Sei sulla pagina 1di 1

DESTINAZIONE

TITOLO levoluzione del superuomo e il ruolo della natura nellAlcyone


LAlcyone il terzo di un progetto di sette libri mai concluso da DAnnunzio dal titolo Laudi
del cielo del mare della terra e degli eroi i primi due libri sono Maia e Elettra i quali trattano
di due temi opposti, mentre nel primo troviamo un DAnnunzio esteta che rappresenta in
modo mitico un suo reale viaggio in Grecia, egli ricorda molto lEneide virgiliana, mentre la
seconda opera tratta della figura del Superuomo come colui che dovr rialzare lItalia dalla
mediocrit della borghesia e riportarla alla gloria di Roma. LAlcyone rappresenta senza alcun
dubbio la sintesi dellideologia dannunziana, infatti, in essa ritroviamo sia la figura del
Superuomo sia quella meglio riuscita dellesteta, esse si fondono in un nuovo personaggio che
risulta meglio riuscito del Superuomo visto solo sul piano politico e sociale, qui egli con le sue
caratteristiche traslato su un piano metafisico nel quale vediamo trionfare il panismo e di
conseguenza acquista un ruolo fondamentale la natura. In esso emerge anche la figura della
donna che rappresentata da Ermione, nome di fantasia per indicare una delle sue amanti,
essa considerata al pari del Superuomo poich risulta in grado di effettuare una
metamorfosi trasformandosi in un albero come emerge dai versi 97-109 de La pioggia nel
Pineto in cui i due amanti si ritrovano immersi nella natura della Maremma Toscana durante
un temporale e ne diventano parte. La natura recita un ruolo fondamentale in questopera,
infatti, essa vista attraverso un filtro idilliaco tipico del locus amoenus greco che ha continui
rimandi con lArcadia, questa ha la fondamentale funzione di collante tra la figura dellesteta e
quella del Superuomo in questo modo vi il totale annientamento del senso di sconfitta che si
trovava nei romanzi precedenti come ne Il trionfo della morte oppure ne Il piacere, nei
quali il protagonista era sempre criticato dallo scrittore e spesso risultava perdente, anche se
rappresentava lo stesso DAnnunzio, o meglio, parti del suo personaggio, come afferma anche
C.Salinari in. Tuttavia la natura pu essere anche un espediente utilizzato da DAnnunzio
allinterno della sua poetica simbolista per rappresentare lideale di perfezione al quale
soltanto una nuova figura data dalla fusione tra esteta e Superuomo pu giungere attraverso
la metamorfosi, tema tipico del Panismo, la poesia cerca nella natura le rivelazioni che
soltanto essa pu dare e cos facendo la natura diventa il linguaggio della poesia stessa come
scritto anche da Squarrotti
LAlcyone rappresenta il traguardo del Superuomo dannunziano, infatti, esso colui che
riesce a traslare la bellezza della poesia e dellarte in generale nella sua vita, per questo egli
risulta vincitore poich egli riesce nellimpresa tentata da tutti gli esteti e quindi anche da
DAnnunzio, senza alcun dubbio lAlcyone risulta il pi bello tra tutti i libri in cui viene trattato
il tema del superuomo, infatti, qui riemerge il vero DAnnunzio esteta che riesce a unire in un
connubio indissolubile i due temi principali che lo hanno accompagnato nel corso di tutta la
sua vita (superomismo ed estetismo) e la natura funge da collante poich essa rappresenta il
bello ideale a cui tutti gli uomini di cultura tendono, primi tra tutti gli esteti, ma alla quali
possono arrivare soltanto i Superuomini.