Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 1 marzo 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 8 euro 1,20 - contiene I.P.

8
8 Cultura
A San Rocco concorso nazionale di pittura

Opinioni
Ici/Imu/Chiesa Sui giornali continua la farsa
ubbi sulla volont Dscuole paritarie. del Governo circa le Molte rischierebbero la chiusura

Dialoghi per la citt


Sandro Magister: Le notizie vere sono poche
vaticanista Ilintervenuto al secondo degli appuntamenti promossi dalla Diocesi

Diocesi
Benedetto XIII: aperta la Causa di beatificazione
incenzo Maria VOrsini statoCeanche vescovo di sena nel corso del XVII secolo

19

La Margherita dArgento una tradizione culturale che va avanti da anni

EDITORIALE Crescita ed equit. Subito


di Francesco Zanotti

NEL CESENATE SONO ATTIVI I SERVIZI DI TELESOCCORSO E TELEASSISTENZA

concerto e perplessit. Sono questi i due atteggiamenti che hanno coinvolto milioni di cittadini negli ultimi giorni a proposito di retribuzioni. Sono stati resi pubblici i redditi e i patrimoni dei ministri che compongono il governo tecnico guidato da Mario Monti. Sono stati pubblicati i compensi di una parte dei manager pubblici e lEurostat ha messo a confronto gli stipendi che si percepiscono nei diversi Stati dellUnione. LIstat, luned scorso, ha precisato che le cifre riguardanti il nostro Paese non sono del tutto omogenee con quelle dei partner continentali. Risaliamo, in questo modo, qualche gradino dal fondo classica. La sostanza, comunque, non muta. Abbiamo letto numeri da capogiro. Tanto di cappello a chi dichiara sette milioni di euro, vista lenorme evasione scale che emerge in questi giorni a seguito delle veriche da parte delle Fiamme gialle. Le distanze, per, visti certi redditi e leggendo di ricchissimi patrimoni, restano siderali fra chi li percepisce e li detiene, e chi invece deve arrabattarsi con 23mila euro lordi lanno. E cos ampio il divario che non n immaginabile n rappresentabile. Da una parte il lavoro sempre meno pagato e sempre pi scarso, dallaltro cresce un solco che col tempo si fatto impressionante. Abbiamo cambiato la classe dirigente. Pochi mesi di esecutivo tecnico hanno avuto effetti positivi sullintero sistema-Italia. Sono cresciute la considerazione e la stima a livello internazionale, come non capitava di notare da troppo tempo. Il clima di estremo rigore per tutti e si avverte diffusa la consapevolezza che ognuno chiamato a mettere del proprio. C anche una nuova coscienza collettiva che ha trasformato lItalia dei furbetti in quella, molto meno invidiata, degli evasori. Dopo la stretta (il grosso deve ancora arrivare in concreto) adesso il tempo della crescita. Bisogna puntare sul lavoro, sui giovani, sul futuro. Occorre investire con coraggio sulla famiglia, come in Italia non si mai fatto. Ci vuole uno sguardo che sappia mirare al medio-lungo periodo, capace di affrontare riforme per disegnare il Paese dei prossimi decenni. Il diniego alle Olimpiadi di Roma 2020 si pone in questa prospettiva ed perci condivisibile. Tutto questo il dato minimo, ma non ancora sufciente. Ci vuole la terza gamba dellintervento preannunciato n da subito da Monti. Occorre lequit. Pi giustizia sociale, pi lavoro, pi opportunit per valorizzare i talenti che rischiano di rimanere inespressi o si vedono costretti a emigrare, lussi che di questi tempi non ci possiamo permettere.

VOCI AMICHE

Unoperatrice della Teleassitenza al telefono con un anziano. Sul monitor compaiono i dati dellutente

Da qualche mese nel cesenate sono stati attivati i servizi di Telesoccorso e Teleassistenza, rivolti ad anziani soli. Un apparecchio viene montato vicino al telefono e, tramite un telecomando, una centrale riceve lallarme quando lanziano in difficolt. Ma non solo: con la Teleassistenza almeno due volte la settimana loperatore chiama a casa lutente per sentire come sta e se ha bisogno di qualcosa. Sono servizi che fanno capo al progetto Affetti Speciali, che vanno nellottica di aiutare le persone direttamente a casaSPECIALE avviene per lassistenza inpropria. Cos come VERATOUR fermieristica partenze di GENNAIO e FEBBRAIO domiciliare. Primo piano alle pagine 4 e 5

Provincia 13 Neve: danni per 50 milioni di euro

Cesena 14 morta suor Giovanna, monaca benedettina

Longiano 16 Sarsina 17 Intervista Montalto, borgo al commissario fantasma Darco Pellos da 50 anni

PER LA TUA PUBBLICIT SUL CORRIERE CESENATE e sul sito WWW.CORRIERECESENATE.COM contatta: 0547 300258 (redazione) - commerciale@corrierecesenate.com

decorazioni pitture

interne ed esterne ripristini termocappotto cartongesso risoluzione problemi di umidit senza demolire pulizia garantita
Da oltre trentanni la ditta DECOR DE ROSA snc opera
nel settore dellediliza offrendo la sua esperienza al vostro servizio nella realizzazione di tecniche di tipologie di tinteggiature e decorazioni per interni ed esterni. Avvalendoci di avanzate tecnologie e attrezzature per la posa in opera, realizziamo isolamenti tecnici a cappotto e cartongesso.

Per essere al passo con i tempi si effettuano corsi annuali


Tommaso 329 8021061 Umberto 340 3069674 ufficio: via Pascoli, 719 GAMBETTOLA (Fc) tel. 0547 1866643 e-mail: umberto.derosa85@libero.it
di aggiornamento e qualifiche nel settore per andare incontro a ogni esigenza del cliente.

Tale esperienza nel settore viene tramandata da padre in figlio


lavorando con cura, pulizia e seriet assistendo ogni singolo cliente prima e dopo i lavori effettuati creando la giusta affidabilit e rispetto reciproco.

Non esistate a contattarci per avere informazioni pi dettagliate sulle nostre lavorazioni e per avere preventivi

Opinioni

Gioved 1 marzo 2012

Quando il mercato cozza con la solidariet C

UNAULA SCOLASTICA (FOTO ARCHIVIO SIR)

ontinua il ritornello massmediatico sul presunto privilegio della Chiesa con riguardo al pagamento dellIci/Imu. I giornali sono pieni di titoloni in neretto e carattere macro: Finalmente anche la Chiesa paga le tasse, dopo che il Presidente Monti ha presentato al Senato un emendamento al decreto liberalizzazioni che precisa e riduce le esenzioni. Occorre ricordare che la legislazione vigente prevede il pagamento della tassa per tutte le attivit commerciali, anche quelle esercitate dagli enti ecclesiastici e religiosi, al pari di tutti gli altri operatori economici. Lesenzione invece riconosciuta a tutti gli immobili non commerciali nei quali si svolgono attivit di particolare rilevanza sociale e non soltanto la Chiesa cattolica a beneficiarne, ma tutti gli enti non profit, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, onlus, circoli culturali, partiti politici, sindacati, immobili in cui si svolga unattivit di rilevanza sociale. Sia il governo Berlusconi che il governo Prodi hanno chiarito che lesenzione deve intendersi applicabile se lattivit esercitata in maniera non esclusivamente commerciale, riconoscendo in sostanza lutilit collettiva di quelle attivit che pur svolte in forme in qualche modo commerciali non abbiano gli elementi tipici e prevalenti delleconomia di mercato (quali il lucro soggettivo e la libera concorrenza), e siano svolte in unottica di sussidiariet e di solidariet. Si tratta di attivit che corrispondono a servizi che vengono effettuati spesso dietro pagamento di una retta: attivit solidali e fuori mercato (pensionati per studenti, accoglienza per parenti di malati ricoverati fuori sede, colonie); attivit svolte dalle cosiddette strutture accreditate (ospedali, case di cura, scuole paritarie, circoli ricreativi o sportivi); attivit che integrando spesso servizi pubblici sono ritenute meritevoli di considerazione ed escluse dal pagamento della tassa. E anche questo principio vale per tutti i soggetti e non solo per la Chiesa. Ci premesso, il Governo Monti ha deciso di ridurre lesenzione a queste attivit non esclusivamente di natura commerciale. In assenza di ulteriori precisazioni, ci significa che tutti gli immobili ove si svolgono le suddette attivit, poich offrono servizi a pagamento o dietro una retta, e quindi non sono esclusivamente non commerciali, non sarebbero pi esenti. Ora, si pu decidere anche questo. Ma fare passare la cosa come leliminazione di privilegi appare veramente un arbitrio. Ci che lascia pi interdetti che lemendamento potrebbe colpire anche la scuole paritarie. Si ricorda che le scuole pubbliche sono ovviamente esenti e che le scuole paritarie, per legge, fanno parte del sistema pubblico, ossia integrano il sistema scolastico complessivo e permettono di completare la realizzazione della funzione scolastica pubblica. Non si capisce per quale motivo esse dovrebbero avere un trattamento deteriore rispetto alla scuole gestite da stato o enti locali, quando realizzano la medesima finalit. Le dichiarazioni del ministro Passera (secondo cui non si deve penalizzare il vero non profit) sembrano limitare i danni. Certo che se leffetto delle liberalizzazioni dovesse essere quello di tassare le scuole paritarie (per buona parte cattoliche) non mi pare si sia fatta una grossa conquista. Cos come non mi pare sia una conquista nonostante il clangore delle tante trombe antiprivilegio quella di tassare attivit che offrono servizi che nessun altro offrirebbe e che vanno incontro a esigenze cui nessun altro corrisponderebbe, in ci completando sussidiariamente ci che spetterebbe allambito pubblico. Se ci deve essere considerato una conquista, sia. Se ci deve servire per detassare i redditi inferiori, sia. Anche se poi il guadagno non pare cos evidente, visto che non riesce nello scopo, come ha dichiarato lo stesso Monti. Ma per favore, non diciamo che sono stati tolti privilegi. Semplicemente sono state tassate attivit legate al mondo della solidariet e della sussidiariet. Stefano Spinelli

Sport: la quadratura dei cerchi Olimpiadi 2020 a Roma, un addio senza troppi rimpianti
orse meglio cos: diciamo addio alla possibile Olimpiade di Roma 2020 ma lo facciamo senza eccessivi rimpianti. A differenza di chi si stracciato le vesti nei giorni scorsi, troviamo abbastanza naturale che in un momento cos drammatico per leconomia e la vita dellItalia e degli italiani, si sia preferito da parte del premier Monti tirare la cinghia, anzich imbarcarsi in unavventura dalle molte incognite. In fondo il ragionamento del nostro primo ministro abbastanza lineare: come facciamo, dice lui, a chiedere ogni giorno lacrime e sangue ai cittadini e poi lanciarci in unavventura dai connotati e dalle cifre iperboliche come quella a Cinque cerchi? Poi comprensibile il disappunto di Petrucci e di Pescante (che si subito dimesso da vicepresidente del Comitato olimpico internazionale), lamarezza del sindaco Alemanno, la delusione di tutti quei giovani o giovanissimi sportivi che si vedevano gi protagonisti in prospettiva allappuntamento olimpico di casa, tra 8 anni. Il gran rifiuto arrivato come una batosta improvvisa, mentre invece forse si trattato solo di buon senso, di un signore che sta reggendo le sorti di un Paese che non si mai avvicinato tanto al baratro. Roma 2020 stata rigettata soprattutto per una ragione di credibilit, prima ancora che di costi. Firmare la lettera di garanzie per il Comitato olimpico internazionale avrebbe spinto il governo a un impegno finanziario ad alto rischio, per il solito lievitare dei costi delle opere, puntualmente avvenuto anche per i recenti carrozzoni organizzati dal Belpaese, Italia 90 in primis. Questapertura di credito verso lignoto avrebbe, secondo Monti, esposto lItalia a nuovi rischi: i mercati finanziari lavrebbero magari interpretata come un rilassamento della politica nei confronti dei conti pubblici che faticosamente si sta cercando di rimettere in sesto. E non potevamo neppure illuderci che la salvezza, parlando di risorse olimpiche, sarebbe potuta arrivare dai privati. Era la convinzione del sindaco di Roma, Gianni Alemanno: una pioggia di milioni garantiti dagli sponsor che avrebbero permesso in maniera limitata di attingere a fondi statali e comunali. Convinzioni che, per, si scontravano con le risorse, buone, ma non esagerate, che in altre edizioni olimpiche i privati avevano garantito allorganizzazione: speranze un po troppo flebili per poter vincere le resistenze contabili del governo Monti. Crediamo che il parallelo che si possa fare, a livello minimalista,

La Vignetta

proprio quello legato al buon padre di famiglia che non sa neppure se in grado di trovare di che sbarcare il lunario da met alla fine del mese: in condizioni simili diventa difficile che si possa imbarcare in progetti legati a grandi vacanze estive, o allacquisto di unauto o un nuovo pc per s o di un motorino per il figlio maggiore. Stessa prospettiva ha oggi il premier Monti: sa di aver chiesto agli italiani sacrifici grandissimi e non se la sente di compromettere questa immagine di seriet e rigore per unavventura dagli esiti estremamente incerti sotto il profilo economico. Leo Gabbi

Gioved 1 marzo 2012

Primo piano

Assistenza domiciliare: lesperienza di una famiglia cesenate alle prese con il nonno
l nostro nonno quasi 90enne veniva da giorni caratterizzati da dolori persistenti e lidea di stare allospedale proprio non lavrebbe digerita. Grazie al servizio di assistenza infermieristica domiciliare per fortuna siamo riusciti a farlo stare pi tranquillo e a portarlo a casa. Poi, non averlo allospedale per noi stata una grande consolazione". Ecco la storia di Anna, diversi anziani in famiglia, spesso ha avuto lopportunit di accedere al servizio di assistenza domiciliare dellAusl di Cesena. "Un paio di anni fa - racconta Anna mio suocero dopo giorni e giorni di continui spasmi ad unanca viene trasportato al Pronto Soccorso del Bufalini, a Cesena. Solo una volta giunti allospedale abbiamo scoperto che sotto un banale gonfiore che era stato curato con antinfiammatori si nascondeva un profondo ascesso. Da subito i medici sono intervenuti e il nonno ha subito un intervento chirurgico durgenza. Contenti e soddisfatti per aver riportato il sollievo al nostro caro, immediatamente ci siamo posti il problema delle medicazioni. Il nonno infatti aveva subto una profonda incisione in una zona non facile da medicare. La prima notte lo abbiamo assistito in ospedale. Il giorno successivo siamo stati "istruiti" sulle modalit di medicazione, ma allo stesso tempo, vista linvalidit del paziente, si attivato il protocollo di richiesta dellassistenza domiciliare. In poche parole per quasi

"I

Cure a casa

Foto darchivio

"Grazie alle infermiere che venivano a casa nostra, abbiamo potuto curare il nostro congiunto fra le pareti domestiche invece che allospedale"

due mesi con frequenza variabile a seconda delle condizioni della ferita abbiamo potuto contare sullaiuto e il sostegno di infermiere qualificate. Non nascondo che per tutti noi stato un grande conforto sapere di poter contare su questo aiuto. Non doverlo accompagnare ogni due giorni al Bufalini ne ha sicuramente favorito il pieno recupero". La "domiciliare" non produce effetti positivi solo per i familiari del malato. "Il nonno - ricorda Anna - era

contentissimo di ricevere a casa queste cure. Nessuno vuole stare in ospedale e, se c lopportunit, tutti preferiscono dormire nel proprio letto, soprattutto in caso di malattia. Stare a casa con la moglie e i nipoti, poter mantenere i propri orari, nonostante la convalescenza, lo ha rasserenato e da un punto di vista psicologico lo ha incoraggiato. C poi anche da aggiungere che la gentilezza delle infermiere e la loro estrema cortesia hanno colpito il nonno, che non ha mai mostrato segni di insofferenza nei riguardo di queste operatrici". Per la prima visita domiciliare Anna stata contattata direttamente dallinfermiera incaricata delle medicazioni. "Ci siamo accordate sugli orari pi comodi al nonno. Sono molto grata a queste infermiere per la loro positivit e per come sono state capaci di ascoltare e seguire il nonno. Con gli anziani occorre avere molta delicatezza. In famiglia abbiamo altri due ultra ottantacinquenni. Ci avvaliamo del servizio dellassistenza domiciliare in particolar modo per i prelievi del sangue e talvolta per terapie anche idropiniche (somministrazione per via endovenosa di medicinali ricostituenti e soluzioni saline). Cos la nostra nonna, che si muove a fatica, non costretta a raggiungere lospedale. Per lei infatti farsi accompagnare da noi anche solo per andare dal dentista unimpresa titanica". Bab

"Si crea un rapporto di fiducia fra malato e infermiere, che aiuta una guarigione pi veloce"

Assistenza domiciliare in Valle


Veduta di Sarsina

signora mi ha fatto un panino al salame a tre strati - dice ridendo mentre racconta lepisodio -. Si creano rapporti belli e sinceri". E poi la lingua. "Allinizio i pazienti, per lo pi anziani, mi parlavano in dialetto romagnolo. Io non capivo niente. Erano loro stessi ad accorgersi che avevo un accento diverso, e a chiedermi da dove venivo". In questa maniera Di Millo ha iniziato a prendere confidenza col malato e il suo ambiente, gettando le basi per "un rapporto di fiducia che implica la conoscenza, oltre che della malattia, anche dei problemi psicologici e del contesto sociale e ambientale in cui la persona vive". UN SERVIZIO PREZIOSO A volte capita che i pazienti assistiti siano anche i vicini di casa, come la signora Teresa. Problemi cardiovascolari uniti ad altre situazioni di salute critiche non le permettono di uscire per farsi curare. "Il servizio infermieristico domiciliare - spiega Grazia, la figlia impagabile. Per una famiglia che ha una persona anziana in casa, malata, di grande aiuto. La mia mamma deve essere sottoposta a prelievi del sangue ogni due settimane. Sarebbe stato impensabile recarci, nelle sue condizioni, presso il presidio ospedaliero di Mercato Saraceno. Anche a livello psicologico il servizio le stata di aiuto. Ha creato il suo rapporto con linfermiere di turno, Andrea o uno dei suoi colleghi. Adesso ha fiducia in loro. In casa sua si sente protetta e in grado di affrontare meglio la malattia".

La scelta di un trentenne che ha deciso di occuparsi della cura a domicilio dei pazienti. La sua zona quella di Sarsina e della Valle del Savio
Michela Mosconi
uando la professione infermieristica a domicilio diventa una scelta di vita. E il caso di Andrea Di Millo, 38 anni, di Sarsina. Anche quando ha avuto possibilit di scegliere lufficio o il servizio in ospedale ha deciso di rimanere nella domiciliare. "La preferisco al reparto - spiega -. Mi sembra di servire meglio il malato, di

andargli incontro". Andrea infermiere dipendente dellAsl di Cesena. Svolge il suo servizio in prevalenza in Valle Savio. Dopo qualche anno di gavetta, lavorando anche presso il servizio 118 a San Piero in Bagno, nel 2000 ha vinto un concorso e da diverso tempo, insieme ad altri tre colleghi, copre le zone di Mercato Saraceno, Bora, Sarsina e Ranchio, fornendo assistenza infermieristica domiciliare normale ed oncologica. Si parte la mattina alle sette coi "prelievi a domicilio, poi medicazioni, flebo, cateterismi. Il lavoro piuttosto vario grazie anche al fatto che, lavorando in equipe ma agendo in pratica da soli e senza medici a fianco, dobbiamo avere una capacit di decisione alta. Cerchiamo di aiutare, assistere e prenderci cura della persona che abbiamo davanti". "Una parte importante del mio lavoro il rapporto che si viene a creare col paziente - racconta -. Mentre in ospedale il malato trova

un ambiente nuovo ed costretto ad adattarsi, nel servizio a domicilio siamo noi che ci adattiamo alle varie esigenze del paziente e della sua famiglia. Questo ci permettere di creare legami forti che possono incidere in positivo sul modo in cui il malato vive la sua situazione di difficolt". Andrea conosce molti dei suoi pazienti ormai da una vita, cos come ha imparato a conoscere alla perfezione Sarsina e il suo territorio, comprese le frazioni pi isolate dai nomi pressoch sconosciuti. Mica scontato. "Io sono di Francavilla a Mare, in provincia di Chieti - dice -. Le prime volte che dovevo andare da un paziente partivo con la cartina in mano per raggiungere le localit pi lontane. Ora conosco il territorio meglio di mia moglie che di Sarsina". Qualche giorno fa Andrea ha raggiunto un paziente a Dette, nel comprensorio ranchiese, verso Spinello. Unora e un quarto di auto per raggiungere il posto. "Si stava avvicinando lora di pranzo e la

Primo piano

Gioved 1 marzo 2012

Anche a Cesena attivati il Telesoccorso e la Teleassistenza per anziani. Gli operatori rispondono non solo alle chiamate di emergenza, ma contattano gli utenti due volte la settimana

Una telefonata contro la solitudine


Cristiano Riciputi
n servizio di assistenza a distanza che in realt pi vicino di quanto si possa pensare. Due operatrici pronte a intervenire se un anziano in difficolt, ma sempre presenti, almeno due volte la settimana, per una telefonata damicizia. Il Telesoccorso e la Teleassistenza sono stati voluti da Azienda sanitaria locale e Comune di Cesena, sono gestiti da Asp (Azienda servizi alla persona) nellambito del progetto Affetti Speciali. Incontriamo la responsabile di Affetti Speciali Eliose Righi e loperatrice Franca Di Fulco nella sede della centrale operativa, in zona Oltresavio. Il servizio molto semplice: lutente riceve a casa un apparecchio, collegato al telefono e con un telecomando, oppure spingendo un grosso tasto rosso posto sullapparecchio stesso, si entra in contatto con la centrale operativa. Gli operatori locali sono presenti dal luned al sabato dalle 8 alle 14. Negli altri momenti la chiamata viene ricevuta dalla sede centrale di Vicenza. Lanziano pu chiamare nel momento in cui si sente male (Telesoccorso) oppure se incontra delle difficolt nella vita quotidiana (Teleassistenza) come prenotare visite, assumere medicinali, se gli si rompe improvvisamente la caldaia e non sa a chi rivolgersi. "Quando arriva in centrale la chiamata - aggiunge Eloise Righi - alloperatore si apre sul computer la schermata relativa allutente con tutte le informazioni: nome, cognome, residenza, i problemi di salute che ha, i familiari o i vicini che hanno le chiavi di casa. Se si tratta di una chiamata di soccorso, si cerca di capire lentit del problema. Se necessario, loperatore contatta
UNOPERATRICE DEL SERVIZIO MENTRE PARLA AL TELEFONO CON UN ANZIANO

modo da coinvolgere i volontari che poi hanno portato direttamente a casa loccorrente. "Riteniamo che il costo sia molto ragionevole aggiunge Righi - considerato che vi un operatore disponibile tutte le mattine che si impegna a telefonare allanziano due volte la settimana. Questo un modo per capire come sta, se ha bisogno di qualcosa e, soprattutto, per instaurare un rapporto di amicizia e di fiducia". "Uno degli scopi principali del nostro servizio - conclude la responsabile - quello di creare una rete di conoscenze attorno allanziano, in modo da evitare quellisolamento che, quando i familiari abitano fuori citt oppure lavorano tutto il giorno lontano da casa, causa un rapido declino della persona". LE PAROLE DI VIRGINIA "Sono degli angeli, mi hanno rimesso al mondo". Con queste poche parole Virginia, 84 anni, risponde alla domanda di cosa pensa di questo servizio. Lei abita a Cesena, in centro, ed stata una delle prime a farsi mettere in casa lapparecchio per il Telesoccorso. "Le ragazze mi chiamano due volte la settimana - dice Virginia - e ormai siamo diventate amiche. Mi chiedono come sto, se ho bisogno di qualcosa, cosa faccio. Grazie a loro mi sento meno sola perch qualcuno si interessa a me". La signora dice che allinizio, quando le hanno installato lapparecchio, era scettica. "Pensavo che ero messa proprio male. Invece grazie a loro non sono pi avvilita e mi sono di conforto. Mi hanno mandato una signora quando ho avuto bisogno di assistenza, e mi hanno fatto portare le medicine. Quando mi chiamano sono contenta perch posso chiacchierare con qualcuno".

Il costo di 40 euro al mese, mentre gratuito per gli anziani a basso reddito. Per info: 0547/600640 0547/26700
il 118 per lambulanza e, allo stesso tempo, avvisa i familiari. Se si tratta di un malessere di piccola entit, loperatore decide se contattare la guardia medica oppure solo i parenti. Tutto questo riusciamo a farlo perch gli operatori conoscono uno ad uno gli utenti del servizio. Sono loro che montano in casa dellanziano lapparecchio e cos si rendono anche conto di come fatta la casa, se ci sono barriere architettoniche, quali problemi pu avere lanziano. Nasce una conoscenza approfondita e si

instaura un rapporto di fiducia. Questa - precisa la responsabile - la pi grande differenza esistente fra il nostro servizio e quello dato da alcune aziende che forniscono apparecchio e telecomando. In questo caso non c rapporto umano, non c filtro, ma squilla solo un allarme. Un infarto o un mal di testa vengono trattati allo stesso modo". Gli aspetti della conoscenza e del rapporto di fiducia sono basilari in questo servizio. Ad esempio, le operatrici Franca Di Fulco e Fadma Falcinelli sono del cesenate e capiscono e parlano anche in romagnolo, se necessario. Aspetto non secondario quando si ha a che fare con gli anziani. Nel cesenate gli anziani soli, di oltre 75 anni, sono quasi 4000. Al momento il servizio di Teleassistenza e Telesoccorso poco conosciuto e gli utenti sono una ventina. Il costo di

40 euro al mese, che si azzera nel caso di anziani a basso reddito (con la sola pensione minima). Se i fruitori aumentassero si potrebbe ampliare lorario di apertura della centrale operativa di Cesena cos, da garantire la Teleassistenza anche al pomeriggio. Il servizio partito nel maggio del 2011 e da allora sono giunte in centrale 1064 "allarmi": di questi due erano gravi e hanno comportato la chiamata al 118, due hanno richiesto lintervento della guardia medica, 145 sono stati dialoghi di supporto psicologico e i restanti sono stati colloqui di assistenza e compagnia. Il servizio opera in stretto contatto con le associazioni di volontariato del territorio: durante lemergenza neve alcuni anziani hanno chiamato il servizio per far sapere che non avevano pi medicine e loperatore si mobilitato in

OCCASIONE IRRIPETIBILE
BAR - RISTORANTE - ALBERGO PARADISO
con 16.500 metri quadrati di spazio verde circostante al valico del Monte Fumaiolo

VENDESI
con offerte base a partire da estimi catastali al miglior offerente
Informazioni: Giorgio Ricci 0541/944781 - cellulare: 349/0064237

Gioved 1 marzo 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Filippo Cappelli e Fabrizio Ricci accoliti


Domenica 4 marzo a Case Finali di Cesena
Sar il vescovo Douglas Regattieri a conferire laccolitato a Filippo Cappelli (a sinistra nella foto) e Fabrizio Ricci (a destra), in cammino verso il sacerdozio. La celebrazione si terr domenica 4 marzo alle 10 nella chiesa parrocchiale di Case Finali di Cesena. Laccolitato un ministero ecclesiale che viene conferito dalla Chiesa, per mezzo del vescovo, e per la Chiesa in vista di un servizio, di una responsabilit allinterno di essa. Laccolitato richiede, da parte di chi lo riceve, limpegno a fare sempre pi spazio allEucarestia nella propria vita, coltivando un amore sincero verso il Pane eucaristico e verso la celebrazione della messa. Abilita allesercizio di particolari funzioni: preparare laltare al momento della presentazione dei doni, distribuire la comunione (anche agli ammalati) come ministro straordinario, riordinare laltare consumando le specie eucaristiche avanzate.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Camminer alla presenza del Signore nella terra dei viventi
Domenica 4 marzo - Anno B 2 domenica di Quaresima Gn 22,1-2.9.10-13.15-18; Salmo 115; Rm 8,31-34; Mc 9,2-11
anche per noi bello stare con Ges ogni volta che celebriamo la messa, quando preghiamo, quando ascoltiamo la sua Parola. Ogni volta incontriamo Ges trasfigurato, risorto, vivo. Per salire sul monte necessario lasciare la routine e il chiasso quotidiano. Si tratta di trovare il tempo per questo. Siamo sempre indaffarati, di corsa. Questa Quaresima sia loccasione per rivedere questo stile di vita che ci porta a non riflettere a fondo, ad essere schiavi del nostro troppo fare materialmente. Coltiviamo la dimensione spirituale della nostra vita stando con Ges. Lui e solo Lui che pu trasfigurarci. Desideriamo tutti pi serenit, pi gioia, risposte alle nostre sofferenze e fatiche, alle nostre piccole o grandi passioni, sia personali, sia familiari, sia quelle del mondo intero. Solo se ci avvicineremo a Ges troveremo le risposte e la nostra vita sar trasformata, nuova, gioiosa. La Croce illuminata dalla risurrezione, gloriosa e la passione beata. Non dimentichiamo mai che la Quaresima finalizzata alla vita nuova, alla nostra rinascita, alla nostra risurrezione. E allora ritiriamoci spesso in questo tempo sul monte: non perdiamo nulla, guadagniamo soltanto: per il nostro benessere spirituale ed esistenziale. Una Quaresima vissuta cos veramente bella. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 5 marzo santAdriano Dn 9,4-10; Sal 78; Lc 6,36-38 marted 6 san Coletta Is 1,10.16-20; Sal 49; Mt 23,1-12 mercoled 7 sante Perpetua e Felicita Fer 18,18-20; Sal 30; Mt 20,17-28 gioved 8 san Giovanni di Dio Ger 17,5-10; Sal 1; Lc 16,19-31 venerd 9 santa Francesca Romana Gen 37,3-4.1213a.17b-28; Sal 104; Mt 21,33-43.45-46 sabato 10 san Simplicio papa Mi 7,14-15.18-20; Sal 102; Lc 15,1-3.11-32

Incontro dei politici al Monte


Domenica 11 marzo alle 9
La Commissione diocesana Gaudium et Spes nel suo compito di animazione del sociale, secondo lo spirito e gli orientamenti della Dottrina Sociale della Chiesa, invita i responsabili della res pubblica a diverso titolo per lannuale incontro di riflessione. Lappuntamento per domenica 11 marzo alle 9 presso labbazia del Monte, a Cesena. Monsignor Ernesto Vecchi, vescovo ausiliare emerito di Bologna e vescovo delegato della Conferenza episcopale dellEmilia Romagna per le Comunicazioni sociali, terr una riflessione su Politica: la forma pi esigente della carit sociale. Il vescovo Vecchi celebrer la messa alle 11,30 nella cripta.

n questa seconda domenica di Quaresima Ges passa dal deserto dove ha vissuto la sua lotta con Satana, al monte dove sale portando con s tre suoi apostoli. Aveva gi annunciato la sua passione, morte e risurrezione. In questo modo Ges vuole preparare i suoi tre apostoli alla sua passione appena annunciata. Pietro si era ribellato con decisione. Non poteva pensare che il Messia dovesse essere messo a morte. Ges vuole aiutarli a superare lo scandalo della croce. Per questo mostra loro in anticipo la sua gloria con la trasfigurazione. Cos la passione viene illuminata da questo avvenimento, anticipo della risurrezione. La passione per la risurrezione. La voce del Padre ribadisce, come gi nel Battesimo, lidentit di Ges: questi il Figlio mio prediletto. I tre apostoli sono felici: bello per noi stare qui, non vorrebbero pi andare via. La Quaresima anche per noi un salire sul monte, luogo dellincontro con Dio, come lo fu per Mos e per Elia. il luogo del silenzio, della contemplazione, della preghiera. Spesso Ges si ritirava in preghiera sul monte. Per noi il monte Ges stesso,

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Gattolino, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Capannaguzzo, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria 15.00 17.30 18.00 18.30 19.00 della Speranza, San Pietro, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Domenico, Osservanza, San Rocco San Pietro, Cappuccini San Bartolo Festivi: 8.00 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta, Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 Longiano-Parrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18. Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 18.30 (sabato); 9 / 11.15 / 17.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.00; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 17.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena

7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Pio X, San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Case Finali, San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, SantEgidio, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Bulgarn 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Pio X, Calisese, San Giovanni Bono, Gattolino, Villachiaviche, Bulgaria 20.30 Ponte Pietra, Ruffio, Santa Maria Nuova, Pievesestina, San Cristoforo, Pioppa

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo; 20 Sala; 20,30 Villalta

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 7 del 23 febbraio 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 28 febbraio 2012

Vita della Diocesi

Gioved 1 marzo 2012

Il vaticanista Sandro Magister ha partecipato al secondo oghi appuntamento, nellaula C di Psicologia, luned 27 febbraio Dial

In breve
Festincontro dei Fidanzati
Domenica 4 marzo alle 17,30 presso il seminario di Cesena Chi cerca trova... il Tesoro il tema del Festincontro dei Fidanzati che si terr domenica 4 marzo alle 17,30 in seminario a Cesena. Dopo un momento di riessione e preghiera, il Festincontro si concluder con la cena insieme. Per la cena, prenotare entro il 29 febbraio presso Francesco e Chiara, tel. 0547 671869, 340 3553136, ftappi@libero.it

Tanto il rumore di fondo, poche le notizie vere


l mondo dellinformazione si sempre trovato, a volte pi a volte meno, in precario equilibrio tra il vero e il falso. E anche se quasi nessuno pubblica notizie completamente false, larea grigia del verosimile, quella delle ricostruzioni pi o meno perniciose, a circondare i cittadini come una cortina fumogena capace di ottenebrare la pubblica opinione. In questo

dal 16 al 18 agosto

Laudio della serata disponile sul sito del Corriere Cesenate www.corrierecesenate.it e sul sito della diocesi www.cesenasarsina.it. Riprese audio e video su www.teleosservanza.it
scenario un mezzo potente come Internet non fa altro che moltiplicare alleccesso i pregi e i difetti del mondo dellinformazione. Questi temi cruciali sono stati trattati luned scorso dal giornalista Sandro Magister (vaticanista di lungo corso allEspresso e oggi stimato blogger), ospite dei Dialoghi per la citt organizzati dalla Diocesi di Cesena-Sarsina nei locali della facolt di Psicologia. Per Raccontare la Chiesa al tempo di Internet, questo largomento della serata, Magister non ha potuto esimersi da come la Chiesa viene raccontata al di fuori della Rete. E, nel farlo, ha passato in rassegna una serie di luoghi comuni, se non vere e proprie accuse, che la stampa rivolge alla Chiesa e a Benedetto XVI. Assistiamo spesso ad un occultamento sistematico delle vere notizie a vantaggio del rumore di fondo che ci circonda, altre notizie operate come sorta di distrazione. Per quanto riguarda la Chiesa pensiamo al convegno che si tenuto a Roma in febbraio su Ges nostro contemporaneo, in grado di richiamare ospiti di rilievo da tutto il mondo. Ebbene stato oscurato per fare spazio al bigliettino di un cardinale su di un presunto complotto alla vita del pontefice. A pochi giorni di distanza, alluniversit Gregoriana, un centinaio di conferenze episcopali si sono ritrovate a parlare di lotta alla pedofilia nella Chiesa e alle misure da adottare per prevenire gli abusi da parte dei sacerdoti, anche l dove scandali non sono ancora scoppiati. Eppure questo grande sforzo corale di prevenzione stato del tutto ignorato. Dopo una serie di altri esempi eclatanti, dalla riforma delle finanze vaticane al ritiro della causa legale contro il papa nel Wisconsin, Magister ha
NELLA FOTO A DESTRA, IL VATICANISTA SANDRO MAGISTER, OSPITE RELATORE AL SECONDO APPUNTAMENTO DEI DIALOGHI PER LA CITT (AULA C PSICOLOGIA, LUNED 27 FEBBRAIO). (FOTO ARMUZZI)

Pellegrinaggio diocesano a Fatima


La diocesi di Cesena-Sarsina propone - dal 16 al 18 agosto - un pellegrinaggio diocesano a Fatima (Portogallo), guidato dal vescovo monsignor Douglas Regattieri. Quota individuale complessiva: 650 euro. necessaria liscrizione con il versamento dellacconto di 200 euro a persona, entro il 28 aprile. Per informazioni e iscrizioni, rivolgersi presso il Centro Pastorale di Palazzo Ghini, Cesena, tel. 0547 611001 (dal luned al sabato, dalle 9 alle 12).

approfondito le accuse rivolte a Benedetto XVI: Si tratta quasi sempre di critiche legate agli ambiti di maggior successo del pontefice. Il dialogo con le altre religioni oggi segna grandi passi in avanti, eppure spesso si cita sempre, fraintendendolo, il discorso di Ratisbona del 2006, che non diceva altro che il fine ultimo della violenza una idea di Dio slegata dalla religione. Un tentativo molto coraggioso di andare alla radice della violenza. Oppure pensiamo alle accuse di essere un tradizionalista vecchio stampo. In realt Benedetto XVI altro non fa

che cercare di prendere il meglio della tradizione antica, alla quale ha attinto anche il Concilio, unendola ai tempi di oggi. Cos stato, ad esempio, per le celebrazioni liturgiche. Tornando allinformazione Magister ha tirato le orecchie anche alla Sala stampa vaticana, rea di aver confezionato in certe occasioni comunicati a suon di copia e incolla dalla Rete: solo uno dei segni del disordine notevole interno alla macchina curiale vaticana. Una macchina troppo spesso non allaltezza di questo pontificato. Michelangelo Bucci

Preghiera del Rovete Ardente


Sabato 3 marzo, dalle 21 alle 24, presso la chiesa di San Domenico in viale Mazzoni a Cesena, preghiera del Roveto Ardente: adorazione eucaristica e supplica per le vocazioni e le necessit della Chiesa. Lincontro, animato dal Rinnovamento nello Spirito Santo, aperto a tutti.

Percorso diocesano per separati soli


Il prossimo incontro diocesano per separati soli che intendono fare un cammino di fede, ci sar luned 5 marzo alle 21 presso la parrocchia di San Vittore, a Cesena. Si svolger una liturgia penitenziale con la possibilit di confessarsi. Il tema .. Prende tutti i suoi averi e compra quel campo! prender spunto dalla lettera pastorale del vescovo Regattieri che caratterizza tutto il percorso. Per info: Ivan e Floriana Bartoletti Stella 388 6186867.

Nel pomeriggio di domenica 11 marzo in seminario il primo meeting missionario diocesano

Ognuno si deve sentire missionario. Anche a casa


IL CESENATE PADRE TONINO PASOLINI, MISSIONARIO DA TANTI ANNI IN UGANDA (FOTO ARCHIVIO)

eeting missionario diocesano, per un coordinamento di chi ha a cuore le missioni. Domenica 11 marzo in Seminario a Cesena, dalle 14,30 alle 18,30, si tiene il primo meeting missionario dal titolo Missionari senza partire, organizzato dal Centro missionario diocesano. Era gi da qualche anno che volevamo proporlo - spiega il referente don Piero Teodorani - e finalmente siamo riusciti a concretizzare questo impegno. La relazione principale sar tenuta dal vescovo Douglas Regattieri. Seguiranno i laboratori e infine in aula saranno messi in comune i risultati e le considerazioni a cui si giunger. Il meeting indirizzato a tutti. Il titolo dellincontro - spiega don Teodorani - apre le porte a tutti. Ognuno di noi deve saper essere missionario anche se rimarr sempre nel suo territorio, nella sua comunit. Ma non dobbiamo dimenticare che nelle nostre

parrocchie, nei movimenti e nelle associazioni c un forte spirito missionario che si concretizza con la preghiera costante e con azioni di sostegno materiale alle zone pi povere del pianeta. Sono numerosi i gruppi organizzati allo scopo di creare una rete di aiuto alle zone pi povere. Di solito, questi aiuti vengono indirizzati verso i missionari originari della diocesi che ancora hanno forti legami con la propria terra dorigine. I missionari cesenati sono una quarantina presenti in tre continenti: Africa, America, Asia. La nazione che ne ospita di pi il Kenya. Lo scopo del meeting - continua il sacerdote - quello di aumentare la sensibilit attorno al tema delle missioni. E ci non significa solo spronare allaiuto materiale, ma anche alla preghiera e alla condivisione. La nostra Diocesi ricca di esperienze missionarie e tante parrocchie organizzano momenti di pre-

ghiera e di raccolta di fondi per i nostri missionari. E poi vi sono altri volontari che sostengono ospedali, scuole, parrocchie e villaggi in tutto il mondo. Ecco, con il convegno di domenica 11 marzo vorremmo creare una sorta di rete che metta al primo posto la preghiera per le missioni e i missionari. In secondo luogo vogliamo provare a darci un coordinamento facendo emergere, nelle nostre comunit, che il coinvolgimento umano e spirituale importante quanto laiuto materiale. Ogni cristiano chiamato a pregare per le missioni. Spesso, in buonafede, - conclude don Teodorani - siamo portati a fare, raccogliere fondi, organizzare, ma non dobbiamo dimenticare che al primo posto va la preghiera. Poi tutto il resto. I missionari che tornano a casa durante i periodi di riposo ce lo ricordano sempre: pregate per noi e per la nostra gente. Cristiano Riciputi

Gioved 1 marzo 2012

Vita della Diocesi

Spazio Ascolto Famiglia, un aiuto alla persona e alla coppia


un servizio gratuito promosso dallUfficio per la Pastorale della Famiglia
LUfficio per la Pastorale della Famiglia della diocesi di Cesena-Sarsina desidera far conoscere lattivit di Saf, Spazio Ascolto Famiglia, laiuto di consulenti familiari alla persona, alla coppia e alla famiglia. Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in difficolt un luogo di accoglienza, ascolto,

confronto e orientamento, anche in una dimensione spirituale. Si rende disponibile per una relazione di aiuto nelle situazioni di crisi e di difficolt, di disorientamento e di incomprensione. a disposizione di persone, coppie e famiglie che vivono situazioni di disagio relazionale, anche legato allesperienza della separazione e del divorzio. Gli operatori di Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti familiari volontari, diplomati alla scuola Sicof (Scuola italiana consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene della

famiglia, formati sulle problematiche del disagio familiare e relazionale e allascolto empatico. Il servizio offerto gratuitamente (su appuntamento) nei giorni di luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per appuntamenti telefonare dal luned al venerd, dalle 10 alle 17, al numero 346 3694421. La sede presso lIstituto Ancelle Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola materna), via San Carlo 316, San Carlo di Cesena. Info: www.noifamiglia.it; email: spazioascoltofam@tiscali.it

stato vescovo di Cesena dal 1680 al 1686

In breve
Convegno Maria Cristina di Savoia
Marted 6 marzo alle 16 il professor Filippo Bergonzoni terr una conferenza su "Fede e bellezza nei quadri di unesposizione di Mussorgkij". Lincontro, promosso dal Convegno Maria Cristian di Savoia, si terr presso la sala Biagio Dradi Maraldi della Cassa di Risparmio di Cesena (ingresso via Tiberti). Ingresso libero.

Vincenzo Maria Orsini Al via il processo di beatificazione


Fu eletto Papa nel 1724 con il nome di Benedetto XIII. Durante i lavori di ristrutturazione dellEpiscopio stato recuperato un affresco risalente agli anni in cui guid la Chiesa di Cesena
i aperto a Roma venerd 24 febbraio il processo di beatificazione del Servo di Dio papa Benedetto XIII, che fu vescovo di Cesena dal 1680 al 1686. Recentemente, in occasione dei restauri che hanno riguardato lepiscopio, stato scoperto un affresco attribuito al pittore cesenate Andrea Mainardi, dove riprodotto lo stemma dellallora vescovo Vincenzo Maria Orsini, quasi suo sigillo per gli ampi lavori promossi per la Casa del vescovo (ne hanno scritto su queste colonne Marino Mengozzi e Sabrina Lucchi). Allesterno della Cattedrale che volle consacrare con solenne rito dopo aver predisposto ampi lavori di ristrutturazione, si conserva lantico fonte battesimale che reca liscrizione latina Fra Vincenzo Maria Orsini dellOrdine dei Predicatori, cardinale presbitero di Santa Romana Chiesa con il titolo di San Sisto, vescovo della Santa Chiesa di Cesena, nativo di Gravina, scolpito nellanno del Signore 1682. Del suo servizio episcopale a Cesena ricordato limpegno profuso, seppure in mezzo a molti contrasti, per continuare lattuazione della Riforma Tridentina, per il seminario, il clero e per la diocesi tutta; impegno

Milizia dellImmacolata, pellegrinaggio e incontro


Il gruppo Milizia dellImmacolata propone per domenica 4 marzo un pellegrinaggio quaresimale a Bologna, presso la basilica di San Francesco. Per info: Concetta, tel. 0547 380963. Mercoled 7 marzo alle 15,30, incontro mensile del gruppo M.I. presso la parrocchia di San Domenico di Cesena, sul tema "A scuola di Maria per diventare persona". Lincontro aperto a chiunque interessato alla spiritualit kolbiana e desidera approfondire il tema delleducazione alla Parola buona del Vangelo.

nel 1671, lanno successivo, poco pi che ventenne, fu eletto cardinale. Fu quindi arcivescovo di Manfredonia e poi di Cesena (1680-1686); nel 1686 Innocenzo XI gli affid le cure della Chiesa di Benevento, che sar il suo principale campo dazione. Fu proprio in questa diocesi, infatti, che il futuro Pontefice port avanti A SINISTRA, unimponente opera pastorale, VINCENZO MARIA ORSINI sociale e di carit, soprattutto dopo i due devastanti terremoti che colpirono la citt. Alla testimoniato dagli Atti della visita morte di Innocenzo XIII fu eletto suo pastorale da lui condotta dal 1681 al successore e il 29 maggio 1724 sal al 1684. soglio di Pietro con il nome di Le ricerche storiche e le pubblicazioni Benedetto XIII. Durante il suo promosse in questi ultimi tempi dal pontificato indisse il Giubileo del 1725 Centro Studi di Gravina in Puglia, che e inaugur la celebre scalinata di da lui prende nome, hanno Trinit dei Monti a piazza di Spagna a ulteriormente contestualizzato questa Roma, eresse lospedale dermatologico sua opera di pastore zelante nella San Gallicano, fece costruire il nuovo Chiesa cesenate. nosocomio di Santa Maria della Piet Il futuro papa Benedetto XIII era nato a per trasferirvi i pazzerelli e miglior il Gravina in Puglia il 2 febbraio 1649; regime carcerario. Infine, avvi alla rimasto orfano eredit il ducato che conclusione la lunga controversia resse sotto la tutela della madre, fino a giansenista e promosse dieci quando nel 1668, recatosi a Venezia, canonizzazioni, tra cui quelle di entr nellOrdine dei Predicatori (i frati Giovanni della Croce e di Luigi di San Domenico), presso il convento Gonzaga. Mor a 81 anni, il 21 febbraio di Castello, prendendo il nome di fra 1730. Vincenzo Maria. Ordinato sacerdote Piero Altieri

NELLA FOTO SOPRA, LAFFRESCO DI ANDREA MAINARDI PRIMA DEL RESTAURO. RAFFIGURA AL CENTRO LA MADONNA DEL ROSARIO, SAN DOMENICO E UN VESCOVO NON ANCORA IDENTIFICATO

Pellegrinaggi zonali al Santuario di Longiano


Continuano i pellegrinaggi al Santuario del Santissimo Crocisso di Longiano, nei venerd di Quaresima da parte delle varie Zone pastorali della diocesi. Venerd 2 marzo alle 20,30 monsignor Claudio Stagni, vescovo di FaenzaModigliana, presieder la concelebrazione eucaristica alla quale sono particolarmente invitati i fedeli della Zona pastorale Valle del SavioDismano. Venerd 9 marzo: monsignor Lino Pizzi, vescovo di Forl-Bertinoro, per la Zona Sarsina-Alta Valle del Savio. Saranno disponibili vari sacerdoti per le confessioni. La Messa preceduta dalla Corda Pia (alle 20), preghiera della tradizione francescana nella quale si fa memoria della passione di Ges Cristo.

Vita della Chiesa

Gioved 1 marzo 2012

La preghiera quotidiana, la penitenza e le opere di carit fraterna

Catholica
di Stefano Salvi

AIUTI ALLA TERRIBILE SITUAZIONE IN SIRIA


Larcivescovo maronita di Damasco ha raccontato ad Aiuto alla Chiesa che soffre che la Siria a un vicolo cieco e non vi alcuna soluzione allorizzonte. Con il ritiro degli ambasciatori arabi e occidentali ottenere un visto praticamente impossibile: un incubo per gli iracheni bloccati a Damasco. Il morale dei cittadini pessimo e il futuro talmente incerto che alla fine di ogni messa i fedeli si dicono addio. Leditorialista e inviato di Avvenire Luigi Geninazzi in unintervista a www.ilsussidiario.net ha dichiarato il 27 febbraio: In Siria siamo davvero in presenza di una guerra civile di proporzioni tragiche, e questo spiega laltissimo numero di morti non solo tra i civili ma anche tra i militari. Homs il punto pi tragico. La Custodia francescana di Terra Santa presente in Siria a Damasco, Aleppo, Lattakiah, Oronte e i dispensari medici presso i conventi diventano luogo di rifugio e di accoglienza per tutti. Padre Pierbattista Pizzaballa ha lanciato un appello per sostenere, con un gesto concreto, i numerosi cristiani siriani e le opere della carit della Custodia di Terra Santa. Gli aiuti raccolti saranno consegnati tempestivamente ai frati residenti in Siria, che provvederanno a utilizzarli in maniera oculata e attenta. Questo appello stato raccolto immediatamente dallAvsi, che si subito mobilitata per accogliere offerte, ricordando lappello del Papa allAngelus del 12 febbraio a privilegiare in Siria la via del dialogo, della riconciliazione e dellimpegno per la pace.

lus Papa Ange

l deserto possiede un fascino misterioso nella sua estensione di dune e di giochi di sabbia, di oasi e di carovane di cammelli. Di notte lo splendore delle stelle ineguagliabile. Questo per, anche se non assomiglia alla Parigi-Dakar, non il deserto di cui parla il Vangelo nella narrazione di Marco che Benedetto XVI commenta, perch luogo di lotta, dove il nemico attacca e sferra ripetutamente i suoi colpi. Senza cambiare luogo geografico per unavventura momentanea, tentiamo di cogliere il senso dellavventura quaresimale che ci fa attraversare il deserto del cuore della persona e la mette a nudo. Lo spaccato che si apre palesa lo "stato di abbandono e di solitudine" in cui si versa o in cui volontariamente si entra, per sperimentare la potenza di questo "luogo della debolezza delluomo dove non vi sono appoggi e sicurezze, dove la tentazione si fa pi forte". Sarebbe temerario voler attraversare questo deserto per sfida a se stessi o al proprio ambiente, per gettare un guanto di provocazione e misurare la propria tenuta. Laccento ben diverso: la persona varcando la soglia della Quaresima abbandona quanto la circonda e sorregge (autenticamente o fittiziamente) la propria autostima, il proprio prestigio, per guardarsi nel profondo e scoprire se stessa e le tensioni vitali che labitano e la nutrono; per mettere a fuoco quelle punture che fanno scoppiare lio e domandano di essere

Un kit per le dune del deserto I


realisticamente guardate negli occhi. Satana, cio il nemico che non vuole la nostra salvezza, non demorde, dimenticando (o ottenebrandoci di tanto in tanto) che il deserto conosce un risvolto di estrema dolcezza e sicurezza, infatti "pu indicare anche un luogo di rifugio e di riparo", e la viva esperienza del popolo dIsraele ha segnato la storia di chi cammina andando incontro allAltissimo. Si scampa dalla schiavit dEgitto ma anche "si pu sperimentare in modo particolare la presenza di Dio". Il vuoto infatti creato dallabbandono di ogni certezza diventa propulsivo per comprendere e sperimentare che mai, durante i quarantanni di vita nomade nel deserto, il sandalo si logorato al piede. Non perch gli israeliti fossero bravi calzolai, ma perch il Signore vegliava e provvedeva. La grande tentazione epocale che innerva la nostra societ esplode sulle dune del deserto del cuore: " rimuovere Dio, mettere ordine da soli in se stessi e nel mondo contando solo sulle proprie capacit", attualmente si denuncia con alcune caratteristiche proprie e pu sembrare inedita, ma Benedetto XVI, buon conoscitore della storia e della teologia, ammonisce che " sempre presente nella storia delluomo". La persona si centra su se stessa, si autoconvince di essere costruttrice di vita, produttrice di benessere e quindi non vuole apprendere pazienza e umilt e radicarle fortemente nel proprio spirito per "seguire ogni giorno il Signore,

imparando a costruire la nostra vita non al di fuori di Lui o come se non esistesse, ma in Lui e con Lui, perch la fonte della vera vita". Il deserto, se la tentazione non viene vinta guardando a Ges che ha vinto appellandosi alla Parola del Padre, pu produrre anche questa devastazione personale e comunitaria. Quale il kit per attraversare le dune con la guida del Salvatore? - La preghiera quotidiana: che sposti lautocentratura e rilanci la persona verso il Padre; - i gesti di penitenza: che facciano toccare con mano i nostri limiti per ricondurci a una misura che si conosce povera; - le opere di carit fraterna: che spostino lo sguardo dal nostro interesse al bisogno altrui. Sarebbe illusorio pensare al kit come al prodotto vincente e autoprogrammato, porterebbe la griffe dellorgoglio smisurato della conquista umana, mentre deve portare il sigillo dello Spirito che plasma ogni nostro agire e sentire per diffondere nel mondo "il lievito evangelico della verit attraverso i gesti della misericordia, del perdono e della riconciliazione". Come Maria Santissima lo speriment (a sue spese!), solo allora la nostra traversata quaresimale potr godere della sua "protezione" e ci aiuter "a imprimere nel nostro cuore e nella nostra vita le parole di Ges Cristo, per convertirci a Lui". Cristiana Dobner

NELLE SCUOLE RUSSE SI STUDIER ANCHE RELIGIONE


In Russia, dopo due anni di sperimentazione in alcune regioni, dal primo settembre 2012 i fondamenti della religione diventeranno materia obbligatoria in tutte le scuole. Gli studenti potranno scegliere di studiare o la storia di una delle quattro religioni definite tradizionali (che sono cristianesimo ortodosso, islam, ebraismo e buddismo) o frequentare corsi sui Fondamenti della religione, o seguire lezioni di fondamenti di etica pubblica. La notizia di questo decreto firmato dal premier Putin stata data dallagenzia AsiaNews del 14 febbraio.

LA CROCE ROSSA INDONESIA RIMANE CON IL PROPRIO LOGO


Un movimento filo islamico indonesiano ha richiesto che la Croce Rossa cambi logo, in quanto troppo facilmente identificabile con la cultura e la tradizione cristiana. Un membro dellesecutivo della Croce Rossa indonesiana, intervistato da AsiaNews il 27 febbraio, ha dichiarato che questo organismo non cambier mai il proprio logo, in quanto tale simbolo il frutto di un accordo sancito dalla Convenzione di Ginevra del 1949, ratificato anche da quel Paese asiatico.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

10

Gioved 1 marzo 2012

Vita della Chiesa

50 Concilio Vaticano II Una riflessione in occasione dellanniversario. Il non conformismo dei cristiani in Paolo VI e Benedetto XVI

Sale della terra e luce del mondo


uaranta giorni, il tempo dellattesa, della purificazione; cifra simbolica che richiama la Quaresima e ci chiede di essere pronti ad assumerci le nostre responsabilit; tempo delle decisioni mature. Quaranta sono i giorni e le notti che No trascorre nellarca durante il diluvio; che Mos passa sul monte Sinai, per accogliere la legge e in questo tempo digiuna. Quaranta sono gli anni che il popolo dIsraele impiega per raggiungere dallEgitto la terra promessa. Il profeta Elia impiega quaranta giorni per raggiungere il monte Oreb dove incontra Dio. Quaranta sono i giorni che Ges trascorre nel deserto, il luogo del silenzio e delle tentazioni. La Quaresima ci offre lopportunit di riflettere sul cuore della vita cristiana, la carit, ha detto il Papa. E il Mercoled delle Ceneri ci ricorda che tutta la nostra esistenza come quella cenere, polvere che consuma le nostre sicurezze, il nostro orgoglio. Polvere come la sabbia del deserto. I quaranta giorni che abbiamo di fronte servono per mettere ordine nella nostra vita e nelle relazioni con Dio, con il creato, con gli altri. Lo ricorda Benedetto XVI nel messaggio per la Quaresima con linvito ad essere attenti gli uni verso gli altri, a non mostrarsi estranei, indifferenti alla sorte dei fratelli. Spesso, invece, prevale latteggiamento contrario: Lindifferenza, il disinteresse, che nascono dallegoismo, mascherato da una parvenza di rispetto per la sfera privata. Il grande comandamento dellamore del prossimo esige e sollecita la consapevolezza di avere una responsabilit verso chi, come me, creatura e figlio di Dio. Paolo VI nella Populorum progressio ricordava che il male del mondo risiede soprattutto nella mancanza di fraternit tra gli uomini e tra i popoli.

Il Mercoled delle Ceneri ci ricorda che tutta la nostra esistenza come quella cenere, polvere che consuma le nostre sicurezze, il nostro orgoglio. Polvere come la sabbia del deserto

della societ umana mettendoli in armonia guidati dalla coscienza cristiana. C una comunione tra i cristiani che li lega gli uni agli altri come membra di un solo corpo. Ancora Paolo VI ci dice che nel disegno di Dio ogni uomo chiamato a uno sviluppo, perch ogni vita vocazione. Ma lo sviluppo non si riduce alla semplice crescita economica. Per essere sviluppo autentico, deve essere integrale, volto alla promozione di ogni uomo, di tutto luomo. C una scala di valori, sono sempre parole di papa Montini nella Populorum progressio, c un legittimo desiderio del necessario, ma lacquisizione dei beni temporali pu condurre alla cupidigia, al desiderio di avere sempre di pi

Prendersi cura del proprio fratello attenzione al bene spirituale. in questa luce che va interpretato limpegno del credente
Proprio nella Costituzione dogmatica sulla Chiesa, la Lumen gentium, del 21 novembre 1964, il Concilio offre la chiave di lettura dellimpegno dei laici nella comunit, e individua limpegno della Chiesa, della comunit in quel prestare attenzione a Ges che responsabilit verso il fratello. Si legge, infatti, nel documento conciliare: Come Cristo stato inviato dal Padre a dare la buona novella ai poveri, a guarire coloro che hanno il cuore contrito, a cercare di salvare ci che era perduto; cos la Chiesa circonda di affettuosa cura quanti sono afflitti dalla umana debolezza, anzi

riconosce nei poveri e nei sofferenti limmagine del suo fondatore povero e sofferente, si premura di sollevarne lindigenza, e in loro intende servire Cristo. alla luce di queste parole che prende corpo tutta una presenza di Chiesa, di comunit l dove luomo soffre, perseguitato, ferito. qui che il prestare attenzione al fratello, al prossimo - cio a colui che mi prossimo - diventa impegno inderogabile. Ma sarebbe un errore leggere questo impegno solo dal punto di vista della solidariet, dellaiuto materiale. Prendersi cura del proprio fratello, attenzione al bene spirituale. in questa luce che va interpretato limpegno del credente. Per loro vocazione si legge sempre nella Lumen gentium - i laici sono chiamati a cercare il regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio. Vivono nel secolo, cio implicati in tutti e singoli i doveri e affari del mondo e nelle ordinarie condizioni della vita familiare e sociale, di cui la loro

esistenza come intessuta. Ed qui che sono chiamati al loro impegno di essere sale e luce del mondo. Rileggere il Concilio a cinquantanni dalla sua apertura non solo un modo per riflettere sul grande cammino compiuto dalla Chiesa per essere sempre pi vicina alle donne e agli uomini pellegrini su questa terra, ma anche occasione per ravvivare limpegno del credente, soprattutto di quei cristiani, come ha sottolineato proprio Benedetto XVI nel messaggio per la Quaresima, che per rispetto umano o per semplice comodit, si adeguano alla mentalit comune, piuttosto che mettere in guardia i propri fratelli dai modi di pensare e di agire che contraddicono la verit e non seguono la via del bene comune. C un non conformismo del cristiano che diventa capacit di distinguere, come dice il Concilio, tra i diritti e i doveri che incombono ai laici in quanto sono aggregati alla Chiesa, e quelli che loro competono in quanto membri

I laici sono chiamati a cercare il regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio
e alla tentazione di accrescere la propria potenza. Lavarizia la forma pi evidente del sottosviluppo morale. Il Papa del Concilio afferma che il perseguimento dello sviluppo esige ancor pi uomini di pensiero capaci di riflessione profonda, votati alla ricerca dun umanesimo nuovo, che permetta alluomo moderno di ritrovare se stesso, assumendo i valori superiori di amore, di amicizia, di preghiera e di contemplazione. Solo cos si potr compiere in pienezza il passaggio, per ciascuno e per tutti, da condizioni meno umane a condizioni pi umane. Fabio Zavattaro

VALORE CITT srl

Societ del COMUNE DI CESENA ASTE PUBBLICHE IMMOBILIARI

Nelle giornate di GIOVED 29 MARZO 2012 e GIOVED 12 APRILE 2012 avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relativi ai seguenti BENI IMMOBILI:
- 29 MARZO 2012 1) Negozio in C.so Comandini (Cesena C.so U. Comandini, 10/A): unit immobiliare ad uso commerciale e terziario posta nel centro storico di Cesena. Sup. di circa mq. 60. Base dasta . 180.000,00 oltre IVA 2) Area edificabile Pievesestina (Cesena loc. Pievesestina prospiciente Via Colombara): porzione di comparto edificabile a destinazione polifunzionale. Sup. catastale dellarea in vendita pari a mq. 3.689. Base dasta . 125.000,00 oltre IVA 3) Podere S. Tomaso (Cesena Loc. Madonna dellOlivo Via Madonna dellOlivo): superficie di circa mq. 99.719. Base dasta . 215.000,00 4) Podere Bagnile 14 (Cesena Loc. Bagnile Via Masiera 1): superficie di circa mq. 59.517 Base dasta . 210.000,00 5) Podere S. Andrea 2A (Cesena Loc. Pievesestina Via Fiume di S. Andrea): superficie di circa mq. 37.925. Base dasta . 92.000,00 - 12 APRILE 2012 6) Podere Ruffio II con fabbricato rurale (Cesena Strada Provinciale Sala n. 2463): terreno agricolo della superficie di circa mq. 64.798 con annesso fabbricato rurale. Base dasta . 360.451,00 7) Ex scuola elementare Pioppa (Cesena Loc. Pioppa Via Cervese n.7180): immobile recuperabile ad uso residenziale. Base dasta . 510.000,00 oltre IVA 8) Supermercato Villa Chiaviche (Cesena loc. Villa Chiaviche Via Osoppo, 86): immobile ad uso commerciale attualmente concesso in locazione (canone annuo . 60.172,00). Sup. di circa mq. 725. Base dasta . 950.000,00 oltre IVA 9) Farmacia Villarco (Cesena S. Mauro Via Viareggio, 93): unit immobiliare ad uso commerciale attualmente concessa in locaBase dasta . 220.000,00 oltre IVA zione (canone annuo . 23.547,00). Sup. di circa mq. 106 (P.T.) + 67 (P.I). 10) Farmacia Giardino (Cesena C.so Comandini, 8/B): unit immobiliare ad uso commerciale attualmente concessa in locazione (canone annuo . 23.547,00). Sup. di circa mq. 131. Base dasta . 280.000,00 oltre IVA Per informazioni relative agli IMMOBILI, BANDI DI GARA e MODALIT DI PARTECIPAZIONE: consultare il sito internet www.valorecitta.it; telefonare al numero sotto indicato, dal luned al venerd, ore 9-13, 15-19; rivolgersi allufficio di Valore Citt (c/o Comune di Cesena - settore Patrimonio, ingresso lato Rocca Malatestiana, 1 piano) nelle giornate di mer-

coled e venerd, ore 9,30-12. Iscrivendosi alla NEWSLETTER di Valore Citt (vedi apposita sezione presente nel sito www.valorecitta.it) sar possibile ricevere utili aggiornamenti in merito alle pi importanti novit.

Tel. 0547 356810 - Fax 0547 356821- e-mail: info@valorecitta.it

Lamministratore delegato dott. Alder Abbondanza

Attualit Riflessione sulla riproposta del servizio obbligatorio per izio civile i giovani italiani. E la possibilit di accesso dei ragazzi stranieri Serv

Gioved 1 marzo 2012

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

A rischio unesperienza di cittadinanza per i giovani


l dibattito attuale sul servizio civile, drammaticamente segnato dal rischio di una battuta darresto delle partenze di giovani nel 2013, sembra far ritornare non sempre a proposito alcuni argomenti e temi sui quali si sperava di aver trovato una unanimit di consensi. Un primo tema riguarda la riproposta del servizio civile obbligatorio per tutti i giovani italiani, tra i 18 e i 28 anni. Lasciando alla discussione degli

SORPASSI DIGITALI E QUARESIME 2.0


I giornali della settimana scorsa davano lannuncio cos: Il sorpasso di pc e telefonini. Sono pi degli esseri umani. La stima del colosso informatico Cisco: nel corso del 2012 i dispositivi mobili connessi a internet, ossia i computer portatili, i tablet e i cellulari smartphone, sfonderanno quota sette miliardi, per raggiungere tra quattro anni i dieci miliardi di apparecchi. Una invincibile armata di cui si possono dare letture trionfalistiche o, allopposto, apocalittiche. I commentatori, per lo pi, si pongono nel mezzo: la tecnica, affermano, non perverte da sola la natura umana, come sostengono i pessimisti, ma nemmeno la realizza docilmente, come vorrebbero gli ottimisti. Il problema dei prossimi anni - chiosa Maurizio Ferraris sar sempre pi quello di dover fronteggiare la valanga di sollecitazioni, richieste, domande incalzanti provenienti dalla rete mobile che ci circonda. Essa, infatti, non porta semplicemente felicit e amicizia (come suggeriscono le pubblicit). Porta anche richieste e, in generale, responsabilit. Appare perci folle o interessante? lesperimento condotto allinizio di febbraio dalleditorialista del Corriere della Sera, Beppe Severgnini: stare per una settimana senza alcuna connessione a Internet. Una Quaresima 2.0, come lui stesso la definisce, annotando: stata dura, allinizio; poi curiosamente rilassante. E credo di aver imparato alcune cose utili. Allinizio del tempo penitenziale per eccellenza, il digiuno da internet, o la sua limitazione, prender il posto di pi antiche e tradizionali astinenze? Chiss. Forse, per, pi che la scienza teologica quella medica ad essere chiamata in causa da unesperienza simile, vista la crescente dipendenza da iperconnessione con relative richieste di disintossicazione digitale. Ne parlava due settimane fa anche la nota rivista Wired: Attraverso la risonanza magnetica, dimostrato che lincapacit di staccarsi da Internet altera la struttura di alcune zone cerebrali. Nel suo personale bilancio, Severgnini parlava di acquisizioni utili. Quali? Per esempio: mi accorgo di essere meno distratto, e la concentrazione risulta facile. come se avessi liberato Ram cerebrale. Come succede sotto la doccia o in volo sugli aerei, due luoghi offline (per adesso). Da cinque giorni faccio meno cose, ma ho la sensazione di farle meglio. Scopro nuove attivit, come guardare dal finestrino dellautomobile (invece di approfittare di ogni trasferimento per controllare la posta). Se non fare una cosa diventa una notizia, vuol dire che quella cosa la facciamo troppo, o la facciamo male. Sbaglio?.

AL DI L DEI DISTINGUO GIURIDICI, CREDO CHE PROPRIO PER LA SICUREZZA DEL NOSTRO PAESE SAREBBE IMPORTANTE COINVOLGERE I GIOVANI STRANIERI DI PRIMA E SECONDA GENERAZIONE NEL SERVIZIO CIVILE (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Non riconoscere il valore di unesperienza libera, educativa alla partecipazione e alla cittadinanza credo sia una scelta miope in termini di politiche giovanili e di sviluppo
economisti cosa potrebbe costare questo ritorno al servizio civile come luogo educativo alla cittadinanza presumibilmente non meno di 1 miliardo di euro allanno - in un tempo in cui non si trovano 70 milioni di euro per continuare lattuale forma di servizio civile volontario, mi domando quanto pu giovare parlare eventualmente della gallina di domani ammesso che sia tale - e non accontentarsi delluovo di oggi. Non riconoscere il valore di unesperienza libera, educativa alla partecipazione e alla cittadinanza e alla difesa non violenta che in taluni casi anche gratuita, certamente che ha un ritorno quattro volte linvestimento che lo Stato ha fatto, credo sia una scelta miope in termini di politiche giovanili e di sviluppo oggi. Semmai occorrer domandarsi: come aiutare a sviluppare questa scelta libera di migliaia di giovani oggi mortificata; come fare in modo che anche i giovani meno scolarizzati la scelgano; come raccordare il servizio civile nazionale con quello regionale; come connettere il servizio civile con la cittadinanza europea, con la Patria europea, che oggi vede presenti migliaia di giovani europei provenienti ad esempio dalla Romania, dalla Bulgaria, ma anche migliaia di studenti della Spagna e di altri Paesi grazie allErasmus? Il secondo tema riguarda la possibilit di accesso dei giovani stranieri al servizio civile. Gi in diversi seminari nel corso di questo ultimo decennio, organizzati dallUfficio nazionale servizio civile con la Scuola SantAnna di Pisa, con la Cnesc, oltre che alcune sentenze della Corte Costituzionale avevano aiutato a leggere il concetto di Difesa della Patria in stretto collegamento con la cittadinanza, ma anche con i diritti delle persone sanciti dalla nostra Costituzione. Al di l dei distinguo giuridici, credo che proprio per la sicurezza del nostro Paese sarebbe importante coinvolgere i giovani stranieri di prima e seconda generazione nel servizio civile. Si eviterebbero nuove banlieue, si costruirebbero percorsi di incontro e di conoscenza, di dialogo intergenerazionale e interistituzionale che aiuterebbe a costruire una citt, dove al centro la piazza e non il muro. Non vorrei fra qualche anno scrivere la favola di stile esopiana o di altro genere cominciando "cera una volta il servizio civile" e finire con il tradizionale "la favola insegna": attenzione a buttare via con lacqua il bambino, con il servizio civile volontario una opportunit ai giovani di crescere dentro e non fuori la citt. Giancarlo Perego direttore Fondazione Migrantes

il Periscopio

di Zeta
avranno imposto questa decisione, ma i normali cittadini non si capacitano di una simile soluzione. vero, la presunzione di innocenza un pilastro del diritto e su questo non possiamo non essere daccordo. Certo che lattenzione mediatica riservata e certi eventi li amplifica e li trasforma in fatti popolari, con schieramenti simili alle tifoserie da stadio. Non ne guadagna la convivenza nazionale che per anni si accapigliata su questioni che poco o nulla avevano a che fare con la gestione della cosa pubblica. Cala il sipario su ventanni di video processi un altro titolo del quotidiano Avvenire sempre di domenica scorsa e sempre in argomento. S, la televisione ha giocato e gioca la sua parte importante in queste faccende nazionali. Inutile nascondersi: i mass media oggi hanno un potere di gran lunga superiore rispetto anche solo a un recente passato. La giustizia dovrebbe restarne fuori, ma un certo condizionamento risulta quasi inevitabile. Il governo guidato dal professor Monti ha stemperato tante spigolature molto vive fino a pochi mesi fa. Anzi, certi scontri appaiono lontani nel tempo, davanti al nuovo clima che si respira in questo periodo di lacrime e sangue. Sul campo ci sono altre emergenze

La prescrizione ha chiuso il processo Mills Rimane la delusione del non-giudizio

Se questo il modo di fare giustizia


l presunto reato prescritto. Cos ha scritto Danilo Paolini in un editoriale apparso domenica scorsa a pag. 2 di Avvenire (vedi foto), a commento della sentenza che ha riguardato il procedimento penale a carico dellex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per il famoso caso Mills. Da cittadini siamo rimasti tutti delusi, cos come sono rimaste sbalordite, almeno a parole, le parti in causa che hanno annunciato entrambe ricorso. Il non giudizio non accontenta nessuno. Anzi, lascia lamaro in bocca a chi si sarebbe aspettato una parola precisa da parte dei giudici. Invece, nulla di tutto questo accaduto e la prescrizione, come accade 500 volte al giorno in Italia, ma senza il clamore del casoBerlusconi (come riferito dallo stesso editorialista di Avvenire) ha chiuso una vicenda che ha spaccato il Paese. successo di tutto attorno a questo fatto. Soprattutto abbiamo vissuto lincertezza del diritto che si vive in questo nostro Paese, ma anche lesasperazione dello scontro politico-giudiziario arrivato fino alla sentenza di sabato scorso. Certo la gente non comprende perch si sia celebrato un processo durato anni per poi alla fine affermare che il presunto reato prescritto. Ci saranno di certo i motivi di legge che

che hanno stemperato le tensioni fra gli schieramenti politici. Le vicende giudiziarie di Berlusconi non sono chiuse. La speranza, per tutti, che nelle prossime occasioni i giudici abbiano il coraggio, e la possibilit, di emettere sentenze. Per il bene di tutti. (736)

12

Gioved 1 marzo 2012

Cesena
Guida vini
Sommelier, enologi, Cantine e agenzia Prima Pagina gi al lavoro per ledizione 2012-2013 della guida LEmilia Romagna da bere e da mangiare. Una guida che, anche nellultima edizione, ha registrato la vendita e la distribuzione no allultima copia. Sono stati tre i vini del cesenate premiati, con una cantina che si aggiudica leccellenza con entrambi i vini: la Tenuta Casali. Questo il verdetto della guida dello scorso anno. Secondo il responso dei sommelier che hanno degustato alla cieca i vini, hanno ottenuto il punteggio massimo (la stella delleccellenza) il vino Quartosole Sangiovese di Romagna Doc Riserva 2008 (Tenuta Casali), il Damianus Colli Romagna Centrale Doc Cabernet Sauvignon Riserva 2008 (Tenuta Casali), Amedeo Sangiovese di Romagna Doc Riserva 2007 (Cantina Zavalloni Stefano). La guida composta da 432 pagine e offre una mappatura completa del panorama enologico dellEmilia Romagna. Il dato pi rilevante della nuova pubblicazione sta nelle eccellenze, 90, i vini giudicati come migliori dai sommelier che li hanno degustati alla cieca. Non solo: per la prima volta le cantine di Emilia e Romagna sono giunte alla pari: 45 sono le cantine emiliane, 45 quelle romagnole che hanno conquistato il punteggio massimo, il simbolo della "stella". Un passo in avanti rispetto alledizione 2010, quando le aziende premiate erano risultate 85 (39 in Emilia, 46 in Romagna). Guardando a livello regionale, alla provenienza delle cantine premiate, 12 sono nel Piacentino, 4 nel Parmense, 7 nel Reggiano, 6 nel Modenese, 15 nel Bolognese, 1 nel Ferrarese, 6 nellImolese, 15 nel Faentino, 1 nel Ravennate, 16 nel Forlivese, 3 nel Cesenate, 4 nel Riminese.

Operai risarciti con oltre 10mila euro, solo due non hanno accettato
logistica e degli obsoleti macchinari. Incontrando qualche resistenza tra i 250 lavoratori e, nel clima acceso dello stabilimento, anche qualche atto di aggressione e vandalismo. Al momento di decidere chi dei vecchi lavoratori potesse diventare socio della nuova cooperativa, 23 persone non furono ritenute degne dellammissione alla cooperativa. In questo modo, perdendo lo status di "socio-lavoratore", i dipendenti rimasti a spasso non poterono nemmeno accedere agli ammortizzatori sociali. Al loro posto la cooperativa prefer stabilizzare altre persone con contratto interinale o procedere a nuove assunzioni. A fianco dei lavoratori esclusi sorse in citt un comitato di sostegno, impegnato prima in volantinaggi davanti allipermercato Coop (pur non coinvolto direttamente nella vicenda) e successivamente in una raccolta fondi per le vie del centro cittadino. Una battaglia che ha convinto la cooperativa ad alzare la posta dei risarcimenti da 4500 euro a 13mila grazie al contributo di Coop Adriatica (la pi danneggiata a livello mediatico dalla campagna in atto). La somma, specie in questo periodo di crisi economica, non pu certo sostituire le sicurezze di un impiego. Ma potr permettere agli ex dipendenti, per la maggior parte stranieri, di saldare per un po di tempo laffitto o le rate del mutuo per la casa in attesa di un nuovo lavoro. Mb

Ex lavoratori Astercoop Si giunti alla soluzione


opo mesi di passioni, drammi, volantinaggi e tensioni, la vicenda Astercoop si avvia verso una conclusione. Dodici ex lavoratori della cooperativa hanno accettato il risarcimento proposto (oltre 10mila euro), facendo cadere la causa legale contro il precedente datore di lavoro. A questo punto solo due ex dipendenti continuano a battere la strada giudiziaria. Il caso era scoppiato nel luglio scorso

quando 23 lavoratori al magazzino Coop di Pievesestina furono lasciati a casa dalla nuova gestione, i friulani di Astercoop. Per la prima volta dopo molto tempo il magazzino, che aveva subito ben 11 passaggi di gestione in pochi anni, veniva gestito da una cooperativa non in regime di subappalto. Per questo Astercoop, a differenza dei precedenti gestori, mise in campo da subito un particolare impegno nella riorganizzazione del lavoro, della

La Fotonotizia | Scout in redazione

La Fotonotizia | Premio Lions

I Lupetti del Cesena 1 del Lugaresi sabato scorso hanno compiuto una visita nella redazione del Corriere Cesenate. I ragazzi hanno dialogato con il direttore Francesco Zanotti e con il giornalista Cristiano Riciputi. Hanno imparato cosa sta dietro allelaborazione settimanale del giornale.Tante le domande fatte dagli scout soprattutto su cosa si deve scrivere nel giornale.

Il Lions Club Cesena ha premiato la scuola secondaria di primo grado "Via Pascoli" plesso di Via Pascoli di Cesena con una lavagna interattiva multimediale come scuola con il maggior numero di partecipanti al concorso Lions "Un poster per la pace". Alla consegna hanno partecipato il presidente del Lions Club Cesena Carlo Battistini con il comitato dei soci Lions organizzatore del concorso, la preside Sabrina Rossi e le insegnati Prisca Missiroli e Annapaola Govoni.

Cesena

Gioved 1 marzo 2012

13

A colloquio con Massimo Bulbi, presidente della provincia di Forl-Cesena


uasi 17 milioni di euro per spalare la neve e far fronte ai 15 giorni di emergenza. E poi c tutta la conta dei danni (strade, edifici pubblici, aziende) ancora in via di definizione, ma che sar superiore ai 34 milioni. E danni per lagricoltura pari a 21 milioni. Massimo Bulbi, presidente della provincia di Forl-Cesena, molto preoccupato per la situazione causata dallemergenza neve delle scorse settimane. Ma c anche un aspetto, a volte trascurato, che il presidente tiene a sottolineare: il grande impegno dei sindaci, il loro attaccamento alla comunit, i sacrifici che hanno fatto dormendo a volte negli uffici e dandosi da fare per giorni e giorni per aiutare chi era in difficolt. "Durante lemergenza - afferma il presidente - i sindaci chiamavano continuamente. Il nostro ruolo stato anche quello di dare un po di serenit, cercando di organizzare linvio di mezzi speciali, quelli che avevamo chiesto di rinforzo allesercito, alla Protezione civile, ai Vigili del fuoco. Forse non sempre ci siamo riusciti, ma come Provincia abbiamo cercato di stare vicini ai sindaci di tutte le citt, dalle pi grandi fino ai Comuni pi piccoli, quelli pi isolati e investiti dalle pi grandi quantit di neve". Dal Governo dovrebbero arrivare 20 milioni di euro per far fronte ai costi

Unnevone dapiangere

Danni da neve su serre a Gattolino

Il bilancio provvisorio indica 17 milioni di euro spesi I danni al patrimonio pubblico ammontano a pi di 34 milioni, mentre lagricoltura piange danni per 21 milioni

degli interventi durante lemergenza. La Regione ha stanziato subito 300mila euro per pagare le spese ai volontari che sono venuti in Romagna: costi di vitto e alloggio, carburante, spese per riparare le rotture delle attrezzature. Ma poi si apre il grande capitolo dei danni causati dalla neve e qui Bulbi perde un po della sua proverbiale sicurezza. "Stiamo conteggiando milioni e milioni di euro di danni - afferma - e alcuni si vedranno solo nelle

prossime settimane. E sotto gli occhi di tutti lo stato delle strade del nostro territorio. Quintali e quintali di sale, il passaggio degli spartineve, le lame a ridosso di marciapiedi e cunette hanno lasciato in eredit buche e rotture. Ci vorranno mesi per ripristinare Il verde pubblico. Tanti edifici pubblici hanno subito danni alla struttura oppure agli impianti. Ecco, stiamo lavorando per cercare di recuperare fondi per andare a coprire tutte queste spese fuori dellordinario. Perch se vero che si sono accantonate delle cifre proprio per far fronte alle conseguenze dellinverno, pure vero che nessuno si poteva attendere un evento di tale portata". E poi vi il lungo elenco dei danni ai privati, alle aziende, ai capannoni agricoli e industriali. Il grosso dubbio proprio questo: arriveranno dei finanziamenti per aiutare gli imprenditori a risollevarsi? "La seconda nevicata - precisa Bulbi ha interessato tantissime regione oltre alla Romagna, fra cui le Marche, lUmbria e lAbruzzo. Anche l sono stati registrati molti danni e il timore che il Governo non abbia le risorse sufficienti per dare una mano a tutti". La provincia di Forl-Cesena, durante lemergenza, ha impiegato 171 mezzi spartineve (di cui 95 nel cesenate) con 231 persone al lavoro e 1300 tonnellate di sale sparse sulle strade. Cristiano Riciputi

Il racconto di chi ha messo gli sci ai piedi e ha notato curiosit e fatti strani in pieno centro

Emergenza neve: qualche aneddoto dalla citt


Passata lemergenza-neve, ripercorriamo con qualche aneddoto quei momenti. Per raccontare Cesena imbiancata - ufficialmente individuata come occhio del ciclone di questa ondata polare - c anche chi andato in giro con gli sci ai piedi. Raccogliendo cos storie curiose, non a livello di prima pagina perch piccole, eppur significative. Qualcuno si stupiva, i bimbi additavano felici e molti, in panne con lauto, sorridevano invidiosi; per non stata idea peregrina, visto il "paciugo" per le strade innevate e il rischio di "sguillar via". Lammucchiarsi della neve aveva rapidamente raggiunto livelli impressionanti, isolando i cassonetti dellimmondizia e rendendoli inapribili per il peso, cos non bastava la leva del pedale. Eppure erano vuoti perch mercoled mattina la bufera era iniziata ben dopo il passaggio dei compattatori... bench la situazione imponesse di non affannarsi a conferire i rifiuti domestici come di consueto, alcuni cittadini avevano pensato bene di lasciare i loro sacchetti ai piedi dei cassonetti. Finch non sono intervenuti gli Scout, coordinati dal gruppo del Duomo, che hanno intelligentemente spalato i coperchi e creato accessi opportuni. Quando il buon senso trova le soluzioni pi adatte... Non c stato invece da stare allegri ogni volta che si beccavano i proprietari dei cani lasciar loro provvedere, senza uso del civilissimo sacchetto, al naturale riordino intestinale nel bel mezzo delle poche strade pi o meno pulite. Se ne son visti diversi, e guai a far presente che cerano a spasso - oltre agli impavidi sciatori - tantissimi bambini entusiasti di poter pestare la neve. Sporcare cos lo slancio della giovent era proprio ineducato, eppure quanto si arrabbiavano se glielo si diceva. Vittorio un signore dallet dargento il quale, vedendo spuntare un paio di sci per Corso Sozzi, saluta contento la giornalista a caccia di bianche notizie. E: "Che bello! Vederla mi ricorda cinquantanni fa - racconta - con quella nevicatona di allora...io ed alcuni amici ci facevamo trainare da una 500, aggrappati a delle corde legate alla belle meglio, su e gi proprio per questo Corso! Eravamo i primi cesenati con gli sci; in seguito avremmo creato, appunto, lo Sci club." Gli chiedo se ha delle foto di quellimpresa: " No, no, dovevamo farlo di notte, sarebbe stato pericoloso, per ci divertivamo tantissimo." Intanto lesperienza di passeggiare per la citt con gli sci ai piedi si rivela bellissima: le strade cesenati sono dolce alternarsi di saliscendi e falsi piani, e c un discreto compattarsi del manto nevoso causato dai pochi passaggi sulle vie, la temperatura non bassissima per cui non c ghiaccio, ma il cosiddetto "taccone" anche se c da stare comunque attenti. Lina e il marito, coppia ultrasettantenne, sono riusciti ad andare al mercato con lauto. "Ci sono gli alpini e tanti volontari trentini - dicono - che ti prendono sotto braccio, portano le borse pesanti e taccompagnano. Dovevamo fare un salto pure in farmacia, ci hanno sostenuto e guidato lontano dai cornicioni e fuori dal troppo ghiaccio. E pensare che avevamo timore..." Ecco unaltra bella storia di solidariet. Monica Andreucci

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Vi offriamo sconti fino a 200 euro a coppia, oltre a quelli del tour operator e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi invitiamo in agenzia per ritirare il nostro catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

VIAGGI DI GRUPPO E SOGGIORNI AL SOLE


VIAGGI ESCLUSIVI FIRMATI VENERI ROBINTUR, DI GRUPPO, CON ACCOMPAGNATORE. 12 PARTENZE PREVISTE PER IL 2012 RICHIEDETECI I PROGRAMMI DETTAGLIATI TOUR DEL PORTOGALLO, un mondo di sapori: 11 giorni dal 12 al 22 aprile TOUR DELLA MALESIA, un viaggio da sogno: 15 giorni dal 7 al 21 maggio CAPONORD, in cima al mondo: 9 giorni, dal 16 al 24 giugno TOUR STATI UNITI, un viaggio nella leggenda: San Francisco, i parchi, Gran Canyon, Los Angeles, 15 giorni, dal 6 al 20 luglio TOUR DELLA SCOZIA, magiche atmosfere: castelli e natura, 8 giorni, dal 5 agosto TUTTI QUESTI PROGRAMMI SONO GI PRONTI, RITIRATELI IN AGENZIA!
Da settembre a novembre 2012, programmi in preparazione: i parchi del Kenia e della Tanzania; tour dellIndia del nord; tour della Thailandia e Cambogia

VIAGGI VENERI

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it

CHIEDETECI I PROGRAMMI DEI NOSTRI PELLEGRINAGGI 2012: TERRASANTA, LOURDES E PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A FATIMA DAL 16 AL 18 AGOSTO (in bus da Cesena e volo)

14

Gioved 1 marzo 2012

Cesena
Foto archivio Pagliarani

Il centro educativo fa capo allAsp

La citt che vorrei Concorso per bambini voluto da Arca


scolto, confronto, gioco, socialit, dialogo Tutto questo lArca, il centro educativo attivo da 12 anni che fa capo allAsp (Azienda servizi alla persona) cesenate. Nata nel 1999, lArca stata fondata per portare avanti lopera pia Aldini Masini, adeguandola ai tempi moderni. La sua attenzione rivolta ai pi piccoli e mette a disposizione non solo uno spazio fisico (in via Ancona 310), ma anche competenze professionali. "Il centro educativo rivolto a bambini fra i 6 e i 14 anni ed aperto da ottobre a maggio tutto il pomeriggio dal luned al venerd", ha spiegato Claudia Biancastelli, coordinatrice Arca, in conferenza stampa. Educatori professionali, insegnanti e logopedisti in pensione, volontari e tirocinanti si occupano ogni settimana di 44 bambini di Cesena e circondario, aiutandoli nei compiti e coinvolgendoli in laboratori creativi. Accanto a percorsi annuali, vengono proposte attivit nate direttamente dallascolto dei bisogni dei ragazzi. Inoltre attivo un doposcuola su disturbi specifici dellapprendimento -

Monastero dello Spirito Santo


E morta suor Giovanna
Nella notte tra sabato e domenica 26 febbraio suor Giovanna Fabbri ha esalato lultimo respiro. Una paralisi completamente invalidante laveva inchiodata per sette anni nel letto della propria cella nel monastero dello Spirito Santo delle monache benedettine di via Celincordia. A questa infermit si era aggiunto un tumore che lentamente lha consumata. Aveva raggiunto let di 89 anni, 62 dei quali trascorsi in monastero. Era cresciuta in una numerosa famiglia di San Vittore: ottava di 14 gli. Il padre di lei, gura forte ed autoritaria, avrebbe voluta vederla sposata e allo scopo aveva scelto un giovane adatto. Ma i gusti di Maria, suo nome di battesimo, non erano quelli del babbo e soprattutto la sua vocazione era unaltra. Fisicamente robusta e tenace nella volont, in comunit svolgeva i lavori pi pesanti senza mai esonerarsene; anche quando, per i limiti dellet e per gli acciacchi che la molestavano, avrebbe potuto farlo. Abituata sin dallinfanzia a coltivare la terra e a maneggiare i suoi prodotti aveva continuato ad occuparsene anche in monastero, prima come ortolana e poi come cantiniera. Prima di ammalarsi gravemente insisteva per seguire i lavori nel campo. In estate non era difficile scorgerla nel frutteto anche nelle ore pi calde e, comunicativa comera, sentirla parlottare con i frutti di qualche albero: "tu non sei ancora maturo, ritorno a prenderti la prossima settimana; tu invece preparati per domani". Possedeva il dono del canto che in monastero condivideva con una delle sue sorelle, anchessa monaca. Per molti anni con le loro voci forti e melodiose avevano reso il coro sicuro e piacevolmente vibrante. Focosa, generosa, sensibile e socievole non di rado in comunit esprimeva vivacemente la sua esuberanza. Schietta e combattiva non era capace di tacere e di controllarsi n per difendere dallingiustizia, n per manifestare la propria sollecitudine. Se mancava in qualcosa era pronta a riconoscere la propria irruenza e a manifestarsi in pari misura sorprendentemente delicata e piena di ogni premura. Di questa sua umanit ricca e calda, che il Signore ha irrorato di sofferenza e grazia, serberemo sempre un ricordo gioioso e riconoscente. Ma soprattutto sar per noi impossibile dimenticare la profondit e la limpidezza di quegli occhi azzurri che, come gemme incastonate, in un viso sempre pi sereno ed affilato dalla malattia hanno continuato a guardarci no alla ne. Li ricorderemo come spiragli di uninesprimibile mistero di bellezza. Le sorelle benedettine

La scadenza per presentare disegni o racconti fissata per il 15 aprile

lettura, scrittura e calcolo -, dedicato ai bambini con questi disturbi, che oggi costituiscono circa il 3-4 per cento dei ragazzi in et scolare. Lattenzione non si ferma ai bambini: da 11 anni lArca propone un percorso ai genitori, per affiancarli e sostenerli nel difficile mestiere dellessere padri e madri. Questanno il percorso, partito il 25 febbraio, affronter il tema delle emozioni, svolgendosi in quattro sabati dalle 15,30 alle 18,30. La novit del 2012, scaturita dalla fantasia creativa dellArca (che ha consegnato ai giornalisti una cartella stampa trasformabile in gioco delloca) un concorso rivolto a Cesena: "Come vorrei la mia citt". Pubblicizzato attraverso le scuole, rivolto a singoli e

gruppi di materna, scuola primaria e medie. La scadenza per la presentazione di disegni o racconti il 15 aprile; sabato 5 maggio avverr la premiazione. I vincitori potranno partecipare a un pacchetto di laboratori presso il centro educativo, oppure riceveranno un gioco costruito allArca. Si intensifica dunque la relazione con la citt e lAmministrazione, sottolineata dallassessore Simona Benedetti: "LArca svolge un servizio prezioso per il territorio, in stretta relazione con i servizi sociali e operando con particolare dedizione ed entusiasmo". Per informazioni, 0547 601705 e www.arcaragazzi.it. Claudia Coppari

Lo evidenzia Cesena Fiera in vista del Macfrut (26-28 settembre)

Frutta e verdura, calo dei consumi


Le famiglie italiane nel 2011 hanno acquistato 8,3 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresche e surgelate per una spesa di 13,4 miliardi di euro. E la sintesi dei dati annuali dellOsservatorio dei Consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di Macfrut (curato da GFK-Eurisko). "LOsservatorio uno strumento di indagine e conoscenza che ogni mese monitora la spesa degli italiani -spiega Domenico Scarpellini (foto), presidente di Macfrut- e che abbiamo attivato per fornire un servizio ad operatori e ricercatori, perch Macfrut non soltanto lesposizione di tutta la filiera ortofrutticola, ma un punto di incontro e di interesse per tutto lanno, con attivit di notevole spessore: dalla preparazione dei convegni alle missioni allestero (assieme alle imprese), dallimpegno per linternazionalizzazione a quella per linnovazione di processo e di prodotto". LOsservatorio ci dice che rispetto al 2010, il 2011 ha segnato una leggera contrazione del monte degli acquisti, ovvero da 8.481.373 di tonnellate a 8.395.973 di tonnellate, con un -1 per cento e un piccolo incremento della spesa totale pari al +0,21 per cento. Crisi, diminuzione della disponibilit economica, nuovi modelli alimentari possono essere motivi e concause, che verranno approfonditi, assieme a una maggior analisi dei dati a Macfrut 2012, che si terr a Cesena dal 26 al 28 settembre. Macfrut la rassegna internazionale dedicata alla filiera ortofrutticola ed il punto di incontro di tutto il settore con una forte partecipazione di operatori e imprese estere, con incontri bilaterali programmati e una convegnistica di alto profilo. Ritornando ai dati dellOsservatorio dei consumi, va sottolineato che la mela, con 825.000 tonnellate rimane al primo posto come frutta regina delle tavole italiane, insidiata dallarancia che si "ferma" a 605.000 tonnellate acquistate seguita dalla banana (450.000 tonnellate).

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA CENTRALE (adiacenze Stazione): appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina interrata e ripostiglio a piano terra. 160.000 / Rif. 1114

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI: appartamento di nuova costruzione al secondo piano composto da soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balcone, loggia verandata, ampio sottotetto, garage doppio. Pronta consegna. MADONNA DELLE ROSE: appartamento di notevoli dimensioni in palazzina da 6 unit posto al primo piano composto da ingresso, salone con camino, cucina, 3 letto, 2 bagni, veranda, balcone. Ampie cantine e garage. Da ristrutturare. 370.000 / Rif.1091 LOCAZIONI

SAN MAURO IN VALLE: a pochi passi dal centro, immersi nel verde, appartamenti di nuova costruzione ad alto risparmio energetico. Possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta, giardino e ingresso indipendente o allultimo piano con ampio sottotetto. NESSUNA SPESA DI INTERMEDIAZIONE. ZONA PORTA TROVA: appartamento luminoso al quarto piano composto da ampio soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno, balcone verandato, cantina. Possibilit di acquistare garage nelle vicinanze. 185.000 / Rif. 0843

VIALE MARCONI (adiacenze McDonald): affittasi al primo piano con ascensore ufficio in ottimo stato di mq. 110 con cantine e 2 posti auto riservati. 1.250 ZONA CENTRALE: appartamento ristrutturato al 4 piano con ascensore composto da salotto, cucina, 2 letto, balcone verandato, bagno, cantina. NON ARREDATO. 600 PONTE PIETRA: ampio bilocale composto da soggiorno, cucina in nicchia, 1 letto matrimoniale, 1 bagno, terrazzo, garage. ARREDATO. 550 SAN MAURO IN VALLE: appartamento al 2 piano senza ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, ampio balcone (in parte verandato), cantina, garage. PARZIALMENTE ARREDATO. 600.

ZONA EX ZUCCHERIFICIO: appartamento allultimo piano con ascensore composto da ampio soggiorno, cucina, 2 letto, 2 bagni, ripostiglio, loggia verandata, garage doppio. Luminosissimo e in perfetto stato. Informazioni in ufficio.

Cesenatico

Gioved 1 marzo 2012

15

Incontro al palazzo del turismo

Bcc di Sala
Un libro di storia e ricordi
Noi del 43 e dintorni un libro per non dimenticare gli anni difficili. Nei giorni scorsi presso il museo della Marineria di Cesenatico stato presentato un nuovo libro sulla storia di Cesenatico, alla presenza del sindaco Roberto Buda e del presidente della Bcc di Sala Patrizio Vincenzi. Il volume "Noi del 43 e dintorni" stato curato da Anna Maria Bastoni e Ilaria Gulizia e raccoglie gli scritti di ventuno amici, cittadini di Cesenatico che si sono improvvisati scrittori per fermare sulla carta i ricordi da loro giudicati pi signicativi della propria infanzia, vissuta nella Cesenatico dellimmediato Dopoguerra. "Un periodo di povert materiale ma anche di grande ricchezza morale ed umana- ha scritto nella prefazione

Bagnini: il futuro appeso a unasta


esenatico ospiter gli stati generali degli operatori di spiaggia. Lappuntamento venerd 2 marzo, dalle 14,30 alle 18,30, presso la sala convegni del Palazzo del Turismo di viale Roma. Il tema centrale "Il turismo balneare tra liberalizzazioni e Blokestein, quale futuro per le imprese?". Per loccasione, davanti ad una platea di imprenditori provenienti da varie localit, si incontreranno per la prima volta i massimi esponenti nazionali dei sindacati di categoria di Confcommercio e Confesercenti, assieme agli amministratori ed agli operatori di tre regioni dellAdriatico: Emilia-Romagna, Marche e Abruzzo. Secondo la direttiva Bolkestein della Comunit Europea, a partire dal primo gennaio 2016, verrebbero messe allasta le aziende di circa 30mila operatori balneari italiani, la cui gestione condotta da aziende a conduzione familiare, che hanno il loro elemento di maggior forza proprio nel rapporto diretto con il cliente e lospitalit. Le categorie in rappresentanza dei bagni

I gestori degli stabilimenti balneari chiedono che il lavoro non venga appaltato al miglior offerente
vogliono far valere il diritto di sussistenza degli operatori di spiaggia, attraverso labolizione dellobbligo del rinnovo delle concessioni con il metodo delle aste ed una deroga alla Bolkestein. Venerd, dopo il saluto del sindaco di Cesenatico Roberto Buda, interverranno Riccardo Borgo, presidente nazionale del Sib, il sindacato italiano balneari della Confcommercio; Vincenzo Lardinelli, presidente nazionale della Fiba, la Federazione italiana delle imprese balneari della Confesercenti. Seguiranno gli interventi degli assessori regionali al turismo dellEmiliaRomagna, Maurizio Melucci, e della regione Abruzzo, Mauro Di Dalmazio, il quale anche il coordinatore degli assessori al Turismo. Poi sar la volta di Giancarlo Cappelli (presidente regionale Sib Emilia-Romagna), Riccardo Vincenzi (presidente regionale Fiba Emilia Romagna), Enzo Monachesi (presidente regionale Sib Marche), Ilenia Illuminati (presidente regionale Fiba Marche), Riccardo Padovano (Sib Abruzzo) e Antonio La Torre (Fiba Abruzzo). Gli interessati possono avere ulteriori informazioni telefonando allo 054783261, visitando il sito internet www.balnearicesenatico.com, o inviando una e mail allindirizzo di posta elettronica info@balnearicesenatico.com. Giacomo Mascellani

AUGURI!!!

Festa al ristorante Capo del Molo

La Polisportiva Boschetto ha compiuto 40 anni


Udite udite la notizia del giorno: il 2 marzo del lontano 1962 nel retrobottega di quel distributore Shell (oggi Tamoil) di via Saffi, con strilli e schiamazzi veniva alla luce Elga Fabbri Mamma Alba Pollini e babbo Livio Fabbri fra una poppata, un cambio di pannolini e un pieno di benzina (che al tempo costava 150 lire al litro!) piano piano insegnavano alla fanciulla l'arte del saper fare la benzinaia. Tanti auguri per i tuoi 50 anni! da Francesca, Silver, Luca e Giulia P.S.: vero che li porta bene?

Circa 120 appassionati di sport, nei giorni scorsi si sono dati appuntamento al ristorante Capo del Molo dellHotel Miramare di Cesenatico, per festeggiare il 40 anniversario della Polisportiva Boschetto. Per una serata sono state protagoniste le famiglie che nel 1972 si sono unite per dar vita allo storico sodalizio sportivo, che uno dei ori allocchiello del quartiere di Cesenatico. La Polisportiva Boschetto ha sede vicino alla chiesa di Santa Maria Madre della Chiesa, dove ci sono due campi da calcio frequentati dagli atleti che partecipano ai campionati e ai tornei del "Centro sportivo" e degli over 35. Allassociazione sono iscritti anche i componenti della squadra di Cesenatico di tennis da tavolo che si allenano alla palestra di Sala e un nutrito gruppo di ciclisti. Complessivamente sono un centinaio gli atleti iscritti nelle varie discipline e lassessore Giovannino Fattori, intervenendo allincontro,

ha sottolineato limportanza sociale della Polisportiva Boschetto. Il presidente Gilberto Castagnoli il cuore e lanima del sodalizio: "Siamo orgogliosi di aver tagliato il traguardo dei 40 anni, perch siamo tutti impegnati esclusivamente per passione e spirito di solidariet. Ogni giorno facciamo dei sacrici, perch ci autonanziamo in tutto per la gestione degli impianti. Rispetto agli anni Settanta abbiamo qualche capello bianco in pi, ma assieme a noi ci sono anche nuove leve per garantire il futuro della Polisportiva Boschetto". Gia.Masc.

Davide Gnola, direttore della biblioteca comunale - Su quel periodo e quella generazione poggiano ancora le fondamenta la nostra societ e le generazioni successive; sugli affetti che hanno unito famiglie, gli e nipoti; sul lavoro che ha dato solidit, case, altro lavoro; sulle regole del vivere civile che hanno garantito pace e libert". Il materiale fotograco della pubblicazione stato fornito in gran parte dal fotografo Luciano Nanni, con scatti e cartoline inedite. La stampa (110 pagine, Sicograf di Cesenatico) stata possibile grazie al contributo della Banca di Credito Cooperativo di Sala. Ora lo si pu trovare in vendita presso ledicola Il Puntodi Italo Freschi e il negozio di abbigliamento Luciana, al costo di 15 euro. Il ricavato sar interamente devoluto a favore di Tania Rauheisha, una giovane ragazza bielorussa priva di genitori e di mezzi di sostentamento, ospite da ormai tredici anni durante lestate di una famiglia cesenaticense, per consentirle di ultimare gli studi intrapresi. Giorgio Magnani

16

Gioved 1 marzo 2012

Valle del Rubicone

Longiano, intervista a Darco Pellos

Un commissario sempre presente e attivo


allo scorso 31 gennaio Darco Pellos (nella foto), vice prefetto vicario di Forl-Cesena, commissario del comune di Longiano. Pellos si trovato a guidare il Comune proprio alla vigilia di una straordinaria nevicata. A un mese dal suo insediamento, cerchiamo di fare con lui il punto della situazione.

Il sostituto del sindaco riassume i giorni del nevone e comunica che in maggio ci saranno le elezioni. La sua vice Mariella Immacolata Porro
Nessuno rimasto con le mani in mano. Il tessuto sociale si dimostrato assai solido. La capacit del territorio di fare rete e di fare sistema si conferma una buona risposta alle difficolt. Grandi sono i motivi di soddisfazione. Lemergenza era seria: mai visto nevicate tanto intense, nemmeno quando ho gestito la situazione di emergenza che ha colpito Belluno nellinverno 2008/2009. Come hanno reagito le istituzioni? Lente locale non mai stato abbandonato dalle istituzioni, che hanno mitigato le conseguenze di un evento di dimensioni tanto rilevanti. Si segnala una grande efficienza del sistema di Protezione civile, grazie al quale il comune di Longiano non mai stato isolato, nemmeno nei momenti pi critici. C stata grande collaborazione anche da parte della direzione scolastica. La tettoia centrale del plesso scolastico di Budrio, che ha ceduto sotto il peso della neve, stata riassestata adeguatamente. Seppure concepito come provvisorio, lintervento effettuato d garanzie di sicurezza. Che impressione ha avuto di Longiano? Provo il massimo rispetto per Longiano e la sua gente. Longiano ha tutte le caratteristiche di una citt e va trattata per quello che merita. La gestione commissariale continuer ad avere molto rispetto per il territorio ed intenzionata a restituire quanto prima ai cittadini unamministrazione democraticamente eletta. Il prefetto Angelo Trovato si impegnato personalmente nellinserire il Comune nella prima tornata elettorale utile (il 6 e 7 maggio prossimi, ndr). Anche la recente nomina di un sub-commissario, Mariella Immacolata Porro stata fatta per garantire una maggiore continuit e presenza allinterno del Comune. Matteo Venturi

Quali sono i numeri dellemergenza neve a Longiano? Sono state dodici le ditte private in campo con i loro mezzi spartineve. Tutto il personale in forza al Comune una trentina di persone - si reso disponibile. Undici i vigili del fuoco volontari di Avio, che hanno ripulito i tetti del teatro Petrella e delle scuole comunali. Una decina le persone della Protezione civile intervenute. Unaltra decina quelle dellEsercito. Sono state circa 120 le persone mobilitate durante lemergenza, con tutti i volontari che hanno offerto il loro aiuto spontaneo e gratuito. Per quel che riguarda il bilancio, la calamit coster al Comune circa 200mila euro. Come ha reagito Longiano allemergenza neve? Ho visto in campo una grande solidariet. Limitatissimo stato il numero di proteste e lamentele, comunque tutte giustificabili e a cui si cercato di dare risposta.

Gambettola: la comunit ha gioito con le coppie che hanno ricordato particolari anniversari

Sposi in festa
In occasione del mese dedicato alla famiglia si sono svolti, domenica scorsa in parrocchia a Gambettola, i festeggiamenti degli anniversari di matrimonio. Allinvito a partecipare alla cerimonia celebrata dal parroco don Claudio Turci hanno risposto 24 coppie (nella foto di Mario Gambettola). E stata una giornata particolare specie per due famiglie, Borgelli e Giorgetti. Nella prima i genitori Lorenzo Borgelli e Graziella Scalpellini hanno festeggiato il loro 50 anniversario mentre le figlie Emanuela con Achille Ventrucci e Cinzia con Giuseppe Babbini hanno ricordato il 25 anno insieme. Nella seconda famiglia i genitori Augusto Giorgetti e Agostina Orlandi hanno festeggiato il 60 anniversario e la loro figlia Pierina con Marco Maestri il 25. Questi i nomi degli altri festeggiati: Mirko Alvisi e Loretta Morigi, Eugenio Battistini e Maria Cristina Astolfi, Camillo Casadei e Antonella Borgelli, Bruno Nanni e Manuela Bianchi, Sauro Lelli e Antonella Tontini e Bruno Pilu e Cristina Bruschi (25 anniversario); Ezechiele Bartolini e Maria Faggi, Renzo Brandolini e Maria Giuseppina Neri, Guglielmo Busni e Mara Biondi, Lino Collinucci e Ettorina Pozzi, Giovanni Germinario e Vita Natuzzi, Rinaldo Lunedei e Cesarina Abbondanza, Paolo Mazzotti e Adriana Bianchi, Natale Ugolini e Carla Golinucci, Secondo Venturi e Teresa Belli (50 anniversario) e Primo Zanotti e Agostina Manuzzi (65 anniversario). Piero Spinosi

Crollo a Sogliano
Gli edici storici sono quelli che in questo particolare frangente dimostrano i danni causati dalla forte nevicata dei giorni scorsi. il caso dellOratorio di San Francesco di Paola a Sogliano al Rubicone che ha subito, nel tardo pomeriggio di sabato scorso, il crollo parziale del tetto. "Nel nostro programma di interventi cera la ristrutturazione dellOratorio che da tempo divenuto di propriet del Comune - afferma lassessore Dante Orlandi -. Si era pensato di riaprirlo, dopo i lavori di manutenzione, quale centro culturale aggiunto per ospitare mostre e perch no, anche il nostro ufficio turistico. Questi erano i progetti di cui avevamo parlato, ma oggi, con laccaduto, i tempi si recupero saranno diversi". Per intervenire con i lavori come intenzione dellAmministrazione comunale guidata dal sindaco Quintino Sabattini, sar necessario chiedere i vari pareri dato che ledicio sotto la tutela Soprintendenza alle Belle Arti. Cristina Fiuzzi

Incontro organizzato dai Filopatridi presso la Bcc di Gatteo

Musica sacra pilastro dellunit


La musica sacra come uno dei pilastri dellunit dItalia: questo il tema principale dellincontro pubblico della Rubiconia Accademia dei Filopatridi che ha luogo venerd 2 marzo a partire dalle 21 presso la sala multimediale della Banca di Credito Cooperativo di Gatteo. La serata, lultima in calendario dedicata al 150 anniversario dellunit dItalia, vede la partecipazione di Mauro Casadei Turroni Monti (foto), docente dellUniversit di Modena-Reggio Emilia, che fa da co-protagonista con il coro "Musica Enchiriadis" diretto da Pia Zanca. Ad introdurre largomento e porgere i saluti iniziali sono Giancarlo Mazzuca, presidente della Rubiconia Accademia dei Filopatridi, e Gabriele Galassi, Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Gatteo, istituto sostenitore dellevento. dallo stesso titolo, "Laltro solco dellUnit. La musica sacra cattolica e lidentit italiana tra Otto e Novecento", che emerge limportanza degli aspetti trasversali preesistenti allunit stessa, in ambito storicoestetico, socio-religioso e liturgico. "Di fronte ad affermazioni come quella per cui la rivista "Civilt cattolica", portavoce dal 1850 della parte neotomistica e conservatrice della Chiesa, fosse stata pensata "in termini italiani prima ancora che esistesse politicamente lItalia" - spiega Turroni Monti, anticipando i contenuti di una sua pubblicazione monografica - si pu immaginare che litalianit si sia modellata anche su tracciati cristiano-cattolici profondi, maturati tra conservatorismo e indirizzi conciliatoristi, che contribuirono a sviluppare uno spirito unitario ben prima e aldil dei tradizionali connotati politicoculturali risorgimentali". Il discorso del docente e musicologo sar accompagnato ad intervalli dai saggi musicali del coro, che eseguir una panoramica dei vari stili italiani di musica sacra: da quello tradizionale del Rossini da chiesa ai canti e alla polifonia riformati: il neogregoriano, i melodici Krug e Perosi, il salesiano Federico Caudana, infine lInno allItalia del sondriasco Costante Adolfo Bossi. "In base a tali considerazioni - prosegue il professore - una delle voci carsiche dellitalianit fu senzaltro landare in chiesa tra citt e campagna. La musica sacra vi gioc un formidabile ruolo di identificazione comune nella devozione dei fedeli, in grado di attraversare le regionalit sia nel tradizionale repertorio ottocentesco influenzato dagli stilemi operistico-bandistici sia nella musica sacra riformata che tra Otto e Novecento". Arianna Alpini

Valle del Savio

Gioved 1 marzo 2012

17

Sarsina, si tenta un primo bilancio

San Piero
A 50 anni esatti dalla morte di padre Giovanni Pesarini, un frate sampierano tornato ad esercitare il suo servizio presso il convento francescano di San Piero. Domenica scorsa ha fatto il suo ingresso ufficiale come nuovo padre guardiano al convento di San Francesco padre Virgilio Andrucci, 68 anni, che sar anche di sostegno ai confratelli padre Serano, 91 anni, e padre Stefano, 87 anni. Il sacerdote francescano ha subito dato anche la sua disponibilit al vescovo, monsignor Douglas Regattieri, per seguire alcune chiese rimaste con parroci malati o molto anziani. Ed infatti gi la domenica precedente il vescovo, visitando per la prima volta e celebrando la messa insieme a padre Virgilio nella chiesa di Selvapiana, aveva presentato il frate che assicurer i servizi religiosi e la sua disponibilit, pur da San Piero, ai fedeli di Selvapiana e di Acquapartita in attesa che il parroco possa riprendere il suo posto. Al termine della Messa il vescovo aveva comunicato che padre Virgilio sar punto di riferimento per le parrocchie di SelvapianaAcquapartita e di Crocesanta e Valgianna, e lha ringraziato per la disponibilit. Ha frequentato il noviziato a Villa Verucchio ed stato ordinato sacerdote a Bologna nel 1969. Subito inviato a Modena, dove rimasto 21 anni, ha diretto numerose attivit di carattere sociale, a cominciare da un collegio per ragazzi, poi trasformato in casa di accoglienza per extracomunitari. A Bologna, dal 1990, stato assistente religioso al SantOrsola. Dal 2003 stato poi nominato parroco allAnnunziata di Bologna e dal 2009 padre guardiano allOsservanza di Cesena. Alberto Merendi

La neve ha portato anche la solidariet


opo lemergenza neve, tempo di bilanci per il territorio plautino, tra i pi colpiti nel cesenate dallabbondante nevicata di febbraio. Conta dei danni ma anche tanta solidariet: questa la doppia faccia della medaglia per la comunit plautina che, nella difficolt, ha saputo fare squadra e ben ha reagito in quelle giornate. La neve ha unito i cittadini nel bisogno: il Comune rimasto aperto ventiquattro ore su ventiquattro con la presenza dei responsabili delle Funzioni di supporto del Coc, il Centro operativo comunale nato immediatamente in seguito allemergenza. La gente scesa nelle strade a spalare, unendosi alle forze comunali, ai volontari, agli uomini dellEsercito, alle squadre di Vigili del fuoco accorse da pi parti dItalia. Nei loro confronti il vicesindaco Luigi Mengaccini ha speso parole di riconoscenza: "La straordinaria nevicata di febbraio ci ha messo a dura prova. Non saremmo riusciti a venirne fuori senza lapporto di tutti. Voglio per questo ringraziare i

Il vicesindaco Luigi Mengaccini: "Senza lapporto delle associazioni e dei singoli cittadini non avremmo superato le fasi pi critiche"
cittadini, gli Alpini, i volontari della Misericordia, i miei colleghi del Comune di maggioranza e opposizione, Mauro Fabbretti, i Carabinieri di Sarsina, il Corpo forestale dello Stato, gli uomini della Polizia municipale, Esercito e Vigili del fuoco, dipendenti comunali. Un ringraziamento particolare per Massimo Bulbi, presidente della Provincia e lassessore regionale Paola Gazzolo. Mi sarei aspettato, invece, un segnale di vicinanza dai nostri parlamentari romagnoli a Roma, di qualsiasi schieramento. In un momento di difficolt come questo anche solo una telefonata sarebbe stata di grande conforto. Segnale che invece non mai arrivato". Una nevicata che sta pesando, e non poco, anche sul bilancio comunale. Difficile quantificare con precisione i danni causati dalla neve. "Possiamo suddividere il tutto in due fasi - spiega Mengaccini - il periodo dellemergenza vera e propria dovuta al maltempo che ha richiesto lintervento immediato dei mezzi e quindi spese per il personale, il carburante, gli alloggi per le forze straordinarie, quantificabili in circa 400mila euro. E tutte le problematiche dovute alle conseguenze delle neve su strade, edifici comunali, arredi urbani. Lo stanziamento di Provincia a Regione arriver a coprire la prima fase". Michela Mosconi

Nelle colline di Sarsina sorgeva il monastero

Non vi sono pi residenti da quasi 50 anni

Si sono registrati anche furti di opere darte

A Montalto la storia si fermata agli anni 60


nche a Montalto, localit sui monti sopra Sarsina, la storia si fermata negli anni 60. Anche qui lo spopolamento ha visto la partenza di tutti gli abitanti di questo luogo cos ricco di un passato di arte e storia. Il monastero di San Salvatore in Summano, nome che deriva da divinit romane e forse da Plutone stesso, sorge su un antico luogo di culto pagano. Nel 1041 abbiamo la prima testimonianza certa di questo monastero benedettino diretto dallabate Graziano. Nel 1371 risulta che labbazia di San Salvatore governava due soli castelli, quello di Montalto e Turrito. Il papa Pio V, nel 1568, sopprime il cenobio e labbazia venne annessa alla mensa vescovile e da allora i vescovi di Sarsina saranno anche abati di San Salvatore in Summano. Lantico monastero aveva anche il chiostro, documentato dai numerosi resti marmorei, inventariati dettagliatamente nel 1964 poco prima dellabbandono dellabbazia

avvenuto nel 1966. Il patrimonio marmoreo sopravvissuto, trasferito a Sarsina in pi occasioni dalla Curia dal 1963 al 1966, formato da due identici capitelli bizantini, di area ravennate, del VI secolo; due colonnette romaniche in marmo greco che ora sostengono il protiro allingresso del vescovado di Sarsina; due capitelli un tempo facenti parte del chiostro, del secolo XII; un capitello del secolo XIII, scavato, utilizzato come acquasantiera; un capitello di epoca bizantina, del V secolo con foglie di acanto, prima interrato allesterno della chiesa e ora portato in vescovado; un cippo ottagonale e una colonna in marmo di Verona di et romanica; due cippi rotondi in marmo di Verona di et romanica; sul sagrato erano presenti quattro basi di colonne di epoca romanica, ora portate a Sarsina e due cippi rotondi in marmo di Verona sempre di et romanica. Oltre a questi pezzi, data la grande insistenza dei Sovrintendenti delle Belle Arti, che

ne presagivano il furto, nel 1966 vennero asportati dalla Badia tre elementi decorativi importantissimi. Primo fra tutti il bassorilievo in marmo bianco del X secolo, con Cristo in trono e i santi Michele e Gabriele, ora utilizzato come il paliotto dellaltar maggiore in Cattedrale. Segue il rarissimo tegolone in terracotta raffigurante il grifo alato in stile ancora bizantino ma con evoluzioni gotiche, della fine del XII secolo. Degno di nota anche il fregio in arenaria con drago alato e fiori, del secolo XV, opera toscana. In curia sono stati pure ritirati il mobile da sacrestia del 500, opera di bottega toscana, e la croce astile in bronzo, sempre del 500. Qualche mese fa sono stati restaurati anche i due quadri dellAbbazia, ritirati in curia nel 1966, il primo dei quali rappresenta il Buon Pastore e San Pietro, del 700 e, sempre del 700, la pala laterale sinistra con Madonna e Bambino, Santa Lucia ed Eurosia, opera di Michele Valbonesi di Ranchio del secolo XVIII.

LANTICA BADIA DI MONTALTO, NEL 1964. QUESTA PARE ESSERE LUNICA FOTO ESISTENTE (ARCHIVIO DB)

La campana della Pieve, datata 1587, stata rubata il 22 gennaio 1969. Nel 2000 stata rubata la colonnina romanica della bifora della facciata. Nel 1966 si chiude definitivamente la vita dellantichissima abbazia, che dal 1950 aveva servito con amore e fedelt il cancelliere vescovile, don Mino Bernabini di Sarsina. Oggi rimangono solo i muri perimetrali e il campanile a torre. Daniele Bosi

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

18

Gioved 1 marzo 2012

Solidariet
Sclerosi multipla
Una gardenia per lAism
Sabato 3 e domenica 4 marzo in circa 3mila piazze italiane si svolger liniziativa "Gardenia dellAism". La manifestazione organizzata dallAssociazione Italiana Sclerosi Multipla come sempre in contemporanea con la festa della Donna - dedicata alluniverso femminile. Le donne, infatti, sono insieme ai giovani le pi colpite dalla malattia. Su 63nila persone con Sm in Italia, oltre 42mila sono donne. Due su tre. In termini assoluti questo signica circa 1.200 nuovi casi allanno. Per questo fondamentale sostenere - ed questo lo scopo di Gardenia dellAism - la ricerca e servizi sanitari e sociali ad hoc per le donne con Sm. Nei giorni della manifestazione saranno 10mila i volontari impegnati nei punti di solidariet dellassociazione, affiancati dalla Protezione Civile, dallassociazione nazionale Bersaglieri unita allassociazione nazionale Carabinieri, Assofante e allUnione Nazionale Sottufficiali Italiani. Insieme distribuiranno oltre 250mila piante di gardenia confezionate con il sacchettino rosso - il colore simbolo dellAism in cambio di una donazione di 13 euro. I fondi raccolti saranno destinati alla ricerca scientica, a incrementare i servizi sociali e sanitari per le persone con Sm, per sostenere il progetto Donne oltre la Sm. Testimonial nazionali delliniziativa sono Massimiliano Rosolino e Natalia Titova e la cantante Noemi. Al loro anco tante altre donne per diffondere il messaggio di Aism: Valentina Vezzali, Michela Andreozzi e la madrina Aism Antonella Ferrari, da anni colpita dalla malattia. Nel nostro comprensorio, sabato 3 e domenica 4 marzo i volontari Aism allestiranno i banchi a: Cesena: galleria Urtoller, ospedale Bufalini, Iper Lungosavio, Conad Superotto, Famila, Monteore, Coop Cervese; nelle piazze di Mercato Saraceno, Sarsina, San Piero in Bagno, Savignano, Gatteo, San Mauro, Cesenatico, Gambettola.

Lesperienza nel Paese africano della giovane gambettolese Sara Venturini, per due settimane in visita nella missione di padre Francesco Giuliani, missionario della Consolata

A Gibuti con cuore e mente aperta


artire senza aspettative stato il primo e ultimo consiglio che padre Francesco Giuliani, missionario della Consolata, ha impartito ai ragazzi del cesenate, durante il cammino fatto in previsione della partenza per il Gibuti, avvenuto nel mese di settembre dello scorso anno. Di questi ragazzi, sei, faceva parte anche la gambettolese Sara Venturini, che parla della sua esperienza in Gibuti. Gibuti anche il nome della capitale in cui ha sede la Repubblica del piccolo Stato africano e vivono i 2/3 dellintera popolazione, perch il resto del territorio arido e deserto. Il nostro viaggio in Gibuti non nato con il proposito di andare in Africa per aiutare qualcuno - afferma Sara - visto che la permanenza stata di due settimane, nelle quali, grazie allaccompagnamento di padre Francesco e delle suore francescane che

SARA VENTURINI DURANTEIL SUO VIAGGIO A GIBUTI

ci hanno ospitato, altro non abbiamo fatto che osservare e capire quello che si ha intorno per non dimenticarlo. Con questo spirito abbiamo prestato servizio allorfanotrofio delle suore durante il nostro soggiorno. Lorfanotrofio ospita una trentina di bambini da 0 a 3 anni. facile immaginare che tipo di rapporto si pu instaurare in cos poco tempo. Il loro bisogno di affetto e di attenzioni superiore al bisogno di cibo e pannolini - precisa Sara - e questo ci ha lasciato perplessi perch siamo sempre pi abituati a vedere bambini piangere per la mancanza di oggetti, invece che di affetti. La testimonianza di Sara accentua lo spirito di osservazione che ha contraddistinto tutta la sua esperienza, anche durante la visita di una delle case pi belle di tutta la baraccopoli della capitale. La casa in questione una baracca di legno e lamiera e appartiene a Ibraim. Ibraim musulmano e lavora nella scuola che le suore francescane hanno

fondato a Gibuti. Con lui vivono alcuni dei suoi numerosi figli (ne abbiamo contati almeno undici), gli altri sono con la madre che conduce una vita nomade per mantenere le capre, perch per chi vive a Gibuti possedere capre, mucche, dromedari sinonimo di benessere se non di ricchezza. Al nostro arrivo alla baracca i bambini ci sono venuti incontro e ci sono state servite bevande gassate in bicchieri di vetro con ghiaccio. Una situazione in forte contrasto che ci ha messo in soggezione e ci ha fatto riflettere. Noi bianchi e loro neri, noi cattolici e loro musulmani, noi ricchi e loro poveri, noi italiani e loro gibutini, eppure per noi sono state comprate bibite fresche ed stato ucciso un capretto, proprio quando faticano nel dare un pasto al giorno ai loro bambini. I sei giovani cesenati sono tornati da Gibuti carichi di sguardi, parole e pensieri e con la consapevolezza che una parte fondamentale del viaggio cominciata proprio con il ritorno in Italia. Piero Spinosi

Indicizzazione pensioni: per la Corte Costituzionale deve essere garantita


La manovra del Governo Monti ha modicato la norma sulla rivalutazione delle pensioni riconoscendola al 100 per cento solo ai trattamenti no a tre volte il trattamento minimo e, limitatamente, per gli anni 2012-2013. Questa norma stata contrastata duramente ed unitariamente dalle organizzazioni sindacali dei pensionati, in quanto riteniamo che lindicizzazione delle pensioni lunico strumento in grado di salvaguardare, in parte, nel tempo il potere dacquisto delle pensioni. A tal proposito stato rilevato che la sentenza n. 316/2010 della Corte Costituzionale ha stabilito il principio della garanzia costituzionale delladeguatezza e della proporzionalit del trattamento pensionistico con il solo limite delle risorse disponibili. La Corte Costituzionale afferma nella stessa sentenza, anche, che la sospensione a tempo indeterminato del meccanismo perequativo espone il sistema previdenziale ad evidenti tensioni rispetto agli invalicabili principi di ragionevolezza e proporzionalit, in quanto le pensioni potrebbero non essere sufficientemente difese in relazione ai mutamenti del potere dacquisto della moneta. Sulla base di questultimo principio dalla Corte Costituzionale le OO.SS. dei Pensionati hanno deciso di fare pressione nei confronti del Governo, affinch, la rivalutazione delle pensioni essendo costituzionalmente ineliminabile a garanzia delle esigenze di protezione della persona venga ripristinato, quanto prima, il meccanismo di indicizzazione per tutte le pensioni.

NOTIZIARIO PENSIONATI
AlzheimER: una nuova associazione regionale
Si recentemente costituita AlzheimER, associazione di secondo livello che riunisce numerose realt no prot impegnate su tutto il territorio delEmilia Romagna. Lassociazione nasce con lobiettivo per migliorare la qualit della vita di chi affetto da demenza e dei suoi famigliari, attraverso la condivisione di esperienze e la promozione di ricerche e azioni a livello regionale e locale. Lassociazione di secondo livello AlzheimER riunisce undici associazioni no prot impegnate sul territorio in questo campo tra le quali La rete magica di Forl Cesena. Lassociazione regionale Alzheimer secondo la Fnp emiliano romagnola - importante perch unisce competenze ed esperienze necessarie ad affrontare questa malattia, che pone i familiari dei malati di fronte a questioni morali, etiche e religiose, nonch a problemi economici, materiali e concreti, oltre a richiedere il coinvolgimento di numerose gure professionali quali psicologi, geriatri, legati, assistenti sociali. Non basta per limpegno degli addetti ai lavori e la sollecitudine delle famiglie occorre fare informazione, fornire supporto e sensibilizzare la stessa opinione pubblica, organizzando incontri pubblici, percorsi di formazione per i volontari delle associazioni stesse. Inoltre attraverso la condivisione di esperienze e la messa in rete di buone pratiche AlzheimER si propone di

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Riforma per salvaguardare i diritti dei pensionati


Rivedere la riforma pensioni per ridare ai pensionati i diritti dei quali sono stati privati con lapprovazione del decreto Milleproroghe. quanto chiede la Cisl Pensionati che gioved 9 febbraio ha partecipato, insieme alla propria confederazione e a Cgil e Uil, al presidio organizzato in piazza del Pantheon per manifestare il proprio dissenso nei confronti di un provvedimento che penalizza ancora una volta i pensionati. La decisione del governo di bloccare il pagamento in contanti delle pensioni superiori ai 1000 euro prendendo a pretesto linteresse di porre in essere misure antiriciclaggio, insieme al blocco della rivalutazione per le pensioni che superano tre volte il trattamento minimo, e allintroduzione dellImu che non tiene conto del reddito e della condizione dei pensionati, rappresentano dei provvedimenti sbagliati e vessatori nei confronti della parte pi debole del Paese che - secondo la Fnp - hanno un unico risultato: aggravare lo stato gi disagiato in cui sono obbligati a vivere i pensionati insieme alle proprie famiglie. La Fnp Cisl chiede quindi al governo di correggere queste norme che colpiscono milioni di pensionati che gi, pi volte, sono stati chiamati a risollevare le sorti del Paese, con la conseguenza di vedere risotto il proprio potere dacquisto e la qualit della propria vita. Qualche giorno fa il Governo ha approvato una proroga al 1 maggio per la comunicazione allInps del numero di conto corrente sul quale accreditare la pensione. Inoltre ha stabilito che lapertura del conto corrente presso le banche per laccredito e il ritiro della pensione debba essere a costo zero per il pensionato.

teatralizzate al ne di sensibilizzare la cittadinanza sulla tematica dellAlzheimer. Per info: www.alzheimeremiliaromagna.org.

Inps: in arrivo 130mila sospensioni delle prestazioni legate al reddito


LInps ha comunicato alla segreteria generale Cisl che sta procedendo alla sospensione di 130mila prestazioni legate al reddito, in applicazione del nuovo dispositivo di legge che sanziona in questo modo il soggetto che non risponda alla richiesta di presentare il modello Red. In questo caso si tratta del Red 2010 relativo ai redditi 2009, della cui assenza lInps aveva gi informato gli interessati con comunicazione. La sospensione viene comunicata ai pensionati con raccomandata. Dalla data di arrivo della raccomandata il pensionato ha sei giorni di tempo entro i quali si pu far pervenire il Red relativo ai reddito 2009 e del 2010 per ripristinare il diritto alla prestazione in questione. A partire dalla rata di marzo 2012, se ancora non saranno pervenute risposte da parte del pensionato, la prestazione verr revocata con recupero dei ratei corrisposti nel periodo non coperto da dichiarazione Red. In considerazione del fatto che le comunicazioni dellInps relative alle dichiarazioni Red inoltrate dai pensionati sono risultate errate, le organizzazioni sindacali dei pensionati hanno chiesto allInps di mettere in atto tutte le veriche necessarie prima di procedere alla sospensione.

coordinare le azioni messe in campo dalle associazioni e dialogare con la Regione Emilia Romagna al ne di migliorare ulteriormente la rete di servizi a sostegno dei malati e delle loro famiglie. Per promuovere inne azioni efficaci e approntare risposte adeguate sullintero territorio regionale la nuova

associazione si propone di dare vita ad un osservatorio regionale che possa monitorare in modo costante i progetti in atto e denire gli obbiettivi da perseguire. Nel corso del 2010 la nuova Associazione AlzheimER, realizzer due azioni pilota: mostra itinerante (dipinti, sculture, fotograe) e conferenze

Cultura&Spettacoli
Teatro Bonci Arie, balletto e un po di Gadda
enerd 2 marzo alle 21, gli allievi dellaccademia Mirella Freni, diretti da Enzo Dara, presentano Opera in scena: arie e duetti tratti dai capolavori buffi di Mozart (Don Giovanni), Rossini (Barbiere di Siviglia, LItaliana in Algeri, La Pietra del Paragone), Donizetti (Don Pasquale, Elisir dAmore) e Mascagni (Le Maschere), con incursione nel repertorio serio di Verdi, Puccini e Dvork. Il balletto sar il 4 marzo alle 21, con Rossini cards/ Le sacre. Aterballetto presenta un doppio programma dedicato a Rossini e Stravinskij. Il 6 e 7 marzo alle 21, Fabrizio Gifuni presenta Lingegner Gadda va alla guerra (o della tragica istoria di Amleto Pirobutirro). Diretto da Giuseppe Bertolucci, Gifuni si rivolge alla biograa di Carlo Emilio Gadda, scegliendo due testi: i Diari di guerra e di prigionia, e Eros e Priapo.

Gioved 1 marzo 2012

19

Venerd 2 marzo alVictor di SanVittore

Domenica 4 marzo

Cinema di Filippo Cappelli


Uci Savignano, Eliseo

Il ragazzo con la bicicletta al Film Family 2012


n complicato rapporto fra genitori e figli al Victor. Venerd prossimo 2 marzo alle 20,45 si terr al cine-teatro Victor di San Vittore il nuovo appuntamento della rassegna di cinema per famiglie FilmFamily 2012, con la proiezione del film Il ragazzo con la bicicletta (drammatico, 87 minuti). Il film, girato come una fiaba dai fratelli Dardenne, narra la storia di Cyril, ragazzo appassionato di biciclette e magliette rosse. Segnato dalla mancanza della madre e dal rapporto con un padre profondamente immaturo, trover nella giovane parrucchiera Samantha la possibilit per una ricostruzione familiare. Il prezzo del biglietto, per chi non avesse effettuato labbonamento allintera serie, di 3,50 euro. Al film preceder una breve introduzione e seguir un dibattito.

Al Bogart Lamore stonato de Il Sibario


amore stonato lo spettacolo di benecenza messo in scena domenica 4 marzo alle 21 al teatro Bogart di SantEgidio di Cesena dalla compagnia Il Sibario. Una serie di imbrogli, equivoci e colpi di scena fanno da cornice a una commedia brillante e spiritosa, con personaggi di grande comicit. Il ricavato della serata (costo biglietto 5 euro) sar devoluto alle missioni in Colombia della suore della Sacra Famiglia. La compagnia Il Sibario della parrocchia di San Pio X di Cesena attiva da oltre dieci anni fa e miscela un nutrito gruppo di giovani attori dilettanti. Il cast composto da: Jessica Marino, Beatrice Batani, Silvia Roncuzzi, Marco Molari, Francesco Benvenuti, Benedetta Merloni, Marco Roncuzzi, Alessandro Sbrighi. Per info: 347 9731724.

PARADISO AMARO
di Alexander Payne La filmografia di Alexander Payne pu essere letta unopera complessiva ricca di arguzia, di cinismo intelligente (A proposito di Schmidt), brandelli di vita (Sideways) che non addolcisce la pillola, ma ne mostra il lato amaro, perch il farmaco (della vita, dellumano) sia efficace. Un cinema in grado di giocare con le regole pre-imposte e con i generi senza cadere vittima di etichette o appiattirsi su stereotipi e vezzi ricorrenti allinterno del panorama indipendente contemporaneo. Se questo sia avvenuto anche con Paradiso Amaro, resta da valutare. La trama: Matt King, appartenente a una ricca famiglia di ereditieri di una grossa fortuna immobiliare, a causa di un terribile incidente capitato alla moglie, si ritrova a dover gestire le proprie figlie. Compito difficile dal momento che, avendo dedicato la sua vita al lavoro, non ha mai svolto appieno il mestiere di padre. Dovr gestire la famiglia insieme a unimportante decisione riguardante il destino delle terre di sua propriet e un segreto decisamente destabilizzante. Paradiso amaro (squallidissimo titolo italiano per The Descendants) tratto dal romanzo Eredi di un mondo sbagliato, di Kaui Hart Hemmings. A sette anni dallultima prova registica, un divorzio (non a caso) di mezzo, Payne prende di petto le tragedie della vita e con esse sotterra il mansueto protagonista, genitore (e marito) di riserva chiamato nel tipico orizzonte esistenziale di Payne, quello che fotografa un bivio dove la figura maschile costretta dagli eventi a rivedere il proprio punto di vista. Matt (un bravissimo George Clooney) sar chiamato ad un viaggio rivelatore in cui imparer molto di s e delle proprie figlie, il tutto raccontato cercando di sventare quanto pi possibile la fitta trama di clich che un racconto simile pu scatenare. Payne smussa i toni, si concentra sul grande mistero del cuore umano, sondato a partire dalle apparenze che ingannano per giungere allevidenza che tutto e tutti assolve. Fino allinedita chiusura che chiude e conclude il circolo virtuoso creato successivamente alla presa di coscienza in punto di morte. Una morte (che rappresenta e tematizza la possibile fallibilit umana) in coma, indifferente (perch terribile o bellissima) come la natura. Payne ha il grande merito di affidarsi ad un protagonista, Clooney, che sa reggere tutto il peso di una cinepresa addosso per 115 minuti. Forse eccede con l'inserimento di primi piani, qualche passo sembra troppo patetico e la talvolta didascalica colonna sonora non aiuta. Il problema non nella mancanza di humour o battute azzeccate (che come sempre in Payne si possono trovare in abbondanza), ma che forse per una volta tutto questo non conta. Il tema un altro: vivere e morire alle Hawaii. Sperando di crescervi in mezzo.

A San Rocco di Cesena la 37esima edizione

La Margherita dArgento, concorso di pittura


al 28 febbraio al 4 marzo presso il teatro della parrocchia di San Rocco di Cesena (via Farini 248), vengono esposte le opere degli artisti che partecipano al 37esimo Concorso nazionale di Pittura, piccolo formato, grafica-acquerello, denominato La Margherita dArgento e abbinato al 34esimo Trofeo Achille Medri, noto pittore cesenate prematuramente scomparso. Gli artisti provengono da varie regioni italiane (oltre alla nostra, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Abruzzi, Lazio, Campania, Puglia, Sardegna, Umbria, Toscana) e concorrono nei tre generi tradizionali della pittura, figurativo, paesaggio, astrattoinformale, per laggiudicazione di sessanta premi complessivi, la cui ricchezza colloca il concorso cesenate tra i pi prestigiosi in ambito nazionale. La manifestazione gode anche

IL CAMPANILE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN ROCCO, IN VIA FARINI A CESENA

Fino al 4 marzo, negli ambienti della parrocchia, lesposizione di opere di artisti provenienti da tutta Italia
questanno del patrocinio dellAssemblea Legislativa della regione Emilia Romagna e delladesione del Presidente della Repubblica, del Presidente del Senato e del Comune di Cesena e costituisce da tempo una panoramica assai interessante delle ultime tendenze pittoriche del nostro Paese, mettendo a confronto stili e sensibilit diverse tra loro e offrendo al pubblico cesenate unopportunit unica di apprezzare la vasta gamma di espressivit artistiche contemporanee. Gli orari di apertura dellesposizione sono i seguenti: dal 28 febbraio al 3 marzo dalle 15,30 alle 18,30 e dalle 20,30 alle 23; domenica 4 marzo dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17. A seguire avr luogo la cerimonia di premiazione del concorso, alla presenza dellassessore alla Cultura del Comune di Cesena, Elena Baredi.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


LAIUTO NON CADE DAL CIELO. CARITAS E SPIRITUALIT
di Paul Josef Cordes Ed. Cantagalli (16 euro) Il cardinale Paul Josef Cordes, presidente emerito del Pontificio Consiglio Cor Unum, ha pubblicato presso Cantagalli il libro Laiuto non cade dal cielo. Caritas e spiritualit. Nella prefazione scritta il primo novembre del 2007 papa Benedetto XVI scrive: I cristiani ora possono vedere nellatto di spezzare il pane compiuto da Ges [nellultima cena] unimmagine dellospitalit di Dio, nella quale il Figlio incarnato dona se stesso come pane di vita. Di conseguenza la frazione del pane eucaristico deve proseguire nello spezzare il pane della vita quotidiana, nella disponibilit a condividere quanto si possiede, a donare e cos unire. semplicemente lamore in tutta la sua immensit che si manifesta in questo gesto, e con esso il nuovo concetto cristiano di culto e di cura per il prossimo: lEucaristia deve divenire spezzare il pane a tutti i livelli, altrimenti il suo significato non si compie. Deve divenire diacona, servizio e dono nella vita quotidiana. E specularmene la premura sociale della Cari-

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)


della brasiliana Madalena Maria Ponte de Aguiar, membro consacrato della Comunit Cattolica Shalom, (pp. 97 101), di Antonio Calzavara del Cammino neocatecumenale, che vive come missionario con la propria famiglia in Kazakistan (pp. 101108), di suor Ana Digneos Torres delle Figlie della Carit, che ha operato in Spagna e in Congo (pp. 108113), del sacerdote dello Sri Lanka Damian Fernando, direttore amministrativo della Caritas della sua nazione (pp. 113115). Il libro si chiude con lintervento di Rocco Buttiglione su La Chiesa, la carit e il potere( pp. 149157).

tas non mai solo agire pragmatico, bens sorge dalle radici profonde della comunione con il Signore che si dona, dalla dinamica dellamore partecipe di Dio per noi. Mi rallegro che il cardinale Cordes abbia raccolto e spiegato, con grande energia, limpulso che ho cercato di avviare con lenciclica Deus caritas est. Saluto come parte della sua fatica questo suo libro Laiuto non cade dal cielo. Caritas e spiritualit, in cui viene mostrato da varie prospettive quanto racchiuso nella parola fondamentale caritas-amore. Perci auguro a questo libro lascolto attento che penetra nei cuori e, andando oltre la ricezione e la lettura, conduce ad agire con amore e ad una comunione pi profonda con Ges Cristo (pp. 6-7). Nel libro si trova anche lintervento del papa del 23 gennaio 2006 ai partecipanti al Congresso internazionale sulla Carit (pp. 17-20). Nel libro, oltre a un intervento di Udo di Fabio su La visione delluomo e la motivazione (pp. 3952), c un commento molto interessante e utile del cardinale Cordes sullenciclica citata nel capitolo intitolato Azione radicata nella fede cristiana (pp. 5387). Sono significative le testimonianze di carit vissuta, raccontate dallugandese Rose Busingye di Comunione e Liberazione (pp. 89 93), del francescano Hans Stapel che opera in Brasile e fa parte del Movimento dei Focolari (pp. 9397),

20

Gioved 1 marzo 2012

Cesena & Comprensorio


Gatteo
Nuova filiale della Bcc
Sar inaugurata sabato 3 marzo alle 10 la nuova liale della Bcc al centro commerciale di SantAngelo. A tagliare il nastro saranno il sindaco Gianluca Vincenzi, il parroco don Marco Muratori e Pino Giuseppe Buda, proprietario dellimmobile alla presenza di Gabriele Galassi (nella foto), presidente della Bcc, del Cda e dei dipendenti.

Cesena

Dialetto per ridere


Per la 1^ rassegna Auser della commedia dialettale, venerd 2 marzo alle 21 nella sala polivalente Primavera 3, in via Mura Valzania, la compagnia longianese Hermanos presenter "So e zo pral scheli" tre atti di Ermanno Cola. Regia di Giusi Canducci. Ingresso 5 euro.

Longiano

Concerto al Petrella
Per la rassegna regionale "Crossroads" mercoled 7 marzo alle 21 Roberto Gatto alla batteria, Luca Mannutza al piano e alle tastiere, Max Ionata al sax, Marco Tamburini alla tromba e Giuseppe Bassi al contrabbasso daranno il concerto "Remembering Shelly Manne". Ingresso 15 euro, ridotto 12.

Notizie Flash Cesena


Musica al Verdi
La cultura musicale napoletana sar protagonista dello spettacolo Napule: spade, ammore, resate e devuzione che si tiene al teatro Verdi di Cesena gioved 1 marzo alle 21. Si esibir il Trio Napolincanto.

Forl-Cesena
Assemblee Acli

Cesena
Conferenza

Castrocaro Terme

Confcooperative a congresso
E convocata per venerd 2 marzo dalle 14,45 al Grand Hotel lassemblea congressuale provinciale. Terranno relazioni Amedeo Scozzoli, presidente provinciale e Pierlorenzo Rossi, direttore provinciale. Interverr il presidente regionale di Confcooperative Maurizio Gardini. Dopo le votazioni saranno proclamati gli eletti alle assemblee regionale e nazionale.

Gambettola
Incontro con Ramonda
Si terr nella sala "Federico Fellini" luned 5 marzo alle 21 lincontro pubblico con Giovanni Ramonda, responsabile generale della comunit Papa Giovanni XIII e primo successore di don Oreste Benzi. Parler sul tema "Crisi: istruzioni per luso, ovvero come ri-trovare risorse e valori dimenticati".

Si susseguono le assemblee Acli per eleggere i delegati al congresso provinciale che si terr domenica 10 marzo al seminario di Cesena. Gioved 1 marzo alle 21 si riuniranno i soci del circolo Acli di Roncofreddo, domenica 4 marzo alle 16 quelli di Bulgaria.

Nella sala lignea della Malatestiana, venerd 2 marzo alle 17,15, Antonio Faeti terr una conferenza che ha come tema "Nel museo dellimmaginario. Note sul ritorno di Tintin". Marted 6 marzo alle 17,15 parler di Charles Dickens a due secoli dalla nascita.

Cesena
Laltra Europa
Nella sala "Eligio Cacciaguerra " della Banca di Cesena in viale Bovio, gioved 1 marzo alle 14,30, Giuseppe Ghini dellUniversit di Urbino terr una conferenza su "Laltra Europa: la lezione dellEst. Lincontro promosso dal liceo classico "Vincenzo Monti" in collaborazione con la Banca di Cesena.

Domenica lassemblea con i premi ai volontari pi virtuosi

ausa neve, nelle ultime settimane vi stata una netta diminuzione nelle donazioni di sangue, anche a Gambettola. C bisogno di sangue e di donatori". E una frase estratta dalla relazione annuale che il segretario della sezione di Gambettola, Enzo Sbrighi, terr in occasione assemblea che si svolger domenica 4 marzo alle 10, nella sala convegni del centro "Fellini". Lassemblea organizzata anche grazie al sostegno della Bcc di Sala. Il momento critico che si sta attraversando fa scendere di tono i festeggiamenti previsti in occasione del raggiungimento del 25 anno di attivit della sezione gambettolese, che si presenta al bilancio con un segnale positivo (per lanno 2011) sia per i donatori (193 contro 184) che per le donazioni (412 contro 407 con uno spiccato aumento del

Avis Gambettola: servono donatori C


sangue intero 307 contro 284 rispetto al plasma 105 contro 123), rispetto allanno precedente. Il programma completo della giornata di domenica 4 marzo prevede il ritrovo per tutti i donatori alle 8,30 in parrocchia per la messa. Alle 10 lassemblea nel centro "Fellini", con la nomina del presidente dassemblea, la relazione organizzativa del presidente di sezione Enzo Sbrighi e quella economica e di bilancio di Mauro Galassi e le premiazioni per il raggiungimento dei vari traguardi. A tal proposito merita menzione la massima onorificenza di questo anno a Lucia Zammarchi (nella foto) per le 100 donazioni. Tra i premiati: Claudia Gardini e Alan Guidi (diploma di benemerenza in rame 8 donazioni); Gianluca Foschi, Ro-

mina Foschi, Stefano Pazzagli, Gabriele Pedrelli, Mauro Sacchini, Laura Zamagni, Gianni Zambelli e Pierluigi Zammarchi (diploma di benemerenza in argento 16 donazioni); Paolo Albini, Matteo Faedi, Andrea Maestri e Stefano Paglierani (diploma di benemerenza in argento dorato 24 donazioni); Milena Grassi, Alessandro Merli e Simone Antonio (diploma di benemerenza in oro 50 donazioni); Luciano Fabbri (diploma di benemerenza in oro con rubino 75 donazioni) e Lucia Zammarchi (diploma di benemerenza in oro con smeraldo 100 donazioni). Dopo le premiazioni ci saranno la discussione e votazione delle relazioni, la nomina del delegato alle assemblee provinciali e alla fine ritrovo conviviale presso il ristorante "La Caveja" di Cesenatico. Piero Spinosi

San Piero
Famiglie a teatro
Ultimo spettacolo per famiglie al teatro Garibaldi domenica 4 marzo alle 15,30. Letture animate di e con Sergio Dotti, burattinaio e narratore. Un recital di storie, lastrocche incentrate sulla gura dello "Sciocco". Lingresso gratuito.

Cesena
Incontro con lautore
Saranno presentate alla Biblioteca Malatestiana, mercoled 7 marzo alle 17, in collaborazione con la Societ Dante Alighieri, due opere edite da "Il Ponte Vecchio" e commissionate dalla Fondazione della Crc di Forl: LInferno e il Purgatorio di Dante. Interverranno Paolo Turroni, Mirko Orioli, Gianfranco Brunelli, Andrea Brigliadori e Pantaleo Palmieri. Le due opere sono illustrate rispettivamente da Roberto Casadio e Mario Di Cicco.

Cesena

Neve e volontari
Un grazie a chi ha lavorato durante lemergenza neve. Lappuntamento per venerd 2 marzo, alle ore 20.30, nell Aula Magna di Psicologia (davanti alla Stazione). Ci saranno il sindaco Paolo Lucchi, lassessore regionale Paola Gazzolo, il direttore della Protezione Civile Demetrio Egidi, il prefetto Angelo Trovato.

Cesena

Pensionati a scuola
LUte, universit della terza et Cisl, ha in programma per venerd 2 marzo alle 15 nella sala Fantini di via Renato Serra la conferenza di Marino Biondi dellUniversit di Firenze su "Un secolo in giallo: il poliziesco italiano". Marted 6 marzo alle 15,30 nella sala Vaienti, Sergio Pretelli dellUniversit di Urbino parler sul tema "Lautobiograa come cura di s: piccoli protagonisti della grande storia". Mercoled 7 marzo alle 15,30 il dottor Giovanni Giannelli terr la lezione su "Disturbi comportamentali e del sonno nella demenza".

Cesena

Conferenza Fidapa
Relatori la senatrice Laura Bianconi, lonorevole Sandro Gozi e Silvia No, consigliere regionale allincontro organizzato da Fidapa, sabato 3 marzo alle 9,30 nella sala "Eligio Cacciaguerra" della Banca di Cesena in viale Bovio. Questo il tema: "Crisi economica e sociale globale".

Cesenatico
Prosa a teatro
Lo spettacolo "Lapparenza inganna" di Francis Veber, con Tullio Solenghi e Maurizio Micheli, sar presentato al teatro comunale mercoled 7 marzo alle 21. Ingresso palchi e platea 18 euro, loggione 13.

Cesena

Architettura

Savignano

Le poetesse di Lella Costa


Al teatro Moderno, mercoled 7 marzo alle 21, Lella Costa legger i versi di Emily Dickinson, Amelia Rosselli, Antonia Pozzi, Anne Sexton, Cristina Campo, Margherita Guidacci, Kate Klancy, Wislawa Szyimborska, Antonella Anedda, Marina Cvetaeva, Ingeborg Bachmann, Elisabeth Bishop, Vanna Mignoli, Angela Figuera Aymerich, Sylvia Plath, Carmen Martin Gaite e Anna Achmtova. Ingresso 15 euro, ridotto 12.

Cesena

Commedia al Bogart
La compagnia "La Broza", che ha organizzato il XX festival della commedia dialettale comica romagnola a SantEgidio, metter in scena, sabato 3 marzo alle 21 "Al Fri", tre atti brillanti di A.Zucchini. Regia di Corrado Bertoni. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Cesena
Famiglie al cinema
A cura di A e centro famiglie "Benedetta Giorgi", sabato 3 alle 16,30 e domenica 4 marzo alle 15 e alle 17, al cinema Astra sar in visione il lm "Il gatto con gli stivali". Ingresso 3,50 euro. Incontro per genitori, insegnanti, educatori marted 6 marzo dalle 20,30 alle 22,30 nella sede del quartiere Oltresavio con Giuseppe Messina sul tema "Ragazzi e computer? Ragazzi al computer!".

La facolt di architettura dellUniversit di Bologna, sede di Cesena, inaugura lanno accademico gioved 1 marzo alle 18, nellex chiesa dello Spirito Santo. Saranno presenti il rettore Ivano Dionigi e il preside Gino Malacarne.

Gatteo

Festival canoro
Al teatro parrocchiale "Lina Pagliughi", domenica 4 marzo alle 16,30, si svolgeranno le seminali di canto per le categorie "Big" (dai 18 anni in su) e Between" (dai 14 ai 17 anni). Ingresso 6 euro.

Gambettola

Spettacolo a teatro

Cesena

Film al Victor

Cesenatico
Musical a teatro

Cesena

Lomicidio di Wally Urbini


L88enne Wally Urbini stata uccisa gioved della scorsa settimana nella sua abitazione di via Sostegni, in pieno centro a Cesena. E dopo quattro giorni di indagini, luned scorso, la polizia ha fermato la vicina di casa, una 57enne, in carcere per evitare il pericolo di fuga. Wally Urbini era la mamma di Franco Urbini, molto noto a Cesena per il suo impegno nel Cral Carisp e nellassociazionismo locale.

Debutto venerd 2 marzo alle 21 al teatro comunale di Debora Villa. Presenter lo spettacolo "Tutto quello che non avreste voluto sapere sulla donnama io ci tengo a dirvelo". Con musiche eseguite da Rafael Didoni. Ingresso 15 euro.

Sar in visione venerd 2 marzo alle 21 "Il ragazzo con la bicicletta" per il "Film Family"; sabato 3, domenica 4 e marted 6 il lm "Benvenuti al Nord"; domenica 4 marzo alle 15 e alle 17 "Arthur 3. La guerra dei due mondi". Ingresso 3,50 euro.

Il Comunale, gioved 1, venerd 2, sabato 3 e domenica 4 marzo alle 21, ospiter la compagnia Ndo di Ivan Boschi nello spettacolo musicale "Le note di un sogno". Ingresso palchi e platea 15 euro, loggione 12. Lincasso sar devoluto in benecenza.

Sport

Gioved 1 marzo 2012

21

Domenica 4 marzo i bianconeri a Firenze per vincere


serie A. Sempre pi ultimo con soli 16 punti allattivo, il cavalluccio marino vede sempre pi allontanarsi la quota salvezza. A 10 lunghezze di distacco dal quartultimo posto occupato dal Siena, i giochi sembrano ormai escludere i romagnoli del presidente Campedelli. Battuti per 1-0 al Bentegodi per via di un gol segnato dallex Moscardelli, i bianconeri di Beretta hanno lottato a lungo, ma ridotti in 10 contro 11 per lespulsione di Lauro, sono caduti sotto lassedio finale dei giallobl veneti. Come se non bastasse, a corredo dellennesima giornata nera, sono giunte le vittorie di Lecce e Siena. Il cambio di allenatore (il terzo nel corso di questo sciagurato torneo) non ha dunque sortito gli effetti immediati che ci si aspettava. E chiaro che non si pu assolutamente rimproverare nulla al tecnico appena arrivato in riva al Savio. Lerrore, col senno di poi, resta sempre quello commesso in estate dalla dirigenza che si affidata a un progetto che risultato essere utopistico. Squadra ricca di nomi e contenuti tecnici, ma povera di altre qualit come grinta, umilt e solidit mentale. Fallita quindi la prima "finale" di Verona, il Cesena dovr nuovamente ricomporre i cocci di unaltra sconfitta e cercare di concentrarsi sul prossimo impegno. La trasferta di Firenze contro i viola del riminese Delio Rossi, dir tantissimo sul futuro dei bianconeri. Eric Malatesta

Futsal calcio a 5
Match delicato alle porte per la Futsal Cesena. Dopo lincredibile passo falso casalingo nella partita di sabato 25 febbraio contro il fanalino di coda Reggio Emilia, i ragazzi di mister Castellani saranno di scena sabato 3 marzo sul campo dellIre Cagnona. I cesenati dovranno fare tesoro delle disattenzioni e degli errori commessi nellultima gara per ritrovare in tutti modi la vittoria e confermarsi nelle primissime posizioni in classica. Nellultimo incredibile match contro Reggio Emilia F.F, la Futsal si fatta bloccare sulla parit al termine di una brutta partita. Il risultato nale di 4-4 ha lasciato lamaro in bocca ai ragazzi cesenati che, dopo limportantissima vittoria per 3-2 nel recupero infrasettimanale della settimana scorsa contro il Ravenna, si erano presentati alla sda contro Reggio Emilia sicuri di poter proseguire il proprio cammino vincente e determinati nel consolidare il primato in classica. Ora in virt di questa inaspettata battuta darresto, la Futsal si trova ancora in testa al campionato, ma la Sporty Ravenna deve recuperare una partita e in caso di vittoria riuscirebbe a sorpassare la compagine cesenate. Il pareggio contro il fanalino di coda Reggio Emilia arrivato dopo un primo tempo concluso in parit sul punteggio di 1-1. I cesenati, nella ripresa, sono arrivati a un passo dalla vittoria. Il gol del 4-3 a tempo ormai scaduto di Michelotti sembrava aver portato i tre punti in casa Futsal, ma una disattenzione difensiva cesenate nei minuti di recupero ha permesso agli ospiti di impattare il match sulla parit. Mirko Giordani

Anche per Parolo, contro il Chievo, una partita non esaltante (foto archivio Pippo)

Il Cesena spera che il viola porti fortuna


l Cesena che ha toppato a Verona, dovr cercare di ripartire questa domenica prossima a Firenze. Dopo la sconfitta contro il Chievo, sar dura fare limpresa in casa della Fiorentina. Il Cesena, per, se non vuole chiudere anzitempo una stagione nata male e che potrebbe finire peggio, deve assolutamente giocarsi il tutto per tutto proprio al Franchi. La strada verso la salvezza si fa sempre

pi in salita e la situazione comincia ad essere disperata. Dalla sua parte il Cesena del nuovo allenatore Beretta ha una partita da recuperare al Manuzzi contro il Catania il 7 marzo. E vero che la classifica si fa sempre pi pesante, alla luce anche degli ormai "soliti" risultati negativi provenienti dagli altri campi. Mancano 14 partite, ma a questo Cesena servir davvero un miracolo per ripresentarsi anche il prossimo anno al via del campionato di

Pallavolo

IlVolley Club perde in casa dopo 22 mesi

Porto Recanati si dimostra bestia nera del Volley Club (campionato di B2) che subisce la seconda scontta stagionale, la prima casalinga dopo 22 mesi di imbattibilit interna proprio contro le marchigiane e con lo stesso punteggio dellandata: 1-3. Coach Raggi conferma il sestetto sceso in campo quattro giorni prima a Sambuceto con Tardozzi regista, Filanti opposto, Zebi e Bersani bande, Cancellieri e Socci

al centro e Ciavarella libero. Le ospiti guidate dallesperta allenatrice Luisa Fusco rispondono con la palleggiatrice Battistelli, lopposto Valente (new-entry rispetto allandata), le schiacciatrici Pierantoni e Giacobbe, le centrali Sampaolesi e Composto e il libero Brutti. Battuta darresto per il Volley Club che perde la vetta in favore di Bastia che ha per una gara in pi. La squadra di Raggi prover a superare questa domenica da dimenticare a partire gi da marted nel recupero di Ascoli. Il campionato ancora lungo e le romagnole hanno tutte le carte in

regola per aggiudicarselo, ma bisogna tornare a mettere in campo la stessa grinta, determinazione e compattezza persa da qualche settimana a questa parte. CESENA: Cancellieri 7, Azzi ne, Filanti 15, Gardini 7, Delgado, Zebi 23, Ciavarella (libero), Bersani 12, Tardozzi 3, Villa ne, Socci 4, Di Fazio ne. All. Raggi CLASSIFICA: Bastia 42; Volley Club 41; Porto Recanati 39; Pagliare 35; Recanati 28; Manoppello 26; Jesi 25; Fabriano 24; Valleceppi 22; Moie 20; Amandola 18; Rimini 15; Ascoli 7; Sambuco 0.

22

Gioved 1 marzo 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

La proposta da campioni nella vita: ci si ritrova al campo e insieme a tutta la squadra si dedica il tempo di un normale allenamento a vivere una buona azione a favore del proprio quartiere, del proprio paese, della propria parrocchia

Campionati Calcio a 5 ea7


Lattivit del comitato cesenate del Csi ha subto una pausa e le gare sono state rinviate per le avverse condizioni climatiche. Approttiamo quindi della pausa per fare il punto della situazione di alcune competizioni. Partiamo dal 22esimo campionato di calcio a 5 femminile, che vede la partecipazione di 27 squadre suddivise in due raggruppamenti. Nel girone "A" la Pol. Panighina-New Sport al comando con due lunghezze di vantaggio sullAcd Virtus San Mauro Mare, cinque su una coppia formata dalla Pol. Soglianese e dallAcd Miramare Real Toro e sei sullAsd Carpinello. Nel girone "B" al vertice della classica troviamo lAsd Cotignola Calcio, che precede di un solo punto il Futsal Club Castello, di sei lAsbid Team: molto pi distanziate il Santa Caterina Furie Rosse, lEvergreen e il Dinamik Ronco. Per quanto concerne il 20esimo campionato di calcio a 5 maschile, che registra ladesione di 18 formazioni, il Real Circolo Sarsina occupa la prima posizione con un vantaggio di due lunghezze nei confronti del Real Lunzen, di sei nei riguardi del Jamaica C/5 e di undici su una coppia formata dalla Pol. 1980 Asd e dal Gs Cella "B" Ponte Giorgi. Parliamo inne del campionato di calcio a 7 maschile, giunto alla sua 10 edizione, cui hanno aderito complessivamente 33 societ che danno vita a tre raggruppamenti. Nella serie "Eccellenza" lAsd Romagna Sport guida la classica precedendo di due punti il RitornoAutotrasporti Bragagni, di sei il Gp Vigne-I Trasgressivi e di sette il Ristorante Damario Cervia. Nel girone "A" lAsd Virtus Cesena, capolista, ha un vantaggio di due punti sul Collinello Calcio 1964 "A", di tre sul Salumicio del Fumaiolo e di quattro sul Gp Vigne New; nel girone "B" lAsd San Giorgio al primo posto, inseguito a due lunghezze dallAsd Bagnarola, a sei dallassociazione Homo Viator e a nove dalla Pol. San Lorenzo e dalla Tecnoperforazioni.

La settimana delle buone notizie


l vulcanico presidente nazionale del Csi, Massimo Achini, lancia una sua personale provocazione rivolta alle societ sportive di base della sua associazione: Ve la sentite - durante una settimana del mese di marzo - di fare un allenamento in pi? Si tratta di un allenamento particolare. Niente spogliatoio, nessun palleggio, n partitella, n doccia. La sfida di quelle per campioni nella vita. Ci si ritrova al campo e insieme a tutta la squadra si dedica il tempo di un normale allenamento (un paio dore...) a vivere e a compiere una buona azione a favore del proprio quartiere, del proprio paese, della propria parrocchia. Massimo Achini precisa poi concretamente il senso della sua proposta, immaginando

squadre impegnate nellandare a trovare i vecchietti di un ospizio del quartiere, altre pronte a fare i volontari per un giorno in associazioni del territorio, altre ancora presenti alle mense per barboni per aiutare a preparare la cena e sistemare i tavoli e cos via. Questo allenamento speciale stato presentato pochi giorni fa in occasione del Candido Day, tenutosi a Milano nella sede della Gazzetta dello sport, per ricordare lillustre figura del giornalista e scrittore Candido Cannav, a tre anni dalla morte. Per noi del Csi Candido sempre stato un amico e un maestro. Un amico perch la sua prima uscita dalla sua amata Sicilia stata una trasferta in Toscana per partecipare a una festa nazionale del Csi. Un maestro perch quel suo modo di vivere la vita e lo sport sempre stato un esempio e un modello per tutti. Cannav ha sempre sognato un giornale di buone notizie. Non mai riuscito a vederlo

stampato, ma ci ha sempre creduto. Noi abbiamo pensato di dedicare a lui la settimana delle buone notizie. Ogni squadra vivr per una settimana un terzo allenamento fatto di amore per gli altri, spirito di servizio, voglia di dare una mano... Lidea non originale come sembra. Quotidianamente nelle societ sportive si vivono storie di vita meravigliose di ogni genere. Il prodotto interno lordo di umanit di ogni societ sportiva in attivo e cresce anno dopo anno. Solo che tutto questo resta nellombra, nellanonimato, perdendo la possibilit di diventare testimonianza viva e conosciuta. Ecco allora la sfida di accendere i riflettori sulle buone notizie. Il Csi a livello nazionale le raccoglier e le pubblicher, poich la nostra associazione non ama solo coppe e trofei, ma buone azioni, come allenamenti vincenti per imparare a conoscere la vita. Non solo societ sportive chiuse nel proprio orticello, ma pronte a diventare protagoniste della loro comunit e del loro territorio, coinvolgendo i ragazzi con passione ed entusiasmo.

La consegna allo stadio "Manuzzi" in occasione della partita di calcio tra i rossoneri e il Cesena, domenica 19 febbraio

AllUsd San Marco Case Finali il premioMilan e oratorio


n occasione della partita di calcio tra Cesena e Milan, domenica 19 febbraio, in merito al progetto ideato dalla societ A.C. Milan Milan e Oratorio, per la zona della Romagna stato premiato loratorio della parrocchia Maria Immacolata Usd San Marco Case Finali. La segnalazione di questo oratorio partita direttamente dal Csi di AL CENTRO, IL DIRETTORE SPORTIVO DEL MILAN ARIEDO Milano e, tramite il Csi di BRAIDA, INSIEME A DUE DIRIGENTI DELLUSD SAN MARCO Cesena, si potuto CASE FINALI compiere questo evento. Nelloccasione quattro dirigenti-educatori e sedici ragazzi sono stati ospiti del Milan per assistere, in tribuna, allincontro di calcio. Nella sala stampa dello stadio Dino Manuzzi i dirigenti della societ hanno

ricevuto la targa ricordo dal direttore sportivo del Milan, nonch ex calciatore del Cesena Ariedo Braida, il quale si complimentato con i responsabili per lattivit che loratorio Us San Marco svolge quotidianamente a servizio dei pi piccoli, con i principi del sano agonismo sportivo fatto di rispetto delle regole e dellavversario,di amicizia, di collaborazione e fair-play. Da parte del San Marco stata donata al Milan una caveja, simbolo dellospitalit romagnola, un calendario che identifica tutte le iniziative messe in campo dalla societ sportiva e come segno di appartenenza al luogo dove si svolge l attivit, il libro sulla storia della parrocchia Maria Immacolata. Loratorio e lUsd San Marco propongono e svolgono assieme numerose attivit: Centro estivo, pallavolo femminile, pallavolo mista, pattinaggio,

ciclismo e calcio giovanile. Questultima attivit supportata splendidamente dal TorreValle Savio che ne condivide modalit e finalit. Il segreto del successo di queste iniziative la sinergia che c fra parrocchia, oratorio e societ sportiva, parte integrante della comunit di Case Finali. Il responsabile dellufficio marketing Andrea McLeod ha spiegato che tale iniziativa stata promossa dal dottor Galliani, presidente del Milan e frequentatore in et giovanile delloratorio, per incentivare questa forma di aggregazione per i ragazzi, per farli crescere in un ambiente sano usando lo sport come strumento di formazione. Il riconoscimento ha sancito un gemellaggio tra oratorio e Usd San Marco con lA.C. Milan, stabilendo premesse di future iniziative. Renato Quadrelli

Pagina Aperta

Gioved 1 marzo 2012

23

Il direttore risponde
LIci, lImu e la famiglia troppo bistrattata

LOcchio indiscreto
Cartoline dalla neve. Le foto scattate in zona Monte, a Cesena, nella mattinata di marted 29 febbraio, sono solo un piccolo scorcio di quanto si pu notare girando in citt in questi giorni. Ancora tante le squadre di giardinieri al lavoro per la messa in sicurezza di alberi sradicati e rami danneggiati. Insieme allasfalto delle strade, che ora comincia davvero a presentare il conto, il verde pubblico un altro dei settori pi colpiti...

arissimo direttore, credo che la reintrodotta tassa Ici sulla prima casa (ora Imu) sia una tassa iniqua perche colpisce tutti senza distinzione, sia chi ha conseguito il bene con facilit sia chi ci riuscito con sacrifici enormi, magari addossandosi mutui lunghi come la vita. La casa il luogo necessario in cui sperare di poter fare coppia e dar vita allimpegno del vivere insieme come famiglia aperta allaccoglienza dei figli. Guardi che sto parlando di famiglia unita dal matrimonio contratto in chiesa come da quello civile in Comune. Teniamo conto del fatto che i matrimoni sono quasi sempre appannaggio dei giovani e consideriamo solo per un attimo quali opportunit (poche) si trovano a poter sfruttare i nostri giovani oggi. Lavoro, poco o niente. Spesso malpagato e precario. Immobili dai costi comunque troppo alti, affitti idem. Come sperare di far progresso sociale senza che ci siano per loro le condizioni di far famiglia? In questo contesto il nuovo balzello Imu che non esenta nessuno a me pare un nuovo ostacolo posto a mezzo, giusto per dare un ulteriore disincentivo a chi osasse solo pensare di fare ci che pi naturale: sposarsi e mettere su casa. Noi cristiani abbiamo lobbligo della speranza e con questo anche una migliore facolt di sogno. Su un sogno trova spunto il mio dire perch lei, caro direttore, anche il presidente nazionale della Fisc, la Federazione italiana settimanali cattolici, dunque in grado di far sapere a milioni di lettori, volendo, quelle idee che meritano attenzione. Il mio sogno perci di chiedere a gran voce attraverso tutti i settimanali cattolici dItalia che le nuove famiglie vengano esentate dal pagare lImu per un periodo iniziale di alcuni anni (5?). Magari anche in modo parzialmente retroattivo. Nello stesso tempo, se ancora ce ne fosse bisogno, daremmo dimostrazione di tenerci sempre allistituto-famiglia. Non per una difesa sterile di questa realt, ma per la vera salvaguardia di un istituto che nel sociale assicura la solidariet pi vera. Il luogo in cui prende forma e si realizza la primaria possibilit di dare e ricevere lamore di cui ciascuno ha bisogno. Un saluto e un ringraziamento fraterno. Eugenio Campana San Vittore di Cesena

Egregio Campana, la sua lettera coglie nel segno un problema molto avvertito. LIci, ora Imu, una tassa odiata perch colpisce anche la prima casa. Sono daccordo con lei quando afferma che ci vorrebbero dei distinguo. Prima di tutto il mutuo, poi leredit e la donazione. Il guaio che siamo in Italia e fatta la legge, trovato linganno. Molti immobili verrebbero acquistati col mutuo anche quando non ci sarebbe la necessit. E poi anche sulle eredit occorrerebbero delle distinzioni. Di certo i giovani di oggi si trovano davanti una realt molto complicata. Non c il lavoro, non ci sono le abitazioni, non ci sono le opportunit che fino a qualche decennio fa fiorivano un po ovunque. Adesso bisogna sperare di essere fortunati. Settecento euro al mese, al lordo delle imposte, sono un miraggio per molti, anche se limpiego a tempo determinato e spesso neppure dipendente. Non credo che cos si possa andare avanti. E troppo vecchia la nostra societ attuale. Non riesce pi a scommettere sul domani. Lo ripeto anche nelleditoriale di questa settimana: o si investe sulle nuove generazioni oppure saremo destinati a un rapido declino. E questo vale per lItalia come per lintero vecchio continente afflitto da una crisi quanto mai profonda. E veniamo alla famiglia. Non so quante volte ce ne siamo occupati. E per quante altre volte lo faremo ancora. Non ci stancheremo mai di difendere la famiglia, la base sulla quale vengono costruiti i nostri legami e le relazioni future. Tante insicurezze vengono dalle separazioni, dai litigi, dalle difficolt che si vivono fra le mura di casa. Lindividualismo imperante di questi nostri anni mina le convinzioni pi profonde. Listituto che pi ne ha fatto le spese stata proprio la famiglia, bistrattata e derisa in ogni circostanza, soprattutto se con pi figli. Chi la difende viene definito vecchio e antiquato. Chi pensa a rapporti a tempo, liquidi, moderno e allavanguardia. Prima o poi pagheremo carissimo questo pensiero fuorviante che non porta nulla di buono e positivo con s. Intanto, almeno noi siamo chiamati a fare di tutto perch non solo verso la famiglia si alzino proclami a difesa, ma ai proclami seguano fatti che non si vedono da troppi lustri. Speriamo che con la nostra insistenza, prima o poi qualcosa cambi. Noi continuiamo a crederci. Cordialit Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Maria ci insegna ad amarci


Caro direttore, noi crediamo che Maria riuscita a riconciliare il cielo con la terra perch vissuta amando la Parola di Dio, i profeti, la purezza, lumilt, la semplicit di vita e di discorso, la solidariet fraterna e la misericordia del cuore. Maria ha amato il rispetto della verit e della giustizia ad ogni costo, attirando su di s la benedizione del Signore che le ha permesso di generare il principe della pace, senza laiuto del quale impossibile cerare un mondo nuovo. Ci pu avvenire perch noi non siamo pi servi di un re esigentissimo, ma siamo figli di Dio. Seguendo lesempio del nostro fratello maggiore, dobbiamo riuscire a portare la pace ovunque andiamo, dato che la nostra madre Maria ci insegna ad amarci e rispettarci sempre, creando un vero umanesimo trascendente nel nome di Ges Salvatore. Allora appare chiaro che solo se viviamo in purezza e santit di vita, come Maria, anche in noi pu avvenire il miracolo e la conversione alla logica divina che sola d significato esaustivo al nostro misero vivere terreno e che sola riesce a creare la vera civilt dellamore. Ricordiamoci sempre che solo chi ha leterno nel cuore pu riuscire a trovare la Verit, e con essa potr individuare la vera strada della felicit e della pace. Grazie per lospitalit. Mauro Bettini

RICERCA PERSONALE
Azienda di servizi cerca impiegato/a amministrativo/a con esperienza nella compilazione della dichiarazione dei redditi, modello 730 e UNICO e contabilit semplificata. La conscenza del settore agricolo costituira titolo preferenziale. Inviare curriculum allindirizzo info@ampartners.it opp. Fax 0543/540707 specificando il codice MAC Azienda di servizi cerca impiegato/a amministrativo/a da inserire nel proprio ufficio fiscale. Il candidato, dopo un breve periodo di inserimento, dovr occuparsi del coordinamento dell'ufficio. Si richiede esperienza nella compilazione di 730, Unico, ICI/IMU e competenze in materia IVA e contabilit semplificata oltre che massima disponibilit ed attitudine a lavorare in team. La conoscenza del settore agricolo costituir titolo preferenziale. Inviare curriculum allindirizzo info@ampartners.it opp. Fax 0543/540707 specificando il codice MAC1