Sei sulla pagina 1di 33

La nave porta-container

prof. A.Vega - la portacontainer 1


È un tipo di nave moderna

• Che utilizza i container (contenitori) come


recipienti per trasportare qualsiasi merce
• Si risparmia così molto tempo durante le
operazioni di carico e scarico
• Si realizza il servizio “porta a porta”
• Inoltre si possono trasportare diverse
tipologie di merci contemporaneamente ed
in quantitativi diversi
prof. A.Vega - la portacontainer 2
Cos’è un container ?
• È un contenitore metallico disponibile
in varie misure e tipologie:

• 5 ft ( 5 piedi  1,60 m)
• 10 ft (10 piedi  3,20m)
• 20 ft (20 piedi  6,10m)
• 40 ft (40 piedi 12,20m)

• Ha larghezza comune di 8 piedi (2,44 m)


e una altezza comune di 8 piedi e 6 pollici (2,59 m )
• Il container ISO classico presenta le superfici laterali piene e una
chiusura posteriore con due battenti facilmente sigillabili per
evitare effrazioni
• Pesa a vuoto (tara): 3.630-3.740 kg
• Peso massimo da pieno: 26.740-36.850 kg
prof. A.Vega - la portacontainer 3
• Ogni container è anche regolarmente numerato e registrato nella
forma 4 lettere (delle quali le prime 3 corrispondono alla sigla della
compagnia proprietaria) - 6 numeri - 1 numero (denominato "check-
digit") cioè :
AAAA – 123456 – 1
• Il container può anche essere refrigerato in maniera autonoma
• Può avere forme leggermente diverse ( come per i container aerei) ma
sempre entro gli standard ISO
• Può anche essere più corto (10 piedi)

prof. A.Vega - la portacontainer 4


• La capacità di carico di una nave si misura in TEU
( unità convenzionale che equivale un container da 20
piedi) Twenty-feet Equivalent Unit
• Anche se oggi i container più diffusi sono quelli da 40 ft
• Pesa a vuoto (tara): 3.630-3.740 kg
• Peso massimo a pieno: 26.740-36.850 kg

prof. A.Vega - la portacontainer 5


Esistono diverse tipologie di container

• gli open top

• i flat track

prof. A.Vega - la portacontainer 6


Nei container è possibile trasportare di tutto

prof. A.Vega - la portacontainer 7


Uno dei fattori che hanno favorito la diffusione dei container
è la versatilità dei mezzi di trasporto che possono essere
utilizzati :
NAVE – GOMMA– TRENO

prof. A.Vega - la portacontainer 8


Un ruolo importante hanno le
strutture portuali
• perché ciò che conta è la velocità nelle
operazioni di imbarco e sbarco dei
container
• i porti sono dotati di gru a carrello di
varia portata, che agganciano i
container con delle apposite ganasce

prof. A.Vega - la portacontainer 9


si tratta di porti
particolarmente attrezzati

• Le gru di banchina hanno altezze notevoli e si


estendono molto in fuori (sbraccio)

prof. A.Vega - la portacontainer 10


La pianificazione del carico viene effettuata a terra

• I container vengono sistemati sulla banchina nell’ordine nel


quale dovranno essere imbarcati
• Si tiene anche conto :
- del loro peso
- del porto di sbarco prof. A.Vega - la portacontainer 11
- della eventuale necessità di alimentazione elettrica
anche perché questo tipo di navi
ha dimensioni notevoli

• ed è necessario velocizzare le operazioni di imbarco/sbarco


• esistono unità con più di 390 m di Lft e 55 m di lfoche
imbarcano anche più di 10000 TEUS
prof. A.Vega - la portacontainer 12
• le navi portacontainer si
dividono in navi “madri” e navi
“feeder” (figlie)
• le prime toccano i porti
principali
• le altre collegano questi porti a
quelli secondari

prof. A.Vega - la portacontainer 13


I container vengono fissati a bordo mediante degli
appositi incastri in appositi spazi (celle o baie)
predisposti nelle stive della nave e identificati da
numeri e bloccati mediante i twist lock

prof. A.Vega - la portacontainer 14


Sulle navi i container stivati direttamente sul ponte
principale (tiri) sono numerati da 80 a salire e
aumentano di due unità per ogni “tiro”
prof. A.Vega - la portacontainer 15
La numerazione permette di identificare la
posizione di ogni singolo container a bordo
sulla base della stiva, del tiro e della line

prof. A.Vega - la portacontainer 16


Esempi di numerazione delle lines

prof. A.Vega - la portacontainer 17


Esempio dei tiri al di sopra del ponte principale
prof. A.Vega - la portacontainer 18
ecco l’interno della stiva

prof. A.Vega - la portacontainer 19


La struttura delle navi portacontainer
• È caratterizzata dall’assenza di un ponte di coperta
completo
• Caratterizzata sostanzialmente da un “doppio scafo”
(come per le moderne navi cisterna) con l’intercapedine
che funge da corridoio di passaggio per l’ispezione del
carico

prof. A.Vega - la portacontainer 20


All’interno delle stive vi è una
struttura metallica che funge da guida
e da sostegno ai container impilati

prof. A.Vega - la portacontainer 21


In questa immagine si può notare la
struttura aperta dello scafo

Si noti lo spoiler
posto a prua che funge
da paraspruzzi
prof. A.Vega - la portacontainer 22
Altra caratteristica è il cassero poppiero per
la plancia, gli alloggi equipaggio, i servizi
della nave ed i mezzi di salvataggio
Si noti la scialuppa con lo
scivolo a gravità ( free fall )

prof. A.Vega - la portacontainer 23


Alcune navi sono dotate
di gru di bordo
questo è abbastanza comune
su navi miste ro-ro/container

prof. A.Vega - la portacontainer 24


L’architettura navale determina poi
soluzioni diverse per tecniche…

prof. A.Vega - la portacontainer 25


ecco qualcosa di futuribile

prof. A.Vega - la portacontainer 26


… e per dimensioni

prof. A.Vega - la portacontainer 27


…e che dimensioni

prof. A.Vega - la portacontainer 28


…ecco una unità da 12000 Teus!

prof. A.Vega - la portacontainer 29


prof. A.Vega - la portacontainer 30
Per la movimentazione del carico
• La nave deve presentarsi
in banchina con assetto
nullo ( even keel)
• Ciò allo scopo di facilitare
le operazioni delle gru di
banchina e lo scorrimento
dei container nelle guide
delle baie
• Prima della partenza verrà
ristabilito l’assetto voluto

prof. A.Vega - la portacontainer 31


Ecco una nave madre in banchina

prof. A.Vega - la portacontainer 32


Ed ecco un errata caricazione!!

prof. A.Vega - la portacontainer 33