Sei sulla pagina 1di 5

Un semplice esercizio per allenare la reattivit, la tecnica del tiro in porta e allo stesso tempo i portieri.

Si divide la squadra in due gruppi come in figura (ma si puo inserire anche un gruppo centrale), difronte a un triangolo di circa 1 metro per lato formato da dei paletti e il cui vertice dovr distare non pi di 5 mt dalla linea dellarea di rigore. Il giocatore dovr allungare la palla verso il vertice del triangolo, aggirare alla massima velocit lo stesso e andare alla conclusione di prima intenzione. La palla non dovr essere calciata al di l della linea dellarea di rigore; a discrezione dellallenatore ciascun gruppo potr eseguire il primo tocco di destro per poi calciare di sinistro o viceversa allungare il pallone di sinistro per concludere col piede opposto. Le varianti di preparazione ed esecuzione del tiro verso la porta sono molteplici. Si pu altres lasciare ai giocatori la facolt di esprimersi liberamente. Materiale occorrente: dai 6 ai 9 paletti, palloni. Durata dellesercizio: a discrezione dellallenatore e in base al numero dei giocatori.

Descrizione : ad una distanza di 20 metri dal portiere la rosa si divide a met In fila indiana con il tecnico in mezzo defilato dietro con numerosi palloni. Lesercizio consiste in un 1vs 1 al buio; il duello inizia quando i due giocatori davanti vedono il pallone che silenziosamente da dietro viene lanciato rasoterra dal tecnico. Valutazione: lesercizio contribuisce ad enfatizzare quei multi obiettivi inclusi nel gioco. la reazione motoria accelerazione (forza veloce) tattica individuale 1v1 esplosivit (il tiro).
____________________________________

Esecuzione dellesercizio: lallenatore lancia/posiziona un pallone al limite dellarea;


contemporaneamente i due giocatori (rosso e giallo) dovranno effettuare un cambio di direzione intorno ad un cono (scatto) e andare a contendersi il pallone (applicazione cognitiva). Vince chi riesce a fare gol nella porta (azione tecnica svolta con la massima rapidit esecutiva ).

Varianti: tipologia e distanza dei cambi di direzione, modalit di messa in gioco della palla
(alta, allultimo momento, ecc.), riduzione dime nsioni della porta, utilizzo di 2 porte (contrapposte), utilizzo di mete, ecc.

Attenzione: non unesercitazione per l1c1, ma per la rapidit, di conseguenza le varianti e i


volumi devono tenere in considerazione dei livelli di affaticamento e della durata dellesercitazione.

Si dispongono 3 porte di diversa misura una dentro laltra. Due file di giocatori poste come in figura davanti ad un ostacolo. Si effettua dapprima un passaggio sotto lostacolo per poi eseguire un balzo al di l di questo e in successione si effettua uno spostamento di palla laterale esterno per poi concludere a rete. Il gol ha diverso punteggio a seconda della porta centrata e in quale porzione di essa. Lobbiettivo principale quello di concludere nella porta pi grande ne lla sua porzione pi lontana (sul secondo palo).

Obbiettivi dellesercitazione
Tecnico: passaggio, tiro Coordinativo: capacit di valutazione spazio-temporale, capacit di orientamento, capacit di differenziazione, equilibrio monopodalico Condizionale: rapidit

Questa esercitazione, combina laspetto atletico dello sprint su distanze medio -brevi, con la funzione tecnica atta al miglioramento della trasmissione precisa del pallone e della susseguente ricezione. Cinque gruppi di giocatori si dispongono in altrettante postazioni; i palloni vengono sistemati nei pressi di uno dei due gruppi pi vicini alla bandierina del calcio dangolo come in figura. Il giocatore A passa la palla a B, curando la precisione e seguendone la traiettoria; a d intensit massimale va a sistemarsi in quel gruppo; B ricevuta palla consegna a C che eseguito larresto fa la stessa cosa verso il compagno D2 andando a sistemarsi nel gruppo di questultimo. D, controllato il pallone calibra il cross per laccorrente E che deve segnare. D va in E ed E si sistema nel gruppo A. Tempo consigliato per lesercizio: in base al numero di giocatori (non pi 3 per gruppo), ma comunque preferibile porre dei limiti di tempo: ad esempio 3 per lato e cambio della posizione dei palloni nella parte opposta al gruppo A (ovvero D).

Esercitazione finalizzata alla velocit di esecuzione dello sprint con aggiunta dellelemento segnale visivo chiamato da comando sonoro a curare laspetto psicocinetico. Si crea un quadrato 5x5mt con quattro bandierine colorate e un rombo con dei cinesini come in figura. I 4 gruppi di giocatori, in egual numero, si dispongono su ognuno dei 4 cinesini. Al comando vocale dellallenatore i due giocatori pi vicini al cinesino d el colore corrispondente eseguono uno sprint a raggiungere la fila del compagno opposto. Lallenatore eseguir il comando vocale ripetutamente per un tempo stabilito a seconda della quantit dei giocatori coinvolti. Occorre indicare di lasciare la bandierina sul proprio fianco dx o sx, onde evitare che i giocatori entrino in contatto.

Questo un semplice esercizio di psicocinetica, da svolgere in velocit e finalizzato a migliorare la capacit neuromuscolare dellatleta. Tre giocatori si dispongono allineati come in figura, in un primo tempo raggiungono il segnalatore al centro del quadrato. Al colore chiamato dallallenatore il giocatore centrale punta il cinesino corrispondente mentre gli altri due attaccano i due cinesini posti immediatamente a fianco. Variante: il giocatore centrale punta il cinesino opposto al colore chiamato. (Nellesempio in figura il giocatore centrale punterebbe il cinesino blu, mentre gli altri due giocatori i medesimi cinesini).

Unaltra pillola di psicocinetica per allenare la capacit dellatleta a prendere la decisione nel minor tempo possibile. Due giocatori per volta, raggiungono il cono centrale con varie forme di skip.

Al comando vocale dellallenatore essi raggiungono il cono del colore ch iamato rispetto a loro pi vicino, effettuando a seconda della sua posizione un cambio di senso, una virata o un cambio di direzione. Materiale occorrente: tre (o pi), coppie di delimitatori dello stesso colore + pi uno centrale (neutro).