Sei sulla pagina 1di 2

Sinistra e Destra Hegeliana

É una corrente di pensiero che è nata: Sinistra dopo la morte e destra prima
della morte di Hegel. Il suo pensiero filosofico si presta ad una presentazione di
tipo conservatrice e progressista. L’oggetto di riflessione è Dio che nella
religione è visto come rappresentazione, e nella filosofia come concetto. Sia la
religione che la filosofia, hanno lo stesso oggetto di studio.
La destra e la religione: L’assoluto è l’elemento fondamentale da cui tutto
deriva e la realtà come razionalità che è un elemento conservativo.
La sinistra e la religione: I giovani Hegeliani vedono nell’edizione dello spirito e
se vi è questo il fine che devono raggiungere può essere diverso da quello che
Hegel ci ha indicato. Lo sviluppo della storia non è detto che si debba fermare
alla monarchia prussiana. Dal punto di vista religioso non esiste una realtà
sovrannaturale a cui l’uomo tende, ma è una creazione dell’uomo stesso.
Feuerbach
Tra i giovani Hegeliani. Critica Hegel in quanto egli ha messo in testa in giù la
realtà deponendo Dio all’uomo, l’astratto al concreto. Per egli esiste prima il
concreto e poi l’astratto. Il soggetto è l’uomo e il predicato è Dio. La filosofia di
Hegel egli dice che è una manifestazione, una teologia mascherata. Egli ha una
cultura di stampo materialistico. Per capire Dio bisogna conoscere l’uomo. Egli
dice che non è Dio ha creare l’uomo, ma l’uomo a creare Dio. Più l’uomo toglie
a sé stesso, più crea questa immaginazione di percezione in una realtà che non
esiste.
Alienazione e Ateismo: L’ateismo per Feuerbach è un dovere morale in quanto
diventa l’uomo divinizzato.
Critica di Hegel
Dice che Hegel ha fatto della realtà non il soggetto, ma il predicato. Hegel
diceva che l’infinito rappresenta la realtà. Si ha una realtà materialistica che non
trova spazio per lo spirito. Feuerbach vuole mettere al proprio posto la realtà
contestando ad Hegel, la sua realtà che era capovolta. Marx elogerà Feuerbach
in quanto è riuscito a criticare Hegel. Egli dice che la filosofia di Hegel è una
tendenza mascherata, in quanto dice che la sua filosofia entri in un ambito
teologico e la teologia non può essere analizzata attraverso gli studi teologici,
ma attraverso l’antropologia.
L’essenza sociale dell’uomo
Si esprime in un contesto dove esiste l’io ma anche il tu, quindi il
riconoscimento dell’altro. L’essenza sociale dell’uomo dice che non può vivere
al di fuori di un contratto sociale.
Dall’ateismo al filantropismo
Nel momento in cui si conosce l’altro si ha anche un rispetto nei confronti di
questo. L’uomo materialistico fatto di sangue e di carne, quindi un uomo
concreto.