Sei sulla pagina 1di 8

Padova, 10 Febbraio 2014

GLI ATTEGGIAMENTI PREVENTIVI DIVENSIVI E OFFENSIVI


Relatori: MAURIZIO VISCIDI (vice coordinatore Nazionali Giovanili)
e MARCO SCARPA (osservatore Nazionale A)

Per un approfondimento dellargomento si rimanda allarticolo


Limportanza dellattacco preventivo e della difesa preventiva di Marco Scarpa e Maurizio Viscidi
Notiziario del Settore Tecnico FIGC numero 4/2013

Maurizio Viscidi introduce i concetti di MARCATURA PREVENTIVA (come atteggiamento


preventivo difensivo e quindi chiusura preventiva e copertura preventiva) e
SMARCAMENTO PREVENTIVO (come atteggiamento preventivo offensivo).
Quando si attuano questi atteggiamenti? Quando si dietro la linea della palla e non si sta
facendo la fase di attacco si deve fare chiusura preventiva.
Quando invece si davanti la linea della palla e non si sta facendo la fase di difesa si deve
fare smarcamento preventivo.
1
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

ESERCITAZIONE: 11>O con attenzione alle chiusure preventive


LEGENDA:
rossi: cinesini che simboleggiano
gli attaccanti avversari.
Bianchi: la squadra (11).
Frecce blu : chiusura preventiva.
Freccia nera: passaggio
Tratteggio: movimento

In un sistema 1-4-4-2 nel momento in cui un terzino va a fare la fase offensiva, necessario che i
restanti membri della fase difensiva (non siano semplici osservatori dello sviluppo dellazione) ma
vadano ad eseguire una chiusura preventiva sugli attaccanti (in questo caso sono i tre cinesini
rossi). Nel caso in cui durante lo sviluppo della fase offensiva viene perso il possesso della sfera, si
evita la veloce ripartenza (basta una semplice palla in profondit, lattaccante riuscir a girarsi ed
utilizzare lo spazio concesso).
Bisogna inoltre prendere in considerazione il concetto di COPERTURA PREVENTIVA (come da figura
sotto).

Copertura preventiva !

Variante: durante lo sviluppo dellazione il mister sistemer a caso un cinesino (che simboleggia
lattaccante avversario su cui effettuare la marcatura e chiusura preventiva).
Variante: Si gioca sempre un 11>0 ma allinterno del campo ci sono anche due attaccanti avversari
che si muovono con un pallone in mano.

2
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

Non appena viene segnato un gol il mister chiamer il nome di uno dei due attaccanti rossi, questo
dovr utilizzando il suo pallone e con laiuto del suo compagno (che intanto avr lanciato via il
pallone non utilizzato) cercare di far gol nella porta avversaria.
Viene cos introdotto anche il concetto di TRANSIZIONE (dalla fase offensiva si passa rapidamente
alla fase difensiva).
Variante: Al gol il mister urler secondo pallone e andr a servire uno dei due attaccanti rossi per
far gol.
Nota bene: invitare luscita dei difensori centrali e farlo andare in porta spesso questo
movimento non viene fatto per paura, perch alle proprie spalle non si realizza una chiusura
preventiva.
Invitare anche luscita del terzino in sovrapposizione al proprio esterno alto (non deve in questo
caso scendere un centrocampista, ma deve fare la chiusura preventiva il centrale di difesa).
Sviluppo: al gol il mister andr a giocare il secondo pallone, questa volta per sono presenti 3
attaccanti rossi (e non pi due come prima).
ESERCITAZIONE: 1vs1 e smarcamento preventivo.

Zona intermedia dove lattaccante


verde non pu essere marcato

Linea di meta.

3
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

Lattaccante verde palla al piede deve superare nel confronto 1vs1 il difensore blu. Intanto il suo
compagno deve effettuare uno smarcamento preventivo (al fine di poter ricevere palla, puntare il
difensore blu e fare meta).
Nel caso in cui il secondo difensore blu recuperi palla, deve servire il suo compagno nella zona
intermedia (dove nel frattempo ha effettuato uno smarcamento preventivo). Lesercizio si svolger
dunque a specchio dalla parte opposta.
Il difensore non pu invadere la zona intermedia fino a quando lattaccante non ha toccato il
pallone, poi dovr rapidamente accorciare.
Nota bene: mentre c l1vs1 bisogna effettuare smarcamento preventivo

La posizione ottimale dellattaccante che ha fatto smarcamento preventivo: con una spalla verso il
ricevente ed una spalla verso lobiettivo (porta o meta che sia). In modo da esser gi girato.
Spesso gli attaccanti sono serviti spalle alle porta, questo tipo di servizio per gli attaccanti favorisce
la ripartenza soprattutto nel caso in cui la difesa non faccia chiusura preventiva.
Accortezze per il mister: il suo punto dattenzione dove non c la palla, per vedere se viene fatto
gioco preventivo.
Variante: accorciare la zona intermedia (lideale sarebbe riuscire ad accorciare prima che
lattaccante riesca a girarsi).

4
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

ESERCITAZIONE: doppio 2vs1

I due verdi devono eseguire un doppio due contro uno: prima oltrepassando la fascia intermedia e
poi andando a fare mta.
Non appena realizzata la mta dovranno velocemente andare a fare la copertura preventiva.
Evitare che il blu riesca con un filtrante a trovare il suo compagno posizionato nella zona
intermedia, e che questo possa disporre di ampio spazio disponibile.

ESERCITAZIONE: 3 quadrati per ripartire.

Nella met campo destra si svolge un 3vs2; obiettivo dei due verdi conquistare palla e fare gol,
obiettivo dei tre blu quello di andare a servire il proprio compagno che effettuer smarcamento
preventivo (potr farlo andando ad occupare uno dei tre quadrati). Il difensore verde potr
occupare solo il quadrato centrale e potr aggredire lattaccante blu solo dopo che questo avr
toccato palla. Si sviluppa dunque un 1vs1.

5
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

Accortezze per lattaccante blu: se occupa il quadrato centrale ignorante, marcato e spalle
alla porta, avr difficolt a girarsi e non riuscir a crearsi lo spazio per l1vs1.
Deve invece andare ad occupare i quadrati laterali (EFFETTUA UNA SMARCAMENTO FUORI LINEA)

Accortezze: - essere sempre collegato con la squadra (deve dunque cambiare quadrato nello
sviluppo dellazione). posizione del corpo aperta, una spalla al ricevente, una verso lobiettivo
(vedere contemporaneamente palla e porta).
Se i verdi perdono palla devono subito fare una prima pressione sul portatore.

ESERCITAZIONE: partita su due met campo con gioco preventivo

Nella met campo di sinistra si gioca un 2vs2 (due difensori verdi e due attaccanti blu) nella met
campo di destra si gioca un 4vs4 (quattro difensori blu e quattro attaccanti verdi).
Mentre si gioca il 4vs4, gli attaccanti (ed anche i difensori) nellaltra met campo devono fare gioco
preventivo.
Bisogna arrivare ad avere in campo undici giocatori in posizione attiva .

6
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

ESERCITAZIONE per dare mobilit in mezzo al campo.

1 quadrante:
1vs1 (blu
attaccante)

Quadrante CENTRALE:
3vs3

3 quadrante:
1vs1 (blu
difensore)

Si svolge una partita Blu vs Verdi, suddividendo il campo in 3 fasce. Nel primo quadrante si svolge
un 1vs1 (obiettivo dellattaccante Blu quello di segnare in una delle due porticine), nel quadrante
centrale invece si svolge un 3vs3 con lobiettivo di andare a servire il rispettivo attaccante; nel
terzo quadrante si gioca un altro 1vs1 (questa volta per il difensore blu pu utilizzare il portiere
lattaccante verde deve segnare nella porta).
Lattenzione del mister deve sempre essere posta nelle zone di 1vs1; lattaccante deve fare
smarcamento preventivo, questo infatti pu essere servito direttamente dal proprio difensore (che
salterebbe cos lintero quadrante centrale).
Il difensore invece deve essere bravo a fare chiusura preventiva e subito a staccarsi per poter
ricevere lo scarico di uno dei tre centrocampisti.
I tempi del difensore sono diversi dai tempi dellattaccante.
Pi marco meno copro, pi copro meno marco frase cara a mister Viscidi.

7
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)

ESERCITAZIONE partita 3 colori su 3 settori

Zona dello smarcamento


Preventivo.

Si svolger un continuo 5vs3 sui due quadranti laterali. I tre giocatori rossi andranno a creare la
superiorit numerica in aiuto degli attaccanti in possesso di palla.
I tre difensori verdi, anche con laiuto del P, dovranno cercare di servire i due attaccanti che
intanto faranno smarcamento preventivo nella fascia intermedia (i difensori avversari non
potranno inizialmente entrare in questa fascia, ma aggrediranno solo una volta che gli attaccanti
hanno toccato la sfera).

Al recupero del pallone da parte dei difensori, i rossi (jolly) si gireranno e andranno a fare la fase
offensiva dalla parte opposta.
Variante: i difensori possono aggredire gli attaccanti che hanno fatto smarcamento preventivo solo
dopo che questi toccano la sfera
Variante: i difensori possono aggredire gli attaccanti che hanno fatto smarcamento preventivo
appena la palla viene servita verticalmente.
Variante: per avvicinare ancora di pi lesercitazione alla situazione reale in partita, si pu
accorciare la zona intermedia fino ad eliminarla.
8
Relazione scritta da Matteo Filira (allenatore Settore Giovanile San Paolo Padova)