Sei sulla pagina 1di 2

Esercizi di Struttura della Materia.

II

(A)

Calcolare l’energia di stato fondamentale di un atomo composto da un protone e da un


muone (massa 200 me ). Si scriva la funzione d’onda di stato fondamentale correttamente
normalizzata.
(B)
Si consideri l’atomo d’idrogeno nello stato fondamentale. Calcolare la probabilità di
trovare l’elettrone all’interno di una sfera di 2 Å di raggio, centrata sul nucleo.
(C)
Calcolare energia, funzioni d’onda e grado di degenerazione dello stato fondamentale e del
primo stato eccitato di un elettrone confinato in una scatola a forma di parallelepipedo
di lati Lx = 2Å, Ly , Lz = 6Å.
(D)
Si consideri uno ione idrogenoide con la seguente seguenza di livelli in eV

E2 = −54.4 , E3 = −24.2 , E4 = −13.6


i) Determinare la carica nucleare.
ii) Calcolare la lunghezza d’onda del fotone assorbito nella transizione 1s → 2p. A quale
regione spettrale corrisponde (IR, UV, visibile, X, γ etc..)?
iii) Calcolare a quale distanza dal nucleo la densità di probabilità di trovare l’elettrone è
pari alla densità di probabilità di trovarlo sul nucleo ridotta di un fattore 1/e.
(E)
Un elettrone viene catturato da un protone formando un atomo d’idrogeno nello stato
fondamentale. Nel processo viene emesso un fotone (effetto fotoelettrico inverso).
i) Trascurando le energie cinetiche iniziali di protone ed elettrone calcolare l’energia mas-
sima del fotone emesso
ii) Determinare l’energia cinetica di rinculo del protone necessaria per garantire la con-
servazione della quantita’ di moto. Si considerino nulle le velocita’ iniziali di protone ed
elettrone. Riconsiderare la risposta al punto i) tenendo conto dell’energia di rinculo.
(F)
Calcolare l’energia del fotone emesso nella transizione 2p → 1s del positronio (atomo
esotico formato da un elettrone legato ad un positrone) e la distanza media tra elettrone
e positrone nello stato fondamentale.
(G)
La funzione d’onda dell’atomo d’idrogeno con numeri quantici n=2, l=0, m=0 è:
1
u200 (r, θ, φ) = (2 − r/ao )e−r/2ao
N
dove ao è il raggio di Bohr.
Calcolare il fattore di normalizzazione N. Calcolare l’indeterminazione ∆z∆pz e verificare
che è consistente con il principio d’indeterminazione.
(H)
Si consideri l’elettrone di un atomo d’idrogeno descritto all’istante t = 0 dalla funzione
d’onda
1
ψ(r) = √ [2ψ100 (r) − 3ψ200 (r) + ψ322 (r)]
14
dove ψnlm (r) sono gli autostati dell’operatore hamiltoniano (si trascuri lo spin). Cal-
colare il valor medio dell’energia, del momento angolare lungo l’asse z (Lz ) e del quadrato
del vettore momento angolare (L2 ).
(I)
Si consideri una particella di massa m vincolata a muoversi sulla superficie di un cilindro
di raggio R e lunghezza L, con L=R. Lo stato della particella sarà descritto da una
funzione delle variabili φ e z in figura, con 0 < z < L. La funzione d’onda sarà nulla per
z = 0 e z = L. L’hamiltoniana del sistema è:

h̄2 1 ∂ 2 ∂2
H=− ( 2 2 + 2)
2m R ∂φ ∂z
Calcolare autofunzioni e autovalori dell’energia.