Sei sulla pagina 1di 1

Il BJT come diodo

Efficienza nel processo di fabbricazione e semplicit di realizzazione di dispositivi con caratteristiche simili tra loro sono spesso i motivi per cui il BJT viene utilizzato come diodo nella progettazione di circuiti integrati. Si visto in precedenza come, cortocircuitando due terminali del transistore o lasciandone uno non collegato, il BJT si comporti come un diodo polarizzato inversamente. Viene considerato ora il comportamento in polarizzazione diretta di una della pi comuni connessioni a diodo del BJT. Fig. 1

La base ed il collettore del transistore della figura 1 sono cortocircuitati, per cui si utilizza la giunzione base emettitore come diodo. Il resto del circuito consiste nella connessione del collettore (e della base) alla tensione di alimentazione attraverso la resistenza . La tensione positiva polarizza direttamente al giunzione base emettitore e, poich minore della tensione di soglia, il diodo base collettore polarizzato inversamente. Di conseguenza il BJT nella zona attiva diretta. Dalla II legge di Kirchhoff si ottiene:

Essendo nel funzionamento in regione attiva, la corrente costante e dipende soltanto dalla tensione di alimentazione e dalla resistenza . Si pu utilizzare la I legge di Kirchhoff per mettere in relazione con le correnti del transistore. Poich ed , risulta: ( Poich ) ( ) , anchessa sostanzialmente costante.

costante e