Sei sulla pagina 1di 2

Prima guerra mondiale 

Due fazioni Triplice Alleanza e Triplice Intesa.


Cause e motivi→Rapporti deteriorati tra Germania, Inghilterra (concorrenza economica e
militare) e Francia (spirito di rivalsa per la guerra franco-prussiana e crisi marocchine),
polveriera balcanica (le due guerre balcaniche) e espansionismo austriaco.
28 giugno 1914→assassinio dell’erede al trono austriaco Francesco Ferdinando a Sarajevo
per mano serba.
28 luglio 1914→l’Austria dichiara guerra alla Serbia
TRIPLICE INTESA (Francia, Russia e Inghilterra)→Russia entra a fianco della Serbia
TRIPLICE ALLEANZA (Germania, Austria e Italia)
4 agosto 1914→invasione tedesca del Belgio fallita, entra in guerra l’Inghilterra.
Da guerra DI MOVIMENTO a guerra DI POSIZIONE→entra in guerra la Turchia a fianco
degli imperi centrali e il Giappone a fianco dell’Intesa (diventa guerra mondiale).
L’Italia si dichiara neutrale (2 agosto 1914).
26 aprile 1915→Patto di Londra→tra Sonnino e l’Intesa.
24 maggio 1915→Italia entra in guerra.
Formazione di un fronte ininterrotto dal Baltico all’Egeo.
Prime operazioni italiane sul fronte austriaco capitanate da Luigi Cadorna, le quali si
arrestano presso Gorizia.
Giugno-Dicembre 1915→Le battaglie dell'Isonzo danno risultati modesti
Battaglie di Verdun e la Somme si concludono senza vincitori né vinti→1916
guerra sottomarina→lanciata dalla Germania in risposta al blocco navale imposto da
Inghilterra e Francia.
maggio 1916→SPEDIZIONE PUNITIVA contro l’esercito italiano da parte degli austriaci.
9 agosto 1916→Governo Boselli dichiara guerra alla Germania dopo la conquista di Gorizia.
Opinione pubblica tedesca e austriaca orientata a cercare una via d’uscita dal conflitto.
Benedetto XV→propone all’Intesa di porre termine all’inutile strage→ma non viene accolto
da David Lloyd George.
le industrie vengono convertite verso la produzione bellica, i consumi alimentari razionati e i
prezzi sottoposti a rigidi controlli.
Le donne vengono impiegate nella produzione a causa della scarsità della manodopera
maschile - sorgono in tutti i paesi organismi di stato preposti a dirigere l’economia bellica.
si richiedono ai cittadini prestiti di guerra - nonostante la propaganda frequenti erano i
tentativi di ammutinamento e diserzione e manifestazioni di protesta e scioperi che
rivendicavano cibo e pace.
Fase finale della guerra→avviene la rivoluzione di febbraio, Nicola II abdica e i bolscevichi,
guidati da Lenin, stipulano con l’impero austro-ungarico e con la Germania l’armistizio di
Brest-Litovsk→si è trasformata in pace nel marzo 1918.
gli austriaci riescono a sfondare le linee italiane a Caporetto (23-24 ottobre 1917) tuttavia il
nuovo governo di Vittorio Emanuele Orlando con il nuovo comandante dell’esercito Armando
Diaz, riescono a fermare l’invasione straniera.
Aprile 1917→gli USA dichiarano guerra alla Germania, in nome anche degli ideali di libertà
del presidente Wilson.
Intervento Americano→fornisce all’intesa un notevole apporto di uomini e mezzi→Germania
e Austria sono messe in crisi, scatenando le ultime due fallimentari offensive.
Luglio 1918→tedeschi contro anglo-francesi nella seconda battaglia della Marna.
24 ottobre 1918→austriaci contro italiani sul Piave, seguita da controffensiva terminata con
la disfatta austriaca di Vittorio Veneto→firma dell’armistizio.
Novembre 1918→anche la Germania firma l’armistizio a Compiègne.
L’impero tedesco e quello austriaco si trasformano in repubbliche.
CONFERENZA DI PARIGI​→18 gennaio 1919→le quattro potenze vincitrici si scontrano sui
diversi orientamenti da adottare per la nuova sistemazione dell’Europa.
ORDINAMENTO DEMOCRATICO→espresso da Wilson, basato sui principi di
autodeterminazione dei popoli e di nazionalità→porta alla nascita della SOCIETÀ DELLE
NAZIONI (1919)
ORDINAMENTO DI FRANCIA E INGHILTERRA→intenzionate ad annientare la potenza
tedesca, trovò concreta attuazione nelle pesantissime clausole di pace imposte alla
Germania→​TRATTATO DI VERSAILLES​ (giugno 1919).
TRATTATO DI SAINT-GERMAIN​→Settembre 1919→dall’impero asburgico sorsero:
Austria, Ungheria, Cecoslovacchia e Iugoslavia. L’Italia ottenne il Trentino, l’Alto Adige,
l’Istria e l’alto bacino dell’Isonzo.
TRATTATO DI SÈVRES​→10 agosto 1920→dai territori appartenenti alla Russia, nascono la
Finlandia, l’Estonia, la Lettonia e la Lituania; la Turchia si trovò ridotta ad un piccolo stato e
privata dei territori arabi e della sovranità sugli stretti→REPUBBLICA TURCA.
Crollo dell’impero ottomano→Francia e Inghilterra si spartiscono il Medio Oriente, attraverso
la politica dei mandati.
FRANCIA→Siria e Libano
INGHILTERRA→Iraq, Transgiordania e Palestina
Questa divisione però non permise il progetto di costruire in Palestina una sede nazionale
ebraica→DICHIARAZIONE BALFOUR.
sorsero i numerosi paesi coloniali afroasiatici dei movimenti indipendentisti→investirono in
particolare l’impero coloniale britannico.
Inghilterra→concede l’autonomia agli stati del Commonwealth e l’indipendenza all’Egitto
(1922).
India→inizio della lotta per l’indipendenza, guidata da Gandhi e condotta attraverso il
principio della non-violenza.
impero coloniale francese→politica di assimilazione→totale integrazione delle colonie nelle
strutture della madrepatria.