Sei sulla pagina 1di 8

GIOVANNI

OGGIANA

STORIA DELL'ARCHITETTURA

LUDWIG MIES VAN DER ROHE

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

Gli anni della formazione

Nasce nel 1886 ad Aquisgrana da Michael Mies e da Amalie Rohe di origine olandese. Da adulto Ludwig aggiungerà al cognome paterno il nome della mamma utilizzando il prefisso olandese "van". Tra il 1897 e il 1899 frequenta la scuola commerciale di Aquisgrana e di seguito entra nella bottega di scalpellino del padre. Nel 1900 si iscrive alla scuola d'arti e mestieri sempre di Aquisgrana e inizia a disegnare ornamenti in stucco per uno stuccatore locale. Nel 1905 si trasferisce a Berlino e lavora come disegnatore di mobili presso lo studio di Bruno Paul.

L'ESPERIENZA PRESSO LO STUDIO DI PETER BEHRENS

Nel 1908 inizia a lavorare per Peter Behrens e conosce Walter Gropius e Le Corbusier che in quegli anni fanno pratica dal maestro berlinese. L'architetto Behrens, in quel periodo, si ispirava a alle opere dell'architetto Karl Friedrich Schinkel e il giovane Mies ha l'opportunità di conoscere il lavoro del grande architetto neoclassico tedesco che influenzerà le sue prime costruzioni.

L'ABBANDONO DEL CLASSICISMO: CONOSCENZA DELLE OPERE DI F.L. WRIGHT E DEL NEO- PLASTICISMO (DER STIJL)

Nel 1910 vi è la mostra delle opere di F.L. Wright a Berlino, e Mies scopre un mondo diverso da quello di Behrens. Nel 1912 conosce in Olanda le opere di Hendrik Petrus Berlage e nel 1913 apre un suo studio Verso il 1919 Mies abbandona il suo primo linguaggio di derivazione neoclassica, si avvicina al movimento olandese De Stijl e al Costruttivismo, ed inizia a progettare utilizzando in maniera innovativa l'acciaio e il vetro. Per Ludwig Mies van der Rohe l'architettura non si distingue dalla struttura e dalla tecnica, diceva: "Si deve rifiutare ogni forma che non sia retta dalla struttura".

Le prime opere

CONCORSO PER IL GRATTACIELO IN FRIDRICHSTRASSE E GRATTACIELO IN VETRO

Nel progetto di concorso per il Grattacielo di vetro a pianta poligonale del 1921 e nel progetto successivo del 1922 Mies costruisce degli scheletri d'acciaio di diversi piani, completamente vetrati. L'impatto volumetrico finale può essere accostato alle contemporanee opere espressioniste di Taut (Glashaus del 1914) e Hoger (Chilehaus del 1920).

di Taut (Glashaus del 1914) e Hoger (Chilehaus del 1920). 1914 - Glashaus di Bruno Taut

1914 - Glashaus di Bruno Taut

di Taut (Glashaus del 1914) e Hoger (Chilehaus del 1920). 1914 - Glashaus di Bruno Taut

1920 - Chilehaus di Fritz Hoger

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe 1921 - Grattacielo in Friedrichstrasse 1922

1921 - Grattacielo in Friedrichstrasse

Mies van der Rohe 1921 - Grattacielo in Friedrichstrasse 1922 - Grattacielo in vetro e acciaio

1922 - Grattacielo in vetro e acciaio

in Friedrichstrasse 1922 - Grattacielo in vetro e acciaio Piante schematiche dei due grattacieli C ASA

Piante schematiche dei due grattacieli

CASA DI MATTONI E MONUMENTO A ROSA LUXEMBURG

C ASA DI MATTONI E MONUMENTO A R OSA L UXEMBURG 1909 - Robie House di

1909 - Robie House di Frank Lloyd Wright

R OSA L UXEMBURG 1909 - Robie House di Frank Lloyd Wright 1923 - Maison d'artiste

1923 - Maison d'artiste di Theo Van Doesburg

Del 1923 e del 1924 sono rispettivamente il progetto per la “Casa di campagna in cemento armato” e il progetto per la “Casa di campagna in mattoni”. Quest'ultimo pare rievocare da un lato l'orizzontalità delle linee delle Prairie House di Frank Lloyd Wright – in particolare la Robie House – e dall'altro la scomposizione per piani attuata dagli esponenti del Neoplasticismo olandese, in particolare Van Doesburg.

del Neoplasticismo olandese, in particolare Van Doesburg. 1924 - Casa di campagna in mattoni di L.

1924 - Casa di campagna in

mattoni di L. Mies van der Rohe - Ricostruzione 3D

in mattoni di L. Mies van der Rohe - Ricostruzione 3D 1924 - Casa di campagna

1924 - Casa di campagna in mattoni di L. Mies van Der Rohe - Pianta

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

Commissionatogli nel 1926 direttamente dal KPD (Partito Comunista di Germania) a seguito dell'esecuzione di Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg, il monumento a Luxemburg e Liebnecht risente delle influenze espressioniste e neoplasticiste. Costruito in mattoni di recupero fu distrutto nel 1933.

Costruito in mattoni di recupero fu distrutto nel 1933. Padiglione tedesco all'esposizione di Barcellona
Costruito in mattoni di recupero fu distrutto nel 1933. Padiglione tedesco all'esposizione di Barcellona

Padiglione tedesco all'esposizione di Barcellona

Costruito per l'Esposizione Universale di Barcellona del 1929, il padiglione tedesco è un caposaldo nell'opera di Mies van der Rohe perché introduce una serie

di temi che caratterizzeranno i progetti della sua maturità.

temi che caratterizzeranno i progetti della sua maturità. 1° TEMA : “L ESS IS M ORE

TEMA: “LESS IS MORE

Il padiglione tedesco è il primo edificio a concretizzare il motto che rese famoso

Mies van der Rohe. L'estetica dell'edificio risiede, secondo Mies, nel fare ricorso a pochi semplici elementi:

il basamento;

le 8 colonne cruciformi;

le pareti rivestite in marmo e onice;

la lastra di copertura;

le superfici specchianti;

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe 2° TEMA : “D IO È
Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe 2° TEMA : “D IO È

TEMA: “DIO È NEI DETTAGLI

L'apparente semplicità nasconde in realtà una grande complessità costruttiva. Tale complessità è comprensibile con l'analisi del particolare costruttivo della colonna cruciforme. La colonna è costituita da quattro profilati a “L” assemblati a croce e rivestiti da una carena in acciaio inox.

a croce e rivestiti da una carena in acciaio inox. 3° TEMA : I L MATERIALE

TEMA: IL MATERIALE COME UNICO ORNAMENTO

Al pari di Adolf Loos, l'unico ornamento concesso da Mies è quello delle venature delle pietre di rivestimento: travertino per il basamento, onice per le pareti interne e marmo verde per le pareti esterne.

pietre di rivestimento: travertino per il basamento, onice per le pareti interne e marmo verde per
pietre di rivestimento: travertino per il basamento, onice per le pareti interne e marmo verde per

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

TEMA: CLASSICISMO

Dopo la parentesi avanguardista Mies rispolvera gli elementi della composizione classicista di K.F. Schinkel che avevano caratterizzato gli anni della sua formazione presso Behrens.

caratterizzato gli anni della sua formazione presso Behrens. Altes Museum di Karl Friedrich Schinkel Padiglione tedesco

Altes Museum di Karl Friedrich Schinkel

presso Behrens. Altes Museum di Karl Friedrich Schinkel Padiglione tedesco a Barcellona ● Il Basamento atto

Padiglione tedesco a Barcellona

Il Basamento atto a monumentalizzare l'edificio elevandolo rispetto al terreno;

Le Colonne come unico sostegno della lastra di copertura;

1933: l'ascesa del Nazismo e la fuga negli Stati Uniti

Dopo una breve parentesi da direttore della Bauhaus, Mies, al pari di altri suoi contemporanei, preferirà lasciare la Germania nazista per riparare negli Stati Uniti. Qua potrà svolgere attività di insegnamento presso l'Illinois Institute of Technology nonché concretizzare la sua ricerca architettonica in diverse opere.

1939 SEDE DEL MIT (MASSACHUSSETS INSTITUTE OF TECHNOLOGY)

La biblioteca del M.I.T. rappresenta il raggiungimento della maturità della

ricerca formale di Mies. La composizione dinamica neoplasticista viene abbandonata a favore della simmetria classica.

L'edificio è svuotato da qualsiasi elemento superfluo e si compone sostanzialmente

di quattro elementi:

1. 8 colonne;

2. lastra di copertura;

3. lastra di basamento sopraelevata;

4. pareti in vetro;

di quattro elementi: 1. 8 colonne; 2. lastra di copertura; 3. lastra di basamento sopraelevata; 4.
di quattro elementi: 1. 8 colonne; 2. lastra di copertura; 3. lastra di basamento sopraelevata; 4.

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

1946 FARNSWORTH HOUSE (CASA DI VETRO) – PLANO ILLINOIS

La Farnsworth house rappresenta l'apice della semplificazione di Mies. L'abitazione del medico Edith Farnsworth si riduce a una scatola di vetro racchiusa da basamento, copertura e 8 colonne in acciaio.

racchiusa da basamento, copertura e 8 colonne in acciaio. 1958 S EAGRAM B UILDING N EW
racchiusa da basamento, copertura e 8 colonne in acciaio. 1958 S EAGRAM B UILDING N EW

1958 SEAGRAM BUILDING NEW YORK

Il Seagram Building è il primo grattacielo costruito da Mies. A differenza di quello del 1921, la trasparenza è sacrificata dalla griglia strutturale esplicata sulla facciata.

Mies. A differenza di quello del 1921, la trasparenza è sacrificata dalla griglia strutturale esplicata sulla
Mies. A differenza di quello del 1921, la trasparenza è sacrificata dalla griglia strutturale esplicata sulla

Corso di Geometria Descrittiva – Ludwig Mies van der Rohe

La Neue Nationalgalerie a Berlino

È l'ultima grande opera di Mies van der Rohe. La Galleria Nazionale di Arte Moderna (1962) è strutturata in due parti:

le sale espositive permanenti ubicate nel sottosuolo;

il corpo d'ingresso;

Con quest'ultimo elemento, Mies riesce a concretizzare quello che probabilmente è stato il paradigma compositivo delle opere della maturità: la rilettura modernista della composizione di Schinkel.

la rilettura modernista della composizione di Schinkel. Mies propone un soffitto a cassettoni nel portico sostenuto

Mies propone un soffitto a cassettoni nel portico sostenuto da otto colonne cruciformi in acciaio con tanto di rastrematura e capitello. A differenza delle colonne del Padiglione tedesco queste colonne non presentano alcuna carenatura e sono formate dall'assemblaggio di quattro profilati d'acciaio a “T”.

non presentano alcuna carenatura e sono formate dall'assemblaggio di quattro profilati d'acciaio a “T”. 8
non presentano alcuna carenatura e sono formate dall'assemblaggio di quattro profilati d'acciaio a “T”. 8