Sei sulla pagina 1di 1

GdN venerdì 27 gennaio 2005 NAPOLI METROPOLI I9

POLLENA TROCCHIA. INCIDENTE NELLA STAZIONE DELLA CIRCUMVESUVIANA: LAVORI FINO A QUESTA MATTINA PER RIPRISTINARE LA TRATTA NAPOLI-SARNO

Treno deraglia, paura e due feriti


Nella notte si rompe lo scambio automatico: aperte 3 inchieste
la stazione di Pollena Trocchia giungono i vi- a quanto sembra, i canonici 15 chilometri ora-
NADIA LABRIOLA
gili del fuoco, i tecnici di Circumvesuviana, ri. Le prime due carrozze riescono a mante- CERCOLA
POLLENA TROCCHIA. Sono le 7 e 34 minuti esat- carabinieri della Compagnia di Torre del Gre- nere la posizione sui binari, il terzo vagone,
ti. Il treno della Circumvesuviana carico di co, gli agenti del commissariato di polizia di l’ultimo, invece deraglia. Inizia la scivolata,
studenti e impiegati si sta dirigendo verso Na-
poli come tutte le mattine. Dentro, facce as-
San Giorgio a Cremano. Iniziano i rilievi, e
mentre si cerca di ricostruire la dinamica del-
il vagone si mette di traverso e si stacca dai
primi due. È il panico.
Fermata obbligata
sonnate, cappellini e sciarpe colorate, fogli,
appunti, tute da lavoro. Improvvisamente
uno stridore assordante, uno scossone, l’ul-
l’incidente viene anche organizzato un ser-
vizio di trasporto sostitutivo: i disagi sono
enormi ma ci si arrangia. Molti si guardano
La Circumvesuviana apre un’ichiesta in-
terna. L’inchiesta viene aperta anche dalla
Procura di Nola, lo stesso viene fatto dall’as-
e prosieguo in bus
tima carrozza, la terza, deraglia e termina la in faccia tirando un sospiro di sollievo. Per sessore regionale ai Trasporti Ennio Cascet- CERCOLA. Il treno arriva da Napoli.
corsa contro la banchina. Qualcuno cade, fortuna nessuno si è fatto male seriamente. ta, che nomina tre consulenti. Vanno chiari- Si ferma in stazione, sbuffa. Ne
molti vengono presi dal panico. Due perso- Dopo poco i tecninci della Circum riesco- ti alcuni aspetti della vicenda, e per questo esce una folla di gente confusa,
ne restano ferite. Si tratta di un uomo e di una no a ricostruire i minuti che hanno precedu- motivo vengono anche effettuate delle peri- scocciata, infastidita. Gli stranieri
ragazzina, che vengono soccorsi immediata- to l’incidente. Le temperature della notte so- zie fotografiche. Quel che è certo è che se la si guardano intorno spaesati.
mente: per fortuna l’incidente è avvenuto al- no state oltremodo rigide. Probabilmente il velocità fosse stata sostenuta il treno si sa- Quando sono entrati nel vagone
l’interno della stazione di Pollena Trocchia. freddo ha messo fuori uso il sistema di scam- rebbe completamente cappottato. Le ipotesi erano convinti che ne sarebbero
I due vengono dapprima medicati dal perso- bio automatico. I conducenti sono stati avvi- sono due: l’incidente potrebbe essere avve- scesi solo verso Sarno. Non sanno
nale della stazione, poi condotti all’ospeda- sati - fino a quando il guasto non verrà ripa- nuto per un guasto nello scambio dei binari vette, sono rimaste almeno una trentina di perché una volta giunti a Cercola
le Apicella, poco distante. Al pronto soccor- rato bisognerà infatti procedere con lo scam- o per un errore umano. Questa seconda pos- persone in divisa. Prima i rilievi a bordo del devono uscire. Il capostazione si
so vengono contollati e poi dimessi: tutto bio manuale - ma dall’inizio delle corse so- sibilità al momento, però, sembra quella me- vagone, poi quelli sui binari. Infine, solo nel avvicina alle porte scorrevoli spa-
sommato se la sono cavata solo con qualche no sette i treni che transitano nella stazione no plausibile. primo pomeriggio, iniziano i lavori per il ri- lancate: «Uscite, c’è l’autobus. Do-
graffio. verso Sarno e verso Napoli. Fino ad ora è fi- Per tutta la mattinata sono proseguiti i ri- pristino della linea. Lavori che andranno vete arrivare a piedi fino alla via
Ma cosa è accaduto? Ci vuole un po’ di tem- lato tutto liscio. Alle 7,34 invece qualcosa va lievi: nella stazione di Pollena, una volta che avanti per tutta la notte. Solo questa mattina, principale, lì vi sta già aspettando
po per riprendersi dallo choc. Ma in breve al- storto. Il treno entra in stazione rispettando, i pendolari sono stati “affidati” a bus e na- infatti, la linea dovrebbe essere riaperta. una navetta». La massa di gente si
allontana compatta, si riversa in
strada. Qualcuno chiede altre
SANT’ANASTASIA. TRASPORTO SOSTITUTIVO CON I PULLMAN. NEGLI ANNI ’70 UN INCIDENTE FERROVIARIO CON DECINE DI MORTI spiegazioni.
Da lontano si vede un’altra folla di

Disagi per centinaia di pendolari


gente che dalla strada principale
si sta dirigendo verso la stazione.
Il percorso all’inverso, vuol dire
che da poco è arrivata la navetta
proveniente da Sant’Anastasia.
Avanti e indietro. Cercola-Sant’A-
SANT’ANASTASIA. «Cosa è successo. A che ora. tidiano subisce una scossa. Un rallentamen- lizia. Questa mattina (ieri) - continuano le nastasia. Ma il disagio resta. Una
In che direzione». Appena ieri si è sparsa la to. Che prima di mettere in moto una via al- due avvocatesse - dovevano raggiungere il tri- ragazza col giubbino rosa si la-
voce che un treno della circumvesuviana è ternativa per dare un principio di inizio alla bunale di Nola. Di solito utilizziamo anche menta: «C’è un traffico assurdo,
deragliato, in una ora di massima affluenza giornata, passeranno delle ore. noi la circumvesuviana fino a Napoli. E da pesavo di non arrivare più. Una
di viaggiatori, per molte persone è cominciata Arriva sbuffando il treno successivo. C’è lì la linea per Nola. Questa volta abbiamo ap- mia amica ha deciso di andare a
la corsa per verificare se figli, mariti, amici o uno stop a Sant’Anastasia. L’ordine è peren- profittato dell’automobile di un’amica. Me- casa a piedi, è lontanissimo». In-
parenti si trovavano su quel convoglio. Era- torio. Di lì non si va più avanti. Un centinaio no male - commentano - altrimenti saltava vece un anziano si siede sulla pan-
no poco prima delle ore otto del mattino. I va- di persone invadono la piazza Cattaneo, fuo- l’udienza». china e protesta. «Io me ne resto
goni della circumvesuviana - partendo da ri la stazione. Mentre si fa ressa alla bigliet- Passa qualche ora. Accade finalmente qui, aspetto. Abito a via Guindaz-
Sarno in direzione Napoli - rovesciano viag- teria. “Cos’è successo”? Qualcuno guarda l’o- qualcosa. Il trasporto riprende. zi, la navetta non ci arriva a quella
giatori ad ogni stazione: San Giuseppe Vesu- rologio imprecando. “Ma meno male che non «È attivo il servizio sostitutivo», fanno sa- stazione, passa lungo la strada sot-
viano, Ottaviano, Somma Vesuviana, Sant’A- ci sono vittime”. In molti tentano una solu- pere dall’azienda. Due stazionamenti di pul- tostante. Non ce la faccio a cammi-
nastasia. E giù di lì, passando per Pollena zione facendo l’autostop. Giusy, la giovane lman, arrivano e partono da Sant’Anastasia nare, col treno arrivo praticamen-
Trocchia, il serpentone dei convogli arriva fi- praticante di un laboratorio di analisi era e da Cercola per superare il blocco. La gior- te subito, invece così mi tocca
no al capoluogo. Studenti, lavoratori, massaie pronta per raggiungere Napoli con il treno. nata si avvia, anche se con ritardo. Ma la pau- camminare per almeno un chilo-
e marocchini. Ognuno in direzione dei pro- «Non sapevo a quel punto cosa fare. Ho chia- ra rimane. Nella cittadina vesuviana è ancora metro. Sono anziano, mi stanco
pri luoghi di lavoro o delle scuole. Un gran mato un amico per un passaggio». vivo il ricordo di uno tragico incidente av- subito». Inutile tentare di convin-
botto e tutto si blocca. Il terzo convoglio del Due procuratrici di Pollena Trocchia, Nun- venuto durante un deragliamento in prossi- cerlo. Ma dopo poco, quando re-
treno fuoriesce dal binario e deraglia nei pres- zia De Cicco e Letizia Carotenuto, arrivano mità di Sant’Anastasia. Il bilancio della tra- sterà solo in stazione, si convin-
si della stazione di Pollena Trocchia. No, so- ogni giorno a Sant’Anastasia per la loro pra- gedia risalente agli anni ’70 ammontava a di- cerà da solo. Sono trascorsi sì o no
no tre i vagoni, diranno successivamente dal- tica legale. versi morti e decine di feriti. Alcuni con gra- 15 minuti. Lo stesso treno che pro-
la direzione della Circumvesuviana. «Non ci eravamo accorte dell’incidente. vi invalidità permanenti. Tra le vittime, di- veniva da Napoli fa dietro-front.
Sono le ore 7 e 40. Il treno 610 era partito Abbiamo capito che qualcosa doveva essere versi cittadini anastasiani. Da Cercola si ritorna indietro.
da Sarno alle 6 e 20 in punto. Il tran tran quo- accaduto per i rombi degli elicotteri della po- ANNA MARIA ROMANO [NL]

CASORIA. RISCHIO MOBILITAZIONE, ANNUNCIATE ALTRE PROTESTE POMIGLIANO D’ARCO CASANDRINO. DOMANI UN TRIANGOLARE

Fiat Auto, sciopero


Vulcan Air, sit-in degli operai dello Slai Cobas Calci... di solidarietà
CASORIA. È durata l’intera mattinata di ieri la pro- pensione tra i quaranta e i cinquanta anni su mol- POMIGLIANO D’ARCO. Due ore di sciopero per CASANDRINO. Una protesi per un bambino del Burkina Faso. Per acquistar-
testa dei dipendenti della Vulcan Air. Un gruppo ti dei quali si è abbattuto un funesto destino, che ogni turno proclamate per oggi dallo Slai Co- la l’associazione culturale e per il tempo libero Gio.Ca ha organizzato un
di essi, in tutto 37, ha bloccato per l’intera matti- li ha visti morire dopo pochi anni per svariati ti- bas della Fiat auto di Pomigliano d’Arco, per triangolare di calcio con il patrocinio del comune. Protagonisti delle par-
nata i cancelli dello stabilimento in via Pascoli, al- pi di tumore. protestare contro il contratto per i metalmec- tite gli amministratori comunali che dovranno vedersela con una rappre-
la periferia della città. I motivi della protesta van- Ricorsi alla magistratura e conseguenti indagi- canici. I lavoratori dovrebbero incrociare le sentativa di giovani di diverse associazioni sul territorio e la squadra che
no ricercati nella concreta possibilità della mes- ni e perizie non hanno ancora potuto stabilire una braccia dalle 9 alle 11, e dalle 20 alle 22 di do- mette in campo gli artisti napoletani, dalla musica al cabaret al teatro. Il
sa in mobilità per una consistente percentuale dei diretta relazione tra questi misteriosi decessi e l’at- mani «Sono già passate due settimane dalla fir- triangolare prende il via domani, alle ore 9,30 presso lo stadio comunale
lavoratori della stessa Vulcan Air. E, stando alle tività lavorativa da essi svolta. Molte aree occupate ma del contratto - hanno spiegato dallo Slai di Casandrino in via Siracusa (traversa di via Napoli). Il ricavato delle ven-
notizie trapelate dagli ambienti lavorativi della so- da questi stabilimenti giacciono abbandonate nel Cobas - ed i sindacati che l’hanno sottoscritto dite dei biglietti servirà all’acquisto di una protesi alla gamba per Sajduk,
cietà, le proteste sono destinate a proseguire. Un più assoluto degrado, molto spesso depositi di ma- continuano a latitare per sottrarsi alle critiche un ragazzo del Burkina Faso. Parteciperanno per gli artisti gli A67, Anto-
nuovo tassello che si va ad inserire nel triste mo- teriali nocivi per la salute pubblica come eternit dei lavoratori giustamente infuriati. Il nostro nio e Michele, Lucia Cassini, Lino D’Angiò, Franco Del Prete, Don Enzo
saico della situazione occupazionale cittadina. Ca- ed amianto senza che si provveda ad alcun tipo sindacato fa appello a tutti i lavoratori della Passante, Ditelo Voi, Peppe Iodice, Letti Sfatti, Lello Musella, Sangria, Lu-
soria, dopo il boom degli anni Sessanta e Settan- di bonifica. E Casoria vanta, purtroppo, anche se Fiat e delle terziarizzate, a mobilitarsi con for- ca Sepe, Mimmo Sepe, Lino Vairetti, Nando Varriale, Nick Finale, Enzo
ta che vide l’insediamento di diversi stabilimen- il dato non è confermato da statistiche ufficiali, un za per rispedire al mittente l’accordo, indi- Fischietti, Valerio Largo. Chi non può assistere alla partita e vuole contri-
ti industriali del genere soprattutto tessile e chi- triste primato in fatto di mortalità per cancro e tu- pendentemente dai sindacati ai quale appar- buire al nobile scopo della iniziativa può indirizzare le sue donazioni al
mico, ha visto il progressivo depauperamento di more. Conseguenze pesanti di un inquinamento tengono». Secondo i sindacalisti il contratto Centro Astalli Sud, Grumo Nevano ccp n° 21707807; causale “Gio.Ca per
questo patrimonio di ricchezza ed occupazione. ambientale sopra i livelli di guardia, statistiche firmato sarebbe «di miseria e flessibilità. L’au- Sajduk”. Gio.ca è l’acronimo di giovani campani. «Gio.ca (il sito è “www.as-
Ad una ad una le industrie hanno smobilitato, la- esagerate o pura fatalità? Sarebbe il caso che le au- mento del salario per i lavoratori di terzo li- sociazionegioca.it”) è un’associazione culturale, senza scopo di lucro, apar-
sciando dietro di sé disoccupazione ed inquina- torità sanitarie e la magistratura facessero piena lu- vello - hanno concluso - ammonta a circa 86 titica, che nasce due anni fa da un’idea di un gruppo di ragazzi e ragazze,
mento. ce per fugare dubbi ed eventuali pericoli per la sa- euro lordi, scaglionato in tre rate. Chi ha for- studenti e non. L’obiettivo: rendere Casandrino, ma non solo, un luogo di
Emblematica la situazione della Rhodiatoce, di lute dell’intera collettività. mato il contratto sceglie di non cambiare le co- crescita culturale a 360», spiega il presidente Giuseppe Cappa
cui diverse decine di dipendenti sono andati in OTELLO SALICE se, tutto a scapito dei lavoratori». BENNY MAIELLO

Interessi correlati