Sei sulla pagina 1di 1

L’est

estetica trascendentale
La teoria dello spazio e del tempo
Estetica trascendentale: Studia la sensibilità e le sue forme a priori.
Kant ritiene la sensibilità:
• Recettiva: Perché essa non genera contenuti propri ma li apprende intuitivamente dall’esperienza (a posteriori -> materia).
• Attiva: Perché, attraverso le sue forme a priori dello spazio e del tempo (a priori -> forma), organizza tali contenuti.
Le forme pure:
• Spazio: Forma del senso esterno. Rappresentazione a priori e necessaria del disporsi delle cose le une accanto alle altre.
3 dimensioni: Destra/Sinistra – Avanti/Dietro - Sopra/Sotto.
• Tempo: Forma del senso interno. Rappresentazione a priori e necessaria del disporsi delle cose le une dopo le altre.
2 dimensioni: Prima – Dopo.
Dato che i dati del senso esterno ci giungono per forza attraverso il senso interno, e non viceversa (le cose possono non stare nello
spazio, come i sentimenti, ma non nel tempo), allora il tempo diventa il modo universale per il quale percepiamo tutti gli oggetti.
Kant giustifica l’apriorità dello spazio e del tempo con:
• Esposizione metafisica: Egli confuta diverse visioni:
o Empiristica (di Locke): Per cui lo spazio e il tempo sono nozioni tratte dall’esperienza.
Essi non possono derivare dall’esperienza, perché sono presupposti necessari a priori per una qualsiasi esperienza.
o Oggettivistica (di Newton): Per cui lo spazio e il tempo sono recipienti vuoti.
Essi non possono essere recipienti vuoti, perché, ammettendo che non vi siano oggetti, come potremmo concepirli?
Allora Kant afferma che essi sono dei quadri mentali a priori entro cui connettiamo i dati fenomenici.
Essi assumono quindi l’accezione di condizioni a priori del conoscere. Dati i due livelli gnoseologici dell’essere:
- Idealità trascendentale: Rispetto alla cosa in sé essi sono ideali e soggettivi.
- Realtà empirica: Rispetto al fenomeno della cosa (l’impressione che ne abbiamo noi) essi sono reali e oggettivi.
o Concettualistica (di Leibniz): Per cui lo spazio e il tempo sono concetti esprimenti le relazioni tra le cose.
Essi non possono essere considerati come dei concetti in quanto essi sono di natura intuitiva e non ragionata, in
quanto non abbiamo l’idea di spazio dopo aver esaminato vari spazi, ma questi li riconduciamo ad un unico grande
spazio, che quindi risulta essere un’intuizione pura a priori.
• Esposizione trascendentale:
Kant vede nella geometria e nell’aritmetica delle scienze sintetiche a priori per eccellenza:
o Sintetiche: In quanto ampliano le nostre conoscenze mentali, fornendoci nuove informazioni. Qualsiasi somma,
sottrazione o altro calcolo ci dirà qualcosa non intuibile analiticamente, ma solo sinteticamente, con un calcolo.
o A priori: In quanto i teoremi geometrici e aritmetici sono validi indipendentemente dall’esperienza.
Kant è convinto che esse si basino saldamente sulle intuizioni di spazio e tempo.
• Geometria: Fonda le proprietà delle figure sull’intuizione dello spazio.
• Aritmetica: Fonda le proprietà delle successioni numerica sull’intuizione del tempo e della successione.
Kant, rifiutando ogni spiegazione metafisica o teologica, afferma che la matematica può essere applicata agli oggetti
dell’esperienza fenomenica perché quest’ultima, essendo intuita nello spazio e nel tempo, ha già una configurazione
geometrico/matematica. Cioè, se noi ordiniamo la realtà secondo la forma a priori dello spazio euclideo, la realtà
fenomenica che ci si presenterà sarà ordinata secondo questa concezione di spazio.