Sei sulla pagina 1di 2

MECCANICA DEI FLUIDI

Gas e liquidi hanno la proprietà di fluire e per questo, insieme, sono chiamati fluidi.

Se una forza agisce su una superficie in modo omogeneo, la pressione sulla superficie stessa è la grandezza
scalare definita P=Fperp/S s=area. Pressione unità di misura è il pascal.

Gas facilmente comprimibili, liquidi no per questi vale la legge di stevino: P=P0+dgh La formula mostra
anche che la pressione di un liquido non dipende dalla forma del recipiente

La legge di Pascal, o principio di Pascal, stabilisce che una variazione di pressione prodotta su qualunque
superficie a contatto con un liquido in equilibrio, completamente racchiuso da pareti, si trasmette inalterata
a ogni altra superficie a contatto con il liquido.

Legge Archimede: un corpo immerso in un fluido subisce una forza diretta verso l’alto, di intensità FA
uguale al peso del fluido spostato: Fa= dVg.

Condizione di galleggiamento: V/V0=d0/d se il corpo ha d0 < d galleggia d0=d galleggia d0>d affonda

Si chiama corrente un movimento ordinato di un liquido o di un gas.

La portata q è definita dal rapporto tra il volume ∆V di fluido che in un intervallo di tempo ∆t attraversa una
sezione trasversale della conduttura: deltaV/deltat anche q=Sv

Una corrente si dice stazionaria quando la sua portata, attraverso qualunque sezione della conduttura, è
costante nel tempo.

Equazione di continuità: i liquidi hanno sempre lo stesso volume: se un volume V entra in un tubo deve
uscire lo steso volume V. SaVa=SbVb se l’area del tubo si dimezza la velocità raddoppia.

Una conduttura può avere sezioni trasversali di area diversa in zone diverse e può anche essere posta in
pendenza Equazione di bernoulli quando valgono le seguenti condizioni: 1. il fluido è incomprimibile;
2.a corrente è stazionaria; 3. la velocità del fluido è la stessa in tutti i punti di qualunque sezione
trasversale. P+1/2 dv2 +dgy=costante

Esaminiamo ora l’equazione di Bernoulli per una conduttura orizzontale. La quantita p+1/2dv 2 rimane
costante. Questo è effetto Venturi. Pa+1/2dv2a=Pb

Effetto Venturi ed equazione di continuità: per un liquido in movimento in una conduttura orizzontale, la
pressione è maggiore nelle zone in cui l’area della sezione trasversale è maggiore ed è minore nelle zone in
cui tale area è minore.

La viscosità di un fluido si oppone al moto degli oggetti che sono immersi nel fluido e ostacola lo
scorrimento del fluido stesso. Il regime laminare è una condizione semplice nel regime laminare il fluido si
muove come se fosse formato da sottili lamine fluide che scivolano una sull’altra. Per mantenere costamte
lo stato laminare serve una det. forza: F=coeffviscos x Sv/h

Quando velocità elevata nel fluido si formano dei vortici Fv=6 π coeffvis.rv Stokes

Un oggetto che cade nell’atmosfera accelera fino a giungere alla velocità limite, che rimane poi costante
fino alla fine del moto. Per la sfera: V=mg/6 π coeffvisc r
TEMPERATURA

La temperatura è la grandezza fisica che utilizziamo per quantificare il caldo, il freddo e il tiepido, e
comunemente esprimiamo in gradi centigradi (°C)

Per trasformare un termoscopio in un termometro, cioè un misuratore di temperatura, è necessario tararlo


scegliendo una scala di temperatura. il grado Celsius è uguale alla centesima parte della differenza tra la
temperatura del ghiaccio fondente alla pressione di 1 atm e quella del vapore dell’acqua bollente alla stessa
pressione. Nel Sistema Internazionale l’unità di misura per la temperatura è il kelvin, aggiungere 273.

Quando le proprietà misurabili cessano di cambiare, si dice che i due corpi sono in equilibrio termico tra
loro. 2 corpi hanno la stessa temperatura quando sono in equilibrio termico tra loro e,viceversa, sono in
equilibrio termico quando hanno la stessa temperatura.

Principio zero della termodinamica: se ciascuno di due corpi, A e B, è in equilibrio termico con un terzo
corpo T, allora A e B sono in equilibrio termico tra loro.

Dilatazione lineare dei solidi: I corpi solidi tendono a dilatarsi quando sono riscaldati e a contrarsi quando
sono raffreddati. Δl=li coeffdillineare Δt il coeff dipende dal materiale

Dilatazione volumica dei solidi: anche il volume si dilata passa da Vi a Vf in seguito ad una variazione di
temperatura: V=Vi(1+coeffdilvolum Δt)

La legge della Dilatazione volumica dei solidi vale anche per i liquidi ma al crescere della temperatura i
liquidi si dilatano di più

Lo stato di un gas è descritto da: massa,volume,temperatura,pressione. Trasformazioni di un gas, vario


tipo: ISOBARA pressione costante, ISOCORA volume costante, ISOTERMA temperatura costante.

La prima legge di gaylussac vale quando ISOBARA: V=V0(1+ coeffdilvolum t) La prima legge di Gay-
Lussac non descrive soltanto il riscaldamento di un gas, ma anche il suo raffreddamento:

■ un gas riscaldato a pressione costante si dilata (il suo volume aumenta);

■ un gas raffreddato a pressione costante si contrae (il suo volume diminuisce).

Se usiamo la scala assoluta: V=V0/T0 x T

La seconda legge di gaylussac vale quando ISOCORA: p=p0(1+ coeffdilvolum t)

A volume costante, la pressione di un gas è direttamente proporzionale alla sua temperatura assoluta:
p=po/T0 x Tl

La legge di Boyle stabilisce che, a temperatura costante, il prodotto del volume occupato da un gas per la
sua pressione rimane costante. pV= piVi

Un gas ideale che obbedisce esattamente alle due leggi di Gay-Lussac e alla legge di Boyle si chiama gas
perfetto.

Potrebbero piacerti anche