Sei sulla pagina 1di 3

TESINA MATURITA

LA CONDIZIONE DELLA DONNA


chi dice donna dice
DAnnunzio Il Piacere!
In d'annunzio c' un continuo sfilare di donne fatali "sintetiche", cio sintesi dell'esperienza sensuale di
tutte le epoche (Pamphila la pi celebre ed esemplare, desiderata dal poeta per la sua sensualit
immorale e impura)
D'annunzio prende dal decadentismo europeo il tema della superiorit femminile e lo fa suo, l'uomo
debole,fragile, sottomesso la dona lo domina, gli succhia energia, lussuriosa, perersa, crudele esercita
sull'uomo un potere a cui lui non pu! sfuggire e che lo porta ineitabilmente alla follia o alla distruzione"
#a donna $emica, la figura forte, che come un antagonista si oppone all'uomo fragile che ii proietta la
sua potenza perduta, esprime %uindi un conflitto profondo e iene pertanto paragonato ad un mostro, una
sorta di ampiro dai tratti diabolici, un conflitto che dato dalla lotta tra la olont di potenza e
affermazione dell'uomo e il senso d'impotenza che egli ie in %uesto periodo
&ndrea 'perelli il protagonista de "il piacere" propulsore di %uesta tendenza estetica della cultura
decadente, per cui l'arte diiene oggetto di culto e la ita stessa si risole in essa((
la ricerca del bello come unico alore, indifferenza per ogni conenzione etica, il disprezzo dei alori
borghesi(( 'perelli come Dorian )ra*, come Des +sseintes(( la ersione italiana dell'eroe decadente"
'perelli una figura %uindi non pria di elementi autobiografici, che pi che il pensiero amaa
l'espressione, la forma ai contenuti, l'importanza che da alla italit e alla sensualit (o piuttosto lussuria),
e lo stesso concetto che guida la ita di d'annunzio ",isogna fare la propria ita, come si fa un'opera
d'arte" in lui "il senso estetico sostituisce %uello morale"(
-on 'perelli d'annunzio ha creato un tipo umano che come la femme fatale si diffonder
abbondantemente nella letteratura successia
$el "piacere" la donna fatale, impersonata da +lena .uti, che emana un fascino pererso e seducente,
e dalla fisicit prorompente che non possono lasciare indifferente l'uomo e anzi lo sottomettono
ineitabilmente, ittima il suddetto &ndrea 'perelli che in #ei sembra aer trasferito parte della sua
personalit, difatti l'allontanamento di lei rompe il precedente e%uilibrio, sconolge l'eroe e lo confonde
totalmente((la conseguenza che ne deria il tentatio di &ndrea di ritroare lei in %ualcun'altra, di ripetere
la precedente esperienza((nel tentatio di ritroare se stesso e la sua stabilit come era accaduto con
+lena, infine si arria alla sorapposizione tra due donne, che rappresentano anche il classico conflitto tra
la donna angelica e la donna sensuale, difatti in un incontro amoroso &ndrea chiama la spirituale .aria
/erres, che ha finalmente deciso di concederglisi, con il nome di +lena((finisce %uindi con perderle
entrambi(
ELENA MUTI e MARIA "ERRES!
Co#$i$ui#cono le due %&ure in cui ' #ci##o il (ro$a&oni#$a )e**inile+ ra((re#en$ano in)a$$i
luna lo((o#$o dellal$ra! E*,le*a$ica*en$e #i con$ra((on&ono %n dal no*e- luna richia*a
la donna che #econdo il *i$o $ra#cin. in ro/ina un in$ero (o(olo+ lal$ra la donna (ura della
$radizione ca$$olica! La (ri*a incarna lideale della*ore ero$ico e #en#uale la #econda 0uello
della*ore #(iri$uale- Elena+ nella #ua /icenda da*ore #i a//ale dei /er#i di 1oe$he 2(oe$a
#en#uale3+ Maria in/ece ha il #uo (oe$a in Shelle4 2(oe$a (i5 *alinconico3! Elena non ha %&li6
Maria ' *adre! Elena ha una cul$ura #u(er%ciale6 Maria ' col$a e ha unin$elli&enza #en#i,ile
alle co#e dellar$e e della *u#ica! Lunica co#a che le acco*una ' la /oce+ che co#$i$ui#ce nel
$e#$o il (ri*o indizio di una )u$ura #o/ra((o#izione! Nel cor#o della /icenda+ Elena
con#a(e/ol*en$e e Maria (a##i/a*en$e+ le due donne #u,i#cono (ri*a un (roce##o di
radicalizzazione dei ruoli 2Elena #e*(re (i5 *al/a&ia+ Maria #e*(re (i5 dolce e $enera3+ (oi
un (roce##o diden$i%cazione che le (or$a da((ri*a alla #o/ra((o#izione #en$i*en$ale ed
ero$ica delluna allal$ra e+ in%ne+ addiri$$ura allo #ca*,io delluna con lal$ra- ' il *o#$ruo#o
connu,io %nale di cui Andrea ' ar$e%ce e /i$$i*a e che (one %ne dra**a$ica*en$e a $u$$o il
ro*anzo!
TRAMA
Libro primo(&ndrea 'perelli, gioane aristocratico, alla fine di dicembre del 0112 aspetta con ansia la sua
e3 amante, +lena, nella sua casa romana a Palazzo 4uccari( 5icorda nel frattempo la scena
dell'abbandono, in una carrozza sulla ia $omentana, %uando +lena lo ha lasciato, %uasi due anni prima,
nel marzo del 0116( 7uando +lena entra, nell'incontro fra i due si alternano ricordo, ardore e di nuoo
allontanamento e dolore( (cap( II) 'i ripercorre la storia della casata aristocratica degli 'perelli, gli
insegnamenti del padre, l'arrio del gioane a 5oma( #a rieocazione prosegue con il primo incontro tra
&ndrea ed +lena, a una cena a casa della marchesa di &teleta, cugina del protagonista( 'ubito egli inizia
un serrato corteggiamento( (cap( III) Il giorno dopo, i due si riincontrano a un'asta di oggetti antichi in ia
'istina( (cap( I8) &ndrea iene a sapere che +lena malata e chiede di essere riceuto da lei9 l'incontro
con l'amata, che giace a letto, erotico:mistico( -omincia %uindi la narrazione dell'idillio che nei mesi
successii unisce &ndrea e +lena, sullo sfondo della 5oma rinascimentale, e dei loro amplessi tra gli
oggetti d'arte di Palazzo 4uccari, doe il corpo di +lena nutre l'immaginazione estetica di 'perelli( ;na
sera, tornando a caallo dall'&entino, +lena gli annuncia che sta per partire, lasciandolo( (cap( 8) Dopo
l'abbandono 'perelli si immerge in un gioco di continue seduzioni, con%uistando una dopo l'altra sette
nobildonne9 si incapriccia infine di Ippolita &lb!nico( In una giornata di corse di caalli, &ndrea la corteggia
ostentatamente suscitando la gelosia dell'amante di lei, )iannetto 5utolo, da cui iene proocato a duello(
$onostante la sua maggiore abilit nella scherma, &ndrea subisce una grae ferita(
Libro secondo
<spitato dalla cugina nella illa di 'chifano=a, sul mare, 'perelli esce da una lunga agonia e inizia la
conalescenza, in un'unione mistica con la natura e l'arte( Il 06 settembre del 0112 arria, ospite a
'chifano=a, .aria /erres con il marito (che riparte subito) e la figlia Delfina( (cap( III) Dieci giorni dopo, il >6
settembre, &ndrea sedotto dalla donna ?spirituale ed eletta@9 la loro amicizia aumenta ogni giorno,
finchA il poeta non dichiara il suo amore a .aria, che non risponde, facendosi schermo della presenza
della figlia( (cap( I8) .aria /erres tiene un diario di %uei giorni, doe sono annotati i suoi sentimenti, le sue
riflessioni, i turbamenti d'amore per &ndrea, da cui non uol lasciarsi incere( Dal >2 settembre in poi,
attraerso il diario, si ha notizia del corteggiamento sempre pi serrato, che ottiene infine una risposta,
durante una caalcata nella pineta di 8icomile, il B ottobre( Cornato il marito, aiene la separazione tra i
due innamorati(
Libro terzo
'perelli, tornato a 5oma si rituffa nella ita precedente la conalescenza, tra donnine del demi:monde e
amici indifferenti e superficiali( (cap( II) lrre%uieto e pieno di amarezza, &ndrea rincontra +lena( <ra
l'attrazione per +lena, nella sua nuoa este proocatrice e schia, e per .aria, nella sua ingenua purezza
e fragilit, si intreccia nel suo spirito e nella sua esistenza, facendolo passare ininterrottamente dall'una
all'altra( Centa cosD di incontrare +lena nella casa di cui ha ripreso possesso, a palazzo ,arberini, ma la
presenza del marito lo fa fuggire( (-ap( III) Poco dopo, a casa di lei, &ndrea assedia .aria, e la sera dopo
i due si rincontrano a un concerto alla sala dei /ilarmonici, doe arria anche +lena9 partita .aria, +lena
inita &ndrea ad accompagnarla in carrozza9 nel tragitto, incontrano una folla di manifestanti per i fatti di
Dogali9 prima di lasciare l'e3:amante, +lena lo bacia intensamente( 'perelli dun%ue riflette su sA stesso e
si giudica ?camaleontico, chimerico, incoerente, inconsistente@( .a ormai deciso a dare caccia senza
tregua a .aria, che lo ama( (cap( I8) .aria cede sempre pi all'amore9 a illa .edici, in una delle
passeggiate con cui il gioane offre alla donna l'esperienza di un irgiliato tra le bellezze della citt, &ndrea
e .aria si baciano(
Libro quarto
5espinto con durezza da +lena, 'perelli iene a sapere dagli amici della roina del marito di .aria,
sorpreso a barare al gioco( .aria si mostra pi forte di lui di fronte al dolore di doer partire e separarsi,
rimanendogli totalmente fedele( &ndrea, al contrario, riesce a nascondere con sempre maggior difficolt il
suo "doppio gioco"( Dopo aer isto +lena uscire di casa per andare dal nuoo amante, &ndrea torna nel
rifugio di palazzo 4uccari, doe, durante l'ultima notte d'amore con .aria, pronuncia inconsciamente il
nome di +lena( .aria, con orrore, lo lascia( (-ap( III) Il >E giugno all'asta dei mobili appartenuti ai /erres,
'perelli ie con ribrezzo e nausea il senso del ?dissolimento del suo cuore@( /ugge alla ista di +lena e
degli amici, e erso sera rientra nelle stanze doe .aria aea issuto, ora uote e percorse dai facchini9
la icenda si conclude(
STILE Il *ondo ra7na$o ed ele&an$e di Andrea S(erelli $ro/a a li/ello e#(re##i/o una (reci#a
corri#(ondenza nella lin&ua con cui /iene de#cri$$o- una lin&ua (rezio#a e ricerca$a che #i
ada$$a $an$o alle de#crizioni da*,ien$e cui il narra$ore #i a,,andona 0uan$o al #uo &u#$o (er
lanali#i de&li #$a$i dani*o dei (er#ona&&i! In)a$$i+ le )or*e arcaiche e le$$erarie 2con#cienza3+
il con$inuo u#o delle $ronche di $radizione illu#$re 2le(an#ion3 e+ nelledizione ori&inale+ la
)or*a an$i0ua$a di ar$icoli e (re(o#izioni ar$icola$e 2li3 con$ri,ui#cono ad i*(rezio#ire le
(a&ine del li,ro e a creare la$*o#)era al$a e no,ile che cara$$erizza il ro*anzo! La (ro#a
u$ilizza$a ' ricca ed ele&an$e *a allo #$e##o $e*(o allu#i/a+ #u&&e#$i/a e *u#icale- la lin&ua
del ro*anzo (erde #(e##o la #ua )unzione co*unica$i/a (er ac0ui#$arne una e#(re##i/a! Il
ro*anzo ' a((ia$$i$o #u un #olo re&i#$ro lin&ui#$ico- 0uello ricerca$o e un (o $ro((o elo0uen$e
cla##ico del dAnnunzio di 0ue&li anni! Lo #cri$$ore ricorre #(e##o allo #$ru*en$o della
co*(arazione e della *e$a)ora che *ol$e /ol$e rende co*(lica$o o #)uoca$o ci. che
do/re,,e in/ece chiarire e #*orza i &i8 #car#i nuclei di $en#ione narra$i/a! Per 0uan$o
ri&uarda la #in$a##i+ ' da #o$$olineare lu#o 0ua#i e#clu#i/o della #$ru$$ura (ara$a$$ica+ la (i5
ada$$a ad accen$uare la $endenza alla co*(arazione+ allana)ora e allelencazione! Lu$ilizzo
del 9a#h,ac: (er*e$$e di e/i$are le #i$uazioni e i (a##a&&i (i5 #con$a$i e (re/edi,ili+
/i$alizzando una narrazione &eneral*en$e #$a$ica e coin/ol&endo il le$$ore in un &ioco di
colla,orazione e di rico#$ruzione de&li e/en$i!