Sei sulla pagina 1di 4

LA PRIMA GUERRA MONDIALE E LA RIVOLUZIONE RUSSA

Dalla met del 1800 la Germania ha un forte sviluppo industriale e militare A ci si accompagna l'esaltazione della razza germanica (Pangermanesimo*) Nasce un vasto impero coloniale tedesco L'Inghilterra, preoccupata, si allea con Francia e Russia: TRIPLICE INTESA Si contrappone alla Triplice alleanza (Austria, Italia e Germania) In Europa di sviluppa l'IRREDENTISMO= orientamento politico che voleva la restituzione dei territori legati ad una nazione per lingua, cultura ed etnia, ma politicamente soggetti ad un altro paese. La situazione era molto pericolosa nei Balcani: 1 - Bulgaria, Romania, Grecia e Serbia vogliono allontanare i Turchi. 2 - La Serbia vuole riunire in un unico stato nazionale panserbo i Serbi, i Bosniaci, gli Sloveni e i Croati che erano sottomessi all'Austria 3 L'Austria Voleva espandersi maggiormente 4 La Russia voleva uno sblocco sul Mediterraneo Il 28 giugno 1914 a Sarajevo (Bosnia) viene ucciso Francesco Ferdinando, principe ereditario austriaco, da uno studente serbo. L'Austria Dischiara guerra alla Serbia e il 28 luglio 1914 (L'assassinio era solo un pretesto) Austria Germania Contro Serbia Russia Francia

Il 4 agosto la Germania occupa il Belgio, che era neutrale. Austria Germania Turchia Bulgaria Contro Serbia Russia Francia Inghilterra Romania Giappone

L'Italia rimane neutrale perch la Triplice Alleanza era a scopo difensivo Fronte ovest: I tedeschi attaccano la Francia, vengono fermato a 40 Km da Parigi e spinti sul fiume Aisne

Qui si stabilizza il fronte e il conflitto si trasforma in guerra di posizione e trincea I Russi sono sconfitti dai Tedeschi ma poi Fronte est: fanno retrocedere gli Austriaci Anche qui si stabilizza il fronte e il conflitto si trasforma in guerra di posizione e trincea La guerra si combatteva anche in mare I tedeschi, con i sommergibili, colpiscono le navi da guerra. In Italia l'opinione pubblica era divisa: Neutralisti: Interventisti: Cattolici = la guerra contraria al Nazionalisti (D'Annunzio) = volevano un'Italia potente cristianesimo Irredentsti trentini = volevano la guerra contro l'Austira per Socialisti = la guerra danneggia operai e ottenenere Trento e Trieste, la Venezia Giulia e la Dalmazia contadini Socialisti rivoluzionari (Mussolini) = pensavano che la guerra potesse Liberali = l'Italia non preparata al dare il via ad una rivoluzione sociale conflitto

Il 26 aprile 1915 l'Italia firma segretamente il Patto di Londra secondo cui l'Italia doveva entrare in guerra entro 30 giorni.In cambio avr il Trentino, l'Istria, la Dalmazia, la Venezia Giulia e parte delle colonie tedesche in Africa. Il 24 maggio 1915 Il'Italia entra in guerra e dichiara decaduta la Triplice Alleanza. Con il generale Cadorna l'esercito occupa la parte sud del Trentino con quattro vittorie sul fiume Isonzo. Inizia per anche qui una guerra di posizione. Nel 1916 ci furono le battaglie di Verdun e delle Somme che provocarono delle stragi ma non portarono a risultati definitivi per la guerra. Intanto nei paesi mancava la manodopera cos le donne presero il posto degli uomini nelle fabbriche e iniziarono a prendere coscienza della propria importanza nella societ e quindi a lottare per avere gli stessi diritti degli uomini. Si diffonde la propaganda pacifista e molti soldati iniziano a disertare (abbandonano l'esercito) Sull'Isonzo gli Austriaci scatenano una controffensiva a Caporetto contro gli Italiani 23-24 ottobre 1917 (La Russia era uscita dal conflitto* vedi Rivoluzione Russa) Rioccupano il Friuli e parte del Veneto. L'esercito Italiano passa sotto il generale Diaz e si riorganizza lungo il fiume Piave. Nell'aprile 1917 gli Stati Uniti, con il presidente Wilson) entrano in guerra contro l'Austria e la Germania, a causa dell'affondamento del transatlantico Lousitania Per arginare la potenza tedesca Per non perdere il denaro prestato all'Intesa durante la guerra Per combattere i sottomarini che colpivano anche le navi civili Per accrescere il proprio potere politico Diaz riesce a sfondare la linea austrica a Vittorio Veneto nell' autunno del 1918 il 3 novembre l'Austria firma l'Armistizio a Padova L'11 novembre firma l'armistizio Il 12 l'Austria proclama la repubblica e l'Ungheria si dichiara repubblica indipendente

il 18 gennaio 1919 a Parigi ci fu la conferenza di pace con tutti i paesi vincitori (Vedi schema pag 94) Gli Stati Uniti (il presidente Wilson aveva scritto i 14 punti a cui la pace avrebbe dovuto ispirarsi) sostengono che i confini di uno Stato devono rispettare le nazionalit di un popolo (autodeterminazione dei popoli) Inghilterra e Francia = vogliono ottenere vantaggi territoriali e annientare la Germania Italia= vuole i territori del Trentino e la Dalmazia Viene fondata la Societ delle Nazioni, con sede a Ginevra per regolare le controversie internazionali dei popoli. Di fatto non aveva poteri ed ebbe solo un ruolo passivo. Dalla conferenza di pace scaturirono i trattati di pace: 1 Trattato di Versailles 1919= La Germania rinuncia all'impero coloniale
Cedeva l'Alsazia e la Lorena alla Francia Cedeva la Posnania e Alta Slesia alla Polonia Cedeva lo Schleswig alla Danimarca La citt di Danzica divena stato libero Doveva pagare i danni della guerra.

2 Trattato di Saint Germain = L'Austria cedeva all'Italia Istria, Trentino Alto Adige e parte del Friuli, ma non la citt di Fiume * ricordare la vittoria mutilata L'Impero Austro-Ungarico fu diviso in = Austria, Ungheria, Cecoslovacchia e Regno di Jugoslavia L'Albania fu riconosciuta indipendente A nord, sul Mar Baltico, nascevano: Finlandia, Estonia, Lettonia e Lituania La Turchia viene ridotta alla penisola anatolica e diventa repubblica Sira e Libano passano sotto l'influenza francese Palestina, Transgiordania e Iraq passano sotto l'influenza inglese.

LA RIVOLUZIONE RUSSA
In Russia, alla fine del 1800 ci fu uno sviluppo industriale grazie ai capitali stranieri e al protezionismo Ci fu uno sviluppo militare, ma il popolo viveva nella miseria. Nasce un profondo malcontento e nel 1894 lo zar Alessandro III fu ucciso Il suo successore Nicola II nel 1904-1905 fece guerra al Giappone e fu sconfitto Nel 1905 il popolo manifest a Pietrogrado, ma la guardia imperiale spar sulla folla uccidendo circa 1000 persone"domenica di sangue" Lo zar fu costretto a concedere delle riforme: 1. Concesse una costituzione che prevedeva una certa libert di parola, di stampa e di associazione 2. Dette vita alla prima assemblea rappresentativa Duma* (una specie di parlamento con funzioni consultive e non decisionali.) Il popolo continuava a protestare e allora nel 1906 lo zar sciolse la Duma e ne costitu una nuova formata da proprietari terrieri che appoggiavano il suo governo. Durante la guerra in Russia c'erano insofferenza verso la guerra ma anche verso lo zar (e il potere assolutista) I socialisti esprimevano il malcontento e si dividevano in: Bolscevichi = a favore della lotta per instaurare la dittatura del proletariato attraverso la rivoluzione il 23 febbraio 1917 (il nostro 8 marzo) a San Pietroburgo scoppi una grande sommossa contro la carestia I militari si uniscono agli insorti e la rivoluzione dilaga in tutta la Russia. Lo Zar Nicola II abdica. Si forma un governo provvisorio guidato dai menscevichi., ma il 24-25 ottobre (il nostro 9 novembre) c' una sommossa per formare un governo rivoluzionario. La rivoluzione di ottobre Questa guidata dalla Guardia Rossa (corpo armato di operai e soldati organizzato dai bolscevichi con a capo Lenin) Si forma un nuovo governo che ammette come unico partito quello bolscevico. Lenin fu eletto presidente affiancato da due collaboratori: Trotzkij e Stalin Il nuovo stato si basa sui Soviet, assemblee elette nelle fabbriche, nell'esercito e nei villaggi per difendere i diritti dei lavoratori. Lenin: 1- fece una riforma agraria: tolse la terra ai proprietari terrieri per darla ai contadini. 2 Inizia le trattative per uscire dalla guerra e nel marzo del 1918 firma la pace di Brest-Litovsk con Austria e Germania. L'Intesa riceve una brutto colpo con l'uscita dalla Russia dalla guerra. La Russia deve rinunciare alla Polonia, alla Lituania, ai territori del Baltico, a parte della Bielorussia e d autonomina a Finlandia e Ucraina, tutti territori importanti per la produzione agricola, industriale e del carbone. Menscevichi = a favore delle riforme pacifiche