Sei sulla pagina 1di 12

L’OSSERVATORE ROMANO

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n. 649004 Copia € 1,50 Copia arretrata € 3,00 (diffusione e vendita 5-6 gennaio 2021)

GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLXI n. 3 (48.626) Città del Vaticano martedì 5 gennaio 2021

Quattro Pagine EPIFANIA DEL SIGNORE Il dialogo prosegue


Oggi, nell’inserto cultura- Il cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot rac-
le: «Vite invisibili», gli Articoli di Giovanni Cesare Pagazzi, conta come, nonostante la pandemia, il dialogo
«appunti dal Brasile che Michele Giulio Masciarelli, Fabrizio interreligioso prosegua lungo il sentiero traccia-
insorge» di Eliane Brum Bisconti, Ambrogio Sparagna, Paolo Marzioli to dal Papa soprattutto con la Fratelli tutti.

di GIULIA GALEOTTI NELLE PAGINE 2 E 3 GIANLUCA BICCINI A PAGINA 7

L’amaro pane
dei profughi
La crisi umanitaria al confine
tra Bosnia ed Erzegovina e Croazia

di CHIARA GRAZIANI la rotta balcanica al confine con l’Unione ri-


schia di partorire anche una ventata d’odio et-

I
l vescovo di Banja Luka, Franjo Komari- nico. In un’area particolarmente delicata.
ca, chiede ai governanti della Bosnia ed A conferma dei timori della Caritas, che
Erzegovina di non dimenticare « l’ama- dal 2015 presidia la rotta balcanica dei rifugia-
ro pane dei profughi e dei rifugiati» ti in fuga dalle guerre del mondo, un episodio
mangiato con il loro popolo «nella recente apparentemente secondario suona come un
guerra». Il dramma dei 1.300 disperati respinti allarme preciso sui rischi di caos e violenza so-
lungo il confine con la Croazia, porta sbarrata ciale: l’accoltellamento di un giovane bosnia-
dell’Unione europea, infatti, rischia di non es- co, avvenuto l’altra sera a Bihac, cittadina del
sere solo un disastro umanitario che vede centi- nord ovest che ospitava il campo di Lipa an-
naia di persone inermi, abbandonate scalze e dato a fuoco, viene attribuito senza possibilità
nude a errare nel gelo senza che si riesca a met- di verifica e riscontri ai migranti dai media
terle al sicuro. Il frutto velenoso della crisi dei
migranti assiepati in campi che interrompono SEGUE A PAGINA 4

LA BUONA NOTIZIA • Il Vangelo della festa del Battesimo del Signore (Marco 1, 7-11) È morto a novant’anni il poeta Franco Loi

Colui che scende Il dialetto


di GIOVANNI CESARE PAGAZZI nel lago di Tiberiade, a quasi 250 metri davvero gradita a Dio: non un’incessante
per cantare tanta vita
sotto del livello del mare. Da quel bacino salita fino a chissà quale cielo, ma una co-

C
on stile asciutto, Marco descrive fuoriesce per insinuarsi nella grande de- stante discesa per raggiungere quanto è di NICOLA BULTRINI contrato, per dire certamente il
il battesimo di Gesù: «In quei pressione causata dalla spaccatura della morto e mortifero, per nulla promettente; grande valore artistico, ma an-

L’
giorni, Gesù venne da Nazaret di crosta terrestre, per sfociare nel Mar quanto spegne ogni speranza, rendendo anno appena ini- che e soprattutto per testimo-
Galilea e fu battezzato nel Gior- Morto, a 400 metri sotto il livello del ma- vano qualsiasi impegno. ziato è stato già niare una spontanea e incondi-
dano da Giovanni» (Mc 1, 9). Il Signore non re, il punto più basso della superficie Da quale altezza deve scendere il fiu- onerato di facili zionata quantità di puro affet-
fu battezzato con l’acqua di quel fiume, ma della Terra. Il corso del Giordano è una me dei miei giorni? Qual è il preciso no- aspettative, e inve- to, per la persona. Negli ultimi
dentro: un’immersione che lo avvolse, qua- discesa violenta, un precipizio di più di me dell’altura da cui devo smontare? ce si apre con un doloroso lut- mesi ci hanno lasciato attori di
si identificandolo con quel torrente. tremila metri. Per farsi battezzare, Gesù Come si chiama il Mar Morto a cui il to nel mondo della letteratura. grande talento, geniali uomini
In ebraico, la parola “Giordano” si- entra proprio nel Giordano, nell’alveo Signore destina le mie acque? Cos’è? È morto, a novant’anni Franco di scienza, sportivi straordina-
gnifica “Colui che scende”, ed è più che carico di acque buone e vitali, che sfocia Chi è? Loi, uno dei grandi poeti del ri, ma mai si è vista una reazio-
appropriata. Infatti dalla considerevole nello sconfortante avvallamento di quel Entrando in Chiesa, intingendo la nostro Novecento. La notizia è ne così diffusa di semplicissi-
y(7HA3J1*QSSKKM( +#!z!=!"!.

altezza della sua sorgente sul monte Her- lago salato, inospitale e impermeabile al- mano nell’acqua santa, si compie un ge- immediatamente rimbalzata mo amore. Già, perché Franco
mon (2700 m) il fiume scorre fino cadere la vita. sto serio ed esigente: ricordandosi del dalle agenzie di stampa ai quo- Loi sapeva dispensare amore
Gesù si immerge in “Colui che scende”. proprio Battesimo, si assume nuovamen- tidiani, ma è soprattutto la rea- verso il prossimo e verso la vi-
E come poteva essere diversa la sua prima te l’impegno di “scendere”, perfino verso zione sui social ad essere sor- ta, con grande generosità. E ne
manifestazione al mondo, visto che tutto una situazione o una persona da tutti prendente. Qui si sono affolla- era ovviamente ricambiato.
Domani, solennità dell’Epifania del Signore, il
nostro giornale non uscirà. Le pubblicazioni della sua vita parla di una continua disce- definita “senza speranza”. Si inizia misu- te numerosissime testimonian- Amava la vita, amava l’altro da
riprenderanno il 7 gennaio. sa? Fin dall’inizio del suo Vangelo, Marco rando la pomposa altezza del proprio ze di chi lo ha conosciuto o an-
indica la nuova forma di santità, quella gradino. che solo occasionalmente in- SEGUE A PAGINA 5
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021

Epifania del Signore

L
L’enigmatica «Adorazione dei Magi» di Gentile da Fabriano di MICHELE GIULIO MASCIARELLI

Vuoi giocare? a solennità dell’Epifania lega il suo nome ai do-


ni che i magi portano a Gesù: oro, incenso e
mirra. Il Bambino “riceve” i doni: si tratta di
doni intrisi di una simbologia intensa e duratu-
ra, tanto che ancora oggi noi ci sentiamo inter-
pretati da essi. Soprattutto ci sentiamo rappre-
sentati dall’andare dei magi verso il Cristo e dal
loro atto d’adorazione. Tutto questo, però, è
pur sempre ciò che viene dato al Cristo. È forse
il caso di chiederci anche, ogni tanto, che cosa
egli ha portato a noi.
Quel Bambino
contemplato da vicino
L’Epifania, facendoci inginocchiare dinanzi
al Bambino di Betlemme, ci fa accostare a lui.
Dunque, con sguardo più ravvicinato, voglia-
mo chiederci che cosa il Bambino di Betlemme
porta all’uomo d’oggi, alle prese col terzo mil-
lennio e dentro il pantano di una pandemia
mortale e minacciosa. A ben vederlo, “l’uomo
della soglia” è un uomo povero, a corto di molte
risorse spirituali e, perciò, bisognoso di doni.
Ci interpella, perciò, la logica del dono che si
presenta necessaria per riorientare la nostra vi-
ta. In una società allevata al culto dei soli diritti,
avvizzita nella contabilità di ciò che spetta, di
ciò che si deve avere dalla vita, dal mondo, da-
gli altri, è forse il caso d’assumere la logica del
Natale, che è logica del dono, che, fra l’altro,
oggi rappresenta un elemento importante per
l’interpretazione e il rinnovamento delle dina-
miche sociali (cfr. AA.VV, Il dono. Tra etica e scienze
sociali, a cura di Giovanni Gasparini, Edizioni

T
Lavoro, Roma, 1999).
All’etica della responsabilità s’aggiunga an-
di GIOVANNI CESARE PAGAZZI corona, rivelando la sua calvizie. bambino molto piccolo. È la mossa che l’ascetica del dono. Il Natale ce la sa inse-
L’emblema della regalità è appoggia- giusta! Il gesto di un adulto che in- gnare perché è “evento di dono”: «… ci fu lar-
re uomini distinti, o un unico perso- to a terra, come le sue ginocchia e le tende giocare con un bambino, per gito un Figlio», canta Alessandro Manzoni nel
naggio? Questo è l’enigma dell’Ado- sue mani; da quella terra è stato tratto godere la gioia che sprigiona. O si di- suo terzo inno sacro, Il Natale (1813). “D ono” è
razione dei Magi di Gentile da Fabria- e a essa sta per tornare. Il suo dono venta come bambini o con i bambini una parola pregnante di sensi. Un Figlio dona-
no. I saggi venuti dall’oriente sono prezioso è sparito, ridotto a oggetto è impossibile giocare: è necessario to e che si lascia donare: questo è il cristianesi-
tre persone diverse: un giovane, uno di commento di due donne, ma non muoversi come loro, parlare come lo- mo. Un uomo donato e che si lascia donare:
di mezz’età e un anziano; quasi a si- considerato dalla Santa Famiglia. Il ro, sottostare alle loro regole e alla lo- questo è il cristiano.
gnificare le differenti stagioni della Bambino sembra disinteressato alla ro fantasia. Altrimenti si sta con loro, Singolarmente, poi, ognuno di noi deve cer-
vita, tutte capaci di riconoscere e prova di generosità del re. Vuole solo ma non ci si diverte grazie a loro. E la care di crescere nella “spiritualità del dono”, la
onorare il Dio bambino. Eppure, un giocare; e gioca, pieno di simpatica gioia se ne va. Il Bambino è divertito, sola che assicura di poterci evitare il rischio del-
dettaglio suggerisce un’altra possibi- ironia, con la pelata dell’anziano. toccando la testa liscia del vecchio e la “sterilità spirituale”: infatti «chi non si dona è
le lettura: il piede destro del giovane Quando era giovane, il re era servito questi ricambia baciandogli i piedini. un grano che non germoglia» (A. D. Sertillan-
schiaccia il mantello degli altri due, in ginocchio. Ora è lui inginocchia- Finalmente, al termine della vita, ha ges). Dio ci eviti la disgrazia di rinchiuderci nel-
come fosse il centro di un quarto di to. Anzi: è a “quattro zampe”, a “gat- capito che conviene giocare. E con la nicchia del nostro egoismo e ci dia la grazia
ruota avente per raggi i tre magi. toni”, esattamente come cammina un chi. di essere estroversi nell’amore. Verso tutti. An-
Non solo: essi appaiono come foto-
grammi di un unico movimento che
parte dalla postura eretta del giova-
ne, passa per quella inchinata dell’a-
dulto per giungere alla prostrazione
dell’anziano. Siamo davanti all’arco
di un’unica vita, disegnato grazie a
tre incontri emblematici col Dio
bambino.
Erode e i magi: un drammatico colloquio
Il giovane sembra un commento al
Salmo 8, attribuito dal salterio a Da- di FABRIZIO BISCONTI fortuna iconografica della “venuta dei magi”, all’orientale, che indicano la stella. Sullo sfon-
vide. Alla domanda «Cos’è l’uo- così come si può osservare nella decorazione di do, si intercetta il busto del monarca, sistemato

N
mo?» si risponde «Un re!», «corona- asce precocemente la rappresenta- due monumentali arche marmoree della fine su un pilastrino, come per agganciarsi all’epi-
to di gloria e onore». Con la corona zione iconografica dell’episodio del- del IV secolo, del tipo cosiddetto “a porte di cit- sodio del rifiuto dei tre fanciulli di Babilonia di
in testa, imberbe, elegante, ritto, co- la “venuta dei magi”, così com’è nar- tà”. Mi riferisco, innanzi tutto, al sarcofago di adorare l’idolo di Nabucodonosor, istituendo
sciente della propria bellezza e vitali- rato nel vangelo di Matteo (2, 1-12), a Catervio, conservato in uno splendido mauso- quell’intreccio tra le due economie testamenta-
tà, col futuro davanti, servito e riveri- cominciare dalla sintetica scena dipinta nella leo a Tolentino, decorato in tutti i lati e, segna- rie, di cui abbiamo detto.
to: un domestico è genuflesso ai suoi Cappella Greca delle catacombe romane di Pri- tamente: la fronte, con il Buon pastore e due fi- Con piccole varianti, la scena ritorna anche
piedi per togliergli gli speroni (lui scilla, da riferire ancora al III secolo o, forse, ai gure sante, il retro, con la
non lo degna di uno sguardo). Tiene primi anni del IV. La raffigurazione contempla, coppia dei coniugi defunti
ben alzato il dono che offre, esiben- in questo caso, i tre eminenti personaggi prove- in clipeo e i lati minori, con
do quanto può, quanto ha e, soprat- nienti da un imprecisato Oriente, come indica il due momenti dell’episodio del-
tutto, quanto dà. vestiario, costituito dal berretto frigio, dalla cor- l’Epifania
A mezz’età è piegato. La barba è ta tunica manicata e dai pantaloni aderenti, Il fianco sinistro mostra, su uno
cresciuta. Il peso della vita gli ha cur- mentre recano doni al bambino, rappresentato sfondo urbano, la scena canonica del-
vato il portamento. Certo, è ancora in grembo a Maria. Questo schema base, propo- l’adorazione, mentre quello destro rap-
un re, ma si sta levando la corona. ne alcune varianti, tanto è vero che i tre re, diven- presenta la scena — poco raffigurata — del-
Benché più alta e ricca di quella gio- tano due o quattro, sia nelle catacombe romane, l’incontro dei tre magi con Erode, in perfetta
vanile, sembra un’insegna inadegua- sia nelle arti minori e, segnatamente, in un vaso coerenza con la narrazione di Matteo: «Allora
ta ai lutti e alle perdite subite, all’alta- di marmo grigio del Museo di Palazzo Massimo Erode, chiamati segnatamente i magi, si fece
lena di successi e ritirate, di progetti e e nella cappella argentea di S. Nazaro a Milano, dire con esattezza da loro il tempo in cui era ap-
delusioni, manie e melanconie. In al- ambedue dell’ultimo scorcio del IV secolo. parsa la stella e li inviò a Betlemme esortandoli:
tre parole: la morte ha già cominciato Il tema dell’adorazione dei magi trova una “Andate e informatevi accuratamente del Bam-
a bussare alla sua porta e il “toc toc” è estrema fortuna nella plastica funeraria roma- bino e, quando l’avete trovato, fatemelo sape-
sempre più insistente. Nel Salmo 144 na e provenzale e, spesso, si intreccia con l’epi- re, perché anch’io venga ad adorarlo”». Il bra- nel sarcofago di Gorgonio ad Ancona, sempre
Davide si pone la medesima doman- sodio dei tre giovani ebrei di Babilonia, con- no evangelico prosegue con il momento dell’a- riferibile alla fine del IV secolo e in una scena
da: «Cos’è l’uomo?». Ma la risposta dannati dal re Nabucodonosor al vivicomburium, dorazione e termina, in maniera lapidaria: dell’arco trionfale della basilica romana di S.
cambia: «L’uomo è come un soffio, i per essersi rifiutati di adorare l’idolo, che raffi- «Avvertiti poi in sogno di non tornare da Ero- Maria Maggiore, la cui decorazione musiva, ri-
suoi giorni come ombra che passa». gurava il tiranno. Questa contaminazione è de, per un’altra strada, fecero ritorno al loro feribile alla committenza del Pontefice Sisto
A differenza di un tempo, non è più dovuta dal numero ternario dei fanciulli e dei paese». III, pare esprimere l’atmosfera teologica poste-
convinto del valore di quanto porta e magi, quando questi sono ridotti a tre, in segui- Ebbene, anche in questo caso, la scena si svi- fesina, sviluppata da una sequenza iconografi-
dona; forse non è così importante co- to alla specie dei doni (oro, incenso e mirra) e luppa contro uno sfondo urbano. In primo ca, ispirata all’Infantia Salvatoris.
me credeva, tant’è che il suo regalo è all’ambientazione orientale dell’episodio nar- piano, si snoda una teoria di sei personaggi, tra Nel maestoso arco trionfale, si incontra, in-
in posizione più discreta, defilata. rato da Daniele, che si aggancia alla regione di i quali si riconosce il re stante e in armi, assistito nanzi tutto, il “faccia a faccia” tra Erode, defi-
Attenzione all’età di mezzo! provenienza dei magi. da due militi, mentre leva la destra, per espri- nito da una didascalia, e i magi, in udienza alla
Da vecchio ha ormai deposto la Quest’ultimo contatto nutre la più matura mere il gesto dell’adlocutio verso i tre re, vestiti corte del re, mentre il tema dell’Epifania viene
martedì 5 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

La fede perseverante Quella


stella
di Maria nel cielo
che verso i nostri nemici, benefattori che aiuta- testimoniale Maria in qualità del suo essere la di PAOLO MARZIOLI
no la nostra conversione. Credente, aiuta la Chiesa nel suo pellegrinag-

L
gio di fede. La sua è una fede altamente quali- a stella di Betlemme è
Seguendo la stella della salvezza ficata, che si colora dei molteplici riflessi del- forse la più evidente e
Dio ha detto agli astrologi pagani una parola l’infinito splendore che si sprigionano dai mi- famosa testimonianza
mediante una stella insolita in mezzo a stelle in- steri di Cristo. Così: di un evento astrono-
consuete; una stella che li ha fatti alzare di so- mico che ci sia arrivata dagli
prassalto e portati all’ascolto, mentre molti nel — è fede diaconale: dopo l’Ascensione, con le antichi, nonostante la sua effet-
popolo di Dio, abituati alla Parola di Dio, era- sue preghiere aiutò le primizie della chiesa; tiva natura sia ancora oggi un
no diventati ottusi verso simili parole di rivela- — è fede intercedente: attendendo la Pentecoste, mistero. Già il modo in cui la
zione, non volendo lasciarsi disturbare nel nor- implorava con le sue preghiere il dono dello chiamiamo in italiano, “stella
male corso della storia al riparo dalle sorprese Spirito; cometa”, racchiude un miste-
di Dio, alla quale egli cambia calendario e orari. — è fede esemplare: ancora oggi, per la sua piena rioso ossimoro: le due parole
Occorre lasciarsi disturbare da Dio, alzare l’oc- adesione alla volontà del Padre, all’opera re- non hanno nulla a che fare l’u-
chio alla luce della stella dell’Epifania che am- dentrice del suo Figlio, ad ogni mozione dello na con l’altra, essendo la come-
monisce: solo Dio ci guida e può portarci alla Spirito Santo, la Vergine Maria è il modello ta un piccolo sasso ghiacciato
salvezza. della fede per la Chiesa; che orbita attorno al Sole e la
I magi, il Bambino e Maria, sua madre: sono — è fede perseverante: fino alla fine dei tempi, dal stella una gigante palla di gas
i personaggi indissociabili dell’icona dell’Epifa- momento del consenso di fede prestato al tem- che resta “ferma” per millenni
nia. Si chiede di non dimenticare la “casa” del- po dell’Annunciazione, con la sua molteplice nel nostro cielo. In parte è col-
l’adorazione dei magi: è la “casa” della Chiesa intercessione continua ad ottenerci i doni della pa di Giotto: il maestro dipinse
(cfr. Efesini, 2, 19-20), che è costruita sulle fonda- salvezza eterna; la stella di Betlemme come una
menta della «casa d’Israele» (Matteo, 10, 6), la — è fede venerabile: fra le croci dell’ora, ad attua- cometa dopo aver avuto la
sua “santa radice”. zione della profezia di Maria (cfr. Luca, 1, 48) e nia? È una fede missionaria. Maria sottolinea, con grande fortuna, probabilmen-
La conclusione è: Gesù lo possiamo trovare in risposta alla sua la testimonianza di fede, la il suo gesto, che la missione consiste nella pre- te, di ammirare la cometa di
come l’hanno trovato i magi, ossia sulle ginoc- Santa Vergine viene dalla Chiesa giustamente sentazione del Cristo a tutti. Il suo è gesto ec- Halley, imprimendo per sem-
chia di Maria, misteriosa Gerusalemme in per- onorata con un culto speciale. clesiale, perché posto come Figlia di Sion, come pre l’immagine nella memoria
sona, “città di mistero” (cfr. Matteo, 5, 14). Come donna-popolo che rappresenta la Chiesa, anzi collettiva.
si vede, Maria è indissociabile da Cristo e dalla Ma com’è la sua fede nell’evento dell’Epifa- che è Chiesa nascente. Moltissimi studiosi si dedi-
Chiesa: la conseguenza è che Maria e la Chiesa carono a dare la loro interpreta-
sono vie che portano a Cristo. zione su cosa potesse essere ac-
caduto nei cieli a cavallo del-
La prima adoratrice di Cristo l’anno zero. Keplero riuscì con
Compagna di fede di Cristo dal Natale alla MUSICA POPOLARE • Il ruolo dei musicisti nelle rappresentazioni presepiali la matematica a “riavvolgere il
Pasqua, la Vergine — lo stiamo vedendo — è nastro”, ricostruendo la posi-
compagna di fede anche della «fede professata»
dalla Chiesa. La Credente è modello per tutti i
discepoli di Gesù di come si accoglie la Parola
Il sogno del pastore Benino zione dei pianeti nel cielo di
1600 anni prima, per poi sco-
prire che nel 7 a. C. Giove e Sa-
(Annunciazione), di come la si genera (Nativi- turno sarebbero stati interessati
tà), di come la si presenta al mondo (Epifania), Un ventaglio di canti di alto valore simbolico da una congiunzione, ovvero
di come la si conserva dentro di sé (vita di Na- da quel fenomeno che altro
zaret), di come le si crede (Cana), di come la si di AMBRO GIO SPARAGNA za e fame endemica a cui il mes- il pastorello Benino viene colloca- non è che la sovrapposizione
diffonde (Visitazione), di come le si è fedeli saggio evangelico dona fede e to nel punto più alto della scena: nella nostra volta celeste di due

N
(Croce), di come la si testimonia (Pentecoste). elle rappresentazioni speranza. perché la sua visione, tra viottoli, corpi celesti, come due pianeti:
In ogni suo passaggio di questo ricco servizio presepiali tipiche della Intorno alla presenza di questi discese, e dirupi, sfocia attraverso quando questi sono sufficiente-
tradizione italiana i personaggi si sono diffusi moltis- un viaggio denso di simboli ed in- mente luminosi i due astri bril-
musicisti rivestono un simi canti che fanno da corona al- terpretazioni nella grotta sotto- lano come un solo punto molto
ruolo simbolico molto importan- le scene presepiali come quello ri- stante, dove sono collocati Giu- luminoso.
te. Cerimonieri dell’avvenuta pro- portata nell’esempio qui allegato seppe, Maria e Gesù Bambino. La stessa cometa di Halley
fezia evangelica, i tanti suonatori che richiama i motivi narrativi ti- Il valore simbolico di questo non è da lasciare fuori dai gio-
che caratterizzano la scena prese- pici del repertorio di Sant’Alfon- personaggio ha dato vita a nume- chi: il suo passaggio più prossi-
piale vengono presentati all’inter- so: «Jettero li pasturi alla capanna rose narrazioni fra cui quelle lega- mo all’anno zero si verificò nel
no di spaccati di storia quotidiana / pe’ ritrovà Giuseppe co’ Maria / te alla famosa Cantata dei Pastori, 12 a. C., probabilmente ammi-
dove il fare musica è un elemento a mmiezz’’a loro c’era un bianco un’originale opera drammaturgi- rata da molti terrestri dell’epo-
essenziale e naturale. È così im- viso / ch’era ‘nu piezze de’ Para- ca attribuita ad Andrea Perrucci, ca. Ancor più vicino alla nascita
portante la loro funzione che gli diso / restareno incantate e a voc- segnata da un successo pluriseco- di Gesù dovrebbe essere stato
artisti presepiali da sempre rico- caperta / pe’ tanto tempo senza lare nella forma sempre rimaneg- un evento del 5 a. C. il cui rac-
struiscono con pregevole atten- di’ parola / jettarono suspire da giata e arricchita, pubblicata a conto ci è arrivato tramite gli
zione miniaturistica i musicisti dint’o core / cacciarono a migliaia Napoli nel 1698 con il titolo origi- astronomi cinesi. Probabilmen-
nell’atto di suonare collocando atte d’ammore / Pigliata confi- nale Il vero lume tra l’ombre. Nella te una Nova: questo evento,
l’immagine all’interno di varie denza se mettetero a sonare / e a Cantata la scena del primo atto si che non dura in genere più di
scene fra cui spiccano gli zampo- cantà co’ l’angeli e co’ Maria / co’ apre con il dialogo con Benino e il qualche giorno, è dovuto a un
gnari, sempre protagonisti delle ‘na voce ch’era accussì doce / ca padre Armenzio che lo ha sveglia- sistema di due stelle che si fan-
rappresentazioni della Natività. ‘o Bammeniello s’addurmette in to da un sogno straordinario in no così vicine da scambiarsi del
Nei tanti presepi in stile settecen- pace / E Ninnillo mio si’ tu / e si cui ha visto la terra trasformarsi in materiale. La stella più piccola
tesco napoletano che ancora ven- tu sole d’amore». Paradiso. Attorno a questa scena si trova a “mangiare” una quan-
gono allestiti sia nelle chiese che Un altro dei personaggi più af- sono nate anche alcuni componi- tità enorme di elio e idrogeno
in moltissime case dell’Italia cen- fascinanti e di grande valenza menti musicali conosciuti come Il dell’altra, scatenando esplosio-
«Incontro di Erode con i magi» (Sarcofago tro meridionale ai suonatori di simbolica delle raffigurazioni pre- sogno di Benino, che vengono ancora ni che fanno schizzare in alto la
“a porte di città” di Catervio, Tolentino, IV secolo d. C.) chitarre e “tammorielle”, di "tior- sepiali è il pastore Benino. La leg- eseguiti come prologo alle tante luminosità dei due astri. Alla fi-
A sinistra, incontro di Erode con i magi (Basilica be a taccone” e “colasciune”, di genda popolare presenta questo rappresentazioni di Presepi viven- ne dell’evento, pochi giorni o
di Santa Maria Maggiore, Roma, V secolo d. C.) “viole” e “violune” spetta il com- personaggio mentre sta dormen- ti meridionali, fra questi spicca settimane più tardi, le due stelle
pito di animare molte scene am- do nello stesso presepe che sta so- l’esempio qui riportato diffuso tornano a una luminosità vici-
sviluppato anche in un altro quadro musivo, bientate nelle tipiche taverne. gnando e, poiché quel presepe è il nell’area del Lazio meridionale: na a quella iniziale, letteral-
laddove la scena dell’adorazione è arricchita da Nelle riproduzioni di strumenti a frutto del suo sogno, svegliare Be- «Mentre sognavo / d’un tratto si mente “sparendo” dal palco-
un’enigmatica figura ammantata, considerata, corde come la “tiorba a taccone”, nino vorrebbe dire l’istantanea apre il cielo / piove argento e oro scenico della volta celeste.
dagli studiosi, come Maria, Rachele, Anna, la un cordofono di grandi propor- estinzione del presepe. Ispirato / il mondo era tutto un tesoro / I Anche se non è chiara la na-
madre di Maria, Anna la profetessa, Eva, l’Ec- zioni suonato con un’apposita dal passo evangelico che descrive fiori erano pietre preziose / dai tura della possibile stella di Be-
clesia, la Sibilla. Singolare appare anche la col- penna (taccone) o il calascione, l’annuncio degli Angeli ai pastori fiumi scorre l’argento / dalle viti tlemme, è probabile che i cieli
locazione del Bambino in un ampio trono gli artisti presepiali sfoggiano una dormienti, il sogno di Benino non pendevano grappoli / di brillanti di quegli anni abbiano visto
gemmato, vigilato da una guardia di ben quat- straordinaria ricercatezza nei par- deriva però da un semplice sonno topazi e rubini / E mentre guar- una grossa quantità di fenome-
tro angeli, mentre una stella brilla sulla com- ticolari, realizzando una serie di ozioso di un giovincello stanco davo estasiato / vedo apparire ni spettacolari, quasi a salutare
plessa figurazione. intarsi di osso, avorio e madreper- ma rappresenta invece il momen- una luce / sorge dalla grotta di una svolta nella storia dell’u-
Il drammatico colloquio tra Erode e i magi, la. Ma quello che più colpisce è la to in cui l’uomo accoglie nella sua Betlemme / grande come cento manità.
che prelude alla violenta strage degli innocen- raffigurazione dei volti scavati e totale pienezza l’evento straordi- soli / E mentre quella luce s’alza- E forse dovremmo anche noi
ti, trova fortuna e sostanza a partire dall’ultimo rugosi dei personaggi che sembra- nario del mistero dell’Incarnazio- va / sento una voce che mi dice / provare ad affacciarci un po’ di
scorcio del IV secolo, quando più incisiva divie- no richiamare alcune descrizioni ne. Tanto che nel suo sognare egli Vieni a me figlio mio / che Io so- più ad ammirare i nostri cieli
ne quella componente aulica dell’arte cristia- di sant’Alfonso de’ Liguori sui stesso diventa protagonista delle no sceso in terra / In mezzo a notturni, magari trovando i se-
na, improntata al cerimoniale di corte e quan- “lazzari” napoletani, quei poveri e trasformazioni del creato e della quello splendore / vedo un bam- gni di un vicino punto di svolta
do più nitido diviene il confronto tra i re della umili pastori costretti a vivere in natura che gli appaiono attorno. bino che mi chiama / ha sul viso per questo 2021 e per gli anni a
terra e il Re dei re. condizioni esistenziali di indigen- Ed è per questo che nei presepi raffigurato / il Paradiso». venire.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021

Con i resti di oltre novanta civili vittime dell’Is In un clima di forte tensione

Scoperta una fossa comune a Mosul Centrafrica: rieletto


BAGHDAD, 5. Nuovo orrore in
Iraq legato al nome del sedi-
uccisi tra il 2014 e il 2017 in
circostanze non chiarite. Se-
disti hanno gettato i corpi del-
le loro vittime: un numero
immediatamente
trucidati.
venivano Touadéra
cente stato islamico (Is). I re- condo le autorità di Mosul so- compreso tra i seimila e i do- Nel marzo del 2019 la
sti dei corpi di 93 persone so- no ancora decine i luoghi del- dicimila tra civili e nemici giu- Commissione internazionale BANGUI, 5. In un clima se- l’aiuto di gruppi armati otto
no stati rinvenuti oggi a Mo- la città semi-distrutta che na- stiziati negli anni. Di queste per le persone scomparse e gnato da forti tensioni e vio- giorni prima delle elezioni.
sul, nel nord del Paese, dalle scondono sotto le macerie fos- fosse, più di settanta si trova- l’Onu hanno lanciato una lenze, il presidente uscente Preoccupa nel frattempo
squadre del genio civile che se comuni di vittime dell’Is. no nell’area di Sinjar e in par- campagna per esumare le vit- della Repubblica Centrafri- l’instabilità nel Paese. Dopo
lavorano alla rimozione delle Finora centinaia di resti di ticolare nel villaggio di Ko- time nelle fosse comuni dell’Is cana, Faustin Archange To- le elezioni, gli scontri sono
macerie di quella che dal 2014 corpi senza vita sono stati ri- cho. nell’area di Sinjar, coinvolgen- uadéra, è stato rieletto al pri- oramai quotidiani. Resta
al 2017 è stata la capitale del- portati alla luce, ma solo una In quest’area i jihadisti si do anche le autorità del Kur- mo turno delle elezioni tenu- inoltre difficile verificare la
l’organizzazione jihadista. minima parte sono stati iden- sono accaniti particolarmente distan. Da quel momento è tesi lo scorso 27 dicembre. situazione a Bangassou —
A darne notizia sono i me- tificati. contro gli yazidi, rapendo e cominciato un lavoro capilla- Touadéra ha ottenuto il cittadina strategica a 750 chi-
dia iracheni, secondo cui i re- A oggi, in tutto l’Iraq, sono vendendo le donne e i bambi- re, che ha portato finora a re- 53,92% dei voti, conquistan- lometri a est di Bangui — ca-
sti dei corpi rinvenuti appar- state trovate oltre 200 fosse ni come schiavi. Gli uomini, cuperare i resti di migliaia di do così un secondo mandato duta sotto il controllo di una
tengono in larga parte a civili comuni in cui i miliziani jiha- invece, se non si convertivano, persone. alla guida del travagliato coalizione di gruppi ribelli
Paese. Lo ha annunciato ieri armati all’alba di domenica
l’Autorità nazionale per le scorsa, con migliaia di eletto-
elezioni (Ane). ri impossibilitati a votare.
L’ex primo ministro Ani- Sono proseguiti i combatti-
A causa della variante del covid. Per il primo ministro Johnson la situazione è molto grave cet Georges Dologuele con- menti in diverse zone dell’a-

Lockdown in Gran Bretagna


quista il secondo posto con il rea ed è difficile verificare il
21,01 per cento di voti. I ri- numero delle vittime.
sultati delle elezioni presi- Già ieri il Vescovo di Ban-
denziali, che hanno coinciso gassou, Juan José Aguirre
con le legislative, sono tutta- Muñoz, aveva denunciato —
LONDRA, 5. L’Europa si blinda sempre di finito «allarmante» la cosiddetta variante va. L’obbligo di restare a casa verrà esteso via provvisori. Ora dovranno come riportato da Fides — la
più per resistere alle folate invernali della britannica, più contagiosa «dal 50 al 70 anche in Austria, fino al 24 gennaio. In essere convalidati dalla Cor- caduta della città in mano ai
pandemia di covid-19, in attesa che i vac- per cento» del precedente ceppo e ha par- Spagna, la Catalogna chiuderà per 10 te Costituzionale dopo even- ribelli, dicendosi preoccupa-
cini facciano i primi effetti. lato di un aumento dei ricoveri in ospeda- giorni, con tutto il Paese, che parla già di tuali ricorsi. Quelli definitivi to per la loro aggressività.
La Gran Bretagna, travolta dalla va- le del 40 per cento maggiore rispetto alla terza ondata di covid-19. sono attesi il 19 gennaio. «Ci sono vari traumi che de-
riante del virus, ha adottato il livello mas- prima ondata di aprile. Johnson ha soste- In Italia, finito Natale, è arrivata la Mercoledì, l’opposizione vono essere curati», ha detto
simo di allerta, un sostanziale lockdown, nuto che «bisogna agire adesso per evita- nuova stretta del Governo: per un’altra aveva chiesto l’annullamento con amarezza. Le autorità lo-
e chiuderà da oggi tutte le scuole fino a re che gli ospedali soccombano al sovraf- settimana saranno vietati gli spostamenti del voto a causa di presunte cali e la Missione Onu nel
metà febbraio, come ha annunciato ieri follamento». I britannici stanno proce- tra le Regioni, i ristoranti e i bar rimarran- gravi irregolarità. Paese (Minusca) hanno al-
sera in un discorso alla Nazione il primo dendo speditamente con le vaccinazioni. no chiusi nel fine settimana, così come è Intanto la magistratura tresì confermato la capitola-
ministro, Boris Johnson. Il premier ha de- Avendo iniziato quasi tre settimane prima stato per tutte le festività, sarà possibile del Paese ha aperto ieri zione di Bangassou. Per il
delle altre Nazioni europee, con la Pzifer, spostarsi una sola volta al giorno in non un’inchiesta giudiziaria con- momento i ribelli sono anco-
hanno già immunizzato oltre un milione più di due persone per andare a trovare tro l’ex presidente François ra tenuti a distanza dalla ca-
di persone. E ieri, primo Paese al mondo, parenti o amici che vivono nella stessa re- Bozizé, accusato dal governo pitale dai Caschi blu e dalle
sono state somministrate le prime dosi del gione. E da lunedì si abbasseranno le so- di tentato colpo di Stato con forze armate.
farmaco AstraZeneca. Per Londra è senza glie per entrare in zona arancione o rossa,
DAL MOND O
dubbio una buona notizia, ma non basta, con almeno già sette regioni a rischio.
perché la situazione sul fronte dei contagi Dopo il lungo confronto con le Regio-
L’Iran ha iniziato appare decisamente fuori controllo: dopo ni nella giornata di domenica, l’inaspri-
a produrre una settimana sopra i 50.000 casi al gior- mento è arrivato ieri con un nuovo decre-
uranio arricchito al 20% no, ieri è stato raggiunto il nuovo picco di to legge approdato in Consiglio dei mini-
58.784 contagi (a fronte di 430.000 tam- stri: l’indice di positività fermo al 13,8 per
L’Iran ha iniziato a produrre uranio poni). Una situazione in cui la Scozia, in cento, la pressione sugli ospedali con il
arricchito al 20 per cento. Lo ha reso autonomia, ha già reimposto il confina- nuovo aumento dei ricoveri negli ultimi
noto il portavoce dell’O rganizzazio- mento a partire dalla mezzanotte. giorni, l’incidenza ancora ben al di sopra
ne per l’energia atomica iraniana, Questo mentre la Germania è decisa a dei 50 casi ogni 100.000 abitanti (la soglia
Behrouz Kamalvandi, precisando prolungare il blocco nazionale fino al 31 che consente di non fare saltare il contact
che l’obiettivo è stato raggiunto sta- gennaio, con la chiusura di scuole, bar, ri- tracing) e, soprattutto, la necessità di non
mane nell’impianto sotterraneo di storanti e molti negozi. Il Governo fede- arrivare alla terza ondata in piena campa-
Fordo, come riportano i media uffi- rale e i 16 Länder sono d’accordo sul fatto gna vaccinale, hanno spinto l’esecutivo
ciali. In questo modo, Teheran ha che l’epidemia è ancora troppo aggressi- ad intervenire nuovamente.
superato la soglia di arricchimento
dell’uranio stabilito nell’accordo sul
nucleare Jcpoa del 2015. Il presidente della Commissione elettorale annuncia l’esito del voto (Reuters)

Afghanistan: colloqui
L’amaro pane dei profughi al confine
tra Governo e talebani tra Bosnia ed Erzegovina e Croazia Intesa nel Golfo
Riprende oggi a Doha, in Qatar, la
seconda sessione dei negoziati di pa-
ce intra-afghani tra Governo di Ka-
CONTINUA DA PAGINA 1 «La vita delle persone — ha concluso — non
possono essere sacrificate per lotte politiche
Finisce l’embargo al Qatar
bul e talebani. Lo ha confermato un locali e dalla polizia, riferisce l’agenzia An- interne, quanto accade sta influenzando ne-
portavoce dell’Alto Consiglio per la sa. Questo fa seguito a giorni che hanno vi- gativamente l’immagine della Bosnia ed Er- RIAD, 5. Dopo tre anni e bia Saudita, gli Emirati Ara-
riconciliazione nazionale, organismo sto levarsi le barricate per impedire l’accesso zegovina anche sulla scena internazionale». mezzo di crisi diplomatica, bi Uniti e il Bahrein toglie-
governativo che sovrintende al pro- ai bus carichi di sfollati dal campo di Lipa ri- E appoggiarsi alla comunità internazio- Arabia Saudita, Emirati Ara- ranno il blocco ai trasporti
cesso di pace afghano. La prima fase dotto in cenere. L’onda del risentimento e nale per una «soluzione efficace» è anche bi Uniti e Bahrein porranno qatarioti. Il Qatar da parte
dei colloqui ha avuto inizio lo scor- della paura, contrapposta alla disperazione l’appello ai governanti locali del vescovo fine all’embargo contro il sua annullerà le azioni legali
so 12 settembre, ma le violenze in montante dei rifiutati è un rischio ben chia- Komarica. «Sappiamo tutti — prosegue — Qatar. Lo ha riferito ieri un contro i Paesi vicini. Inoltre,
Afghanistan non si sono mai fermate ro al vescovo Komarica ed alla stessa Unio- che c’è abbastanza spazio perché tutti i mi- alto funzionario dell’ammi- cesserà la campagna mediati-
ne europea che ieri è tornata ad intervenire. granti attualmente presenti, possano esse- nistrazione Trump, citato ca fatta di accuse tra i tre
Un portavoce della Commissione, infat- re assistiti con dignità ed umanità, Non in- dall’agenzia Reuters. L’an- Paesi e il Qatar.
Lutto nazionale in Niger ti, ha definito «inaccettabile» la situazione colpatevi a vicenda ma lavorate insieme nuncio è stato confermato Al vertice del Gcc, che si ter-
per la strage di civili dei profughi di Lipa, intimando alle autori- con l’aiuto materiale della comunità inter- anche da fonti del Kuwait, il rà in Arabia Saudita partecipe-
tà bosniache una soluzione immediata e di nazionale per risolvere questa catastrofe Paese che da mesi media fra i rà l’emiro del Qatar, lo sceicco
Il Niger ha proclamato tre giorni di lungo respiro. Si tratta, dice il portavoce, umanitaria il prima possibile». Un appello vicini per risolvere la crisi. I Tamim bin Hamad Al-Thani,
lutto nazionale e «dispositivi di si- «di un disastro umanitario che avrebbe po- urgente. Si moltiplicano i segnali di insof- leader, riuniti per il vertice per la prima volta dall’entrata
curezza rafforzati» dopo gli attacchi tuto essere evitato se le autorità del Paese ferenza della popolazione che trovano la del Consiglio di cooperazio- in vigore dell’embargo.
jihadisti a due villaggi a ridosso del balcanico avessero agito come richiesto già sponda delle amministrazioni locali. Lo ne del Golfo (Gcc), firme- I Paesi del Golfo, guidati
confine con il Mali, che il 2 gennaio prima del periodo natalizio». Le autorità scorso ottobre il campo profughi di Bira fu ranno oggi — secondo le da Riad, avevano deciso la
hanno provocato la morte di almeno della Bosnia ed Erzegovina, ha ricordato chiuso sull’onda della protesta dei residen- principali agenzie interna- chiusura dei propri spazi ae-
100 civili. Lo ha annunciato il mini- ancora , «dovrebbero comportarsi come au- ti. Da allora non si contano gli «incidenti zionali — un’intesa che con- rei al Qatar nel giugno 2017,
stero dell’Interno di Niamey. La torità di un Paese che aspira ad entrare nella di frontiera» tra i residenti e la piccola na- tiene tre misure volte a raf- accusando Doha di sostenere
strage è stata condannata dall’U- Ue». Aspirazione che dovrà fare i conti con zione dei profughi alla disperazione. L’a- forzare la fiducia reciproca gruppi terroristici e di ap-
nhcr, che ha parlato di «violenza il giudizio, ammonisce, «degli Stati mem- maro pane dei senzaterra ha un boccone di tra i Paesi. poggiare l’Iran, il principale
brutale» su civili inermi. bri» e della stessa comunità internazionale. veleno. In base all’accordo, l’Ara- rivale di Riad nella regione.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano:


redazione.vaticano.or@spc.va
Segreteria di redazione
telefono 06 698 45800
Tipografia Vaticana Tariffe di abbonamento Necrologie: telefono 06 698 45800
Vaticano e Italia: semestrale € 225; annuale € 450 segreteria.or@spc.va
direttore responsabile Editrice L’Osservatore Romano
segreteria.or@spc.va Europa: € 720;
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Servizio internazionale: Stampato presso srl
redazione.internazionale.or@spc.va
Africa, Asia, America Latina, America Nord, Concessionaria di pubblicità
Unicuique suum Non praevalebunt Piero Di Domenicantonio www.pressup.it Oceania: € 750; Il Sole 24 Ore S.p.A.
caporedattore Servizio fotografico: via Cassia km. 36,300 – 01036 Nepi (Vt)
Servizio culturale: telefono 06 698 45793/45794, Abbonamenti e diffusione (dalle 9 alle 15): system Comunicazione Pubblicitaria
Città del Vaticano redazione.cultura.or@spc.va fax 06 698 84998 telefono 06 698 45450/45451/45454
Aziende promotrici Sede legale: Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
Gaetano Vallini Servizio religioso: pubblicazioni.photo@spc.va della diffusione fax 06 698 45456 telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
www.osservatoreromano.va segretario di redazione redazione.religione.or@spc.va www.photovat.com Intesa San Paolo info.or@spc.va diffusione.or@spc.va segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com
Q
martedì 5 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina I

«La Favola del Castello senza Tempo» di Gesualdo Bufalino Il viaggio teologico di Bœspflug nell’immaginario artistico dell’infanzia di Cristo

Ricordo dunque sono Che bambino fu Gesù?

quattro pagine NICLA BETTAZZI A PAGINA II ROBERTO ROSANO ALLE PAGINE II E III

A P P R O F O N D I M E N T I D I C U L T U R A S O C I E T À S C I E N Z E E A R T E

Per «resistere all’addomesticamento dello sguardo»


Ci sono persone che nascono da adolescenti,

Vite invisibili
persone assolutamente trasparenti così come popoli interi
Ci sono uomini che vivono con la data di scadenza addosso
e donne che si fa davvero fatica a guardare
tanto è il dolore che esprimono
Ci sono persone private di tutto, a partire dall’infanzia, Gli «appunti dal Brasile che insorge» di Eliane Brum
e persone private in senso letterale di pezzi di sé
Ci sono status economici che definiscono Particolare dri dei morti nel davanti, il cancello di ferro della
della traffico di droga, casa dei vecchi. (…) Ridotti a un
il perimetro della speranza
copertina «sono loro gli unico tempo verbale, il passato,
o che ridisegnano il confine tra la vita e la morte del libro edito uteri che genera- con un presente traditore e un fu-
da Sellerio no soldati per la turo che nessuno vuole. Anche lo-
Ci sono abiti che testimoniano il terrore di alcuni
narcopatria. I lo- ro avevano sempre pensato che la
e oggetti che terrorizzano per quanto mettono in crisi ro figli cadono vecchiaia dovesse toccare ad altri.
sotto i coltelli, le Non avevano mai immaginato di
Ci sono figli che diventano genitori
pallottole, le trovarsi davanti a quel cancello.
e genitori per i quali non esiste nemmeno una definizione granate. Non co- Sulla soglia, scoprirono che un
me episodi ecce- passo può valere un abisso. Sono

C
zionali, ma come stati lasciati lì perché qualcun altro
fatti quotidiani. ha deciso che il loro tempo è sca-
di GIULIA GALEOTTI gliato») e oggetti che terrorizzano Nel seppellire duto. Sbattuti in una casa che non
per quanto mettono in crisi («Il un figlio e sco- è la loro, tra mobili estranei, facce
i sono persone che nascono da numero 81 dell’avenida Bagé è il prire che un al- che non riconoscono, memorie che
adolescenti («I miei mi hanno re- castello di un uomo che ha inven- tro ha preso il non trovano posto. Ridotti a rac-
gistrato al comune quando avevo tato un mondo senza avanzi. Dan- suo posto, que- contare storie che nessuno vuole
15 anni, prima nemmeno esiste- do valore a cose che non ne aveva- ste donne sono sentire, perché sono passate».
vo»); persone assolutamente tra- no, Oskar Kulemkamp ha dato va- proiettate un Quasi tutti venuti qui senza sce-
sparenti («l’Uomo d’Acciaio non lore a se stesso. Collezionando vite passo oltre la fol- glierlo, «sono arrivati davanti al
era preparato al più terribile di tut- gettate via, Oskar Kulemkamp ha lia». C’è una cancello con la dignità ridotta in
ti i dolori: quello dell’invisibili- salvato la sua. Forse è questo il mi- Selvina ma ce ne briciole, nella valigia le cianfrusa-
tà»), così come lo sono popoli in- stero del numero 81. E forse per sono cento. E glie più care e le foto di gioventù,
teri (è invisibile il Popolo di mezzo questo spaventa così tanto»). l’ultima Selvina di quando i figli erano piccoli e li
con il 99% dei suoi abitanti privo Ci sono figli che diventano ge- che Brum cono- stavano a sentire, di quando aveva-
di documenti). Ci sono uomini nitori («È questo figlio silenzioso, sce parrebbe ad- no le redini della loro vita in mano
che vivono con la data di scadenza che ha il coraggio di affrontare la dirittura una e quelle mani non tremavano nel-
addosso («Vogliono mettermi carne materna, a trasformare l’a- Selvina sorri- l’afferrare il corrimano delle sca-
paura. E ci riescono. Sono un uo- trocità della malattia in una pre- dente. «Quando le». Brum entra per ascoltare chi
mo condannato a morte») e donne mura quotidiana») e genitori per i bile. Incredibile per quello che la testa del nipote spunta in fondo vive in questo «rifugio inventato
che si fa davvero fatica a guardare quali non esiste nemmeno una de- racconta («Storie talmente reali da alla strada, Eva è felice: ha guada- per tenere nascosto chi non ha un
(«Ha passato un anno a portare da finizione («Nessun idioma ha una sembrare inventate»), e per come gnato un altro giorno. E piange il posto nel mondo ed è stretto tra il
mangiare al marito in carcere, è ri- parola per chi sopravvive a un fi- lo fa. domani in cui quel paesaggio sarà progresso della medicina, che gli
masta incinta e ha abortito quando glio. Per un dolore simile non c’è Perché quel che Brum fa — affa- vuoto. In un’altra periferia del ha permesso di arrivare fin lì, e una
lui è stato ucciso. Ha solo 17 anni. posto nemmeno nella lingua»). Ci scinata come è dal «modo in cui Brasile, un altro nipote, cresciuto società che valorizza solo la gio-
La sua vita non corrisponde ai suoi sono donne che rifiutano il ruolo ognuno inventa una vita, per da un’altra nonna, madre di un al- ventù».
anni. Per questo ha uno sguardo di vittima, crimine di superbia e quanto nudo e con pochissimi tro figlio assassinato, aspetta. “Sto Brum riesce a vedere, e a farci ve-
morto. “Sogni? No, non ne ho”»). audacia «che l’umanità non per- mezzi» — è dare voce e corpo agli diventando grande, sono grandi- dere, queste vite che nessuno vede
Ci sono persone private di tut- dona», e donne che preferiscono «inaccadimenti». Brum scrive — ci cello ormai”, dice il bambino tor- non perché sappia scrivere, e scri-
to, a partire spiega — «per mostrare che non nando da scuola. “Mio padre è sta- vere bene; non perché abbia una
dall’infanzia esistono vite comuni, ma solo to ammazzato da un vigliacco. Lui cura che in pochi hanno («Sono
(«Sembra che sguardi addomesticati (…). Resi- adesso ha 16 anni. Mi manca mio stata subito preda di un’angoscia
ci sia nata, a Nel 1998 la giornalista stere all’addomesticamento dello padre. Lo volevo vivo”. Il bambi- ineludibile, quella di impoverire la
sfregare vesti- ha iniziato a girare l’Amazzonia sguardo per trovare la singolarità no ha 7 anni. E vuole crescere non vita quando la confiniamo in paro-
ti su una pie- della vita di ciascuno»: è questo il per fare il pompiere, il medico o il le»); non perché impari dai suoi
tra, con il sa- per ascoltare storie di persone, animali e alberi filo che cuce ogni reportage. Il calciatore. Vuole crescere per ucci- sbagli («Non avevo ancora abba-
pone penetra- Storie pubblicate su diversi giornali contenuto politico di quegli inac- dere un altro ragazzo». stanza anni per sapere come tratta-
to nella pelle cadimenti, termine Brum inventa Spesso le storie che Brum rac- re la fragilità di una vita umana da-
come unico e ora raccolte in un libro incredibile per descrivere il suo modo di fare conta sembrano lontane; e almeno vanti alla morte»).
profumo. A 4 giornalismo, «sta nel fatto che nes- la distanza parrebbe
anni l’hanno suno è sostituibile. (…) Voglio rac- quasi proteggerti, let-
Visti da vicino

tolta alla ma- contare un “inaccadimento” per- tore che vivi dall’altra
dre per andare a fare compagnia raddrizzare piuttosto che essere ché esso possa accadere». parte dell’oceano, a Come si può immaginare
alla figlia di una signora»), come riddrizzate («Senza amore e senza Tra le tante storie — dolorose ma un’altra latitudine. In il tempo e il cuore di una madre
anche persone private, in senso let- soldi, senza nemmeno parenti, ora piene di dignità, poche vincenti, quella che parrebbe
terale, di pezzi di sé («Le avevano persino senza movimenti, Rosa ha pochissime a lieto fine, ma tutte un’altra galassia. Poi che si spacca la schiena per comprare
tolto tutto, persino i capelli, l’uni- trasformato la vita in versi»). E ci piene di poesia combattente — ci però volti la carta e le bare dei suoi figli giovani e vivi?
ca cosa bella che aveva: una padro- sono uomini che morendo sono sono le «madri vive di una genera- quel Brasile «che esi-
na glieli aveva rasati per farsene costretti a rinunciare non solo alla zione morta» cancellata «dal futu- ste solo al plurale»
una parrucca»). Ci sono status vita, ma anche a tutto ciò che han- ro a colpi di pistola», storie che tanti sono gli elementi
economici che definiscono il peri- no creduto di essere o di «aver vis- non sembrano possibili. Perché che lo compongono,
metro della speranza («“Le piace- suto». come lo immagini il tempo e il arriva a includere anche te. E così Brum vede, e ci fa vedere, que-
rebbe volare?”. “È il mio sogno. Sono solo alcune de Le vite che cuore di una madre che si spacca la ti ritrovi ad ascoltare — narrate da ste vite perché sa ascoltare. «Ciò
Ma […] i poveri non volano”») o nessuno vede (Palermo, Sellerio schiena per comprare le bare dei lì, narrate da Blum — storie che si che le persone dicono, il modo in
che ridisegnano il confine tra la vi- 2020, pagine 256, euro 16, tradu- suoi figli, giovani e vivi? Una ma- svolgono proprio qui, accanto a te. cui lo dicono, le parole che scelgo-
ta e la morte («Non c’è niente di zione di Vincenzo Barca) che Elia- dre «intenta a vegliare il corpo vi- È il caso de La casa dei vecchi. Che so- no, l’intonazione che usano nel
più triste del funerale di un pove- ne Brum tratteggia nei suoi Appunti vo dei figli»? Eppure esistono que- no vecchi qui, come lì, che qui co- parlare e i momenti in cui invece
ro. Perché il povero comincia a es- dal Brasile che insorge, come recita il ste storie vere a dimostrazione di me lì «guadagnando anni, hanno tacciono, rivelano tanto, e anche
sere sepolto in vita. (…) il funerale sottotitolo. «Ogni volta che visito come la realtà possa infliggere un perso affetto, amicizia, calore. Vi- più, di loro stessi quanto il conte-
del povero è triste più per la sua vi- l’Europa o gli Stati Uniti, mi ac- dolore «che l’immaginazione non vono più dei loro genitori e dei nuto del loro discorso. Ascoltare è
ta che per la sua morte»). corgo che per la maggior parte di conosce». nonni. Vivono più soli. La morte qualcosa che va oltre il sentire.
Ci sono abiti che testimoniano il voi il Brasile non esiste. O esiste «Questa saga di morte — scrive sociale arriva prima dell’ultimo Ascoltare vuole dire impossessarsi
terrore di alcuni («Quella camicia solo nello stereotipo carnevale e Brum — sembra uscita da un rac- battito del cuore. I passi sono trop- del ritmo, del tono, dello spessore
raccontava anche la paura dei po- calcio. Favela e violenza. Negli ul- conto dell’orrore. La storia di una po lenti per la velocità di un mon- delle parole. Ascoltare significa co-
veri, quella di essere additati come timi tempi, per il tasso di corruzio- madre che compra la bara per dei do che non perdona cadute. Sono gliere il detto quanto il non detto.
fannulloni. Sempre umiliati dalla ne». Così è un altro Brasile che figli in salute e che hanno meno di diventati evidenze inopportune. Ascoltare è capire che anche il si-
polizia, obbligati a provare in ogni prende forma nelle pagine di 20 anni, in attesa di seppellirli l’u- (…) Avvizziti, vacillanti, i vecchi lenzio parla — o che le persone
momento che non hanno rubato, Brum, che nel 1998 ha iniziato a gi- no dopo l’altro». C’è Selvina Fran- sono lo scomodo ricordo non del continuano a dire quando hanno
non hanno ammazzato, non han- rare l’Amazzonia per ascoltare le cisca da Silva che ne ha persi quat- passato, ma del futuro che aspetta smesso di parlare (…). Ascoltare
no dormito durante il turno, non si storie di persone, animali e alberi, tro (e un quinto scompare quando tutti». vuole dire aspettare il tempo di
sono dati malati, non erano la per- storie pubblicate su diversi giorna- Brum la conosce); c’è una Selvina I vecchi e quella tragedia che è ognuno — il tempo della parola e
sona sbagliata al momento sba- li e ora raccolte in un libro incredi- ma ce ne sono cento. Sono le ma- l’ospizio. «Di colpo se lo videro quello del silenzio».
pagina II martedì 5 gennaio 2021 L’OSSERVATO

Cura e giustizia sono le domande che aprono tra Tra cura e


giustizia. Le passioni come risorsa sociale (Bollati
compassione), e dalla loro funzione cognitiva e
comunicativa, consente in primo luogo di
(Rawls, Sontag, Gilligan, Nussbaum e
Foucault), Pulcini si chiede quali passioni
Boringhieri, 2020) in cui Pulcini riscopre le pensare un’idea di giustizia diversa da quella presiedano alla lotta contro l’ingiustizia e quali
È tra cura e giustizia che si muove la riflessione radici emotive di un legame che si apre alle che fonda il paradigma razionalistico corrente. alimentino la capacità di una buona cura,
Il libro

condotta nel suo ultimo libro da Elena Pulcini, generazioni che verranno. La premessa è la Non più dunque cura versus giustizia, ma cura e confidando nella genesi di
docente di filosofia sociale all’università di definizione delle passioni non più considerate giustizia, in grado anche — proprio perché un «soggetto emozionale».
Firenze. «Perché ci prendiamo cura degli altri forze cieche e irrazionali, ma piuttosto «forze insieme — di affrontare la sfida dell’altro Di un soggetto, cioè, che
anche quando non siamo legati da rapporti motivazionali che presuppongono credenze e distante nello spazio (lo straniero, il diverso in attraverso la dinamica della
personali? Perché lottiamo per la giustizia giudizi, le quali orientano il nostro agire e le un’ottica di ospitalità e riconoscimento) e relazione, sappia distillare
anche quando non ci riguarda direttamente?»: nostre scelte, sia sul piano individuale che dell’altro distante nel tempo. Partendo e dalle passioni la qualità etica

Q
sociale». Partire dalle passioni così intese (dalla riflettendo assieme ai classici (Smith, Jonas, e generativa per un mondo
paura all’amore, dall’indignazione alla Arendt, Derrida e Ricoeur) e ai contemporanei migliore. (giulia galeotti)
quattro pagine

P
Ricordo di ROBERTO ROSANO

aul Klee, figlio di una cantante e di un


violinista, disse che «l’arte non ripro-

dunque sono
duce soltanto ciò che è visibile, ma ren-
de visibile ciò che non sempre lo è».
Molti segmenti dell’infanzia di Gesù, al
netto di una selva bibliografica esegeti-
ca dai confini sterminati, sono ordina-
«La Favola del Castello senza Tempo» di Bufalino bili nel genere dell’invisibile. In altre
parole, la quotidianità di Gesù Bambi-
no e della sua famiglia rimane un se-
di NICLA BETTAZZI Dino, novello Alacris Theresia,rano solo il medesimo volto greto preziosissimo per l’intera posteri-
cui forse ironicamente l’autore «mostruoso e tuttavia triste, d’u- tà. Il silenzio straordinariamente discre-

«A
vrei serbato i allude, «educato da savie letture na nobile tristezza», quasi come to degli evangelisti è sì lo scrigno impe-
miei coturni, e a tutte le delizie della pietà», si
nel Ritratto di Dorian Gray. netrabile di tale segreto, ma anche, co-
le tirate al pro- commuove, fa per liberare la far- Gli abitanti, simili alle anime me ogni silenzio che si rispetti, provo-
scenio dell’eroe falla, ma lei non c’è già più: ap-dantesche, si palesano all’im- cazione di un travolgente desiderio di
che avevo presunto di essere, in profittando del momento di provviso in processione, «crea- sapere. Nei secoli, tale provocazione ha
un angolo della memoria. Per commozione del ragazzo, è vo- ture di straordinaria statura, ve- trascinato persino gli uomini «meno
questo forse mi era stato concesso lata via e lo deride con una «risa-
stite tutte di bianco», giovani provocabili» nei sentimenti religiosi;
l’esonero; per questo io solo mi ta di scherno». nell’aspetto «ma cerei, cinerei» pensiamo, tra gli altri, a un autore di
ero salvato, e nessun altro dalla Finalmente il gioco si palesa, con uno sguardo d’ineffabile de- netta caratura «gentile» come Jean-
falcidia: per rendere testimonian- Atropo si presenta e indica il suosolazione. Gli rivelano però che Paul Sartre e al suo Bariona e il figlio del
za, se non delazione, d’una reto- reame nelle «contrade della not- l’interdetto è scaduto e che il lo- tuono, al suo piccolissimo Dio da «pren-
rica e d’una pietà». Parole che te». Si dichiara onnipotente e ro padrone e re, chissà se per mi- dere tra le braccia e coprire di baci», al-

Che bam
Gesualdo Bufalino fa recitare al- «terribile all’intero universo» sericordia o fastidi, ha deciso di la madre, che si compiace della sua so-
l’io narrante nell’ultima pagina di «sovrana dovunque» ma respin- non fare più la guerra agli intru- miglianza con lui: «È Dio e mi assomi-
Diceria dell’untore, romanzo che ta da un solo luogo, il castello si. E come in ogni percorso di glia!».
narra la convivenza in un sanato- senza tempo, come fosse una formazione, il protagonista su- L’arte figurativa, tra le altre, ha ten-
rio della Conca d’oro, nel 1946, di «lebbrosa», latrice di contagio e bisce l’inganno rivelatore: a nul- tato di colmare questi segmenti di si-
alcuni giovani reduci di guerra, malattia. la sarebbero valse le sue parole lenzio, d’interpretare «il segreto prezio-
presumibilmente inguaribili, in Il castello senza tempo è la di-
magiche, il volo di Atropo senza sissimo» della Santa Famiglia, la fami-
lucida tenzone con se stessi e con
la morte. Di sorpresa il protago-
mora degli Immortali, dove vivo-
no gli antichissimi uomini scam-
il consenso del padrone del ca-
stello e ancora una volta fa il
glia umana che aprì le porte del nostro
mondo a Dio (Spe salvi, 49). L’esperto
Quello di François Bœs
nista guarisce e, come dice l'auto-
re, «rientrando nella vita
pati al diluvio, una sorta di ma- proprio ingresso nella narrazio-
ne la metafora del gioco.
di arte cristiana, François Bœspflug,
che ha ricoperto la prestigiosa Cattedra
ma un viaggio teologico
di tutti i giorni vi porta Il padrone si è stanca- Benedetto XVI nel 2013, col suo Gesù fu
un’educazione alla cata- to del proprio «inerte veramente bambino? Un processo all’arte cri- maggior parte delle opere incentrate su
Processo all’arte cristiana?

strofe di cui probabil- Come sempre nelle fiabe giocattolo», spalanca, le stiana (Milano, Jaca Book, 2020, pagine un Gesù «non ancora adulto» hanno
mente non saprà servirsi, si inizia con «una volta» porte del castello all’e- 164, euro 50, traduzione di Alessandro dato un notevole sostegno all’idea che
ma anche la ricchezza di sterno, fa entrare il tem- Cavo) ha perlustrato in lungo e in lar- quel bambino non abbia avuto una ve-
un noviziato indimenti- E con un piccolo protagonista po e con lui la memoria e go il vasto universo delle opere d’arte ra infanzia, nella misura in cui era pre-
cabile nel reame delle sperso in un «bosco nero» la morte. Subito i visi de- che hanno Gesù Bambino come sog- stissimo, o persino da subito, perfetto
ombre». gli Immortali si riempio- getto o motivo principale. in tutto e abitato dall’idea della sua
La memoria di quel dove è entrato inseguendo una farfalla no di cicatrici, ma prima Il risultato non è soltanto uno studio missione di Redentore, destinato alla
reame, quell’impalpabi- di afflosciarsi al suolo formale sull’arte, ma un viaggio teolo- morte sacrificale in croce (si ricordi la
le crìnis che separa la vita «come fantocci di pez- gico nell’immaginario artistico dell’in- lunga e doloristica serie di Gesù bam-
dalla morte, dove tutto za» ringraziano Dino fanzia di Gesù. Proprio così, «un viag- bini benedicenti, ieratici, addormentati
accade come in sogno e per aver regalato loro gio teologico», di straordinaria dignità, sulla croce o la lunga serie di bambinel-
pare «di volare» viene racconta- linconico limbo. I suoi abitanti «l’epilogo giusto». Mille pen- perché le opera d’arte sanno essere ec- li dediti a giocherellare con le arma
ta in modo magistrale, anche ai sono stati creati «quando ancora dole che riprendono a battere le cezionali loci theologici, quando vogliono, Christi, corone di spine, chiodi, lance
più piccoli, ne La Favola del Castel- non c’era il tempo» e, dunque, ore, «dodici colpi vibrò contro e questo saggio è perfettamente in gra- sormontate da spugne).
lo senza Tempo, edizione Bompia- «vivono senza tempo» non in- uno scudo il pugno di bronzo do di dimostrarlo. Gesù è un bambino modello, in sé
ni, con le pregevoli illustrazioni vecchiano e non si corrompono d’un Moro sulla cornice d’un Le moltissime rappresentazioni della già compiuto come un essere adulto; la
di Lucia Scuderi e l’esauriente mai, ripetono all’infinito gesti già campanile, un filo di sabbia pre- giovinezza di Gesù sono molto più che sua famiglia perfetto esemplare di ar-
introduzione di Nadia Terrano- compiuti e parole già dette, ri- se a scorrere nella clessidra, un semplici manufatti d’arte: esse rifletto- monia, pace e concordia, e perciò meri-
va (Firenze, 2020, pagine 64, eu- giocano a dadi, a due a due, la gallo disse chicchirichì». no le congetture teologiche, la pietà tevole dell’imitatio pietatis. Sono molto
ro 12). stessa partita. Una ciclicità del Una sveglia tedesca a doppia popolare, e persino le visioni mistiche, meno numerose le opere d’arte in cui
Come sempre nelle fiabe s’i- Tempo/nonTempo dell’Eternità, carica, «inflessibile trombettiera spesso trasformatesi in convinzioni pro- Gesù sia rappresentato come un bam-
nizia con «una volta» e con un il male peggiore, la non vita. dell’indomani», riporta Dino fonde, durature e ampiamente condivi- bino concreto, che impari, che si perfe-
piccolo protagonista, Dino, Gli abitanti non possono alla realtà: deve alzarsi, vestirsi e se su chi sia stato Gesù prima dei tren- zioni progressivamente, come accade in
sperso in un «bosco nero». C’è uscire dal Palazzo, sebbene lo correre a scuola, prima che il bi- t’anni. Bœspflug ci fa notare come la rarissimi casi quali La Vergine insegna a
entrato al seguito di una farfalla desiderino, perché un «portiere dello Rutilio, non a caso omoni- leggere a Gesù bambino di Pieter Fransz de
dalle ali gialle e dal dorso bruno e servo», Rutilio, impedisce loro mo del custode del castello, Grebber o nel ciclo dell’infanzia della
sul quale una macchia bianca la fuga e trasforma, chiunque chiuda il cancello davanti ai ri- Puerta de Reloj della cattedrale di Tole-
con due puntini, ricorda la for- tenti di entrare, in ragno, in ver- tardatari. Dino si precipita giù do, in cui si raffigura un Gesù bambino
ma di un teschio. È Atropo, l’A- me o in topo al solo tocco di una per le scale di casa, «cugnu cu- seduto ai piedi di un maestro (proba-
cherontia Atropos, «messaggiera bacchetta. Dino è il prescelto a tugno bacalanzicula», ancora lo bilmente il famoso Levi di cui parla il
del Buio e del Mistero» nelle ri- spezzare l’incantesimo, ha «gio- rassicurano in brandelli di visio- Vangelo dello Pseudo Matteo).
me di Gozzano. vinezza, coraggio e innocenza» ni, tutto sembra essere tornato La scarsa rappresentazione di Gesù
Dino ne è ammaliato, la inse- e con l’esuberanza della gioven- nei ranghi, ma dal libro di Scien- come bambino «apprendente» pone se-
gue nella radura «mentre la luce tù si offre di compiere l’impresa, ze, rimasto aperto sul tavolo, si è rie questioni di ordine teologico: è co-
si faceva via via più fioca e più vi farà entrare Atropo. dileguata proprio l’immagine me se l’arte cristiana, dalle sue origini e
difficile il sentiero, tanto da met- «Cammina cammina» giun- della farfalla Acherontia atropos. comunque dal medioevo centrale, aves-
ter paura», cerca di catturarla. ge ai piedi di una gran torre e, Si chiude con una suspense la se temuto di rappresentare il «Dio
Per un attimo pensa di averla fra grazie alle tre parole magiche bella favola, come nel migliore bambino» come un normale bambino,
le dita e sta per riporla nella pro- «cugno cutugno balacanzicu- dei noir, col franco stupore sul- quasi che rappresentare un Gesù «in
pria scatoletta da collezionista, la», supera il «gigantesco guar- l’ancora da scoprire, ma in ar- formazione» significasse rinnegare il
ma «una voce s’udì». Dino si diano» e s’introduce, alfine, nel monia con la poetica bufalinia- concilio di Nicea. Come può Iddio im-
guarda intorno e, non vedendo castello. Castello che appare, a na per cui non si può che vivere parare?
anima viva, comprende che è una prima occhiata, deserto, ma nella storia, accettando il natu- Nel Seicento, Maria di Agreda, con
stata la farfalla a parlare «con che è arredato con un gusto ba- rale explicit della morte, acco- la sua Mistica città, sostenne che Gesù
voce agra e lamentosa di don- rocco da horror vacui che affastella gliendo la dimensione del tem- Bambino aveva avuto un’estasi del ter-
na». Cantelinando, lamenta la «divani sbilenchi, letti a baldac- po unica latrice di memoria. Si zo tipo nella fase prodromica del parto,
perduta libertà di volare nel chino pendenti da un fianco, ar- può esistere, darsi un’identità al termine del quale egli sarebbe venu-
miele dei fiori, di vagare nell’a- madi zeppi di cianfrusaglie, solo nella memoria: «Memini ergo to a conoscenza, prima ancora della fi-
ria, «fra queste quattro pareti specchi torbidi come stagni… e sum , mi piace ripetere» scrive in Pieter Fransz de Grebber, «La Vergine insegna ne del travaglio, di essere Dio e Signo-
dovrò per sempre languire». quadri» ma quadri che raffigu- Cere perse. a leggere a Gesù bambino» (1630) re del mondo. Simili ipotesi mistiche
ORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021 pagina III

Poltrone virtuali sold out dell’1, 2 e 3 gennaio. La Fondazione


Teatro della Fortuna e l’Amat hanno deciso
ogni replica. Altri “tuffi sonori” sono
accessibili grazie a «Sul Filo - Teatro in
stampa dell’iniziativa, «se il palco si
riducesse così tanto da diventare il filo di un
di prolungare con altre repliche la possibilità tempi di radio», podcast nato dalla equilibrista molta meno gente avrebbe voglia
I biglietti si comprano online, ma i posti di assistere in streaming dal Teatro della collaborazione tra Radio24 e Teatro di salirci, ma molta più gente avrebbe voglia
sono limitati, come in un vero teatro. E, Fortuna di Fano al recital prodotto dal Filodrammatici di Milano, che sperimenta di guardare». Domenica 17 gennaio sarà la
Il teatro

come in un teatro “vero”, è meglio prenotare Teatro Valdoca, composto dai versi di Quando un nuovo linguaggio all’interno di un volta, invece, della giornata di resilienza su
per tempo, per non trovare chiusa la stanza non morivo, l’ultimo libro della poetessa- prodotto audio. Il titolo nasce dall’idea di Facebook «Arape chella porta» capitanata
virtuale dove si svolge Il quotidiano attrice, intrecciati con altre opere fino a dar essere sempre sul filo del rasoio durante la dai Chille della Balanza, a cui hanno aderito
innamoramento di Mariangela Gualtieri. Un vita a una nuova partitura ritmica; lo produzione (con 24 ore di tempo per ogni decine di compagnie e centinaia di spettatori
«rito sonoro», come lo definisce l’autrice, spettacolo è visibile sul portale titolo, dall’ideazione al prodotto finito) e (italiani e non). (silvia guidi)

Q
che torna a grande richiesta dopo le tre date www.marcheinscena.it, acquistando un dalla versione abbreviata del nome del teatro.
biglietto virtuale entro tre ore dall’inizio di Citando Goethe, si legge sul comunicato
quattro pagine

A differenza di quanto Arrivi e partenze in «L’abisso non ci separa» di Nicola Maranesi

ritenuto a lungo
Tutto è diverso
il riconoscimento
di una vera infanzia per Gesù tranne il vissuto

S
non comporta alcuna
di ENRICA RIERA poiché, secondo Maranesi, «esistono analogie
negazione della sua divinità impressionanti tra i racconti di emigrazione de-
ono trascorsi quasi vent’anni da quando Mela- gli italiani all’estero e quelli degli immigrati nel
nia G. Mazzucco vinse il premio Strega con Vi- nostro Paese», l’Italia. Del resto, nei racconti di
ta (Rizzoli, 2003), storia d’emigrazione — e non ieri e di oggi si rilevano identici temi: razzismo,
solo — di due bambini del sud Italia verso l’A- discriminazione, fame, violenza, necessità di
merica. «La differenza fra un cavallo america- conoscere se stessi, importanza di abbattere
no e un ragazzino italiano è la seguente. Se il muri attraverso la forza della parola. Così, «le
padrone lascia il cavallo al freddo per troppo acrobazie linguistiche» di Armando Zanchi —
tempo, la Society for Prevention of Cruelty to emigrato a Londra, dove il taxi diventerà il
Animals può denunciarlo per maltrattamenti, «tacchino» e dove l’uomo difficilmente s’inte-
appioppargli una multa fino a cinque dollari e grerà proprio perché senza parole — sono in ri-
togliergli l’animale. Se il padrone al freddo ci ma con quelle di Clementine Pacmogda, che in
lascia il ragazzino, nessuno ci fa caso», scriveva Burkina Faso si laurea in linguistica, ma, nel
Maurice Denis, l’autrice — a proposito del dramma della condi- 2008, arrivata in Italia, priva d’espressioni, si
«Nazareth» (1905) zione dello straniero in mondi altri — nel suo sente vuota. Le due testimonianze fanno pure
meraviglioso romanzo, memoria di famiglia. pensare alle parole di Diamante, nel romanzo

mbino fu Gesù?
Diamante, dodici anni quando ai primi del di Mazzucco: «La prima cosa è dare un nome
Novecento sbarca ad Ellis Island, è il padre di alle cose. Così sai sempre dove sono. Se non lo
suo padre, e Vita un racconto — per quanto la sai, non puoi cercarle». Giusto.
storia diventi leggenda — assolutamente vero. Ulteriore comune denominatore delle testi-
Vero come le quaranta narrazioni raccolte monianze nel libro di Maranesi è il luogo in cui
dal giornalista Nicola Maranesi e illustrate dal- le stesse vengono custodite: l’Archivio diaristi-
l’artista Velasco Vitali ne L’abisso non ci separa. co nazionale di Pieve Santo Stefano. Dal 1984,
spflug non è soltanto uno studio formale sull’arte l’archivio è, infatti, riuscito a raccogliere
circa 9.000 testi, tra diari, memorie, epi-
o nell’immaginario artistico dell’infanzia di Cristo Grazie anche all’Archivio diaristico nazionale
stolari e documenti preziosi di storie dal
basso, di generazioni passate, altrimenti
di Pieve Santo Stefano destinate a scomparire; accanto a essi, c’è
hanno certamente influenzato la ten- re soltanto assertivo può essere un «ve- il fondo speciale sulle storie migranti at-
denza degli artisti a rappresentare Gesù ro uomo»? Un uomo privo di desiderio l’autore costruisce tuali, che ha superato i 400 racconti. Te-
come un bambino che non ha da impa- di sapere possiamo considerarlo un un necessario racconto collettivo stimonianze, queste ultime, recuperate
rare nulla, già consapevole d’ogni cosa «vero uomo»? Il silenzio degli evange- grazie al concorso nazionale Dimmi (D ia-
e cosciente della sua missione sulla Ter- listi sugli anni di formazione del Cri- Intrecciando le voci di chi è partito ri multimediali migranti), che, con
ra: il contrario, per la sensibilità dell’e- sto, non ci permette di indicare opzioni e di chi è arrivato un’ampia rete di partner e il relativo co-
poca (e forse anche per la nostra), vo- risolutive a questi interrogativi, ma è al- mitato scientifico, ha lanciato la sua sesta
leva dire sconfessarlo quale Dio. tresì possibile tentare una riflessione edizione. In particolare, persone di ori-
Il riconoscimento dell’infanzia di fondata su quanto ci è dato sapere dal gine o provenienza straniera, che vivono
Gesù, nella sua «normale» progressio- resoconto dei Vangeli. o hanno vissuto in Italia o nella Repub-
ne, invece — questo pare suggerire lo Gesù, dopo i trent’anni, era sì un au- Storie allo specchio di arrivi e partenze (Milano, Terre blica di San Marino, possono parteciparvi, in-
splendido saggio di Bœspflug — non torevole maestro, ma un maestro che di mezzo, 2020, pagine 224, euro 15). Un volu- viando all’archivio (o a una delle organizzazio-
comporterebbe alcuna me che — ispirandosi alla trasmissione Io vado ni aderenti) un’opera autobiografica inedita —
negazione del suo esse- via, in onda nel 2019 su Radio 3 — intreccia le una narrazione di sé, nella forma di racconti
re “vero Dio”, ma con- voci di chi è partito e di chi è arrivato, le vite di scritti o audio, video, fotografie, disegni, email,
fesserebbe in maniera Le moltissime rappresentazioni «venti italiani cittadini del mondo e venti citta- cartoline, in italiano o lingua straniera — entro
più adeguata il suo es- della giovinezza di Gesù dini del mondo italiani, a due per volta», i ri- il 30 aprile 2021: i vincitori saranno annunciati
sere anche “vero uomo”. cordi del loro viaggio, con lo smarrimento, il al 37o Premio Pieve Saverio Tutino, le storie
Ridurrebbe cioè quella sono molto più che semplici manufatti d’arte: disagio e i fallimenti, in direzione ignoto. verranno pubblicate da Terre di mezzo in un
tendenza inconscia del- riflettono le congetture teologiche, Dunque nel testo, dove niente è romanzo e unico volume entro l’anno successivo e conser-
l’arte a un «docetismo niente è finzione, ci sono le testimonianze di vate, come accennato, nel fondo speciale del-
tinto di monofisismo» la pietà popolare e persino le visioni mistiche, Francesca Pennacchi — nata a Marina di Carra- l’archivio diaristico nazionale.
(è forse questo il capo spesso trasformatesi in convinzioni profonde, ra nel 1929 e dieci anni dopo su una nave per Grazie anche all’archivio, pertanto, Nicola
d’imputazione del raggiungere il padre in Etiopia — e della giova- Maranesi costruisce un necessario racconto
«processo all’arte cri- durature e ampiamente condivise ne albanese Elona Aliko che s’imbarca per arri- collettivo. Necessario perché il monito che
stiana» cui fa riferimen- su chi sia stato Gesù prima dei trent’anni vare in Italia. Ci sono, ad esempio, «gli occhi ognuno dovrebbe darsi, per citare di nuovo Vi-
to il sottotitolo dell’o- di Carola (Zanchi) e di Dominique (Boa) (che) ta, è: «Ricordati di ricordare».
pera). vedono invece il medesimo orro-
L’autore, in realtà, re: la morte in mare», quando la
non manifesta alcuna prima, italiana, solca l’Atlantico
intenzione animosa nei confronti del- amava porre domande, molto più che nel 1947, mentre la seconda, dalla
l’arte cristiana, ma se ne serve, e sapien- dare risposte. Il biblista Ludwig Monti Costa d’Avorio, nel 2013 parte
temente, per costruire un meraviglioso nel suo Le domande di Gesù (Edizioni San per attraversare il deserto e il Me-
itinerario attorno alla domanda giudi- Paolo, 2019) ne ha contate ben 217. Al- diterraneo. Tra le varie storie
ziale del suo brillante processo: «Gesù cune di esse sono, con tutta evidenza, emerge, ancora, «la gratitudine
fu veramente bambino?» soltanto domande retoriche, altre inve- del friulano Antonio (De Piero)
È lecito immaginare Gesù Bambino ce paiono animate da un autentico de- nei confronti del popolo ameri-
mentre viene sgridato da sua madre, siderio di conoscere l’interlocutore, da cano, che lo accoglie nel 1920 e
come ogni altro bambino, oppure in un una reale curiosità per l’Uomo. Il Gesù gli dà lavoro», la quale, a sua vol-
contesto di laboriosa acquisizione, stu- che, all’uscita di Gerico, domanda al ta, riecheggia «nella riconoscen-
dio, apprendimento? È possibile imma- cieco Bartimeo «Che cosa vuoi che fac- za della nigeriana Joy (Ehikioya)
ginare un Gesù «in formazione» e non cia per te?» (Marco 10, 46-52) è un Dio verso la città di Trento, che nel
già tutto risolto nella sua santa virtù e che ascolta, è un Dio che sta «prestan- 2016 le offre una nuova casa e un
onniscienza? Non ci è possibile, alme- do attenzione» ai desideri più profondi nuovo inizio, dopo che è stata
no in sede giornalistica, dare una rispo- di chi ha dinnanzi, senza darli per costretta a fuggire dalle persecu-
sta definitiva a queste domande, ma ci scontati. Probabilmente Egli già sape- zioni subite in Africa perché nata
consentiamo di proporre alcuni interro- va, ma era lì, umilmente disposto ad albina».
gativi di rincalzo: un uomo che abbia ascoltarci. L’umile Verità cristiana è Si tratta, in altre parole, di
in sé, sin dal grembo materno, la verità tutta stretta in quell’esemplare ascolto umanità a confronto. «Latitudi-
«tutta intera» può essere giudicato «ve- dell’altro, di cui Gesù è raro testimo- ni diverse, epoche diverse, conte-
ro uomo»? Un uomo che mostri d’esse- ne. sti diversi. Identico il vissuto», Particolare dalla copertina del libro
pagina IV L’OSSERVATORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021

Breve storia della carità tra crisi epidemica, stavolta di tifo, scoppiata
ad Alessandria nel 268. Fra tutte le opere di
ai vescovi nell’amministrazione delle riserve
alimentari a vedove e orfani e poi la decisione
rità del tempo si può ovviamente ricostruire,
dato lo stato delle fonti, in modo alquanto
carità, una delle più rischiose, raccomandate e teodosiana di proclamare la fede in Gesù Re- rapsodico: non mancano tuttavia ragguagli si-
La carità fu esercitata con molta dedizione an- seguite era la visita a coloro i quali a causa dentore unica licita religio dell’impero, le inizia- gnificativi. Basilio di Cesarea (vissuto nel IV
che nei duri momenti delle persecuzioni, co- della fede erano stati incarcerati. Cipriano di tive caritatevoli si moltiplicarono. Fin dai pri- secolo) fondò immediatamente fuori della cin-
m’è testimoniato ad esempio dall’attività del Cartagine resta comunque un modello di cari- mi tempi della vita libera della chiesa si affer- ta muraria della sua città un vero e proprio
vescovo Cipriano di Cartagine al tempo dell’e- tà si può dire insuperabile: è rimasta memora- mò la concreta prassi della carità nei confronti ospedale, la Basileide. Nelle opere di carità si
pidemia di peste del 252, e da quanto Eusebio bile la lettera con la quale egli accompagna dei bisognosi e degli ammalati, come insegna- distinsero Giovanni Crisostomo, Epifanio di
ci racconta a proposito dell’impegno di pre- nel 283 il dono di 100.000 sesterzi ai vescovi no testi quali la Didaché e le Costituzioni apostoli- Pavia, Cesario d’Arles, Massimo di Torino.
sbiteri, diaconi e semplici fedeli durante un’al- di Numidia, esaltando commosso i meriti del- che. Le offerte venivano raccolte in una cassa (franco cardini)

Q
la carità. Con la vittoria del cristianesimo, con comune e si tenevano accurati elenchi dei po-
il ruolo pubblico già da Costantino attribuito veri da mantenere. La storia delle opere di ca- • CONTINUA
quattro pagine

In un saggio di Lucio Coco maledizioni e anatemi contro i ladri di libri

C’è un furto in biblioteca

«I
di GABRIELE NICOLÒ Mauro, di quell’unico verso per furti di libri, si è fatto ricorso nella
cui è passato alla storia: Pro captu storia anche ad anatemi e maledi-
nter folia fructus»: le perle di sag- lectoris, habent sua fata libelli. Il desti-
zioni. «La più antica maledizione
gezza contenute nei libri vanno no dei libri è legato non ai proprie- di cui vi è traccia in occidente —
preservate. La cultura che trasuda tari legittimi o meno, ma alla capa- scrive l’autore — è quella che ac-
dai vetusti e ingialliti fogli di un cità dei lettori di capirli, all’interes-compagna la donazione di alcuni
manoscritto va tutelata, come pure se che sanno suscitare in chi si ac- beni fatta da Theodetrude all’abbazia
la ricchezza spirituale che impre- costa e, fatto silenzio, decide di di Saint-Denys. La charta porta la
gna le pagine di un volume. Pur- ascoltarli. data del 627. Alla fine del docu-
troppo si aggirano furtivi coloro Coco ricorda anzitutto che l’e- mento sono vergate queste parole:
che intendono predare e saccheg- logio del libro rappresenta quasi «Chiedo e dichiaro davanti a Dio e
giare i saporosi frutti di questa “bi- un topos letterario. Richard de Bury ai suoi angeli e a ogni nazione che
blioteca”. S’impone quindi una
missione: quella di escogitare me-
todi per sconfiggere i malintenzio-
(1287-1345) nel Philobiblon utilizza il
primo capitolo dell’opera per tes-
serne le lodi con toni lirici: «Nei li-
nessuno ritenga di fare opposizio-
ne a Saint-Denys contro la mia de-
terminazione circa le cose che sono
Storia di un testimone
nati. Più che meritorio dunque è il
bellissimo e dotto saggio di Lucio
Coco Contro i ladri di libri. Maledizioni
bri ritrovo vivi i morti, nei libri pre-
vedo il futuro, nei libri trovo le
geometrie dell’arte bellica e dai li-
assegnate da me attraverso questo
scritto. Qualora ciò accada, e uno
avrà agito in tal modo, l’eterno re
narratore
e anatemi (Firenze, Le Lettere, bri escono le leggi della pace». In assolva i miei peccati e quel male-
2020, pagine 80, euro 13,50) che questo scenario s’inserisce la lette- detto, colpito a anatema, discenda «Voglia di libri» di Mario Andreose
pone l’accento su una questione ratura sulla cura dei libri, che risul- nell’inferno inferiore per essere
urgente e sempre attuale. ta essere «amplissima». In un ma- tormentato insieme a Giuda e il di GIULIA ALBERICO tuali e gli ingegni grandi d’Italia: da
All’atto criminoso di rubare i li- noscritto dell’abbazia di Monte- peccato che ha compiuto ricada e FLAMINIA MARINARO Debenedetti all’avvocato Agnelli, da
bri strettamente si lega «la furia di cassino del decimo secolo si trova sui figli e sulla sua casa». Cesare Garboli a Bianchi Bandinelli

C
averli» come sottolinea la nota in- questo avvertimento: «Chi toc- In un manoscritto del monaste- ara Giulia, già il titolo Voglia e Giulio Carlo Argan. In seguito una
troduttiva firmata da ro di Ripoll in Catalogna, ri- di libri (Milano, La nave di nuova esperienza nella Fabbri dove
Edoardo R. Barbieri che ri- salente al decimo secolo, si Teseo, 2020, pagine 240, mette in piedi una collana per giova-
corda come Antonio Bru- legge: «Questo libro è del euro 18) è una dichiarazio- ni adulti fino ad allora assente sul
cioli (dedicando nel 1532 la Il destino dei libri è legato monastero di sant’Eripio. Se ne, un manifesto, una riaffermazione mercato. E poi l’amata Bompiani.
sua traduzione italiana del- non ai proprietari legittimi o meno, qualcuno lo ruba o ne strappa dell’importanza del libro e del mondo FLAMINIA: Fino alla direzione
la Bibbia a Francesco I di i fogli sia anatema». Sulla pri- culturale e imprenditoriale che ci sta editoriale e alla presidenza della Na-
Francia) suggerisse al re di ma alla capacità dei lettori di capirli ma pagina di un manoscritto dietro. È curioso che un saggio riesca a ve all’arrivo del nuovo millennio. Le
porre un simile libro fra i te- All’interesse che sanno suscitare dell’undicesimo secolo, del- commuovere, eppure Mario Andreose vicende politiche dell’ultima ora,
sori della corona, custoden- l’abbazia belga di Lobbes, è riuscito in questa impresa, con piglio l’intervento dell’Antitrust relativo al-
dolo in un forziere, così co- in chi si accosta dopo l’indice c’è la seguente narrativo emozionato ed emozionan- la fusione Rcs e Mondadori, lo spin-
me aveva fatto Alessandro e, fatto silenzio, decide di ascoltarli iscrizione: «Libro della chie- te. gono al varo di una nuova casa edi-
Magno con l’opera di sa di Pietro di Lobbes: a chi lo Cara Flaminia, nella prima sezio- trice La nave di Teseo progettata in-
Omero. Si tratta di una custodisce benedizione, a chi ne del libro, l’autore si racconta dagli sieme a Elisabetta Sgarbi e Umberto
concezione della “preziosi- lo asporta maledizione». albori; poco più che “giovane adul- Eco, l’amico di una vita e il riferi-
tà” del testo — evidenzia L’ammonimento, severo e to”, da correttore di bozze a moder- mento costante della sua storia pro-
Barbieri — che prescinde dal valore cherà questo libro lo faccia con le perentorio, si declina in varie for- no spin doctor degli editori più in- fessionale col sogno, irrealizzato, di
del suo supporto materiale, come mani pulite». Sulla stessa lun- me. In un manoscritto della Bi- fluenti, sbarca da Venezia a Milano poter assorbire nella Nave di Teseo
accadeva con i vetusti manoscritti ghezza d’onda si pone san Pier blioteca Marciana (tredicesimo se- la sua amata Bompiani. Un
recuperati dagli umanisti, andati Damiani che facendo riferimento colo) contenente l’Ars demonstrativa briciolo di amarezza che fa
irrimediabilmente perduti, dopo al rischio dell’utilizzo delle cande- veritatis di Raimondo Lullo, spicca parte del gioco.
che ne erano state copiate (e quin- le per leggere in assenza della luce un particolare tipo di condanna, È curioso che un saggio GIULIA: Un susseguirsi di
di) salvate le antiche (e per tanti naturale, ammonisce: «Il monaco quella dell’inquietudine eterna: riesca a commuovere ricordi, i dialoghi con Leo-
secoli dimenticate) parole. custodisca i santi libri facendo at- «Chi mi ruberà non abbia requie». nardo Sciascia e con Mora-
Quello che traccia Coco — co- tenzione a non mettere le mani sul- Mentre sul primo foglio di un altro eppure l’autore riesce nell’impresa via, gli accordi, il corteggia-
me rileva Barbieri — è un percorso le lettere, a non annerirli con il fu- manoscritto, sempre del tredicesi- con piglio narrativo mento di altri editori con il ri-
minuzioso, che si snoda fra una va- mo e a non permettere che li lam- mo secolo, proveniente dalla chie- schio di perdere qualcuno
sta massa di fonti e testimonianze, bisca il fuoco». sa di san Giacomo di Wigmore, la emozionato ed emozionante degli autori più letti ma poi
illuminato dalla consapevolezza Nell’addentrarsi nella fosca punizione che viene prospettata è nuovi cataloghi, nuove idee,
Carl Spitzweg dell’importanza che riveste il dia- temperie del furto dei libri, Coco quella della scomunica: «Questo nuove rinascite. Nella secon-
«Il topo logo incessante tra il libro e il letto- sottolinea che tale azione minaccia libro è di san Giacomo di Wigmo- da e terza sezione del saggio
da biblioteca» re. Non si spegne certo l’eco della anzitutto la biblioteca: tanti, trop- re. Se qualcuno lo vende o ne can- 1959, una città che è l’America del Andreose tratteggia alcuni ritratti
(1850) sentenza del retore Terenziano pi, sono stati i furti dei libri nella cella con malizia questa iscrizione giornalismo e dell’editoria. Nasceva- emblematici di personaggi chiave
storia. Giusto Lipsio (1547- nel portarlo via dal predetto luo- no allora, vivacissimi, i giornali del della letteratura, dell’editoria, dello
1606) nel De bibliothecis syntag- go, costui sia legato alla catena pomeriggio e bastava sedersi al Caf- sport, del mondo del cinema che of-
ma, dopo aver premesso che della più grande scomunica». fè Jamaica a Brera per incontrare frono interessanti spunti di riflessio-
«i romani erano più figli di In epoca moderna — afferma Coco quel coté culturale che ha reso grande ne sull’intreccio tra cultura e impren-
Marte che delle Muse», dà — la scomunica in un certo senso l’Italia postbellica e del boom degli ditorialità.
alcuni ragguagli sulle sot- ricapitola tutte le punizioni che anni Sessanta. FLAMINIA: Tratteggiata con pro-
trazioni di libri operate dai una volta erano pensate per i ladri FLAMINIA: Con grande ironia ri- fonda ammirazione la figura di Livio
generali dell’Urbe. Dopo la di libri. Essa diventa un istituto percorre gli anni del contrastato rap- Garzanti, definito un signore del Ri-
vittoria su Perseo (168 a.C.) giuridico per combattere i crimini porto tra Arnoldo e il figlio Alberto, nascimento, uomo e imprenditore
il console Emilio Paolo tra- che poteva essere perpetrati anche quando Alberto nel 1969 si separa aperto alla ampia divulgazione del
sferì a Roma, come parte contro i libri. A tale riguardo si tra- dal padre e fonda Il Saggiatore coin- sapere con la creazione delle Gar-
del bottino di guerra, la bi- manda che nel 1752 Benedetto XIV volgendolo in una nuova avventura zantine e delle opere enciclopediche
blioteca del re macedone. avesse emesso una bolla di scomu- culturale. È da entrambi stimato e ri- acquistabili a rate.
La libreria di Lucullo si era nica nei confronti di ci avesse osato chiesto e si sente un «Arlecchino GIULIA: Un po’ memoir e un po’
formata con i volumi sot- depredare i volumi della biblioteca schizofrenico» perché servitore di saggio, Andreose ripercorre la sua
tratti a Mitridate durante la Zaluski di Varsavia. Un tono simi- due padroni. Passerà al Saggiatore, intensa vita professionale arricchen-
guerra del Ponto (74-67 le aveva usato in precedenza Cle- ma si concluderà anche quella espe- do il testo con medaglioni in cui scol-
a.C.). Lo stesso vale per la mente XI: in un breve si dichiarava rienza e i tempi finali li ricorda come pisce il profilo di amici carissimi o di
biblioteca di Apellicone di che «è scomunicato ipso facto chiun- «gli ultimi giorni di Pompei», conci- personaggi come T.S, Eliot o Woody
Teo, appartenuta ad Aristo- que ardisce estrarre o portar fuori tati, col personale in lotta, gli autori e Allen di cui si è editorialmente occu-
tele che, rilevata dal genera- qualunque libro, codice, scrittura, i redattori smarriti. pato finendo per considerarli “di fa-
le Silla dopo la presa di Ate- quinterno o foglio, sì stampato co- GIULIA: Di quegli imprenditori è miglia”. Di famiglia come lo sono i
ne (86 a.C.) fu usata anche me manuscritto, e qualsivoglia al- intimo, vive anche fuori dalle azien- libri, essenziali e necessari quanto il
da Cicerone. tra cosa spettante alla libreria casa- de con loro, nelle case, nei luoghi di cucchiaio, il martello, la ruota o le
Per scongiurare possibili natense». villeggiatura, frequenta gli intellet- forbici, come amava ricordare Eco.
martedì 5 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

DALLA PRIMA PAGINA

È morto a novant’anni il poeta Franco Loi

Il dialetto
per cantare tanta vita
CONTINUA DA PAGINA 1 da dire della poetica di Loi,
delle numerose raccolte, da I
sé perché lo conosceva, per- cart e Stròlegh degli anni Set-
ché lo accoglieva incondizio- tanta, arrivando a Teater, L’an-
natamente. Gli andava in- gel, Amur del temp, Voci d’osteria.
contro per abbracciarlo, per Ma adesso mi viene alla men-
Un murale condividerne l’animo profon- te prima di tutto l’immagine
in onore do, senza riserve e fuori da di un uomo che era tutt’uno
di Berta Cáceres ogni retorica. con la sua poesia. Franco ave-
uccisa nel 2016 La biografia di Franco Loi va lo straordinario potere di
è intensa e movimentata. Era guardarti dentro. Ti fissava
Felix Vásquez e José Adán Mejía sono le ultime di una lunga lista di vittime stato operaio, contabile, im- negli occhi, con quei suoi oc-
piegato. Aveva militato nella chi dolci e penetranti e ti leg-

In Honduras si muore ancora sinistra extraparlamentare, fi-


no a dissociarsi nettamente e
formalmente proprio alla vi-
geva nel cuore. Ho visto più
volte persone che aveva appe-
na incontrato, rimanere atto-

per proteggere l’ambiente gilia della stagione più tragi-


ca. La sua lungimiranza gli
aveva fatto vedere per tempo
la deriva più cupa che di lì a
di COSIMO GRAZIANI più attiva nella difesa dell’am- ras è uno dei paesi più perico- avrebbero un impatto negativo poco sarebbe sfociata negli
biente. Ma i Lenca e i Tolupán losi al mondo. sull’esistenza delle minoranze anni di piombo. Aveva visto

N
egli ultimi giorni non sono gli unici a subire Nel paese esiste un’enorme etniche del paese. Di prassi, la l’orizzonte più tetro dell’ideo-
del 2020 in Hon- pressioni: nel luglio scorso, differenza economica tra le loro condizione non viene pre- logia e si era quindi dedicato
duras sono stati as- cinque membri del gruppo et- classi agiate, di cui fanno parte sa in considerazione dai pro- totalmente all’arte, alla poe-
sassinati due attivi- nico dei Garifunas sono stati le popolazioni di origine euro- motori di questi progetti. Tra i sia. Ma la sua poesia era ed è
sti coinvolti nella difesa del- sequestrati da forze armate pea, e i gruppi etnici minorita- loro finanziatori figurano sempre nata dallo stare nella
l’ambiente e dei diritti delle speciali senza un’apparente ri, che si trovano coinvolti nel- aziende locali e aziende estere, gente, dal confondersi con il
comunità indigene locali. Fe- giustificazione e tenuti in la difesa delle foreste non solo spesso in collaborazione tra di popolo, quella massa di uo-
lix Vásquez e José Adán Mejía ostaggio. Ma alla lista potreb- per questioni legate alle tradi- loro. Il coinvolgimento della mini e donne che vivono sulla
appartenevano rispettivamen- bero essere aggiunti anche al- zioni locali o alla religione, ma politica è palese, accusano terra, che sudano, imprecano,
te all’etnia Lenca e all’etnia tre decine di episodi che han- anche perché per loro rappre- molti ambientalisti, perché le odiano, amano, si incontrano
Tolupán, e sono stati uccisi a no come obiettivi membri del- senta l’unica fonte di sostenta- aziende locali sono spesso di e si scontrano. Insomma,
ventiquattro ore di distanza le altre comunità indigene atti- mento grazie all’agricoltura o proprietà di politici, che nella l’uomo nella sua verità, accol-
l’uno dall’altro. Vásquez è sta- vi nella protezione ambientale. alla pesca. I grandi progetti maggior parte dei casi appar- to per quello che è e non per
to assassinato in seguito all’ir- Secondo le ultime stime, sem- contro i quali si battono, nel tengono alla parte agiata della quel che vorremmo che fosse. nite e spiazzate di fronte a
ruzione di una banda armata pre riportate dal sito Voanews, caso di Vásquez e della Cáce- popolazione, che abusano del- «L’è ‘me ‘ndà a messa girà sûl quella incredibile capacità di
nella sua abitazione, mentre dopo l’uccisione di Berta Cá- res progetti di dighe, per loro la loro posizione per bloccare per Milan, / un spègg drévia penetrare lo sguardo e entrare
Mejía invece è stato assassina- ceres, sarebbero circa una tren- rappresentano una minaccia l’attività ambientalista attra- un spègg, ‘n’aqua de sera / nell’animo.
to in un agguato, mentre stava tina gli attivisti uccisi nel pae- alla loro unica fonte di sosten- verso pressioni, minacce e per- quan’ che la lüna s’ciara el Ho avuto la fortuna di in-
facendo ritorno a casa dopo se, di questi dodici nel solo tamento. Sempre secondo il secuzioni. Le stesse che stava fund di sass…» (È come andare contrare Franco all’inizio de-
una giornata di lavoro, riferi- 2020 e quattordici nel 2019. «The Guardian», nel paese ci subendo Vásquez nel periodo a messa camminare soli per Milano, gli anni ’90 e poi il privilegio
sce il quotidiano «The Guar- Per gli ambientalisti, l’Hondu- sarebbero ben 40 progetti che precedente alla sua uccisione. / uno specchio dietro un altro spec- di frequentarlo. A lui devo il
dian». Le due uccisioni sono chio, un’acqua di sera / quando la mio primo apprendistato
avvenute in due punti differen- luna rischiara il fondale dei sas- poetico, sempre da parte sua
ti del piccolo paese centroame- si…). autenticamente generoso.
ricano, la prima in una regione Il suo primo orizzonte è Prima di frequentarci con più
occidentale al confine con El
Salvador, la seconda nel di-
Il voto in Georgia Milano, la grande metropoli
industriale, metafora delle
assiduità, ci siamo scambiati
tante, lunghe lettere. Conser-
stretto settentrionale di Yoro.
Vásquez era impegnato da
determinante per l’agenda politica Usa contraddizioni del vivere so-
ciale, ma anche teatro di un’u-
vo le sue che per me erano ve-
re e proprie lezioni, di vita e di
anni nella difesa delle foreste manità vitale, scanzonata, poesia insieme (proprio non
del paese, e da anni combatte- WASHINGTON, 5. Si torna al vo- no di 50 seggi contro i 48 dei de- 50 per cento dei consensi neces- gioiosa, sofferente. «Sèm ne saprei scindere le due cose).
va contro i progetti che riguar- to oggi in Georgia e i cittadini mocratici. In caso di una dop- sari a confermare il proprio seg- la lüs e védeum dumâ el scür, Così mi scrive nel 1993: «È
davano la costruzione di dighe dello Stato meridionale degli pia vittoria i democratici otter- gio a Washington; a sfidarli sa- / sèm, pes’g che òrb, se fèm proprio vero che, quando un
sui fiumi sacri alla popolazio- Usa, determineranno con la lo- rebbero una risicatissima mag- ranno i democratici Jon Ossoff purtà dal vent» (Siamo nella luce uomo si dedica a sé stesso, alla
ne Lenca, continuando il lavo- ro scelta gli equilibri politici gioranza grazie al voto decisivo e Raphael Warnock. e vediamo soltanto l’oscuro, / siamo propria anima, e confida in
ro già iniziato da Berta Cáce- dell’intera nazione. Sono infatti della vice presidente Kamala Ieri sia il presidente uscente, peggio dei ciechi, ci facciamo trasci- Dio, si aprono spazi e possibi-
res, ambientalista appartenen- chiamati ad eleggere due sena- Harris che ricopre anche l’inca- il repubblicano Donald Trump, nare dal vento). lità. La poesia non è soltanto
te alla stessa etnia, assassinata tori e il risultato determinerà la rico di presidente del Senato. I che il presidente eletto, il demo- Quale linguaggio usare per un fatto letterario, ma un frut-
nel 2016. Come per la Cáceres, futura maggioranza, repubbli- ballottaggi vedranno protago- cratico Joe Biden, si sono recati “cantare” tanta vita ? Loi in to del “sentire” umano, della
anche la figura di Vásquez sta- cana o democratica, al Senato, nisti i repubblicani David Per- in Georgia per concludere la realtà aveva ascendenze ligu- sua intuizione e della sua mo-
va acquisendo peso politico: tutt’ora in bilico. Al momento due e Kelly Loeffler, che il 3 no- campagna elettorale. Si tratta di ri, la lingua materna non era destia e capacità di offerta». E
infatti voleva candidarsi alle infatti i repubblicani dispongo- vembre non hanno superato il uno dei «ballottaggi più impor- proprio il milanese, ma Mila- alla mia smania di fare emer-
primarie del partito di opposi- tanti della storia. Tutto il mon- no era la sua casa. Eccolo allo- gere le emozioni dal subcon-
zione Libre, che si terranno a do vi guarda», ha detto Trump ra ricorrere al dialetto, ma non scio o dall’inconscio, rispon-
marzo, per ottenere un seggio ai suoi sostenitori riunitisi ieri a quello statico degli studi ac- de: «Ma sappia che la poesia
in parlamento alle prossime sera a Dalton nel nord-ovest — cademici, bensì ad un dialetto non è che un tramite. Non un
elezioni legislative. Secondo città chiave per la partecipazio- contaminato, in continua fine. La cosa più importante è
fonti della Cnn, le minacce ne repubblicana — nell’ultimo evoluzione, ricco di inflessio- orientarsi verso Dio. Imparia-
contro Vásquez sarebbero ini- comizio, rimarcando ancora ni che derivano da ogni parte mo a donargli la vita, il nostro
ziate dopo l’assassinio della una volta il suo convincimento della penisola, e soprattutto fare, i nostri desideri, le soffe-
Cáceres, e più precisamente sulle «elezioni truccate». An- che si rinnova ogni giorno, renze. Non ci deve essere nar-
nel 2017, dopo che aveva de- che Biden, da Atlanta, ha sotto- proprio come la società si cisismo nel bisogno di dire.
nunciato di essere vittima di lineato che «l’intero Paese ha muove nel tempo e nello spa- Anche la poesia non è un pro-
persecuzioni politiche per col- gli occhi puntati sulla Georgia» zio. La lingua di Loi è il parla- dotto del nostro ingegno, ma
pa delle sue attività di difesa perché in caso di una sua vitto- to più povero, più “corrotto”, l’effetto del nostro rivolgerci a
dell’ambiente. Secondo il sito ria potrà vedere più facilmente che chiama le cose della vita D io».
Voanews, un anno fa la Com- realizzabile la propria agenda così come accadono, senza in- Franco Loi per i tanti che
missione Nazionale per i Dirit- politica. Ha infatti indicato che fingimenti letterari. E a sen- oggi lo abbracciano è la voce
ti Umani in Honduras aveva queste elezioni «possono trac- tirlo leggere, con la sua incon- libera e la presenza potente di
richiesto che fossero attuate ciare il corso non solo per i pros- fondibile voce, leggera, flau- una luce che sa tutto vedere,
delle misure a sua protezione, simi quattro anni, ma per la tata, quella lingua rivelava la tutto abbracciare, tutto canta-
proprio a causa delle minacce prossima generazione». Duran- sua intrinseca e tenace musi- re. «Sono lì che guardo il
ricevute. Questa richiesta era te il comizio Biden non ha fatto calità. Come a dire che anche mondo e vedo Dio, / lì, come
però rimasta inascoltata. alcun riferimento esplicito alla le cose più dolorose, le più l’ombra d’un fiato, d’un fu-
In Honduras, la difesa am- controversa telefonata trapelata grevi, esprimono una loro ar- mo, / una luce che si fa luce
bientale è legata a doppio filo domenica dalla stampa statuni- monia, in quanto svelano la nel muoversi d’una foglia, /
con la sopravvivenza delle et- tense in cui Trump ha fatto vita. «Ah ciàppum de’ de tì, nel farsi colori dell’iride nuvo-
nie locali e dei contadini. I pressioni sul segretario di Stato aria che passa, / che mì de mì le e balconi…» (Sun lì che vardi
gruppi Lenca e Tolupán sono della Georgia Brad Raffensper- me sum sdementegâ!» (Ah, el mund e vedi Diu, /lì, cume l’um-
etnie che appartengono alla ger, esortandolo a “trovare” i prendimi dentro di te, aria che passa, bra d’un fiadà, d’un füm, / ‘na lüs
porzione amerinda della po- voti necessari per cambiare l’e- / che io di me mi sono dimenticato). che se fa lüs nel möv ‘na föja, / nel
polazione del paese, che è la sito del voto del 3 novembre. Davvero tanto ci sarebbe fàss culur de l’iri niul e balcun…).
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021

Celebrate le esequie del vescovo Stankiewicz, decano emerito della Rota romana
Diocesi di Roma:
«Maestro del diritto canonico» corso di formazione
Sono stati celebrati oggi, marte- Pontificia unione missionaria officiale del Tribunale della Ro- saggi, dal 1980 era stato profes-
contro la tratta
dì 5 gennaio, alle 15, nella chiesa del clero e aiutante nella parroc- ta e il 15 febbraio 1978 ne era di- sore invitato presso la facoltà di
di Santo Stefano degli Abissini, chia cattedrale di Gorzów, dal venuto prelato uditore. Risale diritto canonico della Pontificia ROMA, 5. «Sfruttamento ses- nità contemporanea, una pia-
in Vaticano, i funerali del vesco- 1966 era stato assistente presso al 31 gennaio 2004 la nomina a università Gregoriana al corso suale e tratta di esseri umani» ga nella carne di Cristo. È un
vo Antoni Stankiewicz, decano la facoltà di diritto canonico di decano da parte di Giovanni di giurisprudenza per il dotto- è il titolo del percorso formati- delitto contro l’umanità».
emerito del Tribunale della Ro- Varsavia e dal 1967 professore Paolo II. Il 15 novembre 2006 rato, proseguendo fino al 2019, vo, che inizierà lunedì 11, orga- Il percorso, che prevede 4
ta romana, morto ieri all’età di aggiunto e segretario della rivi- Benedetto XVI aveva elevato e dal 1996 anche presso l’omo- nizzato dalla diocesi di Roma incontri, si propone, spiega il
85 anni. sta «Prawo Kanoniczne» (“D i- monsignor Stankiewicz alla di- nima facoltà della Pontificia con la collaborazione di Cari- vicegerente di Roma, monsi-
Maestro del diritto canoni- ritto canonico”). gnità episcopale, assegnando- università della Santa Croce, tas, Usmi, Comunità di San- gnor Gianpiero Palmieri, di
co, nel 1969 aveva iniziato il ser- Il 1° ottobre 1970 aveva otte- gli la sede titolare di Novapie- insegnando prassi e giurispru- t’Egidio, Associazione Slave «riconoscere che il fenomeno
vizio alla sacra Rota, ricopren- nuto il diploma di avvocato ro- tra. Il successivo 16 dicembre il denza fino al 2019. No More, Associazione Papa della tratta di esseri umani a
dovi in seguito per otto anni il tale, il 23 ottobre 1972 quello novello presule aveva ricevuto A partire dal 1984 era stato Giovanni XXIII, Casa del Ma- scopo sessuale esiste e non
prestigioso incarico di decano. della scuola superiore di Lette- l’ordinazione episcopale nella docente presso lo Studio rotale gnificat, Fondazione Arché e può lasciarci indifferenti». La
Era nato ad Oleszczenice, re latine alla Pontificia universi- basilica Vaticana. e consultore della Congregazio- le 4 unità di volontari che tutte diocesi, conclude, non solo
nella diocesi polacca di Vitebsk, tà Gregoriana. Il 2 maggio 1975 Nel 2011 era divenuto primo ne per il clero; dal 1989, membro le settimane scendono in stra- «vuole promuovere un’effica-
il 1° ottobre 1935. Compiuti gli aveva conseguito la laurea in di- moderatore dell’Ufficio per la della Commissione per gli av- da per incontrare le ragazze. ce sensibilizzazione dell’intera
studi ginnasiali e liceali a Slup- ritto civile alla Pontificia uni- trattazione dei procedimenti di vocati; e, dal 2000 al 2012, giu- L’iniziativa, spiegano i pro- comunità cristiana e civile del-
sk, e quelli filosofici e teologici versità Lateranense, con una te- dispensa super rato, trasferiti alla dice della Corte d’appello dello motori, prende le mosse dal la nostra città riguardo a tutto
presso il seminario maggiore di si in diritto romano, e sempre Rota con il motu proprio Quaerit Stato della Città del Vaticano. discorso pronunciato da Papa ciò che è legato al fenomeno»,
Gorzów, era stato ordinato sa- nello stesso ateneo anche la spe- semper di Papa Ratzinger, che il Già membro della Congrega- Francesco, il 10 aprile 2014, in ma intende «fornire l’occasio-
cerdote il 20 dicembre 1958. cializzazione in teologia pasto- 22 settembre 2012 aveva accolto zione delle Cause dei santi, dal occasione della Conferenza ne di un accompagnamento
Conseguita la laurea in Di- rale. la sua rinuncia all’incarico di 2013 era giudice del Supremo tri- Internazionale sulla Tratta: spirituale a operatori e volon-
ritto canonico all’Università Nel frattempo, nel 1969 era decano. bunale della Segnatura apostoli- «La tratta di esseri umani è tari che si occupano di farsi
cattolica di Lublino il 24 giu- stato chiamato a Roma come Autore di pubblicazioni e ca. una piaga nel corpo dell’uma- prossimi alle tante vittime».
gno 1961, nello stesso anno era
divenuto notaio del tribunale
diocesano di Gorzów e dal 1967
notaio della curia vescovile.
Direttore diocesano della Un album di brani rivisitati in chiave religiosa da un sacerdote sardo

Lutto nell’episcopato
Il ritmo del dialogo con Dio
Monsignor Guillermo Rodrí- di GIORDANO CONTU il virus crudele ti aveva rubato / no tre canti religiosi, tra cui Na- da cui sono state estrapolate al- sono canzoni particolari che ci
guez-Melgarejo, vescovo eme- ma con Lui vicino la gioia è tor- schid’est (È nato) che racconta di cune delle canzoni che com- appartengono. Alcune ci strap-

«C
rito di San Martín, in Argen- hi canta prega nata». come i pastori, increduli per lo paiono in questo secondo al- pano il cuore. Le note sono uno
tina, è morto nella mattina di due volte» di- Brani come questi nascono splendore della nascita di Gesù, bum. Il disco avrebbe dovuto strumento che insieme alle pa-
lunedì 4 gennaio, dopo una ceva sant’A- dalle richieste che giovani e avvicinandosi alla mangiatoia avere come protagonisti pro- role diventano spiritualità». È
lunga malattia. Il compianto gostino. La adulti, fedeli e non fedeli, rivol- cantano: «Sono qui Bambinel- prio i giovani cantanti. «Pur- una arte che riunisce le persone
presule era nato il 20 maggio musica è da sempre legata alla gono a don Cossu che poi le lo / non ti porto né oro né ar- troppo per via del covid-19 non e parla direttamente al loro cuo-
1943 a Buenos Aires ed era preghiera. E continua a esserlo pubblica sui social network, so- gento / ma ti do il mio cuore». I è stato possibile fare nulla», re. Qui sta la differenza tra la
stato ordinato sacerdote il 23 anche durante le celebrazioni re- canti sardi sono spiega don Alessandro, perché parola e il canto, spiega con fer-
maggio 1970. Eletto alla Chie- se anomali dalla pandemia. «La curati da Luigi l’obbligo del rispetto della di- mezza il sacerdote. «La parola
sa titolare di Ucres e nomina- musica nasce da Dio, le note so- Cossu, mentre stanza di sicurezza ha reso im- di Dio interessa soprattutto chi
to, allo stesso tempo, ausiliare no uno strumento divino che uti- tra le collabora- possibile l’accesso in sala di re- è già nel cammino cristiano, chi
di Buenos Aires il 25 giugno lizza per dialogare con l’uomo. zioni figurano gistrazione ai quindici ragazzi. è “colto” o preparato spiritual-
1994, aveva ricevuto l’ordina- Pensiamo alle opere dei grandi quelle di Sere- Tuttavia, la pandemia non ha mente. La canzone, invece, su-
zione episcopale il 27 settem- compositori come Charles Gou- na Carta Man- scoraggiato il gruppo. In questi scita l’interesse per l’argomento
bre successivo. Il 30 maggio nod: non possono essere soltan- tilla, corista di mesi e durante tutto l’Avvento cristiano, che poi si amplia in
2003 era stato trasferito alla to umane queste cose». Lo rac- Renato Zero, e hanno continuato a provare via un cammino, in una relazione,
sede residenziale di San Mar- conta a «L’Osservatore Roma- Mario Biondi, internet, incontrandosi il saba- per poi giungere alla meta che è
tín, al cui governo pastorale no» don Alessandro Cossu, par- Pinuccio Cossu to in parrocchia per l’ultima la conoscenza della parola di
aveva rinunciato il 15 giugno roco di San Teodoro, patrono e Gianluca messa a punto, prima di ogni Dio». La musica è evangelizza-
2018. Le esequie sono state dell’omonima città balneare nel Seazzu alla par- celebrazione domenicale. zione.
celebrate alle 17 di lunedì 4, nord della Sardegna. L’amore te tecnica. Nell’album L’esercito del Cristo
nella cattedrale di San Mar- per Dio e per l’arte trovano un prattutto su TikTok e Insta- Con il ricavato del primo di- c’è una canzone che riassume
COMUNE DI BORGO TICINO (NO)
tín. felice connubio nel nuovo album gram. «L’ispirazione per il te- sco di Natale pubblicato nel quello che per don Cossu è il si- Bando di gara - CUP E15B20000320005 -
CIG 8568639896
L’esercito del Cristo 2, grazie al cui sto nasce dalla conversazione 2019 don Cossu aveva raccolto gnificato profondo delle poten- È indetta procedura aperta - Offerta economicamente
più vantaggiosa art. 95 D.lgs. 50/2016 - per la con-
ricavato verrà portata a termine che ho avuto con la persona. trentamila euro con cui ha po- zialità della musica. È un brano cessione del servizio di gestione degli impianti di illu-
minazione pubblica e degli impianti termici e lavori di
la costruzione di un oratorio. Dipende dalla preghiera che mi tuto far costruire un campo po- di Maria Carta intitolato La me- riqualificazione ed efficienza energetica da realizzarsi
in project financing ai sensi dell'art. 183 comma 15
L’opera consiste in una rac- chiede di fare e da cosa gli è ac- livalente e una parte dell’orato- moria della musica che compare del d.lgs. 50/2016 e ss.mm.ii. Importo: €
2.858.580,00 Iva esclusa. Termine ricezione offerte:
† colta di canzoni italiane, canti caduto», racconta. Ogni canzo- rio. Quest’anno l’obiettivo è nel disco: «Nella musica la voce 01/02/2021 ore 12.00. Apertura offerte: 22/02/2021
ore 15.00. Documentazione su: www.comune.borgo-
religiosi e in lingua sarda che ne, perciò, è una sorta di dedi- completare la struttura con delle lacrime / nella musica la ticino.no.it – www.asmecomm.it.
Il R.U.P.
ing. Leonardo Lavecchia
La Congregazione delle Cause dei
Santi partecipa al lutto per la morte
mettono al centro il messaggio ca. Per questo nel disco non po- un’aula telematica, una cucina forza delle idee / è una liturgia
di cristiano e il tema del Natale. teva mancare un pensiero per la e comprare gli strumenti musi- di dolore e di allegria / questa
C’è anche un inedito. Tra le co- terra nativa con cinque canzoni cali per organizzare al meglio il musica, Deus meu!». La musica ISTITUTO NAZIONALE
S.E. Monsignore ver ci sono cinque colonne so- in lingua sarda: la più famosa è coro e l’orchestra dei ragazzi. riesce a toccare le corde del cuo- DI FISICA NUCLEARE
Direzione Gestione e Finanza
nore dei film di animazione Di- A Diosa (più nota come Non potho Sono loro “l’esercito del Cristo” re e «ci apre al dialogo con Dio, Divisione Affari Contrattuali
ANTONIO STANKIEWICZ sney reinterpretate in chiave re- reposare), che parla di due aman- insieme al quale nei mesi scorsi all’eternità», afferma don Cos- Estratto proroga bando di gara
Atto G.E. n. 12510 del 16.09.2020
ligiosa. Così il brano de La sire- ti che vivono lontani. Poi ci so- il parroco organizzò un musical su. «In effetti, sentiamo che ci In riferimento alla procedura aperta per la
già Membro della Congregazione
netta, «In fondo al mar» diven-
fornitura di n. 9 (nove) unità di storage e dei
relativi servizi connessi (consegna, installazione,
delle Cause dei Santi.
ta: «In fondo al cuor Giuseppe
garanzia) per il potenziamento del nodo INFN

COMUNE DI CASERTA
Lo ricorda con stima e gratitudi- di Bari della e-Infrastructure IBISCO - codice

sai / che in fondo al cuor c’è la Bando di gara -


PIR01_00011, oggetto del potenziamento previsto
AUTOSERVIZI CERELLA S.R.L.
CUP D25B18004050001 -
ne per la generosa e competente col- Esito di gara
dal PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” Avviso

CIG 8483139BC0
verità / Che quel bambino den-
D. D n. 424 del 28.02.2018 per la concessione
laborazione. Lo affida alla Divina Con det. n. 19 del 15.12.2020 ha aggiudicato il bando di di finanziamenti finalizzati al potenziamento di

tro di lei / è veramente l’Emma- È indetta procedura aperta con O.E.P.V. per l’affida-
infrastrutture di ricerca, in attuazione dell’Azione
Misericordia, perché il Signore della gara europea mediante procedura aperta per la fornitura
mento dei "Lavori di Riqualificazione architettonica,
II.1-progetto IBISCO_PON - CIG: 8497681C30;

efficientamento energetico ed adeguamento sismico


dei nuovi autobus per Autoservizi Cerella s.r.l, suddivisa in
nuele / Ora decidi, presto deci-
CUP: I66C18000100006 (avviso pubblicato in
vita Lo accolga nel Suo Regno di
della Scuola media Dante Alighieri - Stralcio Funzio-
G.U.U.E. n. 2020/S 220-539707 del 11.11.2020
due lotti aggiudicabili separatamente. Importo a base di
luce e di pace donandoGli il premio di e torna da lei». Tra le riedi- nale". Importo: € 1.045.275,55 IVA esclusa. Termine
e in Gazzetta Ufficiale Italiana - V Serie speciale

ricezione offerte: 29/01/2021 ore 12:00. Documenta-


gara € 500.000,00. Documentazione visionabile su “contratti pubblici” - n. 133 del 13.11.2020) si

zione su: www.comune.caserta.it e www.asme-


promesso ai servi buoni e fedeli in zioni sono presenti anche due www.autoservizicerella.eu. Inviato in G.U.C.E. il
comunica il nuovo termine per la presentazione
comm.it.
delle offerte: 09.01.2021 - Ore: 12:00.
compagnia dei Santi e Beati.
Il responsabile della stazione appaltante e R.U.P.
29.12.2020
testi di due stelle del cantauto-
L’avviso, pubblicato sulla G.U.R.I. - V Serie Spe-

ing. Francesco Biondi


ciale - Contratti Pubblici n. 151 del 28.12.2020, è
Il R.U.P. - Amministratore unico - ing. Giuseppe Silvestri
rato italiano. La prima è Hai un
disponibile sul sito www.ac.infn.it - sezione “Bandi
ed esiti di gara”.

† COMUNE DI TAURANO (AV) COMUNE DI PULA (CA)


grande amico in me, di Riccardo
IL DIRETTORE Ing. Dino Franciotti

Cocciante, che mantiene le Bando di gara - CIG 8564646975 - Bando di gara - CIG 856048822D -
CUP I23H09000070002 CUP B76H18000030004
Tutti i componenti dell’Istituto per splendide parole originali: «Se È indetta procedura aperta per l’affidamento dei lavori
C.U.C. - CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA
di sistemazione idraulico-forestale dell’alveo Panta- È indetta procedura aperta per i “Lavori di ri-
costituita tra i Comuni di Camerata Picena,
facimento e ampliamento della Piazza Dante
le Opere di Religione esprimono la la strada non è dritta / e ci sono
nella. Importo: € 592.484,83 oltre oneri della sicu-
Chiaravalle e Falconara Marittima
propria solidale vicinanza al collabo- duemila pericoli / ti basti solo rezza pari ad € 18.124,73 ed IVA esclusa. Termine del Comune di Pula (CA)". Importo: €
Provincia di Ancona
ricezione offerte 05/02/2021 ore 12:00. Apertura 893.000,00. Termine ricezione offerte:
Procedura telematica aperta per l’affidamento servizio di manuten-

27/01/2021. Documentazione su
ratore, collega ed amico Fiorenzo ricordare che / che c’è un gran- 24/02/2021 ore 15:00. Documentazione su
zione del verde pubblico del Comune di Falconara Marittima suddi-

http://www.comune.taurano.av.it/ e https://www.comune.pula.ca.it/index.php/ e
viso in due lotti - lotto 1 CIG: 8574347EF8 lotto 2 CIG: 8574406FA8.
Sozio per la morte della cara Mam-
de amico in me». La seconda è asmecomm.it.
Il Responsabile della Procedura di Gara rende noto che la C.U.C.
www.asmecomm.it.
Il responsabile del procedimento
costituita tra i Comuni di Camerata Picena, Chiaravalle e Falconara
ma
A mano a mano di Rino Gaetano, Il responsabile della stazione
Marittima procederà ad appaltare, su richiesta del Comune di Fal-

appaltante geom. Giovanni Pacia geom. Enrico Murru


conara Marittima il servizio di manutenzione del verde pubblico del
Comune di Falconara Marittima suddiviso in due lotti con il criterio
cantata insieme a Paola Haidu- dell’offerta economicamente più vantaggiosa. I valori economici
Signora dei lotti sono i seguenti: lotto 1 € 359.879,94, al netto dell’IVA, per
cii sul testo riscritto dal prete-
ECO.LAN S.P.A
COMUNE DI SANT'AGATA DE’GOTI (BN) COMUNE DI BAIA E LATINA (CE)
l’intera durata dell’appalto; lotto 2 € 391.544,43, al netto dell’IVA,

Esito di gara - CUP J49J18000070002 -


ESITO DI GARA - CIG 7996187541
per l’intera durata dell’appalto. Il valore globale dell’affidamento è
GIUSEPPINA cantante: «Gesù dammi la ma- Bando di gara - CIG 8566069FBF - CUP H79J19000010001
CIG 8088506E4B
pari ad € 751.424,37. Aggiungendo il rinnovo di un anno e la pos-
È indetta procedura aperta per l'affidamento dei lavori "Regione La procedura di gara per l'affidamento del "Adegua-
Questo ente informa che il 13/11/2019 è stata aggiudicata
sibile proroga di 6 mesi, il valore ammonta ad € 1.127.136,55, IVA
no e stammi vicino / aumenta la Campania - D.D. n. 3 del 26/03/2018 - Attuazione Delibera CIPE mento e manutenzione straordinaria per il ripristino e
esclusa; Durata del contratto: 3 (tre) anni, rinnovabile di un ulteriore
Assicurano a Fiorenzo ed a tutti i 54/2016 - Intervento infrastrutturale per il miglioramento della via- la procedura aperta, con il criterio dell’offerta economica- potenziamento delle funzionalità di base della rete,
anno ed eventuale proroga tecnica di sei mesi; Termine ultimo per
fede nel nostro destino / e nean- bilità comunale e il riammaglio tra la S.P. 121 e S.P. 122 al fine di
mente più vantaggiosa, per il Servizio di noleggio e manu- ed il miglioramento delle condizioni di sicurezza della
la presentazione delle offerte: ore 12.00 del giorno 25/01/2021
familiari il ricordo nella preghiera favorire l'accessibilità da e verso la stazione ferroviaria Valle di
circolazione della rete stradale comunale" ai sensi
tenzione, con riscatto finale, di n.16 ecoisole monolato per
La gara avrà inizio il 26/01/2021 alle ore 10.00. Il bando di gara
che l’inferno potrà mai intral- Maddaloni - Sant’Agata dè Goti" - Importo: € 1.800.000,00 IVA dell'art. 60 del D.lgs. 50/2016 - è stata aggiudicata
è stato inviato alla GUUE il 30/12/2020. Tutta la documentazione
per il riposo eterno dell’anima della esclusa. Termine ricezione offerte 25/01/2021 ore 12:00. Apertura il conferimento dei rifiuti differenziati, alla ditta EcoCon- con Det. n.104 in data 15/07/2020 alla ditta OGEME
di gara è disponibile sul sito internet del Comune di Falconara Ma-
ciare / la nostra speranza e la data da definirsi comunicata tramite successiva comunicazione.
trolGsm S.r.l. Importo euro 447.860,00 + iva. Invio all’ S.R.L. - con sede in Piedimonte Matese (CE) alla via
rittima, sede della C.U.C.: www.comune.falconara-marittima.an.it
Documentazione su
scomparsa, e chiedono al Signore
Pigna, n. 2 - Codice Fiscale e Partita IVA:
U.P.U.U.E.13/11/2019.
e presso l’Ufficio Comune operante come C.U.C. al quale pos-
nostra fiducia in te / E a mano a http://www.comune.santagatadegoti.bn.it/hh/index.php e 0245601061, con un ribasso del 35,815% e un im-
Il responsabile del procedimento
sono essere richieste informazioni - tel. 071/9177247-392,
www.asmecomm.it.
Gesù il conforto per coloro che Le
porto di aggiudicazione di € 642.582,3 oltre Iva.
giacomettlu@comune.falconara-marittima.an.it.

Il responsabile della stazione appaltante ing. Luca Zaccagnini


hanno voluto bene. mano a Cristo Signore / lì sopra Il responsabile della stazione appaltante e R.U.P.
Falconara Marittima, 30/12/2020

ing. Ciro Magliocca arch. Domenico Luigi Messuri


IL RESPONSABILE DELLA PROCEDURA DI GARA
il tuo viso è nato il sorriso / che Dott. Luca GIACOMETTI
martedì 5 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

A colloquio con il cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot

Il dialogo prosegue
di GIANLUCA BICCINI dalla recrudescenza in Europa è tenuta una giornata di stu-
del terrorismo di matrice isla- dio organizzata dall’ateneo

N
onostante la pan- mica, come dimostrano i tragi- dei gesuiti in collaborazione
demia, il dialogo ci fatti di Francia e Austria, con il Pontificio istituto di stu-
prosegue con nuo- l’amicizia tra il vescovo di Ro- di arabi e d’islamistica, intito-
ve forme e modali- ma e il capo spirituale della lata Educare a un’umanità più fra-
tà; anzi grazie alla consapevo- principale istituzione accade- terna: il contributo delle religioni.
lezza maturata tra molti leader mica dell’islam sunnita rap- «Ho messo in guardia dalla
religiosi si è addirittura raffor- presenta un punto fermo, im- disinformazione e dai pregiu-
zato. Merito di Papa France- prescindibile da cui partire. dizi che alimentano paure ed
sco che con i suoi gesti e il suo «E infatti il primo atto ufficia- odio. Perché, seppur diversi
magistero, da ultimo con Fra- le all’inizio dell’anno scorso è perché profondamente radica-
telli tutti nel capitolo 8, ha ri- stata il 6 gennaio la quinta riu- ti nelle rispettive tradizioni re-
marcato come «in un mondo nione dell’Higher Committee ligiose, dobbiamo dimostrare
disumanizzato, in cui l’indiffe- on Human Fraternity (Hchf) che costruire insieme ponti di
renza e l’avidità caratterizzano — l’Alto comitato costituito amicizia, fratellanza e collabo-
i rapporti tra le persone, sono per raggiungere gli obiettivi razione è giusto, ed è possibi-
necessari una nuova e univer- del Documento sulla fratellanza le», ricorda il cardinale, che L’incontro di preghiera per la pace tenutosi lo scorso 20 ottobre in Campidoglio
sale solidarietà e un nuovo umana — svoltasi nella capitale alla fine di febbraio è interve-
dialogo basato sulla fraterni- degli Emirati», esordisce il nuto a Ginevra a una celebra- In estate, quando sono state cardinale è intervenuto al G20 2019, durante il viaggio in
tà». Un duplice impegno che porporato, che presiede anche zione interreligiosa organizza- allentate o annullate le misure Interfaith Forum organizzato Thailandia.
il Pontificio Consiglio (Pcdi) il Comitato composto da se- ta dalla Missione permanente restrittive, il cardinale ha com- dal Centro internazionale per È datato 1° maggio quello
presieduto dal cardinale Mi- guaci delle tre grandi religioni della Santa Sede presso l’Uffi- piuto un viaggio a Sofia. «Dal il dialogo interreligioso e in- alla comunità islamica per il
guel Ángel Ayuso Guixot ha monoteistiche. cio delle Nazioni Unite e isti- 27 giugno al 1° luglio — dice — terculturale Re Abdullah bin mese di Ramadan — iniziato il
cercato di portare avanti a vari tuzioni specializzate, in colla- ho vissuto momenti molto si- Abdulaziz (Kaiciid), nel quale 23 aprile — e per l’Id al-Fitr
livelli — secondo il desiderio Nel ricordo borazione con la diocesi catto- gnificativi», come la messa la Santa Sede ha il ruolo di (1441 H. / 2020 A.D.), la festa
del vescovo di Roma — attra- del cardinale Tauran lica locale. Il porporato ha poi presieduta nella concattedrale fondatore-osservatore. che lo conclude. Al testo, che
verso «relazioni di rispetto e A metà mese, il 16, il presi- preso parte a un evento di alto latina, concelebrata da vescovi aveva per tema il rispetto e la
amicizia mediante cui difende- dente del Pontificio consiglio livello sulla libertà religiosa, e sacerdoti di entrambi i riti In Campidoglio protezione dei luoghi di culto
re l’uguaglianza tra esseri si è poi recato a Milano, dove che si inseriva nella cornice cattolici presenti in Bulgaria. la preghiera per la pace ed era stato preparato prima
umani». Il porporato, nel Non sono mancati incontri Tre giorni dopo, il 20, un del dilagare del coronavirus, è
tracciare un bilancio dell’anno importanti come quello con il altro appuntamento centrale stato aggiunto a margine l’au-
che si è appena concluso, par- patriarca ortodosso ed espo- del 2020: l’incontro di pre- gurio che cristiani e musulma-
la con la consapevolezza di chi nenti del santo Sinodo, con il ghiera per la pace “nello Spiri- ni, uniti in spirito di fraternità,
sa che questi temi hanno vice ministro degli Affari este- to di Assisi” promosso a Roma dimostrino solidarietà con l’u-
un’importanza strategica nel ri, competente per le questioni dalla Comunità di Sant’Egi- manità così duramente colpi-
pontificato di Bergoglio. sulle libertà religiose e i diritti dio. «Ha davvero trasformato ta, con l’auspicio di uscire da
umani, con il gran mufti e con per una sera l’Urbe nella capi- questo momento migliori di
Lungo il sentiero rappresentanti dell’ebraismo e tale mondiale della pace — os- prima. «Come è stata per noi
indicato da Papa Francesco dell’Alleanza protestante. serva il cardinale Ayuso Gui- la Pasqua — chiarisce Ayuso
«Il dialogo lo fa il Santo xot —. Il Papa, il patriarca Bar- Guixot — anche per loro in
Padre — dice il cardinale spa- No alla violenza tolomeo e altri capi religiosi in pratica è stato un Ramadan
gnolo — e noi cerchiamo di basata sulla religione rappresentanza dell’ebraismo, vissuto in una dimensione più
camminare lungo il sentiero Il 22 agosto il Pontificio dell’islam, del buddismo, del- interiore, perché l’aspetto co-
da lui indicato». Un sentiero Consiglio si è unito alla Gior- l’induismo, presente anche il munitario non poteva essere
che ha come pietre miliari il nata internazionale di comme- presidente della Repubblica celebrato».
Documento sulla fratellanza umana morazione delle vittime di atti italiana Sergio Mattarella, si Infine Riaccendiamo un clima
per la pace mondiale e la convivenza di violenza basati sulla religio- sono ritrovati per lanciare positivo e di speranza durante la
comune sottoscritto dal Pontefi- ne o sul credo indetta dall’O- “l’Appello di pace Roma pandemia da covid-19 e oltre è sta-
ce il 4 febbraio 2019 insieme al nu, rilanciando quanto detto 2020” e ribadire che “Nessuno to il leit-motiv del messaggio
Grande imam di Al Azhar, lo dal Papa, ovvero che Dio non si salva da solo”». agli induisti per le celebrazio-
sceicco Ahmad Al-Tayyeb, e vuole che il suo nome venga Il 29 ottobre il porporato è ni del Deepavali (ossia “fila di
l’enciclica sociale firmata il 3 Il cardinale Jean-Louis Tauran (1943-2018) usato per terrorizzare, e che intervenuto in diretta strea- lampade ad olio”), che iniziate
ottobre dell’anno seguente non si possono strumentaliz- ming a una tavola rotonda con il 14 novembre si sono protrat-
sulla tomba di san Francesco, l’Università cattolica del Sacro della sessione del Consiglio zare le religioni per incitare al- cui la Georgetown University te per tre giorni soprattutto in
l’umile frate che incontrò il Cuore aveva organizzato un dei diritti dell’uomo. Promos- l’odio, all’estremismo e al fa- di Washington ha commemo- Asia.
sultano Malik-al-Kamil in convegno in memoria del suo so di nuovo dalla missione natismo cieco. Quindi il 27 il rato il quinto anniversario del- E nel 2021? «Il dialogo pro-
Egitto. Nel 2020 segnato anzi- predecessore, il compianto permanente della Santa Sede, dicastero vaticano ha diffuso l’enciclica Laudato si’, e il 5 no- segue con grande speranza il-
tutto dal covid-19 ma anche cardinale Jean-Louis Tauran. stavolta in collaborazione con un documento congiunto con vembre al seminario online del luminati dalla Fratelli tutti»,
«Egli era convinto che le buo- la delegazione degli Emirati il World Council of Churches Consiglio delle Conferenze conclude il cardinale.
ne relazioni fra cristiani e mu- Arabi Uniti. L’incontro nella (Wcc), elaborato allo scopo di episcopali d’Europa (Ccee),
sulmani potessero dare un in- città svizzera è stato incentrato incoraggiare le Chiese, le co- sezione per il dialogo, per ri-
sostituibile contributo alla pa- sul godimento universale del munità e le organizzazioni cri- flettere sul tema della fraterni-
Nel segno ce, sostenendo che la vera mi-
naccia non fosse lo scontro di
diritto alla libertà di religione
o di credo. «Si tratta di passa-
stiane a riflettere sull’impor-
tanza della collaborazione tra
tà e il dialogo interreligioso.
Il Papa
della civiltà, piuttosto lo scontro di
ignoranze e di radicalismi»,
re dalla semplice tolleranza al-
la convivenza fraterna — sotto-
i credenti in tempo di pande-
mia e per ripensare il mondo
I messaggi
alle comunità religiose non celebrerà
riconciliazione commenta l’intervistato, ag-
giungendo che in quegli stessi
linea il nostro interlocutore —
condannando le conversioni
post-covid. Suddiviso in cin-
que sezioni, il documento of-
Per quanto riguarda i tradi-
zionali messaggi augurali —
i battesimi
giorni usciva la prefazione da forzate a una particolare reli- fre una base cristiana alla “so- firmati dal presidente e dal se- nella Sistina
Il Pontificio Consiglio per lui scritta per Accenti, collana gione o cultura, o a uno stile lidarietà interreligiosa”, indi- gretario, monsignor Indunil
la promozione dell’unità digitale di «Civiltà Cattolica» di civiltà contrari al back- cando una serie di raccoman- Janakaratne Kodithuwakku A causa della situazione di
dei cristiani e la Federazio- sviluppata intorno a parole- ground di origine». dazioni. «Questi temi — spie- Kankanamalage — che il Pon- emergenza sanitaria, in via
ne luterana mondiale han- chiave ispirate all’attualità. A partire dal mese di mar- ga il comboniano — facevano tificio Consiglio invia ogni an- precauzionale, quest’anno
no annunciato la pubblica- A inizio febbraio la comme- zo, con l’arrivo del covid-19 e già parte dell’agenda del Pcdi no in occasione delle principa- non si celebrerà il tradizio-
zione della traduzione ita- morazione del primo anniver- il conseguente lockdown, an- e del Wcc fin dall’anno prima. li ricorrenze alle comunità reli- nale battesimo dei bambini
liana aggiornata della Di- sario del Documento sulla fratel- che l’attività del Pcdi si è svol- La pandemia ha solo dato im- giose con cui è in dialogo, il 3 presieduto dal Papa, nella
chiarazione congiunta sulla dot- lanza umana ha riportato il car- ta prevalentemente in modali- pulso al progetto, incorag- aprile c’è stato quello ai bud- cappella Sistina, la dome-
trina della giustificazione. È un dinale Ayuso in terra emirati- tà online: e così il 12 maggio il giando una risposta tempesti- disti per la festa di Vesakh/Ha- nica del Battesimo del Si-
passo significativo compiu- na: «C’erano i principali lea- presidente si è collegato in vi- va, perché la crisi ha messo a namatsuri, intitolato Costruiamo gnore. Lo comunica la Sala
to nello sforzo di garantire der del Paese ospitante e una deoconferenza da Roma con nudo ferite e fragilità». una cultura di compassione e frater- stampa della Santa Sede. I
una più ampia divulgazio- ventina di capi religiosi — tra New York, dove nel Palazzo di Uno dei momenti chiave nità, che riprende l’espressione battesimi saranno celebrati
ne dell’accordo ecumenico cui il Patriarca ecumenico Bar- Vetro si svolgeva un’iniziativa del 2020 è stato senza dubbio usata dal Papa nel rivolgersi a nelle rispettive parrocchie
per la sua continua ricezio- tolomeo I — giunti dai cinque organizzata dalla missione quello vissuto il 4 ottobre, Bangkok al patriarca supremo di appartenenza delle fami-
ne. La traduzione aggior- continenti; con loro i rappre- permanente del Regno del quando il cardinale Ayuso dei buddisti, il 21 novembre glie dei neonati.
nata e i testi che l’accompa- sentanti di organizzazioni cul- Marocco, per rilanciare la Guixot è stato chiamato a pre-
gnano sono stati resi pub- turali ed educative di matrice Giornata di preghiera, di di- sentare l’enciclica Fratelli tutti
blici nel 500° anniversario interreligiosa e membri del- giuno e di opere di carità, in- nell’Aula nuova del Sinodo in
della scomunica di Martin l’Hchf. Durante le sessioni, detta per il giorno 14 dall’Alto Vaticano con il cardinale Pie-
Lutero (3 gennaio 1521).
«Non possiamo annullare
sono stati tra l’altro trasmessi
due videomessaggi dei firma-
comitato per la fratellanza
umana, al fine di invocare il
tro Parolin, segretario di Stato,
Mohamed Mahmoud Abdel NOSTRE INFORMAZIONI
la storia della separazione, tari del Documento, si sono al- Signore «a una sola voce» per Salam, segretario generale del-
ma essa può entrare a far ternate varie testimonianze ed porre fine alla pandemia. Ol- l’Hchf, Anna Rowlands, pro- Provvista di Chiesa
parte della nostra storia di è stata annunciata l’adozione tre a Papa Francesco e al se- fessoressa di Catholic Social
riconciliazione» spiegano il di un Codice etico per la fra- gretario generale dell’O nu, Thought & Practice all’Uni- Il Santo Padre ha nominato Vescovo di Buéa
cardinale presidente Kurt tellanza umana destinato ai António Guterres, numerosi versità di Durham, e Andrea (Camerun) Sua Eccellenza Monsignor Michael
Koch e il reverendo Martin media». capi delle principali religioni e Riccardi, docente di Storia Miabesue Bibi, finora Vescovo titolare di Amu-
Junge, segretario generale Venti giorni dopo, alla Pon- di organismi internazionali contemporanea. darsa e Ausiliare dell’Arcidiocesi Metropolita-
della Federazione luterana. tificia università Gregoriana si hanno risposto all’invito. Sempre a ottobre, il 17, il na di Bamenda.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO martedì 5 gennaio 2021

L’Epifania nell’arte

Gaetano
Previati,
«Adorazione
dei Magi»
(1896)

Jacques-Joseph Tissot,
«Viaggio dei Magi»
(1889)

Pieter Bruegel
il Vecchio,
«L’Adorazione
dei Magi
nella neve»
(1563)

Bartolomé
Esteban
Murillo,
«Adorazione
dei Magi»
(1655)

Artemisia Gentileschi,
«L’Adorazione dei Magi» (1636-1637)

Nell’immagine sullo sfondo:


Vittorio Zecchin, «Adorazione dei Magi»,
«I Re Magi» (1932) copia intessuta nel 1894
da un disegno
di Edward Burne-Jones