Sei sulla pagina 1di 15

SPINTA DI

ARCHIMEDE
Esperimentazioni I
a.a. 2018-2019
Spinta di Archimede
Ogni corpo immerso in un fluido subisce l’azione di una forza
rivolta verso l’alto
applicata nel centro di massa del sistema
pari al peso del volume del fluido spostato

E’ utile esprimere la forza peso di un corpo mediante la densità:


P = mg = ρCV g

Analogamente la spinta di Archimede si può esprimere mediante


la densità ρL del liquido in cui è immerso il corpo: A = ρLVg
(V, volume del corpo immerso, coincide con quello del fluido spostato!)
→ la spinta di Archimede cresce linearmente con ρL
!2
Spintadi
Spinta di Archimede
Archimede
• Assumendo positivo il verso di P, la risultante R delle
Assumendo positivo
forze agenti il verso
su questo di P,R=P-A=
sarà: la risultante
(ρC-ρRLdelle
)V g forze agenti
su questo sarà: R=P-A= (ρC-ρL) V g

• Se ρC < ρL, R è rivolta verso l’alto: il corpo si solleva,


Se ρC < ρL, R èimmersa
mantenendo rivolta verso
solol’alto:
una ilparte
corpoV sii solleva,
del suo mantenendo
volume
immersa solo una parte
tale da annullare Vi del suo
la risultante volume
delle tale
forze R:da annullare la
risultante delle forze R:  
A=ρLVi g e P=ρC(Vi+Ve) g  
A=ρLVi g e P=ρC(Vi+Ve) g

• All’equilibrio:
All’equilibrio: ρC(Vi+Ve) g=ρLVi g
ρC(Vi+Ve) g=ρLVi g
→ Ve / Vi = (ρL-ρC) / ρC
→ Ve / Vi = (ρL-ρC) / ρC  

!3
OBIETTIVO

Con i dati sperimentali si vuole studiare la spinta di


Archimede e, in particolare, come varia in funzione:

della porzione di corpo immerso nel fluido.

della densità del liquido in cui si immerge il corpo

del materiale di cui è costituito il corpo immerso

!4
STRUMENTAZIONE
Dinamometro
Bilancia digitale
Becher
Fluidi (acqua e soluzione salina)
Cilindro graduato
Picnometro
Sferette di materiale diverso (rame,
alluminio, ferro, piombo, ottone)

!5
Picnometro

Picnometro (dal greco πυκνός (puknos), “denso”):


strumento usato per la determinazione della
densità di un materiale.

Per valutare la densità del fluido con il


picnometro:
occorre misurare la massa del picnometro
vuoto e del picnometro riempito del liquido
in esame
noto il volume del picnometro, è possibile determinare
la densità del liquido con il relativo errore.
!6
PRIMA PARTE

!7
ati sperimentali si vorrà verificare che la spinta di Archimede varia (ed
Spinta
Spintadi Archimede
di Archimede
are aumenta linearmente) al crescere della porzione di corpo immerso n

in
in funzione
funzione di di
Vi V i
• Cilindro di materiale
Fuori dall’acqua con ρCforza
misurare > ρL (R>0)
peso P del
di materiale con ρC > ρL (il corpo di per se affonderebbe nel Dinamometro
• Appendere
cilindro con il cilindro al dinamometro in
il dinamometro Dinamometro
modo che solo una parte V i del cilindro sia -R
o è appeso Appendere il cilindro al dinamometro
ad
immersa.
un dinamometro in modo che solo e
una parte Vi del
V del cilindro sia immersa.
immergerlo in acqua in modo che solo A
• R La dellarisultante
forza perso e R delle
spintadue forze sarà:
sarà : R = P - A
ante
una parte Vdella i del cilindro sia immersa
di Archimede
con A=ρLVig e P = ρcVg
–A A=ρPLV
La risultante
con
• Misurare conig Riledelle
P =due
dinamometro = ρcquando
mgforze Vg
sarà: il
Vi R
R con
corpo
er misurato = non
Pil dinamometro
- Aè = ρc(VPi+V
immerso e)gilfluido
nel
quando -corpo
ρLVnon
ig è immerso
o, inserire via via il corpo nel fluido misurando, sempre con il P
• laImmergere
metro,
Misurareilla
risultante R per corpo Vi.in acqua misurando la
risultante
diversi
R per diversi Vi.
risultante R per diversi Vi.
l’andamento dei valori di A = R - P al variare del volume
• i. Dalla
V Studiare
Studiare l’andamento
teoria ci sil’andamento
attende didilineare.
una dipendenza AA=P-R
= P - Ralal
variare
variare deldel volume
volume immerso
immerso Vi: che
Vi. (Dalla teoria
ci relazione ci aspettiamo?
si attende una dipendenza lineare) 6

!8
A (Vi): procedimento
Misurare le dimensioni del cilindro
Usando il picnometro, determinare la
densità dell’acqua con il relativo errore.
Misurare P (si trascuri la spinta di Archimede
in aria) del cilindro con il dinamometro e
valutare l’errore di lettura (ripetizioni)
Immergere il cilindro fino alla 1a tacca
e riportare sul logbook Vi con relativo
errore e il valore di R letto sul
dinamometro.
Valutare l’entità di A e relativo errore.
Ripetere la misura per le successive
tacche !9
A (Vi): analisi dati
Costruire il grafico di A (Vi) (S ± 0,04) N
(S ± 0,04) N
(h ± 0,1 cm]
(h ± 0,1 cm]
0,22 1,3
Dal coefficiente angolare del 0,22 1,3
0,5 2,6
fit lineare è possibile stimare 0,5 2,6

0,74 3,8
la densità del liquido 0,74 3,8

→ confrontarla col valore 0,98 0,98 5,1 5,1

misurato col picnometro. spinta Archimede


1,1
y = 0,252x - 0,02

Ripetere tutto estraendo il 0,83

cilindro dall’acqua
spinta[N]

0,55

Confrontare i risultati con 0,28

quanto ottenuto in fase di 0

immersione. 1.3 2.6


altezza immersa [cm]
3.8 5.1

7
!10
SECONDA PARTE

!11
Spinta di Archimede
in funzione di ρL
E’ possibile variare la densità del fluido (ad esempio da acqua
a soluzione salina)

La densità del fluido va misurata nella fase di preparazione


dell’esperienza e va riportata con il relativo errore sperimentale

Ripetere l’intera procedura sperimentale della 1a parte

Confrontare le forze risultanti con quelle misurate in precedenza


con un altro liquido (acqua) e di qui le spinte di Archimede

E’ possibile prevedere il rapporto fra le 2 spinte di Archimede?

!12
TERZA PARTE

!13
Spinta di Archimede
in funzione del materiale del corpo
Per verificare l’influenza del materiale di cui è composto il corpo si
misura la spinta di Archimede con corpi che abbiano lo stesso
volume, ma di materiale diverso

ATTENZIONE: il dinamometro misura la risultante (P – A), quindi,


analogamente a quanto fatto prima, occorre misurare la forza P di
ogni oggetto in aria e poi la risultante R quando l’oggetto è
immerso nel fluido, ricavando di conseguenza A. !14
PROCEDIMENTO
TA DI ARCHIMEDE
DO IL MATERIALE
Misurare il diametro delle diverse palline
e pesarle sulla bilancia → calcolarne la
dgV(immerso)
densità

Misurare P delle palline con il


dinamometro (si trascuri la spinta di
Archimede in aria)

Immergere le palline, una alla volta,


e registrare il valore di R

Valutare l’entità della spinta di


Archimede A e il relativo errore

Confrontare i risultati: la spinta di


Archimede dipende dal materiale
PALLINE: RAME, ALLUMINIO, FERRO, PIOMBO, OTTONE
delle palline? !15