Sei sulla pagina 1di 5

Parte sul process e job costing

B) Considerando il processo produttivo e le informazioni riportate nel caso dell’azienda Alpha


rispondere alle seguenti domande

Caso Alpha

L’azienda Alpha produce tre tipologie di profilati in acciaio che si distinguono in base alla lunghezza,
denominati A,B e C. Il processo di produzione è contraddistinto da due fasi:

- fase 1 in cui si effettua la produzione dei profilati


- fase 2 in cui si effettua la verniciatura
Fase 1

Il processo produttivo relativo alla fase 1 è svolto in un solo reparto produttivo R1 con un assorbimento
uniforme delle risorse di conversione. Il prodotto B assorbe il triplo delle Materie Prime rispetto al prodotto
A ed al prodotto C. Il metodo adottato per la valorizzazione dei flussi è la logica FIFO.

Per il mese di settembre, i dati relativi al reparto 1 sono di seguito riportato:

Reparto 1

- un solo punto di immissione delle materie prime, situato al 70% del processo;
- Wip iniziale di A : 120 unità al 60% del processo di conversione;
- Quantità iniziata nel periodo del prodotto A: 800 unità;
- Quantità iniziata nel periodo del prodotto B: 600 unità;
- Quantità iniziata nel periodo del prodotto C: 500 unità;
- Wip finale di A : 100 unità al 40% del processo di conversione.
- Wip finale di B: 200 unità al 80% del processo di conversione.

- Al 50% del processo di conversione è posto un punto di ispezione di tipo on-off. La difettosità normale,
calcolata a monte del punto di controllo, è pari al 10% della numerosità del flusso. Vengono scartati 90 unità
del prodotto A mentre non ci sono scarti dei prodotti B e C. Si recupera il 2% dello scarto.
- Costi incorporati nel WiP iniziale di A: 500 €
- Costi di periodo di Materie Prime: 1200 Euro
- Costi di periodo di Conversione: 2800 Euro
La quantità che termina le lavorazione del Reparto 1 è posta in un magazzino intermedio. In questo modo i
semilavorati presenti a magazzino sono prelevati per iniziare la seconda fase in base alle richieste degli
acquirenti.

Il magazzino intermedio è così composto:

- 500 unità di A al costo di 12 €/unità


- 500 unità di B al costo di 15 €/unità
- 400 unità di C al costo di 18 €/unità

Fase 2

Nella fase 2, la produzione dei profilati avviene per lotti. E’ possibile distinguere tre tipologie di job: job1
(1000 unità di A), job 2 (800 unità di B), job 3 (500 unità di C).

Questa fase è caratterizzata dalla presenza di due reparti produttivi finali - P1 e P2 – e da tre centri di
servizio. I centri di servizio sono: Manutenzione, Controllo Qualità e Movimentazione Materiali. Le ore di
manutenzioni utilizzate dal centro di servizio Qualità, dal reparto P1 e dal reparto P2 sono rispettivamente
30h, 80h e 80h. Il centro di servizio Controllo Qualità, invece, è utilizzato esclusivamente dai reparti
produttivi in base alla numerosità dei prodotti controllati. Il Centro di Servizi Movimentazione dei Materiali
è utilizzato dal Centro Manutenzione, Centro Controllo Qualità, P1 e P2 rispettivamente per il 20%, 10%,
35% e 35%. Si utilizza il metodo sequenziale per la chiusura dei centri di costo. L’azienda adotta il sistema
di base unica aziendale per l’allocazione di tutti i costi indiretti. La base scelta è il lavoro diretto.

I dati relativi al mese di settembre sono:

P1 P2 Manutenzione Controllo Qualità Movimentazione


Materiali
Materiali diretti 12000 8000 3000 4000 500

Lavoro diretto 21000 12000 12000 9000 8000


Ammortamenti 15000 18000 8000 7000 10000
Materiali di consumo 6000 8000 5000 4000 2000
ausiliari

I dati sui Job 1, Job 2 e Job 3 relativi al mese di settembre sono:

Job 1 Job 2 Job 3


Materie dirette P1 3500 4000 4500
Materie dirette P2 4000
Lavoro diretto P1 7000 7000 7000
Lavoro diretto P2 7000
Ore macchina P1 30 h 30 h 20h
Ore macchina P2 40 h

Nel mese in esame, il Job1 subisce lavorazione nel reparto P1 e P2 e poi è trasferito al magazzino prodotti
finiti, il Job2 subisce lavorazioni solo nel reparto P1 e poi è trasferito al magazzino prodotti finiti mentre è
iniziata ma non terminata la lavorazione del Job3.

Nel mese di settembre sono sostenuti costi di pubblicità e costi amministrativi pari rispettivamente a 1500€ e
4000€.
Soluzione

Vedendo le domande, l’esercizio si focalizza sulla valorizzazione del prodotto A e pertanto si calcoleranno
solo i costi relativi ad A.

Fase 1

Si approssima alla 2a cifra decimale (al più alla terza se non si deve approssimare)
Il primo passo è di calcolare i costi unitari.

Calcoliamo il costo unitario equivalente MP rispetto al prodotto A e C tenendo conto che un’unità di B
assorbe il triplo delle MP rispetto ad A e B.

CuequivMPA = CuequivMPC = 1200 / (3*600+610+120+500) = 0,4 CuequivMPB = 3*0.4 = 1.2

Calcoliamo il costo unitario equivalente conversione. Gli scarti devono per forza provenire dalla quantità
iniziata nel periodo.

CuequivConvA = CuequivConvB = CuequivConvC = 2800 / (610+120*0.4+400+500+200*0.8+90*0.5+100*0.4) = 1,55

Valorizziamo gli scarti.

DN = 10% di 700 = 70

Quindi i 90 scarti sono 70 scarti in DN e 20 scarti in Decc

Calcoliamo il Valore unitario degli scarti.

Vunit_scarti = 1,55*0.50 = 0,775

VscartiDN_non recup = 0,775 * 70*0,98= 53,165 VscartiDecc = 0,775 * 20 * 0.98= 15,19 €

Calcoliamo il costo di trasferimento solo per il prodotto A

CutrasfA1 = 0.4 + 1.55*0.4 + 500/120 = 5,19 €/u

CutrasfA2 = 0.4+1.55+(53,165/610) = 2,08 €/u

Fase 2

Nella fase 2 calcoliamo il costo assorbito dal prodotto A solo per quanto riguarda il reparto P1 e P2.
La prima cosa che dobbiamo fare è la chiusura dei centri intermedi.

Il metodo scelto è quello sequenziale. Dal disegno si vede che il centro “movimentazione materiale” è
l’unico centro che da soltanto e non riceve e quindi partiamo da questo (in tal caso è inutile calcolare gli
interscambi netti).

Costo Mov = 20500 €

Cman_mov = 20500*0.2 = 4100


CCQ_mov = 20500*0.1 = 2050
CP1_mov = 7175
CP2_mov = 7175
A questo punto eliminiamo Movimentazione Materiali e, senza calcolare gli interscambi, consideriamo
Manutenzione perchè da soltanto e non riceve nulla.

Il costo di Manutenzione è pari a = 28000+4100 = 32100

CCQ_man = 32100*[30/(80+80+30)] = 5068,421


CP1_man = 32100*[80/(80+80+30)] = 13515,79
CP2_man = 32100*[80/(80+80+30)] = 13515,79

Anche Manutenzione è chiuso e resta il CQ. Come base di allocazione si considera la numerosità del lotti
lavorati nel reparto.
Reparto P1 sono lavorati lotti per una numerosità complessiva di 2300 unità e nel reparto P2 sono lavorati
lotti per una numerosità complessiva di 1000 unità.

Il costo totale del centro CQ è pari a = 24000+2050+5068.421 = 31118,42

CP1_CQ = 31118,42*[2300/(2300+1000)] = 21688.6


CP2_CQ = 31118,42*[1000/(2300+1000)] = 9429.825

A questo punto allochiamo i costi indiretti ai prodotti e si sceglie come base di allocazione unica il lavoro
diretto, come suggerito dal testo.

Totale costi indiretti del reparto P1 = 7175+13515,79+21688.6+15000+6000 = 63379,39 €

Totale costi indiretti del reparto P2 = 7175+13515,79+9429.825+18000+8000 = 56120,62 €

CPI JOBX(P1) = (63379,39/21000) * 7000 = 21126.46 €

CPI JOBX(P2) = 56120,62 € (perché nel reparto P2 è lavorato solo il Job A nel mese in esame)

Calcoliamo il Costo Pieno Industriale del prodotto A applicando la logica FIFO (somma dei costi indiretti,
dei costi diretti e dei costi di trasferimento).

CPI JobX (solo fase 2) = 21126.46 + 56120,62 + 3500 + 4000+ 7000+7000 = 98747,08 € CuJobX =
98,74708

CPI A = 21126.46 + 56120,62 + 3500 + 4000+ 7000+7000 + 500*12 + 120*5,19 +380*2,71 = 106399,7 €

Se invece dividiamo i flussi di A abbiamo che:

Costo A1 = 500 * (98,75 + 12) = 55373,54 €


Costo A2 = 120 * (98,75 + 5,19) = 12472,45 €
Costo A3 = 380 * (98,75 + 2,08) = 38315,4 €

Rispondere alle seguenti domande:


1) Costo unitario di conversione del prodotto A nel reparto R1: 1,55
2) Costo unitario di MP del prodotto A nel reparto R1: 0,4
3) Costo unitario del WIP finale di A nel reparto R1: (1,55*0.4) = 6,2
4) Costo della difettosità eccezionale non recuperabile del prodotto A nel reparto R1: 15,19 €
5) Costo della quantità del prodotto A che termina le lavorazioni nel reparto R1 (vale 3 punti):
CutrasfA1 = 0.4 + 1.55*0.4 + 500/120 = 5,19 €/u

CutrasfA2 = 0.4+1.55+0.775*0.98 = 2,71 €/u

6) Riempire la seguente tabella di chiusura dei centri di costo intermedi, inserendo nelle celle il costo totale
dei Centri S1 e S2 assorbito rispettivamente dai reparti P1 e P2 :

Metodo Sequenziale

Centro P1 P2
Intermedio
Manutenzione 13515,79 13515,79

Controllo Qualità 21688.6 9429.825

Movimentazione 7175 7175

8) Costo unitario del Job 1 alla fine del processo produttivo seguito è pari a (questa domanda vale 4 punti): =
Costo A1 = 500 * (98,75 + 12) = 55373,54 €
Costo A2 = 120 * (98,75 + 5,19) = 12472,45 €
Costo A3 = 380 * (98,75 + 2,71) = 38553,69 €

9) Considerando l’intero processo produttivo, dire relativamente al prodotto A la quantità di WIP presente
alla fine del mese di rilevazione: WipfinA 100 unità; magazzino intermedio 230 di A
10) Data la seguente situazione del Magazzino Prodotti Finiti e delle unità vendute alla fine del mese di
settembre calcolare MLI applicando la logica Costo Medio (2 punti):____________________________

Magazzino Prodotti Finiti (inizio settembre) Vendite

Prodotto Unità Costo Prodotto Unità Prezzo


unitario Vendute unitario

A 50 80€/u A 100 400€/u


Il costo medio di unità di prodotto finito è pari a:

(50*80+106399,7)/1050 = 105.1426

MLI = 100*400 – 105.1426*100 - 15,19 = 39879,67

11. Utilizzando i calcoli effettuati precedentemente e le informazioni disponibili nel testo calcolare il MON
dell’azienda in esame alla fine del mese di settembre: 39879,67 – 1500 – 4000 = 34379,67