Sei sulla pagina 1di 11

VI Pinocchio si addormenta coi piedi sul caldano,e la mattina dopo si sveglia coi piedi tutti bruciati.

Per lappunto era una nottataccia dinferno. Tonava forte forte, lampeggiava come se il cielo pigliasse fuoco, e un ventaccio freddo e strapazzone, fischiando rabbiosamente e sollevando un immenso nuvolo di polvere, faceva stridere e cigolare (a scartai) tutti gli alberi della campagna. Pinocchio aveva una gran paura dei tuoni e dei lampi: se non che la fame era pi forte della paura: motivo per cui accosto luscio di casa, e presa la carriera, in un centinaio di salti arrivo fino al paese, colla lingua fuori e col fiato grosso, come un cane da caccia. Ma trovo tutto buio (intuneric) e tutto deserto. e botteghe erano chiuse! le porte di casa chiuse! le finestre chiuse, e nella strada nemmeno un cane. Pareva il paese dei morti. "llora Pinocchio, preso dalla disperazione e dalla fame, si attacco al campanello duna casa, e comincio a sonare a distesa, dicendo dentro di s#: $ %ualcuno si affaccera. $ &ifatti si affaccio un vecchino, col berretto da notte in capo, il 'uale grido (gridare ( a striga) tutto stizzito (suparat): $ )he cosa volete a 'uestora* $ )he mi fareste il piacere di darmi un po di pane* $ "spettami cost+ che torno subito, $ rispose il vecchino, credendo di avere da fare con 'ualcuno di 'uei ragazzacci rompicolli che si divertono di notte a sonare i campanelli delle case, per molestare la gente per bene, che se la dorme tran'uillamente. &opo mezzo minuto la finestra si riapr+, e la voce del solito vecchino grido a Pinocchio: $ ,atti sotto e para il cappello (palarie). $ Pinocchio si levo subito il suo cappelluccio! ma mentre faceva latto di pararlo, sent+ pioversi addosso unenorme catinellata dac'ua che lo annaffio tutto dalla testa ai piedi, come se fosse un vaso di giranio appassito (ofilit).

VI Pnocchio adoarme cu picioarele n ligheanul cu taciuni aprinsi, si dimineata se trezeste cu ele arse. "fara era o noapte de iad. Tuna de rupea pam-ntul, fulgera ca si cum s.ar fi aprins cerul, si un v-nt rece si patrunzator, sufl-nd cu furie si ridic-nd nori /ntregi de praf, facea sa sc-rt-ie si sa geama toti copacii din c-mpie. ui Pinocchio /i clantaneau dintii de frica tunetelor si a fulgerelor! dar foamea era mai tare dec-t frica, asa ca deschise usa, o porni la drum si dintr.o suta de sarituri a0unse /n satul vecin abia trag-ndu.si sufletul si cu limba scoasa ca un c-ine de v-natoare. 1nsa peste tot, pustiu si /ntuneric. Pravaliile erau /nchise! usile caselor /nchise, ferestrele /nchise, iar pe ulita, nici tipenie de om. Parca ar fi fost un cimitir. 2ietul Pinocchio, nebun de deznade0de si de foame, trase de clopotelul unei case si /ncepu sa sune, zic-ndu.si /n g-nd: . Poate o iesi cineva3 1ntr.adevar iata ca se arata un batr-n, cu scufia /n cap, care /l /ntreaba neca0it: . )e poftesti la ceasul asta* . ,ii asa de bun si da.mi o bucatica de p-ine3 . "steapta ca ma /ntorc /ndata, raspunse unchiasul, crez-nd ca are aface cu o haimana care.si petrece noaptea sun-nd clopotele caselor, ca sa destepte pe bietii oameni din somn. &upa c-teva clipe fereastra se deschise, si vocea unchiasului striga catre Pinocchio. . 4ino mai aproape si tine palaria. Pinocchio era cu capul gol: se apropie si simti cum se revarsa peste el o galeata cu apa ud-ndu.l din cap p-na /n picioare.

Torno a casa bagnato come un pulcino (pui) e rifinito dalla stanchezza e dalla fame: e perch# non aveva pi forza da reggersi ritto (drept), si pose a sedere, appoggiando (appoggiare ( a spri0ini) i piedi fradici (umed) e impillaccherati sopra un caldano (caldarar) pieno di brace accesa. 5 l+ si addormento! e nel dormire, i piedi che erano di legno gli presero fuoco, e adagio adagio gli si carbonizzarono e diventarono cenere. 5 Pinocchio seguitava (a continua) a dormire e a russare (a sforai), come se i suoi piedi fossero 'uelli dun altro. ,inalmente sul far del giorno si sveglio, perch# 'ualcuno aveva bussato alla porta. $ )hi e* $ domando sbadigliando e stropicciandosi (frecandu.si) gli occhi. $ 6ono io3 $ rispose una voce. %uella voce era la voce di 7eppetto. VII Geppetto torna a casa, e da al burattino la colazione (mic dejun) che il poveruomo aveva portata per s . 8l povero Pinocchio, che aveva sempre gli occhi fra il sonno, non sera ancora avvisto dei piedi che gli si erano tutti bruciati: per cui appena sent+ la voce di suo padre, schizzo gi dallo sgabello (scaun) per correre a tirare il paletto (zavor)! ma invece, dopo due o tre traballoni, cadde di picchio (picchiare ( a bate) tutto lungo disteso (intins) sul pavimento. 5 nel battere in terra fece lo stesso rumore, che avrebbe fatto un sacco di mestoli (oale), cascato (cazut) da un quinto piano (al 9.lea eta0). $ "primi3 $ intanto gridava 7eppetto dalla strada. $ 2abbo mio, non posso $ rispondeva il burattino piangendo e ruzzolandosi (ruzzolando . a se rostogoli) per terra. $ Perch# non puoi* $ Perch# mi hanno mangiato i piedi. $ 5 chi te li ha mangiati* $ 8l gatto $ disse Pinocchio, vedendo il gatto che colle zampine (labe) davanti si divertiva a far ballare alcuni trucioli di legno. $ "primi, ti dico3 $ ripet# 7eppetto $ se no, 'uando vengo in casa, il gatto te lo do io3

6e /ntoarse acasa ud ca un soarece, mort de oboseala si de foame! si nemaiput-ndu.se tine pe picioare, se /ntinse pe 0os pun-ndu.sl picioarele 0drelite si zg-riate deasupra unor vreascuri aprinse. "poi /l fura somnul! dar pe c-nd dormi, picioarele lui fiind de lemn au luat foc, si /ncet /ncet s.au prefacut /n cenusa. 6i Pinocchio dormea mereu si sforaia, ca si cum picioarele nici n.ar fi fost ale lui. /n sf-rsit c-nd s.a luminat de ziua, s.a desteptat, pentru ca cineva batuse /n usa. . )ine e* /ntreba el casc-nd si frec-ndu.se la ochi. . 5u sunt3 raspunse un glas. 5ra glasul lui 7eppetto. VII Geppetto se ntoarce acasa, si i da papusii m!ncarea pe care o pregatise pentru el. 2iata papusa cu ochii lipiti de somn, nu bagase /nca de seama ca picioarele /i erau arse! asa ca /ndata ce auzi glasul tatalui sau, se rezema de un scaun ca sa se ridice si sa traga zavorul! /nsa dupa c-teva zv-rcoliri zadarnice, cazu /ntins pe pardoseala. 6i /n caderea lui, facu at-ta zgomot, ca si cum ar fi cazut din pod un sac cu nuci. . &eschide3 striga 7eppetto de afara. . :u pot, draga tata... raspunse papusica pl-ng-nd si rostogolindu.se pe 0os. . &e ce nu poti* . Pentru ca mi.a m-ncat picioarele* . )ine ti le.a m-ncat* . Pisica, adauga Pinocchio, vaz-nd cum /n fata lui o pisica se 0uca de zor cu niste surcele. . &eschide, n.auzi3 striga iarasi 7eppetto: daca nu, c-nd voi intra /n casa ti.arat eu tie pisica3 . :u pot sa stau /n picioare, crede.

$ :on posso star ritto, credetelo. ;h3 povero me3 povero me, che mi tocchera a camminare coi ginocchi per tutta la vita3... $ 7eppetto, credendo che tutti 'uesti piagnistei (scancet) fossero unaltra monelleria (gluma) del burattino, penso bene di farla finita, e arrampicatosi (arrampicata ( a urca) su per il muro, entro in casa dalla finestra. &a principio voleva dire e voleva fare! ma poi, 'uando vide il suo Pinocchio sdraiato in terra e rimasto senza piedi davvero, allora sent+ intenerirsi (intenerire ( a se inmuia)! e presolo subito in collo (gat), si dette a baciarlo e a fargli mille carezze e mille moine, e, coi luccioloni che gli cascavano gi per le gote (obra0i), gli disse singhiozzando: $ Pinocchiuccio mio3 )ome che ti sei bruciato i piedi* $ :on lo so, babbo, ma credetelo che e stata una nottata dinferno e me ne ricordero fin che campo. Tonava, balenava (fulgera) e io avevo una gran fame, e allora il 7rillo.parlante mi disse: <Ti sta bene: sei stato cattivo, e te lo meriti= e io gli dissi: <2ada, 7rillo3...= e lui mi disse: <Tu sei un burattino e hai la testa di legno= e io gli tirai un manico di martello (manerul unui ciocan), e lui mor+, ma la colpa fu sua, perch# io non volevo ammazzarlo, prova ne sia che messi un tegamino sulla brace accesa del caldano, ma il pulcino scappo fuori e disse: <"rrivedella... e tanti saluti a casa=. 5 la fame cresceva sempre, motivo per cui 'uel vecchino col berretto da notte, affacciandosi alla finestra mi disse: <,atti sotto e para il cappello= e io con 'uella catinellata dac'ua sul capo, perch# il chiedere un po di pane non e vergogna, non e vero* me ne tornai subito a casa, e perch# avevo sempre una gran fame, messi i piedi sul caldano per rasciugarmi, e voi siete tornato, e me li sono trovati bruciati, e intanto la fame lho sempre e i piedi non li ho pi3 ih3... ih3... ih3... ih3... $ 5 il povero Pinocchio comincio a piangere e a berciare cos+ forte, che lo sentivano da cin'ue chilometri lontano. 7eppetto, che di tutto 'uel discorso arruffato aveva capito una sola cosa, cioe che il burattino sentiva morirsi dalla gran fame, tiro fuori di tasca tre pere, e porgendogliele, disse:

ma. ;h3 6aracul de mine3 6aracul de mine3 6a fiu silit sa ma t-rasc pe genunchi toata viata. 7eppetto, crez-nd ca toate vaicarelile acestea erau alte strengarii de.ale papusii, se hotar/ sa ispraveasca la un fel: si, agat-ndu.se de zid, intra /n casa pe fereastra. 5ra furios si hotar-t: dar c-nd vazu pe bietul Pinocchio /ntins pe 0os si fara picioare, /ncepu sa se /nduioseze! si lu-n. du.l repede /n brate /ncepu sa.l sarute, sa.l m-ng-ie si sa.l rasfete, si, cu lacrimile c-t pumnul pe obraz, /l /ntreba, sughit-nd: . &ragul meu baietel3 )um se face ca ti.ai ars picioarele* . :u stiu, tata, dar crede.ma c.am petrecut o noapte cumplita de care o sa.mi aduc aminte toata viata. Tuna, fulgera si eu nu mai puteam de foame. 7reierasul. vorbitor mi.a spus: >"sa.ti trebuie: n.ai vrut s.asculti> si eu i.am raspuns: >8a slabeste.ma, 7reier /mpielitat>... si el mi.a mai spus: >5sti o papusa si ai capul de lemn>, iar eu l.am pocnit cu ciocanul /n cap si l.am omor-t! dar vina a fost a lui, eu nu vroiam sa.l omor, si dovada e c.am pus o tigaie pe foc, /nsa puiul a luat.o la sanatoasa si mi.a zis: >?am-i cu bine si multa sanatate celor de acasa>. si foamea crestea mereu, asa ca batr-nul ala cu scufia de noapte, arat-ndu.se la fereastra mi.a zis: >4ino mai aproape si tine palaria>, si m.am pomenit cu o galeata de apa /n cap, caci sa ceri o bucata de p-ine nu e rusine, nu.i asa* M.am /ntors numaidec-t acasa, si cum mi.era foame mereu, mi.am pus picioarele deasupra vreascurilor ca sa se usuce, si dumneata te.ai /ntors, si le.am gasit arse, si de foame tot n.am scapat si.am ramas si.fara picioare: 8h3... ih3... ih3... in3... si bietul Pinocchio /ncepu sa pl-nga, sa se 0eleasca asa de tare, ca se auzea cale de.o posta. 7eppetto, care din tot ce /ndrugase Pinocchio /ntelese un singur lucru, si anume ca papusica era lihnita de foame, scoase din buzunar trei pere, pe care i le dete, spun-ndu.i:

$ %ueste tre pere erano la mia colazione: ma io te le do volentieri. Mangiale, e buon pro ti faccia. $ 6e volete che le mangi, fatemi il piacere di sbucciarle. $ 6bucciarle* $ replico 7eppetto meravigliato. $ :on avrei mai creduto, ragazzo mio, che tu fossi cos+ boccuccia e cos+ schizzinoso di palato. Male3 8n 'uesto mondo, fin da bambini, bisogna avvezzarsi abboccati e a saper mangiar di tutto, perch# non si sa mai 'uel che ci puo capitare. 8 casi son tanti3... $ 4oi direte bene $ soggiunse Pinocchio $ ma io non mangero mai una frutta, che non sia sbucciata. e bucce non le posso soffrire. $ 5 'uel buon uomo di 7eppetto, cavato fuori un coltellino, e armatosi di santa pazienza, sbuccio le tre pere, e pose tutte le bucce sopra un angolo della tavola. %uando Pinocchio in due bocconi ebbe mangiata la prima pera, fece latto di buttar via il torsolo: ma 7eppetto gli trattenne il braccio, dicendogli: $ :on lo buttar via: tutto in 'uesto mondo puo far comodo. $ Ma io il torsolo non lo mangio davvero3... $ grido il burattino, rivoltandosi come una vipera. $ )hi lo sa3 8 casi son tanti3... $ ripet# 7eppetto, senza riscaldarsi. ,atto sta che i tre torsoli, invece di esser gettati fuori dalla finestra, vennero posati sullangolo della tavola in compagnia delle bucce. Mangiate o, per dir meglio, divorate le tre pere, Pinocchio fece un lunghissimo sbadiglio e disse piagnucolando: $ @o dellaltra fame3 $ Ma io, ragazzo mio, non ho pi nulla da darti. $ Proprio nulla, nulla* $ )i avrei soltanto 'ueste bucce e 'uesti torsoli di pera. $ Pazienza3 $ disse Pinocchio, $ se non ce altro, mangero una buccia. $ 5 comincio a masticare. &a principio storse un po la bocca: ma poi una dietro laltra, spolvero in un soffio tutte le bucce: e dopo le bucce anche i torsoli, e 'uandebbe finito di mangiare ogni cosa, si batt# tutto contento le mani sul corpo, e disse gongolando:

. Aite aceste trei pere, erau tot pr-nzul meu: /nsa ti le dau bucuros. Man-nca.le si ast-mpara.ti foamea. . &aca vrei sa le man-nc, fii asa de bun si curata.le de coa0a. . 6a le curat de coa0a* se minuna 7eppetto. :u te stiam asa de mofturos, si cu cerul gurii asa de delicat. ?au, baiete draga3 "fla de la mine ca omul trebuie sa se /nvete cu de toate, ca niciodata nu se stie ce se poate /nt-mpla. 6e vad at-tea lucruri /n lume3 . "i dreptate dumneata, adauga Pinocchio, /nsa eu nu pot sa man-nc o poama, p-na nu e curatata de coa0a. :u pot sa sufar co0ile. "# si bietul 7eppetto, om bl-nd din fire, scoase un briceag, curata perele, si puse co0ile /ntr.un colt al mesei. Pinocchio dintr.o /nghititura manca /nt-ia para, vru sa.i arunce cotorul, /nsa 7eppetto /l opri, spun-ndu.i: . :u.l arunca: /n lumea asta toate lucrurile au rostul lor. . 2ine, dar n.o sa man-nc si cotorul3... striga papusica /nfuriindu.se ca o vipera. . )ine stie3 6.ar putea /nt-mpla3... mai adauga 7eppetto linistit. si /ntr.adevar cele trei cotoare, /n loc sa fie aruncate pe fereastra, au fost puse pe masa alaturi de co0i. &upa ce a m-ncat, sau mai bine zis, dupa ce a /nghitit cele trei pere, Pinocchio trase o cascatura zdravana, si zise t-nguindu.se: . :u m.am saturat3 . &ar, baiatul tati, nu mai am ce sa.ti dau. . :imic, nimic* . :imic altceva dec-t aceste trei cotoare de pere si co0ile. . )e sa fac3 raspunse Pinocchio, daca nu e altceva, fie si.o coa0a. si /ncepu sa mestece. a /nceput cam str-mba din gura, /nsa /ncet, /ncet, una dupa alta /nghiti toate co0ile! si dupa co0i, cotoarele! iar c-nd ispravi de m-ncat, batu multumit din palme, zic-nd:

$ ;ra s+ che sto bene3 $ 4edi dun'ue $ osservo 7eppetto $ che avevo ragione io 'uando ti dicevo che non bisogna avvezzarsi n# troppo sofistici n# troppo delicati di palato. )aro mio, non si sa mai 'uel che ci puo capitare in 'uesto mondo. 8 casi son tanti33... $ 4888 7eppetto rifa i piedi a Pinocchio, e vende la propria casacca per comprargli l"bbecedario. 8l burattino, appena che si fu levata la fame, comincio subito a bofonchiare e a piangere, perch# voleva un paio di piedi nuovi. Ma 7eppetto, per punirlo della monelleria fatta, lo lascio piangere e disperarsi per una mezza giornata: poi gli disse: $ 5 perch# dovrei rifarti i piedi* ,orse per vederti scappar di nuovo da casa tua* $ 4i prometto $ disse il burattino singhiozzando $ che da oggi in poi saro buono... $ Tutti i ragazzi $ replico 7eppetto $ 'uando vogliono ottenere 'ualcosa, dicono cos+. $ 4i prometto che andero a scuola, studiero e mi faro onore... $ Tutti i ragazzi, 'uando vogliono ottenere 'ualcosa, ripetono la medesima storia. $ Ma io non sono come gli altri ragazzi3 8o sono pi buono di tutti, e dico sempre la verita. 4i prometto, babbo, che imparero unarte, e che saro la consolazione e il bastone della vostra vecchiaia. $ 7eppetto che, sebbene facesse il viso di tiranno, aveva gli occhi pieni di pianto e il cuore grosso dalla passione nel vedere il suo povero Pinocchio in 'uello stato compassionevole, non rispose altre parole: ma, presi in mano gli arnesi del mestiere e due pezzetti di legno stagionato, si pose a lavorare di grandissimo impegno. 5 in meno dunora, i piedi erano belle fatti: due piedini svelti, asciutti e nervosi, come se fossero modellati da un artista di genio. "llora 7eppetto disse al burattino: $ )hiudi gli occhi e dormi3 $ 5 Pinocchio chiuse gli occhi e fece finta di dormire. 5 nel tempo che si fingeva addormentato, 7eppetto con un po di colla

. "sa da, acum zic si eu ca m.am saturat3 . "poi adauga 7eppetto . vezi ca am avut dreptate c-nd /ti spuneam ca nu trebuie sa fii mofturos si nici sa nu faci pe "$ boierul. &ragul meu /n lumea asta sa te astepti la orice. )ine stie ce se poate /nt-mpla3 VIII Geppetto i %ace la loc picioarele lui Pinocchio si si vinde sumanul ca sa&i cumpere un 'becedar. Papusica, de.abia/si ast-mpara foamea, si /ncepu sa pl-nga si sa se sc-nceasca, cer-nd o pereche de picioare noi. /nsa 7eppetto, ca sa.l pedepseasca pentru strengariile facute, /l lasa ca sa pl-nga si sa se vaite o 0umatate de zi! apoi /i zise: . . . Pentru ce sa.ti fac alte picioare* )a sa te vad ca.mi rugi iar de acasa* . /ti fagaduiesc . raspunse papusica sughit-nd . ca de azi /ncolo am sa fiu cuminte... . Toti copiii zic asa c-nd au ceva de cerut, adauga 7eppetto. B . . /ti fagaduiesc c.am sa ma duc la scoala, c.am sa.nvat si am sa ma fac model de baiat. "( & Toti copiii c-nd au ceva de cerut, /ndruga acelasi basm. . &ar eu nu sunt ca alti copii3 5u sunt mai bun dec-t toti, si nu mint niciodata. 8ti fagaduiesc, draga tata, c.am sa m. apuc de un mestesug, si am sa fiu m-ng-ierea si spri0inul batr-netilor dumitale. 7eppetto, care desi /si luase o /nfatisare aspra, avea ochii umezi de lacrimi si inima /nduiosata! vaz-nd pe Pinocchio pocait si plin de supunere, nu spuse nici un cuv-nt, /nsa, puse m-na pe unelte, lua doua bucati de lemn, si /ncepu sa lucreze cu nade0de.

sciolta in un guscio duovo gli appiccico i due piedi al loro posto, e glieli appiccico cos+ bene, che non si vedeva nemmeno il segno dellattaccatura. "ppena il burattino si accorse di avere i piedi, salto gi dalla tavola dove stava disteso, e principio a fare mille sgambetti e mille capriole, come se fosse ammattito dalla gran contentezza. $ Per ricompensarvi di 'uanto avete fatto per me $ disse Pinocchio al suo babbo $ voglio subito andare a scuola. $ 2ravo ragazzo. $ Ma per andare a scuola ho bisogno dun po di vestito. $ 7eppetto, che era povero e non aveva in tasca nemmeno un centesimo, gli fece allora un vestituccio di carta fiorita, un paio di scarpe di scorza dalbero e un berrettino di midolla di pane. Pinocchio corse subito a specchiarsi in una catinella piena dac'ua e rimase cos+ contento di s#, che disse pavoneggiandosi: $ Paio proprio un signore3 $ &avvero, $ replico 7eppetto $ perch#, tienlo a mente, non e il vestito bello che fa il signore, ma e piuttosto il vestito pulito. $ " proposito, $ soggiunse il burattino $ per andare alla scuola mi manca sempre 'ualcosa: anzi mi manca il pi e il meglio. $ )ioe* $ Mi manca l"bbecedario. $ @ai ragione: ma come si fa per averlo* $ 5 facilissimo: si va da un libraio e si compra. $ 5 i 'uattrini* $ 8o non ce lho. $ :emmeno io $ soggiunse il buon vecchio, facendosi tristo. 5 Pinocchio, sebbene fosse un ragazzo allegrissimo, si fece tristo anche lui: perch# la miseria, 'uando e miseria davvero, la intendono tutti: anche i ragazzi. $ Pazienza3 $ grido 7eppetto tutta un tratto rizzandosi in piedi! e infilatasi la vecchia casacca di frustagno, tutta toppe e rimendi, usc+ correndo di casa. &opo poco torno: e 'uando torno, aveva in mano l"bbecedario per il figliuolo, ma la casacca non laveva pi. 8l poveruomo era in maniche di camicia, e fuori nevicava. $ 5 la casacca, babbo*

si /n mai putin d.un ceas, picioarele erau gata, doua picioruse sprintene, subtirele si nervoase, ca si cum ar fi fost facute de un mester fara pereche. "poi 7eppetto spuse papusii. . /nchide ochii si dormi3... Pinocchio /nchise ochii si se prefacu imediat ca doarme. 8ar /n vremea aceasta, 7eppetto cu nitel clei facut /ntr.o coa0a de ou, /i lipi picioarele la loc, si i le lipi asa de bine, ca nu se cunostea defel unde au fost arse. &e.abia simti ca a capatat picioarele, si papusica noastra sari 0os de pe masa pe care era /ntinsa, si /ncepu sa faca tot felul de sarituri si de comedii, ca si cum ar fi /nnebunit de multumire. . &rept rasplata pentru tot ce ai facut pentru mine . spuse Pinocchio tatalui sau . vreau sa ma duc numaidec-t la scoala. . 2ravo, baiatul tatei3 . &ar ca sa ma duc la scoala, /mi trebuie haine. 7eppetto care era sarac si n. avea /n buzunar nici o lescaie fr-nta, /i croi un costum din h-rtie cu flori, o pereche de ghete din coa0a de lemn si o sapca din miez de p-ine. 8 Pinocchio se repezi sa se oglindeasca /ntr. o putina cu apa, C si ramase asa de multumit de el /nsusi, ca zise /ng-mf-ndu. se: D . Par ca sunt un boier de neam. D . "i dreptate . adauga 7eppetto . dar s.o stii de la mine, E nu haina frumoasa face pe om, ci haina curata. L . "3 5ram sa uit . zise papusica . dar ca sa umblu la scoala mai /mi lipseste ceva: lucrul cel mai de capetenie. . )e* . "becedarul. . "sa e: dar cum sa facem* . ,oarte usor: te duci la un librar si /l cumperi. . 2ine, dar banii* . 5u n.am. . si nici eu . adauga bietul batr-n, /ntrist-ndu.se. . si Pinocchio macar ca din fire era

$ ho venduta. $ Perch# lavete venduta* $ Perch# mi faceva caldo. $ Pinocchio cap+ 'uesta risposta a volo, e non potendo frenare limpeto del suo buon cuore, salto al collo di 7eppetto e comincio a baciarlo per tutto il viso. 8F Pinocchio vende l"bbecedario per andare a vedere il teatrino dei burattini. 6messo che fu di nevicare, Pinocchio, col suo bravo "bbecedario nuovo sotto il braccio, prese la strada che menava alla scuola: e strada facendo, fantasticava nel suo cervellino mille ragionamenti e mille castelli in aria uno pi bello dellaltro. 5 discorrendo da s# solo, diceva: $ ;ggi, alla scuola, voglio subito imparare a leggere: domani poi imparero a scrivere, e domani laltro imparero a fare i numeri. Poi, colla mia abilita, guadagnero molti 'uattrini e coi primi 'uattrini che mi verranno in tasca, voglio subito fare al mio babbo una bella casacca di panno. Ma che dico di panno* 7liela voglio fare tutta dargento e doro, e coi bottoni di brillanti. 5 'uel poveruomo se la merita davvero: perch#, insomma, per comprarmi i libri e per farmi istruire, e rimasto in maniche di camicia... a 'uesti freddi3 :on ci sono che i babbi che sieno capaci di certi sacrifizi3... $ Mentre tutto commosso diceva cos+, gli parve di sentire in lontananza una musica di pifferi e di colpi di gran cassa: p+.p+.p+, p+.p+.p+, zum, zum, zum, zum. 6i fermo e stette in ascolto. %uei suoni venivano di fondo a una lunghissima strada traversa, che conduceva a un piccolo paesetto fabbricato sulla spiaggia del mare. $ )he cosa sia 'uesta musica* Peccato che io debba andare a scuola, se no... $ 5 rimase l+ perplesso. " ogni modo, bisognava prendere una risoluzione: o a scuola, o a sentire i pifferi. $ ;ggi andero a sentire i pifferi, e domani a scuola: per andare a scuola ce sempre tempo $ disse finalmente 'uel monello, facendo una spallucciata.

vesel, se /ntrista si el: ") pentru ca saracia, c-nd e saracie, o pricepe oricine: chiar si copiii. . "steapta3 striga 7eppetto deodata scul-ndu.se /n picioare: si dupa ce /si lua pe umeri sumanul plin de petice si de gauri, iesi /n fuga, din casa. . &upa c-teva clipe se.ntoarse: si c-nd se /ntoarse, avea "becedarul copilului /n m-na, dar sumanul nu.l mai avea. 2ietul unchias era numai /n camasa si afara ningea. . &ar sumanul ce l.ai facut, tata* . .am v-ndut. . &e ce l.ai v-ndut* . Pentru ca prea /mi tinea de cald. Pinocchio pricepu cum stau lucrurile, si nemaiput-ndu.si stap-ni av-ntul inimii lui plap-nde, sari de g-tul lui 7eppetto si /i acoperi fata cu sarutari. "* IX Pinoccho si vinde 'becedarul ca sa vada teatrul de papusi. )-nd a /ncetat ninsoarea, papusa cu "becedarul nou la subtioara, apuca pe ulita care ducea la scoala: merg-nd pe drum /si facea /n cap tot felul de planuri unul mai maret dec-t altul. si vorbind cu el /nsusi, zicea: <"stazi, la scoala, vreau sa /nvat numaidec-t sa citesc: m-ine /nvat sa scriu, si poim-ine am sa /nvat sa socotesc. Pe urma, cu /ndem-narea mea, o sa c-stig bani multi, si cu banii ce.i voi c-stiga, am sa fac tatei un suman de postav de toata frumusetea. &ar ce zic eu de postav* "m sa i.l fac tot numai cu fire de argint si aur, si cu nasturi de diamant. 2ietul batr-n, i se cuvine si lui at-ta lucru: pentru ca, la urma urmei, ca sa.mi cumpere carti si sa ma dea la scoala, a ramas doar /n camasa pe frigul asta3 :umai parintii sunt /n stare sa faca asemenea 0ertfe3...= Pe c-nd miscat cu totul /si zicea asa /n g-nd, i se paru ca aude de departe o muzica de tr-mbite si tobe: hi.hi.hi.hi,

&etto fatto, infilo gi per la strada traversa e comincio a correre a gambe. Pi correva e pi sentiva distinto il suono dei pifferi e dei tonfi della gran.cassa: p+.p+.p+, p+.p+.p+, p+.p+.p+, zum, zum, zum, zum. %uandecco che si trovo in mezzo a una piazza tutta piena di gente, la 'uale si affollava intorno a un gran baraccone di legno e di tela dipinta di mille colori. $ )he cose 'uel baraccone* $ domando Pinocchio, voltandosi a un ragazzetto che era l+ del paese. $ eggi il cartello, che ce scritto, e lo saprai. $ o leggerei volentieri, ma per lappunto oggi non so leggere. $ 2ravo bue3 "llora te lo leggero io. 6appi dun'ue che in 'uel cartello a lettere rosse come il fuoco, ce scritto: 7?": T5"T?; &58 2A?"TT8:8... $ 5 molto che e incominciata la commedia* $ )omincia ora. $ 5 'uanto si spende per entrare* $ %uattro soldi. $ Pinocchio, che aveva addosso la febbre della curiosita, perse ogni ritegno e disse, senza vergognarsi, al ragazzetto col 'uale parlava: $ Mi daresti 'uattro soldi fino a domani* $ Te li darei volentieri $ gli rispose laltro canzonandolo $ ma oggi per lappunto non te li posso dare. $ Per 'uattro soldi, ti vendo la mia giacchetta $ gli disse allora il burattino. $ )he vuoi che mi faccia di una giacchetta di carta fiorita* 6e ci piove su, non ce pi verso di cavarsela da dosso. $ 4uoi comprare le mie scarpe* $ 6ono buone per accendere il fuoco. $ %uanto mi dai del berretto* $ 2ellac'uisto davvero3 An berretto di midolla di pane3 )e il caso che i topi me lo vengano a mangiare in capo3 $ Pinocchio era sulle spine. 6tava l+ l+ per fare unultima offerta: ma non aveva coraggio: esitava, tentennava, pativa. "lla fine disse: $ 4uoi darmi 'uattro soldi di 'uest"bbecedario nuovo* $ 8o sono un ragazzo, e non compro nulla dai ragazzi $ gli rispose il suo piccolo interlocutore, che aveva pi giudizio di lui.

zum, zum, zum, zum. 6e opri sa asculte. 6unetele acelea, veneau din fundul unei strazi lungi, care ducea la un mic b-lci, asezat pe marginea marii. . )e sa fie muzica asta* Pacat ca trebuie sa ma duc la scoala, altfel... si ramase pe loc naucit. /ntr.un fel sau /ntr.altul, trebuia sa se hotarasca: ori la scoala, ori sa asculte muzica. . "stazi ma duc sa ascult fanfara, si m-ine la scoala. Pentru scoala am destula vreme, zise /n sf-rsit strengarul, d-nd din umeri. 30 Gis si facut, o lua pe ulita cea lunga si /ncepu sa fuga de.i sf-r-iau picioarele. )u c-t fugea, cu at-t se auzea mai deslusit sunetul trompetelor si al tobelor: hi.hi.hi, hi.hi.hi, zum, zum. si iata ca se pomeni /n mi0locul unui b-lci plin de lume care se /ngramadea /n 0urul unei baraci mari de lemn si p-nza zugravita cu mii si mii de culori. . )e este /n baraca asta, /ntreba Pinocchio /ntorc-ndu.se catre un baietel care era de.acolo din b-lci. . )iteste afisul, sta scris pe el. . "s citi bucuros /nsa astazi nu stiu sa citesc. . "tunci sa.ti citesc eu. Pe afisul ala cu litere rosii ca focul, sta scris: "Mare teatru de papusi". . " /nceput de mult* . "cuma /ncepe. . si c-t se plateste pentru un bilet* . Patru gologani de c-te cinci. Papusa care ardea de nerabdare sa vada si ea, pierdu orice sfiala, si fara un pic de rusine zise baietasului cu care vor. bea: . 5sti bun sa ma /mprumuti cu patru gologani p-na m-ine. . Te.as /mprumuta bucuros, raspunse celalalt /ng-n-ndu.l, dar azi nu pot. . Aite, /ti v-nd hainele pentru patru gologani . /i spuse atunci papusica. . si ce vrei sa fac eu cu niste haine din

$ Per 'uattro soldi l"bbecedario lo prendo io $ grido un rivenditore di panni usati, che sera trovato presente alla conversazione. 5 il libro fu venduto l+ su due piedi. 5 pensare che 'uel poveruomo di 7eppetto era rimasto a casa, a tremare dal freddo in maniche di camicia, per comprare l"bbecedario al figliuolo3 F 8 burattini riconoscono il loro fratello Pinocchio, e gli fanno una grandissima festa! ma sul pi bello, esce fuori il burattinaio Mangiafoco, e Pinocchio corre il pericolo di fare una brutta fine. %uando Pinocchio entro nel teatrino delle marionette, accadde un fatto che desto una mezza rivoluzione. 2isogna sapere che il sipario era tirato su e la commedia era gia incominciata. 6ulla scena si vedevano "rlecchino e Pulcinella, che bisticciavano fra di loro e, secondo il solito, minacciavano da un momento allaltro di scambiarsi un carico di schiaffi e di bastonate. a platea, tutta attenta, si mandava a male dalle grandi risate, nel sentire il battibecco di 'uei due burattini, che gestivano e si trattavano dogni vitupero con tanta verita, come se fossero proprio due animali ragionevoli e due persone di 'uesto mondo. %uando allimprovviso, che e che non e, "rlecchino smette di recitare, e voltandosi verso il pubblico e accennando colla mano 'ualcuno in fondo alla platea, comincia a urlare in tono drammatico: $ :umi del firmamento3 sogno o son desto* 5ppure 'uello laggi e Pinocchio3... $ 5 Pinocchio davvero3 $ grida Pulcinella. $ 5 proprio lui3 $ strilla la signora ?osaura, facendo capolino di fondo alla scena. $ 5 Pinocchio3 e Pinocchio3 $ urlano in coro tutti i burattini, uscendo a salti fuori dalle 'uinte. $ 5 Pinocchio3 5 il nostro fratello Pinocchio3 5vviva Pinocchio3... $ Pinocchio, vieni 'uass da me3 $ grida "rlecchino $ vieni a gettarti fra le braccia dei tuoi fratelli di legno3 $

h-rtie colorata* &aca te ploua nu le mai poti scoate de pe tine. . 4rei sa.mi cumperi ghetele* +, . 6unt bune de at-tat focul. . )-t /mi dai pe sapca* . )e mai marfa* 7 sapca din miez de p-ine. 4rei sa mi.o man-nce soarecii din cap3 Pinocchio statea ca pe maracini. 5ra c-t p.aci sa.i mai faca o propunere! dar nu /ndraznea: se codea, sovaia, statea ca pe ghimpi, suferea. /n sf-rsit zise: +" & 4rei sa.mi dai patru gologani pe "becedarul asta nou* . 5u nu sunt dec-t un copil si de la copii nu cumpar, /i raspunse celalalt, care avea mai multa minte dec-t el. . /ti dau eu patru gologani pe "becedar, striga un negustor de lucruri vechi, care fusese fata la convorbirea lor. )artea fu v-nduta fara multa tocmeala. si c-nd te g-ndesti ca bietul 7eppetto ramasese acasa, sa tremure de frig /n camasa, numai pentru ca sa cumpere copilului "becedarul. X Papusile recunosc pe %ratele lor -Pinocchio - si l primesc cu alai. dar tocmai atunci soseste papusarul -/an!nca %oc- si Pinocchio e n mare primejdie. )-nd Pinocchio intra /n teatrul papusilor, s.a /nt-mplat o harababura /ntreaga. Trebuie sa stiti ca perdeaua era ridicata, si reprezentatia /ncepuse. Vi Pe scena, "rlecchino si Pulcinella se ciorovaiau, ca de obicei, se amenintau unul pe altul ca.si vor trage palme si se luau la paruiala. umea asculta cu luare aminte si se prapadea de r-s, vaz-nd taraboiul pe care.l faceau papusile: acestea dadeau din m-ini si tipau cu at-ta nazdravanie, ca si cum ar fi fost doua fiinte vii. 8ata /nsa ca deodata, nu stiu cum se facu, "rlecchino se opri din 0oc, si

" 'uesto affettuoso invito, Pinocchio spicca un salto, e di fondo alla platea va nei posti distinti! poi con un altro salto, dai posti distinti monta sulla testa del direttore dorchestra, e di l+ schizza sul palcoscenico. 5 impossibile figurarsi gli abbracciamenti, gli strizzoni di collo, i pizzicotti dellamicizia e le zuccate della vera e sincera fratellanza, che Pinocchio ricev# in mezzo a tanto arruff+o dagli attori e dalle attrici di 'uella compagnia drammatico.vegetale. %uesto spettacolo era commovente, non ce che dire: ma il pubblico della platea, vedendo che la commedia non andava pi avanti, simpazient+ e prese a gridare: $ 4ogliamo la commedia, vogliamo la commedia3 $ Tutto fiato buttato via, perch# i burattini, invece di continuare la recita, raddoppiarono il chiasso e le grida, e, postosi Pinocchio sulle spalle, se lo portarono in trionfo davanti ai lumi della ribalta. "llora usc+ fuori il burattinaio, un omone cos+ brutto, che metteva paura soltanto a guardarlo. "veva una barbaccia nera come uno scarabocchio dinchiostro, e tanto lunga che gli scendeva dal mento fino a terra: basta dire che, 'uando camminava, se la pestava coi piedi. a sua bocca era larga come un forno, i suoi occhi parevano due lanterne di vetro rosso, col lume acceso di dietro! e con le mani schioccava una grossa frusta, fatta di serpenti e di code di volpe attorcigliate insieme. "llapparizione inaspettata del burattinaio, ammutolirono tutti: nessuno fiato pi. 6i sarebbe sentito volare una mosca. %uei poveri burattini, maschi e femmine, tremavano come tante foglie. $ Perch# sei venuto a mettere lo scompiglio nel mio teatro* $ domando il burattinaio a Pinocchio, con un vocione d;rco gravemente infreddato di testa. $ a creda, illustrissimo, che la colpa non e stata mia3... $ 2asta cos+3 6tasera faremo i nostri conti. $ &ifatti, finita la recita della commedia, il burattinaio ando in cucina, dovegli sera preparato per cena un bel montone, che girava lentamente infilato nello spiede. 5 perch# gli mancavano le legna per finirlo di cuocere e di

/ntorc-ndu.se catre lume si arat-nd cu m-na spre unul din fundul salii, /ncepu sa urle ca scapat din gura de sarpe: . 6finte &umnezeule3 6unt treaz ori visez* Hla de colo e Pinocchio3... . 5l e /n carne si oase, striga Pulcinella. . 5l e3 adauga alta papusa scot-nd capul din fundul scenei. . Pinocchio e3 Pinocchio3 tipa.ra. ntr.un glas toate papusile sarind de dupa perdele. . Pinocchio e! fratele nostru Pinocchio3 6a traiasca Pinocchio3 . Pinocchio, vino repede /ncoace3 /i striga "rlecchino, vino /n bratele fratilor tai de lemn3 )-nd se vazu /nt-mpinat cu at-ta caldura, Pinocchio dintr.un salt, se pomeni /n scaunele din fata: mai facu unul si se pomeni /n capul sefului mu. zicii, /nca unul si iata.l sus pe scena. :u va puteti /nchipui, sarutarile, m-ng-ierile, str-ngerile de m-na, /mbratisarile fratesti, pe care Pinocchio le primi /n mi0locul multimii de actori si actrite, care alcatuiau trupa teatrului de papusi. :u mai /ncape vorba ca privelistea era /nduiosatoare, /nsa lumea din sala, vaz-nd ca se /ntrerupse 0ocul, /ncepu sa se nelinisteasca si sa strige: vrem sa vedem comedia, vrem sa vedem comedia3 /si racea gura degeaba, caci papusile, /n loc sa se apuce de treaba, /si /ndoira strigatele de bucurie, si, lu-nd pe Pinocchio /n c-rca, /l plimbara /n triumf c-t era scena de mare. 8ata /nsa ca soseste papusarul cel mare, tartorul, un om asa de ur-t ca te. apuca spaima numai c-nd /l vedeai. "vea barba neagra ca cerneala, si asa de lunga, ca.i da de pam-nt: c-nd umbla o calca /n picioare. 7ura 8ui era larga c-t gura sobei, iar ochii pareau doua felinare rosii aprinse! /n m-na tinea un g-rbaci facut din serpi /mpletiti cu cozi de vulpe. a ivirea neasteptata a tortorului, amutira cu totii! nimeni nu mai sufla. 6e auzea musca zb-rn-ind. 2ietele papusi,

rosolare, chiamo "rlecchino e Pulcinella e disse loro: $ Portatemi di 'ua 'uel burattino, che troverete attaccato al chiodo. Mi pare un burattino fatto di un legname molto asciutto, e sono sicuro che, a buttarlo sul fuoco, mi dara una bellissima fiammata allarrosto. $ "rlecchino e Pulcinella da principio esitarono! ma impauriti da unocchiataccia del loro padrone, obbedirono: e dopo poco tornarono in cucina, portando sulle braccia il povero Pinocchio, il 'uale, divincolandosi come unanguilla fuori dellac'ua, strillava disperatamente: $ 2abbo mio, salvatemi3 :on voglio morire, no, non voglio morire3... $ F8

at-t barbatii c-t si femeile, tremurau ca frunza. . )e.ai cautat sa.mi faci taraboi /n teatru la mine*... /ntreba papusarul pe Pinocchio, cu o voce groasa de parea ca vine din ,, lumea cealalta. . )rede.ma, prea marite domnule, B ca nu sunt eu de vina3... 010 .. &estul3 ; sa /ncheiem noi 0 socotelile diseara. si.ntr.adevar, dupa ce s.a sf-rsit comedia, tartorul se duse /n bucatarie, unde /si pregatise de m-ncare +# +$ un berbec, care se /nv-rtea /ncet deasupra focului, /nfipt /ntr.o frigare. si deoarece n.avea lemne destule ca sa.l friga bine si sa.l rumeneasca, chema pe "rlecchino si pe Pulcinella si le zise: . 6a.mi aduceti /ncoace pe papusica aia straina pe care am legat.o. Pare a fi facuta dintr.un lemn foarte bun, si sunt sigur ca daca o voi pune pe foc o sa faca o flacara minunata pentru friptura mea. "rlecchino si Pulcinella, la /nceput se codira! dar /nspaim-ntati de privirea /ncruntata a stap-nului lor, s.au supus! si dupa c-teva clipe se /ntoarsera /n bucatarie, aduc-nd /n brate pe bietul Pinocchio, papusa neascultatoare, care zv-rcolindu.se ca un sarpe, striga c-t /l tinea gura: . Tata, scapa.ma3 :u vreau sa mor, nu, nu vreau sa mor3...