Sei sulla pagina 1di 1

Patriottismo e nazionalismo Il tema politico e dellamor di patria, viene discusso in maniera ampia nellOrtis da Foscolo, e traspare in maniera meno

decisa, nel Carme dei Sepolcri. Jacopo Ortis un giovane patriota che dopo essere stato deluso dalla cessione di Venezia allAustria, da parte di Napoleone, si rifugia sui colli Euganei per sfuggire alle persecuzioni. Le possibilit secondo lOrtis, per lItalia ormai venduta , sono due: la rivolta, tentativo per contrastare la situazione intollerabile del paese, e lanalisi realistica e consapevole dellimpossibilit di ogni alternativa. Le critiche di Jacopo non sono rivolte solamente a Napoleone (che si era presentato come liberatore, rivelatosi successivamente tuttaltro) ma anche e soprattutto contro le discordie degli italiani, le loro lotte interne e la loro incapacit di unirsi sotto un unico sentimento comune per lottare contro gli invasori esterni al paese. Ovviamente i motivi di questi profondi disagi, vengono indicati, nella mancanza di una classe dirigente in grado di governare una vera nazione, come lo poteva essere lItalia del tempo. Cos lOrtis indica una soluzione a questi problemi, ossia ridare ad ognuno dei tre stati (clero, nobilt e borghesia) la loro funzione originaria, che si era ormai persa negli ultimi decenni. Il cambiamento doveva essere per privo di violenza e di rivoluzioni. Solo che senza questultima Ortis si ritrova in un vicolo cieco dove lunica alternativa quella della morte, che pu essere solo dellindividuo eccezionale, eroico e isolato (una nazione non si pu sotterrare tutta quanta). La morte cos rappresenta lunico modo per trovare un terreno sicuro nellincertezza di una condizione di chi ormai privo della propria patria come organismo politico. Sul piano reale invece non pu esserci che una sorta di amara rassegnazione fatalistica (Esorterei lItalia a pigliarsi in pace il suo stato presente). La libert della patria sentita come la ragione stessa della vita. Nel carme dei Sepolcri troviamo un certo carattere nazionalistico. Dei sepolcri sono state fatte letture forzate durante il 700 e l800, per accentuarne troppo il carattere mirante a metterne in chiaro soltanto i risvolti politici, patriottici e nazionalistici. Le tombe (I sepolcri) dei grandi hanno una funzione politica e civile, poich proprio Da luoghi come questi gli italiani trarranno ispirazioni ad agire, e a queste tombe venne spesso lAlfieri, combattuto tra speranza e angoscia per le sorti della patria. Cos parla Foscolo delle tombe presenti a Firenze, nella chiesa di Santa Croce, dei grandi Italiani del passato (Machiavelli, Michelangelo, Galilei) esaltandone la grandezza e rendendole fonte di ispirazione per le gesta dei futuri italiani.