Sei sulla pagina 1di 5

Deserto

Distribuzione dei deserti

Deserto
Deserto di Atacama Savana
Tundra
In geograa, il deserto denito come un'area della Clima glaciale
supercie terrestre, quasi o del tutto disabitata, di alta
pressione atmosferica da cui le masse d'aria si allonta-
nano sospinte dai venti nella quale le precipitazioni dif- il deserto e analogamente si usava la parola Desheret per
cilmente superano i 250 millimetri l'anno e il terreno identicare il colore rosso), a rappresentare l'inospitalit
prevalentemente arido, con scarsa o nulla vegetazione[1] . che tale luogo dava.
Tra i deserti, in base a questa denizione, vanno annove-
rate anche le Regioni polari, oltre alle pi familiari zone
aride che si incontrano alle medie e basse latitudini.
2 Descrizione, estensione e posizio-
Sotto il prolo geomorfologico il deserto pu compren-
dere montagne, altopiani o pianure ruvidi e aspri, occu-
namento
pando a volte bacini contornati da montagne. La super-
cie pu essere rocciosa, ghiaiosa o sabbiosa: i paesaggi Un deserto un ecosistema che riceve pochissima pioggia
caratteristici con le dune e la sabbia spazzata dal vento e di solito si pensa che possegga poca vita, ma questo di-
sono solo uno dei tanti aspetti con cui pu presentarsi un pende dal tipo di deserto; in molti la vita abbondante,
deserto. la vegetazione si adattata al basso tasso di umidit e la
fauna solitamente si nasconde durante il giorno, il che si-
Alternativamente la parola deserto viene utilizzata per
gnica che un deserto un ecosistema solitamente arido
indicare un luogo non abitato da esseri umani e scarsa-
(la sua pi grande caratteristica) e che quindi rende dif-
mente abitato da altre specie viventi: anche in base a que-
coltoso, se non talvolta impossibile, l'instaurazione per-
sta denizione, i deserti comprendono i luoghi dal clima
manente di gruppi sociali. I deserti costituiscono una del-
rigido, come l'Antartide e la tundra o pi in generale le
le aree emerse pi grandi del pianeta: la loro supercie
Regioni polari.
totale di 50 milioni di chilometri quadrati, circa un ter-
zo della supercie della Terra. Rappresenta il 30% delle
terre emerse, (il 16% costituito da deserti caldi, il 14%
1 Etimologia da deserti freddi).
Gran parte dei deserti del mondo si trovano in zone carat-
La parola deserto non solo un sostantivo ma anche un terizzate da alta pressione costante (cfr.: anticiclone), cio
aggettivo col signicato di solo, abbandonato. Il latino una condizione che non favorisce la pioggia. Tra i deserti
desertum deriva dal verbo deserere che signica abbando- di queste aree vi sono: il deserto del Sahara (il pi grande
nare. Deserere, a sua volta, composto da de, con valore deserto caldo del pianeta Terra), il Kalahari, e il deserto
negativo, e serere (legare) quindi non pi legato. del Namib nell'Africa meridionale; il Gran Deserto Sab-
La parola deserto potrebbe derivare anche dal nome del bioso, in Australia, il deserto del Gobi (o Cham), il Ka-
Dio egizio della distruzione, aridit e dei deserti Seth (in rakum, il deserto di Taklamakan in Cina, il Rub' al-Khali
lingua egizia si usava il termine Desher per identicare in Arabia, il deserto del Negev, il deserto del Mojave, e il

1
2 3 CARATTERISTICHE

deserto di Atacama nelle Americhe solo per citarne alcuni 3 Caratteristiche


dei pi vasti.
Gran parte di deserti sono localizzati all'interno dei
continenti, vale a dire distanti dal mare: come ad esem-
pio, il deserto del Gobi e altri deserti dell'Asia centrale,
che dicilmente vengono raggiunti dai venti umidi dagli
oceani.
I deserti lungo le coste occidentali dell'Africa austra-
le e del Sud America sono inuenzati dalla presenza di
correnti oceaniche fredde che causano deumidicazione
nell'atmosfera.

2.1 Tipologie

Mare di Ross, Antartide

L'unico bioma nel quale la pioggia pu mancare per an-


ni il deserto. Se ne possono distinguere tre tipologie
principali:
Deserto in Marocco
Deserto caldo, deserto roccioso dove il suolo costi-
tuito da pietre o ciottoli chiamati con la parola araba I paesaggi desertici possiedono alcune caratteristiche
di hammada; pu essere anche ghiaioso, chiamato comuni.
serir, oppure sabbioso a dune, chiamato erg, presen-
ti nelle regioni tropicali, caratterizzate da accentua-
3.1 Caratteristiche dei deserti
ta aridit, vegetazione ridotta o assente, mancanza di
corsi d'acqua perenni, tendenza alla siccit; il clima a I deserti per via delle loro condizioni climatiche possono
cui si associa tale ambiente il clima desertico caldo essere classicati come
(secondo la classicazione dei climi di Kppen);
Deserto freddo (chiamato anche, un po' impropria- deserti caldi sono spesso composti per la stragrande
mente, deserto temperato), presente nelle regioni maggioranza da sabbia, che per l'azione del vento d
temperate pi continentali, caratterizzate da fortis- luogo alle caratteristiche dune. Anche aoramenti
sima aridit e da notevolissime escursioni termiche di strutture rocciose sono abbastanza comuni e la
annue di temperatura, con estati caldissime e inverni vegetazione molto scarsa.
freddissimi; il clima a cui si associa tale ambiente
deserti freddi sono spesso composti da rocce.
il clima desertico freddo (secondo la classicazione
dei climi di Kppen); deserti polari sono invece composti soprattutto da
ghiaccio e l'assenza di vegetazione quasi totale.
Deserto polare (deserto bianco), presenti nelle regio-
ni settentrionali e meridionali a margine dei con-
tinenti boreali e australi (Groenlandia, Artide e Deserti caldi e freddi sono accomunati comunque da un
Antartide), caratterizzate da freddo intenso e peren- fattore preponderante: il vento.
ni distese di neve e ghiaccio; il clima a cui si as- Non raro che i deserti possano contenere depositi di
socia tale ambiente il clima glaciale (secondo la minerali preziosi formatisi in un ambiente arido, o espo-
classicazione dei climi di Kppen). sti successivamente a causa dell'erosione dell'ambiente
3

circostante. A causa della siccit, taluni deserti possono 4 Deserticazione


essere ideali per la conservazione di manufatti o fossili.
La deserticazione il processo di degradazione del
3.2 Tipi di deserto suolo, causato da attivit solitamente umane che lo porta
a diventare un deserto, questo processo, generalmente ir-
La maggior parte delle classicazioni si basano su alcune reversibile interessa tutti i continenti con delle variazioni
combinazioni del numero di giorni, di pioggia, il totale di intensit
della quantit annuale di pioggia, temperatura, umidit o Fattori predisponenti
altri fattori.
Nel 2010 Peveril Meigs divise il deserto in tre categorie Ecosistemi delicati
secondo la quantit di precipitazioni che riceve:
Litologia
Terreno estremamente arido: pu mancare anche per
12 mesi consecutivi la pioggia Idrologia
Paesaggio arido: meno di 250 mm per anno di
Geomorfologia
piovosit
Paesaggio semiarido: media annuale di precipitazio- Scarsa copertura vegetale
ni tra 250 e 500 mm.
Le cause umane principali sono:
I deserti interni vengono suddivisi in:

hammada deforestazione

erg agricoltura eccessiva


serir o reg
urbanizzazione
I paesaggi aridi e estremamente aridi sono deserti e
le praterie semiaride sono da riferimento alle steppe. discariche e inquinamento
Phoenix, Arizona riceve meno di 250 mm di precipita-
zioni all'anno, ed riconosciuta come una citt a clima incendi
desertico.
sfruttamento eccessivo di risorse

uso scorretto di sostanze nocive

cattive pratiche di salinizzazione dei suoli

Le cause naturali invece sono:

variazioni di temperatura (es. l'artico)

siccit prolungate

erosione del terreno


Area protetta di Wadi Rum, in Giordania

Anche il nord di un pendio dell'Alaska riceve meno di 250 I luoghi pi a rischio sono:
mm di precipitazioni per anno, ma non generalmente
riconosciuto come deserto. la parte a nord-ovest dell'America
In alcune regioni la scarsit di acqua caratterizzata dal-
la presenza in supercie di distese di sale che ricoprono le coste australiane
interamente la supercie desertica; spesso queste regioni
sono il risultato di fondali di antichi laghi o fondali mari- i paesi africani a lato del deserto del Sahara
ni, dove il vento pu essere fattore rilevante nel plasmare
il paesaggio. la parte dell'Asia pi occidentale
4 11 COLLEGAMENTI ESTERNI

5 Abitanti 7 Note
[1] Secondo Cos un deserto?, pubs.usgs.gov. URL consul-
5.1 Umani tato il 1 settembre 2010., questa denizione dovuta a
Peveril Meigs
Esistono popolazioni nomadi come i Tuareg, che vi-
vono nel deserto in trib formate da poche persone,
all'incirca 30 o 40 membri. Essi si dedicano soprattutto 8 Bibliograa
alla pastorizia e all'agricoltura, sviluppata nelle oasi (for-
matesi quando l'acqua sotterranea aora solo in zone ri-
John Cloudsley-Thompson, I deserti, Novara, Isti-
strette). Per proteggersi dagli intensi raggi del sole, i Tua-
tuto geograco De Agostini, 1977, ISBN non
reg devono coprirsi completamente lasciando liberi solo
esistente.
occhi e bocca. Usano indossare il caftano, una lunga veste
coperta a sua volta da numerosi teli. Inoltre nel deserto vi Folco Quilici, I grandi deserti, Milano, Rizzoli,
sono presenti anche trib di boscimani. 1969, ISBN non esistente.

5.2 Fauna 9 Voci correlate

Animali tipici dei deserti sono il cammello (in Asia) ed Deserti pi grandi del mondo
il dromedario (in Nordafrica e nei deserti dell'Arabia), Clima desertico
utilizzati dalle popolazioni locali come animali da soma
e come cavalcatura. Hanno entrambi zampe piatte, adat- Duna
te a camminare sulla sabbia, un mantello molto folto per
proteggersi dai raggi solari ed una (il dromedario), o due Erg (deserto)
(il cammello) caratteristiche gobbe formate da riserve di Oasi
grasso, che, assieme a una notevole quantit di energia,
producono come sottoprodotto della Beta ossidazione dei Serir
lipidi, circa 0,5 litri di acqua (acqua metabolica) per ogni
kg di massa catabolizzata, preziosa per sopravvivere nelle Uadi
dicili condizioni ambientali del deserto. Tra gli animali
desertici, vi sono: i suricati che vivono in grandi colonie.
Per sopravvivere alla scarsit di cibo si nutrono di una 10 Altri progetti
dieta varia e costruiscono profonde gallerie per raggiun-
gere eventuali falde acquifere nel sottosuolo. Anche varie
specie di uccelli abitano il deserto, cos come molti rettili, Wikiquote contiene citazioni di o su deserto
tra cui serpenti e sauri. Altre specie presenti nei deser-
ti sono il fennec (volpe del deserto), alcune gazzelle, il Wikizionario contiene il lemma di dizionario
coyote, la vipera dal corno e la formica sahariana. deserto

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su deserto
5.3 Flora

Sono poche le piante che si sono adattate alla siccit del 11 Collegamenti esterni
deserto e quelle che ancora vivono nei deserti sono per
lo pi dei semi che aspettano le precipitazioni per ger-
Deserto, in Thesaurus del Nuovo soggettario,
mogliare e nire il ciclo vitale prima della ne di que-
BNCF, marzo 2013.
st'ultime. Vi sono anche piante che hanno trasformato le
loro foglie in spine per raccogliere pi umidit possibile,
come i cactus in America.

6 Deserti nel mondo

(In corsivo i deserti polari)


5

12 Fonti per testo e immagini; autori; licenze


12.1 Testo
Deserto Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Deserto?oldid=88577497 Contributori: Snowdog, Robbot, Gianfranco, Gac, Ary29, Carlo-
morino, Retaggio, Carnby, Alobot, Gmel, Ares, ZeroBot, Luisa, Senza nome.txt, Cloj, Moongateclimber, Framo, Esculapio, .snoopy.,
Elwood, Mario1952, Rojelio, Rollopack, Klaudio, SashatoBot, Bobdede, Yuma, Marianopasquali, AttoRenato, Thijs!bot, Osk, Burgundo,
Dardorosso, Escarbot, Bart ryker, Giovannigobbin, .anaconda, Iardo, .anacondabot, DorianaV., Brownout, JAnDbot, Vituzzu, Remulazz,
Bramfab, MalafayaBot, Frazzone, Maquesta, Barbaking, MelancholieBot, Numbo3, Flavio.brandani, RolloBot, Snow Blizzard, Rei-bot,
Minelita, Bot-Schafter, Achillu, Diesis, DodekBot, TXiKiBoT, Sailor-Sun, VolkovBot, LukeWiller, Avesan, Abbot, Idioma-bot, Aracua-
no, BotMultichill, Gerakibot, SieBot, Harlock81, Phantomas, Pracchia-78, Triple 8, Azrael555, Tia solzago, A7N8X, Zio Illy, PipepBot,
Albrechtseele, Ask21, .avgas, Buggia, DragonBot, Quaro75, Dr Zimbu, Zetazeti, No2, Ricce, Alexbot, Ticket 2010081310004741, BOTa-
rate, FixBot, Zavijavah, Ptah, Nalegato, IagaBot, SuperGabri, Guidomac, Kunturweb, Martin Mystre, Marco 27, Luckas-bot, Etrusko25,
FrescoBot, Roma159, Jotterbot, AttoBot, ArthurBot, DSisyphBot, Cinesejr, Alessandro bertoli, Franco3450, YukioSanjo, Ggx4arch, Fe-
rocact, Xqbot, Ciao89, AushulzBot, Euphydryas, LucienBOT, RibotBOT, L736E, MauritsBot, TobeBot, Pter, Horcrux92, TjBot, Keltor-
rics, Ripchip Bot, GrouchoBot, Nubifer, EmausBot, Eirenes, ZroBot, Aleksander Sestak, Taueres, Twin2, Giacomo Seics, Ennio Annio,
Shivanarayana, ChuispastonBot, Bradipo Lento, WikitanvirBot, Christihan, MerlIwBot, Adamanttt, Atarubot, Aplasia, Pil56-bot, Alessio-
Mela, Lucarosty, Botcrux, AlessioBot, Adalingio, ValterVBot, Napy65, Euparkeria, Dimitrij Kasev, Bellatrovata, Charizardmomo, R5b43,
Antonio Mette, Nesca123, Edoardo Gili Broz, Adalhard Wae, Tcjtdu4 e Anonimo: 212

12.2 Immagini
File:Commons-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Con-
tributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
File:Dunes.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/35/Dunes.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Bertrand
Devouard ou Florence Devouard Artista originale: Bertrand Devouard ou Florence Devouard (User:Anthere)
File:Erioll_world.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9a/Erioll_world.svg Licenza: LGPL Contributori: http:
//web.archive.org/web/20060902154559/perso.orange.fr/eriollsdesigns/icons.html Artista originale: Adrien Faclina
File:Morocco_Africa_Flickr_Rosino_December_2005_84514010_edited_by_Buchling.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/
wikipedia/commons/c/c5/Morocco_Africa_Flickr_Rosino_December_2005_84514010_edited_by_Buchling.jpg Licenza: CC BY-SA
2.0 Contributori: Flickr Artista originale: Rosa Cabecinhas and Alcino Cunha
File:NOAA_Royal_Society_Range.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/81/NOAA_Royal_Society_Range.
jpg Licenza: Public domain Contributori: http://www.photolib.noaa.gov/htmls/corp2547.htm
Artista originale: Michael Van Woert, NOAA NESDIS, ORA
File:Nota_disambigua.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bc/Nota_disambigua.svg Licenza: Public domain
Contributori: Trasferito da it.wikipedia su Commons. Artista originale: Krdan Ielalir di Wikipedia in italiano
File:Sunflower_d1.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1e/Sunflower_d1.png Licenza: CC BY-SA 2.5
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Trockenklimate.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6c/Trockenklimate.png Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: Own work on the basis of the following data: Artista originale: LordToran
File:ValleLuna-002.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/93/ValleLuna-002.jpg Licenza: CC BY-SA 2.0 de
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Wadi_Rum_Protected_Area,_Jordan.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9c/Wadi_Rum_Protected_
Area%2C_Jordan.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0-igo Contributori: Questo le stato fornito dall'UNESCO (unesco.org) come parte di una
collaborazione GLAM-Wiki. Artista originale: Alessandro Balsamo
File:Wikiquote-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fa/Wikiquote-logo.svg Licenza: Public domain
Contributori: Opera propria Artista originale: Rei-artur
File:Wiktionary_small.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f9/Wiktionary_small.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: ? Artista originale: ?

12.3 Licenza dell'opera


Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0