Sei sulla pagina 1di 83

appunti@email.it

DDI IIR RRI IIT TTT TTO OO EEC

D

CCC

E

CCL

LLE

EES

SSI IIA AAS SST TTI IIC CCO OO

FFR

– F

––

OO FFI IIN NNO OOC CCC CCH HHI IIA AAR RRO OO

AAN

RRA

NNC

CCE

SSC

EES

CCO

F

CAPITOLO I: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

Il compito della scienza giuridica è quello di studiare la produzione, l’interpretazione e l’applicazione delle norme giuridiche; tali norme si distinguono dalle altre regole in quanto la loro osservanza è assicurata dall’ordinamento (a volte anche coattivamente). L’ampiezza della materia presa in esame dalla scienza giuridica è molto grande. Proprio per questo motivo è utile operare una divisione degli studi giuridici nelle varie discipline (diritto costituzionale, commerciale, amministrativo, ecc.) per avere un maggior approfondimento delle stesse materie.

Il DIRITTO ECCLESIASTICO studia il settore dell’ordinamento giuridico dello Stato che è volto

alla disciplina del fenomeno religioso. Ma quando parliamo di fenomeno religioso non intendiamo solo quello della Chiesa Cattolica, ma tutte le confessioni religiose e tutti gli individui (in quanto credenti o non credenti). Il diritto ecclesiastico non è costituito solo dalle norme prodotte direttamente dal legislatore statale, ma molto spesso capita che si debbano applicare norme prodotte direttamente da ordinamenti confessionali. Se consideriamo l’ambito degli studi giuridici del diritto ecclesiastico, si nota come esso appartenga all’area del diritto pubblico: infatti, oggetto di studio di tale disciplina sono soprattutto le norma costituzionali e le norme che regolano l’attività della pubblica amministrazione. Ciò non toglie che il diritto ecclesiastico presenti legami anche con il diritto civile (matrimonio religioso, rapporti successori, ecc.), con il diritto internazionale (posizione della Santa Sede).

Le FONTI DI COGNIZIONE del diritto ecclesiastico civile si trovano in disposizioni legislative dello Stato, emanate sia unilateralmente che in esecuzione di accordi con le confessioni religiose. Esse sono:

1) LA COSTITUZIONE: qui troviamo numerose disposizioni in cui il fattore religioso viene espressamente menzionato (art. 3, 7, 8, 19 e 20). Le norme di derivazione concordataria sono protette e garantite dagli art. 7 cpv. e 8, 3° comma Cost.;

2) I PATTI LATERANENSI E I VARI ACCORDI: i Patti Lateranensi sono gli accordi tra Stato e Chiesa stipulati l’11 Febbraio 1929. Qui troviamo un Trattato (per la soluzione della “questione romana” con la creazione dello Stato Città del Vaticano) ed un Concordato (che disciplina il trattamento della Chiesa Cattolica in Italia);

3)

LE LEGGI DELLO STATO UNILATERALI: nel nostro ordinamento vi sono norme volute unilateralmente dallo Stato.

4)

ALTRE NORME STATALI (O REGIONALI).

Le FONTI DI PRODUZIONE del diritto ecclesiastico (ossia i procedimenti con cui vengono

poste legittimamente le norme che si collocano in tale disciplina) sono poste su vari livelli

e fanno nascere alcuni problemi. Infatti, bisogna notare che vi è un settore in cui la fonte normativa può essere sia legge ordinaria che legge che legge costituzionale: sono le norme protette dagli art. 7 cpv. e 8, 3° comma Cost.

1

appunti@email.it

Queste norme possono essere modificate da una legge ordinaria nel caso in cui essa dia vita ad un nuovo accordo (tra lo Stato e la Chiesa Cattolica o tra lo Stato e le altre confessioni che abbiano stipulato un’Intesa approvata per legge); invece, se il legislatore intende modificarle unilateralmente, si dovrà ricorrere all’emanazione di una legge costituzionale. Adesso siamo in grado di ordinare gerarchicamente le fonti:

1)

NORME APPLICATIVE DEL CONCORDATO LATERANENSE;

2)

REGOLAMENTI: essi sono emanate con decreto del Presidente della Repubblica. Queste non possono assolutamente essere in contrasto con le norme statali;

3)

CIRCOLARI: queste non sono altro che le norme interne della pubblica amministrazione, che si impongono come norme d’azione agli uffici inferiori. La forza di tali circolari dipende dallo spazio che le leggi ed i regolamenti lasciano all’amministrazione.

4)

LEGGI REGIONALI: tutte le regioni non hanno competenza nella materia prevista dagli art. 7 cpv. e 8, 3° comma Cost. Tuttavia, poiché alcune materie di competenza regionale (assistenza sanitaria, ospedaliera, scolastica, ecc.) possono rientrare tra gli interessi delle confessioni religiose, esse possono essere comprese tra le fonti di norme del diritto ecclesiastico.

Un modo illegittimo di eseguire le intese è rappresentato dal caso dei “GIORNI FESTIVI”. Infatti anziché essere decisi mediante una legge, l’elenco delle festività religiose si è avuto mediante decreto del Presidente della Repubblica. Qui è previsto che la Repubblica Italiana riconosca come giorni festivi tutte le domeniche e le altre festività religiose determinate d’intesa tra le parti. Ma mentre le domeniche sono previste nell’Accordo (promulgato mediante legge), le festività non trovano spazio in tale documento: ecco allora che ci sarebbe stato bisogno di una legge, e non di un decreto.

Infine dobbiamo ricordare che per lo studio del diritto ecclesiastico si possono intraprendere due diverse teorie:

a) la prima ha imboccato la via del diritto positivo, del ius conditum, cercando di confrontare le vecchie norme con la Costituzione per vedere quali di esse potevano convivere con le nuove norme fondamentali e quali invece sarebbero risultate incostituzionali;

b) la seconda teoria ha confuso lo ius conditum con lo ius condendum, ritenendo che una riforma della legislazione del 1929-1930 fosse praticabile al di fuori delle previsioni degli art. 7 cpv. e 8, 3° comma Cost. Questa via è stata intrapresa sia da coloro che non apprezzano i concordati sia da coloro che, credendo nella purezza della fede, ritengono che la Chiesa non debba essere legata da patti di indubbia rilevanza politica con lo Stato.

2

appunti@email.it

CAPITOLO II: LA RELIGIONE E

L’ORGANIZZAZIONE DEL POTERE CIVILE

Il fenomeno religioso ha, ed ha sempre avuto, una grandissima importanza all’interno di

ogni società. Per i latini, il termine RELIGIO aveva vari significati: i più importanti sono “il

culto del divino” e “la superstizione”.

Facendo un salto indietro nel tempo, notiamo come nella Roma arcaica non vi era alcuna

distinzione tra istituzioni politiche e organizzazione religiose; anche quando, con l’avvento della Repubblica, il governo civile si venne a distinguere dal sacerdozio rimase forte il legame tra politica e religione. Quando poi venne istituito l’Impero, le funzioni di pontefice massimo furono assunte direttamente dall’imperatore, il quale divenne una vera

e propria divinità da adorare. Era dovere di ogni suddito quello di adorare il proprio

imperatore: ecco perché, durante il periodo imperiale, i cristiani erano continuamente perseguitati (poiché essi si rendevano colpevoli di lesa maestà).

Quando la civiltà romana abbandono il paganesimo per intraprendere la strada del cristianesimo, le cose non cambiarono: come l’imperatore pagano era il pontefice massimo del paganesimo, così l’imperatore cristiano era il pontefice massimo di questa nuova religione. L’unione in un’unica persona della figura del capo dello Stato e del capo della Chiesa è noto con il nome di CESAROPAPISMO: con questo termine si indica l’unione del

potere civile con il potere ecclesiastico. Il cesaropapismo cessò in Europa Occidentale con

la fine dell’Impero Romano d’Occidente ma persistette nell’Impero di Bisanzio fino al suo

crollo (1453).

Con la cessazione del cesaropapismo nell’Europa occidentale, venne accrescendosi l’autorità del Vescovo di Roma. Tanto più che, con la caduta dell’Impero, si fece strada la dottrina evangelica della distinzione tra il potere civile e il potere ecclesiastico.

La formazione di Stati organizzati sotto il potere di un principe, anche se non attribuiva a questi la forza di definire dogmi o di convocare Concili, gli dava la piena potestà sul proprio territorio. Quindi il principe prevaleva su qualsiasi altra potestà presente sul suo territorio: quindi anche la Chiesa veniva a trovarsi sotto il suo potere. Questo stato di cose portò a lotte politiche e guerre di religione (pensiamo al grande scisma d’occidente, alle eresie e alla riforma protestante) che si conclusero con la “PACE DI AUGUSTA” avutasi nel 1555. Qui si riconobbe ai principi la libertà di aderire o meno alla religione riformata e attribuì loro il ius reformandi, cioè il potere di imporre la religione da essi professata a quei sudditi che non avessero preferito emigrare in un altro paese. Solo un secolo più tardi, con la “PACE DI WESTFALIA” avutasi nel 1648 alla fine della guerra dei Trent’anni, si ebbe riguardo anche alle minoranze religiose dando uguali diritti a tutti (cattolici, luterani e calvinisti). Tra queste due date ora menzionate si consolidarono i sistemi nei quali la Chiesa era subordinata allo Stato: in Germania si affermò il “territorialismo”, in Francia il “gallicanesimo”, in Austria il “giuseppinismo” e così via. In Italia si ebbero vari sistemi che sono stati compresi nel termine “GIURISDIZIONALISMO”: esso sta ad indicare il

3

appunti@email.it

prevalere della giurisdizione statale su quella ecclesiastica. I POTERI DEI SISTEMI GIURISDIZIONALISTI sono tradizionalmente classificati in due filoni:

§ POTERI VOLTI A PROTEGGERE LA CHIESA

- IUS ADVOCATIAE O PROTECTIONIS : lo Stato garantiva l’unità della Chiesa e la purezza della fede. Inoltre, lo Stato tutelava gli enti ecclesiastici da eventuali affari dannosi;

- IUS REFORMANDI : negli Stati protestanti era il potere del principe di intervenire nell’organizzazione interna della Chiesa; negli Stati cattolici era il potere di introdurre nella Chiesa quelle riforme necessarie ad eliminare gli abusi e ad ottenere un buon funzionamento degli istituti ecclesiastici;

§ POTERI DIRETTI A DIFENDERE LO STATO DALLA CHIESA

- IUS NOMINANDI : il principe nominava i funzionari ecclesiastici;

- EXEQUATUR O PAREATUR : lo Stato aveva il potere di esaminare gli atti emanati dall’autorità ecclesiastica per accertare che non contenessero alcunché di pericoloso per lo stesso Stato;

- SEQUESTRO DI TEMPORALITÀ : lo Stato poteva sequestrare i beni di un istituto ecclesiastico nel caso in cui il rappresentante dell’ente avesse male amministrato o avesse tenuto una condotta contraria agli interessi dello Stato;

- IUS APPELATIONIS : gli ecclesiastici o i fedeli potevano ricorrere al sovrano contro provvedimenti dell’autorità ecclesiastica ritenuti lesivi dei diritti dei singoli o degli interessi dello Stato;

- IUS DOMINII EMINENTIS : nei confronti degli enti ecclesiastici, era la facoltà di imporre tributi e di amministrarne i beni in caso di vacanza (e di farne propri i frutti);

- IUS INSPICIENDI : era il potere del principe di intervenire e di vigilare sulle istituzioni ecclesiastiche, di istituire nuovi enti o sopprimere quelli inutili e dannosi, di sorvegliare sull’insegnamento nei seminari, sui Concili e sulle missioni.

La TEOCRAZIA, ossia il sistema che prevede la soggezione dello Stato alla Chiesa, non si è mai effettivamente realizzata nella civiltà europea. La premessa delle rivendicazioni teocratiche è stata data da Santo Agostino: egli afferma che la Civitas terrena, quando tende solo alla felicità mondana dei sudditi, commette lo stesso peccato che commette l’individuo che ricerca solo la felicità terrena. Lo Stato può sottrarsi a tale situazione peccaminosa subordinando le sue leggi alla legge divina: solo in questo modo esso può guidare gli uomini verso il bene supremo, anticipando la Civitas coelestis.

Nel momento della caduta dell’Impero, si considerò la Chiesa come l’unica in grado di poter realizzare il principio di unità: queste tesi ebbero grandi successi nel periodo di maggior potenza della Santa Sede (cioè tra il pontificato di Gregorio VII, 1073, e quello di Bonifacio VIII, 1303). In questo arco di tempo, al Papa appartengono tutti i poteri spirituali e temporali in quanto essi gli derivano direttamente da Dio. Questo stato di cose fu

definito POTESTAS DIRECTA IN TEMPORALIBUS. Da ciò seguiva che:

a)

solo alla Chiesa spettava decidere cosa fosse di sua competenza e cosa fosse di competenza dello Stato;

4

appunti@email.it

b) nel contrasto tra leggi civili e leggi ecclesiastiche, prevalevano le seconde;

c) le leggi civili contrarie ai diritti della Chiesa erano illegittime;

d) nessuna autorità era legittima se il proprio potere non fosse derivato da un’investitura ecclesiastica;

e) solo il Papa poteva decidere riguardo la pace e la guerra e lui disponeva di tutte le cose e di tutta la gente del mondo.

Ma dopo la rottura dei cristiani d’occidente avutasi con la riforma, si cominciò a delineare la così detta POTESTAS INDIRECTA IN TEMPORALIBUS: questo era il potere da parte della Chiesa

di regolare con proprie norme anche rapporti civili, di non fare rispettare ai fedeli quelle

norme dell’ordinamento statale che andavano contro la Chiesa e di evitare che tali leggi venissero emanate.

Infine, l’ultimo sistema (che in realtà è un non sistema) è rappresentato dal SEPARATISMO. L’idea della separazione dei rapporti tra Stato e confessioni religiose ha una lunga storia alle spalle. Inizialmente il separatismo fu proposto per “REALIZZARE LINDIPENDENZA DELLA CHIESA” e per tutelare i suoi interessi andando anche contro quelli statali. Il separatismo come mezzo di affrancazione della Chiesa nell’800 è stato sostenuto in Europa dal Protestantesimo liberale tedesco che dal Cattolicesimo liberale svizzero e francese; in comune vi era la considerazione che la religione, cioè il rapporto tra l’uomo e Dio, è qualcosa di estremamente personale. Da ciò si deduce che non può esistere una Chiesa di Stato e che gli ecclesiastici non potevano e non dovevano essere considerati come pubblici ufficiali.

Altro fine del separatismo è quello di “FAR PREVALERE LAUTORITÀ DELLO STATO”: questa è chiaramente una corrente antiecclesiastica. Uno dei promotori di tale teoria fu Ruggero Williams: egli considerava lo Stato come un ente laico che non doveva pronunciarsi nelle materie religiose, proprio per rispetto di queste. Quindi la Chiesa era vista come un ente privato che non aveva nulla in comune con lo Stato.

Negli USA il separatismo ha seguito altre vie. Alla fine del 700, in seguito al processo che portò all’indipendenza delle colonie inglesi, si dovevano superare in tutti i modi i contrasti esistenti tra le varie teocrazie locali: l’unico modo era quello di adottare un separatismo fondato sulla libertà religiosa. Completamente diverso risulta il percorso seguito dal separatismo nei paesi del socialismo reale, e in particolare nell’URSS. L’art. 52 della Costituzione russa garantiva la libertà di poter professare qualsiasi religione o di non professarne nessuna, ma riconosceva solo il diritto di svolgere propaganda ateistica e non propaganda religiosa. Questo perché il socialismo affermava che compito del buon cittadino è quello di liberare i propri compatrioti dalle illusioni indotte dalla religione. Sempre in URSS, ricordiamo le limitazioni che incontravano le associazioni religiose e gli stessi credenti. In conclusione possiamo affermare che nell’URSS la separazione tra Stato e Chiesa era antiecclesiastica.

In ITALIA, invece, il separatismo è stato uno strumento politico per superare la così detta

QUESTIONE ROMANA” nel quadro dell’unità d’Italia. l’enunciazione delle tesi separatiste si

5

appunti@email.it

devono al Cavour, il quale affermava: “Libera Chiesa in Libero Stato”. In realtà, il separatismo ha avuto una scarsa applicazione in Italia; infatti, fino ai Patti Lateranensi del 1929, il sistema dei rapporti tra Stato e Chiesa avrebbe dovuto essere

definito come GIURISDIZIONALISMO LIBERALE. Tutte le varie denominazioni cristiane riformate dovevano rispettare le norme del diritto comune, mentre la Chiesa cattolica e le Comunità israelitiche erano regolate da norme speciali.

Dopo l’entrata in vigore della Costituzione, si è avuta la riproposizione del separatismo da parte della SINISTRA LAICA; logicamente da un punto di vista antiecclesiastico. Lo stesso fecero i CATTOLICI DEL DISSENSO. L’atteggiamento di questi cattolici coincise con il sorgere di un movimento di protesta contro le autorità e le istituzioni nel mondo occidentale (che colpì anche la Chiesa). In quest’ottica, il separatismo era considerato come strumento purificatore della Chiesa: la Chiesa doveva essere povera, non privilegiata, non condizionata da accordi politici per poter meglio divulgare il Vangelo. Infine, per quanto riguarda il separatismo voluto dalla DOTTRINA, dobbiamo ricordare che gli scrittori laici chiedevano una legge uguale per tutte le confessioni religiose per agevolare la libertà dei singoli; quindi la legge doveva dar vita ad un diritto comune delle confessioni religiose. Quindi anche il separatismo voluto dalla dottrina è del tutto antiecclesiastico.

Non dobbiamo dimenticare che il principio della separazione tra Stato e confessioni religiose è un postulato dell’IDEA LIBERALE. Infatti, l’obiettivo del liberalismo è quello di costruire uno Stato di diritto dove basilare risulti l’organizzazione della libertà; cioè lo Stato deve lasciare i propri cittadini liberi di orientarsi in materia politica, filosofica, scientifica e anche religiosa. Però, lo Stato liberale non può ignorare l’esistenza sul proprio territorio di istituzioni, come possono essere le confessioni religiose: in questo caso lo Stato dovrà separare i propri poteri da quelli spettanti a tali istituzioni.

Lo strumento per realizzare tale parità di trattamento è la legge dello Stato, in quanto i CONCORDATI avrebbero per definizione un CONTENUTO PRIVILEGIARIO (quindi in contrasto con il principio di uguaglianza). Però dobbiamo sottolineare come la disciplina privilegiaria a favore di una confessione religiosa può essere introdotta non solo attraverso una legge che esegua un accordo, ma anche tramite una legge prodotta unilateralmente dal legislatore. Quindi il contenuto privilegiario non dipende né dal sistema separatista né dal sistema concordatario: può trovarsi tanto in uno che nell’altro.

Oltre ai vari sistemi visiti sino ad ora, non dobbiamo dimenticare quello della COORDINAZIONE TRA LO STATO E LA CHIESA: questo è il sistema indicato dalla nostra Costituzione (art. 7 cpv. e art. 8, 3° comma) per disciplinare i rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose.

Per quanto riguarda i rapporti con la Chiesa cattolica, questi dipendono dai concordati

stipulati dalla Santa Sede con gli Stati: accordi in cui le parti si obbligano a tenere un determinato comportamento rispetto a tali materie. Quindi possiamo affermare che IL

contenuto

SISTEMA

DELLA

COORDINAZIONE

È

UN

SISTEMA

NEUTRO,

nel

senso che

è

il

6

appunti@email.it

dell’accordo a consentire una valutazione della posizione dello Stato e della Chiesa in un determinato paese.

Vari problemi possono sorgere intorno alla DETERMINAZIONE DELLA NATURA GIURIDICA DEI CONCORDATI. Ad ogni modo gli ordinamenti da considerare sono tre:

1)

ORDINAMENTO DELLA CHIESA CATTOLICA: secondo l’ordinamento canonico, i concordati sono di competenza della Santa Sede che da sempre è soggetto di diritto internazionale. Di conseguenza, l’ordinamento in cui si svolgono i rapporti concordatari è l’ordinamento internazionale;

2)

ORDINAMENTO DELLO STATO: per quanto riguarda l’ordinamento italiano, l’art. 7, 1° comma della Costituzione, non obbliga lo Stato a concordare con la Chiesa la disciplina delle materie in comune. Ma nel caso in cui lo Stato cerchi di accordarsi bilateralmente con la Chiesa, tali atti non devono considerarsi di diritto interno, bensì di diritto esterno;

3)

ORDINAMENTO IN CUI I RAPPORTI STESSI SI SVOLGONO.

Ritornando all’art. 7 della Costituzione, dobbiamo notare che esso, dichiarando la Chiesa sovrana e indipendente dallo Stato nel proprio ambito, indica che vi sono delle materie in cui lo Stato e la Chiesa si trovano sullo stesso piano: quindi si pongono in un ordinamento esterno. Non è di facile soluzione capire a quale ordinamento si faccia riferimento, ma di solito si preferisce l’ordinamento internazionale generale in quanto esso non è costituito solo da una comunità di Stati, ma anche da organismi no statali (tra cui compare anche la Santa Sede). Detto ciò, possiamo affermare che i concordati ecclesiastici sono atti simili ai trattati internazionali: quindi l’Italia, nel momento in cui conclude un concordato, si sente legata al rispetto delle norme internazionali generali su quella determinata materia.

Qualunque sia il sistema di rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose, sorge il problema della QUALIFICAZIONE DELLO STATO a livello costituzionale circa la sua posizione nei confronti della religione. Si parla di STATO CONFESSIONISTA quando lo Stato esercita una forma di dominio e controllo nell’ambito religioso, al fine di proteggere una determinata confessione religiosa (riconosciuta come religione di Stato). Si parla di STATO LAICO quando tutte le confessioni godono dello stesso trattamento e sono ugualmente ed effettivamente libere nell’esercizio delle loro attività religiose. Questa situazione può verificarsi solo in un sistema separatista.

Per quanto riguarda la QUALIFICA DEL NOSTRO STATO, dobbiamo dire che di solito tale qualifica dovrebbe comparire all’interno della Costituzione: invece la nostra Carta Costituzionale non contiene alcuna norma che qualifichi lo Stato dal punto di vista confessionale in maniera esplicita. Questo stato di cose ha dato vita a due teorie:

a) la prima affermava che, interpretando sistematicamente il 2° comma dell’art. 7 della

fosse

Costituzione

con

l’art.

1

del

Trattato

del

Laterano,

lo

Stato

italiano

sostanzialmente e formalmente cattolico;

7

appunti@email.it

b) la seconda teoria affermava invece che, dati i principi di libertà e di democrazia affermati dalla Costituzione, lo Stato italiano fosse uno stato laico: quindi uno Stato “religiosamente neutrale”.

Però queste sono tutte supposizioni: per questo motivo una parte della dottrina ritiene che la laicità o la confessionalità dello Stato possa aversi attraverso l’esame dell’attività dei suoi organi. Da questo esame si deduce che lo Stato italiano non è completamente e totalmente ispirato ai principi cattolici, ma a principi del tutto laici: pensiamo al pluralismo delle confessioni religiose, al rispetto delle minoranze, e via discorrendo. Molti hanno cercato di vedere nell’art. 7 della Costituzione la conferma del principio fissato dall’art. 1 del Trattato del Luterano: ma se così fosse, nascerebbe un’insanabile contraddizione con alcuni articoli della Carta Costituzionale. Infatti l’art. 1 del Trattato del Luterano da vigore all’art. 1 dello Statuto Albertino, il quale delineava uno Stato confessionista che riconosceva una sola religione liberamente professabile (quella cattolica), mentre le altre confessioni religiose erano solamente e semplicemente tollerate. È chiaro che se la Costituzione avesse voluto dichiarare che solo la Chiesa cattolica era libera, mentre gli altri culti erano tollerati, si sarebbe posta in contraddizione con le sue stesse disposizioni di libertà (art. 3, 8 e 19).

Possiamo perciò dire che il principio confessionista è stato abrogato dalla Costituzione stessa. Tale affermazione trova conferma nell’ACCORDO DEL 18 FEBBRAIO DEL 1984: qui le parti hanno deciso di “non considerare più valido il principio della religione cattolica come l’unica e sola religione dello Stato”. Dalla Costituzione emerge uno Stato liberale e pluralista, che riconosce la più completa libertà religiosa dei singoli e dei gruppi, che non differenzia gli individui a seconda della religione professata o non professata, che cerca di avere gli stessi identici rapporti con le varie confessioni religiose organizzate e che assegna loro la stessa libertà.

Persino la Corte Costituzionale, con la sentenza interpretativa di rigetto n. 203 del 12 Aprile 1989, ha desunto la laicità dello Stato italiano. Quindi, secondo la Corte, lo Stato deve garantire la salvaguardia della libertà di religione in un regime di pluralismo confessionale e culturale. Ma, effettivamente, non dovremmo dire che il nostro è uno Stato laico; bensì dovremmo definirlo LIBERISTA e PLURALISTA. Questo perché l’aggettivo laico può essere utilizzato solo quando lo Stato è completamente indifferente nei confronti del fenomeno religioso: invece, il nostro Stato non lo è.

Adesso siamo in grado di affrontare il discorso sulla POLITICA ECCLESIASTICA ITALIANA. La storia di tale politica è divisibile in tre diversi periodi:

DAL 1848 AL 1922: la politica ecclesiastica italiana prende avvio in Piemonte. Qui, l’art. 1 dello Statuto del Regno dichiarava la religione cattolica la sola religione dello Stato, mentre le altre erano tollerate “conformemente alle leggi”: comunque venne ribadito che la differenza di religione non doveva comportare discriminazioni. In questi anni, però, i Savoia cercavano di aprire delle trattative con la Santa Sede per la revisione dei concordati:

ma Papa Pio IX (rifugiatosi a Gaeta) non era disposto a concedere alcuna concessione. Così, fallite le trattative, il Parlamento approvò le LEGGI SICCARDI: una abolì ciò che

8

appunti@email.it

rimaneva del privilegio del foro ecclesiastico, l’altra concesse l’autorizzazione agli acquisti degli enti.

Da questa situazione notiamo come la Destra storica, anche se ispirata dalle idee liberali, utilizzava gli strumenti del GIURISDIZIONALISMO per raggiungere i propri scopi. Infatti, negli anni seguenti al 1848, si cominciò a distinguere tra enti ecclesiastici utili e enti

ecclesiastici ritenuti inutili: in questo modo furono soppresse molte associazioni religiose

di vita contemplativa. Dopo furono soppresse tutte le associazioni religiose e furono

incamerati tutti i beni; infatti la Destra storica considerava il patrimonio ecclesiastico come

patrimonio di cui lo Stato poteva disporre in caso di necessità.

Ma la vittoria dello Stato pontificio e la presenza in Roma della Santa Sede aveva fatto nascere il problema della situazione giuridica della stessa e del Papa, che fu risolto dalla legge n. 214 del 13 Maggio del 1871; da un lato, lo Stato rinunciava all’esercizio di alcuni determinati poteri di controllo sulla Chiesa; d’altro canto, lo Stato rimaneva sempre competente ad esercitare tutti gli altri poteri che aveva mantenuto e si riteneva competente a legiferare unilateralmente le norme riguardanti le garanzie offerte alla Santa Sede ed al Papa.

Anche se nel 1876 cadde la Destra storica, l’indirizzo liberal-giurisdizionalista della politica ecclesiastica rimase. Proprio nell’ultimo ventennio dell’800 vi furono numerosi provvedimenti in materia ecclesiastica, per lo più non accettabili dalla Chiesa: per questo furono definiti “COLPI DI SPILLO” dell’Italia ormai unita nei confronti della Chiesa che non voleva accettare questa situazione.

Alla morte da Pio IX, venne eletto Papa Leone XIII. Inizialmente sembrava che Leone XIII avesse l’intenzione di raggiungere definitivamente una intesa: ma si trattò solo di una impressione. Comunque, i politici non avevano alcuna fretta di trattare con la Santa Sede una questione che per loro era stata definitivamente risolta con la LEGGE DELLE GUARENTIGIE. Ma dobbiamo ricordare che la Camera era eletta a suffragio limitato, e quindi rappresentava solo una parte della società: infatti i cattolici non potevano partecipare alle competizioni elettorali perché nel 1874 la Sacra Penitenzieria aveva dichiarato non opportuno (non expedit) tale partecipazione. Questo divieto imposto ai cattolici di essere eletti o elettori durò effettivamente sino al 1904, ma non sortì gli effetti sperati. Nel 1905 il divieto cominciò ad attenuarsi, fino a quando nel 1913 Giolitti raggiunse una intesa elettorale con il conte Gentiloni (presidente dell’unione cattolica italiana); tale intesa diede luogo ad un’alleanza delle organizzazioni cattoliche con i liberali conservatori per le elezioni politiche di quell’anno. Chiaramente, la Prima Guerra Mondiale influì enormemente sulle vicende che stiamo considerando: tanto è vero che dopo la guerra cominciarono a fiorire i PARTITI DI MASSA: pensiamo al partito socialista fondato nel 1891, o al partito popolare italiano fondato nel 1919 e capeggiato da Don Luigi Sturzo. Quindi, il non expedit fu definitivamente abolito.

La fine della guerra diede l’opportunità ai vari Presidenti del Consiglio di quel tempo di

avere continui e frequenti rapporti con i rappresentanti della Santa Sede per risolvere la “questione romana”: ma questi contatti non portarono ad una soluzione del problema. La non riuscita di tali incontri dipese anche dalla incomunicabilità tra i partiti di massa e dalla

9

appunti@email.it

loro crisi, che portò all’ascesa del fascismo. Fu proprio il fascismo a riprendere la politica legislativa in materia ecclesiastica.

DAL 1922 AL 1947: il MOVIMENTO FASCISTA non godeva di una vera e propria ideologia politica. Quando i fasci si presentarono alle elezioni, nei loro programmi era previsto che bisognava nuovamente devolvere allo Stato i beni ecclesiastici: quindi il loro PROGRAMMA era ANTICLERICALE. Ma nel 1919 il partito fascista non riuscì a mandare neanche un deputato in Parlamento. non fu così nel 1921, quando Mussolini ottenne il mandato

parlamentare e mostrò che la POSIZIONE FASCISTA RIGUARDO LA POLITICA ECCLESIASTICA ERA

TOTALMENTE CAMBIATO: egli sottolineò l’importanza del Papato per accrescere l’influenza dell’Italia nel mondo. Il fatto che il partito fascista si fosse fuso con il partito nazionalista cambiò radicalmente il modo di considerare la politica ecclesiastica: infatti, la religione cattolica, in quanto religione dei padri e tradizione culturale del popolo italiano, era vista come strumento valido ad unificare la nazione. Così, cominciarono a spuntare le prime norme totalmente a favore della religione cristiana (pensiamo al delitto di vilipendio della religione dello Stato); nel frattempo, avendo liquidato l’opposizione, il partito fascista cominciò ad avere un potere totale. In questo clima, nel 1926, cominciarono le prime trattative per la stipulazione dei Patti Lateranensi: la solenne stipulazione dei Patti avvenne nel palazzo del Laterano l’11 Febbraio 1929. Gli accordi non riguardavano solo la soluzione della “questione romana” (a cui è dedicato il Trattato), ma anche la condizione della Chiesa e della religione in Italia (a questo è dedicato il Concordato). Il CONCORDATO DEL 1929 riconosceva ampia libertà alla Chiesa cattolica.

Le leggi per l’esecuzione dei Patti furono presentati per l’approvazione ad una Camera eletta plebiscitariamente e ad un Senato largamente amico. L’unico discorso contrario fu quello fatto da Benedetto Croce e ci furono solo 6 voti contrari. In questo clima, il Parlamento approvò rapidamente le leggi che davano esecuzione ai Patti. Questa Conciliazione era solo funzionale, in quanto avvenne tra uno Stato autoritario ed una Chiesa ancora non pacificata con il mondo moderno. Comunque, molti provvedimenti politici furono ben visti ed approvati dalla Chiesa: per esempio la conquista dell’Etiopia poteva favorire l’attività missionaria; l’intervento nella guerra civile spagnola a favore del generale Franco andava contro il comunismo ateo.

Però il Governo fu di parola: aveva promesso di rinvigorire il principio della religione di Stato, e così fece. Infatti, furono promulgate leggi che vietarono totalmente di poter professare religioni diverse da quella cattolica: perciò le minoranze furono debellate. Questo fu il periodo in cui i rapporti tra lo Stato e la Chiesa andavano relativamente bene:

ma quando il Governo cominciò a voler attuare quei principi razzisti che si erano diffusi in Germania con il nazismo, la Chiesa cominciò ad opporsi (1938).

Spazzato via il fascismo, negli incerti anni che precedettero la formazione della Repubblica, i rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose andarono avanti sulla base del Concordato.

DAL 1947 AI GIORNI NOSTRI: la stipulazione dei Patti Lateranensi incontrò molte critiche da parte dei gruppi antifascisti, i quali erano costretti alla clandestinità o all’esilio.

10

appunti@email.it

Durante la guerra, la Chiesa fece il proprio dovere: tutti quelli che temevano le persecuzioni o erano già perseguitati dai nazifascisti trovavano rifugio negli istituti

ecclesiastici. I cattolici, e in particolare la Democrazia Cristiana, presero parte al Comitato

di Liberazione Nazionale (CLN).

Alla vigilia delle elezioni dell’Assemblea costituente e del referendum istituzionale, nessun partito della sinistra propose la denuncia dei Patti Lateranensi o una politica ecclesiastica contraria alla Chiesa cattolica; questa situazione portò alla formazione delle norme costituzionali per la materia religiosa e alla riconferma dei Patti. Gli unici ad opporsi furono il Partito d’azione ed il Partito repubblicano. La DC seguì le direttive della Santa Sede nella vicenda riguardante il richiamo dei Patti Lateranensi nella Costituzione:

infatti la Santa Sede era preoccupata ad ottenere la firma della Repubblica su quegli stessi accordi. Per il raggiungimento di questo obiettivo la DC trovò un forte alleato nel PCI, il quale era preoccupato di salvaguardare la pace religiosa degli italiani: questa pace si sarebbe ottenuta solo con la conferma dei Patti.

Data la situazione politica del nostro paese, dobbiamo affermare che almeno nei primi anni dall’entrata in vigore della Costituzione, lo Stato italiano si presentava confessionista in tutti i sensi: tale confessionismo non affiorava nella Costituzione formale, ma caratterizzava l’ordinamento. Solo quando ci fu il declino dei governi centristi la Corte Costituzionale ristabilì la libertà di culto delle minoranze religiose (con sentenze che vanno dal 1957 al 1959).

Anche con l’avvento dei governi di centro–sinistra non si ebbe nessun rinnovamento:

l’immobilismo di tali governi spense tutti i progetti riformatori. In questo clima era impossibile pensare ad una revisione del concordato; solo il 5 ottobre del 1967 prese

l’avvio il procedimento di revisione del Concordato. È stato un procedimento molto lungo

e faticoso che è terminato solo nel 1984.

Vediamo il perché delle lungaggini di questo procedimento. Una volta votato alla Camera l’ordine del giorno, il Ministro di Grazia e Giustizia nominò una commissione per le proposte da fare alla Santa Sede nel novembre del 1968. Questa commissione terminò i

lavori nel 1969, ma furono tenuti segreti fino al 1976; inoltre si deve ricordare che, durante

i lavori, si vennero a verificare delle condizioni che facevano cadere ogni trattativa con la

Santa Sede. Una di queste condizioni era l’introduzione del DIVORZIO in Italia. Infatti, nel 1968, cominciò l’iter legislativo per legalizzare lo scioglimento del matrimonio che provocò le proteste della Chiesa. Solo dopo questa vicenda iniziarono le trattative per la revisione del Concordato, favorite anche dal fatto che era in carica uno dei primi governi

di “solidarietà nazionale”. Forse anche grazie a questo nuovo quadro politico, le trattative

ebbero uno stile completamente diverso: non più riservate o segrete, ma pubbliche discussioni in Parlamento.

Il fatto di regolare i rapporti tra Stato e Chiesa direttamente in Parlamento ci fa capire

come le forze politiche considerassero questa questione di rilevanza istituzionale, tanto da ritenere opportuno la presenza della opposizione. Comunque, anche la presentazione parlamentare dei problemi tra Stato è Chiesa è stata limitata.

11

appunti@email.it

La revisione del Concordato è stata molto lenta (9 anni dall’ordine del giorno della Camera), e questa lentezza ha fatto nascere nuovi meccanismi per il rinnovamento della disciplina tra Stato e Chiesa cattolica.

Le trattative per la revisione hanno dato vita alla presentazione di varie bozze di Accordo:

la prima fu presentata dal governo Andreotti nel 1976. Questa fu molto criticata perché aveva molte lacune ed era deludente. Dopo furono presentate altre bozze: tutte avevano in comune la decisione di lasciare ad un’altra intesa la disciplina della materia degli enti e del patrimonio della Chiesa (di cui l’art. 7 ha previsto soltanto alcuni dei principi fondamentali).

Comunque il tanto sospirato ACCORDO fu stipulato in forma solenne il 18 FEBBRAIO 1984 a Villa Madama dal Segretario di Stato Cardinale Agostino Casaroli e dal Presidente del Consiglio Bettino Craxi. Anche se questo Accordo presenta collegamenti con il vecchio Concordato, lo stesso e il successivo Protocollo del 15 Novembre del 1984 formano un nuovo Concordato perché nulla è rimasto del vecchio. La differenza sostanziale tra il vecchio ed il nuovo Concordato è quantitativa: il vecchio presentava 46 articoli, mentre il nuovo ne presenta ben 96 (anche se presenti in testi diversi). Ciò che invece accomuna tutti gli accordi, a partire dal 1929 fino al 1984, è il voler cercare la soluzione delle questioni pendenti tra Stato e Chiesa mediante concordati. Perciò c’è un certo rispetto dello Stato nei confronti della Chiesa, in quanto non impone soluzioni unilaterali, ma ritiene opportuno che le sue leggi debbano dare esecuzione ad accordi.

Oltre all’Accordo stipulato con la Chiesa cattolica, il 21 Febbraio 1984 anche le confessioni valdese e metodista stipularono in maniera solenne un’Intesa con lo Stato. Sulla scia di questi fatti, il 26 Dicembre del 1986 lo Stato stipulò altre due intese con le “Assemblee di Dio in Italia” e con “l’Unione italiana delle Chiese avventiste del settimo giorno”. Molto più laboriosa è stata la conclusione dell’Intesa con l’ebraismo italiano: infatti le comunità ebraiche dovettero prima formare un nuovo statuto interno. Così, anche se l’Intesa fu raggiunta il 27 Febbraio 1987, la legge per l’esecuzione di tale intesa si ebbe solo nel 1989. Ricordiamo, inoltre, che lo Stato ha stipulato un’Intesa con “l’Unione cristiana evangelica d’Italia” (UCEBI) il 29 Marzo 1993; mentre 1l 20 Aprile del 1993 è stata raggiunta una intesa con la “Chiesa evangelica luterana”.

Tutti gli accordi e le intese stipulati tra lo Stato e le varie confessioni religiose prevedono la possibilità di essere successivamente riviste, nel caso in cui ce ne fosse bisogno. Essendo più precisi, le leggi prevedono un riesame delle Intese ogni dieci anni dall’entrata in vigore della legge di approvazione.

12

appunti@email.it

CAPITOLO III: L’ORDINAMENTO STATUALE E IL FENOMENO RELIGIOSO. I SOGGETTI “RELIGIOSIE I POTERI PUBBLICI

Nel regolare il fenomeno religioso, lo Stato attribuisce rilevanza giuridica alle norme delle confessioni religiose e riconosce vari SOGGETTI: le persone fisiche (in quanto credenti o non), gli enti personificati (con un fine di religione o di culto) e le confessioni religiose.

Dato l’art. 19 della Costituzione, in Italia è assicurata la libertà dell’individuo di poter professare qualsiasi religione riconosciuta; la posizione giuridica del singolo non cambia i relazione alla scelta religiosa da lui effettuata. Ma ciò non impedisce allo Stato di attribuire rilevanza all’appartenenza ad una certa confessione religiosa o al fatto di rivestire posizioni particolari all’interno delle stesse. La qualificazione confessionale può essere diretta (pensiamo agli ebrei che devono pagare contributi alla propria Chiesa perché previsto nello statuto di questa) o in maniera indiretta (pensiamo al fatto che la legge prevede di destinare una quota del gettito fiscale alla Chiesa cattolica, o a quelle rappresentate nella Tavola valdese, e così via).

Importanti risultano

ecclesiastico, sacerdote, religioso, Arcivescovo, Vescovo, Abate, Prelato, Sommo Pontefice, ministro di culto, e tanti altri. Definiamo le più importanti.

La qualifica di “MINISTRO DI CULTO” si riferisce a chi riveste una posizione differenziata dal semplice fedele. Sono ministri di culto il sacerdote cattolico, il rabbino ebraico, ecc. La qualifica di “ECCLESIASTICO” ha un significato più ampio per la Chiesa cattolica, in quanto godono di tale qualifica non solo i sacerdoti ma anche coloro che abbiano ricevuto il diaconato. Invece, i “RELIGIOSI” sono gli aderenti alle associazioni religiose di vita consacrata che abbiano pronunciato i voti.

Come per lo Stato risulta indifferente la scelta e la posizione religiosa di un individuo, così è giuridicamente indifferente che un ENTE abbia o meno un carattere confessionale. L’art. 20 della Costituzione prevede che il fine di culto di una associazione non possa determinare limitazioni legislative o aggravi fiscali per la sua formazione e per ogni sua attività. Un ente è ecclesiastico se è stato costituito o approvato dall’autorità ecclesiastica e se abbia in modo essenziale un fine di religione e di culto. Nel nostro ordinamento

hanno una relativa importanza anche le FORMAZIONI SOCIALI CON FINE DI RELIGIONE O DI

CULTO: esse sono garantite dall’art. 2 della Costituzione, in quanto centri di svolgimento della personalità individuale.

Le istituzioni religiose che assumono maggiore importanza nella Costituzione sono le CONFESSIONI RELIGIOSE. Anche se vi sono alcuni articoli dedicati alla materia religiosa (pensiamo soprattutto agli art. 7 e 8 della Costituzione), nella nostra Costituzione manca una nozione di “confessione religiosa”. Non è neanche semplice riuscire a dare una definizione unica, in quanto i vari gruppi sociali qualificati come “confessioni religiose” o che aspirano a tale qualifica sono molto diversi l’uno dall’altro. L’unica caratteristica che si riscontra nella nostra Costituzione è che una confessione religiosa è un “gruppo sociale con fine religioso”: ma questo non ci aiuta molto.

essere

le

QUALIFICHE

SPETTANTI

A

TALUNE

PERSONE

FISICHE:

13

appunti@email.it

Infatti, negli ultimi anni sono proliferate a dismisura molte iniziative che si autodefiniscono religiose: sono sia di origine nazionale che estere. Bisogna saper distinguere. Nel mondo moderno molte persone hanno un bisogno di religiosità che, quando non viene soddisfatto dalle confessioni istituzionali, viene cercato in altre

organizzazioni che offrono una interpretazione fondamentalista del messaggio evangelico (pensiamo ai testimoni di Geova). Andando aldilà di tali affermazioni, a noi interessa conoscere quale sia il rapporto trai dirigenti e gli aderenti a tali organizzazioni dal punto

di vista giuridico, e quali siano le modalità del proselitismo. Proprio per quanto riguarda

questo problema, è intervenuto il Parlamento Europeo con una risoluzione approvata il 22 Maggio del 1984; essa contiene i criteri a cui i nuovi movimenti religiosi devono attenersi per essere considerati leciti. Questi i principali:

- non possono essere presenti minorenni;

- devono concedere un sufficiente periodo di riflessione ai propri aderenti prima di assumere impegni finanziari o personali;

- non devono impedire agli aderenti i contatti con parenti ed amici;

- non devono incoraggiare gli aderenti ad infrangere la legge;

- l’aderente deve poter liberamente abbandonare l’organizzazione, chiedere consigli legali (al di fuori dell’organizzazione) e chiedere assistenza medica.

Questi criteri derivano dall’esperienza, perché molto spesso è successo (succede e succederà ancora) di incontrare truffatori pronti a tutto pur di potersi arricchire. Quando questi criteri non vengono rispettati, questi gruppi non possono essere definiti religiosi.

Dall’art. 7 della Costituzione di deduce subito che la CHIESA CATTOLICA gode di un ORDINAMENTO GIURIDICO ORIGINARIO; alcuni affermano che, alla luce dell’art. 8, 2° comma della Costituzione, non è sicuro che tale qualifica spetti anche alle altre confessioni religiose. La disposizione dell’articolo che ci interessa afferma che le confessioni diverse da

quella cattolica “HANNO DIRITTO DI ORGANIZZARSI SECONDO I PROPRI STATUTI, IN QUANTO NON CONTRASTINO CON LORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO”. Ma il fine della norma è di far si

che le confessioni diverse da quella cattolica abbiano un minimo di organizzazione, affinché si possa dire che esiste un ordinamento giuridico; quindi gli ordinamenti di tutte le confessioni è ORIGINARIO.

Molti hanno voluto trovare un collegamento tra l’art. 8 , 2° comma Cost. con l’art. 18 Cost.; ma l’esistenza di un ordinamento giuridico è qualcosa di diverso dall’esistenza di un’associazione. L’ordinamento giuridico è originato dall’impulso organizzatorio del

gruppo, che prescinde dall’esistenza di un’associazione; invece, le associazioni sono regolate dagli accordi presi dagli associati (nel rispetto delle norme previste dal codice civile), e non hanno nulla a che fare con la religione. Non si è cristiani, ebrei o musulmani

in forza di un contratto soggetto alle leggi dello Stato, ma è un impulso che ognuno ha

dentro di sé. Tanto è vero che quando si stipulano degli accordi che creano diritti e doveri tra i contraenti, non possiamo più parlare di “confessione religiosa”, ma di associazione.

14

appunti@email.it

Per ottenere la qualifica di “confessione religiosa”, il primo problema è quello dell’ENTITÀ NUMERICA DEL GRUPPO. Infatti, non è che un piccolo gruppo può pretendere di essere considerato una confessione religiosa; ciò vale per le associazioni, ma non per le confessioni. Ma se pensiamo al fatto che Cristo aveva solo 12 discepoli, questo discorso potrebbe facilmente cadere. Per questo la dottrina ha posto l’accento su altre caratteristiche:

1) ISTITUZIONALITÀ DEL GRUPPO: il gruppo dovrebbe presentarsi legato dal vincolo di una fede comune che dia ad esso un assetto unitario. Ma questa tesi viene criticata perché l’opinione che il gruppo, per essere qualificabile come confessione, debba avere carattere istituzionale va oltre la legge. Infatti, l’art. 8 Cost. ammette che possano esserci confessioni religiose organizzate o non, ma egualmente qualificabili come confessioni religiose.

2) PECULIARITÀ DEL FINE SPECIFICO PERSEGUITO: anche questa tesi è criticata in quanto non riesce a chiarire la nozione di “confessione religiosa”. Infatti anche le associazioni hanno un loro fine specifico; quindi potrebbe sembrare che non vi sia distinzione tra associazioni e confessioni religiose.

3) TRADIZIONALITÀ RELIGIOSA: la critica mossa a questa tesi è che la conformità del fine religioso alla tradizione italiana è estraneo alla Costituzione, in quanto qui è prevista la libertà di organizzazione religiosa per tutte le confessioni di minoranze, e perciò anche per quelle che non sono entrate nella tradizione italiana.

La differenza sostanziale tra una confessione religiosa e un’associazione con fini di

religione o di culto è che LA CONFESSIONE RELIGIOSA HA UNA PROPRIA CONCEZIONE TOTALE ED

ORIGINALE DEL MONDO, che riguarda non solo i rapporti tra l’uomo e Dio, ma anche i rapporti tra uomo e uomo (dettando regole che disciplinano il comportamento dell’individuo all’interno di altre comunità); invece, l’associazione non ha una propria originale concezione del mondo e, quando cercano di averla, sono sempre degli organismi legati ad organizzazioni più ampie. Quindi possiamo affermare che la caratteristica fondamentale di una confessione religiosa è l’avere una propria originale concezione del mondo.

Però dobbiamo stare attenti al significato dell’aggettivo “religiosa”: infatti esso qualifica i gruppi e li differenzia dalle altre comunità. Con il termine RELIGIONE si intende quel complesso di dottrine costruite intorno al presupposto dell’esistenza di un Essere trascendente, al quale l’uomo è tenuto a dare rispetto, obbedienza e anche amore. Le comunità che accettano una fede trascendente, la esplica mediante riti con cui si adora questo Essere e si chiede ad esso un atteggiamento benevolo. Però il discorso cambia nel momento in cui prendiamo in considerazione le religioni che hanno una concezione immanentista del divino. Secondo tali teorie, l’uomo deve cercare il divino in se stesso o per liberarsi nel nirvana dal desiderio e dalla volontà di vita (buddismo), o per esaltare la propria personalità e conoscere il divino attraverso la scienza (gnosi, Scientology) o cercando il divino in tutto ciò che è nel mondo sensibile. Da questo discorso possiamo

definire le CONFESSIONI RELIGIOSE

ORGANIZZAZIONE E NORMAZIONE PROPRIA ED ORIGINALE CONCEZIONE DEL MONDO, BASATA

come “COMUNITÀ SOCIALI STABILI DOTATE (O NON) DI

15

appunti@email.it

SULLESISTENZA DI UN ESSERE TRASCENDENTE, IN RAPPORTO CON GLI UOMINI O SULLA RICERCA

DEL DIVINO NELLIMMANENZA”. Da qui nasce la differenza tra le confessioni religiose e i CIRCOLI ATEISTICI (i quali affermano la non esistenza di Dio).

Quando lo Stato attribuisce la QUALIFICA di confessione religiosa deve tener conto dei criteri enunciati dalla Corte Costituzionale, da seguire dal primo all’ultimo:

1) STIPULAZIONE DI UNINTESA (ex art. 8, 3° comma Cost.);

2)

EVENTUALI PRECEDENTI RICONOSCIMENTI PUBBLICI;

3)

ESISTENZA DI UNO STATUTO CHE ESPRIMA I CARATTERI DELLORGANIZZAZIONE;

4)

COMUNE CONSIDERAZIONE.

Per quanto riguarda le confessioni diverse da quella cattolica, dobbiamo ricordare che la legge non dice che essi sono ordinamenti, perché lo Stato non vuole violare l’immagine di questi gruppi; ma, ad ogni modo, la legge dice che quando una confessione religiosa dia vita ad un ordinamento, questo è rispettato dal diritto dello Stato. Chiaramente, per ottenere il riconoscimento statale, tali confessioni devono avere uno statuto organizzativo conforme all’ordinamento italiano. Qui entra in gioco l’art. 1 della legge n. 1159 del 24 Giugno 1929: qui viene affermato il riconoscimento degli altri culti diversi da quello cattolico, “purché non professino PRINCIPI e non seguano riti contrari all’ordine pubblico o al buon costume”. Ma la posizione sostenuta da questa legge non è accettabile per una serie di motivi. Innanzitutto essa ha perso il suo carattere di generalità e non è utilizzabile per intendere l’art. 8, 2° comma Cost; poi, il citato art., prevede il diritto delle confessioni diverse da quella cattolica di organizzarsi secondo propri statuti non contrastanti con l’ordinamento giuridico italiano, ma i principi religiosi non possono essere valutati in quanto vanno al di là delle competenze statali. Ecco quindi che la legge suddetta ha perso totalmente valore, anche alla luce dell’ACCORDO stipulato il 18 Febbraio 1984, ma rimane ancora viva la tesi della sua applicabilità per il timore che nel nostro Paese si diffondano confessioni che potrebbero stravolgere l’etica comune. Tale timore, però, è totalmente infondato in quanto lo Stato non si oppone a comportamenti eterodossi (sempre che non siano contrari alla legge).

Adesso è importante capire quali sono le DIFFERENZE TRA LA FORMULAZIONE dell’art. 7, 1° comma Cost. e l’art 8, 2° comma Cost La prima disposizione riguarda un determinato ordinamento giuridico, riconosciuto da sempre, che ha una struttura organizzativa ben nota e con cui il diritto dello Stato è collegato per la disciplina di varie materie; invece, la seconda disposizione si riferisce a tutte le confessioni religiose (anche a quelle che si formeranno in futuro) che, per la prima volta, vengono considerate come ordinamenti. Quindi, da parte dello Stato, c’è lo stesso riconoscimento del carattere di ordinamento giuridico sia per la Chiesa cattolica che per le altre confessioni religiose: sarebbe contraddittorio il riconoscimento di un ordinamento giuridico come subordinato. Inoltre, non bisogna farsi ingannare dalla disposizione contenuta nell’art. 8 Cost., la quale afferma che gli statuti delle organizzazioni debbano essere conformi all’ordinamento statale: ciò non significa che tali ordinamenti sono subordinati allo Stato, ma che lo Stato non riconosce come ordinamenti giuridici primari quelle confessioni che hanno statuti non conformi allo Stato.

16

appunti@email.it

Quindi, il vero significato dell’art. 8, 2° comma Cost., è che lo Stato riconosce come ordinamenti giuridici quelle confessioni i cui statuti non siano in contrasto con il suo ordinamento: nel caso in cui ci fossero contrasti, lo Stato considera il gruppo non come confessione religiosa, bensì come associazione. In definitiva, le confessioni religiose che hanno uno statuto conforme a quello statale sono considerati ordinamenti originari e indipendenti; mentre le confessioni religiose che hanno uno statuto in contrasto con quello statale non godono di una loro indipendenza e devono rispettare le norme statuali di diritto comune, che devono essere applicate da quelle confessioni religiose che non hanno stipulato intese con lo Stato.

Un altro problema rilevante è quello della PERSONALITÀ DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE nel diritto italiano. La Chiesa cattolica ha personalità nel diritto pubblico italiano: cioè, è un’istituzione di diritto pubblico con caratteri del tutto speciali (con l’aiuto di molta astrattezza, la sua posizione per alcuni rapporti può essere avvicinata a quella degli Stati stranieri). Invece, la Chiesa non ha personalità nel diritto privato: sia perché tale qualità non è mai stata riconosciuta sia, perché vengono riconosciuti titolari dei beni ecclesiastici i singoli enti e non la Chiesa considerata in modo unitario. Neanche le altre confessioni religiose, di regola, hanno personalità giuridica di diritto privato nell’ordinamento statale. Infatti, il fatto che venga riconosciuto l’ordinamento giuridico istituito da una comunità non significa riconoscere anche la personalità giuridica. Anche quando la legge ha riconosciuto la personalità giuridica ad alcune comunità (come è avvenuto per le Comunità israelitiche), il riconoscimento riguarda singoli enti esponenziali di essa e non l’intera comunità.

Nel momento in cui lo Stato riconosce agli effetti civili l’appartenenza confessionale di una persona fisica o di un ente, o la qualifica da loro rivestita, la legge attua un COLLEGAMENTO tra l’ordinamento statale e l’ordinamento confessionale. Ci sono vari criteri di collegamento tra ordinamenti giuridici: il rinvio recettizio, il rinvio formale e il presupposto in senso tecnico. Il criterio del RINVIO RECETTIZIO non è usato, in quanto questo viene utilizzato quando un dato ordinamento, ritenendosi competente a disciplinare una materia, attua tale disciplina utilizzando norme di un altro ordinamento. Si ha il PRESUPPOSTO IN SENSO TECNICO nel momento in cui il diritto dello Stato attribuisce efficacia ad una qualifica confessionale: le varie posizioni di Vescovo, fedele o Sommo Pontefice sono riconosciute dall’ordinamento italiano così come sono disciplinate dagli ordinamenti confessionali. Si ha il RINVIO FORMALE quando la legge rinvia all’ordinamento confessionale la disciplina di materie che sono regolate dal diritto statale, perché di competenza dello Stato, ma che sono anche di competenza dell’ordinamento confessionale. La caratteristica di tali norme è il fatto che lo Stato è competente a disciplinare materie quali il controllo sugli enti o il matrimonio ma, essendo presenti in essi delle caratteristiche di competenza religiosa aliene allo Stato, l’ordinamento attribuisce rilevanza al diritto delle confessioni religiose. Comunque dobbiamo ricordare che gli atti

17

appunti@email.it

rientranti nell’autonomia delle confessioni religiose (riconosciuta dallo Stato) sono privi di rilevanza giuridica all’interno dell’ordinamento.

Il collegamento che si istituisce tra l’ordinamento giuridico statale e i vari ordinamenti

confessionali può riguardare la RILEVANZA NEL DIRITTO STATUALE DEGLI ATTI AUTORITATIVI

compiuti all’interno di tali confessioni: si tratta di atti normativi, atti amministrativi o di atti giurisdizionali. Logicamente, questo discorso vale soprattutto per gli atti posti in essere dalla Chiesa cattolica: qui entriamo nell’ambito della GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA. La rilevanza della giurisdizione ecclesiastica all’interno del diritto canonico è diversa da quella all’interno del diritto dello Stato. All’interno della Chiesa, tale definizione sta ad indicare tutti i poteri (legislativo, amministrativo e giudiziario), che sono difficilmente separabili all’interno dell’ordinamento canonico. Invece, all’interno del diritto dello Stato, tale espressione si riferisce alla rilevanza di provvedimenti emanati dall’autorità ecclesiastica nell’esercizio del potere giudiziario o con le modalità proprie degli atti giudiziari.

La rilevanza civile dei provvedimenti canonici avviene su tre piani:

1) GIUDIZIARIO: per es., lo Stato ha riconosciuto effetti giuridici alle sentenze emesse dai tribunali ecclesiastici che riguardano la nullità dei matrimoni canonici trascritti nei registri dello stato civile;

2) AMMINISTRATIVO: la Chiesa regola lo svolgimento, l’instaurazione e la permanenza di alcuni rapporti di pubblico impiego (pensiamo all’idoneità rilasciata a coloro che sono chiamati ad insegnare la religione cattolica nelle scuole pubbliche)

3) CERTIFICATIVO: con il potere di certificazione non solo si producono effetti nel diritto dello Stato, ma si certifica la situazione giuridica esistente nell’ordinamento della Chiesa (es.: parroco che attesta la celebrazione di un matrimonio ai fini della sua trascrizione civile). Inoltre, quando un individuo perde una determinata qualifica all’interno di una determinata confessione, questi perderà tale qualifica anche ai fini del diritto dello Stato.

Il fatto che la maggior parte delle norme statuali riguardino la Chiesa cattolica, non deve far dimenticare che vi sono altre norme che riconoscono dei poteri anche ad autorità delle confessioni religiose di minoranza. Infine dobbiamo ricordare che l’esercizio della giurisdizione confessionale incontra un limite nei diritti inviolabili garantiti ai singoli dalla Costituzione: ma i poteri delle confessioni religiose incontrano anche altri limiti (es.: le sentenze di nullità dei matrimoni canonici trascritti nei registri dello stato civile, devono essere dichiarate esecutive dalla competente autorità giudiziaria italiana).

Vi sono numerosi ORGANI COSTITUZIONALI ED UFFICI che hanno specifiche competenze nella materia religiosa. Il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, per quanto riguarda i rapporti con la Chiesa cattolica, ha il potere di nominare i plenipotenziari per la conclusione dei concordati e di ratificare, previa l’autorizzazione del Parlamento, i concordati conclusi; per quanto riguarda le confessioni religiose di minoranza, egli ha il potere di promulgare le leggi basate su intese con le stesse confessioni. Il PRESIDENTE DEL CONSIGLIO dei ministri

18

appunti@email.it

rappresenta lo Stato negli accordi con le confessioni religiose e coordina l’attività dei vari dicasteri in materia ecclesiastica.

Il CONSIGLIO DEI MINISTRI delibera sugli atti che riguardano i rapporti tra Stato e Chiesa cattolica, e tra Stato e confessioni di minoranza: inoltre determina e mantiene l’indirizzo politico in materia ecclesiastica. L’organo dell’amministrazione centrale con una competenza generale in materia ecclesiastica è il MINISTRO DELLINTERNO. Presso questo Ministero sono state istituite due direzioni generali per amministrare l’attività ecclesiastica: la prima è la Direzione generale degli Affari di culto; la seconda è la Direzione generale del fondo per il culto e del fondo di religione e di beneficenza per la città di Roma. Nel 1977, queste due direzioni generali sono state fuse in un unico ufficio centrale: DIREZIONE GENERALE DEGLI AFFARI DEI CULTI. A tale ufficio spettano: 1) le competenze in materia religiosa che riguardano gli enti della Chiesa cattolica e delle confessioni di minoranza; 2) la vigilanza e la tutela sugli enti delle confessioni di minoranza ancora disciplinate dalle norme del 1929/30; 3) l’approvazione della nomina dei ministri di culto di tali confessioni. Gli organi periferici del Ministero dell’interno, anche per la materia ecclesiastica, sono le singole Prefetture. Il Prefetto ha competenza per gli atti eccedenti l’ordinaria amministrazione degli enti delle confessioni di minoranza; un altro compito è quello di determinare con proprio decreto il numero delle chiese (che non siano cattedrali o dichiarate monumento nazionale).

Accanto agli uffici pubblici che hanno competenze in materia religiosa, esistono UFFICI ECCLESIASTICI ORGANIZZATI DALLO STATO. È molto diffusa l’assistenza spirituale delle così dette comunità separate (forze armate, ospedali, carceri, ecc.); tale assistenza tende a realizzare effettivamente il diritto di libertà religiosa, in quanto coloro che trascorrono qui la maggior parte del loro tempo, possono usufruire del conforto spirituale delle confessioni professate. Per quanto riguarda l’organizzazione dell’assistenza spirituale per i cattolici, qui importa che gli ecclesiastici incaricati di svolgere tali funzioni siano nominati dalle competenti autorità italiane su designazione dell’autorità ecclesiastica. Pensiamo al Concordato del 1929, il quale presupponeva l’esistenza del servizio di assistenza spirituale delle forze armate: così nacquero i CAPPELLANI MILITARI. Come per ogni impiego alle dipendenze dello Stato, i sacerdoti che vogliono essere nominati cappellani militari devono avere il godimento dei diritti civili e politici: inoltre, devono avere quei requisiti fisici per poter bene esercitare tutte le funzioni inerenti all’assistenza spirituale in qualsiasi sede (sia in pace che in guerra).

L’ordinamento gerarchico del ruolo dei cappellani è equiparato ai gradi degli ufficiali delle forze armate; per quanto riguarda la responsabilità in sede penale e in sede disciplinare, i cappellani militari sono soggetti alla giurisdizione penale militare e al regolamento di disciplina militare soltanto nei casi di mobilitazione totale o parziale, o in caso di imbarco di servizio presso unità dislocate fuori dal territorio nazionale. Riguardo ai cappellani che operano presso gli istituti di prevenzione e pena, dobbiamo ricordare che essi non sono impiegati di ruolo dello Stato, ma fanno parte del personale aggregato. I cappellani che operano presso enti pubblici diversi dallo Stato, possono provvedere a tale

19

appunti@email.it

servizio nel modo in cui ritengono più opportuno: in ogni caso c’è sempre bisogno di una intesa con l’ordinario locale. Infine, per quanto riguarda LASSISTENZA PER I MILITARI

organizzata di

APPARTENENTI ALLE CONFESSIONI DI MINORANZA, l’assistenza spirituale è

volta in volta secondo le richieste avanzate dagli interessati: le confessioni che hanno

stipulato Intese con lo Stato, hanno norme speciali.

CAPITOLO IV: LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

Trattando la materia religiosa, la Costituzione ha seguito un duplice criterio: da un lato ha garantito la libertà religiosa individuale e dei gruppi informali (art. 2, 3° comma e art. 19 Cost.), d’altro canto ha garantito la libertà delle confessioni religiose in misura uguale per tutte (art. 8, 1° comma Cost.) e ha riconosciuto il carattere originario e indipendente dell’ordinamento della Chiesa cattolica (art. 7, 1° comma Cost.) e delle altre confessioni religiose (art. 8, 2° comma Cost.). Tutte le norme sopra menzionate possono essere coordinate in sistema, a cui possono essere collegate le altre disposizioni costituzionali che riguardano un settore comune con il diritto di libertà religiosa, come il diritto di manifestare il proprio pensiero (art. 21 Cost.), il diritto di riunione (art. 17 Cost.) e il diritto di associazione (art. 18 Cost.).

Dando uno sguardo approssimativo alla nostra COSTITUZIONE, ci accorgiamo che essa ha un CARATTERE totalmente PLURALISTA: infatti essa non prende in considerazione solo la libertà di scelta dei singoli individui, ma anche il diritto all’esistenza, all’organizzazione e alla funzionalità delle varie istituzioni che sorgono da iniziative del tutto autonome da quelle dello Stato e di altri enti pubblici. Non potrebbe esistere alcuna libertà di scelta ideologica, religiosa o politica senza un adeguato riconoscimento delle istituzioni e senza un’adeguata garanzia delle loro libertà.

Ritornando alle norme contenute nella Costituzione, si nota come l’art. 7 e l’art. 8 siano le disposizioni fondamentali in materia religiosa, in quanto regolano i rapporti tra lo Stato e tutte le confessioni religiose.

Art. 7 Cost.: “LO STATO E LA CHIESA CATTOLICA SONO, CIASCUNO NEL PROPRIO ORDINE,

LE

INDIPENDENTI

E

SOVRANI. I

LORO RAPPORTI SONO REGOLATI DAI

PATTI LATERANENSI.

MODIFICAZIONI DEI PATTI, ACCETTATE DALLE DUE PARTI, NON RICHIEDONO PROCEDIMENTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE”.

Art. 8 Cost.: “TUTTE LE CONFESSIONI RELIGIOSE SONO EGUALMENTE LIBERE DAVANTI ALLA

LEGGE.

LE CONFESSIONI RELIGIOSE DIVERSE DALLA CATTOLICA HANNO DIRITTO DI

ORGANIZZARSI

SECONDO

I

PROPRI

STATUTI,

IN

QUANTO

NON

CONTRASTINO

CON

20

appunti@email.it

LORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO. I LORO RAPPORTI CON LO STATO SONO REGOLATI PER LEGGE SULLA BASE DI INTESE CON LE RELATIVE RAPPRESENTANZE”.

Risulta molto importante capire come si sono venute a formare queste disposizioni. Durante i lavori preparatori per l’art. 7, si cercò di mettere da parte l’onnipotenza dello Stato: tant’è vero che Dossetti propose una formula che riconosceva lo Stato come membro della comunità internazionale, e quindi riconosceva come originari gli ordinamenti degli altri Stati e della Chiesa. Però, nella formazione di questo articolo, ci furono alcune critiche sollevate dai laici; questi non accettavano che tale disposizione fosse contenuta nella Carta Costituzionale, ma affermavano che essa poteva essere l’argomento di un trattato internazionale (in cui due potestà riconoscono la reciproca indipendenza e sovranità).

Mentre l’approvazione del 1° comma è stata rapida, l’elaborazione e l’approvazione del 2° comma dell’art. 7 (riguardante i Patti Lateranensi) è stata abbastanza laboriosa. La

disputa nasceva sulla valore che la norma doveva attribuire ai Patti, poiché non si sapeva

se il loro valore fosse uguale o minore alle norme della Costituzione.

Una volta approvata la parte sui Patti, il legislatore ha voluto mettere in evidenza come

questi accordi non hanno un valore vincolante eterno: infatti, la disposizione prevede che

ci possono essere delle modifiche da apportare a tali accordi. Dobbiamo sottolineare che

tutti quelli che furono convinti sostenitori dell’approvazione di tale disposizione, con altrettanta convinzione affermavano che il richiamo alle norme contenute nei Patti, non attribuiva ad esse un valore uguale a quello delle norme costituzionali: quindi, l’art. 7 non era altro che una norma sulla produzione giuridica che indicava l’iter da seguire per formulare le norme che avrebbero potuto modificare i Patti. Gli oppositori, invece, sostenevano che tale disposizione costituzionalizzasse gli Accordi del 1929. Comunque, obiettivamente, non si può affermare che il 2° comma dell’art. 7 attribuisca valore costituzionale alle norme contenute nei Patti; in più, da nessuna parola contenuta in

questa disposizione si può dedurre che il legislatore avesse intenzione di fare ciò. Le difficoltà nell’approvazione di questa disposizione erano anche di origine politica: infatti, con o senza costituzionalizzazione, l’approvazione di tale testo significava mantenere vivi gli Accordi del 1929. Minor importanza ebbero gli iter per la formazione degli altri articoli

in materia religiosa, e cioè gli art. 8, 19 e 20. Questi furono approvati senza che nascessero

scontri tra le parti impegnate nell’Assemblea costituente.

Come per tutte le situazioni, anche intorno al 1° comma dell’art. 7 nacquero critiche e giustificazioni: da un lato c’era chi vedeva in questa disposizione un “omaggio politico” alla Chiesa; dall’altro lato c’era chi sottolineava il valore di tale disposizione. Ad ogni modo, risulta importante il riconoscimento dell’originarietà dell’ordinamento canonico: il suo carattere primario deriva dal fatto che esso è nato per forza propria, senza l’intervento esterno di nessun altro ente. Il fatto che l’originarietà sia riconosciuta all’interno della Carta, fa si che la posizione della Chiesa sia elevata a presupposto costituzionale nei confronti del diritto statuale. Dunque, tutti gli atti statali che considerano la Chiesa come un ordinamento subordinato allo Stato, sarebbero in contrasto con tale norma. La Costituzione non esclude che lo Stato possa intervenire nelle materie ecclesiastiche di sua competenza, ma esclude che lo Stato possa considerare la Chiesa come ordinamento

21

appunti@email.it

subordinato: quindi, in Italia non potrebbe mai esserci un regime cesaropapista dove il capo dello Stato è anche capo della religione. Ovviamente, anche lo Stato non può essere subordinato alla Chiesa.

Sempre il 1° comma dell’art. 7 risulta impreciso: infatti, quando afferma la sovranità e l’indipendenza dei due ordinamenti, afferma che queste si realizzano “OGNUNA NEL PROPRIO ORDINE”. Ma quale sia questo ordine, non viene specificato. In mancanza di tale determinazione, la dottrina ha pensato che l’ordine proprio della Chiesa coincida (più o meno) con i rapporti spirituali e religiosi. Questo problema di rapporti tra i due

ordinamenti non è stato ancora risolto: è il così detto problema della “COMPETENZA DELLE COMPETENZE”, ossia non si sa a quale soggetto attribuire la risoluzione di un eventuale conflitto di competenza insorto tra lo Stato e la Chiesa. Essendo impensabile che la Chiesa

si sottometta al volere dello Stato, e viceversa, non resta che cercare di risolvere il

problema attraverso un accordo tra le parti. Se le parti non riescono a mettersi d’accordo, lo Stato può sempre decidere in maniera unilaterale anche per i casi che non sono di sua

competenza, perché gli spetta la competenza delle competenze.

La soluzione di questo problema non è di facile soluzione anche se prendiamo in

considerazione il 2° comma dell’art. 7. Infatti, anche se ci rifacessimo ai Patti Lateranensi,

ci accorgeremmo che tali protocolli trattano soprattutto materie che non sono di

competenza esclusiva né della Chiesa né dello Stato. Qui troviamo regolate le così dette “MATERIE MISTE”, cioè le materie di competenza comune.

Il dibattito dottrinale sull’interpretazione dell’art. 7 è stato molto vivo sino a quando non c’è stato l’intervento della Corte Costituzionale. Subito dopo l’entrata in vigore della Costituzione, i giuristi che posero l’attenzione su questo articolo sostennero che i Patti Lateranensi erano stati costituzionalizzati. Avendo lo stesso valore delle leggi costituzionali, le disposizioni contenute nei Patti risultavano gerarchicamente superiori alle norme poste dalla legge ordinaria; non solo, se venivano considerate norme costituzionali speciali, esse finivano per prevalere sulle stesse norme costituzionali. Abbandonata la tesi della costituzionalizzazione delle norme concordatarie, si cominciò ad affermare che la Carta avrebbe costituzionalizzato il “PRINCIPIO CONCORDATARIO”. Una PRIMA TESI afferma che lo Stato è obbligato regolare in maniera concordataria tutte le materie che toccavano gli interessi della Chiesa cattolica: questa teoria, oltre a garantire i Patti e la sua legge di esecuzione, garantirebbe anche le future modificazioni. Una SECONDA TESI afferma che l’art. 7 avrebbe introdotto un sistema particolare che non subirebbe l’influenza della norme costituzionali: anzi, le disposizioni di questo sistema prevarrebbero sulle norme costituzionali generali che interferiscono nelle materie regolate dallo stesso sistema. La TERZA TESI, invece, vede nell’art. 7 il riconoscimento della regola internazionale dello stare pactis e garantirebbe tutte le convenzioni stipulate con la Santa Sede (anche le future); le leggi ordinarie in contrasto con le norme garantite dall’art. 7 sarebbero viziate da illegittimità costituzionale.

Opposto alla costituzionalizzazione del principio concordatario, si è affermata la teoria della costituzionalizzazione del “PRINCIPIO PATTIZIO”. Questo principio, oltre a garantire

22

appunti@email.it

le norme concordatarie del 1929, garantirebbe anche i nuovi accordi che riguardano le materie disciplinate dai Patti Lateranensi.

Abbandonando i principi “concordatario” e “pattizio”, nasce un’altra tesi: quella che

considera l’art. 7 come una “NORMA DI ADATTAMENTO AUTOMATICO AGLI ACCORDI CON LA

SANTA SEDE”. L’art. 7 sarebbe un ordine di esecuzione nell’ordinamento interno delle norme pattizie: esso garantirebbe tutti gli accordi conclusi in qualsiasi momento tra lo Stato e la Santa Sede.

Alcuni autori considerano l’art. 7 come “NORMA SULLE FONTI DEL DIRITTO”. Seconda questa teoria, nella scala gerarchica delle leggi, tra le norme costituzionali e le leggi ordinarie ci sarebbe un gradino intermedio occupato dalle così dette “FONTI NORMATIVE ATIPICHE”; queste, pur avendo il valore di leggi ordinarie, resistono all’abrogazione, alla modifica e alla deroga delle norme di legge costituzionale. La legge n. 810 del 1929 (esecutiva dei Patti Lateranensi) sarebbe una fonte atipica. Per cui le norme garantite dall’art. 7 non possono essere abrogate, modificate o derogate da una legge ordinaria, ma allo stesso tempo queste norme non possono essere in contrasto con le disposizioni costituzionali.

C’è anche chi ha considerato l’art. 7 considerando i suoi “EFFETTI SUL POTERE DELLO STATO”; la tutela risulta essere duplice. Infatti, da un lato bisogna tutelare i Patti Lateranensi nell’ordinamento internazionale; dall’altro lato si deve tutelare la legge n. 810 del 1929 nell’ordinamento interno. Per quanto riguarda il primo ambito, l’art. 7 avrebbe privato il governo della facoltà di denunciare i Patti; invece, per il secondo ambito, lo stesso art. 7 avrebbe privato il legislatore della competenza di abrogare, modificare o derogare le norme contenute nella legge di esecuzione. In caso di stravolgimenti delle situazioni previste dai Patti, il governo sarebbe legittimato solo ad intraprendere delle nuove trattative con la Santa Sede: se queste non portassero ad alcun risultato, il governo avrebbe la facoltà di modificare le norme di origine concordataria con legge costituzionale.

Chi ha affrontato il problema dell’interpretazione dell’art. 7 dopo la pronuncia della Corte Costituzionale, ritiene che tale norma abbia parificato la legge n. 810 del 1929 alle leggi costituzionali; però, gli stessi autori hanno previsto un procedimento di “DECOSTITUZIONALIZZAZIONE”. Questo si verifica quando questa legge, per le parti toccate da un nuovo accordo, perde la parificazione alle leggi costituzionali: per essere modificata, basta una legge ordinaria di ratifica e di esecuzione del nuovo accordo tra l’Italia e la Santa Sede.

L’intervento della Corte Costituzionale sull’interpretazione dell’art. 7 è stato molto graduale. Infatti, ha cominciato a trattare questo problema solo 15 anni dopo la sua entrata in funzione, adottando sempre delle valutazioni molto generiche. Secondo le prime pronunce della Corte, l’art. 7 Cost. “non sancisce solo un generico principio pattizio da far valere solo nella disciplina dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa cattolica, ma contiene un preciso riferimento al Concordato in vigore e, perciò, HA PRODOTTO DIRITTO”. Per precisare quale fosse il diritto prodotto dall’art. 7, la Corte Costituzionale ha collegato

23

appunti@email.it

tutto l’art. 7 con il suo 1° comma: in questo modo ha evidenziato come pur riconoscendo

l’indipendenza e la sovranità dello Stato e della Chiesa, il richiamo ai Patti “non ha la forza

di negare i PRINCIPI SUPREMI DELLORDINAMENTO COSTITUZIONALE dello Stato”. Quindi, se le

norme derivate dai Patti potevano essere dichiarate incostituzionali nel caso in cui fossero

state in contrasto con i “principi supremi”, significa che l’art. 7 aveva “prodotto diritto” nel senso di parificare le norme di origine concordataria alle norme poste da leggi costituzionali. La qualifica delle norme derivanti dai Patti di “norme parificate a quelle prodotte da leggi costituzionali” è messa in evidenza dalla sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum proposto per l’abrogazione

di tali norme, proprio perché la legge di esecuzione dei Patti è da considerare protetta e

garantita dalla Costituzione (quindi, non soggetta a referendum). Perciò, il diritto positivo vigente considera la legge n. 810 del 1929 protetta alla stregua di una legge costituzionale.

Per quanto riguarda l’INDIVIDUAZIONE DELLE NORME DI LEGGE PROTETTE DALLART. 7 COST.,

la Corte si è dimostrata al quanto indecisa ed oscillante. Inizialmente la Corte considerava

protette non solo le norme di origine concordataria introdotte dalla legge di

esecuzione n. 810 del 1929, ma anche quelle dirette ad indicare una delle tante applicazioni possibili delle norme che erano state così adattate. In una successiva sentenza, la Corte tenne a precisare che l’art. 7 Cost. protegge solo la legge n. 810 del 1929, mentre le leggi di applicazione erano comuni leggi ordinarie (che potevano risultare illegittime per contrasto con le norme costituzionali). Dopo l’entrata in vigore degli Accordi del 18 Febbraio e del 15 Novembre del 1984, che hanno abrogato il Concordato del 1929, la garanzia offerta dall’art. 7 Cost. dovrebbe essere limitata al Trattato del Luterano (l’unico protocollo superstite dei Patti del 1929); invece, la Corte Costituzionale sembra presupporre che l’art. 7 garantisca anche i nuovi Accordi.

Questi Accordi (e le leggi che ad essi hanno dato esecuzione) hanno avuto un effetto molto più ampio di una semplice modificazione, in quanto essi hanno abrogato tutte le norme del vecchio Concordato del 1929 e della legge che l’ha eseguito. Quindi risulta fuori di dubbio che il Concordato sia stato solamente modificato. Comunque, sia che i nuovi trattati si considerino una modificazione o una totale sostituzione dei vecchi accordi, è comunque da escludere che le leggi di esecuzione n. 121 e n. 206 del 1985 e gli accordi cui esse si riferiscono siano garantiti dall’art. 7 Cost. Chi invece afferma la tesi opposta si basa

su questa considerazione: se ai nuovi Accordi riguardanti la Chiesa cattolica e alle nuove

leggi di esecuzione di tali accordi non viene riconosciuta la garanzia dell’art. 7 Cost., sarebbe riservato un trattamento deteriore rispetto a quello previsto dall’art. 8, 3° comma

Cost. per le intese con le altre confessioni, le cui leggi di approvazione sono sempre e in ogni caso garantite da tale norma.

In conclusione possiamo dire che risulta inequivocabile che l’art. 7 Cost. tutela solo ed

esclusivamente i Patti Lateranensi, senza curarsi degli sviluppi futuri.

24

appunti@email.it

CAPITOLO V: LO STATO E LE CONFESSIONI RELIGIOSE DI MINORANZA NELLA COSTITUZIONE

Oltre all’art. 7 (riguardante i rapporti tra lo Stato e la Chiesa cattolica), nella Costituzione risulta fondamentale l’art. 8: questo detta le norme fondamentali sui rapporti con tutte le altre confessioni. In particolare modo, il 2° ed il 3° comma di suddetto articolo sono importanti per capire quale posizione tiene lo Stato nei confronti di tali confessioni. Già il fatto che nel 2° comma le qualifichi come “CONFESSIONI RELIGIOSE DIVERSE DA QUELLA CATTOLICA”, fa capire che in realtà non esiste quell’imparzialità che lo Stato dovrebbe avere nei confronti di tutte le confessioni. Quindi, data questa situazione si può dedurre che mentre l’art. 7 Cost. disciplina i rapporti con la confessione di maggioranza, l’art. 8 Cost. regola i rapporti con le confessioni di minoranza.

In

precedenza, abbiamo già visto che tutte le confessioni religiose organizzate danno vita

ad

altrettanti ordinamenti originari ed indipendenti da quello dello Stato. Questo implica

che i rapporti tra queste confessioni e lo Stato devono essere “REGOLATI PER LEGGE SULLA

3° comma

dell’art. 8 Cost., ed essa vale per tutte le confessioni.

Le intese che si stipulano tra lo Stato e le confessioni religiose fanno sorgere molti problemi come la natura giuridica delle intese, la posizione delle intese nei confronti del

procedimento legislativo, a chi spetto la capacità di spularle ed altri ancora. Il 3° comma dell’art. 8 Cost. contiene una riserva di legge nella materia della disciplina dei rapporti tra Stato e confessioni di minoranza; questa riserva, poiché garantisce la libertà religiosa (che

BASE DI INTESE CON LE RELATIVE RAPPRESENTANZE”. Questa norma è presente al

ha

un importanza pari alla libertà personale), deve essere compresa tra le riserve assolute

di

legge o le riserve rafforzate o aggravate nel senso che il potere legislativo può essere

esercitato solo con modalità particolari (cioè sulla base di accordi ed intese).

Una tesi che riguarda le intese è quella che nega loro qualsiasi natura giuridica, considerandole solo come atti politici che non vincolerebbero il legislatore a adeguarsi alle situazioni di esse; ma questa tesi è stata confutata in quanto è stato osservato che “LE

essendo

costituzionalmente garantito il fatto che le norme riguardanti i rapporti tra le confessioni

di minoranza e lo Stato debbano essere poste su basi di intese, una legge che regolasse tali

rapporti non in base a tali intese sarebbe incostituzionale (lo stesso vale per l’abrogazione

di tali norme, che possono avvenire solo mediante accordi). Possiamo perciò definire le

INTESE come un “LIMITE PER IL LEGISLATORE ORDINARIO”, il quale, per non eludere la

garanzia costituzionale offerta alle minoranze religiose, deve attenersi alle intese per poter legiferare. Il compito del Parlamento, perciò, dovrebbe essere solo quello di tradurre in forma giuridica le disposizioni concordate”; però, siccome il Parlamento ha il potere di rifiutare l’approvazione di una legge di esecuzione di intese con una confessione di minoranza, esso ha un potere deterrente nei confronti di accordi che non siano accettabili dallo Stato.

INTESE

APPARTENGONO

EFFETTIVAMENTE

AL

CAMPO

DEL

DIRITTO”.

Infatti,

25

appunti@email.it

Per quanto riguarda la CAPACITÀ A STIPULARE LE INTESE, essa spetta solo a quelle confessioni di minoranza organizzate, cioè a quei gruppi che (usufruendo della libertà di organizzazione) abbino assunto un preciso assetto istituzionale.

Un altro problema riguarda le così dette INTESE PLURIME: cioè bisogna vedere se le intese

possono essere stipulate solo tra lo Stato ed una sola confessione religiosa, o se possono essere stipulate con il concorso di più confessioni. Alcuni autori appoggiano la prima tesi affermando che ogni confessione ha un suo proprio carattere, diverso dalle altre confessioni, e quindi le intese devono essere fatte singolarmente; ma queste difficoltà possono essere superate, dato che alcune confessioni di minoranza potrebbero avere interessi comuni e quindi potrebbero dare vita ad intese plurime.

La COMPETENZA A STIPULARE LE INTESE spetta senza dubbio al GOVERNO. Siccome le intese

comportano l’emanazione di una legge, esse rientrano nella responsabilità politica del

Governo; inoltre, sono accordi che devono essere valutati sotto il profilo dell’opportunità politica e del rispetto della Costituzione. Quando viene stipulata una intesa generale o una intesa che è ricca di contenuti, c’è bisogno dell’intervento del Presidente del Consiglio:

quando si stipulano intese che rientrano nella competenza di un singolo dicastero, basta l’intervento del Ministro di quel determinato settore. È chiaro che le decisioni prese da queste personalità devono essere esaminate dal Consiglio dei Ministri: esso ha il potere sia

di autorizzare la stipulazione dell’intesa, sia di deliberare il disegno di legge di

approvazione dell’intesa stipulata.

Risulta essere importante anche il problema del CONTENUTO DELLE INTESE: esse vanno dalla posizione giuridica delle istituzioni religiose all’istruzione religiosa nella scuola pubblica, dalla tutela della libertà religiosa alla disciplina del matrimonio religioso e così via. Anche se per alcuni autori esistono delle restrizioni ai possibili temi selle intese, dobbiamo dire che in realtà queste limitazioni non sono giustificate dal nostro ordinamento: difatti esso impone al Parlamento solo di rispettare la Costituzione. Quindi LINTESA È AMMISSIBILE

PER OGNI MATERIA.

Adesso dobbiamo definire qual è la NATURA GIURIDICA DELLE INTESE: cioè dobbiamo capire

se queste siano ATTI DI DIRITTO INTERNO o ATTI DI DIRITTO ESTERNO. Chi afferma che le intese

siano simili ai concordati si sbaglia: difatti il CONCORDATO È UNA CONVENZIONE ESTERNA regolato da un ordinamento diverso da quello dello Stato e della Chiesa, mentre l’INTESA È UNA CONVENZIONE DI DIRITTO INTERNO dalla forma libera, i cui vizi danno vita solo a questioni di legittimità costituzionale. Quindi la dottrina considera l’intesa come un atto di diritto interno, in considerazione del fatto che le confessioni di minoranza sono viste come ordinamenti subordinati allo Stato: ma se affermiamo questo, automaticamente viene a cadere la preclusione a considerare le intese come atti di diritto esterno, comunque diversi dai concordati (poiché i concordati sono regolati da norme di diritto internazionale generale). In astratto, possiamo affermare che le intese sono atti di un ordinamento esterno creato dall’incontro della volontà dello Stato con la volontà delle confessione di minoranza: dunque, un ordinamento esterno diverso dall’ordinamento internazionale.

Il carattere esterno delle intese sembra essere confermato dalla stipulazione dell’Intesa del 21 febbraio 1984 tra lo Stato e la Tavola Valdese. Questo accordo, per le forme solenni e

26

appunti@email.it

per la partecipazione di alte autorità governative, è da considerare un atto di diritto esterno.

Dobbiamo ricordare che esistono ordinamenti esterni che non vivono a pieno titolo nell’ordinamento internazionale. Un esempio è rappresentato dall’Ordine di Malta (S.M.O.G.M.), il quale è considerato soggetto di diritto internazionale. Escludendo questo

caso, LE CONFESSIONI DI MINORANZA NON HANNO SOGGETTIVITÀ DI DIRITTO INTERNAZIONALE:

ma il diritto italiano, riconoscendo tali confessioni come ordinamenti giuridici e regolando i rapporti con queste sulla base di intese bilaterali, esteriorizza tali rapporti. Ciò comporta che nell’atto di stipulare le intese, le confessioni non siano considerate come sudditi dello Stato e le intese non siano considerate atti interni all’ordinamento italiano.

In definitiva, possiamo affermare che le INTESE SONO ATTI BILATERALI CHE LA COSTITUZIONE COLLOCA in una sfera giuridica diversa da quella dell’ordinamento statuale,

cioè IN UN ORDINAMENTO CHE VIENE DI VOLTA IN VOLTA CREATO DALLINCONTRO DELLA VOLONTÀ DELLO STATO CON LA VOLONTÀ DELLA CONFESSIONE DI MINORANZA.

Come abbiamo già visto in precedenza, è compito del Governo stipulare queste intese. Il

PROCEDIMENTO LEGISLATIVO PER LESECUZIONE DELLE INTESE ha inizio con la presentazione al

Parlamento del disegno di legge necessario per adattare l’ordinamento italiano al contenuto delle intese stesse. I disegni di legge qualificano le disposizioni proposte come NORME DI APPROVAZIONE DELLINTESA (e non come norme dirette a eseguire l’intesa); durante il dibattito parlamentare nono è possibile presentare emendamenti che mutino il senso delle disposizioni concordate. Una volta emanata, LA LEGGE DI APPROVAZIONE NON

PUÒ ESSERE SOSPESA, MODIFICATA, DEROGATA O ABROGATA SE NON IN ESECUZIONE DI NUOVE INTESE TRA LO STATO E LA CONFESSIONE INTERESSATA: il 3° comma dell’art. 8 Cost. ha tolto la

possibilità allo Stato di poter modificare tali leggi senza intese con la confessione di minoranza considerata, ma ha la possibilità di abrogare le norme delle leggi del 1929-30 che siano in contrasto con la Costituzione (se limitano l’uguale libertà di tutte le confessioni). Inoltre, queste leggi sono garantite dalla Costituzione nei confronti di qualsiasi altra legge ordinaria. Questa garanzia fa sì che tali leggi siano inserite nella categoria delle "leggi rinforzate". Infine bisogna tener presente che, anche se è fondamentale l’intervento del Parlamento per la formazione di queste leggi, lo stesso Parlamento non può produrre una legge valida in questo settore che non sia preceduta da intese o che non dia piena esecuzione a queste.

27

appunti@email.it

CAPITOLO VI: LA LIBERTÀ RELIGIOSA

NELL’ORDINAMENTO ITALIANO

Come abbiamo già visto in precedenza, la LIBERTÀ RELIGIOSA nel nostro Paese è garantita dalla Costituzione: pensiamo agli art. 2, 3, 7, 8, 19 e 20. Però, oltre queste norme, dobbiamo ricordare anche le leggi introdotte nell’ordinamento in esecuzione di convenzioni internazionali.

Per quanto riguarda i TRATTATI INTERNAZIONALI BILATERALI, l’ordinamento italiano ha

cominciato ad assumere obbligazioni rilevanti nell’ambito internazionale dopo la fine della guerra nel 1918. Siccome l’Italia conquistò territori come l’Istria, cominciò ad essere

di rilevante importanza il problema degli ortodossi: così furono stipulati vari accordi. Ma

tali accordi furono completamente stravolti dalla 2° Guerra Mondiale e dal Trattato di pace che l’ha conclusa. Ad ogni modo, questi tipi di accordi erano diretti a garantire la libertà religiosa: infatti, il singolo che professava quella determinata confessione era completamente libero da impedimenti che potessero derivare dall’ordinamento statuale; inoltre lo Stato doveva rispettare tale libertà e non poteva interferire nel suo esercizio.

Per quanto riguarda i TRATTATI INTERNAZIONALI MULTILATERALI dobbiamo dire che, dopo

la fine della 2° Guerra Mondiale, la libertà religiosa è stata proclamata come principio

fondamentale da osservare da una serie di convenzioni internazionali e da molte dichiarazioni dell’ONU; molto importanti risultano le convenzioni che sono state rese esecutive nel nostro ordinamento interno. Le più importante sono il TRATTATO DI PACE DEL

1947 tra l’Italia e vari Paesi e la CONVENZIONE EUROPEA DEL 1950 PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELLUOMO E DELLE LIBERTÀ FONDAMENTALI; l’art. 15 del Trattato obbliga l’Italia a

rispettare la libertà di culto; la Convenzione riconosce ad ogni singolo individuo la libertà

di conoscenza e di religione.

Il diritto di libertà religiosa garantito dalla Convenzione europea è assicurato anche dal TRATTATO DELL’UNIONE EUROPEA stipulato a Maastricht il 7 Febbraio 1992, il quale richiama espressamente la Convenzione. Le norme derivanti da tali accordi internazionali sono state poste nell’ordinamento italiano da leggi ordinarie; tali leggi ordinarie hanno la caratteristica che, fino a quando saranno in vigore nell’ordinamento internazionale fra gli Stati che li hanno stipulati, non potranno essere modificate o abrogate unilateralmente dal legislatore ordinario.

Il diritto alla libertà religiosa è presente anche nello STATUTO DELL’ONU, dove troviamo che uno dei fini di tale organizzazione è quello di promuovere ed incoraggiare il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali senza distinzioni di sesso, razza, lingua o religione. Sempre nell’ambito dell’ONU sono state stipulate delle CONVENZIONI (a cui l’Italia ha aderito) dove il fattore religioso è garantito sotto vari aspetti: è chiaro che tali convenzioni sono dei trattati internazionali multilaterali che obbligano gli Stati ratificanti ad applicare le norme in esse contenute. Infine, non dobbiamo dimenticare che la libertà religiosa è spesso e volentieri ricordata anche nelle DICHIARAZIONI DELL’ONU: pensiamo, ad esempio, alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 in cui la

28

appunti@email.it

religione è dichiarata come diritto di libertà e non può essere considerata come fattore discriminante dei diritti dei singoli. Comunque, è bene ricordare che i principi contenuti in queste Dichiarazioni non fanno parte del diritto internazionale generale in quanto l’Assemblea dell’ONU ha solo il potere di emanare raccomandazioni, ed è quindi priva di poteri legislativi mondiali; ma quando queste Dichiarazioni influiscono sulla prassi degli Stati e danno vita a dei comportamenti conformi tra i vari Stati, allora tali Dichiarazioni

possono formare una CONSUETUDINE INTERNAZIONALE.

Il diritto alla libertà religiosa, a volte, può essere trovato anche in atti internazionali che non hanno efficacia giuridica: fanno parte di questi accordi i documenti che hanno

concluso le riunioni della CONFERENZA SULLA SICUREZZA E LA COOPERAZIONE IN EUROPA

(CSCE). Questi accordi sono risultati molto importanti, soprattutto per i rapporti tra il mondo occidentale e i Paesi dell’Est europeo: ma, come abbiamo già visto, questi non possono essere considerati come produttivi di effetti giuridici. Nel 1994, la CSCE è stata

trasformata in OSCE (ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA E LA COOPERAZIONE EUROPEA).

Nella Dichiarazione conclusiva è sottolineato come tutti i Paesi facenti parte a tale organizzazione si debbano impegnare per “garantire la libertà di coscienza e di religione e per promuovere un clima di tolleranza”.

Anche il PARLAMENTO EUROPEO si è più volte interessato al problema della libertà religiosa, anche se non può essere considerato un organo legislativo dell’Unione: quindi le risoluzioni date dal Parlamento Europeo non pongono in essere norme giuridiche, ma valgono come indicazione delle tendenze dominanti nell’Unione.

Ma la libertà religiosa è garantita anche dalle norme che rendono esecutivi i CONCORDATI con la Santa Sede e le INTESE con i rappresentanti delle altre confessioni religiose. Se pensiamo al Concordato del 1929, notiamo come la Chiesa cattolica già da allora assicurò ai propri fedeli una misura di libertà che non era presente in nessun’altra confessione religiosa: ma le norme che scaturirono da questo stato di cose erano il frutto di un regime autoritario, e quindi o costituivano un privilegio per quella determinata confessione o adducevano ad una libertà contraffatta (assicurata in astratto, ma negata in concreto). Diverso è il caso degli Accordi del 1984 e delle Intese stipulate con varie confessioni religiose a decorrere da quell’anno: questi sono stati formati dopo che le libertà garantite dalla Costituzione si erano effettivamente consolidate nella realtà di tutti i giorni. Con tali Accordi ed Intese si cerca in tutti i modi di agevolare la libertà religiosa delle confessioni stipulanti non in maniera astratta, ma in maniera concreta (andando dal riconoscimento della personalità giuridica degli enti al matrimonio, dall’insegnamento della religione all’assistenza spirituale).

Infine dobbiamo ricordare che anche all’interno del DIRITTO PRIVATO sono poste le garanzie giuridiche per avere il diritto alla libertà religiosa (pensiamo alla disciplina dei rapporti tra i componenti della famiglia e quella dei lavoratori subordinati).

Come tutte le libertà, la libertà religiosa può essere vista da vari punti di vista. Se la consideriamo dal PUNTO DI VISTA TEOLOGICO, essa coincide con la così detta LIBERTÀ

ECCLESIASTICA: per libertà ecclesiastica si intende la LIBERTÀ DEGLI APPARTENENTI AD UNA

29

appunti@email.it

DETERMINATA CONFESSIONE DI CONFORMARE LE PROPRIE AZIONI QUOTIDIANE AI PRECETTI DI TALE CONFESSIONE RELIGIOSA. Dal PUNTO DI VISTA FILOSOFICO, la libertà religiosa coincide

con la LIBERÀ DI PENSIERO: infatti, questa sta ad indicare la liberazione dello spirito dell’uomo da ogni concetto dogmatico.

Nell’art.19 Cost. la libertà religiosa è vista come un DIRITTO SOGGETTIVO dei singoli e dei gruppi sociali alla: 1) professione della fede religiosa; 2) propaganda in materia religiosa; 3) esercizio privato e pubblico del culto. Queste sono le tre fondamentali facoltà esteriori della vita religiosa che ricadono sotto la disciplina dell’ordinamento, e che la Costituzione ha voluto proteggere: tutti gli individui e tutti i gruppi sociali sono perciò liberi di poter esercitare queste facoltà senza correre il rischio di trovare degli impedimenti da parte dell’autorità statale.

Oltre ad essere un diritto soggettivo, la libertà religiosa è anche un DIRITTO PUBBLICO SOGGETTIVO: pubblico in quanto può essere azionato nei confronti dello Stato. Infatti, la Costituzione esclude qualsiasi tipo di limitazione alle facoltà prima elencate (tranne che per il principio del buon costume per l’esercizio del culto), e qualunque intervento in questo senso risulterebbe illegittimo.

È opportuno ricordare che tutti i diritti di libertà garantiti dalla Costituzione (quindi anche la libertà religiosa) possono essere limitati da un potere dell’autorità di governo solo quando questo potere le sia stato attribuito esplicitamente dalla stessa Costituzione. Nella nostra Costituzione le libertà sono state promosse al rango di DIRITTI FONDAMENTALI, e gli eventuali provvedimenti devono essere presi da un potere espressamente previsto dalla Carta Costituzionale. Per capire meglio questa situazione facciamo l’esempio dell’art. 1 del Concordato del 1929, secondo cui “in considerazione del carattere sacro della città Eterna… il Governo italiano avrà cura di impedire a Roma tutto ciò che possa essere in contrasto con detto carattere”: secondo tale articolo, bisognava limitare in quel determinato territorio l’esercizio del diritto di libertà religiosa. Ma questa norma fu abrogata dall’Accordo del 18 Febbraio 1984, nel quale troviamo una norma in cui si afferma che “la Repubblica italiana riconosce il particolare significato che Roma ha per la cattolicità” senza dare al governo alcun potere per limitare l’esercizio dei diritti di libertà.

Fino ad ora abbiamo considerato la libertà religiosa basandoci sul diritto positivo, ma non mancano le TESI RESTRITTIVE. Tali tesi cercano, a volte in maniera molto forzata, di trarre dei principi diversi limitando o il contenuto del diritto di libertà o il diritto all’adesione ad una confessione. Ma queste tesi cancellano completamente il dato offerto dall’art. 19 Cost. (sulla salvaguardia del diritto del singolo a non essere vincolato da alcuna norma di carattere religioso) e dagli altri articoli costituzionali che garantiscono a tutti i cittadini il diritto si riunirsi, organizzarsi, manifestare liberamente le proprie idee: quindi, volendo estremizzare il concetto, viene ad essere garantita anche la facoltà di assumere posizioni eterodosse (pensiamo al diritto di professare l’ateismo in forma individuale o associata).

Adesso passeremo a considerare alcune tesi che riguardano la libertà religiosa.

Cominciamo

DALLORDINAMENTO, in cui l’importanza della libertà sta nella facoltà di ognuno di “fare le

a

considerare

la

LIBERTÀ

RELIGIOSA

COME

SCELTA

TRA

I

VALORI

POSTI

30

appunti@email.it

cose che sono degne di essere fatte”. Ma da questo punto di vista, la libertà è intesa come virtù secondo una concezione aristocratica: invece, sappiamo che la Costituzione, garantendo a tutti la libertà religiosa, ha inteso proteggere gli uomini comuni. Quindi NON

VI È SOLO IL DIRITTO DI SCEGLIERE, MA VI È ANCHE IL DIRITTO DI NON COMPIERE ALCUNA SCELTA.

Durante gli anni ’60, si andò diffondendo la tesi della LIBERTÀ RELIGIOSA COME PARTECIPAZIONE: cioè, si pensava che l’uomo fosse veramente libero quando partecipava in maniera diretta all’esercizio di quegli atti a cui fosse interessato. L’equivalenza tra libertà e partecipazione all’interno dell’ambito religioso comporta sicuramente un vivo interessamento da parte del singolo alla vita di un dato gruppo religioso, ma trascura il diritto alla miscredenza e alla non partecipazione ad alcun gruppo (diritti garantiti dalla nostra Costituzione).

Un’altra tesi è quella della LIBERTÀ RELIGIOSA COME LIBERTÀ FORMALE: formale nel senso che tale libertà sarebbe a favore solo di coloro i quali possono esercitare di fatto le facoltà ad esse connesse. Quindi essa è una libertà che potrebbe essere utilizzata a pieno solo dalle confessioni meglio organizzate (in particolare dalla Chiesa cattolica). L’equilibrio pluralista garantito dalla Costituzione non consente allo Stato di intervenire per ridistribuire le risorse a disposizione dei singoli o dei gruppi: allo Stato si può solo chiedere di non favorire le confessioni di maggioranza in confronto a quelle di minoranza.

Alle tesi che cercano di ridurre l’ambito della libertà religiosa, possiamo contrapporre

quelle teorie che considerano la

Questa teoria scaturisce dall’interpretazione dell’art. 19 Cost. con gli altri articoli della Carta che prevedono altri tipi di libertà: se pensiamo alla libertà di riunione e di associazione (art. 17 e 18 Cost.) o alla libertà di manifestazione del pensiero (art. 21 Cost.) considerate all’interno della libertà religiosa, si potrebbe pensare che la libertà religiosa sia una libertà disciplinata da norme costituzionali speciali e più favorevoli. Ma non è proprio così: l’esistenza di una norma apposita a garanzia della libertà religiosa non deve essere ricercata nel fatto che essa sia una libertà privilegiata, ma in ragione d’ordine storico e recenti. Infatti la libertà religiosa è stata una delle prime libertà ad essere rivendicata come diritto nei confronti dello Stato. Una volta escluso che la libertà religiosa sia una libertà privilegiata in sede costituzionale, adesso dobbiamo vedere se essa non lo sia in sede di legislazione ordinaria: in questo caso vengono subito a mente le agevolazioni finanziarie nei confronti delle confessioni religiose. Ma quando queste vengono erogate in maniera prominente a favore di una confessione di maggioranza, si finisce con l’alterare la posizione di uguaglianza che dovrebbero avere tutte le confessioni. Questa disparità di trattamento non è completamente giustificabile con il fatto che le confessioni di maggioranza debbano essere favorite in quanto contano un maggior numero di fedeli. Lo Stato, da parte sua, dovrebbe mantenere una posizione imparziale: dovrebbe dare a tutti in maniera giusta e non solo secondo il criterio proporzionale, per concedere un minimo di risorse anche alle confessioni religiose di minoranza.

LIBERTÀ RELIGIOSA COME UNA LIBERTÀ PRIVILEGIATA.

Senza ombra di dubbio, la LIBERTÀ RELIGIOSA è un diritto pubblico soggettivo che i singoli e le formazioni sociali possono far valere nei confronti dello Stato. Ma non dobbiamo

31

appunti@email.it

dimenticare che essa è anche un DIRITTO SOGGETTIVO VALIDO ED EFFICACE NEI RAPPORTI TRA

PRIVATI. Il nostro ordinamento offre gli strumenti adatti per far valere tale diritto nei casi in cui esso venga messo in discussione. All’interno del DIRITTO DI FAMIGLIA, l’art. 147 c.c. del 1942 imponeva ai genitori da impartire ai propri figli una educazione e una istruzione “conformi ai principi della morale”; ma questa norma è stata sostituita dall’art. 29 della legge n. 151 del 19 Maggio 1975, il quale impone ad entrambi i coniugi di “mantenere, educare ed istruire la prole tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle ispirazioni dei propri figli”. Anche se in nessuna delle due norme si parla di educazione in materia religiosa, è chiaro che i genitori sono liberi di educare i propri figli a questa o a quella religione o all’ateismo: però questo è soltanto un avviamento, in quanto i figli hanno la massima libertà di scegliere la religione da professare anche prima del compimento del 18° anno di vita. Per quanto riguarda l’influenza che un coniuge può esercitare nell’EDUCAZIONE RELIGIOSA DEI PROPRI FIGLI, non sorge alcun problema quando i genitori seguono lo stesso orientamento religioso; quando invece appartengono a religioni diverse o vi erano dei mutamenti nell’ambito della vita coniugale, era il padre che decideva (ciò che avveniva anche per altre decisioni). Ma tale situazione era in contrasto con i principi contenuti all’interno degli art. 29 e 30 Cost., i quali pongono i genitori sullo stesso piano in merito alla potestà sulla prole. Oggi, a norma dell’art. 316 c.c., sappiamo che entrambi i genitori possono influire sull’educazione religiosa dei figli in uguale maniera: nel caso in cui i genitori siano separati e in disaccordo sulla scelta religiosa da presentare ai propri figli, allora ci si rivolge al tribunale per i minorenni.

Anche FRA I CONIUGI vige il diritto di libertà religiosa nel senso che entrambi sono liberi di professare la propria religione, di non credere, di cercare di influire in modo lecito sull’altro coniuge per convertirlo alla propria religione o per allontanarlo alla miscredenza:

chiaramente deve sempre vigere il principio del rispetto delle idee dell’altro coniuge, senza mai sfociare nel fanatismo religioso.

La libertà religiosa potrebbe trovare dei limiti nell’AMBITO SUCCESSORIO. Se consideriamo gli atti di ultima volontà in cui il de cuius obblighi il beneficiario dell’eredità a tenere un comportamento religioso, la validità di tale atto è dubbia; infatti, nel caso in cui il testatore, con quelle disposizioni, cercasse di far compiere al beneficiario un atto contrario alle proprie convinzioni, gli atti non sono validi; invece, nel caso in cui tali disposizioni siano poste in favore del beneficiario, tale condizione sarebbe lecita.

Un altro settore in cui in cui la libertà religiosa può incontrare delle limitazioni è quello dei RAPPORTI DI LAVORO. Esistono delle norme che hanno tolto ogni dubbio circa l’illiceità delle discriminazioni religiose e della limitazione della libertà religiosa nel rapporto di lavoro subordinato: gli atti e gli accordi diretti a subordinare l’occupazione, il licenziamento, i trasferimenti e via discorrendo di un lavoratore in base alla sua appartenenza religiosa o alla sua attività in materia religiosa SONO DICHIARATI NULLI.

Ciò vale anche per il rapporto di pubblico impiego.

Per quanto riguarda quelle norme che escludono la possibilità ad alcune persone di poter svolgere determinate professioni o alcune funzioni pubbliche, queste non violano la libertà religiosa di costoro in quanto esse sono poste in essere non per fissare una incapacità, ma

32

appunti@email.it

per stabilire una incompatibilità tra due uffici diversi. Totalmente diverso è il caso di un ente confessionale che richieda ai propri dipendenti di appartenere ad una determinata confessione religiosa: infatti loro hanno il potere di assumere o licenziare un proprio dipendente a seconda della religione da quest’ultimo professata, poiché qui entra in ballo l’autonomia e la libertà dell’organizzazione stessa.

Come abbiamo potuto vedere, hanno particolare importanza per il fenomeno religioso gli art. 3 e 8, comma 1 della Costituzione. L’art. 3 Cost. dichiara al 1° comma la “PARI DIGNITÀ

SOCIALE E LUGUAGLIANZA DAVANTI ALLA LEGGE SENZA DISTINZIONEDI RELIGIONE”; al

comma attribuisce alla Repubblica il compito di “RIMUOVERE GLI OSTACOLI DI ORDINE

ECONOMICO E SOCIALE CHE, LIMITANDO DI FATTO LA LIBERTÀ E LUGUAGLIANZA DEI CITTADINI, IMPEDISCONO IL PIENO SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA E LEFFETTIVA PARTECIPAZIONE DI TUTTI I LAVORATORI ALLORGANIZZAZIONE POLITICA, ECONOMICA E SOCIALE DEL PAESE”.

Quindi, in base a questo articolo, il legislatore non può far nascere criteri di discriminazione per quelle caratteristiche qui elencate (sesso, razza, lingua, religione, ecc.).

Il 1° comma dell’art. 8 Cost. afferma che “TUTTE LE CONFESSIONI RELIGIOSE SONO UGUALMENTE LIBERE DAVANTI ALLA LEGGE”: dunque questa norma concerne il tema della libertà religiosa in maniera preminente e si prefigge di assicurare a tutte le confessioni religiose la stessa misura di libertà tanto per l’organizzazione, quanto per il culto, la propaganda e così via. Inoltre, questa norma fa scaturire l’illegittimità costituzionale di tutte quelle norme di legge che vanno a limitare le libertà garantite dalla Costituzione.

Il fatto che la Costituzione conceda la stessa ed uguale libertà a tutte le confessioni

religiose, lascia LIBERO il legislatore DI TRATTARE CON LE VARIE CONFESSIONI A SECONDA

DELLE NECESSITÀ E DELLE OPPORTUNITÀ. Infatti la Costituzione riconosce l’uguaglianza delle varie confessioni religiose sotto il profilo della libertà e non del trattamento cui possono essere fatte oggetto; tant’è vero che la stessa Costituzione, riconoscendo l’importanza primaria della Chiesa cattolica all’interno del nostro Paese e prevedendo di regolare i rapporti con quest’ultima in maniera differente da quelli previsti per le altre confessioni, mostra di considerare in modo differente i vari fenomeni sociali. Anche qui prevale la tesi che è ingiusto trattare in modo eguale casi diversi, e in modo diverso casi eguali.

Se consideriamo la libertà religiosa come DIRITTO SOGGETTIVO INDIVIDUALE, sembra evidente che la Costituzione conceda a tutti gli uomini (cittadini, stranieri e apolidi) la possibilità di poter professare la propria confessione religiosa in maniera individuale ed associata, di esercitarne il culto privato e pubblico, di propagandarla, di esprimere con ogni mezzo il proprio pensiero religioso (art. 21 Cost.), di potersi riunire con altri individui a scopo di religione o di culto (art. 17 Cost.) e di poter fondare associazioni con fini di religione o di culto e di aderire a quelle già esistenti. In questo senso, il contenuto essenziale della libertà religiosa è quello di assicurare all’individuo la possibilità di esprimere la propria personalità religiosa in molteplici direzioni: dal soddisfacimento dei bisogni del proprio spirito (atti di culto) , al bisogno di comunicare le proprie idee ad altri individui (propaganda) e via discorrendo.

33

appunti@email.it

La libertà principale che discende dalla libertà religiosa è la LIBERTÀ DI COSCIENZA, ossia della libera e personale posizione che l’individuo assume di fronte al problema dell’essere e dell’esistere (sotto l’aspetto politico, etico, religioso, ecc.). Il significato della parola coscienza può cambiare a seconda di come lo si vuole interpretare: la coscienza è “consapevolezza di sé e di ciò che avviene intorno a sé”, ma è anche “consapevolezza del valore morale delle proprie azioni”. Ad ogni modo, solo recentemente si è arrivati alla conclusione che prima ancora di garantire la manifestazione esterna della propria coscienza religiosa o areligiosa, lo Stato dovrebbe assicurare la libera e indipendente formazione della stessa: perciò lo Stato dovrebbe eliminare i fattori che pregiudicano una formazione indipendente della propria coscienza religiosa come i miti di massa, la manipolazione delle idee, i privilegi a favore di certe confessioni religiose che sfavoriscono una formazione ateistica.

L’ordinamento italiano, però, non sembra garantire un diritto alla formazione della coscienza che possa sopraffare il diritto ad esprimere il proprio pensiero e di ricevere la comunicazione del pensiero altrui. In realtà, questi diritti coincidono tra di loro: quindi, compito dello Stato sarà di evitare condizionamenti derivanti dall’ambiente (pensiamo ai servizi scolastici o ai mezzi di comunicazione), senza però creare un ambiente sterile. Ma sappiamo che la legge tutela la libertà di formazione della coscienza nei confronti di elementi perturbatori quali l’incapacità, l’errore, il dolo o la colpa e non nei confronti dei condizionamenti ambientali, culturali o altri (pensiamo al diritto di voto).

Da ciò detto fino ad ora, si deduce che risulta essere di particolare importanza il problema dell’ATEISMO, ossia la possibilità da parte dell’individuo di non aderire ad alcun credo religioso (come garantito dall’art. 19 Cost.). La decisione di assumere una posizione religiosa, areligiosa o irreligiosa da parte di un individuo non deve mai essere causa di discriminazioni nell’ambito del diritto comune, della capacità civile o politica, o in ogni altro settore della vita sociale. L’ateismo attivo è protetto dagli art. 19 e 21 Cost.: tant’è vero che esistono delle organizzazioni atee. La posizione di tali organizzazioni è alquanto ambigua: infatti, non essendo organizzazioni religiose, esse non dovrebbero godere del regime previsto per le confessioni religiose; ma, poiché svolgono un’azione in materia religiosa, sembrerebbero rientranti in tale regime.

Si può perciò affermare che la Costituzione garantisce la libertà di seguire la religione

che si voglia o di non seguire alcuna religione o di avere una visione del tutto laica e

immanentista del mondo e della vita.

Infine dobbiamo ricordare che l’ateismo può trovare l’equiparazione (in campo giuridico) alle altre confessioni religiose solo in uno Stato separatista (es.: USA): invece, il nostro Stato non risulta tale, in quanto la Costituzione prevede di intrattenere rapporti

concordatari con le varie confessioni religiose. Ad ogni modo, lo Stato ha sempre la facoltà

di

agevolare con apposite norme la posizione di tali gruppi.

La

FACOLTÀ

DI

PROFESSARE

LA

FEDE

RELIGIOSA

comporta la libertà di dichiarare

l’appartenenza a questa, quella o nessuna confessione senza che da ciò ne scaturisca alcuna conseguenza. La libera professione della fede religiosa comporta il diritto ad aderire liberamente ad una confessione religiosa: perciò la decisione di appartenere o

34

appunti@email.it

meno ad una determinata confessione è del tutto libera, e le norme della confessione religiosa non potrebbero mai obbligare nessuno ad appartenervi. Questa precisazione è una conseguenza della dichiarazione di illegittimità da parte della Corte Costituzionale sulla norma che prevedeva l’appartenenza di diritto alla Comunità israelitica di “tutti gli israeliti che hanno residenza nel territorio di essa”.

Adesso dobbiamo capire se la facoltà di professare l’appartenenza a questa, quella o nessuna confessione religiosa implica l’obbligo da parte dello Stato di disinteressarsi della religione professata dal singolo individuo; ciò renderebbe illegittima ogni tipo di indagine per conoscere la religione professata dall’individuo. In questo caso entriamo nell’ambito della così detta TUTELA DELLA PRIVACY. Lo Stato, conformandosi alla Convenzione di Strasburgo del 1981, ha opportunamente disciplinato il trattamento dei dati di carattere personale; l’art. 22 della legge n. 675 del 31 Dicembre del 1996 stabilisce che le convinzioni religiose, nonché l’appartenenza ad associazioni od organizzazioni a carattere religioso, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato

e previa autorizzazione del Garante.

Per quanto riguarda lo Stato, l’art. 5 del progetto di riforma del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza impone il divieto di poter schedare i cittadini in base alla loro fede religiosa: ma questo non significa che non possano essere raccolte informazioni con altri

sistemi. Molto diffuse risultano essere le indagini a fine statistico: in questo modo si viene

a formare una specie di “ANAGRAFE RELIGIOSA” basata su dichiarazioni date liberamente

dai cittadini maggiorenni. Chiaramente non si può essere totalmente certi delle affermazioni rese, ed anche per questo bisogna essere molto calmi nel considerare i risultati dei dati raccolti. Invece, si può essere molto più certi delle DICHIARAZIONI IMPLICITE DI FEDE RELIGIOSA. Con l’Accordo stipulato il 15 Novembre del 1984 si è previsto che ogni cittadino avrebbe la possibilità di destinare una parte della quota del gettito dell’IRPEF (l’8 per mille) a favore di quelle confessioni religiose che hanno stipulato Intese con lo Stato (inclusa la Chiesa cattolica): in questo modo si può sapere qual è la religione professata dall’individuo senza procedere a schedatura (vietata dalla Costituzione) poiché tale dichiarazione è facoltativa e volontaria, ed inoltre la decisione di destinare parte dei propri contributi ad una determinata confessione religiosa non implica obbligatoriamente che quella scelta sia la confessione professata.

Fino al 1985, cioè fino a quando è rimasto in vigore il Concordato del 1929, il SISTEMA DELLISTRUZIONE RELIGIOSA nelle scuole pubbliche ha avuto una impronta confessionistica (chiaramente orientata verso l’insegnamento cattolico): i non cattolici e i non credenti potevano ottenere per i propri figli la dispensa all’insegnamento religioso. Ma questo sistema risultava chiaramente in contrasto con i principi contenuti negli art. 3, 8, 19 e 21 della Costituzione in quanto l’insegnamento della religione cattolica era obbligatorio e chi chiedeva la dispensa si autodiscriminava.

Con l’entrata in vigore dell’Accordo del 18 Febbraio 1984, il sistema è stato cambiato. Secondo tale Accordo, lo Stato “continuerà ad assicurare l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie”, “riconoscendo il valore della cultura

35

appunti@email.it

religiosa e tenendo conto che i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del patrimonio italiano”. Quindi, adesso la religione cattolica non è considerata come religione dello Stato, ma come valore culturale: il suo insegnamento non è obbligatorio ma facoltativo, tant’è che al momento dell’iscrizione gli studenti o i loro genitori devono decidere se avvalersi o meno di tale insegnamento.

In linea di principio, il nuovo sistema sembra conforme alle norme che garantiscono la libertà religiosa, in quanto è stata eliminata l'obbligatorietà dell'insegnamento: ma essa non risulta esente da problemi. Quello più frequente riguarda il programma scolastico della materia religiosa: infatti, secondo alcuni ci sarebbe bisogno di una riforma dei programmi per offrire un panorama esauriente di tutte le credenze (sia religiose che areligiose) e dell’ateismo.

Nel

TESTIMONI imponevano di dire la verità essendo consapevoli della responsabilità della loro testimonianza davanti a Dio. Questo violava la libertà religiosa degli atei, poiché giurando con quella formula erano obbligati a dichiarare di credere nell’esistenza di un essere superiore. Per questo motivo, nel 1960 la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità della formula del giuramento nella parte in cui si richiamava la responsabilità del dichiarante “davanti a Dio”. Con l’entrata in vigore della nuova disciplina del PROCESSO PENALE questo problema è stato completamente superato, in quanto questo nuovo sistema non prevede più che i testimoni prestino un giuramento; il giudice, una volta avvertito il dichiarante dei rischi che potrebbe incorrere dichiarando il falso o adottando una posizione reticente, lo invita a rendere una dichiarazione in cui il testimone si impegna a dire tutta la verità e a non nascondere nessun avvenimento. Nel processo civile, però, continuavano ad esistere questi problemi perché il giuramento dei testimoni era sempre previsto. Sennonché la Corte Costituzionale ha ritenuto irragionevole il diverso trattamento riservato ai testimoni nel processo civile e in quello penale e ha dichiarato illegittimo l’art. 251 del c.p.c. (che prevedeva il giuramento): così il giudice istruttore deve invitare il dichiarante a lasciare una dichiarazione dove si impegna a dire la verità e a non nascondere alcun fatto.

nostro

ordinamento

processuale,

le

norme

che

prevedono

il

GIURAMENTO

DEI

La PROFESSIONE DI FEDE DEL GRUPPO SOCIALE comporta (per il gruppo) il diritto sia di affermare i propri principi, sia di manifestare la propria adesione ai gruppi che accettino lo stesso credo, sia di distinguersi da quelli che accettino principi religiosi in tutto o in parte diversi: in poche parole, viene affermato il DIRITTO ALLA PROPRIA IDENTITÀ. Questo è una manifestazione essenziale dell’autonomia del gruppo sociale totalmente garantito dagli art. 7 e 8, 2° e 3° comma Cost., i quali rendono inammissibile qualsiasi interferenza sui principi professati dal gruppo. Siccome la Costituzione non dice esplicitamente quali sono quei principi che possono far parte della professione di fede, compito dell’operatore giuridico è quello di tener conto del sentir comune, condizionato dalla cultura e dalle tradizioni. Pensiamo al nostro Paese: data l’influenza del cristianesimo, per fede religiosa si intende la fede in un essere perfetto e soprannaturale che voglia il bene degli uomini. I

36

appunti@email.it

PRINCIPI RELIGIOSI NON INCONTRANO LIMITI nella nostra Costituzione: né quello dell’ordine pubblico, né quello del buon costume (che viene richiesto per l’esecuzione dei riti, ma non per i principi).

Per quanto riguarda l’OBIEZIONE DI COSCIENZA, questo è un problema che rientra nell’ambito del compimento di quei doveri che sono imposti dall’ordinamento. Anche se un individuo segue i principi di una determinata confessione religiosa i quali escludono determinati comportamenti dei propri aderenti, se tali comportamenti sono imposti dalla legge nessuno può sottrarsi. Tuttavia, il diritto di libertà religiosa (intesa come diritto di seguire i dettami della propria coscienza) si espande tutte le volte in cui l’ordinamento, pur imponendo un obbligo, prevede che il singolo possa esserne esonerato (con clausole di salvaguardia più o meno ampie). La legge n. 772 del 15 Dicembre 1972 ha riconosciuto l’obiezione di coscienza “degli obbligati alla leva militare che dichiarino di essere contrari all’uso personale delle armi per motivi di coscienza”; conseguentemente, la legge n. 958 del 24 Dicembre 1986 ha parificato il servizio civile sostitutivo al servizio militare, poiché si tratta di due modi analoghi di adempiere al dovere di difendere la patria.

Ogni confessione religiosa ha i suoi GIORNI FESTIVI. Per la Chiesa cattolica e altre confessioni cristiane il giorno festivo è il giorno del Signore, ossia la domenica, insieme ad altre festività (fisse e mobili); per gli ebrei ed alcune confessioni cristiane il giorno festivo è

il sabato; per i musulmani è il venerdì. IL RISPETTO DEI GIORNI FESTIVI È UN OBBLIGO DI

COSCIENZA DEI CREDENTI. Con l’Accordo del 1984 fra l’Italia e la Santa Sede, sono stati riconosciuti come giorni festivi tutte le domeniche e le altre festività religiose determinate d’intesa tra le parti. In quanto, ipoteticamente, le festività religiose riguardano tutti i cittadini, queste vanno a formare il calendario comune. Ma la stessa cosa accade per le confessioni religiose diverse da quella cattolica: per questo motivo la materia dei giorni festivi è stata disciplinata (mediante Intese) con delle variazioni rispetto alle previsioni della Chiesa cattolica. Questa situazione ha portato al riconoscimento di alcune festività che prima non erano contemplate.

L’ESERCIZIO DEL CULTO in privato e in pubblico è pienamente garantito dall’art. 19 Cost.:

ma mentre l’esercizio in privato non dà luogo a problemi, l’esercizio in pubblico può crearne qualcuno. L’ESERCIZIO IN PUBBLICO DEL CULTO comporta l’apertura di luoghi destinati a tale scopo (chiese, moschee, sinagoghe, ecc.) e l’esercizio del diritto di riunione garantito dall’art. 17 Cost. l’apertura dei luoghi di culto è un problema molto delicato che riguarda l’uguale misura di libertà garantita a tutte le confessioni dal 1° comma dell’art. 8 Cost Invece, anni addietro, le confessioni di minoranza non avevano un vero e proprio diritto ad aprire templi: loro dovevano chiedere il permesso all’autorità governativa e, una volta ottenuta questa, potevano professare la loro religione solo in presenza di un ministro del culto approvato; in caso di mancanza del ministro del culto, si doveva avvertire la polizia (come avviene per tutte le riunioni). Ancora: nel caso in cui lo svolgimento delle riunioni delle confessioni di minoranza avveniva fuori da un edificio di culto autorizzato dal governo, spettava alla polizia locale decidere di fermarle nei casi in cui si andava

37

appunti@email.it

contro la legge (ordine pubblico, moralità, sanità pubblica). Inizialmente, questo modo di vedere le cose non mutò con l’entrata in vigore della Costituzione (tant’è che non si ritenevano applicabili gli art. 17 e 19); alla sostanziale disapplicazione delle norme costituzionali reagì con vigore gran parte della giurisprudenza. Questa ritenne che le norme dell’art. 17 e dell’art. 19 Cost., essendo precettive, avessero abrogato le norme precedenti che limitavano la libertà di culto: perciò non vi era nessuna ragione per non utilizzare tali norme. Comunque, dobbiamo ricordare che solo con l’entrata in funzione

della Corte Costituzionale ha avuto una concreta realizzazione la libertà dei non cattolici

di aprire uffici al culto pubblico e di tenere riunioni in luogo aperto al pubblico. Però, in

questo campo, esistono ancora delle disparità di trattamento tra confessione cattolica e confessioni di minoranza: l’art. 831 del c.c. tutela con il vincolo dell’indisponibilità gli edifici destinati all’esercizio pubblico del culto, ma solo per il culto cattolico. Altri problemi che si presentano all’apertura di nuovi luoghi di culto per le confessioni di minoranza vengono creati dalle norme in materia urbanistica ed edilizia: infatti, per la costruzione di tali edifici o per la destinazione a luogo di culto di un edificio già esistente, bisogna ottenere la prescritta concessione del sindaco. Il compito delle autorità comunali è quello di soddisfare le esigenze delle confessioni di minoranza al pari di quelle della Chiesa cattolica.

Come abbiamo già visto, è stata la Costituzione ad eliminare l’avversione nei confronti delle minoranze religiose imponendo la libertà e l’uguaglianza giuridica di esse. Unico LIMITE presente nella Carta è che le attività svolte dalle confessioni religiose non siano contrarie al “BUON COSTUME”. Invece non costituiscono un limite per l’esercizio dei riti di culto né il così detto “ordine pubblico”, né tanto meno possono essere sottoposti a controllo i principi professati dalle varie confessioni: quindi, l’unico limite è che questi ultimi devono essere conformi al “buon costume”.

Il limite del “buon costume” appare più teorico che pratico, in quanto nel nostro Paese non ci sono mai state formazioni confessionali che compiono atti contrari a tale limite. Anche

se la confessione religiosa predicasse il compimento di azioni contrarie al buon costume,

senza però effettuare riti di iniziazione di tali pratiche e senza esigere obbligatoriamente l’applicazione di tali azioni dai loro aderenti, essa è completamente libera di farlo a norma

Solo se queste azioni fossero compiute in un luogo pubblico, allora

dell’art. 19 Cost

scatterebbe l’intervento della forza pubblica per impedire tali azioni. Il limite del “buon costume” non comporta controlli preventivi: la Corte Costituzionale ha escluso che la polizia possa vietare, in via preventiva, riti religiosi contrari al buon costume. Solo dopo che si è verificata una prima trasgressione a questo limite ci potrà essere l’intervento dell’autorità di polizia, con il conseguente divieto a non ripetere quelle determinate azioni:

ma, prima di quel momento, il controllo preventivo non potrà essere esercitato.

Per ciò che riguarda le ASSOCIAZIONI A CARATTERE RELIGIOSO possiamo affermare che esse sono protette e disciplinate dall’art. 18 Cost.: questo significa che per la loro formazione o per l’adesione ad esse non c’è bisogno di alcun provvedimento autorizzativo da parte

38

appunti@email.it

dello Stato. Però, questo significa anche che lo Stato possa informarsi sulle attività di questa associazione per assicurarsi che non si tratti di un’associazione segreta (cioè vietata dalla Costituzione). Essendo delle associazioni lecite, lo Stato non può permettersi di interferire nelle decisioni prese da questi; se avvenisse ciò, lo Stato violerebbe l’art. 19 Cost. interferendo sulla libertà della associazione.

Possono aversi delle controversie quando vengono create nuove associazioni senza che vi sia alcun controllo preventivo da parte dello Stato; una potrebbe riguardare la denominazione che una nuova associazione intende darsi. Infatti, nel caso in cui questa nuova associazione avesse la pretesa di collegarsi con un’altra confessione religiosa e i rappresentanti di questa confessione fossero contrari, la nuova associazione non potrebbe denominarsi in quel modo. Ciò avviene perché l’art. 19, oltre a garantire la possibilità di creare nuove associazioni, garantisce anche l’identità delle associazioni preesistenti. Il problema del rapporto tra organizzazione preesistente e associazione nuova (in particolar modo se dissidente) avviene molto spesso in materia religiosa. Questo è il così detto fenomeno della DISSIDENZA che non mira alla creazione di nuovi organismi confessionali, ma cerca di operare all’interno di una confessione religiosa con l’intento di riformarla.

Anche la LIBERTÀ DI PROPAGANDA E DI PROSELITISMO è garantita a tutti dall’art. 19 Cost.; tuttavia dobbiamo distinguere tra il regime riservato alla Chiesa cattolica e quello riservato alle altre minoranze religiose. Senza dubbio, la religione cattolica ha usufruito tantissimo di questo diritto sia prima dell’avvento della Costituzione (in base al Concordato del Laterano), sia dopo la stipulazione dell’Accordo del 18 Febbraio 1984. Qui, l’art. 2 garantisce ai cattolici e alle loro organizzazioni la libertà di manifestare il proprio pensiero con ogni mezzo.

Le minoranze religiose, invece, non sempre hanno potuto esercitare il diritto di propaganda. Questo fenomeno era facilmente rilevabile prima dell’entrata in vigore della Costituzione; ma anche dopo, la diversità di trattamento tra Chiesa cattolica e confessioni di minoranza è rimasta evidente. Pensiamo al fatto che vige ancora oggi l’art. 402 c.p. che punisce per vilipendio della religione cattolica colui che neghi drasticamente (e senza motivazione) i dogmi affermati dalla Chiesa e i suoi riti. In base a tale norma, gli appartenenti alle confessioni di minoranza non possono criticare immotivatamente la Chiesa cattolica e non possono usare quegli slogan che rappresentano il modo più semplice comune di fare propaganda. Non solo: la giurisprudenza ha riconosciuto il diritto di poter criticare la religione cattolica solo a seguito di “studi condotti con serietà e preparazione”. Questo significa che solo i teologi sono liberi di poter criticare i principi della Chiesa cattolica: ma questo stato di cose contrasta con le disposizioni contenute nell’art. 19 Cost., il quale dà a tutti la libertà di poter propagandare (e quindi di poter criticare la Chiesa cattolica).

Un’altra libertà molto importante a favore delle confessioni religiose è la LIBERTÀ DI CORRISPONDENZA, garantita dall’art. 15 Cost.: cioè la libertà di comunicare con i proprio fedeli e con i terzi, anche per ciò che sia ritenuto necessario al fine del governo del gruppo sociale. Questa libertà comprende anche la facoltà di poter pubblicare atti o

39

appunti@email.it

provvedimenti; perciò, essendo questa una libera manifestazione del proprio pensiero,

Quando un atto di governo di una determinata

comunità confessionale viene pubblicato, è suscettibile di essere valutato dall’ordinamento statuale come libera manifestazione del pensiero; l’atto avrà contenuto lecito se esso non contrasti con i valori garantiti dalla Costituzione; avrà contenuto illecito nel momento in cui esso provochi un contrasto con questi valori.

essa è garantita anche dall’art. 21 Cost

Infine ricordiamo che si ha DIFETTO DI GIURISDIZIONE DELLO STATO quando lo Stato non può intervenire nelle decisioni deliberate all’interno di una determinata associazione (pensiamo all’allontanamento di un individuo).

Per quanto riguarda la TUTELA PENALE DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA, ricordiamo che il codice

penale del 1930 puniva i delitti contro la religione dello Stato e i culti ammessi: i delitti non erano visti come delitti contro la libertà religiosa, ma come offese arrecate al “SENTIMENTO RELIGIOSO”. Oggigiorno non possiamo negare che le norme penali, oltre a proteggere il sentimento religioso, attuano una garanzia più completa della libertà religiosa. Tale libertà, accanto alla libertà di voto, è una delle poche ad essere tutelata con norme penali specifiche: infatti, tutte le altre libertà sono tutelate da norme penali generali. Esclusa l’ammissibilità di qualsiasi norma penale che miri a garantire dalle offese questa o quella ideologia religiosa, la tutela penale specifica della libertà da noi considerata non dà luogo

a problemi di legittimità costituzionale, dove sia rispettata l’uguaglianza di tutte le confessioni e di tutti i cittadini.

Il fatto che in Italia esistano delle norme penali speciali a tutela della libertà religiosa,

rendono ancora più evidente che il nostro Stato non può essere considerato “separatista”, ma tanto meno può essere considerato “confessionista”: per questo molti hanno osservato che lo Stato occupi una posizione “neo-giurisdizionalista”.

Comunque, gli articoli 402-406 c.p. sono stati messi in crisi dal Protocollo addizionale all’Accordo del 1984, il quale ha dichiarato non più in vigore il principio secondo cui la religione cattolica fosse la religione dello Stato. A rigor di logica, questa affermazione dovrebbe comportare il venir meno della tutela dal vilipendio prevista dall’art. 402 c.p. a favore dei principi dogmatici di tale religione, in quanto religione dello Stato: se non vi è più una religione di Stato, viene a mancare l’oggetto del reato delineato nell’art. 402 c.p. visto sopra.

La CORTE COSTITUZIONALE, dopo la stipulazione del Protocollo addizionale, ha ammesso che è venuto meno il significato originario dell’espressione “religione dello Stato” in quanto tale espressione, all’interno dell’art. 724 c.p. avrebbe assunto il diverso significato di “religione cattolica”. La CORTE DI CASSAZIONE, invece, ritiene l’art. 724 c.p. ancora in vigore perché tutela il sentimento religioso dei cattolici, i quali costituiscono la maggioranza dei cittadini dello Stato. Qui scatta una dura critica: se la legge deve curare la difesa dei sentimenti in materia di religione, poiché tutte le confessioni godono di un’uguale misura di libertà (art. 8 Cost.) e i singoli di una misura paritaria di libertà religiosa (art. 19 Cost.), anche i sentimenti religiosi di tutti devono essere ugualmente tutelati in sede penale. Limitando tale tutela solo ai cittadini appartenenti alla confessione

40

appunti@email.it

di maggioranza, gli appartenenti alle confessioni di minoranza non godono della libertà

religiosa nella stessa misura.

Conseguentemente, la Corte Costituzionale è ritornata a valutare l’art. 724 c.p. e ne ha dichiarato l’illegittimità costituzionale; inoltre ne ha manipolato la formula, eliminando le parole “o i Simboli o le Persone venerati nella religione dello Stato”. La prima parte della formula, invece, è rimasta in vigore perché la punizione della bestemmia “contro la Divinità in genere” protegge tutti i credenti e tutte le confessioni religiose (senza distinzioni o discriminazioni) dalle espressioni oltraggiose.

La necessità di tutelare paritariamente tutte le manifestazioni del sentimento religioso è stata ribadita nella legge n. 101 del 1989. Essa assicura in sede penale “la parità di tutela del sentimento religioso e dei diritti di libertà religiosa, senza discriminazioni tra cittadini e tra culti”; infine ricordiamo che questa legge deve essere applicata quando si tratta di interpretare gli art. 402-406 e 724 c.p

Come abbiamo già potuto osservare in precedenza, di rilevante importanza per il diritto alla libertà religiosa risulta essere l’art. 20 Cost.: “IL CARATTERE ECCLESIASTICO E IL FINE DI

RELIGIONE O DI CULTO DUNA ASSOCIAZIONE OD ISTITUZIONE NON POSSONO ESSERE CAUSA DI SPECIALI LIMITAZIONI LEGISLATIVE, NÉ DI SPECIALI GRAVAMI FISCALI PER LA SUA COSTITUZIONE,

CAPACITÀ GIURIDICA ED OGNI FORMA DI ATTIVITÀ”. Con tale disposizione, la Costituzione ha voluto garantire la facoltà dei singoli e delle confessioni religiose di dare vita ad ENTI ESPONENZIALI: cioè ad associazioni ed istituzioni aventi “carattere ecclesiastico” e “fine di religione o di culto”. Questi enti non devono essere discriminati dal legislatore rispetto ad associazioni di diritto comune. L’esistenza di tale norma sta a significare che la legge potrebbe attribuire a tali enti una posizione simile a quella degli enti pubblici, e che le norme dettate per questi possano essere applicabili anche agli enti ecclesiastici (sempre che non ne derivino limitazioni). La disposizione, come detto, tutela ASSOCIAZIONI ED

ISTITUZIONI AVENTI CARATTERE ECCLESIASTICOE FINE DI RELIGIONE O CULTO; secondo

la dottrina, questa garanzia riguarda tutti gli enti che sono generati dalle confessioni

religiose. Inizialmente, con “carattere ecclesiastico” si intendevano solo gli enti della Chiesa cattolica, mentre adesso sono compresi anche tutti quegli enti che appartengono ad

una Chiesa (anche diversa da quella cattolica).

L’art. 20 Cost. tutela tutti gli enti con fine di religione o di culto, sia che abbiano o che non abbiano ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica: non è pensabile che essa tuteli solo gli enti riconosciuti, anche perché tale norma protegge e garantisce anche il momento di formazione dell’organismo e dell’acquisto della personalità giuridica. Uno degli effetti provocati ad questo articolo è il RICONOSCIMENTO DELLA PERSONALITÀ GIURIDICA AGLI ENTI DELLA CHIESA CATTOLICA. Le disposizioni concordatarie del 1929 avrebbero ammesso il riconoscimento della personalità giuridica solo degli enti ecclesiastici esplicitamente previsti dalla legislazione del Concordato; invece, con l’avvento della Costituzione, è stato consentito all’autorità governativa di attribuire la personalità giuridica di diritto comune agli enti ecclesiastici che non avessero i requisiti per ottenere il riconoscimento ai sensi della legislazione di origine concordataria.

41

appunti@email.it

Concludendo, sottolineiamo che l’art. 20 Cost. esclude che il legislatore ordinario possa approvare leggi che privino gli enti ecclesiastici (o con fine di religione o culto) della personalità.

L’importanza

esame

in

particolare, esso influisce sulla misura di libertà religiosa di cui queste possono godere e disporre. Anche dopo l’Accordo del 18 Febbraio 1984 fra l’Italia e la Santa Sede, rimase intatto il controllo statale sugli acquisti degli enti (per i quali si applicavano le leggi civili relative alle persone giuridiche); ma, quando furono avviate le riforme nell’amministrazione pubblica, tutte le norme sul controllo degli acquisti degli enti furono abrogate. Questo valeva anche per gli enti ecclesiastici. Sempre per quanto riguarda gli enti ecclesiastici, è cessato il 1° Gennaio 1986 il controllo sugli atti eccedenti l’ordinaria amministrazione previsto dalle disposizioni concordatarie.

dell’art.

20

Cost.

risulta

anche

O

CON

quando

FINE

DI

prendiamo

RELIGIONE

O

in

DEGLI

ENTI

l’AMMINISTRAZIONE

ECCLESIASTICI

CULTO:

Il

problemi: il primo riguarda il rapporto tra l’art. 20 Cost. e le altre norme costituzionali riguardanti la materia dei tributi; il secondo problema riguarda gli effetti giuridici del

divieto stesso.

Per quanto riguarda il PRIMO PROBLEMA, sembra esatta l’opinione che considera la norma

in esame come l’applicazione del principio della capacità contributiva fissato

Cost.: quindi. la capacità contributiva di essi non è influenzata dalla qualificazione o dai fini confessionali. Invece, per quanto riguarda il SECONDO PROBLEMA, ricordiamo che la norma considerata esclude la possibilità di introdurre un qualsiasi tributo speciale a carico dei beni degli enti stessi: anche per questo lo Stato non può introdurre dei gravami fiscali per poi operare una ridistribuzione delle risorse tra gli enti di tutte le confessioni religiose.

dall’art. 53

a due diversi

DIVIETO

DELLAPPROVAZIONE

DI

SPECIALI GRAVAMI FISCALI

luogo

La norma che stiamo considerando non impedisce che lo Stato possa attribuire efficacia civile ad un tributo introdotto da un’autorità religiosa agli appartenenti alla propria confessione e agli ad essa collegata; in poche parole, le confessioni religiose sono libere di conseguire un contributo finanziario dai propri aderenti e dagli enti ad esse collegati.

42

appunti@email.it

CAPITOLO VII: LA SANTA SEDE E

LO STATO CITTÀ DEL VATICANO

I rapporti tra l’Italia e la Chiesa cattolica sono sempre stati a dir poco particolari: ciò

perché nel territorio italiano vi è il governo centrale della Chiesa, ossia la SANTA SEDE. L’espressione “Santa Sede” ha due significati: in senso stretto, indica l’ufficio del Sommo Pontefice; in senso lato, indica tutti gli uffici e gli istituti della Curia romana che collaborano con il Papa.

Nell’ordinamento italiano, la Santa Sede è un ente dotato di personalità giuridica anche nel settore dei rapporti di diritto privato. La posizione della persona giuridica “Santa Sede” nel diritto italiano è simile a quella di un ente ecclesiastico: dico simile perché essa occupa una posizione sui generis dovuta alla diversità della personalità giuridica in questione. Da ciò, deduciamo che la Santa Sede non è tenuta agli adempimenti previsti dalle norme sugli enti ecclesiastici.

Per quanto riguarda I RAPPORTI TRA LO STATO E LA SANTA SEDE, dobbiamo dire che sino all’età del Risorgimento non vi erano stati problemi che riguardassero Roma: questo perché il Pontefice era contemporaneamente anche il sovrano temporale del luogo in cui operava il governo centrale della Chiesa cattolica. Il problema sorse quando si stava per raggiungere l’unità d’Italia, e precisamente tra il 1850 e il 1870. Gli eventi del Settembre 1870 congiunsero Roma all’Italia: ma l’abbattimento dello Stato pontificio portò alla così detta “QUESTIONE ROMANA”. Lo Stato cercò di risolvere il problema emanando una legge unilaterale (legge n. 214 del 1871) che, come primo titolo, conteneva le prerogative del Sommo Pontefice e della Santa Sede: la Chiesa, però, non accettò questa soluzione. Comunque, la LEGGE SULLE GUARENTIGIE PONTIFICIE (anche se osservata unilateralmente dallo Stato) ha assicurato alla Santa Sede la piena libertà di svolgere la sua missione fino al 7 Giugno 1929, data di nascita dello STATO CITTÀ DEL VATICANO. In questi sessant’anni di perdita del potere temporale, la Chiesa si accorse che tale avvenimento fu provvidenziale:

difatti, con la liberazione da tale potere, la sua azione nel campo religioso aveva guadagnato slancio anche fuori dal mondo cattolico. Probabilmente è per questo che la Santa Sede, per la soluzione della “questione romana”, non ha chiesto il ripristino di tale sovranità territoriale; cioè la Chiesa non voleva più assumersi il peso di governare uno Stato vero e proprio.

Le GARANZIE REALI riguardano l’ambito territoriale in cui si svolge il governo centrale della Chiesa cattolica, in regime di assoluta immunità da qualsiasi controllo proveniente dall’esterno. La legge n. 214 del 1871 aveva stabilito che il Papa avrebbe continuato a godere dei palazzi apostolici del Vaticano e del Laterano (con tutti i giardini, gli edifici e terreni annessi), compresi i musei e la biblioteca. Proprio perché destinati al godimento del Papa, questi beni erano collocati tra i beni del patrimonio indisponibile dello Stato.

Il Trattato del Laterano del 1929 per la creazione dello Stato Città del Vaticano, riconobbe

alla Santa Sede “la piena proprietà e l’assoluta potestà e giurisdizione sovrana sul

43

appunti@email.it

Vaticano”. Quindi, da questo momento in poi, il governo italiano non poteva più interferire nelle decisioni prese all’interno dello Stato Città del Vaticano: inoltre, il Trattato ha stabilito il perimetro esterno della Città Stato e ha tutelato lo spazio aereo sovrastante il proprio territorio, vietando a qualsiasi aeromobile di poter trasvolare nei suoi cieli.

È chiaro che ci sono delle DIFFERENZE tra il regime apportato dalla legge n. 214 del 1871 e

quello del Trattato del 1929. Nel primo caso, la Santa Sede aveva solo il “godimento” dei palazzi apostolici e degli edifici ricordati: quindi non ne aveva la “disponibilità”, poiché si trattava di beni di proprietà dello Stato. Dopo il Trattato, il Palazzo Vaticano con tutte le sue pertinenze e i suoi accessori è diventato “piena proprietà” della Santa Sede (ente sovrano su quel territorio).

Lo Stato Città del Vaticano presenta alcune sostanziali differenze in confronto a tutti gli altri Stati. In primo luogo lo SCV non è stato creato per provvedere all’organizzazione sociale dei suoi cittadini, ma per assicurare alla Santa Sede un’indipendenza assoluta e per garantire ad essa una sovranità indiscutibile nel campo internazionale. Quindi possiamo affermare che lo SCV è lo strumento per garantire alla Santa Sede la libertà e l’indipendenza della missione religiosa. Infine, ricordiamo che lo SCV è considerato territorio neutrale ed inviolabile. Perciò possiamo definire lo SCV come uno Stato PATRIMONIALE, STRUMENTALE e NEUTRALE. Il regime vigente è quello di uno Stato assoluto in cui tutti i poteri spettano al sovrano, il quale li delega a funzionari da lui nominati e a sua discrezione revocati.

Lo SCV, come ogni altro Stato, oltre ad una popolazione, presenta una sua organizzazione

e una sua normazione. Ciò che interessa maggiormente è la NORMAZIONE che fece la sua

comparsa con l’emanazione di 6 leggi organiche da parte della Santa Sede. La prima di queste leggi ha carattere fondamentale poiché determina gli organi costituzionali dello Stato, la sfera di competenza, la bandiera, lo stemma e il sigillo ufficiale dello Stato. La seconda legge riguarda le fonti del diritto; la terza la cittadinanza e il soggiorno; la quarta l’ordinamento amministrativo; la quinta l’ordinamento economico e la sesta l’ordine pubblico.

Per quanto riguarda l’ORGANIZZAZIONE del SCV, abbiamo già visto che il Capo dello Stato

è il Papa: egli ha in mano tutti i poteri, e cioè quello legislativo, esecutivo e giudiziario. In caso di mancanza, tali poteri spettano al Collegio dei Cardinali. Gli organi amministrativi sono: il Cardinale Segretario di Stato, il Governatore, il Consigliere generale dello Stato

e la Pontificia Commissione per lo SCV.

Il Trattato del Luterano ha provveduto a disciplinare i rapporti tra l’Italia e lo SCV. Per quanto riguarda il TERRITORIO, non poche problemi ha causato e causa tuttora la posizione geografica dello SCV: cioè, all’interno del territorio italiano. Questo problema è di difficile soluzione, tant’è vero che non si è ancora trovato un accordo.

44

appunti@email.it

Invece, per quanto riguarda i RAPPORTI GIUDIZIARI tra l’Italia e lo SCV esistono determinate norme a riguardo. Le sentenze pronunciate dai tribunali dello SCV potranno essere eseguite secondo le norme del diritto internazionale. Invece, nell’ambito della giurisdizione penale, la Santa Sede può delegare allo Stato italiano la punizione dei delitti commessi nel territorio dello SCV; ogni volta che la Santa Sede richiede allo Stato italiano di procedere, i nostri giudici applicheranno il diritto penale italiano. Inoltre, è prevista la consegna allo Stato italiano delle persone imputate di fatti ritenuti delittuosi rifugiatesi nello SCV.

Un problema particolare riguarda il regime di PIAZZA SAN PIETRO, che è l’unica parte del perimetro vaticano che è rimasta aperta al pubblico: per questo motivo, essa è soggetta ai poteri di polizia delle autorità italiane (siano ai piedi della scalinata della Basilica). Quando l’imputato di un delitto commesso nella piazza sia stato catturato dagli agenti

italiani o sia stato a questi consegnato, si considera rifugiato nel territorio italiano: dunque

si procederà contro di lui senza la richiesta della Santa Sede.

La NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI in materia civile (e commerciale) nei rapporti tra lo SCV e l’Italia è regolata da una Convenzione con la Santa Sede. Tale convenzione prevede che, per le notificazioni da effettuare nello SCV, occorre che l’interessato faccia istanza al Procuratore della Repubblica, il quale farà domanda al promotore di giustizia del Tribunale di prima istanza dello stesso SCV, che provvederà a notificare l’atto. Per le notificazioni da effettuare in Italia, i ruoli vengono invertiti.

La Convenzione di cui abbiamo parlato adesso risulta importante anche per un altro motivo: infatti essa disciplina i casi in cui possono essere convenuti in giudizio in Italia la Santa sede, lo SCV e il Papa. Nei casi in cui vengano citati il Papa o la Santa Sede, la citazione deve avvenire in persona del Cardinale Segretario di Stato; se la citazione in giudizio riguarda lo SCV, la citazione va fatta in persona del Governatore. Da questo accordo si deduce che la Chiesa abbia rinunciato al PRIVILEGIO DEL FORO CIVILE, ossia all’immunità giurisdizionale dei suoi soggetti nei riguardi dello Stato italiano.

Le altre GARANZIE REALI riconosciute dal Trattato del 1929 riguardano (oltre alla piena proprietà delle Basiliche patriarcali di San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo, del Palazzo Pontificio e di Castel Gandolfo) il RICONOSCIMENTO a tali immobili DELLE IMMUNITÀ previste dal diritto internazionale per le sedi degli agenti diplomatici. La stessa garanzia vale anche per gli uffici della Santa Sede non ubicati nel territorio dello SCV.

I fatti giuridicamente rilevanti (leciti o illeciti) che avvengono in tali edifici sono di

competenza dell’autorità italiane. Chi nascesse in tali luoghi, nascerebbe in Italia; la successione di chi abbia domicilio in tali edifici si apre in Italia; un reato commesso in questi edifici, è stato commesso in territorio italiano ed è perseguito dalle leggi italiane.

Comunque, se confrontati con altri immobili, la garanzia riguarda l’esclusione dell’assoggettamento a vincoli o a espropriazione per pubblico ufficio, e l’esenzione da tributi ordinari e straordinari.

45

appunti@email.it

Oltre alle guarentigie reali, esistono anche le GUARENTIGIE PERSONALI. In primo luogo, esse riguardano la figura del Papa. Egli, con l’abbattimento dello Stato pontificio, aveva perduto la qualità di Capo dello Stato ed era divenuto un cittadino italiano in una posizione particolarissima: cioè, egli era un cittadino dotato delle prerogative e delle garanzie di un sovrano (legge n. 214 del 1871). A questa situazione pose fine il Trattato del Laterano del 1929, riconoscendo la sovranità della Santa Sede nel campo internazionale. Lo stesso documento considera “SACRA E INVIOLABILE LA PERSONA DEL SOMMO PONTEFICE” e ne parifica la tutela penale a quella del Presidente della Repubblica. Qualificando la persona del Papa “sacra e inviolabile”, la legge ha prima di tutto escluso che a questi possa essere applicata la legge penale: cioè, al Papa manca del tutto la capacità di diritto penale. In secondo luogo, per la tutela del Pontefice da attentati ed offese, la sua parificazione al Capo dello Stato implica l’utilizzo degli art. 276-282 e 301-303 c.p Concludendo, grazie alle disposizioni contenute nel Trattato, il Papa è un vero proprio sovrano con una limitata potestà territoriale: perciò a questi vengono riconosciute le garanzie competenti al Capo di uno Stato (con le varianti viste in precedenza).

Le guarentigie personali non riguardano solo il Papa, ma anche tutti coloro i quali partecipano all’attività della Santa Sede secondo le funzioni ad essi attribuite. Già la legge n. 241 del 1871 aveva previsto l’obbligo dello Stato di assicurare la libertà del Papa, dei conclavi e dei concili ecumenici. Nessun pubblico ufficiale poteva introdursi nei luoghi di residenza del Papa o dove fosse adunato un conclave o un concilio (se non mediante l’autorizzazione del Papa); nessuna autorità giudiziaria poteva impedire o limitare la libertà personale dei Cardinali. Analoghe garanzie vennero successivamente riconosciute anche dal Trattato del Laterano, che aggiunse altri riconoscimenti ed esenzioni. Ad esempio, ha parificato i Cardinali ai “principi del sangue”, ossia ai principi che nelle case reali spettava il posto immediatamente successivo a quello del re; dunque, nell’ordine delle precedenze, i Cardinali vengono subito dopo il Presidente della Repubblica. Inoltre i Cardinali, se devono testimoniare ad un processo civile, hanno il diritto di rendere le deposizioni a domicilio o nel luogo da essi scelto. Infine ricordiamo che i Cardinali non residenti nello SCV sono comunque cittadini vaticani.

Le garanzie che riguardano il LIBERO ESERCIZIO DELLA POTESTÀ DI MAGISTERO, previste a

favore della Santa Sede, sono menzionate nell’Accordo del 18 Febbraio 1984. Questo documento, oltre a riconoscere alla Chiesa “la piena libertà di svolgere la sua missione”, ha riconosciuto ad essa la libertà “di esercizio del magistero e del ministero spirituale, nonché della giurisdizione in materia ecclesiastica”. Nell’Accordo viene assicurata anche la libertà di comunicazione e di corrispondenza fra la Santa Sede, la Conferenza Episcopale Italiana, le Conferenze Episcopali regionali, i Vescovi, il clero e i fedeli; è anche garantita la libertà di pubblicazione e diffusione degli atti e documenti relativi alla missione della Chiesa. Lo Stato è, per questi motivi, tenuto ad astenersi da ogni interferenza o ingerenza in questi diritti.

46

appunti@email.it

Un’altra importante norma contenuta nel Trattato del 1929 afferma che gli ENTI CENTRALI DELLA CHIESA sono esenti da ogni ingerenza da parte dello Stato e dalla conversione nei riguardi dei beni immobili. Gli enti centrali della Chiesa sono gli ORGANISMI CHE COSTITUISCONO LA CURIA ROMANA, i quali provvedono al governo supremo della Chiesa. Essi sono: le Congregazioni, i Tribunali e gli Uffici della Santa Sede. La “centralità” degli enti è riferita alla struttura dell’organizzazione della Santa Sede per lo svolgimento della sua missione spirituale nel mondo. Per altri, invece la locuzione “enti centrali” equivale a “enti pontifici”, ossia enti gestiti direttamente dalla Santa Sede, anche se autonomi rispetto agli enti e agli uffici della Curia romana.

Tali enti ( “centrali” o “pontifici” che siano), quando svolgono la loro attività all’interno dello SCV o in edifici immuni, sfuggono a qualsiasi ingerenza da parte dello Stato poiché operano in un territorio dove non vige la potestà dell’ordinamento italiano. Ma la garanzia di non ingerenza non comporta l’immunità dalla giurisdizione italiana di tali enti nel momento in cui essi compiano atti rilevanti nell’ordinamento dello Stato; lo stesso vale per i loro amministratori o responsabili (che cadono sotto la giurisdizione penale dello Stato in caso di imputazioni di reato commesso in territorio italiano). Invece, sfuggono al giudice ordinario tutti gli atti della Santa Sede (in quanto manifestazioni della sua potestà d’ordine e di regime) e l’opera degli ecclesiastici che abbiano partecipato all’emanazione di essi.

Per i dipendenti vaticani è previsto un TRATTAMENTO FISCALE DI FAVORE. In primo luogo

ricordiamo che le retribuzioni corrisposti dalla Santa Sede e dagli enti “centrali” e “pontifici” della Chiesa sono esenti da qualsiasi tributo nei confronti dello Stato italiano e

di ogni altro ente. Riconosciuto il grande valore morale contenuto nel lavoro, la Santa Sede

ha istituito un UFFICIO DEL LAVORO DELLA SEDE APOSTOLICA: la sua attività riguarda il

lavoro prestato alle dipendenze della Curia romana, dello SCV e di enti amministrati direttamente dalla Santa Sede.

A volte sorgono dei problemi inerenti al regime dei rapporti di lavoro dei dipendenti della

Santa Sede, operanti in territorio italiano, con riferimento alla giurisdizione dello Stato sulle controversie cui possono dar luogo. La regola qui usata è la stessa che vale per i dipendenti italiani in ambasciate straniere. Bisogna distinguere se l’impiegato svolge una

funzione istituzionale propria dell’organizzazione a cui appartiene (e quindi sfugge alla giurisdizione statale) o un’attività che potrebbe essere prestata presso un qualsiasi altro datore di lavoro.

47

appunti@email.it

CAPITOLO VIII: GLI ENTI DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE

Abbiamo già osservato che le confessioni religiose non sono (di norma) dotate di PERSONALITÀ GIURIDICA nell’ordinamento italiano. invece hanno personalità giuridica gli enti creati da tali confessioni. Ma non sempre lo Stato ha riconosciuto la personalità giuridica agli enti delle confessioni religiose. Attualmente, non esistono dei freni per l’esistenza e il riconoscimento giuridico di enti confessionali, che può avvenire o mediante norme speciali o in base al diritto comune.

Nel nostro ordinamento, la personalità giuridica degli enti è riconosciuta in tre modi:

1)

per legge, quando e il legislatore a riconoscere la personalità;

2)

l’ente, costituito secondo uno schema previsto dalla legge, ottiene la personalità quando il suo atto costitutivo viene riconosciuto conforme alla legge dall’autorità giudiziaria e viene trascritto in un apposito registro;

3)

di volta in volta, con apposito provvedimento governativo di riconoscimento della personalità giuridica, emesso nella forma di decreto ministeriale.

Di regola, gli enti ecclesiastici ottengono il riconoscimento in base alla terza delle modalità indicate, cioè con decreto del Ministro dell’interno. Ma non mancano gli enti che hanno tale personalità sia per antico possesso di stato, sia secondo la prima delle modalità indicate

Sono dotate di PERSONALITÀ GIURIDICA PER ANTICO POSSESSO DI STATO nellordinamento

italiano la Santa Sede (e gli altri enti ecclesiastici) e la Tavola valdese. Hanno ottenuto la PERSONALITÀ GIURIDICA PER LEGGE le Comunità israelitiche, la Conferenza Episcopale Italiana, le Chiese avventiste e le Comunità evangeliche luterane. Tutti gli enti menzionati non appartengono alla categoria degli enti assimilabile agli enti privati, ma sono organi delle confessioni religiose dotati di personalità giuridica. Invece, il riconoscimento della personalità giuridica civile per le diocesi, le parrocchie e gli Istituti per il sostentamento del clero avviene mediante un PROCEDIMENTO ABBREVIATO: esso ha accostato tali enti a quegli enti privati (come le società di capitali) che acquistano la personalità giuridica a seguito di un giudizio di omologazione effettuato dal tribunale e dell’iscrizione nel registro delle imprese.

Per quanto concerne il RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI DELLA CHIESA CATTOLICA, è necessario

che vi siano i seguenti requisiti:

a) LENTE DEVE ESSERE COSTITUITO O APPROVATO DALLAUTORITÀ ECCLESIASTICA;

b) LAUTORITÀ ECCLESIASTICA DEVE DARE IL PROPRIO ASSENSO A CHE LENTE FACCIA ISTANZA PER OTTENERE LA PERSONALITÀ GIURIDICA CIVILE;

c) LENTE DEVE AVER SEDE IN ITALIA;

d) LENTE DEVE AVERE UN FINI DI RELIGIONE O DI CULTO.

Sono considerate ATTIVITÀ RELIGIOSE O DI CULTO quelle dirette all’esercizio del culto e alla cura delle anime; alla formazione del clero e dei religiosi; a scopi missionari; alla catechesi

48

appunti@email.it

e all’educazione cristiana. Non sono considerate attività di religione o di culto quelle di

assistenza, beneficenza, istruzione, educazione e cultura e, in ogni caso, le attività lucrative

e commerciali. Il fine “COSTITUTIVO” ed “ESSENZIALE” che consente di qualificare un ente

ecclesiastico “civilmente riconosciuto” è quello che esso persegue nel concreto operare in

quelle attività religiose che abbiamo visto in precedenza.

Una volta ottenuta la personalità giuridica civile, GLI ENTI ECCLESIASTICI HANNO LONERE

DI ISCRIVERSI NEL REGISTRO DELLE PERSONE GIURIDICHE, in modo da rendere conoscibili le

norme sul funzionamento dell’ente e i poteri degli organi di rappresentanza. L’iscrizione dell’ente ecclesiastico nel registro avviene in modo differente agli altri enti: infatti, mentre gli enti semplici devono depositare l’atto costitutivo e lo statuto, gli enti ecclesiastici non devono depositare lo statuto, bensì il decreto canonico di erezione. In questo documento dovranno risultare la denominazione, la natura e la sede dell’ente.

Nel caso di mancanza di iscrizione nel registro entro i termini stabiliti, gli enti non sono legittimati a concludere alcun negozio giuridico finché ciò non avvenga.

Il

ECCLESIASTICI da parte dello Stato ha inizio con presentazione della domanda: questa deve essere effettuata da chi rappresenta l’ente secondo il diritto canonico, o dall’autorità ecclesiastica competente. Alla domanda devono essere allegati i documenti atti a provare i requisiti necessari al riconoscimento (il provvedimento canonico di erezione e un estratto dello statuto, contenente le norme sulla struttura dell’ente): insieme alla domanda e ai documenti detti, deve essere allegato l’atto di assenso al riconoscimento manifestato dall’autorità ecclesiastica competente. La domanda dovrà essere presentata presso la prefettura del luogo in cui l’ente ha sede, in quanto questo rappresenta l’organo periferico della Direzione generale degli affari dei culti del Ministero dell’interno. Il prefetto, dopo aver istruito la pratica, la trasmette (completa di un proprio rapporto) al detto Ministero che cerca di conoscere il parere del Consiglio di Stato. Nel caso in cui vi siano tutti i requisiti previsti dalla legge, il Ministro emana il decreto con il quale concede il riconoscimento. Una volta ottenuto il riconoscimento, l’ente ha l’onere di richiedere l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche istituito presso il Tribunale sito nel capoluogo della provincia in cui l’ente ha sede.

L’ACQUISTO DELLA PERSONALITÀ GIURIDICA DA PARTE DEGLI ENTI PRIVATI dipende da un atto

totalmente discrezionale dell’autorità governativa: infatti, oltre a valutare se vi siano tutte le necessarie prerogative, l’autorità governativa valuta se l’ente sia necessario e utile e se abbia i mezzi finanziari per raggiungere i suoi scopi.

Però dobbiamo valutare se gli stessi poteri siano attribuiti all’autorità governativa nel riconoscimento degli enti della Chiesa cattolica. La prima cosa da notare è che gli eventuali poteri discrezionali dell’autorità dovranno essere esercitati nel rispetto dell’art. 19 Cost. (che garantisce la libertà religiosa degli enti). In secondo luogo dobbiamo ricordare che siccome gli enti della Chiesa possono appartenere a diverse categorie (associazione, fondazioni) è chiaro che i poteri di valutazione dell’autorità governativa cambino da caso

a caso: è chiaro che la valutazione riguarda la sussistenza dei requisiti.

PROCEDIMENTO

DI

RICONOSCIMENTO

DELLA

PERSONALITÀ

GIURIDICA

DEGLI

ENTI

49

appunti@email.it

Una prima parte dell’esame è di mera legittimità: cioè, si comparano i requisiti prospettati con le previsioni di legge. Invece, il requisito attinente ai fini dell’ente può essere valutato sotto il profilo della legittimità solo rispetto ad alcuni enti, ma è soggetto ad una valutazione di merito in altri casi. Il requisito della sufficienza del patrimonio o dei mezzi economici per il raggiungimento dei fini dell’ente non può essere valutato che discrezionalmente, in quanto si tratta di un giudizio economico. Ma questo requisito è irrilevante per il riconoscimento degli enti che fanno parte della costituzione gerarchica della Chiesa. Un’altra categoria di enti per i quali non occorre l’accertamento della sufficienza dei mezzi è quella delle associazioni in generale (istituti ecclesiastici e società di vita comune).

Per quanto riguarda il riconoscimento della personalità giuridica degli enti della Chiesa cattolica, l’autorità governativa non ha il potere di effettuare una valutazione sulla loro utilità sociale: non solo perché il giudizio non le spetta, ma anche perché è molto difficile che una autorità statale possa essere in grado di effettuare una valutazione del genere.

Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti possono essere soggetti a MODIFICAZIONI; tali modificazioni possono essere riconosciute con un procedimento uguale a quello previsto per l’attribuzione della personalità giuridica. Quindi, ogni MUTAMENTO SOSTANZIALE che riguardi il fine, la destinazione dei beni e il modo di esistenza di un ente ecclesiastico deve essere riconosciuto con decreto del Ministro dell’interno (sentito il parere del Consiglio di Stato, quando occorre) per essere efficace nel diritto statale.

Per quanto riguarda i MUTAMENTI DEL FINE, non è facile dire quando esso sia sostanziale e quando non lo sia: il giudizio spetta all’amministrazione. Invece, i MUTAMENTI DELLA DESTINAZIONE DEI BENI sono sottoposti a controllo perché rilevanti per garantire i terzi attraverso l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche o, nel caso di perdita di patrimonio per un ente di tipo fondazione, per l’eventuale revoca del riconoscimento della personalità giuridica. Infine, per quanto riguarda i MUTAMENTI DEL MODO DI ESISTENZA DEGLI ENTI, essi attengono alla struttura della persona giuridica; essi potrebbero riguardare la circoscrizione territoriale, l’unione di più enti o lo scorporo di un ente con la sottrazione, a favore di altro, di talune attività.

Un altro fenomeno che potrebbe riguardare gli enti ecclesiastici è l’ESTINZIONE. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti cessano di esistere quando sono soppressi dall’autorità ecclesiastica o quando viene revocato il loro riconoscimento civile. Affinché l’estinzione sia efficace nel diritto statale, vi deve essere l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche del provvedimento ecclesiastico si estinzione. Quindi, il provvedimento canonico di estinzione o soppressione deve essere trasmesso al Ministro dell’interno: questi, con decreto, dispone l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche.

Ma l’ente ecclesiastico può perdere la qualifica di “civilmente riconosciuto” (cioè la personalità giuridica) anche per un provvedimento autonomo di REVOCA DEL RICONOSCIMENTO da parte dell’autorità governativa. Questo avviene quando l’ente perde

50

appunti@email.it

uno dei requisiti prescritti per il riconoscimento civile. La revoca deve essere deliberata con decreto del Ministro dell’interno (sentito il Consiglio di Stato se ce ne fosse la necessità) e, siccome avviene per iniziativa dell’autorità governativa, è previsto che sia sentita l’autorità ecclesiastica. Infine, ricordiamo che la revoca può avvenire solo ed esclusivamente a causa della perdita di uno dei requisiti previsti dalla legge.

Il fatto che per ottenere il riconoscimento della personalità giuridica civile l’ente debba avere il fine “costitutivo ed essenziale” di religione o di culto, non implica che questi non possano svolgere tutte quelle attività che sono considerate lecite dall’ordinamento statale. Chiaramente, le ATTIVITÀ DIVERSE da quelle di religione e di culto sono soggette totalmente alle leggi dello Stato (ambito civilistico normativo e tributario). Per non creare fraintendimenti, norme emanate recentemente hanno precisato tra le attività diverse da quelle di religione e di culto sono comprese: la beneficenza, l’assistenza, l’istruzione, l’educazione e la cultura (oltre alle attività commerciali o a scopo di lucro). Gli stessi principi valgono per gli enti delle confessioni religiose di minoranza. Fra le attività non qualificate dalla legge come attività di religione o di culto, hanno una grande importanza le attività esistenziali svolte da enti ecclesiastici ospedalieri. È fuor di dubbio che gli enti ecclesiastici che svolgono tale attività ospedaliera non possono essere qualificati come enti pubblici.

Molti e diversi sono le affermazioni circa la QUALIFICA GIURIDICA DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Alcuni affermano che tali enti sarebbero da considerare come se posti in mezzo tra gli enti privati e gli enti pubblici: quindi dotati di una pubblicità speciale. Altri invece affermano che tali enti sarebbero da considerare privati, altri ancora che dovrebbero essere considerati pubblici.

In realtà, gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti non sono né privati né pubblici, ma enti che godono di una più grande ed autonoma organizzazione confessionale (a cui lo Stato si limita a riconoscere la personalità giuridica). In poche parole, GLI ENTI

ECCLESIASTICI OCCUPANO UNA CATEGORIA A SÉ.

Un altro problema di rilievo nei rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose, è quello del COLLEGAMENTO CON GLI ENTI espressi da queste o che si riferiscono a queste. Già nel Concordato del 1929 era affermato che il collegamento degli enti con la Chiesa deve essere attestato dall’autorità ecclesiastica: l’Accordo del 18 Febbraio 1984 non ha fatto altro che riprendere tale principio. Nessun istituto religioso, nessuna associazione di fedeli può ottenere il riconoscimento della personalità giuridica civile senza l’assenso della Santa Sede: o meglio, loro potrebbero ottenere tale riconoscimento, ma non potrebbero fregiarsi della qualifica di “cattolica”. Lo stesso discorso vale per gli enti collegati alle altre confessioni religiose, sia che possano o che non possano ottenere il riconoscimento della personalità giuridica da parte dello Stato. infine, non dimentichiamo che un ente potrebbe essere considerato ecclesiastico dalla Chiesa, ma potrebbe non avere tale qualifica dallo Stato; questo perché lo Stato riconosce gli enti della Chiesa come ecclesiastici quando essi hanno come fine “costitutivo ed essenziale” quello di religione o di culto.

Adesso vediamo quali sono i vari ENTI DELLA CHIESA CATTOLICA.

51

appunti@email.it

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA: è un istituto permanente la cui struttura di base è data dall’assemblea dei vescovi di una nazione o di un determinato territorio. Queste Conferenze sono erette, soppresse o innovate dalla Santa Sede e acquistano di diritto la personalità giuridica (nell’ordinamento della Chiesa) non appena vengono erette legittimamente. Data l’importanza di questo istituto, non poteva non essere presente all’interno dell’Accordo del 1984. In questo documento viene assicurata la libertà di comunicazione e di corrispondenza tra la Santa sede, la CEI e le Conferenze Episcopali

regionali; inoltre, sempre questo documento, legittima la CEI a stipulare intese con le autorità dello Stato per le materie in cui vi è l’esigenza di collaborazione tra Chiesa e Stato. Infatti la CEI è legittimata a compiere numerosi atti giuridicamente rilevanti nell’esercizio

di poteri sia normativi che amministrativi.

Tra i POTERI NORMATIVI ricordiamo che la CEI:

- definisce l’esercizio del ministero del clero;

- determina periodicamente quanto dovuto al clero;

- emana le disposizioni necessarie per l’attuazione nel diritto canonico delle norme sui beni ecclesiastici e sul sostentamento del clero.

Tra i POTERI AMMINISTRATIVI ricordiamo che la CEI:

- ha eretto e dotato l’Istituto centrale per il sostentamento del clero;

- stabilisce la ripartizione degli avanzi di gestione degli Istituti diocesani tra questi istituti e l’Istituto centrale;

- riceve dallo Stato una determinata somma di denaro, e ne determina la destinazione.

DIOCESI E PARROCCHIE: con il termine diocesi si indica una “Chiesa particolare”. Con il termine parrocchia si indica una “comunità stabile di fedeli”. Detto questo diciamo subito che nel diritto della Chiesa sia la diocesi che la parrocchia acquistano ipso iure la personalità giuridica appena vengono erette. Nel diritto dello Stato si è avuta una recente semplificazione del settore. Una volta determinata dall’autorità ecclesiastica la sede e la denominazione delle diocesi e delle parrocchie, il Ministro dell’interno (in forma abbreviata e con proprio decreto) conferisce a queste la qualifica di “enti ecclesiastici civilmente riconosciuti”.

CAPITOLI: i capitoli cattedrali o collegiali, che sarebbero le adunanze dei canonici di una cattedrale o di una collegiata, fanno parte della costituzione gerarchica della Chiesa e sono stati riconosciuti come persone giuridiche nel diritto dello Stato.

A decorrere dal 1° Gennaio 1987, l’autorità ecclesiastica ha potuto richiedere la revoca del

riconoscimento civile a suo tempo concesso a tali capitoli quando questi non rispondano più alle particolari esigenze o alle tradizioni religiose della popolazione. L’autorità competente a chiedere la revoca è la Santa Sede per i capitoli cattedrali ed il vescovo per i capitoli collegiali. La revoca del riconoscimento della personalità giuridica dei capitoli avviene con decreto del Ministro dell’interno (sentito il parere del Consiglio di Stato).

52

appunti@email.it

FONDAZIONI DI CULTO: esse consistono in una massa patrimoniale stabilmente destinata a fine di culto che, con l’attribuzione della personalità giuridica, diventano autonomi centri di imputazione di diritti e di obblighi. Il termine culto deve essere inteso in senso molto ampio, in quanto deve comprendere il finanziamento di ogni attività che abbia un fine strettamente religioso: così saranno riconosciute come fondazioni di culto sia quelle che riguardano il culto in senso proprio (come l’organizzazione della festa del Santo patrono, la fornitura degli strumenti necessari per avere la musica), che quelle rivolte a sostenere il magistero ecclesiastico (mediante il finanziamento degli esercizi spirituali, delle missioni periodiche, della catechesi). Il riconoscimento della personalità giuridica è molto discrezionale perché (oltre ai requisiti dell’approvazione dell’autorità ecclesiastica, del suo assenso al riconoscimento civile e all’esame del fine da perseguire) i requisiti richiesti dalla legge nel caso in esame sono dati di fatto paragonabili ai principi economici e di mera opportunità. Perciò, il riconoscimento è ammesso quando vi sia la sufficienza dei mezzi per il raggiungimento dei fini prefissati.

CHIESE: le chiese appartengono al genere delle fondazione. I requisiti affinché una chiesa possa ottenere il riconoscimento della personalità giuridica sono due: l’apertura al culto pubblico e la disposizione di un patrimonio sufficiente per la manutenzione e l’ufficiatura. La locuzione “aperta al pubblico” significa che la Chiesa è officiata regolarmente: cioè, l’ufficio divino e tutte le altre attività ad esso connesse devono essere svolte in maniera continuativa, con un programma diretto a soddisfare l’interesse della generalità dei fedeli. Ma, “aperto al pubblico” significa che tutti vi possono entrare, senza dover presentare un particolare titolo di ammissione.

Importante al fine del riconoscimento dell’ente-chiesa è la PROPRIETÀ DELLEDIFICIO in cui essa svolge le proprie attività: nel caso in cui esso appartenga ad un privato, il quale non trasferisce il suo diritto all’ente, non sarà possibile riconoscere un ente-chiesa, ma piuttosto una fondazione di culto, un’associazione, una confraternita, e via dicendo. Però, questo stato di cose è in contrasto con la legge n. 222 del 1985: essa prevede che per il riconoscimento di un ente-chiesa non c’è bisogno che l’edificio di culto diventi di proprietà dell’ente erigendo. Infatti, il diritto di proprietà del privato sull’edificio è ampiamente sacrificato nella sua facoltà di godimento tutte le volte in cui essa debba cedere nei confronti delle esigenze del culto. Quindi, non si capisce il motivo per cui uno dei requisiti per il riconoscimento di un ente-chiesa debba essere la proprietà dell’edificio, quando basterebbe l’assegnazione del diritto reale di godimento.

SANTUARI: i santuari non sono altro che chiese. Il termine santuario sta ad indicare quelle chiese, mete di pellegrinaggio, in cui si venerano immagini o reliquie di particolare devozione. Quindi, questo termine, sta ad indicare una chiesa che soddisfa una necessità di culto diversa da quella ordinaria.

53

appunti@email.it

FABBRICERIE: questo termine può avere due significati. La prima nozione indica la fondazione o la massa patrimoniale raccolte giornalmente e amministrate in modo autonomo; il secondo significato indica il consiglio competente ad amministrare tali beni, costituito da ecclesiastici o da laici. Il COMPITO della fabbriceria è quello di amministrare quella parte del patrimonio di una chiesa che deve essere usato per la manutenzione dell’edificio e per le spese di culto.

Le fabbricerie che gestiscono una chiesa cattedrale o un edificio di culto dichiarato di rilevante interesse storico o artistico hanno un CONSIGLIO composto da 7 membri (2 nominati direttamente dal vescovo, 5 nominati dal Ministro dell’interno su consiglio del vescovo): il loro statuto deve essere approvato con decreto ministeriale, sentito il vescovo diocesano. Tutti i membri della fabbriceria prestano la propria opera gratuitamente. Il PRESIDENTE DELLA FABBRICERIA, oltre ad eseguire le deliberazioni del consiglio e ad erogare le spese deliberate: 1) adotta i provvedimenti necessari in casi di urgenza, che dovranno essere sottoposti all’esame del consiglio; 2) annualmente prepara i bilanci consuntivi che dovranno essere approvati dal consiglio.

Il Concordato del 1929 stabili che detti consigli potessero essere formati anche interamente da laici, ma questi non potevano immischiarsi negli affari e nei servizi di culto. Lo stesso documento dispose che la nomina dei componenti del consiglio dovesse essere effettuata d’intesa con l’autorità ecclesiastica. Infine ricordiamo che, per il compimento degli atti di straordinaria amministrazione, ha bisogno dell’autorizzazione governativa (richiesta al prefetto dal presidente della fabbriceria).

rilevante

determinati dal fattore religioso. Tra le associazioni religiose dobbiamo distinguere gli istituti religiosi , dagli istituti secolari e dalle società di vita apostolica.

Gli ISTITUTI RELIGIOSI sono le associazioni in cui è più stretto il vincolo sociale: i soci aderiscono a tali associazioni pronunziando voti pubblici (perpetui o temporanei rinnovabili) che impegnano a condurre una vita comune. Gli ISTITUTI SECOLARI, invece, non implicano per i soci alcuna separazione dal resto della società umana. Essi sono costituiti da fedeli, laici e chierici che, dopo aver aderito all’associazione, continuano a vivere nel secolo la vocazione alla perfetta carità e il cui programma è di contribuire dall’interno alla santificazione del mondo. Nelle SOCIETÀ DI VITA APOSTOLICA, l’adesione dei soci avviene senza la pronunzia di voti: questa adesione comporta la vita comune dei soci, diretta alla perfezione della carità.

I REQUISITI richiesti per il riconoscimento della personalità giuridica sono i seguenti:

- approvazione della Santa Sede;

- ubicazione della sede in Italia;

- avere un rappresentante italiano e residente in Italia.

Quindi, le associazioni non devono provare l’esistenza di un patrimonio perché i soci possono, mediante loro contributi, formare e incrementare il patrimonio

ASSOCIAZIONI

RELIGIOSE:

queste

rappresentano

il

fenomeno

sociale

più

54

appunti@email.it

dell’organizzazione anche in un momento successivo il riconoscimento: l’importante è che si dimostri la capacità di acquistare e di possedere dell’associazione.

Il Concordato del 1929 dedicava poca attenzione alle associazioni: solo dopo la riconquista della libertà civile e grazie ai fermenti ideali del Concilio Vaticano II si ebbero nuove norme che tutelavano e garantivano l’associazionismo fra i cattolici.

Una volta riconosciuta la personalità giuridica, l’ente è del tutto regolato dalle leggi civili:

invece, resta riservata all’autorità ecclesiastica l’attività di religione o di culto dell’associazione e la materia degli organi statutari. Seguendo il riconoscimento alla stregua del diritto comune, l’associazione deve presentare i requisiti previsti dalle leggi civili. Quindi, a differenza di quanto accadde per gli istituti religiosi, il riconoscimento delle società di vita apostolica e delle associazioni pubbliche di fedeli è totalmente discrezionale.

Un’ASSOCIAZIONE RELIGIOSA NON RICONOSCIUTA come persona giuridica dallo Stato È, per l’ordinamento civile, UNASSOCIAZIONE DI FATTO. Quindi, queste sono regolate dalle norme statali che riguardano le associazioni non riconosciute (soprattutto nei rapporti patrimoniali, per garantire i terzi); ma, trattandosi di associazioni di fatto collegate alla Chiesa cattolica, le sue attività di religione o di culto sono soggette alla disciplina dell’autorità ecclesiastica.

CONFRATERNITE: sono enti che appartengono al genere delle associazioni laicali (di cui sono la più antica manifestazione). Fanno parte di questo gruppo anche le associazioni denominate confraterie, congreghe, misericordie e simili: sono organismi che hanno fini di culto e/o di beneficenza (come l’assistenza ai confratelli infermi o ai bisognosi, la cura del culto di una chiesa, e così via).

PRELATURE PERSONALI: esse sono enti ecclesiastici diretti a promuovere una migliore distribuzione dei sacerdoti o a svolgere specifiche opere pastorali o missionarie a favore delle varie regioni e dei diversi ceti sociali. Le prelature personali non sono associazioni religiose: sono organismi che, per la struttura e per i fini perseguiti, fanno parte della costituzione gerarchica della Chiesa.

Lo Stato, oltre a riconoscere gli enti ecclesiastici, riconosce anche gli ENTI DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE DI MINORANZA. Il riconoscimento di tali enti ha luogo con la presentazione al prefetto del territorio di una domanda fatta da qualsiasi interessato e diretta al Ministro dell’interno; questi, riconoscerà l’ente mediante decreto ministeriale (sentito il Consiglio di Stato, e persino il Consiglio dei ministri). Prima dell’avvento della Costituzione, norme anteriori prevedevano che gli enti delle confessioni diverse da quella cattolica fossero soggetti alla vigilanza e alla tutela governativa. Ma ciò non è più ammesso perché entra in contrasto con l’art. 20 Cost., il quale esclude che agli enti con fine di religione o di culto possa essere riservato un trattamento peggiore rispetto a quello previsto dal codice civile per le persone giuridiche.

55

appunti@email.it

CAPITOLO IX: I MEZZI PER L’ATTIVITÀ

DI RELIGIONE O DI CULTO

Per svolgere l’esercizio dell’attività di religione o di culto, risulta essere fondamentale la DISPONIBILITÀ DEI MEZZI ECONOMICI occorrenti per il raggiungimento di tali fini. E siccome il settore economico è di competenza statale, è chiaro che i rapporti che nascono a proposito dell’uso degli accennati mezzi economici sono disciplinati dal diritto statale. Però, a volte, capita che tale diritto attribuisca importanza alla disciplina che tali rapporti ricevono negli statuti interni delle confessioni religiose (come avviene per la confessione cattolica).

SEZIONE 1 – IL SOSTENTAMENTO DEL CLERO

Nel diritto canonico, il SOSTENTAMENTO DEGLI ECCLESIASTICI che ricoprono un ufficio della Chiesa è stato garantito secondo un vecchio sistema di antica concezione sino al 1986. L’ufficio ecclesiastico non aveva personalità giuridica, ma è stato affiancato da una persona giuridica; il BENEFICIO. Il beneficio è una dotazione patrimoniale il cui reddito serve a retribuire il funzionario ecclesiastico (posta in essere da un ente del tipo “fondazione”). Questo sistema presentava notevoli sperequazioni nel trattamento economico di tali funzionari; infatti la retribuzione era collegata al reddito del beneficio, e quindi variava secondo l’entità del patrimonio della fondazione beneficiale (creando vescovi ricchi e vescovi poveri, parroci ricchi e parroci poveri). Per porre fine a questo situazione, interveniva lo Stato versando il SUPPLEMENTO DI CONGRUA a quegli ecclesiastici il cui beneficio producesse redditi in misura inferiore ad un certo minimo. Inizialmente sembrava giusto che lo Stato intervenisse in questa maniera, tant’è che anche dopo il Concordato del 1929 lo Stato decise di continuare a corrispondere tali assegni supplementari. Siccome la funzione di tali assegni era quella di garantire un decoroso sostentamento personale, essa veniva considerata una prestazione a carattere alimentare a carico (per legge) del Fondo per il culto. Quindi, l’ufficiale ecclesiastico che avesse avuto un reddito inferiore ai limiti stabiliti dalla legge, godevano di un vero e proprio diritto soggettivo nei confronti del Fondo per il culto.

Questo sistema retributivo è stato completamente scardinato. Il nuovo codex iuris canonici ha previsto il graduale passaggio dal vecchio sistema beneficiale di retribuzione del clero ad un sistema più equo e moderno con l’istituzione di ISTITUTI PER IL SOSTENTAMENTO DEL CLERO (diocesani o interdiocesani): questi sono enti ecclesiastici civilmente riconosciuti.

A tale RIFORMA DELLA GESTIONE PATRIMONIALE ha aderito lo Stato con l’Accordo del 15

Novembre 1984. Ma sia questo accordo che la legge n. 222 del 1985, non sono riusciti a

separare lo Stato dalla Chiesa in materia di retribuzione del clero. Infatti, restava limitata

la libertà della Chiesa di organizzare tale materia in modo autonomo. Comunque, sia

l’accordo che la legge visti sopra hanno previsto l’erezione in ogni diocesi italiana di

altrettanti Istituti per il sostentamento del clero ad opera del vescovo o dei vescovi interessati. Questi enti hanno acquistato la personalità giuridica civile.

56

appunti@email.it

La FUNZIONE DEGLI ISTITUTI DIOCESANI è quello di corrispondere (con l’eventuale concorso dell’Istituto centrale) un congruo e dignitoso sostentamento al clero che svolge servizio in favore della rispettiva diocesi. Inoltre, tali Istituti devono destinare una quota delle proprie risorse per coloro i quali, una volta abbandonata la vita ecclesiastica, non abbiano redditi sufficienti per vivere in maniera dignitosa.

Il FONDO PATRIMONIALE DEGLI ISTITUTI DIOCESANI è costituito dai beni appartenenti agli enti

beneficiali esistenti nella diocesi, che si sono estinti ipso iure, contestualmente all’erezione

di ogni istituto diocesano. La ripartizione dei beni tra Istituti diocesani per il

sostentamento del clero e diocesi, parrocchie e capitoli non soppressi, ha avuto luogo con

un duplice trasferimento di proprietà: dai benefici estinti agli Istituti; dagli Istituti a diocesi, parrocchie e capitoli.

L’ISTITUTO CENTRALE è nato con un proprio fondo di dotazione conferito alla CEI. Le sue entrate principali sono costituite dalle offerte ricevute dai fedeli e dal famoso 8 per mille dell’IRPEF che sia stato destinato dai contribuenti a scopi di carattere religioso (a diretta gestione della Chiesa). Tale ente può compiere tutti quei negozi che sono in grado di incrementare il suo patrimonio, effettuare investimenti, ricevere donazioni, eredità, e via discorrendo.

Adesso vediamo quali sono i RAPPORTI che nascono TRA questo ISTITUTO CENTRALE E gli I