Sei sulla pagina 1di 5

Seconda Guerra Mondiale

La politica di espansione della Germania port allo scoppio della 2 guerra mondiale in cui era alleata
con Italia e Giappone. Gran Bretagna e Francia invece si coalizzarono. Primo obiettivo fu l'Austria.
Nel 1939, le truppe naziste entrarono in Cecoslovacchia, occuparono la Lituania e premevano sulla
Polonia. Il governo inglese di Chamberlain intervenni per sostenere la Polonia cercando un'alleanza
con l'URSS (unione repubbliche socialistiche sovietiche). Mussolini nell'aprile del 1939 invade
l'Albania per contrastare Hitler nei Balcani. L'Italia si avvicin alla Germania firmando con essa il Patto
D'Acciaio con il quale sarebbe entrata in guerra a fianco della Germania. Hitler firm un accordo con
la Russia di non aggressione della durata di 10 anni. Questo patto aveva un protocollo segreto con il
quale URSS e Germania si accordavano per la spartizione della Polonia. Nel frattempo, la Polonia si
era alleata con l'Inghilterra; Hitler decise di occupare la Polonia il 1 settembre 1939 da occidente
mentre da oriente avanzava l'armata rossa. Nel giro di 1 mese il paese venne occupato (guerra
lampo). Francia e Inghilterra, il 3 settembre, dichiararono guerra alla Germania, mentre l'Italia rest
neutrale. I francesi aspettarono l'attacco tedesco dietro la linea fortificata Maginot (svizzera-
Lussemburgo). Nel 1940 Hitler occup Danimarca, Norvegia, Belgio, Lussemburgo, Olanda e aggir
la linea Maginot attaccando la Francia da nord. Dopo 1 mese i tedeschi entrarono vincitori a Parigi.
Hitler possedeva gran parte dell'Europa. Mussolini abbandon la neutralit e attacc la Francia sulle
Alpi senza ottenere risultati. La Francia si arrese diventando un satellite della Germania. Hitler si
diresse allora contro la Gran Bretagna. Wiston Churchill, primo ministro britannico, dichiar che la
Gran Bretagna non si sarebbe mai arresa. La Germania allarg il suo sistema di alleanze firmando a
Berlino il Patto Tripartito (Germania, Italia, Giappone) per creare un nuovo ordine in Europa e in Asia.
Gli italiani tentarono di occupare la Grecia, aiutati dai tedeschi. Anche in Egitto vennero aiutati da
Rommel, detto la volpe del deserto, ma l'Inghilterra porter via all'Italia anche l'Etiopia.
L'intervento nazista nei Balcani ruppe l'alleanza con la Russia e port Hitler ad attaccare l'URSS per
vari motivi: controllare l'Europa fino agli urali; il territorio dell'URSS era ricco di materie prime; era
una lotta contro il marxismo (comunismo) e infine il popolo slavo era inferiore alla razza ariana. Nel
1941 la Bulgaria venne occupata, poi la Jugoslavia per marciare verso la Russia e annientarla. Stalin
organizz le sue truppe contro il nazismo. Gli Stati Uniti rimasi neutrali, fornirono alla Gran Bretagna
aiuti ricevendo in cambio alcune basi aeronavali. Il presidente era Roosevelt che con Churchill firm
nel 1941 la carta atlantica per combattere uniti contro il nazismo alleandosi anche con l'URSS. Il
Giappone intanto aveva occupato l'Indocina francese e nel 1941 attacc Pearl Harbor (Hawaii). Usa
e Gran Bretagna dichiararono guerra al Giappone mentre Italia e Germania dichiararono guerra
all'America. Nell'Europa occupata dal nazismo, veniva imposto il nuovo ordine, cio la supremazia
della razza ariana, la sottomissione dei popoli slavi e lo sterminio degli ebrei che vennero deportati
nei campi di concentramento. Nella 2 met del 1942, gli alleati presero l'iniziativa e vi furono 3
battaglie: -Midway nel pacifico dove le forze americane sconfissero la flotta giapponese; -El Alamein
in Africa dove Rommel fu fermato e respinto da Montgomery. In seguito arrivarono le truppe
americane di Eisenhower che occuparono Marocco e Algeria. Gli italo-tedeschi si dovettero quindi
arrendere il 13 maggio 1943 e Rommel abbandon la Libia; -La battaglia di Stalingrado in Russia dove
l'esercito russo costrinse i tedeschi alla resa. Alla fine del 1943 si tenne a Teheran una conferenza dei
capi di stato alleati per organizzare le strategie del conflitto e l'assetto post-bellico in cui vi
parteciparono Stalin, Churchill e Roosevelt.
1943-1944 Crollo del Fascismo
Il partito fascista aveva perso gran parte del sostegno popolare dopo l'entrata in guerra. I fallimenti
delle operazioni militari e il sostegno dei nazisti avevano incrinato il prestigio di Mussolini. Gli alleati
conquistarono Tunisia, Pantelleria e nel luglio del 43 sbarcarono in Sicilia. Galeazzo Caino, genero di
Mussolini, vot la mozione di sfiducia al duce. Vittorio Emanuele III fece arrestare Mussolini affidando
il nuovo governo a Badoglio che per deluse gli italiani perch si mostr indeciso confermando
l'alleanza con i tedeschi e trattando con gli alleati. L'8 settembre 1943 fu firmato l'armistizio tra Italia
e alleati. Le truppe tedesche per reagirono a questo armistizio calando dal Brennero e attaccando i
reparti italiani, liberarono Mussolini e lo aiutarono a costruire la repubblica sociale italiana con
capitale Sal. Contemporaneamente si organizzarono in Italia formazioni partigiane che
combattevano contro tedeschi e fascisti. Il 13 ottobre, Badoglio, dichiar guerra alla Germania ma
non fece ottenere all'Italia il giusto collocamento poich essa rimase sempre un paese ex nemico.
L'Italia era divisa in 2: a nord la repubblica di Sal e a sud il regno d'Italia con le forze militari degli
alleati. Le forze partigiane diedero cos vita a una guerra civile.
1944-1945 Fine della guerra e sconfitta del Nazismo
Gli alleati sfondarono la linea Gustav sulla quale si erano stabiliti i tedeschi nell'Italia contro-
meridionale nel 1944. Cassino venne conquistata, gli alleati occuparono Roma e Firenze e furono
fermati sull'appennino tosco-emiliano. Ali alleati intanto sbarcarono in Normandia il 6 giugno 1944,
chiamato d-day. I tedeschi si trovarono cos accerchiati: a ovest gli anglo-americani avanzarono verso
Parigi, a sud l'Italia venne conquistata dagli alleati, a est l'armata rossa invase la Polonia e Varsavia
insorse contro i tedeschi. Nel settembre del 44 dal Belgio alla Francia non vi era pi l'occupazione
nazista. Alla fine del 44 le forze armate sovietiche occuparono Bulgaria, Romania e Ungheria mentre
gli inglesi liberarono Grecia e Jugoslavia. Nelle Filippine invece i giapponesi vennero sconfitti dagli
americani. Nel febbraio del 45 Roosevelt, Churchill e Stalin si riunirono per decidere l'assetto post-
bellico dell'Europa: L'URSS dichiar guerra al Giappone; nei paesi liberati dal nazismo si tennero
libere elezioni per determinare il governo, la Polonia fu risarcita dalla Germania e si progett
l'istituzione di un'organizzazione delle nazioni unite (ONU) con lo scopo di risolvere pacificamente le
controversie internazionali. In seguito, Vienna, Berlino assediata e Praga liberata furono occupate
dall'URSS. Gli alleati respinsero la difesa tedesca delle Ardenne, avanzarono su Amburgo vero Berlino
e si incontrarono con le truppe sovietiche. In Italia il 29 aprile del 45 le truppe nazifasciste chiesero
la resa. Mussolini tent la fuga in Svizzera ma venne arrestato dai partigiani, fucilato il 28 aprile e il
suo corpo fu esposto in Piazzale Loreto a Milano. Hitler invece si suicid a Berlino il 30 aprile. La flotta
giapponese venne sconfitta da quella americana e i bombardieri americani attaccarono Tokyo.
L'attacco americano a Okinawa port la guerra nell'arcipelago Giapponese ma per resistere, i
giapponesi, attaccarono le navi loro navi con aerei kamikaze. Il nuovo presidente americano, Truman,
decise di sganciare 2 bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki il 6 e il 9 agosto del 45. L'8 agosto
anche l'URSS dichiar guerra al Giappone e si arrese il 14 agosto, la guerra era finita.
L'Italia dalla caduta del fascismo alla liberazione
Dopo la firma dell'armistizio da parte di Badoglio, l'Italia era divisa in 2: regno del sud, occupato dagli
alleati e amministrato da Badoglio e il nord, invaso dai tedeschi e con la repubblica di Sal. La
situazione cambi per vari motivi tra cui lo sbarco ad Anzio degli alleati nel 44 che determin la
liberazione dell'Italia centro meridionale e la capitale venne spostata a Salerno; il regno del sud che
venne riconosciuto dall'URSS e nel 1944 si costitu il primo governo d'unit nazionale. Con la
liberazione di Roma, il 4 giugno del 44, si form un nuovo governo che rester fino alla liberazione
(25 aprile 1945) e che vedr Vittorio Emanuele III cedere il potere al figlio Umberto II in attesa del
referendum su monarchia o repubblica che avverr il 2 giugno 1946. La resistenza segn la nascita
della repubblica democratica italiana. Molti uomini della resistenza morirono per la repressione dei
nazisti; ricordiamo l'eccidio delle fosse ardeatine, dove vennero uccisi 335 italiani e Marzabotto in
cui le SS massacrarono pi di 700 persone. Dopo la liberazione, il nord venne amministrato dagli
alleati, poi il confronto politico si trasfer a Roma, capitale dell'Italia riunificata. Cercando di formare
un governo nazionale, si arriv al Governo Parri del 1945 che voleva eliminare i residui del fascismo
ma arriv alle dimissioni dopo pochi mesi e venne allora sostituito dal governo De Gasperi. Dopo
l'abdicazione di Vittorio Emanuele III si tennero il 2 giugno 1946 sia il referendum su monarchia o
repubblica, sia le prime elezioni a suffragio universale in cui anche le donne votarono e venne inoltre
estesa la costituzione. Un altro governo De Gasperi si schier su posizioni filo-statunitensi ottenendo
cos i finanziamenti previsti dal piano Marshall. De Gasperi form un nuovo governo democristiano
e inaugur il periodo del centrismo che dur fino all'inizio degli anni 60. Con la vittoria
democristiana del 48, venne eletto presidente della repubblica Luigi Einaudi. L'Italia si schier con gli
Stati Uniti aderendo alla NATO nel 49. Sul piano sociale, De Gasperi dovette sviluppare la libera
iniziativa imprenditoriale e tutelare i lavoratori, realizz la cassa del mezzogiorno che gestiva i
finanziamenti pubblici per lo sviluppo di infrastrutture del sud e costitu l'ENI per lo sviluppo di
ricerche energetiche e petrolifere. Nelle elezioni del 1953, usc dalla scena politica per lasciare il
posto ad Aldo Moro, Fanfani e Andreotti. Nel 1955 venne eletto presidente della repubblica Giovanni
Gronchi. Dal 1958 al 1963 si assistette al boom economico e vi fu un incremento del tenore di vita
trasformando l'Italia in un paese industriale. Si cre il triangolo industriale (Milano, Torino, Genova)
ma aument anche il divario tra nord e sud. Vi fu il fenomeno della migrazione da sud a nord in cerca
di lavoro e nel 1951 nacque la comunit europea del carbone e dell'acciaio (CECA) che comprendeva
Parigi, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Italia, Francia e Germania. Nel 1957 nacque la CEE (comunit
economica europea). I capi Usa, Gran Bretagna e URSS s'incontrarono a Porsdam nel 1945. In
Germania vennero assegnate le aree a coloro che le avevano liberate per cui l'Europa fu divisa in 2
blocchi e da qui si cre una frattura tra gli ex alleati. L'Onu non riusc a sedare queste tensioni poich
tutte le deliberazioni dovevano essere prese all'unanimit. Venne istituito un fondo monetaria
internazionale che rendeva stabili le valute internazionali e una banca mondiale. Furono stipulati dei
trattati di pace a Parigi e firmati a New York nel 47. Emersero conflitti tra URSS e potenze occidentali
e una delle questioni irrisolte fu l'assetto della Germania che rimase divisa con capitale Berlino, a sua
volta divisa in 2.
L'Europa dei Blocchi
Alla fine della 2 guerra mondiale, l'Europa era divisa in 2 blocchi: quello occidentale con a capo gli
Usa e quello orientale con a capo l'URSS. Fu Churchill che per primo parl di cortina di ferro e
sottoline la necessit di fermare il comunismo. La contrapposizione tra i 2 blocchi venne chiamata
guerra fredda, cio non combattuta in aperto ma con mezzi subdoli come lo spionaggio. Caratteristica
di questo periodo fu la corsa agli armamenti che port al potenziamento dei missili e a un aumento
della ricerca sul nucleare. Berlino fu divisa e nel 1961 venne eretto il muro di Berlino per evitare le
fughe dei tedeschi dell'est in occidente. Essi costituirono la repubblica federale tedesca nel 49 con
capitale Bonn mentre i sovietici crearono la repubblica democratica tedesca con capitale Pankow. Gli
Usa si allearono con i paesi europei con la firma del Patto Atlantico, alleanza militare offensiva e
difensiva antisovietica (NATO) nel 49, mentre l'URSS rispose con il Patto di Varsavia nel 55, alleanza
militare tra i paesi comunisti.