Sei sulla pagina 1di 78

SVILUPPO ED APPLICAZIONI DELLA TATTICA in fase DIFENSIVA

LOBIETTIVO IN FASE DIFENSIVA E QUELLO DI NON PERMETTERE AGLI AVVERSARI DI ARRIVARE ALLA CONCLUSIONE E QUINDI AL GOAL PER FARE QUESTO BISOGNA CERCARE DI RECUPERARE LA PALLA CON CONTRASTI, ANTICIPI, INTERCETTAMENTI, E SOPRATTUTTO ATTRAVERSO IL LAVORO DI PRESSING (e/o pressione) DI TUTTA LA SQUADRA RESTA FONDAMENTALE NON FARSI METTERE LA PALLA ALLE SPALLE DELLA LINEA DIFENSIVA PERTANTO BISOGNA CONOSCERE LE CONTROMOSSE AL 2 CONTRO 2 , OVVERO CONOSCERE LELEMENTO BASE DELLA TATTICA IN FASE DIFENSIVA. SAPERE COME DIFENDERSI DA QUESTE MODALITA OFFENSIVE:
1 TRIANGOLAZIOE 2 TAGLIO 3 PASSANTE 2 contro 2 4 SOVRAPPOSIZIONE 5 1 CONTRO 1 6 TIRO 7 ATTACCO DIRETTO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------8 TRAVERSONE 9 CROSS

LA ZONA
E lo sviluppo di una tattica difensiva Equilibrio Simmetria Equa distribuzione in campo sono qualit essenziali per lapplicazione di questa tattica Il Centrocampo il reparto fondamentale perch garantisce le distanze fra i reparti

LA ZONA
La difesa a zona una tattica difensiva diametralmente opposta alla difesa ad uomo. Infatti mentre in questultima si responsabili di un avversario, nella zona si : 1.Responsabile di una zona di campo assegnata 2.In questa zona si marcano gli avversari che vi entrano 3.Ci si muove in essa e si collabora con le zone vicino in modo da garantire coperture e scalate Ci si muove in funzione di questi parametri: PALLA PORTA COMPAGNO AVVERSARIO E si deve sempre sapere che pi copro / meno marco e pi marco/meno copro Ricorda che non bisogna mal interpretare la zona come una tattica in cui si presidia uno spazio ma non si marca.

PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA ZONA


La zona come tattica di difesa inizia dalla linea di attacco Non basilare il reparto difensivo ma bens il centrocampo Fare esercitazioni in inferiorit numerica per capire come uno copre laltro

REQUISITI DELLA ZONA


Fasce laterali nostre amiche: sia in fase di possesso che in quella di non possesso. Si lascia libera la parte opposta alla palla Squadra corta: le distanze tra i reparti devono essere sempre corte Interscambiabilit dei ruoli Pressione pressing e fuorigioco I due esterni (o laterali) di difesa non devono essere statici ma devono proporre I due centrali di difesa devono essere con caratteristiche fisiche e tecniche diverse Equa distribuzione fisica: con la vicinanza dei reparti vi minor dispendio di energia In fase di possesso si allungano gli spazi ma si partecipa continuamente al gioco In fase di non possesso si accorciano gli spazi verticali ed orizzontali

LA ZONA
VANTAGGI
Si dipende maggiormente da se stessi e meno dallavversario C pi spirito collaborativo La squadra mantiene maggiormente lassetto, le posizioni ed i ruoli pi facile ripartire perch i riferimenti sono costanti E pi facile fare densit in zona palla

SVANTAGGI
I difensori non sanno pi marcare e contrastare Se c un duello dominante sfavorevole si va in crisi Ci vuole tanta organizzazione di reparto e molto lavoro situazionale I difensori si sentono spesso deresponsabilizzati dal goal avversario

CONTROMOSSE ALLA ZONA


Azione individuale Scambi rapidi (uno-due) Giocatore che si inserisce alle spalle dei centrocampisti centrali Gli attaccanti che fanno movimento corto-lungo Sovrapposizioni: creare superiorit numerica 2vs 1 Sfruttare lampiezza: stare molto larghi. Due giocatori posizionati sulle linee laterali (uno per parte) Tagli e movimenti a mezzaluna degli attaccanti e dei giocatori che si inseriscono Gioco prevalentemente rapido: pochi tocchi senza portare palla Cambio di posizione fra attaccanti e centrocampisti Attaccante che gioca in deviazione su lancio lungo, per gli inserimenti alle spalle dei difensori avversari, dei propri compagni

LA ZONA (didattica)
Per sapere difendere a zona bisogna esercitarsi e conoscere la:

progressione didattica
Vale il principio del segno della croce palla-porta-compagno-avversario E necessario sapere che prima ci si esercita in funzione della palla e delle sue variabili (aperta/chiusa) passaggio indietro, lancio in profondit (elastico) e riferimento alla porta. Successivamente ci si esercita in funzione delle intenzioni del portatore e dei compagni , imparando i concetti di copertura (a 12 linee laterale ; piramide centrale) Poi bisogna andare sul situazionale partendo dal 2 contro 2 e dalle sue soluzioni per imparare a marcare e coprire gli avversari Si passer al 3 contro 3 e poi 4 contro 4 , ( per poi imparare a difendere in inferiorit numerica ed anche in superiorit) Infine si esercita in situazione la difesa da palloni laterali (cross e traversoni)

PRESSING
E una azione difensiva collettiva e coordinata , attraverso la quale la squadra toglie TEMPO e SPAZIO al portatore di palla avversario ed ai suoi appoggi Eventualmente si pu accompagnare al raddoppio sul portatore di palla La PRESSIONE invece toglie TEMPO e SPAZIO al portatore ma non c chiusura degli appoggi bens copertura e ricerca di togliere le palle filtranti In base a dove viene effettuato si distingue i 3 categorie: Pressing alto : quando fatto sulla campo Pressing medio: quando viene effettuato a met campo Pressing basso: quando si fa nella met campo difensiva E utile ricordare che un elevato numero di goal nasce da palla recuperata con azione di pressing alto e rapida transizione positiva Lallenamento specifico pi usato e una situazione in cui si fa partire una squadra dal proprio portiere che deve superare la met campo, mentre laltra deve cercare di pressare e ripartire per fare goal

RADDOPPI
Raddoppiare significa non accettare l1 contro 1 in certe zone di campo o da certi giocatori, e portare un altro compagno per creare un 2 contro 1 a favore dei difendenti E bene che il raddoppio venga fatto da giocatori di reparti diversi , (tipo terzino+tornante) in quanto i giocatori del medesimo reparto meglio che si coprano a vicenda per non essere dribblati Spesso i raddoppi non sono ben fatti, quando anche con due uomini in zona palla non si riesce a determinare luomo che deve portare il contrasto per favorire il recupero palla del compagno e il portatore riesce a passare fra i due difendenti Il raddoppio molto dispendioso ma soprattutto non permette buone transizioni positive perch ci si abbassa troppo sotto la linea palla e non si riesce a ripartire Ultimamente si esegue meno e solo contro particolari giocatori estremamente pericolosi nell1 contro 1. Il miglior esercizio per insegnarlo collettivamente e quello delle bandiere colorate

FUORIGIOCO
Il fuorigioco una tattica in fase di non possesso che ha come obiettivo quello di: Toglier profondit e verticalizzazione al gioco avversario Non farsi portare troppo bassi a difendere Mantenere un assetto di linea difensiva Creare superiorit numerica difensiva Il pi delle volte non sono i difensori che lo cercano scattando in avanti, ma gli attaccanti che vi cadono andando in profondit fuori tempo. E indispensabile contro i tagli , facendolo precedere da un movimento di ACCOMPAGNO poi eventualmente LASCIO. (Ricorda problema 1 o 2 linee di copertura) E utile anche in tutti i retropassaggi di scarico per salire con la linea e attuando poi lelastico difensivo Sono fondamentali i tempi e losservazione della palla (aperta/chiusa) Si allena partendo dal 2 contro 2 soprattutto quello da taglio Mentre la risalita attraverso la situazione 5 contro 5 con partenza dai coni Alcune squadre lo applicano anche su palla inattiva

ELASTICO DIFENSIVO
Bisogna abituare la squadra e in modo particolare lultima linea a salire su retropassaggio avversario Questo per 2 motivi: 1. si pu mettere in fuorigioco gli attaccanti avversari 2. si mantiene la squadra corta Per un metro prima che lavversario riceva il passaggio di scarico, bisogna essere pronti ad arrestarsi e scappare indietro per parare un eventuale contromossa al fuorigioco o comunque un attacco diretto. Questo movimento a salire e poi scappare si chiama elastico Esiste anche il movimento opposto abbassarsi e poi salire per mettere in fuorigioco , ma questo pericoloso e poco usato

CHIUSURE PREVENTIVE
E una parte molto importante della tattica difensiva che si attua per quando si in possesso di palla. Servono a non fare ripartire in contropiede la squadra avversaria Si applica questo fondamentale accorgimento andando a marcare preventivamente i giocatori avversari che si trovano sopra linea palla e che fungono da ricevitori per una ripartenza La copertura preventiva invece il posizionarsi dietro la linea palla in fase di possesso, senza marcare avversari ma garantendo copertura ai compagni se perdono la palla Permettono in pratica di attaccare con la sicurezza di non subire un contropiede avversario Il miglior allenamento effettuare il gioco ombra e poi disporsi in modo da non subire una ripartenza con un secondo pallone da 2 o 3 avversari

Sviluppi e applicazioni di gioco tattici offensivi con due attaccanti


Gli attaccanti sintendono vicini quando giocano ad una distanza di circa 15 metri luno dallaltro Si definiscono distanti quando la distanza tra di loro di circa 35-40 metri Si definiscono affilati quando si posizionano uno avanti e laltro dietro il primo

Due attaccanti vicini

Due attaccanti distanti

Due attaccanti affilati

Principi generali di gioco dei due attaccanti vicini


Il servizio di palla per i due attaccanti deve essere veloce e loro devono essere pronti a giocare sulle palle sporche (giocando in spazi ristretti se il servizio non immediato si potrebbe avvantaggiare la difesa) Il primo pensiero dellattaccante che riceve palla deve essere quello di giocare velocemente con il compagno di reparto in combinazioni veloci I due attaccanti devono sempre effettuare un contro-movimento (uno lungo e uno corto oppure uno fuori laltro dentro) decide la direzione del movimento quello pi vicino alla palla, laltro si adegua ed effettua il movimento opposto Nella costruzione della coppia sono importanti le esercitazioni che li obbligano a giocare solo tra di loro Due attaccanti vicini costringono la difesa avversaria a rimanere stretta quindi dopo la prima giocata sugli attaccanti opportuno sfruttare il gioco in ampiezza sulle fasce laterali

Progressione di gioco con due attaccanti vicini


GIOCATA VELOCE: dai centrocampisti anche di prima intenzione SPOSTAMENTO VELOCE DELLA PALLA: tra i due attaccanti, di prima intenzione, con esca e velo SVILUPPO DI GIOCO: finalizzazione tra gli attaccanti o con i compagni, triangolazione (interna, esterna , in scarico), taglio, passante, sovrapposizione, attacco diretto, dribbling, tiro in porta

Giocata veloce dai centrocampisti

Spostamento veloce della palla tra i due attaccanti di prima intenzione

Spostamento veloce di palla tra i due attaccanti dopo esca

Spostamento veloce di palla tra i due attaccanti dopo velo

Sviluppo al primo attaccante marcato: tiro in porta, dribbling

Sviluppo al primo attaccante non marcato: taglio, passante, triangolazione, sovrapposizione

Sviluppo al primo attaccante con palla alta: attacco diretto, tiro in porta, dribbling

Sviluppo con palla laterale: attacco diretto, sponda, triangolazione

Sviluppo su cross da fondo campo incrocio

Sviluppo su cross da fondo campo fuori e dentro tutti e due insieme

Sviluppo su cross da fondo campo attaccante vicino palla fuori dal 1 palo

Sviluppo su cross da fondo campo palla coperta

Sviluppo su cross da fondo campo un attaccante sul 1 palo laltro fuori

Sviluppo su cross da fondo campo con palla dietro

Sviluppo su cross da fondo campo con palla dietro

Principi generali di gioco di due attaccanti distanti


Sulla prima uscita di palla ad uno dei due non ci pu essere giocata coordinata con laltro Non sono coordinati tra di loro ma hanno molte possibilit di movimento La collaborazione tra i due nasce quando uno dei due ha ricevuto palla e pu muoversi in possesso di palla E preferibile farli giocare a piedi invertiti (un destro che parte dalla zona di centro-sinistra di attacco e viceversa) Devono saper leggere le giocate di prima intenzione dei compagni e muoversi di conseguenza

Progressione di gioco con due attaccanti distanti


GIOCATA: veloce o preparata dai centrocampisti, anche di prima intenzione CONTROLLO E DIFESA DELLA PALLA: da uno dei due con conduzione della palla verso linterno del campo SVILUPPI DI GIOCO: finalizzazione tra gli attaccanti o con i compagni, triangolazione (interna, esterna, in scarico), taglio, passante, sovrapposizione, attacco diretto, dribbling, tiro in porta

Giocata veloce o preparata dai centrocampisti

Controllo difesa della palla e conduzione

Sviluppo di gioco passante

Sviluppo di gioco per il taglio

Sviluppo di gioco per triangolazione

Sviluppo di gioco per attacco diretto

Sviluppo di gioco per sovrapposizione

Sviluppo di gioco per azione individuale (dribbling)

Sviluppo di gioco per il tiro in porta

Principi generali di gioco di due attaccanti affilati


Aumenta la differenza tra i tempi di gioco e lo spazio da occupare dei due attaccanti Lattaccante posizionato pi avanti gioca sulle palle appoggiate o su quelle aeree Lattaccante posizionato pi dietro gioca nello spazio alle spalle del centrocampo avversario e sulle palle filtranti La coordinazione di gioco tra i due pu essere immediata (come per due attaccanti vicini) oppure con un tempo di ritardo (come per due attaccanti distanti) Quando uno dei due entra in possesso di palla, la loro dislocazione in campo, consente varie ed efficaci combinazioni di gioco tra i due attaccanti

Progressione di gioco con due attaccanti affilati


GIOCATA: appoggiata lunga o alta per lattaccante avanti, rasoterra e sulla corsa per lattaccante dietro CONTROLLO E DIFESA DELLA PALLA: per la sponda, la deviazione o la rifinitura per lattaccante pi avanti, per la conduzione, il dribbling o la rifinitura per lattaccante dietro SVILUPPI DI GIOCO: finalizzazioni tra gli attaccanti o con i compagni, triangolazione (interna, esterna, in scarico) taglio, passante, sovrapposizione, attacco diretto, dribbling, tiro in porta

Giocata per lattaccante avanti

Giocata per lattaccante dietro

Controllo della palla dellattaccante avanti per la sponda

Controllo della palla dellattaccante avanti per la deviazione

Controllo della palla dellattaccante avanti per la rifinitura

Controllo della palla dellattaccante dietro per la conduzione

Controllo della palla dellattaccante dietro per il dribbling

Controllo della palla dellattaccante dietro per la rifinitura

Sviluppo di gioco per il passante

Sviluppo di gioco per il taglio

Sviluppo di gioco per triangolazione in scarico

Sviluppo di gioco per sovrapposizione

Sviluppo di gioco per attacco diretto

Sviluppo di gioco per azione individuale

Sviluppo di gioco per il tiro in porta

Sviluppi e applicazioni tattici difensivi con due difensori contro due attaccanti

ESAME DEL MARCAMENTO 2VS2 A SECONDA DELLA ZONA DA CUI ARRIVA LA PALLA E DEL MOVIMENTO DEGLI ATTACCANTI

Principi difesa 2vs2 prima che arrivi la palla agli attaccanti

Difesa 2vs2 su passante

Difesa 2vs2 su punte che si affilano

Difesa 2vs2 su sovrapposizione

Difesa 2vs2 su taglio

Difesa 2vs2 con attaccanti che attaccano la profondit

Difesa 2vs2 con attaccanti che giocano sulla sponda

Difesa 2vs2 su attaccanti che incrociano

Difesa 2vs2 attaccante vicino in profondit quello lontano incontro

Difesa 2vs2 attaccante vicino incontro quello lontano in profondit

Difesa 2vs2 con palla che arriva da zona laterale del campo

Difesa 2vs2 su traversone

Difesa 2vs2 su cross da fondo campo

Difesa 2vs2 su cross da fondo campo da vicino porta

Potrebbero piacerti anche