Sei sulla pagina 1di 14

MACROSEQUENZA 4

Capitoli 18-26

Le peripezie di Lucia
Verifica

Battute celebri
Molte battute ed espressioni del romanzo sono celebri.
1. Riconoscile indicando: a) quale personaggio le pronuncia, b) a chi si rivolge, c) in quale
contesto.
«Lasciamo le novantanove pecorelle,» (…) «sono in sicuro sul monte: io voglio ora stare
con quella ch’era smarrita.
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
– Chi è? perché? che vuol da me? Io non son sua. Ditemi dove sono; lasciatemi andare;
dite a costoro che mi lascino andare, che mi portino in qualche chiesa. Oh! voi che siete
una donna, in nome di Maria Vergine… !»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
.........................................«Dio! Dio! Dio! Se lo vedessi! Se lo sentissi! Dov’è questo Dio?»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
«Bisognerebbe che tutti i preti fossero come vossignoria, che tenessero un po’ dalla parte
de’ poveri,
e non aiutassero a metterli in imbroglio, per cavarsene loro (…)»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
........– Sta’ zitto. E sì che c’è de’ cuori duri in questo paese. E ha fatto proprio vedere che,
benché ci sia la carestia, bisogna ringraziare il Signore, ed esser contenti: far quel che si
può, industriarsi, aiutarsi, e poi esser contenti. Perché la disgrazia non è il patire, e l’esser
poveri; la disgrazia è il far del male.
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
.......«Se quell’altra vita di cui m’hanno parlato quand’ero ragazzo, di cui parlano sempre,
come se fosse cosa sicura; se quella vita non c’è, se è un’invenzione de’ preti; che fo io?
perché morire? cos’importa quello che ho fatto? cos’importa? è una pazzia la mia... E se
c’è quest’altra vita...!»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................
...........– E non sapete voi che il soffrire per la giustizia è il nostro vincere? E se non sapete
questo,
che cosa predicate? di che siete maestro? qual è la buona nuova che annunziate a’
poveri? Chi pretende da voi che vinciate la forza con la forza?
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
c........................................................................................................................................................................................

Le battute di don Abbondio


Uno spazio a parte meritano le battute di don Abbondio, personaggio sempre
uguale a se stesso.
1. Riconosci il contesto in cui si collocano indicando: a) a chi si rivolge, b) in quale situazione
si trova.
– (…) Ma sono superiori; hanno sempre ragione. È il mio pianeta, che tutti m’abbiano a
dare addosso; anche i santi –.
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
«Torno a dire, (…), » rispose dunque, «che avrò torto io… Il coraggio, uno non se lo può
dare.»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
«Me?» disse ancora quella voce, significando chiaramente in quel monosillabo: come ci
posso entrar io?
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................
«è qui fuori che aspetta. Andiamo, presto; non lo facciamo aspettare, un par suo.»
a.......................................................................................................................................................................................
b.......................................................................................................................................................................................

I personaggi minori
Anche in questi capitoli, come in altri del romanzo, agiscono numerosi personaggi
minori.
1. Indica accanto a ciascuno di essi i dati che li identificano (chi sono, cosa fanno/che ruolo
hanno nella vicenda, il fatto di cui sono protagonisti).
Fra Galdino: ................................................................................................................................................................
Il padre provinciale: ...............................................................................................................................................
Il pesciaiolo: ...............................................................................................................................................................
Don Ferrante: ............................................................................................................................................................
Il cappellano crocifero: .........................................................................................................................................
Il conte Attilio: ...........................................................................................................................................................
Donna Prassede:.......................................................................................................................................................
la buona donna:.........................................................................................................................................................

Fatti e personaggi
Tutta la macrosequenza ruota intorno al «gran caso» di Lucia e alle peripezie che
ne conseguono.
1. Contestualizza i seguenti passi fornendo le indicazioni richieste.
Questa relazione mise il diavolo addosso a don Rodrigo, o, per dir meglio, rendé più cattivo
quello che già ci stava di casa. Tante circostanze favorevoli al suo disegno infiammavano
sempre più la sua passione, cioè quel misto di puntiglio, di rabbia e d’infame capriccio, di
cui la sua passione era composta. Renzo assente, sfrattato, bandito, di maniera che ogni
cosa diventava lecita contro di lui, e anche la sua sposa poteva esser considerata, in certo
modo, come roba di rubello: il solo uomo al mondo che volesse e potesse prender le sue
parti, e fare un rumore da esser sentito anche lontano e da persone alte, l’arrabbiato frate,
tra poco sarebbe probabilmente anche lui fuor del caso di nuocere. Ed ecco che un nuovo
impedimento, non che contrappesare tutti que’ vantaggi, li rendeva, si può dire, inutili.
a. Chi ha fatto la relazione e cosa ha riferito:............................................................................................
.........................................................................................................................................................................................
b. Perché Renzo è assente:.................................................................................................................................
...........................................................................................................................................................................................
c. Cosa significa «roba di rubello» e perché lo si dice della «sua sposa»:...................................
...........................................................................................................................................................................................
d. Chi è «l’arrabbiato frate» e perché sarebbe stato a breve «fuor del caso di nuocere»:
...........................................................................................................................................................................................
e. Qual è il «nuovo impedimento» e cosa «impedisce»:.......................................................................
(…) il pover’uomo aprì la bocca, e disse: «si figuri!» Altro non gli volle venire. Cosa, di cui
non solo rimase avvilito sul momento; ma sempre poi quella rimembranza importuna gli
guastava la compiacenza del grand’onore ricevuto. E quante volte, tornandoci sopra, e
rimettendosi col pensiero in quella circostanza, gli venivano in mente, quasi per dispetto,
parole che tutte sarebbero state meglio di quell’insulso si figuri! Ma, come dice un antico
proverbio, del senno di poi ne son piene le fosse.
a. Chi è il pover’uomo e perché il narratore lo definisce tale:...........................................................
...........................................................................................................................................................................................
b. Quale grande onore ha ricevuto:...............................................................................................................
...........................................................................................................................................................................................

Miglioramenti e peggioramenti
La vicenda dei due promessi continua tra processi di miglioramento e di
peggioramento.
1. Quale processo di peggioramento si realizza in questa macrosequenza, chi lo ha
progettato, chi lo ha messo in opera?
.........................................................................................................................................................................................
2. Qual è il momento di maggior tensione (Spannung) della narrazione in questa
macrosequenza?
...........................................................................................................................................................................................
3. Quale processo di miglioramento si innesca e grazie a quali personaggi?
...........................................................................................................................................................................................
4. Alla fine degli eventi narrati nella macrosequenza, dove si trovano fisicamente i
personaggi principali?
Agnese: .........................................................................................................................................................................
Lucia: ............................................................................................................................................................................
Renzo: ...........................................................................................................................................................................
Fra Cristoforo: ............................................................................................................................................................
don Abbondio: ...........................................................................................................................................................
don Rodrigo: ..............................................................................................................................................................

I sinonimi
Il lessico manzoniano attinge spesso al parlato con uso di termini dialettali e
colloquiali.
1. Indica un sinonimo di uso comune dei seguenti termini nell’accezione manzoniana:
treno:..............................................................................................................................................................................
guazzabuglio:..............................................................................................................................................................
cipiglio: .........................................................................................................................................................................
concorso:.......................................................................................................................................................................
pianeta:..........................................................................................................................................................................
Le peripezie di Lucia
Saper scrivere: Analisi del testo
GERTRUDE E LUCIA: IL TRADIMENTO
Consegne di lavoro
Leggi con attenzione il passo sottoriportato.
Sottoponilo ad analisi utilizzando i quesiti proposti e annotando le tue osservazioni.
Completa il lavoro di raccolta di elementi utilizzando le riflessioni riportate nei passi di
critica, ìntegrale con le osservazioni e le conoscenze che hai potuto acquisire durante la
lettura del romanzo.
Riorganizza il materiale in un unico progetto di testo, poi passa alla stesura, alla correzione
della composizione, alla redazione finale.

L’innominato ha demandato a Egidio, suo compagno di scelleratezze, il compito di


far allontanare Lucia dal convento di Monza. Egidio manda a dire all’innominato
che l’impresa di rapire la giovane montanara «era facile e sicura». Infatti la
signora che per tutti gli altri era un ostacolo insormontabile, per lui «era
strumento», il mezzo stesso per ottenere il risultato voluto: tiene in pugno
Gertrude, sa di poterla convincere a tradire Lucia. Il brano è tratto dal capitolo 20,
righe 154-203.
La proposta riuscì spaventosa a Gertrude. Perder Lucia per un caso impreveduto 1,
senza colpa, le sarebbe parsa una sventura, una punizione amara: e le veniva
comandato di privarsene con una scellerata perfidia, di cambiare in un nuovo
rimorso un mezzo di espiazione. La sventurata tentò tutte le strade per esimersi
dall’orribile comando2; tutte, fuorché la sola ch’era sicura, e che le stava pur
sempre aperta davanti. Il delitto è un padrone rigido e inflessibile, contro cui non
divien forte se non chi se ne ribella interamente. A questo Gertrude non voleva
risolversi; e ubbidì.
Era il giorno stabilito; l’ora convenuta3 s’avvicinava; Gertrude, ritirata con Lucia
nel suo parlatorio privato, le faceva più carezze dell’ordinario, e Lucia le riceveva e
le contraccambiava con tenerezza crescente: come la pecora, tremolando senza
timore sotto la mano del pastore che la palpa e la strascina mollemente, si volta a
leccar quella mano; e non sa che, fuori della stalla, l’aspetta il macellaio, a cui il
pastore l’ha venduta un momento prima.
«Ho bisogno d’un gran servizio; e voi sola potete farmelo. Ho tanta gente a’
miei comandi; ma di cui mi fidi, nessuno. Per un affare di grand’importanza, che
vi dirò poi, ho bisogno di parlar subito subito con quel padre guardiano de’
cappuccini che v’ha condotta qui da me, la mia povera Lucia; ma è anche
necessario che nessuno sappia che l’ho mandato a chiamare io. Non ho che voi
per far segretamente quest’imbasciata4.»
Lucia fu atterrita d’una tale richiesta; e con quella sua suggezione 5, ma senza
nascondere una gran maraviglia, addusse subito, per disimpegnarsene 6, le
ragioni che la signora doveva intendere, che avrebbe dovute prevedere: senza
la madre, senza nessuno, per una strada solitaria, in un paese sconosciuto... Ma
Gertrude, ammaestrata a una scola infernale7, mostrò tanta maraviglia anche
lei, e tanto dispiacere di trovare una tal ritrosia nella persona di cui credeva
poter far più conto, figurò di trovar così vane 8 quelle scuse! di giorno chiaro,
quattro passi, una strada che Lucia aveva fatta pochi giorni prima, e che,
quand’anche non l’avesse mai veduta, a insegnargliela, non la poteva
sbagliare!... Tanto disse, che la poverina, commossa e punta 9 a un tempo, si
lasciò sfuggir di bocca: «e bene; cosa devo fare?»
«Andate al convento de’ cappuccini:» e le descrisse la strada di nuovo: «fate
chiamare il padre guardiano, ditegli, da solo a solo, che venga da me subito
subito; ma che non dica a nessuno che son io che lo mando a chiamare.»
«Ma cosa dirò alla fattoressa10, che non m’ha mai vista uscire, e mi domanderà
dove vo?»
«Cercate di passare senz’esser vista; e se non vi riesce, ditele che andate alla
chiesa tale, dove avete promesso di fare orazione11.»
Nuova difficoltà per la povera giovine: dire una bugia; ma la signora si mostrò di
nuovo così afflitta delle ripulse, le fece parer così brutta cosa l’anteporre un
vano scrupolo12 alla riconoscenza, che Lucia, sbalordita più che convinta, e
soprattutto commossa più che mai, rispose: «e bene; anderò. Dio m’aiuti!» E si
mosse.
Quando Gertrude, che dalla grata 13 la seguiva con l’occhio fisso e torbido 14, la
vide metter piede sulla soglia, come sopraffatta da un sentimento irresistibile,
aprì la bocca, e disse: «sentite, Lucia!» Questa si voltò, e tornò verso la grata.
Ma già un altro pensiero, un pensiero avvezzo a predominare 15, aveva vinto di
nuovo nella mente sciagurata di Gertrude. Facendo le viste 16 di non esser
contenta dell’istruzioni già date, spiegò di nuovo a Lucia la strada che doveva
tenere, e la licenziò dicendo: «fate ogni cosa come v’ho detto, e tornate
presto». Lucia partì.

1. Imprevisto. 2. Per sottrarsi al terribile ordine di tradire Lucia. 3. L’ora concordata (per far uscire
Lucia dal convento). 4. Per portare segretamente questa ambasciata, questo messaggio. 5. La
«soggezione» è un misto di rispetto, vergogna e timidezza. 6. Per sottrarsi all’impegno. 7. Scuola
diabolica (della menzogna e dell’ipocrisia). 8. Finse di considerare così inconsistenti. 9. Colpita nel
vivo. 10. La donna che nel convento era incaricata di tenere i rapporti tra il monastero e l’esterno.
11. Di andare a pregare. 12. Problema inesistente. 13. Quella del parlatorio del monastero cui le
monache si affacciavano per parlare con gli esterni. 14. Non limpido, non innocente. 15. Abituato
a prevalere, dominare in assoluto. 16. Fingendo.

ANALISI
L’«orribile comando»
Gertrude si era affezionata a Lucia: anche se il pudore e la reticenza della ragazza
la indispettivano era commossa per la fiducia e la riconoscenza che questa le
dimostrava ed era felice di poterle fare del bene (capitolo 18). L’inaspettata
richiesta di Egidio quindi la sconvolge.
1. Come reagisce in un primo momento alla «spaventosa» proposta di Egidio?
2. Quale era l’unica strada «sicura», che le era «pur sempre aperta davanti»? Perché
Gertrude non la percorre?
3. Quale tratto del carattere della «sventurata» mette in evidenza questo comportamento?

«Era il giorno stabilito»


Gertrude accarezza più del solito Lucia, che contraccambia. Questo momento è
descritto da una similitudine.
1. Individuala: che cosa hanno in comune le due situazioni messe in relazione dalla
similitudine?
2. Che cosa viene messo in evidenza? Quali dettagli sottolineano indirettamente la tragica e
sinistra responsabilità della signora?
3. A tuo avviso cosa aggiunge questa similitudine al puro e semplice racconto dei fatti?

La sciagurata Gertrude
Superato il primo momento di orrore per ciò che sta per fare, Gertrude convince
Lucia ad ubbidirle.
1. Quali argomenti usa per convincere Lucia a uscire dal convento?
2. Su quali disposizione d’animo della sua giovane ospite fa leva? Quali stati d’animo tradisce
l’espressione «la mia povera Lucia»?
3. Quali tratti del carattere di Gertrude emergono in questo passaggio?
4. Lucia cerca all’inizio di sottrarsi al compito: quali motivi adduce per rifiutare l’impegno?
5. Quali argomenti mette in campo la signora per banalizzare le ragioni di Lucia? Quale
«scola infernale» l’ha ammaestrata?
Gertrude segue Lucia che si appresta a uscire «con l’occhio fisso e torbido».
6. Poiché lo sguardo è lo specchio degli stati d’animo, quali sentimenti contraddittori agitano
la signora? Cosa sembra essere sul punto di fare mentre dice «sentite, Lucia!»?
7. Qual è il «pensiero avvezzo a predominare» che, al contrario, le fa cambiare idea?
8. La frase con cui si congeda da Lucia cosa ci dice di lei? È sommamente ipocrita o è
involontariamente sincera?
9. Le parole di Gertude sono affidate al discorso diretto o al discorso indiretto libero: perché a
tuo avviso il narratore in questa occasione cede la parola alla stessa Gertrude?

Lucia, la vittima
Lucia, inizialmente «atterrita» per la richiesta della signora, alla fine, «commossa
e punta», accetta di fare quanto le viene richiesto.
1. Cosa ci suggeriscono questi due aggettivi circa le motivazioni che hanno fatto capitolare la
giovane?
2. Perché alla fine accetta anche l’idea di dover dire una bugia alla fattoressa?
3. Quali tratti di Lucia emergono in questo passo?

APPROFONDIMENTI
Due destini a confronto
Il tradimento della signora sancisce la profonda diversità dei due personaggi, qui
nei ruoli di carnefice e vittima.
1. Approfondisci il rapporto tra queste due figure e la loro funzione nel romanzo servendoti
anche degli spunti offerti dalla critica.

a. Da AA.VV., La scrittura e l’interpretazione, Palermo, Palombo Editore, 1999, vol. 2, tomo


X, pp. 341-342
Lucia da un lato, Gertrude dall’altro, hanno la funzione narrativa fondamentale di
illuminare dall’interno, attraverso la microstoria del privato, sia l’animo umano, sia
i costumi della società del tempo, nell’intreccio esistente tra violenza sociale e
corruzione religiosa. Lucia incarna la purezza, i valori della famiglia, della casa, del
lavoro: è inoltre il simbolo di un atteggiamento cristiano verso la vita, la cui
esemplarità trascende la sua condizione di donna e di contadina.

b. Da Angelo Marchese, I promessi sposi, Milano, A. Mondadori, 1985, pp. 413-414


E lei, Gertrude, è la «sciagurata», la «sventurata» che non sa ribellarsi alla
signoria del delitto, «padrone rigido e inflessibile», verso il quale il Manzoni mostra
ancora la sua complessa attitudine di pietà e di condanna. (…) Mentre l’ingenua
contadina è intimamente divisa fra il terrore della commissione (uscire sola dal
convento!), gli scrupoli morali (dover dire eventualmente una bugia alla
fattoressa) e il timore di apparire ingrata agli occhi della sua benefattrice, costei,
ormai rassegnata all’odioso tradimento, ha soltanto un attimo di esitazione
allorché, «come sopraffatta da un sentimento irresistibile», richiama Lucia che si
sta avviando al suo destino: «Ma già un altro pensiero, un pensiero avvezzo a
predominare, aveva vinto di nuovo nella mente sciagurata di Gertrude». Anche
alla monaca peccatrice è concesso il kairòs (l’opportunità) della grazia, che ella
non sa afferrare, e anzi rifiuta, schiava del super-io maschile che da sempre la
domina. All’opposto, l’innominato sa resistere alle tentazioni di liberarsi della
vittima, spedendola direttamente a don Rodrigo (un no imperioso che viene dal
profondo glielo impedisce) (...).

c. Da Vincenzo Di Benedetto, Guida ai Promessi Sposi, Milano, BUR, 1999, pp. 116-117
Con un intervento diretto il narratore accusa Gertrude di non essersi ribellata in
modo radicale ad Egidio, e significativamente usa a questo proposito il verbo
«volere», attribuendo un difetto di volontà a Gertrude (...). Certo, Manzoni in
quanto narratore ha cura di far vedere che Gertrude si oppone all’infame
progetto, e ha cura di chiarire fin dall’inizio che il «sagrifizio dell’innocente» a
Gertrude è imposto e in più il narratore anche in questo passo attribuisce
ancora una volta a Gertrude la qualifica di «sventurata».

DON ABBONDIO, PERSONAGGIO COMICO O PERSONAGGIO


UMORISTICO?

Sviluppa l’argomento indicato in forma di saggio breve, utilizzando i passi dei


saggi critici che corredano la traccia e anche le conoscenze sul personaggio che
hai acquisito dalla lettura del romanzo. A supporto delle tue affermazioni è
opportuno che tu faccia riferimento a situazioni, comportamenti, reazioni,
espressioni precise del personaggio. Su questa base svolgi, argomentandola, la
tua trattazione.

Il secondo dei passi proposti è tratto da L’umorismo, saggio scritto nel 1908 da Luigi
Pirandello, studioso anch’egli di Manzoni, scrittore e drammaturgo, premio Nobel nel 1934.
In esso egli espone la distinzione tra comico e umoristico. Il comico scaturisce
dall’avvertimento del contrario: noi notiamo la dissonanza (il contrario) tra quello che
dovrebbe essere e quello che è, e questo ci induce a ridere. Ma se andiamo oltre
l’apparenza e cerchiamo di comprendere perché c’è quella dissonanza (cioè abbiamo il
sentimento del contrario), allora il nostro riso si trasformerà in pietà. Pirandello spiega
questa sua intuizione/convinzione con il famoso esempio delle vecchia imbellettata: se
vediamo una persona di una certa età, tutta truccata, agghindata e vestita come una
giovane, istintivamente ridiamo, perché abbiamo percepito che quello che vediamo è il
contrario di quello che dovrebbe essere. Ma se sappiamo che quella donna si comporta così
di necessità, per tentare di tenersi stretto un marito più giovane di lei, allora il nostro riso
diventa pietà perché abbiamo guardato dentro la persona, nella sua interiorità, nella sua
sofferenza. La situazione non è comica, ma è umoristica.

1. Da Luigi Russo, Personaggi dei Promesi Sposi, Bari, UL Laterza, 1965 pp. 186-187 e 191
(...) Don Abbondio è un personaggio costruito, e, qualcuno ha anche aggiunto, un
personaggio statico. Io non ho nessuna difficoltà ad accettare la seconda parte
della definizione di don Abbondio, personaggio statico, ma statico nel suo
contenuto psicologico, e non già nella sua forma.
(...) La forma sempre nuova di quel personaggio è nell’essere sempre fedele a se
stesso, come un meccanismo che obbedisca a un determinato congegno. (...) Fra
le forme del comico, osservate acutamente dal Bergson, una è quella che si ottiene
attraverso la ripetizione di un motivo e di un gesto, come se si trattasse di un tic
nervoso, come se l’uomo cessasse di essere uomo e lasciasse insorgere in sé il
fantoccio a ripetizione. Il comico si genera, tutte le volte, perché nella vita
mobilissima dello spirito umano, si introduce un che di macchinale, una natura
morta, che fa contrasto con la irrequietezza della nostra umanità, che dovrebbe
essere sempre nuova ed originale, e nella ripetizione di sé, si abbassa a qualcosa
di inferiore, che chiama sulle nostre labbra la correzione di un sorriso o del riso.
Così il grido: «Perpetua, Perpetua!» è un po’ il ritornello non di un uomo, ma di un
uomo non più presente a se stesso, certe frasi che don Abbondio balbetta e nel
colloquio coi bravi e nel colloquio con Renzo ed i suoi soliloqui quando torna a casa,
o i soliloqui quando va alla Malanotte, sono come i ritornelli meccanici della sua
fantasia, che diventano comici per il loro stesso ripetersi. Così è comico, questo suo
ricorrente abbandono idillico e il suo lasciarsi sorprendere dalle burrasche,
disarmato e distratto.
(...)
Se noi vogliamo spiegarci sistematicamente il comico di questo atteggiamento di
don Abbondio, dobbiamo risalire alla ragione cui s’accennava poco prima:
nell’animo del personaggio non c’è svolgimento di vita morale; egli è un
meccanismo caricato sempre di uno stesso pensiero, di uno stesso verbo, di uno
stesso gesto. In quella ripetizione all’infinito di uno stesso atteggiamento, si
scorge il fantoccio che prevale sull’uomo: quella mescolanza del meccanico con la
spiritualità propria dell’uomo, genera il comico. Il suo camminare non è un
camminare, ma un sempre ritornare su se stesso, i suoi pensieri non sono uno
svolgimento, ma soltanto un fisso ritornello.
2. Da Luigi Pirandello, L’umorismo, Lanciano, Carabba, 1908, parte IV, passim
Noi dovremmo tutti provar disprezzo e indignazione per don Abbondio, per
esempio, e stimar ridicolissimo e spesso matto da legare don Quijote (Don
Chisciotte, il protagonista dell’opera di Miguel de Cervantes, ndr); eppure siamo
indotti al compatimento, finanche alla simpatia per quello, e ad ammirare con
infinita tenerezza le ridicolaggini di questo, nobilitate da un ideale così alto e puro.
Dove sta il sentimento del poeta? Nel disprezzo o nel compatimento per don
Abbondio? Il Manzoni ha un ideale astratto, nobilissimo della missione del
sacerdote su la terra, e incarna questo ideale in Federigo Borromeo. Ma ecco la
riflessione, frutto della disposizione umoristica, suggerire al poeta che questo
ideale astratto soltanto per una rarissima eccezione può incarnarsi e che le
debolezze umane sono pur tante. Se il Manzoni avesse ascoltato solamente la voce
di quell’ideale astratto, avrebbe rappresentato don Abbondio in modo che tutti
avrebbero dovuto provare per lui odio e disprezzo, ma egli ascolta entro di sé
anche la voce delle debolezze umane. Per la naturale disposizione dello spirito, per
l’espereinza della vita, che gliel’ha determinata, il Manzoni non può non sdoppiare
in germe la concezione di quell’idealità religiosa, sacerdotale: e tra le due fiamme
accese di fra Cristoforo e del cardinal Federigo, vede, terra terra, guardinga e
mogia, allungarsi l’ombra di don Abbondio. (...)
Ora, io non nego, don Abbondio è un coniglio. Ma noi sappiamo che don Rodrigo,
se minacciava, non minacciava invano, sappiamo che pur di «spuntar l’impegno»
egli era veramente capace di tutto; sappiamo che tempi eran quelli, e possiamo
benissimo immaginare che a don Abbondio, se avesse sposato Renzo e Lucia, una
schioppettata non gliel’avrebbe certo levata nessuno, e che forse Lucia, sposa
soltanto di nome, sarebbe stata rapita, uscendo dalla chiesa, e Renzo anch’egli
ucciso. A che giovano l’intervento, il suggerimento di fra Cristoforo? Non è rapita
Lucia dal monastero di Monza? C’è la «lega dei birboni», come dice Renzo. Per
sciogliere quella matassa ci vuole la mano di Dio; non per modo di dire, la mano di
Dio propriamente. Che poteva fare un povero prete?
Pauroso, sissignori, don Abbondio; e il De Sanctis ha dettato alcune pagine
meravigliose esaminando il sentimento della paura nel povero curato; ma non ha
tenuto conto di questo, perbacco: che il pauroso è ridicolo, è comico, quando si
crea rischi e pericoli immaginarii: ma quando un pauroso ha veramente «ragione
d’aver paura», quando vediamo preso, impigliato in un contrasto terribile, uno che
per natura e per sistema vuole scansar tutti i contrasti, anche i più lievi, e che in
quel contrasto terribile per suo dovere sacrosanto dovrebbe bastarci, questo
pauroso non è più comico soltanto. (...) Don Abbondio non ha il coraggio del
proprio dovere; ma questo dovere, dalla nequizia altrui, è reso difficilissimo, e
però quel coraggio è tutt’altro che facile; per compierlo ci vorrebbe un eroe. (...)

Un osservatore superficiale terrà conto del riso che nasce dalla comicità esteriore
degli atti, dei gesti, delle frasi reticenti ecc. di don Abbondio, e lo chiamerà ridicolo
senz’altro, o una figura semplicemente comica. Ma chi non si contenta di queste
superficialità e sa veder più a fondo, sente che il riso qui scaturisce da ben altro, e
non è soltanto quello della comicità.
Don Abbondio è quello che si trova in luogo di quello che ci sarebbe voluto. Ma il
poeta non si sdegna di questa realtà che trova, perché, pur avendo, come abbiamo
detto, un ideale altissimo della missione del sacerdote su la terra, ha pure in sé la
riflessione che gli suggerisce che quest’ideale non si incarna se non per rarissime
eccezioni, e però lo obbliga a limitare quell’ideale (...). Ma questa limitazione
dell’ideale che cos’è? È l’effetto appunto della riflessione che, esercitandosi su
quest’ideale, ha suggerito al poeta il sentimento del contrario. E don Abbondio è
appunto questo sentimento del contrario oggettivato e vivente, e però non è
comico soltanto, ma schiettamente e profondamente umoristico. (...) Sì, ha
compatimento il Manzoni per questo pover’uomo di don Abbondio; ma è un
compatimento, signori miei, che nello stesso tempo ne fa strazio, necessariamente.
Infatti, solo a patto di riderne e di far ridere di lui, egli può compatirlo e farlo
compatire, commiserarlo e farlo commiserare. Ma ridendo di lui e compatendolo
nello stesso tempo, il poeta viene anche a ridere amaramente di questa povera
natura umana inferma di tante debolezze; e quanto più le considerazioni pietose si
stringono a proteggere il povero curato, tanto più attorno a lui si allarga il
discredito del valore umano (...), facendoci riconoscere che è pur umano, di tutti
noi, quel che costui sente e prova, a passarci bene la mano sulla coscienza.

DAL CONTE DEL SAGRATO ALL’INNOMINATO: LA COSTRUZIONE


DELLA FIGURA DEL «SANTO ARISTOCRATICO»

Sviluppa l’argomento indicato in forma di saggio breve, utilizzando i documenti


che corredano la traccia.

Il «nobile perverso e convertito» è un personaggio storicamente esistito


(Bernardino Visconti), ma è anche un personaggio letterario oggetto di una
lunga rielaborazione da parte di Manzoni, che ha trasformato il Conte del
Sagrato del Fermo e Lucia nell’innominato de I promessi sposi. Il primo brano
proposto è un passo di riflessione critica sul personaggio; i successivi sono
tratti dal Fermo e Lucia e corrispondono ad altrettanti passi de I promessi
sposi (capitoli 19, righe 247-344; capitolo 20, righe 67-78; capitolo 21, righe
259-384)

Consegne di lavoro
Leggi attentamente e analizza il materiale proposto.
Confronta questi passi e scrivi un testo che metta in evidenza le analogie e le profonde
differenze tra i personaggi del Conte del Sagrato e dell’innominato: ricorda che, per
alcuni critici, essi sono due personaggi diversi pur assolvendo allo stesso ruolo narrativo
e pur avendo come punto di partenza le stesse notizie storiche relative a Bernardino
Visconti.

1. Da AA.VV., Dal testo alla storia. Dalla storia al testo, Torino, Paravia, 1994, vol. III, tomo I,
p. 553
Innanzitutto (nel Fermo) il personaggio non è «innominato», ma reca un
soprannome, ricavato dalla più famosa delle sue imprese delittuose. Non si ha
dunque l’indeterminatezza del mito, ma il particolare caratteristico, che
individua subito un preciso costume storico, non diversamente dai pittoreschi
soprannomi dei bravi. In secondo luogo, al posto del ritratto interiore, da cui
traspare la superiorità spirituale dell’innominato, vi è il racconto di un fatto
esteriore, il delitto del Sagrato. Se nei Promessi sposi l’indeterminatezza in cui
vengono lasciati i delitti dell’innominato è un elemento essenziale alla
costruzione di un’atmosfera mitica, nel Fermo il racconto particolareggiato di un
fatto di cronaca nera dissolve ogni alone di mistero e di leggenda, e fornisce
semplicemente un documento di costume, finalizzato alla dura polemica contro
un’età di barbarie e di violenza (si notino i vari interventi ironici del narratore).
(...)
Le conseguenze di queste diverse impostazioni si riflettono sulla
conversione. Essendo il Conte un personaggio rozzo e brutale, la sua
conversione giungerà improvvisa, sarà un passaggio repentino da una
condizione ad un’altra diametralmente opposta. Poiché invece l’innominato è
un uomo spiritualmente superiore, la sua conversione appare preparata da
lungo tempo, e non è altro, per il personaggio, che il ritrovamento del suo più
autentico se stesso, di quella grandezza e nobiltà che era stata soffocata dal
condizionamento di un ambiente storico negativo. (...)
Al mito «nero» del terribile fuorilegge, di matrice romantica, (Manzoni)
sostituisce un mito equivalente, dotato della stessa forza di suggestione, ma
di segno contrario, il santo aristocratico, che pone la sua potenza in servizio
degli umili, ma conserva, nella sua attività benefica, quella statura
d’eccezione, quell’alone leggendario e favoloso che lo caratterizzavano
nell’esercizio del male.

Dal Fermo e Lucia


1. La presentazione del Conte del Sagrato (tomo II, capitolo 7)
Bisognava dunque ricorrere ad un alleato potente e destro, ad un uomo avvezzo
a condurre a termine spedizioni di questo genere; e Don Rodrigo si determinò in
un pensiero, che gli era passato più volte per la mente, che non aveva mai
abbandonato, il pensiero di raccomandare i suoi affari al Conte del Sagrato.
Le ricerche che abbiamo fatte per trovare il vero nome di costui giacché quello
che abbiamo trascritto era un soprannome, sono state infruttuose. Al
prudentissimo nostro autore è sembrato di avere ecceduto in libertà e in
coraggio col solo indicare con un soprannome quest’uomo. Due scrittori
contemporanei, degnissimi di fede, il Rivola e il Ripamonti, biografi entrambi del
Cardinale Federigo Borromeo, fanno menzione di quel personaggio misterioso,
ma lo dipingono succintamente come uno dei più sicuri e imperturbabili
scellerati che la terra abbia portato, ma non ne danno il nome, e né meno il
soprannome che noi abbiamo ricavato dal nostro manoscritto insieme con la
narrazione del fatto che glielo fece acquistare, e che basterà a dare una idea
del carattere di quest’uomo. Abitava egli in un castello posto al confine degli
stati veneti, sur un monte; e quivi menava una vita sciolta da ogni riguardo di
legge, comandando a tutti gli abitatori del contorno, non riconoscendo superiore
a sè, arbitro violento dei negozj1 altrui come di quelli nei quali era parte,
raccettatore2 di tutti i banditi, di tutti i fuggitivi per delitti quando fossero abili a
commetterne di nuovi, appaltatore di delitti per professione. (…)
E la confidenza di costui, nutrita dal sentimento della forza e da una lunga
esperienza d’impunità era venuta a tanto, che dovendo egli un giorno passar
vicino a Milano, vi entrò senza rispetto, benché capitalmente bandito 3, cavalcò
per la città coi suoi cani, e a suon di tromba, passò sulla porta del palazzo ove
abitava il governatore, e lasciò alle guardie una imbasciata di villanie 4 da
essergli riferita in suo nome.
Avvenne un giorno che a costui come a protettore noto di tutte le cause
spallate5 si presentò un debitore svogliato di pagare, e si richiamò a lui della
molestia che gli era recata dal suo creditore, raccontando il negozio a modo
suo, e protestando ch’egli non doveva nulla, e che non aveva al mondo altra
speranza che nella protezione onnipotente del signor Conte. Il creditore, un
benestante d’un paese vicino, non era sul calendario del Conte 6, perché senza
provocarlo giammai, né usargli il menomo7 atto di disprezzo, pure mostrava di
non volere stare come gli altri alla suggezione di lui, come chi vive pei fatti suoi
e non ha bisogno né timore di prepotenti. Al Conte fu molto gradita
l’opportunità di dare una scuola 8 a questo signore (…) chiamò un servo, e gli
disse: «Accompagnerai questo pover uomo dal signor tale, a cui dirai in mio
nome che non gli rechi più molestia alcuna per quel debito preteso, perché io
ho riconosciuto che costui non gli deve nulla: ascolterai la sua risposta: non
replicherai nulla quale ch’ella sia, e quale ch’ella sia, tornerai tosto a
riferirmela». Il lupo e la volpe s’avviarono tosto dal creditore, al quale il lupo
espose l’imbasciata, mentre la volpe stava tutta modesta a sentire. Il creditore
(…) punto dalla insolenza di quel procedere, animato dal sentimento della sua
buona ragione, e atterrito dalla idea di comparire allora allora un vigliacco, e di
perdere per sempre ogni credito; rispose ch’egli non riconosceva il signor Conte
per suo giudice. Il lupo e la volpe partirono senza nulla replicare, e la risposta fu
tosto riferita al Conte, il quale udendola disse: «benissimo». Il primo giorno di
festa la chiesa del paese dove abitava il creditore era ancora tutta piena di
popolo che assisteva agli uficj divini, che il Conte si trovava sul sagrato 9 alla
testa di una troppa di bravi. Terminati gli uficj, i più vicini alla porta uscendo i
primi e guardando macchinalmente10 sul sagrato videro quell’esercito e quel
generale, e ognun d’essi spaventato, senza ben sapere che cagione di timore
potesse avere si rivolsero tutti dalla parte opposta, studiando il passo quanto si
poteva senza darla a gambe. Il Conte, al primo apparire di persone sulla porta si
era tolto dalla spalla l’archibugio11, e lo teneva con le due mani in apparecchio
di spianarlo12. (…) Si affacciò finalmente alla porta con gli altri il creditore
aspettato, e il Conte al vederlo gli spianò lo schioppo addosso, accennando
nello stesso punto col movimento del capo agli altri di far largo. Lo sventurato
colpito dallo spavento, si pose a fuggire dall’altro lato, e la folla non meno, ma
l’archibugio del Conte lo seguiva, cercando di coglierlo separato. (…) Il Conte lo
prese di mira in questo spazio, lo colse, e lo stese a terra. Tutto questo fu
l’affare di un momento. La folla continuò a sbandarsi, nessuno si fermò, e il
Conte senza scomporsi, ritornò per la sua via, col suo accompagnamento.
Se quel fatto crescesse in tutto il contorno il terrore che già ognuno aveva del
Conte, non è da domandare; e l’impressione comune di stupore, e di sgomento
fu tale che nessuno poteva pensare al Conte senza che il fatto non gli ricorresse
al pensiero; e così fu associata al nome quella idea, che tutti avevano associata
alla persona. (…)
Teneva egli dispersi o appostati assai bravi nello Stato milanese e nel veneto, e
dal suo castello posto a cavaliere ai due confini, dirigeva gli uni e gli altri,
facendo ajutare o perseguitare quegli che si rifuggivano da uno Stato nell’altro,
secondo l’occorrenza, tramutandone alcuno talvolta, quando qualche
operazione lo domandasse, o anche quando alcuno avesse in uno stato
commessa qualche iniquità tanto clamorosa che la giustizia per averlo nelle
mani facesse sforzi straordinarj, che esigessero sforzi straordinarj per
difenderlo. Allora la fuga del reo era una buona scusa ai ministri della giustizia
del non far nulla contra di lui, e la cosa finiva quietamente (…) Questo
maneggio serviva non poco ad agevolare tutte le operazioni del Conte, perché
le si compivano tutte senza molto impaccio dei ministri della giustizia, i quali
potevano sempre allegare13 l’impossibilità di porvi un riparo. (…)
Le sue corrispondenze14 erano varie, estese, sempre crescenti. (…) Nella sua
professione d’intraprenditore di scelleratezze 15, era egli pieno di affabilità nel
contrattare, e nell’eseguire metteva, ed esigeva una somma puntualità.(…). Ma
stretti i patti, colui che non gli avesse ben fedelmente serbati con lui, doveva
esser bene in alto per tenersi sicuro dalla sua vendetta.

1. Affari. 2. Ricettatore, colui che offre ricetto, accoglienza. 3. Benché sul suo capo ci fosse una
condanna. 4. Ambasciata, messaggio pieno di insulti. 5. Insostenibili, inique. 6. Non godeva del
favore del Conte, non era tra le persone a lui gradite. 7. Minimo. 8. Una lezione. 9. Spazio
consacrato davanti alla facciata principale della chiesa, spesso sopraelevato da alcuni gradini
rispetto al livello della strada o piazza. 10. Automaticamente. 11. Arma da fuoco a canna lunga.
12. Cioè mettendo l’arma in posizione, puntata contro il bersaglio. 13. Addurre (come
giustificazione). 14. I suoi contatti, i suoi rapporti. 15. Di esecutore di delitti.

2. L’incontro tra don Rodrigo e il Conte del Sagrato (tomo II, capitolo 8)
Don Rodrigo si fece da capo e raccontò a suo modo tutta la storia, e finì col dire
che il suo onore era impegnato a fare stare quel villanzone e quel frate, e ch’egli
voleva aver nelle mani Lucia; che se il Signor Conte avesse voluto assumere
questo impegno, egli non dubitava più dell’evento. «Non intendo però», continuò
titubando, «che oltre il disturbo, il Signor Conte debba assoggettarsi a spese per
favorirmi… è troppo giusto… e la prego di specificare…»
«Patti chiari», rispose senza titubare il Conte, e proseguì mormorando fra le
labbra a guisa di chi leva un conto a memoria: «Venti miglia… un borgo…
presso a Milano… un monastero… la Signora che spalleggia… due cappuccini di
mezzo… signor mio, questa donna vale dugento doppie1».
A queste parole succedette un istante di silenzio, rimanendosi l’uno e l’altro a
parlare fra sè. Il Conte diceva nella sua mente: – l’avresti avuta per
centocinquanta se non parlavi d’infado 2 e d’amparo3 –; e Don Rodrigo intanto
faceva egli pure mentalmente i suoi conti su le dugento doppie. – Diavolo!
questo capriccio mi vuol costare! (…) Vediamo… le ho: ma ho promesso al
mercante… via lo farò tacere. Eh! ma con costui non si scherza: se prometto,
bisognerà pagare. E pagherò:… frate indiavolato, te le farò tornare in gola…
Lucia la voglio… Si è parlato troppo… non son chi sono… – Fatta così la
risoluzione, si rivolse al Conte e disse: «Dugento doppie, signor Conte,
l’accordo è fatto».
«Cinque e cinque, dieci», rispose il conte. E questa, se mai per caso la nostra
storia capitasse alle mani di un lettore ignaro del linguaggio milanese, è una
formola comune, che accennando il numero delle dita di due mani congiunte,
significa l’impalmarsi per conchiudere un accordo. E nell’atto di proferire la
formola, il Conte stese la mano, e Don Rodrigo la strinse.

3. La notte del Conte del Sagrato dopo l’incontro con Lucia (tomo II, capitolo 10)
Via, via, sciocchezze, – diceva: – sono io diventato un ragazzo? domani a giorno
chiaro riderò di me. E se domani a sera costoro mi tornassero in mente? che
dovessi passar sempre la notte così? Diavolo! comincio ad invecchiare:
vorrebb’essere un tristo vivere, e un tristo… morire. Che cosa m’ha detto quella
poveretta? «Oh Dio perdona tante cose per un’opera di misericordia…» Che sa
mai quella contadina? L’ha inteso dire dal curato e lo ha creduto. Imposture. Ho
sempre detto imposture, e quando aveva proferita questa parola, bastava… ma
adesso non serve… tornano sempre quei pensieri. Sono io quello? Sono stato
tanto tempo un uomo, non ci ho pensato; ho avuto l’animo di farne tante,
tante… Ebbene! ne ho fatte troppe… se non le avessi fatte… in verità sarebbe
meglio. A buon conto l’opera di misericordia sono in tempo di farla. Poniamo
che appena fatto il giorno io entri nella sua stanza: la poveretta si spaventa; ma
io le dirò subito, subito: «vi lascio in libertà, vi farò condurre a casa». Oh come
si cangerà in volto! che cose mi dirà! mi darà delle benedizioni che mi faranno
bene. Voglio badar bene a tutto quello che mi dirà e ricordarmene per pensarvi
la notte. Oh! sono fanciullaggini… ma a buon conto io non posso dormire. Ma
quando verrà giorno! Che notte eterna! Mi pare quella notte ch’io passai ad
agguatare1 dietro un angolo quel temerario di Vercellino (…) Oh che coraggio
aveva allora! era un uomo! e in un momento sono diventato… che cosa son
diventato? che è accaduto? non son sempre quello? Ecco anche quel Vercellino
vorrei non averlo ammazzato. Se doveva pensare così un giorno, era meglio che
avessi pensato così sempre. Vieni o luce maledetta, ch’io possa uscire da
questo covaccio di triboli2, e andare a vedere quella ragazza. Ma devo lasciarla
andare? Vedremo: vedremo come mi sentirò. Se potessi dormire almeno un’ora,
forse mi sveglierei coll’animo di questa mattina!
In questi e simili pensieri passò il Conte del Sagrato quasi tutta la notte;
finalmente, non essendo il giorno lontano, la stanchezza lo vinse, e si assopì.
(…) Era già levato il sole (…) quando a poco a poco egli cominciò a risentirsi
scosso come e quasi chiamato da un romore monotono, continuo, insolito:
stette alquanto tra il sonno e la veglia, e finalmente tutto desto, e gettato un
gran sospiro, riconobbe un suono festoso di campane (…).

1. Tendere un agguato. 2. È il letto, covo di tormenti e dolori («triboli») per la notte agitata che vi
sta trascorrendo.

IL TEMA DEL VIAGGIO NEI PROMESSI SPOSI

Sviluppa l’argomento indicato in forma di saggio breve, utilizzando i documenti


che corredano la traccia.

Il viaggio è un procedimento narrativo tipico del romanzo. La studiosa Verina Jones ha


analizzato nel saggio Le Dark Ladies manzoniane il tema del viaggio nei Promessi sposi. La
sua analisi arriva a queste conclusioni: a) il viaggio di Renzo ci fa scoprire la Storia e la
realtà del suo secolo (il Seicento); paradossalmente, però, i viaggi di Renzo sono narrati
sulla struttura della fiaba (allontanamento dell’eroe, pericolo, donazione del mezzo
magico, presenza di ambienti tipici della prova, come il labirinto (la città) e la foresta (il
bosco sull’Adda), la capanna nel bosco ecc.; b) il viaggio di Lucia è più strettamente legato
alla tradizione letteraria e si basa sul modello del romanzo gotico; c) Renzo è un «eroe
fiabesco», Lucia è una «eroina gotica», la vergine perseguitata.

Consegne di lavoro
Leggi i passi seguenti, tratti dal saggio di Verina Jones.
Scrivi un testo nel quale dimostri, citando i diversi episodi e situazioni del romanzo,
quanto c’è di accettabile o condivisibile nella sua interpretazione.

1. Da Verina R. Jones, Tra storia, fiaba e romanzo nero: il viaggio nei Promessi sposi, in Le
Dark Ladies manzoniane e altri saggi sui Promessi sposi, Roma, Salerno Editrice, 1998,
pp. 109-120, passim
Nel romanzo di Manzoni, sia Lucia che Renzo intraprendono viaggi, che
costituiscono a loro volta discriminanti significative tra i due personaggi nelle loro
differenziate modalità fattuali e formali. I viaggi di Lucia sono di tre tipi: fughe dai
pericoli (…) oppure avvicinamenti inconsapevoli ai pericoli (…), oppure
allontanamento dai luoghi dei pericoli dopo esserne stata liberata (…). Lucia è (...)
eroe-vittima.
Anche i viaggi di Renzo sono a volte fughe da pericoli (…), ma altre e più
frequenti modalità si intrecciano a quella fuga. Renzo viaggia spesso alla ricerca
di riparazione e giustizia (…), alla ricerca di Lucia (…), o anche semplicemente
alla ricerca della via (…) o anche per pura curiosità (…). I suoi viaggi sono
dunque, di volta in volta, fughe, ricerche, procedimenti iniziatici. Se Lucia è
l’eroe-vittima, Renzo è l’eroe cercatore.
Ma (…) è Renzo che incontra la storia, ed è Renzo quindi che si fa veicolo del
«descrivere un secolo»: è attraverso i suoi spostamenti che noi lettori veniamo in
contatto con la vita quotidiana di un paese povero dell’alta Lombardia, con la
sommossa per il pane che sconvolge la città di Milano, con la campagna veneta
affranta dalla carestia, con la città e la campagna straziate dalla peste.
Ho parlato altrove delle opposte e delle complementari funzioni dei due
protagonisti attraverso lo spazio: Lucia viene tenuta lontana dalla storia, dal basso
e dal quotidiano, che appartengono a Renzo (…). Gli spostamenti di Lucia
attraversano scenari mitici e spazi chiusi: l’arcano, l’ambiguo monastero gravido
di minaccia, l’edificante Seicento popolato da santi arcivescovi intenti a benedire
folle deliranti e da malvagi feudatari sul punto di trasformarsi in santi con la spada
in pugno. (…)
E si incontra qui un paradosso: i viaggi di Lucia, viaggi attraverso miti e leggende,
si fondano su un modello relativamente moderno, quello del romanzo gotico, i
viaggi di Renzo invece, viaggi attraverso la storia e la realtà, sono costruiti per
mezzo di modelli ricavati dalla fiaba. (…)
I viaggi di Lucia (…) si aggirano negli spazi del romanzo gotico. (...) Mi pare che
si possa dare per scontata la presenza di numerosi motivi tipici di tutta la
tradizione del romanzo gotico: quali la badessa infida, il rapimento, «banditi» e
masnadieri, l’incarceramento, il monastero come rifugio, la fanciulla in deliquio,
le nozze clandestine, le nozze interrotte, la strega o megera e naturalmente i
castelli (...).