Sei sulla pagina 1di 5

teoria

Navi veloci

Spediti sull’acqua,ma con stabilità


Forme di scafo wave piercing a forte allungamento, contenimento del flusso sotto carena con pareti laterali immerse,
gradini e ventilazione del fondo per ridurre l’attrito:queste sono le possibili strade per realizzare mezzi navali ad alta velocità
di Alberto Ascenzi, a.ascenzi@serimnet.com, www.serimnet.com

Esiste una imbarca- Si tratta di Independence, un programma di nuove Independence ha un dead- Nel campo dello yachting le
zione per certi aspetti qualcosa di assolutamente costruzioni della U.S. Navy weight di 608 ton, un volume stesse forme di scafo a trima-
rivoluzionaria, ideale per innovativo da cui prendere che prevede l’acquisizione di utile di 11.000 m3 e un ponte rano sono state utilizzate dal
missioni di volo e anfibie in spunto per lo studio di altri oltre 50 unità di cui 24 già volo di 1.030 m2. Il progetto cantiere Austal di Hendersson
condizioni meteomarine forza progetti. commissionate, 12 alla stessa si basa su un’applicazione in West Australia per la costru-
4-5. Può superare i 40 nodi, È stata costruita dalla General General Dynamics e 12 carat- militare dei trimarani da tra- zione del White Rabbit, uno
ma nel progetto colpiscono Dynamics Corporation nel terizzate da un monoscafo a sporto car-pax dell’Austal, i yacht di 61,40 metri, largo
soprattutto la stabilità, la cantiere dell’Austal Usa di spigolo alla Lockeed Martin cui maggiori esempi sono 15,4 che sviluppa una veloci-
manovrabilità e il seakeeping. Mobile (in Alabama) in base a associata a Fincantieri Usa. quelli della Fred Olsen Com- tà di 19 nodi con una potenza
pany tipo Benchijigua installata di 3.085 kW.
Express in servizio alle Cana- Esaminando le foto rese pub-
rie, che a loro volta sono una bliche dell’Independence si
evoluzione dei catamarani possono rilevare caratteristi-
tipo Bocayna. che speci- (continua a p. 94)

92 BARCHE ottobre 2012


teoria
Navi veloci
sostentamento dello scafo va superficie liquida rimanendo nome dell’ammiraglio Zum-
ricercato con altri mezzi, il più stabilmente ancorati a essa. È walt, a suo tempo convinto
efficiente dei quali è sicura- la forma wave piercing tipica sostenitore di grandi navi
mente rappresentato da un dei catamarani e dei trimarani veloci a cuscino d’aria, sia
cosiddetto cuscino d’aria veloci come, nel nostro caso, stato oggi assegnato a que-
contenuto da una cortina fles- è l’Independence. (continua a p. 96)
sibile perimetrale o da due Un interessante esempio di
pareti laterali rigide e cortine di scafo wave piercing è stato
prora e poppa. Mezzi di que- adottato per il progetto dei
sto tipo non hanno limiti nuovi Ddg della U.S. Navy
dimensionali, dipendendo classe Zumwalt (curioso
Independence. solo al binomio superficie e come il
pressione interna al cuscino.
(segue da p. 92) fiche di analoghe di velocità con un Se non possiamo disporre del
questo progetto che ne fanno rapporto potenza/peso di 17 sostentamento dinamico
qualcosa di assolutamente kW/ton. Tuttavia non è la velo- dobbiamo puntare su forme
nuovo rispetto a quanto cità l’elemento più appariscen- di scafo lunghe e strette in
siamo abituati a vedere. te, ma sono la stabilità, la grado di intersecare la U.S. Navy dd(X) Zumwalt.
Innanzitutto colpiscono l’as- manovrabilità e il seakeeping.
senza di onde divergenti, la Qualche perplessità è data
manovrabilità e la stabilità ad dal tipo di costruzione in lega Scafo “tumblehome”
alta velocità, prestazioni da leggera che potrebbe con il
attribuire alla configurazione tempo creare problemi di
tipo wave piercing dello robustezza di scafo, soprat-
scafo centrale, il cui rapporto tutto locale, per le sollecitazio-
lwl/bwl è superiore a 17/1, alla ni dovute sia alla configurazio-
presenza di un bulbo di prora ne a trimarano sia a un gravo-
e a due coppie di pinne attive so impiego militare.
posizionate a prora e a
poppa. I due scafi laterali assi- Cosa si deve
curano un forte incremento intendere per alta
della stabilità laterale e porta- velocità?
no il rapporto di figura fuoritut- Il concetto è strettamente
to a circa 4,5/1, a beneficio legato alla dimensione del
dei volumi utili e della superfi- mezzo e al suo peso. Per pic-
cie del ponte volo. Per come cole unità è possibile realizza-
sono posizionate le due cop- re un sostentamento dinami-
pie di pinne attive s’intuisce co dello scafo in condizioni di
che esse contribuiscano signi- planata, ma aumentando le
ficativamente a ridurre i moti di dimensioni – e quindi il peso –
beccheggio e a consentire viene a mancare questo pre- Independence
brusche virate in velocità supposto per il semplice Scafo Lunghezza ft m
senza sbandate laterali. motivo che il peso aumenta 127,80 • larghezza m
La velocità di 40 nodi, a cui con il cubo della dimensione 28,40 • immersione massi-
corrisponde un quoziente di mentre la portanza dinamica, ma m 3,96 • dislocamento
Taylor di 2, è ottenuta con un legata alla superficie, può cre- a p.c. ton 2.784 • velocità
rapporto potenza/peso di scere solo con il quadrato di progetto 40 nodi •
22,34 kW/ton, valore non della medesima. Esiste un costruzione leghe di allumi-
basso se confrontato con limite fisico che non consente nio • motori 2 Mtu 20V
quello di uno scafo tradiziona- di realizzare scafi plananti con 8000 di 9.100 kW (cv
le con eliche immerse. Viene un dislocamento superiore 12.364,716) a 1.150
spontaneo un confronto con alle 200 tonnellate circa, giri/m, 2 Tag GE LM 2500
gli incrociatori leggeri classe anche se del tipo aliscafo ad da 22 MW, 4 idrogetti
Capitani Romani costruiti nel ali profondamente immerse. Wartsila Lips (Usa) Scafo “tumblehome”migliorato
1940 che avevano prestazioni Per dimensioni maggiori il

94 BARCHE ottobre 2012


teoria
Navi veloci

Qui sopra, il Ses 100 B in navigazione.

cie superò i 90 nodi, oltre 10 zo pressoché costanti anche


in più della versione A, con un a regimi molto differenti con
rendimento propulsivo totale un elevato rendimento ener-
(segue da p. 94) sto tipo di due tunnel sottocarena per insufflazione d’aria. Per la pro- maggiore di 8 punti percen- getico.
scafo molto diverso). trasformare la sua energia pulsione avevo previsto l’im- tuali. Occorre dire che si trat- Al contrario il rendimento del-
I Ddg di questa classe sono dinamica in pressione di piego di eliche di superficie, tava in questo caso di eliche l’idrogetto, essenzialmente
caratterizzati da un sottile sostentamento del mezzo. ritenendo che solo così avrei di superficie a pale orientabili una pompa, è legato alla por-
scafo tipo “tumblehome”, Per realizzare mezzi navali ad potuto contenere il peso e molto speciali appartenenti tata d’acqua, come differenza
forma utilizzata nel passato alta velocità è necessario superare il muro di 60 nodi cui alla Serie 4281 del Nsrdc. di quantità di moto tra la
dai galeoni, che consente con quindi seguire queste strade: sono soggetti gli idrogetti dis- L’elica è un propulsore che si bocca d’ingresso e quella di
le sue murate inclinate all’in- forme di carena wave piercing ponibili in commercio. adatta perfettamente alle uscita, è massimo solo in un
terno una ridotta maschera a forte allungamento, conteni- Infatti per consentire velocità diverse condizioni operative di campo molto ristretto di varia-
radar (Stealth). Il progetto ha mento del flusso sotto carena maggiori di 60-65 nodi, a mio un mezzo militare che deve sì zione di velocità all’imbocco,
subìto forti critiche da parte con pareti laterali immerse, avviso, l’unico propulsore poter sviluppare una velocità al di fuori del quale crolla. L’i-
degli architetti navali che attri- gradini, cuscino d’aria o possibile è l’elica supercavi- elevata, ma che opera per la drogetto si presta molto bene
buivano a queste forme scar- comunque ventilazione del tante di superficie: non esisto- maggior parte del tempo a per la propulsione di navi
se doti di stabilità in falla, per fondo per ridurre l’attrito, mul- no esempi di unità con pro- basse andature. La corrispon- commerciali che operano a
cui è stato successivamente tiscafi. Gli obiettivi sono ridur- pulsione a idrogetto che denza velocità/numero di giri velocità costante, ma non è
modificato con l’aggiunta di re o eliminare la formazione abbiano superato questo limi- consente coefficienti di avan- l ’ i d e a l e (continua a p. 98)
due pareti laterali costituenti delle onde divergenti di prora, te a eccezione di un mezzo a
due pinne immerse. diminuire l’attrito, creare una cuscino d’aria da 100 ton, il
eliche supercavitanti
Percentuale dell’efficienza propulsiva

Un altro progetto di riferimen- componente di sostentamen- Ses 100 A, progettato per completamente sommerse
to che merita attenzione è lo to dinamico, migliorare la una velocità massima di 80
Stiletto, un mezzo planante tenuta al mare. nodi e provato alla metà degli eliche eliche parzialmente
convenzionali sommerse
da 50 nodi della U.S. Navy le Ho ritenuto si dovesse opera- anni ’70 del secolo scorso
cui forme di scafo a 5 punte re in questa direzione e nel dalla U.S. Navy. La nave ebbe water jet
sono studiate in modo da 2000 elaborai, per conto di un un lungo periodo di messa a
incanalare l’onda di prora in noto armatore argentino, il punto che richiese l’adozione
progetto di un trasporto di idrogetti a più stadi a flusso
passeggeri da 75 nodi con misto e sezioni d’ingresso alla
In alto, lo Stiletto, mezzo uno scafo a gradino avente la bocca a geometria variabile.
planante da 50 nodi. Sotto, il parte poppiera delimitata da Per contro, il Ses 100 B, con
Ses 100 A. pareti laterali e ventilata con propulsione a elica di superfi-
Velocità nodi
Curve di efficienza approssimative per diverse
propulsioni

> L’ alta velocità


non significa nulla se non
è associata alle altre fondamentali qualità
marine per affrontare in sicurezza
condizioni operative anche molto gravose.

96 BARCHE ottobre 2012


teoria
Navi veloci

Accorgimenti per la realizzazione di idrogetti per alta velocità

(segue da p. 96) per un Le forme e i parametri di care-


mezzo militare. Per migliorare na sono quelli di base di uno
Dal “Report delle prove presso la Sspa” le prestazioni in diverse condi- scafo ottimizzato per un V/L
zioni di funzionamento sono di 2,5 (o se vogliamo per un
stati studiati accorgimenti Fv=2, cioè al limite inferiore
quali sistemi a più stadi e del regime di planata) modifi-
bocche d’ingresso a geome- cato in modo da avere un
tria variabile. centro di carena molto arre-
Attualmente sto sperimentan- trato, piccoli angoli d’ingresso
do forme di carena semipla- di prora, estesa superficie
nanti che introducono, sulla portante di poppa e un chine
base delle mie precedenti sagomato per formare due
esperienze nel campo dell’alta pinne verticali.
velocità, i concetti presenti nei L’analisi fluidodinamica com-
trimarani veloci dell’Austal, nei puterizzata (Cfd) ha dato risul-
nuovi Ddg e nello Stiletto (Usa). tati molto incoraggianti, con-
Il progetto è finalizzato alla validati da esperienze su
costruzione di unità commer- modello in scala 1/15 provato
ciali o da diporto nella taglia da in vasca navale. Il beneficio
26 a 36 metri di lunghezza per che si ottiene è spiegabile con
un campo di velocità che va una più uniforme distribuzione
da 15 a 25 nodi e fa parte di della pressione dinamica sul
una mia collaborazione con fondo, una riduzione dei suoi
Cantieri di Baia per la creazio- valori di picco e un deciso
ne di un nuovo brand. effetto smorzante sui moti di
Gli obiettivi sono gli stessi che sussulto con mare in prora.
hanno originato i progetti di Particolarmente significativa è
riferimento, ossia grande la riduzione del 50% circa del
superficie di piattaforma, valore delle componenti verti-
bassa resistenza in regime cali di accelerazione sul bari-
semiplanante, sostanziale centro, che passano da
incremento delle qualità mari- 0,631 g a 0,297 g con uno
ne di tenuta al mare e di stato del mare forza 4.
manovrabilità. Si dimo- (continua a p. 100)

98 BARCHE ottobre 2012


teoria
Navi veloci

Confronto dei diversi angoli di assetto


Confronto nuova carena con uno scafo semidislocante tradizionale in corsa
Hw = 2 m, Pw = 6 s, V = 15 nodi
Monohull Sidehull Delta
R media [N] 26552 24099 -2453
R_f media [N] 5460 5834 373
R_p media [N] 21092 18266 -2826

Immersione max (m) 1.326 0.272 -1.054


Immersione min (m) -1.697 -1.095 -0.603

Accelerazione Lcg max (g) 0.631 0.297 0.334


Accelerazione Lcg min (g) -0.888 -0.505 -0.383

Assetto max (deg) 4.644 3.776 -0.868


Assetto min (deg) -7.756 -3.687 -4.069
Diversa distribuzione delle pressioni sul fondo nei due casi Confronto del comportamento con mare forza 4.

(segue da p. 98) stra inoltre carena, anche le forme dell’o-


che la resistenza totale all’a- pera morta assumono una
vanzamento nel campo di importanza rilevante sia per
velocità d’interesse è inferiore garantire un basso coefficien-
a quella dello scafo tradiziona- te Cx di resistenza aerodina-
le migliore possibile avente mica, sia per tagliare le onde
stessa lwl e stesso disloca- senza opporre resistenza. In
mento, quindi direttamente particolare la prora deve avere
confrontabile. forme tondeggianti senza
Queste esperienze sono il slanci in modo da smorzare le
banco di prova per lo sviluppo pressioni d’impatto con le
futuro di navi di dimensioni onde assicurando nel con-
maggiori capaci di velocità tempo una grande riserva di
superiori ai 60 nodi, con galleggiabilità per evitare di
forme di scafo simili a un trima- immergersi. Un esempio di
Riferimenti: rano anche se più compatte e quanto detto è la proposta
1. Janes, Surface Skim- tali da consentire migliori pre- che abbiamo elaborato per
mer, 1978 stazioni di tenuta al mare, sta- uno yacht di 59 metri proget-
2. Rosenblatt & Son. Inc, bilità e manovrabilità. tato per una velocità di oltre
The Surface Effect Ship Modello di 29 m, scala 1/15 in prova, 90 ton, 22 nodi. Ad alta velocità non è suffi- 60 nodi, di cui mostriamo la
(PM-17) ciente studiare una buona seguente immagine.
3. Modern Ships and
Craft, Naval Engineer Jour-
nal, febbraio 1985
4. Sspa, Report 2000,
0420 del 12.12.2000
5. Profjord, Report NO-
1011 del 12.12.2000
6. Rolla Sp Propellers Sa,
Report 10_01
Le immagini di Indepen-
dence e le notizie inerenti,
riportate nella relazione,
sono rese pubbliche su
internet.
59 m Ocean Fast Cruiser

100 BARCHE ottobre 2012

Potrebbero piacerti anche