Sei sulla pagina 1di 64

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 1

5. Le teorie della
materia
5.1 Il concetto di
atomo ha radici
antiche
Il concetto di atomo • 1

• Le prime ipotesi sulla struttura della


materia si basavano esclusivamente
su argomentazioni di tipo filosofico.

Valitutti Tifi Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 4


Il concetto di atomo • 2

“La materia non è continua


come sembra, ma è formata
da particelle piccolissime”
Leucippo (450 a.C)

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 5


Il concetto di atomo • 3

• Un suo discepolo, Democrito, chiamò


atomi queste particelle.
• L’idea atomistica della materia fu
osteggiata da Platone e Aristotele.
• Fu ripresa in seguito da Lucrezio (95-
55 a.C.) nel De rerum natura.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 6


Il concetto di atomo • 4

• Il primo modello atomico costruito su


basi sperimentali fu proposto solo
ventidue secoli dopo.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 7


Il concetto di atomo • 5

• Gli attuali risultati sperimentali ci


autorizzano a dire che la materia non
è continua ma è formata da particelle
piccolissime separate da spazi
vuoti.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 8


5.2 La moderna teoria
atomica è nata grazie
a Lavoisier, Proust e
Dalton
Le basi sperimentali

• La prima teoria atomica nacque


dall’analisi di tre leggi sperimentali:
– Legge di conservazione della massa.
– Legge delle proporzioni definite.
– Legge delle proporzioni multiple.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 10


Conservazione della massa • 1

“Mi
sono dato come legge di
procedere sempre dal noto all’ignoto,
e di non fare alcuna deduzione che
non sgorghi direttamente dagli
esperimenti e dall’osservazione”
Lavoisier (Parigi,1743 -1794)

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 11


Conservazione della massa • 2

• La bilancia fu lo strumento che


accompagnò Lavoisier nei suoi
esperimenti e intorno al quale
ruotarono le prime idee scientifiche
della chimica.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 12


Conservazione della massa • 3

Legge di conservazione della


massa: in una reazione chimica la
massa dei reagenti è uguale alla
massa dei prodotti.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 13


Conservazione della massa • 4
La legge di Lavoisier può essere verificata utilizzando
ioduro di potassio e nitrato di piombo

Si preparano le due polveri Si uniscono le polveri nel


bianche e un mortaio mortaio e si misura la massa.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 14


Conservazione della massa • 5

Si mischiano le due Il miscuglio rimane bianco


polveri nel mortaio o cambia colore? La massa
cambia o rimane la stessa?

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 15


Legge delle proporzioni definite• 1

• Joseph Proust, un altro chimico


francese, attraverso un metodo
d’indagine analogo a quello di
Lavoisier, arrivò nel 1799 ad
enunciare la legge delle proporzioni
definite.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 16


Legge delle proporzioni definite • 1

Legge delle proporzioni definite:


in un composto, gli elementi che lo
costituiscono sono presenti secondo
rapporti in massa costanti e definiti.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 17


Legge delle proporzioni definite • 2

• Riscaldando diversi campioni di


carbonato di rame del peso di
123.5 g, si ottengono sempre 79,5 g di
ossido di rame e 44 g di diossido di
carbonio.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 18


Legge delle proporzioni definite • 3

“… un composto è un
prodotto privilegiato al quale
la natura ha dato una
composizione costante”
Proust (Angers,1754 -1826)

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 19


Legge delle proporzioni definite • 4
Il rapporto tra le masse degli elementi che costituisco un
dato composto (rapporto di combinazione) è costante.

In questo un composto differisce da un miscuglio, in cui il


rapporto tra gli elementi può assumere qualsiasi valore.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 20


Legge delle proporzioni multiple • 1

• Dalton analizzò casi in cui due


elementi possono reagire dando luogo
a due o più composti diversi. Ad
esempio, carbonio e ossigeno
possono formare monossido di
carbonio o diossido di carbonio.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 21


Legge delle proporzioni multiple • 2
C O2 CO
1g 1.33 g 2.33 g

Quando l’ossigeno è poco


si forma il monossido.

C O2 CO2
1g 2.66 g 3.66 g

Quando l’ossigeno è tanto


si forma il diossido

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 22


Legge delle proporzioni multiple • 3

• Le quantità di ossigeno che si


combinano con 1 g di carbonio per
formare il monossido e il diossido
stanno tra loro in rapporto 1:2.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 23


Legge delle proporzioni multiple • 4

Legge delle proporzioni multiple:


quando un elemento si combina con una
stessa massa di un secondo elemento
per formare composti diversi, le masse
del primo elemento stanno tra loro in
rapporti semplici.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 24


La prima teoria atomica • 1

• Nel 1803 Dalton formulò la prima teoria


atomica, in accordo con le tre leggi
sperimentali sopra enunciate.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 25


La prima teoria atomica • 2

1. La materia è fatta di atomi piccolissimi,


indivisibili e indistruttibili;
2. Tutti gli atomi di uno stesso elemento
sono identici e hanno la stessa massa;

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 26


La prima teoria atomica • 3

3. gli atomi di un elemento non possono


essere convertiti in atomi di altri
elementi;
4. gli atomi di un elemento si combinano
solo con numeri interi di atomi di altri
elementi;

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 27


La prima teoria atomica • 4

5. gli atomi non possono essere creati


né distrutti, ma si trasferiscono interi
da un composto all’altro.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 28


La prima teoria atomica • 5

• La teoria di Dalton è in accordo con la


legge di conservazione della massa: i
punti 1, 2, 3, 5 implicano che in una
reazione chimica gli atomi
rimangono invariati in numero e
massa.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 29


La prima teoria atomica • 6

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 30


La prima teoria atomica • 7

• La teoria è in accordo con la legge di


Proust: i punti 4 e 5 implicano che un
composto ha composizione costante,
cioè contiene un numero fisso di
atomi di ogni elemento.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 31


La prima teoria atomica • 8

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 32


La prima teoria atomica • 9

• La teoria di Dalton è in accordo anche


con la legge delle proporzioni multiple.
Ad esempio nella reazione tra ossigeno
e carbonio, il monossido contiene un
atomo di O per ogni atomo di C, il
diossido ne contiene due.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 33


La prima teoria atomica • 10

I due composti hanno proprietà fisiche e chimiche


completamente diverse.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 34


5.3 La teoria atomica
spiega le proprietà
della materia
Gli elementi • 1

Questa pepita d’oro è costituita da una sola specie di


atomi (Au). Lo stesso è vero per un oggetto di rame (Cu),
di alluminio (Al) o di ferro (Fe).

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 36


Gli elementi • 2

• Immaginiamo di dividere un oggetto di


alluminio in campioni sempre più
piccoli.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 37


Gli elementi • 3

• Dopo numerosissime suddivisioni,


arriveremo alla singola particella,
chiamata atomo, che conserva le
proprietà chimiche dell’alluminio.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 38


Gli elementi • 4

Gli elementi sono costituiti da


atomi che hanno proprietà
chimiche identiche.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 39


Gli elementi • 5

• L’atomo non possiede però le


proprietà fisiche dell’elemento: un
solo atomo non può avere un colore o
condurre l’elettricità.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 40


Gli elementi • 6

• Le proprietà macroscopiche (ad


esempio opacità, colore, conducibilità,
densità, stato di aggregazione) sono il
risultato dell’unione di tantissime
particelle, in questo caso atomi.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 41


Le molecole • 1

Alcuni elementi, come l’idrogeno, l’ossigeno, l’azoto, il


cloro, il fluoro, il bromo e lo iodio, si trovano in natura sotto
forma di molecole costituite da due atomi identici
(molecole biatomiche).

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 42


Le molecole • 2

Altri elementi, come il fosforo e l’arsenico, esistono sotto


forma di molecole costituite da quattro atomi; lo zolfo e il
selenio possiedono molecole formate da otto atomi.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 43


Le molecole • 3

La molecola è un
raggruppamento di due o più
atomi che possiede proprietà
chimiche caratteristiche.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 44


Le molecole • 4

• La formula di una molecola indica da


quali elementi essa è costituita e
quanti atomi di ciascun elemento
contiene.
• L’ossigeno ad esempio si trova in
molecole con formula chimica O2.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 45


Le molecole • 5

• La formula che utilizziamo per indicare


quali e quanti atomi costituiscono la
molecola di un composto è chiamata
formula bruta o grezza.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 46


Le molecole • 6

Le molecole dei composti sono


costituite da atomi di tipo diverso.
I composti hanno composizione
definita a cui partecipano atomi di
natura diversa.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 47


Le molecole • 7

L’acqua è un composto costituito da molecole la cui


formula chimica è H2O. L’acqua contenuta in un bicchiere
è formata da miliardi e miliardi di molecole d’acqua.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 48


Le molecole • 8

Questi tre composti hanno formula chimica


rispettivamente: CO2, NH3, CH4.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 49


Le molecole • 9

• Una singola molecola non ha le


proprietà fisiche dell’elemento o del
composto.
• Non ha significato, ad esempio, parlare
del punto di fusione di una singola
molecola.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 50


Le molecole • 10
Proprietà microscopiche e macroscopiche

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 51


I composti ionici • 1

Si definiscono ioni gli atomi


(o i gruppi di atomi) con una
o più cariche elettriche,
positive o negative.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 52


I composti ionici • 2

• Un composto ionico contiene schiere


di ioni positivi e negativi che si
alternano in modo ordinato.
• A temperatura ambiente i composti
ionici sono tutti solidi.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 53


I composti ionici • 3

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 54


I composti ionici • 4

• La formula di un composto ionico


indica il rapporto con cui sono
combinati gli ioni che lo costituiscono.
NaCl significa che il rapporto con cui
sono combinati Na+ e Cl- è 1:1.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 55


5.4 Le particelle sono
in continuo
movimento: la teoria
cinetico-molecolare
La teoria cinetico-molecolare • 1

• Le particelle che costituiscono i


materiali sono separate da spazio
vuoto e sono in continuo movimento.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 57


La teoria cinetico-molecolare • 2

Nei solidi le particelle oscillano intorno a posizioni fisse.


Nei liquidi le molecole sono in contatto tra loro ma hanno
maggiore libertà di movimento.
Nei gas il moto molecolare è assolutamente disordinato.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 58


La teoria cinetico-molecolare • 3

1. Le molecole hanno energia cinetica


legata al loro moto.
2. Hanno inoltre energia potenziale
legata alle interazioni tra molecole.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 59


La teoria cinetico-molecolare • 4

Energia interna del sistema:


Esistema = Ec + Ep

Se forniamo calore a un oggetto, la sua energia interna


aumenta. Infatti, il calore è un modo di trasferire energia
da un corpo più caldo a uno più freddo.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 60


La teoria cinetico-molecolare • 5

• In seguito a riscaldamento, l’energia


cinetica delle particelle aumenta.
Esse si muovono via via più
velocemente urtandosi sempre più
spesso e tendono ad allontanarsi
l’una dall’altra.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 61


La teoria cinetico-molecolare • 6

La temperatura assoluta
di un corpo è proporzionale
all’energia cinetica media
delle particelle che lo
costituiscono.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 62


La teoria cinetico-molecolare • 7

• Le particelle di un corpo non hanno


tutte la stessa energia cinetica.
• Per questo si preferisce parlare di
energia cinetica media delle
particelle.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 63


La teoria cinetico-molecolare • 8

• In seguito a riscaldamento, anche


l’energia potenziale delle particelle
aumenta, perché le distanze
intermolecolari aumentano e le
interazioni attrattive si indeboliscono.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 64