Sei sulla pagina 1di 9

Material handling

Nicola Brenda, Alessandro Creazza, Fabrizio Dallari Centro di Ricerca sulla Logistica Universit Carlo Cattaneo LIUC

Utilizzare una moneta di scambio

Pallet in legno
Il pallet in legno: dalle origini ai nostri giorni1
La comparsa ufficiale del pallet risale allultimo conflitto mondiale, quando le truppe statunitensi ne fecero un uso massiccio per lapprovvigionamento di materiale bellico e di sussistenza. In seguito, lo sbarco delle truppe alleate nei territori occupati ne diffuse lutilizzo anche in Europa. Lestrema versatilit, la robustezza e la praticit di utilizzo del pallet in breve tempo rivoluzionarono le modalit di spedizione e stivaggio delle merci favorendone limpiego anche in ambito industriale. Il primo modello di servizio comune risale alla prima met degli anni 50, quando le ferrovie austriache (OBB) proposero un pallet a quattro vie non reversibile di dimensioni

Mercato Italia
Una piattaforma orizzontale caratterizzata da unaltezza minima, compatibile con la movimentazione tramite carrelli transpallet e/o elevatori a forche o altre appropriate attrezzature di movimentazione, impiegata per la raccolta, limmagazzinamento, la movimentazione e il trasporto di merci e carichi. Cos viene definito il pallet, che da strumento di lavoro s trasformato in una moneta di scambio.
800x1200 mm (pallet Eur). Tuttavia la Germania che elabora le prime normative per i pallet standard, presto seguita da Francia, Inghilterra e Svezia. Quindi, nel 1954 le ferrovie austriache depositano presso lUIC (Union International des Chemins de Fer) il primo capitolato tecnico per la tutela del pallet Eur. In Italia il capitolato del pallet Eur viene ufficializzato nel 1956, con ODG delle FS e due fornitori iscritti: Marta di Lodi e Viani di Borghetto Lodigiano. Nel 1961 le ferrovie tedesche, austriache e svizzere (alle quali in seguito si unirono altre ferrovie europee, tra cui FS) formano il Polo Europeo dei Pallet (PEP) con lo scopo di creare una rete comune di scambio e definire alcune linee guida per favorire la circolazione dei pallet nelle reti distributive. Negli anni Sessanta, sulla scia della crescente industrializzazione, aumenta la richiesta di pallet e si affacciano sul mercato europeo grandi costruttori come Gebhardt e Baumann in Germania e Manustock in Francia. Anche in Italia entrano sul mercato importanti produttori, tra cui Piero della Valentina e Toscana Pallets, e si procede alla standardizzazione a cura dellUNI (Ente nazionale italiano di unificazione). Nel 1974 arriva in Europa Chep (Commonwealth Handling Equipment Pool), prima societ di noleggio. Per raggiungere lomogeneit dimensionale, nel 1982 viene introdotto in Itala il pallet Centromarca, delle stesse dimensioni del pallet Eur ma caratterizzato da un peso e un prezzo inferiori. Tali aspetti ne favorirono la rapida diffusione sul territorio nazionale contribuendo a rendere lItalia uno dei maggiori produttori europei. Negli anni Novanta si assiste a un forte sviluppo del settore della riparazione e si affacciano sul
1 Per una trattazione approfondita, si rimanda a : S. Cerullo, Il pallet in legno, ed. Il Sole 24Ore, 2001

32

settembre 2008

mercato dei pallet due nuove societ di noleggio: Prs (Pallet Return System) e Lpr (Logistic Packaging Return). Pariteticamente si diffondono nuove tecnologie e certificazioni per il commercio dei pallet. Nel 1991 i responsabili delle ferrovie e le associazioni di produttori di Germania, Svizzera e Francia fondano lEPAL (European Pallet Association) con lo scopo di salvaguardare il commercio del pallet Eur attraverso un rigido sistema di controllo su produttori, riparatori e commercianti. Il Sistema EPAL diventato operativo dal 1995 e coinvolge, attraverso la presenza di comitati tecnici in ciascun Paese, anche Slovenia (dal 1996), Belgio, Spagna e Gran Bretagna (1997), Italia e Irlanda (1999), USA (2000), Polonia (2002), Portogallo (2003) e Olanda (2005). Il Comitato EPAL italiano, costituito da produttori, riparatori, Ferrovie dello Stato, trasportatori e utilizzatori, garantisce a livello nazionale, attraverso la SGS (Socit Gnrale de Surveillance), la qualit dei pallet Eur-EPAL.

Fig. 1 - Classicazione dei pallet.

Le caratteristiche del pallet


Il pallet pu essere definito come una piattaforma orizzontale caratterizzata da unaltezza minima, compatibile con la movimentazione tramite carrelli transpallet e/o elevatori a forche o altre appropriate attrezzature di movimentazione, impiegata per la raccolta, limmagazzinamento, la movimentazione e il trasporto di merci e carichi. In relazione al materiale costruttivo si distinguono cinque categorie di pallet: pallet in legno: questa tipologia di pallet la pi diffusa e pu essere realizzata con diverse essenze legnose (abete, pino, faggio e pioppo); la presenza di materiale vergine gli conferisce elevate performance di resistenza sia statica che dinamica; pallet pressato: composto di tavole di legno ottenute da sottoprodotti di segheria (frantuma-

zione di particelle, segature, scarti, ) incollati con resine sintetiche e poi pressati in stampi ad alta temperatura. Possono essere impilati mediante incastro, riducendo il volume di trasporto a vuoto. Si tratta di pallet leggeri, con capacit di carico limitata; pallet in plastica: comparsi negli anni Settanta si distinguono in pallet leggeri (impilabili), fabbricati in polistirene espanso e pallet monoblocco (pi robusti) realizzati in polietilene a elevata densit. Sono utilizzati nei settori in cui le norme di sicurezza e digiene sono particolarmente restrittive; pallet in metallo (acciaio, alluminio): hanno straordinarie caratteristiche di resistenza e durata, sono riparabili, ma presentano costi dacquisto giustificabili solo per impieghi gravosi, ovvero per luso in circuiti chiusi o di movimentazione interna;

pallet in cartone (pressato e ondulato): essendo particolarmente leggeri si prestano al trasporto e alla movimentazione dei prodotti promozionali della grande distribuzione (pallet espositori) e nel settore delle movimentazioni manuali interne. I pallet di qualit certificata vengono denominati pallet standard. In virt delle loro propriet conferiscono elevata stabilit allunit di carico, rendono i processi di scarico e carico pi sicuri ed efficienti e hanno vita media intorno ai 5-6 anni. La produzione del pallet standard rispetto a un pallet non standard presenta dei vantaggi legati alla durata, alla standardizzazione del processo produttivo e alla gestione dei flussi di merci, nonostante la qualit elevata comporti un costo di produzione maggiore. Le due principali tipologie di pallet standard sono: pallet Eur-Epal: stato adottato da 19 reti

settembre 2008

33

Material handling

Utilizzare una moneta di scambio

ferroviarie europee con la terminologia di europeo ed marcato con la sigla Eur, marchio di propriet di Epal a partire dal 1995, racchiusa in un ovale. Si tratta di un pallet piatto non reversibile a quattro vie, riutilizzabile, realizzato sulla base del capitolato tecnico UIC. Inizialmente di dimensioni 800 x 1200 mm, attualmente disponibile in 4 variet; pallet CP (Chemical Pallet): anche lindustria chimica ha perseguito nel tempo obiettivi di standardizzazione per ridurre le variet di pallet. Attualmente sono utilizzati nove tipi di pallet contrassegnati da codici che vanno da CP1 a CP9, ognuno dei quali ha un proprio capitolato. Per produrre e riparare questi pallet occorre essere autorizzati dalla Apme, lAssociazione Europea delle Industrie Plastiche. I pallet senza certificazione sono definiti nonstandard, sono progettati per un numero ridotto di movimentazioni e su specifica del cliente. Una volta giunti a destinazione diventano materiale da rifiuto/recupero, ma possono comunque essere riparati e riutilizzati. In Italia costituiscono la tipologia di pallet pi diffusa e costano sensibilmente meno rispetto a un pallet a norma. Si possono distinguere: pallet a perdere, monouso e costruiti con legno di modesto spessore (presentano un volume unitario medio di 0,023 m3); pallet ad uso limitato: utilizzano legno con sezioni pi consistenti (volume unitario medio di 0,030 m3) e sono progettati per essere utilizzati per due o tre rotazioni; pallet personalizzati, realizzati il pi delle volte per impieghi gravosi o come base per imballaggi derivati da pallet. Ulteriori classificazioni dei pallet possono definirsi in relazione alla reversibilit e al numero di vie di inforcamento, ovvero le aperture (2 o 4) che permettono lingresso delle forche dei carrelli impiegati per la movimentazione.

Fig. 2 - La supply chain del pallet.

Un pallet reversibile solo se entrambi i piani superiore e inferiore possono essere utilizzati indifferentemente come base di appoggio, mentre definito a due o a quattro vie a seconda che permetta il passaggio delle forche solo sui due lati opposti o su tutti i quattro lati. Solitamente il piano di carico formato da tavole regolarmente distanziate, ma si possono avere anche pallet con piano di carico formato da una superficie piana (ad esempio pallet espositori e pallet personalizzati).

Le normative di riferimento
Le caratteristiche tecniche dei pallet sono vincolate da normative specifiche valide a livello internazionale (norme ISO), europeo (norme EN) e nazionale (norme UNI), che consentono agli utilizzatori di movimentare, gestire e controllare pallet con caratteristiche e dimensioni standardizzate, ovvero pallet interscambiabili e riutilizzabili. Tali norme riguardano: caratteristiche del prodotto: dimensioni e tolleranze, componenti principali e materiali impiegati; aspetti prestazionali: prove statiche e dinamiche per testare le propriet meccaniche del

pallet e prove per garantire la qualit degli assemblaggi; procedure e materiali necessari per la produzione e la riparazione dei pallet. Esistono inoltre alcune norme di carattere qualitativo, promosse da organizzazioni internazionali e associazioni del settore, con lobiettivo di salvaguardare il commercio nazionale e internazionale del pallet standard: Capitolato tecnico UIC. Formulato dallUIC per rispondere alle esigenze di standardizzazione relative allinterscambio, la produzione, il commercio e la riparazione del pallet in legno 800x1200 mm, fa riferimento alla Fiche UIC 435-2 per la produzione, la Fiche UIC 435-4 per la riparazione e la Fiche UIC 435-5 per la costruzione di un pallet piano a 4 entrate 1000x1200 e 1200x1000 mm. Regolamento tecnico EPAL. Comprende regole tecniche per la fabbricazione, il commercio, la riparazione dei prodotti certificati e per il controllo di qualit. Definisce le condizioni di omologazione di produttori e riparatori e vigila sulle attivit di fabbricazione, riparazione e commercializzazione, per imporre il rispetto delle specifiche UIC. Infine determina i criteri di scambio sulla base delle specifiche UIC e indica le societ di controllo respon-

34

settembre 2008

Material handling

Utilizzare una moneta di scambio

buiscono tramite operatori logistici e trasportatori con cui, sovente, hanno anche accordi di gestione e movimentazione presso i centri di distribuzione. I riparatori assistono gli utilizzatori per la gestione del parco Epal nazionale, cercando di limitare le perdite di pallet sia riparandoli sia offrendo agli utilizzatori pallet usati in cambio dei pallet danneggiati. Da ultimo, lo smaltimento dei pallet non riparabili assicurato da appositi operatori, mentre nel caso in cui vengono barattati con il riparatore, questultimo decide se smaltirli, ripararli o recuperare i componenti riutilizzabili.

Produttori e riparatori
Il mercato italiano della produzione del pallet Epal risulta fortemente concentrato, con aziende collocate principalmente nel Nord Italia. Per quanto riguarda il fatturato annuo, il 60% delle imprese non supera i 5 milioni di euro, il 25% compreso tra 5 e 10 milioni di euro mentre il restante 15% supera i 10 milioni euro. Si tratta pertanto di realt medio-piccole, che per migliorare i propri risultati talvolta affiancano alla produzione dei pallet quella di altre tipologie di imballaggio in legno. La redditivit del settore costantemente minacciata, sia a causa dalle pressioni competitive dei paesi dellEst, favoriti dai minori costi di materie prime e mano dopera, sia a causa del cosiddetto mercato parallelo che, basandosi sullirresponsabilit di alcuni attori della filiera, alimenta linefficienza dellintero sistema (tutti gli attori pagano un maggior costo a causa della fuoriuscita di pallet Epal dal circuito convenzionale). I riparatori certificati sono localizzati nei pressi dei maggiori centri di utilizzo e produzione dei pallet, in particolare nel Nord Italia e nel Lazio. Si occupano della raccolta/ricezione, selezione, riparazione e ri-distribuzione dei pallet usati; tali attivit, in alcuni casi, possono essere svol-

Fig. 4 - Produzione e riparazione Epal in Europa, 2006.

te anche da aziende di produzione che hanno richiesto la doppia certificazione (produttore e riparatore). Le aziende possono impiegare fino a 30 operatori e raggiungere un fatturato complessivo di circa 10 milioni di euro3. La produzione Epal europea negli ultimi anni notevolmente cresciuta, arrivando a superare i 52 milioni di unit nel 2006 (crescita del 9% rispetto al 2005). Questo fenomeno una diretta conseguenza dellallargamento dello standard Epal verso i Paesi dellEst Europa, che attualmente incidono per il 25% sulla produzione complessiva, soprattutto grazie al contributo della Polonia (8.771.735 unit). Anche la riparazione in aumento rispetto al 2005, con un incremento medio del 10%. Pur mostrando una crescita del 40%, la Polonia fra le ultime in Europa, in virt di un mercato ancora in fase di sviluppo, mentre la Germania si conferma al primo posto. La produzione nazionale presenta invece un an3 Fote: Gruppo Riparatori Pallet di Assoimballaggi, 2006

damento altalenante, soprattutto a causa delle incertezze relative al prezzo delle materie prime, che incide per il 74% del costo di produzione complessivo. Rispetto ai circa 10 milioni di pallet prodotti nel 2002 la produzione diminuita del 20% nel biennio 2003-2004, per poi risalire fino ai 9 milioni nel 2005 e diminuire nuovamente nel 2006 (figura 6). Laumento della produzione nel periodo 19992002 conseguente alla necessit di sostituire i precedenti parchi pallet (EUR e Centromarca) con il nuovo standard Epal, mentre la flessione del 2003 e 2004 legata soprattutto al ciclo economico-industriale negativo che ha ridotto in parte la domanda di trasporto e movimentazione. Analizzando la produzione nazionale in relazione alle tipologie di pallet prodotti, emerge che la produzione di Epal incide per il 27% del totale in valore (il 20% in quantit), i CP per il 5,8% e quelli non standard per il 67,2%. Landamento delle riparazioni nel periodo 19992004 evidenzia un profilo simile ai dati di produzione negli stessi anni. La repentina crescita dei volumi prodotti ha infatti determinato il progres-

36

settembre 2008

Fig. 3 - Concentrazione geograca di produttori e riparatori Epal, 2007.

sabili della qualifica delle imprese, del rispetto delle specifiche e della regolamentazione. Norma fitosanitaria. Nel 2002 la Convenzione Internazionale per la Protezione dei Vegetali (IPPC), struttura supervisionata dalla FAO e riconosciuta dallOrganizzazione Internazionale del Commercio (WTO), ha elaborato lo standard ISPM-15 (International Standards for Phytosanitary Measures), per la regolamentazione degli imballaggi in legno nel commercio internazionale. Tale norma molto importante ai fini della riduzione dei parassiti e per la protezione dal rischio di introduzione di organismi nocivi, soprattutto quando si importano/ esportano merci da un continente allaltro. Le misure di intervento previste dallISPM-15 sono il trattamento termico (HT) e la fumigazione con bromuro di metile (MB). Gli imballaggi in legno grezzo e il materiale da stivaggio trattati in conformit allISPM-15 vengono certificati attraverso lapposizione del marchio IPPC/FAO - FITOK2.
2 Dal 2005 il soggetto gestore del marchio, in Italia, il Consorzio Servizio Legno-Sughero - Comitato Tecnico FITOK

La filiera del pallet


La catena logistica del pallet (figura 2) pu essere descritta in base agli attori che fanno della gestione del pallet il proprio business principale: gli attori dellofferta e gli utilizzatori che se ne servono per le loro attivit operative. Nella prima categoria si possono distinguere, in modo pi o meno netto: produttori: aziende specializzate nella produzione di differenti tipologie di pallet in legno; riparatori: si occupano del ri-condizionamento dei pallet danneggiati; grossisti/importatori: commercializzano i pallet nuovi e usati prodotti in Italia e allestero; noleggiatori: offrono la completa gestione del parco pallet, secondo la logica pay per use. Sul lato degli utilizzatori troviamo operatori logistici, aziende manifatturiere, aziende commerciali e trasportatori, ovvero tutti quei soggetti che in modo diretto movimentano e gestiscono i pallet per movimentare le merci proprie e/ o per conto terzi. I pallet Epal nuovi, la cui produzione in Italia stata di 8.522.683 unit nel 2006 (8,2% in meno rispetto al 2005), vengono realizzati sia as-

semblando i semi-lavorati di provenienza estera sia mediante lavorazione di materie prime. Una quota di tale produzione viene immessa sul mercato tramite il canale del commercio allingrosso degli imballaggi industriali, anche se gran parte dei pallet venduti in Italia dai commercianti di provenienza estera: limport, stimato da Assolegno per lanno 2006, stato pari a circa 5 milioni di pezzi originali pi circa un milione di pallet non Epal fatti entrare illegalmente. I produttori di pallet forniscono sia gli utilizzatori sia i noleggiatori. Prendendo come riferimento Chep, il maggiore operatore del noleggio pallet presente in Italia, si stima un parco di oltre 9 milioni di pezzi, 13,5 milioni di pallet noleggiati (il 30% destinato alle esportazioni) e circa 1.000 clienti. Le aziende manifatturiere (IDM) ricevono i pallet dai fornitori di materie prime/componenti o semilavorati o dagli attori dellofferta di pallet, che possono arrivare sia dal circuito della produzione/importazione (pallet nuovi), sia da quello dei pallet usati (commercio). Le aziende della distribuzione si interfacciano con i fornitori di beni e servizi da un lato e con i clienti dallaltro; ricevono la merce e la distri-

settembre 2008

35

Fig. 5 - Ripartizione dei costi di produzione di un pallet Epal, 2007.

sivo ampliamento del parco pallet Epal nazionale e un aumento proporzionale delle rotture. Ci spiega la forte crescita del settore nei primi quattro anni (aumento medio delle riparazioni del 265%). Questa tendenza viene ribaltata nel biennio 2005-2006. In particolare, lincremento del prezzo di acquisto dei pallet nel 2006 ha favorito un maggior ricorso alla riparazione e al riutilizzo dei pallet usati. Analizzando nel dettaglio landamento dei prezzi, nel periodo 2001-2005 si verificata una rapida flessione dei prezzi sia per i pallet nuovi sia per quelli riparati omologati. Tuttavia il trend degli ultimi anni e le previsioni per il futuro sono di un generale aumento del prezzo del pallet Epal, passato dai circa 7-7,2 euro per pallet del 2005 ai 8-8,2 euro per pallet del 2006 e arrivato sino ai 8,8 euro di fine 2007. Le cause sono da ricercare nel continuo incremento dei costi dovuto sia al reperimento delle materie prime sia alladeguamento degli impianti produttivi per la realizzazione di pallet in linea con gli standard indicati dalle normative. Il prezzo di vendita di un pallet Epal sembra quindi de-

stinato a raggiungere per la fine del 2008 valori superiori ai 9 euro. Relativamente ai riparatori, la variet di operazioni svolte rende difficile stabilire un prezzo medio di riparazione per un pallet Epal. Nel caso limite di tre componenti rotte, recupero dal luogo di stoccaggio del cliente e consegna si pagano in media 3-3,5 euro per pallet riparato che possono variare anche sensibilmente in funzione degli accordi intercorrenti tra i soggetti.

I noleggiatori di pallet
Le societ di noleggio si occupano della gestione integrale del parco pallet dei propri clienti (siano essi aziende manifatturiere, distributive od operatori logistici), creando dei propri circuiti di raccolta, controllo, selezione e riparazione, offrendo un servizio completo di noleggio delle attrezzature. Il noleggiatore si incarica inoltre di recuperare i pallet vuoti a scadenze predefinite, li seleziona, li ripara presso i propri depositi e li riconsegna al produttore. La penetrazione del noleggio principalmente rappresentato da tre grandi gruppi multina-

zionali. Chep, Prs e Lpr. La penetrazione in Italia ancora inferiore a quella di altri Paesi europei, come la Gran Bretagna, la Francia, la Spagna e il Benelux, dove questo sistema molto pi diffuso (60-70% del mercato rispetto a 810% in Italia). Il mercato del noleggio sostanzialmente rappresentato da tre grandi gruppi multinazionali. Chep, Prs e Lpr. Chep (Commonwealth Handling Equipment Pool) rappresenta la realt pi diffusa in Italia e si occupa della gestione integrale di attrezzature di movimentazione merci (pallet, container, cassette). Fondata nel 1946 in Australia e giunta nel 1974 in Europa, Chep opera oggi in cinque continenti e dispone di una vasta rete di depositi in modo da rifornire gli oltre 300.000 clienti. In Italia Chep movimenta circa 13 milioni di pallet in un anno4, mentre si stima un parco pallet europeo di circa 55 milioni di unit. Il sistema di Pallet Pooling proposto da Chep permette al cliente di ordinare i pallet in base al
4 Fonte: Chep Italia, 2006

settembre 2008

37

Material handling

Utilizzare una moneta di scambio

proprio programma produttivo, senza dover affrontare spese di acquisto di un parco pallet o di doverlo gestire in seguito a variazioni del volume di affari. Inoltre, Chep si assume la totale responsabilit della disponibilit, delle consegne e della raccolta delle attrezzature presso i punti di consegna finali nelle operazioni di controllo e resa. LPR (Logistic Packaging Return) stata fondata nel 1992 a Toulouse (Francia). Acquisita da Preussag, attraverso il gruppo francese Algeco, nel 1997 ha iniziato la propria espansione penetrando il mercato spagnolo, italiano e infine quello del Regno Unito. Negli anni LPR ha progressivamente incrementato il proprio fatturato passando dai 10,9 milioni di euro del 1998 a oltre 69 milioni di euro nel 20045. Recentemente ha chiuso i propri uffici in Italia. Il parco pallet stimato in circa 4 milioni di unit, in parte presente anche in Italia (relativamente soprattutto a merci di propriet francese). Lofferta dellazienda basata su tre tipologie di contratto che possono corrispondere a una gestione completa del parco pallet aziendale (full service), al noleggio del solo servizio di movimentazione dei pallet (transfer hire) fino ad offerte di noleggio di un pallet per una singola movimentazione (one way trip). Inizialmente orientata al settore industriale (comparto elettrico, chimico), la societ nel mercato europeo si recentemente inserita in settori quali agroalimentare e grande distribuzione. Il controllo del rispetto degli standard qualitativi della riparazione, stabiliti di comune accordo con produttori di pallet, riparatori e clienti, affidato a un ente esterno.

Fig. 6 - Volumi di produzione e riparazione Epal, 99/06.

Fig. 7 - Quota sul fatturato delle tipologie di pallet prodotti, 2007.

Gli utilizzatori di pallet


Il 90% delle spedizioni delle aziende produttrici e/o distributrici avviene su pallet, principalmente Epal. Lindustria di marca acquista in prevalenza pallet nuovi per garantire loperativit dei si-

stemi produttivi e dei sistemi di pallettizzazione automatici (che spesso impediscono lutilizzo di pallet non conformi o fuori misura), oltre che per evitare problematiche inerenti igiene, pulizia, odore o umidit. Il 75% della produzione di pallet Epal destinato

allindustria mentre operatori logistici e aziende di distribuzione assorbono il restante 25% (figura 9). Per tutti questi attori il criterio determinante nellacquisto di pallet Epal il prezzo, mentre
5 www.lprgrp.com, Novembre 2006

38

settembre 2008

poca rilevanza data al servizio, anche se alcune aziende alimentari richiedono dei pallet opportunamente trattati per ragioni igieniche. Tra le grandi imprese multinazionali particolarmente sviluppata ladesione a sistemi di pallet pooling, modalit che incontra non pochi problemi nellinterfacciarsi con la distribuzione italiana (alcune insegne, Coop in primis, respingono le merci dei fornitori che non consegnano su Epal). Occorre inoltre riscontrare il diffuso utilizzo di pallet a perdere, ovvero pallet privi di certificazione. Limpiego di un pallet meno costoso rispetto allEpal risulta ancora conveniente sia per la pallettizzazione di prodotti a basso valore o caratterizzati da pesi non elevati (ad esempio, nel caso di prodotti ortofrutticoli e per alcuni fornitori dei dolci natalizi), sia ai fini della gestione amministrativa e contabile, poich il pallet a perdere non pone il problema del recupero. I produttori rappresentano lanello iniziale della catena logistica e nella maggior parte dei casi sono i diretti proprietari dei pallet utilizzati lungo la filiera. Tuttavia le politiche di gestione dei pallet sono stabilite dalla GDO, che in molti casi arriva a respingere quei supporti/imballaggi ritenuti non idonei alla catena distributiva progettata, opponendo problematiche inerenti la sicurezza di movimentazione ma anche a vincoli di efficacia ed efficienza. Spesso, per ottimizzare la gestione, le aziende della GDO centralizzano i rifornimenti verso i propri Ce.Di, dove in media vengono movimentati 600.000 - 700.000 pallet lanno. Non essendo proprietarie dei pallet gestiti, le imprese della GDO si limitano al reintegro dei pallet persi e alla restituzione dei pallet vuoti ai produttori, sia tramite interscambio diretto sia attraverso il pagamento periodico dei buoni pallet (documenti che certificano il debito/credito di pallet con gli operatori mittenti), a sca-

Fig. 8 - Andamento del prezzo del pallet Epal (*stima).

denze negoziate caso per caso. abbastanza comune saldare il debito mediante pagamento in moneta al fine di lasciare lindustria di marca libera di acquistare i pallet dal proprio fornitore e risparmiare le spese per il trasporto di ritorno. Ci vale anche per gli operatori logistici, qualora siano essi stessi a occuparsi della gestione dei Ce.Di. per conto della GDO o della distribuzione delle merci per conto dei produttori. Attualmente le aziende pagano in media un valore di 6,5-7 euro per ogni pallet che non sono in grado di restituire. Aziende della GDO e operatori logistici in genere acquistano pallet Epal usati, mentre lacquisto di pallet nuovi avviene in occasione delle aperture di nuovi magazzini o piattaforme, per i quali necessario un parco pallet iniziale per garantire loperativit (rifornimento per gli addetti al picking e interscambio immediato). Nel caso siano gestiti dei pallet noleggiati, lutilizzatore si occupa unicamente della raccolta e selezione dei pallet da restituire, in attesa del successivo prelievo da parte delle aziende di noleggio

e della tracciatura degli stessi mediante utilizzo di software dedicato. La gestione del pallet particolarmente critica per gli operatori logistici che, interfacciandosi con diversi attori, subiscono da un lato le modalit e le politiche di gestione del pallet scelte dai committenti, e dallaltro devono far fronte al potere contrattuale dei punti vendita appartenenti alle insegne della grande distribuzione. Ulteriori complessit sorgono qualora gli operatori affidino la movimentazione e la distribuzione delle merci pallettizzate, rispettivamente, a cooperative di facchinaggio e a trasportatori terzi, poich aumentano le difficolt legate alla tracciabilit del pallet allinterno della rete distributiva. Il trasportatore, nel caso in cui assuma piena responsabilit sui pallet trasportati, risponde in prima persona della loro riconsegna e integrit. Inoltre, quando il trasportatore consegna la merce alla grande distribuzione il pi delle volte non riceve i pallet dovuti ma soltanto buoni pallet i quali, se non conformi, non sono accet-

settembre 2008

39

Material handling

Utilizzare una moneta di scambio

Fig. 9 - Tipologie di pallet prodotti in Italia e principali clienti di Epal.

tati dalle aziende mandanti e vengono addebitati loro periodicamente. Nel caso in cui siano validi e il trasportatore operi per un 3PL, la responsabilit del recupero grava sulle spalle delloperatore logistico.

Conclusioni
In conclusione, opportuno evidenziare che la gestione dei pallet, indipendentemente dal modello utilizzato (interscambio o pallet pooling) rappresenta comunque un costo che le aziende sostengono, nonostante la loro posizione nel mercato dei beni di largo consumo. Vi sono voci di costo non trascurabili, che in parte dipendono dal network adottato e in parte dalla necessit di monitorare quantit e qualit dei supporti utilizzati in ciascuna fase del processo, soprattutto nei punti in cui avviene il passaggio di responsabilit (da trasportatore a ribalta del Ce.Di., da ribalta a cooperativa, da cooperativa a trasportatore, da trasportatore a ribalta del PdV, etc.). Da uno studio6 condotto da C-log (Centro di Ricerca sulla Logistica dellUniversit Carlo Cattaneo LIUC) si evidenziato un costo unitario
6 F, Dallari, G. Marchet, Il ruolo dei pallet nei moderni sistemi distributivi, Ed. Lampi di Stampa, 2007

di gestione dei pallet compreso tra 80 centesimi di euro e 1,8 euro, destinato a crescere nel prossimo futuro per almeno due fattori: in primo luogo, laumento dei costi produzione dei pallet nuovi; secondariamente, la tendenza a centralizzare le consegne dei fornitori ai CeDi, con conseguente aumento della distanza media dai punti di consegna che impatter sui costi del trasporto di ritorno dei pallet vuoti. In una visione complessiva della filiera dei beni di largo consumo, i costi di gestione sopportati dalle aziende della GDO andrebbero aggiunti a quelli sopportati dalle aziende di produzione (indubbiamente superiori se non altro per il maggior tempo di attraversamento dei pallet nel proprio network) e dai fornitori di servizi logistici e di trasporto. Evidentemente il sistema dellinterscambio ancora lontano da poter essere considerato la soluzione ideale: il mercato parallelo, alimentato dai comportamenti illeciti ancorch di una parte limitata dei soggetti, rischia di compromettere lefficienza degli operatori pi virtuosi. Basti pensare che mentre le aziende della Grande Distribuzione Organizzata complessivamente dichiarano un tasso di reintegro (rotture, riparazioni e perdite) inferiore al 5%, al contrario secondo In-

dicod-ECR le aziende di produzione accusano un tasso di reintegro del 15/20%. Analogamente nemmeno il pallet pooling privo di problemi, dovendo tra laltro generare un utile per le aziende di noleggio le quali, a differenza dellinterscambio, condividono solo parzialmente con i propri clienti i savings derivanti da una corretta gestione operativa e dalle economie di scala che riescono a realizzare. Inoltre questo sistema, mutuato dai Paesi di matrice anglosassone, presuppone un approccio culturale ancora poco diffuso in Italia qual loutsourcing dei servizi logistici e delle attivit accessorie. In uno scenario che vede impegnate le aziende della grande distribuzione in processi di progressiva centralizzazione delle vendite ai Ce.Di. (maggiori percorrenze medie) e di outsourcing della logistica fisica sino al rifornimento degli scaffali (cambiamento culturale), potrebbe veder favorite nel prossimo futuro modalit di gestione del parco pallet alternative quali il pallet pooling o servizi di gestione in outsourcing dei pallet Epal, purch riescano trovare la necessaria massa critica per capitalizzare le attuali inefficienze del sistema dellinterscambio trasformandole in minori costi da condividere tra tutti gli attori.

40

settembre 2008