Sei sulla pagina 1di 6

PIZZETTI ILDEBRANDO

Parma 20/09/1880 Roma 13/02/1968

Studi pianoforte col padre Odoardo, pianista e professore di teoria della Scuola musicale di Reggio
Emilia, dove il Pizzetti visse i primi anni di vita, dimostrando prestissimo una grande passione per il
teatro. Frequent il ginnasio e nel 1895 entr nel Conservatorio di Parma. Vi studi per sei anni
armonia e contrappunto con Telesforo Righi e approfond la conoscenza del canto gregoriano e della
musica vocale e strumentale dei secoli XV e XVI attraverso linsegnamento di Giovanni Tebaldini,
direttore dellistituto. Dopo aver esercitato linsegnamento privato e svolto per due stagioni (1901-
1902) lattivit di maestro sostituto di C. Campanini e A. Conti al Teatro Regio di Parma, ottenne la
cattedra di composizione al Conservatorio della citt (1907). Frattanto, dopo vari tentativi (Romeo e
Giulietta, Lena, Mazeppa, Aeneas) di accostarsi a Shakespeare, Byron, Corneille, Puskin e Ovidio,
scrisse la musica di scena per La Nave di DAnnunzio e nel 1908 esordi con questa opera al Teatro
Argentina di Roma, dando inizio a un lungo periodo di amicizia e collaborazione con il poeta, che lo
battezz Ildebrando da Parma. Nello stesso anno divenne professore di armonia e contrappunto
nellIstituto Musicale L. Cherubini di Firenze, che diresse dal 1917 al 1924. Questa citt influ con la
sua atmosfera culturale sulla formazione del Pizzetti, che vi fond con E. Consolo la Societ degli
Amici della Musica e con G. Bastianelli la pubblicazione periodica Dissonanze, organo della musica
contemporanea in Italia, e frequent la cerchia di Bastianelli, Papini, Soffici, Salvemini, Prezzolini e
De Robertis, raccolti intorno al periodico La Voce. Dal 1924 al 1936 diresse il Conservatorio di
Milano, svolgendo pure attivit di direttore di concerti e di opere proprie. Dopo aver compiuto una
tourne in America (1929), dove tra laltro present al Metropolitan Fra Gherardo, nel 1936
succedette a Respighi come titolare della cattedra di perfezionamento in composizione allAccademia
di Santa Cecilia in Roma, che tenne fino al 1958. Fu presidente dellAccademia dal 1948 al 1951.
Accademico dItalia dal 1939, nel 1931 vinse il Premio Mussolini per la musica, nel 1950 vinse il
Premio Italia con lopera radiofonica Ifigenia e nel 1958 ebbe il premio internazionale Feltrinelli.
Svolse attivit di critico musicale sul Secolo di Milano (1910), sulla Tribuna di Roma (1937), sulla
Nazione di Firenze e su vari periodici e riviste musicali.
Se la vita del Pizzetti influ sulla sua produzione artistica e sui suoi orientamenti, ci avvenne
certamente in misura minore di quanto non avvenga per la maggior parte dei musicisti. Infatti il
Pizzetti scelse per s una vita normale, tutta dedita alle sue multiformi attivit di compositore,
scrittore, organizzatore e direttore di musica. Una cosa non gli manc mai: una cerchia di amicizie che
gli consent di esprimere le sue non comuni doti di conversatore, di dibattere i problemi vivi della
cultura e, soprattutto, di passare dal momento teoretico a quello realizzativo. La sua non fu una vita
da salotto, ma di cenacolo s. Certe sue inclinazioni verso lArcadia non sono, dunque, il frutto di un
credo estetico, bens di una naturale predisposizione a discutere e a elaborare le sue pur personalissime
idee nel crogiolo del dibattito collettivo. In questo senso il Pizzetti fu lesatto opposto del musicista
puro, severamente impegnato soltanto nella sua opera di compositore, cui tutti gli altri interessi
facevano al massimo da corona. Si ricorda di lui una conferenza su Dante, e non sulla musicalit o
sulla musicabilit di Dante, bens proprio sulla sua opera di poeta: tutto ci che porta
allapprofondimento della conoscenza delluomo fondamentale per un musicista, tanto pi se si
tratta di un musicista, come il Pizzetti fu, essenzialmente di teatro. Nel periodo in cui il Pizzetti si
affacci alla vita culturale, la cultura italiana stava vivendo una profonda crisi di trasformazione. La
cultura del XIX secolo non era andata molto al di l di un impegno politico inteso in primo luogo
come impegno di scoperta di unidentit culturale nazionale e di proclamazione di un patriottismo e di
unapertura sociale che non uscirono dalla genericit. Le grandi trasformazioni economiche e
strutturali in atto esigevano una presa di posizione assai pi analitica sui rapporti sociali concreti e
nello stesso tempo travolgevano antichi modelli e valori senza che ne apparissero dei nuovi di una
qualche consistenza e durata. La stessa retorica, unica fonte di certezze, fu sottoposta alla pressione di
contenuti mai prima considerati che imposero forme adeguate assolutamente nuove. Fu lepoca degli
ismi e delle poetiche premesse al concreto poetare. Solo gli operisti sembrarono sfuggire al contagio di
questa rimessa in discussione di tutto, ma fu illusione di breve durata: anche il rapporto tra il
melodramma e il suo pubblico si fece precario, soprattutto divent sempre meno possibile fare musica
buona per tutti. La giovinezza del Pizzetti trascorse appunto nel periodo in cui gli stessi protagonisti
della stagione verista andavano affannosamente e disordinatamente alla ricerca di nuovi soggetti, di
nuove tecniche, di un ampliamento e di un affinamento del linguaggio.
Il divorzio tra musica e cultura stava per tramontare: le capacit trasformistiche del melodramma
mostrarono chiaramente di avere dei limiti e la cultura, perdendo le sue certezze, dovette dimettere la
boria accademica che spesso laveva tenuta lontana dalla coscienza nazionale. Il clima era adatto alla
discussione e il temperamento personale del Pizzetti fece il resto. Trascorsi gli anni di Parma nella
lettura di testi teatrali (fatto comune a tutti i musicisti italiani), il Pizzetti fu nominato professore al
Cherubini di Firenze. Fu subito a contatto con DAnnunzio, allora fiesolano delezione, con Giannotto
Bastianelli e, poco a poco, con tutti gli intellettuali che facevano capo alla rivista La Voce. Per inciso,
a Firenze fond la Societ degli Amici della Musica ed esercit lattivit di critico della Nazione,
nonch di corrispondente del Secolo di Milano. Pi tardi, in epoca fascista, i dibattiti culturali si
smorzarono e allora lattivit teorica del Pizzetti si limit a quella di critico (La Tribuna), nonch di
saggista sulle riviste specializzate. Il Pizzetti manifest la vocazione a fare il presidente (Accademia di
Santa Cecilia, Societ Italiana Autori Editori), ma ci fu dovuto al fatto che, a qualunque istituzione
partecipasse, egli vi svolse effettivamente attivit e non si limit a intendere la sua partecipazione
come un fatto puramente onorifico. Si tenne sempre al corrente della produzione musicale
contemporanea. Anzi, il suo scritto giovanile Musicisti contemporanei (1914), pur contenendo lacune
dinformazione dovute al fatto che difficile prendere visione di unopera musicale prima che sia
trascorso qualche anno dalla prima esecuzione, costituisce un panorama assai ricco e, quel che pi
conta, insolitamente imparziale per unopera uscita dalla penna di uno che era sulla breccia. Come
formazione culturale il Pizzetti appartenne senzaltro alla generazione dellOttanta, eppure non si
riscontra, nei suoi scritti, quel livore antiromantico che caratterizza le prese di posizione dei suoi
colleghi: anzi la sua valutazione dellopera italiana ottocentesca e perfino verista, serena, magari
discutibile ma certamente coerente con le sue idee. Il suo essere personaggio emergente per mezzo
secolo nella vita musicale italiana costituisce, a conti fatti, il suo massimo contributo alla storia della
musica. Immediatamente dopo la sua scomparsa i suoi lavori praticamente scomparvero dai cartelloni
dei teatri e dai programmi dei concerti. Il fatto generale: la generazione precedente quella in attivit
non sufficientemente antica per essere storicizzata e non sufficientemente moderna per mantenere
lattualit. Per dalleclissi rossiniana si salv Il Barbiere di Siviglia, da quella mascagnana la
Cavalleria rusticana, da quella di Respighi Le fontane di Roma. Probabilmente la ragione di questo
fatto sta nella caratteristica dellopera pizzettiana di non essere stata sogetta ad alti e bassi ma, a
parte le opere di apprendistato, di aver mantenuto tutta uniformemente un alto livello.
Non esiste, forse, il lavoro che emerge, che presenta punte di genialit prorompente e irripetibile. Ma
ci era estraneo al carattere del Pizzetti. Basti pensare al suo primo modello ideale: il canto
gregoriano. Nel canto gregoriano la singola sfumatura, lo stilema ritmico o melodico e
limprovvisazione del momento non hanno mai valore prevaricante: il tutto che conta e compito
della singola parte di costruire il tutto e di armonizzare con esso. Il canto gregoriano non ha
momenti di stanca o momenti di accensione che non siano giustificati dalleconomia generale. Lopera
del Pizzetti ha appunto questo carattere del prevalere della globalit sul particolare. Ci non significa
che il particolare non sia accuratamente studiato, non abbia valore intrinseco, ma solo che esso non
soverchia mai la concezione generale dellopera. Lascolto musicale non generalmente rivolto alla
globalit dellopera e la sua tensione non continua: stimolata dal particolare emergente, poi via via
si rilassa in attesa di unaltra fonte di richiamo. Forse a questo fu dovuta la temporanea eclissi
dellopera pizzettiana. La carriera teatrale del Pizzetti si apr con DAnnunzio e, se si fa eccezione per
Lassassinio nella cattedrale, Il calzare dargento e Clitennestra, si chiuse con DAnnunzio. Vennero
dapprima le musiche di scena per La nave, che rivelarono il valore del Pizzetti al pubblico e al poeta,
poi segu un progetto per la riduzione a melodramma della Fedra di Euripide. Il Pizzetti era in grado
di scrivere i libretti da s e anzi, quando lo fece, ne trasse giovamento la corrispondenza tra parola e
musica. Ma a quellepoca (1909) la soggezione del giovane Pizzetti nei confronti del Vate affermato fu
tale che, quando il poeta, cui il progetto e il libretto erano stati sottoposti, disse che avrebbe
provveduto egli stesso alla stesura del libretto, il Pizzetti non solo non os rifiutare ma se ne sent
lusingato. I versi, gi di per s musicali, di DAnnunzio erano una camicia di forza per qualsiasi
musicista, tanto pi se non aveva il coraggio di pretenderne lassoggettamento alle proprie esigenze:
ne sapeva qualcosa Mascagni, reduce dalla tormentata composizione della dannunziana Parisina. La
soluzione fornita al problema dal Pizzetti consiste in un declamato melodico che differisce da quello
mascagnano solamente per una maggior pacatezza e apollineit ereditata dal canto gregoriano. Anche
la coralit meno decorativa, pi essenziale e a volte costituisce il senso profondo del dramma pi
ancora del comportamento scenico e vocale dei singoli: eredit, questa, della classicit greca da cui
lopera desunta, ma anche prodotto originale della sensibilit pizzettiana. Dopo Fedra il Pizzetti
rimase, nella concezione formale del teatro, un dannunziano, per i versi dellImmaginifico gli
andavano stretti e, consapevole ormai del proprio valore, provvide da solo ai libretti delle proprie
opere. Per DAnnunzio compose ancora le musiche per La Pisanella (ma sono musiche di scena) e La
sinfonia del fuoco per Cabiria. Bisogna fare un salto di quasi quarantanni per ritrovare, nel catalogo
dellopera pizzettiana, un dramma dannunziano musicato, dallalto di una semisecolare esperienza e
senza lingombrante presenza dellautore, dal Pizzetti: La figlia di Iorio.
Lallontanamento dal DAnnunzio non fu, tuttavia, dovuto soltanto a motivi contingenti relativi al
bisogno, da parte del Pizzetti, di disporre di una maggiore flessibilit del libretto. Come bussole per
orientarsi in un mondo in fase di radicale trasformazione, contenuti-valori permanenti e resistenti al
mutare delle forme di organizzazione del mondo, il Pizzetti scopr in s due cose fondamentali: la
classicit nella forma (e questa DAnnunzio poteva fornirgliela) e lamore, un amore universale di
chiara derivazione religiosa (a questo proposito poeta e musicista si trovarono su sponde opposte). Il
tema dellamore il filo conduttore che congiunge tra loro opere pizzettiane anche assai diverse per
argomento e tematica contingente: da Dbora e Jale allo Straniero, a Orsolo, a Loro, a Vanna
Lupa, alla radiofonica Ifigenia, a Cagliostro e, finalmente, allAssassinio nella Cattedrale, nel quale i
tormenti delle opere precedenti sembrano comporsi in una superiore purificazione. Il numero e il
valore delle composizioni corali (naturalmente si citano di preferenza le composizioni di pi ampie
dimensioni, come il Requiem, ma forse si trovano pagine ancora pi pregnanti e partecipate in certe
piccole composizioni, come Cade la sera) comprovano limportanza che questo genere musicale ebbe
per il Pizzetti. La musica strumentale del Pizzetti, oltre a quella destinata in qualche modo alla scena,
concilia la perfetta strumentalit alla sua sensibilit drammatica, che dovunque cerca il canto.
Esemplari sono, a questo proposito, non solo i Canti della stagione alta per pianoforte e orchestra ma
anche composizioni apparentemente meno adattabili al continuo melologo, come la bella Sonata per
violino e pianoforte.
Non si pu chiudere un discorso sul Pizzetti senza citare il suo prezioso e copioso contributo
allarricchimento del repertorio della lirica vocale italiana. Fu sepolto nel cimitero della Villetta di
Parma. Il Pizzetti fu autore delle seguenti composizioni: opere teatrali, Il Cid (A. Beggi; non
rappresentata e distrutta, 1902), Fedra (libretto proprio, da DAnnunzio, Milano, 1915), Dbora e
Jale (proprio; ivi, 1922), Fra Gherardo (Milano, 1928), Lo straniero (Roma, 1930), Orsolo (Firenze,
1935) Loro (Milano, 1947), Vanna Lupa (Firenze, 1949), Ifigenia, tragedia musicale radiofonica
(libretto proprio e di A. Perrini; RAI, 1950; in teatro, Firenze, 1951), Cagliostro (RAI, 1952; in teatro,
Milano, 1953), La figlia di Iorio (libretto proprio, da DAnnunzio; Napoli, 1954), Lassassinio nella
cattedrale (libretto proprio, da T. S. Eliot; Milano, 1958), Il calzare dargento (R Bacchelli; Milano,
1961), Clitennestra Milano, 1965), Rond veneziano, azione coreografica (Caramba; Milano, 1931);
musiche di scena: La Nave, 2 pezzi (DAnnunzio; Roma, 1908), La Pisanella (DAnnunzio; Parigi
1913; come azione coreografica, Roma, 1955), La sacra rappresentazione dAbram e dIsaac (F.
Belcari; Firenze, 1917; 2 versione ampliata, 1926), Agamennone (Eschilo; Siracusa, 1931), Le
Trachinie (Sofocle, Siracusa, 1933), La rappresentazione di S. Uliva (C. dErrico, da anonimo del
secolo XVI; Firenze, 1933), Edipo a Colono (Sofocle; Siracusa, 1936), Le feste delle Panatenee
(Paestum, 1936), Come vi piace (Shakespeare; Firenze, 1938), La lunga notte di Medea (C. Alvaro;
Milano, 1949), Il Campiello (Goldoni; Venezia, 1957); musiche per film: Cabiria di G. Pastrone (1914),
Scipione lAfricano di C. Gallone (1937), I promessi sposi di M. Camerini (1941), Il mulino del Po di A.
Lattuada (1949), per orchestra: Sinfonia in la (1940), Extase, intermezzo (1898), Il sonno di Giulietta,
(1899), Ouverture per lEdipo a Colono (1901), 3 preludi sinfonici per lEdipo Re (1904), Ouverture
per una farsa tragica (1911), La Pisanella, suite dalle musiche di scena (1913), Sinfonia del fuoco, per
Cabiria (1914), Danze per lAminta del Tasso (1914), Concerto dellestate (1928), Rond veneziano
(1929), Canzone di beni perduti (1950), Preludio a un altro giorno (1951); per strumento solista e
orchestra: Poema emiliano per violino (1913), Canti della stagione alta, concerto per pianoforte
(1930), Concerto in do per violoncello (1934), Concerto in la per violino (1945), Aria (Augurio nuziale)
per violini allunisono (1958), Concerto in mi bem. per arpa (1960); musica vocale con orchestra:
Canto di guerra per coro (1899), Canzone a maggio per solo e coro (1901), Scena lirica da Le ruine di
Braunia (R. Salustri, 1901), Messa a 4 voci e archi (sine Credo, 1902), 2 Liriche drammatiche
napoletane per tenore (versione anche per pianoforte, 1916-1918), Lultima caccia di S. Uberto per
coro (versione anche senza coro, 1929), Epithalamium per soprano tenore e baritono, coro e piccola
orchestra (dai Carmina di Catullo, 1939), Oritur Sol et occidit, cantata per baritono (1943), Cantico di
Gloria: Attollite portas (dai Salmi) per 3 cori, 24 fiati, 2 pianoforti e percussioni (1948) Vanitas
vanita-tum, cantata per soli, coro maschile (1958), Vocalizzo per mezzosoprano (1960), Filiae
Jerusalem, adjuro vos, piccola cantata damore per soprano, coro femminile e orchestra (1966);
inoltre: 3 Canzoni (Donna lombarda, La prigioniera, La pesca dellanello) per soprano e quartetto o
orchestra darchi (1926); 2 Poesie dUngaretti (La Piet, Trasfigurazione) per baritono, violino, viola,
violoncello e pianoforte (1953); musica da camera: 2 quartetti (in la, 1906, in re: 1933); Trio con
pianoforte (1901, distrutto), Trio con pianoforte in 1a (1925); Sonata per violino e pianoforte (1901,
distrutta), Sonata in la per violino e pianoforte (1919), Sonata in fa per violoncello e pianoforte
(1921), Aria in re per violino e pianoforte (1906), Colloquio, per violino e pianoforte (1949); 3 Canti
(versione per violino e pianoforte e per violoncello e pianoforte, 1924); per pianoforte: Sogno (1898),
Foglio dalbum (1906), Poemetto Romantico (1909), Da un autunno gi lontano, 3 pezzi (1911),
Sonata 1942 (1942), Canti di ricordanza, variazioni su un tema di Fra Gherardo (1943), cori, 3 Cori
sacri (Ave Maria a 3 v., Tantum ergo a 3 voci maschili, Tenebrae factae sunt a 6 v.; 1897), 2 Canzoni
(Per un morto a 4 voci maschili, La rondine a 6 voci, 1913), Canto damore a 4 voci maschili (1914),
Lamento con tenore (Shelley, 1920), Messa di Requiem per 4-12 solisti (1922), De Profundis a 7 voci
(1938), 3 Composizioni corali (Cade la sera, DAnnunzio; Ululate, quia prope est dies Domini, Isaia;
Recordare, Domine, Geremia; 1942-1943), 2 Composizioni corali a 6 voci (1961), Cantico di gloria per
coro misto, 2 cori maschili e 22 strumenti (1968); liriche: 3 liriche (I. Cocconi: Vigilia nuziale,
Remember, Incontro di marzo; 1904), Sera dinverno (M. Silvani, 1906), I pastori (DAnnunzio,
1908), La madre al figlio lontano (R. Pantini, 1910), Erotica (DAnnunzio, 1912) S. Basilio (poesia
popolare greca, 1912), Il Clefta prigione (1912), Passeggiata (G. Papini, 1915), 2 liriche drammatiche
napoletane (S. Di Giacomo, 1916-1918), 3 Sonetti del Petrarca (La vita fugge, Quel rosignuol,
Levommi il mio pensier; 1922), Altre 5 liriche (Adjuro vos, filiae Jerusalem, Oscuro il ciel, Augurio,
Mirologio per un bambino, Canzone per ballo; 1932-1933) E il mio dolor io canto (J. Bocchialini,
1940), 3 Liriche (Bebro e il suo cavallo, poesia popolare greca; Vorrei voler, Signor, quel chio non
voglio, Michelangelo; In questa notte carica di stelle, M. Dazzi; 1944), 3 Canti damore (1956-1959).
Inoltre esegu revisioni e trascrizioni di sonate per violino di F. M. Veracini e di madrigali di C.
Gesualdo di Venosa.
Il Pizzetti fu inoltre autore dei seguenti scritti: La musica dei Greci (Roma, 1914), Musicisti
contemporanei (Milano, 1914), Intermezzi critici (Firenze, 1921), La musica italiana dellOttocento
(in LItalia e gli Italiani del sec. XIX, Firenze, 1930), Paganini (Torino, 1940), Musica e dramma
(Roma, 1945); La musica italiana dellOttocento (Torino, 1947), Commemorazione di G. Puccini nel
primo centenario della nascita (Milano, 1959). Inoltre scrisse articoli e saggi vari in Rivista Musicale
Italiana, Pianoforte, Rassegna Musicale, Pegaso, Marzocco, La Voce, La Scala (fra cui, Ildebrando
Pizzetti si confida, 1949).
FONTI E BIBL.: A. della Corte, Ildebrando Pizzetti e la Fedra in Rivista dItalia 1915; G. Barini, Fedra di Gabriele DAnnunzio e
Ildebrando Piezzetti, in Nuova Antologia 1915; D. Sincero, La premire di Fedra alla Scala, in Rivista Musicale Italiana 1915; R.
Fondi, Ildebrando Pizzetti e il dramma musicale italiano di oggi, Roma 1919; G.M. Gatti, Le liriche di Ildebrando Pizzetti, in Rivista
Musicale Italiana 1919; M. Castelnuovo-Tedesco, La pisanella di Ildebrando Pizzetti, in Critica Musicale 1919; F.B. Pratella, Due
avvenimenti musicali: Fedra di Ildebrando Pizzetti, in Levoluzione della musica dal 1910 al 1917, Milano, 1919; Il Pianoforte, numero
speciale dedicato al Pizzetti, 1921; R. Giani, Note marginali agli Intermezzi Critici di Ildebrando Pizzetti, in Rivista Musicale Italiana
1921; G.M. Gatti, Debora e Jaele di Ildebrando Pizzetti: guida attraverso il poema e la musica, Milano, 1922; G. Barini, Debora e Jaele
dramma di Ildebrando Pizzetti, in Nuova Antologia 1923; L. Pagano, Debora e Jaele di Ildebrando Pizzetti, in Rivista Musicale
Italiana 1923; G.M. Gatti, Lopera drammatica di Pizzetti, in Il Pianoforte 1926; M. Pilati, Fra Gherardo di Ildebrando Pizzetti,
Milano, 1928; F. Brusa, Fra Gherardo di Ildebrando Pizzetti, in Rivista Musicale Italiana 1928; M. Rinaldi, Larte di Ildebrando
Pizzetti, e Lo Straniero, Roma, 1930; A. Bonaccorsi, Lo Straniero di Ildebrando Pizzetti, in Rivista Musicale Italiana 1931; M. Rinaldi,
Ildebrando Pizzetti, poeta, in Musica.dOggi 1932; G. Tebaldini, Ildebrando Pizzetti nelle memorie, Parma, 1931; A. Damerini, Verdi e
Pizzetti, in Parma a Ildebrando Pizzetti, Parma, 1932; G.M. Gatti, Ildebrando Pizzetti, Torino, 1934; M. Rinaldi, Una profetica
esaltazione dannunziana sullarte di Ildebrando Pizzetti, in Rivista Nazionale di Musica 1934; M. Pilati, LOrsolo di Ildebrando
Pizzetti: guida attraverso il dramma e la musica, Milano, 1935; G. Gavazzeni, Tre studi su Pizzetti, Como, 1937; M. Rinaldi, Il valore
della Fedra di DAnnunzio nel dramma di Pizzetti, Roma, 1937; G. Ponz De Leon, Il dramma lirico nellarte di Ildebrando Pizzetti, in
Rivista Musicale Italiana 1939; L. Tomelleri, Fedra: DAnnunzio e Pizzetti, in 1939; L. Tomelleri, La pisanelle ou la mort parfume:
DAnnunzio e Pizzetti, Rivista Musicale Italiana 1939; Rassegna Musicale, numero speciale dedicato a Pizzetti, 1940; M. Rinaldi,
LEpithalamium di Ildebrando Pizzetti, in Musica dOggi 1940; G. Gavazzeni, La sinfonia di Pizzetti, Musica dOggi 1941; S. Pugliatti,
Il dramma musicale nella poetica di Ildebrando Pizzetti, in Rassegna Musicale 1941; M. Castelnuovo-Tedesco, Ildebrando Pizzetti, in
The Book Of Modern Composers, a cura di D. Ewen, New York, 1942; V. del Gaizo, Considerazioni sullOrseolo di Ildebrando Pizzetti,
in Musica dOggi 1942; G. Gavazzeni, Brano di un commento allOrseolo di Pizzetti, in Rassegna Musicale 1943; M. Rinaldi, Lo
straniero di Ildebrando Pizzetti, Firenze, 1943; M.Rinaldi, Ildebrando Pizzetti musicista italiano, in Allombra dellAugusteo, Roma,
1944; G. Gavazzeni, Loro di Pizzetti: guida musicale, Milano, 1946; Firenze a Ildebrando Pizzetti, con articoli V. Bucchi, A. Damerini,
L. Dallapiccola, G. De Roberti, G. Papini e altri Firenze, 1947; G. Barblan, Loro lultima opera di Pizzetti alla Scala, in Rivista
Musicale Italiana 1947; G. Gavazzeni, Tre recenti pagine corali di Pizzetti, in Rassegna Musicale, 1947; G.Gavazzeni, Pizzetti e i
vociani, in La Scala 1950; R. Bondi, I cori di Pizzetti, in La musica contemporanea, Roma, 1952; G. Gavazzeni, La musica di scena di
Pizzetti, in La musica e il Teatro, Pisa, 1954; G. Gavazzeni, Commenti alla Debora e Jaele di Pizzetti, in La musica e il Teatro, Pisa,
1954; G. Gavazzeni, Il 75 compleanno di Pizzetti, in Ricordiana 1955; M. Mila, Ascoltando La figlia di Iorio di Pizzetti, in Rassegna
Musicale 1955; G. Pannain, La figlia di Iorio di DAnnunzio e Pizzetti, in Rivista Musicale Italiana 1955; G. Gavazzeni, Altri studi
pizzettiani, Bergamo, 1956; E. Calabria, Ildebrando Pizzetti, Bergamo, 1956; La citt dannunziana a Ildebrando Pizzetti: saggi e note,
a cura di M. La Morgia, Pescara, 1958; M. Mila, Lassassinio nella cattedrale, in Cronache Musicali 1955-1959, Torino, 1959; M.Mila,
LIfigenia di Pizzetti, in Cronache Musicali 1955-1959, Torino, 1959; M.Mila, La messa di Pizzetti, in Cronache Musicali 1955-1959,
Torino, 1959; A. Damerini, Omaggio a Pizzetti nel suo 80 anno, in Musica dOggi 1960; L. Rpaci, Ildebrando Pizzetti, in Compagni di
strada, Roma, 1960; A. Porter, Coventry and London: Murder in the Cathedral, in MT 1962; P. Santi, Il mondo della Debora, in
Rassegna Musicale 1962; F. DAmico, I due Ildebrandi, in I casi della musica, Milano, 1962; M. la Morgia, Linearit e Lirismo in alcune
opere di Pizzetti, in Rassegna Muscale Curci, 1963; D. D Paoli, Gabriele DAnnunzio, La musica e i musicisti, in Nel centenario di G.
DAnnunzio, a cura di D. D Paoli e altri, Torino, 1963; LApprodo Musicale, numero speciale dedicato a Pizzetti, 1966; E. Paratore,
Introduzione a La figlia di Iorio di Pizzetti, in Studi dannunziani, 1966; G. Gavazzeni, Pizzetti dopo la morte, in Nuova Rivista
Musicale Italiana 1968; G. Pannain, Ricordo di Ildebrando Pizzetti, in Rassegna Musicale Curci, 1968; Uno scritto inedito ed alcune
lettere a Gaetano Cesari, a cura di P. Petrobelli, in Rivista Italiana della Musica 1968; A. Gentilucci, Guida allascolto della musica
contemporanea, Milano, 1969; G.P. Minardi, Ildebrando Pizzetti La giovinezza, Parma, 1980; Ildebrando Pizzetti: Cronologia e
bibliografia, a cura di B. Pizzetti, Parma, 1980; G.M. Gatti, e C.G. Waterhouse, in Grove; G. Gavazzeni, Tre studi su Pizzetti, Como,
1938; I. Pizzetti, Milano, 1954; M. Mila, Ascoltando La figlia di Iorio di Pizzetti, in La Rassegna Musicale 2-4 1962; L. Ronga, Arte e
umanit di I. Pizzetti, in Dafne a Prato dArno ed altri piaceri musicali, Napoli 1974; G. Petrocchi, in Enciclopedia Italiana, XXVII
1935, 466 e Appendice 1979, 806-807; H. Prunires, Ildebrando Pizzetti, in Nouvelle Revue dItalie, luglio 1920; L. Parigi, Pizzetti, in Il
momento musicale Italiano, Firenze 1921; G. Bastianelli, Ildebrando Pizzetti, in Convegno marzo-aprile 1921; G. Bastianelli, La crisi
musicale Europea, Pistoia, 1922; A Guzzo, Pizzetti, in Regno 30 maggio 1925; M. Pilati, Fra Gherardo di Ildebrando Pizzetti, in
Bollettino Bibliografico Musicale 1928; L. Pagano, Debora e Jaele di Ildebrando Pizzetti in La fionda di Davide, Torino, 1928; M.
Rinaldi, Larte di Ildebrando Pizzetti e Lo Straniero, Roma, 1931; G. Nataletti, Ildebrando Pizzetti, in Quadrivio 26 agosto 1934; G.
Gavazzeni, Idea sulla poesia per musica, in Rassegna Musicale 1935; G. Gavazzeni, LAbraham e Isaac di Pizzetti, in Musica doggi
dicembre 1937; G. Gavazzeni, La musica di scena di Pizzetti, in RID settembre-novembre 1940; G. Pannain, Le musiche e di Pizzetti e
di Debussy per la Pisanella e il Martirio di S. Sebastiano, in Scena aprile 1938; numero speciale della Rassegna Dorica dedicato a
Pizzetti settembre 1940; Enciclopedia dello spettacolo, VIII, 1961, 208-212; Parma Economica 8 1968, 34-38; Dizionario Ricordi, 1976,
516-517; M. DallAcqua, Terza pagina della Gazzetta, 1978, 308-309; G.P. Minardi, in Parma, Vicende e protagonisti, 1978, III, 77;
Teatro Regio 8 1980, 75-76; Dizionario Letteratura Novecento, 1992, 431; C. Parmentola, in Dizionario dei Musicisti Utet, 1988, VI, 40-
42.
Dizionario Biografico dei Parmigiani di Roberto Lasagni