Sei sulla pagina 1di 3

Esercizi di statica

Un’asta uniforme di lunghezza L=2 m e massa M=10 kg, è tenuta sospesa, in posizione orizzontale,
da due supporti rigidi, come mostrato in figura. Il supporto 1 è in posizione fissa all’estremità
dell’asta, mentre il supporto 2 può essere spostato orizzontalmente. Inizialmente i supporti distano
tra loro d=0.4 m. Si determinino in modulo e verso le forze che i supporti esercitano sull’asta.

A quale distanza dall’estremo 1 deve essere posto il supporto 2 affinché il sistema resti in equilibrio
e nessuna delle due forze sia maggiore di 100 N?

Equilibrio delle forze e dei momenti rispetto all’estremo 1


0 = Ma = R1 + R2 − Mg
L
R2 d = Mg
2
MgL
R2 = = 245 N R1 = Mg − R2 = −147 N
2d

MgL MgL
R2' < Fmax ⇒ '
< Fmax ⇒ d ' > = 0.98m
2d 2 Fmax
R1' = Mg − R2' = −2 N

Una trave di massa M = 6.7 kg e di lunghezza l = 2.3 m è vincolata per l’estremo A ad una parete
rigida verticale, mediante una cerniera fissata alla parete. L’altro estremo della trave, B, è collegato
ad un filo elastico, di rigidità k = 350 N/m, di massa trascurabile e di lunghezza propria do =2.5 m.
L’estremo libero del filo è fissato alla parete su cui è fissato A, verticalmente sopra A, ad un’altezza
h = 1.33 m. Determinare:
a)la tensione del filo, quando la trave è in equilibrio in posizione orizzontale b)la reazione
vincolare che agisce in A (modulo, direzione e verso) c) il momento d’attrito che deve agire sulla
cerniera, perché si realizzi questa configurazione di equilibrio.

A B
l
a) La tensione del filo è la forza elastica che esso esercita , essa sarà diversa da zero se il filo
è allungato:
OB = h 2 + l 2 = 2.66m ∆d = OB − d 0 = 0.16m
T = k∆d = 54.9 N
h
b) θ = arctan  = 30° Tx = −T cos θ = −47.5 N T y = T sin θ = 27.5 N
l
Dall’equilibrio delle forze esterne agenti sulla sbarra si ottiene:
 R x + Tx = 0  Rx = −Tx = 47.5 N
  R = Rx2 + R y2 = 60.9 N
 y
R − mg + T y = 0  y
R = mg − T y = 38 . 16 N
Ry
θ = arctan = 39°
Rx

b) Il momento di attrito in A deve essere tale da equilibrare i momenti delle forze esterne
agenti sulla sbarra (polo A) :
l
τ A − mg + T y l = 0
2
l
τ A = mg − T y l = 12.26 N
2

L’estremità di una trave omogenea di lunghezza L e massa M=23 kg è incernierata ad un muro.


L’altro estremo è sostenuto da una fune in estensibile e di massa trascurabile (vedi figura). L’angolo
che la fune fa con la parete verticale è uguale a quello che essa fa con la sbarra α=30°
a)Quanto vale la tensione della fune ?
b)Quanto valgono le componenti orizzontale e verticale della reazione nella cerniera? c) Si
determini l’angolo che la reazione fa con il muro verticale e si dica se essa è orientata come la
sbarra.

α = 30°, β = 180 − 2α = 120°, γ = 180 − β = 2α


δ = 90 − γ = 90 − 2α = 30°, δ + α = 60°
Equilibrio delle forze:
0 = − Mg + Tsen(δ + α) + Ry

 0 = −T cos(δ + α) + Rx
Equilibrio dei momenti calcolati rispetto alla cerniera:
MgL
− senγ + LTsenγsen(δ + α) − LT cos γ cos(δ + α) = 0
2
Mgsenγ
T= = 195 N
2( senγsen(δ + α) − cos γ cos(δ + α))
Rx = T cos(δ + α) = 56 N Ry = Mg − Tsen(δ + α) = 97.5 N
Determinazione dell’angolo che la reazione fa con la verticale:
R
tgϑ = x = 1.74 ⇒ ϑ = 60.13° ciò comporta, visto che l’angolo che la sbarra fa con la verticale è
Ry
β=120°, che reazione e sbarra non siano parallele.

Un’asta uniforme AB di lunghezza L=3 m e massa M=5 kg è imperniata in A ad una parete


verticale e tenuta in equilibrio da una fune inestensibile. Un carico che esercita sulla trave una forza
W= 10 N, pende dall’asta ad una distanza x da A tale che la tensione nella fune sia T=38 N. Gli
angoli che l’asta e la fune fanno con la verticale sono segnati in figura.
a) Si determinino le componenti orizzontale e verticale
24°
della reazione esercitata dalla parete sull’asta.
b) Si determini l’angolo che la reazione vincolare fa con
un asse orizzontale
B c)Si determini la distanza x
66°

x
A
A

L’equilibrio statico della sbarra comporta che sia la risultante delle forze che agiscono su di essa sia
tutti i loro momenti (espressi rispetto ad un qualsiasi polo fisso) siano identicamente nulli.
Equilibrio delle forze:
 R x + Tx = 0  R x = −Tx
 
 R y + T y − W − Mg = 0
R + W + Mg + T = 0
r r
 R y = (W + Mg ) − T y
r

 R x = −T sin 24° = −T cos 66° = −15.45 N


Da cui si ottiene : 
 R y = 59 − T cos 24° = 24.29 N
L’angolo che la reazione fa con l’asse positivo orizzontale è :
Ry
tan θ = = −1.57 θ = 122.46°
Rx
Calcolando il momento delle forze considerando come polo l’estremo B dell’sta si ottiene:
 Rx 
 + W L
Mg
− Ry +
x=  = 1 .0 m
tan 66° 2
W
Alternativamente, prendendo come polo l’estremo A si ottiene:
 Mg Tx 
− + Ty − L
x=  2 tan 66 
= 1 .0 m
W