Sei sulla pagina 1di 3

IlIlIlIl positivismopositivismopositivismopositivismo socialesocialesocialesociale

CARATTERI GENERALI E CONTESTO STORICO DEL POSITIVISMO EUROPEO

Il positivismo è un movimento filosofico e culturale che nell’Ottocento nasce in Francia e poi si impone a livello europeo. Perché positivo?

Positivo” è tutto ciò che è reale, effettivo e sperimentale (contro l’astratto, il chimerico e il metafisico).

Positivo” è tutto ciò che è fecondo, pratico ed efficace (contro l’inutile e l’ozioso).

Le tesi su cui si fonda il positivismo sono:

La scienza è l’unica scienza possibile e il metodo della scienza è l’unico valido. [Contro la metafisica]

Il metodo della scienza va dunque esteso a tutti i campi d’indagine. [Nasce la sociologia]

La funzione della filosofia è di enunciare i principi comuni alle varie scienze realizzando un sapere unificato e generale.

Il progresso umano si fonda sul progresso scientifico che è strumento per una riorganizzazione globale della vita sociale.

Il positivismo attraversa due fasi in cui assume due obbiettivi diversi:

1. Essere una proposta per superare la crisi socio-politica e culturale del periodo post-illuministico e post-rivoluzionario.

2. Essere un punto di riflessione e stimolo di un progresso in atto.

Il progresso scientifico e l’estensione della cultura determinarono un forte ottimismo ed un vero proprio culto della scienza e dell’uomo.

Il positivismo esalta quindi la figura dello scienziato. Il positivismo (seconda fase) si configura come

La filosofia della moderna società industriale e tecnico scientifica (sviluppandosi infatti nelle città più avanzate).

L’ideologia tipica della borghesia liberale dell’Occidente.

POSITIVISMO, ILLUMINISMO E ROMANTICISMO

Il positivismo è strettamente collegato con l’illuminismo e il positivismo, per questo è bene metterli a confronto. Esso si configura infatti come una rielaborazione del programma illuministico all’interno di una nuova situazione storico-sociale post-rivoluzionaria. Il positivismo a confronto con l’illuminismo:

Affinità:

o

La fiducia nella ragione e nel sapere.

o

L’esaltazione della scienza a scapito della metafisica.

o

Visione laica della vita.

Differenze:

 

o

Il

positivismo è un riformismo antirivoluzionario. l’illuminismo è un riformismo rivoluzionario. Infatti, sebbene sostengano le stesse

polemiche essi vivono in due momenti storici differenti. Il secondo in cui c’erano ancora le forze dominanti e la borghesia era in ascesa mentre il primo in cui la borghesia si era già affermata e si era sviluppato il pensiero scientifico.

o

positivismo attribuiva alla filosofia il compito di compiere una sintesi unificatrice e generalizzatrice dei risultati delle scienze. L’illuminismo attribuiva alla filosofia il compito di fondare una scienza gnoseologica e critica.

Il

positivismo utilizzava la scienza al fine di riedificare alcune certezze assolute [forma moderna e positiva delle antiche religioni]. L’illuminismo utilizzava la scienza al fine di dissolvere le antiche credenze metafisiche e religiose. Il positivismo a confronto con l’illuminismo:

o

Il

Affinità:

o

Il

positivismo si rivela come il “romanticismo della scienza”, ossia come l’esaltazione del sapere positivo, che diventa l’unica verità

e

l’unica guida per l’uomo.

Differenze:

o

Diverso entroterra culturale: Positivismo – Francia e rivoluzione Romanticismo – Germania e non rivoluzione.

o

Diversi termini d’espressione: Positivismo – Umanità, scienza e progresso Romanticismo – L’uomo, la natura ecc.

o

Diverse classi d’espressione: Positivismo – Borghesia industriale e capitalistica Romanticismo – Ceto medio pre-industriale.

LE VARIE FORME DI POSITIVISMO

Positivismo sociale: Prima metà del secolo, Comte.

Positivismo evoluzionistico: Seconda metà del secolo, Spencer.

Viene assunto il concetto di “evoluzione” quale fondamento di una teoria generale della realtà. Tale concetto deriva dalla dottrina del trasformismo biologico di Darwin. I singoli processi evolutivi si ritengono “unificati” dal processo unico, universale, continuo e necessariamente progressivo che è la manifestazione dell’infinito nel finito. Viene esteso al mondo della natura il concetto di “storia”. Tali due correnti non sono antitetiche, ma si compenetrano pur mantenendo la loro distinzione. E’ possibile infatti due diverse atmosfere entro cui si sviluppano: il positivismo sociale in un’atmosfera improntata sulla scienza, intesa come strumento di superamento della crisi e di ripresa;

il positivismo evoluzionistico in un’atmosfera improntata sulle scoperte biologiche di Darwin.

ComteComteComteComte

LA LEGGE DEI TRE STADI

Secondo la legge dei tre stadi ciascuna branca della conoscenza umana attraversa successivamente tre stadi teorici differenti:

1. Stadio teologico: Punto di partenza necessario dell’intelligenza umana:

a. Oggetto: Natura degli esseri, alle cause prime e finali. [Conoscenza assoluta]

b. Mezzo: Immaginazione.

c. Spiegazione: Azione di agenti divini e soprannaturali.

d. Società: Monarchia teocratica e militare.

2. Stadio metafisico: Funzione di transizione dell’intelligenza umana:

a. Oggetto: Natura degli esseri, cause prime e finali. [Conoscenza assoluta]

b. Mezzo: Ragione speculativa.

c. Spiegazione: Azione di forze astratte corrispondenti ai diversi enti del mondo.

d. Società: Sovranità popolare.

3. Stadio positivo: Punto di arrivo definitivo dell’intelligenza umana:

a. Oggetto: L’essere e le relazioni. [Conoscenza particolare]

b. Mezzo: Ragione scientifica.

c. Spiegazione: Leggi effettive (relazioni invariabili di successione e di somiglianza).

d. Società: Società industriale.

Tale teoria è provata da Comte con il ragionamento che ognuno nell’infanzia è stato teologo, nella giovinezza metafisico, nella maturità fisico.

Comte afferma che non tutte le branche della conoscenza umana siano entrate nel loro stadio positivo. Comte afferma che “manca” una fisica sociale (accanto a quella celeste, terrestre e organica) ovvero lo studio dei positivo dei fenomeni sociali. Dato che le tre prospettive filosofiche (teologia, metafisica e positivismo) coesistono impediscono lo stabilirsi di ogni organizzazione sociale. Egli si prefigge quindi il compito di costruire un sistema di idee generali che ponga fine alla crisi rivoluzionaria.

A

le

sono in ordine decrescente di complessità. Da questa classificazione sono escluse:

di complessità. Da questa classificazione sono escluse: questo fine è necessario definire un’ enciclopedia delle

questo fine è necessario definire un’enciclopedia delle scienze che fornisca il prospetto generale di tutte

conoscenze scientifiche (speculative, generali e astratte). Le scienze (dalle più colorate alle meno)

Matematica: Perché essa è la base di tutte le altre scienze.

Logica: Essa è il metodo concreto impiegato da ogni specifica branca del sapere, e quindi non esiste di per sé.

Psicologia: Non è una vera e propria scienza. Questo perché l’individuo non può al contempo pensare e analizzare il pensiero. Essa si riconduce alla biologia e alla sociologia.

DarwinDarwinDarwinDarwin

GENERALMENTE

L’evoluzionismo biologico è la teoria per cui le specie animali e vegetali si trasformano l’una nell’altra. Questa fu concepita già nel 700 ma fino

a Darwin mancava di qualsiasi dimostrazione. Il suo merito consiste proprio nel fatto di aver offerto, proprio al tempo romantico, una compiuta e sistematica teoria scientifica dell’evoluzionismo biologico. Tale teoria si fonda su alcuni punti:

L’esistenza di piccole variazioni organiche negli esseri viventi dovute alle condizioni ambientali: vantaggiose o svantaggiose.

La lotta per la sopravvivenza compiuta tra gli esseri viventi .

La lotta sarà vinta da chi ha subito le modificazioni più vantaggiose, e quindi avrà più possibilità di trasmettere tali caratteristiche.

Questa è la legge della “selezione naturale”.

Tra le diverse specie quindi saranno sicuramente esistite delle “specie intermedie” che le collegavano strettamente tutte (probabilmente estinte perché hanno subito mutazioni non vantaggiose). Darwin, secondo il progressivo evolversi di tutti gli esseri viventi, crede nel miglioramento continuo delle specie. Per Darwin l’unica differenza tra l’intelligenza e il linguaggio nei diversi animali (compreso l’uomo) sta nello sviluppo, non nella sostanza. Inoltre, il fatto che l’uomo sia il processo evolutivo di organismi a lui inferiori non ne diminuisce la dignità. Darwin, nel suo definirsi agnostico, esprime la sua impossibilità di trovare nella scienza conferme o smentite decisive dei dogmi religiosi. Darwin è convinto che la natura sia in continuo progresso (= evoluzione) ma senza avere un’intenzione precisa, ma questo non comporta che il progresso sia sempre positivo (così come per l’uomo che è destinato a migliorare). Per “darwinismo sociale” si intende quella concezione che vede anche nella società gli individui gli uni contro gli altri (sopravvivenza). Ciò diede adito a discriminazioni razziste e classiste.

SpencerSpencerSpencerSpencer

L’ISPIRAZIONE FONDAMENTALE

Herbert Spencer si assunse il ruolo di elaborare una dottrina per mettere in luce il valore infinito del progresso. Nato in Inghilterra e cominciò

a scrivere all’età di 25 anni. In uno dei suoi articoli sul progresso da 32enne è esplicato un abbozzo del sistema di Spencer. In esso si coglie:

L’obbiettivo di giustificare il progresso universale e cosmico.

Il carattere divino e religioso della realtà (velata dal progresso cosmico).

LA DOTTRINA DELLINCONOSCIBILE E I RAPPORTI TRA SCIENZA E RELIGIONE

Per Spencer la realtà ultima è assoluta è inaccessibile. Sia la religione che la scienza si radicano nel mistero:

Religione: La forza che si manifesta nell’universo è completamente imperscrutabile.

Scienza: Le idee scientifiche ultime sono tutte rappresentative di realtà che non possono essere comprese.

La nostra coscienza è limitata. Infatti essa progredisce per mezzo della scienza raggruppando un numero sempre maggiore di verità particolari entro una verità generale. Ma procedendo all’infinito, la verità più generale di tutte (l’Assoluto) sarà inconoscibile e quindi resterà un mistero.

Tale Assoluto è concepito come quella forza che si manifesta nell’universo. Quindi i compiti della religione e della scienza saranno:

Religione: Mantenere vivo il senso del mistero dell’Assoluto nell’uomo.

Scienza: Estendere la conoscenza del relativo, nell’infinita tensione verso l’Assoluto.

Il riconoscimento di questa forza imperscrutabile concilia e rende solidali la religione e la scienza. L’uomo ha sempre tentato di conoscere e

rappresentare tale forza, ma i vari fallimenti lo portano a comprendere l’abissale differenza che intercorre tra condizionato e incondizionato, portandolo alla saggezza (riconoscere che tale forza è inconoscibile).

Il fenomeno non è apparenza, ma la manifestazione dell’noumeno. I diversi fenomeni (conoscibile) quindi non sono identici al noumeno (inconoscibile) ma sono originato dalla causa incondizionata, e in quanto tali reali. Realismo trasfigurato.

LA TEORIA DELLEVOLUZIONE

La filosofia costituisce la conoscenza nel suo più alto grado di generalità. Essa parte dall’osservazione particolare (la scienza) per poi arrivare alla formulazione di osservazioni universali. Quindi l’oggetto di indagine della filosofia sono i principi più generali a cui è giunta la scienza:

L’indistruttibilità della materia.

La continuità del movimento.

La persistenza della forza.

Legge del ritmo.

Tramite la legge dell’evoluzione Spencer unifica e sintetizza tali principi generali. Essa infatti afferma che:

La materia passa da uno stato di dispersione ad uno di concentrazione.

La forza che comporta l’integrazione si dissipa.

Tale movimento si ripete in cicli.

La filosofia si configura essenzialmente come una teoria dell’evoluzione. Tale sintesi consta di 3 passaggi:

1. Dall’incoerente al coerente: Progressiva concentrazione: Ogni cosa assume una forma più coerente e armonica.

2. Dall’omogeneo all’eterogeneo: Progressiva dispersione: Ogni organismo si sviluppa attraverso la differenziazione delle sue parti.

3. Dall’indefinito al definito: Progressiva determinazione: Ogni cosa gradualmente si determina e specializza.

Necessitarismo: L’evoluzione è un processo necessario: l’omogeneità instabile necessariamente si trasformerà in eterogeneità stabile. Ottimismo: Tale processo passa da una situazione peggiore ad una migliore, continuamente (legge del ritmo).