Sei sulla pagina 1di 6

MATRIMONIO

RAPPORTI SEPARAZIONE
TRA CONIUGI E DIVORZIO

I RAPPORTI TRA GENITORI E FIGLI


Oggi la famglia è di tipo MONONUCLEARE formata da un
unico gruppo familiare di cui fanno parte uomo, donna e figli.
In epoca preindustriale la famiglia era di tipo patriarcale, cioè
consisteva nell’unione di vari familiari, sotto l’autorità del
capostipite, cioè il membro più anziano

L’ART. 29 della
costituzione
definisce la
È un antico famiglia come
nucleo familiare una società
naturale fondata
sul matrimonio
La FAMIGLIA DI FATTO è costituita da un uomo e una
donna che convivono.Per il nostro ordinamento 2
conviventi non hanno gli stessi diritti e obblighi che hanno
invece due coniugi, ma i loro figli, detti NATURALI, hanno
gli stessi diritti dei FIGLI LEGGITTIMI , cioè nati da un
uomo e una donna regolarmente coniugati tra loro
RELIGIOSO CATTOLICO

RELIGIOSO NON
CATTOLICO

CIVILE

CONCORDATARIO
È un atto giuridico, dal quale nasce un
complesso rapporto che fa sorgere una
serie di diritti e doveri tra i coniugi e tra
questi e i loro figli.
È disciplinato dalla sola legge statale . Esso viene celebrato da un laico:
un ufficiale dello stato civile, che procede alla lettura delle formule di rito e
degli articoli del codice civile alla presenza di due testimoni e, dopo che
entrambi gli sposi hanno manifestato la loro volontà di contrarre il
matrimonio, li dichiara marito e moglie

Il matrimonio concordatario è regolato da un patto


internazionale (PATTI LATERANENSI), detto
concordato stipulato tra Stato italiano e chiesa
cattolica nel 1929 e rinnovato nel 1984.
È quello regolato dal
diritto canonico,
ossia dall’ordinamento
della chiesa cattolica.
Per la legge italiana è
come se i 2 sposi non
fossero affatto
coniugati

Viene celebrato tra coppie di coniugi appartenenti a religioni diverse da quella


cattolica (es. valdesi, ebrei….)
Esso ha tutti gli effetti civili, poiché è regolato dalla legge italiana: viene
celebrato da un ministro del culto, il quale è tenuto alla trascrizione dell’atto
matrimoniale nel registro dello stato civile