Sei sulla pagina 1di 2

SEZESSIONSTIL – AUSTRIA

• Tramonto Impero Asburgico dal XIX al XX secolo


• Secessione viennese - 1897 - guida Klimt, olbrich, hoffmann, moser (pittore), wagner approva (1899 ne
diventa membro)
• Ver Sacrum – 1897 – rivista – nuove tendenze internazionali in tutti campi della creatività
• Filosofia progettuale = relazione tra cultura artistica e cultura progettuale
• Distanze esuberanza ornamentale
• Figurazioni geometriche:sagome quadrate,circolari,sobrie,razionali con improvvise forme
libere,capricciose
• Sperimentazioni -> conseguenze significative nel campo del design
• Progetto architettonico esteso a particolari dell’arredamento -> disegno complessivo dell’edificio
leggibile in ogni aspetto dell’esistenza

OTTO WAGNER
• Décor per celebrazione nozze d’argento Imperatore - 1879
• Hutteldorf - 1886 - Villa suburbana Rosenhaus (Stifter) all’italiana - luogo utopico x vita estetica individuale
• Moderne Architektur – 1896 – opera teorica
• Majolikahaus - 1898 – rigore geometrico facciata; figurazioni rivestimento ceramica - stile pseudo-italiano
• Uffici della Cassa di risparmio postale imperiale – 1904 – Vienna – imponente scatola metallo (effetto lastre
marmo bianco su facciate); guarnizioni metalliche; mobili metallici (sportelli); vittorie alate con braccia
alzate, alloro = omaggio impero austro-ungarico al culmine della potenza; (capolavoro)
• Piano per Gross-stadt – 1910 – gerarchia di unità -> futuro metropolitano razionale, pianificato, realizzabile
• Costruisce x realtà presente (nn remota utopia simbolista vs redenzione estetica dell’uomo (cm suoi allievi)

JOSEPH MARIA OLBRICH


• Fonda movimento anti-accademico (sterile, incapace di interpretare mutamento socio-eco-culturale)
• Influenza esotica Klimt, Moser
• Palazzo della Secessione – 1989 – struttura dinamica, blocchi squadrati, muri inclinati, cupola metallo
traforata in foglie d’alloro (dedica Apollo) sospesa tra 4 piloni, (disegno Klimt - corpuscolarismo); edificio
privo decorazioni - interni ritmati pareti, infissi, elementi architettonici; innesti pittorici linearismo fitomorfico
• 1899 – Darmstadt - invitato da granduca Ernst Ludwig – raggiunto da 6 artisti (scultori,pittori,architetti)
• Ernst Ludwig Haus – 1901 – 8 spazi studio, soggiorno; sala riunioni; facciata alta, spoglia, traforata finestre
orizzontali; vetrata; ingresso circolare decorato, incassato, statue giganti (Habich); monumentalizzazione
• Un documento di arte tedesca - 1901 – colonia artisti espone stile vita e habitat - opera d’arte totale;
cerimonia mistica nei giardini ELH; oggetto forma cristallo (carbone/diamante = materia prima/arte)
• Torre nuziale - 1908 – complesso Mathildenhohe – composizione primordiale; sommità bacino idrico,
corona della città; labirinto montuoso di denso fogliame (colore cambia con stagioni)

JOSEPH HOFFMANN (“Hoffmann il Quadrato”)


• Disegno mobili stile raffinato e lineare = distacco ossessionante sinuosità negozio Apollo (1899)
• Linguaggio espressivo più semplice e classico – uso volumi e superfici
• Hohe Warte – 1901 – esclusivo quartiere residenziale sobborghi Vienna – 4 ville
• 1901 – possibilità figurazione astratta del design -> quadrato, bianco/nero dominanti (mai in stili più antichi)
• Produzione artigianale oggetti d’arte decorativa ed applicata
• Allestimento per statua Beethoven (Klinger) – 1902 – esposto in Palazzo Secessione – stile personale
astratto: contorni e proporzioni sottolineati dall’uso di modanature e gruppi di piccoli quadrati
• Weiner Werkstatte – 1903 – ditta / laboratorio Hoffmann & Koloman Moser – progettazione, produzione,
commercializzazione oggetti domestici di alta qualità – fama internazionale – 1933 chiusura inspiegabile
• Sanatorio di Purkersdorf – 1904 – classico e austero (vicino a maestro Wagner)
• Palazzo Stoclet - 1905 - Bruxelles - ridotta decorazione classica; omaggio velato estetica simbolista belle
epoque; sottile rivestimento marmo bianco, giunture metalliche; eleganza artigianale come fosse oggetto
Weiner Werkstatte; rifiuto struttura e volume -> effetto che nega la solidità del volume (capolavoro)
• 1911 - Esposizione Nazionale Roma - Classicismo atettonico anticipa monumentalità retorica della Nuova
Roma di Mussolini

ADOLF LOOS
• Ornamento e Delitto – 1908 – polemica artisti Secessione viennese
• Atteggiamento anti-Gesamtkunstwerk
• Bersaglio van de Velde, soprattutto Olbrich per decorazione illegittima = non implica dispendio lavoro e
materiale, comporta schiavitù artigianale
• Isolamento da secessione, da contemporanei conservatori, da eredi puristi
• Figura architetto = sradicato per definizione -> categoricamente alienato dal linguaggio locale/rurale/alpino
– non si può compensare con pretesa di ereditare cultura classicismo occidentale
• Soluzione: compiti dell’edilizia riguardano la tecnica e non l’arte (solo monumento ad arte) – tutto ciò a
servizio di uno scopo è escluso dal campo dell’arte
• Cultura dipende da continuità col passato
• Vestiti sobri,mobili anonimi,efficienti impianti idraulici borghesia GB (anticipa concetto objet-type LeCorbus)
• Fino 1910 – trasformazione interni preesistenti: lussuosi negozi
• Esterni: rifiniti con materiali eleganti, discreti – Interni: varia dall’atmosfera giapponese (Goldman &
Salatsch – 1898) all’eleganza classica (American Bar - 1907)
• Edifici pubblici: soffitti nudi
• Edifici privati: soffitti ricoperti da cassettoni legno / metallo – pavimenti pietra / parquet con tappeti orientali
– zone luce tramite vetrine, specchi, lampade, oggetti metallo – arredamento sempre su misura oppure
mobili Thonet legno curvato (Café Museum) – 1899
• Architetti / muri = Artigiani / arredi
• Casa Steiner - 1910 – Vienna – esterni: astratti, prisma bianco disadorno – interni: sviluppo piano di volumi
(Raumplan) =complesso sistema di organizzazione interna
• Casa Rufer – 1912 – Vienna – libera disposizione dei volumi interni
• Casa Moller 1928 - Casa Muller 1930 – organizzate attorno a spostamenti nei rispettivi livelli dei piani
principali = movimenta spazio e differenzia aree – tortuosa manipolazione della volumetria
• Mantiene distinzione elementi strutturali e non strutturali nelle opere pubbliche
• Nelle opere private da priorità ad effetto spaziale (rivestimento per nascondere condizioni irrisolte =
decoro)
• Complesso Heuberg – 1920 – schema residenziale per edilizia di massa – schiera dotata di serre e
appezzamenti per autoconsumo (strategia di sopravvivenza urbana)
• Influenza di Loos nel Purismo = impulso a sintetizzare oggetti-tipo del mondo moderno (ad ogni scala)
• Villa la Lido di Venezia – 1923 – forma-tipo canone del Purismo (Le Corbusier)