,209; Manetho, ibid. l, ofliciato, e quindi in Sion mi sono sta-
241; Lysimachus, ibid. 1,3 11 135 ; Timo- bilita. Nella cit tà diletta parimen ti egli
chares in Eus., praep. ev. 9,35; Preisen- mi diede una dimora, in Gerusalemme
danz, Zaub. n 13,997. Per indicare gli è il mio potere» (Ecclt1s q,10 s.). Si in.
abitanti della città fu coniato il termine voca Dio con le parole: «Abbi pietà del-
'!Epoao>-.uµl"t'T)c; 06 (Ecclus 5 0,27[ 29]; la città dcl tuo samuario, Gerusalemme,
4 Mach. 4,22; 18,5; FlBv. los., ant. 12, il luogo dove tu riposi. Riemp i Sion
246; Ap. 1,3 J1 e passim ). con le benedizioni della tua promessa e
con la tua gloria il tuo tempio» ( Ecclus
Rispetto all'A.T. l'uso dcl nome non 36,12 s.) m. La sorte di Sion e Gerusa-
presenta differenze di contenuto. Geru- lemme colpisce del pari l'intero paC$C .
salemme è la città edificata in alto, ver- Per es. Ciro ordina di costrui re un:: ca ,a
so cui si sale (I Mach. r 3,2; r Ecrop. 8,5 al Signore supremo in Gerusalemme e
e passim). E Sion è il monte su cui si Giuda ( r Ecrop. 2,2 ). Più tardi i Macc.'l·
eleva il luogo sacro, per es.: «Ed essi sa- bei si ribellano contro i sacrilegi che si
lirono al monte Sion con gioia e letizia compiono in Giuda e Gerusalemme (1
e offrirono olocausti» (z Mach. 5,54 ; Mach. 2,6). Se l'esito della lotta decisi-
dr. inoltre I Mach. 4,60; 7,33; 14,26 e va è vittorioso, l'invi10 nd esultare è ri-
passim). Talvolca il nome Sion può desi- volto a tutti insieme: ((Sion, rallegrati
gnare l'intera città o i suoi abitanti. Un assai, e risplendi di gaudio, G erusalem-
tempo I saia consolò gli afflitti di Sion me, e giubilate voi tutte città di Giuda»
(Ecclus 48,24). Dopo la distruzione di (.r QM 12,13).
Gerusalemme al veggente apparve Sion
in figura cli donna in lutto, che piange Gerusalemme è la città di D io e Sion
sulla sua sventura (4 Esdr. 9,38-10,24}. la dimora della sua glotia ua. Perciò Ge-
Città santa e luogo sacro sono indissolu- rusalemme, come nell 'A.T. (--? col.
bilmente uniti: l'infelicità di Sion è il 262), è detta la città santa (1 Mach. 2,
dolore di Gerusalemme (4 Esdr. 10,20). 7; 2Mach. 1,12; 3,1; 9 , r~ ; t5 ,q;
Spesso il monte Sion e la città di Ge- Tob. 13,JO; Ecclus 36,12; 49,6; Flav.
rusalemme ricorrono in un'unica frase: Ios., a11t. 4,70.200; 2 0,l L8; Ap. 1,282;
chi onora Sion onora Giuda e Gerusa- Philo, som. 2,246 1)9), la santissima citlà
lemme ( r Ecrop. 8, 7 8). I nemici che a- di Dio (Flav. Ios., beli. 7,328), la città

m Genitivo ·1~po110À.uµwv
in Strabo 16,2.34; m Cfr. la spiegazione del passo -+ x, coU.
dativo 'IEpOO'OÀ.VµO'-<; in PREISl!NDA."<L,
'tOi<; 1298 s. con o. }6.
Zaub. 11 1).997i StrQbo 16,2,}6; Dio C. 37,17 · Ili< Cfr. la quatrordicesima benedizione di She-
mone Esré e Ecclus 36,12 s. Qu:indo Scnnadic:-
llS Secondo Flav. Ioo., Ap. 1,310 s. Lisimaco 'ib inviò il s uo e~rcito contro Gerusalemme.
sosteneva malignamente che la ciuà origina- la sua azione offese l"ooore cli Dio: «Srese hl
riamente era chiamata 'JEp6cruÀ.oc pere~ gli mano contro Sion e bestemmiò D io nella sua
Israeliti avrebbero sacchega.iato i templi degli alte rigia& (Ecclus 48,18).
abitanti dcl ~e ( 'Tà. l.tpà. a'VÀ.W'l'TCX<;). IJ9 Flavio Giuseppe e filone non dicono ayla
ll6 Oltre a 'IEpOO'oÀ.vµi)'tTlç: 2 Mach. '4.39 r.oÀL<;, mo ~pà. r.6>..~, dr. -+ x , col. r >96 n.
( var. ). sr.
:Et.Wv X"tÀ. B Hl (E. Lohs.o) ( v11,320) 326

diletta (Ecclus 24,n). Su monete giu- mora, perciò le ha restituito il nome di


daiche e nella letteratura talmudica essa un tempo. Poiché la città Salem/Geru-
è detta 'jr hqwdI 140• G erusalemme è per salemme è posta sopra un monte, la she-
tutti i Giudei di Palestina e della dia- kinà vi farà ritorno quando essa sarà
spora la ~po110À.i...:; (Philo, lcg. Gai. 22 5. diventata un monte; infatti in Gr:n. 22,
281 .;z88 .299. 346) o la µT}"tpo'TtoÀ.~ç (Phi. 14 si dice: «E Abramo chiamò quel
lo, F/acc. 46; leg. Gai. 203. 281. 294. luogo ' Jah vé vede', di modo che ancor
305.334). AIJ'elczione di Dio fa allusio- oggi si dice: sul monte 'Jahvé appare'»
ne il nome stesso della città, in quanto (T. Ber. r ,15 ) 144 •
vi si intravedono le parole jir'eb e Iiil6m.
Cosl, in Iub. 18,ro (cfr. Gen. 22,1 4 ) si II. Gerusalrnmte dal t e111 po dei Afacca-
dice: «E Abramo chiamò questo luogo bei alla distruzione compiuta dai
'Dio ha veduto', di modo che si dice: Ro111a11i
' Dio ha veduto', cioè il monte Siom>.
Identica è la spiegazione dci midrnsh.im Durante la dominazione persiana, to-
più recenti""· In Philo, som. 2,250 que- lemaica e seleucidica Geru salemme eb-
sta interpretazione etimologica offre lo be un ruolo politico secondario. Sotto il
spunto a una spiegazione allegorica del profilo religioso, invece, la città era r i-
nome: Gerusalemme significa opCl.<TLç El- conosciuta da tutti i Giudei c red enti co-
piivT)ç, «visione di pace», e si conclude: me l'unico luogo in cui adornre Jahvé.
WC'""tE µii l;i'}"tEL -div ""tOÙ ov;oç TC OÀ.W t\I Una motivazione teologica di questa po-
xÀ.lµa:a~ yijç ..., à À.À.'èv IJNx'ii àitoÀ.É~ sizione della cicrà santa era stata già for-
x0tt ò~voopxouc;n ( •ÉÀ.oç) 'ltponi}E~µévn n ita dalla storiografia c ronistìca, la qua-
"tÒV [ OÈ) i)Ewpri·rnt.òv xa~ Elp·t)va.i:ov le aveva cercato di provare che solo Ge-
Plov, «cosicché no n devi cercare la città rusalemme era la sede legittima deUa
dell'essere nelle regioni della terra ... , teocrnzia (-+ col. 319). Q uesto punto di
ma nell'anima pacifica e vigile che s'è vista fu accolto da 3 Esdr. e ribadito da
prefissa (come scopo) una vita contem- una storia del tempio d all a riforma di
plativa e pacifica» m. Un'altra spiegazio- re Giosia al tempo di Esdra (-+ coli.
ne altrettanto diffusa collega Gerusalem- 284 s.) 145• E vero che era caduta la so·
me a Sale-n (Gen . T4,18), dr. Flav. Ios., vranità dei discendenti di David, ma
ani. 1,r80; 7,67; beli. 6,438 (-+ col. Sion era rimasta. Solo a Gerusalcmrne
270 ). A questi due nomi, che sono ac- si poteva celebrare la pasqua ( 1 Eo'op. 1,
costati anche in .I Q Gen . Ap. 2;z,13 w, 1-20; 7,10- r5). P erciò la comunità
ne lla Toseftà si collega una speranza cir- postesilica si raccolse attorno al luogo
ca il futuro di Gerusalemme: un tempo sac ro e contro ogni ostacolo ne portò
la città si chiamò Salem, poi fu chiam.1- a termine la ricostruzione. Il santuario e
ta Gerusalemme e cadde sotto il giudi- b legge proclamata da Esdra sono inti-
zio dell 'ira di Dio. Tuttavia Ps. 76,3 mamente connessi, tanto che per l'auto·
torna a chiamarla con l'amico nome: «E re di 3 Esdr. Esdra è il sommo sacerdo-
in Salem era la sua tenda e la sua di- te (i f:nop. 9,40.49) che ha svolto il suo

1
~ Tes1j in STRACK·BILLER.llECK 1 150 e Salù- m Cfr. - x, col. 1310 e VoLz, Esch. 6o.
RCR I 762. IO Salem, cioè Gerusalemme, - n . .54·
141 Midr. Gen. r. 56,10 (36a) a 22,14. Cfr.
STRACJC.BrtLEJtlltCK u 253; S. Kuuss, Zion ,.. ad I. d r. E. l.oHSE. SCHLICHTING, Tose/la
1111d ]eruralem: PEQ 77 (1945) 15-33; WrN-
Berakot (19;6) 17 s.
TER, Op. cii. (~ n . 53) 139 S., n. I. t•S Cfr. RuDOLPll, op. dt. e- n. 84) IV·XIX.
327 (vn.320) l:..Wv xù. B 11 (E. Lohse) (vn,320) 328

ministero a Gernsalcmme proclamando pio potè essere purificato e nuovamente


la torà. consacrato (1 Mach. 4,36 ( r65/r64 a.
C.]}. La schiera dei combaccenti sali sul
Accanto agli ambienti fedeli alla legge monte Sion (1 Mach. 4,37) e ristabilì il
v'ernno però tra gli abitanti di Gerusa- culto sacrificale legittimo {r Mach. 4,36·
lemme anche fautori della cultura elle- J9; 2 Mach. l0,1-9). Il monte fu cin-
nistica, che volevano trasformare Geru- to da mura ( r Mach. 4,60), poiché l'a-
salemrpe in una ciuà ellenistica. Per av- era era ancora occupata da un forte nu-
vicinarsi di pii1 a questa meta si costrul cleo di truppe siriache in. Anche la con-
un gymnasion e si cercò di imrodurre quista della rocca riuscì solo nel 142/
consuetudini di vita pagana (I Mach. 1, 141 a.e. quando, dopo un duro assedio,
n-r~; 2 Mach. 4,9-17). Questa tenden- Simone Maccabeo costrinse definitiva-
za, che aveva fauo breccia anche in am- mente i Siria sgombrare (r Mach. 13,49-
bienti sacerdotali , trovò l'appoggio del 52). La cictà, ricostruita e saldamente
re siriaco Antioco Epifone, che inten- difesa (r Mach. lo,10; 12,35 s.; 13,10),
deva favorirne il successo pieno. Egli divenne residenza degli Asmonei, che
fece erigere nella città una solida rocca non solo si riservarono la carica del sori·
(1 Mach. 1 ,29-35), giunse a proibire il mo sacerdozio, ma le associarono anche
culto nl Dio d'Israele e dedicò il tempio il potere monarchico. Questa evoluzione
a Zeus Olimpio (1 Mach. 1,41-64; 2 politica che, quasi inevitabilmente, ria-
Aiach. 6,2-5). «Gerusalemme era disabi- prl l'ingresso P consuetudini e usanze
taca come un deserto, nessuno dci suoi ellenistiche, non fu gradirn a molti fe-
figli vi entrava o ne usciva. Il santuario deli osservanti, i quali diedero vita a un
era calpestaco; stranieri dimoravano nel- partito di opposizione al governo degli
la fortezza»: era questo il lamento delle Asmonei o abbandonarono Gerusalem-
persone pie (I Mach. 3,45). Esse si op- me 148.
posero «alle cose empie che accadevano
in Giuda e Gerusalemme» (I Mach. 2, Al potere degli Asmonci pose fine
6). I pii considerarono gli avvenimenti Pompeo nel 63 a.e. Ad Jrcano egli la-
come un giudizio di Dio, che a causa sciò solo la carica di sommo sacerdote
dei peccati degli abitanti per breve tem- e con la forza entrò non solo in Geru-
po s'era adirato contro la cittii (2 Mach. salemme ma anche nel tempio 1~. La
5,17). profanazio ne <lei santo dei santi da par.
re di un pagano dovette apparire agli
So tto la guida dei Maccabei ebbe ini- occhi dei Giudei osservan ti un:i condan-
:lio la lotta armata 1411 • Tre anni dopo la na di Dio contro la città santa (Ps. Sal.
profanazione compiuta dai Siri il tem- 2,1·25), un castigo inflitto dall'Altiss i-

,.. a r. 3nche Polyb. 16,3~1.4 dove si dice che 0 11 tbe History o/ tbe Qumran Sect: JBL 75
ol -:tcpl. 'tÒV !.tpòv npDcr<iyopruoµEvo·• 'lcpocrO- ( 1956) 90.92.
ÀUJ.1<i xc:r:to1xevv-ct.; si sarebbero fatti incon- •~3 La secta di Qumran definì= Gerusalem-
tro ad Ancioro. me la citti\ «dove il sacerdote empio ha com-
117 li partito filoellenisrico dei Giudei conti- p ilHO mostruosità e ha profanato il tempio»
nuò " cospinire coi Siri. Cfr. il frammemo ( 1 QpHub u,7-9).
4 QpNa a 2,n s.: Demetrio, re della Grecia 149 Non solo Flavio Giuseppe, ma anche certi
(= Demettio m?) «tentò di venire a Geru- storici romani parlano di questi fatti. Cfr.
salemme su consiglio di coloro che cercano le Tac., hiJt. , ,9; Strabo r6, 240; Dio C. 37,15·
cose facifu. Cft. J. M . AJ.LWKO, F11r1h~r Light 17.
3>9 (vn ,po) !t.Wv X"< À.. B li (E. Lohse) (v11,321) 330

mo agli abitanti di Gerusalemme per la odiaro dai Farisei e dal popolo che li
loro malvagia condotta (Ps. Sai. 8,1 ·34). scgtnv~1 .

Da allora le sorti della città furono Ne.ll'anno 6 d.C. i Romani affidarono


decise dalh1 potenza romana. Con il be· l'amm inistrazione della Giudea a un pro-
neplacito e l'autorizzazione dei Roma- curatore, che preferì risiedere a Cesarea
n i entrò in Gerusalemme l'idumeo Ero- e lasciò nella torre Antonia un presidio
de, dopo averne forza to le porte (37 a. permanente. Solo occasionalmente sali-
C.). Durante il lungo periodo della sua va a Gerusalemme, soprattutto durante
monarchia, Erode svolse un 'intensa at- le feste giudaiche pi11 solenni, per con-
tivitiì edilizia che trasformò completa- trollare la vita animata della ci ttà 153 • La
mente l'aspetto della sua capitale. Anzi - serie dei governatori romani fu intcrr0t-
tutto modificò la rocca costruita dagli ca solo negli anni 4 r-44 d.C. da re Ero-
Asmonei sul lato nord-occidentale dcl de Agrippa. Egli decise di migliorare la
tempio e la trasformò in un saldo forti· difesa di Gerusalemme facendo <:ostru ire
lizio al quale diede il nome di Anwnia. un nuovo muro, il cos iddet to terzo mu·
Ai lati turono costruite quattro pode- ro, a nord del precedente. Tuttavia i'o·
rose torri, dalle quali era possibile scor· pera non poté essere condotta a terini-
gere e tenere sotto controllo tutto il set· ne •s.. Negli anni successivi il compor-
tore dcl tempio JS(). Alcuni anni più tar- tamento provoca torio dci Roman i ac-
di nei quartieri occidentali della c ittà, crebbe l'odio dei Giudei al p 1uito che
in luogo sopraelevato, fu cos truito un alla fine la cacastrofe fu inevitabile •s>.
secondo palazzo, protetto contro even- In un primo momento i ribelli riusciro-
cuali aggressioni da solidi muri e torrio. no a cacciare i Romani dalla città (nel
ni J51. L'anno 20 a.C. Erode iniziò note - 66 d.C.), ma poco dopo Geru salemme
voli lavori di ampliamen to del cortile fu circondata dalle legioni di Vespasia-
del tempio, sicché ne venne un amplia- no e di Tito (nel 70) 156. Per gl i abitanti ,
mento del settore sacro. Sul modello dd notevolmente aumentaci :l c:msa d i nu-
tempio salomonico e nel rispetto delle merosi pellegrini accorsi per la pasy ua,
norme deUa torà, nel corso di decenni non ci fu pili scampo. Dopo un :lssedio
fu rinnovato e magnificamente ornato durato parecchi mesi , la cit tà venne con-
l'intero ed,iìcio del tempio 152• Tuttavia q uistata e d istrutta; il tempio, che Tito
il re, che signoreggiava con mano pesan- e ra riuscito a vis itare rapidamente, an -
te e senza tig\tardi, continuò ad essere Jò in fiamme 157 • Dio aveva abbandona·
•SO Cfr. la descrizione di l'lav. los., be/l. 5, L. H. V1N<;ENT , Le 'frmple hérodien d'après lrt
138-246. Per la fortezza Antonia dr. - S1. Mifoab: RB 61 (1 954) 5-35 .
MONS 432-435; - VINCENT, Jérusalem I 193· m Cfr. E. LOHSE, Die rvmiscben Stal/bal:er in
221; MA RIE ALINE DE $10N, La Forteresse All· Jerusalem: ZDPV 74 (l958) 68- 78.
Ionia à ]érusalem e/ la Question du Prétoire 154 Cfr. Flav. los., ant. J9,326 s.; bel!. 5,147.
( 1 9,55).
JSS Le persone pie temevano l'appressarsi d i
ISJ Cfr. la descrizioM di Flav. los ., beli. 5,
sciagura e giudizio per i peccati della città:
176-183; a questo riguardo - S!MONS 265·
271; - VrncENT, ]érusa/em I 222-232.
R. Sadoq aveva digiunato quarant'anni perché
152 Cfr. l'esposizione d i Flav. Ios., be/l. 5,184· Gerusalemme non fosse distru tta (Gi11. b . 56a
(STRACK-BILl..ERBECK II 243 ]).
227; ant. 15,380-420; inolrre - SIMONS 393·
432 ; - V1NCENT, Jérusalem u 432-470; -
156Cfr. F. M. ABEL, La topographie du siège
PARROT 63-81. Per le notizie della Mishna che de Jérusalem à ìO: RB 56 (1949) 238-258.
divergono dalla descrizione di Giuseppe dr. m Oltre la narrazione di Giuseppe sulla con·
331 (1'11,J2 l) l:LWV x-c'/... B IMll (E. lohsc) (vu,322) 331

to al fuoco la sua santissima città (Flav. III. Gerusalemme al tempo di Gesù


Ios., bell. 7,328). Non i soldati nemici
- così dicevano le persone pie - furono Al tempo di Gesì1 e degli Apostoli
gli esecutori del castigo, ma Dio stesso Gerusalemme era una grande e popo-
aveva inviato angeli dal cielo, che con losa città, divisa in quartieri alti, occi-
fiaccole ardenti in mano si erano dispo- dentali, e quartieri bassi, orientali, se-
sti ai quattro angoli della ci ttà e le ave- parati tra loro dalla valle del Tyropoe-
vano appiccato il fuoco (Bar . syr. 6,x-8, on 162• Il numero degli abitanti, per il
5). Dio aveva visitato Gerusalemme per quale scrittori del tempo forniscono dati
i pt!Ccati commessi dentro le sue mu- esageratamente alti 163, doveva aggirarsi
ra 118• Da allora tutte le comunità giu- sui 2 ~ .ooo 164 . Per i grandi lavori di co-
daiche commemorano in lutto il giorno stnrzione che Erode aveva fatto esegui-
della distruzione del santuario 13>J. Ma, re in città e per i rapporti che la capi-
come il dolore di Sion è trasformato da tale intratteneva con l'intero paese, com-
Dio in gloria 1'°, cosl anche per tutti co- mercio e artigianato si erano notevol-
loro che soffrono per la distruzione di mente sviluppati ios. Peraltro, degli abi -
Gerusalemme vale la promessa che un tanti di Gerusalemme si diceva che di
giorno vedranno la futura gioia di Ge- loro ci si poteva fidare quando si trnt·
rusaltmme 161 • Perciò: «Consolati, Geru- cava di parole della torà, ma non quan-
salemme! Ti consolerà colui che ti chia- do si trattava di negozt e commerci 166•
ma per nome ... Anlza i tuoi occhi verso Sulle questioni riguardanti la vita dei
oriente, G erusalemme, e osserva la gioia Giudei in Pdestina e nella diaspora
che ti viene da Dio» (Bar. 4,30.36). la decisione spettava al sinedrio, che
si riuniva a Gerusalemme ed era la
suprema autorità giudaica ( - C1\JVÉ·
6p~ov). La conoscenza e lo studio della
legge erano promossi da famosi scribi 167

.;iuist• della ciuà, si veda anche Tac., hist. 2A 102 Per la posizione topografica della ciuà cfr.
s .; 5,9·13. -+ }EREMIAS I 20 S.
rss I rabbini elencano una serie <li peccari a '"' Secondo lo Pseudo-Ecatco (Flav. Ios., llp.
causa dei quali su Gerusalemme si abbaué il 1, 197) Gerus•lemmc avrebbe avuto 120.000
giudizio di D io, per es. l'inosservanza della abitanti. Flav. los., beli. 6A20 narra che b
legge (cfr. STRACK·BILl.ER.8ECK Il 253 s.). odio conquista della cinà da porle dei Romani sa.
reciproco e avidirà di mammona (STP.ACE·BIL- rcbbe cosrata ai Giudei più d i un milione di
1.ERllECK I 366.937 ). vittime. Anche l 'atfcrma2ione di Tac., hist. ''
i;oi Sul lutto cclobrato nel giorno della distru.
13 che il rotale della popolazione duranre l'as·
zione dd tempio cfr. i resti in STMCK·BILLER· sedio sarebbe sw10 di 6oo.ooo anime è ccr·
DECK 1 195 S.; Il 243 ; IV 79-82.87-89.100. Al rnmcme esagerata.
lu tto è legata la peni1cnz:a che giiì Flav. los.,
164 Cfr. ]. ]Er.EM IAS, Die Einwohnen.ahl ]e-
beli. 5 ,19 spera possa far dsorgerc Gerusalem· msalems wr Zcit Jem: ZDPV 63 ( 1943) 24.
me ancor più bella, se riuscirà a pl•carc Dio
J t.
che l'ha dis!flma.

1 Cfr. 4Esdr. 9,26.10,,9; inoltre Bar. syr. 16S Circa le condizioni economiche di Geru·
sa lcmmc al rempo di Gesù dr. -+ }EREMIA S
xr-s,. I passim.
161 Taan. b. 3ob; dr. STKACX:-BILLERllECK rv
88 s. Cfr. anche Bar. 4,9.5,9: al lamento di 166Shab. b. 120;1, cfr. StRACK-BILLEltBF.CK m
Gerusalemme seguono il canto di consolazione 614 .
e il conforto e la promessa di Dio per Geru· 167 Olrrc alle norizic tramandate dalla lettera-
~alemme. tura rabbinica, va menzionata l'iscrizione su
333 (vu,322) (vn,323) 334

che tenevano scuola a Gerusalemme. morte m. Dopo aver attraversato il cor-


I loro discepoli giungevano fin da lon- rile delle donne, quello degli I sraeliti e
cano per sedere ai loro piedi e studiare quello immediatamente successivo dei
la Scrittura e la tradizione 168• Chi vole- sacerdoti, si arrivava all'altare degli olo-
va l'esposizione e l 'interpretazionc au- causti e JI te mpio 115 _ Era questo il luo-
centica della Scrittura doveva rivolgersi go in cui i sacerdoti, sotto l'autorità del
ai sacerdoti e ai dotti di Gerusalem- sommo sace rdote e dei sacerdoti-ca~i
me '"'. NelJa città vi erano numerose si- (~ lV, coll. 85rss. 867ss.874ss.)t 6 ,
nanoghe, dove si leggeva e si spiegava svolgevano il loro ufficio e quotidiana-
ia legge HJ . Alle tombe dei padri, dei mente ofhiv:ino il numero prescritto di
profeti e dei santi, situate alla perif<::rìa s::tcrifìci 177 •
della città, era riservata un'attenta curo
e una rispettosa venerazione 171 • I V. Gerusalemme, metropoli santa dei
Giudei
Sulla sommità di Sion sorgeva il tem-
pio, che era stato ripristinato con nuo- Ogni giudeo al mattino, a mezzogior·
vo fasto 172 • li vero e proprio santuario no e alla sera elevava la sua prcgh icr.i
era circondato dal vasto cortiJe ( - 1v, rivolto verso la città sama ns. Chi inve-
coli. 773 ss.): quello esterno, accessibile ce si trovava a Gerusalemme si rivolge-
anche ai pagani, era separato dall'intc•- va verso il tempio 179 • A quest'unico luo-
no da una cancellata sulla quale erano go si volgevano gli sguardi di tutti i
.ipposte iscrizioni in greco e latino che Giudei praticanti della Palestina e d ell a
proibivano ai pagani di varcare il limi- diusporn. Da ogni parte dcl mondo in-
te 173 • Agli stranieri che trasgredivano la viavano h.: loro offerte al tempio, onde
proibizione era minacciata la pena di ognuno recasse un conttibuto al cui·

un ossario gerosolimitano, che riporta il titolo l'iscrizione rinvenuta sul fianco orientale dcl
di liLliaaxa).oç e il nome del defunto; ~ x1, momc: del tempio, ~ GALLING, op. cii. (-> n .
col. 915 n . 26 con ulteriore bibliografia. 170) So; cfr. anche ~ rv, col. 775.
1<.a Testi in -+ ) ERE..WAS n B l u s. 171 La tradizione narrava casi di empi profa·

im ar. la leggenda narrata nella Le11era di Mtori che avevano osato enuare nel luogo
Aristea: ·rima di dare inizio alla traduzione sacro, ma che tosto erano stati colpiti dal a .
dell'A.T. in greco si chiede al sommo sacerdo- stigo divino ( r Mach. 6,1 2 s.; 2 Mach. 9,1-29;
te in Gerusalemme di inviare un gruppo di Ps. Sai. >,26-3 1).
d0ui ad Al~ss•ndria. 11s Cfr. l'e.sa11a J.:scrizione in PARROT 63-8 1,

li\) Cfr. Aa. 6,9; 24,12 e STRACK· BtLLEJt.B eCK che vnluta attentamente le iniormnzionì di
11 661·665 . Del sec. 1 d.C. è l 'iscrizione di una Flavio Giuseppe e della Mishna, parzialmente
s inagoga dì Gcrus3lemme costruita da un cer- con trastanti; vi si trovano anche schizzi delle
to Tcodoto. Cfr. DEtSSM>\NN, L. O. 378-380; s1runure del tempio (ibid. 70.77 ).
K. GAJ.LlNC, Textbuch zur Geschichte lsraels 176 C irca i sacerdoti e j leviti di Gerusalemme
(1950) 81 ; C. BARRETT, Die Umwelt des N.T. al tempo di Gesù dr. ~ ]EREMIAS n B 2-87.
(1959) 61 s. 177 Secondo l EO'op. 6,30 ogni giorno si sacri-

111 Cfr. J. ]EREMIAS, Heiligengraber ili Jern ficava e pregava anche per il re persiano. Ai
Umwelt ( 1959) ' r-72.tr4.1u s. rempi di Gesù questo sacrilicio q uotidiano era
112 Or. il racconto di ep. Ar. 83-91 che offre olTerto per le autorità romane.
una descrizione esagerata della città e del tem- 1;1 Cfr. Dan. 6,u; T. Ber. 3,15 s.; altri testi
pio. Cerio fuori del reale è l'affermazione che in STllACK-BILLEllECK I 852 s.; n 246 s.
in ciuil l'ocqua abbondava (ep. Ar. 8SM>r ). tl'O Cfr. T . Ber. 3,16; S. Deut. 29 (7•b) a 3,26;
113 Cfr. Flav. Ios., ant. l;;,417; beli. 5,194 e cfr. STRACK·BILl.ERBECIC II 246 s.
335 {vn,323) l:t.Wv x·i>... B 1v (E. Lohse)

to sacrificale 180• Chiunque potesse, in OC· Gerusalemme è come uno che prega da·
casione delle grandi festività si metteva vanti al trono della gloria, perché là è
in viaggio per «pregare a Gerusalemme la soglia dcl cielo e la porta aperta all'a-
e offrire le primizie e le decime dei pro- scolto della preghiera» 186• Chi saliva sul
dotti della terra» (Tob. 5,r4). Nelle tre monte d i Sion gravato delle colpe dei
grandi feste alle quali era legato il pelle· peccati e ofI riva un sacrificio nel tempio
grinaggio, ma soprattutto in occasione riceveva il perdono e se ne partiva giu-
<le!Ja pasqua, il numero dei pellegrini stificato 1117 • Gerusalemme era quindi la
spesso superava notevolmente quello de- lEp67toÀ.1.ç dei Giudei non solo palesti·
gli abitanti della città 111 • Era possibile nesi, ma d'ogni paese (Philo, leg. Gai.
che tutti trovassero ospitalità solo per- 281 e passim ). Gerusalemme è situat;1
ché si allargava il territorio della città al centro della Giudea (cp. Ar. 83 ), di
sino a comprendere anche Betfage 132 • tulio Israele llll!; anzi è il centro di tutta
Gli abitanti della città avevano il dove- la terra (He11. aeth. 26). Perciò il monte
re di ospitare gratuitamente i pellegrini Sion, il luogo appartenente a Dio ([ ub.
forestieri, perché Gerusalemme apparte- 4 ,26 ), è chinmato il centro dell 'ombeli-
neva a tutto Israele 11t1. Perciò si diceva co della terrn (lub. 8, l9) 119. Sion-Geru-
che uno dei dieci miracoli di Dio al suo salemme è In madre di tutti gli Israeliti
santuario - cioè all'epoca in cui esisteva (4 Esdr. 10,7; Bar. syr. 3, 1-3) 190, che hfl
li tempio - era che a Gerusalemme nes- allevato i suoi figli (Bar. 4,8 ).
suno diceva a un altro di avere uoppo
poco spazio per dargli da pernottare 130 • Anche per il gruppo di osservanti
che si era separato dal sacerdozio empio
Meta del pellegrinaggio era il tempio, di Gerusalemme e s'era ritirato nel de-
che a chiunque arrivava a Gerusalemme serto, Gerusalemme rimaneva la città e·
appariva da lontano come un'altura co- letta da Dio. Certo, a loro giudizio ess~
perta di neve; il suo radioso splendore era, per il mo mento, il luogo «in cui il
infatti era visibile a grande distanza 185. sacerdote empio perpetra nefandezze e
La preghiera nel santuario era legata a contamina il santuario di Dio» (1 Qp
una particolare promessa. «Chi prega a llab i2,7·9). Sui sacerdoti empi si river·
180 Riguardo al tributo del 1cmpio, che ogni &pT)O'Uiav 'l<OÀLV, «la ciuà che per il culto
giudeo doveva p:igare per l'ammontare di un è gperu a tutti gli stranieri> .
didramma, cfr. STllACK·BILLERBECK I 76o-770. 1111 Abd. 5,5; cfr. )ElEMIAS 1 69; STRACK-BtL·
Cfr. anche Philo, leg. Gai. 1~6: i Giudei di LERllECK IV 42.
Roma inviavano offerte in denaro al tempio 131 F1av. Ios., beli. J,223: oro~ ye µi)v <icpi-
di Gerusalemme. xvouµlve<.<; !;ivoLc; 7<6ppwbev oµo•o~ opEL XLO·
111 Cfr. -+ }EltEMIAS 1 89-97· T. Pes. 4,3 so- VO<; 1tÀi)pEL XCL'TEqlllLVE'TO.
stiene che durante una festa di pasqua si sa· 116 Midr. Ps. 91 S7 (2oob); cfr. STlACK-BtL·
rebbero raduna1e 12 milioni di persone; cfr. LEKJIECK li 437.
187 Ex. r. 36 (9~c) a 27,20; cfr. ST&ACK-BIL·
5TRACK·BILLEJlB!!C.1C Il 710; IV 42.
Lt;RBECK Il 247.
182 Testi in -+ ]l!.JIEMIAS 1 68-70. 136 Hag. j. 1,1 (n a 57 s.) dice: «E Siloe gi~·
113 Joma b. xu; M•g. b. 26a; cfr. STRACK· cc al centro della regione». Siloc è sineddoche
BlLLERBEc:< I 988 s.; n 144; IV 41 s.; inoltre per Gerusalemme. Cfr. -. )E~EM1AS 1 J8.
Flav. Ios., b•ll. •p36: Gerusalemme accoglie 119 Cfr. anche Aav. Ios., beli. 3,52: ... -tLvt;
tutti i coooa:Uonali senza prendere norme pre- oùx ci11Xbnwç èµcpaMv i:ò li<ri:v 'Tii<; xwp11ç
cauzionali (.i'ltap11i:T)p'fytwç). In beli. 4,275 l'i· ht{l.).EO'llV.
dumeo Simone dciiniscc Gerusalemme 'ti)v li!l Cfr. inohre Tg. Cani. 8,5; Pts. r. 26 (131
li.?tllD'l. i:ci<; cH.ÀocpVÀO!.ç civl11tE1t'>cxµlvT}V dc; b); STllAC:.-BtLLEllllECK 111 }74.
337 (v11,323) I:iwv xù. B 1v-v (E. Lohse)

serà il castigo, perché nel tempio hanno V. La nuova Gerusalemme


profanato il luogo sacro (r QpHab 9 3-
7 ) 191 . Per vmcere
. Ia b attag1·1a che s1· do-
' Ogni giorno ciascun giudeo prega il
vrà sostenere nell'èra escatologica gli suo Dio di avere misericordia del suo
uomirù sono usci ti da Gerusalemme per popolo Is rade, della sua città Gerusa·
la guctra santa (1 QM ?A) e i figli della lemme e di Sion, dimora della sua glo-
luce, equipaggiati per la battaglia, si so- ria 19', e di tornare a d imorare in Sion 195 .
no accampati nella steppa di Gerusalem- I giusti si rallegreranno della costruzio-
me ( r QM r ,3). Quando torneranno vit- ne di Gernsalemmc 1%. Quando l'ultimo
toriosi dalla bat taglia e si recheranno al- assalto delle forze nemiche sarà staio
la comunità di Gerusalemme, sulle fiaccato davanti a Sion e le tenebrose
trombe del ritorno sarà scritto: «Dio schiere ostili saranno annientate 197 Din
ha radunato» e sulle trombe del rientro darà compimento alle speranze d~i pii
sarà scritto: «Giubilo di Dio al ritorno cd edificherà Gerusalemme. Allora la
pieno di salvezza» (r QM 3,10 s. [ __,. città sarà il luogo della salvezza escato-
XI, col. 1226)). Ali.ora si inviterà alla logica. Le attese rivolte a questa Gern-
lode: «Sion, rallegrati assai e brilla di salemme escatologica sono stare svilup-
giubilo, Gerusalemme, ed esultate, voi pate in modo molto vario e differemia-
tutte città di Giuda» (r QM 12, 13) 192. to 1%. Da un lato Gerusalemme alh1 fine
Nella futura èra di salvezza nella nuova dei giorni appare come l::t città di David
Gerusalemme il tempio sarà ried ificato eretta in magnifico splendore; dall'alcro
secondo le misure contenute nella Scrit- la nuova Gerusalemme è:: presentata co-
tura e il culto verrà ripristi nato nella pu- me una città preesistente, costruita pres-
rità sacerdotale m so Dio in cielo, che all'inizio del nuovo
mondo scenderà sulla terra 'w. Comune
191 Della profanazione di Gerusalemme si pnr. Sh. E. Cfr. STA8RK, op. àt. (-> n. r94) q .18.
la anche in 4 Q Testimonia 28-30: «Ed essi 196 Cfr. la preghiera hlibinenlì, vedi STA.ERI-: ,
compiranno profanazioni nel paese e grande op. cii. (-> n . •.94) 20.
ignominia tra i figli ... sangue come acqua nel 197 Le conco ioni apocalit1iche secondo le qua·
vallo attorno alla figlia di Sion e nel territo-
rio di Gerusalemme». Cfr. J. M. ALLEGRO,
li l'assalto dci popoli co1mo Sion sarà liacca-
to nei pressi di G erusalemme si differenziano
Further Messianic Re/erences in Qumra11 Lj.
nei particolari: s~-condo 4 Esdr. r3,35 il Mes·
terature: JBL 75 (1956) 186. In r Qp Mich.,
sia salirà sulla cima del mon te Sion e guidcril
fr. II a Afich. 1,8 s. (DJD I 78) si menziona·
la battaglia fina le contro gli eserciti ••vvcrsari;
no i «sacerdoti di Gerusalemme che hanno
sedotto• . In un minuscolo frammento della in Bar. syr. 40, r s. l'ultimo governatore av·
versario sarà portato sul monte Sioo e ucci·
prima gro lla abbiamo il nome di Gerusalem·
so dal Messia. Cfr. inoltre Hen. ae1h. 56; Sib.
me, ma non il contesto (DJD 1 82.100).
192 Cfr. anche I QM 12,17; 19,5. 3,663·697; VoLZ, Erch. 149-152.225.
l98 Cfr. lo raccolrn di testi e le descrizioni in
l9l Cfr. i frammenti in lingua aramaica che dc·
STRACK·BILLER!lECK IV 883-885.919-931; VOLZ,
scrivono la nuova Gerusalemme, meta della Esch. 371-376; _,. CAUSSE, Nouvclfr ]érusa·
speranza della comunità di Qumran: I Q 32 lem. Per le diverse immagini sotto cui si pre·
(DJD t l34 s.) e M. BAtLLET, Fragments ara- senta la Gerusalemme escatologica dr. Votz.
méens de Qumran 2 • Desciption de la Jéru- Esch. 412 .
salem nouvelle: RB 62 (t9;J) 223-24.i.
19'J Ancora una volra sono varie le concezioni
19• La quattordicesima benedizione di Sh. E
riguardanti la Gerusalemme ccl~te. Accanto
Cfr. W. STAEPJ<, Altii.idiscbe liturgiscbe Gebe· all'attesa che la Gerusalemme celeste scenda
te, KIT 58' (1930) rp8. sulla terra, si trova anche l'idea che essa CO·
l9S Sedicesima (diciasse11esima) benedizione di stituisca, nel mondo superiore, un luogo per
339 (Vll,324) :Er.Wv xù. B v (E. Lohse)

alle diverse prospettive escatologiche è nello stesso luogo della prima. «Tutte le
l'idea che la futura Gernsalemme sorge- sue colonne erano nuove, anche i suoi
rà in uno splendore inesprimibile e in fregi erano nuovi e più grandiosi di
una indescrivibile magnificenza. quelli dell'antica precedente che egli a-
veva tolto via». In questo caso non si
Della Gerusalemme celeste che Dio
descrive la nuova Gerusalemme come
ha creato prima del tempo parla nel
una città preesistente, ma si dice che è
modo più chiaro apoc. Bar. 4,2-6. La cit-
opera esclusiva di Dio. La concezione a-
tà di cui Dio dice: «Sulle palme delle
pocalittica della Gerusalemme celeste è
mie mani ti ho disegnata» (ls. 49,16)
sta ta poi mutuata dall'apocalittica cri-
non è la Gerusalemme terrena, ma quel-
stian'1 (Apoc. 2r [~col!. 370 s.] ), men-
la preparata nei cieli. Dio l'ha già co- tre non è più menzionata nella letteratu-
struita quando decise di creare il para-
ra rabbinica antica :m.
diso. Adamo la poté ammirare prima del
peccato originale, Abramo e Mosè ne Secondo la concezione predomimmt(;,
poterono vedere l'immagine. «Ed è già che poi fu di norma accolta dai rabbini,
pronta presso di me, come anche il pa- la nuova Gerusalemme sarebbe stata rie·
radiso» (v. 6). Verranno giorni, è an- dificata da Dio o dal Messia 203 con uno
nunciato al veggente io 4 Esdr. 7,26, nei sfarzo meraviglioso 261 • La nuova Geru-
quali i segni prima menzionati si attue- salemme s'.lrà liberata da tutte le impu-
ranno, e allora appadrà la città invisi- rità dei pagani 205, e dal santo luogo si
bile, la Gerusalemme celeste 200 • Alla fi. diffonderà su tutte il paese una santa
ne dei tempi dal cielo apparirà Sion e si forza (lub. 1,28; 4,26). «Gerusalemme
manifesterà a tutti come città costruita sarà costruita di zaffiro, smeraldo e pie-
perfettamente (4 Esdr. 13,36). In Hen. tre preziose, le sue mura e torri e ba-
aeth. 90,28 s. si descrive come Dio av- luardi d'oro puro. E le strade di Geru-
volse l'antica casa ( = l'antica Gerusa- salemme saranno lastricate di be1·illo e
lemme) 201 • «Si tolsero tutte le colonne; carbonchio e pietre di Ofìr. E tutte le
tutte le travi e i fregi di quella casa fu - strade diranno: 'Alleluia !' e lodeunno
rono con essa avvolti. La si tolse e la con le parole: 'Benedetto Dio che [ ri]
si pose in una località nel sud del pae- ha esaltata per tutta l'eternità!'» (Tob.
se». Ma poi Dio fece una casa nuova, 13,r7 s.). La città costruita di materiali
più grande della precedente, e la pose preziosi 206 sarà difesa da mura e da torri

i beati. Per es., se<:ondo l-le11. slav. 55,1 il veg- Testi in STRACK-BILLERBECK lU 796; - > BIE-
gente è rapito nella Gerusalemme suprema TENHA.RD 194 S.
che si trova in cielo. Cfr. VOLZ, Esch. 372-375. lj)J Cfr. Sib. 5,414-433; cfr. STRACK·BILLER·

~JO Secondo 4 Esdr. 20,27 .54 la nuova Geru- BECK IV 920.


salemme sarà edificata in un luogo in cui non 204 Talvolta anche presso i rabbini si trova la
erano ancora state poste le fondamenta di al· distinzione fra Gerusalemme superiore e Ge-
cun edificio. Qui il luogo della salvezza non è rusalemme inferiore; in questo caso l'ultima è
più legato al territorio dell'amica Gerusalem- la ropia dcll'archetipo celeste. Cfr. i testi in
me. Ma si legge anche che la Gerusalemme STRACK-BILLERBECK IU 573. Nessun rabbino
della gloria subentra al posto della città caduta però dice che la Gerusalemme celeste scende-
nel dolore e nel lutto; cfr. STRACK·BILLER· rà sulla terra.
llECK rv 812; Votz, Esch. 374. 20l Ps. Sai. 17,22.28; altri testi in STRACK·BIL·
201 ad I. dr. STRACK·BILLERBECK rv 920; Vou. LERBECK III 248.151 S.
Esch. 373. 206 Tes1i rabbinici in STRACK-BILLERBECK 11
::<n Riaffiora solo molto tardi nei Midrashim. 586; IJl 848.851 s.; IV 920 S.
L~W'J xù. B V • eIl (E. Lollsc) (v11,326) 342

enorrru m. Essa occuperà una superficie il nome di Jahvé» 21 '. La nuova Geru-
molto più vasta dell'antica Gerusalem- salemme sariì la sede dei beati, che po·
me ridotta in macerie. P er accogliere tranno vivere nel suo splendore indefet-
rutto il popolo d'Israele e i numerosi tibile. Se un tempo la Gerusalemme ce-
pagani che vi affluiranno, per otdine di leste, insieme col paradiso, era nata dal-
Dio si allargherà tanto da offrire spa- la mano di Dio (Bar. syr. 4,3), a lln fine
zio n tutti. Fino a loppe si estenderanno dei tempi insieme con la nuova Geru-
le sue mura, dice Sib. 5,25c s. Altri ri- salemme ritornerà anche il paraJ iso 215.
tengono che Gerusalemme arriverà fino Il paradiso escatologico e la nuova Ge-
a Damasco !lB. Dio stesso abicerà nella rusalemme sono unirì rosì s1recr:1men1e,
città (Sib. 3,787) ed essa por terà il no- che insieme costituiscono l'unico luogo
me di Dio, poiché Jahvé ha promesso di della salvezza: «I san ti riposer:mno in
darle un nuovo nome che solo la s ua Eden e della nuova Gerusalemme gioi-
bocca può pronunciare (Is. 62,2) m . ranno i g iust i» (test. D. 5) 216 • Poiché per
Inoltre, poiché egli vi dimora, le si darà l'èra salvifica è promessa tale inJicibilc
anche il titolo di «trono di Ja hvé» 210• Il gloria, gli sguardi dei pii che sperano
Sinai, il T:1bor e il Carmelo per ordine sono rivolti a Gerusalemme (Tub. 13,
di Dio s'addossano a Sìon e sulla loro ( 6).
cima sarà eretto il santuario, il tempio
dell'èra salvifica m. Nel luogo sacro tor- C. SION-GCRUSAl.EMME NEL 1'UOVO TI>
neranno poi le sacre suppellettili e l'ar- STA MENTO
ca dell'alleanza, e Dio sa rà adora to nel
luogo in cui ha preso dimora 212 • Da tut- I. Ricorrenze e uso linguistico
te le regioni giungeranno gli Israeliti, e
le nnzioni si recheranno in pellegrillllg- r. :I:!.Wv 217 è menzionata solo set te
gio a Gerusalemme per portare i loro volre nel N.T. Cingue sono citazioni ve-
doni (Tob. 13,13; Ps. Sai. 17,30 s.; terotestamentarie: in 1'vf t. 21 ,5 ( = I s.
He11. aelh. 57; 90,33; 4 Esdr. 13,13; 62,rr; Zach. 9.9) e lo. rz,15 (= I s.
Bar. syr. 68,5) 213 • Allora a Gerusalem- 40,9; Zach. 9,9) con 'figlia di Sìon' s'in-
me si raduneranno tutti i popoli e i re- tendono gl i abitan ti di Gerusalemme.
gni, come di ce ler. ~,17: «Tutti i popo· Rom. ~»33 riporta una citazione di Is.
li sì . Mccoglieranno a Gerusn lemme per 28, 16 e 8,14 in cui l'accento è su À.(-

m 'J'cs1i rabbinici in STRACK-Bll.LllRBECK lii che 111 s, 2.


850 . m Cfr. Vo1z, fach. 3'8 : tes1i rabbinici in
l08 S. Dtut. I (65a) a r,1; Pesikt. r43a; aliri STRACK-BILLEk8ECK III 853.
testi in STRACK . BILLERBECK lii 849 s.; rv ?1< R. Shim'on b. Gamliel (,•crso il qo), Ab.
9H S. R. Nat. Jj; cfr. STJtACK· BitLERBECK JII 8n.
m B.B.b. nb; altri testi in STRACK-BILLER- Invcre R. Johanan (t 279) distingue: «Non la
797; IV 922 S.
llECI( l ii Gerusalemme di questo mondo è lo Gerusa-
110 Gm. r. 49 (313) • 18,17; cfr. STRACK·BlL- lemme del mondo futuro. Alla Gerusalemme
LEKBECK lii 795· di questo mondo sale chi vuole , n quella del
mondo futuro sale solo chi è invitato» (B.B.b.
lii Perikl. 144b; cfr. STRACK· BILLEl\BECK IV
75b; cfr. STRACK-BILLERBECK m 22.148 ).
930.
m Tcs1i in STRACK-BILLE~llllCK 1v 932.934. 21s Cfr. Vou, Esch. 412 s.
«Per la mentalità giudaica era ovvio che nella 216 Altri testi in STRACK-BILl.ERRl!.CK
1v " ' ' s.
nuova Gerusalemme non sarebbe mancato il 217Per la grn6a -+ n. 128 e BL.-DEBR. S 38*;
1empio». STRACK-BILLERBECK IV 884; cfr. 30· 56,3.
.343 (v11.~26) ~.wv X'tÌ... e I I -2 (E. Lohsc) ( v11 ,326) 34-1

&ov itpoc;x61.iµa"toc;, «p ietra d 'inciam- 2r ,3t); invece Mc. 1,5 e Io. 7,25 usano
po» . Anche in 1 Petr. 2,6 s i mette in iJ nome 'ltpccroÀ.vµ~,a~ .
rilievo il termine À.lòoc; di Is. 28,r6. Per
fondare sull a S<:ritntra la salvazione e- Come negli scritt i giudaici (-7 col i.
scatologica d 'Israele, Paolo in Rom. II, 322 ss.), nd N.T. sono presen ti entram-
26 si rifà a ls. 59,20; Ps. 14,7: fil;n h be le forme del nome: '{Epoucra),1)~1 e
kLWV ò pv61.itvoç, «da Sion uscirà il li- '1Epocr6À.vµa. 'IEp:;vc;a.À.1)µ è la forma
beratore» . Solo in Hebr. J2,2 2 e Apoc. coswnte in llpoe. e in H.ebr.; in Paolo,
l4, t non si hanno citazioni. nanne Gal. r,r7s.; 2;1; in 1Wt. ricorre
solo in 23,37 2-'0 e alcune volte nei <ll1e
2. Gerusakmme è ci tata spesso nei scritti lucani 221 • Le. e soprattutto !let.
vangeli e in Act., talvolta anche nelle in molti passi usano anche il nome 'Jg.
lettere paoline, in Hebr. e in Apoc., mai poo-6À.vµa, che ricorre negli altri vangeli
invece nelle lettere cattoliche. Sovente e in Paolo, fotta eccezione per i passi
nel N.T. sono usate designazioni di Ge- sopra menzionati 122. La differenza tra i
rusalemme prese dall'uso linguistico giu· due nomi è difficile da spiegare nell'o-
<laico(__,. x, coli. l3f4 ss.) : Gerusalem- pera storica lucana 223 • Certo non si può
me è la città sul monte (Mt. 5,14) 218 , la attribuire ciascuno dei due nomi a un
àyla 7t6À.ic; 219 (Mt. 4 ,5; 27,)3; Apoc. diverso fìlone di tradizioni di Act. 221 ,
I r, 2), la città d iletta (Apoc. 20,9), la poiché sia l'autore della doppia opera lu-
città del grande re (Mt. 5,35). Ci ttà san- cana sia Paolo usano le due forme l'una
ta è anche chiamata la Gerusalemme ce- accanto ali 'altra. Paolo di solito prefe.
leste (Apoc. 22,19; cfr. inoltre Hebr. risce 'l<povo-aÀ.i)1.1. 225 • Poi.ché l'autore
rr.,10.r6; r2,22; Apoc. 3,r2 ; 2 r ,9-27; d ella doppia opera lucana solo in q uat-
22,14). Nella maggior parte dei passi tro passi del Vangelo ha 'IEpocroÀ.vµo:
Gerusalemme indica la città stessa, tal- (Le. 2,22; 13,22; 19,28; 23,7) e negli
volta anche i suoi abitanti (Mt. 2,3: 3, altri sempre 'fapoucraÀ.1}µ , si potrcbb::
5 ; 23,37 par. Le. 13,34 ; Le. 2,38; ,-1ct. dedurne che ha prcferi to la forma cor-

21s Cfr. voN RAD, op. cii. (-4 n. 115) 439-447. Actes des Apolres: RHR 97 ( 1928) 9-ri . G iu-
219 Non sì trova invece la designazione i.Epà stamente WINTI;R, op. cii. ( ~ n. 53) qr dice:
n6ì..14 (--.D . 139); dr. anche - SCHMIDT 230. «La lezione LEpovaa.À.fiµ non è p rov;l d 'una
2llJ Il fatto che solo in questo passo di Mt.
fonte ebraica o aramaica per nessuna sezione
abbiamo 'IEpou<ro:ì..i}µ può essere forse spie· degli scritti di Luca».
225 Poiché è piti facile nver pccsenti tutti i
to considerando che si tratta di un Jogion
passi paolini, la maggior parre dei tencativi di
rmai fissato dalla t radizione e riport.aco ta-
spiegazione prende le mosse da Paolo: ..+
e e quale dall'evangelista. Cfr. anche --.
IIARNACK ì3 afferma: «Quando Gerusalemme
CHM.AUCH 83; PREUSCHl!N·BAUER', s.v.
è un conceno religioso (Gal. 4,25.26) e nel
z1 Quando si mette l'articolo (dr. BL.·DEBR. linguaggio solenne, quando l'Apostolo pensa
261 ,3) si ha ii '!Epou<ro:À.i)~< (Aci. 5,28; Gal. ai 'santi' in Gerusalemme (Rom. 15,25.26.31 }.
,25 s.; Apoc. 3 ,1 2 ); dr. anche oÀ.1} 'Jepou<ra.· egli dice 'lEpouo-a.),fiµ, cioè usa il nome ebrai-
i)µ (Aci. 2 1,31); vedi BL.-DEBR. 275,i. co; altrimenti egli scrive '1Epoo-6ì..vµa. (Gal. I.
Con l'articolo: -.~ 'IEpoo-6),vµa. (Io. 2,23; 17.r8;2,r)». Tuttavia Rom. 15,19; rCor. 16,
,2; 10,u; 11,18); ma n iiO'tx. 'lepo0'6ì..vµa. 3 non seguono questa regola. Per la critica cfr.
Ml. 2,3); dr. BL.-DEnR. 56,4. -+ ScttOrz 177-179. ~ $CHMAUC11 82-93 cer-
Cfr. PREUSCHEN·BAUER', s.v. ca cli distinguere fra 'lEpo0'6).vµa. q uale Ge-
4 Tentativi del genere furono carattemuci rusalemme profana e 'lEpouo-a.ì..i)µ q uale luo ·
ella critica le n eraria meno recen te; cfr. P. L. go eletto, che ximane tale nonostante l'oppo-
UCJIOUD e R. STAHL, Les deux aul eurs des sizione dei suoi abitanti.
H~ (vu .326) l:o.Wv xù. eI 2 . Il 2 (E. Lohsc)

rispondente al nome ebraico perché e- (--'> x1 , col 894) non erano più colpe-
rn suggerita dall'uso linguistico bibli- voli di tutti gli altri abitanti di Geru-
co 2l6. Analogamente anche nei prim i
set te capitoli di Aci., che trottano delle salemme 2.'9. L'avvenimento invece si de-
origini deUa comunità primitiva nella ve intendere come un richiamo alb con-
città sanra, fatta eccezione per Aci. r,4, vcrsione 2·~ . Qualsiasi giurnmento è proi-
s i usa sempre l'amico nome 'IepovO'CX-
À.lJIJ.. Solo dal cap. 8 in poi l'uso delle
bito da Gesù <-
vm, coli. 498 ss.}, an-
due forme del nome si confonde, senza che quello dc; '!Epo0'6À.vµa ZJJ (Mt. 5,
che si possa stabilire una regola sicurn 35 ), perché, se si fa un giuramento nel
di questa altcrnanz:i 22 7. nome di Gerusalemme, che è la città del
grande re, si chiama in causa Dio stesso
II . I detti di Gesù riguardanti Gerusa-
lemme (--'> VIII, col. 506). Perciò, se si adduce
Gerusalemme come testimone di giura-
A prescindere dalle parole che trat-
T.
menti frequen1 i e menzogneri, si abusa
rnno della imminente passione in Geru-
del nome di Dio.
snlemmc, nella predica:.done di Gcsì.1 il
nome della città si trova solo tre vol- 2. Il martirio del profeta a Gerusa-
218
te • La parabola del buon samaritano lemme è l'argomento dci <lue logia di
è introdotta dalla frase: &wpwTtoc; ·ne; I.e. 13,33 e Mt. 23.37-39 par. Le. 13,34
xa-.iSetwtv 6.itò 'ltpovO'aÀ.Tiµ dc; 'IEpt· s. GesL1 dichiara impossibile che un pro·
xw, «un uomo scendeva da Gerusalem- fcta perisca fuori di Gerusalemme (Le.
me a Gerico» (Le. 10,30). A un caso av- 13,33), riferendosi aUc leggende sul
venuto a Gerusalemme Gesù si ricl1llc- m:irri rio dei profeti sviluppatesi nel Giu-
ga in ,.e. 13,4: le diciotto persone rima- daisn10 postbiblico (~ 1x, coli. 430 ss.;
ste uccise dal crollo della torre di Siloe xr, coli. 582 ss.)2.IZ. Pare persino che fos.

m Non risolve nulla la spiegazione pro 1XJsta sofferenza e colpn dr. STRACK BILLERBF.CK 11
do -+ SCl-IOTZ, secondo cui la forma ebraica è 19~ -197.
usata nei discorsi ddle persone di lingu,1 ara- ZlfNell.t leuern1ur.1 rahhinicB non l' attestata
rrt'lÌCa. Cfr. HAENCHEN, Apg., a 1,4. alcuna formu.lo di i;iur-.tmento col nome di Cc
:UI Cfr. PREUSCHEN-BAUER', s.v. 'IEpo:roÀ.u~;
rusalcmme; solo in voti di rinunci a essa è
-+ HABNACI( 75 s.: per il 1~ntativo di spiega- mcnzion.11a. Cfr. STRACK-BlLJ.r\r.B~CK 1 313.
zione <li ScHMAUCH -+ n. 225. WJNTER, op. Invece nei p3piri magid ellenistici si 1rov1rn,1
rii. ( -+ n . 53)q.2 n. 1: •non è possibile de- formule quali ò;il<!l',w (<TE) "tÒV è-J -rn
xal'a·
finire una rr11ola precisa per l'uno o l'altra çq_ 'l~~i:ro).!ij1'1' (PKl!ISF.NDA1'7., uub. I 4
i;raria in particolari situazioni nel terzo Van· io/19), oppure i~w~xL::ni crt. "tÉxvov, t'J ... "'li°'
gelo o oegli Atti degli Apostol i». kpi;> ·ni> f.v 'l•F<•JC10Mµ1t> (ibiJ. 11 r 3,233; i-
nolrrc Il 13,997).
~ Per Ml. 22.; -> col. 352; per Le. lr ,20.2~ 2.1:! Cfr. II. A. F•SC:UEL, J\f(lr/yr and l'ropbet:
-+ ~-01. 35'· JQR 37 ( 1946) 26,·280. 363·386; H. J.
m La disgraiia non viene menzionata in nes- Sc.1 1o~PS, Die 1iiJ1sche11 Proplutmmordt, in
sun altro resto; dr. STRl\CK-BILLERSECK 11 A111 friihchristlicher Zeit (1950) 126-143; E.
197. Lo11s1,, Aliìrtyrer u11d Go11esknecht, FRL 64
llO Per la concezione giudaica del rapporto tra ( r955} 73-
!t.Wv n À.. C u 2·3 (E. Lohsc)

se una regola inderogabile che il profeta in origine attribuito alla sapienza ll.I: in-
dovesse patire e subire una morte vio- vano essa ha cercato di attirarli a sé;
lenta nella città santa. Ora però Gesù l 'hanno respinta. Così anche gli abitanti
non si limita a citare questa convinzione di Gerusalemme non hanno accettato
universalmente diffusa, ma si accinge ad l'annuncio di Gesù. Pertanto con termi-
accollarsi la sofferenza del profeta (-+ ni che ricordano I er. 22 ,5 si annuncia
IX, col. 4 30; XI, col. 600) 231 . A Gerusa- loro il giudizio: i.Ooù tirp(e-ra~ ùµi:v ò
lemme deve aver luogo la decisione. Ma olxoç vµWv ( €p1")µoç). «ecco la casa vo-
Gerusalemme w uccide i profeti e lapi- stra vi è lasciata (de.serra)». Alla minac-
da coloro che le sono inviati (Mt. 23,37- cia segue, nel v. 39 par. Le. 13,3,, una
39; Le. 13,34 s.) m. Alla frase introdut- frase conclusiva che va intesa come una
tiva, che fa risaltare la colpa di Geru- promessa aggiunta dalla comunità 239 :
salemme 236, segue un lamento: 1tocr<ix~ç l 'abbandono di Gerusalemme durerà fi-
i)&D,11cra lmcnivayayE~v 'tèL -rtxva aov, no all'ora della parusia. Allora apparirà
OV 'tpOitOV O?V!.<; lmiruva:yE~ -rèL VO(lCJLa Gesù, che sarà salutato Messia con l 'ac-
aù-rfiç ÙTtÒ -ràç Tt-rtpvyaç, xal oÌJx ii&E- clamazione di giubilo di Ps. r 18,26: EÙ-
À.l)cra-rE, «quante volte ho voluto racco- ÀoyT)µivo<; ò tpxoµEVoç lv òvoµa-r~ xu-
gliere i t uoi figli , come una gallina rac- plou, «benedetto colui che viene nel no·
coglie i suoi pulcini sotto le ali, e non mc del Signore» 240 •
avcle voluto» (Mt. 23,37). Ma è diffici-
le che Gesù abbia detto di sé che spesso 3. Fuori delle porte di Gerusalemme
aveva voluto raccogliere gli abitanti di Gesù è stato appeso alla croce. Perciò
Gerusalemme come una gallina i suoi la comunit~. che confessa la propria fe-
pulcini sotto le ali 237 • La frase invece de nel Signore crocifisso e risorto, ha
presuppone probabilmente un lamento visto e trasmesso, alla luce di questo av-

2l.ILe. 13,31-33 va visto S<.>Stanzialmente come non si può definire la sentenza un valici"ittm
un detto autentico di Gesù. Cfr. Bur.TMANN, ex eventu.
Trad. J'; G . BoRNKAMM, Jesus' ( 19,9) 14.2. 2.17 L'immagine dcl raccogliere sotto le ali è
234 La ripeti:done dell'allocutivo è frequente; tipicamcm c palestinese; d r . gli c=pi in
dr. gli esempi in STB.ACK·BILLfRBECK 1 943. STRAC:: BtLLllRBECK I 943·

Le. I 3,}4 $. è collegato al termine 'Itpov-


2JS ™ Cfr. la ci tazione Le. IIA9 par. Mt. 23,J..j;
U«Ài}µ dcl v. 33. Tuttavia anche il contesto a questo riguardo - xr, coli. ,s 3 s.; M. Drat:-
di Ml. probabilmente non va considerato oti· 1.u.:s. Die Formgercbichte du Ev.' (1959)
ginario. Cft. ButTMhNN, Trad. 120 s.; supple- 246; 13oRNl(AMM, op. cii. <- n . l33) 143·
mento ( r958) ?6 ; E . HAENCHEN, Mallhiius w Ki.iMMEL, op. cii. <- n. 235) 74 s. fa risa·
23: ZThK 48 (19;1) ;6; W. C. K!iMMEL, lire a Ge$Ù anche il v . .39 e ne deduce «che
V erhtissung und Erfiillung, AbhThANT 6' Gesù si attendeva un lungo intervallo di tempo
( 19,6) 73.n. fra la sua motte e la parusia• (75 ).
l.16 Poiché in Mt. 23,37 par. Le. 13.34 si parla 2«> Per l'esegesi di Mt. 23,37-39 dr. S1>«ialm.
di lapidare e uccidere, ma non di crocifiggere, HAENCHEN, op. cii. <- n . 235) 5'·'7·
349 (v n,328) llwv xù. C 11 3· Ili 1 (E. Lohse) (vu,3 29) 350

venimento, tutta la tradizione della pre· III. Gerusalemme nei quattro vangeli
<licazione di Gesù. Le paro le con le qua-
r. Marco
li Gesù annuncia ai discepoli la sua mor-
te imminente a Gerusalemme e la sua A prescindere dalle profezie della pas·
risurrezione nel terzo giorno (Mc. 8,3 r sione (-7 coli. 348 ss.) e dal racconto
par.; !»3 t par.; io,32-34 par.) sono for- della pa~sione (-7 n . 242 ), nel Vangelo
mulate sulla base del kerygma della co- di Marco Gerusalemme è nominata in
munità. Tale procedimento è più espli- pochi passi: l'effeno della predicazione
cito in Mc. ro,33 s. dove, in riferimen- di Giovanni Batùsta giunse così lontano
to al più antico racconto della passione, che anche gli abitanti della capitale ven-
sono elencate le singole stazioni d ella nero da lui sulle rive del Giordano (Mc.
passione di Gesì.1 2• 1 • In Mc. 8,3 r si dke r,5 par.; dr. anche Io. 1,19). Nel som-
che Gesù dovrà essere rigettRlo e ucci- mario di 3,8 si dice che da Gerusalem-
so dagli anziani, dai gran sacerdoti e da- me e da tutti i territori abirati da Giu·
gli scribi e che dopo tre giorni risorge - dei gli uomini venivano a Gesù (cfr. Mt.
rà. Anche in questa circostanza Matteo 4 , 2 5). Alcllni scribi di Gerusalemme ac-
collega esplicitamente l'evento col no- Cllsav:mo Gesù di essere possed uto da
me della città santa, in quanto rileva che Bcelzebul e <li scacciare i demoni con
ciò deve nccadcre secondo il disegno di l'aiuto del capo dei diavoli (Mc. 3,2 2
Dio: OEi: a.Ù't'ÒV Etç 'ltpocr6lu1let érnEÀ.- par.) w. Farisei e scribi venuti in Gali·
~Ei:v xa.t rtoÀ.À.<Ì 'lta.i)Ei:v, «egli doveva lea da Gerusalemme, centro dello stu-
recarsi Gerusalemme e soffrire mol· dio della Scrirn1ra 2. ., mossero a Gesù e
to» (Mt. 16,21). Nella seconda profezia ai slloi discepoli l'accusa di trasgredire
della passione (Mc. 9,31 par.), che è la le leggi di purità (Mc. 7,r-23 p:ir. Mt.
meno legata al kerygma comunitario, J 5,1-20). Gerusalemme è il luogo in cui

manca anche il nome di Gcrusalcm· abitano gli avversari che incalzano per
me :i<z. far croci(iggere Gesù. Qui essi lo affron-
t:ino con ostilità inesorabile (Mc. II,
18; q,1-2 par.) us. Ma quando Gesù
~pi rò sulla croce, il velo del tempio si

m .Mc. 10,33: 'ItFOO'o>-.vµa ; Le. 18,31: 'It- MAN. _. SIMONS. --. Vu>:CENT, ]énm1/tm, -->
pcuO'a.À.i)µ. PARROT, _. K OPP .
lCl Nel racconto della passione il nome di Ge· w In Mt. 12,24 invece abbiamo i Farisei.
rusalemmc ricorre nei seguenti passi: Mc. u,
rn •Gerusalemme è quindi il fornlaio c!cll'ini-
r.u .r5.27; Mt. 21,1.10; Le. 19,28. Non pos-
siamo qui esaminare i problemi riguardanti
micizia contro Gesù. e- LOllMEYER 32).

la tradizione della passione e morte di Gesi1 a m •Gerus:tlcmme è la cirrà dell'odio mortale


Gcrvsolcmmc. Circa le questioni 1opogra6che çoarro Gesù, <lei peccato e della morte» (-..
rimandiamo sopramttto Dgli studi di -.. D,1L- Lo11!'11:vu 34).
I..Wv X'\" À. e lii 1·3 (E. Lohse) (vn,330) 352

quarciò in due (Mc. 15,38 par.; -+ 1v, spezzano (27,5 1). si spalancano le tom-
ol. 807; v, coli. 253 ss.; vu, coll. 861 be Euori delle porte di Gerusalem me, ri-
.). Ha inizio cosl il giudizio di Dio con- suscitano i corpi dei santi «che dormi-
tro il tempio e la ci ttà. vano» ed escono dai sepolcri, entrano
nella città santa e appaiono a molti ( 27,
2. Matteo 52 s.) . Il santuario è distruuo, ma i san-
Nel Vangelo di Matteo Gerusalem- ti risorti si raccolgono col Messia nella
me è menzionata già nella storia dcll 'in- città santa per indicare che la sua morte
fam:ia: i Magi si presentano a Gerusa- ha dato inizio al copovolgimento esca-
lemme chiedendo dove è nato il re dei tologico 2". Sulla citcà che ha rifiutato
Giudei (Mt. 2 ,1 ). Erode è atterrito e l'invito dcl re si compie il giudizio. Egli
con lui tu tta Gerusalemme (2,3). A Be- invia i suoi eserciti, fa catturare gli as-
tlemme è nato l'unto promesso da Dio, sassini e mette a fuoco la loro città (22,
il re dell'èra salvifica (cfr. 21,5). A que- 7) m. La minaccia looù à.<PLE'tl.l.L vµ~v ò
sto re di Gerusalemme spetta l 'omaggio otxoc; vµwv (~pl1µoc;) (23,38) s'è realiz-
dei pagani che vengono da lontano. Ge- zata. Ma verrà il giorno in cui Gerusa-
rusalemme è la città san ca, perché in lemme saluterà il Signore che torna, con
essa c'è il tempio (4,5; dr. 27,53) 2 °". le parole: evÀ.oYTJµivoc; ò epxoµevoc; iv
Ma come i profeti a Gerusalemme soffri- 6voµ<x'tL x vplov (23,39).
rono e furono uccisi (23,37), cosl anche
il Figlio dell 'uomo de,•e recarsi a Geru- 3. Luca
salemme ed essere appeso alla croce (16,
21 ) i<1 • A Gerusalemme Gesù affronta Molto più che negli altri sino ttici in
l'ultimo conflitto con tro gli scribi e i Le. si mette in rilievo l'importanza di
capi del giudaismo (2 3) e insegna ai suoi Gerusalcmmc 250 . Il Vangelo s'inizia (1,
le realtà ultime (24-25). In croce egli 5-25) e si conclude ( 24,53) con fatti che
muore da re d 'I sraele. Ne.ll'ora della sua accadono nel tempio. L'l promessa fatta
morte non solo si squarcia il velo del ull'antico po~olo di Dio si compie nella
tempio, ma la terra trema, le rocce si storia di Gesù e della sua chiesa. Il vero

1-46In Mc. 1,5 si nominavano 'ltÙ.o-a Ti 'Iov- 2'9 Non come allusione d i Mt. alla distruzione
&xi:a. xwpa xa! ai 'ltpouoÀU~'t<U. ruiv:t{., di Gerusalanm~ (dr. ]EREMHS, Cleichnisse
mentre in Mt. 3.:1 viene prima Gerusalemme: 57), ma come luogo comune della sovraniuì
'IEpocroÀuµa xal. micra Ti 'Iou&:i:a xal ~a11a regale orm:ù stabile n ella tradiz.ione è inter-
oli ~eplxwpo~ -rou 'IopMvou. pretatO Alt. 2 2,7 da K. H. RENCSTORF, Die
Stadt der Morder (M.t. 22,7), in ]udentum-Ur-
247 In Mc. 8,31 non si fa menzione di Geru- christerllum-Kircbe, fcst:;çhrift CUr J. Jercmias,
salemme, Mt. 16,21 travalica il modello Mar- BZNW 26 ( 1960) 104-129.
co: ~...., oti: au-còv ti<; 'IEpoctoÀuµa <i'lltMti:v. Cfr. principalmente H . UJNZELMANN, Dit
lSO
241 Cfr. ~ ScH.\>IAUCH 92 s. Mille der Zeit' (196o) 66-86.124-127.
.>53 (vu,330) l'.:iwv xù. C 111 ) (E. Lohse) (vu,331) 354

Israele si raduna nel luogo sacro 251 • re :is3 . Durante la sua attività in G alilea
Nel tempio di Gerusalemme al sacer- Gesù incontrò persone di tutta la regio-
dote Zaccaria è promessa la nascita di ne. Egli ebbe dispute con farisei e scri-
un figlio che dovrà chiamarsi Giovanni bi che erano venuti Èx r:ci.O'l]ç xwµl]ç
(1,5-25). I genitori di Gesù portarono al -ri'jç raì.1Àalaç xat 'Iou&ala.ç xat 'IE-
tempio il bambino per la presentazione povO'aÀ.1}1l ( 5. r 7); vennero a lui perso-
(2,22) e offrirono il sacrificio prescritto ne àitò 7tci.cn)ç •iiç 'Iouliala.ç xat 'IE-
( 2,24 ). A Gerusalemme Simeone (2,2 5- pouO'akl)µ xat •iiç 1ta.paÀlou Tupou
35) e Anna (2,36-38) attendevano la ita- xat ~~liGrvoç, «da tutta la Giudea, da
pr:bcÀ..l)cn<; 't'OV 'fo'paTjÀ.(2,25), la À.trtpw- Gerusalemme e dalla riviera di Tiro e
vtç 'IEpovO'aÀ.l)p. zsz (2,38}. Con i geni- di Sidone» (6,r7 ).
tori Gesù dodicenne si recò in pellegri- Gerus:.1lemme è il luogo della passio-
naggio a Gerusalemme pet la festa di ne (9,3r; r3,33; r8,3I) verso cui Ge-
pasqu:i (2,4r-5 2) e disputò coi dottori s\1 si avvia insieme coi suoi discepoli (9,
nel tempio. Ques ta è la sua casa, tanto 5 r-r9,27) 2.'><. Questo cammino fin dall'i-
che chiede meravigli:ito ai genitori: ovx nizio è sotto il segno della passione iss.
'fiÒn 'tE /Ytt Èv 'toi:ç 'tOU 1tCl'tpoç 1iov ÒEi: Il viaggio porta Gesù a Gerusalemme,
dval µE;, «non sapevate che io devo alla ctocc (9,5x.n; 13,22; q,n; r9,
suue nella casa del Padre mio?» (2,49). n) 256 • L'entrata di Gesì.1 a Gerusalem-
Nell'episodio della tentazione Luca spo- me lo porta dfrettamcnte al tempio (19,
sta alla fine la scena in cui il diavolo 28-38+5), di cui prende possesso perché
condu< Gesù sul pinnacolo del tempio torni ad essere una casa di preghiera
(4,9 ). Ll avviene la decisione ultima, ( 19'45 s.). Nel tempio Gesù entra ed e-
con la quale Gesù sconfigge il tenta to- sce e ogni giorno istruisce il popolo ( 19,

~;, Cfr. ~ $CMMAUCll 97 s. tbid. 207-229; E. LOHSE, Missionarisches Han·


m La v•r. 'fopix1]À è debolmente attestata deln ]esu nach dem Ev des Lk: Th'.Z ro
(codù . J48 a r' vg" ). (1954) 1-13; CoNZELMANN, op. cii. <~ n. 250)
?;.; Perciò in 4,13 leggiamo: ò oia~oÀo; tt1tÉ- _53-66; W. GRUNl>MANN, fr,1gen der Komposi-
<:rn1 à.11'mhoù a.xp• X(upoù. Solo nel racconto tion des lk Reiseberichtes: ZNW 50 (1959)
della passione che si sllolge nuovamente a Ge- 252-270.
rusalemme torna ad apparire il diavolo (22 ,3). m Cfr. CONZELMANN, op. cii. (-> n. 250) 57:
Per questo contesto cfr. CoNZELMANN, op. cii. «La consapevolezza d i Gesù di dover soffrite
(__. n. 250) 68 n. J; 13.146. è espress..~ sotto forma di viaggio».
2$1 Per la relazione lucana del viaggio dr. K. 2~ Le. 19,1 r introduce la parabola delle mine.
L. SCHMIDT, Der Rahmen der Geschichle Jesu Quando Gesù e i discepoli sono nelle imme-
( 1919) 246-273; W.GASSE, 211111 Reisebericht diate vicinanze di Gerusalemme, ai discepoli
des Lk: ZNW 34 (1935) 293-299; J. BuNz- viene impartita un'istruzione di tipo escatolo-
LER, Die literarische Eigenart des sogcnanr1tc11 gico. «Luca sviluppa la sua escatologia in e-
Reiseberichtes im Lk-Ev, in Synoptische Stu- splicita polemica con la grandezza di Gerusa-
dien /ìir A Wikenhauser (1953) 20-52; J. lemma~ (VJNZELMANN , op. cii. [ ~ n. 250)
SCliNEIDER, Zur A11alyse des lk Reiseberichtes, 6ì).
355 (vn,331) !U.:.11 xi:>... C m N (E. Lohsc)

47; 20,1; 21,37). Solo per cdebrare la discepoli e li incarica di predicare la


festa della pa.s qua, secondo la presenta- sua passione e risurrezione, t!tpçci:µEVOL
zione lucana, Gesù entra neUa città ve- <Ì.1tÒ 'ltpovcr<XÀ:ijµ (24,47). A Gerusa·
ra e propria ( 2 2 ,1 o). Hanno cosl inizio lemme la schiera del Signore risorto è
i 1tE~pcxo-µol di Gesù (22,28; cfr. 22,3), unita e si raduna nel tempio, che ora le
il suo cammino verso la morte. Geru- appartiene quale luogo in cui è procla-
salemme però non comprende •à. 1tpÒ<; mata la lode di Dio 1>9: xcxt i'jcrcxv lì~ò.
dpi}VT)v, e ciò che giova aI suo bene» 7t<Xv>Ò<; lv >4'.i ltpi;> EÙÀoyouvuc; -TÒv
19,42).perciò saràdistrutta&.vil'wv oùx i>Eov, «C stavano di continuo nel tempio
i::yvwç •Òv xet~pòv ·djç tma-xollfiç O"Ou, lodando Dio» (24,53}.
«perché non hai riconosciuto il tempo
in cui sei stata visitata» (1 9,44). Geru- 4. Giovanni
salemme sarà circondata e conquistata In Io. la Galilea e Gerusalemme s'al-
da eserciti nemici, sarà calpestata da pa- ternano come luoghi dell'attivit.1 di Ge-
ani (21,.20.24). Perciò, mentre è in sù, che spesso si reca dalla Galilea a Ge-
cammino verso la croce, Gesù esorta le rusalemme (2,13; 5,r; 7,1 0 ; [11,55; ]
figlie di Gerusalemme a non piangere 12,12). Poiché fin dall'inizio gli 'Ioulì<X~­
sulla sua persona, ma sui loro figli (23, OL gu si mostrano ostili, Gerusalemme
28 ~ v, coli. 498 s.). Poiché Gerusa- diventa la scena su cui Gesù spesso ri-
lemme non ha riconosciuto l'ora in cui vela la sua gloria 200 e deve lottare coi
ra visitata e appende il Messia alla cro- rappresentanti del kosmos i11credulo 261 .
ce, sarà inevitabile il castigo ddla cit- Molti luoghi di Gerusalemme costi-
tà z.si. I Giudei sono colpevoli della con- ruiscono la scena delle azioni di Gesù:
danna di Gesù 258, perciò l'elezione sarà la purificazione del tempio è spos tata
all'inizio del Vangelo perché ha un si-
loro tolta e data alla comunità di Gesù.
gnificato programmatico per la lottn
In Gerusalemme e nei pressi (24,13.18. contro gli 'Ioulì<X~OL (2,13-n}. Alln pi·
33-.P) il Cristo risorto appare ai suoi scina di Betesda (5,2) ?6l Gesl1 guarisce

J «Viaggio, passione, colpa dci Giudei e (da dei e condanna Gesù ( 23 ,18-2_, ), ~òv ot ·1,,_
· ntendere in questa prospettiva) des1ino della r;W., 7t0tçt6wxtv ~<ii ÙEÌ.i)!l(l"t\ o.ù~wv ( i 3.
·rrà cos1illliscono una compatta unità. Per o· 2,).
pera dei Giudei Gerusalemme viene meno alla m cLa cirtà costituisce l'anello di congiunzio-
sua funzione. Essi distruggono l'elezione della ne fro la storia di Gesù e l'esis1 cnza della
irtà perché uccidono Gesti» (CONZl!LMANN, chiesa» (CoNZCLMANN, op. cit. (..... n. 2,0 J
op. cii. [-+ n. 250] 125). 124).
Secondo Le. 23,6-12 anche Erode, il sovra- 160 fo. 4;U patia di molte azioni, or;a. h:ol11·
no di Gesù che si trattiene a G erusalemme du- rJ<-J tv 'lt po:roMµo•c; iv -rii fopi:fl.
rante il periodo delle festività (23,7), concorre l6J «E rosi G erusalemme d i,·enta u na re3ltà
alla condanna di Gesù. Pilato invece aveva cenualc dcll'evangclo solo perché al suo ccn·
dichiuato Gesù innocente (23,.p2-16), ma a]. tro sra il Golgota,. (-+ l.oHMl!YEI 4 1).
la fine cede alle 1umulmose richieste dci Giu- !6? xo)..uµ~fii>po. va collegato a BT)&tcS6.. ed
357 (v11,332) l:.Wv x-t}•. C 111 4 (E. Lohsc)

un uomo paralizzato cfa 3 8 anni. Ln d-::- Gerusalemme (rr ,18), abitavano Marta
scrizione dcl luogo, secondo cui vi era· e Maria, sorelle di Lazzaro. Quindi tut-
no cinque portici (5,2), concorda in pie· te le notizie del quarto Vangelo riguar-
no con i risultati delle ricerche archeo. danti zone di Gerusalemme poggiano
logiche 263 • Al margine settentrionale del sopra una straordinaria conoscenza del-
cortile del tempio, sul terreno deUa la città.
chiesa di S. Anna è stata portata alla
luce una piscina doppia, la cui costru- Gesù msiemc con i suoi discepoli si
zione risale al tempo di Erode il Gran· recò ;i G erusalemme (12,12); la folla
de. Questa doppia piscina ha forrna tra-
( 1 : ,55) lo salutò, con l'acclamazione di
pezoidale. Attorno ad essa correvano
quattro portici. Il quinm poggiava so- giubilo di Ps. n8,2 5 s., guale f3a::nÀ.zvc;
pra un muro largo circa m. 6,50, che ta- -;:ov 'lopQ.lj}. ( 12,13 ). Ma negli ultimi
gliava in due la piscina stessa. Una se- g.!ori;i che passò a Gerusalemm::: Gcsì:1
conda guarigione avviene alla piscina di
Siloe, situata nella parte meridionale non parlò mai alla folla; i discor~i di ad-
della città. La fonte di Siloe, che sono il dio sono ri volti solo ai discepoli ( t 3-
re Ezechia fu collegata alla città median- r6). Anche il nome di Gerusalemme non
te una galleria (cfr. 2 Reg. 20,20 [->
è pE1 menzionato dall'evangelis rn nel
col. 282] ), era l'unica sorgente di Ge-
rusalemme. La piscina menzionata in contesto della passione. A Gerusalem-
lo . 9 ,7 era probabilmente un bacino di me Z6<> il Risorto apparve ai discepoli
raccolta dell'acqua, situato nei pressi
(cap. 20 ). Ora è giunto il tempo in cui
dello sbocco sotterraneo della galleria 264 •
L'evangelista non d<..>scrive nei partico· il Padre non si adora né sul monte Ga -
lari la localit~, ma si limita a rilevare il rizim, né a Gerusalemme (4,20 s., ~ xr,
significato allegorico di i:,).w6:1.l = èr.- coli. 396 s.}; Ù.À.Àà fPXEW~ wpC!. xa.t VV'J
ma..ta.'X.1.dvoc; (9,7 ). Nel tempio Gcsi1
È<r-rw O'tE ot 6.}.nlhvot npoc;xuvn-ra:L
insegnava (7 ,14). Quando si trovò a Ge-
i:usalemmc durante la festa della dedi - TCpOO'XU\ITJO'O\JCiL\I -rQ 'ltCX-'tpÌ Èv 'lt\IEUµa:-
cazione del te mpio, si trattenne iv -:Q "t~ xal à'X.n~d~, «ma viene l'orn, ed (:
lq;ii) É'J 't'TI o..tofi, EoÀop.wvo:;, «nel tem·
:i<lesso, in cui i veri adoratori adoreran -
pio sono il portico di Salomone» ( 10,
zz s.). Un portico sito nella parte orien- no il Padre in spiriro e veritìn> (4,23 ).
tale del tempio portava il nome del re
Salomone, perché si riteneva che risa-
lisse all\10cic;1 costruzione del figlio di
David 205• A Betania, distante r 5 stadi cfa

t ni i:ii n::-o~et't'~r.·ii va romt>k~tato con -;;:)}.n; FRL ;~J ( 19.~9); Ìll<lltrc ~ KoPP 36.Vi/I.
dr. Necm. 3,r.32; 1i,39. Il nome B11ae~oa, ~' C r. --7 DALMAN, Orte 3 27 s.; $TR ACK·BIL·
attestato dai codd. e $l' e pm f q sy' proba· U '.l:!IEC.K Il 530·533; ~ KOPP 371·376.
bilmente è il vero nome della località, B'l)U· :?ts llav. Jos., e1nt. 20>220 s.; be/t. 5,185; cfr.
l;a:M. (co<l . S [L) 33) o Bt)..l;eM. (coJ . D Snr,çi;.B1LLERBECK 11 625; ~DA I.MAX, O:u:
[a )) era il nome del sobborgo settentrionale \JO ~.;-> S1M0Ns 4or s. 4 21; - • V1NCf-NT, Jé-
di Gerusalemme. rus(dt•,/! u 467·469 ; --> Korr 3-14· 349 s.
i~ Cf.r. ~ DALJVl.AN, Orte _325 ·327; ]. jERE- 200 In lo. nemmeno negli episodi di r.:1squ•
MIAS, Dii! \'Viedere11tdl'ck1mg vo11 De1b1·sda: ~i fo il nome della cinli.
I359 (vn,332) l:t.wv X'tÀ. C IV 1· 2 (E. Lohse) (v11, 333) 36o

IV. Il significato di Gerusalemme per il 11,22; Gal. 2,12), di Il partivano i pro-


cristianesimo più antico feti (Act. II,27; 15,32; 21,xo). A Ge-
rusalemme ci si radunava per discutere
1. La primitiva comunità di Gerusalem-
sui compiti comuni (Gal. 2,1-10; Act .
me
15,1-35), Il cornavano i messaggeri e i
Sulle origini della comunità cristiana missionari dopo aver assolto i loro im-
di Gerusalemme non abbiamo notizie pegni (Act . ll,2; 13,13; 19,2r; 21,r5),
dirette. Tunavia l'opera storica lucana poiché G erusalemme rimnse il centro
e le epistole paoline fanno unanimernen- della più antica cristianità.
l'e comprendere che poco dopo le appa·
rizioni del Risorto il gruppo degli Apo·
2. Gerusalemme in Paolo
s1oli e dei primi cristiani si raccolse nel-
a città santa 207 • Il giorno di pentecoste L'apostolo Paolo ha sempre ammesso
:i Gerusalemme è radunato un gran nu· che l'evangelo è venuto da Gerusalem-
nero di discepoli ;168. Definendosi ÈXXÀ.'l}· me (Rom. 15, i 9.26-31), perciò alla co·
munità primitiva spettano il ringrazia-

~
la 'toii ~EOii o ol &yr.oL questo gruppo
imostrò di concepire se stesso quale mento e l'amore di tutta la cristianità.
popolo di Dio, per il quale valgono le Come gli apostoli in Gerusalemme, cosl
'romesse dell'antica alleanza. Ma il po· anch'egli sapeva di aver ricevuto l'unico
polo di Dio ha il suo cenrro nclla città evange.lo (r Cor. 15,1-1 r), accant0 al

~
etta da D io, io Gerusalemme 219• Cri- quale non ve ne può essere un altro
iani ellenisti, che furono cacciati da (Gal. r,6-9). Ma non ha ricevuto il mi-
crusalemme, portarono la buona no- nistero apostolico dalle autorità di Ge-
vella a tutto il paese (Act. 8, 1 ). La CO· rusalemme, poiché egli è apostolo oùx
munità di Gerusalemme, guidata dagli àn' àvapW-Ttwv où&È &L'Ò:WpW'ltou d:}.À.èt
postali e poi da Giacomo, fratello del s~& 'I11c;oii XpLO''tOU xat atoii 'lt<I'tpÒ<;
Signore, godette un prestigio indiscusso -rou ~ydpav'to<; etù-.òv ix vExpwv, «non
presso tutti i credenti e divenne la se· da parte di uomini né per mezw di uo·
de-madre di runa la cristianità. Dalla co- mo, ma per mezzo di Gesù C risto e di
munità primitiva venivano inviati mes- Dio Padre che l'ha risuscitato dai mor·
saggeri alle alm: comunità (Act. 8,14; ti» (Gal. :r,1). Perciò dopo la sua chin-

!><>I Non è questo il luogo per rrauarc il pro- Kl!.ETSCHMAR, Himmel/ahrt tmd Pfing~le11 ;
hlcma deUe tradizioni galilaichc; si tenga solo ZKG 65 (1954) 209-2,3.
presen te l'importanza di Gerusalemme per la m Cfr. E. ScHWEI.ZER, Gemeinde und Ge-
chics3 più antica. 111ei11dcordnu11g im N.T., AbhThANT 35
(t 9'9) 30 s.: l'insediamento in Gerusalemme
i.e Sui problemi collegati alla prima penteco- della comunité primitiva indica «che essa si
ste della comunità -+ IX, roll. 1488 ss. e G . ritiene il nuovo Israele, l'Israele cscarologiro».
l:.Wv X'tk. e !V 2 (E. Lohsc)

mata non aveva alcun bisogno di con. vut.:i m, ma come un contributo col qua-
ferma da Gerusalemme. Per dimostrare le i cristiani provenienti dru paganesimo
la sua indipendenza dai protoapostoli, dimostravano alla comunità primitiva
sottolinea di essere salito a Gerusalem- la loro riconoscente comunione median-
me solo tre anni dopo la sua conversione te un omore operoso (Rom. 15,27; ~
e durante il suo soggiorno di due set- v1, coli. 761 ss.). Anche per Paolo Ge-
timane d'aver visto solo Cefa e Giaco- rusalemme rimase il centro della cristia-
mo, fratello del Signore (Gal. 1 , 1 8- nità m . Quando, prima dcl viaggio pro-
20) 110 • Quattordici anni dopo si recò gettato per Roma, rivolge uno sguardo
una seconda volta a Gerusalemme, ma alla sua trascorsa attività apostolica, la
non per una richiesta delle autorità che delimita nei termini: a1tÒ 'lEpovcraÀ:ijµ
vi risiedevano, bensl xa:tà. 6.'ltox&.À.v- xat xvxÀ~ idxP~ 'tOv 'IÀÀ.vp~xo\;, «da
~w , «per rivelazione» (Gal. 2,1 s.). I Gerusalemme e regioni circonvicine fi-
capi della comuni tà primitiva approva- no all'Illirico» (Rom. 15,19). Benché in
rono la predicazione e l'operato di Pao- Gerusalemme non abbia mai operato
lo (Gal. 2,7-9) e concordarono con lui come missionario, in questo contesto
a) una divisione dei compiti missionari, nomina Gerusalemme al primo posto 274 •
ot
T)µE~l:; SLl:; -çà, EWrJ, a.vi:oi Elç i;l)v TCE· L'evangelo deve essere portato 'Iouoctl4)
pL'toµiiv, «noi ai pagani, essi invece ai n 7tpGli:ov xaL "EÀ.ÀT}vL, «al Giudeo
circoncisi» (Gal. 2,9); b) l'attuazione di prima e poi al Greco» ( Rom. 1,.t6). Pao-
una colletta per i poveri (Gal. 2,10) 271 . lo è apostolo al pari di Pietro (Gal. 2,8).
Per questa colletta Paolo s'impegnò a Ma gli apostoli rimangono uniti a Ge-
fondo nelle sue comunità (1 Cor. 16,1- rusalemme, la città del popolo di Dio,
4; 2 Cor. 8-9; Rom. 15,25-31). Le offer- perciò anche Paolo, a proposito della sua
te che egli fece raccogliere fra le comu- predicazione apostolica, dice che ha pre-
nità etnico-cristiane furono portate a so le mosse <l.7tò 1tpovaaHu.i..
Gerusalemme non come una tassa do-

m Il racconto di Art., secondo cui Paolo sa- la discussione con Hol.L dr.~ vi, roll. 761 ss.
rebbe Riunto a GetUS31emme poco dopo l'e- m Cfr. Hou., op. cit. (-+ n.172) 63.
vento di Damasco (Act. 9,26-30 ), vo corretto r.• Dal vcrsct ro non si può dedurre un'Attività
con le notizie di Gal. <li Paolo a Gerusalemme, ma .. Gerusalemme
271 li racconto di Act. lJ,1 ·3' va corrc110 con rimnne per l'Apostolo il çentro <lei suo ren.
Gal. 2,Ho. Cfr. M. Drnsuus, D11s Apos1e/. siero» (M1CMfL. Rom., ad I. con n. r ). Cfr.
konzil, in Auf1atze wr Apostelgtscbicbtc, FRL anche A. S. Gl!YSER. Un EJ1ai J'explication de

I,.
60' ( 19,7) 84-90; HAENCHEN. Apg., ad Act.

m In questi termini fu intupretat• la col-


Rom XV 19: NI'Sr 6 (19J9/60) 156-1,9:
«Rom. 1,,19 quindi non è che la testimonian-
za di Paolo ~ll'autenticità dd suo apostola-
letta da K. Hou, Der Kirc/xnbegriO des Pau- to ... Rom. ''·'9 rappresenta allora la formula
/uJ in uinem Verhiiltnis w dem dtr Urgemtin- de/l'apostolicità. Questa a sua volta compren-
de, in Guamme/te Aufsiilz;e Il ( 1918) 6o s. Per de le notoe apo1toli• ( IJ8).
!~wv X't).. C IV 3 (E. lohse)

3. Gerusalemme negli Atti degli Apo· bi:À,,llvvE-.o o ètpillµòç -rwv µa~11-.wv


sto/i lv 'IEpouo-11.À:riµ <rq>6op11., .da parola di
Il racconto degli Atti costituisce la Dio si diffondesse e il numero dei disce-
continuazione diretta <lei V angelo di Lu- poli si moltiplicasse assai a Gerusalem-
ca(~ coli. 352 ss.). Gerusalemme con- me» (6,7). La comuni tà cresceva e si ra-
giunge la storia cli Gesù con l'incipiente dunava nel tempio, che era il luogo pro-
storia della chiesa (cfr. Act. 10,39; 13, prio del popolo di Dio, del vero Israele
27.31) 275 • Al comando dd Risorto di ri· (2,46; 3,1·3.8; 5,20 s. 25.42) 277 • Quan-
rnancre a Gerusalemme (Le. 24A9) e di do il messaggio cristiano si diffuse in
attendere colà la venuta dello Spirito tutta la Giudea e la Samaria (cfr. 1,8),
(/lei. 1,14) 216 i discepoli obbediscono la guida della chiesa in rapido sviluppo
(cfr. Aet. 1 ,12) e ricevono l'incarico di rimase nelle mani delle autorità cli Ge-
essere suoi testimoni a Gerusalemme, in rusalemme (8,14-25; n,2.22; u,25;
tutta la Giudea e la Samaria e fino ai I J,I 3).
confini della terra (1,8; cfr. Le. 24,47). Anche le vicende di Paolo, secondo
Il giorno cli pentecoste fu loro comuni· Act., sono strcttamemc legate a Geru-
caro il dono dello Spirito ed essi predi- salemme. Nella capitale Saulo era noto
Càtono l'annuncio che Gesù è il Croci· per la sua condotta giudaica esemplare
fuso e il Risorto, il xupi.oc; e il xpi.a-.6c; (26,4); colà egli fece del male ai cristia-
(2,36). Gli abitami della città (2,14; 4, ni (9,13.21; 22,19 s.; 26,10). Investito
16; cfr. 1 ,19) e gli stranieri che in essa di pieni poteri dal sommo sacerdote,
si trovavano (5,16; cfr. 2,5.9-1 I ; 8,26 partl da Gerusalemme alla volta di Da-
s.) videro le azioni (2,43) e ascoltarono masco per catturare cristiani (9,2; 22,:;;
la predicazione degli apostoli, che riem- 26,12 ). Lì invece fu chiamato a diven-
pivano tutta Gerusalemme del loro inse- tare strumento eletto (9,15), destinato a
gnamento (5,28). Le autorità giudaiche realizzare il piano salvifico di Dio (~
di Gerusalemme tentarono, è vero, cli IX, coli. xo30 ss.). Ciò significa, secondo
prendere provvedimenti contro il movi- lo schema del racconto lucano, che egli
mento (4,5), ma non riuscirono a evita- doveva essere testimone di Gesù da Ge-
re che 6 À.6-yoç -.oi.i l!Eoii 1"}V~11.vtv x11.t rusalemme fino ai confini della terra, fì-

m Cfr. --+ LoHMEYER 92; OJNZELMANN, op. parusi3.


cit. (--+ n. 2 50) 68.12.p. m Come luoghi di r3duno della comunii?i si
ricordono le case dei fedeli ( 2,2.46; 12,12) e
276 Secondo HoLL, op. cii. (--. n. 272) 55 Aci. il tempio o il portico di Salomone (pi; 5,
I ,4 in origine significava che i discepoli a Ge- 12 ; --+ col. 3n ). Nell'entrare nel tempio, alfa
rusalemme auendcvano b parusia. Tuttavia porta 'Bella' Pietro guarl un mendicante para-
il testo non autorizza affatto a supporre litico (3,Ho). Per l'identificaiione di questo
che originariamente vi fosse un accenno alla luogo cfr. HA"ENCHEN, Apg., ad l.
l:!hiv x·ù. C IV .3 '4 (E. lohse) (VII,335) 366

no a Roma. Poco dopo la sua conversio- fu catturato (21,27-36). In prigione gli


ne venne a Gerusalemme e fu presen- apparve il Signore: W<;... O~Eµap'tvpw
tato da Barnaba agli apostoli e venne -cà mpt tµou El<; '1€poua-a)..1')µ, oihw O'E
introdotto nella comunità (9,26-30). Nel Od XetL Elç 'Pwµ1)v µetp't1.lpijO'aL, (<come
tempio di Gerusalemme Paolo fu rapito ... hai testimoniato per me a Gerusa-
in estasi e ricevette l'ordine di abbando- lemme, così è necessario che testimoni
nare Gerusalemme e predicare ai pagani anche a Roma» (23,II ). Con ciò è indi-
(22,17s.)m. Due volte Paolo sall a Ge- cata la via che Paolo dovrà percorrere:
rusalemme come inviato della comuni- il suo processo non si farà a Gerusalem-
tà di Antiochia (11,27-30; 12,25; 15,2. me (25,1.3.7.9.15.20.24), ma, poiché
4) 279 • Anche il secondo viaggio missio- s'è appellato all'imperatore, è condotto
nario lo concluse àva~à<; xat à.0'1taO'<i- a Roma. Dopo che Paolo ha predicato
µEvo<; -ri)v ÈXXÀ1)ofav, «salendo a salu- -roi:ç Év aaµaO'xiì) 1tpw-r6v -tE xat 'lEpo-
tare la chiesa» (18,22). Di qui però ben O'oÀUµo~ç. 7tMav 'tE 'tTJV xwpav 'ti)c;
presto partì nuovamente (18,22 s.). Ad 'Iouoru'.cxç xat "COL<; ~WEO'LV, «a coloro
Efeso prese la decisione di recarsi a Ge- che erano in Damasco, prima, poi a Ge-
rusalemme ( l 9 ,21) in pellegrinaggio n1salemme e a tutta la regione della
(dr. 24,II) e di fermarsi colà sino alla Giudea e ai pagani» (26,20), ora, OÉ·
pentecoste (20,16.22). Fu sconsigliato O'µLOç (incatenato), t;
'IEpoO'oÀ.Vµwv,
di mettere in pratica il suo proposito «fin da Gernsalemme», è stato messo
(21,4.12): 'tÒv &vopa... Oi')O'ouow èv 'IE- s!.ç 'ttX<; XEtpaç 'tWV 'Pwµalwv, «nelle
pouO'aÀ.Tjµ oi 'IouoafoL xat 'ltetpaOwO'ou- mnni dei Romani» (28,17 ). Cosl Paolo
cw El<; xs~paç lMv, «a Gerusalemme prigioniero gettò il ponte da Gerusalem-
i Giudei Io cattureranno e lo consegne- me a Roma, obbediente al comando di
ranno nelle mani di pagani» (21,II). essere testimone del Signore fino ai con-
Ma Paolo è disposto a morire a Geru· fini della terra.
salemme (21,13) llll. Giunto in città (2:r,
r 5), fu accolto dai capi della comuni-
4. Sion-Gerusalemme nell'Apocalisse
tà·madxe (21,17 ). Nel corso di un inci- Il veggente Giovanni contempla in u-
dente, causato dai Giudei nel tempio, na visione l'agnello sul monte Sion, at-

278 «Solo per il fatto d'essere collegata al luo· ne derivano cfr. H~r:.NCHEN, Apg. a n ,27-30.
go privilegiato dalla storia della salvezza la vo- l&I HAENCHEN, Apg. a 2 1,1 3 : «come un giorno
cazione ha validità» (G. KLEIN, Die zwolf A· per Gesì1, cosl ora per i discepoli» Gerusa-
poste!, FRL 77 [196t] r55). Div= le i.ndi. lemme «diventa la città fatale». «Come un
cazioni di Gal., dr. ~ on. 270 s. giorno G esù stesso, cosl lo stesso Paolo non i:
colto alla sprovvista dal dolore, ma accetta le
219 Anche questa narrauone di Luca non coin- tenebre con piena consapevolezza e con ferma
cide con le notizie di Gal. Per i problemi che d ecisione» (HAE.'ICH EN, Apg." 535 ).
!.Wv X"fÀ.. C IV .j · V I (E. Lohse) (vn,336) 368

torniato da 144.000 persone (Apoc. 14, oranti nel santuario - cioè il popok1 di
i). Dopo la descrizione della grave 50f. Dio - saranno preservati (Apoc. u,1 s .).
ferenza che incombe sulla comunirà
(cap. i3), la nuova immagine è una ri- V. La nuova Gerusalemme
sposta all'inrerrogativo circa la capacità Nell'uso linguistico del N.T. ricorro-
del popolo di Dio di resistere all'assal- no le seguenri espressioni: ii iivw ' IE-
povO'aÀ:l)µ (Gal. 4 ,26); 'lEpovo-aÀ.1)11 t-
to delle forze sataniche. Il monte 7toupavLo<; (Hebr. r2,22 ); 'I') xa.L'lri} 'IE-
Sion 281 è la roccaforte escatologica 2llZ, povO'cxÀ.1J1,1. (llpoc. 3,n; 21,2).
dove sono al sicuro i 144.000 che reca-
no il segno di appartenenza a Dio e al- 1. Paolo
l'agnello. NeUa prova scritturisticn port.1ta dn
Paolo in Gal. 4,21-31 si fanno le se-
Senza citare esplicitamente il nome
~i Gerusalemme, Apoc. i 1 parla della guenti equiparazioni: da una parte si
corrispondono il figlio della schiava, il

~
ittà 01t0U xat 0 xupL~ atrtWV lc'i:aupW-
T), «dove fu anche crocHisso il loro Si- patto <lei Sinai ( = Agar,~coll. 233 ss.),
nore» (Apoc. xx ,8). S'intende quindi
Gerusalemme iai, che fu spettatrice della
n
viiv 'frpovO'aÀ.i}µ; ciò che li accomu-

~
assione di Cristo e della morte dei te- na è il difetto cli libertà: sono soggert.i
timoni escatologici. La città che uccide alla legge. Dall'altra si corrispondono il
I xvpLO<; e i µ a p-tupE<; è diventata sede figlio della libera SLà. Tijc; t7ta.yyEÀ.laç,
ell'empietà, dei vizi e della procervia.
erciò di lei si dice: xa'Mi:i:aL 11:vEu~­ l'altra SLa!ll}xl), Ti OÈ iivw 'IEpovcraÀ.l}µ.

~
LXW<; l:oSoµa xal Alyu'ltT~, «è chia- A quesc'ulrimo concetto Paolo aggiunge
ata simbolicamente Sodoma ed Egir- un'ulteriore spiegazione: la Gerusalem-
0» (Apoc. u,8). Pertanto cadrà rotto il
me superiore tÀ.tv!ltpa. lO'Tlv, ijTL<; t-
giudizio: i:Tiv 110À.w TTJv <iylav na•ii·
O'TLv µiJTIJP i)µwv, «è libera, ed è la

~
oucnv (scil. i:ò: tWq) µijva.; -CEO'O'Ep6.-
0VTa ( xat) Stio, «( i popoli) calpeste- madre nostra», e lo prova citando Is.
anno la città santa per quarantadue mc- 54,1. Poiché la Gerusalemme superiore
i» (Apoc. II ,2) iM. Anche il cortile e-
terno del tempio sarà abbandonato, è la libera, tipo di tutti coloro che non
mentre il tempio di Dio, l'altare e gli sono soggetti alla legge, trova conferma

a1 Secondo foci 3,5 esso è il luogo della sal- nolcre il numero di cui si parla al v. r3 sareb-
c:a.a. Secondo 4 Esdr. 13,3, il Messia si pre- be per Roma tropJ>0 esiguo. Diversa è l'ipotesi
di J. MuNCK, Petrus und Paulus in der Off..n-

~
terà sulla cima del monte Sion, affinché
n risplenda glorioso e abbia luogo il çiu· harung des Jobanncs ( 19,0); M. E. BoISMARD.
io sui popoli. «L'Apocalypu» ou «les Apocalypus» de Sai111
Non è chiaro se sia in cielo o in terra. }can: RB 56 ( 1949) )34 s.
Poiché rutcavia la scena dell'azione descritta al
cap. 13 è la terra e della Gerusalemme celeste 234 Probabilmcme in Apoc. 11 ,1-1 3 il veggen-
si parla solo alla fine del libro, probabilmente te Giovanni ha utili.zzato un brano della tra·
si deve pensare al Sion terrestre. dizione giudaica, limitandosi a modificarlo leg-
2$3 Il v. 8 impedisce di pensare a Roma e iden- germente. Cfr. E. LoH~E, Dic Oflenbarung d es
tificare i due testimoni con Pietro e Paolo. J. Johannes, N.T. Deutsch I I (1960 ) ad I.
:EIW11 xù. e V •·3 (E. Lohse) (Vll,J3i) 370

l'equiparazione allegorica ò oÈ ÈX ·djç angeli e della comunirà dei primogeniti.


tÀ.EuilÉpaç = Ti oÈ èivw 'IEpouO'aÀ.1)µ . Ma questo luogo non è solo la meta del-
P~1olo ha mutuato l'immagine della Ge- J'a ttu:ile peregrinare del popolo di Dio,
rusalemme superiore dalla tradizione a- che sulla terra non possiede una città
pocalittica e~ coll. 338 ss.). Il concerto permanente (Hebr. 13,14), anzi la co·
non rappresenta una sublimazione d ella munir/i è già arrivata a Sion, alla Geru-
città terrena, ma si contrappone radical- salemme celeste. La nuova Gerusalem·
mente all'attuale Gerusalemme. Tutta- me è la città in cui, mediante il sangue
via, poiché Paolo contrappone alla Ge- di GeSLl, è istituita la nuova o~a1>nxTJ .
rusalemme presente non una citrà futu- Il popolo di Dio viene da questa Geru·
ra ma quella superiore, con la sua di- salemme e v:i incontro alla meta celeste,
mostrazione rende manifesto che la sal- che a sua volta altro nome non h:i che
vezza escatologica non è più attesn in Gerusalemme 2113 •
un futuro indeterminato, ma è già pre-
sente 255 • Noi credenti in Cristo siamo 3.Apocalisse
figli della nostra madre, della Gerusa- Secondo l'Apocalisse giovannea la
lemme superiore (Gal. 4 ,3 I). nuova Gerusalemme, che il veggente
può già contemplare, alla fine dei gior·
2. La Lettera agli Ebrei
ni scenderà dal cielo stùla terra. Al vin·
La Lettera agli Ebrei contrappone al- citore, che nella battaglia rimane fedele,
la o~alhixTJ del Sinai la nuova o~iHpc.TJ è promesso: ypril)iw in· cr.ù-tòv -cò ovo·
istituita nella morte sacrificale di Gesù µcr. -cou lk~u 11ou xa.t -cò ovo11a -.ijç 'ltb-
e dice alla comunità: Ttpocn:À.T)À.u1>a'tE ),Ew<; "COU ì)Eou f..LOU, -rfjc; l((lLVi'j<; '!EpOV·
l:Lwv opn xat Tt6À.EL 1>Eou !;wv-toç, 'fa. <ra),'Ì)µ 'Ì) XCl'taaalVOVO'Cl ÈX "COÙ OVPCl.·
povc;a.À.i)µ È1tovpa.v~, «Vi siete accosta· vou, «Su di lui scriverò il nome del mio
ti al monte Sion e alla città del Dio vi. Dio e il nome della città del mio Dio,
vcnte, la Gerusalemme cdeste» (Hebr. la nuova Gerusalemme che scende dal
12 ,22) ™. Monte celeste e città cele- cielo» (Apoc. 3,12 ~ rv, coli. 8ros.).
ste w sono qui menzionati in diretto ac- Chi è conrrnsscgnato con questo nome
costamento(~ coli. 238ss.) quale luo· avrà diritto cli cittadinanza nella Geru·
go dell'assemblea festiva di migliaia di salemme celeste, che apparirà all'inizio

283 Cfr. -> BIETENHAll> 19S. nell'apocaliu ica giudaica manca l'espressione
286 ad I. oltre ai commentari cfr. E . KASE· «Gerusalemme celeste•. Cfr. VoLZ, Esch. 375.
MANN, Das tvandemde Gollesvolk, FRL ,,•
( 19,9) 27.32; -+ IX, coli. 4'4 ss.; x, coli. 1316 2& «Tutto il pellegrinaggio nistiano si com·
ss.; C. SPtCQ, La Panégyrie de Hebr. XII n: pie, dall'inizio alla fine, al cospeuo della Ge.
Studia Theologica 6 ( 19,2) 30-38. rusalemme celcs1c• (ICASEMJ\NN, op. cit. [ ~
187L'idea ~ di origine apocalittica, anche se o. 186) 31).
371 (Vll,337 J :!:•wv X'tÀ. eV3.D 3 (F.. Lohsc) (vu,338) 372

del nuovo mondo di Dio come una spo- sarebbe recata da Giovanni Battista, se-
sa ornata per il suo sposo (Apoc. 2 r ,2 ), condo ev. Eb. m. In Ker. Petr. si affer-
ma che la risurrezione e l'ascensione d i
come la città santa (-+ x, coll. 1318 ss.) Gesù sarehbero avvenute npb 'tOV 'k -
che da presso Dio scende sulla terra pocr6'ì..uµa m .
(Apoc. 21,10). Con la Gerusalemme ce- 3. L'interpretazione allegorica, data
leste tornerà anche il paradiso (Apoc. al nome di Gerusalemme già dalla sina·
22 ,1-5), una gloria imperitura descritta goga ellenistica e~ col. 32,), è ripresa
dai teologi cristiani che ora la applica-
con dovizia di immagini m. Mentre nel- no alla chiesa o ai credenti 29<. Gerusa-
le speranze escatologiche del giudaismo lemme: «cioè la chiesa, poiché la città
anche la Gerusalemme futura avrà un di Dio è la chiesa, la visione d' pace
(opcxCT1.ç dpi)VY)c;)» (O rig., hom .. 11 Ier.
tempio (-+ col. 34 r ), nella Gerusalem-
9, a ler. JJ ,2) 295 • «La città del grande
me celeste di A poc. non ci sarà più tem- re»: cio<: «la vera Gerusalemme, ossia
pio: o yàp xvpLoc; o itEòc; ò mxv-.oxpci- la chiesa edificata di pietre viventi», EV·
-.wp vcxòc; cxù'ti'jç Èo-tLV, xcxt 'tÒ iipvlov, fia lzpi:i"tEUµCl iiyi.ov, "JtVEUµ<X't~XCll i)v-
cri.a.L 1tpocrcpÉpov..a.L -tQ i)EQ V7tò 'tWV
«infatti suo tempio è il Signore Dio on- "itVwµcx·nxwv xa.L -.òv 'lt'IEUµCl'tLXÒV VE-
nipotente e l'Agnello» (Apoc. 2r,22). VOTJXO'tWV voµov, «nella quale è un sa-
cerdozio santo, vengono offerti sacrifici
. SION·GERUSALEMME NEL LA CHIES A
spirituali a Dio da parte degli spirituali
ANTICA
e da coloro che hanno intelligenza della
legge spirituale» (Orig., comm. in Io.
r. Negli scritti dei Padri apost0lici 13,13, a I o. 4,19 s.) 296 • In un altro pas·
troviamo una sola volta ciascuno il no- so Origene utilizza il significato di opcx-
me di Sion e di Gerusalemme: Barn. 6, vL<; Elpl)VY)c; dato a Gerusalemme per
2 cita ls. 28,16 e r Clem. 41 , 2 parla di applicarlo all'anima che «fu resa degna
Gerusalemme in un contesto pareneti- di vedere Gerusalemme» (hom. in Ier.
co. Ogni cristiano deve essere gradito •l 13, a l er. 15,5-7). Anticamente Geru.
Dio nella propria condizione e non tra- salemme fu la città dei Gebusei, ma Je-
sgredire le regole del suo servizio cul- bus significa «calpestato». Questo anti-
tuale, cosl come a Dio non si offrono co nome s'addiceva all'anima che era u·
sacti6ci in qualsiasi luogo, mn solo a miliata da potestà ostili. Ora invece, es·
Gerusalemme. sendo entrata in contatto con le dottri-
ile divine, l'anima trosformata si chiama
2. Spesso nei vangeli apocrifi si fa Gerusalemme, opcx.a-ic; tlpiJVYJc;, «visione
menzione di Gerusalemme. cv. Petr. m di pace» (ibid.).
cd ev. Hebr. 291 parlano continuamente
di 'fapoucrcx'ì..l}µ. naaix '[epocro'ì..uµa si + L'idea della Gerusalemme celeste

119 Il ma1crialc usato è desunto da varie tra- di. (-> n. 29<) ro3 = ev. Eh. 2.
dizion i e raccoho in una nuova unità. Per i m Ckm. Al.. s1ron:. 6,15,128.
parti<-olari --> x, coll. i3i8 ss. 294 Cfr . ... SCllMIDT 2 15 s. 232·248.
290 ev. Perr. ,,20; 7,:25; 9,34. 19; Cfr. a quesro riguardo l'inrerpretazione al.
291 cv Hebr. 6; dr. P. VJELHAUEI\, in RE.~· legorica del nome di Gerusalemme data da Fi·
1
Ni:CKB t 88.95 = ev. Naz. 3. Ione _,. col. 325·
m Epiph., baer. 30,r 3 ; dr. VJBLHAUER, op. 196 Cfr. anche cormn. in Io. 6,42 a Io. 1 ,18.
3i .\ (V H,338i C"Y..<i·;oc:),~v X '7 ì.. ((; . St:ihlin ) (vu,339) 374

e~ coll. 339 s. 368 ss.) è utilizzata da ti, l'Egitto come -.i]'ll x&.xw µtç,,'11. L'af-
Clemente Alessandrino pe r chiamare G e. fermazione sc ritturistica «vo i siete dei e
rusale mme lo staro ideale il cui arch<.:- tutt i figli del!' Altissimo» ( Ps. 8 2 ,6) vale
cipo s i trova in cielo , secondo la fì losofì:i pec coloro che fuggono daU'Egitto e
p latonica (str om. 4 ,17 2,2 s.). Alla di- giungono alla Gerusale mme superiore
s tinzione gnostica d i mond o superiore e ( Hipp ., re/. 5,7 ,39). Dalla Gerusalem-
111ondo inferiore corrisponde la con trap- me superiore si distingue quella inferio-
posizione, che si presenta sot to varie re che Ge remia comm isemva, -.'Ìj'll xchw
forme ne lla gnosi, fra G e rusale mme su- 'IEpouo-a.À:/)µ ... -ri)v xci:tw ytv~ow 1:TJ'J
pcrna e Gerusalemme inferiore. I Vale n- qiì}a.p-cl}v, «la Gerusalemme inferiore ...
tint iani identificano la Sophia con la Ge- la generazione inferiore, corruttibile»
rusale mme su periore in cui dimo rano (flipp., re/. 5,8,37) m. La Gerusalemm~
gli angeli ( Hipp., re/. 6,34,3 s.). Gli 0 6- superiore invece ap partiene al mondo
ci contrappongono alla G er usalemme imperi turo della luce.
dell'alto, che è la madre di tutti i v ivcn- E.LOllSE

SOMM.~RJO: :? • Si1nnltlCO;
A . Origine e uso t·xtrabiblico. 3. Teodozionc.
ll. 11 gruppo lessicale tJtll'AT.: C li gruppo lt•ssicale nel N.T. :
J. Gli equivalenti ebraici. I. Corri• pcnd c11ZJ formale e soscanzi"l" coa
11. Il gruppo lessic3 le nei LXX: !'AT.
L a'J<ctVO(lÀ.ov; lT. Il gruppo lcS<icalc nei logio di Gesù e
2. o-xo:v5o:)..l?:,w. nei raccon ci d ci sinouici:
l 11. li gcuppo lessic 1le nelle più recenci trn- 1. ripresa ~ variazione di p rofezie vetc ro-
diiioni greche dell'A.T.: Lt'Sl amcn t~ric;
r. Aquila; 2. cli a xci.voa )..ct attuali ;

:m Cir. anche act.