Sei sulla pagina 1di 10

KARL MARX La vita

MARX nasce a Treviri nel 1818 da una famiglia ebrea. In giovane et entra in contatto con i giovani hegeliani, studiando a fondo la filosofia di Hegel. Passato dalla facolt di giurisprudenza a quella di filosofia si laurea con una tesi su Democrito ed Epicuro. Si dedica al giornalismo politico. Nel 1843 costretto a trasferirsi a Parigi, dove inizia a pubblicare gli Annali franco-tedechi. Espulso dalla Francia, si trasferisce a Bruxelles, dove inizia la collaborazione con Engels, in polemica con la sinistra hegeliana. Nel 1848 pubblica il Manifesto del partito comunista, manifesto teorico e programmatico della Lega dei Comunisti. Viene nuovamente espulso dalla Germania. Impeditogli il soggiorno a Parigi, si trasferisce definitivamente a Londra. Nel 1864 tra i fondatori della Associazione Internazionale dei Lavoratori (I Internazionale). Nel 1866 inizia la stesura del Capitale. Muore nel 1883 a Londra.

Caratteristiche del marxismo Il pensiero di Marx non riducibile alla dimensione filosofica o economica: esso presenta un'analisi globale della societ e della storia. La sua caratteristica l'analisi dialettica della totalit della societ e della storia, viste come unit organiche in cui tutto in relazione. Il marxismo una teoria che vuole una realizzazione concreta, nella prassi: la comprensione del mondo finalizzata alla sua modificazione rivoluzionaria. Mentre Hegel aveva solo teorizzato l'incontro tra reale e razionale, MARX si propone di realizzarlo attraverso la prassi rivoluzionaria. La critica a Hegel Il pensiero di Marx va compreso a partire da quello di Hegel. Nella Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico Marx analizza il metodo filosofico di Hegel, che consisterebbe nel fare delle realt empiriche manifestazioni necessarie dello Spirito. Per es., Hegel invece di constatare che in alcuni stati esiste un ordinamento monarchico, afferma che lo Stato presuppone una sovranit, la quale si incarna necessariamente nel monarca. Marx definisce questo metodo misticismo logico, perch le istituzioni politiche e giuridiche finiscono con l'apparire personificazioni di una realt spirituale (in questo caso l'idea di sovranit). Questo deriva dal capovolgimento compiuto da Hegel fra concreto e astratto. Ecco l'esempio che fa Marx: l'idealista colui che dice che prima esiste il frutto, poi, come manifestazioni necessarie, la mela, la pera, ecc. Mentre invece esistono prima le mele e le pere, da cui poi si forma il concetto di frutto. Dunque per Hegel la realt manifestazione dello Spirito. Al metodo mistico Marx oppone il metodo trasformativo: bisogna riconoscere che l'idea, il concetto derivano sempre da una realt precisa. Il metodo hegeliano sul piano politico risulta conservatore poich considera tutti i dati di fatto (per es., la monarchia) in manifestazioni razionali e necessarie dello Spirito, e non come risultati di un processo storico. Il merito maggiore che Marx riconosce ad Hegel la scoperta del metodo dialettico, ossia la concezione della realt come totalit in divenire, basata su opposizioni che si superano continuamente. La critica della civilt moderna e del liberalismo: emancipazione politica e umana L'adesione di Marx al comunismo avvenne all'incirca nel 1844 attraverso una critica globale allo stato liberale. Marx parte dalla constatazione della scissione nella civilt moderna tra societ civile e Stato. Mentre nella polis greca l'individuo era armonicamente inserito nella vita politica, nel
1

mondo moderno si costretti a vivere due vite: quella borghese (basata sugli interessi particolari) e quella da cittadino, puramente illusoria, che dovrebbe perseguire gli interessi collettivi. Lo Stato in realt si presenta come strumento al servizio degli interessi particolari delle classi pi forti, trascurando le classi pi deboli. Anche la conquista fondamentale della Rivoluzione francese (l'uguaglianza formale di tutti i cittadini) illusoria: la civilt moderna rappresenta allora la societ dell'egoismo e della particolarit reali e della fratellanza illusoria. Marx coerentemente rifiuta in blocco la civilt liberale, anche nei suoi aspetti apparentemente positivi: rifiuta il principio di rappresentanza e quello della libert individuale (espressione di una societ atomizzata). Il modello di societ che ha in mente Marx quello basato su una assoluta compenetrazione tra individuo e comunit. Mentre Hegel pensava che tale modello si potesse ottenere con strumenti politici, Marx ritiene che essa sia raggiungibile solo con l'eliminazione delle disuguaglianze reali tra tutti gli uomini (prima di tutto la propriet privata), attraverso un processo rivoluzionario il cui promotore dovrebbe essere il proletariato, classe priva di propriet. La critica dell'economia borghese e la problematica dell'alienazione I manoscritti economico-filosofici (1844) segnano il primo contatto di Marx con l'economia. L'economia classica ha la colpa di aver considerato eterno il sistema capitalistico, che invece solo un sistema economico tra i tanti della storia di produrre e distribuire ricchezza. Inoltre questo tipo di economia non vede la conflittualit tipica della societ borghese tra capitale e lavoro salariato, che si esprime essenzialmente nell'idea di alienazione. Per Hegel l'alienazione era il movimento con cui lo Spirito diveniva altro da s, si oggettivava per poi riunirsi di nuovo a s arricchito. Per Marx l'alienazione un fatto negativo di scissione che riguarda non la sfera dello spirito ma quella socioeconomica: - il lavoratore alienato rispetto al suo prodotto (egli produce qualcosa che non gli appartiene, ma che anzi fa in modo da rinforzare la sua sottomissione); - il lavoratore alienato rispetto alla sua attivit, che prende le forme di un lavoro forzato, nel quale egli strumento di fini non suoi (il profitto del capitalista). In questo modo l'uomo si sente "bestia" quando dovrebbe sentirsi veramente uomo (cio nel lavoro), e si sente uomo quando fa la bestia (nel mangiare, nel bere, ecc.); - il lavoratore alienato rispetto alla sua essenza. L'uomo diverso dall'animale proprio per il lavoro libero, mentre nella societ capitalistica costretto ad un lavoro ripetitivo e forzato; - il lavoratore alienato rispetto al prossimo, perch l'altro per lui soprattutto il capitalista, ossia un individuo che lo tratta come un mezzo. La causa del meccanismo dell'alienazione risiede nella propriet privata dei mezzi di produzione, in virt della quale il possessore della fabbrica (il capitalista) pu utilizzare il lavoro di alcuni uomini (i salariati) per accrescere la propria ricchezza. Il superamento dell'alienazione allora coincide con la distruzione della propriet privata. Dunque nei Manoscritti la storia si configura come il luogo della perdita e della riconquista dell'essenza dell'uomo. Il distacco da Feuerbach e l'interpretazione della religione in chiave sociale Per Marx il merito maggiore di Ludwig Feuerbach era stato quello di rivendicare la naturalit e la concretezza degli individui umani e nel rifiutare l'idealismo hegeliano. ma Feuerbach ha perso di vista la storicit, non rendendosi conto che l'uomo non tanto natura quanto societ, e quindi storia (l'essere umano l'insieme dei rapporti sociali). Rompendo con tutta la tradizione filosofica e con Feuerbach, Marx sostiene che l'uomo non
2

un'essenza atemporale fornita di propriet immutabili, ma che l'individuo reso tale dalla societ storica in cui egli vive. Feuerbach per Marx colui che ha scoperto che la religione un prodotto umano (non Dio a creare l'uomo ma l'uomo a creare Dio come proiezione del suo bisogno di perfezione). Ma, ancora una volta, Feuerbach non ha capito la radice sociale della religione, che oppio dei popoli. La religione per Marx l'elaborazione dolorosa di una umanit alienata che proietta in un aldil illusorio la soddisfazione di bisogni che le sono impediti sulla terra da una societ ingiusta. Dunque, l'unico modo per eliminare la religione non la critica filosofica, ma la trasformazione rivoluzionaria della societ. La distruzione della alienazione religiosa dipende dalla distruzione della alienazione economica: se tutti gli uomini si realizzano sulla terra non hanno pi bisogno di un Paradiso in cui proiettare la propria felicit. Altro limite di Feuerbach l'esclusione della dimensione della prassi, limitandosi ad un atteggiamento conoscitivo: I filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi; si tratta per di mutarlo. La concezione materialistica della storia a) Dalla ideologia alla scienza La critica a Feuerbach segna nella filosofia di Marx il passaggio al materialismo storico. Questo passaggio avviene con L'ideologia tedesca (1845-46). Con quest'opera (scritta in collaborazione con Engels) c' il tentativo di cogliere il movimento reale della storia, al di l delle rappresentazioni ideologiche che ne hanno da sempre velato la struttura effettiva. L'ideologia per Marx una falsa rappresentazione della realt. Guardando l'umanit in maniera scientifica e non ideologica, vediamo che essa una specie composta di individui associati che lottano per la propria sopravvivenza. La storia non dunque un evento spirituale, ma un processo materiale, fondato sul bisogno (mangiare, bere, vestirsi, ecc.). Questa azione materiale (produrre i mezzi per la propria sussistenza) distingue gli uomini dagli animali. Alla base della storia vi dunque il lavor, che ha creato civilt e cultura. Nell'ambito della produzione sociale dell'esistenza bisogna distinguere due elementi: le forze produttive e i rapporti di produzione: - forze produttive sono gli uomini che producono, il modo con cui producono ed i mezzi che servono per produrre. Per es.: nella societ feudale: a) gli uomini che producono sono i contadini; b) i modi e le tecniche con cui si lavora sono la terra e i vari strumenti per lavorarla. - i rapporti di produzione indicano le relazioni che si instaurano fra i vari uomini nel corso della loro produzione. Essi sono definiti soprattutto dal possesso o meno dei mezzi di produzione (il feudatario che possiede le terre e fa lavorare i contadini che non la possiedono). b) Struttura e sovrastruttura Forze produttive e rapporti di produzione costituiscono la struttura della societ. Su questa base si eleva una sovrastruttura giuridica e politica, una dottrina etica, una religione, una filosofia, che risultano dunque essere espressione pi o meno diretta dei rapporti strutturali.
3

Marx dunque inverte l'impostazione tradizionale del problema. Non la coscienza che determina la vita, ma la vita che determina la coscienza. Materialismo allora in Marx significa che le vere forze motrici della storia non sono di natura spirituale, ma di natura socioeconomica. c) La legge della storia e le grandi formazioni economico-sociali I rapporti di produzione si mantengono fino a quando favoriscono le forze produttive e vengono distrutti quando diventano ostacoli per esse. Le nuove forze produttive sono sempre incarnate da una classe in ascesa, mentre i vecchi rapporti di propriet sono sempre incarnati da una classe dominante al tramonto. E' inevitabile lo scontro tra esse. Alla fine vince quasi sempre la classe che esprime le nuove forze produttive, che cos impone la sua propria visione del mondo. Nella Francia del 1700 vi fu, per esempio, uno scontro tra borghesia (espressione delle nuove forze produttive di tipo capitalistico) e aristocrazia (espressione dei vecchi rapporti produttivi di tipo feudale). La borghesia con la Rivoluzione francese riusc a vincere in questo scontro. Nel mondo moderno si sta producendo una contraddizione esplosiva: la fabbrica moderna, pur essendo propriet di un capitalista, produce solo grazie al lavoro collettivo di tecnici, impiegati, dirigenti. Ma se sociale (collettiva) la produzione della ricchezza, sociale deve essere anche la distribuzione di essa. Questo significa che il capitalismo porta in s dialetticamente (come suo contrario) il socialismo. Le grandi formazioni economico-sociali della storia umana sono le seguenti: I) la comunit primitiva, senza divisione del lavoro e propriet privata. Gli uomini condividono il frutto della caccia e della pesca (una sorta di comunismo originario); II) le societ classiste, che nascono con lo sviluppo delle forze produttive. Nascono le classi e i rapporti diventano di dominio e sfruttamento. Di questo tipo sono: a) la societ tribale o asiatica; b) la societ greco-romana (retta sulla schiavit); c) la societ feudale o degli ordini (basate sul rapporto servo della gleba-padrone) III) la societ capitalista, caratterizzata dal rapporto capitalista-salariato IV) la societ socialista, sbocco inevitabile della storia, forma di societ in cui l'uomo, vincendo l'alienazione si pone come padrone del proprio destino sociale. Il comunismo non pi la meta utopistica, ma il risultato oggettivo di uno sviluppo della dialettica oggettiva della storia:
Il comunismo per noi non uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realt dovr conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presenti.

Anche per Marx, come per Hegel, la storia si configura come una totalit che si realizza in processo e che ha una realizzazione finale (la societ socialista). Il Manifesto (del Partito comunista) (1848) a) Borghesia, proletariato e lotta di classe Quest'opera, in cui Marx si propone di esporre gli scopi e i metodi dell'azione rivoluzionaria, una sintesi della concezione marxista del mondo.
4

Nella prima parte Marx descrive la storia della borghesia, illustrandone meriti e limiti. A differenza delle varie classi che hanno dominato nel passato (per es., l'aristocrazia) la borghesia non pu esistere senza rivoluzionare continuamente gli i mezzi di produzione e l'insieme dei rapporti sociali. Essa una classe dinamica, che ha modificato la faccia della terra in maniera straordinaria: essa ha unificato il genere umano, poich l'esigenza di smerciare i suoi prodotti l'ha portata a percorrere tutte le terre, creando cos un mercato mondiale; ha assoggettato le campagne alla citt. Ma essa ha anche posto le basi per cicliche crisi dovute alla conservazione dei vecchi rapporti di propriet, privatistici. Il proletariato l'artefice di quella lotta di classe che porter all'abbattimento dei vecchi rapporti di propriet: La storia di ogni societ esistita fino a questo momento storia di lotte di classi. Le classi si definiscono in relazione alla propriet o meno dei mezzi di produzione. La lotta di classe nella fase capitalistica porter dopo la rivoluzione proletaria alla soppressione delle classi. Importante la distinzione fra classe in s (insieme degli individui che si trovano nella stessa condizione socioeconomica) e per s (classe intesa come insieme cosciente di individui che lottano per gli stessi obiettivi): una classe diventa soggetto rivoluzionario soltanto quando giunge alla coscienza di classe (quando diventa classe per s). Il proletariato diventa classe soggetto rivoluzionario nello scontro con la borghesia. Il compito dei comunisti quello di essere l'avanguardia cosciente del proletariato, di cui rappresenta la guida interna teorica e pratica. Uno dei cardini del marxismo l'internazionalismo della lotta proletaria. Gli operai devono sentirsi solidali non con la propria nazione ma con gli operai di tutto il mondo. Il Manifesto si chiude con la celebre affermazione: Proletari di tutti i Paesi, unitevi. b) La critica dei falsi socialismi Marx analizza nelle seconda parte del Manifesto le teorie socialiste precedenti: - socialismo reazionario (che vuole un ritorno al passato), e pu essere: 1) socialismo feudale che auspica l'abolizione della societ capitalistica e il recupero di un passato preindustriale. Vicino a questo socialismo quello pretesco, che usa il messaggio evangelico; 2) socialismo piccolo-borghese, che vuole il ritorno al sistema corporativo medievale per l'artigianato e al sistema patriarcale per l'agricoltura; 3) il socialismo tedesco, che nella sua rabbia antiborghese finisce col distruggere quelle conquiste liberali utili anche la proletariato; - socialismo conservatore o borghese (il cui massimo rappresentante Proudhon), che vorrebbe rimediare agli inconvenienti del capitalismo senza distruggerlo; - il socialismo critico-utopistico (Saint-Simon Owen, Fourier), che non ha riconosciuto al proletariato una funzione storica e rivoluzionaria autonoma e che fa appello pi alle riforme da parte dei ceti dominati che all'azione rivoluzionari. Ad esso Marx oppone il suo socialismo scientifico (basato sull'analisi delle leggi della storia e dell'economia). Il Capitale a) Economia e dialettica Il Capitale (Critica dell'economia politica), in tre libri (di cui due pubblicati postumi) un analisi dell'economia capitalistica fatta in contrapposizione agli economisti classici come Ricardo e Smith. Marx ritiene che non esistono leggi universali dell'economia (le leggi economiche del feudalesimo non valgono per il capitalismo).
5

La societ costituisce una totalit organico-dialettica: una produzione determinata determina anche il consumo, la distribuzione, lo scambio. E' ancora aperta una questione critica: le leggi rilevate da Marx sono profezie (che necessariamente di realizzeranno nell'idea dell'autore) o tendenze? b) Merce, lavoro e plusvalore
Il capitale un rapporto sociale di produzione. Esso un rapporto borghese di produzione, un rapporto di produzione della societ borghese. i mezzi di sussistenza, gli strumenti di lavoro, le materie prime di cui i capitale costituito, non furono essi prodotti e accumulati in determinate condizioni sociali, in determinati rapporti sociali? (Lavoro salariato e capitale, p.48)

Caratteristica specifica del modo capitalistico di produzione quella di essere produzione di merci. La merce deve possedere: - un valore d'uso (deve servire a qualcosa, essere utile); - un valore di scambio (che garantisce la sua possibilit di essere scambiata con altre merci). Il valore di scambio discende dalla quantit di lavoro necessaria per produrre la merce in questione. Pi lavoro necessario per produrre un merce e pi essa vale. Il valore non si identifica con il prezzo, il quale per ha il valore di scambio alla propria base. Nel capitalismo la produzione non finalizzata al consumo, ma alla accumulazione di denaro (denaro-merce-pi denaro [plusvalore]). Come possibile che qualcuno acquisti una merce che gli procura pi denaro? L'origine del plusvalore va ricercata a livello della produzione capitalistica. Il capitalista compera e usa una merce particolare, che produce valore: questa merce l'operaio. Il capitalista compera la forza-lavoro dell'operaio pagandola come qualsiasi altra merce (secondo il valore corrispondente alla quantit di lavoro necessaria a produrla, cio col salario). Ma questa merce particolare che l'operaio ha la capacit di produrre un valore maggiore di quello che gli corrisposto col salario. Se l'operaio lavora 10 ore al giorno e in questo tempo produce un valore pari a 10, se il capitalista gli corrispondesse tutto il valore prodotto (sotto forma di salario) non avrebbe per s alcun guadagno. Allora il valore equivalente al salario deve essere inferiore al valore complessivo prodotto dall'operaio: per es., 6 su 10. Allora l'operaio in 6 ore di lavoro si sarebbe gi guadagnato il proprio salario, regalando al capitalista 4 ore di plus-lavoro che equivalgono a 4 di plusvalore. Il plusvalore allora l'insieme della valore offerto gratuitamente dall'operaio al capitalista. Ci possibile perch il capitalista possiede i mezzi di produzione, mentre l'operaio ha solo la sua forza lavoro. Dal plusvalore deriva il profitto, che si ottiene dal rapporto tra il plusvalore e la somma del capitale variabile (il capitale investito dal capitalista nei salari) e capitale constante (il capitale che serve all'acquisto, alla manutenzione delle macchine, ecc.). b) Tendenze e contraddizioni del capitalismo Poich il capitalismo si regge sul ciclo denaro-merce-plusvalore, il suo fine quello di produrre una maggior quantit possibile di plusvalore. In un primo momenti si cerca di aumentare la giornata lavorativa, ma questa dilatazione dell'orario non serve perch la forza-lavoro dell'operaio riduce la sua produttivit (l'operaio si stanca). Allora bisogna cercare di ridurre la parte di giornata necessaria a coprire il salario (plusvalore relativo). Questo si pu ottenere solo con l'aumento della produttivit del lavoro, che spinge il capitalista a migliorare le macchine. Le tre fasi di questo miglioramento sono: - il sistema della cooperazione
6

- le manifatture che sono esistite dal 1600 al 1700 - l'industria meccanizzata, che permette di aumentare la quantit di merce prodotta nello stesso tempo con lo stesso numero di operaio e quindi di produrre maggior plusvalore relativo. Inoltre le macchine permettono di utilizzare come operai anche donne e bambini, causando maggiore concorrenza nel mondo del lavoro e potendo cos diminuire i salari. L'aumento di produttivit conseguito con l'uso delle macchine genera le crisi cicliche di sovrapproduzione, dovute ad una eccessiva abbondanza di merci rispetto alle reali esigenze del mercato. La crisi ha come effetti la distruzione dei beni (caff, frutta, ecc. vengono distrutti per non essere costretti ad abbassare i prezzi) e la disoccupazione. Il rinnovamento tecnologico genera anche la caduta tendenziale del saggio di profitto: il plusvalore passato s'accumula in capitale, e perci questo aumenta sempre di pi, mentre la parte di lavoro vivo va sempre diminuendo, in esso, in proporzione; ma siccome il capitalista ottiene un profitto soltanto dal plusvalore sottratto dal lavoro vivo, ne risulta che la percentuale di profitto, a lungo andare deve diminuire. In altre parole: siccome soltanto il capitale variabile, investito in salari, a produrre plusvalore, anche il plusvalore decrescerebbe in relazione al capitale costante:
Tutta questa complessa argomentazione prese forma muovendo da un postulato iniziale: siccome il valore poteva essere creato solo dal lavoro, soltanto il capitale usato per pagare il lavoro produttivo poteva generare plusvalore. Bisognava per riconoscere, come cosa evidente, che i profitti raccolti dai singoli capitalisti derivavano dalla differenza tra quelli che erano per loro i costi totali di produzione e le somme realizzata con la vendita del prodotto, e che da questo punto di vista la composizione del capitale di ogni singola azienda era irrilevante tranne che per i suoi effetti sui costi per unit. Stando cos le cose, tutto il concetto di plusvalore sarebbe rimasto campato per aria se Marx avesse parlato degli stesi problemi di cui parlavano gli economisti ortodossi; e questi economisti, rendendosene conto, liquidarono tutto il sistema definendolo assurdo in quanto completamente staccato dai fatti del mercato (Cole, Storia del pensiero socialista, II, p.326)

Per Marx la caduta tendenziale del saggio di profitto il vero punto debole del sistema capitalistico. Questo limite (pi la concorrenza e l'anarchia produttiva) finisce col portare ad una societ fondata su due classi essenzialmente: un ristretto gruppo di capitalisti e una grande massa di salariati, e disoccupati:
Il capitale pu accrescersi soltanto se si cambia con forza-lavoro, soltanto se produce lavoro salariato. la forza-lavoro del salariato si pu scambiare con capitale soltanto a condizione di accrescere il capitale, di rafforzare il potere di cui schiava. Aumento del capitale quindi aumento del proletariato, cio della classe operaia (Lavoro salariato e capitale, p.51).

Questa situazione insostenibile deve necessariamente portare alla rivoluzione che conduca alla socializzazione dei mezzi di produzione e alla soppressione delle classi. La rivoluzione e la dittatura del proletariato
Il proletariato cos investito di una missione storico-universale (il passaggio dalla societ capitalista a quella comunista). Suo compito non quello di abolire un tipo particolare di propriet, ma di cancellare ogni forma di propriet privata, di divisione del lavoro e di dominio di classe. Lo strumento tecnico della rivoluzione proletaria la socializzazione dei mezzi di produzione e di scambio, che passando dalle mani dei privati a quelle della comunit pongono fine allo sfruttamento. Malgrado Marx ritenesse che la rivoluzione implichi sempre forme di violenza, negli ultimi anni ammetteva anche la possibilit di una via pacifica al socialismo. Primo compito della rivoluzione proletaria l'abbattimento dello Stato borghese e delle sue istituzioni, poich esso sovrastruttura di una societ civile dominata dagli interessi della
7

borghesia, Dunque lo stato un'insieme di istituzioni che servono alla borghesia per esercitare il proprio dominio di classe, e non una macchina alla cui guida potrebbe sostituirsi la classe operaia. Marx arriva a formulare la teoria della dittatura del proletariato: essa corrisponde al periodo di tempo tra la societ capitalista e quella comunista pienamente realizzata. La dittatura del proletariato sar la prima forma di dittatura esercitata da una maggioranza. Tecnicamente questa dittatura si realizzer con: - la sostituzione dell'esercito permanente con l'organizzazione degli operai armati; - soppressione del parlamentarismo con delegati eletti a suffragio universale, direttamente responsabili e revocabili in ogni momento; - abolizione della separazione dei tre poteri. La dittatura del proletariato solo una misura temporanea, il cui fine il superamento dello Stato Le fasi della futura societ comunista Marx ha dato poco spazio nella sua opera alla deliniazione della futura societ comunista (per non cadere negli eccessi dei socialisti utopisti). Marx distingue un comunismo rozzo ed uno pienamente realizzato. Nel primo caso la propriet viene abolita solo per essere trasformata in propriet di tutti. la comunit viene ad assumere il ruolo di un grande capitalista che non abolisce ma universalizza la situazione dell'individuo nella societ borghese. Il comunismo pienamente realizzato appare invece come quella situazione in cui l'individuo, superato completamente l'orizzonte sociale della propriet, cessa di intrattenere con il mondo rapporti d puro possesso e consumo. In questa societ ogni uomo produrr secondo le proprie capacit, ma a ciascuno sar dato secondo i suoi bisogni.

KARL MARX (1818-1883) - critica all'hegelismo: falsa deduzione da categorie ideali del reale; - scoperta della dimensione sociale: strutture sociali ingiuste rendono vana la presenza di leggi astrattamente giuste; - scoperta dell'economia politica (Manoscritti economico-filosofici del 1844): a) critica dell'assolutismo delle dottrine degli economisti classici. Le strutture economiche non sono categorie metafisiche immutabili ma realt storicamente determinate; b) previsione delle divaricazione tra capitalisti e proletariato; c) analisi dell'alienazione della vita del proletariato (che non possiede pi n la sua vita n il suo lavoro - diventato di un altro, alius, il capitalista); - la concezione materialistica della storia (l'Ideologia tedesca): a) la societ modifica il pensiero; la coscienza un prodotto sociale. Ci che gli individui sono dipende dalle condizioni materiali di vita; bisogna contrapporre all'uomo hegelianamente inteso come autocoscienza, l'uomo inteso come essere sensibile e naturale; b) i mezzi di produzione (necessari per soddisfare i bisogni) sono stati prodotti dagli uomini nel corso del tempo; c) la divisione del lavoro ha creato le basi per la frattura sociale in due classi, la ripartizione ineguale del lavoro e dei suoi prodotti; d) la storiografia scientifica dovr porre al centro delle proprie indagini la vicenda dei bisogni materiali umani e dei diversi sistemi produttivi; e) la rivoluzione non sar l'iniziativa volontaristica di un gruppo di individui, bens il frutto di un determinato processo storico: le condizioni per l'avvento della rivoluzione saranno l'indigenza di un'enorme massa umana e l'aumento del benessere delle classi ricche. La rivoluzione dovr essere universale e radicale, abolendo le classi e il lavoro salariato; - Tesi su Feuerbach: a) I filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi: ora si tratta di cambiarlo; b) il distacco da Feuerbach avviene sulla questione dell'uomo: non esiste un essenza universale dell'uomo ma solo individui concreti all'interno di una complessa rete di rapporti che cambiano nel tempo; - Il Manifesto (1848): a) il comunismo diventata una forza politica concreta; b) La storia di ogni societ esistita fino a questo momento storia di lotta di classi; c) la borghesia ha il merito di aver abbattuto il feudalesimo, di aver prodotto un sapere in grado di dominare la natura, ha creato una struttura economica in grado di produrre ricchezza; d) il proletariato dovr scegliere la strada rivoluzionaria, attuando tutte quelle riforme che gi i pi illuminati tra i borghesi hanno intuito. Dopo l'abolizione dello stato, ci saranno forme di democrazia diretta e di autogoverno popolare.

10