Sei sulla pagina 1di 22

9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.

TRE

Home  Proverbi

Il libro dei proverbi e detti antichi


napoletani - parte 1
2  Due Punto Tre  17 ottobre 2015

Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio - prima parte lettera A - C

Questa raccolta di antichi proverbi vesuviani è il frutto di mesi di accurata ricerca e racchiude antichi
detti, citazioni e proverbi che sono ancor oggi di evidente attualità.

Che cos'è un proverbio napoletano?

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 1/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Il proverbio napoletano è un'espressione colorita, a volte cruda, altre volte tenera, oppure sarcasticamente
arguta. È la valvola di sfogo del Popolo vesuviano immerso in mille problemi. A qualcuno resta difஜcile
coglierne la sottile ironia ed il suo signiஜcato, ma, vi assicuro, se fossi una tela vorrei essere dipinto da un
pittore napoletano.

'A bbona campana se sente 'a luntano.


Una buona campana si sente da lontano (la persona seria si nota subito).

'A cammisa d' 'o curto nun va bona 'a nisciuno.


La camicia dell'uomo di bassa statura, non si adatta agli altri (le cose strette fanno male).

'A campana fa: "damme e dongo".


La campana fa: "Dammi che ti dò" (il comunista fa solo "damme").

'A carcioffola s'ammonna 'a 'na fronna 'a vota.


Il carciofo va pulito foglia per foglia (bisogna fare le cose con pazienza).

'A carne 'a sotto e 'e maccarune 'a coppa.


La carne sotto e i maccheroni sopra (quando le cose vanno al contrario).

'A carne è bella pure 'ncuollo 'a gatta.


La carne è bella anche addosso al gatto (riferito alle donne bruttine ma ben "carrozzate").

'A carne fa carne, 'o vino da' sango, e 'a fatica fa jittà 'o sango.
La carne dà carne, il vino fa sangue e il lavoro ammazza (antica saggezza napoletana).

'A carne se jetta e 'e cane s'arraggiano.


La carne viene buttata via e i cani si inferociscono (c'è chi ha tanto e lo spreca, in spregio a chi non ha
niente).

'A casa d' 'e sunature nun se portano serenate.


In casa dei musicisti non si portano serenate (correte il rischio che vi rompano gli strumenti in testa).

'A casa d' 'o ferraro, 'o spito 'e lignammo.


In casa del fabbro, c'è lo spiedo di legno (è per la par-condicio).

A cavallo sicco 'o Pataterno 'nce manna 'e mmosche.


Al cavallo magro il Padreterno gli manda le mosche (i guai chiamano altri guai).

A ccaròcchia a carocchia Pullecenella accedette 'a mugliera.


Con ripetuti colpetti alla testa, Pulcinella ammazzò la moglie (tante piccole azioni, singolarmente innoque,
che sommate possono portare a gravi conseguenze - "carocchia", colpetto al capo con le nocche della mano
chiusa).

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 2/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

A cchièreca a chiereca s' addiventa caruso.


Perdendo una ciocca di capelli per volta si diventa calvi (come sopra - "chierica" alopecia).

A criature nun prumettere e a sante nun fa voto.


Non si fanno promesse a bambini nè voti a santi (voi ve ne dimenticate, ma loro hanno una memoria di
ferro).

A cuoppo cupo poco pepe cape.


Nel cartoccio stretto entra poco pepe (cervello piccolo... poche idee).

'A cera se struje e 'a prucessione nun cammina!


Il cero si consuma e la processione non avanza! (quando si ha fretta, ma qualcuno o qualcosa ci fa perdere
del tempo).

'A cerevella è 'na sfoglia 'e cepolla.


Il cervello è come la sfoglia di cipolla (è molto delicato).

A che serve parlà si nisciuno te dà aurienzio?


A cosa serve parlare se nessuno ti da ascolto? (è chello che dico sempe pur'io!).

A chella casa ca nun si' chiammato nun ce ji' ca ne si' cacciato.


Dove non sei benvoluto non andarci, ne saresti scacciato (e poi dicono che l'ospite è sacro!).

A chi me da 'o ppane, je 'o chammo pate.


A chi mi da da mangiare, lo rispetto come un padre.

A chi nun tene ஜglie nun ghi' ne' pe' denare ne' pe' cunziglie.
A chi non ha ᳂흱gli non chiedere nè soldi nè consigli (si sa, gli zitelli sono acidi).

A chi parla areto 'o culo 'o risponne.


A chi parla alle spalle gli risponde il sedere (una bella pernacchia forse sarebbe già sufஜciente).

A chi pazzea cu' 'o ciuccio nun le mancano cauce.


A chi gioca con l’asino non mancheranno calci (sono i rischi di chi azzarda nelle scelte).

A chi se fa puntone 'o cane 'o piscia 'ncuollo.


A chi diventa cantone (rimane fermo, senza reagire) il cane gli orina addosso (è il destino degli educati).

A chi te dice 'e fatte 'e l'ate, nun dicere 'e fatte tuje.
A chi ti racconta i fatti degli altri, non con᳂흱dare i tuoi (se non vuoi che siano di dominio pubblico).
Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione
degli annunci e l'analisi del traf 䰄co. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono
A chillu cantero ca 'nce cachi tu, nun ce fa caca' all'ate.
condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Sul pitale che usi tu, non farci sedere altre persone (gelosia delle cose proprie).
ULTERIORI INFORMAZIONI OK

'A ciuccia 'e Tatunnielle, caca tutte mele limuncelle.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 3/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Gli escrementi dell' asina di Antonello sono simili a "mele limoncelle" (le lodi dell'egocentrico).

'A collera è fatta a cuoppo, chi s' 'a piglia schiatta 'ncuorpo.
L'ira è come il cartoccio, chi si adira esplode come un palloncino (ma dopo il botto s'afஜoscia).

'A collera è petrosa, va 'ncuorpo e fa 'o pertuso.


La collera è come una pietra, entra in corpo e perfora l'intestino (e dopo so' cazzi da cacare!).

A copp' 'o cuorio, jesce 'a curreja!


È dal cuoio che si ricava la cintura (causa-effetto).

A copp' 'o cuotto, acqua vulluta.


Sulla scottatura, acqua bollente (non bastavano i guai!).

A coppo 'a Sant' Elmo vo' piglià 'o purpo a mmare


Da sopra Sant' Elmo vuole prendere il polipo a mare (mission impossible).

'A Cunferenza è padrona d' 'a malacrianza.


Troppa con᳂흱denza porta alla maleducazione (manteniamo le distanze!).

'A scalogna d' 'o 'mbrello è quanno chiove ஜno ஜno.


La disgrazia dell'ombrello è la pioggia sottile (se c'è diluvio c'è più gusto).

'A famma fa ascì 'o lupo 'a fora 'o bosco.


La fame fa uscire il lupo dal bosco (la necessità fa abbassare la guardia)

'A famma me travaglia: mo' m' 'a piglio 'sta tuvaglia; tu me guarde cu' st' uocchie ஜsse: mò m' 'o piglio
'stu cruciஜsso.
La fame mi fa soffrire: ora mi prendo questa tovaglia; tu mi guardi con gli occhi ᳂흱ssi: ora mi prendo questo
Croce᳂흱sso (non sarebbe meglio un panino?).

'A farina d' 'o diavulo fernesce 'a vrenna.


La farina del diavolo ᳂흱nisce in crusca (le cattive azioni portano guai).

'A femmena bella nun è puverella.


Una bella donna ha una grande ricchezza (la bontà paga sempre).

'A femmena 'nciuciera è 'na mala mugliera.


La donna chiacchierona è una cattiva moglie (tutto fumo e niente arrosto).

'A femmena è comme 'a campana, si nunn' 'a scutulia nun sona.
La donna è coma la campana, se non la scuoti non suona (nella vita se si vuole ottenere, bisogna agire).

'A femmena è comme 'a gatta, scippa e fuje.


La donna è come il gatto, graf᳂흱a e scappa (con unghie che arrivano ஜno al cuore).

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 4/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

'A femmena è comme 'o tiempo 'e marzo; mo' t'alliscia e mò te lassa.
La donna è come il mese di marzo, mentre ti accarezza, ti lascia (cambia ad ogni istante).

'A femmena è 'nu vrasiere ca s'ausa sulo 'a sera.


La donna è come il braciere che si adopera soltanto di sera (i tempi sino cambiati).

'A femmena 'na vota è gravida, nata vota allatta, e nun s'adda maje tuccà.
La donna una volta è in cinta, un' altra volta allatta, e non si deve mai toccare (le solite scuse che troviamo
un pò tutti quanti).

'A femmena nun se sposa 'o ciuccio, pecchè le rompe 'e lenzole.
La donna non prende per marito l'asino, perchè le strappa le lenzuola (il corredo costa).

'A femmena te porta 'ncielo e 'a femmena t'atterra.


Una donna ti può portare in alto oppure ti può sotterrare (confermo!!).

'A ஜglia 'e don Camillo, tutt' 'a vonno e nisciuno s' 'a piglia.
La ᳂흱glia di don Camillo, tutti la vogliono ma nessuno la sposa (a chiacchiere siamo tutti prodighi verso gli
altri).

'A ஜglia 'e zi' Francisco, s'astipa 'o mellone 'nfrisco.


La ᳂흱glia di Francesco conserva l'anguria al fresco (mantiene lo spasimante sulla corda).

'A furtuna è comm' 'o capitone, chiù penzammo d' 'a putè afferrà e cchiù 'nce sciulia.
La fortuna è come l'anguilla, quando crediamo di averla presa, ci sfugge dalle mani (non va rincorsa ma
attesa).

'A gallina fa fessa 'a femmena e 'o puorco strunzea l'ommo.


La gallina inganna la donna e il maiale prende in giro l'uomo (ognuno ha il suo lato debole).

'A gallina fa l'ova e 'o gallo l'abbrucia 'o mazzo.


La gallina fa l'uovo e il gallo sente dolore al sedere (c'è chi fa ஜnta d'immedesemarsi nelle disgrazie altrui).

'A gallina se spenna morta, no viva.


La gallina va spennata quando è morta e non da viva (occhio non vede cuore non duole).

'A gatta d' 'e tittole, fotte e chiagne.


Il gatto dei tetti fa l'amore e piange (ottenere con lamentele).

'A gatta d' 'o speziale, allicca 'a fora 'a puteca.
Il gatto del salumiere, lecca la vetrina dall'esterno (ottenere con la seduzione).

'A gatta d' 'o studiente, magna 'nu chilo e pesa tre quarte.
Il gatto dello studente, mangia un chilo e pesa sette etti e mezzo (chiede più di quello che gli è necessario).

'A gatta 'e dispenza, comm' 'a fa, accussì 'a penza.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 5/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Il gatto di dispensa, come fa lei, così pensa degli altri (pensa che tutti si comportano come lei).

'A gatta 'e zi Mari, 'nu poco chiagne e 'nu poco ride.
Il gatto della signora Maria, un pò piange e un pò ride (è così che veniamo presi in giro).

'A gatta quanno sent' 'addore d' 'o pesce, maccarune nun ne vo' cchiù.
Il gatto, al sentire l'odore del pesce, ri᳂흱uta i maccheroni.

'A gatta pe' ghjì 'e pressa facette 'e ஜglie cecate.
La gatta frettolosa fece i ᳂흱gli ciechi (ci vuole pazienza in tutte le cose).

'A gatta quanno nun pò arrivà 'o lardo dice ca' fete.
Il gatto, non riuscendo ad afferrare il pezzo di lardo, dice che puzza (la supremazia dell'essere).

'A gatta scippa pure quanno l'accarizze.


Il gatto graf᳂흱a anche quando l'accarezzi (fare del bene, a volte, è controproducente).

'A gatta se sonna 'e piscetielle fritte.


Il gatto sogna i pesciolini fritti (sperare va bene, però non abusiamo).

A' ghiuorno se vedono 'e mmacchie!


È di giorno che si notano le macchie!

'A guallera e 'o scartiello 'e vedono tutti quanti


L'ernia e la gobba sono due cose che non si possono nascondere.

'A guapparia 'e Peppe Nasella: Accerette 'a jatta dint' 'a senga d' 'a porta.
La bravata di Giuseppe Nasella: Uccise il gatto soffocandolo tra la porta e il battente.

A lavà 'a capa 'o ciuccio se perde 'o tiempo, l'acqua e 'o sapone.
A lavare la testa all'asino si perde tempo, acqua e sapone (spiegare più volte una cosa a qualcuno senza
che questi abbia capito un tubo).

A' lietto astritto, cuccate ammiezo.


Sul letto stretto mettiti al centro.

A' lo friere siente l'addore! A li cunte siente dulore!


Con il fritto senti l'odore, al momento di pagare sentirai dolore.

'A lucerna senz' uoglie se stuta


La lampada senza l'olio si spegne (bisogna alimentare sempre i sentimenti).

'A mana è bona, è 'a valanza ca vò essere accisa!


La mano è buona, è la bilancia che vuol essere uccisa! (La dose è esatta, è la bilancia che sbaglia).

A marito muscio, mena assaje pepe e scioscia.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 6/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Al marito mollaccione, dagli molto pepe e sof᳂흱a.

'A meglia parola è chella ca nun se dice.


La parola migliore è quella che non si pronuncia (certe volte).

'A merola cecata 'a notte faceva 'o niro.


Il merlo cieco costruiva il nido di notte.

'A merda sott'acqua nun se vede.


Certe persone, apparentemente buone, nascondono profonda malvagità.

'A moneca 'e Chianura, tuosto nun 'o vuleva e muscio nun le piaceva.
La monaca di Pianura, duro non lo voleva e morbido non le piaceva (difஜcoltà nelle scelte).

'A mugliera d' 'o mariuolo nun sempe sciala e ride.


La moglie del ladro non sempre gode e ride.

'A mugliera è sango 'mprestato.


La moglie è sangue in prestito.

A Natale tutte scurzetelle, a Pasca tutte mullechelle.


A Natale tutti gusci, a Pasqua tutte briciole.

'A nave cammina e 'a fava se coce.


La nave va e nel frattempo la fava si cuoce (Raggiungere più obiettivi insieme, senza penare).

'A nave 'e Franceschiello: a prora se cumbatteva e a poppa nun se sapeva.


La nave di Francesco, a prora si combatteva e a poppa non si sapeva.

'A nicessità rompe 'a legge.


La necessita fa infrangere la legge.

A nomm' 'e Ddio!.., e s'ammuccaje 'na zeppola.


"In nome di Dio!" e addentò una frittella.

A 'nu cetrangolo spremmuto, chiavace 'nu caucio 'a coppa.


Schiaccia la melarancia già spremuta con una pedata.

A 'nu palmo d' 'o culo mio facite chello ca vulite.


Ad un palmo dal mio sedere fate ciò che vi pare.

'A pacienza arriva ஜn' 'a cimma d' 'e capille e po' te lassa.
La pazienza arriva ᳂흱no alla cima dei capelli, poi ti lascia.

'A pacienza vale cchiù d' 'a scienzia.


La pazienza vale più della scienza.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 7/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

'A panza è pellecchia, cchiù 'nce miette e chiù se stennecchia.


La pancia è di pelle, più vi introduci e più si distende.

A' Papieto 'nce fa acqua 'a pippa!.


A Pietro la pipa fa acqua - Perde colpi.

A' pava 'a surdato e 'o sஜzio 'e generale.


La paga da soldato e il divertimento da generale.

A' primma entratura, guerdateve 'e sacche!.


Appena entrate, fate attenzione alle tasche.

'A prateca spratteca, e 'a scola 'nzegna.


La pratica rende pratici e la scuola insegna.

'A pulizzia, sulo dint' 'a sacca nunn' è bbona!.


Solo nella tasca non e buona la pulizia.

A' Pullecenella 'o vedono sulo quanno va 'ncarrozza.


Pulcinella viene notato solo quando va in carrozza, ma quando lavora sodo per poterselo permettere,
nessuno lo nota.

A Quaraesema, va 'o scerocco dint' 'e vruoccole.


A Quaresima il vento di scirocco entra nei broccoli.

'A quanno è mort' 'a criatura nun simme cchiù cumpare.


Da quando è morta la bimba nun siamo più parenti.

'A raggione è d' 'e fessi.


Gli stupidi pretendono di avere sempre ragione.

'A ramma appennimmo e 'a sceriammo, e sempe cchiù belle parimmo.


Le stoviglie di rame le puliamo e le appendiamo, così sembrerà più bello.

'A salute s'abbusca e nun s'accatta.


La salute si riceve, non si compra.

'A sciorta d' 'o piecuro, nasce curnuto e more scannato!.


La sorte del capretto, nasce cornuto e muore sgozzato.

'A sciorta 'e Cazzetta, jette a piscià e se ne cadette.


La sorte di "Cazzetta", mentre orinava gli cadde.

'A scopa nova scopa buono sulo tre ghiuorne.


La scopa nuova spazza bene solo per tre giorni.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 8/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

'A sfrunnata 'e l'albere ne parlammo.


Quando cadono le foglie dagli alberi (in autunno) ne riparliamo.

A santa Lucia 'a jurnata fa 'nu passo 'e gallina; a sant'Aniello fa 'nu passo 'e pucuriello.
A santa Lucia la giornata fa un passo da gallina; a sant'Aniello ne fa uno da agnello.

A 'stu munno 'nce stanno tre specie d'omme: Uommene, uomenicchie e quaquaraquà.
Sulla terra vi sono tre categorie di uomini: Uomini, ominidi e ... comunis.. (mannaggia 'a lengua!)

A 'stu munno sulo 'o cantero è nicessario.


A questo mondo è necessario solamente il pitale.

'A vacca pe' nun movere 'a cora se facette magna 'e pacche d' 'e mmosche.
La mucca per non muovere la coda si lasciò mangiare le natiche dalle mosche (sottile deஜnizione della
pigrizia).

'A vecchia all'otto e maggio vuttaje o trapanaturo 'ncoppa 'o ffuoco.


L'otto maggio la vecchia mise un ciocco sul fuoco - A maggio può ancora far molto freddo.

'A verità è 'a ஜglia d' 'o tiempo.


La verità è ᳂흱glia del tempo.

'A verità e comm' 'a l'uoglio, assomma sempe!.


La verità è come l'olio, viene sempre a galla.

'A vita è n' affacciata 'e fenesta.


La vita è breve, vivila bene.

'A vocca nun tene gabella e 'o culo nun tene purtella.
Per la bocca non c'e tassa e il sedere non ha chiusura.

'A zezzenella è bbona!


L'abbondanza è una cosa buona! (viene detto in modo ironico, contro lo spreco).

Accide cchiù 'a lengua ca 'a spata.


Uccide più la lingua che la spada.

Accide cchiù l'uocchie ca 'na schiuppettata.


Uccide piu il malocchio che un'arma da fuoco.

Accussì va 'o munno, chi anata e chi va 'nfunno.


Cosi va il mondo, chi rimane a galla e chi sprofonda.

Acquajuò, l'acqua è fresca? "Manco 'a neve!".


Acquaiolo, l'acqua è fresca? "Più del ghiaccio!".

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 9/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Addu' amice e addu' parienti nun accattà e nu' vinnere niente.


Da amici e da parenti non comprare e non vendere niente.

Adda' fernì!" Dicette chillo ca’ ruciliava p’ ‘e scale.


"Dovra pur ᳂흱nire!" Disse il tizio mentre ruzzolava per le scale - Inviato da Gino di Portici.

Addo' 'e fatte Pasche llà faje Natale.


Dove hai fatto Pasqua lì fai pure Natale.

Addo' magnano duje ponno magnà pure tre.


Dove mangiano due possono mangiare anche in tre.

Addo' trase 'o sole, nun trase ‘o duttore.


Dove entra il sole non entra il dottore.

Agge pacienza e "fatt' ji' 'nculo" è una cosa.


"Abbi pazienza" e "fregati" è la stessa cosa.

Agge sciorta e menate 'a mmare.


Abbi sorte e buttati a mare.

Aje voglia 'a mettere 'o rrum, 'nu strunzo nun po' addiventà maje abbà!
Hai voglia ad aggiungere rum, uno stupido non diventerà mai babà!.

Ammore verace, primma s’appicceca e doppo fa pace.


Quando l’amore è vero si litiga e poi si fa pace.

Ammuina è bbona p' 'a guerra.


La confusione va bene per la guerra.

Appaurate 'e ll'acqua cheta, s' appantana e fete.


Preoccupati dell'acqua ferma perchè dopo un pò emana cattivo odore.

Appusà 'o culo 'a culonna.


Mettersi in posizione supina - Pagare lo scotto di qualcosa.

Arbere e ஜgli s'adderizzano quanno so' piccirille.


Alberi e ᳂흱gli si correggono quando sono piccoli.

Aria netta, nun ave paura 'e tronole.


L'aria pulita non teme i tuoni - L'onest'uomo nun ha paura di niente.

Arrimediammo pe' mmo', ca po' Ddio 'nce penza.


Arrangiamo per ora, poi ci penserà Dio.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 10/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Aspettà e nun venì, è 'na pena da murì.


Aspettare chi non viene è una pena da morire.

Aspiette, ciuccio mio, ca mo' arriva 'a paglia nova.


Aspetta, asino, che sta per giungere la paglia nuova.

Astipa e miette 'ncore, quanno è tiempo caccia 'o fore.


Conservalo nel cuore, al momento opportuno tiralo fuori.

Astipate 'o piezzo janco pe' quanno veneno 'e tiempe nire.
Conserva i soldi per i momenti critici.

Aurie pe' cient'anne, c' 'o scartiello e 'a vozzola 'nganna.


Auguri per cento anni, con la gobba e il gozzo alla gola.

Aurio senza canisto, è comme si nun l'avisse visto.


Augurio senza dono, è come se non l'avessi avuto.

Avasciame 'o "ddonno" e aizame 'a mesata.


Riducimi il "don" e aumentami lo stipendio.

Avutato ‘o vicariello, mena ‘e vermicielli!.


Girato l'angolo, butta la pasta - La gente ᳂흱nge interesse alle tue disgrazie, ma una volta allontanatasi
diventa indifferente.

Baccalà 'e copp' 'e quartiere: "Se fa nnotte e nisciuno me 'ncujeta!".


Baccalà dei Quartieri: "Si fa notte e nessuno mi stuzzica!"

Bella fuje 'a festa: 'nu poco scarzulella 'e scisto.


La festa fu bella, ma carente di petrolio.

Bella vita fosse; ma si durasse!


Le cose belle, purtroppo non durano a lungo!

Bona Maria va sola p' 'a via.


La buona Maria va sola per strada (una persona che si comporta bene con tutti, non ha nulla da temere e
camminerà sempre a testa alta).

Bongiorn' 'e frasche, dicette 'a crapa 'nfaccia 'o vosco.


"Buongiorno alle frasche", così salutò la capra al bosco.

Cammina cammina pedezzullo, ca stenteniello sciàla

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 11/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Vai vai piedino, che pancino gode - Una passeggiata fa bene alla digestione.

Cane e cane nun se mozzecano


Tra cani non ci si morde.

Carte e femmene fanno chello ca vonno


Le carte da gioco e le donne fanno quel che vogliono - Sono capricciose ed imprevedibili .

Carute, catarro e cacarella so' 'e tre malanne d' 'e vicchiarielle
Cadute, in烆®uenza e intestino sono i malanni a cui andremo incontro in vecchiaia.

Cca' nisciuno è fesso!


Qui nessuno è stupido!.

Cerca 'e mettere 'a capa 'a fa bene


Cerca di mettere la testa a posto e di rigare diritto.

Chella cammisa ca nun vo' sta cu' te', pigliala e stracciala


la camicia che non vuole stare con te, prendila e strappala.

Chello ca 'a vecchia vulette 'nzuonno le jette


Quello che la vecchia desiderava lo ebbe in sogno.

Chello ca nun se fa, nun se sape


Solo quello che non si fa non si saprà mai .

Chello ca pe' te nun vuoje, pe' l'ate nun sia


Quello che non vuoi per te non augurarlo agli altri.

Che te cride, ca Pasca vene sempe 'e dummeneca?


Cosa credi, che Pasqua viene sempre di Domenica?

Chi 'a avuto, 'a avuto, e chi 'a dato, 'a dato.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato ha dato.

Chi 'a fa se ne scorda ma chi l'ave s'arricorda


Una cattiva azione viene domenticata da chi l'ha fatta ma non da chi l'ha ricevuta.

Chi 'a femmena crede, paraviso nun vede


Chi crede alle donne farà una vita d'inferno.

Chi 'a mmasciata te porta, 'ngiuria te vo fa


Chi ti riferisce fatti che ti riguardano lo fa con l'intenzione di ingiuriarti.

Chi ave 'na cummedità e nun se ne serve, nun trova cunfessore ca l'assolve
Che ha la comodità e non se ne serve, non trova confessore che lo assolve.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 12/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi 'a vo' cotta e chi 'a vo' crura


Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda.

Chi arrobba poco arrobba assaie


Rubando poco per volta si ruba di più.

Chi ato nun ave cu' 'a mugliera se cocca


Chi altro non ha, va a letto con la propria moglie.

Chi bello vo' parè, guai e pene adda' patè


Chi bello vuol sembrare, guai e pene deve soffrire.

Chi buono vo' accumincià ஜglia femmena adda fa


Chi bene vuol cominciare deve fare una ᳂흱glia femmina.

Chi cagna 'a via vecchia pe 'a nova sape chello ca lassa e no' chello che trova
Chi cambia la strada vecchia per la nuova sa cio che lascia ma non quello che trova.

Chi campa d'entrata, campa penato


Chi vive di stipendio, vive di pene.

Chi campa deritto campa affritto; chi campa sturtariello campa bunariello
Chi campa rettamente, campa di stenti; chi campa di espedienti, campa benino.

Chi cchiù allucca cchiù ave raggione


Chi più grida, piu ha ragione.

Chi cchiù spenne meno spenne


Chi più spende meno spende - A volte spendendo di più si risparmia.

Chi chiagne fotte a chi ride


Chi piange frega chi ride.

Chi chiano cammina fa bona 'a jurnata


Chi cammina piano ha una buona giornata - Chi va piano va lontano.

Chi cu' 'a freva e chi cu 'e pezze 'nfronte


Chi con la febbre e chi con gli stracci sulla fronte.

Chi cumanna nun suda


Chi comanda non si affatica.

Chi dorme sulo, largo se cocca


Chi dorme da solo sta piu comodo.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 13/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi è malamente dice 'o male 'e tutte quante


Il malvagio parla male di tutti.

Chi è parente d' 'a coppola va p' 'a casa e 'ntroppeca; chi è parente d' 'o maccaturo va p' 'a casa e va
sicuro
Il parente del berretto gira per casa e inciampa; il parente del fazzoletto gira per casa con sicurezza.

Chi è puntuale è patrone d' 'a sacca 'e l'ate


Chi paga alle scadenze è padrone della tasca altrui.

Chi è puveriello 'e denare, è ricco 'e core


Chi è povero è sempre buono.

Chi 'e suonne s' abboffa, 'e famma se fotte


Chi dorme troppo non mangia.

Chi fa 'a legge l'adda rispettà


Chi fa la legge deve rispettarla.

Chi fatica 'o ghiuorne 'e festa, niente l' 'e resta
A chi lavora nel giorno festivo non rimane nulla.

Chi fatica magna; chi nun fatica magna e beve


Chi lavora mangia: chi non lavora mangia e beve.

Chi forza nun ave, s'arma 'e 'ngegno


Chi non ha forza si arma d'ingegno.

Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempe


Chi fa e disfa non perde mai tempo.

Chi guverna 'a robba 'e l'ate nun se cocca senza cena
Chi amministra i beni altrui non va a letto senza cena.

Chi jetta strille, gran dulore sente


Chi urla sicuramente soffre.

Chi magna a Natale e pava a Pasca, fa 'nu buono Natale e 'na mala Pasca
Chi mangia a Natale e paga a Pasqua farà un buon Natale ed una cattiva Pasqua - I debiti risolvono le
cose solo temporaneamente.

Chi mette 'a pezza a culore, è 'o vero dottore


Chi mette la "pezza a colori" è il vero dottore - Chi riesce a trovare una buona giusti᳂흱cazione è in gamba.

Chi 'mpasta assaie fa 'o pane buono


Chi lavora molto avrà ottimi frutti.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 14/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi nasce afஜitto more scunzulato


Chi nasce pessimista vivrà male.

Chi nasce ciuccio nun po’ murì cavallo


Chi nasce asino non potrà divenire cavallo - Non si puo cambiare razza nel crescere.

Chi nasce p' 'a forca nun po’ muri pe' mare
Chi nasce per la forca non morirà a mare - Ad ognuno il suo destino.

Chi nasce tunno nun po’ murì quadro


Chi nasce tondo non muore quadrato.

Chi 'nfruce nun luce


Chi nasconde non luccica.

Chi nun sta 'a sentì a mamma e pate va a murì addò nun sape
Chi non ascolta i consigli dei propri genitori non sa dove andrà a morire.

Chi nun accatta e nun venne, nun saglie e nun scenne


Chi non compra e non vende non guadagna e non perde.

Chi nun accetta, nun merita


Non accettare un dono signi᳂흱ca non meritarlo.

Chi nun conta denare, nun se sporca 'e mane


Chi non maneggia il denaro, non si sporca le mani.

Chi nun more sempe se vede


Chi non muore si rivede.

Chi nun po' magnà carne, s' accuntenta d' 'o brodo
Chi non può permettersi la carne si accontenta del brodo.

Chi nun refonne, nun perde


Chi non ci rimette non perde.

Chi nun s' 'a po' piglià cu 'a chiesia, s' 'a piglia c' 'o campanaro
Chi non può prendersela con la chiesa, se la prende col sagrestano - Si cerca sempre un capro espiatorio.

Chi nun sape chiagnere, nun sape manco ridere


Chi non sa piangere è insensibile.

Chi nun semmena, nun raccoglie


Chi non semina non raccoglie.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 15/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi nun sente raggione è pazzo


Chi non intende ragioni è pazzo.

Chi nun sta dinto 'o mulino nun se 'nfarina


Chi non usa la farina, non se ne sporcherà le mani - oppure: Chi non partecipa non avrà meriti.

Chi nun tene che perdere, arreseca


Chi non ha nulla da perdere, rischia.

Chi nun tene denari, ave sempe tuorto


Chi non ha soldi ha sempre torto.

Chi nun tene denari, va facenno zelle


Chi non ha soldi fa debiti.

Chi nun tene diebbete, è ricco


Chi non ha debiti è ricco.

Chi nun vo' perdere, ca nun ghioca


Chi non sa perdere, non deve giocare.

Chi parla assaje, arraggiona sempe poco


Chi parla troppo ragiona poco.

Chi passa currenno, nun se n' addona


Chi va di fretta non si accorge di quello che succede attorno.

Chi pava 'o diebbeto, acquista capitale


Pagare un debito è come costituire un capitale.

Chi pe' stu mare va, chisti pisce piglia


Chi va per questo mare, questi pesci prendera.

Chi pecura se fa, 'o lupo s' 'o magna


Chi si fa pecora il lupo se lo mangia.

Chi penza troppo more ampressa


Chi pensa troppo, morirà presto.

Chi poco tene caro tene


Chi poco possiede se lo tiene da conto.

Chi ponta 'a cicciuvettola, guaragna


Chi punta sulla civetta guadagna .

Chi primma nun penza, doppo se pente

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 16/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi agisce senza ri烆®ettere se ne pentirà.

Chi ringrazia esce for' obbligo


Chi ringrazia si libera dall'obbligo.

Chi rompe pava e chi scassa acconcia


Chi rompe paga e chi danneggia ripara.

Chi s'aiza 'a matina, s'abbusca 'o carrino; chi s'aiza 'o ghiuorno s'abbusca 'nu cuorno
Chi si leva di buon mattino, guadagna soldi; chi a giorno fatto, un bel niente.

Chi s'annammora d' 'e capille e d' 'e diente, nun s'annammora 'e niente
Chi si innamora dei capelli e dei denti, non è innamorato di niente - Sono due cose che con gli anni si
perdono.

Chi saglie e scenne 'e scale d' 'e pagliette, nun passa tiempo ca s'arricetta
Chi sale e scende le scale degli avvocaticchi, in breve ᳂흱nira male.

Chi se fa masto, va dint' 'o mastrillo


Chi si fa maestro, ᳂흱nisce in trappola.

Chi se guarda 'o ssujo, nun fa latro 'a nisciuno


Chi custodisce i propro beni non rende ladro nessuno.

Chi se mette appaura, nun se cocca cu 'e femmene belle


Il timido non va a letto con le belle donne.

Chi se mette cu' 'e criature, cacato se trova


Chi si mette con i bambini, si ritrova sporco di cacca.

Chi se mette pe' mmare, adda sapè primma anatà


Chi va per mare deve saper nuotare - Prima di cominciare qualcosa, e bene sapere prima a cosa si va
incontro.

Chi se 'ntrica, resta 'ntricato


Chi imbroglia rimane imbrogliato.

Chi se perde pe' 'o troppo sapè e chi pe' nun addumannà
C' è chi si perde perchè crede di sapere tutto, e chi, invece, per non chiedere ad altri.

Chi se piglia, s' assumiglia


A volte si sceglie il partener a cui si assomiglia.

Chi se ricusa, è miezo vattuto


Chi si contraddice, è per metà battuto.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 17/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi se sceta pe' primma se beve 'o latte


Chi per primo si sveglia beve il latte.

Chi se venne 'o culo, doppo nun se pò assetta


Chi vende il proprio sedere, poi, non potrà sedersi.

Chi semmena 'o grano, nun coglie ardica


Chi semina grano non raccoglie ortiche.

Chi semmena spine nun adda ji scauzo


Chi semina spine non deve camminare scalzo.

Chi sparte allave 'a peggia parte


chi fa le divisioni riceve la parte peggiore.

Chi sta vicino 'o sole, nun sente friddo


Chi ha protezione sta tranquillo.

Chi te sape nun t'accatta


Chi ti conosce non ti compera.

Chi te sape t'arape


Chi ti conosce ti deruba.

Chi tene 'a lengua va 'Nzardegna


Chi ha la lingua arriva in Sardegna.

Chi tene assai nemice nun more maie


Chi ha molti nemici vive a lungo.

Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta
Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.

Chi tène cchiù povere spara


Chi ha più polvere spara.

Chi tene cchiù sante va 'Mparaviso


Chi ha piu santi va in paradiso - In tema di raccomandazioni.

Chi tene 'e crape, s'adda tenè pure 'e corne


Chi possiede le capre possiede anche le corna - Chi vuole una cosa buona deve accettarne anche i lati
negativi.

Chi tène 'e mmane 'mpasta nun mette 'o dito areto 'a gallina
Chi ha le mani in pasta non mette il dito nel sedere della gallina - Non si sconfessa.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 18/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi tene mamma, nun chiagne


Chi ha la mamma trova sempre conforto.

Chi tene 'nu male, miettelo 'nponta 'a 'nu palo


Chi soffre di un male, mettilo in cima a un palo.

Chi tene 'nu puorco sulo 'o cresce gruosso; Chi tène 'nu ஜglio sulo 'o cresce fesso
Chi ha soltanto un maiale lo alleva perchè ingrassi; chi ha un ᳂흱glio solo, ne fa uno stupido.

Chi tene 'o pepe, ne metta dint' 'a menesta


Se si ha qualcosa bisogna che si adoperi.

Chi tene tiempo, tene vita


Chi ha tempo ha vita - La fretta accorcia la vita.

Chi tene vacche, ducate e turnese, sotto sotto se crere marchese


Chi possiede bestiame e soldi, si ritiene nobile.

Chi tropp' 'a tira 'a spezza


Chi troppo la tira, la spezza.

Chi troppo faticaie dint' 'a 'nu sacco s' atterraie; si nun avesse faticato, manco 'o sacco se sarria truvato
Chi troppo lavoro, fu seppellito in un sacco; se non avesse lavorato, non si sarebbe ritrovato neanche il
sacco.

Chi troppo penza, more ampressa


Pensare a qualcosa non deve diventare una ᳂흱ssazione.

Chi troppo s'acala, 'o culo mosta


hi troppo s'inchina, mostra il sedere.

Chi troppo s'avanta nun vale niente


Solo l' inetto vanta se stesso.

Chi troppo vo' sagliere, subbeto cade


Le cose vanno fatte per gradi.

Chi troppo vò sparagnà, vene 'a gatta e s' 'o mmagna


Chi troppo vuole risparmiare, viene il gatto e se lo mangia (il risparmio).

Chi va co 'o zuoppo accummence 'a zuppeca


Chi cammina con lo zoppo impara a zoppicare.

Chi va pe' chistu mare, chisti pisce piglia


Chi va per questo mare, questi pesci prende.

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 19/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Chi vò mettere 'o pere 'ncoppo 'a tutte 'e prete, nun arriva maie
Chi vuol poggiare il piede su tutte le pietre non arriva mai a destinazione - Chi troppo vuole....

Chi vo' 'o male 'e chesta casa, adda' crepà primma ca trase
Chi vuole il male di questa casa, deve morire prima d'entrarvi.

Chi vo' tenere aret' 'o guardio, nun porta 'o curtiello dinto 'a sacca
Chi vuole tenere lontano la polizia, non porta armi addosso.

Chiamma a S. Paolo primma e vedè 'a serpe


Chiede protezione a S. Paolo ancor prima di vedere il serpente.

Chiamma mamma e pate a chi te da 'a magnà


Chiama madre e padre coloro che tu nutrono.

Chiano chianillo s' 'o pigliaie


Con calma ottenne ciò che voleva.

Chianu chiano 'o coce e senza pressa 'o venne


Lentamente lo cuoce e senza fretta lo vende.

Chiove dint' 'a terra toia


Ti va tutto bene.

Chiove e maletiempo fa, 'a casa 'e l' ate nun è buono sta!
Piove ed è maltempo, non è bene stare in casa altrui.

Chiste so 'e vere turmiente, quanno tutte magneno e uno tene mente
Questi sono i veri tormenti, quando tutti mangiano e uno soltanto guarda.

Cielo a pecurelle acqua a carraffelle


Cielo a pecorelle acqua a boccette.

Cient'anne 'e chiante nun pavano 'na lira 'e diebbeto


Cento anni di sofferenza non ripagano un piccolo debito.

Ciente carre 'e penziere, nun pavano 'nu sulo diebbeto


Meglio avere molti grattacapi che un solo debito.

Ciert' e' vvote s' adda vasà 'o culo ca te caca 'ncuollo
Alcune volte bisogna fare buon viso a cattivo gioco.

Cinco e cinco 'a diece, e 'o parrucchiano 'a quinnece


Cinque e cinque, dieci, e, col parroco, siamo a quindici.

Ciruzzo Caramella, quanno chiove porta 'o 'mbrello quanno chiove ஜno ஜno, porta pure 'o bastuncino

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 20/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Ciruzzo Caramella, quando piove porta l'ombrello, quando pioviggina, porta pure il bastone.

Co 'a gente d' 'e doje porte, votta 'o ஜerro areto 'a porta
Con chi ha la casa a due ingressi, metti la sbarra dietro la porta.

Cu 'a prova se cunosce 'o mellone!


Con la prova si vede l' anguria! Bisogna sempre accertarsi per essere sicuri.

Co 'a vocca chiusa nun traseno mosche


Con la bocca chiusa non entrano mosche - è meglio tacere.

Co 'e chiacchiere se fanno 'e chierchie


Con le chiacchiere non si combina nulla.

Cola fatica e " Pezzecata " magna


Nicola lavora e la " Butterata " mangia.

Comme Catarenea, accussì Barbarea; comme Barbarea, accussì Natalea


Come sarà il tempo a Santa Caterina, così sarà Santa Barbara e così pure a Natale.

Comme dicette zi' Nennella, e' fernuta 'a zezzenella!


Come disse la signora Anna, e ᳂흱nita la pacchia.

Conta, conta, e 'o riavulo se piglia 'a jonta


Conta, conta, che il diavolo si prendera il dippiu.

Cu 'nu no te spicce, cu 'nu si te 'mpicce


Con un no ti liberi, con un si t'impegoli.

Cu 'o chiuovo areto e portame 'a festa


Col chiodo nel sedere, e portami alla festa.

Cu ‘o vicino se cucina
Col vicino si cucina - Mantenere i buoni rapporti con la gente.

Cummannà è meglio do' fottere


Comandare e meglio che fare l'amore.

Cummuoglieme 'stu pietto, ca 'o culo me sta scupierto


Coprimi il petto, che ho il sedere scoperto - A volte cerchiamo di nascondere piccoli difetti lasciando
trasparire altri ben piu gravi.

Cumpagno: tu fatiche e je magno!


Compagno: tu lavori e io mangio!

Cunziglio 'e volpe, rammaggio 'e gallina

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 21/22
9/4/2016 Il libro dei proverbi e detti antichi napoletani ­ parte 1 | DUE.TRE

Consiglio di volpe, danno di gallina.

Cuovere e cuovere nun se cecano l'uocchie


Fra corvi non ci si acceca.

Cuscienza e denare hanna passà pe' una mana


Coscienza e denaro devono passare per una mano sola.

© 2016 DUE.TRE
Tutti i diritti riservati

http://www.duepuntotre.it/2015/10/il­libro­dei­proverbi­e­detti­antichi.html 22/22