Sei sulla pagina 1di 1

2 I CRONACA DI NAPOLI giovedì 26 gennaio 2006 GdN

RITO ABBREVIATO. BUSINESS DROGA, LE RICHIESTE DEL PM PER I FRATELLI MARIGLIANO E SOCI, AFFILIATI AI FORMICOLA
LA REQUISITORIA

Antonio Marigliano
Alessandro Marigliano
Ciro Ortese
20 anni
20 anni
20 anni
«Centottanta anni di carcere per 13 narcos»
Era una vera e propria industria dello spaccio di droga era assicurata, garantita in prima persona dai vertici c’erano Antonio Marigliano “’o figlio ’e silano”, suo fra-
Salvatore Campagna 20 anni quella organizzata dal clan Formicola di San Giovanni dell’organizzazione», ha precisato il pm, aggiungendo tello Alessandro Marigliano, detto “’o pazzo”, ma anche
Ciro Domizio 16 anni a Trduccio. La base era all’interno del famigerato parco che “si era creato un servizio di distribuzione partico- Salvatore Campagna. Nel corso delle indagini fu scoper-
Vitale di corso Protopisani, dove abitano i genitori dei larmente selezionato che curava con attenzione i rap- ta la cosiddetta “casarella” che era un “basso” disabita-
Ferdinando Lago 16 anni Formicola. Il businesse era gestito da due gruppi facenti porti con la clientela”. Se i dipendenti risultava o “poco to, chiuso con una porta blindata, ubicata al corso Pro-
capo ai fratelli Marigliano, figli di Concetta Formicola, diligenti” erano licenziati in tronco. topisani, nei pressi del Parco Vitale. Sembra che fosse
Carmine Lima 14 anni
a sua volta sorella dei defunti padrini Gaetano e Ber- Come fonte di prova l’accusa sottolinea l’importanza un nascondiglio noto agli acquirenti che venivano in-
Ciro Ritaccio 14 anni nardo e di Ciro, attualmente detenuto. È quanto ha so- delle intercettazioni telefoniche soffermandosi sul fatto viati da Slavatore Campagna e Antonio Marigliano per
stanzialmente ricostruito ieri nel corso della sua requi- che nonostante vi fossero numerosi servizi di osserva- ricevere dagli spacciatori le dosi commissionate. Gli
Giovanni Paduano 12 anni sitoria il pm della DdaValter Brunetti che nelle sue con- zione e di controllo del territorio da parte delle forze “007” individuarono una serie di fornitori, tra questi
Emanuela Maglione 10 anni clusioni ha chiesto circa 200 anni di reclusione com- dell’ordine i capi operavano ugualmente dimostrando Ciro Ritaccio, che aveva contatti con Ciro Ortese, e che
plessivamente per tredici imputati. Alle udienze dei in tal modo la loro pericolosità. Con estrema cura veni- agiva tra San Giovanni a Teduccio e Portici, “specializ-
Stanislao Marigliano 10 anni giorni 8 e 22 febbraio la parola passerà ai collegi difen- vano intrattenuti rapporti con la clientela e spettava ai zato” nel commercio di cocaina ed hashish in Italia e in
Pasquale Ranavolo 8 anni sivi (composti tra gli altri dagli avvvocati Michele Cera- vertici dell’organizzazione l’autorizzazione alla conclu- Inghilterra. Secondo il pm aveva ruolo di partecipe e
bona, Emireno Valteroni e Salvatore Operetto). E dopo sione dei contratti cosiddetti rischiosi con cessione cioè manteneva relazioni con Antonio Marigliano, capo in-
Angelo Riccardi 2 anni la camera di consiglio ci sarà la pronuncia del gup dello stupefacente a soggetti già “morosi”. E neppure discusso della holding della droga.
Giordano con rito abbreviato. «La qualità della droga era trascurata la “sicurezza”. Ai vertici della holding SILVIA PETRELLA

SAN GIOVANNI A TEDUCCIO. IL MALVIVENTE, CHE ABITA IN VIA VILLA, DA ANNI AVEVA PRESO DI MIRA UN COMMERCIANTE DI DETERSIVI. SI FACEVA CONSEGNARE MERCE E SOLDI

Racket in nome dei Formicola


Luigi Gianniello, 38enne, è stato denunciato dalla vittima stanca dei ricatti
todo camorristico, il famigerato arti- essere vittima di continue richieste di zo, così come le altre attività illecite
GIOVANNI COSMO
colo 7, tanto temuto dai camorristi. denaro e merce da parte di un uomo della cosca, sono in mano alle donne
Si recava periodicamente in quel ne- Ora Gianniello è rinchiuso nel carce- che si presentava a nome del clan del clan e alle nuove leve.
gozi di detersivi del corso San Gio- re di Poggioreale in attesa dell’inter- Formicola. Agli esperti militari del- Il padrino Ciro Formicola l’11 apri-
vanni a Teduccio e presentandosi co- rogatorio di garanzia davanti al gip l’Arma, che ben conoscono il territo- le dello scorso anno è stato condan-
me referente del clan Formicola si fa- che dovrà decidere se convalidare o rio, ci hanno messo poco ad indivi- nato all’ergastolo perché riconosciuto
ceva consegnare soldi e merce. Per an- meno il fermo d’iniziativa dei carabi- duare in Gianniello l’autore delle essere il mandante di tre omicidi ma-
ni ha fatto l’esattore per la cosca di via nieri. Una mera formalità, visto che la estorsioni e lo hanno sottoposto a fer- turati nell’ambito della sanguinosa
Taverna del Ferro, che ha una costola vittima ha denunciato il suo aguzzino, mo di polizia giudiziaria. La vittima faida tra la sua cosca e quella degli Al-
anche nel famigerato parco Vitale di così come hanno fatto altri commer- ha riconosciuto il suo aguzzino che tamura, gli altrettanti spietati “cuzze-
corso Protopisani. E per anni ha ves- cianti nel quartiere dopo la nascita dopo le formalità di rito è stato porta- carielli” di via Nuova Villa. A punta-
sato il commerciante, che alla fine, dell’associazione antiracket, guidata to in carcere. re il dito contro lo zio-capoclan era
esasperato, non ce l’ha più fatta ed ha dall’imprenditrice-coraggio Silvana Lo “specialista” del racket delle stato il pentito Antonio Formicola, fi-
raccontato tutto ai carabinieri della Fucito. I carabinieri stanno cercando estorsioni del clan Formicola era, fi- glio del defunto ras Gaetano, condan-
stazione locale. di capire se avesse dei complici e so- no al 2002, quando fu arrestato in fla- nato a sua volta a 10 anni per quegli
È scattata la trappola e Luigi Gian- prattutto di datare l’inizio del ricatto. grante, il boss Francesco Silenzio, ge- stessi omicidi. Carcere a vita anche
niello, 38enne, personaggio già noto Il blitz, mirato, è scattato nella mat- nero del padrino Ciro Formicola. Il per il killer Adriano Sannino, esecu-
alle forze dell’ordine, abitante in via tinata di martedì al corso San Gio- 29enne andava in giro per il quartie- tore materiale di tutti e quattro gli
Villa San Giovanni, una delle tante vanni a Teduccio, dopo che il com- re, in prossimità delle feste di Natale, omicidi, e per Gennaro Russo, fratel-
traverse del corso Protopisani, è fini- merciante di detersivi si era recato chiedendo soldi per i carcerati. Nel lo di Salvatore (ammazzato nel 1996),
to dietro le sbarre. Le accuse per lui nella stazione dei carabinieri di via 2004 Silenzio è stato condannato per responsabile del solo triplice omici-
sono di estorsione aggravata dal me- Bernardo Quaranta denunciando di quella estorsione. Ora il business piz- dio degli Altamura.

LA FAIDA DEL RIONE SANITÀ. “’O CINESE” INCASTRATO DAI CARABINIERI MALASANITÀ. GLI ESPERTI NOMINATI DAGLI ACCUSATI ESAMINERANNO LA SALMA

Luigi Esposito oggi dinanzi al gip Anziano morto per diagnosi errata,
È accusato dell’omicidio Benitozzi si profila una guerra di perizie
È uomo di Misso jr. hanno raccolto una serie di prove Drammatica agonia. beneficio. Dimesso dal primo
confermate anche dalle intercetta- ospedale, Falco, aveva fatto ritor-
Contro il 25enne, già zioni ambientali e dall’attività di Il 74enne era stato colpi- no a casa, in via Bartolomeo Ca-
condannato per camorra, intelligence. Gli investigatori han- to da un aneurisma del- racciolo, numero civico 46. Ma con
no sottolineato che non c’è stato al- il trascorrere delle ore, i dolori era-
prove schiaccianti. cun aiuto esterno o di qualche col- l’aorta addominale. no sempre più insopportabili, tan-
laboratore di giustizia. Ma sul luo- to da fare decidere i familiari ad ac-
Si svolgerà stamattina, davanti al go dell’omicidio di Benitozzi gli Sull’ennesimo presunto caso di compagnarlo al pronto soccorso,
gip del Tribunale di Napoli, l’in- “007” hanno trovato anche una se- malasanità, che vede coinvolti questa volta del Cardarelli (all’in-
terrogatori di Luigi Esposito “’o ci- rie di indizi che inchioderebbero il medici di due ospedali, si attende circa le 23).
nese”, il 25enne del rione Sanità af- killer. Reperti che confermato che ora da parte degli indagati che no- In nottata (verso le 3) Giuseppe
filiato al clan Misso arrestato mar- Esposito ha sparato più volte con- minino i periti di parte per con- Falco, trasportato di urgenza in ria-
tedì dai carabinieri perché accusa- tro la vittima designata. Secondo frontare i risultati delle loro peri- nimazione decedeva. Una morte,
to di essere l’esecutore materiale gli inquirenti, ma anche secondo zia con quelli dell’autopsia ese- dopo la denuncia fatta dai parenti
dell’omicidio di Vincenzo Beni- alcune vaghe testimonianze, il guita (dal professore Vacca) all’an- di Falco alla squadra mobile na-
tozzi. Il giovane ha già negato ogni commando di morte entrato in ziano, deceduto nella rianimazio- poletana, sulla quale il magistrato
addebito quando gli “007” del mag- azione giovedì scorso nel cuore del ne del Cardarelli per un aneurisma ha voluto vederci chiaro: sei gli av-
giore Rizzo lo hanno ammanettato rione Sanità era composto da al- all’aorta addominale. Per i fami- visi di garanzia emessi nei con-
nella sua abitazione nella zona di meno due elementi. Esposito ha liari di Giuseppe Falco, 74 anni, re- fronti di altrettanti operatori sani-
via Duomo all’alba. Ma le prove LUIGI ESPOSITO. PRESUNTO KILLER DEI MISSO ______ sparato mentre l’altro lo ha aspet- sidente al Rione Sanità, si sarebbe OSPEDALE CARDARELLI. QUI È MORTO IL 74ENNE ____ tari: cinque medici ed un infer-
raccolte dagli investigatori antica- tato fuori dell’autofficina in sella trattato di una diagnosi, o meglio miere. L'ipotesi è di omicidio col-
morra dell’Arma hanno convinto gente della cosca dello zio omoni- ad uno scooter. Vincenzo Benitoz- di due, sbagliate che hanno deter- una gastralgia da probabile indi- poso. Comunque, va chiarito che si
anche i giudici della Dda che han- mo. Per proteggere Misso jr, infat- zi, meglio noto come “Cicciobello”, minato poi una situazione tragica: gestione”, mentre la seconda emes- è trattato di un atto dovuto per con-
no emesso nei suoi confronti un de- ti, fu arrestato con una micidiale pi- cugino del boss Nicola Sequino, è sei ore di incubo fino all’agonia e sa dai sanitari del nosocomio col- sentire una serie di accertamenti e
creto di fermo con l’accusa di omi- stola magnum nel 1998, quando stato punito perché per un periodo alla morte del paziente avvenuta la linare di colica addominale. A gli indagati devono essere assolu-
cidio e un’altra sfilza di reati “mi- aveva appena 16 anni. ha transitato nelle file del ras notte del 17 gennaio scorso. conclusione di entrambe le cure tamente considerati innocenti fino
nori”. “Gino ’o cinese” è da sempre Ad incastrare Esposito nel giro di “scissionista” Salvatore Torino “’o Il primo referto, fatto dal medi- somministrategli, il pensionato, a un'eventuale sentenza definitiva
un fedelissimo del boss Giuseppe pochi giorni è stata la bravura de- cassusaro”. co del pronto soccorso dei Pelle- parente di commercianti del Vo- di condanna.
Misso “’o chiatto”, il naturale reg- gli investigatori dell’Arma, che [GIOCO] grini (intorno alle 21) parlava di mero, però non aveva tratto alcun [RENROC]

Ordine d’arresto OPERAZIONE ANTIDROGA IN PIAZZA DEL GESÙ CONTROLLI DEI CARABINIERI IN CITTÀ

per un 76enne Catturato spacciatore di marijuana In quattro presi per evasione


Nel corso di una vasta operazione Un servizio straordinario di controllo del centralissima piazza del Gesù. Il malvivente e Vasta operazione dei carabinieri in diverse zone della città. In manette quattro per-
di controllo del territorio i poliziotti territorio è stato posto in essere dai il tossicomane sono stati bloccati durante lo sonaggio sottoposti agli arresti domiciliari che hanno contravvenuto alle prescri-
del commissariato Bagnoli hanno carabinieri del comando provinciale di scambio droga-soldi. Troja è finito in manette zioni. Il primo ad essere arrestato è stato Giuseppe Costagliola, 25enne, abitante in
arrestato Giuseppe Tremontin, 76 Napoli. In azione sono entrati i militari e il 20enne è stato denunciato al Prefetto via Gianturco. Era agli arresti in casa dallo scorso 13 maggio per rapina e resisten-
enne. L’anziano era inseguito ese- dell’Arma della compagnia Napoli-Centro, quale tossicomane abituale. Al malvivente za e lesioni a pubblico ufficiale. In via Cairoli in manette è finita Antonietta Papa,
guendo un provvedimento restrit- quelli della Cio e del decimo battaglione sono stati sequestrati due grammi di “erba” in 39enne, sottoposto alla restrizione dell’8 ottobre 2004, su provvedimento del Tri-
tivo emesso dalla Procura della Re- Campania. Il primo ad essere arrestato in singole dosi. bunale di Civitavecchia, accusata di furto. Michele Giordano, 45enne, originario
pubblica presso il Tribunale di Trie- flagranza, per detenzione e spaccio di Infine, i carabinieri della stazione dei di Sant’Antimo, è stato sorpreso in via Ghisleri a Scampia mentre doveva trovar-
ste secondo il quale deve scontare sostanza stupefacente, è finito Ciro Troja, Quartieri Spagnoli hanno catturato Gennaro si nella sua abitazione, dove era stato ristretto lo scorso 24 novembre per furto ag-
una condanna a due anni e un me- 30enne, abitante al vico Rotto al Lavinaio, Fucito, 19enne, abitante al vico Solitaria, gravato. Infine, a San Pietro a Patierno è stato ammanettato Raffaele Paone, 21en-
se di reclusione perché riconosciu- nella zona di piazza Mercato. Il malvivente è personaggio già noto. Il malvivente era agli ne, abitante in via Paternum. Era agli arresti domiciliari dallo scorso 28 novembre
to colpevole di alcuni reati. È stato stato notato mentre cedeva dosi di marijuana arresti domiciliari per furto aggravato ma è perché giudicabile per detenzione e spaccio di stupefacenti. Tutti sono stati trat-
portato in cella. ad uno studente 20enne di Afragola nella stato trovato in strada nei pressi di casa. tenuti in attesa del processo per direttissima.