Sei sulla pagina 1di 14

GLICOGENESI

La sintesi del glicogeno avviene in tutti i


tessuti animali ma soprattutto
nel fegato e nel muscolo
LA GLICOGENESI E’ UN PROCESSO ANABOLICO
quindi RICHIEDE ENERGIA per avvenire
(processo endoergonico)

L’ENERGIA LIBERA E’ FORNITA DALLA REAZIONE:

ATP ADP+ Pi ∆G = -30 KJ/mol


PRIMO STADIO: consumo di ATP
(glucosio + ATP → glucosio 6-fosfato + ADP)

Glucochinasi
(esochinasi)

Il punto di partenza della sintesi di glicogeno è il glucosio


6-fosfato, che deriva dal glucosio libero mediante
fosforilazione da parte dell’esochinasi (nel muscolo) o
della glucochinasi (nel fegato)
SECONDO STADIO: formazione del complesso UDP-
glucosio Il glucosio 6-fosfato viene convertito in glucosio
1-fosfato dalla fosfoglucomutasi
(glucosio 6-fosfato → glucosio 1-fosfato)

Il glucosio 1-fosfato viene convertito in UDP-


+ UTP glucosio, una forma attivata di glucosio, dalla
UDP-glucosio pirofosforilasi
(glucosio 1-fosfato + UTP → UDP-glucosio + Ppi)

pirofosfato
(Il pirofosfato viene rapidamente
idrolizzato da una pirofosfatasi)
UDP-glucosio
UDP = uridindifosfato
UTP = uridintrifosfato
TERZO STADIO: …….IL GLICOGENO
(L’UDP-glucosio è il donatore di unità di glucosio nella sintesi del glicogeno)

L’enzima glicogenina
unisce le prime due
molecole di glucosio

+ H
O

+ (Glucosio)n

glicogeno sinteasi

GLICOGENO
TERZO STADIO: …….IL GLICOGENO

• L’enzima glicogenina unisce le prime due unità di


glucosio

• La glicogeno sinteasi allunga le catene di glicogeno


esistenti

• L’enzima ramificante crea le ramificazioni


RIEPILOGANDO: UDP = uridindifosfato
UTP = uridintrifosfato
glucochinasi

UDP

(pirofosfato)

………GLICOGENO
IL GLICOGENO è un polimero
a catena ramificata

ramificazione

Catena principale

Le molecole di glucosio della catena principale sono unite da legami α -1,4


Le ramificazioni si uniscono alla catena principale con legami α-1,6
GLICOGENOLISI
la glicogenesi non è un processo completamente reversibile, quindi per
la trasformazione inversa (glicogenolisi)
L’enzima deramificante
con l’attività
transferasica trasferisce
le catene laterali (escluso
il glucosio legato con
legame α 1-6 glucosidico)
sulla catena principale

L’enzima deramificante
con l’attività 1-6
glucosidasica elimina il
glucosio ramificato legato
con legame α1-6
glucosidico
Infine la glicogeno fosforilasi scinde i legami α-1,4 glicosidici con
l’intervento del fosfato inorganico (Pi)
IL Glucosio-1 fosfato
può seguire due vie

Quando si libera nel


Quando si libera nel
fegato viene
muscolo entra nella
trasformato in glucosio
glicolisi e viene
e riversato nel sangue
utilizzato direttamente
GLUCONEOGENESI

La gluconeogenesi o neoglucogenesi
è un processo metabolico mediante il
quale, in caso di necessità dovuta ad una
carenza di glucosio nel flusso ematico, un
composto non glucidico viene convertito
in glucosio, seguendo sostanzialmente le
tappe inverse delle glicolisi
Solitamente, la carenza di glucosio
avviene durante il digiuno e quindi un
costante apporto di zuccheri è
necessario affinché il cervello possa
svolgere le proprie attività metaboliche.
La gluconeogenesi avviene nel momento in cui
il glucagone, ormone secreto dalle cellule α
del pancreas, colpisce dei recettori bersaglio

sugli epatociti sugli adipociti

La lipasi scinde i trigliceridi in


avviene la glicerolo ed acidi grassi;
gluconeogenesi
questi ultimi verranno
convertiti in acetilCoA
e inviati nei processi
catabolici per la produzione di
energia sotto forma di ATP
• REGOLAZIONE DELLA GLICOGENOSINTESI E
DELLA GLICOGENOLISI
• GLUCAGONE: Stimola la gluconeogenesi e la
demolizione del glicogeno a livello epatico
• INSULINA: stimola la glicolisi e la
glicogenosintesi al livello epatico
• ADRENALINA: stimola la demolizione del
glicogeno(fegato e muscolo) e la
gluconeogenesi (fegato):