Sei sulla pagina 1di 48

italia: 514954585150

www.gazzetta.it Lunedì 7 febbraio 2011 1e


Redazione di Milano Via Solferino 28 - Tel. 026339 Redazione di Roma Piazza Venezia 5 - Tel. 06688281 Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano Anno 115 - Numero 31

KUBICA CHOC
TENNIS FED CUP

Pennetta super
Liguria, si schianta al rally con la Schiavone
Rischia l’uso della mano E’ grand’Italia
Il pilota polacco di F.1 operato per oltre 7 ore Secco 4-1 alle australiane
Ci vorrà almeno un anno per la riabilitazione Ora semifinale: c’è la Russia
3 ALLIEVI, IANIERI E RANCATI ALLE PAGINE 32-33 3 MARTUCCI A PAGINA 37

L’INSEGUIMENTO LEONARDO IN UN MESE HA RECUPERATO 8 LUNGHEZZE

INTER A 5 STELLE
Segna 5 reti alla Roma, la lascia a 5 punti e arriva a - 5 dalla vetta
Partita bellissima (5-3). Eto’o
trascinatore: doppietta.
Nerazzurri terzi da soli e con
Il bacio di Eto’o a Thiago Motta
vale doppio: complimenti
per il gol alla Roma
MILAN STOP
una gara in meno. I giallorossi
e per la prima convocazione
in maglia azzurra INSIDE Illusione di Pato
in 10 lottano fino alla fine
3 SERVIZI DA PAGINA 2 A PAGINA 9
Poi che sprechi
Allegri: «Troppo leziosi sotto porta»
IL SEGNALE SCUDETTO 3 BOCCI, CECERE, DA RONCH, DELLA VALLE DA PAG. 10 A PAG. 13

di ALBERTO CERRUTI

Cinque gol in più per abbattere la resistenza


di una bella Roma. E cinque punti in meno
NAPOLI GO
per spaventare un Milan in affanno che
pareggia anche con il Genoa. Sono questi i
segnali scudetto attesi da Leonardo, che
Super Cavani
brinda alla settima vittoria in otto partite di
campionato, volando da solo al terzo posto,
con una gara da recuperare a Firenze.
Il sogno continua
Cesena k.o.: Mazzarri si avvicina a -3
L’ARTICOLO A PAGINA 22 3
3 MALFITANO E VERNAZZA ALLE PAGINE 14 E 15
IL ROMPI PALLONE NAZIONALE CONVOCAZIONI PER LA GERMANIA
di Gene Gnocchi

Problemi alla Juve per


Thiago Motta in azzurro
il rinnovo di Del Piero: con Matri e Giovinco
si è iscritto alla Fiom. 3 CECCHINI A PAGINA 12

IL CASO IL CAPITANO DEL PALERMO IN CRISI ALLA FINE DEL PRIMO TEMPO
È IN EDICOLA IL NUMERO DI FEBBRAIO
Miccoli, gol spaccacuore
Colpisce per la prima volta il suo Lecce e piange
Non riesce a rientrare: sostituito 3 CALVI E D’URSO PAGG.18-19
24 a GIORNATA
SERIE A
PARTITE CLASSIFICA
4 CALCIO INTERNAZIONALE
BOLOGNA-CATANIA 1-0 MILAN 49 FIORENTINA* 29
Kakà e doppio CR9
solo Volare € 5,00

BRESCIA-BARI 2-0 NAPOLI 46 BOLOGNA*** 29


INTER* 44 GENOA* 28
CAGLIARI-JUVENTUS
GENOA-MILAN
1-3
1-1
LAZIO 42 SAMPDORIA* 27
il Real a valanga
10 2 0 7>

PALERMO 40 PARMA 26
INTER-ROMA 5-3 UDINESE 40 LECCE 24
Volare + DVD € 11,90

LAZIO-CHIEVO 1-1 ROMA* 39 CATANIA 23 LA SFIDA INFINITA


A soli LECCE-PALERMO 2-4 JUVENTUS 38 BRESCIA 22 TRA MESSI E RONALDO
DOMANI SUL NUOVO
9 771120 506000

€ 6,90 NAPOLI-CESENA 2-0 CAGLIARI 32 CESENA 21

EXTRATIME
in più CHIEVO 31 BARI 14
PARMA-FIORENTINA 1-1
* Una partita in meno. *** Tre punti di
UDINESE-SAMPDORIA 2-0 penalizzazione e una partita in meno.

IL PIÙ POTENTE CACCIA MULTIRUOLO GAZZATEO RIVEDETE GOL E PERSONAGGI


LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
2 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA


IL FILM

3’ PRIMO TEMPO
Apre Sneijder L’Inter inizia a mille la gara, e Wesley
Sneijder, alla sua prima da titolare dopo l’infortunio,
segna il suo secondo gol consecutivo dopo Bari AP

MAGICA
INTER
Show a San Siro
Fa 5 gol alla Roma
e va a -5 dal Milan
Apre Sneijder, chiude Cambiasso e ai giallorossi
non bastano tre reti: 7 vittorie in 8 gare per Leo
LUIGI GARLANDO che i gol di Eto’o non finiscono no bastate le forze. Ranieri non come sempre; Pazzini offre pro- colare è perché le individualità l’olandese: un perno di classe
5 RIPRODUZIONE RISERVATA mai (doppietta, 15 in campio- può pescare in panchina Mili- fondità. Menez, Vucinic e Bor- offensive hanno sempre dato che accorcia la squadra (altro
nato); ha fatto vedere che con to. Alla prossima contro il Na- riello stanno invece molto vici- l’impressione di andare oltre le che il tridente di Bari...), un gio-
MILANO dEcco la «manita» di Le- un Pazzini in più (ieri pallido, poli l’occasione per rialzarsi. Al- ni e, appena ricevono palla, difese, come raramente acca- coliere cui affidare la palla nei
onardo: 5 gol alla Roma, 5 pun- ma si è procurato un rigore) la prossima l’Inter andrà a casa provano a trapanare la difesa de. E se l’Inter ha fatto fruttare momenti affannati, una mac-
ti ora dal Milan capolista che può permettersi di tenere un di una livida Juve. Tra una setti- con ricami corti e di prima. Il meglio il proprio tridente è an- china da assist, uno che trova
potrebbero diventare 2 dopo il Milito in panchina. E mancava- mana ne sapremo di più. tridente dell’Inter è un corpo in- che perché aveva tra i pali il Ju- spesso la porta. Un mancato
recupero di Firenze. Ma il mes- no Lucio, Stankovic... L’Inter serito nella manovra, di cui ha lio giusto. Pallone d’oro, appunto. Ranie-
saggio di sfida dell’Inter va ol- che insegue lo scudetto è tutta Tridenti Le due formazioni si bisogno; quello della Roma in- ri ha cercato di limitarlo chiu-
tre i numeri. L’esibizione di ieri questa cosa qui. E lo ha urlato specchiano e si smarcano nei vece fa repubblica a sé, attende Olandese La partita la sbilancia dendolo nella morsa di Perrot-
ha consacrato le credenziali da nel giorno in cui il Milan ha fre- tridenti offensivi. Quello di Leo- la consegna del pallone e co- Sneijder dopo soli tre minuti. ta (preferito a Taddei) e De
rimonta: ha dimostrato cosa nato di nuovo. La Roma, ag- nardo ha un raggio d’azione mincia a produrre per conto Riceve da Maicon e in un amen Rossi, sempre sotto ritmo. La
può portare Sneijder; cosa si- grappata al talento di Vucinic e molto più ampio: Sneijder tie- suo. Due modi diversi di attac- imbuca l’incrocio. Non basta la Roma però ha individuato subi-
gnifica aver ritrovato l’affidabi- alla forza orgogliosa di Borriel- ne il centro, ma orbita ovun- care, ma ugualmente efficaci. prodezza per spiegare cosa ha to la breccia per risalire: le zol-
lità di Julio Cesar; ha ribadito lo, ha tenuto testa finché le so- que; Eto’o sta largo a sinistra, Se la partita è stata tanto spetta- ritrovato l’Inter ritrovando le centrali davanti alla difesa
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
3

Julio Cesar trascina


la vecchia guardia
«Facciamo paura»
34’ PRIMO TEMPO 26’ SECONDO TEMPO
«In un mese è cambiato tutto, un segnale per chi è
Ci pensa il solito Eto’o Dopo il pareggio Sicurezza? Thiago Motta festeggia nel migliore dei
di Simplicio, Eto’o s’inventa il 2-1, aiutato nell’occasione modi la convocazione in Nazionale: il gol del 4-1, grazie
anche da un non impeccabile Julio Sergio AP ad una sponda di Eto’o, dopo una partita perfetta INSIDE davanti». E la moglie di Eto’o prevede la doppietta
ANDREA ELEFANTE ragione un’altra volta. Sua mo-
glie Georgette sentiva già pri-
INTER ROMA
5 3
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
ma della partita lo score del ma-
MILANO dIl nuovo che avanza, rito: «Vittoria Inter e doppietta
bagliori di vecchia Inter e la fac- di Samuel», aveva detto. E Sa-
GIUDIZIO 7777 cia ammiccante di Julio Cesar, muel sentiva già la scorsa esta-
MARCATORI Sneijder (I) al 3', Simplicio (R) al 13', Eto'o al 34' p.t.; Eto'o (I) su rig. la smorfia di chi non fa nomi te come sarebbe andata questa
al 18', al 26' T. Motta (I), Vucinic (R) al 31', Loria (R) al 36', Cambiasso (I) al 45' s.t. ma allude, altro che se allude: stagione. Come voleva che an-
«Quello di stasera è un segnale dasse: «Se non segno più di 25
(4-3-1-2) (4-3-1-2) a chi sta davanti: ora possiamo gol, non li conto neanche».
Julio Cesar; Maicon, Ranocchia, Julio Sergio; Cassetti, N. Burdisso, giocarci con loro lo scudetto. Beh, può farcela anche se allu-
Cordoba, J. Zanetti; Kharja, Thiago Juan, Riise; Perrotta (dal 22' s.t. In un mese è cambiato tutto: deva solo al campionato: con i
Motta, Cambiasso; Sneijder (dal 30' Taddei), De Rossi, Simplicio (dal 26'
dovevamo approfittare della si- due di ieri sera sono 15, sono
s.t. Nagatomo); Pazzini (dal 25' s.t. s.t. Greco); Menez (dal 19' s.t. Loria); 27 stagionali, e una volta urla-
Milito), Eto'o. Borriello, Vucinic. tuazione nel caso in cui chi ci
PANCHINA Doni, Castellini, Brighi, precede avesse perso punti e lo to in faccia alla telecamera
PANCHINA Castellazzi, Materazzi, Rosi. stiamo facendo. Ora il Milan «Yo, yo, Samuel Eto’o», una vol-
Obi, Coutinho, Pandev. ALLENATORE Ranieri. ta messo il secondo timbro di
ESPULSI Burdisso al 17' s.t. per fallo
ha paura di noi? Bisogna chie- La festa di Julio Cesar, 31 anni PLP
ALLENATORE Leonardo.
derlo a loro, ma secondo me un giornata, si è dedicato agli al-
da chiara occasione da rete. tri. A Thiago Motta, che aveva
AMMONITI Kharja per gioco AMMONITI Borriello, De Rossi per po’ preoccupati lo sono. Noi ci che gli ultimi frammenti del ri-
scorretto. gioco scorretto. una maglia azzurra da celebra-
siamo passati: prima in testa, cordo di quel 15 dicembre,
re.
poi tanti punti importanti per- quando ne bastò appena uno
ARBITRO Tagliavento di Terni. si. Beh, adesso succede a loro». per sentire dentro la coscia il ru- Il 13˚ socio Con il suo 4˚ gol in
more di un buco che si apre in campionato, e poi è arrivato il
NOTE Spettatori 62.344, incasso di 2.165.201 euro. In fuorigioco 3-1. Angoli 6-3.
Recuperi: 2 p.t.; 3' s.t.
La fretta di Wes Il nuovo che un muscolo: un sinistro come 5˚ per Cambiasso, perché nel-
avanza sono i 4 gol su 6 dei rin- un lampo, una frazione di se- l’allegra cooperativa del gol ne-
TIRI IN PORTA TIRI FUORI forzi invernali nelle ultime due condo fra il ricevere quel pallo- razzurra, che ha accolto ieri se-
partite prima di ieri sera. I vec- ne di Maicon e metterlo all’in- ra Sneijder, ovvero il suo 13˚
IIIIIIIIIIIII IIIIII IIIIII IIIIII chi bagliori sono i 5 gol su 5 di crocio. E più tardi un destro co- socio, c’è sempre un posto in
INTER 13 ROMA 6 INTER 6 ROMA 6 ieri segnati alla vecchia rivale me un laser, per far vedere la prima fila per i centrocampisti.
MOMENTI CHIAVE
Roma dalla vecchia guardia. A porta a Pazzini, il rosso a Bur- E anche per il brivido. Ancora
cominciare da Wesley disso, la doppietta a Eto’o. Julio Cesar: «Va sempre così
PRIMO TEMPO 2-1 SECONDO TEMPO Sneijder, che ha fretta come quando facciamo quattro gol,
c GOL! 3' Sneijder riceve da Maicon c GOL! 18' Rigore di Eto' per fallo uno che ha buttato del tempo Il pronostico di Georgette Ecco, va che poi ne prendiamo tre:
al limite, controlla e imbuca l'incrocio. di Burdisso su Pazzini, espulso. suo malgrado e adesso non ne appunto, Eto’o, che è vecchio e
c GOL! 13' Vucinic per Cassetti che crossa c GOL! 26' Cross, sponda di Eto'o, non so cosa succede». E a poste-
ha più da perdere. Trentatré nuovo assieme, perché l’anno riori, meno male quei tre balzi
45’ SECONDO TEMPO
basso, Simplicio brucia Maicon e mette dentro
in scivolata.
Motta di testa in rete.
c GOL! 31' Punizione di Riise, Vucinic devia. minuti ci aveva messo nel gior- scorso c’era già, ma faceva l’at- da gatto in fila nel primo tem-
Cambiasso chiude Dopo 16' Julio Cesar para a raffica su Menez c GOL! 36' Loria raccoglie su angolo no del ritorno a Bari per spezza- taccante operaio e non l’assassi- po, su Menez, Borriello e Me-
qualche minuto di paura, Esteban (2 volte) e Borriello. e calcia in rete. re un digiuno in campionato no di speranze (avversarie): nez: «Sono state parate impor-
Cambiasso fissa il 5-3 KINES c GOL! 34’ Eto'o converge da sinistra c GOL! 45' Cambiasso riceve da Milito lungo più di un anno. Ieri ne ha un gol e un assist Sneijder, due
e segna in diagonale. e chiude il conto. tanti per restare in piedi, den-
impiegati tre per scacciare an- gol e un assist Samu, per darsi tro la partita». Appunto.

dell’Inter, dove Thiago Motta tanti parate a raffica su Menez le fasce, sembrava ormai inca-
fatica. Leo lo vuole lì perché (2) e Borriello. Julio Sergio, pace di rispondere alle botte cartellino: giallo, non rosso, perché non c’è tocco di Thiago Motta
più defilato rischia di essere
preso in velocità dagli esterni
al galoppo, ma rinunciare alla
copertura centrale di Cambias-
che non ne ha bloccata una,
becca invece un gol di Eto’ affat-
to imparabile (34’) e il match
viene ferito a morte.
dei nerazzurri, che hanno tro-
vato un Motta in grande cre-
scendo e la luce costante di
Sneijder. La Roma ha rischiato
LA MOVIOLA
di Elisabetta Russo
2 a fianco, non vicinissimo, c’è
Cordoba, ma anche Julio Cesar può
intervenire. Menez si porta avanti la
palla con le mani prima di tirare verso
su Menez. 11’: Pazzini segna,
ma Di Liberatore ha sbandierato un
fuorigioco che sembra non esserci.
Rigore per l’Inter: lancio di Sneijder,
so sembra un sacrificio onero- Manchester, prima di sognare Ranocchia rischia Julio Cesar, nessun intervento. 37’: Burdisso stende Pazzini (in
so. É lì che bussa la Roma e pas- Bello Il colpo di grazia arriva al un’impresa in dieci, approfit- su Borriello assegnato angolo all’Inter, ma non c’è posizione regolare), giusto, come il
sa approfittando proprio di 18’ della ripresa, guarda caso tando del rilassamento dei ne- deviazione sul tiro di Eto’o. 38’: rosso al difensore. Il 4-1: sul colpo di
una palla persa da Motta che con un’idea di Sneijder che spa- razzurri. Cambiasso ha sigilla- Pazzini, rigore ok Kharja su Menez, pallone e gamba, testa di Eto’o, Thiago Motta è dietro
Cassetti rifinisce per Simplicio. lanca la porta a Pazzini. Burdis- to un 5-3, che tiene fede alla Tagliavento lascia correre, Tagliavento assegna il fallo la linea della palla. Giallo a De Rossi,
Qui si vive la fase più spettaco- so si sacrifica: rosso e rigore tradizione della sfida: 94 gol ma Borriello (7’) viene trattenuto da e lo ammonisce. Giallo per Borriello, da dietro su Thiago Motta, ok. Sul
lare del match: due pugili che timbrato da Eto’o. Ma al di là nelle 27 partite dal 2004-05 a Ranocchia mentre s’invola verso manata a Ranocchia. Ripresa: 5-3, Eto’o lotta con Taddei che fa sce-
si menano a centro ring. Al 16’ dell’episodio, la Roma, martel- oggi. Grazie a tutti per lo spetta- l’area di rigore, ci stavano fallo e punizione dal limite per la Roma, ma na, ma Tagliavento non ci casca.
Julio Cesar piazza tre sconfor- lata ai fianchi, poco efficace sul- colo. Una bella partita.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
4 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
5

SERIE A 24a GIORNATA


di FABIO LICARI
INTER SNEIJDER DECISIVO, MILITO SOLITARIO ROMA BORRIELLO LOTTATORE

7
Tiene in piedi
R 6,5
L’ALLENATORE
Leonardo
Si può discutere sui ruoli di
h 7,5
IL MIGLIORE
Eto’o
Due gol? L’assist? No, quel che è
6
Difesa lenta,
a6
L’ALLENATORE
Ranieri
Inserendo un attaccante accanto
h7
IL MIGLIORE
Vucinic
Da solo atterrisce la difesa: con più
la Roma con De Rossi
qualche Motta e Cambiasso: invertiti, sovrumano è il suo giocare per 90’ bloccato, in a Borriello, a un certo punto, collaborazione l’avrebbe spezzata.
errore, ma se probabilmente, l’Inter si sarebbe a tutto campo: terzino, mediano e dieci. Eppure avrebbe inguaiato la difesa Un po’ regista, un po’ punta
spinge non dà risparmiata qualche emozione. attaccante, stella e gregario. Chiave resta in gioco interista un po’ in affanno. Invece laterale, ispiratissimo, non perde
scampo Ma l’ha rimessa a nuovo. tattica con Mou e, ora, Leo. fino alla fine quell’attaccante non ce l’ha. un pallone. E il gol non è casuale.

7 6 6,5 6 6,5 6,5 6 6 5 5 5,5 6


Julio Cesar Maicon Ranocchia Cordoba Zanetti Kharja Julio Sergio Cassetti N. Burdisso Juan Riise Perrotta
Sarebbe da Anticipato da Comincia male Borriello è Alla fine lo vedi Al ritmo del 1˚ Male sul gol di Meno peggio Per un’ora tiene Ok la calma, ma Niente da fare Perde il duello
8 per il triplo Simplicio ricorrendo alle mobile, lui sradicare palla tempo gli Eto’o, insicuro, dei colleghi di a bada un quelli dell’Inter sulla con Cambiasso
miracolo su sull’1-1, riparte «cattive» su soffre. e ripartire, ma avrebbero fatto quasi reparto, assist Pazzini lontano entrano ed progressione di al quale
Menez-Borriel- macinando Borriello. Un paio Seguendo quando Vucinic l’antidoping spaventato, poi a Simplicio. parente di quello escono dall’area Eto’o, in più sul concede troppo
lo-Menez in due chilometri e di vuoti, poi Vucinic lo punta va un subito. Bella almeno tre L’asse Zanetti- che distrusse il mentre lui li binario c’è anche raggio d’azione.
secondi. Perde appoggi recupera e diventa rischierebbe di po’ in difficoltà sfida con miracoli su Cambiasso non Palermo. Poi lo aspetta invece quell’ossesso di Ma la consegna
qualche colpo nell’assalto alla importante per la farsi risucchiare anche lui. Però Simplicio e un Pazzini, Milito gli dà respiro. E perde: rigore, di tentare Kharja. Se mette doveva essere:
sugli assalti Roma. Non fa tenuta della fuori area. reagisce e dà gran lavoro che ed Eto’o. Ma il non sempre gol, espulsione. l’anticipo. E li la testa fuori, è difendere,
romanisti. sfracelli. difesa. Tanto mestiere. ordine. libera Sneijder. danno è fatto. Perrotta aiuta. E addio. perde. timido. difendere.

6,5 7 7,5 6 5 6 5 6,5 5,5 7 6 5,5


T. Motta Cambiasso Sneijder Pazzini Milito Nagatomo De Rossi Simplicio Menez Borriello Loria Taddei
Fuori fase per Centrale o Tre minuti e Meno grintoso Dentro per Un quarto Sotto ritmo, Scivola come un Partenza che Straordinario Impatto Dentro per
45’, in cui perde mezzala, non inventa un gol del debutto: Pazzini, sembra d’ora per poco filtro. Non ragazzino illude, poi vaga per come lotta, positivo. Perrotta, si
anche il pallone cambia: che indirizza la entra poco in ancora triste prendere azzarda la anticipando lontano dal protegge la palla Dentro per nota quando
dell’1-1, poi sale abnegazione, gara. Velocizza partita fino a e solitario. le misure alla profondità Maicon sull’1-1. cuore del e apre spazi, da Menez quando stramazza
in cattedra profondità e gol la manovra con quando non L’anno scorso fascia sinistra anche perché Non regge il ritmo gioco: quando solo, con Vucinic Burdisso nella sua area
gestendo con da attaccante lanci di prima, si procura il avrebbe preso e inventare preoccupato da di Kharja, ma non c’è, non quasi regista viene espulso, fingendo di
autorità tutti i aggiunto. In più, tagli, finte, rigore. Poi Julio palla e tirato, due incursioni Sneijder che tiene compatta la c'è. Finché offensivo. segna essere stato
momenti s’accentra per dribbling. Sergio gli nega il oggi si limita contro Cassetti sfreccia a mediana esce. Vucinic Sbaglia, ma è anche il 4-3 colpito da Eto’o.
difficili. E il gol. aiutare Motta. Decisivo. gol da un passo. ad aspettare. un po’ stanco. doppia velocità. (Greco 6) meritava altro. stanco. dell’illusione. E l’Inter segna.

TERNA ARBITRALE: TAGLIAVENTO 5,5 Piccoli errori (tantissimi), da un lato e dall’altro. Sono dettagli, è vero, ma ci sono. Vede bene però sulle decisioni chiave. Copelli 5,5; Di Liberatore 5,5

COME UN ANNO FA taccuino


Una pañolada UNDER 21
nerazzurra Destro infortunato
Arriva Giannetti
contro l’arbitro dMattia Destro si è arreso duran-
te Genoa-Milan. Niente Under 21,
quindi, per l’attaccante rossoblù
che ha accusato un guaio muscola-
re. Il commissario tecnico Ciro Fer-
rara, che già sabato sera ha radu-
nato i suoi per il difficile test con
l’Inghilterra di domani a Empoli, ha
chiamato lo juventino Niccolò Gian-
netti. Non arriva, invece, un sostitu-
MILANO (lu.tai.) Inter, to per il centrocampista senese
Tagliavento, febbraio, Marrone. La squadra resta, quindi
pañolada. Un film già visto con 19 elementi.
quando a San Siro dirige il
fischietto di Terni. Era il 20 PRIMAVERA
febbraio dell’anno scorso e i
nerazzurri affrontavano la Frenata dell’Inter
Sampdoria. Tagliavento mostrò Il Genoa scappa
il rosso a Samuel e poi ammonì dL’Inter, nel girone B del campio-
Cordoba. Mourinho s’inventò il nato Primavera, non riesce a tene-
famoso gesto delle manette e il re il ritmo indiavolato del Varese in
risultato fu che negli spogliatoi fuga (è a 39 punti) e viene fermata
finì anche il colombiano, dopo in casa dal Chievo sull’1-1: gol del
un fallo su Pozzi. Inter vantaggio nerazzurro con Jirasek
furibonda, tifosi pure. Dopo (I) al 20’, pareggio dei veneti con
l’ennesimo cartellino Djengoue al 24’ della ripresa. L’In-
(simulazione di Eto’o) sugli
ter resta seconda, a 6 punti dal pri-
spalti comparvero migliaia di
mo posto. Nel girone A vince anco-
fazzoletti bianchi. La versione
ra il Genoa, che batte il Piacenza
italiana della «pañolada», che
con un gol di Longhi al 20’ del se-
in Spagna però si fa per
condo tempo. Grazie a questo suc-
contestare la propria squadra
cesso i rossoblù restano in vetta
quando gioca male. Quella
partita finì 0-0 e dieci contro con 35 punti, 4 in più di Fiorentina e
nove, visto che fu espulso Juventus.
anche Pazzini, ora interista. Il
bilancio: 3 turni a Mou, 2 a SAMPDORIA
Cambiasso e Muntari (lite a fine Di Carlo rimane
gara), 1 a Samuel e Cordoba. fino al derby
Ieri la replica. Al 38’ Thiago
Motta perde un pallone a GENOVA dDue giorni di riposo
centrocampo, Menez s’invola in per la Sampdoria, che si ritroverà
contropiede inseguito da Kharja domani pomeriggio a Bogliasco.
che entra da dietro, prende il L’allenatore Di Carlo dovrebbe ri-
pallone. ma anche tanto Menez. manere in sella almeno fino al der-
Un’entrata a forbice che può by del 16 febbraio: già domenica,
valere il giallo, puntualmente però, contro il Bologna, il tecnico
mostrato da Tagliavento. Apriti dovrebbe recuperare Gastaldello
cielo. Anzi, apriti fazzoletto. e Poli. Tempi più lunghi, invece, per
Pozzi.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
6 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA


LUCA TAIDELLI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO d «Complemese» col


botto per Leonardo. Nona vitto-
ria su dieci da quando, giusto il
Leonardo: «Vedo solo NON SOLO FANTASIA
Kharja felice
«Che lavoro
6 gennaio scorso, si è seduto
sulla panchina dell’Inter. E
quella di ieri sulla Roma — la
settima su otto in campionato
— vale doppio perché arriva
il bello di questa Inter» in copertura»
MILANO (lu.tai.) A far festa negli
spogliatoi c’è anche Sulley
contro una rivale scudetto e so-
prattutto, considerando il recu- Il tecnico nerazzurro: «Milito ha risentito un fastidio alla coscia» Muntari. «Ho l’Inter nel cuore.
Sabato col Sunderland ho
pero con la Fiorentina, il 16 feb- perso, oggi (ieri, ndr) però
braio alle 18.30, porta i neraz-
zurri a un potenziale -2 dal Mi-
Il presidente Moratti: «La rimonta? C’è un entusiasmo pazzesco» abbiamo vinto». La partenza del
ghanese ha portato a Milano
lan. Quindi a un derby dal sor- tinui stop, diventa difficile tro- non giocasse da 50 giorni»), Houssine Kharja. E ieri il
passo. vare la giusta condizione. E a Eto’o («Uno dei più grandi e franco-algerino ha regalato la
lui manca solo quella». Un pro- completi attaccanti della sto- terza prestazione tutta
Gardaleo Leo dribbla i discorsi blema che impedirà al Principe ria»), Nagatomo («Ha fatto sostanza. «Sono davvero felice
sulla vetta, ma non può nascon- di rispondere alla convocazio- quello che gli avevo chiesto, è per la vittoria — spiega l’ex
dere la felicità. Gli manca solo ne in nazionale. molto propositivo») e Pazzini Genoa —, la Roma era una
lo zucchero filato. Per il resto («Altra ottima prestazione»). E concorrente diretta per lo
sembra un bambino appena Obiettivo scudetto Restano i alla fine GardaLeo parla anche scudetto. Bello spettacolo,
uscito da Gardaland. «Resto un tanti sorrisi. A cominciare dalle di scudetto: «È arrivato il segna- questo è il calcio che fa piacere
le che avevo chiesto alla vigilia, agli occhi. Peccato per la loro
brasiliano e il 5-3 è un risultato prove di Sneijder («Fantastico,
rimonta, abbiamo preso due gol
che mi piace. È vero che sul 4-1 ha corso tantissimo malgrado lo scudetto resta l’obiettivo fi-
su episodi, ma abbiamo giocato
ci siamo complicati la vita da nale, ma non è ancora tempo di
bene. Io ho lasciato andare di
soli, ma a me non interessa nul- guardare la classifica».
più Maicon, sono rimasto dietro
la e comunque abbiamo reagi- per evitare che loro
to alla grande. Abbiamo vinto LA NOVITÀ Moratti Chiusura per il presi- ripartissero in contropiede. Ho
una partita divertentissima in dente Massimo Moratti: «Il ri-
un campionato equilibrato in Velocità dei tiri sultato del Milan ha dato un
corso tantissimo e fatto un
lavoro di copertura, mi ha
cui le sorprese sono sempre die- rilevata in diretta po’ più di motivazioni. C’è un chiesto Leonardo di stare lì
tro l’angolo. Vincere 8 gare su entusiasmo pazzesco, ma resta- dietro, tutti conosciamo le
9 è una cosa da grande squa- no ancora tante sfide difficili. È qualità di Maicon. Ora pensiamo
dra, non riesco proprio a vede- stata una partita bellissima, la alla Juventus». Concetti
re le cose negative». Roma è molto forte, ma l’Inter condivisi da capitan Zanetti:
ha giocato come se non fosse «Vittoria pesante contro una
Problema Milito Che si chiama- scesa in campo giovedì. Com- grande squadra, ancora una
no Milito e reti subite: sono 13 plimenti a tutti. Mi sono diverti- volta abbiamo dato una grande
in 9 gare. «C’è stata un po’ di to molto. I nuovi? Molto bene, risposta. Il gol di Thiago ha
disattenzione sui calci piazzati Ieri a San Siro hanno meno male. Julio Cesar è un rimesso le cose a posto. Roma,
— ammette Leo — e i soliti rim- debuttato gli Speed Readers grandissimo campione, si di- Lazio, Napoli non sono tagliate
palli che ci puniscono. Milito in- di Sisal Match Point, sponsor verte mentre gioca, ha tanto en- fuori dalla lotta scudetto.
vece non si discute, anche se a dell’Inter. Attraverso i quattro tusiasmo ed è un grande portie- Sappiamo che se facciamo
fine gara ha avvertito un dolori- tabelloni i tifosi hanno potuto re. Ora vinciamo a Torino? bene possiamo arrivare in
no alla coscia sinistra che do- vedere le velocità dei tiri. Continuiamo così e vediamo fondo».
vremo valutare. Con questi con- Julio Cesar, 31 anni, para su Borriello poi si opporrà pure a Menez NEWPRESS che succede».
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
7
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
8 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24ª GIORNATA - IL DUELLO


Tanto Borriello
POSSESSO PALLA?
ROMA

50,5%
nella volata Partita vibrante a San Siro, battaglie
accese in tutte le zone del campo,
grandissima velocità e grandissima
intensità. Anche se in inferiorità
numerica nel finale della gara per

per l’azzurro l’espulsione di Burdisso, la Roma batte


l’Inter almeno per quanto riguarda il
possesso-palla: 50,5 contro 49,5. La
differenza è davvero minima e
testimonia che in campo c’è stato
Il romanista sfida Pazzini: in palio c’è un posto grande equilibrio.

in Nazionale. Marco è più in partita del rivale PALLONI TOCCATI?


MAICON

OO
ANDREA SCHIANCHI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dSfida azzurra, sfida tra centravanti, sfida


99
Non è una novità, ma il dato va
GIAMPAOLO PAZZINI MARCO BORRIELLO comunque sottolineato: Maicon è il
tra gente che ha il gol nel sangue: Pazzini con-
26 anni 28 anni tro Borriello. Gli occhi del c.t. Prandelli van- giocatore che tocca più volte il
attaccante attaccante no a seguire i suoi attaccanti, ogni movimen- pallone, 99. Ciò significa che l’Inter
to, ogni tocco, ogni tiro. C’è la partita contro appoggia spesso la sua manovra sul
MINUTI GIOCATI la Germania, mercoledì: il duello tra Pazzini settore destro del campo, dove opera
e Borriello vale una maglia azzurra. Numeri Maicon. Dai piedi del brasiliano
partono con frequenza cross e

72 95
alla mano, non c’è un vincitore: i due, anche
se in modo diverso, si sono fatti sentire, han- suggerimenti per i compagni: Sneijder
no inciso. riceve da Maicon il pallone per l’1-0.
TIRI IN PORTA
Colpo isolato Di Pazzini, è vero, si ricorda po-

1 2
co, soprattutto nel primo tempo. Ma quello PALLONI RECUPERATI?
scatto sul lancio di Sneijder, lo stop impecca- THIAGO MOTTA
bile e la protezione del pallone che induce
TIRI FUORI Burdisso al fallo da rigore (e conseguente
espulsione) sono tesori da conservare. D’ac-
10
1 0
cordo che l’ex attaccante della Samp
che non ha toccato molti palloni (sol- Piazzato davanti alla difesa, nella
tanto 26), d’accordo che si è fatto nota- classica posizione del centromediano
PALLONI TOCCATI re meno dello straripante Eto’o e, più metodista, Thiago Motta ha lavorato
in generale, del super-esordio contro moltissimi palloni: pronto a chiudere i
varchi vicino all’area interista e rapido

26 63
il Palermo una settimana fa, tutta-
via il colpo di Pazzini vale il 3-1 nell’impostare la manovra. Thiago
(rigore realizzato da Eto’o) Motta, fresco di convocazione nella
PALLONI PERSI e la possibilità di giocare Nazionale di Prandelli, ha dimostrato di
in superiorità numerica essere molto utile anche in fase di
copertura: ben 10 palle recuperate.

4 4
per mezz’ora. Mica poco.

Corsa e sacrificio Borriello è decisa-


PALLONI RECUPERATI mente più presente nella partita: tan- CONTRASTI VINTI?
tissimi i palloni toccati (63), tantissi- RANOCCHIA

1 4
me le corse e parecchio il lavoro di sa-

FALLI SUBITI
crificio per aiutare i compagni. Leonar-
do, a fine gara, dirà: «Borriello è il mi-
glior centravanti italiano». I due sono
amici, è vero, ma l’allenatore nerazzurro
4
In una serata con 8 gol si può dire un
po’ di tutto delle difese, ma se l’Inter è

1 1
non è lontano dalla verità. A Pazzini si deve
concedere un alibi: è arrivato all’Inter da po- riuscita a fare la differenza una parte
co, deve ancora entrare perfettamente nei del merito (oltre alle bellissime parate
IN FUORIGIOCO meccanismi della squadra e a questo fatto è di Julio Cesar) sta forse al centro, tra
probabilmente dovuta la poca partecipazio- Ranocchia e Thiago Motta che si
segnalano come i migliori nei recuperi:

1 0
ne durante la partita. Borriello, invece, della
Roma conosce ormai tutto, sa quello che de- 4 palloni a testa.
ve fare e i compagni si appoggiano a lui quan- Dall’altra parte è stato Cassetti a
do vogliono lanciarsi in avanti. riconquistare più palloni arrivando a 3.

Rivoluziona il tuo modo


di acquistare l’auto.

Nuova tua a partire da 6.650 euro.


E con Impegno Hyundai se non sei soddisfatto, puoi restituirla entro 30 giorni o 2.000 km*.
Gamma i10: consumo urbano/extraurbano/combinato (l/100 km) max: 7,2/4,9/5,8. Emissioni CO2 (g/km) max: 134.
Prezzo promozionale € 6.650 riferito a i10 1.1 Like abbinato a rottamazione. Grazie al contributo delle Concessionarie aderenti. Offerta valida fino al 28/02/2011.
*Soggetto alle condizioni del programma “IMPEGNO HYUNDAI” valido fino al 28 febbraio 2011 presso le Concessionarie aderenti. Tutti i dettagli presso la tua Concessionaria e sul sito www.impegnohyundai.it
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
9
#

SERIE A 24a GIORNATA


w
MASSIMO CECCHINI razzurri sono fisici, o li metti in

«Bella Roma 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO dNotte da San Siro. Di


quelle dal copione già scritto,
difficoltà con la velocità oppu-
re soccombi, proprio com’è suc-
cesso. Lo scudetto? Certo che
ora non è facile, ma finché ve-
diamo la luce non dobbiamo ar-
I NUMERI
L’ATTACCANTE
Borriello giura:
«Ranocchia
Lo scudetto?
perché — al di là del risultato

3
— per la Roma il duello con l’In- renderci. Noi non molliamo.
ter è rusticano e pieno di rab- Menez e Vucinic? Devono ac-
quistare la determinazione di
mi ha toccato»
bia, «rossi», ruggini mai sopite.
Non solo. Gli strascichi corrono Eto’o e Pazzini. Loro hanno al- espulsioni MILANO (a.cat.) A Marco
tre caratteristiche e io cerco di di Nicolas Borriello una cosa non è

Non molliamo»
il rischio allungare la loro om-
bra fino a sabato prossimo, vi- valorizzarle». Burdisso piaciuta: «Nel primo tempo
sto che l’espulsione di Nicolas in questo Ranocchia mi ha toccato, ve lo
Burdisso - unita alla concomi- Cambi determinanti La «lunghez- campionato. Le posso assicurare io che sono
za» dell’Inter, per l’allenatore, precedenti nell’1-5 uno che simula veramente
tante squalifica di Mexes (in at- poco. Non so se avrei preso la
stavolta è stata determinante. a Cagliari e nel
tesa del ricorso) - corrono il ri-
Ranieri «Non potevamo fare di più schio di far restare i giallorossi
col solo Juan come centrale di-
«Noi stiamo facendo buonissi-
me cose, ma ho detto che quan-
2-0 all’Udinese palla ma il tocco c'è stato. Un
cartellino per Ranocchia?
Questo non lo so, però vi si
ma il 2-1 ci ha tagliato le gambe» fensivo «titolare» contro il Na-

44
posso dire al 100% che il tocco
poli, costringendo Claudio Ra- c'è stato». Poi, frena: «Ma non
nieri, proprio come con i neraz- «Ci condannano gli ci attacchiamo a queste cose.
zurri, al ripescaggio di Loria. episodi, l’espulsione Magari se lo avesse ammonito
reti segnate
sarebbe stata una gara diversa
Carattere C’è qualcosa da salva-
ha cambiato le cose. dall’Inter che
per Ranocchia perché stasera
Se la nuova proprietà grazie alla
re? Tanto, a partire da quel ca- sull'uno contro uno spesso
cinquina alla
rattere che ha consentito alla volesse continuare Roma è diventata superavamo l'avversario.
Roma di restare in partita sino Sarebbe potuta diventare una
con me sarei felice» la squadra con il
partita difficile per lui».
alla fine, nonostante l’inferiori- migliore attacco
tà numerica. A Boston, a Miami in assoluto
e a San Francisco, cioè in tutti i Sorpresa «Who’s Loria?».
do l’Inter fa cambi mette tanta Collegato dal salotto dalla
posti degli Stati Uniti in cui cin- qualità. Senza Adriano e Totti Florida, mister DiBenedetto

7
que magnati avranno scrutato ci è mancato qualcosa. Peccato
con particolare attenzione la deve essersi chiesto che tipo
per l’assenza di Mexes. È il no- di strano e pazzo spettacolo
Roma, saranno rimasti soddi- stro giocatore più in forma, ma sia il calcio italiano. Uno sport
sfatti di vedere una squadra è un istintivo e ha la lingua lun- vittorie in cui un giocatore all’esordio
che sa usare la sciabola. ga. Dopo l’espulsione di Burdis- di Leonardo sulla stagionale segna pure. O
so (la 7ª per i giallorossi, ndr), panchina dell’Inter DiBenedetto deve aver
Ranieri: niente resa «Abbiamo in vista del Napoli non è una in campionato, in pensato di assistere a un
fatto una buonissima partita - buona notizia. Il "rosso" di sta- 8 partite. Il match di baseball. La squadra
dice Ranieri - poi gli episodi ci volta però è stato veniale. Pazzi- brasiliano ha di Ranieri si ritrova settima e
condannano, penso al gol subi- ni è stato bravo a stoppare e ta- perso solo a fuori dalla zona europea. Ma la
to a freddo e forse anche di più gliargli la strada, come deve fa- Udine 3-1 presidente pro tempore,
il secondo, poi l’espulsione ha re un attaccante. Cartellino giu- Rosella Sensi, urla: «Non
cambiato la partita. Quello che sto, ma il nervosismo non c’en- bisogna mollare, non bisogna
hanno fatto in dieci è stato gran- tra». Quindi, un appello alla buttare la stagione. Dobbiamo
de, onestamente non potevano nuova proprietà: «Continui a se- fare bella figura, anche per i
fare di più. Credo però che ci guirci. E se punterà su di me sa- nuovi proprietari».
Nel primo tempo il gol segnato da Fabio Simplicio, 31 anni, per il temporaneo 1-1 KINES sia mancata la continuità. I ne- rei contento».
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
10 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA


GENOA STAVOLTA EDUARDO C’È di NI. CE.

6,5
Esibizione «tosta». Pochi tiri ma una
buona manovra. Merita il punto.
R 6,5 L’ALLENATORE
Ballardini
Con un buon secondo tempo il suo Genoa merita
questo risultato che dà morale rimpinguando una
classifica che non rispecchia il valore della
squadra.
R 7 IL MIGLIORE
Milanetto
Lucidissimo in ogni tocco, signore del centrocampo
grazie alle capacità tecniche. Fa ripartire l’azione ed
è pronto a dare una mano in chiusura. Avrebbe
anche sul sinistro la palla buona, gliela rimpallano.

7 6 6,5 6,5 6,5 6,5 6,5 6,5 s.v. 7 5 6


Eduardo Mesto Dainelli Kaladze Criscito Konko Kucka Rossi Destro Floro Flores Palacio Paloschi
Stavolta Primo tempo di Il gol nasce da La partita della Puntuale in Un bel pistone, A volte tiene Dà un grosso Giusto il tempo Non fallisce Non brillante Entra in una
protagonista in sofferenza un suo rinvio rivincita contro chiusura si su e giù sulla troppo palla. apporto nella di girare a rete l’occasione sul piano della fase delicata
positivo. Ferma contro Robinho infelice, salva i compagni di propone anche fascia destra Ma fase di un cross (palla regalatagli dalla corsa e della con i suoi che
le conclusioni che agisce nella il 2-0 su tiro tante battaglie. per la fase di con lucidità e l’aggressività e contenimento, fuori) e rimedia buona sorte. reattività, è accusano la
ravvicinate di sua zona. Poi si di Pato e nella «Visto? Sono spinta e cede buona tecnica. la sua capacità opponendosi a un guaio È insidioso con l’anello debole fatica. Riceve
Flamini e Ibra prende qualche ripresa diventa ancora bravo» qualcosa a Ibra Insidia Abbiati di palleggio un Oddo. muscolare. due bordate da della catena di scarsa
con due uscite. soddisfazione. insuperabile. urla alla fine. sul piano fisico. (Rafinha s.v.). sono utilissime. Inesauribile. lontano. gioco rossoblù. assistenza.

Milan Pato e stoppato


Che sprechi con il Genoa: 1-1 e frenata
Ibra manda in gol il Papero, poi Floro Flores punisce gli errori sotto rete dei rossoneri, al 2˚ pari di fila
stro, infortunatosi. Né Palacio
GENOA MILAN né Paloschi sono riusciti a farsi

GIUDIZIO 777PRIMO TEMPO 1-1


1 1 largo tra Thiago Silva e Yepes.

Le cause Il Milan, superata sen-


za danni la fase di tampona-
MARCATORI Pato (M) al 29’, Floro Flores (G) al 46’ p.t. mento delle altrui manovre,
non ha saputo riemergere per
(4-4-2) (4-3-1-2) tre motivi: 1) Cassano è rima-
Eduardo; Mesto, Dainelli, Kaladze, Abbiati; Oddo, Thiago Silva, Yepes, sto avulso dal gioco, penalizza-
Criscito; Konko (dal 45’ s.t. Rafinha), Bonera; Gattuso, Van Bommel, to da una forma ancora preca-
Kucka, Milanetto, Rossi; Destro Flamini (dal 30’ s.t. Emanuelson);
(dal 15’ p.t. Palacio), Floro Flores Robinho (dal 18’ s.t. Cassano); Pato,
ria; 2) Van Bommel ha accusa-
(dal 25’ s.t. Paloschi). Ibrahimovic. to un calo dinamico, peraltro
PANCHINA Scarpi, Chico, Moretti, PANCHINA Roma, Sokratis,
comprensibile e giustificabile
Veloso. Jankulovski, Merkel, Seedorf. considerato il lungo periodo
ALLENATORE Ballardini. ALLENATORE Allegri.
di inattività; 3) Pato non ha
trovato guizzi pure per la man-
ESPULSI nessuno ESPULSI nessuno.
canza di aiuti dalle fasce e dal-
AMMONITI Konko per gioco AMMONITI Bonera, Thiago Silva, la mediana, e così la manovra
scorretto. Ibrahimovic per gioco scorretto.
di attacco si è risolta nel solito
ARBITRO Mazzoleni di Bergamo «Ibra pensaci tu». Lo svedeso-
NOTE paganti 4.776 per un incasso di 129.732 euro; abbonati 19.358 per una ne anche stavolta è stato prota-
quota di 258.839 euro. Angoli: 5-7. In fuorigioco: 6-6. Recuperi: 1’ p.t. e 3’ s.t. gonista in versione altruistica
POSSESSO PALLA PASSAGGI 29’ PRIMO TEMPO (due passaggi da rete, sul se-
condo Flamini viene rimpalla-
Pato non sbaglia Dopo un clamoroso errore di Robinho, il Milan va in vantaggio alla mezz’ora. Ibrahimovic pesca
Pato solo a due passi del portiere e il brasiliano non fallisce. Per i rossoneri le cose sembrano mettersi bene LINGRIA to dal portiere), ma quando ha
GENOA 42% MILAN 58% GENOA 369 MILAN 518 provato a sfondare (24’ s.t.)
ha trovato il redivivo Eduardo
TIRI IN PORTA TIRI FUORI
intenzionato a far dimenticare
III III IIIII IIIII le recenti papere: volo all’in-
GENOA 3 MILAN 3 GENOA 5 MILAN 5 crocio e il pareggio resta blin-
MOMENTI CHIAVE
dato.
PRIMO TEMPO 1-1 SECONDO TEMPO
Aiuti Dall’altra parte, Abbiati
9’ Robinho sbaglia il tiro da pochi passi 3’ Ibra mette Flamini davanti al portiere ma ha dovuto controllare solo un
ignorando Ibra al suo fianco. Eduardo in uscita ribatte il tiro.
29’ c GOL! Favoloso assist di Ibra per Pato 4’ Flamini smarca Robinho che tira fuori tentativo dalla distanza di
davanti a Eduardo: tocco elementare in rete. disturbato da Rossi. Konko. Il che significa che
46’ c GOL! Rinvio di Flamini, il pallone 24’ Eduardo sventa un colpo di testa di Ibra mentre l’assenza di Nesta (che
sbatte sullo stinco di Van Bommel e torna in destinato all’incrocio. resta grave, intendiamoci) è
area dove Floro Flores fa secco Abbiati. 3’ Tiro di Konko da lontano, para Abbiati.
stata comunque neutralizzata
dal rendimento confortante
DAL NOSTRO INVIATO si su splendida illuminazione del tandem Thiago Silva-Ye-
NICOLA CECERE di Ibrahimovic) poi non falli- pes, a centrocampo la formula
5 RIPRODUZIONE RISERVATA sci il raddoppio quando si pre- improntata sui tre mediani ha
senta l’occasione giusta. E in- bisogno di essere irrorata dal
GENOVA d Altra frenata: ora vece al Milan dice male per genio di Pirlo, dall’irruenza di
servono le idee di Pirlo e la for- due volte. La prima quando Boateng e magari dalla classe
za di Boateng per tenere a ba- Pato (33’) si fa stoppare da di Seedorf, ieri rimasto in pan-
da gli inseguitori. Sì, è un Mi- Dainelli il tiro da cinque me- ca. Sul piano tattico c’è stata
lan in difficoltà, ma non lo si tri; la seconda allorché lo stes- 46’ PRIMO TEMPO una eccellente interpretazio-
può definire un Milan in aper- so attaccante brasiliano (39’) Rimpallo decisivo Il Genoa acciuffa il pareggio allo scadere del primo tempo con un po’ di fortuna. Il pallone ne di Oddo che venendo spes-
ta crisi dopo aver visto con appoggia su Robinho (che è in rinviato da Flamini sbatte contro Van Bommel e arriva a Floro Flores che infila il portiere rossonero LIVERANI so in avanti ha permesso di
quanta naturalezza controlla fuorigioco) un contropiede non accusare l’uomo in meno
tutto il primo tempo, metten- tre contro uno senza accorger- perfetto lancio per Floro Flo- sempre affamato (di gol: se a centrocampo, peccato che
do più volte in difficoltà un Ge- si che c’è Ibra libero a sinistra res, il quale supera agevol- n’è mangiati un paio pure ie- poi sui cross il piede non sia
noa ben disposto alla lotta e in posizione regolare. Non so-
Uscito Robinho nella mente Abbiati. Il massimo del- ri..) Robinho, ecco che il rendi- stato così felice. Però con
deciso a fare risultato, che pe- lo il Milan spreca queste ghiot- ripresa, il Milan è la sfortuna... mento generale è calato e il Ge- l’esperienza di Oddo e la fre-
rò non riesce mai a creare grat- te opportunità per chiudere calato, con un noa ha avuto la sua parte di schezza atletica di Abate quel
tacapi alla difesa rossonera. con un 2-0 il suo periodo au- Cassano estraniato. L’affanno Nella valutazione gloria, minuti nei quali non ha ruolo è coperto (in attesa di
Una supremazia rossonera reo, ma va a beccare il pareg- complessiva del match emer- inquadrato pericolosamente Zambrotta). Il Genoa con que-
chiara nel gioco e nelle occa- gio a trenta secondi dal riposo A quel punto il Genoa ge comunque la netta sensa- la porta di Abbiati solo per ca- sto punto alla fine meritato ri-
sioni e in questi casi quando ti a causa di un rinvio difensivo ha provato il colpo zione di una capolista in affan- renze di giornata di un attacco prende fiato. E poi che soddi-
dice bene, dopo aver sblocca- che sbattendo sulla tibia di no perché nella ripresa, uscito che aveva dovuto fare a meno sfazione aver messo in un an-
to il risultato (Pato da due pas- Van Bommel si trasforma in al quarto d’ora il vivace ma in apertura del centravanti De- golo Cassano...
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
11

MILAN FLAMINI GIÙ DI TONO

6
Primo tempo dominato, quando
esce Robinho diventa prevedibile.
a 6 L’ALLENATORE
Allegri
Attende con impazienza il recupero
degli infortunati per tornare a quel gioco
ragionato che predilige. In mediana
adesso manca la luce.
R 7 IL MIGLIORE
Ibrahimovic
Premiamo il passaggio del gol a Pato, quel
pallone magicamente recapitato per il
tocco in rete. Poi suggerisce per Flamini
e viene fermato da Eduardo in extremis.
TERNA ARBITRALE
MAZZOLENI 6,5
Sbaglia solo ad
ammonire Ibra (non
c’è fallo). Cariolato
6,5; Manganelli 6,5.

6 6 6,5 6,5 6,5 6 6,5 5 6,5 6 5 5,5


Abbiati Oddo Thiago Silva Yepes Bonera Gattuso Van Bommel Flamini Robinho Pato Cassano Emanuelson
Un balzo per Interpreta bene Un recupero Altra prova A dispetto della Regge sul piano Bene per tutto Ibra lo mette a Fonte di gioco Non può Ha 30’ per Dovrebbe
alzare la la sfida sul da applausi autorevole, botta rimediata dinamico e il primo tempo, tu per tu con mostra i soliti sbagliare su lasciare il segno portare linfa in
staffilata di piano tattico, nel finale ormai si è da Kozak si caratteriale, distribuisce il Eduardo ma si limiti al tiro in quell’assist al nel suo derby mezzo al campo
Floro Flores da supportando il su Palacio. inserito alla presenta vispo evitando gioco con fa stoppare il due occasioni. bacio, sbaglia personale. ma commette
lontano, poi centrocampo. Prestazione perfezione. Non e scattante. eccessi: la precisione e tiro da 2 metri. Però quando lui nell’azione del Invece resta ai subito un
viene sollecitato Impreciso sugli di buon livello, fa rimpiangere Dalla sua parte fascia di tempismo. Cala Meno energico esce stremato possibile 2-0. margini. Manca errore e non si
solo da Konko. affondi. da difensore... Nesta. non si sfonda. capitano, aiuta. alla distanza. del solito. cala il buio. Ma è in ripresa. la forma fisica. riprende.

MARASSI BLINDATO

Denunciati
cinque tifosi
Cariche
della polizia

Cosimo Spagnolo con i fiori ANSA

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

GENOVA d(a.d.r.) Nessun feri-


to, ma nemmeno la pace annun-
ciata alla vigilia e richiesta da
tempo da Cosimo Spagnolo. Il
ritorno dei tifosi del Milan a Ge-
nova, 16 anni dopo la morte vio-
lenta del tifoso genoano Vincen-
zo Spagnolo, non è stato total-
mente indolore. Il quartiere di
Marassi è stato blindato, con un
nutrito servizio d'ordine che, po-
co prima del fischio d'inizio, ha
evitato lo scontro tra le due fa-
zioni. Alcuni sostenitori del Mi-
lan, infatti, non appena scesi
dai pullman che li hanno con-
dotti sul piazzale del Ferraris, si
sono arrampicati sulle cancella-
te ed hanno lanciato cori e fu-
mogeni all'indirizzo dei rosso-
blù. La reazione è stata imme-
diata, anche se, grazie al servi-
zio di sicurezza, e a qualche cari-
ca di alleggerimento, si è con-
cretizzata soltanto in un nutrito
lancio di oggetti, in particolare
bottiglie, pietre e petardi.

Anche un coltello Nelle opera-


zioni di prefiltraggio, eseguite
prima dell’avvio della sfida fuo-
ri dallo stadio, sono stati de-
nunciati cinque tifosi, quattro
del Milan e uno del Genoa, tut-
ti per possesso di fumogeni. So-
no inoltre state sequestrate
120 aste rigide per bandiere e
10 bengala. Nel piazzale riser-
vato ai milanisti, poi, è stata rin-
venuta pure una sacca conte-
nente materiale atto ad offen-
dere, in particolare vi sono sta-
te abbandonate, per evitare
guai ai controlli, pietre, benga-
la, torce illuminanti per bar-
che, bombe carta, lamette e pu-
re un coltello. Senza problemi,
invece, il deflusso dei tifosi a fi-
ne incontro.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
12 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA


GENOA
w LA CURIOSITÀ

Floro Flores I NUMERI Quell’esultanza


tutta brasiliana
«Dedico il mio gol dei rossoneri
a Eduardo» 7
le partite

Anche Ballardini parla del


portiere: «Meritava di essere
difeso». Poi: «Grande partita»
utili consecutive
in campionato
per il Milan (3
vittorie e 4 pari).
È la 2ª volta che
succede
V Troppo leziosi Giallo a Ibra a

Allegri
quest’anno parte, all’allenatore rossonero
non è piaciuto come la squadra
ha affrontato il secondo tem-


po: «Nel primo tempo abbiamo
creato parecchio e abbiamo an-
che avuto l’occasione di chiude-
pareggio re la partita, ma nella ripresa

«Noi troppo leziosi


tra i due abbiamo avuto fretta. Se avessi-
allenatori che si mo continuato come nella fase
sono affrontati finale del primo tempo, forse il
ieri per la sesta risultato sarebbe stato diverso.
volta, Ballardini Però ho apprezzato l’atteggia-

davanti alla porta»


è in vantaggio mento della squadra. Dopo il
per 3 vittorie a 2 gol subito ho temuto che potes-
simo disunirci, invece non è
Floro Flores festeggiato dai compagni dopo il gol MORINI successo anche se non abbia-

323
mo giocato al meglio». Di sicu-
ALESSIO DA RONCH
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
«Il Milan ha avuto tante occasioni, era una gara ro il Milan gioca meno bene ri-
spetto a qualche mese fa (colpa
i minuti anche della lunga lista di infor-
GENOVA dTutti per uno. Il Genoa trova finalmen-
te un gol da uno dei suoi nuovi acquisti, Floro
d’imbattibilità
della porta del
da vincere. Ma non sono affatto preoccupato» tunati: sabato con il Parma do-
vrebbe rientrare Pirlo, Antoni-
Flores, conquista un bel punto contro il Milan e Milan. L’ultimo a DAL NOSTRO INVIATO ni ha un fastidio all’adduttore
dedica il tutto al suo portiere Eduardo, tornato far gol contro i FABIANA DELLA VALLE ma è recuperabile) e fa fatica a
protagonista in positivo dopo l’errore di Firenze: rossoneri era 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
chiudere le partite: a volte la
«Il mio gol è per lui - annuncia felice Floro Flores stato Olivera qualità degli attaccanti rosso-
- che ha saputo risollevarsi in un momento così il 16 gennaio GENOVA dMassimiliano Allegri
neri fa a cazzotti con la cattive-
difficile». Il sostegno arriva pure da Kaladze e, è un tipo imperturbabile e al ria sotto porta. «Forse siamo
soprattutto, da Ballardini, che dedica all’estre- momento l’aggettivo «preoccu- stati troppo leziosi lì davanti -
pato» non rientra nel suo voca- ammette Allegri -, quando le co-
mo difensore, autore di due belle parate, un pen-
bolario. «Non sono preoccupa- se sembrano facili ci culliamo e
siero speciale: «Sì, è vero, ho difeso Eduardo e
non affondiamo il colpo. Ho so-
sono contento di averlo fatto. Lavorando sul cam- to. Certo, potevamo avere qual-
stituito Robinho perché era
po conosci bene le qualità professionali e umane che punto in più. Ma in un cam-
stanco, ha avuto 2-3 palle-gol
dei giocatori e lui, per come si impegna e per pionato così lungo ci sono alti e che in altre situazioni avrebbe
come vive in maniera totale questa sua apparte- bassi». Però alcuni pugni sferra- sfruttato in modo diverso. Pato
nenza alla squadra, merita di essere difeso». Eduardo, 28 ti alla panchina nei momenti di ha segnato e poteva mandare
anni, portiere maggiore tensione (reazione in gol Ibrahimovic, ma ha fatto
Genoa da corsa Davanti ad Eduardo, naturalmen- del Genoa insolita per uno che è sempre la scelta sbagliata, però se n’è
te c’è di più. E Ballardini inizia a godersi il suo PEGASO molto misurato) suggeriscono subito reso conto».
nuovo Genoa: «Abbiamo disputato una grande che di sicuro c’è rabbia, perché
partita. Sul gol Eduardo aveva chiamato la palla, il Milan ha lasciato altri due Tabella scudetto E Cassano, che
ma Dainelli non l’ha sentito, cose che capitano, punti a Genova (come era già era stato l’arma in più a Caglia-
ma noi abbiamo reagito, cercando il gol. Siamo successo con la Sampdoria) e ri e contro l’Udinese, stavolta
stati in campo nella maniera giusta, con determi- perché il solco che divideva i non è riuscito a incidere: dopo
nazione e rabbia, facendo pressing, alzando il rit- rossoneri dalle inseguitrici si un mese e mezzo in rossonero
mo. Queste devono essere sempre le nostre carat- sta assottigliando. non è ancora al top della condi-
teristiche. Dobbiamo naturalmente migliorare zione. «É un momento di riget-
ancora». Arbitri contro Allegri si è arrab- to, ha fatto bene le prime parti-
biato molto per il giallo che Massimiliano Allegri, 43 anni, sbuffa: i suoi non trovano il gol vittoria ANSA te, ma è ancora indietro. Pur-
Finalmente Antonelli Non ha avuto fortuna la sua Mazzoleni ha sventolato in fac- troppo abbiamo giocato ogni
mossa a sorpresa: Destro, schierato al posto di cia a Ibrahimovic dopo l’inter- faccia scura, l’a.d. ha salutato i tre giorni e per forza di cose ha
Palacio,si è infortunato dopo pochi minuti. «Pur- vento su Kucka (da lì è nato il giornalisti con un «no com- lavorato di meno. Ma sta facen-
troppo ha sentito tirare dietro la coscia e rischia pari del Genoa). «L’ammonizio-
Galliani e Braida
ment», ma la sensazione è che i do il massimo». Meno di una
di essersi procurato una lesione importante. Lo ne è giusta perché Zlatan ha sono andati via rossoneri (che si erano già la- settimana fa Allegri aveva par-
perderemo per un po’. Lo avevo messo in cam- protestato, ma forse non c’era scuri in volto, con mentati per l’espulsione di Van lato di 11 vittorie in 16 partite
po perché è fresco e si è allenato bene, mentre fallo e andare a riposo sull’1-0 l’a.d. che ha liquidato per vincere lo scudetto. Adesso
Palacio mi era apparso un po’ stanco. Quest’ul- sarebbe stato meglio», ha mini- Bommel a Catania e i ripetuti
le partite a disposizione sono
timo, comunque, si riprenderà in fretta e Palo- mizzato a fine gara. Però quel- i giornalisti con un falli di Kozak, non sanzionati, diventate 14 e Allegri sa che do-
schi ha dimostrato di poter diventare un ele- l’episodio ha fatto imbestialire secco «no comment» contro la Lazio) ultimamente po due pareggi consecutivi è
mento importante della squadra. In più allenatore e società. Braida e si sentano penalizzati dalla fondamentale ricominciare a
ora avremo anche Antonelli». Galliani sono andati via con la classe arbitrale. vincere.

NAZIONALE TRE NOVITÀ IN VISTA DELL’AMICHEVOLE CON LA GERMANIA. E DOPO AMAURI E LEDESMA, PRANDELLI CONVOCA L’ITALO-BRASILIANO DELL’INTER

Nuova Italia: Giovinco con Matri e Motta I CONVOCATI


Si gioca
sua gestione Gigi Buffon - al bera. Il problema? Alcuni anni mentre Astori continua ad esse-
A Coverciano rientro dopo il Mondiale - ed è fa il centrocampista aveva par- re sotto osservazione. mercoledì
si rivedono anche pronto ad affidargli la fascia di tecipato alla Gold Cup con la a Dortmund
capitano, mettendolo in «pole» maglia del Brasile, che però Ricordi «mondiali» La Nazionale
Buffon e Cassano. davanti a Viviano e Sirigu. aveva giocato con una selezio- si radunerà oggi alle 12.30 per MILANO Questi i 23 convocati
Reinserito nel gruppo anche ne Under 23. Impressioni? Otti- poi svolgere allenamento nel dal c.t. Cesare Prandelli per
Gilardino resta fuori Antonio Cassano, che con l’ap- mismo spinto, visto che il pla- pomeriggio. Mercoledì alle 20. l’amichevole di mercoledì a
Dortmund contro la Germania
prodo al Milan ha ritrovato il cet è atteso per oggi. 50 ci sarà il calcio d’inizio del (ore 20.50, diretta tv su Rai1).
MASSIMO CECCHINI calcio giocato più che parlato. match e quindi il ritorno nottur- Portieri: Buffon, Sirigu, Viviano.
5 RIPRODUZIONE RISERVATA Fuori Gila In attacco, con l’in- no in charter. Memorandum Difensori: Astori, Bonucci,
Thiago e Giovinco Nell’elenco gresso di Matri, trovano spazio per i malati di nostalgia: pro- Cassani, Criscito, Chiellini,
MILANO dA volte ritornano, a dei convocati diramato ieri il Borriello, Pazzini e Giuseppe prio a Dortmund nel 2006 si Maggio, Ranocchia.
volte invece si affacciano per la c.t. ha dato spazio anche a volti Rossi, mentre il sacrificato di giocò la semifinale mondiale Centrocampisti: Aquilani, De
prima volta. L’Hotel Italia apre nuovi. Largo a Sebastian Gio- turno è Gilardino. In mediana che ci aprì le porte di Berlino Rossi, Giovinco, Mauri,
le porte a volti noti e «new en- vinco, Alessandro Matri e al- tocca ad Aquilani, De Rossi, (2-0 alla Germania con gol di Montolivo, T. Motta, Nocerino,
Palombo.
try», cercando quel mix che ci l’oriundo Thiago Motta, la cui Montolivo, Palombo e Mauri, Grosso e Del Piero). Di quel
Attaccanti: Borriello, Cassano,
apra le porte dell’Europeo e del famiglia affonda le radici nel con Cassani, Maggio, Criscito e gruppo sono rimasti solo Buf- Matri, Pazzini, Rossi.
Mondiale. In vista del match Polesine. Com’è noto, quella Nocerino pronti a occuparsi fon e De Rossi (quella sera Nella Germania non ci sarà
con la Germania di mercoledì a dell’interista è una convocazio- delle fasce. In difesa conferma squalificato). Un modo per sot- l’infortunato Gomez, tolto ieri dai
Dortmund, Cesare Prandelli ab- ne ancora «sub judice» in atte- per Ranocchia al fianco dei col- tolineare che c’è bisogno di fu- convocati.
braccia per la prima volta nella sa che la Fifa dia l’atteso via li- laudati Chiellini e Bonucci, turo. Thiago Motta, 28 anni ANSA
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
13

Pato dopo il
gol festeggia
con una
caduta
brasiliana che
coinvolge
anche Robinho
e Thiago Silva.
Flamini li
osserva
divertito
BOZZANI

lità della squadra sono diminui- Occasioni Con o senza Pato e i

Questo Milan non perde, te. Senza Boateng e ora senza


Ambrosini non si può avere il
pieno di energia.
suoi gol, il Milan soffre. Ha pa-
reggiato nelle ultime quattro
partite giocate dal brasiliano
da titolare, eppure la sua me-
dia gol è stratosferica. Quanto

ma che fatica segnare!


Numeri C'è il doppio palo di
Ibra contro la Lazio, c'è la ca- a Ibra, nel 2011 ha segnato 4
volte e ha incrementato il nu-
rambola su Van Bommel che ie- mero di assist, anche a Pato. I
ri ha punito Abbiati. Episodi due non saranno assortiti benis-
che portano o tolgono punti, simo, ma lo svedese ha regala-
ma l'impressione di una frena- to a Pato quattro palloni perfet-
Nel nuovo anno i rossoneri fanno meno gol e subiscono di più. ta nel gioco e di un malessere
nello spirito resta. Le cifre ap-
ti. Due li ha riservati a Ro-
binho, uno a Flamini, due a
L’avvicinamento dei nerazzurri toglie alla squadra sicurezza? parentemente aiutano poco: il
Milan aveva tre punti sul Napo-
Boateng. In questo campiona-
to gli assist di Zlatan sono 9 e le
li all'inizio dell'anno e tre punti reti 13. Milan Ibra-dipendente,
DAL NOSTRO INVIATO Milan vuole ammettere di esse-
ALESSANDRA BOCCI restano. La Lazio si è allontana- si dice. Ma era Ibra-dipendente
re preoccupato. Bonera ha fat- anche quando staccava l'Inter
5 RIPRODUZIONE RISERVATA to la trottola in ogni posizione ta, la Roma pure. Ma c'è una
squadra che viaggia ed è il ma- in classifica. Ora però la media
della difesa, un po' come i cen- gol di Ibra è addirittura miglio-
GENOVA dUn segno sui pali di trocampisti che entrano e esco- le oscuro del Milan: si chiama
Inter e la sua rinascita toglie ai rata, mentre tutti gli altri indi-
San Siro, uno sullo stinco di no e viaggiano fra campo e in- catori sono in peggioramento:
Van Bommel. Segni che rischia- fermeria come tanti trasformi- rossoneri parte della sicurezza
ritrovata. Gattuso se n'è accor- il Milan segna di meno (1,571
no di diventare tatuaggi sulla sti impazziti. «In questo perio- gol a partita contro 1,705 del
pelle del Milan. «Dovevamo es- do non abbiamo quasi mai gio- to subito: «Se si continua così
2010), subisce un po' più gol
sere più lucidi, ma forse il fatto cato con lo stesso centrocam- l'Inter ci può riprendere», ha (0,857 contro 0,764) e fa me-
di aver subito il pareggio nel fi- po, ma l'atteggiamento della detto qualche settimana fa. no punti. Erano 2,118 a parti-
nale del primo tempo ci ha un squadra mi piace. La squadra Una preoccupazione che si è ta, ora sono 1,857. Sembrereb-
po' innervosito». Daniele Bone- ha sempre capito che cosa fa- diffusa, perché i numeri non so- be tutto lapalissiano, ma in que-
ra ha la faccia stanca di uno che re», ha detto Allegri prima del- no malissimo (il Milan resta in sto campionato di occasioni
gira, soffre e prende pure i pu- la trasferta di ieri. Ma il gioco serie positiva da 7 partite), ma perdute non lo è. «Non sono af-
gni. Ha un occhio viola e l'umo- ne ha risentito. Senza Pirlo e il confronto con l'Inter in risali- fatto preoccupato», è il mantra
re solo un po' più chiaro, per- con Seedorf prima affaticato e ta non può lasciare tranquillo di Allegri. Ma nelle teste dei
ché ufficialmente nessuno al poi infortunato le scorte di qua- Alexadre Pato, 21 anni, a sinistra, e Zlatan Ibrahimovic, 29 NEWPRESS nessun milanista. suoi il tarlo resta.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
14
#
LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA

FATE LARGO
NAPOLI A -3
È sempre Cavani
poi gol-fantasma
e sigillo di Sosa
L’uruguaiano col Cesena a quota 18. Non vista
una rete regolare di Maggio. Il Milan è più vicino

DAL NOSTRO INVIATO ché Edinson Cavani è oggi l’at- 35enne Cristiano Lucarelli. in De Laurentiis il primo acqui- chiuso con quattro attaccanti
SEBASTIANO VERNAZZA taccante più forte del campio- Perché la circolazione della sto da mettere in agenda sareb- (Bogdani, Budan, Jimenez e
5 RIPRODUZIONE RISERVATA nato: fa gol e partecipa come palla in mediana non è gran-
Contava cancellare be quello di un tipo alla Xabi Rosina), ma non è la somma
pochi altri bomber al recupero ché: Gargano e Yebda contro il la sconfitta con il Alonso, ma è soltanto il nostro che fa il totale, si potrebbe dire
NAPOLI dMeno tre dal Milan e del pallone. Perché la fase di- Cesena non hanno brillato per Chievo e il Napoli l’ha punto di vista). Perché il ri- parafrasando Totò, il più napo-
Edinson Cavani a quota 18 fensiva rasenta la perfezione, pulizia del passaggio, e Pazien- fatto con cinismo: al schio appagamento è alto, a un letano dei napoletani. Quattro
gol, sempre più capocannonie- è difficile che ci siano buchi za — ieri fuori per squalifica — certo punto ci si potrebbe «ac- attaccanti e la miseria di una
re. Napoli deve crederci. A che nella recinzione: ieri con la di- non ha piedi delicati, però for- Cesena non è stato contentare» di andare in Cham- palla gol, sciupata da Bogda-
cosa? Allo scudetto. Qui, nella fesa B — Cribari e Santacroce se è stato Mazzarri a scegliere permesso di far nulla pions, che sarebbe lo stesso un ni. Cesena spento, quasi rasse-
città della scaramanzia, la pa- al posto dei titolari Cannavaro di fondare la squadra su un risultato eccezionale. gnato. Fallito (per ora) l’inne-
rolina magica non la pronun- e Campagnaro — al Cesena è centrocampo di accalappiatori sto di Santon: i due gol del Na-
cia nessuno perché nominarla stata concessa una sola pal- e non di costruttori (se fossimo Cesena spuntato Il Cesena ha poli sono sgorgati dal suo lato,
potrebbe portare iella, ma i nu- la-gol a Bogdani, verso la fine.
meri sono chiari. L’anti-Milan Perché gli esterni attaccano e
del momento è il Napoli e lune- difendono, secondo necessità:
NAPOLI 2
dì 28 febbraio, notte del con-
fronto diretto a San Siro, ne sa-
premo di più. La partita col Ce-
sena va presa per quella che è,
Maggio ha servito a Cavani
l’assist dell’1-0 e si è visto an-
nullare un gol regolare (para-
ta di Antonioli oltre la linea),
CESENA 0
LA MOVIOLA
di Francesco Ceniti
2
una tappa di avvicinamento al ma tra un’incursione e l’altra
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORI Cavani 13’ p.t.; Sosa 46’ Dubbi di fuorigioco sul 2-0
grande sogno. Non è stata una si è dedicato alla devitalizza- s.t.
vittoria epica. Un gol di Cava- zione del fastidioso Giaccheri- NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis; Santa- La notizia positiva è che il gol di Maggio non visto
ni all’inizio, un altro di José ni. Perché Mazzarri azzecca i croce, Cribari, Aronica; Maggio, Gar- dall’assistente Pugiotto non è stato determinante
gano, Yebda, Zuniga (dal 40’ s.t. Dos-
«El Principito» Sosa alla fine, cambi: ha tolto Hamsik e La- sena); Hamsik (dal 29’ s.t. Mascara),
per il risultato. Resta, però, il problema
più uno di Maggio (a inizio ri- vezzi, ha inserito Mascara e So- Lavezzi (dal 45’ s.t. Sosa); Cavani. PAN- dell’enorme divario tra l’occhio umano e la
presa) non visto dal guardali- sa e questi ultimi due l’hanno CHINA Iezzo, Campagnaro, Cannava- tecnologia. Al primo replay utile, infatti, è stato
nee e non convalidato. Poco al- ripagato con l'azione del 2-0, ro, C. Lucarelli ALL. Mazzarri chiaro a tutti che la respinta di Antonioli era
tro è successo, ma contava can- assist dell'ex del Catania e rete CESENA (4-3-2-1) Antonioli; Dellafio- avvenuta nettamente al di là linea. Chiaro a tutti,
cellare la sconfitta di Verona dell'argentino. Perché l’entu- re, Pellegrino, Von Bergen, Santon; tranne alla quaterna arbitrale che ha preso la
col Chievo e il Napoli l’ha fatto siasmo del San Paolo è un pa- Caserta (dall’8’ s.t. Sammarco), Coluc- decisione (sbagliata) in un secondo e senza tv.
ci, Parolo (dal 36’ s.t. Rosina); Jime-
con cinismo: al Cesena non è trimonio, rappresenta sul se- nez, Giaccherini (dal 26’ s.t. Budan); Il 5 marzo l’Ifab potrebbe aprire alla tecnologia
stato permesso di dire bah. Si rio il dodicesimo uomo: un Bogdani. PANCHINA Calderoni, Felipe, proprio sul gol-non-gol. L’episodio incriminato
doveva vincere e si è vinto. Il pubblico così non ce l’ha nessu- Ceccarelli, Appiah. ALL. Ficcadenti arriva al 3’ della ripresa: cross di Zuniga, testa di
resto è fumo, chiacchiera fine no, neppure la Roma. ARBITRO Celi di Campobasso
Maggio e Antonioli para dentro la porta. Per il
a se stessa. resto, Celi giustamente non ferma l’azione che
AMMONITI Maggio (N), Santacroce (N)
Perché lo scudetto no Perché e Jimenez (C) per gioco scorretto.
porta al vantaggio napoletano: Cribari non
Perché lo scudetto sì Facciamo se Cavani si fa male — tutti a NOTE spettatori 34.565, incasso 656.178,31 commette fallo su Bogdani. Giusto annullare un
un gioco, sulla base di quanto toccare i cornetti, di corsa! — euro (compresi abbonati e quota). Tiri porta: gol a Jimenez: è in fuorigioco. Resta un’ombra sul
visto ieri al San Paolo. Perché l’unico centravanti di ruolo a 5-0. Fuori: 2-3. Fuorig.: 2-4. Angoli: 2-3. Rec. 2-0 del Napoli: da capire la posizione di Mascara. Le sequenza del gol fantasma: Maggio colpisce
p.t. 1', s.t. 5'.
il Napoli è da scudetto? Per- disposizione sarebbe (è) il di testa e sotto Antonioli para dentro la porta SKY

LE PAGELLE di S.V.

MAGGIO CORSE E ASSIST, DELLAFIORE ANNULLA LAVEZZI, SANTON AFFONDA


NAPOLI 6,5 GARGANO 6 Lo salva il
dinamismo, ma la precisione non è
LAVEZZI 5,5 Se giocasse da
Lavezzi, il Cesena ne piglierebbe
CESENA 5 VON BERGEN 5,5 Cavani è tanta
roba anche per lui e poi spunta
PAROLO 6 Martire del
centrocampo, s’immola su ogni
DE SANCTIS s.v. Zero parate. La la sua arte. cinque. ANTONIOLI 5,5 Meno Sosa. traiettoria, porta acqua a tutti.
prova vivente che il Cesena ha YEBDA 5,5 Dedito al lavoro impermeabile del solito, anche se Esce per sfinimento (Rosina s.v.).
SOSA 6,5 Avviso ai fantacalcisti: SANTON 5 Non vogliamo infierire
combinato poco o niente. sporco, non si capisce se col sui due gol può fare poco. Parata
un gol va premiato con un bel e ci limitiamo al cinque, ma dov’è JIMENEZ 5 Un paio di ricami.
pallone litighi perché è sempre «illegale» sul colpo di testa di
voto, anche se l'autore gioca 5 finito il Santon che nell’Inter Tanta forma, poca sostanza.
SANTACROCE 6 Un’unica anaerobico o per limiti tecnici. Maggio (palla entrata, gol non
minuti. pareva il nuovo Maldini? Occhio,
scottatura, al tramonto: Bogdani lo dato). GIACCHERINI 5,5 La zanzara
ZUNIGA 6 Due tiri, il cross per il nel calcio si fa presto a scivolare ronza, lo «schiacciamosche
brucia e buon per lui che
gol/ non gol di Maggio. Segnali di IL MIGLIORE in basso. Oggi il Cesena: domani?
l’albanese di testa metta fuori.
vita dal pianeta Zuniga (Dossena h 7
CAVANI
IL MIGLIORE
h 6,5 DELLAFIORE CASERTA 5 Dopo venti minuti
Maggio la spiaccica.
BUDAN 5,5 Non gli arriva un
CRIBARI 6,5 Sbroglia il traffico s.v.).
Diciotto gol dopo ventiquattro Lavezzi non combina nulla di passa all’ala e la cosa gli procura pallone commestibile.
con bella autorità. HAMSIK 6 La palla profonda per memorabile, un po’ per colpa sua e imbarazzi: dell’esterno non ha i
giornate, media notevole. L’uomo
Maggio — da cui l’1-0 — è un simbolo del Napoli di oggi. L’ultimo un po perché Dellafiore gli piglia le tempi né il passo. BOGDANI 5 Fallisce di testa l’1-1.
ARONICA 6 Sotto esame e perciò
gioiellino, l'unico del pomeriggio. A scudetto con Diego, il prossimo misure. Né prima né dopo lascia tracce.
attento. Ruiz può aspettare. SAMMARCO 5,5 Neppure con lui
lungo in sonno. con Edinson? All. FICCADENTI 5,5 Cambia 3-4
MAGGIO 7 L’assist per Cavani, il la situazione migliora.
MASCARA 6,5 L’emozione del PELLEGRINO 5 Disperata e inutile moduli, mescola e rimescola, ma il
gol/non gol, il soffocamento di debutto al San Paolo, poi il pallone All. MAZZARRI 7 Azzecca tutto: scivolata su Cavani: meglio così, COLUCCI 5,5 Prova a Cesena è stitico, fa un gol a
Giaccherini. L’uomo dei «coast to del 2-0 a Sosa. Mascarinho ha già formazione, cambi, mosse tattiche forse. Se avesse fatto un altro orchestrare, ma non trova settimana. Anzi, di meno: 17 in 24
coast» ritorna in Nazionale. conquistato i napoletani. tipo Maggio su Giaccherini. autogol, lo avrebbero crocifisso. suonatori ispirati. turni. Allarme rosso.

TERNA ARBITRALE: CELI 5,5 Tradito da un guardalinee: il gol di Maggio è buono e Mascara è forse in fuorigioco sul 2-0. Pugiotto 4,5-Carrer 6
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
15

I GOL
Cavani sblocca di sinistro
Sosa rifinisce il successo
Mazzarri si sbilancia
V «Siamo straordinari»
L’allenatore: «Anche col turnover andiamo al massimo»
Cavani: «Non pensiamo al Milan, avanti così senza limiti»
MIMMO MALFITANO remo a giocare anche in Euro- S Mazzarri si trova solitario al se-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA pa League, una manifestazio- Walter condo posto dopo 24 giornate
ne che non vogliamo trascura- Mazzarri, di campionato. Una condizio-
NAPOLIdAncora un gol. Ed è sa- re», ha osservato Cavani. Il Na- 49 anni, ne che non gli procura emozio-
lito a quota 18, Edinson Cava- poli affronterà il Villarreal il non è mai stato ni particolari, in ogni modo.
ni, con la possibilità di aggan- 17, al San Paolo, mentre il 24 al secondo «Certo, sarebbe stato difficile
ciare Antonio Careca al quarto giocherà la gara di ritorno in posto da solo ritrovarsi secondo allenando
posto della speciale classifica Spagna. CUOMO la Reggina. Io ho un carattere
13’ PRIMO TEMPO di tutti i cannonieri del Napoli, particolare, non mi faccio lu-
singare dai risultati provvisori.
Il vantaggio Hamsik dà in profondità per Maggio fermo a 19 reti, mentre in testa Robe straordinarie La sua squa-
sulla destra, inserimento in area dell’esterno napoletano c’è Vojak con 22 gol realizzati dra è una realtà che tutto il Ecco, io sto già pensando al-
e cross basso per Cavani, che a pochi passi dalla porta nel campionato 32-33. Gli re- campionato, ormai, riconosce. l’anticipo di sabato all’Olimpi-
mette dentro di sinistro. Antonioli è battuto AGNFOTO stano ancora 14 giornate di E Walter Mazzarri è colui che co, contro la Roma. Il successo
campionato, dunque, per en- sta permettendo ad un’intera vero, semmai dovesse arriva-
trare definitivamente nella sto- città di accarezzare sogni incre- re, me lo godrò a fine campio-
ria del club, e dovrebbero esse- dibili. «Non ci sono partite nato», ha spiegato l’allenatore
del Napoli che stamattina rice-
re sufficienti per compiere l’im- scontate», ha detto l’allenato- verà in Campidoglio, dal sinda-
Doppietta sudamericana: Jose
presa. «Provo tanta felicità in re nel dopo partita sottolinean- co di Roma, Gianni Alemanno,
Ernesto Sosa, di spalle,
questo momento. Sono conten- do l’ennesima prestazione posi- il premio «Andrea Fortunato».
e Edinson Cavani PLP
to per me e per la gente che ci tiva dei suoi ragazzi. «Stiamo
accoglie sempre con entusia- facendo delle robe straordina- Cesena rassegnato «Sapevamo
con l’ex interista a fare la figu- smo ed ha fiducia nel nostro rie e mi piace evidenziarle. Og- che sarebbe stata una partita
ra della bella statuina, prima operato», ha detto il capocan- gi (ieri ndr.) c’è stato un di- difficile, anche se siamo restati
su Maggio e poi su Cavani. noniere del campionato che ha screto turnover. Pur impie- in gioco fino al gol del raddop-
L’organizzazione è importan- poi commentato il distacco dal- gandolo poco, Cribari ha il pio di Sosa nei minuti di recu-
te, ma da sola non basta. Biso- la capolista che s’è accorciato pregio di rendere al meglio pero», ha detto Ficcadenti, il
gnava acquistare una punta di 2 punti. «Non è il caso di pen- ogni qualvolta ho bisogno di tecnico cesenate. «Abbiamo
con senso del gol. Per la salvez- sare al Milan. Sarà importan- lui. Discorso analogo per San- avuto pure qualche opportu-
za ci sarà da patire. Anziché il- 46’ SECONDO TEMPO te, per noi, continuare a gioca- tacroce che ritengo recupera- nità per segnare, ma gli attac-
luderlo con la chimera Mutu, Il raddoppio della sicurezza Assist di Mascara re così come stiamo facendo, to». canti avversari sono stati de-
al povero Ficcadenti non pote- dal settore destro e tocco vincente di Sosa davanti senza porci limiti. Sento parla- vastanti. Questo Napoli me-
vano comprare un centravanti al portiere cesenate. L’argentino, arrivato in estate dal re di scudetto, ma ci andrei Secondo posto E’ la prima vol- rita la Champions League e,
del tipo «usato sicuro»? Bayern, viene festeggiato poi da tutti i compagni CUOMO cauto, perché tra poco ritorne- ta in dieci anni di serie A che forse, anche di più».
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
16 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A
STRATEGIE DE LAURENTIIS AVVERTE L’A.D.: «NIENTE SCONTI PER IL RISCATTO DI QUAGLIARELLA» aveva regalato parecchie sod-
disfazioni dalle parti di Vino-

Marotta chiama Del Piero: la firma si avvicina


vo. E allora là davanti spazio
ai pesi massimi Toni e Matri.
A centrocampo tocca a Marti-
nez se Marchisio non ce la fa,
la trasferta di Cagliari, il capi- ta affidabilità tecnica e fisica: Così contro l’Inter Da domani, Alessandro mentre in difesa avanti con
Oggi esami per tano della Juventus dovrebbe trentaquattro presenze stagio- intanto, la banda Delneri co- Del Piero, Chiellini terzino sinistro.
Marchisio, che per infatti essere convocato in se-
de dall’amministratore dele-
nali (nessuno come lui) e set- mincia a preparare la sfida al-
l’Inter. Partita che potrebbe
36 anni ANSA
Il riscatto di Quagliarella Intan-
te gol. Certo, i ritmi particolar-
domenica sembra gato Beppe Marotta. Il «via li- mente elevati non fanno più non vedere protagonista Clau- to, De Laurentiis risponde a
bera» di Andrea Agnelli ha dio Marchisio, uscito malcon- Marotta, che aveva parlato di
fuori dai giochi spianato nei giorni scorsi la
per lui, ma a livello di classe
ed esperienza può tornare an- cio sabato sera. Il problema è riscatto ancora da trattare sul
strada: contratto fino al 2012 cora parecchio utile alla cau- muscolare, a un adduttore: fronte Quagliarella, soprattut-
MIRKO GRAZIANO (poi la leggenda bianconera oggi gli esami. Non c’è grande to dopo il grave infortunio del
sa di una squadra giovane, in
5 RIPRODUZIONE RISERVATA prenderà possesso di una scri- ottimismo. Settimana impor- napoletano. «Non gli regalo
vania), ingaggio ancora da li- piena ricostruzione, che pro- tante, poi, per Vincenzo Quagliarella per 4,5 milioni
MILANO dGià nella giornata di mare, accordo probabile a prio l’anno prossimo è chia- Iaquinta. «Spero sia disponibi- — ha detto il presidente del
oggi potrebbe esserci il passo quota 2 milioni più bonus. mata al decisivo salto di quali- le», aveva detto Delneri a Ca- Napoli —. Marotta ha firmato
decisivo verso il rinnovo del Rinnovo che Del Piero si è me- tà. Insomma, in alcuni mo- gliari. Di sicuro, il tecnico un contratto, si tratta solo di
contratto di Alessandro Del ritato soprattutto sul campo, menti Ale sarà fondamentale bianconero tornerà ad affidar- aspettare il mese per la ratifi-
Piero. Approfittando del se- dove ha dimostrato di poter anche come capitano non gio- si a una Juve-panzer, strada ca. Il prezzo per il riscatto è
condo giorno di riposo dopo sempre garantire una discre- catore. che fino alla sosta natalizia già fissato e quello resterà».

che se Vincenzo sta recuperan-


x
Juve più Matri e Toni do e potrebbe essere disponibi-
le già domenica sera contro
l’Inter. Di sicuro questa setti-
mana Delneri non avrà molto
tempo per provare insieme la
L’ANTICIPO /1
HA DETTO La Juventus vola
Cagliari, non basta

Così riparte l’attacco nuova coppia, perché Matri è


stato convocato in Nazionale
da Cesare Prandelli e rientrerà
a Vinovo solo giovedì: un paio
di allenamenti e via in campo,
Toni
Matri è
fortissimo, l’ho
notato subito in
allenamento. E
Acquafresca
CAGLIARI-JUVE 1-3
(primo tempo 0-1)
MARCATORI: Matri (J) al 20’ p.t.;

«Con l’Inter si svolta»


nella sfida più importante per Acquafresca (C) al 6’, Matri (J) al 32’,
poi dal punto di Toni (J) al 41’ s.t.
il popolo juventino. «Mi intri- vista tattico
ga molto giocare contro l’In- siamo compatibili, CAGLIARI (4-3-2-1): Agazzi 5,5; F. Pisano
ter», confidava Matri nella dol- perché lui è 6, Canini 5,5, Astori 5,5, Agostini s.v.
ce notte di Cagliari. E Alessan- molto veloce e dà (dal 10’ p.t. Ariaudo 5); Biondini 5,5,
Conti 6, Nainggolan 6 (dal 38’ p.t.
L’ex del Cagliari: «Mi intriga molto la sfida coi nerazzurri» dro vorrebbe concludere la set-
timana delle prime volte (pri-
profondità alla
squadra. Io e
Missiroli 5,5); Lazzari 5,5 (dal 27’ s.t.
Nenè s.v.), Cossu 7; Acquafresca 6
ma partita contro una ex squa- Alessandro ci (Pelizzoli, Magliocchetti, Perico,
L’esperta punta: «Può cambiare la storia della stagione» dra, primo gol in bianconero,
prima convocazione in azzur-
dividiamo bene
l’area di rigore.
Ragatzu). All. Donadoni 6.
JUVENTUS (4-3-3): Buffon 5,5; Sorensen
5, Barzagli 6, Bonucci 6, Chiellini 6;
DAL NOSTRO INVIATO
ro) con la prima rete e la prima Aquilani 5,5, Melo 6, Marchisio 6 (dal 27’
G.B. OLIVERO vittoria nella casa della Juve. s.t. Toni 6); Krasic 5 (dal 19’ s.t. Sissoko
s.v.), Matri 7,5, Martinez 5 (dal 9’ s.t. Del
Piero 6) (Storari, Grygera, Grosso,
5 RIPRODUZIONE RISERVATA Toni alti Alla Nazionale Luca Salihamidzic). All.: Delneri 6.
Toni non pensa. Preferisce con-
TORINO d Uno è altissimo, centrarsi sull’avventura nella ESPULSI: nessuno.
esperto, smaliziato. L’altro è Juve a cui tiene moltissimo. AMMONITI: Biondini e Conti per gioco
duttile, sveglio, timido. La stra- L’ha dimostrato con la grande falloso, Ariaudo per comp. non
na coppia è una bella coppia e regolamentare; Krasic, Aquilani e
esultanza a Cagliari, che aveva
proprio questo è il punto di par- anche altri significati: «Le criti- V Bonucci per gioco falloso.

tenza: Luca Toni e Alessandro Aquilani


che sono normali, ma per me ARBITRO: Rocchi di Firenze.
Matri possono giocare insieme conta solo reagire bene e fare Toni è
nella Juve. A garantirlo non so- gol importanti. Sabato mi è pia- straordinario. NOTE: Spettatori 20.000 circa. Tiri in
no solo i minuti giocati sabato ciuta molto la repentina reazio- Purtroppo si è porta: 5-5; tiri fuori: 4-3; angoli: 4-5;
sera a Cagliari, ma anche le lo- ne dopo l’1-1 e adesso la parti- infortunato subito, fuorigioco: 4-1. Recuperi: primo tempo
4’; secondo tempo 3’.
ro caratteristiche. «Matri è for- ta con l’Inter può diventare la nemmeno il tempo
tissimo - racconta Toni -, l’ho svolta della stagione. Io devo di arrivare. Ci è
notato subito in allenamento. crescere, ma sono contento di mancato
Dal punto di vista tattico sia- essere tornato e di aver contri- moltissimo. Matri?
mo compatibili perché lui è buito con un gol alla vittoria». Ha fatto subito
molto veloce e dà profondità Con la maglia bianconera Toni due gol, un bel
alla squadra. Io e Alessandro ci ha giocato in pratica solo due segnale. Lui e
dividiamo bene l’area». E Al- volte (in Coppa Italia contro il Toni sono L’ANTICIPO /2
berto Aquilani incorona la nuo- Catania si fece male dopo po- determinanti per il
va coppia bianconera: «Toni è chi minuti): a Cagliari ha se- nostro gioco Di Natale fa 100
un campione e ci è mancato in gnato e a Napoli aveva realizza-
questo periodo. Matri ha subi- to un gol regolare ingiustamen-
e l’Udinese gode
to fatto gol decisivi. Sono de- te annullato da Morganti. La Samp in caduta
terminanti per il nostro gio- media-gol di Luca, insomma, è
co». più che buona. E sabato è stato UDINESE-SAMPDORIA 2-0
(primo tempo 2-0)
prezioso anche in fase difensi-
MARCATORI: Sanchez al 18', Di Natale al
Matri d’azzurro Due centravan- va costringendo Canini al fallo 40' p.t.
ti alti, uno più bravo in area e che ha portato all’annullamen-
l’altro più mobile: era il proget- to della rete di Nené. La realtà UDINESE (3-5-2): Belardi 6; Benatia 6,
to tattico di Delneri a inizio sta- è che con Toni e Matri a Del- Zapata 7, Coda 6,5; Isla 6,5, Abdì 6,5
gione. Sulla lavagnetta a lu- neri è tornato il sorriso: alla Ju- (dal 35' s. t. Pinzi s.v.), Inler 7, Asamoah
glio c’erano Amauri e Iaquinta, ve erano spariti i centravanti, 7, Armero 6,5 (dal 44’ s.t. Domizzi s.v.);
Luca Toni, 33 anni, segna il suo 100˚ gol in A e viene festeggiato da Alessandro Matri (26) ANSA Sanchez 7,5, Di Natale 7,5 (dal 21’ s.t.
adesso ci sono Toni e Matri an- adesso ce ne sono due. Denis 5,5) (Koprivec, Pasquale, Badu,
Corradi). All. Guidolin 7.
SAMPDORIA (4-3-1-2): Curci 6; Lucchini
A COVERCIANO DOPO LA GARA DI CAGLIARI Pallone rosa 5, Volta 5, G. Martinez 5,5, Ziegler 6;
Dessena 5 (dal 29’ s.t. Mannini 6),
Palombo 5,5, Koman 5; Tissone 5 (dal

Si assegna la Panchina d’oro Sei tifosi bianconeri aggrediti Matri ha battuto


Cavani e Di Natale
12’ s.t. Guberti 6); Biabiany 5,
Maccarone 5 (dal 24’ s.t. Macheda 5)
(Da Costa, Zauri, Laczko, Zaza). All. Di
Favoriti Delneri e Mazzarri Arrestati otto teppisti sardi Nel programma GazzaTeo
Carlo 5.

il Pallone rosa è stato ARBITRO: Pierpaoli di Firenze 6.


FIRENZE dSi assegna oggi pres- la Sampdoria, portata fino ai CAGLIARI I Carabinieri hanno I teppisti, molti dei quali già noti vinto da Alessandro Matri.
so il Centro tecnico di Cover- preliminari di Champions Lea- arrestato 8 persone, tutte alle forze dell'ordine e colpiti da ESPULSI: nessuno.
GazzaTeo si può rivedere AMMONITI: Lucchini (S), Volta (S), Abdi
ciano la Panchina d'oro 2010, gue nella scorsa stagione. L’ul- appartenenti al gruppo di ultrà Daspo, hanno utilizzato bastoni, per tutta la settimana (U) per gioco scorretto, Di Natale per
riconoscimento per il miglior timo vincitore è stato Massimi- del Cagliari «Sconvolts», con tirapugni in acciaio e cinghie di c.n.r.
tecnico di serie A votato diret- liano Allegri, allora tecnico l'accusa di aver aggredito e cuoio con borchie metalliche. www.gazzetta.it
tamente dai colleghi. Fra i fa- del Cagliari: la spuntò, non rapinato 6 tifosi della Juventus. Presi ieri mattina, gli ultrà erano NOTE: spettatori 3.261, incasso 26.677
voriti ci sono anche Walter senza polemiche, su José Mou- L'aggressione è avvenuta nei ancora in possesso del SPONSORED BY euro; abbonati 11.122, quota non
Mazzarri e Gigi Delneri. Il pri- rinho. pressi della scalinata del materiale rapinato. comunicata. Tiri in porta 6-6 (1
mo sta costruendo qualcosa di Fra i plurivincitori, ci sono no- Santuario di Nostra Signora di Una volta tornati in possesso traversa). Tiri fuori 7-4. Fuorigioco 1-1.
importante a Napoli, mentre il mi particolarmente prestigio- Bonaria quando i sei stavano dei loro oggetti, i tifosi della Angoli 4-4. Recuperi 2' p.t., 4' s.t.
secondo vincendo raccoglie- si: Capello tre volte; Zacchero- uscendo da una pizzeria dove Juventus sono partiti
rebbe i frutti del lavoro fatto ni, Ancelotti, Prandelli e Lippi avevano cenato dopo la partita. regolarmente per Torino.
anche a Genova, alla guida del- due volte a testa.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
17

SERIE A 24ª GIORNATA


LAZIO 1 SALTO MORTALE
Hernanes festeggia il gol del
y zupping P
CHIEVO 1 momentaneo 1-0 con un doppio CHIEVO KO
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0
salto mortale. Per il brasiliano SOLO NEL di VINCENZO CITO
un’esultanza tipica NEWPRESS vcito@gazzetta.it
MARCATORI Hernanes (L) al 48’p.t.; Ce-
2003-04 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
sar (C) al 19’s.t..
LAZIO (4-3-1-2) Muslera; Lichtstei-
ner, Biava, Dias, Radu (Scaloni dal Gli otto
Lichtsteiner
19’p.t.); Brocchi, Matuzalem, Brescia-
no; Hernanes (Sculli dal 24’s.t.); Kozak,
precedenti
Lazio-Chievo
da solo
Zarate (Mauri dal 33’s.t.). PANCHINA
Berni, Stendardo, Gonzalez, Ledesma.
ALL. Reja
all’Olimpico
sfida l’Under
CHIEVO (5-3-2) Sorrentino; Sardo 2001-02
(Morero dal 27’s.t.), Frey, Cesar, Man- Lazio-Chievo
tovani, Jokic; Fernandes, Guana (Pul- 1-1 (S. Inzaghi,
zetti dal 17’s.t.), Bogliacino; Pellissier,
Moscardelli (Thereau dal 1’s.t.). PAN-
Legrottaglie)
CHINA Squizzi, Constant, Rigoni, Grano-
che. ALL. Pioli.
2002-03
ARBITRO Baracani di Firenze. Lazio-Chievo
AMMONITI Biava (L), Moscardelli (C), 2-3 (Simeone,
Kozak (L) e Mantovani (C) per g.s., Pul- D’Anna,
zetti (C) e Fernandes (C) per c.n.r.
Bierhoff,
NOTE Paganti 8.850, abbonati 12.850, incas- Corradi, Della
so e quote n.c.. Tiri in porta 5-3. Tiri fuori 5-2.
Fuorigioco 0-3. Angoli 8-4. Rec. 2’ p.t.; 3’s.t.
Morte)
Stephan Lichtsteiner, 27 anni

ne ben ricambiato, ma la trova- 2003-04 Amauri fa chiarezza sul suo

La Lazio dura un tempo ta di stravolgere il centrocam- Lazio-Chievo futuro «Dal 31 giugno


po che aveva strappato lo 0-0 1-0 (Mihajlovic) tornerò a essere un giocatore
al Milan (fuori Ledesma e Gon- della Juventus» (Stadio
zalez, dentro Matuzalem e Bre-
sciano) non ha funzionato.
2004-05 sprint, Rai Due).
Lazio-Chievo

poi ha il mal di Chievo Chievo tosto Pioli, dopo avere


preannunciato mezze rivolu-
zioni, ha invece premiato la
squadra protagonista del 2-0 al
0-1 (Brighi)

2005-06
Lazio-Chievo
Tg sport 2, Simona Rolandi
legge una notizia sulla
Under 21: «Fra le prossime
avversarie degli azzurrini il
Lichtsteiner...».
2-2 (Rocchi,
Segna Hernanes, pari di Cesar nella ripresa e i veneti si Napoli, confermandola per ot-
to undicesimi e... mezzo. Pro- D’Anna, Saverio Montingelli a Beppe
prio Cesar, il libero che merco- Pellissier, Oddo) Iachini: «Lei ha schierato in
confermano un tabù per i biancocelesti all’Olimpico ledì aveva rilevato in corsa l’ac-
ciaccato Andreolli, è stato l’uo-
panchina Caracciolo».
mo del match e non solo per la 2006-07 (Stadio sprint, Rai Due).

w
RUGGIERO PALOMBO che rende sempre più lunga la e Juventus, che vada proprio a Lazio-Chievo
sua serie positiva (sei giornate, finire così. Difficile dire a che rete segnata con mestiere, Antonio Nucera (Sky) «Ed è
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
sfruttando su un corner l’incer- 0-0 il 2-0, Siviglia praticamente
quattro pari e due vittorie). Il punto siamo col tunnel del calo
tezza di Muslera e l’ingenuità ko! Il Deportivo gioca con
ROMA dIl mal di Chievo conti- gol dello sloveno Cesar, miglio- di condizione nel quale i gioca- I NUMERI
nua a tormentare la Lazio, che re in campo, ha rappresentato tori si sono infilati dall’inizio
di Dias. Il 5-3-2 con gli esterni
Sardo e Jokic capaci di difende-
2008-09 l’uomo in più, ha in pugno il
all’Olimpico solo una volta su la logica conseguenza di un do- del 2011, perché nel primo Lazio-Chievo match, praticamente ha i tre
re ma anche di farlo diventare

6
nove è riuscita a sconfiggere i minio cui Reja ha cercato di tempo la squadra è sembrata 0-3 (Bogdani, 2 punti in tasca!».
un 3-5-2 assai offensivo ha fun- Pellissier) Praticamente alla fine di
veronesi. A rendere merito alla porre rimedio con sostituzioni ben viva, nel secondo no, al zionato solo nel secondo tem-
statistica, un pareggio giusto sbagliate. I fischi della curva punto da non inquadrare mai punti ne ha preso solo uno,
po per l’eccessiva timidezza grazie a un gol al 90’, dopo
(1-1) ma pur sempre un’occa-
sione perduta, visto come si
nord e il rendimento della squa-
dra hanno sottolineato il dop-
l’altrui porta. Reja sull’1-1 ha
tolto prima Hernanes e poi Za-
le reti
realizzate da
mostrata in avvio. Una sindro- 2009-2010 che ne aveva incassati tre.
me da Olimpico che deve avere Lazio-Chievo
erano messe le cose. Nel divi- pio errore. rate, sostituendoli con Sculli e Hernanes in tradito il romano e romanista 1-1 (Stendardo,
dersi i due tempi, la Lazio si è Mauri. La curva lo ha fischiato campionato con «L’arbitro va a leggere il
Moscardelli, che Pioli ha sosti- Pellissier) numero di Van Persie. Se
infatti presa il primo, chiuso Lazio immalinconita Più che gal- a lungo. Brasiliano e argentino la marcatura di tuito nell’intervallo con il me-
con la punizione vincente di leggiare tra il terzo e quarto po- tutto avevano fatto fuorché di- ieri. Che è la leggesse anche il
no emotivo Thereau. Nel fina- regolamento stasera
Hernanes dopo i salvataggi sul- sto, come sta avvenendo con sputare una gran partita, ma le- seconda su le, mentre Sculli e Bresciano
la linea di Frey e Fernandes e le immutate chances di piazza- vare proprio loro, gli unici in punizione dopo tornando a casa lo
ciccavano palloni accentuando aiuterebbe nei futuri
parate di Sorrentino su Kozak e mento Champions, sembra grado di inventare la giocata quella all’Inter il rimpianto per Hernanes e Za-
Zarate. Ma quando si è trattato una squadra che non deve più vincente (prova ne è la punizio- arbitraggi!» (Massimo
rate, l’occasione più importan- Marianella, Sky, indispettito
di tornare in campo, a farlo è chiedere niente al campionato, ne dell’1-0 di Hernanes) non è te è capitata all’immortale Pel-
stato solo il Chievo, passato da da ottavo posto. Ora c’è il ri- stata una buona idea. Privo di per un torto al suo Arsenal
lissier, che ha perso l’attimo. Al-
uno stato di eccessivo sussiego schio, visto il passo di Udinese Floccari e Rocchi, il tecnico ha nella partita contro
la Lazio, insomma, poteva pu-
a quella accorta sfrontatezza e Palermo e la qualità di Roma poi insistito su Kozak, venendo- re andare peggio.
l’Everton).

É finita Napoli-Cesena, a
«Quelli che il calcio e...» (Rai
LE PAGELLE di STEFANO CIERI CONTRO GALLIANI Due) ci aspettiamo un
significativo contributo
Reja: «Kozak dall’inviato Clemente

CESAR DA IMPERATORE, KOZAK LOTTA COME UN LEONE preso di mira»


Mastella. Eccolo. «Se la
pizza è patrimonio di
Napoli, Clemente Mastella è
ROMA Ai fischi per le
LAZIO 5,5 tirato. Qualche buona idea nel
primo tempo, nella ripresa
CHIEVO 6,5 FERNANDES 6 Molta sostanza,
pochi fronzoli. Butta al vento
sostituzioni Edy Reja si è quasi
patrimonio della politica
italiana!». Simona Ventura
MUSLERA 5,5 Lascia sparisce. SORRENTINO 5,5 Belle parate su l’occasione del pareggio prima che abituato. Piuttosto, del pareggio «Bravoooo».
colpevolmente passare l’angolo di Kozak e Zarate, ma sulla allo stesso provveda Cesar. con il Chievo al tecnico della
BRESCIANO 5 Tanta volontà, ma Lazio non è andato giù il metro
Pellissier che Cesar trasforma nel punizione-gol di Hernanes piazza A San Siro entrano i
anche tanta confusione, GUANA 6 Si vede poco, ma si
gol del pareggio. malissimo la barriera. arbitrale usato nei confronti di giocatori della Roma, sugli
soprattutto quando si tratta di danna l’anima per tenere corta la
LICHTSTEINER 6,5 L’unico che finalizzare. SARDO 6,5 Padrone della sua Kozak: «Gli hanno fischiato spalti nerazzurri si scatena
squadra.
nella ripresa prova a combinare fascia grazie anche alla blanda tutto contro, evidentemente si l’inferno. Il commento di
HERNANES 6 Un perla bellissima, opposizione di Scaloni. PULZETTI 6 Dà vivacità ad un sono organizzati...». Ma chi?
qualcosa. Ed è anche l’ultimo ad il gol, in un mare di nulla. E’ stanco, Ilaria D’Amico (Sky): «C’è
arrendersi. centrocampo che accusa qualche «Il ragazzo ha ricevuto troppe
dovrebbe variare il repertorio. MORERO 6 Energie preziose per anche stato qualche
congelare l’1-1 nel finale. passaggio a vuoto. critiche dopo la partita
BIAVA 6 Una sola distrazione in fischio».
SCULLI 5 Reja lo inserisce per con il Milan. L’hanno segato
fase di disimpegno, tante palle FREY 6 In difficoltà all’inizio su BOGLIACINO 6 Si sacrifica in fase
dare la scossa, lui invece si ingiustamente, ci si è messo
recuperate. Zarate, poi però gli prende le di copertura, così in avanti non Beppe Bergomi: «Abbiamo
adegua all’andamento lento.
misure e finisce in crescendo. rifinisce come dovrebbe. anche qualche dirigente di anche avuto la palla del 5-1»
DIAS 6 Sfiora il gol nel primo
IL MIGLIORE mezzo con accuse pesanti». (Inter-Roma, Sky) .
tempo, annulla gli attaccanti, ma si
perde Cesar sul gol dell’1-1. h 6,5 KOZAK h IL MIGLIORE
7 CESAR
PELLISSIER 6 Stavolta non buca
la Lazio, sua vittima preferita. Ma Reja non lo dice, ma il
riferimento è ad Adriano
RADU s.v. Esce al 19’, ma si fa non fa mancare il suo apporto. Tonino Raffa in diretta su
Lotta, sgomita e sfiora il gol. Fedele al suo nome vive a Roma Galliani. «E il risultato s’è visto —
male prima. Non giudicabile. Peccato che i compagni lo
Radio Rai, racconta il rigore
un giorno da imperatore. Cerca e MOSCARDELLI 5 Romano e ancora Reja —: non vorrei che
assecondino poco. assegnato contro il Parma.
SCALONI 5 Si propone bene nella trova gloria anche in attacco, romanista, l’aria di derby lo rende diventasse una costante».
però troppo nervoso. E Pioli lo
«Gilardino prende la
fase offensiva, ma dietro troppi realizzando il gol del pareggio. Di costante c’è di sicuro il
ZARATE 5,5 Comincia bene e va toglie giustamente nell’intervallo. rincorsa, e gol! Rigore
svarioni. Tra i quali anche l’angolo rendimento del Chievo: sette
da cui nasce il pareggio.
pure vicino al gol. Poi però sbatte MANTOVANI 6 Con Cesar forma trasformato da Gilardino! La
sistematicamente sul muro la tenaglia per imprigionare Kozak. THEREAU 5,5 Meno nervoso punti nelle ultime tre gare. Fiorentina pareggia con
BROCCHI 5,5 Troppe pause, veronese. (Mauri s.v.) Meno brillante del compagno, rispetto a Moscardelli, ma pure lui «Il pareggio è meritato, anche Gilardino!». La cosa strana è
specie nel secondo tempo: aveva ugualmente utile. piuttosto improduttivo. se nel primo tempo siamo stati che esulti D’Agostino.
All. REJA 5 Formazione iniziale
bisogno di rifiatare. un po’ imprecisi — ha detto
che non convince, soprattutto a JOKIC 6,5 Scorrazza che è un All. PIOLI 6,5 Il Chievo ridisegnato
MATUZALEM 5,5 Torna dopo un centrocampo. E la gestione dei piacere. Fondamentale quando c’è col 5-3-2 è quadrato ed efficace. l’allenatore Stefano Pioli —. Rugby hard su Sky: «Meglio
mese e gioca con il freno a mano cambi convince ancora meno. da dare una mano ai centrali. Bene anche le sostituzioni. L’arbitro? Non ha influito uno davanti che uno dietro!»
sul risultato». (Vittorio Munari, Sky,
TERNA ARBITRALE: BARACANI 6,5 Partita spigolosa e difficile. La conduce in porto senza commettere errori gravi. Bianchi 6,5; Iannello 6,5
Davide Stoppini sull’11-10 dell’Italia contro
l’Irlanda nel Sei Nazioni).
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
18 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

a
SERIE A 24 GIORNATA
reattivi e cerchi di giocare tra le

Pastore linee, senza dare riferimenti ai


marcatori avversari. Schierato
solo con una punta, e neppure
di peso (Jeda), il Lecce ha più
gamba e fantasia, sempre ispira-

e Ilicic to da Olivera: va vicino al rad-


doppio, però è sfortunato, al
42’, quando Giacomazzi di testa
centra un palo.

affondano Sveglia Palermo Lì sboccia l’al-


tro Palermo (premiato dalle
convocazioni in Nazionale: Siri-
gu, Cassani e Nocerino), subito
pericoloso con un affondo, man-

il Lecce cato, di Nocerino su cross di Cas-


sani. Nel recupero del primo
tempo, si presenta mago Micco-
li, che si concede un gioiello
straordinario: dalla mattonella,
Miccoli fa l’1-1, poi le lacrime l’esecuzione del capitano, pallo-
ne all’incrocio e Rosati impietri-
to, è da manuale delle punizio-
I rosanero ribaltano il match ni, . Arrampicandosi su Fabrizio
che piange, Rossi ha il coraggio
dall’1-2, in gol pure Hernandez La palla calciata da Miccoli supera la barriera e si infilerà sulla destra di Rosati per l’1-1 del Palermo ANSA
di ridisegnare, con Hernandez
(rientro dopo 100 giorni dall’in-
fortunio), il Palermo, che pure
GIUSEPPE CALVI Lecce, che si ferma dopo 5 risul- campionato, con 42 reti. Apati- è ancora infilzato dall’avvoltoio
5 RIPRODUZIONE RISERVATA tati utili, è complice, perché,
con i suoi incredibili black-out
LECCE 2 PALERMO 4 co, molle e deludente, per 42 mi-
nuti il Palermo passeggia, in at-
Jeda, su tocco di Giacomazzi. Al-
tra rinfrescata tattica, con Ilicic
LECCEdDella serie, altrimenti difensivi, si lascia asfaltare dal- (4-3-2-1) Rosati; Tomovic, Ferrario, Fa- (4-3-2-1) Sirigu; Cassani, Munoz, An- tesa di un’invenzione di Pastore al posto di Kasami, e il Palermo
ci arrabbiamo. Quando a Fabri- la macchina da gol siciliana. Ma biano, Brivio (dal 18’ s.t. Chevanton); delkovic, Darmian (dal 33’ p.t. Garcia); o di un’accelerazione di Miccoli. svolta. Dal 12’ al 17’ salgono sul-
zio Miccoli si spezza il cuore per sul 2-4 finale, a parte i limiti evi- Munari, Vives (dal 31’ s.t. Corvia), Giaco- Migliaccio, Bacinovic, Nocerino; Kasa- Insidiata subito da Giacomazzi la passerella del gol Pastore,
mazzi; Olivera, Mesbah; Jeda (dal 34’ mi (dal 10’ s.t. Ilicic), Pastore; Miccoli
avere segnato il gol del pareg- denziati dai reparti arretrati, in- s.t. Piatti). (dal 1’ s.t. Hernandez).
e Jeda, poi infilata dallo stesso Hernandez e Ilicic, in ordine
gio in chiusura del primo tem- cidono tanto gli sprechi consu- PANCHINA Benassi, Gustavo, Grossmul- PANCHINA Benussi, Acquah, Kurtic, Pa- uruguaiano (resta il dubbio su di... apparizione. Il trequartista
po, scendono in campo i «duri», mati dalla formazione di De Ca- ler, Bertolacci. ALLENATORE De Canio. olucci. ALLENATORE Rossi. un fuorigioco, per eventuale toc- sloveno non solo cambia passo
Hernandez e Ilicic, e il Palermo, nio nella prima frazione di ga- co di Munari), la difesa mostra alla squadra ma ha anche il po-
come d’incanto, si trasforma. ra, che avrebbe potuto chiudere GIUDIZIO 7777 ARBITRO Brighi di Cesena. evidenti crepe, con Munoz e, so- tere di liberare l’estro di Pasto-
Chiamata a rincorrere il 2-1, in in netto vantaggio. MARCATORI Giacomazzi (L) al 17’, Micco- AMMONITI Pastore (P), Bacinovic (P), prattutto, Andelkovic, insicuri re, sin lì ingabbiato, e supporta-
avvio di ripresa, la squadra di li (P) al 47’ p.t.; Jeda (L) al 5’, Pastore (P) Fabiano (L) e Munoz (P) per gioco scor- sulle incursioni di Munari e Oli- re il terminale Hernandez, con
al 12’, Hernandez (P) al 15’, Ilicic (P) al 17’ retto, Hernandez (P) per comportamen-
Delio Rossi prende finalmente Pallino al Lecce Il presidente vera. Senza Bovo (e in corso continui inserimenti. Il Lecce as-
s.t. to non regolamentare.
forma, propone 6 minuti di cal- Zamparini non gliene vorrà, per d’opera Darmian infortunato e siste, quasi estasiato, alla meta-
cio spettacolare e ribalta clamo- i due gol incassati — magari, il NOTE paganti 5.117, incasso di 63.632 sostituito da Garcia), Rossi ri- morfosi degli avversari, rischia
euro; abbonati 4.059, quota di 46.
rosamente il punteggio, tornan- suo allenatore, 51 anni, è anco- nuncia inizialmente anche a Ili- di crollare ancora sotto i colpi di
085,35 euro. Tiri in porta 6 (compreso
do a vincere in trasferta (non ac- ra in tempo per migliorare nella un palo)-6. Tiri fuori 8-3. In fuorigioco cic e la manovra ne risente, in Nocerino e Munoz e di perdere
cadeva dal 21 novembre, 2 pun- fase difensiva —, ma Rossi può 4-4. Angoli 11-6. Recuperi: p.t. 2’, s.t. 4’. particolare Pastore gira a vuoto, Olivera (gomitata a Pastore,
ti negli ultimi 5 incontri). Sì, il esibire il secondo attacco del per quanto Kasami sia tra i più non punita dall’arbitro Brighi).

LE PAGELLE di ALESSIO D’URSO

HERNANDEZ TORNA E FA FESTA


LECCE, DIFESA DISASTROSA
LECCE 5,5 PALERMO 6,5
ROSATI 5,5 Lasciato in balìa dei SIRIGU 6,5 Eccellente su
leoni rosanero, fa una gran parata Giacomazzi, incolpevole sui gol.
su Muñoz. CASSANI 6,5 Padrone della
TOMOVIC 5,5 Partenza sprint, fascia, para e rilancia.
nella ripresa arretra. MUÑOZ 5,5 Indulgente 2 volte con
FERRARIO 4,5 Vede le streghe Giacomazzi, finale in crescendo.
con Pastore e Ilicic. ANDELKOVIC 5 Un passaggio
FABIANO 4,5 Soverchiato da corto rischioso, incerto sull'1-0 di
Hernandez sul 3-2, ricorre spesso Giacomazzi. Sfortunato sul 2-1.
al fallo. DARMIAN 5,5 Colpevole
BRIVIO 5,5 Cassani gli crea nell'azione del 1˚ gol leccese.
continui grattacapi, va in GARCIA 6 Ordinato in chiusura.
sofferenza.
MIGLIACCIO 6,5 Pressing alto,
CHEVANTON 5,5 Pericoloso da chiusure. E innesca il gol di
piazzato, poi rischia il rosso. Hernandez.
MUNARI 6,5 Assist per BACINOVIC 6 Partita di sostanza.
Giacomazzi, crea superiorità Giallo pesante.
numerica.
NOCERINO 6,5 Più intraprendente
VIVES 6,5 Corre a più non posso. nella ripresa, prova a bissare la
Dà equilibrio. prodezza di San Siro contro l'Inter.
CORVIA 5 Non sposta l'inerzia del Premiato da Prandelli.
match, Muñoz lo argina. KASAMI 6 Nel primo tempo è uno
dei pochi a sbattersi.
IL MIGLIORE
h 6,5 GIACOMAZZI IL MIGLIORE
Un gol e un quasi gol, h 7,5 ILICIC
rimpicciolisce il Palermo nel primo Assist al bacio per Pastore,
tempo. In mezzo al campo mostra spietato davanti alla porta. Arma
di avere acume. tattica, spariglia le carte.

OLIVERA 6,5 Cross col contagiri PASTORE 7 Diagonale perfetto,


per il gol di Giacomazzi, spinge su ricambia il favore a Ilicic.
il Lecce. MICCOLI 6,5 Punizione divina.
MESBAH 6 Collante tra le linee, si Non segnava da piazzato dal 3
propone in avanti con continuità. maggio 2009 (Palermo-Cagliari
5-1).
JEDA 6,5 Sempre sul pezzo. Ex
Palermo, non esulta sul gol. (Piatti HERNANDEZ 6,5 Ritorno in campo
s.v.) dopo 100 giorni festeggiato col gol,
il 1˚ stagionale.
All. DE CANIO 6 Il suo Lecce è
perfetto fino al gol di Jeda, poi All. ROSSI 6,5 Primo tempo da
incubo, poi le mosse Hernandez e
viene tradito dai suoi difensori. Ilicic cambiano la storia del match.

TERNA ARBITRALE: BRIGHI 5 Grazia Olivera e Pastore (gomitate) e


Chevanton. Ok i gol annullati a Munari e Kasami, Passeri 5; Dobosz 5.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
19

SERIE A 24a GIORNATA


Romantico Miccoli: segna e abbandona
Il 1˚ gol nella sua Lecce lo manda in tilt. Rossi lo sostituisce, poi smorza: «Un cambio programmato»
GIUSEPPE CALVI un gesto per indicare il cuore, ho anticipato l’inserimento di legato alla sua terra - commen-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA tutto per la squadra della sua Hernandez, al quale avrei volu- ta il presidente rosanero -. E’
terra. Ma stavolta ha pensato di to far disputare solo mezz’ora. stato giusto sostituirlo e il cam-
LECCE dSi è arreso a quel desti- averla fatta proprio grossa, nel Fabrizio ha pianto, ma, nella bio è stato un colpo di fortuna
no che avrebbe voluto evitare. suo teatro preferito, a due passi scelta di sostituirlo, non sono per il Palermo; con Hernandez
Fabrizio Miccoli ha visto frantu- dalla curva nord, nella quale tal- stato condizionato. Sente la e Ilicic abbiamo giocato molto
marsi, in un attimo, il sogno di volta è andato a godere da sa- partita col Lecce ancor prima di meglio. Il nostro allenatore è
segnare un gol davanti alla sua lentino doc. Nel chiuso dello andare in campo, già durante stato molto fortunato». Da par-
curva, nel suo stadio, ma non spogliatoio, avrà preparato la settimana. Se l’ho schierato, te sua, Gigi De Canio fa ancora
da avversario. Era un missile l’inedito day-after, visto che og- significa che sapevo che, co- il misterioso. «Di Miccoli non
imprendibile, eppure dolce co- gi si risveglierà nella sua San munque, Fabrizio ci avrebbe da- parlo, non ha mantenuto una
me una carezza, il pallone sca- Donato, per una vacanza già... to il massimo». La sera il fantasi- promessa», ma non chiarisce se
gliato su punizione, proprio in rovinata. «E’ stata una scelta sta è andato a cena col gruppo si era illuso di poterlo portare
chiusura del primo tempo. «Lu tecnica, non fate troppo roman- musicale salentino Negramaro. nel Lecce a gennaio. «Non lo di-
Maradona de’ San Dunatu» ha ticismo - così Rossi in sala stam- co. Certo, se fosse venuto ci
lasciato impotente il portiere pa -. Sì, Miccoli aveva segnato, Zamparini parla di fortuna «Capi- avrebbe dato una bella ma-
Rosati e, ancor più, se stesso. Miccoli non esulta dopo aver segnato il gol del pari a Lecce GETTY però ho valutato la sua prova e sco Miccoli, era emozionato, è no...».
Un gol, lì in quella porta, lo inse-
guiva, ma con la maglia del Lec-
ce. All’improvviso, attorniato
dai compagni in festa per il gol
del provvisorio pareggio del Pa-
lermo, l’attaccante si è scoperto
solo, piccolino più che mai, qua-
si fosse «responsabile» di chissà
quale colpa, di fronte agli ultrà
giallorossi, quelli che, da sem-
pre, lo vorrebbero con la ma-
glia del loro Lecce. Con quel col-
po d’autore, Fabrizio ha riani-
mato la sua squadra.

Lacrime e via la fascia Non ha


esultato e, a testa bassa, passan-
dosi una mano tra i capelli, Mic-
coli è scoppiato in lacrime. Av-
viandosi verso il sottopassag-
gio, ha dribblato i «bordocampi-
sti» per le interviste e si sfilato
la fascia di capitano, sì quella,
manco a dirlo, con i colori gial-
lo e rosso e le lettere U e L (Ul-
trà Lecce). Nello spogliatoio si
è isolato, in preda a un pianto
che poteva essere di strana gio-
ia e invece sapeva solo di infini-
ta debolezza, dinanzi a un amo-
re tradito e pugnalato. Delio
Rossi ha avuto bisogno di parla-
re poco, gli è bastato fissare ne-
gli occhi Fabrizio per lanciare
la sfida più pericolosa. «Resta
qui, gioca Hernandez», e una
volta in campo faceva sensazio-
ne rivedere il Palermo senza
Miccoli. Soprattutto, dopo la ri-
nuncia a Ilicic e Miccoli, qualcu-
no già immaginava gli strali di
Zamparini, in caso di sconfitta.

Delio e il romanticismo Al suo


Lecce aveva già fatto gol, il 15
marzo 2009, ma al «Barbera»
ed era tutta un’altra storia. Con
una mano si batteva sul petto,

DE CANIO
«Ho visto troppe
disattenzioni»
LECCE Il palo colpito da
Giacomazzi ha negato al Lecce
un doppio vantaggio con il
quale sarebbe stato più facile
gestire la partita. Lo dice De
Canio che indica in qualche
«disattenzione di troppo» la
causa dei due gol che alla fine
hanno fatto la differenza. «Ci
siamo disuniti — aggiunge — e il
Palermo ne ha approfittato.
Nell’intervallo la squadra è
apparsa demoralizzata per il
momentaneo pari di Miccoli in
pieno recupero. Ho dovuto
scuoterli un po’ e sul 2-2 poi si
sono scoraggiati ulteriormente
commettendo altri errori
determinanti. «Purtroppo —
dice Jeda — per 3-4 minuti
abbiamo perso la testa. In quei
momenti, invece, dovevamo
ragionare di più».
Toti Gentile
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
20
#
LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SERIE A 24a GIORNATA


in A, una traversa, due rove-

Amauri fa il colpo sciate, un 1-0 pazzesco. Amau-


ri, che a giugno tornerà in bian-
conero, da sempre ha professa-
to la sua fede in Dio. Quando
infila il «gol-resurrection», al-
LE PAGELLE
PALLADINO: GIORNATA NERA
di ALESSANDRA GOZZINI

D’Agostino replica
za gli indici al cielo, come
D’Agostino: due gol piovuti CAMPORESE, CHE SORPRESA
dal cielo. Per il viola è la prima
rete da quando ha raccontato
la sua conversione: «Quel che
PARMA 6 FIORENTINA 5,5
L’ex juventino dopo un anno torna al gol col Parma faccio è merito del Signore»
disse. D’Ago ha messo in mez-
MIRANTE 6 C’è prima su Behrami,
poi su Mutu. Prende gol su rigore.
BORUC 6 Aiutato dagli errori
altrui, poi scaccia alcuni fantasmi.
zo la palla del rigore, ha piaz- ZACCARDO 5,5 Concede troppo. COMOTTO 6 Ha la spinta dei
Il regista firma su rigore il pari viola. Rientra Mutu zato l’1-1 e dato sana regia a
una squadra che girava poco.
PACI 6 Ora Gilardino non è il
cliente più ostico, però bene.
giusti, esce per k.o. agli adduttori.
DE SILVESTRI 6 Regge, anche
DAL NOSTRO INVIATO A.LUCARELLI 6 Un po’ nervoso, quando Giovinco si allarga.
MATTEO DALLA VITE Un anno senza gioie L’avrete ca- ragione per cui viene ammonito. GAMBERINI 5,5 La sua «no fly
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
pito: in questo match ci sono zone» funziona. A palla bassa è
più storie che partita. Perché GOBBI 5,5 Il fallo da rigore è suo:
unica (pesante) sbavatura. incerto: Amauri gli fa una magia.
PARMA dLe resurrezioni sono
la partita è confinabile in 10’
iniziali di Fiorentina furente, VALIANI 6 Crea poco. La IL MIGLIORE
sempre belle. Poi ne viene fuo-
ri un match da sei meno meno,
poi sprazzi di Parma con van- sufficienza è perché aiuta dietro. h 6,5 CAMPORESE
taggio, poi di nuovo Fiorenti- DZEMAILI 6,5 Errori iniziali, poi 18 anni, solido e disinvolto. Non
ma le resurrezioni riempiono na e poi tutto Parma che ha ap- però organizza con ordine, solo in difesa: si procura il rigore.
gli occhi più di una partita zep- punto mandato al cielo e sulla
pa di errori, farcita spesso di GALLOPPA 5,5 I suoi muscoli
traversa tre zuccherini con devono ancora riprendere il ritmo. PASQUAL 5,5 Quando Giovinco lo
improvvisazione, incorniciata Crespo, Giovinco e Amauri. prende di mira non è mai festa.
da 11 ammoniti e nella quale MORRONE 6 Aggressivo: Behrami
L’altra storia di cui sopra è ne sa qualcosa. BEHRAMI 6 La forza di un pirata
il Parma spara alla luna tre so- quella di Adrian Mutu, osanna- ma anche un gol molto mangiato.
lari «match-point». Una partiti- PALLADINO 5 Giornata nera. (Mutu s.v.)
to dai tifosi e che alla fine dice:
na, ecco, però almeno c’è Amauri, 30 anni, festeggia il ritorno al gol col Parma: una liberazione AP «Tocca a me riconquistare tut- CRESPO 5,5 Un errore in D’AGOSTINO 6 Il rigore, fa più luce
Amauri che torna al gol dopo ti, so che riparto da zero». conclusione, ma almeno partecipa. del solito. La squadra gira poco.
un anno — l’ultimo il 14 feb- Mihajlovic inserisce Santana SANTANA 6,5 Interno, esterno,
IL MIGLIORE
braio 2010 —, c’è Mutu che
rientra dopo due mesi — era
PARMA 1 FIORENTINA 1 interno con Berhami ma il vio-
la luccica poco e non raccoglie
h 7 AMAURI interno: merita solo applausi.
Per un gol così forse valeva la CERCI 6 Tutto il match, alcuni
fuori dall’11 dicembre —, e c’è PARMA (4-3-3) Mirante; Zaccardo, FIORENTINA (4-3-3) Boruc; Comotto la prima vittoria esterna che errori ma due palloni serviti bene.
anche che Parma e Fiorentina Paci, A.Lucarelli, Gobbi; Valiani, Dze- (dal 28’ s.t. De Silvestri), Gamberini, pena aspettare un anno. Ritenta la
manca dal 13 marzo 2010 (a rovesciata, colpisce la traversa.
escono da periodi di tunnel maili, Galloppa (dal 42’ p.t. Morrone); Camporese, Pasqual; Behrami (dal 33’ GILARDINO 5,5 Lotta ma ha una
Palladino (dal 16’ s.t. Crespo), Amauri, s.t. Mutu), D’Agostino, Santana; Cerci, Napoli). patina che attutisce la cattiveria.
più o meno tetri con un pareg- Giovinco. PANCHINA Pavarini, Paletta, Gilardino, Marchionni (dal 22’ s.t. Dona- GIOVINCO 6 Tutte le azioni
gino smilzo e un po’ arrabatta- Modesto, Angelo, Bojinov. ALLENATO- del). PANCHINA Neto, Kroldrup, Montoli- Seba, magia spezzata E Mari- passano per i suoi piedi (come MARCHIONNI 5,5 Parta a sinistra,
to. l’assist per Amauri) ma di atomico, incrocia, ma la bussola è perduta.
RE Marino. vo, Babacar. ALLENATORE Mihajlovic no? Ha in Amauri un riferi-
mento chic e vede i suoi fare stavolta, c’è l’errore a 10’ dalla fine DONADEL 5,5 Entra nel caos.
Gol dal cielo «Oggi ho segnato GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0 ARBITRO Gava di Conegliano
molto ma fallire tanto. Crespo All. MARINO 6 Meriterebbe di All. MIHAJLOVIC 5,5 Sane
il gol che ho sempre sognato, MARCATORI Amauri (P) al 15’ p.t.; D’Ago- AMMONITI Amauri (P) e Marchionni (F) reclama un rigore per sé e dice vincerla, ma i suoi sparano alla fiammate poi troppa
su rovesciata. Punto ai 100 gol stino (F) su rigore al 2’ s.t. per comportamento non regolamenta- luna. improvvisazione.
NOTE Paganti 2.868, inc.28.128; abb. 10.578, re; Mirante (P) per proteste; Paci (P),
«quello della Fiorentina non
in A. La Juve? Parlo solo del quota 99.225. Tiri in porta 3-3. Tiri fuori 4-2. Galloppa (P), Gobbi (P), Lucarelli (P), c’era», Giovinco (neo azzurro)
Parma, anche se del trasferi- Angoli 4-2. In fuorigioco 2-3. Morrone (P), Dzemaili (P). D’Agostino è la solita fonte elettrizzante TERNA ARBITRALE: GAVA 5,5 Giudica bene sul rigore per la Fiorentina,
mento non sapete tutta la veri- Recuperi p.t. 2’, s.t. 3’ (F), Gamberini (F) per gioco scorretto. che però ha il piattone infelice c’era la trattenuta di Gobbi su Camporese Faverani 6; Stefani 6
tà»: così parlò Amauri, 59 reti al 34’ s.t. Sarebbe stato il 2-1.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
21

SERIE A 24ª GIORNATA

Daniele Portanova, 32 anni: il difensore romano è al terzo gol con il Bologna in due stagioni GETTY Andrea Caracciolo, 29 anni, realizza il gol che chiude la partita. Per lui è la sesta rete in questo torneo ANSA

Bologna, c’è LE PAGELLE


di ANDREA TOSI È Iachini LE PAGELLE
di F.G.

Portanova PEREZ LOTTA


SU OGNI PALLONE
SILVESTRE
il talismano ARCARI DECISIVO
SU KUTUZOV
ALMIRON UNICA

Il Catania del Brescia h


ESEMPLARE LUCE DI VENTURA
BOLOGNA 6 BRESCIA 6
VIVIANO 6 Para su Lodi, per lui IL MIGLIORE
6,5 ARCARI

è nei guai Bari a fondo


ordinaria amministrazione.
MORAS 6 Mister Esperienza, i Graziato da Castillo, decisivo su
crampi lo affaticano più di Gomez. Kutuzov nel recupero finale.
PORTANOVA 6,5 Riscatta col gol ZEBINA 6 Lucido quando serve.
le critiche di Udine.
BEGA 5 Primo tempo da
Per Simeone arriva la terza BRITOS 6 Ammonito, salta la
Samp.
Diamanti e Caracciolo piegano dimenticare, rischia il rigore.
ZOBOLI 6 Si arrangia, ma soffre.
sconfitta. Espulso Alvarez ESPOSITO 6 Tiene la posizione.
RUBIN 6 Più sostanza che corsa.
i pugliesi: 4˚ punto in due gare ZAMBELLI 5,5 Idee poco chiare.
ACCARDI 5,5 Non impeccabile
IL MIGLIORE sull’affondo di Kutuzov.
«Ma non montiamoci la testa, h 6,5 PEREZ 6,5 bile hanno raccolto il 6˚ k.o. KONE’ 6 Dà profondità. Si conquista
BOLOGNA 1 non possiamo guardare oltre
la salvezza». E ha ragione il tec- Fa l’assist e lotta su cento palloni. BRESCIA 2 consecutivo di un campionato
quasi compromesso.
il rigore.
ZANETTI 5 Non sta bene, fa poco.
nico veronese consapevole
CATANIA 0 che, nonostante tutto, la sua
MUDINGAYI 6 Esce all’intervallo
(inguine) ma per 45’ si fa sentire.
BARI 0 La chiave Iachini ha forse ri- FILIPPINI 6 Ragiona, anche troppo.
GIUDIZIO777 PRIMO TEMPO 1-0 squadra rimane ancorata ai GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 1-0 schiato qualcosa lasciando una HETEMAJ 5 Sottotono.
CASARINI 5,5 Non si fa vedere.
gol di Di Vaio e alle parate di MARCATORI Diamanti al 17’ p.t. su rigo- difesa a tre contro il tridente di BERARDI 5 Vistoso calo alla
MARCATORE Portanova al 41’ p.t. EKDAL 6 Nel finale da zoppo
Viviano che neutralizza una re; Caracciolo al 48’ s.t. Ventura, a vantaggio però di distanza. Troppi palloni persi.
BOLOGNA (4-3-1-2) Viviano; Moras, conclusione di Lodi, ultimo ar- sfiora il raddoppio. una superiorità in mezzo al
BRESCIA (3-5-1-1) Arcari; Zebina, DIAMANTI 6 Freddo sul rigore.
Portanova, Britos (dal 24’ s.t. Esposito), Ru-
bin; Perez, Mudingayi (dal 1’ s.t. Casarini),
rivato in casa rossazzurra. Nel DELLA ROCCA 6 Ancora un Bega, Zoboli; Zambelli (dal 22’ s.t. Ac- campo. Quasi sapesse, alla resa Ripresa al servizio della squadra.
Ekdal; Della Rocca; Meggiorini (dal 35’ s.t. Catania buon esordio di Sche- cambio ruolo. Sarà squalificato. cardi), Konè, Zanetti (dal 1’ s.t. Filippi- dei conti, quanto i pugliesi, pri-
lotto, fermo invece Bergessio ni), Hetemaj, Berardi; Diamanti; Eder vi in extremis di Okaka, fossero EDER 5,5 Spreca l’assist servito da
Gimenez), Di Vaio. PANCHINA Lupatelli, DI VAIO 5,5 Sbaglia un gol che di Diamanti.
perché il transfer tarda ad arri- (dal 27’ s.t. Caracciolo). PANCHINA Le-
Morleo, Mutarelli, Ramirez. ALL. Malesani. solito segna ad occhi chiusi. poco pericolosi (e sfortunati)
ali, Vass, Mareco, Lanzafame. ALL. Ia- CARACCIOLO 6 Al primo
CATANIA (4-1-4-1) Andujar; Alvarez, Sil- vare: mistero. MEGGIORINI 6,5 Produce tanto, si chini
in attacco. Serve anche un po’
vestre, Spolli, Marchese; Ledesma, Lodi di buona sorte per uscire dai contropiede non perdona.
arrende a una noia muscolare. BARI (4-3-3) Gillet; A. Masiello (dal
(dall’8’ s.t. Martinho); Schelotto (dal 29’ s.t. Superiorità E l’ex del Cesena 18’ s.t. Raggi), Glik, Rossi, Parisi; Dona-
guai, e il Brescia ha dimostrato All. IACHINI 6 La cura funziona,
Llama), Ricchiuti, Gomez (dal 39’ s.t. Mori- gioca una discreta partita, con- GIMENEZ 5 Foga e confusione. di averla, quando Bega si è fat- anche se la via per la salvezza è in
ti, Almiron, Gazzi; Rudolf, Castillo (dal
moto); Maxi Lopez. PANCHINA Kosicky, Au- siderato che gli tocca conclu- All. MALESANI 6 Per la prima to scappare Castillo, senza che salita.
37’ s.t. Kutuzov), Huseklepp (dal 9’ s.t.
gustyn, Cuomo, Pesce. ALL. Simeone. volta vince senza i gol di Di Vaio.
dere nell’insolito ruolo di terzi- Alvarez). PANCHINA Padelli, Codrea, l’argentino ne approfittasse. Il
ARBITRO Gava di Conegliano. no e con la testa rotta (5 punti Kopunek, Romero. ALL. Ventura rigore di Diamanti (fallo di Gaz- BARI 5,5
SPULSO Alvarez per somma d’ammonizioni di sutura nel contrasto aereo CATANIA 5,5 ARBITRO Rizzoli di Bologna.
zi su Konè) ha spianato la stra-
GILLET 6 Sui gol non può nulla.
(gioco scorretto). AMMONITI Lesdesma con Rubis che però ha la peg- ESPULSI nessuno. AMMONITI Berardi
da ai lombardi, poi in difficoltà
proteste; Britos, Della Rocca, Portanova, gio: frattura del setto nasale e ANDUJAR 6 Incolpevole sul gol. nella ripresa. A. MASIELLO 5,5 Una pallonata di
(Br) e Glik (Ba) per gioco scorretto.
Schelotto, Spolli e Llama gioco scorretto. sospetta lesione del seno nasa- ALVAREZ 4 Rosso per due falli Almiron lo manda al tappeto.
NOTE paganti 4.284; incasso 50.471 euro, NOTE spettatori seimila circa, incasso e ab-
le). Simeone lo arretra quan- identici in 5’. Brescia rinunciatario Difficile ca- RAGGI 5,5 Nel finale va in affanno.
abbonati 10.823, quota di 151.446 euro. Tiri bonati non comunicati. Tiri in porta 4-3.
in porta 8-4. Fuori 3-8. In fuorigioco 2-3. An- do rimane in 10 per espulsio- Tiri fuori 2-’6. In fuorigioco 1-5. Angoli 2-2. pire sino a che punto i padroni GLIK 5,5 Una buona prestazione, a
IL MIGLIORE
goli 5-6. Recuperi: p.t. 1’, s.t. 7’. ne di Alvarez che in 15 minuti
becca 2 ammonizioni, quella
h 6,5 SILVESTRE 6,5 Recuperi: ’1’ p.t., ’5’ s.t. di casa abbiano voluto control-
lare la partita sull’uno a zero. In
parte l’ultimo quarto d’ora.
Capitano vero, un esempio. ROSSI 6 Impegno sino alla fine.
decisiva per fallo su Ekdal, parte, hanno sicuramente paga-
DAL NOSTRO INVIATO DAL NOSTRO INVIATO PARISI 5 Soffre Konè.
sfuggitogli. Per sfruttare il van- to le fatiche della terza gara in
FRANCESCO CARUSO SPOLLI 6 Di testa c’è sempre. FILIPPO GRIMALDI
taggio dell’uomo in più, i pa- otto giorni, ma ancor più, lo ha DONATI 5,5 Improvvisamente
5 RIPRODUZIONE RISERVATA droni di casa impiegano 20 mi- MARCHESE 5,5 Sbaglia il 5 RIPRODUZIONE RISERVATA ammesso pure Iachini, l’obbli- smette di lottare.
nuti. Realizzando un gol che fuorigioco per il gol bolognese. go e l’ansia di dover fare risulta-
IL MIGLIORE
BOLOGNAdClamoroso al Dal-
l’Ara: il Bologna sa vincere an-
scaturisce da una punizione di
Di Vaio, respinta da Gomez e
LEDESMA 5 Rischia il rosso e
sbaglia tanto.
BRESCIA dNon tutti gli amuleti
sono uguali. Il Brescia ha ritro-
to contro un avversario da tene-
re sotto in classifica. Ne è venu- h 6 ALMIRON
che senza i gol di Di Vaio. Per ripresa da Mudingayi che smi- LODI 6 Cerca la porta. vato il suo, che di nome fa Iachi- ta fuori una ripresa in cui gli uo- Un paio di conclusioni, qualche
la prima volta i rossoblù con- sta su Perez e sul cui traverso- ni e qui è considerato una sorta mini di Ventura hanno fatto un buon lanciò in profondità.
MARTINHO 5,5 Ha un’occasione
quistano i 3 punti senza l’ausi- ne Portanova può batte indi- ma il sinistro lo tradisce.
di icona e si avverte una strana maggiore possesso palla, ma
GAZZI 5 Errore decisivo quando
lio del migliore realizzatore. sturbato a rete. La reazione alchimia fra il tecnico e la piaz- sbagliando troppo dalle parti di
SCHELOTTO 6 Da esterno a atterra Konè.
Anzi, accade il contrario, cioè del Catania è tutta nella con- za: dal suo ritorno in panchina, Arcari. Fino a un finale-thril-
che il centravanti romano falli- clusione di Lodi ben parata da terzino. Diamanti e compagni hanno ling: Kutuzov si è fatto respinge- RUDOLF 5,5 Mobile, ma non incide.
sca 2 volte il raddoppio, nel se- Viviano. Nella ripresa 2 assist LLAMA 5,5 Entra ma non incide. raccolto quattro punti in due re dal numero uno del Brescia il CASTILLO 5,5 Fallisce l’uno a zero.
condo caso in modo clamoro- di Meggiorini mettono Di Vaio RICCHIUTI 5,5 Poco concreto. partite, e con il successo sui pu- tiro del possibile uno a uno, pri- KUTUZOV 5,5 Sfiora il pari.
so, esponendo la sua squadra davanti alla porta, soprattutto gliesi pure il Cesena è scivolato ma che in contropiede Caraccio-
GOMEZ 5,5 Gioca di sponda, non HUSEKLEPP 5 Da sinistra a destra.
alla possibile rimonta del Cata- il secondo, ma non è giornata. vede la porta (Morimoto s.v.)
alle spalle. Non basterebbe in- lo chiudesse i conti eguaglian-
Mai pericoloso.
nia. Ma la banda di Simeone Infine un forte dubbio al limi- vece Harry Potter (evocato tem- do Hubner (33 reti) al secondo
non riesce a creare neanche te dell’area bolognese: Perez MAXI LOPEZ 6 Fa quel che può. po fa da Ventura) a rimettere posto tra i bomber bresciani in ALVAREZ 5 Buona volontà, ma
una vera palla gol e per il nuo- aggancia il piede di Maxi che All. SIMEONE 5,5 Un punto in sulla retta via una stagione co- A, dietro Roberto Baggio. sbaglia sempre.
vo tecnico argentino è la terza va giù e l’arbitro fa finta di nul- quattro partite non è un bel me questa, nata per il Bari sotto «Se ci fosse un problema di con- All. VENTURA 5,5 La malasorte
sconfitta in 4 partite. Il Cata- la. Per il Catania, sempre più biglietto da visita. una cattiva stella e proseguita duzione tecnica, prontissimo a abbonda e il cinismo latita.
nia chiude così con un solo inguaiato, diventa cruciale lo persino peggio. L’infortunio di comprarmi una bandiera e ad
punto, quello di Cesena, la spareggio di domenica con il TERNA ARBITRALE: BANTI 5 Andrea Masiello, messo al tap- andare a fare il tifo in curva TERNA ARBITRALE: RIZZOLI 6
doppia trasferta emiliana ro- Lecce. Intanto Giovanni Con- Bastona Alvarez, condona peto da un tiro di Almiron, ne è nord», è stato il paradosso di Giusto il rigore. Dubbi su un
magnola. La vittoria del Bolo- sorte, numero uno di Interme- Ledesma e non vede i falli su stato, ieri, l’emblema. I pugliesi Ventura a fine gara. Troppo tocco in area col braccio di
gna «vale 6 punti» come sostie- dia spera: «Conto di avere Caz- Lopez. Petrella 5,5; Tonolini 6 sono ultimi dall’11ª giornata, e semplice: i mali dei pugliesi Bega. Marzaloni 6; Iori 6
ne giustamente Malesani: zola come socio». contro un Brescia non irresisti- sembrano ben più profondi.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
22 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

GAZZACAFFÈ ?????????????
IL COMMENTO w PARLANO I NUMERI BASKET
LE CIFRE
IL SEGNALE Perché il Milan ha frenato?
SCUDETTO 13 Colpa dei troppi infortuni
punti fatti dal
Milan nel 2011.
di ALBERTO CERRUTI Nelle 7 partite
disputate ha E’ preoccupante l’evidente frenata del Mi- che la frenata dei rossoneri risulta figlia de-
Cinque gol in più per abbattere la Roma, cinque punti collezionato 3 lan? E soprattutto: da che cosa dipende? gli ultimi due pari: con Lazio e Genoa.
in meno per spaventare il Milan. Sono questi i segnali vittorie, 4 Attacco che non gira più come prima o cen- Imputare soltanto agli attaccanti questo ca-
scudetto, attesi da Leonardo, che festeggia la settima pareggi e 0 trocampo poco creativo? I numeri dicono lo del Milan è ingeneroso, ed è pure esage-
vittoria in otto partite dell’Inter volata al terzo po- sconfitte che i rossoneri, nel 2011, hanno raccolto rato parlare di crisi. La corsa per lo scudet-
sto, con un sogno rimonta che continua, se il Milan 13 punti: 3 vittorie, 4 pareggi e 0 sconfitte. to si deciderà in primavera quando incide-
continua a pareggiare, con la Lazio e con il Genoa. Gol fatti: 11. Gol subiti: 6. Come il Milan si ranno parecchio gli impegni internaziona-

1,57
Soltanto alla vigilia del derby del 14 novembre l’Inter sono comportati, a livello di risultati, il Na- li. I rossoneri, più che patire per il gioco Peterson, 75 anni, allena Milano
era stata più vicina al Milan. Ma poi quel meno 3 si era poli e il Palermo: 13 punti (per entrambi 4 delle punte, soffrono per i tanti (troppi) in-
trasformato addirittura in meno 13, complici le due vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte). Meglio fortuni. Nelle ultime 7 gare il Milan ha avu-
gare rinviate, quando l’Inter era passata da Benitez a
Leonardo.
la media-gol
del Milan nelle
dei rossoneri soltanto due squadre: la nuo-
va Inter di Leonardo e la bellissima Udine-
to una media-gol di 1,57 contro l’1,70 delle
precedenti 17 partite (differenza minima,
L’effetto
La teoria concede ai campioni d’Italia la possibilità di
ultime 7 partite. I
rossoneri hanno
se di Guidolin. I nerazzurri, che hanno di-
sputato una gara in più (il vittorioso recu-
dunque). In compenso Allegri si è spesso
letteralmente dovuto inventare la composi-
Peterson
sentirsi addirittura a meno 2 dal Milan, perché tra no-
ve giorni Pazzini proverà a segnare i gol della vittoria
realizzato 11 reti.
La media-gol delle
pero contro il Cesena), hanno totalizzato
21 punti, mentre i friulani sono arrivati a
zione del centrocampo per l’indisponibili-
tà dei vari Pirlo, Boateng, Seedorf e compa-
per l’Armani
nel recupero di Firenze contro la sua vecchia squadra.
Ma prima di pensare a un altro decisivo passo avanti,
precedenti 17 gare
è stata di 1,70
quota 17. Il divario tra le due milanesi bal-
za subito agli occhi, così come è lampante
gnia: ecco il vero nervo scoperto del Milan.
ANDREA SCHIANCHI è già finito?
con quello successivo nel derby, Leonardo dovrebbe
preoccuparsi anche dei troppi rischi che continua a SÌ Lo ha detto proprio Dan
0,85
correre la sua squadra. Mai come stavolta, il pazzo Peterson alla fine della partita
5-3 contro la Roma fa capire che non basta avere il persa male in casa con Biella,
miglior attacco se poi si concedono praterie agli avver- secondo k.o. della sua gestio-
sari, vicini a un clamoroso 4-4 dopo essere rimasti nel- media-gol ne. La domanda vera, però, è
la mezz’ora finale con un uomo in meno, sull’1-3, per subiti dal Milan se l’effetto Peterson ci sia
l’espulsione di Burdisso. Se l’Inter riuscirà a corregge- nelle ultime 7 mai stato, se non per l’eccezio-
re i vecchi difetti in fase difensiva, allora tutto sarà partite (incassate nale impatto mediatico che il
possibile. A patto che la sua rimonta sia completata da 6 reti). La media suo ritorno in panchina dopo
un altro «se» gentilmente offerto dal Milan. Perché se nelle precedenti 24 anni ha provocato e l’ecce-
gli aspiranti campioni, che hanno gettato via 4 pun- 17 gare è stata zionale accoglienza che, an-
ti in due partite, come già avevano fatto pareggiando di 0,76 che in trasferta, ha ricevuto. Pe-
4-4 con l’Udinese e 1-1 con il Lecce, non ritroveranno terson ha ricevuto una squa-
la continuità del girone d’andata, la rimonta dell’Inter dra seconda in classifica che al
sarà ancora più facile. completo aveva perso 1 sola
partita, e ha vinto 4 gare di fi-
Mentre nello 0-0 contro la Lazio, martedì scorso, i ros- A destra, la la, tre in casa, nessuna contro
soneri erano stati più sfortunati che colpevoli, nell’1-1 delusione di avversarie con un bilancio vin-
di Marassi sono stati più colpevoli che sfortunati, per- Gattuso: il te-perse positivo. Ha faticato a
ché è vero che il pareggio di Floro Flores è agevolato Milan Cremona, ha sofferto in casa
da un rimpallo, ma una grande squadra come il Milan, col Genoa contro l’ultima. Sinceramente,
favorito per lo scudetto, non può fare scena muta, o ha infilato anche in quel momento era dif-
quasi, per tutta la ripresa contro avversari sempre in il secondo pari ficile parlare di effetto Peter-
difficoltà nel primo tempo. Dopo tanti elogi, sbaglia consecutivo. son. Intanto sono arrivati due
anche Allegri che toglie Robinho, l’unico in grado di In basso, nuovi giocatori, Greer e Eze
collegare i tre mediani Gattuso, Van Bommel e Flami- Samuel Eto’o (che si è subito fatto male). E
ni con le due punte Pato e Ibrahimovic. L’inserimento AP / IMAGE SPORT
improvvisamente, la squadra
di Cassano al suo posto, e non di Pato come sarebbe si è persa, sembra non sap-
stato più logico, spacca la squadra in due, con- pia cosa fare. In Peterson, l’AJ
CLASSE MEDIA IN PARADISO cercava un leader capace di
cedendo spazio alla forza d’urto del Genoa,
surrogare con la sua personali-
con l’aggravante che l’ex sampdoriano delu-
de ancora, defilandosi inutilmente sulle fa-
m a Ma Malesani, Mazzarri e tà la mancanza di un vero capo
in campo. E l’uomo per far fare
ano
o
sce. E dopo oltre un mese di allenamenti

r
il salto di qualità mentale ad
S tr Guidolin sono così bravi?
ve
coi nuovi compagni l’alibi del ritardo un gruppo di buoni giocatori
di preparazione non regge più, per- che avevano sempre fallito le
ché il tempo passa e Cassano che do- sfide chiave per accreditarsi co-
veva essere il nuovo punto esclamati- SÌ Sono bravissimi. L’aveva- Udine, è stato bravissimo a mo- me sfidanti credibili per Siena.
vo per il Milan rimane un imbarazzan- no già dimostrato in altre occa- dellare gli schemi più efficaci In questo momento, sono ob-
te punto interrogativo, soprattutto a sioni e squadre diverse. Bolo- per esaltare le qualità dei gioca- biettivi lontani. I problemi di
livello tattico. IL MERCATO DI gna, Napoli e Udinese stanno tori a disposizione. Il risultato Milano sono l’attacco e la dife-
GENNAIO FA UN SACCO ottenendo risultati importanti va al di là dei numeri in classifi- sa, l’abc della pallacanestro. E
In attesa dell’indispensabile ritorno di Pir- DI GOL: SDOGANATO e fanno vedere una cifra di gio- ca che pure proiettano i bianco- Peterson si è giocato una gran-
lo, il Milan ha permesso anche al Napoli PERSINO AMAURI co a tratti da applausi e com- neri verso l’alto. de fetta del suo appeal di invin-
di rifarsi sotto. Con il 2-0 al Cesena, plessivamente più che apprez- Più in generale, il magic mo- cibilità vedendo franare la sua
aperto dal solito Cavani sempre più Cambiare squadra fa bene zabile. Ciascuno ha una storia ment dei tre tecnici rimette al «arma segreta», la mitica zona
capocannoniere con 18 gol, la squa- a chi cerca di andare in differente. Malesani, per dire, centro del palcoscenico il valo- 1-3-1, ridicolizzata da Treviso
dra di Mazzarri adesso è a 3 punti dalla capo- gol. Pazzini ne ha timbrati dopo gli anni di Firenze e Par- re di una classe media che era e Biella. La colpa, ovvio, non
lista, come le era successo l’ultima volta a fine tre nelle prime due uscite ma sembrava destinato a una stata spinta ai margini o sotto- è di Peterson, ma i adesso de-
2010, mentre la Lazio fermata in casa dal Chie- in nerazzurro, Kharja uno. parabola in discesa. Invece a Bo- valutata. Senza gli Ancelotti e i ve intervenire non psicologi-
vo rimane fuorigioco a meno 7. Ma ricordando Doppietta per Matri logna ha invertito la rotta. No- Mancini, che allenano all’este- camente ma tecnicamente e
le precedenti occasioni fallite dal Napoli, boccia- bianconero. A segno nostante i problemi del club, ro come Spalletti, Capello e Zac- con qualcosa di nuovo. Il miti-
to agli esami di maturità di fronte al Milan, all’In- anche Toni, come Flores sta facendo un ottimo lavoro. cheroni in Serie A ora c’è più co Dan è il primo a essere con-
ter e infine al Chievo, e soprattutto ripensando nel Genoa, Okaka e Rudolf Con Mazzarri, il Napoli cresce a spazio. E la classifica corta (il sapevole che non basti la sua
alla rabbia con cui la squadra di Leonardo si av- col Bari. Ma il "miracolato" vista d’occhio: compito non Milan ha solo un punto in più di presenza per far vincere l’Ar-
venta su quella di Ranieri, siamo sempre più con- è Amauri: non segnava semplice vista l’emotività della un anno fa) offre un vantaggio: mani. Molti, invece, lo credeva-
vinti che lo scudetto sia un obiettivo riservato alle dal 14 febbraio 2010. piazza e le pressioni che incom- distribuisce coriandoli a tutti. no. E hanno sbagliato.
due milanesi. bono a 360 gradi. Guidolin, a ALESSANDRO DE CALÒ LUCA CHIABOTTI

« Ipse dixit ...Cosa voleva dire


«Complimenti a
Caressa e Bergomi
per il linciaggio
mediatico contro
Kozak»
Reja pensava di «difendere» la sua punta
«Mi hanno chiamato invitando-
mi a rivedere Milan-Lazio su
Sky. Ho visto una trasmissione
disgustosa, una telecronaca
spregevole, turpe, ripugnante.
Ho sentito delle tesi false, lon-
contrario del vero. Avete offe-
so aldilà del possibile il signor
Libor Kozak, che invece è una
splendida persona, intelligen-
te, preparata, seria. Si è laurea-
to con il massimo dei voti, si è
ro con tutti gli ospiti interna-
zionali della regione Lazio.
Vale molto di più dei cosid-
detti signori presenti. Invito
cordialmente l’ex onorevole
Massimo Mauro ad alzarsi e a
tane dalla realtà, lontane dal pagato gli studi lavorando, è di venire via da questo incredibi-
Edy Reja, 65 vero, distorte, ho visto una rap- madrelingua ceca e svolge un le postribolo televisivo».
anni BARTOLETTI presentazione della realtà al importante e apprezzato lavo- ROBERTO PELUCCHI
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
23

RISULTATI CLASSIFICA DELLA SERIE A MARCATORI


BOLOGNA-CATANIA 1-0 PARTITE RETI RIGORI 18 RETI: Cavani (1) (Napoli)
PUNTI POSIZIONE ULTIME
Portanova (B) SQUADRE PUNTI IN CASA FUORI TOTALE IN CASA FUORI TOTALE DIFF. FAVORE CONTRO 2009-2010 E STAGIONE QUATTRO 16 RETI: Di Natale (2) (Udinese)
BRESCIA-BARI 2-0 RETI DIFFERENZA 2009-2010 GARE
G. V. N. P. G. V. N. P. G. V. N. P. F. S. F. S. F. S. T. R. T. R. 15 RETI: Eto'o (5) (Inter)
Diamanti (Br) rigore, Caracciolo (Br)
MILAN 49 12 7 3 2 12 7 4 1 24 14 7 3 23 10 17 9 40 19 +21 3 2 1 0 48 (+1) 2 VVNN 14 RETI: Di Vaio (Bologna)
CAGLIARI-JUVENTUS 1-3
Matri (J), Acquafresca (C), Matri (J), Toni (J) NAPOLI 46 12 8 2 2 12 6 2 4 24 14 4 6 23 8 15 14 38 22 +16 3 2 2 2 39 (+7) 4 VVPV 13 RETI: Matri (1) (11 reti con il Cagliari)
INTER 44 12 8 3 1 11 5 2 4 23 13 5 5 31 15 13 12 44 27 +17 6 5 2 1 54 (-10) 1 PVVV (Juventus); Ibrahimovic (2) (Milan)
GENOA-MILAN 1-1
Pato (M), Floro Flores (G) 11 RETI: Matri (1) (Cagliari)
LAZIO 42 13 8 3 2 11 4 3 4 24 12 6 6 21 12 9 10 30 22 +8 2 2 4 4 25 (+17) 16 PVNN
INTER-ROMA 5-3 10 RETI: Borriello (1) (Roma)
Sneijder (I), Simplicio (R), Eto'o (I), Eto'o (I) rigore, PALERMO 40 12 8 2 2 12 4 2 6 24 12 4 8 23 10 19 21 42 31 +11 1 0 6 5 37 (+3) 7 VPVV
9 RETI: Pellissier (1) (Chievo); Pazzini
Thiago Motta (I), Vucinic (R), Loria (R), Cambiasso (I) UDINESE 40 12 8 2 2 12 4 2 6 24 12 4 8 21 11 18 19 39 30 +9 3 2 5 1 27 (+13) 15 VVNV (2) (6 con la Sampdoria) (Inter);
LAZIO-CHIEVO 1-1 ROMA 39 11 8 3 0 12 3 3 6 23 11 6 6 21 8 14 22 35 30 +5 5 4 4 4 47 (-8) 3 V=NP Quagliarella (Juventus); Pato (Milan);
Hernanes (L), Cesar (C) Pastore (Palermo)
JUVENTUS 38 11 5 3 3 13 5 5 3 24 10 8 6 23 19 17 11 40 30 +10 3 2 3 2 38 (=) 6 NPPV
LECCE-PALERMO 2-4 8 RETI: Hamsik (1) (Napoli); Ilicic
Giacomazzi (L), Miccoli (P), Jeda (L), Pastore (P), CAGLIARI 32 12 6 1 5 12 3 4 5 24 9 5 10 19 12 9 14 28 26 +2 2 1 3 2 35 (-3) 8 PVVP
(Palermo); Crespo (2) (Parma)
Hernandez (P), Ilicic (P) CHIEVO 31 12 4 6 2 12 3 4 5 24 7 10 7 11 8 15 15 26 23 +3 2 1 2 1 29 (+2) 13 NVVN 7 RETI: Gilardino (Fiorentina); Robinho
NAPOLI-CESENA 2-0
Cavani (N), Sosa (N) FIORENTINA 29 11 7 2 2 12 0 6 6 23 7 8 8 15 9 8 15 23 24 -1 4 3 2 1 31 (-2) 11 NPVN (Milan); Miccoli (Palermo); Vucinic (1)
BOLOGNA * 29 11 6 4 1 12 2 4 6 23 8 8 7 13 8 12 22 25 30 -5 2 0 2 1 28 (+1) 14 V=NV (Roma); Sanchez (Udinese)
PARMA-FIORENTINA 1-1
Amauri (P), D'Agostino (F) rigore 6 RETI: Caracciolo (3) (Brescia); Maxi
GENOA 28 12 4 3 5 11 3 4 4 23 7 7 9 12 15 7 7 19 22 -3 2 2 1 1 35 (-7) 8 NVPN
Lopez (1) (Catania); Bogdani (Cesena);
UDINESE-SAMPDORIA 2-0 SAMPDORIA 27 11 4 5 2 12 2 4 6 23 6 9 8 11 6 9 19 20 25 -5 5 5 1 1 39 (-12) 4 NPPP
Sanchez (U), Di Natale (U) Floccari e Hernanes (1) (Lazio)
PARMA 26 13 4 6 3 11 2 2 7 24 6 8 10 11 8 12 22 23 30 -7 2 2 8 7 30 (-4) 12 VPPN 5 RETI: Diamanti (1) (Brescia);
LECCE 24 12 4 4 4 12 2 2 8 24 6 6 12 16 18 8 25 24 43 -19 4 1 3 2 in B in B NNVP Moscardelli (Chievo); Cambiasso, Milito
PROSSIMO TURNO CATANIA 23 12 5 4 3 12 0 4 8 24 5 8 11 12 11 7 20 19 31 -12 3 3 2 1 24 (-1) 17 PPNP
e Stankovic (Inter); Krasic (Juventus);
sabato 12 febbraio: MILAN-PARMA (ore 18) (1-0); Di Michele (Lecce); Lavezzi (Napoli);
ROMA-NAPOLI (ore 20.45) (0-2) BRESCIA 22 12 5 2 5 12 1 2 9 24 6 4 14 13 13 7 18 20 31 -11 4 4 3 2 in B in B PPNV Pinilla (Palermo); Giovinco (Parma);
domenica 13 febbraio, ore 15: CESENA 21 12 4 3 5 12 1 3 8 24 5 6 13 9 12 8 19 17 31 -14 2 1 3 2 in B in B PNNP Guberti (Sampdoria)
PALERMO-FIORENTINA (ore 12.30) (2-1); BARI-GENOA (1-2); 4 RETI: Barreto (2) (Bari); Acquafresca
BRESCIA-LAZIO (0-1); CAGLIARI-CHIEVO (0-0); BARI 14 12 2 3 7 12 1 2 9 24 3 5 16 7 18 7 21 14 39 -25 6 3 7 5 32 (-18) 10 PPPP
e Nené (Cagliari); Jimenez (Cesena);
CATANIA-LECCE (0-1); CESENA-UDINESE (0-1); U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAM\PIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE A parità di partite giocate la nostra classifica tiene conto di quest’ordine preferenziale:
Santana (Fiorentina); Floro Flores (3
SAMPDORIA-BOLOGNA (1-1); JUVENTUS-INTER (20.45) (0-0) 1) punti 2) minor numero di partite disputate 3) differenza reti 4) numero di gol segnati 5) ordine alfabetico. Le ultime tre retrocedono in serie B. * Bologna ha 3 punti di penalizzazione.
reti con l'Udinese) (Genoa); Thiago
Motta (Inter); Del Piero (1), Iaquinta,
Marchisio e Toni (1) (3 reti col Genoa)
(Juventus); Kozak (1), Mauri e Zarate

i IL BARI SI LAMENTA: DUBBI DI RIGORE SUL MANO DI BEGA LAZIO-CHIEVO 1-1 Difficile stabi-
lire con certezza chi tocca per
ultimo la palla tra Scaloni e Sar-
(Lazio); Simplicio (Roma); Cassano (2)
(Sampdoria)

Olivera, gomitata da rosso


3 RETI: Britos e Gimenez (Bologna);
LA MOVIOLA

do. Baracani (Can B) assegna Eder (Brescia); Conti (Cagliari);


l’angolo: il pallone arriva dalle Silvestre (Catania); Cesar (Chievo);
parti di Dias e Cesar, il giocato- D'Agostino (1) e Ljajic (2) (Fiorentina);

Giallo a Ibra, ma non c’è fallo


re del Chievo si aiuta un po’ con Pepe (Juventus); Corvia, Ofere e
un braccio ma alla fine il gol ap- Olivera (Lecce); Totti (2) (Roma); Pozzi
pare regolare. (1) (Sampdoria); Denis (Udinese)
2 RETI: Okaka e Rudolf (1 rete con il
LECCE-PALERMO 2-4 Molto la-
Il leccese colpisce Pastore: non visto. Lo svedese prende la palla voro per Brighi e i suoi assisten-
Genoa) (Bari); Cordova (Brescia);
Nainngolan (Cagliari); Gomez e Terlizzi
ti. Impossibile capire se il gol di
(Catania); Giaccherini e Parolo
FRANCESCO CENITI Giacomazzi è regolare: se la pal-
(Cesena); Mandelli (Chievo); Destro,
fceniti@gazzetta.it
la è sfiorata prima da Munari al-
Mesto, Milanetto, Palacio (1), Ranocchia
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
lora era da annullare, è buono e M. Rossi (Genoa); Sneijder (Inter);
se invece non c’è tocco (come Aquilani (Juventus); Biava (Lazio);
giudica Passeri). Di sicura è giu-
dIl 5 marzo l’Ifab potrebbe da- sta la segnalazione di fuorigio-
Giacomazzi, Jeda (1) e Piatti (Lecce);
re il via libera all’aiuto tecnolo- Boateng e Inzaghi (Milan); Cannavaro e
co sui gol annullati a Munari e a
gico per evitare casi come quel- Maggio (Napoli); Bacinovic, Bovo,
Kasami. Nella ripresa sono ok
li di Napoli (sul colpo di testa di le reti di Pastore, Hernandez e
Maccarone, Migliaccio e Nocerino
Maggio palla entrata di 20-30 Ilicic. Braccio di Andelkovic: si
(Palermo); Bojinov, Candreva e
centimetri, ma gol non dato: la Zaccardo (Parma); Menez e Perrotta
poteva dare rigore al Lecce. Nel (Roma); Armero, Benatia, Domizzi e
moviola è a pagina 14). La spe- finale gomitata di Olivera a Pa-
rimentazione partirebbe dalla Zapata (Udinese)
store: da espulsione, fischiato
prossima stagione: ogni federa- Mazzoleni ammonisce Ibra, ma non c’era il fallo dello svedese OTN invece fallo al palermitano. 1 RETE: 73 giocatori
zione potrà aderire. Difficile, RETI: in questo turno 31 (3 rigori); in
però, che in Italia si utilizzi in rete di Portanova (c’è Spolli). GENOA-MILAN 1-1 Mano invo- PARMA-FIORENTINA 1-1 Gol an- totale 566 (45 rigori, 17 autoreti)
campionato (costi eccessivi). lontario di Gattuso sulla conclu- nullato a Gilardino al 6’, sì è fuo-
Nel frattempo a parte la svista BRESCIA-BARI 2-0 Rischia Be- sione ravvicinata di Floro Flo- rigioco. Gava vede bene in occa-
di Pugiotto, domenica positiva ga dopo pochi minuti quando res. Mazzoleni sbaglia al 45’
per gli arbitri con pochi errori. tocca di mano sull’attacco di Ca- quando ammonisce Ibra che re-
sione del rigore dato alla Fio-
rentina: Gobbi tira giù Campo-
CONCORSI
stillo: sembra volontario, ci po- cupera palla su Kucka senza far CONCORSI N. 12 DEL 6/2/2011
rese. Altri penalty reclamati: TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE
BOLOGNA-CATANIA 1-0 Ok in av- teva stare il rigore. Rizzoli lo fallo. Passa meno di un minuto dubbi sul contrasto Paci-Cerci, 1-X-X-2-1-X-X-X-2-1-2-2-1-1 QUOTE:
vio annullare il gol a Maxi Lo- concede al Brescia e fa bene: e il Genoa trova il pari. Nel fina- mentre non c’è fallo di Pasqual Ai 14 nessun vincitore; ai 13 (2) 70.472 €;
pez: è fuorigioco. Alvarez espul- Gazzi affossa Kone. Non c’è fuo- le gol annullato a Pato perché su Crespo. Ai 12 (52) 2.710 €;Ai 9 (9) 16.563 €
so per 2 gialli in pochi minuti: rigioco sul 2-0: Caracciolo par- Ibra gli fa da torre dopo aver im- (Inter-Roma a pagina 3; TOTOGOL - COLONNA VINCENTE
ci stanno entrambi. Regolare la te dalla propria metà campo. pedito lo stacco a Dainelli. Napoli-Cesena a pagina 12) 14-4-12-7-10-9-11 QUOTE: Ai 7 e 6 nessun
vincitore; Ai 5 (10) 699 €;Ai 4 (251) 33 €
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
24 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
25
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
26 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

MONDO INGHILTERRA
w
West Bromwich, Ancelotti tra-

Chelsea allarme rosso


AL WEST BROMWICH
balla al quarto posto.

Codice Abramovich Mancare la


Champions, nel codice Abra-
I NUMERI Di Matteo
movich, vale la fine rapporto.
a picco
Liverpool senza limiti «Il Liverpool ha schierato 3
stopper, ha giocato con inten-
sità e determinazione: non sia-
mo riusciti a venirne a capo»,
ammette Carletto. C’era il rigo-
58,5 i milioni
spesi
Esonerato
L’ex Torres delude, Ancelotti rischia la zona Champions re per il Chelsea a tempo sca-
duto: l’ex Johnson stende Iva-
dal Chelsea
per Torres: «Sono sorpreso e
Meireles-gol: Dalglish azzecca tutto, Reds sempre più su
novic in area sul cross di Cole.
L’arbitro poi fischia la fine. «Il
nella sua prima
uscita 66 minuti
amareggiato». Ma
pareggio sarebbe stato più giu- e due occasioni il WBA è terzultimo
GIANCARLO GALAVOTTI sto», lamenta Ancelotti. E la- sprecate
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
CHELSEA 0 menta ancor più che all’indo-
mani della prima sconfitta del

10
LONDRA d «You should have Manchester United, in trasfer-
stayed at a big club». I tifosi LIVERPOOL 1 ta contro il Wolverhampton, i
del Liverpool non perdono un GIUDIZIO 77 campioni non siano riusciti ad
secondo. Minuto 21 della ri- PRIMO TEMPO 0-0 accorciare il gap di 10 punti i punti
presa a Stamford Bridge: cola dalla prima. di ritardo
MARCATORI Meireles al 24’ s.t.
a picco il debutto Blue di Fer- dei Blues dallo
CHELSEA (4-3-1-2) Cech 5,5; Bosin- Media Ranieri Sono già 7 i turni United: anche
nando Torres, sostituito da An- gwa 6 (dal 28’ s.t. Luiz 5,5), Ivanovic
celotti dopo un’ora di sconsola- 5, Terry 6, Cole 5,5; Essien 5, Mikel
perduti su 26, al Chelsea non Ferguson
ta caccia alle ombre. «Facevi 5,5 (dal 26’ s.t. Malouda 5,5), Lam- succedeva dai tempi di un al- ha perso,
meglio a restare in un grande pard 5; Anelka 6; Torres 5,5 (dal 21’ tro allenatore italiano, Ranie- 2-1 in casa del
club», cantano i 2.500 Reds al- s.t. Kalou 6), Drogba 5. PANCHINA Tur- ri. Il Liverpool vince perché ha Wolverhampton
nbull, Ferreira, McEachran, Sala. AL- ritrovato un po’ lo spirito dei
lo spagnolo che li ha lasciati lu- LENATORE Ancelotti 5.
nedì per andare «in una squa- tempi di Dalglish giocatore. Roberto Di Matteo, 40 anni AP

90
LIVERPOOL (3-4-2-1) Reina 6; Carra- Ma fino all’1-0 è correo di un
dra che ha più possibilità di gher 7, Skrtel 6, Agger 6,5; Kelly 6, Lu-
vincere i grandi trofei». Lo match senza sostanza. Ance- LUCA PISAPIA
cas 6, Rodriguez 5,5 (dal 30’ s.t. Aure-
lotti lascia fuori Malouda per 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
sberleffo diventa trionfale al lio 6), Johnson 6; Gerrard 6,5, Meire-
les 6,5 (dal 39’ s.t. Poulsen s.v.); Kuyt accomodare Torres accanto a i minuti
24’.
6. PANCHINA Gulacsi, Suarez, Jovano- Drogba, con Anelka trequarti- giocati LONDRA d La vittoria 1-0 del
vic, Kyrgiakos, Ngog. ALLENATORE sta. Funziona solo una volta da Gerrard con Birmingham sul campo del
Effetto Dalglish Raul Meireles Dalglish 6,5. (al 31’), sul filtrante di Drog- un problema West Ham (Zigic al 65’) cam-
allunga il piede sul cross dal ba, ma un gigantesco Carra- all’inguine: bia di poco la situazione sul
ARBITRO Marriner 6.
fondo di Gerrard, goffamente Raul Meireles, Stamford Bridge per l’impresa gher blocca l’ex compagno. Ro- salterà fondo classifica, con 6 squadre
mancato da Ivanovic e Cech, e NOTE spettatori 41.829. Ammoniti
27 anni, segna che stravolge la stagione dei Mikel (C), Lucas (L). Tiri in porta 1-3.
driguez invece al 37’, da due l’amichevole con in 4 punti. Cambia tutto inve-
si conferma alfiere della rina- col sinistro Reds. Sull’orlo della retroces- Tiri fuori 19-5. In fuorigioco 3-2. Ango- passi, spiattona contro la tra- la Danimarca ce in casa del West Bromwich,
scita del Liverpool. Quarta re- arrivando per sione con Hodgson, adesso ve- li 4-3. Recuperi p.t. 1’, s.t. 4’. versa la gemma di Gerrard. La terzultimo col Wigan ma salvo
te del portoghese nelle ultime primo sul cross dono la zona Champions, 6 frustrazione del Chelsea pro- per differenza reti, dove ieri è
cinque di Premier, quarto suc- da destra di punti meno e 1 partita giocata duce un teatrino di insulti tra stato esonerato Roberto Di
cesso di fila di Kenny Dalglish. Gerrard REUTERS in più rispetto a Chelsea e Tot- Ivanovic e Cech al 45’. Ma Rei- Matteo, che ha dichiarato di es-
Alla sesta volta in panchina la tenham. E, nel giorno dell’eso- na resta con le mani in mano sere «sorpreso e amareggiato
bandiera del Liverpool sceglie nero-shock di Di Matteo dal fino alla fine. per la decisione del club». L’ex
giocatore del Chelsea aveva
preso il West Bromwich, so-
prannominato «squadra
GERMANIA yo-yo» per il continuo andiri-
NON EVITA I COLPI, Diego «ruba»
vieni tra Premier e seconda se-
rie, l’anno scorso in Champion-

MA AIUTA A SUPERARLI. un rigore ship.

Sarà multato Migliore a settembre E dopo


un’eccellente promozione ave-
(p.f.a.) Niente derby ad va cominciato alla grande an-
Amburgo: troppa pioggia che il che quest’anno nella massima
prato dell’Aol Arena non riesce serie, venendo premiato come
a drenare. Terreno vecchio?
miglior manager della Pre-
No, troppo nuovo: le zolle
mier del mese di settembre. A
erano appena state cambiate,
ottobre, con la vittoria sull’Ar-
Amburgo e St. Pauli non hanno
senal e il pari col Manchester
potuto giocare. Nell’altro
posticipo niente reti fra
Utd, i Baggies erano al 4˚ po-
Friburgo e Eintracht. Il caso
sto, ma il tecnico predicava cal-
del giorno è un altro: «Diego ma: erano stati costruiti per
verrà punito» ha detto cercare la salvezza, nulla più.
l’allenatore del Wolfsburg A dicembre il buio, 1 vittoria e
Steve McClaren. Nel derby 1 pari in 9 partite e la scivolata
perso con l’Hannover, l’ex nelle zone basse. A gennaio
juventino ha voluto tirare un nessun acquisto di rilievo per
rigore nonostante il designato rinforzare la squadra, se non
fosse Helmes. Diego ha anche l’arrivo in prestito di Vela dal-
sbagliato (traversa) e il l’Arsenal, e ieri, all’indomani
tecnico inglese si è infuriato. del 3-0 subito dal City di Man-
«Pensavo tirasse Helmes, mi cini, l’esonero. «Abbiamo di-
sono girato e ho visto Diego. mostrato di potercela giocare
Inaudito. Ci saranno delle contro chiunque e non siamo
sanzioni pesanti». mai stati tra le ultime tre – ha
VENTUNESIMA GIORNATA detto Di Matteo -, dispiace so-
Borussia Dortmund-Schalke lo di non poter essere io a gui-
0-0, Colonia-Bayern Monaco dare questa squadra alla sal-
3-2, Hannover-Wolfsburg 1-0, vezza»
Hoffenheim-Kaiserslautern
3-2, Mainz-Werder Brema 1-1, 26ª GIORNATA: Aston Villa-Fulham
Norimberga-Bayer 2-2, Chelsea-Liverpool 0-1, Ever-
Leverkusen 1-0, ton-Blackpool 5-3, Manchester Ci-
Moenchengladbach-Stoccar- ty-West Bromwich 3-0, Newcast-
da 2-3, Friburgo-Eintracht
le-Arsenal 4-4, Stoke-Sunderland
0-0, Amburgo-St. Pauli
3-2, Tottenham-Bolton 2-1,
rinviata.
Wigan-Blackburn 4-3, Wolverhamp-
LIOT
LIOTONTRAUMA CLASSIFICA Borussia
Dortmund 51 punti; Bayer
ton-Manchester United 2-1, West

CON TE CONTRO TRAUMI


Ham-Birmingham 0-1 CLASSIFICA:
Leverkusen 39; Mainz,
Manchester United* 54; Arsenal* 50;
Hannover 37; Bayern Monaco
E CCONTUSIONI.
O 36; Friburgo 34; Hoffenheim
32; Amburgo* 30; Norimberga
Manchester City 49; Chelsea*,
Tottenham* 44; Liverpool 38; Sunder-
Grazie
G
Gr
raz
aziie
ie aaii su
suoi
o p
oi principi
rinc
rinccip
ipi at
ipi aattivi,
tiivi
vi,i, Es
EEscina
sci
cina + Die
D
Dietilamina
i ti
ietilla
lami
lami
mina
na ssal
salicilato,
allic
icillato
icil ato, LLiotontrauma
at iio
otto
onttra
raum
ma 2
2%
2%+5%
%+5%
5% gel è u
utile in caso di traumi. 29; Eintracht 27; Schalke 26; land 37; Stoke*, Bolton 33;
Werder Brema, Wolfsburg 23; Newcastle*, Blackburn 31; Fulham,
È un medicinale. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Liotontrauma è a base di escina + dietilamina salicilato. Kaiserslautern, St.Pauli*, Everton* 30; Aston Villa 29;
Attenzione: i medicinali vanno assunti con cautela, per un breve periodo di tempo, non superando le dosi consigliate Colonia 22; Stoccarda 19; Blackpool* 28; Birmingham** 27;
e solo per le indicazioni riportate nel foglio illustrativo. In caso di dubbio rivolgersi al medico o al farmacista. West Bromwich*, Wigan 26; West
Autorizzazione del 18/10/2010. Borussia Moenchengladbach
16. (* una partita in meno) Ham, Wolverhampton* 24.
(ogni * una partita in meno),
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
27

MONDO SPAGNA
cabile: in 179 minuti ha segna-

Real Madrid to quanto Benzema in 904. Pri-


ma di lasciare il posto a Di Ma-
ria (al 60') Kakà ha colpito una
traversa e si è mosso benissi-
mo, partendo dal centro, con
FRANCIA
Il Lilla frena
Male Gourcuff
tutto nuovo
Özil a destra e Ronaldo a sini-
stra, e scambiando spesso posi-
zione con i compagni. Il tede- col Bordeaux
sco ha mostrato ancora una PARIGI (a.g.) L’Auxerre fa lo
volta facilità di adattamento: sgambetto al Lilla. Nonostante

ma Ronaldo
idee brillanti e nessun proble- il bomber Sow, autore di una
ma per l'escursione tattica sul- rovesciata spettacolare per il
la fascia. sedicesimo centro stagionale.
Ma non basta per impedire la
Voglia matta Ronaldo merita reazione d’orgoglio della

segna sempre
un capitolo a parte: il porto- squadra di Fernandez, che non
ghese non segnava in Liga dal vince da metà novembre, ma
9 gennaio ed è partito a mille che almeno rimedia con Dudka.
cercando il gol con un'ansia Il Lilla resta comunque solitario
travolgente: 3 tiri sballati (di al comando con cinque punti di
tanto) poi al 21' il 2-0 con un
Rifila un 4-1 alla Real Sociedad sinistro preciso e potente. Poi
tante altre conclusioni e secon-
vantaggio. Sprofonda invece il
Monaco, abbattuto da una
doppietta del 21enne Sissoko,
rilanciando Kakà che va a segno do gol personale al 42' grazie a
una testata mirabile su angolo
centrocampista con il vizio del
gol, talento da seguire. E il club
di Özil. Ronaldo nel solo pri-
Cristiano doppietta, quota 24 Cristiano Ronaldo, 26 anni, raggiunge Messi: i Pichichi sono due AFP
mo tempo ha tirato in porta 10 del Principato, penultimo con
appena 21 punti, teme il peggio.
volte, disperandosi plateal-
mente ad ogni errore. Ieri i nu- A Lione, delude l’ex Yoann
FILIPPO MARIA RICCI Real Mou, che in casa sinora meri di Messi, oggi quelli di Gourcuff, in crisi di identità
5 RIPRODUZIONE RISERVATA ha vinto le 18 partite giocate.
REAL MADRID 4 REAL SOCIEDAD 1 Cristiano: 24 gol in Liga, come calcistica, contro il Bordeaux.
22ª GIORNATA Brest-Nancy
Leo, 34 stagionali (6 meno di
MADRID dI cambi di Mourinho, Turnover José decide di prova- (4-2-3-1) Casillas 7; Arbeloa 6, Garay (4-2-3-1) Bravo 6; Estrada 5, Labaka
Messi) in 35 partite, 50 in 51 2-1; Caen-Lorient 0-2;
un'ora da Kakà ritrovato, l'an- re facce nuove e con Sergio Ra- 6,5, Carvalho 7 (dal 25' s.t. Albiol), Mar- 4,5, Ansotegi 5, Mikel González 4,5; Ri- Lens-Valenciennes 1-1;
celo 7; Xabi Alonso 7, Diarra 7; Özil 7 (dal vas 4 (dal 19' s.t. Markel 5), Elustondo 5;
gare di Liga: nessun giocatore
sia devastatrice di Ronaldo, il mos squalificato e Pepe infor- del Real Madrid è mai arrivato Marsiglia-Arles 1-0;
38' s.t. Canales s.v.), Kakà 7 (dal 15' s.t. Zurutuza 5, Xabi Prieto 5,5, Griezmann 5
comodo trionfo del Madrid. tunato lancia Garay (4 minuti Di María 7), Cristiano Ronaldo 7,5; Ade- (dal 19' s.t. Sarpong 5,5); Tamudo 5 (dal a questa cifra tanto rapida- Montpellier-St Etienne 1-2;
Tardo pomeriggio di pace, sinora in Liga), Adebayor bayor 7. 39' s.t. Agirretxe s.v.). mente. Nizza-Sochaux 1-0;
spettacolo e gol al Bernabeu, (26') e Kakà (161'). Fuori Al- PANCHINA Adan, Khedira, Gago, Benze- PANCHINA Zubikarai, Carlos Martinez, Rennes-Psg 1-0; Auxerre-Lilla
con il Real che sommerge la biol, Di Maria e Benzema. Do- ma. ALLENATORE Mourinho 7,5. De la Bella, Demidov. Mou e le manette A distanza di 1-1; Tolosa-Monaco 2-0;
Real Sociedad ben oltre il 4-1 po 20 secondi Kakà prende pal- ALLENATORE Lasarte 5. Lione-Bordeaux 0-0.
un anno dall'ormai celebre
suggerito dal risultato. La la in mezzo al campo e parte PRIMO TEMPO 3-0 ARBITRO Ramirez Dominguez 6,5. «gesto delle manette» messo CLASSIFICA: Lilla 42;
squadra di San Sebastian era dritto verso la porta: il tiro è in mostra durante Inter-Samp- Psg, Rennes 37; Marsiglia 36;
MARCATORI Kakà all’8’, Cristiano Ronal- AMMONITI Xabi Prieto (RS). Rivas (RS),
arrivata al Bernabeu spensiera- sballato, però l'azione è di Albiol (RM) ed Estrada (RS). doria della passata stagione, St. Etienne, Lione 35; Tolosa,
ta, senza problemi di classifi- quelle vintage, da Ricky rosso- do al 21’ e al 42’ p.t.; autogol di Arbeloa Montpellier 33; Bordeaux,
Josè Mourinho ha spiegato a
al 27’, Adebayor al 44’ s.t. NOTE spettatori 75.000 circa. Tiri in por-
ca, con buona stampa e appe- nero. È un messaggio: il brasi- Sky i motivi che lo hanno por- Brest, Lorient 31; Sochaux 28;
ta 16-5. Tiri fuori 10-8. Angoli 9-3. Fuori-
na un gol meno del Madrid se- liano ha voglia di dire qualco- GIUDIZIO 777 gioco 2-2. Recuperi: 1' e 3'. tato a incrociare i polsi dopo le Valenciennes, Nizza 26;
gnato in trasferta. Se n'è anda- sa, che c'è ancora, che si può due espulsioni di Cordoba e Auxerre, Nancy 25; Caen 24;
ta dopo aver assistito ad una contare su di lui. All'8' trova il Samuel nel primo tempo. «Mi Lens 23; Monaco 21; Arles 8.
delle migliori prestazioni del gol con un tiro piazzato impla- riferivo al sistema».

BRASILE

Primo gol di Dinho al Flamengo


Ucciso calciatore in una rapina
RIO (m.can.) Primo gol per Carlos non c’erano (il gol è
Ronaldinho con la maglia del stato del terzino Alessandro) e
Flamengo, che resta a per la squadra di San Paolo ieri
punteggio pieno dopo sei è stata comunque una giornata
partite: Dinho ha segnato un di lutto. William Morais,
rigore nel 3-2 esterno dei diciannovenne del Corinthians
rossoneri contro il Boavista. in prestito all’América Mineiro,
Come ha giocato? Non infatti è stato ucciso mentre
benissimo, ma neanche male tentava di scappare da una
considerando che era solo alla rapina a Belo Horizonte. William
seconda partita della sua è stato colpito alla schiena da
nuova carriera brasiliana. Nella due ladri, che tentavano di
partita più importante della portargli via una catena. La
giornata, invece, il Corinthians polizia ha arrestato tre ragazzi,
ha vinto 1-0 in casa dei grandi due diciottenni e un
rivali del Palmeiras: potrebbe ventitreenne, con precedenti
essere la fine della crisi per una criminali: sembra abbiano
squadra contestata confessato. Anche Ronaldo ha
violentemente nell’ultima espresso solidarietà alla
settimana. Ronaldo e Roberto famiglia di William su Twitter.

taccuino
OLANDA COPPA DI SCOZIA
Stop per il Twente Due rimonte Celtic
Tre gol di Matavz L’Old Firm si rigioca
dIl Twente pareggia 1-1 e perde la dPareggio negli ottavi di Coppa di
possibilità di passare al comando. Scozia tra Celtic e Rangers: l’Old
Nel Groningen tripletta di Matavz, Firm sarà rigiocato. Nel 2-2, decisi-
già preso dal Napoli per la prossima vo il pareggio di Brown. Diouf, per la
stagione. VENTIDUESIMA GIOR- prima volta nella formazione dei Ran-
NATA: Ajax-De Graafschap 2-0; He- gers, è stato fischiato dai tifosi del
erenveen-Nec Nimega 0-0; Celtic, contro cui sputò nel 2003.
Psv-Ado Den Haag 0-1; Excel-
sior-Alkmaar 2-1; Venlo-Breda 3-0; INGHILTERRA
Vitesse-Feyenoord 1-1; Gronin-
gen-Willem II 7-1; Utrecht-Twente
Accordo Gray-Sky
1-1; Heracles Almelo-Roda Kerkra- per le parole sessiste
de 1-0. CLASSIFICA: Psv, Twente dSembra che Andy Gray, telecroni-
47; Ajax 44; Groningen 43, Ado Den sta inglese sospeso per i commenti
Haag 38; Alkmaar 37; Roda Kerkra- sessisti su una guardalinee, abbia
de 35; Utrecht 34; Heerenveen 31; trovato una transazione con Sky.
Breda 30; Nec 27; De Graafschap Qualcuno parla di una buonauscita
25; Heracles Almelo 24; Vitesse 22; di 3-4 milioni di sterline (3,5-4,7 milio-
Feyenoord 21; Excelsior 19; Vvv ni di euro), secondo altre fonti la ci-
Venlo 13; Willem II 7. fra è molto inferiore.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
28 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

Si carica con la luce. Per sempre.

. Mai più cambio pila.

Il sistema Eco-Drive elimina il problema della sostituzione


e dello smaltimento delle pile. Con la sola energia della luce,
Eco-Drive fornisce all’orologio una carica inesauribile.

188 €
www.citizen.it
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
29

SERIE BWIN IL POSTICIPO DELLA 25ª GIORNATA


w taccuino
siamo chiariti, la squadra si è ri-

L’ennesimo esame compattata». Era stato criticato


per i cambi a Siena... «Ha ovvia-
mente tutto il diritto di farlo,
gli ho spiegato perché avevo fat-
to certo scelte». Sembrava tutto
I NUMERI
VERSO IL BIG MATCH ATALANTA-SIENA
Bellini in dubbio, Cacciatore c’è

del precario Pillon 1


deciso e invece la notte ha por-
tato consiglio a Spinelli: «Since- dAtalanta e Siena si preparano alla sfida di venerdì
ramente non ci speravo, pensa- sera. Colantuono ha concesso un giorno di riposo pre-
vo che stavolta sarebbe finita I punti del mio: oggi la ripresa, da verificare le condizioni di Bellini
male...». Pillon ne fa anche una Livorno nelle (fastidio nella zona inguinale), gli esami diranno se può

Il tecnico del Livorno e la sfida con il Vicenza questione di carattere: «Io sono
abituato a parlare poco e ad
ultime 4 gare:
tre sconfitte
recuperare. Siena: Cacciatore si è regolarmente allena-
to, lavoro differenziato per Bolzoni e Larrondo.
ascoltare tanto. Bisogna avere (Sassuolo,
«Ormai ho imparato a convivere con il rischio» la forza di aspettare, di non far-
si trasportare dalle emozioni,
AlbinoLeffe,
Siena) e un pari
TORINO
per questo non parlo alla squa- Lerda cambia e passa al 4-4-2
(Padova)
dra subito dopo la partita». Il TORINOd Lerda rimane al suo posto cambiando mo-
ORE 20.45 mangia-allenatori Spinelli non
è mai stato un esempio di tolle-
dulo (passa al 4-4-2). Il portiere Bassi ha riportato una

2
distorsione al ginocchio sinistro: i tempi di recupero si
ranza: «E’ un tipo vulcanico, pe- sapranno domani dopo la risonanza magnetica.
LIVORNO rò è anche abituato a dire tutto
VICENZA in faccia: è qualcosa che ho sem- Le sconfitte UNDER 21 DI SERIE B
pre apprezzato».
LIVORNO (4-4-2) VICENZA (3-5-2)
consecutive del Via al raduno a Novarello
Vicenza: 1-0 a
1 DE LUCIA 7 RUSSO Nuovo modulo? Pillon dunque dE’ cominciato ieri a Novarello il raduno dell’Under 21
Portogruaro e
4 BERNARDINI 14 SCHIAVI coglie l’attimo, non pensa a co- di B, stamattina c’è la partitella (10.30): ecco i convoca-
17 MIGLIONICO 19 MARTINELLI 1-0 in casa con il
sa potrebbe accadere stasera, ti. Portieri: Bavena (Portogruaro) e Iacobucci (Siena).
13 KNEZEVIC 33 BASTRINI in caso di risultato negativo. Grosseto. Ultima
Difensori: Bianco (Frosinone), Bruscagin (Grosseto),
26 PIERI 39 SOLIGO
Ma resta ottimista: «Dopo la vit- vittoria: 2-0 alla
Calderoni (Ascoli), Cappelletti (Padova), Capuano (Pe-
3 SURRACO 24 RIGONI
toria di Frosinone ci siamo se- Triestina (20ª)
21 LUCI 21 MOROSINI scara), Cardin (Portogruaro), Longhi (Triestina), Maz-
6 IORI 77 BOTTA duti, poi abbiamo pagato le ten- zotta (Crotone) e Tonelli (Empoli). Centrocampisti: Cinel-
22 PRUTSCH 22 DI MATTEO sioni del mercato, la sfortuna, li (Sassuolo), Di Tacchio (Frosinone), Eramo (Crotone),
8 DIONISI
11 GALABINOV
All. PILLON
PANCHINA 19 Mazzoni, 77
Salviato, 14 Lambrughi, 16 An-
10 ABBRUSCATO
8 CELLINI
All. MARAN
PANCHINA 12 Acerbis,
13 Giani, 18 Rossi, 79
Bepi Pillon, 55 anni domani, prima stagione alla guida del Livorno FORNASARI
gli errori degli arbitri: contro il
Padova meritavamo di vincere
e abbiamo preso il terzo gol in
fuorigioco. A Siena siamo crol- Gli anni
7 Laverone (Reggina), Marchi (Piacenza), Martignago (Cit-
tadella), Tremolada (Piacenza) e N. Viola (Reggina). At-
taccanti: Giacomelli (Pescara), Immobile (Grosseto),
Mendicino (Ascoli) e Strizzolo (Novara).
tunes, 7 Belingheri, 28 Schiat- Gavazzi, 9 Mustacchio, 11
GUGLIELMO LONGHI fitte di fila e, per restare in argo- lati dopo un’espulsione ingiu- passati
tarella, 9 Danilevicius Tulli, 99 Arma 5 RIPRODUZIONE RISERVATA mento, è guidato da Maran, un sta. Poi c’è il fatto che il Livorno dall’ultima LA SITUAZIONE
ARBITRO Ciampi di Roma allenatore che detiene il singo- è una delle squadre più giovani vittoria del
GUARDALINEE Conca-Longo dDopo il 4-1 di Novara, dopo lare record di essere stato eso- del campionato e a volte sba- Vicenza a Sabato il Varese va a Pescara
PREZZI da 13 a 90 euro l’1-3 in casa con la Triestina, do- nerato, nel 2006 a Brescia, do- glia per inesperienza». I rinfor- Livorno: 2-1 nel dLa classifica dopo 25 giornate: Atalanta p. 50; Nova-
TV Sky Calcio 1 HD e Dahlia Sport po il 4-0 di Siena. A settembre, po una vittoria per 3-0 e il quin- zi di gennaio gli permetteranno campionato di ra e Siena 48; Varese 43; Livorno*, Padova, Reggina e
a novembre, adesso: da mesi, to posto in classifica. alcune variazioni al suo inossi- serie B 2003-04 Torino 35; Empoli* 33; Pescara* 32; Vicenza* e Grosse-
Inizio alle ore 20.45 (andata 0-0) la panchina di Bepi Pillon è più
LIVORNO De Lucia torna titolare e c’è il de-
dabile 4-4-2, che in fondo è una to 31; Crotone e Modena 30; AlbinoLeffe 28; Cittadella e
butto di Galabinov. Pillon per il resto deve instabile di uno sgabello. Il po- Precario Pillon spiega cosa si- delle critiche che gli vengono ri- Sassuolo 27; Piacenza e Portogruaro 25; Ascoli (-6) 24;
ancora decidere se schierare il solito 4-4-2 sticipo di stasera è l’ennesimo gnifica vivere in equilibrio pre- volte più spesso («Non cambia Triestina e Frosinone 23. (* una gara in meno). Venerdì,
o puntare su un 3-5-2 mascherato con Pieri
terzino sinistro e Prutsch esterno alto. Squa- esame, lui dice di essere tran- cario: «Un po’ ci fai l’abitudine, mai!»): potrebbe per esempio ore 20.45: Atalanta-Siena (0-1). Sabato, ore 15: Croto-
lificati nessuno. Diffidati Surraco. quillo, ma sa che, con un punto il nostro lavoro è così: a pagare passare al 4-3-1-2 con Belinghe- ne-AlbinoLeffe (1-1), Empoli-Ascoli (0-0), Frosinone-Cit-
VICENZA Due novità a centrocampo: subito
in campo gli ultimi rinforzi Rigoni e Morosini. in quattro partite, non può più sono sempre gli allenatori, non ri trequartista. Intanto, stasera tadella (1-1), Modena-Reggina (0-4), Padova-Triestina
Sulla destra Soligo, vista la precaria condi- sbagliare. Il Vicenza, poi, non è i giocatori o i tifosi o i presiden- debutta Galabinov, il primo gio- (0-0), Pescara-Varese (1-1), Piacenza-Grosseto (0-1),
zione di Gavazzi, sembra in vantaggio sull’al-
tro arrivo di gennaio Mustacchio. Squalifica- l’avversario ideale per il depres- ti. Comunque il peggio è passa- catore bulgaro nella storia del Portogruaro-Livorno (0-0), Vicenza-Sassuolo (1-2). Lu-
ti nessuno. Diffidati Bastrini. so Livorno: arriva da due scon- to: ho parlato con Spinelli, ci Livorno. nedì, ore 20.45: Novara-Torino (0-1).

SECONDA DIVISIONE GIRONE A La 21ª giornata


GIRONE A f Pro Vercelli e Tritium avanzano con due pareggi, cadono la Pro Patria e il Lecco, si avvicina la Feralpi Salò
RENATE 0 PRO PATRIA 0 CASALE 1 MONTICHIARI 1 ENTELLA 1 RODENGO 1 SACILESE 2
PRO VERCELLI 0 SAVONA 2 TRITIUM 1 LECCO 0 FERALPI SALO’ 2 VALENZANA 0 SANREMESE 1
L’ANTICIPO
GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++ GIUDIZIO++
Mezzocorona
RENATE (4-4-2) Campironi 6; MARCATORI Facchinetti al 7’ p.t.;
Bottiglieri al 50’ s.t.
MARCATORI Sinato (T) al 23’, Zen-
ga (C) al 32’ p.t.
MARCATORE Dimas al 38’ s.t. MARCATORI Vasoio (E) al 24' p.t.;
Quarenghi (FS) su rigore al 19', Bra-
MARCATORE Belotti al 5’ p.t. MARCATORI Borin (San) al 18'
p.t.; Gardin (Sac) al 19', Segato
e Canavese 0-3
Adobati 6, Cortinovis 6, Bergamini MONTICHIARI (4-4-2) Brignoli RODENGO (4-1-4-1) Pedersoli 6;
6,5, Gavazzi 6; Brognoli 6,5 (dal 1’ PRO PATRIA (4-3-1-2) Andreo- CASALE (4-4-2) Gomis 6,5; Cate- 6,5; Verdi 6,5, Antoniacci 7, Zaffa- caletti (FS) al 39' s.t. Marchesini 6, Belotti 7, Cannarsa (Sac) su rigore al 39' s.t.
s.t. Battaglino 5,5), Gualdi 6, Caval- letti 5,5; Som 6, Nossa 5,5, Zanetti nacci 6 (dal 16' s.t. Perricone 6), Vi- gnini 6,5, Filippini 6; Muchetti 7, Fu- ENTELLA (4-2-3-1) Paroni 6,5; Del 7, Cassaro 6; Meduri 6,5; Lisi s.v. SACILESE (4-4-2) Calligaro 6; Di Sabato nel girone A
li 5,5, Pianetti 5,5 (dal 34’ s.t. Cerea 6, Benedetti 6; Bruccini 6, Cortesi gnati 6, Ciccomascolo 6,5, Naglieri sari 7,5, Saleri 6 (dal 24’ s.t. Di Quin- Brocco 6, Zaccanti 5,5, Scantam- (dal 25’ p.t. Tenneriello 6,5), Cazza- Berardino 6 (dall'11' s.t. Gardin 7), l’anticipo di Trento
s.v.); Mazzini 6, J. Ravasi 5,5 (dal 1’ 6 (dal 31’ s.t. Janvier 5,5), Justino 6 6; Garrone 6,5, Capellupo 5,5, Ianni- zio s.v.), Filiciotto 6; Florian 6, Ber- burlo 5,5, Quintavalla 6; Russo 6,5, malli 6, Prandini 6,5 (dal 24’ s.t. De- Vecchiato 6,5, Gritti 6,5, Fantin 6;
ni 6 (dal 40' s.t. Mitra s.v.), Siega 6; Hamlili 6,5; Ciarcià 6, Vasoio 6,5 Barbini 5,5 (dall'11' s.t. Colombera
tra il Mezzocorona e
s.t. Moretti 5,5). (Amadori, Di Maio, (dal 15’ s.t. Nocciola 5,5); Dell’Ac- tazzoli 6,5 (dal 24’ s.t. Dimas 7). masi 6), Martinelli 5,5; Altobelli 5,5
Uccello 5 (dal 25' s.t. Vegnaduzzo (dal 29' s.t. Soragna s.v.), Masi 6 6,5), Dal Cin 6,5, Segato 7, Berta- il Canavese è finito
N. Ravasi, Umunegbu). All. Boldini qua 5,5 (dal 22’ s.t. Aloe 5,5); Pacilli (Gambardella, Guatta, Bettenza- (dal 30’ s.t. Piras 6). (Vino, Colom-
6,5. 6, Serafini 6. (Anania, Marchetti, 6), Zenga 7,5. (Fiory, Angelotti, Gat- na, Selvatico, Di Nardo). All. Ottoni (dal 38' s.t. Marianeschi s.v.); Lazza- bo, Bergamelli, Coppiardi). All. Rot- gno 6,5; Brotto 6,5 (dal 46' s.t. Graz- 0-3. Le reti per la
PRO VERCELLI (4-3-2-1) Valenti- Polverini, Calzi). All. Novelli 6. to, Pavoletti). All. Buglio 6. 7. ro 6,5 (dal 21' s.t. Marrazzo 5,5). toli 6 (Piovani influenzato). zolo s.v.), Araboni 6. (Mion, Fran- squadra piemontese
TRITIUM (4-4-2) Pansera 6; Fon- (Mosca, Malpighi, Rega, Tacchinar- chetto, Roveredo, Bigolin). All. Co-
ni 6; Donida 5,5, Ranellucci 6, La- SAVONA (4-4-2) Nicastro 7; Anto- LECCO (4-5-1) Durandi 6; Jidayi VALENZANA (5-3-2) Serena 6,5; allenata da Ezio
drini 6, Malgrati 6, Dionisi 6, Riva di). All. Bacci 6. stantini 6,5.
briola 5,5, Schettino 5,5; Marconi nelli 5,5 (dal 33’ s.t. Praino 6), Mar- 6, Martinelli 6,5, Chiecchi 6,5, Mo- Benvenga 5 (dal 1’ s.t. Allegrini 6), Rossi sono state
6,5; E. Bortolotto 5,5 (dal 36' p.t. FERALPI SALO' (4-3-1-2) Bran- SANREMESE (4-4-2) Petruzzelli
6,5, Mazzocco 5 (dal 30’ s.t. Di Piaz- coni 5,5, Di Leo 6, Mbida 6; Facchi- racci 5,5; Rebecchi 7, Ciasca 7, Narducci 6, Drudi 6,5, De Stefano
Vecchio 6), Di Ceglie 5,5, Daldosso duani 6,5; Turato 6, Bonaccorsi 6, 6; Siciliano 6, Miale 6, Borin 6,5, Gi- realizzate nella prima
za 5), Corsino 5 (dal 16’ s.t. Di Saba- netti 6,5, Garin 6, Capuano 6, Mez- Ferraresi 5,5 (dal 19’ s.t. Del Sante 5,5 (dal 24’ s.t. Cisterni 6), Forino
to 5,5); Bonomi 5,5 (dal 45’ s.t. Ca- gour 6,5; Tarallo 5,5 (dal 39’ s.t.
5,5 (dal 16' s.t. Spampatti 6), Floria-
6), Carroccio 5,5 (dal 5’ s.t. Zingari
Leonarduzzi 6 (dall'8' s.t. Ortolan
6; Affatigato 5,5, Caponi 6, Monta-
gli 6; Bosio 7, Ubaldi 6 (dal 15' s.t. mezzora di gioco e
no 6,5; Sinato 6 (dal 37' s.t. R. Borto- 5,5), Chiarini 6; Muwana 6, Sella 6, Ferraro 5,5), Papa 6,5 (dal 5' s.t. portano la firma di
gliano s.v.), Santoni 6; Malatesta 6. Briano s.v.), Tedesco 5,5 (dal 5’ 6), Mattaboni 5,5 (dal 19’ s.t. Galli nari 5; Ridolfi 5 (dal 1’ s.t. Corazza
lotto s.v.), Lenzoni 5. (Sacchetto, Te- Oretti 6 (dal 1' s.t. Dragoni 6); Braca- Chirieletti 6), Salvi 6; Bifini 6 (dal 5'
(Dan, Pigoni, Squillace, Orlando). s.t. Bottiglieri 6). (Cicutti, Briotti, so, Corti, Chimenti). All. Vecchi 6. 6); Fabbro 6. (Gadignani, Pizzuti, letti 6,5; Meloni 6 (20' s.t. Quarenghi 5,5), Bachlechner 5. (Frigerio, Bo- s.t. Gomes 6), Moronti 5,5. (Leuzzi, Beretta (9’), Cristini
All. Braghin 6. Buglio, Ingari). All. Foschi 6. ARBITRO Abbattista di Molfetta Cortese, Tabbiani). All. Roselli 6. 6), Graziani 6. (Gargallo, Scioli, Man- vi, Prandi, Uggeri). All. Rossi 5,5. Sbravati, Atragene, Sifonetti). All. (12’) e Curcio (27’).
ARBITRO Fiore di Barletta 6. ARBITRO Adduci di Paola 6. 6,5. ARBITRO Viti di Campobasso 6,5. tovani, Baggio). All. Rastelli 6,5. ARBITRO Aversano di Treviso 6. Mango 5,5. Da segnalare per la
NOTE spettatori 200 circa (i soli NOTE spettatori 1.300 circa, in- NOTE spettatori 400 circa, incasso NOTE spettatori 200 circa, incas- ARBITRO Chiantini di Pisa 6,5. NOTE spettatori 250 circa, incas- ARBITRO Caso di Verona 6. squadra ospite
abbonati), incasso non comunica- casso di 5.982 euro. Ammoniti Ca- di quasi 1.500 euro. Ammoniti Vigna- so non comunicato. Espulso il tec- NOTE spettatori 300 circa, incasso so di quasi 1.300 euro. Ammoniti NOTE spettatori 200 circa, incas-
to. Ammoniti Corsini, Mazzocco, puano, Nicastro, Bottiglieri, Praino ti, Uccello, Capellupo, Vecchio, Mal- nico Ottoni al 28’ p.t.; ammoniti Ji- di 2.176,25 euro. Ammoniti Russo, Altobelli, Cazzamalli e Marchesini. so di quasi 1.500 euro. Ammoniti
l’espulsione di Mauri
Bonomi e Gualdi. Angoli 3-0. (f.c.) e Janvier. Angoli 7-2. (a.r.) grati, Riva, Lenzoni e Dionisi. Angoli dayi, Filippini e Filiciotto. Angoli Masi, Chiarini, Bracaletti e Ortolan. Angoli 3-3. (f.t.) Brotto, Miale, Bosio, Vecchiato, Se- al 33’ della ripresa.
4-0. (g.m.) 2-5. (n.s.) Angoli 3-2. (i.v.) gato e Ferraro. Angoli 6-2. (p.s.)

GIRONE A
SQUADRE PT G V N P RF RS
RISULTATI
CASALE-TRITIUM
ENTELLA-FERALPI SALO'
1-1
1-2
GIRONE B: I DUE RECUPERI GIRONE C: IL RECUPERO
PRO VERCELLI 38 20 10 8 2 25 11 MEZZOCORONA-CANAVESE 0-3
TRITIUM (-2) 37 20 11 6 3 32 16 MONTICHIARI-LECCO 1-0 CROCIATI NOCETO-CARPI 0-3 Gagliardi, De Souza). All. Sottili 7. 6, Tabacco 5,5 (dal 27’ s.t. Bettoni
PRO PATRIA (-4) 36 18 13 1 4 38 20 PRO PATRIA-SAVONA 0-2 GIUDIZIO +++ ARBITRO Bindoni di Venezia 6,5. 5,5); Foglia 5,5 (34’ s.t. Di Franco CAMPOBASSO-NEAPOLIS 1-1 GIUDIZIO +++
LECCO 34 20 10 4 6 22 21 RENATE-PRO VERCELLI 0-0 NOTE spettatori 300 circa, s.v.), De Cristofaro 6, Bernini 6, MARCATORI Balistreri (C) su rigore al 26’, Moxedano (N) 30’ p.t.
RODENGO-VALENZANA 1-0 MARCATORI Giglio al 6’ e su rigore
FERALPI SALO' (-2) 33 19 9 8 2 21 11 incasso di 1.565 euro. Ammoniti Romanelli 6; De Angelis 5,5 (dall’11’ CAMPOBASSO (4-4-2) Ascani 6; Scudieri 6, Maglione 6,5, Di
SACILESE-SANREMESE 2-1 al 26’ p.t.; Pasciuti al 31’ s.t.
SAVONA (-4) 28 19 8 8 3 25 18 ha riposato SAMBONIFACESE Bigoni, Paoletti, Addona, Fabris, s.t. Ucchino 5,5), Calderini 6. Fiordo 6, Agresta 6; Todino 5,5 (dal 35’ s.t. Sivilla 5,5),
RODENGO (-2) 28 20 8 6 6 16 16 CROCIATI NOCETO (3-5-2) Babbini Cacciaglia 5, Cammarota 7, Monti 6; Balistreri 7, Murati 5 (dal
Cesca, Pasciuti, Guilouzi e (Fantin, Mannucci, Scicchinato,
SAMBONIFACESE 26 19 6 8 5 29 27 5,5; Fabris 5, Paoletti 4,5 (1’ s.t. 29’ s.t. Gallicchio 5). (Marcato, Fazio, Calamaio, Posillipo,
PROSSIMO TURNO Konate. Angoli 6-1. (m.b.) Sansotta). All. Fraschetti 6.
CANAVESE (-5) 24 19 8 5 6 23 18 domenica 13 febbraio, ore 14.30
Konate 6,5), Addona 5; Tagliavini Minadeo). All. Cosco 6.
ARBITRO Monaco di Tivoli 5.
MONTICHIARI 23 20 4 11 5 14 15 CANAVESE-ENTELLA (1-2) 5,5, Sessi 6,5, Castagnetti 6, La NEAPOLIS (4-4-2) Gragnaniello 6,5; Civita 5,5, Daleno 6,
L’AQUILA-SANGIOVANNESE 1-0 NOTE spettatori 1.000 circa,
RENATE 22 19 4 10 5 19 19 FERALPI SALO'-MONTICHIARI (1-0) Cagnina 5, Delledonne 6 (dal 36’ Bianchi 6,5, Scienzo 5 (dal 1’ s.t. Bruzzese 5,5); Bonanno 6,5
ENTELLA (-1) 20 20 4 9 7 21 21 LECCO-PRO PATRIA (3-4) GIUDIZIO ++ incasso di quasi 6.100 euro. Amm.
s.t. Ogliari s.v.); Miftah 5,5, (dal 37’ s.t. Mannone 5,5), Monticelli 5,5, Marinucci Palermo
VALENZANA (-1) 19 19 4 8 7 15 22 SACILESE-CASALE (0-1) MARCATORE Iadaresta al 22’ s.t. Perfetti, Chiarini, Di Francia,
SANREMESE-MEZZOCORONA (1-2) Lorenzini 5 (dal 19’ s.t. Guareschi 6,5, Moxedano 7; Improta 6,5, Longobardi 6,5 (dal 27’ s.t.
SACILESE 16 20 3 7 10 15 28 L'AQUILA (4-4-2) Testa 6; Cutrupi Onesti e Ucchino. Angoli 7-1. (a.f.)
SAVONA-RODENGO (1-0) 5,5). (Boni, Bersanelli, Vignali, Torcivia 5,5). (Napoli, Fiore, Foggia, Fontanella). All. D’Arrigo 6.
MEZZOCORONA 13 20 3 4 13 13 30 TRITIUM-RENATE (1-1) 6, Ruggiero 6, Di Francia 6,5, ARBITRO Dei Giudici di Latina 6,5.
CASALE 12 20 2 6 12 12 34 Berselli). All. Torresani 5,5. Prete 6; Stamilla 6,5, Carcione 6, CLASSIFICA Carpi p. 40;
VALENZANA-SAMBONIFACESE (1-1) NOTE spettatori 1.200 circa, incasso di 10.980 euro. Ammoniti
SANREMESE 10 20 1 7 12 13 26 riposa PRO VERCELLI CARPI (3-4-1-2) Bastianoni 7; Perfetti 6 (dal 42’ p.t. Onesti 6), W. Carrarese 37; Giacomense 28; Maglione, Cacciaglia, Balistreri, Civita, Bianchi e Moxedano.
MARCATORI Laurini 6,5, Marietti 5,5, Dascoli 6; Piccioni 6; Franciel 6 (dal 43’ s.t. Chieti 27; L’Aquila e San Marino Angoli 8-6. (a.d.l.)
16 RETI Ripa (4, Pro Patria; ora è nella Nocerina). Pasciuti 7 (dal 43’ s.t. Poli s.v.), Giraldi s.v.), G. Piccioni 5,5 (20’ st. 26; Prato e Poggibonsi 25; CLASSIFICA Latina (-2) p. 38; Trapani (-1) 35; Pomezia 31;
11 RETI Fabbro (2, Lecco). Sogus 6, Perini 7, Bigoni 6,5; Iadaresta 7). (Modesti, Natalucci, Gavorrano 21; Celano 20; Bellaria Normanna e Neapolis 30; Avellino 29; Milazzo 28; Vigor
9 RETI Pietribiasi (Sambonifacese); Tarallo (4, Savona). Fabiano 6,5 (dal 36’ s.t. Cenetti Ruscitti, Pietrella). All. Bitetto 6,5. 19; Crociati Noceto 17; Fano (-2) Lamezia e Matera 25; Melfi (-1) 24; Fondi 21; Brindisi 19; Isola
8 RETI Cristini (Canavese); Bonomi (3, Pro Vercelli). s.v.); Cesca 6, Giglio 7,5 (dal 26’
7 RETI Brighenti (Sambonifacese); Sinato (Tritium). SANGIOVANNESE (4-4-2) Scotti 6; 15; Sangiovannese (-10) e Liri 17; Campobasso 16; Vibonese (-1) 12; Catanzaro (-5) -2.
s.t. Guilouzi 6). (Mandrelli, Peron, Salvatori 6,5, Travaglini 6, Chiarini Giulianova 14; Villacidrese (-10) 8.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
30 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

PRIMA DIVISIONE GIRONE A LA 22ª GIORNATA


Gubbio, prova da grande Paulinho fa tutto
nel bene e nel male
Primo k.o. per Mandorlini Il Sorrento si salva
VERONA-GUBBIO 1-2 Perchè gli umbri, da matri- gna in mano la partita al RAVENNA-SORRENTO 2-2 gol del 2-0 per il Ravenna,
GIUDIZIO +++ cola, sono i padroni del Gubbio. Nel Verona Le No- GIUDIZIO +++ e poi segna in quella del
MARCATORI Gomez (G) al 15’, campionato (+7 dal secon-
Vanno a segno ci, Pichlmann, Hallfreds- MARCATORI autorete di Lo Ravenna i due gol che con-
Ferrari (V) al 17’, Sandreani (G) al do posto, occupato dal Sor- l’ex Gomez e poi son sono sotto tono. Espo- Monaco (R) al 3’, autorete di sentono al Sorrento di pa-
21’ p.t. Paulinho (R) al 21’ p.t.; Paulinho
VERONA (4-3-3) Rafael 5; Abbate 6,
rento). Mentre l'Hellas Sandreani: cade e sito sbaglia troppo ma il (S) al 9’ su rigore e al 25’ s.t. reggiare; non pago di tut-
Vergini 5, Ceccarelli 5, Scaglia 6; non riesce a svoltare e de- delude il Verona, merito è anche del centro- RAVENNA (4-4-2) Gi. Rossi 6,5; to questo si fa pure espel-
Russo 5,5 (dall’11' s.t. Mancini 6,5), ve tornare a guardarsi le campo umbro dove gigan- Carnesalini 6,5, Tagliani 6, Fasano lere al 44’ del secondo
Esposito 5, Hallfredsson 5; spalle per evitare guai peg- che aveva trovato teggia Boisfer e Sandreani 5,5, Rob. Sabato 6,5; Rossetti 6,5 tempo per doppia ammo-
(dal 3’ s.t. Grea 5,5), Fonjock 7,
Pichlmann 5 (dall’11' s.t Napoli 6),
Ferrari 6, Le Noci 5 (dal 23' s.t.
giori della prima sconfitta il pari con Ferrari aggiunge qualità alla quan- Sciaccaluga 6,5, Cazzola s.v. (dal
nizione. La prima mezzo-
Tiboni s.v.). (Caroppo, Maietta, della gestione Mandorlini. tità. 17’ p.t. Guitto 5,5); Chianese 5,5, ra è tutta del Ravenna: al
Anderson, Martina Rini). All. Rosso 6 (dal 39’ s.t. P. Rossi s.v.). 3’ Cazzola mette in mezzo
Mandorlini 5. La chiave L'approccio mol- fiamma improvvisamen- La ripresa Mandorlini nel- (Pellegrino, Rosini, D’Esposito, dalla sinistra, Lo Monaco
GUBBIO (4-3-3) Lamanna 6; Gerbino Polo). All. L. Rossi 6,5.
le del Verona è un assist te. Tra i mugugni del Ben- la ripresa manda dentro i SORRENTO (4-4-2) Ge. Rossi 5,5;
svirgola nella propria por-
Bartolucci 5,5, Borghese 6,5,
Briganti 6, Farina 6,5 (dal 26' s.t. per l'impresa della capoli- tegodi, Pichlmann difen- nuovi Napoli e Tiboni, ma Vanin 5,5, Terra 6, Lo Monaco ta. Il raddoppio al 21’ su
Caracciolo 6); Boisfer 6,5, sta: ritmo blando, zero ac- de un pallone largo a de- è Mancini a dare un po' di Juan Ignacio Gomez Taleb, 5,5, Angeli 6,5; Erpen 6 (dal 41’ angolo di Sciaccaluga:
Sandreani 6,5, Raggio Garibaldi 6; celerazioni, fasce blocca- stra e lo affida a Russo per brio ad un Verona che sem- 25 anni, argentino, seconda s.t. Esposito s.v.), Togni 6, Rossetti tocca di testa ma
Galano 6 (dal 30' s.t. Alcibiade te. Il Gubbio, che aspetta e il cross al centro: Ferrari, bra quasi rassegnato a fare stagione a Gubbio LIVERANI Nicodemo 6, Manco 5 (dal 1’ s.t. è Paulinho a girare, sem-
s.v.), Gomez 6,5, Donnarumma 5,5 Roc. Sabato 6); Carlini 5 (dal 39’
(dal 13' s.t. Bazzoffia 5,5). riparte, ha la concretezza per mesi oggetto misterio- la comparsa. Lamanna s.t. Pignalosa s.v.), Paulinho 7. pre di testa, nella propria
(Farabbi, Gaggiotti, Suciu, Daud). della grande e fa male al so, s'inventa una girata in chiude su Esposito alla (Mancinelli, De Giosa, Niang, porta. Per infortunio il Ra-

14
All. Mengoni 6 (Torrente primo colpo. Minuto 15, area che supera Lamanna mezzora, ma poi è Bazzof- Camorani). All. Simonelli 6,5. venna perde Rossetti e
squalificato). Farina dalla sinistra al cen- e rimette in corsa il Vero- fia, subentrato a Donna- ARBITRO Peretti di Verona 6,5. Cazzola e la spinta sugli
ARBITRO Di Paolo di Avezzano 5,5. NOTE paganti 533, abbonati 564,
tro per l’ex Juanito Go- na. E' il 17'. Ma i padroni rumma, a mangiarsi da- incasso di 10.555,30 euro.
esterni. Nella ripresa il
NOTE paganti 3.983, abbonati
7.958, incasso di 107.298 euro.
mez, il Verona è tre contro di casa, quasi fosse una re- vanti a Rafael la più clamo- Espulso Paulinho al 44’ s.t.; Sorrento gioca con 5 cen-
Ammoniti Esposito, Ferrari, uno in area ma la palla la gola, quel che fanno disfa- rosa delle occasioni (35'). ammoniti Fonjock, Sciaccaluga, trocampisti, assedia il Ra-
Hallfredsson, Sandreani, Mancini e prende l'argentino che la no. E quattro minuti dopo Ancora Bazzoffia (37') cal- I GOL DI GOMEZ Nicodemo e Carlini. Angoli 7-4. venna e Paulinho segna
Gomez. Angoli 7-2. spedisce di testa alle spal- una punizione dai 25 me- cia alto da ottima posizio- NELL’HELLAS SOLO 3 due volte: prima su rigore
le di Rafael senza esultare; tri ben piazzata ma lenta ne ma al Gubbio basta e Juan Gomez Taleb, con quello UGO BENTIVOGLI (fallo di Fasano su Erpen)
STEFANO RASULO per rispetto verso i vecchi di Sandreani sorprende avanza. Bentegodi espu- di Verona, è salito a quota 14 poi di testa su angolo di
tifosi. Rafael, come altre volte gnato per la prima volta e gol nel Gubbio: con l’Hellas ha RAVENNA dNel bene e nel Togni. E al 49’ Paolo Ros-
VERONA dIl sogno del Gub- fuori posizione. Quel che serie B, da stasera, un po' giocato 25 partite (dal 2008 a male fa tutto Paulinho: se- si, a porta vuota, si divora
bio è l'incubo del Verona. La reazione La partita s'in- ne esce è il gol che conse- più vicina. gennaio 2009) con solo 3 reti gna nella propria rete il il 3-2 per il Ravenna.

ALESSANDRIA-PAGANESE 1-0 SALERNITANA-PERGOCREMA 1-0 SPAL-LUMEZZANE 0-2 BASSANO-MONZA 2-1 REGGIANA-COMO 1-1 CREMONESE-PAVIA 2-1 SPEZIA-ALTO ADIGE 1-0
Nel finale zampata di Artico Fava rilancia la Salernitana Un Lumezzane da viaggio Porchia fa una doppietta Il Como sbaglia troppo Gran doppietta di Scaglia Saudati stende l’Alto Adige
L’Alessandria fa festa Il Pergo in caduta libera La Spal non è mai in partita Un buon Monza si arrende La Reggiana chiude in otto La Cremonese si rialza Spezia, tre punti preziosi
MARCATORE Artico al 45’ s.t. MARCATORE Fava al 7’ s.t. MARCATORI Ferrari al 40' p.t.; Pi- MARCATORI Masini (M) al 33’ p.t.; MARCATORI Franco (C) al 23’, Te- MARCATORI Scaglia (C) al 25’, Eu- MARCATORE Saudati al 10’ s.t.
ALESSANDRIA (4–2–3–1) Servili SALERNITANA (3-4-3) Caglioni sacane al 40' s.t. Porchia (B) al 30’ e 44’ s.t. melin (R) su rigore al 26’ s.t. sepi (P) al 42’ p.t.; Scaglia (C) al 23’ SPEZIA (4-4-2) Fiorillo 6; Enow
6; Pucino 6, Romeo 6, Cammaroto 6; Altobello 6, Jefferson 6,5, Accur- SPAL (4-4-1-1) Ravaglia 5,5; Bel- BASSANO (4-3-1-2) Grillo 6; Bas- REGGIANA (4-3-1-2) Manfredini s.t. 6,5, Fissore 6,5, Bianchi 6,5, Pedrel-
6, Bonomi 6; Segarelli 5,5, Damonte si 6; D’Alterio 6, Carrus 6,5, Carcu- leri 6, Zamboni 5, Battaglia 5, G. so 6, Pellizzer 7, Porchia 8, Gho- 6; D’Alessandro 6 (dal 7’ s.t. Aya 5), CREMONESE (4-4-2) Aldegani li 6,5; Casoli 6,5, Buzzegoli 7, Musto
5 (dal 22’ s.t. Camillucci 6); Negrini 6 ro 6, Pippa 6 (dal 21’ s.t. Balestri 6); Rossi 5; Melara 5,5 (dall'11' s.t. Cor- sheh 6; Mateos 6, Caciagli 6,5, Lo- Zini 6,5, Adamo 4, Lanna 5; Romizi 6,5; Vitofrancesco 6, Stefani 6, Cre- 6, Basso 6,5 (dal 29’ s.t. Boldrini
(dal 14’ s.t. Artico 6), Bondi 6, Croce Fabinho 5,5 (dal 9’ s.t. Montalto 6), si 5,5), Coppola 5,5, Bedin 5, P. renzini 5,5 (dal 18’ s.t. Beccia 6,5); 6,5, Saverino 6, Viapiana 5; Alessi 5 monesi 6,5, Rizzi 6; Nizzetto 6,5, s.v.); Colombo 6,5 (dal 40’ s.t. Pa-
6; Scappini 5,5 (dal 30’ s.t. Martini Fava 6,5 (dal 34’ s.t. Russo 6), Ragu- Rossi 6,5; Locatelli 6; Volpe 5,5 Venitucci 5,5 (dal 12’ s.t. Rodriguez (dal 1’ s.t. Esposito 5,5); Temelin 6, Tacchinardi 6, Fietta 6,5, Scaglia 7 doin s.v.), Saudati 6,5 (dal 24’ s.t.
s.v.). (De Marco, Machado, Ghinas- sa 5,5. (Iuliano, Szatmari, Franco, (dal 26' s.t. Colomba 5,5). (Capec- 6,5); Longobardi 6, Guariniello 6,5. Guidetti 5,5 (dal 45’ s.t. Maritato (dal 39’ s.t. Bini s.v.); Coda 5 (dal 18’ Musetti 6). (Conti, Cintoi, Lollo, Ce-
si, Cuneaz). All. Sarri 6. Falzerano). All. Breda 6,5. chi, Ghetti, Bortel, Pallara, Geova- (Rossi Chauvenet, Zamuner, Vero- s.v.). (Offredi, Arati, Bovi, Chinella- s.t. Gasparetto 6,5), Joelson 6 (dal sarini). All. Pane 6.
PAGANESE (3–4–3) Ginestra 6; PERGOCREMA (4-2-3-1) Russo ni). All. Notaristefano 5,5. nese, Madiotto, Baido). All. Jaconi to). All. Mangone 5,5. 3’ s.t. Colacone 6). (Bianchi, Catta- ALTO ADIGE (4-3-2-1) Zomer 6;
Cuomo 6, Urbano 6, Radi 6; Impara- 6; Lolaico 6, Ricci 5,5, Panariello LUMEZZANE (4-4-2) Trini s.v.; 6,5. COMO (4-2-3-1) Castelli 6; Semen- neo, Favalli, Sambugaro). All. Acori Traorè 6, Kiem 6,5, Nazari 6, Martin
to 6, Gatti 6,5, Liccardo 6, Santarel- 5,5, Daleno 6; Basile 5,5 (dal 32’ s.t. Bencivenga 6, Checcucci 6,5, MONZA (4-3-1-2) Westerveld 6,5; zato 6, Conti 6, Magli 6, Franco 6,5; 6,5. 6; Fink 6,5 (dal 9’ s.t. El Kaddouri 6),
li 6; Triarico 6 (dal 36’ s.t. Tortori Romeo s.v.), Galli 5,5; Caccavallo 6, Emerson 7, Pisacane 7; Lo Iacono Uggè 6, Cudini 6,5, Fiuzzi 6,5, Cam- Riva 5, Filipe 5,5; Bardelloni 5 (dal PAVIA (4-4-2) Redaelli 6; Daffara Burato 6, M. Romano 6 (dal 34’ s.t.
s.v.), Ferraro 5,5, Lepore 6. (Virgili, A. Profeta 5 (dal 12’ s.t. Marconi 6), 6 (dal 24’ s.t. Bradaschia 6), Callia- pinoti 6; Gambadori 6,5, Vignaroli 6 16’ s.t. Licata 5), Maah 6 (dal 37’ s.t. 5,5, Preite 6, Caidi 6, Visconti 5,5; Anastasi s.v.); Campo 6, Fischnal-
Ingrosso, Sanna, Grillo, Casisa, Alle- Mammetti 5,5 (dal 24’ s.t. Maccan ri 6, Dadson 6 (dal 19’ s.t. Sevieri (dal 46’ s.t. Chemali s.v.), Campisi Villar s.v.), Filippini 5 (dal 22’ s.t. Da Beretta 6,5, Carotti 6, Puccio 5,5 ler 6,5 (dal 23’ s.t. Baccolo 6); Mar-
gretta). All. Padovano 6 (Capuano 5,5); Scotto 5. (Ingrassia, Canzian, 6), Lauria 6,5; Volpato 6,5, Ferrari 6,5 (dal 36’ s.t. Oualembo s.v.); Iaco- Dalt 6,5); Germinale 6. (Dossena, (dal 25’ s.t. Tarantino 6), Guadalupi chi 5,5. (Mair, Mirri, Franchini, Odi-
squalificato). Mugelli, Simeoni). All. Maurizi 5,5. 7 (dal 32’ s.t. Alberti s.v.). (Di Gen- pino 6; Ferrario 6,5, Masini 7 (dal Fautario, Ardito, Lacarra). All. Gara- 5,5 (dal 29’ s.t. Tattini 6); Ferretti be). All. Sebastiani 5,5.
ARBITRO Soricaro di Barletta 5. ARBITRO Cafari Panico di Cassino naro, Luciani, Mancini, Inglese). 40’ s.t. S. Seedorf s.v.). (Marcandal- vaglia 6 (Brevi squalificato). 6,5 (dal 25’ s.t. Veronese 5,5), Euse- ARBITRO Verdenelli di Foligno 6.
NOTE paganti e incasso n.c., abbo- 5. All. Nicola 7. li, Tuia, Barjie, Ricci). All. Verdelli 6. ARBITRO Maresca di Napoli 5,5. pi 7. (Guerci, Pellegrini, Meregalli, NOTE paganti 1.349, abbonati
nati 442. Ammoniti Bonomi, Scappi- ARBITRO Operato di Isernia 6. NOTE paganti 1.617, abbonati 1.157, Meza Colli). All. Andrissi 6. 1.372, incasso di 24.240,20 euro.
NOTE paganti 2.638, abbonati 412, ARBITRO Bietolini di Firenze 7.
ni, Croce, Liccardo e Radi. Angoli NOTE spettatori 800 circa, incas- incasso di 21.646 euro. Espulsi Ada- ARBITRO Borriello di Mantova 6,5. Ammoniti Saudati e Traorè. Angoli
incasso di quasi 24.000 euro. Espul- NOTE paganti 713, abbonati 1.233,
2-3. so, abbonati e paganti non comuni- mo al 26’ p.t. e Temelin al 54’ s.t.; NOTE paganti 1.540, abbonati 8-1.
so D’Alterio al 25’ s.t.; ammoniti Alto- incasso di 17.716 euro. Ammoniti
GIUDIZIO++ cati. Ammoniti Porchia, Venitucci, ammoniti Romizi, Riva e Germinale. 1.504, incasso 15.629 euro. Ammo- GIUDIZIO+++
bello, Jeffersson, Basile, Daleno e Lauria, Calliari, Zamboni, Coppola,
Masini e Longobardi. Angoli 6-6. Angoli 2-5. niti Tacchinardi, Daffara e Puccio.
ALESSANDRIA dVince l’Alessan- Lolaico. Angoli 5-4. Sevieri, Belleri e Bedin. Angoli 4-4. Angoli 0-3. LA SPEZIA dDue salvataggi di Naza-
GIUDIZIO+++ GIUDIZIO+++
dria con una rete in «zona Artico», GIUDIZIO++ GIUDIZIO++ ri a portiere battuto (26’ p.t. su tiro
GIUDIZIO+++
ma sinceramente è stata una delle BASSANO (VI) dUna doppietta da REGGIO EMILIAdIl Como perde l’oc- di Casoli e 4’ s.t. su quello di Fisso-
SALERNOdRitorna in zona playoff, FERRARAdIl Lumezzane si confer- centravanti d’area del difensore casione di tornare al successo do- CREMONA dLa Cremonese fa il bis re), le belle acrobazie di Zomer sulle
più brutte gare viste al Moccagatta
in questa stagione. I padroni di ca- la Salernitana. Gioca senza sbava- ma squadra da trasferta, vincen- Porchia, che firma in fotocopia i po due mesi contro una Reggiana in in casa e accorcia di un altro punto conclusioni ravvicinate di Basso
sa non sono quasi mai riusciti ad im- ture, centra la seconda vittoria con- do la quinta gara esterna e supe- due gol di testa su calcio piazzato, dieci dal 26’ per il raptus di Adamo sulla zona playoff (ora a 4 lunghez- (11’ e 31’ p.t.), la provvidenziale tra-
porre il gioco permettendo alla Pa- secutiva. Partita da dimenticare rando una Spal decimata, specie sancisce in rimonta il quarto suc- (colpo proibito a Germinale). I grana- ze), il Pavia lotta ma non riesce ad versa che evita l’autogol di testa di
ganese di mettere in continuo allar- per il Pergocrema (una vittoria nelle in attacco. Gara in equilibrio fino cesso di fila del Bassano e condan- ta hanno poi finito in otto per l’espul- evitare la sconfitta. Protagonista Kiem (6’ p.t.). E poi tutto questo «la-
me la difesa, specie nella prima par- ultime 11 giornate) che non punge alla mezz'ora. Dopo due conclusio- na il Monza, padrone per quasi sione di Temelin per doppia ammo- della giornata il nuovo acquisto Gigi voro» viene vanificato dalla defail-
te di gara. I campani sono saliti in pur giocando per 20’ in superiorità ni pericolose, Ferrari al 40' batte un’ora. I brianzoli, ridisegnati a gen- nizione e l’infortunio di Saverino Scaglia, autore della doppietta che lance difensiva che piega le gambe
Piemonte con lo scopo di strappare numerica e fa arrabbiare il presi- Ravaglia da distanza ravvicinata, naio, sono una formazione molto (scontro con Aya, labbro spaccato ha regalato il successo alla squa- dell’Alto Adige e consente allo Spe-
almeno un punto e per poco non ci dente Bucci. Gara spigolosa mac- dopo che il nuovo acquisto Volpa- più fisica, solida e robusta della pre- e breve perdita di sensi). Il Como ha dra di Acori. Il suo primo gol al 25’ zia di tornare a vincere. La rete deci-
sono riusciti: non hanno fatto i conti chiata da due sviste arbitrali. Al 1’ to aveva rubato palla ad un inge- cedente e difatti la stazza di Masini sprecato con Germinale (bravissi- con un tiro di sinistro a rientrare, il siva al Picco, dove brillano soprat-
con Artico, che in chiusura di gara è fallo da rigore di D’Alterio su Profe- nuo Zamboni. La reazione della punisce una dormita difensiva dei mo Manfredini), Riva, Bardelloni e secondo al 23’ della ripresa con un tutto Basso e Buzzegoli da una par-
pronto a ribattere in rete un tiro di ta non rilevato, al 25’ s.t. scambio di Spal si limita ad un sinistro al volo padroni di casa, incornando indi- Filippini, prima di passare con una colpo di testa su assist di Fietta. In te, Fischnaller e Fink dall’altra, arri-
Cammaroto. Al termine della gara si persona: Ragusa smanaccia Basi- di Locatelli a lato di poco. A 5' dalla sturbato lo 0-1 al 33’. Quindi Fiuzzi perfetta punizione di Franco. Van- mezzo il gol di Eusepi (42’ p.t.) su va al 10’ della ripresa: Zomer e Naza-
è saputo che l’incasso della partita le, espulso D’Alterio. Partita decisa fine, il Lumezzane raddoppia con manca di un soffio allo stesso mo- taggio durato appena tre minuti per spettacolare azione personale. L’in- ri non si capiscono nell’area piccola
è stato sequestrato dall’Ufficiale da una prodezza di Fava (torsione un colpo di testa di Pisacane che do il bis e nella ripresa il Bassano si l’ingenuo fallo di mani di Riva su pu- nesto di Gasparetto nella ripresa e Casoli è lesto a cedere a Saudati,
Giudiziario in seguito ad una istanza aerea su cros di D’Alterio) al suo ter- sfrutta un preciso cross dalla sini- riorganizza, passa al 4-3-3, e Por- nizione di Saverino: Temelin non ha ha dato maggior profondità alla ma- che a porta vuota, da due passi,
presentata da un vecchio fornitore. zo gol consecutivo. stra di Lauria. chia s’inventa giustiziere. fallito dal dischetto (8˚ gol). novra dei padroni di casa. mette dentro.
Nicola Pilotti Giovanni Vitale Alessandro Sovrani Vincenzo Pittureri Ezio Fanticini Giorgio Barbieri Fulvio Magi

GIRONE A RISULTATI GIRONE B RISULTATI

il punto W SQUADRE
GUBBIO (-1)
SORRENTO
PT
45
38
G
22
22
V
15
10
N P RF RS
1 6 32 19
8 4 39 26
ALESSANDRIA-PAGANESE
BASSANO-MONZA
CREMONESE-PAVIA
1-0
2-1
2-1
SQUADRE
NOCERINA
ATLETICO ROMA
PT
51
40
G
22
21
V N P RF RS
15 6 1 37 19
12 4 5 31 17
ANDRIA-TARANTO

COSENZA-LUCCHESE
stasera
ATLETICO ROMA-FOLIGNO stasera
2-4
RAVENNA-SORRENTO 2-2 FOGGIA-BARLETTA 0-2
ALESSANDRIA (-1) 36 22 9 10 3 26 16 BENEVENTO 39 22 11 6 5 29 21
REGGIANA-COMO 1-1 GELA-LANCIANO 1-1
di NICOLA BINDA proprie, che superano per i playoff, spareggi ai SPAL (-1) 33 22 9 7 6 29 22 SALERNITANA-PERGOCREMA 1-0 JUVE STABIA 35 22 10 5 7 27 21 JUVE STABIA-PISA 1-0
nbinda@gazzetta.it brillantemente ogni test quali devono guardare SALERNITANA (-2) 33 22 10 5 7 28 27 SPAL-LUMEZZANE 0-2 SIRACUSA 31 22 9 4 9 21 23 SIRACUSA-BENEVENTO 1-0
5 RIPRODUZIONE RISERVATA REGGIANA 32 22 8 8 6 29 26 SPEZIA-ALTO ADIGE 1-0 TARANTO 30 21 8 6 7 20 21 TERNANA-CAVESE 1-1
e possono iniziare il in primis le squadre che BASSANO 32 22 9 5 8 19 17 VERONA-GUBBIO 1-2 LANCIANO 29 22 6 11 5 22 23 VIAREGGIO-NOCERINA 0-1
conto alla rovescia per la credono ancora di poter
Chi insegue promozione. Continue,
quadrate, convincenti,
raggiungere il primo
posto. Lasciate perdere,
LUMEZZANE (-1)
CREMONESE
SPEZIA (-2)
29
29
28
22
22
22
7
6
7
9 6 23 22
11 5 22 21
9 6 26 22
PROSSIMO TURNO
LUCCHESE
FOGGIA (-2)
COSENZA
28
28
27
22
22
22
7 7 8 27 23
9 3 10 45 43
6 9 7 22 24
PROSSIMO TURNO

pensi
domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30
RAVENNA 27 22 6 9 7 21 24 ALTO ADIGE-RAVENNA (1-0) VIAREGGIO 25 22 6 7 9 20 24 BARLETTA-TERNANA (0-2)
più forti di inseguitori concentrate gli sforzi sul VERONA 26 22 5 11 6 25 19 COMO-SPEZIA (1-1) GELA 25 22 7 4 11 23 28 BENEVENTO-VIAREGGIO (2-1)
che hanno una marcia in secondo posto, che è
ai playoff... meno, che cercano di
tirare ma inciampano.
sempre prezioso. E poi,
sono in tanti a poter
ALTO ADIGE
PAVIA
PERGOCREMA (-1)
25
24
22
22
22
22
6
5
4
7 9 21 27
9 8 20 27
11 7 18 22
GUBBIO-ALESSANDRIA
LUMEZZANE-CREMONESE
PAGANESE-SPAL
(0-2)
(0-1)
(1-3)
ANDRIA
TERNANA (-2)
FOLIGNO (-1)
24
23
22
21
22
21
6 6 9 19 22
6 7 9 16 27
6 5 10 25 30
CAVESE-TARANTO
FOGGIA-JUVE STABIA
FOLIGNO-ANDRIA
(0-1)
(2-0)
(1-2)
PAVIA-SALERNITANA (1-3) LANCIANO-ATLETICO ROMA (0-0)
COMO (-1) 22 22 4 11 7 17 22 PISA 22 22 4 10 8 21 29
Alzi la mano chi ha I movimenti di mercato ambire ai playoff, MONZA 19 22 4 7 11 21 36
PERGOCREMA-BASSANO (0-1)
BARLETTA 22 22 5 7 10 20 28
LUCCHESE-GELA (0-3)
SORRENTO-MONZA (1-1) NOCERINA-SIRACUSA (0-2)
ancora dei dubbi. sembrava avessero perché non ci sono PAGANESE 13 22 3 4 15 10 31 VERONA-REGGIANA (14/02, ore 20.45) (0-0) CAVESE (-7) 18 22 6 7 9 22 24 PISA-COSENZA (0-0)
Gubbio e Nocerina, la ringalluzzito i rivali, squadre chiaramente
MARCATORI MARCATORI
stagione scorsa in invece è tutto come superiori alle altre come 17 RETI Paulinho (6, Sorrento). 12 RETI Ciofani (4, Atletico Roma); Insigne (2,
Seconda divisione, oggi prima. I due gironi nel caso delle due in 14 RETI Gomez (4, Gubbio). Foggia).
hanno la serie B in sembrano vivi (nessuno vetta. Ma anche qui, il 12 RETI Cipriani (Spal). 11 RETI Sau (Foggia).
9 RETI Ferrario (2, Monza). 10 RETI Innocenti (1, Barletta; 9 con 1 rigore nel
pugno. La parola 0-0), ma per generare discorso è lo stesso: se 8 RETI Temelin (1, Reggiana); Taranto); C. Ciano (2, Cavese); Marotta (Lucchese).
sorpresa da tempo è competizione ce ne non c’è continuità di Fava (Salernitana). 9 RETI Castaldo (1) e Negro (Nocerina).
diventata fuori luogo. passa. L’attenzione ora risultati, è inutile 7 RETI Scappini (1, Alessandria). Catania (Nocerina); Carparelli (2, Pisa); Mancino (1,
Siracusa).
Queste sono realtà vere e va trasferita alla lotta inseguire sogni di gloria.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
31

PRIMA DIVISIONE GIRONE B LA 22ª GIORNATA


La Nocerina è senza freni Gioiello Mancosu:
Siracusa tra le big
Conto alla rovescia per la B Ciao Benevento
VIAREGGIO-NOCERINA 0-1 11 punti il vantaggio sul la Nocerina cerca in tutti i SIRACUSA-BENEVENTO 1-0 liani hanno vinto con il
GIUDIZIO +++ secondo posto, in attesa modi il raddoppio. Castal- cuore, quello che è man-
MARCATORE Pomante al 13’ p.t. del posticipo di stasera
A decidere la gara do, Di Maio (di poco a la-
GIUDIZIO ++++
MARCATORE Mancosu al 28’ p.t. cato al Benevento duran-
VIAREGGIO (4-4-2) Pinsoglio 6; dell’Atletico Roma contro di Viareggio è il to) e Cavallaro inseguono SIRACUSA (4-2-3-1) Baiocco 6,5; te l’assedio del secondo
Brighenti 6, Massoni 5,5, De Strigari s.v. (dal 6’ p.t. Lucenti
Paola 5,5, Bertolucci 5,5 (dal 26’ il Foligno. Il sedicesimo ri- gol del difensore il gol della sicurezza. Ma 6,5), Moi 7, Ignoffo 7, Pasqualini
tempo, quando non è mai
p.t. Malacarne 6); Cristiani 6 (dal sultato utile consecutivo Pomante: adesso il Viareggio, appena può, 6; Giordano 6,5, Mancosu 7; riuscito sfondare.
28’ s.t. D’Onofrio 5), Cosentini 5 della capolista è un 1-0 re- si accende, anche se le Bongiovanni 6, Mancino 6,5,
(dal 12’ s.t. Visone 6), Castiglia 6, alizzato dopo 13 minuti sono 7 i successi punte Marolda e Bocalon Desideri 6 (dal 38’ pt. Capocchia- Il gol Ugolotti ha mandato
Taormina 6; Bocalon 5, Marolda no 6); Cosa 7 (dal 25’ s.t. Koffi 6).
5,5. (Merlano, Martina, Calamai, per una gara nata in disce- in trasferta sembrano abbandonate a (Fornoni, Pepe, Abate,
in campo un solo nuovo
D’Antoni). All. Scienza 5,5. sa e conclusa tra gli affan- se stesse. Scienza rinfre- Torregrossa). All. Ugolotti 7. acquisto, Pasqualini, la
NOCERINA (3-4-3) Gori 6; Nigro 6,5, ni del quarto minuto di re- sca il centrocampo con BENEVENTO (4-2-3-1) Paoloni 6; cui partita è durata solo
Pomante 7, Di Maio 6,5; Scalise cupero della ripresa. Per zampata di Pomante co- l’innesto di Visone ed Formiconi 5,5, Signorini 5,5, 34 minuti, Galderisi ha su-
6,5, Bruno 6,5, De Liguori 6,5, Landaida 5,5, Palermo 6 (dal 10’
Bolzan 6,5; Cavallaro 6 (dal 35’
una volta a secco gli attac- glie disattenti i difensori escogita una sorta di tri- s.t. Mounard 6); Pacciardi 6 (dal bito gettato nella mischia
s.t. Petrilli 6), Castaldo 6 (dal 43’ canti (squalificato Cata- bianconeri. In vantaggio, dente d’attacco con 16’ s.t. Clemente 6), Vacca 5,5; Paoloni. Nella prima fra-
s.t. Marsili s.v.), Negro 6 (dal 29’ nia, c’è Cavallaro), risolve la Nocerina tira fuori le D’Onofrio. Auteri annusa Francesco Ripa, 25 anni, D’Anna 6, Bueno 5,5, La Camera zione maggiore possesso
s.t. Ripa 6). (Amabile, Servi, il difensore Pomante (pri- sue qualità di astuzia ed i rischi e smonta la prima ex Pro Patria, ha debuttato 6 (dal 31’ s.t. Bianco 5,5); Evacuo dei giallorossi, ma il Sira-
Galizia, Carrieri). All. Auteri 7. 6. (Baican, Pedrelli, Siniscalchi,
ARBITRO Saia di Palermo 6.
mo gol stagionale), schie- esperienza. Il centrocam- linea. Entrano Petrilli e Ri- nella Nocerina FOTOAGENZIA Grauso). All. Galderisi 5,5. cusa ha messo la sostan-
NOTE paganti 990, abbonati 560, rato per rimediare alla po di Auteri si impossessa pa (al debutto in rossone- ARBITRO Irrati di Pistoia 5,5. za, fino al gol di Mancosu
incasso di circa 13.000 euro. squalifica di De Franco. del gioco con la consueta ro) che si procura subito NOTE paganti 1.243, abbonati 807, che ha fintato di servire

16
Ammoniti Di Maio, Scalise, ragnatela di passaggi. Bru- una doppia chance. Non incasso 17.920 euro. Espulso Giordano ed ha calciato
Pasqualini al 34’ p.t.; ammoniti
Cristiani e Brighenti. Angoli 6-11. La chiave Il giovane Via- no si trasforma in una ca- arriva il secondo gol e la Cosa, Formiconi, Moi, La Camera sotto la traversa. Dopo
reggio di Scienza, reduce valletta per portare ovun- Nocerina si trova a soffri- e Landaida. Angoli 3-5. l’espulsione il Siracusa ha
DAL NOSTRO INVIATO dal successo nel recupero que il suo pressing. Il Via- re fino all’ultimo (mischio- abbassato il baricentro li-
NICOLA BERARDINO di Lanciano e senza lo reggio (out Bertolucci per ne in area su incursione di MASSIMO LEOTTA mitandosi alle riparten-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA squalificato Pizza a cen- problemi muscolari) rea- Malacarne). Così la vitto- PARTITE UTILI DI FILA ze. Galderisi le ha prova-
trocampo (spazio a Cosen- gisce rilanciando la sua ria di Viareggio diventa PER LA CAPOLISTA SIRACUSA d In dieci per te tutte. Ha mandato in
VIAREGGIO (Lucca) dDi corsa tini), parte pimpante e ag- manovra che a tratti è an- ancor più pesante. Finale La Nocerina è la squadra che quasi un’ora il Siracusa si campo tre punte e mezza
verso la serie B. A Viareg- gressivo. I toscani vanno che disinvolta, ma non rie- in salita e cuore in affan- da più tempo non perde una aggrappa alla prodezza e ha schierato anche l’ulti-
gio la Nocerina centra la però in testa-coda alla pri- sce a graffiare. no. Ma la Nocerina sa co- partita di campionato: l’ultimo di Mancosu per conquista- mo arrivato Mounard che
settima vittoria esterna ma curva: al 13’ su corner me non perdere la testa: (e unico) k.o. è arrivato il 26 re una vittoria che lo col- però non ha inciso. La vet-
(quinta di fila) e porta a di Bolzan dalla sinistra, la Giri a vuoto Nella ripresa in campo e in classifica. settembre a Siracusa loca in zona playoff. I sici- ta ora è irraggiungibile.

JUVE STABIA–PISA 1-0 COSENZA-LUCCHESE 2-4 FOGGIA-BARLETTA 0-2 GELA-LANCIANO 1-1 TERNANA-CAVESE 1-1
Juve Stabia, gol contestato Crocetti scatenato: 2 gol Il derby è tutto del Barletta Gela, due errori di Docente Tozzi Borsoi salva Ternana IL POSTICIPO IL POSTICIPO TV
Il Pisa si deve arrendere Lucchese, colpo a Cosenza Zeman sempre più in crisi Buon punto del Lanciano Cavese, vantaggio inutile Atletico Roma Andria, derby
MARCATORE Scognamiglio al 20’
s.t.
MARCATORI Grassi (L) al 9’, Aqui-
lanti (C) al 33’, Degano (C) al 40’ p.t.;
MARCATORI Ischia al 19’, Inno-
centi al 38’ p.t.
MARCATORI Di Cecco (L) al 20
p.t.; Cunzi (G) su rigore al 18’ s.t.
MARCATORI Alfano (C) al 9’, Tozzi
Borsoi (T) al 43’ p.t. c’è il Foligno con il Taranto
JUVE STABIA (3-4-3) Colombi Crocetti (L) al 3’ e al 10’, Marotta (L) FOGGIA (4-3-3) Santarelli 5; Can- GELA (4-2-3-1) Nordi 6,5; Petras- TERNANA (4-3-1-2) Visi 6; Quon-
6,5; Fabbro 6, Mezavilla 6,5, Sco- al 15’ s.t. drina 5,5 (dal 33’ s.t. Agostinone si 6,5, Porcaro 6, Cardinale 6,5, Ali- damatteo 6, Borghetti 6, Giubilato L’Atletico Roma deve Derby pugliese stasera in
gnamiglio 7; Di Cuonzo 6,5, Cazzola COSENZA (3-5-2) De Luca 4,5; Co- s.v.), Romagnoli 5, Iozzia 5,5, Regi- perta 6; Zaminga 6, Giardina 6 (dal 5, Fanucci 4,5 (dal 6’ s.t. Imburgia vincere per rispondere tv tra Andria e Taranto
6,5, Danucci 6, Pezzella 6 (dal 43’ troneo 5, Fernandez 5, Thackray 5; ni 5; Kone 4,5, Burrai 5 (dal 37’ s.t. 27’ s.t. Avantaggiato 5,5); Bigazzi 6); Cejas 6,5, Arrigoni 5,5, Nitride
s.t. Rizza s.v.); Ciotola 6 (dal 10’ s.t. Matteini 5, Aquilanti 5,5, S. Fiore 5, Varga s.v.), Palermo 5,5; Farias 5,5, D’Anna 5,5, Cunzi 6 (dal 32’ s.t. 5,5 (dal 22’ s.t. Bizzarri 6); Nolè 5,5;
alla Nocerina e staccare il con tanti ex. Papagni non
Tarantino 6), Corona 6,5, Mbakogu Evola 5 (dal 20’ s.t. Essabr 5), A. Fio- 5,5, Kolawole 5, Insigne 5. (Ivanov, Carbonaro s.v.); Docente 5,5. (Ma- Tozzi Borsoi 6,5, Sinigaglia 5,5 (dal Benevento. A Incocciati ha Di Simone (infortunato),
5,5 (dal 26’ s.t. Albadoro 6). (Vono, re 5; Biancolino 5, Degano 5,5. (Ma- Caccetta, Torta, Rigione, Marina- raglino, Scopelliti, Cossentino, Pia- 12’ s.t. Tavares 6). (Cunzi, Fusciel- manca solo Balzano e ma recupera Sibilano; in
Maury, Dianda, Marano). All. Bra- rino, Ungaro, Scarnato, Sommario, ro). All. Zeman 5. no, Saani). All. Ammirata 6,5. lo, Noviello, Alessandro). All. Orsi gioca Mazzarani. Giunti avanti rientra Del Core, al
glia 6,5. Martucci, Viscardi). All. Toscano 5. BARLETTA (4-4-2) Gabrieli 6,5; LANCIANO (4-3-3) Chiodini 6; Va- 5,5.
PISA (4-4-2) Lanni 5,5; Gimmelli LUCCHESE (4-3-1-2) Pennesi 6; Galeoto 6,5, Ischia 7, Lucioni 6,5, stola 5,5, Romito 6, Ferraro 5,5, CAVESE (4-3-3) Pane 6; M. Ciano invece perde Testardi, il suo fianco forse Anaclerio.
6,5, Raimondi 6,5, Stendardo 6, Se- Marchetti 6, Lollini 6, Bertoli 6, Pez- Frezza 6,5; Simoncelli 6 (dal 24’ Mammarella 6; Di Cecco 6,5, 6, Troise 5,5, Cipriani 6, Pagano 6; cui arrivo dal Gubbio (via Due dubbi per Dionigi:
reni 6; De Oliveira 5,5 (dal 32’ s.t. zi 6,5; Piccinni 6, Cardona 6 (dal 45’ s.t. Zappacosta 6), Guerri 7, Rajcic D’Aversa 6,5, Sacilotto 6,5 (dal 37’ Piscitelli 6 (dal 22’ s.t. Quadrini 6), Samp) è stato annullato, Antonazzo o Garufo,
Ilardi 5,5), Obodo 6,5 (dal 44’ s.t. s.t. Pani s.v.), Carloto 6,5; Grassi 7 6,5, Bellomo 6,5 (dal 42’ s.t. Geroni s.t. Zeytulaev s.v.); Turchi 6, Di Gen- Alfano 6,5, Di Napoli 6; D’Amico 6,
Anselmi s.v.), Fanucchi 5,5, Fava- (dal 36’ s.t. Hemmy s.v.); Marotta s.v.); Innocenti 6,5, Rana 6 (dal 46’ naro 5,5 (dal 42’ s.t. Colussi s.v.), Del Sorbo 6 (dal 34’ s.t. Turienzo mentre Fondi è k.o. Rantier o Sy; c’è il transfer
suli 6,5; Mosciaro 5,5 (dal 12’ s.t. 6,5, Crocetti 7,5 (dal 21’ s.t. Bova 6). s.t. Bruno s.v.). (Tesoniero, Cero- Artistico 6. (Aridità, Colombaretti, s.v.), C. Ciano 6 (dal 30’ s.t Orosz Così in campo (inizio per l’uruguaiano Sosa.
Guidone 5,5), Carparelli 6. (Puglie- (Pardini, Baldanzeddu, Galli, Tad- ne, Maino, Margiotta). All. Cari 6,5. Antonioli, Volpe, Tomasi). All. Cam- s.v.). (Botticella, Citro, Bacchioc- alle ore 20.30): Così in campo (ore
si, Bizzotto, Calori, Reccolani). All. deucci). All. Indiani 6,5. ARBITRO Del Giovane di Albano plone 6. chi, Conti). All. Rossi 6. ATLETICO ROMA 20.45, su Rai Sport 1):
Semplici 6. ARBITRO Intagliata di Siracusa 5. Laziale 6. ARBITRO Barbiero di Vicenza 7. ARBITRO Marini di Roma 5,5.
ARBITRO Bellutti di Trento 5,5. NOTE spettatori 1.500 circa, pa- NOTE paganti 1.748, abbonati NOTE paganti 1.064, abbonati NOTE paganti e incasso n.c., abbo- (4-2-3-1) Ambrosi; Mazza- ANDRIA (4-4-2) Spada-
NOTE paganti 920, abbonati 659, ganti, abbonati e incasso non comu- 3.670, incasso di 80.686 euro. Am- 205, incasso di 7.998 euro. Ammo- nati 1.003. Espulso Giubilato al 20’ rani, Pelagias, Doudou, An- vecchia; Fazio, Ceppitelli,
incasso di 13.885 euro. Ammoniti nicati. Ammoniti Fernandez e Matte- moniti Frezza, Iozzia, Regini, Ko- niti Artistico, Di Cecco e Avantag- s.t.; ammoniti Pagano, Arrigoni, Giu- geletti; Baronio, Miglietta; Sibilano, Di Bari; Statella,
Favasuli, Mezavilla, Carparelli, Di ini. Angoli 8-6. lawole, Rana, Kone e Ischia. Angoli giato. Angoli 6-7. bilato, Quadrini, Nolè e Orosz. An-
Cuonzo, Sereni e Obodo. Angoli 6-3. goli 2-2. Esposito, Caputo, Franchi- Paolucci, Coletti, Carretta;
GIUDIZIO++ GIUDIZIO+++
2-2. GIUDIZIO++ GIUDIZIO++
ni; Ciofani. (Previti, Serafi- Anaclerio, Del Core. (Palaz-
COSENZA dNon inganni la goleada: GELA (Cl) dTerzo pareggio di fila ni, Padella, Chiappara, zi, Pierotti, Cozzolino,
GIUDIZIO+++
partita brutta, vinta con merito dal- FOGGIAdEsordio vincente per Ca- per il Gela, in rimonta su un Lancia- TERNI dE’ finito 1-1 il match tra Ter-
CASTELLAMMARE DI STABIA (Na) la Lucchese contro un Cosenza che ri e colpaccio del Barletta contro no a secco di vittorie da prima di nana e Cavese. Campani in vantag- Franceschini, Mazzeo, Nicolao, Berretti, Minesso,
dLa Juve Stabia dell’ex Braglia segna la resa anche sul campo do- un Foggia rimaneggiato (3 titolari Natale. Poteva andare meglio per i gio al 9’ con il centrocampista Alfa- Chiaretti). All. Incocciati. Caturano). All. Papagni.
consolida la quarta piazza conqui- po quella societaria. Al primo affon- squalificati) e in difficoltà (3 suc- siciliani (con Ammirata al debutto no su passaggio del nuovo arrivato FOLIGNO (4-3-1-2) TARANTO (3-4-2-1)
stando la sesta vittoria casalinga do i toscani vanno in gol: Pezzi dalla cessi e 6 k.o. in 9 gare). Partita de- in panchina) se Docente non aves- Del Sorbo. Ternana in difficoltà, in
Rossini; Iacoponi, Bremec; Sosa, Migliaccio,
consecutiva. A punire un Pisa ben linea di fondo (pallone già uscito?) cisa nel primo tempo da due reti, se sprecato due occasioni d’oro. In particolar modo nel primo tempo.
organizzato è una contestata rete serve Grassi che insacca. Al quarto entrambe di testa e su palla inatti- vantaggio gli abruzzesi con Di Cec- Prima dell’intervallo, però, i rosso- Giovannini, Cusaro, Basso- Colombini; Antonazzo,
di Scognamiglio, convalidata dal- calcio d’angolo di fila, il Cosenza pa- va: al 19’ Ischia si avvita e scavalca co che su una ripartenza lascia sul verdi pareggiano con il capitano li; Fedeli, Castellazzi, Men- Giorgino, Di Deo, Sabatino;
l’arbitro dopo un attimo di tentenna- reggia con Aquilanti di testa a fil di Santarelli, al 38’ Lucioni fa da spon- posto Aliperta e Nordi e segna. Alla Tozzi Borsoi (43’) direttamente su chinella; Sciaudone; Cava- Chiaretti, Rantier; Girardi.
mento. Il gol nasce da una punizio- palo. Pochi minuti e Degano con un da per Innocenti che raddoppia. Il fine del tempo il primo spreco di Do- calcio di punizione. Nella ripresa
ne di Tarantino: la palla si impenna diagonale ribalta il risultato. In un Foggia arranca e sfiora l’1-2 al 45’, cente, che davanti alla porta spara pochissime le emozioni offerte dal- gna, Falcinelli. (Zandrini, (Barasso, Panarelli, Sy,
e una presa difettosa di Lanni, osta- quarto d’ora a inizio ripresa la Luc- ma Galeoto recupera su Kone a alto. Nella ripresa al 18’ Cunzi entra la due squadre nonostante la Ter- Moro, La Mantia, Merli Sa- Prosperi, Garufo, Guazzo,
colato dallo stesso Scognamiglio, chese confeziona il successo: dop- porta sguarnita. Nella ripresa, fuo- in area e va giù. Dal dischetto lo nana abbia dovuto rinunciare a Giu- la, Fiorucci, Coresi, Tomas- Pensalfini). All. Dionigi.
favorisce il tocco vincente del di- pietta di Crocetti (di testa su cross co di paglia locale: gol annullato a stesso Cunzi spiazza Chiodini. Se- bilato espulso al 20’. In pieno recu-
fensore. Il Pisa reagisce e agguan- di Grassi e piatto sinistro su clamo- Kolawole per dubbio fuorigioco conda opportunità per Docente, pero Orosz ha colpito l’incrocio dei
sini). All. Giunti. ARBITRO Coccia di San
ta il pari con Obodo di testa, ma il rosa papera di De Luca) e diagonale (3’), poi Ischia sfiora l’autorete che 3’ dopo si presenta davanti a pali con una conclusione dalla di- ARBITRO Benassi di Bolo- Benedetto del Tronto
guardalinee segnala il fuorigioco. di Marotta. (14’). Ma il Barletta controlla. Chiodini: palla ancora alle stelle. stanza. gna (Guiducci-Paglione). (Parisse-Gaspari).
Gianpaolo Esposito Valter Leone Roberto Pellegrini Rocco Cerro Massimo Laureti

SERIE D f Fantini (4 gol) esalta il Cuneo, che travolge l’Asti e vola in vetta. Crolla il Rimini: il Teramo va in fuga 23 a GIORNATA
GIRONE A (26a giornata) GIRONE B GIRONE C GIRONE D GIRONE E GIRONE F (26a giornata) GIRONE G GIRONE H GIRONE I (25a giornata)
ALBESE-SETTIMO 2-1 ALZANOCENE-DARFO 0-0 BELLUNO-CHIOGGIA 0-1 BAGNOLESE-CASTEL SAN PIETRO 3-2 AREZZO-TODI 1-1 ATESSA VDS-CIVITANOVESE 1-1 ANZIOLAVINIO-SANLURI 2-0 ANGRI-FRANCAVILLA F. 2-1 ACIREALE-ROSSANESE 3-0
BORGOROSSO-SAINT CHRISTOPHE 1-2 CANTU' SAN PAOLO-VOGHERA 3-1 ESTE-TREVISO 1-2 CAMAIORE-BORGO A BUGGIANO 0-0 FLAMINIA-SPOLETO 3-1 ATLETICO TRIVENTO-FOSSOMBRONE 3-0 APRILIA-BUDONI 0-0 BOVILLE ERNICA-CAPRIATESE 2-3 CITTANOVA-EBOLITANA 0-1
BORGOSESIA-CHIERI 2-3 CARATESE-INSUBRIA 2-0 KRAS REPEN-OPITERGINA 0-2 CARPENEDOLO-PIZZIGHETTONE 1-0 GROUP CITTA' DI CASTELLO-FORTIS JUVENTUS 2-1 BOJANO-MIGLIANICO 2-3 ASTREA-ARZACHENA 2-2 GAETA-FRANCAVILLA S. 0-0 HINTERREGGIO-SAPRI 4-1
CUNEO-ASTI 5-1 LEGNAGO-VILLAFRANCA 1-0 MONTEBELLUNA-UNION QUINTO 1-2 FIORENZUOLA-ROSIGNANO 1-1 MONTERIGGIONI-DERUTA 1-0 CESENATICO-VENAFRO 1-4 BACOLI-VIRIBUS UNITIS 1-0 GROTTAGLIE-ARZANESE 0-1 MARSALA-VALLE GRECANICA 0-0
DERTHONA-AQUANERA 1-2 OLGINATESE-COLOGNESE 1-2 PORDENONE-TAMAI 3-3 MEZZOLARA-PAVULLESE 0-0 ORVIETANA-PIANESE 3-4 JESINA-OLYMPIA AGNONESE 3-0 GUIDONIA-SELARGIUS 2-0 ISCHIA-MURGIA 0-0 NISSA-MAZARA 1-1
GALLARATESE-SARZANESE 2-0 PONTISOLA-CASTELNUOVOSANDRA' 1-1 ROVIGO-CONCORDIA 3-1 PONSACCO-PONTEDERA 1-1 PONTEVECCHIO-MONTEVARCHI 3-0 LUCO CANISTRO-SAMBENEDETTESE 1-0 PORTO TORRES-CYNTHIA 0-0 NARDO'-FORTIS TRANI 2-1 NOLA-NOTO 0-4
LAVAGNESE-CHIAVARI 2-0 SOLBIATESE-CASTIGLIONE 1-0 SANDONA'JESOLO-SAN PAOLO 2-0 RUSSI-FORCOLI 1-2 SCANDICCI-SANSEPOLCRO 1-2 REAL RIMINI-FORLI' 1-1 TAVOLARA-FIDENE 3-2 OSTUNI-SANT'ANTONIO ABATE 1-5 REAL NOCERA-CASERTANA 1-2
NOVESE-VIGEVANO 2-1 TRENTO-MANTOVA 1-1 SANVITESE-MONTECCHIO 0-2 TUTTOCUOIO-CASTELFRANCO 2-2 SESTESE-CASTEL RIGONE 3-5 RECANATESE-RENATO CURI 1-1 VITERBESE-MONTEROTONDO 1-0 PISTICCI-BATTIPAGLIESE 1-1 SAMBIASE-MESSINA 0-0
RIVOLI-ACQUI 2-2 VIRTUS VECOMP-CASTELLANA 1-0 VENEZIA-TORVISCOSA 6-0 VEROLESE-RUDIANESE 0-3 SPORTING TERNI-PERUGIA rinv. merc. 9 SANTARCANGELO-RIMINI 4-0 ZAGAROLO-CASTIADAS 1-0 POMIGLIANO-CASARANO 1-0 TURRIS-FORZA E CORAGGIO 2-1
SANTHIA'-SEREGNO 1-1 SANTEGIDIESE-TERAMO 1-2 HA RIPOSATO MODICA

CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSIFICA


Cuneo p. 51; Saint Christophe* e Asti Mantova p. 46; Colognese 39; Cantù Treviso p. 49; Venezia 47; SandonàJeso- Borgo a Buggiano p. 54; Pontedera 46; Perugia* p. 52; Castel Rigone 49; To- Teramo p. 55; Rimini 50; Santarcangelo Monterotondo p. 47; Aprilia e Ba- Arzanese p. 51; Nardò 43; Gaeta Ebolitana p. 56; Casertana 51; Forza e
49; Borgosesia 47; Santhià 45; Seregno San Paolo e Pontisola 38; Voghera* 37; lo e Rovigo 39; Tamai e San Paolo (-1) Camaiore 39; Rudianese 37; Pizzighettone di 46; Sansepolcro 39; Spoleto, Flami- 48; Jesina e Forlì 42; Santegidiese (-1) coli 43; Viribus Unitis 40; Zagaro- 42; Pomigliano 41; Casarano 39; Coraggio* 50; Nissa* 45; Valle Grecanica*
e Aquanera* 44; Lavagnese 42; Gallara- Darfo 35; Legnago* e AlzanoCene 33; 38; Pordenone e Chioggia 34; Union e Forcoli 36; Castelfranco*, Bagnolese e nia, Pianese e Group Città di Castello 40; Renato Curi e Civitanovese 39; Real
Rimini 38; Sambenedettese 36; Atletico
lo 39; Viterbese 35; Anziolavinio Ischia 34; Boville Ernica 33; Mur- 41; Turris e Sambiase˚ 39; Hinterreggio
tese 37; Chiavari 36; Acqui* 35; Chieri* Olginatese e CastelnuovoSandrà 30; Quinto 33; Este 31; Sanvitese (-1) 29; Mezzolara* 34; Pavullese 32; Rosignano 35; Pontevecchio 34; Sporting Terni* 33; Fidene 32; Porto Torres, Bu- gia e Fortis Trani 32; Grottaglie 37; Sapri˚ 36; Noto* 33; Real Nocera* e
Trivento e Recanatese* 35; Luco Cani-
e Rivoli 34; Derthona*, Sarzanese e Castiglione e Insubria 28; Virtus Ve- Concordia 25; Montebelluna 24; Opiter- 30; Tuttocuoio 29; Ponsacco 28; 29; Scandicci e Montevarchi 28; Or- stro 32; Atessa VdS e Olympia doni e Arzachena 31; Astrea 29; 30; Capriatese 29; Francavilla S. Messina (-3) 32; Cittanova 30; Acireale* e
Novese* 29; Albese 23; Borgorosso* comp e Castellana 27; Villafranca 25; gina 23; Montecchio 22; Kras Repen 21; Fiorenzuola 26; Carpenedolo 22; Russi* vietana 23; Arezzo e Deruta 22; Se- Agnonese* 31; Venafro 29; Miglianico Selargius 25; Cynthia e Guidonia e Sant'Antonio Abate 28; Pisticci Marsala 24; Modica* 22; Rossanese 21;
20; Vigevano 19; Settimo* 9. Caratese 21; Trento 20; Solbiatese 19. Belluno 18; Torviscosa 16. 17; Castel San Pietro* 14; Verolese 6. (* stese 21; Fortis Juventus 17; Monterig- 23; Cesenatico 21; Fossombrone 20; 22; Tavolara e Sanluri 20; Castia- 27; Angri 24; Battipagliese 21; Mazara 19; Nola 6. (* hanno già riposato, ˚
(* una gara in meno). (* una gara in meno). una gara in meno). gioni 14. (* una gara in meno). Bojano 9. (* una gara in meno). das 13. Francavilla F. 18; Ostuni 12. una gara in meno).
PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO PROSSIMO TURNO
domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30 domenica 13 febbraio, ore 14.30
Acqui-Novese (1-2); Aquanera-Albese Castellana-AlzanoCene (2-1); Castel- Chioggia-Sanvitese (1-3); Concordia-Bel- Bagnolese-Fiorenzuola (2-4); Borgo a Castel Rigone-Pontevecchio (3-3); De- Cesenatico-Atessa VdS (0-1); Civitanove- Anziolavinio-Aprilia (2-1); Arzache- Arzanese-Boville Ernica (2-1); Battipa- Casertana-Nissa (1-1); Ebolitana-Real
(2-2); Asti-Rivoli (4-0); Chiavari-Der- nuovoSandrà-Voghera (1-3); Castiglio- luno (3-1); Montecchio-Venezia (1-2); Buggiano-Mezzolara (3-1); Castel San ruta-Flaminia (1-2); Fortis Juventus-Se- se-Santarcangelo (0-2); Forlì-Recanatese na-Bacoli (1-4); Budoni-Viterbese gliese-Ischia (0-1); Capriatese-Nardò Nocera (1-0); Forza e Coraggio-Marsa-
thona (2-1); Chieri-Cuneo (1-3); Saint ne-Pontisola (0-1); Colognese-Legnago Opitergina-Este (2-5); San Paolo-Kras Pietro-Carpenedolo (2-2); Forcoli-Vero- stese (2-4); Montevarchi-Monteriggioni (3-0); Fossombrone-Luco Canistro (1-1); Mi- (0-1); Castiadas-Astrea (0-1); Fide- (0-0); Casarano-Angri (3-0); Fortis la (0-1); Mazara-Acireale (0-3); Messi-
Christophe-Gallaratese (0-0); Sarzane- (2-1); Darfo-Cantù San Paolo (0-0); In- Repen (2-2); Tamai-Montebelluna (1-0); lese (1-0); Pavullese-Russi (2-1); Pizzi- (1-0); Perugia-Orvietana (2-1); Piane- glianico-Olympia Agnonese (1-2); Renato Cu- ne-Cynthia (2-0); Monterotondo-Za- Trani-Francavilla F. (3-0); Francavilla na-Hinterreggio (0-1); Noto-Turris
se-Borgosesia (0-0); Seregno-Borgo- subria-Olginatese (2-0); Mantova-Sol- Torviscosa-SandonàJesolo (2-0); Trevi- ghettone-Ponsacco (0-0); Pontede- se-Todi (1-3); Sansepolcro-Sporting ri-Atletico Trivento (1-0); Rimini-Jesina (0-1); garolo (2-1); Sanluri-Guidonia (2-1); S.-Pisticci (1-1); Grottaglie-Gaeta (2-1); Rossanese-Modica (1-3); Sa-
rosso (0-1); Settimo-Santhià (0-1); Vi- biatese (4-1); Trento-Caratese (0-6); so-Pordenone (1-1); Union Quinto-Rovi- ra-Castelfranco (0-1); Rosignano-Cama- Terni (1-2); Scandicci-Group Città di Ca- Sambenedettese-Santegidiese (2-2); Tera- Selargius-Tavolara (3-2); Viribus Uni- (0-3); Murgia-Ostuni (2-1); Sant'Anto- pri-Cittanova (1-1); Valle Grecani-
gevano-Lavagnese (0-2). Villafranca-Virtus Vecomp (0-1). go (1-1). iore (0-1); Rudianese-Tuttocuoio (3-2). stello (0-2); Spoleto-Arezzo (1-2). mo-Bojano (2-0); Venafro-Real Rimini (1-4). tis-Porto Torres (1-1). nio Abate-Pomigliano (0-2). ca-Sambiase (0-2); riposa Nola.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
32 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

FORMULA 1 SCHIANTO IN UN RALLY LIGURE


l’analisi 1 x
di
PINO ALLIEVI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

Contratti? Sì,
HANNO
DETTO
IL DRAMMA
ma i piloti sono
gente diversa
Perché un pilota di F.1 a
capo di una squadra
importante viene lasciato
Schumacher
L’ho saputo
a Monaco
R DI KUBICA
Mano a rischio
libero di fare ciò che vuole, di Baviera:
fuori dalle piste? Jean Alesi, sono rimasto
che ieri abbiamo sentito atterrito
preoccupatissimo per le ed inorridito
condizioni di Kubica, ci ha LAPRESSE
raccontato che nei suoi

ci vorrà un anno
contratti di F.1 c’è sempre
stata una clausola che lo
obbligava a chiedere il
permesso al team prima di
dedicarsi a qualsiasi attività
ludica. Kubica, con una

per recuperare
Renault finanziata da altre R
due marche automobilistiche Alesi
come Lotus e Lada, aveva il Mi spiace,
solo vincolo di non ma sono rischi
gareggiare in Francia con alti come gli
macchine che non fossero allenamenti alla
della Regìe. Cesare Fiorio è
caustico: «Non ho mai
guida dei kart
che fanno i piloti Il chirurgo Rossello: «Aveva quasi una doppia
autorizzato i miei piloti a
praticare altre discipline: il
pilota è un patrimonio del
COLOMBO
amputazione». Nannini: «Tornerà a guidare»
team e va preservato». DAL NOSTRO INVIATO alcuni violinisti), pronuncia sioni nervose, che sono quelle
Ma questi, pur sacrosanti, PAOLO IANIERI pochi minuti dopo un interven- che davano più interrogativi.
sono discorsi che 5 RIPRODUZIONE RISERVATA
to durato oltre 7 ore, solo per Ci vorrà qualche giorno, 5-7,
rispondono alla logica la mano. Poi l’operazione è per capire se la mano soprav-
comune, non a quella dei PIETRA LIGURE (Savona) dRobert continuata per sistemare la viverà». Possibili nuovi inter-
piloti, per i quali la scarica R Kubica è sotto i ferri da quasi 6 gamba destra, che ha fratture venti. «È un’eventualità asso-
di adrenalina sovrasta tutto. Fiorio ore, quando all’ospedale San- multiple ed esposte a tibia e pe- lutamente da non escludere.
Lauda, quando era in Da direttore di ta Corona spunta Alonso. Ac- rone. «Il paziente è gravissimo La prima urgenza è di tipo va-
Ferrari, si fratturò una team non lo avrei compagnato dal ds del Cavalli- e la prognosi riservatissima — scolare, poi potrebbero esser-
costola con la moto da cross mai autorizzato a no, Rivola, Fernando ha lo continua Rossello —, quello ci ulteriori interventi corretti-
e disse che era volato da un fare un rally. sguardo terreo. «Ero a sciare, che posso dire è che l’operazio- vi».
trattore in giardino. Tanto più a un ma appena ho saputo, sono ve- ne è riuscita».
Schumacher dopo lo stop in mese dal nuto». E’ grande amico di Kubi- Ritorno Sui tempi di recupero,
F.1 si fece molto male Mondiale» ca e compagno nelle infinite Rinascita Passa qualche minu- Rossello non ha dubbi. «Ci
allenandosi per una sfide a poker. Alonso rimane to e Rossello, insieme agli assi- vorrà almeno un anno di riabi-
improbabile carriera in davanti alla porta della sala stenti, Emanuele Panelin e litazione». Ma tornerà a gui-
Superbike. Valentino Rossi è operatoria, parlando a bassa Marcello Bertotti, fa un qua- dare una F.1? «E’ impossibile
tuttora malconcio per un voce con Daniele Morelli, ma- dro più preciso. «Kubica ha su- da prevedere. Con il sistema
incidente in motocross. E nager di Kubica, e con il dotto- bìto quasi una doppia amputa- nervoso non si può mai sape-
scendendo con i rischi, che re Riccardo Ceccarelli, medico zione (Robert in Polonia ave- re e molto dipenderà dalla vo-
dire di Webber e Heidfeld Renault, facendosi spiegare i va già rischiato di perdere il lontà del paziente. Se Nanni-
che si sono fratturati dettagli del terribile incidente braccio destro per l’incidente ni è riuscito a tornare, perché
andando (non a 200 all’ora!) avvenuto alle 8.34 alla Ronde stradale nel 2003 con un auto- non potrebbe riuscirci lui? I pi-
in mountain bike? di Andora che mette un punto mobilista ubriaco, n.d.r.). Sia- loti sono persone eccezionali,
I piloti sono animali strani. interrogativo sulla vita e sulla mo riusciti a ricostruire la par- capaci di abbattere i tempi di I primi soccorsi disperate per una forte emor-
L’astinenza da adrenalina carriera del pilota. Gli dicono te ossea, quella vascolare e recupero. Io ho avuto un pa- a Kubica. La ragia. Il guard-rail che si è infi-
fuori dai circuiti, insieme che ci vorranno ancora ore e quella tendinea, cercando di ziente che ha recuperato al 90 sua Skoda lato nella Skoda, infatti, ha fe-
con lo spirito competitivo Fernando lascia l’ospedale. utilizzare quello che era rima- per cento l’uso della mano». «infilzata» dal rito gravemente gamba e brac-
che li anima, li porta a sto, visto che gli elementi per- guard-rail si è cio di Kubica rimasto poi in-
esagerare impegnandosi al Battaglia Oltre la porta Robert duti erano tanti. Abbiamo an- Rianimazione Insomma, pur girata di 180˚ trappolato nella macchina
limite in tutto. La Ferrari non lotta per non perdere la mano che cercato di ricostruire le le- nella gravità assoluta dell’in- rispetto al per più di un’ora. «Dieci centi-
riuscì mai a impedire a destra, quasi tranciata dal fortunio, una piccola speran- senso di metri più a destra e Robert
Schumi di lanciarsi col guard-rail penetrato dal fron- za resta accesa. In ogni caso, marcia. La non si sarebbe fatto neanche
paracadute o a girare nel tale della sua Skoda Fabia. per almeno una settimana Ku- freccia indica il un graffio, dieci centimetri
traffico con la moto. Pironi, Qualche minuto dopo le 21, la
Il polacco è grave: ha bica rimarrà in rianimazione punto dove la più a sinistra e ora non sareb-
lasciata la F.1 per un notizia che tutti volevano perso sangue e si è all’ospedale di Pietra Ligure. lama di acciaio be più qui», è la fredda analisi
incidente, si uccise in ascoltare: «La mano è viva». fratturato la gamba «Non è il caso di spostarlo», si è piegata di Morelli, che ha tenuto i rap-
offshore. Zanardi, pur senza Sono le prime parole che il dot- destra. Sette giorni annuncia Rossello. Troppo dopo essersi porti con il mondo preoccupa-
gambe, ha subito ripreso a tore Igor Rossello, lo speciali- gravi, infatti, le condizioni di infilata nell’auto tissimo della F.1, dove Robert
correre in auto con gli arti sta della mano arrivato da Sa- per capire se Robert, arrivato in elicottero è uno dei piloti più amati. An-
artificiali. Il pericolo come vona (ha operato con successo l’intervento è riuscito al Santa Corona in condizioni che il dottor Claudio Costa si
componente qualificante
estesa di vite diverse. Gente
speciale che non può essere LA TESTIMONIANZA IL NAVIGATORE GERBER RACCONTA L’INCIDENTE
omologata. Si dirà che il
professionismo impone
obblighi e autolimitazioni,
come sottolinea Fiorio. Ma
ogni uomo è unico e, in certi
ambiti, va compresa (magari
«Assurdo quel guard-rail interrotto»
s
digerendola male) 5 RIPRODUZIONE RISERVATA davanti. Non è la prima volta per l’umidità ed eravamo pre- tre mezz’ora per tirarlo fuori.
l’asimmetria di che succede un incidente così, parati. La macchina dopo la Il primo equipaggio non aveva
comportamento da parte di PIETRA LIGURE dSeduto sugli la Federazione dovrebbe pen- sbandata si è appoggiata al le cesoie e si è dovuto attende-
talenti che, se fossero scalini all’ingresso della sala sare a qualcosa per proteggere guard-rail spostandolo verso CHI È re l’arrivo di un altro. Poi l’eli-
normali, non sarebbero operatoria, Jakub Gerber, na- l’abitacolo». l’esterno. Poi si è infilata in cottero non poteva atterrare
campioni. Perché il genio si vigatore di Kubica, 33 anni di quello successivo. Robert è in quel punto e si è dovuto tra-
nutre di libertà per Poznan, dove lavora nel nego- Esordi Lui e Kubica si sono co- svenuto, io sono uscito dal fi- sportare Robert, perdendo al-
esprimersi. E il rischio, per zio di sport di famiglia, occhi nosciuti 7 anni fa «al "Mickey nestrino perché la portiera era tro tempo».
un pilota, è gioia. Poi, rossi, guarda e riguarda sul te- Mouse" di Varsavia, rally esibi- bloccata. Ho visto subito che Quello che molti chiedono è se
dinanzi a drammi come lefonino la foto del guard-rail zione nel centro della città: fi- era grave, aveva anche un sia stato un errore o un gua-
quello di Kubica, è d’obbligo maledetto. nimmo settimi. Robert qual- brutto segno sotto l’occhio per sto: «In una gara cerchi di an-
una riflessione. Ma questo «Questa è la parte che ha che anno dopo mi richiamò e il colpo dal volante». dare il più veloce possibile. Ro-
non cancella il presupposto squarciato la macchina, l’ha at- abbiamo fatto 9-10 gare». R bert è uno che pensa molto,
che le dinamiche dell’anima traversata tutta. Non aveva Questa era la prima dell’anno, Soccorsi Continua il suo terri- Jacub guarda sempre un passo più
di chi corre non sono le senso quell’apertura. Ma so- ma anche la prima di Kubica bile racconto: «L’ambulanza è Gerber avanti, preciso, veloce, pulito.
stesse di chi, in poltrona, prattutto non dovremmo ave- con una Super 2000: «Sapeva- arrivata subito, poi anche i 33 anni, polacco Un pilota completo».
giudica e critica. re macchine così poco protette mo che l’asfalto era scivoloso pompieri. Hanno impiegato ol- di Poznan p.i.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
33

Soccorsi Intubato Alonso


La Skoda di Il polacco Fernando
Kubica arriva Alonso, a
rimossa intubato destra con il
dopo all’ospedale manager di
l’incidente. di Pietra Robert
La vettura Ligure. Ben Kubica,
ha sbattuto visibile Morelli, è
contro il l’ematoma andato
guardrail sotto subito a
che è l’occhio trovare
penetrato sinistro l’amico
dal muso AP REUTERS IPP DA TV

«La lama d’acciaio


ha tagliato l’auto»
Il pilota che l’ha soccorso è rimasto sconvolto
«Robert era semi-incosciente e non parlava»
Robert Kubica,
26 anni ANSA GUIDO RANCATI un lieve dosso sufficiente a far

x
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
I TESTIMONI perdere aderenza all’auto e a
«È ARRIVATO mettere in difficoltà. Lo ricorda-
ANDORA (Savona)d«L’ho chiamato PIÙ VELOCE DI TUTTI» vo bene e ho anticipato la secon-
per nome un paio di volte, non da curva quel tanto che bastava
fa sentire al telefono del dot- Futuro In serata a Pietra mi ha risposto…». Ore 8.34, È arrivato fortissimo, più a stare il più lontano possibile
tor Ceccarelli. «Se serve, io ci Ligure sono arrivati da Ronde di Andora. Partito un mi- forte di tutti. Dove gli altri dall’esterno».
sono». Cracovia papà Arthur e nuto dopo Robert Kubica, Mau- Passato appena prima di Kubi-
dalla Gran Bretagna la ro Moreno è stato il primo pilo- piloti erano passati dalla ca, Ino Corona conferma l’insi-
Nannini Chi perse l’avambrac- fidanzata Editha, men- ta a raggiungere il luogo del- quinta alla quarta marcia, diosità di quel tratto: «Non ero
cio destro (in un incidente in tre da Parigi Eric Boul- l’incidente, uno dei primi a lui aveva addirittura partito fortissimo — racconta
elicottero), che poi gli venne lier, responsabile Re- cercare di fare qualcosa per inserito la sesta l’imperiese — eppure sia nella
riattaccato e dopo un anno tor- nault, parla «dello choc soccorrere il polacco. sinistra che nella destra la mia
nò a correre, è Alessandro Nan- per una persona che tut- Peugeot 307 Wrc è scivolata sul-
nini: «Quello di Kubica è un ti amano». Poi, sul no- Orribile Visibilmente sotto le 4 ruote. Ne sono venuto fuo-

x
I PILOTI
trauma diverso dal mio. Il suo me di chi potrà sostituir- shock, il gentleman-driver li- «LO HA TRADITO ri, ma se prima della chicane na-
braccio non si è staccato: ner- lo, reagisce: «É un po’ in- gure non ha la forza e, forse, L’ASFALTO BAGNATO» turale non avessi tolto una mar-
vi, tendini e muscoli ricresce- decente parlare di que- neppure la voglia di scende- cia, non credo che ce l’avrei fat-
ranno, è solo questione di tem- sto». Ma si fanno i nomi re nei dettagli. Quello che ta». Quello che, a dar retta ai
po. E Robert tornerà a correre. dei piloti di riserva Bruno ha visto al km 4,3 della pro- Il tratto prima dello pochi testimoni, l’asso della Re-
Non lo conosco ma gli faccio i Senna e Grosjean, oltre a va speciale in Val Merula lo schianto era fradicio e i nault F.1 non avrebbe fatto. «È
miei auguri!». Hulkenberg e Liuzzi. racconta con frasi mozze. Par- nostri pneumatici non arrivato fortissimo, più forte di
la di un’auto, la Skoda Fabia Su- tutti: la mia rilevazione dei tem-
per2000 con il numero 4 sulle
avevano raggiunto una pi, era già oltre 1" più veloce di
portiere, che Kubica aveva no- temperatura tale da tenere Corona», assicura un appassio-
La foto p IN RECUPERO
Valentino torna
a girare alla Cava
leggiato per sfogare una volta
di più la sua passione per i rally,
infilzata in un guard-rail: «La la-
ma d’acciaio — dice — usciva
come fanno normalmente
nistra della strada con sufficien-
te violenza da farne cedere i so-
nato. Un altro, appostato qual-
che decina di metri prima è cer-
to che «dove gli altri erano pas-
sati dalla 5a alla 4a marcia, lui
dal portellone posteriore. Una stegni. La Fabia ha seguitato a avesse addirittura inserito la
PESARO — (m.b.) Un nuovo vista impressionante, orribile». strisciare sul rail ormai retto sol- 6a». Ricordi confusi di uomini
passo verso la guarigione Ripete come un automa di es- tanto da qualche albero e, in- scossi, da prendere con le mol-
completa. Valentino Rossi sersi fermato ed essere corso ac- controllata e incontrollabile, le. Ma non inattendibili.
sabato pomeriggio è tornato canto all’auto incidentata: «Il ha continuato la sua corsa an-
alla «cava». Non lo faceva da copilota mi ha fatto cenno di che quando la lama s’è interrot- Bagnato «Sono convinto — os-
mesi, per infortunio alla spalla non aver problemi e allora ho ta. Per impattare subito dopo, serva ancora Pisi — che all’inci-
e poi la frattura di tibia e chiesto a Robert se era tutto a in pratica frontalmente, contro dente abbiano in qualche modo
perone. Dalla Malesia, dove posto anche per lui. Inutilmen- la successiva protezione metal- contribuito le condizioni atmo-
giovedì si sono chiusi i primi te perché era in uno stato di se- lica. I pochi transitati prima di sferiche: bagnatissimo fino a
test 2011 con la Ducati, Vale ha mi-incoscienza e non parlava». Moreno e quelli arrivati sul po- qualche centinaio di metri pri-
chiamato i suoi amici per sto poco dopo aiutano a rico- ma, dove Robert ha sbattuto
allestire la pista ricavata in una Testimoni Altre testimonianze struire la dinamica dell’urto. «È l’asfalto era asciutto. Ma pro-
cava di ghiaia dismessa alla confermano le sue parole. I pri- successo in un tratto di leggera prio per l’acqua sulla quale ave-
Botto terrificante GP del Canada 2007: Kubica
tampona a 280 km/h la Toyota
periferia di Pesaro. Sabato, alle
15 pomeriggio, era lì ad
mi rilievi indicano che l’auto cé-
ca s’è scomposta all’inizio della
discesa, poco più di 4 chilome-
tri dopo il via, in una esse molto
vano lavorato, le nostre gom-
me non avevano ancora rag-
al GP del Canada di Trulli. La Bmw decolla, allenarsi: un paio d’ore soft, per seconda delle due curve in rapi- veloce», racconta Alessio Pisi. giunto una temperatura tale da
Ma uscì illeso sbatte contro il muro, si non caricare troppo la spalla. da successione ed è rimbalzata Che spiega: «Fra la curva a sini- "tenere". Ingannandolo, for-
ribalta. Robert è illeso. contro la barriera d’acciaio a si- stra e la successiva a destra, c’è se…».
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
34 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

BASKET LA 18ª GIORNATA DI SERIE A


responsabilità: parte con Pe-

Orribile Milano
travicius non ancora pronto
l’analisi 1 (ultima apparizione in serie A
nell’andata a Biella), e dopo
Edgar Sosa, 23 anni,
re dei licei di New
York, al primo anno
l’8-0 volante firmato Viggiano da professionista CAST
di
CHIABO passa alla 1-3-1. «Troppo pre-
sto» dice. Il risultato è disastro-

Sosa e Biella
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
so: Biella chiude il primo quar-
Basta scosse to con 5/5 da 3 e umilia la cele-
berrima difesa "3" con un pas-
e tabelloni saggio da metà campo di Sosa
per la schiacciata al volo di Vig-
sbagliati giano. E’ il canto del cigno:

dominano 40’
«Non ha funzionato, passere-
dIl tabellone di coppa Italia mo ad una 3-2 aggressiva» am-
è sbagliato. Sono bastate tre mette Coach. Intanto il tassa-
giornate dalla fine metro corre: 6-24, 21-42 quan-
dell’andata per cambiare, do Gino Cuccarolo, 23 anni,
pesantemente, le forze in l’unica torre italiana (2.22)
che finalmente ha aggiunto
campo. Cantù è seconda,
Avellino quarta e Biella, «L’effetto Peterson è finito» dice il coach dell’AJ chili al telaio, gioca 7’ da favo-
la. E, ancora, 46-65 con Sosa.
che nel mischione delle otto
squadre in due punti a metà
classifica, era uscita dalle
Una schiacciata al volo manda la 1-3-1 in soffitta Gestione Il problema di Biella
prime otto, ha dominato LUCA CHIABOTTI Milano è un sogno — dice Mas- è che la gestione del vantaggio
sul campo dell’AJ. A Torino, non è nel suo dna e, alla fine
per trovare delle avversarie MILANO 90 5 RIPRODUZIONE RISERVATA simo Cancellieri — abbiamo
vinto giocando bene. Compli-
del 2o e 3o quarto, subisce dei
credibili, almeno in una gara parziali che riportano l’AJ, do-
MILANO d«La scossa dell’arrivo menti alla squadra per come
secca, per Siena, bisogna BIELLA 95 di Peterson è finita». Coach se ha gestito la partita: siamo riu-
ve spicca solo Mancinelli, a
guardare una sola parte del -13. Ma ogni volta riallunga. E
(14-32, 35-48; 54-67) lo dice da solo, dopo la secon- sciti ad essere più cinici, più at- grazie a Salyers, è +21 al 35’.
tabellone, quella di Milano. da, orribile, sconfitta della sua tenti, tranquilli nei momenti
ARMANI JEANS MILANO: Jaaber 6 Peterson, dopo 24 anni, ha vo-
Con Cantù, 9 vittorie nelle (1/2, 1/5), Hawkins 9 (2/3, 0/4), Maciu- Armani Jeans. Edgar Sosa, do- delicati». Peterson commette
ultime 11 gare, Avellino, 7 su lis 7 (2/4, 1/1), Mancinelli 17 (3/7, 1/5), luto la bicicletta e adesso peda-
minicano di New York, picco- due errori di cui si assume la la con dignità: «Chiedo scusa,
9, e la divertentissima Biella. Petravicius (0/1); Pecherov 17 (3/5,
lo re delle palle perse (7 anche
Così quella che solo 2 3/6), Mordente 6 (1/1, 1/2), Rocca 6 alla gente, alla società, a Gior-
(3/6), Melli (0/1 da 3), Greer 18 (4/7, ieri) ma una gioia per gli oc- gio Armani. Il professor Niko-
settimane fa sembrava una
finale di coppa annunciata, 3/5), Ganeto 4 (1/2). N.e.: Cacace. chi, guida Biella ad un domi- lic diceva: il cambio di allena-
Mps-AJ, non lo è più, visto il
All. Peterson. nio lungo 40’. Nulla è più falso DA GIOVEDÌ A TORINO tore funziona tre settimane,
ANGELICO BIELLA: Sosa 23 (3/6, del +5 finale e dei 90 punti re-
vuoto in cui è caduta la 5/6), Slaughter 7 (1/5, 1/3), Viggiano Finali Coppa Italia poi la squadra torna peggio di
squadra di Peterson che al 17 (5/9, 1/3), Salyers 15 (2/4, 3/6), Su-
alizzati dall’AJ: al 35’, l’Angeli- prima. E’ quello che è successo
momento non parte favorita ton 9 (3/5, 0/1); Soragna 13 (2/3, co è +21 (60-81) e solo a quel Biglietti on line e non mi sogno di pensare che
neppure nei quarti. Stessa 0/2), Moraschini 2 (1/1), Cuccarolo punto, quando l’assale la pau- basti io per risolvere i proble-
6 (3/3), Jurak 3 (0/1, 0/1). N.e.: Rom- ra di perdere la quinta partita La serie A si ferma per le finali
partita, quella di Milano e di baldoni, De Vico. All. Cancellieri.
mi. Abbiamo cambiato gioca-
Roma: finte sconfitte consecutiva buttando via un di Coppa Italia, al PalaOlimpico tori e questo destabilizza, ho
ARBITRI: Pozzana, Filippini, Vicino. vantaggio enorme, Milano rie- di Torino. Il programma:
onorevoli. La Lottomatica cercato di intervenire poco
NOTE - T.l.: AJ 20/27, Ang 25/29. sce a rientrare. Segna 30 punti giovedì 10 Siena-Pesaro,
come l’AJ era a -20 al 35’. I Rim.: AJ 34 (Pecherov 10), Ang 36 per non scioccare ulteriormen-
due cambi di allenatore più (Suton 10). Ass.: AJ 13 (Mancinelli, in 5’, 22 tra Greer e Pecherov, Montegranaro-Bologna, te la squadra ma adesso voglio
clamorosi non hanno Greer 4), Ang 16 (Sosa 4). Prog.: 5’ ma basta dare la palla a Sora- venerdì 11 Avellino-Milano, vedere in campo cose nelle
prodotto miracoli. E Brindisi e 4-20, 15’ 28-46, 25’42-60, 35’ gna per andare in lunetta Cantù-Biella. Sabato 12 quali mi riconosco. L’attacco è
63-81). Usc. 5 f.: Jaaber 37’18" (8/8) e difendere una vittoria semifinali, domenica 13 finale.
Teramo nel ritorno hanno (71-83), Jurak 39’22" (81-88), Mor-
troppo fermo. Parlerò ai gioca-
sempre perso. La colpa non è dente 39’43" (85-91). Ant. Jurak strameritata. Biglietti su www.ticketone.it e tori: devo essere sicuro che ca-
di chi è subentrato come non 28’46" (49-65). Spett.: 4996 per www.ticket.it. Infoline: 011 piscano che certe prestazioni
lo era di chi è stato licenziato. 44.354. Sogno «Interrompere una se- 19829905. non sono accettabili. E’ stata
Come (quasi) sempre. rie negativa con un successo a una vergogna».

AL SUPPLEMENTARE MPS +8 SULLE SECONDE


gna dopo un overtime schizzando al quar- questo periodo di sofferenze era qualco-
Szewczyk 36 AVELLINO
BOLOGNA
dts 105
101
to posto. Gli irpini, con la crisi societaria
ancora senza soluzione, priva di Trout-
Siena pressa SIENA
VARESE
82
59
sa che non mi aspettavo — dice Pianigia-
ni, ancora senza McCalebb e Lavrinovic

Avellino batte (28-22, 39-40; 69-64; 89-89)


AIR AVELLINO: Green 28 (3/7, 5/9),
man (si opera mercoledì a Roma) e John-
son (infiammazione al ginocchio destro),
sfoderano una prestazione da cornice gui-
e Varese (18-21, 42-39; 61-48)
MONTEPASCHI SIENA: Jaric 3 (1/1,
—. Se non avessimo avuto qualcosa da tut-
ti, non avremmo avuto questa continui-
tà». La Cimberio perde la nona partita nel-

Bologna Lauwers 6 (2/5 da 3), Dean 8 (3/7, 0/4),


Thomas 14 (4/13, 0/1), Szewczyk 36
dati da Green e soprattutto Szewczyk (52
di valutazione). Ma, a decidere nel supple-
mentare è Spinelli che a 10" dalla fine con
si spegne 0/1), Aradori 8 (2/6, 1/2), Moss 13 (5/6,
1/3), Stonerook 6 (1/2, 1/3), Rakovic 12
le ultime dieci, in due mesi ha vinto solo
con Cantù: la pausa viene buona recupe-
rare gli infortunati Thomas e Rannikko.
(8/12, 4/5); Cortese 2 (1/2, 0/1), Spinelli 9 (6/8); Ress 3 (0/2, 1/1), Michelori 4 (2/3),
una magia si inventa il canestro della vitto- «Nelle prossime tre partite ci giochiamo il
(3/4, 0/1), Infanti, Casoli 2 (1/2), N.e.: John- Zisis 9 (1/2, 1/2), Kaukenas 13 (3/6, 2/3),
ria subendo pure il fallo di Koponen. «Un campionato» dice Recalcati, emoziona-
son, Iannicelli, Bokolishvili. All: Vitucci. Hairston 11 (1/9, 1/1), Carraretto (0/1 da 3).
successo ottenuto oltre il limite delle pos- to ex al primo ritorno da avversario di
CANADIAN SOLAR BOLOGNA: Kopo- N.e.: Udom. All.: Pianigiani.
sibilità da un gruppo fantastico» commen- fronte a un popolo che ha vinto il primo
nen 13 (1/3, 3/8), Winston 12 (4/8, 1/3), ta coach Vitucci, mentre Lardo ammette: CIMBERIO VARESE: Goss 3 (0/4, 1/2), tricolore con lui in panchina. Squadra che
Rivers 25 (6/11, 3/3), Amoroso 15 (4/7, «Complimenti ad Avellino per la grande Ryan 6 (0/1, 2/7), Righetti 9 (2/6, 1/3), tira di più da tre in Italia, Varese segna 9
1/6), Homan 5 (2/5); Poeta 10 (2/6, 2/4), partita che serve da insegnamento ai miei Kangur 19 (1/4, 5/7), Fajardo 6 (3/8, triple di media: a Siena erano 9 all’interval-
Sanikidze 17 (2/3, 3/7), Gailius 4 (2/3), Marti- per la volontà con la quale l’hanno ottenu- 0/1); Mian 2 (0/1 da 3), Slay 7 (2/3), Demar- lo. Un 4/4 nel 1˚ quarto di Kangur eclissa i
noni (0/1, 0/1), N.e.: Bottioni, Busi, Tognoli. ta». Avellino dà la prima scossa con un tini 2 (1/1, 0/1), Galanda 5 (0/1, 1/2). N.e.: 7 punti nei primi 5' di Aradori, in quintetto
All: Lardo. 10-0 e vola con Green due volte a +11. Bo- Lenotti. All.: Recalcati. dopo non aver giocato le ultime tre. Sul
ARBITRI: Sabetta, Duranti, Weidmann. logna a cavallo tra i primi due periodi rien- ARBITRI: Lamonica, Ramilli, Barni. 24-31 al 13'30" con 7/11 da tre per gli ospi-
NOTE: T.l.: Ave 26/27, Bol 16/18. Rimb.: tra subito con Poeta e Gailius (28-28). Gli NOTE - T.l.: Sie 14/18, Var 11/13. Rimb.: Sie ti, Siena abbassa il quintetto e pressa a
Ave 38 (Szewczyk 17), Bol 46 (Sanikidze ospiti tentano con Rivers l’allungo nel ter- 36 (Hairston 7), Var 31 (Kangur 14). Ass.: tutto campo: 8 perse Cimberio nel 2˚
12). Ass.: Air 14 (Green 9), Bol 10 (Amoroso zo periodo (48-54 al 25') ma subiscono un Sie 19 (Zisis 5), Var 9 (Ryan 3). Progr.: 5' quarto e 14-0 ispirato dall’aggressività di
4). Progr.: 5' 10-11, 15' 32-28, 25' 48-54, 15-0 ispirato da un Green strepitoso che 11-12, 15' 36-31, 25' 52-41, 35' 72-52. Anti- Michelori in fiducia dopo Belgrado e di
35' 80-83. Usc.5f.: Amoroso 43'51" infila 13 punti di fila (63-54 al 28'). Bologna sp.: Slay (33'20", 65-52). Usc. 5 f.: Slay uno Zisis che pare McCalebb. Con un
(98-96), Koponen 44'50" (104-101). Anti- con le triple di Sanikidze e Poeta ricuce. (33'20", 65-52). Spett. 4632. 10-0 nel 3˚ quarto, Siena allunga 57-41
sp.: Lauwers 20'17'' (39-40). Spettatori Avellino negli ultimi 34" sciupa due posses- con Moss e Kaukenas. Meno profonda e
3105 per 24.800 euro. si, ma nel supplementare trova risorse infi- SIENA — Siena allunga a +8 punti sulle se- disinnescata dalla lunga distanza (1/7 do-
nite e un grande Spinelli. conde, vendicando l’unica sconfitta italia- po il riposo), nella ripresa Varese crolla.
Szymon Szewczyk, 28 anni CASTORIA AVELLINO — Un Avellino stoica batte Bolo- Luigi Zappella Nikos Zisis, 27 anni CIAMILLO na, a Varese. «Allungare in classifica in Giuseppe Nigro

NBA CLEVELAND BATTE IL RECORD DI SCONFITTE CONSECUTIVE IN UNA STAGIONE. 24 A-1 DONNE

Anthony a New York ma con Gallo: si può fare Sesto è terza


Faenza in salita
5ª ritorno: sabato Bracco
con una prima scelta e Corey stagione: contro Portland, in RISULTATI Sesto S.G.-Agos Ducato Lucca
L’arrivo non prevede Brewer in arrivo dai Wolves casa, i Cavs sono arrivati a 24 Domenica: New Jersey-Indiana 67-53 (Summerton 33), Erg
più la cessione dove arriverebbero da New
York Anthony Randolph e il
partite, una in più di Denver
nel 1997-98 e i Grizzlies, allo-
86-105 (B.Lopez, Harris 12; D.Jones
18), New York-Philadelphia 117-103
Priolo-GMA Pozzuoli 104-67
(Cirov 25), Officine Digitali
(Stoudemire 41; Brand 28), Miami-LA
dell’azzurro. E i contrattone di Eddy Curry. Il ra a Vancouver, nel 1995-96. Clippers 97-79 (Wade 28; Griffin 21: . Faenza-Umana Venezia 60-54
termine per gli scambi è il 24 Eguagliato anche il record di Sabato: Charlotte-Dallas 92-101 (Adriana 20), Pool Comense
Knicks vincono febbraio. Intanto i Knicks bat- sconfitte di fila in assoluto, (Augustin 21; Nowitzki 25);
Washington-Atlanta 92-99 (Young
-Job Gate Napoli 70-61 (Gidden
tono Philadelphia in una gara sempre dei Cavs: 24 a cavallo 21; Smith 29); Cleveland-Portland 18), Liomatic Umbertide-
dPer la prima volta, si parla importante per il sesto posto delle stagioni 1981-82 e 105-111 (Jamison 17; Matthews 31); Lavezzini Parma 62-41 (Robert
dell’arrivo di Carmelo An- (Gallinari 10 punti e solo 6 ti- 1982-83. «Sembra un brutto New Orleans-LA Lakers 95-101 (Paul 15). Schio Taranto 2/3.
thony a New York senza che ri). Sabato, gli Hornets di Beli- sogno», ha detto Gibson. Pri- 21; Gasol 34, Bryant 32);
Classifica: Schio* 26,
Houston-Memphis 95-93 dts (Martin
nello scambio sia coinvolto Da- nelli (9 punti in 24’) hanno ma della partita Moon ha pure 31; Randolph 22); Milwaukee-Detroit Umbertide 24, Taranto*, Sesto
nilo Gallinari. La trattativa in perso coi Lakers spinti dal centrato un camion con la mac- 78-89 (Bogut 18; McGrady 20); S.G. 22; Faenza 18; Venezia,
corso tra Denver e i Knicks 34+32 della coppia Gasol-Br- china, sotto la neve. Moon ha Minnesota-Denver 100-113 (Beasley Comense 14; Lucca, Priolo 12;
23; Anthony 25); Utah-Oklahoma City
coinvolge anche Minnesota: yant. Cleveland ha perso anco- picchiato un ginocchio, è stato 105-121 (Millsap 34; Westbrook 33);
Lavezzini 10; Napoli 8; Pozzuoli
Melo andrebbe a New York, ra e ha battuto il record di aiutato a uscire dall’auto di- Golden State-Chicago 101-90 (Ellis 4. * Una gara in meno
Wilson Chandler ai Nuggets sconfitte consecutive in una strutta dai vigili del fuoco. 33; Boozer 21). Amare Stoudemire, 28 anni AP
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
35

LA 18ª GIORNATA
RISULTATI
MILANO-BIELLA 90-95
Cantù vola
al secondo
PESARO-CASERTA 83-82
AVELLINO-BOLOGNA dts 105-101
TREVISO-MONTEGRANARO 86-67
CANTÙ-ROMA 79-74
SIENA-VARESE
CREMONA-BRINDISI
SASSARI-TERAMO
82-59
78-66
89-69 posto con
Green
CLASSIFICA
SQUADRE PT G V P
SIENA 34 18 17 1
CANTÙ 26 18 13 5
MILANO 26 18 13 5
AVELLINO
BOLOGNA
20 18
18 18
10
9
8
9
Roma rimonta solo nel finale
MONTEGRANARO 18 18
PESARO 18 18
9
9
9
9
Filipovski: «Sono eccezionali» Il play di Cantù Mike Green, 25 anni, 1.85, 18 punti e ben 10 rimbalzi CIAMILLO
ROMA 16 18 8 10
DAL NOSTRO INVIATO ri giri Washington, le penetra- e Mazzarino: +23 al 25’.
SASSARI 16 18 8 10
CASERTA 16 18 8 10
RICCARDO CRIVELLI
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
zioni feriscono a morte la dife-
sa di Roma e sugli scarichi i tira- Asticella È il solito blackout Lot-
CANTÙ 79
tori sono una sentenza: la tri- tomatica, che perde pure Tra-
BIELLA
TREVISO
16 18
16 18
8
8
10
10 CANTÙ dLassù si respira aria pla di Leunen dà il +10 dopo oré per un brutto colpo al ginoc- ROMA 74
buona. Cantù è seconda e non soli 7’40". «Ci hanno subito fat- chio sinistro, ma almeno stavol- (24-15, 47-36; 67-54)
VARESE 14 18 7 11
bisogna alzare gli occhi per tro- to male con l’aggressività a rim- ta l’orgoglio impedisce tracolli. BENNET CANTÙ: Green 18 (3/9, 2/2),
CREMONA 14 18 7 11 vare le ragioni dell’ascensione balzo (15 a 8 il conto finale de- La Bennet rimane senza fiato Mazzarino 16 (2/2, 4/6), Micov 8 (2/5,
TERAMO 10 18 5 13 al cielo dei Trinchieri Boys: gli offensivi, ndr) — dirà uno sul +20 a metà ultimo quarto, 1/2), Leunen 11 (1/1, 3/4), Ortner 11
(4/9, 1/1); Urbutis 1 (0/6), Markoishvi-
BRINDISI 10 18 5 13 non è una fabbrica dei miraco- sconsolato Filipovski — e poi Washington a 1’56" dalla fine li 7 (3/5, 0/4), Mian 7 (2/2, 1/3), Divia-
li, ma una squadra consapevo- sono arrivati sempre prima di gestisce addirittura la palla del ch. N.e.: Marconato, Broggi, Ma-
Le prime 8 ai playoff, l’ultima in LegaDue. spero. All.: Trinchieri.
le e matura, con un’identità for- noi sulle palle vaganti. Compli- -6 ma la sua entrata è sputata
LOTTOMATICA ROMA: Washington 5
giata dal tecnico sull’aggressivi- menti, una squadra ecceziona- dal ferro e così la voce della cur-
PROSSIMO TURNO (2/7, 0/1), Dedovic 3 (1/2, 0/1), Datome
tà e la corsa, che sopperisce al- le». La Lottomatica, almeno al- va biancoblu non cessa di anda- 12 (3/5, 2/5), Dasic 15 (4/8, 1/1), Crosa-
Domenica 20 febbraio, ore 18.15 l’assenza di Marconato (in dub- l’inizio, non sbraca: in avvio di re in visibilio: «Ma non mettia- riol 4 (2/3); Smith 11 (0/1, 3/7), Tra-
VARESE-TREVISO (19/2) oré 6 (3/6), Gordic 18 (3/3, 4/4).
BRINDISI-MILANO bio anche per la Coppa) e Tabu secondo quarto rientra con la mo troppo in alto l’asticella del- N.e.: Tonolli, Staffieri, Carrano. All.:
CASERTA-SIENA alzando la soglia dello sforzo e zona, che blocca l’assalto al fer- le ambizioni — sorride Trin- Filipovski.
TERAMO-CANTÙ della concentrazione. I tifosi ro dei canturini, e con la faccia chieri — perché questa squa- ARBITRI: Facchin, Taurino, Cre-
ROMA-AVELLINO cantano estasiati «Torino arri- tosta di Gordic, molto più luci- dra è seconda ma sta dando il scenti.
NOTE: T.l.: Can 9/13, Rom 8/11.
BOLOGNA-PESARO viamo»: la Coppa Italia darà do di Washington. Ma la difesa massimo. Marconato è impor- Rimb.: Can 34 (Green 10), Rom 27
MONTEGRANARO-CREMONA molte risposte sulla strada che sulle penetrazioni mostra la tante per noi, non averlo nelle (Crosariol, Dasic 6). Ass.: Can 16
BIELLA-SASSARI potrà percorrere la Bennet. corda sul perimetro e non appe- rotazioni ha significato che do- (Green 5), Rom 13 (Washington, Da-
na comincia il terzo quarto le po 34’ perfetti siamo calati di sic 3). Progr.: 5’ 18-8, 15’ 34-29, 25’
63-42, 35’ 76-60. Ness.usc. 5 f.
Velocità Cantù è un gruppo di bocche da fuoco di Cantù intensità. Però siamo stati bra- Inf.: Traorè 23’34" (ginocchio), non
granito con la perla Green: la (12/22 da tre) scavano il solco vi a ragionare». No, non chia- è più rientrato. Spett. 3301.
sua velocità manda subito fuo- che sembra decisivo con Micov matelo miracolo.

LE ALTRE MONTEGRANARO MALE, BRINDISI KO

Treviso si conferma, Pesaro respinge Caserta, Cremona riparte


liero 28'00" (63-41). Spett.: 3147 per PESARO — Rischia di non bastare il +18 Progr.: 5' 13-6, 15' 26-18, 25' 45-34, 35'
TREVISO 86 26.340 euro.
PESARO 83 raggiunto due volte: Pesaro comanda
CREMONA 78 67-54. Spett.: 3500.
MONTEGRANARO 67 CASERTA 82 per 40’ ma in un ultimo quarto da 34 punti BRINDISI 66
TREVISO — La Benetton è ufficialmente Caserta fallisce con Jones il tiro libero CREMONA — Il derby della paura va a Cre-
(23-15, 49-27; 71-43) tornata in corsa. Dopo la vittoria sull’Arma- (27-15, 46-34; 63-48) del possibile supplementare. Sono anda- (20-12, 39-28; 54-45) mona che blocca la striscia di cinque
BENETTON TREVISO: Markovic 6 (1/1, ni, la conferma di prepotenza contro SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO: Hac- ti in sei in doppia cifra per Pino Sacripan- VANOLI BRAGA CREMONA: Rowland sconfitte consecutive battendo in ca-
1/1), Gentile 13 (4/6, 1/3), Smith 18 (4/7, Montegranaro, in una gara che dura 12’: kett 3 (1/1, 0/1), Diaz 19 (2/4, 3/4), Al- ti, ma la Pepsi ha iniziato a giocare trop- 10 (3/8, 0/2), Foster 13 (5/6, 1/5), sa Brindisi e portandosi due a zero negli
2/7), Motiejunas 14 (4/6, 2/2), Brunner basta un 10-1 per chiudere ogni discorso. mond 11 (4/5, 0/2), Aleksandrov 11 po tardi: «Prima della partita sentivo che Drozdov 15 (2/2, 3/7), Milic 16 (7/11), scontri diretti. Mahoric tira un sospiro
4 (2/3); Repesa 2 (1/1), Cazzolato 4 (2/4), Treviso è bella perché gioca di squadra, in (1/2, 3/4), Cusin 6 (1/2); Lydeka 9 (4/5), la squadra era un po’ stanca, ma ci sia- Sekulic 7 (3/7); Formenti (0/1 da 3), D’Er- di sollievo dopo un periodo difficile: «Ab-
Skinner 9 (4/6), Bulleri 9 (0/1, 3/3), Mazic, attacco e in difesa: 5 girati verso il pallo- Collins 15 (3/6, 2/6), Flamini 4 (2/2), Cincia- mo presentati in modo un po’ superficia- cole 2 (0/2 da 3), Perkovic 15 (4/7, 1/1), biamo meritato al cento per cento que-
ne, 5 a rimbalzo, 5 di corsa in contropiede. rini 5 (2/2). N.e. Traini, Cercolani, Barto- le e per 20-25’ sia o stati spenti e senza sta vittoria». La Enel, senza Lang e con
Wojciechowski 7 (2/2, 1/1). All.: Repesa. Antonelli (0/1). N.e.: Zampolli, Conti, Zac-
Treviso è bella perché gioca con il sorriso lucci, Testa. All. Dalmonte. energia», ha commentato recriminando Monroe ributtato nella mischia, si dimo-
FABI SHOES MONTEGRANARO: Cin- chetti. All.: Mahoric.
di Markovic (regia strepitosa) e con la PEPSI CASERTA: Di Bella 19 (6/8, anche per i 9 liberi sbagliati. Pesaro cor- stra squadra poco consistente in trasfer-
ciarini 14 (5/8), Ray 15 (3/8, 1/3), Jones grinta di Gentile (18 anni, difesa su Allan regge i suoi difetti: la partenza lenta e il ENEL BRINDISI: Dixon 8 (2/5, 1/1), Ro- ta. Le dieci palle perse del primo quarto
1/4), Bowers 10 (4/7, 0/1), Ere 10 (2/6,
2 (1/7, 0/1), Ivanov 11 (3/6, 1/2), Ford 11 Ray da manuale). Repesa: «Avevo paura, terzo quarto sanguinoso, e trova una berson 22 (5/8, 2/4), Diawara 18 (5/9, spianano la strada a Milic e compagni
2/4), Jones 13 (4/9, 0/1), Williams 10
(4/11); Antonutti 7 (0/1, 1/3), Cavaliero 3 eravamo corti. Peric all’ultimo ha dato for- buona serata degli osservati speciali Al- 1/3), Toure 3 (0/2, 0/4), Infante 5 (2/2, (20-12, 10'), capaci di sprintare due volte
(3/5); Garri 12 (4/5, 1/2), Colussi 3 (1/1 da
(1/4, 0/3), Canadesi 4 (1/2), Ongenaet. N.e.: fait per la febbre. Sono strafelice, speria- mond ed Aleksandrov. «Portiamo a ca- 0/1); Maresca 5 (1/2, 0/5), Monroe 5 (1/4, alla fine dei quarti centrali (54-45, 30').
3), Koszarek 5 (1/3 da 3). N.e.: Marzaioli,
Maestranzi, Fenati. All.: Pillastrini. mo di trovare continuità. L’esordio (con ca- sa questa vittoria di qualità con una sod- 0/2), Giovacchini (0/1). N.e.: Gallea, Pugi. Nei primi quattro minuti dell’ultimo parzia-
Martin. All. Sacripanti.
ARBITRI: Cicoria, Lo Guzzo, Biggi. nestro, n.d.r.) di mio figlio Dino? Come pa- disfazione unica, colta dopo una settima- All.: Bechi. le la pressione difensiva degli esterni e le
ARBITRI: Begnis, Tola, Pinto.
NOTE - T.l.: Tre 8/11, Mon 22/33. Rimb.: dre è una gioia». Terribile la gara di Monte- NOTE - T.l.: Sca 19/22, Cas 18/27. Rim.: na a ranghi ridotti. Siamo 9 vinte e 9 per- ARBITRI: Cerebuch, Seghetti, Aronne. incursioni in area di Perkovic e Milic
Tre 30 (Skinner 8), Mon 34 (Ford 9). Ass.: granaro. Pillastrini: «Non abbiamo gioca- Sca 21 (Lydeka 6), Cas 27 (Di Bella 6). se e andiamo alle Final 8», sottolinea Dal- NOTE: T.l.: Cre 15/19, Bri 22/27. Rimb.: (65-52) chiudono una gara mai in discus-
Ben 17 (Markovic 7), Mon 10 (Cinciarini 5). to e io ne sono responsabile. Non erava- Ass.: Sca 7 (Diaz 3), Cas 7 (Bowers 3). monte. Tra Diaz e Williams è il portorica- Cre 36 (Milic 9), Bri 30 (Infante, Diawara, sione nel secondo tempo. Bechi non cer-
Progr.: 5’ 9-6, 15’ 38-21, 25’ 56-34, 35’ mo pronti, zero reattività. Sono preoccu- Progr.: 5' 11-9, 15' 38-23, 25' 56-40, 35' no l’ex più incisivo. E la Pepsi è 0/2 con Toure 6). Ass.: Cre 20 (Rowland 6), Bri 5 ca alibi: «La differenza l’ha fatta la voglia
70-57. Usc. 5 f.: Bulleri 33'45" (80-47). Tec- pato per la Coppa Italia. Chiedo scusa». 73-63. Usc. 5 falli: Koszarek (73-63) Pesaro. (5 con 1). Antisp.: Formenti 22'53” e l'aggressività di Cremona».
nico: panchina Mon 27'32" (59-41), Cava- Alberto Mariutto 34’46”. Spett.: 4190. Camilla Cataldo (39-30). Usc. 5f.: Dixon 34'06” (64-52). Alessandro Rossi

LEGADUE f La 19ª giornata: Scafati ferma Venezia (Radulovic 23), perde anche Udine. San Severo non è più ultima LA SITUAZIONE
REGGIO EMILIA 70 CASALPUSTERLENGO 61 JESI 86 VEROLI 104 SCAFATI 78 PISTOIA 84 FORLÌ 88 Venerdì: Ferrara-
Casale 81-74.
VERONA 79 SAN SEVERO 67 RIMINI 61 BARCELLONA 71 VENEZIA 77 UDINE 72 IMOLA dts 90
Classifica: Venezia
(14-23, 29-38; 45-63) (12-21, 30-45; 51-58) (20-12, 43-27; 63-50) (31-18, 53-35; 77-53) (24-22, 37-36; 57-55) (13-21, 30-38; 51-46) (17-25, 44-46; 63-67; 81-81) 30; Casale 28; Udine
TRENKWALDER REGGIO EMI- ASSIGECO CASALPUSTER- FILENI JESI: Maggioli 17 (6/7, PRIMA VEROLI: Penn 15 (2/4, SUNRISE SCAFATI: Levin 8 TUSCANY PISTOIA: Filloy 13 MARCOPOLOSHOP.IT FOR- 26; Scafati, Rimini 24;
LIA: Robinson 6 (2/8, 0/6), Va- LENGO: Bertolazzi (0/4 da 3), 0/2), Pecile 13 (1/5, 3/4), Miglio- 3/5), Jackson 21 (2/4, 5/6), (1/3, 2/3), Hunter 14 (5/9, 1/4), (3/9, 1/2), Porzingis 6 (2/4, LÌ: Goldwire 20 (7/21, 1/7),
lenti 5 (1/3, 1/1), Frassineti 6 Marigney 9 (3/7, 1/4), Cerella ri 10 (2/4, 2/3), Tusek 11 (2/2, Rosselli 18 (5/6, 2/3), Gatto 17 Davis 11 (2/2, 2/8), Radulovic 0/2), Toppo 12 (5/7), Forte 27 Nardi 17 (3/5, 3/9), Ranuzzi 3 Barcellona 23; Veroli
(0/1, 2/6), Chiacig 9 (3/7), Smi- 6 (1/5, 0/1), Boykin 13 (4/6, 2/5), Elder 11 (4/5, 0/2); Rossi 5 (3/5, 3/4), Brkic 13 (3/4, 2/3), 23 (8/10, 2/4), Baldassarre 12 (7/14, 2/7), Varnado 18 (6/9); (0/1, 0/2), Gordon 16 (8/13, 22; Imola, Pistoia 18;
th 25 (8/8, 2/8); Fultz 15 (3/7, 0/2), Ezugwu 13 (5/8); Venuto (1/3, 0/1), Nocedal 11 (2/2, 2/2), Ta- Kavaliauskas 16 (7/8), Iannone (6/8); Casini 6 (0/2, 2/3), Amoni Fucka 6 (2/5), Saccaggi 2 (0/1 da 0/1), Poletti 19 (6/8, 1/2); Top- Ferrara, Jesi 16;
3/5), Germani (0/1), Ostler 4 (2/3, 8 (1/1, 2/3), Banti 8 (3/5), Simon- gliabue, Pergolini 2 (1/1), Santian- (0/1), Binetti 3 (1/1 da tre), Rosset- 4 (2/2), Cavallaro (0/1), Avanzini 3). All.: Moretti. pert 6 (2/4, 0/4), Borsato 3 (1/1,
geli 6 (2/2 da 3). All.: Cioppi. ti 1 (0/1, 0/3), Fontana, Iannarilli, (0/1). N.e.: Livera. All.: Griccioli. 0/1), Campani 1, Lestini 3 (1/1 da Casalpusterlengo,
0/2). All.: Frates celli 2 (0/2, 0/4), Verri 2 ( 0/1 da SNAIDERO UDINE: Mathis 6
TEZENIS VERONA: Jurevicus 3), Chiumenti (0/1, 0/1). All.: Cal- IMMOBILIARE SPIGA RIMINI: Mariani. All.: Cavina. UMANA VENEZIA: Clark 17 (2/6, 0/1), Harrison 26 (4/10, tre). All.: Vucinic. Verona 14; Reggio 12;
16 (2/3, 3/3), Bellina 14 (4/5, vani Lollis 20 (10/14), Tomassini, SIGMA BARCELLONA: Cri- (4/5, 3/6), Young 10 (3/8, 1/1), 5/8), Dordei 5 (1/7, 0/2), Lee AGET IMOLA: Moreno 13 San Severo 10; Forlì
Filloy (0/3, 0/5), Vukcevic 12 spin 8 (1/4, 1/7), Hicks 18 (6/9, Slay 28 (8/9, 3/6), Allegretti 9 (2/2, 1/6), Prato 13 (4/7, 0/4),
2/3), Mariani 5 (1/2), Trepa- MAZZEO SAN SEVERO: Ferri 15 (7/8), Truccolo 12 (3/4, 8. Prossimo turno
(3/7, 2/6), Roderick 20 (8/11, 0/1), Bucci 5 (2/5, 0/2), Ghiac- (2/4, 1/1), DiGiuliomaria 7 (2/3, Whiting 28 (4/6, 4/9), Ring-
gnier 8 (1/3, 2/5), Renzi 18 6 (2/2, 0/2), Stefanov 14 (4/9, 2/4); Pascolo 4 (1/1), Rinaldi 2
(7/8, 1/4); Waleskowski 9 (4/5), 2/4), Zanelli 14 (2/4, 2/4), Dic-
0/6); Foiera, Gurini 4 (1/3, 0/4), ci 5 (2/5), Achara 5 (1/4, 0/1), 1/1); Meini 3 (0/2), Maestrello
(1/2), Prandin 2 (1/4). All.: Garelli.
strom 15 (1/2, 4/8), Bruttini 8 (13/2): Verona-
Piazza 5 (2/2, 0/2). N.e. Gasparin, Coppolino, Bonessio 6 (3/6), Da (0/2 da 3), Causin, Bryan 3 (1/1). (3/5); Ferrara (0/1, 0/1), Amici 2 Ferrara (12/2);
Gueye 2 (0/1 da 3), Porta 7 (1/2, kens 13 (2/6, 2/6), Ianes 5 ARBITRI: Terreni, Perretti, Gio-
Metrevelli. All. Caja. Ros 10 (2/4, 2/2), Cardinali 10 N.e.: Stefani, Bellato, Ceron. (1/3), Ebi 11 (4/9). All.: Lasi.
0/2). All.: Marcelletti (2/3); Cutolo 7 (2/2, 1/2), Kudla-
ARBITRI: Provini, Beneduce, Ga- (1/3, 2/4), Sorrentino 4 (1/3). All.: All.: Mazzon. vanrosa. ARBITRI: Masi, Di Giambatti- Venezia-Casale; San
ARBITRI: Calbucci, Ciano, Cap- cek 6 (0/3), Chiarello 2 (1/1), John- NOTE - T.l.: Pis 25/37, Udi 11/13.
son (0/2), Ciccone. All.: Bartocci
gliardi.. Pancotto. ARBITRI: Ursi, Di Toro, Mazzo- sta, Bartoli. Severo-Udine;
pello. NOTE: T.l.: Jes 15/19, Rim 7/11. ARBITRI: Caroti, Paronelli, Bal- ni. Rimb.: Pis 39 (Fucka 9), Udi 27 NOTE - T.l.: For 16/23, Imo
NOTE - T.l.: RE 8/17, Ver 15/21. ARBITRI: Pancotto, Federici, (Dordei 7). Ass.: Pis 12 (Forte 6),
Casalpusterlengo-Pi-
Rimb.: Jes 33 (Migliori 7), Rim 27 dini. NOTE – T.l.: Sca 3/8, Ven 10/19. 25/35. Rimb.: For 39 (Gordon
Rimb.: RE 24 (Ostler e Chiacig Migotto (Roderick 10). Ass.: Jes 6 (Mag- NOTE – T.l.: Ver 12/18, Bar 18/20. Rimb.: Sca 25 (Davis 9), Ven 27 Udi 12 (Mathis 5). Progr.: 5’ 8-8, 10), Imo 40 (Ebi 8). Ass.: For 11 stoia; Barcellona-
4), Ver 39 (Renzi 11). Ass.: RE 8 NOTE - T.l.: Cas 18/27, San gioli 3), Rim 6 (Filloy e Vukcevic Rimb.: Ver 32 (Rosselli 8), Bar 24 (DiGiuliomaria 12). Ass.: Sca 16 15’ 19-29, 25’ 41-42, 35’ 62-55. (Goldwire 4), Imo 12 (Whiting 6). Rimini; Reggio-Imola;
(Robinson e Smith 3), Ver 6 (Por- 16/19. Rimb.: Cas 37 (Ezugwu 11), 2). Usc.5f.: Tomassini 35'17'' ( Da Ros 4). Ass.: Ver 26 (7 Ros- (Hunter 6), Ven 11 (Clark 4). Pro- Usc.5f.: Rinaldi 30’24’’ (51-46), Progr.: 5' 8-16, 15' 34-36, 25' Veroli-Jesi;
ta 2). Progr.: 5’ 11-16, 15’ 21-32, San 36 (Dickens 10). Ass.: Cas 17 (71-54). Progr.: 5' 11-6, 15' 30-17, selli), Bar 6 (3 Ghiacci). Progr.: 5' gr.: 5' 11-10, 15' 30-30, 25' Lee 34’38’’ (60-53), Dordei 54-56, 35' 71-73. Usc. 5f. Gor-
25’ 25’ 39-55, 35’ 51-69. Spetta- (Simoncelli, Ezugwu 4), San 16 25' 58-34, 35' 71-54. Spett. 16-3, 15' 43-26, 25' 69-45, 35' 50-41, 35' 64-64. Spett. 2000 38’44’’ (78-66). Spett. 2.000. don 38'25" (78-77), Poletti 43' Scafati-Forlì.
tori 2561 per 24969. (d.b.) (Ferri 2). Spett. 1300. (lu.ma.) 2356. (f.c.) 95-60. Spett.: 1686. (al.bi.) circa. (m.d.c.) (e.c.) 58" (86-84). Spett. 2700. (e.p.)
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
36 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
37

TENNIS UN’ALTRA IMPRESA


LE DUE APPASSIONANTI GIORNATE SUL CEMENTO DI HOBART PER LE AZZURRE TRE VOLTE CAMPIONESSE DI FED CUP
contro la Groth, imponendo-
Da 0-1 a 4-1: la Schiavone doma Stosur, ciao Australia si 6-3 6-2 in un match senza
storia. Quindi il doppio Sara
Errani-Roberta Vinci supera
5 RIPRODUZIONE RISERVATA ca naturalizzata australiana, 6-4, dopo 2 ore e 12 minuti. In mina il tie-break. Nel secondo, Anastasia Rodionova-Ren-
che, nella prima settimana del- un match fondamentale per le paga con il set i dritti sbagliati. nae Stubbs 2-6 7-6 (1) 6-4 do-
dAustralia-Italia, primo tur- l’anno, ha vinto il locale torneo speranze della squadra di Cor- Nel terzo, va a corrente alterna- po aver annullato un match
no del tabellone mondiale di Wta sul cemento di Hobart. rado Barazzutti. ta, cancella 5 palle-break sul- point. Per la Vinci è la 16 vit-
Fed Cup finisce 4-1 per le tre Avanti un set e 2-0 al secondo, DOMENICA 4-1 l’1-1 (due doppi falli!), non toria consecutive in doppio,
volte campionesse azzurre, 4 la regina del Roland Garros fre- Francesca Schiavone si riscat- concretizza tre match point sul imbattuta in Fed Cup, egua-
volte finaliste negli ultimi 5 na e cede 6-7 (4) 6-3 6-3 in 2 ta. Rispolverando la sua ag- 5-4, ma sul 6-5, quando ne ha glia il record di Widjaja
ani. ore e 17 minuti. Fortuna che la gressività, doma, per 7-6 (1) altri due, azzecca una terrifi- (Ina).
SABATO 0-1 1-1 n. 2 azzurra, Flavia Pennetta 3-6 7-5 in 2 ore e 44 minuti, la cante risposta di dritto: «D’ac- Risultati: Groth b. Schiavone 6-7(4)
Francesca Schiavone (n. 4 (16 del mondo), rovescia a sua Stosur, come già nella finale di cordo con Corrado, ho deciso 6-3 6-3; Pennetta b. Stosur 7-6(5)
del mondo, nella foto AP), volta il pronostico, contro l’at- giugno al Roland Garros. Bra- di giocare di potenza senza 6-7(5) 6-4; Schiavone b. Stosur
perde da favorita contro taccante Samantha Stosur (5), vissima nel 1˚ set, si salva sul aspettare. E’ stata la scelta giu- 7-6(1) 3-6 7-5; Pennetta b. Groth 6-3
l’esordiente Jarmila Groth che però ha battuto 3 volte su 4-4 15-40 (smorzata, pallonet- sta». Sul 2-1, Flavia Pennetta 6-2; Errani-Vinci b. Rodionova-Stub-
(31), potente e lineare slovac- 3, e si impone 7-6 (5) 6-7 (5) to al volo e servizio-volée!), do- vince il derby delle numero 2 bs 2-6 7-6(1) 6-4.

Come si batte quattro volte su

PENNETTA
quattro la numero 5 del mon-
l’analisi 1 do?
«Tecnicamente, leggo bene il
di
servizio della Stosur, così le
V.M. tolgo sicurezza con la risposta
5 RIPRODUZIONE RISERVATA e la faccio uscire dai suoi sche-
mi. Psicologicamente, ero de-
Due partite
da prime 5
del mondo
Salva e decide cisa perché sapevo che il 3-0
nei precedenti sarebbe stato
comunque nella sua testa,
mentre io mi sentivo fiducio-
sa, al di là della sua classifica:

Francesca Schiavone è un
fenomeno. E, come tale, ha
alti e bassi ugualmente
eclatanti e impetuosi come
«Tanto attacco tanto ormai, a parte le Wil-
liams e la Clijsters, non c’è più
grande differenza fra le prime
e noi subito dopo. Siamo tutte
solidissime, di fisico e nervi.
irrefrenabili e inspiegabili.
Per questo, ha vinto tardi a
livello più alto (il Roland
Garros, a 30 anni), ed è
capace di mettere con le
e... coccole» La Wozniacki è numero 1 per-
ché è addirittura un muro».

Stavolta ha anche attaccato


molto la Stosur, a rete.
spalle al muro la numero 1
del mondo (Wozniacki a «Due match con la stessa intensità ma «In inverno, ho lavorato molto
con Gaby (coach Urpi) sul gio-
Melbourne), così come di co offensivo: abbiamo analiz-
uscire dal campo da sola
(contro Groth sabato a
vittoria di squadra, aiutandoci in 4» zato le partite che ho perso nel
2010 e lui mi ha ripetuto che,
Hobart) e di schiantare la VINCENZO MARTUCCI solo andando di più a rete, pos-
numero 5 del mondo, Stosur
(24 ore dopo). Ma quanto
vale quest’ultima Flavia
Pennetta? In doppio, ha
5 RIPRODUZIONE RISERVATA

d«Siamo tutti un po’ brilli,


possiamo parlarci domani?».
x ha detto
FRANCESCA SCHIAVONE
so migliorare. Anche perché la
volée ce l’ho sempre avuta».

Contro Stosur e Groth abbia-


bissato il Masters di Al telefono da Hobart, Tasma- mo visto una Pennetta più si-
novembre con gli Australian nia, dall’altra parte del mon- Variazioni, velocità ed cura, determinata e continua.
Open, e, in singolare, ha do, Flavia Pennetta è eufori- aggressività: se esprimo il «Il risultato così netto, contro
riscattato la frenata contro ca: è l’eroina di Australia-Ita- mio gioco tutto cambia. la Groth, non inganni, le parti-
Kvitova a Melbourne con i lia di Fed Cup, cominciata Ma che gruppo siamo? te facili non esistono più. Ero
due magistrali singolari di malissimo (0-1) e finita in sempre molto, molto, concen-
Fed Cup del week-end. Due gloria (4-1), con due punti trata. Ma riesco sempre di più
partite tatticamente perfette, suoi in singolare, il nume- già da un mesetto e ci tornere- a capire quello che devo fare,
con la consueta tenuta da ro 10 e 11 consecutivi in mo solo a marzo. E questa è ed eseguirlo. Gaby continua a
fondo e in più le varianti Coppa: «Un motivo di fe- stata una delle settimane più ripetermi che non devo ade-
offensive che hanno finora licità in più per tute noi». belle, per noi quattro. Siamo guarmi al ritmo dell’avversa-
penalizzata la brindisina stanche, ma contente. Ci piace ria, e non devo smettere di im-
insieme all’intensità Flavia, ha battuto Sto- proprio giocare la Fed Cup e porre il mio. Anche papà, che
(mentale e fisica) a sur e Groth: che c’en- abbiamo centrato il primo spesso di esalta troppo per un
intermittenza. Due partite tra la squadra? obiettivo della stagione». match soltanto, mi ha fatto i
diverse, ma ugualmente «L’Australia era un complimenti e gli ho dato ra-
importanti, una giocata sul primo turno, ma sa- Cos’è successo, da 0-1 a 2-1? gione: è vero ce l’ho fatta per
delicatissimo 0-1 l’altra sul pevamo che sareb- «Contro la Stosur, sono anda- due match di fila. Ora devo
cruciale 2-1, sempre costretta be stato durissi- metterne insieme qualcuno di
ta sicuramente in campo un
a vincere: ora per recuperare mo, e l’abbiamo vis- più, nei tornei».
lo scivolone della numero 1 suto da grande po’ tesa, e dopo che l’ho battu- Poi è travolta ancora dalle
della squadra, ora per squadra e grande ta, sull’-1-1, abbiamo tirato compagne: «Abbiamo la no-
chiudere la contesa, gruppo, tutte in- tutte un sospiro di sollievo. stra partita di Burraco, giuro
evitando il drammatico sieme, confor- Perché a Francesca è girata che ti richiamo». E, dopo
doppio di spareggio. E tutt’e Flavia tandoci, aiutan- male, ma sapevamo che, con- un’ora, ci comunica: «Mannag-
due le volte, la brindisina Pennetta, n. doci e facen- tro Sam, avrebbe ritrovato spi- gia, Franci ed io abbiamo per-
dal sorriso che conquista ha 16 del mondo, doci anche rito ed aggressività. Poi, quan- so ancora, Roby e Sara sono
reagito non da numero 16 compie 29 qualche coc- do lei ci ha portate 2-1, ero più tremende. E ci ruga: amiche

w
del mondo, qual è oggi, anni il 25 cola: siamo tranquilla: dopo, semmai, sì, ma bisogna vincere a tutto,
dopo essere stata la prima febbraio AP fuori casa c’era il doppio». anche a carte».
azzurra di sempre fra le
prime 10 nell’agosto 2009, I NUMERI
all’indomani dei 6 match VERSO LE SEMIFINALI DI FED CUP
point cancellati alla

10
Zvonareva negli ottavi degli foto) e, insieme alla rediviva va contare sulla numero 2 al (Rus) b. Cornet (Fra) 3-6 6-3 6-2; Kuz-
Us Open (record migliorato
dal numero 6 e poi dal 4
Russia-Italia in aprile Kuznetsova, ha battuto la
Francia per 3-2 recuperando
mondo e neo regina degli Au-
stralian Open,Kim Clijsters,
netsova (Rus) b. Razzano (Fra) 6-4
6-4; Kuznetsova-Pavlyuchenkova
della Schiavone). Perché
quest’ultima Pennetta
Vittorie di
fila in singolare
Esclusa Sharapova dal 0-2 della prima giornata.
Nel bilancio tra le due nazioni
ha superato senza fatica gli
Stati Uniti (finalisti delle ulti-
(Rus) b. Coin-Cornet (Fra) 7-6(4) 6-0.
A Bratislava (R.Cec, veloce indoor),
avrebbe sicuramente
disinnescato la potente
di Flavia
Pennetta in Fed
Francia da 2-0 a 2-3! la Russia è in vantaggio per
4-1: la Russia ha vinto i primi
me due edizioni), ancora sen-
za le sorelle Williams, infortu-
Repubblica Ceca-Slovacchia 3-2: Kvi-
tova (R.Cec) b. Hantuchova (Slk) 6-4
Kvitova degli Australian Cup: imbattuta 4 confronti, compresa la finale nate. Clijsters e compagne 6-2; Cepelova (Slk) b. Safarova
Open, rimanendo nell’onda dall’aprile 2005 dSarà la Russia l’avversaria 2007 indoor (una tenace hanno ceduto soltanto il dop- (R.Cec) 5-7 7-6 (5) rit.; Cepelova-Ryba-
del successo-Peer. Perché, con Kuznetsova dell’Italia nelle semifinali di Schiavone che però ancora pio a Huber e King contro Fli- rikova (Slk) b. Peschke-Strycova
come dice lei, vale i primi (6-0 6-3) Fed Cup del 16-17 aprile: le az- non aveva acanto la Pennetta pkens e Mestach, ma a risulta- (R.Cec) 6-1 4-6 7-6(4).
posti della classifica. Come zurre, campionesse in carica nè Errani e Vinci), l’Italia s’è to già acquisito. La Repubblica Ad Anversa (Bel, veloce indoor), Bel-
Schiavone (4), Stosur (5), e degli ultimi due anni e anche imposta due anni fa a Castella- Ceca batte la Slovacchia e cen- gio b. Usa 4-1: Clijsters (Bel) b. Mat-
Zvonareva (3) che ha battuto del 2006, affronteranno l’im- neta Marina, ma sulla terra. tra così la terza semifinale con- tek-Sands (Usa) 6-7(10) 6-2 6-1; Wick-
più volte. La riprova viene pegno in trasferta. A Mosca, Nell’altra semifinale, si trove- secutiva del torneo. mayer (Bel) b. Oudin (Usa) 6-2 6-0; Hu-
da Hobart. La conferma si Pavlyuchenkova ha sostituito ranno di fronte Belgio e Repub- A Mosca (Rus, veloce indoor), Rus- ber-King (Usa) b. Flipkens-Mestach
chiama continuità. la deludente Sharapova (nella blica Ceca. Il Belgio, che pote- sia-Francia 3-2: Pavlyuchenkova (Bel) 6-3 7-5.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
38 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150

SCI MONDIALI DI GARMISCH -1


IL PROGRAMMA Fratelli 1. 2. 3. 4.
Elena Curtoni (20 anni e 3 giorni) è la DOMANI MERCOLEDÌ VENERDÌ SABATO
Oggi apertura più giovane della spedizione azzurra SuperG SuperG Supercombi- Discesa
ai Mondiali (13 uomini e 11 donne) donne uomini nata donne uomini
con la Merkel che porta 3 coppie di fratelli: oltre a Ore 11 Ore 11 Ore 10 e 14 Ore 11
Italia giovane: Manfred e Manuela Moelgg, ci sono Elena Curtoni, Christoph Daniela Christof
Elena e Irene Curtoni (qualificata ieri Elena Fanchini, Innerhofer, Merighetti, Innerhofer,
i 24 convocati con l’8˚ posto) , Francesca e Matteo Daniela Peter Fill, Johanna Werner Heel,
Tv: RaiSport 1 Marsaglia. Il più esperto è Davide
Simoncelli, 32 anni. Ecco il program-
Merighetti,
Johanna
Matteo
Marsaglia,
Schnarf,
Elena Curtoni,
Peter Fill,
Dominik Paris
ed Eurosport ma con gli azzurri (possono cambia- Schnarf Dominik Francesca
re fino a 24 ore dalla partenza) Paris Marsaglia

Brignone seconda
Federica Brignone, 20 anni, è figlia dell’ex nazionale
di sci Maria Rosa Quario e di Daniele, da questa
stagione allenatore a Crans Montana (Svi) AP

Una manche da incorniciare


E’ podio con vista Mondiale
Dall’8˚ al 2˚ posto con miglior tempo parziale, solo Rebensburg è davanti
Torna tra le prime tre in gigante dopo 14 mesi e Irene Curtoni è ottava
w
DAL NOSTRO INVIATO distacchi abissali dalla tedesca l’impressione di aver realizza-
Viktoria Rebensburg, arrivata to un gran tempo (50"08). Bal-
LA GUIDA PIERANGELO MOLINARO
al traguardo in appena 45"85. zava in testa, ci rimaneva a lun-
5 RIPRODUZIONE RISERVATA
Altre sei atlete azzurre qualifi- NUMERO go.
Brave le azzurre cate al secondo giro, ma lonta-
ZWIESEL (Germania) dCi sono gior- ne. La migliore, Federica Bri- Il capolavoro Sino alla discesa
La Karbon è 14a
7
nate incredibili nello sci, con gnone, era ottava a 1"62, un di Federica Brignone, 2/100
SCI ALPINO Gigante donne a cabrate del destino degne del baratro in una gara tanto cor- di secondo più veloce di lei.
Zwiesel (Ger): 1. Rebensburg più agile aereo da caccia. Gior- ta. Aveva sciato lontano dai pa- Due italiane in testa, pareva di
(Ger) 1’36"96 (45"82 + 51"14); 2.
BRIGNONE a 53/100 (47"44 + nate incredibili e belle, come li, senza mordente né cattive- Podi azzurri sognare. La pista che Federica
50"05); 3. Zettel (Aut) a 89/100; 4. quando scopri una giovane di ria. Ancora più lontane Kar- in stagione: 4 Brignone si è trovata sotto gli
Marmottan (Fra) e Goergl (Aut) a talento come Federica Brigno- bon (13a a 1"84), quindi Giane- degli uomini sci era già rovinata dopo 22
97/100; 6. Fischbacher (Aut) a ne. Ieri mattina alle 8 il recupe- sini (16a), Curtoni (25a), Alfie- (Paris 2˚, passaggi oltre alle apripista,
1"08; 7. Poutiainen (Fin) a 1"32; 8. I. ro del gigante annullato saba- ri (29a) e Gius (30a a 2"75). Blardone, ma lei l’ha aggredita con fero-
Curtoni a 1"37 (48"27 + 50"06); 9.
Prefontaine (Can) a 1"41; 10. Wor- to per il troppo vento, pareva Fuori solo la giovane France- Innerhofer e cia. Toccava alle migliori, ma
ley (Fra) a 1"52; 11. M. Riesch (Ger) solo una messa in scena per in- sca Marsaglia. Avevano la scu- Razzoli al 3˚ tutte finivano dietro: Zettel
a 1"56; 13. GIANESINI a 1"68 (47"71 tascare qualche soldo dall’assi- sante di un pista a granuli, do- posto) e 3 delle (+80/100), Goergl (+1"19),
+ 50"93); 14. KARBON a 1"72 curazione. Ancora tanto ven- ve il sale gettato non aveva fat- donne (la Poutiainen (+1"56), Worley
(47"66 + 51"02); 16. HOFER a 1"92
(47"87 + 51"01); 18. M. Schild (Aut)
to, nuvole basse, tre rinvii sino to tempo a formare una cro- Brignone ieri e (+1"87). Il gruppo italiano si
e Vonn a 1"94; 20. GIUS a 2"11 a un’ora al limite per lo sci: pri- sta, ma aveva gelato solo delle due volte la stringeva. Al cancelletto c’era
(48"57 + 50"50); 28. ALFIERI a ma manche alle 11.45, la se- palline di neve. Infida dun- Moelgg). I solo la Rebensburg con il suo
3"08 (48"51 + 51"53). Non qual. II conda alle 14.45. E poi dalla que, e ben presto scavata. migliori, con un 1"62 di vantaggio.
manche: MArsaglia. Rit. I man- televisione non arrivavano bel- 2˚ posto, sono Perdeva 1"09 sciando ormai
che: Moelgg, Kirchgasser (Aut).
Rit. II manche: Lindell Vikarby le notizie con i gigantisti che La riscossa C’era solo due cose stati Dominik su una pista impossibile, ma il
(Sve). affondavano a Hinterstoder. su cui puntare per la nostra re- Paris, 21 anni, resto le bastava (-53/100) per
Coppa del Mondo (23 prove): 1. troguardia: approfittare della (sotto) e Federica centrare la seconda vittoria
M. Riesch (Ger) 1256; 2. Vonn Il sole Quando alle 11.30 è ap- posizione di partenza e il trac- Brignone, 20 stagionale, la terza dopo
(Usa) 1100; 3. Goergl (Aut) 678; 18. parso il sole dopo giorni di bu- ciato disegnato dal tecnico di il titolo olimpico di
Merighetti 279.
Coppa gigante (5): 1. Worley io e vento è sembrato un mira- tutti gli allenamenti, Stefano Vancouver. Ma a noi
(Fra) 358; 2. Rebensburg (Ger) colo. Anche se davanti c’era Costazza. Non parevano con- rimane in bocca il gu-
335; 3. Poutiainen (Fin) 216; 7. Bri- un gigantino... Meno di un mi- vinte Gius e Alfieri, erano subi- sto dolce della con-
gnone 167. nuto, con la partenza abbassa- to battute, si scatenava invece ferma dell’immenso
Gigante uomini a Hinterstoder
ta sul muro per evitare il ven- Irene Curtoni, al via per sesta. talento di una ven-
(Aut): 1. Schoerghofer (Aut) to. Ma quando la gara è partita Forse stimolata anche dal tito- tenne che ha il fuoco
2’46"44 (1’21"49+1’24"95); 2. Jan- in casa Italia la nuvola non si è lo mondiale juniores conqui- addosso e il carattere
srud (Nor) a 17/100; 3. Janka (Svi) a diradata: Manuela Moelgg si è stato sabato a Crans Montana di una campionessa. Il fu-
20/100; 4. Reichelt (Aut) a 21/100; sdraiata sulla neve senza nep- (Svi) dalla sorella Elena, si turo, che potrebbe comin-
5. Berthod (Svi) a 41/100; 6. Cuche
(Svi) a 47/100; 7. Sandell (Fin) a pure arrivare al primo inter- buttava tra le porte in mo- ciare già fra pochi giorni ai
48/100; 8. Svindal (Nor) a 53/100; tempo. E le altre? Lente, con do volitivo e subito dava Mondiali di Garmisch.
9. Miller (Usa) a 57/100; 10. Koste-
lic (Cro) a 67/100; 15. BORSOTTI a
1"00 (1’23"41 + 1’24"03); 22. PLO-
NER a 1"43 (1’23"12 + 1’24"75); 28. FEDERICA BRIGNONE E’ IL MIGLIOR RISULTATO IN CARRIERA
BLARDONE 6"04 (1’23"42 +
1’29"06). Non qual. II manche: vii. Quando mi hanno detto dire grazie al mio skiman, Jury
Moelgg, Casse, Patscheider. Rit. I
manche: Hirscher (Aut), Grange
(Fra). Rit. II manche: Simoncelli.
Coppa del Mondo (27 prove): 1.
«Non sciavo come volevo che saremmo partite non sono
riuscita a concentrami. Ho scia-
to in difesa, non mi sono fida-
Hoscher, e all’allenatore, Stefa-
no Costazza. Gli ho chiesto di
lavorare in un certo modo e lui

Era ora, ma niente stress»


Kostelic (Cro) 1249; 2. Cuche (Svi) ta, cercando di non uscire dal mi ha accontentato, negli ulti-
725; 3. Svindal (Nor) 713; tracciato come era successo al- mi periodi ho sentito sotto la
Coppa gigante (5): 1. Ligety (Usa) la Moelgg. Certo che non ero pelle quella forma che in que-
323; 2. Svindal (Nor) 297; 3. Ri- contenta alla fine, avevo un sta stagione non avevo mai tro-
chard (Fra) 253.
per Federica Brignone. Terza è impaziente, vorrebbe tutto e gran distacco. Avevo una sola vato».
SCI FONDO 4x5 km mx don-
ne: 1. Italia (Genuin, 14’14"8, Longa
«Ho sentito la lo scorso anno ad Are, 18a e de- subito. Invece deve capire che chance: buttarmi a tutta e vede-
13’46"1, Rupil 12’39"5, Follis
12’34"9) 53’15"3; 2. Russia a 12"1;
forma che in questa lusa nel gigante dell’Olimpia-
de di Vancouver, aveva inizia-
deve percorrere ancora molta
strada, il talento da solo non ba-
re come andava. La pista era
quella che era, c’erano buche e
I Mondiali Il fatto sicuro è che il
secondo posto di Federica ac-
3. Russia 2 a 1’24"1.
4x10 km mx uomini: 1. Russia (Be- stagione non avevo to l’anno con un 5o posto ad sta». Ma ieri la Brignone ha fat- quella neve bastarda, ho cerca- cende speranze mondiali. Non
Aspen che faceva ben sperare, to come vuole lei, lasciando to di farlo». Vederla in azione è chiediamole di vincere, ma di
lov 25’40", Vylegzhanin 25’18"6,
Sedov 23’40"8, Legkov 22’58"2) mai trovato» invece sono arrivate solo delu- l’istinto a briglia sciolta. Solo al- stato uno spettacolo, come te- essere solo se stessa, di seguire
1h37’37"6; 2. Italia (Checchi sioni. Uscite, piazzamenti ano- la fine però, nella prima disce- stimoniano anche i distacchi di anche sulla pista di Garmisch il
25’53"1, Di Centa 25’25"1, Clara 5 RIPRODUZIONE RISERVATA nimi, tutto lontano dal talento sa era apparsa quella degli ulti- manche rifilati alle campiones- suo istinto. «Adesso spero solo
22’48"1, Piller Cottrer 23’37"7) a
6"4; 3. Germania a 32"5; 4. Russia
che ha mostrato appena appro- mi giganti: bravina, ma senza se, la Brignone che si vorrebbe che per questo risultato la gen-
2 a 1’03"5; 5. Francia a 1’38"1; 6. ZWIESEL dVent’anni festeggiati data sul palcoscenico maggio- cattiveria, senza una strategia. sempre vedere. Ma i vent’anni te non cominci a stressarmi.
Italia 2 (R.Pasini 26’36"8, Frasnelli a luglio (sotto il segno del can- re. difficilmente si coniugano con Vorrei stare tranquilla prima di
26’16"2, Moriggl 22’50"9, Hofer cro, sarà per questo?), un carat- L’attesa «La prima manche — la continuità in una disciplina andare a Garmisch. Il mio gi-
23’33"5) a 1’39"8. terino che non le manda a dire, Esuberanza «La cosa più diffici- spiega Federica — è stata diffi- dai tantissimi fattori come lo gante è solo alla fine e prima di
Calendario. Drammen (Nor),
19-20/2: 10 e 15 km tc D e U, l’approccio all’agonismo come le — confidava poco tempo fa cilissima. Nessuna di noi crede- sci. «Era ora — riprende Fede quel giorno (il 17 febbraio) vor-
sprint tc D e U. Mondiali Oslo-Hol- mamma Maria Rosa Quario: so- il suo allenatore Stefano Co- va che si potesse gareggiare, — perché non stavo proprio rei riposarmi e allenarmi anco-
menkollen: 26-2/6-3. lo per vincere. Non era sino a stazza — è tenerla tranquilla. con la nebbia, col vento e la pi- sciando come vorrei, già la scor- ra bene. Poi vedremo».
ieri mattina una stagione facile Fede è giovane ed esuberante, sta che si squagliava. E poi i rin- sa estate è stata difficile. Devo pa.m.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
39

CICLISMO
5.
DOMENICA
Discesa
6.
LUNEDÌ 14
Supercombi-
7.
GIOVEDÌ 17
Gigante
8.
VENERDÌ 18
Gigante
9.
SABATO 19
Slalom
10.
DOMENICA
20
s TUTTO INIZIO’ AL TOUR 2009
La questione radioline scoppia al Tour 2009,
14 luglio, tappa di Limoges senza
donne nata uomini donne uomini donne Slalom
IN BREVE collegamenti radio tra corridori e
Ore 11 Ore 10 e 14 Ore 10 e 13.30 Ore 10 e 13.30 Ore 10 e 13.30 uomini ammiraglie: ecco il gruppo a passo turistico,
Daniela Christof Gigante donne Max Blardone, Manuela Ore 10 e 13.30 con la maglia gialla Nocentini e Armstrong
Merighetti, Innerhofer, Federica Davide Moelgg, Giuliano Razzoli, (l’ultimo a destra). Nella foto piccola, Frank
Johanna Peter Fill, Brignone, Simoncelli, Nicole Gius, Manfred Schleck ieri alla partenza della Challenge
Schnarf, Dominik Paris, Manuela Manfred Irene Curtoni, Moelgg, Maiorca, con l’auricolare all’orecchio BETTINI
Elena Fanchini, Paolo Pangrazzi Moelgg, Moelgg, Francesca Cristian Deville,
Verena Stuffer Denise Karbon, Giovanni Marsaglia Stefano Gross
Irene Curtoni Borsotti S
CAVENDISH
SEMPRE
UOMINI HIRSCHER K.O., SALTA I MONDIALI A TERRA
Cancellara? No,
Lars Boom. In
Altro crollo gigante Qatar vittoria, nel
prologo di Doha
(2,5 km),
Si salva Borsotti dell’olandese
della Rabobank
(iridato cross
2008) con 4"
Vince Schoerghofer, Italia a fondo: Moelgg

Caos radio
sullo svizzero.
eliminato, Simoncelli cade, Blardone penultimo Quinziato (Bmc)
17˚ a 11". Ultimo
5 RIPRODUZIONE RISERVATA Guadagnini. Come spesso suc- Mark Cavendish
cede, gli azzurri si sono arenati (foto BETTINI),
dUn’altra giornata da dimenti- nel lungo piano della pista di caduto come in
care: Hinterstoder (Aut) non
dà certezze ma accende altri
dubbi nella squadra dei gigan-
tisti azzurri. Nel giorno in cui il
28enne austriaco Philipp Scho-
Hinterstoder, lì hanno accumu-
lato gran parte del ritardo che
li ha relegati lontano dai mi-
gliori. Dietro a Schoergofer,
sul podio tornano Jansrud e
Australia e ferito
alla testa. Oggi
ripartirà: la prima
volata è per lui,
Boonen e
Ancora sciopero
erghofer rompe il ghiaccio in
Coppa del Mondo, l’Italia può
sorridere soltanto per il quindi-
cesimo posto del ventenne pie-
montese Giovanni Borsotti,
Janka (argento e oro nel gigan-
te olimpico di Whistler un an-
no fa), mentre Bode Miller col-
leziona il miglior risultato in gi-
gante delle ultime tre stagioni
Guardini,
5 successi.
Maiorca: vince
Tyler Farrar
(Usa, Garmin). Di
la giuria se ne va
già in ballottaggio per un po-
sto ai Mondiali e ora sicuro di
e Ivica Kostelic (decimo) accu-
mula altri punti sulla via della
Luca 181˚ al
rientro. A Maiorca il gruppo parte con le radioline
essere al via, venerdì 18, nella Coppa generale. Ligety, dopo
gara iridata di Garmisch. Per il
resto, sono più le note negati-
le tre vittorie di fila nelle prime
tre gare, conferma di essere in
vietate dall’Uci. Proteste anche in Qatar
ve: Manfred Moelgg che non si difficoltà e chiude 13˚. DAL NOSTRO INVIATO le radio. Il Trofeo Palma è partito lo stes-
qualifica nemmeno per la se- CIRO SCOGNAMIGLIO so (in ritardo, dopo la lettura di un co-
conda manche (32), Max Blar- Infortuni L’ultima gara prima 5 RIPRODUZIONE RISERVATA municato dell’associazione delle squa-
done che si salva di qualche dei Mondiali è costata cara al dre). Però i commissari Uci se ne sono
centesimo (30˚) ma nella se- 21enne austriaco Marcel Hir- DOHA (Qatar) dL’isola di Maiorca e il Qa- andati, sostituiti da quelli spagnoli. Il ri-
conda manche rischia di uscire scher. In una caduta nella pri- S tar sono separati da sei ore di aereo e sultato non sarà omologato. «E’ stato
e finisce penultimo. Ploner, al- ma manche si è procurato una BALLERINI, non sono due posti simili (eufemismo); uno sciopero in piena regola, abbiamo
la ricerca di un risultato nella frattura allo scafoide tarsico UN ANNO eppure ieri hanno parlato la stessa lin- dimostrato unità — spiega Luca Guerci-
top ten per la qualificazione ai del piede sinistro e lo stop di DOPO gua, quella del ciclismo e delle polemi- lena, d.s. del team Leopard e presidente
Mondiali, è 22˚, Simoncelli, 6-8 settimane vuol dire l’addio Oggi, a un anno che. Il tema? Oreillettes, pinganillos, ra- dei direttori sportivi italiani —. E’ in-
19˚ dopo la prima manche, è a Garmisch e al resto della sta- dalla morte del dio races. Oppure più semplicemente, spiegabile la chiusura dell’Uci sul fron-
uscito nella seconda disegnata gione. c.t. Franco all’italiana: radioline. E il loro utilizzo. te tecnologico, quando tutti gli altri
dal tecnico azzurro Matteo ma.po. Ballerini in un sport vanno in direzione opposta. Per
rally d’auto, la Premessa La federazione internaziona- non parlare della questione sicurezza.
sua Casalguidi le da tempo persegue l’abolizione delle Devono ascoltarci».
FONDO A RYBINSK RUSSE BATTUTE (Pistoia) gli radioline, con le quali i d.s., dalle ammi-
dedica una raglie, comunicano con gli atleti: il tut- Bugno avverte «L’Uci deve ancora spie-
giornata speciale. to per un ciclismo «non radiocomanda- gare il vero motivo del no alle radioline

Staffetta donne prima Ore 9.15: alla


scuola Fermi,
con Ginanni,
to, più spontaneo e spettacolare». Squa-
dre e corridori, per la maggior parte, so-
no contrari. Al Tour 2009 fu scontro:
— dice Gianni Bugno, presidente mon-
diale dei corridori —. Ora bisogna che
faccia un passo indietro, e tratti. Noi

e lanciata per Oslo Bindi e tanti


filmati.
Ore 16: Messa
nella prima delle due tappe in cui si spe-
rimentò il divieto, il gruppo addormen-
tò la corsa. E così la seconda di quelle
pensiamo che sia giusto di lasciare la li-
bera scelta se usarle o meno». E in Qa-
tar? Anche in questo caso le squadre
vorrebbero correre con le radio (da og-
Ore 17.30: si due frazioni si corse con le radio. Ma
La Follis guida il successo. Gli azzurri presenta il libro l’Uci è andata avanti: nel 2011 uso con-
gi il via alle tappe in linea). Ma attenzio-
ne: l’organizzatore è l’Aso, lo stesso del
sono secondi. Fatta la Nazionale mondiale «Franco Ballerini
campione in
sentito solo nel World Tour (gare come
Sanremo, Giro, Tour). E abolizione tota-
Tour, e il direttore di corsa Jean Franço-
is Pescheux è stato chiaro. «C’è un rego-
STEFANO ARCOBELLI pare più faccia sfracelli. Con tutto», con le dal 2012. A gennaio, nella prima tap- lamento — ha detto alla Gazzetta —, e
5 RIPRODUZIONE RISERVATA Checchi e Di Centa in alternato, Marcello Lippi; pa del Tour San Luis (Argentina), l’auto va rispettato. Chi userà le radio, è fuori
un Clara ormai costante e un Ore 18.30: della Liquigas per protesta non aveva corsa. Se le utilizzerà la maggioranza,
dFondiste scatenate e vincenti Piller Cottrer nei panni dell'ulti- l’incontro seguito la corsa. Al Giro di Calabria le la giuria si ritira».
nella staffetta pre Mondiali a mo pattinatore, questo quartet- «Le strade ammiraglie erano partite con 15’ di ri- Oggi in Qatar le squadre faranno un co-
Rybinsk, in Russia. La solita di- to punta a rilanciarsi dopo quat- di Franco», in tardo. Ieri, un’altra puntata. municato in cui spiegheranno la pro-
fesa in alternato (il lancio affi- tro anni di fiele. Contro Norve- collaborazione pria posizione, ma la corsa si dovrebbe
dato a Magda Genuin, che ha gia, Svezia e Finlandia, sarà dif- con la Gazzetta: Protesta Alla Challenge Maiorca (5 pro- svolgere regolarmente. E anche a Maior-
dato il cambio a Marianna Lon- ficile: ma, almeno, la tradizio- racconti di ve singole, senza classifica a tempi fina- ca la protesta non dovrebbe continua-
ga a 27"), la tenuta di Silvia Ru- ne pone l’Italia tra le nazioni da Martini, le) in molti si sono presentati al via con re. Ma intanto un segnale è stato dato.
pil (2ª a 10" dalla Chekaleva) in rispettare se non da temere. Bettini,Tafi,
terza, e il sorpasso decisivo di Magrini
Arianna Follis alla Mikhailova, Convocati Venerdì a Prato Piaz- e Fornaciari.
arrivata al traguardo con 12" di za (Dobbiaco) dove la naziona- IN FRIULI ECCO LA PRIMA «PIAZZA GIRO D’ITALIA»
ritardo dall’iridata, autrice del le lavorerà, il d.t. Silvio Fauner
Tualis, paese di
2˚ tempo di frazione dopo quel- annuncerà la nazionale per Hol-
150 abitanti ai
lo della francese Barthelemy. menkollen. C’è un problema di
piedi del monte
Tre podi su 3 staffette in stagio- contingente azzurro legato alle
Zoncolan, in Friuli,
ne rafforzano la speranza di altre discipline (32 atleti, al fon-
è la prima località
una medaglia ai prossimi Mon- do andrebbero 18 posti). I sicu-
ad aver dedicato
diali di Holmenkollen, dove ri sono Piller Cottrer, Di Centa,
una piazza al Giro
vorremmo dimenticare il quar- Checchi, Clara, R.Pasini, Pelle-
d’Italia. Nel corso
to posto olimpico di un anno fa. grino, Hofer, Moriggl e Frasnel-
della cerimonia,
«Il lavoro ha finora fruttato, spe- li; in ballo 2 posti: candidati Fa-
un ricordo di
riamo di raccogliere tanto an- bio Pasini (riserva) e Gullo, che
Franco Ballerini e
che ai Mondiali» commenta il ha fatto bene ai tricolori e do-
la consegna di
capo allenatore rosa Fredi Stau- vrebbe spuntarla su Noeckler;
una lettera del
der. E sorride pure Gianfranco tra le donne, Follis, Longa, Ru-
tricolore Visconti
Pizio, il responsabile maschile, pil, Genuin, De Martin, Bro-
agli Alpini della
dopo il 2˚ posto dietro la Rus- card e probabilmente Conforto-
Julia impegnati
Sopra da sinis. Follis, Genuin, Rupil sia titolare, in una staffetta nel- la (per la 30 km). Non ci sareb-
in Afghanistan
e Longa. Sotto, Clara, Di Centa e la quale è affondata l’ambizio- be spazio per Zorzi, che spera-
ANTEPRIMA
Checchi nascosti, e Piller Cottrer AP sa Francia e la Germania non va nella 50 km nel Tempio.
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011
R
40 LA GAZZETTA DELLO SPORT
italia: 514954585150
LUNEDÌ 7 FEBBRAIO 2011

italia: 514954585150
LA GAZZETTA DELLO SPORT R
41

PALLAVOLO
Trento imbattibile
A-1 DONNE LA 10ª GIORNATA
TRENTO 3
MACERATA 2 Flier e Hooker
con la bacchetta
(25-14, 20-25, 25-18, 17-25, 15-8)
ITAS DIATEC TRENTINO: Rapha-
el 3, Juantorena 14, Sala 12, Sto-
kr 14, Kaziyski 12, Birarelli 9; Co-