Sei sulla pagina 1di 2

Potenziali di riduzione standard Il potenziale standard di cella, per esempio di una pila Daniell, la misura globale sia del

l potere riducente di una sostanza, lo zinco metalllico Zn, sia del potere ossidante dellaltra, lo ione Cu2+. Tuttavia per poter confrontare il potere redox di varie sostanze sarebbe opportuno conoscere il potenziale standard di riduzione (o del suo contrario, il potenziale standard di ossidazione ) di ogni sostanza redox. Il potenziale standard di una pila si pu considerare il risultato della somma dei due potenziali che si riferiscono alle due semireazioni che avvengono nei due compartimenti, la riduzione catodica e lossidazione anodica, considerando trascurabile il potenziale di giunzione. Oppure per omogeneit si pu semplicemente scrivere E come la somma algebrica dei potenziali di riduzione standard della semireazione catodica e di quella anodica, questultimo preso con il segno negativo: E = E(semireazione catodo) E(semireazione anodo) Essendo impossibile misurare il contributo di un elettrodo isolato si convenuto di riferire il potenziale standard di un qualsiasi elettrodo al potenziale standard di un elettrodo di riferimento a cui si assegnato il potenziale zero. Lelettrodo di riferimento lelettrodo a idrogeno standard Pt | H2 (g, 1 bar) | H+ (aq , attivit=1) alla cui semireazione di riduzione si assegna convenzionalmente potenziale standard zero: 2H+ + e H 2 ,

E = 0 Volt , a tutte le temperature.

Per misurare il potenziale standard relativo di una qualsiasi coppia redox si misura il valore E di una pila costruita accoppiando la coppia in esame con lelettrodo a idrogeno.

Potenziale standard di riduzione e reazioni spontanee


stata scelta una direzione, quella della riduzione, come direzione standard. Se il valore del Voltmetro positivo, vuol dire che avviene la riduzione, se il valore negativo vuol dire che il flusso di elettroni va verso una ossidazione della semicella in analisi. Con questo metodo si sono misurati tutti i potenziali standard di riduzione. Le reazioni indicate sono tutte riduzioni! Ordinate dalla riduzione pi efficiente a quella meno efficiente.

7-1

Naturalmente se vi dovesse servire il potenziale di una semicella di ossidazione potete semplicemente prendere quella di riduzione e invertire il segno.

Esempio: Cu2+ + 2e- --------> Cu (+0.34 V) Zn2+ + 2e- --------> Zn (-0.76V) Se combinate queste due semireazioni chiaramente una delle due dovr avere la direzione opposta a quella indicata. Ecco che allora si trovano le due reazioni Cu2+ + Zn --------> Cu + Zn2+ (+0.34V -(-0.76V)= +1.1V) Cu + Zn2+ --------> Cu2+ + Zn (-0.34V +(-0.76V)= -1.1V) Le reazioni spontanee (cio che avvengono mischiando le due sostanze senza aggiungere energia) sono solamente quelle con un segno positivo. Nel nostro caso vediamo che gli ioni di Cu2+ rubano gli elettroni allo zinco, mentre gli ioni Zn2+ non possono fare la stessa cosa con il rame metallico. Quindi solamente la prima di queste due reazioni pu avvenire (vedi scala di reattivit vista prima).

7-2