Sei sulla pagina 1di 2

CONCERTO PER PIANOFORTE E ORCHESTRA N.1 IN DO MAGGIORE OP.

15

Fu scritto tra il 1795 e 1798, catalogato come primo concerto, fu scritto in realtà per secondo.Fu
eseguito per la prima volta dallo stesso autore a Praga.Fu rielaborato nel 1800.Lo schema seguito è
quello della forma sonata.L'organico comprendeva flauto,2 oboi, 2 clarinetti,2 corni,timpani e archi.

PRIMO TEMPO: allegro con brio


inizia con un'ampia introduzione orchestrale, i 2 temi sono, come è tipico di Beethoven
contrapposti; il primo energico e marziale, il secondo dolce e cantabile;il primo tema eseguito
dall'orchestra non viene più riproposto come nel concerto di Mozart k503
Qualche battuta dopo l'entrata solistica che avviene con una nuova idea, più calma, gli arpeggi
discendenti del pianoforte si contrappongono all'orchestra;
il solista si contrappone all'orchestra con scale, arpeggi; fino ad arrivare modulando che arriva al
secondo tema,prima suonato dagli archi, poi riproposto dal pianoforte.l'ampia cadenza conduce
all'elegante finale.
Battute 1-16:gli archi propongono il primo tema marziale e militaresco in tonalità di do maggiore
battute 16-23:entra tutta l'orchestra
battute 23-24: violini primi sono in evidenza
battute 25-29:trombe in evidenza
battute 30-37: trombe e corni proseguono nella tonalità d'impianto ma una breve modulazione in sol
maggiore avviene tra le misure 36-37
battute 38-46: i violini in evidenza alternano cadenze perfette in sol e do maggiore
47-48: i violini secondi iniziano un tappeto pianissimo
49-63: i violini primi attaccano il secondo tema dolce e sognante prima nella tonalità di mib
maggiore (49-51),re minore (battuta 52) ,fa minore (53-58) sol minore (60-63)
63-65: flauti in evidenza
63-75:oboe in evidenza
76-85:trombe e corni in evidenza
86-89:oboe in evidenza
90-101:fiati in evidenza
101-106: con archi e timpani si chiude la lunga introduzione orchestrale
106-118: entra il pianoforte con un dolce motivo
119-125:arpeggi del pianoforte con sostegno di archi
126-133:scale con modulazioni in varie tonalità
134-154:modulazioni in varie tonalità da sol maggiore,sol minore, mib maggiore poi quartine del
pianoforte con diverse alterazioni transitorie fino a quando con il sostegno dell'orchestra che con
cadenze perfette in sol minore porta al secondo tema suonato dal pianoforte
154-174: il secondo tema suonato dal pianoforte viene esposto in più tonalità da sol maggiore , mi
minore, re maggiore
176-182:scale del pianoforte in quartine con cadenze dell'orchestra VII-I in sol minore
183-199:quartine brillanti del pianoforte che in sol maggiore
199-216:accordi della mano destra e terzine con passaggi cromatici della mano sinistra che
confermano la tonalità di sol maggiore
217-236:pianoforte in evidenza
237-265:parentesi orchestrale
266-304:inizia la parte centrale, il pianoforte è in evidenza, presenta terzine contrapposte a duine
modulando in molte tonalità
304-328:il pianoforte presenta alternanza tra arpeggi e sequenze di terzine
328-335: il pianoforte è da solo con terzine
336-346:
SECONDO TEMPO:largo
Molto dolce e sognante , il tema viene presentato dal pianoforte all'inizio,dialogo tra i fiati e solista.
Si conclude con arpeggi del pianoforte

TERZO TEMPO:rondò,allegro scherzando

Tempi di danza popolaresca ,inizia con note staccate dal piano.