Sei sulla pagina 1di 5

DOTTOR BALANZONE

Il Dottor Balanzone originario di Bologna. E' una maschera della Commedia dell'Arte che rappresenta, in chiave satirica, il tipo del giurista e cio "il dottore". E' una maschera legata alla tradizione della scuola giuridica dell'antica universit di Bologna. Il dottor Balanzone il sim olo della persona dotta, onaria e saccente. E' il giurista dello !tudio di Bologna ed tanto chiacchierone.

GIANDUJA
"ra i personaggi #amosi del Carnevale italiano c' il piemontese $iandu%a, di "orino, che anche un urattino e una marionetta. Il suo nome potre e derivare dalla contrazione di "$i&an d'la du%a". "Du%a", in piemontese, signi#ica doga e per estensione otte. 'ppure ancora potre e signi#icare, dal #rancese, "(ean)andouille" e cio $iovani)salsiccia. !econdo la tradizione, i urattinai $iovan Battista !ales e $iovanni Bellone, avevano #atto dire al loro urattino $ironi e cio $irolamo, alcune allusioni satiriche nei con#ronti di *apoleone e di suo #ratello $erolamo. +er ,uesta ragione erano stati mandati al con#ine e relegati nell'astigiano. Cos- decisero di sostituire la loro creatura prediletta con la nuova maschera, $iandu%a. .erso il /010 la presentarono a "orino dove divenne il sim olo della popolazione piemontese. $iandu%a rappresenta un contadino arguto, pacato e generoso, amante del vino, che gli rende ru izze le guance. Durante il corso delle guerre di indipendenza la maschera $iandu%a stato anche il rappresentante del patriottismo moderato piemontese. E' in onore della maschera che prende il nome di $ianduiotto, il rinomato cioccolatino torinese di cioccolato e nocciole. 2a loro #orma, a archetta rovesciata, si ri# al copricapo di $iandu%a.

GIACOMETTA
$iacometta una leggiadra e giovane contadina, ed la compagna di $iandu%a. Insieme a lei, $iandu%a diventato la maschera centrale del moderno carnevale torinese. $iacometta e $iandu%a sono anche i protagonisti di testi del teatro dialettale piemontese.

Doutor Balanzone3 ' doutor do praga 4 natural de Bolonha. 5 uma m6scara ,ue representa a Commedia dell'Arte , sat7rico , o tipo de advogado ,ue 4 ", disse o m4dico." 5 uma m6scara ligada tradi89o da escola de Direito das antigas universidades de Bolonha. Dr. Balanzone 4 o s7m olo da pessoa erudita , em)humorada e pedante. E 'o %urista da :niversidade de Bolonha e 4 t9o tagarela. Gianduia3 Entre as personalidades #amosas do Carnaval italiano 4 o $iandu%a +iemonte, "urim , ,ue tam 4m 4 um oneco e uma oneca. !eu nome pode derivar de uma contra89o de " $ioan da Du%a ". " Du%a " em dialeto piemont;s , signi#ica costumes e e<tens9o arril. .oc; ainda pode dizer, a partir do #ranc;s, " (ean) azu=i " salsicha e ,ue 4 %ovem. !egundo a tradi89o, os marionetistas $iovan Battista .endas e (ohn Bellone , #izeram contar sua #antoche >ondas nomeadamente (erome , algumas alus?es sat7ricas contra *apole9o e seu irm9o (er&nimo. +or esta raz9o, eles #oram enviados para a #ronteira e relegado Astigiano . Ent9o eles decidiram su stituir sua amada criatura com a nova m6scara , $iandu%a . +or volta de /010, apresentado em "urim , onde se tornou o s7m olo da popula89o de +iemonte. $iandu%a 4 um agricultor inteligente, calmo e generoso , um amante de vinho , o ,ue torna as ochechas rosadas. Durante o curso das guerras de independ;ncia , a $iandu%a m6scara tam 4m #oi o representante de patriotismo moderado +iemonte. E ' em homenagem m6scara ,ue leva o nome de gianduiotto , o #amoso chocolate "urim e avel9s. A sua #orma , ao arco virado , re#ere)se o cocar de $iandu%a . Giacometta: $iacometta 4 uma camponesa graciosa e %ovem , e 4 o companheiro de $iandu%a. (unto com ela, $iandu%a tornou)se o centro do moderno m6scara de carnaval "urim. $iacometta e $iandu%a tam 4m s9o os protagonistas dos te<tos do teatro dialeto piemont;s . Giandu a @Giandoja in piemontese, I+A Aan'd%aBC una maschera popolare torinese di origini astigiane della commedia dell'arte. Il suo nome deriva dalla locuzione Gioann dla doja ovvero Giovanni del boccale. $ianduia la maschera del +iemonte e nella tradizione carnascialesca si a##ianca a ,uelle medioevali di Balanzone per Bologna, +antalone per .enezia, +ulcinella per *apoli ecc. Ori!ini: D nato sul #inire del /E11 dalla #antasia di due urattinai, Bellone di '%a, #razione di >acconigi, nel cuneese, e del torinese !ales. In piazza Castello, a "orino, al sa ato, davanti a +alazzo Fadama @gi +orta di 2evante di Augusta TaurinorumC si teneva un mercato dove si vendeva e si comperava di tutto, ortaggi, tessuti, attrezzi agricoli, scoiattoli ammaestrati e pappagalli parlanti. !ui anchetti si trovavano pomate miracolose e li,uori di lunga vita. In elegante a ito nero con cilindro in testa, il luminare della medicina pro#essor GDulcamaraH, assistito dal GdotorH GSanta-manH @santa manoC, o##riva per /1 centesimi il suo GparticolarH Gelisir sensa egual, specfich dgni mal, gran ben p r lumanit!, lha mai guar, lha mai mass!"H @ossia il suo elisir senza pari, speci#ico per ogni male, non ha mai guarito ma non ha neppure ammazzatoIC. Burattinaio di #ama era :m erto Biancamano noto come Gioanin dj# $sej @$iovannino degli uccelliC, #elicit dei piccoli e di chi li accompagnava. Erano assidui spettatori $iovanni Battista !ales e $ioacchino Bellone, #acili alle risate ed alle attute di spirito. I due giovani decisero di #are altrettanto, muovere urattini di legno e recitare #rasi spiritose contro il malgoverno. >ispolverarono un copione del /J11 che raccontava le disavventure di $ironi, sprovveduto contadino alle prese con la urocrazia del potere3 sagaci #reddure e tante astonate in testa. 2a gente si divertiva ed applaudiva. Aggiornarono le attute o solete con una sottile critica ai costumi ed alla politica del primo /011.

Da Torino a Geno"a: Con#ortati dal successo si misero in tourn4e. "ennero spettacoli un poK ovun,ue arrivando nel /01L a $enova. Il pu lico sorrideva alle disavventure di $irMni, specialmente ,uando si tirava in allo il potere costituito ligure. In#atti il doge di $enova si chiamava $erolamo Durazzo ed i genovesi lo identi#icavano nella marionetta $irMni, che ne ridicolizzava il nome. Arrivarono altri spettatori e con loro la polizia che li arrestM. 2'accusa #u pesante3 ingiuria nei con#ronti del doge. 2e marionette #urono ruciate con la aracca e !ales e Bellone #urono espulsi dalla citt e accusati di lesa maest. +rima di andarsene si #ecero intagliare nuovi urattini dal cele re scultore +ittaluga, e coi novelli personaggi i due tornarono a "orino ed impiantarono un teatrino nel cortile dellKAl ergo del +astore, in via Dora $rossa, oggi via $ari aldi. Nui presentarono G%a storia di Artabano &', ossia il Tiranno del (ondo, con Gerolamo suo confidente e re per combina)ioneH. !i scatenM il #inimondo3 le attute erano spassose, ma il reverendo Baudissone, deputato a controllare le licenziosit della citt, le interpretM come gravi o##ese al #ratello di *apoleone, che, come il doge di $enova, si chiamava pure lui $erolamo. I due poveri urattinai #urono nuovamente denunciati per lesa maest. Al processo ripeterono le #rasi incriminate3 G%ibert* egalit* fraternit*, ij frans+is a van an carssa e noi a pe"I E poi ancora3 G,iva la -ransa viva .apoleon, chiel a l* rich, e noi strassonH. @"2i ert eguaglianza #raternit, i #rancesi vanno in carrozza e noi a piedi". ".iva la Orancia, viva *apoleone, lui ricco e noi straccioni".C *el tri unale il pu lico divertito esplose in #ragorose risate, ma non i giudici decisamente in#uriati. Accusati di aver tramato contro lo !tato i due #urono condannati a morte e rinchiusi nelle "orri +alatine, ma riuscirono a #uggire. La #u!a: >aggiunsero Asti e chiesero aiuto alla #amiglia De >olandis di Castell'Al#ero, ancora #ortemente provata per la morte di $iovanni Battista che a Bologna, con 2uigi Pam oni, aveva cercato di sollevare la citt distri uendo coccarde tricolore, sim olo di una nuova Italia. Bellone e !ales #urono ospitati e nascosti a Callianetto, piccola #razione di Castell'Al#ero, in un cascinale isolato, dellKallora medico Alessandro $iuseppe De >olandis, #ratello del de#unto $iovanni Battista. 2a #attoria era in una #olta selva che ancora oggi si chiama bsch d l medich @la #oresta del medicoC. Nuesta casa ) oggi propriet del comune di Castell'Al#ero ) detta #l /iabt d Giandoja ) sede di interessanti attivit turistiche. Nui i due scrissero un nuovo canovaccio, cam iarono il pericoloso nome di $irMni in $iando%a e mutarono anche il suo linguaggio che riassunse il carattere del popolo piemontese, al,uanto conservatore @bogianen, ovvero immo ileC, ma di ottimo umore, #edele al dovere e alla parola data. *on piQ attute in li ert, come recitava "$ioanin di%''se%", ma una chiara critica politica, per portare avanti lKidea del >isorgimento e dellK:nit dKItalia anche attraverso il teatrino dei urattini. Il nuovo $iandu%a aveva un viso ru icondo e la parrucca col codino volto all'insQ, vestito con un giu etto color marrone orlato di rosso, panciotto giallo, calzoni verdi e corti #ino al ginocchio, calze rosse e scarpe asse con #i ia d'ottone. Era la #ine del /01E. !ul tricorno era en visi ile la coccarda tricolore, la stessa conservata oggi nel museo dellK:niversit di Bologna, la medesima che a >eggio Emilia e a Fodena era stata applaudita nel /ERE come vessillo della nuova Italia. Il Burattino $atriota: $ianduia da allora rimasto sulle scene con ,uel suo #are sornione, col occale pieno di vino, il volto ru icondo, il sorriso enevolo. Attraverso la penna del caricaturista Casimiro "e%a e di tanti altri, gli scritti di Angelo Bro##erio, $ec @Enrico $ianeriC, Oul erto Alarni, e con l'avvento dei giornali satirici %#Aso @l'asinoC, 0l -ischietto, %#Armonia, 0l 1astone, 0l Soldo, 2as3uino, #l /aval d# 1rons, i supplementi della Ga))etta

del 2opolo, le edizioni della -amija turin+isa, $ianduia stimolM realmente le decisioni del +arlamento !u alpino, mettendosi in continua contrapposizione con personaggi del cali ro di Cavour, Fazzini e d'Azeglio. 2a sua gloriosa storia richiamM #ortemente l'evoluzione della +enisola, e un continuo incitamento per gli italiani all'unit nazionale, tutti partecipi ad una medesima patria. Folti autori hanno cercato di dare un signi#icato al nome G$ianduiaH. Due le ipotesi piQ attendi ili3 Giandoja come contrazione di Gioanin dla doja @doja recipiente per il vinoC, oppure un gentile atto di riguardo di !ales verso lKamico Bellone, $ioanin dK'%a, G'%aH #razione di >acconigi. :n mistero ,uesto che rimane rigorosamente oggetto di logorroiche discussioni, ma solo nel periodo di carnevale. Il Carattere: Folti sono stati i personaggi che hanno indossato i panni di $iandu%a nel periodo di carnevale simulando nella ,uotidianit la tradizione #olcloristica. Allegro e godereccio, incarna lo stereotipo piemontese del "galantuomo" coraggioso, assennato, incline al ene e #edele alla sua insepara ile compagna $iacometta, che lo a##ianca nei alli ricchi di coreogra#ia, ma soprattutto nelle opere di carit e di partecipazione. *ella settimana che precede l'inizio della Nuaresima, $iandu%a visita ospizi, ricoveri, ospedali per am ini, distri uendo le tipiche caramelle rotonde e piatte, avvolte in un cartoccio esagonale, con impresso il suo pro#ilo mai disgiunto dal tricorno delle armate piemontesi ottocentesche alle ,uali si deve l':nit del +aese. I%&irazioni: Dal suo nome deriva ,uello della cioccolata di tipo gianduia e del relativo cioccolatino gianduiotto con la ,uale con#ezionato, entram i specialit torinesi. I cioccolatini venivano distri uiti dalla maschera durante la #esta del carnevaleS pro a ilmente per lo stesso motivo il nome Giandu a stato dato alle grosse caramelle a #orma di cialda incartate in caratteristici involucri esagonali. Il cioccolato Gianduia: 2'impasto oggi conosciuto come !ianduia nasce in +iemonte nel /01J. 2a sua creazione si attri uisce ai pasticceri torinesi che sostituirono con la piQ economica nocciola tonda gentile delle 2anghe una parte dell'ormai costosissimo cacao3 il locco economico ordinato da *apoleone per i prodotti dell'industria ritannica e delle sue colonie, che rimase in vigore #ino al /0/T, aveva reso di##icile il reperimento del cacao nel regno di !ardegna. Il chocolatier Fichele +rochet, in societ con Ca##arel, per#ezionM nel /0UL l'impasto tostando le nocciole e macinandole #inemente. !econdo la leggenda, da un Gcolpo di cucchiaioH dato sapientemente a ,uesto impasto so##ice nasce il gianduiotto @o $iandu%otC con la sua tipica #orma, che verr presentato come primo cioccolatino incartato in occasione del Carnevale del /0JU, distri uito dalla maschera popolare di "orino, $iandu%a @da cui il nome dell'impastoC. 'ltre che per la preparazione dei gianduiotti, il gianduia si gusta anche in tavolette, in tazza, in crema spalma ile @la *utella ne una cele re varianteC, come ripieno di altre preparazioni dolciarie. *egli anni tutti i grandi cioccolatieri torinesi V De Coster, .enchi, Baratti W Filano, Ca##arel, $o ino, +eXrano, $. +#atisch, !treglio, !tratta V hanno dosato i semplici ingredienti in loro personalissime #ormule.