Sei sulla pagina 1di 2

Vocabolario della moda

Il vocabolario internazionale della moda si compone di termini soprattutto francesi e inglesi. Dato che spesso li trovo nei vostri post, ho pensato potesse esservi utile un piccolo ripasso. Vediamo come utilizzarli al meglio! FITTING: dall'inglese "to fit", ovvero sistemare, adattare. E' l'operazione pi importante per un creatore di moda, quella in cui si decide l'abbinamento dei vestiti di una collezione con le modelle che sfileranno. Insomma la prova abiti. OUTFIT: l'insieme di abiti e accessori che verranno indossati da una modella. CONCEPT STORE: la parola "concept", oggi molto frequente nel campo della pubblicit, fa riferimento al concetto che il punto vendita intende trasmettere al consumatore. In genere, l'obiettivo emozionare il fashion victim di turno. (A Milano il concept store per eccellenza Corso Como 10 di cui vi avevo gi parlato!) VERNISSAGE: l'inaugurazione ufficiale ad esempio di una mostra d'arte, di un nuovo store,... riservata a critici, esperti e rappresentanti della stampa che sono invitati prima dell'apertura al pubblico. GRIFFE: il marchio con cui uno stilista-fabbricante distingue il suo prodotto MAISON: detta anche fashion house un'impresa (es Louis Vuitton) che si dedica al design e alla progettazione di accessori e vestiti creati all'interno delle influenze culturali e sociali di un momento specifico. BOOK: un libro fotografico che contiene le foto della modella o modello COMPOSIT: insieme al book fotografico il biglietto da visita del mondo della moda e dello spettacolo. E un cartoncino che misura normalmente circa cm 15 x 21 e riporta una o pi foto, i dati fisici della modella o del modello ed eventualmente i recapiti dellagenzia. CATWALK: passerella. FASHION DESIGNER: lo stilista, colui che crea o da il nome alla collezione. STYLIST: la persona che procura tutto quanto necessario per realizzare il servizio fotografico o il test fotografico, dagli abiti agli accessori. Concorda con il fotografo e con il responsabile dellagenzia un certo stile da seguire anche sulla base del colore dei capelli, della carnagione, degli occhi, proporzioni e modo di porsi del modello. HAUTE COUTURE: termine francese che significa alta moda, in inglese high fashion. Si tratta della moda sartoriale con abiti ricercati ed eleganti. Gli abiti prodotti non sono realizzati in maniera industriale, ma sono spesso prodotti su commissione per clienti di prestigio e personalit di tutto il mondo. PRT--PORTER: letteralmente significa moda pronta da indossare; il termine in questo caso francese, ma viene usato spesso anche in inglese ready-to-wear. Indica la collezione moda donna o uomo di tipo pi commerciale, di realizzazione non sartoriale, ma industriale. Per quanto si tratti

di capi di design e spesso di notevole fattura, frutto della creativit degli stilisti, sono capi pi commerciali, prodotti anche in serie e in tutte le taglie. LOCATION: termine solitamente usato dal personale delle agenzia di moda o dai fotografi per indicare il luogo dove avverr il servizio fotografico o pi in generale il lavoro della modella o del modello scelti dal cliente. SHOOTING: anche detto shoot una sessione fotografica in cui vengono realizzate pi pose. SHOW-ROOM: E' il luogo dove lo stilista di moda tiene le sue collezioni a disposizione del cliente. Mentre nel negozio classico la vendita affidata a personale esperto, nello show-room, oltre al personale che si occupa di ricevere e vendere i capi ai clienti, ci sono una o pi modelle o modelli ingaggiati per mostrare l'abito indossato al potenziale acquirente. Nello show-room si reca non solo il cliente privato, ma anche compratori che acquistano pi capi della collezione per rivenderli a loro volta.