Sei sulla pagina 1di 4

LEZIONE 9

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il Presidente della Repubblica il capo dello stato e rappresenta lunit nazionale.


Non comanda alcuno dei tre fondamentali poteri dello Stato ma rappresenta in senso
simbolico lo stato in ununica persona.
Secondo la Costituzione pu essere eletto presidente chi:
cittadino italiano
in possesso dei diritti civili e politici
purch abbia compiuto 50 anni
Eeletto dal Parlamento in seduta comune integrato da tre delegati per ogni Regione, eletti dal
Consiglio Regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze (2
maggioranza, 1 opposizione); solo la Valle dAosta in ragione della sua dimensione ha un solo
rappresentante.
NB. la decisione di allargare la base elettorale del P.d.R. non molto rilevante da un punto di
vista quantitativo ma lo da quello qualitativo: con essa si vuole mostrare che il presidente
espressione dellintera comunit nazionale, considerata anche nelle sue articolazioni
territoriali.
Lelezione avviene a > scrutinio segreto
(garanzia che la scelta corrisponda ad unintima convinzione e non
soltanto alle direttive dei partiti rappresentati in parlamento)
> maggioranza qualificata dei 2/3 nelle prime tre votazioni
> maggioranza assoluta dei componenti nelle successive
Il mandato di sette anni, due in pi rispetto alla durata ordinaria delle Camere e il
presidente uscente rieleggibile senza limiti. Una volta cessato dalla carica lex presidente
assume, salva sua rinuncia la qualifica di senatore a vita.
Il presidente eletto prima di assumere le funzioni presta giuramento di fedelt alla Repubblica
o osservanza della Costituzione davanti al Parlamento in seduta comune (non integrata), per
prassi seguito da un discorso.
La formula costituzionale enuncia contemporaneamente i fondamentali doveri del Presidente
la cui trasgressione d luogo ai soli reati per i quali sia prevista una responsabilit
presidenziale: alto tradimento e attentato alla costituzione.
I sette anni del mandato decorrono dal giorno del giuramento. Durante questo periodo, il
P.d.R. dispone di un assegno personale e di una dotazione (beni immobili di propriet del
demanio statale messi a disposizione del Presidente).
Cessazione della carica
La cessazione dalla carica presidenziale avviene per:
scadenza del mandato
morte
impedimento permanente
dimissioni
decadenza a seguito della perdita di uno dei requisiti di eleggibilit
destituzione per effetto di sentenza di condanna pronunciata dalla Corte costituzionale
per reati alto tradimento o attentato alla Costituzione.
> Nel caso in cui il mandato si concluda normalmente dopo 7 anni:
Normalit: 30 giorni prima della scadenza del mandato, il Presidente della Camera
deve convocare il Parlamento in seduta comune per lelezione del nuovo P.d.R.
Eccezione: se le camere sono sciolte o mancano meno di 3 mesi alla loro cessazione, la
riunione ha luogo entro 15 giorni dalla riunione delle nuove Camere
Nel frattempo sono prorogati i poteri del Presidente in carica.
> Per altre cause di cessazione:
Normale: se per morte, dimissioni, destituzione o impedimento permanente del P.d.R.
in carica si deve procedere allelezione di un nuovo presidente, il Presidente della
Camera convoca il Parlamento in seduta comune entro 15 gg.
Eccezione: se le camere sono sciolte o mancano meno di 3 mesi alla loro cessazione, la
riunione ha luogo entro 15 giorni dalla riunione delle nuove camere.
Nel frattempo, le funzioni del P.d.R. sono esercitate in via suppletiva dal Presidente del Senato.
Responsabilit penale
Il presidente risponde penalmente per:
Reati commessi nellesercizio delle funzioni:
> Sul piano sostanziale: risponde solo per attentato alla costituzione e alto tradimento.
Lirresponsabilit sugli altri atti si collega alla responsabilit assunta tramite la
controfirma dai ministri proponenti.
> Sul piano processuale: risponde davanti alla Corte costituzionale (in formazione
integrata dai 16 cittadini) la quale pu sospenderlo dalla carica e adottare misure
limitative della libert.
Reati commessi al di fuori dellesercizio delle sue funzioni:
> Sul piano sostanziale non gode di alcuna immunit (diversamente dai membri del
parlamento)
> Sul piano processuale gode di una temporanea improcedibilit in sede penale
> Controfirma ministeriale:
Nessun atto del Presidente della Repubblica valido se non controfirmato dai Ministri
proponenti che ne assumono la responsabilit. 2. Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri
atti indicati dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del Consiglio
controfirma come condizione di validit di tutti gli atti presidenziali
NB: In via di prassi, sono esclusi dalla controfirma:
gli atti c.d. personalissimi, es. dimissioni
gli atti adottati come presidente di un organo collegiale (CSM, CSD)
le manifestazioni di opinione diversi dai messaggi formali
gli atti di esercizio dellautonomia organizzativa della Presidenza della Repubblica
(regolamenti interni)
Il conferimento dellincarico nella fase di risoluzione delle crisi di Governo
Poteri del Presidente della Repubblica vs Parlamento
Scioglimento anticipato di una o entrambe le camere
Nomina di cinque senatori a vita
Poteri di esternazione
> messaggi formali e informali alle camere
> messaggi in sede di rinvio di una legge
Promulgazione e rinvio delle leggi
Convocazione straordinaria della Camere
1. Scioglimento anticipato
La durata della legislatura di Camera e Senato fissata in 5 anni ma la costituzione prevede
due eccezioni: > proroga con legge in caso di guerra
> riduzione mediante lo scioglimento anticipato delle Camere disposto
con decreto dal Presidente della Repubblica.
Il decreto di scioglimento delle Camere controfirmato dal Governo in funzione di controllo
sulla decisione presidenziale da parte dellorgano espressivo della maggioranza parlamentare
Lo scioglimento anticipato delle Camere rappresenta uno dei pi significativi strumenti di
razionalizzazione della forma di governo parlamentare: consente di superare uno stato di
irrimediabile disfunzionalit politica o istituzionale.
Nella prassi italiana, si tratta di un atto che pu essere dettato da esigenze di corretto
funzionamento (scioglimento tecnico di una camera), dallimpossibilit di formare una
maggioranza politica in grado di garantire la governabilit o dal mutamento radicale del
sistema elettorale.
NB: > Pu essere esercitato solo dopo aver sentito i presidenti di Camera e Senato il cui
parere obbligatorio non per vincolante.
> Lesercizio del potere non pu avvenire negli ultimi sei mesi del mandato
presidenziale (semestre bianco) per evitare che il presidente possa essere tentato di
sciogliere le camere sperando in un Parlamento a lui pi favorevole.
ma nel tempo si aggiunta una deroga al divieto per lipotesi che gli ultimi sei mesi
coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura.
In ogni caso se ha luogo lo scioglimento finch non siano riunite le nuove camere sono
prorogati i poteri delle precedenti, anche se in maniera limitata.
2. Promulgazione e rinvio delle leggi
La promulgazione la fase integrativa dellefficacia della legge = quando entrambe le camere
approvano lo stesso testo, la legge trasmessa dal governo al Presidente della Repubblica per
la promulgazione.
La trasmissione della legge al P.d.R. accompagnata da un messaggio del presidente della
camera che ha approvato per ultima che attesta la regolarit del procedimento.
> La promulgazione da parte del presidente della repubblica deve avvenire:
- di regola entro 30 gg dallapprovazione del parlamento
- entro un termine minore, se entrambe le camere ne dichiarano lurgenza
La fase della promulgazione ha il compito di consentire al P.d.R. di svolgere un duplice
controllo sulla legge:
Controllo formale: verifica che entrambe le Camere abbiano approvato un identico
testo di legge e che sia stato rispettato il procedimento legislativo
Controllo sostanziale: il presidente deve verificare la legittimit costituzionale della
legge (es: non indica i mezzi con i quali far fronte a nuove spese) ma non ha sindacato
sul merito politico (non pu rinviarle per disaccordo sullindirizzo politico con esser
perseguito) Tra questi due estremi esiste una zona grigia = merito costituzionale
Se non supera il controllo il P.d.R. rinvia la legge al Parlamento assieme ad un messaggio
motivato in cui illustra le ragioni del rinvio.
Ma se le camere approvano nuovamente la legge, anche senza alcuna modifica, questa deve
essere promulgata = il veto presidenziale un veto sospensivo in quanto il rinvio ammesso
una sola volta. Lunica eccezione in cui il P.d.R pu rifiutare una legge quella in cui la
promulgazione potrebbe determinare la sua responsabilit penale.

Poteri del Presidente della Repubblica vs Governo


Nomina del Presidente del consiglio e soluzione delle crisi di governo
Autorizzazione alla presentazione alle camere dei disegni di legge del governo
Emanazione degli atti normativi del Governo (decreti legge, legislativi, regolamenti)
Poteri in materia di politica militare e internazionale
1. In politica estera svolge un importante ruolo di controllo sul rispetto dei valori
costituzionali attraverso: > la ratifica dei trattati internazionali predisposti dal governo e
autorizzati ove necessario dal parlamento
> laccreditamento dei rappresentanti diplomatici esteri
2. In politica militare > presiede il Consiglio Supremo di Difesa (CSD) e ha il compito di
esaminare i problemi generali politici e tecnici attinenti alla difesa
nazionale e determinare i criteri e fissare le direttive per
lorganizzazione ed il coordinamento delle attivit che comunque
la riguardano.
> dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere

Poteri del Presidente della repubblica vs Magistratura e Corte costituzionale


Nomina cinque giudici della corte costituzionale
Presiede il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM)
Concede la grazia: fino al 1992 era il P.d.R. ad adottare su delega del parlamento i
provvedimenti di amnistia e indulto (amnistia= estinzione del reato, indulto= estinzione
pena) MA era il Parlamento a predeterminare il contenuto del decreto presidenziale. Oggi
rimane solo al P.d.R. soltanto, il potere di adottare provvedimenti individuali di concessione
della grazia o di commutazione della pena.

Altri poteri del Presidente della Repubblica


Indizione della data delle elezioni e dei referendum
Fissazione della prima riunione delle nuove Camere successivamente allelezione (non oltre il
20esimo giorno dalle elezioni)
Conferimento delle onorificenze della Repubblica
Emanazione dei decreti di scioglimento dei Consigli regionali e di rimozioni del presidente
della Giunta regionale che abbiano compiuto atti contrari alla costituzione o gravi violazioni
ovvero per ragioni di sicurezza nazionale.

Classificazione degli atti presidenziali


Possono classificarsi in tre grandi categorie:

Atti formalmente Atti formalmente e Atti sostanzialmente


presidenziali e sostanzialmente complessi:
sostanzialmente presidenziali: Il loro contenuto
governativi: Il capo dello stato gode di predisposto e voluto
Il loro contenuto unampia sfera di sia dal Presidente della
predisposto e voluto dai discrezionalit e la Repubblica sia dal
governo e il capo di stato controfirma governativa Governo:
esercita solo controllo di assume una funzione di > Nomina Presidente
legittimit, controllo ad accettare la del consiglio dei
eventualmente pu legittimit dellatto. ministri
richiederne il riesame. > Nomina 5 senatori a vita > Scioglimento delle
> Decreti P.d.R. > Nomina 5 giudici CC camere
contenenti decreti legge, > Nomina 8 esperti CNEL
decreti legislativi e > Rinvio legge alle camere
regolamenti e atti che > Promulgazione leggi
siano espressione della > Messaggi presidenziali
funzione amministrativa. > Concessione grazia