Sei sulla pagina 1di 571

ERNST JENNI

CLAUS W EST ER MAN N

MARIETTI

E.Jenni C Westermann

Dizionario
Teologico
dellAntico
Testamento
edizione italiana a cura di
GIAN LU IG I PRATO

volume secondo

DW
nem Detto
Opnn terfm Idolo/i

Marietti

Titolo originale dellopera:


t Theologisches H and wrterbuch
zum Alten Testament , Zwei Bande
C H R . K A IS E R V ERLA G - M O N C H E N
T H E O LO G IS C H E R V E R L A G - Z tlR IC H

traduzione di
G. CONTE
F. FREZZA
R. G ELIO
S. LA N ZA
G. MASSI
L. MONAR1
G.L. PRATO
M. SAM PAOLO

Redazione
Laura Prover

edizione 1982

Casa Edirice Marietti S.p.A. - Casale Monferrato


Sede centrale: Via Adam, 15 - Tel. 0142/76311
15033 Casale Monferrato (AL)
ISBN 88-211-7305-4

PREMESSA

A quattro anni dalla pubblicazione del primo volume, il lavoro di compilazione del DTAT
pu ora dirsi concluso. L edizione del secondo volume segue gli stessi criteri esposti nel voi. I,
p. X V II. II numero dei collaboratori si frattanto elevato ad un totale di cinquanta: a tutti
quanti, sia a coloro che hanno inviato i loro contributi fin dagli inizi come a coloro che sono
subentrati pi tardi, va il nostro cordiale ringraziamento per la loro fatica; un particolare
tributo di riconoscenza vogliamo riservare al prof. D . C. Westermann che ancora una volta
ha costantemente incoraggiato con il suo consiglio e la sua collaborazione la presente edizio
ne. Il pesante lavoro del controllo e delle correzioni stato svolto degnamente dagli assistenti
Mattias Suter (ora in Lauterbrunnen, cantone di Berna) e Thomas Hartmann (Basilea);
questultimo anche il compilatore dellIndice dei termini tedeschi*.
Poich la composizione tipografica ha richiesto pi di due anni di tempo, non si potuto in
serire in tutte le voci la bibliografia pi recente. Questo ritardo ha tuttavia permesso alledito
re di ampliare lAppendice statistica fino alla sua configurazione attuale. Nella compilazione
degli Indici dei termini ebraici e tedeschi si tenuta presente la loro finalit pratica, e non tan
to quindi la completezza che si richiederebbe ad una concordanza. Per gli stessi motivi, dopo
lunga riflessione si deciso di rinunciare a pi ampi Indici di termini e di testi, come pure ad
un Indice analitico, poich le scelte necessarie per la loro compilazione avrebbero dovuto es
sere forzatamente arbitrarie, oppure essi sarebbero stati utili solo agli specialisti. Invece l In
dice degli autori, nel quale si sono tralasciati solo i manuali pi correnti, pu essere di qual
che utilit per la ricerca bibliografica.
Ernst Jenni
Basilea, novembre 1975

* Nella piesente edizione italiana tale lavoro di revisione e gli indici sono stati curati dalla Dr. Laura Prover (n.d.t.)

PREMESSA V

ABBREVIAZIONI
Libri della Bibbia
Abacuc
Ab
Abdia
Abd
Aggeo
Agg
Am
Amos
Apocalisse
di S. Giovanni
Apoc
Atti degli Apostoli
Atti
Bar
Baruc
Cantico dei Cantici
Cant
Lettera ai Colossesi
Col
Lettere ai Corinti
l/2Cor
Cronache
l/2Cron
Dan
Daniele
Deuteronomio
Deut
Deuteroisaia
Dtis
Deuterozaccaria
Dtzac
Lettera agli Ebrei
Ebr
Ecclesiaste
Eccle
Ecclesiastico
Eccli
Lettera agli Efesini
Ef
Es
Esodo
Esd (3Esd) Esdra
Ester
Est
Ezechiele
Ez
Fil
Lettera ai Filippesi
Lettera
a Filemone
Filem
Lettera ai Galati
Gal
Gen
Genesi
Geremia
Ger
Lettera di S Giacomo
Gi ac
Giobbe
Giob
Gioe
Gioele
Giona
Giona
Giosu
Gios
Giudici
Giud
Lettera di S. Giuda
Giuda

Giudit
Gv
l/2/3Gv
Is
Lam
Le
LettGer
Lev
l/2/3Mac
Me
Mal
Mi
Mt
Nah
Neem
Num
OrMan
Os
l/2Piet
Prov
l/2Re
Rom
Rut
Sai
l/2Sam
Sap
Sof
SDan
SEst
l/2Tess
l/2Tim
Tito
Tob
Tritois
Zac

Giuditta
Giovanni
Lettere di S. Giovanni
Isaia
Lamentazioni
Luca
Lettera di Geremia
Levitico
Maccabei
Marco
Malachia
Michea
Matteo
Nahum
Neemia
Numeri
Preghiera di Manasse
Osea
Lettere di S. Pietro
Proverbi
Libri dei Re
Lettera ai Romani
Rut
Salmo/i
Libri di Samuele
Sapienza
Sofonia
Supplementi a Daniele
Supplementi a Ester
Lettere ai Tessalonicesi
Lettere a Timoteo
Lettera a Tito
Tobia
Tritoisaia
Zaccaria

Commentari citati in abbreviazione


Gen:
Es:
Lev:
Num:
Deut:
Gios:
Re:
Is:
Dtis:
Ger:
Ez:
Os:
Gioe, Am:
VI

ABBREVIAZIONI

G.von Rad, ATD 2-4, 1949-52; C.Westermann, BK I, 1966ss.


M.Noth, ATD 5, 1959.
M.Noth, ATD 6, 1962; K.Elliger, HAT 4,
1966.
M.Noth, ATD 7, 1966.
G.von Rad, ATD 8, 1964.
M.Noth, HAT 7, M953.
M.Noth, BK DC/1, 1968.
O.Kaiser, ATD 17, 19&0; H.Wildberger, BK X, 1965ss.
C.Westermann, ATD 19, 1966; K.EUiger, BK XI, 1970ss.
W.Rudolph, HAT 12, J1968 (numerazione delle p. diversa rispetto a J1958).
G.Fohrer-K.Galling, HAT 13, 1955;W.Eichrodt, ATD 22,
1959/66;
W.Zimmerli, BK XIII, 1969.
H.W.WolfT, BK XIV/1, 1961; W.Rudolph, KAT XIII/1, 1966.
H.W.WolfT, BK XIV/2, 1966.

Sai:
Giob:
Prov:
Rut, Cant:
Eccle:
Lam:
Est:
Dan:
Esd, Neem:
l/2Cron:

H.-J.Kraus, BK XV, 1960.


G.Fohrer, KAT XVI, 1963; F.Horst, BK XVI/1, 1968.
B.Gemser, IIAT 16, *1963; H.Ringgren, ATD 16/1, 1962.
W.Rudolph, KAT X V II/1.2, 1962; G.Gerleman, BK XVIII, 1965;
E.Wurthwein, HAT 18, M969.
W.Zimmerli, ATD 16/1, 1962; H.W.Hertzberg, KAT XVII/4, 1963;
K.Galling, HAT 18, 1969.
H.-J.Kraus, BK XX, M960; W.Rudolph, KAT XVII/3, 1962;
O.Plger, HAT 18, 1969.
H.Bardtke, Kat XV1I/5, 1963; G.Gerleman, BK XXI, 1970ss.
A.Bentzen, HAT 19, M952; O.Plger, KAT XVIII, 1965.
W.Rudolph, HAT 20, 1949.
W.Rudolph, HAT 21, 1955.

Testi di Qumran
Per le sigle comunemente usate cfr. D.Barthlemy-J.T.Milik, Qumran Cave I, = DJD I, 1955, 46s.;
Ch.Burchard, Bibliographie zu den Handschriften vom Toten Meer, 1957, 114-118; O.Eissfeldt, Einleitung in das AT,31964, 875; G.Fohrer (-E.Sellin), Einleitung in das AT, 1965, 544-547; L.Moraldi,
I manoscritti di Qumran, 1971,739; i testi extrabiblici pi importanti sono (cfr. Die Texte aus Qumran.
Hebrisch und deutsch, hrsg. von E.Lohse, 1964):
CD
QII
1QM
IQpAb
IQS
lQsb
4QFI

Documento di Damasco.
Hodajoth, Inni.
Regola della guerra.
Commento ad Abacuc.
Regola della comunit.
Raccolta di benedizioni.
Florilegio.

Testi ugaritici
I testi vengono citati provvisoriamente ancora secondo il sistema di C.H.Gordon, Ugaritc Textbook,
1965, indicando tra parentesi le abbreviazioni proposte da Eissfeldt (cfr. J. Aistleitner, Worterbuch der
ugaritischen Sprache, *1967, 348-356: concordanza e luogo della prima pubblicazione dei testi). Per la
trasposizione nelle sigle, oggi diffuse, delledizione di A.IIerdner, Corpus des tablettes en cuniformes
alphabtiques, 1963 (= CTA), si possono utilizzare le tavole di Herdner, l.c., XIX-XXXIV, oppure p.e.
di H.Gese (et alii), Die Religionen Altsyriens..., 1970, 231s. Le abbreviazioni significano:
AB
Aqht
D
K, Krt
MF
NK
SS

Ciclo di Anat e di Baal.


Testo di Aqhat.
Testo di Aqhat.
Testo di Keret.
Frammenti mitologici.
Poema di Nikkal.
Testo di Sahr e Salim.

Segni
* (davanti ad unaforma)
* (prima o dopounparagrafo)
>
<
X

vedi (rimando ad unaltra voce).


forma ottenuta per deduzione e non attestata.
da attribuirsi alleditore (vd.sp. p. XVII).
trasformato in.
derivato da.
volte (p.e.: ... compare 18x = 18 volte).

Abbreviazioni bibliografiche e comuni


AANLR
AbB

Atti della Accademia Nazionale deiLincei. Rendiconti.


Altbabylonische Briefe inUmschriftund Ubersetzung. Hrsg. von
F.R. Kraus. Heft lss., 1964ss.
ABBREVIAZIONI

VII

ABR
a.C.
acc.
accus.
AcOr
ad 1.
af.
AfO
agg.
Alj.
AHw
AION
AIPHOS
AJSL
al.
ALBO
Alt, KS I-III
ALUOS
a m.a.
amor.
ANEP

ATliR
atl.
att.
avv.

Australian Biblical Review.


avanti Cristo,
accadico.
accusativo.
Acta Orientalia.
ad locum.
afel.
Archiv fir Orientforschung.
aggettivo; aggettivale.
romanzo aramaico di Ahiqar ( Cowley).
W.von Soden, Akkadisches Handwrterbuch, 1959ss.
Annali dellIstituto Universitario Orientale di Napoli.
Annuaire de lInstitut de Philologie et dHistoire Orientales et Slaves.
American Journal of Semitic Languages and Literatures.
altro/i.
Analecta Lovaniensia Biblica et Orientalia.
A. Alt, Kleine Schriften, Bd. 1, M963; Bd. 2, 1964; Bd. 3, 1959.
Annual of th Leeds University Orientai Society,
a mio avviso,
amorritico; amorreo.
The Ancient Near East in Pictures Relating to th Old Testament. Ed.
by J.B.Pritchard. 1954.
Ancient Near Eastem Texts Relating to th Old Testament. Ed. by
J.B.Pritchard. >1955.
Antico Oriente.
Altorientalische Bilder zum Alten Testament. Hrsg. von H.Gressmann.
*1927.
Altorientalische Texte zum Alten Testament. Hrsg. von H.Gressmann.
*1926.
arabo,
aramaico.
aramaico biblico.
Archives Royales de Mari.
Archiv Orientlnl.
articolo.
Archiv fr Religionswissenschaft.
assiro.
Assumptio Mosis.
assoluto.
Annual of th Swedish Theological Institute.
Altes Testament; Ancien Testament; Antico Testamento.
Das Alte Testament Deutsch. Hrsg. von (V.Herntrich und) A.Weiser.
(trad. italiana: Antico Testamento, ed. Paideia, Brescia).
Anglican Theological Review.
alttestamentlich (= vtrt.).
attivo,
avverbio; avverbiale.

BA
bab.
Barr, CPT
Barth
BASOR
BBB
Bd.

The Biblical Archaeologist.


babilonese.
J.Barr, Comparative Philology and th Tcxt of th Old Testament. 1968.
J.Barth, Die Nominalbldung in den semitischen Sprachen. *1894.
Bulletin of th American Schools of Orientai Research.
Bonner Biblische Beitrge.
Band (=vol.).

ANET
AO
AOB
AOT
arab.
aram.
aram. bibl.
ARM
ArOr
art.
ARW
ass.
Ass.Mos.
assol.
ASTI
AT; A.T.
ATD

V ili

ABBREVIAZIONI

BDB
Begrich, GesStud
Ben Jehuda
BeO
Bergstr. 1-11
Bergstr. Einf.
Bertholet
BEThL
BFChrTh
BH3
BHH IIII
BHS
Bibl
bibliogr.
BiOr
BJRL
BK
BL
BLA
Blass-Debrunner
BLex1
BM
BMAP
Bohl
Bousset-Gressmann
Bresciani-Kamil
BRL
Brsnno
BrSynt
BSOAS
Buccellati
Burchardt III
BWA(N)T
BWL
BZ
BZAW
BZNW
c
c.
CAD
Calice
can.
CBQ
cd
cfr.

F.BrownS.R.DriverCh.A.Briggs, A Hebrew and English Lexicon of


th Old Testament, 1906.
.
J.Begrich, Gesammelte Studien zum Alten Testament. 1964.
Eliezer ben Jehuda, Thesaurus totius Hebraitatis et veteris et recentioris
I-XVI, 1908-59.
Bibbia e Oriente.
G.Bergstrasser, Hebriiische Grammatik. Bd I, 1918; Bd. II, 1929.
G.Bergstrsser, Einfiihrung in die semitischen Sprachen. 1928.
A.Bertholet, Kulturgeschichte Israels. 1919.
Bibliotheca Ephemeridum Theologicarum Lovanicnsium.
Beitrage zur Forderung christlicher Theologie.
Biblia Hebraica. Ed. R.Kittel, A.Alt, O.Eissfeldt. 51937 = 71951.
Biblisch-Historisches Handwrterbuch. Hrsg. von B.Reicke und L.Rost,
Bd. I-III, 1962-66.
Biblia Hebraica Stuttgartensia. Ed. K.Elliger et W.Rudolph. 1968ss.
Biblica,
bibliografia.
Bibliotheca Orientalis.
Bulletin of th John Rylands Library.
Biblischer Kommentar. Altes Testament. Hrsg. von M.Noth! und
II.W.Wolff.
H.Bauer-P.Leander, Historischc Grammatik der hcbrischcn Sprachc. I,
1922.
H.Bauer-P.Leander, Grammatik des Biblisch-Aramischen. 1927.
F.BIass-A Debrunner, Grammatik des neutestamentlichen Griechisch.
121965.
Bibel-Lexikon. Hrsg. von H.Haag. '1968.
G.Beer-R.Meyer, Hebrische Grammatik. Bd. 1, 51952; Bd. II, *1955; Bd.
III,
*1960 (vd. anche Meyer).
E.G.Kraeling, The Brooklyn Museum Aramaic Papyri. 1953.
F.M.Th. de Liagre Bohl, Opera Minora. 1953.
W.Boussel-H.Gressmann, Die Religion des Judentums im spthellenistischen Zeitalter. J1926.
vd. Ilermop.
KGalling, Biblisches Rcallcxikon. HAT 1, 1937.
E.Brsnno, Studien iiber hebriiische Morphologie und Vokalismus. 1943.
C.Brockelmann, Hebrische Syntax. 1956.
Bulletin of th School of Orientai and African Studies.
G.Buccellati, The Amorites of th Ur III Period. 1966.
M.Burchardt, Die altkanaanaischen Fremdworte und Eigennamen im
gyptischen. Bd. IET, 1909-10.
Beitrage zur Wissenschaft vom Alten (und Neuen) Testament.
W.G.Lambert, Babylonian Wisdom Literature. 1960.
Biblische Zeitschrift.
Beiheft zur Zeitschrift fiir die alttestamentliche Wissenschaft.
Beiheft zur Zeitschrift fiir die neutestamentliche Wissenschaft.
cum.
capitulum; capitolo.
The Assyrian Dictionary of th Orientai Institute of th University of
Chicago. 1956ss.
FCalice, Grundlagcn der gyptisch-semitischen Wortverglcichung. 1936.
cananaico.
Catholic Biblical Quarterly.
cosiddetto,
confronta.
ABBREVIAZIONI

IX

CIS
cj
class.
cod.
col.
comm.
comp.
Conti Rossini
Cooke
copt.
Cowley
CRAIBL
Cron.; cron.
cs.
CV

Corpus Inscriptionum Semiticarum. 1881ss.


conjectura.
classico.
codex; codice.
columna; colonna.
commentario; commentari.
completa; completato.
K.Conti Rossini, Chrestomathia Arabica Meridionalis Epigraphica. 1931.
G.A.Cooke, A Text-Book of North-Semitic Inscriptions. 1903.
copto.
A.Cowley, Aramaic Papyri of th Fifth Century B.C. 1923.
Comptes Rendus de lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres.
Cronista; cronistico.
costrutto
Communio Viatorum.

D
DAFA

coniugazione intensiva (con raddoppiamento della seconda radicale).


R.BIachre^-M.Choumi-C.Denizeau, Dictionnaire arabo-fran^ais-anglais
(langue classique et moderne). 1963ss.
M.Dahood, Proverbs and Northwest Semitic Philology. 1963.
M.Dahood, Ugaritic-Hebrew Philology. 1965.
G.Dalman, Aramisch-Neuhebraisches Handwrterbuch. *1938.
G.Dalman, Arbeit und Sitte in Palstina. Bd. 1-7, 1928-42.
dativo,
dattiloscritto.
dopo Cristo.
L.CoenenE.BeyreutherH.Bietcnhard (ed.). Dizionario dei Concetti
Biblici del Nuovo Testamento, 1976 (trad. italiana di ThBNT).
delendum.
F.Delitzsch, Die Lese- und Schreibfehler im Alten Testament. 1920.
Deuteronomium; Deuteronomio.
E.Dhorme, Lemploi mtaphorique des noms de parties du corps en hbreu et en akkadien. 1923.
ADillmann, Lexicon Linguae Aethiopicae. 1865.
dinastia.
D.Diringer, Le iscrizioni antico-ebraiche Palestinesi. 1934.
Ch.F.Jean-J.Hoftijzer, Dictionnaire des inscriptions smitiques de louest.
1965.
Discoveries in th Judaean Desert. Voi. Iss., 1955ss.
G.R.Driver, Aramaic Documents of th Fifth Century B.C. 1957.
G.R.Driver, Canaanite Myths and Legends. 1956.
G.R.Driver-J.C.Miles, Babylonian Laws. Voi. III, 1952-55.
E.S.Drower-R.Macuch, A Mandaic Dictionary. 1963.
deutsch (=ted.).
Deuteroisaia.
deuleronomico.
Deuteronomista; deuteronomistico.
K.Duden, Etymologie Herkunftswrterbuch der deutschen Sprache.
Beajbeilet von der Dudenredaktion unter Leitung von P.Grebe. Der Grosse
Duden Bd. 7, 1963.

Dahood, Proverbs
Dahood, UHPh
Dalman
Dalman, AuS IVII
dat.
dattil.
d.C.
DCB
del
Delitzsch
Deut
Dhorme
Dillmann
din.
Diringer
DISO
DJD
Driver, AD
Driver, CML
Driver-Miles 1II
Drower-Macuch
dt.
Dtis
.
dtn.
Dtr.; dtr.
Duden, Etymologie

E
EA

fonte elohista (del Pentateuco).


tavoletta di El-Amama, secondo ledizione di J.A.Knudzton, Die
El-Amarna-Tafeln. 1915. Continuazione in: A.F.Rainey, El Amama
Tablets 359-379. 1970.
ebraico.

ebr.
X

ABBREVIAZIONI

ecc.
ed.
edit.
eg.
egitt.
Eichrodt I-IU
Eissfeldt, KS
EKL
Ellenbogea
ELKZ
Erman-Grapow
esci,
e sim.
et.
ET
etc.
EThL
elpe.
ev.
EvTh
fase.
fem.
fen.
FF
FGH
Fitzmyer, Gen.Ap
Fitzmyer, Sef.
vf. la.
f. gli a.
Fohrer, Jes. IIII
Fraenkel
framm.
frane.
Friedrich
FriedrichROllig
FS
FS Albright 1961
FS Albright 1971
FS Alleman 1960
FS Alt 1953
FS Baetke 1964.
FS Bardtke 1968.
FS Barth 1936
FS Barth 1956
FS Basset 1928
FS Baudissin 1918
FS Baumgartel 1959

eccetera.
edidit; edited; edito,
editore/i.
egiziano,
egittologico.
W.Eichrodt, Theologie des Alten Testaments. Teil 1, 1968; Teil 2/3,
T964. (trad. italiana: Teologia dellAntico Testamento voi. I, 1979).
O.Eissfeldt, Kleine Schriften. Bd. Iss., 1962ss.
Evangelisches Kirchenlexikon. Hrsg. von H.Brunotte und 0 .Weber. 3
voi. *1962.
M.Ellenbogen, Foreign Words in th Old Testament. 1962.
Evangel isch-Lu therische Ki rchenzei tung.
A.Erman-H.Grapow, Worterbuch der gyptischen Sprache. Bd. 1-7,
1926-63.
escluso.
e simile/i.
etiopico.
Expository Times,
et cetera.
Ephemerides Theologicae Lovanienses.
etpeel
eventualmente.
Evangelische Theologie.
fascicolo.
femminile.
fenicio.
Forschungen und Fortschritte.
F.Jacoby (ed.), Die Fragmente der griechischen Historiker. 1923ss.
J. A.Fitzmyer, The Genesis Apocryphon of Qumran Cave I. A Commentary. Biblica et Orientalia 18, 1966.
J.A.Fitzmyer, The Aramaic Inseriptions of Sefire. Biblica et Orientalia
19, 1967.
1
fra laltro,
fra gli altri.
G.Fohrer Das Buch Jesaja. Zurcher Bibelkommentare. Bd. 1-3, 1960-64.
S.Fracnkcl, Die aramischen Fremdwrter im Arabischen. 1886.
frammento.
francese.
J.Friedrich, Phonizisch-punische Grammatik. 1951.
J.FriedrichW.Rllig, PhdnizischPunische Grammatik, 21970.
Festschrift (= pubblicazione commemorativa).
The Bible and th Ancient Near East. Essays in Honor of W.F.Albright.
1961.
Near Eastem Studies in Honor of W.F. Albright, 1971.
Biblical Studies in Memory of H.C.Alleman. 1960.
Geschichte und Altes Testament. 1953.
Festschrift W.Baetke. Dargebracht zu seinem 80. Geburtstag am 28. Marz
1964. Hrsg. von K.Rudolph, R.Heller und E.Walter. 1966.
Bibel und Qumran. 1968.
Theologische Aufstze, Karl Barth zum 50. Geburtstag. 1936.
Antwort. Festschrift zum 70. Geburtstag von Karl Barth. 1956.
Mmorial H.Basset. 1928.
Abhandlungen zur semitischen Religionskunde und Sprachwissenschaft.
1918.
Festschrift F.Baumgrtel zum 70. Geburtstag. 1959.
ABBREVIAZIONI

XI

FS Baumgartner 1967
FS Beer 1933
FS Bertholet 1950
FS Browne 1922
FS Christian 1956
FS Coppens 1969
FS Davies 1970
FS Delekat 1957
FS Driver 1963
FS DupontSommer 1971
FS Dussaud 1939
FS Eichrodl 1970
FS Eilers 1967
FS Eissfeldt 1947
FS Eissfeldt 1958
FS Elliger 1973
FS Faulhaber 1949
FS Friedrich 1959
FS Frings 1960
FS Galling 1970
FS Gaster 1936
FS Geiin 1961
FS Gispen 1970
FS Glueck 1970
FS Grapow 1955
FS Haupt 1926
FS Heim 1954
FS Hermann 1957
FS Herrmann 1960
FS Hertzberg 1965
FS Herwegen 1938
FS lrwin 1956
FS Jacob 1932
FS Jepsen 1971
FS
FS
FS
FS
FS
FS

Junker 1961
Kahle 1968
Kittei 1913
Kohut 1897
Kopp 1954
Koschaker 1939

FS KrOger 1932
FS Landsberger 1965
FS Lvy 1955
FS de Liagre Bhl 1973
FS Manson 1959
FS Marti 1925
XTI

ABBREVIAZIONI

Hebrische Wortforschung. Festschrift zum 80. Geburtstag von


W. Baumgartner. SVT 16, 1967.
Festschrift fr G.Beer zum 70. Geburtstag. 1933.
Festschrift fur A.Bertholet, 1950.
Orientai Studies. 1922.
Vorderasiatische Studien. Festschrift fur V.Christian. 1956.
De Mari Qumran. Hommage J.Coppens. 1969.
Proclamation and Presence. Old Testament Essays in Honour of
G.H.Davies. 1970.
Libertas Christiana. F.Delekat zum 65. Geburtstag. 1957.
Ilebrew and Semitic Studies presented to G.R. Driver. 1963.
Hommages Andr DupontSommer. 1971.
Mlanges syriens offerts R. Dussaud. 1939.
Wort-Gebot-Glaube. W.Echrodt zum 80. Geburtstag. 1970.
Festschrift fr W.Eilers. 1967.
Festschrift O.Eissfeldt zum 60. Geburtstag. 1947.
Von Ugarit nach Qumran. Beitrage... O.Eissfeldt zum 1. September 1957
dargebracht, 1958.
Wort und Geschichte. Festschrift fiir Karl Elliger zum 70. Geburtstag.
1973.
Festschrift fur Kardinal Faulhaber. 1949.
Festschrift fr J.Friedrich. 1959.
Festgabe J.Kardinal Frings. 1960.
Archologie und Altes Testament. Festschrift fur K.Galling. 1970.
M.Gaster Anniversary Volume. 1936.
A la rencontre de Dieu. Mmorial A.Gelin. 1961.
Schrift en uitleg. Studies . . . W.H.Gispen. 1970.
Near Eastern Archacology in th Twentieth Century. Essays in Honor of
Nelson Glueck. 1970.
gyptologische Studien H.Grapow. 1955.
Orientai Studies, published in Commemoraiion... of P.Haupt. 1926.
Theologie als Glaubenswagnis. 1954.
Solange es Heute heisst. Festgabe fiir Rudolf Hermann. 1957.
Hommage L.Herrmann. Collection Latomus 44, 1960.
Gottes Wort und Gottes Land. 1965.
Heilige Uberiieferung. I.Herwegen zum silbemen Abtsjubilum darge
bracht. 1938.
A Stubborn Faith. Papers... Presented to Honor W.A.Irwin. Ed. by
E.C.Hobbs. 1956.
Festschrift G.Jacob. 1932.
Schalom. Studien zu Glaube und Geschichte Israels. Alfred Jepsen zum
70. Geburtstag . . .1971.
Lex tua veritas. Festschrift fr H.Junker. 1961
In memoriam P.Kahle. BZAW 103, 1968.
Alttestamentliche Studien, R.Kittel dargebracht. BWAT 13, 1913.
Semitic Studies in Memory of A.Kohut. 1897.
Charisteria I.Kopp octogenario oblata. 1954.
Symbolae P.Koschaker dedicatae. Studia et documenta ad iura Orientis
Antiqui pertinentia 2, 1939.
Imago Dei. Festschrift Gustav Kruger . . . 1932.
Studies in Honor of B.Landsberger on his seventy-fifth Birthday. 1965.
Mlanges I.Lvy. 1955.
Symbolae Biblicae et Mesopotamicac Francisco Mario Theodoro de Lia
gre Bhl dedicatae. 1973.
New Testament Essays. Studies in Memory of T.W.Manson. 1959.
Vom Alten Testament. MartiFestschrift . . . 1925.

FS May 1970
FS Meiser 1951
FS Michel 1963
FS Mowinckel 1955
FS Muilenburg 1962
FS Neuman 1962
FS Notscher 1950
FS Pedersen 1953
FS Procksch 1934
FS von Rad 1961
FS von Rad 1971
FS
FS
FS
FS

Rinaldi 1967
Robert 1957
Robinson 1950
Rost 1967

FS Rudolph 1961
FS Sachau 1915
FS Schmaus 1967
FS Schmidt 1961
FS Sellin 1927
FS van Selms 1971
FS Sohngen 1962
FS Thomas 1968
FS Thomsen 1912
FS Vischer 1960
FS Vogel 1962
FS Vriezen 1966
FS Wedemeyer 1956
FS Weiser 1963
FS Wellhausen 1914
G
G"'1ecc.
GAG
GB
gen.
GenAp
Gesenius, Thesaurus
GesStud

giaud.
Gilg.

giud.
GK

GLAT
GLECS

Translating and Understanding th Old Testament. Essays in Honor of


H.G.May. 1970.
Viva vox Evangelii, Festschrift Bischof Meiser. 1951.
Abraham unser Valer. Festschrift fiir Otto Michel zum 60. Geburtstag.
1963.
Interpretationes ad Vetus Testamentum pertinentes S.Mowinckel septuagenario missae. 1955.
Israels Prophetic Heritage. Hessays in Honor of James Muilenburg.
1962.
Studies and Essays in Honor of A.A.Neuman. 1962.
Alttestamentliche Studien. F.Ntscher zum 60. Geburtstag gewidmet.
1950.
Studia Orientalia J.Pederscn dicata. 1953.
Festschrift O.Procksch. 1934.
Studien zur Theologie der alttestamentlichen Uberlieferungen. 1961.
Probleme biblischer Theologie. Gerhard von Rad zum 70. Geburtstag.
1971.
Studi sullOriente e la Bibbia, offerti al P.G.Rinaldi. 1967.
Mlanges bibliques. Rdigs en lhonneur de A.Robert, 1957.
Studies in Old Testament Prophecy. Presented to Th.H.Robinson. 1950.
Das ferne und das nahe Wort. Festschrift L.Rost zur Vollendung seines
70. Lebensjahres am 30. November 1966 gewidmet. BZAW 105, 1967.
Verbannung und Ileimkehr. 1961.
Festschrift W.Sachau zum siebzigsten Geburtstage gewidmet. 1915.
Wahrheit und Verkundigung. M.Schmaus zum 70. Geburtstag. 1967.
Festschrift Eberhardt Schmidt, hrsg. von P.Brockelmann... 1961.
Beitrge zur Religionsgeschichte und Archologie Palstinas. 1927.
De fructu oris sui. Essays in Honour of Adrianus van Selms. 1971.
Einsicht und Glaube. G.Shngen zum 70. Geburtstag. 1962.
Words and Meanings. Essays presented to D.W.Thomas. 1968.
Festschrift VThomsen zur Vollendung des 70. Lebensjahres. 1912.
Hommage W. Vischer. 1960.
Vom Herrengeheimnis der Wahrheit. 1962.
Studia biblica et semitica. Th.C.Vriezen... dedicata. 1966.
Sino-Japonica. Festschrift A.Wedemeyer zum 80. Geburtstag. 1956.
Tradition und Situation. A.Weiser zum 70. Geburtstag. 1963.
Studien... J.Wellhausen gewidmet. BZAW 27, 1914.
Septuaginta; Settanta (vd. anche LXX).
cod. Alessandrino ecc.
W. von Soden, Grundriss der akkadischen Grammatik. 1952. Ergnzungsheft zum GAG 1969.
W.Gesenius-F.Buhl, Hebriiisches und aramisches Handwrterbuch ber
das Alte Testament. 1915.
genitivo.
Apocrifo del Genesi.
W.Gesenius, Thesaurus... Linguae Hebraicae et Chaldaicae. Voi. I-1IT,
1835-58.
.
Gesammelte Studien.
giaudico.
epopea di Gilgames (vd. anche Schott).
giudaico.
W.Gesenius-E.Kautzsch, Hebraische Grammatik. 1909.
G.J.BottherweckH.Ringgren (ed.), Grande Lessico dellAntico Testa
mento. Voi 1 ss.,(trad. italiana di ThWAT).
Comptes Rendus du Groupe Linguistique dtudes ChamitoSmitiques, Paris.
ABBREVIAZIONI

XIII

GLNT
gr.
Grapow
Gray, Legacy
Grndahl
Gt; Gtn
GThT
Gulkowitsch
Gunkel, Gen
Gunkel-Begrich
GVG

H
ha.
HAL
Harris
HAT
Ilaussig I
HdO
Herdner, CT(C)A

Hermop.

hi.
hitp.
hitpe.
hitpo.
ho.
Hrsg.; hrsg.
IISAT
.
IlThR
IUCA
Huffmon
ibid.
id.
IDB I-IV
ide.
1EJ
imp.
impf.
impf. cons.
incl.
ind.
ingl.
inf.
ins.
isr.
XIV

ABBREVIAZIONI

G.Kittel-G.Friedrich (ed.), Grande Lessico del Nuovo Testamento. Voi.


lss., 1965ss. (trad. italiana di ThW).
greco.
H.Grapow, Wie die alten gypter sich anredeten, wie sie sich griissten
und wie sie miteinander sprachen. *1960.
J.Gray, The I^egacy of Canaan. '1965.
F.Grondahl, Die Personennamen der Texte aus Ugarit. 1967.
coniugazione fondamentale accadica (G), con infisso -ta- oppure -tanGereformecrd Thcologisch Tijdschrift.
L.Gulkowitsch, Die Bildung von Abstrakthegriffen in der hebrischen
Sprachgeschichte. 1931.
H.Gunkel, Genesis, Handkommentar zum AT 1/1. 1966.
H.Gunkel-J.Begrich, Einleitung in die Psalmen. 1933.
C.Brockelmann, Grundriss der vergleichenden Grammatik der semiti
schen Sprachen. Bd. 1-2, 1908-13.
legge di santit (Lev 17-26).
hafel.
W.Baumgartner, Hebrisches und aramisches Lexikon zum Alten Testa
ment. Lieferung 1, 1967; Lieferung 2, 1974 (= KBL 3. Auflage).
Z.S.Harris, A Grammar of th Phoenician Language. 1936.
Handbuch zum Alten Testament. Hrsg.
von O.Eissfeldt.
H.W.Haussig (ed.), Worterbuch der Mythologie. Abteilung 1, 1961.
Handbuch der Orientalistik.' Hrsg. von B. Spuler.
A.Herdner, Corpus des tablettes en cuniformes alphabtiques dcouvertes Ras Shamra-Ugarit de 1929 1939. Mission de Ras Shamra
X. 1963.
Papiri di Hermopoli, secondo ledizione di E.Bresciani-M.Kamil, Atti
della Accademia Nazionale dei Lincei. Memorie, Ser. VTII, voi. 12,
1966.
hiPil.
hitpael.
hitpelel.
hitpolel.
hofal.
Herausgeber (= editore); herausgegeben
(= edito).
Die Heilige Schrift des Alten Testaments, hrsg. von E.Kautzsch-A.Bertholet. *1922/23.
Harvard Theological Review.
Hebrew Union College Annual.
H.B.Huffmon, Amorfe Personal Names in th Mari Texts. 1965.
ibidem,
idem.
The Interpreters Dictionary of th Bible. 1962.
indoeuropeo.
Israel Exploration Journal.
imperativo.
imperfetto.
imperfetto consecutivo.
incluso.
indice.
inglese.
infinito.
insere.
israelitico.

itp.
itpa.
itt.

itpc'el.
itpa'al.
ittita.

J
JA
Jacob
Jahnow

fonte jahwista (del Pentateuco).


Journal Asiatique.
E.Jacob, Theologie de lAncien Testament. 1955.
H.Jahnow, Das hebriiische Leichenlied im Rahmen der Vlkerdichtung.
1923,
Journal of th American Orientai Society.
M.Jastrow, a Dictionary of th Targumim, th Talmud Babli and Yerushalmi, and th Midrashic Literature. l1950.
Journal
of Biblical Literature.
Journal of Cuneiformi Studies.
The Jewish Encyclopedia, ed. da J.Singer. Voi. 1-12, 1901-06.
E.Jenni, Das hebrische Piel. 1968.
Jaarbericht van het Vooraziatisch-Egyptisch Gezelschap (Genootschap)
Ex Oriente Lux.
jifil.
Journal of Jewish Studies.
Journal of Near Eastern Studies.
P.Joiion, Grammaire de Phbreu
biblique. 1923.
Jewish Quarterly Review.
Journal
of Semitic Studies.
Journal of Theological Studies.

JAOS
Jastrow
JBL
JCS
JE
Jenni, HP
JEOL
jif.
JJSt
JNES
Jouon
JQR
JSS
JThSt
K
KAI

KS
KuD
Kuhn, Konk.

ketib.
H.Donner-W.Rllig, Kanaanaische und aramische Inschriften. Bd. I
Texte, *1966; Bd. II Kommentar, *1968; Bd. Ili Glossare ecc., H969.
iscrizione di Karatepe.
Kommentar zum Alten Testament. Hrsg. von W. Rudolph, K.Elliger und
F.Hesse.
LKhler-W.Baumgartner, Lexicon in Veteris Testamenti Iibros. *1958.
iscrizione di Kilamuwa.
F, Kluge-W.Mitzka, Etymologisches Wrterbuch der deutschen Sprache.
1963.
L.Khler, Theologie des Alten Testaments. '1966.
E.Knig, Hebrisches und aramisches Wrterbuch zum Alten Testa
ment. T936.
E.Knig, Historisch-kritisches Lehrgebude der hebraischen SpraGhe mit
steter Beziehung auf Qimchi und die anderen Auctoritaten. Bd. 11/2: Historisch-comparative Syntax der hebraischen Sprache. 1897.
Kleine Schriften.
Kerygma und Dogma.
KG.Kuhn, Konkordanz zu den Qumrantexten. 1960.

L
L
1
Lambert, BWL
Lande
.
Lane IVIII
lat.
l.c.
Leander

fonte laica (del Pentateuco).


coniugazione con allungamento di vocale.
lege.
W.G.Lambert, Babylonian Wisdom Literature. 1960.
I.Lande, Formelhafte Wendungen der Umgangssprache im Alten Testa
ment. 1949.
A.W.Lane, Al-QamQsu, an Arabic-English Lexicon. Voi. 1-8, 1863-93.
latino.
luogo citato.
P.Lcander, Laut- und Formenlehre des gyptisch-Aramischen. 1928.

Kar
KAT
KBL
Kil
Kluge
Khler, Theol.
Knig
Knig, Syntax

ABBREVIAZIONI

XV

van der Leeuw


Lcslau
I-evy
Levy I-IV
de Liagre Bohl
Lidzbarski, NE
Lidzbarski, KJ
Lis.
Li ttmann-Hofner
LS
LXX
mand.
Mand.
MAOG
masc.
MDAI
Meyer
Midr.
mill.
MIO
moab.
Montgomery, Dan.
Montgomery, Kings
Moscati, EEA
Moscati, Introduction
Muson
MUSJ
n.
nab.
NAWG
NE
NedGereflTs
NedThT
NF; N.F.
ni.
nitp.
NKZ
Noldeke, BS
Noldeke, MG
Noldeke, NB
Noth, IP
Noth, UPt
Noth Gl
Noth GesStud I-1I
n. pers.
XVI

ABBREVIAZIONI

G. van der Leeuw, Phnomenologie der Reiigion. 1956 (trad. italiana: Fe


nomenologia della religione. I960).
W.Leslau, Ethiopic and South Arabie Contributions to th Hebrew Lexi
con. 1958.
M.A.Levy, Siegei und Gemmen mit aramischen, phoenizisehen, althebrischen... lnschriften. 1869.
J.Levy, Worterbuch iiber die Talmudim und Midraschim. *1924.
vd. sotto Bhl.
M.Lidzbarski, Handbuch der nordsemitischen Epigraphik. 1898.
M.Lidzbarski, Kanaanaische lnschriften. 1907.
G.Lisowsky, Konkordanz zum hebrischen Alten Testament. 1958.
E.Littmann-M.Hofner, Worterbuch der Tigre-Sprache. 1962.
C.Brockelmann, Lexicon Syriacum. J1928.
Septuaginta; Settanta (vd. anche G).
mandeo; mandaico.
S.Mandelkem. Veteris Testamenti concordantiae hebraicae atque chaldaicae. '1926.
Mitteilungen der Altorientalischen Gesellschaft.
maschile.
Mitteilungen des Deutschen Archaologischen Instituts.
R.Meyer, Hebrische Grammatik. Bd. 1 ,31966; Bd. 2, *1969.
Midras.
millennio.
Mitteilungen des Instituts fur Orientforschung.
moabitico.
J.A.Montgomery, A Criticai and Exegetical Commentary on th Book of
Daniel. International Criticai Commentary. *1950.
J. A.Montgomery, A Criticai and Exegetical Commentary on th Books of
Kings. Ed. by H.S.Gehman. International Criticai Commentary. 1951.
S.Moscati, Lepigrafia ebraica antica. Biblica et Orientalia 15, 1951.
S.Moscati (ed.), An Introduction to th Comparative Grammar of th Se
mitic Languages. 1964.
Le Muson. Revue dtudes Orientales.
Mlanges de lUniversit St. Joseph.
nota.
nabateo.
Nachrichten (von) der Akademie der Wissenschaften in Gttingen.
vd. Lidzbarski, NE.
Nederduitse Gereformeerde Teologiese Tydskrif.
Nederlands Theologisch Tijdschrift.
Neu Folge.
nifal.
nitpael
Neue Kirkliche Zeitschrift.
Th.Noldeke, Beitrge zur semitischen Sprachwissenschaft. 1904.
Th.Nldeke, Mandische Grammatik. 1875.
Th.Nldeke, Neue Beitrge zur semitischen Sprachwissenschaft. 1910.
M.Noth, Die israelitischen Personennamen im Rahmen der gemeinsemitischen Namengebung. 1928.
M.Noth, Uberlieferungsgeschichte des Pentateuch. 1948.
M.Noth, Geschichte Israels. M966 (trad. italiana: Storia dIsraele,
1975).
M. Noth, Gesammelte Studien zum Alten Testament. Bd. I, J1966; Bd. 11,
1969.
nome personale; nome di persona.

n. pr.
nr.
NS; N.S.
NT
ntl.
nts.
NTS
NTT
Nyberg

nome proprio,
numero.
Nova Series.
Neues Testament; Nuovo Testamento,
neutestamentlich (= nts.).
neotestamentario.
Nieuwe Theologische Studien.
Norek Teologisk Tidsskrift.
H.S. Nyberg, Hebreisk Grammatik. 1952.

ogg.
opp.
OLZ
OrAnt
OrNS
o sim.
OT; O.T.
OTS
OuTWP
ov.

oggetto,
oppure.
Orientalistische Literaturzeitung.
Oriens Antiquus.
Orientalia (Nova Series).
o simile/i.
Old Testament; Oude Testament.
Oudtestamentische Studien.
Die Ou Testamentiese Werkgemeenskap in Suid-Afrika Pretoria,
ovvero.

P
p.
pa.
pai.
pai, crisi.
palm.
pap.
par.
part.
partieoi.
para.
pass.
Payne Smith
p.e.
Pedersen, Israel
PEQ
perf.
pers.
persi.
pi.
PJB
plur.
Poen.
poi.
pr.
prep.
prof.
prol.
propr.
prps
prst.
PRU
pu.
pun.

fonte sacerdotale (del Pentateuco).


pagina.
palel.
palestinese.
palestinese cristiano.
palmireno.
papiro.
parallelo/i.
participio.
particolarmente.
parzialmente.
passivo.
R Payne Smith, Thesaurus Syriacus, voi. 1-2, 1868-97.
per esempio.
J. Pedersen, Israel, Its Life and Culture, voi. 1-2, 1926; voi. 3-4, 1934.
Palestine Exploration Quarterly.
perfetto.
.
persona,
persiano,
piel.
Palastinajahrbuch.
1plurale.
Plauto, Poenulus (vd. anche Sznycer).
polel.
pr.
preposizione.
profetico.
prologo.
propriamente.
propositus, -a, -um.
prestito (parola importata).
Le Palais Royal dUgarit. Voi. 2-6, 1955-70.
pual.
punico.

I-IIjn-TV

ABBREVIAZIONI

XV

qere.

|.

qal-

.
iA; RAAO
IAC
/on Rad I-II

riga.
Revue dAssyrioIogie et dArcheologie Orientale.
Reallexikon fr Antike und Christentum. 1950ss.
G. von Rad, Theologie des Alten Testaments. Bd.1, s1966; Bd. 2, "1965
(trad. italiana: Teologia dallAntico Testamento. Voi. 1, 1972; voi. 2,
1974),
G. von Rad, Das Gottesvolk im Deuteronomium. 1929.
G. von Rad, Gesammelte Studien zum Alten Testament.
*1965.
Revue Biblique.
Revue des tudes Juives.
relativo; relativamente.
Rpertoire dpigraphie smitique.
reverse (rovescio).
Religion in Geschichte und Gegenwart. Hrsg. von K. Galling. Bd. 1-6,
*1957-62.
Revue dHistoire et de Philosophie religieuses.
Revue de lHistoire des Religione,
rispettivamente.
Rivista Biblica Italiana.
L. Rost, Das kleine Credo und andere Studien zum Alten Testament.
1965.
Revue de Qumran.
Ras Samra (testi citati secondo la numerazione di scavo; vd. anche PRU).
Revue des Sciences Philosophiques et Thologiques.
Rivista degli Studi'Orientali.

jlcn.
llcs.

qualcuno,
qualcosa.

;on Rad, Gottesvolk


/on Rad, GesStud
>IB
REJ
rei.
RF.S
rev.
RGG I-VI
RHPhR
RHR
risp.
RivBibl
Rost, KC
RQ
RS
RScPhTh
RSO
s.
s.
SAB
SAIIG
sam.
se.; scil.
Schott
sec.
Sef. I-III
Sellin-Fohrer
Sem
sem.
semNO.
semO.
Seux
sgg.
sign.
sim.
sing.
sir.
sogg.
sopratt.
XV III

seguente,
saPel.
Sitzungsberichte der Deutschen Akademie der Wissenschaften zu
Berlin.
A. Falkenstein-W. von Soden, Sumerische und akkadische Hymnen und
Gebete. 1953.
*
samaritano,
scilicet, cio.
Das Gilgamesch-Epos. Neu bersetzt und mit Anmerkungen versehen
von A. Schott. Durchgesehen und ergnzt von W. von Soden. 1958.
secolo.
steli di Sefiie (o Sfire)
I-lil (vd. anche Fitzmyer, Sef.).
Einleitung in das Alte Testament. Begriindet von E. Sellin, vllig neu bearbeitet von G. Fohrer. "1965.
Semitica,
semitico.
semitico nordoccidentale.
semitico occidentale.
M.J.Seux, Epithtes royales akkadiennes et sumcriennes. 1967.
saggio.
significato.
simile/i.
singolare.
siriaco.
soggetto.
soprattutto.

ABBREVIAZIONI

sost.
sp.
spec.
ss.
st.
st(at).
Stamm, AN
Stamm, HEN
SThU
StOr
StrB I-VI
StTh
sum.
Suppl.
s.v.
SVT
Sznycer

Tallqvist
talv.
Targ. Jon.
ted.
teol.
TGP; TGI1
TGUOS
ThBl
ThBNT
ThLZ
ThQ
ThR
ThSt
ThStKr
ThStudies
ThT
ThW
ThWAT
ThZ
tigr.
TM
Trip.
txt?
txt em
UF
ug.
Ugaritica V
UJE
UT

sostantivo,
sopra,
specialmente
seguenti,
sotto.
stato; assol. (assoluto); cs. (costrutto); enf. (enfatico).
J.J. Stamm, Die akkadische Namengebung.
'1968.
J.J. Stamm, Hebriiische Erslatznamen, FS Landsberger 1965, 413-424.
Schweizerische Theologische Umschau.
Studia Orientalia.
(H.L.Strack-) P.Billcbeck, Kommentar zum Neuen Testament aus Tal
mud und Midrasch. Bd. 1-6, 1923-61.
Studia Theologica.
sumero; sumerico.
Supplement; Supplemento,
sub voce
Supplements to Vetus Testamenlum.
M. Sznycer, Les passages puniques en transcription latine dans le Poenulus de Plaute 1967.
K.Tallqvist, Akkadische Gtterepitheta. 1938.
talvolta.
Targum Jonathan.
tedesco.
teologia; teologico.
K.Galling (ed.), Textbuch zur Geschichte Israels. '1950; *1968.
Trarisactions of th Glasgow University Orientai Society.
Theologische Bltter.
Theologisches BegrifTslexikon zum Neuen Testament. Hrsg. von L.Coenen, E.Beyreuther, H.Bietenhard. 1967ss. (trad. italiana: vd. DCB).
Theologische Literaturzeitung.
Theologische Quartalschrift.
Theologische Rundschau.
Teologische Studien.
Theologische Studien und K_ritik.cn.
Theological Studies.
Theologisch Tijdschrift.
G.Kittel-G.Friedrich (cd.), Theologisches Wrterbuch zum Neuen Testa
ment. Bd. lss., 1932ss. (trad. italiana: vd. GLNT).
G.J.BottcrweckH.Ringgren (ed.) Theologisches Wrterbuch zum Al
ten Testament. Bd lss., 1973ss. (trad. italiana vd. GLAT).
Theologische Zeitschrift.
vd. Littmann-Hfner.
testo masoretico (vd. anche BH5).
Tripolitania. (Testi dalla Tripolitania; numerazione secondo G.Levi della
Vida, cfr. DISO XXVIII).
testo incerto opp. corrotto,
textus emendatus; textus emendandus.
Ugarit-Forschungen.
ugaritieo.
J.Nougayrol-E.Laroche-C.Virolleaud-C.F.A.Schaeffer, Ugaritica
1968.
The Universal Jewish Encyclopedia, ed. da L.Landman. 1948.
C.H.Gordon, Ugaritic Textbook. 1965.
ABBREVIAZIONI

V.

XIX

v.
VAB
vang.
de Vaux I-II
VD
vd.
vers.
voi.
Vriezen, Theol.
VT
vtrt.
Wagner

verso.
Vorderasiatische Bibliothek.
vangelo.
R. de Vaux, Les institutions de lAncien Testament. Voi. 1-2, 1958-60
(trad. italiana. Le istituzioni dellAntico Testamento, 1964).
Verbum Domini,
vedi,
versione/i.
volume.
Th. C.Vriezen, Theologie des Alten Testaments in Grundzugen. 1957.
Vetus Testamentum.
veterotestamentario.

WZ
WZK.M

M.Wagner, Die lexikalischen und grammatikalischen Aramaismen im


alttestamentlichen Hebraisch. 1966.
Welt des Orients.
H.Wehr, Arabisches Worterbuch fir die Schriftsprache der Gegenwart.
1959-68.
M.UIImann (ed.), Worterbuch der klassischen arabischen Sprache.
1957ss.
H.W.Wolff, Gesammelte Studien zum Alten Testament. 1964.
Wort und Dienst (Jahrbuch der Theologischen Schule Bethel).
J.Aistleitner, Worterbuch der ugaritischen Sprache. Hrsg. von O.Eiss
feldt. 1967.
Wissenschaftliche Zeitschrift.
Wiener Zeitschrift fur die Kunde des Morgenlandes.

XII

Dodici profeti minori (Os-Mal).

Yadin

Y.Yadin, The Scroll of th War, 1962.

ZA
ZS
ZAW
ZDMG
ZDPV
ZF.R
Zimmerli, GO

Zeitschrift fur Assyriologie.


Zeitschrift fur gyptjsche Sprache und Altertumskunde.
Zeitschrift fur die alttestamentliche Wissenschaft.
Zeitschrift der Deutschen Morgenliindischen Gesellschaft.
Zeitschrift des Deutschen Palstina-Vereins.
Zeitschrift fir evangelische Ethik.
W.Zimmerli, Gottes Offenbarung. Gesammelte Aufstze zum Alten Te
stament. 1963.
H.Zimmem, Akkadische Fremdwrter. *1917.
Zeitschrift fir Kirchengeschichte.
Zeitschrift fur die neutestamentliche Wissenschaft.
F. Zorell, Lexicon Hebraicum et Aramaicum Veteris Testamenti. 1968.
Zeitschrift fur Religions- und Geistesgeschichte.
Zeitschrift fir Semitistik.
Zeitschrift fir Theologie und Kirche.

WdO
Wehr
WKAS
Wolff, GesStud
WuD
WUS

Zimmern
ZKG
ZNW
Zorell
ZRGG
ZS
ZThK

XX

ABBREVIAZIONI

3 oro

nc um DETTO

1/ Letimologia della parola c incerta. Di so


lito nem viene messo in relazione con larabo
n'm sussurrare ed inteso o come part.
pass, di n m q. ci che sussurrato (GB
477a; dr. BL 472) o (seguendo Ger 32,31, lu
nico passo con nem allo stato assol.) come
una forma nominale qutl un sussurro
(Barth 129), da cui deriverebbe il denominati
vo n 'm q. parlare (solo Ger 23,31).

15s. (W.F. Albright, The Oracles of Balaam,


JBL 63, 1944, 207-233). Essi hanno conservato
laspetto e la funzione originaria della formula.
Unita al nome (e alle specifiche caratterizza
zioni) delluomo che parla e con la sua posi
zione allinizio delloracolo, la formula del det
to del veggente pone in evidenza il soggetto del
detto e con ci la parola di cui il veggente stes
so deve rispondere.
Sembra che pi tardi circoli di sapienti abbia
no rivendicato per s questa terminologia
(2Sam 23,1 ; Prov 30,1).

Non si pu addurre un equivalente acc. (W. von Soden secondo F. Baumgartel, ZA W 73, 1961, 290 n.
35).
La grafia prevalente in 1QXs* nwJm secondo D JD III,
1962, 66 (diversamente KBL Suppl. I70b) pu far
dedurre una pronuncia posteriore *nm (cfr. anche
mediocbr. ,nm dire, parlare ).

Altri vocaboli ebraici per detto, oracolo hanno


un campo semantico pi vasto, cfr. imr (-> mr
3c), -+dbr, matta" (-n.s 4b) e soprattutto mst
detto, proverbio, similitudine, detto satirico
( - . dmh 3a; nellAT 39x, di cui Ez 8x, Num
23,7.18; 24,3.15.20.21.23 nellintroduzione narrativa
agli oracoli di Balaam 7x, Prov 6x, Sai 4x).

2/ NellAT ne'm compare 376x (in Mand.

4/ La trasformazione d d lantica formula del

manca una citazione rispettivamente per Ger


3,12; 23,32; Agg. 2,4.23), di cui 365x nella for
mula nem ( . . . ) Jhwh (inclusi gli ampliamen
ti con laggiunta di hammlaek [Ger 46,18;
48,15; 51,57], hdn [Is 1,24; 19,4] o adnj
[Is 3,15; 56,8; Ger 2,19.22; 49,5; Ez sempre ec
cetto 13,6.7; 16,58; 37,14, = 81x; Am 3,13;
4,5; 8,3.9.11]; quindi senza ampliamenti 269x):
Ger 175x, Ez 85x, Is 25x (di cui Dtis 8x, Tritois 5x), Am 21x, Zac 20x, Agg 12x, Sof 5x,
2Re e Os 4x ciascuno, ISam, Abd, Mi e Nah
2x ciascuno, inoltre Gcn 22,16; Num 14,28;
Gioe 2,12; Mal 1,2; Sai 110,1 e 2Cron 34,27.
In altre combinazioni ne'Um compare lOx
come reggente: Num 24,3.3.4.15.15.16 (Ba
laam); 2Sam 23,1.1 (Davide); Sai 36,2 Ut?;
Prov 30,1 (Agur); in Ger 23,31 neum viene
impiegato in stato assol. come oggetto della
forma unica n tv q..
.

detto del veggente nella f o r m u l a d e l d e t


to di J a h w e (la premessa di Sai 110,1 fa
supporre unimitazione di Num 24,3s. 15s.)
non documentata prima di Amos (Baumgrtel, l.c. 287-289, la ritiene unespressione origi
naria del nebiismo in relazione a ISam 2,30;
2Re 9,26; 19,33, che A. Jepsen, Nabi, 1934,
121 ss.; id., Die QueLlcn des Knigsbuches,
21956, 76ss., ascrive alla redazione nebiistica ). Nella forma pi antica del detto del mes
saggero essa assente (Westermann, l.c.). Pro
babilmente Amos stato il primo ad usare
nem Jhwh per sottolineare il fatto che Dio
parla in prima persona nella parola dei profeti;
egli usa lespressione proprio al posto della for
mula conclusiva del detto del messaggero
m ar Jhwh (su 13 casi ci abbastanza pro
babile in Am 2,16; 3,15; 4,3.5; 9,7); nelle in
troduzioni agli oracoli o al loro interno essa
opera redazionale (WolfF, BK XIV/2,109s. 174).
La formula sembra avere la stessa origine in
Osea (WoliT, BK XIV/1,49), perch altrimenti
dovrebbe comparire pi di frequente, dato che
la forma del discorso divino predominante.
Anche in Michea non originaria (Th. H. Rob
inson, IIAT 14, 1954, 141.145). In Isaia
nem Jhwh si trova raramente (come formula
di introduzione: 1,24; 30,1; come formula con
clusiva: 3,15; 17,3.6; 19,4; 31,9); ci confor
me al fatto chc Isaia fa scarso uso di formule
introduttive e conclusive (Wildberger, BK X,
62; cfr. R.B.Y.Scott, FS Robinson 1950,
178s.). Lespressione compare di frequente solo
in Geremia ed Ezechiele: nel libro di Geremia
35x come conclusione di un discorso di Jahwe,
31 x in introduzioni, 42x tra i membri del pa
rallelismo, e ancora con altre funzioni
(R.Rendtorff, ZAW 66, 1954, 27-37; cfr.
H.Wildberger, Jahwewort und prophetische
Rede bei Jeremia, 1942, 48s. 102s.; O. Loretz,
UF 2, 1970, 113.129), in Ezechiele ca. 40x in

3/ La storia del termine neum non permette


di classificarlo tra i modi di dire profetici (S.
Mowinckcl, ZAW 45, 1927, 43-45; O. Grether,
Name und Wort Gottes im AT, 1934, 85ss.;
O. Procksch, ThW IV, 92s. = GLNT VI,
266ss.). Essa mostra che lespressione inizial
mente non era una forma caratteristica dello
stile profetico (J. Lindblom, Die literarische
Gattung der prophetischen Literatur, 1924, 67).
Alla questione della sua origine (parola del
mago e dellindovino per S. Mowinckcl, ZAW
48, 1930, 266 n.9, che segue G. Hlscher, Die
Propheten, 1914, 79ss.; p a r o l a del v e g
g e n t e per E. Schiitz, Formgeschichte des vorklassischen Prophetenspruchs, Bonn 1958 [tesi
dattil.]; C. Westermann, Grundformen prophetischer Rede, I960, 135s.; F. Baumgartel,
ZAW 73, 1961, 288; D. Vetter, Untersuchungen zum Seherspruch, Heidelberg 1963 [tesi
dattil.]; J. Lindblom, ZAW 75, 1963, 282s.) ri
spondono gli antichi oracoli di Num 24,3s.
1

K3
ifu m DETTO
\

posizione conclusiva, ca. 20x come formula nel


contesto, 13x per sottolineare il haj-'arti del
giuramento di Dio, e inoltre 9x in 43,19-48,29
in unit in cui sono sovrabbondanti le for
mule del linguaggio profetico (Zimmerli, BK.
XIII, 39*. 135.1098.1250, con Baumgrtel, l.c.
286). In seguito, solo Agg e Zac usano frequen
temente la formula. In Mal essa compietamente sostituita dalluso frequente di mar
Jhwh.
Allinizio della sua storia ncum Jhwh ha sosti
tuito in Amos la pi debole forma conclusiva
del detto del messaggero, allapice della sua
evoluzione essa ha soppiantato mar Jhwh
(Ger 8x, Ez Ox), alla fine per soccombe rispet
to a questaltra formula.
5/ Per gli equivalenti di ne'um nei LXX (per
lo pi Xyel xupioq) cfr. Baumgartel, l.c. 278s.
Nei testi di Qumran si trova solo una volta
n m 7 (CD 19,8).
.
D Vetter

YH3 ns DI SPREZZARE

profano (senza soggetto o oggetto divino:


Ger 33,24; Prov 1,30; 5,12; 15,5; vd.st. 3b-c);
entrambe queste coniugazioni assumono rile
vanza teologica l dove si sono avvicinate al
concetto di rifiutare (vd.st. 4).
Dai termini paralleli e opposti risulta un quadro
molto vario: due volte si trovano rispettivamente
-* m s rifiutare (Is. 5,24; Ger 33,24), ->prr hi,
berlt rompere lalleanza (Deut 31,20; Ger 14,21)
e hrp pi. insultare, bestemmiare (Sai 74,10.18),
una volta ->zb abbandonare {ls 1,4), -*mrh hi.
essere ostinato (Sai 107,11; mrh e mrd ribellar
si anche con tues in Neem 9,26, dove si incontra
anche l espressione slk hi. 'ah0r gaw gettare dietro
la schiena = rifiutare [altrove pure in IRe 14,9; Ez
23,35; con gw Is 38,17; -*slk hi. 3]) e -*sn' o dia
re (Prov 5,12). Come opposti compaiono -> mn hi.
aver fiducia (Num 14,1 con negazione), -*zkr
ricordare (Ger 14,21), -*bhr eleggere (Ger
33,24), - 'bh accogliere (Prov 1,30 con negazio
ne), -*smr custodire (Prov 15,5).
Sul piano semantico affine il verbo aramaizzante
s/h disprezzare, rifiutare (q. Sai 119,118; pi. Lam
1,15, ambedue con Dio come soggetto; cfr Wagner,
nr. 201; Jenni HP 226). Cfr. inoltre g'I aborrire
(Lev 26,11.15.30.43.44; Ger 14,19; Ez 16,45.45) e i
verbi del disprezzare citati sotto -*qil.

2/ Il verbo ricorre 8x in qal (Prov 3x, Ger 2x,


Deut, Sai, Lam lx ciascuno), lx in pi. (Sai 4x,
Num e Is 3x ciascuno, 2Sam 2x, Deut, ISam e
Ger lx ciascuno), lx in hitp. (Is 52,5, vd. sp.^
neas si trova 2x (2Re 19,3 = Is 37,3), nces
3x (Ez 35,12; Neem 9,18.26), Complessiva
mente dunque la radice attcstata 29x.

b) Non si pu stabilire se e come il verbo ve


nisse usato nella vita normale di tutti i giorni. I
passi senza soggetto o oggetto divino permetto
no tuttavia di individuarne luso in due ambiti
specifici. In Ger 33,24 Jahwe si lamenta che
c gente che disprezza a tal punto il suo
popolo da non considerarlo pi nemmeno un
popolo. A questo ambito da riferire anche
luso di nes in 2Re 19, 3 = Is 37,3, dove
Ezechia si lamenta che giunto un giorno di
calamit, di castigo e di ignominia (non di
rifiuto , come spesso viene reso qui nc as),
Anche Ez 35,12 con la formazione sostantivale
ncas da inserire qui (per la forma
nstck cfr. G K 84b.e): Jahwe ritorce
contro Edom le ingiurie proferite contro le
montagne di Israele. In questi passi si tratta
dunque del disprezzo che Israele deve subire
perch non viene riconosciuta la sua dignit di
popolo di Dio. Tuttavia si pu ritenere che n $
venisse usato in Israele anche quando si voleva
parlare del disprezzo di un popolo in senso del
tutto generico. Ci si pu vedere ancora nella
lettera di Rib-Addi al faraone, in cui il signore
di Biblo si lamenta per il latto che lo si di
sprezza a causa della sua debolezza militare
(EA 137,14.23 con lacc. nasu). Luso del ter
mine nei passi vtrt. sopra citati dunque chia
ramente pi specifico rispetto ad un uso gene
rico e testimonia della particolare dignit di
cui Israele era pienamente cosciente.

3/ a) Come significato fondamentale si pu


ritenere per n s q. pi o meno disconoscere
nel suo valore, screditare , per n s pi. tratta
re con disprezzo. Solo in qal si ha un uso

c) Laltro ambito profano in cui fu usato il qal


si pu dedurre dai tre passi dei Proverbi in cui
si parla del disdegnare la disciplina del pa
dre (Prov 15,5) o della sapienza (Prov 1,30;

1/ Prescindendo dallAT n$ disprezzare,


parlare con disprezzo di, rifiutare, disdegnare
si trova anche nellebr. post-vtrt (da cui in
aram. targumico il sost. ns insulto),
inoltre in ug. (nas disprezzare, WUS nr.
1731) e in acc. (nasu/nsu considerare con
disprezzo, AHw 758a; da esso si deve distin
guere, contro KBL 585b, nasu spezzare con
i denti, triturare masticando, cfr. arab. nhs
mordere , Wehr 892a).
NellAT il verbo attestato in qal e in pi., e
una volta nella forma minna$(Is 52,5; secon
do BL 198.366 part. hitp. con t assimilato, se
condo Meyer II, 126 invece forma mista che si
deve intendere come part. po'al o hitp.; per
Zorell 49la essa va letta probabilmente come
part, pu.). Come derivazioni nominali lAT
presenta nes ignominia e linf. pi. aramaizzante nceas (forma qattl, BL 479) in
sulto .

nf DISPREZZARE

5,12). Il termine che ne rende meglio il signifi


cato in questo caso non tenere in nessun
conto . Sotto il profilo contenutistico si inten
de il non riconoscere il valore che ha linserirsi
nellordine che la sapienza vuole realizzare.
Nella Teodicea babilonese il sofferente si
lamenta di essere disprezzato sia dalla feccia
dellumanit sia dai ceti abbienti; al che il suo
amico gli fa notare che egli ha abbandonato il
diritto e ha disprezzato le intenzioni di Dio
(BWL 76, r.79; 86, r.253, con lacc. nsu; tra
duzione anche in AOT 289s. e ANET, Suppl.
1969, 603s.). ! passi dei Proverbi citati sono
senza dubbio da interpretare in maniera analo
ga, cio che il disprezzo della disciplina
in fondo un disconoscimento delle buone in
tenzioni di Dio.

4/

a) Se dunque gi questi passi profani


hanno un loro rilievo teologico, tanto pi lo
avranno quelli in cui il qal parla del comporta
mento di Dio; Jahwe rigetta il suo popolo
(Deut 32,19; Ger 14,21) o per lo meno re e sa
cerdoti (Lam 2,6). Qui il verbo usato come
termine teologico in senso stretto, una partico
lare evoluzione per cui n s diventato sinoni
mo di ^>m s.

b) In qal si pu stabilire un solo caso di impie


go con oggetto divino, in Sai 107,11, dove si
parla di disprezzo del consiglio dellAltissi
mo . Altrove, quando si deve parlare de! com
portamento delluomo nei confronti di Dio o
delle sue prescrizioni, si trova sempre il pi.;
nellAT certamente questo lambito pi im
portante in cui il termine viene usato. Questa
suddivisione, qal per il soggetto divino e pi.
per loggetto divino, non casuale: il qal indi
ca leffettivo compimento dellazione, mentre il
pi. limita lazione allintenzione meramente in
teriore (cfr. Jenni, HP 22 5s.). Nei canti di la
mento del singolo gli empi vengono accusa
ti di disprezzare Jahwe (Sai 10,3.13), nei la
menti del popolo si accusano i nemici di disprczzare il suo nome (Sai 74,10.18). Questo
disprezzo deriva dalla presunzione del malva
gio, per la quale egli pensa di non dovere fare i
conti con Dio. Tale disconoscimento si trova
anche in coloro che meglio dovrebbero cono
scerlo: nei sacerdoti, che non offrono i loro sa
crifici in conformit con le prescrizioni rituali
(Num 16,30; ISam 2,17), e in Davide perch
ha mancato nei confronti di Uria (2Sam
12,14). Persino Israele pu manifestare il di
sprezzo del suo Dio con il proprio comporta
mento (Num 14,11.23 J). In Isaia il verbo ser
ve solo ad esprimere la rottura totale con Dio
(Is 1,4, par. zb abbandonare) e diventa in
tal modo anche qui sinonimo di -*ms rifiu
tare . Cos il disprezzo di Jahwe pu essere
paragonato infine alla rottura dellalleanza
(Deut 31,20).
5

W33 n b ' PROFETA


T

c) Lhitp. di Is 52,5 viene di solito tradotto


con essere bestemmiato (del nome di Jah
we; G pXafffp-rijjLEiv), e analogamente si rende il
passo di Sai 74,10 (cfr. v. 18) con il nemico
bestemmier il tuo nome (G qui Ttapo^uv e ia Z). In realt lidea della bestemmia di Dio
dovrebbe essere lasciata da parte; si pu rende
re molto bene il testo traducendo con tenere
in scarsa considerazione, parlare con disprezzo
di .
5/ Nella letteratura di Qumran '.ssi Lrova in
sei passi (Kuhn, Konk. 139a; inoltre la citazio
ne di Is 5,24 in DJD V, nr. 162, n, 8). Luso
corrisponde a quello vtrt., se si prescinde da
IQH 4,12, dove Dio viene lodato come colui
che disprezza ogni progetto di Belial.
Nei LXX nella maggior parte dei casi (15x) ns
tradotto stranamente con Ttapo^uvetv incita
re. istigare, un verbo che non viene mai usato
per tradurre il sinonimo ->ms\ due volte si
trova p.uxTT}p^et.v arricciare il naso , tutte le
altre corrispondenze sono singolari ed anchesse piuttosto distanti dal significato fondamenta
le dell'ebr. Gli equivalenti usati dai LXX si
trovano anche nel NT, per lo pi con lo stesso
impiego (Cfr. H.Preisker - G. Bertram, art.
puxrripL^, ThW IV,803-807 = GLNT VII,
629-639; H.Seesemann, art. -n:apo^uvto ThW
V,855s. = GLNT, IX ,837-840). Va menzionato
soprattutto lapaxlegomenon p.uxxT)pi^Ei,v di
Gal 6,7. Nel contesto sapienziale di questa parenesi il significato del termine corrisponde
esattamente a quello delle due traduzioni di ns
in Prov 1,30 e 15,5 (vd. sp. 3c).
H. Wildberger

nb PROFETA

1/ Il nome nbV profeta si trova fuori della


Bibbia nelle lettere di Lachis (ostraco nr. 3 [=
KAI nr. 193], r.3; nr. 16, r.5?); altrove docu
mentato in aram./sir. (aram. bibl. nebi'), in
arab. ed in et., generalmente per come presti
to dallebr. Uomini e donne con funzioni simili
si chiamano in acc. mahh(m) (a Mari
mufjfjm, fem. mufjhtum) colui (colei) che
in estasi oppure pitu(m) (fem. piltum) co
lui (colei) che d il responso (cfr. F. Ellermeier, Prophetie in Mari und Israel, 1968, con bi
bliogr.; AHw 58a.582s.), in ass. raggimii (fem.
raggintu) colui (colei) che grida (AIlw
942a), nelliscrizione in antico aram. del re Zakir di Hamat hzjn veggente e ddn colui
che rivela il futuro (KAI nr. 202A, r. 12).
Letimologia del sostantivo nb ' non ancora accer
tata. Tentativi piuttosto vecchi di far derivare la pa

rola dalla radice nb' scaturire (Gesenius, Thesau


rus II/2,838a: H. Hackmann, NTT 23, 1934, 42) o
di intenderla come passivo del verbo b entrare
( colui
che pervaso,
posseduto d a . . . :
J.P.N .Iand, ThT 2, 1868, 17()ss., ecc.), intendevano
sottolineare anche sul.piano linguistico il lato estati
co dellatteggiamento profetico, ritenendolo origina
rio.
Oggi invece quasi tutti pongono nbi in relazione
con lacc. nab(m) (acc. antico nab'um) chiamare,
nominare (AHw 669s.). Resta comunque come pri
ma oggetto di controversia se il nome sia da intende
re in senso attivo (oratore, annunciatore: Barth
184; G Y G 1,354; E.Knig, Der OJTenbarungsbegrifT
im AT, 1882, 71 ss.) o in senso passivo (rapito in
estasi, chiamato dallo spirito: H.Torczyner, Z D M G
85, 1931, 322; chiam ato: W.F.Albright, Von der
Steinzeit zum Christentum, 1949, 301; colui al
quale stata affidata unambasciata : A.Guillaumc,
Prophecy and Divination, 1938, I12s.; similmente
J.A.Bewer, AJSL 18, 1901/02, 120: colui che
portato via da una forza soprannaturale [derivato
daUacc. na/epm portar via]); bibliogr. pi re
cente su ambedue le interpretazioni in R.Rendtorff,
ThW V I,796 = G LN T X I,480, e particol. in
A.R.Johnson, The Cultic Prophet in Ancient Israel,
21962, 24s. Tenendo presente 1) il plurale delle for
me nominali corrispondenti, come ad esempio aslr,
msiah, ngd, nzr, nSi\ pqld (Joiion 196), 2)
lacc. nabum/nabfm) colui che chiamato (usa
to in nomi propri e per i re, cfr. AHw 697s.; Seux
175), come pure 3) il fatto che il verbo nb si trova
solo in coniugazioni riflessive e passive, si preferisce
oggi a ragione linterpretazione passiva.

11 verbo nb\ che ricorre in ni. e in hitp, (aram.


bibl. in hitp., sir. in pa.), molto probabilmente
un denominativo di nb'. Forme derivate
sono inoltre il fem. tfb profetessa e la
stratto neb parola profetica (anche aram.
bibl.).
11/ Il sostantivo nbi (315x; in Lis. mancano
IRe 19,14 e Os 12,1 lb) diffuso largamente
ma in modo diseguale. Nel Tetrateuco lo si in
contra solo 4x (Gen 20,7; Es 7,1; Num 11,29;
12,6), nel Deut lOx, nei libri storici pi antichi
99x (Giud lx, ISam 12x, 2Sam 3x, IRe 50x,
2Re 33x), pi raramente nei libri poetici (Sai
3x, Lam 4x), nellopera del Cronista 35x (Esd
lx, Neem 5x, lCron 3x, 2Cron 26x; inoltre
laram. nL'b ' 4x in Esd) e 4x in Dan. Il termine
si trova soprattutto negli scritti profetici, in
particolare in Ger (95x) e Ez (17x), inoltre; Is
7x, Os 8x, Am 5x, Mi 3x, Ab 2x, Sof lx, Agg
5x, Zac 12x, Mal 1x,
Mentre lastratto nebu a come forma tardiva
documentato solo nellopera del Cronista 3x in
ebr. (Neem 6,12; 2Cron 9,29; 15,8; anche Eccli
44,3) e lx in aram. (Esd 6,14) e il fem, rfb
si trova 6x sparso nelAT (Es 15,20; Giud 4,4;
2Re 22,14; Is 8,3; Neem 6,14; 2Cron 34,22; in
Ez 13,77ss. viene evitato di proposito), il verbo
nb presenta in entrambe le sue coniugazioni
diversi punti nodali: in hitp. si trova 14x nei
7

libri storici pi antichi (lOx in ISam 10,5-13;


18,10; 19,20-24; 4x in IRe 18,29; 22, 8-18); 3x
in Num 11,25-27, 4x nellopera del Cronista
(2Cron 18,7.9.17; 20,37; e inoltre lx aram. in
Esd 5,1) e solo 7x negli scritti profetici (5x in
Ger, 2x in Ez), in ni. invece compare 80x nei
profeti (Ger ed Ez 35x ciascuno, Am 6x, Zac
3x, Giona lx) e solo 3x nei libri storici pi an
tichi (ISam 10,11; 19,20; IRe 22,12) e 4x nel
lopera del Cronista (lCron 25,1.2.3; 2Cron
18,11).
111/ LAT adopera (apparentemente senza al
cuna differenza) sia il sostantivo corrente nb
(111/1-5) sia il verbo nb' (111/6) per uomini che
esercitano tipi molto diversi di attivit profe
tica. Funzioni caratteristiche del nbi' posso
no essere il rapimento estatico operato dallo
spirito, la comunicazione di parole attuali di
Dio, esortazioni sui comandamenti o prediche
di conversione, interrogazioni ed intercessioni
rivolte a Jahwe, azioni prodigiose ecc. La tra
duzione profeta (ad imitazione dei LXX)
solo un ripiego. Spesso gi difficile stabilire
se nbi sia la descrizione di un habitus o di
una funzione (cfr. solo il proverbio: Anche
Saul tra i profeti? ISam 10,1 ls.; 19,24) op
pure se sia la designazione di una professione
in senso stretto (vd.st. I1I/3). Sia nei diversi pe
riodi che scandiscono la storia dIsraele, sia nei
diversi strati letterari delFAT, al nbi' vengo
no pertanto attribuiti particolari e specifici
campi di azione, ed in base al materiale sparso
non si pu scrivere una storia della profezia
che sia senza lacune. Tra le varie componenti
storiche e storico-letterarie che formano lim
magine del nb', bisogna fare inoltre una di
stinzione essenziale: alcune delle funzioni no
minate sopra vengono attribuite soprattutto a
gruppi di neb1m, mentre altre sono quasi
esclusive del singolo nb. Per quanto riguarda
neb vd.st. IIl/3b.4a.5; IV/13.
Per gli studi sullargomento cfr. H.H.Rowley,
HTrR 38, 1945, 1-38 = The Servant of th
Lord, 21965, 95-134; G.Fohrer. ThR 19, 1951,
277-346; 20, 1952, 193-271.295-361; 28, 1962,
1-75.235-297.301-374; J. Scharbert, FS Coppens 1969, 58-118 = EThL 44, 1968, 346-406.
1/ a) Lo stesso AT dice che l a m b i e n t e
v i c i n o ad I s r a e l e conosce dei profeti.
Al tempo di Elia numerosi profeti di Jahwe
(IRe 18,4.13) si contrappongono ai 450 pro
feti di BaaJ (v. 19s.; una mano posteriore
completa e 400 profeti di Asera ) che
mangiano alla tavola di Gezabele , cio rice
vono il sostentamento dalla corte del re. In
Ger 27,9 al seguito dei re di Edom, di Moab,
degli Ammoniti, di Tiro e di Sidone vi sono
dei profeti e degli specialisti nelforacolo
{qsemtn\ -agori 3a), specialisti nel sogno

nb PROFETA

(hlemlm cj), indovini (nemm) e m a


ghi (kassjim), persone competenti ed esperte
che con mezzi tecnici spiegano al re limme
diato futuro.
Mentre le ultime due pratiche venivano considerate
pagane e inconciliabili con la fede in Jahwe dai cir
coli profetici di Israele (2Re 9,22; Is 2,6; M i 5,11;
cfr. Lev 19,26; Deut 18,10.14; 2Re 21,6 ecc.), profeti
e specialisti del sogno vengono messi sullo stesso pia
no in Deut 13,2.4.6; cfr. ISam 28,6.15, e lo stesso
vale per sognare ed essere profeti (nb' ni.) in Gioe
3,1; secondo Num 12,6 Jahwe parla con sogni e vi
sioni anche ai profeti (cfr. per Ger 23,25ssJ. Anche
le pratiche oracolari espresse da qsm (cfr. Johnson,
l.c. 3 lss.) venivano esercitate da profeti di Israele (Mi
3,6s.ll; Ger 14,4; Ez 13,6.9.23 ecc.; cfr. per Num
23,23; Deut 18,10.14; ISam 15,23; 28,8; 2Re
17,17!), e i qsemm sono uniti ai neb m in ls 3,2;
Ger 29,8; Ez 22,28; cfr. 21,34.

b) Talvolta i profeti dIsraele vengono identifi


cati con gli antichi v e g g e n t i (hzlm,
>hzh\ 2Sam 24,11; 2Re 17,13; Mi 3,5.7 ecc.;
cfr. per st. 4a e G.Hlscher, Die Propheten,
1914, 125ss.). ISam 9,9 nota in proposito che
veggente (qui tuttavia rSr, cfr. Is 30,10)
era allinizio la denominazione corrente del
nbV, che ne aveva assunto le funzioni. Sino
nimo di dabr (vd.st: IV/2; cfr. Ez 7,26 con
Ger 18,18) hzn (e pi raramente hzh) defini
sce in seguito il fondamento dello specifico
mandato profetico (Os 12,11; Lam 2,9; Ez
13,6ss. ecc.; hzh 4a).
Pi spesso ancora si sostituisce a nbl' il titolo
u o m o di D i o (Ts h '"lhlm), soprattutto
nelle tradizioni su Eliseo e in quelle pi recenti
su Elia (cfr. anche IRe 20,28 con v. 13.22; IRe
13,lss. con v. 18; IRe 12,22 con 2Cron 12,5ss.;
R. Rendtorff, ThW VI,809 = GLNT XI,515s.);
esso sembra voler mettere in evidenza il dono
della (miracolosa) potenza divina che un indivi
duo possiede (- vlhm III/6).
c) Circa 30x - soprattutto nel tardo periodo
dei re - s a c e r d o t e e p r o f e t a vengono
nominati assieme; in questo periodo infatti le
due figure devono essersi molto ravvicinate tra
loro (cfr. gi 1Re 1,8ss. e soprattutto le espres
sioni gam-nbV gam-khn in Ger 14,18;
23,11 e minnln v/'ad-khn in Ger 6,13;
8,10 e O. Plger, Priester und Prophet, ZAW
63, 1951, 157-1.92 = Aus der Spatzeit des AT,
1971, 7-42). Sacerdote e profeta vigilano insie
me nel tempio sulla legittimit dellannunzio
(Ger 26,7ss.), insieme vengono interrogati nel
tempio (Zac 7,3), insieme vengono uccisi nel
santuario (Lam 2,20). I sacerdoti agiscono a
fianco dei profeti (Ger 5,31, Johnson, Le. 64:
sotto la loro guida ), un sacerdote pu persi
no predire (nb ni. Ger 20,6). Nel libro di
Geremia, i sacerdoti e i profeti formano, insie
me al re e agli alti funzionari, il ceto superiore
del popolo (Ger 2,26; 4,9; 8,1 ecc.; cfr. nellesi
lio Ger 29,1 e Neem 9,32).
9

N'33 nbV PROFETA


* T

d) Talvolta i profeti sono riconoscibili dalle


caratteristiche esteriori: dal mantello di pelo
(addrcct s'ar Zac 13,4; cfr. IRe 19,19; 2Re
1,8; 2,8.13s.; per i paralleli di Mari cfr. M.
Noth, JSS 1, 1956, 327-331 = Aufstze zur biblischen Landes- und Altertumskunde, II,
1971, 239-242), dalle cicatrici sul petto (Zac
13,6; oppure: sulla schiena, cos H.L.Ginsberg,
JPOS 15, 1935, 327; cfr. M.S<eb0 , Sachaija
9-14, 1969, 105 n.8), forse anche da un segno
sulla fronte (IRe 20,38ss.; J.Lindblom, Prophecy in Ancient Israel, 1962, 66-69).
2/ G r u p p i di p r o f e t i designati con
n'bilm compaiono nei libri storici pi antichi
e in tre diversi contesti storici, ognuno con ca
ratteristiche e funzioni distinte.
a) Nel periodo di transizione dallepoca dei
giudici a quella dei re (ISam 10; 18; 19; Num
11) il plurale ncb llm (e ancor pi spesso il
verbo nb': 15x) viene usato per coloro che,
estaticamente invasati, vanno in giro in schiere
(hcbcel ISam 10,5.10) oppure si radunano a
gruppi nelle case (ISam 19,20). Sembra che
per provocare lestasi profetica si usassero degli
strumenti musicali (ISam 10,5; cfr. 18,10; Es
15,20; 2Re 3,15); leffetto pu essere, tra lal
tro, quello di giacere a terra svestiti per breve
tempo (ISam 19,24), mentre non si dice mai
che tali gruppi pronunciassero parole intelligi
bili. Il fattore che sprigiona lestasi per lo
spirito di D io (ISam 10,10; 19,20.23) op
pure lo spirito di Jahwe (Num 11,29; ISam
10,6) che salta anche su altri uomini e si
posa su di loro quando essi casualmente o
anche da lontano vengono a contatto con que
ste schiere di profeti (ISam 10,6.10; 19,20s,23;
Num ll,25s.).
ISam 18,1 Os. mostra la forza irresistibile dello
spirito: un malvagio spirito di Dio pu far
sfociare linvasamento (nb' hitp.) di un indivi
duo in un incontrollato tentativo di omicidio.
Poich in Israele questo invasamento selvaggio
era di solito tipico dei profeti di Baal (vd.st. b),
si capisce il disprezzo che fu riservato a questi
profeti (ISam 10,1 ls.; 19,24; cfr. pi tardi 2Re
9,11; Os 9,7; Ger 29,26 ecc.). Al contrario
Num 11,16s.24ss. legittima il rapimento estati
co come mosaico, dato che qui il nb hitp. dei
settanta anziani (cfr. Es 18) ricondotto allo
spinto di Mos, che identico allo spirito di
Jahwe (v. 17.25.29; cfr. Noth, UPt 141-143;
G.von Rad, ZAW 51, 1953, 115s.; von Rad II,
19 = ital. 25s.).
b) Per il periodo monarchico intermedio IRe
22 (= 2 Cron 18) attesta lesistenza di ca. 400
profeti alla corte del re di Israele, profeti che
egli pu convocare in ogni momento (v. 6; cfr.
IRe 18,19s.), esercitano davanti a lui la
loro attivit (v. 10) e perci si chiamano i
suoi profeti (v. 22s.). Un capo chiamato per
10

nome il loro rappresentante (v. 11.24), c per


mezzo loro il re pu consultare (la parola di)
Jahwe (v. 5.7s.; drs 4b), pu cio, mediante
la loro preghiera, chiedere prima di importanti
decisioni di politica (interna ed) estera la vo
lont, lapprovazione e la promessa di Dio, per
stabilire con certezza che la sua impresa avr
successo. Anche lattivit di questi profeti
considerata opera dello spirito ed espressa con
nb' ni./hitp., ma lo spirito dato nella loro
bocca (v. 22), parla con loro (v. 28), e di
conseguenza nb' ni. e hitp. significano ora
parlare per ispirazione profetica, profetare
(v. 8.12.18), anche se nb" hitp. pu conservare
il sign. pi antico di agire, comportarsi da
profeta (v, lOs.)
Funzioni simili devono aver rivestito anche i
450 profeti d i, Baal alla corte di Gezabele
(IRe 18,19ss.). vero che nb hitp. in v. 29,
dato che il fatto si verifica mediante danza cul
tuale e automutilazione (v. 26.28), significa
trovarsi in uno stato di esaltazione estatica ,
ma ci viene presentato solo come mezzo per
ottenere risposta alla invocazione del
nome di Dio (v. 24-29; cfr. 2Re l ,2).
c) A parte vanno considerati i circoli di
bn hannebl'lm (discepoli di profeti, appar
tenenti a una corporazione di profeti ) attorno
a Eliseo. Essi abitano con le loro famiglie (2Re
4,1ss.) in pi vaste comunit (2Re 2,7) e con
un modesto tenore di vita (2Re 4,lss.38ss.
ecc.), in diversi luoghi (di culto) (Betel, Gerico,
2,3ss.; Gaigaia 4,38); si riuniscono in comunit
locali davanti al loro maestro che chiama
no padre (2,12; 6,21; 13,14) per imparare
(4,38; 6,1), e sono a sua disposizione per vari
incarichi (9,1 ss.), ma possono anche personal
mente ricevere e riferire la parola di Jahwe
(IRe 20,35ss.). In questi circoli furono coltiva
te modeste speranze escatologiche in unesi
stenza sicura (2Re 2,21; 3,16s.; 4,43; 7,1; cfr.
W.Reiser, ThZ 9, 1953, 321-338).
3/ nbV al sing. compare nei libri storici pi
antichi per lo pi in posizione appositiva dopo
il nome di un profeta ed quindi d e s i g n a z i o n e d i professione.
Questi profeti entrano in scena quasi sempre
individualmente; le loro {unzioni e attivit
per - eccetto IRe 22 mai caratterizzato dal
verbo nb - sono varie e diverse.
a) Gad e Natan (questultimo quello che pi
frequentemente viene chiamato hannbV: llx
in 2Sam 7,2; 12,25; IRe 1,8-45; e ancora Sai
51,2; lCron 29,29; 2Cron 9,29; 29,25) appar
tengono al seguito pi stretto di Davide (Gad
gi prima che Davide diventasse re, 1Sam
22,5), alla sua corte. Gad pu essere chiamato
veggente di Davide (2Sam 24,11), Natan
prende parte attiva alla serie di intrighi per la

11

successione al trono di Davide (IRe l,8ss.; cfr.


2Sam 12,25) e partecipa allunzione di Saiomone (IRe l,32.34.38.44ss.; cfr. per v. 39).
Con entrambi Davide si consigliava prima di
importanti decisioni (2Sam 7,2; cfr. in proposi
to S.Herrmann, WZ Leipzig 3, 1953/54, 57ss.;
ISam 22,5); il loro consiglio poteva talvolta es
sere dato senza ispirazione (ISam 22,5; 2Sam
7,3). Tuttavia non si arriv mai a una dipen
denza dal re: come i loro successori, entrambi i
profeti si pongono contro il re con dure parole
di giudizio (2Sam 12; 24,1 Iss.).
b) Invece Achia di Silo (IRe 11,29; 14,2.18),
leu (16,7.12), Elia (IRe 18,36; cfr. Mal 3,23;
2Cron 21,12), Eliseo (2Re 6,12; 9,1), un disce
polo di Eliseo (9,4), Giona (14,25) e Isaia
(19,2; 20,1.11.14 = ls 37,2; 38,1; 39,3) sono
chiamati hannbV e Culda rispettivamente.
hanneb (2Re 22,14 = 2Cron 34,22), senza
avere una sede fissa a corte. Il tipo di tradizio
ne implica che siano soprattutto i re ad incon
trare casualmente un profeta (IRe 11,29), a
mandare qualcuno con doni a fargli visita al
luogo dove egli abita (IRe 14,lss.; cfr. ISam
9,6ss,), luogo che talvolta viene indicato esatta
mente (2Re 22,14), oppure l dove il profeta si
trova in quel momento (2Re 8,8ss.); in casi
estremi lo si deve cercare per tutto il paese
(IRe 18,3ss.; cfr. 2Re 3,11). Evidentemente il
profeta pu influenzare gli eventi politici non
solo con oracoli sulla guerra (IRe 20,13s.; 2Re
3,16ss. ecc.), ma anche con la nomina (Noth,
GesStud l,322s.) e lunzione (2Re 9) di re futu
ri. Ai profeti veniva fatta visita in situazioni di
emergenza - in privato, come in caso di malat
tia, da parte di fiduciari del re (IRe 14,Iss.;
2Re 8,8ss.), e in situazioni di calamit pubbli
ca da parte di alti funzionari e sacerdoti (2Re
22,13s.; 19,2ss.; cfr. Ger 21,lss.; 37,3ss.;
42,lss.) - per far interrogare Jahwe (vd. sp.
2b), e cio per indurre Jahwe a far cessare la
calamit mediante Pnnipotente intercessione
del profeta (
/?// hitp. be ad) e precisamente a
Jahwe, tuo D io (2Re 19,14; Ger 42,2s.5).
Nel caso di situazioni di emergenza private ve
nivano preferiti i giorni di festa (2Re 4,23),
nellemergenza collettiva invece la preghiera
profetica avveniva probabilmente nel quadro
della celebrazione del digiuno (Ger 14; Sai
74,9 ecc.). Per quanto riguarda linvocazione
profetica di Jahwe e lintercessione cfr. C.We
stermann, KuD 6, 1960, 16ss.; G.C.Macholz,
FS von Rad 1971, 313ss.; G. von Rad, ZAW
51, 1933, 109-120; P.A.H. de Boer, De Voorbede in het OT, 1943; F.Hesse, Die Furbitte
im AT, 1951; H.Reventlow, Liturgie und prophetisches Ich bei Jeremia, 1963, 143 ss.; sulla
connessione tra invocazione ed intercessione
J.Jeremias, Kultprophetie und Gerichtsverkndigung in der spten Knigszeit Israels, 1970,
140-150.
JTIM nb PROFETA
T

12

Funzioni simili esercitano pi tardi anche Geremia


(21,lss.; 37,3ss,; 42,lss.) e durante lesilio Ezechiele
(8,1 ss.; 14,Iss.; 20,Iss.), il cui rapporto con i profeti
precedenti diventa perci particolarmente stretto.
I profeti hanno assunto quindi funzioni che prima
erano dei veggenti e dei sacerdoti; lo attestano p.e.
ISam 9,9 e 28,6.(15); cfr. IRe 20,l3s. con ISam
14,38ss. e C.Westermann, l.c.; R.Rendtorff, ZA W 74,
1962,173.
Nella tradizione Elia ed Eliseo vengono spesso chia
mati u o m o di D io (vd, sp. lb), n a ti solo dagli
stranieri (2Re 5,3.13; 6,12), come veri profeti in con
trapposizione ai profeti di Baal (IR e 18,22.36; cfr.
profeta in Israele 2Re 5,8; 6,12) o come capi di
discepoli (9,1). 11 loro stretto rapporto reciproco tro
va espressione in molti tratti singolari o rari nellAT:
nel resoconto della vocazione di Eliseo da parte di
Elia (IRe 19,19-21), nel discorso che viene riportato
sull unzione di Eliseo (19,16; cfr. pi tardi ls
61,1; Sai 105,15 = lCron 16,22), nella trasmissione
dello spirito da Elia ad Eliseo (2Re 2), nel rapimento
del profeta da parte dello spirito (IR e 18,22; 2Re
2,16; cfr. Ez 3,12ss.; 8,3s.; 40,lss.).

4/ Non certo che i cosiddetti p r o f e t i


s c r i 11 o r i prima di Geremia (e della rifor
ma dtn.) si considerassero n b ' e che il titolo
significasse anche per loro la stessa cosa
(A.H.J. Gunneweg, Mndliche und schriftliche
Tradition der vorexilischen Prophetenbiicher,
1959, 98ss.). Gli altri neb lm consideravano la
maggior parte di essi (eccezione: Osea) quasi
esclusivamente come degli avversari.
a) Amos viene chiamato veggente (hzc)
dal sacerdote Amasia (Am 7,12) e nella discus
sa dichiarazione di Am 7,14s. si oppone per lo
meno a che la sua attivit venga intesa sulla
base di una precedente scuola di profeti di pro
fessione; probabilmente, per, con questa frase
rifiuta anche per se stesso il titolo di nb in
quanto tale, cio nel senso di una designazione
di professione (cfr. Zac 13,5; bibliogr. in WollT,
BK XIV/2,352; Rudolph, KAT XIII/2,249ss.)
Invece egli accetta il verbo corrispondente nb\
che anche Amasia (v. 13s.) adopera per lattivi
t di Amos (v. 15; cfr. 3,8). Per i versi pi re
centi 2,10-12: 3,7 vd.st. IV/11.
Osea piuttosto potrebbe essersi definito nbV,
poich egli si sente legato sia con i neb fim
precedenti, che risalgono indietro fino a Mos,
sia con quelli del suo tempo che la pensano
come lui (Os 6,5; 12,11.14) in una comunit
di opposizione (WolfT, GesStud 233ss.), e per
lo meno dai suoi avversari viene chiamato
nb (9,7.[8?J). D altro canto egli non usa il
verbo nb'.
Isaia viene chiamato hannbV solo nelle leg
gende di Isaia (2Re 19s. = Is 37-39). Forse egli
(come Amos) si considera veggente (hzc,
cfr. 1,1; 2,1 e particol. 30,10 con 28,7), bench
sua moglie sia chiamata profetessa (8,3).
b) Geremia invece si sente chiamato a essere
nb' (Ger 1,5; vd.st. IV/7) e nello stesso tem
13

nb PROFETA

po incaricato da Jahwe di agire come profe


ta nellora presente (19,14) o di proclamare
la parola profetica di D io (nb ni. cel 26,12
ecc.). Nelle parti narrative del libro di Geremia
egli - come pure il suo antagonista Anania
(Ger 28) - viene chiamato spesso (31x) con il
termine professionale hannbV. Egli stesso si
considera un anello di una lunga serie di
ncb'm dello stesso genere (28,8; cfr. 2,30;
5,13; 26,17ss.).
c) Solo Abacuc, contemporaneo di Geremia e
profondamente inserito nella tradizione cultua
le, per la prima volta viene detto hannbl ', nel
titolo di un libro (Ab 1,1; cfr. 3,1 e dopo lesi
lio Agg 1,1; Zac 1,1); ci potrebbe essere dovu
to alla particolare posizione che egli occupa tra
i profeti scrittori in quanto profeta del culto e
del tempio (Jeremias, l.c. 90ss., particol. 104).
d) Certamente anche Ezechiele si considerava
un nb: poich infatti secondo lui lo scopo di
Jahwe che Israele e lutto il mondo ricono
scano che io sono Jahwe, si capisce come in
2,5; 33,33 (cfr. IRe 17,24; 2Re 5,8) al posto di
questa formula si trovi quella affine: ricono
sceranno che c stato un profeta in mezzo a
loro (cfr. 14,4). Egli presenta il compito di
parlare, che Jahwe gli affida, in modo quasi
stereotipato con il convenzionale imp. del ver
bo nb ni. per lo pi con la preposizione 'al o
1al: profetizza su o contro oppure con il
perf. consecutivo di 'mr: agisci da profeta e
parla .
e) Aggeo e Zaccaria nei titoli dei libri e anche
altrove vengono chiamati hannbV dalla tradi
zione (cfr. W.A.M.Beuken, Haggai-Sacharja
1-8, 1967; Agg 1,1.3.12; 2,1.10; Zac 1,1.7; cfr.
Esd 5,1s.; 6,14). In essi il verbo manca.
5/ Le varie concezioni e funzioni che sono
col legate al termine nb diventano particolar
mente chiare quando alcune f i g u r e d e l l e
t p i a n t i c a vengono chiamate nb' o
nba: bramo quale intercessore (Gen 20,7),
Aronne come colui che parla in vece di Dio
(ossia, nel discorso figurato, in vece di Mos;
Es 7,IP; cfr. 4,16), Maria come colei che canta
il suo dolore in musica e in danza (Es 15,20),
Debora (Giud 4,4) soprattutto in quanto man
da a chiamare un capo militare, Samuele in
quanto Jahwe realizza le sue parole (ISam
3,19s.; cfr. 2Cron. 35,18).
Solo Mos, nella sua figura cos singolare, pu
essere descritto in modo approssimativo col
termine nbV: egli di pi e soprattutto ha un
rapporto pi stretto con Jahwe (Num 12,6-8;
Deut 34,10; cfr per Os 12,14 e L. Perlitt,
Mose als Prophet, EvTh 31, 1971, 588-608),
per certamente la sua vocazione e parecchi
dei suoi discorsi e delle sue azioni vengono de
scritti come quelli di un profeta e i profeti pos
14

sono avere da lui la loro legittimazione (Num


11,16s. 24ss.; Deut 18,15,18).

rono a far parte delle corporazioni dei cantori;


vd.st. IV /13).

6 / Nel suo significato fondamentale il v e r


bo nb significa comportarsi da profeta, agi
re da profeta, presentarsi in qualit di profeta
(cfr. p.e. Am 7,12s.; Ger 19,14; 26,18; Zac
13,3 ni.; IRe 22,10; Ger 29,26s. hitp.). Anche
se non possibile delimitare con sicurezza
il significato fondamentale del ni. rispetto a
quello dellhitp. (cfr. le attestazioni pi anti
che ISam 10,5.6.10.13 con 10,11; inoltre
19,20.21.23.24 con v. 20), le due coniugazioni
non possono essere usate in modo del tutto
promiscuo. Il ni. designa nella maggior parte
dei casi il discorso profetico, mentre lhitp. non
lo indica quasi mai, dato che riservato per io
pi agli aspetti esteriormente visbili dellattivi
t profetica.
Solo di rado il verbo viene usato per uomini
che non sono profeti (Saul: ISam 10,5ss.;
18,10; 19,23; anziani: Num ll,25ss.; sacerdoti:
Ger 20,6; uomini e donne dIsraele: Ez
l3,17ss.; Gioe 3,1; cfr. Ger 29,26; cantori:
lCron 25,1-3).

b) Lhitp., pi frequente allinizio, raro a parti


re dalla cosiddetta profezia scritta , designa
per lo pi (A.Jcpscn, Nabi, 1934, 7, indica sol
tanto due eccezioni: Ger 26,20a; 2Cron 20,37)
uno stato di agitazione esaltata, di entusiasmo
estatico e di delirio sfrenato, nel quale luomo
viene a trovarsi improvvisamente e magari for
zatamente (incoativo: forme verbali finite con
waw consecutivo: Num ll,25s.; ISam 10,6.10;
18,10; 19,20ss; IRe 18,29) o nel quale egli si
viene a trovare, per un periodo limitato di
tempo, fuori di s (cfr. Is ahr ISam 10,6;
cosi i participi e gli infiniti in Num 11,27;
ISam 10,5.13; IRe 22,10 = 2Cron 18,9; cfr.
ISam 10,11; 19,20 ni.)
Pi tardi anche lhitp. pu indicare il parlare
ed essere costruito come il ni. Tuttavia rara
mente identico al ni. nel significato (Ger
14,14; Ez 37,10; 2Cron 20,37; aram. Esd 5,1) e
designa pi spesso un profetare in senso
spregiativo (IRe 22,8.18 = 2Cron 18,7.17; Ger
23,13), come del resto anche il significato indi
cato per primo ( comportarsi da profeta Ger
29,26s.; Ez 13,17) pu essere usato in senso
peggiorativo.
Ger 26,20 indica chiaramente che anche in
epoca tardiva la differenza tra hitp. e ni. veni
va espressamente avvertita: quando si parla di
un comportamento profetico in nome di Jahwe
ed esteriormente percepibile viene usato lhitp-,
quando il profeta comincia a parlare il ni.

a) nb ni., che si trova spesso al part. (o perf.)


immediatamente dopo il plurale del sostantivo
nbi', ne designa la normale attivit, la quale
pu consistere in un rapimento estatico e in
una commozione profetica (ISam 10,11;
19,20; Zac 13,4) oppure, come in quasi tutti gli
altri casi, in discorsi pronunciati in stato di
ispirazione profetica, annunci, profezie .
Questultimo significato risulta per lo pi dalloggetlo diretto (quelle parole Ger 20,1; 25,13.30 ecc.;
nel modo seguente Ger 26,9; 32,3 ecc.; proprio
cos IR e 22,12; m enzogna \sqar] Ger 14,14;
23,25 ecc.; sogni ingannevoli 23,32; illusioni in
ventate 23,26) oppure dalle preposizioni usate:
'al con lindicazione di ci cui il messaggio proftico
si riferisce (profetare su Ger 26,1 Is.; 28,8 ecc.)
oppure 'al, se il messaggio ha carattere di minaccia
(profetare contro Ger 25,13; 26,20); entrambe le
preposizioni sono spesso usate con identico significa
to; cfr. Ez 6,2; 13,2 ecc. con 4,7; 11,4 ecc. e gi Am
7,15 con 7,16;
le con lindicazione dei destinatari (a loro, a v o i
Ger 14,16; 23,16 ecc.) o del contenuto (profetare
d i Ger 28,8s.), dello scopo (per i tempi lontani
Ez 12,27), del risultato (a torto Ger 27,15; cfr. be
in 29,9);
bu (con sost. determinato) con indicazione dellauto
rit delegante ( su incarico di, da : Ger 2,8 IBaal;
cfr. hitp. 23,13]; 5,31; 20,6 [inganno]; 14,14s.; 23,15
ecc. [ nel nome di Jahwe ]).
Per luso stereotipo del verbo in Ez vd. st. 4d.

IV/ 1/ La funzione che i profeti esercitano


. quali m e d i a t o r i fra Dio e uomo si esprime
s u l p i a n o l i n g u i s t i c o mediante forme
con suffisso nelle quali essi sono detti profeti
dIsraele (Ger 2,26.30; Ez 13,4; Neem 9,32
ecc.) o di Gerusalemme (Mi 3,11; Sof 3,4; Lam
2,9.14; 4,13; Ez 22,28) oppure profeti di Jahwe
(IRe 19,10.14; Sai 115,15; lCron 16,22 ecc.),
come pure mediante catene costrutte nelle qua
li essi vengono definiti sia profeti di Israele
(Ez 13,2.16; 38,17) o d i Samaria e d i Ge
rusalemme (Ger 23,13-15) sia profeti di
Jahwe (IRe 18,4.13, cfr. nb leJhwh v. 22;
ISam 3,20; IRe 22,7 = 2Cron 18,6; 2Re 3,11;
2Cron 28,9). Solo in IRe 22,22s. (= 2Cron
18,21 s.) essi vengono designati come profeti del
re mediante suffissi ( i profeti dei tuoi genito
ri 2Re 3,13 sono i profeti ai quali si erano ri
volti i genitori del re).

Un significato ristretto di nb ' ni. si trova solo


in Gioe 3,1 (ricevere una rivelazione profeti
ca), un significato'traslato in lCron 25,1-3
inneggiare entusiasticamente (con canto e
musica cultuale) (il che si spiega con il fatto
che profeti del culto in epoca postesilica entra

2/ Il s e g n o d i s t i n t i v o primario di tutti
i profeti di Israele, se si escludono i gruppi pi
antichi formati dagli estatici, la parola rice
vuta da Jahwe (dbr Ger 18,18; 27,18; hzn
Ez 7,26; cfr. O.Grether, Name und Wort Gottes im AT, 1934), che essi devono trasmettere

15

K33 nbi PROFET A

16

ai destinatari da lui designati. Essa rivolta


ai profeti (2Sam 24,11; IRe 13,20; Ger 37,6
ecc.), in loro (Ger 5,13), Jahwe la dice
a loro (Ger 46,13 ecc.), per cui essi parlano
in nome di Jahwe (Deut 18,20 ecc.) oppure
Jahwe parla mediante (loro) (Ger 37,2; cfr.
Agg 1,1.3 ecc.). - Jahwe d compimento alla
sua parola, poich veglia su di essa (Ger
1.12), la realizza (Ger 28,6), la porta a
termine (Ez 12,25-28), la conferma (Dan
9,24). Cfr. particol. Is 55,10s.
3/ Di importanza decisiva a questo proposi
to se li n i z i a t i v a di trasmettere la parola
di Dio viene dai profeti o da Jahwe.
a) Il primo caso si verifica quando delle perso
ne trovandosi in necessit si recano dal profeta
per fargli interrogare Jahwe, per muoverlo
ad intercedere e ad implorare (pg1) Jahwe
(vd. sp. m/2b.3b). Preghiera e manifestazione
della volont di Jahwe sono qui indissolubil
mente unite; il profeta il mediatore tra Dio e
uomo come portavoce di Israele da un lato, e
come strumento attraverso il quale Jahwe par
la dallaltro, e questo compito viene pi volte
presentato come la funzione profetica per ec
cellenza (ISam 9,9; Gen 20,7; 2Re 3,11; Ger
27,18). Cfr. i detti profetici dei salmi e inoltre
S. Mowinckel, Psalmcnstudien III, 1923; J.Je
remias, l.c. 1lOss.
b) Pi spesso per Jahwe che invia diretta
mente i profeti presso determinate persone con
un messaggio non richiesto. 1 profeti, a comin
ciare da Gad e Natan (2Sam 7,5.8; 12,7.11;
24.12), si legittimano in questo caso con la for
mula del messaggero, tratta dal linguaggio di
plomatico, k m ar Jhwh cos parla (o ha
parlato) Jahwe , formula alla quale essi tutta
via fanno spesso precedere espressioni partico
lari che giustificano e motivano o condiziona
no il messaggio (cfr. C.Westermann, Grundformen prophetischer Rede, 21964, con bibliogr.).
Essi sottolineano mediante azioni simboliche
(IRe 1l,29ss.; Is 20; Ez 4,lss.; 5,lss. ecc.), che
possono trasformare radicalmente la loro stessa
vita (Os 1; 3; Ger I6,ls. ecc.), la certezza che
ci che stato annunciato accadr (G.Fohrer,
Die symboi ischen Handlungen der Propheten,
21968).
Neirambiente vicino ad Israele un simile inter
vento non richiesto di figure profetiche ci te
stimoniato oltre che dal racconto del viaggio di
Wen Amon (11 sec.; ANET 25-29), dalle let
tere di Mari (18* sec.; cfr. Ellermeier, l.c.).
Sorpresi involontariamente dalla divinit, que
sti uomini si considerano degli inviati, si legit
timano con la formula del messaggero e parla
no in prima persona come Dio. Nelle lettere il
destinatario della loro parola il re, a cui ven
gono fatte delle promesse (di vittoria) e anche
delle richieste (riguardanti in modo particolare
17

nbV PROFETA

il culto) che vengono sottolineate con minacce


divine in caso di disubbidienza. Questo com
portamento simile allattivit profetica di
Gad, di Natan, di Achia di Silo, anche se a
Mari le parole che annunziano sventura sono
sempre solo delle minacce condizionate, e non
dipendono quindi mai dal fatto che il re ha gi
trasgredito la volont di Dio (cos 2Sam 12;
24,1 lss.).

4/ Attraverso il profeta e la sua parola Jahwe


incontra luomo; egli si glorifica in lui (2Re
5,8; Ez 8,5; 33,33; cfr. IRe 17,24; 18,36) e ca
stiga colui che impedisce al profeta di parlare,
perch in tal modo a Jahwe stesso che si im
pedisce di parlare (Am 7,12ss.; Ger 20,lss.
ecc.).
5/ Nelle molteplici tradizioni - prima di
Amos parole straordinarie di profeti inserite in
narrazioni particolari, in gruppi di discepoli
dopo Amos raccolte sistematiche di parole
profetiche - si nota come con Amos e con lav
vento della cosiddetta profezia scritta mutino
radicalmente i destinatari, il c o n t e n u t o del
messaggio profetico e la posizione nei confronti
della tradizione (cfr. E. Wurthwein, ZAW 62,
1950, 10-52 = Wort und Existenz, 1970,
68-110; W.H.Schmidt, EvTh 31, 1971, 630
650).
a) Prima di Amos il messaggio profetico si ri
volge esclusivamente a persone singole e, dato
il carattere della tradizione, per lo pi al re, di
cui viene messa in luce la colpa e al quale vie
ne annunciata in nome di Jahwe una dura pu
nizione (2Sam 12,lss.; IRe 14,10ss.; 20,38ss.;
21,19 ecc.); anche Israele pu essere coinvolto
nella punizione (2Sam 24,1 lss.; IRe 22,17s.).
Si hanno inoltre promesse per il re, riguardanti
la stabilit della dinastia (2Sam 7), vittorie
(IRe 20,13.28) o guarigioni (2Re 20,5s.).
Nei profeti scrittori preesilici, invece, raramen
te si tratta di singoli (Am 7,l4ss.; ls 22,15ss.
ecc.) o di determinati ceti professionali (Mi 3;
Ger 23,9ss. ecc.); per lo pi tutto Israele che
viene colpito dal giudizio e dalla rovina per la
sua colpa. Con insuperabile durezza viene an
nunciata ad Israele la fine (Am 8,2; cfr. Ez
7), cl}e pu verificarsi in diversi modi (terre
moto, assalto nemico, pestilenza ecc.). Non si
tratta ovviamente di previsioni esatte; i profeti
vogliono ottenere piuttosto che il futuro, di
pendente da Dio, determini al presente la con
dotta di Israele nei confronti di Dio e delluo
mo.
b) Alcune accuse profetiche sono rivolte con
tro mancanze nellambito sociale (Amos, Mi
chea, Ez 22), pi spesso ancora contro il di
sprezzo di Jahwe, che pu esprimersi confon
dendo Jahwe con Baal (Elia, Osea, il primo
Geremia, Ezechiele), consultando dei stranieri

(2Re 1; 3,11; Os 4,12; Ger 2,22 ecc.), confi


dando presuntuosamente nella propria astuzia
politica (Isaia, Geremia), dimenticando le
azioni salvifiche di Jahwe (Am 2,9; Os 9,10ss.;
1 l,lss.; Is 5,1 ss. ecc.). Alla fine, per questi pro
feti, Israele naufraga di fronte a Jahwe (von
Rad II, 421 ss. = ital. II, 477ss.). La colpa di
Israele sembra talvolta cos profonda da far ri
tenere impossibile una conversione (Os 5,4.6;
Is 6,10; 29,9s.; Ger 2,22; 13,23); le ammoni
zioni sono relativamente rare (Am 5,4s.; Os
14,2 ecc.). Solo con Ezechiele il singolo viene
posto di fronte alla scelta tra la vita e la
morte (3,17ss.; 18; 33; cfr. Zimmerli, GO
178ss. = Rivelazione eli Do, 1975, 161 ss.), e in
epoca esilica negli strati secondari del libro di
Geremia risulta evidente una specifica esorta
zione alla conversione (vd. st. llb ; cfr. Wolff,
GesStud 130ss.).
c) Una grande importanza assumono i detti
profetici contro il culto di Israele. Poich Israe
le riteneva di essere sicuro da ogni disgrazia in
forza delle sue pratiche cultuali (Mi 3,11; Ger
7 ecc.), la critica profetica al culto ribadisce
come idea centrale che le pratiche liturgiche di
un Israele estraniatosi da Jahwe non raggiungo
no pi Dio e perci diventano prive di senso
(Am 4,4s.; 5,2lss.; Is l,10ss.). Osea e il primo
Geremia si scagliano inoltre contro un culto
che ha le stesse caratteristiche di quello di
Baal.

stesso tempo i profeti prendono posizione ri


spetto alle pi importanti questioni politiche
(Is 7,lss.; 31,1 ss.; Ger 21,8 ecc.).
g) Mentre i primi profeti rifacendosi ad anti
che tradizioni (tradizione della tenda 2Sam
7,6s.; tradizione della guerra di Jahwe: ISam
15; 2Sam 24; IRe 20,35ss.; primo comanda
mento: IRe 18,2 lss.; tradizioni giuridiche
2Sam 12; IRe 21; cfr. R.Rendtorff, ZThK 59,
1962, 145ss.) volevano preservare la fede di
Jahwe da infiltrazioni cananaiche, il nuovo
messaggio dei profeti a partire da Amos pu
servirsi spesso della tradizione solo per trasfor
marla nel suo contrario: Jahwe ora fa guerra
ad Israele (Is 28,21; Ger 4,5ss. ecc.), lo riporta
in Egitto (Os 8,13), gli porta via la terra (Am
7,11.17 ecc.), ritira la promessa di alleanza (Os
1,9) ecc.
Quando prospettano la salvezza futura i profeti
riprendono il linguaggio dei salmi (Dtis), la
tor sacerdotale (Ez), le espressioni che si rife
riscono alla salvezza del re, allalleanza, ecc.,
ma trasformando profondamente il tutto trasfe
rendolo nel futuro (promesse messianiche, nuo
va alleanza Ger 31,3 lss.), estendendolo a tutto
Israele o addirittura a tutti i popoli (Is 2,2ss.
ecc.). Considerando il nuovo modo di agire di
Jahwe il Dtis pu persino pretendere che si di
mentichino le cose passate (ls 43,18).

e) La salvezza - tranne che in Osea (1 l,8s.; 14)


- attesa e sperata solo oltre il giudizio (Ger
30s.; 32,15; Ez 37 ecc.) oppure solo per una
piccola parte di Israele (i credenti: Is 28,16;
7,9; gli umili: Sof 2,3; cfr. ivi e in Am 5,15 il
limitativo forse; -+laj), finch nellesilio
con il Deuteroisaia lannuncio della salvezza
balza predominante in primo piano. Anche
ora, tuttavia, come in Os, la salvezza si fonda
solo in Dio, non nel mutato atteggiamento di
Israele; cfr. S.Herrmami, Die prophetischen
Heilserwartungen im AT, 1965.

6/ a) Mentre i primi profeti in ogni discorso,


in ogni azione, ed in ogni loro intervento inat
teso riconducono il proprio p o t e r e alPefficacia dello spirito (ISam 10,6.10; 19,20ss.;
IRc 18,12; 22,21s.; 2Re 2,9.16 ecc.), i profeti
scrittori, ad eccezione di Ez (cfr. W.Zimmerli,
BK XIII, 1264s.), evitano questo luogo teologi
co (solo Os 9,7 in bocca agli ascoltatori, Mi
3,8 in unaggiunta esplicativa e pi tardi Is
48,16; 61,1; Gioe 3,1; cfr. S.Mowinckel, JBL
56, 1937, 26lss.). Essi parlano invece di parola
che viene, della missione da parte di Jahwe
(Am 7,15; Is 6,8s.; Ger 1,7 ecc.), di dialoghi
con Dio avvenuti in una visione (Am 7s.; Ger
1 ecc.), della mano di Jahwe che afTerra (Is
8,11; Ez 1,3; 3,14.22 ecc.; cfr. per gi IRe
18,46; 2Re 13,15s.), della parola che viene dal
lalto (Is 9,7), della parola che come fuoco e
martello (Ger 23,29), ecc., per esprimere 1 o b
b l i g o di parlare che grava su di essi ed al
quale non si possono sottrarre (Am 3,8; Ger
17,16; 20,7ss.; 23,9).

0 La parola profetica si inserisce ih situazioni


concrete. Annuncio di giudizio (come ls
30,lss.; Ez 17,1 lss.) e parole di salvezza (come
le parole di Ciro in Dtis) si riallacciano spesso
a determinate condizioni della politica intema
zionale. Le varie potenze appaiono come stru
menti di Jahwe, il signore della storia universa
le (Is 7,18ss.; 10,5ss.; Ger 27,lss. ecc.). Nello

b) Poich talvolta Jahwe nega loro la possibili


t di intercedere (Ger 7,16s.; 11,14; 14,11;
15,1; cfr. Am 7,1-6 con 7,7s.; 8,ls.), essi passa
no completamente dalla parte di Jahwe, tanto
che il loro annuncio del giudizio - specialmen
te in Os e in Ger - si accompagna ai lamenti
sul destino del loro popolo (Os 7,8s.; 8,8; Ger
4,19ss.; 8,18ss.; 14,17s. ecc.) e in Ger al peso

d) Parole di maledizione contro popoli stranie


ri, forse pronunciate originariamente per riaf
fermare la condizione di salvezza di Israele
(cfr. p.e. Num 24,20; Sai 60,10), nei profeti
scrittori indicano per lo pi che i popoli, al
pari di Israele, sono maturi per il giudizio e
che la loro fine imminente rispecchia il destino
d Israele (Am l,3ss.; Sof ls. ecc.).

19

nbi' PROFETA

20

di un incarico non desiderato (17,16; 20,7ss.


ecc.).
7/ Un compito speciale viene affidato a Gere
mia. Egli chiamato ad essere p r o f e t a
d e l l e n a z i o n i (nb' laggjm Ger 1,5),
profeta che, eletto come il re dal seno materno
per essere mandatario di Jahwe (cfr. Eccli
49,6s.), esercita un potere divino sul mondo,
poich trasmettendo egli stesso la parola di
Dio annuncia ai popoli la loro ascesa e la loro
caduta (1,10).
8/ a) Come gi Michea ben [mia (IRe 22), an
che i profeti scrittori preesilici - ad eccezione di
Osea - si c o n t r a p p o n g o n o energica
mente ai p r o f e t i c o n t e m p o r a n e i ed ai
gruppi di profeti (cfr. f. gli a. G.Quell, Wahre
und falsche Propheten, 1952; E.Osswald, Falsche Prophethie im AT, 1962). 1 loro rimpro
veri contro di essi riguardano venalit (Mi 3,5;
Ez 13,17ss.), trasgressione di elementari norme
etiche (Is 28,7s.; Ger 23,14; 29,23), noncuran
za per l'intercessione (Ger 27,18; Ez 13,5), ma
fondamentalmente il loro annuncio di salvezza
si inserisce in una situazione di disgrazia in cui
Israele venuto meno nei confronti di Jahwe.
Mentre in IRe 22,19ss.; Mi 3,5 questo rimpro
vero si basa sul fatto che Jahwe avrebbe sedot
to i profeti (cfr. Ez 14,9) o che i profeti avreb
bero pervertito i loro poteri (cfr. Ez I3,17ss.),
Geremia per primo contesta ai suoi avversari il
fatto che sia stato Jahwe a mandarli (14,14;
23,21 ecc.; cfr. J.Jeremias, EvTh 31, 1971,
314ss.), ed seguito in ci da Ezechiele
(13,3.6s.; 22,28). Dato che essi annunciano
salvezza (slm 14,13 ecc.), ma ci significa
in realt (come dice Geremia in modo stereoti
po) che essi predicono menzogna (nb' ni.
sqar) oppure vedono visioni fondate sui
propri desideri (14,14; 23,25ss. ecc.; cfr. Is
9,14; Ez 13,2ss.l7), e dato che pronunciano
parole che finiscono per irretire ancor pi pro
fondamente Israele nella colpa invece di por
tarlo a riconoscere le proprie mancanze (Ger
23,14.22.27; 28.15; 29,31; Ez 13,I0ss.22),
menzogna , cd eventualmente Baal (2,8), an
che la fonte dei loro discorsi (5,31 ; 20,6), e non
pi Jahwe (cfr. M.A.Klopfenstein, Die Liige
nach dem AT, 1964; Th.W.Overholt, The
Threat of Falsehood, 1970).
b) Tuttavia anche questi profeti avanzano la
pretesa di annunciare la parola di Dio, e per
legittimare il loro messaggio si servono delle
formule cos dice Jahwe e detto di Jah
we (Ger 28; Ez 13,6s.; 22,28 ecc.). I racconti
di vocazione dei profeti scrittori, in cui essi ri
chiamano il rifiuto opposto alla missione di
Dio (Ger 1,6; cfr. Ez 3s.; Giud 6,1 lss.; Am
7,14s.) o la loro partecipazione in visione al
lassemblea divina (Is 6; Ez 1-3; cfr. IRe
21

IC33 nb PROFETA

22,19ss.; Ger 23,22), mostrano con il loro ca


rattere di documenti di legittimazione
(H.W.Wolfi) che anche i loro poteri venivano
messi in dubbio (Is 5,19; 28,9ss.; 30,10; Ger
5,13; 11,21; 17,15; Ez 12,27; Mi 2,6s. ecc.).
Questo dubbio si espresse concretamente con
la persecuzione dei profeti, fino ad ucciderli
(IRe 18,4.13; 19,10.14; Ger 2,30; 26,20ss.
ecc.). Per gli estranei la lotta tra profeta e pro
feta fu decisa solo con la caduta di Gerusalem
me; i profeti scrittori furono riconosciuti
come i veri messaggeri di Jahwe e furono di
stinti quali profeti anteriori (hcinnebm
hnsn\m Zac 1,4; 7,7.12) dai profeti esilici e
postesilici.
9/ Nelle Lam si piange la morte dei profeti
assassinati nel tempio insieme ai sacerdoti
(Lam 2,20). Senza profeta Israele non sa quan
to duri il tempo del castigo che gli inflitto
(Sai 74,9) ed i profeti superstiti non ricevono
pi la parola di Jahwe (Lam 2,9). Seguendo
Geremia si attribuisce ai profeti la colpa di
aver contemplato in visione menzogna per
Israele, invece di indicargli le sue mancanze
(Lam 2,14; cfr. 3,14). In questo periodo si col
loca il grande messaggio di salvezza di Ezechie
le e del Deuteroisaia.

10/ Anche il D e u t e r o n o m i o prende


posizione due volte sui conflitti tra i profeti.
Esso commina la morte ai profeti i quali, pur
adducendo come prova dei prodigi, inducono
Israele a trasgredire il primo comandamento
(13,2ss.) o si presentano in nome di Jahwe sen
za la sua autorizzazione (18,20). La parola le
gittimata da Jahwe e che proviene completa
mente da lui (18,15) si riconosce dalla sua rea
lizzazione (18,22; cfr. Ger 28,8s., ma con di
versa accentuazione), e dallubbidienza ad essa
si decide il destino di Israele (18,19).
11/ Gli spunti teologici del Deut vengono ri
presi durante lesilio dai c i r c o l i dt r . , i
quali a) presentano la storia di Israele del pe
riodo monarchico come una storia caratteriz
zata dallesatto compimento di tutte le predi
zioni profetiche (IRe 14,18; 16,12; 2Re 14,25
ecc.; testi in von Rad, GesStud I93ss.), b) par
lano di una serie ininterrotta di interventi di
profeti che Jahwe ha inviato quali suoi ser
v i (2Re 17,13.23; 21,10; 24,2; cfr. 9,7; Ger
7,25; 25,4; 26,5; 29,19; 35,15; 44,4) o che ha
suscitato [qm hi. Deut. 18,15.18; Am 2,11;
Ger 29,15), e che conoscendo perfettamente i
piani di Jahwe (Am 3,7; Zac 1,6) hanno am
monito il popolo alla conversione, alla peni
tenza e al rispetto della legge, ma senza succes
so (Giud 6,8ss.; 2Re 17,13s.; Zac l,4s.; Ger
25,5; 35,15 ecc.; cfr. Am 2,12; Ez 38,17). Con
questa visione delle cose si vuole condune
Israele a dare una risposta affermativa al giudi
22

zio che si avverato e ad accogliere la nuova


possibilit di conversione, se non vuole essere
completamente distrutto (cfr. W.Herrmann,
Die Bedeutung der Propheten im Geschichtsaufriss des Dtr, Berlin 1957 [tesi]; WollT, GesStud
308ss.).
12/ Sulla scia dei circoli dtr. il libro di D a
n i e l e ed il C r o n i s t a parlano retrospetti
vamente dei profeti come di servi di Jahwe
che hanno ammonito, ma non hanno trovato
ascolto (Neem 9,26.30; 2Cron 24,19; 36,15s.;
Dan 9,6.10), ed hanno persino subito Io scher
no e la morte (2Cron 36,15s.; Neem 9,26 ecc.;
cfr. in proposito O.H.Steck, Israel und das gcwaltsame Geschick der Propheten, 1967). Il
Cron. fa tenere spesso discorsi di ammonimen
to o di punizione a figure profetiche note dalla
tradizione (2C'ron 12,5; 15, lss.; 21,12ss.;
24,20; 28,9ss.) o anonime (Esd 9,1 lss.; 2Cron
25,15s.), mette sullo stesso piano la fiducia nei
profeti e la fiducia in Jahwe (2Cron 20,20; cfr.
Es 14,31), presenta i profeti come organizzatori
della musica nel tempio (2Cron 29,25) e indica
come proprie fonti gli scritti profetici (lCron
29,29; 2Cron 9,29; 12,15; 13,22; 26,22; 32,32).
Per il libro di Daniele le predizioni di Geremia
si compiono nel presente, considerato come li
nizio dellepoca finale (Dan 9,2.24).
13/ D o p o l e s i l i o la profezia volge al
declino; esso venne dopo che alcuni discepoli
ebbero ripreso il messaggio del Deuteroisaia,
lamentando per una profonda frattura in
Israele (Is 56-66), dopo che Aggeo e Zaccaria
ebbero annunciato linizio della ricostruzione
del tempio come volere di Jahwe ed ebbero
proclamato Zorobabele quale re del tempo del
la salvezza, e dopo che Malachia ebbe manife
stato nello stile della disputa il malcontento di
Jahwe per lindolenza di Israele. Nel memoria
le di Neemia i profeti e le profetesse vengono
presentati in modo molto negativo: essi parla
no per conto di sobillatori politici (Neem
6,7.10ss.l4), e in Zac 13,2ss. il profetismo,
presentato con tratti sincretistici, viene posto
addirittura sullo stesso piano del culto degli
idoli (K.EIliger, Das Buch der zwif Kleinen
Propheten, II = ATD 25, 1950, 162-164). Altri
profeti passarono nelle file dei leviti (cfr.
2Cron 34,30 con 2Re 23,2 e in proposito
S.Mowinckel,
Psalmenstudien
III,
1923,
I7s.21.s.24ss.; Johnson, l.c. 66ss.; Plger, l.c.
190ss. ecc.). Alle soglie dellapocalittica stanno
Ez 38s., il Deuterozaccaria (Zac 9-14), Gioele,
Is 24-27 e soprattutto Daniele.
I LXX traducono sempre nb con
e il verbo (eccetto lCron 25,1-3)
con upocp-rxeuEiv. Gli avversari dei profeti
scrittori, soprattutto quelli del profeta Gere
V/

7tpo<|>riTr)c;

23

mia, sono chiamati spesso i|>Eu5o7tpo<pTiTrK (nel


Targum spesso nbjj sqr).
A Qumran il sostantivo (I6x) usato pi spes
so del verbo (lx ni.); si hanno citazioni profeti
che riportate alla lettera (CD 3,21; 4,13; 7,10;
19,7; 4QF1 1,15s.) e si prosegue con luso dtr.
(lQpAb 2,9; 7,5.8; 1QS 1,3; 4QDibHam 3,13)
e di Geremia (CD 6,1; IQH 4,16); inoltre si
parla di libri di profeti (CD 7,17), ricolle
gandosi a Deut 18,5 si attende un profeta esca
tologico (1QS 9,11) e la rivelazione profetica
viene ricollegata allo spirito santo di Jahwe
(1QS 8,16).
Per gli ulteriori sviluppi delluso linguistico
vtrt. nel resto del giudaismo postbiblico e nel
NT cfr. E.Fascher, Prophetes, 1927; R.Meyer,
Der Prophet aus Galila, 1940; H.A.Guy, NT
Prophecy, 1947; F.Gils, Jsus prophte, 1957;
F.Hahn, Christologische Hoheitstitel, 1963,
35lss.; per lintero argomento H.Kramer R.RendtorfT - R.Meyer - G.Friedrich, art.
TtpocpiVroc; ThW VI, 781-863 (= GLNT XI,
439-652).
JJeremias

TT

nbl STOLTO

1/ La questione delletimologia di nbl


stolto, folle non viene ancora risolta unani
memente; sono state avanzate diverse ipotesi f.
gli a. da J.Barth, Wurzeluntersuchungen zum
ebr. und aram. Lexicon, 1902, 28s.; P.Joion,
Bibl 5, 1924, 356-361; W.M.W.Roth, VT 10,
1960, 394-409. Le pi antiche lingue semitiche
non attestano alcuna corrispondenza soddisfa
cente (il verbo acc. citato da Roth, l.c., da
accostare a naplu mandare in rovina, rom
pere, distruggere e da ricollegare allebr. npl
cadere , cfr. AHw 733b).
Se si prescinde dai nomi etimologicamente non chia
riti nbcel 1 brocca e ncebal/nbal II arpa o
sim . (cfr. oltre ai lessici anche DISO 173; UT nr.
1598), alcuni studiosi suppongono per i vocaboli
vtrt. con le radicali rtbl ununica radice; in questo
caso sia nlbl cadavere come pure nbl stol
to, folle e nebl stoltezza, e anche nablt
vergogna (della donna) , attcstato una sola volta
(Os 2,12), si considerano derivati da un unico verbo
ubi appassire (cos Barth, l.c.; W.Caspari, N K Z
39, 1928, 668-695; A.Caquot, R H R 155, 1959, 1-16;
KBL 589; Zorell 494; con maggiori riserve anche
Joion e Roth, l.c ). Altri, invece, suppongono due
radici nbl, e precisamente nbl I appassire (qal
20x; per la versione tradizionale cfr. Joion, l.c. 357)
con nc'bl cadavere (48x, di cui 19x in l^ev, lOx
in IRe) e nbl II essere stolto (qal Prov 30,32; pi.
Deut 32,15; Ger 14,21; Mi 7,6; Nah 3,6) con i nomi
nbl, nebl e solitamente anche nablt (cfr. tutta
via Roth, l.c. 397 n.8; inoltre KBL Suppl. 170, con
tro P.Steininger, Z A W 24, 1904, 14ls.; G V G I, 382;

nbl STOLTO

24

Meyer II, 35), cos f. gli a. GB 480b; K.H.Fahlgren,


sedk, 1932, 28-32 (ora anche in K.Koch, U m das
Prinzip der Vergeltung, 1972, 115-120). Rimane in
vece incerto se anche il none di persona Nbili
(ISam 25,25 spiegato come stolto) appartenga ori
ginariamente a nb! Il (cos Noth, IP 229; F.L.Benz,
Personal Names in th Phoenician and Punic Inscriptions, 1972, 146.358), cfr. Buccellati 152s.,
H.Schult, Vergieinchende Studien zur atl. Namcnkunde, 1967, 93s.

La possibilit di una radice unica nbl non


forse da escludere, tuttavia la sua dimostrazio
ne si imbatte in grandissime difficolta, come si
pu dedurre dai tentativi di spiegazione, molto
diversi tra loro, citati sopra. E chiaro perci
che linterpretazione del contenuto viene ad as
sumere un ruolo decisivo. Analizzati sotto il
profilo semasiologico i vocaboli di radice nbl
presentano tuttavia due campi semantici ben
delimitati, che devono essere messi in relazione
con le due radici segnalate (cfr. Roth, l.c.
398ss.). Cosi, almeno da un punto di vista semasioiogico-funzionale, pi opportuno di
stinguere due radici (omonime) nbl, di cui qui
viene trattata nbl II.
. .
Di nbl li ricorrono soprattutto realizzazioni
nominali: il termine riferito a persona nbl,
usato a volte come aggettivo e a volte come so
stantivo, e lastratto nebl. Il verbo ricorre in
qal ed in pi.; nbl pi. stato spesso considerato
come denominativo di nbl (cfr. Barth, l.c.
29; Roth l.c. 407; Zorell 494a).

2/ La radice nbl II attestata 36x (prescin


dendo da nablt): 5 si riferiscono al verbo (q.
lx; pi. 4x, vd. sp.), 18 a nbl (Sai 5x, Prov
3x, Deut, 2Sam, Is e Giob 2x, Ger e Ez lx) e
13 a nebl (Giud 4x, Is 2x). Questo gruppo
terminologico ha dunque una diffusione relati
vamente ampia, presentando 13 attestazioni
nella storiografia dtr., 10 negli scritti profetici e
7 in quelli sapienziali (senza Eccle), 5 in Sai e
1 in Gen (34,7).
3/ Come significato principale del termine
personale nbl si indica generalmente stol
to se ha funzione di aggettivo (Deut 32,6.21;
Ez 13,3; Sai 74,18; forse anche Ger 17,11) e
lo stolto se viene usato come sostantivo (gli
altri 14 o 13 passi). Tuttavia nbl - come il
resto di questo gruppo terminologico - possie
de pi significati rispetto agli altri termini usati
nellAT per indicare stolto (-*ww7/, -kfsil,
-+pth\ Fahlgren, l.c.; U.Skladny, Die ltesten
Spruchsammlungen in Israel, 1962, 10
12 32ss.50ss.; T.Donald, The Scmantic Field
of Folly . . . , VT 13, 1963, 285-292). Per
una sua equilibrata comprensione globale si
devono quindi tenere presenti diversi aspetti.
Anche la ricostruzione di una storia di questo
concetto rimane incerta (cfr. Roth, l.c. 402ss.).
a) Nella coniugazione fondamentale il verbo
25

^33 nbl STOLTO

esprime unazione sconsiderata (sia sconve


niente sia sciocca; Prov 30,32, cfr. W.McKane,
Proverbs, 1970, 664) il cui contrario un azio
ne intelligente e ponderata (opposto: zmm ri
flettere ; cfr. mezmm progetto, avvedutez
za ). Di solito in questo richiamo alla rifles
sione (Gemser, H A I 16,107) si esprime 1i
deale sapienziale del giusto tacere (cfr. G. von
Rad, Weisheit in Israel, 1970, 116 = La sapien
za in Israele, 1975, 84).
Rispetto alla coniugazione fondamentale, la
coniugazione con raddoppiamento non ha qui
valore fattitivo, come produrre lo stato di
nbl, istupidire e/o rendere sie (W.Richter,
Recht und Ethos, 1966, 56, in riferimento a
Mi 7,6), ma piuttosto un valore estimativo (cfr.
Jenni, HP 41: considerare spregevole; cosi
eventualmente in Deut 32,15; Mi 7,6); tuttavia
vi inclusa anche unazione esterna (particol.
in Ger 14,21 e Nah 3,6, ma anche in Deut
32,15; Mi 7,6), per cui la migliore traduzione,
con KBL 589b, trattare con disprezzo.
Una certa impronta sapienziale presentano
Deut 32,15 (per laccento posto sul diventar
grasso in senso negativo -* awil 1; cfr. Sai
73,3-11; Ger 5,28) e Mi 7,6 (ribellione contro
lordine costituito; cfr. von Rad, l.c. 102ss. =
ital. 75ss.). I quattro passi sono per ancor pi
fortemente orientati in senso etico-religioso.
Dio loggetto dellazione in Deul 32,15, dove
nbl pi. con il termine parallelo nts rifiutare
esprime lapostasia del popolo, ed soggetto
dellazione in Ger 14,21 e Nah 3,6; il verbo
esprime qui lazione punitiva di Dio, il suo
atto di distruzione in circostanze infamanti.
b) Tra i nomi il pi vicino al verbo lastratto
nebl. Sia il termine astratto che il verbo pos
sono occasionalmente essere usati per lazione
di Dio nei confronti degli uomini; cosi nel dif
ficile passo di Giob 42,8, dove nebl espres
sione insolita per latteggiamento/azione di Dio
nei confronti degli amici di Giobbe, nel senso
di un giudizio-punizione e di un disonore (cfr.
Fahlgren, l.c. 30-32 [opp. 118-120]; Roth, l.c.
408; Fohrer, KAT XVI, 538.540: faccia a
voi qualcosa di vergognoso), a meno che la
vaga costruzione con linf. non intenda espri
mere una punizione che, su comando di Dio,
deve essere eseguita da altri (cfr. Caspari, l.c.
672). La formula pi o meno analoga alle
spressione ih nebl (beJisrl) fare una
n'bl (in Israele). Questa espressione, che
(con una certa variazione sintattica) ricorre
come formula convenzionale 8x in riferimento
ad infamie e 2x riceve anche una motivazione
apodittica (Gen 34,7; 2Sam 13,12), legata so
prattutto ad una mancanza/colpa sessuale: Gen
34,7; Deut 22,21 (par. hra il male); Giud
19,23 (par. r" hi. agire in modo riprovevo
le), 24; 20,6 (par. zimm infamia). 10;
2Sam 13,12 (vd.sp.); fi la. intesa in senso
26

sessuale in unaccusa contro i falsi profeti in


Ger 29,23 (cfr. Rudolph, HAT 12, 185; vd.
anche Ez 13,13, dove in un detto di maledizio
ne lattributivo nbl serve a caratterizzare
globalmente i falsi profeti; cfr. per Zimmerli,
BK XIII, 282); Gios 7,15 la riferisce al furto di
ci che votato allo sterminio (-*hSmm\
insolita espressione parallela: 'br cel~bCJnt Jhwh
rompere lalleanza di Jahwe), In tutti i pas
si si ha una fatale rottura con il codice etico
stabilito di Israele (cfr. Richter, l.c. 50s.); le
scelleratezze procurano ai loro esecutori solo
disgrazia e disonore (cfr. Fahlgren, l.c. 29ss.
[opp. 117ss.]; Roth, l.c. 404ss).
Due volte, e cio in 2Sam 13,12s. e Is 32,5s., il
termine personale nbl viene usato insieme
allastratto nebl; lattenzione si rivolge cosi
pi fortemente alle persone o ai gruppi di per
sone che stanno dietro lazione. In Is 32,6 si
esprime questa motivazione del tutto generica:
Io stolto {nbl) dice stoltezza (nebl), e
nellaccusa profetica di Is 9,16 si dice a propo
sito del popolo del regno del nord: ogni boc
ca dice nebl (par. hnf em pio e mra'
malfattore, -r " hi.). Con questo dire,
che d luogo ad un giudizio globale squalifi
cante dal punto di vista religioso, non si inten
dono semplicemente particolari parole sacri
leghe (cfr. Jenni, HP 170; Roth, l.c. 407); in
questo caso, luso quasi assoluto dellastratto
assieme al termine personale dovrebbe mirare
piuttosto ad una caratterizzazione globale, e
cio aUatteggiamento di fondo in base al quale
la persona agisce, come pure al rapporto reci
proco tra lazione e colui che la compie, come
si verifica nella caratterizzazione della persona
mediante il nome Nabal in ISam 25,25. Ci
che la motivazione di Is 32,6 dice brevemente
sullessere e lagire del nbl trova pi esau
riente spiegazione nel contesto (v. 5-8); qui, in
una sorta di elencazione, il nbl viene presen
tato come lopposto del nobile (ndb v. 5,
cfr. v. 8; par. klaj impostore, cfr. v. 7,
inoltre R.Borger, AfO 18, 1958, 416); egli cau
sa^ disgrazia (-> aween) e apostasia
(hnaj, -+hnp\ KBL 317b: allontanamento da
Dio) e dice cose errate (t. , -*t'h) su Jah
we; egli lascia che gli affamati continuino ad
aver fame e nega da bere agli assetati (v. 6). Il
nbl realizza il suo esscre-n'bl, cui appar
tiene come punto fondamentale la sua empiet.
Non un uomo ragionevole (maskl,
-*4kf), che cerca Dio (Sai 14,2), ma al con
trario nega lesistenza e la potenza di Dio (Sai
14,1 = 53,2; cfr. Sai 12,2ss.; 73,3ss.). Dato che
le stesse cose vengono dette anche dell em
pio (rs,
Sai 10,4), rasa' sembra indi
rettamente un sinonimo di nbl, cosa che da
un punto di vista sapienziale non suscita mera
viglia (cfr. -+'awil 4; -*hkm 4). Il sinonimo sa
pienziale di solito -+kesl stolto (Prov
17,21), il contrario hkm saggio (l
27

hkm insipiente Deut 32,6 in riferimento


al proprio popolo disobbediente, par. 'am
nbl popolo stolto, cosa che in Sai 74,18
viene detta di un popolo straniero, nemico; cfr.
anche Deut 32,21; Sai 74,22; per Is 9,16
vd.sp.). In questo senso ampliato laspetto reli
gioso ancor pi evidente, anche se la fraseo
logia quella sapienziale.
Oltre allimportantissimo aspetto etico-reli
gioso (e sapienziale) il termine personale nbl
presenta anche un aspetto sociale, particolar
mente studiato in tempi recenti (cfr. soprattut
to i lavori citati di Joon, Roth e Caquot,
come pure Caspari, Fahlgren e Skladny). La
posizione socialmente infima del nbl si pu
riconoscere da un lato dalla duplice contrappo
sizione con ndb nobile, distinto (Is 32,5,
vd.sp.; Prov 17,7, cfr. McKane, l.c. 507), dal
laltro dal proverbio numerico di Prov
30,21-23, dove nel v. 22s. ebivd schiavo,
scna donna rifiutata e sifh schiava
sono i vocaboli paralleli; importante anche il
sinonimo bel-sm (gente) senza nome
(Giob 30,8; cfr. Fohrer, KAT XVI, 418). Il
nbl un miserabile (cfr. Barth, l.c. 28s.; Jo
on, l.c. 358-361: bas, vii, ignoble), uno ri
fiutato dalla societ (Roth, l.c. 403: by his
very fate an auteast = un proscritto proprio
per il suo destino ), la cui morte senza onore
fini per diventare simbolo proverbiale della
miseria (2Sam 3,33; Ger 17,11).
Sotto il profilo semasiologico il gruppo termi
nologico nbl II presenta quindi uno spettro va
riegato, di cui difficile dare una versione esat
ta. Tuttavia, quasi impossibile trovare per
questa variet di significati unespressione com
plessiva migliore del gruppo terminologico tra
dizionale: stolto, stupido, stoltezza, anche
se in questo modo non vengono precisati i di
versi aspetti contenutistici. D altra parte, per,
nbl II pu arricchire notevolmente il restante
campo semantico di stolto/stoltezza dellAT.
4/ Come pu risultare da quanto detto sopra,
nelluso linguistico di nbl II sono indissolubil
mente intrecciati tra loro un senso profano
ed un senso religioso ; ci che rilevante sul
piano teologico gi stato esposto nel prospet
to generale (vd.sp. 3). Ma mentre ivi sono state
poste in evidenza soprattutto le differenze in
terne al campo semantico, ora bisogna conside
rare brevemente ci che comune a tutti gli
aspetti.
Lelemento che risultava pi importante era
quello etico-religioso, cui se ne aggiungevano
uno sapienziale ed uno sociale. Da un punto di
vista teologico per la distanza tra i vari aspet
ti non cosi rilevante come potrebbe sembrare
a prima vista. Infatti i diversi aspetti del nbl
- colui che socialmente miserabile, moral
mente abietto o religiosamente empio - come
TT

nbl STOLTO

28

pure della nebl - inlesa come infamia o em


piet - si basano tutti su una stessa concezione
dellordine universale, caratteristica soprattutto
del pensiero sapienziale (--*hkm). nebl signi
fica rottura di un legame (cfr. Fahlgren e Roth)
o, in senso attivo, ribellione contro lordine co
stituito. Questa rottura e questa ribellione sono
appunto stoltezza , sono mancanza di giudi
zio e di adesione ai buoni ordinamenti, il cui
garante Dio. Luomo che ne esce o ne deve
essere espulso nbl stolto , vile e ir
ragionevole (cfr. G. von Rad, Weisheit in
Israel, 1970, 90s. = La sapienza in Israele,
1975, 67). Il gruppo terminologico nbl II, con
la sua connotazione assolutamente negativa,
nellAT appartiene al pi vasto campo seman
tico della stoltezza, il quale si contrappone
a quello della sapienza; tuttavia nbl li pre
senta unimpronta giuridica e sociale pi ac
centuata rispetto ad ogni altro vocabolo di
questo campo semantico, e precisamente nel
senso negativo di ci che empio (cfr.
T.Donald, l.c.); questo mette in guardia contro
una riduzione intellettualistica della stoltezza
vtrt. n^bal intatti anche una forza pericolo
sa, cd il nbl, come il rasa ' empio , un
uomo pericoloso per la comunit , uno che
causa disgrazia ed fonte di rovina per s e
per gli altri (cfr. Caspari, l.c. 671.673s.).
5/ Le versioni antiche hanno inteso general
mente questo gruppo terminologico nel senso
di stolto (sostantivo e aggettivo), stoltezza .
Cosi i LXX (prescindendo dal verbo, che sta
to tradotto in modi molto diversi) hanno reso
nbl llx con <x9 pwv e 3x con nwpq, rfbl
con 9 termini, e tra questi 7x con cppocruvo
cfr. Caspari, l.c.; Joiion, l.c. 357; Roth l.c.
401; cfr. G.Bertram, art. puipt;, TW IV,
837-852 = GLNT VII, 732-766; id., art. cppqv
ThW IX, 216-231). Nei testi di Qumran que
sto gruppo terminologico ricorre in tutto 4x
(Kuhn, Konk. 139c). Per il NT va segnalato
soprattutto U. Wilckens, Weisheit und Torheit,
1959.
M.Scebe

l ! ngd hi. COMUNICARE


1/ I tentativi di far derivare il gruppo termi
nologico ebr. ngd hi. comunicare (ho. ve
nir comunicato ), ncgad di fronte e ngld
comandante , insieme con laram. ngd ti
rare (transitivo ed intransitivo) (aram. bibl. q.
scorrere Dan 7,10; cfr. KBL 1098a; E.
Vogt, Lexicon Linguae Aramaicae Veteris Te
stamenti, 1971, 109b; LS 413; Drower-Macuch
288b) ed altri vocaboli arab. ed et. da un signi
ficato fondamentale comune, restano pi o

29

IM

ngd hi. COMUNICARE

meno ipotetici (p.e. Noldeke, NB 197s.; GB


482: elevarsi, essere in alto; H.Gese, ZThK
61, 1964, 12s. n. 7: venir avanti, tirar
fuori). Probabilmente il verbo ngd hi. attesta
to solo in ebr. (anche ostraco di Lachis 3, r. 2
hi.; r. 13 ho.) annunciare, comunicare un
denominativo della prep. (originariamente con
funzione di sostantivo) ngeed (opposto, con
trario >) di fronte (W.J.Gerber, Die hebr.
Verba denominativa, 1896, 139; Zorell 495b),
mentre per ngld la questione delletimologia
non ancora chiara (p.e. GB 483b: elevato ;
Alt, KS II, 23 n. 2: colui che annunciato;
insostenibile J.J.Gliick, VT 13, 1963, 144-150:
pastore; cfr. W.Richtcr, BZ NF 9, 1965,
72s. n. 6s.).
Laram. bibl. possiede oltre al verbo citato sopra an
che la prep. ngad contro , ma forse come ebrai
smo o come glossa (Dan 6,11; cfr. F.Rosenthal, A
Grammar of Biblical Aramaic, 1961, 37). Il sign.
rendere noto, comunicare viene reso con hwh
pa./ha. (4+IOx in Dan; come prst. aram. si ha hwh
pi. proclamare in Sai 19,3; Giob 15,17; 32,
6.10.17; 36,2; cfr. Wagner nr. 91/92; J.A.Soggin,
A IO N 17, 1967, 9-14; Jenni, HP 112-119).

2/ Il verbo si trova 335x in hi. (ISam 47x,


2Sam 33x, Gen 31x, Is 29x [Dtis 21 x], Ger
28x, Giud 26x, 2Re e Sai 20x ciascuno, Giob
17x, Est I4x, IRe lOx) e 35x in ho. (Gen,
1Sam e 1Re 5x ciascuno, 2Sam 4x), soprattut
to nella letteratura narrativa, ngatd si trova
151 x (Sai 36x, Neem 19x, altrove meno di
lOx), ngld 44x (lCron 12x, 2Cron 9x, ISam
4x, 2Sam, IRe e Dan 3x ciascuno, Giob e
Prov 2x ciascuno, 2Re, Is, Ger, Ez, Sai e Neem
lx ciascuno).
3/ a) Per quanto riguarda ngd hi. abbiamo il
medesimo procedimento in tutti i passi: A co
munica a B qualcosa (C); questo processo si
compie mediante parole, ngd hi. un procedi
mento verbale personale; ad esso appartengono
sempre i tre elementi A, B e C, anche se non
sempre vengono espressi tutti e tre. La costru
zione pi semplice una forma verbale di ngd
hi. con le della persona e laccusativo di ci
che viene comunicato (Gen 44,24 e noi gli
comunicammo le parole del mio signore ), an
che se si trovano altre costruzioni (vd. i lessi
ci). Loggetto dellinformazione spesso una
proposizione oggettiva (introdotta spesso da kl
che) o un discorso diretto (p.e. Gen 45,26;
2Sam 11,5). Ci che viene comunicato pu ri
sultare dal contesto; cos pure non necessario
che venga esplicitata la persona di colui che
informa o comunica: linformazione pu essere
espressa in modo impersonale (p.e. ISam
23,1.25 assieme al v. 13 ho.). La mancanza del
destinatario si pu osservare soprattutto nei te
sti dei salmi (p.e. Sai 30,10); laccento posto
sul fatto che viene annunciata lazione di Dio,
il destinatario pu restare ignoto.
30

Nel caso in cui il verbo sia un denominativo di tirtgced di fronte ( portare davanti a qualcuno, ma
nifestare ), allora si verificata, rispetto al significa
to locale generale di ndgced (cfr. anche il sinonimo
nokah [~*jkh 1] e lifn davanti [->panini]) al
quale spesso corrisponde unazione visiva, una restri
zione allaspetto della comunicazione. Cfr. al contra
rio le locuzioni con ncgad che esprimono lessere al
corrente di qualcosa (in contesto teologico p.e. ISam
12,3; 2Sam 22,25 = Sai 18,25; Is 49,16; 59,12; Os
7,2; Sai 38,10; 69,20; 90,8; 109,15; Giob 26,6; Prov
15,11; Lam 3,35).

U significato del verbo, in corrispondenza alla


struttura semplice del procedimento, general
mente ben chiaro; tuttavia vi sono diversi am
biti di impiego, il cui rapporto reciproco e la
cui relazione con luso principale non sono
sempre del tutto chiari. Poich ngd hi. indica
un procedimento verbale personale, il verbo si
trova spesso in parallelo con verbi del dire: 'mr
dire (ISam 23,1 \-dbr parlare (Is 45,19),
spr pi. narrare (Sai 19,2), qr' chiamare
(Is 44,7); quelli che pi si avvicinano al nostro
verbo sono jd ' hi. far sapere = annuncia
re (Sai 145,4.12; Giob 26,3s.; 38,3s.) e sm
hi. far udire = annunciare (Is 41,22.26;
42,9 ecc.). Tuttavia rispetto ai verbi del dire vi
una chiara differenza nel fatto che ngd hi.
per lo pi un informare al d l di una distanza
spaziale: in moltissimi casi colui che annuncia
qualche cosa uno che proviene da un altro
luogo. Lo indicano i verbi di movimento che
spesso precedono ngd hi.: b venire (IRe
18,12 ecc.), hlk andare (IRe 18,16), sub
ritornare (2Re 7,15), Ih salire (Gen
46,31), jrd scendere (Ger 36,12s.), ms cor
rere (Num 11,27). A ci si connette stretta
mente una seconda particolarit: il movimento
che precede ngd hi., soprattutto se si tratta del
correre rapido del messaggero, indica che log
getto del linformazione qualcosa di importan
te, spesso vitale per il destinatario. Ci che gii
viene reso nolo qualcosa che egli deve sape
re: U n corriere corre incontro a un corriere,
un messaggero incontro a un messaggero, per
annunziare al re di Babilonia che la sua citt
conquistata da ogni lato (Ger 51,31).
E dunque proprio di ngd hi. - per lo meno in
un gruppo di passi - questo carattere dellan
nuncio di qualcosa che importante per il de
stinatario. Partendo da questo elemento se
mantico si chiariscano due ambiti particola
ri di impiego: a) linterpretazione di un so
gno (Gen 41,24; il verbo specifico in proposito
ptr q. interpretare Gen 40,8.16.22;
41,8.12s.15; sost. pttrn interpretazione
Gen 40,5.8.12.18; 41,11; cfr. aram. bibl. psr
q./pa. interpretare Dan 5,12.16; sost. pescir
interpretazione Dan 2,4 - 5,26 19x; cfr.
hwh pa./ha. rendere noto, interpretare, vd.
sp. 1) e la soluzione di un enigma (Giud
14,12ss.; IRe 10,3; altre volte generalmente
31

pth aprire = sciogliere Sai 49,5); b) una de


posizione nel processo giudiziario: deporre
contro qualcuno (ISam 27,11 con 'al con
tro), svelare mancanze (Is 58,1; Mi 3,8),
rendere testimonianza (Lev 14,35; Prov
12,17), segnalare (Ger 20,10; anche Deut
13,10 secondo G; cfr. I.L.Seeligmann, FS
Baumgartner 1967, 261s.).
,
*b) Il titolo ngld indica al tempo di Samuele
e di Saul, a differenza di -^maiale, il re desi
gnato per il futuro (Alt, KS II, 23: Inoltre i
racconti dellascesa di Saul permettono di rico
noscere con molta chiarezza, mediante altre
espressioni, che sono in grado di distinguere e
vogliono essere in grado di distinguere ci che
Saul diventato per designazione di Jahwe e
ci che diventato per acclamazione del popo
lo: come designato di Jahwe egli si chiama sol
tanto ngld, mentre il popolo da parte sua gli N
conferisce il titolo regale di melek; la consacra
zione divina e la dignit umana restano per
tanto chiaramente distinte ). Lespressione si
trova dieci volte in lSam-2Re (ISam 9,16;
10,1; 13,14; 25,30; 2Sam 5,2; 6,21; 7,8; IRe
1,35; 14,7; 16,2; inoltre 2Re 20,5 txt?) nella
cornice di una formula la cui storia ed il cui si
gnificato reale sono stati analizzati da W.
Richter, Die ^Td-Formel, BZ NF 9, 1965,
71-84. Se nei primi tempi dellantico Israele
(ed in reminiscenze pi recenti: Is 55,4; Dan
9,25.26; 11,22) questo titolo indica il legame
del re con Jahwe e se nei titoli della regalila
esso pone in luce la componente propriamente
religiosa (cosi Richter, l.c. 77.83s., che attribui
sce il titolo di ngld prima della sua appro
priazione da parte di Davide ad una supposta
funzione di liberatore, anteriore al periodo mo
narchico e neUambito delle trib del nord), in
epoca posteriore se ne perdono le connotazioni
precise; lespressione si riduce col Cronista (gi
Ger 20,1) ad attributo del re o ad indicare di
versi tipi di capi, e pu essere usata anche per
stranieri (Ez 28,2; Sai 76,13; 2Cron 32,21; fi
nora il vocabolo non attestato con certezza al
di fuori della Bibbia [per Sef. Ili, r. 10 cfr.
Fitzm., Sef. 112s., ma anche M. Noth, ZDPV
77, 1961, 150; R.Degen, Altaram. Grammatik,
1969, 21: ngrj i miei ufficiali]); nella lette
ratura sapienziale viene ad indicare soltanto un
personaggio distinto (Giob 29,10; 31,37;
Prov 8,6; 28*16; su tutto questo Richter, l.c.
72s.).
4/ Nella maggior parte dei casi luso di ngd
hi. non teologico; ngd essenzialmente e
propriamente qualcosa che succede tra uomini.
Solo raramente Jahwe il soggetto (p.e. ISam
23,11; Sai 111,6) o il destinatario del verbo (Es
19,9, dove Mos comunica a Jahwe la risposta
del popolo). Dato che nellAT il parlare di Dio
agli uomini ha una portata tanto rilevante, ci
si aspetterebbe che ngd hi. sia diventato il ter
03 ngd hi. COMUNICARE

32

mine tecnico per indicare questo parlare di


Dio agli uomini, al suo popolo, a singole per
sone; ma non cos. Cos pure ci si aspettereb
be che ngd hi. sia diventato il termine per indi
care lannuncio della parola di Dio mediante i
profeti; anche questo non vero. Vi sono sol
tanto pochi e delimitati ambiti di significato in
cui ngd hi. ha assunto un valore teologico (cfr.
anche H.Haag, ThZ 16, 1960, 256-258):
a) ngd hi. pu designare la risposta alla con
sultazione divina (ISam 23,11 Scender
Saul... ? Fallo conoscere al tuo servo! ; Ger
42,3.20; cfr. Os 4,12). Di solito per il sogget
to di ngd hi. colui che comunica la rispo
sta, come Mos (Deut 5,5), il veggente (ISam
9,6.8.18.19; 10.16) o il profeta (IRe 14,3; Ger
38,15; 42,4.21).
b) ngd hi. non viene usato generalmente nel
contesto dellannuncio del giudizio, il che de
gno di nota. Quando il giudizio pronunciato
su di un singolo, sul re, gli pu essere comuni
cato (il giudizio sulla casa di Eli mediante Sa
muele, ISam 3,13.15.18; la riprovazione di
Saul, ISam 15,16; il giudizio di Gad contro
Davide, 2Sam 24,13). Si d anche il caso in
cui il profeta viene paragonato ad una sentinel
la, che poi comunica ci che ha visto (ls
21,6.10, cfr. v. 2 ho.). Negli oracoli contro le
nazioni altri vengono esortati ad annunciare la
rovina che si avvicina (Ger 46,14; 48,20 ecc.).
c) C solo un contesto, nei profeti, in cui ngd
hi. riceve un significato specifico come annun
cio di Dio: nei giudizi del Deuteroisaia, come
annuncio del futuro. Ci che gli dei dei popoli
non possono fare (Is 41,22.23.26 ecc.), lo pu
fare Jahwe; egli annuncia il futuro, come ha
annunciato il passato (ls 42,9; 43,12; 44,8;
45,19; 48,3.5). In questo impiego del termine si
mostra esemplarmente la formazione di un
concetto a livello astratto-teologico. Dalla si
tuazione del giudizio (le controparti sono Jah
we e gli dei dei popoli) emerge lo spostamento
di significato: qui con ngd hi. non si intende
pi che qualcuno comunica, annuncia qualco
sa ad un altro: la questione di sapere chi
capace di preannunciare il futuro, poich que
sto soltanto dimostra lattendibilit di colui che
prevede e dirige la storia, e cio lessere stesso
di Dio. Cos il nuovo significato rivelare (il
futuro) si ricollega al precedente significato
particolare svelare (qualcosa di ignoto, un so
gno, un enigma) e riassume in questo concet
to di rivelazione del futuro, il cui soggetto
Dio, la parola di giudizio dei profeti e la paro
la di salvezza. Questo significato particolare
del termine resta per limitato al Dtis. Se ne
riscontra forse un influsso in un uso posteriore
pi ampio: Dio rende note al suo popolo le
sue opere (Sai 111,6), i suoi comandamenti
(Sai 147,19), la sua alleanza (Deut 4,13), cose
grandi ed insondabili (Ger 33,3); cfr. anche,
nellapocalittica, Dan 10,21.
33

ITC3 ng TOCCARE

d) Luso teologico pi importante e pi fre


quente di ngd hi. non si trova allinterno dei
testi profetici, ma nei discorsi di carattere cul
tuale, in connessione a verbi e forme propri
della lode divina. Non si tratta qui della for
mazione di un concetto astratto; il verbo viene
usato nel suo semplice significato fondamenta
le. Poich alla proclamazione di lode appartie
ne lannuncio di ci che Jahwe ha fatto, ngd
hi. pu diventare termine parallelo dei verbi
specifici di lode o anche subentrare al loro po
sto ( -*hll pi. 4a). Cos nellesortazione alla
lode (Sai 9,12; 50,6 txt em; 145,4; ls 42,12;
48,20), nel contesto della promessa di lode (Sai
22,32; 51,17; 71,18; 92,16) ed in altri passi
(Sai 19,2; 30,10; 40,6; 64,10; 71,17; 92,3;
97,6). LAT oltre ad un annuncio basato su un
incarico o una missione (annuncio profetico)
conosce un annuncio di ci che Dio ha fatto,
per il quale non sono necessari nessun incarico
e nessuna missione, ma che atteso come
spontanea risposta allazione di Dio da parte di
chiunque la sperimenta e alla cui attenzione
colui che ha fatto tale esperienza invita coloro
che da lui ne ascoltano il racconto.
5/ Nei testi di Qumran si pu fare riferimen
to, con ngd hi., a rivelazioni precedenti (IQM
11,5.8). ngd hi. assume ancora grande impor
tanza nel mondo giudaico con il concetto di
Haggada, il termine tecnico rabbinico tardivo
usato per indicare la parte non giuridica del
linterpretazione della Bibbia (cfr. W.Bacher,
Die exegetische Terminologie der jdischen
Traditionsliteratur, I, 1899, 30-37; E.L.Dietrich,
RGG III,23s.). Nei LX X ngd hi. viene quasi
regolarmente tradotto con ctva.yyD^kEiv o
na.YYXXeiv; cfr. su questo punto e per il
N.T., in cui vengono ripresi gli usi essenziali
del verbo vtr., J.Schniewind, art. yyzkia,
ThW I, 56-71 (= GLNT I, 149-194).
C. Westermann

1/ Il verbo ng toccare, colpire non appar


tiene al semitico comune. Oltre che in ebr. lo
si incontra in aram. (aram. imperiale: Ah r.
165.166; Dalman 263a; cfr. Drower-Macuch
25a). In ebr. sono simili per valore fonetico e
per significato ngh urtare, ngn suonare
(strumenti a corda), ngp urtare, colpire,
nk/nkh (hi.) colpire .
Il verbo attestato in qal, ni., pi,, pu. e hi.; so
stantivo derivato nd'ga' colpo, piaga .
2/ Statistica: ng q. 107x (Lev 27x, Num lOx,
Giob 7x; Es 4,25 elencato in Lis 899b appar
34

tiene allhi), ni. lx (Gios 8,15), pi. 3x (Gen


12,17; 2Re 15,5; 2Cron 26,20), pu. lx (Sai
73,5), hi. 38x (di cui lOx nel sign. giunge
re), ncga' 78x (solo in Lev 13-14 61x, Deut e
Sai 4x ciascuno).
3/ rig' Q- viene spesso costruito con be, ma
anche con cel (p.e. Num 4,15; Agg 2,12), 'al
(Giud 20,34.41 cogliere, sogg. disgrazia),
ad (ls 16,8 ecc. arrivare fino), con laccus.
(Is 52,11; Giob 6,7) o senza oggetto (Esdr. 3,1;
Neem 7,72 giungere). Il significato prin
cipale con valore locale toccare va dalla si
tuazione di contatto statico (IRe 6,27: cos
che lala di un cherubino toccava una parete e
lala dellaltro laltra parete, mentre nel mezzo
del tempio si toccavano ala contro ala) al
semplice toccare (Lev 5,2 ecc. qualcosa di im
puro), fino al colpire violento (Gen 32,26.33
sullarticolazione deHanca: Giob 1,19 detto
di vento impetuoso; in senso militare Gios
8,15 ni.; toccare, provocare dolore Gen
26,11.29). Lespressione toccare una donna
un eufemismo per i rapporti sessuali (Gen
20,6; Prov 6,29; cfr. E.Kdnig, Stilistik, Rhetorik, Poetik in bezug auf die biblische Literatur
kom parati visch dargestellt, 1900, 39; cfr.
aiTEcrDai yuvaixq ICor 7,1). ng viene usato
in senso figurato o traslato, p.e. ISam 10,26:
gli audaci, cui Dio aveva toccato il cuore.
Un uso temporale si trova in Esdr 3,1 e Neem
7,72 con il sign. di giungere; tuttavia in
questo senso pi comune ng hi. (Ez 7,12;
Cant 2,12; Eccle 12,1; Est 2,12.15; sempre in
testi tardivi). Dal sign. colpire si sviluppa
spesso, quando vi un soggetto divino, il sign.
di colpire, punire con una piaga (p.e. 1Sam
6,9; Giob 19,21); similmente il sost. ricga' ol
tre al significato principale di colpo (p.e.
Deut 17,8; 21,5; 2Sam 7,14) possiede anche il
sign. di piaga, tormento (IRe 8,37 ecc.),
con cui spesso si intende specificamente la pia
ga della lebbra (Lev 13-14; 24,8). Conforme
mente al part. pass. q. ngita" nel sign. accen
nato di colpito (da Dio con una piaga) (Is
53,4; Sai 73,14), ng' pi. assume il sign. fattitivo
di rendere colpito (con una piaga) (Gen
12,17; 2Re 15,5; 2Cron 27,20; negli ultimi due
passi si tratta della lebbra; cfr. Jenni, HP 208;
pu. venir tormentato Sai 73,5).
LTii. ha valore causativo (far toccare, p.e.
Is 6,7), anche causativo interno ( toccare
Gen 28,12). Per gli usi particolari { raggiunge
re, arrivare a, pervenire a ecc.) cfr. i lessici;
per il significato temporale vd. sp.

4/ Quando il soggetto d ng Jahwe, il verbo


assume valore teologico. Da un lato, vengono
fatti risalire direttamente a Dio stesso i terre
moti: egli tocca la terra o i monti (Am 9,5; Sai
104,32; 144,5). D altro lato, Jahwe interviene
nella sfera umana: tocca il cuore di coloro che
35

si uniscono a Saul (ISam 10,26) e manda pia


ghe (al faraone, Gen 12,17; a Giobbe, Giob
I,11; 2,5; 19,21 con la mano di D io come
soggetto, cfr. ISam 6,9; ->jd 4a). Quando si
parla delle sofferenze del servo di Dio in Is
53,4, si trovano come paralleli di ngai p u
nito anche nkh part. ho. colpito e nh
part. pu. umiliato. Cfr. inoltre limpiego di
ncga' nel senso di una punizione di Dio (Es
II,1; Sai 39,11; 89,33 ecc.).
5/ A Qumran lespressione toccare la purit
dei molti che si trova particolarmente nella
Regola della Comunit (1 QS 6,16 ecc., cfr.
Kuhn, Konk. 140) significa toccare gli oggetti
ritualmente puri della comunit di Qumran
(cfr. P.Wernberg-M0 ller, The Manual of Disci
pline, 1957, 96 n. 52).
Nei LXX ng viene quasi sempre tradotto con
anxecrSai (ncga' con acpiq); nel NT il verbo
viene usato in modo simile allAT, spesso per
indicare una trasmissione di forza mediante
contatto.
M. Delcor

TT3 ndr FAR VOTO


1/ La radice ndr attestata, nelle sue deriva
zioni sia verbali sia nominali, tanto in ebr.
(ndr q. far voto e ndeer, pi raro n dar,
voto ) come in ug., fen., pun. e aram. (WUS
nr. 1758; UT nr. 1618; DISO 174s.; LS 416a).
Poich laram. ndr corrisponde foneticamente allcbr.
nzr (-*nzlr 1), supponendo una connessione tra le
radici nzr e ndr ed il can. ndr si deve pensare ad una
dissimilazione (GVG I, 237) o ad una variante dia
lettale (Fronzaroli, -> nzlr 1).
Il verbo ed il sostantivo corrispondente si trovano
molto di frequente in iscrizioni votive fen. pun.,
spesso in relazione a sacrifici umani (p.e. K A I nr.
103-108) e con una predilezione per la formula rad
doppiata, simile a quella dellAT: il voto che. . . ha
votato (K A I nr. 40, r. 5; nr. 103, r. 2 ecc.). Spesso
le iscrizioni sottolineano che la divinit ha udito la
sua (= di colui che fa il voto) voce (p.e. K A I nr. 47;
68; 88; 98; 103-108; 110; 111; 113); si pu dedurre
che in questi casi si tratta di voti condizionati.
degno di nota il fatto che in iscrizioni con formula
zione analoga talvolta il termine voto viene sosti
tuito con d o n o (KAI nr. 102, r. 2 mini S tn \ nr.
113, r. ls. mini s ndr).

2/

La radice ndr attestata 9-1x nellAT ebr.:


ndr q. 31 x (Num 7x, Deut 5x, Eccle 4x) e nedier/ndcer 60x (Num 20x, Sai 9x, Lev e Deut
6x ciascuno). Non meno di 19x viene usata la
formula raddoppiata far voto di un voto .
Se si tiene conto dei diversi generi letterari e
delle singole composizioni, si ha la seguente di
stribuzione: testi narrativi preesilici 17x (Gen
113

ndr FAR VOTO

36

28,20 E; 31,13 E; Num 21,22 J; Giud


11,30.39; ISam 1,11.21; 2Sam 15,7s.), testi
narrativi recenti 2x (Giona 1,16), profeti del
periodo preesilico pi recente, del periodo esilico e di quello postesilico 8x (Is 19,21; Ger
44,25; Nah 2,1; Mal 1,14), salmi (incl. Giona
2,10) 12x, sapienziali 9x (Giob 22,27; Prov
7,14; 20,25; 31,2; 5x in Eccle 5,3s.), Deut 1lx
(ai c. 11 e 23), Codice sacerdotale 32x (di cui
6x in Num 6 e 16x in Num 30). significativo
luso scarso e piuttosto critico nella letteratura
profetica e sapienziale.
3/ NellAT, come pure nellambiente vicino
ad Israele, si possono distinguere due tipi di
voto: incondizionato e condizionato . Il
voto i n c o n d i z i o n a t o (cfr. J. Pedersen,
Der Eid bei den Semiten, 1914', 119-127), che
chiaro p.e. in Sai 132,2, risulta praticamente
uguale ad un giuramento (-*.&') o ad una pro
messa solenne e ne conserva anche la forma. In
Num 30,3 compaiono come paralleli s'bu'
giuramento e 'issar legame (Wagner nr.
24; per Io pi inteso senza motivo come voto
di astinenza). 11 voto c o n d i z i o n a t o , in
vece, descritto in modo chiaro nellAT e fre
quente anche nel suo ambiente, lega una parti
colare prestazione di colui che fa il voto ad
una precedente precisa prestazione della divi
nit: Se (7m) Dio d. . . , allora io far...
(per questa forma che corrisponde allessenza
del voto condizionato, cfr. W.Richter, BZ 11,
1967, 22-31).
Una volta pronunciato, un voto vale (qm,
Num 30,5ss.), e deve essere adempiuto per
principio, ossia il debito del votante deve esse
re estinto (slm pi./pu., circa 20x con ogg.
n&dcer, cfr. in pun. p.e. KA1 nr. 115). In nes
sun luogo si afferma che il voto condizionato
vale solo se Jahwe ascolta (-Jm', Num
21,2s.; Sai 61,6; cfr. 65,2s.) la preghiera di co
lui che promette: la possibilit che Dio non
ascolti non viene mai presa in considerazio
ne nei testi. Al carattere impegnativo del voto
accenna forse lespressione pi pi./hi. ncdcer
frequente in Lev e Num (Lev 22,21; 27,2;
Num 6,2; 15,3.8), nel caso in cui fosse valida
lipotesi che il suo significato sia rendere effi
cace un voto , cio esprimerlo in modo valido
ed impegnarsi di conseguenza al suo adempi
mento (cfr. H.J.Stoebe, ThZ 28, 1972, 15s.). Il
voto opp. il suo adempimento imposto al
promittente (al, Num 30,5.7.9; Sai 56,13); tut
tavia, secondo Num 30, un voto fatto da una
donna pu talv. essere abolito, cio reso ineffi
cace, dal padre o dal marito. Il voto sacro;
rompere un voto (prr hi., Num 30,9) signi
fica dunque profanarlo (hll hi., Num 30,3).
Di un voto non adempiuto Dio chiede con
to (drs, Deut 23,22; cfr. Eccle 5,5), ed esso
viene giudicato come una mancanza religiosa
(ht', Deut 23,22).
37

113 ndr FAR VOTO

La promessa contenuta nel voto sempre di


tipo religioso, cultuale (consacrazione di per
sone, sacrifici). Per questo assieme alla radi
ce ndr si trovano termini come offerta
(iqorbn, Num 6,21), dono (mattn, Lev
23,38), offerta spontanea (nedb, Lev 7,16;
22,18.21.23; Deut 12,6; 23,24 ecc.), oblazio
ne (minh, Is 19,21), sacrificio di animali
(ISam 1,21; Is 19,21; Giona 1,16; 2,10; Prov
7,14 ecc.), olocausto (Deut 12,6; Sai 66,13),
sacrificio di ringraziamento (loda, Sai
50,14; 56,13), decima (Deut 12,16), ma an
che lode (t'hill, Sai 22,26; 75,2) e cele
brazione festiva (hag, Nah 2,1). Nella mag
gior parte dei casi il voto pu essere definito
semplicemente come sacrificio volontario
conseguente ad una promessa .
Simili sacrifici potevano essere promessi sia
dagli israeliti a dei stranieri (Ger 44,25), come
pure da stranieri al Dio di Israele (Giona 1,16;
cfr. Is 19,21).
4/ Dai pochi racconti che parlano dei voti ri
sulta che il voto condizionato veniva formulato
in situazioni particolari, cio nel caso di man
canza di figli ( 1Sam 1,11; cfr. forse anche Prov
31,2; analogamente nel testo ug. di ICrt), in
guerra (Num 21,1-3; Giud 11,30) o in esilio
(2Sam 15,7s.) e durante un viaggio (Gen
28,20). Colui che faceva voto pretendeva
(s'I, ISam 1,27, cfr. v. 11) aiuto da Dio, cio
che gli desse (nln, cfr. Gen 28,20; Num
21,2; Giud 11,30) il necessario; quale presta
zione corrispettiva prometteva poi da parte sua
una determinata offerta. Nessuna critica viene
mossa al modo di pensare e di agire impliciti
in questo atteggiamento, neppure nei casi in
cui il promittente vota a Dio una persona
(Num 21; Giud 11; cfr. ISam 1).
Il voto incondizionato pu essere fatto come
ringraziamento per benefici ricevuti (cos ISam
1,21 e Giona 1,16) o anche per zelo religioso
(cfr. Sai 132,2): nellesuberanza dei sentimenti,
in determinate occasioni (p.e. per il sacrificio
familiare annuale ISam 1,21) si prometteva di
portare a Dio una determinata offerta.
Nei salmi si rispecchiano entrambi i tipi di
voto; in Sai 66,13s. si fa una chiara allusione
alla necessit che aveva spinto il supplice a
fare un voto, e la stessa cosa si pu osservare
nei canti di ringraziamento di Giona 2,10; Sai
65,2; 116,14.18. Cos pure si deve pensare che
una situazione particolare stia allorigine di un
voto quanto questo menzionato nella parte
finale dei canti di lamentazione (Sai 22,26;
56,13; 61,6.9). In tutti questi casi, si pu legit
timamente pensare a voti condizionati, la cui
offerta nellassemblea cultuale pubblica sfocia
in una confessione al Dio soccorritore. Al con
trario sembra trattarsi di voti incondizionati
quando nel salmo qualcuno viene esortato a
fare voti (Sai 76,12). Nel salmo profetico
38

50, al v.14 viene sottolineato il carattere di rin


graziamento e di lode proprio di ogni voto.
Nel Deut (12,6.17) e in P (p.e. Lev 23,37s.;
Num 29,39) il voto viene elencato direttamen
te come un sacrificio tra i molti altri. In questi
casi sembra che si tratti per lo pi di voti in
condizionati. Pi volte (Num 30,3ss.; Deut
23.22-24) viene ribadito con forza che il voto
deve essere adempiuto a qualsiasi costo; si d
importanza anche alla qualit delladempimen
to (Lev 22,23; Deut 23,19; cfr. Mal 1,14). Inol
tre, si sottolinea la spontaneit del voto: essa
emerge dal frequente parallelo voto e sacri
ficio volontario (nedbt, Deut 12,6.17;
23.22-24; in P si parla di sacrificio volonta
rio solo in questa relazione: Lev 7,16;
22,18.21.23; 23,38; Num 15,3; 29,39) ed in
Deut 23,23 tale spontaneit ammessa espres
samente. Il voto tuttavia considerato superio
re al sacrificio volontario, in quanto alcuni
animali accettati per questultimo non sono le
gittimi come sacrificio votivo (Lev 22,23). Il co
stume di promettere in voto delle persone pone
problemi particolari che vengono trattati in
Num 6 (voto di nazi reato) ed in Lev 27 (riscatto
di un uomo promesso in voto mediante il paga
mento - annuale - di una somma in danaro).
La tradizione sapienziale si mantiene molto ri
servata riguardo ai voti. Come elemento della
religiosit popolare, cio come promessa fatta
spontaneamente ed a cuor leggero, e presto di
menticata, il, voto doveva apparire sospetto ai
sapienti . quanto dice senza mezzi termini
Eccle 5,3: la persqna riflessiva non fa assoluta
mente promesse votive e, se eccezionalmente ci
dovesse accadergli, si preoccupa almeno di man
tenere la promessa fatta. Gi Prov 20,25 biasi
ma la fretta eccessiva e la mancanza di riflessio
ne con cui alcuni fanno voti (cfr. Jefte!). Latteg
giamento sapienziale si rispecchia significativa
mente in Prov 7,14, dove chi pratica il voto la
donna straniera seduttrice e pericolosa.
5/ Nei LXX questo gruppo terminologico
viene quasi sempre tradotto con Euxo[im/ExT),
tuttavia in Ger 44 (51),25 e Lev 22,18 con
poXoyux c jj.oXoyelv, il che rientra senzaltro
nellambito della funzione di un voto.
Anche a Qumran si sottolinea la libert del
voto e, nel contempo, si vieta di promettere in
voto al tempio un possesso illegittimo (CD
16,13). In CD 6,15 si mette in guardia dal con
servare qualcosa che divenuto illegittimo in
seguito ad un voto.
Per quanto riguarda il voto nel giudaismo e
nel NT cfr. J.Gold, Das Gelubde nach Bibel
und Talmud, Wurzburg 1925 (tesi); A.Wendel, Das israelitisch-judische Gelubde, 1931;
StrB U,80-88.747-751.755-761; H.Greeven,
art. ^optat ThW II, 774-776 (= GLNT HI,
1214-1216).
C.A.Keller
39

ITU mth RIPOSARE


1/ La radice *nh riposare appartiene al
semitico comune ^Bergstr. Einf. 187); nella
maggior parte dei casi in cui ricorre pu venir
usata sia in relazione a uno stato di quiete fisi
ca sia in relazione a uno stato di tranquillit
psichica.
A entrambi i significati principali del qal, ri
posare e posarsi , corrispondono in hi. (e
in ho.), anche formalmente, due distinte forma
zioni: hi. I hniah far riposare e hi. II
hitmJah deporre (BL 400; Joion 171 s.). De
rivati nominali sono mnah/menh luogo
di riposo e gli infiniti sostantivali nlwt
quiete (inf. fem. qal), nlhah acquietamen
to (inf. poi. BL 475; anche in aram. bibl.
come prst. daUebr.) e hanh condono fisca
le (inf. ha. aram., BL 486). Si hanno inoltre i
nomi propri N h (M. Noth, VT 1, 1951,
254-257; J.H.Marks, IDB IH, 555s. con biblio
gr.), Nh, Nhat, Mnah, Mnhat e Jnah
(in parte diversa linterpretazione di Noth, IP
228s.; cfr. Hufirnon 237).
2/ Il verbo si incontra 144x, e precisamente
35x in q. (incl. 2Sam 17,12 [ndhn non va in
teso come noi , ma come perf. 1 plur. get
tarsi sopra, par. npl cadere, cfr. S.R.Dri
ver, Notes on th Hebrew Text and th Topography of th Books of Samuel, 21913, 323]; Is
7,2 [cfr. Wildberger, BK X, 264s.; diversamen
te, e divergendo tra loro, p.e. O. EiBfeldt,
SThU 20, 1950, 71-74 = KS III, 124-128; KBL
606a; HAL 30a, '<3h 1; L. Delekat, VT 8,
1958, 237-240; H.Donner, SVT 11, 1964, 8; in
Lis. 914b sotto nhh]', Est 9,17.18 [inf. assol.
come v. 16 txt?, cfr. A.Rubinstein, VT 2,
1952, 363]; 2Cron 6,41 [inf. cs. con suffisso,
cfr. Rudolph, HAT 2l,214s.]), 33x in hi. 1, 7lx
in hi. II, lx in ho. I, 4x in ho. II. Tra i derivati
sono attestati: mnah 7x, menh 21x, nhat
lx (senza Is 30,30, appartenente alla radice nht
scendere, Wagner nr. 188), nhah 43x
(sempre nella formula r?ah riihah profumo
di pacificazione, profumo soave, 38x in EsNum, 4x in Ez, lx in Gen), 2x in aram. (Dan
2,46 e Esd 6,10 offerta di soave odore),
hanh lx (Est 2,18 amnistia fiscale, cfr.
Bardtke, KAT XVU/5,307s.).
3/ a) Nel qal il verbo significa anzitutto po
sarsi (detto dellarca di No in Gen 8,4; del
larca dellalleanza in Num 10,36, con loppo
sto ns partire v. 35). Esso viene usato per i
volatili (Es 10,14; 2Sam 21,10; Is 7,19), e in
modo un po diverso per luomo o pi propria
mente per i suoi piedi ( toccare il suolo Gios
3,13). In 2Sam 17,12 e in Is 7,2 (vd. sp. 2) da
intendere con accezione ostile: piombare su,
assalire .
m3 nUah RIPOSARE

40

Il termine viene usato anche per concetti


astratti: saggezza o indignazione si inse
diano nel cuore dei saggi o degli stolti (Prov
14,33; Eccle 7,9); la mano di Jahwe si poser
in avvenire sul monte Sion (Is 25,10; cfr. Sai
125,3 scettro dellempiet); Io spirito di
Jahwe si posa sugli anziani (Num I I,25s.), sul
profeta (2Re 2,15) e sul re (ls 11,2).
Nel suo significato pi lato il termine signifi
ca aver pace; come paralleli compaiono
qt. riposare (ls 14,7; Giob 3,13.26), jsn
dormire e skb giacere (Giob 3,13; cfr.
Is 57,2), slh aver pace (Giob 3,26); il termi
ne opposto rgz essere inquieto (Giob
3,17.26). Questo riposare pu avere diverse
sfumature: il morto giunto alla sua pace
(Giob 3,17; Prov 21,16; in modo particolare
espresso con nah Io stato intermedio del
morto che attende la resurrezione, in Dan
11,13). Anche il riposo dal lavoro al sabato
(->sbt) pu essere espresso con nh (Es 20,11;
23,12; Deut 5,14; diversamente G.R.Berry,
J B L 50, 1931, 207-210); infine, la situazione di
colui che, non essendo incalzato da nemici,
pu godersi la pace (Ls 23,12; Est 9,16
[txt?].22; Neem 9,28).
In ISam 25,9 il termine pu essere tradotto con
aspettare, e cos pure in Ab 3,16 persevera
re nellattesa (J.Jeremias, Kultprophetie und
Gerichtsverkiindigung in der spten Knigszeil, 1970,
B7 n. 2, contro modificazioni del testo e la supposi
zione di una forma secondaria nah II da nh la
mentarsi da parte di G.R.Driver, JThSt 34, 1933,
377, e KBL 602b).

b) Lhi. I (causativo) significa far cadere, far


(ri)posare , p.e. lasciar cadere la mano (Es
17,11, opposto rm hi. sollevare), calare
un bastone (Is 30,32), far (ri)posare la bene
dizione su una casa (Ez 44,30; cfr. Sai 125,3
txt em).
Accanto a questo, troviamo il significato di
portare qualcosa allo stato di quiete , nella
sua accezione pi vasta; in combinazione con
->hm significa dar libero sfogo allira (Ez
5,13 par. klh esplicarsi completamente con
sogg. <z/ira; 16,42; 21,22; 24,13; in Zac 6,8
con rh invece di hm). Anche luomo pu
essere ogg. di nah hi., p.e. Prov 29,17 far
contento , par. procurare gioia ; per altri
casi vd. st. 4a.
c) Il secondo hi. si pu circoscrivere con por
tare, deporre, lasciare in un luogo. Oggetto
possono essere uomini (Gen 2,15; 19,16 ecc.)
oppure cose (Gen 39,16; Fs 16,23 ecc.). Signifi
cato speciale ha lespressione hinnlah l res
abbattere (Is 28,2; Am 5,7). Lho. II signifi
ca nel part. ci che lasciato libero , spa
zio libero (Ez 41,9.11.11; in Zac 5,11 si deve
leggere hi.).
d) I derivati mnuh e nfruih hanno per lo
pi il sign. di luogo di riposo, luogo di so
41 ITU nfh RIPOSARE

sta e, pi generalmente, di tranquillit, cal


ma (cfr. anche fen. e aram. antico nht quie
te, pace, DISO 177; Fitzmyer, Sef. 87; M.
Metzger, UF 2, 1970, 153s. 157s., richiama
lattenzione sui rapporti tra trono e nfnh in
Is 66,1; Sai 132,8.14; lCron 28,2; ev. Is 11,10;
inoltre ug, n()t [sede di] quiete ; cfr. J.C. de
Moor, The Seasonal Pattern in th Ugaritic
Myth of Balu, 1971, 120). Degni di nota sono
i passi in cui queste espressioni vengono usate
in senso spiritualizzante. Unindicazione in
proposito si trova in Rut 3,1 (cfr. 1,9): mndah
significa qui ambiente familiare in tutti i
suoi aspetti, cui corrisponde un senso di benes
sere, j{b q.. Il tempio e l atmosfera di venera
zione di Jahwe ad esso collegata sono il luo
go di riposo dellanima (Sai 116,7; cfr. Sai
23,2). Anche la conquista della terra rientra,
infine, nel concetto di m enuh, che, in tal caso,
esprime globalmente il rapporto salvifico tra
Dio e luomo (Deut 12,9; Sai 95,11; vd. st. 4a).

4/ a) In molti casi Jahwe stesso che procu


ra pace al suo popolo (cfr. G. von Rad, Es ist
noch eine Ruhe vorhanden dem Volke Gottes,
Zwischen den Zeiten 11, 1933, 104-111 = Ges
Stud 101-108; G.Braulik, Menuchah - Die
Ruhe Gottes und des Volkes im Lande, Bibel
und Kjrche 23, 1968, 75-78). Questa afferma
zione si incontra spesso quando si parla (per lo
pi con una impronta deuteronomistica) della
conquista della terra in Palestina (nuah hi. 1:
Es 33,14; Deut 3,20; 12,10; 25,19; Gios
1,13.15; 21,44; 22,4; 23,1; ls 63,14; m'nuh:
Deut 12,9; Sai 95,11). Questo procurar
pace mediante la concessione della terra in
clude implicitamente anche la concessione del
la vittoria sui nemici di Israele; dopo che la
terra divenuta possesso degli israeliti, que
sto secondo aspetto a balzare in primo piano
nella formulazione teologica dtr.: Jahwe procu
ra tranquillit di fronte ai nemici (hi.: 2Sam
7,1.11; IRe 5,18; lCron 22,9.18; 23,25; 2Cron
14,5.6; 15,15; 20,30; menha: IRe 8,56; lCron
22,9; cfr. Lam 5,5 ho. con negazione). Con
questo non si intende soltanto una situazio
ne salvifica di ordine politico ed esterno, ma
una situazione di felicit completa, che abbrac
cia tutta quanta la vita. Lidea viene usata an
che con valore escatologico (Is 14,3; cfr. 32,18
indisturbati luoghi di riposo [nfniiht
saanannl] par. campi di prosperit, abita
zioni sicure ).
D altro canto il comandamento che Jahwe d
alPuomo dice di procurare quiete a coloro
che sono stanchi (ls 28,12 hi. e m 'nh, par.
m ar g luogo di riposo [solo qui; cfr. an
che margna' Ger 6,16 con lo stesso significa
to]); questespressione non ha nulla a che vede
re con lidea dtr. a cui abbiamo accennato, ma
nasce da un interesse profetico per la giustizia
sociale.
42

b) Una concezione del tutto specifica, ambien


tata nel culto, viene espressa con la costruzione
rah riihah: dalla vittima sale verso la divinit
un profumo soave che ristabilisce il rappor
to tra Dio e luomo; chiaro che si tratta qui
di una concezione antica (la divinit si alimen
ta odorando). Lespressione compare in Gen
8,21 (J), ma gi documentata in epoca prei
sraelitica, legata anche ivi alla conclusione del
diluvio universale (acc. ersu profumo in
Gilg. XI, 159s.). Di solito per la formula si
incontra soprattutto nella legislazione sacerdo
tale, in relazione a diversi tipi di sacrifici (Es
29,18.25.41; Lev 1,9 ecc.; cfr. Elliger, HAT
4,35s.). Ezechiele rimprovera ai suoi concitta
dini di aver offerto a dei stranieri tali profu
mi di pacificazione (Ez 6,13; 16,19; 20,28),
ma attende unepoca in cui Jahwe riavr nuo
vamente i suoi sacrifici legittimi (20,41).
5/ Il tema della tranquillit procurata da Dio
viene ripreso soprattutto in Mt 11,28s. ed in
Ebr 4 (cfr. von Rad, l.c. 106ss.; O.Bauemfeind,
art. vaircaw, ThW I, 352s. {= GLNT I,
943ss.); id., art. xa-<nza\>i, ThW III, 629s. (=
GLNT V, 245ss.).
F.Slolz

013 ns FUGGIRE
1/ Le lingue sem. non usano un unico verbo
per il concetto di fuggire (p.e. acc. nbutu
[AHw 700b]; antico aram. qrq [DISO 266], pi
tardi rq [Fitzmyer, Gen.Ap. 215a; Dalman
325a; LS 550a], arab. farra/haraba [Wehr
627.910s.]). Gli equivalenti dellebr. ns fug
gire riportati nei vocabolari divergono o nel
significato (sir. ns tremare frarol, LS 42la;
arab. nsa essere appeso in modo non fisso,
penzolare Wehr 897b) o nella forma (arab.
nsa evitare, schivare, fuggire , Wehr 898a).
Il vocabolo etimologicamente pi vicino lan
tico aram. ns ha. trascinar via (KAI nr.
202b, r. 20; 225 r. 6; 226, r. 8.9; DISO 68; cfr.
ebr. ns hi. fuggire con qualcosa). Non si
hanno finora sicure documentazioni in ug. (cfr.
Driver, CML 157a; WUS nr. 1798; UT nr.
1660).
Dallebr. ns si forma, oltre al qal, anche un
poi. (Is. 59,19 spingere, scacciare), e un hi.
(Deut 32,30 mettere in fuga, cfr. 1QM 3,5;
Es 9,20 e Giud 6,11 portare qualcosa al sicu
ro, cfr. Giud 7,21 K e Ger 48,44K). Appar
tengono alla medesima radice i sostantivi
mns (luogo di) rifugio (Ger 46,5 txt?
fuga ) e mvns fuga (BL 493).

2/ Il verbo documentato 159 volte: 155 in


qal (soprattutto nei libri storici: 2Sam 16x,
43

Gios e Ger 13x ciascuno, Giud, ISam e Is 12x


ciascuno, 2Re llx, Deut 9x, Num e lCron 8x
ciascuno, Gen 7x, IRe 6x), 1 in poi. e 3 in hi.
(vd. sp. 1). mns si trova 8x (Ger 3x), rrfns
2x (Lev 26,36; Is 52,12).
3/ a) ns presenta uno spettro semantico li
mitato. Viene usato per allontanarsi veloce
mente da un luogo di pericolo e quindi
scappare, fuggire. Come soggetto compaio
no soprattutto persone, ma anche, in senso fi
gurato, il mare (Sai I 14,3.5), lacqua (Nah 2,9;
Sai 104,7), lombra (Cant 2,17; 4,6), tristezza e
lamento (Is 35,10 = 51,11), la linfa vitale (Deut
34,7). Generalmente viene indicato con le ri
spettive preposizioni ci da cui si fugge (dai
nemici Es 14,25 ecc.; dalle fiere Es 4,3; Am
5,19; dai pericoli di ogni sorta, p.e. Gen 19,20;
39,12.13.15.18; dalla minaccia di Dio Sai
104,7 par. hpz ni. fuggire impaurito), e
dove si fugge (al luogo di asilo per lomicida
vd. st. 4c).
*b) ns deve essere accuratamente distinto dal
verbo di significato analogo brh (59x, di cui
Gen 9x, ISam 8x, 2Sam e IRe 6x ciascuno;
tradotto in Es 36,33 con scivolare, per il re
sto generalmente con fuggire; hi. 6x, Es
26,28 scivolare, per il resto scacciare;
per altri significati in singoli passi cfr. HAL
149b; Barr, CPT 323). Mentre ns designa lo
scappar via da un pericolo (soprattutto in bat
taglia), brh significa evadere da una situazione
abituale (stato sociale, patria, ambito di potere)
per continuare a vivere altrove come profugo o
come emigrante (p.e. Gen 16,6.8 Agar; 27,43
ecc. Giacobbe; Es 2,15 Mos; ISam 19,12.18
ecc. Davide; Am 7,12 Amos; Giona 1,3.10 e
4,2 Giona; 2Sam 4,3 i Beerotiti per erano
emigrati a Ghittaim e l sono diventati fore
stieri fino ad oggi ). Solo pochi passi fanno
cenno a una situazione di lotta, p.e. Giob
20,24; 27,22. Soltanto nelluso traslato (Gioh
9,25 i giorni fuggono; 14,2 gli uomini scom
paiono come ombre) vengono meno le diffe
renze rispetto a ns. In Giud 9,21 vengono
usati entrambi i verbi uno dopo laltro: Iotam
dopo il suo discorso fugge dal pericolo imme
diato (ns) ed emigra dalla sfera di potere di
suo fratello Abimelech verso Beer {brh). Mos
evade dal potere del faraone (Es 2,15 brh), ma
fugge davanti al serpente (Es 4,3 ns).
Per mibrh fuggiasco Ez 17,21 txt? cfr. Zimmerli,
BK X III, 376. Per brah sfuggente, agile, svelto,
un epiteto del Leviatan (Is 27,1; Giob 26,13; ug. 67
[= I* ABJ 1, I), cfr. H A L 149b; Fohrer, (CA I XVI,
382s.; II.Donner, ZA W 79,1967, 339; P.J. van Zijl,
Baal, 1972, 158.

Un altro verbo
che trova i suoi
arab. (cfr. WUS
ndd (q. 21x, di

col significato di fuggire ,


corrispondenti in ug., aram. e
nr. 1755; KBL 596.1098b),
cui 8x in Is; poi. fuggire
013 ns FUGGIRE

44

Nah 3,17; hi. scacciare Giob 18,18; ho.


venir fatto scappare 2Sam 23,6; Giob 20,8;
sost, n'ddim inquietudine Giob 7,4). Esso
viene usato appropriatamente anche in riferi
mento ad uccelli (ls 16,2; Ger 4,25; 9,9; Is
10,14 battere con le ali; Nah 3,17 poi. ca
vallette) ed esprime il movimento rapido, il ve
nir disperso o scacciato. Prescindendo dalluso
traslato con sonno per sogg. (Gen 31,40 il
sonno fuggi dai miei occhi; Est 6,1; aram.
bibl. Dan 6,19) il verbo compare solo in testi
poetici. NelParam. bibl. oltre a ndd si trova
anche nd scappare (Dan 4,11 detto di ani
mali e uccelli). Cfr. anche mi} ni. sfuggire
i-*pH 3b).

4/ a) NelPAT ns non trova nessuna spicca


ta applicazione teologica. Dato che il verbo
presente solo in contesti in cui si tratta di azio
ni di guerra, si deve menzionare in primo luo
go la guerra di Jahwe, nella quale i nemici
sono costretti a fuggire davanti ad Israele, dato
che Jahwe colui che effettivamente agisce in
essa (Es 14,25 fuggiamo di fronte ad Israele,
poich Jahwe combatte per loro contro gli egi
ziani ; Gios 10,11 e mentre essi, in fuga da
vanti ad Israele, erano alla discesa di Bet-Oron,
Jahwe lanci dal cielo su di loro grosse pietre
fino ad Azeka; Giud 1,6; 4,15; 7,21.22; ISam
14,22 ecc. cfr. G.von Rad, Der Heilige Krieg
im alten Israel, 41965; R.Smend, Jahwekrieg
und Stmmebund, 1963); ma anche Israele
deve fuggire di fronte ai suoi nemici quando
laiuto di Jahwe viene meno, per aver trasgre
dito il comando di sterminio (Gios 7,4), e nella
guerra nellambito dellanfizionia Beniamino
che deve fuggire di fronte agli altri membri del
la lega delle trib (Giud 20,45.47).
Dalla guerra di Jahwe il discorso della fuga si
spost poi alla concezione del giorno di Jahwe
(cfr. von Rad II, 129-133 = ital. Il, 146-152;
R.Martin-Achard, BHH III, 1923-1925; ->jm
4b), soltanto che ora la spada di Jahwe tesa
contro il suo popolo e la fuga generale viene a
colpire ogni singolo individuo (Am 2,16; 5,19;
9,1). In epoca posteriore, sono ancora i nemici
in senso tradizionale a dover fuggire (Is 13,14),
cosa che viene messa particolarmente in evi
denza negli oracoli sui popoli stranieri di Ger
46-51; delle 13 volte in cui il termine compare
all'interno di questi capitoli (nel resto del libro
di Geremia ns non viene usato) quattro volte
si tratta delle cosiddette esortazioni alla fuga
(cfr. R.Bach, Die Aufforderung zur Flucht und
zum Kampf im atl. Prophetenspruch, 1962,
15-50). In queste esortazioni, che presentano
sempre un numero elevato di imperativi, ns
usato insieme a nd allontanarsi vagando
(Ger 49,30; cfr. 50,8), mit pi. ncfas salvare
la vita (48,6), mit ni. salvarsi (51,6; cfr.
Zac 2,10s.), pnh ho. volgersi (49,8).
45 TU
4r nzir CONSACRATO

b) ns viene usato anche nel linguaggio giuri


dico. E cio, dopo che in Israele si introdusse
la distinzione tra assassinio volontario ed omi
cidio preterintenzionale, veniva data, in que
stultimo caso, la possibilit di rifiigiarsi in un
luogo dasilo (Es 21,13; Num 35,6ss.; Deut
4,42; 19,3-5.11; Gios 20,3.4.6.9; cfr. IRe
2,28s.; N.M.Nicolsky, Das Asylrecht im Israel,
ZAW 48, 1930, 146-175; M.Lhr, Das Asylwesen im AT, 1930).
*c) Lidea di una fuga verso Dio si trova in
quei passi in cui Jahwe viene definito mns
rifugio (2Sam 22,3; Ger 16,19; Sai 59,17);
pi frequenti e pi specifici sono tuttavia
mahsW e m'z rifugio (-*hsh, -* z). Per
esprimere una fuga da Dio nel senso della di
sobbedienza non si usa ns fuggire di fronte
ad un pericolo, ma brh sfuggire dalla sfera
di potere (Giona 1,3.10; 4,2; Sai 139,7 dove
potr fuggire dalla tua presenza? ) o ndd (Os
7,13 guai a loro, poich si sono allontanati
da me , par. ps rinnegare ).
5/ I verbi ns e brh sono poco usati nei testi
di Q u m r a n ; Un po pi frequente mns
(Kuhn, Konk. 36b.I26a.I42a). I LXX traduco
no ns prevalentemente con (peuyeuv, e brh an
che con TtoSi.Spo'm'v. Nel NT cpeyEt,v ha as
sunto inoltre il significato, gi presente p.e. in
Eccli 21,2, di sfuggire, rifuggire da in cam
po morale (ICor 6,18; 10,14; ITim 6,11;
2Tim 1,11).

S.Schwertner

TU nzir CONSACRATO
*T

1/ La radice nzr (*ndr) appartiene al semitico


comune (P.Fronzaroli, AANLR VIII/20, 1965,
250.262; per il rapporto con ->ndr ibid. 267).
I n acc. essa ha il sign. di maledire (nazru),
nel semO. significa far voto (antico aram.
nzr, KAI nr. 201, r. 4; arab. ndr, Wehr 847b;
per il resto -+ndr). Il significato fondamentale
potrebbe essere sottrarre alluso comune
(KBL 605a).
In ebr. il verbo attestato al ni. e allhi., inol
tre si hanno i sost. nzcer e nzir.

2/ nzr ni. ricorre 4x ( consacrarsi [mediante


astinenza] Ez 14,7; Os 9,10; Zac 7,3; tener
si lontano Lev 22,2), nzr hi. 6x ( consacrarsi
come nzir Num 6,2.3.5.6.12; per Lev 15,31
txt? cfr. Elliger, HAT 4, 192; diversamente
L.Kopf, VT 8, 1958, 183; G.Rinaldi, BeO 9,
1967, 95). nzir si trova 16x nelPAT (di cui
6x soltanto in Num 6, inoltre Gen 49,26; Lev
25,5.11; Deut 33,16; Giud 13,5.7; 16,17; Am
46

2,11.12; Lam 4,7), nzcer 25x (15x con il sign.


di consacrazione, di cui 13x in Num 6; lOx
con il sign. di diadema ).
3/ nzr significa originariamente una realt
che viene sotlratta allimpiego quotidiano, che
elevata al di sopra dellusuale per essere de
stinata e consacrata a qualcosa di speciale.
Cos negli antichi detti di benedizione di Gen
49,26 e Deut 33,16 Giuseppe viene detto
nzlr, cio uno che assume una posizione par
ticolare, separata, tra i suoi fratelli (cfr. an
che Lam 4,7, se non si opta per una modifica
zione del testo, cfr. Kraus, BK XX, 67).
sulla base di queste considerazioni che si
deve interpretare Lev 25,5.11, in cui nzlr de
signa in senso traslato la vite non curata e
non potata : si tratta della vite che (nellanno
sabbatico o giubilare) sottratta alluso comu
ne (Noth, ATD 6, 162). Dal contesto (v. 4) ri
sulta chiaro che il senso e Io scopo dellessere
sottratto sta neUesserlo per Jahwe . nelles
sere consacrato a Jahwe.

4/ a) Gi nellantico Israele alcuni uomini ve


nivano detti nezlr alhm consacrati a Dio ,
come Sansone (Giud 13,5.7; 16,17; cfr. Eichrodt 1, 200-202 = ital. I, 306-308; von Rad I,
76 = ital. 1, 85; G.Fohrer, Geschichte der isr.
Religion, 1969, I46s.).
Il campo semantico caratterizzato da espressioni
come fin dal seno materno (Giud 13,5.7; 16,17;
una separazione che dura quindi tutta la vita, cfr.
13,7 fino al giorno della sua morte), e inoltre da
divieti come n o n bere vino o altra bevanda ine
briante (13,7; cfr. v. 4.14) e sulla sua testa non
passi rasoio (13,5; cfr. 16,17). Il medesimo campo
semantico, per la verit senza il termine nzlr, si tro
va anche in 1Sam 1,11.

Quando Amos accusa i suoi contemporanei di


aver dato da bere del vino ai nezlrlm (Am
2,lis.), intende accusarli di aver infranto anti
chissimi comandamenti di Jahwe. In Am
2,1 ls. i nezrm stanno in parallelo con i
n^b Im profeti , fatto da cui si pu dedurre
sia limportanza attribuita ai nezlrlm sia la
gravit della colpa di Israele.
b) La radice nzr ricorre con particolare fre
quenza in Num. 6. A differenza di Giud 13
l'essere nzlr non qui un fatto che dura tutta
la vita, ma si estende soltanto ad un certo pe
riodo di astinenza, che lo stesso nzlr stabilisce
nel suo voto. Le due principali proibizioni di
Giud 13 (divieto di bere vino e di tagliarsi i ca
pelli) si ritrovano anche qui, ma rafforzate da
una serie di prescrizioni complementari, e
inoltre dalla proibizione di contaminarsi con i
morti, Le norme di astinenza cui il nzlr deve
sottoporsi assumono un ruolo cos rilevante
che nella forma segolata nzcer il sign. consa
crazione pu diventare identico al sign.
47

astinenza (il senso della consacrazione se


condo Num 6 sta proprio nellastinenza). La
medesima estensione di significato si pu con
statare anche nelle cinque volte in cui il verbo
(sempre in hi.) compare in Num 6: il nzlr
deve astenersi da determinate cose in onore
di Jahwe (eJhwh: v. 2.5.6.12).
Viceversa nzcer pu essere usato anche in
modo restrittivo e designare semplicemente i
capelli che il consacrato non ha mai tagliato
durante il periodo della sua consacrazione
(Num 6,12b. 19; in connessione con rs
capo: v. 19.18); in Ger 7,29 nzcer passa
to a indicare pelo, capello .
c) nzcer pu indicare anche lemblema che
porta colui il cui capo consacrato, cio un
diadema. Tuttavia non si dice mai di un nzlr
che abbia portato un nzcer. Dapprima furono
i re a portare un diadema quale segno della
loro posizione preminente rispetto al popolo
comune (cfr. il significato fondamentale di nzr,
cfr. BRL 125-128; per il significato originario
di nzcer cfr. Noth, A I D 5, 184s. = ital. 280s.
per Es 38,36-38): 2Sam 1,10; 2Re 11,12 =
2Cron 23,11; Sai 89,40; 132,18. In 2Re 11,12
= 2Cron 23, 11 nzcer parallelo di 'dt\ en
trambe le cose, diadema e protocollo regale
(G.von Rad, Das judische Knigsritual, ThLZ
72, 1947, 211-216 = GesStud 205-213), vengo
no consegnate al re al momento della sua in
tronizzazione.
^
Dopo la fine della monarchia in Israele, nzcer
viene usato semplicemente per designare lor
namento del capo proprio del sommo sacerdo
te: Es 29,6; 39,30; Lev 8,9.
In tutti e tre i testi il termine compare assieme ad un
attributo come n zar haqqdcvs diadema sacro;
in tal modo viene ulteriormente sottolineato l aspetto
della separazione.
In Es 39.30 e Lev 8,9 nzcer haqqdces usato come
chiarificazione del precedente termine ss fiore ; in
Es 28,36 troviamo sis senza nzcer in funzione espli
cativa (il verbo ss fiorire in unione con nzcer si
trova anche in Sai 132,18). Risulta perci verosimile
la conclusione che Noth, A T D 5,184 = ital 281, trae
per Es 28,36: nzcer non significa diadem a, ma
soltanto consacrazione, ordinazione ed in real
t un fiore , come si deduce da Sai 132,18... ,
Sul ss (Es 28,36) o sul nzcer (Es 39,30) viene posta
questa scritta: qdas leJhwh sacro a Jah\ve. Ci
esprime, come in G iud 13 e N um 6, laspetto teolo
gico della consacrazione .
Il termine '"/ara ghirlanda, corona (23x), che pre
senta significato affine, non viene usato solo per desi
gnare il diadema regale (Sai 21,4), ma anche nel sen
so molto pi lato di ornamento (p.e. Ez 16,12;
23,42; Prov 4,9) o in senso traslato (Is 62,3; Prov
16,31).

d) interessante notare come nei profeti il


verbo nzr ni. serva a descrivere la dedizione di
Israele a dei stranieri (allontanandosi da Jah
we): si consacrarono allinfamia (Os 9,10);
TU nzr CONSACRATO

48

chiunque si allontana da me e si attacca ai


suoi idoli... (Ez 14,7).
5/ Nel NT si trova una corrispondenza al
nzr vtrt. in Atti 21,23s., anche qui unita
mente al motivo del taglio dei capelli. Il termi
ne exr) voto e il fatto che si prospetta qui
un nazireato limitato nel tempo mostrano che
in Atti 21,23s. continua la linea di Num 6 (cfr.
H.Greeven, ThW LI, 775 (= GLNT III, 1214s.);
G.Delling, art. Nasirer, BHH II, 1288s. con
bibliogr.).
J.Kuhlewein

nra nhh CONDURRE


1/ Lebr. nhh q./hi. condurre, guidare pu
essere confrontato con larab. nah indirizza
re il proprio cammino, volgersi, prendere la di
rezione (Wehr 843) e con lantico sudarab.
mnfij nella direzione di (Conti Rossini
186a; W.W.Miiller, Die Wurzeln mediac und
tertiae y/w im Altsiidarabischen, Tubingen
1962 [tesi], 104). Meno probabile la proposta
di J.F.A.Sawyer, Semantics in Biblical Re
search, 1972, 39, di considerare nhh come for
ma secondaria di nh\ in molti passi (ISam
22,4; IRe 10,26; cfr. 2Cron 9,25; 2Re 18,11; Is
57,18; Sai 61,3) si deve leggere, contrariamente
alla vocalizzazione, una forma di ->nah hi.
(cfr. i comm. e f. gii a. KBL 606a).
Il verbo attestato in qal (perf. e imp.) e in hi.
(perf. solo Gen 24,48 c Neem 9,12, altrimenti
inf. e impf.; cfr. Joiion 186). Nella traduzione
la differenza di significato quasi impercettibi
le (cfr. Jenni, HP 255). Non si danno derivati e
nomi propri formati da questa radice.
2/ 11 verbo compare 39 volte (q. 11 x [esci. Es
13,21; Neem 9,19 che secondo Lis. 914 sono
da considerarsi hi,, e ls 7,2, -^niiah}\hi. 28x):
18 nel salterio (q. 6x, hi. 12x), 4 in Es (3x q.,
lx hi.), 3x rispettivamente in Giob e Prov
(sempre hi.).
3/ Se si accettano le correzioni esposte sopra,
il verbo nhh condurre, guidare risulta usato
solo raramente nel suo significato proprio in
contesto non teologico (nel detto di Balaam
Num 23,7 da Aram mi ha condotto qui Ba
iale; Prov 18,16 il dono fa largo alPuomo e
Io introduce alla presenza dei grandi ). Non si
pu dire con certezza che nhh provenga origi
nariamente dal linguaggio dei pastori, come in
vece si pu supporre per nhg e nhl (vd. st.),
dato il significato piuttosto generico della radi
ce nel sem. meridionale, anche se il verbo vie
ne usato pi volte in tal senso quando si appli
49 TTU nhh CONDURRE

ca a Jahwe limmagine del pastore (Sai 23,3


par. nhl pi. v. 2; 31,4 par. nhl pi.; 77,21
come un gregge; 78,72 par. -*r'h pascola
re; cfr. come opposto ->th hi. sviare Ger
50,6).
Come sinonimi si possono considerare, oltre a
->hlk hi. guidare ed altri causativi di verbi
di movimento, soprattutto nhg q./pi. spinge
re, condurre, guidare (q. 20x, pi. lOx;
minhg modo di guidare 2Re 9,20.20) e nhl
pi. condurre, scortare, inviare, portare (pi.
9x; hitp. spingersi avanti Gen 33,14;
nahall luogo di abbeveramelo Is 7,19 e
nome di luogo). Entrambi potrebbero aver avu
to come loro ambiente originario la vita dei
pastori (cfr. arab. manhal luogo di abbeveramento ), tuttavia diventano comuni sia in sen
so proprio che figurato anche in altri campi al
di fiiori di quello pastorale; entrambi sono usa
ti spesso, come nhh, in rapporto alla direzione
ed alla guida da parte di Dio (vd. st. 4; nhg pi.
par. nhl pi. in Is 49,10).

4/ Lidea della guida da parte di Dio pro


fondamente radicata nella fede israelitica a
partire dalla religione dei padri c dalla tradi
zione dellesodo e delle peregrinazioni nel de
serto fino ai racconti di tipo novellistico della
storia di Giuseppe e del libro di Rut (von Rad
I, 185-189.294-297 = ital. 203-207.322-325).
Tuttavia, n nhh n alcun altro verbo sono di
ventati termini specificamente teologici. Nei
testi vtrt. non possibile individuare alcuna
formula fissa con nhh\ le espressioni che parla
no di Jahwe come di un pastore (->rh) che
guida il suo popolo o una singola persona, na
scono dalla religiosit viva, chc esprime con
frequenti e nuove variazioni la sicurezza di cui
Israele gode presso il suo Dio (J.Jeremias,
ThW VI, 486 = GLNT X, 1198).
I testi di Es 13,17.21; 15,13 par. nhl pi.; 32,34
(per opera di Mos); Deut 32,12; Sai 78,14.53
par. nhg pi. v. 52; Neem 9,12.19 si riferiscono
alla guida durante lesodo dallEgitto e durante
le peregrinazioni nel deserto, a volte con la
menzione della colonna di nubi in cui Jahwe
conduce il popolo (-> nn). La guida prodi
giosa di un singolo attestata in Gen 24,27.48.
La promessa di una guida futura si trova in Is
57,18 e 58,11; la maggior parte dei passi col
legata alla religiosit dei salmi (Sai 5,9; 23,3;
27,11; 31,4 par. nhl pi.; 43,3 par. ->b hi.
portare; 60,11 = 108,11; 61,3 txt?; 73,24;
78,72 par. r % 107,30; 139,10 txt?.24; 143,10;
con estensione universale Sai 67,5 e guidi le
nazioni sulla terra; cfr. Giob 12,23 txt?; per
Giob 31,18 cfr. Fohrer, KAT XVI, 424s.); su
un terreno sapienziale si muovono Prov 6,22;
II,3.
TI verbo nhg pu significare anche uno scaccia
re in senso punitivo (q. Lam 3,2; pi. Deut
4,27; 28,37); della guida misericordiosa del po
50

polo da parte di Dio parlano Sai 80,2 (q.); Is


49,10; 63,14; Sai 48,15; 78,26.52 (pi.). In Es
15,13; Is 40,11; 49,10; Sai 23,2; 31,4 ricorre
nhl pi. con accezione teologica.
5/ A Qumran nhh attestato una volta in
IQS 9,18 (per guidarli con sapienza). 1
LXX traducono prevalentemente con Si^yeiv,
che nel NT, analogamente allAT, pu essere
usato sia in senso proprio (Mt 15,14 m a se
un cieco guida un altro cieco cadranno entram
bi in un fosso ) sia in senso traslato (Gv 16,13
egli vi guider alla verit tutta intera), ma
che presenta il. significato traslato di istruire,
insegnare pi spesso che nellAT (cfr. W.Michaelis, art. 8t)y<5<;, ThW V, 101-106 (=
GLNT V ili, 275-290).
E,Jenni

rm nahH (PARTE DI) POS


T * SESSO
...

1 La radice nhl attestata oltre che in ebr.


anche in ug., fen., antico sudarabico e arab.;
deriva quindi dalle lingue semO. In acc. si tro
va solo nei testi di Mari, come prestito can.
(AHw 712b; A.Malamat, JAOS 82, 1962,
147-150).
Si pu indicare un significato fondamentale di questa
radice solo con riserva: ricevere, trasferire la pro
priet , dove sembrano essere esclusi procedimenti
di acquisto (vd. F.Horst, FS Rudolph 1961, 135-152,
per A R M I, 91; V,4; VOI, 11-14 e KAI nr. 3; cfr.
tuttavia le diverse interpretazioni di K A I nr. 3 in
KAI H, 5; W.F. Albright, BASOR 73, 1939, 9-13;
J.Obermann. JBL 58, 1939, 229-242).

Dalla radice nhl lAT forma q. ricevere qual


cosa come possesso, pi. rendere qualcuno
possessore , hi. far possedere qualcosa a
qualcuno , ho. diventare possessore e hitp.
venire in possesso, come pure il sost.
naif l parte di possesso .
2/ Il verbo attestato 59x: qal 30x (Num 8x,
Gios 5x, Prov 4x), pi. 4x (Gios 3x, Num lx),
hi. 17x (Deut 7x), ho. lx (Giob 7,3), hitp. 7x
(Num 4x); naif l ricorre 222x (di cui Gios
50x, Num 46x, Deut 25x, Sai 23x, Ez 15x, Ger
12x). La radice nhl non presente in Os, Am,
Abd, Giona, Nah, Ab, Agg, Cant, Est, Esd.
3/ NellAT i diversi significati del verbo nhl
sono improntati alluso del sost-, nahl e delia
sua connessione con altri vocaboli. naif l
fondamentalmente parte di possesso, general
mente di tipo fondiario, di carattere inalienabi
le e quindi duraturo, che spetta (npl) a singoli
51

o a gruppi per donazione (ntn, Iqh, hlq),


per successione (- 'br) o per esproprio del pre
cedente possessore, naif l possesso (jrs,
hz), in quanto ad essa collegato un dure
vole diritto di propriet, naif l per anche
parte (di possesso), nella misura in cui vi si
pervenuti per divisione o distribuzione ed il di
ritto di propriet vige ancora in una qualche
forma per un membro di collettivit superiori.
In un impiego pi esteso naif l pu indicare il
possesso ereditario in genere (condizionato dal
le situazioni civiche; Prov 17,2; 19,14; 20,21;
Lam 5,2; cfr. Gios 14,13s.) come pure un dirit
to di propriet durevole nei confronti di perso
ne o di popoli sottomessi (Gios 23,4; Sai 2,8
ecc.). Luso traslato di nahal determinato
soprattutto dairalfinit con il vocabolo hUeq
porzione (hlq) e descrive il destino di una
persona (Giob 20,29; 27,13; 31,2), partecipa
zione/comunione in qualche cosa (2Sam 20,1;
IRe 12,16) o qualcosa di cui una persona
resa partecipe (Sai 127,3).
Luso verbale della radice nhl serve a rappre
sentare i diversi modi con cui si realizza la
naif l, e sostituisce spesso, di conseguenza, le
formule con naif l ricordate sopra. II qal signi
fica ricevere nahal e possedere naif l
(par. hlq, ntn, jrs), come oggetti si hanno preva
lentemente la terra (Es 23,30; 32,13; Num
18,20 ecc.), pi raramente dei popoli (Es 34,9;
Sof 2,9; Sai 82,8) e altre cose come imbroglio,
onore, vento, pazzia, bene (Ger 16,19; Prov
3,35; 11,29; 14,18; 28,10). Il pi. ha carattere
fattitivo (Jenni, HP 213) ripartire naif l,
rendere qualcuno possessore di nahal (rife
rito a possesso territoriale). Lhi. per lo pi
accompagnato da un doppio accusativo: far
avere a qualcuno qualcosa come naif l (an
che qui spesso si tratta di terra; diversamente
solo ISam 2,8; Zac 8,12; Prov 8,21 e con lho.
Giob 7,3). Lhitp. ha il sign. riflessivo di as
sumersi qualche cosa in possesso-naifl (ter
ra o schiavi, Lev 25,46; Is 14,2).
Accentuando luno o laltro dei molteplici aspetti
inerenti al concetto di nahal, emergono diverse pos
sibilit di traduzione, come possedere, dividere,
ereditare, aver parte . Nelle altre lingue semitiche
antiche lo spettro semantico dellebr. nhl non ha un
suo corrispettivo a causa del ridottissimo numero di
attestazioni. Esse, tuttavia, sottolineano questo o
quellaspetto particolare del vocabolo ebr., come
lacc. e lantico sudarabico propriet terriera , e
Iug. erede e patrimonio ereditario .

Per tutto largomento cfr. soprattutto F.Horst,


FS Rudolph 1961, 135-156; per 4a-c inoltre
J.Herrmann, ThW III, 768-775 (= GLNT V,
615-634); G.von Rad, ZDPV 66, 1943, 191
204 = GesStud 87-100; H.Wildberger, EvTh
16,1956, 404-422; F.Dreyfus, RScPhTh 42,
1958, 3-49; H.Langkammer, Bibel und Leben
8, 1967, 157-165.

naif l PARTE DI POSSESSO

52

4/ a) La radice nhl assume significato teologi


co, soprattutto nella sua forma nominale,
quando viene usata per designare il possesso
della terra di Israele negli scritti sacerdotali e
nella teologia deuteronomica, possesso fondato
sulle tradizioni dellEsateuco relative al diritto
ed alla conquista della terra. P usa spesso in
questo senso nlxl quando presenta le norme sul
la distribuzione della terra, formulate come di
scorso di Jahwe (Num 26,52-56; 33,50-34,29),
e quando descrive il territorio delle singole tri
b (Gios 13,23.28.32; 14,1-3; 15,20; 16,4s.8s.;
18,20.28; 19,1-51*); in questo caso P parla
coerentemente di una nalfl delle trib in rife
rimento alle loro famiglie, alle quali essa di
stribuita {->hlq) mediante la sorte (->gral). Lo
stesso vale per i piani di divisione della terra
riportati in Ez 40-48 (Ez 45,1; 47,13-48,29),
che si riferiscono, come disposizione di Jahwe,
alla promessa fatta ai padri. Nella sua descri
zione della nalfl delle trib e delle famiglie,
P riprende un uso antico, anche se raramente
documentato, del concetto di nahaal (Num
32,18s. E; Gios 14,9.13s. E; 17,14 N; 18,2.4;
24,28.32 E; Giud 18,1; 21,23), in cui compare
anche la nahal di singole persone (cfr. Giud
21,23s.; IRe 21,3s. ecc.; cfr. Horst, l.c. 145ss.).
La maniera di esprimersi del Deuteronomio a
proposito della nalfl di Israele sembra essere
invece senza precedenti (predeuteronomici solo
Es 23,30 nhl q.; Giud 20,6). Con la formula
fissa la terra che Jahwe (tuo Dio) ti dar
(Deut 4,21.38; 12,9; 15,4; 19,10; [20,16 citt;
21,23 ,adm\] 24,4; 25,19; 26,1; cfr. dtr. IRe
8,36 = 2Cron 6,27) il Deut sottolinea che Israe
le possiede la terra solo in base al dono del suo
Dio e che il suo diritto ad essa fondato esclu
sivamente sulla promessa di Jahwe. Inoltre per
il Deut il possesso della terra lattuazione
della promessa fatta ai patriarchi (6,10.18.23
ecc.). Esso si scosta da questo modo di espri
mersi solo quando dipende da tradizioni ben
precise (10,9; 12,12; 14,27.29; 18,ls.; 29,7).
Si parla della Palestina come nalfl di Israele
anche nel libro di Geremia, che tra laltro
prende in considerazione una possibile revoca
della naifl (Ger 3,19; 12,14s.; 17,4), in Ez
(35,15; 36,12) e spesso nel salterio (Sai 105,11
= lCron 16,18; Sai 135,12; 136,21s.; cfr. Sai
47,5; 69,37; 111,6). Solo raramente vengono
nominati altri popoli come nalfl di Israele,
delle sue trib o del suo re (Is 14,2 hitp. e Sai
78,55; Gios 23,4; Sai 2,8).
b) Di fronte allidea cosi ampiamente docu
mentata che Jahwe il datore e il garante del
la nalfl di Israele e delle sue trib, laffer
mazione che la Palestina la terra di Jahwe
passa evidentemente in secondo piano. Essa
ricorre solo nel libro di Geremia (2,7; 12,7-9;
10,16 = 51,19; 16,18; 50,11) e nel postesilico
Sai 68,10.
53

nalfl PARTE DI POSSESSO

La concezione de) monte Sion col tempio di Jahwe


come nalfl di Jahwe (Es 15,17; Sai 79,1) proviene
daHambiente can.; i testi ug. nt (= V AB) ITI, 27; IV,
64 e 51 (=11 AB) VIU,13s.; 67 (= I* AB) 11,15s. par
lano delle dimore di Baal e di Mot come del monte o
della terra delle loro nhlt.

Tale discrepanza pu derivare dal fatto che al


termine nalfl legato un diritto di propriet,
per cui si indica per lo pi come detentore di
una nalfl colui al quale questo diritto si rife
risce in modo immediato; lorigine di tale dirit
to ha perci solo unimportanza secondaria
nella formazione di questo concetto. Ci spiega
inoltre perch venga menzionato molto spesso
Israele come nahal di Jahwe. Jahwe esercita
un diritto sul suo popolo (nalfl in unione con
'am Deut 4,20; 9,26.29; IRe 8,51; ls 47,6;
Giona 2,17; 4,2; Mi 7,14; Sai 28,9; 78,62.71;
94,5.14; 106,4s.40). Nella letteratura dtn.-dtr.
questo diritto fondato sulla liberazione di
Israele dallEgitto (Deut 4,20; 9,26.29; IRe
8,51), e in Sai 33,12 sullelezione ( -*hhr,; cfr.
IRe 8,53 hdl hi. separare ).
La giustificazione della nalfl di Jahwe in Deut
32,8s., di tipo completamente diverso, ha come re
troterra lantichissima idea della ripartizione dei po
poli tra gli dei (nhl hi.; hlaq) ad opera di Eljon,

Lo stretto legame dei termini nahal e am in


questo contesto, come pure la motivazione del
la nahal di Jahwe, sottolineano lo speciale
rapporto personale che sussiste tra Jahwe ed
Israele e la particolare posizione di Israele tra i
popoli. Israele popolo di nalfl (Deut 4,20) e
trib di nahal (Is 63,17; Ger 10,16 = 51,19;
Sai 74,2 par. da). Chi vive in questa comuni
t entra in comunit con Jahwe (ISam 26,19;
2Sam 14,16). Saul viene unto ngld sulla
nahal di Jahwe ed per essa che Davide cerca
di ottenere la benedizione dei gabaoniti (ISam
10,1; 2Sam 21,3). In queste testimonianze pi
antiche (cfr. anche 2Sam 10,19), in contrappo
sizione con il linguaggio teologicamente pi
meditato delle attestazioni dtn. e di quelle pi
recenti, il carattere giuridico del concetto di
nalfl passa in secondo piano, mentre viene
posto in evidenza il rapporto personale.
c) Rispetto al diritto che le trib hanno sulla
terra, i leviti assumono una posizione partico
lare. Gi gli strati pi antichi delle fonti dellEsateuco sottolineano il fatto che i leviti non ri
cevono alcuna parte di terra: la loro nahal il
sacerdozio di Jahwe (Gios 18,7). Anche la tra
dizione sacerdotale sottolinea che Aronne ed i
leviti non hanno alcun diritto alla terra: la loro
nahal Jahwe e, inoltre, la decima che rice
vono per il loro servizio (Num 18,20s. 23s.26;
26,62; Gios 14,3); viene anche imposto alle al
tre trib di sottrarre dalla loro nalfl alcune
citt destinate ai leviti (Num 35,2.8; Gios
21,3). Anche il Deut si serve dellidea che Jah54

we la nahal di Levi per motivare il fatto che


i leviti non hanno alcun diritto alla terra (Deut
10,9; 12,12; 14,27.29; 18,2; dtr. Gios 13,14.33;
i passi di Deut 18,1 e Gios 13,14 danno di ci
una interpretazione pi precisa: essi si devono
nutrire dei sacrifici e dei tributi come loro pro
pria naif l). Anche lappendice di Ezechiele
conosce questo modo di concepire la naif l
dei leviti (Ez 44,28 txt em), in quanto essa sta
in connessione con la naif l delle trib; quan
do invece si tratta del territorio del tempio di
Gerusalemme, che posto al di fuori dei confi
ni della naffl delle trib, si pu senzaltro
concedere ai leviti il possesso di un pezzo di
terra (45,5; 48,13).
5/ A Qumran la radice nhl usata raramente
per indicare un possesso terriero e per designa
re il popolo di Dio (1QM 10,15; 12,12; 19,4;
1QH 6,8); pi spesso usata in senso traslato
(1QS 4,15s.24.26; 11.7; IQH 14.19; 17,15; cfr.
4QpSal 37 3,10).
Per luso di nhl nel giudaismo e nel NT cfr.
J.Herrmann - W. Foerster, art. xX^poq, ThW
in, 757-786 (= GLNT V,583-664); H.Langkammer, Bibel und Leben 8, 1967, 157-165.
G.Wanke

Dm nhm pi. CONSOLARE

(farsi consolare) sia come dispiacere nel


laccezione pi vasta (anche hitp. provare
dispiacere, pentirsi ). Non si pu escludere a
priori la possibilit di errori di trascrizione e
di forme miste. Come derivazioni nominali
si hanno nham compassione, ncehm
consolazione (BL 479: inf. pi. aramaizzante), nihitmlm consolazione (plurale astrat
to, nome verbale del pi., cfr. BL 480) e
lanhmim/tanhmt consolazione (stessa
spiegazione, cfr. BL 497). Per quanto riguarda
i nomi propri la radice ben documentata an
che nellAT (tra questi, nomi noti come
Nehcemj, M nahP.m e Nahm, inoltre Nham,
Nahamn, Tanhmcet). Doveva trattarsi - per
10 meno in origine - di cd. nomi sostitutivi
(Nldckc, BS 99s.; Noth, IP 175.222; H.Schult,
Vergleichende Studien zur atl. Namenkunde,
1967, 96s.; Stamm, HEN 42ls.).
In corrispondenza ai due significati principali
che la radice possiede nellAT, viene trattato
in 3a-d il sign. consolare e in 4a-b il sign.
dispiacersi .
2/ La radice attestata 119 volte (senza i
nomi propri) ripartite nei libri vtrt. come segue
(per il ni. sono indicati tra parentesi i passi con
11 sign. di consolarsi [e vendicarsi Is
1,24]; sotto sost. si include: nham Os 13,14;
ncehm Sai 119,50 e Giob 6,10; nihmm Is
57,18; Os 11,8; Zac 1,13; tanhmlm Is 66,11;
Ger 16,7; Sai 94,19; tanhUmt Giob 15,11;
21,2):

1/ La radice nhm attestata in ebr., aram.


giud. e pai. crist. (raramente in sir., dove nhm
pa. significa generalmente risvegliare, cfr.
LS 423b con bibliogr.) come pi./pa. con il sign.
di consolare ; inoltre usata per nomi pro
pri anche in ug., fen. e aram. eg. (Grndahl
165; Huffmon 237-239; F.L.Benz, Personal
Names in th Phoenician and Punic Inscriptions, 1972, 359s., F.Vattioni, Bibl 50, 1969,
387s.; per lAT vd. st.).
La connessione etimologica con larab. nhm respi
rare affannosamente (D.W.Thomas, ET 44,
1932/33, 19ls.; 51, 1939/40, 252; anche N.H.Snaith,
ET 57, 1945/46, 48; cfr. Zorell 510) si rivela poco
producente nei confronti dello sviluppo semantico
proprio dellAT (nonostante Thomas, l.c. 192), tanto
pi che laspetto emotivo che qui deve essere presup
posto sembra discubitile come significato fondamen
tale del verbo ebr. Non soddisfa completamente nep
pure il significato distogliere (transitivo) assunto
come ipotesi di partenza da Jenni, HP 247. In ogni
caso, nella radice potrebbe essere insita anche lidea
di una vicinanza e di una assistenza umana, senza
che ci debba essere ragionevolmente esteso ad ogni
caso.

NellAT il verbo ricorre in pi. come consola


re (pu. essere consolato, hitp. trovar
consolazione), in ni. sia come consolarsi
55

Gen
Es
Num
Deut
Giud
ISam
2Sam
Is
(Dtis)
Ger

Ez
Os
Gioe
Am
Giona
Nah
Zac
Sai
Giob
Rut
Eccle
Lam
lCron
AT

ni.

pi.

4(2)
3

3
4
2(1)
2(2)

3
_

3
13
(8)
2
2

1
2
6
6
l
2
6
4
51

12(2)
4(3)

2
2
3

1
4(1)
1

I
48(11)

pu.

hitp.

sost.

2
1
1

(0

2
I
2
_
__

1
2
3

_
_
11

3/ a) Il sign. generale di nhm pi. consola


re . Nei testi pi antichi ed in seguito si ha
come soggetto una persona e come occasione
un caso di morte (Gen 37,35; 2Sam 10,2.3 =
lCron 19,2.2.3; 2Sam 12,24; Ger 16,7) o un
Oli] nhm pi. CONSOLARE

56

altro motivo generale di cordoglio (Gen 50,21;


Is 22,4; 61,2 tutti gli afflitti; Ger 31,13
dopo la loro pena; Rut 2,13; Giob 2,11;
7,13; 29,25; 42,11; Eccle 4,1.1 oppressioni;
Lam 2,13).
lina tale consolazione si compiva inoltre se
condo riti in forme fisse (Ger 16,7 ks
tanhmxm calice della consolazione ; Giob
42, 1 mangiare pane); cfr. anche luso analogo
di nd lc dichiarare a qualcuno la propria
partecipazione (scuotendo il capo) (Is 51,19;
Ger 15,5; 16,5; 22,10; 48,17; Nah 3,7; Sai
69.21 txt em; Giob 2,11; 42,11; cfr. riid con
doglianza Giob 16,5; mnd scuotere il
capo Sai 44,15).
Queste forme fisse si ritrovano anche quando
gli amici fanno visita a Giobbe (Giob 2,11).
Una tale consolazione vuol essere qualcosa di
pi di una esortazione fatta con buoni consigli,
ma non impegnativa; in Gen 50,21 e Is 40,1 il
parallelo dbr pi. al-lb parlare al cuore in
dica una consolazione che si spinge fino al
cuore, e quindi estremamente reale. Il presup
posto fondamentale deHasserzione in cui si usa
nhm pi. sembra essere stato la disponibilit e
la presenza personale delluno verso laltro (si
osservi in proposito anche in Sai 119,76 il le
game con -ihsad). Da Giob 42,11, anche se
il passo pu non trovarsi pi nel suo contesto
originario (cfr. in proposito A.Alt, ZAW 55,
1937, 267s.), si pu dedurre quanto una simile
consolazione potesse diventare reale. E proprio
perch laspettativa era grande, poteva essere
delusa da tentativi di consolazione maldestri ed
inefficaci, cfr. i consolatori funesti in Giob
16,2 e 21,34 (Zac 10,2 consolazione vana);
in un certo senso si riconducono a questo
aspetto anche Giob 7,13 (il letto come consola
tore) e 15,11 (la parola dolce par. lanhml
'l consolazioni di Dio ). Anche Eccle 4,1
mostra che la consolazione, quando necessa
ria e possibile, include un aiuto reale (la dop
pia ricorrenza di menahm pu essere senzal
tro intenzionale). Nella stessa direzione si col
loca anche la formula stereotipa ricorrente en
rrfnahm non c nessuno che consoli Lam
1.2.9.17.21 (v. 16 il consolatore lontano da
me ); gli amanti (v. 2) da cui Gerusalemme si
era ripromessa aiuto, si sono tirati indietro,
cosi che menah2m finisce per indicare diretta
mente il soccorritore (cfr. 1,16 msb nafsl
colui che mi ristora ). a partire da questa
concretezza nella consolazione che va interpre
tato Sai 23,4 ( il tuo bastone e la tua verga mi
consolano ), ma anche Sai 71,21 ( aumenta il
mio onore e volgiti a consolarmi) c 86,17
(par. zr aiutare ).
Lam 2,13 esce un po da questo schema, per
ch in questo caso la partecipazione alla me
desima condizione di sofferenza a Costituire la
consolazione (che cosa.-., eguaglier a te
per consolarti ; il pi. indica solo il risultato
57 DnJ nhm pi. CONSOLARE

nei confronti delloggetto, non il procedimento,


cfr. Jenni, HP 247). Questo modo di pensare si
connette con Ez 14,22 (ni.).23 (pi.) e 31,16
(ni.), e certo anche con Ez 16,54 (pi.), dove il
peggior peccato di Gerusalemme significa una
consolazione per le due sorelle Sodoma e
Samaria (cfr. Zimmerli, BK XIII, 378).
Le caratteristiche della consolazione vengono
determinate di volta in volta a seconda delle
modalit seguite da colui che consola. Se egli
(ri)stabilisce un rapporto comunitario (Rut
2,13), allora nhm pi. assume il significato di
->rhm pi. avere misericordia. Ci appare
molto chiaramente in 66,13 (come una ma
dre consola un figlio, cos io vi consoler , cfr.
ls 49,15). Ora, questa concezione spiccata si
trova ovunque quando Jahwe stesso il conso
latore, perch nel suo volgersi alla consolazio
ne Dio rinnova la comunione di grazia con co
lui dal quale si era allontanato nellira (Is
12.1). Risulta perci comprensibile il significa
to che nhm pi. assume nellannuncio del Deu
teroisaia (cfr. a questo proposito anche la fre
quenza di nomi formati con nhm in epoca po
stesilica). Fatta eccezione per Is 51,19 txt em (1
3a pers.) il soggetto grammaticale (49,13;
51,3.3.12; 52,9) o perlomeno logico (40,1.1)
Jahwe, per cui possono comparire come ogget
to di nhm pi. anche Sion e rovine (51,3;
cfr. Zac 1,17, par. bhr eleggere). Tuttavia Is
49,13 (rhm pi. in parallelismo sinonimo; cfr.
52,9 par. -*gl) mostra che i due termini non si
sovrappongono completamente e che in nhm
pi. sempre stato tenuto presente anche la
spetto secondario di assistenza. In ogni caso,
un uso formale generalizzato va riducendosi
(forse ls 22,4; 66,13; Sai 119,82).
L uso etimologico di nhm pi. in Gen 5,29 per spiega
re il nome No certo sorprendente, ma si colloca
tuttavia nella linea di J (non sussiste alcun motivo
per modificare il testo, cfr. Westermann, BK 1,470).
Laspetto di questa consolazione sembra porsi nella
linea di Ez 14,14 (non si pu pensare a Gen 9,20 - il
vino coin consolatore - nonostante Prov 31,6s.,
dato il tenore generale delle espressioni vtrt.).

b) Dei passi in pu., Is 54,11 ricorda sia for


malmente che contenutisticamente Os 1,16; in
vece Is 66,13 non ben delineato, dato che si
tratta di unaggiunta.
I.hitp., in conformit alla sua articolazione se
mantica (Bergstr. 11,98), presenta in nhm diver
se sfumature. riflessivo in Gen 37,25 (Gia
cobbe non si lascia consolare dai suoi figli, non
vuole cio il loro aiuto) e in Sai 119,52 (cfr. v.
50; i mispcitlm ordinamenti sono presentati
come realmente attuali ed efficaci mediante
-+zlcr, cfr. A.Deissler, Psalm 119 (118) und
seine Theologie, 1955, 153). Quando invece il
soggetto Jahwe, nhm hitp. assume il sign. di
aver piet (vd. sp. 3a; diversamente
H.L.Ginsberg, FS Baumgartner 1967, 78). Per
58

27,42, che esce dallo schema, si potrebbe


pensare, con riferimento a Is ! ,24 (ni.) di con
tenuto affine, ad una accezione pi debole di
nqm vendicarsi (A.B.Ehrlich, Randglossen
zur Hebr. Bibel, 1,1908, 133: pronuncia guttu
rale per mitnaqqm); tuttavia anche in questo
caso lidea pi vicina ad un procurarsi con
solazione (diversamente D.W.Thomas, ET
51, 1939/40, 252). Lindubbia contraddizione
(Noldeke, NB 86) si spiega bene col fatto che
qui la consolazione non consiste nella presenza
di un uomo gradito, ma nella lontananza di un
uomo adirato (v. 42 uccidendoti ). Idea ana
loga espressa da hnnahmtl di Ez 5,13 (per
la forma BL 198.367), a meno che non sia una
dittografia di quanto detto in precedenza. Num
23,19 appartiene al campo semantico del ni.
(Dio non uno che possa pentirsi, cfr. ISam
15,29.35; vd. st. 4a).
G en

c) Una parte dei passi in ni. (vd. sp. 2 tra pa


rentesi) sono vicini come sign. alla accezione
del pi. (consolare). Inoltre, in Gen 24,67;
38,12; 2Sam 13,39 (consolarsi); Is 57,6
(tranquillizzarsi); Ger 15,6 (aver compas
sione ) si ha una connotazione riflessiva, men
tre in Ger 31,15 e Sai 77,3 (farsi consolare)
si ha una connotazione tollerativa. La ricchez
za semantica del ni. rende difficile stabilire
fino a che punto si possa parlare di uno stretto
rapporto tra il ni. e il pi. (Bergstr. II, 90). Il
sign. consolarsi si trova anche in Ez 14,22;
31,16 e 32,31; si pu tuttavia notare una speci
fica differenza nel fatto che la consolazione
non consiste in questo caso in un reale muta
mento imminente del proprio destino, ma nel
la solidariet nel dolore. Ci non si deve ov
viamente intendere come un godere del male
altrui, ma nel senso che non si mai soli con
il proprio dolore.
Un testo che esula completamente da questi
schemi Is 1,24 (vd. sp. 3b a proposito di Gen
27,42). La traduzione comunemente accettata
m i soddisfer con i miei nemici troppo
generica. Lidea sottintesa, anche qui con una
certa contraddizione, potrebbe essere quella
che Jahwe vuole consolarsi dei suoi nemici,
cio non dover pi provare rincrescimento per
la sua longanimit nel sospendere la punizione.
d) La forma nominale tanhmm/tarihmt,
data l'affinit delle formazioni in t con la coniu
gazione intensiva (BL 494s.), ha generalmente il
sign. di conforto (Is 66,11 petto della con
solazione, da interpretare in base a v. 13; Ger
16,7 calice della consolazione; pi generico
Sai 94,19 cos la tua consolazione ristora la
mia anima ; Giob 15,11 le consolazioni di
Dio ; nella linea dellaccezione concreta si ha il
caso di Giob 21,2, quando gi il solo ascoltare
sembra a Giobbe un conforto).
Lo stesso si pu dire per nihmlm. L autore
della consolazione sempre Jahwe. Per questo
59

il termine dice di pi del semplice consola


re. Le amichevoli, consolanti parole di
Zac 1,13 promettono compassione; analoga
mente Is 57,18 (par. rp' guarire) e Os 11,8
(ikmr ni. essere commosso, altrove con
rahamlm compassione: Gen 43,30; IRe
3,26).
Il sostantivo ncehm compare solo due volte
ed il meno concreto (Sai 119,50 consolazio
ne, data dalia parola che vivifica; contrapposto
Giob 6,10 la morte consolatrice; cfr. 30,28 txt
em).
4/ a) Nella maggior parte dei passi il ni. si
gnifica provar dispiacere per qualche cosa,
pentirsi di qualcosa (30x detto di Dio, 7x del
luomo). Fino a che punto si possa stabilire un
rapporto con lidea fondamentale di vicinanza
umana acquisita per nhm pi., resta problema
aperto (vd. sp. 1). Anche qui non si riscontra
un elemento emozionale espresso.
Di solito il soggetto Jahwe, mentre loggetto
introdotto da al/cel, di carattere non persona
le, una disgrazia prestabilita (r Es
32,12.14 allora Jahwe prov rincrescimento
per aver minacciato il suo popolo; 2Sam
24,16 f=lCron 21,15], cfr. v. 14 rafmlm
compassione; Ger 18,8; 26,3; 13,19; 42,10;
Gioe 2,13; Giona 3,10; 4,2; zt questa [di
sgrazia] Am 7,3.6) oppure (raramente) un be
neficio previsto o gi dato (Ger 18,10). In Ger
8,6 luomo si pcntc del suo misfatto (r).
nhm ni. non indica un pentimento rassegnato,
ma comporta conseguenze concrete: lo si dedu
ce dal fatto che il soggetto Jahwe e, inoltre,
dal significato fondamentale soggiacente alla
radice. Per questo si penti del male pu
presentarsi come continuazione di egli cle
mente e misericordioso (Gioe 2,13; Giona
4,2; cfr. in senso pi ampio anche Sai 106,45).
Se il soggetto introdotto da al/ce/Ie di carat
tere personale (Giud 21,6.15 sogg. uomini; Sai
90,13 sogg. Jahwe; cfr. Giud 2,18 a causa del
loro lamento), nhm viene tradotto comune
mente con aver piet; tuttavia ci non del
lutto -appropriato dal punto di vista vtrt. (vd.
sp. 3a). Pi esatta la traduzione provare di
spiacere, sentir commiserazione per.
11 significato del termine assume un tono di in
sopportabilit, quando oggetto del pentimento
(introdotto da k) una decisione che Jahwe ha
attuato, ma che viene ritirata in base a tale
pentimento (Gen 6,6.7; ISam 15,11.35). La
reazione di Samuele (ISam 15,1 lb) mostra
quanto vi sia di irrazionalmente minaccioso in
tutto questo.
Usato senza oggetto, il termine amplia la pro
pria estensione di significato, ma perde con
temporaneamente in precisione. 11 senso diven
ta generalmente quello di pentirsi . Se il sog
getto un uomo, allora la motivazione data
dalla volubilit umana (Es 13,17; ISam
O lii nhm pi. CONSOLARE

60

I5,29b), o dalla peccaminosit che rende ne


cessario il pentimento (Ger 31,19; Giob 42,6).
Se invece il soggetto Jahwe (ISam 15,29a,
cfr. Num 23,19 hitp.; Ger 4,28; Ez 24,14; Zac
8,14; Sai 110,4), l'affermazione al negativo.
Fanno eccezione Gioe 2,14 e Giona 3,9 (chi
sa che Dio non si penta ancora ) che, nono
stante luso assoluto del termine, si avvicinano
ai passi con r citati sopra.
Non si d dunque, come spesso si afferma, una
intima contraddizione tra una presentazione
pi antropomorfica ed una concezione pi spi
ritualizzata del pentimento di Dio. La coesi
stenza dei due aspetti si fonda sulla bipolariti
deH'esperienza di Dio. Jahwe da un lato il
D io geloso
per cui non deve n
pentirsi di una decisione n sentirsi legato ad
essa (Gen 6,6.7; ISam 15,11.35); e, daltro
lato, egli clemente e misericordioso
per cui una sciagura prestabilita non
pu costituire la sua ultima parola.

straniero, forestiero hanno corrispondenti


in tutta larea linguistica sem. (cfr. Bergstr.
Einf. 182); le attestazioni extrabibliche pi an
tiche sono lug. nkr straniero (WUS nr.
1786; UT nr. 1649) e laram. imperiale nkrj'
stranieri (plur.) (Ah. r. 139; DISO 179). in
acc. nakru, oltre al sign. di forestiero, ha
principalmente quello di ostile (agg.)/nemico
(sost.) (AHw 723). Unaltra sfumatura negati
va di significato si ha nel termine astratto
nokeer (Abd 12, par. bd andare in rovina)
come pure in nkeer (Giob 31,3, par. d d i
sgrazia ), traducibili con avversit (inconsue
ta, sfavorevole) .
I significati dei verbo nkr ni. fingere (Prov
26,24), pi. rendere estraneo (Ger 19,4), pre
sentare in maniera falsa (Deut 32,27; 2Sam
23,7 txt?), hitp. fingere (Gen 42,7; IRe
14,5.6), potrebbero essere denominativi di
nokr (W.J.Gerber, Die hebr. Verba denomina
tiva, 1896, 97s.; Zorell 518a).

b). Tra i sostantivi, deve essere citato qui


nham compassione Os 13,14. Ginsberg (1.
c. 78s.)> secondo la sua interpretazione di Deut
32,36; Sai 135,14 (vd. sp. 3b), vuole intendere
il termine anche come vendetta ; tuttavia il
senso di compassione rimane pi pertinente
(Rudolph, KAT X III/1, 239).

Una connessione con nkr hi. considerare, indivi


duare, riconoscere (38x; inoltre ni. essere ricono
sciuto Lam 4,8; pi. notare Giob 21,29; 34,19;
hitp. farsi riconoscere Prov 20,11; sost. hakkr
riguardo [?] Is 3,9, cfr. Wildberger, BK X, ll7s.;
forse anche makkr conoscente [?] 2Re 12,6.8,
cfr tuttavia J.Gray, f Sl II Kjngs, 1963, 529s.), dove
si riflette, in uno sviluppo semantico contrapposto, il
diverso trattamento di ci che straniero, insolito
(cfr. Rut 2,10), viene supposta da Nldeke, NB 96;
P.Humbert, Opuscules dun hbraisant, 1958, 117;
K.BL 617b; diversamente p.e. GB 505b; Zorell 5 17s.

5/ A Qumran le documentazioni di nhm


sono relativamente scarse (Kuhn, Konk.
142s.); sono da rilevare 1QH 3,3 e 9,13 con
nhm ni. pentirsi in riferimento ai peccati.
I LXX traducono nhm pi. per lo pi con
KrxpayiaXzlv (chiamare vicino >) consolare;
interessante anche la traduzione con Xeev
(Is 12,1; 49,13; 52,9; Zac 1,17; altrimenti so
prattutto per -*hnn o ->rhm pi.). Per il ni., in
corrispondenza ai due significati principali, ma
non necessariamente in accordo con le delimi
tazioni esposte in 3c e 4a, vengono usati preva
lentemente TvapaxaXEa^ai, o pETavoEv e
(jLETa^xXEadai. Cfr. per le traduzioni R.Loewe,
VT 2, 1952, 261-272; per il tardo giudaismo e
il N.T. O.Michel, art. neTapiXo|j.ca, ThW IV,
630-633 (= GLNT VII, 167-178); J.Behm E.Wiirthwein, art. n,ETavow, ThW IV,
972-1004 (= GLNT VII, 1106-1197); O.SchmitzG.Sthlin, art. TtapaxaXiaj, ThW V, 771-798
(= GLNT IX, 599-674); J.Behm, art.
mxpxX'niroq, ThW V, 798-812 (= GLNT IX,
675-716).

H.J.Stoebe

T JJ nlcr S T R A N IE R O
1/ Il sostantivo nkr straniero, paese stra
niero e lagg. (spesso sostantivato) nokrl
61 123
nkr STRANIERO
t

2/ Limpiego della radice nellAT il seguen


te: nkr 36x (Sai 6x, ls 5x, Gen 4x), nokr
45x (Prov 9x, Esd 10,2-44 7x, Deut 5x, IRe
4x); per nkcer/nkcer (2x) e per il verbo (7x)
vd. sp. 1.
Sia nkr che nokr, bench presenti gi prima
dellesilio, sembrano aver assunto pi ampia
rilevanza in epoca postesilica, quando si pose
in modo particolare per Israele il problema del
suo rapporto con i popoli stranieri.
3/ a) nkr indica, come -zr, qualcosa di
estraneo, secondo Humbert, l.c. 117s., ci
che non si riconosce come proprio , mentre
zr indica ci che diverso o ci che ap
partiene ad un altro . nkr, che ricorre sem
pre come nome retto in uno stato cs., si riferi
sce generalmente a qualcosa di straniero in
senso etnico. Lespressione bcen/ben-nkr
(19x) serve a designare lo straniero o gli stra
nieri (tra un popolo); essa si trova in testi sa
cerdotali, dove si parla della posizione dello
straniero nel culto (Gen 17,12.27, in cui si
tratta di schiavi comperati da uno straniero
che vengono ugualmente circoncisi; Es 12,43,
nel contesto delle prescrizioni sulla pasqua;
Lev 22,25; cfr. Ez 44,7.9.9 par. rl incir
conciso ), e inoltre in testi tardivi del libro di
Isaia, dove vengono trattati i rapporti tra gli
62

s t r a n i e r i ed Israele (Is 56,3.6, proseliti; 60,10;


61,5; 62,8 par. fblm nemici; cfr. Neem
9 2) come pure nei salmi regali 2Sam 22,45.46
= Sai 18,45.46; Sai 11,7.11. Ln Sai .137,4
admat nkr la terra straniera dellesilio;
Neem 13,30 parla genericamente di tutto ci
che straniero . Spesso, soprattutto nel lin
guaggio dtr., ricorre inoltre lespressione un
dio straniero o dei stranieri (Gen 35,2.4;
Deut 31,16; 32,12; Gios 24,20.23; Giud
10,16; ISam 7,3; Ger 5,19; Mal 2,11; Sai
81,10; Dan 11,39; 2Cron 32,15; cfr. habl
nkr idoli stranieri [-^hboel 3c] Ger 8,19;
inoltre 2Cron 14,2 a l t a r i stranieri ).

b) Anche nokrl straniero (agg. e sost.) si


riferisce nella grande maggioranza dei passi
ad un altro popolo (Es 2,22; 18,3; Deut
14,21; 15,3; 17,15; 23,21; 29,21; Giud 19,12;
2Sam 15,19; IRe 8,41.43; 11,1.8; ls 2,6; Abd
11; Sof 1,8; Rut 2,10; Lam 5,2; Esd
10,2.10.11.14.17.18.44; Neem 13,26.27; 2Cron
6,32.33); pi raramente si riferisce a qualcuno
che non appartiene (pi) allambito della fami
glia o del gruppo (Gen 31,15 Labano tratta le
proprie figlie come straniere; Es 21,8 divieto di
rivendere una donna israelita; Sai 69,9 sono
diventato uno straniero per i miei fratelli, un
nokrl per i figli di mia madre; similmente
Giob 19,15). nokrl pu tuttavia significare an
che scmplicementc un altro o appartenen
te ad un altro (Prov 5,10; 20,16 K; 27,2; Ec
cle 6,2); la nokrijj donna straniera (Prov
2,16; 5,20; 6,24 txt em; 7,5; 23,27; 27,13, cfr.
20,16 Q) non indica una straniera pagana (cos
G.Bostrm, Proverbiastudien, 1935), ma la
donna (adultera) di un altro (israelita) (Hum
bert, l.c. 111-118; id., Revue des tudes Smitiques 1937, 49-64) o la donna di qualsiasi
provenienza il cui insolito comportamento,
estraneo alla vita del gruppo, socialmente ri
provato (L.A.Snijders, OTS 10, 1954, 60-110;
per tutto questo cfr. luso parallelo dellagg.
-*zr[3b]). Un uso traslato di nolcrl si trova in
Ger 2,21 (vigna degenerata) e in Is 28,21
( inconsueto, detto dellagire di Dio; -+zr 3d).
4/ Lesame dellimpiego di nkr/nokrl nellAT conferma largamente quanto si afferma
to a proposito di ->zr (4) sul rapporto di
Israele con gli stranieri ed i forestieri: esso
solitamente caratterizzato da un atteggiamento
che va dal riserbo al rifiuto. Lo mostrano bene
i testi di carattere deuteronomistico, che metto
no in risalto il ruolo corruttore degli dei stra
nieri (vd. sp. 3a), i passi tritoisaiani, che at
tribuiscono ai non giudei un ruolo subordinato
e di servizio per il tempo della restaurazione di
Gerusalemme c di Giuda (cfr. tuttavia il tono
pi positivo di Ls 56,3.6), ed i testi sacerdotali,
che determinano la posizione del bcen-nlcr
allinterno della comunit cultuale.
63

5/ Nei testi di Qumran nkr compare finora


5x (Kuhn, Konk. 143c; RQ 14, 1963, 210a),
proseguendo luso linguistico vtrt.; cfr. 4Q
Fior. 1,4 la casa, in cui non deve entrare per
leternit nessun ammonita, nessun moabita,
nessun bastardo, nessuno straniero (bn nkr) e
nessun forestiero con Deut 23,2ss.
Per straniero nel tardo giudaismo e nel NT
cfr. la bibliogr. citata sotto -*zr 5.

R.Marlin-Achard

H03 nsh pi. T EN T A RE


1/ Oltre che in ebr. (in campo extrabiblico
anche nellostraco di Lachis KAI nr. 193, r. 9)
la radice nsh ricorre solo in aram., da dove
passata in et. (LS 433b: Dillmann 642s.).
In ug. il verbo non attestato con certezza (cfr. UT
Nr. 1661; A. van Selms, U F 2, 1970, 264).
L etimologia incerta. Poco probabile una presun
ta connessione con ns', dove sollevare, ponderare
sarebbe da intendere come un esaminare (W.J.Gerber, Die hebr. Verba denominativa, 1896, 30). Diffi
cile anche un nesso con il sost. ns distintivo, in
segna militare .

Dal verbo, che documentato solo in pi., deri


va il termine astratto massa prova . Il nome
di luogo foneticamente uguale (Es 17,7; Deut
6,16; 9,22; 33,8; Sai 95,8; cfr. S. Lehming,
ZAW 73, 1961,71 -77) ricollegato dalletimo
logia popolare a nsh pi.
2/ 11 verbo ricorre 36x (Deut 8x, Sai 6x, Es
5x, Giud 4x; nei profeti solo Is 7,12). Il sostan
tivo (solo plur. massi) compare 3x (Deut
4,34; 7,19; 29,2).
3/

Per i paragrafi 3-5 cfr. LV.Oikonomos,


v t t ) l l a X a i a i a d r p a ] , 1965.

rU ipacr|jiO L

a) Quando logg. una persona, il significato


fondamentale del verbo esaminare, mettere
alla prova . Un uomo pu mettere alla prova
un altro per vedere se si dimostra capace (IRe
10,1 =2Cron 9,1; Dan 1,12.14).
Fra i vocaboli semanticamente affini a nsh pi.
deve essere menzionato in primo luogo ~*bhn
esaminare . 1 due verbi sono paralleli in Sai'
26,2; 95,9, come pure in IQH 2,13s. A diffe
renza di nsh pi., il cui oggetto personale tutto
quanto luomo o Dio, bhn si riferisce spesso ai
differenti aspetti parziali della realt umana
(cuore, reni, parole, comportamento).
Un esame daltro genere viene indicato con hqr
indagare (->bhn 3b), che sottolinea mag
giormente laspetto cognitivo. Mentre in nsh
pi. lattenzione si concentra soprattutto sulfogno:

nsh pi. TENTARE

64

getto e sul suo comportamento (prova), in hqr


laccento viene posto particolarmente sul sog
getto che indaga e sulla sua attivit.
b) Quando ha per oggetto una cosa, nsh pi.
presenta una accezione pi sfumata: prova
re, fare un tentativo (Giob 4,2; Eccle 7,23).
Lo stesso significato ricorre anche quando nsh
pi. usato senza oggetto (Giud 6,39; ISam
17,39.39; Eccle 2,1 txt?, cfr. Galling, HAT
18,87; Hertzberg, KAT XVIl/4,79), o quando
unito allinf. (Deut 4,34 con le\ 28,56 senza

fVicino
>-

per significato a nsh pi. in questa acce


zione sfumata (lat. tentare) j'I hi. accingersi
a fare qualcosa (lat. conarij, che esprime so
prattutto il senso incoativo (esattamente dar
inizio). La differenza ben evidenziata in
ISam 17,39: David si accinse (per la prima
volta) (j'I hi.) a camminare (nellarmatura),
dato che non aveva mai provato (nsh pi.).
O.EiBfeldt, VT 5, 1955, 235-238 = KS III, 356-358,
intende nsh pi., qui e in alcuni altri passi, come ter
mine tecnico-militare: esercitarsi, addestrarsi alle
armi . Il punto principale deHaGermazione, tutta-,
via, non sta nel fatto che David non un esperto
portatore di armi, ma nel fatto che egli non aveva
mai portato prima unarmatura. Anche per gli altri
passi (Es 15,25; Deut 33,8; Giud 3,1) la traduzione
esercitarsi non necessaria.

4/ Spesso Dio che mette alla prova gli uo


mini per scrutare il loro pensiero (Gen 22,1,
cfr. D.Lerch, Isaaks Opferung, christlich gedeutet, 1950, 98-101; Es 15,25, cfr. Noth, ATD
5,102 = ital.
159; 16,4; 20,20, cfr.
M.Greenberg, JBL 79, 1960, 273-276; Deut
8,2.16; 13,4; 33,8; Giud 2,22; 3.1.4; Sai 26,2;
2Cron 32,31).
Quasi altrettanto spesso Dio sta in posizione di
oggetto rispetto a nsh pi.; tentare D io signi
fica, come risulta molto chiaramente dai conte
sti, attendere o richiedere un miracolo (Es
17,2.7; Num 14,22; Deut 6,16.16; Is 7,12; Sai
78,18.41.56; 95,9; 106,14; per la connessione
nel culto tra la proclamazione del comanda
mento fondamentale e lammonimento a non
comportarsi come a Massa cfr. N.Lohfink, Das
Hauptgebot, 1963, 80; sulla proibizione di ten
tare Dio in Deut 6,16 cfr. Wildberger, BK X,
286s.: In tal modo si chiarito un punto es
senziale di ci che distingue la fede di Israele
in Dio da quella del suo ambiente [cfr. anche il
giudizio negativo di Ges sulla ricerca dei mi
racoli e la richiesta dei segni, Mt 16,4], per il
quale la divinazione ha unimportanza rilevan
te ).
Proprio alFinterno di questo campo semantico
del miracolo il derivato massl prove si
limita a designare le azioni potenti di Jahwe
(Deut 4,34; 7,19; 29,2), e pu essere considera
to un vocabolo esclusivamente dtr. Esso ricorre
65

nfas ANIMA

ogni volta in unione con tt segni e


mpiim prodigi (- t 4b).
5/ A Qumran, accanto al verbo (vd. sp. 3a),
si trova il termine astratto derivato dalla co
niugazione intensiva nissuj prova (1QS
1,18; 4QDib Ham 5,18; 6,7), come in Sir
36(33), 1 e 44,20.
Nei LXX il verbo viene tradotto normalmente
con (x)7i:Eip^8Lv o impv. Per massa si usa
r.ei.paiJ[xc; solo in Deut 33,8 TiEipa. Per luso
nts. di questi vocaboli cfr. H.Seesemann, art.
-rceipa. ThW VI, 23-27 (= GLNT IX, 1413
1454).

G.Gerleman

CtfSJ ncfces A N IM A
*1/ Lebr. ncefces (fem.) ha i suoi corrispon
denti in tutte le lingue sem. (Bergstr. Einf.
185; P.FronzaroIi, AANLR VIII/19, 1964,
246-248.263.275s.). I diversi significati che
presenta Iebr. nfces (vd. st. ITT/1-6) si ritrova
no per la maggior parte anche nelle lingue con
nesse, cfr. p.e. acc. napistu gola, vita (AHw
738; Dhorme 18s.92; L.Durr, Hebr, nfiss =
acc. napistu = Gurgel, Kehle, ZAW 43. 1925,
262-269), amor, naps- breath, life (= re
spiro, vita ) in nomi di persona (Buccellati
176; Huffmon 240s), ug. nps gola, appetito,
anima, essere vivente ecc. (WUS nr. 1826;
UT nr. 1681; G.Widengren, VT 4, 1954,97
102); per il fen. pun. e l(antico) aram. nps/nbs
cfr. DISO 183s. (per la forma nbs cfr. M.Weip
pert, Die Landnahme der isr. Starnine, 1967,
80 con bibliogr.; R.Degen, Altaram. Gramma
tik, 1969, 31s.; anche in un ostraco ebr. di
Arad, vd. Y.Aharoni, BASOR 197, 1970, 20),
per larab. nafs cfr. Wehr 875s. (anche R.Blachre, Note sur le substantif nafs souffl vital, m e, dans le Coran, Sem I, 1948,
67-77), per let. nafs Dillmann 707.
Nellaram. medio e in medioebr., come pure nel su
darabico antico, si trova il sign. monumento fune
rario, stele sepolcrale (DISO I83s.; B. Lifshitz,
ZPV 76, 1960, 159s.; LS 441; E Jenni, ThZ 21,
1965, 385; Conti Rossini 189; G.Ryckmans, Le M u
son 71, 1958, 132-138); esso non si basa sulla con
cezione della tomba intesa come le fauci del mondo
degli inferi (Fronzaroli, Le. 247), ma sullidea della
stele in cui lanima del morto esiliata (W.Caskel, Lihyan und Lihyanisch, 1954, 139). Il vocabolo
si trova anche nel rotolo di rame di Qumran
(J.T.Milik, D JD FU, 1962, 212.247.273.284s. per 3Q
15 1,5).

Il verbo nps ni. respirare potrebbe essere un


denominativo dei sostantivo (Fronzaroli, l.c.
66

247; diversamente p.e. D.W.Thomas, A Study


in Hebrew Synonyms; verbs signifying to
breathe, ZS 10, 1935, 311-314; D.Lys, Nphsh, 1959, 119). Cfr. anche lacc. napsu
(re)spirare; allargarsi (AHw 736, senza rife
rimento a napislu).

rem, Kopf und Person, ZA 56, 1964, 151-212;


E.Hornung, Einfhrung in die gyptologie,
1967, 64s. con bibliogr.; G.Widengren, Religionsphiinomenologie, 1969, 427-439).
Un prospetto dei significati e dellimpiego di
nfces (abbreviato = h.) nellAT pu articolarsi
nel modo seguente:

*11/ Il sostantivo ricorre 754x (vd. prospetto),


il verbo nps ni. 3x (Es 23,12; 31,17; 2Sam
16,14); cfr. anche i dati statistici in Lys, l.c.
116-119. Il plur. nFJast si trova 50x (ncfasm
in Ez 13,20 va corretto).

1/ significato fondamentale concreto: a) alito/respi


ro, b) gola/fauci;

Gen
Es
Lev
Num
Deut
Gios
Gud
ISam
2Sam
IRe
2 Re
Is
Ger

43
17
60
50
35
16
10

34
17
23
15
34
62

Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal

42 Sai
2
Giob
Prov
3
Rut
Cant
5
Eccle
3
Lam

Est
3
Dan

Esd
1
Neem
2
lCron
2Cron

Ili/ nfces uno dei vocaboli pi studiati


dellAT. La bibliografia seguente offre solo una
scelta della ricca letteratura che si occupata
di questo termine: C.A.Briggs, The Use of nps
in th OT, JBL 16, 1897, 17-30; J.Schwab,
Der Begriff der nefes in den heiligen Schriften
des AT, Munchen 1913 (tesi); M.Lichtenstein,
Das Wort nfces in der Bibel, 1920; L.Drr,
ZAW 43, 1925, 262-269 (vd. sp. I); Pedersen,
Israel 1-11, 97-181.246; J.H.Becker, Het Begnp
Nefesj in het Oude Testament, 1942; M.Seligson, The Meaning of nps mt in th Old Testa
ment, 1951, e al riguardo G.Widengren, VT 4,
1954, 97-102; A.Murtonen, The I.iving Soul,
1958; D.Lys, Nphsh, 1959; A.R.Johnson,
The Vitality of th Individuai in th Thought
of Ancient Israel, (1949) 21964; W.H.Schmidt,
Anthropologische Begriffe im AT, EvTh 24,
1964,
374-388;
O.Sander,
Leib-SeeleDualismus im AT?, ZAW 77, 1965, 329-332;
Eichrodt II, 87-93; Khler, Theol. 129-132;
J.Scharbert, Fleisch, Geist und Seele im Penta
teuci!, 1966; H.W.Wolff, Anthropologic des
AT, 1973, 25-48 (= Antropologia dellAT,
1975,18-39).
Una presentazione delle varie concezioni del
lanima sia nelIAT sia neUambiente circo
stante esorbita dai limiti di un articolo di di
zionario. Materiale e indicazioni bibliografiche
in proposito si trovano in parecchi studi citati
(cfr. f. gli a. Johnson, l.c. 8s.; inoltre p.e.:
R.Dussaud, La notion dme chez les Isralites
et les Phniciens, Syria 16, 1935, 267-277;
A.K.ammenhuber, Die hethitischen Vorstellungen von Seele und Leib, Herz und Leibesinne67

2/

avidit/brama/pretesa: a) fame, b) sete di ven


detta, c) richiesta/desiderio/piacere, d) aspetti negati
vi, e) locuzioni fisse;
3/ anima: a) desiderosa, b) airamata/sazia, c) afTlitta/gioiosa, d) piena di speranza, e) che ama/odia,
f) viva,g) riassunto;

4/ vita:

a) sai vezza/preservazione/consereazione,
b) minaccia/perdita; c) complessivamente;
5/ essere vivente/uomo: a) nelle leggi, b) nelle enu
merazioni, c) espressioni generali, d) uso pronomi
nale;
6/

n. (ml) cadavere.

1/ La questione del s i gn i fi ca to f o n d a
m e n t a le c o n c r e t o presenta difficolt
per il fatto che nfces col sign. di respiro
non quasi per nulla documentato in ebr., ma
pu essere dedotto dal verbo nps ni. (a); pu
essere indicato come sicuro, anche se non fre
quente, il sign. concreto gola, fauci (b).
a) Dalle tre ricorrenze del verbo nps ni. re
spirare, prender fiato (Es 23,12; 31,17; 2Sam
16,14; il qal non ricorre) si pu dedurre che n.
una volta aveva (per lo meno anche) il sign. di
respiro (per il quale si trova normalmente
nesmci, pi tardi anche rUah\ -+rah III/7-8).
NellAT tuttavia n. si trova con questo signifi
cato solo in Gen 1,30 ci che ha in s alito
di vita (n. hajj; Zorell 526a: 1 n. hajjlm) e in
Giob 41,13 txt em il suo respiro arde come
carboni ardenti (cos anche Widengren, l.c.
100; Johnson, l.c. 11 con riserva).
Non ha alcuna attinenza con tutto questo lespressio
ne btt hanncefaes di Is 3,20, tradotta tradizional
mente con boccette dei profumi (cfr. W.von Soden, ZA W 53, 1935, 391s.; Wildberger, BK X , 143:
scatoletta dellanim a; bjil 3c).

Una serie di passi in cui n. deve essere tradotto


con anima/vita o essere vivente attesta
no la vicinanza di questo significato con re
spiro, respiro vitale :, cos IRe 17, 21.22 fa
che lanima di questo ragazzo ritorni a lu i...
lanima del ragazzo ritorn a lui (cfr. a que
sto proposito Johnson, l.c. 11) e soprattutto la
frase che conclude la creazione delluomo in
Gen 2,7 cos luomo divenne un essere viven
te (Jenfces hajj), per il fatto, cio, che il

nfces ANIMA

68

creatore alit in lui il respiro. Mentre in Gen


2,7 J (in v. 19 probabilmente glossa) lespres
sione n, hajj suona come uninnovazione, in P
essa formula corrente per essere(i) vivente(i) , dove pu indicare uomini e/o animali e
si trova sempre nel contesto della creazione e
del diluvio (Gen 1,20.21.24; 9,10.12.15.16; vi
si collegano Lev 11,10.46; Ez 47,9; della crea
zione della n. si parla invece solo in Ger
38,16). Dai passi citati (da inserire rispettiva
mente sotto 3f e 5) si pu dedurre che la con
nessione di n. con un precedente significato di
respiro ancora nota allAT, bench n. nel
sign. di respiro non venga quasi mai usato.
Si muove sulla stessa linea un piccolo gruppo
di passi in cui n. soggetto di qsr q. essere
breve (Num 21,4 per via per il popolo di
venne impaziente; Giud 10,16 allora egli
divenne indignato; 16,16 allora divenne im
paziente da morire; Zac 11,8.8 allora io
[Dio] persi la pazienza con loro e anchessi si
stancarono di me ) oppure oggetto di rk hi.
rendere lungo (Giob 6,11 e che cosa la
mia fine, perch io possa pazientare? ). Lidea
originaria quella del respiro (cfr. le espressio
ni affini con appjim [^>af 3a] e -+rah
[lll/9a]); al suo significato traslato appartengo
no le espressioni riguardanti le polarit di ma
nifestazione deHanima (vd, st. 3g).
Diverso il rapporto di nfces con ->dm (4b)
sangue. Se Deut 12,23 spiega: poich il
sangue, esso la nfces, e Lev 17,14 afferma
due volte (benafs va cancellato): poich la
nfces di ogni carne il suo sangue (contra
riamente a v. 11a: poich lanima della carne
n e i sangue; v. 11b mediante lanima;
cfr. Elliger, HAT 4, 228 e ibid n. 30 sulluso di
n. in Lev), si pu dedurre che il sangue in ag
giunta a n. serve come spiegazione; unaltra
tradizione, secondo la quale si deve identificare
con la vita e considerare sede della vita non il
respiro ma il sangue. Perci gi in Gen 9,4 si
proibisce di cibarsi del sangue, con tale moti
vazione. Proprio queste spiegazioni mostrano
che n. non ebbe mai in ebr. il significato di
sangue , ma che il sangue fu posteriormente
messo in rapporto con n. nel senso di vita
(dm par. a n. in Ez 22,27; Giona 1,14; Sai
72,14; 94,21; Prov 1,18).
b) Anche se non spesso, si pu certamente in
dividuare ancora in singole locuzioni fisse il
sign. concreto di nfces gola, fauci (a questo
proposito Dtrr, l.c.; cfr. anche i paralleli ug. di
fauci del mondo degli inferi in N.J.Tromp,
Primitive Conceptions of Death and th Nether World in th Old Testament, 1969,
36.104s.). In due passi profetici si parla dellaprirsi (spalancarsi) delle fauci dello seoi (Is
5,14; Ab 2,5), e in due passi dei salmi (Sai
69,2; Giona 2,6) colui che minacciato dalla
morte si lamenta chc le acque gli arrivano
69

nfces ANIMA

fino alla gola ; lo stesso significato e lo stes


so contesto ritornano anche in Sai 124,4.5.
Con questo signi ficato di gola, fauci si pu
mettere in relazione pertinente solo il sign.
scarsamente attestato di respiro , in corri
spondenza alle diverse funzioni della gola (per
la quale tuttavia nellAT si trova di solito
grn [8x] o la [soltanto Prov 23,2; -+sth 3c];
cfr. Dhorme 18s.92). Una conferma data dd
fatto che nei diversi ambiti di impiego di n. si
pu ancora notare una risonanza delle due
funzioni della gola, quella dellinghiottire e
quella del respirare, luna nel sign. di avidit,
brama, pretesa (vd. sL 2) e in una serie di
espressioni che sono collegate a n. e presup
pongono il sign. originario di gola, faringe,
fauci (p.e. sb ' hi. saziare Is 58,11; mi' pi.
riempire Prov 6,30; req vuoto Is 29,8;
sqq anelante Is 29,8; Sai 107,9; par. a px
bocca Eccle 6,7; par. a gargert collo
Prov 3,22; cfr. inoltre Num 21,5; ISam 2,33;
Ger 4,10; Sai 105,18; Prov 23,7 Ut?), laltra
nei tre passi in cui ricorre il verbo e quando il
termine unito a qsr e VA: (vd. sp. 1a).
Per kbd e *kbd fegato come vocabolo per
indicare anima usando la designazione di unaltra
parte del corpo (Gen 49,6 e Sai 7,6 par. nfas\ Sai
16.9 par. ->lb cuore; 30,13; 57,9; 108,2 par. lb)
cfr, kbd 1.

2/ In un certo numero di testi n. ha il signifi


cato di avidit, brama, pretesa , Questo il
gruppo che pi si avvicina al significato di
gola, fauci ; in questi casi non sarebbe possi
bile tradurre n con anim a n con vita.
n. qui la forza della pretesa che nasce dallaver vuota la gola, le fauci; essa per si estende
molto oltre la fame e la sete. Per i sinonimi
cfr. ->wh, ->hmd.
a) nfces pu indicare semplicemente la fame:
Deut 23,25 potrai mangiare uva secondo la
tua fame; Os 9,4 poich il loro pane solo
per la loro fame; Prov 12,10 il giusto ha
comprensione per la brama del suo bestiame ;
similmente Prov 10,3; 16,26; cfr. Is 29,8 citato
in 1b come un affamato sogna di mangiare e,
quando si sveglia, la sua brama inappagata
(la sua gola vuota) .
b) La nfces dei nemici viene sentita come sete
di vendetta e desiderio di annientamento: Es
15.9 il nemico disse: inseguo, sazio la mia
brama; Es 16,27 io ti abbandonai in preda
allavidit delle tue nemiche; cfr. Sai 17,9
benfces avido; 27,12; 41,3.
c) nfces pu presentarsi con un significato in
qualche modo pi sfumato di richiesta, desi
derio, piacere; Sai 35,25 non dicano in cuor
loro: ah, questo ci che desideriamo (h&fi
nafsnu)\>y, cfr. inoltre Deut 21,14; ISam 2,35;
Ger 34,16 txt?; Sai 78,18; 105,22. A questo
70

ambito appartiene lespressione im-js cetnafsekcem se vi va bene, pi esattamente:


se ci corrisponde gl vostro desiderio (Gen
23,8; cfr. 2Re 9,15). Si avvicina a questa mo
dalit di impiego lespressione voi conoscete
la n. dello straniero (Es 23,9), che ricorre una
sola ^olta, tradotta solitamente: voi sapete
come si sente lo straniero . Probabilmente an
che qui c sullo sfondo il sign. di desiderare,
pretendere e ci si riferisce al desiderio di es
sere trattato umanamente.
d) Negli scritti sapienziali n. intesa come avi
dit viene tematizzata e assume cos una con
notazione negativa. Ma non lavidit come
tale ad essere condannata, bens quella del
lempio: Prov 21,10 la brama dellempio ten
de al male (cfr. Prov 13,2.4; 19,2; Eccle 6,9).
Su un piano diverso si muove la riflessione di
Qohelet (Eccle 6,1), che vede n. come fenome
no umano in relazione al suo motto tutto
vano: Ogni sforzo deHuomo diretto alla
sua bocca e tuttavia la sua brama non viene
mai appagata . Egli vede il fenomeno dellavi
dit mai appagata, delle pretese sempre mag
giori, che alla fine significano solo fatica
('amai) per colui che non mai sazio, n. qui
particolarmente vicino al significato fondamen
tale concreto (par. pc bocca ; cfr. anche il
verbo m i ni. essere riempito); qui n. po
trebbe addirittura venir tradotto con fauci.
Il passo dimostra che anche in epoca posterio
re non si del tutto dimenticato il significato
concreto di gola, fauci .
e) Quanto importante sia questo ambito di si
gnificato risulta dal fatto che ad esso si ricolle
gano molte locuzioni fisse con n.\ b'al rufies
(Prov 23,2; cfr. L.Kopf, VT 8, 1958, 183) o az
ncefces (Is 56,11) indicano chi particolarmente
avido , rehab-n&fces F avido che non pu
mai essere saziato (Prov 28,25). Se questo sign.
pretesa, avidit, brama non un ulteriore
sviluppo secondario del concetto (cos Eichrodt
11,90), ma si pone in stretta relazione con il si
gnificato fondamentale, allora n. pretesa, bra
ma indica qualcosa che appartiene allessenza
di uomo. Gi qui si evidenzia un fondamentale
contrasto con una concezione delluomo secon
do cui l anima radicalmente opposta alla
brama e questultima (m#u^uji) vista sostan
zialmente sotto un profilo negativo. La conce
zione delluomo che emerge qui si avvicina in
vece a quella della psicologia e della sociologia
moderna, in quanto anche per esse desiderare e
bramare appartengono necessariamente alles
sere uomo.
3/ Qui di seguito sono elencati i gruppi di
passi in cui il termine ncefces viene tradotto con
anima .
a) In circa venti passi n. unito a - wh pi./hitp.
71

desiderare o a aww e ta'aw desiderio.


Questo ambito semantico vicino a 2a-e; l
era n. la brama, qui si sottolinea la brama di n.
Se nc deve dedurre che in questa connessione
con wh si trova un aspetto specifico del signifi
cato di n., cio la brama, il desiderio, il piace
re. n. non quindi di per s una realt statica,
ma in movimento verso qualche cosa.
Come in 2a n. pu significare fame , cos
qui n. pu significare aver desiderio (fame) (Mi
7,1 non un fico che il mio cuore desideri ).
Con significato simile o pi ampio n. si trova
unito a wh pi. in Deut 12,20; 14,26 (accanto a
s I q. bramare); ISam 2,16; 20,4 txt em
prendi ci che il tuo cuore brama; 2Sam
3,21; IRe 11,37; Giob 23,13; Prov 21,10; con
wh hitp. Prov 13,4 txt?; con aww Deut
12,15.20.21 a tuo piacere; 18,6; ISam
23,20; Ger 2,24 txt?; con taaw Sai 10,3; Prov
13,19; un desiderio appagato dolce per la
nima ; con haww brama Mi 7,3 il po
tente decide secondo il suo piacere. Solo in
un passo molto tardivo, in un salmo dellapo
calisse di Isaia, questa brama indirizzata a
Dio: Is 26.8 txt? (taaw)\ v. 9 la mia anima
anela ( wh pi.) a te nella notte, ed il mio spirito
in me ti brama ardentemente (shr pi.; vd. st.
IV73).
b) Si visto che nfs nel sign. di avidit,
brama poteva essere f. la. il desiderio dellaf
famato (vd. sp. 2a); in modo analogo si dice
ora dell anima che ha fame o che viene sa
ziata. La traduzione con anima in questi
passi solo una soluzione di ripiego; il gruppo
di 3b connette il significato di desiderio con
quello di anima .
Di fame fisica parla Sai 107,9: poich egli sa
zi lanima inaridita (consunta) e riemp di
beni lanima affamata. Dellanima affama
ta parla anche Prov 19,15; 25,25; 21,Ih. Del
languore dellaffamato si dice in Num 11,6,
parlando delle peregrinazioni nel deserto: ora
la nostra anima inaridisce (jbs) (cfr. Sai
107,9); siamo vicini, anche in questo caso, al
significato fondamentale concreto, e lo stesso
vale anche quando il calmare la lame viene in
dicato con un riempire (m i pi., Prov 6,30).
Allessere pieno della n. corrisponde lessere
vuoto, come in Is 32,6 per lasciare vuota la
n. dellaffamato .
Lessere affamato pu anche provenire da una deci
sione volontaria, come nel digiuno (-*sm); lespres
sione >nh pi. ncefces per digiunare indica origi
nariamente un reprimere, un soffocare il desiderio (di
cibo). Tuttavia, tenendo conto di Lev 23,29 c h iu n
que non si mortifica (nh pu.)... , deve essere stermi
nato (vd. st. 5a), i passi con nh pi. n. mortificar
si (Lev 16,29.31; 23,27.32; Num 29,7; 30,14; Is
58,3.5; Sai 35,13) potrebbero essere classificati sotto
l uso pronominale riflessivo di n. (vd. st. 5d; cfr. Elli
ger, HA T 4,319).

ncefces ANIMA

72

In alcuni passi la sete o il languore tendono a


Dio: Sai 42,2.3; 63,2; 119,20.81; 143,6; agli
atri del tempio Sai 84,3; vd. st. IV/3.
Si deve ricondurre a questo aspetto un piccolo
gruppo di passi in cui n i q./pi. nfces significa
tendere, anelare a
3d; q.: Deut 24,15;
Os 4,8; Sai 24,4 txt em; Prov 19,18; pi.: Ger
22,27; 44,14; cfr. anche Ez 24,25 massa
nafsm brama dei loro cuori [v. 21
mahmal najsekcem con il sign., parallelo a n i,
della radice hml, arab. portare , cfr. Zim
merli, BK XII, 569]). In Sai 25,1; 86,4; 143,8
{ns' q.) lespressione assume un senso traslato,
per indicare il volgersi a Dio con speranza e
desiderio.
Per alcune frasi che si riferiscono alla fame e
alla sete si gi parlato della corrispondenza,
dcUappagamento o del ristoro (Is 56,11; Sai
107,9; Prov 6,30; 25,25; 27,7). In un analogo
gruppo di passi si parla espressamente del sa
ziare, ristorare, rifocillare la n.: con ->ib q.
essere sazio, saziarsi (Ger 31,14; 50,19; Sai
63,6; 88,4; 123,4; Eccle 6,3; pi. Ez 7VI9; hi. Is
58,10; ib sazio Prov 27,7; sba sa
ziet Prov 13,25); con ng hitp. ristorarsi
(Is 55,2); con rwh pi. saziare con bevande
(Ger 31,14 par. b' q., cfr. v. 12 come un
giardino ben irrigato; hi. Ger 31,25 par. m i
pi.); con dsn pu. essere reso grasso = venir sa
ziato (Prov 11,25; 13,4b). Alcuni passi, inol
tre, parlano del soddisfare la fame fisica, p.e.
Prov 27,7 la n. sazia calpesta il favo di mie
le. Qui n. si avvicina molto al sign. di desi
derio: quando lo stimolo della fame appa
gato non ci si cura pi del cibo. Lappagamento della fame fisica ritorna anche nei passi in
cui diventa oggetto di promessa (Is 55,2; Ger
31,14.25; 50,19). Lappagamento della n. pu
ritrovarsi anche in senso traslato, metaforico,
sia con valore negativo (Sai 88,4 la mia ani
ma saziata di dolore; 123,4 la nostra ani
ma troppo sazia di scherno ) sia con valore
positivo (Sai 63,6 la mia anima si sazia come
di midollo e di grasso; Prov 11,25 l anima
che fa il bene viene riccamente saziata ). In
questo passo la traduzione con anima pi
appropriata.
Non del tutto chiaro che cosa significhi con
cretamente lespressione sub hi./pol. ristabili
re, ristorare con ogg. nfces. Ci che viene ri
pristinato, ristabilito pu essere propriamente
solo la vita (sana); in questo caso n. sarebbe al
lora da intendere come vita . Questa la
migliore interpretazione di Lam 1,16: poich
lontano da me il consolatore, colui che po
trebbe ristabilirmi (msb najs) ; cos anche
Rut 4,15: egli conserver la tua vita. Esiste
per anche laltra possibilit, che cio n. come
oggetto di sub hi./pol. significhi propriamente
brama ; la Bibbia di Zurigo traduce infatti
Sai 23,3 (poi.) egli appaga la mia brama.
Anche in Lam 1,11 questo significato pi ap
73 C7BJ nfces ANIMA

propriato: essi danno ci che hanno di pi


prezioso come cibo per placare la fame, ma
si potrebbe anche intendere: per conservare
la vita (cos p.e. Rudolph, KAT XVII/3,
205). Cfr. inoltre Sai 19,8 la legge di Jahwe
ristora (hi.) lanima ; Prov 25,13 un messag
gero fidato... ristora (hi.) il cuore del suo si
gnore . In questo gruppo di testi l uso del ter
mine si colloca in posizione intermedia tra i
due significati di anima e di vita ; vi po
trebbe corrispondere la traduzione forza vita
le, vitalit (cfr. il titolo dello studio di A.R.
Johnson, vd. sp. 111).
c) La traduzione con anim a chiara e pos
sibile in ogni caso, in corrispondenza alluso
italiano del termine, solo per il gruppo dei pas
si in cui si esprime lo stato di afflizione e di
prebccupazione (pi raramente di gioia e con
solazione) della n.
In 15 passi n. si unisce a vocaboli della radice
mrr essere amaro, lOx nella formula fissa
mar nfces (Giud 18,25; ISam 1,10; 22,2;
2Sam 17,8; Is 38,15; Ez 27,31; Giob 3,20;
7,11; 10,1; Prov 31,6), inoltre n. mr (Giob
21,25), con mrr q. (ISam 30,6; 2Re 4,27), mrr
hi. rendere amaro (Giob 27,2) e mrQ
amarezza (Prov 14,10). mar nfces con
cuore afflitto si trova spesso nel lamento (cfr.
Anna in ISam 1,10; Giobbe in 7,11; 10,1); la
stessa espressione, tuttavia, ha anche un signifi
cato parzialmente diverso, quando Ts/'"nsm
mar/mrc nfces significa uomini esasperati,
outeasts (reietti) (Giud 18,25; ISam 22,2;
2Sam 17,8). Si pu tradurre in ogni caso con
gente esasperata , anche se con diverse sfu
mature (cfr. amareggiato e rammaricato,
corruccio e corrucciarsi ).
II senso della connessione di n. con mrr risulta
chiaro dalla formulazione verbale di Giob
27,2: l onnipotente che ha reso amara la mia
n. . La n. sana e integra cambiata per il fatto
che Dio lha resa amara. Luomo diventato
amaro nel suo centro, nel suo nocciolo, e quin
di nella sua totalit ( afflitto in realt una
traduzione troppo debole dellebr. mar). Non
per nulla casuale che proprio la formula fissa
mar nfces indichi qualcosa che tipico per
capire n. nellAT: nel dolore, nellafflizione,
neHesasperazione, nellamarezza si evidenzia
con particolare chiarezza ci che costituisce
lessenza propria delluomo; proprio questo ap
partiene alla realt effettiva ( Eigentlichkeit :
M.Heidegger) delluomo.
Oltre ai casi in cui n. unito a mrr , vi anco
ra tutta una serie di espressioni che parlano di
pena, sofferenza, scoraggiamento, fatica del
luomo in modo tale che n. ci a cui tutto
viene riferito. Anzitutto si devono ancora men
zionare qui soprattutto espressioni di lamento:
Ger 13,17; Sai 6,4; 13,3; 31,10 (. par. blcen
corpo, cfr. 44,26); 42,6.7.12; 43,5; 44,26;
74

57,7; 119,25.28; Lam 3,20; cfr. Giob 14,22;


Prov 27,9 txt?; Cant 5,6; riferendosi al lamento
Giona 2,8 quando in me la mia anima si sco
raggiava ('tp hitp,); cfr. Sai 107,5.26. Nel ca
pitolo delle maledizioni Deut 28 viene annun
ciato: Jahwe ti dar l languore degli occhi e
scoraggiamento dellanima (v. 65 debn
scoraggiamento solo qui; cfr. d b q. lan
guire Ger 31,25). In un annuncio di giudizio
(Is 19,10) si parla di agm-nfces avviliti
( gm triste solo qui). Nella storia di Giu
seppe i fratelli affermano retrospettivamente:
abbiamo visto langoscia {sar) della sua ani
ma (Gen 42,21). Il significato : abbiamo
visto la sua angoscia; lespressione angoscia
della sua anima , alf interno del piatto discor
so prosaico pu significare soltanto: lo abbia
mo visto in tutta la sua angoscia, langoscia
che aveva coinvolto tutta la sua esistenza. Del
la fatica ('amili) della sua anima si parla in
Is 53,11 a proposito del servo di Dio; il signifi
cato corrisponde a quello di Gen 42,21. Per
Sai 105,18 cfr. Kraus, BK XV,718.
NellAT un modo particolare per indicare il lamento
effondere (spk) il cuore (lanim a) (ISam 1,15;
Sai 42,5; Giob 30,16). Secondo linterpretazione di
Pedersen (l.c. 149s.) colui che eleva il lamento vuota
la sua anima per diventare, in questa condizione di
vuoto e di impotenza, degno di misericordia; si trat
terebbe quindi di atteggiamento attraverso cui ci si fa
piccoli, per ottenere aiuto. Questo per non corri
sponde all'uso consueto di n. A tale interpretazione
si oppone soprattutto Sai 102,1: la preghiera di un
misero, quando... effonde il suo lamento davanti a
Jahwe . L espressione la stessa, ma invece di n. si
ha sah lamento . Il fatto che si possa dire effonde
re il lamento invece di effondere lanima, indica che
qui n. lio che si lamenta; il lamento con cui ci si
esprime, con cui ci s i vuole liberare di tutto
esso stesso il movimento dell'effondere. Con n. si in
tende qui allora lio, il soggetto stesso.

A questo punto si deve per notare il latto sin


golare che al gruppo numeroso e vario di passi
in cui lanima afflitta, disperata, preoccupata
non ne corrisponde uno simile nel quale lani
ma si rallegra, prova gioia o piacere. Nella
supplica di Sai 86,4a rallegra lanima del tuo
servo si implora la gioia. Una volta si dice
occasionalmente che qualcosa dolce per la
nima (Prov 16,24); la conoscenza piace
vole (n'm q.) per lanima (Prov 2.10); cfr.
Prov 29,17 (maadannlm diletto). Anche i
passi in cui lanima riceve consolazione e gioia
non sono numerosi (Giud 5,21 txt?; Ger 6,16;
Sai 77,3; 94,19; 116,7; 138,3). In corrispon
denza con il lamento e leffusione del cuore, un
gruppo ben delineato di testi si ha con i verbi
di lode che vengono spesso uniti a n., soprat
tutto quando si esorta se stessi alla lode: loda
Jahwe, anima m ia (Sai 103,1.2.22; 114,1.35;
cfr. inoltre Is 61,10; Sai 34,3; 35,9; 71,23;
146,1). Dellempio si dice che egli apprezza se
75

stesso (= la sua propria anima), Sai 49,19; tut


tavia questi passi appartengono propriamente
al gruppo in cui n. indica lio o il soggetto (vd.
st. 5d).
d) Anche la speranza in Jahwe {->qwh pi.) pu
essere definita come speranza dellanima in lui
(Sai 130,5s. txt em: nafsi la mia anima =
io); e cosi pure con drs cercare (Lam
3.25 par. qwh) e hkh pi, aspettare (Sai
33,20). Concrctamcntc corrisponde a Sai 62,2
solo in Dio si acquieta lanima mia (cfr. v.
6; forse si deve ricondurre qui anche Sai
131,2).
Si pu parlare di una ricerca dellanima anche
se Dio non ne costituisce la meta: Eccle 7,28
ci che la mia anima ha sempre cercato
(bqs pi.) ; qui il senso chiaramente: ci che
io ho sempre cercato molto intensamente.
Lanelare, il tendere dellanima verso qualcosa
pu essere posto in connessione con la speran
za; per esso pu stare molto vicino alla sete
in senso traslato, particolarmente quando si
trovano uniti languore ed anelito (vd. sp. 3b).
e) In molti passi si parla deirinclinazione o
delfavversione dellanima.
Nel Cant n. soggetto dellamore tra uomo e
donna ( tu, che la mia anima ama [-'hb
III/2] = amore mio Cant 1,7 e 3,1-4; cfr.
Ger 12,7 j edidt nafsi amore dellanima
m ia; con ->dbq essere attaccato a Gen
34,3; con hsq essere attaccato a Gen 34,8).
Si parla della n. anche quando si tratta dcllamicizia fra Davide e Gionata: ISam 18,1 la
n. di Gionata si leg (qsr ni.) alla n. di Davide
e Gionata lo am con la sua stessa n. (cfr. v.
3 e 20,17; Deut 13,7; similmente Gen 44,30
con qsr q.).
Questo gruppo di passi particolarmente ca
ratteristico per nfces. La traduzione anima
(o cuore ) del tutto appropriata in questo
caso; nello stesso tempo chiaro per che in
questi passi n. non indica qualcosa di dato, di
presente, ma un essere mosso verso qualcosa;
n. corrisponde qui perfettamente al sign. di
desiderio .
Raramente dbq essere attaccato a viene ri
ferito al rapporto con Dio: cos Sai 63,9 la
mia anima attaccata a te (Is 66,3 con hps
trovar compiacimento negli idoli); inversa
mente in ls 42,1 si parla del compiacimento
(rsh) di Dio verso il servo nel quale la mia
anima si compiace. Linclinazione dellanima
pu essere espressa anche nominalmente, cfr.
Ger 15,1 e, in direzione opposta, 6,8. In Giob
30.25 'gm q. aver compassione indica il
volgersi verso i poveri (il verbo compare solo
qui).
A questo ambito semantico si riconduce anche
lespressione bcko-nfces con tutta lanima.
Si pu mostrare tale connessione con i passi di
0SJ nfces ANIMA

76

Deut 6,5 e 30,6 (amare Jahwe., . con tutta


la tua anima ). Dato che in molti passi n. il
soggetto dellamare, amare con tutta lani
ma pu essere inteso come una derivazione.
Questa espressione si formata relativamente
tardi, come appare anche dallunione di -+lb
cuore con n. nella stessa frase e dal fatto
che, mediante tale accostamento, il significato
specifico del singolo vocabolo viene sfumato: il
soggetto dellamare in ebr. nfces, non lb\
lunione dei termini ha carattere retorico e, a
quanto sembra, compare anzitutto nel linguag
gio del De ut (cfr. anche lCron 22,19; 28,9
bnfces hafs con anima ben disposta as
sieme a con tutto il cuore ).
Per quanto concerne limpiego di questa
espressione, si deve distinguagli un uso che si
attiene rigorosamente al significato dei termini
da un uso che diventa pian piano stereotipato.
11 primo caso si verifica quando lespressione
indica direttamente un rapporto personale tra
Dio e luomo ( hb amare, bd servire
ecc., gi in qualche modo stereotipato in hlk
lJhnaj camminare davanti a me , sub elaj
ritornare a me ecc.): Deut 4,29; 6,5; 10,12;
11,13; 13,4; 26,16; 30,2.6.10; Gios 22,5;
23,14; IRe 2,4; 8,48 = 2Cron 6,38; 2Re 23,25;
2Cron 15,12; lespressione diventa stereotipata
quando viene collcgata con losservanza dei co
mandamenti (2Re 23,3 = 2Cron 34,31; in Ger
32,41 solo pi una formula vuota: e io
(Dio) li fisser in questo paese con tutto il cuo
re e con tutta lanima . 11 graduale svuota
mento di significato di questa formula mostra
che n., in un linguaggio parenetico fisso, pot
allontanarsi moltissimo dal suo preciso signifi
cato originario.
Anche Deut 11,18 (in unaggiunta posteriore)
attesta questo linguaggio stereotipato: scrivete
queste mie parole nel cuore e nellanima.
Qui n. diventato qualche cosa che presente
nelluomo; si viene delineando una oggettiva
zione di questo concetto.
Per quanto riguarda lavversione della ncefces
sono caratteristici i seguenti verbi: in odia
re (2Sam 5,8; ls 1,14 i vostri noviluni e le
vostre feste odia lanima mia [= io odio 1;
Sai 11,5), g'I aborrire, aver ripugnanza per
(Lev 26,11.15.30.43; disgustarsi Ger 14,19),
qs, provar nausea (Num 21,5; cfr. Sai
106,15, dove molti esegeti accettano al posto
di rzn dimagrimento un termine per
nausea), tb pi. aborrire (Sai 107,18; cfr.
t'b Prov 6,16 sette sono per la sua anima
un orrore), zhm pi. rendere disgustoso, ri
pugnante (Giob 33,20 pane, il verbo solo qui;
cfr. Giob 6,7 la mia anima si rifiuta di tocca
re ci), qt ni. provar ripugnanza (Giob
10,1), bhl disprezzare (Zac 11,8 txt?),
jqVnq disgustarsi (Ez 23,17.18.18.22.28);
cfr. anche set disprezzo (Ez 25,6.15; 36,5,
solo qui, sempre con .).
77 Etoj nfces ANIMA

f) Il gruppo di espressioni in cui nfces sog


getto di hjh q. restare in vita o oggetto di
hjh pi./hi. mantenere in vita , getta un ponte
tra i significati di anima e di vita (vd. st.
4). n./neJat con hjh q. si trova in Gen 12,13
( perch mi vada bene per causa tua e per
mezzo di te la mia n. rimanga in vita); 19,20;
IRe 20,32 (viva dunque la mia n. = la
sciami dunque in vita); Is 55,3; Ger 38,17.20;
Ez 13,19; Sai 119,175; con hjh pi. IRe 20,31
(forse ti lascer in vita); Ez 13,18.19; 18,27;
Sai 22,30 txt?; con hjh hi. Gen 19,19; cfr. an
che 2Sam 1,9 la mia anima (la mia vita)
ancora in me; Ab 2,4 txt?; Sai 66,9 egli
port alla vita la nostra anima; Giob 12,10
nella cui mano lanima di ogni vivente;
Giob 24,12 txt?; inoltre i passi menzionati in
la: IRc 17,21.22; Ez47,9.
La frase la tua n. rester in vita non deve
essere interpretata come tautologia; essa signifi
ca: il tuo io che ama e odia, che afflitto e si
rallegra, rester in vita. Questo impiego da
intendersi partendo da una situazione in cui la
vita minacciata e messa in pericolo: ci di
cui si parla qui la n. minacciata dalla morte
e che si protende verso la vita. Nella maggior
parte dei passi di questo gruppo si pu rendere
n. anche con il pronome personale (vd. st. 5d;
p.e. IRe 20,32, vd. sp.; Sai 119,175 fammi
vivere, possa lodarti ).
g) Se si considerano in sintesi i gruppi di passi
in cui n. viene tradotto con anima , si nota
immediatamente un tipico carattere polare del
limpiego di n. Lanima ha sete / sazia; ha
desiderio / trova pace; afflitta / ha gioia; ama
/ odia ecc. In questo ambito n. si trova solo in
simili contrapposizioni. Si deve fare anche una
altra osservazione: in questi casi predomina
suna tensione verso qualcosa. Il senso pu esse
re maggiormente passivo (aver sete, essere pri
vo ecc.) o maggiormente attivo (odiare, aborri
re ecc.). Ma ci che in entrambi i casi uguale
lintensit <lel sentimento. Queste due osser
vazioni sono dello stesso genere ed indicano
quanto caratteristico di ncefces anima . Esse
mostrano che questo impiego vicino a quello
in cui n. si deve rendere con avidit, brama,
pretesa (vd. sp. 2), ma che la traduzione ita
liana con anim a in parte solo un espe
diente. Solo in 3c/d luso linguistico dellitalia
no anima e dellebr. nfces in certo qual
modo coincidono. In un caso n. unito a
-> basar corpo (Is fl$l8 esso distrugger
dallanima al corpo ): si tratta di un merismo
per dire totalmente .
4/^ 11 sign. vita per nfces pi frequente,
pi compattoJe pi chiaro che il sign. ani
ma ; il vocabolo fu sentito in ebr. anzitutto e
soprattutto in questo senso di vita , anche se
il termine non coincide in alcun modo con li
78

taliano vita . Una notevole differenza rispet


to al gruppo precedente dove ri. significa ani
ma sta nel fatto che ivi n. di solito soggetto,
mentre qui per lo pi oggetto.
a) L i numerosi passi si parla di salvare la vita;
uno salva la vita di un altro (p.e. 2Sam 19,6) o
la sua propria vita (p.e. ISam 19,11), oppure
Dio salva la sua vita (spesso nei salmi; con
passaggio fluttuante tra salvare se stesso ed
essere salvato da Dio Ez 14,14.20). Quasi
tutti i verbi del salvare possono avere n. come
oggetto: risi pi. salvare (Ez 14,14 txt?), hi.
salvare (Gios 2,13; Is 44,20; 47,14; Ez
3,19.21; 14,20; 33,9; Prov 14.25; 23,14; con
sogg. Dio: Ger 20,13; Sai 22,21; 33,19; 56,14;
86,13; 116,8; 120,2; ni. Gen 32,31); mlt pi.
salvare (ISam 19,11; 2Sam 19.6; IRe 1,12;
Ger 48,6; 51,6.45; Ez 33,5; Am 2,14.15; Sai
89,49; con sogg. Dio: Sai 116,4; ni. Sai 124,7);
qui di seguito sempre con sogg. Dio: hls pi.
salvare (Sai 6,5), plt pi. salvare (Sai
17,13), js hi. aiutare (Sai 72,13), pdh q.
redimere (2Sam 4,9; IRe 1,29; Sai 34,23;
49,16; 55,19; 71,23; Giob 33,28), g I q. redi
mere (Sai 69,19; 72,14), sub hi. ricondur
re (Sai 35,17; Giob 33,30), slh pi. liberare
(Ez 13,20),js hi. condurre fuori (Sai 142,8;
143,11), Ih hi. condurre su (Sai 30,4, dal
regno dei morti), rp' q. salvare (Sai 41,5),
hk q. trattenere (Sai 78,50 dalla morte; Is
38,17 txt em pr hsq)\ cfr Lam 3,58 tu hai di
feso (rlb ) la mia causa ; con sogg. il re: ntn ni.
venir regalato (Est 7,3).
A questi passi si collegano quelli che trattano
del conservare la vita: con smr q. custodire
(Deut 4,9, cfr. v. 15 ni.; Giob 2,6 soltanto ri
sparmia la sua vita; Prov 13,3; 16,17; 19,16;
21,23; 22,5; con sogg. Dio: Sai 25,20; 86,2;
97,10; 121,7), smk q. proteggere (Sai 54,6),
hsk q. (Giob 33,18 per preservare la sua ani
ma dalla fossa), hsh q. mettersi al sicuro
(Sai 57,2); cfr. inoltre le espressioni di Sai
74,19 non abbandonare al rapace lanima
della tua colomba; ISam 25,29 possa la
nfces del mio signore essere conservata nella
borsa dei viventi (fr r hahajjlm) presso Jahwe
tuo D io (cfr. in proposito A.L.Oppenheim,
JNES 18, 1959, 121-128; O.Eissfeldt, Der Beutel der Lcbendigen, 1960) e ntn/hjh tsalai
dare in/diventare preda (risp. Ger 45,5 e
21,9; 38,2; 39,18).
In 2Re 1,13.14 il capo supplica Elia di rispar
miare lui e la sua gente: possa la mia n. c la
n. di questa gente essere cara ai tuoi occhi
(cos pure con jqr q. essere preziosa ISam
26,21, dove Davide risparmia la vita di Saul;
con gdl essere grande, pregevole due volte
in v. 24; cfr. jqr anche in Sai 49,9 il prezzo
di acquisto della loro vita troppo caro e
Prov 6,26 txt? n. j eqr vita preziosa, inol
tre Giob 2,4 l uomo d tutto ci che ha per
79

la sua vita ). Non una qualit particolare


che rende preziosa la vita, ma la vita stessa
ci chc prezioso. E poich la n. cara e pre
ziosa, bisogna prestarvi attenzione (drs Sai
142,5; jd ' Sai 31,8; Giob 9,21; nsr Prov 24,12;
cfr. anche con g'al oggetto di ribrezzo Ez
16,5 poich non ci si cur della tua vita).
Si potrebbero menzionare in questo contesto anche i
passi di Sai 22,21 e 35,17 (vd. sp.) con un occasiona
le j endti il mio unico bene (letteralmen te: la
mia unica ) par. nafs.

Una serie di locuzioni preposizionali serve ad


esprimere che ne va della vita (con al\ IRe
19,3; 2Re 7,7; con be\ Ger 17,21; Prov 7,23;
con le: Deut 4,15; Gios 23,11; con 'al: Gen
19,17; Lam 2,19; Est 7,7; 8,11; 9,16; un po
diverso il senso con be a rischio della vita
2Sam 23,17 = lCron 11,19; Lam 5,9, opp. ri
mettendoci la vita Num 17,3; IRe 2,23). Al
tre espressioni per iJ rischio della vita sono sim
bekaf prendere in- mano (Giud 12,3; ISam
19,5; 28,21; Giob 13,14; similmente Sai
119,109), hrp pi. disprezzare (Giud 5,18) e
slk hi. mnngeed gettar via (Giud 9,17).
Anche nella formula nfces (tdhat/b*) nfces
vita per vita (Es 21,23; Lev 24,18; Deut
19,21), unespressione dellantica legge del ta
glione (cfr. V.Wagner, Rechlssiilze in gebundener Sprache und Rechtsatzrcihen im isr. Rccht,
1972, 3-15; un esempio di applicazione di que
sta legge narrato in 2Sam 14,7; cfr. anche
Gen 9,6 e v. 4; inoltre Giona 1,14), si rende
evidente la preziosit della vita. Con n. non si
pu intendere qui un astratto vita , ma solo
lio nella sua unicit, il cui annientamento ri
chiesto da questa ricompensa. Lo stesso modo
di intendere e di valutare la n. si ha quando
uno si rende responsabile o garantisce con la
vita per qualcuno o per qualche cosa (n. tdhat.
n. IRe 20,39.42; 2Re 10,24; similmente Gios
2,14; significativo Deut 24,6: non si deve
prendere in pegno... la macina, perch sareb
be come prendere in pegno la n. ). In determi
nate condizioni pu essere pagato un riscatto
per la vita (pidjn Es 21,30; kdfeer Es 30,12;
kpr pi. v. 15.16; Lev 17,11; ci espressamen
te proibito per la vita di un assassino Num
35,31). Prov 13,8 afferma che per qualcuno la
ricchezza riscatto per la propria vita. Israele
cos prezioso per Jahwe che egli d popoli
per la sua vita (Is 43,4). In base a tutti questi
passi, che presuppongono la preziosit della vita
(anche Mi 6,7 dovrei forse dare il frutto delle
mie viscere come sacrificio espiatorio per la mia
vita?), si deve intendere Is 53,10: quando of
fre la sua vita in espiazione ( sm) .
b) Le affermazioni sulla salvezza, la conserva
zione e lapprezzamento della vita vanno ora
contrapposte a quelle sulla minaccia e la perdi
ta della vita.

nfces ANIMA

80

Mostrano timore per la vita Gios 9,24 {->jr le


temere per), Is 15,4 (Jr tremare, solo
qui) e Ez 32,10 (hrd lc tremare per ).
I passi che esprimono una minaccia della vita
da parte di nemici sono molto numerosi, per lo
pi con -+bqs pi. attentare a, (Es 4,19;
ISam 20,1; 22,23.23; 23,15; 25,29; 2Sam 4,8;
16,11; IRe 19,10.14; Ger 4,30; 11,21; 19,7.9;
21.7; 22,25; 34,20.21; 38,16; 44,30.30; 46,26;
49,37; Sai 35,4; 38,13; 40,15; 54,5; 63,10;
70,3; 86,14), ma anche con molti altri verbi in
casi singoli: rb insidiare (Sai 59,4); gdd al
assembrarsi contro (Sai 94,21); hpr le sca
vare una fossa (Sai 35,7); jgh hi. tormenta
re (Giob 19,2), krh sh scavare una fossa
(Ger 18,20), nqs hitp be tender tranelli
(ISam 28,9), sdh tender tranelli (ISam
24.12), .vd poi. dare la caccia (Ez
13,18.20), spn l! stare in agguato (Prov
1,18), srr osteggiare (Sai 143,12), qwh pi.
insidiare (Sai 56,7), rdp perseguitare (Sai
143,3), sin essere ostile (Sai 71,13), s 1
pretendere, esigere (IRe 3,11 = 2Cron 1,11;
Giob 31,30), smr spiare (Sai 71,10); cfr an
che mqs trappola (Prov 18,7; 22,25), e
pah trappola (Sai 124,7).
1 seguenti verbi indicano la perdita della vita
mediante uccisione: nkh hi. colpire (Gen
37,21; Lev 24,17.18; Num 35,11.15.30a; Deut
19,6.11; Gios 20,3.9; Ger 40,14.15), Iqh to
gliere (Ez 33,6; Sai 31,14; Prov 1,19; 1,30),
qualche volta bd pi. annientare (Ez 22,27),
'kl divorare (Ez 22,25), hrg uccidere
(Num 31,19; cfr. Ger 4,31), krt hi. stermina
re (Ez 17,17), mut hi. uccidere (Ez 13,19),
r$h colpire a morte (Deut 22,26); cfr. anche
la circonlocuzione di IRe 19,2 e lespressione
figurata con qV pi. scagliare in ISam 25,29
(vd. sp. 4a lopposto conservare nella borsa
dei viventi ). Minor consistenza hanno le
espressioni con n. per indicare il morire: con
mt morire (Giud 16,30; Giob 36,14; la
morte dei giusti Num 23,10), js uscire
(Gen 35,18), nph esalare (Ger 15,9; hi.
Giob 31,39; cfr. Giob 11,20 mappah-n. esa
lazione della n. ), spk hitp. spirare (Lam
2.12); cfr. inoltre ls 53,12 (rendere la propria
vita, rh hi. versare); Sai 94,17 (abitare
nella terra del silenzio ); Giob 33,22 la sua
anima si avvicina alla tomba , par. hajj
vita (-*hjh 3d); IRe 19,4, Giona 4,8 e Giob
7,15 per il desiderio della morte.
Nei passi seguenti si prospetta annientamento
della vita da parte di Dio: con sp strappar
via (Sai 26,9 preghiera negativa), db hi. far
languire (Lev 26,16 punizione), drs esige
re (Gen 9,5d), znh respingere (Sai 88,15
accusa; Lam 3,17 lamento), Iqh togliere
(IRe 19,4 e Giona 4,3 preghiera positiva), ns
strappar via (2Sam 14,14 fiducia; Giob
27,8 txt em), zb abbandonare (alla morte)
(Sai 16,10 fiducia), 'rh pi. versare (Sai
81

nfces ANIMA

141,8 preghiera negativa), qb derubare


(Prov 22,23), ql' pi. scagliare (ISam 25,29,
vd. sp ).
c) Se si guarda complessivamente ai passi in
cui n. significa v ita (o perlomeno a quelli in
cui in italiano si pu rendere con vita ),
emerge un fatto sorprendente: n. non significa
vita nel senso generale e molto vasto con
cui il termine viene usato nelle lingue europee
moderne (vita nelle sue forme fenomeniche dif
ferenziate, cfr. vita della grande citt, cor
so della vita ecc.). Luso invece rigorosa
mente concentrato entro i confini del vivere; n.
la vita in contrapposizione alla morte. Ne
consegue che questo significato si suddivide di
per se stesso in due gruppi principali (vd. sp.
4a e b): nelluno si tratta della salvezza e della
conservazione, nelfallro della minaccia e del
lannientamento della vita.
Per luso analogo e tuttavia per Io pi diverso di
hajjim v ita cfr. -*hjh 3e.4b; invece hajj nel sign.
di v ita praticamente sinonimo (Sai 74,19;
78,50; 143,3; Giob 33,18.20.22.28; 36,14; -A/& 3d).
Per il sign. periodo della vita, durata della vita
->jfto 3g.

5/ Secondo la visione unitaria delluomo pro


pria dellAT, la nfces non separata come
una parte specifica delluomo (Gen 2,7 l uo
mo divenne quindi una n. hajj ; cfr. Khler,
Theol. 129: L anima lessere delluomo,
non un suo possesso; W.H.Schmidt, EvTh
24, 1964, 381). Si comprende dunque facil
mente come in molti passi si debba rendere n.
espressamente con essere vivente (animale o
uomo) , ma anche, in senso molto generale ed
astratto ed in parte pronominale, con uomo,
persona, individuo, soggetto, qualcuno; con il
suffisso corrispondente la parola sostituisce
spesso io, tu ecc., ma anche in questo caso
si conservano inalterate lintenzionalit e lin
tensit tipiche di questa parola (Johnson, l.c.
22: a patetic periphrasis for such a pronoun
[= una perifrasi ricca di pathos per un tale
pronome]). Oltre ai passi gi citati in la (Gen
2,7.19 e testi sacerdotali) si devono ricordare
specialmente gli usi che se ne fanno nelle leggi
casistiche (a), nelle enumerazioni (b), in espres
sioni di carattere generale (c) e come sostitu
zione di un pronome (d).
a) Quando nelle leggi casistiche per determina
re sia un fatto sia le sue conseguenze il colpe
vole va designato il pi genericamente possibi
le, non adatto il termine, originariamente
collettivo, -dm (la formula dm ki . ..
se qualcuno... ricorre nellAT solo in Lev
1,2; 13,9; Num 19,4, vd. Elliger, HAT 4,34) o
anche il termine -> 7i, che non include le don
ne (cfr. Lev 17,4.9); qui si rivela appropriato,
come termine astratto e giuridicamente chiaro,
nfces uomo, persona, qualcuno .
82

Nella protasi si trova spesso n. k o n. 'sar


se qualcuno (Lev 2,1; 4,2; 5,1.2.4.15.17.21;
7,20.21.27; 17,15; 20.6a; 22,6; 23,29.30; Num
15,30; cfr. anche Lev 4,27; 7,18; Num 5,6;
15,27.28; 19.22), nellapodosi viene indicata la
pena con krt ni. sterminare (Gen 17,14; Es
12,15.19; 31,14; Lev 7,20.21.25.27; 18,29;
19,8; 22,3), con bd hi. (Lev 23,30) e con ntn
pnaj be rivolgere la mia faccia contro (Lev
17,10; 20,6d).
b) Analogo luso di n. nelle enumerazioni
(Ger 52,29 nel 18' anno di Nabucodonosor
832 anime da Gerusalemme , a proposito del
lesilio) e conteggi (Es 12,4 secondo il nume
ro delle anime); con kl significa semplice
mente tutti o ciascuno (p.e. Es 12,16; Ez
18.4). Oltre agli esempi ricordati si devono ri
condurre qui: Gen 46,15.18.22.25.26.26.27.27;
Es 1,5.5; 16,16; Lev 17,2 (nessuno); Num
31,28.35.35.40.40.46;
Deut
10,22;
Gios
10,28.30.32.35.37.37.39; 11,11; ISam 22,22;
Ger 43,6; 52,30.30; lCron 5,21.
c) Luso di n. persona, individuo, uomo e
al plur. gente si trova anche altrove quando
la designazione deve restare il pi possibile ge
nerica (Lev 27,2; Num 19,18; 35,30d; Deut
24,7; 2Re 12,5; Giud 18,25; Is 49,7 txt?; Ger
2,34; Ez 18,4.20; Prov 28,17). Nella enumera
zione di ci che subordinato ad un capo fa
miglia, n. pu contrapporsi o ai membri pi
stretti della famiglia (Gen 36,6) o agli averi
(Gen 14,21) e indica allora gli schiavi (Gen
12.5); anche in Lev 22,11 e Ez 27,13 risp. n. e
n. dm vanno tradotti con schiavo .
d) Dipende spesso da) giudizio dei singoli tra
duttori se nafsl debba essere reso con la mia
anima oppure pronominalmente con io
(p.e. vd. sp. 3f; proprio nei salmi si devono te
ner presenti i dati semasiologici, ma anche
quelli stilistici e metrici). Fatta questa riserva,
sono da ascrivere alluso pronominale pi o
meno i seguenti passi:
l* pers. sing.: Gen 19,19.20; 27,4.25; 49,6;
2Sam 18,13Q; IRe 20.32; Is 1,14; Ger 4,19;
5,9.29; 9,8; Ez 4,14; Sai 3,3; 7,3.6; 11,1;
35,3.12; 57,5; 66,16; 109,20; 119,129.167.175;
120,6; 139,14; Giob 16,4; Eccle 7,28; Lam
3,24.51; riflessivo: Sai 35,13; Eccle 4,8; Cant
6,12 txt?;
2" pers. sing.: Gen 27,19.31; Is 51,23; Prov
3,22; 24,14 txt?; inoltre nella formula di giura
mento com vero che tu vivi ISam 1,26;
17,55; 20,3; 25,26; 2Sam 11,11; 14,19; 2Re
2,2.4.6; 4,30; riflessivo tu stesso: Giud
18,25; Ab 2,10; cfr. Est 4,13 tu solo;
3* pers. sing.: Sai 25,13; 109,31 txt?; Prov
29,10; Eccle 6,2; riflessivo se stesso: Num
30,3-13; Is 58,5; Ger 3,11 (fem.); 51,14; Am
6,8; Giob 18,4; 32,2; Prov 6,32; 8,36; 11,17;
15,32; 19,8; 20,2; 29,24;
83

1 pers. plur.: Num 31,50; riflessivo: ls 58,3;


Ger 26,19;
2* pers. plur.: Giob 16,4; riflessivo: Lev
11,43.44; 16,29.31; 20,25; 23,27.32; Num 29,7
(cfr. 30,14); Ger 37,9; 42,20; 44,7; cfr. Gen
9,5a il vostro stesso sangue ;
3 pers. plur.: Is 3,9; 46,2; riflessivo: Lam 1,19
txt em (cfr. Rudolph, KAT XVIl/3,208); Est
9,31.
6/ In una serie di prescrizioni legali in cui si
tratta del contaminarsi toccando un morto
(Lev 19,28 incisioni come rito funebre), con
nfces si indica evidentemente il cadavere (n. o
n. 'dm-. Lev 19,28; 21,1; 22,4; Num 5,2;
6,11; 9,6.7.10.11.13; Agg 2,13; n. mf. Lev
21,11; Num 6,6). Questo gruppo di passi in cui
n. indica un morto o un cadavere di difficile
interpretazione, perch di solito n. indica pro
prio lessere vivo. Lipotesi pi probabile che
questo significato derivi da quello generale di
persona (vd. sp. 5c); in questo modo di
esprimersi si pu vedere una perifrasi eufemi
stica con cui si voleva evitare di nominare di
rettamente il cadavere: Lev 21,11 egli (il
sommo sacerdote) non pu avvicinarsi alla
persona di un morto; Num 19,11 chi
tocca un morto, la persona di qualsiasi
uomo , ecc. Altre spiegazioni di tipo linguisti
co (Johnson, l.c. 26: semantic polarisation
1= polarizzazione semantica ]; vi si oppone
Seligson, l.c. 78ss.) o di tipo storico-religioso
(p.e. Elliger, HAT 4,288: espressione tecni
ca. ... anima. . . , che si pensa si aggiri come
un fantasma attorno al corpo abbandonato)
non sono soddisfacenti.
IV/ Poich nfas ricorre in un elevato nume
ro di passi, non possibile stabilirne un uso
teologico specifico. Mentre p. e. braccio di
Jahwe, volto di Jahwe, spirito di Jah
we possono avere un significato specifico in
un uso linguistico fisso, ci non vale per n.\ la
formula nfas Jhwh non compare nellAT. La
mancanza di questa espressione si spiega con il
fatto che n. nel sign. di avidit, pretesa, desi
derio esprime un qualcosa che tipicamente
umano, e che non pu essere detto di Dio.
Tuttavia in un certo numero di passi n. viene
messo in relazione con Dio e con ci che acca
de tra Dio e luomo. Questuso teologico si ri
scontra in tre gruppi principali: si parla della
nfas di Dio (I), dellazione di Dio sulla n
fas delluomo (2) e del comportamento della
nfas delluomo verso Dio (3).

1/ Luso di n. in riferimento a Dio raro e


sporadico. In un piccolo gruppo di passi lal
lontanarsi di Dio dal suo popolo viene reso
linguisticamente, nella sua intensit e passiona
lit, ponendo la n. di Dio come soggetto di
tfKj nfas ANIMA

84

questo allontanarsi: Ger 6,8 lasciati corregge


re, Gerusalemme, perch la mia anima non si
allontani da te!; 15,1 la mia anima non si
volgerebbe a questo popolo; Ger 5,9.29; 9.8:
la mia anima non dovrebbe vendicarsi di un
popolo simile?; 14,19 la tua anima si di
sgustata di Sion?; cfr. inoltre Lev 26,1 1.30; Is
1,14; Ez 23,18; Zac 11,8. Questi passi corri
spondono al gruppo in cui il soggetto di questo
abbandono passionale ed intenso sono uomini
(vd. sp. TII/3e). In ciascuna di queste frasi nafsl
potrebbe essere sostituito dal pronome perso
nale (vd. sp. Ill/5d): Is 1,14 la mia anima
odia le vostre feste significa la stessa cosa di
Am 5,21 io odio le vostre feste. H sostanti
vo nafsl al posto del pronome serve a rendere
pi intensa l'affermazione; Ez 23,18 allora la
mia anima si stanc di loro potrebbe anche
essere tradotto: allora io mi stancai comple
tamente di loro. Questo gruppo di passi, in
cui lallontanamento passionale di Dio dal suo
popolo viene reso nel linguaggio dei profeti
(tutti i passi eccetto Lev 26 sono profetici) con
n. come soggetto, mostra che n. non qualcosa
di inerente alluomo (o a Dio) o dentro luo
mo, ma esprime lintensit di un comporta
mento o di un sentimento: n. c lio nella sua
intenzionalit intensa.
sintomatico che si incontri assai di rado il
corrispondente positivo con n. per soggetto.
Nel primo canto del servo di Jahwe Is 42,1 si
legge: ...in cui la mia anima trova compiaci
mento; ISam 2,35 io suscito per me un sa
cerdote fedele, che agisca secondo la mia vo
lont {lb) e secondo il mio desiderio (.). Al
trove n. si trova soltanto con la funzione di
pronome riflessivo: Dio giura per se stesso,
Am 6,8 e Ger 51,4.
2/ Lazione di Dio sulla n. delluomo pu es
sere azione di salvezza (a), di benedizione (b),
o anche di castigo (c).
a) Un gruppo di passi piuttosto ampio descrive
loperare di Dio come salvezza e conservazione
della vita di un uomo; si tratta sempre in que
sti casi della vita individuale. I passi sono citati
sopra sotto III/4a; la supplica per la salvezza
dalla morte p.e. Sai 116,4 Jahwe, salva la
mia vita!, la lode di Dio p.e. Sai 116,8 s,
tu hai salvato la mia vita dalla morte . In rap
porto alluso abbondante e vario di
solo in
questo gruppo la n. delluomo nel sign. di
vita strettamente legata a ci che lAT
dice complessivamente dellagire di Dio. Pro
prio della condizione umana il perenne stato
di precariet della vita; ma la coscienza di que
sta precariet accompagnata dalla consapevo
lezza che una forza pi potente vi si pu con
trapporre. Quando questa situazione di preca
riet aumenta fino a trasformarsi in un incom
bente pericolo di morte e quando questa ten
85 fcfEJJ nfces ANIMA

sione determinata dal pericolo di morte si scio


glie, luomo grida a quel Dio che un Dio sal
vatore: egli libera la mia n. da ogni ango
scia (2Sam 4,9; IRe 1,29). Langoscia della
precariet delluomo trova il suo limite nellagire salvifico di Dio. Ci imbattiamo qui nellaf
fermazione pi elementare dellAT sul lagire
efficace di Dio: luomo come n. si sente circon
dato dallazione salvifica e protettrice di Dio
quando questa . corre pericolo di morte:
presso di te nascosta la mia vita (Sai
57,2); nellangoscia tu ti prendi cura della
mia n. (Sai 31,8). Ad un uomo che si trova in
una situazione particolare pu venir quindi
promessa la conservazione della vita, come
nelle parole rivolte a Baruc in Ger 45,5: a tc
dono la tua vita come bottino . In un caso, Is
43,4, la protezione di Dio diretta alla vita di
tutto un popolo: cos dar terre (txt em) per
tc c nazioni per la tua vita; ma qui, come
spesso accade nel Deuteroisaia, si parla di
Israele come di una persona.
b) Lazione di benedizione di Dio sulla n.
menzionata solo raramente, p.e. in Sai 23,3
egli ristora la mia anima (Lutero) o egli
appaga il mio desiderio (Bibbia di Zurigo).
Tuttavia nafsl la mia anima pu essere in
tesa nel parallelismo come sinonimo del suffis
so precedente m e; il senso sarebbe allora
semplicemente: egli mi ristora (espressioni
simili in Sai 86,4a; 44,19; 138,3). Al contesto
dellazione protettrice di Dio deve essere
ascritta anche la frase, che ricorre formulata
cos una sola volta, di Ez 18,4: tutte le anime
sono mie (Zimmerli, BK XIII, 391, traduce:
tutte le persone mi appartengono e sottoli
nea a p. 403 che questa affermazione di poten
za significa: Qui la vita protetta ).
In un testo, Ger 38,16, che una formula di
giuramento, si parla della creazione della n da
parte di Dio ( come vero che vive Jahwe,
chc ci ha creato questa nostra anima ). Cfr,
anche Is 57,16 le anime che io ho creato
(con ogg. nesmt, -*ruah III/8).
c) Tuttavia proprio laffermazione di Ez 18,4
implica che Dio pu anche togliere la vita. A
questo proposito si deve notare per che que
sta espressione non diventata designazione
comune per la morte delluomo. Che Dio salvi,
custodisca, conservi la vita affermazione mol
to frequente e sottolineata nellAT, ma ad essa
non corrisponde analoga espressione secondo
cui Dio toglie, spegne, annienta la vita. Questo
non viene mai affermato in senso generale, ma
soltanto in casi ben determinati e raramente.
Se Dio esige la vita di un uomo (Gen 9,5),
solo perch la vita di questuomo perduta a
causa di un assassinio (cosi anche Giob 27,8).
Dio punisce lempio togliendogli la vita (Lev
26,16; Deut 28,65; ISam 25,29). In questo sen
so il sofferente pu lanciare la sua protesta:
86

egli distolse la mia vita dalla pace (Lam


3,17; cfr. Sai 88,15; Giob 27,2). Egli supplica
Dio di non strappargli la vita (Sai 26,9; 141,8),
o manifesta la sua fiducia: non abbandonerai
la mia vita al mondo degli inferi (Sai 16,10;
cfr. 2Sam 14,14). Un uomo, per, pu anche
trovarsi nella situazione di pregare Dio perch
gli tolga la vita (IRe 19,4; Giona 4,3). A pre
scindere dai pochi passi appena citati, non ap
paiono altrove espressioni che indichino lan
nientamento della n. come proprio dellazione
di Dio, nonostante labbondanza delle parole
di punizione, degli annunci di giudizio ecc. La
prevalenza assoluta spetta allazione redentrice
e protettrice di Dio sulla n. delluomo.
3/ Tra i passi in cui la n. delluomo sogget
to e Dio oggetto, emerge un gruppo in cui la
speranza, il desiderio, lanelito della n. sono in
dirizzati a Dio: ls 26,9 la mia anima anela a
te nella notte; Sai 33,20 la nostra anima at
tende con ansia Jahwe; 42,2.3; 62,2.6; 63,9;
84,3; 119,20.81; 130,5s.; 143,6; Lam 3,25 (vd.
sp. II1/3). Alla base di tutto questo gruppo di
passi sta n. con il significato di brama : il
paragone con il cervo che anela assetato allac
qua (Sai 42,2) mostra ancora la prossimit a
questo significato. Poich in questi passi (sono
tutti passi di salmi) si dice proprio e quasi solo
questo della n. delluomo in quanto tesa a Dio,
che cio loggetto della sua speranza, del suo
desiderio, della sua sete Dio stesso, risulta
particolarmente chiaro che n. significa appunto
un tendere intenso delluomo alla vita. Ci
dovuto al fatto che per questi uomini Dio co
lui che salva la vita e custodisce la vita (vd. sp.
2). Si avvicina a questo gruppo lespressione di
Sai 25,1 a te, Jahwe, innalzo lanima mia
(cfr. Sai 86,4; 143,8). Allo stesso contesto ap
partiene anche la formula fissa effondere il
cuore davanti a Jahwe (ISam 1,15; cfr. Sai
102,1; vd. sp. lll/3c).
Lespressione loda, anima mia, Jahwe (Sai
103,1.2 ecc., vd. sp. lll/3c) una formula reto
rico-cultuale, in cui n. non ha pi alcun signi
ficato proprio, ma possiede semplicemente il
significato trasposto del pronome personale.
Lespressione amare Dio con tutta l'anima
(Deut 6,5 ecc., vd. sp. lll/3e) una formula ri
flessa. Essa non intesa nel senso di interiorit
o sim.; lintensit che qui si esprime invece
quella della n., che gi di per s propria di
questo concetto.
Confrontando tra loro IV/2 e 1V/3 si ricava un
elemento di grande rilievo e ricco di conse
guenze: quando si parla dellazione di Dio sul
la n. delluomo questultima ha sempre il signi
ficato di vita, quando si parla dellatteggia
mento della n. umana rivolta a Dio, il signifi
cato sempre quello di anima . Questo dato
che emerge dalluso teologico conferma il rap
porto reciproco dei gruppi semantici individua
87

to sopra (IIL/3.4.), La vita che Dio salva e con


serva, ma anche la brama dellanima che si ri
volge a Dio, la vita nella sua intenzionalit.
Lanima intesa come brama tende alla vita.
Entrambi i gruppi semantici appartengono al
linguaggio dei salmi. Al darsi di Dio corrispon
de la dedizione deHuomo; n. lessere stesso
delluomo in questo scambio reciproco.
V/ 1/ Luso di nfces nei testi di Qumran
corrisponde globalmente a quello dellAT;
compare soltanto come nuova formula qm hi.
al-naj obbligarsi a qualcosa (CD 16,4
ecc.; H.A.Brongers, Das Wort N P S in den
Qumranschriften, RQ 15, 1963, 407-415).
2/ La traduzione di nfces con
nei LXX
stata studiata f. gli a, da N.P.Bratsiotis, SVT
15, 1966, 181-228, c D.Lys, VT 16, 1966,
181-228.
La traduzione di n. con ^XT) fu considerata
quasi unanimemente dagli studiosi dellAT (al
cune opinioni in Bratsiotis, l.c. 58-60) insuffi
ciente o addirittura ingannevole, in quanto essa
darebbe adito alla concezione greca dellani
ma oppure allo spiritualismo o al dualismo
greco. Se per si parte dalluso linguistico pre
platonico di vJ/uxti, questo giudizio appare in
fondato, come dimostra Bratsiotis. 11 significato
fondamentale di
respiro; il termine
ricorre spesso con il sign. di vita e pu in
dicare la sede dei desideri, dei sentimenti, e an
che il centro delle espressioni religiose (l.c.
76); pu stare anche per uomo o al posto di
un pronome. Bratsiotis giunge alla conclusione
che sussiste una sorprendente corrispondenza
tra il concetto ebr. di nfces ed il ... concetto
greco di vJjux'H .
Lys sottopone a verifica la traduzione di n. nei
LXX. Dei 754 passi dellAT ebr. circa 680
sono tradotti con tyvxh- Luso frequente del
plurale nei LXX mostra la tendenza allindivi
dualizzazione, cosa che si pu riscontrare an
che altrove in questa versione. I casi in cui i
LXX traducono n. diversamente non lasciano
emergere nessun altro termine specifico che
possa stare accanto a t|/uxn come traduzione di
n,\ le diverse traduzioni divergenti devono esse
re sempre spiegate in base al contesto e si ri
collegano tutte alle molte sfumature di signifi
cato che n. ha in ebr. 11 gruppo pi esteso di
traduzioni divergenti dovuto al fatto che nel
la traduzione greca viene usato pi spesso che
in ebr. uomo o un pronome (riflessivo). In
62 passi i LXX usano 4'^X'H Per un vocabolo
diverso da n. (f. la. per lb cuore). Ma pro
prio questo mostra che per i LXX i]a>xt] aveva
un significato vtrt., pi che un senso specificaniente greco. La traduzione vJjvxti viene scelta
sempre per il suo significato ebr. The LXX
never goes in th direction in whch soul
tfpil nfces ANIMA

88

would be understood as opposite to body (as


in Platonic dualism) (= 1 LXX non si muo
vono mai nelJa direzione in cui anima po
trebbe essere intesa come opposta a corpo
(come nel dualismo platonico)) (Lys, l.c.
227).

3/ Per i];uxt) nel NT e nel suo ambiente cfr.


A.Dihle - E.Jacob - E.Lohsc - E.Schweizer ecc.,
art. i.|ajxt), ThW IX, 604-667 (con bibliogr.).
Sulla discussione suscitata da E.Fascher, Seele
oder Leben?, I960, concernente la traduzione
di n. nella Bibbia di Lutero, cfr. soprattutto
J.Fichtner, Seele oder Leben in der Bibel, Thz
17, 1961, 305-318.

C. Westermann

nsl hi. SALVARE


1/ La radice nsl si trova con maggior frequen
za solo nel semNO. ed in arab.; in ebr. ed in
aram. attestata soprattutto nella coniugazione
causativa col sign. di strappar via, salvare,
in arab. nella coniugazione fondamentale ca
der fuori, cader gi (Wehr 863b).
Per attestazioni ulteriori o discutibili di questa radice
cfr. Dillmann 698; AHw 755a; UT nr. 1688; LS
443a; inoltre G.R.Driver, FS Baumgartner 1967, 62s.
Secondo GB 517s. in ebr. il significato fondamentale
strappar fuori, tirar fuori (cfr. sulla stessa linea
C.Barth, Die Rrrettung vom Tode in den individuellen Klage - und Dankliedem des AT, 1947, !24s.).
Tuttavia, dato che il sign. strappar fuori deve ri
correre alla costruzione con min d a (Sai 86,13;
91,3; 144,7 ecc.), mentre invece il procedimento del
lo strappar via o del portar via pu essere espresso
sia con min (Gen 31,16; Es 18,4; Sai 22,21 ecc.) sia
senza (Gen 31,9; Deut 25,11; ISam 30,8 ecc.), si
deve supporre come significato di partenza in ebr.
portar via, strappar via , il quale solo mediante la
costruzione con min pone in evidenza la dinamica
dello strappar fuori (cfr. U.Bergmann, Rettung und
Befreiung, Heidelberg 1968 [tesi dattil.], 294s.).

NelIAT viene usato soprattutto Uhi. (aram.


bibl. ha.), talvolta il ni., sporadicamcntc il pi.,
lho, e lhitp. Come sostantivo si trova solo la
stratto, derivato dallhi., ha&l salvezza,
formatosi per influsso delFaram. (Est 4,14; vd.
st. 3). NellAT non si trovano nomi di persona
formati con n$I\ cfr. tuttavia Hsljhw nellostraco di Lachis nr. 1, r. 1.
2/ nsl hi. si trova 19lx in ebr. (concentrato
27x in 2Re 18-19 par. Is 36-37 par. 2Cron 32;
altrimenti con distribuzione pi regolare; Sai
43x, Is 20x, ISam 17x, Ez 14x, 2Re 12x, Es
I lx, Prov lOx) e 3x in aram. (ha. Dan 3,29;
6,15.28). Soggetto in circa 120 casi la divini
t (2Rc 18-19 par. sempre tranne 18,29 = Is
89 ^50 nsl hi. SALVARE

36,14; nei salmi 38x sul totale di 43x), in circa


60 casi luomo, talvolta anche cose (argento e
oro Ez 7,19; Sof 1,18; ricino Giona 4,6; giusti
zia/sapienza Ez 33,12; Prov 2,12.16; 10,2;
11,4.6; 12,6). Come oggetto si trova circa 75x
il popolo, circa 75x un singolo (di cui 36x in
Sai), circa 15x cose (possesso Gen 31,9.16; ter
ritorio, citt Giud 11,26; preda Is 5,29, ecc.).
nsl ni. attestato 15x, pi. 4x, ho. 2x e hitp. lx;
inoltre 1x hassl.
3/ a) nsl hi. indica il portar via o il liberare
da una qualsiasi situazione in cui uno tratte
nuto. Il significato fondamentale strappar via,
portar via usato abbastanza spesso (cosi an
che Deut 32,9 e Is 43,13) e si ritrova fino in
epoca tardiva (Sai 119,43). Uno strappar via in
favore delloggetto conduce al sign. salvare
(cfr. Deut 25,11; ISam 30,8.18). In molti casi
si sente ancora chiaramente il sign. strappar
via (cfr. ISam 30,18); questa specifica riso
nanza, tuttavia, pu anche scomparire comple
tamente (spesso quando il soggetto Dio, cfr.
ISam 12,21 par. ->j'l hi. giovare, Is 31,5
par. gnn proteggere, Sof 1,18 nel giorno
dellira , ecc.); si deve intendere in ugual
modo anche Es 12,27, dove non necessario
un significato speciale risparmiare , come
indicato talvolta dai dizionari. In epoca tardi
va, contrariamente allaccezione specifica
strappar via, si pu trovare persino la co
struzione con bc in , come Giob 5,19 in
sei tribolazioni egli ti salva . 11 passaggio dal
senso specifico a quello comune di salvare
fluttuante (cfr. 2Re 18-19). tipica la fre
quente costruzione con min (ca. il5x, di cui
circa 70x mijjad o miklcaf dalla mano/pote
re ); nsl hi. min (o mijjad) salvare da (Es
18,4; ISam 4,8 ecc.) espressione idiomatica.
Non vi nessun legame con una particolare
forma o una particolare tradizione.
Nel campo semantico del salvare, mentre
-js hi. significa leliminazione delloppressore
e mlt/^plt pi. il far fuggire, nsl hi. indica come
-+pdh lallontanarsi dal luogo della tribolazio
ne. Diversamente da pdh, in nsl hi. la condi
zione di costrizione non sempre negativa per
loggetto (p.e. possesso in Gen 31,9.16).
Si devono ancora ricordare come sinonimi nel lin
guaggio dei salmi: hls pi. salvare (2Sam 22,20 =
Sai 18,20; Sai 6,5; 34,8; 50,15; 81,8; 91,15; 116,8;
119,153; 140,2; Giob 36,15; cfr. Jenni, HP 138) e
psh nel significato liberare , preso daUaram. (Sai
144,7.10.11; cfr. Wagner, nr. 321); per il campo se
mantico cfr. anche Barth, l.c. 124-140; J.Sawyer, VT
15, 1965, 479s.; id. Semantics in Biblical Research,
1972; -tjs" hi.,
~*pll.

b) nsl ni. equivale in senso tollerativo passivo


ad essere salvato, e talvolta in senso riflessi
vo a salvarsi (Deut 23,16; Ab 2,9; Sai
33,16); anche qui si percepisce chiaramente la
90

risonanza dello strappar via (Prov 6,3-5), fatto


che in Am 3,12 rende possibile una mordace
irona.
nsl pi. spazia dal sign. di impadronirsi a
quello di saccheggiare, derubare (Es 3,22;
12,36; 2Cron 20,25); in Ez 14,14 significa
salvare, ma lo si deve leggere allhi. come
in v. 20.
Il part. ho. si trova due volte per indicare il
pezzo di legno tolto dal fuoco (Am 4,11; Zac
3,2). nsl hitp. in Es 33,6 significa certamente
strapparsi di dosso, liberarsi di una cosa,
ma il contesto non del tutto chiaro.
c) Il fatto che non sia attestato nessun sostanti
vo allinfuori di Est 4,14 si deve probabilmente
al lungo permanere del sign. strappar via;
inoltre, non c un ambito specifico di applica
zione che avrebbe potuto dar adito alla forma
zione di sostantivi (come invece p. e. lambito
della guerra per js hi.).
4/ Luso di nsl hi. con soggetto Dio si fonda
sullesperienza e sullattesa di Israele che Jah
we liberi in vario modo il popolo e il singolo
dalla tribolazione e li salvi quando sono in pe
ricolo. Di questo si racconta (Es 18,4ss. Sai
18,18; 34,5; 56,14), di questo si fa memoria
(Giud 6,9; ISam 10,18; 2Sam 12,7); questo
viene annunciato (Es 3,8; 6,6; ISam 7,3; Ger
39,17), per questo si supplica Jahwe (Gen
32,12; Sai 7,2; 31,16 ecc.), a questo ci si ab
bandona con fiducia (2Re 18-19), o ci si la
menta che Jahwe non ha salvato il suo popolo
(Es 5,23). In tutte queste espressioni, per, nsl
hi. non diventa mai uno specifico concetto teo
logico; non lo si pu neppure definire termi
ne tecnico per la liberazione di Israele dallE
gitto, nonostante Es 3,8; 5,23; 6,6; I8,4ss.;
Giud 6,9; ISam 10,18 ecc. (diversamente
J.J.Stamm, Erlsen und Vergeben im AT,
1940, 18, ripreso in Barth, l.c. 125). un ter
mine tra tanti altri per esprimere lazione sal
vifica di Jahwe (cfr. lenumerazione in Barth,
l.c. I24ss.). Si pu tuttavia supporre che il
sign. comune di salvare sia stato favorito
dalluso con Dio come soggetto. Dato il suo
ambito di impiego generale (situazione di co
strizione di qualsiasi tipo), n$l hi. viene anche
usato per indicare la salvezza divina da qual
siasi genere di tribolazione (Es 18,8 tormento;
ISam 17,37 fauci del leone; Ez 34,12 disper
sione; Sai 22,9 e 109,21 malattia?; Sai 39,9 e
40,14 peccato?). Jahwe salva appunto da tut
te le afflizioni e le tribolazioni (Sai 34,18.20).
Che in questi casi predomini la salvezza da
tormenti causati da uomini non proviene dal
significato proprio di nsl hi., ma dal tipo di
materiale che la tradizione vtrt. contiene.
5/ I LXX traducono per Io pi con pecrthxi
(circa 85x) e ^aipetv (circa 75x), il che corri
91

sponde ai significati di strappar via e sal


vare. Nel NT ambedue i vocaboli vengono
usati di rado, puecrftai per in una locuzione
vtrt. ( dal maligno ) che si trova nella pre
ghiera del Padre nostro in Mt 6,13 (cfr. W.
Kasch. art. po^uxi, ThW VI,999-1004 (=
GLNT XI, 1003-1018). Nel tardo giudaismo
nsl hi. viene usato soprattutto per la salvezza
che proviene dalluomo, mentre per quella che
viene da Dio si usa js hi. (W.Foerster, ThW
VII 987).

U.Bergmann

133 nsr SORVEGLIARE


1/ La radice nsr (con originaria interdentaie
enfatica; acc., ebr., et. >s, aram. >/, arab. >z)
appartiene al semitico comune (Bergstr. Einf.
189) e ha in generale il sign. di sorvegliare,
custodire (cfr. AHw 755s.; WUS nr. 1811;
UT nr. 1670; DISO 178.185), nel sem. meri
dionale il sign. di considerare (Wehr, 866s.;
Dillmann 701 s.; per tutto questo cfr. la tesi di
dottorato di W.J.Odendaal, 1966, citata in
Bibl. 48, 1967, 335* nr. 4689).
In ebr. il verbo attestato solo al qal. Si discu
te se nesrlm in ls 65,4 debba essere inteso
come sostantivo (KBL 629b: capanne di
guardia? ); nel caso che non fosse da intendere
come part. pass, sostantivato (p.e. Zorell 530a:
luoghi nascosti ) o come errore testuale (p.e.
BHS secondo G.: ben srm tra rupi) ci tro
veremmo di fronte allunica derivazione nomi
nale in ebr. (ls 49,6 1 Q; KBL 558a trova anco
ra un sost. massr guardia in ls 29,3 e
Nah 2,2). Per Is 1,8; Ger 4,16 e Prov 7,10 cfr.
anche la proposta di C.Rabin, Textus 5, 1966,
44-52.
*
LAT conosce anche la forma secondaria ntr, con lo
stesso significato ed usata raramente (4x in Cant), la
quale potrebbe essere stata presa dallaram. (cfr.
Wagner nr. 189/190; aram. bibl. ntr q. custodire
Dan 7,28); da essa deriva il sostantivo mattr
guardia (I lx in Ger 32-39, inoltre Neem 3,25;
12,39; con il sign. di meta, bersaglio ISam 20,20;
Giob 16,2; Lam 3,12). Rimane oggetto di discussione
se ntr II con il sign. di adirarsi (Lev 19,18; dellira
divina: Ger 3,5.12; Nah 1,2; Sai 103,9) appartenga
ad essa (p.e. KBL Suppl. 172a: custodire (lira] ,
con omissione di a f ira ) o formi una radice a s
(cosi p.e. O.Rssler, ZA W 74, 1962, 126).

/2 n$r q. ricorre 62x nellAT (incl. Ls 49,6 Q;


65,4 txt?; esci. Is 49,8 e Ger 1,5 [->j$r 2|; di
cui 24x in Sai, 19x in Prov, 8x in Is, e inoltre
Es 34,7; Deut 32,10, 33,9; 2Re 17,9; 18,8; Ger
4,16; 31,6; Ez 6,12; Nah 2,2; Giob 7,20;
27,18), laram. ntr q. lx (Dan 7,28); per lebr.
ntr e mattr vd. sp. 1.
123 mr SORVEGLIARE

92

3/ Il significato di nsr chiaro per quanto


concerne lebr. dellAT: proteggere, sorveglia
re, custodire; esso corrisponde largamente a
quello di ->smr.
Il termine ha valenza concreta quando si tratta
di un campo sorvegliato da una capanna (Giob
27,18) o da una solida torre (2Rc 17,9; 18,8;
cfr. Ger 31,6); anche degli alberi da frutto si
dice che essi necessitano di sorveglianza (Prov
27,18; cfr. ntr in Cant 1,6.6; 8,11.12 per la
protezione di una vigna; analogamente forse
anche Is 65,4, vd. sp. 1; anche lug. conosce
questo uso, cfr. 52 [= SS], 68 ecc.; testo e/o si
gnificato sono incerti in Is 1,8; Ger 4,16; Nah
2,2). Pi frequente limpiego figurato o tra
slato: protezione dalla spada e dalla peste (Ez
6.12); una notizia custodita non ancora ma
nifesta e quindi nascosta (Is 48,6). Nella lette
ratura sapienziale intelletto e discernimento
proteggono dal male (Prov 2,11; 4,6; 13,3.6;
16,17; 20,28). Possono venire accettati e custo
diti degli insegnamenti (Prov 3,1.21; 4,13; 5,2;
6,20); cos resta custodito il cuore (Prov 4,23),
che per pu anche rimanere custodito, cio
nascosto in una cattiva intenzione, ed essere
quindi perfido (Prov 7,10). Daniele custodisce
la parola che gli stata comunicata (Dan 7,28;
cfr. Maria in Le 2,19).
Nelle lettere acc. e ug. allinizio si auspica spesso la
protezione degli dei (cfr. B.Hartmann, FS Baumgnrfner 1967, 102-105; S.E.Loewenstamm, BASOR 194,
1969, 52-54; A.F.Rainey, UF 3, 1971, I57s.). Nelle
iscrizioni anticoaram. di Sfire nsr esprime la necessi
t di mantenere accordi e patti (K A I nr. 222, B, 8 e
C, 15.17; Fitzmyer, Sef. 61.75).

4/ In ambito religioso il verbo, come -*smr,


viene usato molto frequentemente per esprime
re la cura di Dio per il suo popolo (Deut 32,10
come la sua pupilla; Is 27,3.3; 49,6; Sai
12,8; Prov 24,12) e per il singolo (Es 34,7; Is
42,6 servo di Jahwe; Sai 31,24; 32,7; 40,12;
64,2; 140,2.5; Prov 2,8). Egli protegge la pace
(Is 26,3) e il (buon) discernimento (Prov
22.12). In Giobbe (7,20) lespressione tu pro
tettore degli uomini un riconoscimento del
la inviolabile potenza di Dio. Metaforicamente
anche innocenza ed onest (Sai 25,21), grazia e
fedelt (Sai 61,8) possono proteggere luomo
pio.
E invece compito delPuomo pio custodire le
parole e i comandamenti di Dio e mantener
li o osservarli (Sai 78,7; 105,45; 119,
2.22.33.34.56.69.100.115.129.145; Prov 23,26;
28,7). I leviti custodiscono lalleanza (Deut
33,9), ed altrettanto fanno tutti gli uomini pii
(Sai 25,10). Bisogna custodire la lingua da cat
tivi discorsi (Sai 34,14), e per questo si pu an
che pregare Dio (Sai 141,3).
5/ Nei testi di Qumran il verbo nsr non atte
stato, mentre ntr Io solo nel sign. di adirar
93

npj nqh ni. ESSERE INNOCENTE

si (Kuhn, Konk. 143). I LX X traducono nsr


prevalentemente con (Sux)TrpELv e (&ira,)cpuX.crcteiv. Quando non si tratta dellosservanza dei
comandamenti di Dio preferiscono (Ih^tixev.
Per il NT cfr. H.Riesenfeld, art. Tripla), ThW
Vili, 139-151.

G.Sauer

lp2 nqh ni. ESSERE INNOCEN


TE
1/ la radice nqh (*nqj) attestata solo in ebr.
(anche extrabiblico secondo F.M.Cross, FS
Glueck 1970, 302.306 n. 16) con il significato
di essere esente, libero da colpa ; per, con
il sign. variato di essere puro, pulito, senza
macchia, anche in aram. (DISO 186; KBL
1101) e in arab. (Wehr 885s.).
NellAT la radice c attcstata in ni. essere
esente (da qualcosa), rimanere impunito (una
volta inf. assol. qal unito al ni. in Ger 49,12),
in pi. lasciare impunito, nelFagg., usato
spesso come sostantivo, nqi senza colpa, in
nocente (aram. bibl. neq puro Dan 7,9) e
nel sost. niqqjn innocenza, purezza .
Non impossibile che si debba far derivare dalla
stessa radice il sost. menaqqt pate ra (Es 25,29;
37,16; Num 4,7; Ger 52,19), per lo meno se si accet
ta come significato originario della radice vuotare
o essere svuotato (GB 520a). In questo caso anche
lacc. naq libare, sacrificare con i suoi derivati
(AHw 744s.) ed il sir. nq pa. sacrificare (LS
444b), ripreso da esso, sarebbero da ricondurre alla
stessa radice, come pure larab. nq' prendere il m i
dollo da un osso e nqj essere puro . La radice
non compare nei testi ug. finora pubblicati.

2/ Statistica: qal lx (inf. assol.), ni. 25x (Prov


7x, Ger 6x, Num 3x, Gen 2x), pi. 18x (Ger 4x,
Es 3x), di cui 5x inf. assol.; il verbo in totale
44x. Lagg. nqi 43x (Deut, Ger e Giob 6x cia
scuno, Sai 5x, Gios e 2Re 3x ciascuno), di cui
8x plur. e 21x in unione con ->dm san
gue; aram. bibl. neq lx (Dan 7,9 puro
come lana ); il sost. niqqjn 5x. La radice
non compare f. la. in Lev, Ez e nellopera del
Cronista.
3/ Se la supposizione di un significato fonda
mentale svuotare o sim. esatta, allora si
deve dire che nellAT esso si sviluppato in
bonam e in malam partem. In senso sfavorevo
le (raro) nqh ni. si trova in ls 3,26; la citt di
Gerusalemme rappresentata come una donna
addolorata sieder per terra, privata degli
uomini (KBL 632b) o dei figli (Wildberger, BK
X, 148); cfr. in Am 4,6 niqjn snnjim denti
inoperosi , cio privati del cibo (par. man
canza di pane ).
94

Forse anche il senso di nqh pi. in Gioe 4,21


sfavorevole: ed io verser il loro sangue
che (finora) non ho versato (G.R.Driver,
JThSt 39, 1938, 402), a meno che non si vo
glia considerare v. 21a come una domanda
(ed io dovrei lasciare impunito il loro as
sassinio?, W. Rudolph, FS Baumgartner
1967, 250) o come glossa riferentesi allinno
cenza di Giuda (v. 19; Wolff, BK XIV/2,
88.102). In ogni caso, non si deve modificare
in niqqamt (contro BH3, BHS e KBL 632b),
una lettura che non si pu presupporre in
base ai LXX.
Negli altri passi si tratta sempre di un risultato
favorevole, nqh ni. (o hjh nq) min esprime il
fatto che si viene dispensati da un impegno
preso sotto giuramento (Gen 24,8; Gios
2,17.20), da una maledizione che accompagna
il giuramento (Gen 24,41), dalla forza di male
dizione dellacqua dellordalia (Num 5,19.28) o
dalla sequenza colpa-pena inerente ad una
mancanza (Num 5,31). Questultimo significato
anche quello di Giud 15,3, bench qui lidea
colpa-pena sia solo implicita in mippelistim
da parte dei filistei .
Negli altri passi manca laccenno diretto alla
cosa dalla quale si viene (o si ) esentati, ed a
decidere il contesto: ad esempio hjh nq in
Deut 24,5 significa per chi si appena sposato:
essere esentato dai suoi obblighi militari e si
mili (cfr. IRe 15,22), e in Gen 44,10 resta
re libero in contrapposizione a diventare
schiavo (termine tecnico di significato affine
hofsi libero, rilasciato che nellAT ricorre
I7x: nelle leggi sugli schiavi Es 21,2.5.26.27;
Deut 15,12.13.18 e nella loro applicazione Ger
34,9.10.11.14.16.; inoltre ISam 17,25 esente
da imposte; Is 58,6 gli oppressi; Sai 88,6 txt?,
cfr. P.Grelot, VT 14, 1964, 256-263; Giob
3,19 il servo libero dal suo padrone nella
morte; 39,5 metaforicamente dellasino selvati
co; hps pu. essere rilasciato Lev 19,20;
hujs rilascio Lev 19,20; per bt hakojsit
2Re 15,5 = 2Cron 26,21 cfr. J.A.Montgomery
- H.S.Gehman, The Books of Kings, 1951,
448.454; J.Gray, I & Il Kings, 1963, 560s.; su
tutta la questione cfr. De Vaux I, 137s. 334 [=
ital. 95s.507] con bibliogr.).
Negli altri casi di solito la versione restare
impunito che rende il senso di nqh ni. (Prov
6,29; 19,5.9; 28,20), particolarmente nelle nor
me casistiche del codice dellalleanza (Es
21,19; cfr. nq nella frase nominale di 21,28),
e quello di (hjh) nq (Num 32,22; Gios 2,19;
in 2Sam 14,9 essere senza colpa ).

22.17) sia contro altri popoli (Gioe 4,19 contro


lEgitto e Edom, che hanno versato il sangue
innocente dei Giudei), nellammonimento
non versate sangue innocente (Ger 22,3 cfr.
la forma ipotetica in Ger 7,6), e nella minaccia
se mi uccidete, fate ricadere su di voi sangue
innocente (Ger 26,15).
Non risulta sempre chiaro chi sia in effetti lin
nocente che viene minacciato od ucciso. Si pu
trattare di uno che ha ucciso inavvertitamente
ed ora viene perseguitato dal vendicatore del
sangue (Deut 19,10), oppure di un uomo mi
nacciato da gelosia personale o da sentimenti
di odio (Davide in ISam 19,5; Geremia in Ger
26,15). Si pu trattare anche di bambini im
molati nel culto idolatrico (Sai 106,38 e forse
anche in 2Re 21,16; 24,4; Ger 19,4; cfr. v. 5);
per lo pi, tuttavia, le vittime dellingiustizia
violenta della societ isr. sono i poveri di Israele
(Deut 27,25; ls 59,7; Ger 2,34 abjriim\ 7,6;
22.3.17). Spargere sangue innocente procura
dmn reato di sangue non solo allassassi
no (Deut 19,10) ma anche a tutta la sua fami
glia (2Sam 14,9), e persino a tutto il paese (Sai
106,38) e a tutto il popolo, particolarmente se
a spargere il sangue stato uno sconosciuto
(Deut 21,8) o il re (Manasse 2Re 24,3s.). Per
questo il sangue innocente con la sua forza
efficace deve essere eliminato da Israele (Deut
19,13).

I termini paralleli di questa accezione sono: mit ni.


sfuggire (Prov-19,5) e rab bcrkl ricco di bene
dizioni (Prov 28,20); come opposti si hanno le
espressioni che annunciano il sopraggiungere della
punizione (Num 32,22s.; Gios 2,19; 2Sam 14,9), op
pure bd andare in rovina (Prov 19,9).

Termini paralleli di nql sono qui; saddq giu


sto (E s 23,7; Sai 94,21; Giob 17,8s.; 22,19; 27,17),
jsr onesto (Giob 4,7; 17,8), tm innocente
(Giob 9,22s.), 'nl po vero (Sai 10,8 s.); termini
opposti sono: rasa' colpevole (Es 23,7; Giob
9,22s.; 22,18s.; 27,13.17) e hnf in iq u o (Giob
17,8).

95

Quando nql non funge da predicato di una


frase nominale, ha spesso sign. di sostantivo
l innocente, colui che senza colpa. La
convinzione di certi circoli sapienziali che un
tale innocente non potesse andare in rovina
(Giob 4,7) e dovesse perfino aver parte allar
gento del malvagio (Giob 27,17), fu smentita
dalla dura realt della societ israelitica. Il
nql appare ripetutamente come vittima di
una corruzione rivolta contro di lui (Sai 15,5)
o come linnocente la cui vita viene minacciata
senza motivo dai peccatori o dal malva
gio (Prov 1,11 e Sai 10,8) e perci deve esse
re protetto attraverso la legge (Es 23,7).
Si parla del dam hannq sangue dellinno
cente (Deut 19,13; 2Re 24,4) o (per lo pi)
del dm nq sangue innocente quando
persone innocenti vengono minacciate di om i
cidio o di assassinio intenzionale (Deut 19,10;
27,25; ISam 19,5) oppure sono gi state uccise
(Deut 19,13; 2Re 21,16; 24,4; Giona 1,14).
Questa espressione, specialmente in Geremia,
si trova spesso nellaccusa profetica sia contro i
propri connazionali (Ger 2,34; 19,4; cfr. Is
59,7; Sai 94,21; 106,38; contro loiakim Ger

HpJ nqh ni. ESSERE INNOCENTE

96

Dalle attestazioni, dai termini paralleli e da


quelli opposti risulta che nqh nellAT si am
bienta nel linguaggio giuridico e indica lessere
esente da obbligo etico-(sociale), da punizione
o da colpa. Bench alcune volte si trovi in con
testo cultuale (nqh ni. nel rituale dellordalia,
Num 5; nm nql nel rituale di espiazione di
un assassinio compiuto da mano ignota, Deut
21,85.), il termine non ha neppure in questi
casi un senso levitico-cultuale come p.e. ~*thr
essere puro. Non certo un caso che nqh
non ricorra mai in Lev. Per niqqjn si ha un
senso vicino a quello cultuale-rituale in Sai
26,6 (par. girare attorno allaltare; un lavarsi
simbolicamente le mani?, cos I.L.Seeligmann,
FS Baumgartner, 1967, 258; oppure con ac
qua pura?, cfr. Es 30,l7ss., cos N.Ridderbos,
GThT 50, 1950, 92) e in Sai 73,13; secondo
Seeligmann, l.c., un tale senso si avrebbe anche
per neq kappjim chi ha mani pure in Sai
24,4, dove il contesto s cultuale (v. 3), ma il
concetto etico (par. cuore puro ; concetti
opposti inganno e falso giuramento);
senso etico ha pure bvniqjn kappaj con
mani pure (par. ^addlq v. 4). Incerto Os 8,5
dove niqqjn in contrapposizione allidola
tria.
4/ Quando nqh ni. (opp. nql in frase nomi
nale) significa rimanere impunito , la deci
sione di condanna/assoluzione e lesecuzione
della pena sono considerate compito del tribu
nale (Es 21), oppure vengono collocate nel
lambito di una realt nella quale unazione
porta con s la propria conseguenza (Num
5,31; 32,22s.; Gios 2,19), anche se per lAT
Jahwe pu intervenire (Num 32,22s.), come
avviene anche nel caso della liberazione da
una maledizione pronunciata nel nome di Jah
we. Pi spesso il restare impuniti presentato
chiaramente come una cosa che in relazione
con Jahwe (ISam 26,9; 2Sam 3,28 nql tn'im
Jhwh innocente davanti a Jahwe ; Prov
16,5; 11,21 il cattivo non resta impunito,
par. un orrore per Jahwe v. 20; 17,5), so
prattutto nel giudizio di Dio pronunciato dai
profeti contro Giuda (Ger 2,35), contro ladri e
spergiuri (Zac 5,3), o contro le nazioni (Ger
25,29; 49,12), e nella preghiera (Sai 19,14).
Con nqh pi. lasciare impunito sempre
Jahwe colui al quale viene rivolta la supplica
dichiarami libero (Sai 19,13), o colui che
(con uneccezione, IRe 2,9, in cui interpella
to Salomone) non lascia impunito il pecca
tore (sempre in frasi negative): a) nel decalogo
contro colui che pronuncia invano il nome di
Jahwe (Es 20,7; Deut 5,11); b) nella formula
w^naqqi l j enaqqc ma egli non lascia del
tutto impunito posta in mezzo a una serie di
espressioni che attestano anzitutto la bont di
Dio e poi la sua volont di punire la colpa dei
padri (Es 34,7; Num 14,18; cfr. Nah 1,3); c)
97 Opj nqm VENDICARE

nel giudizio divino non ti lascer compietamente impunito par. ti castigher (Ger
30,11; 46,28); d) neHespressione tu non mi
dichiari libero (Giob 9,28 par. sono certa
mente colpevole v. 29; 10,14 dalla mia col
pa ).
Anche la protezione del sangue delFinnoccnte
ha valore di comandamento di Jahwe (Deut
19,10.13; Ger 22,3; cfr. 7,6); la punizione per
sangue innocentemente versato (2Re 24,4; Ger
2,34s.; 19,3s.; 22,17s.; Gioe 4,19; Giona 1,14;
Sai 94,2lss.; 106,38ss.; cfr. la maledizione di
Deut 27,25) e lespiazione del sangue innocen
te spettano a lui (Deut 21,8s.), poich egli odia
le m an i che spargono sangue innocente
(Prov 6,17). Invece egli salva lo ls nql (Giob
22,30, cos invece di l-nql) e il nql si beffa
dei malvagi, che periscono (Giob 22,19),
anche se nella disperazione si giunge a dire che
Dio uccide anche gli innocenti e si betta della
loro disperazione (Giob 9,23).
5/ Nei testi di Qumran nqh ni. ricorre in CD
5,l4s.: chi si avvicina a loro (se. ai peccatori)
non resta impunito . Nel tardo giudaismo per
lebr. nqh pi. si trova sia il sign. di purifica
re, sia quello di lasciare impunito; per
nql oltre ad esente, innocente, puro atte
stato anche il sign. sir. di giovane agnello
(Jastrow 932).
Nei LXX questo gruppo di vocaboli viene tra
dotto generalmente con froq/&tooOv. Nel
NT si trova un chiaro riferimento al vtrt. nql
solo nellespressione aipa <xd<j>ov sangue in
nocente in Mt 27,4 (cfr. v. 24) e aqxa Sucaiov
in Mt 23,35 (cfr. la citazione di Is 59,7 in Rom
3,15, dove, come nei LXX, manca innocen
te accanto a sangue ). Inoltre da intende
re nel senso di nql esente da colpa (di san
gue) il xa.da.p0q di Atti 18,6, posto dopo le
spressione il vostro sangue ricada sul vostro
capo (cfr. 20,26; cfr. F.Hauck - R.Meyer, art.
xadapq, ThW III, 416-434 = GLNT IV,
1255-1302).

C.van Leeuwen

Dpj nqm V E N D IC A R E
1/ La radice nqm vendicar(si) attestala ,
solo nel semO. (cfr. anche AHw 721 b), in
amor. (Huffmon 241-243), ug. (Grndahl 168)
e fen. (F.L.Benz, Personal Names in th Phoenician and Punic Inscriptions, 1972, 363) solo
in nomi di persona. Al di fuori dellebr. (cfr.
anche J.Prignaud, RB 77, 1970, 50-59) un im
piego pi frequente si ha solo in arab. (Wehr
885b; per il sudarab. antico cfr. Conti Rossini
19la; sulla forma secondaria et. qlm cfr. Dill98

mann 458), mentre neHaram. pi recente luso


della radice viene riducendosi (aram. antico in
Sef. IH, r. lls.22, cfr. DISO 186; per il resto,
in dipendenza dallAT, in aram. targumico,
pai. crist., raramente in sir., cfr. LS 446b).
Ir ebr. il verbo usato in q. vendicare, ven
dicarsi , ni. vendicarsi opp. venir vendi
cato (Es 21,20 assieme allinf assol. q.), pi.
rendere vendicato (cfr. Jenni, HP 144) e
hitp. vendicarsi ; per quanto riguarda le at
testazioni di Gen 4,15.24; Es 21,21, considera
te come forme ho. (o pu.), potrebbe trattarsi di
un qal pass. (GK 53u; BL 286; KBL Suppl.
I73a). Sostantivi derivati sono il nome verbale
nqm vendetta (BL 463) e il fem. astratto
neqm vendetta (BL 463).
2/ NellAT nqm ricorre come verbo 35x, di
cui q. 13x, q. pass. 3x (vd. sp. 1), ni. 12x, pi.
2x, hitp. 5x (proposte di correzione del testo
vd. KBL 633a); il sost. nqm si incontra 17x
(sempre al sing.), neqm 27x (di cui 7x in
plur. atti di vendetta, azioni di ritorsione :
Giud 11,36; 2Sam 4,8; 22,48 Sai 18,48; Ez
25,17; Sai 94,1.1). Pi della met delle 79 atte
stazioni della radice si trova nei libri profetici
(Ger 18x, Ez 12x, Is 7x, Nah 3x, Mi lx), inol
tre 9x in Sai.
Spesso il verbo usato assieme ai sost. nqm
e n'qm (q.: Lev 26,25; Num 31,2, Ez 24,8;
25,12; ni.: Giud 16,28; Ger 46,10; Ez 25,15;
pi.: Ger 51,36; cfr. Deut 32,43 e la figura eti
mologica in Es 21,20).
3/ li significato originario della radice nqm
dovrebbe appartenere al linguaggio giuridico.
Uningiustizia compiuta viene compensata da
una punizione e, in tal modo, abolita (cfr.
C.Westermann, art. Rache, BHH III, 1546;
F.Horst, art. Vergeltung, RGG VI, 1343-1346).
Secondo F.Horst, Recht und Religion im Bereich des AT, EvTh 16, 1956, 49-75 = Gottcs
Recht, 1961, 260-291 (particol. 73 e 289), il
concetto di vendetta denota la tipica punizio
ne privata indirizzata propriamente contro per
sone che si collocano al di fuori del proprio
ambito di diritto e di potere , a differenza p.e.
di prova ( ->pqd, pcqudd), cio dellesa
me di controllo condotto nel proprio ambito di
potere, che individua i responsabili di omissio
ni e di infrazioni e procede contro di loro.
nqm come misura giudiziaria che va fino alla
vendetta di sangue (->dm\ -*7; E.Merz, Die
Blutrache bei den Israeliten, 1916) chiarissi
mo in Es 21,20s. (uccisione di uno schiavo; in
proposito G.Liedke, Gestalt und Bezeichnung
atl. Rechtsstze, 1971, 48s.); cfr. inoltre la set
templice vendetta di sangue per Caino (Gen
4,15.24; Westermann, BK I, 423s.). Un simile
stato di cose si pu dedurre da uniscrizione
anticoaram. di Sfire, che contiene un contratto
(KAI nr. 224, r. 11 s.: obbligo di uno dei due
99

contraenti a far vendetta di sangue contro i


provocatori di una rivolta contro laltro; r. 22:
minaccia di vendetta di sangue nel caso che
uno dei due dovesse aver parte a un complotto
contro laltro).
Nella maggior parte dei casi non si tratta della
vendetta per un singolo (p.e. Giud 15,7 e 16,28
Sansone) o contro un singolo (Ger 20,10), ma
del conflitto tra una comunit ed i suoi nemici
(Israele contro i suoi nemici: Num 31,2; Gios
10,13; ISam 14,24; 18,25; Ger 50,15; Est 8,13;
i nemici di Israele contro Israele: Ez 25,12.15;
Lam 3,60; cfr. in Sai 8,3 e 44,17 il part. hitp.
mtnaqqm colui che si vendica assieme a
->'jb nemico). Pi spesso balza decisa
mente in primo piano latteggiamento carico di
passione che determina il significato di nqm in
misura preponderante, particolarmente chiaro
in Prov 6,34 (spietata sete di vendetta di un
uomo per gelosia); di contro Lev 19,18 in rela
zione al comandamento dellamore mette in
guardia dalla sete di vendetta e dal rancore
(ntr) nei confronti dei connazionali (cfr. Elliger,
HAT 4, 259).
Per i vocaboli di significato affine si vedano i
derivati delle radici ->gm, -slm (pi.), -+pqd e
anche di ->sb (hi.).
4/ Una distinzione rigorosa tra limpiego reli
gioso e quello profano di nqm non possibile,
in quanto anche per la vendetta umana, sia
realizzata che desiderata, ci si riferisce sempre
allautorizzazione o alla concessione divina
(cfr. p.e. Num 31,2 ordine a Mos; Giud 11,36
i/i neqml concedere vendetta; 2Sam 4,8;
22,48 = Sai 18,48). Il discorso sullintervento
di Dio che punisce deve essere inteso in modo
analogo alle affermazioni sullira divina (-af
4b; sul come il problema stato trattato nella
storia delfesegesi cfr. G.Sauer, Die strafende
Vergeltung Gottes in den Psalmen, 1961, 9
51). Dio punisce in primo luogo la trasgressio
ne dellalleanza da parte del suo popolo (Lev
26,25; Is 1,24, cfr. ->nhm 3c; Ger 5,9.29; 9,8;
Ez 24,8), ma si vendica anche contro ogni
mancanza del singolo (Sai 99,8). Egli vendica il
sangue dei suoi profeti (2Re 9,7). Punisce per
anche i nemici di Israele e vendica cos il suo
popolo (Num 31,3; Deut 32,35.41.43, cfr.
Rom 12,19; Ebr. 10,30), questo soprattutto nei
profeti esilici e postesilici (Is 34,8; 35,4; 47,3;
59,17; Ger 46,10; 50,15.28; 51,6.11.36; Ez
25,14.17; Gioe 4,21 txt em; Mi 5,14; Sai
149,7). Lo jm nqm/neqm giorno della
vendetta (Is 34,8; Ger 46,10;
4b) signi
fica consolazione per il popolo afflitto (ls 61,2;
63,4). Si intravede ancora talvolta che a questo
modo deve essere ristabilita lantica situazione
legale.
Spesso Dio viene supplicato da singoli uomini
a fare vendetta (Giud 16,28; Ger 11,20; 15,15;
20,12; Sai 79,10); essa trattiene luomo dal do
Dp3 nqm VENDICARE 100

ver esercitare egli stesso la ritorsione (ISam


24,13), ed motivo di gioia per il giusto (Sai
58,11). Dietro tutti questi atteggiamenti c lo
zelo di Dio (->>qri) intorno e a favore del suo
popolo (Nah 1,2 nqm vendicatore; Sai
94,1 'l neqmt Dio della vendetta nel gri
do di appello a Jahwe giudice, cfr. Kraus, BK
XV, 654).

5/ 1 testi di Qumran, conformemente alla


tendenza separatista della comunit, conoscono
un uso copioso del vocabolo, soprattutto in re
lazione allira divina che compie con la spada
vendicatrice la vendetta dellalleanza (CD
19,13 ecc.; cfr. Kuhn, Konk. 146). I LXX tra
ducono per lo pi con k5i,xev ed i suoi deri
vati. Per la prospettiva del NT cfr. F.Biichsel,
art. n:o5i5io(ju, ThW II, 170s. (= GLNT II,
1176ss.); G.Schrenk, art. xSlxw, ThW 11,
440-444 (= GLNT III, 305-316); H.Preisker E.Wurthwein, art. fxur&g, ThW IV, 699-736
(= GLNT VII, 353-444).

G.Sauer

NH n i' A L ZA R E , P O R T A R E
1/ Il verbo ni'appartiene al semitico comune
(Bergstr. Einf. 187; nel tardo aram. viene sop
piantato da altri verbi, KBL llO lb) ed atte
stato ampiamente nei testi del periodo vetero
testamentario (AHw 762-765; Huffmon 239s.;
WUS nr. 1859; UT nr. 1709; DISO 169.186s.);
il significato sempre alzare, portare, portar
via (arab. ns intransitivo elevarsi, Wehr
856b; cfr. L.Kopf, VT 8, 1958, 186s.).
NellAT si trovano in ebr. tutte le coniugazioni
verbali ad eccezione del pu. e delTho., in aram.
si hanno solo qal e hitp. Le forme nominali
frequenti sono nasi 1 principe, massa
peso e (lalzare la voce =) detto, mast
elevazione (Ger 6,1 segnale di fumo , cfr.
Giud 20,38.40 e lostraco di Lachis, KAI nr.
194,r. 10) e tributo; pi rare sono masso
considerazione (del volto) (2Cron 19,7),
mass elevazione (Is 30,27), nes lm
nubi, banchi di nebbia (Ger 10,13 = 51,16;
Sai 135,7; Prov 25,14; cfr. R.B.Y. Scott, ZAW
64, 1952, 25), sel altezza e gonfiore del
la pelle, macchia della pelle, s altezza
(Giob 20,6; diversamente C. Rabin, Scripta
Herosolymitana 8, 1961, 399). Incerto dal lato
testuale e grammaticale mast di Ez 17,9.
2/ NellAT il verbo compare 654x (inoltre 3x
in aram.: qal 2x, hitp. lx): qal 597x (incl. Is
46,1 n?sul\ Ez 8,3, in Lis. sotto ni.; esci. Gen
4,7 set\ Ez 17,9 mat; in Mand. manca Esd
10,44Q), ni. 33x (incl. 2Sam 19,43 nisst), pi.
101 K5W ns ALZARE, PORTARE

12x, hitp. lOx, hi. 2x. Il qal molto frequente


in Ez (68x, poi Gen 46x, Sai 45x, Num e ls
44x ciascuno, Es e ISam 32x ciascuno, Giob
28x), il ni. in Is (14x, Ez 5x).
Le occorrenze dei nomi sono cos distribuite:
nasi' principe 130x (Num 62x, Ez 37x [in
Lis. manca Ez 12,12], Gios 13x), nesVlm
nub i 4x, massa peso 45x (Ger 12x,
Num 11x), massa detto 21 x (Is 11x), mas
so lx, maa lx, mast 16x (incl. Ez 17,9),
set 14x (di cui 7x con il sign. di macchia
della pelle in Le\4l 3-14), J lx.
3/ a) Il significato fondamentale tipico della
radice, alzare, portare , ben attestato al
qal: la gente innalza uninsegna (militare) (Ger
4,6; 50,2 ecc.), lacqua che cresce solleva una
nave (Gen 7,17), ecc. In Sai 102,11 il suo con
trario ->slk hi. far cadere, ns pare aver
assunto un significato tecnico particolare in
rapporto con la pesatura (Giob 6,2 ns3
bemzendjim alzare sulla bilancia, par. sql
pesare . Anche nellaccezione portare
compaiono i pi svariati soggetti e oggetti: la
gente innalza un idolo (Am 5,26; cfr. Is 46,1
n^sut), gli alberi portano frutti (Ez 17,8), ecc.
Espressioni parallele sono sbl portare (Is
46,4.4.7;53,4; altrove ancora Gen 49,15; Is
53,11; Lam 5,7; pu. Sai 144,7; hitp. Eccle 12,5
trascinarsi ;
inoltre
le
derivazioni
sbcel/sibl/sbcel corve , [cfr. anche
T.N.D, Mettinger, Solomonic State Officials,
1971, 137-1391, sabbi portatore par. nS
IRe 5,29, cfr. Noth, BK IX,87; non chiaro
laram. sbl po. in Esd 6,3; per zbl vd. st. 3e) e
'ms alzare, portare, caricare (Is 46,1.3;
Neem 4,11; altrove ancora Gen 44,13; Zac
12,3; Sai 68,20; Neem 13,15; hi. caricare
Re 12,11 = 2Cron 10,11; bcun maams
pietra da carico Zac 12,3).
Tra le voci affini per significato cfr. anche riti 4 .
im porre (2Sam 24,12; Lam 3,28) e pesare (Is
40,15), aram. q. alzare (Dan 4,31; 7,4), .pi. alza
re (Is 63,9 par. ns pi.), nti! pesatore (Sof 1,11)
e nteel peso (Prov 27,3); un po diverso il valo
re di jbl hi. portare (7x, aram.ha.3x; ho.pass. 1 lx;
f b l raccolto 13x; jbl [Is 30,25; 44,4) e jlibai
[Ger 17,8] fosso dacqua ). Incerta la derivazione
di ken' opp. kin' carico, fastello in Ger 10,17.
In Sai 31,12 G.R.Driver, JThSt 32, 1931, 256, ipo
tizza un sost. ma d peso (KBL 489a) invece di

med.

Con particolare frequenza si ha come oggetto


nellAT larca di Dio (Gios 3,3ss.; 2Sam
6,3s.l3 ecc.). Le espressioni indicanti porta
tore di armi/scudo sono formate con il part.
ns e loggetto corrispondente (Giud 9,54;
.ISam 14,lss. ecc.; ISam 17,7.41 ecc.). Dal sign.
portare deriva la sfumatura portar via
(2Sam 5,21 ecc.; spesso con il sogg. -^ rifh
vento opp. spirito di Dio, IRe 18,12;
2Re 2,16; Is 41,16; 57,13 par. -*lqh prende
102

re; Ez 3,12.14; 8,3; I L I .24; 43,5; aram. Dan


2,35; con ser uragano Is 40,24; con
qdim vento orientale Giob 27,21, par. i'r
pi. soffiar via ). Con questo valore il verbo
impiegato talvolta nellespressione prendere
una donna (Rut 1,4; Esd 9,2.12; 10,44Q;
Neem 13,25; 2Cron 11,21; 13,21; 24,3; ->lqh
3d). Il prendere pu essere qualificato in
senso negativo e si avvicina cos al sign. di
depredare (Giud 21,23; ISam 17,34; Cant
5,7; Dan 1,16; in Ez 29,19 vengono usati nel
contesto sii e bzz saccheggiare ).
Lespressione ns rs/mispr (risp. in Es 30,12;
Num 1,2.49; 4,2.22; 26,2; 31,26.49 e in Num
3,40; lCron 27,23; sempre in rapporto ad un
censimento) ha il sign. di contare; essa
dovuta senzaltro allinflusso acc. (cfr. AHw
762s.; F.X.Steinmetzer, OLZ 23, 1920, 153).
b) Con il verbo viene molte volte indicato un
gesto. Nc risulta perci di frequente un valore
traslato, connotandosi con il verbo lazione o
la cosa espressa dal gesto. Lalzare le mani pu
essere un gesto ostile (2Sam 20,21); la gestuali
t usuale in occasione di giuramenti (Es 6,8;
Num 14,30; Deut 32,40; Ez 20,5ss.; Sai 106,26
ecc., spesso con una rappresentazione antropo
morfica di Jahwe), di preghiere ed implorazio
ni (Sai 28,2; 63,5; Lam 2,19 ecc.; in Sai 134,2
usato in mdo simile brk pi. glorificare) e
quando si chiama con un cenno (Is 49,22).
Lespressione alzare il capo detta di chi
libero, potente, consapevole (Giud 8,28; Zac
2,4; Sai 83,3; Giob 10,15). La formulazione
pu anche trovarsi al transitivo: qualcuno in
nalza un altro, in diverse accezioni (2Re 25,27
= Ger 52,31). In Gen 40,13.19s. la plurivalen
za di n viene impiegata in un gioco di parole
(da un lato ns rs ha il valore qui contempla
to, ma pu assumere anche il senso di pren
dere la testa = giustiziare ).
ns pnm sollevare il volto (cfr. l.L.Seeligmann, FS Baumgartner 1967, 270-272) anzi
tutto espressione di coscienza retta (2Sam 2,22;
Giob 11,15; cfr. Gen 4,7 ct) oppure di una
spettativa (2Re 9,32; Giob 22,26). Anche que
sta formulazione pu essere impiegata al tran
sitivo; il sign. quindi essere favorevole a
qualcuno, accondiscendere (Gen 19,21;
32,21; Giob 42,8.9; espressioni parallele sono
hnn essere benevolo Deut 28,50; sm beql
ascoltare la voce ISam 25,35; rsh gradi
re Mal l,8s.; knh pi. adulare Giob 32,21;
nkr pi. nel senso di preferire Giob 34,19;
nbl hi. guardare [amichevolmente] Lam
4,16). Lespressione pu trovarsi in accezione
positiva (2Re 3,14 aver riguardo e vd.sp.) o
negativa (prender partito, essere parziale
Mal 2,9; Sai 82,2; Giob 13,8.10; Prov 6,35;
18,5; par. hdr panim Lev 19,15 non tratterai
con parzialit il povero n userai preferenze
verso i potenti : tutti e due gli atteggiamenti
sono considerati dunque ugualmente rischiosi;
103

par. Iqh shad accettare doni di corruzione


in Deut 10,17). Molto frequente lespressione
nes (part.pass.) fnm stimato, considerato
(2Re 5,1 accanto a gdl grande, stimato;
ls 3,3 in un elenco di dignitari; Is 9,14 accanto
a zqn [l]anziano ; Giob 22,8 par. s
zera uomo del braccio = [il] potente). Il
sollevare il volto da parte di Jahwe segno di
salvezza per luomo (Num 6,26; Sai 4,7; a
Qumran limmagine applicata alla benedizio
ne o alla maledizione di Dio, 1QS 2,4.9).
Un altro gesto infine evidenziato da ns
njim sollevare gli occhi (molto spesso
unito a r h vedere, Gen 13,10.14; 18,2 ecc.;
-* jin 3a). Lespressione pu anche indicare
un particolare moto deUanimo come la passio
ne amorosa (Gen 39,7; Ez 23,27), la brama di
Jahwe (Sai 121,1; 123,1) o di altre divinit (Ez
18,12).
c) ns compare spesso nella terminologia tipica
del parlare. Ricorre con frequenza particolare
ns' ql alzare la voce (insieme con bkh
piangere la locuzione indica un pianto di
rotto: Gen 21,16; 27,38; 29,11; Giud 2,4; 21,2;
ISam 11,4; 24,17 ecc.; con qr chiamare
Giud 9,7; con $q gridare ls 42,2; con mn q.
giubilare ls 24,14; pi. 52,8). Altri comple
menti diretti con valore acustico sono ad esem
pio qln lamentazione (Ger 7,29; 9,9; Ez
19,1; 27,2.32; 28,12; 32,2; Am 5,1; con neh
Ger 9,9.17), ffill preghiera (2Re 19,4 = Is
37,4; Ger 7,16; 11,14), masl proverbio
(Num 23,7.18; 24,3.15.20.21.23; Is 14,4; Mi
2,4; Ab 2,6; Giob 27,1; 29,1), con una figura
etimologica massa oracolo (2Re 9,25,
vd.st.4b), inoltre Iwerp insulto in Sai 15,3,
sma diceria in Es 23,1 nonch n sm
pronunciare il nome (Es 20,7; Deut 5,11;
cfr. Sai 16,4; 139,20 txt em; cfr, LJ Stamm,
ThR NS 27, 1961, 228s.). A volte pu manca
re il complemento diretto (locuzioni ellittiche:
ls 3,7; 42,2. Il; Giob 21,12).
d) Dai gesti e movimenti fisici il verbo passa a
designare quelli deHanimo: ns ncefces denota
quindi essere rivolto ad una cosa con diver
se sfumature: desiderare ardentemente
(Deut 24,15; Os 4,8), dedicarsi con la men
te (Sai 24,4; Prov 19,18), aver fiducia (Sai
25,1 s. c 143,8 par. bth, Sai 86,4). D altra
parte limmagine pu operare in senso contra
rio, in quanto lo stesso organo spirituale spinge
luomo a qualcosa (detto di Ib cuore: Es
35,21.26 e 36,2 in senso positivo, 2Re 14,10 =
2Cron 25,19 in accezione negativa).
e) Dal valore letterale di portare deriva
quello traslato di sopportare (della terra:
Gen 13,6; 36,7; Prov 30,21; delluomo e di
Dio: Deut 1,9; Is 1,14; Ger 44.22; Mi 7,9;
Giob 21,3). Per L.Khler (ThZ 5, 1949, 395;
KBL 250a) in zbl (acc. e arab. portare ) di
KCM ns' ALZARE, PORTARE

104

Gen 30,20 abbiamo lo stesso sviluppo da


portare a sopportare (diversamente
M.David, VT 1, 1951, 59s.; HAL 252b;
M.Held, JAOS 88, 1968, 90-96; M.DietrichO.Loretz,OLZ 62, 1967, 539: fare un rega
lo , cfr. acc. zubullu regalo di nozze ).
1) Lespressione ns 'wn/ht' (di cui tratta
diffusamente R.Knierim, Die Hauplbegriffe fur
Sunde im AT, 1965, 50-54.144-119.193.202
204.217-222.226; -*ht 3b) rientra nella termi
nologia del culto. A partire dai sign. carica
re e portare lespressione significa da un
lato caricare su di s il peccato , dallaltro
(dover) portare (la pena della propria) colpa
(Lev 5,1.17; 7,18; 17,16; 19,8.17; 20,17.19.20;
22,9; 24,15; Num 5,31 epe.; Ez 14,10; I8,19s.
ecc.). possibile comunque il ricorso alla so
stituzione vicaria effettuata dal sacerdote (Es
28,38), dai figli (Num 14,33), dal profeta (Ez
4,4-6) c infine dal servo di Dio (Is 53,12, par.
pg' hi. prendere il posto di , che sottolinea
laspetto attivo della sostituzione vicaria del
servo di Dio). Lorigine di questa terminologia
e della relativa concezione da cercarsi nella
dichiarazione cultuale del sacerdote che stabili
sce le trasgressioni (cfr. W.Zmmerli, ZAW 66,
1954, 9-12 = GO 157-161 = Rivelazione di
Dio, 1975, 141-145).
g) Anche dal sign. portar via con il com
plemento diretto ht/'nwDn/psa' ha origine un
valore traslato: perdonare (il peccato) (an
che in forma ellittica; cfr. Gen 4,13; 18,24.26;
50,17.17; Es 10,17; 23,21; 32,32; 34,7; Lev
10,17; Num 14,18.19; Gios 24,19; ISam
15,25; 25,28; Is 2,9; 33,24; Os 1,6.6; 14,3; Mi
7,18; Sai 25,18; 32,1.5; 85,3; 99,8; Giob 7,21;
cfr. J.J.Stamm, Erlsen und Vergeben im AT,
1940. 67s.). Le espressioni parallele attestate
sono: -+nqh pi. dichiarare innocente e ->slh
perdonare (Num 14,18s.), -+kpr pi. com
piere riti espiatori (Lev 10,17), ksh pi. pro
priamente coprire (Sai 85,3; cfr. Sai 32,1),
br hi. wn lasciar passare una colpa
(Giob 7,21). Espressioni di tal genere hanno
origine nel contesto del lamento che si indiriz
za a Dio per chiedere perdono di una colpa
(Sai 25,18; 32,1.5; 85,3; cfr. Giob 7,21), in
rapporto con la visione sacerdotale del culto
(Lev 10,17), con i discorsi parenetici (di origine
dtr.: Es 23,21; Num 14,18s.; Gios 24,19), nel
lannuncio profetico di salvezza e di sventura
(Is 2,9; 33,24; Os 1,6); dal lato della storia del
la teologia c difficile dar un posto preciso alle
osservazioni sul perdono contenute in Gen
18,24.26 (il brano, come tempo e contenuto, siavvicina al Deut e ad Ez, e difficilmente ap
partiene a J; diversamente von Rad I, 407s. =
ital. 1, 445s.). Negli inni Dio chiamato addi
rittura l nie Dio che perdona (Sai 99,8).
h) ns' ni. ha valore riflessivo e passivo. Nella
105 NfrJ n i' ALZARE, PORTARE

visione del carro di Ez le ruote si alzano (Ez


1,19-21), lo stesso si ripete per le porte del
tempio (Sai 24,7.9 txt em, sempre in par. con
ns q.). Il sign. passivo attestato in ls 40,4
(essere innalzato, contrario spi essere ab
bassato), in 2Sam 19,43; 2Re 20,17 ecc.
( essere preso, portato via ). In Isaia e negli
scritti che ne dipendono impiegato spesso il
part. ntt elevato (a volte insieme con
-+rm o -+gbh essere alto; Is 2,2.12-14;
6,1; 30,25; 57,7) per descrivere sia il monte
(2,2) e il trono di Dio (6,1) sia le potenze in
concorrenza con Dio (2,12-14; anche per il ser
vo di Dio in Is 52,13 ricorre la medesima ter
minologia, ns accanto a rum e gbh)\ le stesse
espressioni - prive di specifica connotazione
teologica - possono servire a descrivere un col
le (Is 30,25; 57,7).
Alcuni passi parlano dell innalzarsi di Jah
we; il loro contesto quello della teofania (ac
canto a qm: Is 33,10; Sai 7,7; accanto a rum
hitpo.: ls 33,10; accanto a jp ' hi.: Sai 94,ls.).
In Sai 7,7 e 94,2 si prega perch Dio si manife
sti; in Is 33,10 la manifestazione annunciata
nella parola profetica di Jahwe.
i) Nel pi. che ha il sign. alzare, sollevare i
verbi paralleli sono ntl pi. alzare e gdl pi.
far grande (Is 63,9; Est 5,11). L hi. atte
stato solo due volte nel sign. far portare (a
uno il proprio peccato) (Lev 22,16; cfr. a
questo proposito anche 1QS 5,14) e apporta
re (2Sam 17,13 txt?). Lhitp. ha il valore in
nalzarsi (Num 23,24 par. qm\ 24,7 par. rum
sia in senso proprio che traslato, ed applicato
nel primo caso ad un leone, nel secondo ad un
regno; in Ez 17,14 il contrario spi).
4/ a) Lorigine e il sign. del termine nasi'
sono oggetto di discussione (cfr. f.la. M.Noth,
Das System der zwlf Stamine Israels, 1930,
151-162; J. van der Ploeg, RB 57, 1950, 40-61;
M.H.Gottstein, VT 3, 1953, 298s.; E.A.Speiser, CBQ 25, 1963, 111-117). M.Noth lo colle
ga allespressione n* qui (vd.sp. 3c) intenden
dolo come portavoce e mettendolo in rela
zione con la supposta anfizionia delle dodici
trib dellantico Israele. Noth ricorda le varie
liste di dodici nes llm (Num 1,5-16; 13,4-15;
34,17-28) e rimanda a Gen 25,16 dove si ac
cenna ai dodici n^sllm degli ismaeliti; anche
questi ultimi hanno la funzione di portavoce
nellambito dcllanfizionia. Tuttavia sembra
pi probabile che il sign. portavoce (dellal
leanza) non valga per i passi relativamente
antichi (Gen 34,2; IRe 11,34; cfr. luso che ne
fa Ez). difficile pensare ad unanfizionia
ismaelitica; la tradizione conosceva invece do
dici principi ismaeliti (Gen 17,20; 25,16).
Come significato fondamentale si potr ritene
re quello di dignitario, principe . Il termine
sembra essersi formato nel contesto dellorga
nizzazione tribale di Israele (passi pi antichi:
106

Es 22,27; IRe 8,1), mentre pi tardi pass a


designare il capo della comunit nazionale nel
la sua accezione religiosa; riflettono questo
contesto le sezioni vicine al Codice sacerdotale
(attestate in Es, Lev, Num, Gios), che riporta
no la cifra di dodici nei'm sottoposti al sacer
dozio di Aronne opp. di Mos (cfr. ad esempio
Es 16,22; 34,31; Num 1,16 ecc.), mentre Eze
chiele conosce solo un nasi' che esercita il mi
nistero sacerdotale nel futuro tempo della sal
vezza ed considerato il legittimo successore
cultuale del re israelitico (p.e. Ez 45,7.16s.;
46,8.10.17).
b) Il termine m aii annuncio di sventura
(non deriva da n ql parlare [cos f. gli a.
M.Tsevat, HUCA 29, 1958, 119.130; G.Rinaldi, Bibl 40, 1959, 278s.], ma dal sign. alza
re; massa il peso della sventura, che
viene imposto sul destinatario con loracolo
profetico, cfr. P.A.H. de Bocr, OTS 5, 1948,
197-214; G. Lambert, NRTh 87, 1955, 963
969) un termine tecnico del linguaggio profe
tico. Esso designa normalmente loracolo con
tro i popoli stranieri (con indicazione dei desti
natari: Ts 13,1; 15,1; Nah 1,1; cfr. Is 14,28
ecc.). Tuttavia loracolo profetico designato
in questo modo (secondariamente) in maniera
del tutto generica (Zac 9,1; 12,1; Mal 1,1; cfr.
Ab 1,1: qui massa il contenuto della visione
profetica, -*hzh). Si deplorano i falsi oracoli
contro i popoli ad opera di profeti malfidi
(Lam 2,14). In un solo caso si usa massa' per
designare loracolo profetico con cui si annun
cia un castigo contro una singola persona (2Re
9,25).
e) In molti passi attraverso immagini e simili
tudini si parla del portatore di Dio nel senso di
protezione e custodia. Si trova ni' in relazione
alluscita dall'Egitto e alla traversata del deser
to in Es 19,4 come vi ho portato su ali di
aquile (cfr. Deut 32,11) e Deut 1,31 dove ti
ha portato Jahwe tuo Dio, come un uomo por
ta suo figlio. In Is 46,3s. (cfr. Westermann,
ATD 19,143-147 = ital. 215-221, che d come
titolo a 46,1-4: I portati e il portatore) n i
sta con 'ms e sbl (vd.sp. 3a): Ascoltatemi,
casa di Giacobbe... voi portati da me fin dal
seno materno, sorretti fin dal grembo materno:
sino alla vostra vecchiaia io sar sempre lo
stesso, io vi porter fino alla canizie. Il n i di
Sai 91,12 riferito agli angeli; in Is 63,9 n i pi.
sta accanto a n\l pi. (cfr. ancora jb l hi. in Ger
31,9). Troviamo inoltre 'ms portare in Sai
68,20: Ci porta il Dio che il nostro aiuto .
Le concezioni e le immagini della protezione
di Dio, che qui si esprimono, sono anche alla
base dei nomi propri teofori formati con i ver
bi che denotano portare; nellAT cfr. 'amasj
(2Cron 17,16) e le forme brevi 'ami, amsaj
e ms (Noth, IP 178s.; per analogie extrabi
107

bliche cfr. M.Noth, JSS 1, 1956, 325; HufTmon


198; Grndahl 109; Harris 134).*
5/ A Qumran prosegue luso linguistico vtrt.;
nel NT esso ripreso in cpiivoa (cfr. R.Bultmann, art. (piri|j,i, ThW I, 506-509 = GLNT I,
1353-1362); anche nelluso di oapEtv di Gv
1,29 continua la molteplicit dei valori di n i
(cfr. J.Jercmias, art. aipu>, ThW 1,184-186 =
GLNT 1,497-502); K. Weiss, art. q>pu>, ThW
IX, 57-89).

F. Stolz

)n3 ntn D A R E
1/ 1/ La radice del verbo presenta delle for
me varianti a seconda delle lingue sem. dove
compare (ebr. e aram. ntn, cfr. DISO I88s.;
KBL 1102; anche amor., cfr. HulTmon 244; ug.
e fen.pun. jtn, cfr. WUS nr. 1255; UT nr.
1169; DISO 113; acc. ndn, cfr. AHw 70lss.).
Le forme diverse che si riscontrano in ebr. (i nomi
personali Jicnn e JalnJl, anche tari < * ujtn
con alef prostetico sempre acquifero, durevole , i
n. pers. aUn/'cElnn e i sost. eetnan/'atn dono
[diversamente H A L 99b], nonch il verbo InU I dar
un compenso Os 8,9.10 [non denominativo di
cetnan/a tn ; diversamente H.S.Nyberg, Z A W 52,
1934, 250; C.van Leeuwen, Hosea, 1968, 175]), in
ug. (inf. /, cfr. J.C. de Moor, th Seasonal Pattern,..,
1971, 150; cfr. Sai 8,2) e in acc. (formazione verbale
secondaria ladnum, cfr. G A G 51c.l02m. 103d)
indicano che si tratta di una radice bilittera in o dn
(< ln , G V G 1,153), mentre la prima consonante
n/j/Vl dovuta ad unaggiunta secondaria (cfr. f.gli a.
F.M.Cross - N. Freedman, JBL 72, 1953, 32 n.91;
N.M.Sama, JBL 74, 1955, 273; S.Segert, ArOr 24,
1956, I33s.; D.W.Young, VT 10, I960, 457-459;
B.Kienast, Z A 55, 1963, 140s.l44; J.MacDonald,
ALUOS 5, 1963/65, 63ss.; ulteriori considerazioni
etimologiche in G.H.Gordon, RSO 32, 1957, 273s.
[derivazione da un nome eg.-sem. uniradicale d
m ano]; diversamente C.J.Labuschagne, OuTW P
1967, 60 [/>/]).

2/ In ebr. il verbo ntn attestato solo al qal


e al ni. La forma juttan (cfr. ju-da-an o sim.
in EA 89,58 ecc.) non ho., bens qal pass.
(Bergstr.
11,87; Joion
126.142;
Meyer
11,117.135). Per il perf. dichiarativo (p.e. Gen
1,29 con questo vi do ) cfr. -> 'mr 3a.
Come derivati nominali si hanno, oltre a
cetnan opp. cetn dono, (vd. sp. 1) lagg.
verbale sostantivato nfitn donato, consacra
to (vd. st. 1IL/1 c) e i sostantivi mattn/
mattnti/mattat dono, regalo (aram. bibl.
netln e matten\ lebr. ndn regalo di Ez
16,33 potrebbe essere prst. acc., cfr. KBL
597b); vi inoltre una serie di nomi di perso
na: NatUn, alnln, Nctan el, J(ch)ntn,
ina ntn DARE

108

Netanj(hu), Netan-mclcek, Jitnn, JatnVl,


Mattn, Matfnaj, Mattanj(h), MattaU,
Mattitj(h) e il nome di luogo Mattana (cfr.

Noth. IP 170; Huffmon 216s.244; Grndahl


147; F.L.Benz, Personal Names in th Phoenician and Punic Inscriptions, 1972, 328s.364;
J.K.Stark, Personal Namcs in Palmyrene Inscriptions, 1971, 101 a; vd. st. IV/1).
3/ In aram. il perf. di ntn stato sostituito
abbastanza presto da jhb (KBL 1081.1102;
DISO 105s.l88s.; LS 298s.; sulletimologia cfr.
C.J.Labuschagne, OuTWP 1967, 62) che nelFararn. bibl. attestato al qal c allo hitpc.
In ebr. jhb si trova solo allimp. (sing. e plur.)
e qualche volta si ridotto a semplice interie
zione (HAL 226s.). Quanto a j ehb carico,
cura(?) cfr. Wagner nr. 120 (diversamente
M.Dahood, Psalms II, 1968, 38: 1 jdhb be
nefattore ).
II/ Con circa 2000 ricorrenza, ntn al quinto
posto tra i verbi pi attestati nelPAT. Ad ecce
zione di Nah, lo si trova in tutti i libri dellAT
(Gen 29,27 nitfn va considerato, con BrSynt
35e, come 3 sing. fem. perf.ni. e non come l a
plur. coortativo q.; 2Sam 21,6 Q va inteso
come q., e non K come ni.; esci. Sai 8,2 txt?
ten; Giob 9,24 in Lis. posto sotto q. anzich
ni.):

Gen
Es

Lev
Num
Deut:
Gios
Giud
ISam
2Sam

IRe
2Re
Is
Ger
Ez

Os

Gioe

Am
Abd

Giona

Mi
Nah
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal
Sai

Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle
Lam

109

q. pass.
q
147

113
1
81 "
2
117
176
S8

69
70
2
28
1
1

110

55
49
131
196
12
8

ni.

totale

150
115

4
1

2
-

4
7
17

12

86
120

176
89
69
72
30
111

60
56
148
208
' 12

1
2
1

7
3
94
30

34
8

7
23
9

ntn DARE

1
2

1
2
1

7
3
94
33

34
8

7
25
9

Est
Dan
Esd
Neem
1Cron
2Cron

AT

110

29
17
19
43
40
114

1919

83

2010

15
14
18
41
38

14
3
l
2
2

Le derivazioni nominali di ntn sono relativa


mente rare: ntln 17x (solo plur. in Esd/Neem
e 1Cron 9,2), matln 5x (Prov 3x), mattana
17x (Ez 5x), mattai 6x; inoltre cetn lx,
atnan llx .
NeHaram. bibl. si ha ntn q. 7x (impf. e inf.),
jhb q. 12x (perf., imp. e part.), ntn q. pass. 9x,
hitpe. 7x; netln lx (Esd 7,24 plur), maligna 3x.
Nellebr. dellAT jhb attestato 33x (solo
imp.: hab 2x in Prov 30,15; hb 12x, di cui
5x come interiezione suvvia!; hbl lx in
Rut 3,15; hb 18x).

HI/ I dizionari distinguono normalmente tre


significati principali di ntn: (1) dare, (2)
porre , collocare , mettere e (3) fare ,
compiere (cfr. GB 529-531 e Zorell
539-541; diversamente KBL 642s. che conside
ra dare il valore principale). Fondamental
mente con ntn si definisce lazione con la quale
viene messo in movimento un oggetto o una
cosa. Da questo valore fondamentale si forma
no due serie di significati principali: la prima
serie designa il mettere in movimento opp.
trasportare un oggetto ( mettere qualcosa in
moto verso, (tras)portare, porre e, rife
rito a persone, far pervenire qualcosa a qual
cuno, dare) (vd. st. 111/1); la seconda serie
include significati che si riferiscono al mettere
in movimento opp. far andare una cosa
nel senso di causare , produrre un effet
to , provocare , fare ecc. (vd. st. UI/2).
Tuttavia, a causa del valore fondamentale ad
esse comune, le due serie non possono distin
guersi nettamente tra loro, tanto pi che spesso
difficile tracciare una linea divisoria tra og
getto e cosa (p.e. tra dare e causare per
nei casi in cui si abbia per oggetto di ntn un
nome astratto) (vd. st. lb e ld). Si aggiunga poi
che quasi sempre ntn, in particolare nella pri
ma serie, viene unito a delle preposizioni, co
sicch il significato del verbo o subisce linflus
so dei vari contesti oppure d luogo a combi
nazioni stereotipe nelle quali la prima serie di
valori influisce sulla seconda da un punto di
vista idiomatico. Bisogna pure tener conto del
fatto che un verbo come ntn, dalluso frequen
tissimo, nel corso del tempo ha dato luogo in
pi campi a specifici termini tecnici che hanno
iniziato un proprio corso semantico. Per un
esame particolareggiato della voce ntn neces
sario rinviare ai dizionari. Sar sufficiente una
breve panoramica dellimpiego semplice di
110

questa voce, mentre maggior attenzione sar


dedicata a quello peculiare.
1/ a) Nel caso del primo significato principa
le mettere in movimento nel senso di (tras)portare, porre, dare, ntn viene impie
gato con le preposizioni cel.
be, beqrceb,
betk, al, b'ad, that, t e im (per lifn e be
con jd vd. st. ITI/3, per il be pretii vd. st. lf)
che denotano la direzione, la determinazione o
il luogo dellOggetto trasportato. Mancano prove
per un uso di ntn con due accusativi nel signi
ficato principale ricordato sopra di dare qual
cosa a qualcuno oppure far dono di qualco
sa a qualcuno , cos come si suppone in KBL
642a (st. 2). Nei passi addotti da KJJL (Gios
15,19; Is 27,4; Ger 9,1; Esd 9,8) il destinatario
indicato con un suffisso che va inteso in tutti
i casi come suffisso dativale del verbo. Altri
esempi sono Ez 16,38; 17,19; 21,32; Lam 5,6
ecc. (cfr. Joiion 366s. n.2; M.Bogaert, Bibl. 45,
1964, 220-247; H.J. van Dijk, VT 18, 1968,
24; M. Dahood, Psalms I, 1966, 12; diversa
mente GVG 11,322 e GK 117x e fi). Alcune
volte il suffisso dativale un suffisso pronomi
nale del nome che indica un determinato og
getto, p.e. Ez 27,10; Est 2,3 (altri esempi in
Joiion 389). Nei pochi casi in cui il verbo ntn
con questo significato assume due accusativi,
come p.e. Es 40,8 e IRe 10,17 (in 2Cron 9,16
con la prep. 6C!), il secondo un accusativo di
luogo, il quale normalmente viene indicato con
lo he locativo (cfr. Es 30,18), cosa che non era
possibile nei casi in questione a motivo dello
stalo costrutto. Sebbene alle forme verbali di
ntn nel sign. (tras)portare , dare , segua in
quasi tutti i casi un accusativo, sporadicamente
troviamo il verbo in senso assoluto, soprattutto
con il sign. tecnico di prestare (Deut 15,10;
Sai 37,21). In Prov 9,9 loggetto (la conoscen
za) chiaramente presupposto (diversamente
GB 529b [sotto f) insegnare, trasmettere
conoscenza; secondo G.R.Driver, EThL 26,
1950, 352, bisogna leggere tan loda invece
di tn),
b) In determinati casi quando ntn ha per og
getto dei liquidi o dei nomi astratti come
sangue , pioggia , spirito , terrore ,
infamia , gelosia , segno , miracolo ,
ecc. (vd. a proposito lo studio dettagliato di
H.J. van Dijk, VT 18, 1968, 16-30, e S.C.
Reif, VT 20, 1970, 114-116) il verbo pu si
gnificare versare, portare, soprattutto
nei casi in cui verbi come spk versare e
msk mescere da un lato e si m/s t mette
re e slh mandare dallaltro, ricorrono in
costrutti analoghi. Questo valore palesemente
tecnico corrisponde perfettamente daltra parte
al primo significato principale mettere qual
cosa in movimento. Quando per seguito
da un sostantivo astratto, spesso ntn pu essere
111

meglio interpretato con il secondo significato


principale ( mettere in moto una cosa nel
senso di avviare , causare , dar moti
vo ), quantunque sia difficile distinguere sem
pre tra i due significati principali (vd. st. 2).
c) Quando ntn ha per oggetto delle persone,
assume il valore di termine tecnico: mettere
in carcere (con cel Ger 37,18; con be Ger
52,11 [Q senza be]\ con laccusativo di luogo
Ger 37,4.15; cfr. anche 2Sam 20,3; 2Cron
16,10) e consegnare, specialmente un accu
sato o un imputato (2Sam 14,7; 20,21; Giud
20,13 - la stessa costruzione con js ' hi. in Giud
6,30; in questi casi si tratta della richiesta di
consegna dellimputato, cfr. H.J.Boecker, Redeformen des Rechtslebens im AT, 1964,
21-24; in Boecker manca 2Sam 20,21); inoltre
il significato lasciare nel senso di conse
gnare alla giustizia, soprattutto quando il
soggetto Jahwe (Num 21,3; IRe 13,26; 14,16;
ls 34,2; Ger 15,9; 25,31; Ez 16,27; 23,46; Mi
5,2; Sai 27,12; 41,3; 118,18) e infine rimette
re, mettere a disposizione, consacrare (in par
ticolare ad una divinit): tutti i primogeniti Es
22,28s. (cfr. br hi. Es 13,11; qds hi. Num
3,13; 8,17; Deut 15,19); un bambino consacra
to a Jahwe con un voto particolare, ISam
1,11; i bambini consacrati a Moloch Lev 20,2;
i cavalli consacrati al sole 2Re 23,11. In questo
ambito rientrano anche netwtm dati, consa
crati , termine tecnico per designare i leviti
(Num 3,9; 8,16.16.19; 18,6; lCron 6,33) e
netlnm, termine tecnico (non degli schiavi del
tempio, ma) di una determinata classe di
consacrati (cfr. E.A. Speiser, IEJ 13, 1963,
69-73; B.A.Levine, JBL 82, 1963, 207-212).
Questo secondo termine si riscontra anche in
aram. (DISO 188) e corrisponde allug. jtnm
(UT nr. 1169; WUS nr. 1255); nelfebr. biblico
attestato soltanto nellopera del Cronista:
Esd-Neem 16x e lCron 9,2,
d) In pi di unoccasione, come peculiare va
lore collaterale del primo significato principa
le, ntn denota latto del ripagare, cio mettere
in moto qualcosa verso o contro qualcuno:
domandar conto a ( al) qualcuno delle proprie
nefandezze Ez 7,3; ritener responsabile qualcu
no ( al) della propria condotta (dtrcek) Ez
7,4.9, fargli ricadere sul capo (bers) la sua
condotta (dcrcsk) IRe 8,32 = 2Cron 6,23; Ez
9,10; 11,21; 16,43; 22,31 (cfr. Ez 17,19 senza
drak e le locuzioni sinonime con -*sb hi.
Giud 9,57; ISam 25,39; Gioe 4,7; q.Sal 7,17;
cfr. anche IRe 2,33). In altre locuzioni che
esprimono il ripagare, il significato di ntn si
sviluppato a partire dal secondo significato
fondamentale mettere in moto, avviare,
fare : arrecare a qualcuno (con le) qualcosa
(punizione) Os 9,14; Sai 120,3; fare qualco
sa a qualcuno secondo (ke) la sua giustizia
(IRe 8,32 = 2Cron 6,23), secondo (ke) lopera
)D3 ntn DARE

112

delle sue mani (Sai 28,4), secondo (A:p) la sua


condotta (d&rcek IRe 8,39; Ger 17,10; 32,19).
e) Far pervenire qualcosa a qualcuno porta
al significato peculiare destinare, attribuire:
destinare a qualcuno ('al) la dignit regale
(Dan 11,21), attribuire a Dio (le) qualcosa di
sconveniente (Giob 1,22), attribuire a Dio la
giustizia (Giob 36,3; cosi M.H.Pope, Job, 1965,
230; diversamente Fohrer, KAT XVI.471), op
pure la potenza maestosa (z Sai 68,35; -> zz)
o la gloria (ISam 6,5; Ger 13,16; Mal 2,2; Sai
115,1; in senso profano Prov 26,8; con sm
Gios 7,19; con jhb Sai 29,1; 96,7s.) o la gran
dezza (con jhb Deut 32,3). A questo contesto
appartiene anche la locuzione offrire (a Dio)
una td, espressione tecnica per indicare lo
nore o la confessione che limputato presenta a
Dio dopo la conclusione del giudizio (Gios
7,19; Esd 10,11; sm hi. Sai 26,7; cfr. H.J.Hermisson, Sprache und Ritus im altisraelitischen Kult, 1965, 42; F.Horst, ZAW 47, 1929,
50s. = Gottes Recht, 1961, 162s.; -*jdh 4h).
0 Anche nel linguaggio giuridico, soprattutto
nella sfera del commercio, delle retribuzioni e
dei prezzi, dei contratti di matrimonio e delleredil, ntn assume un significato tecnico. La
locuzione ntn le designa comunemente il far
pervenire qualcosa a qualcuno attraverso uno
scambio (IRe 21,2) o un prestito (Deut 15,10,
cfr. v.8; Sai 37,21) o una vendita dietro (be)
corresponsione di denaro o simili (Gen 23,9;
47,16; Deut 14,25s.; IRe 21,15, ecc.; par. sql
ni. kscef Giob 28,15; par. mkr vendere
Gioe 4,3; Prov 31,24). Inversamente ntn indica
anche dare denaro nel senso di pagare o
rimborsare (Es 31,19.30; 22,6.9; Num 5,7;
Prov 6,31 par slm pi.), soprattutto quando si
tratta di multe in denaro (Es 21,22 bijlllm a
giudizio delle autorit^?] , cfr. G. Liedke, Gestalt und Bezeichnung alttestamentlicher Rechtasstze, 1971, 44s.), di tributi (2Re 15,20;
23,35), di ricompense per servizi prestati
(2Sam 18,11), del compenso per i messaggeri
(besr 2Sam 4,10), del salario (skr Gen
30,28; Es 2,9; IRe 5,20; p a l Ger 22,13), del
prezzo del viaggio (Gion 1,3) o del prezzo della
meretrice (nd Ez 16,33; cetnan Ez 16,34.41;
cfr. Os 2,14). Tipiche del linguaggio commer
ciale sono anche le locuzioni ntn bencescek
prestare a interesse (Ez 18,8; Sai 15,5; pra
tica proibita in Israele: Es 22,24; Lev 25,35-38;
Deut 23,20s.; cfr. H.Gamoran JNES 30, 1971,
127-134), ntn bemarbt vendere (il vitto) a
sovrapprezzo (Lev 25,37), ntn 'iz(z)ebnm
fornire merci di scambio (Ez 27,12.14.22);
con be Ez 27,16.19; cfr. Zimmerli, BK XIII,
650), ntn (be)m aarb fornire merce di scam
bio (Ez 27,13.17.19), cfr. le locuzioni affini
impiegate per designare il regolare fornimento
di prodotti in base a un accordo commerciale,
Sai 72,10.
113

nln DARE

Quando lLiss in moglie unito alla forma


verbale, ntn viene usato in contesto matrimo
niale per indicare lazione dei genitori della
sposa promessa o di altre persone che lhanno
sotto tutela (Gen 16,3; 29,28; 30,4.9; 34,8.12;
38,14; 41,45; Es 2,21 ecc.), mentre Iqh pren
dere il verbo usato per lazione del fidanza
to o dei suoi genitori (Gen 12,19; 25,20; 28,9;
34,4.21 ecc.). Anche nella trattativa di matri
monio ntn lespressione stereotipa di cui si
servono lo sposo o i suoi genitori (Gen
34,8.12; 2Re 14,9 = 2Cron 25,18; con Iqh cfr.
Gen 34,4; Giud 14,2; vd. Boecker, l.c. 170
175). Con ntn si indica anche il dare la dote
alla figlia (sillhlm IRe 9,16; altrove soltanto
in Mi 1,14, cfr. A.S. van der Woude, ZAW 76,
1964, 190) oppure un dono nuziale che vuole
manifestare una benedizione (berk Gios
15,19; in Giud 1,15 con jhb ; bcrk non si li
mita ai doni in occasione di matrimonio, ma
in altri casi sono impiegati verbi diversi: Gen
33,11; ISam 25,27 [ambedue le volte con b'
hi.]; 2Re 5,15 [con Iqh] e ISam 30,26 [con slh
pi.], -*brk III/4; H.Mowvley, The Bible Translator 16, 1965, 74-80). Anche nella pratica
del divorzio ntn il termine giuridico specifico
per indicare la consegna ufficiale del certificato
di divorzio (Deut 24,1.3 con bejd; Ger 3,8
con cel, per i LXX presuppongono bejd) op
pure del contratto di compravendita nella pro
cedura giuridica relativa allacquisto di un ter
reno (Ger 32,12).
ntn impiegato in senso assoluto quando si
tratta di devolvere una eredit, nel senso di
lasciare con testamento, assegnare (Gen
25,5; Deut 21,17). In questi casi oggetto di ntn
sono ahuzz terreno (Num 27,4.7) e nalfl
parte deredit (Num 27,9ss.; 36,2; Gios
17,4; Giob 42,15). Dal contesto delleredit fa
miliare la locuzione c passata a quello del pos
sesso della terra e del paese da parte delle trib
opp. del popolo di Israele. In questa accezione
ntn usato 1lx con ahuzz e 30x con nalfl
(eccezioni: Lev 25,45s. schiavi; Num 18,21.24
le decime dei leviti; Sai 2,8 popoli; Ez 47,23
parte deredit di stranieri; IRe 21,3s. vendita
di una parte deredit; vd. st. IV/1; ->7zz,
nalfl). Alla locuzione ntn nalfl fa riscontro
br hi. (Num 27,7) e ovviamente nhl hi. (Gios
19,9). Per latto di ricevere la parte deredit si
ha quasi sempre ->Iqh, cfr. Num 34,15; Gios.
13,8; 18,7 (Prov 17,2 presenta per -+hlq e
Num 34,2 npl be spettare come eredit).
Spesso ntn non specifica un dare effettivo, ma
solo la volont di dare ( assegnare, lasciare
con testamento, cfr. luso di 'mr col medesi
mo significato in IRe 11,18; 2Cron 29,24 e
Deut 33,8 txt em). In questi passi soltanto il
contesto che decide,
g) Sono relativamente pochi i sostantivi che
formano loggetto di ntn e che indicano un
114

dono o una cosa data. Eccettuate le locuzioni


ntn sillhlm e ntn berk, di cui abbiamo par
lato, ntn mattana opp. mattnt indica il dare
doni a personaggi subordinati in aggiunta alla
parte di eredit o al di fuori di essa (Ez
46,16s.) o in luogo di essa (Gen 25,5: Isacco
ebbe leredit, invece ai figli delle concubine
bramo dette dei doni; 2Cron 21,3: Giosafat
aveva assegnato il regno a Ioram, mentre agli
altri figli fece molti regali; in Num 18,6s. le
spressione si riferisce ai leviti e al loro ufficio);
ntn nfnt. significa la donazione di uno specia
le contributo ai sacerdoti, ai leviti, ai cantori e
ai portieri (Neem 12,47; 13,10; 2Cron
31,4.19); ntn mas't distribuire doni (Est
2,18; il re elargisce doni ai sudditi; cfr. 2Sam
11,8: David benefica Uria; Ger 40,5; il capo
della guardia fa un regalo a Geremia; Ez 20,40
txt?, cfr. Zimmerli, BK XIII, 437); ntn qorbn
si trova soltanto una volta, Ez 20,28, ed lof
ferta di un sacrificio agli dei; altre volte i verbi
impiegati sono qrb hi. (Lev e Num passim), 'ih
(Lev 9,7) e b hi. (Lev 4,23.28.32; 5,11; 7,29;
23,14; Num 5,15; 7,3) e vengono usati al posto
di ntn, cfr. S.Zeitlin, JQR 59, 1968, 133-135.
Due volte si incontra nLdb come oggetto di
retto di ntn, dare unofferta volontaria (Lev
23,38; Deut 16,10; con b hi. Deut 12,6; con
qr Am 4,5; con zbh Sai 54,8; spesso con
ndar Lev 7,16; 22,18ss.; 23,38; Num 29,39;
Deut 12,6.17), 14x si trova la locuzione ntn
frm per designare il versamento di una tassa
cultuale come sacrificio tributario o forse
dono (cfr. W. von Soden, UF 2, 1970, 271).

nirt unito a frm in Es 30,13.14.15; Lev 7,32;


Num 15,21 (vv. 19 e 20 rum hi.); 18,8.11.19.24.28
(anche con lqh)\ 31,29.41 (frm par. di mk<xs)\
Neem 13,5; 2Cron 31,14 ripartire, rum hi. con
frm attestato 12x: Es 35,24; Num 15,19s.;
18,24.26.28s.; 31,52; Ez 45,1.3; 48,8s. 20; Esd 8,25.
qrb hi. con friima si riscontra in Lev 7,14 (Is 40,20
txt?), bd' hi, con frm c attestato 8 x: Es
35,5.21.24; Deut 12,6.11; Neem 10,40; 2Crnn
31,10.12. Per frm unito con Iqh vd. Es 25,2s.;
35,5; Num 18,28; con kl Lev 22,12; Num 18,11;
con drs Ez 20,40. 11 termine mckas, cfr, lacc. miksu, che compare solo in Num 31,28.37-41 (6 x), indi
ca il tributo particolare versato per il culto e tratto
dal bottino di guerra.
Alquanto sorprendente il fatto che ntn abbia
per oggetto diretto minh appena 4x (Num
5,18: il sacerdote fa loblazione di gelosia
sulle mani della donna sospetta di adulterio;
Neem 13,5: la grande stanza dove erano ri
posti la farina dei sacrifici, lincenso, gli arre
di, ecc.; 2Cron 17,5: i doni che Giuda por
t a Giosafat; 2Cron 26,8: il tributo chc gli
ammoniti pagavano a Ozia). Degne di nota
sono anche le espressioni in cui si dice che
Jahwe accetta una minh (Giud 13,23), si
volge benignamente ad essa (Num 16,15; Mal
2,13) oppure la guarda (Gen 4,4s.); non si
115

dice mai tuttavia che Jahwe ntn minh. Per


questo uso sono attestati altri verbi (bo hi., mif
hi., ngs hi., ns, 'bd, 'Ih hi., qrb hi., qtr hi. c

ph).

11 sost. minh attestato 21 lx, di cui 174x nel


laccezione di sacrificio; si trova 2x come
prestito nellaram. biblico (Dan 2,46; Esd
7,17) ed stranamente assente in Deut; cfr.
KBL 538s.; GB 437; UT nr. 1500; inoltre
N.H.Snaith, VT 7, 1957, 314-316; R.
Hentschke, RGG IV, 1641-1647 (bibliogr).
Altri termini senza relazione con ntn e perci
non ancora citati sono: zbeed regalo (solo
Gen 30,20), mgced dono della natura
(Deut 33,13-16; Cant 4,13.16; 7,14; il verbo
mgd manca in ebr., vd. per F.Horst, ZAW
47, 1929, 49 = Gottes Recht, 1961, 160 a pro
posito di Am 4,12), ndn regalo, compenso
dellamore (solo Ez 16,33), nscek libazio
ne (KBL 620s.; GB 508a), icekwr compen
so (solo Is 19,10 e Prov 11,18), shad
dono (23x, delle quali 18x nel significato di
dono di corruzione e 9x con Iqh come ter
mine tecnico per indicare il ricevere denaro di
corruzione; mai compare con ntn), saj dono,
regalo (3x: Is 18,7; Sai 68,30; 76,12, sempre
con jbl, cfr. ug. t'j, UT nr. 2715), salmnim
doni (solo Is 1,23 par. shad, cfr. ug.
sm(m), UT nr. 2424), fsr dono (solo
ISam 9,7; GB 816a, 891b; KBL 1043b). Ter
mini particolari per indicare i tributi e sim.
sono: midd II tributo (solo Neem 5,4;
aram. midd/mind 4x in Esd, 3x delle quali
con bel e hlk\ tutte e tre i termini sono pre
stiti dallacc.), ceskr tributo regolare (solo
Ez 27,15 e Sai 72,10, qui in par. con minh;
acc. iskaru : CAD I/J 249; AHw 395s.), massa
(propriamente carico, peso, ma forse tri
buto [in base a 2Cron 17,11 dove minh ap
pare come par. di massa e potrebbe essere in
teso pi come tributo in argento che cari
co dargento ], probabilmente anche nws
tassa o tributo terriero (Is 33,8 cj; come
prestito acc. [unussu], vd. D.R.Hillers, HThR
1971, 257-259).
h) In stretta relazione con sJl domandare,
cercare ntn ha ricevuto il sign. dare quanto
richiesto, aderire ad una domanda . Nelle
trattative interpersonali sui prezzi e i compensi
si hanno locuzioni stereotipe come quanto
mi dai/ quanto mi paghi? (p.e. Gen 38,16
dove Tamar e Giuda contrattano il compenso
dellamore) e cosa debbo darti/pagarti? (p.e.
Gen 30,31 dove Labano e Giacobbe pattuisco
no il salario). Le due locuzioni sono passate
dal linguaggio corrente a quello religioso: Gen
15,2 dove Abramo chiede a Jahwe: Cosa mi
darai?, e (al contrario) IRe 3,5 = 2Cron 1,7
dove Jahwe dice a Salomone: Chiedimi ci
che ti devo dare. La disponibilit ad aderire
alla richiesta formulata come una promessa:
ina nln DARE

116

Quanto mi chiederete io vi dar/pagher


(Gen 34,11.12) opp. Fissami il tuo salario e
te lo dar/pagher (Gen 30,28) o ancora:
Qual la tua richiesta? Ti sar concessa
(Est 5,6; 7,2); nel linguaggio religioso: Chiedi
a me, ed io ti dar... (Sai 2,8; diversamente
Dahood, Lo. 12, che preferisce leggere mmnnl
e conseguentemente traduce ask wealth of
me [chiedimi ricchezza], vd. per Sai 21,5
dove min usato come in Sai 2,8: Vita egli ti
ha chiesto, tu gliela hai concessa. A ragione
Dahood rimanda ai paralleli ug.: 2Aqht Vi,
17.27 Chiedi argento [opp. vita] e te lo
dar ).
Quale espressione di consenso ad una richiesta
ntn pu essere usato in forma assoluta (IRe
3,12 s.), in genere per accompagnato dal
loggetto: ad esempio Y'l preghiera
(ISam 1,17.27; Sai 106,15; Est 5,8; cfr. Est
7,3), m'ia (Sai 37,4; in Sai 20,6 con mi' pi.)
e t.aaw (Prov 10,24), cfr. anche ntn kelbb
(Sai 20,5); per un'espressione forse sinonima in
Am 4,12 cfr. F.Horst, Gottes Recht, 1961,
160, che preferisce leggere in questo testo
memaggd l'dm ma-fuesh che dona in
abbondanza agli uomini ci che desiderano
opp. di cui hanno bisogno .
i) Con il verbo Iqh prendere si originata
lespressione stereotipa prendere e dare ,
che in qualit di endiadi ha assunto in alcuni
passi un preciso significato giuridico; cfr. acc.
nas-nadmi prendere, rendere disponibile e
dare (AHw 764 st. 111/5), locuzione che so
prattutto nei testi giuridici acc. di Ugarit
spesso in relazione col trasferimento di pro
priet da parte del re nonch dei relativi diritti
ed obblighi che ne derivano (cfr. PRU 3,224;
E.A.Speiser, JAOS 75, 1955, 157-161; C.J.Labuschagne, Die seggenskap van die koning oor
eiendom in Ugarit, [Pretoria] 1959, 65-69). Pur
non attestato nellAT, l'equivalente ebr, n i ntn compare spesso nellebr. tardivo (vd. Speiser, l.c. 161; Jastrow 848b). Lequivalente dellebr. bibl. attestato tuttavia con Iqh - ntn,
unespressione che spesso compare nel signifi
cato solenne e qualche volta nel linguaggio fa
miliare (p.e. Gen 18,8; 21,14; Es 12,7; Num
6,18.19; 19,17; Giud 17,4; ISam 6,8; 2Sam
21,8s.; Ez 4,1.3.9; 45,19), ma chiaro che si
riferisce al passaggio di propriet ed ai relativi
diritti e doveri nei casi in cui il principe
prende e d (ISam 8,14s.; cfr. 2Sam 9,9;
IRe 9,16; forse anche Gen 20,14; 21,27) oppu
re nei casi in cui Jahwe il signore che sovra
namente prende e d (Lev 7,34; Num
8,18s.; 2Sam 12,11; IRe 11,35; anche in Giob
1,21 le paiole Jahwe ha dato, Jahwe ha pre
so fanno evidentemente intravedere la sovra
na potenza di Jahwe). Sulla stessa linea si
muove il binomio Iqh-ntn in Es 30,16; Num
7,6; 31,47, dove si parla del potere di Mos.
117

ntn DARE

Un secondo equivalente ebr. bibl. di nas -.


nadnu nsl hi. - ntn (Gen 31,9, di Jahwe che
ha preso il gregge di Labano e lha dato
a Giacobbe; N u m 11,25, ancora riguardo a
Jahwe che ha portato via una parte dello
spirito che era in Mos [cfr. BH3] e l ha po
sto sui settanta anziani).
2 / Nel secondo significato principale ntn in
dica porre in moto oppure avviare una
cosa nel senso (fattitivo) di suscitare, dar
origine , fare , causare , produrre ,
procurare e (in senso causativo) far diven
tare qualcosa o qualcuno, determinare,
istituire/nominare, incaricare. Di questa
serie di significati si pu dire in generale che
non si tratta tanto di moto o trasferimento di
cose quanto del realizzarsi di esse. Natural
mente ntn ha qui per lo pi come oggetto sost.
astratti e persone. In determinati casi per log
getto diretto di ntn costituito anche da so
stantivi semi-astratti come pioggia , ghiac
cio , grandine , voce , ecc.
In un certo numero di casi in cui ntn ha per oggeLto
un sostantivo astratto cui corrisponde un verbo di ra
dice affine, allhi. (o anche al pi.), possiamo osservare
due possibili costruzioni: la prima con ntn + nome,
la seconda con lhi. del verbo di radice aflne, in altre
parole una costruzione analitica opp. nominalizzata e una struttura sintetica opp. verbalizzata .
Non possiamo entrare qui nei particolari di questo
problema ampio e complesso, che esigerebbe una
monografia a parte. Sar sufficiente rilevare il feno
meno e notare conie non solo dal lato filologico, ma
anche da quello teologico sia importante non attri
buire alle due costruzioni lo stesso significato, ma te
ner ferma la loro distinzione, poich questultima in
alcuni .casi pu essere essenziale.
Si tratta di casi come ntn mpnh dare/produr
re/creare riposo e nah hi. dare riposo , far ri
posare , ntn nahal dare una parte deredit e
nhl hi. fare ereditare opp. nhl pi. mettere qual
cuno in possesso (Jenni, HP 213), ntn ls' d a
re/procurare salvezza e js hi. salvare (cfr.
J.F.A.Sawyer, Semantics in fiblical Research, 1972,
60-70) e ancora ntn simh dare gioia e smh pi.
rallegrare , hi. permettere che qualcuno si ralle
gri ; ntn mtr dare/fare pioggia c mir hi. far
piovere, ecc. Sul problema vd. soprattutto Sawyer,
l.c. 60-70; Jenni, HP 33-40; M.Z.Kaddari, Leshonenu 34, 1969/1970, 245-256, e vd. B.Kedar-Kopfstein
Z A W 83, 1973, 196-219, particol. 206s. 213 sulla
resa analitica e sintetica del causativo ebr. nella Vol
gata. Anche se la differenza precisa tra costruzione
analitica e costruzione sintetica va precisata caso per
caso a seconda del contesto, da un punto di vista
grammaticale possiamo rilevare che nella costruzione
analitica, cio con ntn (a volte anche sh, pI e br e
ovviamente i sinonimi di ntn) + nome + accus. (opp.
leA>e), esiste tra il soggetto e lazione una relazione
particolarmente stretta, mentre il destinatario della
zione , in modo alquanto passivo, un complemento
di termine. Nel caso di costruzione sintetica, cio
con l hi. del verbo di radice alfine + accus., il desti
natario dellazione invece attivo e inserito nella
zione stessa, per cui diventa in certo qual modo sog

118

getto secondario anzich complemento di termine


(vd. Jenni, HP 34). In questo caso perci il soggetto
non lunico soggetto agente.

Anche se non possibile distinguere dovunque


tra il fattitivo e il causativo (distinzione che si
ha piuttosto in senso pi limitato e fondamen
tale tra pi. e hi., cfr. Jenni, HP), al fine di otte
nere una buona panoramica generale presentia
mo un prospetto di questa serie di significati
ricorrendo alla suddivisione in due gruppi
principali: a) produrre/fare qualcosa, b)
far diventare opp. rendere qualcosa. Na
turalmente non sempre l astratto , il semi
astratto e il concreto si possono distingue
re tra loro, poich le differenze che oggi osser
viamo non corrispondono sempre alle conce
zioni dellantico Oriente.
a) Talvolta ntn usato con oggetto, ma senza
complemento di termine: Prov 10,10: C hi
chiude un occhio causa dolore ; 13,10 Lin
solente provoca contese; 13,15 U n aspetto
buono procura favore; 29,15 L a verga e la
correzione danno sapienza ; anche Prov
29,25 Il temere gli uomini causa cadute;
inoltre Prov 23,31 Q parla del vino che nella
coppa d scintillio (letteralmente: occhio),
cio brilla (cfr. P.Auvray, VT 4, 1954, 4s.).
Casi simili si trovano in Ez 30,21 dove si par
la del braccio che non deve essere bendato
per procurarne la guarigione e soprattutto
in espressioni che descrivono fenomeni natu
rali, p.e. dare profumo (Cant 1,12; 2,13;
7,14; cfr. P.A.H. de Bocr, SVT 23, 1972,
37-47), dare frutti opp. raccolto (perl: Lev
25,19; Ez 34,27; Zac 8,12; f b u l: Sai 67,7;
85,13 ecc.). Dio fa il ghiaccio (Giob
37,10), produce opp. suscita i tuoni e
la pioggia (ISam 12,18; cfr. Lev 26,4; Ger
5,24 Q ecc.), la roccia fa uscire la sua ac
qua (Num 20,8) ecc.
Sotto questo aspetto rilevante lespressione ntn ql,
letteralmente dare voce (di s), produrre/far vo
ce/i .
Per lug. jtn ql, cfr. WUS nr. 2407; J.C. de Moor, UF
1, 1969, 172 n. 31, e per jtn gh UT nr. 1169; WUS
nr. 612. Sinonimi s o d o : sm' hi. (ql) p.e. IR e 15,22;
Ger 51,27, ns ql Gen 27,38; Giud 9,7; Is 24,14, e
rum hi. (ql) levare la voce . La locuzione ntn ql
attestata 28x (di cui lOx in riferimento a Jahwe) e
ntn beql 3x (Ger 12,8; Sai 46,7; 68,34); in questa
espressione ql costituisce lo strumento ( produrre
con laiuto di..., cfr. Joiion 371 s.)- 1 Ger 10,13 =
51,16, come in ug. (cfr. de Moor, Le.), si ha lellissi
di ql: al suono del levare (la voce)... , >ql. Affi
ne lespressione ntn meer Sai 68,12 ( il Signore
fa risuonare la sua voce potente ). D i difficile inter
pretazione resta Gen 49,21: comunque invece della
traduzione Ncftali fa udire belle parole preferi
bile Nettali fornisce begli animali giovani (cfr.
U A L 65a). Il sign. far risuonare anche nella lo
cuzione ntn //(Sal 81,3), nella quale si deve suppor
re ancora lellissi di ql.

119

Valori simili comporta ntn nella locuzione ntn


mft dare un segno prodigioso Es 7,9;
2Cron 32,24 (Es 11,10 e Deut 34,11 con sh
con lo stesso significato; in IRe 13,3.5 e Deut
13,2 ntn significa presentare, rendere
noto , cfr. il bab. nadanu itti render manife
sto un segno, AHw 702b), ntn bert stabilire
una berit (Gen 9,12, cfr. v.17 qm hi.; 17,2;
Num 25,12; cfr. anche sm bert 2Sam 23,5,
-*bert I1I/6; nella locuzione ntn librl di Is
42,6 e 49,8 ntn vale tuttavia come far diven
tare).
Il sign. procurare evidente quanto logget
to un sost. astratto, p.e. Es 3,21 Procurer
che questo popolo trovi grazia agli occhi degli
egiziani (cosi anche Es 11,3; in ambedue i
casi la costruzione genitivale esprime lidea del
dativo, vd. Joiion 389); Gen 39,21 Jahwe gli
procur grazia agli occhi del comandante della
prigione (letteralmente: la sua grazia con
il pronome possessivo dativale, cfr. Joiion,
l.c.); cos anche Lam 1,13 ha provocato a me
il terrore; con le: Deut 13,18 m i ha riserva
to misericordia (cfr. Gen 43,14); Sai 78,66
inflisse loro una vergogna eterna; IRe 8,56
Jahwe che ha dato il riposo al suo popolo
(cfr. nah hi. Gios 1,13); 2Sam 4,8 Jahwe ha
concesso la vendetta al re .
Cfr. N um 31,3 con be e Ez 25,17, dove ntn neqm
lo stesso campo semantico di 'sii neqm bc-,
altre locuzioni sono ntn hitlll le (opp. b) spargere
il terrore in opp. in mezzo a qualcuno (Ez 26,17;
32,23-26.32), ntn mm be procurare una lesione a
qualcuno (Lev 24,19.20). Difficili sono quei passi
come Deut 7,15 dove ntn be e sim bc hanno il signi
ficato di portare oppure (forse meglio) provoca
re tra .

be ha

Nella sfera sessuale ntn ha pure il valore di


consumare : ntn skbczt be consumare un
rapporto con... (Lev 18,23; 20,15; Num 5,20;
= con ccl Lev 18,20; cfr. lespressione affine
skb im., p.e. Es 22,18).
b) Quando ntn significa far diventare, ren
dere sono possibili tre diverse costruzioni e
precisamente (secondo la serie dei relativi
passi) ntn kf, ntn + doppio accus. e ntn + accus, + le. La prima, ntn kf, ha il valore di
far come Is 41,2; Ger 19,12; Ez 3,9; 16,7;
26,19; 28,2.6; Os 11,8; Rut 4,11 (in Sai 44,12
ntn pu tuttavia essere inteso anche nel senso
di consegnare, cfr. KBL 642b), e quello di
trattare qualcuno , trattare da Gen
42,30.
In ISam 1,16 ntn lifn ha lo stesso significato (cfr.
P.Joiion, Bibl. 7, 1926, 290s.). Cfr. a questo proposi
to la locuzione ntn kn con laccus. in Ger 24,8:
C os tratter Sedecia. Espressioni sinonime sono
Sm ke (Gen 13.16; IRe 19,2; Is 50,7) e sii ke (Os
2,5; Sai 21,10; 83,12.14 ecc.), che significano fare
come ,

in i ntn DARE

120

La costruzione ntn + doppio accus. attestata


qualche volta con il significato di stabilire,
destinare a , cio far di qualcuno qualcosa
(Ger 1,5; 6,27; Ez 3,17; 12,6; 33,7; forse anche
Is 55,4; Sai 89,28), altrimenti, - ad eccezione
di due passi nei quali ntn significa lasciare
a (Is 51,12) opp. offrire (Mi 6,7) - si trova
soltanto con il significato fare di: Gen 17,5
Abramo fatto padre di popoli; Num 21,29 i
figli sono fatti profughi; IRe 9,22 ridurre in
schiavit qualcuno; Sai 69,12 indossare un sac
co per vestito; Sai 79,2 abbandonare i cadaveri
in pasto a...; Sai 105,32 far della pioggia gran
dine; la locuzione compare soprattutto in Ez,
negli oracoli di minaccia e nellannuncio di
sventura (Ez 22,4; 26,19.21; cfr. 32,15; 33,29;
35,9); a volte compaiono contesti con nth j d
stendere la mano contro (Ger 51,25; Ez
25,7.13; 35,3; ->jd 4c). Talvolta il secondo
accus. un agg. o un part.: Num 5,21 mentre
Jahwe fa avvizzire i tuoi fianchi; Deut 26,19
mentre egli ti metter sopra tutte le nazio
ni; Ger 49,15 = Abd 2 ti render piccolo
fra i popoli ; Ez 3,8 ceco io ti do una faccia
tosta quanto la.loro; Sai 18,33 egli ha reso
integro il mio cammino .
La differenza tra le espressioni ntn + doppio
accus. e ntn + accus. + 1 consiste nel fatto che
la prima esprime unazione fattitiva, mentre la
seconda indica un far diventare in senso causa
tivo. Nellespressione ntn + accus. + le i due va
lori principali di ntn talvolta si confondono, e
lo si deduce dal fatto che ntn pu essere anche
interpretato come lasciare a opp. conse
gnare, conformemente al primo significalo
principale (p.e. Deut 28,7.25; ls 43,28; Ger
24,9 Q; Ez 15,6; 23,46; 25,4; 29,5; 33,27; 39,4;
Neem 3,36), mentre lespressione si fonda sul
secondo valore principale far diventare qual
cuno o qualcosa.... Quanto alluso questa
espressione si riscontra pi spesso, e il soggetto
Jahwe; Gen 17,6.20 Jahwe far diventare
bramo un popolo; Gen 48,4 Giacobbe un in
sieme di popoli; Es 7,1 Mos un Dio per il fa
raone; Is 49,6 il servo luce dei popoli; Ger
1.18 il profeta una fortezza; Ger 15,20 il profe
ta un muro; Sof 3,20 Israele fama e gloria tra
tutti i popoli; lCron 17,22 Israele un popolo
(2Sam 7,24 per kn poi. consolidare). In
alcuni testi gi citati ntn pu anche essere reso
con stabilire (cfr. N.Lohfink, FS von Rad
1971, 297 n. 79, il quale in lCron 17,22 ravvi
sa unespressione tipica deHelezione stabilire
con valore di legge; vd. anche f. gli a. Lev
17,11; lCron 21,23). Lespressione si trova
spesso negli oracoli di minaccia o negli annun
ci del giudizio, in particolare in Ger ed Ez
(Ger 5,14; 9,10; 15,4 Q; 20,4; 25,18; 26,6;
29.18 Q; 34,22; Ez 5,14; 7,20; 26,14; 28,17.18;
ma cfr. anche Mi 6,16). Compare per anche
nellannuncio sacerdotale del giudizio (Num
5,21). In una serie di testi pi recenti troviamo
121

ntn DARE

lespressione ntn leraham lm lifn far diventa


re qualcuno oggetto di misericordia (IRe
8,50; Sai 106,46; Dan 1,9; Neem 1,11).
sim e st fonnano espressioni dello stesso tenore (vd.
KBL 921a .sotto 16; 967 sotto 4). Per ordinare, co
stituire vi sono diversi sinonimi: ntn + accus. + F
costruire (2Re 23,5; Ez 33,2; 2Cron 25,16); ntn +
accus. + 'al mettere a capo (Gen 41,41.43; 2Cron
32,6; Deut 17,15b: con Uni al v.l5a); ntn ras m et
tere un capo (Num 14,4; Neem 9,17; cfr. J.R.Bartlett, YT 19, 1969, 1-10; diversamente KBL 643a sot
to II: si mette nella testa); ntn bers costituire
capo qualcuno (lCron 12,19); sim bers porre
qualcuno a capo (Deut 1,13), ed infine lespressio
ne tecnica per insediare nel rispettivo ufficio leviti e
sacerdoti, mi' pi. jd riempire la m ano (-*jd 3d
[3]; Noth, GesStud T, 309-333, particol. 311-314;
L.Sabourin, Priesthood, 1973, 137s.). ntn unito ad
un oggetto costituito da un nome astratto significa in
questo contesto attuare, ad esempio Lev 25, 24
ntn geull eseguire un riscatto (cfr. F.Horst, Got
tes Recht, 1961, 213ss.; O.Loretz, BZ 6 , 1962,
269-279). Per hqq fissare (Ger 31,35) e ntn lehq
far diventare una regola (2Cron 35,25) cfr. G.
Liedke, Gestalt und Bezeichnung altlestamentlicher
Rechtssatze, 1971, 158-175.
A questo contesto appartiene anche il valore tecnico
di ntn + accus. + lc far compiere qualcosa a qualcu
n o , permettere qualcosa a qualcuno, permet
tere a qualcuno di fare qualcosa (diversamente GB
529b; come lass. nadnu, a proposito vd. AHw 702
11/6). Questa espressione presenta quasi sempre un
suffisso come accus., mentre alla prep. le segue un
inf. cs.t p.e. Gen 20,6 non ti ho permesso di toccar
la (inoltre Gen 31,7; Es 3,19; Num 22,13; Gios
10,19; Giud 1,34; 15,1; ISam 18,2; 24,8; anche Os
5,4, vd. BH3). Al posto del suffisso pronominale pu
trovarsi qualche volta un nome, p.e. Eccle 5,5 non
permettere che la tua bocca Taccia cadere in peccato
il tuo corpo (cfr. anche Sai 16,10; 66,9; 121,3;
Giob 31,30), oppure, in luogo dellaccus., le + nome,
p.e. Est 8,11 il re dava facolt ai giudei di radunar
si (cfr. anche 2Cron 20,10), oppure, in luogo di le +
inf.es., il semplice inf.es., ad esempio Num 21,23
ma Sicon non permise a Israele di passare (anche
Num 20,21; non c certo se in questi testi sia stato
impiegato rinf.es. in luogo deHinf. assol. [cfr. Sai
55,23 e Giob 9,18] o se davanti a abdr debba ag
giungersi un l e, vd. BH ; cfr. per Joiion 353 e 366
n. 2; G K 157b, n.l), Probabilmente tra queste locu
zioni va posta anche quella con ntn di Deut 18,14
ma quanto a te Jahwe non ti ha permesso questo
(kn)] inoltre Prov 6,4 non concedere sonno ai tuoi
occhi (cfr. Sai 132,4) e IRe 15,17 per non lascia
re pi aperto il passaggio al re Asa .

Nellespressione m i jitten (cfr. sir. man nettai,


LS 299a), che divenuta una particella ottati
va, e che attestata 25x (di cui lOx in Giob e
4x con suffisso dativale: Is 27,4; Ger 9,1; Giob
29,2; Cant 8,1), si possono intravedere ancora
molti dei vari significati di ntn (uno studio det
tagliato in B.Jongeling, VT 24, 1974, 32-40),
cio dare (Giud 9,29; Sai 55,7; Giob 31,35
ecc.), fai- diventare (con due accus.: Num
11,29; Ger 8,23; con k e: Giob 29,2; Cant 8,1
ecc.), permettere (Giob 11,5 ecc.) e soprat
122

tutto attuare (Es 16,3; Deut 28,67; 2Sam


19,1; Sai 14,7 = 53,7). In Giob 14,4 e 31,31
loriginario chi mai ha fatto s che ha il si
gnificato di mai capitato che, ma ci non
comporta comunque il valore c di ntn.
Luso impersonale di jitten col sign. di c ,
quale si supposto in passato, molto proble
matico (vd. GB 530a).
3/ Un trattamento particolare richiede luso
di ntn riferito a parti del corpo, che ha dato
luogo ad una serie di espressioni idiomatiche
(per nudnu e le parti del corpo come comple
mento oggetto cfr. AHw 702 II/3; lequivalente
ebr. dellacc. nadnu sp mettersi in cam
mino non per esempio ntn rgcel, ma n
rcegcel, cfr. Gen 29,1).

In Sai 10,14 fa difficolt llt bejcideky che


H.Schmidt (HAT 15, 1934, 16) ha interpretato per
metterlo nella tua mano e Kraus (BK X V . 75)
per prenderlo nella tua mano , ma preferibile
tradurre per affidarlo alle tue cure. Per l'espres
sione mi' pi. jd riempire la mano , riferita a llin
sediamento dei leviti e dei sacerdoti (->jd 3d [3]).
osserviamo ancora che in lCron 29,5 e 2Cron 29,31
essa non ha niente a che fare con ia consacrazione,
ma significa riempire la mano (per), cio per
dare, cfr. Noth, GesStud 1,311 n.6 .

Lespressione ntn bfjd viene usata soprattutto


nella sfera militare c giuridica nel senso di con
segnare opp. abbandonare una persona o una
cosa in potere altrui: Jahwe d i nemici in po
tere di Israele Deut 7,24; 21,10; Gios 21,44;
Giud 3,28 ecc., oppure il paese Gios 2,24;
Giud 1,2; 18,10; Dagon d Sansone in potere
dei filistei Giud I6,23s.; qualcuno viene abban
donato
nelle mani del vendicatore di sangue
a) Locuzioni che sono attestate solo sporadica
Deut 19,12; il profeta Geremia lasciato in
mente; ntn ktf srrcet Zac 7,11; Neem 9,29
potere del popolo Ger 26,24; 38,16, cfr. il si
presentavano le spalle recalcitranti ; le
nonimo ntn bekaf abbandonare in potere
spressione idiomatica deriva dagli animali da
Giud 6,13; Ger 2,7 e lespressione di sotto
tiro che rifiutano di farsi imporre il giogo al
missione ntn that kappt ragljim mettere
collo (rifiutano caparbiamente), cfr. qsh hi.
sotto
la pianta dei piedi I Re 5,17 ecc.
/cef indurire la cervice Neem 9,29); ntn
Tenendo
presenti i molteplici impieghi di ntn
'rcef voltare le spalle 2Cron 29,6 (cfr. r'h
be
jd
in
quanto
frase idiomatica generica, non
hi.: far vedere il collo Ger 18,17); ntn t j
pare
corretto
definirla
una formula , nel
'rcef cel far s che qualcuno debba mostrare
senso di formula di resa o di formula di
le spalle, cio far fuggire qualcuno Es
passaggio di propriet (cfr. W. Richter, Tra23,27 (con /e al posto di ccl 2Sam 22,41 = Sai
ditionsgeschichtliche Untersuchungen zum
18,41; ntn djin far occhio nel senso di
Richterbuch, 1963, 2lss.; J.G.Plger, Litebrillare del vino Prov 23,31 Q (vd. sp. 2a).
rarkritische, formgeschichtliche und stilkriPer ntn rs vd. sp. 2b.
tische Untersuchungen zum Deuteronomium,
1967,6lss.; P.Diepold, Jahwes Land, 1972, 61;
b) Pi frequente luso di ntn con jd
cfr.
le osservazioni critiche di F.Stolz, Jahwes
mano (come oggetto del verbo): stendere
und
Israels Kriege, 1972, 21s., e P.D.Miller,
la mano Gen 38,28; dare ad uno la mano
Interpretation 23, 1969, 455, inoltre vd. st. 3d
in segno di amicizia 2Re 10,15 oppure come
per
la differenza tra ntn bej d e ntn lifn.
segno di un obbligo contratto Esd 10,19, so
prattutto quando si parla di accordi e di patti
c) ntn con -+lb cuore ricorre nelle seguen
(Ez 17,18; Lam 5,6; 2Cron 30,8, -+jd 4d; cfr.
ti locuzioni: ntn lb be dirigere la (propria)
E.Kutsch, VerheiBung und Gesetz, 1973, 11, e
attenzione a Eccle 1,17; 7,21; 8,9.16; Dan
lespressione tq kaf dare una stretta di
10,12; lCron 22,19; 2Cron 11,16; con st Es
mano in segno di garanzia Prov 6,1; 17,18;
7,23; ISam 4,20; Giob 7,17; con slm Es 9,21;
22,26; bibliogr. in Gemser, HAT 16,36); cfr.
Deut 11,18; ntn belcb mettere nel sentimento
anche ntn jd tdhat sottomettersi con pro
(nel cuore) , sempre con Jahwe in funzione di
messa a qualcuno in segno di fedelt lCron
soggetto Es 35,34; Esd 7,27 (ambedue le volte
29,24 ( - *jd 3d [2]), ntn jd dare la mano
in senso assoluto); Neem 2,12; 7,5 (ambedue le
in segno di resa Ger 50,15 e ntn jd be porre
volte in senso assoluto con ccl invece di be)) Es
la mano contro Es 7,4. Particolare importan
36,2; 2Cron 9,23 (complemento oggetto: sa
za ha lespressione ntn bLjd (~>jd 3d [4]), che
pienza ); Ger 32,40 ( timore ); Sai 4,8
pu assumere vari significati: dare in mano,
(gioia) (in ISam 21,13, con slm il soggetto
consegnare (Gen 27,17; Deut 24,1.3; Giud
tuttavia un essere umano).
7,16), mettere a disposizione (Gen 9,2; Es
10,25), affidare lincarico (2Sam 16,8; Ts
d) In unione con pnlm volto ntn si trova
22,21 ; 2Cron 34,16, dare in custodia, affidare
nelle seguenti locuzioni: ntn pnlm le + inf.
la cura di (opp. la sorveglianza) (Gen 30,35;
volgere il volto verso nel senso di fare
32,17; 39,4.8.22; cfr. ntn 'al jd con lo stesso
preparativi per 2Cron 20,3 (Giosafat per
significato Gen 42,37; Est 6,9), in senso milita
chiedere a Jahwe il giudizio; per lacc. vd.
re mettere sotto il comando (2Sam 10,10;
AHw 702; pi spesso compare tuttavia il sino
lCron 19,11).
nimo slm pnlm le, 2Re 12,18; Ger 42,15;
123

)n: ntn DARE

124

Dan 11,17); nln panini cel volgere lo sguardo


verso/contro Gen 30,40; Dan 9,3 (pi fre
quente anche in questo caso luso di snr. 9x
in Ez; in Num 24,1 per sf, in Dan 10,15 si
ha con ntn panini lo he locativo al posto di
al)\ ntn pnm bc volgere lo sguardo con
tro (in senso ostile) ha come soggetto Jahwe
Lev 17,10; 20,3.6; 26,17; Ez 14,8; 15,7 par.
sim come in Lev 20,5 (con sm ancora Ger
21,10; 44,11; cfr. Sai 34,17).
Con la prep. lifn davanti ntn assume vari
significati. La locuzione attestata come sino
nimo di ntn ke considerare come (soltanto
ISam 1,16, vd. sp.), tuttavia significa pi
spesso porre/mettere davanti (Es 30,6.36;
40,5.6; Lev 19,14; Zac 3,9 (vd. st.) ecc.; con la
prep. nkah soltanto Ez 14,3, cfr. per v.4 e 7
con Sm) e in particolare metter davanti
opp. presentare , detto p.e. di cibi e bevande
(2Re 4,43; Ger 35,5; Ez 16,18Q.19). Nel Deu
teronomio solo Mos compare come soggetto
dellespressione quando presenta ad Israele
benedizione o maledizione (11,26; 30,1), vita e
bene oppure morte e male (30,15.19), la tor
(4,8), le leggi e le norme (11,32). Nel resto dellAT solo Jahwe definito come colui che
presenta o mette davanti : la via della
vita e della morte (Ger 2 1,8), la tor (Ger 9,12;
26,4; cfr. 31,33 beq>rteb\ plur. Dan 9,10 txt?),
la tor e le leggi (Ger 44,10), i comandamenti
e le leggi (IRe 9,6 par. 2Cron 7,19). In questi
casi lespressione pu essere resa anche con
affidare, soprattutto in Ez 23,24 a loro (ai
popoli) affider il giudizio (mispi) (cos
Zimmerli, BK XIII, 539; cfr. H.Cazelies, Proclamation and Presence, FS Davies 1970, 245:
I have committed to them th legislative
power = [ho loro affidato il potere legislati
vo] ) e forse anche in Zac 3,9 in riferimento
alla pietra che Jahwe consegna a Giosu.
Nel significato consegnare o abbandona
re lifn usato in senso militare e il soggetto
esclusivamente Jahwe (Deut 2,33; 7,2.23;
28,7.25; 31,5; Gios 10,12; 11,6; Giud 11,9;
IRe 8,46 = 2Cron 6,36; ls 41,2). Il comp, og
getto costituito sempre dal nemico (i nemici)
o dal suo (loro) re. In questi casi difficilmente
ntn lifn si differenzia per significato da ntn
bcjd (cfr. Deut 2,33 con 2,24; 7,23 con 7,24;
Gios 10,12 con 10,30.32; 11,6 con 11,8; Giud
11,9 con 11,21.30.32; 12,3). Come espressione
giuridica nln lifn attcstata soltanto in Deut
ed indica sempre il passaggio o il trasferimento
di propriet effettuato da Jahwe, nel senso di
dare a qlcn. qualcosa in propriet oppure
mettere a disposizione di qlcn. qualcosa :
1,8.21 la terra al popolo di Israele; 2,36 le citt
ammonite: 2,31 Sicon (!) e il suo paese. In que
stultimo versetto si ha un uso non univoco
dellespressione (in 2,36 sam. e LXX hanno in
terpretato non correttamente come consegna
re a ): lo si deduce dal fatto che lespressione
125 ]fU ntn DARE

giuridica ricorre soltanto in un contesto milita


re. Lespressione non pu essere interpretata
semplicemente come formula di consegna
(Plger, l.c. 62s.; cfr. per Miller, l.c. 455 e
N.Lohfink, Bibl 41, 1960, 125s.), perch ntn in
questa formula ha un valore differenziato
ed bene distinguere tra il consegnare a in
senso militare (usato promiscuamente assieme
a ntn bejd)) e il dtr. trasmettere in senso
giuridico, anche se lespressione giuridica com
pare in contesto militare.
4/ Oltre a quelli gi citati ricordiamo i se
guenti sinonimi di ntn: *'s dare (HAL 25;
cfr. B.Rocco, AION 20, 1970, 396-399) at
testato nelPcbr. bibl. soltanto nei n. pers.
(Jehs\ J d lt.s); zbd donare a qlcn. qualco
sa (solo Gen 30,20; per i n. pers. cfr. HAI,
250); hlq assegnare (Deut 4,19; 29,25), di
stribuire (Neem 13,13) e con be dare in sor
te (Giob 39,17); hnn dare benignamente a
qlcn. (Gen 33,5; Sai 119,29); mgn pi. con
segnare (Gen 14,20; cfr. DISO 142), dare
a (Os 11,8) e con suffisso dativale gratifica
re qlcn. di (Prov 4,9); mkr (verbo tipico del
commercio) vendere , in ambito religioso ri
ferito a Jahwe (Jahwe soggetto, il popolo com
p. oggetto) consegnare, trasmettere (Deut
32,30; Giud 2,14; 3,8; 4,2; 4,9 [con una perso
na come oggetto], 10,7; ISam 12,9; Is 50,1; Sai
44,13; Ez 30,12 [il paese come oggetto], cfr.
KBL 522s.; GB 422s.); ndb hitp. dare volon
tariamente (soltanto Esd 1,6; 2,68; 3,5 [aram.
7,15s.]; ICron 29,9.14.17), shd far prende
re, regalare (Ez 16,33; Giob 6,22; cfr.
F.Rundgren, AcOr 21, 1953, 311-336; C.J.Labuschagne, OuTWP 1967, 60); -+slh dare
(ug. slh dare UT nr. 2419; A.S. van der
Woude, ZAW 76, 1964, 188-191; par. di ntn
Gen 38, 16.17; Gioe 2,19; Giob 5,19); spi
porre, dare (cfr. GB 859b; E.Ullendorlf,
VT 6, 1956, 197; A.F.L.Beeston, VT 8, 1958,
216-217); swh II pi. collocare (cfr. GB
813a; KBL 954b); per i sostantivi vd. sp.
IU/lg.
IV/ 1/ Nella sua qualit di signore e creato
re, a Jahwe appartiene la terra e quanto essa
contiene (Sai 24,1; 50,9-12; cfr. 97,5 e lCron
29,14). Quale unico e vero proprietario di tutto
il creato Jahwe nello stesso tempo colui che
sovranamente dispone ed elargisce. Questo po
tere a disporre della sua creazione definito
daHalfermazione fondamentale di Ger 27,5:
Io ho fatto la terra, luomo e gli animali.., e
li do a chi mi piace (cfr. Sai 115,16; Eccle
2,26). Quale signore della storia egli dispone di
ci che accade. Creazione e storia sono per
tanto in stretta relazione tra loro, perch am
bedue sono in mano di Dio. Non dobbiamo
perci meravigliarci se ntn pu avere come
126

oggetto Jahwe nei due significati principali


(cio porre in moto = donare, dare e
porre in moto = effettuare, rendere).
Questo dare ed effettuare di Jahwe
reso visibile anzitutto nella sfera dellumanit
in genere opp. dellindividuo: Jahwe d il sof
fio della vita (rfsm) e lo spirito della vita
(-*riffr, cfr. Is 42,5; Ez 37,6; non si trova mai
ntn nfces], Est 7,3 allora mi sia donata la
vita [nafsl] riguarda la grazia della vita),
hajjlm v ita (->hjh 3c.4b; con ntn solo Sai
21,5; -*sh Ger 38,16), jmlm giorni della
vita ( -*jm 3f; cfr. Sai 39,6; Eccle 5,17.18;
8,15; 9,9), i sensi del corpo come ludito, la vi
sta ecc. (Deut 29,3; Is 50,4s.; cfr. 'ih in Prov
20.12), la capacit, la disponibilit e la volont
di fare qualcosa (vd. sp. III/3c), forza (-*kah)
e vigore (-* 'zz\ cfr. Deut 8,18; Is 40,29; Sai
29,11; 68,36), grazia (~>hnn 4a), misericordia
(-rhm), pace (--*s/m), punizione (->nqm), ma
lattia (->hlh) ecc. Ci che Jahwe d alluomo
non riguarda solamente lambito della natura
(lui - e nessun altro, cfr. Ger 14,22! - d piog
gia, cibo e altre benedizioni alla terra), ma an
che la sfera della storia umana e spesso di
quella personale: d alluomo una donna (Gen
3.12), dei bambini (Gen 17,16; Is 8,18) e una
discendenza (Gen 15,3).
Questa fede eloquentemente tesliraoniata dai molti
n. pers. formati da ntn o dai sinonimi, S, zbd, hnn
e nhd (vd. sp. 1/2 e 1U/4); cfr. inoltre i n. pers.
abisaj(l), ahlLir(1), QQsjhit (cfr. acc. qasa rega
lare ), i nomi stranieri come M iiredl ( dono di
M itra) e Pti-firn' (eg. p dj p' r' che Re ha
dato ) e forse anche i n. pers. come Mirjm e
Jirnfjh dono (di Dio) opp. Jahwe ha dona
to , cfr. W. von Soden, U F 2, 1970, 269-272.

Soprattutto Israele ha imparato a conoscere i


doni e la volont di Jahwe nella propria esi
stenza di popolo, avendo egli dato ad Israele
una terra e guidato in ogni frangente la sua esi
stenza. 11 presupposto teologico dtn. e dtr. nei
confronti della cosiddetta conquista della ter
ra non consiste nel fatto che Israele (con
laiuto di Jahwe) conquista la terra oppure che
Dio gli consegna la terra in senso militare,
cos come vengono consegnati i nemici in una
operazione militare (Plger, l.c. 63), ma nel fat
to che Jahwe, vero proprietario della terra, la
trasferisce (ad Israele): non si tratta perci
di conquista della terra, ma del dono della ter
ra (vd. sp. 111/li e lll/3c.d.; per una trattazione
delle formule relative al dono della terra cfr.
J.N.M.Wijngaards, The Formulas of th Deuteronomic Creed, 1963, 28-34, inoltre id., VT
15, 1965, 91-102, e OTS 16, 1969, 68-105, e
soprattutto P.Diepold, Israels Land, 1972 (bi
bliogr.); anche J.G. Plger, art. dama,
ThWAT 1,95-105 = GLAT 1,187-210 (bi
bliogr.); P.D.Miller, Interpretation 23, 1969,
451-465, e W.Zimmerli, GrundriB der atl.
127

Theologie, 1972, 53-58). Jahwe si comporta


come vero proprietario che trasferisce o
mette a disposizione la terra, in senso giuri
dico.
Per un comportamento analogo da parte di un re nei
confronti dei vassalli, attestato in particolare nei trat
tati dellantico Oriente, cfr. K.Baltzer, Das Bundesformular, 1964, 21-31; M.Weinfeld, Deuteronomy
and th Deuteronomic School, 1972, 71-81 (biblio
gr.). 11 diritto esclusivo di Jahwe di donare la terra
(cfr. per Giud 11,24) non vale solo per Israele, ma
anche per altri popoli (Deut 2,5.9; Gios 24,4; Ez
29,20). Il verbo ntn usato in questo senso non sol
tanto con Jahwe come soggetto. Anche Mos d
in funzione di delegato plenipotenziario di Jahwe
(Deut 3,19 citt; 3,20 possesso; in Deut mai la terra;
Num 32,33 [cfr. Gios 13,15ss. e 14,3] i regni di Sicon e Og [alle trib oltre il Giordano]; 32,40 Galaad
[a Machir]; Gios 14,13 Ebron [a CalebJ). Anche G io
su d (Gios 11,23; 12,7 la terra [!] al popolo di
Israele secondo la suddivisione delle trib). In questi
casi ntn significa assegnare (cfr. Gios 18,10 hlq
pi.; vd. Plger, l.c. 79 n.77), cfr. anche GeD 47,i l :
Giuseppe assegna la terra ai suoi fratelli.

Come le donazioni di terre nei trattati sottosta


vano a determinate condizioni, per lo meno alla
lealt del destinatario, anche il dono della terra
ad Israele si presenta condizionato, secondo la
concezione dtn. e dtr. (cfr. Diepold, l.c. 76ss.;
Miller, l.c. 454ss.; cfr. per anche Weinfeld,
l.c. 71ss., il quale in casi specifici suppone una
donazione senza condizioni quale ricompensa
della fedelt mostrata). Per il carattere condi
zionato del possesso della terra e della dipen
denza assoluta di Israele dal donatore Jahwe,
Israele non ha mai sviluppato la coscienza di
essere autoctono nella terra (Zimmerli, l,c.,
53s.). La terra sempre un dono di Jahwe e il
rapporto di Israele con la sua terra deriva dalla
volont di Jahwe di dare la terra, come benedi
zione concreta che si fonda su un rapporto di
alleanza. Quale autentico proprietario della
terra egli poteva anche espropriarla.
Lidea che Jahwe d o crea per il suo popolo il
riposo nfnh (~*nah) legato strettamente
al dono della terra, in quanto menh pu in
dicare a volte materialmente la terra come
luogo di riposo (cfr. Deut 12,9, par. nalfl',
Mi 2,10; Zac 9,1; Sai 95,11; 132,8.14) e i ri
poso, come un pervenire al riposo dopo le
lamentele della peregrinazione nel deserto,
coincide cronologicamente con il dono della
terra (cfr. von Rad, GesStud 101-108, e in par
ticolare A.R.Hulst, Schrift en kerk, FS Gispen
1970, 62-78). Ci dipende dal fatto che Jahwe
guida la storia: in senso positivo, coi doni della
tor (vd. sp.), di mispt e di fdq (cfr.
K.Koch, FS von Rad 1971, 236-257, particol.
249ss.) e i carismi della guida e del comando
(Zimmerli, l.c. 68-93); in senso negativo, con
l abbandonare il suo popolo al giudizio
(IRe 14,16; Ger 15,9; Ez 16,27; Mi 5,2).
)D3 ntn DARE

128

2/ strano come in rapporto al molto che


Jahwe d , luomo d ia cos poco al suo
Dio. Il verbo ntn in questa accezione relati
vamente poco attestato. D o n i presentati a
Jahwe sono considerati i sacrifici (cfr. Pedersen, Israel UI/lV,322ss.; R.Hentschke, RGG
IV, 1642; von Rad l,267ss. = ital. 292ss.) e gli
israeliti non potevano presentarsi a Jahwe
con le mani vuote (rqm\ Es 23,15; 34,20;
Deut 16,16s.; cfr. Es 22,28 hr pi.), per ntn
molto raro in connessione con il sacrificio.
Qualche volta ntn unito a zbah sacrificio
(cruento) (Sai 51,18; Eccle 4,17), ssc sa
crificio consumato dal fuoco (Lev 22,22; per
i cd. sacrifici consumati dal fuoco cfr.
J.Hoftijzer, FS Baumgartner 1967, 114-134),
diversi altri doni (Lev 23,38), qdas FJhwh
gualcosa di sacro a Jahwe (Lev 27,9.23),
kfeer prezzo del riscatto (Es 30,12s.; Sai
49,8; cfr. ntn Mi 6,7), rsl il meglio (Num
18,12; b' hi. v. 13; qrb hi. v. 15: Deut 26,10
tuttavia con nh pi.), ma spesso unito a
frm tributo, dono (14x con ntn; 12x con
rum hi., 8x con b hi.; Lev 7,14 qrb hi.; vd.
sp. lll/lg), In molti di questi passi ntn ha il va
lore destinare o mettere a disposizione
(per altri significati di ntn vd. sp. III).
ntn non mai un termine tecnico per indicare
F offerta di sacrifici a Jahwe (in dono), ec
cettuata forse la costruzione con term. In
realt tutto appartiene a Jahwe (Sai 50,9-12!)
perci ogni dono a lui ofTerto dato dalle sue
(di Jahwe) proprie mani (lCron 29,14). Con
lofferta delle primizie si manifesta la coscienza
e il riconoscimento che Jahwe il vero pro
prietario della terra (vd. O.Hanssen, BHH
I,434s. con bibliogr.).
I primogeniti da offrire a Jahwe hanno un ruo
lo importante (Es 22,28s.; cfr. 13,1.2.12; 34,19)
in relazione a ntn nel senso di cedere, lascia
re a o consacrare (vd. sp. Ili/1c). Sebbene
t u t t i i primogeniti, animali ed esseri umani,
appartengano a Jahwe, la differenza tra i pri
mogeniti degli animali e quelli delluomo
sensibile: i primi sono sacrificati e immolati, i
secondi riscattati (^ >pdh) anche se non sempre
(Es 22,28s.!) si parla di riscatto (vd. de Vaux
II,329-333 = ital. 429-432; M.Weinfeld, UF 4,
1972, 133-154).
In relazione al sacrificio dei bambini impor
tante precisare che ntn cedere, lasciare a,
consacrare non implica di per s sacrifica
re (cfr. anche Giud 11,31 dove sono chiara
mente differenziate le due cose). In merito alli
potesi, peraltro erronea, avanzata da alcuni
studiosi, secondo la quale lo jahwismo ha co
nosciuto un legittimo sacrificio di bambini, vd.
le discussioni in de Vaux, l.c. 329-333 = ital.
429-432; G.Fohrer, Geschichte der israelitischen Religion, 1969, 39s, (bibliogr.); L.Delekat, BHH 1,434 (bibogr.) e Weinfeld, l.c.
151 ss. 154.
129 n ^ p

segidl PROPRIET

V/ Per i testi di Qumran Kuhn, Konk. 147s.,


riporta 58 passi che si collegano alluso lingui
stico dellAT. 1 LXX ricorrono principalmente
a SiSvai, ma anche ad altri verbi secondo i
vari significati di ntn. Per il NT cfr. F.Biichsel,
art. BtSuiu, ThW 11,168-175 (= GLNT
fl,l 171-1190); H.Conzelmann, art.
ThW IX ,393-397, e J.Behm, art. vfcpa,
ThW I,356s. (= GLNT 1,953-957).

C.J.Labuschagne

n ^ p seguila PROPRIET
1/ Lebr. segull stato in un primo tempo
collegato aHacc. sugullu mandria (cfr. H.
Zimmem, Die Keilinschriften und das AT,
31903, 651; GB 536a; KBL 649a). Studi succes
sivi lo pongono invece in rapporto con lacc.
sikiltu(m) (ev. siqillum, e il verbo sak/qlu\ cfr.
M.Greenberg, JAOS 71, 1951, 172-174;
A.Goetze, JCS 4, 1951, 227; E.A.Speiser,
OrNS 25, 1956, 1-4; A.Falkenstein ZA 52,
1957, 328; M.IIeld, JCS 15, 1961, 1ls.) Al
141 del Codice di Hammurabi saklu sikilta
significa accumulare un patrimonio privato ;
tra i titoli del re Abba-AN di Alala!] sikiltu in
dica il re come una propriet peculiare, per
sonale, come un adoratore della divinit
(Seux 26Is.; cfr. a proposito il n. pers. SikiltiAdad in K. Tallqvist, Assyrian Personal
Names, 1914, 195). Con ci concorderebbe
lug. sglt come designazione del vassallo del re,
in PRU V, nr, 60, r.7 e 12 (in contesto fram
mentario; M.Dahood, Bibl 46, 1965, 313; 50,
1969, 341; H.B.Huffmon-S.B.Parker, BASOR
184, 1966, 37; M.Dietrich-O. Loretz, OLZ 62,
1967, 544).
Nellebr. medio e nellaram. giud. attestato il sost.

segull opp. segullet possesso , nonch il pi. opp.


i! pa., senzaltro denominativi, del verbo sgl nel sign.
di accantonare, accumulare (cfr. Grecnberg, l.c.).

2/ NellAT segull attestato 8x: Es 19,5;


Deut 7,6; 14,2; 26,18; Mai 3,17; Sai 135,4; Ec
cle 2,8; lCron 29,3.
3/ Come risulta chiaramente dallacc. sikiltu
e dallimpiego di seguila nel Talmud, segull
una designazione della propriet in senso qua
lificato: una propriet privata personalmente
acquisita ed accuratamente custodita (vd. in
proposito Greenberg, l.c.). questo anche il
significato di segidl nei due passi dellAT nei
quali viene usato in un contesto profano :
Davide promette solennemente di mettere a di
sposizione della costruzione del tempio di Dio
ci che egli possiede come sgull in oro e in.
130

argento (oltre ai mezzi che egli ha gi altrimen


ti procurato: ICron 29,3). Si tratta evidente
mente della propriet privata del re che nor
malmente non era impegnata per costruzioni
pubbliche. In Eccle 2,8 lautore parla di ar
gento e oro e della s'gull di re e nazioni che
egli ha raccolto. La parola designa una por
zione particolare dei beni che non viene usata
per obiettivi usuali, ma riservata a una partico
lare funzione (A.B.Ehrlich, Randglossen zur
hebr. Bibel, I, 1908, 336s.), e si distingue da al
tri termini indicanti propriet, possedimen
to come ahuzz ( hz), naffl, f russa

(-jrs ), qinjn ( - qnh).

una formula fissa gi da lungo tempo esistente.


In ogni caso interessante rilevare che il con
tenuto teologico di segull( (come in Deut 7,6 e
14,2) interpretato dalla voce parallela bhr.
Nel passo del libro di Malachia (3,17) scgull
riferito al nuovo incontro di Jahwe con Israele
nel futuro (cfr. bhr IV/4b): il termine rientra
cos tra le caratteristiche tipiche della promessa
di salvezza.
La portata teologica di s'gull viene ben defi
nita dalla traduzione non letterale dei LX X
Xaq rcepi.oOT.oq (Es 19,5; Deut 7,6; 14,2;
26,18; inoltre in Es 23,22 per il semplice am)
opp. zlq ntpio\j(TMo-[iv (Sai 135,4), In Mal
3,17 la formulazione eiq TtepncoiTioiv esprime
bene come Israele deve essere ancora acqui
stato da un intervento di grazia di Jahwe.

Nella stessa direzione si muove la traduzione


dei LXX. Una volta si ricorre a ' rcepwcofrncru;
acquisto, propriet (Mal 3,17; cfr. lPiet
2,9) ed una volta a TteputoiETrloa procacciar
5/ Nei testi di Qumran lespressione non at
si (lCron 29,3). Tuttavia si usa quattro volte
7tepioucu)q scelto con dovizia, eletto (Es
testata. Per luso linguistico rabbinico cfr.
Greenberg, l.c. Nel NT si trova Xaq itepiou19,5; Deut 7,6; 14,2; 26,18; cfr. anche lam
pliamento in Es 23,22, inoltre Tito 2,14;
caoc; in Tito 2,14, senza dubbio ispirato ai
lClem 64) e precisamente nellespressione
LXX: con latto salvifico di Ges. Dio si for
ma un popolo come una preziosa propriet. In
X a q 7 t e p io u t n o q popolo che forma il tesoro
regale di D io (H.Preisker, ThW VI,57 = ' lPiet 2,9 la comunit del NT, nonostante il
forte legame con Es 19, viene detta Xac; eiq
GLNT IX, 1509), infine due volte itE p io u cn,aop.q acquisto, propriet (Sai 135,4; Ec
XEpwco&noxv. La traduzione abituale popolo
di propriet non giustificata dal testo greco,
cle 2,8).
perch la scelta dellespressione in questo caso,
a differenza di Tito 2,14, vuol indicare che
4/ NellAT segull diventato quasi esclusi
solo con il suo intervento di salvezza Dio in
vamente un termine tecnico per esprimere
tendeva acquisire la propriet del suo popolo.
lappartenenza di Israele a Jahwe (cfr. a questo
H. Wildberger
proposito lepiteto acc. del re, menzionato so
pra, e il n. pers. Sikilti-Adad). Comparendo in
tre passi del Deut (sempre nella costruzione
lihjt l ll"am segull che tu fossi il popolo di
sua propriet), sembra possibile arguirne una
-liO sd SEGRETO
peculiare appartenenza al formulario dtn. La
formula tuttavia si trova, pur un poco cambia
ta, anche in Es 19,5 e, precisamente in una se
1/ Il nome sd da un punto di vista etimolo
zione (19,3-6[.8J) che alcuni ritengono unag
gico
una vera crux interpretum. Salvo i ri
giunta dtr. (cos anche recentemente G.Fohrer,
mandi ad altre lingue sem., non si propone al
Priesterliches Knigtum, Ex. 19,6, ThZ 19,
cuna
soluzione per una derivazione del termi
1963, 359-362) che per ha conservato i tratti
ne
(GB
537s.; Zorell 547b), oppure si suppo
di una tradizione piuttosto antica (cfr. H.Wild
ne
come
radice *sd, la quale viene fatta vale
berger, Jahwes Eigentumsvolk, I960, 10ss.; W.
re
anche
per Sai 2,2 e 31,14 (cfr. Kraus, BK
Zimmerli, Erwgungen zum Bund , FS EichX
V
,11;
P.Humbert,
FS Baumgartner 1967,
rodt 1970, 171-190, [175s.]) anteriore al Dtr.
136s.),
oppure
si
collega
la voce con jsd (p.e.
(diversamente L.Perlitt, Bundestheologie im
BDB
691
a)
o
jsd
II
riunirsi (KBL
AT, 1969, 17lss.). Se Es 19,6 dipendesse dal
386b.651a).
Deut, non ci aspetteremmo gj, ma 'am qdS.
stata fatta anche lipotesi che segull di Es
sd vien messo generalmente in relazione con Parab.
19,5 sia unabbreviazione deHoriginario 'am
swada parlare in segreto o con il sir.
s'gidl del Deut (Perlitt, l.c. 171): ci contra
sewd/suwd colloquio confidenziale. Fohrer,
KAT X V I,269, rimanda allantico suda rab. mswd
sta per col fatto che Israele pu essere indica
riunione di consiglio (cfr. BDB 69la; R.E.Brown,
lo benissimo come naif l di Jahwe (ad ecce
CBQ 20, 1958, 418). DISO 190 (cfr. 191) cita con ri
zione del passo relativamente recente di Deut
serva il pun. swb (opp. swd) (rond, cercle > ) vole
4,20 che presenta am naffl). Anche Sai
celeste. Nel difficile passo di Sai 25,14, dove G ha
135,4 parla di segutl\ Jahwe si scelto Gia
xpaTauop,a (unica volta) per sd, G.R.Driver, JBL
cobbe (bhr), Israele come sua seguila. Pro
55, 1936, 102; EThL 26, 1950, 345, ricorre allarab.
babilmente anche questo salmo (nellattuale
sud chiefaincy (cfr. Barr, CPT 251; S.Jellicoe,
forma che risale al periodo postesilico) ripete
The Septuagint and Modern Study, 1968, 326).
131

riO sd SEGRETO

132

In Eccli si trova un pi. denominativo di sd (Eccli


7.14) e un hitp. (8,17; 9,3.14; 42,12). Si possono ag
giungere ancora i nomi propri Sdi (Num 13,10) e
Besdej (Neem 3,6; cfr. Noth, IP 32.152).

2/ La voce sd attestata complessivamente


21x, 8 delle quali negli scritti sapienzali (Prov
5x, Giob [incl. 29,4] 3x, manca in Eccle), Gx in
Sai, 4x in Ger e lx ciascuno Gen, Ez e Am. Se
si esclude una sola eccezione, il termine as
sente dal Pentateuco, mentre manca del tutto
nellopera dtr. e in quella del Cronista, nonch
negli scritti apocalittici (in Dan per si ha 5x
laram. bibl. rz mistero , tradotto dai LXX
con (j.u(7TT|pLov; vd. st. 5).
3/ La voce sd testimoniata solo al sing.; 2x
sogg. (Sai 25,14; Prov 3,32, in frase nomina
le) e 6x complemento oggetto (Am 3,7; Sai
83,4; Prov 25,9, in frase verbale, cfr. anche Sai
55,15; inoltre Prov 11,13; 20,19 in frase nomi
nale) di cui 4x con glh rivelare (2x ciascuna
al qal e al pi., cfr. Jenni, HP 202s.). in Giob
29,4 pu trattarsi di un errore del testo, cfr.
BH3 e p.e. Fohrer, KAT XVI,402.
Dal punto di vista semasiologico la voce sd
ha un arco relativamente ampio di significati.
Alluso concreto del termine, in cui predomina
il sign. riunione / circolo , si aggiunge
come parte integrante ed essenziale un impiego
ampliato riferito sia alluomo sia a Dio; vanno
rilevate in particolare applicazioni astratte
come ad esempio decisione oppure segre
to , diventate anche assai rilevanti da un pun
to di vista teologico (vd. st. 4).
Lipotesi di una radice sud riunirsi potreb
be corrispondere pi direttamente alluso c o nc r e t o di sd\ infatti sd significa anzitutto
diversi tipi di incontro. In riferimento alluomo
non si tratta tanto di libera riunione di adulti
durante il tempo libero nel villaggio (L.Khler, Der hebrische Mensch, 1953, 90), quanto
invece di incontri di uomini in qualche modo
legati tra loro; si parla dunque di una stretta
cerchia di uomini che si riuniscono (Sai 55,15;
Giob 19,19, cfr. Fohrer, KAT XVI,307; cer
chia di fiducia; cfr. Gcmscr, HAT 16, 32);
tra loro si instaura f. la. un clima di allegra
compagnia (Ger 15,17; il contrario : starse
ne seduto in solitudine). Nellespressione
cerchia dei malvagi (sd n fr'lm , Sai 64,3)
il termine ha unaccezione negativa (per i loro
attacchi ai timorati di Dio vv. 4ss.; cfr. 1,1;
31.14). Un impiego ampliato anzitutto quello
antico e collettivistico per designare il conve
gno di due trib in Gen 49,6 (par. qhl as
semblea, comunit),nonch quello pi recen
te riferito ad Israele (Ez 13,9) e alla comunit
del tempio (Sai 111,1; vd. st. 4), e tale anche
luso generale per indicare una quantit, come
in Ger 6,11 ( cerchia dei giovani = i giovani
in generale opp. nella loro totalit; forse an
133

rio sd SEGRETO

drebbe collocato in questo contesto anche Sai


64,3). Quando si parla del consiglio celeste di
Dio, lo si intende parimenti in forma concreta
(cfr. H.W.Robinson, JThSt 45, 1944, 151-157;
vd. st. 4).
Pi significativo delluso concreto della parola
potrebbe tuttavia considerarsi quello a s t r a t
to; lelemento determinante in questo caso non
la riunione o la cerchia in s, ma il collo
quio che vi si tiene e in particolare la deci
sione / disegno che matura in questo collo
quio (vd. sp. I per i termini affini in sir. e
arab.; cfr. G.Fohrer, FS Thomas 1968, 103). In
Prov 15,22 sd colloquio unito ai termini
maffsbt piani e j a?lm consiglieri
(cfr. P.A.FI. de Boer, SVT 3, 1955, 43ss.; sul
laspetto politico cfr. W.McKanc, Prophets and
Wise Men, 1965, 55ss.l24; e ancora Prov
11,14; 20,18; 24,6). Nella tradizione sapienzia
le pi antica vigeva inoltre la regola che le
cose dette in segreto non dovessero trapelare,
per cui sd assunse il sign. di segreto (Prov
11,13; 20,19, cfr. Jenni, HP 202s.; 25,9 in con
testo di ammonimento). In accezione negativa,
dei nemici di Jahwe si dice che tengono un
colloquio pieno di astuzia (Sai 83,4a; par.
-/ hipt. consigliarsi, cfr. v.6; Sai 2,2). Da
un punto di vista teologico sono rilevanti so
prattutto le affermazioni sulla decisione/piano
di Dio (vd. st. 4).

4/ Luso teologico specifico si delinea gi net


tamente quando sd coinvolto nel carattere

religioso della comunit umana; nel significato


di comunit sd pu indicare o anche desi
gnare espressamente sia, dal lato negativo, un
impedimento, sia, da quello positivo, unaper
tura alla vera comunit di Dio, intesa essen
zialmente in senso religioso.
Questo avviene su un piano religiosamente ne
gativo quando si parla della cerchia e dei dise
gni dei malvagi in Israele o dei nemici fuori di
IsraeJe (Sai 64,3; 83,4, vd. sp. 3) oppure quan
do nelloracolo profetico del giudizio la man
canza di comunione dei Falsi profeti con il po
polo di Dio viene indicata con non andare
nellassemblea del mio popolo (besd amml)
Ez 13,9 (par. non essere scritti nel libro della
casa dIsraele e non entrare nel paese dI
sraele; cfr. Zimmerli, BK XIII,292s.: essi
dovranno essere esclusi dalla cerchia intima
del popolo di Dio), Invece la comunit ( d,
termine parallelo; cfr. Sai 1,5) come consesso
dei giusti (~*jsr 3b) il luogo dove si rende
lode a Jahwe Sai 111,1. Cos anche in Prov
3,32, nella sezione teologica del libro, si dice
che Jahwe ha con i giusti ( cet-jesrm) una
fiduciosa amicizia (sd) (contrario: abo
minio per Jahwe; cfr. W.McKane, Proverbs,
1970,300s.), nel difficile passo di Sai 25,14
(vd. sp. I) c un riferimento simile ai tim o
rati (di Jahwe) (par. berlt alleanza ; secon
134

do Kraus, BK XV,212, sd la decisione


di Jahwe che indica la condotta da tenere).
Dato che sd usato per indicare F assem
blea celeste di Jahwe e la sua divina dccisione/piano/segreto , e per questo stato mes
so in relazione al suo operare e al suo essere, il
termine ha assunto un valore essenziale nello
sviluppo e nella determinazione dei tratti sa
lienti del concetto vtrt. di Dio.
La confessione di Sai 89,8 secondo cui Jahwe
un Dio tremendo nella grande cerchia/assem
blea dei santi (besd qcdslm rabb, cfr.
BHS), fa riferimento al suo seguito, con affer
mazioni analoghe (accanto ad un pi generico
tutto il suo seguito, cfr. nellassemblea dei
santi e tra gli esseri divini , w . 6s.; Sai
82,1 D io si alza nellassemblea divina, giudi
ca in mezzo agli dei, cfr. v. 6), per cui con
una fraseologia varia, che il risultato di una
lunga polemica religiosa, sorta lidea di una
posizione eccelsa ed impareggiabile di Jahwe
nella cerchia degli esseri divini (cfr. G.Cooke,
ZAW 76, 1964, 22-47; inoltre W.Herrmann,
ZRGG 12, I960, 242-251; H.-P.Miiller, ZNW
54, 1963, 254-267; W.H.Schmidt, Konigtum
Gottes in Ugarit und Israel, 1966, 26ss. ecc.).
Pur nella sua maest Jahwe si consiglia con la
sua corte (IRe 22,19-22; vd. inoltre Cooke,
l.c.). In Geremia un criterio per stabilire la
vera profezia costituito dal fatto che il profe
ta ha assistito al consiglio di Jahwe (Ger
23,18.22); egli pu essere il messaggero della
parola di Jahwe (23,2ls.; cfr. Is 6; E.C.Kingsbury, JBL 83, 1964, 279-286) solo quando Dio
gli ha rivelato la sua decsione/disegno/segreto (Am 3,7; cfr. W.H.Schmidt, ZAW 77,
1965, 183-188). Anche la sapienza si ottie
ne nel consiglio di Dio (Giob 15,8).
5/ Negli scritti di Qumran il nome sd, alter
nato con jswd (13x), attestato pi di 40x (del
le quali circa 30x in IQH; vd. Kuhn, Konk.
90.150; RQ 14, 1963, 212).
Nei L)(, dove manca Prov 20,19 e Prov 25,9
presenta unaltra lettura, sd reso con 12 pa
role gr. ((ouXt) 4x, cfr. G.Schrenk, art. 0ouXt|,
ThW 1, 631-636 = GLNT 11,311-324; cruvSpiov,
cfr. E.Lohse, art. cnjvSpiov, ThW VII,858-869;
le restanti voci sono attestate lx ciascuna). Sor
prende la duplice resa in Prov 11,13 ({ouXq v
oTjveSpifj). Si aggiunga ancora la resa con tccuSeta, clie ricorre due volte (Ez 13,9; Am 3,7;
forse stato letto erroneamente jissr punizio
ne; cfr. inoltre G.Bertram, FS Kriiger 1932,
48s.; id., ThW V,610 = GLNT IX , 149). La tra
duzione p .uo T T )pio v non attestata (cfr. per
G.Bomkamm, ThW IV, 820 = GLNT VII,677;
RE.Brown, CBQ 20, 1958, 417-443).

M. Scebo

135

110 sm ALLONTANARSI
1/ La radice sur attestata in ebr., medioebr.
e fen. pun. (jif. allontanare, DISO 191; KA1
nr. 10, r.l3s.; nr. 79, r.7). Cfr. anche lacc.
sru girare, ballare (AHw 1031 b).
Un verbo dal significato simile zr II voltarsi
(-*z<r I). Incerto sur di Os 9,12 nel quale GB 78 la
e altri vedono una scrittura irregolare di sur (cfr.
WolfT, BK XlV/1, 208; Rudolph, KAT X III/I, 182).

NellAT sfir attestato al q. allontanarsi,


afilli, ordinare che qualcuno si allontani =
allontanare, allho. venir allontanato e al
poi. scompigliare (Lam 3,11); si ha anche
agg. verbale sur rinnegato e il sost. sar
cessazione, abbandono (solo Is 14,6).
Sono sorprendentemente numerose le difficolt te
stuali del TM nei passi dove compare sur (cfr. f. la. i
dizionari e BH 3 per Es 14,25; ISam 21,7; 22,14;
2Sam 7,15; 22,23; Is 17.1; 22,3; 49,21; Ger 2.21;
6,28; 17,13; Os 4,18; 7,14; Giob 15,30b; 2Cron
35,12).

2/ Nei 299 passi attestati (q. 159x, hi. 134x,


ho. 5x, poi. lx; incl. sur di Os 9,12; esci. 2Re
11,6 txt? nome proprio; Es 8,27 considerato
come hi. con Lis. e non come q. con Mand.) il
verbo non presenta particolari concentrazioni
(q.: 2Re 2lx, Giud e Prov 14x ciascuno, ISam
13x, Deut 12x, Is lOx; hi.: Is e 2Cron 13x, 2Re
llx). Lagg. sur attestato 3x (ls 49,21 txt?;
Ger 2,21 txt?; 17,13 Q), il nome sar lx.
3/ U significato fondamentale di sur deviare
dalla direzione presa (ISam 6,12) ha subito
notevoli sviluppi. Il campo semantico va dal
sign. andar via a quello di entrare.
possibile evidenziare quattro direzioni di signi
ficato: (I) allontanarsi (in forma assoluta
Giud 14,8 oppure con min Es 32,8 ecc.); (2)
abbandonare (con min ISam 15,6, con
m'al Num 12,10 ecc.); (3) evitare (Lam
4,15); (4) volgersi (con 'cel Gen 19,2s., /*
Giud 20,8, sm(m) Giud 18,3.15, 'al IRe
22,32). I valori delPhi. seguono in prevalenza
la (2): abbandonare, rimuovere, eliminare .
Il verbo pu trovarsi con diversi soggetti; in
prevalenza sono persone (vd. i dizionari per i
1 particolari).
Molto alfini per significato sono ith allontanarsi
(con min [Prov 4,15] e cel [Prov 7,25]; in Num
5,12.19.20.29 usato in senso traslato) e mUs cede
re (20 x con la controversa assegnazione a ms/mls
q. e hi. [cfr. GB 408s. con KBL 506b e Zorell 421],
in Mi 2,3 sicuramente hi. far ritirare, allontana
re ).

4/ Come tale sur non ha uno specifico valore


teologico; si trova per spesso in contesti teolo
gici ben definiti. E comprensibile che quando
n 0 sur ALLONTANARSI

136

r6o sih PERDONARE

Jahwe soggetto il verbo si trovi di preferenza


allhi. (b) e non al qal (a), per il valore intran
sitivo che questultimo comporta.

1/ slh, che in ebr. significa solo perdonare,


rimettere, un verbo che appariene al semiti
co comune. In acc. significa aspergere (testi
in J.J.Stamm, Erlsen und Vergeben im AT,
1940, 57; AJlw 1013) e questo potrebbe essere
il suo significato concreto originario. Tale va
lore conservato anche in aram.-sir. dove il
verbo ha la forma zlh, con cambiamento della
sibilante, e il sign. annaffiare, versare
(Stamm, 1.c. 58 n.2). Il corrispondente et. zlh
tradotto da Dillmann 1034 con haurire.

a) Jahwe stesso si ritira da un uomo: si veda il


caso di Sansone (Giud 16,20) e di Saul (ISam
18,12; 28,15.16); lo spirito di Jahwe si ritira da
Saul (ISam 16,14). Si possono vedere anche le
affermazioni secondo le quali la mano di Jah
we non si ritira (ISam 6,3), Jahwe non ritrae il
suo favore (2Sam 7,15) e la sua gelosia viene
meno (Ez 16,42).
11 verbo usato pi spesso per indicare la con
dotta del popolo opp. dellindividuo nei con
fronti di Jahwe. La sua presenza caratteristi
ca nella terminologia dtn.-dtr. (cfr. N.Lohfmk,
Das Hauptgebot, 1963, 71s.): rinnegare
Jahwe (ISam 12,20; cfr. Ger 5,23; 17,5; Ez
6,9; Giob 34,27; 2Cron 25,27), abbandona
re la via che Jahwe ha comandato (Es 32,8;
Deut 5,32; 9,12.16; 11,28; 31,29; cfr. Gios 1,7;
Giud 2,17), allontanarsi dalla legge (misw
Deut 17,20; dbr Deut 17*11; 28,14; huqq
2Sam 22,23), dal libro della legge (Gios 23,6).
In 2Re (2Cron) il verbo impiegato nel con
testo del giudizio sui re che non si allontana
no dal peccato (2Re 10,29.31; 13,2.6 ecc.),
dalle alture (14,4; 15,35 ecc.). Lespressione
sur mra' evitare il male tipica del lin
guaggio sapienziale (Sai 34,15; 37,27; Giob
1,1.8; 2,3; 28,28; Prov 3,7; 13,19; 14,16;
16,6.17).
b) In circa 40 passi con sur hi. lagente dcllazione Jahwe/Dio, soprattutto nei libri storici
e profetici, meno in Sai e Giob. Mentre nei
primi lazione di Jahwe rivolta prevalente
mente contro oppure a vantaggio di Israele/
Giuda, in Sai e Giob ci vale per la singola
persona.
Per la condotta del popolo opp. dellindividuo
sur hi. non ha incidenza specifica. Lo si trova
con una certa regolarit nei contesti relativi alleliminazione dei santuari delle alture, degli
altari e delle massebe di Baal (soprattutto 2Re
e 2Cron; in 2Re 18,22 = Is 36,7 sono quelli di
Jahwe). Vi forse qui una connessione termi
nologica con linvito alla rinuncia di Gen 35,2
e Gen 24,14.23 (cfr. Alt, KS I, 79-88), cui il
verbo appartiene? Va ancora ricordato che sur
ha una frequenza particolare nel rituale del sa
crificio di Lev 3; 4 e 7, quando si prescrive di
staccare il grasso delle vittime sacrificali (R.
Rendtorff. Studien zur Geschichte des Opfers im
Alten Israel, 1967, 157s.).

Quanto allug., nel testo rituale nr. 9 (= Herdner,


CTA nr. 36), r.l si trova lespressione slfj nps.
C.H.Gordon, Ugaritic Literature, 1949, 111, lo tra
duce con forgiveness of Soul , ma per il contesto
lacunoso il significato resta incerto. In UT nr. 1757
Gordon prende in considerazione anche la traduzio
ne aspergere, oltre la precedente, per cui anche in
ug. avremmo lantico sign. concreto. Scartando Pebr.
slh J.Gray, SVT 15, 1966, 191, collega lug. slh con
un verbo arab. si/} spogliare e concludere
W US nr. 1914 non d alcuna traduzione di sl(j.

NellAT slh attestato al qal e al ni. Solo rara


mente e in scritti recenti sono attestati Pagg.
sallh pronto (abitualmente) a perdonare
(Sai 86,5) e il sost. astratto sclih perdono,
remissione (Sai 130,4; Dan 9,9; Neem 9,17).

1
1

Alle attestazioni del qal si pu ancora aggiungere il


nome proprio pi volte citato nei papiri di Elefanti
na Jslh (= Jislah) (cfr. Cowley 29la; BMAP 306a).
Noth, IP 210s., io interpreta come un nome augura
le: (la divinit) perdoni . Ma pu trattarsi anche di
una dichiarazione (di ringraziamento): Egli (Jahwe)
ha perdonato ; pu riferirsi ad un peccato le cui
conseguenze i genitori hanno percepito attraverso un
lungo periodo di sterilit oppure attraverso una grave
malattia di colui che porta il nome, e dalle quali or
mai si sono liberati. Cfr, anche Huffmon 43.246.

2/ Dati statistici: slh q. compare 33x (Ger e


2Cron 6x. ciascuno, Num e IRe 5x ciascuno,
2Re 3x, Sai 2x, Es, Deut, Dtis, Am, Lam e
Dan lx), ni. 13x (Lev lOx, Num 3x), sallh lx,
setih 3x.

3/ a) NelPAT slh lunico termine per


perdonare (cfr. Khler, Theol. 208, e
Th.C.Vriezen, art. Sundenvergebung im AT,
RGG VI,507-511). Il soggetto soltanto Jah
we; in qal esplicito, ma, pur in modo indiret
to, anche al ni. Jahwe inequivocabilmente il
soggetto nelle cd. formule kippeer di Lev e
5/ Nei LXX sur non ha un equivalente speci
Num: in esse infatti in vfnislah lo/lham e
fico. Il verbo tradotto nelle sue diverse forme
gli/loro sar perdonato ci si riferisce a Jahwe
ricorrendo a pi di 50 vocaboli. Nei testi di
e non al sacerdote che procura la riconciliazio
Qumran prevale un impiego teologico che si
ne (cfr. per questa formula e la sua struttura
collega ai valori (1) e (2) (vd. sp. 3) e ricorda la
fondamentale, presente f. Ia. in Lev 4,31 E il
termi oologia dtr. (vd. sp. 4a).
sacerdote far per lui il rito espiatorio e gli
S.Schwerlner
137 rO slh PERDONARE

138

sar perdonato, R.Rendtorff, Die Gesetze in


der Priesterschrift, 21963, 76).
Possiamo chiederci se questa particolare carat
teristica terminologica del verbo sia il vero
motivo per cui esso usato solo raramente per
indicare il perdono non concesso (Deut 29,19;
2Re 24,4; Ger 5,7; Lam 3,42). In effetti il ver
bo usato molto di pi per indicare il perdono
accordato sia per lintercessione del sacerdote
(Lev 4-5; 19,22; Num 15,25s.28) sia senza di
essa (Num 14,20; 30,6.9.13; 2Cron 7,14). Un
po meno frequente limpiego di slh negli in
dirizzi di augurio o di preghiera (cos in Es
34,9; Num 14,19; IRe 8,30.34.36.39.50 =
2Cron 6,21.25.27.30.39; Am 7,2; inoltre 2Re
5,18.18; Sai 25,11; Dan 9,19). slh ancora at
testato nella promessa profetica rivolta al tem
po futuro (Ger 31,34; 33,8; 50,20), e nei profe
ti pu essere anche il contenuto di una possibi
lit offerta da Jahwe al popolo nel presente
(Ger 5,1; 36,3; ls 55,7). Negli inni di lode il
verbo compare soltanto in Sai 103,3; in com
penso si trovano usati in quei contesti lagg.
sallh (Sai 86,5) e il sost. setiha (Sai 130,4;
Dan 9,9; Neem 9,17).
b) Le 46 occorrenze di slh indicano che il ver
bo non frequente, ed esso compare molto
meno di quanto ci si attenderebbe dallimpor
tanza che assume ncIFAT il messaggio del per
dono (cfr. Eichrodt III, 308ss.). In effetti lo spe
cifico slh richiama diverse espressioni che gli
equivalgono come ampiezza di significato: co
prire o espiare il peccato (-kpr pi.), toglierlo
(~+njr), lasciar passare (-'r), ripulire, lavare,
purificare, non ricordare pi. A queste espres
sioni fisse che, come slh, provengono quasi
sempre dai riti del culto, fanno riscontro alcu
ne locuzioni metaforiche. Jahwe allontana i
peccati (Sai 103,12), li getta dietro le spalle (Is
38,17) o nel profondo del mare (Mi 7,19). Irf
questa serie va ricordato anche il verbo -+rp'
guarire , perch spesso significa una comple
ta restaurazione delluomo, la quale compren
de anche leliminazione del peccato (cos Is
57,18; Ger 3,22; Os 7,1; Sai 41,5; 107,20;
147,3; ni. Is 53,5; i verbi e le espressioni citate
sopra sono trattati in J.J.Stamm. Erlsen und
Vergeben im AT, 1940, 66ss., e de Th.C.Vriezen, RGG VI,508). Come si rilever anche in
seguito (vd. st. 4), lAT non intende il perdono
nel senso moderno di esperienza spirituale;
invece un fatto concreto, ampio, che interessa
anche i rapporti esterni dellindividuo o della
comunit. Pu essere questo il motivo per cui
slh, divenuto concetto astratto, non ha potuto
soppiantare le espressioni metaforiche. Da que
ste ultime possono a volte trarre il sign. per
donare i verbi ns' ( wri) togliere (i pecca
ti) e kpr pi. coprire, espiare. Per ns'
('wdn) nel sign. di perdono da parte di Dio
cfr. Es 32,32; 34,7; Num 14,18; Gios 24,19; Os
139

14,3; nel sign. di perdono da parte delluomo


cfr. Gen 50,17; Es 10,17; ISam 15,25; 25,28.
Per kpr pi. perdonare cfr. Ez 16,63; Sai
65,4; 78,38; 79,9; 2Cron 30,18; pu. Is 22,14.

4/ a) Come mostrano i dati statistici, slh

presente soprattutto nelle p r e s c r i z i o n i


s u i s a c r i f i c i di Lev e Num, e la cosa
ben motivata. In queste prescrizioni il verbo ha
la sua parte nella cd. formula kippcnr e il sa
cerdote far per lui/loro il rito espiatorio e sar
a lui/loro perdonato (vd. a proposito gi so
pra 3a). La prima proposizione riassume i riti
sacrificali e purificatori dei sacerdoti, mentre la
seconda esprime la loro accettazione da parte
di Dio. La successione delle due proposizioni
sorprendente, ma non il caso di concludere
con S.Hemer, Shne und Vergebung in Israel,
1942, 3, che con il ricorso allazione espiatrice
il perdono ha perso lautentico suo carattere.
Al contrario, necessario considerare lintero
contesto, come fa Eichrodt 111,309: i riti di
espiazione sono un mezzo ordinato da Dio
stesso per togliere i peccati e ricevono la loro
efficacia non tanto da una propriet loro in
trinseca per natura quanto per lefficacia data
loro da Dio... Cos il concetto di espiazione ha
acquisito un carattere eminentemente persona
le; lespiazione non una rimozione del pecca
to indipendente dal suo perdono, ma semplice
mente uno strumento del perdono .
Legata ad unistituzione del culto, lespiazione
che portava al perdono era esposta allabuso
egoistico e allesteriorit. Per evitare questo pe
ricolo i delitti da espiare - forse nel senso di
una riduzione intenzionale - erano limitati ai
peccati dovuti ad errore (cfr. Eichrodt 111,311).
Una difesa contro labuso di cui si detto po
teva essere costituita anche da una confessione
della colpa, richiesta a intervalli regolari.
Qualcosa di simile compare solo in Lev 5,5 (e
16,21) in rapporto col sacrificio espiatorio. Si
tratta di un fatto abbastanza sorprendente e
forse pu essere spiegato con Vriezen, RGG
VI,509, nel senso che l offerta dei sacrifici
per il peccato e per la colpa presuppone co
munque una confessione dei peccati o la inclu
de.
Tra gli ordinamenti del culto possiamo annoverare
anche le disposizioni relative allobbligatoriet dei
voti delle donne (Num 30,2-12). Nella pericope
promesso il perdono di Jahwe alla donna che rinun
cia ad un voto perch n il padre n il marito lo ri
conoscono. Secondo il testo si tratta di una promessa
indipendente dal sacrificio e dalla mediazione sacer
dotale. Il motivo solo da riscontrarsi nella posizio
ne subordinata della donna. Si giustifica in questo
caso la scelta di Khler, Theol. 208, che traduce slh
con la perifrasi usar indulgenza .
In una delle sezioni pi recenti del Deut
(28,69-29,28) si minaccia la maledizione per il caso
di disobbendienza, e tra le varie affermazioni o con
seguenze si dice anche che Jahwe non consentir a

r o slh PERDONARE

140

perdonare (29,19); si tratta di una dura minaccia, la


quale non esclude per che in u naltra sezione del
Deut (cap. 30) e nella letteratura dtr. (IR e 8,14ss.)
si prospetti la conversione con relativo perdono
(vd. st. b).

b) Vicine al culto e con esso pi o meno colle


gate sono le p r e g h i e r e dei salmi (25; 86;
103; 130) nonch le preghiere in prosa di IRe
8 (=2Cron 6), Neem 9 e Dan 9.
La limitazione a soli quattro passi nei salmi ci
conferma ancora una volta (vd. st. 3b) che slh
solo uno fra i tanti verbi che indicano il
perdonare, tant vero che nel Sai 25 lin
vocazione del v. 11 per il tuo nome, Jahwe,
perdona il mio peccato, anche se grande!
preceduta nel v. 7 dallimplorazione perch
Jahwe non si ricordi pi dei peccati della gio
vinezza ed seguita nel v. 18 dalla richiesta
che Jahwe perdoni tutti i peccati. Consapevole
che la potenza del peccato supera la singola
azione e condiziona la propria vita, il salmista
affida la sua preghiera (v. 11) soltanto al nome
di Jahwe, cio alla rivelazione di Jahwe che ha
come obiettivo la sua gloria (cfr. Kraus, BK
XV,211). Il perdono in questo caso dato da
quanto fanno intravedere le preghiere dei vv. 4
e 5: una nuova vita secondo gli ordinamenti
efficaci del popolo dellalleanza.
Diversa lintroduzione del Sai 103 (vv. la e
3): Benedici, anima mia, Jahwe..., che ha
perdonato tutti i tuoi peccati, che ha guarito
tutti i tuoi malanni... . In questo caso la gua
rigione unattestazione del perdono concesso
al salmista, e del resto il rapporto tra guarigio
ne e perdono avvertito fortemente in tutto
lAT (cfr. al riguardo Stamm, Le. 78ss.). Infatti
chi veniva guarito non solo ricuperava la salu
te fisica, ma era riportato dalla sfera della mor
te alla vita, per celebrare Jahwe assieme alla
comunit (cfr. Ch.Barth, Die Errettung vom
Tode in den individuellen Klage- und Dankliedem des AT, 1947, 146 ss.).
Nella dichiarazione di fiducia del Sai 86,5 Jah
we definito buono e disposto al perdono
(tb y^sallH)\ in Neem 9,17 cc qualcosa di si
mile nelle parole: Ma tu sei un Dio del per
dono ( ,n!lfah sclhot). Anche qui si riprende,
pur con qualche variante e attualizzandola per
lorante, lantica formula di grazia di Es 34,6s.;
Num 14,18, e lo stesso avviene nei passi, anchessi tardivi, di Sai 86,15 e 103,8.
Anche in Sai 130,4 si ha una dichiarazione di
fiducia: Ma presso di te il perdono, affinch
ti si tema . Ci che angustia il salmista ac
cennato al v. 1 con il termine profondit
(plurale). Queste ultime descrivono il fatto che
luomo esposto al peccato (v. 3) e m pari
tempo definiscono langustia che opprime lo
rante. Con il perdono ed attraverso di esso il
salmista otterrebbe la salvezza dalle ferite in
teriori ed esteriori, e questa concezione non
in contrasto con lelevatezza del salmo, spesso
141

rO slh PERDONARE

sottolineata (cfr. C.Westermann, Forschung


am AT, 1964, 241). La motivazione affin
ch ti si tema va riferita al tempo dopo la li
berazione, quando lesaltazione degli eventi ac
caduti porter a Jahwe nuovi adoratori (cfr. Sai
22,23-25).
Tra le preghiere in prosa abbiamo citato sopra
Neem 9,17. Affine a quel passo Dan 9,9,
dove in unampia confessione di colpa la pro
pria caduta confrontata con la misericordia e
la disponibilit divina al perdono (scliht). Il
binomio misericordia e disponibilit al perdo
no costituiscono la confessione fondamentale
dellAT - che gi determina la formula di gra
zia di Es 34,6s.; Num 14,18 - secondo la quale
non pu esserci perdono senza misericordia.
la stessa espressione degli inni di Qumran
quando pi volte presentano la combinazione
misericordia e perdono (cos IQH
7,18.30.35; 9,34; 10,21; 11,9.3Is.)Nella grande preghiera dtr. per la dedicazione
del tempio in IRe 8,14-66 (2Cron 6,3-42) la
domanda di perdono attestata cinque volte, e
il perdono di regola non comprende soltanto
lannullamento dei peccati, ma allo stesso tem
po lallontanamento della punizione sperimen
tata in una sofferenza. la concezione dtr. del
peccato, che troviamo attestata anche in Giud
2; ISam 7; 12; 2Re 17: per questo autore la
confessione dei peccati opp. limplorazione e la
conversione precedono la domanda di perdono
(cos vv. 33s.35s.37-40.48; cfr. al riguardo
H.W.Wolff, Das Kerygma des dtr. Geschichtswerks, ZAW 73, 1961, 171-186, particol.
177ss. = GesStud 308-324, particol. 314 ss.).
Singolare e senza paralleli c invece in 1Re 8,30
il rapporto tra ascolto della preghiera e perdo
no dei peccati. Questo rapporto comunque ha
per presupposto la coscienza gi tipica del
Deuteronomista secondo cui il peccato una
potenza che si manifesta nella storia del popolo.
Della preghiera contenuta in Dan 9,4-14 ricor
diamo ancora linvocazione: Signore, ascolta!
Signore, perdona! (v. 19). Nel v. 18 detto
che il perdono da ricercarsi esclusivamente
nella misericordia di Dio (cfr. a proposito Plger, KAT XVIII, 138; ibid.139 sul problema
delloriginalit della preghiera nel presente
contesto).
Solo una volta, nellambito della poesia cultua
le, si ricorre a slh per indicare il perdono che
Dio ha rifiutato, cio in Lam 3,42: Abbiamo
peccato e siamo stati ribelli, perci tu non hai
perdonato . Si tratta di un brano della la
mentazione collettiva (Lam 3,42-47) nella
quale la comunit riconosce apertamente i mo
tivi della sofferenza che langustiano. E una
confessione che ha presente la minaccia profe
tica del giudizio e la visione storica dtr.
c) Nei p r o f e t i slh attestato anzitutto nel
lintercessione di Amos (7,2); Signore, Jahwe,
142

Tuttavia il profeta non ricorre al verbo slh per


perdona! Come potr resistere Giacobbe, cos
parlarne.
Per due volte (Is 43,25; 44,22) al suo
piccolo com? . Gli effetti dellintercessione
posto usa la metafora del cancellare i peccati
non saranno tuttavia il perdono dei peccati del
(mhh psa'), unimmagine che in parte c deri
popolo, ma un cambiamento di intenzioni da
vata dalla sfera del diritto - cancellazione dei
parte di Jahwe (v. 2), per cui egli differir an
peccati dal libro delle colpe di Jahwe - e in
cora limminente castigo.
parte da quella del culto con le sue abluzioni
Dopo Amos ricordiamo Geremia, il profeta
(cfr. al riguardo Stamm, l.c. 73s.).
che usa pi di frequente slh, Con questo verbo
il profeta afferma due volte (5,1; 36,3) che il
In Is 55,7 linvito rivolto allempio perch ab
bandoni la sua strada si fonda sul richiamo
perdono una possibilit ancor presente in
alla disponibilit di Dio a perdonare, espressa
Dio. Secondo Am 5,1, che forma una sezione
con il verbo slh. Si discute se il versetto appar
unitaria con 5,1-6, la possibilit esisterebbe se
tenga al Dtis. Mentre J.Begrich, Studien zu
in Gerusalemme si potesse trovare un solo giu
Deutorojesaja, 1938, 50s., ritiene che Is 55,6 e
sto (cfr. in proposito H J. Boecker, Redeformen
des Rechtslebens im AT, 1964, 154), mentre
7 siano un ammonimento autonomo e origina
secondo 36,3 il perdono sarebbe invece la ri- I le, Westermann, ATD 19, 230 = ital. 344, con
sidera Is 55,6-11 una sezione unitaria dove
sposta divina alla penitenza suscitata dalla pa
rola del profeta. Poich Geremia, nei primi
per il v. 7 rappresenta unaggiunta che inter
rompe la continuit tra il v. 6 e il v. 8. Sebbe
tempi, solo occasionalmente - p.e. 4,14 - invi
ne una volta abbia seguito Begrich (Stamm,
ta alla penitenza, pu darsi che in 36,3 e 7
lintenzione del profeta sia stata riportata un
l.c. 52). ritengo oggi che si debbano riconosce
re i motivi addotti da Westermann. Cos slh re
po superficialmente (cos A.Baumann, ZAW
sta escluso dal linguaggio del Dtis.
80, 1968, 369). In base alla tradizione pi anti
ca (cfr. Es 34,6ss.) il popolo faceva troppo affi
damento sulla disponibilit di Jahwe a perdo
d) Se prendiamo in ordine cronologico i passi
nare. un equivoco che il profeta combatte in
relativi ai libri s t o r i c i , la precedenza pu
5,7-11, motivando limpossibilit attuale del
essere data a 2Re 5,18. Il desiderio di Naaman
perdono con lapostasia e limmoralit domi
che Jahwe lo perdoni quando si prostra da
nante.
vanti al dio Riminon, quando entra nel tempio
Se consideriamo Ger 29,1-14 e 32,1-15 possia
insieme col suo signore. Con lespressione un
mo dire che il Geremia degli ultimi anni ha
po generica lek Fslm Va in pace! oppu
dato alla speranza una dimensione pi marcata
re Su, coraggio! (cfr. al riguardo Stamm,
che non in precedenza (cfr. von Rad II,220ss. =
l.c. 48 n.5) Eliseo non promette il perdono al
ital. 11,25lss.). Infatti il perdono contemplato
lospite in modo diretto; gli fa sperare invece
da Ger 31,31 -34 si rivela ora anche come pro
una certa indulgenza da parte di Jahwe (cfr.
messa. Elargito da Jahwe, il perdono il pre
Khler, Theol. 208).
supposto della vita nella nuova alleanza, dove
Seguendo il criterio dellantichit possono esse
regner solo lubbidienza libera, e, per cos
re citati a questo punto i passi relativi al Pen
dire, naturale. E accertato ormai che Ger
tateuco (Es 34,9; Num 14,19s.), perch non ap
31,31-34 c tramandato nella rielaborazione dtr.
partengono allo strato iniziale delle fonti pi
e non una parte originaria del cd. libretto
antiche J ed E (per Es 34,6a(3b.7.9 cfr. Noth,
delle consolazioni . Ci non esclude tuttavia
ATD 5, 213.214s. = ital. 323.324ss.; per Num
che il contenuto fondamentale della pericope
14,11-25 cfr. Noth, ATD 7, 91.96s.). Il pecca
possa appartenere a Geremia (cfr. da un lato
to di cui Mos chiede perdono in Es 34,9 si ri
P.Buis, La nouvelle alliance, VT 18, 1968,
ferisce allapostasia del vitello doro (cfr. al ri
1-15, dallaltro S.Herrmann, Die prophetschen
guardo Eififeldt, KS IV,234 n. 2). Nella mente
Heilserwartungen im AT, 1965, 179ss. e
di colui che ha aggiunto il v. 9 tra il v. 8 e il v.
193ss.).
10, la preghiera verrebbe esaudita nel senso
Nella profezia di salvezza di Ger 33,1-13 - che
che Jahwe promette unalleanza. In Num
nei suoi tratti essenziali pu senzaltro risalire
14,19 alla richiesta di perdono segue immedia
a Geremia - il perdono (v. 8) un bene degli
tamente (v. 20) lesaudimento, con il quale si
ultimi tempi, che si manifesta con la restaura
revoca la minaccia dellannientamento del po
zione di Giuda e di Israele (secondo i LXX, di
polo (v. 12), includendo per la punizione del
Gerusalemme). In Ger 50,18-20, testo sicura
la generazione responsabile dellinfedelt (vv.
mente posteriore a Geremia, esso si applica al
21-23a).
resto del popolo rimpatriato dopo la caduta di
Secondo 2Re 24,2a(3b-4 il Dtr. vede negli even
Babilonia.
ti finali del regno di Ioiakim leffetto del
Per il Deuteroisaia salvezza e perdono sono tra
lira di Jahwe per i misfatti di Manasse. La
loro affini, e pi precisamente il secondo fon
loro gravit non permette il perdono (v. 4). Se
damento o presupposto dalla prima. La svol
esso fosse concesso dovrebbe manifestarsi nel
ta del destino di Israele basata sul perdono di
ritiro della punizione dei peccati che pesano da
D io (Westermann, ATD 19, 32 = ital. 29).
tempo sul popolo (cfr. sp. 4b per IRe 8,14ss.).
143

PO slh PERDONARE

144

Il passo pi recente 2Cron 7,14. la promes


sa di Jahwe che perdoner il peccato e risa
ner il paese se il popolo obbedir agli avver
timenti divini e si convertir. 11 v. 14 insieme
con i vv. 13.15 stato inserito dal Cronista
stesso in un racconto ripreso da IRe 9,1-9 (se
conda apparizione di Dio a Salomone in Gabaon), mentre nei vv. 13-15 evidente la rela
zione con la preghiera di Salomone in occasio
ne della consacrazione del tempio (2Cron 6). 11
perdono procura la guarigione (v. 14), cio
il paese sar liberato dalle piaghe che Jahwe ha
mandato: siccit, cavallette e peste. Si ripete
integralmente ancora una volta la concezione
vtrt. del perdono: un atto con cui Dio risponde
alluomo, e che liberando dal peccato ed abo
lendo la punizione realizza anche unampia re
staurazione o rinnovamento.

me esterne ed importanti del perdono, tipiche


dellAT, tendono a scomparire; esse non occor
rono pi perch Ges la certezza del perdo
no.

J,J.Stamm

1 0 0 sm k APPOGGIARE
1/ La radice smk appoggiare attestata in
ebr., aram. (DISO 194; LS 480) e nel sem. me
ridionale (Conti-Rossini 255; Dillmann 335s.).
Oltre al verbo (q., ni., pi.) si trovano nellAT i
nomi propri Semakjhii, Jjsmakjh e
hismk, nei quali appoggiare ha lo stes
so valore di aiutare (Noth, IP 176; testi
monianze extrabibliche: KAI 11,194; Harris
121.127; Cowley 154).

5/ slh e selh si sono conservati nellebr.


postbiblico (p.e. Eccli 5,5 sljhh = ^iXaoTJLq). A
Qumran (Kuhn, Konk. 151b) il verbo atte
Incerta lappartenenza a questa radice delPug. smkl
stato 2x (1QS 2,8; IQH 14,24) e il sostantivo
(secondo
WUS nr. 1923 volta celeste ) e dellebr.
12x (lOx in IQH e lx rispettivamente in IQS
semlc coperta (?) (Giud 4,18; cfr. A.Penna, G iu
2,15 e CD 2,4). Rispetto allAT un po sin
dici e Rut, 1962, 83).
golare la preferenza data alluso del sostantivo
nei confronti del verbo. un fenomeno che si
2/ Il verbo attestato 41x al qal (Lev 14x,
ripete nel neoebr. dove sl'lth, col significato di
Sai lOx), 6x al ni., lx al pi.
scusi!, unespressione molto usata nella
lingua corrente.
3/ a) Il sign. appoggiare in senso letterale
Nei LXX non si imposto un termine unico
attestato in Am 5,19: lesausto appoggia la
per tradurre slh. I pi frequenti sono iX suc;
mano al muro (inoltre vd. st. 4). Spesso la voce
EZvai/iXdaxEcrftai o sim. e cpiivai (cfr. R.Bult usata in senso traslato per dire soccorrere,
mann, art. <p"qiu, ThW 1,506-509 = GLNT
aiutare (Gen 27,37 con cibo e bevande; Is
I,1354-1362;
J.Herrmann-F.Biichsel,
art.
63,5a e Sai 54,6 par. -*'zr aiutare; ls 59,16
DiELoq, ThW 111,300-324 = GLNT IV,951e 63,5b par. -*js' hi. aiutare; Sai 145,14
1012 ).
par. zqp rialzare ). 11 soggetto di queste
Nel NT cpiivai/acpEoiq sono di gran lunga
espressioni spesso Jahwe: lui che sostie
preferiti rispetto agli altri termini. Come nel
ne il giusto e loppresso (Sai 37,17.24;
lAT slh non il vocabolo dominante per indi
119,116; 145,14) e il salmista spera in tale
care il perdono, cos nel NT le voci sopra cita
intervento (Sai 51,14; 54,6; per Sai 3,6 il con
te non esauriscono la terminologia del perdo
tenuto di questo sostegno, secondo le ipo
no, e tra laltro sono assenti in Paolo e in Gio
tesi fatte, sembra unordalia ed un oracolo di
vanni. Entrambi esprimono il concetto in altro
incubazione, cfr. H.Schmidt, Das Gebet des
modo (cfr. Bultmann, l.c. 509 = 1360). Diversa
Angeklagten im AT, 1928, particol. 2 Iss.;
mente da slh (vd. sp. 3a) (plivai ricorre pi
W.Beyerlin, Die Rettung der Bedrangten in
volte con un soggetto umano (p.e. Mt
den Fcindpsalmcn der Einzelnen auf institutio6,12b.l4a; 18,21-35; Me 11,25 ecc.). Come il
nelle Zusammenhnge untersucht, 1970, 75ss.).
verbo ebr., anche quello greco pu indicare il
Altra accezione si ha in Ez 24,2 e Sai 88,8; qui
perdono di Dio (cosi p.e. Mt 6,12a.l4b; Me
il verbo ha allincirca il sign. gravare su qual
II,25;
Le 12,10; Atti 8,22). Superando lAT
cosa (detto di un re nemico che marcia allas
cpiivai/ancate; e altri termini vengono posti in
sedio, dellira di Dio che grava sulluomo).
relazione con la persona di Ges. Ci significa
Il part. pass, smk ha il sign. di fermo, sta
che durante la sua vita Ges aveva il potere di
bile (Is 26,3; Sai 111,8; 112,8).
accordare il perdono di Dio (Me 2,5ss. par.);
con il suo atto salvifico la chiesa ottiene il per
b) Al ni. il verbo significa appoggiarsi in
dono (Ef 1,7; Col 1,14), che a sua volta, attra
senso proprio e traslato (cfr. Giud 16,29 ap
verso di lui, offre o comunica (Mt 26,28; Le
poggiarsi [a colonne], rispetto a Is 48,2; Sai
24,47; Atti 2,38; 10,43; lGv 2,12 ecc.; cfr.
71.6 e 2Cron 32,8 aver fiducia [in Dio opp.
nelle parole di Ezechia]; in 2Re 18,21 = Is
Bultmann, l.c. 509 = I359s.). Secondo Me
2,5ss. la guarigione pu essere ancora segno del
36.6 appoggiarsi ad una canna usato me
perdono ricevuto, ma nel complesso le confer
taforicamente accanto a -*bth confidare).
145 -[DO smk APPOGGIARE

146

Nel pi. il verbo compare una volta con il sign.


rinfrescare (Cant 2,5 par. rpd pi. ristora
re ; cfr. smk q. in Gen 27,37).
c) Significato simile a quello di smk q. si trova nel
verbo s'd q. sostenere, rafforzare, usato nelPAT
solo con valore metaforico ( 12x; come ogg. il regno,
il trono: Is 9,6; Prov 20,28; sostenere il cuore =
rafforzarsi]: Gen 18,5; Giud 19,5.8; Sai 104,15;
senza b IRe 13,7; Jahwe protegge lorante: Sai
18,36; 20,3; 41,4; 94,18; 119,117; aram. pa. soste
nere Esd 5,2; per il non chiaro mis'd IRe 10,12
cfr. Noth, HK IX , 228; per letimologia cfr. KBL
662a. 1103b; lluffm on 245). A smk ni, corrisponde
spesso rpq hitp. puntellarsi, appoggiarsi su (Cant
8,5) e s'n ni. appoggiarsi su (22x, sia in senso let
terale [Giud 16,26; 2Safn 1,6; 2Re 5,18 ecc.; sdra
iarsi appoggiandosi = riposarsi Gen 18,4] sia in sen
so traslato [Num 21,15; par. bth aver fiducia Is
30,12; 31,1 ecc.; appoggiarsi su Jahwe/Dio: Is
10,20b; 50,10; M i 3,11; 2Cron 13,18; 14,10; 16,7.8];
ed ancora i derivati mis'n sostegno [Is 3,1.1; det
to di Jahwe 2Sam 22,19 = Sai 18,19], mas'n e
mas'n [Is 3,1; cfr. Wildberger, BK X,120s.], non
ch miscncet bastone sul quale ci si appoggia

um*

4/ Un particolare ed ampio uso di smk q.


viene fatto nel culto; in questo caso smk deno
ta il gesto di mettere la mano sopra la testa di
un animale o di un uomo. Nel sacrificio cruen
to colui che offre deve eseguire quel gesto pri
ma dellimmolazione (Lev 1,4; 3,2.8.13 ecc.); il
rito previsto in tutte le forme di sacrificio in
cui si uccidono degli animali: per ol olo
causto (p.e. Lev 1,4), z&bah selmim sacri
ficio di comunione (p.e. Lev 3,2), haltt sa
crificio espiatorio (p.e. Lev 4,4). Anche i sa
cerdoti, in particolari circostanze, devono ese
guire il rito e la relativa uccisione della vitti
ma: nel sacrificio per la consacrazione del sa
cerdote (Es 29,10.15.19; Lev 8,22) e nel grande
sacrificio del giorno dellespiazione che in pe
riodo postesi lico si celebra ogni anno (Lev
16,21); in quelloccasione il capro non viene
sacrificato, ma inviato nel deserto e destinato
al demone Azazel. In Num 8,10.12 viene de
scritto un rito un po diverso: nella consacra
zione dei leviti gli israeliti imporranno le mani
ai leviti e questi ultimi a loro volta le impor
ranno alle vittime sacrificali; si afferma in que
sto modo che i leviti sono da ritenersi i primo
geniti di Israele (messi da parte per Jahwe e de
stinati in modo proprio al sacrificio). Quando
il colpevole di bestemmia condotto al patibo
lo, i testimoni prima della lapidazione mettono
la mano sul suo capo (Lev 24,14). Mos impo
ne la mano sul capo del successore Giosu tra
smettendogli le sue funzioni. In questi passi sa
cerdotali si pu parlare di una vera e propria
ordinazione (cfr. E.Lohse, Die Ordination im
Spatjudentum und im NT, 1951, particol.
19ss.; Num 27,18.23; Deut 34,9).
11 contesto comune di tutte queste azioni pu
essere riscontrato nel rapporto intenso di tipo
147

magico che si viene a stabilire tra le due figure


che partecipano al rito (origine storico-religiosa
della magia di contatto, cfr. A.Bertholet, - C.M.Edsman, RGG IV,595ss.; diversamente B.J.
van der Merwe, The Laying on of th Hands
in th OT, OuTWP 5, 1962, 34-43). Questo
rapporto pu concepirsi in pi modi: col tra
sferimento sullanimale sacrificale della propria
colpa per un atto di espiazione (come nel sa
crificio espiatorio e nella espulsione del capro
nel giorno dellespiazione; alcuni ravvisano in
questi atti lorigine del rito, p.e. P.Volz, ZAW
21, 1901, 93-100), oppure col passaggio (come
nellolocausto) dellanimale sacrificale alla di
vinit come dono personale dcHofferente che
si identifica con lofferta, oppure con la parte
cipazione dellofferente alla comunione con la
divinit creata dal sacrificio (come nel sacrifi
cio di immolazione), oppure nella ricaduta del
la maledizione che qualcuno ha ascoltato su
colui che lha emessa, infine con la diffusione
del carisma della guida del popolo. Questultima concezione emersa solo in tempi recenti
(attestata in P per spiegare un ufficio sacerdo
tale in posizione dominante), le altre per pos
sono ritenersi molto antiche (cfr. Elliger, HAT
4, 34).
5/ Per smk nei testi di Qumran e per la tra
duzione dei LXX cfr. G.Harder, art. trrnp^w,
ThW VII,653-657 (= GLNT XII, 1181-1194). Il
rito dellimposizione delle mani ha un certo ri
lievo anche nel NT, soprattutto negli scritti
protocattolici e in particolare nellambito del
rito dellordinazione (Lohse, l.c. 67ss.). Inoltre
limposizione delle mani ha luogo nella santifi
cazione del deloq vrjp, derivando dalla religio
ne ellenistica. Cfr. al riguardo C.Maurer, art.
mTtfrruu, ThW Vili, 160-162.

F Stolz

19 0 sefa r LIBRO
1/ Letimologia del gruppo spr contare,
sfeer scritto, libro e sjer scriba, scritto
re complessa e discussa.

A partire da F.Hommel, N K Z 1, 1890, 69, sefeer era


di preferenza fatto derivare, come prst, dallacc.
sipru spedizione, opera, messaggio (f. gli a. GB
550b; BDB 706b; KBL 1104a e Suppl. 175a; Zorell
560a; LS 493a; WUS nr. 1947; inoltre H.H.Rowley,
BZAW 66 , 1936, 175-190; G.Rinaldi, Bibl 40, 1959,
282) e per conseguenza sfr dallacc. spiru (com
mittente, direttore, part. di sapru inviare; f. gli
a. H.H.Schaeder, Esra der Schreiber, 1930, 39.45s.:
KBL 1104a; W.McKane, Prophcts and Wise Men,
1965, 25ss.; cfr. J.A.Soggin, BeO 7, 1965, 279-282);
invece rccentemcntc T.N.D.Mettinger, Solomonic
State Officials, 1971, 42-45, ha negato questa deriva

"ISO sfeer LIBRO

148

zione perch non vi sufficiente corrispondenza di


significati tra i termini in questione, ed ha difeso a
sua volta uno sviluppo semantico allinterno del
semNO. Cos il sost. sfar conto, elenco si for
mato sul verbo spr che ha il sign. fondamentale di
contare, enumerare (ebr. e ug., cfr. UT nr. 1793;
et. sfr m isurare, Dillmann 404; antico sudarab.
sfrl m isura, Conti Rossini 199a), ed il suo sign. si
ampliato in quello pi generale di scritto (ug.;
fen. pun. e antico aram. spr iscrizione, lettera, do
cumento, DISO 196; K.Euler, Z A W 55, 1937,
281-291; arab. sifr un prst. dallaram., cfr. Fraenkel
247). Da sefar deriva il nome sjr scriba, segreta
rio (Mettinger, l.c. 18; similmente ug., fen. pun., e
aram. imperiale, DrSO 196) che a sua volta d nuo
vamente origine a spr q. scrivere di Sai 87,6 (lug.
spr nel colofone 62 = [T AB VI], 53 da considerare
contro WUS nr. 1947 e con UT 9.23 e H.Hunger,
Bab. und ass. Kolophone, 1968, 22, non come perf.
del verbo, ma come nome di professione: scri
ba ).*

Ad ogni modo le voci del gruppo vanno distin


te secondo i valori principali di contare e
scriba/scritto: da un lato spr q. contare
(ni. essere contato, essere numerabile, pi.
enumerare, raccontare, pu. essere raccon
tato ) con i sost. mspr numero (in Giud
7,15 racconto), sefar censimento (2Cron
2,16; cfr. Wagner nr. 204a), sefor numero(?) (Sai 71,15; diversamente L.Delekat, VT
14, 1964, 32s.), dallaltra sfeer scritto, iscri
zione, lettera, libro, scrittura (aram. bibl.
sefar libro), sifr libro (Sai 56,9), snfer
(aram. bibl. sfar) scriba, segretario, spr q.
scrivere (cv. in Sai 87,6), infine il nome
proprio Sfercel che risale ad un appellativo
(ufficio di) scriba (Esd 2,55; Neem 7,57; cfr.
H.Bauer, ZAW 48, 1930, SO; Mettinger, l.c.
51). Ci occupiamo qui prevalentemente del se
condo gruppo (3b-e, 4b-e), mentre il sign.
contare ecc. rester un po ai margini della
trattazione (3a, 4a).
Sono stati proposti a pi riprese valori semantici di
versi: il sign. inviare in analogia con lacc. sapru
sarebbe da riscontrarsi, secondo L.Kopf, VT 9, 1959,
267-269, in spr q. di Esd. 1,8 (abitualmente: co m
putare) e nel plur. seJarlm di 2Re 20,12 = Is 39,1
inviati (abitualmente: lettere ). mspr di Deut
32,8, secondo F.Zimmermann, JQ R 29, 1938/39,
24ls., significa confine analogamente alParam.
sefdr (cfr. Barr, CPT 331). Per sfeer di ls 30,8 e
Giob 19,23 si proposto il sign. metallo, rame in
base allacc. siparru (f. gli a. P.Dhorme, Le livre de
Job, 1926, 255s.; S.Terrien, Job, 1963, 149 con bi
bliogr.; Zorell 560a; cfr. invece G.Hlscher, Das
Buch Hiob, HAT 17, 2I952, 48; Fohrer, K A T X V I,
307s.3I7).*

*2/ Nel sottostante quadro statistico, sjer di


Is 33,18.18 considerato part. del verbo spr q.,
non come sost. (in Lis. sfeer di Neem 8,5 va
spostato dalla col. 992c sotto 1005c). Non
sono computali gli apaxlegomena sefr (2Cron
2,16), sifr (Sai 56,9) c s'for (Sai 71,15), n le
149 ")?0 sfeer LIBRO

forme d e ir aram . bibl. s*far (5x. di cui 4x ii


Esd) e sfar (6 x in Esd).

spr q. ni.
Gen
Es
Lev
Num
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2 Re
Is
Ger
Ez
Os
Gioe
Nah
Ab
Mal
Sai
Giob
Cant
Eccle
Est
Dan
Esd

Neem
lCron
2Cron

AT

pi. pu. mispr

1
2
1

2
2

sefar

sj,

4
34
4

2
11

5
3
5
1

3
16
44

2
1
10

12

26

12
2

1
1

4
3

30
4

21

1
3
27

I
1
8

67

13

1
11

1
1

3
7

23

134

185

54

3/ a) spr q./ni. contare/essere contato nel


lAT attestato in relazione a quantit finite
(p.e. Lev 15,13.28 ecc. prescrizioni cultuali;
2Sam 24,10; lCron 21,2; 2Cron 2,1.16 censi
mento del popolo; ni. solo in lCron 23,3) non
ch (al negativo) nelle affermazioni che denota
no quantit illimitate (Gen 15,5; 41,49; Sai
139,18 e gli altri passi al ni.).
Strettamente sinonimo mnh contare (q.l2x, ni.
6 x; aram. bibl. q. Dan 5,26, minjn nu m e ro Esd
6,17; par. di spr ni. mnh ni. IRe 8,5 e 2Cron 5,6;
cfr. mnh q. in 2Sam 24,1 accanto a pqd q. vv. 2.4 e
spr q. v. 10), mentre mdd (q. 43x, di cui 36x in Ez
40-47; ni. 3x, pi. 5x, hitpo. lx; midd estensione,
m isura 53x; memd m isu ra Giob 38,5) ha il
sign. fondamentale di m isurare (ni. par. di spr ni.
in Ger 33,22; Os 2,1). Cfr inoltre kss q. calcolare
qlcn. per qualcosa (Es 12,4), ->hsb 3, ns' 3a,

pqd.

Al significato del verbo in qal corrisponde


quello del sost. mspr numero, quantit .
Le frequenze del termine sono alte in quei libri
biblici che presentano spesso enumerazioni e
calcoli (Num 34x, lCron 21x). Bisogna rilevare
in particolare lespressione stereotipa en mispr senza numero, innumerevole (Gen
41,49; Giud 6,5; 7,12; Ger 2,32; 46,23; Gioe
1,6; Sai 40,13; 104.25; 105,34; 147,5; Giob
5,9; 9,10; 21,33; Cant 6,8; lCron 22,4.16;
lCron 12,3) e limpiego di mspr (da solo op
150

pure come secondo membro di uno stato co


strutto) con il valore di scarso numero, alcu
ni, pochi (Gen 34,30; Num 9,20; Deut 4,27;
33,6; Is 10,19; Ger 44,28; Ez 12,16; Sai 105,12
= lCron 16,19; Giob 16,22). In Giud 7,15 il
valore di mispr derivato dal significato del
pi. del verbo ( racconto ).
spr pi. assume il sigrt. ricontare, contare
(Sai 22,18; Giob 28,27; 38,37) o pi frequente
mente raccontare (cfr. lenni, HP 218s.); in
questultimo sign. e nel passivo pu. esso affi
ne ad una serie di verba dicendi, cfr. f. gli a.
->zkr hi. (3d) e ~*ngd hi.
b) Il significato fondamentale di sfeer in ebr. e
nelle lingue affini quello di scritto , cio
un pezzo di materiale scrittorio (BRL 460-469)
sul quale sta scritto qualcosa. A seconda del
contesto il termine va reso diversamente: nelle
iscrizioni e nei papiri del semNO. con iscri
zione oppure lettera, nellAT di regola
con lettera o libro (con documento,
atto o sim. in Es 17,14; Is 30,8 par. /h ta
voletta, tavola [43x nellAT]; Giob 19,23, vd.
i comm.; cfr. J.A.Soggin, BeO 7, 1965/66,
279s. con bibliogr.).
Nel sign. di lettera sfeer non compare nel
Pentateuco e nel periodo premonarchico. Nei
primi tempi di Israele i messaggi sono trasmes
si oralmente da messaggeri (Gen 32,2ss.; Num
22,5ss.; Giud 6,35 ecc.). Solo a partire dal pe
riodo monarchico si trovano messaggi scritti
(2Sam 11,14s. lettera di Davide mandata per
mano di Uria; IRe 21,8ss. lettere di Gezabele;
2Re 5,5ss.; 10,lss.; 19,14; 20,12; Ger 29,lss.
lettera di Geremia ai prigionieri di Babilonia).
sfeer pu essere attestato anche nel senso di
diritto messo per iscritto col sign. di docu
mento giuridico , ad esempio nelPespressione
sfeer keritul certificato di divorzio (Deut
24,1.3; Is 50,1; Ger 3,8) o sfeer hammiqn
contratto di compravendita (Ger 32,1 Iss.).
Le lettere vengono scritte, sigillate, inviate, ricevute,
lette. Quasi regolarmente troviamo in questo campo
semantico i seguenti verbi: ktb scrivere (Deut
24,1.3; 2Sam 11,14.15; IRe 21,8.9.11; Ger 32,10
ecc,; nellAT ktb q. attestato 204x, di cui 30x in
2Re, 27x in 2Cron, 22x in Deut, 20x in Ger, 16x in
IRe; ni. 17x, di cui 9x in Est; pi. 2x in ls 10,1; inol
tre ketb scrittura, scritto I7x [9x in Est]; kelbeet
tatuaggio lx Lev 19,28; miktb scrittura, scrit
to 9x; aram. bibl. ktb q. 8 x, kelb 12x; per le
espressioni ktb sfar opp. ktb bassfier cfr. K.F.Euler, ZA W 55, 1937, 281-291); htm q. sigillare
(IR e 21,8; Ger 32,10.11.14.44, ecc.; nellAT q. 23x,
ni. 2x, pi. lx, hi. lx; inoltre hdtm sigillo 14x,
hot mcet sigillo lx); ->slh inviare (2Sam
11,14; IR e 21,8,11 ecc.); -*!qh ricevere (ls
37.14); ->qr' leggere (2Re 5,7; 19,14; ls 37,14;
Ger 29,29).

Nel periodo postesilico sfeer pu significare


decreto reale (Est 1,22; 3,13 ecc.). Solo in que
151

sto periodo sfeer presenta dei termini paralleli,


tutti col valore di decreto ufficiale: 7ggereet
(Est 9,26.29; Neem 2,7.8.9; 6,5.17.19; 2Cron
30,1.6; aram. bibl. igffr Esd 4,8.11; 5,6; per
la derivazione cfr. Wagner nr. 3a), miktb (Esd
1,1; 2Cron 21,12; 35,4; 36,22) e nistewn (Esd
4,7; 7,11; prst. persi., cfr. Wagner nr. 193).
c) Nella grande maggioranza dei casi sfeer va
tradotto con libro . Anche in questo signifi
cato compaiono nello stesso campo semantico
i verbi klb scrivere (Es 32,32; Deut 17,18;
IRe 11,41 ecc.), hlm sigillare (ls 29,11;
Dan 12,4), qr leggere (Es 24,7; 2Re 22,16;
23,2; Ger 36,lss. ecc.).
Talvolta sinonimo di sjcer lib r o m*'giil (21 x)
che denota pi esattamente il libro in quanto
rotolo del libro. megill pu stare da solo (Ger
36,6ss.; Ez 3,1.2.3; Zac 5,1.2) o in stato costrutto con
sfeer (Ger 36,2.4; Ez 2,9; Sai 40,8). Solo una volta
abbiamo come sinonimi di questo sign. rispettiva
mente i sost. sifr (Sai 56,9) e ketb (Dan 10,21).

Per definire il contenuto di un libro sfeer si


presenta quasi sempre in formule fisse assieme
ari altri termini, p.e. sfeer milfmt Jhwh <<li
bro delle guerre di Jahwe (Num 21,14), sfeer
hajjsr libro del^prode (Gios 10,13; 2Sam
1,18), sfeer clibr Sclm libro delle gesta di
Salomone (IRe 11,41) ecc. I libri di cui si
parla nellAT o non ci sono pervenuti oppure
ne abbiamo solo dei frammenti. 11 loro conte
nuto soltanto ipotetico. Il libro delle guerre
di Jahwe e il libro del prode contenevano
forse relazioni di guerre o canti, mentre il li
bro delle gesta = cronaca di Salomone e la
cronaca dei re di Israele/Giuda possono es
sere serviti come base per i nostri libri dei Re
(cfr. O.EiBfeldt, Einleitung in das AT, 31964,
175-178 = Introduzione allAT 1, 1970,
267-271, con bibliogr). Il libro delle genera
zioni (.sfeer tldl) servito come base per
il Codice sacerdotale; allorigine doveva conte
nere fondamentalmente solo delle genealogie
(von Rad, ATD 2, 55 = ital. 73). Per altre
espressioni vd. st. 4.
d) Con una variazione di significato sfeer pu
essere usato anche nel valore di scrittura,
modo di scrivere (Is 29,1 ls. con jcl' saper
leggere; Dan 1,4.17 istruire nella scrittura e
nella lingua dei caldei ). I sinonimi sono kptb
Est 1,22; 3,12; 8,9; Esd 4,7) e miktb (Es
32,16 scrittura di Dio; 39,30 scritto come
inciso su sigillo ).
e) sjr scriba designa sia una funzione ge
nerica (p.e. Sai 45,2), come pure un alto uffi
ciale di corte a partire dal tempo di Davide
(2Sam 8,17; 20,25; Giud 5,14 incerto dal lato
testuale). A volte si nota che oltre al compito
di stendere lettere e decreti gli scribi svolgono
anche altre attivit (2Re 12,11 contare denaro;
15P sfeer LIBRO

152

2Re 18,18.37; 19,2; 22,3ss. servizi diplomatici;


2Re 25,19 reclutamento). Pi tardi (la prima
volta in Ger 8,8) e particolarmente in periodo
postesilico il termine pu assumere un signifi
cato pi ampio, sfr non pi soltanto lo
scriba, ma anche colui che pratico delle
scritture opp. della legge ; soprattutto
Esdra chiamato scriba abile nella legge di
Mos sfr mhir belrat Mosce. (Esd 7,6; si
milmente v. 11; cfr. Neem 8,lss.; H.H.Schaeder, Esra der Schreiber, 1930, 39-59; per sfr
in generale cfr. f. gli a. J.Begrich, ZAW 58,
1940/41, 1-29 = GesStud 67-98; de Vaux
l,20ls. 339 con bibliogr. [= ital. 138s. 51 ls.];
T.N.D.Mettinger, Solomonic State Officiate,
1971, con bibliogr.).
Uno sviluppo analogo, dallattivit svolta al titolo di
funzionario, si pu osservare in tifsr, designazione
di un funzionario bab. in Ger 51,27 e Nah 3,17 (dal
lacc. tupsarru che a sua volta deriva dal sum., lette
ralmente scrittore di tavolette; cfr. G.R.Driver,
Semitic Writing, 21954, 71 s.; M.EIlenbogen, Foreign
Words in th O.T., 1962, 78s.) e in soler sorve
gliante, commissario (KBL 964b: compilatore, or
dinatore ), nome di funzionario usato in campo m i
litare e pi raramente anche in quello giuridico (nellAT 25x: Es 5,6.10.14.15.19; Num 11,16; Deut
1,15; 16,18, 20,5.8.9; 29,9; 31,28; Gios 1,10; 3,2;
8,33; 23,2; 24,1; Prov 6,7; lCron 23,4; 26,29; 27,1;
2Cron 19,11; 26,11; 34,13; cfr. J. van der Ploeg,
OTS 10, 1954, 185-196; J.T.Milik, Bibl 38, 1956,
266s.; de Vaux 1,239; 11,26.262 [sitai. 162.230.385];
Mettinger, l.c. 20.51; dalla medesima radice deriva
to mis[r d o m in io o secondo unaltra interpreta
zione scrittura, Giob 38,33; cfr. Fohrer, KAT
X V I,508); s(r e anche lara ni. str scrivere /selr
scritto (DISO 295s.; LS 773aj risalgono allacc.
satru scrivere (Zimmem 19.29; Driver, l.c.70;
larab. str scrivere prst. dallaram., cfr. Fraenkel
250).* '

4/ a) Per quanto riguarda il contesto teologi


co di spr (q./ni.) nel senso di contare (sp.

3a), bisogna anzitutto ricordare le narrazioni


dei patriarchi della Genesi. Il verbo tipico
delle promesse di una numerosa discendenza
(promessa di una grande posterit, cfr. C.We
stermann, Arten der Erzahlung in der Genesis,
in: Forschung am AT, 1964, 9-91, particol.
19ss.): ai padri promessa una discendenza
talmente numerosa (come le stelle del cielo,
come la rena del mare), che non lo si potr pi
contare; Gen 15,5; 16,10; 32,13, ripresi da
IRe 3,8; Ger 33,22 e soprattutto Os 2,1, cfr.
Wolff, BK XIV, 29s.
In 2Sam 24 il censimento del popolo (mnh v.l;
-pqd vv. 2.4; spr v. 10; mispr vv. 2.9.), che
Davide ha fatto eseguire, considerato un pecca
to nei confronti di Jahwe. Il censimento e la regi
strazione organizzata dei soggetti alla leva milita
re, quali sono descritti in questo passo, contrav
vengono al principio di partecipazione volonta
ria, tipico delle guerre di Jahwe (cfr. G. von Rad,
Der Heilige Krieg im alten Israel, 1951, 37s.).
153

1 ?q sfa r LIBRO

Talvolta nei Salmi e nel Libro di Giobbe si ac


cenna ad un contare da parte di Jahwe, ad
esempio nellaITcnnazione di fiducia dellop
presso (Sai 56,9 tu hai contato i giorni della
mia pena; Giob 14,16 mentre tu conti i
miei passi ; cfr. 31,4). Con laffermazione che
Jahwe conta i popoli (Sai 87,6) oppure i mesi
(Giob 39,2), lautore della lode sottolinea la
grandezza di Jahwe e la sua maest; cfr. anche
Is 40,26; Sai 104,25; 147,4; Giob 25,3, dove
sempre usato mispr, inoltre Sai 147,5; Giob
5,9; 9,10; 36,26.
Nel significato del pi. ( raccontare ), spr as
sume un particolare rilievo teologico nei Sal
mi: nella lode e in particolare dove si dice che
alcuni ripetono ad altri le grandi gesta di Dio,
sperimentate oppure udite (cfr. C.Westermann,
Vergegenwrtigung der Geschichte in den Psalmen, in: Forschung am AT, 1964, particol.
31 lss.). Oggetto del racconto sono il nome di
Jahwe (Sai 22,23; 102,22; cfr. Es 9,16), i suoi
prodigi (Sai 9,2; 26,7; 40,6; 75,2), le sue gesta
gloriose (Sai 9,15; 78,4; 79,13; cfr. Is 43,21), la
maest (Sai 96,3 = lCron 16,24; cfr. Sai 19,2),
la fedelt (Sai 88,12 pu.), le gesta (Sai 107,22;
I 18,17; cfr. Ger 51,10; Sai 66,16), le opere (Sai
73,28), la grandezza (Sai 145,6 Q), la giustizia
(Sai 71,15), i comandamenti (Sai 119,13; cfr.
Es 24,3), gli statuti (Sai 2,7). Si possono ag
giungere a quelli gi citati tutti quei passi in
cui si rileva che la narrazione delfesperienza
vissuta avveniva anzitutto neUambito della fa
miglia ed era trasmessa ai figli ed ai discenden
ti: Es 10,2; Giud 6,13; Gioe 1,3; Sai 22,31
(pu.); 44,2; 48,14; 78,3.6. Ad ogni modo dalla
frequenza dei passi si pu dedurre come il ri
petere lesperienza avuta con Jahwe sia stato
un elemento significativo nel processo di for
mazione della tradizione dellAT.
Nei salmi, nel lamento contro il nemico, gli
empi raccontano menzogne (Sai 59,13), parla
no con tranelli (64,6; cfr. 69,27; 73,15); secon
do Sai 50,16 anche lempio ripete i decreti di
Jahwe, ma il suo parlare non corrisponde allagire. Con tratti simili a quelli del lamento con
tro i nemici, Geremia si scaglia contro i falsi
profeti che raccontano sogni menzogneri (Ger
23,27.28.32).
b) sfeer nel sign. di lettera non ha grande
rilievo teologico. Lespressione sfeer kfritut
certificato di divorzio della legge dtn. ri
presa due volte nei profeti ed usala come me
tafora di unaffermazione teologica (Is 50,1;
Ger 3,8): Israele paragonato a una donna in
fedele che d a Jahwe, suo marito, il certificato
di divorzio. In Geremia si parla due volte di
una lettera. La prima riguarda un contratto di
compravendita (Ger 32,10ss.) che il profeta ha
scritto e sigillato a conferma dellacquisto di
un campo in Anatot. Questo episodio una
zione simbolica che serve a rafforzare Pannun154

ci di salvezza: Poich cosi dice Jahwe...:


Ancora si compreranno case, campi e vigne in
questo paese (v. 15). Laltra lettera di Gere
mia il messaggio di Dio in forma di lettera
che Geremia invia agli esiliati di Babilonia,
esortandoli a sistemarsi nel paese straniero.
c) Limpiego di sfar col sign. di libro nel
lambito della profezia (4c) e in quello della
legge (4d) pu far cogliere alcune tappe dello
sviluppo verso la religione del libro.
Alcuni passi dei libri profetici segnalano la tra
sformazione delle parole profetiche in libro
(cfr. al riguardo von Rad 11,5ls. = ital. 6 lss.).
Secondo ls 30,8 il messaggio che il profeta ha
annunciato fino allora (senza successo) viene
posto per iscritto per un giorno futuro , cio
perch i posteri riconoscano che si adempiu
to e di conseguenza ascoltino con pi profitto
le parole di Jahwe (a questo contesto risale og
gettivamente [s 8,16, anche se in questo passo
manca la parola sfar).
Anche le parole di Geremia sono scritte in un
rotolo (Ger 36); sono tutte le parole che io
(Jahwe) ti (Geremia) ho detto contro Gerusa
lemme, Giuda e tutte le nazioni... dai giorni di
Giosia fino ad oggi (v. 2). La fissazione per
iscritto si fa perch la casa di Giuda abbia an
cora la possibilit di udire e di convertirsi (v.
3), quando tutte le parole di Geremia siano
messe per iscritto e vengano rilette. Ma il rac
conto di Ger 36 indica che il libro del profeta
non subisce una sorte diversa da quella del
profeta stesso: non arriva a convertire il popo
lo e viene distrutto. Non tuttavia la fine deci
siva, ma solo loccasione per far riscrivere il li
bro da parte dello scriba Baruc in una forma
pi ampia, che comprende molte parole si
m ili (v. 32; cfr. 45,1). I,a riuscita del libro
in questo caso indicativa del successo e insuc
cesso della parola di Dio e del suo continuo ri
proporsi, - In Geremia si possono trovare an
che altri passi che parlano della formazione di
un libro, o per lo meno di sezioni del suo mes
saggio, ad esempio le parole di salvezza (30,2)
o gli oracoli contro le nazioni (51,60.63; cfr.
25,13).
Da quanto abbiamo rilevato non fa difficolt
comprendere il significato del comando dato
ad Ezechiele (2,8-3,1) di mangiare il rotolo
dove sono scritti lamenti, pianti e guai . Si
presuppone evidentemente che la parola di Dio
trasmessa ad un profeta sia diventata libro (cfr.
Zimmerli, BK XIII, 79); a differenza di Isaia e
Geremia questa parola non scritta alla fine di
un periodo di attivit del profeta, ma si presen
ta in forma di libro gi fin dallinizio.
Il titolo del piccolo libro di Nahum (1,1) fa in
tendere che gi fin dallorigine tutto il messag
gio del profeta contro Ninive era in forma di
libro. La datazione del titolo daltra parte non
sicura; la designazione con sfar potrebbe es
155

sere di un periodo pi recente rispetto a quello


cui si riferiscono le parole del profeta.
Nel libro di Daniele (9,2) la parola di Jahwe
indirizzata al profeta Geremia nonch le pa
role rivolte ad altri profeti sono gi dei seJarm
scritti che possono essere accuratamente
studiati (bin ). Non possiamo accertare se sfar
Jhwh di Is 34,16, capitolo certamente postesilico, faccia riferimento ad una raccolta di parole
profetiche oppure ad un pi vasto ambito della
parola di Jahwe diventata libro.
d) Raccolte di leggi sono attestate gi in antico
(decaloghi; Deut 27,15ss.; cfr. Ger 35,6s.) e la
loro compilazione dovuta anzitutto alla ne
cessit di istruire i bambini nella grande fami
glia (E.Gerstenberger, Wesen und Herkunft des
apodiktischen Rechts, 1965). Il termine
libro per indicare queste raccolte ricorre
per solo molto pi tardi. Il complesso di leggi
di Es 20,22-23,19 si fondamentalmente costi
tuito durante il periodo premonarchico (Noth,
ATD 5, 141 = ital. 217); il titolo della raccolta
libro dellalleanza (da Es 24,7) dovrebbe ri
salire per ad un periodo pi recente, perch
ha lo scopo di inserire in una celebrazione cul
tuale (24,3-8) una raccolta di norme originaria
mente autonoma, e di collegarla inoltre con gli
eventi del Sinai. Lo studio del termine -berU
(J.Begrich, Berlt, ZAW 60, 1944, 1-11 = Ges
Stud 55-66, partieoi. 62ss.) conferma che la
combinazione sfeer berlt in questo contesto
(cio lunione di berit con il libro della legge,
per cui Israele e Jahwe hanno il ruolo di par
tner) esclude una datazione antica (Begrich at
tribuisce alla fonte E del Pentateuco il passo di
Es 24,7).
Anche sfar trat '"lhm libro della legge di
Dio , ricordato in Gios 24,26, rientra in que
sto contesto; anche questo un contratto tra
Jahwe ed Israele, relativo alla stipulazione di
unalleanza, ma non pi possibile ricostruire
con sicurezza il contenuto di tale documento.
Nel periodo dtn.-dtr. viene ripreso sia largo
mento sia il linguaggio. Il libro della legge ritro
vato nel tempio allepoca di Giosia viene defini
to da un lato sfar hattr (2Re 22,8.11; 2Cron
34,15) o semplicemente sfar (2Re 22,10.13.16;
23,3.24; 2Cron 34,15.16.18.21.24.31), e dallal
tro sfar habberit (2Re 23,2.21; 2Cron 34,30) e
sfar trat Jhwh b'jad Ms libro della legge
di Jahwe per mano di Mos in 2Cron 34,14.
Il libro ritrovato doveva essere identico, quan
to a contenuto, alla nostra legge dtn., mentre il
contesto nel quale viene Ietto il libro riflette da
vicino Es 24 e Gios 24 (Alt, KS 11,250-275; M.
Noth, Die Gesetze im Pentateuch, 1940 = Ges
Stud 9-141. Darticol. 58ss.).
Le sezioni letterarie pi recenti del Deut indi
cano che anche linsieme di questopera, pe
raltro molto complessa, viene inteso come
sfar hattr, ossia come volont di Jahwe
*199 sfar LIBRO

156

espressa per iscritto (Deut 28,61; 29,20; 30,iO;


31,26; Gios 1,8).
A questo impiego pi ampio si collega anche
Gios 8,31.34: tutto il Deut un sfeer hattr
poich Gios 8,30ss. riferisce lattuazione degli
ordini di Jahwe presentati in Deut 27,lss.;
3 l,9ss. In Gios 8,31 (cfr. 23,6; 2Re 14,6) fa la
sua comparsa per la prima volta lespressione
sfeer trat Masc (secondo Deut 31,24 il libro
della legge stato scritto da Mos, cfr. Es
24,7). Si potrebbe collocare qui anche la con
cezione di sfeer di Sai 40,8, se si tiene presen
te il parallelismo con tor del v. 9. Comunque
la datazione del salmo resta incerta.
Anche nel periodo postesilico persiste questo
uso linguistico. Le combinazioni seguenti ri
corrono praticamente senza alcuna distinzione:
libro della legge (Neem 8,3), libro della
legge di Mos (Neem 13,1; cfr. 2Cron 25,4;
35,12), libro della legge di D io (Neem
8,8.18) e libro della legge di Jahwe (Neem
9,3; 2Cron 17,9). Non siamo pi in grado di
stabilire quale fosse il contenuto della legge che
eman Esdra: il Pentateuco attuale nel suo
complesso (cos p.e. O.EiBfeldt, Einleitung in
das AT, 31964, 756) oppure solo una parte di
esso (cos M.Noth, Geschichte Israels, 31956,
302-304 = ita! 408-410). Dobbiamo credere co
munque che il processo di formazione del libro
fosse gi ad uno stadio avanzato.
e) Vanno infine ricordati alcuni passi che par
lano di un libro di Jahwe ( mio/tuo libro Es
32,32.33; Sai 139,16), libro della vita (Sai
69,29) o libro di memorie (Mal 3,16; solo
libro: Dan 12,1.4), nel quale sono segnati i
nomi degli uomini. 11 campo semantico di que
sti passi caratteristico: ktb iscrivere (Mal
3,16; Sai 139,16; Dan 12,1), mhh cancella
re (Es 32,33; Sai 69,29), anche htm sigilla
re (Dan 12,4). Questa concezione si ricollega
al fatto che secondo Es 32,32s. Jahwe possiede
un registro dove segna tutti i viventi; chi viene
cancellato da quel libro, muore. Gi in quel
passo compare per lidea che il peccatore
cancellato dal libro, ma la cancellazione dal li
bro e la morte del peccatore non avvengono
necessariamente allo stesso istante. In Sai
139.16 tale concezione viene ampliata in quan
to nel libro non sono segnati solo i nomi, ma
anche le azioni ( tutti i miei giorni ), mentre
per Sai 69,29 nel libro della vita - questo
il significato dato dal parallelismo - trovano
spazio soltanto i salvati; infine secondo Mal
3.16 e Dan 12,1.4. vengono scritti soltanto i
giusti (cfr. anche Is 4,3; 56,5 senza sfeer). Cfr.
su tutta questa materia Wildberger, BK
X,157s.
5/ spr q. contare e mispr numero ven
gono tradotti dai LXX c dal NT con <xpii)p.v
opp. pi&p,q, cfr. O.Rtihle, art. pu^tj, ThW
157

ino str hi. NASCONDERE

1,461-464 = GLNT 1,1229-1238. spr pi. rac


contare reso dai LXX con SLTiYEwrfrca (nel
NT 8x; cfr. p.e. Le 8,39 con una formulazione
che ridiiama i Salmi).
Per sfeer (anche nel sign. di ietter ) i LXX
usano Pi(3Xoc; opp. Pif3Xov senza che tra i due
termini si possa riscontrare una qualche diffe
renza. Nel NT $$Xoq, indica anche i libri singo
li deHAT(Mc 12,26; Le 20,42 ecc.). Molto fre
quente luso di pipXiov in Apoc ( libro dei
sette sigilli, libro della vita ecc.), cfr.
G.Schrenk, art. frfftos, ThW 1,613-620 (=
GLNT U,261-280).

J.Kiihlewein

in o slr hi. NASCONDERE


1/ La radice str attestata nel semNO. e nel
sem. del sud (ug.: cfr. J.C. de Moor, The Seasonal Pattern in th Ugaritic Myth of Balu,
1971, 169s. per 51 [= IIAB] VII,48; fen.: DISO
161; aram. imperiale: DISO 198; sir.: LS 502s.;
mand.: Drower-Macuch 338b). 1 vari usi la
sciano intravedere che il sign. comune quello
di velare (cfr. acc. satani per un capo di vcstiario[7] GB 553b; eg. mstr.t perizoma, Erman-Grapow 11,152); si spiega quindi il valore
specifico di nascondere da un lato e di
proteggere daHaltro.
NellAT ricorrono le coniugazioni verbali hi.,
ni., hitp., pi. e pu. (aram. pa). Mentre in ebr.
si usa per il transitivo soprattutto lhi., in
aram. predomina il pa. I derivati nominali
sono steer nascondiglio, velo, rifugio , sitr
rifugio , mistr luogo di rifugio , mistr
nascondiglio e master il velare . Per i
nomi personali Stiri (Es 6,22) e Setr (Num
13,13) cfr. Noth, IP 158; Hufl'mon 253s.
2/ Nellebr. dellAT sono attestati soprattutto
lhi. (44x) e il ni. (30x). Si trovano poi 5x lhitp.
e lx il pi. (Is 16,3) e il pu. (Prov 27,5). In
aram. compare il pa. soltanto lx (Dan 2,22; str
q. distruggere Esd 5,12 corrisponde allebr.
str [ni. prorompere o sim. in ISam 5,9]).
Una certa frequenza si trova nei Sai (hi. 17x,
ni. 5x, hitp. lx) e in Is (hi. 8x, ni. 3x, hitp. 2x,
pi. lx). Le forme nominali pi frequenti sono
steer (35x, di cui lOx in Sai, 5x rispettivamen
te in Is e in Giob) e mistr (lOx, di cui 4x in
Sai, 3x in Ger); sitr (Deut 32,38), mistr (Is
4,6) e master (Is 53,3) sono attestati lx.
3/ Come il nostro nascondere , slr ha una
sfumatura sia negativa sia positiva. Significa
sottrarre una persona o una cosa alla percezio
ne di altri, ma anche, con ci stesso, protegger
la.
158

a) Al nostro uso transitivo del verbo corri


sponde quasi sempre in ebr. lh i. (solo in Is
16,3 il pi. che ha una funzione simile). Nel
senso concreto str hi. significa anzitutto na
scondere : loseba nasconde Ioas a (min) Atalia
(2Re 11,2 = 2Cron 22,11), perch non venga
ucciso. Questo significato presente anche
quando la parola usata in senso traslato. Gli
empi nascondono i loro piani a Jahwe ('mg hi.
con le e inf.), credendo cos di non essere visti
e riconosciuti (ls 29,15). Giobbe maledice la
notte della sua nascita perch essa non ha na
scosto il dolore ai suoi occhi (Giob 3,10). A
questo uso si collegano le affermazioni nelle
quali si dice che Dio nasconde luomo per pro
teggerlo (6x, vd. st. 4d; il sign. originariamente
locativo evidenziato dalla prep. bl, ls 49,2;
Sai 17,8; 27,5; 31,21; in Ger 36,26 preferibi
le seguire il testo dei LXX: si nascondono,
cfr. Rudolph, HAT 12, 232).
Data la scarsit dei testi non si pu stabilire con cer
tezza se vi sia una reale differenza tra lhi. causativo
( far nascondere ) e il pi. fattitivo render nasco
sto .

Gen 4,14; Ger 16,17; Giob 13,20; agli occhi di


Jahwe, Am 9,3).
Impiegato in senso assoluto str ni. significa
mettersi al sicuro (Ger 36,19 andate e na
scondetevi; Prov 22,3 Q = 27,12 txt em il
saggio vede venire la sfortuna e si nasconde;
28.28 se prevalgono gli empi, tutti si nascon
dono ).
Riferito a cose oppure a termini astratti il ni.
esprime lo stato dellessere nascosto. Nascosto
resta anzitutto ci che non viene percepito
(Num 5,13: la donna, che ha avuto rapporti
con un altro uomo, non stata scoperta; Deut
29.28 ci che nascosto sta presso Jahwe,
nostro Dio ; in Sai 19,13 nistrt le cose na
scoste sono qualificate negativamente dal pa
rallelo seg it colpe, e significa dunque le
mancanze nascoste ). 11 non percepire pu
essere dovuto allincapacit di colui che osser
va (Giob 28,21: agli uccelli del cielo nascosta
la sapienza; Giob 3,23: alluomo nascosto il
suo destino). Riferita a Dio lespressione signi
fica tuttavia che Dio non vuol vedere determi
nati fatti (vd. st. 4e).
str ni. ricorre due volte riferito a persone, ma
senza comportare un valore riflessivo (Gen
31,49; Sof 2,3). In corrispondenza al significato
proprio del ni., il verbo vuol indicare qui che
lazione si compie sul soggetto senza che esso o
un altro si riveli come agente primario. In Gen
31,49 si tratta della separazione sanzionata tra
due uomini ( quando siamo nascosti lun lal
tro = quando non ci vediamo lun laltro ),
mentre in Sof 2,3 si esprime la possibilit mi
steriosa di essere risparmiati nel giorno dellira
divina. Nel secondo caso il sign, diventa quello
di restare nascosto (altrimenti str hi., vd. st.
4d).

Quando la parola si riferisce alla comunicazio


ne verbale di un fatto o al trattenersi da essa, il
significato assunto quello di tener segreto
(ISam 20,2: Saul non nasconde nulla a Giona
ta, _par. -*glh zoer). Nel passivo la stessa si
tuazione espressa dal pu.: Il rimprovero che
si esprime apertamente (gh pu.) meglio di un
amore che non si manifesta (str pu.) (Prov.
27,5).
Con panlm volto str hi. significa velare .
In senso letterale si riscontra in Is 50,6. Il ser
vo di Dio non vela il suo volto di fronte a co
loro che lo insultano e gli sputano addosso,
anzi mostra (ntn) il dorso e la guance a coloro
che lo colpiscono. Mos nasconde il suo volto
nellincontro con Dio al monte Oreb perch
aveva paura di guardare verso a D io (Es 3,6).
Come il porgere il volto segno di amicizia e
di benevolenza, cos il ritirarlo o il nasconderlo
segno di sfavore. NellAT questa immagine
non usata per i sovrani della terra, mentre
molto spesso riferita a Dio (26x, vd. st. 4a).

c) Lo hi t p . viene usato in modo analogo al


ni.; tuttavia con esso non si esprime tanto lat
to del nascondersi quanto il continuare a tener
si nascosto (ISam 23,19 Davide si mantiene
nascosto presso di noi fra i dirupi; cos pure
in 26,1; Sai 54,2). Is 29,14 parla del leclissarsi
continuo dellintelligenza e Is 45,15 del na
scondimento di Dio come sua caratteristica so
stanziale (vd. st. 4b),

b) Quando il soggetto costituito da persone


(Sai 89,47 Jahwe, vd. st. 4b) il n i. ha quasi
sempre un significato riflessivo. Se si ha anche
unindicazione di luogo, il verbo va tradotto
con nascondersi (Davide si nasconde nella
campagna, ISam 20,5.24, oppure l ,
ISam 20,19; Elia presso il torrente Cherit, IRe
17,3; in fondo al mare, Am 9,3; in senso
traslato: nellinganno, Is 28,15; nei luoghi
nascosti , Ger 23,24; nella tenebra e nello
scurit , Giob 34,22). La persona, la cosa o il
luogo rispetto ai quali uno si nasconde sono
preceduti da min (al proprio avversario, Sai
55,13; ad Israele, Deut 7,20; al volto di Dio,

d) Il n o m e star significa concretamente il


nascondiglio (Giob 40,21; Cant 2,14; ISam
25,20 nel nascondiglio della montagna =
nascosto dal monte; cfr. mistr Ab 3,14;
Sai 10,9 opp. plur. mistrm Ger 23,24; 49,10;
Sai 10,8; 17,12; 64,5), quindi il velo (Sai
18,12; 81,8; Giob 22,14; 24,15; cfr. master
il velare Is 53,3) e la protezione (par.
mahsc rifugio Is 28,17; mahab nascon
diglio 32,2; sukk capanna Sai 18,12;
27,5 [Q sk\\ 31,21; hcel tenda Sai 61,5;
si ombra Sai 91,1; mgn scudo Sai
119,114; forse anche Sai 32,7 [vd. BHS]; in Is
16,4 al nome corrisponde gr essere ospite,

159

"ino str hi.

NASCONDERE

160

e in Sai 32,7 nsr proteggere; cos pure siir


Deut 32,38, par. ?r roccia, e mistr Is 4,6,
par. mahsx rifugio assieme a hupp co
perta [v. 5] e sukk capanna ). Pi spesso
tuttavia attestato con be in senso avverbiale
in segreto, segretamente (Deut 13,7;
27,15.24; 28,57; ISam 19,2; 2Sam 12,12; ls
45,19; 48,16; Ger 37,17; 38,16; 40,15; Sai
101,5; 139,15; Giob 13,10; 31,27; con mistr
Ger 13,17 [txt?, cfr. Rudolph, HAT 12,92])
oppure come nome reggente di uno stato co
strutto nel senso di segreto (Giud 3,19 co
municazione segreta; Prov 9,17 il pane
mangiato di nascosto; 25,23 una lingua che
parla in segreto; con mistrm Is 45,3 ric
chezze nascoste ).
e) Il contrario pi frequente di str glh
scoprire (le coniugazioni dei due verbi si
corrispondono: pi. Is 16,3; pu. Prov 27,5; ni.
Deut 29,28; cfr. ISam 20,2; Dan 2,22). Gli al
tri sono spiegabili ricorrendo ai valori partico
lari di str (nsr proteggere Sai 64,2s. e hqr
ricercare Prov 25,2 par. str hi.; rbh diven
tare potenti Prov 28,28 par. str ni.).
Termini propriamente paralleli sono spn (par
str hi. Sai 27,5; 31,21; Giob 14,13; par. str ni.
Ger 16,17), lib (par. str hi. Is 49,2; str ni. Am
9,3; cfr. ISam 19,2) e 'lm ni. (par. str ni. Num
5,13; Giob 28,21). Sono poi attestati per lhi.
sgr chiudere (Giob 3,10) e per il ni. br min
sfuggire (Is 40,27) e skh ni. essere dimen
ticato (Is 65,16). Per i diversi paralleli di str
hi. pnm vd. st. 4a.
Le voci affini a str (hb\ tmn, khd, lm e spn,
anche hsh) presentano tra loro differenze ti
piche e un ampio arco di significati.
(1) hb (ni. I 6 x, pu. lx, hi. 6 x, ho. lx, hitp. lOx)
opp. hbh (q. lx, ni. 3x) il pi vicino al valore di str
col sign. originario di nasconderai) (usato preferi
bilmente in riferimento a persone).
(2) Il significato di spn (q. 27x, incl. Ez 7,22; Sai
17,14 Q; 56,7 Q; Giob 20,26; Prov 2,7 Q; ni. 3x; hi.
2x) va da nascondere (Es 2,2; Gios 2,4 ecc.; hi. Es
2,3; di D io Giob 14,13; per i nomi personali come
tffanjfh] cfr. Noth, IP 178) a custodire, mettere
in serbo da un lato (p.e. Sai 119,11; Prov 2,1; 7,1;
di Dio Sai 31,20; Giob 21,19; Prov 2,7; cfr. il cam
biamento di significato del verbo spn da coprire a
custodire, Deut 33,21) e star in agguato dal
laltro (Sai 10,8; 56,7 Q; Prov 1,11.18).
(3) lm (q. lx, ni. llx , hi. lOx [Lis. I072b: Deut
28,61 e Giud 16,3 appartengono a 'Ih hi.], hitp. 6 x)
pi legato alla sfera del cognitivo (2Re 4,27, contra
rio di ngd hi. annunziare , della rivelazione non
concessa da parte d Jahwe). Complemento oggetto
del verbo sono spesso gli occhi (per 7m hi. Lev
20,4; ISam 12,3; Is 1,15; Ez 22,26; Prov 28,27; vi
evidentemente un rapporto semantico tra oscurit e
ignoranza; lm ni. Nah 3,11 significa essere ottene
brato ). Nascondere significa in primo luogo
spostarsi dal campo della visuale; si hanno cos i
valori chiudere gli occhi (Lev 20,4), trascurare
(Ez 22,26) e non badare (ls 1,15).

161

ino str hi. NASCONDERE

(4) khd (ni. 1 lx, hi. 6 x, pi. 15x) ha spesso un accen


to fortemente negativo (ni. restar nascosto a 2Sam
18,13; Os 5,3 ecc.; pi. dissimulare Gios 7,19;
ISam 3,17.18 ecc.), cosicch il significato pu diven
tare cancellare (hi. Es 23,23; IRe 13,34 ecc.) opp.
essere cancellato (ni. Es 9,15; Giob 4,7 ecc.).
(5) tmn (q. 28x, di cui 7x part. pass.; ni. lx, hi. 2x
[secondo BL 297 qal]; cfr. matmn tesoro, 5x) si
gnifica spesso sotterrare, seppellire (q. Gen 35,4;
Gios 7,21.22; Ger 43,9.10 ecc.; hi. 2Re 7,8.8), e desi
gna quindi il tendere una trappola o sim. (Ger 18,22;
Sai 31,5; 35,7.8, ecc.) e vuol dire infine nasconde
re (q. Es 2,12; Deut 33,19; Gios 2,6 ecc.; ni. ls
2 , 10). 11 verbo non presenta mai valori traslati e non
viene usato in contesti teologici.

4/

In corrispondenza al duplice significato di

str le affermazioni di rilevanza teologica (cfr.

H.Schrade, Der verborgene Gott. Gottesbild


und Gottesvorstellung in Israel und im Alten
Orient, 1949; L.Perlitt, Die Verborgenheit
Gottes, FS von Rad 1971, 367-382) si divido
no essenzialmente in due categorie; quelle che
si riferiscono al nascondimento di Dio (a-c) e
quelle che riguardano la protezione da lui con
cessa (d).

a) Se Dio nasconde il suo volto ad una perso


na, ci significa che egli adirato verso di essa.
Questo evidente in modo particolare nelle espres
sioni parallele e contrarie di str hi. pnm : par. skh
dimenticare Sai 10,11; 44,25; zb abbandonare
Deut 31,17; Sai 27,9; nkh hi. colpire Is 57,17 (va
aggiunto pnm con G); Ger 33,5; qsp essere adira
to Is 57,17; bzh disprezzare Sai 22,25; sqs pi.
aborrire Sai 22,25; nlh hi. rifiutare Sai 27,9;
nts respingere Sai 27,9; znh scacciare Sai
88,15; contrari: uh mahr esaudire subito Sai
69,18; 102,3; 143,7; rhm pi. aver piet Is 54,8;
r h vedere Sai 10,11; sm' ascoltare Sai 22,25;
nlh 'zan porgere lorecchio Sai 102,3; sqt hi.
tacere Giob 34,29).

Non si tratta del laffermazione generale secon


do la quale lagire divino imperscrutabile,
bens di atti concreti dellintervento punitivo di
Dio (Deut 32,20; Ez 39,23.24; Mi 3,4; Giob
34,29; nella generalizzazione tipica degli inni
Sai 104,29).
Oggetto del lamento del giusto labbandono
di Jahwe, la sua mancata benevolenza (Sai
13,2; 44,25; 88,15; Giob 13,24). Non il tor
mento dei nemici la vera angoscia del giusto,
ma lo sperimentare che Dio rimane nascosto.
Nell'inno di ringraziamento il giusto celebra
allora il superamento di questa situazione (Sai
30,8; secondo Sai 22,25 lorante ringrazia Dio
per non aver nascosto il suo volto nonostante
lapparenza contraria; cfr. Ez 39,29). Nella
preghiera si chiede perci che Dio in futuro
non nasconda il suo volto, cio conceda la sua
presenza soccorritrice (Sai 27,9; 69,18; 102,3;
143,7). In conformit alla teologia di questo
salmo lorante di Sai 119,19 prega che Jahwe
162

non nasconda i suoi comandamenti .


In Is 59,2 viene variata consapevolmente lim
magine di Jahwe che nasconde il suo volto:
Jahwe non toglie agli uomini il suo premuroso
soccorso, ma sono essi che con i loro peccati
nascondono (txt em con BHS) il suo sguardo,
per cui egli non li pu ascoltare. La volont di
Jahwe non quella di allontanarsi dal suo po
polo, ma di mostrargli una costante dedizione:
neHimpeto della sua collera egli ha nascosto
per un attimo il suo volto ad Israele, ma gli
usa misericordia nella sua perenne benevolenza
(Is 54,8). Questa certezza ben espressa dal
Deuteroisaia gi implicita in Isaia quando
spera in Dio (- >qwh pi.) e aspetta colui che
ha nascosto il suo volto alla casa di Giacob
be (Is 8,17).
Lespressione analoga velare gli occhi con
Im hi. accenna evidentemente ad un allonta
namento meno radicale di Dio dalluomo. Se
Jahwe chiude gli occhi davanti allorante (Is
1,15), ci significa che Dio non lo vuol vedere
(a causa della sua colpa), come colui che fin
ge di non vedere un povero che gli chiede un
dono (Prov 28,27). Poich il giusto spera nell esaudimento della preghiera, pu chiedere
che Jahwe non chiuda 1* orecchio davanti al
lamento del giusto (Lam 3,56).
b) Rispetto allaffermazione secondo cui Jahwe
nasconde il suo volto, relativamente rara
quella secondo la quale Jahwe si nasconde. In
Sai 89,47 str ni. impiegato nella lamentazio
ne allo stesso modo di str hi. pnlm: Fino a
quando, Jahwe, continuerai a tenerti nascosto,
arde come fuoco la tua ira?. Simile luso di
lm hi. (forse meglio leggere hipt.) in Sai 10,1
(con par. 'md berhq star lontano ). In Sai
55,2 lhitp. di Im denota la supplica per otte
nere la benevolenza di Dio, altrimenti espressa
con non nascondere il volto (par. zn hi.
fare attenzione). Invece Is 45,15, quanto al
contenuto, va oltre i passi citati finora. In que
sto caso potrebbe essere posto espressamente in
evidenza il valore peculiare deUhitp., cio il
continuare a tenersi nascosto. Jahwe non solo
si allontana per un certo tempo durante la sua
ira, ma il Dio dIsraele, come salvatore
(msla), si tiene nascosto: lintervento di Jah
we nella storia non verificabile nei suoi
aspetti immanenti, ma si apre soltanto alla
fede (secondo Westermann, ATD 19, 138s. =
ital. 207 ss., Is 45,15 la risposta del Deute
roisaia stesso o di un glossatore alloracolo di
Ciro, Is 44,24-45,7, dove si proclama espressa
mente che Jahwe agisce per mano di un re pa
gano). Dello stesso tenore sono le affermazioni
secondo le quali Jahwe nascosto nella sua es
senza. Nella teofania di Sai 18,8-16 Jahwe
colui che si avvolge di tenebre come di un
velo (steer) (v. 12; i LXX presuppongono il
termine anche in 2Sam 22,12). chiaro che ci
163

si riferisce alla teofania del Sinai (Es 19,16.18;


cfr. Sai 18,10; 97,2). A questa tematica appar
tiene anche la risposta di Jahwe dal nascondi
glio del tuono (bestter ram, Sai 81,8; cfr. Es
20.21). Si intende forse affermare che nello
scurit delle nubi il Dio nascosto ( blm steer
Io) incapace di intervenire negli eventi del
mondo: Elifaz per rigetta espressamente que
sta opinione perch blasfema (Giob 22,14;
cfr. Is 40,27 str ni.). Per lempio il nascondi
mento di Dio (str hi. pnlm) significa che Dio
dimentica lingiustizia, non vede pi
(Sai 10,11). D altra parte la sapienza tiene a
sottolineare che limperscrutabilit di Dio ap
partiene alla sua essenza: gloria di Dio na
scondere una cosa (in opposizione a hqr in
vestigare, Prov 25,2).
c) Mentre lallontanamento di Dio dal fedele
non altro che lespressione dellira divina, le
spressione velare il volto di Sai 51,11 usata
in senso positivo: luomo spera in questo modo
di evitare la punizione: nascondi il tuo sguar
do dai miei peccati (par. mhh cancellare ).
Il fatto che qualcosa sia nascosto a Jahwe non
vuol dire che egli obiettivamente non sia in
grado di scrutare una situazione, ma che non
la vuole vedere (str ni., Os 13,14 la compas
sione nascosta ai miei occhi = io non co
nosco compassione; Is 40,27 la sorte na
scosta a Jahwe par. 'br min trascurare; Is
65,16 la tribolazione nascosta ai miei oc
chi = tolta par. skh ni. essere dimentica
ta ). In realt a Dio nulla resta nascosto (Deut
29,28 le cose occulte appartengono a Jahwe,
nostro Dio; Dan 2,22 D io svela cose pro
fonde e occulte; Sai 38,10 il mio gemito
non ti nascosto ; con khd ni. Os 5,3 Israele
non mi nascosto; Sai 69,6 le mie colpe
non ti sono nascoste; 139,15 le mie ossa
non ti erano nascoste; sempre con par. jd '
sapere ). empio pertanto luomo che crede
di poter tenere nascosto (str hi.) a Jahwe il suo
operare ( s piano, Is 29,15).
d) Il fatto che str sia divenuto uno dei termini
principali che denotano la protezione concessa
da Jahwe, va collegato originariamente alla
funzione di asilo esercitata dal santuario. L,
a llombra delle tue ali (Sai 17,8; per
-*knf 3/4a), nella protezione della sua ten
da (Sai 27,5), al riparo del tuo volto (Sai
31.21), Jahwe fa trovare rifugio agli oppressi e
agli infelici. In particolare sono le dichiarazio
ni di fiducia dei salmi che esaltano la protezio
ne concessa da Jahwe (str hi. Sai 27,5; 31,21;
ambedue le volte con par. spn besukk ripo
sare al sicuro nella tenda; steer Sai 27,5;
31,21; 32,7; cfr. 91,1; 119,114; mistr Is 4,6
assieme a mahsce, hupp e sukk\ sitr Deut
32,38 della presunta protezione degli di), ed
in tal senso egli supplicato nella lamentazio
ino str hi. NASCONDERE

164

ne (str hi. Sai 17,8; 64,3; str pi. Is 16,3; setter


ls 16,4; Sai 61,5). Tale protezione non tutta
via legata al santuario, ma sperimentata di
rettamente dalla presenza soccorritrice di Dio;
la confessione del servo di Dio in Is 49,2 sot
to questo aspetto molto chiara: mi ha nasco
sto allombra della sua mano (hb hi.) ...mi ha
riposto nella sua faretra (str hi.); cfr. Giob
14,13 nel regno dei morti .
5/ Per tradurre i vari termini ebr. che denota
no nascondere il gr. possiede sostanzial
mente soltanto la radice xpu-rcTeiv (str viene
tradotto 7x anche con crxeTi^eiv). In questo
modo le diverse sfumature di significato tendo
no a livellarsi; in realt non c una differenza
significativa.
Anche il NT afferma che Dio resta nascosto
proprio quando si rivela (Mt 13,44 il regno
di Dio simile ad un tesoro nascosto in un
campo; pi che con i derivati di xpuTrmv,
questa idea si esprime ad esempio dicendo che
Dio invisibile, non cio a disposizione del
luomo, cfr. p.e. Gv 1,18); Dio si manifesta
nellevento della croce. Cos anche la nuova
vita del cristiano nascosta con Cristo in
Dio (Col 3,3). Solo nel compimento escatolo
gico termina il nascondimento di Dio; allora lo
vedremo come egli (lGv 3,2). Cfr. A.Oepke, art. xpuruiw, ThW 111,959-979 (= GLNT
V,1117-1175).
G. Wehmeier

'beed S E R V O

1/ La radice 'bel (verbo e sost. *abd-, ser


vo ) diffusa in tutte le lingue sem. occidenta
li (fuorch in et., dove servo detto gabr)\
in acc. si incontra raramente abdu, prst. deri
vante dal semO. (Zimmem, 47; CAD A/I, 5la;
AHw 6a), assieme a (w)ardu(m), la voce usuale
per servo, schiavo. 11 nome significa quasi
dovunque servo, schiavo nellambito dei
rapporti umani, e nello stesso tempo servo,
adoratore di un dio (cfr. W.W.Baudissin, Kyrios, 111, 1929, 176-178.196-200.228-231.524
555). Non chiaro se il verbo ebr. sia denomi
nativo e che relazione abbiano tra loro i valori
essere servo, servire ed elaborare, lavora
re (in aram. generalmente fare, operare :
bibliogr. in C.Lindhagen, The Servant Motif in
th Old Testament, 1950, 41 s.; ibid. 6-39 per i
paralleli extrabiblici; per lintero problema cfr.
anche W.Zimmerli, ThW V, 653-676 = GLNT
IX,275-336, con bibliogr.).
Oltre a '(beed servo, schiavo (vd. st. Ili/1;
IV/1) e al verbo 'bd (al qal. ni., pu. hi, e ho.;
vd. st. III/2; 1V/2) nellebr. dellAT derivano
165 1 3 ^ (beed SERVO

dalla radice: il nomen actionis fem. abd


lavoro, servizio (BL 474; vd. st. III/3; IV/3),
il sost. collettivo <abudd servit (Gulkowitsch 18.25.30; vd. st. Ili/la), i prst. aram.
1(7bd azione, tna'abd azione e abdt
servit (Wagner nr. 208-211). Nellaram.
bibl. oltre al verbo (q. fare, operare , hitpe.
essere fatto ) si hanno i sost. abed servo ,
'abld lavoro, gestione e ma'0bd azio
ne .
Vi sono poi numerosi nomi di persona formati con
'beed o con il part. q. bd ('abeti', abdti,
'badj[h], 'bd-udm ecc.), i quali sono nomiconfessione (Noth, IP 137s.; Lindhagen, Le. 276f.)
che hanno nelle lingue affini molteplici corrispon
denze (cfr. f. gli a. HulTmon 189; Grondali! 104-106;
F.L.Benz, Personal Names in th Phoenician and
Punic Inscriptions, 1972, 369-372; A.Caquot, Syria.
39, 1962, 238s.; J.K.Stark, Personal Names in Palmyrene Inscriptions, 1971, 102b; cfr. il materiale in
Baudissin, l.c. 524-555).

*11/ Nella lista che segue, oltre a tutte le ri


correnze di beed (opp. aram. ,abed), sono ri
portati sotto SD (= servo di Dio) quei passi nei
quali '(beed ( abed) riferito a Jahwe/Dio (sen
za computare le apparizioni di Dio e di un
messaggero in Gen 18,3.5; 19,2; Gios 5,14;
Dan 10,17), sotto al. verbi 4x ni. (Deut
21,4; Ez 36,9.34; Eccle 5,8), 2x pu. (Deut 21,3;
Is 14,3) e 4x ho. (Es 20,5; 23,24; Deut 5,9;
13,3), inoltre 9x aram. hitpe., sotto al. sost.
2x abudd (Gen 26,14; Giob 1,3), lx abd
(Eccle 9,1, lx maabd (Giob 34,25; inoltre lx
aram. in Dan 4,34) e 3x 'abdl (Esd 9,8.9;
Neem 9,17).

Gen
Es
Lev
Num
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2 Re
Is
(Dtis)
Ger
Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ad
Sof
Agg
Zac

'beed di cui bd 'bd aL a tabdd al.


{,abed) SD qal hi. verbi( 'bidet) sost.
88
3
23
2
1
43
9

21

31

21

27
3

29
27

3
3
4
5
19

17
13

11

62
6
106
14
76
28
58
15
40
33
(21 ) (20 )
32'
14
8
7

1
1

6
8

18
6

(-) (2 )
35
1

23
7
50

4
(-)

(-)

8
1

__

__

__

__

__

__

I
3

1
2

166

Mal
Sai
Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle
Lam
Est
Dan
Esd
Neem
lCron
2Cron
AT ebr.
AT aram.

57

54
7

12
10

4
I
7
7
5

3
2

22

1
11

27
44

15
15

2
10

800

268

271

19

2
1

4
30
15

10

145

Ili/ 1/ Nellambito della terminologia rela


tiva allordinamento sociale bced servo
viene determinato nel suo significato di termi
ne di relazione dal suo contrario - dn si
gnore , e perci, almeno primariamente, non
pu limitarsi a designare un preciso ceto socia
le (schiavo, p.e. Es 21.2.32) oppure ad indi
care una certa attivit ( operaio , cfr. Giob
7,2 bced che anela allombra par. gior
naliero che aspetta il salario ), come del resto
mostra anche limpiego molto vasto del termi
ne con il genitivo o il suffisso possessivo (opp.
in una costruzione con le di appartenenza).
NellAT 'bced attestato soltanto in rapporto
a persone (cfr. Gios 9,23 schiavi della casa
de(l mio Dio; Zimmerli, l.c. 657); limpiego
figurato per indicare dipendenza da entit
astratte (cfr. servo del peccato Gv 8,34;
Rom 6,17.20; schiavo della corruzione
2Piet 2,19) non attestato nellAT.
In quanto termine di relazione bced riceve il
suo significato pieno (servo della gleba, di
pendente, sottomesso, vassallo, mercenario,
funzionario, ministro) a seconda dellambito
in cui si collocati alle dipendenze del proprio
signore (o dei propri signori). Per esempio, si
pu parlare di 'bced per indicare una relazio
ne che si esprime (a) sul piano sociale, (b) su
quello della politica interna e (c) su quello del
la politica estera, ma vi sono molte interferen
ze tra un piano e laltro.
Nellambito familiare non si ha propriamente
un rapporto definito da 'bced, quando c, si
tratta di qualcosa di anormale, di straordina
rio. Contro Canaan che si comportato male
verso il padre viene pronunciata questa male
dizione: Sia maledetto Canaan, schiavo degli
schiavi sar per i suoi fratelli! (Gen 9,25, cfr.
vv. 26.27). La maledizione consiste nel fatto
che Canaan diventa servo dei suoi fratelli. Esa
deve servire suo fratello Giacobbe (Gen 27,37,
cfr. vv. 29.40). Anche se traspare qui un rifles
so di rapporti politici successivi, chiara tutta
via la convinzione che uno non deve essere
servo del fratello (cfr. anche Gen 37ss.), ed essa
167

sopravvive nella norma che proibisce ad un


israelita di essere schiavo di un altro israelita
(Lev 25,39ss.).
Opposto a questo sembra essere un altro uso
del termine, che si ha quando uno rivolgendosi
al fratello si dichiara suo servo: soprattutto il
caso di Giacobbe che rivolge la parola a suo
fratello Esa in Gen 32,5.19 e 33,5.14 (sebbe
ne secondo la benedizione Esa dovrebbe ser
vire Giacobbe!). Questa designazione di se stes
so come abdek tuo servo , usata per rivol
gersi ad altri (pi frequente vostro servo ;
nelle forme di cortesia in 3a persona anche
suo servo, p.e. Gen 33,14; sempre con il
verbo alla 38 persona, ma nel corso del dialogo
chi parla pu usare di nuovo la 1a persona, cfr.
Gen 33,5 con il v. 10), attestata molto spesso
nellAT, e si pu dire anzi che essa una for
mula stereotipa (L.Khler, ZAW 40, 1922,
43s.; Lande 68-71: fonnula di sottomissio
ne; parallelo ad essa lindirizzo di cortesia
mi o signore, -*dn III/3). Questa espres
sione molto istruttiva per la concezione vtrt.
di 'bced. Proprio nei passi in cui uno detto
servo del fratello, ma anche in molte altre si
tuazioni, essa mostra che la relazione signoreservo riferita alla situazione concreta, ed
perci intesa funzionalmente, non staticamen
te. Allo stesso tempo risulta evidente che il ter
mine bced non ha soltanto connotazioni ne
gative. Quando in Gen 32s. un fratello, in una
situazione critica, si definisce 'bced di suo fra
tello, non gli si sottomette semplicemente; egli
riconosce piuttosto che in quella situazione
concreta il fratello in posizione di superiorit
e vi si rifugia; si affida a tale superiorit e si ri
chiama agli obblighi che derivano allaltro dal
fatto di essere superiore e signore.
a) Sul piano sociale bced la designazione
frequente che lAT usa per lo schiavo. Non si
pu tuttavia parlare di un termine tecnico
come per la nostra parola schiavo, che im
plica senzaltro una concezione negativa. Non
si deve mai dimenticare che tale parola pu in
dicare i funzionari e i ministri del re, e daltro
lato va tenuta presente la risonanza che essa
assume nella designazione che uno fa di se
stesso come tuo servo . La schiavit come
istituzione (I.Mendelsohn, Slavery in th Ancient Near East, 1949; de Vaux, 1,125140.333s. con bibliogr. [= ital. 87-97.507s.] era
un fatto che Israele trov ed accolse allorch
divenne sedentario in Canaan. Lo si rileva dal
diritto relativo alla schiavit, che preso dal
lambiente (Es 21,2-11.20s.26s.32). Tuttavia
nel diritto isr. si tende ad un trattamento il pi
umano possibile dello schiavo. Ci dipende dal
fatto che lo schiavo allorigine sottoposto alla
famiglia, ne membro a tutti gli effetti, anche
da un punto di vista cultuale. In questo senso
il dato primario della vita dello schiavo non

'bced SERVO

168

la mancanza di libert, ma lappartenenza (a


qualcuno) e la sicurezza. La posizione di uno
schiavo pu essere ottimamente caratterizzata
da Gen 24, quando il servo di Abramo viene
inviato con pieni poteri a cercare la moglie per
il figlio del patriarca. Gen 16 specifica anche il
possibile significato della schiava (vd. st. Id).
In Israele comunque predomina la concezione
antica per la quale gli schiavi fanno parte della
propriet (cos nellelenco delle propriet Gen
12,16; 20,14; 24,35 ecc.; in questo senso va in
tesa anche lespressione budd rabb nume
rosa servit attestata in Gen 26,14 e Giob
1,3; per altre interpretazioni cfr. Lindhagen l.c.
550ss. n.3). Oltre che nelle tradizioni legislati
ve (Es 21; Deut 15,12-18; Lev 25 ecc.; cfr. Ger
34) si parla di schiavi anche nei Proverbi (p.e.
Prov 29,19.21; 30,10 ecc.).
b) Sul piano della politica interna la figura pi
significativa quella dello beed del re. Que
sto rapporto definito da cbced presenta forme
embrionali nel periodo premonarchico allorch
si passa dalla trib al popolo, quando i servi di
un signore sono anche protagonisti delle guerre
da lui condotte, p.e. Gen 14,15; Giud 6,27. Gli
'abdim del re sono uomini liberi; non sono
individui di diritto inferiore, ma possono gode
re di rango e posizione elevati. 1 servi del re
sono il suo seguito, scelgono liberamente di
servire il re (ISam 27,5.12), ed il servizio si
fonda sulla fedelt, non sulla costrizione (2Sam
15,21), nonch sulla fiducia del re verso il suo
seguito (ISam 27,12). Nella tradizione di Davi
de in particolare questo rapporto personale di
lealt tra i re e i suoi ha un importante rilievo.
Lo &bced (seguace) del re, diversamente dal
rapporto tra schiavo e padrone, ha unautono
mia cos rilevante che spesso ha rivestito una
funzione cospicua durante la storia della mo
narchia. I servitori del re avevano funzioni ci
vili e militari. Con la maggior articolazione
dellapparato statale, anche le funzioni dei ser
vi del re si moltiplicano e si differenziano.
Tuttavia indicativo che siano tutti chiamati
con la stessa parola: cebaed il soldato sempli
ce, ma anche lufficiale e il capo dellesercito;
cedced il portaordini, il funzionario o il mini
stro, che a sua volta pu avere altri servi. un
segno ulteriore che il rapporto personale rima
ne incontrastato: tutti sono servi del re, tutti
sono a lui legati da un rapporto di fedelt.
c) Sul piano della politica estera abeed ha una
connotazione solo negativa, cos come nella
politica interna (servo del re) ne aveva una sol
tanto positiva. Il soggetto pu essere un grup
po, una trib o un popolo. In questo senso ri
sultano fondamentali i testi che parlano della
schiavit in Egitto (Deut 5,15; 15,15; 16,12;
24,18.22). LEgitto la casa della schiavit
(bt bdim) dalla quale venne liberato Israele
(Es 13,3.14; 20,2; Deut 5,6; 6,12; 7,8; 8,14;
169

debeed SERVO

13,6.11; Gios 24,17; Giud 6,8; Ger 34,13; Mi


6,4; cfr. N.Lohfink, Das Hauptgebot, 1963,
100s.). Ma Israele, a sua volta, rende abdim
singoli gruppi (i gabaoniti, Gios 9) e poi popoli
interi (2Sam 8,2.6.14 moabiti, aramei, edomiti). Alla fine del periodo monarchico Israele
torner schiavo di invasori stranieri (cfr. la for
mula di sottomissione in 2Re 16.7, ->bn
III/2b; inoltre p.e. Esd 9,9; Neem 9,36).
*d) NellAT i vocaboli affini a czbad sono sol
tanto, oltre a m'srt servitore (-ysrt) e
j ctid bjit figlio della casa = schiavo nato in
casa (~*jid 3c; in Gen 14,14 assieme a hnk
seguace , cfr. R. de Vaux, Die hebr. Patriarchen und die modernen Entdeckungen, 1959,
35), le originarie designazioni di et n'ar ra
gazzo, giovane e poi (giovane) servo (pa
rola can., cfr. UT nr. 1666; DISO 181; Lin
dhagen, l.c. 31s.42s.; L.Kopf, VT 8, 1958, 183;
nellAT 239x, con frequenza preponderante
nei libri narrativi: ISam 60x, Gen 27x, 2Sam
26x, 2Re 24x, Giud 23x, IRe e Is 1lx ciascu
no; fem. na'ar ragazza, serva , nellAT 63x,
di cui in Deut 14x, Est 13x, Gen 9x, Giud e
Rut 7x ciascuno) e 'laem giovane (ISam
17,56) e giovanotto (ISam 20,22, par. nd'ar
v. 21; parola semO. cfr. KB 709; fem. alma
ragazza, giovane donna , 9x), ambedue sen
za applicazione teologica (il nome pers. ug.
N 'riI incerto, cfr. Grndahl 163s.).
Quanto alla donna non libera lebr. (come larab.) non ha una forma femminile di beed e
ricorre perci o alla voce del sem. comune
m ragazza, schiava (Bergstr. Einf. 182)
oppure a sifh, termine molto vicino solo a vo
caboli can. (cfr. ebr. misph stirpe, fami
glia ; ug. e pun. sph famiglia , WUS nr.
2664; DISO 316). La distribuzione delle due
parole nellAT non sostanzialmente diversa
( m 56x, di cui ISam lOx, Es 9x, Deut 8x,
Gen 7x; sifh 63x, di cui Gen 28x, 2Sam 7x,
ISam e Ger 6x ciascuno). Secondo A.Jepsen,
VT 8, 1958, 293-297, si tratta originariamente
di due classi giuridicamente differenziate: sifh
la ragazza ancora illibata, non libera, so
prattutto al servizio della padrona di casa ;
ama la donna non libera, concubina di un
libero o donna non libera di uno schiavo (l.c.
293). Le due voci sono usate assieme in boc
ca alla donna come segno di sottomissione.
Questo fatto ha provocato una certa confusione
tra le due parole, per cui non sempre possibi
le rintracciare la loro differenza originaria
(l.c. 296). La sottomissione nei confronti di
Dio viene espressa soltanto da ama (ISam
1,11 tre volte in bocca ad Anna; cfr. Sai 86,16;
116,16 figlio della tua serva; nei nomi per
sonali. a differenza dellonomastica del mondo
orientale circostante, sono del tutto assenti i
composti con m e sifh, cfr. JJ.Stamm, FS
Baumgartner 1967, 32ls.).
170

2/ Il verbo *bd con i suoi derivati possiede un


ampio raggio di significati. Comprende il no
stro lavorare e servire, lavoro e servizio
in tutti i settori della vita. Riferito a Dio pu
indicare il servire Dio (vd. st. IV/2a) come
espressione generale dei rapporti con Dio, op
pure come termine del culto pu designare il
servizio del tempio (vd. st. IV/2d). NelPAT il
verbo presenta un rilievo notevole sia dal lato
profano che da quello religioso; con bd si desi
gna qualcosa che proprio delluomo e non
pu essere da lui dissociato.
Limpiego non teologico del verbo pu essere
distinto in due gruppi principali: (a) quello ri
ferito a cose e (b) quello riferito a persone.
a) Limpiego del verbo riferito a cose pone in
rilievo il valore fondamentale che esso esprime
nei riguardi della vita; lo si riscontra nel rac
conto della creazione dello jahwista; nelPesposizione di Gen 2,5 non cerano ancora uomi
ni che lavorassero il suolo , nellincarico di
lavorare il suolo c di custodirlo (v. 15) e nella
ripetizione di questo impegno alla fine del rac
conto (3,23). Caino un agricoltore (4,2.12). Si
parla di lavoratori del lino (Is 19,9); il lavoro
dei campi (della vigna) menzionato ancora in
Deut 28,39; 2Sam 9,10; Is 30,24; Ger 27,1 lb;
Zac 13,5; Prov 12,11; 28,19; ni.: Ez 36,9.34;
Eccle 5,8. Luomo destinato al lavoro della
terra dal suo creatore affinch provveda al pro
prio sostentamento; il suolo daltra parte esige
lavoro (Gen 2,15). Poich il procurarsi il cibo
compito delluomo come essere creato, anche
il lavoro della terra, che d nutrimento alluo
mo, appartiene necessariamente e inscindibil
mente alla natura umana. NellAT il lavoro
acquista perci un valore considerevole, par
tendo appunto dallattivit fondamentale della
coltivazione della terra.
Alluso transitivo del verbo si avvicina il con
cetto del lavorare, prescindendo dalloggetto
cui indirizzato il lavoro, come si rileva dal
comandamento del sabato: Sei giorni dovrai
(potrai) lavorare... (Es 20,9 = Deut 5,13). An
che questo impiego riferito alloggetto, solo
che in questo caso loggetto non pi nomina
to perch con la divisione del lavoro gli inter
venti possono essere tanti. A questo uso del
verbo corrisponde esattamente il nostro lavo
rare (altri passi: Es 1,14; 5,18; Deut 15,19;
Ger 22,13; Ez 48,18.19; ni.: Deut 21,4; pu.
Deut 21,3; hi.: Es 1,13; 2Cron 2,17). Il part. q.
'bd in Eccle 5,11 corrisponde al nostro la
voratore. In Ez 29,18 (hi.) lassedio di Tiro
considerato un lavoro.
b) II secondo gruppo di significati riguarda bd
riferito alle persone; un uomo al servizio di
un altro uomo. Qui bisogna distinguere il ser
vizio del singolo da quello del gruppo (o di un
popolo): il primo riguarda la sfera sociale, il
secondo quella politica. Non si pu dire sem
171

plicemente che bd riferito a persone sia neces


sario alla vita umana; pu favorirla ma anche
ostacolarla.
Quanto al servizio del singolo lAT presenta
una differenza tra il servire limitato nel tempo
(Gen 29-31, Giacobbe presso Labano) e il servi
re continuato, quello dello schiavo (Es 21,2.6;
Lev 25,39.40.46; Deut 15,12 ecc.). La legisla
zione pone dei limiti al lavoro dello schiavo
israelita: esso dovr durare sei anni e consiste
nel lavoro salariato (come Gen 29-31; cfr. an
che Ger 34,9.10.14). Si nota altres una ten
denza a limitare il pi possibile il servizio che
dura tutta la vita, cio la schiavit, opp. a li
mitarla ai non israeliti; la motivazione si trova
in Lev 25,42: Poich essi sono miei servi, che
io ho fatto uscire dal paese dEgitto . - Anche
gli animali possono servire luomo (Ger 27,6;
Giob 39,9). E anche importante nelPAT il ser
vizio prestato al re (vd. sp. lb). Bisogna distin
guere qui tra il popolo che serve il suo re e il
servizio particolare prestato al re da una singo
la persona. Il primo presentato negativamen
te in quei testi che criticano la monarchia (p.e.
ISam 8); Samuele mette in guardia da quel
tipo di servizio. Non c neppure scontato che
gli israeliti del nord servano il re di Giuda
(IRe 12,4.7). Altrove comunque si approva
senza condizione che il popolo riconosca il re
come signore e lo serva. Si parla spesso nel
PAT di singoli servitori del re (per lo pi no
minalmente, vd. sp. lb), ma il termine non di
stingue tra servitori del re di alto o basso rango
n tra servizio militare e servizio civile.
Che un popolo sia al servizio di un altro (opp.
del suo signore) ritenuto cosa normale, anche
se giudicata quasi sempre in modo negativo.
La storia di Israele cominciata con la schiavi
t in Egitto (Es 1,13 per questo gli egiziani
resero schiavi i figli di Israele trattandoli dura
mente ); durante il periodo relativamente bre
ve della storia di Israele in Palestina vi sono
frequenti schiavit (Giud 3,14) gli israeliti fu
rono schiavi di Eglon, re di Moab, per diciotto
anni); tale periodo termina con la schiavit
dei superstiti in Babilonia, annunciata p.e. in
Ger 27 e spesse volte altrove. Limmagine tipi
ca della schiavit politica il giogo ('/, 40x
nelPAT, quasi sempre usato metaforicamente)
che esprime i due aspetti: il lavorare per altri e
10 stato di non libert. Il servire nel senso
di schiavit politica (PAT possiede anche Pa
strano abdt, Esd 9,8.9; Neem 9,17) comporta
unesistenza indegna delPuomo, ostacolata e li
mitata; la fine di questo servizio dar allora
una salvezza, una liberazione (Ez 34,27; cfr. Is
40,2 -+$b nel senso di corve ). Ma nelle
guerre di aggressione di Davide anche Israele
ha reso schiavi altri popoli e anche quando si
guarda al futuro non manca la sottomissione a
Israele di altri popoli (Is 60,12; cfr. Zc 2,13).
11 servizio di un uomo verso un altro assume
T2JJ beed SERVO

172

forme molto varie: si trova nella famiglia, nella


trib, nel popolo, nella sfera politica e in quel
la sociale. Servire pu essere riferito allo schia
vo, al libero, al ministro, al fratello, a un grup
po, a un popolo. Mentre 'bd riferito a oggetti
qualcosa di normale, non problematico, tipico
dellesistenza umana, nelfimpiego di 'bd riferi
to a persone si riflette tutta la problematica del
sociale e del politico. Essa si nota gi nella sto
ria primordiale con la maledizione di Canaan:
Schiavo degli schiavi sar per i suoi fratelli
(Gen 9,25; cfr. w . 26.27). E bene ed giusto
che un figlio serva il padre (Mal 3,17); ma que
sto servizio limitato nel tempo e nel genere.
Tuttavia nessuno dovr servire il fratello; ci
sempre segno di disordine. Ci vale per la sfera
sociale (schiavit) e per quella politica (schia
vit politica).
3/ II sost. abd significa lavoro, opera,
servizio e corrisponde in gran parte al signifi
cato e alluso del verbo. Denota il lavoro del
contadino (Sai 104,23 allora luomo esce alla
sua opera, al suo lavoro fino a sera ; cos an
che Neem 10,38; lCron 27,26). Pu venir an
che sottolineata la fatica del duro lavoro (Es
1,14; 2,23 ecc.). 11 termine acquista il significa
to di servizio quando si parla di lavoro
svolto per qualcuno, come quello di Giacobbe
presso Labano (Gen 29,27; 30,26). Sul signifi
cato cultuale e teologico della parola vd. st.
IV/3.
Per Le voci affini a lavoro vd. sotto -> nml,
-'sh, -+sb ->srt. Oltre a sbeel/sibll corve
(->ni 3a) va citata anche la parola originariamente
can. mas lavoratori di corve e corve (nellAT 23x); cfr, a questo proposito e per lespressione
mas bd (Gen 49,15; Gios 16,10; IR e 9,21; secon
do D.Kunstlinger, O LZ 34, 1931, 61 ls. 'bd in
questa espressione non ha nulla a che vedere allori
gine con 'bd lavorare, servire , ma va collegato a
bd II [- bd 1] e significa per sempre, in modo per
manente ) lo studio di T.N.D.Mettinger, Solomonic
State Officiate, 1971, 128-139 (con bibliogr). Incerti
sono i sign. servo di corve per jgb q. part. (2Re
25,12 = Ger 52,16) e prestazione di corve per
jgb (Ger 39,10); cfr. KBL 361a (GB 282b: arato
re, contadino e campo[?J ).

IV/ 1/ La concezione di Dio come Signore,


che lAT condivide con tutte le religioni sem.
(-'dn IV), porta a ritenere e a definire luo
mo come servo ( il tuo servo ) oppure a
chiamarlo servo (servitore) di Dio. Ci che
viene sottolineato in primo luogo con 'beed
non la subalternit, ma lappartenenza al Si
gnore e la sicurezza in lui riposta. Non possia
mo affermare che luso religioso del termine
sia derivato da quello profano; ambedue sono
coesistiti fin dallorigine. Lunica differenza so
stanziale tra il rapporto che si stabilisce tra uo
mini e quello che vale tra gli uomini e Dio
173 T2J? 'beed SERVO

consiste nel fatto che essere beed di un uomo


pu portare anche ad una vita molto ridotta,
mentre essere beed di Dio significa sempre
avere un buon signore. Non si tratta mai di
una servit in senso negativo.
a) Poich il nome beed designa prima di tut
to e per Io pi il singolo individuo in relazione
al suo signore, anche 'beed in rapporto a Dio
interessa anzitutto e principalmente la singola
persona (cos W.Zimmerli, ThW V,661 n. 41 =
GLNT IX,297s. n. 41, contro Lindhagen, l.c.
82ss.). Lo rivela la serie di passi in cui luomo
rivolgendosi a Dio si definisce servo di Dio,
come pure laltra serie in cui un individuo de
terminato viene detto servo di Dio (vd. st. b).
Come un uomo si definisce servo nei confronti
di un altro (vd. sp. 111/1), cos qui in alcuni
passi luomo, incontrando Dio o un messagge
ro di Dio e rivolgendosi a lui, si definisce suo
servo: Gen 18,3.5; 19,2; Gios 5,14; ISam 3,9;
cfr. Dan 10,17. Questo il significato di tuo
servo nel linguaggio dei salmi (oltre 25x).
Tale espressione frequentissima nella lamen
tazione individuale, e soprattutto nella suppli
ca (Sai 86,2 salva il tuo servo che in te spe
ra! ecc.), sviluppata nel Sai 123, e nella
professione di piena fiducia (Sai 116,16 s,
Jahwe, io sono il tuo servo! ). Nella lamenta
zione essa pu trasformarsi anche in motivo di
contrasto (Num 11,11; Giud 15,18). 11 fatto
che essa si trovi nel salmo di lamentazione (ab
biamo dato solo degli esempi) indica chiara
mente la sua funzione: lorante aderisce al suo
Signore dal quale attende e implora aiuto, sal
vezza, soccorso e protezione. La relazione con
cui luomo si sente legato a Dio, e che si espri
me con la parola 'beed, risulta evidente so
prattutto in Sai 123,2s.: Come gli occhi dei
servi alla mano dei loro padroni, come gli oc
chi della schiava alla mano della sua padrona,
cos i nostri occhi sono rivolti a Jahwe, nostro
Dio, finch abbia piet di noi. Piet di noi,
Jahwe, piet di noi...!. Come il coro suppli
chevole di questo salmo, cos nella preghiera
liturgica anche la comunit pu definirsi
abMm di Dio (Sai 34,23; 69,37; 113,1;
135,1.14). In periodo postesilico questa la de
signazione dei pii in contrapposizione agli
empi, espressa tra laltro nel Tritoisaia (Is
56,6; 65,8.9.13-15; 66,14; cfr. Mal 3,18 bd q.).
Questo plurale, come ben mostra il Sai 123, si
fonda sul valore del singolo 'beed.
b) In un gruppo rilevante di passi (quasi la
met di quelli in cui beed riferito a Dio) un
individuo determinato (o un gruppo di tali in
dividui) viene definito servo (servi) di Jahwe.
Diversamente da quanto avviene per lorante
che si proclama servo di Jahwe, qui si tratta
quasi sempre di un servizio di cui il servo vie
ne incaricato, e tale servizio molto spesso in
relazione con lintervento di Dio presso il suo
174

popolo. Mos in particolare chiamato servo


di Dio, ma anche altre figure dellepoca arcai
ca, soprattutto i patriarchi, e in seguito i re e i
profeti. Per non sono chiamali cos i sacerdo
ti, poich il servizio cultuale dei sacerdoti vie
ne distinto dallintervento divino nella storia,
che si attua mediante gli bdm sopra ricor
dati.
Mos colui che pi di frequente definito
servo di Dio (Es 14,31; Gios 1,2.7.13.15 ecc.,
in tutto 40x). La portata funzionale del titolo
chiara in Num 12,7.8; il passo, anche per il
contesto che fa un confronto tra Mos ed i pro
feti, mostra che si tratta di uninterpretazione
successiva della funzione di Mos (la designa
zione del resto molto spesso dtn. e dtr.). Si
milmente anche altre figure dei primi tempi
sono definite in retrospettiva servi di Jahwe:
Abramo (Gen 26,24; Sai 105,6.42), Isacco
(Gen 24,14; lCron 16,13), Abramo, Isacco e
Giacobbe (Es 32,13; Deut 9,27), Giobbe
(Giob 1,8; 2,3; 42,7.8). Troviamo spesso il
mi o servo Davide (2Sam 3,18; 7,8; IRe
11,13.32.34.36.38 ecc.). Anche i profeti sono
detti servi di Dio (per lo pi al plur.) a partire
dallesilio, soprattutto nella storia dtr. (IRe
14,18; 15,29, 2Re 17,13.23 ecc.). Con questa
designazione si manifesta linterpretazione dtr.
della profezia preesilica: in un periodo di cre
scente apostasia da Jahwe i profeti hanno con
servato la fede e hanno agito al servizio di Dio.
Cfr. per lintero paragrafo W.Zimmerli, ThW
V,662-664 = GLNT IX.298-306.
c) Solo se si parte da questo uso di bced, con
il quale sono chiamati servi di Dio determinati
personaggi oppure i re e i profeti, si pu capire
perch il Deuteroisaia definisca Israele (al sin
golare) come 'bced Jhwh. Questa particolare
accezione del termine bced si fonda nel Dtis
sulla forma delloracolo di salvezza, che si
esprime con il linguaggio della lamentazione
individuale e perci si rivolge ad Israele come
se fosse una persona singola (si confronti la
personificazione di Israele nei profeti e nei sal
mi). A 'abdek tuo servo della lamentazio
ne individuale (vd. sp. a) corrisponde qui 'abdi
mi o servo, rivolto da Jahwe ad Israele:
Ma tu, Israele mio servo, tu Giacobbe..., mio
servo sci tu... (Is 41,8s.; inoltre 44,1.2; 45,4;
cfr. 44,21; 48,20; risonanze di questo uso in
Ger 30,10; Sai 136,22; altri passi sono proble
matici). Se in questi passi Israele, come Mos,
definito servo di Jahwe, ci significa che
Israele ha un compito da svolgere nei riguardi
di altri, appunto come Mos che in quanto ser
vo di Jahwe colui che opera presso il suo po
polo su incarico di Dio. Diventa chiaro cosi lo
sviluppo che porta ai canti dello bad-Jhwh.
d) Se si vuol comprendere il significato di
bced Jhwh nei canti del servo di Dio (Is 42,1;
49,3.5.6; 52,12; 53,11), si devono prendere i
175

testi nel loro insieme, aggiungendo anche Is


50,4-9 a Is 42,1-4; 49,1-6; 52,13-53,12, sebbe
ne il vocabolo ivi non compaia. Lo 'bced par
la qui in 1 pers. Non possibile trattare qui
per esteso questi testi e il problema del servo
di Dio (per gli studi fino al 1900 cfr. E.Ruprecht, Heidelberg 1972 [tesi dattil.]); possiamo
limitarci soltanto a chiarire (1) come si diffe
renzia luso di questo termine rispetto alluso
pi generale e (2) come si differenzia lo bced
Jhwh dei quattro testi rispetto al resto del Dits.
(1) Lanalogia pi prossima anzitutto quella
con i testi nei quali Jahwe chiama mio ser
vo un determinato personaggio; il caso del
la pericope di presentazione 42,1-4, nella quale
il servo riceve da Dio una missione. Ad essa
corrisponde Is 49,5s., dove al servo viene affi
dato il servizio dei popoli, in un primo tempo
limitato al solo Israele. Is 42,3s. e 50,4s. de
scrivono lo svolgimento di questo servizio, che
ricorda chiaramente quello dei profeti. Si pos
sono riscontrare in esso alcuni tratti tipici del
lufficio del re; 42,1-4 anche da un punto di vi
sta linguistico ricorda la designazione di un re
(Westermann, ATD 19,78 = ital. 118) nonch
la funzione di recare il diritto (mispi) alle na
zioni (42,l.3s.); cfr. J.Jeremias, VT 22, 1972,
31-42, La linea monarchica dei canti del servo
in sintonia con altri passi delPAT che defini
scono il re servo di Dio (vd. sp. b). Tuttavia
laspetto pi notevole il ministero della paro
la, affidato al servo, particolarmente sottolinea
to in 49,1-6, quando si accenna al fallimento
della missione profetica del periodo preesilico.
Tra il ministero della parola e la passione del
servo (42,4a; 49,7; 50,4-9 e 52,13-53,12) c un
rapporto profondo. Si nota qui chiaramente
uneco delle sofferenze e del lamento di Gere
mia (G. von Rad, W.Zimmerli f. gli a.). Per
diversamente dal profeta Geremia le sofferenze
del servo in 52,13-53,12 hanno una portata
positiva e vivificante per la loro funzione vica
ria: esse sono approvate da Dio e convalidate
con la morte del servo. la prima volta che
lAT arriva ad una simile concezione: essa su
pera tutto ci che era stato affermato fino ad
allora in merito alle funzioni di un servo al
servizio di Jahwe.
(2) Con il messaggio del Deuteroisaia (oltre al
l'affinit di linguaggio e di stile, cfr. in proposi
to Zimmerli, l.c. 664) vi una certa connessio
ne per quanto riguarda la designazione di
Israele come servo di Jahwe neHoracolo di sal
vezza (vd. sp. c). Ma non possibile, partendo
di qui, interpretare collettivamente la figura
del servo di Dio nei canti (nonostante 49,3,
che oggi considerato quasi unanimemente
uninterpretazione collettiva posteriore del ser
vo); con questa definizione di Israele quale ser
vo di Jahwe si accenna invece ad una missione
di Israele al servizio di Jahwe proiettata nel fu

*122 bced SERVO

176

turo. Bench in modo limitato, lmterpretazione collettiva esatta in quanto lopera del ser
vo di Dio descritta nei canti, anche se si parla
chiaramente di lui come figura singola, diventa
nello stesso tempo il compito futuro di Israele.
Una relazione pi chiara e diretla si pu vede
re anche nel fatto che ls 43,22-28 il verbo bd
hi. viene riferito per la prima volta a Dio: Mi
avete fatto servire coi vostri peccati . Dato
che il servizio di Israele fallito ( non mi ave
te servito ), Dio stesso si assunto il compito
(servizio) di eliminare i peccati del popolo. F,
quanto deve fare del resto il servo di Dio nei
canti, dove la sofferenza vicaria del servo che
elimina i peccati del popolo. Ma tramite il ser
vo opera Jahwe, e se ne ha conferma nellesal
tazione del servo.
2/ Mentre il verbo 'bd riferito al servizio tra
uomini (vd. sp. III/2) senzaltro ambivalente
e pu indicare sia qualcosa di positivo sia
qualcosa di negativo, bd in rapporto a Dio
sempre positivo. In questultimo caso abbiamo
piuttosto una corrispondenza con 'bd riferito a
cose (III/2a): infatti anche il servizio di Dio ap
partiene alla natura umana. Lumanit che
non ha servito Dio pu essere definita come
unumanit che non svolge alcuna attivit.
Servire Dio nelPAT indica un rapporto
molto vasto con lui. Se si fa un confronto con
laffermazione per noi usuale credere in
Dio , la differenza sostanziale consiste nel fat
to che il servire Dio non ha un contrario,
corrispondente al non credere. Lalternativa al
servir Dio piuttosto servire altri dei .
Che un uomo (opp. un gruppo) serva un Dio
non costituisce problema: la questione solo
di vedere quale Dio serve. Se lespressione
servire Dio una definizione globale del
rapporto con Dio, non pu voler dire ad esem
pio rendere un servizio a Dio . Significa
piuttosto riconoscere Dio come Signore, e ci
si verifica solo se tutta lesistenza viene coin
volta. Mentre credere in D io un fatto
esclusivamente spirituale, servire Dio
possibile soltanto impegnando lintera esisten
za.
LUso teologico di 'bd pu suddistinguersi
come segue: nei gruppi principali servire Jah
we (Dio) (2abd) si contrappone a servire al
tri dei (2c). Nel gruppo servire Jahwe si
deve distinguere tra il servire occasionale
(2a) e quello permanente (2bd), e per questul
timo si deve ancora tener distinto il riconosci
mento esistenziale di Jahwe (2b) dallesercizio
cultuale del servizio di Dio (2d); su questa di
stinzione si fonda la possibilit della critica
profetica al culto (2e).
a) li servire D io occasionale costituito
dalla, celebrazione di un sacrificio offerto a
Jahwe nel dseFt (15 passi in Es 3-12) e da
177

(bad SERV

una festa sacrificale in ambito familiare in


2Sam 15,8. La traduzione servire non co
glie qui il significato esatto, poich si vuol dire
che il riconoscere Jahwe come signore compor
ta unazione specifica quale atto di riconosci
mento. In questi passi si ha certamente luso
pi antico di bd riferito a Dio. Questo bd non
significa ancora una celebrazione fissa e istitu
zionalmente canalizzata nel culto, ma si riferi
sce al riconoscimento di Dio come Signore,
espresso con unazione particolare quando sia
giusto e necessario. A questo uso antico risale
la distinzione posteriore di due concetti com
pletamente diversi tra loro: servire Dio e
funzione liturgica e tale distinzione riguar
da lAT e il NT, e sopravvive nel linguaggio
ecclesiastico fino ad oggi. Da un lato si ha il
servire D io in celebrazioni di culto determi
nate e regolari e dallaltro il servire Dio in
unazione contingente, legata al quotidiano; di
solito essi vengono designati rispettivamente
con i termini cultuale ed etico . In Es
3ss. la celebrazione richiesta da Jahwe un av
venimento contingente, che esercita una sua
funzione in un momento storico. I due aspetti
in questo caso coincidono ancora. Con il pas
saggio alla vita sedentaria essi per si separa
no: servire Dio diventa unazione permanente
che si svolge in determinati luoghi e in tempi
fissi; lelemento contingente sopravvive ancora
nel concetto di servire D io che comporta
un riconoscere Dio come signore in una situa
zione contingente, un servizio a Dio legato al
lesistenza.
b) In Gios 24 si verifica il passaggio: 'bd, rife
rito a Dio, il leitmotiv del capitolo ( attesta
to 16x). Lavvenimento qui descritto mostra
che con bd si vuol affermare la scelta decisiva
di Jahwe come Dio, quindi come signore di
Israele. Questa decisione fa sorgere un servizio
di Dio che dura nel tempo, ma in esso la deci
sione in favore di Jahwe come signore mantie
ne la sua efficacia, 'bd non consiste quindi nel
lesecuzione di azioni cultuali, ma riguarda
propriamente la scelta di Jahwe come signore
d Israele nelle situazioni critiche, quando cio
si ripetono le circostanze di Gios 24. Soltanto
quando si conserva la scelta in favore di Jahwe
bd pu restare veramente integro. Partendo da
Gios 24 diventa chiaro che servire Dio si
gnifica propriamente ambedue gli aspetti, ma a
partire da questo momento e nel contesto della
vita sedentaria la celebrazione cultuale del ser
vizio di Dio e la decisione esistenziale in favo
re di Jahwe possono risultare separate; in que
sto distacco insita la possibilit che il servizio
cultuale di Dio non sia pi soltanto espressio
ne del riconoscimento di Jahwe con lintera
esistenza, e qui trova la sua giustificazione an
che la critica profetica del culto.
Il servizio di Dio manifestato con la propria
178

esistenza assume una peculiare impronta nel


Deutoronomio, p.e. nellimportante cap. 6, al
v. 13: Temerai Jahwe Dio tuo, lo servirai e
giurerai per il suo nome . Se nel Deut il servi
zio esistenziale posto cosi in rilievo (p.e.
10,12 servire Jahwe tuo Dio con tutto il cuo
re e con tutta lanima ) si pu ritenere che
dietro queste formulazioni vi sia gi la preoc
cupazione che il servizio di Dio nel culto non
costituisca pi lunica espressione del ricono
scimento di Jahwe come signore di tutta quan
ta la propria esistenza. Si comprende allora la
frequenza degli avvertimenti e dei moniti rela
tivi a questo tipo di servizio, come ad esempio
nel brano dtr. di ISam 12, dove ricorre pi
volte lespressione servite Dio con tutto il
cuore (vv. 20.24). Allammonizione corri
sponde da parte dei destinatari la promessa
(voto); Gios 24,18.21.24; ISam 12,10. una
promessa che dura finch vissuto Giosu
(Gios 24,31; Giud 2,7). Israele si rifiuta di ser
vire Jahwe (Ger 2,20). Cos servire Dio pu di
ventare promessa degli ultimi tempi (Ger 30,9;
Ez 20,40), con la possibilit di includere anche
i non israeliti (Is 19,21.23; Sof 3,9).
c) Allespressione servire Jahwe si contrap
pone, in una rilevante serie di passi, lespres
sione servire dei stranieri . Alla base vi
qui il comandamento: Non ti prostrerai da
vanti a loro e non li servirai (Es 20,5 = Deut
5,9ho.; cfr. Es 23,33). Per il Deut il culto degli
altri dei la grande prova dalla quale dipende
il destino di Israele; nella storia dtr. il pec
cato di Geroboamo che determina il giudizio
su tutti i re. La diffida a servire altri dei per
corre tutto il Deut (4,19; 7,4.16; 8,19; 11,16;
12,30; 13,3 [ho.].7.14; 28,14 ecc.; cfr. N.Loh
fmk, Das Hauptgebot, 1963, 74s.303s.); far
questo equivale ad allontanarsi da Jahwe
(~>skh dimenticare, -* zb abbandonare
ecc.). Lespressione servire altri dei non
vuol dire soltanto praticare un culto straniero,
ma riconoscere altri dei (opp. un altro dio)
come signore, scegliere la signoria di un altro
dio. Servire altri dei il rifiuto del primo co
mandamento.
Vi poi un altro uso linguistico: questa stessa
espressione pu comportare anche lapparte
nenza opp. il passaggio ad un altro genere di
vita. Deut 12.2.30 presuppone che altri popoli
servano altri dei; gli antenati di Israele hanno
servito altre divinit (Gios 24.2.14.15), e la
sciare il paese significa servire altri dei (Deut
4,28; 28,36.64; ISam 26,19). In questo senso
servire altri dei non contiene nulla di col
pevole, piuttosto un destino che pu capitare
a chiunque. Questo limitato gruppo di testi
dice ancora una volta che il servire un dio
connaturale allessere umano; quando si esce
fuori dalla signoria del proprio dio inevitabi
le passare al servizio di un altro dio o di altri
179

dei. Ma ci indica anche che la proibizione di


servire altri dei in Israele ha soltanto il signifi
cato di conservare lincondizionata esclusivit
del dominio di Jahwe sopra Israele (Deut 6,4).
Il rifiuto del primo comandamento possibile
perci solo nellambiente in cui ha valore tale
comandamento.
d) Mentre le espressioni servire Dio e ser
vire altri dei sono determinate dalla decisione
pr o contro Jahwe e in essa trovano il loro
punto dincontro, come risulta da Gios 24, lal
tro aspetto di 'bd riferito a Dio, tipico del lin
guaggio sacerdotale e cultuale, ha fatto assume
re al termine un ulteriore significato: bd deno
ta in tal senso il servizio del tempio. Questo
uso attestato in P (Elliger, HAT 4, 358 n. 52)
e in Cron. I leviti sono destinati al servizio del
tempio, che sinonimo di servizio di Jahwe
(Num 8,11; frequente la figura etimologica
bd 'abd, Num 3,7.8; 4,23.30.47, ecc.). Servi
re Jahwe e servizio liturgico sono identici. I
soggetti di questo servire sono sempre sacerdoti
e leviti. La qualifica pi precisa di questo ser
vizio quasi sempre di natura tecnica; si tratta
delle modalit del sacrificio o di altre azioni li
turgiche; il discorso verte sul luogo, gli oggetti
necessari, i tempi di questo servizio. Nelluso
linguistico questo servizio cultuale si avvicina
al nostro concetto profano di servizio.
e) Un distacco cos netto tra il servizio di Dio
descritto in Gios 24 e nelle sezioni centrali del
Deut e quello di natura tecnico-cultuale trova
riflesso nella critica profetica del culto. I profe
ti dell8 e del 7 sec. non usano per bd nei
loro oracoli contro il culto, ma il termine com
pare nello sguardo retrospettivo del passo chia
ve del Deuteroisaia: N on ti ho fatto servire
con offerte sacrificali... Tu hai fatto servire me,
con i tuoi peccati (Is 43,23s.). Nelle parole di
Dio viene rovesciato largomento che Israele
portava contro Dio nel suo lamento, e cio:
noi per ti abbiamo servito fedelmente con i
nostri sacrifici! Jahwe allora risponde: voi in
realt non mi avete servito. Voi mi avete usato
come servitore! In altre parole: non io ti ho fat
to lavorare (servire), ma tu mi hai fatto lavora
re (servire)! una frase arditissima; luso dellhi. di bd riferito a Dio veramente impossi
bile: Dio non pu essere bced. Ma proprio in
questa contestazione della purezza del culto
che Israele ha prestato a Dio compare nel Dtis
questa espressione impossibile, nella quale Dio
diventa soggetto di bd. Questo passo il lega
me pi importante tra il messaggio del Dtis e i
canti del servo di Dio (vd. sp. IV/ld[2]).
3/ Nella maggioranza dei passi abd signifi
ca il servizio del santuario, il servizio liturgico.
I passi nei quali si parla delledificio del san-'
tuario e del lavoro che vi si svolge rappresenta*73# bced SERVO

180

no una fase di passaggio (Es 27,19; 36,5; 38,21;


Num 3,26). Num 4,4.19; 2Cron 8,14 parlano
del servizio dei sacerdoti e dei leviti; del servi
zio del tempio (tenda, abitazione ecc.) riferisco
no numerosi passi di P (cfr. J.Milgrom, Studies
in Levitical Terminology, I, 1970) e del Croni
sta (cfr. anche Ez 44,14). Al nostro servizio
divino corrisponde 'abdat Jhwh (Num 8,11;
Gios 22,27; 2Cron 35,16).
Va rilevata lunica definizione delloperare di
vino come "bd nella frase relativa allopus
alienum Dei di Is 28,21: per compiere la sua
opera - inconsueto il suo lavoro! (par.
ma^S&y - sh). La concezione a noi familiare
delloperare e delfopera di Dio, a quanto ne
sappiamo, trova qui la sua prima formulazione.

1990; J.C. de Moor, The Seasonal Pattern...,


1971, 156; iscrizioni semNO. DISO 202).
La radice compare nelPAT al q. passare, ol
trepassare , al ni. venir attraversato , al pi.
(vd. st. 3c), allhi. (causativo di q.), e nei so
stantivi b a r (aram. bar) la parte di fron
te, abr guado, traversata, m a ubr (il
passare del bastone =) colpo (Is 30,32) e
guado, transito (Gen 32,23; ISam 13,23),
m a'br guado, forra, e infine nel nome di
luogo abrlm traversata; - * cebr.
L origine della parola ibrl ebreo oscura. Per lo
pi si ritiene possibile una corrispondenza con lacc.
faab/piru, ug. prm, eg. pr (contestata da R.Borger,
ZD PV 74, 1958, 121-132). Si suppone anche talvolta
una derivazione da far polvere (R. de Langhe,
Les textes de Ras Shamra-Ugarit..., II, 1945, 465;
Borger, l.c. 130s.) o da br (J.Lewy, H U C A 28, 1957,
1-13), ma tutte le ipotesi finora Formulate sono in
sufficienti (M.Weippert, Die Landnahme der israelitischcn Stamine in der neucren wissenschaftlichcn
Diskussion, 1967, 83; per una bibliogr. recente cfr.
J.Bottro, Le probline des Habiru, 1954; M.Greenberg, The Hab/piru, 1955; R. De Vaux, Die hebr. Patriarchen und die modemen Entdeckungen, 1959,
44-54; id., Bible et Orient, 1967, 165-174; Weippert,
l.c. 66-102; K. Koch, VT 19, 1969, 37-81).

V/ Nelle Hodajoth di Qumran tuo servo


usato spesso dallorante per designare se stesso
(IQH 5,15.28; 7,16 ecc.).
Nella traduzione dei LXX i diversi significati
del verbo ebr. 'bd sono resi con vocaboli di
stinti. Quando il sign. di bd elaborare, la
vorare i LXX traducono con pya^ea&ai.
5o\euet,v nei LX X indica in generale il lavoro
degli schiavi; anche la schiavit in Egitto
chiamata cos. Mentre tuttavia 5ouX,euelv nella
2/ Dati statistici: br q. 465x (incl. Ger 2,20
grecit extrabiblica non ha relazione con il lin
Q, K: bd; del Ez 16,37 in Lis 1021b [V6];
Gios 53x, Deut 46x, 2Sam 39x, Is 34x, Num
guaggio religioso, nei LXX esso pu designare
3lx, Ger e Sai 25x ciascuno, Giud 23x, Ez
il rapporto di dipendenza e lo stato di servit
22x,
ISam 21x, Gen 20x), ni. lx (Ez 47,5), pi.
delPuomo nei confronti di Dio. XaxpEUEiv si
2x,
hi.
80x (incl. 2Sam 19,41 Q; Ez 48,14 Q;
gnifica servire nel culto, venerare. I LXX
Ez 13x; 2Sam 9x), il verbo in totale 548x;
per, a differenza di SouXeueiv, usano Xa-rpeueiv
soltanto per il servizio divino; anche Xcrcpeia , b a r 9x (Gios 24x, Deut I2x), aram. bar
14x (in Esd, sempre 'bar n a fr , vd. st. 3e),
riferita soltanto al culto, ma in tal senso si pu
,abr 2x (2Sam 15,28 K; 19,19), m a ,abr 3x
usare anche Xeltoupyux. Tra le traduzioni di
beed prevalgono SouXoq e naq; cfr. a questo (vd. sp. 1), m a'br 8x.
proposito e per il NT f. gli a. W.Brandt, Dienst
und Dienen im NT, 1931; S.Daniel, Rechcrches
3/ a) Secondo il contesto e limpiego delle
sur le vocabulaire du culte dans La Septante,
varie preposizioni, sono possibili molte tradu
1966; RRengstorf, arL SoOXoq, ThW 11,264-283
zioni del qal ebr., ma tutte attorno al sign.
(= GLNT 11,1418-1466); G.Bertram. art. Epyov,
(spaziale) oltrepassare, transitare dallaltra
ThW 11,631-653 (= GLNT 111,827-886); H.
parte, varcare : con il complemento ogg. o an
Strathmann, art. Xa-rpEucu, ThW IV, 58-66 (=
che in senso intransitivo il sign. quello di
GLNT VI, 167-190); H.Strathmann - R.Meyer,
passare, attraversare (quasi un terzo dei
art. XeiTOupyu) ThW IV, 221-238 (= GLNT , passi hanno come complemento il Giordano;
VI, 589-634); A.Oepke, ThW V,637 (= GLNT
cfr. H.-J.Kraus, Gottesdienst in Israel, 21962,
1X,237, per urne; nei LXX); W.Zimmerli
181-187); con laccusativo di direzione il senso
-J.Jeremias, art. -kol; #eo\5, ThW V, 653-713
passare a, inoltrarsi verso (Am 5,5 par.
(= GLNT IX, 275-440).
->b\ 6,2 par.
Ger 48,32 par. ng
C. Westermann
giungere fino; cfr. ISam 14,1 con tr/); con
complemento ogg. via equivale a percor
rere la via (Is 33,8; Sai 8,9; Prov 9,15); con
complemento ogg. di persona sorpassare
18,23); con I f transitare per (Gen
"DI? br PASSARE, OLTREPAS (2Sam
12,6; 30,32; Num 13,32; Deut 2,4; Is 62,10);
SARE
con a l passare sopra qualcosa (Num 6,5;
Giona 2,4: Sai 88,17), passare accanto a, ol
' 1/
'br attestato (ad eccezione dellet.) in tut- tre qualcuno/qualcosa (Gen 18.3 [m&'a[\.5;
te le lingue sem. (per i testi pi antichi cfr. f.
2Sam 15,18; IRe 9,8; Ger 18,16); con lifn
precedere qualcuno/qualcosa (Gen 32,17;
gli a. AHw 182 [acc. ebru]; ug.: WUS nr.
181

13J7 br PASSARE, OLTREPASSARE

182

33,3.14; Es 17,5; ISam 9,27; 2Re 4,31); con


ahar seguire (2Sam 20,13); con min
sfuggire, liberarsi da (Is 40,27; Sai 81,7).
Vanno rilevate soprattutto espressioni che ten
dono a fissarsi come termini tecnici, come ad
esempio: br jm navigante (ls 23,2; cfr.
Sai 8,9; acc. bir lmli marinaio, AHw
182b); k su fbr moneta corrente (Gen
23,16; 2Re 12,5 txt?; cfr. KBL 675b); mr
bSr mirra stillante (Cant 5,5.13; P.Katz,
Gnomon 30, 1958, 541; Gerleman, BK XV111,
167); coloro che percorrono di Ez 39,15
potrebbe avvicinarsi al sign. di esaminatori,
controllori (par. hqr ricercare v. 14; cfr.
Zimmerli, BK XIII, 924.967); 'br 'al happeqii(rn (Es 30,13.14; 38,26) entrare tra i censi
ti (cos Noth, ATD 5, 193 = ital. 293) ter
mine tecnico sacerdotale per il censimento (cfr.
anche CD 10,ls.; 15,6).

re,

tener lontano

(Sai

119,37.39;

Eccle

11 , 10 ).

d) Verbi affini per significato sono: gz passare


(Num 11,31; Sai 90,10; vd. H A L 175a con congettu
re); hip I proseguire, passar oltre, passare in fretta,
sparire (q. 4x, par. br in Is 8 , 8 ; 24,5 trasgredire
[una legge]; Ab 1,11; Giob 9,11; Cant 2,11); 7q
andare avanti, progredire (Giob 14,18; 18,4; in
senso traslato invecchiare Sai 6 ,8 ; Giob 21,7; cfr.
inoltre Wagner nr. 228).

b) In stretto rapporto con 3a si possono notare


i seguenti possibili significati con valore trasla
to: trasgredire, non osservare una legge (Sai
148,6; Est 3,3); passare, trascorrere in senso
temporale (Gen 50,4; 2Sam 11,27; IRe 18,29;
ls 26,20; Ger 8,20 par. klh essere alla fine;
Am 8,5; Giob 17,11; Cant 2,11 par. hip pas
sare); estinguersi, decadere (Est 1,19);
esaurirsi, venir meno (Giob 6,15; 11,16);
disperdersi (della pula: Is 29,5; Ger 13,24;
Sof 2,2; dellombra: Sai 144,4); perire
(Giob 34,20 par. mt morire ), cfr. 'br
basselah (Giob 33,18.28 [txt em]; 36,12), frase
che secondo KBL 976b e Fohrer, KAT XVI,
454.458 (con rimando allug. slh in Krt [= I K]
20) corrisponde a passar per la saetta (di
versamente M.Tsevat, VT 4, 1954, 43, e
D.Leibel, Tarbiz 33, 1963/64, 225-227: at
traversare il fiume degli inferi = morire ).

e) beer la parte di fronte, l altra parte


di una valle (ISam 31,7), del mare (Ger 25,22),
del fiume (ls 8,23; diversamente B.Gemser, VT
2, 1952, 349-355), come accus. di luogo (Deut
4,49; Gios 13,27) o con min/be (Gen 50,10s.;
Num 22,1; 34,15; Deut 1,1.5; Gios 13,32;
Giud 11,18 ecc.), tendendo ad assumere il sign.
della prep. oltre, ricorre come denomina
zione geografica, soprattutto nelle combinazio
ni beer hajjardn, che pu indicare - a secon
da della posizione di chi parla - sia la Transgiordania (Gen 50,10s.; Num 22,1; 32,32;
Deut 1,1.5; Gios 1,14; 2,10 ecc.) sia la Cisgiordania (Num 32,19; Deut 3,20.25; 11,30 ecc.),
nonch beer hannhr (aram. bar nahar,
acc. Eber nri, AHw 18Ib) il paese ad ovest
del Fiume (Eufrate), lOltrefiume (Transpotamia) (IRe 5,4; Esd 8,36; Neem 2,7.9; 3,7;
aram. Esd 4,10s. 16s.20 ecc.), che come termine
tecnico geografico-politico per indicare la Siria-Palestina si affermato con ogni probabi
lit solo con il linguaggio burocratico dellim
pero persiano (Noth, BK IX, 76; cfr. J.Simons, The Geographical and Topographical
Texts of th OT, 1959, 33; in alcuni testi pree
silici lespressione indica ancora la regione ad
est dellEufrate: Gios 24,2s.l4s.; 2Sam 10,16 =
lCron 19,16; IRe 14,15; ls 7,20).

c) 11 pi. usato in IRe 6,21 col valore tecnico


far passare (catene doro come ornamento del
tempio) (cfr. Noth, BK IX,96.122; Jenni, HP
140) e in Giob 21,20 nel significato di m on
tare del toro (cfr. aram. giud br pa. fecon
dare; Wagner nr. 212; ev. anche KAI nr.
162, r. 4).
Lhi. presenta i valori causativi corrispondenti
del qal ( far transitare, condurre di l, far pas
sare ecc.). Significati particolari sono ancora:
il termine tecnico del sacrificio dei bambini br
hi. (Es 13,12; Lev 18,21; Ger 32,35; Ez 16,21;
20,26; 23,37) opp. b r hi. b'Ss far passare
per il fuoco (Deut 18,10 ecc., vd. i passi sotto
-> s 3a); inoltre con complemento ogg. sfar
corno (Lev 25,9) opp. ql voce (Es 36,6;
Esd 1,1; 10,7; Neem 8,15; 2Cron 30,5; 36,22;
cfr. anche ISam 2,24) far risuonare;
strappare, portare via (2Sam 3,10; Est 8,2
par. sur hi. allontanare); rimuovere, eli
minare (IRe 15,12 par. sur hi.; Giona 3,6;
Zac 13,2 par. krt hi. estirpare); distoglie

4/ Raro luso teologico di br (q. e hi.), le


gato ai significati esposti in 3a-c. Si possono ri
cordare seguenti elementi tipici:
(1) il passare di Dio (opp. del suo kbd)
nella teofania (Es 33,22, cfr. v. 19 hi.; 34,6;
IRe 19,11; cfr. J.Jeremias, Theophanie, 1965,
particol. 112-115);
(2) il passare della punizione divina (Es
12,12.23; Am 5,17; cfr. J.L.Crenshaw, ZAW
80, 1968, 206);
(3) il procedere di Dio nella guerra santa (Deut
9,3; 31,3; cfr. G. von Rad, Der Heilige Krieg
im alten Israel, 1951, 9.68ss.74s.);
(4) come espressione di perdono va citato 'br
hi. -> 'wn portar via, far passare il pecca
to (2Sam 24,10 = lCron 21,8; Zac 3,4 par,
sur hi. allontanare; Giob 7,21 par. ->n$'
posa' cancellare la colpa; con il comple
mento ogg. hattl peccato 2Sam 12,13). Si
avvicina al significato di perdonare anche
br q. alposa' non tener conto del peccato

183

*1317 br PASSARE, OLTREPASSARE

184

(Mi 7,18 par. ns wn\ cfr. Prov. 19,11 con


un soggetto umano; cfr. anche br q. le perdo
nare Am 7,8; 8,2). Certo br 'al soltanto
una immagine imperfetta e quindi non diffusa
del perdono; esprime infatti soltanto il trascu
rare e il non badare, non leliminazione della
colpa (J.J.Stamm, Erlsen und Vergeben im
AT, 1940, 72).
(5) Luomo soggetto di 'r q. nel trasgredire
lalleanza (bert III/6c; Deut 17,2; Gios
7,11.15; 23,16; Giud 2,20; 2Re 18,12; Ger
34,18: Os 6,7 par. bgd tradire; 8,1 par.
ps al violare; cfr. CD 1,20 hi.; 16,12 q.)
opp. i comandamenti di Dio (pi Jhwh: Num
14,41; 22,18; 24,13; ISam 15,24 [-pai]',
misw: Deut 26,13, 2Cron 24,20 [-yw/i pi.];
tor: Is 24,5 par. hip hq e prr hi. berit\
Dan 9,11; cfr. IQS 5,7.14; 8,22; IQ H 4,27).
(6) Al rito con cui originariamente si conclu
deva unalleanza e che consisteva nel passare
tra le parti di un animale tagliato {br ben Gen
15,17; Ger 34,18.19; cfr. Noth, GesStud
1,142-154) potrebbe eventualmente riferirsi an
che lespressione br bibrt Jhwh entrare nel
lalleanza (Deut 29,11; cfr. IQS 1,16 ecc.).
5/ A Qumran si ha un uso di br simile a
quello dellAT. I LXX molto spesso traducono
la radice con 8ux(Jcuvav e 7iappxcr9ai. Questo
secondo verbo acquista importanza teologica
quando si riferisce alla trasgressione dei co
mandamenti divini e alle apparizioni di Dio.
Nel NT si potrebbe forse intendere in questo
modo Le 18,37 (cfr. J.Schneider, art. nappXopm, ThW II,679s. = GLNT Ill,954ss.; id.,
art. 7rapaPatvw, ThW V,733-741 = GLNT
IX,495-518). Con il sign. passare il termine
acquista spesso una connotazione escatologica.

H.-PSthli

cebr IRA
1/ Il sost. 1cebr ira va fatto derivare da
una radice verbale br il cui significato resta
tuttavia incerto. Da un lato stata proposta
una derivazione da -* br 1 attraversare, anda
re dallaltra parte , dato che in ebr. c attcstato
qualche volta un verbo br hitp. col sign. mo
strarsi spavaldo, adirato (< lasciarsi tra
sportare ?). Da questo verbo potrebbe derivare
anche il sost. 'cebr I tracotanza, eccesso (ls
16,6; Ger 48,30; Prov 21,24; GB 561 a; O.Grether - J.Fichtner, ThW V,393 n. 62 = GLNT
V ili, 1105 n. 62). D altra parte c meglio pensa
re ad una radice autonoma br II essere adi
rato che non attestata se non in arab. (gbr)
(Wehr 595b: igbirr astio; J.A.Emerton,
185 rn ?V cebr IRA

ZAW 81, 1969, 189; incerto se lantico aram.

j'brnh di Sef. Ili, r. 17 derivi da 'br essere adi

rato; cfr. DISO 202; R.Degen, Altaram.


Grammatik, 1969, 68 n. 54; ncUaram. targumico si ha ta'abir ira in ls 9,18 e 13,9,
cfr. Jastrow I683b). Impossibile sembra la de
rivazione dallarab. gariba serbare astio
(KBL 676b dubitando) o dallarab. garb pas
sione, violenza (GB 560 dubitando; cfr. Wehr
598b: violenza, impeto ).
In ebr. il sost. cebr un fem. segolato (qitl). Il
plur. cs. abrt (Sai 7,7, rispetto a Giob 40,11
'cebrt) potrebbe far pensare ad una forma se
golata di tipo qatl (BL 604).

2/ Il verbo 'br hitp. attestato 8x nellAT


(Sai 4x, Prov 3x, Deut lx), il sost. cebr 34x
(Is 6x, Ez, Sai e Prov 5x ciascuno), di cui sol
tanto 3x al plur. (Sai 7,7; Giob 21,30; 40,11).
3/ a) Nel sign. mostrarsi adirato br hipt.
ricorre soltanto cinque volte e riguarda sempre
lira divina: Deut 3,26; Sai 78,21.59.62; 89,39.
Gli altri tre passi si riferiscono esclusivamente
allagitazione emotiva delluomo. Solo Prov
20,2 chiaro; in Prov 14,16 e 26,17 le tradu
zioni suppongono una forma derivata da br
(cfr. Gemser, HAT 16, 67.95). La condotta
delluomo che il libro dei Proverbi denota con
b r hitp. caratterizzata sempre da una certa
presunzione o addirittura da intemperanza. Lo
stolto presta poca attenzione al male (Prov
14,16). Chi si comporta con intemperanza e
con ira di fronte al re mette a repentaglio la
propria vita (Prov 20,2).
b) Il sost. cebr descrive 22x lira divina (Is
19,18; 10,6; 13,9.13; Ger 7,29; Ez 7,19; 21,36;
22,21.31; 38,19; Os 5,10; 13,11; Ab 3,8; Sof
1,15.18; Sai 78,49; 85,4; 90,9.11; Prov 11,4;
Lam 2,2; 3,1) e 12x lira umana (Gen 49,7; Is
14,6; Am 1,11; Prov 11,23; 14,35; 22,8; inoltre
i passi al plur., vd. sp. 2, e i passi nei quali
cebr assume di preferenza il sign. tracotan
za, eccesso , vd. sp. 1).
Anche i passi con il sost. dicono che lira pu
portar soltanto alla perdizione e al castigo: Si
meone e Levi furono dispersi a causa della loro
ira (Gen 49,7), e cos pure sar punita lira di
Babilonia (ls 14,6), di Moab (Is 16,6; Ger
48,30), di Edom (Am 1,11), e anzi di tutti gli
uomini (tutte le ricorrenze di Prov). Le forme
al plur. denotano piuttosto le azioni dell'uomo
compiute sotto gli effetti dellira, e si prega
Jahwe di intervenire contro di esse (Sai 7,7);
nel giorno di tali azioni il malvagio non sar
risparmiato (Giob 21,30), mentre Giobbe pu
dar sfogo ai furori della collera che comunque
sono quelli di un debole e non sono paragona
bili a quelli di Dio (Giob 40,11).
In questo contesto altri termini accompagnano
b r/cebr: gaaw e gon (g h) Is 16,6; con
186

-* af in stato cs. Giob 40,11 e come termine


parallelo Is 14,6; Am 1,11.
4/ a) Nel linguaggio teol. queste affermazioni
prendono maggior rilievo. sintomatico ad
esempio che br hipt. oltre che in Deut 3,26,
dove viene descritta lira di Dio contro Mos
per la disubbidienza del popolo, si riscontri
soltanto nei salmi ed anche qui denoti la rea
zione divina ai peccati del popolo.
b) Non perci strano che il termine 'cebr sia
usato in particolare dai profeti (15x), e che di
venti molto frequente allepoca dellesilio,
come del resto si nota anche per gli altri termi
ni che denotano lira. Esso forma una co
struzione fissa nelle seguenti espressioni: cebrat
Jhwh ira di Jahwe (Is 9,18; 13,13; Ez 7,19;
Sof 1,18); am/dr 'abrfi/'cebrt popolo
della mia/sua ira (Is 10,6; Ger 7,29); jm
cebr giorno dellira (Ez 7,19; Sof 1,15.18;
Prov 11,4; per il significato anche Is 13,9.13);
s 'cebrtl fuoco della mia ira solo in Ez:
21,36; 22,21.31; 38,19.
In questo campo 'cebr si trova unito ad altri
termini che designano lira: -+af Os 13,11; Sai
78,21; 90,11; a f e ->hrh Ab 3,8; harn af Is
13,9; Sai 85,4; ffrn af e zd'am Sai 78,49;
z'am Ez 21,36; 22,31; ->qin Ez 38,19; - s
qin Sof 1,18.
5/ Gli scritti di Qumran usano 'cebr per in
dicare lira divina alla stessa maniera dellAT
(1QS 4,12; 1QM 4,1; 14,1; CD 8,3; 19,16). Per
il NT cfr.af 5; ->hm 5.

G.Sauer

IV 'ad SEMPRE
1/ Il sost. 'ad eternit, sempre, attestato
soltanto in ebr. con valore prevalentemente av
verbiale (se possibile prescindere dallug. b d
Im di PRU II, nr. 19, r.6; cfr. WUS nr. 1999;
UT nr. 1813), di solito (p.e. GB 563a; Zorell
571b.573a) posto in relazione con la prep.
ad fin o e con la radice *dj continuare,
passare oltre (in ebr. soltanto dh q. cammi
nare Giob 28,8; hi. togliersi [un vestito]
Prov 25,20; aramaismo?, cfr. Wagner nr. 214)
e viene interpretato nel senso di durata inin
terrotta o sim. (cfr. anche G.R.Driver, WdO
1/5, 1950, 412).
2/ Le 48 attestazioni di ad sono distribuite
in modo irregolare nelPAT: 29x in Sai, 8x in
ls, 2x ciascuno in Mi, Giob, Prov, lx in Es
15,18; Am 1,11; Ab 3,6; Dan 12,3; lCron
28,9. Si pu notare anche una simile distribu
187

zione dei sinonimi -+dr wdr, -*dlm e


nsah, questultimo con il valore di durata,
eternit o^sim. 40x, di cui 18x in Sai, 7x in Is
(34,10 lensah fshm ), 6x in Giob, 3x in
Ger, inoltre 2Sam 2,26; Am 1,11; 8,7; Ab 1,4;
Prov 21,28; Lam 5,20.
3/ Al pari di -> 'lm, con il quale spesso
unito, ad usato soltanto con preposizioni,
come accusativo avverbiale oppure come geni
tivo con funzione analoga. Soltanto in un caso
il significato si riferisce al passato: Giob 20,4
mirini- ad (non sai tu che) da sempre (par.
da quando luomo fu posto sulla terra). Al
trimenti si pensa sempre ad un futuro senza li
miti, e pi precisamente nelle espressioni se
guenti: ad-ad per sempre (Is 26,4; 65,18;
Sai 83,18; 92,8; 132,12.14; cfr. Is 17,2 txt em;
in Is 45,17 rafforzato 'ad-lem 'ad per tutti
i secoli), l'ad per sempre (ls 30,8, qui
per si deve vocalizzare lcd come testimo
ne; 64,8; Am 1,11; Mi 7,18; Sai 9,19; 19,10;
21,7; 22,27; 37,29; 61,9; 89,30; 111,3.8.10;
112,3.9; 148,6; Giob 19,24; Prov 12,19; 29,14;
lCron 28,9), lelm w'cd (particolare forma
pausale, cfr. BL 548) e 'lm w a'd per sem
pre e in eterno (Es 15,18; Mi 4,5; Sai 9,6;
10,16; 21,5; 45,7.18; 48,15; 52,10; 104,5;
119,44; 145,1.2.21; Dan 12,3), nonch in alcu
ne catene costrutte nelle quali il secondo mem
bro ad funge da determinativo pi specifico
per sempre (Is 9,5 ab -ad padre per sem
pre, ->b III/3; cfr. Wildberger, BK X,393;
Is 47,7 txt em g*bcrat ad signora per sem
pre; 57,15 skn ad che siede sul trono in
eterno; Ab 3,6 harer-ad le montagne eter
ne , cos pure Gen 49,26 txt em).
Le espressioni parallele di ad sono -> lm
(oltre ai passi gi citati vanno ricordati ancora
Is 26,4; 30,8; 45,17; 47,7; Ab 3,6, cfr. Gen
49,26 txt em; Sai 92,8s.; 111,8; 148,6),
(ljn&sah (Am 1,11; Sai 9,19), bekol-dr wdr
(Sai 45,18),jm jm ogni giorno (Sai 61,9),
km smjirn come i giorni del ciclo (Sai
89,30),
tmid sempre (Sai 119,44),
bekol-jm per sempre (Sai 145,2). In Prov
12,19 l'ad viene contrapposto ad una espres
sione con rg hi. che significa per un istante
solo .
Una situazione analoga si presenla per il ter
mine sinonimo n&sah. Un riferimento al passa
to si ha nella catena costrutta masst. ncesah
rovine antichissime o rovine eterne . Al
trimenti con prospettiva rivolta al futuro si in
contra 32x lnsah per sempre (inoltre Is
34,10 con la forma rafforzata lensah neshim),
quindi laccus. avv. ncsah (Ger 15,18; Am
1,11; Sai 13,2; 16,11) e lespressione preposi
zionale ad-nsah opp. ad-n sah (Sai 49,20;
Giob 34,36) con lo stesso significato. Anche in
questo caso si usano spesso espressioni paralle
le: le'lm (Is 57,16; Ger 3,5; Sai 9,6.8 par. v.
"1J7 ad SEMPRE

188

7; Sai 49,9 par. v. 10 txt?; 103,9), la ad (vd.


sp.), 'ad-/ledr wdr (Is 13,20; Ger 50,39; Sai
77,9; cfr. middr ldr ls 34,10) e lercek
jtriim (Lam 5,20).
4/

La maggior parte dei passi che contengono

'ad riguarda contesti teologici per i quali in ge

nerale si pu rinviare a quanto detto sotto la


voce ->lm. In particolare va osservato che
non si designa mai il tempo e leternit dal
punto di vista riflesso della teologia, ma nella
maggior parte dei casi si afferma enfaticamente
che una cosa definitiva ed immutabile.
questo luso prevalente della voce nel linguag
gio dei salmi quando si tratta di inni (p.e. Es
15,18 Jahwe regna in eterno e per sempre;
cfr. ls 26,4; 57,15; Mi 7,18; Sai 9,6.19; 10.16;
19,10; 48,15; 111,3.8.10; 112,3.9; 122,14) op
pure di confessioni, di lamentazioni o di sup
pliche (Mi 4,5 noi cammineremo nel nome
di Jahwe, nostro Dio, in eterno e per sempre ;
cfr. Is 64.8; Sai 22,27; 37,29; 45,18; 52,10;
61,9; 83,18; 92,8; 119,44; 145,1.2.21), mentre
pi raro il termine nelle promesse di salvezza
dei profeti (Is 45,17; 65,18; cfr. anche Dan
12,3) oppure nei testi sapienziali (Prov 12,19;
29,14). In questi vari ambiti letterari, oltre alle
affermazioni generali che riguardano Dio, i
giusti e gli empi, se ne trovano altre pi speci
fiche: sulla creazione che stabile in eterno
(Gen 49,26 txt em; Ab 3,6; Sai 104,5; 148,6) e
sul regno fondato da Dio (Sai 21,5.7; 45,7;
89,30; 132,12; cfr. in antitesi ls 47,7 txt em;
anche il titolo messianico abl- ad di Is 9,5 [vd.
sp. 3] va collocato qui); per lassunzione di for
mule extrabibliche dello stile di corte cfr.
dlm 4b. Non attestato un uso giuridico di
ad (cfr, comunque Giob 19,24), e solo rara
mente se ne ha uno analogo nelle accuse profe
tiche (Am 1,11). In prosa si trova soltanto
lCron 28,9 (Davide a Salomone; ti rigetter
per sempre ).
Lipotesi (formulata da M.Dahood, Bibl 50, 1969,
346s.) di un nome divino ad lEterno in Sai
119,8.43.51 e Lam 5,22, non risulla motivata (cfr.
J.C. de Moor, UF 2, 1970, 202.314; O.Loretz, BZ
N.F. 16, 1972, 245-248).

In ncesah laccezione teologica molto meno


evidente. In diversi ambiti si parla di annienta
mento eterno, di ira e di dimenticanza eterne
(Is 13,20 = Ger 50,39; Is 34,10; 57,16; Ger 3,5;
Sai 9,19; 13,2 ecc.). Per quanto riguarda la sal
vezza escatologica, acquistano un particolare
rilievo le affermazioni di Is 25,8 ( eliminer la
morte per sempre) e di Sai 16,11 (dolcezza
senza fine alla tua destra).
5/

189

- lOm 5.

TJ7 'd TESTIMONE

E Je n n i

717 d T E S T IM O N E
1/ La radice Ud largamente diffusa nelle
lingue sem. (p.e. arab. da ritornare , et.
oda girare, fen./ebr./aram. od ancora,
cfr. KBL 685s.l 106b; DISO 203s.; LS 515a;
WUS nr. 1999; cfr. J.A.Thompson, JSS 10,
1965, 224-227; per Face. ad vd. st. 4d), ma
soltanto in ebr. attestata nellaccezione te
stimone ('d) opp. essere testimone o
chiamare come testimone ('d hi.).
Mentre d pi. cingere, circondare (Sai
119,61; cfr. il sign. et. girare) e poi. cir
condare con cura, soccorrere (Sai 146.9;
147,6; hitpo. aiutarsi lun laltro Sai 20,9)
sono pi vicini al significato fondamentale
sem. ipotizzabile, d hi., con le sue varie acce
zioni, potrebbe essere denominativo di d te
stimone. Raro il sign. testimoniare (IRe
21,10.13; Giob 29,11; vd. st. 3b) oppure esse
re testimone (Mal 2,1 di Jahwe; vd. st. 4b).
Un po pi frequente il valore 'd hi. ('idim )
addurre testimoni (per attestare su un docu
mento in Ger 32,10.25.44 e Is 8,2; vd. st. 3a) e
chiamare come testimone (il cielo, Deut
4,26; 30,19; 31,28; vd. st. 4c). GB 568b f. gli a.
fa derivare da 'd, in quanto esprime una ripe
tizione (vd. sp.), il significato molto frequente
asserire, esortare, avvisare , e lo spiega come
un dire ripetuto e insistente. Forse per
preferibile far derivare tale significato dalluso
di chiamare Dio come testimone (vd. st. 4c).
Le derivazioni nominali sono anzitutto il sost.
d testimone (di tipo qatil con contrazione,
BL 464, o semplicemente in analogia con gli
agg. verbali qatil, Joiion 166.173), 'd testi
mone (fem.) e f'd testimonianza (BL
496). l sost. dtit testimonianza, comanda
mento o sim. (vd. st. 4d) viene considerato
per lo pi come forma astratta di 'd (cfr. Gulkowitsch 38-40), mentre p.e. H.Zimmem (vd.
GB 565b) e G.Widengren (Sakrales Knigtum
im AT und im Judentum, 1955, 94 n. 69) lo
fanno derivare da -*jd stabilire. Il plur.
'dot norme della legge o sim. (vd. st. 4d)
viene fatto derivare da GB 565b e Lis. 1028 da
un sing. 'd III non attestato, ma ora viene
abitualmente posto sotto 'dt (KBL 683a; cfr.
BL 605) assieme al plur. cfwt (in 1 IQ Psa
dwwt)\ cfr. per 'dt/'dt lo studio di B.
Volkwein, BZ N.F. 13, 1969, 18-40.
Va ricordato anche il nome di persona J d (Neem
11,7) per il quale Noth, IP 162s., rimanda a Giob
16,19 e 19,26 txt em.
Lebr. (e laram. bibl.) 'od originariamente un sost.
con il sign. durata, ripetizione (cfr. arab. aud
ripetizione ) che si sviluppato nellavverbio an
cora, di nuovo .
In aram. per indicare lazione del testimoniare si ri
corre alla radice shd, della quale per in aram. bibl.
attestato soltanto lastratto ih ad testimonian

190

za (Gen 31,47; cr. KBL I126a). Lebr, Shd te


stimone (Giob 16,19 par. 'd) un prst. dallaram,
(Wagner nr. 295).
Ci si pu chiedere se in 2Re 11,12 = 2Cron 23,11
non si tratti forse di un altro termine, edili, assieme
a n zar diadema ci si aspetterebbe di trovare un
ornamento (da dh ornarsi, cfr. BL 505). Per
le molte altre spiegazioni di questo 'dt cfr. Volkwein. l.c. 27-31.

Non semplice decidere a quale significato


della radice risalga il termine (essere) testi
mone. Si potrebbe pensare ad un significato
fondamentale essere presente (cfr. lat. testis
< tri-stis colui che sta come terzo in un fat
to ), oppure al sign. arab. ritornare, che allhi. verrebbe a significare riportare; d sa
rebbe allora colui clic riporta (opp. ripete) un
fatto con le sue parole, cfr. lat. referre, frane,
rapporter.

2/ Il verbo attestato in totale 44x: pi. lx


(Sai 119,61), poi 2x (Sai 146,9; 147,6), hipto.
lx (Sai 20,9), hi. 39x (Ger 8x, Neem 6x, Deut
5x), ho. lx(Es 21,29).
Tra i sostantivi d attestato 69x (Deut I4x,
Prov llx , ls 8x [di cui 6x in Dtis], Ger 6x,
Gios 5x, Gen 31.44-52 4x), 'd 4x (Gen
21,30; 31,52; Gios 24,27.27), ted 3x (ls
8,16.20; Rut 4,7), dt 83x, di cui 46x dt
sing. (con scrittura difettiva [27x] si trova sol
tanto in Es/Lev/Num; Es 21x, Num 12x, Sai
7x, Lev e 2Cron 2x ciascuno, Gios e 2Re lx
ciascuno, 2x in Eccli), il plur. dt (quasi sem
pre con suffisso) 23x, di cui 2x con scrittura
piena (Sai 19x, di cui I4x in Sai 119; Deut 3x;
2Cron 34,31), dewt. 14x (sempre con suffis
so; in Sai 119 8x, poi IRe 2,3; 2Cron 17,15;
23,3; Ger 44,23; Neem 9,34; lCron 29,19). od
attestato 490x (Ez 58x, Gen e Ger 54x cia
scuno, Is 48x, 2Sam 35x, Sai 22x, Giob 18x,
ISam 17x) e lx in aram. bibl. (Dan 4,28).
Le forme plurali dewdt e 'dt probabilmente rap
presentano solo delle varianti nella tradizione masoretica ed hanno lo stesso significato (cfr. 2Re 23,3
con 2Cron 34,31; Volkwein, l.c. 19).

3/ 11 termine d caratteristico del linguag


gio giuridico delPAT: la persona cos designata
compare sia nelle cause civili (a) che nei pro
cessi penali (b), per lo pi davanti al tribunale
riunito (dopo la conquista della terra, alle por
te della citt).
a) Nelle questioni di diritto familiare e patri
moniale il tribunale svolge una funzione nota
rile. Nei tempi antichi (Rut 4,7ss.) lacquisto o
lalienazione di un terreno erano trattati a voce
dagli interessati e attestati da loro stessi
(qm pi.; cfr. qm q. per il passaggio legale
di propriet, Gen 23,17-20; Lev 25,30) con
latto di togliersi e consegnare una scarpa (=
trasferimento simbolico di propriet, o paga
191

mento simbolico, come E.A.Speiser, BASOR


77, 1940, 15-20, dedusse dai testi di Nuzi?).
Solo in seguito aveva luogo probabilmente Pat
to della te'd testimonianza: gli interessati
con la formula fissa dlm atteem hajjm voi
siete oggi testimoni , invitavano il tribunale,
ossia gli anziani e i cittadini riuniti alla porta
della citt, a svolgere la loro funzione notarile.
Con la formula di dichiarata disponibilit
dm (siamo) testimoni, costoro dichiara
vano quindi che il passaggio di propriet aveva
avuto luogo secondo la legge e che da quel
giorno in poi (hajjm, cfr. analoghe formule di
datazione nei testi giuridici acc. di Ras Shamra, J.Nougayrol, PRIJ III, 1955, 24) avrebbe
dovuto valere per sempre (G.M.Tucker, Witncsscs and Dates in Israclitc Contracts,
CBQ 28, 1966, 42-45); essi in seguito avrebbe
ro eventualmente confermato davanti al tribu
nale questo passaggio (I.L.Seeligmann, FS
Baumgartner 1967, 265).
In Rut 4, con qm pi. e f'td si indicano due atti
antichi diversi fra loro; il v. 8 per rende oscura tale
distinzione, interrompendo la relazione tra wezt
hatf'itd (v. 7) ed il contenuto del v. 9.

Quando in tempi pi recenti questi contratti


orali furono sostituiti da documenti scritti, gli
interessati addussero testimoni ( d hi. dlm,
Ger 32,10.25.44; cfr. ls 8,2), per far sottoscri
vere da loro (Ger 32,12) Patto di compravendi
ta (s/ter 3b), Nello stipulare il contratto le
due parti, a seconda dei casi, potevano servirsi
anche di animali (Gen 21,30) oppure di cose
inanimate, con la formula 'd()... (bni
bnck) ...sia testimone tra me e te (p.e. il
mucchio di pietre e la stele nel contratto tra
Labano e Giacobbe), per far ricordare in se
guito ai contraenti il loro impegno (Gen
31,44.48.52; al v. 48 si ha hajjm oggi
come in Rut 4,9). Cos pure un altare pu fun
gere da d tra le trib israelitiche orientali e
quelle occidentali per ricordare alla discenden
za di Ruben e di Gad che Jahwe il Dio anche
delle trib che si trovano al di l del Giordano
(Gios 22,27.28.34).
b) Nellanlico Israele, dove non vi erano inda
gini ufficiali per un delitto, l accusa in tribu
nale poteva essere mossa ( d hi. in IRe
21,10.13) dalla stessa parte lesa (Deut 22,14;
cfr. IRe 3,17-21), adducendo possibilmente dei
testimoni, oppure dallo d, cio da colui che
aveva visto e udito il delitto (Lev 5,1; cfr.
H.J.Boecker. Redeformen des Rechtslebens im
AT, 1964, 18-20; F.Horst, RGG D, 1429).
Quasi sempre il testimone colui che sporge
querela o conferma laccusa della parte lesa
(Seeligmann, l.c. 262s.; cfr. A.B.Ehrlich, Randglossen zur hebr. Bibel, I, 1908, 345). La cosa
chiara nel processo contro la donna adultera
in Num 5,13, dove non essendovi testimoni
"T2J d TESTIMONE

192

contro di lei parallelo di essa non stata


colta sul fatto .
Anche il nono (ottavo) comandamento del de
calogo ha un valore giuridico concreto: Non
pronunciare testimonianza come falso testimo
ne/accusatore (- d -+sqcer Es 20,16; d
-*w Deut 5,20) contro (-* uh be) il tuo pros
simo (cfr. Prov 25,18). Questo falso teste
daccusa detto d sqcer (Es 20,16; Deut
19,18; Sai 27,12; Prov 6,19; 14,5; 25,18) d
s'qrm (Prov 12,17; 19,5.9) oppure 'd
kfzbm (Prov 21,28; -+kzb). Termini paralleli
sono jfV'h k'zbm testimone menzognero
(Prov 6,19; 14.5.25; 19,5.9) e j efah hms (Sai
27,12; per j fiah teste in relazione allug.
yph vd. -*kzb 3ac, sebbne in Prov 14,5 j jah
contrapposto a fkazzb andrebbe inteso me
glio come verbo). I termini contrari sono d
wmxl (Prov 14,25), 'd mrim (Prov 14,5) o
j jah ,(emn (Prov 12,17) testimone vero,
attendibile . Alle possibili conseguenze di una
falsa testimonianza si accenna probabilmente
allorch il teste daccusa definito 'd belijjal
testimone spregevole , un testimone che con
la sua accusa non ha alcuna intenzione di ren
dersi utile, ma di fare del male, e perci si bef
fa della giustizia (Prov 19,28 par. r's'm
empi; cfr. i bcn belijj'al IRe 2l,10ss. che
testimoniano contro Nabot), o anche d
hms, un teste che si propone di far morire
violentemente laccusato (Es 23,1; Deut 19,16;
Sai 35,11; Prov 24,28 txt em secondo G; cfr.
Sai 27,12). La falsa denuncia di tentato omici
dio era evidentemente una prassi cosi dilfusa
nella societ isr. (cfr. Ger 18,18; 20,10; Sai
37,32s.; Seeligmann, l.c. 263s.) che il diritto
apodittico cercava di prevenirla con il divieto
di prestare aiuto al colpevole come d hms
(Es 23,1); i detti sapienziali facevano altrettan
to minacciando la vendetta che sarebbe seguita
al tentato omicidio: il falso 'd avrebbe patito
quanto aveva cercato di procurare allaccusato
(cfr. Deut 19,19s.); non rester impunito (Prov
19,5), perir (21,18; cfr. 19,9). Probabilmente
anche la legge pi recente secondo la quale
una testimonianza daccusa per delitto capitale
(come lomicidio ed il culto idolatrico) era va
lida davanti al tribunale soltanto se suffragata
non da uno, ma da due o tre testimoni (Num
35,30; Deut 17,6; 19,15), aveva lo stesso scopo
di porre rimedio a questo male (Seeligmann,
l.c. 264; Boecker, l.c. 50.72); del resto anche il
Codice di Hammurabi prevede pene concer
nenti la falsa accusa e la falsa testimonianza (
1-4). Nel diritto dellantico Israele, dove le di
verse funzioni giudiziarie non erano stretta
mente distinte, lo d la cui testimonianza si ri
velava giusta poteva partecipare come giudice
allemissione del verdetto (cfr. st. 4b) e colla
borare ad emettere una sentenza capitale
(Deut 17,7).
Va notato che d nelPAT non compare mai
193

i r 'd TESTIMONE

come teste (umano) a discarico. Ma non det


to con questo che il diritto isr. non prevedesse
testimoni a discarico. 'Od hi. significa comun
que rendere una buona testimonianza in
Giob 29,11 (cfr. anche i difensori in Ger
26,17-19; Boecker, l.c. 95s.), mentre in Es
22,12 'd ha U significato di prova a discari
co ; si tratta in questo caso della bestia sbra
nata (da un animale feroce) che il custode deve
riportare al proprietario per dimostrare la sua
estraneit al fatto.
4/ a) Poich il diritto era considerato nellan
tico Oriente emanazione diretta della volont
degli dei ed in Israele espressione diretta della
volont di Jahwe, anche le leggi che riguardano
10 d profano hanno logicamente uno sfondo
teologico. Esplicita in questo senso la proibi
zione di accusare in qualit di d sqcer, come
si rileva nel decalogo, cio nei comandamenti
apodittici di Jahwe (Es 20,16; cfr. 23,1; Deut
5,20); cfr. Prov 6,19, dove la stessa colpa tra
le cose che Jahwe odia e che gli sono in abo
minio (t'b, -/). Anche la disposizione per
cui non sufficiente un solo testimone per pro
cedere alla pena capitale (Num 35,30), riferi
ta espressamente ad una parola di Jahwe (Num
30,9). Il significato religioso evidente anche
quando i testimoni possono causare la morte
di un idolatra (Deut 17,2-7).
b) Come si chiamavano a rendere testimonian
za uomini o cose inanimate quando si stipula
va un contratto (vd. sp. 3a), allo stesso modo si
poteva indicare Dio come testimone ricorrendo
ad una formula simile. Nel contratto stipulato
tra Labano e Giacobbe si dice: Dio testimo
ne tra me e te (Gen 31,50; cfr. vv. 44.48). In
Mai 2,14 si fa allusione ad un matrimonio
(contratto regolato dal diritto familiare) nel
quale stato testimone Jahwe. Dopo che in
ISam 12,3-5 il popolo radunato in assemblea
ha attestato solennemente che Samuele ha
adempiuto regolarmente il suo ministero, que
sti chiama Jahwe e il suo consacrato quale te
stimoni di tale attestazione: Jahwe 'd con
tro di voi ed il suo consacrato oggi 'd che
non trovate niente in mano mia. La formula
corrisponde allinvito stereotipo dim attcem
e alla dichiarazione di validit in senso crono
logico espressa con hajjm, come avviene in
Rut 4,9ss. (vd. sp. 3a), mentre la risposta 'd
che conferma il consenso del popolo corrispon
de alla dichiarazione di disponibilit espressa
ivi con dm. Se Jahwe stato chiamato a te
stimone in questo modo, lattestazione con cui
11 popolo dichiara che Samuele ha adempiuto
il suo ministero non pu pi essere revocata
(Boecker, l.c. 16ls.), e Io stesso vale per Jah
we che come fedele testimone nel cielo ga
rantisce la sua promessa alla dinastia davidica
(Sai 89,38).
'4

Al contrario negli oracoli profetici del Deuteroi


saia Jahwe invita per tre volte gli israeliti in esi
lio a confermare come suoi testimoni il diritto
di essere lunico Dio che ha annunciato ed arre
cato la salvezza ad Israele (Is 43,10.12; 44,8).
Con le parole atlcem daj voi siete miei testi
moni , che riprendono la nota formula di invi
to tipica del diritto isr., Jahwe ricorda le sue pa
role ed i suoi interventi che hanno avuto per te
stimoni i giudei dellesilio; questi ultimi sono
perci in grado di attestarli di fronte agli altri
popoli (cfr. Davide testimone fra i popoli in
ls 55,4 [vd. J.H.Eaton, ASTI 7, 1968/69,
25-40], come un altare ed una stele sono 'd di
Jahwe in Egitto, Is 19,20), mentre questi popoli
non possono addurre testimonianze simili sulla
potenza dei loro dei (Ls 43,9; 44,9).
Anche nella celebrazione solenne dellallean
za (Gios 24) si hanno linvito a testimoniare
e la dichiarazione di disponibilit, anche se in
una forma variata: qui infatti una delle parti,
Israele, testimone della propria promessa di
voler servire soltanto Jahwe, viene invitata cos
da Giosu: Voi siete testimoni contro voi
stessi (Gios 24,22). In questo modo Israele
dovr testimoniare contro se stesso nel caso di
infedelt alla promessa. Anche la pietra innal
zata da Giosu come d testimone contro
gli israeliti affinch non rinneghino il loro
Dio (Gios 24,27), deve testimoniare contro
Israele ; altrettanto si dica del canto (Deut
31,19.21) e del libro della tor deposto accanto
allarca (v. 26), ambedue definiti da Jahwe te
stimoni contro gli israeliti se rifiuteranno
Jahwe e serviranno altri dei. In questo caso
laccento posto sulla funzione accusatoria fu
tura di questi testimoni: al pari di cielo e ter
ra di Deul 31,28 (vd. st. 4c) essi si presente
ranno quali testimoni a carico come in un pro
cesso penale (cfr. sp. 3b). Anche Giobbe cono
sce questi testimoni a carico che Dio convoca
contro di lui (Giob 10,17); la sofferenza sen
tita da Giobbe come testimone che lo accusa
nella sua contesa con Dio (16,8), bench egli
speri che Dio, testimone nei cieli , diventi il
suo testimone a discarico (16,19). Nei libri
profetici Jahwe stesso presentato qualche vol
ta come teste/accusatore di un processo penale.
In un annunzio formulato in linguaggio giuri
dico, nel quale funge contemporaneamente da
teste che accusa (Ger 29,23) e da giudice che
emette una sentenza (v. 21; vd. sp. 3b), Jahwe
stesso come d contro i profeti menzogneri di
chiara di conoscere bene le infamie (adulterio e
falsa profezia) di cui si sono macchiati. La stes
sa associazione tra teste/accusatore e giudice si
ritrova nel giudizio di Jahwe sul peccato di
Israele, proclamato da Michea (1,2-7), e nello
racolo di Mal 3,5, dove Jahwe si presenta
come testimone pronto ad accusare incan
tatori, adulteri, spergiuri, oppressori di deboli e
tutti coloro che non lo temono.
195

c) Il verbo 'tid hi. ricorre tre volte nel Deut


(oltre che in Mal 2,14 dove Jahwe testimo
ne , vd. sp. 4b): qui Mos chiama a testimo
ni il cielo e la terra contro Israele (opp. gli
anziani, Deut 31,28) per ricordare agli israeliti
che essi verranno cancellati dalla faccia della
terra se provocheranno Jahwe con il culto di
altre divinit (4,26; 31,28), e per ammonirli a
scegliere la vita e non la morte (30,19). Questo
chiamare due testimoni risale forse al tempo in
cui erano necessari almeno due testimoni in
tribunale (Seeligmann, l.c. 266; diversamente
M.Delcor, VT 16, 1966, 8-25, che vede in
questi passi linflusso di antichi formulari con
trattuali di provenienza extrabiblica), e deriva
dallusanza di chiamare Jahwe stesso come te
stimone di un patto (Gen 31,50; Ger 42,5
Jahwe sia contro di noi testimone verace e fe
dele ). LafFermare che Dio testimone pu
avere la funzione di esprimere una maledizione
condizionata su di s, con la quale la parte in
questione attira su se stessa la punizione di
Dio nel caso di infedelt al patto (come per il
giuramento, p.e. Gen 31,53b), oppure pu ave
re la funzione di minacciare la punizione divi
na allaltra parte, qualora questultima divenis
se infedele (Gen 31,50). Da questa convocazio
ne di Dio come teste, unita alla minaccia della
punizione divina, d hi. ha subito forse una
graduale trasformazione fino ad assumere il
sign. pi generale di avvertire o ammoni
re (Gen 43,3; Es 19,21; Deut 8,19; 32,46;
ISam 8,9; IRe 2,42; Ger 6,10; 42,19; Am
3,13; Zac 3,6; Neem 9,26; 13,15.21; 2Cron
24,19; ho. essere avvertito Es 21,29). Da
maledizione pronunciata su di s iid hi. po
trebbe anche essersi ridotto a semplice incorag
giamento (Lam 2,13; cfr. Kraus, BK X X (38,
che tuttavia si fonda su un hi. con il sign. r i
petere continuamente delle parole; cfr. KBL
686a). Quando si perso il ricordo del suo si
gnificato originario, tid hi. ha potuto essere
usato anche quando Dio soggetto del monito
(Es 19,23; 2Re 17,13.15; Ger 11,7; Sai 50,7;
81,9; Neem 9,29.30.34; cfr. Seeligmann, l.c.
265s.).
d) Il nome 'di, normalmente tradotto con
testimonianza , ma spesso anche con leg
ge o sim. (cfr. Volkwein, l.c. 19s.) designa
nella grande maggioranza dei casi il contenuto
dellarca secondo la tradizione sacerdotale:
Jahwe ha incaricato Mos di mettere nellarca
la 'diti che gli avrebbe dato (Es 25,16.21; cfr.
40,20). Secondo Es 31,7 Bezaleel e Ooliab de
vono costruire larca per la 'diti. Perci larca
detta arn h'dt (Es 25,22; 26,33.34;
30,6.26; 39,35; 40,3.5.21; Num 4,5; 7,89; Gios
4,16), il santuario itinerante nel quale si trova
va larca detto mskan h'dt (Es 38,21;
Num 1,50.53; 10,11) oppure hee! h'dt
(Num 9,15; 17,22.23; 18,2; 2Cron 24,6). Aron
IO 'd TESTIMONE

196

ne deve mettere davanti alla dt unurna


con la manna (Es 16,34), Mos, a sua volta, i
profumi da bruciare (Es 30,36) e il bastone di
Aronne (Num 17,19.25); si parla anche del co
perchio che sta sopra la 'dt (Es 30,6; Lev
16,13) opp. sopra larca (Num 7,89) e del velo
che si trovava sopra la 'dt (Es 27,21; cfr. Lev
24,3) opp. davanti allarca (Es 30,6). Se da
questi passi, come dai titoli di Sai 60 e 80, dif
ficilmente si pu capire cosa significasse 'dt,
da Es 31,18 (cfr. 32,15; 34,29), passo in cui si
dice che Jahwe ha trasmesso a Mos sul Sinai
le due lht (tavole) hadt di pietra, scrit
te col dito di Dio, si pu arguire che si tratti di
un testo scritto. Lespressione ricorda lht
habberlt di Deut 9,9.15, dove si parla evidente
mente della stessa cosa (cfr. 'arn berlt Jhwh
invece di >arn hu'dt, p.e. Num 10,33; Deut
10,8; ISam 4,3) e cio, secondo Deut 10,4 e Es
34,28, del decalogo, ossia del ricordo dellazio
ne salvifica di Jahwe e, soprattutto, dellimpe
gno che Jahwe ha fatto contrarre ad Israele
( - b 'r lt IV/4).
Anche il termine tor, parallelo di 'diti in
Sai 19,8 e 78,5 (cfr. tcd par. tor in Is
8,16.20), si muove nella stessa direzione. Si
tratta della istruzione sugli eventi salvifici e
sulla volont d Jahwe, anche se in tempi re
centi laccento viene posto sulla legge quale
espressione della volont di Jahwe. In dt
forse implicita lidea che la tor, cio il decalo
go, doveva valere per Israele come una testi
monianza o conferma dellazione salvifica
di Dio (Es 20,2; cfr. Sai 81,7s. 11) e in partico
lare della sua volont (Es 20,3ss.; cfr. Sai
81,10). Volkwein, l.c., 38s., pensa invece che
dt sia un termine interscambiabile con dt
(vd. st.), sebbene 'dt di Eccli denoti chiara
mente la testimonianza sulla condotta di
una persona (Eccli 34,23s. [= Rahlfs 31,23s.]),
e la attestazione di Dio riguardo ad Israele,
sua creazione (Eccli 36,20 [= Rahlfs 36,14]).
U plur. 'dt (opp. 'dewt, vd. sp. 2), quasi co
stantemente con suffisso, riguarda sempre le
dt di Jahwe. Qualche volta il termine ha
come parallelo berlt (2Re 17,15 nella serie
huqqrri/ber~it/dewt; in Sai 132,12 berlt
limpegno imposto da Jahwe agli israeliti, im
pegno che dovranno osservare [m r\ , cfr.
Sai 25,10 tutti i sentieri di Jahwe sono fedel
t e grazia per chi osserva la sua bert e le sue
dt [nsr, cfr. Sai 119,2]). In Sai 78,56; 93,5;
119,2.79.119.129 non si hanno termini paral
leli diretti. In tutti gli altri casi dt in paral
lelo o in serie con huqqm (hqq', in Sai 99,7
par. sing. hq ordinamento , come dt in
Sai 81,5s. par. hq e mispat), misptlm (spi),
miswt ( swh), piqqdm (pqd), tutte voci
che denotano ordinamenti, leggi, comanda
menti e prescrizioni di Jahwe, per cui anche
'dt avr un significato simile: Jahwe stesso
ha comandato (swh pi., Deut 6,17.20) le
197

I V 'd TESTIMONE

'dt ecc., annunziate da Mos agli israeliti


(Deut 4,45, in riferimento al decalogo in Deut
5; cfr. N.Lohfmk, Das Hauptgebot, 1963, 57s.;
G.Braulik, Bibl 51, 1970, 63s.), i quali a loro
volta le dovranno osservare (smr). Ci vale
per tutto il popolo (Deut 6,17; IRe 23,3) e so
prattutto per i capi (Sai 99,7) e il re (Salomo
ne: IRe 2,3; lCron 29,19; Giosia: 2Re 23,3;
2Cron 34,31). Ma gli israeliti sono stati sempre
infedeli: non hanno osservato (qsb hi. cel,
Neem 9,34) le 'dt di Jahwe, non hanno cam
minato nelle sue 'dt (hlk be, Ger 44,23), non
le hanno osservate (smr, Sai 78,56), anzi le
hanno disprezzate (m's, 2Re 17,15). Il pio au
tore del salmo 119 non si e allontanato (nlh, v.
157) dalle 'dt che Jahwe ha stabilito per
sempre (v. 152), le ha osservate (nsr, v. 22;
smr, v. 167), amate ( hb, vv. 119.167), ha ade
rito ad esse (dbq be, v. 31), ha gioito nel seguir
le (sis, v. 14); le medita (btn hitpo., v. 95),
guida i suoi passi su di esse (v. 59), davanti ai
re parler di esse (v. 46), perch sono giuste
per sempre (v. 144, cfr. v.138), esse costituisco
no le sue devote riflessioni (v. 99), le sue deli
zie (v. 24); sono per lui una cosa meravigliosa
(v. 129), uneredit gioiosa ed eterna (v. Ili);
egli sa di dipendere da Jahwe per losservanza
delle dt (v. 146), perci lo prega di piegare
il suo cuore verso di esse (v. 36), perch le
comprenda (v. 125, cfr. v. 79).
Oggi il plur. dt generalmente messo in
rapporto con il plurale tantum acc. ad, atte
stato soltanto in neoass. e in neobab., e preci
samente come a type of formai agreement (=
un modello di patto formale) (CAD A/I, 131 ;
Volkwein, l.c. 32ss.). Secondo CAD A/I, 133,
il termine usalo soltanto nei trattati tra supe
riori (Dio, re, membro della famiglia reale) ed
inferiori (schiavi, sudditi) e per R.Frankena,
OTS 14, 1965, 134, un termine tecnico per il
trattato di vassallaggio; per D.J.Wiseman, The
Vassal-Treaties of Esarhaddon, 1958, 3.81, ad
significa prescrizioni di un trattalo o pi
esattamente prescrizioni di una legge o di un
ordine che un sovrano, alla presenza di testi
moni divini, ha solennemente imposto ad un
vassallo oppure ad un popolo . Nelle iscrizio
ni in antico aram. di Sfire (ca. 750 a.C.) si tro
va pi di 30x il plur. "dn/'dj/'dj' con lo stesso
significato dellacc. ad (DISO 203s.; Fitzmyer,
Sef. 23s.; Volkwein, l.c. 34-37).
1 paralleli vtrt. e le attestazioni extrabibliche
rendono probabile per 'dt il sign. prescri
zioni della legge (pi che prescrizioni del
lalleanza , cosi Volkwein, l.c. 39s., perch
l alleanza presuppone un patto di reciproci
t mentre in ad/'dj/'dt laccento posto
sulle prescrizioni imposte dal sovrano o da
Dio, prescrizioni che laltra parte deve sempli
cemente accettare ed eseguire). Il fatto di desi
gnare tali prescrizioni ricorrendo alla radice
'd si pu forse spiegare con la convocazione
198

dei testimoni divini al momento dellimposi


zione; poich pi tardi questo riferimento ven
ne dimenticato, 'ecidi pot essere usato anche
per le prescrizioni imposte da Dio stesso (cfr.
per d hi. sp. 4c).
5/ Eccli usa il verbo ud hi. con il sign.
chiamare (Dio) a testimone (46,19, cfr. d
ISam 12,5) e ammonire (4,11 par. Imd pi.
insegnare ) e conosce oltre a dt testimo
nianza (vd. sp. 4d) anche dt (par. huqqim
e misptlm) per indicare le disposizioni di Dio
che Mos doveva insegnare a Giacobbe (45,5).
Negli scritti di Qumran ud hitpo. ha il signifi
cato di alzarsi (IQ H 4,22.36) e Ud hi. indi
ca testimoniare (gli ordinamenti della tor)
(lQSa 1,11) oppure testimoniare contro
(CD 19,30; in 9,20 nel senso di testimonianza
a carico, vd. st.).
A Qumran d significa come ncllAT testi
mone a carico, accusatore . Anche a Qumran
occorrono due testimoni degni di fede (part. hi.
di d, CD 9,20) quando si tratta di condanna
di delitti gravi, mentre per le questioni patri
moniali ne basta uno anche se preferibile la
testimonianza di due (CD 9,22s.). Nel caso di
una condanna a morte il teste dovr essere co
munque membro a pieno titolo della comunit
(CD 10,1-3). I dlm sono inoltre coloro che
debbono rimproverare il reo prima che la sua
causa sia portata davanti ai molti (1QS 6,1;
CD 9,3); i membri della comunit sono testi
moni della verit per il giudizio..., per espiare
per la terra (1QS 8,6). Il plur. dot ha lo
stesso significato dellAT (IQ 22, 2,1; CD
3,15; 20,31).
Molto pi frequente rispetto allAT la voce te'd.
Il suo significato non sempre chiaro: in lQSa 1,25
vuol dire la convocazione dellassemblea del po
polo; in lQSa 1,26 la chiamata alla guerra (cfr.
1QM 4,5; plur. 1QM 2,8; 3,4), in 1QM 15,1 (testo
difettoso) la dichiarazione (di guerra) contro tutte
le nazioni. In 1QM 11,8 i profeti sono chiamati
veggenti delle divine rivelazioni?), in IQH 6,19 i
pii di Qumran sono detti coloro clic sono legati
alla mia (di Dio) testimonianza. In 1QM [3,8 con
testimonianze della tua gloria si definiscono le
azioni salvifiche di Dio (cfr. 1QM 14,4s.). A volte
ted significa disposizione, p.e. 1QII 1,19 hai
stabilito la sua prescrizione (cfr. il plur. in IQS
3,16) e forse nei passi che parlano dei tempi delle fe
ste e del culto fissati da Dio (IQS 1,9; 3,10; IQM
14,13; 4QMa 11; cfr. IQH 12,9). difficile stabilire
il valore che il termine assume nei testi lacunosi
IQH 2,37; r 59,3, cfr. 5,11; IQ 36, 1,2. Cfr. anche
B.Dombrowski, RQ 28, 1971, 567-574.

Nel tardo giudaismo d usato nel senso di


testimone o di prova , in una accezione
particolare per indicare un panno usato dalle
donne per stabilire la loro purit o la loro im
purit (Jastrow I042s.). Anche 'dut significa
testimonianza o prova (Jastrow 1043).
199

In Pirqe Abot 4,22 Dio chiamato, come nel


PAT (vd. sp. 4b), sia giudice sia d accusato
re/testimone , ma qui in riferimento al giudi
zio nellaldil.
I LX X traducono quasi sempre questo gruppo
di vocaboli con jaapxuc;, [aapTupiov ecc. Cfr. al
riguardo e per luso nts. H.Strathmann, art.
(jKxpxuc;, ThW IV,477-520 (= GLNT VI, 1269
1392).

C. vanLeeuwen

DJ7 uz CERCARE RIFUGIO


1/ Il verbo ricorre nelPAT cinque volte in
tutto (lx q.; 4x hi. soccorrere, mettere al si
curo; cfr. lunica forma ni. in IQH 6,25), ma
anche in altre lingue sem. non ha una diffusio
ne degna di nota. Finora attestato soltanto in
arab.: da cercare rifugio (Wehr 588a).
Data laffinit fonetica e semantica con il grup
po -+'zz essere forte, i derivati di uz resta
no incerti (il verbo potrebbe perci essere an
che un denominativo). Si tratta di: a) m'z
rifgio, luogo di rifugio; contrario KBL
545a (piuttosto da zz)\ si confrontino larab. ma'd rifugio (Wehr 588a) e il fen. m'z
rifugio (KAI nr. 42, r. 1 Anat, rifugio dei
viventi ; per cfr. DISO 205); b) z II rifu
gio, protezione (cos KBL 693a contro GB,
Zorell e la maggior parte degli studiosi); un pa
rallelo ug. sarebbe d IV protezione (WUS
nr. 2000). Il nome di persona Ma'azj(h)
(Jahwe rifugio, cfr. Noth, IP 157) atte
stato soltanto nei testi recenti Neem 10,9;
lCron 24,18; cfr. i nomi di persona di Elefan
tina M'wzj, M'wzjh e M'zjh (Cowley 297b;
BMAP 306b).
2/ Sulla diffusione cd il significato esatto del
verbo non si pu dire molto, dato lesiguo nu
mero di passi ove ricorre. Lisolato inf. cs. q.
di Is 30,2 pu indicare solo che il termine
usato in epoca preesilica (fuggire riparandosi
presso qualcuno ; par. hsh be). La congettu
ra di Gunkel per Sai 52,9 (H.Gunkel, Die
Psalmen, 41926, 231) non serve molto. Le for
me hi. compaiono esclusivamente negli oracoli
ove si parla rii perdizione o di fuga (Es 9,19; Is
10,31; Ger 4,6; 6,1; cfr. R.Bach, Die AulTorderungen zur Flucht und zum Kampf im atl.
Prophetenspruch, 1962, 20s.); i passi di Gere
mia sono una specie di grido dallarme (cfr. an
che Es 9,19) salvatevi! inserito in descrizio
ni di guerre e di fuga (~>ns fuggire). Risul
ta pertanto, a quanto dato di sapere, che lu
so dellhi. si conforma al genere e allambiente.
I sostantivi sono attestati molto pi frequente
mente: m'z 36x, 'z II secondo KBL 693a
ru; Uz CERCARE RIFUGIO

200

(senza le congetture ivi formulate) 14x (ls 12,2;


49,5; Ger 16,19; Sai 21,2; 28,7.8; 29,11; 46,2;
59,17.18; 62,8; 68,35; 81,2; 118,14).
Anche se una o ambedue le formazioni si dovessero
far derivare etimologicamente da 'zz (per Es 15,2 cfr.
anche C.Rabin, Scripta Hierosolymitana 8, 1961,
387; diversamente S.E.Loewenslamm, VT 19, 1969,
464-470; -'zz), nelluso vtrt. si possono constatare
intenzionali rimandi semantici a 'z: per m'z cfr.
ls 25,4; 30,2s.; Gioe 4,16; il parallelo mahsc (~*hsh)
ne una prova, mentre in sur m'z roccia che of
fre rifugio (Is 17,10) m'z anche la meta del
movimento di fuga. In altri contesti la componente
semantica pi forte, pi potente pu accennare al
luogo di rifugio. Per z II cfr. Gunkel, l.c. 87 (su Sai
21,2); cos pure M.Dahood, Psalms I, 1966, 50. pro
pone per Sai 8,3 il sign. fortress, stronghold (per
ci anche luogo di riparo e non potenza in
senso astratto; cfr. L.Wachter, ZAW 78, 1966, 65),
senza ricorrere a z.

Le due parole ricorrono nellAT in modo assai


irregolare. Non sono attestate nelle prime se
zioni narrative e nelle raccolte di leggi. Si pu
invece notare una grande concentrazione dei
due sostantivi nei testi cultuali-liturgici e in
quelli profetici. In Is m'z ricorre lOx, in Sai
9x. Tenendo conto di 2Sam 22,33; Ger 16,19;
Ez 24,25; 30,15; Gioe 4,16; Nah 1,7; 3,11, su
36 passi (tra cui anche le 7 espressioni stereoti
pe di Dan 11) se ne hanno 26 di tenore cultuale-liturgico opp. profetico (tra questi ultimi
rientrano in particolare 7 oracoli di perdizione
di Is). Per z II si presenta una situazione si
mile: tutti i 14 passi hanno un carattere cultuale-liturgico.
3/ Lo sviluppo semantico dei sostantivi si
pu delineare in modo abbastanza chiaro: in
Giud 6,26 la costruzione di un altare deve av
venire su un altura che olfre protezione ai
fuggitivi (ri hamm'z; cfr. >sitr m'z, ls
17,10; Sai 31,3). Il significato fondamentale
luogo di rifugio si pu ritrovare ancora in
tutti i passi, anche se il luogo di protezione
acquista un carattere pi specifico in base al
contesto, al linguaggio ed al genere letterario.
Pu essere una citt di fuga (Is 17,9), il
tempio (Ez 24,25 secondo il parallelo v. 21;
cfr. Zimmerli, BK XI!l,575ss.), una protezione
della testa = elmo (Sai 60,9), in senso tra
slato una persona che offre protezione (ls 25,4;
27,5 con hzq hi. afferrare; 30,2s.) oppure in
senso etico e spirituale una sicura norma di
vita (Prov 10,29), una sicurezza nel giorno
della festa (Neem 8,10). Lidea di forza,
affine dal lato materiale e da quello fonetico
( zz) sempre pi preponderante, per cui alla
fine m'z diventato f. la. un termine per in
dicare (rocca di rifugio > ) fortezza (Is
23,11.14; Ez 30,15; Dan II).

che in Is 25,12; 33,16; Ger 48,1 applicato sempre a


Dio; inoltre sgb pi. proteggere, 6x, sempre con
Dio come soggetto); mns (ns), mahsTi (->hsh),
mesd roccaforte (18x, fra cui 2Sam 22,2 - Sai
18.3; Sai 31,3.4; 66,11 txt?; 71.3; 91,2; 144,2 in sen
so traslato riferito a Dio; solamente nfsd [llx] e
msd [F.ccle 9,14] sono usati con valore concreto),
in un altro senso auche mgn scudo (nell'AT
59x, delle quali 20x ca. si riferiscono a Dio; inoltre
gnn proteggere 8x, sempre con Dio come sogget
to) e si ombra (53x, riferito a Dio in Is 49,2;
51,16; Os 14,8; Sai 17,8; 36,8; 57,2; 63,8; 91,1;
121.5; cfr. anche il nome di persona Besal'l nel
lombra [= protezione] di Dio, vd, Noth, IP
32.152).

'z II in questo contesto pu valere come sino


nimo di m'z (cfr. Ger 16,19; Sai 62,8); non
sempre facile del resto delimitarne il senso ri
spetto a z I forza .
4/, Come il sostantivo mahsc, cosi anche
m'z e z II vengono usati nelle formule di

fiducia e di confessione: tu sei il mio rifugio


si dice nella preghiera a Jahwe (Sai 31,5; cfr.
43,2; ls 25,4; con z II soltanto Sai 59,18).
Molte espressioni in 3a persona corrispondono
a quella del linguaggio degli inni: Jahwe
(Dio) il mio/nostro/loro rifugio o sim.
(2Sam 22,33; Ger 16,19; Gioe 4,16; Sai 27,1;
28,8; 37,39; con 'z II soltanto: Sai 28,7; 46,2;
62,8; Is 49,5). Particolare rilievo merita la for
mula mia protezione e (mio) canto Jahwe,
che ricorre tre volte (Es 15,2; ls 12,2; Sai
118,14; cfr. S.E.Loewenstamm, VT 19, 1969,
464-470). Su tutta la problematica della di
chiarazione di fiducia cfr. Gunkel-Begrich
233ss. ecc.; P.Hugger, Jahwe, meine Zuflucht,
1971. Poich anche l uso profetico (cfr. Ger
16,19; Nah 1,7 ecc.) e quello sapienziale (cfr.
Prov 10,29; Sai 52,9) fanno leva sul valore cultuale-liturgico di questi termini, si pu consi
derare tale uso linguistico come un decisivo
sviluppo ulteriore del significato esposto sotto
il punto 3.
5/ I LXX ricorrono ad una serie svariata di
parole per tradurre m'z e 'z. La si pu sud
dividere in due parti: la prima significa forza,
potenza (Layys p.e. traduce 16 volte...
m'z; 28 volte z , W.Grundmann, ThW
111,400 = GLNT IV.1213), la seconda indi
ca protezione, luogo di rifugio (cfr. i deri
vati di pontetv soccorrere, ls 30,2; Ger
16,19; Sai 52,9, e la frequente traduzione con
TCepaaTwrrrig soccorritore Sai 27,1; 28,8;
31,3.5; 37,39). Nel NT questi termini non
hanno grande risalto, forse anche perch i te
sti liturgici non vi compaiono se non sporadi
camente.

E. Gerstenberger

Vocaboli paralleli sono ad esempio nu.igb altura,


rocca, asilo (neflAT 17x, di cui 13x in Sai; tranne

201

T1JJ z CERCARE RIFUGIO

202

bw
wce PERVERSIT
VT

1/ La radice attestata allinfuori dellAT


soltanto in testi sem. recenti (medioebr., aram.
giud., sir., arab. [wl deviare), et. ['/vt' cor
rompere ]).
NellAT si hanno: il masc. e il fem. segolali
'wcel e awl erroneit, ingiustizia, perversi
t ,(BL 583.601; per le forme secondarie
'awlt e lt e per la metatesi alw Os 10,9
cfr. BL 528.604; Meyer 1,100; LI,23), il verbo
denominativo wl pi. agire ingiustamente e
il nomen agentis 'awwl ingiusto (BL 479).

(Sof 3,13), tfmijj inganno (Giob 13.7), cfr. anche


~*'wn (Ez 28,18), - attwn (Giob 11,14; 31,3; Prov
22.8), -*nbl (2Sam 3,33s.; Sai 53,2).
Termini opposti sono: scedceq/fdq fedelt nei
rapporti comunitari, giustizia (Lev 19,15.35s.; ls
26,10; 59,3s.; Ez 3,20; 18,8s.24; 33,12s.l5s.; Giob
6,29), saddq giusto, fedele nei rapporti comunita
ri (Deut 32,4; Ez 3,20; 18,24.26; 33,13; Sof 3,5; Sai
125,3, Prov 29,27), '"mn attendibilit, rettitudi
ne (Deut 32,4; ls 59,3s.), jsr retto (Deut 32,4;
Sai 107,42); mispt diritto, giudizio (Deut 32,4;
Ez 33,14s.; Sof 3,5), spt giudicare (Mi 3,11; Sai
43,1;
'
_
82,2),
nkah retto, giusto (Is 26,10); cfr. passi con ricca
terminologia, come Is 59,2ss.; Os 10,13; Mi 3,10.
'awl mantiene il suo carattere giuridico anche se si
svolge nelle tende (Giob 11,14; 22,23; cfr. 18,21).

2/ wcel ricorre 21x (Ez lOx, Sai 3x), 'awl


Conformemente a quanto si detto, il vocabo
33x (incl. 'alw Os 10,9; esci, ls 61,8 txt em;
lo si ambienta nel ditto (Lev 19,15.35; Deut
Giob lOx, Sai 9x, altri libri meno di 3x), wl
25,16; Ez 3,20; 18,8.24.26; 28,18; 33,13.15.18)
pi. 2x (Is 26,10; Sai 71,4), awwl 5x (Giob 4x,
e di qui passato nellaccusa profetica che si
Sof lx). Su un totale di 61 attestazioni, 40 si
appoggia sul diritto (Is 26,10; 59,3; Ez 28,15;
trovano in tre libri: Giob (16x), Sai (13x) e Ez
Os 10,9.13; Mi 3,10; Ab 2,12) o nelle varie
(11x); il resto disperso in testi profetici e legi
forme con cui viene dichiarata linnocenza
slativi (pi 2Sam e Prov 2x ciascuno). Preesili- (Deut 32,4; Mal 2,6; Sai 7,4; 43,1; 71,4; Giob
ci sono 11 passi: 'wce 6x (Lev 19,15.35; Deut
34,32; cfr. anche Sof 3,5).
25,16; 32,4; Ger 2,5; Sai 82,2) e awl 5x
Nei testi poetici si trovano poi in senso genera
(2Sam 3,34; Os 10,9; Mi 3,10; Sai 43,1; 89,23).
lizzato anzitutto le espressioni bcn& 'awl
I due sostantivi perci non solo rappresentano
(2Sam 3,34; 7,10; Os 10,9; Sai 89,23; lCron
le uniche attestazioni preesiliche, ma costitui
17.9) o s awl (Sai 43,1; Prov 29,27), e infi
scono anche la percentuale pi alta delle ricor
ne pi tardi lagg. awwl (Sof 3,5; Giob 18,21;
renze della radice (54 volte su 61).
27,7; 29,17; 31,3). Quando le colpe si possono
precisare meglio nel loro contenuto, si tratta
sempre di infrazioni giuridiche in campo socia
3/ a) 'wcel/'awl sono usati, nella loro acce
zione pi antica ed esatta, in contesti che ri- , le, patrimoniale o commerciale (cfr. Lev
guardano il diritto sociale.
, 19,15.35; Deut 25,16; Is 59,3; tutti i passi di
Limportante combinazione fissa ->sh mr.l/
Ez, p.e. 28,15: commercio; Mi 3,10 e Ab 2,12:
'awl commettere ingiustizia (o sim.) si rife sangue; Sai 71,4).
Non contraddice il carattere giuridico il fatto
risce ad un atto concreto, precisabile da un
che il termine venga usato talvolta neHambito
punto di vista giuridico (cfr. Lev 19,15.35;
di quella mentalit per la quale unazione rice
Deut 25,16; Ez 3,20; 18,24; 33,13.15.18; Sof
ve necessariamente la sua ricompensa (cfr.
3,13; Sai 7,4; 37,1). Soltanto pi tardi questi
sostantivi sono collegati con -*pl fare (Sai
2Sam 3,34; Os 10,13; Es 18,24; 33,12s.; Sai
58,3; 119,3; Giob 34,32; 36,23), ->t'b hi. fare
37,ls.; 125,3; Giob 18,21; 22,23; 27,7; 31,3;
cose abominevoli (Sai 53,2), e poi con voca
Prov 22,8). Un processo giudiziario pu essere
boli che si riferiscono al parlare (cfr. ls 59,3;
solo lesecuzione di un processo che gi si veri
Mal 2,6; Sai 107,42; Giob 5,16; 6,30; 13,7;
fica nella realt dei fatti.
27,4). Secondo Ez 18,8; Sai 7,4; 125,3 si com
b) Il significato fondamentale del termine
mette wiel con la mano .
reso tradizionalmente con illegalit, ingiusti
Latto pu essere compiuto in un procedimen
zia, perversit, malvagit . La traduzione il
to giudiziario da parte del giudice (Lev 19,15)
legalit, ingiustizia pone la radice in un rap
o dallaccusatore (Sai 71,4; Giob 5,16; 6,29;
porto unilaterale con le categorie giuridiche
13,7; 27,4) e pu terminare nella sentenza. In
mentre malvagit troppo generico. E pro
questo ambito si pu trovare usata, assieme al
babile che il significato fondamentale risalga
termine, la vasta serie delle espressioni giuridi
piuttosto ad una categoria obiettiva, quella del
che.
non -esalto, rispetto alla quale lelemento giuri
Termini affini sono: nh pi. opprimere (2Sam
dico del non -giusto resta complementare, wl
7,10), rs'/rcesa' colpevole/colpa (rs 26,10; Ez
indicherebbe allora agire in modo inesatto,
18,24; 33,12s.I5.18s.; Sai 125,3; Giob 27,7; 34,10),
oppure
pervertire, distoreere .
pccsa' iniquit (Ez 33,12s), hms azione vio
Questa
concezione
sembra essersi conservata in
lenta (Ez 28,l5s.; Sai 58,3); dm assassinio (Mi
Lev 19,35s. e Deut 25,15s., dove i termini con
3,10; Ab 2,12), hms q. reprimere (Sai 71,4),
trari stheq e 'wcel solo secondariamente si ri
tnirm fallacia (Sai 43,1), kzb menzogna
203

Vt

wcel PERVERSIT

204

feriscono al giusto da un punto di vista giuridi


co, cio in relazione a mi'spt, mentre prima
riamente riguardano la cosa specifica, la misu
ra esatta o errata. In Lev 19,15 'wcel
ambiguo: il giudizio errato verso il povero e la
preferenza per il potente in tribunale sono nel
lo stesso tempo un giudizio iniquo. In Ez 18,8
'wcel posto a confronto con mispat '"mcet
sentenza retta. In Ez 28,15s. la condotta er
rata nel commercio la causa prima dellinfra
zione; cfr. anche Sof 3,5.13; Sai 7,4; 71,4;
82,2; Giob 5,16; 6,29s.; 27,4. In linea di prin
cipio si pu sempre usare una traduzione in
cui il legame con unazione concreta risulti
evidente: pervertire, distoreere; perversione,
distorsione; perversit, inesattezza; adulterato
re . Essa potrebbe rendere perci il significato
fondamentale, mentre agire ingiustamente
ecc. un significato traslato, la cui utilizzazio
ne dipende sempre dal contesto.
Tra wcel e 'awl non esiste alcuna differenza
nelluso effettivo.
4/ 'wl ha sempre nellAT una rilevanza teolo
gica. Questa dipende anzitutto dal fatto che i
vocaboli si trovano usati quando si parla del
diritto di Jahwe (Lev, Deut, Ez), nellannuncio
profetico, nelle preghiere rivolte a Jahwe (Sai)
o nella disputa sulla giustizia di Jahwe (Giob).
Le singole circostanze precisano poi meglio
come Jahwe si interessi di una distorsione,
ingiustizia . Numerosi testi inoltre descrivono
come Jahwe si coniporti nei confronti di colo
ro che operano wcel. Quando Jahwe salva il
povera, il misero pu sperare, e la perversio
ne chiude la bocca (Giob 5,16). 'os wcel
opp. s wcel detto colui che un abominio
per Jahwe (Deut 25,16; Prov 29,27). Se il giu
sto commette ingiustizia, anchio porr un
ostacolo davanti a lui perch muoia (Ez
3,20). Qui si ha un influsso di Jahwe sulle ca
tegorie del diritto e dellazione legata alla sua
conseguenza; conformemente a questultima in
Giob 18,21 si parla della sorte delle abitazio
ni dello awwl e della dimora di colui che
misconosce Dio. Questi passi sono preceduti
da affermazioni pi antiche per le quali (nello
stile delle dichiarazioni di innocenza) si dice
che Jahwe non ha nulla a che fare con l erro
re e lingiustizia : tutte le sue vie sono giu
stizia, un Dio verace, senza errore (Deut
32,4; cfr. Sof 3,5; Giob 34,10; 2Cron 19,7). In
Ger 2,5 Jahwe domanda se i padri nella loro
storia possono addebitargli un qualche erro
re. Infine in quello che forse il passo pi
antico, Sai 82,2, Jahwe presentato come il
giudice della terra e il signore delle genti (v. 8),
perch nellassemblea divina si mostra come il
Dio del diritto che giudica e abbatte gli dei a
causa della loro errata giustizia (particolar
mente nei confronti dei poveri, v. 3). Allinizio
della storia del termine jahwe viene quindi ca
205

lm ETERNIT

ratterizzato in modo preciso attraverso il suo


giudizio da un lato e I errato giudizio degli
dei dallaltro, e diventa cos legittimamente il
Dio delle nazioni. Cfr. lanalogia tra questa si
tuazione mitica e quella di Lev 19,15, quasi
contemporanea e relativa al diritto sociale.
Dal lato teologico risulta chiaro che il compie
re wcel una cosa del tutto riprovevole,
quando tale azione viene contrapposta alla sal
vezza portata da Jahwe, ossia alla liberazione
dallEgitto (Lev 19,35s.), e quando si dice: Si
lisi pure clemenza allempio, non imparer la
giustizia; sulla terra egli distorce le cose diritte
e non guarda alla maest di Jahwe (ls 26,10).
5/ Negli scritti di Qumran il verbo non com
pare. Invece i sost. 'wcel e awl sono fre
quenti come nellAT, mentre awwl attesta
to solo una volta in IQH 1,26. La statistica
viene confermata dal contenuto: il termine
diventato un elemento centrale per definire il
tema della separazione escatologica dello spiri
to o dei figli della verit dallo spirito o dai figli
della menzogna (IQS 3,19; 4,9.17s.20.23;
8,13.18; 9,9.21; IQH J4.15.25). Anche qui
non c differenza tra 'wcel e awl. Riguardo
al significato bisogna ripetere la stessa osserva
zione gi fatta per lAT: 'wcel/'awl spesso
lopposto di wmcet e significa errore (IQS
3,19; 4,17-20.23; 6,15; IQH 11,26). In IQS
3,20s.; IQH 1,36; 5,8 il contrario sdccq. In
IQS 3,19-21 'wcel perci usato nel suo du
plice significato tradizionale di errore e
ingiustizia (cfr. anche IQS 4,24; IQH 1,26).
Per il resto spesso si tratta di un uso tradizio
nale ormai stereotipo.
Per tradurre la radice i LXX ricorrono quasi
sempre a Soua e sim. Cfr. G.Schrenk, art.
Sixoc, ThW 1,150-163, (= GLNT 1,401-440).

R.Knierim

oVil?
lm ET ERN IT
T
1/ 11 sost. *'1am- tempo lontanissimo o
sim. diffuso in tutte le ramificazioni linguisti
che semNO. (ug.: WUS nr. 2036; UT nr. 1858;
PRU V, nr. 8, r. 7.9; Ugaritica V,553 = RS
24.252, rev.6.7; fen. pun., moab., aram. a par
tire da Sef. Ili, r. 24.25: DISO 213s.); dallaram., a volte con i significati pi recenti (vd.
st. 5), il termine passato come prst. in arab.
ed in et. (cfr. E.Jenni, Das Wort lm im AT,
Basel 1953 [tesi dattil.] = ZAW 64, 1952,
197-248; 65, 1953, 1-35; sullorigine e luso
extrabiblico della parola p. 199-221, da allora
sono venute alla luce numerose altre testimo
nianze).
206

L'etimologia della parola incerta. Nella derivazione


pi antica dal verbo 'Im essere nascosto, attestato
solo in eb, la forma nominale resta unica (cfr. anche
W.F.AIbriglit, The Proto-Sinaitic Inscriptions and
their Deciphermenl, 1966, 32.42: l'orma con aumen
to *'awlam > fani, ipercorretta in lam in aram.);
linterpretazione della parola come forma avverbiale
in -m non pu fondarsi sullimpiego, con significato
analogo, di forme avverbiali dellacc. ull quello;
resta puramente ipotetico quanto si pu dedurre da
un testo bilingue acc. - hurritico di Ugarit (PRU
111,311.318 n.2), dove una forma dell'humtico *alam(u)- equiparata allacc, diiris per sempre.

NellAT allebr. lm (lelm in 2Cron 33,7


un errore di scrittura, cfr. Rudolph, HAT 21,
314; diversamente A.Dotan, UF 3, 1972, 297)
corrisponde laram. bibl. 'lam (KBL 1109a).

2/ La tabella statistica seguente dispone le


440 attestazioni ebr. e le 20 aram. (incl. Ger
49.36 K [1 Q: lm] e 2Cron 33,7, vd. sp.) in
base alluso del termine con le prep. le (in
lCron 23,25; 28,7 'ad-le'lrn), ad e min,
come nome retto in un st. cs. (n.r.) o come ac
cus. avv.; questultimo gruppo include sotto al.
anche i testi errati di Is 64,4 (vd. BHS) e Ger
49.36 K (vd. sp.) nonch i passi singolari di
Eccle 3,11 ([h'lm come ogg., vd. st. 4g) e
12,5 ( lm con suffisso, vd. st. 4g).
Gen
Es
Lev
Num
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sani
IRe
2Re
Is
Ger
Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ab
Sof

Agg

Zac
Mal
Sai
Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle

r
2
6
1

min

4
2

2
4
2
9
5

n.r.
9
9

20
10

1
I

23
19
8

I
1

I
-

99

15

1
10
2
3

12
4
1
10
12
8
2
46

35
18
1

4
I
1
1

12

2
1

t
2
143
3
6

Est

13
17
21
10

207

Lam
Dan

5
1

8
9
3

al. totali

1
1
2
.

W
1

Esd

Neem

lCron
2Cron
AT ebr.

aram.
Dan
Esd

1
1
8
11
181

2
2
14
1
81

1
2
27

1
133

1
-

1
18
-

3
4
25
13
440
18
2

3/ a) La traduzione data nel titolo eterni


t non rende in modo adeguato il significato
di lm in numerosi passi vtrt., ed anche
quando appare appropriata rischia di proietta
re nei testi unidea di eternit che fa parte del
nostro modo di pensare, gravandoli cosi di con
cezioni filosofiche e teologiche sorte in periodi
successivi (cft. J.Schmidt, Der Ewigkeitsbegriff
im AT, 1940-critico J.Barr, Biblica! Words for
Time, [1962] 1969, 68ss.86ss. 123ss., contro C.
von Orelli, Die hebr. Synonyma der Zeit und
Ewigkeit genetisch und sprachvergleichend dargestellt, 1871).
Ad eccezione di pochi passi recenti di Qohelet
(vd. st. 4g) nellAT (come peraltro nelle con
temporanee iscrizioni semNO.) 'lm ha il si
gnificato di tempo lontanissimo, riferito al
passato (3b-c), al futuro opp. ad ambedue
(3d-g). Indicativo dei valori estremi espressi da
questo termine il fatto che esso non sta da
solo (come soggetto o come oggetto), ma
sempre unito a preposizioni indicanti direzione
(min da , vd. st. 3b; 'ad fino a , vd. st. 3d;
le, fin verso , vd. st. 3e), oppure pu trovarsi
come accusativo avverbiale di direzione (vd. st.
30 e infine come secondo membro di uno st.
cs., cio come genitivo che sostituisce une
spressione preposizionale (vd. st. 3c.g). In que
stultimo caso lm pu esprimere da solo
linsieme di tutta la frase avverbiale da tem
po remotissimo/fino al tempo pi lontano ,
pu cio assumere il sign. durata (illimitata,
incalcolabile), eternit , per soltanto in senso
attributivo (duraturo, eterno; cfr. Barr. l.c.
73 n. 1: W e might therefore best state th
basic meaning as a kind of range between
remotest time and perpetuity [= Po
tremmo perci definire meglio il significato
fondamentale come una specie di linea che
sta tra tempo remotissimo ed eternit ]).
U tempo lontanissimo in effetti un concet
to relativo, che dipende dallorizzonte temporale
in cui ci si pone; ci vale per 'lm sia riferito
al futuro sia soprattutto riferito al passato.
Come nel caso di altre designazioni cronologi
che (- >jm, -> 'et), non si tratta di una conce
zione astratta del tempo, per cui in 'lm pos
sono trasparire anche altre connotazioni quali
tative come durevolezza, definitivit, immu
tabilit ecc. (vd. st. 3b.c.e.g.).
Il plurale lmm (nellAT ebr. I2x: con 'ad
Is
45,17b
nellespressione
accrescitiva
'ad-'lcm ad per tutta leternit; con lc
E7
lm ETERNIT
T

208

Sai 77,8; Eccle 1,10; come accus. avv. IRe


8,13 - 2Cron 6,2; Sai 61,5; come nome retto Is
26,4; 45,l7a; 51,9; Sai 77,6; 145,13; Dan 9,24)
non si riferisce ad una pluralit numerica di
periodi di tempo (eccetto forse Eccle 1,10,
vd. st. 4g), ma plurale intensivo come le for
me accrescitive (le) lm w'wd (vd. st. 3e.f),
dr drm (Is 51,8 ecc.), lensah nshim in
eterno (ls 34,10) ecc. e, come queste ultime,
destinato ad una certa usura; negli scritti pi
recenti dellAT (anche a Qumran) pi fre
quente, forse per linflusso dellaram. che usa
spesso il plurale (aram. bibl. 8x con le in Dan,
inoltre la forma accrescitiva in Dan 7,18 adlem we'ad lam lemajj; anche aram. eg.
in BMAP 3,11 e 12,23 'd Imjn accanto a 2,4
ecc. 'd 'lm dovuto alla mano di altro scriba;
nab., vd. DISO 213; cfr. Fitzmyer, Gen.Ap.
75.214). Una differenza di significato rispetto
al singolare non si pu determinare (Jenni,
l.c. 243-245; Barr l.c. 69s.).
In epoca recente (la prima volta in Ger 28,8) 'lm
viene determinato anche con larticolo (15x: con la
prep. min c/o 'ad 13x; Dan 12,7 colui che vive in
eterno con la determinazione di tutto lo st. cs.; Ec
cle 3,11 come ogg.). N qui n nelParam, bibl. (8x:
sing. con prep. Dan 2,20.20; 7,18; nome retto Dan
4,31; Esd 4,15.19; plur. Dan 2,44; 7,18) la determi
nazione d origine ad un significato diverso (eccetto
Eccle 3,11, vd. st. 4g).

chi (Ger 28,8), gi da lungo tempo (Ger


2,20), da sempre (Gios 24,2; iscrizione di
Mesa, r.10), lattributivo antichissimo (Ger
5,15; Ez 26,20; 32,27 txt em; Sai 119,52) op
pure quando vi negazione m a i (Is 63,19;
64,3; Gioe 2,2; i passi ISam 27,8 e ls 57,11 re
stano esclusi per il testo corrotto). Quando il
correlativo di m'lm un ora/poi invece,
(non) solo ora, emerge in primo piano il si
gnificato puramente temporale (Gios 24,2; Is
42,14; 63,19; 64,3; Ger 2,20, 28,8; Gioe 2,2);
inoltre pu venir sottolineata (come contrap
posizione inespressa a nuovo, inferiore o
sim.) la grande antichit, e perci una qualit
particolare delle realt che risalgono ai primi
tempi (popoli ed eroi primordiali: Gen 6,4;
Ger 5,15; Ez 26,20; 32,27 txt em; la sapienza
che per questo motivo si offre alPuomo: Prov
8,23; la natura, le azioni e le propriet di Dio*
vd. sp. gli altri passi).
c) Quando lm si trova in una combinazione
genitivale, il suo significato in relazione al pas
sato tempo primitivo, primordiale c (con
valore aggettivale) antichissimo si pu rica
vare soltanto dal contesto e perci non sempre
in modo sicuro, tranne quando il nome reggen
te gi una designazione cronologica (gior
ni, anni generazioni; Deut 32,7 ri
corda i giorni del tempo antico; Is 51,9;
61,9.11; Am 9,11; Mi 5,1; 7,14; Mal 3,4; Sai
77,6; aram. Esd 4,15.19 dai giorni antichi =
dallantichit; cfr. Eccli 44,1.2). Se persone
e cose che in s non hanno alcun riferimento
cronologico vengono qualificate con 'lm, ri
sulta pi difficile definire la loro relazione con
il futuro o con lintera durata, perch qualcosa
di antichissimo pu anche essere considera
to eterno per via della sua stabilit. Nono
stante questa riserva possono essere ricordate
qui le espressioni: popolo dei tempi antichi
(Ez 26,20), rovine antichissime (Is 58,12;
61,4; cfr. Ger 49,13 rovine perenni ), mor
ti da lungo tempo (Sai 143,3; Lam 3,6),
colli antichi (Gen 49,26; Deut 33,15; Ab
3,6), portali antichi (Sai 24,7.9), confine
antico (Prov 22,28; 23,10 txt em), sentieri
del passato (Ger 6,16; 18,5; Ab 3,6 txt?;
Giob 22,15 txt em); per Deut 33,27 txt?
braccia antiche vd. st. 4a. Tranne che in
Esd 4,15.19, che ha un valore solo temporale,
ovunque traspare lidea della peculiare qualit
dellantico, del lirrevocabile o sim.

b) Come i sinonimi 'ad (Giob 20,4) e dr


(Es 17,16), lm con la prep. min d a deno
ta lorigine da un passato remotissimo (nella
documentazione extrabiblica soltanto nelliscri
zione di Mesa, r. 10: e la gente di Gad abita
va da sempre nel paese di Atarot; nelPAT
27x in ebr. e lx in aram., di cui lOx in una
formula doppia con min e ad da sempre [e]
per sempre: Ger 7,7; 25,5; Sai 41,14; 90,2;
103,17; 106,48 = lCron 16,36; Neem 9,5;
lCron 29,10; aram. Dan 2,20; cfr. Eccli 39,20;
vd. st. 3d),
In tutti i passi possibile che min abbia man
tenuto il sign. ablativo da... (diversamente
p.e. Gemser, HAT 16,46 per Prov 8,23: nel
principio); ad ogni modo lm non denota
mai un lasso di tempo iniziale chiuso in se
stesso, perch anche nella traduzione dai pri
mi tempi in poi esso designa il terminus a
quo estremo (= da sempre). Solo quando in
un contesto teologico si suppone un inizio del
d) Al pari dei suoi sinonimi {ad, Is 17,2 txt
la creazione opp. si parla di Dio come colui
em; 26,4 ecc.; dr wdr, Is 13,20; Ger
che esiste prima di ogni inizio, la traduzione
pu essere dal principio in poi (Is 44,7 txt , 50,39; Sai 100,5; n^ah, Giob 34,36; cfr. Num
24,20.24 ad bd per sempre, bd 1) e
em; 46,9; 63,16; cfr. Prov 8,23) oppure dal
come nelle iscrizioni semNO. (ug. 'd 'lm per
leternit (Sai 25,6; 90,2 nella formula dop
sempre 1005 [= 183], 5.15; 1008 [= 186],
pia; 93,2; cfr. Eccli 42,21; 51,8); negli altri casi
sono sufficienti espressioni con valore avver
14.20 ecc. in documenti, inoltre m lm in 51
[= l AB] IV,42; nt [= V AB] V,39; fen. KAI
biale come dal principio (Gen 6,4), da
nr. 43, r. 12 mese dopo mese per sempre ; in
molto tempo (Is 42,14), fin dai tempi anti
209

lm ETERNIT

210

aram. eg. spesso in forma stereotipa da oggi e


per sempre in documenti, vd. DISO 213;
R.Yaron, Introduction to th Law of Aramaic
Papyri, 1961, 47), lm unito alla prep. 'ad
fino a, per e forma lespressione ad-'lm
per sempre, in eterno, per leternit (nelle
negative m ai: Es 14,13; Deut 23,4; ISam
3,14; 20,15; 2Sam 12,10; Is 45,17; 59,21; Ger
35,6; Esd 9,12a; Neem 13,1), dove eternit
non significa altro che futuro illimitato. In
ISam 1,22 si potrebbe tradurre con sempre,
per tutta la vita perch il limite temporale
quello della durata della vita delluomo; tutta
via non si pu dedurre di qui che lm signifi
chi tempo della vita (cfr. gr. awv). Mentre
le'lm indica piuttosto staticamente la durata
definitiva (vd. st. 3e), ad-'lm esprime quasi
sempre un procedere verso il futuro per succes
sivi periodi di tempo, come si pu constatare
dalle espressioni frequenti che s riferiscono ad
una successione di generazioni (p.e. Gen 13,15
tutto il paese.,, lo dar a te e alla tua discen
denza ad- *lm; cos pure nelle iscrizioni sem
NO., p.e. KAI nr. 224, r.25 a... e a suo figlio,
a suo nipote e alla sua discendenza d lm).
Un esempio della differenza tra 'ad-'lm e
lelm si pu trarre da IRe 2,33, dove la ma
ledizione definitiva che deve impedire la so
pravvivenza della persona maledetta e della
sua discendenza c unita a le'lm, mentre lau
gurio positivo per il re e per la sua dinastia
espresso con ad-'lm.
Le formule doppie con min e ad (vd. sp. 3b)
sono impiegate in senso pieno in Sai 90,2 (cfr.
Eccli 39,20) dalleternit e fino alleternit
(par. prima che nascessero i monti ; cfr. Sai
102,26ss.), in altri passi invece si ha un sign.
attenuato in ogni tempo, in eterno (Ger 7,7;
25,5; Sai 103,17); esse compaiono soprattutto
nelle dossologie (nella introduzione delle pre
ghiere: Neem 9,5; lCron 29,10; aram. Dan
2,20; nelle dossologie conclusive: Sai 41,14;
106,48 = lCron 16,36), dove spesso ricorrono
doppioni e ampliamenti.
c) Tra i vari impieghi di lm il pi vasto
quello con la prep. le, sia nelPAT (vd. sp. 2)
che nei testi contemporanei fen. e aram.
Per blm in un difficile contesto nelliscrizione di
Ahiram (KAI nr. 1, r. I; KAI 11,2 oggettivamente
oscuro quando egli lo depone nelleternit ) alcuni
suppongono lo stesso significato di ilm (cfr. Harris
84.133); vd. per st. 4g. Laram. b'hnj delliscrizione
di Adad (KAI nr. 214, r.l) va tradotto con DISO 214
nella mia giovent (diversamente KAI 11,214.217:
per la mia durata) e deriva, come lebr. "lcem
giovane , 'alma ragazza , 'aliimm giovent ,
da 7m II (*glm).

La prep. le fin verso, a... in senso tempo


rale meno forte di 'ad fino a (cfr. il raffor
zativo 'ad-le'lm nei passi recenti lCron
23,25; 28,7) e in confronto con ad-'lm (vd.

sp. 3d) fa assumere a le'lm in sign. pi stati


co per sempre, in perpetuo (da tradurre con
per leterno, in eterno solo in contesti spe
cificamente teologici o dossologici), lm desi
gna ancora il futuro lontanissimo, non un pe
riodo di tempo futuro oppure semplicemente il
futuro o la durata in s, mentre lclm, quan
do si definisce meglio lorizzonte temporale,
pu significare praticamente per tutta la
vita (Es 21,6 allora sar suo schiavo per
sempre). La formula le'lm w'cd per
sempre e in eterno tipica della solenne for
mula di chiusura e di rafforzamento (Es 15,18;
Mi 4,5; Sai 9,6; 45,18; 119,44; 145,1.2:21;
Dan 12,3; vd. st. 3f). Una negazione pu rife
rirsi direttamente a le'lm (non per sem
pre: Gen 6,3; Is 57,16; Ger 3,12; Sai 103,9;
Giob 7,16; Prov 27,24; Lam 3,31) o anche a
tutto il predicato per sempre non = mai :
Deut 23,7; Giud 2,1 ; Is 14,20; 25,2; Ger 31,40;
Gioe 2,26.27; Sai 15,5; 30,7; 31,2; 55,23; 71,1;
112,6a; 119,93; Prov 10,30; aram. Dan 2,44a;
cfr. Eccli 7,36; 45,13).
Ie'lm nelle proposizioni verbali e nominali
viene impiegato per esprimere uno stato per
manente (acquisito, procurato, non trasforma
bile); ha pertanto in prevalenza un valore qua
litativo di durata, di definitivit, di invariabili
t (p.e. Gen 3,22 che non viva per sempre ;
Es 3,15 questo il mio nome per sempre;
32,13 lo possederanno per sempre; cfr. fen.
p.e. KAI nr. 26, V,5s. solo il nome di Azitawadda sussista per sempre, come il nome del
sole e della luna; KAI nr. 14, r. 20 affinch
appartengano agli abitanti di Sidone per sem
pre, cfr. r. 22). Per le formule frequenti che
terminano con l lelm hasd perch la sua
grazia dura per sempre (Ger 33,11; Sai
100,5; 106,1; 107,1; 118,1-4.29; 136,1-26; Esd
3,11; lCron 16,34.41; 2Cron 5,13; 7,3.6;
20,21; cfr. Eccli 51,12) cfr. K.Koch, EvTh 21,
1961, 531-544; ^hsad lU/4b.
f) In alcuni passi invece di lelm si trova con
significato identico il semplice *lm, accusati
vo avverbiale, per sempre (Sai 61.8; 66,7;
89,2.3.38; nella formula 'lm w'ad: Sai
10,16; 21,5; 45,7; 48,15; 52,10; 104,5; plur.
'lmm : IRe 8,13 = 2Cron 6,2; Sai 61,5, cfr.
v. 8); cfr. dr drim (Sai 72,5), nsah (Ger
15,18; Sai 13,2; 16,11) e kol-hajjmim (~>jm
31) con la medesima costruzione grammaticale
e con significato simile.
Ili documenti extrabiblici laccus. avv. Im attestato
nella stcle di Mesa, r. 7: e Israele andato in rovi
na per sempre. Ir ug. si trova 'Imh per sempre
con il suffisso di direzione -h (52 [- SS], 42.46.49;
lAqht [= I D] 154.161.168 lini wmh d ora in poi e
per sempre; cfr. Meyer II,49s.; Dahood, UHPh 16,
ricava una forma ebr. corrispondente mutando il te
sto in Giob 13,14 txt?); inoltre nellespressione shr
Imt in 1008 (= PRU II, nr. 8), r. 15 (WUS nr. 2036:

211
T

'lm ETERNIT

212

da questa alba per sempre; cfr. J.J.Rabinowitz,


JNES 17, 1958, I45s.) pare che si debba vedere una
finale avverbiale -l con lo stesso significato (cfr. UT
102).

g) Quando 'lm nome retto con valore di


futuro lo st. cs. corrisponde nella maggior par
te dei casi ad unespressione con lelm e pi
raramente con ad-'lm (cfr. Gen 9,16 berl
lm alleanza eterna, e Sai 105,8; 111,5.9;
inoltre Gen 17,8 e 48,4 'ahuzzat lm pos
sesso perenne, e F,s 32,13). Anche in questo
caso lm significa tempo lontanissimo
(nel futuro); limmagine di un lasso di tempo
inlinitamente lungo soltanto il risultato della
combinazione di un nome reggente, in cui gi
insita lidea di durata, con un nome retto che,
sostituendo unespressione preposizionale, pro
lunga fino allinfinito questa durala. In alcuni
passi dove per motivi oggettivi non si pu indi
care un punto iniziale nel presente (parlando
di Dio e delle sue propriet), lo st. cs. pu ri
guardare lintera durata nel passato e nel futu
ro.
E in particolare il Codice sacerdotale (vd. st.
4Q che predilige il predicativo lm con
espressioni come legge, obbligo ecc. (ca.
45x; ->bert. Gen 9,16; 17.7.13.19; Es 31,16;
Lev 24,8; Num 18,19b; al di fuori di P: 2Sam
23,5; ls 55,3; 61,8; Ger 32,40; 50,5; Ez 16,60;
37,26a; Sai 105,10 = lCron 16,17; cfr. Eccli
44,18 txt em; 45,15; hq [~>hqq]: Es 29,28;
30,21; Lev 6,11.15; 7,34; 10,15; 24,9; Num
18,11.19a; al di fuori di P: Ger 5,22; cfr. Eccli
45,7; hitqq: Es 12,14.17; 27,21; 28,43; 29,9;
Lev 3,17; 7,36; 10,9; 16,29.31.34; 17,7;
23,14.21.31.41; 24,3; Num 10,8; 15,15; 18,23;
19,10.21; al di fuori di P: Ez 46,14). Anche lo
stato di salvezza e di perdizione presentato
come permanente (p.e. simhat lm gioia
eterna: Is 35,10; 51,11; 61,7; sinfmt lm
desolazione perenne; Ger 25,12; 51,26.62;
Ez 35,9; 36,2 txt em; ecc.), Nelle espressioni
che riguardano il mondo divino il sign. eter
no risulta dallarretramento del vago punto
iniziale (p.e. ls 54,8 hcsced lm grazia per
petua; anche qui si hanno costruzioni con il
plur.: Is 26,4 roccia eterna; 45,17a; Sai
145,13).
In Deut 15,17; ISam 27,12 e Giob 40,28 si ha le
spressione beed 'lm schiavo per sempre,
schiavo in perpetuo (senza diritto ad essere libera
to); per lapparente restrizione dell eternit al
tempo della vita cfr. ISam 1,22 (vd. sp. 3d), Es
21,6 (vd. sp. 3e) e lug. bd Im (IKLrt [= I
K],55.127.140.285; cfr. 67 [= I* AB] 11,12.20 d'imk
par. bd).

4/ I passi di rilievo teologico saranno trattati,


riassumendo Jenni, l.c. 1-29, con la seguente
suddivisione: '! lm (Gen 2 1,33) e la docu
mentazione extrabiblica sulleternit divina (a);
lm, predicato del re nello stile di corte (b);
213

O^SJ
lm ETERNIT
r

lm nella letteratura preesilica (c), nel Deuteroisaia e nei testi che ne dipendono (d), nel sal
terio (e), nel Codice sacerdotale (0 e in Qohelet
(g)a) Dalla breve nota di Gen 21,33 J si pu de
durre che a Bersabea vi era un culto preisraeli
tico di l 'lm, che gli israeliti hanno poi ap
plicato a Jahwe (-* el III/2; F.M.Cross, HThR
55, 1962, 236-241; EiDfeldt, KS lV,196s.; R.de
Vaux, Histoire ancienne dIsral, 1971, 262s.).
In base alle analogie pi attinenti il nome va
inteso come uno st. cs. El/Dio eterno e non
come il dio lm, come se lm fosse un
appellativo indipendente con il sign. di lE
terno o lAntico , per il quale non si han
no attestazioni sicure (diversamente Cross, l.c.
236.240: El, th Ancient One [= El, lAn
tico] e Deut 33,27 zer'l lm non brac
cia antiche/eterne , ma arms of th Ancient
One |= braccia dellAntico]; Dahood,
Proverbs 45; id., UHPh 36; id., Psalms I,
1966, 322; II, 1968, 386; III, 1970, 476, appli
ca piuttosto liberamente il supposto nome divi
no lm lEterno, p.e. Sai 31,2 ecc. 1"lm
O Eternai One [= O Eterno ] con la par
ticella vocativa le). Dalle tarde notizie cosmo
goniche di Damascio e di Filone di Biblo rela
tiva ad un Dio OXojpq opp. Awv non pos
siamo trarre deduzioni sicure (H.Gese e al., die
Religionen Altsyriens..., 1970, 113.203), men
tre invece possibile ricavare qualcosa dal
nome divino ug. e fen sgs "Im Sole eterno
(PRU V nr. 8, r. 7; cfr. lacc. sarru dsamas
drtum il re il Sole eterno nellossequio
del faraone in EA 155,6.47) opp. sms Im Sole
eterno delliscrizione di Karatepe dell8" sec.
a.C. (KAI nr. 26 111,19, cfr. IV2s.) e forse da Ir.
Im dea eterna dellincantesimo di Arslan
Tash del T sec. a.C. (KAI nr. 27, r. 9s.; cfr.
per KAI ll,44s.: alleanza delleternit ; in
certe sono ancora la lettura e linterpretazione
delle iscrizioni del Sinai del 15" sec. a.C., nelle
quali W.F.Albright, The Proto-Sinaitic lnscriptions and their Decipherment 1966;*'24, e
Cross, l.c. 238s., riscontrano un 'il du lami
El th ancient (or Eternai) One [= El,
lAjitico (o lEterno)], come pure linterpreta
zione del difficile testo ug. 76 [= IV AB]
III,6s.).
Secondo le analogie tratte dallambiente circo
stante, tra le quali si pu collocare anche il ti
tolo ug. mlk Im re eterno (PRU V, nr. 8, r.
9, per Nmry = Amenophis III; Ugaritica
V,551ss. [= RS 24.252], r. 1 e rev. 6.7, per un
dio; cfr. 68 [= III AB,A], r. 10 mlk Imk il
tuo regno eterno , detto del regno di Baal; cfr.
J.C. de Moor, UF 1, 1969, 175s.), al predicato
di eternit associata lidea di una esistenza
invariabile, stabile e continua. Questa idea si
fonda in definitiva sullosservazione della natu
ra e corrisponde ad una concezione ciclica del
214

tempo; Israele pu averla assunta dal mondo


circostante, ma essa non apporta un notevole
contributo alla concezione di Dio tipicamente
israelitica, quale si incontra per esempio nel
Deuteroisaia (vd. st. 4d; sul concetto di eter
nit in Egitto cfr. G.Thausing, Mlanges Maspro I, 1934, 35-42; E.Otto, Die Welt als Geschichte 14, 1954, 135-148; E.Hornung, FF 39,
1965, 334-336; per Sumer cfr. R.Jestin, Syria
33, 1956, 117; per Babilonia cfr. ad esempio il
materiale in CAD D 111-118.197s.).
b) In alcuni testi vtrt. al re si augura una vita
eterna, augurio che trova del resto molti
paralleli nello stile di corte extrabiblico, ad
esempio nelle lettere di Amarna. La formula di
ossequio viva il re! (ISam 10,24; 2Sam
16,16; IRe 1,25.34.39; 2Re 11,12 = 2Cron
23,11) in IRe 1,31 in bocca a Betsabea viene
rafforzata con te'lm: Il mio signore, il re
Davide, viva per sempre! (Lande 33s.; cfr. la
benedizione di loab in una situazione simile,
2Sam 14,21s.). Alla corte persiana la formula
di saluto suona cos: Viva il re per sempre!
(Neem 2,3) oppure: O re, vivi per sempre!
(aram. Dan 2,4; 3,9; 5,10; 6,7.22). Anche se al
lorigine la formula manifestava forse una divi
nizzazione del re, gi in periodo preisraelitico
essa diventata una semplice iperbole del lin
guaggio di corte (Cfr. EA 21, r. 22s.39 e mio
fratello viva in eterno... per 100.000 anni;
cfr. 149,24ss. dove si parla della vita del servi
tore), appunto in Israele, dove la tendenza al
leternit in contrasto con le affermazioni
sulla non eternit di ogni essere umano, decre
tata da Dio (Gen 3,22; 6,3; Giob 7,16).
Fondamentalmente simili sono le affermazioni
dei salmi regali; esse non vanno quindi inter
pretate come speranza di immortalit, ma
come augurio entusiasta di una vita lunghissi
ma per il re e di stabilit per la dinastia: Sai
21,5 vita ti ha chiesto, a lui lhai concessa,
lunghi giorni in eterno, senza fine; 61,7s. ai
giorni del re aggiungi altri giorni, i suoi giorni
siano come (txt em) i giorni di molte genera
zioni; regni per sempre davanti a Dio; cfr.
72,5. Altri passi si riferiscono al nome del re,
alla sua benedizione, al suo trono, alla sua di
scendenza e alla sua dinastia (2Sam 22,51 =
Sai 18,51; Sai 45,3.7.18; 72,17; 89,5.37s.;
110,4; cfr. Sai 28,9; con - ad: Sai 21,7;
132,12); sono affermazioni che vanno senzal
tro inquadrate nella promessa di Natan e nella
concezione del lalleanza davidica (2Sam 7;
23,5; Sai 89; 132) e non vanno giudicate sul
metro delle idee messianiche ed escatologiche
pi tarde.
c) Anche prescindendo dai passi gi visti, negli
scritti preesilici 'lm usato talvolta in conte
sti teologicamente pi o meno significativi; tut
tavia il termine non fa parte di un linguaggio
propriamente teologico. In alcuni passi come
215

Gen 13,15 (tutto il paese..., io lo dar a te e


alla tua discendenza per sempre); Is 30,8 txt
em (come testimone per sempre); Os 2,21
( ti fidanzer a me per sempre ) si pu forse
scorgere un influsso del linguaggio giuridico.
La storiografia e il Deuteronomio prediligono
invece di le'lm lespressione pi dinamica
'ad- lm, e ci pu dipendere da un senso del
tempo che si orienta sulla storia del popolo.
Gli scritti profetici pi antichi ricorrono rara
mente a lm (cfr. ls 9,6; 30,8; 32,14; Os
2,21; Mi 2,9; 5,1) e comunque non nel senso
tecnico della profezia escatologica. Solo nel li
bro di Geremia e in quello di Ezechiele si deli
nea un nuovo uso di lm per definire linter
vento escatologico di Dio, prima di tutto nel
giudizio (Ger 18,16; 20,11 vergogna peren
ne; 23,40.40; 25,9.12; 49,13; 51,26.39.57.62;
Ez 35,9; 36,2 txt em; cfr. anche Ger 49,33; Ez
26,21 txt em; 27,36; 28,19).
d) Nellannuncio del Deuteroisaia 'lm non
acquista un nuovo significato (contro H.Sasse,
ThW I,202s. = GLNT I,538ss.), tuttavia assu
me una posizione teologica in parte nuova. Il
termine usato per definire la fede nel Dio
universale della storia; agli esiliati avviliti si
annuncia: Non lo sai forse? Non lo hai udi
to? Un Dio eterno ('*lh 'lm) Jahwe,
creatore di tutta la terra; egli non si affatica n
si stanca (ls 40,28). Se Jahwe, il creatore,
signore di tutta la terra, tanto pi signore di
quelle regioni dove vive Israele disperso; se
come Dio deHetemit anche signore della
storia dei popoli, tanto pi lo del destino di
Israele: egli resta instancabilmente fedele al suo
proposito di salvezza. Lespressione Dio eter
no, che resta unica anche nel Dtis, non ri
guarda un concetto astratto di tempo o di eter
nit, oppure di atemporalit; vuol esprimere
invece lassoluta libert di Dio di fronte al di
venire e al perire, la sua signoria su ogni tem
poralit e limportanza della fedelt nei con
fronti dei credenti. Quanto pi si riconobbe
lassoluta unicit di questo Dio e la sua eterni
t come signoria sul tempo, tanto pi il termi
ne eterno si accost a divino e si fece
forte la tendenza a riservare questa parola al
linguaggio religioso (cfr. ls 40,8; 45,17.17;
51,6.8; 54,8; 55,3.13). 'lm diventa un con
trassegno del mondo divino e dellazione divi
na, che sola sar decisiva nellepoca escatologi
ca.
Un influsso del Deuteroisaia molto evidente
in Is 60,15.19.20.21; 61,7.8; anche in ls 35,10;
51,11. Oltre ad essare usato in diverse altre ac
cezioni, lm diventa attributo frequente di
Do e dei valori religiosi pi alti, anche se or
mai in forma attenuata (p.e. Deut 32,40;
33,27; Is 63,16; Ger 10,10; Lam 5,19; spesso e
quasi esclusivamente in Dan). La parola serve
a designare la definitivit delia salvezza e della
T

lm ETERNIT

216

perdizione imminenti (oltre ai passi citati del


Tritoisaia, p.e. ls 14,20; 25,2; 32,17;
34,10.17; Gioe 2,26.27; 4,20; Abd IO; Mal
1,4; Dan 2,44; 7,18; 12,3). Sviluppandosi for
temente le concezioni escatologiche dellapo
calittica, lm diventa un attributo costante
del mondo ultraterreno (cfr. Dan 12,2 e mol
ti di quelli che dormono nella polvere della
terra si risveglieranno: gli uni alla vita eterna e
gli altri alla vergogna e per linfamia eterna ).
Nei passi propriamente messianici lm at
testato piuttosto raramente (cfr. Ez 37,25 Da
vide mio servo sar loro re per sempre ).
e) Nei salmi alcuni passi ricordano il Deute
roisaia (Sai 90,2 prima che nascessero i
monti, e la terra e il mondo fossero generati,
da sempre e per sempre tu sei, D io; 92,8s.;
I02,12s.), ma si notano anche riflessi di una
tradizione pi antica, p.e. nei passi che esalta
no Jahwe come re che regna in eterno e an
nienta per sempre i suoi nemici (Sai 9,6.8.;
10,16; 29,10; 66,7; 93,2; 145,13; 146,10; cfr.
Es 15,18; Mi 4,7). Si hanno poi affermazio
ni sulla grazia perenne di Dio, sulla sua fedel
t eterna allalleanza ecc. (Sai 25,6; 33,11;
89,3; 103,17; 105,8,10; 111,5.8.9; 117,2;
119,89.142.144.152.160; 125,2; 135,13; 138,8;
146,6; 148,6; inoltre i passi con k llm
hasd, vd. sp. 3e), nonch affermazioni sulle
ternit di Sion, luogo della presenza salvifica di
Dio (Sai 48,9, cfr. v. 15; 78,69; 125,1; 133,3).
Caratteristici dello stile dei salmi sono i passi
con lm che descrivono lideale del giusto
come eterno permanere, eterno non va
cillare o sim. (Sai 15,5; 30,7; 31,2; 37,18.27;
41,13; 55,23; 61,5.8; 71,1; 73,26; 112,6.6;
121,8; 139,24); a questo gruppo si collegano
senza differenze significative i passi che parla
no della perenne fiducia e lode del salmista
o della comunit, nonch quei passi in cui il
giusto promette di osservare in perpetuo la
legge (Sai 5,12; 30,13; 44,9; 52,10.11; 75,10;
79,13; 86,12; 89,2;
115,18;
119,44.93.
98.111.112; 131,3; 145,1.2). lelm (opp. avv.
'lm [w'ccd]) in questi passi non va riferito
ad una esistenza individuale che continua dopo
la morte, ma, come nelle formule del linguag
gio liturgico (Sai 104,31; 113,2; dossologie fi
nali dei primi quattro libri del salterio: 41,14;
72,19; 89,53; 106,48), implica un rafforzamen
to che nella commozione della preghiera e del
lesperienza del culto vorrebbe assolutizzare
unesperienza di salvezza, una promessa o una
ferma decisione, separandole da ogni condizio
namento del tempo e caratterizzandole come
immutabili e definitive (non si pu decidere
solo in base a lm se Sai 73,26 implichi o
meno una speranza di immortalit).
0 11 Codice sacerdotale usa 'lm in espressio
ni stereotipe (45x 'lm in catene costrutte,
inoltre lelm in Es 31,17; Lev 25,46; mai
217

lm ETERNIT

ad-'lm) che rimandano al linguaggio giuri


dico, e che senza peculiari riflessi religiosi de
notano gli ordinamenti immutabili, laspetto
statutario e permanente delle leggi, quanto cio
sta particolarmente a cuore al pensiero sacer
dotale (cfr. Lev 25,32 gfullat lm diritto
perpetuo di riscatto; Gen 17,8; 48,4; Lev
25,34 vhiuzzat 'lm possesso perpetuo; in
questo senso vanno interpretate anche le
espressioni -*bcrlt/hq/huqqat lm [vd.sp.
3g]). II predicato lm non significa in questo
caso una trascendentalizzazione della legge
o dellalleanza, per quanto ampia possa es
sere la concezione sacerdotale della legge e del
l'alleanza, inserite come sono nelfordinamento
di grazia d Dio.
g) Alcuni problemi solleva infine limpiego di
lm in Qohelet. In Eccle 1,4 una generazio
ne va, una generazione viene, ma la terra resta
sempre la stessa, levlm implica labituale si
gnificato statico di invariabilit (cos anche in
Eccle 3,14 qualunque cosa Dio fa per sem
pre/sar incessantemente cos ; in frasi negati
ve 2,16; 9,6). In 1,10 invece lelmlm (plur.)
insolitamente riferito al passato e viene specifi
cato meglio da una proposizione relativa (al
sing.): G i a lungo ci avvenuto le'lmim,
che stato prima di noi . Si pu pensare che
'lm significhi qui spazio di tempo, epoca,
tempo per influsso del gr. av (Jenni, l.c.
24), ma possibile anche che il termine sia
stato impiegato da Qoelet in modo autonomo
come appellativo libero (non solo quindi, come
era avvenuto in precedenza, in proposizioni
avverbiali e genitivali che indicano una dire
zione, vd. sp. 3a.g), e perci con un significato
leggermente diverso: tempo remoto, illimita
to oppure durata , non pi soltanto in sen
so attributivo (F.EIlermeier, Qohelet 1/1, 1967,
210.319s.: nel tempo illimitato; J.R.Wilch,
Time and Event, 1969, 18: it has already belonged to distant times that have been before
us [= gi appartenuto a tempi lontani che
sono stati prima di noi ]).
Questa accezione potrebbe anche chiarire il
passo difficile e discusso di Eccle 3,11: Egli
(Dio) ha fatto bella ogni cosa a suo tempo ('/),
anche lm egli ha posto belibbm, solo che
luomo non pu capire lopera compiuta da
Dio dal principio alla fine. Tra le numerose
interpretazioni date finora (panoramica in
O.Loretz, Qohelet und der Alte Orient, 1964,
28lss.; Ellermeier, l.c. 309-322) possono essere
ritenute pi probabili quelle che vedono in
lm (unito a -* et momento giusto e
dallinizio alla fine) un termine che indica
il tempo. A seconda che la frase con belbbm
( nel loro cuore o dentro ad essi ) venga
riferita agli uomini o alle cose (tutto), 'lm
pu essere tradotto con eternit (Zimmerli,
ATD 16/1, 168.172: luomo deve interrogarsi
218

oltre il suo attimo) o durata (Loretz, l.c.


281.284: aspirazione ad una fama e ad un
nome duraturi; Barr, l.c. 124 n. 1: perpetuity... th consciousness of memory, th awareness of past events [= eternit... la
coscienza della memoria, la consapevolezza de
gli eventi passati 1), oppure daltra parte con
continuit (Ellermeier, l.c. 320s.) o dura
ta (Galling, HAT 18, 21969, 93.95: posto
invariabilmente in un decorso infinito ).
In Eccle 12,5 bt lm dimora eterna indica la
tomba. Lespressione ha origine in Egitto; a partire
dal periodo ellenistico diffusa in iscrizioni funerarie
e in altri testi (Jenni, !,c, 207s.217 e 27-29; per le
ventuale attestazione nell'iscrizione di Ahiram del
10 sec. a.C. [vd. sp. 3e] cfr. ora anche H.Tawil, The
Journal of th Ancient Near Eastern Society of Co
lumbia University 3, 1970/71, 32-36; sulle iscrizioni
sir. cfr. H.J.W.Drijvers, Old-Syriac [Kdessean] Inscriptions, 1972, 79.107; nel contratto di matrimonio
proveniente da Murrab't e scritto in aram., DJD II,
nr. 20, r. 7 [cfr. nr. 21, r. 12], si ha andare nella di
mora deHeternit = morire, cfr. DJD
11,11 Os. 113). NellAT se ne ha uneco in Sai 49,12:
Le tombe (txt em) sono le loro dimore per sem
pre; cfr. inoltre Tob 3,6; Giub 36,1. Lespressione
non indica una speranza nella vita eterna.

5/ Negli apocrifi c negli pseudepigrafi vtrt. di


epoca precristiana (cfr. Jenni l.c. 29-35) e nei
testi di Qumran (Kuhn, Konk. 159s.; RQ 14,
1963, 214; Fitzmyer, Gen.Ap. 214; cfr. Barr,
l.c. 67.118) si conserva luso deUAT (a Qum
ran alcuni autori preferiscono il plur. al sing.,
ma con uguale sign., p.e. in JQM e in 1QS col.
2-4). Solo nei testi del 1 sec. d.C. compaiono i
nuovi valori eone e anche mondo , corri
spondenti al gr, av e xernog (cfr. H.Sasse,
ThW I,204ss. = GLNT I,548ss.; palm. m r lm'
signore del mondo nelle iscrizioni del 2
sec. d.C.), che diventano frequenti in medioebr., aram., arab. ed et.
I LXX rendono quasi sempre 'lm con
awv/awvwn; (cfr. anche R.Loewe, Jeromes
Rendering of wlm, HUCA 22, 1949, 265-306);
cfr. per questo punto e per il NT H.Sasse, art.
awv, ThW 1,197-209 (= GLNT 1,531-564);
Barr, l.c. 65ss.

E Jenni

wn PERVERSIT
1/ Lebr. wn (forma astratta con finale in
-n > -dn, BL 498) e laram. bibl. <awj
(Dan 4,24 trasgressione par. Iftj pecca

to; BLA 187), attestati soltanto nellAT e


nella letteratura medioebr. e aram. giud. dipen
dente dallAT, risalgono allebr. 'wh q. essere
distorto, trasgredire (pi. volgere al contra
219

rio, torcere; ni. essere stravolto; hi. causa


tivo far essere piegato Ger 3,21 e Giob
33,27, altrimenti causativo interno mostrarsi
distorto; cfr. Jenni, HP 106) e allarab. aw
piegare o gaw deviare dalla via (cfr.
S.R.Driver, Notes on th Hebrew Text... of th
Books of Samuel, 21913, 170s.; GB 569b; Zo
rell 578a).
Per gli eventuali equivalenti acc. cfr. AHw
267a.408a.; J.J.Finkelstein, JCS 15, 1961,94.
In ebr. altre derivazioni nominali sono 'iw'm (plur.)
barcollamento (Is 19,14), 'aww (Ez 21,32, 3x),
(Ger 26,18; Mi 1,6; 3,12; Sai 79,1; Giob 30,24; iscri
zione di Mesa KAI nr. 181, r. 27; cfr. anche i corri
spondenti nomi di luogo come 'aj Ai ecc.) e mc7
(Is 17,1 txt?) nel sign. rovine (cfr. W.L.Moran,
Bibl. 39, 1958, 419s.).
Si ricordino ancora le ipotesi di S.D.Goitein, JSS 10,
1965, 52s., per rn'n di Sai 90,1, e di M.Dahood,
Bibl 50, 1969, 351, per 'n di Ez 18,17 txt?.

2/ NellAT il verbo attestato 17x (q.: Est


1,16; Dan 9,5; ni. ISam 20,30; Is 21,3; Sai
38,7; Prov 12,8; pi.: Is 24,1; Lam 3,9; hi.:
2Sam 7,14; 19,20; 24,17; IRe 8,47 = 2Cron
6,37; Ger 3,21; 9,4; Sai 106,6; Giob 33,27).
Antichi sono 2Sam 19,20 e 24,17 (ISam 20,30
txt?); tutti gli altri passi sono del periodo esilico o anche posteriori.
Il nome 'wn attestato 231 x. (inoltre 2x in
ISam 14,41 G; esci. Os 10,10 Q ntm txt?):
Ez 44x, Sai 31x, Is 25x (Dtis 6x, Tritois 9x),
Ger 24x, Lev 18x, Giob 15x, Num 12x, Os
lOx, 2Sam 7x, Es, ISam e Lam 6x ciascuno,
Gen 4x, Dan e Esd 3x ciascuno, Deut, Gios,
Mi, Zac, Prov e Neem 2x ciascuno, IRe e 2Re,
Am, Mal e lCron lx ciascuno.
I passi pi antichi sono: ISam 20,1.8: 25,24; 28,10;
2Sam 3,8; 14,9.32; (16,12); 19,20; (22,24 = Sai
18,24); 24,10; risalgono al 978 sec.: Gen 4,13;
19,15; 44,16 (J); Es 20,5 (E); IRe 17,18; 2Re 7,9; Is
1,4; 5,18; 6,7; 22,14; 30,13; Os (lOx); Am 3,2; ISam
3,(13).I4. La concentrazione pi alta di testimonian
ze risale alla fine dei 7 sec., al periodo dellesilio e
immediatamente dopo.

3/ a) Il significato fondamentale del verbo


piegare, torcere, volgere, storcere attestato
alla lettera in Sai 38,7 ni. sono curvato; Is
24,1 pi. ecco, Jahwe spacca la terra, la deva
sta, ne sconvolge la superficie.... In senso tra
slato si dice piegare il sentiero (della vita)
(Lam 3,9 pi.), pervertire la giustizia (Giob
33,27 hi.), essere di cuore perverso (Prov
12,8 ni.; cfr. Is 21,3 ni.). A sua volta il sost
wn denota piegamento, curvatura, rove
sciamento, contorcimento, ma attestato sol
tanto in senso traslato (cfr. i valori simili di lz
q./hi. allontanarsi [risp. Prov 3,21 e 4,21],
ni. part. nlz pervertito [Is 30,12; Prov
2,15; 3,32; 14,2] ed il sost. lzt perversit
[Prov 4,24]). In questo senso verbo e sostantivo
denotano molto spesso la lrmale qualifica ne
y wn PERVERSIT

220

gativa di determinate azioni, comportamenti o


condizioni nonch delle relative conseguenze:
ci avviene in contesti espressamente teologici.
Per questo motivo wn ha finito con Tesser
tradotto colpa, peccato . Cfr. sullintera que
stione S.Porbcan, Sin in th OT, 1963;
R.Knierim, Die Hauptbegriflfe fur Siinde im
AT, 1965, 185ss.
b) Il termine si fonda radicalmente su una
concezione totalitaria e dinamica della realt,
probabilmente perch un termine di movi
mento che denota essenzialmente il movimento
nel suo svolgersi. La concezione totalitaria si
manifesta quasi sempre nel rapporto stretto tra
azione e conseguenza (cfr. Gen 15,16; IRe
17,18; ls 30,13; 64,6; Ger 13,22; Os 5,5; Sai
32,2.5 ecc.).
Cfr. ad esempio le espressioni stereotipe awn
qs punizione finale (Ez 21,30.34: 35,5; cfr.
Giob 22,5), ns wn portare la colpa (Gen
4,13; Ez 34,7; Os 14,3; Sai 85,3 ecc.), 'br hi.
wn far passare la colpa (Zac 3,4 ecc.),
pqd wn visitare la colpa (per punirla) (Es
20,5; Am 3,2 ecc.), ecc. wn come azione
costituisce un avvio alla punizione (Is
30,13; Ez 18,30; 44,12; Os 5,5; 10,10 txt em;
Giob 31,11.28 ecc.); la punizione (Gen
19,15; Ger 51,6; Sai 39,12; 106,43; Giob
13,26; 19,29; Esd 9,7); la situazione che sta
in mezzo tra azione e punizione, cfr.
p.e. la confessione della colpa in ISam 25,24;
2Sam 14,9; la dichiarazione di innocenza o la
difesa in ISam 20,1.8; Sai 59,5; Giob 33,9;
lautocondanna condizionata in ISam 14,41 G;
2Sam 3,8; 14,32; formule come zkr wn ri
cordare la colpa (IRe 17,18; Os 8,13; 9,9
ecc.), rb wn l abbondanza della colpa
(Os 9,7), glh wn scoprire la colpa (Os
7,1; Lam 2,14); cfr. Ez 39,23: Lam 4,22 ecc.
Anche il rapporto che si stabilisce con wn
tra il singolo e la comunit esprime la conce
zione totalitaria (cfr. Lev 16,22; 22,16; Is 53,5;
Ez 4,4ss.), e lo stesso vale per il rapporto tra
generazioni (cfr. Lev 26,39s.; Is 14,21; 53,11;
Ger 11,10; Ez 18,17.19s.; Dan 9,16; Neem 9,2
ecc.)
c) Poich, in base alla concezione totalitaria, il
termine wn usato in modo unitario per
esprimere i vari stadi di un processo di tra
sgressione (azione - situazione che ne consegue
- compimento), diventa problematica la prassi
abituale che si segue nel tradurre il termine,
anche dal lato lessicale. A seconda del contesto
si traduce di solito con trasgressione
colpa - punizione . Anzitutto colpa e
punizione non sono altro che libere inter
pretazioni del significato fondamentale. Inoltre
con la diversit di traduzione, a seconda dei
vari contesti, le implicazioni di un processo
unitario e lunit di uno stesso termine ebr. ri
schiano di andare perdute. Partendo dal signifi
221 Tty wn PERVERSIT

cato fondamentale la traduzione pi coerente


sarebbe piegamento (azione e conseguenza)
- essere ricurvo/curvatura (destino, puni
zione), torcimento/essere ritorto oppure
storcimento/stortura/essere storto. Una tra
duzione del genere indispensabile se si vuol
riportare esattamente la maniera ebraica di
qualificare negativamente i singoli momenti
del processo ricorrendo a questo tipo di meta
fora.
d) In molti passi wn significa lallontanarsi
consapevole dalla retta via (cfr. Eichrodt
111,264; cfr. p.e. per il verbo: IRe 8,47; Ger
3,21; 9,4; Sai 106,6; Giob 33,27; Prov 12,8;
Est 1,16; Dan 9,5; per il sost.: Gen 44,16;
Num 14,19; Gios 22,20; ISam 25,24; 2Sam
3,8; Is 22,14; Ger 11,10 ecc.).
Tuttavia non sembra sostenibile lipotesi per la
quale il termine di per s sottolineerebbe la
spetto consapevole dellagire e perci si collo
cherebbe in una antropologia ed in una psico
logia progredite.
(1) Diversi passi presuppongono chiaramente
una trasgressione inconsapevole e non voluta:
Gen 15,16; 19,15; Lev 22,16; Num 18,1.23;
ISam 14,41 G; 20,1; 2Sam 14,32; IRe 17,18;
ls 6,7.
(2) In molti passi non si tratta del problema
consapevole - inconsapevole, ma del rapporto
che esiste tra unazione e la sua conseguenza:
Gen 4,13; Deut 19,15; 2Re 7,9; Is 5,18; Sai
25,11; 31,11 ecc.
(3) Passi come p.e. Deut 19,15; Am 3,2; Sai
103,3 mettono in rilievo l'insieme di tutte le
trasgressioni, non importa di quale tipo esse
siano,
(4) A volte il termine wn pu essere sosti
tuito da hatlt ( ->ht' 3d).
(5) Poich il termine non si riferisce soltanto
alle azioni, ma anche alle conseguenze che ne
derivano, laspetto della consapevolezza e del
lintenzionalit non determinante, poich la
conseguenza spesso si fa sentire anche senza
che lo si sappia, e comunque senza che lo si
voglia. La consapevolezza non rientra perci
tra le caratteristiche peculiari del termine, ma
dipende dalla natura del contesto, a sua volta
storicamente determinato, il quale deve preci
sare come si verifica concretamente una colpa
(Gen 3; Os; Ger; Ez).
e) Nelle attestazioni pi antiche wn ricorre
in vari generi letterari: confessione della colpa
(ISam 25,24; 2Sam 14,9), dibattito (ISam
20,1.8; 2Sam 3,8; 14,32), dichiarazione giustifcatoria (ISam 28,10), domanda di perdono
(2Sam 19,20; 24,10). Il termine fu usato anzi
tutto nel linguaggio corrente, ma formulato di
versamente a seconda delle situazioni specifi
che.
222

Con le attestazioni immediatamente successive


'wn tende sempre pi a diventare un termine
del linguaggio teologico. Questo vale anzitutto
per i generi letterari citati, ossia la confessione
della colpa (Gen 4,13; 44,16; 2Re 7,9), il di
battito (IRe 17,18) e la domanda di perdono
(Os 14,3). Ora per il termine attestato anche
nei generi letterari dellaccusa incriminatoria (o
della motivazione del giudizio; Os 4,8; 5,5; 7,1;
9,7; 12,9; 14,2; ls 1,4; 5,18), dellanuuncio del
giudizio (ISam 3,14; ls 22,14; 30,13; Os 8,13;
9,9; 13,12; Am 3,2), della promessa di perdono
(ls 6,7) e della definizione che Jahwe d di se
stesso (Es 20,5).
La storia successiva del termine contraddi
stinta dalla sua infiltrazione in altri generi e
dalla grande mobilit del linguaggio formale. Si
possono ricordare; espressioni di confessione
(Lev 16,21; 26,40ss.; Is 53,5s.; 64,5; Sai 32,5;
38,5.19; 40,13; 51,7; 90,8; 130,3; Dan 9,13;
Est 9,6.13a; le espressioni si ambientano esclu
sivamente nel culto o nel suo linguaggio, e
1wn ne sempre il termine costitutivo), di
chiarazione di innocenza o di fedelt (Sai 59,5;
Giob 33,9), contestazione (Ger 16,10; Giob
7,21; 13,23; 31,33), accusa (molto spesso e con
grande mobilit di espressioni; I^v 26,39; Is
43,24; Ger 5,25; 11,10; Ez 4,17; Sai 65,4), an
nuncio del giudizio (Is 13,11; 26,21 ; Ger 2,22;
25,12; 36,31; Sai 89,33). Risultano nuove le
formulazioni delle sentenze o della legge (p.e.
Ger 31,30; Ez 3,18s.; 7,16; 18,17.18; 33,8s.).
Bisogna tener presente qui in modo particolare
la sentenza formulata con n i 'wn portare
la colpa (cfr. Knierim, l.c. 219). Oltre alla
domanda di perdono (Es 34,9; Num 14,19; Is
64,8; Sai 25,11; 51,4.11; 79,8) risultano nuove
la domanda di non perdonare (Ger 18,23;
Neem 3,37), la proclamazione del perdono (Is
40,2; Ger 31,34; 33,8; 36,3; 50,20; Ez 36,33;
Zac 3,9 ecc.), la promessa del perdono (Zac
3,4), le forme con cui si parla in modo dosso
logico e sapienziale del perdono di Dio (Es
34,7; Num 14,18; Mi 7,18; Sai 32,2; 78,38;
103,3.10; Prov 16,6; Esd 9,13) e la confessione
della speranza e del lamento (Is 64,6; Ger 14,7;
Mi 7,19; Sai 130,8; Lam 2,14; 4,22; Esd 9,7).
Le circa 25 espressioni o combinazioni stereo
tipe sono eloquente testimonianza dellimpiego
ampio e pur fisso del termine in generi ed am
bienti disparati (cfr. Knierim, l.c. 259-261).
4/ wn diventa termine teologico per il fat
to che il procedimento che conduce alla colpa,
e che descritto con questa parola, conside
rato un evento a cui Dio (Jahwe) espone luo
mo. Tale impiego del termine si esprime sem
pre pi concretamente nel corso della sua sto
ria (vd. sp. 3e). E predominante negli scritti
profetici (Os, Is, Dtis, Tritois, Ger, Ez), nei sal
mi e nel Codice sacerdotale, dove linteresse
principale rivolto al rapporto uomo-Dio, op
223

pure il termine impiegato in testi cultuali.


Ci non significa comunque che 'wn si rife
risca soltanto a delitti cultuali. Allorigine la
parola non attinente al culto ed stata usata
anzitutto per indicare situazioni di colpa in un
ambito non cultuale. Essa inoltre un termine
formale che pu riferirsi a tutti i generi di tra
sgressioni. Esaminando per ad esempio fuso
che ne fanno J, E, i libri di Samuele e Giobbe
si nota che anche i delitti della sfera extracul
tuale venivano giudicati negativamente in base
alla fede jahwista. In ultima analisi, non pi
possibile intendere lattuarsi di wn in una
prospettiva che non sia teologica, quando si
constata che Jahwe esercita sul mondo un in
flusso globale.
Infine, la gravit dello wn non dipende pi
dalle concezioni ontologiche implicite in una
visione dinamica del lesistenza, e neppure pi
dalla concezione psicologica di una valutazione
soggettiva del lazione, bens dalla coscienza di
essere in rapporto con Dio, e perci da un cri
terio di ordine teologico. Se manca questa co
scienza, allora lempio dir: Sono intenzio
nato ad essere senza Dio. Non conosce timor
di Dio; poich egli si illude nella sua follia che
la sua colpa non sia scoperta, non sia detesta
ta (Sai 36,2s.). Ma quando luomo riconosce
di essere inevitabilmente in rapporto con Jah
we, allora grava su di lui wn con il suo peso
opprimente; ed egli comprende cosi lautentica
portata di wn: Ma tu mi hai dato molestia
con i peccati, mi hai stancato con le tue iniqui
t (Is 43,24b), M a le vostre iniquit hanno
scavato un abisso fra voi e il vostro Dio; i vo
stri peccati gli hanno fatto nascondere il suo
volto cos che non vi ascolta (Is 59,2); Con
tro di te, contro te solo ho peccato, quello che
male ai tuoi occhi, io lho fatto; perci sei
giusto quando parli, retto nel tuo giudizio.
Ecco, nella colpa sono stato generato, nel pec
cato mi ha concepito mia madre (Sai 51,6s.);
Siamo distrutti dalla tua ira, siamo atterriti
dal tuo furore. Davanti a te poni le nostre col
pe, i nostri peccati occulti alla luce del tuo vol
to (Sai 90,7s.).
->ps\
5/ Nei testi di Qumran il verbo attestato
7x: una volta nella confessione dei peccati IQS
1,24 e 6x nel significato traslato del valore let
terale perverso senza intelligenza (IQH
I,22), spirito perverso (3,21; 11,12; 13,15; f
12,6), cuore perverso (7,27). Il nome ricorre
pi di 40x, per Io pi in espressioni fisse tradi
zionali; assieme ad altri termini che denotano
peccato wn attestato in IQS 3,22;
II,9; della grande quantit di awnt parlano
in forme varie IQS 3,7.8.22; 11,14; IQH 1,32;
17,15.
I LXX traducono 'wn prevalentemente con
pap-ua, vonwx, e Suaa, qualche volta con
dqjiapTirina. Bench anche in questo caso il va
wn PERVERSIT

224

lore originario del termine ebr. non si sia pi


conservato, il ristretto numero di equivalenti
gr. mostra che 'wn era uno dei termini prin
cipali atti ad indicare il peccato, e poteva esse
re reso soltanto con i termini principali della
lingua gr. fi verbo invece, condizionato in pre
valenza dalle coniugazioni ebr., presenta una
traduzione irregolare.
Cfr. in proposito e per il NT: G.Quell - G.Bertram - G.Sthlin - W.Grundmann, art.
tx^apxvio, ThW 1,267-320 (= GLNT 1,862);
W.Gutbrod, art. vopa, ThW IV, 1077-1079
(= GLNT VII, 1401-1406); G.Schrenk, art.
aSutocj, ThW 1,150-163 (= GLNT 1,401-440);
W.Gnther - W.Bauder, art. Sunde, ThBNT
111,1192-1204 (= peccato, DCB 1235-1255),
con bibliogr.

R. Knierim

2T17 'zb ABBANDONARE


1/ zb abbandonare attestato soltanto in
ebr. ed in acc. (ezbu, AHw 267-269; CAD E
416-426); larab. conosce zb essere lontano
e 'azab celibe (Wehr 548b), cfr. anche Pet.
m'sah celibe, vedovo (Dillmann 973s.). In
aram. il campo semantico di sbq coincide allincirca con quello deHebr. zb (DISO 289s.;
KBL 1128b; aram. bibl.: q. lasciar stare
Dan 4,12.20.23; lasciar fare Esd 6,7; hipte.
essere lasciato Dan 2,44).
NellAT da questa radice derivano, oltre al q.,
il ni. venir abbandonato ed il pu. essere
abbandonato, spopolato , nonch il sost. plur.
rizzebDnTm merci (in deposito) (BL 498;
Zimmerli, BK XIII,650s. seguendo H.P.Ruger,
Das Tyrusorakel Ez 27, Tbingen 1961 [tesi];
discussione e altre proposte in H.J. van Dijk,
EzekieFs Prophecy on Tyre, 1968, 75s.) ed il
nome personale fem. 'azb (Noth, IP 231;
JJ.Stamm, FS Baumgartner 1967, 327).
Non sicuro se appartengano alta stessa radice lacc.
szitbu salvare (CAD E 426) e szib salvare
passato dallacc. allaram. (DISO 296; KBL 1129b;
LS 762b; HufTrnon 192; Wagner nr. 180; nellararn.
bibl. attestato 9x ed riferito allintervento sal
vifico di Dio opp. del re: Dan 3,15.17.28;
6,15.17.21.28).
'zb di Neem 3,8.34 potrebbe derivare (KBL 694a) da
una seconda radice 'zb = *'db, che attestata nel su
darabico antico (Conti Rossini 202s.: restituii, reparavit ) ed in ug. ( 'db porre, preparare, fare ,
WUS nr. 2002; UT nr. 1818). Alcuni vorrebbero ri
trovare la stessa radice anche in altri passi, p.e.
U.Cassuto, A Commentary on th Book of Exodus,
31959 (ebr.), 207, per Es 23,5b (dove di solito si pen
sa a 'zr aiutare, cfr. BHJ e Noth, ATD 5, 138 =
ital. 212), C.ILGordon, UT nr. 1818, per lCron
16,37, e M.Dahood, JBL 78, 1959, 303-309, per

2253T11 'zb ABBANDONARE

Giob 9,27; 10,1; 18,4; 20,19; 39,14 (Fohrer, KAT


XVT,199, rifiuta questa proposta per gli ultimi quat
tro passi), Cfr. anche Barr, CPT 140s.332.

2/ zb q. attestato 203x nellAT (esci. Neem


3,8.34, vd. sp.l; Ger 24x, 2Cron 23x, Sai 21x,
ls 18x, IRe 12x, 2Re e Prov llx ciascuno), il
ni. 9x (Is 4x), il pu. 2x, izzcbnm 7x (Ez 27,
12-33); in totale pertanto il verbo presente
214x.
3/ a) A seconda del contesto il significato
principale e relativamente unitario del qal
abbandonare, lasciar andare (Gen 2,24;
ISam 31,7; IRe 19,20; 2Re 8,6; Ger 25,38;
Zac 11,17; Sai 38,11; 40,13; Prov 2,17 ecc.) si
presta a diverse possibilit di traduzione:
piantare (in asso) (Num 10,31; Deut 12,19;
14,27; Ger 14,5), trascurare (un consiglio) =
disprezzare (IRe 12,8.13 = 2Cron 10,8.13;
cfr. Prov 4,2), lasciar stare (Gen
39,12s.l5.18; 50,8; ISam 30,13; 2Sam 15,16;
2Re 7,7; Ez 24,21); lasciare (qualcosa) (Gen
39,6 con bejad\ Es 23,5a con /c; Giob 39,11
con cet, par. bth affidarsi ), lasciar davan
zo (Lev 19,10; 23,22; Giud 2,21; Mal 3,19),
lasciare in eredit (Sai 49,11), lasciar an
dare (2Re 2,2.4.6; 4,30), lasciare a terra
(Ez 23,29; Rut 2,16), rinunciare (Ez 23,8;
Prov 28,13), lasciar libero (2Cron 28,14),
lasciar fare (2Cron 32,31), condonare (un
debito) (Neem 5,10).
'zb attestato cinque volte nella locuzione
sr vf'zb o sim., di cui non si conosce pi
il significato preciso (Deut 32,36; IRe 14,10;
21,21; 2Re 9,8; 14,26). Il binomio trattenuto
e lasciato libero , che evidentemente une
spressione giuridica, potrebbe descrivere una
totalit ricorrendo a due possibilit contrarie
(Noth, BK IX,316 con discussione delle propo
ste precedenti; cfr. f. gli a. L.Delekat, Asylie
und Schutzorakel am Zionheiligtum, 1967,
320-342; G.R.Driver, FS Kahle 1968, 94;
Noth intendendo secondo il diritto di famiglia
minorenne e maggiorenne segue linterpre
tazione di E.Kutsch, Die Wurzel V im Hebr.,
VT 2, 1952, 57-69, particol. 60-65).
In senso figurato si ha tre volte lespressione
( iss) azb donna abbandonata (Is 54,6;
60,15 par. ->sn trascurare [una donna];
62,4; cfr. 49,14). Il verbo zb denota in questo
caso un abbandonare, un trascurare momenta
neo, ed in parallelo con s ri un ripudiare ed un
lasciar da parte rispetto ad altre; tuttavia dai
testi non si pu dedurre che si tratti di une
spressione giuridica specifica per indicare il di
vorzio, come invece avviene chiaramente in
acc. (cfr. AHw 267b.408b; Driver-Miles l,
29ls.; II,54s.2l9.366a).
b) zb ni. ha significato passivo: essere ab
bandonato (Lev 26,43; Is 7,16; 27,10; 62,12;
Ez 36,4; Giob 18,4), essere lasciato (Is
226

18,6), essere trascurato (Neem 13,11 ); 'zb


pu. significa essere spopolato, abbandonato
(Is 32,14; Ger 49,25).
c) Verbi di significato affine sono: nts q. ab
bandonare qualcosa a se stesso, lasciare (33x,
par. di 'zb in IRe 8,57; Ger 12,7; Sai 27,9;
94,14; pu. essere abbandonato ls 32,14 par.
'zb pu.) e rph hi. lasciar cadere, abbandona
re, piantare (in asso) (2lx, par. di zb in Deut
31,6.8; Gios 1,5; Sai 37,8; lCron 28,20). Per
laram. sbq vd. sp. 1.
4/ In circa 100 passi zb usato in contesto
teologico: Dio abbandona luomo (circa 40x)
oppure luomo abbandona Dio o la sua allean
za, i suoi comandamenti ecc. (circa 60x). Van
no ricordati tra gli altri i seguenti ambiti:
a) zb ancorato principalmente nella tradi
zione deHalleanza e denota in tal senso il la
mento per lapostasia e la rottura dellalleanza
(cfr. Deut 31,16 dove il parallelo di zb ->prr
hi. berit rompere lalleanza) quando si parla
di abbandono di Jahwe opp. della sua alleanza
(Deut 29,24; Ger 22,9). II termine attestato
per la prima volta in Os 4,10, dove in rela
zione con ->znh fornicare, tipico di Osea
(cfr. WolffBK XIV/1, 10ls.). Is 1,4 (cfr. v. 28)
lo riporta accanto a ->m's pi. disdegnare,
definendo in questo modo abbandono del
rapporto vitale con Jahwe (cfr. Wildberger,
BK. X,23). Geremia riprende il termine (cfr.
Ger 1,16; 2,13.17.19; 5,7 e [nel caso siano di
Geremia, altrimenti i passi sarebbero da attri
buire al linguaggio dtr.] 5,19; 9,12; 16,11;
17,13; 19,4; 22,9) per dire che labbandonare
ed il troncare un rapporto di alleanza significa
rivolgersi a divinit pagane. In tal senso luso
prosegue e diventa caratteristico nella lettera
tura dtr., la quale vi vede la ragione per cui
Jahwe abbandona il popolo e lo punisce
(Deut 29,24; 31,16s.; Gios 24,16.20; Giud
2,12s.; 10,6.10.13; ISam 8,8; 12,10; IRe 9,9;
11,33 ecc.; cfr. Is 65,11; Sai 89,31; 119,53.87;
Esd 8,22; 9,10; Neem 10,40; lCron 28,9;
2Cron 7,19.22 ecc.; nei testi di Qumran CD
1,3; 3,11; 8,19).
b) Nelle lamentazioni zb esprime il lamento
dellorante perch Dio lo ha abbandonato (Sai
22,2; Lam 5,20 par. -+skh dimenticare; cfr.
Is 49,14) oppure la sua preghiera perch Dio
non lo abbandoni (Sai 27,9 par. nts\ 38,22 par.
-*rhq essere lontano; 71,9 par. slk hi. re
spingere ). In relazione a questo uso zb espri
me anche lidea che Dio non abbandoner nes
suno, e ci avviene in alcune formule che po
trebbero risalire originariamente ad un oracolo
di salvezza (Is 41,17 secondo C.Westermann,
Forschung am AT, 1964, 120: annuncio di
salvezza; cfr. 54,7), ed in particolare allora
colo sulla guerra (Deut 31,6-8; cfr. Gios 1,5
227

par. rph hi.). Cfr. limpiego teol. delle preposi


zioni l e - im con .
5/ Qumran riprende luso vtrt. del verbo. I
LXX lo traducono principalmente con
YxaTaXEWTEiv e xaTaXeum.v. Il lamento di Sai
22,2 D io mio, Dio mio, perch mi hai ab
bandonato? ritorna in forma aram. nel grido
di Ges sulla croce in Mt 27,46 par. Me 15,34
(cfr. J.Jeremias, Ntl. Theologie, I, 21973, 16 =
Teologia del Nuovo Testamento, I,21976, 13).

H.-P Sthli

TT3J zz ESSERE FORTE


1/ La radice zz essere forte, potente ap
partiene al semitico comune. (Bergstr. Einf.
191; cfr. f. gli a. WUS nr. 2021; UT nr. 1835;
DISO 205s.). In acc. comporta valori come
adirarsi,
infuriarsi,
mostrarsi
terribile
(iezzu/ezzu, AIIw 269s.), mentre lantico su
darabico zt significa fama (Conti Rossini
204b; cfr. W.Leslau, Lexique Soqotri [sudarabique moderne], 1938, 304).
NellAT il verbo attcstato al qal e allhi., e si
ha inoltre una forma secondaria j'z al ni. (part.
n'z temerario, insolente Is 33,19). Deri
vazioni nominali sono: lagg. az forte ed il
corrispettivo nome astratto z forza (BL
455), il sost. azz forza, lagg. izzz for
te ; per moz vd. st.
Quanto al sost. z, KBL 692s. da un punto di
vista etimologico distingue tra un z fortez
za , derivato da zz essere forte , ed un ter
mine omonimo con il sign. protezione, rifu
gio , derivante dalla radice %z (= arab. da)
cercare rifugio . La differenza di significato
pu tuttavia spiegarsi dal lato semasiologico,
senza dover ricorrere a due radici (vd. st. 4b e
-*z).
In ebr. vi era per, oltre a 'zz, una forma se
condaria biconsonantica 'z (da non confon
dersi con la ricordata *'d), come si pu dedur
re da Gen 49,7, dove 'z unito a qasel for
te non pu essere spiegato se non come 3a
pers. masc. sing. di z q. essere forte. Se si
accetta lesistenza di una radice a due radicali
accanto a quella con tre radicali (zz), super
fluo chiedersi se m'z fortezza; difesa deri
vi totalmente (Joiion 204) o parzialmente (GK
85k; GB 443a) da z (*d) cercare rifu
gio , oppure da zz essere forte (KBL
545a).
z capra non ha nulla a che fare con la radice
zz (contro KJ3L 692a), come dimostrano lacc. enzu
e Farab. 'anz.
In arab., antico sudarabico e sir. oltre a zz attesta
ta una forma della radice di terza debole (zw/j) con

Ttl? zz ESSERE FORTE

228

il sign. essere forte, sopportare (cfr. Wehr 550;


W.W.MuIler, Die Wurzeln mediae and lertiae y/w
im Altsiidarabischen, Tiibingen 1962 [tesi], 79; LS

5194

Per i frequenti nomi di persona formati con la radice


'zz, come azazfh, 'uzzijj(h), uzz'l, ziza ecc.,
cfr. Noth, IP 160s. 190.225; Huffmon 160; Grondahl
112; F.L.Benz, Personal Names in th Phoencian
and Punic Inscriptions, 1972, 374s.; J.K.Stark, Per
sonal Names in Pahnyrene Inscriptions, 1971, 105.

2/ NellAT le forme verbali della radice 'zz


sono relativamente rare e sono attestate soltan
to nei testi recenti (qal 9x: Giud 3,10 e 6,2 nel
linquadramento dtr.; Sai 9,20; 52,9; 68,29 txt
em; 89,14; Prov 8,28 txt em [1 pi., cfr. Gemser,
HAT 16, 46; diversamente K.Aartun, WdQ
IV/2, 1968, 297]; Eccle 7,19; Dan 11,12; hi.
2x: Prov 7,13; 21,29).
Frequenti sono le ricorrenze di 'z: 94x, di cui
44x solo in Sai, quindi Prov 9x, Ez 8x, Is 7x
(iricl. z Gen 49,3 come forma pausale di 'z
secondo GK 29u; Gunkel, Gen 479; Bergstr.
1,161). az attestato complessivamente 22x
(incl. Gen 49,7, ma vd. sp. 1), zz 3x (Is
42,25; Sai 78,4; 145,6; cfr. Eccli 45,18), izzz
2x (Is 43,17; Sai 24,8); per m'z (36x) e 'z II
(incl. sopra) cfr. -uz 2.
3/ Nelluso profano le ricorrenze verbali della
radice zz q. denotano la potenza prorompente
delle forze della natura (Prov 8,28), la potenza
oppressiva del nemico (Giud 3,10; 6,2 con
sogg. -+jd) e la passionalit dellira (Gen 49,7,
vd. sp. 1); quanto alla protezione potente della
sapienza (Eccle 7,19) vd. st. 4c. Allhi. zz
compare soltanto collegato a pnlm volto c
denota un comportamento arrogante e svergo
gnato (Prov 7,13; 21,29; cfr. D.R.Ap-Thomas,
VT 6, 1956, 240, e Eccli 8,16).
Lastratto 'z nella sfera profana indica la for
za fisica di un animale (Giob 41,14) o di un
uomo (solo occasionalmente; della donna vir
tuosa Prov 31,17; cfr. Giud 5,21; secondo
2Sam 6,14 e lCron 13.8 Davide ballava da
vanti allarca con tutte le forze, cio con
pieno trasporto; allo stesso modo lodavano
Jahwe i leviti secondo 2Cron 30,21 txt em), la
potenza del re simbolizzata nello scettro (Ger
48,17; Sai 110,2), la forza solida e protettrice
di una citt (Is 26,1; Ger 51,53; Prov 18,19) o
delle fortificazioni (Giud 9,51; Am 3,11; Prov
21,22), la robustezza di un ramo (Ez
19,11.12.14), la forza interiore (dellanima Sai
138,3) e la durezza del volto (conpnlm vol
to Eccle 8,1, cio la scontrosit dei lineamen
ti). Soltanto in P (Lev 26,19) ed in Ez (7,24 txt
em; 24,21; 30,6.18; 33,28) compare lespressio
ne gf'n uzzk(xm (opp. con altri suffissi) con
la quale si vuol indicare l orgoglio su cui voi
contate (terra, tempio), come presunta garan
zia di salvezza.
Lagg. 'az, oltre a indicare la forza fisica (Giud
229

TTJJ zz ESSERE FORTE

14,18), la potenza di un popolo (Num 13,28; ls


25,3) e la violenza degli elementi della natura
(acque: Is 43,16; Neem 9,11; vento orientale:
Es 14,21), designa pi spesso lo sconvolgimen
to (dellamore, Cant 8,6) e la passionalit dei
sentimenti (Prov 21,14; Is 56,11 dei cani bra
mosi), nonch la durezza del comportamento
(Is 19,4; 25,3) con la corrispondente durezza
dei tratti del volto (con pnlm Deut 28,50;
Dan 8,23).
Prescindendo dai sinonimi citati sotto 4, i paralleli
principali di z sono
->gbr, -*hzq e -+qsh.
Per il campo semantico della forza cfr. anche
-> abblr ed i termini ricordati sotto la voce ->kah
(3), nonch alcuni vocaboli meno frequenti: aj l (Sai
88,5) e ajlt (Sai 22,20) forza (cfr. Wagner nr.
11/12); quanto a l potenza vd. -Ve/ 1; fiq
forte (Giob 12,21); dbee forza (Deut 33,25;
cfr. HAL 199b e F.M.Cross, VT 2, 1952, 162-164);
zimr forza (Gen 43,11; Es 15,2; Is 12,2; Sai
118,14; cfr. HAT 263a); haslri (Sai 89,9) e hsn (Is
1,31; Am 2,9) forte (cfr. Wagner nr. 16; HAL
324b); tqp q. sopraffare (Giob 14,20; 15,24; Eccle
4,12; 6,10 hi.), taqqif forte (Eccle 6,10) e tqaf
forza, violenza (Est 9,29; 10,2; Dan 11,17) sono
aramaismi (cfr. aram. bibl. tqp q. essere/diventare
forte Dan 4,8.17.19; 5,20; pa. rendere forte, met
tere in vigore Dan 6,8; taqqlf forte Dan 2,40.42;
3,33; 7,7; Esd 4,20; ieqof forza Dan 2,37; teqf
forza Dan 4,27; Wagner nr. 329-331). Per sm
essere forte, numeroso e siim potente, nume
roso cfr. -rab; invece vanno citati qui i sost.
soem (Deut 8.17; Nah 3,9; Giob 30,21) e osmn (Is
40,29; 47,9) forza (cfr. anche **smt prove ls
41,21; taasmt vigore Sai 68,36). Va ricordato
infine qrien corno (nellAT 75x ebr. e 14x
aram.), simbolo frequente della forza (ISam 2,1.10
ecc.; Jahwe corno della mia salvezza 2Sam 22,3 =
Sai 18,3).*

4/ Il significato teologico di z corrisponde


ai diversi aspetti della forza e della potenza di
Jahwe, le quali si manifestano agli uomini ed
al suo popolo da un lato con maest sconvol
gente e dallaltro con aiuto e protezione. In tal
senso z con il significato di forza, gloria
maestosa attestato in particolare negli inni
(a), mentre laspetto dellaiuto e della protezio
ne prevalente nei canti di lamentazione indi
viduale e nei salmi di fiducia (b). Nel primo
caso i sinonimi di z sono kbd gloria
(-ikbd), gn altezza ( ^ g h), ->hdr
splendore, ->hdd nobilt e tfrcet
splendore (-*pr); nel secondo caso i sinoni
mi sono mafrsc (luogo di) rifugio (-fish),
fs ' aiuto (->_/'), migb altura, rifu
gio e -*sr roccia. Un impiego particola
re di 'z si riscontra nella letteratura sapien
ziale (c).
a) In molti inni viene esaltato il maestoso z
di Dio che si manifesta nella creazione (Sai
68,34; 74,13; 150,1; cfr. Sai 78,26) e nella sto
ria: di fronte alla forza di cui si cinge Jahwe
(Sai 93,1), per la quale egli giura (Is 62,8), la
230

quale si mostra nel santuario celeste (Sai 96,6),


i suoi nemici si piegano (Sai 66,3; cfr. Sai
77,15; 89,11 ed anche Fsd 8,22). la sua forza
maestosa che guida il popolo (Es 15,13). Il re
eletto ed il popolo eletto di Dio si rallegrano
per la forza loro concessa da Jahwe (ISam
2,10; Sai 21,2; 29,11; 68,36; 89,18). La forza
maestosa donata da Dio determiner un giorno
anche il dominio del re messianico (Mi 5,3).
La gloria e la maest , dono di Dio, fan
no s che nel rapporto reciproco tra Dio ed i
suoi fedeli, quale si determina nel culto, la for
za di Jahwe esaltata negli inni solleciti linvito
a dar gloria a Dio (Sai 29,1; 68,35; 96,7 =
lCron 16,28) opp. a cercare la sua gloria
(~*dry, soltanto in testi recenti: Sai 105,4 =
lCron 16,11). Con la formula ozzl v/zimrt
Jh (Es 15,2; ls 12,2; Sai 118,14) Jahwe nello
stesso tempo esaltato come fonte di gloria e
di canto e come loro oggetto (cfr. S.E.Ix>ewenstamrn, The Lord is my strength and my glory, VT 19, 1969,464-470).
Dal sign. maest, gloria deriva anche in Is 52,1 il
valore pi o meno profano di ornamento, in pa
rallelo con bigd lif'urtk le tue vesti sontuose
(cfr. anche Prov 31,25; diversamente p.e. Wester
mann, ATD 19, 199 - ital. 298). Oltre che in Sai
96,6, anche in Sai 78,61 tif'cerarl splendore ter
mine parallelo di 'z, che in questo caso denota con
cretamente larca santa, in quanto gloria, maest
di Dio, come risulta da rn uzzik la tua arca
maestosa in Sai 132,8 = 2Cron 6,41.

La schiacciante potenza di Jahwe, che i nemici


di Dio temono, pu colpire anche Israele
quando lira divina punisce il popolo (Sai
90,11, lamento del popolo).
b) Negli inni individuali di lamento e di pre
ghiera nonch nei salmi di fiducia lo z di
Jahwe si manifesta nellaiuto e nel rifugio che
egli concede a coloro che lo invocano (Sai
28,7.8; 46,2; 59,10 txt em; 62,8.12; 71,7; 81,2;
84,6; 86,16; cfr. Ger 16,19).
Dai passi citati in a) e b) si deduce che la diffe
renza di significato di 'z nel senso di forza,
gloria maestosa e aiuto, rifugio si pu
spiegare a livello semasiologico con luso del
termine nei vari generi letterari. Pertanto non
sembra opportuna la divisione proposta da
KBL 692s. in base a considerazioni di ordine

etimologico.
c) Caratteristico inoltre il legame che nella
letteratura sapienziale si stabilisce tra 'z e la
sapienza. Anche nellAT (cfr. Eccle 7,12)
appare la concezione della letteratura sapien
ziale eg. che considera la sapienza vita e prote
zione (C.Kayatz, Studien zu Proverbien 1-9,
1966, 102ss.). Poich in Dio c 'z e sagacia
(Giob 12,16), egli opp. il suo nome (~>sm) si
presenta come una torre forte e protettrice,
dove si pu trovare asilo (Prov 18,10; cfr. Sai
231

61,4 e pap. Insinger 19,12: La fortezza del


giusto nellanno del bisogno D io, citato in
Gemser, HAT 16, 75). E meglio aver fiducia
nella sapienza proveniente da Dio, che non nel
denaro (cfr. Prov 18,11 rispetto a 10,15!), per
ch essa si dimostra pi forte (cfr. Prov 21,22;
cfr. anche Eccle 7,19). Su tutta la questione
P.Biard, La puissance de Dieu, 1960, 75-81.
5/ I LXX traducono 'z con iayvq e Suvapiq,
a volte anche con xpaToq e (conformemente al
sign. aiuto ) con (3oT]$q colui che aiuta .
Negli scritti di Qumran questultimo significato
scompare quasi del tutto e prevale lidea della
forza. Per il NT cfr. W.Grundmann, Der Begriff der Kraft in der ntl. Gedankenwelt,
1932; Biard, l.c. 105-190; W.Grundmann, art.
Svapm,
ThW
11,286-318
(=
GLNT
11,1473-1556); id., art. rjcuw, ThW 111,400-405
(= GLNT IV,1211-1226); W.Michaelis, art.
xpdnroq, ThW 111,905-914 (= GLNT V,9751004).

A.S.vari der Woude

"Iti; zr AIUTARE
*1/ La radice *'dr aiutare attestata in
tutte le lingue sem. ad eccezione dellacc. e dellet. (ug.: WUS nr. 2115; UT nr. 1831; sudara
bico antico: Conti Rossini 203; arab. scusa
re e sim.: Wehr 540; fen. pun 'zr, aram.
'zr/'dr. DISO 206; LS 513; Tace. zirtu aiu
to in EA 87,13; 89,18 un prst. can., cfr.
AHw 408b; CAN 1/J 3I9a), soprattutto in nu
merosi nomi di pers. come p.e. Adadidri, Aza
ria, Esdra, Asdrubale (cfr. per il periodo pi
antico f. gli a. Buccellati 130s.; Huffmon 193;
Grndahl 107.113; Harris 13ls.; Noth, IP
154.175; W.Baumgartner, ZAW 45, 1927, 95 =
Zum AT und seiner Umwelt, 1959, 82s.; Wag
ner nr. 215-217).
In base allug. gzr giovane, guerriero o sim.
(WUS nr. 2138; UT nr. 1956; H.-P.Muller, UF 1,
1969, 90s.; J.C. de Moor, The Seasonal Pattern in
th Ugaritic Myth of BaIu, 1971, 76 con bibliogr.) a
partire da H.L.Ginsbcrg, JBL 57, 1938, 210s. n.4,
stato proposto con una qualche probabilit di far de
rivare in alcuni passi dellAT il part. q. 'zr{p.e. Ez
30,8; 32,21; lCron 12,1.19) opp. il sost. 'ezeer (Ez
12*14; Sai 89,20) da una radice zr II = *gzr essere
forte (in forma riassuntiva P.D.Miller, UF 2, 1970,
159-175 con bibliogr.). La possibilit filologica si
basa sulla fusione in ebr. di certe consonanti ancora
distinte in ug.; una delimitazione esatta tra aiutan
te/aiuto e eroe, guerriero/potenza resta difficile
a motivo ddl'affnit di significato (cfr. anche Barr,
CPT 139s.332), la quale spiegherebbe anche la sosti- |
tuzione finale di una eventuale radice zr II con 'zr I.

It f f 'zr AIUTARE

232

Oltre al qal, che prevalente, nellAT com


paiono anche il ni. e lhi. (?); come sostantivi
sono attcstati 'zar e 'cezr aiuto . Il sost.
'azr recinto o sim. (6x in Ez 43,14-20;
45,19) e atrio (2Cron 4,9.9; 6,13) anche
supponendo unaffinit di radice (G.R.Driver,
Bibl 35, 1954, 307s.) non viene preso in consi
derazione qui, poich il suo significato trop
po distante.
2/ 'zr q. attestato 76x (Sai 16x, Is e 2Cron
12x, lCron lOx, altri libri meno di 5x), ni. 4x
(Sai 28,7; Dan 11,34; lCron 5,20; 2Cron
26,15), hi. lx (2Cron 28,23 txt?, 1 qal; 2Sam
18,3 Q conta come q.)> 'zcer 21 x (Sai llx ,
Deut 3x), 'cezr 26x (Sai 14x, Is 4x). Le com
plessive 128 attestazioni della radice si suddivi
dono cosi: 42 in Sai, 17 in Is, 15 in 2Cron, 11
in lCron, 6 in Giob.
3/ Per definire il significato del verbo e dei
sostantivi determinante laspetto detrazione
in comune o il cooperare del soggetto con log
getto, allorch la forza di uno di essi non sia
sufficiente (Gios 10,4s. venite da me, aiutate
mi ed assaltiamo Gabaon... si unirono e diede
ro battaglia... ; Is 41,6 si aiutano lun laltro
e lino dice al compagno: Coraggio!; 41,10
...io sono con te... ti rendo forte, ti vengo in
aiuto, ti sostengo...). Le sfumature possono
andare dal sign. sostenere (Esd 10,15),
aiutare (Gios 1,14; cfr. Gen 2,18), favori
re (Gen 49,25) fino a quello di salvare ve
nendo in aiuto (Dan 10,13; cfr. Lam 4,17) e
venire in aiuto (2Sam 21,17; cfr. Sai 60,13
= 108,13). Poich si sottolinea la collaborazio
ne e non la durata o il modo dellazione, verbo
e sostantivo possono riferirsi a fatti continuati
oppure a fatti puntuali (cfr. ad esempio ISam
7,12 fin qui .fahwe ci ha soccorso). In tal
senso 'zr si differenzia da quei verbi che pon
gono maggiormente in rilievo laspetto puntua
le dellazione dellaiutare e del salvare
hi.; ->-nsl hi.; -*pdh\
ecc.); in Gios 10,6
p.e. js ' hi. indica la salvezza e 'zr landare in
sieme contro il nemico.
Non vi sono particolari connessioni che inte
ressino la storia delle forme. Una sfera di im
piego abbastanza chiara quella dellalleanza
bellica (IRe 20,6; Is 31,3; Ez 32,21; Sai 35,2
ecc.), la quale a sua volta pu racchiudere gli
aspetti delFaiutarsi insieme o del venire in soc
corso. I testi comunque non permettono di
considerarla come la sfera di impiego origina
ria.
Costruzioni particolari sono 'zr 'ahar stare come
seguace dietro a qualcuno (IRe 1,7) e zr min
proteggere da (Esd 8,22, probabilmente una con
taminazione tra zr ['al contro] e 5/ hi. min sal
vare da ).

4/ In circa 30 passi soggetto di 'zr q. Dio


(inoltre Deut 32,38 e 2Cron 28,23 gli dei, Dan
233

"Iti? 'zr AIUTARE

10,13 un angelo); oltre a Gen 49,25 (par. -+brk


pi. benedire) e ISam 7,12 (in una eziologia)
soprattutto in Dtis (7x in Is 41,10-50,9), in Sai
(tutti i passi, eccetto Sai 22,12; 72112 e 107,12
con eri zr non c ch^aiuti ) ed in
l/2Cron (8x). Conformemente al significato,
anche in 'zcer ed in 'cezr dei salmi (come
pure in Es 18,4; Deut 33,7.26.29) lagente
Dio (altrimenti luomo), cos pure in zr ni.
(fuorch Dan 11,34), sebbene in questa coniu
gazione lagente di per s non venga sottoli
neato.
Questa sorprendente frequenza in scritti recenti
(Sai, Dtis, Cron), dove prevalgono i valori ge
nerici aiutare e aiuto, pu essere dovuta
a due fattori: (a) il particolare genere letterario
dei salmi, che richiede un linguaggio formale
ed un accumularsi di termini, nel nostro caso
soprattutto nella preghiera e nella professione
di fiducia (efir. ad esempio Sai 38,23; 79,9;
86,17); ci influisce forse anche sulluso fre
quente del termine nel Dtis (dove zr attesta
to particolarmente negli oracoli di salvezza),
(b) la teologia dei libri delle Cronache, per la
quale la vita sempre pi contrassegnata dalla
piet convenzionale e formale, ma Dio resta in
sostanza un Dio lontano. Nelle Cronache,
mentre aumenta luso di 'zr con Dio come sog
getto, diminuisce quello di js ' hi. (solo 2Cron
20,9; 32,22 senza loriginale e lCron 11,14
contro loriginale) e di nsl hi. (2Cron 25,15
senza loriginale, lCron 16,35; 2Cron 32,11.17
in aggiunta alloriginale). Luso delle Cronache
in questo senso equivale a quello ecclesiastico
odierno, dove uno sbiadito aiutare uno
dei termini pi frequenti per indicare lazione
salvifica di Dio (cfr. l aiuta (imp.) delle for
mule di preghiera oppure laffermazione con
laiuto di Dio). Questo uso linguistico e la
teologia che vi sta dietro non sono conformi al
modo di esprimersi abituale dellAT, dove si
distingue chiaramente tra lazione salvifica di
Dio (verbi relativi al salvare) e lazione benedi
cente di Dio (vocaboli che indicano benedire,
essere insieme, far riuscire); 'zr con soggetto di
vino usato invece molto raramente.
Per 'zr nei nomi di persona (vd. sp. 1), in quanto
manifestazione di fiducia e di ringraziamento, cfr.
Noth, IP 154.1753.

5/ Luso di 'zr nei testi di Qumran (Kuhn,


IConk. 162) non presenta particolarit di rilie
vo. 1 LXX lo traducono in prevalenza con
PotiSev e derivati. Nel NT questa voce tende a
regredire quanto a frequenza, mentre Flavio
Giuseppe p.e. la usa spesso. In questo caso
perci il NT non riprende luso vtrt. recente n
quello giudaico (cfr. F.Biichsel, art. porifriu,
ThW 1,627 = GLNT II,299s., dove si cita
A.Schlatter, Wie sprach Josephus von Gott?,
1910, 66).

U.Bergmann
234

J?r ajin OCCHIO


1/ *'ajn- occhio appartiene al semitico co
mune (Bergstr. Einf. 183; anche nel sign. fon
te: P. Fronzaroli, AANLR V1II/19, 1964,
256.270; 23, 1968, 273.288).
Oltre al nomen primitivum (GK 82) jin (ebr.
e aram. bibl.) sono attestati nelPAT: un verbo deno
minativo j n q. trattare con diffidenza (solo part.
jn ISam I8,9 Q; verbi denominativi con diversi
significati si trovano anche in medioebr., in aram., in
arab. e specialmente in ug.: 'n vedere , WUS nr.
2055a; UT nr. 1846), il nome denominativo majn
fonte (anche antico aram., DISO 161) e alcuni
nomi propri derivati, tra i quali il n. pers. postesilico
ielj(eh)"naj su Jahwe sono i miei occhi formato
su modello acc. (Noth, TP 163.216.224).

2/ Nel seguente quadro statistico il sign.


fonte (distinzione dei nomi di luogo [ca.
40x] secondo Lis., incl. Giud 7,1; ISam 29,1 ;
IRe 1,9; Neem 2,13) viene tenuto separato dal
sing. occhio ecc. (incl. 2Sam 16,12 Q; esci.
Os. 10,10); per questultimo vengono date liste
distinte per le espressioni figurate be'n agli
occhi di = secondo il giudizio di (senza agli/
cogli occhi in senso concreto: Num 33,55;
Deut 3,27; 34,4; Gios 23,13; 2Re 7,2.19 Is
6,10; Ez 40,4; 44,5; Sai 91,8; Giob 40,24; Prov
6,13; 20,8; Eccle 8,16; Esd 3,12; 2Cron 29,8) e
len in presenza di, davanti a (senza Sai
50,21; 132,4; Giob 31,1; Prov 6,4). In aram.
bibl. jin attestato 5x (Dan 4,31; 7,8.8.20;
Esd 5,5)

Gen
Es

Lev

Num
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2Re
ls
Ger
Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal
Sai

235

'jin
occhio
70
34
16
39
58
ti
19
42
40
31
49
45
54
70
2
1
3

di cui:
jin
be'n le'n fonte
36
5
10
15
9
1
2
3
11
9
1
13
11
2
6
2
15
1
I
31
1
26
7
21
1
34
1
7
2
13
15
1
31
1

ma'jn
2

1
2
2

1
1

1
1
1
19
2
66

I
3
1

Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle
Lam
Esl;
Dan
Esd
Neem
lCron
2Cron
AT ebr.

46
47
4
7
9
10
13
7
2
3
11
30
866

6
13
3
1

13

1
7
20
307

1
I

1
3
1
107

__ .

1
_
_
_
_
_

'3
2
_
__

_
_
__

1
23

1
23

3/ Il sing. 'jin ed il duale njim (in circa


7/8 dei passi) denotano nei molteplici impieghi
propri e figurati (cfr. Dhorme 75-80) principal
mente locchio (a) come organo della vista (an
che degli animali, p.e. Giob 28,7 e 39,29 riferi
to agli uccelli rapaci, aram. Dan 7,8.20 riferito
alla quarta bestia della divisione), e pi ra
ramente (b) come soggetto di altre funzioni
(dormire, piangere, gesti espressivi ecc.). Varia
zioni di significato si hanno soprattutto nelle
espressioni preposizionali (c) ed in pochi altri
casi (d).
a) Come organo del corpo (prezioso, sensibile)
(1) locchio non denota semplicemente il vede
re ed il guardare (normale o distorto) (2), ma
anche moti dellanimo come il desiderio, lor
goglio, la gioia, la piet ecc. (3).
(1) Come o r g a n o del c o r p o locchio
viene nominato in molteplici correlazioni: Sai
94,9 creazione dellocchio; Giob 10,4 n
basar occhi di carne = occhi corporali, tran
sitori; nella serie bocca-occhi-mani 2Re 4,34
(cfr. anche -zcen orecchio ); nel canto de
scrittivo di tenore erotico: Cant 1,15; 4,1.9;
5,12; 7,5; bellezza ISam 16,12 (cfr. Gen 29,17
occhi spenti); oggetto della cosmesi: 2Re
9,30 e Ger 4,30 con pk. belletto, Ez 23,40
khl q. truccare ; nel diritto penale: Es
2,24.26 e Lev 24,20 (sulla legge del taglione
occhio per occhio cfr. Alt, KS 1,341 -344;
Elliger, HAT 4, 335); nellespressione ben
'njim tra gli occhi = sulla fronte o
sim.: Es 13,9.16; Deut 6,8; 11,18; 14,1; Dan
8,5.21 (cfr. Noth, ATD 5, 79 = ital. 125; ug.
UT nr. 1846); cfr. inoltre Gen 46,4; Num
33,55; Gios 23,13; Giud 16,28; Giob 20,34;
Prov 10,26; Eccle 2,14,
Una descrizione figurata degli occhi si ha in Ez
1,18; 10,12 (cfr. Zimmerli, BK XIII, 67; diver
samente P.Auvray, VT 4, 1954, 1-6); Zac 3,9.
Dellocchio fanno parte la pupilla (Tsn Deut
32,10; Sai 17,8; Prov 7,2 [-. Ts I ]; bab Zac 7,12;
bai Sai 17,8; Lam 2,18), le palpebre (semr Sai
77,5) e le sopracciglia (gabbt Lev 14,9). Quanto a
'afappjim (nellAT lOx, anche ug. p'p, WUS nr.
2072) la traduzione abituale ciglia stata conte
stata di recente in favore di occhi (che brillano)
o pupille (cfr. KBL 723b; J.M. Steadman, HThR

'jin OCCHIO

236

56, 1963, 159-167; M.Dahood, Bibl 50,


272351s.).

1969,

Per i difetti e le lesioni degli occhi si usano:

khh q. indebolirsi, spegnersi (Gen 27,1;


Deut 34,7; Zac 11,17; Giob 17,7; agg. khct
debole, spento ISam 3,2), klh q. venir

meno (Ger 14,6; Sai 69,4; Giob 11,20; 17,5;


Lam 4,17; pi. far languire Lev 26,16; ISam
2,33; Giob 31,16; kiljdn languore Deut
28,65), kbd q. diventar pesante (Gen
48,10), qm q. diventare rigido (ISam 4,15;
IRe 14,4), ss q. usualmente indebolirsi/offu
scarsi , forse tumefarsi (cos L.Delekat, VT
14, 1964, 52-55; Sai 6,8; 31,10), d'b q. lan
guire (Sai 88,10), lisk q. oscurarsi (Sai
69,24; Lam 5,17), mqq ni. marcire (Zac
14,12); nqr q. cavare (ISam 11,2; pi. Num
16,14; Giud 16,21), sbr q. spezzare (Ez
6,9), wr pi. accecare (Deut 16,19; 2Re 25,7
= Ger 39,7 = 52,11; agg. iwwr cieco, di
uomini: Is 29,18; 35,5; 43,8; cfr. 59,10 senza
occhi; degli occhi Is 42,7); cfr. anche fballili
con una macchia (nellocchio) (Lev 21,20).

I vocaboli della radice wr (pi. accecare 5x; 'iwwr


cieco 26x; iwwron cecit 2x; awwrat ce
cit lx) sono usati talvolta con valore traslato (Es
23,8 e Deut 16,19: la corruzione rende ciechi; nel
Dtis p.e. Is 43,8 il popolo cieco che pure ha oc
chi; cfr. W.Herrmann, Das Wunder in der evangelischen Botschaft. Zur Interpretation der BegrifTe
blind und taub im Alten und Neuen Testament,
1961).
Un improvviso accecamento da parte di Dio viene
espresso nella tradizione leggendaria di Gen 19,11 e
2Re 6,18 con il termine sanwrm, di origine scono
sciuta (tra i numerosi tentativi di spiegarne la deriva
zione, p.e. E.A.Speiser, JCS 6, 1952, 89; F.Rundgren, AcOr 21, 1953, 325-331, cfr. quello pi recen
te di C.Rabin, Tarbiz 39. 1968/69, 214s.).

(2) Naturalmente jin spesso unito alle


espressioni che indicano il v e d e r e (r'h):
Gen 45,12; Lev 13,12; Num 11,6; Deut 3,21;
4,3.9; 7,19; 10,21; 11,7; 21,7; 28,32.34.67;
29,2; Gios 24,7; 2Sam 24,3; IRe 1,48; 10,7;
2Re 22,20; Is 6,5.10; 11,3; 30,20; 33,17.20;
64,3; Ger 5,21; 20,4; 42,2; Es 12,2.12; 23,16;
40,4; 44,5; Mal 1.5; Sai 17,2; 35,21; 50,21;
91,8; 94,9; 115,5; 135,16; 139,16; Giob 7,7.8a;
10,18; 13,1; 19,27; 20,9; 21,20; 24,15; 28,7.10;
29,11; Prov 20,8.12; 22,12; 23,33; 25,7; Eccle
5,10; 6,9; 11,7.9; vedere coi propri occhi: Deut
3,27; 29,3; 34,4; ISam 24,11; 2Re 7,2.19; Zac
9,8; Giob 42,5; 3,12; 2Cron 9,6; 29,8; 34,28;
vedere faccia a faccia: Num 14,14; Deut 19,21;
Is 52,8; Ger 32,4; 34,3; con i significati secon
dari di deliziarsi alla vista opp. saziarsi di
guardare rispettivamente Mi 4,11; 7,10; Sai
54,9; 92,12 e Prov 27,20; Eccle 1,8; 4,8; per
motivi di critica testuale vengono tralasciati
2Sam 16,12 Q; 20,6; Zac 5,6; 9,1; Sai 73,7.
Lespressione ns 'njim alzare gli occhi
237 1?1J jin OCCHIO

guardare, gettare io sguardo , che ricorre circa


50x, denota generalmente lazione che introdu
ce al successivo r h vedere: Gen 13,10.14;
18,2; 22,4.13; 24,63.64; 31,10.12; 33,1.5;
37,25; 43,29; Es 14,10 (comp, r h); Num 24,2;
Deut 3,27; Gios 5,13; Giud 19,17; ISam 6,13;
2Sam 13,34; 18,24; Is 40,26; 49,18; 51,6 (con
nbt hi. guardare); 60,4; Ger 3,2; 13,20; Es
8,5.5; Zac 2,1.5; 5,1.5.9; 6,1; Giob 2,12 (con
nkr hi. riconoscere); Dan 8,3; 10,5; lCron
21,16; dopo r h segue spesso wehinn ed
ecco; per analoghe espressioni in acc. ed in
ug. vd. AHw 762b; WUS nr. 2055. Essa pu
per esprimere anche desiderio, brama, affetto
o sim., avvicinandosi in questo modo ai casi
citati sotto (3): Gen 39,7; Deut 4,19; 2Re
19,22 = Is 37,23; Ez 18,6.12.15; 23,27; 33,25;
Sai 121,1; 123,1; aram. con ntl sollevare
Ah. 169 e Dan 4,31.
Locchio diretto verso qualcosa denota in nu
merose espressioni losservare, lesaminare, la
derire, il preoccuparsi di qualcosa (Gen 44,21;
Deut 11,12; IRe 1,20; 9,3 = 2Cron 7,16; Is
17,7; Ger 16,17; 24,6; 39,12; 40,4; Ez 20,24;
Am 9,4.8; Sai 10,8; 11,4; 17,11; 25,15; 32,8;
33,18; 34,16; 66,7; 101,6; 123,2; 141,8;
145,15; Giob 7,8b; 17,2; 24,15.23; 34,21;
39,29; Prov 4,25; 15,3; 17,24; 23,5.26; Rut
2,9; 2Cron 16,9; 20,12; aram. Esd 5,5).
Frequenti sono le espressioni che denotano
lessere aperti o laprirsi degli occhi: glh q.
Num 24,4.16 del vedere in visione (par. stm
aprire [?] v. 3.15); glh pi. Num 22,31; Sai
119,18; pth aprire soltanto in IRe 8,29.52;
Neem 1,6; 2Cron 6,20.40; 7,15, altrimenti pqh
q. (tranne che in ls 42,40 riferito sempre al
locchio): Gen 21,19; 2Re 4,35; 6,17.17.20.20;
19,16 = Is 37,17; 42,7; Ger 32,19; Zac 12,4;
Giob 14,3; 27,19; Prov 20,13; Dan 9,18; cfr.
Sai 146,8; ni. Gen 3,5.7; Is 35,5 (cfr. lagg.
piqqah colui che vede chiaro Es 4,11 ; 23,8,
ed il sost. pcqaliqah apertura, laprire ls
61,1; antico aram. pqh q. in Sef. 1,13, cfr. Fitzmyer, Sef. 39; DISO 234), oppure, sempre in
senso proprio e traslato, le espressioni che in
dicano il chiudere, il coprire ed il distogliere lo
sguardo: sm q./pi. chiudere Is 29,10; 33,15;
7m hi, nascondere, velare Lev 20,4; ISam
12,3; Is 1,15; Ez 22,26; Prov 28,27; thh q. es
sere incollato Is 44,18; 1" q. essere incolla
to Is 32,3 txt em; cfr. hitpalp. Is 29,9; hi.
incollare Is 6,10; cfr. inoltre Sai 119,37;
Giob 36,7; Cant 6,5; aje r benda sopra gli oc
chi IRe 20,38.41; kfst njim copertura
degli occhi = dono di pacificazione Gen
20,16.
(3) Tra i m o t i d e l l a n i m o espressi con
'jin vi anzitutto il desiderio nelle sue molte
plici sfumature: Gen 3,6; Num 15,39; IRe
20,6; Ger 5,3; 22,17; Ez 20,7.8; 24,16.21.25;
Giob 31,1.7; Eccle 2,10; Lam 2,4 (il contrario
allontanarsi dagli occhi Prov 3,21 ; 4,21). Si
238

hanno poi espressioni che indicano compassio


ne (Gen 45,20; Deut 7,16; 13,9; 19,13.21;
25,12; Is 13,18; Ez 5,11; 7,4.9; 8,18; 9,5.10;
16,5; 20,17), orgoglio (2Sam 22,28 txt em = Sai
18,28; Is 2,11; 5,15; 10,12; Sai 101,5; 131,1;
Giob 22,29; Prov 6,17; 21,4; 30,13), ostinazio
ne (Is 3,8), scherno (Prov 30,17), brama (Sai
119,82.123.148), purezza (Ab 1,13), generosit
(Prov 22,9) e malvagit, malanimo (Deut 15,9;
28,54,56; Prov 23,6; 28,22). Segni di vita e di
gioia sono il brillare ed il luccicare degli occhi:
Gen 49,12; ISam 14,27.29; Sai 13,4; 19,9;
38,11; Giob 41,10; Prov 15,30; 29,13; Dan
10,6; Esd 9,8 (- r).
b) Relativamente raro limpiego della voce
occhio in relazione alla veglia e al dormire, cfr.
Gen 31,40; Sai 77,5; 132,4; Prov 6,4; Eccle
8,16.
Un po pi frequente lattestazione delloc
chio comc fonte di lacrime (dm' q. versare
lacrime Ger 13,17.17; dim' il lacrimare,
nellAT 23x; cfr. dama' succo Es 22,28),
cosa che gi ben presto ha dato luogo alla me
tafora della fonte = 'jin. Vanno ricordati Is
38,14 txt em: Ger 8,23; 9,17; 13,17; 14,17;
31,16; Sai 116,8; 119,136; Giob 16,20; Lam
1,16; 2,11.18; 3,48.49 (cfr. Prov 23,29 occhi
rossi; Lam 3,51 occhi doloranti). Locchio non
mai soggetto di ~^bk.h piangere (evidente
mente perch il piangere include anche il gri
dare); soltanto in Ger 8,23; 13,17; 31,16; Lam
1,16 stanno in parallelo tra loro occhio (la
crimante) e piangere .
Altre espressioni di movimento sono ancora:
$qr pi. ammiccare Is 3,16 (cfr. anche Wildberger, BK X,138); qrs socchiudere, strizza
re Sai 35,19; Prov 6,13; 10,10; Iti aguzza
re Giob 16,9 (metaforicamente); rzm rotea
re Giob 15,12; sh socchiudere Prov
16,30.
c) Dallunione con preposizioni risultano
espressioni preposizionali
nelle
quali 'jin tende a passare dal significato con
creto a quelli astratti e metonimici veduta,
opinione, giudizio oppure visione, testimo
nianza oculare, presenza o sim. Il primo
gruppo di questi significati si incontra nelle
spressione frequente ben agli occhi di = se
condo la veduta, lopinione, il giudizio d i
(Gen 6,8; 16,4.5.6; 18,3; 19,8.14.19 ecc., vd.
sp. 2 con il quadro statistico); con (db buo
no, benQ/jtb essere bene, buono e ra
cattivo /r" essere cattivo si formano
espressioni che indicano piacere (Gen
16,6; 19,8; 20,15 ecc., ~*tb 3d) e dispiace
re (Gen 21,11.12; 28,8 ecc.). Va collocata
qui lespressione m'n a llinsaputa d i
(Lev 4,13; Num 5,13; 15,24). Il secondo grup
po di significati visione, presenza chiaro
in len davanti agli occhi di = in presenza
d i (Gen 23,11,18; 30,41 ecc.); Ie'cn8 acqui
239

sta per lo pi lo stesso senso di lifn davan


ti (-*pnlm ). Con lo stesso significato si usa
anche (le)ngad 'n (2Sam 22,25 = Sai 18,25;
Gioe 1,16; Sai 5,6; 26,3; 36,2; 101,3.7; Giob
4,16) e nkah n (Prov 5,21). Il contrario si
esprime con m'n o minn&gced en fuori
dagli occhi di, lontano da (rispettivamente in
Giud 6,21; ls 65,16; Os 13,14; Giob 3,10;
28,21 e Is 1,16; Ger 16,17; Am 9,3; Giona 2,5;
Sai 31,23).

d) Restano ancora alcuni usi singolari, figurati


e t r a s 1a t i . Gli occhi indicano metafori
camente delle persone in Num 10,31 (Obab,
come guida nel deserto, sar un occhio per
gli israeliti), Zac 4,10 (le sette lucerne nella vi
sione del profeta sono gli occhi di Jahwe che
scrutano tutta la terra ) e Giob 29,15 ( io ero
locchio per il cieco, ero il piede per lo zop
po ).
Non sempre chiare risultano le metafore nelle
quali jin va tradotto con aspetto , splen
dore o superficie . Dellaspetto di una feri
ta si parla in Lev 13,5.37.55, dellaspetto della
manna in Num 11,7. II sign. splendore si
ha nella descrizione delle visioni in Ez
1,4.7.16.22.27: 8,2; 10,9 e in Dan 10,6, mentre
in Prov 23,31 si parla dello scintillio del vino.
Ancora diverso il significato di n ha rm.s in
Es 10,5,15 e in Num 22,5.11, dove jin in
luogo di pnlm indica la superficie della terra.
Si possono riassumere tutti i passi citati con il
termine generale il visibile, comunque la
metonimia resta sempre sorprendente.
Gi in 1 e 3b stata ricordata lantica metafo
ra stereotipa occhio = fonte (Cfr. Dhorme 75s.). Escludendo i nomi di luogo, la si tro
va in Gen 16,7.7; 24,13.16.29.30.42.43.45;
49,22; Es 15,27; Num 33,9; Deut 8,7; 33,28;
Giud 7,1; ISam 29,1; IRe 1,9; Prov 8,28;
Neem 2,13.14; 3,15; 12,37; 2Cron 32,3.
4/
di

a) NellAT si parla ca. 200x degli o c c h i


D i o ( n/'n Jhwh lOOx; raramente
n [hj^lhm Num 23,27; Prov 3,4; 1 Cron
21,7; n 'addnj [Jhwh] IRe 3,10; Am 9,8;
aram. locchio del loro Dio Esd 5,5; altri
menti il mio occhio Ger 24,6; Es 5,11;
7,4.9; 8,18; 9,10; 20,17; Am 9,4; Sai 32,8; il
suo occhio Deut. 32,10; spesso i miei/tuoi/
suoi occhi; cfr. anche Ab 1,13). Nella mag
gior parte dei casi si tratta per delle stesse
espressioni che vengono usate in riferimento
agli occhi delluomo, nelle quali regredisce
molto il significato concreto. Perci compare
spesso ben agli occhi di = a giudizio di,
soprattutto neHesprssione ms ' hn trovar fa
vore (testi ~^ms 4, in pi Prov 3,4) e nelle
valutazioni espresse con tb/jtb bene (-^tb
3d [1], in pi Mal 2,17), jasr/jsr giusto
(-*jsr 4, in pi Ger 34,15), ra/ r cattivo
(->ra 3a), inoltre con gdl essere grande
ftSJ 'jin OCCHIO

240

(ISam 26,24), qtn (2Sam 7,19 = lCron 17,17) e


qll ni. (2Re 3,18) essere piccolo, kbd ni.
essere stimato (Is 49,5), p i ni. essere me
raviglioso (Zac 8,6), jqr essere prezioso (Is
43,3; jqr prezioso Sai 116,15). Cfr. inol

tre le espressioni purezza ai suoi occhi


(2Sam 22,25 = Sai 18,25; Giob 11,4; 15,15;
25,5) e ai tuoi occhi mille anni sono come il
giorno di ieri (Sai 90,4).
Sono rari i testi che parlano dellocchio di Dio
in senso concreto: nella similitudine figurata di
Deut 32,10 lo custod come pupilla del suo
occhio; in accezione negativa in Giob 10,4
hai tu forse gli occhi di carne o anche tu vedi
come luomo?; faccia a faccia in Num
14,14 descrive lincontro diretto con Dio (altri
menti con -*pnm, Gen 32,31; Es 33,11;
Deut 5,4; 34,10; Giud 6,22; Ez 20,35).
Una serie di espressioni citate in 3a(2) descrive
la presenza vigile di Jahwe e la sua onniscien
za: Ger 16,17.17; 32,19; Sai 66,7 i suoi occhi
scrutano le nazioni; 139,16; Giob 7,8; 14,3;
34,21; 36,7; Prov 5,21; 15,3; 22,12; 2Cron
16,9 gli occhi di Jahwe scrutano tutta la ter
ra ; cfr. inoltre il simbolismo figurato delia vi
sione notturna in Zac 4,10. Altre espressioni
come dirigere i propri occhi su qualcuno
(alla corte del re nel sign. prendersi cura di
qualcuno, Gen 44,21; Ger 39,12; 40,4), te
nere gli occhi aperti oppure coprire loc
chio testimoniano i molteplici modi con cui
Dio agisce: intervento di salvezza (Ger 24,6
poser il mio sguardo su di loro per il loro
bene; Zac 9,8.12; Sai 11,4 e 17,2 con -/zz/z;
32,8, cfr. Kraus, BK XV,257; 33,18, cfr. v.19;
34,16) e di condanna (Is 1,15.16; Am 9,4.8;
Giob 16,9; cfr. 2Sam 22,28 txt?), benedizione e
protezione (Deut 11,12 un paese sul quale si
posano sempre gli occhi di Jahwe, tuo Dio;
Esd 5,5). Nel contesto delle benedizioni divine
vanno collocate le affermazioni secondo le
quali gli occhi di Jahwe sono aperti sul tempio
per ascoltare le preghiere (IRe 8,29.52; 9,3;
2Cron 6,20.40; 7,15.16; alle promesse corri
spondono le preghiere rivolte a Dio perch
ascolti la supplica 2Re 19,16 = ls 37,17; Dan
9,18; Neem 1,6).
b) Luso propriamente teologico di 'jin in re
lazione agli occhi delluomo si ha neJlinvocazione a Dio, ed attestato soprattutto nel lin
guaggio dei salmi. In questo caso Israele ri
corso in parte a formule che descrivevano lo
stesso procedimento nellambiente cortigiano e
cultuale di Babilonia (cfr. F.Ntscher, Das
Angesicht Gottes schauen nach biblischer
und babylonischer Auflassung, 1924, anche per
il paragrafo 4a). L'espressione alzare gli oc
chi o sim. denota il rivolgersi a Dio (Sai
123,ls.; cfr. 121,1 ed il nome proprio
celjehnaj, vd. sp. 1), alzare gli occhi agli
idoli della casa di Israele denota invece lapo
241

TI7 I r CITT

stasia (Ez 18,6.12.15). Coloro che hanno oc


chi orgogliosi non cercano laiuto di Jahwe
(cfr. Is 2,11; 10,12; Sai 18,28; 101,5; Prov 6,17
ecc.; -+gbh,
Nelle lamentazioni 'jin
ritorna in molte espressioni: i falsi testimoni
strizzano gli occhi assicurando: abbiamo
visto con i nostri occhi (Sai 35,19, v. 21 forse
una formula giuridica). Linfelicit fa s che
l occhio sia consumato dal dolore (Sai 6,8;
31,10 ecc.), impedisce che locchio riveda il
bene (Giob 7,7), poich felice colui che Dio
c gli uomini osservano (v. 8). Come gli occhi
dei supplici cercano lintervento di Dio, cos
ne osservano con stupore il sopraggiungere
(p.e. r n e Es 4,30; bene Sai 118,23; Is 33,17
con hzh', Is 52,8 jin bcjin con r h\ Is 64,3
orecchio non ha sentito, occhio non ha visto
che un Dio, fuori di te, abbia fatto... ).
jin usato per la contemplazione in visione
in Num 24,3s.I5s.; ls 6,5; Ez 10,2; Giob 4,16;
per luso del termine nellapocalittica cfr. an
che Dan 4,21; 7,8.20.
5/ Per occhio*nei L X X e nel NT cfr.
W.Michaelis, art. <p#aX|j.q, ThW V,376-379
(= GLNT Vili, 1055-1064).
E Jenni (l-3)/D . Vetter (4-5)

TI? Ir C IT T
1/ La parola 'Ir citt (plur. rim ) atte
stata in molte lingue sem.: ug. e fen. V (WUS
nr. 2091; UT nr. 1847; DISO 221); ebr. extrabibl. nellostraco di Lachis 4, r. 7 h'jrh verso
la citt (= Gerusalemme) (KAI nr. 194, r. 7);
sudarabico antico 'r roccaforte (Conti Ros
sini 213a). Secondo GB 584a e KBL 701a non
si pu escludere unaffinit con il sum. uru. II
significato fondamentale resta incerto; in ogni
caso Ir dovrebbe indicare una qualche forma
di fortificazione.
Nellaram. bibl. la citt detta qirj (9x in
Esd 4,10-21); questo termine attestato anche
in ebr. (30x, di cui lOx in Is, 5x in Prov, 3x in
Ab; par. di Ir p.e. Ts 1,26); cfr. ebr. qra.t.
(Giob lx, Prov 4x), ug. qrt/qryl (WUS nr.
2462), fen. pun. qrl (DISO 267), aram. qirj
(DISO 266). Il moab. per citt possiede il
termine qr (KAI nr. 181, r. 11.12.24.29), men
tre in ebr. qr significa parete, muro (74x,
di cui 25x in Ez, 13x in IRe). Se qr e qirj
sono tra loro affini, il secondo termine denote
rebbe una localit circondata da mura. Suppo
nendo uno scambio tra e q si voluto colle
gare la radice qr con V e proporre per ir f. gli
a. il sign. what is protected by a stone-wall
= ci che protetto da un muro (H.J.
Dreyer, FS van Selms, 1971, 17-25); tale rela
zione resta comunque discutibile.
242

Tre le specificazioni del termine ricordiamo soltanto


quelle formate con nomi di persona (soprattutto ir
Dwd citt di Davide, 2Sam 5,7 ecc.), con nomi
di luogo (p.e. 'ir amlq, ISam 15,5) e quelle che in
dicano una posizione particolare (p.e. "ir hammelk
residenza (del re), 2Sam 12,26; Ir miqlt citt
di rifugio, Num 35,6.11 ss. ecc.). E singolare il fatto
che ir non venga usato per nomi di luogo, ma che in
tal caso, a quanto sembra, compaia come nome se
condario (p.e. 7r halfmrm gitt delle palme
per Gerico, Deut 34,3 ecc.; 7r Smas Gios 19,41
accanto a Bi 8mces)\ nei nomi di luogo pi fre
quente invece il termine qirj (Kiriat-Arba, KiriatSefer, Kiriat-Iarim ecc.).

*2/ Se si segue Lis. 165 le per la delimitazio


ne dei nomi di luogo e se si considera 'ir un
appellativo p.e. in citt di Davide e in cit
t delle palme , risulta per ir il seguente qua
dro statistico (incl. Gios 8,12K. 16K e 2Re
20,4K; esci. Giud 10,4 [il secondo 'ajrim pu
essere errore di scrittura per rinr, diversa
mente p.e. BL 620; plur. ajrim neologismo
per formare un gioco di parole con ajrlm
puledri dasino ]; Sai 73,20 e ir turbamen
to in Ger 15,8; Os 11,9 dalla radice 'tir):
Gen
Es
Lev
Mum
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2Re
Is
Ger
Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nati
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal
Sai
Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle
Lam
Est
Dan
Esd
Neem
lCron
2Cren
AT ebr.

243

sing.
39
2
7
15
30
70
49
31
38
38
51
30
79
43

!
8

8
1
1
1
2

plur.
9
1
7
34
28
88
7
7
7
13
15
16
58
18
4

3
1

totale
48
3
14
49
58
158
56
38
45
51
66
46
137
61
4
1
11
1
8
4
1
1
4

18
1
4
4
3
5
5
12
6
3
11
16
41
678

2
1

1
2

4
10
21
48
414

20
2
4
4
3
5
6
14
6
7
21
37
89
1092

3/ Se si definisce I r un insediamento fortifi


cato con mura e se si considera la recinzione
con mura un tratto caratteristico, questa desi
gnazione in molti casi appropriata, ma non
pu essere accettata come una definizione ge
nerale, valida sempre. Non si deve pensare s
bito ad una cinta muraria elaborata, quale ci
rivelano gli scavi del Vicino Oriente antico.
Cos pure non ci si deve immaginare una citt
nei nostro senso moderno. Ogni insediamento,
abitato pi o meno stabilmente, protetto da
una fortificazione o da un semplice vallo,
pu essere definito 'ir. Deut 3,5 parla di citt
fortificate con alte mura, porte e sbarre, ma
anche di numerosi 'are happerzi insedia
menti della popolazione rurale , privi di mura
e di protezione, circondati da mezzi di difesa
rudimentali (cfr. anche Ez 38,11). In Lev
25,29.31 si distingue tra ir hm citt recin
ta da mura e h$r recinto privo di mura,
ma Fornito di difese contro le fiere ed i nemici
(cfr. M.Noth, Die Welt des Alten Testaments,
*1957, 113). In qualche caso si potrebbe con
frontare lebr. ir con lacc. lu (vd. AHw 39a,
dal lato etimologico affine alPcbr. hcel ten
da ); potrebbe trattarsi anche di tendopoli
pi o meno permanenti (p.e. ISam 15,5 citt
di Amalek ; 30,29 citt [plur.] dei Keniti ).
Spesso le localit abitate dagli israeliti stanziati
in Canaan erano allinizio degli insediamenti
primitivi; solo pi tardi, al tempo della monar
chia, gli immigrati si sono gradualmente con
vertiti alla vita cittadina ed alla civilt urbana.
Nei LXX ir tradotto con icoX-u;, ma questo
termine, in quanto corrispondente allebr. ir,
chiaramente depoliticizzato, perch secondo
Israele laspetto politico non ha mai avuto una
importanza decisiva per la costituzione di una
citt (cfr. II.Stratlimann, ThW VI,521ss. =
GLNT X,1290ss.). NellAT si parla dei re del
le citt cananee, ma nel periodo isr. vi erano
solo i signori, gli uomini, gli anziani della cit
t, i quali esercitavano soprattutto il potere
giudiziario. Limportanza della citt consisteva
nella protezione che essa doveva offrire in caso
di necessit non soltanto ai propri abitanti, ma
anche a coloro che erano insediati nelle vici
nanze. Solo in un secondo tempo la citt di
vent anche per gli israeliti il centro economi
co, spirituale e cultuale, mentre lurbanizzazio
ne progrediva man mano che ci si allontanava
dalle precedenti strutture di vita seminomadica. Si intravede gi di qui come la citt e la
sua civilt possano essere valutate nellAT.
4/ a) La storia primitiva dello Jahwista dice
che Caino fondatore di citt (Gen 4,17 TM,
cfr. per Westermann, BK I,443s.): questo dato
viene spesso interpretato nel senso di unavver
sione profonda contro la vita urbana, di un ri
fiuto della citt. In Gen 11,1-9 confluiscono
insieme la citt e laspirazione umana alla si
Ti? i r CITT

244

curezza, il carattere dispotico dellautorit, la


concentrazione del potere e la ribellione contro
Dio. La citt il luogo abituale dei peccati pi
vergognosi, Gen 18s. La citt provoca la cadu
ta del lantico ordinamento tribale e d libero
sfogo ai vizi. Israele evidentemente non ha
mai saputo trovare una relazione vera e pro
gressiva con la citt e la sua societ (G.Wallis, Die Stadt in den Uberlieferungen der Gene
sis, ZAW 78, 1966, 133-148, citazione p. 148).
Anche i profeti assumono una posizione netta
mente critica nei confronti della citt e dei suoi
costumi corrotti (Am 4,1 ss.; Mi 6,9ss.; Is
3,16ss.; 5,8ss.; Ab 2,12 ecc.). Si pensi anche ai
recabiti ed al loro rifiuto della civilt sedenta
ria (Ger 35).
Un simile giudizio negativo della citt co
munque unilaterale c non tiene conto di tutti i
dati dellAT. La fondazione di citt di Gen
4,17 (dal punto di vista della storia della civil
t si tratta semplicemente di un punto centrale
stabile e sicuro, dove possono convergere in
caso di necessit i gruppi nomadici) pu essere
interpretata anche in senso positivo (cfr. Westcrmann, l.c. 444s.). Anche in Gen 11 la co
struzione di una citt non di per s un atto
peccaminoso. E vero che la fondazione di citt
nellAT non legata direttamente alla creazio
ne, ma Israele pu prendersi le citt gi esi
stenti in Canaan perch Jahwe gliele mette a
disposizione, Deut 6,10. Anche se labitare in
case e in citt non era di per s peccaminoso,
la civilt urbana risultava tuttavia pericolosa e
allettante per il popolo, come la storia ha mo
strato senza ombra di dubbio. I pregiudizi ru
rali e culturali possono aver avuto una loro
importanza, ma la critica dei profeti non deri
va in definitiva da essi; essa fondata invece
su motivi religiosi. La sicurezza di s, lo spie
gamento di potenza, il dispotismo erano pecca
ti di apostasia da Dio. Le citt, con le loro
mura alte e solide, non erano di per s un
male; il male era invece nella fiducia in queste
mura (Deut 28,52). Non si tratta della sicurez
za acquisita con la potenza delluomo, ma del
la protezione che soltanto Jahwe pu offrire
(cfr. Sai 127,1 se Jahwe non custodisce la cit
t, invano veglia il custode ; Zac 2,9).
b) La cittadella di Sion (Sijjon 3) dopo la
conquista di Davide fu chiamata ir Dwid
citt di Davide, 2Sam 5,9; larca trova qui
la sua collocazione, 2Sam 6,12ss. Nella citt di
Davide trovarono sepoltura Davide stesso ed i
re di Giuda, IRe 2,10; 11,43 ecc. In alcuni sal
mi, peraltro recenti, Gerusalemme chiamata
ir haqqdces citt santa (Is 48,2; 52,1;
Neem 11,1.18; cfr. Dan 9,24.26; cosi anche
CD 20,22; [12,ls. I r hammiqdas citt del
santuario]; nel NT Mt 4,5; 27~,53; Ap 21,2;
cfr. anche il nome arab. di Gerusalemme

el-quds).
245

rJ? Ih SALIRE

Lorigine di questo appellativo dovuta alla funzio


ne della citt: essa era infatti la sede del tempio di
Jahwe e ddlarca. Secondo la concezione isr. non si
deve pensare ad una santit legala alla citt fin dai
primi tempi; solo in quanto citt eletta da Jahwe essa
pu essere indicata come santa. In tempi recenti ci
pu essere interpretato nel senso che va tenuta lonta
na dalla citt santa ogni impurit (cfr. CD 12,ls.;
probabilmente anche per 2Cron 8,11; la figlia del fa
raone deve uscire dallarea sacra in senso stretto).

A volte Gerusalemme definita anche ir Jhwh


citt di Jahwe: Sai 101,8; Is 60,14 (in bocca
agli oppressori di Israele); incerti Ger 31,38 e
Sai 48,9. Dellelezione di Gerusalemme da
parte di Jahwe parlano: IRe 8,16; 11,13.32.36;
14,21; 2Re 21,7; 23,27; 2Cron 6,5; 12,13;
33,7; cfr. anche Sai 78,68; 132,13 ( bhr
IV/2d). Del rifiuto della citt parla 2Re 23,27;
di una nuova elezione, Zac 1,17; 2,16. La cit
t di D io di Sai 46,5; 48,2.9 concretamente
Gerusalemme (Kraus, BK XV,342-345 excur
sus a Sai 46). Cfr. inoltre: G. von Rad, Die
Stadt auf dem Berge, EvTh 8, 1948/49,
439-447 = GesStud 214-224; A. van Selms,
Hervonnde Teologiese Studies 8, 1952, 79-89;
Th.C.Vriezen, Jahwe
en zijn stad, 1962;
L.M.Muntingh, FS van Selms 1971, 108-120;
->Sijjn.
5/ Per i LXX (vd. sp. 3) ed il NT cfr. H.
Strathmann, art. -rcXu;, ThW VI,516-535 (=
GLNT X, 1273-1328).

A.R.Hulst

T3 Ih SALIRE
1/ La radice 'Ih (*'lj) appartiene al semitico
comune (Bergstr. Einf. 187; acc. elu, AHw
206-210; ug. ly, WUS nr. 2030; UT nr. 1855;
fen. 'lj, DISO 211, ecc.), come dimostra soprat
tutto la diffusione della prep. al su, sopra,
contro. La radice verbale in aram. general
mente sostituita da slq (KBL 1103b; in Sai
139,8 slq salire invece un prestito aram.,
cfr. Wagner nr. 202).
Le coniugazioni pi frequenti sono il q. e lhi.;
occasionalmente si ha anche il ni. e lho, (lhitp.
solo in Ger 51,3, molto incerto dal lato testua
le, cfr. Rudolph, HAT 12, 306).
Derivazioni nominali sono: 'al altezza, lTe
fogliame , ol olocausto , al pestel
lo, alijj stanza superiore , ma'al la par
te superiore, m'al elevazione, maalc
ascesa, mal salita, gradino e f'l
guarigione (cicatrizzazione), 'illi superio
re e celjn superiore/il pi alto sono usati
normalmente come aggettivi.
Nellaram. bibl. si trovano come prst. ebr. illi
246

e celjir, oltre alla prep. al e airavverbio lla


sopra ricorrono anche Hllj il pi alto e
lwn (solo plur.) olocausto .
Da questa radice derivano il nome di persona ma
schile li (ISam 1,3-4,16; 14,3; 2Re 2,27; cfr. Noth,
fP 146) ed i nomi di luogo 'alw/'aj (risp, Gen
36,40 e lCron 1,51) e 'cel'l (Num 32,3.37 ecc.).

2/ Il verbo ricorre in tutte le parti dellAT,


ma la frequenza delle forme qal risalta in par
ticolare nelle sezioni narrative (Giud 57x):
Gen
Es
Lev
Num
Deut
Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2Re

Is

Ger
Ez
Os
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal
Sai
Giob

Prov
Rut.

Cani
Eccle
Lam

Est

Dan

Esd
Neem

lCron
2Cron
AT

qal
44
36
4
23
24
48
57
48
22
38
52
34
41
18
6
7
5
1
3
2
1
1

hi.
7
23
10
12
8
7
14
22
13
15
7
6
20
19
1

ho.

ni.

2
2

1
1
1

1
12
6
6

5
2

3
8
10
11
25
612

5
3
13
27
255

18

totale
51
62
14
42
32
55
72
70
36
53
59
40
63
39
7
7
11
1
4
3
3
2

1
6

23
8
7
1
5
2
2

3
14
13
24
53
888

Non sempre si pu distinguere chiaramente tra q. e


hi. Devono comunque ritenersi hi. (contro Lis.)
ISam 28,1 la; IRe 8,4b; 10,5; Ger 52,9; Ez 19,3; Sai
51,21; 2Cron 5,5a nonch Is 40,31 (cfr. Elliger, BK
XI,100s.), invece 2Re 16,12 e Ger 46,8 sono proba
bilmente q. (contro Mand.; altre divergenze tra
Mand. e Lis: Lev 6,2; Is 32,13; 2Cron 1,17; 9,4;
32,5). 2Sam 15,24, qui considerato hi. con Lis. (cfr.
Hertzberg, ATD 10, 282) un testo molto incerto.
-In Lis. mancano le forme hi. di Deut 28,61 e Giud
16,3 (citati sotto 7m); in lCron 26,16 si legge una
forma nominale ('dia) (qui come part, q.). - Il passo
incerto che attesterebbe lhitp. (Ger 51,3) non stato
inserito nel quadro statistico.

247

ol ricorre 287x, soprattutto in quei testi che


contengono prescrizioni cultuali (Lev 62x, incl.
6,2b; Num 56x; 2Cron 30x; Ez 19x, esci. 40,26
txt?; Es 17x); ma'al attestato 14 lx (Num
38x, Ez 15x, Es I3x), cEljn 53x (31x come ap
pellativo divino, di cui 21x in Sai), ma'al 47x
(di cui 15x al plur. nei titoli dei Sai 120-134),
ljj 20x, maalc 19x (incl. Ez 40,31.34.37
Q), ia; 18x, al sostantivo 6x (2Sam 23,1; Os
7.16 txt?; 11,7 txt?, vd. i comm.; m'l las
s Gen 27,39; 49,25; Sai 50,4, cfr. luso di
m'al), 'illi 2x (Gios 15,19; Giud 1,15), f'l
2x (Ger 30,13; 46,11), m'al lx (Neem 8,6),
,aH lx (Prov 27,22).
In aram. ricorrono lOx 'illj (inoltre 4x celjr),
lx lla (Dan 6,3), lx itti (Dan 6,11) e lx
lwn (F.sd 6,9).
3/ a) Con un quadro semantico abbastanza
ristretto, Ih q. denota il movimento dal basso
allalto. Il problema sorge solo con la traduzio
ne, poich a seconda della posizione in cui si
trova colui che parla noi usiamo verbi diversi:
salire o sim. quando il movimento si allon
tana dallosservatore (questa la norma), ve
nire su quando colui che parla si trova in po
sizione pi alta (p.e. Es 24,2; Gios 10,4).
Il verbo denota di regola il cammino dallEgit
to alla Palestina opp. verso le singole tappe di
questo itinerario (Gen 13,1; 45,25; Es 1,10 vd.
st.; 12,38; 13,18; Num 32,11; Giud 11,13.16;
19,30; ISam 15,2.6; IRe 9,16; Is 11,16; Os
2.17 ecc.), nonch lascesa dal deserto al paese
di Canaan (Es 33,1; Num 13,17.21.30; Deut
1,21.26.41; Giud 1,1-4). Questo modo di dire
usato in maniera cos stereotipa che possono
anche mancare le indicazioni topografiche
(Gen 44,17.24.33.34; 45,9; 50,5-7.9.14 ecc.).
Similmente il ritorno degli esuli considerato
una salita (Esd 2,1.59; 7,6.7.28; 8,1; Neem
7,5.6.61; 12,1).
Luso di questo vocabolo cos evidente rispetto ai
dati geografici, che va rifiutata lipotesi di G.R.Dri
ver (ZAW 69, 1957, 74-77; cfr. anche W.Leslau,
ZAW 74, 1962, 322s.; S.Shibayama, Journal of Bible
and Religion 34, 1966, 358-362) secondo la quale 'Ih
q. avrebbe qualche volta il valore specifico di anda
re verso nord .

Siccome le citt si trovano spesso sulle alture,


il dirigersi verso di esse si esprime spesso con
'Ih (p.e. Ai: Gios 7,2; 8,1.3.10.11; Timna: Gen
38,12s.; invece Sansone scende a Timna in
Giud 14,1.5 \jrd\), come pure lentrare in una
citt dallesterno (Gios 6,5.20; ISam 9,11.14;
IRe 1,35.40.45; cfr. Ger 48,15; Prov 21,22).
Quando si tratta della sede di un santuario (Be
tel: Gen 35,1.3; Giud 20,18.23 txt em; Os4,15
txt em [in 2Re 2,2 ricorre per jrd \
; Bersabea:
Gen 26,23; Silo: ISam 1,3.7.21.22; 2,19; Geru
salemme: IRe 12,27.28; Zac 14,16-19; anche
per andare dal palazzo reale al tempio si sale:
Ih SAURE

248

2Re 12,fi; 19,14; 20,5.8; 23,2 e par.; Ger


26,10) prevale non soltanto la concezione spa
ziale, ma anche lidea dellincontro con il Dio
che abita in alto (Deut 17,8; cfr. ISam 10,3
(salire) a Dio in Betel; Giud 21,5.8 presso
Jahwe a Mizpa). Cos il verbo assume il sign.
tecnico di andare in pellegrinaggio (p.e. Es
34,24; Ger 31,6; Sai 122,4).
In senso traslato Ih viene usato quando si par
la del recarsi presso unimportante personalit
( altolocata ): mentre il viaggio verso lEgit
to normalmente una discesa, secondo Gen
46,31 Giuseppe sale dal faraone (nel v. 29
Ih indica invece il viaggio verso il paese di
Gosen). Anche quando si ricorre al tribunale
degli anziani alla porta della citt si deve salire
(Deut 25,7; Rut 4,1). Uaver a che fare con un
partner potente come lAssiria potrebbe essere
la causa determinante per la scelta di questo
termine in Os 8,9.
11 luogo dal quale uno proviene di solilo preceduto
da min (Gen 13,1; 19,30; 4l,2s. ecc.; se si tratta di
persone, da m'al, Gen 17,22; 35,13; Giona 4,6). La
meta verso la quale si diretti espressa il pi delle
volte con laccus. di direzione (p.e. Gen 26,23;
35,1.3; 38,12.13), raramente con le (ISam 25,35; ts
22.1 ; Ez 40,40; Hsd 1,3; cfr. Ab 3,16). Quando si usa
al si vuol sottolineare che si va sulla superficie di un
oggetto oppure ne! luogo pi alto (Es 20,26; Gios
2,8; Giud 9,51; ISam 2,28 ecc.; cfr. Gen 31,10.12:
gli arieti montano le pecore; Es 10,12.14: le cavallet
te coprono il paese), mentre con be viene descritto il
movimento lungo un oggetto oppure verso i! suo in
terno (Es 28,12; Es 7,29; 19,12; Deut 5,5; 2Sam 2,1;
15,30 ecc.; anche con valore strumentate, p.e. Es
20,26; Num 20,19; Deut 1,22; Ez 40,22). 'tei denota
di preferenza il moto verso una persona (Gen
44,17.34; 45,9; Gios 10,4; Giud 16,18 ecc., per
usato anche in accezione avversativa come 'al, vd.
st.), verso Dio (Es 2,23; 19,3; ISam 10,3; Jahwe: Es
19,24; 24,1.12; 32,30; Deut 10,1; Giud 21,5.8), op
pure verso un luogo sacro (il monte di Dio: Es 34,13;
il monte Sinai: Es 19,23; 34,2.4; cl'r. Es 24,15.18; il
monte di Jahwe: ls 2,3 - Mi 4,2; il monte Cor: Num
20,27; 33,38; il Carmelo: IRe 18,42; il luogo di cul
to: Deut 17,8; Gerusalemme: Esd 7,7; latrio del
tempio: Ez 40,49; laltare: Lev 2,12).

Spesso Ih usato con altri verbi di moto, so


prattutto con b venire (Gen 45,25; Es
7,28; Deut 1,24 ecc.), hlk andare (Es 33,1;
Giud 11,16; 2Sam 17,21; Is 2,3; 8,7; Mi 4,2),
pnh volgersi (Deut 1,24; 3,1), js uscire
(IRe 10,29) e ngs avvicinarsi (Gios 8,11),
cfr. il nesso con qiim alzarsi (Gen 35,1.3;
Deut 17,8; Gios 8,1.3 ecc.).
Alluso di Ih corrisponde quello del suo con
trario jrd scendere, venir gi (q. 307x, di
cui 35x in ISam, 29x in Giud, 25x in Gen,
24x in 2Re, 23x in Ez, 20x in Sai, 19x risp. in
Es e Is; esci. Gioe 4,13; hi. condurre gi
67x, di cui 13x in Gen, 7x risp. in ISam e
1Re; ho. essere condotto gi 6x; in totale
380x; inoltre il sost. mrd pendio 5x).
249

rl? 'Ih SALIRE

jrd usato per indicare il viaggio dalla Palesti

na allEgitto (Gen 12,10; 26,2; 42,2; 43,15;


46,3.4; Num 20,15; Gios 24,4; ls 30,2; 31,1),
dalle montagne al deserto (Num 14,45; ISam
25,1; 26,2), alle citt situate in luoghi pi bassi
(come Gaigaia; ISam 10,8; 13,12; 15,12; Keia: ISam 23,4.6.8), l abbandono di una citt
(ISam 9,27; Rut 3,3.6), lo scendere ad una sor
gente (Gen 24,16.45; 2Sam 17,18) o ad un fiu
me (Es 2,5; 2Sam 19,32; IRe 2,8; 2Re 5,14),
oppure lo scendere nel regno dei morti (vd. st.
4b).

Il luogo di partenza preceduto anche in questo caso


da min (p.e. Es 19,14; 32,1.15; 34,29; in riferimento
a persone: Gen 38,1; cfr. m'al gi... da Giud
4,15; Ez 26,16), la meta espressa con laccus. di di
rezione (Gen 12,10; 24,16.45; 26,2 ecc.), con al a.
verso (di luoghi: Giud 15,11; ISam 25,1; 26,2;
2Sam 5,17 ecc.; di persone: Gen 37,35; 45,9; Es
11,8; 19,25 ecc.), le a (di luoghi: 2Sam 11,8; Ez
26,11; Cant 6,2; Eccle 3,21; di persone: Giud 5,11),
be a, m (Gen 28,12; Es 15,5; Giud 7,9.11; ISam
9,27 ecc.) e 'al su (Gen 15,11; Es 19,18.20; Giud
11,37; ls 31,4 ecc.).

I passi relativamente rari in cui i due movi


menti vengono dati assieme oppure luno dopo
laltro (Gen 24,16; 28,12; Es 19,24; Num
20,27s.; Deut 28,43; Giud 14,ls. 19; 16,31; 2Re
1,4.6.16; 1,9.11; Ger 48,18; Sai 104,8; 107,26;
Giob 7,9; Prov 30,4; Eccle 3,21; 2Cron 18,2;
cfr. Gen 46,4 ['Ih hi.] e Is 14,13-15 [jrd ho.])
dimostrano a sufficienza che 'Ih e jrd sono ter
mini opposti.
La concezione spaziale presente anche quan
do Ih al assume il sign. tecnico di muovere
a battaglia (Gios 22,12.33 con laggiunta a
battaglia; Giud 6,3; 15,10; 18,9; IRe 14,25 =
2Cron 12,9; IRe 15,17 = 2Cron 16,1; IRe
20,22; 2Re 12,18; 17,3; 18,13 = Is 36,1; 2Re
18,25 = Is 36,10; 2Re 18,25; 23,29; Ger
50,3.21; Ez 38,11.16; Gioe 1,6; Nah 2,2;
lCron 14,10; con 'ce! Num 13,31; Gios 15,15;
Giud 1,1; 12,3; 20,23.30; ISam 7,7; 2Sam
5,19; 2Re 16,9; Ger 35,11; 49,28.31; con be Is
7,6): il nemico che si trova in posizione di dife
sa si dispone di solito in un luogo pi alto (cfr.
il nostro modo di dire avanzare contro,
gettarsi contro ). Lo stesso significato hanno
le espressioni Ih Fhillhm marciare per
combattere (2Re 3,21; 2Cron 35,20), Ih
lammilhm (IRe 20,26; 2Re 16,5; Is 7,1)
opp. Ih bammilhm( 1Sam 29,9) entrare in
guerra e 'Ih bammalfn salire allaccampa
mento (ISam 14,21). Anche il solo 'Ih pu
qualche volta significare uscire a battaglia
(Giud 20,28 par. js lammilhm; ISam
17,23.25; IRe 12,24 = 2Cron 11,4 par. Ihm ni.;
Is 21,2; Ger 6,4.5).
Assieme a 'Ih si trovano di frequente verbi tipi
ci della guerra, soprattutto Ihm ni. combatte
re (Deut 1,41 s.; Gios 10,36; 19,47; Giud 1,3;
IRe 12,24; 20,1; 2Re 12,18; 2Cron 11,4), sur
250

assediare (IRe 20,1; 2Re 6,24; 16,5; 17,5;


18,9; ls 21,2), tps prendere (una citt) (2Re
16,9; 18,13; ls 36,1) nkh hi. colpire (Gios
7,3; Giud 8,11), bq' impadronirsi (ls 7,6),
hnh accamparsi contro ( 1Sani 11,1), hrb
uccidere (Ger 50,21), hrm hi. eseguire il
bando (Ger 50,21), jrs occupare (Deut
9,23), sdd devastare (Ger 49,28) e srp
bruciare (Giud 15,6).
Se si vuol porre in rilievo il fatto che il nemico
si trova pi in basso, pu essere usato anche
jrd al scendere contro (2Cron 20,16; cfr.
Giud 1,9 jrd ehllhm\ ISam 26,10; 29,4;
30,24 jrd bammilhm; ISam 17,28 per ve
dere la battaglia ).
Nellaccezione militare il contrario di 'Ih al
non jrd min , bens Ih mS'al ritirarsi da
(IRe 15,19 = 2Cron 16,3; 2Re 12,19; Ger 21,2;
34,21; ISam 14,46 m'ahar\ cfr. 2Sam 20,2
'Ih m'aH'r disertare da; 2Sam 23,9 Ih
ritirarsi ; Ez 11,24 la visione si allontana dal
[mal\ veggente; con Ih ni.: Ger 37,5.11;
2Sam 2,27 [m'ahar]).
La supposizione di un significato peculiare di
Ih min in Es 1,10 e Os 2,2 nel senso di im
padronirsi (M.Lambert, REJ 39, 1899, 300;
dopo di lui p.e. G.Beer, Exodus, HAT 3, 1939,
14; Noth, ATD 5, 9 = ital. 23; Wolff, BK
X IV /1, 27.32; contrario K.Rupprecht, ZAW
82, 1970, 442-447) non necessaria nel conte
sto e deve essere respinta se si tiene presente
luso abituale della prep. min.
Usato con valore traslato Ih significa diven
tare grande, forte (Gen 49,9), elevarsi
(Deut 28,43, in opposizione a jrd perdere va
lore oppure superare (Prov. 31,29). Quan
do invece si dice che uno balza sulla bilan
cia (Sai 62,10), si vuol indicare che egli senza
valore.
Quando il soggetto si riferisce a cose, le tradu
zioni possibili sono innumerevoli, ma si fonda
no tutte sullidea di un moto dal basso verso
lalto: laurora sorge (Gen 19,15; 32,25.27
ecc.), le piante spuntano (Gen 41,5.22; Deut
29,22; Is 5,6; 34,13 ecc.), i fiori sbocciano
(Gen 40,10) e volano via (ls 5,24), una nuvola
si forma (IRe 18,44; Ger 4,13 similitudine; cfr.
Ger 10,13; 51,16; Sai 135,7 [Ih hi.]), il mare
dilaga (Ger 51,42, cfr. Ez 26,3 [Ih hi.]), una
citt va in fiamme (Giud 20,40), un territorio
sale (Gios 11,17; 12,7; 15,3.6-8; 16,1 ecc.), la
sorte cade (- sale dal calice [-gral] Lev
16,9s.; Gios 18,11; 19,10), una tagliola scatta
(Am 3,5), la carne riveste le ossa (Ez 37,8, cfr.
v. 6 hi.), un rasoio passa sul capo (Giud 13,5;
16,17; ISam 1,11) ecc.
Analogamente, il termine usato anche con
valore traslato: lira sale (2Sam 11,20; 2Cron
36,16; Sai 78,21.31, cfr. Prov 15,1 hi.) e sim., i
lamenti si levano (Es 2,23; ISam 5,12; Ger
14,2), la malizia giunge fino a Jahwe (Giona
1,2, cfr. Sai 74,23), la statura salza verso il
251

cielo (Giob 20,6), una battaglia infuria (IRe


22,35 = 2Cron 18,34), un carro costa (ital.
ammonta a, IRe 10,29), i lavori di consoli
damento progrediscono (2Cron 24,13).
Pi spesso si deve tradurre col passivo: un ve
stito viene indossato (Lev 19,19; Ez 44,17), un
giogo viene imposto (Num 19,2; ISam 6,7; cfr.
Lam 1,14), un sacrificio viene offerto (IRe
18,29.36; 2Re 3,20), una ferita viene ricoperta
(di carne) (Ger 8,22; cfr. Ger 30,17; 33,6 [Ih
hi.] e Ger 30,13; 46,11 [sost. tel), i covoni
vengono ammucchiati (Giob 5,26), un numero
viene segnato (lCron 27,24; cfr. 2Cron 20,34
ho.), una mano viene alzata per colpire (Zac
14,13).
Ih 'al Isb significa venire in mente (2Re
12,5; par. a zkr ricordare: Is 65,17; Ger
3,16; 44,21; 51,50); par. di swh pi. comanda
re: Ger 7,31; 19,5; 32,35; cfr. Ih al lebb Ez
38,10 e 'Ih 'al rah Ez 20,32).
b) Quasi tutti gli impieghi del qal ritornano
nellhi. con valore causativo; lho, il corri
spondente passivo. Quando loggetto una per
sona 'Ih hi. significa far salire (su un carro:
IRe 20,33; 2Re 10,15; su un tetto: Gios 2,6; su
un muro: Neem 12,31; da una cisterna: Ger
38,10.13; dallacqua: Is 63,11, cfr. Ez 29,4;
32,3; Ab 1,15; dal mondo sotterraneo: ISam
2,6; Giona 2,7; Sai 40,3; 71,20; cfr. Ez
37,12.13; applicato allopera della negromante:
ISam 28,8.11.11.15) oppure condurre su
(Gen 37,28; Num 20,25; 22,41; Gios 7,24 ecc.,
cfr. Nah 2,8 ho.). Con questultimo significato
il verbo ricorre 42x in riferimento allesodo
storico e 4x in riferimento allesodo futuro (vd.
st. 4c).
Dallaccezione spaziale deriva luso di Ih hi.
nel senso di reclutare (dei lavoratori di cor
ve: IRe 5,27; 9,15; 9,21 = 2Cron 8,8). Ih hi.
al significa anche, corrispondentemente al qal,
condurre a battaglia (Ger 50,9; Ez 16,40;
23,46; 26,3; 2Cron 36,17; cfr. Ger 51,27; Nah
3.3).
Quando loggetto una cosa il sign. principale
portare su ricorre soprattutto allorch que
ste cose sono trasportate in posizione pi alta
(la regione montagnosa della Palestina, il tem
pio, ecc.; larca: 2Sam 6,2.12; IRe 8,1.4.4;
lCron 13,6; 15,3.12.14.25.28; 2Cron 1,4;
5,2.5.5; gli arredi sacri: Ger 27,22; Esd 1,11; la
decima: Neem 10,39; le ossa di Giuseppe: Gen
50,25; Es 13,19; Gios 24,32; le ossa di Saul:
2Sam 21,13; il legname: 2Cron 2,15; un carro:
2Cron 1,17). Si spiegano in questo modo anche
gli altri impieghi del verbo: portare qualcosa
sopra qualcuno (rane: Es 8,1.3; flagelli: Deut
28,61), gettare la polvere sul capo (Gios 7,6;
Ez 27,30; Lam 2,10), portare lampade (Es
25,37; 27,20; 30,8; 40,4.25; Lev 24,2; Num
8.2.3), rivestire (di gioielli doro: 2Sam 1,24; di
sacco: Am 8,10: di ornamenti: 2Cron 3,5.14;
n1?!? Ih SALIRE

252

di oro [per indicare la quantit impiegata:


quanto ammonta]; IRe 10,16.17 = 2Cron
9,15.16), presentare il tributo (2Re 17,4), rumi
nare (Lev 11,3.4.4.5.6.26; Deut 14,6.7.7) ed al
levare (detto di animali: Ez 19,3; cfr. Is 40,31:
far crescere le penne). 'Ih hi. 'al lb significa
chiudere nel cuore (Ez 14,3.4.7; cfr. Sai
137,6).
In pi di un quarto delle ricorrenze (77x) lhi.
indica lofferta di un sacrificio (cfr. ug. 4ly S in
lAqht [-= 1 D] 185.192). Questa costruzione
usata soprattutto quando si tratta dellolocau
sto ( ol] 33x col plur. lt, 28x con il sing.
/, di cui 2x le'l, Gen 22,2.13), mentre lof
ferta d altre forme di sacrificio di solito
espressa con altri verbi. Quando questi verbi
sono attestati insieme a Ih hi. risultano eviden
ti le diverse forme di sacrificio ('Ih hi. con zbh
immolare: Es 24,5; Deut 27,6s.; Gios 8,31;
ISam 6,15; 10,8; con qtr hi. bruciare incen
so; Ger 33,18; 48,35; 2Cron 29,7; con ngs hi.
offrire; Es 32,6; 'ih selmim : IRe 3,15; 'ih
zbah: Ger 33,18).
Comunque Ih hi. pu anche riferirsi allofferta
di altri tipi di sacrificio, specialmente quando
essi sono menzionati in serie ed i loro scopi
specifici non vengono precisati (con minh Is
57,6; 66,3; 'ol e minh Es 30,9 [inoltre
qetrcet\\ 40,29; Lev 14,20; Gios 22,23; Ger
14,12; 'ol e sHmlm lCron 16,2; 'ol e
halbm 2Cron 35,14; lt e Ylmlm Giud
20,26; 21,4; 2Sam 6,17; 24,25 = lCron 21,26;
IRe 9,25; 'lt e minht Am 5,22). A volte, al
contrario, anche altri verbi possono trovarsi
con ol (zbh Es 20,24; qtr hi. 2Re 16,13.15,
cfr. laram. qtr ha. Esd 6,9s.), specialmente ter
mini generici nei quali possono rientrare diver
se azioni ('ih apprestare Es 10,25; Lev
9,7.22; 16,24; Num 6,16; 29,2; Deut 12,27
ecc.; qrb hi. offrire Lev 7,8; 10,f9; 23,37;
Num 28,11.27; 29,8.13.36 ecc.; ngs hi. offri
re ISam 13,9).
Usato senza indicazioni pi precise, Ih hi. as
sume in questi casi il sign. generico di offri
re (Num 23,2.4.14.30; Giud 13,19; 2Sam
15,24; 24,22; Ger 48,35 txt?; Sai 51,21 ecc.;
cfr. Giud 6,28 Ih ho.).
Luso di ol per indicare il sacrifcio totale si
spiega con il fatto che allorigine si parlava di
hamminh ha 'ol, d un dono che sale (nel
fuoco), destinato a Dio (cos Khler, Theol.
175), cfr. la definizione di Es 29,18 fai sa
lire (qtr hi.) in soave odore tutto lariete sullal
tare; una 'ol per Jahwe; cos pure Lev
1,9.13.17; 8,21.28; 9,17. Per lolocausto cfr.
W.B. Stevenson, FS Bertholet 1950, 488-497;
de Vaux 11,292-294.451 = ital. 404-406.535;
id., Les sacrifices de lAncien Testament, 1964,
24-28; L. Rost, FS F.iRfeldt 1958, 177-183; id.,
BHH 11,1345-1350.
Luso del contrario jrd hi. (67x; ISam 2,6 par. 'Ih hi.;
Am 9,2 e Prov 21,22 con 'Ih q.) e jrd ho. (4x) corri

253

rU 'Ih SALIRE

sponde a quello di 'Ih. Cos jrd hi. significa condur


re gi, portare gi (di persone: Gen 39,1; 43,7;
45,13; Giud 16,21 ecc.; cfr. jrd ho. Gen 39,1; di ani
mali: Deut 21,4; cfr. Ger 51,40; di cose: Gen 37,25;
43,11.22; Deut 1,25 ecc.), calare gi, lasciar cadere
gi (di persone dalla finestra: Gios 2,15.18; ISam
19,12; cadaveri dal palo: Gios 8,29; 10,27; larca dal
carro: ISam 6,15; il mare (di bronzo) dai buoi:
2Re 16,17), far scendere (dallaltare: IRe 1,53),
portare gi (dal piano superiore: IRe 17,23), Far
precipitare (Ger 49,16; Am 3,11; 9,2; Abd 3.4; cfr.
Zac 10,11 ho.), scaricare (di sacchi: Gen 44,11; di
ornamenti: Es 33,5), smontare (abitazione: Num
I,51; cfr. Num 10,17 ho.), levare (del velo: Num
4,5), far colare (ISam 21,14; Is 63,6; Lam 2,18),
far piovere (Ez 34,26; Gioe 2,23), chinare (del
capo: Lam 2,10), sottomettere qualcuno (2Sam
22,48; ls 10,13 txt?; Sai 56,8; 59,12; cfr. Is 43,14;
Prov 21,22). Spesso si dice che uno porta un altro
nel mondo dei morti, cio ne provoca la morte (vd.
st. 4a).

c) Il ni. pu essere abitualmente tradotto con


il riflessivo: alzarsi (della nube: Es
40,36.37.37; Num 9,17.21.21.22; 10,11; della
gloriadi Dio Ez 9,3), allontanarsi (Num
16,24.27; 2Sam 2,27; Gr 37,5.11). Anche le
due forme di Ez 36,3 e Esd 1,11, spesso consi
derate passive, si possono intendere senzaltro
in senso medio: farsi oggetto delle chiacchiere
della gente (Ez 36,3) opp. recarsi da Babilo
nia a Gerusalemme (Esd 1,11; una correzione
in hi. [cos BH3] non necessaria). Riferito a
Jahwe, il ni. denota la sua situazione perma
nente; egli elevato (Sai 47,10; 97,9).
d) celjn (contrario tahtn inferiore , Gios
16,3.5; lCron 7,24; 2Cron 8,5; con tahtn in
feriore e tlkn m edio Ez 41,7; 42,5) viene
usato con valore locativo sia come comparati
vo (la porta superiore: 2Re 15,35 = 2Cron
27,3; Ger 20,2 ecc.; la piscina superiore: 2Re
18,17 = Is 36,2; Is 7,3 ecc.; cfr. 7Iti Gios 15,19;
Giud 1,15) sia come superlativo (Gen 40,17:
quello dei tre canestri che stava pi in alto).
Nelluso metaforico la parola corrisponde sem
pre al superlativo il pi alto (di Israele:
Deut 26,19; 28,1; di Davide: Sai 89,28; 31x di
Dio, vd. st. 4b).

4/ Il rilievo teologico pu racchiudersi so


stanzialmente in tre tematiche: (a) le afferma
zioni relative allascesa ed alla discesa di Jahwe
e le relative concezioni del viaggio verso il cie
lo e verso lade, (b) gli appellativi divini com
posti con 'celjn e (c) i riferimenti allesodo
espressi con le forme di 'Ih.
a) Poich da tempo remotissimo il cielo con
siderato dimora di Jahwe (ufi'. Eichrodt
II,125-131; ->smjim ), le apparizioni di Dio
agli uomini nonch il ritorno alla sua sede pos
sono essere espressi con jrd e Ih.
I passi con Ih sono in realt abbastanza rari. Il
254

Codice sacerdotale usa Ih m'al per indicare il


commiato di Dio dopo lincontro con uno dei
patriarchi (Gen 17,22; 35,13; la venuta sem
pre espressa con r h ni. apparire, Gen 17,1;
35,9): Dio ritorna alla sua dimora celeste. In
questa linea da interpretare lascesa del mes
saggero di Jahwe, cio della sua manifestazio
ne, nella fiamma (Giud 13,20); in questo passo
si ricorda esplicitamente che la fiamma sale
dallaltare al cielo .
Nellinno di Jahwe re (Sai 47) lascesa di Jah
we (v. 6) motiva il suo potere di signore del
mondo (v. 3).
Il testo non dice che 'Ih descrve certamente lasce
sa dellarca a Sion (Kraus, BK XV,351); invece bi
sogna supporre il sign. usuale ascendere (al cieto)
(ibid.). La menzione delle acclamazioni e del
suono di tromba non deve necessariamente ri
chiamare un atto di culto; essa rientra piuttosto nella
topica dellintronizzazione d un re terreno (Num
23,21; 2Sam 15,10; 2Re 9,13) alla quale viene para
gonata lassunzione al trono di Jahwe.

Secondo Sai 68,19 Jahwe, salendo in alto


(mrm), conduce con s i prigionieri e riceve
tributi: come in Sai 47 si tratta qui del domi
nio universale di Jahwe. Perci non si parla
semplicemente dellascesa di Jahwe alla sua di
mora terrena (secondo Sai 68 il Tabor), ma
(per lo meno anche) della sua ascensione al
cielo. Vi pu essere qui un influsso delie anti
che concezioni cananee dellascesa e dellintro
nizzazione celeste della divinit. Per, diversa
mente dal Baal celeste intronizzato con pe
riodicit ciclica , Jahwe non viene dal mondo
sotterraneo, ma dal Sinai (Kraus, BK
XV,474s.), cio il suo potere non si fonda su
un evento mitico, ma sullintervento di Dio
nella storia.
La confessione del dominio universale di Dio,
gi implicita negli accenni alla sua ascensione
al cielo, diventa esplicita nei due passi con 'Ih
ni. Ed significativo che essa si trovi in inni di
Jahwe re (Sai 47,10; 97,9), in cui Dio detto
anche celjn (vd. st. 4b); Sai 47,3; 97,9). In Sai
47,10 la posizione elevata di Jahwe interpre
tata dalla frase parallela come un dominio su
gli scudi della terra , cio su tutti i potenti
in senso politico e militare. Sai 97,9 sottolinea
inoltre la superiorit di Jahwe su tutti gli dei.
Alla luce di queste affermazioni sulla posizione
eccelsa di Dio diventa particolarmente manife
sta la presunzione delluomo che vuole salire
al cielo (come espressioni di hybris Is
14,13.14; Ger 51,53; come tentativo di fuga
Am 9,2; solo in senso metaforico invece in Sai
107,26).
Pi frequenti degli accenni allascesa di Jahwe
sono quelli relativi alla sua discesa (particolar
mente in J, Gen 11,5.7; 18,21; Es 3,8;
19,11.18.20). In questo caso jrd assume addi
rittura il sign. tecnico di scendere dal cielo ,
255

per cui superflua lindicazione della sede di


Dio come punto di partenza. Soprattutto la de
scrizione jahwistica della teofama del Sinai (Es
19,11.18.20; 34,5, cfr. Neem 9,13) indica che il
monte di Dio considerato luogo dellappari
zione di Jahwe e non sua stabile dimora. Lo
stesso vale per i testi che parlano della discesa
di Jahwe nella tenda del convegno (Num
11.17.25; 12,5, aggiunte di J, cfr. Noth, ATD
7, 75.83). caratteristica in questa serie di af
fermazioni lallusione a fenomeni vulcanici:
Jahwe si manifesta nel fuoco (Es 19,18) o nella
nube (Es 34,5; Num 11,25; 12,5). Ai contrario,
la descrizione della teofania di Sai 18,10 =
2Sam 22,10 (cfr. linvocazione perch Jahwe
discenda, Is 63,19) ricorda piuttosto le appari
zioni neila tempesta. La preghiera perch av
venga la teofania in Sai 144,5 (come in Sai
18,10 = 2Sam 22,10 jrd sta con piegare il cie
lo ) unisce insieme le due concezioni. In ogni
caso la menzione di fenomeni concomitanti
rende evidente che la discesa di Jahwe sot
tratta ad una percezione immediata.
La discesa di Dio non perci propriamente
un antropomorfismo, bens un mezzo stilistico
per esprimere la superiorit di Dio sul mondo.
F. proprio questo il tenore di Gen 11,5.7. Se
Jahwe deve scendere per vedere lopera
degli uomini che sale fino al cielo (v. 5, cfr.
Gen 18,21), si deve vedere in tale descrizione
una eccellente ironia (O.Procksch, Die Genesis, 231924, 90). La discesa di Jahwe signi
ficativamente la prova della sua potenza: Jah
we viene per liberare ed aiutare (Es 3,8; Is
31,4; 63,19 [64,2 una glossa ripetitiva]; Sai
144,5-8) o per punire (Gen 11,7; Mi 1,3 [assie
me allespressione esce dalla sua dimora ,
-yy 4a; cfr: Mi 1,12).
In senso proprio (Deut 30,12 parla soltanto
dellinutilit di unimpresa del genere per rice
vere la legge) lascensione di un uomo si ha
soltanto nel rapimento di Elia ('Ih q. 2Re 2,11;
'Ih hi. 2Re 2,1; cfr. le espressioni con ~*Iqh
Gen 5,24; 2Re 2,3.5). jrd invece un termine
tecnico per la discesa dei morti al mondo sot
terraneo (jrd q.: Gen 37,35; Num 16,30.33; Is
5,14; 38,18; Ez 26,20; 31,14-17; 32,18-30; Sai
22,30; 28,1; 30,4.10; 55,16; 88,5; 115,17;
143,7; Giob 7,9; 33,24; Prov 1,12; 5,5; 7,27;
cfr. Sai 49,18; Giob 17,16; jrd hi. con sogg.
luomo: Gen 42,38; 44,29.31; IRe 2,6.9; Ez
28,8; 32,18; con sogg. Dio: ISam 2,6; Ez
26,20; 31,16; Sai 55,24; jrd ho.: Is 14,11.15;
Ez 31,18). Abitualmente jrd br scendere nel
la fossa (Is 38,18; Sai 28,1; 30,4 ecc.), jrd
sel() scendere nel regno dei morti (Gen
37,35; Giob 7,9; 17,16; cfr. jrd hi. Gen 42,38;
44,29.31) e sim., denotano la morte naturale.
In Num 16,30.33; Sai 55,16 si parla invece de
gli uomini che per decreto divino scendono
vivi nel regno dei morti (-ap'/). Similmente la
morte spesso considerata punizione di Dio,
rI? 'Ih SALIRE

256

soprattutto per la superbia umana (con jrd hi.:


Ez 26,20; 31,16; Sai 55,24; jrd ho.: Is
14,11.15; Ez 31,18; cfr. jrd q.: Is 5,14; Ez
26,20; 31,14-17; 32,18-30).
Quello dei morti (cfr. Eichrodt 11,143-145)
un mondo dove non esiste alcun rapporto tra
luomo e Dio (cfr. ls 38,18; Sai 28,1; 30,10;
115,17). Tuttavia si afferma in via di principio
che anche questa sfera non sottraila al potere
di Jahwe: egli pu non solo entrarvi, ma anche
uscirne (ISam 2,6; Giona 2,7; cfr. Am 9,2 Iqh).
Tuttavia in questi testi non si parla sempre
della morte in s, poich le sofferenze di ogni
genere sono gi sentite come unesperienza di
morte, per cui la liberazione da esse equivale
ad una salvezza dalla morte (con Ih hi. Sai
40,3; 71,20; cfr. C.Barth, Die Errettung vom
Tode in den individuellen Klage - und Dankliedem des AT, 1947, 93-110.130). In defini
tiva la fede di Israele stranamente priva di un
vero interesse per il mondo dei morti (cfr. von
Rad 11,37ls. = ital. 42ls.; Eichrodt II,151 s.).
b) Ancor pi della discesa e dellascesa di Jah
we, il predicato divino 'celjn quello che me
glio testimonia la potenza di Dio che domina
nel ciclo.
Nei 31 passi nei quali celjn c riferito a Dio, 22x le
piteto sta da solo (Num 24,16; Deut 32,8; 2Sam
22,14 = Sai 18,14; Is 14,14; Sai 9,3; 21,8; 46,5;
50,14; 73,11; 77,11; 78,17; 82,6; 83,19; 87,5; 91,1.9;
92,2; 97,9; 107,11; Lam 3,35.38), mentre negli altri
casi un attributo di altri nomi divini (5x di l: Gen
14/18.19.20.22; Sai 78,35; 2x di Jhwh Sai 7,18 [pro
babilmente il nome divino va cancellato, cfr. Kraus,
BK XV,55]; 47,3 e 2x di lhm: Sa) 57,3; 78,56).
Usato con Jahwe, 'celjn non certamente parte co
stitutiva del nome, ma apposizione. In Sai 57,3 e
78,56 la redazione elohistica probabilmente ha sosti
tuito loriginario nome divino con lappellativo.

Come nome opp. appellativo di Dio 'celjn


un termine noto nellambiente siro-cananeo, ed
attcstato in particolare nelliscrizione anticoaram. Sef I,A r. I l, dove nella lista dei testi
moni divini si ha wqdm l w'ijn e davanti ad
E1 e Eljn (KAI nr. 222; Fitzmyer, Sef. 37s.;
-> l III/3); daltra parte per Filone di Biblo
Elion una divinit chiaramente distinta da E1
e pi antica di questi di due generazioni (cfr.
C.Clemen, Die phonikische Religion nach Philo von Byblos, 1939, 25-32.62-75). Cfr. per la
storia delle religioni f. gli a. G. Levi della
Vida, JBL 63, 1944, 1-29; M.H.Pope, E1 in th
Ugaritic Texts, 1955, 55-58; O. Eiflfcldt, JSS 1,
1956, 28 n. 1; F.M.Cross, HThR 55, 1962,
241-244; R.Lack, CBQ 24, 1962, 44-64;
R.Rendtorff, ZAW 78, 1966, 277-291; W.H.
Schmidt, Atl. Glaube und seine Umwelt, 1968,
120s.; H.Gese (-M.Hfner -K.Rudolph), Die
Religionen Altsyriens, Altarabiens und der
Mandcr, 1970, 116s.; R. de Vaux, Histoire
ancienne dIsral, 1971, 262.
257

PI? Ih SALIRE

Il corrispondente ug. di 'celjn ly (126 [= li K], r.


5-8, usato due volte come parallelo di Baal). Secondo
M.Dahood, ThStudies 14, 1953, 452-457, questa for
ma abbreviata sarebbe attestata anche in Sai 7,9.11;
57,3.

Probabilmente lepiteto l celjn fu usato nel


culto della Gerusalemme predavidica e pass
successivamente nella liturgia di Israele (cfr.
H.Schmid, ZAW 67, 1955, 168-197; F.Stolz,
Strukturen und Figuren im Kult von Jerusalem, 1970, 157-163). In questo senso si espri
me soprattutto la pericope Gen 14,17-20 (cfr.
W.Schatz, Genesis 14, 1972, 207ss.). Lam
biente politeistico di questo appellativo si ma
nifesta soprattutto in Sai 97,9, dove si sottoli
nea la superiorit di Elion su tutti gli dei .
indicativo che celjn come appellativo di Dio
ricorra al di fuori di Gen 14 soltanto in testi
poetici, che potevano utilizzare pi facilmente
materiale extrabiblico. Inoltre questo titolo
usato di solito assieme ad altri predicati divini,
per cui non vi pu essere dubbio che con esso
si voglia indicare il Dio dIsraele (con Jahwe;
Deut 32,8s.; 2Sam 22,14 = Sai 18,14; Sai 9,2s;
21,8; 77,1 ls. [Jh]\ 83,19; 87,5; 91,9; 92,2;
97,9; con lhm: Sai 46,5; 50,14; 78,35; con
l: Num 24,16; Sai 73,11; 78,17s.; 107,11; con
Saddaj: Num 24,16; Sai 91,1; con adnj:
Lam 3,35-38).
Secondo O.EiDfeldt, KS 111,441-447, Elion e Saddai
di Sai 91 non sarebbero ancora identificati con Jah
we.

Allepiteto celjn si collegano soprattutto le se


guenti concezioni: secondo Gen 14,19 Jahwe
come l celjn - il v. 22 mette insieme espres
samente i due nomi - il creatore del cielo e
della terra. Per questo egli anche il signore di
tutta la terra (Sai 83,19; 97,9). Egli distri
buisce ai popoli il rispettivo territorio (Deut
32,8). Garantisce la stabilit della casa regnan
te e della citt di Dio (Sai 21,8; 46,5; 87,5); as
sicura al giusto la protezione giuridica (Sai
57,3; 91,1.9). la sua apparente debolezza
una delle tentazioni del giusto (Sai 73,11;
77,11). Egli abita nelle regioni superiori delle
nubi (Is 14,14) e fa risuonare la sua voce dal
cielo (Sai 18,14 = 2Sam 22,14). A lui, signore
del mondo, diretta ogni lode (Sai 7,18; 9,3;
50,14; 92,2). La ribellione alla sua maest un
peccato gravissimo (Sai 78,17.56; 107,11).
Anche se lappellativo divino celjn negli strati
pi antichi dellAT limitato alle pericopi an
tiche o arcaizzanti della liturgia, negli scritti
pi recenti dellAT e negli apocrifi (vd. st. 5)
esso tuttavia ampiamente usato. Questo tito
lo attestato I4x nelle sezioni aram. di libro
di Daniele: 6x in forma assoluta 'ill (sempre
Q: Dan 4,14.21.22.29.31; 7,25), 4x in unione
con alh (Dan 3,26.32; 5,18.21) e 4x nella
forma ebraizzante qaddis celjriin (doppio
258

plurale o assimilazione ad aIhnr, Dan


7,18.22.25.27). Questo appellativo divino, non
formatosi propriamente in Israele, viene incon
tro alle concezioni del mondo circostante ed
particolarmente adeguato alla situazione della
diaspora giudaica (cfr. Eichrodt 11,113).
Quanto al contenuto, si tratta anche in questo
caso della potenza universale di Dio (Dan
4,14.22.29 l Altissimo signore del regno de
gli uomini, cfr. 5,21; 4,31 la cui potenza
eterna e il cui regno dura pi a lungo di tutte
le generazioni; 5,18: egli d il regno e la po
tenza).
incerto chi siano i santi dellAltissimo (Dan
7,18-27). Mentre abitualmente si riferisce lespressio
ne ai membri fedeli del popolo giudaico (cos anche
R.Hanhart, FS Baumgartner 1967, 90-101), M.Noth
in particolare (FS Mowinckel 1955, 146-161 = GesStud 274-290) ha sostenuto che si tratti di esseri ce
lesti (cos i b?n txljn di Sai 82,6).

c) NelFAT la confessione originaria di


Israele (Noth, UPt 52), ossia che Jahwe co
lui che ha condotto Israele fuori dellEgitto ,
attestata in due forme. Per latto della libera
zione viene usato o il verbo -+js hi. (76x) o Ih
hi. (42x), con un formulario che, nonostante le
numerose varianti, si mostra relativamente fis
so.
..................
Le forme pi significative sono la confessione
Jahwe ci ha fatto uscire dal paese dEgitto
(Gios 24,17; Giud 6,13; Ger 2,6), il detto di
Dio io ti ho condotto fuori... (Mi 6,4; Sai
81,11 [con formula di autopresentazione}; cfr.
Gen 46,4; v i: Gen 50,24; Es 3,17; Lev
11,45; Am 2,10; Giud 2,1; 6,8; li : 2Sam
7,6; Am 3,1 ecc., cfr. Es 3,8) e la proposizione
enunciativa Jahwe ha fatto uscire Israele...
(ISam 12,6; 2Re 17,7; Ger 16,14; 23,7; Os
12,14; te: Deut 20,1; voi: 2Rc 17,36).
f formulari di introduzione mostrano che le
spressione ricorreva di frequente in contesti li
turgici (cfr. linvocazione liturgica o Israele,
ecco... Es 32,4.8; IRe 12,28; ecco... Neem
9,18; dov Jahwe...? Ger 2,6; non ha Jah
we...? Giud 6,13; cfr. Am 9,7; la formula di
giuramento per la vita di Jahwe... Ger
16,14; 23,7; la formula del messaggero cos
parla Jahwe introduce Giud 6,8; ISam 10,18;
cfr. Am 9,7), cfr. J.Wijngaards, VT 15, 1965,
99.
Di solito il soggetto dellazione Jahwe. In ef
fetti non vi una distinzione reale tra i prota
gonisti, siano essi langelo di Jahwe (Giud 2,1)
o Mos (Es 17,3; 32,1.7.23; 33,1.12; Num
16,13; 20,5 [ed Aronne]), poich essi sono
semplicemente il tramite dellopera divina (cfr.
Os 12,14 per mezzo di un profeta Jahwe fece
uscire Israele dallEgitto ). Anche in Num
21,5 Dio e Mos sono insieme i soggetti della
zione. D ora in poi quindi non faremo differen
za tra i diversi soggetti grammaticali.
259

Le forme con Ih hi. sono chiaramente pi an


tiche di quelle con js hi. Sono attestate gi nel
le parti narrative pi antiche (J: Es 3,8.17;
33,12.15; Num 16,13; JE: Gen 46,4; 50,24; Es
17,3; 32,1.4.7.8.23; Num 20,5; 21,5), nei primi
profeti scrittori (Os 12,14; Am 2,10; 3,1; 9,7;
Mi 6,4) e nelle sezioni predeuteronomistiche
della storia dtr. (Gios 24,17; Giud 2,1; 6,8.13;
2Sam 7.6; IRe 12,28). Nel tardo periodo mo
narchico la frequenza tende a retrocedere ri
spetto a js hi., specialmente nelle sezioni legi
slative dellAT (in Deut soltanto 20,1 [contro
17x js hi.]: storia dtr.: Es 33,1; ISam 8,8;
10,18 [cfr. a questo proposito e per lintero
problema ILJ.Boecker, Die Beurteilung der
Anfange des Konigtums in den deuteronomistischen Abschnitten des 1.Samuelbuches, 1969,
39-43]; 12,6; 2Re 17,7.36; Ger: 2,6; 11,7;
16,14; 23,7; Sai: 81,11; P: Lev 11,45; Num
14,13; Cron.: Neem 9,18; cfr. Es 32,4; lCron
17,5 = 2Sam 7,6), cfr. la lista di Wijngaards,
l.c. 98. In Giud 6,8 la formula espressa con
far salire e quella con far uscire sono
usate insieme.
Dalle sue testimonianze si deve concludere che
la formula con Ih hi. proviene dal regno del
nord ed era legata ai suoi santuari (cfr. Wijn
gaards, l.c. 100). Essa apparteneva alla tradi
zione della costruzione dei vitelli doro di
Betel e Dan (IRe 12,28; il plurale di Es 32,4.8,
improprio in questo contesto [ questi sono gli
dei che...], dimostra che dal lato della storia
della tradizione il passo dipendeva da IRe 12;
in Neem 9,18 usato il sing. come di regola).
Il legame con il culto illegittimo del regno del
nord potrebbe essere la causa della graduale
scomparsa della formula opp. della sua sostitu
zione con quella contenente js ' hi.
La formula espressa con far salire si adatta
bene a collegare tra loro le tradizioni delluscita dallEgitto e della conquista della ter
ra . Lintimo rapporto tra le due gesta di Jah
we testimoniato dalla fonnula specialmente
in quei passi che ricordano il luogo di partenza
e la destinazione (con min e cel: Gen 50,24; Es
3,8.17; 33,1). Anche lintroduzione di Israele
nella terra (con b hi, al) ricordata con lu
scita dallEgitto (Num 16,l3s.; 20,5; Giud 2,1;
Ger 2,6s.). Gi il lamento del popolo, di es
sere condotto nel deserto e non nella terra
abitata (cfr. Num 16,13; 20,5; 21,5), che si ri
trova in diversi contesti, denota che lidea del
lentrata in possesso della terra era essenziale
fin dallinizio. Un collegamento con il tema
della guida nel deserto {hlk hi.) si ha in Ger
2,6 e Am 2,10.
Che il far salire Israele sia latto fondamen
tale di Dio per la salvezza del suo popolo non
risulta cos chiaro come nella formula espressa
con js' hi., la quale nella tradizione legata al
prodigio del Mar rosso; tuttavia il linguaggio
liturgico e limportanza dei contesti nei quali
n b v Ih SALIRE

260

ricorre fanno assumere lo stesso valore anche


alla formula con far salire (assieme a nsl hi.
liberare Es 3,8; ISam 10,18).
In stretto collegamento con il tema dell uscita
dallEgitto sono quei passi che testimoniano
lassistenza di Jahwe nel cammino di Israele
verso o dallEgitto (jrd q.: Gen 46,4; 'Ih q.: Es
33,3.5 [in senso negativo]; in senso positivo
con hlk Es 33,14.15).
Geremia contrappone espressamente il primo
esodo al secondo (Ger 16,14s. = 23,7s.). Il ri
torno di Israele dallesilio considerato dal
profeta come una prova cos grande della po
tenza di Dio da oscurare luscita dallEgitto,
che pure lazione fondamentale. E proprio
questo atto di salvezza costituir anche per il
futuro il dato basilare della fede di Israele; le
formule di giuramento si richiamano perci al
Dio dIsraele che ha riportato in patria il po
polo dalla dispersione.
Ezechiele ricorre aHimmagine della rianima
zione delle ossa dei morti per descrivere il ri
torno di Israele dallesilio (Ez 37,12.13 vi ri
susciter dai vostri sepolcri, o popolo mio;
nel v. 12 limmagine si rende esplicita: e vi
riporter nella terra di Israele).
,alijj rimasto anche lungo i secoli il termine tecni
co per designare il ritorno delle membra disperse del
popolo di Dio nella terra dei padri.

5/ I LXX traducono regolarmente Ih e jrd


con la coppia di opposti va^aiveiv e xaxapaiv e iv ; ttljn reso con u^urroq.
Il nome divino Elion trova larga accoglienza
negli apocrifi (Eccli circa 50x, Sap e 3Esd) e
negli pseudepigrafi (Enoc, Giubilei e 4Esdra).
Questo appellativo divino entra anche nellelle
nismo tramite il giudaismo e diventa una desi
gnazione corrente del re dei giudei (documen
tazione in A.B.Cook, Zeus, 1914-40, 11/2,
876-890; II1/2, U62s.).
Nellapocalittica inoltre si d grande risalto al
lidea dellascensione di un uomo (ascensione
di Mos, ecc.), nella gnosi a quella del viaggio
celeste del lanima.
Il NT riflette strettamente il linguaggio dellAT
(fino a riportare veri e propri semitismi, cfr.
entrare nel cuore Atti 7,23; l Cor 2,9), cfr.
J.Schneider, art. 0awu), ThW 1,516-521 (=
GLNT II, 15-28); G. Bertram, art. tyoq, ThW
VI1I,600-619.

G. Wehmeier

evidenza le loro caratteristiche comuni e le


loro diversit, in modo da individuare chiara
mente il loro sviluppo specifico.
1/ a) La parola am (* amm-) ricorre in va
rie lingue sem., p.e. acc. (come prst. semO.
bab. antico ammum/bammum popolo [?] ,
cfr. AHw 44b; CAD A/Il, 77a), amor (Huffmon 196-198), ug. ( m popolo, cfr. WUS
nr. 2042; UT nr. 1864), fen. pun., moab. e
aram. ( ni popolo, DISO 216; LS 529a),
arab. ( amm zio paterno, Wehr 575b), su
darab. antico ( m patruus, Conti Rossini
208s.). Insieme a -b, -* h ecc. appartiene
alle designazioni di parentela e significa zio pa
terno. Nello stadio primitivo il termine ha il
significato di stirpe , parente (dal lato pa
terno) , parentela e ha quindi senso collet
tivo (Lane I, 2149: a company of men, a tribe, a numerous company [= gruppo di uo
mini, trib, gruppo numeroso]; secondo
WUS nr. 2042 il termine ug. m ha il sign. di
stirpe, parentela).
Con ogni probabilit in ebr.zio paterno il
sign. originario, mentre stirpe rappresenta
uno sviluppo successivo; in ogni caso in 'am
messa in risalto la parentela dei membri. Da
tutto ci si pu concludere che la corrente tra
duzione del termine con popolo meno
esatta e pu essere mantenuta solo se si tiene
presente ci che in questo modo si sottintende
con popolo . GB 596s. riporta 'am I popo
lo accanto a 'am II congiunto, parente,
ma con lannotazione: originariamente la pa
rola era l medesima di am I; KBL 710s. di
stingue am I consaguineo , am II parente
(nei nomi teofori) e 'am III popolo e sem
bra che tratti gli ultimi due come derivati di
'am I. Lattendibilit di una simile distinzione
operata dai vocabolari pu essere a buon dirit
to contestata se si considera che, in fondo, si
tratta di ununica e medesima parola e, per la
verit, di una designazione di parentela; il sign.
originario quello di zio paterno. R. de
Vaux, Histoire ancienne dIsarl, 1971, 151s.,
descrive la situazione nel modo seguente:
Non ci sono motivi per attribuire queste ac
cezioni a due parole diverse, come fanno i vo
cabolari, poich il popolo inteso come una
estensione della famiglia, della famiglia pater
na... Dal senso di parente stretto a quelli di fa
miglia, clan, popolo, il passo breve.

DSJ/a 'am/gj POPOLO

b) Con notevole frequenza si rileva am nelle


denominazioni semO., dove sembra essere un
elemento teoforo. Cos p.e. nei nomi amor, dei
testi di Mari e nei nomi ug., fen. e pun.

1/ am e gj, spesso tradotti con popolo o


nazione , possono essere trattati molto bene
assieme. Solo cos si pu giungere a porre in

Non per ancora del tutto chiaro se si tratti di un


dio Ammu o delluso di un termine di parentela
come appellativo di divinit. Si pu pensare con
molta probabilit che anche qui la designazione di
parentela sia originaria e che la sua applicazione ad

261

QBnj am/gofPOPOLO

262

una divinit testimoni lo stretto legame tra questultima ed i suoi adoratori. Essi infatti trattano il dio
come loro parente stretto e attendono da lui quella
protezione e quellaiuto che anche lo zio paterno sa
rebbe certamente pronto a concedere. Che ammu
(oppure harnmu) nei nomi amor, significhi lo zio pa
terno per Huffmon 196 th most probable explanation (= la spiegazione pi probabile ), ma
th sense kindred, people... can also be argued... (= vi si pu anche vedere.., il senso di pa
rentela, popolo ). Sembra escluso che si tratti di un
vero e proprio nome divino, poich manca il deter
minativo della divinit, n lo si pu provare con il
fatto che 'ammu si trova nei nomi esattamente al po
sto di un nome di divinit, e nemmeno con il fatto
che gli vengono ascritte propriet e operazioni che
altre volte sono attribuite alle divinit. Grondahl
82s. (cfr. 109) afferma: Nei nomi ugaritici 'Ammu
viene chiamato leone, forte, luce; il guari
tore e lo si prega di far diventare grande, di es
sere fecondo, di essere durevole, stabile, di tor
nare indietro; egli chiama (per nome); luomo si
definisce figlio e discendente di Ammu . Per i
nomi fen. pun. cfr. F.L.Benz, Personal Names in th
Phoenician and Punic Inscriptions, 1972, 379; per
Aram dio lunare qatabanico cfr. M.Hfner, in:
H.Gese e al., Die Religionen Altsyriens, Altarabiens
und der Mandaer, 1970, 282s.377.

Nei nomi di persona vtrt. am ricorre di fre


quente (cfr. Noth, IP 76ss,; J.J.Stamm, SYT 7,
1960, 177s.; id., FS Landsberger 1965, 418s.),
e generalmente si presenta anche qui, al pari
dei nomi scmO., almeno in origine come ele
mento teoforo. Si ricordino f. gli a. amml'l
(Num 13,12 ecc.), ammlhd (Num 1,10 ecc.),
ammndb (Es 6,23 ecc.), animisaddj,
(Num 1,12 ecc.), amrm (Es 6,18 ecc.),
J eqam'm (lCron 23,19; ' 24,23), Jrob'm
(Geroboamo, Re 11,26 ecc.), e R ehabm
(Roboamo, 1Re 11,43 ecc.). Il significato degli
ultimi due nomi incerto; o anche qui am
lelemento teoforo oppure in ambedue i casi
'am significa popolo (cfr. Grondahl
109.179; UT nr. 2330; J.J.Stamm, FS Albright
1971, 443-452). Per il nome ammn cfr.
J.J.Stamm, ArOr 17, 1949, 379-382; von Rad,
ATD 3, 9176 (= ital. 296) per Gen 19,38.
1 nomi vtrt. citati lasciano comunque intrave
dere che il significato antico di 'am non fu di
menticato, almeno nei primi tempi e allinizio
dcllepoca monarchica, e che anzi esso fu co
nosciuto anche in seguito. Non esatta losser
vazione che questo significato si sia conservato
in ebr. molto di rado (von Rad, l.c.); bisogna
invece ritenere anzitutto che esso di fatto ricor
re in molti passi o che per lo meno ha avuto
unimportanza pi o meno significativa.
2/ a) Diversamente da am, che nellambien
te dellAT era largamente diffuso, il termine
gj si incontra nellarea linguistica sem. allinfuori dellebr. solo nei testi di Mari
(gum/gwum, ARM IV 1,13.15; VI 28,8; RA
49, 1955, 16ss.; cfr. ARM V 87,5). Nel corso
263

degli anni sono stati proposti i significati di:


tri b (Dossin, Kupper), stirpe (A.Falkenstein, BiOr 13, 1956, 31), popolo (AHw
284a), group, gang (of workmen) (= grup
po, squadra [di operai] ) (CAD G 59). A.Malamat, JAOS 82, 1962, 143s. n.3, dellopinio
ne che th term originally designated a gentilic unit, Ihough in th Mari documents it is aiready used in th context of territorial and administrative organization (= il termine ori
ginariamente designava una unit gentilizia,
sebbene nei documenti di Mari sia gi usato
nel contesto di una organizzazione territoriale
ed amministrativa). Per D.O.Edzard, ZA 56,
1964, 144, esso designa un ramo della stirpe.
Rimane quindi difficile definire pi esatta
mente il termine. Questo stato di cose non
contribuisce certo a chiarire la parola vtrt.
gj, soprattutto perch il rapporto tra gj e
gum vago. Il termine gj forse derivato
dal (semO.) gwum/gSjum (R.E.Clements,
ThWAT 1,966), oppure gum una parola
straniera can. (AHw 284a)? O ambedue le pa
role provengono da una origine comune, per
cui non si pu parlare di derivazione e cos
via? Non si pu arguire nulla di sicuro per una
etimologia di base. Cosi non serve ricorrere
p.e. a gw societ, comunit, corporazione
(nellAT solo in Giob 30,5; cfr. fen. pun. gw,
DISO 48; HAL I74b), anche se si dovesse am
mettere una connessione con gj.
b) Per quanto riguarda la differenza tra am e
gj si potrebbe formulare lipotesi seguente:
come termine appartenente allambito della
parentela, am racchiude gi in s unidea di
affinit, la quale non quindi condizionata da
fattori esterni, mentre pei gj non sembra esse
re decisiva una unit naturale, anche se essa
di fatto presente, poich appunto entrano in
gioco altri elementi (territoriali o soprattutto
politici?). E.A.Speiser, JBL 79, I960, 160, for
mula cos la differenza: am - soggettivo e per
sonale, gj - oggettivo ed impersonale. Tradu
zioni come popolo per 'am e nazione, po
polazione, stato per gj sono poco soddisfa
centi e possono essere adeguate solo in base al
contesto oppure se munite di una spiegazione.
Cos pure non corretto intendere am come
societ religiosa e gj come societ politica.

11/ Le ricorrenze sono cos ripartite nellAT


(ebr., incl. gjm di Gen 14,1.9; Gios 12,23;
Giud 4,2.13. 16; 'am! di Os 10,14 txt? considerato sing.):

Gen
Es
Lev
Num
Deut

gj
sing.
9
4
2
1
13

plur.
18
2
5
4
33

'am
totale sing.
23
27
6
170
7
29
5
83
46
82

plur.
10
5
14
4
25

pria 'am/gj POPOLO

totale
33
175
43
87
107

264

Gios
Giud
ISam
2Sam
IRe
2Re
Is
Ger
Ez
s
Gioe
Am
Abd
Giona
Mi
Nah
Ab
Sof
Agg
Zac
Mal
Sai
Giob
Prov
Rut
Cant
Eccle
Lam
Est
Dan
Esd
Neem
1Cron
2Cron
AT

5
1

1
2
5
20
28
1

2
1

1
4
1

1
7
I
1

8
6
2
4
3
12
53
59
86
3
8
3
4

7
2
6
3
3
17
4
53
2

1
6
3
6
9
3
438
123
22% 78%

67
3
65
2
110
1
102
77
6
53
25
105
162
3
69
29
15
3
2
1
7
1
1
9
12
7
2
2
7
2
4
2
7
5
4
8
17
10
9
5
2
60
83
37
3
3
5
1
1
8
IO
1
2
2
7
9
24
7
3
16
16
1
7
46
6
7
9
40
5
12
6
106
561 1639 229
100% 88% 12%
13
7
2
5
5
17
73
87
87
3
10
4
4

70
67
fio
103
83
53
130
165
98
18
13
7
1
1
19
2
6
7
8
19
2
120
8
9
10
1
2
11
31
16
23
53
45
112
1868
I00<K

Nella parte aram. dellAT si trovano 15 atte


stazioni di 'am (Dan lOx, Esd 5x), di cui 8x
sing. e 7x plur. (in Dan).
Per am prevalgono ampiamente i passi con il
sing., per gj avviene esattamente il contrario.
Vi ancora unulteriore differenza caratteristi
ca: am munito spesso di suffissi pronomina
li, mentre per gj i suffissi non sono pratica
mente usati (solo Gen 10,5.20.31.32 i vostri
popoli e Es 36,13.14.15 i tuoi popoli;
inoltre Sof 2,9 e Sai 106,5 mio/tuo popolo ,
ambedue le volte par. a 'am, che viene nomi
nato per primo).
Per quanto riguarda la diffusione nel Pentateu
co, molto sorprendente il numero estrema
mente grande dei passi con am al sing. (Es,
Num, Deut) in contrapposizione ai veramente
pochi casi con gj al sing. Va ancora osservato
che quasi la met di tutti i passi col plur. si
trovano nel Deut, dove ammm e gjm sono
pi o meno in equilibrio.
Anche in Gios-2Re si constata la medesima si
tuazione: basso numero di passi con gj al
sing. di fronte ai numerosi casi di am (14 su
474). Va rilevato inoltre che, per quanto ri
guarda i passi al plurale, sembra manifestarsi
una certa preferenza per gjm (cfr. soprattutto
2Re, dove ammm manca).
Per i libri profetici, si noti lalto numero dei
265

n a n a am/gj POPOLO

casi con 'am al sing. in Ger di fronte ai pochis


simi passi col plurale; al contrario in Ez i casi
con gj al sing. sono molto pochi in rapporto
ai numerosi passi col plurale. Pi della met
dei casi con gj al plurale si trovano in Deut,
Is, Ger e Ez. Nei salmi accanto ai molti passi
con gjm sorprende il numero relativamente
alto dei casi con 'ammm.
Ili/ Lesame delle due parole 'am e gj si ar
ticola nel modo seguente: 111/1 am come ter
mine di parentela; III/2 am hrces il popo
lo della terra; III/3 'am come termine indi
cante truppa esercito?; III/4 'am Jhwh il
popolo di Jahwe ; III/5 'am qdS un popo
lo santo ; 1V/1 gj nelle affermazioni di pro
messa; IV/2 la differenza semantica tra 'am e
gj', IV/3 i plurali ammm e gjm.
Per tutta la trattazione si veda la seguente bi
bliografia (selezionata, escludendo i commenta
ri e le teologie dellAT): M.Krenkel, Das
Verwa nd tschaftswort am, ZAW 8, 1888,
280-284; J.Boehmer, Dieses Volk; JBL 45,
1926, 134-148; G.von Rad, Das Gottesvolk im
Deuteronomium, 1929 = GesStud II, 1973,
1-108; L.Rost, Die Bezeichnungen fiir Land
und Volk im T, FS Procksch 1934, 125-148
= KC 76-101; N.W.Porteous, Volk und Gottes
volk im AT, FS Barth 1936, 146-163; A.Causse, Du Groupe ethnique la communaut religieuse, 1937; N.A. Dahl, Das Volk Gottes,
1941; W.Eichrodt, Gottes Volk und die Vlker, 1942; O.EiBfeldt, Volk und Kirche im
AT, ThStKr 109, 1947, 9-23; H.W.Wolff, Volksgemeinde und Glaubensgemeinde im AT,
EvTh 9, 1949/50, 65-82; H.W.Hertzberg. Werdende Kirche im AT, 1950; A.R. Hulst, Der
Name Israel im E)euteronomium, OTS 9,
1951, 65-106; Th.C.Vriezen, Die Erwhlung
Israels nach dem AT, 1953, edizione olandese
rielaborata: De verkiezing van Israel, 1974;
J.D.W.Kritzinger, Qehal Jahwe, 1957; R.Martin-Achard, Israel et les nations, 1959; E.A.
Speiser. People and Nation of Israel,
JBL 79, I960, 157-163; H.Wildberger, Jahwes
Eingentumsvolk, 1960; O.Bchli, Israel und die
Vlker, 1962; R.Smend, Die Bundesformel,
1963 (= ital.: La formula di alleanza, in:
D.J.McCarthy - G.E.Mendenhall - R.Smend,
Per una teologa del patto nelPAT, 1972,
123-153); id., Jahwekrieg und Stammebund,
(1963) 21966; G. von Rad, Der Hcilige Krieg
im alten Israel, 41965; F.Stolz, Jahwes und
Israels Kriege, 1972.
Per i singoli problemi, oltre alla bibliografia ci
tata nei relativi paragrafi, cfr. anche i seguenti
lavori pi recenti: D.E.Hollenberg, Nationalism and th nations in Isaiah XL-LV, VT
19, 1969, 23-36; H.G.May, This people
and This nation in Haggai, VT 18, 1968,
190-197; H.M.Lutz, Jahwe, Jerusalem und die
Vlker, 1968; G.Schmitt, Du sollst keinen
266

Frieden schlieBen mit den Bewohnern des Landes, 1970; J.T.Willis, Micah 2,6-8 and th
People of God in Micah, BZ 14, 1970,
72-87; G.W.Anderson, Israel: Amphictyony:
am, qhl, d, FS May 1970, 135-151;
N.Fiiglister, Strukturen der atl. Ekklesiologie,
in: J.Fciner - M.Lhrer, Mysterium Salutis,
IV/1, 1972, 25-28 (= ital.: Strutture delleccle
siologia veterotestamentaria, in: Mysterium Sa
lutis, 7, 1972,25-29).
1/ Analogamente a quanto esposto in l/la,
per 'am bisogna partire dalluso della parola
come t e r m i n e di p a r e n t e l a . Sulla base
delle espressioni vtrt., meglio indicare piutto
sto concretamente il sign, di parentela; a
tale scopo, oltre ad alcuni passi isolati (vd. st.
l.c.), assumono rilievo due frasi idiomatiche
(la-b).
a) La prima sp ni. cel ammm riunirsi
agli 'ammm. Si parla di Abramo che spi
rato, morto, si riunito ai suoi 'ammm ed
stato sepolto (Gen 25,8s.); similmente Ismaele
(25,17), Isacco (35,29), Giacobbe (49,29.33),
Aronne (Num 20,24; Deut 32,50) e Mos
(Num 27,13; 31,2; Deut 32,50). Si tratta di
una formula molto antica, conservata in P. Gli
ammlm sono qui i parenti (morti), con i quali
il defunto si riunisce; a questa maniera si sotto
linea chiaramente il legame con i trapassati.
B.J.Alfrink, OTS 5, 1948, 118 ss. ha negato
con buoni argomenti che questa formula pre
supponga limmagine della tomba patema e di
famiglia, come molto spesso viene affermato
R.de Vaux, La Gense [Bible de Jrusalem],
1962, 118 per Gen 25,8: rexpression... tire
son origine des tombeaux de famille [= le
spressione... trae origine dalle tombe di fami
glia]; cfr. anche von Rad, ATD 3, 9210 [=
ital. 350s.[). Per Alfrink con questa espressione
non si intende la runion aux anctres dans
le tombeau familial (= la riunione agli ante
nati nella tomba di famiglia); essa allude in
vece la runion aux anctres dans le
Shol (= alla riunione agli antenati nello
seoi ).
Mentre il TM ha il plur., il Targum e i LXX usano
il sing. (Xaq, in Gen 25,17 e 35,29 yvoq), e cosi
pure di solito la Volgata. Il testo sani., se si tratta dei
suffissi di 2a e 3 persona, ha 'rnk e mw, queste for
me possono essere sia sing. sia plur. (con scrittura di
fettiva). La tradizione testuale masoretica ha dato
per valore alle forme plurali, conservando cosi la
forma originale dellespressione. Perci il plurale va
conservato e in Gen 49,29 ammaj stato ripristina
to al posto di amm. La traduzione al sing. indica
che non si pi intesa correttamente la formula, op
pure chc la si considerata unespressione stereotipa.
Per le formule analoghe, come coricarsi accanto ai
padri o sim.
b IY/2a.

b) La seconda formula (con qualche varia


zione) krt ni. m'ammw separarsi dai propri
267

parenti (Gen. 17,14; Es 30,33.38; 31,14; Lev


7,20.2125.27; 17,9; 19,8; 23,29; Num 9,13,
passi appartenenti tutti a P o a H). Le mancan
ze a causa delle quali il malfattore viene espul
so dalla cerchia dei suoi parenti, sono di natu
ra religiosa e sacrale, ossia violazione di precisi
tab e infrazioni di usanze cultuali e rituali,
con cui si mette in pericolo il gruppo familia
re, il clan come comunit religiosa cultuale.
Il colpevole con tale atto si esclude da questa
comunit e viene abbandonato al suo destino.
Ora, anche questa formula tramandata col
sing. am invece che col plur. di 'am (con krt
ni.: Lev 17,4; 18,29; 20,17.18; Num 15,30; con
krt hi.: Lev 17,10; 20,3.5.6; cfr. Ez 14,8,9). Per
questa formula di scomunica cfr. W.Zimmerli,
ZAW 66, 1954, 17ss. e BK XIII, 302ss. Secon
do la sua opinione la formulazione col plur.
potrebbe rappresentare la forma antica delle
spressione e riferirsi al clan in quanto comuni
t cultuale, mentre la formulazione col sing. si
riferisce ad Israele, popolo del patto, come co
munit cultuale vera e propria. Bisogna chie
dersi per se la situazione non sia di fatto al
quanto pi differenziata; potrebbe darsi che
non tutti i passi in questione si riferiscano
semplicemente al popolo nella sua totalit. Nei
passi con krt hi. e 'am munito di suffisso di 3a
pers. si tratta proprio dellintero popolo di
Israele o non piuttosto soltanto del clan cui ap
partiene il trasgressore? A favore di questa se
conda ipotesi si potrebbe addurre il fatto che
anche quando la formula di scomunica al
passivo, ammm e arri sono interscambievoli;
il sing. am avrebbe allora il significato colletti
vo di gruppo, parentela , e questa possibilit
va tenuta presente. La formula di scomunica
espressa con il sing. pu essere intesa in ambe
due i modi: o si riferisce, come la formula
plur., alla comunit del gruppo, oppure, come
gi si detto, in epoca pi recente pu desi
gnare la comunit religiosa di Israele. Questul
timo pu essere senzaltro il senso dellespres
sione nei LXX e nel Targum, che hanno reso
col sing. la formula di scomunica, nelle sue di
verse variazioni.
c) Il sign. di parentela per il sing. am
chiaro anche in 2Re 4,13 io abito tra i miei
parenti. Nella cerchia della propria gente si
trova protezione e sicurezza (non necessario
leggere 'ammaj invece di amm-, am usato
collettivamente). Lempio tra il suo gruppo
non avr discendenti chc tengano viva la sua
memoria ed onorino il suo nome, Giob 18,19
(cfr. v. 17). Invece in Ger 37,12 il significato di
am un po incerto. Per Rudolph, HAT
12,238, il profeta deve regolare una spartizione
di eredit nellambito della famiglia (il v. 4,
dove am significa la popolazione di Gerusa
lemme, non dice nulla sul significato di am
nel v. 12). Anche se con qualche dubbio, il
Q Vl' am/gj POPOLO

268

sign. di famiglia qui per abbastanza pro


babile. Anche in Rut 1,10.16, in una narrazio
ne che si riferisce ad un ambito familiare, il si
gnificato di parentela sarebbe il pi adatto;
comunque esso resta sullo sfondo.
In Ez 18,18 con 'ammm si intendono certa
mente i parenti. In questa discussione che si
occupa cos intensamente del problema delJa
solidariet nella colpa nell'ambito della fami
glia, non fuori luogo dare uno sguardo al
gruppo familiare (cos Zimmerli, BK XIII,
394; la traduzione al sing. dei LXX un adat
tamento secondario al popolo di Dio).
Secondo Lev 21,1.4 non permesso ad un sa
cerdote contaminarsi quando uno dei suoi pa
renti Cammini) muore; al sommo sacerdote
permesso il matrimonio soltanto con una ver
gine della sua parentela, Lev 21,14.15 (cfr.
per la prescrizione posteriore di Ez 44,22,
nonch il testo sam. e G in Lev 21,15). Infine,
ancora Lev 19,16: Non andrai in giro a spar
gere calunnie tra i tuoi consanguinei; anche
qui linterpretazione popolo, membri di uno
stesso popolo un ampliamento tardivo del
senso originario.
11 sign. di parentela stato rilevante fin dal
principio; negli scritti sacerdotali esso ha tro
vato tanta risonanza forse perch in epoca po
steriore, postesilica, si attribuita unimpor
tanza particolare ai rapporti comunitari di pa
rentela.
La parola (certo pi recente) m l (Lev 5,21.21;
18,20; 19,11.15.17; 24,19; 25,14.14.15.17) difficil
mente pu significare membro di un gruppo triba
le , ma piuttosto connazionale, concittadino (El
liger, HAT 4,241 n. 19). In Lev 19,11-18 sta in pa
rallelo con prossimo, fratello, figli del tuo
popolo. In Zac 13,7 ha probabilmente il significato
di confidente , ma si pensa anche ad un astratto
comunit o sim. (cfr. M.Steb0, Sacharja 9-14,
1969, 279s,; i LXX hanno qui TOXi-rqq, altrove
TtVricxov).
Per 'ammm si voluto trovare il sign. di parente
anche in Deut 33,33 (J.Wijngaards, Deuteronomium,
1971, 350), ma questo passo troppo insicuro. Cer
tamente il plur. va conservato, perch dal lato della
critica testuale meglio testimoniato del sing.; largo
mento che i ammm non possono essere oggetto
dellamore di Jahwe (C.Steuernagel, Das Deuterononiium, 21923, 174) non regge, se deve fondare una
decisione di critica testuale.

2/ a) Lespressione am h m s p o p o l o
d e l l a t e r r a viene intesa spesso come ter
mine tecnico ed interpretata come linsieme
degli uomini di uri territorio che esercitano
una attivit politica, oppure, un po pi generi
camente, come lo strato sociale pi elevato che
possiede diritti civili (cfr. f. gli a. E.Wiirthwein,
Der amm haarez im AT, 1936; R.Meyer, Judaica 3, 1947, 169-199; de Vaux 1,111
113.331 s. bibliogr. [= ital. 78-80.505s.J; id., Le
sens de lexpression Peupie du pays dans
lAncicn Testament et le rle politique du peu269

DJ?Ha am/gj POPOLO

ple en Israel, RA 58, 1964, 167-172; L.A.


Snijders, Het volk des lands in Juda,
NedThT 12, 1957/58, 241-256; J.A.Soggin,
Der judische 'am ha'ares und das Knigtum
in Juda, VT 13, 1963, 187-195; E.W.Nicholson, The Meaning of th Expression m h r$ in
th OT, JSS 10, 1965, 59-66; Ihromi, Die Kniginmutter und der amm haarez im Reich
Juda, VT 24, 1974, 421-429). Un esame criti
co dei tepti (75x, di cui am(-)hci rce$ 51x [esci.
Neem 9,10 e Ez 45,16 txt em], amm hrces
I6x, amm harcist 8x) suggerisce per una
doverosa prudenza. Cos in Gen 42,6 e in Num
14,9 si tratta certamente deHintera popolazione
di una regione, mentre Es 5,5 va collegato
sicuramente ad Es l,7.9s.; non si ha una restri
zione ai soli uomini. Se il collegamento tre le
due parole va inteso in senso tecnico, allora ne
risulta un significato speciale che dovuto a
particolari circostanze, e non necessariamen
te sempre lo stesso. Abramo tratta con lo 'am
hrces in Ebron; qui sono i cittadini che pos
siedono pieni diritti e sono padroni di un terri
torio (Gen 23,7.12.13). In 2Re llJ4ss. (cfr.
2Cron 23) linsieme dei cittadini giudei con
pieni diritti; vi anche una componente politi
ca, e in modo particolare potrebbe trattarsi di
gruppi dirigenti tra la popolazione che abita
fuori Gerusalemme (cfr. 2Re 21,24; 23,30;
25,19).
Questo significato speciale problematico gi
in 2Re 15,5 e 16,15, poich qui potrebbe trat
tarsi semplicemente, come nella maggior parte
dei casi, della popolazione del territorio. Inol
tre in 2Re 23,35 si parla piuttosto di tasse ver
sate da tutti not... from th men of property
alone (= non soltanto... dai possidenti)
(J.Gray, 1 & 11 Kings, 1963, 683). Infine in
2Re 24,14; 25,3.12 ci si riferisce certamente al
lintera popolazione.
b) In Ger lespressione si riferisce sia al re, ai
ministri, ai sacerdoti ecc., sia alla popolazione
del paese opp. ai suoi rappresentanti (Ger
1,18; 34,19; 37,2; 44,21). Nel libro di Ez la si
tuazione un po pi complessa. Ez in 7,27
presenta un am hrces in quanto popolo del
paese unito ad un re. Nel contesto di 12,19;
22,29 si allude concretamente a membri degli
strati sociali pi alti. In 39,13 per si allude a
tutto il popolo e non pi soltanto al ceto supe
riore (cfr. soprattutto Zimmerli, BK XIII,966);
lo stesso vale in sostanza per 45,22 e 46,3.9,
poich ivi secondo il contesto si tratta di tutta
la comunit che in grado di celebrare un cul
to, e che viene presentata appunto come frutto
di un nuovo insediamento in territorio palesti
nese (Zimmerli, l.c. 1163). Forse si inseriscono
molto bene qui anche i testi di Lev (4,27;
20,2.4), presupponendo che si tratti dellintera
comunit cultuale opp. giuridica (cos giusta
mente Elliger, HAT 4,73: Con lantico termi
270

ne tecnico di ordine politico 'am hrces... ora


non si intende pi soltanto il ceto superiore
proprietario del territorio e in possesso di pieni
diritti civili, ma semplicemente la comunit
giudaica nella sua totalit, per cui 'am hras
divenuto un termine che pu alternarsi con
qhl e 'd in 4,13 e con 'am in 4,3; cfr.
ibid. 273 per Lev 20,2ss.).
c) Anche in Agg 2,4 e Zac 7,5 am h'rces
la popolazione giudaica del primo postesilio
anzich il ceto superiore nel senso tecnico e
specifico del preesilio; cfr. Agg 2,4 con il v. 2
(contro Etliger, ATD 25,86). Qui non si do
vrebbe parlare di nobilt del popolo , pro
prio perch non c alcun motivo di restringere
la designazione ad un particolare gruppo o ad
una classe sociale del popolo. In altri termini,
se vero che per intendere 'am h ms in sen
so tecnico si dovrebbe presupporre di fatto una
certa autonomia politica dello stato giudaico o
almeno una possibilit di azione politica, biso
gna constatare che proprio di tutto questo non
si parla pi in epoca postesilica. Ci dovrebbe
essere tenuto presente, poich pu rendere
comprensibile un mutamento di significato che
si verifica dopo lesilio, e a cui accenniamo su
bito. Non tanto gli esuli che tornano dallesilio
e la comunit religiosa giudaica in generale,
ma proprio una popolazione non giudaica (o
in concreto, i suoi rappresentanti) pu essere
designata ora come 'am h'rces, p.e. in Esd
4,4 la gente di Samaria (perch vi si poteva
trovare la componente politica sopra ricorda
ta?). Lespressione viene usata anche al plurale
('anime ha arasoi oppure amm ha'ree?) per
designare varie nazioni non giudaiche, ed in
teressante il fatto che pu trattarsi di quegli
stessi popoli che p.e. in Deut 7 sono detti
gjm (cfr. Esd 3,3; 9,1.2; 10,2.11; Neem 9,30;
10,29; H.C.M. Vogt, Studie zur nachexilischen
Gemeinde in Esra-Nehemia, 1966, 152-154). I
membri delia comunit religiosa giudaica si
impegnano a comportarsi secondo la legge di
Dio; qui va posto anche il divieto di matrimo
nio di Neem 10,29 (cfr. anche le formulazioni
di Es 34,15s. e Deut 7,3s.!). Risulta chiaro per
ci come lespressione 'am h'rces venga ad
indicare nel periodo postesilico una popolazio
ne straniera non accolta nella nuova comunit
giudaica; si apre quindi la strada verso quel si
gnificato che diventa abituale in seguito, quan
do cio con questa espressione si designano co
loro che non conoscono la legge o sono ad essa
infedeli. Per questo uso tardivo cfr. R.Meyer,
art. xXoq, ThW V,582s. 585-590 = GLNT
IX,67-72. 77-92.
3/ E incontestabile che con 'am si intende
spesso non il popolo intero, ma solo una parte
di esso; nella maggior parte dei casi il significa
to concreto dato poi chiaramente dal conte
271

sto (cfr. i lessici). Non perci necessario sup


porre un significato particolare e pi o meno
autonomo del termine 'am nel senso di
t r u p p a, e s e r c i t o . Un popolo come
gruppo di uomini legati da vincoli di parentela,
non importa se una famiglia, un clan o una tri
b, quando se ne presenta loccasione pu
muovere guerra comunitariamente verso le
sterno, anche se ovviamente combattono solo
coloro che sono atti alle armi; am in quanto
parentela vi sempre implicito (cfr. de Vaux
11,10 = ital. 220: Presso i nomadi, l'esercito
non si distingue dal popolo). Proprio lespres
sione 'am milhm popolo di guerra (Gios
8,1.3.11 [txt?]) mostra che 'am di per s com
prende tutti gli uomini appartenenti al popo
lo ; con milhm viene indicata la restrizione,
e cio in questo caso gli uomini abili alla guer
ra. Nel contesto del racconto sufficiente in
seguito la semplice parola am (Gios 8,5.9.13).
Del resto quando si tratta di esercito risulta
chiaro dal contesto, anche senza lintera
espressione 'am hammilhm\ tra i tanti esem
pi si ricordino soltanto i racconti di Sicon e Og
(Num 21,23.35; Deut 2,32.33; 3,1-3), inoltre
ISam 15 e 2Sam 10. Con ani si intende sem
pre la schiera unitaria di guerrieri che si trova
presso una persona, le appartiene e sta sotto il
suo comando. Tuttavia, a seconda delle situa
zioni, questo significato di 'am come schiera
di guerrieri pu rendersi in qualche modo
autonomo. Potrebbe essere il caso p.e. di Num
20,30 {am kbd esercito potente oppure
esercito con armi pesanti ), e anche di Gen
33,15, poich qui am 'a$cer 'itti gente che ho
con me equivale ai quattrocento uomini
di Gen 32,7; 33,1 ed indica quindi gli uomini
abili alla guerra, che Esa pu mobilitare e che
probabilmente non appartengono tutti alla sua
famiglia in senso stretto. Si tratta forse della
stessa cosa anche nel caso di Sicon e di Og?
Pur tenendo presente chc si conserva qui una
antica designazione, si pu supporre che il si
gnificato si evolva quando i gruppi si uniscono
sotto la spinta di determinate situazioni politi
che e si formano nuovi stati. Nondimeno si do
vrebbe mantener l'ermo che luso di am nel
senso di schiera di guerrieri dovuto solo
alla situazione, e cio al fatto che un gruppo
legato da vincoli di parentela ( am) organizza
talvolta la propria difesa servendosi degli uo
mini atti alle armi.
In 1QM 1,5; 3,12 si parla di 'am c/; a questo propo
sito scrive Yadin 44: th term am... marks, as in
th O.T., th mililary character of th congregation
organized for war (- il termine 'am... sottolinea,
come nellAT, il carattere militare della comunit
organizzata per la guerra ). La sua osservazione
th 'am ! of DSW corresponds to th O.T. 'am
Yahweh (= 'am I del Rotolo della guerra corri
sponde a 'am Yahweh dellAT ) (ibid. n. 5) ci porta
al paragrafo seguente.

Dyrla am/gj POPOLO

272

4/ a) Per lespressione am Jhwh p o p o


l o di J a h w e e per le equivalenti forme
con suffissi riferite a Jahwe
'amm/
ammek/'amm mio/tuo/suo/popolo cfr.
N, Lohfink, Beobachtungen zur Geschichte des
Ausdrucks am Jhwh, FS von Rad 1971,
275-305 (a p. 276 i testi) con bibliogr. Le
spressione, usata nel linguaggio profetico e nei
salmi, cd assente invece negli scritti legali sa
cerdotali e nei libri sapienziali, si colloca
principalmente nellambito del dialogo tra Jah
we ed Israele, meno nellambito del discorso
oggettivo su Israele (Lohfink, l.c. 280), ed ha
pi di un significato. Sec