Sei sulla pagina 1di 54

PROGRAMMI CAD

ELEMENTI FONDAMENTALI
Ing. Domenico Bufalino
TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G.GALILEI

I programmi CAD
Il termine CAD sta per Computer Aided Design (progetto assistito dal computer). Il progetto (design) comprende anche la fase di disegno (drafting) e spesso ci si riferisce con il termine CAD anche a quei software limitati al solo disegno; in questo caso il termine una abbreviazione di Computer Aided Drafting (disegno assistito dal computer) Il software di progettazione pi completo indicato pi precisamente con CADD (Computer Aided Design and Drafting). Nelle prossime slides sono riassunti i principali programmi CAD e CADD industriali, compresi quelli per la modellazione solida in 3D ed i programmi specializzati nel settore elettrico ed elettronico. La conoscenza di questi programmi spesso pu fare la differenza nella possibilit di trovare un impiego alle dipendenze di ditte che si occupano di progettazione elettrica o elettronica

Software per Disegno Tecnico


Tra i software per il disegno tecnico industriale i pi diffusi sono AutoCAD (Autodesk) e Microstation (Bentley), tutti molto costosi. AutoCAD 2013 a partire da 4775 AutoCAD LT 2013 a partire da 1450 Bentley Microstation V8i a partire da 6000

Autocad Electrical 2013

a partire da 6000

E possibile per gli studenti scaricare gratuitamente, previa registrazione sul sito students.autodesk.com il software AutoCAD in una versione completa ma che riporta in tutte le stampe lindicazione che si tratta di una versione didattica

Il consorzio IntelliCAD
Il consorzio ITC (IntelliCAD Technology Consortium) riunisce vari produttori di software per disegno tecnico con lo scopo di sviluppare la piattaforma CAD IntelliCAD, compatibile con il formato DWG (quello utilizzato in AutoCAD) La filosofia dello sviluppo di questa piattaforma analoga al concetto di Open Source ma limitato ai soli membri del consorzio. Le varie ditte quindi collaborano tra loro per la realizzazione della piattaforma, migliorandola continuamente. Questa piattaforma costituisce il nucleo sul quale ciascuna ditta realizza il proprio software specifico, il cui prezzo pu essere mantenuto basso, grazie a questa filosofia. I programmi di CAD realizzati dalle singole ditte appartenenti al consorzio hanno quindi le stesse funzionalit di base e sono compatibili tra loro e con AutoCAD. Ciascuna ditta poi aggiunge al proprio software ulteriori funzionalit

Il programma progeCAD
La ditta Progesoft fa parte del consorzio ITC e produce il programma progeCAD 2011 Professional, a partire da 510 . Sono numerosi i clienti industriali di questo software (nel campo elettrico vi figurano anche la ABB e la Siemens)

Caratteristiche principali
Rispetto a qualsiasi altro programma per disegno tecnico, progeCAD Professional il programma pi compatibile con AutoCAD. In particolare ha le stesse funzionalit 2D/3D della versione completa di AutoCAD, in formato nativo DWG e DXF e sopporta centinaia di comandi AutoCAD, aggiungendone anche altri che non hanno il corrispondente in AutoCAD. E inoltre dotato di tools addizionali, analoghi a quelli contenuti nei CAD pi avanzati, ed ha una integrazione completa con Microsoft Windows. E il programma che viene utilizzato nel laboratorio di Tecnologia e Progettazione dellITI Galilei di Livorno. La licenza educational permette di installare e utilizzare progeCAD gratuitamente su tutti i PC della scuola e sui PC casalinghi degli studenti e degli insegnanti. Limpiego di questo software non comporta quindi costi per lAmministrazione scolastica.

Altri software CAD 3D


Modellatori solidi diffusi a livello industriale
CATIA V6 (Dassault Sistmes) NX (Siemens) PTC Creo (PTC) Solidworks (Dassault Sistmes) SolidEdge (Siemens) Inventor (Autodesk) Thinkdesign (Think3) Topsolid (Topsolid) OmniCAD (Omnicad) SpaceClaim (Spaceclaim co.) CimatronE (Cimatron) GibbsCAM (Cimatron) Powershape (Delcam) Alibre Design (Alibre)

Tra parentesi indicata la ditta produttrice del software

CAD Elettrici Specializzati


Standard industriali per la progettazione elettrica
Dassault Sistmes
Solidworks Electrical Solidworks Electrical 3d Solidworks Electrical Professional

Autodesk
Autocad Electrical

Bentley
Bentley Electric V8i

Eplan Software & Service


EPLAN 5 (se ne parler pi avanti)

OrCAD (Cadence)
Software di progettazione elettronica
La linea di prodotti Cadence OrCAD rappresenta lo standard industriale per il progetto delle apparecchiature elettroniche. Alcuni dei moduli di questo sistema integrato: OrCAD Capture ha ampie librerie di simboli elettrici ed il software per il disegno dei circuiti elettronici pi utilizzato al mondo OrCAD Capture CIS collega il software di disegno dello schema elettronico con il Data Base dei componenti codificati in azienda e le varianti di progetto PSpice AD il pi potente ambiente per la simulazione dei circuiti elettronici ed integrato con OrCAD Capture OrCAD PCB Designer Professional permette lo sbroglio PCB della linea di prodotti OrCAD.

Altri tipi di software


In ambito meccanico, ma anche informatico/elettronico sono diffusi anche i programmi CAM, cio Computer Aided Manifacturing (fabbricazione assistita dal computer)
Nel campo elettronico da segnalare Altium Designer che si sta affermando sempre pi come CAD/CAM standard industriale

Il termine CAE, cio Computer aided engineering (ingegneria assistita dal computer) indica infine le applicazioni software che agevolano la risoluzione di problemi tecnologici tramite il calcolo numerico.
Nel campo elettrico il principale CAE EPLAN (Eplan software & services), specializzato nella creazione, gestione e analisi computerizzate di impianti elettrotecnici, quadri di comando e sistemi di controllo.

Certificazione ECDL CAD


Il sistema ECDL (European Computer Driving Licence) un sistema di certificazioni che attesta la capacit di utilizzo del personal computer a diversi livelli di approfondimento e di specializzazione. ECDL costituisce uno standard di riferimento internazionale, in quanto i test sono identici in tutti i Paesi (garantendo cos la circolarit del titolo) e viene applicato un criterio di neutralit rispetto ai vendor, essendo aperto alle diverse piattaforme tecnologiche, da quelle proprietarie a quelle open source. Nellambito del programma ECDL si distinguono tre livelli: Core, Advanced e Specialised; lECDL CAD appartiene a questultimo gruppo di certificazioni. E possibile conseguire la certificazione ECDL CAD anche con la piattaforma progeCAD

Utilizzo di un programma CAD


Lutilizzo di un programma CAD per disegnare riduce fortemente il tempo e lo sforzo occorrenti per creare e correggere un disegno. Non solo si possono produrre pi velocemente disegni accurati, ma anche possibile riutilizzare le informazioni nei disegni. Queste sono le ragioni principali per passare dal disegno manuale tradizionale su carta al CAD. Per usare efficacemente uno strumento occorre familiarizzare con alcune delle caratteristiche, funzioni e concetti del CAD. Chi abituato al disegno manuale, trover alcune somiglianze concettuali cos come alcune differenze.

Disegno in scala
Nel disegno manuale tradizionale, di solito si determina la scala del disegno prima di iniziare, poich si lavora su un foglio di carta con un formato fisso. Si potrebbe dover ridurre o ingrandire l'oggetto disegnato per adattarlo alle misure del foglio. Quando si crea un disegno in un CAD, si utilizzano le misure reali determinando il tipo di unit nelle quali il disegno viene misurato. Se si disegna un edificio, una unit pu corrispondere a un centimetro. Se si disegna una mappa, una unit pu corrispondere a un chilometro. L'area di disegno e il file di disegno di CAD non sono limitati al formato del foglio. Mentre si disegna, si possono utilizzare comandi per operare su diverse porzioni del disegno e per ingrandire la visualizzazione del disegno per osservare piccoli dettagli. Questi comandi non hanno effetto sulla dimensione degli oggetti nel disegno; interessano solo il modo in cui il disegno viene visualizzato sullo schermo. Solo al momento di stampare o plottare il disegno necessario impostare la scala tenendo conto delle dimensioni del foglio.

Disegno in scala
Un importante concetto che deve essere compreso, per lutilizzo di un programma CAD, che il sistema riconosce solo le proprie unit di disegno interne, che dovranno essere interpretate in funzione del settore di applicazione e degli standard di disegno adottati nei singoli casi. Come detto 100 Unit di disegno possono rappresentare 100 metri, chilometri, millimetri, pollici e cos via. Ogni settore di applicazione, anche in funzione della zona geografica, riconosce le unit di riferimento condivise, ad esempio nelledilizia europea le dimensioni degli oggetti disegnati sono generalmente indicate in centimetri o in millimetri per la meccanica. Ogni operatore dovr sempre tenere presente questi fattori per la creazione dei propri prototipi e per le misure da assegnare agli oggetti disegnati.

Uso degli strumenti


Nel disegno manuale si usano strumenti come matite, righelli, squadre a T, mascherine, gomme per cancellare e cos via. Quando si disegna con un CAD si usa un mouse invece della matita e si usa il mouse per selezionare strumenti o comandi scelti da un men o da una barra degli strumenti. Si usano alcuni strumenti per creare oggetti base, come linee, cerchi, archi, e altri strumenti per modificare oggetti esistenti (per esempio, copiarli o spostarli o cambiare delle propriet come il colore o il tipo di linea).

Organizzazione delle informazioni


Nel disegno tradizionale, spesso elementi come i muri, le dimensioni, elementi strutturali, l'impianto elettrico, vengono separati su lucidi sovrapponibili. Quando si vogliono stampare i disegni si possono creare delle combinazioni diverse combinando i vari lucidi. Quando si disegna con un CAD si usano in modo simile i layer per organizzare gli elementi. I layer nel CAD offrono numerosi vantaggi rispetto ai lucidi. Il numero di lucidi che possibile combinare per stampare un disegno manuale limitato dal processo di stampa. Non c' tale limite nel CAD. Ad esempio con progeCAD si pu definire un numero illimitato di layer, che in qualsiasi momento possono essere resi visibili o invisibili.

Organizzazione delle informazioni


Si pu dare un nome ad ogni layer e assegnare ad ognuno il proprio colore e tipo di linea. Si possono anche bloccare layer individuali per assicurarsi che le informazioni su quei layer non vengano accidentalmente alterate.

Disegno di precisione
Quando si esegue un disegno manuale, la precisione richiede continue misurazioni e verifiche. In un programma CAD si creano e modificano oggetti basati su un sistema di coordinate cartesiane. Ogni posizione nel disegno ha le proprie coordinate x,y,z. Si pu anche visualizzare una griglia come riferimento visivo per il sistema di coordinate. Ad esempio il punto 5,2,0 5 unit a destra (lungo l'asse x), 2 unit in alto (lungo l'asse y), e 0 unit (lungo l'asse z) dall'origine (il punto 0,0).

Disegno di precisione
Nei programmi CAD le modalit snap e snap ad oggetto consentono di disegnare con precisione senza specificare le coordinate. La modalit snap forza i punti selezionati ad aderire agli intervalli della griglia o a qualsiasi altro intervallo si imposti. Gli snap ad oggetto (OSNAP) permettono di eseguire lo snap a punti geometrici precisi su oggetti esistenti - per esempio la fine di una linea o il centro di un cerchio. Un'altra modalit, orto, limita le linee cos che vengano tracciate parallele agli assi verticale ed orizzontale.

Disegno di precisione
I disegni su carta mancano dell'alto grado di precisione che reso possibile dall'utilizzo del CAD. Le linee spesso si sovrappongono o non combaciano. Lo snap e lo snap ad oggetto forzano il cursore ad aderire a intervalli stabiliti o a punti geometrici su oggetti esistenti. Si possono anche forzare le linee parallele agli assi verticali ed orizzontali.

Efficienza del disegno


Nel disegno manuale spesso occorre disegnare lo stesso oggetto parecchie volte in scala differente o da diversi punti di osservazione. Potrebbe anche essere necessario tracciare il contorno ed il blocco di titoli su ogni nuovo foglio. Una delle caratteristiche pi vantaggiose dei CAD ed in particolare di progeCAD che quando si esegue un disegno si possono riutilizzare oggetti, contorni e blocchi di cartiglio quanto si vuole. sufficiente disegnare un oggetto una sola volta; il disegno finale stampato pu mostrare l'oggetto in scala diversa e da diversi punti di vista.

Efficienza del disegno


ProgeCAD fornisce due modalit di lavoro: spazio modello e spazio carta. Solitamente si inizia il lavoro in spazio modello, creando il disegno (il piano di un pavimento, una mappa o una sezione tridimensionale) a prescindere dall'elaborato finale su carta. Quando il disegno pronto per la stampa si pu passare allo spazio carta (layout), dove si dispone il disegno come si vuole che appaia sulla carta. Per esempio si pu inserire un file di disegno che contenga il contorno standard e il cartiglio che sono stati creati. Si possono definire e organizzare viste multiple del disegno in scala appropriata e con dettagli specifici visibili o invisibili, senza dover ridisegnare il contorno e il cartiglio per ogni vista.

Efficienza del disegno

Efficienza del disegno

Riutilizzo dei disegni


In un disegno manuale si possono tracciare simboli ripetitivi con una mascherina. In un CAD, dopo aver tracciato un simbolo, lo si pu riutilizzare senza doverlo ridisegnare. sufficiente salvare il simbolo come blocco. Si possono inserire copie di quel blocco in qualsiasi parte del disegno. Si pu anche salvare il simbolo come disegno separato da usare in altri disegni. In pi, si possono riutilizzare interi disegni e inserirne di singoli in altri disegni. Si pu anche usare un riferimento esterno, che agisce come puntatore a un altro disegno, invece che copiare un intero disegno. L'utilizzo di un riferimento esterno ha un ulteriore vantaggio: quando si modifica un disegno dotato di riferimenti esterni, ogni disegno che vi fa riferimento pu essere aggiornato automaticamente.

Riutilizzo dei disegni

Si pu utilizzare un simbolo una volta, salvarlo come blocco, e poi inserire pi copie di quel simbolo in qualsiasi parte del disegno

Effettuare modifiche
Per effettuare modifiche al disegno su carta, occorre cancellare e poi ridisegnare. Con un programma CAD, si usano i comandi per modificare gli oggetti in un disegno. Si possono spostare, ruotare, allungare gli oggetti, o variarne la scala. Quando si vuole rimuovere un oggetto, lo si pu cancellare con un singolo clic del mouse. Se si commette un errore mentre si crea o si modifica un disegno, si pu facilmente annullare l'azione.

Effettuare modifiche

Avvio di progeCAD
Per avviare progeCAD, eseguire un doppio clic sullicona creata dallinstallazione sul desktop del sistema operativo o sul file di disegno da aprire. Verr visualizzata una finestra con lambiente di lavoro

Aprire un disegno
Una volta avviato progeCAD, per aprire uno o pi file di disegno esistenti, si pu utilizzare uno dei seguenti metodi:
Dal menu File scegliere Apri per visualizzare la finestra di dialogo Seleziona File Utilizzare la funzione standard di Windows con la combinazione di tasti di scelta rapida CTRL+O, che aprir la fi nestra di Seleziona File Trascinare un fi le di disegno sopra alla icona di progeCAD presente sul Desktop Utilizzare licona Apri dalla toolbar Standard Attivare DWG Explorer (la barra verticale di colore azzurro visibile nellinterfaccia grafica) e scegliere allinterno della sua struttura ad albero il fi le che si desidera aprire. DWG Explorer, permette di visualizzare lanteprima dei disegni, per un pi veloce riconoscimento degli stessi.

Nota: Se DWG Explorer non visibile, possibile attivarlo tramite il menu Strumenti->DWG Explorer

Creare un nuovo disegno


Per creare un nuovo disegno sono disponibili le seguenti opzioni: Selezionare Nuovo dalla Toolbar Standard Selezionare Nuovo dal menu File Utilizzare i tasti di scelta rapida CTRL+N Digitare il comando pnew da tastiera seguito da Invio

Creare un nuovo disegno


Una volta attivato il comando Nuovo, sar visibile la maschera del Wizard di ProgeCAD.
Generalmente un disegno viene creato in base ad un template o modello di disegno (detti anche File Seme). Un modello di disegno, fornisce le impostazioni di base che costituiscono lo standard per il tipo di disegno che si desidera creare. Fanno parte di queste impostazioni, le unit di misura, gli stili di quota, gli stili di testo, il fattore di scala standard e cos via.

Creare un nuovo disegno


Un modello di disegno inoltre, pu contenere anche elementi grafici gi definiti come la squadratura del foglio o il cartiglio. Disporre di accurati template molto importante per poter cominciare la produzione di nuovi disegni in modo rapido e accurato. Ogni utente dovr, in seguito, personalizzare i propri modelli in base alle proprie esigenze, magari partendo dai numerosi disponibili. progeCAD, dispone di molti modelli di disegno preimpostati, che sono visibili nellelenco del Wizard al momento della sua apertura.

Se non si desidera partire da un modello di disegno preimpostato possibile selezionare licona per la creazione di disegni in base metrica o pollici.

Ambiente di lavoro
A Si pu personalizzare la barra dei men sulla parte superiore della finestra. B Si possono personalizzare le barre degli strumenti, modificando l'aspetto e l'organizzazione degli strumenti e aggiungendo i comandi e le macro personali C I disegni vengono visualizzati nella finestra di disegno. D Cliccando su una linguetta ci si sposta nel disegno dallo spazio modello ad uno dei layout di stampa.

Ambiente di lavoro
E Si possono digitare i comandi alla barra comandi. Per riposizionarla, trascinarla in un altro punto sullo schermo. F La barra di stato visualizza informazioni come il nome o la funzione di uno strumento, le coordinate correnti del cursore, il nome del layer e le modalit di impostazione. G L'icona del sistema di coordinate utente (UCS) indica l'orientamento del disegno nello spazio tridimensionale. H Si possono spostare e ancorare le barre degli strumenti in qualsiasi punto dello schermo.

Uso dei comandi


I comandi di progeCAD possono essere richiamati seguendo uno dei metodi indicati nella tabella riportata di seguito (lesempio riguarda il comando Linea che permette di disegnare una linea). Si definiscono Alias le abbreviazioni da tastiera con cui possibile richiamare i comandi. Dal menu Strumenti \ Personalizza \ Menu \ Alias possibile vedere lelenco completo degli alias e crearne di nuovi.

Impostare i limiti del disegno


ProgeCAD mette a disposizione unarea di disegno virtualmente infi nita, cio possibile disegnare in ogni zona del piano XY senza uno specifico limite nelle coordinate X e Y, sia positive che negative. Tuttavia, solitamente consigliabile stabilire unarea di disegno di dimensioni adeguate agli oggetti da disegnare, per facilitare limmissione delle coordinate e la modifica della visualizzazione con la rotella del mouse. A questo scopo possibile definire i limiti del disegno, cio le coordinate X e Y delle estremit inferiore sinistra e superiore destra dellarea entro la quale sar consentito disegnare. I valori di default dei limiti del disegno sono (0,0) per langolo inferiore sinistro e (420,297) per langolo superiore destro.
possibile modificare in qualunque momento le dimensioni dellarea.

Griglia e snap
Altri due importanti settaggi che ci permetteranno di disegnare in modo pi preciso e rapido sono quelli relativi alla Griglia e lo Snap
Griglia: una serie di punti posti ad intervalli regolari lungo gli assi X e Y e che serviranno come riferimento a scacchiera sullarea di disegno Snap: definisce lo spostamento minimo in coordinate, che il puntatore a croce dovr avere al movimento del mouse.

Il valore tipo pu essere 1, ma qualunque valore pu essere impostato, in funzione delle proprie esigenze

Bench molti utenti trovano conveniente allineare i punti della griglia con l'intervallo di Snap, queste configurazioni sono indipendenti l'una dall'altra e non devono essere confuse. I punti della griglia sono dei riferimenti solo visivi, non modificano il disegno e non vengono stampati. I punti dello Snap non sono visibili e influenzano il movimento del puntatore e di conseguenza la creazione di nuove entit.

Utilizzo di prototipi
possibile creare nuovi disegni partendo da prototipi esistenti (file seme). Lo scopo del prototipo quello di fornire un ambiente di lavoro gi definito e pronto alluso, preimpostando molti parametri, i cui principali sono: i limiti, lo snap, la griglia, le unit di misura, gli stili di linea, di testo e di quotatura, i layer, i layout di stampa. In particolare, limpostazione dei layout di stampa nel file di modello rende molto pi semplici e rapide le operazioni di stampa. Mentre il disegno viene composto lavorando nello Spazio Modello (Scheda modello nellarea dei layout dellinterfaccia grafica), il Layout o Spazio Carta serve per comporre le tavole scegliendo le viste del modello da stampare e aggiungendo la squadratura, il cartiglio, le annotazioni e talvolta le quote, particolarmente se si lavora in 3D.

Utilizzo di prototipi
La funzione principale dello spazio carta di distinguere la geometria del modello da tutte le altre informazioni, in genere alfanumeriche (come scritte, quote e indicazioni) non funzionali al modello geometrico, ma piuttosto riferite ad ogni singola tavola. Una delle caratteristiche dei layout quella di permettere la visualizzazione e quindi la stampa, di varie viste del modello anche con scale differenti. Lutilit dei Layout diventa molto evidente nel disegno tridimensionale, in quanto essi permettono la visualizzazione contemporanea del modello da diverse angolazioni spaziali. ProgeCAD mette a disposizione un grande numero di file prototipo gi pronti alluso e che comunque possono essere modificati a piacimanto per la creazione di propri template personalizzati

Salvataggio di un prototipo

Dalla lista Salva come scegliere Drawing Template (dwt). Utilizzare le opzioni di navigazione della maschera di Windows per individuare la cartella di salvataggio dei Prototipi (generalmente la cartella template presente nel percorso di installazione di progeCAD). Nella casella Nome file inserire il nome desiderato. Cliccare OK Da questo momento, alla successiva creazione di un nuovo disegno, sar possibile selezionare il prototipo appena salvato come file di modello. Se il prototipo contiene dei layout preimpostati, essi saranno disponibili anche nel nuovo disegno appena creato.

Le barre degli strumenti


Le barre degli strumenti sono insiemi omogenei di comandi, rappresentati da pulsanti contraddistinti da icone grafiche. Le barre possono essere posizionate ai bordi dellarea grafi ca o allinterno della stessa. Le barre dei comandi sono facilmente memorizzabili perch forniscono informazioni grafiche sul comando a cui sono collegate e perch mostrano, se si posiziona per qualche istante il cursore del mouse sopra di esse, una descrizione testuale della funzione associata. Dopo linstallazione, saranno visibili a schermo, in posizioni predefinite, le barre di uso pi comune, progeCAD dispone di molte altre barre supplementari che potranno essere visualizzate a piacimento.

Principali barre degli strumenti


Standard: visibile in alto a sinistra, contiene i comandi per la gestione generale del disegno, come Apri, Stampa, Annulla, la Guida in linea, Copia, Incolla ecc. che sono comandi comuni a tutte le applicazioni Windows. Inoltre sono disponibili anche i comandi di visualizzazione come Pan e Zoom Disegna: presente sul lato sinistro dellarea grafica, contiene i comandi principali di disegno come Linea, Arco, Cerchio, Poligono, Ellisse ecc. Edita: visibile a destra dellarea grafica, presenta i comandi di modifica delle entit grafiche come Cancella, Copia, Serie, Scala, Stira, Sposta, Ruota Propriet Oggetto: posizionata in alto a sinistra, sotto la barra Standard. Si tratta di una barra diversa dalle altre, in quanto, oltre ad alcuni pulsanti relativi ai layer, contiene delle finestre a scomparsa importanti per la scelta del tipo di linea, colore, larghezza linea e lattivazione dei layer.

Uso dei layer


Linterfaccia pi completa per la gestione dei layer in progeCAD costituita dallexplorer. Una volta che il disegno stato visualizzato, avviate ProgeCAD Explorer in uno dei modi seguenti

Una volta che la finestra principale di Explorer visibile, potrete vedere la lista dei layer presenti nel disegno: 0, BRDR-1, BRDR-2, BRDR-4 e cos via. Si noti che il Layer 0 sempre presente anche in un disegno vuoto, in quanto si tratta del layer di default di ProgeCAD. Il suo scopo di servizio ed buona norma non lasciare mai entit su di esso.
A destra dei nomi layer, trova posto lelenco delle caratteristiche degli stessi. Le principali sono: Colore, Tipo di linea, On/Off, Bloccato e Tutte le viste (in realt questa caratteristica prende il nome di Congelato/Scongelato).

Coordinate assolute e relative


Le coordinate rettangolari si basano sul sistema corrente di assi cartesiani X e Y. Disegnare con le coordinate rettangolari, consiste nellinserire dei valori numerici che corrisponderanno alla lunghezza degli oggetti o alla posizione dei punti. Questi valori possono essere digitati dalla riga di comando separando le coordinate X e Y con il simbolo , oppure indicati mediante il puntamento con il mouse. Per il disegno bidimensionale si indicheranno solo X,Y lasciando Z sottointesa al suo valore di default, uguale a 0. Le coordinate possono essere riferite al sistema corrente, quindi chiamate coordinate rettangolari assolute o a un punto precedente e allora si chiameranno coordinate rettangolari relative. La differenza fra assolute e relative indicata dalla presenza della chiocciolina (@) inserita prima delle coordinate. Il simbolo . servir a separare le cifre decimali.

Esempio coordinate assolute


Per iniziare a disegnare, cliccate sulla icona Linea nella toolbar Disegna Apparir alla riga di comando il messaggio: Inizio della linea: Digitare quindi i valori numerici partendo dalla prima coordinata: 40,40 seguito da Invio A questo punto il sistema, ad ogni inserimento di coordinate seguito da Invio richieder limmissione del valore successivo. Quindi al prompt: ANGolo/Lunghezza/<Punto finale>: inserite 70,50 seguito da Invio e cos via, secondo quanto visibile in figura, procedendo in senso antiorario. Dopo aver digitato nuovamente la coordinata iniziale 40,40 , premete Invio due volte per terminare il comando Linea.

Esempio coordinate relative


Il disegno precedente stato realizzato riferendo le coordinate sempre ad un punto iniziale posto allorigine degli assi, il punto 0,0, lo stesso risultato poteva essere ottenuto mediante luso delle coordinate relative, in cui ciascun punto successivo si riferisce a quello precedente. Per indicare da tastiera dei valori di coordinate relative, si dovr anteporre il simbolo @. Es. @10,20 Utilizzando le coordinate relative i punti immessi sono correlati ai precedenti, quindi i valori che si imposteranno saranno indipendenti dalla posizione assoluta nel disegno. In generale, luso delle coordinate relative pi frequente, perch particolarmente quando si devono rappresentare oggetti esistenti, spesso si parte da un rilievo con misure parziali e angoli relativi.

Librerie di segni grafici


Nel programma progeCAD sono integrate librerie di segni grafici con oltre 20000 blocchi da utilizzare per le pi diverse applicazioni (architettura, disegno meccanico, elettrico, elettronico, ecc) Per utilizzarle occorre attivare la funzione iCADLib.

iCADLib
Il Modulo iCADLib consente di raccogliere in maniera organizzata una serie di blocchi. progeCAD include di default pi di 20.000 blocchi oltre i quali possibile aggiungere delle cartelle personali o scaricarli dal sito delle Traceparts, che ne contiene milioni. La funzione si attiva digitando iCADLib e Invio oppure mediante il men Add-on o la relativa icona. I blocchi delle librerie sono organizzati tra le cartelle Librerie progeCAD, Cartella Utente e Libreria Traceparts. E possibile ridimensionare la maschera iCADLib posizionandosi su un angolo di essa e trascinando il mouse, o scegliere se vedere solo i principali comandi cliccando sul bottone Riduci/Ingrandisci finestra.

iCADLib
Utilizzo dellambiente iCADLib

Librerie progeCAD
Nella sezione Librerie progeCAD si trovano i blocchi presenti nellinstallazione del software strutturati in librerie (es: Architettonica, Elettrica, Meccanica), categorie (Esterno, Interno, Persone...) e blocchi. Per inserire un blocco in un disegno necessario selezionarlo e premere licona Inserisci oppure, pi semplicemente, lo si pu selezionare e trascinare nel foglio.

Esercizio 1 Squadramento e cartiglio


Come primo problema provare a realizzare un riquadro con relativo cartiglio.

Esercizio 2 Disegno di una lampadina


Altro disegno: quello di una lampadina utilizzando i comandi circle, chanfer, fillet, hatch, mirror, array

Esercizio 3 Pianta di un appartamento


Disegnare la pianta di un appartamento civile.