Sei sulla pagina 1di 8

1 CIRCOLO DIDATTICO DI VICO EQUENSE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 Relazione finale FUNZIONE STRUMENTALE area 3: INTERVENTI E SERVIZI PER

GLI STUDENTI
Questa relazione conclusiva ,corredata dalla documentazione relativa di ogni progetto, vuole raccogliere e far conoscere limpegno progettuale di origine, il percorso effettuato, i risultati ottenuti, evidenziando punti di forza ed elementi di debolezza. Poter individuare, al termine di quest anno scolastico, tutti gli impegni che hanno riguardato le iniziative comprese nell Area n. 3 complesso, ma un cammino a ritroso nel tempo, mi aiuter ad esaminare dettagliatamente tutto quanto stato possibile realizzare fino ad oggi.

a- AZIONE

Orario scolastico dei docenti

RISULTATI ATTESI Orario rispondente alle esigenze didattiche ATTIVITA SVOLTE Organizzazione dellorario provvisorio e definitivo delle lezioni in collaborazione con le collaboratrici Stinca - Desiderio. RICADUTA Da un confronto con la commissione oraria e con i docenti,alla fine dellanno scolastico, emerso che lorganizzazione dellorario cos strutturata risultata adeguata alle esigenze formative degli alunni. (attivit laboratoriali alla fine della giornata scolastica). CONSIDERAZIONI -Organizzare un orario scolastico tenendo in considerazione sia le esigenze scolastiche sia quelle dei docenti pu essere un punto di forza della nostra scuola

b AZIONE Coordinamento delle attivit extracurricolari


RISULTATI ATTESI -Fornire agli studenti la possibilit di fruire di stimoli culturali diversificati finalizzati all approfondimento dellattivit didattica curriculare e ad unulteriore crescita personale. -Migliorare il coordinamento e la gestione delle attivit extracurricolari. ATTIVITA SVOLTE -Elaborazione di una scheda di indagine, da somministrare ai genitori, dove sono state presentate diverse possibilit di opzioni di laboratori.

- Tabulazione delle richieste e ricognizione delle risorse umane presenti e non nellistituzione scolastica. -Consegna ai docenti responsabili dei progetti un registro in formato cartaceo e/o file per la registrazione delle assenze e dei contenuti delle varie attivit. -Realizzazione,tabulazione e monitoraggio di un questionario dingresso per verificare le aspettative degli alunni, di un questionario di gradimento finale per gli alunni e un questionario di gradimento genitori. RICADUTA Dal monitoraggio e dalla tabulazione dei dati del questionario di soddisfazione iniziale emerso che gli alunni: hanno scelto il progetto sia per consiglio dei genitori sia per interesse personale; -pensano di frequentarlo con assiduit;-pensano di imparare cose nuove e che sar loro di aiuto per socializzare meglio.(Si allega monitoraggio) Dal monitoraggio delle schede di gradimento finali si poi fatta una tabulazione generale. Da essa possibile valutare la generale positivit delle proposte di arricchimento. In particolare mi sono soffermata su un aspetto: tutte le attivit, seppur condotte in maniera rigorosa, sono state seguite dagli alunni con un autentico entusiasmo, segno evidente che ogni forma di apprendimento, pu avvenire anche fuori dai banchi, se si stabiliscono regole semplici e si offrono gli strumenti per giungere ad un corretto e autonomo approccio con la cultura e il sapere.( Si allega monitoraggio). Volendo entrare nello specifico dei contesti operativi dei laboratori, desidero evidenziare il particolare impegno posto dalle insegnanti conduttrici che hanno curato i diversi settori dimostrando senza dubbio una grande professionalit , considerata anche la complessit di avere gruppi di alunni di et eterogenea e di diverse classi. Dal monitoraggio del questionario genitori si evince che le famiglie sono molto soddisfatte delle attivit extracurricolari. Molti chiedono di riproporre i progetti anche il prossimo anno scolastico ma con un maggior numero di ore e possibilmente in prosieguo allorario scolastico. Si allega monitoraggio. Sono stati creati degli attestati di merito per ogni laboratorio e con tutto il materiale consegnatomi dalle docenti responsabili stata organizzata una presentazione in Power point come documentazione della scuola.

CONSIDERAZIONI Gli alunni sono entusiasti quando partecipano alle attivit progettuali, questa esperienza gratifica molto i bambini e le famiglie. Piace integrare il sapere intellettuale con quello pratico, il conoscere e loperare. Recitare, cantare, suonare, dipingere permettono di esprimersi in una vasta gamma di linguaggi, che affiancando il linguaggio per eccellenza, quello verbale, stimolano la maturazione di tutte le capacit logiche, cognitive, relazionali, emotive.

c- AZIONE Recupero e potenziamento degli alunni, docenti con ore di esubero

utilizzando i

RISULTATI ATTESI -Motivare gli alunni ad apprendere con piacere, secondo le proprie modalit e capacit. Valorizzare gli alunni con difficolt mettendoli in condizione di sperimentare situazioni di successo attraverso interventi adeguati ai loro bisogni specifici (percorsi compensativi di intervento e di prevenzione). ATTIVITA SVOLTE -Realizzazione di un progetto distituto, organizzazione oraria e classi,dei docenti con ore in esubero. con relativa

-Tabulazione mensile delle ore dedicate alla sostituzione dei docenti assenti e quelle dedicate agli alunni in difficolt. -Tabulazione finale con grafico e percentuali. (Si allega monitoraggio). RICADUTA -Dalla tabulazione finale si evince che le ore dedicate al recupero degli alunni con difficolt di apprendimento e/o con disabilit sono state 198 circa il 50% del totale delle ore in esubero. Lesperienza ha rappresentato un percorso utile,sia dal punto di vista didattico che da quello psicologico. Infatti alcuni alunni hanno migliorato la socializzazione e la fiducia in se stessi, migliorato la motivazione allo studio, hanno conosciuto il proprio stile di apprendimento e hanno cominciato a esercitarne la padronanza. CONSIDERAZIONI Le ore in esubero sono da considerarsi come una sorta di organico funzionale, utilizzato per interventi mirati e rispondenti agli effetti bisogni dellIstituto.

d- AZIONE - Prevenzione del disagio degli alunni attraverso uno screeningdIstituto volto a focalizzare le situazioni di difficolt degli alunni nelle abilit di studio
RISULTATI ATTESI -Favorire lIntegrazione scolastica di alunni in situazione di difficolt e con disabilit. . ATTIVITA SVOLTE -Individuazione precoce di bambini con sospetto disturbo DSA,specifico della letto- scrittura, attraverso uno screening rivolto alle classi prime e seconde. -Realizzazione di un questionario per il riconoscimento di situazioni a rischio di disturbi specifici di apprendimento. -Osservazione e valutazione dellapprendimento (screening di base)attraverso una griglia per valutare:-Lautonomia sociale e scolastica; - larea attentivo -

mnestica; area del linguaggio;area della lettura; della scrittura; area del calcolo;area motorio-prassica, visivo- percettiva. -Tabulazione finale con grafico e percentuali. RICADUTA La griglia ha permesso di individuare le carenze cognitive e stabilire, cos, il punto di partenza sul quale avviare la programmazione personalizzata. Dal monitoraggio e dalla tabulazione dei dati, di facile fruibilit, si evidenziano le difficolt che gli alunni riscontrano nelle varie aree .Si allega il monitoraggio. CONSIDERAZIONI - Attraverso lindividuazione precoce dei bambini con difficolt nellacquisizione della letto- scrittura, possibile attivare, sia a livello scolastico sia a livello riabilitativo, interventi educativi e di recupero mirati alla diminuzione dellentit del disturbo e alla prevenzione delle successive conseguenze psicopatologiche e di disadattamento sociale.

e-AZIONE Promozione e coordinamento attivit, iniziative sul tema Cittadinanza e Costituzione


RISULTATI ATTESI Coinvolgere gli alunni verso comportamenti responsabili. Sviluppare consapevolezza e responsabilit, nel rispetto degli altri. Sviluppare forme di cittadinanza attiva e responsabile attraverso vari codici comunicativi, che abbiano la funzione di stimolare nuovi stili di pensiero individuale e collettivo sul tema dei diritti della persona e della collettivit. ATTIVITA SVOLTE Insieme alla docente referente allambiente, allalimentazione e salute abbiamo stilato un progetto trasversale Cittadinanza e Costituzione che un percorso formativo per star bene con se stessi, con gli altri e con lambiente. -Coordinamento delle attivit legate a specifiche problematiche inerenti la legalit. -Organizzazione della giornata della legalit svoltasi presso il Castello Giusso il 1012-2010 in collaborazione con il IV Reparto Mobile della Polizia di Stato. -Organizzazione degli incontri con gli esponenti del IV Reparto Mobile e i Cinofili della Polizia di Stato. -Realizzazione di attestati di ringraziamento per i vari reparti della polizia e per gli alunni dellIPSSAR F. De Gennaro di Vico Equense. -Realizzazione di un progetto per la celebrazione del 150 anniversario dellUnit DItalia. Partecipazione alla manifestazione organizzata dal Comune per levento che avvenuta gioved 10 marzo 2011. Gli alunni hanno preso parte alla manifestazione con canti, danze , rappresentazione teatrale e prodotti multimediali.

Realizzazione ,monitoraggio e tabulazione dei dati di una scheda riassuntiva dei percorsi e delle attivit svolte nelle varie classi. RICADUTA Dal monitoraggio si evince che in tutte le classi i percorsi si sono realizzati mediante attivit formative a carattere interdisciplinare per sfruttare i contributi di tutte le discipline in base agli interessi culturali espressi dagli alunni. Il lavoro si pregiato della componente cooperativa per cui le tematiche trattate da diversi punti di vista e, successivamente, socializzate e pubblicizzate, hanno permesso agli alunni una comprensione pi ampia e un ampliamento delle proprie conoscenze, proprio perch gli argomenti sono stati osservati da diverse sfaccettature e indagati sotto diversi profili. Nel lavoro daula il ricorso alle procedure della ricerca azione per la costruzione degli iter operativi , lindividuazione di problemi psicologicamente e culturalmente significativi, la progettazione di percorsi capaci di rispondere al problema, la verifica dellefficacia dei percorsi seguiti, lindividuazione di esigenze di regolazione (uso della tecnica del circle - time come strumento utile alla autoregolazione e allo sviluppo della capacit di riflessione), lutilizzo di momenti di discussione per lanalisi e il confronto delle esperienze e i momenti esperienziali di didattica laboratoriale, hanno motivato tutti gli alunni a partecipare alle attivit con interesse e profitto. La relazione pi dettagliata delle attivit di tutte le classi, le schede di rilevazione dati e i grafici di monitoraggio sono contenute in un dossier allegato al mio faldone. CONSIDERAZIONI -La scuola deve offrire agli alunni lopportunit di acquisire schemi mentali da utilizzare nella societ civile, ragion per cui, deve effettuare unautentica ricerca dei valori della dignit umana, finalizzata al raggiungimento della responsabilit individuale e collettiva, al rispetto degli altri, alla solidariet.

f- AZIONE curricolari

Coordinamento delle attivit inerenti i progetti intra -

RISULTATI ATTESI Organizzare le conoscenze e le abilit acquisite e porle in relazione con la tradizione culturale e levoluzione della realt contemporanea. Migliorare i livelli di apprendimento e di competenza dei ragazzi rendendo pi efficace linsegnamento realizzando percorsi di formazione basati sulle esigenze rilevate sia dai docenti sia dagli alunni. ATTIVITA SVOLTE Il mio lavoro stato orientato a realizzare attivit di pianificazione di progetti integrati con il Territorio e Istituzioni esterne alla scuola. Ho curato la raccolta dei progetti intra-curricolari e dei registri inerenti le attivit: storia locale Alla scoperta del mio Paese, Gioco- sport Benessere in movimento, Visite guidate e viaggi distruzione, Librolandia (biblioteca). Ho monitorato le schede di verifica finale.

-Realizzazione di attestati di ringraziamento per i vari esperti che hanno collaborato con listituto nelle varie attivit curricolari, intracurricolari ed extracurricolari. RICADUTALampliamento dellofferta formativa con i progetti intracurriculari riuscita, spesso, a coinvolgere gli alunni meno motivati ed a far loro raggiungere importanti risultati in termini di crescita umana. Inoltre, lo scopo delle attivit dei progetti intracurricolari quello di integrare il curricolo, offrendo occasioni di arricchimento, allargamento ed approfondimento delle esperienze formative. CONSIDERAZIONI La scuola si trova oggi di fronte ad uno scenario in radicale transizione: si va verso la societ della conoscenza. Lavvento delle nuove tecnologie, lo sviluppo della scienza e della tecnica, la mondializzazione delleconomia, richiedono importanti adattamenti sul piano delle competenze. La collocazione di ogni individuo nella societ dipender dalla capacit di governare lincertezza, di affrontare i problemi, di innovare, di rischiare in questa societ certamente complessa. Ed proprio tale complessit che pu spingere lindividuo a chiudersi nel proprio guscio o nelle nicchie familiari o in quelle del piccolo gruppo, rinunciando spesso alla scelta consapevole del proprio futuro. Lautorealizzazione diviene lobiettivo primario di ogni persona: i giovani, le famiglie chiedono alla scuola e alla formazione laiuto allautorealizzazione, allo sviluppo della persona che abbia competenze di problem solving, abilit comunicative e relazionali e che sappia integrarsi nella societ. La nostra scuola opera perch siano raggiunti tali obiettivi sia con una didattica rispondente ai reali bisogni degli allievi, sia con unofferta formativa che interessi gli alunni e offra loro opportunit di arricchimento educativo e culturale.

g- AZIONE Coordinamento delle socializzazioni e delle partecipazioni a concorsi e manifestazioni esterne.


RISULTATI ATTESI Favorire la partecipazione attiva a concorsi, manifestazioni e seminari indetti da Enti esterni per la promozione di competenze pi ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale. ATTIVITA SVOLTE Ho curato la veicolazione delle circolari inerenti i concorsi, raccogliendo le adesioni dei vari team e mantenendo contatti con le associazioni varie. Le principali partecipazioni ai concorsi: Di sogniamo i sogni dei bambini Edizioni Coccole e caccole. Tartarugando- Lega ambiente. I moti dellanima Associazione Poseidonia Positano. Partecipando alla serata finale domenica 27 marzo 2011 presso il museo del viaggio di Positano.

RICADUTA Arricchimento del percorso formativo ed educativo attraverso uno scambi di esperienze. Potenziamento delle conoscenze ed opportunit di confrontarsi con Scuole, Enti, Associazioni CONSIDERAZIONI Attraverso la partecipazione a concorsi, progetti,... possibile lo scambio di esperienze tra scuole e tra alunni di vari ordini di scuole e della stessa scuola, operare su temi comuni in modi diversi: strumenti diversi, metodologie diverse (classi aperte, piccoli gruppi, individualmente, brain-storming, problem solving...)

h AZIONE Collaborazione con la referente del progetto Continuit tra la Scuola dellInfanzia, Primaria, Media
RISULTATI ATTESI -agevolare il passaggio degli alunni da un ordine di scuola allaltro; -promuovere un linguaggio comune sulla valutazione degli alunni per il passaggio nei diversi ordini di scuola. ATTIVITA SVOLTE Ho preso parte alla commissione Continuit come docente delle classi quarte nelle seguenti date: -27 settembre 2010 organizzazione attivit progetto continuit. -04 maggio 2010 verifica e accordi per organizzazione progetto accoglienza. insieme alla coordinatrice di Martino Annamaria e alla docente Esposito Caterina,abbiamo stilato il progetto Accoglienza coinvolgendo gli alunni delle classi quinte che diventeranno i tutor dei bambini delle prime e allinizio anno scolastico li accoglieranno facendo loro da guida. RICADUTA -sviluppare un senso di responsabilit e protezione nei bambini pi grandi nei confronti dei pi piccoli. Promuovere la conoscenza e la fiducia verso il nuovo ambiente, i nuovi insegnanti e i nuovi compagni. CONSIDERAZIONI L accoglienza un atto dovuto da parte di chi riceve ed una aspettativa legittima per chi si inserisce in un nuovo ambiente. Nella scuola, in particolar modo, accogliere i nuovi iscritti vuol dire guidarli in un percorso di crescita verso nuovi traguardi. Questo momento riveste un significato particolarissimo: noi docenti dobbiamo porre, perci, speciale attenzione a questa delicata fase dello sviluppo personale dei bambini, adattando lorganizzazione e le attivit ai loro bisogni ed esigenze.

Inoltre, ho collaborato con le altre funzioni strumentali, alle iniziative di progettazione del nuovo Piano Integrato 2011-2012. CONCLUSIONI Quanto esposto rappresenta il mio impegno come F.S. area 3. Sebbene ogni docente della scuola titolare di F.S. abbia ricoperto unarea dintervento specifica, il nostro impegno stato sempre teso verso la realizzazione di un progetto comune. A livello decisionale abbiamo sempre cercato di far

convergere le diversit di opinione e i punti di vista allinterno di un clima di corresponsabilit e verso un unico obiettivo: il buon funzionamento della scuola, al servizio degli alunni. Con serenit abbiamo trasformato le nostre diversit in confronto produttivo e crescita personale; ci siamo raccordati periodicamente consentendo lopportuna circolarit delle informazioni e lorganizzazione del nostro lavoro per rendere pi efficace la conduzione delle attivit e la valutazione degli esiti finali. Vico Equense, 30 giugno 2011 La funzione strumentale Concetta Scaramellino