Sei sulla pagina 1di 1

GdN venerdì 27 gennaio 2006 CRONACA DI NAPOLI I7

RESIDENTI PREOCCUPATI DOPO LA RIAPERTURA DI FARINELLA, FUSION BAR 66 E LE CHANDELIER

Movida a Chiaia, allarme per il weekend: ritornerà il caos


«La sai la novità? Hanno riaperto i baretti». Il passa- piccolissimi ed inadatti a contenere gente. Non credo che scordanti anche tra i ragazzi, veri protagonisti del by ni-
parola, si sa, funziona sempre, e ieri mattina già tutti quest’ultimo provvedimento risolverà il problema, la ght napoletano: se c’è chi, come Nicoletta Ferrara, stu-
sapevano che Le Chandelier, Fusion Bar 66 e Farinel- gente che si è lamentata continuerà a farlo». Più ottimi- dentessa 21enne, è decisamente felice della riapertura
la, sequestrati ad inizio mese, hanno avuto l’autoriz- sta Giovanni Casaburi, titolare di Gift time, di fronte al dei locali, anche se spera che «dopo quello che è suc-
zazione a riprendere l’attività, con l’obbligo però di Farinella: «È presto per parlare e valutare se la situazione cesso, tutti collaboreranno per ridurre al minimo i disagi,
non diffondere musica e di chiudere a mezzanotte. Co- è migliorata, bisogna aspettare il weekend. Era logico che e prima di tutto i ragazzi. Hanno fatto bene ad imporre
me sempre, dall’inizio della vicenda, i pareri al ri- riaprissero e ne sono contento. Spero ci sia più collabo- delle limitazioni ma è giusto farli lavorare», altri, come
guardo sono contrastanti. razione, che i gestori facciano il possibile per evitare gli Antonio Gentile, affermano che «hanno ragione i resi-
Le imposizioni del giudice, infatti, hanno suscitato assembramenti all’esterno dei loro locali, e che la gen- denti; io ho un sacco di amici che abitano lì e si lamen-
non poche perplessità circa la loro reale utilità. La tito- te capisca che deve cambiare il loro modo di vivere la tano. Purtroppo ne fa le spese chi ci lavora, ma il pro-
lare di un negozio di via Bisignano, che preferisce non movida: più educazione, più rispetto per chi in quelle blema è che locali come 66 e Le chandelier sono troppo
essere citata, dichiara: «Io il problema lo vivo in maniera strade ci abita; il locale va goduto all’ interno. Certo, il piccoli per contenere tutta le gente che va lì per bere
ridotta, alle venti chiudo e me ne vado. Ma per chi abi- provvedimento adottato è strano: perché solo questi tre qualcosa. Secondo me una soluzione potrebbe essere
ta qui la situazione è diversa. Non so a chi dare ragione devono chiudere a mezzanotte, mentre tutti gli altri pos- mettere dei vigilantes fuori ai locali».
e a chi torto, il problema sta a monte. Questi locali sono sono continuare a lavorare tranquillamente?». Pareri di- ANTONELLA SCUTIERO

EMERGENZA AMBIENTE. NEL MIRINO LA «SUPERFICIALITÀ DEL MUNICIPIO». I “RIBELLI”: «ECCO PERCHÉ LE POLVERI SOTTILI SONO ALLE STELLE»

Smog, il “bluff” del bollino blu


I proprietari delle officine denunciano: spesso controlli irregolari sulle auto
«Tagliandi rilasciati senza alcun monitoraggio, basta soltanto pagare».
I meccanici: «Gli automobilisti ci chiedono di chiudere un occhio, se ci opponia-
mo vanno via. E i vigili non intervengono». L’Amministrazione corre ai ripari:
oggi l’ordinanza per il blocco del traffico di domenica, giovedì targhe alterne.
gliono solo il bollino, pagare i 12 euro e non perdere
ENZO MUSELLA
tempo». Poi conclude rivelando: «Quando diciamo lo-
L’inquinamento ambientale in questi giorni a Napo- ro che non è possibile perché occorre verificare l’au-
li ha superato i livelli di guardia e di molto tant’è che tovettura vanno via, quindi li vedi dopo un paio di
l’amministrazione comunale ha deciso di correre ai giorni circolare regolarmente e con tanto di bollino
ripari reintroducendo le targhe alterne ed intensifi- esposto». Sono centinaia, del resto, le officine mec-
cando le domeniche ecologiche: la prima è dopodo- caniche autorizzate dal Comune ai controlli degli au-
mani con il blocco totale della circolazione dalle 9,30 tomezzi ed al rilascio del bollino blu.
alle 15. La situazione, comunque, resta per il mo- «Faccio questo lavoro da anni e da quando è entra-
mento critica. Eppure le autovetture in circolazione ta in vigore la legge sulla revisione periodica della au-
in città sono dotate del “bollino blu”, obbligatorio per tovetture le cose mi sono subito sembrate strane»: a
legge. Di fatto il bollino blu dovrebbe garantire l’ef- parlare è Emilio, proprietario con il fratello di un cen-
ficienza dei dispositivi di combustione e scarico dei tro autorizzato da Palazzo San Giacomo, che aggiun-
veicoli al fine di garantire la riduzione delle emis- ge: «È una vergogna, a Napoli ci sono troppe officine
sioni inquinanti in atmosfera, una riduzione dei con- autorizzate che eludono la legge, prendono il libretto
sumi e di combustibile tali da apportare benefici am- di circolazione della macchina da revisionare e rila-
bientali ed economici. sciano subito il bollino riportando i dati di verifica di
Ma sembra che le cose non stiano proprio così. un’altra autovettura, ovviamente in regola». La testi- un’assurdità». Intanto secondo gli esperti l’aria che si traffico domenicale e consente la circolazione delle
«Questo strumento non è servito a nulla» afferma il monianza di Filippo è ancora più inquietante: «Il Co- respira a Napoli non fa bene a nessuno ed in partico- autovetture solo a targhe alterne tutti i giovedì dalle
titolare di un’autofficina al corso Vittorio Emanuele mune di fatto ci vende i bollini e non ci rilascia nes- lare ai bambini ed agli anziani, e se a tutto questo si 14 alle 20. Si comincia la settimana prossima, il 2 feb-
che aggiunge: «Siamo un’officina autorizzata al col- suna ricevuta fiscale, quando ho capito questo ho chie- aggiunge l’emergenza freddo, la situazione in città po- braio, con i veicoli con targa pari, quindi stop ai vei-
laudo delle auto e al rilascio del bollino blu, ci capi- sto spiegazioni, ma non ho ricevuto nessun chiari- trebbe diventare critica e precipitare. Il Municipio, in- coli con l’ultima cifra della targa dispari. Il tutto in at-
ta spesso di incontrare persone che vengono da noi e mento. La città è piena di bollini blu rilasciati senza tanto, è corso ai ripari predisponendo un dispositivo tesa di una delibera, che sarà pronta a giorni, con cui
chiedono se è necessario effettuare il collaudo, vo- alcun controllo, poi dicono che l’aria è inquinata, è per contrastare l’inquinamento, che di fatto blocca il si realizza un vero e proprio piano antismog.

L’APPELLO. LA IERVOLINO “STRIGLIA” IL GOVERNO AL CONVEGNO DELLA “FEDERICO II” SUL RUOLO DEI COMUNI COMITATO HERLING
Vomero-Arenella «Monumento
Scatta la rivolta:
«Zone invivibili»
«Più rispetto per gli enti locali» anti-comunisti»
Il primo cittadino, Bassanini e Massa insieme. una fase di transizione iniziata già «Prendiamo atto con grande sod-
«Il degrado nei quartieri Vomero e negli anni ’70. Gli enti locali devo- disfazione della risoluzione del-
Arenella ha toccato il fondo. Mai si Facevano parte della commissione Affari costituzionali no essere messi in condizione di l’assemblea parlamentare del
era visto un tale disinteresse per
e vararono la riforma dell’assetto dello Stato. Il profes- realizzare i nuovi obiettivi». Gran- Consiglio d’Europa che rappre-
ogni norma d’igiene e per le pessi- de spazio, nella prima giornata del senta una definitiva presa d’atto
me condizioni delle strade. Casso- sor Rusciano: «Pubblica amministrazione in ritardo». convegno, è stato attribuito all’ap- di un processo storico, politico e
netti maleodoranti, stracarichi e porto che i giovani possono dare al- culturale ormai inevitabile, quel-
spesso rovesciati lungo i marcia- il sindaco di Napoli, Rosa Russo la dirigenza degli enti locali. Si è di- lo dell’equiparazione dei crimini
DARIO DE SIMONE
piedi, prede di cani, gatti e topi, cu- Iervolino (nella foto) e il city ma- scusso anche delle nuove figure commessi dal totalitarismo nazi-
muli di spazzatura ed escrementi Le esperienze dei vari enti locali a nager Luigi Massa; erano tutti e tre professionali da utilizzare negli ap- sta e da quello comunista nel No-
agli angoli delle vie e delle piazze. confronto in una due giorni in cor- nella commissione Affari costitu- parati pubblici, su tutte quelle le- vecento e della loro inequivocabi-
Una situazione che non fa che ac- so alla Facoltà di Giurisprudenza zionali della Camera nella scorsa gate al mondo dell’informatica. le condanna». Lo affermano Sal-
centuare il diffondersi di malattie dell’Università “Federico II”. Si è legislatura e vararono, tra gli altri Tutta incentrata sulla figura del di- vo Iavarone e Armando De Simo-
infettive». Con queste parole Mi- aperto ieri il convegno dal titolo provvedimenti, la riforma del tito- rigente pubblico la relazione del ne, rispettivamente presidente e
chele Izzo, responsabile di Forza “Quale dirigenza per gli enti loca- lo V della Costituzione, quella ri- sario un rapporto più intenso tra la professor Mario Rusciano, ordina- portavoce del Comitato napoleta-
Italia nelle circoscrizioni Vomero- li?”, iniziativa che s’inserisce nel guardante gli enti locali. struttura politica e quella ammini- rio di diritto del lavoro alla Federi- no della libertà Gustaw Herling,
Arenella, lancia l’allarme. E prose- solco già scavato del forum della Per la Iervolino, però, c’è ancora strativa». Dalla Iervolino anche un co II. «Questo settore è andato in- che aggiungono: «Ora le istituzio-
gue: «La mancanza di manutenzio- pubblica amministrazione. Rap- molto da fare. «Sul piano costitu- appello a superare nella prossima contro a diverse riforme - ha affer- ni campane promuovano l’edifi-
ne delle strade diventa, ogni gior- presentanti delle Istituzioni e diri- zionale bisogna riprendere il tema legislatura il problema del blocco mato Rusciano - soprattutto per cazione di un monumento ai ca-
no, sempre più preoccupante im- genti comunali s’incontrano per di- della città metropolitana - ha spie- delle assunzioni nella pubblica quanto riguarda i dirigenti di alto li- duti del comunismo anche a Na-
pedendo la normale circolazione scutere sul futuro degli enti locali gato il sindaco - È dal 1990 che ci amministrazione. «Questa situa- vello. Tuttavia, gli annunciati cam- poli ed ai 100 osservatori sulla
veicolare e mettendo a rischio l’in- soprattutto sul piano della diri- portiamo dietro una riforma mai at- zione comporta gravi disagi: gli en- biamenti si sono visti, per ora, so- storia della resistenza in Italia si
columità dei cittadini». Per Mario genza. Presenza di spicco quella tuata. Questa è una fase in cui i ti locali non riescono ad avere figu- prattutto sulla carta». Oggi il con- affianchi finalmente un Osserva-
Massa Gallucci, del coordinamen- del senatore diessino Franco Bas- compiti e l’importanza degli enti lo- re professionali in certi ruoli. Tutto vegno prosegue con gli interventi torio nazionale per lo studio dei
to tecnico di Forza Italia, «i cartel- sanini che ha ricomposto il trio con cali stanno crescendo, ma è neces- questo - ha aggiunto - avviene in dei city manager. crimini del comunismo».
loni stradali spesso ricoprono i
muri di sostegno in tufo, lasciando-
li perennemente fradici e costi- FIERA DEL TURISMO. L’ASSESSORE ESPOSITO PRESENTA SPOT, VOLANTINI E DEPLIANT IN SPAGNA: IL GEMELLAGGIO FUNZIONA
tuendo, dunque, in caso di smotta-
menti un potenziale pericolo per i
passanti e le autovetture posteggia-
te. Inoltre, i rappezzi delle buche,
costantemente riempite con ce-
Il Comune di Napoli a Madrid: «Non solo criminalità»
mento e non con asfalto, non fanno «Napoli, più che con altri Paesi, nei seco- “Piazza Italia”, il Comune di Napoli con ha deciso di essere presente in questo am- Esposito ha infine ribadito la decisione del-
che peggiorare l’assetto stradale». li ha avuto rapporti strettissimi, quasi di l’assessorato al Turismo è presente alla fie- bito con un suo stand, per far conoscere le l’assessorato al Turismo, in collaborazione
Per combattere il senso di rasse- sangue con Madrid. Napoli ha tutto il di- ra, distribuendo materiale informativo, tra sue potenzialità e le sue straordinarie bel- con importanti partner istituzionali e pri-
gnazione dei vomeresi, Francesco ritto, quindi, tra tutte le città italiane, di cui, per la prima volta un video depliant in lezze». «Un trend, quello del turismo spa- vati, di dedicare il 2006 al mare. «Un in-
Acanfora, del gruppo giovani az- sentirsi più spagnola». È quanto ha di- 6 lingue, destinato agli operatori del set- gnolo all’ombra del Vesuvio - ha aggiunto sieme di iniziative culturali - ha concluso
zurri, ha svolto una ricognizione chiarato l’assessore al Turismo Luca Espo- tore. All’interno dello spazio espositivo Esposito - in continua crescita, solo nel 2004 l’esponente della giunta municipale - un
con un gruppo di operatori di una sito presente a Madrid, alla ventiseiesima viene proiettato anche lo spot, “Napoli la le presenze registrate erano di circa 106.893 portale che supporterà e proporrà una serie
tv locale documentando lo stato di edizione di Fitur, la Fiera internazionale vita è bella”. unità. A questo dato c’è poi da aggiungere di percorsi e di opportunità di visita (da ter-
degrado del territorio della isti- del turismo, la seconda per importanza al Ieri mattina l’assessore Esposito ha tenu- quello ancor più incoraggiante del volo di- ra e da mare), con punti di informazione,
tuenda Municipalità Vomero-Are- mondo, che ospita circa 800 espositori da to una conferenza stampa alla presenza dei retto tra Napoli e Madrid, che nel 2005 ha mappe, carte ragionate, guide, audioguide,
nella, la prima di Napoli per nu- 170 paesi, diventata negli anni punto di ri- più importanti buyer, operatori turistici spa- registrato un flusso passeggeri di 26mila ed ancora un insieme di eventi e di itinera-
mero di abitanti: «Si chiede che la ferimento mondiale del settore, in parti- gnoli e giornalisti di settore, nella quale è unità, con un incremento dunque di 17mi- ri legati al tema del mare con un intenso ed
maggioranza documenti in che mo- colare per quel che riguarda la promozio- stato ribadito il forte legame tra Napoli e Ma- la viaggiatori (circa il 74%) rispetto al 2003, emozionante programma, per far conosce-
do ha vigilato in questi anni, spie- ne e la presentazione dei Paesi dell’area la- drid ed in generale con la Spagna. «Proprio quando il collegamento non esisteva e per- re ai turisti le spettacolari bellezze, le tra-
gando anche perché tante opere tinoamericana e mediterranea. Con un cor- per la strategicità di questa importante ma- tanto era più difficile raggiungere il capo- dizioni culturali e gastronomiche della baia
pubbliche, da tempo finanziate, ner all’interno del padiglione italiano nifestazione - ha affermato Esposito - Napoli luogo spagnolo dal Mezzogiorno d’Italia». di Napoli».
non siano mai state realizzate».