Sei sulla pagina 1di 2

Lancillotto o il cavaliere della carretta - Chrtien de Troyes

Lancillotto o il cavaliere della carretta (Lancelot ou le Chevalier la charrette)


un romanzo in francese antico scritto da Chrtien de Troyes intorno agli anni 1170-1180.
Chrtien scrisse il Lancillotto su invito della sua protettrice Maria, contessa di Champagne, figlia
di Eleonora di Aquitania e Luigi VII di Francia, ma non complet la sua opera.
La vicenda narrata centrata sull'amore esclusivo e irresistibile del cavaliere Lancillotto del
Lago per Ginevra, moglie di re Art. In particolare, Lancillotto svolge il ruolo dell'eroe che salva
la regina rapita dal malvagio Meleagant.
Il Lancillotto inoltre uno degli esempi pi celebri del concetto di amor cortese, e al tempo stesso
una versione tradizionale del topos letterario dell'amore adultero. Quest'ultimo elemento non
sembra derivato dalla tradizione arturiana precedente, ma da ritenersi, con ogni probabilit,
invenzione dell'autore stesso.

Trama
Il perfido Meleagant, rapisce la regina Ginevra. Lancillotto parte alla sua ricerca e, per non perderne
le tracce, deve salire su una carretta che adibita al trasporto dei malfattori che sono stati
condannati al patibolo. Per Lancillotto un disonore terribile salire su quella carretta, ma la forza
dell'amore cos grande che egli sottost al ricatto che gli fa un nano, simbolo di sventura, che gli
dar informazioni su Ginevra solamente se lui acconsentir a salire sul mezzo.
Lancillotto si adoperer in tutti i modi per ritrovare Ginevra, superando le prove pi terribili e le
tentazioni pi dure, e, dopo averla trovata, uccider il traditore.

Temi, Stile e Personaggi


I due temi fondamentali di quest'opera sono l'amore e l'avventura. A prima vista l'autore
tratta il tema dell'amore cortese con tutta la dovuta seriet, ma poi questo concetto viene
eccessivamente ridicolizzato quando per l'amore che nutre verso Ginevra, senza curarsi della
Ragione che gli suggerisce di non farlo, sale sulla carretta ricoprendosi di infamia e di
disprezzo.
Anche re Art viene ridicolizzato: all'inizio del romanzo Meleagant gli manca di rispetto e
Art permette che la regina si inginocchi ai piedi del siniscalco e che vada con lui.
Il narratore onnisciente e parla in terza persona anche se qualche volta interviene
direttamente.
Nel racconto, i personaggi che vengono presentati appartengono tutti a classi sociali elevate:
re, regine e principi; cavalieri e vassalli; dame, baroni e siniscalchi.
L'unico personaggio appartenente al racconto che non abbia un titolo nobiliare o che
comunque non viva in una situazione agiata, il monaco che Lancillotto incontra durante il
suo cammino.
Nell'opera sono evidenziati molti ideali, tutti quelli che spingono un uomo a compromettere
la propria vita e la propria reputazione per amore. Coraggio, infinita devozione per l'amata,
forza, passione sono le qualit che pi spiccano nella personalit di Lancillotto. Molto
importante anche il senso di ospitalit che le persone avevano a quel tempo e l'importanza
che per loro aveva rifiutare o accettare l'invito.

Potrebbero piacerti anche